Issuu on Google+


ASOLOARTFILMFESTIVAL 30^ edizione

ASOLO 20 - 28 agosto 2011

3


La programmazione di quest’anno, aderendo al tema proposto da RetEventi “Europa, se non ora quando?” dedica tra la pluralità dei suoi contenuti una particolare attenzione alle produzioni scolastiche che coinvolgono gli studenti delle migliori scuole di cinema europee ed internazionali. Innovazione audiovisiva, performance artistiche e videoinstallazioni ridefiniranno il contesto cittadino creando un dialogo interculturale e interdisciplinare tra la contemporaneità artistica europea e quella orientale, grazie alla vitale e inedita adesione di Taiwan e Cina. In occasione della 30^ edizione AsoloArtFilmFestival renderà inoltre omaggio al regista sovietico Andrej Tarkovskij riproponendo la proiezione di Andrej Rublëv, prima pellicola vincitrice della rassegna. I numeri di AsoloArtFilmFestival 30^ edizione 490 film pervenuti 52 film selezionati 52 nazioni rappresentate Presidente della 30^ edizione di AsoloArtFilmFestival Hermann Nitsch. 4

20 - 28 AGOSTO 2011

ASOLO ART FILM FESTIVAL 30th EDITION

20 - 28 AGOSTO 2011

ASOLO ART FILM FESTIVAL 30^ EDIZIONE

Benvenuti alla 30^ edizione di AsoloArtFilmFestival, il più antico Festival al mondo di film sull’arte. Il 2011 segna i trent’anni dalla nascita del festival e i dieci anni dalla sua rifondazione; le origini della manifestazione risalgono infatti al 1973, quando, dalla felice intuizione di Flavia Paulon – critica, saggista e funzionaria della Mostra del Cinema di Venezia – e dalla lungimiranza di un’amministrazione locale decisa a sostenere il risveglio culturale della cittadina, nasceva ad Asolo il Festival Internazionale del Film sull’Arte e delle Biografie d’Artista, destinato a diventare sin dalla prima edizione, una delle rassegne di Film sull’Arte più importanti al mondo. In seguito alla contestazione del ’68 la Biennale di Venezia decise di abbandonare la Mostra Internazionale del Film sull’Arte e tutte le altre rassegne cinematografiche minori. Qualche anno dopo Flavia Paulon vide l’opportunità di realizzare una rassegna autonoma del Film sull’Arte nella cittadina di Asolo, evento che si distinse in poco tempo come importante occasione di arricchimento per l’intera cinematografia mondiale. Il Festival ebbe così inizio nel 1973. Flavia Paulon, oltre ad esserne stata la fondatrice, ne fu il direttore artistico fino al 1982, e sotto la sua direzione la rassegna conobbe un periodo di grande successo a livello internazionale. Dopo un’interruzione durata alcuni anni, grazie al lavoro dell’associazione AIAF, il Festival Internazionale del Film sull’Arte e delle Biografie d’Artista rinasce nel 2001 col nome di AsoloArtFilmFestival. Nel corso degli anni il Festival di Asolo ha accolto personalità di rilievo tra i quali i critici d’arte Guido Perocco, Umbro Apollonio, François Le Targat; i critici cinematografici Mario Verdone e Nedo Ivaldi e il regista belga Henri Stork. Hanno partecipato al concorso registi e artisti famosi come Andrej Tarkovskij (vincitore della prima edizione del Festival), Alain Resnais, Jean Rouch, Nam June Paik, Hermann Nitsch, Adrian Maben, Luciano Emmer, Giorgio Treves, Fabrizio Plessi, Gaetano Pesce, Luca Verdone. Grazie alla fama internazionale raggiunta, il Festival arriva a rappresentare ogni anno oltre 50 nazioni ed un totale di circa 500 opere.

Welcome to the 30th edition of the AsoloArtFilmFestival, the oldest art film festival in the world. This year’s edition celebrates the thirtieth anniversary from the creation of the Festival and the tenth from its new foundation. The origins of this cultural event date back to 1973 when it was originally conceived by Flavia Paulon, critic and writer who worked for the Venice Film Festival. Its first denomination was International Art’s Film and Artists’ Biographies Festival, and was offered remarkable support by the Asolo municipality as it was regarded as a great cultural opportunity, also considering that in 1968 the Biennale eventually decided not to show minor films and art films anymore. A few years later, when there had been the opportunity to create an Independent Festival for Films on Art in the town of Asolo, Flavia Paulon realized that it could have been an important chance for enrichment for the whole world film industry. Flavia Paulon was the artistic director of the Festival until 1982, during which period she gave the Festival an international impulse and success. After a several years standstill, the International Art’s Film and Artists’ Biographies Festival was brought back to life in 2001, thanks to the AIAF commitment, under the new name of AsoloArtFilmFestival. Since its beginning the festival has received prestige by the personalities who took part in it, such as the art critics: Guido Perocco, Umbro Apollonio, François Le Targat; the film critics like Mario Verdone and Nedo Ivaldi and the Belgian director Henri Stork, just to name a few. Moreover, many important directors joined the Festival competition, among them: Andrej Tarkovskij (winner of the first edition of the Festival), Alain Resnais, Jean Rouch, Nam June Paik, Hermann Nitsch, Adrian Maben, Luciano Emmer, Giorgio Treves, Fabrizio Plessi, Gaetano Pesce and Luca Verdone. Thanks to its international fame, the Festival represents every year more than 50 countries and a total of about 500 works. This year, in particular, the Festival devotes special attention to the works created by students from the best European and International Schools of Cinema, as it adheres to the program suggested by RetEventi: “Europe, if not now when?”. During the 30th edition of the Festival the town of Asolo will be transformed by the audio visual innovations, artistic performances and video installations, generating an intercultural dialogue between contemporary European and Asian art, thanks to lively presence in Asolo of artists and performers from Taiwan and China. Finally in order to pay homage to Andrej Tarkovskij, first winner of the Festival, the film Andrej Rublëv will be screened during the Festival. The numbers of AsoloArtFilmFestival 30th edition 490 received films 52 selected films 52 represented nations President of the 30th edition of AsoloArtFilmFestival Hermann Nitsch. 5


