__MAIN_TEXT__

Page 1

SORRENTO Anno I - N.4 Settembre/Ottobre 2018

Style

Torna a Surriento

Come back to Sorrento Un palco d'eccezione per i talenti della lirica

An exceptional stage for opera talents

Da Brosnan a Jordan, tutti pazzi per Sorrento

From Brosnan to Jordan, everyone's fond of Sorrento

INTERVISTA A PAOLO ESPOSITO

"Benvenuti nel ristorante-museo Caruso" "Welcome to Caruso museum-restaurant"

Opera e Lirica Stagione 2018 Copia Omaggio/Free Copy

Opera e Lirica 2018 Season


SORRENTO

Style

SO

EDITORE - Publisher

Opera e Lirica srls Lungotevere Sanzio, 9 - 00153 Roma (Italia)

CEO - Ceo

Giuseppina Cuccaro

DIRETTORE RESPONSABILE - Director Ciriaco Maria Viggiano

RESPONSABILE COMMERCIALE - Sales Manager Annarita Siniscalchi commerciale@sorrentostyle.it - +39 339 671 5153

REDAZIONE - Office

R

C.so Sant’Agata, 57 - 80061 Massa Lubrense (Na)

GRAFICA - Graphics Sara Barberi

TRADUZIONE - Translation Silvia Cicciomessere

FOTOGRAFIE - Photos

E

Franco Romano Barbara Gallozzi Adriano Carrino

R

STAMPA - Printer

N

Tipografia Printered srl - Piazza Michele Bianco, 36 75100 Matera - Italia

INFORMAZIONI TECNICHE - Technical Information Periodico di informazione turistica. Autorizzazione del Tribunale di Torre Annunziata n. 187 dell’ 8 febbraio 2018. Tourist Information Magazine. Authorization by the Torre Annunziata Court n° 187 of 8th February 2018.

T

RINGRAZIAMENTI - Acknowledgements

O

Sorrento Style ringrazia per il supporto e la collaborazione Barbara Amitrano, Annachiara e Adriano Carrino, Nino Aversa, Franco Romano, Giovanni Visetti, Gianfranco Capodilupo. Sorrento Style thanks Barbara Amitrano, Annachiara and Adriano Carrino, Nino Aversa, Franco Romano, Giovanni Visetti and Gianfranco Capodilupo for their collaboration and support. 4

Giuseppina Cuccaro CEO Opera e Lirica srls

Care lettrici, cari lettori, gli ultimi scampoli d’estate e i primi scorci d’autunno segnano la conclusione di una stagione esaltante per il team di Opera e Lirica: tutto esaurito ai concerti, grandi riscontri da parte del pubblico, spettatori che per il quarto anno consecutivo sono tornati a Sorrento proprio per assistere alle performance dei nostri artisti. E chi dobbiamo ringraziare per questo successo senza precedenti? Voi, ovviamente, e quella straordinaria espressione artistica che anima il nostro impegno e nutre la vostra passione: la musica. È lei la grande protagonista di questo numero di Sorrento Style e del primo concorso internazionale di canto lirico che il Museo Correale di Terranova ospiterà dal 29 al 31 ottobre. Si tratterà di una grande kermesse in cui giovani cantanti, originari di ogni angolo del pianeta, avranno la possibilità di realizzare il sogno di esibirsi davanti al pubblico. E, per di più, in un momento particolarmente suggestivo dell’anno, in cui le luci abbaglianti dell’estate cedono lentamente il passo ai suggestivi colori dell’autunno. E allora non vi resta che seguirci in questo entusiasmante viaggio nella “Sorrento musicale”: scoprirete storie, versi e note che hanno fatto da colonna sonora alla storia di questa incredibile città. *** Dear readers, the last remnants of summer and first glimpse of autumn are marking the conclusion of a vibrant Season for the Opera e Lirica team. Soldout concert tickets, highly positive feedback from the audience, and visitors who came to Sorrento four years in a row for the purpose of attending our artists' performance again. Who shall we thank for the unprecedented success? You all, of course, and the extraordinary artistic expression driving our commitment and nurturing your passion: music. It is indeed the great protagonist of this issue of Sorrento Style, and of the first international opera singing competition that the Correale Museum of Terranova is going to host from October 29th to 31st. It is going to be a great festival, where young singers from all over the world shall have the opportunity to make their dreams come true by performing before an audience. In addition, they will have the chance to perform in a particularly charming moment of the year, when the blinding lights of summer slowly give way to the evocative colours of autumn. Then, you just need to follow us on this exciting journey into the music of Sorrento: you will find out the stories, verses and notes composing the soundtrack of this incredible city.


SOMMARIO SETTEMBRE/OTTOBRE 2018

7. Editoriale Editorial 8. Da Brosnan a Jordan, tutti pazzi per Sorrento From Brosnan to Jordan, everyone's fond of Sorrento 9. Intervista a Massimo Coppola Interview with Massimo Coppola

OPERA E LIRICA

11.

12. Concerti e artisti Concerts and artists 13. Calendario eventi Events calendar 14. I Tre Tenori The Three Tenors

15.

SORRENTO LIFE

16. Un palco d’eccezione per i talenti della lirica An exceptional stage for opera talents 17. Intervista a Filippo Merola Interview with Filippo Merola 19. L'arte di costruire la musica The art of building music 20. Luoghi e memorie di Lucio Dalla Lucio Dalla's places and memories 22. Libro Book

23.

SORRENTO FOOD

24. Intervista a Paolo Esposito Interview with Paolo Esposito 26. Ricetta Recipe

31.

SORRENTO CULTURE

32. Musei Museums Chiese Churches 33. Monumenti Monuments 34. Attrazioni Attractions 37. Moda Fashion 38. Cartina Map 40. Trasporti Transfers

In Copertina

Photo by Iryna Kalchenko

5


Have a relaxing moment in our peaceful park...

... Admire the amazing Naples bay at aperitif time ...

... Don't miss the chance to take a cooking class with us!!!

OASI OLIMPIA RELAIS SCUOLA DI CUCINA OLIMPIA Via Deserto, 26 | 80061 S.Agata sui due Golfi | Massa Lubrense (Na) Italy | +39 081.808.05.60 | info@oasiolimpiarelais.it


La musica immortale di Sorrento T H E I M M O R TA L M U S I C O F S O R R E N T O

F

a vibrare le corde dell’anima, plasma i sogni, dà voce a emozioni altrimenti ineffabili: eccolo, lo straordinario potere della musica. Una forza dirompente che si percepisce anche a Sorrento, luogo che ha dato i natali ad autori del calibro di Salve D’Esposito, accolto il tenore Enrico Caruso e ispirato interpreti come Lucio Dalla per il quale la città costiera rappresentava “l’angolo vero dell’anima”. Tra la musica e la città di Sorrento, dunque, sussiste un legame intenso e consolidato nel tempo. E proprio da questo rapporto abbiamo voluto prendere spunto per il quarto numero di Sorrento Style. Al centro della rivista non poteva mancare il grande evento dell’autunno a Sorrento: il primo concorso internazionale di canto lirico, in programma nel Museo Correale dal 29 al 31 ottobre. La kermesse offrirà ai partecipanti l’occasione per esibirsi davanti al pubblico della Costiera, ma anche lo spunto per apprezzare le eccellenze musicali custodite in città. È il caso dei tre tenori Stefano Sorrentino, Francesco Fortes e Alessandro Fortunato, protagonisti della rassegna di Opera e Lirica, ma anche dei liutai Ernesto Scarpato e Gianfranco Schiavo, capaci di produrre strumenti musicali che sono autentiche opere d’arte. In un luogo come Sorrento, d’altronde, ogni vicolo e ogni piazza trasuda passione e rimanda a note e versi immortali. Perciò quello che vi proponiamo è un urban trekking sulle orme di Lucio Dalla: tra piazza Tasso e Marina Piccola, tra l’hotel Vittoria e Marina Grande, vi conduciamo nei luoghi in cui il cantautore amava trarre ispirazione ed esibirsi davanti agli amici. Tra questi Paolo Esposito, l’imprenditore capace di trasformare il ristorante “Caruso” nel più grande museo al mondo dedicato al tenore: è lui il protagonista della sezione “Sorrento Food”. Completano il quarto numero di Sorrento Style le proposte in tema di arte e cultura, shopping e monumenti, alle quali si aggiunge l’indispensabile sezione dedicata alle informazioni di servizio: seguiteci in questa emozionante full-immersion nel cuore di Sorrento.

I

t vibrates the strings in your soul, it shapes dreams, it voices ineffable emotions: that is the extraordinary power of music. It is an explosive stregth that can be perceived in Sorrento, where famous authors like Salve D'Esposito were born, where the tenor Enrico Caruso was welcomed, and interpreters like Lucio Dalla were inspired. For Dalla, the city represented “the real corner of the soul”.Therefore, there has long been an intense feeling between music and Sorrento.Their bond inspired this fourth issue of Sorrento Style. The core of the magazine could not help but being dedicated to the great autumn event in Sorrento: the first international opera singing competition, taking place at the Correale Museum of Terranova from October 29th to 31st. The contest will offer participants the opportunity to perform before the audience of the Coast, but it will also be an occasion to appreciate the musical excellence in the city. It is the case of the three tenors Stefano Sorrentino, Francesco Fortes and Alessandro Fortunato, who are the protagonists of the Opera e Lirica festival, and of the luthiers Ernesto Scarpato and Gianfranco Schiavo, who are able to produce musical instruments that are real works of art. Moreover, in a place like Sorrento, each lane and each square overwhelms visitors with passion and reminds them of immortal notes and verses. For this reason, we are suggesting an urban trekking following in the footsteps of Lucio Dalla: from Tasso square to Marina Piccola, from Vittoria Hotel to Marina Grande, we will lead you through the places where the singer-songwriter loved to get his inspiration and perform before his friends. Among them, there is Paolo Esposito, the entrepreneur who was able to transform the “Caruso” restaurant in the largest museum in the world dedicated to the tenor: he is the protagonist of the “Sorrento Food” section. The fourth issue of Sorrento Style is completed by suggestions in terms of art and culture, shopping and monuments, in addition to the indispensable section dedicated to services information. Follow us in this full-immersion into the heart of Sorrento.

7


Da Brosnan a Jordan, tutti pazzi per Sorrento FROM BROSNAN TO JORDAN, EVERYONE'S FOND OF SORRENTO

S

tar della musica, campioni dello sport, volti noti del piccolo e del grande schermo: nessuno riesce a resistere al fascino di Sorrento e del resto della Costiera. E così per i turisti non è difficile, soprattutto durante l’estate, avvistare i propri beniamini mentre fanno shopping lungo le vie del centro, prendono la tintarella in spiaggia oppure gustano le prelibatezze della cucina locale in qualche ristorante. Anche quest’anno sono decine i vip che hanno scelto la penisola sorrentina come buen retiro, confermando una tendenza consolidata nel corso dei secoli. Qualche esempio? A bordo del Rising Sun, il panfilo dell’amico e produttore discografico David Geffen, Paul McCartney non ha perso l’occasione per raggiungere Marina del Cantone e concedersi una giornata all’insegna del sole, del mare e della buona tavola nel ristorante "Lo Scoglio". Se l’ex Beatles non rinuncia alle squisitezze della cucina locale, Michael Jordan non resiste al richiamo delle notti capresi e sorrentine. E così l’ex cestista dei Chicago Bulls, autentica icona dello sport mondiale, ha fatto tappa prima nelle taverne sull’isola azzurra e poi nel ristorante-museo "Caruso" di Sorrento. Nel corso degli ultimi anni, in Costiera sono stati paparazzati anche il regista Steven Spielberg, l'attore Pierce Brosnan, l’ex calciatore Ronaldo, la tennista Maria Sharapova e tanti altri divi, attirati dal clima ospitale e dall’atmosfera serena del luogo. Non bisogna dimenticare, d’altronde, che nel 2006 la star del pop Michael Jackson scelse Villa Savarese, a Sant’Agnello, per due giorni di totale relax: l’accoglienza ricevuta e l’interesse per le espressioni artistiche sorrentine, a cominciare dall’intarsio, lo spinsero ben presto a prolungare il suo soggiorno. Sarà per la straordinaria bellezza dei luoghi, per la consolidata cultura dell’accoglienza o per la variegata offerta turistica, ma sempre più personaggi del jet-set internazionale fanno tappa in Costiera. Allo stesso modo, nel Settecento, gli aristocratici impegnati nel Grand Tour non si lasciavano sfuggire l’opportunità di ammirare i panorami e respirare la cultura di Sorrento e dintorni: un feeling, quello tra la città e i suoi ospiti, capace di sfidare i secoli. 8

M

usic stars, sports champions, popular figures from TV shows and the cinema: nobody can resist the charm of Sorrento and its Coast. Consequently, tourists have no difficulty in spotting their idols shopping in the streets of the city centre, sunbathing on the beach or tasting the delicacies of local cuisine at a restaurant. This year, again, tens of VIPs have chosen the Sorrento peninsula for a brake, confirming the trend that has been consistent over centuries. Any examples? Paul McCartney did not miss the occasion to reach Marina del Cantone on board of the Rising Sun, the yacht of his friend and record producer David Geffen, to enjoy a sunny day at sea and the gourmet cuisine of «Lo Scoglio» restaurant. If the former member of The Beatles does not renounce to the delicious local cuisine, Michael Jordan cannot resist to the call of Capri and Sorrento nights. So, the former basketball player of the Chicago Bulls, a real icon of international sports, made a first stop at the inns of the blue island, and then at the «Caruso» museum-restaurant in Sorrento. Over the last few years, other famous people have been caught on camera by paparazzi on the Coast: the director Steven Spielberg, the actor Pierce Brosnan, the Brazilian former football player Ronaldo, the Russian tennis player Maria Sharapova and many other celebrities, attracted by the warm hospitality and serene atmosphere of the place. We cannot forget that the pop star Michael Jackson chose Villa Savarese, in the town of Sant’Agnello, in 2006, for two days of complete relaxation. The warm welcome he received and his interest in Sorrento's artistic expressions, especially inlaid woodwork, convinced him very soon to extend his stay. It may depend on the extraordinary beauty of the places, the long-established culture of hospitality, or the varied tourist offer, but ever more international jet-setters are planning a stay on the Sorrento Coast. Likewise, in the XVIII century, the aristocrats who had a Grand Tour did not miss the opportunity for admiring the panoramas and breathing the culture of Sorrento and nearby areas. After centuries of history, the bond between the city and its guests is still as strong as ever. Photo: Pierce Brosnan with the chef Antonio Cafiero


