Issuu on Google+

SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHEOLOGICI DELLA PUGLIA NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA

2004-2005

SCORPIONE EDITRICE


Š Scorpione Editrice srl Via Istria, 65/d - 74100 Taranto tel/fax: 0997369548 email: info@scorpioneeditrice.it Impaginazione al computer: Daniela Fontana

Foto di copertina: Lucerna a volute doppie, con la rappresentazione di Ulisse che viene legato all’albero della nave dai compagni.


SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHEOLOGICI DELLA PUGLIA

NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA Gennaio 2004 - Dicembre 2005 nuova serie I, 1-2 (2010)

a cura di A. Alessio, M. Giorgio, T. Schojer, D. Venturo


Il Notiziario delle Attività di Tutela della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia relativo al periodo gennaio 2004-dicembre 2005 è organizzato per schede all’interno di tre sezioni tematiche: Scavi e Scoperte; Restauri e Valorizzazione; Mostre, Studi e Attività Promozionali. La numerazione progressiva dei siti tiene conto della loro posizione geografica da nord a sud. Nella prima sezione le schede sono ordinate per ampi periodi cronologici, all’interno dei quali, in alcuni casi, si è ritenuto opportuno circoscrivere ambiti culturali o territoriali più definiti. La prevalenza di una fase cronologica rispetto alle altre, nelle testimonianze relative ad uno stesso sito, ne ha condizionato la collocazione nell’ordine progressivo.


SOMMARIO

Il tempo che passa (G. ANDREASSI) .................................................................................................................................. pag.

9

SCAVI E SCOPERTE

Preistoria e Protostoria Paleolitico 1. 2. 3. 4.

Rignano Garganico (Foggia), Grotta Paglicci (A. RONCHITELLI).............................................................................. Bisceglie (Bari), Grotta di Santa Croce (P. BOSCATO-P. GAMBASSINI-A. RONCHITELLI)......................................... Toritto (Bari), Grotta San Martino (E.C. PRINCIGALLI) .............................................................................................. Ginosa (Taranto), Riparo dell’Oscurusciuto (P. BOSCATO-A. RONCHITELLI)............................................................

» » » »

13 16 18 20

» » » » »

22 23 25 25 28

Neolitico 5. 6. 7. 8. 9.

Foggia, ex Ippodromo (A.M. TUNZI)............................................................................................................................... Troia (Foggia), Monte San Vincenzo (A.M. TUNZI)..................................................................................................... Molfetta (Bari), Pulo (F. RADINA)................................................................................................................................... Bari, Carbonara, Masseria Stevanato (F. RADINA)...................................................................................................... Bari, Masseria Maselli - Lama Balice (F. RADINA).....................................................................................................

Età dei Metalli 10. Trinitapoli (Foggia), Madonna di Loreto (A.M. TUNZI) ............................................................................................ » 30 11. Trani (Bari), Litorale di levante, seconda spiaggia di Colonna (F. RADINA).......................................................... » 33 12. Cisternino (Brindisi), Chiancudda (A. CINQUEPALMI-G. RECCHIA).......................................................................... » 35

Dall’arcaismo all’età romana Daunia Sant’Agata di Puglia (Foggia), Pezza del Tesoro (F. ROSSI) ........................................................................................ Arpi (Foggia), Montarozzi (M. CORRENTE) .................................................................................................................... Foggia, Ponte Albanito (F. ROSSI).................................................................................................................................... Ordona (Foggia), Cavallerizza (M. CORRENTE)............................................................................................................. Ascoli Satriano (Foggia).................................................................................................................................................... 1. Via Cerignola (V. DISTASI)........................................................................................................................................... 2. Mezzana La Terra (R. FIADINO).................................................................................................................................. 3. Giarnera Piccola (A. LARCHER)................................................................................................................................. 4. Serpente (M. FABBRI).................................................................................................................................................... 18. Barletta-Canne della Battaglia (Bari), San Mercurio (G. POSTRIOTI)...................................................................... 13. 14. 15. 16. 17.

» » » » » » » » » »

38 40 42 44 48 48 50 54 61 64


19. Canosa di Puglia (Bari) ................................................................................................................................................... 1. Cripta della Cattedrale di San Sabino (M. CORRENTE-G. SABBATINI)................................................................. 2. Via Coletta-Via Montescupolo (M. CORRENTE)......................................................................................................... 3. Via Fornari (M. CORRENTE)......................................................................................................................................... 4. Via Prati (M. CORRENTE).............................................................................................................................................. 5. Via Vanoni (M. CORRENTE)............................................................................................................................................ 20. Minervino Murge (Bari), canale principale Acquedotto del Sele (M. CORRENTE-V. DISTASI)................................

» » » » » » »

67 67 70 73 76 79 81

» » » » » » » » » » » » » » »

87 89 89 90 92 92 94 101 102 104 108 113 116 120 123

» » » » » » » »

125 125 137 140 143 144 144 145

» » » » » » » » » » » » » » » » » » » »

150 152 153 159 162 162 166 166 170 171 172 174 175 176 177 177 178 179 179 181

Peucezia 21. Ruvo di Puglia (Bari), estramurale Scarlatti (A. RICCARDI)...................................................................................... 22. Bitonto (Bari) (A. RICCARDI)............................................................................................................................................ 1. Via Traiana ..................................................................................................................................................................... 2. Via Damascelli .............................................................................................................................................................. 23. Gravina in Puglia (Bari) .................................................................................................................................................. 1. San Felice (H. VANDERLEEST-M. MCCALLUM) ......................................................................................................... 2. Vagnari (A. SMALL-P. FAVIA-R. GIULIANI-T. PROWSE) ............................................................................................ 24. Gioia del Colle (Bari), Monte Sannace (P. PALMENTOLA) ......................................................................................... 1. Abitato. Insula III, casa 1, ambiente M (P. PALMENTOLA) .................................................................................... 2. Abitato. Insula III, casa 2, ambienti I e J (P. PALMENTOLA) ................................................................................. 3. Abitato. Insula III, casa 3, ambiente P (F. GALEANDRO) ...................................................................................... 4. Abitato. Insula III, casa 4, ambiente N (F. GALEANDRO) ...................................................................................... 5. Abitato. Insula III, ambienti Q ed R (M.P. GARGANO) .......................................................................................... 6. Abitato. Insula V, ambienti A e B (P. PALMENTOLA) ................................................................................................ 25. Turi (Bari), periferia sudest (A. RICCARDI) ..................................................................................................................

Messapia 26. Fasano (Brindisi), Savelletri ........................................................................................................................................... 1. Egnazia (R.CASSANO et alii) ....................................................................................................................................... 2. Egnazia. Necropoli occidentale (A.COCCHIARO) ..................................................................................................... 3. Egnazia. Necropoli meridionale (A.COCCHIARO) .................................................................................................... 4. Masciola (A.COCCHIARO) ........................................................................................................................................... 27. Brindisi (A. COCCHIARO) .................................................................................................................................................. 1. Largo dei Calò .............................................................................................................................................................. 2. Via Osanna 49 ............................................................................................................................................................... 28. Brindisi-San Pietro Vernotico (Brindisi), siti archeologici individuati lungo i tracciati di opere pubbliche (A. COCCHIARO)................................................................................................................................ 29. Mesagne (Brindisi), via Ferruccio Guarini (A. COCCHIARO)..................................................................................... 30. Francavilla Fontana (Brindisi), piazza Umberto I (G. CALIANDRO)......................................................................... 31. Grottaglie (Taranto), Masseria Vicentino (A. FORNARO)............................................................................................ 32. Oria (Brindisi), via XXIV maggio ang. via Carducci (A. COCCHIARO).................................................................... 33. Manduria (Taranto), via per Lecce (A. ALESSIO-C. ANCONA)..................................................................................... 34. Lecce, Rudiae ..................................................................................................................................................................... 1. Via per San Pietro in Lama (D. TANSELLA-F. ESPOSITO)......................................................................................... 2. Analisi antropologica della tomba di via per San Pietro in Lama (E. VETRUGNO)............................................... 35. Cavallino (Lecce) (F. D’ANDRIA-C. NOTARIO).............................................................................................................. 1. Fondo Casino (zona H)................................................................................................................................................. 2. Piazza Fratelli Cervi..................................................................................................................................................... 3. Via Regina Margherita di Savoia................................................................................................................................ 4. Via Totaro Fila................................................................................................................................................................ 36. Soleto (Lecce) (T. VAN COMPERNOLLE)........................................................................................................................... 1. Fontanelle ....................................................................................................................................................................... 2. Petraci ............................................................................................................................................................................. 37. Alezio (Lecce), (V. DESANTIS-F. CONGEDO)................................................................................................................... 1. Monte d’Elia .................................................................................................................................................................. 2. Raggi ...............................................................................................................................................................................


38. Ugento (Lecce) .................................................................................................................................................................. 1. Via Corfù (D. TANSELLA)............................................................................................................................................. 2. Analisi antropologica della tomba 1 di via Corfù (E. VETRUGNO)....................................................................... 3. Via Peri (D. TANSELLA) ................................................................................................................................................ 4. Via Rovigo (D. TANSELLA) .......................................................................................................................................... 5. Via Marconi (D. TANSELLA)......................................................................................................................................... 6. Via Mons. Pugliese (V. DESANTIS).............................................................................................................................. 39. Patù (Lecce), antica Vereto (A. ALESSIO-V. DESANTIS-F. CONGEDO).........................................................................

» » » » » » » »

183 183 184 186 193 193 195 197

» » » » »

203 203 205 207 213

» » » » » » » » » » » » » » » » » » » » »

219 222 224 227 236 245 246 248 248 249 251 252 253 255 255 257 262 264 266 267 268

Taranto e la chora 40. Taranto (B. MATTIOLI)....................................................................................................................................................... 1. Viale Jonio – Nuova Base Navale............................................................................................................................... 2. Masseria Raho................................................................................................................................................................ 3. Tracciato Wind................................................................................................................................................................ 41. Crispiano (Taranto), L’Amastuola (G.-J. BURGERS- J. P. CRIELAARD).....................................................................

