Page 1

NUMERO 01


SOMM AR I 04 PerchÊ è importante raccontare la ricerca

O

01 02 03 04 06

Lavoriamo per la scienza e per il futuro delle conoscenze umane

08

Innovazione e ricerca: da dove siamo partiti, dove stiamo andando

10 Al Bambino GesĂš uno strumento innovativo per l'analisi del genoma

SOMMARIO


EDITOR: Ospedale Pediatrico Bambino Gesù COMITATO EDITORIALE: Bruno Dallapiccola, Rita Mingarelli A CURA DI: Paola Pallotti

05 06 07 08

20 Le storie della ricerca

18 L’intervista: La tecnologia applicata alla ricerca

14

L’intervista: la genetica medica e la medicina di laboratorio

12

Dal 1985 a oggi: la storia dei sequenziatori

SOMMARIO


EDITORIALE

PERCHÉ È IMPORTANTE RACCONTARE LA RICERCA Di BRUNO DALLAPICCOLA

Durante la fase avanzata di realizzazione di questa nuova rivista, ci ha lasciati un collega e amico, il prof. Valerio Nobili. Valerio è stato per diversi anni l’emblema del professionista che opera in un Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, dove si coniuga l’eccellenza clinica con l’eccellenza nella ricerca traslazionale. Nel ricordo di una persona, di un medico e di un ricercatore clinico insostituibile, desideriamo dedicargli l’inserto, che è parte integrante di RES.

I

Perché abbiamo pensato a una rivista che raccontasse la ricerca? Perché, da scienziati, ci piacciono le sfide. La divulgazione di un argomento complesso come la ricerca non è facile. Ma abbiamo deciso fosse giusto iniziare a farlo. Innanzitutto perché un Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico ha due braccia: uno è l’assistenza, l’altro è la ricerca. Se del primo si conosce molto - perché in qualche modo l’assistenza si fa raccontare meglio -, della ricerca se ne sa molto meno, per la ragione inversa: la ricerca è difficile da raccontare. Allora abbiamo pensato che una rivista fosse lo strumento giusto per provare a raccontarla dal di dentro dando voce alle centinaia di ricercatori che lavora-

4

EDITORIALE


no nel nostro Ospedale con l’idea che, attraverso la narrazione delle loro storie, delle loro esperienze, sia più semplice arrivare a comprenderne l’attività. Raccontare le persone per definire il quadro di una comunità - fatta di scienziati, sì, ma anche e soprattutto di persone - che lavora insieme verso un obiettivo comune: offrire la propria professionalità alla ricerca. Attraverso le loro storie, scopriremo come l’Ospedale Bambino Gesù sia cresciuto di tre volte, negli ultimi dieci anni, a livello scientifico. E che nel 2018 si è classificata al terzo posto tra i 51 IRCCS nazionali a cui il Ministero della Salute assegna delle “pagelle” sulla base dei risultati raggiunti. Scopriremo anche che esiste una stretta relazione tra

il laboratorio e la clinica: dietro una provetta che arriva in laboratorio c’è un paziente, e non si può non considerare la grande unicità che esiste tra ricerca e assistenza.

PERCHÉ L’ABBIAMO CHIAMATA RES PEDIATRICA?

Perché RES è acronimo di Ricerca e Sviluppo, ma è anche una delle prime parole con cui ci si avvicina allo studio del latino. La “cosa” dunque è anche il fondamento di una lingua per noi importante, perché è nel nostro DNA. E’ la radice della nostra cultura. La ricerca di base e la ricerca che trasla nella clinica, devono partire dalla sostanza, dalle fondamenta, per cimentarsi con la possibilità di nuove terapie, nuovi percorsi, nuove sfide.

EDITORIALE

RES ha l’ambizione di raccontare la scienza partendo dagli elementi più semplici che compongono l’essere umano. Un insieme articolato e complesso di variabili riducibile alle sue fondamenta: un’idea, una suggestione, un tentativo. Partendo dalle cose più elementari, proveremo a farvi capire la ragione che spinge i ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù a tentare percorsi innovativi di cura. E vi aiuteremo a comprendere la motivazione, “cosa” c’è dietro al back stage. Con l’augurio di facilitare la conoscenza della scienza, buona lettura.

5


RICERCA

E

FUTURO

LAVORIAMO PER LA SCIENZA E PER IL FUTURO DELLE CONOSCENZE UMANE Al Bambino Gesù un nuovo sequenziatore del genoma. Alcune considerazioni della Presidente dell’Ospedale Mariella Enoc La presentazione del nuovo strumento per l’analisi del genoma, una piattaforma tecnologica che aumenta la capacità di processamento dei campioni, fornisce a Mariella Enoc, la presidente del Bambino Gesù, alcuni spunti di riflessione. La prima riflessione riguarda l’investimento sul futuro. “Se la presidente e la direzione di un Ospedale come questo – sono le parole che rivolge ai presenti all’evento di presentazione - e, più in generale, se tutte le direzioni di grandi ospedali, così come quelle di piccole realtà, non avessero la capacità di guardare oltre e di investire sul futuro della ricerca scientifica, dovrebbero, a mio avviso, cambiare attività. Un manager serio non può prescindere da una visione prospettica di ogni scelta che compie”. La seconda riflessione riguarda la sostenibilità. Quando si indirizzano i propri sforzi verso avventure speciali e particolari, è necessario avere la sensibilità di valutare attentamente se si è in grado di sopportarne il peso economico. “Senza