Intervista

s er w s n A d n a s on ti es u Q «Nella nostra città non vi annoierete mai» «You will never get bored in our city» Parla l'assessore comunale Massimo Coppola Municipal Councillor Massimo Coppola speaking

M

are cristallino, grandi eventi, strutture ricettive e ristoranti sempre al top: in questo 2018 Sorrento si presenta col suo abito migliore ai tanti ospiti che l’hanno scelta come meta delle vacanze. E per l’autunno e l’inverno è in programma una lunga serie di iniziative capaci di attirare turisti da ogni parte del mondo. Parola di Massimo Coppola, assessore comunale con delega al Marketing Territoriale e alle Attività Produttive. Sorrento e la Costiera sono sempre più spesso meta di vip e personaggi dello spettacolo: come lo spiega? «Lo dobbiamo alla presenza di hotel e strutture extralberghiere di eccellenza, quindi a una classe di imprenditori e lavoratori del settore dell’ospitalità capaci di offrire servizi di altissimo livello. Se a tutto ciò aggiungiamo le meraviglie del patrimonio naturale e culturale, non è difficile comprendere l’attenzione ricevuta da molti personaggi del jet-set». Che stagione turistica è, quella in corso, per Sorrento? «È l’anno del boom, con numeri da record. A fine 2018 avremo superato i tre milioni di presenze, con ospiti da ogni parte del mondo. L’offerta turistica, oltre a essere qualitativamente forte, è anche molto variegata e alla portata di tutti: Sorrento è meta di turismo di svago, culturale, enogastronomico. In più, si trova a breve distanza da Napoli,Vesuvio, Ercolano, Pompei, Capri, Ischia e costiera amalfitana. Insomma, qui non ci si annoia mai». Anche perché i grandi eventi non mancano… «Nei mesi scorsi abbiamo lanciato la Notte d’arte, kermesse capace di coniugare cultura e intrattenimento attraverso mostre, aperture straordinarie dei musei, presentazioni di libri, sfilate di moda, spettacoli musicali e cabaret fino a tardi: un successo senza precedenti con strade invase dai turisti, sold-out ovunque, famiglie e giovani divertiti. È su questa strada che intendiamo continuare, pur avendo in serbo nuove strategie». Quali? «Gli ottimi numeri fatti segnare finora dal movimento turistico in città possono essere ulteriormente migliorati attraverso la valorizzazione delle risorse culturali e dei percorsi naturalistici. Così, oltre a potenziare l’offerta ai vacanzieri, prolungheremo la stagione e distribuiremo attività e presenze turistiche su tutto il territorio. Sorrento ha monumenti, colline e sentieri straordinari: un patrimonio da valorizzare». Che cosa aspetta i turisti attesi in città in autunno e in inverno? «Abbiamo definito un ampio cartellone che comprende Giornate professionali di cinema, mostre di artigianato, street food, eventi natalizi: iniziative capaci di rendere piacevole il soggiorno dei turisti che si sentiranno a casa, come nella migliore tradizione dell’ospitalità sorrentina».

C

rystal clear sea, great events, top hospitality facilities and restaurants: in 2018, Sorrento shows its best groove to the large number of guests who chose it as their holiday destination. A long series of initiatives is scheduled for autumn, and it is going to attract tourists from all over the world, as assured by Massimo Coppola, the member of the City Council who is in charge of Marketing for the Territory. Sorrento and the Coast are ever more frequently chosen as holiday destinations by VIPs and showbusiness professionals. How would you explain it? «It is due to the presence of excellence-level hotels and other hospitality facilities, so, in turn, it depends on a class of entrepreneurs and workers in the hospitality industry who are able to offer top-quality services. If we add all this to the wonders of the natural and cultural heritage, it is no surprise that it catches the attention of many jet-setters.» What kind of tourist season is the current one for Sorrento? «It is a booming year, with record figures. At the end of 2018 we will have received over three million visitors from all around the world. The tourist offer is not only characterized by high quality, but it is also greatly varied and reachable. Sorrento is a destination of leisure, cultural and food & wine tourism. Moreover, it is very close to Naples, the Vesuvius, Ercolano, Pompeii, Capri, Ischia and the Amalfi coast. Definitely, you never get bored here.» Also because great events are not missing... «Over the last few months, we launched the Arts Night, a kermesse that is able to combine culture and entertainment through exhibitions, extraordinary openings of museums, books presentations, fashion shows, music and cabaret shows until late at night: an unprecedented success, with streets crowded by tourists, all events sold out, entertained families and youths. We want to keep going in the same direction, although we are also planning new strategies». What kind of new strategies? «The great numbers achieved by tourism in the city up to now can be further increased by promoting the value of cultural resources and natural routes. In this way, in addition to increasing the offer for holidaymakers, we are going to extend the season, spread activities and raise the number of tourists around the whole area. Sorrento has churches, hills and extraordinary paths: the heritage must be promoted.» What will be awaiting the tourists coming to the city in autumn and winter? «We have defined a large schedule including Cinema meetings, craftsmanship exhibitions, street food and Christmas events. The initiatives will be able to delight tourists during their stay, making them feel at home, as prescribed by the best tradition of Sorrento's hospitality.» 9


CUCINA CASAREC CIA PIZZERIA ROSTIC CERIA SNACK BAR PA N I N O T E C A SERVICE BEACH

L'ANGOLO DEL MARE DA CAPUOZZO dal 1890

Via Marina di Puolo, 14 80061 – Massa Lubrense (NA) – Italy Tel: +39 081 5338022 | 081 8074234 ristorantecapuozzo@gmail.com www.ristorantecapuozzo.com SERVICE BEACH

BOOK ON

c e


Music Experience

I Tre Tenori The Three Tenors

Calendario Concerti 2O18 Events Calendar 2018

L'intervista Interview Sorrento, Museo Correale


The Three Tenors Opera Arias, Naples and Songs Avete mai seguito un concerto in una villa settecentesca? Avete mai sentito le voci di tre straordinari tenori risuonare tra dipinti, porcellane e reperti archeologici? Avete mai intrapreso un viaggio nella musica italiana e napoletana partendo da una delle località più affascinanti del Bel Paese? Se non avete mai provato queste emozioni, non vi resta che assistere alla performance di Francesco Fortes, Alessandro Fortunato e Stefano Sorrentino nelle sale del Museo Correale. Accompagnati da archi e pianoforte, i Tre Tenori vi regaleranno un’eccezionale interpretazione di capolavori come “’O sole mio”, “Torna a Surriento” e “Nel blu dipinto di blu”: un’esibizione piena di emozioni, romanticismo e momenti divertenti. Have you ever been to a concert in a XVIII century villa? Have you ever listened to the voices of three extraordinary tenors resounding among paintings, porcelains and archaeological finds? Have you ever had a journey through Italian and Neapolitan music, starting from one of the most charming locations of the ‘Bel Paese’? If you have never experienced these emotions, you just have to listen to the performance of Francesco Fortes, Alessandro Fortunato and Stefano Sorrentino in the halls of the Correale Museum. Accompanied by the strings and piano, the Three Tenors will offer you a superb interpretation of masterpieces like “‘O Sole Mio”, “Torna a Surriento” and “Nel Blu Dipinto Di Blu”: a performance packed with emotions, romanticism and hilarious moments. Photos: Barbara Gallozzi

12

Tenors: Stefano Sorrentino, Francesco Fortes, Alessandro Fortunato


Calendario concerti 2O18 Settembre/Ottobre Events Calendar 2O18 - September/October The Three Tenors

Programma/Programme P. Mascagni Cavalleria Rusticana - Intermezzo A. Lara Granada G. Verdi Rigoletto - La donna è mobile G. Puccini Tosca - E lucevan le stelle J. Massenet Thais - Meditation G. Donizetti L’elisir d’amore - Una furtiva lagrima R. Leoncavallo Pagliacci - Recitar...vesti la giubba! G. Puccini Turandot - Nessun dorma G. Verdi La Traviata - Libiam nei lieti calici *** R. Carosone Medley canzoni napoletane V. D'Annibale 'O paese d' 'o sole E. Di Capua Maria marì E. Cannio 'O surdato nnammurato E. Di Capua 'O sole mio D. Modugno Nel blu dipinto di blu A. Bocelli Con te partirò L. Dalla Caruso E. De Curtis Torna a Surriento L. Denza Funiculì Funiculà Settembre•September 2018 1-4-5-8-11-12-15-18-19-22-25-26-29 / Ottobre•October 2018 2-3-6-9-10-13-16-17-20-23-24-27

Tenor Francesco Fortes Tenor Alessandro Fortunato Tenor Stefano Sorrentino Pianist Ivan Antonio Violin Andrea Montella Cello Norma Ciervo BIGLIETTI EXCLUSIVE (PRIMA FILA) € 70 - VIP (2°-3°-4° FILA) € 60 A (POSTI CENTRALI) € 50 - B (ULTIME FILE) € 40

MUSEO CORREALE DI TERRANOVA - CORREALE MUSEUM Via Correale, 50 Sorrento

h 21.00 - h 9.00 pm

TICKETS EXCLUSIVE (FIRST ROW) € 70 - VIP ( 2°-3°-4° ROW) € 60 A (CENTRAL SEATS) € 50 - B (BACK SEATS) € 40

TICKET POINT MUSEO CORREALE APERTO DAL MARTEDÌ AL SABATO DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 17.00 CORREALE MUSEUM TICKET POINT OPENING HOURS: TUESDAY TO SATURDAY FROM 10 AM TO 5 PM

INFO & BOOKING www.opera-lirica.com info@operaelirica.com

13


PROFILE

Talento, passione e spontaneità

D

Talent, passion and spontaneity

ispensano emozioni interpretando i maggiori successi della musica napoletana e italiana, incantano con le loro straordinarie performance vocali, rapiscono con la loro genuinità tipicamente meridionale. Stefano Sorrentino, Francesco Fortes e Alessandro Fortunato sono ormai stelle di prima grandezza nel panorama artistico nazionale e, soprattutto, i tre tenori protagonisti dello spettacolo più amato dal pubblico del Museo Correale. Quella di Sorrentino, Fortes e Fortunato è la storia di tre interpreti avvicinatisi al canto sin da bambini: Stefano, talento scoperto dallo zio, direttore della corale del santuario della Madonna dell’Arco, mentre intonava i canti liturgici durante le messa; Francesco, sostenuto dalla madre, appassionata di musica, nello studio della chitarra, della batteria e poi della lirica; Alessandro, enfant prodige del pianoforte avvicinatosi all’opera dopo aver ereditato alcuni antichi spartiti. Episodi che hanno dato il la – è il caso di dirlo – a una carriera scandita dalle esibizioni nei più prestigiosi teatri italiani e poi coronata dal successo raggiunto con Opera e Lirica. Dal 2015 a oggi le esibizioni dei tre tenori nel Museo Correale fanno registrare sistematicamente il tutto esaurito. Il segreto del trionfo? Non solo le performance vocali e la capacità di coinvolgere gli spettatori, ma soprattutto l’estro e la passione tipici dei napoletani: «Prima ancora che artisti – raccontano Sorrentino, Fortes e Fortunato – siamo ragazzi semplici che adorano il contatto col pubblico. Ed è proprio questa la nostra forza». La spontaneità di Stefano, Francesco e Alessandro li porta spesso a stravolgere la scaletta degli spettacoli. Un esempio? In occasione di un concerto, essendo presente in sala uno spettatore che aveva scelto Sorrento per rivolgere la proposta di matrimonio alla fidanzata, i tre tenori hanno improvvisato una serenata che ha commosso la giovane ragazza. In un’altra circostanza Sorrentino, Fortes e Fortunato sono comparsi in un videomessaggio che uno spettatore statunitense ha voluto inviare al padre, appassionato di musica. Ecco perché alcuni turisti tornano ogni anno a Sorrento per assistere alle esibizioni dei tre tenori. «Ogni concerto è un’occasione per promuovere la cultura e il calore umano della nostra terra – concludono Stefano, Francesco e Alessandro – Uno scambio continuo di emozioni del quale non potremmo fare a meno».

14

T

hey share emotions, by interpreting the most successful pieces of Neapolitan and Italian music. They enchant with their extraordinary vocal performances. They captivate with their genuine Southern character. Stefano Sorrentino, Francesco Fortes and Alessandro Fortunato are now shining as great stars among the highest rank of national artists and, above all, they are the three protagonists of the most highly appreciated show by the audience of the Correale Museum.The story of Sorrentino, Fortes and Fortunato is the life of three interpreters who have dedicated themselves to singing since they were children. Stefano’s talent was discovered by his uncle – who was the choir conductor at the sanctuary of Our Lady of the Arch – while he was tuning the liturgical songs during the Mass. Francesco was encouraged by his mother - who was passionate about music - to learn how to play the guitar, the drums and then opera singing. Alessandro was an infant prodigy at the piano, and he started to dedicate himself to singing after inheriting some ancient opera scores. Such events literally called the tune in a career paced by performances in the most prestigious Italian theatres, culminating in the success achieved with Opera e Lirica. Since 2015, tickets for the three tenors performances at the Correale Museum have consistently sold out. The secret of triumph? Not only the vocal performance and the ability to involve the audience, but, above all, the inspiration and passion that are typically Neapolitan: «Apart from being artists – as Sorrentino, Fortes and Fortunato say – we are simple young men that adore the relationship with the audience. This is our strength.» The spontaneity of Stefano, Francesco and Alessandro often leads them to revolutionize the shows programme. An example? During a concert, since a man from the audience had chosen Sorrento to propose to his girlfriend, the three tenors improvised a serenade that moved the young lady. On another occasion, Sorrentino, Fortes and Fortunato appeared in a video message that an American man from the audience wanted to send his father, who was fond of music.That is why some tourists come back to Sorrento every year to attend the three tenors performances. «Each concert is an opportunity to promote the culture and warmth of our land - Stefano, Francesco and Alessandro conclude – It means constantly sharing emotions, and we cannot go without it.»