Tardoantico e Medioevo 42. Apricena (Foggia), Castelpagano (F. P. MAULUCCI-M. MASTROIORIO).................................................................... 43. Orsara di Puglia (Foggia), Abbazia dell’Angelo (F. P. MAULUCCI-M. MASTROIORIO).......................................... 44. Panni (Foggia), La Serra (F. P. MAULUCCI-M. MASTROIORIO)................................................................................... 45. Ascoli Satriano (Foggia), Faragola (G. VOLPE et alii)................................................................................................ 46. Canosa di Puglia (Bari), Ponte della Lama (G. DISANTAROSA-A. ROCCO)............................................................. 47. Terlizzi (Bari), Piscina degli Zingari (M.R. DEPALO).................................................................................................. 48. Ruvo di Puglia (Bari), Chiesa del Purgatorio (M.R. DEPALO-M. CIOCE)................................................................ 49. Bari....................................................................................................................................................................................... 1. Cattedrale (M.R. DEPALO)............................................................................................................................................ 2. Corso Vittorio Emanuele (M.R. DEPALO).................................................................................................................. 3. San Pietro (D. CIMINALE)............................................................................................................................................. 50. Modugno (Bari), Balsignano (M.R. DEPALO)............................................................................................................... 51. Sannicandro (Bari), centro storico (A. RICCARDI)......................................................................................................... 52. Fasano (Brindisi) ............................................................................................................................................................... 1. San Lorenzo (F. GALEANDRO)...................................................................................................................................... 2. Lama d’Antico (F. GALEANDRO).................................................................................................................................. 3. Masseria Seppannibale Grande (A. ATTOLICO)....................................................................................................... 53. Brindisi, piazza Vittoria (A. COCCHIARO)........................................................................................................................ 54. Torre Santa Susanna (Brindisi), piazza Umberto I (V. DESANTIS).............................................................................. 55. Lecce, piazzetta Chiesa Greca (V. DESANTIS-F. CONGEDO)........................................................................................ 56. Patù (Lecce), piazza Indipendenza, vie Garibaldi, Mazzini, G. Romano, L. Romano (V. DESANTIS)................

RESTAURI E VALORIZZAZIONE 57. Trani (Bari), Palazzo Carcano (D. CIMINALE)............................................................................................................... » 273 58. Ruvo di Puglia (Bari), Museo Nazionale Jatta Recupero reperti metallici (A. RICCARDI)...................................................................................................................... » 274 59. Toritto (Bari), Legna (A. RICCARDI)................................................................................................................................ » 276


MOSTRE, STUDI E ATTIVITÀ PROMOZIONALI 60. Taranto, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia Servizio Centrale Numismatica (G. LIBERO MANGIERI).............................................................................................. 61. Barletta (Bari), Antiquarium di Canne della Battaglia Mostra: Catus. I gatti sulla collina di Canne ovvero il cibo sotto la mensa (M. CORRENTE).............................. 62. Canosa di Puglia (Bari), Palazzo Iliceto Mostra Il Dio con la folgore. Percorsi e immagini del sacro a Canusium (M. CORRENTE).................................. 63. Bitonto (Bari), Museo Archeologico della Fondazione De Palo-Ungaro Mostra Le scoperte del III millennio. Donne e guerrieri da Ruvo a Bitonto (A. RICCARDI)................................ 64. Bari, Palazzo Simi............................................................................................................................................................... 1. Mostra Ornamenta. Arte e linguaggio dell’ornarsi nella Puglia preistorica (F. RADINA)............................... 2. Mostra Sotto la Città. Archeologia e storia di Bari (M.R. DEPALO)....................................................................... 65. Rutigliano (Bari), Museo Civico Archeologico “Grazia e Pietro Didonna” Mostra Storie d’Argilla. Alle origini della ceramica in Terra di Bari (F. RADINA)................................................ 66. Fasano (Brindisi), Museo Nazionale Archeologico di Egnazia (M. CARRIERI)....................................................... 1. Stage Valorizzazione dei Beni Archeologici e nuove tecnologie informatiche................................................... 2. Attività didattica............................................................................................................................................................. 67. Altamura (Bari), Masseria Ragone Apertura del Centro Visite di Lamalunga (D. VENTURO)............................................................................................ 68. Altamura (Bari), Museo Nazionale Archeologico (D. VENTURO).............................................................................. 1. Mostra Un tesoretto monetale da Altamura ............................................................................................................. 2. Mostra Preistoria del cibo. Alle origini del pane .................................................................................................... 69. Gravina in Puglia (Bari), Museo della Fondazione Ettore Pomarici Santomasi Nuovo percorso espositivo della Collezione archeologica (M.G. CANOSA)............................................................ 70. Grottaglie (Taranto), Castello Episcopio Mostra Alla ricerca del patrimonio disperso (A. ALESSIO).......................................................................................... 71. Brindisi, Archivio di Stato Mostra La moneta scrive la storia della città: Egnazia (A. TRAVAGLINI)................................................................... 72. Cavallino (Lecce), ex Convento dei Domenicani Mostra Cavallino. Pietre, case e città della Messapia arcaica (F. D’ANDRIA-C. NOTARIO)................................. 73. Alezio (Lecce), Museo Civico Messapico Mostra Aletìa, una città che si racconta (A. ALESSIO-V. DESANTIS)......................................................................... 74. Catalogo Lo sport nell’Italia Antica. Taranto. La Messapia. La Daunia (A. ALESSIO)........................................

» 281 » 283 » 285 » » » »

287 288 288 289

» » » »

290 291 291 293

» » » »

294 295 295 296

» 297 » 301 » 303 » 304 » 308 » 309

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE ..................................................................................................................................... » 313


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

Il tempo che passa

V

iene chiuso in coincidenza con il quarantanovesimo Convegno internazionale di studi sulla Magna Grecia (Taranto, settembre 2009) questo nuovo corposo fascicolo biennale (2004-2005) del “Notiziario delle attività di tutela” (ma anche di conoscenza e valorizzazione), svolte direttamente dalla nostra Soprintendenza o comunque realizzate nell’ambito della sua competenza istituzionale e della sua giurisdizione territoriale. Nella forma il “Notiziario” mantiene la veste editoriale che ha assunto dal 2000, ma da questo numero non esce più come fascicolo della Rivista di Archeologia “Taras” bensì quale pubblicazione autonoma, ancora una volta dovuta alla intelligente disponibilità della tarantina Scorpione Editrice. Si conferma così l’attualità dell’intuizione avuta nel 1987 dal collega Pietro Giovanni Guzzo, allora soprintendente in Puglia, quando volle mettere a disposizione dei convegnisti, come estratto anticipato di “Taras”, il primo numero del “Notiziario” riferito al periodo compreso fra l’ottobre 1986 e l’agosto successivo, volendo così la Soprintendenza “offrire agli interessati non solo l’immagine ed il suono di quanto ha fatto [e con ciò Piero Guzzo faceva riferimento alla relazione che il soprintendente teneva e tiene al Convegno], ma la realtà immediata della stampa. Realtà che, generalmente, permette anche l’agio della riflessione: e quindi del suggerimento e della critica, che la Soprintendenza sollecita”. Allora la Soprintendenza era “Archeologica” e non “per i Beni Archeologici”, mentre il Ministero era “per i Beni Culturali e Ambientali” e non come oggi “per i Beni e le Attività Culturali”; e in quegli anni nessuno di noi aveva cognizione di cosa avrebbero potuto significare, nella successiva organizzazione centrale del Ministero, il Segretariato Generale (costituito, soppresso e poi ricostituito) o i Dipartimenti (che ebbero breve durata) e tanto meno, in periferia, le Soprintendenze Regionali per i Beni e le Attività Culturali, divenute dopo poco tempo Direzioni Regionali per i Beni Culturali e Paesaggistici. Oltre che nelle denominazioni, tanto è cambiato da allora, quasi mai in meglio come dimostra, in un rapporto sia di causa che di effetto, il vorticoso rincorrersi di disposizioni normative e di invenzioni organizzative, adottate e presto revocate o mutate nella forma o nei contenuti. Nel frattempo, le disponibilità di bilancio precipitavano a livelli che non avremmo mai potuto immaginare così infimi e la funzionalità delle risorse umane si riduceva drasticamente, sia per il mancato turn over a seguito dei fisiologici pensionamenti sia per la dispersione del personale presso le neonate Soprintendenze (e poi Direzioni) Regionali e presso nuove Soprintendenze settoriali di dubbia utilità, senza ignorare l’inedita e deflagrante esperienza degli incarichi interinali aggiuntivi, anche su più di una sede, cui siamo stati sottoposti, in molti fra i soprintendenti, a partire dal 2006. Il tutto mentre si assisteva a un aggravarsi esponenziale degli obblighi relativi alla tutela e alla gestione, resi più complicati dal sovrapporsi e dall’incrociarsi di competenze e aspirazioni fra centro e periferia, tra ufficio regionale e soprintendenze di settore, fra dirigenza e parti sociali, fra Stato ed enti territoriali.

9


Un certo rimedio ai problemi di funzionalità degli uffici avrebbero voluto fornire le procedure di riqualificazione generalizzata del personale, tuttora in atto nonostante gli anni trascorsi dal loro inizio. Ma tranne per alcuni casi isolati, in effetti molto vantaggiosi per l’Amministrazione, si è trattato di una sarabanda senza fine, costosa e destabilizzante, che, dopo una caccia frenetica al titolo e all’attestato, ha visto muoversi su base regionale o nazionale docenti e discenti, prima per i corsi e poi per le prove d’esame, finché il personale riqualificato non ha firmato il contratto presso le Direzioni Regionali assumendo servizio in sedi non sempre gradite benché formalmente richieste. Se tali procedure hanno portato a un certo incremento stipendiale, da esse è però scaturito un appiattimento degli organici verso l’alto, che ha finito col penalizzare chi già occupava per concorso posizioni più elevate e soprattutto ha privato gli uffici di quell’equilibrio tra livelli diversi di responsabilità che risulta di fondamentale importanza perché possano integrarsi correttamente tutte le fasi del complesso lavoro di una pubblica amministrazione. In tale deserto dei tempi, dove tanti sono i miraggi, destinati ad illudere ma soprattutto a ingannare, e poche le oasi capaci di fornire un durevole conforto, fra i non moltissimi esiti positivi si collocano iniziative come questa del “Notiziario”, che mi piace continuare a vedere come un’attività di servizio offerta ai cittadini e agli specialisti dalla Soprintendenza e da tutti gli archeologi operanti sul territorio. Come e più dei precedenti, questo fascicolo, che continua a inseguire il ritardo ormai accumulato, non avrebbe però trovato le vie della stampa senza la disponibilità di tutti gli autori dei testi con i loro collaboratori, senza l’impegno specifico dei curatori, ma soprattutto senza la dedizione appassionata della collega ed amica Donata Venturo, che si è fatta anche promotrice tenace di ogni necessaria insistenza e di ogni opportuna sollecitazione nei confronti di tutte le parti interessate. Spero che il suo impegno, e quello degli altri eccellenti archeologi di cui è dotata la Soprintendenza di Taranto, possano continuare a svilupparsi anche in futuro, correlandosi con le funzioni di coordinamento attribuite oggi alla Direzione Regionale e garantendo supporto operativo al nuovo soprintendente di cui si aspettano a giorni la designazione e l’insediamento dopo la complessa trafila di un pubblico concorso rivelatosi più lungo e contrastato del previsto. A chi mi subentrerà, trascorsi diciannove anni di titolarità della Soprintendenza di Taranto (forse troppi!) e trentatre di servizio di ruolo (con oltre quarantasette di anzianità contributiva), passo sin da ora il ‘testimone’con simpatia e con i migliori auguri di buon lavoro. E tornato semplice cittadino, confido di poter ancora seguire, anche attraverso i fascicoli del “Notiziario”, quelle attività di Soprintendenza che si annunciano sempre affascinanti ma che richiederanno sempre più affinate conoscenze e sempre maggiori doti di equilibrio.