6

sostenibilità – dice la presidente - tutto diventa un sogno, un’utopia. C’è invece, da parte del Bambino Gesù, la volontà di lavorare per fare un tipo di diagnosi adeguata ai costi che oggi si possono affrontare”. Questa tecnologia, oltre a essere virtuosa in un senso di ricerca scientifica, è virtuosa perché permette di curare - che è il fine ultimo di ogni ospedale e di ogni medico - fornendo diagnosi precise, rapide e approfondite, riducendo i costi in maniera considerevole rispetto a prima. “E se mi fosse rimasto qualche dubbio residuo – continua - con questi argomenti si sarebbero dissipati. Tanto più perché il sapere prodotto, così come la conoscenza acquisita, possono essere trasferiti”. È quello che sta facendo il Bambino Gesù: offrire servizi che valichino i confini dell’Ospedale. E anche questa tecnologia può essere messa a disposizione delle realtà pubbliche, di altre realtà private “e, perché no, anche di altri paesi nel mondo”, dice la presidente. Oggi non è sempre necessario trasferire le persone; si

possono inviare immagini e spostare campioni da una struttura all’altra, per un utilizzo coerente di strumenti validi come questo, che non necessariamente devono essere replicati. “Anche perché, come mi insegnano nella ricerca, - spiega - più campioni si esaminano, più lavoro si fa, più sapere si genera, e più possibilità ci sono che fra poco nascerà un’altra piattaforma che sarà anche più evoluta e che, di nuovo, potrà essere messa al servizio della collettività. Se ci fermassimo invece a pochi numeri, questo circolo virtuoso non potrebbe compiersi”. Un pensiero ancora per il grande lavoro che sta facendo l’Ospedale nell’ambito della ricerca: “Io credo nei passi in avanti che la ricerca scientifica sta facendo. Una ricerca che vi assicuro riusciamo a portare, per quanto possibile, in paesi molto evoluti così come in paesi molto poveri. Noi lavoriamo per la scienza, per il futuro delle conoscenze umane, ma anche per l’umanità di tutti i giorni”.

RICERCA E FUTURO


RICERCA E FUTURO

7


INNOVAZIONE

E

RICERCA

INNOVAZIONE E RICERCA: DA DOVE SIAMO PARTITI, DOVE STIAMO ANDANDO Abbiamo chiesto al Professor Bruno Dallapiccola di presentarci il Sequenziatore di ultima generazione e di raccontarci la rivoluzione genetica del Bambino Gesù “Per capire dove stiamo andando, dobbiamo spiegare come e perché siamo arrivati a questo punto”, dice il Direttore Scientifico del Bambino Gesù, Bruno Dallapiccola, al quale chiediamo di spiegarci che cosa consentirà di fare il NovaSeq 6000 System, la piattaforma tecnologica più avanzata per l’analisi del genoma. Bisogna iniziare il racconto dal momento in cui un viaggio ha avuto inizio, per comprendere meglio dove si è diretti. La destinazione. “Siamo partiti nel 2013 – racconta il Professore - anno in cui, per la prima volta, ci siamo avvicinati alle tecnologie che indagano la ricerca genomica. Abbiamo cominciato a dotare il laboratorio delle prime macchine

8

INNOVAZIONE E RICERCA


- archeologiche, verrebbe da dire oggi - ed è stato allora che abbiamo avviato un progetto rivolto ai pazienti che non avevano diagnosi, affetti da una malattia di cui non si conosceva il nome, né la cura. Come in tutti i viaggi complessi che si ci appresta a intraprendere, una componente inattesa può trasformare il percorso, costringere a un cambio di rotta che si rivela essere quella migliore per raggiungere obiettivi ancora più grandi. “Da progetto di ricerca – spiega - si è consolidato come pratica clinica fino a diventare, nel triennio successivo alla sua ideazione, anche un progetto istituzionale legato alla prima campagna sociale della Fondazione Bambino Gesù Onlus, Vite Coraggiose, che ha portato risultati molto importanti in tema di malattie rare. Da una parte, - continua il Professore - ha aiutato a dare un nome alle patologie di centinaia di pazienti fino ad allora senza diagnosi e senza cura e, dall’altra, ha avuto un impatto consistente sui tempi della ricerca a causa dell’accelerazione del processo di riconoscimento di nuovi geni malattia”. ”E questo – prosegue - è esattamente in linea con la direzione verso la quale si sta muovendo l’Ospedale: sviluppare laboratori di genetica funzionale per capire come funzionano i geni malattia, per arrivare ad avere cure migliori per i nostri pazienti”. Perché, intuiamo dalle sue parole, la meta di questo viaggio non è la diagnostica, ma la cura. “E tutto questo – conferma - è possibile anche grazie a questo nuovo sequenziatore”. “Ci si chiederà perché – continua Bruno Dallapiccola - in un Ospedale in cui ogni anno arrivano migliaia di stru-

menti che alimentano un parco macchine che ne conta circa 11.000, ci si concentri sul racconto della storia di una singola piattaforma. La risposta è semplice: per la sua straordinarietà e per la forza rivoluzionaria che include. Straordinaria perché si inserisce per la prima volta in una struttura che offre un servizio pubblico. Non solo. Si inserisce in una struttura che coniuga alla potenza clinica, la potenza biologica e quella bioinformatica. E questa congiuntura di forze rende il Bambino Gesù un centro che può erogare un servizio che soddisfa ben oltre i suoi bisogni interni. La possibilità di diventare centro di riferimento per altre regioni d’Italia, e per gli specialisti che vivono al di fuori del nostro paese, è una sfida non solo auspicabile, ma anche possibile, grazie a questa nuova tecnologia. Che è anche rivoluzionaria. Noi genetisti siamo abituati ad associare alla genetica il termine rivoluzione. La rivoluzione genetica è reale. Ed è prima di tutto una rivoluzione tecnologica. Negli ultimi 4 lustri, dopo il primo sequenziamento del genoma umano, c’è stata una vera e propria rivoluzione, in termini di conoscenze e di tecnologie, che ha impattato fortemente sui tempi e sulla precisione delle diagnosi oltre a comportare un abbassamento consistente dei costi. E tutto questo spiega il come, e il perché, siamo arrivati fin qui”. E torniamo alla domanda iniziale della nostra chiacchierata: dove stiamo andando, dunque? Che cosa sarà possibile fare? Il professore non esita a rispondere: “Sicuramente verso un nuovo paradigma per i test genetici”. Ci si sta muovendo nella direzione in cui si chiederanno

INNOVAZIONE E RICERCA

sempre meno singoli geni, e analisi di piccoli pannelli di geni, e ci si abituerà sempre più ad avere un’analisi complessiva del genoma che, con un costo pressoché identico, può certamente essere più risolutiva. È quello che ha compreso l’amministrazione del Bambino Gesù, con questo investimento; ha risposto a un’esigenza che veniva dai biologi, dai clinici, dai bioinformatici di questo Ospedale. Ed è mio dovere ringraziare tutti coloro che hanno reso tutto questo possibile”. Una componente essenziale di questo viaggio, a detta del professore, sarà “l’appropriatezza prescrittiva. Una parola d’ordine imprescindibile per questo progetto. Dovremo tutti imparare – conclude - a usare al meglio la tecnologia per sfruttare appieno le sue grandi potenzialità”. Per capire dove stiamo andando, dobbiamo spiegare come e perché siamo arrivati a questo punto. Perché – ha ragione Dallapiccola – bisogna iniziare il racconto dal momento in cui un viaggio ha avuto inizio, per comprendere meglio la destinazione.