SORRENTO Life

TOP ATTRACTIONS

Il concorso lirico Opera contest p.16

L'intervista Interview p. 17

I liutai Luthiers p. 19

L’escursione Excursion p. 20

Il libro Book p. 22


t r e c n o C la a G n a Gr

I CONCORSO INTERNAZIONALE

DI CANTO LIRICO

31 Ottobre 2018

CITTA' DI SORRENTO

29-30-31 Ottobre 2018 MUSEO CORREALE DI TERRANOVA Via Correale, 50 - Sorrento Photos: Campagna #DGMillennials

Un palco d'eccezione per i talenti della lirica A N E X C E P T I O N A L S TA G E F O R O P E R A TA L E N T S

L

a trepidazione di chi si appresta a esibirsi per la prima volta davanti al grande pubblico e a una prestigiosa giuria. L’entusiasmo di chi interpreta opere immortali in un luogo carico di storia e di cultura. L’emozione che solo il canto e le note del pianoforte sono in grado di trasmettere. Ecco le sensazioni che attendono i partecipanti al primo concorso internazionale di canto lirico, in programma nel Museo Correale di Terranova dal 29 al 31 ottobre. Organizzata dalla società Opera e Lirica col patrocinio del Comune, la competizione è il grande evento dell’autunno in Costiera: una kermesse che consentirà ai cultori del canto lirico di cimentarsi in quest’arte che ha avuto interpreti del calibro di Enrico Caruso, tenore profondamente legato a Sorrento. Siete pronti a ripercorre le orme di Luciano Pavarotti o di Maria Callas? Allora non vi resta che iscrivervi al concorso entro il 15 ottobre, inviando all’indirizzo direzioneartistica@opera-lirica.com una mail nella quale dovrete indicare quattro brani del repertorio lirico che desiderate interpretare. Accompagnati dal pianista messo a disposizione dagli organizzatori, sarete chiamati a sostenere la prima prova il 29 o il 30 ottobre interpretando due dei quattro brani precedentemente indicati; poi l’esibizione finale, prevista per il 31, durante la quale vi cimenterete nelle arie non ancora eseguite. A decretare il vincitore sarà la giuria composta dal soprano Norma Fantini, dal direttore d’orchestra Nicola Hanslik Samale, dall’artist manager Antonio Desiderio e da Giuseppina Cuccaro, fondatrice e numero uno di Opera e Lirica. Per i primi tre classificati sono in palio premi rispettivamente da mille, 700 e 400 euro. Oltre, ovviamente, alla possibilità di esibirsi davanti al pubblico del Museo Correale il 31 ottobre alle 21, durante l’attesissimo concerto dei vincitori: un gran galà di arie d'opera i cui incassi finanzieranno il restauro di opere custodite nella Casa dell’arte sorrentina. 16

T

he anticipation of those who are getting prepared to perform before a large audience and a prestigious panel for the first time.The enthusiasm of those who interpret timeless operas in a place that is rich in history and culture. The emotion that only singing and the notes of the piano are able to convey. These are the feelings awaiting participants at the first international opera singing competition, which will take place at the Correale Museum of Terranova from October 29th to 31st. The competition, organized by the Opera e Lirica company and sponsored by the Municipality, is the great Autumn event on the Sorrento Coast: a festival that will allow opera singing devotees to test themselves in the art of great interpreters such as Enrico Caruso, a tenor who had a deep bond with Sorrento. Are you ready to follow in the footsteps of Luciano Pavarotti or Maria Callas? If so, you just have to apply for the competition by October 15th, by sending an email to direzioneartistica@opera-lirica.com indicating four pieces that you would like to perform, from the opera arias repertoire. Accompanied by the pianist made available by the organizers, you will be called to take part in the first round of performances on October 29th or 30th, by interpreting two out of the four pieces previously indicated. Then, during the final performance scheduled on Oct. 31St, the interpreters shall test their skills with the arias that they have not performed yet. The winner will be chosen by the panel of judges composed by the soprano Norma Fantini, the conductor Nicola Hanslik Samale, the artist manager Antonio Desiderio, and Giuseppina Cuccaro, Opera e Lirica founder and CEO. The three top-ranked singers will be awarded a €1000, €700 and €400 prize respectively. Moreover, they will obviously be given the opportunity to perform before the audience of the Correale Museum of Terranova on October 31st at 9 pm, during the much-anticipated Concert of the Winners: a great gala of opera arias.The money collected from the tickets of the gala soirée will finance the restoration of works kept in the House of Arts in Sorrento.


Intervista

Questions and Answers «Il Museo Correale si apre alla grande musica» «The Correale Museum opens its doors to great music» A tu per tu col direttore Filippo Merola Face to face with the director Filippo Merola

U

na struttura capace di esaltare la continuità fra i tesori che vi sono conservati e le innumerevoli espressioni artistiche che lo circondano. Ecco il frutto dell’impegno di Filippo Merola, direttore del Museo Correale dal 2002. Ora, a fare della Casa dell’arte sorrentina un centro di interpretazione del patrimonio culturale locale, contribuiscono anche i concerti e il concorso internazionale promossi da Opera e Lirica. Perché il Museo Correale si è aperto alla grande musica? «Promuovere la cultura musicale e avvicinare il pubblico ai siti paesaggistici e culturali sono gli scopi perseguiti dal consiglio di amministrazione e dalla direzione del Museo. Puntiamo decisamente su concerti e concorso: le arti visive e la musica definiscono le identità culturali, oltre a fare da ponte tra diverse culture e generazioni». Quale tipo di esperienza attende i visitatori? «Il Museo Correale è un’eccellenza che, per non smarrire la propria funzione di divulgazione storica e culturale, deve sempre dialogare col pubblico. Concerti, conferenze, matrimoni e mostre vanno proprio in questa direzione. Da tempo, inoltre, nei locali del Museo è stato avviato il restauro di alcune opere: ciò suscita curiosità in visitatori e studiosi che possono seguire da vicino le varie fasi del lavoro». Vi sono opere d’arte collegate alla sfera musicale? «Nella vetrina dedicata alla Real Fabbrica di Ferdinando IV spiccano porcellane sulle quali sono raffigurati alcuni musicisti. Interessante il “Centauro Chirone e Pan con flauto”, statuetta realizzata da Filippo Tagliolini. Nella vetrina con le porcellane di Meissen sono presenti altre statuette: “Puttino con liuto”, “Pastorello con zufolo”, “Pastorello con ciaramella”, “Statuetta con contrabbasso”. Una donazione ha poi arricchito il Museo di un fortepiano, antenato del pianoforte, costruito dopo il 1862». Lei è direttore da 16 anni: qual è la sua strategia? «Abbiamo coinvolto molti studenti e laureandi attraverso tirocini e stage: ciò è indispensabile affinché il Museo diventi presidio di tutela attiva, assumendo la responsabilità non solo delle collezioni che vi sono custodite ma anche del patrimonio culturale locale». Quali sono i suoi prossimi obiettivi? «Bisogna puntare su conservazione, atto finale della tutela del patrimonio, e comunicazione, vera “anima” della valorizzazione. Per poter esercitare la propria missione, il Museo deve continuare a interagire con la comunità: la sfida per chi gestisce il patrimonio culturale consiste nel rimarcarne la valenza di bene pubblico, segno di un gruppo che ne condivide i significati».

A

structure that is able to highlight the continuum between the treasures that it keeps and the multiple artistic expressions surrounding it. This is the noble result of Filippo Merola’s work as director of the Correale Museum of Terranova since 2002. Now the “house of Sorrento's art” is a centre of interpretation of local cultural heritage, also thanks to the contribution of the concerts and international competition promoted by Opera e Lirica. Why has the Correale Museum opened to great music? «Promoting music culture and bringing the public closer to heritage sites are the objectives included in the agenda of the Museum's Board of Directors.We are definitely focusing on the concerts and opera singing competition: visual arts and music define cultural identities and bridge gaps between different cultures and generations.» What kind of experience awaits visitors? «The Correale Museum means excellence, and - to preserve its function of sharing history and culture - it must always communicate with the public. Concerts, conferences, weddings and exhibitions are in line with this goal. Moreover, it has been long time since the staff first started to work on the restoration of some artworks at the Museum's premises.The process awakens the curiosity of visitors and scholars, who can follow the various work phases from very close.» Are there any works of art that are connected with music? «The showcase dedicated to the Royal Factory of Ferdinand IV remarkably contains porcelains where some musicians are portrayed. An interesting statuette is the “Centaur Chiron and Pan with flute” by Filippo Tagliolini. The showcase with Meissen’s porcelains also contains other statuettes: “Cherub with lute”, “Shepherd with zuffolo”, “Shepherd with shawm”, and “Statuette with double bass.” A donation later enriched the Museum with a fortepiano - the ancestor of the piano - built after 1862». You have been the director for 16 years.What is your strategy? «We have involved many students and graduates through internships and traineeships: it is necessary for the Museum to become a place of active preservation, taking on the responsibility not only for the collections that are kept in it, but also for local cultural heritage.» What are your next goals? «We need to aim at conservation, which is the final act of heritage protection, and at communication, which is the real “soul” of enhancement. To accomplish its mission, the Museum must keep interacting with the community. The challenge for those who manage cultural heritage is to highlight its value as a public asset and symbol of a group who shares its meaning.» 17


ADRIANO CARRINO PHOTOS

V

ADRIANO CARRINO (@ADRYESS)


L'arte di costruire la musica THE ART OF BUILDING MUSIC

D

efinirli artigiani sarebbe riduttivo. Perché liutai del calibro di Ernesto Scarpato e Gianfranco Schiavo sono custodi di un’antichissima tradizione artistica e culturale che sopravvive solo in Costiera e in poche altre località italiane. È dalle loro mani, in quelle botteghe incastonate come gemme nei vicoli del centro storico di Sorrento e della vicina Sant’Agnello, che prendono forma mandolini, chitarre e violini suonati con successo dai musicisti di mezzo mondo. Scarpato è liutaio per passione. «Pagherei per fare questo mestiere», dice mentre ci accoglie nel suo laboratorio tra riproduzioni di strumenti settecenteschi, litografie antiche e preziosi oggetti in legno intarsiato. Da anni realizza mandolini e chitarre vivendo in simbiosi con i musicisti: «Devono emettere un suono equilibrato ed essere maneggevoli, rispondendo alle esigenze degli artisti». Per centrare quest’obiettivo Scarpato segue tecniche risalenti addirittura al Seicento. Prima realizza il manico, poi si dedica al guscio sul quale incolla successivamente il piano armonico, infine inserisce la tastiera e rifinisce lo strumento inserendo le corde e verniciandolo. La scelta dei materiali non è affatto casuale: acero dei Balcani per il guscio del mandolino o per la cassa armonica della chitarra, abete austriaco per il piano armonico, vernici naturali. Solo così si ottengono strumenti capaci di emettere il suono che, nel corso dei secoli, ha sancito il trionfo della tradizione musicale napoletana. Schiavo, invece, è specializzato nella produzione di strumenti ad arco. Un esempio? Viole, violini e violoncelli che il liutaio progetta e costruisce secondo tecniche risalenti a 300 anni fa. «Mi sono avvicinato a quest’arte spinto dalla triplice passione per musica, legno e lavoro manuale», racconta il maestro che si è formato nella Civica Scuola di Liuteria di Milano e che, nel 2017, ha plasmato il kemelino: un nuovo strumento a metà strada tra un kemenche del Mar Nero, di cui conserva la cassa, e un violino classico, al quale sono ispirati manico, mentoniera e diapason. Segno di una fantasia e di un’abilità capaci di coniugare culture apparentemente lontane tra loro in nome della grande musica.

D

efining them as artisans is diminishing. Master luthiers as Ernesto Scarpato and Gianfranco Schiavo preserve an ancient artistic tradition on the Coast and in few other Italian places. In workshops nestled in the old town lanes of Sorrento and Sant'Agnello, they craft mandolins, guitars and violins that successful musicians play worldwide. Scarpato is a luthier driven by passion. «I would pay to do this job», he says, welcoming us to his workshop among reproductions of 18th cent. instruments, old litographs and precious inlaid wood. He has made mandolins and guitars for years, living in symbiosis with musicians: «They must produce a balanced sound and be easy to handle, to suit artists.» For that purpose, Scarpato uses techniques dating from the 17th cent. He firstly crafts the neck, then the shell, then he glues the sound board, and finally inserts

the fretboard, finishing the instrument with strings and paint. The material chosen is not casual: Balkan maple for the mandolin shell and guitar sound box, Austrian spruce for the soundboard, and natural paint. It is the only way to make instruments that are able produce the sound that has marked the triumph of Neapolitan music tradition. Schiavo is specialised in strings, designing violas, violins and cellos using 18th cent. techniques. «I chose this art to follow my three passions: music, wood and crafts» he says. He studied at the City School of Luthiers in Milan and, in 2017, he created the new instrument kemelino, from the fusion of a kemenche of the Black Sea, for the sound box, and a classic violin, for the neck, chin rest and pitch. It shows fantasy and skills that are able to unite distant cultures in the name of music. Photos: Gianfranco Capodilupo

19


G I TA F U O R I P O R TA - A D AY T R I P

Walking Tour

Luoghi e memorie di Lucio Dalla

N

ato a Bologna, con una gioventù trascorsa in giro per l’Italia. Eppure è a Sorrento che Lucio Dalla è riuscito a legare indissolubilmente il proprio nome. Merito degli amici che l’hanno accompagnato durante le sue “incursioni” in Costiera, delle atmosfere da cui ha tratto ispirazione e di quel capolavoro, "Caruso", composto proprio durante un soggiorno in città. Non c’è da meravigliarsi, dunque, se tante località di Sorrento riportano la mente a episodi che hanno avuto per protagonista il cantautore scomparso a marzo 2012. Ecco perché, per questo numero di Sorrento Style dedicato alla musica, vi proponiamo un urban trekking sulle tracce di Dalla. Partenza da Piazza Tasso, palcoscenico dove nacque il rapporto di Lucio con Sorrento. Qui, nel 1963, i fratelli Jannuzzi aprirono il Fauno Notte Club. L’anno successivo, nel primo locale notturno della città si esibì la band dei Flippers di cui faceva parte Dalla. Aveva 21 anni, ma subito incantò il pubblico con lo “scat jazz”, cantando in un “inglese che non era inglese”, poiché di quella lingua non conosceva una parola: un episodio rimasto nel cuore dei sorrentini. Dal Piazza Tasso a Marina Piccola e al bar “La Scogliera”, dove Dalla si intratteneva con Angelo Leonelli e altri amici sorrentini di ritorno dalle lunghe giornate in barca. Forte era il legame tra Lucio e la Madonna del Soccorso, protettrice del borgo venerata in una suggestiva cappella eretta nel 1831. Altrettanto viscerale era il rapporto tra il cantautore e Marina Grande: Dalla amava il mare e il gozzo, barca tipica dei pescatori locali, partecipava alla tradizionale festa di Sant’Anna e non disdegnava una visita ai cantieri navali Aprea. Ma è nel centro di Sorrento che Dalla partorì il suo capolavoro. Nella suite del Grand Hotel Excelsior Vittoria, dove il tenore Enrico Caruso aveva soggiornato nel 1921, il cantautore trasse ispirazione per comporre quelle note immortali. In seguito Dalla si trasferì, ospite dell’amico Giovanni Russo, al Sorrento Palace, dove completò «Caruso». I primi ad ascoltarla furono gli amici sorrentini di Lucio durante un happening nel Blumare Club: da lì cominciò il cammino nel mondo di un grande classico della musica italiana.

