Page 1

Rassegna Stampa Gennaio 2012


L’Eco di Bergamo Data 08.01.2012

ANDREA FRAMBROSI Se è vero che «tutto quanto fa spettacolo» perché non il lavoro? E infatti con il bel titolo di «Cinema e cantiere: lo spettacolo del lavoro», la Fillea-Cgil, il cinema Conca Verde di Longuelo (www.sas.bg.it) e la Biblioteca Di Vittorio presentano, da martedì al cinema Conca Verde, una rassegna cinematografica dedicata al racconto del mestiere del muratore. Questo il calendario: martedì 10 gennaio, ore 20,30, Le mani sulla città di Francesco Rosi; martedì 17 gennaio, ore 21, Riff Raff di Ken Loach e martedì 24 gennaio, ore 21, La nostra vita di Daniele Luchetti (per gli iscritti Cgil l’ingresso è gratuito, per i non iscritti è di 4,50 euro 3,70 euro con abbonamento). Martedì, a partire dalle 20,30, si terrà anche la premiazione del concorso fotografico «Costruire e abitare la casa», iniziativa organizzata da Sas-Servizio assistenza sale cinematografiche, in collaborazione con Fillea-Cgil, Biblioteca Di Vittorio, ordine degli Architetti e impresa Paris. Due le sezioni: «Lavorare per costruire un’abitazione » e «Abitare la casa». Secondo gli organizzatori, la rassegna vuole «raccontare un mestiere, quello del muratore, e un luogo speciale, il cantiere, dove il sindacato di categoria quotidianamente si impegna per il rispetto dei diritti di chi lavora ». Un bel titolo, dicevamo, quello di questa rassegna, che permette di assemblare

una serie di film che vanno proprio ad indagare al cuore del problema preso in esame, perché non c’è forse luogo migliore del cantiere edile che diventa un microcosmo attraverso il quale indagare il macrocosmo della società. Succede così nel film di Ken Loach (Riff Raff, Gran Bretagna, 1991), dove le vicende di Stevie, Susan, Larry e tutti gli altri, servono al regista per smascherare l’ipocrisia e le malefatte di un sistema economico che si basa sullo sfruttamento e l’assoluta mancanza di legalità e sicurezza per chi lavora, per arrivare ad una condanna della restaurazione economica del governo Thatcher. Così come Daniele Luchetti,

Rassegna Stampa

nell’intenso, anche se controverso, La nostra vita utilizza lo stesso meccanismo trasportandolo nella periferia romana dove, anche lì, a rimetterci sempre sono gli ultimi, sia gli ultimi arrivati come gli immigrati, sia chi, come il protagonista, Claudio (Elio Germano, premiato a Cannes), cerca, disposto a tutto, un posto al sole tra gli squali della speculazione. Mentre il magnifico film di Francesco Rosi, Le mani sulla città (Leone d’oro a Venezia nel 1963), ci (ri)porta nel cuore della speculazione edilizia più bieca e, si direbbe oggi, – i tempi non sembrano cambiati, dato l’attuale proliferare delle «cricche» – trasversale, con i politici a dettare legge e a cambiare casacca per convenienza.


www.Bergamonews.it Data 09.01.2012

Al Conca Verde Cinema e Cantiere: Lo Spettacolo del Lavoro. Una rassegna cinematografica a Bergamo al Cinema Conca Verde di Longuelo a partire da martedì 10 gennaio.