9


NOVASEQ

6000

AL BAMBINO GESÙ UNO STRUMENTO INNOVATIVO PER L’ANALISI DEL GENOMA Con NovaSeq 6000 System un nuovo paradigma per le analisi genetiche: aumentate le capacità di processamento, risultati più rapidi e abbattimento dei costi Il nome tecnico è NovaSeq 6000 System, la piattaforma tecnologica più avanzata per l’analisi del genoma. È in grado di effettuare in poche ore il sequenziamento contemporaneo di 384 esomi, cioè la parte codificante del genoma nel quale sono localizzati i geni, a costi competitivi rispetto alle tradizionali analisi di singoli geni e famiglie di geni (pannelli). Nell’esoma si localizza la maggior parte delle modificazioni responsabili delle malattie ereditarie. Il nuovo sequenziatore consentirà all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di potenziare la capacità diagnostica delle malattie genetiche, in particolare di quelle rare. La nuova piattaforma è stata presentata mercoledì 6 febbraio durante un incontro che si è tenuto nell’Auditorium della sede di san Paolo fuori le Mura dell’Ospedale: «Oltre la metà delle malattie rare colpisce i bambini e circa il 90% di esse ha un’origine genetica – spiega Antonio Novelli, responsabile della Unità Operativa Complessa del Laboratorio di Genetica Medica del Bambino Gesù -.  Almeno un malato raro su tre non ha una diagnosi e rischia di convivere con una malattia che resterà senza nome nell’arco di tutta la vita, con gravissimi disagi in quanto la diagnosi

10

è il punto di partenza per costruire il percorso della presa in carico e delle scelte terapeutiche. L’inquadramento di questi pazienti può essere effettuato con il sequenziamento genomico di nuova generazione con un successo diagnostico superiore al 50% dei casi. Il nuovo sequenziatore accelererà l’individuazione delle basi biologiche delle malattie ereditarie nei pazienti orfani di diagnosi».

NOVASEQ 6000


1

2018

2

27.000 Test genetici

IL NUOVO SEQUENZIATORE

Il nuovo sequenziatore da oggi in uso nei laboratori di Genetica medica del Bambino Gesù consentirà di disegnare un nuovo paradigma nell’approccio delle malattie genetiche, per la straordinaria capacità di processamento dei campioni e di abbattimento dei tempi e dei costi delle analisi. Il nuovo sequenziatore può analizzare in poche ore oltre 300 campioni ad un costo di poche centinaia di euro,

3

Test genetici eseguiti in tutta Italia

Collaborazioni con Siria, Albania, Russia

rispetto ai 100 milioni di dollari e ai mesi che erano necessari per un singolo sequenziamento nell’anno 2000 quando si è concluso il Progetto genoma umano e ha subito una significativa accelerazione la rivoluzione tecnologica in questo settore. Il trasferimento clinico di questo strumento cambia radicalmente la prescrizione dei test genetici. L’approccio tradizionale all’analisi di singoli geni e pannelli di famiglie di geni sarà progressivamente rimpiazzato da questo approccio genomico che, a parità di costi, o, addirittura, a costi minori, consentirà di ottenere le diagnosi e stratificare i pazienti.

27 MILA TEST GENETICI NEL 2018

Il Bambino Gesù nello scorso anno ha effettuato 27 mila test genetici. Oltre che per i pazienti dell’Ospedale, ha eseguito test genetici per pazienti di tutt’Italia, prevalentemente dal Centro Sud ma anche dal Nord, grazie anche ad una serie di collaborazioni con altre strutture ospedaliere italiane ed estere in Siria, Albania, Russia. Le nuove tecnologie disponibili richiedono competenze complesse, comprese quelle bioinformatiche, indispensabili ad analizzare e interpretare i dati di sequenziamento, in particolare attraverso l’uso di database e strumenti informatici aggiornati.

NOVASEQ 6000

11


12 12

INFOGRAFICA


“MI PORTERÒ DENTRO VALERIO PER SEMPRE” Il collega Di MASSIMILIANO RAPONI

L’incontro Ho conosciuto Valerio 18 anni fa, lavorava già in Epatologia del Dipartimento di Epato-Gastroenterologia e Nutrizione, e collaborava sul progetto trapianti. Nonostante fosse molto giovane, aveva già le idee chiare su quello che poi avrebbe realizzato negli anni a seguire, con particolare riferimento al programma NASH – Steatosi epatica non alcolica – e con un’attenzione notevole alla ricerca scientifica e al trasferimento nella pratica clinica.

È stato un medico presente e attento, dotato di straordinarie capacità professionali e umane, esaltate dalla grande capacità di ascolto e dall’empatia che ha caratterizzato le sue relazioni. Nel rapporto con i pazienti, ha dimostrato il suo punto di forza fin dall’inizio della sua carriera: una presenza costante in reparto, che gli permetteva di entrare sempre in relazione con i piccoli pazienti e con le famiglie. I bambini sapeva rassicurarli, con affettuose carezze, buffetti e grandi sorrisi.

L’episodio Il ricordo Io mi porterò dentro Valerio per sempre. Perché resterà sempre vivo il ricordo dell’approccio serio, innovativo, di rispetto dei valori, nei confronti non solo della professione ma, ancora di più, nei confronti della vita in generale. I valori che hanno guidato questi aspetti della sua vita sono quelli che porterò sempre con me, non solo come collega, ma soprattutto come amico e come uomo.

Non c’è stato momento importante per l’Ospedale in cui Valerio non sia stato presente. Non solo fisicamente, ma anche attraverso una grande vicinanza emotiva, che spesso era fatta anche di piccoli gesti, o di silenzi, ma comunque tangibile. Tra i tanti episodi mi piace ricordare le visite di accreditamento della Joint Commission International; Valerio mi mandava un messaggio la sera prima, per farmi sentire la sua partecipazione. Poi, la mattina, ci incontravamo alle 7.00 davanti al bar, per prenderci un caffè insieme, e per darci la giusta carica. Nonostante i tanti impegni, riusciva sempre a pensare agli altri, generoso con me, con i colleghi, i medici gli infermieri.