SPONSOR / PATROCINI / COLLABORAZIONI

PATROCINI

MAIN SPONSOR

MINISTERO DEGLI ESTERI MINISTERO DELL’ISTRUZIONE E RICERCA MIBAC - MINISTERO DEI BENI CULTURALI REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI TREVISO CITTÀ DI ASOLO CITTÀ DI VENEZIA CITTÀ DI TREVISO ANCI - ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI UPI - UNIONE PROVINCE ITALIANE CIMBA - CONSORTIUM INSTITUTE FOR MANAGEMENT AND BUSINESS ANALYSIS FONDAZIONE CANOVA ONLUS FONDAZIONE CENTRO MUSICALE G. F. MALIPIERO

CON IL CONTRIBUTO DI

MIBAC - MINISTERO DEI BENI CULTURALI NATIONAL HSIN CHU UNIVERSITY OF EDUCATION (TAIWAN) REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI TREVISO – RETEVENTI COMUNE DI ASOLO

FAVERO HEALTH PROJECTS FAMI STORAGE SYSTEMS S.R.L. SCARPA

SPONSOR TECNICI

ABACO INTERNATIONAL ASSOCIAZIONE OSTI E TABARI ASOLO AUTOSTRASPORTI DE ZEN CLAUDIO CAFFÈ CENTRALE CINELLO FIORI E PIANTE - DI BASSO MARIA LUISA DAL MINA ASSICURAZIONI S.R.L. ENVISION FORATO SPA KAPTURA DISINFESTAZIONI INTERLOGICA SRL PASTICCERIA DELICE DI TRENTO STEFANO ASOLO OSTERIA AL BACARO RTVE IMPIANTI E TELECOMUNICAZIONI FABBRICA LUMIÈRE

SPONSOR

FORNO D’ASOLO GIOIELLERIA E OREFICERIA ROSSO – DI MENEGOTTO ANTONIETTA F. BISOL STUDIO FABRIS NATIONAL HSIN CHU UNIVERSITY OF EDUCATION (TAIWAN) 侯英蓂先生 MR. HOUR, ING – MING 葉毓繡女士. MRS. YE ,YU – HSIU 行政院文化建設委員會 COUNCIL FOR CULTURAL AFFAIRS TAIWAN (R.O.C.) 李澤藩美術館 LEE TZE-FAN MEMORIAL ART GALLERY NATIONAL CULTURE AND ART FOUNDATION NEW TAIPEI CITY GOVERNMENT MOFA - MINISTRY OF FOREIGN AFFAIRS REPUBLIC OF CHINA TAIPEI CITY GOVERNMENT DEPARTMENT OF CULTURAL AFFAIRS

MINISTRY OF FOREIGN AFFAIRS REPUBLIC OF CHINA

Città di Asolo

Città di Treviso

Asolo (TV) - Via regina Cornaro, 221 - tel. e fax +39 0423 55544 - rossogioielleria@tiscali.it

6

7


SPONSOR / PATROCINI / COLLABORAZIONI

MEDIA PARTNER

RADIO SHERWOOD UNINDUSTRIA DI TREVISO CONSORZIO DI PROMOZIONE TURISTICA MARCA TREVISO ABITARE IN ITALIA CH13

IN COLLABORAZIONE CON

MOCA TAIPEI (MUSEUM OF CONTEMPORARY ART TAIPEI) CENTRAL TAIWAN UNIVERSITY OF SCIENCE AND TECHNOLOGY (TAIWAN) CLANDESTINO AMBASCIATA DEL PARAGUAY IN ITALIA MESSAGE TO MAN FESTIVAL OF SAINT PETERSBOURG HERMANN NITSCH MUSEUM VIENNA – MISTELBACH MUSEO ARCHIVIO LABORATORIO PER LE ARTI CONTEMPORANEE HERMANN NITSCH NAPOLI HOME MOVIES - ARCHIVIO NAZIONALE DEL FILM DI FAMIGLIA INDIGO FESTIVAL ONVIS PETITDEER PROMOTIA CONSORZIO DI IMPRESE URBANAUTICA