GIUSEPPE ANDREASSI soprintendente per i beni archeologici della Puglia

10


S cavi e S coperte


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

Preistoria e Protostoria

Paleolitico 1. RIGNANO GARGANICO (FOGGIA), Grotta Paglicci F. 156 III SE I.G.M. Alle ricerche hanno parte-

Nel corso del biennio 2004-2005 l’Unità di Ricerca di Ecologia Preistorica, Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Siena, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia, ha svolto due campagne di scavo nel deposito esterno, il cosiddetto Riparo. Nell’ottobre 2004 le ricerche sono state finalizzate all’attraversamento e alle necessarie campionature di una parte della serie stratigrafica finora non esplorata, stratigraficamente interposta fra lo strato 1E (Musteriano?) e lo strato 2 (Pre-Musteriano) degli scavi Palma di Cesnola. La superficie indagata è stata estesa per ora a ca mq 15, molti dei quali parziali a causa degli sbancamenti, effettuati negli anni ’50/’60, dal “cercatore di tesori” L. Esposito; questi scassi, avendo compromesso la continuità stratigrafica, ne rendono a zone particolarmente difficile l’interpretazione. Oltre alle US 51, 52 e 53, già sondate nella campagna 2003, e alla US 49, corrispondente alla base dello strato 1E degli scavi Palma di Cesnola e presente come residuo, sono state identificate (dall’alto) le US 50, 54, 55, 56, 60, per uno spessore complessivo di ca cm 150. Il materiale raccolto consiste in manufatti litici, in genere corti e spessi: fra gli strumenti prevalgono i raschiatoi mentre scarsa risulta la presenza di nuclei. Abbondanti anche i resti ossei costituiti da macrofauna, microfauna e avifauna: fra i primi si segnala la presenza di numerosi carnivori cui si deve forse l’apporto di parte degli Ungulati rinvenuti nelle aree poco antropizzate (US 53): fra questi ultimi Cervus elaphus, Dama dama, Bos primigenius, Equus ferus e Lepus europaeus/corsicanus. Resta da valutare se il campione sia sufficiente per formulare ipotesi di tipo cronologico/culturale e paleoambientale. Nelle US decisamente antropizzate (54, 55, 56, 60) i reperti hanno giacitura grosso modo orizzontale e mostrano con una certa frequenza tracce di combustione. Costituiscono lembi rimasti di più ampie superfici di accampamento, purtroppo irrimediabilmente danneggiate dal già citato Esposito. Le ricerche permettono ora di affermare che il crollo della volta dell’antica sala, successivamente trasformatasi in Riparo, è avvenuto in più fasi: il lato N sembra essere stato il primo a cedere, come testimoniano grossi massi depositatisi direttamente sullo strato 2, con immersione verso S; è seguito il crollo del lato S (US 53), con blocchi calcarei non alterati immersi in matrice sabbiosa di colore rosso che, con giacitura contraria, si depositano a tetto della US 60; frequentazione prevalente di carnivori; dopo i crolli riprende la frequentazione (ripetuta) da parte dell’Uomo (US 56/55/54), soprattutto nell’area NO del Riparo (Q.ti O6/7) dove forse sussisteva ancora, poco sporgente dalla parete, un certo aggetto ipotizzabile per la presenza di una linea di concrezioni carbonatiche dovute probabilmente all’azione di gocciolamento dal ciglio roccioso; segue un accumulo di terreno rosso/bruno (US 50), che ingloba blocchi calcarei alterati di pezzatura varia, ma di dimensioni più ridotte rispetto alle fasi 1-2; la

cipato P. Gambassini e S. Ricci, Università di Siena, V. Borgia, F. Caramia, G. Pacca e F. Ranaldo, dottorandi presso la stessa Università; R. Boddi dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze; e inoltre G. Diomede, M. Gaudiello e A. Marton, L. Ardito, M. Balistreri, M. Barbarino, C. Bonicatto, R. Cannone, G. Capecchi, G.M. Carola, D. Delle Macchie, E. Orso, S. Rosamilia e M. Veneziano delle Università di Bari, Genova, Lecce, Napoli Orientale, Padova, Pisa, Ravenna, Roma-Sapienza, Siena, Venezia.

13


presenza antropica risulta sporadica; una nuova frequentazione da parte dell’Uomo è attestata dal formarsi di un “suolo di grotta” nello strato 1E, come messo in luce a suo tempo da Palma di Cesnola. Nell’ottobre 2005 lo scavo è stato finalizzato ad ampliare la campionatura delle US 50, 53, 55, 56, già investigate che rappresentano una novità, nell’ambito della serie, rispetto a quanto messo in luce nelle ricerche degli anni ’70. La successione stratigrafica messa in luce è la seguente, dall’alto: US 50: sabbie color rosso scuro miste a pietrame di crollo alterato; abbondanti resti faunistici (ungulati e carnivori, microfauna, avifauna, coproliti); industria litica solo presente, con elementi piatti. Spessore cm 5-30. US 63: materiale piroclastico color bruno molto chiaro, presente fra i massi di crollo a tetto di US 53 nei Q.ti P6/7. Spessore cm 1-5. US 53 (3 tgg.): detrito a spigoli vivi misto a grossi crolli immersi in matrice sabbiosa di colore rosso; l’abbondanza di coproliti e di resti, sia pure meno frequenti, di carnivori (iena, orso, lupo, lince) e di ossa con rosicature, unitamente alla sporadicità dell’industria litica, indicano che la presenza di ossa di ungulati è dovuta al probabile apporto di animali predatori. Si segnala il rinvenimento di un’area di particolare accumulo di ossa (Q.ti P8/9), anche intere e in parziale connessione anatomica, che sembrano indiziare la tana di una iena (Fig. 1) (BOSCATO-RONCHITELLI 2006). Di quest’area è stato eseguito un calco, previo un accurato intervento di consolidamento e restauro sulle ossa. Numerosi anche i resti di micro e di aves. Spessore complessivo dello stato cm 10-130. US 59: lembi di piroclastico verdastro presenti alla base dei crolli (Q.to N9). Spessore cm 5-10. US 55: lente di sabbie compatte con scarsa matrice calcarea, di color bruno; livello antropizzato, con elementi ossei (ungulati) e litici abbondanti, anche combusti. Limitato ai Q.ti O/P-6/7. Spessore cm 2-15. US 56 (2 tgg.): sabbie compatte di color bruno rossiccio a scarsa matrice cal-

1. Paglicci esterno. Tana di iena con accumuli di ossa.

14


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

carea; apporti antropici abbondanti, soprattutto nel taglio superiore, con elementi litici sia piatti che carenati, talora combusti. Si segnalano carboni sparsi. Sembra trattarsi di un lembo residuo di una più ampia superficie di accampamento, purtroppo in larga parte perduta a causa di sottoescavazioni clandestine. Presente solo nei Q.ti O/P-6/7 con uno spessore massimo di cm 50. US 58 (6 tgg.): sabbie bruno scure con concentrazione, a zone, di deboli concrezioni e presenza di rare pietre disgregate. Lembo residuo nei Q.ti O/P-6/7. Resti ossei ridotti a piccoli frammenti corrosi. Presenza di industria litica abbondante nel tg. 1, in rarefazione verso il basso, con netta prevalenza di elementi laquinoidi. Frustoli carboniosi sparsi. Spessore max cm 130. È probabilmente identificabile con il tetto dello strato 2 (scavi Palma di Cesnola). US 60 (2 tgg.): sabbie relativamente compatte di color grigio scuro, a zone debolmente concrezionate, indagate nei Q.ti L/M-9/10. La corrispondenza con la US 56, ipotizzabile sulla base dei reperti, resta una verifica da effettuare nelle prossime campagne di scavo. Spessore complessivo cm 35. US 61 (2 tgg. e Q.ti L/M-9/10): sabbie compatte di color grigio molto scuro, con a tetto un cordone di concrezioni, indicante una stasi nella sedimentazione e corrispondente con ogni probabilità all’orlo di stillicidio dell’antica volta. Le rare pietre sono disgregate e i resti faunistici ridotti a piccoli frammenti corrosi. L’industria litica è presente. Spessore cm 15-20. US 62 (4 tgg. e Q.ti L/M-9/10): sabbie nerastre, cementate per la presenza di lenti carbonatiche numerose. Rari frammenti ossei corrosi. Si segnala la presenza di frustoli carboniosi sparsi e di industria litica, anche combusta, più abbondante nella parte alta della US e caratterizzata dalla presenza di elementi laquinoidi. Potrebbe essere in fase con la US 58. Spessore complessivo cm 50. Alla base affiorano grossi massi calcarei con superfici alterate. In tutta la serie si conferma la preponderanza, fra gli Ungulati, di Cervus elaphus, Dama dama, Bos primigenius, Equus ferus e di due lagomorfi: Oryctolagus cuniculus e Lepus sp. Per quanto riguarda l’industria litica, la prevalenza di prodotti finiti, soprattutto raschiatoi, la scarsa presenza di nuclei e di manufatti riconducibili a fasi diversificate della sequenza operativa, induce a formulare l’ipotesi, da verificare col prosieguo delle ricerche, che la lavorazione della selce avvenisse in altra parte del sito o che i prodotti vi fossero introdotti sotto forma di semilavorati. Le indagini di tipo cronologico/culturale sono appena iniziate ed è per ora prematura un’attribuzione certa a tale riguardo, anche se è ipotizzabile che la serie si collochi in una fase di passaggio fra la fine del Pleistocene medio e gli inizi del Pleistocene superiore. Nel corso della campagna è stato effettuato un controllo, da parte di R. Boddi e A. Felici, tecnici dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, dell’apparecchiatura di monitoraggio microclimatico installata nel maggio 2005 nella sala delle pitture. ANNAMARIA RONCHITELLI