IN RICORDO DI VALERIO NOBILI


“SAPEVA FIDARSI E AFFIDARSI: ECCO CHI ERA VALERIO NOBILI”

L’incontro

Il nostro incontro è avvenuto in Ospedale. È stato al Bambino Gesù che è nato un connubio professionale dove clinica e ricerca si sono unite sul tema delle alterazioni metaboliche. Valerio ha prodotto dati eccezionali su questo argomento, la sindrome metabolica, estendendo lo spettro di indagini anche al microbiota intestinale, che è la parte di cui più specificatamente mi occupo io come ricercatrice. Abbiamo iniziato parlando di quella che poteva essere l’alterazione del metabolismo del microbiota rispetto alla sindrome metabolica associata a obesità e associata a fegato grasso, di cui Valerio era massimo esperto. I nostri primi lavori riguardavano la somministrazione di probiotici in condizioni di fegato grasso e obesità. Abbiamo pubblicato insieme molti lavori, anche su riviste prestigiose.

Il ricordo Il senso di partecipazione a un progetto collettivo, che ciascuno poteva contribuire a implementare e valorizzare. La collaborazione. Valerio sapeva delegare, e questa è una cosa che sto imparando progressivamente, anche grazie a lui. La cosa più bella che mi rimane, a posteriori, è che quando esci dal singolo momento di empasse, in cui ti sembra di non farcela, capisci che quella spinta, quel suo “Dai, dai, dai! Ce la facciamo! Puoi farlo!” era il motore propulsore per tutti. Una locomotiva. Da quella vicinanza emotiva scatta qualcosa di più profondo di un legame professionale. Scatta l’amicizia. Valerio è stata una persona da cui ho imparato tantissimo e mi dispiace non poter continuare a lavorare con lui su alcune tematiche. Un rapporto su cui potevo contare costantemente. La definirei, a tutti gli effetti, un’amicizia scientifica, un affetto scientifico. Se non esiste, per noi è stato così.

IN RICORDO DI VALERIO NOBILI

Di LORENZA PUTIGNANI

Il collega È stato un collega con cui ho condiviso tanto. L’attività di ricerca, l’attività clinico assistenziale. Ci legava l’interesse per le stesse cose, tutto quello che un clinico e un laboratorista possono condividere, ma molto di più. È stato un rapporto molto bello e molto importante, professionale e umano. Valerio aveva una grande capacità: sapeva assegnarti una fiducia illimitata. E questa sua inclinazione a sapersi affidare alle competenze dell’altro in maniera spassionata, è stato per me un grande onore. Era una persona di altissimo livello scientifico, ma che sapeva riconoscere senza riserve e a pieno titolo le conoscenze dell’altro. Aveva creato un clima splendido nel quale a tutti veniva facile condividere e collaborare. Con lui si poteva discutere in modo aperto, sereno, alla pari, anche se con veemenza e con l’affanno dei risultati, ma sempre col rispetto verso l’interlocutore. Una caratteristica rara e affatto scontata, anche tra colleghi. Era un fidarsi e affidarsi, una cosa preziosa.

L’episodio Ho i ricordi molto chiari di quando si discuteva dei risultati, dei progetti. Dei successi, ma anche dei fallimenti. Lui è sempre stato di incoraggiamento e di incitamento. Quella era una parte fondamentale della processività e della produttività di Valerio. Stare sul pezzo costantemente, mantenere la parola, rispettare le scadenze, rispettare il proprio lavoro e quello degli altri.


Valerio era sicuramente un leader!! ! I leader guardano o lontano verso l’orizzonte. I leader sanno o com c unicare i propri sogni e sanno come esaltare il potenzia le dei collaboratori spronandoli a fare di più. Ma Valerio per me era un uomo sem plice solare, innamorato del suo lavoro. Valerio trasmetteva gioia di vivere, aveva un sorriso ed una battuta per tutti, , creava subito empatia. La sua è una perdita, un vuoto incolmabile. Valerio era un uomo con rare qualità, la sua amicizia mi mancherà. Clara Balsano Medicina Interna, Università dell’Aquila

ione commoz a l e re Il dolo dita. sua per a l zioso r e p ene pre b l i , a La gioi rci. uo esse s l i r e p ntico. so aute i r r o s pitello Un aldi Ca no Gesù m i r G Teresa ega del Bambi Una coll

news ing sad k c o h s big rd the was a we hea e H , that y . a g d n o T others assi y p n a s ' m o i r to and for of Vale ibution for us r t n n o o i c t a inspir is huge lty. re of h a w persona a m e r a w wer deep s i ess our h and h r c p r x a e e s o e entire r et nd the a fore lik e u r o e y h t hese sh We and wi hs in t t s g e n c e n r t e condol ts of s Unit lo h c r a e Res s. lt time uben, difficu s Tom Ho ics g d n i n t a e v e r erdlo Genet Warm g hiri-Sv of Molecular alth” Ronit S . Dept tive he rsity s e g i d and ht Unive “Liver Maastric

La prem atura s compar è un’in sa di V colmab alerio N i le perd la Pedi obili i t a per atria it a l i ana e i Medico nternaz prepara ionale. to, com ha sem p e tente e pre ass istito c dedicat i suoi p on dedi o, azienti z i o n . Ricer e tutti e ricon c a t ore app osciuto rezzato in tutto innovat il mond ive e s o o per le lide ric di stra sue erche, ordinar e r a i e dotato capacit e didat à comu tiche. nicative

A Un colleg lberto Villani a del Bam bino Gesù

IN RICORDO DI VALERIO NOBILI


Oggi non ho più lacrime, le ho terminate tutte. E il mio cuore è colmo di dolore per te, che mi hai accolto nella tua Unità Operativa del Bambino Gesù. Mi hai insegnato tutto ciò che più conta nella carriera di un medico: dall'amore per la ricerca, all’amore per il proprio lavoro, dall'onestà alla grande umanità. Sempre con l’argento vivo negli occhi, quello stesso argento che io portavo a casa la sera seppur esausta. Ho amato i miei giorni lì con voi. Mi hai dato i sorrisi, trasmesso la voglia di realizzare e mi sei stato vicino anche nel peggiore momento della mia vita. Mi hai detto che vrei vinto io, perché ero una leonessa. Fino ad ora hai sempre avuto ragione tu. Continua a guidare da lassù chi di noi ha avuto il piacere di conoscerti e viverti. Buon viaggio super prof Valerio Nobili. Io non ti dimenticherò mai. Francesca Graziano Una pediatra

Resterà sempre con noi special . Una p e, un d ersona o t t ore, un un padr amico, e. Era t un frat utto. N di pens ello, on ho i are che l c o n raggio o n ci se la poss i più. C ibilità he Dio di cont che fac i ti dia n u a re a fa evi anc he in p re ciò che aiu a radiso. terai t Sono si ante pe Riposa curo r s one anc in pace he da l . ì.

