Page 1

ACLI

N. 2 2017

VERONESI

IL GIORNALE DELLE ACLI DI VERONA - ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

E I V RE V SOS pg. 12 PROGETTO REBUS: UN’ECCELLENZA DA REPLICARE NELLE ALTRE PROVINCE

TENI BILE

PAG. 2 LE NOSTRE ATTIVITA’

PAG. 14 L’ANNO INTERNAZIONALE DEL TURISMO SOSTENIBILE

pg. 10 VIVERE SOSTENIBILE, FARE DI PIU’ SPRECANDO DI MENO

Acli Veronesi n. 2/ 2017 - Poste Italiane s.p.a. - sped. In abb. Postale - D.L. 353/2003 (coinv. in L. 27/02/2004 n°46) art. 1, comma 1, DCB


ANNO X

NUMERO 2/2017 www.acliverona.it SEDE ACLI VERONA: via Interrato dell’Acqua Morta 22 37129 Verona tel: 0458065512 Aut. Trib. di Verona n. 1188 del 12.12.1995 DIREZIONE E REDAZIONE: via Scrimiari 24/A 37129 Verona

EDITORIALE

A NAPOLI IL 50° INCONTRO NAZIONALE DI STUDI ACLI

Siamo arrivati a 50! Quest’anno l’Incontro nazionale di studi raggiunge il traguardo del mezzo secolo di storia. Vorremmo farne una festa di tutte le Acli, aperta agli interlocutori sociali ed istituzionali che hanno condiviso con noi questo cammino. L’appuntamento, che si svolgerà tra il 14 e il 16 settembre 2017 a Napoli, affronta il tema: “Valore Lavoro. L’umanità del lavoro nell’economia dei robot.” Oggi le lavoratrici e i lavoratori vivono sulla loro pelle un cambiamento epocale. In molti affermano che stiamo attraversando la quarta rivoluzione industriale. Le Acli sentono l’urgenza di accompagnarli in questo percorso.

Nel cinquantenario dell’Incontro nazionale abbiamo perciò deciso di tornare al nostro tema fondativo e affrontare la questione del Lavoro 4.0. Il nostro obiettivo, come sempre, non è soltanto approfondire a livello culturale un tema, ma informarci e formarci per promuovere un’azione sociale e politica vicina ai cittadini e a servizio della comunità. Nella transizione vogliamo mantenere fermi i nostri pilastri: - la dignità della persona, su cui fondare una nuova civiltà dei diritti; - la promozione di un lavoro buono e giusto, in un sistema economico ispirato all’ecologia integrale. Tratto da www.acli.it

tel: 0459275000 DIRETTORE RESPONSABILE: Don Renzo Beghini CONCEPT AND LAYOUT: Francesca Oppici francesca.oppici@ acliverona.it STAMPA TIPOGRAFICA: Cierre Grafica s.c.a.r.l. - Caselle di Sommacampagna (Vr)

SOMMARIO NEWS ACLI Patronato Acli Verona, p. 2 VERONA Ufficio Progetti, p. 4

Progetto Rebus: per le Acli Nazionali un’eccellenza da replicare in Italia, p.12

Us Acli Verona, p. 6

ATTUALITA’

Vivere sostenibile. Fare di più sprecando di meno p. 10

2017: anno internazionale del turismo sotenibile , p. 14

RUBRICHE

Un dolce ricordo, p. 16


Sportello Ascolto Psicologico

Assistenza Familiare Integrata

Centro Sollievo Famiglia

- Ascolto e Analisi dei bisogni della famiglia - Ricerca e Selezione dell’Assistente Familiare - Monitoraggio costante attraverso verifiche mensili - Informazioni sui servizi presenti sul territorio - Espletamento di pratiche burocratiche - Amministratore di Sostegno

Per i familiari: - Sostegno psicologico - Incontri formativi sulla gestione dell’anziano - Sollievo dal carico di assistenza quotidiana Per l’anziano: - Attività di stimolazione cognitiva - Esperienze gratificanti Rivolto a persone di tutte le età - Momenti di socializzazione che stanno vivendo un momento - Musicoterapia difficile della loro vita e vogliono Rivolto a tutte le persone e famiglie Rivolto a tutte le famiglie che sentirsi sostenute e accompagnate. alla ricerca di un’Assistente Familiare vogliono offrire a sè stesse e un servizio di selezione e al loro caro momenti professionale. di benessere. - Sostegno psicologico per il singolo, la coppia e la famiglia - Sostegno psicologico per problematiche relazionali - Sostegno psicologico per problematiche emotivo-affettive - Sostegno psicologico per problematiche lavorative

Contatti

Via Interrato dell’Acqua Morta 4, Verona Tel: 327 0610614 e-mail: psicologia@omniaimpresasociale.it Orari di segreteria: 09:00 alle 17:00 Lunedi - Venerdi

www.omniaimpresasociale.it

Garanzia di tutela dei dati personali - I dati personali degli abbonati e lettori saranno trattati nel pieno rispetto del Dlsg. 196/2003. Tali dati, elaborati elettronicamente, potranno essere utilizzati a scopo promozionale. Come previsto dall’art. 7 del Dlsg. 196/2003 in qualsiasi momento l’interessato potrà richiedere la rettifica e la cancellazione dei propri dati scrivendo a: Acli Verona, via Interrato dell’Acqua Morta 22, 37129 Verona


