Page 1

MAKEAT – cibo, prodotto, esperienza


Opendot Opendot è un FabLab aperto e accessibile a tutta la città e ai cittadini. È uno spazio per l’innovazione, che si genera grazie alla ricerca e alla sperimentazione, all’utilizzo di nuove tecnologie di prototipazione rapida e fabbricazione digitale, in una modalità aperta e condivisa. Opendot muove valore da chi lo crea a chi lo sta cercando, innesca processi di ricerca e sviluppo trasversali per un progresso sociale collettivo. Offre consulenza ad aziende,

fondazioni, università, enti pubblici e privati; sviluppa percorsi progettuali e programmi formativi ad alta complessità, che hanno nell’innovazione il loro tratto caratteristico. Organizza talk, workshop, corsi e momenti di apprendimento informali di differenti livelli di complessità per giovani professionisti, studenti, maker e professionisti, interfacciandosi con scuole, università, aziende, fondazioni e un ampio network

multidisciplinare. Gli ambiti di intervento spaziano in più campi progettuali quali il design, la disabilità, l’infanzia, l’architettura, il machine learning, il food design e la diffusione della cultura maker. Opendot è stato fondato nel 2014 da dotdotdot, studio di progettazione e interaction design che dal 2004 fonde arte, architettura, allestimento e design contaminandoli con nuove tecnologie e nuovi media.

2016


User Group Gli User Group “sharing knowledge – sharing experience”, sono momenti d’incontro aperti e gratuiti dove poter sperimentare e condividere le proprie conoscenze su un tema specifico con un gruppo di persone che ha interessi comuni. Sono appuntamenti mensili nati in modo spontaneo dalla community del Fab Lab, dedicati a giovani professionisti, maker, progettisti e studenti, sono tavoli di co-progettazione e condivisione di idee pensati

per aggregare e sostenere la creatività giovanile. Nascono e si svolgono in un Fab Lab in quanto luogo di formazione, ricerca e sperimentazione, gli User Group sono infatti momenti di apprendimento informale dove scoprire le potenzialità della fabbricazione digitale, imparare ad utilizzare le nuove tecnologie e applicarle direttamente su progetti di ricerca sperimentali e innovativi.

2016


Obiettivi L’obiettivo degli User Group è molteplice e i risultati sono altrettanto declinabili su più livelli: da una parte l’intento è quello di sostenere la creatività, e dare spazio ai giovani per sperimentare su tematiche specifiche in modo attivo e collettivo; dall’altra è quello di proporre una nuova forma mentis e nuovi modelli di apprendimento e progettazione che generino innovazione. Attraverso percorsi di ricerca e sviluppo

trasversali, aperti e multidisciplinari, si forniscono chiavi d’accesso per un progresso collettivo, dove è possibile mettersi in gioco in modo libero, condividere le proprie conoscenze, apprenderne di nuove e fare rete. Il protagonismo, la partecipazione attiva e la condivisione sono alla base del coinvolgimento dei partecipanti degli User Group, dove il risultato è, non solo una crescita del gruppo, ma anche la produzione di progetti

innovativi “dal basso”. Grazie agli strumenti di condivisione, alle nuove tecnologie e alla filosofia del learning-by-doing, di cui Opendot è forte sostenitore, si vuole mettere in moto un nuovo modo di progettare, produrre e fare innovazione attraverso il confronto, la multidisciplinarità, l’eterogeneità e il contributo attivo delle persone.

2016


/ MakEat, lo User Group sul Food Design

2016


MakEat – cibo, prodotto, esperienza Lo User Group MAKEAT – cibo, prodotto, esperienza è dedicato alla sperimentazione tra cibo e design ed è nato dalla collaborazione tra Opendot, Stefano Citi di TourDeFork e Francesco Bombardi di OFFIcuCINA. MAKEAT si basa sulla progettazione di nuovi prodotti culinari che investigano la relazione tra cibo, prodotto ed esperienza, attraverso un processo di design partecipativo “Make & See”. Ovvero, uno sviluppo incrementale del progetto

che ad ogni fase di prototipazione prevede l’immediato confronto con tutti i partecipanti del gruppo, una metodologia progettuale dove lo stimolo a innovare e migliorare l’esperienza deriva da un feedback continuo e costante con gli altri. I giovani partecipanti sono stati invitati ad esplorare la relazione tra forma e texture, gesto e gusto, generata dall’inusuale accostamento di due prodotti gourmet come il

cioccolato e l’Aceto Balsamico tradizionale. Un gruppo composto da una dozzina di ragazzi ha realizzato, in soli 5 mesi, 10 prodotti di food design innovativi e dal forte carattere sperimentale ed esperienziale. Ognuno dei progetti rivisita e introduce nuove gestualità e interazioni tra utensile e utente, verso nuovi e stimolanti scenari di interattività culinaria.

2016


In collaborazione con Stefano Citi / TourDeFork Agenzia creativa multidisciplinare ispirata al cibo e alla cultura culinaria. Fondato nel 2011, lo studio lavora con un’ampia varietà di clienti, da grandi multinazionali a produttori locali, ristoranti, chef e riviste; sviluppando strategie di comunicazione, eventi, packaging e product design.