15


2. BISCEGLIE (BARI), Grotta di Santa Croce F. 177 IV SO I.G.M. Alle campagne di scavo, fi-

Nel giugno-luglio 2004 e nel giugno 2005 l’Unità di Ricerca di Ecologia Preistorica del Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Siena, su incarico della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia, ha svolto una nuova campagna di scavo nel deposito esterno della Grotta di Santa Croce. Le ricerche hanno interessato parte della stratigrafia del Paleolitico medio, già parzialmente indagata nei precedenti anni. Nel 2004, nel settore N della trincea è stata ultimata l’asportazione dell’US 601, uguagliata con US 538. Si tratta di uno strato di sabbie bruno rossastre, dello spessore massimo di cm 30, con materiali sporadici anche se più frequenti nella parte inferiore. Questa unità costituisce l’episodio più antico di un’articolata serie di strati sabbiosi suddivisibili in due ampie fasi: la prima, con unità a sedimento bruno rossastro che raggiungono uno spessore massimo di cm 60, ha fornito materiali del Paleolitico medio; la seconda, caratterizzata da sabbie compatte di colore grigio bruno, si è invece depositata nel corso del Paleolitico superiore. In tutto questo complesso i reperti litici e faunistici mostrano scarsa concentrazione. Nella campagna del 2004, l’asportazione di US 601 ha messo in luce, per tutta la lunghezza della trincea e per una superficie esposta di più di mq 16, un nuovo orizzonte stratigrafico ricco di materiali e di pietrame, già indagato in piccola parte a partire dalla campagna del 2001. L’affioramento del materiale segue un’inclinazione da S a N, verso il fondo della lama sottostante. E’ confermata perciò la pendenza del talus esterno alla grotta, spianato alla sommità dai lavori di terrazzamento degli scorsi decenni. È stato effettuato lo scavo, per buona parte della sua estensione, di un’unità di transizione (US 539) tra il complesso sabbioso e lo strato inclinato ricco di materiali (US 535-602). US 539, sempre a matrice sabbiosa bruno rossastra con pietre di varia pezzatura ed aree leggermente concrezionate, ha fornito una buona quantità di materiali. Per quanto riguarda i reperti faunistici, è presente il quadro individuato nelle unità sottostanti 525 e 535: esclusiva presenza di Bos primigenius ed Equus ferus e netta prevalenza di resti dentari e di frammenti di diafisi di ossa lunghe. Rimangono assenti o decisamente scarsi i resti riferibili ad ossa di piccole dimensioni, come falangi, sesamoidi, carpali e tarsali. L’industria litica, decisamente abbondante, si caratterizza per la varietà del materiale siliceo utilizzato (selce, radiolarite, diaspro, quarzarenite, calcare siliceo), che deriva soprattutto da ciottoli e più raramente da liste. Sono presenti tutti gli elementi della catena operativa di fabbricazione dei manufatti: nuclei numerosi, prodotti del débitage, strumenti. La tecnica predominante, sulla base delle semplici osservazioni di scavo, è quella discoide, mentre quella Levallois è scarsamente documentata. Fra gli strumenti si osserva una maggiore frequenza dei raschiatoi rispetto ai denticolati; le punte sono sporadiche; si segnala la presenza di supporti spessi, con ritocco quina o demi-quina. Nel giugno 2005 (Fig. 2) lo scavo ha interessato unità stratigrafiche relative a due insiemi. Il più recente (US 539-535) costituisce la parte sommitale di un complesso dello spessore medio di cm 20-25 a matrice sabbiosa bruno rossastra (US 525-535-546), che rappresenta la fase più significativa, per quanto riguarda la presenza di materiali, all’interno della stratigrafia finora indagata. Le unità di questo insieme, in special modo US 535 e 546, formano uno strato in immer-

nanziate con il contributo del Comune di Bisceglie e dell’Università di Siena, hanno collaborato nel 2004 M. Campanelli, F. Caramia, F. D’Elia, S. Del Piano, M. Di Molfetta, C. Lazzeri, E. Marinari, G. Pacca, M. Plantone, M. Ventrella; nel 2005 C. Aliotta, A. Conte, J. Crezzini, M. Di Molfetta, D. Orlando, M. Plantone, G. Praticò, A. Tenore, S. Valenti, U. Wierer.

2. La trincea esterna nel corso delle ricerche del 2005.

16


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

sione verso il fondo della lama, con materiali antropici in apparente posizione caotica, tra blocchi calcarei derivati con molta probabilità da fasi di crollo della volta della grotta. L’assenza di elementi strutturali, riscontrata anche durante questa campagna di scavo, conferma l’ipotesi di una zona di smaltimento di rifiuti verso l’esterno dell’imbocco. L’individuazione di alcune aree con sedimento parzialmente concrezionato induce a ritenere che l’estensione dell’antico aggetto della volta arrivasse alla parte più elevata del deposito finora esposto dagli scavi recenti, a ca m 20 dall’imbocco attuale. La presenza di blocchi di crollo, alcuni dei quali nella loro giacitura seguono l’inclinazione dello strato, ha probabilmente esercitato una funzione di barriera per i materiali sul piano inclinato. A monte, a ridosso di questi, è stato notato infatti un maggiore spessore delle unità e una maggiore quantità di materiale. Dall’osservazione sul campo dei reperti ossei si nota un’omogeneità di dati all’interno delle unità stratigrafiche scavate in questa campagna. L’interessante complesso faunistico esprime un’attività di selezione che l’uomo operava sia all’interno dei branchi di uro e di cavallo (quasi assenza di individui giovani e di sub-adulti) sia nella gestione delle carcasse degli animali abbattuti. Nel procedere delle ricerche si consolida l’ipotesi che questi resti ossei derivino da operazioni standardizzate. È rimarcata l’abbondanza di frammenti di diafisi di ossa lunghe, la presenza di denti isolati (tra i quali sono quasi assenti gli incisivi ed i premolari), e l’assenza delle epifisi e delle ossa di piccole dimensioni degli arti, a testimoniare un’attività di separazione di alcuni elementi scheletrici e la distruzione di una parte di questi (o il loro abbandono in un’altra area della grotta). L’industria litica delle US 535 e 546 presenta una notevole concentrazione di materiali, con 1616 pezzi distribuiti in 10 mq. Fra questi, 1245 sono elementi del débitage e 188 sono i nuclei, presenti, questi ultimi, in fasi diverse di sfruttamento, da quelli semplicemente testati (rari) a quelli totalmente destrutturati; è attestata, anche se sporadicamente, una catena secondaria a partire da schegge carenate. L’abbondanza dei nuclei, unitamente alla frequenza dei prodotti, ha permesso di identificare due catene operative principali: un débitage discoide volto alla produzione di schegge pseudo-Levallois e, in minor misura, sub-triangolari/quadrangolari; e un débitage a superfici ortogonali finalizzato ad ottenere prodotti laminari la cui utilizzazione risulta specializzata nella lavorazione di materiali duri/semiduri. È previsto a breve lo studio della materia prima utilizzata, che è molto varia e derivata non solo da ciottoli ma anche da liste, e di cui va indagata la provenienza al fine di analizzare le fonti di approvvigionamento e le modalità di sfruttamento del territorio da parte dei gruppi che hanno frequentato il luogo. Gli strumenti si concentrano all’interno dei raschiatoi, soprattutto laterali, e dei denticolati, con presenza sporadica delle punte; si segnalano rari bulini. Lo studio di questi livelli mostra nel complesso una certa varietà di risposte tecniche adottate dall’uomo in risposta alle diverse attività da svolgere sul sito e alla necessità di adattarsi allo sfruttamento di materie prime silicee eterogenee. L’attribuzione cronologica si configura non agevole, per la mancanza di confronti diretti di questo insieme con altri complessi del Paleolitico medio pugliese: per il momento, su basi essenzialmente stratigrafico-geomorfologiche, si ipotizza un’attribuzione dei livelli musteriani allo stadio isotopico dell’ossigeno 4. PAOLO BOSCATO-PAOLO GAMBASSINI-ANNAMARIA RONCHITELLI

17


3. TORITTO (Bari), Grotta San Martino F. 177 III SE I.G.M. Nel corso di una ricognizione effettuata nel territorio di Toritto dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia ed in particolare da F. Radina e promossa dal Comune di Toritto e dalla locale sede dell’Archeoclub d’Italia (presieduta da L.G. Fasano), notevoli risultati ha dato l’esplorazione della Grotta San Martino (Fig. 3). La cavità (Fig. 4) si apre a m 287 s.l.m. lungo il costone di una incisione carsica che si snoda sul gradino più basso dell’Alta Murgia, a circa km 8 dall’abitato di Toritto, in provincia di Bari. L’esplorazione dei diversi ambienti che compongono la caverna ha condotto al riconoscimento di un notevole ma problematico complesso di arte parietale composto da poche pitture in rosso, per lo più pertinenti a parziali impronte di mano in positivo, e da una miriade di incisioni lineari che l’analisi formale indurrebbe ad inquadrare in successive fasi della Preistoria. Ad un puntuale confronto con motivi propri alla produzione salentina epigravettiana (facies romanelliana), si presta un grande motivo nastriforme, inciso a tratto sottile su una parete purtroppo pesantemente alterata e annerita dalla fuliggine. Alla stessa fase sembra risalire un profilo muliebre privo delle estremità, il cui impianto fusiforme trova confronto con i profili femminili propri del repertorio epipaleolitico pugliese, e in particolare con i fusiformi parietali di Grotta Romanelli, nonostante l’esemplare di San Martino, ispirandosi ad un più marcato naturalismo, si esprima attraverso una maggiore raffinatezza formale. Reticoli, stelliformi e motivi lineari, variamente articolati, trovano confronto con grafemi propri alla produzione più genericamente epipaleolitica, mentre le losanghe e le tante figure a modulo cruciforme, singole e composite, sembrano piuttosto confrontabili con gli antropomorfi filiformi (figure stanti, a gambe chiuse o divaricate, arcieri, figure a clessidra, etc…) propri alla produzione olo-