PATRONATO ACLI VERONA

I tre nuovi servizi del Patronato Acli di Verona benessere e cura, assistenza nell’ambito economico per persone e famiglie in temporanee difficolta’, lavoro domestico Il Patronato ACLI di Verona, grazie ad alcune collaborazioni importanti ha attivato tre nuovi servizi nell’ambito del benessere e cura, assistenza nelle problematiche economiche per persone e famiglie in temporanee difficoltà ed il sostegno per la famiglia nella gestione completa del contratto colf e badanti. Abbiamo istituito anche tre numeri telefonici di riferimento per richiedere informazioni ed appuntamenti immediati: SERVIZIO BENESSERE, SALUTE E CURA:

3270610614

dal lunedì al venerdì - 9.00 – 17.00 (è un servizio riservato ai soci ACLI) SERVIZIO DI ASSISTENZA PER LA SOLUZIONE DI PROBLEMATICHE ECONOMICHE DI PERSONE E FAMIGLIE IN TEMPORANEE DIFFICOLTÀ:

0459276213

dal lunedì al venerdì 9,30 – 13,30 info@fondazioneantiusuratovini.it www.fondazioneantiusuratovini.it (aperto a tutti) SERVIZIO LAVORO DOMESTICO (MONDO COLF):

0458065572

dal lunedì al venerdì 9.00 – 12.00

PATRONATO ACLI VERONA Via Interrato dell’Acqua Morta, 22 37129 Verona 045 8065512 verona@patronato.acli.it 2

SERVIZIO BENESSERE, SALUTE E CURA in collaborazione con Omnia Impresa Sociale e FAP ACLI di Verona (vedi depliant accanto): - Servizio Ascolto Psicologico, uno spazio dove comprendere i problemi individuali, emotivi, relazionali e lavorativi della persona - Assistenza Familiare Integrata, assistenza completa alle esigenze della persona e della famiglia che necessita di assistente familiare - Centro Sollievo Famiglia, per gli anziani con deterioramento cognitivo e per il sostegno dei loro familiari ASSISTENZA PER LA SOLUZIONE DELLE PROBLEMATICHE ECONOMICHE DI PERSONE E FAMIGLIE IN TEMPORANEE DIFFICOLTA’, in collaborazione con la FONDAZIONE Beato G. TOVINI ONLUS che è dotata di fondi pubblici concessi dallo STATO (legge 108/96 art. 15) e fondi privati, che destina a garantire in denaro finanziamenti da essa stessa presentati alle Banche. Alla Fondazione Tovini ricorrono persone o famiglie, non bancabili con capacità di restituzione, che presentano necessità di aiuto per situazioni particolari anche improvvisamente intervenute e che per questo potrebbero essere esposti all’usura. Questi interventi hanno la forma del prestito, peraltro agevolato nei tassi, nei tempi e nell’importo delle rate. SERVIZIO LAVORO DOMESTICO (COLF-BADANTI-BABY SITTER), a favore delle famiglie per una corretta impostazione e gestione del rapporto di lavoro domestico: per Verona, San Michele Extra, Villafranca, San Martino Buon Albergo: 0458065572 dalle 9.00 alle 12.00; mondocolf.vr00@acli.it per San Massimo, Bussolengo: 0458904345 dal lunedì al giovedì dalle 9.00 – 12.30 / 14.30 – 17.30; mondocolf.vr05@acli.it per Legnago, Bovolone, San Giovanni Lupatoto: 0458065519 – mondocolf.vr03@acli.it; oppure 045.8065572 (dalle 9.00 alle 12.00).


3


UFFICIO PROGETTI

“Nessuno Escluso” non va mai in vacanza prosegue l’attività estiva dopo il successo dell’ultimo anno scolastico Nessuno Escluso è il progetto di lotta alla dispersione scolastica e sportiva che le Acli Provinciali di Verona portano avanti ormai da quattro anni. L’anno scolastico appena trascorso è stato un altro magnifico anno, ricco di emozioni e soddisfazioni. Gli impatti del progetto sulla comunità sono notevoli: tre sono i territori in cui è attivo il progetto (Borgo Nuovo, Borgo Roma e San Massimo all’Adige); centotrenta i ragazzi e le relative famiglie coinvolte nelle attività; sei i percorsi di accompagnamento individuale avviati; diverse le realtà che si occupano di minori sul territorio (Ass. ai Servizi Sociali del Comune di Verona, Istituto Comprensivo 6 e 11 di Verona, CST 3 e 4..) che collaborano con noi da diversi anni. Come ogni estate, anche quest’anno l’attività di aiuto compiti non va in vacanza! Il doposcuola prosegue infatti anche nei mesi più caldi dell’anno, aiutando i bambini e i ragazzi iscritti nello svolgimento dei compiti delle vacanze e nel ripasso delle materie più difficili. I ragazzi possono così contare sul nostro aiuto in un momento dell’anno in cui studiare e concentrarsi è difficile per tutti... nessuno escluso!

UFFICIO PROGETTI ACLI VERONA Via Scrimiari, 24/A 37129 Verona 045 9275000 ufficioprogetti@acliverona.it

4


VOLONTARI VERONA

c e r c a s i

0459275000 - ufficioprogetti@acliverona.it - via Scrimiari 24 A - www.acliverona.it

per un pa i o di ore all a settimana

cerchiamo volontari di tutte le etàa’

(dai 17 anni in su)

ci serve una mano!

e’ attivo tutti i pomeriggi e il sabato CHIAMACI: mattina tra Borgo Nuovo, Borgo Roma e San Massimo e 045 segue bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni in condizioni di 9275 fragilita’’ emotiva e/o 000 5 socio-economica

per il proge t dopos to di cuola Nessu Esclus no o

Rilasciamo attestati di partecipazione e crediti formativi su richiesta

AcliVeronaPerIGiovani


UNIONE SPORTIVA

Un grande 2017 per UsAcli di Verona nali di basket over 65-70 e una rappresentativa USacli, che fra le sue fila poteva vantare campioni del calibro di Flavio Carera e Sandro Boni.