Francesco Bombardi / OFFIcuCINE Dal 2015 progetta e dirige il laboratorio ibrido tra officina e cucina a disposizione del Master Universitario Food Innovation Program. Fondatore del Fab Lab di Reggio Emilia e docente del corso di design industriale Food Design al dipartimento di Ingegneria Meccatronica e Gestionale di UNIMORE.

www.tourdefork.net

www.francescobombardi.it

Acetaia San Giacomo di Reggio Emilia www.acetaiasangiacomo.com La Casa del Miele www.lacasadelmiele.it

2016


5 appuntamenti 1/ 21 Gennaio 2016 Stampi Realizzazione di stampi alimentari attraverso la tecnica della termoformatura

3/ 17 Marzo 2016 Introduzione alla digital fabrication Formazione sui macchinari a controllo numerico: stampa 3D, laser cutter e fresa CNC

2/ 19 Febbraio 2016 Assaggi Degustazione Aceto Balsamico e cioccolato con Acetaia San Giacomo di Reggio Emilia

4/ 21 Aprile 2016 Progettazione Processo Make & See: concept, progettazione e revisione collettiva

5/ 19 Maggio 2016 Prototipazione Utilizzo delle nuove tecnologie e dei macchinari a controllo numerico per la prototipazione dei prodotti finali 27 Maggio 2016, Mostra finale “New Craft� Kitchen Tools c/o Fabbrica del Vapore in occasione della XXI Triennale, Milano

2016


8 progetti In soli 5 mesi sono stati realizzati 8 prodotti di food design innovativi e dal forte carattere sperimentale. Ognuno dei progetti rivisita e introduce nuove gestualità e interazioni tra utensile e utente, verso nuovi e stimolanti scenari di interattività culinaria. Tutto questo è stato possibile grazie all’accessibilità delle nuove tecniche di fabbricazione digitale, alla prototipazione

rapida e al know-how messo a disposizione da Opendot, unitamente ad un approccio di progettazione altamente coinvolgente e partecipativo guidato da due professionisti del settore. / Fatti di gusto, Paola Russo Un kit per realizzare pillole di cioccolato personalizzabili da riempire a proprio gusto con aceto balsamico e altre spezie o aromi.

/ TraVasi, Chiara Ricci e Antonella Mignacca Il progetto, ricordando il passaggio da una botte all’altra, innesca un gioco di degustazione e gestualità. La degustazione avviene dopo aver travasato parte dell’aceto balsamico da un cioccolatino all’altro.

2016


/ KITchZEN, Tiziano Berti Un kit per la tavola ispirato alla filosofia dei giardini zen, la costruzione di un paesaggio in evoluzione che vuole stimolare l’armonia dei sensi attraverso un nuovo rituale di degustazione di cioccolato e aceto balsamico.

/ Bath Set, Chiara Ricci e Mario Peqini Un set da bagno in versione ludica per sperimentare l’alchimia di due essenze che si fondono, l’attesa di un sapore incognito.

/ Delisir, Laura Cipriani Un piccolo laboratorio di alchimia da portare sulle nostre tavole. Il balsamico scaldato a bagnomaria, viene versato lentamente su una calotta di cioccolato, sciogliendola ne svela il suo contenuto e diventa un delizioso accompagnamento.

2016


/ Gioccolato, Hildreth Inghilterra Gioccolato è una nuova visione sulla vecchia arte di giocare con il cibo. I giocatori devono ruotare e girare la tavola in legno di ciliegio per guidare le sfere di cioccolato fondente attraverso un parco giochi di sapori.

/ Choc & Roll, Stefano Citi e Chhavi Jatwani Un’esplorazione di forma, texture e gestualità, Choc & Roll è un kit esperienziale da tavola che permette di combinare quattro varianti di cioccolato testurizzati con il loro relativo aceto invecchiato.

/ Tulipa, Astrid Luglio Un calice dedicato all’esperienza gusto-olfattiva che nasce dalla combinazione tra aceto balsamico e cioccolato fondente. Una nuova gestualità focalizzata sulla degustazione dell’aceto come momento sperimentale ed esclusivo.

2016


L’esposizione finale In occasione della XXI Triennale di Milano, nell’ambito della mostra “New Craft” curata da Stefano Micelli, MakEat si presenta al grande pubblico nell’area “Kitchen Tools”, il concept di un originale scenario domestico dove i nuovi orizzonti della cultura dell’autoproduzione incontrano le opportunità crescenti generate dalla diffusione della fabbricazione digitale.

Team MakEat (under 35) Opendot Enrico Bassi / coordinamento attività Federica Mandelli / organizzazione e comunicazione Tiziano Berti / operatore macchinari CNC

Partecipanti Stefano Citi / tutor, food designer e maker Claudia Castaldi / fotografa e food stylist Paola Russo / food designer Chiara Ricci / food designer Antonella Mignacca / food designer Mario Peqini / pasticcere Laura Cipriani / designer e maker Hildreth Inghilterra / designer e nutrizionista Chhavi Jatwani / food designer Astrid Luglio / designer

2016


Altre mostre 27 Giugno - 3 Luglio 2016 c/o Palazzo Giureconsulti Class Digital Experience Week Milano

14 Luglio 2016 c/o BASE Milano Chocobello, la fabbrica portatile di cioccolato Milano

8 Luglio 2016 c/o Mercato (s)coperto Symbola Treia, Macerata

14-16 Ottobre 2016 c/o Padiglione Food Innovation Maker Faire Rome – The European Edition Roma

2016


Grazie

Opendot www.opendotlab.it via Tertulliano, 70 20137 Milano

Milano, 12 dicembre 2016

t / +39 02 36 575 870 m / info@opendotlab.it

Il legale Rappresentante

Makeat opendot  
Makeat opendot  
Advertisement