Issuu on Google+

2014

[

]

NI ELENZISITO RATIVE AMMI

OPPEANO CITTA’ VIVA SERENA MARCHI

LISTA CIVICA

SINDACO

OPPEANO CITTÀ VIVA

PATTO DI PROGRAMMA per costr uire insie un nuovo me modo di essere comunità


2


L’obiettivo principale della Lista Civica “Oppeano Città Viva” è rimettere al centro della politica la comunità e il rispetto delle esigenze dei cittadini. Immaginiamo una Città Viva, non un quartiere anonimo della periferia di Verona, destinato a perdere la propria identità territoriale e culturale. Vogliamo difendere il nostro territorio dalla cementificazione selvaggia e dall’inquinamento ambientale, perché la nostra terra non sia più svenduta solo per poter fare cassa con gli oneri di urbanizzazione. Gli abitanti del Comune di Oppeano in dieci anni sono cresciuti del 33 per cento. Rimettere al centro il cittadino vuol dire pensare che servono più asili nido, più scuole materne ed elementari, più trasporti pubblici, più servizi sociali, più centri di aggregazione, più aiuti alle famiglie. Rimettere al centro il cittadino, perché la politica dell’affare ha occupato fin troppo il centro della scena. È diventata, per qualcuno anche nel nostro Comune, uno stipendio certo, un trampolino di lancio per altre poltrone più interessanti e soprattutto un centro di potere dal quale distribuire incarichi, per il proprio interesse o per quello del proprio partito. Almeno dalla politica del nostro Comune, possiamo tenere fuori gli interessi di partito? Possiamo pensare ad una politica fatta da tutti i cittadini nel solo interesse del nostro territorio?

3


Il Sindaco che vogliamo è Serena Marchi Serena è giornalista, ha 32 anni, vive a Vallese da quanto è nata, è donna, è mamma. Ma soprattutto è estranea alla politica che abbiamo visto in questi anni: è indipendente, non è iscritta ad alcun partito. La sua ambizione è quella di ascoltare i concittadini per costruire assieme a loro (e non sulla loro pelle) un nuovo modo di essere comunità, una Oppeano più Viva.

L’ascolto, prima di tutto Il programma della nostra Lista Civica è stato elaborato partendo dall’ascolto degli altri. Una serie di incontri e momenti di confronto con cittadini, esperti di vari settori, associazioni, forze produttive ci hanno permesso di ampliare la nostra visione, cogliendo ottimi spunti e proposte di chi ogni giorno vive sul territorio del nostro Comune. Non è una cosa che smetteremo di fare dopo le elezioni: l’amministrazione deve restare in costante ascolto, sempre. E' difficile, stando nelle stanze dei Palazzi della Provincia o in quelli più lontani di Roma, restare con l'orecchio a terra, per garantire alla propria comunità, con umiltà, gli interventi necessari a soddisfare i bisogni di tutti. E’ per questo che chi si candida con noi si impegnerà ad avere una sola carica: quella per la quale noi oppeanesi l'avremo eletto.

4


Voltiamo pagina Oppeano ha bisogno di voltare pagina e di tagliare con il vecchio modo di governare. Chi ha amministrato negli ultimi vent’anni lo ha fatto senza un progetto ad ampio respiro, limitandosi all’urbanizzazione del nostro territorio, senza pensare ai servizi necessari per innalzare la qualità della vita dei cittadini. Non bastano marciapiedi nuovi e un po' di lustrini per tenere viva la nostra comunità: ci vogliono umiltà, concretezza e un po' di buon senso nel programmare il futuro di chi abita nelle nostre frazioni. Molte sono le ombre di chi ci ha preceduto sulle modalità di gestione del denaro pubblico: contabilizzato in modo allegro, utilizzato per consulenze discutibili o addirittura sperperato in cause legali inutili. Ciò ha privato i cittadini di risorse pubbliche di tutti, peraltro sempre più scarse, che dovevano essere destinate a interventi di politica per il lavoro, il sociale, la casa, le famiglie. Tutto da buttare? Certo che no, sarebbe un gesto di inutile arroganza: prendiamo ciò che di buono è stato fatto da maggioranze e minoranze, diciamo grazie a chi nonostante tutto ha lavorato in buona fede e disinteresse, ma serve un’amministrazione nuova. Qualcuno che invece di utilizzare slogan e propaganda ricavati dalla politica nazionale usi prospettiva e buon senso e dia un nuovo futuro alla nostra Comunità.