20 40 38

I CONSIGLI DEL TREKKER Appassionato del territorio e della sua storia, Nino Aversa è guida ambientale professionista Aigae (Associazione italiana guide ambientali ed escursionistiche). La sua mission? Far conoscere luoghi, storia e tradizioni della penisola sorrentina: un impegno che lo ha portato a organizzare migliaia di escursioni per i turisti, oltre che per i residenti e gli allievi delle scuole di ogni ordine e grado. Per contattarlo basta visitare il sito www.sorrentohiking.com, telefonare al numero +393341161642 oppure utilizzare i social network: Instagram (nino. aversa) e Facebook (Nino Aversa guida escursionistica). Foto in basso - Bottom Photo: Lucio Dalla Foto a destra - Photos on the right: Marina Piccola, Enrico Caruso, Piazza Tasso


Lucio Dalla's places and memories

H

e was born in Bologna, and he spent his youth all around Italy. Lucio Dalla's name, however, is indissolubly linked to Sorrento. Credit goes to the friends who accompanied him during his “incursions” into the Coast, whose atmosphere inspired him, and to «Caruso», the masterpiece that he composed during his stay in the city. Therefore, it is no wonder that many locations in Sorrento remind visitors of episodes of the singersongwriter's life, ended in 2012. That is why, in this issue of Sorrento Style dedicated to music, we suggest you an urban trekking following in Dalla's footsteps. The starting point is Tasso square, the stage where the relationship between Lucio and Sorrento was established. Here, in 1963, the Jannuzzi brothers opened the Fauno Notte Club. The following year, the first club in the city hosted the performance of the Flippers band, of which Dalla was a member. He was 21 years old, but he immediately enchanted the audience with “scat jazz”, singing in “a kind of English that was not English at all”, because he did not know a single word of that language. The episode is still among the cherished memories of Sorrento inhabitants. From Tasso square to Marina Piccola and to “La Scogliera” bar, where Dalla used to pass the time with Angelo Leonelli and other friends from Sorrento, after one-day-long sailing trips. There was a strong bond between Lucio and Our Lady of Succour, the protector of the old town centre, who is worshipped in an impressive and evocative chapel erected in 1831. There was also a very deep bond between the singer-songwriter and Marina Grande: Dalla loved the sea and the gozzo, the typical boat of local fishermen. He used to take part in the traditional celebrations of Saint Anne and he did not disregard visiting the Aprea shipyards. However, the centre of Sorrento was the place where Dalla created his masterpiece. The suite of the Grand Hotel Excelsior Vittoria, where the tenor Enrico Caruso had stayed in 1921, inspired the songwriter to compose those immortal notes. Afterwards, Dalla moved to the Sorrento Palace, where he was hosted by his friend Giovanni Russo, and where he completed «Caruso». The first ones to listen to it where Lucio's friends from Sorrento, during a happening at the Blumare Club: there, a great classic of Italian music started its tour around the world. TREKKER’S HINTS

Nino Aversa has a passion for his territory and history. He is a professional environmental guide, member of Aigae (Italian Association of Environmental and Walking Guides). His mission? Spreading the knowledge of places, history and traditions of the Sorrento Peninsula. His commitment led him to organize thousands of excursions for tourists, residents and students from all schools and grades.You can contact him by visiting the website www.sorrentohiking.com, by calling the telephone number +393341161642, or through social networks: Instagram (nino.aversa) and Facebook (Nino Aversa guida escursionistica). 21


LIBRI - BOOKS

Read and Relax LA TERRA DELLE SIRENE

Title: LA TERRA DELLE SIRENE (a cura di Domenico Viggiani) Writer: NORMAN DOUGLAS Publisher: LA CONCHIGLIA (CAPRI) Pages: 335 Year: 2002

Non una semplice descrizione di luoghi e costumi, ma un viaggio alla scoperta dei sentimenti puri, delle virtù primordiali e dell’innata vocazione all’accoglienza che contraddistingue gli abitanti di Sorrento e dintorni: caratteristiche che hanno fatto del libro «La Terra delle Sirene», scritto nel 1911 da Norman Douglas, uno dei capolavori della letteratura mondiale. Merito del profondo legame che l’autore britannico instaurò con la città di Napoli, l’isola di Capri, la costiera amalfitana e la penisola sorrentina. Fu proprio qui, nella meravigliosa Casa Silentium, che Douglas cominciò la stesura del suo libro nel 1908. Rapito dalla natura e dal clima, dalla cultura e dal mito, lo scrittore passò in rassegna le alture di Sorrento, il fiordo di Crapolla, la collina di Santa Maria della Neve e il promontorio di Minerva, senza dimenticare Capri e le isole delle sirene. Di quelle suggestive atmosfere, di quei luoghi incantevoli e delle gente semplice che vi abitava, Douglas seppe cogliere il senso più profondo: «la possibilità della sopportazione e del sorriso» e «il disprezzo per tutto ciò che è falsa filosofia», come Giuseppe Viggiani sottolinea nell’introduzione alla versione italiana dell’opera.

SIREN LAND Not only is it a simple description of places and customs, but also a journey to discover pure feelings, primordial virtues and the innate vocation for hospitality that characterizes the inhabitants of Sorrento and nearby areas. Those characteristics made the book «Siren Land», written in 1911 by Norman Douglas, one of the masterpieces of international literature. Credit goes to the deep bond that the British author had with the city of Naples, the isle of Capri, the Amalfi coast and the Sorrento peninsula. Right here, in the beautiful Silentium House, Douglas started to write his book in 1908.The author was captivated by the land's nature and climate, culture and myth, as he explored the hills of Sorrento, the cliff of Crapolla, the hill of Saint Mary of the Snow, and the Minerva promontory, without forgetting Capri and the siren isles. Douglas was able to capture the deepest meaning of those evocative atmospheres, of those enchanting places and the simple people inhabiting them: «the ability to endure hardships with a smile» and «disdain for any false philosophy», as Giuseppe Viggiani pointed out in his introduction to the Italian version of this work.

WWW.GAVIEN.COM 22

cl


SORRENTO Food

L’intervista Interview p. 24

La ricetta Recipe p. 26


Intervista Questions and Answers

PROFILE

«Benvenuti nel mio ristorante-museo» «Welcome to my museum-restaurant» Paolo Esposito, titolare del "Caruso" Paolo Esposito, owner of the "Caruso"

A

ll’anagrafe è Paolo Esposito. A Sorrento e nel resto del mondo, però, tutti lo conoscono come Paolo del “Caruso”. È lui l’anima del ristorantemuseo a pochi passi da piazza Tasso e piazza Sant’Antonino: un locale fuori dal comune, nel quale trovano posto grammofoni, dischi, fotografie, locandine, lettere, ritagli di giornale, assegni, caricature e documenti inediti riguardanti il grande tenore napoletano Enrico Caruso. Ed è proprio qui che Paolo ci accoglie per descriverci il percorso che l’ha fatto diventare l’amico, oltre che il ristoratore di fiducia, di migliaia di personaggi famosi. Come nasce il ristorante “Caruso”? «Da una mia ambizione: quella di raggiungere vette sempre più elevate nella ristorazione. Tra il 1976 e il 1982 gestivo il locale di un americano, dopodiché decisi di aprire un nuovo ristorante: si chiamava “La lanterna”, si trovava nel cuore del centro storico e vantava una clientela di altissimo livello. Eppure non mi bastava, volevo puntare più in alto. Così rilevai il locale che avevo gestito fino al 1982. A suggerirmi il nome fu il mio amico Lucio Dalla, habitué de “La lanterna”, che aveva appena . inciso “Caruso”: perciò il ristorante porta questo nome». I riscontri furono immediati? «Pochi giorni dopo l’apertura, per cenare al “Caruso” bisognava prenotare con un mese di anticipo. Ai tavoli era facile vedere clienti del calibro di Luciano Pavarotti, Dustin Hoffman, Diego Armando Maradona, sceicchi arabi, così come poche settimane fa abbiamo ospitato Michael Jordan. Merito non solo del legame col tenore, ma soprattutto di una cucina tradizionale e, nello stesso tempo, aperta all’innovazione e alla sperimentazione. Con i suoi scialatielli, i suoi ravioli con granchi e zucchine e le sue caramelle di pasta ripiene di gamberi con salsa di peperoni, lo chef Antonio Cosentino fece sì che il locale prendesse il volo». 24

A

t the Registry Office, his name is Paolo Esposito. In Sorrento and around the world, however, everybody knows him as Paolo from the “Caruso”. He is the soul of the museum-restaurant located a few steps away from Tasso Square and Saint Antoninus Square. It is a unique location where guests can find gramophones, records, photos, posters, letters, newspaper pages, cheques, caricatures and unpublished documents pertaining to the great Neapolitan tenor Enrico Caruso. Right here, Paolo welcomes us to describe how he became a friend of thousands of celebrities, apart from being their trustworthy restaurateur. How was the “Caruso” restaurant created? «It sprang from an ambition I had: the desire to achieve ever higher goals in the field of catering. From 1976 to 1982, I managed an American's place, then I decided to open a new restaurant: it was called “La lanterna”. It was located in the historical town centre and it proudly received highest-level clients. In spite of this, it was not enough for me. I wanted to get higher. Therefore, I took over the restaurant that I had managed until 1982. The name was suggested by my friend Lucio Dalla, who was a regular customer at “La lanterna”, as he had just recorded “Caruso”: that is why the restaurant has its name.» Was it an immediate success? «Few days after the opening, clients needed to reserve a table a month in advance, to have dinner at “Caruso”. Among the tables, it was easy to see clients as famous as Luciano Pavarotti, Dustin Hoffman, Diego Armando Maradona, and Arab sheiks. Few weeks ago we hosted Michael Jordan. The Credit goes not only to the connection with the tenor, but, above all, to tradional cuisine and, at the same time, an opening to innovation and experimentation. With his fresh scialatielli pasta, his crab and zucchini ravioli, and his pasta candies filled with prawns in sweet pepper sauce, the chef Antonio Cosentino made the restaurant rise in popularity.»


Perché il “Caruso” è un ristorante-museo? «È un’idea partorita insieme a Guido D’Onofrio, il massimo studioso di Caruso. Per anni abbiamo chiesto un luogo pubblico in cui esporre quadri, spartiti, dischi e altri oggetti appartenuti al tenore. Alla fine abbiamo deciso di collocare il museo all’interno del mio ristorante. Così è nato il più grande museo al mondo dedicato a Caruso per numero di cimeli: chiunque può visitarlo gratuitamente dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18, mentre il ristorante è aperto ininterrottamente dalle 10 a mezzanotte». Che tipo di cucina propone agli ospiti? «È una cucina tradizionale napoletana, spesso rivisitata ma sempre legata alla stagionalità dei prodotti che, in gran parte, arrivano dalla mia tenuta sulle colline di Sorrento. I piatti ideati dallo chef Giuseppe Aprea sono molto apprezzati. A cominciare dalle farfalle con frutti di mare, peperoncino verde di fiume e pomodorini, per finire con pappardelle con capesante, scuncilli e pomodorini. Senza dimenticare le prelibatezze preparate dai miei due pasticcieri e la straordinaria cantina con più di 2mila etichette. Oltre che sul gusto, però, punto su trasparenza e accoglienza: sul menù persino i prezzi per pesce crudo, fresco e d’allevamento sono nettamente distinti e gli ospiti non pagano il coperto né il servizio». Ci sono piatti ispirati a Caruso? «I tagliolini alla Caruso, cioè con le zucchine, richiamano la cucina povera ed esaltano i prodotti della terra che caratterizzavano la gastronomia all’epoca del tenore. In più c’è un aneddoto. Quando fu umiliato dal pubblico napoletano, Caruso giurò che non sarebbe più tornato in città se non per abbracciare la madre e per mangiare i vermicelli alle vongole: questo piatto non poteva mancare nella carta». E dopo il “Caruso”? «Successivamente ho aperto “La basilica”, nata come pizzeria ma ben presto trasformatasi in ristorante sull’onda del successo planetario riscosso dal “Caruso”: due locali a breve distanza l’uno dall’altro, dove gli ospiti possono assaporare le specialità della cucina locale e, nello stesso tempo, concedersi una fullimmersion nella storia di Sorrento».