Ormai in prossimità della pausa estiva delle attività, è tempo di fare un primo bilancio sul 2017 dell’Unione Sportiva Acli. L’anno si è aperto con il rinnovo del consiglio direttivo dell’associazione, a fine gennaio, che ha significato il passaggio della presidenza da Alessio Scolfaro a Giuseppe Biasi e la nomina di Mattea Legnaghi a vice presidente vicario. Nuovo gruppo, ma valori immutati: l’USacli si impegna a educare le persone alla pratica sportiva non agonistica, con spirito di collaborazione e comunità. «Non è importante il numero dei tesserati: quello che conta è la qualità delle nostre proposte, – ha ricordato il presidente Biasi durante una delle prime uscite dopo l’elezione. – Lo scopo deve essere quello di divertirsi e offrire opportunità di aggregazione.»

Non solo basket però, anche impegno sociale. Il 17 giugno è stata la volta della “Skarrozzata”, una passeggiata su ruote nel centro della città, nell’ambito della quarta edizione di “A ruota libera”, organizzata insieme a “Diversamente in danza”. L’obiettivo? Sensibilizzare sui temi della mobilità accessibile e dell’inclusione sociale. I partecipanti hanno potuto provare le difficoltà del muoversi in centro su una sedia a rotelle. Grande soddisfazione è arrivata anche dall’English&Play Summer Camp, un progetto di formazione linguistico, culturale e sportivo rivolto ai bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni, che ha pacificamente invaso la Tenuta Albertini di Zevio per tre settimane.

Dagli intenti ai fatti concreti, per USacli il passo è stato breve. Il 13 maggio, al Centro polifunzionale don Calabria, si è disputato il “Primo trofeo Agsm 3 vs 3”, un torneo di basket inclusivo sotto tutti i punti di vista, in quanto aperto a entrambi i sessi e a tutte le età. Tre le categorie del torneo: open, master 50-58 anni e master over 59. I 75 atleti iscritti si sono sfidati nel corso di ben 55 partite in 8 ore complessive di gioco, dando come risultato una bella giornata di sport praticando una disciplina, il basket 3 vs 3, recentemente inserita nei programmi delle Olimpiadi. La qualità della proposta si è rispecchiata nell’impegno dei volontari, delle associazioni e degli enti che hanno creduto e collaborato al progetto: oltre al Don Calabria, che ha ospitato l’evento, sono arrivati il patrocinio del Comune, il sostegno di Agsm e Amia, la collaborazione della Scaligera Basket e degli “Amici del basket”. L’impegno nella promozione dello sport per gli “over” si è rinnovato a pochi giorni di distanza, il 19 maggio, con l’incontro a Verona fra le nazio-

Fra le attività di USacli anche un torneo di calcetto e uno di pallavolo a Romagnano (Grezzana), raduni di karate, spettacoli di danza, la partecipazione a Sport Expo e la collaborazione con professionisti e attività commerciali per offrire sconti e servizi agli associati. Tante novità, ma il 2017 non è ancora finito. Dal 2 settembre al 15 ottobre è in programma l’iniziativa “Mondo Acli”, una serie di eventi e incontri con l’obiettivo di mettere in relazione e far conoscere alla cittadinanza le attività delle Acli e delle sue associazioni specifiche. USacli è in prima fila nell’organizzazione di questo nuovo progetto, che vedrà la partecipazione di Acli Arte e Spettacolo, associazioni sportive, di danza, e anche una performance di basket acrobatico. La maggior parte degli appuntamenti sarà durante il fine settimana, ogni evento avrà una sede 6


UNIONE SPORTIVA dedicata. Per sottolineare lo spirito delle Acli e offrire un’opportunità di crescita spirituale, nel programma è stata inserita un’edizione speciale di “Verona Minor Hierusalem”, un percorso storico-artistico, ma anche di crescita personale. L’esperienza sarà divisa in due appuntamenti, sabato 9 e 30 settembre, con una guida d’eccezione come don Martino Signoretto, delegato alla cultura della diocesi di Verona. Il numero dei partecipanti sarà limitato, si invita quindi a segnalare l’interesse fin da subito, comunicandolo a verona.usacli@acli.it.

Foto di Giacomo Albertini

Nella foto il Consiglio UsAcli di Verona

Nelle foto alcune delle attività svolte da UsAcli durante l’anno

UNIONE SPORTIVA ACLI VERONA Via Scrimiari, 24/A 37129 Verona 045 8038112 verona.usacli@acli.it


AIUT CI AD AIUTA RE!