COM U N ICA Z ION E

EVE NTI

M OSTR E

8

9


At the end of August, Art goes on stage. I’m really pleased to introduce the 30th edition of AsoloArtFilmFestival, now become a worldwide point of reference for films about Art. The privileged point of view on Cinema expands, for the Festival, through different thematic paths which give us back a complete vision of what could be artistic expression; starting with films on art, it goes on with films on artists’ biographies, on architecture and design, until more contemporary expressions of creativity such as Video Art and Computer Art films. It’s really important, moreover, to maintain a specific section for landscape and territory, to remember us that every community develops itself in a specific place and interacts with it, making its identity and embedding its history and its traditions. AsoloArtFilmFestival at the same time opens up to the world with the Art Shift project, which focuses on experiences from China and Taiwan. It also looks at youth, with productions from International Schools of Cinema. The Festival brings Art and Cinema among people, but also offers a further call to our Marca Trevigiana. I have to thank all the people who spend their energies to make the Festival possible, wishing everybody “buon cinema” and “buona arte”. Luca Zaia Presidente della Regione Veneto / President of Veneto Region

10

20 - 28 AGOSTO 2011

ASOLO ART FILM FESTIVAL 30th EDITION

20 - 28 AGOSTO 2011

ASOLO ART FILM FESTIVAL 30^ EDIZIONE

A fine agosto ad Asolo va in scena l’arte. È con soddisfazione che saluto la trentesima edizione dell’AsoloArtFilmFestival, la rassegna cinematografica divenuta ormai punto di riferimento mondiale nel campo dei film dedicati all’arte. Il punto di vista privilegiato del cinema si snoda, in questo festival, attraverso diversi percorsi tematici che ci restituiscono una visione completa di cosa sia l’espressione artistica, attraverso film sull’arte, appunto; sulle biografie d’artista; sull’architettura; sul design. Fino ad arrivare alle più moderne forme creative, con sezioni dedicate alla videoarte e alla computer art. Importante, poi, che nella manifestazione sia dedicato spazio al territorio, per richiamare alla memoria che ogni comunità si sviluppa in un luogo ben determinato e che è attraverso l’interazione con questo che essa crea la propria identità e radica la propria storia e le proprie tradizioni. Il festival, al contempo, si apre al mondo con Art Shift. Quest’anno, con grande spazio riservato alle esperienze della Cina e di Taiwan. E si apre, anche, ai giovani, con le produzioni delle scuole di cinema. Si tratta certamente di una iniziativa di grande prestigio, che ha il merito di portare l’arte, e il cinema, in mezzo alla gente, ma anche di offrire un richiamo in più per la nostra Marca trevigiana. Ringraziando quindi tutti coloro che da sempre impiegano le loro migliori energie per rendere possibile questo importante festival internazionale, auguro a tutti buon cinema e buona arte.

AsoloArtFilmFestival – Festival Internazionale di Film d’arte e Biografie d’artista è arrivato alla sua 30^ edizione: ormai un evento consolidato e una storica presenza nel nostro territorio, che ha il pregio di richiamare l’attenzione di appassionati e di addetti ai lavori di tutto il mondo, indicando la strada poi percorsa con successo da analoghi Festival come quello di Parigi e Montréal. Nello splendido scenario di Asolo, la “città dei cento orizzonti”, a fine estate, si allarga lo sguardo sulle mille sfaccettature dell’espressione artistica contemporanea. Si rinnova, nel contempo, la secolare tradizione di ospitalità di questa terra, per artisti e uomini e donne di Cultura, tra il fascino incantato delle sue architetture e nell’armonia delle sue vedute. Il Festival asolano, tra numerose difficoltà, ha il grande pregio di aver aperto una strada nuova. E l’associazione AsoloInternationalArtFestival - che nel 2001 ha rifondato la rassegna - ha il riconosciuto merito di aver dato nuovo respiro all’iniziativa, rendendola una delle manifestazioni di settore più note ed esclusive. Un vero successo internazionale e i dati parlano chiaro: per celebrare i 30 anni di vita sono pervenute 490 opere in rappresentanza di 52 nazioni. Il Festival cresce nei numeri, nei contenuti e nel successo! La Provincia di Treviso è felice di patrocinare un evento di notevole incentivazione culturale. Formulo i migliori auguri per l’edizione 2011 di AsoloArtFilmFestival, inserito nel network culturale della Provincia di Treviso, RetEventi, con la certezza che saprà intrattenere il pubblico di ogni età e soddisfare l’interesse anche dei critici più ostici. AsoloArtFilmFestival- International Festival of Film’s on Art and Artists’ Biographies is arrived to the 30th edition: it is a consolidate event and an historic presence in our the territory that has the privilege to drawing the attention of cinema lovers and insiders all over the word, leading the way then traveled successfully by similar festivals like Paris and Montreal. In the splendid setting of Asolo, the “city of a hundred horizons”, in late summer, it widens his eyes on the many facets of contemporary artistic expression.It renews, at the same time, the age-old tradition of hospitality of this land, for artists, men and women of Culture, between the enchanted charm of its architecture and harmony of his views. The Asolo Festival, among many difficulties, has the great merit of having paved a new road. The association AsoloInternationalArtFestival - which has re-founded the festival in 2001 - has the merit of giving fresh impetus to the initiative, making it one of the most famous and exclusive events in cinema panorama. A true international success and the data are clear: to celebrate 30 years of age, it has received 490 works representing 52 nations. The festival is growing in numbers, content and success! The Province of Treviso is glad to support an event of great cultural incentive. I express my best wishes for the 2011 edition of AsoloArtFilmFestival, that is part of the cultural network of the Province of Treviso, RetEventi, with the certainty that it will entertain audiences of all ages and meet the interest of even the toughest critics. Leonardo Muraro Presidente della Provincia di Treviso / President of the Province of Treviso 11


