Page 12

CIVILE E AMBIENTALE – un kit di ossigeno di emergenza con bombola da almeno 3 litri x 150 atm e maschera al 100%; – cassetta di pronto soccorso a norma. prima di un’immersione, se qualsiasi subacqueo nota una mancanza o un mal funzionamento di un componente del kit di emergenza, deve informare il proprio dirigente o il preposto. Manutenzione e verifica ogni specifica attrezzatura è sottoposta a regolare manutenzione che può essere: – ordinaria, dopo l’impiego ed effettuata da parte dell’operatore subacqueo che l’ha in dotazione; – periodica specializzata, ad intervalli regolari da parte di una ditta specializzata: – straordinaria, dopo impieghi particolarmente intensi in condizioni sfavorevoli, da parte di una ditta specializzata. analogamente, ogni attrezzatura è sottoposta a regolari verifiche: – ordinaria, prima dell’impiego, da parte dell’operatore subacqueo che l’ha in dotazione; – periodica, specializzata, ad intervalli regolari (almeno una volta l’anno) da parte di ditta specializzata; – straordinaria, prima di impieghi particolarmente intensi o dopo periodi piuttosto lunghi di attività da parte di ditta specializzata. per quanto concerne la manutenzione delle attrez-

zature d’immersione, la ditta ha la responsabilità di: – sostituire, a richiesta motivata dell’operatore subacqueo e controllata dal Capo degli operatori subacquei, le mute, i calzari, i guanti, le maschere, le pinne, le cinture, i coltelli e le cinghie troppo usurate per potere ulteriormente essere usate con sicurezza e comfort; – sostituire ogni altra attrezzatura d’immersione che per il lungo uso o per cause di forza maggiore non diano più sufficienti garanzie di funzionalità e sicurezza; – mantenere, o affidare la revisione periodica a ditte specializzate e accreditate, l’attrezzatura d’immersione (orologio, profondimetro, computer subacqueo (decompressimetro), giubbetto idrostatico (gav), erogatori ecc.); – provvedere, per affidamento esterno, alla revisione delle bombole.

VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DEL D. LEG.VO 81/2008 DELL’IMMERSIONE DI SUB PER LA RICERCA DI ORDIGNI BELLICI IN MARE l’attività esaminata differisce nettamente dalle principali tipologie di lavoro comunemente oggetto di processi valutativi volti ad individuare i rischi lavorativi. per cui le misure di prevenzione e protezione fanno riferimento alla normativa in materia di tutela della

PROBABILITÀ DELL’EVENTO Non si ha notizia di infortuni verificatisi in analoghe condizioni di lavoro, per cui il verificarsi dell’evento susciterebbe stupore e incredulità.

1

Improbabile

2

Poco probabile

La deficienza riscontrata potrebbe provocare un danno agli addetti soltanto in concomitanza con altre situazioni sfavorevoli; si ha notizia che, in rarissime occasioni di lavoro, si sono verificati infortuni per condizioni di lavoro similari.

3

Probabile

La deficienza riscontrata potrebbe determinare un danno agli addetti, anche se non in maniera automatica, dalle statistiche si rileva che, in qualche caso, si sono verificati infortuni per analoghe condizioni di lavoro.

Molto Probabile

Esiste una correlazione diretta tra l’anomalia rilevata e la possibilità che si verifichi un danno agli addetti; in analoghe condizioni di lavoro si sono verificati infortuni nella stessa azienda, per cui il verificarsi dell’infortunio non susciterebbe alcuno stupore nei vertici aziendali.

4

Tabella 1.

10 ordine degli ingegneri della provinCia di roma

Rivista IORoma III-2016  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you