Il 7 Novembre si è avviato il nuovo anno di Infine lo scopo del progetto “Giovani si naServizio Civile alle Acli di Verona con tre imsce anziani si diventa” è quello di favorire A N O portanti progetti educativi di promozione R E V una migliore qualità della vita degli anziani sociale e culturale: “Tutti a Bordo”, “Dammi il relazioni sociali e della salute. Alice, 25 Ora le ACLI sono state riconosciute come nelle ONLUS proprio per i progetti sociali! cinque” e “Giovani si nasce anziani si divenanni, contribuirà allo svolgimento di attività ta”. Adrian, Daniela, Alice sono Lacon tua donazione quindi COME DONARE? Le Gianmarco donazionievanno effettuate sul conto motorie e ricreative anziani over 65gode perdi BENEFICI FISCALI... devi solo i quattro volontari che ci accompagneranno la prevenzione dell’isolamento sociale e il ACLI PROVINCIALI DI VERONA RAMO ONLUS scegliere se dedurre in questo anno di attività. conseguente decadimento della salute ofisidetrarre l’importo Iban: IT02T0200811796000104481618 ca degli anziani. donato! Il progetto “Tutti a Bordo” coinvolge gli Causale: “SOSTEGNO PROGETTO + nome del progetto” alunni delle scuole primarie e secondarie I ragazzi del Servizio Civile con lo scopo di ridurre la dispersione scolastica. I volontari Adrian, 19 anni, e Daniela, IN 3ATTIVO QUARTIERI 28 anni, cercheranno di favorire l’autostima dei bambini e dei ragazzi a partire dal loro OLTRE 130 MINORI E RELATIVE rendimento scolastico, attraverso attività di FAMIGLIE aiuto compiti. Inoltre nelle prossime settimaASSISTITE ne partiranno RECUPERATI i laboratori sportivo e creativo Un progetto di per favorire OGNI la socializzazione del gruppo in ANNO OLTRE contrasto alla LOTTA ALLA DISPERSIONE KG E 6.000 un percorso educativo di collaborazione e 1.500.000 dispersione scolastica SCOLASTICA E SPORTIVA CONFEZIONI DI GENERI integrazione. attraverso attività di aiuto ALIMENTARI E compiti, laboratori sportivi e A questi obbiettivi è affine il progetto “DamCIRCA 7.000 creativi gratuiti rivolti a ragazzi mi il cinque”. Gianmarco, 20 anni, svolgerà PEZZI DI dai 6 ai 17 anni in situazione FARMACI di disagio e marginalità. infatti attività sportiva con bambini e adoleUn progetto che,di favorire l’inclusione scenti con l’obiettivo attraverso una rete CONTRASTO E RIDUZIONE e la prevenzione del disagio giovanile, in un locale di solidarietà, DELLO SPRECO processo educativo attento ai rischi di emarorganizza il recupero di invenduti o inutilizzati, ginazionebeni fisica e sociale.

SOSTIENI I NOSTRI PROGETTI SOCIALI:

destinandoli ad enti di assistenza e beneficienza.

ATTIVITA’ SOCIALI NEI

IN PIU’ Se hai un’impresa nel

settore alimentare o dell’abbigliamneto, contattaci! Con noi puoi donare ad associazioni che assistono persone in condizioni di marginalità e bisogno i tuoi prodotti non più vendibili ma ancora perfettamente utilizzabili. IN QUESTO MODO NON SPRECHI E OTTIENI AL CONTEMPO DEGLI SGRAVI FISCALI!

CIRCOLI

ENTRA

IN RETE ANCHE

TU

www.ACLIVERONA.IT via Interrato dell’Acqua Morta 22, 37129 Verona Telefono: 045 8065550 / 045 8065512 P E R I N F O R M AZ I O N I S U I P R O G ET T I : 0 4 5 9 27 5 0 0 0 - U F F I C I O P R O G ET T I @ A C L I V E R O N A . I T

A c l i V e r o n24a P e r I G i o v a n i


isa

El

Marco

PROGETTAZIONE

S O C I!A L E

Sfondo di Freepick

SEI UNO STUDENTE UNIVERSITARIO IN CERCA DI UNA BELLA ESPERIENZA DI STAGE O TIROCINIO? CONTATTACI! ABBIAMO TANTE PROPOSTE PER TE! k

Jac

Sonia

progetto di lotta a l l a d i s p e rs i o n e scolastica e sportiva progetto di lotta allo spreco alimentare

! !!

ORGANIZZAZIONE

E V E !N T I

!

AT T I V I TA ’ D I

Ili

Da niel

SCIENZE DELLA FORMAZIONE

GIURISPRUDENZA

e

el

ich

as

Marta

PAT RO N ATO M

s

LINGUE

!

Sa ra

SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

CONSULENZA FISCALE

EDITORIA E GIORNALISMO SCIENZE MOTORIE

MATEMATICA

ECONOMIA E MARKETING

SCIENZE SOCIALI

In base alle tue esigenze e al tuo percorso di studi ti indirizziamo verso una o più delle nostre realtà per offrirti un’esperienza completa, che ti possa arricchire sotto vari aspetti,

ufficioprogetti@acliverona.it - 045 9275000 - www.acliverona.it -

AcliVeronaPerIGiovani

IN PIU’: SCOPRI I NOSTRI PROGETTI SOCIALI, SIAMO SEMPRE ALLA RICERCA DI VOLONTARI !


VIVERE SOSTENIBILE

“Fare di più sprecando di meno”, questo lo slogan dell’evento Acli del 17 giugno Sabato 17 giugno 2017 si è tenuto l’evento “Vivere sostenibile. Fare di più sprecando di meno” co-organizzato da Acli Provinciali di Verona, Comune di Verona - Servizi Sociali e Famiglia e Acli Nazionali. L’iniziativa è nata con l’obiettivo di approfondire il tema dello spreco e della povertà alimentare e stimolare una riflessione collettiva sull’importanza di sviluppare nei territori circuiti virtuosi di sostenibilità.