5


I nostri valori Compito di chi amministra è creare le condizioni per garantire il miglior benessere possibile di ogni cittadino e, di conseguenza, della Comunità. Oppeano è oggi un comune che ha subìto un’urbanizzazione non programmata, dove chi mette su famiglia fa fatica a trovare i servizi di cui ha bisogno. Noi crediamo che Oppeano possa e debba diventare una Città Viva, vivace e stimolante. Per questo è fondamentale creare spazi di condivisione, incentivare i punti di aggregazione e gli eventi, investire sul sociale. Specialmente sul sociale. Perché innanzitutto trovino tranquillità, aiuto e sostegno le persone che sono state messe in difficoltà dalla crisi. Faremo del nostro meglio, con ogni mezzo. La nostra comunità è sempre stata composta da persone laboriose e riusciremo ad uscire da questa crisi. Ma c'è bisogno che l’Amministrazione Pubblica (e quindi il anche Comune) oggi non sia sorda e cieca. Per fare questo collaboreremo con tutti, indipendentemente dal colore politico e dal risultato elettorale: garantire a tutti i cittadini un lavoro e condizioni di vita dignitose deve essere una priorità assoluta.

Una Politica trasparente e di servizio Per troppo tempo i politici di professione hanno cercato nel loro ter-

6


ritorio solo i voti necessari ad essere eletti. Noi la pensiamo diversamente: se ci verrà data fiducia, faremo di tutto per meritarcela ogni giorno. Crediamo, ad esempio, che chi fa il Sindaco debba fare il Sindaco e basta, non dividere il suo tempo tra più poltrone -pubbliche, private, libere professioni- e magari essere disponibile per i cittadini solo un giorno a settimana. Lo Stato paga ai suoi Sindaci uno stipendio sufficiente: ci sembra onesto che, a fronte di questo reddito, l'impegno sia univoco e totale. Un lavoro a pieno servizio della comunità e non un mezzo di affermazione, anche economica, personale. Restando in tema, siamo convinti che servano dei gesti concreti per riavvicinare cittadini e Istituzioni. Per questo, gli amministratori eletti della Lista Civica “Oppeano Città Viva” si ridurranno lo stipendio del 30 per cento e useranno questi fondi per aiutare chi è senza occupazione e per ridurre le rette delle scuole materne.

Il Municipio è la Casa di tutti noi cittadini Quello che accade e che succede al suo interno, quello che fanno i suoi amministratori, deve essere trasparente. Un palazzo di vetro, dove tutti possano vedere, partecipare, contestare, proporre, per una piena attuazione della democrazia. Per questo proponiamo di potenziare il notiziario informativo cartaceo e telematico, riducendone i costi. Distribuiremo questionari pe-

7


riodici di gradimento sull’operato degli amministratori e degli uffici comunali - vogliamo essere sempre degni di fiducia, non solo i due mesi prima delle elezioni. L’ufficio del Sindaco sarà aperto al pubblico tutti i giorni; in tutti i consigli comunali verranno effettuate riprese audio e video che saranno trasmesse in streaming sul sito del Comune. Tutti i documenti e le delibere saranno pubblicate sul web, così come le buste paga degli amministratori e tutte le spese sostenute dal Comune. A proposito, l'area del sito internet del Comune dedicata all' "Amministrazione Trasparente" esiste per legge. Togliamoci la curiosità di andare a visitarla: ad oggi è stata lasciata praticamente vuota. Noi vogliamo riempirla. Le Istituzioni appartengono ai cittadini. Dopo quasi settant'anni di Repubblica noi vogliamo attuare questo principio.