Asolo has been all along an International symbol of art and culture and it is now glad to be this year as well the frame and the stage of an important artistic event like AsoloArtFilmFestival, the International Festival of Film on Art and Artist’s Biographies. The event was born in 1973 and reaches this year its 30th edition. Every year more the 500 films from all over the world take part to the contest. In addition to the traditional appointment with art, we can enjoy Festival Fuori, a mirror section of AsoloArtFilmFestival dedicated to exhibitions, performances and various events and that this year will see the presence of Chinese and Taiwanese artists from MoCA Taipei. Along nine days Asolo will be the core of artistic production and cultural debate, strengthening its ancient cosmopolitan vocation that made the town become one of the most favourite place for stand out figures and artists to retire. Culture and entertainment will melt together within a rich programme of events and appointments that will enlighten Asolo, its natural, historical and architectural beauties, know all over the world. LOREDANA BALDISSER Sindaco della città di Asolo / Asolo city’s Major

12

20 - 28 AGOSTO 2011

ASOLO ART FILM FESTIVAL 30th EDITION

20 - 28 AGOSTO 2011

ASOLO ART FILM FESTIVAL 30^ EDIZIONE

Asolo, da sempre simbolo internazionale di storia e cultura, è lieta di rappresentare anche quest’anno la cornice ed il palcoscenico di un importante appuntamento artistico come l’AsoloArtFilmFestival, il Festival Internazionale del Film sull’Arte e di Biografie d’Artisti. Questo evento, nato nel 1973 e giunto alla sua 30^ edizione, vede ogni anno partecipare oltre 500 film provenienti da tutto il mondo. A completamento di questo annuale appuntamento con l’Arte si inserisce il Festival Fuori, sezione parallela e speculare all’AsoloArtFilmFestival dedicata a mostre, esposizioni, performance ed eventi di vario genere che quest’anno avrà ospiti illustri quali gli artisti cinesi e taiwanesi del MoCA Taipei. Per nove giorni Asolo, la “città dei cento orizzonti”, diventa centro di produzione artistica e di dibattito culturale confermando la sua antica vocazione cosmopolita per la quale è stata da sempre luogo di soggiorno prescelto da tanti illustri personaggi. Alta cultura ed intrattenimento si fonderanno in un fitto programma di eventi ed appuntamenti che renderanno Asolo faro illuminante di tutto il territorio dell’ “Asolano”, un territorio ricco di bellezze naturali, paesaggistiche, storiche ed architettoniche riconosciute in tutto il mondo.

È per me un grande onore presiedere la 30^ edizione di AsoloArtFilmFestival. Anche quest’anno, così come avviene ad ogni vigilia del Festival, l’atmosfera si rivela carica di aspettative in vista della settimana che vedrà la concretizzazione di molti mesi di lavoro. Rispetto alle precedenti edizioni, quella attuale vanta un quid aggiuntivo. Fondato nel 1973, il Festival celebra in questa edizione il suo trentennale, a dieci anni esatti dalla sua rinascita, avvenuta dopo 8 anni di inattività. A dimostrazione della volontà di voler mantenere il prestigio conquistato, riaffermando la sua storia e il suo ruolo tra i più importanti punti di riferimento culturali presenti nel territorio, il Festival, di anno in anno, cresce nei numeri, nei contenuti e nella qualità delle collaborazioni con cui si confronta su scala globale, concependo dialoghi tra più continenti, progettando un ponte di collegamento diretto con culture esterne che portano aria di rinnovamento e definiscono la città di Asolo come luogo privilegiato di scambio tra Europa ed Asia. Non posso fare a meno di ringraziare la squadra di giovani che con passione e sacrificio ha reso possibile anche quest’anno la realizzazione del Festival, conferendo alla città di Asolo un prestigio unico e universalmente riconosciuto. I’m honoured to introduce the 30th Edition of AsoloArtFilmFestival. This year, as always happens before the Festival begins, the mood and the air we can breathe in the city is load of expectations in view of the days that will show to the public the work conceived in the past months. In order to the former Editions, this year there will be something new. The Festival has been found in 1973 and the 2011 Edition will celebrate its 30th anniversary, ten years after its new foundation which followed a pause lasted eight years. The Festival wants to underline the will to maintain its prestige focusing on its history and its role as a locally renowned cultural event. Year by year AsoloArtFilmFestival improves, aiming for the quality of the partnerships it faces to, conceiving dialogues between different Countries, providing links with cultures that can bring freshness and renewal to the city, turning it into an advantaged meeting place between Europe and Asia. I must thank the team that works with so much passion and sacrifice to make the Festival possible, giving to the city of Asolo a universally recognised reputation. ATTILIO ZAMPERONI Presidente AIAF / AIAF President

13


Crediamo che da queste possibili contaminazioni e traiettorie possano nascere nuove opportunità anche per le nostre imprese. Siamo figli di un territorio ricco di fabbriche sempre all’opera e in movimento. Siamo cresciuti tra capannoni e ritagli di campagna. Siamo aperti al mondo e ai nuovi linguaggi. Questo è ciò che ci sta attorno e a ciò ci rivolgiamo. Assieme ad Eleonora Duse, musa ispiratrice del Festival, la 30^ edizione resterà unica ed irripetibile, perché non c’è atto più puro di investire in chi incarna il futuro. A questo ho pensato quando ‘Zampa’, genio e anima infaticabile del Festival, mi ha teso la mano. Questo e molto altro vedrete ad Asolo. Steve Bisson Direttivo Artistico 30^ Edizione AsoloArtFilmFestival