Why is the “Caruso” a museum-restaurant? «The idea was conceived together with Guido D’Onofrio, the most distinguished expert on Caruso. For years we have asked for a public place where we could exhibit paintings, music scores, records and other objects pertaining to the tenor. Finally, we decided to put the museum within my restaurant.This way, the largest museum in the world dedicated to Caruso was created, exhibiting the highest number of his relics. Anybody can visit it for free from 10 am to 12 noon and from 3 pm to 6 pm, while the restaurant is open all day long from 10 am to midnight.» What kind of cuisine do you offer your guests? «It is a traditional Neapolitan cuisine. It is often reinterpreted but it is always connected to seasonal products, the majority of which come from my farm on the Sorrento hills. The dishes invented by the chef Giuseppe Aprea are much appreciated. From the farfalle bow-tie pasta with seafood, green pepper from the river and cherry tomatoes, to pappardelle long pasta with scallops, scuncilli seashells and cherry tomatoes. Without forgetting the delicacies prepared by my two confectioners and the extraordinary wine cellar with more than 2 thousand wine labels. In addition to taste, I also commit myself to transparency and hospitality.The menu even tells the difference between the prices of raw fish, fresh fish and farm fish, and guests are not charged for cover or service.» Are there any dishes inspired by Caruso? «The Caruso tagliolini, with zucchini, remind me of rustic cuisine and enhance the flavours of the products of our land that characterized gastronomy at the time of the tenor. Moreover, there is an anecdote. When he was humiliated by the Neapolitan audience, Caruso swore that he would never return to the city except to hug his mother and eat vermicelli long pasta with clams: that dish could not be missing in the menu.» And after the “Caruso”? «Later on, I opened “La basilica”, which started as a pizzeria but soon became a restaurant, in line with the worldwide success achieved by the “Caruso”. They are now two locations, not distant from each other, where guests can taste the local cuisine specialities and, at the same time, they can treat themselves to a full-immersion into the history of Sorrento.»

25


Limoncello, il sole in un bicchiere LIMONCELLO: THE SUN IN A GLASS

È il 2007. Immaginate due star di Hollywood a cena sul lago di Como. Da una parte il padrone di casa George Clooney, dall’altra Danny De Vito che assaggia un bicchierino di limoncello: l’attore italoamericano resta talmente folgorato da quel sapore che decide di lanciare un proprio marchio di liquore. It was 2007. Imagine two Hollywood stars dining on the Como lake. On one side of the table, there was the landlord George Clooney; on the other, Danny De Vito tasting a glass of limoncello: the Italian-American actor was so struck by the flavour that he decided to launch his own liquor brand.

Un’icona del gusto contesa da tre città È da decenni un simbolo del gusto e delle tradizioni della Campania, oltre che il liquore più apprezzato e imitato al mondo. Il primo indizio del successo riscosso dal limoncello in ogni angolo del pianeta sta nella diatriba sulla sua paternità, contesa tra la penisola sorrentina, la costiera amalfitana e Capri. Proprio sull’isola azzurra, agli inizi del Novecento, Maria Antonia Farace coltivava un agrumeto. Successivamente il nipote aprì un ristorante nei pressi della villa di Axel Munthe, la specialità del quale era proprio il liquore di limoni prodotto secondo la ricetta della nonna. Solo nel 1988, però, il figlio Massimo Canale aprì una fabbrica di limoncello registrandone il marchio. Ad Amalfi, invece, si narra che quella bevanda dal gusto inconfondibile fosse diffusa già nel Cinquecento, quando pescatori e contadini la sorseggiavano per proteggersi dal freddo del mattino. Un’altra versione, invece, vuole che il limoncello sia frutto di una ricetta nata in un convento dove i monaci amavano concedersi un bicchierino tra una preghiera e l’altra. Col tempo, il limoncello è diventato un’icona di Sorrento. Qui, agli inizi del Novecento, veniva servito dalle famiglie agli ospiti illustri. E sempre qui, nel corso degli anni, sono fiorite produzioni artigianali che hanno contribuito a fare di quel liquore il re degli aperitivi e dei fine-pasto in penisola sorrentina e nel resto del mondo. Inclusi gli Stati Uniti, ovviamente, dove la bevanda è ricavata dai limoni della California.

***

It has been a symbol of taste and tradition of the Campania Region for centuries, apart from being the most appreciated and imitated liquor in the world.The first sign of limoncello’s worldwide success is the dispute over its paternity, for which the Sorrento Peninsula, the Amalfi Coast and Capri are contending. On the blue island, indeed, Maria Antonia Farace used to grow a citrus grove at the beginning of the XX century. Later on, her grandson opened a restaurant near Axel Munthe’s villa. The restaurant’s specialty was the very lemon liquor produced in accordance with grandmother's recipe. Only in 1988, however, the son, Massimo Canale, opened a limoncello factory and registered the trademark. In Amalfi, instead, the story goes that the drink, with its unmistakable taste, was already popular in the XVI century, when fishermen and peasants sipped it to protect themselves from cold mornings.Another version is that limoncello derives from a recipe that was created in a monastery where monks loved to treat themselves to a drink between their moments of prayer. As time passed, limoncello became an icon of Sorrento. Here, at the beginning of the XX century, families used to serve it to distinguished guests. Over the years, artisan productions have flourished, contributing to turn that liquor into the king of aperitifs and after-dinner beverages in the Sorrento peninsula and all around the world. Including the United States, where the drink is produced from California lemons.

(An icon of taste for which three cities are competing)


La ricetta

Cook and Taste

Fondamentale è la scelta della materia prima. Il limoncello, infatti, è prodotto con limoni coltivati rigorosamente nei giardini della penisola sorrentina o di Capri. Una volta selezionati, i frutti vanno lavati con acqua calda, poi spazzolati per eliminare le impurità e infine sbucciati così da utilizzarne soltanto la profumatissima scorza. A quel punto bisogna versare alcool e bucce di limone in una brocca che dovrà riposare per un mese in un luogo buio e asciutto. Trascorso questo periodo, l’alcool avrà acquistato il tipico colore giallo e sarà possibile procedere alla seconda fase della preparazione. Non resta, dunque, che versare acqua e zucchero in un pentolino da mettere sul fuoco senza raggiungere l’ebollizione. Dopo averlo fatto raffreddare, lo sciroppo di zucchero va versato nella brocca aggiungendo altri 300 centilitri di alcool. Dopo ulteriori 40 giorni di riposo in un luogo buio e asciutto, l’infuso va filtrato in modo da eliminare le bucce, imbottigliato e servito ghiacciato a fine pasto. In quest’ultima ipotesi, il limoncello è un ottimo digestivo. Non manca, però, chi lo preferisce mescolato a champagne o acqua tonica oppure versato su macedonia o gelato al limone. In tutti i casi vale una raccomandazione: utilizzare alcool di ottima qualità per evitare che il liquore, una volta in freezer, si trasformi in ghiaccio.

INGREDIENTI 8 1L 1L 700 g

limoni alcool a 95 gradi acqua zucchero

INGREDIENTS 8 pgi Sorrento lemons 1 l 95-degree alcohol (33 fl oz) 1 l water (33 fl oz) 700 grams sugar (25 oz)

***

The choice of raw material is fundamental. Indeed, limoncello is exclusively produced with lemons grown in the gardens of the Sorrento peninsula and Capri. Once selected, the fruits must be washed in warm water, then brushed to eliminate impurities, and finally peeled so that only the highly perfumed zest is used.Then, alcohol and lemon zest have to be poured into a jug that shall sit for a month in a dark and dry place. After that period, alcohol acquires the typical yellow colour, and the second phase of the preparation can begin. At that stage, water and sugar have just to be poured into a little pot and put over the heat of a stove, but without reaching the boiling point. After cooling, the sugar syrup has to be poured into the jug, adding 300 cl (100 fl oz) more of alcohol. After other 40 days sitting in a dark and dry place, the infusion must be filtered to eliminate the zest, then it can be bottled and served ice-cold after meals. In that case, limoncello is a perfect digestif. On the other hand, there are those who prefer to have it mixed with champagne or tonic, or poured on fruit salads or lemon ice cream. In all cases, it is advisable to use top quality alcohol to prevent the liquor from turning into ice once it is put into the freezer.

info@hostellesirene.com - Tel. 081 807 2925

27


LIDO MARINELLA Via Caruso, 80062 Meta (NA) Tel: +39 081 53220304 info@lidomarinella.it www.lidomarinella.it

S

e credete che si tratti di un comune stabilimento balneare, vi sbagliate di grosso. Perché il lido Marinella di Meta rappresenta anche la location ideale per matrimoni e cerimonie civili, pranzi e cene, oltre che la sede di un rinomato ristorante dove lo chef propone quotidianamente piatti della tradizione gastronomica locale: una delle strutture turistico-ricettive più apprezzate e frequentate in penisola sorrentina, aperta anche nel periodo autunnale e invernale. Aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 19, situato nel punto più panoramico della Marina di Meta e servito dal vicino parcheggio comunale, lo stabilimento balneare è dotato di tutti i comfort necessari per godersi qualche ora di meritato relax in spiaggia. La giornata inizia con una ricca colazione continentale o italiana durante la quale potrete gustare cornetti e graffe artigianali, accompagnandoli con caffè e succhi di frutta fresca, a due passi dalle acque cristalline del mare di Meta e con l’inconfondibile skyline di Napoli all’orizzonte. Numerosi i servizi dedicati agli amanti della tintarella: l’ampia spiaggia è attrezzata con lettini, ombrelloni e sdraio, oltre a essere dotata di spogliatoi, cabine doccia e di un servizio di tavola calda che continuamente propone gustosi piatti anche per vegani, vegetariani e celiaci. Il lido Marinella è il paradiso soprattutto dei più giovani in virtù dell’ampia area dedicata ai bambini dove è possibile divertirsi utilizzando giochi e acquascivoli, lanciandosi sui campi di beach volley o su quello da

28


I

calcio oppure lasciandosi trasportare dall’intenso programma di animazione. E, se al tramonto non desiderate altro che rilassarvi, potete sorseggiare un aperitivo in terrazza facendovi cullare da una musica soft per poi accomodarvi a tavola. Il lido Marinella, infatti, vanta un accorsato ristorante sulla spiaggia, dotato di terrazza esterna e sala climatizzata interna: qui lo chef propone piatti locali rivistati a base di pesce fresco, pasta lavorata a mano, ortaggi di stagione. Aperto anche a pranzo dalle 12.30 alle 15, il locale è in grado di soddisfare le esigenze anche dei palati più raffinati. Durante tutto l’anno lido Marinella ospita matrimoni e cerimonie civili, ricevimenti, pranzi e cene. E, a partire da ottobre, scatta la programmazione “Mare d’inverno”: la location si trasformerà in un meraviglioso luogo d’incontro per grandi e piccini, il ristorante resterà aperto con la sua sala panoramica riscaldata e lo chef sarà sempre pronto a deliziarvi con i suoi piatti ispirati alla cucina italiana. Qui Marinella, la padrona di casa, vi accoglierà con nuovi addobbi e creazioni per personalizzare il vostro evento: incontri culturali, eventi di beneficenza, cene di gala, cene di lavoro, il tutto con la garanzia di una cucina fresca e ricercata. Per informazioni e prenotazioni non vi resta che visitare il sito internet www.lidomarinella.it oppure inviare un messaggio di posta elettronica all’indirizzo info@lidomarinella.it o, ancora, telefonare allo 0815322030. Il lido Marinella vi aspetta!

f you believe it is a common beach club, you are making a big mistake. Because the Marinella lido in Meta is also the ideal location for weddings and civil ceremonies, lunches and dinners, apart from hosting a renowned restaurant whose chef daily proposes dishes of the local gastronomic tradition. It is one of the most appreciated and popular tourist facilities in the Sorrento Peninsula, and it is open also in autumn and winter time.The opening hours are from 8:30 am to 7 pm every day. It is located in the most panoramic point of the Meta Marina and it is served by the municipal car park nearby. The beach club has all comforts that are necessary to enjoy some hours of well-deserved rest on the beach.The day starts with a full continental or Italian breakfast, during which you will be abe to taste handmade croissants and doughnuts, accompanied by coffee and fresh juices, two steps away from the crystal clear waters of the sea in Meta and overlooking the unmistakable Naples skyline on the horizon. Numerous services are dedicated to those who love sunbathing: the wide beach is equipped with deckchairs, sun umbrellas and loungers, in addition to shower cabinets and a self-service restaurant always offering tasty dishes, including vegan, vegetarian and gluten-free food. The Marinella lido is a paradise especially for the youngest ones, thanks to the large kids' area where children can enjoy the playground and waterslides, beach volley and soccer courts, or they can be involved in the intense programme proposed by the entertainment crew.Then, if at sunset you just wish to relax, you can sip at an aperitif on the terrace, rocked by soft music, before taking a seat at the dinner table. The Marinella lido hosts indeed a well-established restaurant on the beach, equipped with outdoor terrace and indoor hall with air conditioning. Here the chef proposes local dishes in a contemporary version, with fresh fish, handmade pasta and seasonal vegetables. The restaurant is also open for lunch from 12:30 pm to 3 pm and it is able to meet the demands of the most sofisticated palates. All year long, Marinella lido hosts weddings and civil ceremonies, receptions, lunches and dinners. In October, the Mare d'Inverno Winter Sea Programme starts: the location turns into a wonderful meeting point for children and adults.The restaurant stays open with its heated panoramic hall, and the chef is always ready to delight you with dishes inspired from Italian cuisine. Here, Marinella, the host, will welcome you with new decorations and creations to customize your event. Cultural meetings, charity events, gala and business dinners, with a guaranteed fresh and refined cuisine. For information and reservations, please visit our website www.lidomarinella.it, send an e-mail message to info@lidomarinella.it, or call +39 0815322030. Marinella lido is waiting for you!