Ambiente e territorio Lo sfruttamento della nostra terra negli ultimi anni è stato massiccio e, a volte, ingiustificato. Sono state cementificate ampie porzioni del territorio (da sempre ricchezza primaria e insostituibile soprattutto per l’attività agricola), senza alcun tipo di progetto specifico (salvo, apparentemente, fare cassa subito), senza nessuna visione d'insieme delle frazioni e dei servizi e con scarsa attenzione ai rischi ambientali e idrogeologici (inquinamento delle falde, allagamenti) che sempre più spesso mettono in crisi interi paesi. A differenza di chi fino ad oggi ha amministrato, noi intendiamo af-

8


frontare a viso aperto i problemi ambientali, a partire da alcune urgenti priorità: vogliamo fermare ulteriori ampliamenti del complesso delle acciaierie di Vallese e provvedere alla messa in totale sicurezza ambientale degli impianti oggi esistenti; inoltre vogliamo intervenire tempestivamente per la riqualificazione urbanistica ed edilizia del complesso residenziale di Boscoriondo. Dobbiamo fermare il consumo incontrollato del territorio, risorsa non infinita ed esauribile, mantenendo invariato l’attuale indice di superficie a destinazione agricola e verde, incentivando la ristrutturazione delle abitazioni esistenti e il recupero degli edifici invenduti, in modo da evitare nuove situazioni di degrado. Provvederemo ad installare centraline fisse, gestite dagli enti preposti, per il monitoraggio costante dei parametri di inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo. Pubblicheremo i risultati mensili sia su internet sia sugli organi di informazione comunale. L'ambiente è un bene comune e come tale deve poter essere controllato da tutti. Vogliamo incontrare “Acque Veronesi” per analizzare la situazione dell’acquedotto, delle fognature e del sistema di depurazione nel comune di Oppeano. Ad oggi molte abitazioni ancora non hanno accesso a queste reti: l'Amministrazione dovrebbe farsi voce dei cittadini per risolvere questo problema. Incentiveremo la creazione di percorsi naturalistici nel nostro Comune e collegheremo le piste ciclabili del territorio con quelle dei paesi vicini.

9


Nuove opportunità economiche per Oppeano Lavorare per una Città Viva vuol dire creare, ogni giorno e nel nostro piccolo, opportunità perché la nostra comunità cresca, anche economicamente. Le idee le abbiamo, di tante ne abbiamo fatto tesoro durante le serate di ascolto e confronto con i cittadini e siamo pronti a metterle al servizio di tutti. Un Comune collegato a internet è un Comune che fa parte del mondo. La connettività è lavoro, promuove i servizi e le produzioni locali, incentiva la comunicazione, l’informazione ed è il pane della democrazia. Molte zone del nostro comune, purtroppo, sono scarsamente coperte dalla linea telefonica e non sono servite da rete di fibra ottica. Noi vogliamo innanzitutto estendere l’ADSL a tutto il territorio comunale e aumentare i punti wi-fi gratuiti per i cittadini nei luoghi pubblici (piazze, biblioteche e altre aree di specifico interesse). Ogni anno centinaia di milioni di fondi pubblici (regionali, statali, europei) vengono persi perché pochissimi sanno quando, come, per cosa fare domanda. Noi vogliamo creare un ufficio ad hoc di progettazione e assistenza, che assuma giovani sul territorio che portino a beneficio degli oppeanesi una parte queste enormi risorse. Vogliamo fare rete con i Comuni limitrofi per ridurre le spese comunali, rendendo più efficiente ed economica la gestione dei servizi. Rimetteremo ogni euro risparmiato in questo modo nelle tasche degli oppeanesi, abbassando le tasse comunali. Gli eventi pubblici (consigli comunali, presentazione di libri, momen-

