Issuu on Google+

INDUSTRIALE

L’ETICHETTA ECOLOGICA DI TIPO III EPD: “DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO” È INDICATA PER PRODOTTI E SERVIZI LUNGO LA FILIERA PRODUTTIVA E, RIFERENDOSI A NORME ISO, È RICONOSCIUTA SU TUTTO IL MERCATO INTERNAZIONALE.

The Energy label per lavatrici.

le etichette ecologiche del tipo ii, con riferimento al ciclo di vita dei materiali, si riferiscono ad un singolo aspetto, con un unico criterio di giudizio (riuso, riciclaggio) tuttavia è necessario effettuare l’esame dell’intero ciclo di vita per verificare ed attestare che un impatto ambientale non è stato ridotto a spese di un altro. le etichette ecologiche del tipo ii sono del tipo b2C “Business to Consumer” ma possono anche essere B2B “Business to Business”. esse identificano prodotti che si basano su un’autodichiarazione del produttore non convalidata né certificata. includono tutte le dichiarazioni, etichette, simboli di valenza ambientale presenti sulle confezioni dei prodotti, sugli imballaggi, o nelle pubblicità utilizzati dagli stessi produttori come strumento di informazione ambientale. sono relative a singole caratteristiche del prodotto, ad es.: il contenuto di materiale riciclato, la riciclabilità o la biodegradabilità del prodotto, l’assenza di sostanze dannose per l’ambiente, l’atossicità o la naturalità dei trattamenti di finitura, ecc. l’Etichetta Ecologica di Tipo III (ISO/TR 14025): EPD: ”Dichiarazione Ambientale di Prodotto” (o

20 ordine degli ingegneri della provinCia di roma

ecoprofile), riporta informazioni ambientali su un prodotto in base a parametri prestabiliti ed è sottoposta ad un controllo indipendente. l’EPD è indicata per prodotti e servizi lungo la filiera produttiva e, riferendosi a norme iso, è riconosciuta su tutto il mercato internazionale. l’EPD consiste in una scheda di prodotto, relativa ai potenziali impatti ambientali associati all’intero arco del ciclo di vita, valutato con metodologia normata iso. viene verificata e convalidata da un organismo accreditato indipendente che garantisce la veridicità delle informazioni contenute nello studio di LCA e nella dichiarazione ambientale di prodotto; la sua registrazione viene effettuata dallo Swedish Environmental Management Council. l’EPD ha carattere puramente informativo, è il consumatore/cliente industriale che effettua il confronto tra EPD differenti; la comparazione è resa possibile solo all’interno di gruppi di prodotti equivalenti. l’EPD è applicabile a tutti i prodotti classificati in gruppi e con definiti Requisiti Specifici di Prodotto (PSR) o meglio PCR (Product Category Rules) stabiliti al fine di rendere i prodotti comparabili tra di loro. attualmente sono stati approvati 95 PCR, pertanto esistono le regole per l’EPD di 95 prodotti (o servizi), e 31 sono in preparazione.

ETICHETTATURE IN EDILIZIA Il pericolo “Greenwashing” Con Greenwashing s’identifica la tendenza ad una ingiustificata appropriazione di virtù ambientaliste da parte di aziende, industrie o organizzazioni, per creare un’immagine positiva delle proprie attività e prodotti. per soddisfare una simile dichiarazione, ovviamente, non basta utilizzare immagini di foreste, cascate e animali nelle campagne pubblicitarie.


Rivista IORoma III-2016