Issuu on Google+

Anno XIV - n. 14

13 aprile 2014

Ci siamo: entriamo oggi nella SETTIMANA SANTA, quella che ci introduce nei misteri che toccano il cuore della nostra fede cristiana: il mistero della Passione, Croce e Resurrezione di Gesù Cristo. È una grazia e un invito prezioso allora quello che ci viene rivolto dalle celebrazioni liturgiche di questi giorni santi, a cominciare dalla domenica delle Palme con la processione festosa con gli ulivi dal Santuario verso la Chiesa parrocchiale. È la celebrazione della lode e della gloria di Dio rivelata nel Figlio che entra in Gerusalemme sul dorso di un asino, a ricordarci che in questa settimana non dobbiamo cercare ed evidenziare i segni del potere di Dio, ma “il potere dei segni”. In questo modo Gesù è capace di far risaltare e caricare di significato con le Sue parole, con il Suo esempio e stile alcuni segni apparentemente semplici, che toccano in profondità il nostro cuore e la nostra fede: innanzitutto un pane e un calice di vino che diventano il Suo Corpo e Sangue, a ricordarci che “questo è il Pane vivo disceso dal cielo; chi mangia di questo pane vivrà in eterno”. Il mistero della Sua comunione con noi passa da lì, un semplice pane e un po’ di vino che dicono il Suo desiderio di entrare dentro noi, di “farsi come noi”, assimilarsi a noi “per farci come Lui”. E poi un catino e una brocca con un asciugamano: la lavanda dei piedi che Gesù compie nei confronti dei suoi discepoli proprio durante

l’ultima cena è il segno dell’amore che si fa dedizione totale, servizio gratuito, amore capace di abbassarsi all’inverosimile spogliandosi delle proprie prerogative e titoli. “Come ho fatto io anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri; sapendo queste cose sarete beati se le metterete in pratica”: è una delle beatitudini del Vangelo, quella della carità a ricordarci che la comunione reciproca nella nostra comunità nasce dal servizio umile, fatto col cuore. Una croce: la pena per i malfattori comuni, l o strumento di tortura per chi era pericoloso e andava tolto di mezzo, per i “rifiuti della società”. Segno di morte e di disprezzo, che accolta e abbracciata da Gesù diventa icona della speranza, luogo di silenzio e contemplazione, segno di amore e redenzione. “Stavano presso la croce la Madre e il discepolo”: un


invito per noi in questi giorni a fermarci con Maria sotto la croce di Gesù, per parlare un po’ con Lui, per contemplare la misura dell’amore, per ripartire da lì con nuove speranze nel cuore, per consegnarGli i nostri dolori e condividere i Suoi. Un sepolcro vuoto: la luce della Pasqua ancora una volta splenderà a ricordarci che la nostra fortuna è proprio quella tomba vuota e quel sudario ripiegato in un angolo. Diversamente la nostra fede sarebbe inutile – dice San Paolo. E invece “Egli non è qui: è risorto come aveva detto!”. Chissà come mai noi, come i discepoli, con facilità dimentichiamo le parole che il Signore ci ha detto... La gioia della Pasqua è un dono da condividere, un annuncio da portare a tutti, una responsabilità che ci è affidata per diventare missione. A tutti auguro una buona ed intensa Settimana Santa, vissuta nella contemplazione silenziosa e orante del potere di questi segni. don Federico

Lunedì Santo 14 aprile sono invitati adolescenti 18/19enni e giovani, a vivere le confessioni con i coetanei dell’Area omogenea. Partenza dall’oratorio ore 20.30, per Cogliate per vivere insieme le Confessioni. Martedì Santo 15 aprile ore 17.00 Confessioni II e III media

Mercoledì Santo 16 aprile ore 17.00 confessioni dei ragazzi di V elementare dei gruppi delle catechiste Cristina, Laura, Antonella, Emanuela

Giovedì Santo 17 aprile alle 17.00 in Chiesa Celebrazione della Lavanda dei piedi e accoglienza del Crisma per tutti i ragazzi e adolescenti.

Condividiamo i bisogni, moltiplichiamo la gioia!

“Il gruppo Caritas parrocchiale ringrazia di cuore i ragazzi e le famiglie che hanno partecipato alla raccolta di generi alimentari della scorsa domenica. Un GRAZIE speciale alle famiglie dei ragazzi di IV elementare per il contributo donato in occasione della loro Prima Confessione”.

Sabato Santo 19 aprile alle 11.00 preghiera di Adorazione della Croce per tutti i ragazzi in Chiesa. Come tutti gli anni la mattina di sabato 19 aprile ci sarà il 4° giro dei sepolcri in bici organizzato dalla Polisportiva San Luigi: partenza alle 8.00 dall'oratorio San Luigi a gruppi, a partire dai più piccoli, percorrendo la pista ciclabile fino a Ceriano Laghetto. Ci fermeremo per un breve momento di preghiera presso i sepolcri nelle Chiese di Ceriano, Cogliate, Misinto e termineremo a Lazzate per le 11.00 in Chiesa. In caso di maltempo ci organizzeremo con le auto. Per eventuali chiarimenti e/o domande in merito contattare Salvatore 3382907589 o Massimo 3357689615.


13 aprile 2014