Fabio Un papà onibile re disp p m e s rsona, ima pe s s i d n bbra. a Una gr sulle la o s o con i r r o ls un uom o t letto a r e con i t va sul e incon d i e a s m i loro Non ho e che s re con à simil a t l i r n a a p m un’u oso ienti a affettu oli paz e c r c p i p m e i de i. S ore genitor il Sign e h C . e con i ba mia bim o. con la a Par dis n i a Celeste i b l'ab ma Una mam

IN RICORDO DI VALERIO NOBILI


“DI VALERIO RICORDERÒ TUTTO. ERA IL MIO COMPAGNO DI VIAGGIO PROFESSIONALE, IL MIO CALMANTE” Di ANNA ALISI

L’incontro Ho conosciuto Valerio nel 2006. È con lui, insieme alla dottoressa Marcellini, la quale dirigeva allora l’Unità Operativa di Epatologia e il Dipartimento delle Chirurgie, che ho fatto il colloquio per entrare in Ospedale. Già da allora Valerio, pur essendo un clinico, aveva questa grande passione per la ricerca, ed esprimeva il desiderio di creare un laboratorio di ricerca in epatologia, che ancora non c’era. Io venivo da un’esperienza di 12 anni di ricerca sul fegato. A fine colloquio, quando mi ha accompagnata alla porta, mi ha sorriso. È stato il suo modo di dirmi: “Ti ho trovata, sei tu!”. Fino a qualche anno fa tutto il mondo degli epatologi era convinto che la NAFLD – la Steatosi epatica non alcoolica – non esistesse. Al tempo del colloquio anche io ero fra quegli scettici. Lui invece ci credeva fortemente e ha portato avanti studi e ricerche per avvalorare questa sua brillante intuizione. Ed io non ci ho messo molto tempo a riconoscere che Valerio aveva ragione sia clinicamente che scientificamente.

Il collega 180 dei miei 192 lavori portano tutti il suo nome. Tutto quello che ho fatto in ricerca in questi anni è, in qualche modo, legato a lui. Sono stati anni di lavoro intenso e faticoso a volte, ma ricchi di grandi soddisfazioni professionali. Valerio lavorava ininterrottamente. Tutte le mattine, alle 8.00, arrivava la sua telefonata: “Annarè, che stai a fa’? Ho un’idea! Che dici possiamo realizzarla nel nostro laboratorio?”. Era sempre l’inizio di qualcosa di costruttivo e vincente. Ho avuto il grande onore di costruire assieme a lui l’Unità di Ricerca sul Fegato al Bambino Gesù. Un’unità che grazie a Valerio, soprattutto alla sua capacità dialettica anche in un’altra lingua diversa dalla sua, ha raggiunto rapidamente una visibilità a livello internazionale. Infatti, per i suoi traguardi scientifici è oggi considerato uno dei pionieri e degli esperti mondiali nella NAFLD pediatrica. Appassionato e coinvolgente, sapeva contagiarti con il suo ottimismo e con la sua forza persuasiva. Non potevi non seguirlo, non affidarti.

Il ricordo Di Valerio ricorderò tutto del nostro percorso condiviso. È stata una figura importante, per me, e non solo dal punto di vista scientifico, ma anche umano. Un maestro, il miglior compagno di viaggio professionale che potessi desiderare. Aveva un effetto terapeutico su di me: una cura calmante e un’infusione costante di sicurezza, determinazione e protezione. Mi ha insegnato a superarmi e mi ha trasferito sempre il suo ottimismo. Lui diceva “Si può fare” perché credeva, forte della sua conoscenza, nelle sue intuizioni. E alla fine, stando molto a contatto con lui, finivi per credere anche tu a quel dato progetto e a studiare il modo migliore per poterlo realizzare. Emerge di lui anche il suo grande amore per la ricerca scientifica e la condivisione dei risultati raggiunti. Valerio amava i momenti di confronto, durante i quali si poneva con grande umiltà all’ascolto delle idee di tutti. Valerio è stato un illustre professionista ma allo stesso tempo ha conservato la sua umanità. È questo che fa di lui un grande uomo che ha sempre avuto la stima e l’amicizia di coloro che hanno condiviso con lui un passaggio di questa vita. Gli vorrei dire una cosa. “Caro Valerio, ti prometto che porterò avanti la ricerca sulla NAFLD con lo stesso spirito e la stessa determinazione che tu mi hai regalato.”

L’episodio Il ricordo a cui sono più affezionata è sicuramente l’incontro. Ha segnato l’inizio di tutto. E quel sorriso che mi ha fatto accompagnandomi alla porta, il giorno del mio colloquio, non mi ha mai più abbandonata anche nei momenti più impegnativi del lavoro.

IN RICORDO DI VALERIO NOBILI


“L’EREDITÀ DI VALERIO, UN MEDICO A BRACCIA APERTE” Di ALBERTO EUGENIO TOZZI

L’incontro Ho conosciuto Valerio 15 anni fa, quando sono arrivato in Ospedale. Il nostro primo incontro è avvenuto in un momento particolare, quando io ero in procinto di partire per una missione in Africa, in Tanzania. Valerio rientrava da quel paese, e ci siamo incontrati per un passaggio di consegne che poi si è trasformato in un colloquio aperto sugli aspetti non solo clinici, ma anche sui risvolti umani con cui avrei dovuto fare i conti. Io non ero mai stato in Africa, e parlare con lui è stato non solo utile, ma anche costruttivo. Aveva una simpatia e una sensibilità umana fuori dal comune. Un grande lavoratore, che però non si è mai risparmiato anche quando c’era bisogno di un confronto che non fosse solo professionale.

Il ricordo Valerio aveva capito che lo scambio di risorse e di conoscenze, nella ricerca, è un valore e un vantaggio, che consente di tagliare traguardi ben più ambiziosi, perché il sapere diventa un bene collettivo. Quindi questa sua generosità nel trasferire e nel condividere esperienze la considero la sua preziosa eredità.