10


ti di aggregazione) possono essere organizzati nei negozi del territorio. Perché no? Perché non incentivare bar, ristoranti, pasticcerie, gelaterie e tutti gli altri esercizi con soluzioni innovative e già sperimentate con successo in altri Paesi? Perché non coinvolgere produttori e agricoltori locali per creare dei veri e propri mercati a chilometro zero? Il comune di Oppeano è in una posizione strategica per attirare investimenti produttivi, poiché è comodo alla città e alle principali vie di comunicazione. Ci pare impossibile che chi ha pianificato enormi zone industriali in passato abbia fatto poco o nulla per incentivare le aziende ad installarsi sul nostro territorio. Usiamo le leve disponibili al Comune (in particolare la tassazione, per esempio la riduzione della tassa rifiuti o dell’Imu) per attirare imprese innovative, o premiare quelle che creano nuovi posti di lavoro a beneficio degli oppeanesi. Bisogna creare posti di lavoro, non solo costruire capannoni che poi restano vuoti. Idee nuove per rendere viva e produttiva la nostra Comunità!

Servizi sociali Per rendere le nostre frazioni più Vive, e insieme aiutare le famiglie che vivono un temporaneo stato di difficoltà, crediamo sia necessario un forte e organizzato intervento del Comune in campo sociale. Per chi vive solo, o per famiglie con redditi bassi, il Comune deve farsi garante: le nuove tasse imposte dal governo sulla casa e sui rifiuti

11


non devono essere caricate sulle spalle di chi fa fatica ad arrivare a fine mese. Perciò saranno previsti differenti livelli di tassazione in base al reddito. Alcuni servizi primari saranno potenziati: prevederemo l’ampliamento del servizio della consegna dei pasti a domicilio e inoltre, introdurremo il servizio di consegna farmaci a domicilio. A fronte di un Comune che cresce di anno in anno con un numero sempre maggiore di studenti, i trasporti pubblici offerti non sono minimamente sufficienti. Non è accettabile dover attendere anche mezza giornata perché passi un autobus. Molte aree verdi intorno alle nostre case sono poco attrezzate e quindi poco utilizzate: alcune di queste, opportunamente provviste di fontanelle di acqua, possono essere dedicate ai nostri amici a quattro zampe che qui potranno correre senza guinzaglio. Alcuni degli spazi agricoli possono essere dedicate agli “orti comunali”, offrendo un sano passatempo per bambini, adulti e anziani. I prodotti potranno essere venduti per raccogliere dei fondi per progetti utili alla collettività. PRIMA INFANZIA - SCUOLA - GIOVANI In conseguenza dell'aumento consistente della popolazione residente, avvenuto negli ultimi anni, il numero di bambini ad Oppeano è aumentato di quasi il 50 per cento. A fronte di questo, l'offerta di servizi per l'infanzia è rimasta strutturalmente carente e, inoltre, non si è fatta alcuna pianificazione delle

12


esigenze future. Noi proponiamo: - la creazione di un tavolo permanente di confronto tra Amministrazione e genitori, per rispondere in modo pronto alle esigenze in un campo così essenziale alla nostra Comunità, anche in collaborazione con esperti del settore. Il tavolo avrà anche lo scopo di promuovere una rete di solidarietà tra genitori, per mettere a fattor comune le esperienze e l'aiuto reciproco; - riduzione delle rette per gli asili nido e per le scuole materne (basta costruire qualche rotonda in meno o qualche marciapiede senza porfido); - corsi per "tagesmutter" (asili familiari) - cioè la possibilità di creare piccoli asili nido in casa, adeguatamente regolati per garantire la sicurezza dei bimbi e la preparazione degli educatori; - servizi di baby sitter comunali / baby parking che organizzino in ambienti sicuri e protetti attività per i bambini, anche nei fine settimana, in modo da agevolare i genitori che lavorano con orari flessibili e sono privi di reti familiari cui affidare i piccoli; - progetto “Un albero per ogni nato”. Attuare la legge del 2013, obbligatoria nei Comuni sopra i 15.000 abitanti, per portare anche da noi questa bella realtà. Per ogni bambino nato il comune pianta un albero che sarà assegnato a quel bambino. Un domani i nostri figli potranno passeggiare in parchi e boschetti che hanno contribuito a creare; - il sistema di movimento alternativo del “PEDIBUS” per accompagnare bambini e ragazzi a scuola in maniera sicura (tutti a scuola a