14

20 - 28 AGOSTO 2011

Quest’anno sono arrivati, da ogni parte del mondo, quasi 500 film per rendere omaggio ad uno dei più celebri Festival di cinema d’arte ed arricchire la mediateca AIAF. Oltre 5.000 film; eppure intorno ad Asolo c’è ancora qualcuno che si domanda perché. E allora diamo una risposta. Recuperiamo lo spirito che è all’origine del Festival e di ogni vera grande impresa: sapere guardare avanti. È questa la forza del Festival. Largo ai giovani quindi nella selezione dei film come nell’organizzazione stessa dell’evento. Largo alla sensibilità, alla curiosità, alla volontà e al desiderio di un gruppo di giovani di esserci per davvero. Largo a chi ha la forza di esprimere le proprie idee. Largo alle scuole di cinema, alla computer art, all’animazione, alle installazioni video e alla fotografia.

ASOLO ART FILM FESTIVAL 30th EDITION

20 - 28 AGOSTO 2011

ASOLO ART FILM FESTIVAL 30^ EDIZIONE

AsoloArtFilmFestival. Sono passati 30 anni da quella coraggiosa intuizione. Occuparsi di cinema d’arte quando la cosa ancora interessava pochi, o forse nessuno, almeno in paese. Prima di tutti. Prima della tecnologia, dei dvd, del digitale, dell’informatica, di internet, dei blog, dei cellulari, di Blockbuster, di You Tube, di Vimeo e di quanto altro deve ancora venire. Asolo c’era.

AsoloArtFilmFestival. 30 years have passed since that bold vision. To deal with art cinema when the thing still interested few, if any, at least in the village. Before all. Before the technology, DVD, digital, computer, internet, blogs, mobile phones, Blockbuster, You Tube, Vimeo, and anything else yet to come. Asolo was there. This year nearly 500 films have come from all over the world to pay tribute to one of the most famous film Festival on art and to enrich AIAF’s video and tape library. More than 5.000 films, and yet there are still people around Asolo wondering why. So let’s give an answer. We must recover the spirit that is behind the Festival and every truly great undertaking: knowing how to look ahead. This is the strength of the Festival. So give youth a chance, in the selection of the films as well as the organization of the event. Make way for sensibility, curiosity, will and desire of a group of young to be there for real. Give way to those who have the strenght to express their ideas. Make room for film schools, computer art, animation, video installations and photography. We think that from these possible contaminations and trajectories there may be new opportunities also for the industries. We are children of an land rich in plants, always at work and in motion. We grew up between warehouses and scrap of countryside. We are open to the world and new languages. This is what is around us and what we address. Together with Eleonora Duse, muse of the Festival, the 30th edition will be unique and unrepeatable, because there is no purer act of investing in those who embodies the future. At this I thought when ‘Zampa’, genius and indefatigable spirit of the Festival, hold out his hand. All this and more you will see in Asolo. Steve Bisson Artistic Committee 30th Edizione AsoloArtFilmFestival

15


INDICE / INDEX

LUOGHI DEL FESTIVAL / FESTIVAL LOCATIONS

pag 18-19

PROGRAMMA EVENTI / EVENT’S PROGRAMME

pag 20-27

GIURIA / JURY

pag 28-33

PREMI / PRIZE

pag 34-39

FILM IN CONCORSO / FILM CONTEST ARMONIA E TERRITORIO / HARMONY AND TERRITORY

pag 40-45

BIOGRAFIE D’ARTISTA / ARTIST’S BIOGRAPHIES

pag 46-53

FILM SUL DESIGN / FILMS ON DESIGN

pag 54-57

FILM SULL’ARCHITETTURA / FILMS ON ARCHITECTURE

pag 58-67

FILM SULL’ARTE / FILMS ON ART

pag 68-83

PRODUZIONI DI SCUOLE DI CINEMA / FILM SCHOOL PRODUCTIONS pag 84-93 VIDEOarte E COMPUTERART / VIDEOART AND COMPUTER ART

pag 94-109

FILM FUORI CONCORSO / FILMS OUT OF COMPETITION

pag 110-113

FESTIVAL FUORI

16

ART SHIFT

pag 114-117

TWO POINTS

pag 118-135

THERE, WE LIVE

pag 136-153

VIDEO ART

pag 154-159

PERFORMANCE ART

pag 160-163

ASOLO BARCAMP

pag 164-165

AURORA ASOLANA

pag 166-167

HOME MOVIES

pag 168-169

CINEMA IERI

pag 170-171

IT ISNAE DISNEY

pag 172-173

32 DICEMBRE

pag 174-175

CONTATTI / CONTACTS

pag 176-177

STRUTTURA ORGANIZZATIVA / ORGANIZATIONAL STAFF

pag 178-179

17


02

04 03

05 01

03

06 07 01

09

08

04

02 11

12

18

FEE AND FREE CAR PARKS

FESTIVAL VENUES

PARKING SEDI/LOCATIONS GRATUITI E A PAGAMENTO I LUOGHI DEL FESTIVAL

10

01 TEATRO ELEONORA DUSE

SALA PROIEZIONI / CENTRO INFORMAZIONI E SHOP SCREENING HALL / INFO POINT AND SHOP PIAZZETTA ELEONORA DUSE

02 TORRE DELLA REATA CASTELLO DELLA REGINA CORNARO 03 MUSEO CIVICO SALA DELLA RAGIONE VIA REGINA CORNARO 04 EX CONVENTO DI SAN PIETRO VIA COLLEGIO 40 05 EX FORNO A LEGNA VIA CANOVA 344 06 GALLERIA GOBBATO 1 VIA REGINA CORNARO 215 07 GALLERIA GOBBATO 2 VIA REGINA CORNARO 219 08 SPAZIO APERTO PIAZZA BRUGNOLI 09 SPAZIO APERTO PIAZZA GARIBALDI 10 GIARDINO DEL CASTELLO DELLA REGINA CORNARO 11 PARCO GIARDINO MALIPIERO FORESTO VECCHIO 8 12 ROCCA D’ASOLO