3. Il terrazzo murgiano su cui si apre l’incisione carsica.

4. L’odierno accesso alla grotta.

18


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

5. Primo corridoio interno e planimetria della grotta.

cenica (si pensi al repertorio di Porto Badisco), al pari delle impronte di mano in positivo. Al fine di definire l’inquadramento del complesso artistico, si è proceduto ad indagare il deposito sia interno, sia esterno alla cavità, al momento unicamente con saggi di limitata estensione e profondità. Le indagini condotte all’interno della grotta hanno confermato l’ipotesi formulata nelle fasi preliminari allo scavo, secondo cui il primo ambiente della cavità fu svuotato, in tempi relativamente recenti, di gran parte del deposito. L’asportazione del deposito ha determinato la perdita dei dati relativi alla più antica frequentazione della cavità; i rarissimi reperti di età preistorica risultano infatti del tutto sporadici e pertanto scarsamente indicativi. Nel corso di una breve campagna di scavo, condotta nel 2005 all’esterno della cavità, si è messo in luce un potente deposito contenente resti e strutture di età altomedievale, poggiante sui blocchi di crollo dell’antica volta della caverna (Fig. 5). Gli strati medievali hanno restituito, tuttavia, alcune schegge in selce e un ago in osso munito di cruna, unitamente a taluni frammenti di impasto genericamente riferibile alla fase protostorica che documentano la frequentazione del sito durante la Preistoria più recente. Le ricerche procederanno con l’approfondimento delle indagini dell’area antistante l’imbocco della grotta, sino a raggiungere il deposito sottostante i massi di crollo, dove ci si augura di reperire elementi che permettano di contestualizzare le fasi di realizzazione del complesso parietale. EBE CHIARA PRINCIGALLI

19


4. GINOSA (TARANTO), Riparo dell’Oscurusciuto F. 201 I SO I.G.M. Alle campagne di scavo

Nel corso del biennio 2004-05 l’Unità di Ricerca di Ecologia Preistorica, Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Siena, su incarico della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia, ha svolto due campagne di scavo nel deposito del Paleolitico medio del Riparo l’Oscurusciuto. Nel 2004 lo scavo ha interessato principalmente l’asportazione di una porzione dell’unità stratigrafica 4, particolarmente ricca di materiale litico. Questa unità, a matrice sabbioso ghiaiosa, dello spessore di cm 20-25, è stata scavata in tre tagli, il primo dei quali asportato durante la campagna del 2003. Lo scavo del taglio intermedio, corpo centrale dello strato, accompagnato dal posizionamento dei reperti litici e faunistici, è stato completato in tutta l’area, estesa attualmente a circa mq 10. Si ricorda che l’aumento progressivo dell’area di scavo, procedendo verso il basso della stratigrafia, è dovuto alla particolare morfologia di questo deposito, della potenza di più di cinque metri, costituito da una serie stratigrafica a giacitura suborizzontale sulla cui superficie scoperta l’erosione ha operato lasciando, a tetto, esigui lembi di deposito concrezionato e, alla base, un’estensione di più di mq 60 (Fig. 6). L’unità 4 non ha fornito evidenze di strutture antropiche. Sono state rinvenute al suo interno sporadiche pietre e materiale litico concentrato in piccole aree, accompagnato da numerosi frammenti ossei relativi in gran parte a Bos primigenius. La prateria arborata doveva costituire nel periodo di formazione di questo strato l’habitat più diffuso, con marginali aree forestate occupate da cervidi (Cervo, Daino e Capriolo) rinvenuti in minor numero. Anche in questa unità emerge, tra i resti faunistici, la grande quantità di frammenti di diafisi di ossa lunghe non determinabili a livello specifico. Sono state osservate limitate aree di terreno più scuro con residui di ceneri e carboni. L’industria litica è molto abbondante, stimabile a oltre duecento manufatti

finanziate con il contributo del Comune di Ginosa e dell’Università di Siena, hanno partecipato nel 2004 A. Alisi, L. Consolini, J. Crezzini, S. Frati, N. Inglese, I. Magagni, R. Mattia, C. Nigro, G. Pacca, V. Parere, A. Plantone, F. Ranaldo, A. Schiano, A. Tessari; nel 2005 C. Aliotta, C. Berto, F. Boiani, J. Crezzini, G. Marroni, G. Pacca, A. Pizzarelli, F. Paraskoulakis, A. Plantone, F. Ranaldo, V. Zoppi.

6. Panoramica dello scavo alla conclusione della campagna del 2004.

20


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

presenti mediamente in ogni singolo metro quadro. Dall’analisi, ovviamente superficiale, eseguita in corso di scavo non sembrano emergere fattori di novità rispetto al materiale presente nei livelli soprastanti. Il reperimento della materia prima (con diaspri prevalenti su quarzite e selce) si basa sempre sulla raccolta di ciottoli presenti nelle superfici alluvionali in testa al deposito. La scheggiatura, che avveniva sul posto, è riconducibile al metodo Levallois ricorrente, con produzione di manufatti piatti e allungati di dimensioni medie che costituiscono i supporti degli strumenti: raschiatoi soprattutto accanto a punte meno numerose ma qualitativamente importanti per l’elevata simmetria e la standardizzazione in 4-5 morfologie principali. Va sottolineata inoltre la produzione di schegge piccole (accanto a quelle ipermicrolitiche di lavorazione) che, benché quasi mai ritoccate, si collegano strettamente all’alto grado di sfruttamento dei nuclei, molti dei quali destrutturati e ormai ridotti a calotte. La consistenza del sedimento, friabile nelle aree prossime all’erosione, assume progressivamente caratteri di concrezionamento, accentuato a contatto con la calcarenite della parete di fondo del riparo. Con l’asportazione del terzo e ultimo taglio di questa US 4, effettuata in un’area di mq 3, è stata messa in luce nel settore N parte dell’US 5, costituita da sedimento scuro ricco di cenere e carboni, limitata arealmente. Verso S, infatti, sfuma lasciando un contatto diretto tra US 4 e US 7, unità stratigrafiche di simili caratteri cromatici ma con sensibili diversità di contenuti: in US 7, infatti, ad un primo sondaggio, compare un aumento della frazione ghiaiosa ed una forte rarefazione del materiale litico e osseo. Nella sottostante US 8, esposta per ora su un’area ridotta, il materiale antropico è nuovamente abbondante; è stata notata una leggera immersione dello strato verso la parete di fondo. Nel settembre 2005 nella prima fase dello scavo è stata asportata la parte basale dell’US 4, già indagata nella campagna precedente. Nel settore di scavo in corrispondenza dell’angolo N del riparo, sotto questa unità stratigrafica è stata individuata un’area con sedimento grigio scuro, sempre a matrice sabbiosa (US 5). Questa unità riempie un affossamento profondo cm 15 e con diametro di circa m 2,5, a sviluppo sub-circolare. Il bordo ad O, soggetto all’erosione di versante che ha interessato l’intera stratigrafia, manca di una sicura definizione. A N e ad E la US 5 è a contatto con le pareti del riparo, mentre a S è evidente il bordo dell’affossamento, inclinato di circa 30°. L’asportazione di US 5 ha messo in luce la base sub-orizzontale dell’affossamento con tracce di scottatura (US 6). Si tratta di un focolare impostato in una depressione a catino scavata nella sottostante US 7 e delimitata dalle pareti dell’angolo N del riparo. Completamente assenti, in questa struttura, le pietre. La US 5 contiene materiale litico ed osseo non abbondante, in parte combusto, e residui di cenere: sporadici i resti di carbone. La parte superiore è caratterizzata da sedimento bruno con piccole aree nerastre. Inferiormente l’unità assume un colore scuro più omogeneo con evidenze di cenere. Durante lo scavo di questa unità non sono stati notati livelli intermedi con tracce di scottatura. Un’analisi micromorfologica del sedimento, finalizzata per accertare eventuali fasi successive di utilizzo di quest’area di combustione, è in corso presso l’Università di Boston. Tra i resti faunistici, sempre molto frammentati, l’ungulato più frequente rimane l’uro con circa il 70% dei rinvenimenti, seguito dalla sporadica presenza di daino, cervo, capriolo e cavallo. Da segnalare un premo-

21


lare di lupo, il secondo reperto di carnivoro rinvenuto nel riparo, dopo una terza falange di leone. L’industria litica, sulla base delle semplici osservazioni di scavo, non sembra mostrare variazioni tecniche e tipologiche di un qualche rilievo. Nell’ultima parte della campagna è stata scavata la US 7, di colore simile a US 4 ma con un maggiore contenuto in ghiaia (Fig. 6). La parte superiore di questa unità appare discontinua, con limitate zone grigie a ceneri e rari carboni, forse legati alla limitrofa area a fuoco. Il materiale litico ed osseo è meno abbondante che nella soprastante US 4. Tra le faune rinvenute è sempre dominante l’uro associato a daino e cervo. L’industria litica è meno frequente. Sono state localizzate aree di forte concrezionamento ad una certa distanza dalla parete legato a probabile stillicidio dal ciglio del riparo. La parte inferiore di questa unità assume un maggiore contenuto in ghiaia e riempie irregolarità, di origine forse erosiva, presenti sulla superficie della sottostante US 8. In quest’ultima unità, che sarà oggetto di scavo nella prossima campagna, il materiale litico e osseo torna ad essere abbondante. PAOLO BOSCATO-ANNAMARIA RONCHITELLI

Neolitico 5. FOGGIA, ex Ippodromo F. 164 III NO I.G.M. Intervento svolto in colla-

Il sottosuolo di Foggia si rivela, una volta di più, una miniera di informazioni e di conoscenze sulle antichissime origini della città. L’area dell’ex Ippodromo, in modo particolare, rappresenta un’occasione unica per il varo di un serio progetto di ricerca e di valorizzazione di ampio respiro, forte della presenza di fattori positivi di rado concomitanti. Tra questi, l’importanza delle testimonianze archeologiche relative ad una fase poco diffusa del Neolitico italiano, come quella di Masseria la Quercia, che si coniuga alla rara opportunità di condurre saggi su una superficie urbanizzata, vasta circa ha 20 e sgombra da strutture moderne, malgrado la centralità del sito archeologico. Nelle immediate vicinanze, invece, sotto la Villa Comunale e le contigue vie Brigata Pinerolo e Galliani, ben altro esito ebbero le scoperte casuali di testimonianze neolitiche intercettate nel corso di lavori pubblici nel 1977, che furono saggiate solo in minima parte nel 1978. In entrambi i casi, appena sotto il manto stradale e disturbate da un groviglio di tubazioni, affiorarono tracce di una necropoli, di un fossato di capanne con aree di focolare ed un grande silos a campana per la conservazione dei cereali. Le recenti indagini condotte nell’ex Ippodromo assumono un’importanza determinante per comprendere le dinamiche di occupazione e per ricollegare le varie evidenze emerse all’interno della città, un susseguirsi di villaggi trincerati di capanne sorti tra gli ultimi secoli del VI millennio a.C. ed i primi del V millennio a.C. L’assenza in quest’area di coltivazioni cerealicole non consente la rilevazione di strutture trincerate tramite la fotografia aerea, secondo una procedura comune nei siti neolitici del Tavoliere; viene perciò a mancare la possibilità di una preliminare definizione della reale estensione dell’area archeologi-

borazione con A. Monaco (Dipartimento di Scienze Storiche Archeologiche e Antropologiche dell’Antichità, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”).