In contemporanea, dal pomeriggio fino a tarda sera in Lungadige San Giorgio, si sono realizzate una serie di iniziative aperte alla cittadinanza. Al pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00 “Vivere sostenibile: mettiamoci in gioco!” un pomeriggio all’insegna di attività ludico-ricreative per bambini e ragazzi di tutte le età che hanno così potuto avvicinarsi a temi come quello del riciclo e del riuso con il Ludobus e i laboratori creativi gratuiti. Durante tutto il pomeriggio, inoltre, in collaborazione con il Centro Agroalimentare di Verona, è stata distribuita gratuitamente frutta di stagione ai cittadini per promuovere stili di vita sani e sostenibili anche attraverso una corretta nutrizione. Ai laboratori hanno partecipato una ventina di bambini e ragazzi.

Per approfondire la tematica, dalle 16.30 alle 18.30 alla Fondazione Centro Studi Campostrini in via Santa Maria in Organo 2 si è tenuto il Convegno “Vivere sostenibile: buone pratiche di rete e di lotta allo spreco” con l’intervento dell’On. Maria Chiara Gadda, prima firmataria della Legge anti-spreco (166/2016) e, tra gli altri, il Presidente di AMIA Verona spa, il Direttore Generale di Veronamercato spa e il Presidente di Federfarma Verona. A fine convegno è stato offerto un aperitivo solidale. Le foto in alto sono tratte dall’evento

La giornata è terminata alle 21.00 con il Concerto della band “Riciclato Circo Musicale”, gruppo musicale italiano che utilizza materiali di recupero e di uso comune per costruire strumenti di ogni tipo per un 10

Nella pagina accanto l’articolo del quotidiano “L’Arena” del 18 giugno che parla dell’evento


Servizi Sociali e Famiglia

nuovo stile di musica fatto di composizioni e brani originali che mescolano timbri inaspettati. Il concerto, ad ingresso gratuito, si è tenuto sempre in Lungadige San Giorgio e ha visto la partecipazione di circa un centinaio di persone. L’evento ha rappresentato anche l’occasione per presentare il Tavolo di Coordinamento avviato dalle ACLI Nazionali per promuovere l’attivazione in altre province di Italia del progetto R.e.b.u.s. (Recupero Eccedenze Beni Utilizzabili Solidalmente), un progetto che le Acli Provinciali di Verona portano avanti da oltre 8 anni e permette di recuperare annualmente oltre 1.300.000 kg di cibo e 7.000 confezioni di farmaci da destinare a persone in stato di bisogno grazie alle oltre 50 associazioni messe in rete.

verona

VIVERE

S A B AT O

17 GIUGNO 2017

SO ST EN IB I LE FARE DI PIU’’SPRECANDO DI MENO 16.30 - 18.30 ISTITUTO CAMPOSTRINI

CONVEGNO

I NOSTRI PARTNER

via santa maria in organo 2 37129 verona

VIVERE SOSTENIBILE: BUONE PRATICHE DI RETE E DI LOTTA ALLO SPRECO interviene l' O N. GADDA promotrice della legge anti- spreco 15.00 - 18.00 LUNGADIGE SAN GIORGIO

VIVERE SOSTENIBILE : METTIAMOCI IN GIOCO !

CENTRO DI RIUSO CREATIVO DEL COMUNE DI VERONA

LUDOBUS E LABORATORIO CREATIVO PER BAMBINI E RAGAZZI SUL TEMA DEL RIUSO E RICICLO 21.00 LUNGADIGE SAN GIORGIO

CONCERTO RICICLATO CIRCO MUSICALE

BAND ITALIANA CHE PRODUCE STRUMENTI DI OGNI TIPO CON OGGETTI DI RECUPERO E DI USO COMUNE - ingresso gratuito PER INFORMAZIONI: ufficioprogetti@acliverona.it - 0459275000 Finanziato con risorse 5X1000 a.f. 2014

15


PROGETTO R.E.B.U.S.: PER LE ACLI NAZIONALI UN’ECCELLENZA DA REPLICARE IN ALTRE PROVINCE D’ITALIA Sono oggi 14 le sedi ACLI in Italia che in maniera più o meno strutturata portano avanti progettualità di lotta allo spreco e contrasto alla povertà alimentare. Tra queste anche le ALCI Provinciali di Verona che con il progetto “R.e.b.u.s. – Recupero Eccedenze Beni Utilizzabili Solidalmente” recuperano annualmente oltre 1.400.000 kg di cibo (da supermercati, panifici, produttori agricoli, centri agro-alimentari, mense scolastiche, aziende alimentari) e 7.000 confezioni di farmaci (da farmacie comunali e private), altrimenti destinati a rifiuto. Questo progetto è stato ora riconosciuto dalla sede ACLI Nazionale come un modello importante da valorizzare e da rappresentare come eccellenza all’interno del proprio sistema e nel territorio nazionale. Pertanto, con la volontà di replicare questa buona pratica, ad oggi risultata la più completa e strutturata, è stato costituito un Tavolo di Coordinamento in capo al Dipartimento Welfare Nazionale (al quale partecipano anche le deleghe alla Formazione e 5x1000, all’Ambiente e al Consumerismo) al fine di condividere modelli, format, convenzioni e prassi operative accompagnando altri territori interessati a sviluppare progettualità sul tema. Alle ACLI Provinciali di Verona è stato affidato il coordinamento delle sedi già impegnate nella raccolta delle eccedenze e l’accompagnamento tecnico delle sedi che intendono avviare la raccolta.