35 29


28


SORRENTO Culture TOP ATTRACTIONS

Musei Museums p. 32

Chiese Churches p. 32

Monumenti Monuments p. 33

Attrazioni Attractions p. 34

Moda Fashion p. 37

Cartina Map p. 38

Trasporti Transfers p. 40

Photo: "Zenlandia" Artista SALVIO - SyArt Gallery


Musei

Museums

Museo Correale

Correale Museum of Terranova

Indirizzo: Via Correale, 50 – Sorrento. Info: +39 081 8781846; www.museocorreale.it Orari dal primo aprile al 31 ottobre: martedì-sabato dalle 9.30 alle 18.30, domenica dalle 9.30 alle 13.30; lunedì chiuso Orari dal primo novembre al 31 marzo: martedì-domenica dalle 9.30 alle 13.30; lunedì chiuso Prezzo del biglietto: 8 € per gli adulti; 5 € per gruppi di 20 persone, possessori o tesserati Fai, Touring Club e Campania Arte Card; 3 € per le scolaresche; gratis per bambini fino a dieci anni, persone affette da disabilità e accompagnatori, residenti a Sorrento (in quest’ultimo caso solo il giovedì e la domenica)

Address: via Correale, 50 – Sorrento, Italy Info: +39 081 8781846; www.museocorreale.it Opening hours from April 1st to October 31st: Tuesday to Saturday from 9:30 a.m. to 6:30 p.m.; Sunday from 9:30 a.m. to 1:30 pm; closed on Monday. Opening hours from November 1st to March 31st: Tuesday to Sunday from 9:30 a.m. to 1:30 p.m.; closed on Monday. Ticket price: 8 euros for adults; 5 euros for groups of 20 people, FAI members, Touring Club members and Campania Arte Card holders; 3 euros for school groups; free for children up to 10 years of age, people with disabilities and carers, and Sorrento residents (in the latter case, only on Thursday and Sunday)

Museo della Tarsia lignea

Workshop-Museum of Inlaid Wood Work

Indirizzo: Via San Nicola, 28 (presso Palazzo Pomarici Santomasi) Sorrento. Info: +39 081 8771942; www.museomuta.it Orari dal primo aprile al 31 ottobre: tutti i giorni dalle 10 alle 18.30 Orari dal primo novembre al 31 marzo: tutti i giorni dalle 10 alle 17 Prezzo del biglietto: 8 € per gli adulti; 5 € per gli adulti sopra i 65 anni e i ragazzi tra 12 e 17 anni; 5 € a persona (senza guida) e 8 € a persona (con guida) per i gruppi formati da almeno 15 persone; 3 € a studente (senza guida) e 5 € a studente (con guida) per le scolaresche formate da almeno 15 studenti; gratis per i bambini

Address: via San Nicola, 28 (at Palazzo Pomarici Santomasi) Sorrento, Italy Info: +39 081 8771942; www.museomuta.it Opening hours from April 1st to October 31st: every day from 10 a.m. to 6:30 p.m. Opening hours from November 1st to March 31st: every day from 10 a.m. to 5 p.m. Ticket price: 8 € for adults; 5 € for adults over 65 years of age and the young between 12 and 17 years of age; 5 € per person (without guided tour) and 8 € per person (with guided tour) for groups of at least 15 people; 3 € per pupil (without guided tour) and 5 € per pupil (with guided tour) for school groups of at least 15 pupils; free entrance for children up to 11 years of age

fino a 11 anni

Museo archeologico della penisola sorrentina “Georges Vallet” Indirizzo: via Ripa di Cassano, 26 (presso Villa Fondi) – Piano di Sorrento. Info: +39 081 8087078 Orari: martedì-domenica dalle 9.00 alle 18.30; lunedì chiuso Prezzo del biglietto: ingresso gratuito

Archaeological Museum “Georges Vallet” Address: via Ripa di Cassano, 26 (at Villa Fondi) – Piano di Sorrento, Info: +39 081 8087078 Opening hours: Tuesday to Sunday from 9 a.m. to 6:30 p.m.; closed on Monday . Ticket price: free entrance

Chiese

Churches

Cattedrale

Cathedral

Consacrata ai santi Filippo e Giacomo, fu eretta nell’XI secolo e ricostruita nel 1573. All’interno ospita tele dipinte da artisti della scuola napoletana del Settecento, un trono arcivescovile in marmo e un coro in legno intarsiato realizzato da artigiani sorrentini ai primi del Novecento. Sono realizzati con la stessa tecnica i quadri delle tappe della Via Crucis e i tamburi dell’entrata principale e di quella laterale.

Dedicated to the Saints Philip and James, it was erected in the XI century and rebuilt in 1573. The interior features canvases painted by artists pertaining to the Neapolitan School of the XVIII century, the Archbishop’s marble throne, and an inlaid wood choir made by Sorrento’s craftsmen in the early XIX century. The same technique was used for the pictures of the Via Crucis Stations and the scenes decorating the architectural drums of the main entrance and side door.

Santuario della Madonna del Carmine Secondo la tradizione il santuario sorge proprio dove, tra il 230 e il 240, fu eretta una chiesa nel luogo in cui alcuni cristiani sorrentini erano stati giustiziati. Ricostruito nel XVI secolo, il santuario è a una sola navata e all’interno presenta numerosi dipinti della scuola napoletana del Settecento. Sullo sfondo c’è l’antica immagine della Madonna, copia della Vergine della Bruna di Napoli.

Chiesa e chiostro di San Francesco A pochi passi dalla basilica di S. Antonino, accanto alla villa comunale, ecco il complesso di S. Francesco. La chiesa risale al XVI secolo e al suo interno sono conservati due affreschi del ‘700 raffiguranti S. Antonio e S. Giacomo, più una statua di S. Francesco con il Cristo crocifisso. Vicino alla chiesa ci sono il monastero, risalente alla prima metà dell’VIII secolo, e il chiostro.

Sanctuary of Our Lady of Mount Carmel According to tradition, the sanctuary is located exactly where a church was erected, between 230 and 240 A.D., in honour of some Christians from Sorrento who were executed in that place. Rebuilt in the XVI century, the sanctuary has a single nave and the interior features a number of paintings by the Neapolitan School of the XVIII century. In the background, there is the ancient image of the Virgin, a copy of the Madonna Bruna of Naples.

Church and Cloister of Saint Francis A few steps away from the Basilica of Saint Anthony, next to the Villa Comunale, there is the complex of Saint Francis. The church dates back to the XVI century, and two XVIII-century frescoes are kept inside it, representing Saint Anthony and Saint James, plus a statue of Saint Francis with the crucified Christ. Near the church there is the monastery, (first half of the VIII century) and the cloister.


Monumenti Monuments

Antiche Mura e Bastione di Parsano

Ancient Walls and Bastion of Parsano

Fin dall’epoca romana Sorrento fu difesa da una cerchia muraria, ristrutturata in epoca medievale e poi nel XVI secolo. La Porta di Parsano, invece, fu aperta nel 1745 ed è l’unica ancora visibile nel contesto originario. Il Bastione è gratuitamente visitabile dal primo Aprile al 31 Maggio dalle 10 alle 13; dal primo giugno al 31 agosto dalle 10 alle 13 e dalle 19 alle 22; a settembre dalle 10 alle 13 e dalle 19 alle 20; a ottobre solo dalle 10 alle 13.

Since the Roman age, Sorrento had been defended by walls, which were restored in the Middle Ages and later again in the XVI century. The Door of Parsano, instead, was opened in 1745 and is the only gate still visible in the original context. Entrance to the Bastion is free: it can be visited from April 1st to May 31st from 10 am to 1 pm; from June 1st to August 31st from 10 am to 1 pm and from 7 to 10 in the evening ; in September from 10 am to 1 pm and from 7 to 8 in the evening; in October only from 10 am to 1 pm.

Bagno della Regina Giovanna e Villa di Pollio Felice In questa zona spiccano i resti di una villa marittima di epoca romana appartenuta a Pollio Felice e celebrata dal poeta Publio Papinio Stazio. L’area, però, deve la fama a una pettegolezzo risalente a circa 600 anni fa: lo specchio acqueo antistante i ruderi sarebbe stato il luogo prediletto dalla regina Giovanna II di Durazzo per immergersi completamente nuda.

Sedil Dominova Risalente al XVI secolo, l’edificio è il solo superstite dei sedili nobiliari campani, luoghi in cui gli aristocratici discutevano delle sorti delle città. Di forma quadrilatera, con due arcate ad angolo in piperno che lasciano scoprire la cupola e i muri affrescati, il Sedil Dominova ospita la Società operaia di mutuo soccorso, fondata nel 1877 per garantire ai lavoratori le prime forme di mutualismo.

Casa di Torquato Tasso Il poeta, autore della “Gerusalemme liberata”, nacque l’11 marzo 1544 nella villa della nobile famiglia dei Mastrogiudice. La parte rimanente dell’abitazione è stata successivamente inglobata nell’Imperial Hotel Tramontano che ha assorbito anche opere laterizie, mura in reticolato, capitelli corinzi e altri ruderi della preesistente villa romana.

The Baths of Queen Joanna and the Villa of Pollio Felice The remains of a seaside Roman villa certainly stand out in this area. The villa pertained to Pollio Felice and was celebrated by the poet Publio Papinio Stazio. The area, however, owes its fame to some gossip dating back to 600 years ago. Rumour had it that the water pool in front of the ruins had been Queen Joanna II of Durazzo’s favourite place to bathe completely naked.

Sedil Dominova Dating back to the XVI century, the building is the only remaining in the Campania Region of the noble family seats where aristocrats used to take decisions upon the fate of the city. Sedil Dominova has a quadrilateral shape, with two arched corners in piperno stone that open the view onto the dome and frescoes on the walls. The building now hosts the Workers’ Association of Mutual Support, founded in 1877 to grant workers the earliest forms of mutual aid.

Torquato Tasso’s House The poet, author of “Jerusalem Delivered”, was born on March 11th 1544 in the villa of the noble Mastrogiudice family. The remaining part of the house was later incorporated in the Imperial Hotel Tramontano, which also absorbed Roman brick walls, reticulated work, Corinthian capitals and other ruins of the pre-existing Roman villa.

33


Altri luoghi di interesse Other places of interest

Villa Comunale

Villa Comunale

Costruita sugli orti dei frati francescani tra il 1877 e il 1879, la villa comunale si affaccia su Marina Piccola e offre ai visitatori un panorama mozzafiato. Da qui è possibile raggiungere la spiaggia a piedi o in ascensore. All’interno è presente un busto raffigurante il compositore Salve D’Esposito, autore di capolavori come “Anema e core”, al quale è intitolata la villa.

Built on the vegetable gardens of the Franciscan Friars between 1877 and 1879, the Villa Comunale park overlooks Marina Piccola, offering the visitors a breathtaking view. From here, the beach can be reached on foot or by elevator. Inside the park there is a bust representing the composer Salve D’Esposito, the author of masterpieces like “Anema e core”, to whom the villa is dedicated.

Vallone dei Mulini

The Mills’ Valley

Alle spalle di piazza Tasso si scorge un tratto del canyon che deve il nome alla presenza, nel XVI secolo, di un mulino per la macinazione del grano. A questo si aggiungevano un lavatoio pubblico e una segheria in cui si trattava il legno di ciliegio, ulivo e noce poi utilizzato dagli artigiani. È uno dei luoghi abbandonati più fotografati al mondo.

Behind Tasso square there is a view of the canyon named after the grinding mill that stood there in the XVI century. In addition to this, there was an old public washhouse and a sawmill, where cherry, olive and walnut wood was treated before it could be used by craftsmen. It is one of the world’s most photographed abandoned places.

Marina Piccola

Marina Piccola

È il luogo dove si trova il porto di Sorrento, costruito nel 1912. All’epoca le case dei pescatori, caratterizzate da scale rampanti e tetti con volta, furono sostituite da palazzine più moderne. L’unica testimonianza dell’antica struttura è la chiesa della Madonna del Soccorso. Ai pochi passi dal porto si trovano gli stabilimenti balneari con le tipiche palafitte affacciate sul mare.

It is the place where Sorrento’s harbour was built in 1912. At the time, the fishermen’s houses, characterized by buttress-style stairs and vaulted ceilings, were replaced by more modern buildings. The only remaining evidence of the ancient structure is the Church of the Madonna del Soccorso. A few steps away from the marina, there are the beach facilities typically built on stilts, with a view of the sea.

Borgo di Marina Grande Set del film «Pane, amore e…» con Sophia Loren e Vittorio De Sica, il borgo è un simbolo di Sorrento. Lungo una delle vie che collegano Marina Grande col centro, si può ammirare l’antica porta di accesso alla città. Senza dimenticare la chiesa di Sant’Anna intorno alla quale, il 26 luglio, si sviluppa una festa con fuochi d’artificio e pietanze prelibate che richiamano un folto pubblico.

Piazza Tasso Nata nell'Ottocento, in seguito alle trasformazioni urbanistiche che caratterizzarono Sorrento, è il "salotto" della città. Qui trovano posto la statua di Sant'Antonino, restaurata nel 2014 grazie all'impegno del Rotary Club, e il monumento a Torquato Tasso, inaugurato nel 1870. Tra i tanti locali spicca il bar Fauno e la discoteca, simbolo della movida in penisola sorrentina.

34

Marina Grande District As the film «Scandal in Sorrento» was set here, starring Sophia Loren and Vittorio De Sica, the village itself is a symbol of Sorrento. Along one of the roads connecting Marina Grande with the centre, the ancient Door of the city can be admired. And we cannot forget the Church of Saint Anne, around which a celebration takes place on July 26th, with fireworks and delicious dishes attracting a very large audience.

Tasso Square Built in the XIX century owing to the urban transformation that characterized Sorrento, it is the city "lounge". Here there are the statue of S. Antoninus, restored in 2014 thanks to the Rotary Club donations, and the monument dedicated to Torquato Tasso, erected in 1870. From the numerous bars and restaurants around the square, the Fauno bar and the disco club stand out, being the symbol of the vibrant nightlife of the Sorrento peninsula.