22


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

ca e della sua articolazione interna. Le campagne di ricognizione hanno messo in evidenza fasi di occupazione neolitica, testimoniate dalla presenza di ceramica impressa-incisa e dipinta, in un’area leggermente sopraelevata dell’ex Ippodromo, prossima al confine col viale Fortore. Un breve intervento di scavo condotto nello stesso punto del 1998 rivelò la presenza di un compound, o fossato minore a C, che in quella circostanza venne indagato soltanto per un breve tratto; concentrazioni di ceramica e frammenti di piastre in argilla furono portate in luce nell’area esterna alla struttura trincerata. La ripresa delle indagini nell’estate/autunno 2005 ha offerto la possibilità di portare in luce lo sviluppo quasi totale del compound e di altre evidenze esterne, di definire meglio l’articolazione del suo impianto e di determinare la sua sequenza cronologica, utile a comprendere il rapporto con i resti rinvenuti in precedenza all’interno della Villa Comunale distante circa m 700, riferibili alle fasi di Masseria La Quercia e di Passo di Corvo. L’intervento di scavo ha riguardato una superficie di m 28x24. Il fossato ha un andamento ovoidale, misura m 1,80 di larghezza ed è profondo in media m 2, con pareti verticali; il suo diametro è pari a circa m 20, con un’apertura situata ad ovest. Malgrado l’apice meridionale non sia stato ancora scavato completamente, è possibile stimare l’ampiezza della sua apertura in m 16 circa. L’apice nord si diparte in due bracci dei quali quello esterno più corto e meno profondo e terminante con una vaschetta ovoidale; nel punto di diramazione con il braccio interno è stato individuato un gradino. Nel diaframma di crusta calcarea che separa i due bracci settentrionali del compound si apre un largo foro, probabilmente non di origine antropica. Nel versante nord, lungo il margine esterno del compound, è stata fatta l’eccezionale scoperta di una sepoltura ben conservata, relativa ad un soggetto adulto maschile. L’inumato era deposto sull’ultimo riempimento del fossato, a cavallo tra il braccio interno e quello esterno, senza pietre di delimitazione e direttamente sul piano battuto, in un momento in cui il fossato era già in gran parte obliterato. Il corpo era in posizione fetale sul fianco sinistro, col capo orientato a nord ed il volto ad est. Sul lato destro, quasi all’altezza del bacino, era presente un contenitore ceramico parzialmente conservato, riferibile alla facies di Serra d’Alto. ANNA MARIA TUNZI

6. TROIA (FOGGIA), Monte San Vincenzo F. 163 II SO I.G.M. Intervento svolto in colla-

Il villaggio trincerato di Monte San Vincenzo si estende su un’altura di circa m 250 s.l.m., prospiciente la riva destra del torrente Celone, identificato nell’ambito di un progetto di ricognizioni aeree. L’abitato appare racchiuso da due fossati paralleli che delimitano un’area irregolarmente ellissoidale di circa ha 16. La distanza tra questi due fossati è di circa m 10. Dalle foto aeree è possibile distinguere un’altra coppia di fossati che cingerebbero tutta l’area delimitata dai primi due, così che il villaggio assumerebbe la dimensione di circa ha 25. I fossati perimetrali minori recingono un’area dove si notano numerosi compounds e fossati circolari, di dimensioni varia-

borazione con M. Danesi e R. Simonetti (Dipartimento di Scienze Storiche Archeologiche e Antropologiche dell’Antichità, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”).

23


bili e con apertura a NNO. Il piano progettuale, comunque, non sembra particolarmente unitario, così da far supporre che il quadro che abbiamo oggi sia frutto di costruzioni susseguitesi nel tempo; ad esempio, la coppia interna di fossati perimetrali intercetta una struttura preesistente e ne sfrutta l’andamento. Nell’ottobre-novembre del 2005 si è tenuto uno scavo archeologico effettuato sia in estensione che in profondità: è stato possibile indagare solamente l’area ovest della collina e, all’interno di quest’ultima, si sono scelte due zone (Saggio I e Saggio II), al fine di comprendere sia la situazione relativa ai fossati perimetrali (Saggio II), sia quella di un fossato circolare e di un compound, in modo da poter comprendere le fasi di occupazione del sito e la relazione temporale tra alcune strutture, visibili dalle foto aeree. Con il Saggio I (m 16x20) si è indagata l’area interessata da uno dei fossati minori circolari che racchiude al suo interno, in posizione eccentrica, un fossato a C il quale presenta un’apertura ad ovest. I fossati in questione sono tagliati nella crusta, ma giungono in profondità fino ad un livello concrezionato, vergine, composto in parte da pietre di medie e grandi dimensioni, come accade anche in altri villaggi del Tavoliere. I fossati indagati dal Saggio I, sulla base dello studio dei manufatti ceramici, sono stati utilizzati fino alla fase Passo di Corvo e sono stati individuati anche strati di riempimento dei fossati riferibili a fasi precedenti tipo Masseria la Quercia. Il Saggio II ha indagato la situazione relativa alla coppia di fossati perimetrali interni con andamento circolare che recingono un’area di 16 ha di forma ellissoidale e dalle foto aeree si possono riconoscere alcune anomalie nel loro tracciato che sembrerebbero riconducibili ad aperture. Nel braccio ovest del fossato perimetrale più interno, sotto i primi livelli di riempimento (US 14-US 56), attribuibili alla facies di Passo di Corvo, è venuta alla luce una sepoltura alla quale si possono porre in relazione due vasi in impasto piuttosto inusuali, di forma aperta con fondo a tacco. L’inumato sembra poggiare su una sistemazione di pietre di medie dimensioni messe in opera sul riempimento del fossato ancora non completamente obliterato. Per il momento, non sono stati individuati tagli nel terreno ed è possibile che siano gli stessi margini del fossato, che in questo punto si restringono, a rappresentare i limiti della sepoltura. Un possibile confronto è suggerito dalla sepoltura ad inumazione rinvenuta a Ripa Tetta: questa era priva di fossa sepolcrale e lo scheletro era stato adagiato all’interno del fossato e poi ricoperto con terra. Le condizioni di rinvenimento del corredo e delle ossa, di cui si intuiscono una tibia e l’attacco del bacino mancanti del femore, fanno pensare che la sepoltura sia piuttosto sconnessa. Lo strato che oblitera l’inumazione ha restituito sia frammenti di ceramica in impasto non decorata che ceramica figulina a bande rosse inquadrabile nella fase di Passo di Corvo, insieme a una discreta quantità di industria litica; la sepoltura dunque potrebbe essere relativa alla fase Passo di Corvo se non precedente. La presenza di un probabile corredo funebre si discosterebbe con quanto è già noto per le tombe di Passo di Corvo. I dati sin ora raccolti, se pure relativi solo ad una porzione del perimetro di queste strutture, sembrano indicare che la chiusura dei fossati perimetrali sia avvenuta nell’ambito della fase Passo di Corvo: in questo periodo infatti sono inquadrabili gran parte dei livelli di colmata che obliterano le strutture stesse. ANNA MARIA TUNZI

24


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

7. MOLFETTA (BARI), Pulo F.177 IV SO I.G.M. La campagna di scavi,

Nell’autunno del 2004 sono riprese le indagini nell’area di scavo del saggio 3, con la quinta campagna di scavi nel cosiddetto fondo Azzollini, il pianoro che lambisce il Pulo lungo il fianco meridionale, ampliandola fino ad un’estensione complessiva di mq 156. Si rimanda per i caratteri generali del sito alle note annualmente pubblicate sui Notiziari della Soprintendenza e da ultimo sul Notiziario 2002-2003, pp. 28-31. L’area di Azzollini è stata ormai acquisita dal Comune di Molfetta e le ricerche della Soprintendenza, quindi, rientrano nelle attività di valorizzazione del sito, aperto al pubblico in un percorso unico tra dolina e pianori soprastanti. L’area di scavo del saggio 3 è stata inoltre recentemente protetta da una tettoia stabile in legno. Viene innanzitutto confermata l’antichità del contesto a ceramica impressa, attestato nei livelli a N del grande muro, ora datati al 7134 ± 60 BP (US 10). Qui è stata proseguita l’esplorazione della sequenza più antica del sito, addossata al muro, isolando una fascia di suoli grigio - bruni (US 49), nonostante l’impatto delle arature, ancora in buono stato di conservazione, di circa m 2 di larghezza, ricca di materiali ceramici e frammenti di intonaco. Al di sotto, è stato successivamente indagato un livello (US 46), contenuto in una escavazione artificiale nello strato sottostante sterile (US 58) dal contorno irregolare, con asse maggiore di m 7 circa, caratterizzato dalla presenza di due piccole strutture in concotto (US 61e US 54), per quota, posizione e struttura analoghe al “focolare” (US 19) individuato con le precedenti campagne a contatto con la bancata sterile. Abbondante, come sempre, la presenza di ceramica impressa nelle due US, che conferma la possibilità di delineare all’interno dello strato neolitico una scansione di diversi momenti di utilizzo dell’area. A S del muro proseguiva l’indagine stratigrafica delle US 17/34 e 54, caratterizzate da addensamenti di pietrisco in un sedimento grigio–giallastro, apparentemente a matrice argillosa, con ceramica depurata e dipinta (fasce rosse e tricromia) e quindi inquadrabile in una fase di defunzionalizzazione del muro stesso nel Neolitico Medio. Sul piano di US 17/43 si individuava, inoltre, una chiazza di cm 70 circa di diametro, di colore grigio con carboni, poggiante su una base discontinua di argilla concotta, impronta residua di un focolare subcircolare.

finanziata dal Comune di Molfetta oltre che dalla stessa Soprintendenza, ha visto la partecipazione di studenti e specializzandi in archeologia delle Università degli Studi di Bari e Lecce. Hanno collaborato nelle ricerche, condotte con I. Muntoni, I. Caramuta, M. Sicolo, G. Lasorella, F. Sanseverino, E. Arciuli; per le analisi paletnobotaniche G. Fiorentino e per quelle sedimentologiche dei suoli R. Lopez.