teressate a replicare il progetto ed un convegno dal titolo “Vivere sostenibile. Buone pratiche di rete e di lotta allo spreco”, nel quale sono intervenuti tra gli altri l’on. Maria Chiara Gadda, prima firmataria della Legge Anti-spreco, il presidente di AMIA Verona spa, il direttore generale di Veronamercato spa ed il presidente di Federfarma Verona. ALCUNI STRALCI DELLE INTERVISTE AI REALTORI DEL CONVEGNO: ON. MARIA CHIARA GADDA Prima firmataria della Legge 166/2016 “La legge 166 è entrata in vigore il 14 settembre 2016. E’ un provvedimento importante, votato a larghissima maggioranza dal parlamento, che si pone l’obiettivo semplice, ma molto complesso, di recuperare le eccedenze alimentari che si generano nell’intera filiera agroalimentare, dal settore produttivo, dal settore primario, fino alla produzione, trasformazione, distribuzione e somministrazione degli alimenti. Quindi è un tema importante che riguarda tutti. L’eccedenza che può diventare spreco, dove si genera? per circa il 50% nelle case dei cittadini e per il restante 50% circa nella filiera agro-alimentare, quindi nessuno è escluso! iniziative come queste, promosse dalle Acli, servono per favorire una cultura condivisa, una cultura del non spreco. Non sprecare è un bene per tutti e, soprattutto, questa legge punta a raccogliere in modo efficiente, in modo serio, tutte quelle eccedenze che non sono rifiuti ma che sono dei beni, dei prodotti buoni, sani, sicuri e consumabili che possono essere donati e destinati alle persone in una condizione di fragilità economica. E quindi credo che questo sia un provvedimento di civiltà che vive grazie all’impegno di tantissime associazioni di volontariato che, in questi anni, anche in assenza di legge, hanno reso possibile la donazione. La legge costituisce un quadro organico, toglie burocrazia e rende più semplice e più chiara la donazione”

Il Tavolo di coordinamento recupero eccedenze è stato presentato ufficialmente a Verona lo scorso 17/06 durante l’evento “Vivere sostenibile. Fare di più, sprecando si meno” organizzato dalle Acli Provinciali di Verona in co-organizzazione con il Comune di Verona e le Acli Nazionali. Parallelamente alle attività ludico-ricreative programmate durante la giornata in Lungadige San Giorgio, infatti, sono stati realizzati presso la Fondazione Centro Studi Campostrini un workshop per le prime province in-

MARCO BACCHINI Presidente Federfarma Verona “L’accordo con le ACLI Provinciali di Verona per il recupero dei farmaci da banco in scadenza è assolutamente fondamentale per la farmacia e per il cittadino. Completa un po’ quanto stiamo 12


prodotti ai quali di volta in volta quotidianamente si approcciano”

facendo a 360°: avevamo già un progetto che prevedeva la raccolta di farmaci etici, quindi farmaci che richiedevano ricetta, oltre alle iniziative del Banco farmaceutico e al progetto Radar, questo da l’opportunità a questi prodotti che non vengono più utilizzati, ad avere una seconda vita quindi non destinati più al macero ma hanno una seconda opportunità. e questa seconda vita si tramuta poi in una terza vita in quanto da l’opportunità ad alcuni cittadini di poter usufruire dei vantaggi di questi prodotti. Prodotti che sono farmaci apparentemente meno importanti, perché sono farmaci che non richiedono ricetta medica, ma assolutamente fondamentali se pensiamo ad esempio ad un prodotto per la febbre in un bambino o prodotti similari. Quindi è veramente una grande opportunità che, dopo l’esperienza veronese, speriamo di poter estendere a tutto il territorio nazionale. Da poco ho la delega nazionale per quanto riguarda appunto la farmacia di servizi e quindi il mio intento è proprio quello di estenderlo a livello nazionale”.

ERICA MASTROCIANI - delegata di Presidenza al Dipartimento 5x1000 Nazionale “Le Acli ogni anno raccolgono molte firme con il 5x1000. Il nostro impegno in questi anni è di rendicontare in maniera chiara e trasparente ai nostri concittadini che cosa le Acli fanno con questi fondi. Il nostro impegno è quello di fare realmente azione sociali sui nostri territori. Quest’anno abbiamo avuto modo di poter recuperare tutti i dati delle diverse sedi acli in categorie omogenee e abbiamo lavorato su delle macro-progettazioni legate al tema della povertà. Abbiamo pertanto avuto modo di renderci conto che ci sono delle eccellenze in Italia che restituiscono, attraverso un processo che io definirei di “welfare restituivo”, gran parte di queste risorse alla comunità attraverso progetti di valore. Una di queste eccellenze è sicuramente Verona che con il progetto Rebus è riuscita, costruendo una rete di partner significativa e soprattutto con partner istituzionali, a generare benefici tangibili nel proprio territorio. Il nostro impegno, come Acli Nazionali, è stato quello di costituire un coordinamento delle esperienze che raccolgono eccedenze di tutti i tipi nel nostro mondo in cui capofila saranno e sono le Acli di Verona con il progetto Rebus…”

ANDREA MIGLIORANZI Presidente AMIA Verona Spa “Un accordo importante, fondamentale, che ci ha visto protagonisti negli ulti anni contro lo spreco alimentare. In tantissimi campi: abbiamo organizzato corsi di cucina con gli Stimmatini, per esempio, con recupero di cibi scartati, abbiamo supportato le mense Francescane a livello locale, ma soprattutto, da pochissimo anche a livello nazionale, c’è un accordo nazionale con i Francescani, abbiamo ragionato con le Acli Nazionali su un progetto di lotta allo spreco”. Per cui siamo in prima linea contro lo spreco alimentare e lo saremo sempre. Semplicemente per un motivo: non è solo un fattore culturale inaccettabile buttare il cibo quando c’è gente che ne ha bisogno, ma è anche una questione di contenimento di costi di gestione. In azienda chiaramente, meno produciamo rifiuti (e non è vero che per noi è un business il rifiuto, perché noi prestiamo un servizio), meno generiamo umido, più risparmiamo e conteniamo i costi di gestione. Per cui le due cose vanno assolutamente a braccetto ed ecco perché oggi siamo qui”.