SyArt, uno scrigno nel cuore di Sorrento S YA R T, A C H E S T I N T H E H E A R T O F S O R R E N T O

Foto in alto - Top Photo: "Sorrento ♥ Art" - Murale di Tvboy Foto in basso - Bottom Photo: "Essenza" - Scultura di Carmen Novaco

F

otografie, sculture, serigrafie. E poi dipinti a olio e opere realizzate secondo tecniche miste su tela o su legno. Più che una galleria d’arte, SyArt è uno scrigno in cui sono custodite le creazioni di alcuni dei maggiori artisti del panorama italiano e internazionale. Qui, a pochi passi dalla villa comunale di Sorrento, potrete ammirare ed acquistare le opere di artisti del calibro di Andy Warhol, Keith Haring,Valerio Adami e Cy Twombly, ma anche di tanti giovani talenti. Qualche esempio? Emiliano Terenzi, Monk, Francesco Cuomo, Severino Del Bono, Marjan Fahimi e Mori Kyoco, che già hanno ottenuto un riconoscimento da parte di prestigiose riviste specializzate, lo spatolista di fama internazionale Antonio Di Viccaro e tanti altri geni dell’arte contemporanea. SyArt Gallery nasce dalla passione di due sorrentini doc: Leone Cappiello, in passato manager di multinazionali del lusso come Chopard e promotore di interessanti iniziative culturali, e Rossella Savarese, esperta di conservazione dei beni culturali e affermata art curator. «Il nostro è un sogno condiviso – spiegano Leone e Rossella – e cioè quello di investire in arte e in cultura: nella nostra galleria trovano posto non solo di grandi nomi, ma anche artisti che non hanno ancora raggiunto l’apice della carriera pur avendo già ampiamente dimostrato il loro valore». Il mecenatismo di Leone e Rossella li ha spinti a farsi promotori di Sorrento Young Art: una kermesse annuale in cui le opere dei partecipanti sono promosse dalla SyArt Gallery, creando così un collegamento tra l’esperienza espositiva e il mercato dell’arte. Disposta su due piani e aperta dalle 10 alle 21 anche a ottobre, la galleria si inserisce in un percorso interamente dedicato all’arte. A breve distanza, infatti, i visitatori possono ammirare il murale Sorrento loves Art e la scultura Essenza, realizzati e donati alla città rispettivamente da TvBoy e Carmen Novaco. «Se a Roma c’è il papa e a Napoli c’è Dio, a Sorrento ci sono la passione e il culto della bellezza – concludono Cappiello e Savarese – Vi invitiamo a visitare la SyArt Gallery per una full immersion nella grande arte contemporanea».

P

hotos, sculptures and silk-screen printing. Oil paintings and works on canvas or wood combining different techniques. Rather than an art gallery, SyArt looks like a chest of Italian and international artworks. A few steps from the Sorrento city garden, you can admire and buy the works by celebrities like Andy Warhol, Keith Haring, Valerio Adami and Cy Twombly, and other young talents. Any example? Emiliano Terenzi, Monk, Francesco Cuomo, Severino Del Bono, Marjan Fahimi and Mori Kyoco, who were recognized by prestigious specialized magazines, the internationally renowned spatula painter Antonio Di Viccaro and other contemporary geniuses. SyArt sprang from the passion of two authentic people from Sorrento: Leone Cappiello, former manager of luxury multinational companies like Chopard and promoter of interesting cultural

events; and Rossella Savarese, cultural heritage expert and art curator. «We share a dream: investing in art and culture. Our gallery hosts not only famous names, but also those valuable ones who have not reached the peak of their career yet.» Leone and Rossella chose to sponsor Sorrento Young Art: an annual festival promoting the works of the participants, creating a connection between exhibition and art trade. Located on two floors and open from 10 am to 9 pm in October too, the gallery is on a route totally dedicated to art. Not far from it, visitors can admire the Sorrento Loves Art mural painting and the Essenza sculpture, made and donated to the city by TvBoy and Carmen Novaco respectively. «If Rome hosts the Pope and Naples hosts God, Sorrento hosts passion and the cult of beauty. We invite you to visit SyArt for a full immersion into contemporary art.»

35


Mario Romano Capri

L'ARTE DEL MADE IN ITALY Abbigliamento in lino e cachemire made in Amalfi Coast SORRENTO Via San Cesareo, 86 +39 0818072672 • AMALFI Via P. Capuano, 10 +39 089872458

BAV

www.marioromanocapri.it


Moda

Fashion

Borsa a spalla in pelle Shoulder bag Saint Lauren 1.650 €

Must have of Autumn Modella per nuova collezione autunno/inverno 2018 Model for new collection autumn/winter 2018 Elisabetta Franchi Rossetto matte, in metallo spazzolato coprente Metallic matte lipstick Estee Lauder 31€

Orologio inserti cuore Watch heart design Capri Watch 320€

Sorrento Style Colori e decorazioni per un autunno esplosivo Colours and details for an explosive autumn

Orecchini con elementi decorativi Earings with decoration D&G 245 € Profumo 100 ml Eau de parfum 100 ml Chanel N. 5 123 € Maglione in misto cachemire con intarsio Monday a contrasto Cashmere sweater Alberta Ferretti 440 €

Scarpa in suede luck star 85 Suede shoes luck star 85 Acquazzurra 695 €

Cover per Iphone 7/8 Cover for Iphone 7/8 D&G 245 € 37


In giro per Sorrento A WA L K A R O U N D S O R R E N TO

Scarica l’app Avenza Maps Puoi utilizzare la tua mappa interattiva di Sorrento anche offline su tablet, smartphone, iPhone e qualunque altro dispositivo con sistema operativo Android o iOS.

38


Dowload Avenza Maps Get the app. Get the Sorrento Map. Avenza Maps makes it easy to interact with offline maps on your iOS, Android and Window devices

Cartina - Map: Giovanni Visetti

39


Transports

V I A G G I A R E I N C A M PA N I A

TRENI/TRAINS SORRENTO - NAPOLI

D - DIRETTO/DIRECT DD - DIRETTISSIMO/SUPER DIRECT D/F FERIALE/WEEKDAY DIRECT

INFO EAV: +39 0817722111

D

DD

D

Sorrento

06:01

06:25

06:49

D/F

D/F

D

D

D

D

D

D

D

D

D

08:26

08:52

09:07

09:37

10:37

11:07

11:37

12:07

12:37

13:07

S. Agnello

06:03

06:27

06:51

07:24

07:40

Piano

06:06

06:30

06:51

07:26

07:43

07:57

08:28

08:54

09:09

09:39

10:39

11:09

11:39

12:09

12:39

13:09

08:00

08:30

08:56

09:12

09:42

10:42

11:12

11:42

12:12

12:42

Meta

06:08

06:32

06:53

07:27

13:12

07:45

08:02

08:31

08:57

09:14

09:44

10:44

11:14

11:44

12:14

12:44

Seiano

06:10

06:34

06:55

13:14

07:30

07:47

08:04

08:34

09:00

09:16

09:46

10:46

11:16

11:46

12:16

12:46

13:16

Vico Equense

06:12

06:36

Castellammare

06:21

06:45

06:59

07:31

07:49

08:06

08:37

09:01

09:18

09:48

10:48

11:18

11:48

12:18

12:48

13:18

07:05

07:39

07:58

08:15

08:45

09:09

09:27

09:57

10:57

11:27

11:57

12:27

12:57

Via Nocera

06:23

13:27

06:47

07:07

07:41

08:00

08:17

08:47

09:11

09:29

09:59

10:59

11:29

11:59

12:29

12:59

13:29

Pompei ScaviVilla Misteri

06:31

06:55

07:14

07:48

08:08

08:25

08:53

09:18

09:37

10:07

11:07

11:37

12:07

12:37

13:07

13:37

Torre AnnunziataOplonti

06:35

06:59

07:19

07:52

08:12

08:29

08:58

09:22

09:41

10:11

11:11

11:41

12:11

12:41

13:11

13:41

Torre del Greco

06:45

07:09

07:26

08:03

08:22

08:39

09:03

09:33

09:51

10:21

11:21

11:51

12:21

12:51

13:21

13:51

Ercolano Scavi

06:49

07:13

07:29

08:07

08:26

08:43

09:06

09:37

09:55

10:25

11:25

11:55

12:25

12:55

13:25

13:55

Napoli Garibaldi

07:07

07:31

07:47

08:26

08:44

09:01

09:16

09:56

10:13

10:43

11:43

12:13

12:43

13:13

13:43

14:13

Napoli Porta Nolana

07:08

07:32

07:48

08:27

08:45

09:02

09:17

09:57

10:14

10:44

11:44

12:14

12:44

13:14

13:44

14:14

D

D

07:22

07:38

D

DD

DD 07:55

D

DD

D

D

D

D

DD

D

D

DD

D

D

D

D

Sorrento

13:25

13:56

14:22

14:55

15:26

16:07

16:37

17:07

17:25

17:56

18:22

18:55

19:26

20:07

20:37

21:07

21:37

S. Agnello

13:27

13:58

14:24

14:57

15:28

16:09

16:39

17:09

17:27

17:58

18:24

18:57

19:28

20:09

20:39

21:09

21:39

Piano

13:30

14:00

14:26

15:00

15:30

16:12

16:42

17:12

17:30

18:00

18:26

19:00

19:30

20:12

20:42

21:12

21:42

Meta

13:31

14:01

14:27

15:01

15:31

16:13

16:43

17:13

17:31

18:01

18:27

19:01

19:31

20:13

20:43

21:13

21:44

Seiano

13:34

14:04

14:30

15:04

15:34

16:16

16:46

17:16

17:34

18:04

18:30

19:04

19:34

20:16

20:46

21:16

21:46

Vico Equense

13:38

14:07

14:31

15:06

15:37

16:18

16:48

17:18

17:36

18:07

18:31

19:06

19:37

20:18

20:48

21:18

21:48

Castellammare

13:45

14:15

14:39

15:15

15:45

16:27

16:57

17:27

17:45

18:15

18:39

19:15

19:45

20:27

20:57

21:27

21:56

Via Nocera

13:47

14:17

14:41

15:17

15:47

16:29

16:59

17:29

17:47

18:17

18:41

19:17

19:47

20:29

20:59

21:29

21:58

Pompei ScaviVilla Misteri

13:58

14:23

14:48

15:25

15:53

16:37

17:07

17:37

17:55

18:23

18:48

19:25

19:53

20:37

21:07

21:37

22:05

Torre AnnunziataOplonti

14:01

14:26

14:52

15:29

15:56

16:41

17:11

17:41

17:59

18:26

18:52

19:29

19:56

20:41

21:11

21:41

22:09

Torre del Greco

14:11

14:33

15:03

15:39

16:03

16:51

17:21

17:51

18:09

18:33

19:03

19:39

20:03

20:51

21:21

21:51

22:19

Ercolano Scavi

14:14

14:36

15:07

15:43

16:06

16:55

17:25

17:55

18:13

18:36

19:07

19:43

20:06

20:55

21:25

21:55

22:22

Napoli Garibaldi

14:31

14:46

15:26

16:01

16:16

17:13

17:43

18:13

18:31

18:46

19:26

20:01

20:16

21:13

21:43

22:13

22:39

Napoli Porta Nolana

14:32

14:47

15:27

16:02

16:17

17:14

17:44

18:14

18:32

18:47

19:27

20:02

20:17

21:14

21:44

22:14

22:40

TRENI/TRAINS NAPOLI-SORRENTO D

INFO EAV: +39 0817722111

D

DD

D/F

DD

D

D

D

D

D

D

D

D

D

D

Napoli Porta Nolana

06:09

06:40

06:44

Napoli Garibaldi

06:11

06:42

06:46

07:11

07:41

08:11

08:39

09:09

09:39

10:09

10:39

11:09

11:39

12:09

12:39

13:09

08:13

08:41

09:11

09:41

10:11

10:41

11:11

11:41

12:11

12:41

Ercolano Scavi

06:28

06:52

07:02

07:28

13:11

07:58

08:23

08:58

09:28

09:58

10:28

10:58

11:28

11:58

12:28

12:58

13:28

Torre del Greco

06:31

06:55

07:06

Torre AnnunziataOplonti

06:43

07:01

07:18

07:31

08:01

08:25

09:01

09:31

10:01

10:31

11:01

11:31

12:01

12:31

13:01

13:31

07:43

08:13

08:32

09:13

09:43

10:13

10:43

11:13

11:43

12:13

12:43

13:13

13:16

Pompei ScaviVilla Misteri

06:47

07:05

07:22

07:47

08:17

08:36

09:17

09:47

10:17

10:47

11:17

11:47

12:17

12:47

13:17

13:18

Via Nocera

06:54

07:11

07:29

Castellammare

06:57

07:15

07:31

07:57

07:54

08:24

08:42

09:24

09:54

10:24

10:54

11:24

11:54

12:24

12:54

13:24

13:27

08:27

08:46

09:27

09:57

10:27

10:57

11:27

11:57

12:27

12:57

13:27

Vico Equense

07:06

07:23

07:40

13:29

08:06

08:36

08:54

09:36

10:06

10:36

11:06

11:36

12:06

12:36

13:06

13:36

13:37

Seiano

07:08

07:24

Meta

07:11

07:27

07:42

08:08

08:38

08:55

09:38

10:08

10:38

11:08

11:38

12:08

12:38

13:08

13:38

13:41

07:46

08:11

08:41

08:58

09:41

10:11

10:41

11:11

11:41

12:11

12:41

13:11

13:41

Piano

07:13

13:51

07:28

07:48

08:13

08:43

08:59

09:43

10:13

10:43

11:13

11:43

12:13

12:43

13:13

13:43

13:55

S. Agnello Sorrento

07:15

07:30

07:50

08:15

08:45

09:01

09:45

10:15

10:45

11:15

11:45

12:15

12:45

13:15

13:45

14:13

07:17

07:32

07:52

08:17

08:47

09:03

09:47

10:17

10:47

11:17

11:47

12:17

12:47

13:17

13:47

14:14

07:09

D/F 07:39

Scarica l’ app EAV per essere aggiornato sul servizio. Dal 23 giugno ulteriori corse nei weekend, con partenza da Sorrento verso Napoli h 22.39 e h 23.39 Download the EAV App to be updated about the service. From 23th June new departures at weekends, last departure from Sorrento to Naples h 10.39 and 11.39 pm