01 PIAZZA BRUGNOLI CENTRO STORICO – A PAGAMENTO / FESTIVI ZONA TRAFFICO LIMITATO TOWN CENTRE – FEE CAR PARK / SUNDAYS AND BANK HOLIDAYS RESTRICTED TRAFFIC AREA

02 AUTORIMESSA COMUNALE “CIPRESSINA” APERTA TUTTI I GIORNI – A PAGAMENTO / PARCHEGGIO COPERTO OPEN DAILY – FEE CAR PARK / INDOOR CAR PARK

03 CA’ VESCOVO LUNGO VIA BASSANESE – GRATUITO / SERVIZIO DI MINIBUS PER IL CENTRO STORICO ALONG BASSANESE ROAD - FREE CAR PARK / SHUTTLE BUS SERVICE TO THE TOWN CENTRE

04 FORESTUZZO EX OSPEDALE ULSS 8 A PAGAMENTO LA DOMENICA E NEI GIORNI FESTIVI FEE CAR PARK ON SUNDAYS AND BANK HOLIDAYS

19


Teatro Eleonora Duse

ASSEGNAZIONE PREMIO ARTE E CULTURA Teatro Eleonora Duse

INAUGURAZIONE FESTIVAL FUORI Apertura mostre e visita guidata a cura di Chen Mei Yuan

PROGETTO “ART SHIFT ” eventi d’arte contemporanea: mostra VIDEO ART di artisti cinesi e taiwanesi Facciate dei palazzi del Centro Storico

TWO POINTS 2011 Taiwanese realistic painting + Italian conceptual art Torre della Reata, Museo Civico, Ex Convento di San Pietro

TAIWAN INDEPENDENT PRODUCTION FILM FESTIVAL “There, we live” Ex Forno a legna, via Canova 344 / Teatro Eleonora Duse

“IT ISNAE DISNEY” Mostra fotografica di Dustin Shum Galleria Gobbato 1, Via Regina Cornaro 215

“32 DICEMBRE” Installazione di Fabrizio Bellomo Galleria Gobbato 2, Via Regina Cornaro 219

CINEMA IERI Mostra cinematografica curata dalla dott.ssa Anna Marcolongo e dal consorzio Promotia su materiale di Magick Vision.

Teatro Eleonora Duse

PERFORMANCE ART “Splashing and Dancing Colors” Dancecology Piazza Brugnoli

ore 20.00 ore 21.00

BUFFET DI APERTURA

DOMENICA 21 AGOSTO

SABATOAGOSTO 20

ore 18.00

INAUGURAZIONE

AURORA ASOLANA

ore 04.00

PERFORMANCE MUSICALE “RICERCARI RITROVARI” Rocca d’Asolo a seguire

INCONTRO E PRIMA COLAZIONE CON GLI ARTISTI Centro storico

ore 10.30

DIALOGHI IN GIARDINO “TWO POINTS”

Parco Giardino Malipiero Intervengono gli artisti italiani e taiwanesi del progetto Two Points

PERFORMANCE ART “Bodhi”

ore 13.00 / 20.00

Yang Zhi Chao Piazza Garibaldi

Taiwan Independent Production Film Festival “THERE, WE LIVE - Take root there” 103’

ore 18.00

Teatro Eleonora Duse

PERFORMANCE ART “Dancing of Time”

ore 20.00

Dancecology

Centro storico

ore 21.30

PROIEZIONE FILM IN CONCORSO Teatro Eleonora Duse

Giardino del Castello della Regina Cornaro

ore 21.30

PROIEZIONE FILM IN CONCORSO

TOUCH

6’

Cakó Ferenc Ungheria 2010 Videoarte e Computer Art

Teatro Eleonora Duse

MELT

9’ 50’’

Lafrance Noémie Stati Uniti - Canada 2010 Film sull’Arte

INTERIORISMO

11’ 40’’

Talavera Villodre Hernán, Araque Chema G. Spagna 2009 Film sull’Architettura

RABENJUNGE

CHANCE ENCOUNTER ON THE TIBER

9’ 40’’

10’

Deppert Andrea Germania 2011 Produzione di Scuole di Cinema

Chiocca Renato Italia – Stati Uniti 2010 Film sull’Architettura

RESAMPLING THE PAST

FIRST DARKNESS

16’ 10’’

NAM JUNE PAIK: OPEN YOUR EYES

61’

Tappeiner Maria Anna Germania 2010 Biografia d’Artista 20

7’ 50’’

O Hagan Clare, Wyllie Denise Regno Unito 2010 Film sull’Arte

Wilms Marco Germania 2010 Film sull’Arte

VOIR CE QUE DEVIENT L’OMBRE

89’