IN RICORDO DI VALERIO NOBILI

Il collega È stato facilissimo lavorare con lui. Come medico, in un’immagine, Valerio era “a braccia aperte”. Accoglieva tutti. Quando c’era un problema, lui rispondeva immediatamente. Che fosse un paziente complesso che gestivamo in comune, o che fosse una consulenza per amici di amici, lui c’è sempre stato. Ed era lungimirante; è stato il primo ad agganciare l’approccio tecnologico all’assistenza, su un progetto di orientamento al paziente con disturbi dell’alimentazione. Aveva contribuito a ideare con me questo progetto per i pazienti obesi, malnutriti e anoressici, che mi auguro possa presto vedere la luce. Come ricercatore, una punta di diamante, di notevole levatura scientifica. Ha sempre garantito prodotti di grande livello. Sarà difficile trovare per la nostra area di ricerca qualcuno uguale a lui, non solo a livello professionale, ma anche umano.

L’episodio Più che un singolo episodio, sono stati momenti. Quelli sulla terrazza del Gianicolo, per bere qualcosa insieme al bar e scambiare pensieri che non fossero strettamente legati al nostro lavoro. Quelli non li scorderò mai.


Valerio Nobili ha pubblicato 369 lavori scientifici in PubMed.

Nella sua vita da ricercatore,

Ecco alcuni tra i lavori scientifici che Valerio amava citare durante le sue presentazioni, perchĂŠ avevano segnato tappe importanti della sua crescita scientifica:

JULY

Lifestyle intervention and antioxidant therapy in children with nonalcoholic fatty liver disease: a randomized, controlled trial. Hepatology.

2008

AUGUST

2008

Accuracy and reproducibility of transient elastography for the diagnosis of fibrosis in pediatric nonalcoholic steatohepatitis. Hepatology.

OCTOBER I148M patatin-like phospholipase domain-containing 3 gene variant and severity of pediatric nonalcoholic fatty liver disease. Hepatology.

2010

SEPTEMBER

2013

Serum cytokeratin-18 fragment levels are useful biomarkers for nonalcoholic steatohepatitis in children. Am J Gastroenterol.

JUNE

Comparison of the Phenotype and Approach to Pediatric vs Adult Patients With Nonalcoholic Fatty Liver Disease. Gastroenterology.

2016

FEBRUARY 11

2019

The Antioxidant Effects of Hydroxytyrosol and Vitamin E on Pediatric Nonalcoholic Fatty Liver Disease, in a Clinical Trial: A New Treatment? Antioxid Redox Signal.

E ancora: un articolo di revisione su Nature Reviews Gastroenterology & Hepatology accettato pochi giorni prima della sua scomparsa, attualmente in fase di editing. Un successo che Valerio definiva "uno spettacolo".


INFOGRAFICA

13


L’ I N T E R V I S TA

LA GENETICA MEDICA E LA MEDICINA DI LABORATORIO

14

L’INTERVISTA


La genetica medica e la medicina di laboratorio tra passato, presente e futuro. Risponde Antonio Novelli, Responsabile del Laboratorio Diagnostico del Bambino Gesù gici, permettendo da un lato la riduzione considerevole dei tempi di refertazione e dei i costi associati all’analisi, dall’altro l’incremento dei volumi di attività di laboraTutto. La velocità, in pri- torio. Tutto questo ovviamente mo luogo. Siamo passati, per in associazione al migliorarendere il concetto con un’im- mento in termini di qualità del magine, dal treno a vapore referto finale. all’alta velocità. Analizzare E’ noto come molte malattie il genoma di un soggetto è siano geneticamente eterogeoggi di fatto possibile con una nee, ovvero presentino quadri definizione inimmaginabile clinici identici o simili pur essendo causate fino a pochi anni «LE NUOVE da mutazioni in fa, con disposigeni diversi. In tivi continuamen- TECNOLOGIE questi casi speste più opportuni HANNO so non è possiche permettono di RIVOLUZIONATO bile indirizzare esaminare in un L’ATTIVITÀ l’analisi su uno unico esperimen- DEI GENETISTI specifico gene, to e rapidamente IN LABORATORIO» prediligendo lo le variazioni del numero di copie di tutti i loci studio simultaneo di un numero genici (CNV copy number va- maggiore di geni. riations), sino a comprendere Le nuove tecnologie permettono ogni lettera dell’intero pa- di analizzare contemporaneatrimonio ereditario di un in- mente e a costi moderati pandividuo (WGS-whole-genome nelli con più geni o addirittura sequencing/WES-whole exome interi genomi, rivoluzionando l’attività dei genetisti di sequencing). Le tecnologie di cui si è do- laboratorio. tato l’ospedale negli ultimi anni hanno permesso a tutto il processo diagnostico di pro- IN CHE MODO? cedere a ritmi incredibilmente Accorciando la distanza tra l’analisi del genetista di lapiù rapidi. La rivoluzione tecnologica, in boratorio (analisi dei geni e particolare le tecniche di se- dei cromosomi) e quella del quenziamento di seconda ge- genetista clinico o specialista nerazione (NGS-Next Genera- di branca. tion Sequencing), ha cambiato Alla velocità con la quale anche la modalità di acqui- viaggiano queste innovazioni sizione dei campioni biolo- tecnologiche si rischia infatti

UN PO’ DI STORIA: DAL 2015 - ANNO IN CUI HA INIZIATO A DIRIGERE IL LABORATORIO DEL BAMBINO GESÙ - A OGGI, COSA È CAMBIATO?

TESTO L’INTERVISTA

di generare informazioni genetiche difficilmente comprensibili, male interpretabili o oggetto di discussione per i soli addetti ai lavori. Per questo motivo, nel corso degli anni è stato necessario un cambiamento nelle nostre attività, passando da un lavoro prevalentemente improntato all’attività manuale di bancone all’assunzione di ruoli sempre più specializzati all’interpretazione di dati. Abbiamo quindi effettuato un cambio di destinazione d’uso dei nostri locali adibendo un’intera area alla fase di elaborazione dei dati. In questi spazi riservati, i risultati forniti dalle nuove piattaforme adottate vengono quindi “districati”, coniugati ad informazioni di tipo funzionale e condivisi con la comunità scientifica tramite reti internazionali di laboratori.