40


DD

D

D

DD

D

D

D

D

DD

D

F

D

DD

D

D

D

D

D

Napoli Porta Nolana

13:41

14:09

14:39

15:11

15:39

16:09

16:39

17:09

17:41

18:09

18:32

18:39

19:11

19:39

20:09

20:39

21:09

21:39

Napoli Garibaldi

13:43

14:11

14:41

15:13

15:41

16:11

16:41

17:11

17:43

18:11

18:34

18:41

19:13

19:41

20:11

20:41

21:11

21:41

Ercolano Scavi

13:53

14:28

14:58

15:23

15:58

16:28

16:58

17:28

17:53

18:28

18:58

18:58

19:23

19:58

20:28

20:58

21:28

21:58

Torre del Greco

13:55

14:31

15:01

15:25

16:01

16:31

17:01

17:31

17:55

18:31

19:01

19:01

19:25

20:01

20:31

21:01

21:31

22:01

Torre Annunziata- Oplonti

14:02

14:43

15:13

15:32

16:13

16:43

17:13

17:43

18:02

18:43

19:13

19:13

19:32

20:13

20:43

21:13

21:43

22:13

Pompei ScaviVilla Misteri

14:06

14:47

15:17

15:36

16:17

16:47

17:17

17:47

18:06

18:47

19:17

19:17

19:36

20:17

20:47

21:17

21:47

22:17

Via Nocera

14:12

14:54

15:24

15:42

16:24

16:54

17:24

17:54

18:12

18:54

19:24

19:24

19:42

20:24

20:54

21:24

21:54

22:24

Castellammare

14:16

14:57

15:27

15:46

16:27

16:57

17:27

17:57

18:16

18:57

19:27

19:27

19:46

20:27

20:57

21:27

21:57

22:27

Vico Equense

14:24

15:06

15:36

15:54

16:36

17:06

17:36

18:06

18:24

19:06

19:36

19:36

19:54

20:36

21:06

21:36

22:06

22:36

Seiano

14:25

15:08

15:38

15:55

16:38

17:08

17:38

18:08

18:25

19:08

19:38

19:38

19:55

20:38

21:08

21:38

22:08

22:38

Meta

14:28

15:11

15:41

15:58

16:41

17:11

17:41

18:11

18:28

19:11

19:41

19:41

19:58

20:41

21:11

21:41

22:11

22:41

Piano

14:29

15:13

15:43

15:59

16:43

17:13

17:43

18:13

18:29

19:13

19:43

19:43

19:59

20:43

21:13

21:43

22:13

22:43

S. Agnello

14:31

15:15

15:45

16:01

16:45

17:15

17:45

18:15

18:31

19:15

19:45

19:45

20:01

20:45

21:15

21:45

22:15

2:45

Sorrento

14:33

15:17

15:47

16:03

16:47

17:17

17:47

18:17

18:33

19:17

19:47

19:47

20:03

20:47

21:17

21:47

22:17

22:47

CAMPANIA EXPRESS 2018 - TARIFFE/PRICES TRENI VELOCI SORRENTO - NAPOLI /NAPOLI - SORRENTO / FAST TRAINS SORRENTO - NAPLES / NAPLES -SORRENTO Treno/Train 1030

Treno/Train 1040

Treno/Train 1046

A

A

A

Sorrento

P 10:19

P 12:56

Vico Equense

10:25

10:26

13:05

13:06

Castellammare

10:34

10:35

13:10

13:11

P

Treno/Train 1060 A

P

14:23

A

17:05

17:06

17:11

17:12

P

Treno/Train 1080 A

P

19:20

16:59

14:08

14:22

Treno/Train 1072

20:58 21:05

21:06

19:34

19:35

21:11

21:12

19:44

19:46

21:16

21:19

19:49

21:22

21:23

14:29

14:34

17:16

17:18

14:38

14:39

17:21

17:22

10:58

14:52

14:55

17:31

17:34

21:32

21:35

11:08

15:07

15:09

17:47

17:49

21:48

21:50

Pompei ScaviVilla Misteri

10:41

10:43

13:16

Torre Annunziata (Oplonti)

10:46

10:47

13:21

Ercolano Scavi Vesuvio

10:56

Napoli P. Garibaldi

11:06

Napoli Porta Nolana

11:09

13:18

15:10

17:50

21:51

Treno/Train 1021

Treno/Train 1031

Treno/Train 1037

Treno/Train 1047

Treno/Train 2057

Treno/Train 1063

A

A

A

A

A

A

Napoli Porta Nolana

P 9:06

P

P

11:36

P 15:36

P

P

18:06

Napoli P. Garibaldi

9:07

9:09

11:37

11:39

15:37

15:39

18:07

18:09

Ercolano Scavi Vesuvio

9:18

9:20

11:48

11:50

15:48

15:50

18:18 18:32

18:20

Torre Annunziata (Oplonti)

9:32

9:33

12:02

12:03

13:35

16:02

16:03

18:32

18:33

Pompei ScaviVilla Misteri

9:36

9:38

12:06

12:08

13:37

13:39

16:06

16:08

18:36

18:39

20:04

20:06

Castellammare

9:42

9:43

12:12

12:13

13:43

13:44

16:12

16:13

18:47

18:48

20:11

20:12

Vico Equense

9:47

9:48

12:17

12:18

16:17

16:18

20:17

20:18

Sorrento

9:55

12:25

13:55

16:25

A- ARRIVO/ARRIVAL P - PARTENZA/DEPARTURE

19:03

20:01

20:25

BUS SORRENTO - AMALFI - POSITANO INFO SITA BUS: +39 0818080237 / www.sitabus.it PARTENZE DA/FROM SORRENTO F6:30 F8:00 F8:30 H8:30 G9:00 F9:15 G9:30 G10:00 F10:15 G10:30 G11:00 F11:15 G11:30 G12:00 F12:15 G12:30 F13:00 H13:30 F13:30 G14:00 F14:30 H15:00 F15:30 H16:00 F16:00 H16:30 F16:30 G17:00 G18:00 G19:00 G20:10 F21:00 F22:00

ARRIVO A/TO POSITANO Chiesa Nuova F7:10 F8:50 F9:20 H9:10 G9:50 F9:50 G10:20 G10:50 F11:05 G11:10 G11:50 F12:05 G12:20 G12:50 F12:50 G13:20 F13:50 H14:20 F14:10 G14:50 F15:10 H15:50 F16:20 H16:50 F16:40 H17:20 F17:10 G17:50 G18:40 G19:50 G20:50 F21:50 F22:50

ARRIVO A/ TO AMALFI F8:00 F9:40 F10:10 H10:00 G10:40 G11:10 G11:40 F11:55 G12:00 G12:40 F12:55 G13:10 G13:40 G14:10 F14:40 H15:10 F15:00 G15:40 F16:00 H16:40 F17:10 H17:40 F17:30 H18:10 F18:00 G18:40 G19:30 G20:40 G21:40 F22:40 F23:40

PARTENZE DA/FROM POSITANO Chiesa Nuova

PARTENZE DA/FROM AMALFI G6:20 F7:15 F7:55 G8:05 F9:00 G9:30 F10:00 G11:00 G11:30 G12:15 G13:00 F13:30 G14:05 F14:45 F15:00 G15:30 G16:00 F16:30 F17:00 G17:30 G18:00 F18:15 F18:30 G19:00 G20:00 F23:00

G10:30 G14:30 H17:00 G21:20

F6:25 F7:10 F8:50 F9:20 H9:10 G9:50 F9:50 G10:20 G10:50 F11:05 G11:10 G11:50 F12:05 G12:20 G12:50 F12:50 G13:20 F13:50 H14:20 F14:10 G14:50 F15:10 H15:50 F16:20 H16:50 F16:40 H17:20 F17:10 G17:50 G18:40 G19:50 G20:50 F21:50 F22:50

G7:00 F7:55 F8:35 G8:45 F9:40 G10:10 F10:40 G11:40 G12:10 G12:55 G13:40 F14:10 G14:45 F15:25 F15:40 G16:10 G16:40 F17:10 F17:40 G18:10 G18:40 F18:55 F19:10 G19:40 G20:40 F23:40

G11:10 G15:10 H17:40 G22:00

F07:15 F8:00 F9:40 F10:10 H10:00 G10:40 G11:10 G11:40 F11:55 G12:00 G12:40 F12:55 G13:10 G13:40 G14:10 F14:40 H15:10 F15:00 G15:40 F16:00 H16:40 F17:10 H17:40 F17:30 H18:10 F18:00 G18:40 G19:30 G20:40 G21:40 F22:40 F23:40

ARRIVO A/TO AMALFI

ARRIVO A/TO POSITANO Sponda

ARRIVO A/TO SORRENTO

G8:00 F8:55 G9:45 F10:40 G11:10 F11:40 G12:10 G12:40 G13:10 G13:55 G14:40 F15:10 G15:45 G16:10 F16:40 G17:10 G17:40 F18:10 F18:40 H18:40 G19:10 G19:40 F19:55 F20:10 G20:40 G21:40 G23:00 F0:40

F Corse feriali/Working day H Festiva/Holidays G Giornaliera/Daily


Transports

V I A G G I A R E I N C A M PA N I A

DAILY BUS SORRENTO-NAPOLI AEROPORTO DI CAPODICHINO E VICEVERSA DAILY BUS SORRENTO-NAPLES AIRPORT CAPODICHINO AND VICE VERSA *Previa prenotazione obbligatoria / Reservations required INFO AUTOLINEE CURRERI : +39 0818016376 SORRENTO (TRAIN STATION)

6:30

7.30

8:30

9:00

10:30

12:00

13:00

14:00

15:00

16:30

S. Agnello (Matteotti Square)

6:35

7:35

8:35

9:05

10:35

12:05

13:05

14:05

15:05

16:35

Piano (Corso Italia, 39 - Siesta)

6:38

7:38

8:38

9:08

10:38

12:08

13:08

14:08

15:08

16:38

Meta (Church S.M. del Lauro)

6:40

7:40

8:40

9:10

10:40

12:10

13:10

14:10

15:10

16:40

Vico Equense (Curreri Travel Agency)

6:50

7:50

8:50

9:20

10:50

12:20

13:20

14:20

15:20

16:50

C/Mare di Stabia (Nuove Terme)

7:00

8:15

9:15

9:45

11:15

12:45

13:45

14:45

15:45

17:15

C/Mare di Stabia (Hospital Villa Stabia)

7:05

8:20

9:20

9:50

11:20

12:50

13:50

14:50

15:50

17:20

Pompei Scavi (Villa dei Misteri)

7:10*

8:35*

9:35*

10:00*

11:35*

13:00*

14:00*

15:00*

16:00*

17:40*

NAPOLI AEROPORTO (LATO PARTENZE)

8:00

9:00

10:00

10:30

12:00

13:30

14:30

15:30

16:30

18:00

NAPOLI AEROPORTO (LATO PARTENZE)

9:00

10:00

11:00

12:00

13:00

14:30

15:30

16:30

18:00

19:30

Pompei Scavi (Villa dei Misteri)

9:25*

10:25*

11:25*

12:25*

13:25*

14:55*

15:55*

16:55*

18:25*

19:55*

C/Mare di Stabia (Hospital Villa Stabia)

9:30

10:30

11:30

12:30

13:30

15:00

16:00

17:00

18:30

20:00

C/Mare di Stabia (Nuove Terme)

9:35

10:35

11:35

12:35

13:35

15:05

16:05

17:05

18:35

20:05

Vico Equense (Curreri Travel Agency)

9:40

10:40

11:40

12:40

13:40

15:10

16:10

17:10

18:40

20:10

Meta (Church S.M. del Lauro)

9:50

10:50

11:50

12:50

13:50

15:20

16:20

17:20

18:50

20:20

Piano (Corso Italia, 39 - Siesta)

9:52

10:52

11:52

12:52

13:52

15:22

16:22

17:22

18:52

20:22

S. Agnello (Matteotti Square)

9:55

10:55

11:55

12:55

13:55

15:25

16:25

17:25

18:55

20:25

SORRENTO (TRAIN STATION)

10:15

11:15

12:15

13:15

14:15

15:45

16:45

17:45

19:15

20:45

ALISCAFI (HYDROFOIL) INFO ALILAURO +39 081 8781430 Servizio (Service) Whatsapp Lauro +39 349 4444241

ALISCAFI (HYDROFOIL) INFO SNAV +39 0814285555 Rimani aggiornato visitando il sito www.snav.it / Stay updated by checking the website www.snav.it

NAVE VELOCE (FAST FERRY) INFO CAREMAR +39 081 8073077 SORRENTO ASCENSORE SORRENTO LIFT DA VILLA COMUNALE (P.ZZA GARGIULO) A MARINA PICCOLA E ALLE SPIAGGE FROM VILLA COMUNALE (GARGIULO SQUARE) TO MARINA PICCOLA AND BEACHES dalle h 07.30 alle h 01.00 from h 7.30 am alle h 01.00 am

ALISCAFO/HYDROFOIL

ALISCAFO/HYDROFOIL

ALILAURO INFO +39 081 8781430 www.alilauro.it

SNAV INFO +39 081 4285555 www.snav.it

SORRENTO-NAPOLI

SORRENTO-CAPRI

8.10-10.00-12.00-14.00-16.25

7.15-8.30*-8.45**-9.50-11.45-13.30-15.50-17.05

NAPOLI-SORRENTO 9.00-11.00-13.00-15.05-17.15

*lunedì e venerdì/monday and friday *sabato e domenica/saturday and sunday

SORRENTO-CAPRI 7.15*-8.05-8.45.9.15-9.50-10.45-11.45-13.3014.45-15.50-16.05-16.45-17.45

CAPRI-SORRENTO 8.00-9.05*-9.25**-11.20-13.00-15.15*-15.35**-16.35-17.40

*feriale/weekday

CAPRI-SORRENTO 8.00*-9.00-9.25-10.20-11.20-11.40-12.20-13.0015.15-16.20-17.15-18.30 *feriale/weekday

NAVE VELOCE/FAST FERRY CAREMAR INFO +39 081 8073077

SORRENTO-ISCHIA

SORRENTO-CAPRI

9.10- 9.30-15.50

7.45-9.25-14.40-19.25

ISCHIA-SORRENTO

42

*lunedì e venerdì/monday and friday *sabato e domenica/saturday and sunday

10.35-17.25

CAPRI-SORRENTO 7.00-8.40-13.35-18.45


UNFORGETTABLE ART EXPERIENCE

SyART Contemporary Art Gallery www.syartgallery.com | Via S. Francesco, 25 Sorrento | +39 0812318576

BV


Profile for operaelirica

Sorrento Style - Settembre Ottobre 2018  

Sorrento Style - Settembre Ottobre 2018  

Advertisement