Chatellier Matthieu Francia 2010 Biografia d’Artista 21


Teatro Eleonora Duse

MBAMBU AND THE MOUNTAINS OF THE MOON

50’ 05’’

Muntean Nataša, Muntean Lucian Serbia 2011

Armonia e Territorio

UTOPÌA

7’ 20’’

Estupinyà Garcia Estela Germania 2010 Film sull’Architettura

JOSIF BRODSKIJ - IN THE PRISON OF LATITUDES

60’

Andrews Jan Stati Uniti-Italia 2010 Biografia d’Artista

PERFORMANCE ART “Dancing of Time”

ore 20.00

Dancecology Centro storico

ore 21.00

PROIEZIONE FILM IN CONCORSO Teatro Eleonora Duse

FACADES

2’ 43’’ Amiran Tal Regno Unito 2009

CANKERED AND CURSED

DeJong Todd Stati Uniti 2010

MR. SCRATCHY

Film sull’Architettura

MARTEDÌAGOSTO 23

LUNEDÌAGOSTO 22

ore 17.30

PROIEZIONE FILM IN CONCORSO

PERFORMANCE ART “Splashing and dancing colors” Dancecology

DIALOGHI IN GIARDINO “THERE, WE LIVE”

6’ 58’’

Intervengono: J.J. SHIH direttore Moca Taipei registi della rassegna di cortometraggi del Taiwan Independent Production Film Festival

9’

Bertòti Attila Ungheria - Romania 2009 Videoarte e Computer Art

IN A WAY THE CITY IS

ore 11.00

PROIEZIONE FILM IN CONCORSO Teatro Eleonora Duse

OVER YOUR CITIES GRASS WILL GROW

95’

Fiennes Sophie Regno Unito - Francia 2010 Film sull’Arte

ore 14.00 / 18.00

BarCamp

non-conference sull’applicazione di nuove tecnologie audiovisive in ambito museale Teatro Eleonora Duse

Moschin Claudio Italia - Svizzera 2010 Biografia d’Artista

ARIADNE’S THREAD

ore 10.30

Parco Giardino Malipiero

ore 14.00 / 16.00

4’ 34’’ Videoarte e Computer Art

ore 10.30

Piazza Brugnoli

PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO PILOTA DI FORMULARIO SU AUDIO-VISIVI E NUOVE TECNOLOGIE IN AMBITO MUSEALE

In rappresentanza del gruppo di lavoro intervengono Simona Caraceni, Docente di Informatica Museale, Università degli Studi di Bologna, ed Alessandro Califano, Curatore del CRDAV, Centro Ricerca e Documentazione Arti Visive del Comune di Roma.

ore 16.00 / 17.00

EXPANDED ARCHIVE

ore 17.00 / 18.00

PRESENTAZIONE DEL MOCA – MUSEUM OF CONTEMPORARY ART DI TAIPEI

3’

Interviene Ilaria Ferretti di Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia, istituzione con sede a Bologna che promuove in Italia la salvaguardia e la valorizzazione del cinema amatoriale e familiare

Haaning Anne, BENANDSEBASTIAN Germania 2010 Film sull’Architettura

WESTERN MOVIE

9’ Lee Hyung-suk Corea del Sud 2010 Produzione di Scuole di Cinema

MOONSTRUCK

9’ 13’’

Imhoof Julia Maria Svizzera 2010 Produzione di Scuole di Cinema

OBJET SANS CORPS

Taiwan Independent Production Film Festival “THERE, WE LIVE - DREAM THERE” 114’

14’

Asaro Paolo, Saiu Fabrizio Italia 2011 Film sull’Arte

ENZO MARI: SESSANTA FERMACART

Intervengono il direttore del MoCA Taipei Mr. Jui-Jen Shih, i suoi collaboratori Miss Wein-Ting Chou, Miss Yu-Chieh Lin, Mr. Chi-Fun Chen, e gli artisti Ying-Chieh Huang, Yun-Chen Fang, Wei-Jen Wang, I-Fan Cheng, Shiu-Cheng Tsai.

9’

Menditto Pietro Italia 2010 Film sul Design

OFFICINA RUSSOLO

Riecker Ariane Germania 2010 Biografia d’Artista 22

ore 21.00

PROIEZIONE FILM IN CONCORSO

5’

Teatro Eleonora Duse

Manenti Guglielmo Italia 2009 Film sull’Arte

HANS ZIMMER – THE SOUND OF HOLLYWOOD

ore 18.00

Teatro Eleonora Duse

52’

CORAZÓN ENCHARCADO

13’

Herrero Aitor Spagna 2010 Videoarte e Computer Art 23


IN PARTICULAR

7’

Wegner Nicole Germania 2010 Produzione di Scuole di Cinema

ANDREJ

20’

Asliuk Victor Bielorussia 2010 Film sull’Arte

LOOM

5’ 20’’

Brunck Iljia, Bitzer Jan, Csaba Letay Germania 2010 Produzione di Scuole di Cinema

THE WORLD UPSIDE DOWN

5’

Piccinini Marcella Italia 2010 Videoarte e Computer Art

EL ORDEN DE LAS COSAS

19’

Alenda César Esteban, Alenda José Esteban Spagna 2010 Produzione di Scuole di Cinema

FROM HERE TO ETERNITY

40’

Pietsch Oliver Germania 2010 Videoarte e Computer Art

MANIFESTI

5’ 15’’