QUALI SONO I TEST GENETICI CHE AFFERISCONO AL LABORATORIO DI GENETICA MEDICA?

Essenzialmente si tratta di test diagnostici, ma vengono effettuati anche test presintomatici e test del portatore, ossia test finalizzati a identificare individui portatori sani di alcune patologie frequenti nella nostra popolazione, come la fibrosi cistica o la beta-talassemia o la SMA (Atrofia Muscolare Spinale).

15


2016 TEST GENETICI

11.000

Per quanto riguarda i test alterazioni comprendenti pochi diagnostici è chiaramente geni, un solo gene, parte di il sospetto clinico a guida- un gene, singole basi, fino ad re l’analisi e ad indirizzare arrivare appunto al sequenziaverso la metodica più appro- mento di nuova generazione, priata ad ogni singolo caso. che ci permette di analizzare Nell’ambito della nel dettaglio e ad genetica medica «IL FUTURO altissima risoluzioè infatti pos- CI VEDRÀ ne esomi o genomi sibile lavorare CONCENTRATI interi in un singolo esperimento. diversi livelli di SULLA Un test genetirisoluzione: si MEDICINA co necessita poi di può studiare il DI PRECISIONE» un inquadramento cariotipo del paziente nel caso in cui si so- nell’ambito della storia perspetti una patologia cromo- sonale e familiare del pasomica, o spingersi a livelli ziente. di risoluzione progressiva- Viene quindi sempre richiesta mente più elevati per indivi- una consulenza pretest per duare piccole perdite o acqui- spiegare alla famiglia vansizioni di porzioni genomiche taggi, limiti e rischi assonon rilevabili al microscopio, ciati alle indagini genetiche,

16

e una consulenza post test nella quale vengono discussi e interpretati clinicamente i risultati, soprattutto nei casi in cui siano presenti rischi di ricorrenza familiari.

ADESSO UN PO’ DI NUMERI. SU CHE CIFRE CI PERMETTE DI VIAGGIARE LA TECNOLOGIA?

Con il classico sequenziatore si analizzava un singolo gene, o parti di un singolo gene alla volta. Con l’ausilio di una macchina di cui si è dotato il laboratorio nel 2012, è stato possibile esaminare dai 10 ai 30 geni contemporaneamente. Nel 2015 abbiamo iniziato a implementare le dotazioni tecnologiche, tanto che è venuta meno la necessità di esternalizzare i test e abbiamo, anzi, iniziato ad accettare e analizzare anche campioni provenienti da altre sedi. Nel 2016 abbiamo effettuato 11.000 test, e nel 2018 le refertazioni di campioni sono salite a circa 30.000. Tutto grazie

L’INTERVISTA


2018

30.000 alle tecnologie di ultima generazione, che hanno permesso di combinare l’analisi genomica con l’analisi genica rendendo il laboratorio un utile coadiuvante dell’attività di ricerca del Bambino Gesù. La possibilità di condurre analisi così sofisticate e in tempi tanto brevi ha reso infine possibile l’introduzione dell’urgenza del test genetico. Di per sé i test genetici non hanno richiesta di urgenza, se non per alcune categorie come la diagnosi

prenatale, l’oncogenetica e le patologie metaboliche, nelle quali è possibile adottare una terapia specifica in base al risultato. Per far fronte a queste esigenze abbiamo allestito un piccolo gruppo, che chia-

TESTO L’INTERVISTA

miamo il Pronto Soccorso genetico, che fornisce diagnosi in pochissimo tempo. Il futuro? Ci vedrà concentrati sulla medicina di precisione.

17


L’ I N T E R V I S TA

LA TECNOLOGIA APPLICATA ALLA RICERCA Negli ultimi anni si sono disegnati scenari e si sono aperti orizzonti oggettivamente inimmaginabili solo fino a qualche anno fa. Ne parla Marco Tartaglia, Responsabile dell’Area di Ricerca Genetica e Malattie Rare QUAL E’ IL CONTESTO NEL QUALE SI È RESO NECESSARIO L’ACQUISTO DI UNA NUOVA PIATTAFORMA DI SEQUENZIAMENTO GENOMICO? Si stima che circa il 70% dei bambini che accedono in Ospedale sia affetto da malattie genetiche o a larga componente genetica e che una quota significativa di questi pazienti –intorno ai 700.000 bambini in Italia– sia affetto da una malattia rara. Per una percentuale significativa di essi, non abbiamo diagnosi. Il raggiungimento della diagnosi è centrale per una presa in carico efficiente e per fornire, ove possibile, una terapia mirata. Esso rappresenta ancora oggi una criticità oggettiva, considerando i tempi che intercorrono tra l’insorgenza della malattia e la definizione diagnostica. Purtroppo, possono passare molti mesi o addirittura anni prima che una famiglia riesca a ottenere la diagnosi del proprio figlio. Statistiche recenti indicano che il 50% dei pazienti riceve la diagnosi dopo un anno, mentre il 30% dopo 5 anni. Va inoltre considerato che spesso la prima diagnosi non è corretta, comportando la necessità di ulteriori indagini e accertamenti. 18

L’INTERVISTA


mo l’impatto che mutazioni DA CHE COSA DIPENDE L’IMPOSSIBILITÀ DI a carico di circa la metà dei ACCELERARE I TEMPI E nostri geni possono avere sui INCREMENTARE LA CERTEZZA processi cellulari, fisiologici DELLA DIAGNOSI? La difficoltà di raggiunge- e dello sviluppo. re la diagnosi non dipende ALLA LUCE DI QUESTE dall’inadeguatezza dei clinici CONSIDERAZIONI, COME CAMBIA di riferimento ma da diver- L’ATTIVITA’ DELL’OSPEDALE se difficoltà oggettive pe- CON L’UTILIZZO DELLE NUOVE culiari delle malattie rare. TECNOLOGIE? Si tratta infatti di malattie Diversi anni fa è partito un per le quali sono disponibili programma innovativo diretto informazioni limitate spesso ad applicare le tecnologie estrapolate dall’analisi di un genomiche nella pratica clilimitato numero di pazienti. nica e a concentrare le ricerPer queste malattie tendiamo che sulla comprensione delle inevitabilmente ad avere un’i- basi molecolari delle malattie orfane di diagnodea platonica che si con l’obiettivo di non tiene conto della «LA NUOVA variabilità clinica e PIATTAFORMA identificare i geni malattia coinvoldella storia natu- FAVORIRÀ ti e comprendere i rale della malattia LA RICERCA meccanismi patostessa. Per molte SCIENTIFICA genetici implicati, di queste condizioutilizzando approcci ni non si dispone di PER LE sperimentali commaniglie diagno- MALATTIE plementari basati stiche che possano RARE» sull’utilizzo di moorientare verso una diagnosi specifica. Infine, è delli in vitro e in vivo. verosimile che una significa- L’uso di queste nuove tecnotiva quota di queste non possa logie ha permesso in pochi essere riconosciuta in quanto anni di identificare numerosi non è mai stata descritta. nuovi geni implicati in maIl nostro genoma è ancora un lattie genetiche e di caratcampo da esplorare. A oggi terizzare clinicamente un solo 4000 degli oltre 20000 numero altrettanto numerogeni che lo compongono sono so di nuove malattie. Questo stati associati, quando muta- ha anche permesso di forniti, a malattie nell’uomo. Allo re una diagnosi a circa la stesso tempo, non conoscia- metà dei pazienti che sono L’INTERVISTA