Cinema e Cantiere Lo spettacolo del Lavoro

Cinema e Cantiere - Lo Spettacolo del Lavoro: Magut, muratore, zidar, maçon, bricklayer. Una rassegna cinematografica a Bergamo al Cinema Conca Verde di via Matioli a Longuelo, a partire da martedì 10 gennaio. Con le pellicole di Rosi, Loach e Lucchetti, la Fillea-Cgil di Bergamo, in collaborazione il Cinema Conca Verde e con la Biblioteca Di Vittorio, racconta un mestiere, quello del muratore (o dello zidar, del maçon, del bricklayer), e un luogo speciale, il cantiere. Si parte dalla speculazione edilizia dell'Italia degli anni Sessanta ne “Le mani sulla città” del 1963, per andare oltre confine col cantiere londinese del proletariato britannico nell’era Thatcher di “Riff Raff“ (1991), per tornare, poi, alla periferia romana e ai microcosmi dei suoi cantieri, fra muratori immigrati sottocosto e scrupoli da far tacere in “La nostra vita” (2010). Il programma martedì 10 gennaio, ore 20.30 - Le mani sulla città di Francesco Rosi martedì 17 gennaio, ore 21 - Riff Raff di Ken Loach martedì 24 gennaio, ore 21 - La nostra vita di Daniele Lucchetti. Per gli iscritti CGIL l’ingresso è gratuito, per i non iscritti è di 4,50 euro/3,70 euro con abbonamento. Durante la prima serata del 10 gennaio, a partire dalle 20.30, si terrà anche la premiazione del concorso fotografico “Costruire e abitare la casa”, iniziativa lanciata ad ottobre e rivolta agli appassionati di fotografia non professionisti. Organizzata da S.A.S. Servizio Assistenza sale Cinematografiche che gestisce il Cinema Conca Verde, in collaborazione con Fillea-Cgil, Biblioteca Di Vittorio, con l’ordine degli Architetti e con l’impresa Paris, la raccolta di immagini ha per soggetti dominanti i gesti e le fatiche del mestiere di costruire una casa, ma anche le tracce della vita quotidiana che vi si svolge all’interno. Due le sezioni del concorso: nella prima, “Lavorare per costruire un'abitazione”, il tema delle fotografie è stato il lavoro di edificazione. La seconda sezione, dal titolo “Abitare la casa”, è stata dedicata a scatti di interni di abitazioni. Le fotografie comporranno, poi, una mostra che resterà aperta al pubblico fino al 31 marzo durante gli orari di apertura del cinema. www.sas.bg.it

http://www.bergamonews.it/cultura-e-spettacolo/cinema-e-cantiere-lo-spettacolo-del-lavoro-155600

Rassegna Stampa


www.architecturefeed.com Data 12.01.2012

NEO-PADRI/NEO-MADRI ARCHITETTI: ESENZIONE QUOTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO. L'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bergamo, su proposta del Gruppo Archidonne ha deciso di esonerare "i neo-genitori" (neo-padri/neo-madri), iscritti, al pagamento della quota di iscrizione annuale per l'anno successivo alla nascita del figlio o all'arrivo del minore in adozione/affido. Il provvedimento avrà inizio con la quota annuale 2012, in riferimento a nascite, adozioni, affidi dell'anno 2011. L'iniziativa ha lo scopo di sostenere concretamente i colleghi in considerazione delle maggiori difficoltà di conciliazione dei tempi di vita e tempi di lavoro nel particolare momento della nascita di un figlio o dell'accoglienza di un minore di età inferiore ai sei anni.

http://www.architecturefeed.com/2012/01/12/neo-padrineo-madri-architetti-esenzione-quota-di-iscrizione-allalbo/

Rassegna Stampa


www.awn.it Data 12.01.2012

NEO-PADRI/NEO-MADRI ARCHITETTI: ESENZIONE QUOTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO. L'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bergamo, su proposta del Gruppo Archidonne ha deciso di esonerare "i neo-genitori" (neo-padri/neo-madri), iscritti, al pagamento della quota di iscrizione annuale per l'anno successivo alla nascita del figlio o all'arrivo del minore in adozione/affido. Il provvedimento avrà inizio con la quota annuale 2012, in riferimento a nascite, adozioni, affidi dell'anno 2011. L'iniziativa ha lo scopo di sostenere concretamente i colleghi in considerazione delle maggiori difficoltà di conciliazione dei tempi di vita e tempi di lavoro nel particolare momento della nascita di un figlio o dell'accoglienza di un minore di età inferiore ai sei anni.