FRANCESCA RADINA

8. BARI, Carbonara, Masseria Stevanato F.177 II SE I.G.M. Le attività sono state rese

Alla periferia occidentale di Bari, in località Masseria Stevanato, alle porte di Carbonara, in occasione di opere di posa dell’impianto fognante a cura dell’Acquedotto Pugliese, la Soprintendenza individuava su un terrazzo ai margini di Lama Valenzano, una delle antiche incisioni a carattere torrentizio che attraversando la Conca di Bari scendono verso la costa, un insediamento del tardo Neolitico che potrebbe forse coincidere con quello in località Le Grave, già se-

possibili dalla disponibilità dell’Acquedotto Pugliese e alle risorse messe a disposizione da alcune associazioni culturali e di volontariato

25


di Carbonara. Le ricerche sono state condotte con M. Sicolo, coadiuvato da A. De Marco, G. Caramia ed i tecnici della Soprintendenza tra cui E. Arciuli, V. Falco e D. Fiore. L’intervento sulle sepolture è stato curato da V. Scattarella e S. Sublimi Saponetti. Il restauro dei reperti è stato eseguito presso il Laboratorio di Restauro del Centro operativo per l’Archeologia di Bari a cura di M. Amatulli.

7. Area dell’insediamento con buche, pozzetti e canalette.

gnalato da M. Gervasio ai primi del secolo scorso, di cui si era persa traccia. Dell’insediamento, in un’area posta ad O della Masseria Stevanato dove il deposito archeologico si presentava esiguo e fortemente eroso per l’accentuata pendenza del sito verso il fondo della lama, oltre che compromesso da secolari impianti agricoli, si evidenziava un’area di notevole interesse probabilmente funzionale alle attività di stoccaggio, occupata da silos e pozzetti artificiali nel banco calcareo (Fig. 7), purtroppo di difficile puntuale inquadramento per la penuria di materiale di riferimento. Nel segmento di sviluppo tardo Neolitico/primo Eneolitico-le datazioni assolute inquadrano infatti il complesso nel primo quarto del IV millennio a.C.- elementi di novità presenta il complesso rituale del pozzo (Fig. 8) (US 27), intatto, a profilo circolare all’imboccatura e sezione troncoconica (Fig. 9), profondo m 1,70, con diametro di m 1 circa. Esso aggiunge dati importanti per la conoscenza di simboli e rituali di pertinenza di comunità fortemente radicate nel territorio, ma in via di trasformazione anche sotto il profilo economico, indicando su un sostrato di fondo comune la possibile “convivenza” nel territorio di comunità più o meno aperte all’influsso di nuovi modelli. Il rito prevedeva la deposizione congiunta sul fondo intorno a tre piatte lastre calcaree di resti animali e umani selezionati con grandi e pregiati contenitori in ceramica, frantumati, strumentazione litica ed elementi ornamentali. Nove esemplari di corna di Bos, con parti craniali, erano collocati lungo il perimetro, insieme ai resti selezionati di un individuo adulto di sesso maschile, la cui sistemazione avvenne a scheletrizzazione già avvenuta. Ne facevano parte grandi ciotole in ceramica grigia a superfici brunite con leggera carena segnata da prese subcutanee o piatte ansette a nastro, in qualche caso anche con decorazione incisa a triangoli campiti all’interno dell’orlo, scodelle troncoconiche a pareti tese, inornate o con orlo inciso all’interno a zig-zag o a triangoli pendenti o con moti-

8. Il pozzetto rituale in corso di scavo.

9. Il pozzetto rituale in sezione.

26


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

vo a scaletta, oltre a frammenti di parete a decorazione incisa a reticolo o a triangoli contrapposti. A questo repertorio si affiancano ceramiche depurate chiare, del tipo attestato a Madonna delle Grazie 2, con forme analoghe, più raramente decorate, ma anche chiuse, come il grande vaso globulare a collo con ansa a nastro sulla massima espansione del corpo o il vasetto a fiasco, con rivestimento di colore rosso sulla superficie esterna e ansetta a maniglia obliqua sulla spalla. La decorazione incisa a motivi geometrici in cui predominano le linee spezzate e i motivi triangolari (Fig. 10) appare un elemento caratterizzante che rafforza il confronto per questo complesso vascolare con il primo Eneolitico salentino più in generale, con alcune forme del repertorio tardo Neolitico Diana noto nel versante murgiano adriatico. Nei rituali si coglie bene lo sviluppo di contesti in cui si accentua la componente decorativa con schemi evidentemente più elaborati. In continuità con una costante nei rituali tra VI e V millennio, è la significativa presenza di 23 piatte macine in calcare, in grossi frammenti, di alcuni lisciatoi-macinelli in pietra levigata, di una punta di freccia a ritocco foliato con peduncolo e alette, e di qualche strumento in selce, forse in questo caso con un impiego diretto nella pratica rituale. Tra gli elementi ornamentali, oltre a una rondella forata in pietra, vi era un pregiato esemplare di Arca Noae decorato su un margine da un raffinato motivo a chevrons, che riprende il motivo ricorrente nel decoro delle ceramiche contestuali. Nel livello che sigillava il pozzo era infine una testina-statuetta zoomorfa in agilla chiara, con appendici a guisa di corna taurine, su lungo collo cilindrico frammentato alla base, che rielabora elementi simbolici, animale/maschile, già propri delle protomi zoomorfe dei vasi Serra d’Alto, sottolineando la stretta continuità anche ideologica con quella tradizione neolitica più recente orientata verso moduli espressivi non solo basati sull’elemento antropomorfo/femminile. Come già documentato in altre aree della regione circa l’uso di buche per la deposizione di “offerte”, noto per effetto delle ricerche soprattutto all’interno delle cavità delle Murge, un confronto diretto è costituito dal pozzetto, riferibile ad una fase più antica, di Canne - Setteponti (RADINA 2003, pp. 59-70) dove la struttura inizialmente funzionale assume nuovo valore simbolico per la comunità e viene adibita a pratiche connesse con la deposizione di vasellame pregiato, in questo caso ceramica dipinta Serra d’Alto e attrezzi da lavoro per l’agricoltura, parte integrante dei rituali del tardo Neolitico. A m 20 di distanza, in direzione NE, si intercettava invece, lungo la trincea di posa dell’impianto, un’area di frequentazione delimitata da un battuto argilloso marginato da una fossa con pietre combuste e cenere, coevo alla struttura US 27. Nelle immediate adiacenze si rinveniva una deposizione umana in giacitura primaria, ancora in connessione, priva tuttavia di fossa, la cui postura è apparsa subito particolare, fortemente disarticolata con torsione della colonna vertebrale rispetto al bacino, braccia e gambe contratte in senso inverso. Prelevata integralmente, ne è stato riprodotto il calco presso l’Istituto di Antropologia dell’Università di Bari. La particolarità della postura, insieme ad una serie di osservazioni effettuate in corso di scavo, come per esempio il velocissimo interro che essa deve aver subito, fanno ipotizzare un decesso dell’individuo per cause accidentali, e quindi una deposizione non intenzionale.

10. Alcune delle ceramiche restaurate dal piano di deposizione sul fondo del pozzetto.

FRANCESCA RADINA

27


9. BARI, Masseria Maselli - Lama Balice F.177 II SE I.G.M. Le attività di ricerca e tute-

Campagne di prospezioni di superficie sui terrazzi prospicienti Lama Balice, antico solco erosivo (Fig. 11) tra i territori di Bari, Modugno e Bitonto, finalizzate anche alla perimetrazione del Parco Regionale di Lama Balice, hanno delineato in questi anni una consistente presenza insediativa durante la Preistoria già a partire dal Neolitico, confermando l’importanza strategica del reticolo idrografico che incide la Murgia barese nell’occupazione del territorio. In particolare nel sito di Masseria Maselli, all’altezza del nuovo Aeroporto di Bari - Palese, sul fianco occidentale della lama, in un’area destinata ad edilizia urbana (Fig. 12), si avviava contestualmente ad un cantiere edilizio una indagine di scavo sui resti di uno degli insediamenti rilevati, in particolare in questo caso riferibile alle fasi antiche del Neolitico a ceramica impressa. Attraverso una serie consistente e mirata di sondaggi di scavo (n. 37) si riusciva a delimitare in particolare con i saggi A, L, M, I una fascia di circa m 200 dalla sponda della lama verso l’interno, per una larghezza di oltre 250, dove i resti neolitici apparivano più conservati e importanti ai fini di ricerca e di azioni di salvaguardia e di valorizzazione. Infatti si identificavano, al di sotto di un esiguo livello archeologico in gran parte in affioramento, a causa della forte erosione cui è soggetto tutto il ripiano, elementi strutturali pertinenti ad abitazioni neolitiche a pianta quadrangolare, come vespai di pavimentazione, buche di fondazione (Fig. 13) per pali di sostegno dell’elevato, resti di concotto e di intonaco argilloso dei rivestimenti. Si consolida quindi con questa scoperta una tipologia di struttura residenziale risalente a 8000-7000 anni fa, che trova immediato riscontro nel vicino e coevo sito di Balsignano, sulla lama Lamasinata in territorio di Modugno. L’approfondimento delle indagini di scavo nel riempimento di terre di un’escavazione allungata nella bancata calcarenitica e formata da un fossato centrale marginato all’estremità da due lobi, di m 12 complessivamente di lunghezza e 1,80 di larghezza, m 1 di profondità massima, metteva in evidenza un’elaborata testimonianza di rituale funerario, rappresentata dalla complessa attestazione della sepoltura di un individuo, un soggetto adulto di sesso femminile. La deposizione giaceva in perfetta connessione anatomica in una leggera fossa in posizione centrale, sul fianco del fossato e sulla sommità del riempimento di terre rossastre, in posizione rannicchiata sul fianco sinistro, con gli arti superiori flessi all’altezza del capo. Un vespaio piuttosto incoerente di piccole pietre marginava il lato O della fossa di sepoltura (Fig. 14). Veramente singolare la presenza ai piedi della donna di una struttura a forma di cista a pianta quadrangolare in piatti blocchi di pietra calcarea, parzialmente destrutturata, forse una base d’appoggio o di fondazione per una struttura in elevato -un segnacolo?- andato perso. Assenti elementi di corredo, alcuni frammenti di parete in impasto, anche a decorazione impressa, giacevano nei pressi. L’assenza di elementi antropici invece nel sedimento che riempiva la lunga escavazione sottostante la sepoltura farebbe anche ipotizzare la sua realizzazione contestuale alla deposizione. La complessa struttura attesta dunque, nel corso del Neolitico antico, l’adozione di varianti rispetto all’uso più comune e quasi esclusivo della semplice fossa. La sepoltura 1 di Masseria Maselli, coeva alle strutture insediative, è assegnabile anche sulla base dei reperti in associazione a quelle fasi del Neolitico che si

la sono state curate per la Soprintendenza insieme a chi scrive da M. Sicolo, M. Fazio e G. Carbonara.