ANTONIO RUSSO – delegato di Presidenza al Dipartimento Welfare Nazionale “L’iniziativa che facciamo oggi a Verona insiste su una cosa paradossale: nel mondo ci sono comunità che consumano troppo e ci sono invece comunità che purtroppo vivono in povertà. Uno dei temi più importanti che vogliamo toccare oggi riguarda questa questione delle eccedenze: c’è qualcuno che eccede nel consumo e qualcuno invece che, in società complesse come la nostra, purtroppo comincia anche nel nostro Paese ad avere problemi rispetto all’alimentazione. L’Italia è un Paese nel quale, nel corso di questi anni, purtroppo, la povertà è cresciuta…. esistono persone che non riescono purtroppo a nutrirsi perché non riescono entro l’arco della settimana a fare pasti che includono proteine e quant’altro che serve naturalmente per una vita dignitosa e in dalute. Ecco questo è uno dei temi che noi vogliamo trattare all’interno di questo convegno, è uno dei temi sui quali ci impegniamo attraverso il progetto Rebus, che è un progetto che è nato a Verona, e che noi stiamo portando in tutte le realtà d’Italia perchè riteniamo che questo sia il momento giusto per impegnarsi per un sistema di welfare che sia redistributivo anche in questo senso cioè che sia capace di redistribuire risorse lì dove purtroppo oggi c‘è una sperequazione”.

ITALO SANDRINI Presidente Provinciale ACLI Verona “Con il convegno di oggi le Acli provinciali di Verona cercano di riuscire a incidere in modo efficace sullo spreco alimentare. Verona è impegnata da anni ma questo non basta! Pertanto si è pensato di poter replicare questa buona pratica a livello nazionale coinvolgendo altri territori. Questo sicuramente porterà a un doppio beneficio: evitare lo spreco alimentare e aiutare gli utenti a consumare in modo più consapevole i 13


Foto tratta da www.ilcambiamento.it

SAPEVI CHE IL 2017 È L’ ANNO INTERNAZIONALE DEL TURISMO SOSTENIBILE? Italiani sempre più “turisti-sostenibili” Il 7 dicembre 2015 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha deciso che il 2017 sarebbe stato l’anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo, ritenendo che il turismo, per il benessere delle persone e del pianeta, debba essere un’opportunità e non un problema.

Il concetto di turismo sostenibile è stato introdotto nel 1988, circa un anno dopo la definizione di sviluppo sostenibile, dall’Organizzazione mondiale del turismo (Unwto) e indica un modo di viaggiare rispettoso del pianeta, che non altera l’ambiente (naturale, sociale e artistico) e non ostacola lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche. E’ quindi un tipo di turismo con un impatto ambientale basso, non distruttivo e che punta a favorire le economie più in difficoltà.

A quindici anni di distanza dalla prima celebrazione del turismo sostenibile (nel 1998 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato per la prima volta l’anno 2002 come l’”Anno internazionale del turismo sostenibile”), si è sentita l’esigenza di ribadire la necessità di usare questo settore del mercato, che genera ogni anno un fatturato di circa 1.260 miliardi di dollari, per il bene dell’ambiente e delle persone con l’intento di sensibilizzare la cittadinanza sulle tematiche ambientali e di rendere il turismo un motore per lo sviluppo reale e sostenibile per i paesi più in difficoltà. Tratto da www.lifegate.it

14

Il turismo sostenibile è opposto al turismo di massa, che, al contrario, non tiene conto delle specificità dei territori, è invasivo e non favorisce lo sviluppo economico, sociale e ambientale dei paesi più poveri. Come confermano i dati dell’Eea (Agenzia europea per l’ambiente), l’impatto del turismo è sempre elevatissimo: per esempio, secondo uno studio del 2015 aggiornato a novembre 2016, i turisti europei consumano ogni giorno dalle 3 alle 4 volte l’acqua che consumerebbero normalmente e il trasporto aereo sarebbe uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra in atmosfera.


FOCUS: IN AUMENTO IL TURISMO SOSTENIBILE TRA GLI ITALIANI È tempo di vacanze per 38 milioni di persone. Nonostante la crisi, secondo Coldiretti, si godranno le ferie lontano da casa il 9% in più degli italiani. Ma la vera buona notizia è un’altra: sono più di 2 milioni quelli che scelgono il turismo sostenibile. Un trend in crescita che premia le imprese e che soprattutto rispetta l’ambiente, l’ecosistema e le comunità locali.

ecosostenibili, valorizzare i prodotti tipici locali (a km zero e biologici), rispettare costumi e stili di vita, favorire l’economia locale, scegliere tour operator e associazioni che organizzano viaggi etici, pianificare la vacanza in modo consapevole, pensare all’impatto ambientale della vacanza (e limitarlo), condividere esperienze e buone pratiche con la tecnologia.