http://www.awn.it/AWN/Engine/RAServePG.php/P/186601AWN0107/M/20011AWN0107

Rassegna Stampa


L’Eco di Bergamo Data 13.01.2012

Ha lo scopo di «raccontare un mestiere, quello del muratore, e un luogo speciale, il cantiere, dove il sindacato di categoria quotidianamente si impegna per il rispetto dei diritti di chi lavora». La Fillea-Cgil, il cinema Conca Verde di Longuelo (www. sas. bg.it) e la Biblioteca Di Vittorio hanno organizzato un concorso fotografico e una piccola rassegna cinematografica, che ha preso il via con la premiazione del concorso fotografico e la proiezione del primo film in programma al Conca Verde. Due le sezioni del concorso: nella prima, «Lavorare per costruire un’abitazione », il tema delle fotografie è stato il lavoro di edificazione. La seconda sezione, dal titolo «Abitare la casa», è stata dedicata a scatti di interni di abitazioni. Una giuria, composta da Richard Mason, in rappresentanza del pubblico del Conca Verde, Angelo Chiari e Luciana Fratus, per la Fillea-Cgil di Bergamo, Francesca Perani, in rappresentanza

dell’Ordine degli Architetti, Mario Ghezzi, fotografo, Mario Perico, fotografo, Alessandra Beltrame, fotografa, Daniela Previtali per Sas, ha assegnato il primo premio per la sezione «Lavorare per costruire un’abitazione » a Maurizio Persico e il secondo premio a Damiano Fustinoni. Mentre per la sezione «Abitare la casa» il primo premio è stato assegnato a Noemi Quagliati e il secondo, a pari merito, a Ana Sanchez e Laura Pandolfi. I vincitori si sono aggiudicati un premio in denaro offerto dall’Ordine degli architetti e un abbonamento a dieci ingressi al Conca Verde. Le fotografie compongono una mostra che resterà aperta al pubblico fino al 31 marzo durante gli orari di apertura del cinema. Il programma della rassegna proseguirà martedì 17 gennaio (ore 21) con la proiezione del film Riff Raff di Ken Loach e martedì 24 (ore 21) con La nostra vita di Daniele Luchetti (ingresso: per gli iscritti Cgil gratuito, per i non iscritti 4,50 euro, 3,70 euro con abbonamento). ■

Rassegna Stampa


L’Eco di Bergamo Data 27.01.2012

L’Ordine degli architetti di Bergamo esonera neopadri e neomadri dalla quota di iscrizione 2012. Il provvedimento, proposto dal gruppo Archidonne a sostegno alla genitorialità, è il primo di questo tipo in Italia. Potranno beneficiare dell’esonero non solo le neo-madri, ma anche i neo-padri e sarà valido sia per le nascite, sia per le adozioni e gli affidi di un minore di età inferiore ai sei anni avvenuti nel 2011. Provvedimenti simili, presi in altre province, infatti, restringono l’esonero per le sole neomamme e ai soli neonati. «L’arrivo di un figlio comporta un’esigenza di conciliazione tra lavoro e famiglia, ma è ancora più complessa la posizione di chi lavorando in proprio non può contare su periodi di congedo garantiti, rischiando di perdere contatti e opportunità lavorative», ha dichiarato l’architetto Francesca Perani, consigliere referente per l’Ordine di Bergamo del gruppo Archidonne che ha portato avanti il progetto con gli architetti Mariacristina Brembilla e Alessandra Morri. «La motivazione di destinare l’agevolazione anche ai neopadri e a coloro che in generale hanno allargato la famiglia con l’accoglienza di un minore, vuole essere un segnale di attenzione alle dinamiche di coppia e un incoraggiamento a condividere il carico delle cure parentali. Conciliare impegni familiari e libera professione è una sfida difficile, ma siamo convinti che supporti concreti, anche economici, possano essere utili per superarla», concludono le referenti. ■

Rassegna Stampa

RASSEGNA STAMPA OAB GENNAIO 2012  

RASSEGNA STAMPA OAB GENNAIO 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you