stati arruolati nel programma di ricerca dedicato alle malattie non diagnosticate avviato nel nostro Ospedale. L’acquisizione di questa nuova piattaforma faciliterà ulteriormente questo processo e favorirà la ricerca scientifica per le malattie rare. VENIAMO ALLA NUOVA PIATTAFORMA: COSA PERMETTE DI FARE? Questa nuova piattaforma di sequenziamento del DNA permette di applicare le analisi genomiche su larga scala, con una riduzione dei costi, a beneficio di un numero sempre maggiore di pazienti, permettendo di raggiungere una diagnosi in tempi rapidi. Per la ricerca in ambito biomedico, questa piattaforma permetterà di estendere le analisi di sequenziamento alla porzione non codificante del nostro genoma, non esplorabile con le precedenti apparecchiature, di analizzare i riarrangiamenti strutturali del genoma, nonché di estendere l’analisi al trascrittoma e all’epigenoma, con importanti applicazioni anche nell’identificazione di biomarcatori di malattia e di risposta a terapie.

19


LA

STORIA

LE STORIE

DELLA RICERCA

Marcello, tornato in Italia dall’Inghilterra per offrire il suo contributo nel campo della genetica medica

20

LA STORIA


LA STORIA

21


«OGNI VITTORIA COINVOLGE TUTTA LA COMUNITÀ SCIENTIFICA. E APPARTENERE A QUESTO GRUPPO È UN GRANDE ONORE PER ME»

22

LA STORIA


«LA MIA SODDISFAZIONE PIÙ GRANDE È MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA DI UN BAMBINO ORFANO DI DIAGNOSI»

LA STORIA

Mi sono laureato in Biologia nel 2001. Spinto dal forte interesse per la genetica, mi sono trasferito in Inghilterra dove sono rimasto tre anni grazie a un finanziamento per i giovani ricercatori dell’Imperial College di Londra. Lì ho acquisito expertise di laboratorio nel campo della genetica molecolare confrontandomi con una nuova realtà di ricerca internazionale. Dopo qualche anno di ricerca all’estero, ho maturato l’idea di ritornare in Italia per restituire al mio paese le conoscenze assimilate fuori, sentendo anche la necessità di contribuire alla medicina e alla ricerca d’eccellenza italiana. Rientrato in Italia, ho quindi deciso di intraprendere il convoluto cammino verso una seconda laurea, quella in Medicina e Chirurgia, una specializzazione e un dottorato in Genetica Medica, e un Master internazionale in Genetica Clinica. L’ARRIVO AL BAMBINO GESÙ Sette anni fa sono entrato nella grande famiglia dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù nell’ambito di un innovativo progetto di ricerca promosso dalla Direzione Scientifica e volto alla comprensione delle basi molecolari di alcune malattie genetiche rare, a quel tempo misconosciute. Il progetto prevedeva la durata di un solo anno, ma grazie agli investimenti dell’Ospedale e Fondazione Bambino Gesù, già sensibili al tema delle malattie “senza nome”, quel progetto si è sviluppato senza soluzione di continuità e, in tempi brevi, ha portato alla formazione di un vero e proprio team di specialisti clinici, biologi e bioinformatici; una squadra di professionisti con cui ogni giorno ho il piacere di collaborare nel comune interesse di trovare, per ogni famiglia che si rivolge al nostro ospedale, una risposta alla propria malattia genetica. Nell’arco di pochi anni, me-

diante l’uso delle più moderne tecnologie di sequenziamento genomico (Whole Genome Sequencing, WGS), fornite dall’ospedale, l’impegno del nostro team ha portato all’identificazione di 20 nuovi geni-malattia e 14 nuove malattie genetiche rare. Bisogna sottolineare che l’identificazione della causa di una malattia genetica non ha solo un risvolto scientifico, ma comporta numerosi vantaggi, sia sanitari che sociali. Una famiglia a cui viene fornita una diagnosi, esce dall’isolamento, non ha più la necessità di girare per vari centri diagnostici europei all’inseguimento di una risposta. Non spenderà denaro, né farà spendere risorse al sistema sanitario nazionale con indagini cliniche poco esaustive; d’altra parte, a questa famiglia verrà fornita una migliore gestione della propria condizione e, se possibile, anche nuove terapie sperimentali. LE SODDISFAZIONI DI OGNI GIORNO Le più grandi soddisfazioni che vivo sulla mia pelle sono quelle di poter contribuire all’ampliamento delle conoscenze scientifiche in materia di malattie rare, ma al tempo stesso, come medico, di poter contribuire al miglioramento della qualità di vita di un bambino “orfano di diagnosi” che spesso, con un semplice sorriso, esprime tutta la sua gratitudine. IL MIO FUTURO NELL’ERA DELLA GENOMICA La sfida comunque continua! Ormai dentro quella che è definita “era della genomica”, i ricercatori che come me militano nell’ambito delle malattie genetiche rare devono continuare a impegnarsi nello studio clinico, biochimico e molecolare con l’obiettivo - possibile anche grazie agli investimenti che l’Ospedale sta facendo - di arrivare a identificare in un prossimo futuro quante più “malattie-orfane” possibile. 23


Profile for OPBG Magazine

RES Magazine - Numero 01  

RES Magazine - Numero 01