11. Panoramica del sito, sullo sfondo l’Aereoporto di Bari-Palese.

12. Panoramica del sito, sulla sponda della lama.

28


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

manifestano nel Sudest italiano con caratteri ormai di piena maturità e con una diffusione veramente capillare di insediamenti. La sua datazione in cronologia radiocarbonica al 6542 ± 45 BP (cal. 5570-5460 a.C.) risulta estremamente interessante anche per il confronto possibile con la coeva sepoltura 3, anch’essa di un soggetto femminile, dell’insediamento di Balsignano, distante appena qualche chilometro, confronto che in questo caso evidenzia delle differenze nei rituali in aree contigue, nello stesso arco temporale, forse imputabili anche al ruolo dell’inumato. La sepoltura è stata calcata per la riproduzione e la copia è attualmente depositata presso il Centro operativo per l’Archeologia di Bari, a Palazzo Simi. FRANCESCA RADINA

13. Piano di calpestio con buche da palo (capanne?) e tratto di fossato-cisterna in uno dei saggi di scavo occidentali.

14. Alloggiamento e struttura della sepoltura femminile del Neolitico antico.

29


Età dei Metalli 10. TRINITAPOLI (FOGGIA), Madonna di Loreto F. 165 III SE I.G.M. Intervento svolto in collab-

Nel sito della media età del Bronzo di Madonna di Loreto sono stati scoperti nell’ultimo ventennio i mirabili contesti funerari dei due ipogei monumentali detti dei Bronzi e degli Avori, destinati ad ospitare l’élite guerriera del tempo. È, invece, recentissima l’individuazione di una fase con ogni probabilità iniziale del fenomeno ipogeico, contrassegnata dal ricorso ad un modulo strutturale estremamente semplificato. Questi ipogei “minori”, infatti, sono costituiti da un unico ambiente di contenute dimensioni a pianta circolare, al quale si accede da uno stretto passaggio circolare che si apre al centro della volta a botte. Rientra in questa tipologia l’Ipogeo del Gigante, che misura alla base m 2,60 di diametro ed altezza massima di m 1,96. Tutti gli ipogei furono in ogni caso realizzati a fini esclusivamente cultuali, per lo più a partire da fasi iniziali della media età del Bronzo. Successivamente, dopo la cessazione delle attività rituali, alcuni vennero riutilizzati a scopo funerario durante la fase matura del Bronzo medio e agli inizi del Bronzo recente. L’Ipogeo del Gigante rappresenta, allo stato, l’unica struttura ipogeica “minore” interessata dal cambio di destinazione da cultuale a funerario, arrivando ad ospitare i resti di tre soli soggetti adulti, un maschio e due femmine. Non conosciamo le ragioni che portarono ad una utilizzazione non intensiva del suo sia pur limitato ambiente per i seppellimenti, tenuto conto che nei due ipogei monumentali erano state, invece, inumate nell’arco di più generazioni svariate decine di corpi di adulti e bambini, sfruttando tutto lo spazio disponibile. La fase funeraria dell’Ipogeo del Gigante è contrassegnata dalla quasi totale mancanza di oggetti di corredo, se si esclude una punta di freccia in bronzo, particolarmente usurata. Una presenza singolare è costituita da un cospicuo numero di sferette realizzate in argilla cruda, contenenti un piccolo cuore di roccia, rinvenute sul ripiano di una nicchia nella parete ed in dispersione tra i corpi della donna più anziana e dell’uomo. È plausibile una collocazione primaria di tutte le sferette nella nicchia, dalla quale sarebbero poi rotolate in basso quelle rinvenute tra i corpi. Il riscontro dell’esistenza di almeno cinque misure ricorrenti nei diametri potrebbe suggerire l’appartenenza delle sferette ad un attrezzo da lavoro di natura contabile, forse con parti deperibili che non ci sono giunte; meno probabile sembrerebbe una loro destinazione come palline da fionda, considerate le dimensioni eccessivamente ridotte della maggior parte di esse per poter essere, con una qualche utilità, impiegate come proiettili. Soprattutto il soggetto femminile più giovane presenta un tipo ed un’intensità di usura dentale mai riscontrata negli inumati degli altri ipogei, che attesterebbe un’utilizzazione non alimentare della dentizione, probabilmente compatibile col tipo di attività lavorativa svolta in vita. È possibile che la somma di questi fattori, che riguardano il rituale di seppellimento ed i criteri sociali di accesso alla particolare inumazione entro ipogeo, che rendono alquanto insolito questo contesto rispetto a quelli già noti, possa riflettere mutamenti nelle usanze funerarie sopravvenuti in una fase ormai tarda dell’intero ciclo ipogeico, che i risultati delle datazioni al radiocarbonio eseguite sull’inumato maschile fissano, in data calibrata, al 1270-1010 a.C.

orazione con V. Sena (assistenza); V. Soldani (documentazione grafica); M. Lo Zupone, M. Sicolo, A. D’Introno (Comune di Trinitapoli).

30


NOTIZIARIO DELLE ATTIVITÀ DI TUTELA GENNAIO 2004-DICEMBRE 2005

Ipogeo dei Sacrifici Dislocato sotto la carreggiata E della strada provinciale via Mare e adiacente ad un tratto del fossato neolitico presente nell’area, è costituito da un ambiente subcircolare (diam. medio m 2,80) con sezione a campana (altezza m 1,70), realizzato nel banco calcareo di base. La volta della camera, dove doveva aprirsi il pozzetto d’accesso, è stata compromessa nel corso di lavori di pubblica utilità; le pareti presentano superfici scabre e irregolari, con una piccola nicchia a un’altezza di m 0,50 circa dal piano pavimentale. Lo svolgimento, al suo interno, di rituali connessi a una religiosità di carattere agricolo-pastorale è provato dalla presenza di due giovanissimi ovicaprini, presumibilmente offerti come dono sacrificale, deposti al termine delle cicliche frequentazioni dell’ipogeo (Fig. 15). Sul pavimento della camera, impostato su un battuto di terreno nero, è stato evidenziato un piccolo focolare delimitato da pietre disposte a semicerchio tra le quali sono stati rinvenuti frammenti ceramici e ossa animali. Il focolare risultava obliterato da un piano di pietre. Gran parte dello spazio rimanente dell’ipogeo risultava, infine, colmato da terreno compatto, ricco di elementi di selce e di frammenti ceramici in impasto grossolano.

15. Resti ossei di due giovani ovicacaprini sacrificati.

Ipogeo delle Grandi Pietre Si trova nel settore SE del Parco Archeologico degli Ipogei. Parzialmente intaccata in corrispondenza del tratto centrale della parete occidentale, la camera ipogeica ha pianta circolare e sezione a campana (diam. m 2,60, alt. m 2,10). Il pozzetto di accesso circolare (diam. m 0,60) veniva originariamente chiuso utilizzando una grossa e spessa pietra circolare, rinvenuta in grossi frammenti all’interno della struttura. Una nicchia si apre sulla parete S, a circa mezzo metro dal pavimento, casualmente comunicante con l’attiguo Ipogeo del Gigante. Nell’Ipogeo delle Grandi Pietre la documentazione stratigrafica interna prova almeno due momenti di maggiore attività cultuale, intervallati da riconoscibili pause nella frequentazione umana che, presumibilmente, avveniva in occasione di momenti importanti dell’anno agrario. Sul pavimento della camera è attestata dalla presenza di ossa di animali, di pietre, di cocci d’impasto e di parecchi grossi frustoli di carbone, probabile segno dell’introduzione dall’esterno di carboni per la celebrazione dei rituali. Dopo una fase di abbandono, l’ipogeo è stato nuovamente utilizzato per celebrare verosimilmente il sacrificio di un animale rinvenuto in perfetta connessione anatomica, ma privo della testa (Fig. 16).

16. Resti ossei di animale sacrificato privo della testa.

Ipogeo del Gigante Immediatamente adiacente all’Ipogeo delle Grandi Pietre, anche questa struttura è stata parzialmente alterata dalle condotte di servizio idriche ed elettriche. Alla camera a pianta circolare (diam. base m 2,60, alt. m 1,96) si accede attraverso un pozzetto circolare (diam. m 0,60); sulla parete N si apre una nicchia a circa m 0,50 dal piano pavimentale che va ad incontrarsi con quella dell’Ipogeo delle Grandi Pietre. Questo ipogeo è stato frequentato in momenti e per scopi diversi. Durante il Bronzo medio, la camera è stata ciclicamente frequentata per celebrare articolati

31


17. Sepoltura maschile.

rituali di cui resta traccia nel ritrovamento di strati con numerose pietre alloctone e di altri ricchi di carbone, ossa animali e ceramiche frammentarie. A conclusione della fase cultuale è stato deposto un grosso vaso integro col fondo inzeppato e delimitato da numerose pietre alloctone. Durante il Bronzo recente, unico fra gli ipogei minori, è stato riconvertito in tomba accogliendo i corpi di un giovane uomo dotato di un’impressionante struttura fisica (Fig. 17) e di due donne, deposti su uno strato di terreno e piccole pietre. Gli inumati erano privi di corredo, ad eccezione di un notevole numero di sferette di argilla cruda, contenenti un piccolo cuore di roccia che sembrerebbero essere state collocate all’interno della piccola nicchia succitata. In età tardo antica, infine, il pozzetto di accesso è stato adoperato come sfiatatoio di una fornace, la cui camera di combustione mostrava un’apertura praticata lungo la parete occidentale della camera. Ipogeo Sena Localizzato a S dell’Ipogeo dei Bronzi, in prossimità del margine esterno del grande fossato neolitico. L’integrità della camera, realizzata nella crusta calca-

32


Notiziario delle attività di tutela