13


piedi) coinvolgendo i nonni disponibili. I ragazzi di oggi sono i cittadini di domani. Vogliamo diffondere il senso civico, l’attaccamento al territorio e alla nostra identità culturale, per accrescere il senso di appartenenza alla nostra Comunità. L’amministrazione deve farsi capolista di progetti di coinvolgimento sociale e culturale con gli alunni del territorio, a partire da una Consulta dei Ragazzi e una Consulta Giovanile; Proponiamo la creazione di una rete assieme alle Scuole, alle Parrocchie e alle Associazioni per prevenire il disagio giovanile, dando contemporaneamente ai ragazzi tutti gli spazi per esprimersi e far sentire la loro voce Vogliamo mettere insieme una squadra di studenti universitari e delle superiori a disposizione dei ragazzi in difficoltà scolastica, che possa supportarli nello studio e nei compiti a casa. Il patrocinio del Comune garantirebbe serietà, un prezzo calmierato e la regolarità fiscale dei contributi. IMMIGRAZIONE Anche a Oppeano la presenza di stranieri è sempre più massiccia, tanto da raddoppiare negli ultimi cinque anni: oggi sono il 15 per cento del totale. Favorire l’integrazione è indispensabile, ma dall'altra parte deve essere dimostrata serietà, onestà e buona volontà. Questo è l'unico modo per convivere, prevenendo e sanando le attuali situazioni di disagio. La Lega per anni ci ha detto soltanto di essere contro l'immigrazione e con questa scusa non ha mai fatto niente

14


per risolvere i problemi: noi invece vogliamo essere persone di buon senso e le questioni preferiamo affrontarle a viso aperto. Vogliamo progettare accoglienze e convivenze, aumentando consapevolmente l’interazione culturale, sociale ed economica. Lo facciamo convinti che, attraverso politiche intelligenti, tutti quelli che vengono qui a cercare il loro futuro possono diventare una parte importante del nostro. In quel futuro non sarà il sangue nè il suolo a determinare le appartenenze, ma la libera scelta delle persone e la voglia comune di costruire qualcosa assieme. Nel rispetto reciproco. Provvederemo alla creazione di un tavolo permanente con le comunità di stranieri residenti ad Oppeano e lo sviluppo di un sistema di mediatori culturali e linguistici che accompagnino lo straniero nella fruizione dei primi servizi minimi. Verrano attivati corsi gratuiti di lingua italiana per stranieri e, in cambio, chiederemo l'impegno dei cittadini provenienti da altre nazioni di organizzare corsi di lingua straniera (es. arabo, cinese, rumeno) per gli oppeanesi. Tramite la creazione di una rete di sostegno, anche in collaborazione con le parrocchie e la Caritas, interverremo mirando alla risoluzione dei casi più gravi di povertà e indigenza. L’obiettivo è l’arricchimento reciproco, pertanto promuoveremo la nascita di un festival multietnico dove si invitino tutte le diverse comunità ad esprimersi e a far conoscere le loro tradizioni, la loro cucina, le loro attività artigianali e artistiche. CULTURA E SPORT Come abbiamo scritto prima, riteniamo che creare una Città Viva

15


debba essere fatto a partire dalla cultura e dai momenti di aggregazione. Per questo proponiamo la promozione e il patrocinio di conferenze, eventi e concerti, nonchĂŠ la valorizzazione di spazi per i giovani, anche attraverso circoli ludico-musico-culturali. Vogliamo il rafforzamento della SocietĂ  Polisportiva, attiva su tutto il territorio comunale, che offra ai ragazzi ampia scelta di attivitĂ  sportive.

16


OPPEANO CITTA’ VIVA SERENA MARCHI SINDACO

E L I T U O T O V O C L’UNI LO CHE L E U E Q S È O C E L A I CAMB

17


CONTATTI oppeanoviva.wordpress.com serenamarchi.com

@

oppeanocittaviva@gmail.com serena@serenamarchi.com Oppeano CittĂ  Viva Serena Marchi


Oppeano Città Viva | Patto di Programma