I viaggiatori responsabili sono in costante crescita: tra gli adulti, due persone su dieci sanno bene cos’è il turismo sostenibile, che è praticato da un italiano su cinque. Secondo la ricerca del terzo osservatorio sullo stile di vita sostenibile condotta da LifeGate ed Eumetra Monterosa l’interesse per questo tipo di vacanza è assolutamente trasversale: la categoria professionale più rappresentata è quella composta da dirigenti, imprenditori e liberi professionisti (48%), ma sono ben rappresentati anche impiegati, quadri, docenti e studenti.

Infine bisogna considerare che scegliere di viaggiare in modo etico e sostenibile conviene a tutti perché si riduce l’impatto sull’ambiente, si entra in contatto con le comunità locali, si sostiene le micro economia rispettando luoghi e tradizioni e, soprattutto, una volta conclusa la vacanza, si torna a casa convinti di aver vissuto un’esperienza difficile da dimenticare, consapevoli di aver fatto del bene, prima di tutto a sé stessi. Foto tratta da www.mitomorrow.it

3 milioni e mezzo di persone affermano di essere disposte a spendere anche qualcosa in più pur di vivere una vacanza sostenibile, nel rispetto del territorio e dell’ambiente. Magari proprio in una struttura eco-compatibile! E visto che il viaggio non è solo il sinonimo di riposo e divertimento, ma è anche un percorso alla riscoperta del bene (per se stessi e l’ambiente), LifeGate (network internazionale di informazione e servizi per persone, aziende, ong e istituzioni impegnate per un futuro sostenibile) ha lanciato “LifeGateExperience”, una sezione speciale del portale dedicata ai viaggiatori sostenibili, una bussola per l’organizzazione di vacanze green. Ecco il decalogo, ricco di consigli e raccomandazioni: preferire strutture sostenibili, visitare aree ad alto valore naturalistico e culturale, scegliere modalità di trasporto Tratto da www.buonenotizie.corriere.it

15


Rubrica:

Un dolce ricordo

In ricordo di Nadia Carlini Nadia Carlini è deceduta il 9 aprile 2017 all’età di 93 anni: con Luigi Ugoli e Giovanni Cordioli abbiamo partecipato al suo funerale celebrato anche dal suo ex parroco e nostro assistente don Renzo Beghini.

rigente che ha inventato le Acli assieme a grandi figure che sono state poi protagoniste della vita politica in città e provincia per la ricostruzione morale, politica e materiale dopo la devastazione procurata dal ventennio fascista e dalla seconda guerra mondiale: Alberto De Mori, Dino Coltro , Vittorino Stanzial, Giambattista Melotto, Luigi Vantini, Giambattista Rossi e tanti altri . Anche attraverso mio padre, che è stato tanti anni in presidenza assieme a lei, ho il ricordo di una bella persona e anche attenta a noi, allora bambini, con piccoli gesti in occasioni importanti.

Nadia ha coltivato fino ad una decina di anni or sono con me, Clorinda Turri e Giovanni Cordioli la consuetudine di una cena annuale, per mantenere i legami di amicizia e di una militanza comune nelle Acli. Alla fine della messa del funerale di Nadia, ho portato un ricordo del contributo che Nadia Carlini ha profuso per le Acli veronesi. Da una sua intervista, raccolta in occasione della pubblicazione della storia del Centro Enaip di Verona nel 2001, lei ricorda la sua iscrizione alle Acli effettuata nel lontano 1951.

La preghiera che rivolgiamo al Padre, come Acli veronesi, è che ci dia la forza per continuare la sua testimonianza di persona libera, generosa, attenta ai disagi degli ultimi e per continuare ad essere, la nostra associazione,. un’autentica testimonianza del cattolicesimo sociale, in questo tempo carico di incertezze procurate dai grandi mutamenti della società contemporanea

E’ stata una protagonista delle Acli dagli anni cinquanta agli anni settanta, assumendo via via incarichi in Presidenza, in Consiglio e in vari organismi provinciali, regionali e nazionali. In particolare, è stata presidente provinciale di Enaip negli anni sessanta. “Di quel periodo conservo un bellissimo ricordo, soprattutto per quanto riguarda i ragazzi” dichiarava lei, che nel suo lavoro di maestra, si era ritagliata un po’ di tempo e di attenzione anche per questi allievi. Erano i giovani che con l’abbandono della vita nei campi negli anni della ricostruzione abitativa e della industrializzazione imparavano nei Centri di Legnago, Isola, Pescantina e Verona a disegnare, a fare i muratori, i saldatori, gli elettricisti, le dattilografe, gli operatori contabili, le sarte, i meccanici....

Alfredo Forlin

E’ stata la prima donna ad assumere ruoli dirigenziali nel territorio veronese, anticipando l’emancipazione femminile che caratterizzerà gli anni successivi. Nadia Carlini ha fatto parte di una classe di-

16


V O L O N TA R I CE R C S I VERONA

di tutte le eta’, di qualsiasi sesso e nazionalita’ VA LO R I Z Z I A M O T E E L E T U E C A PA C I TA ’ P E R C R E S C E R E I N S I E M E

O TT .S. E OG .B.U R P .E R

TO I OR IZ PP RV SU I SE A

NE

P SSU ROGE N O T TO ESC LUS

R ATO PORTIE LE SOCIA O

ALLA

BASE CI SEI

TU

www.ACLIVERONA.IT PER INFORMAZIONI, CONTATTACI: Tel: 0459275000 - ufficioprogetti@acliverona.it via Scrimiari 24 A, 37129 Verona A c l i V e r o20 naPerIGiovani Le tre ragazze in servizio civile


ACLI VERONESI Prossimo numero: Dicembre 2017

ACLI Veronesi - agosto 2017  

Il giornalino informativo delle Acli Provinciali di Verona

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you