Kałuzny Czesław Polonia 2010 Videoarte e Computer Art

ore 11.00

PROIEZIONE FILM IN CONCORSO Teatro Eleonora Duse

L’ARTIGIANO GLACIALE

40’

Meroni Alberto Svizzera

2010

Armonia e Territorio

UMA TRAMAZUL - THREAD IN BLUE

12’ 30’’

Costa Andre, Quirino Tassia, Lancetti Matias Brasile 2011 Film sull’Arte

PROIEZIONE FILM FUORI CONCORSO FIGLI NEGATI

8’ 51’’ presentato da Vera Manolli

Cilluffo Giovanni Italia 2011

Taiwan Independent Production Film Festival “THERE, WE LIVE - THINK THERE” 139’ Teatro Eleonora Duse

ore 17.30

GIOVEDÌAGOSTO 25 MERC.AGOSTO 24

MERC.AGOSTO 24 MARTEDÌAGOSTO 23

7’ 03’’

Ho Wei-Ming Taiwan 2010 Videoarte e Computer Art

ore 21.00

PROIEZIONE FILM IN CONCORSO Teatro Eleonora Duse

SONNTAG 2

11’ 30’’

Kuhn Jochen Germania 2010 Videoarte e Computer Art

BLICK RICHTEN – [RE] FOCUS

5’ 25’’

Michalski Marcin, Graf Mareike, Riesle Melanie Germania 2011 Film sull’Architettura

MOTHER’S FADING

13’ 36’’

Stepanyan Arthur Israele 2010 Produzione di Scuole di Cinema

ANALOGUE KINGDOM

23’ 50’’

Johnson Esther Regno Unito 2010 Film sull’Arte

NEW LONDON CALLING

10’

Kovgan Alla Stati Uniti 2010 Film sull’Arte

Taiwan Independent Production Film Festival “THERE, WE LIVE - HOME THERE” 148’ ASSEGNAZIONE PREMIO ELEONORA DUSE Presentazione a cura di Maurizio Scaparro

ore 21.00

Teatro Eleonora Duse

ore 22.00

PROIEZIONE FILM IN CONCORSO Teatro Eleonora Duse

DAVID FRAY - records the Mozart piano concerto in E flat K.482 52’

Monsaingeon Bruno Francia 2010 Film sull’Arte

CONFORMIS

5’ 45’’

Groetzschel Martin, Manderbach Benjamin Germania 2011 Produzione di Scuole di Cinema

EVERY SPEED

12’ 02’’

Martin Lindsey, Fuller Julia Stati Uniti 2011 Film sull’Architettura

TEMPUS DESTRUIT

1’ 33’’

Erzetic Blaž

Slovenia 2011 Videoarte e Computer Art

DISASTROUS DIALOGUE

10’

Funder Søren Thilo

Danimarca 2011 Videoarte e Computer Art

24

ore 10.30

Teatro Eleonora Duse

ˆ

THE ART-QAEDA PROJECT

25


HANDS AND EYES Meredith Michael

6’ 26’’ Stati Uniti 2010

SANTO DE LA GUITARRA: LA HISTORIA FANTÁSTICA DE AUGUSTÌN BARRIOS MANGORÉ 115’ Centurión Salcedo Carlos Paraguay 2010

Presentazione a cura del dr. Manuel Tornato Frutos, Secondo Segretario dell’Ambasciata del Paraguay in Italia

ore 21.00

PROIEZIONE FILM IN CONCORSO Teatro Eleonora Duse

THE COLOUR OF YOUR SOCKS - A YEAR WITH PIPILOTTI RIST 53’ Hegglin Michael Svizzera – Austria 2009 Film sull’Arte

THE PEOPLE FROM FLIGHT 103

8’ 34’’

Belenky Fedor Germania 2010 Produzione di Scuole di Cinema

RITORNO IN SICILIA – INCONTRO CON LETIZIA BATTAGLIA 32’ Cuccia Salvo Italia 2010 Biografia d’Artista

PATHS OF HATE

10’

Nenow Damian Polonia 2011 Videoarte e Computer Art

COUNCIL OF CITIZENS Funder Søren Thilo

Danimarca 2010 Film sull’Arte

VOICES

19’

Bebjak Peter Slovacchia 2010 Film sull’Arte

26

11’

DOMENICAAGOSTO 28 SABATOAGOSTO 27

VENERDÌAGOSTO 26

ore 17.30

PROIEZIONI FILM FUORI CONCORSO

ore 17.30

PROIEZIONE SPECIALE Teatro Eleonora Duse

PERFORMANCE ART “Dancing of Time” Dancecology

ore 20.00

Centro storico

PROIEZIONE SPECIALE DEL FILM “ANDREJ RUBLËV”

ore 21.00

Unione Sovietica, 1966 Serata celebrativa dei 30 anni del Festival in onore di Andrej Tarkovskij, primo vincitore del Gran Premio Asolo

ASSEGNAZIONE PREMIO FILM VINCITORI

ore 18.00

Teatro Eleonora Duse

ore 19.30

BUFFET DI CHIUSURA Giardino del Castello della Regina Cornaro

PERFORMANCE ART “Dancing of Time” Dancecology

ore 20.00

Centro storico

PROIEZIONE FILM VINCITORI

ore 21.30

Teatro Eleonora Duse

*Le mostre di TWO POINTS continueranno ad essere visitabili DAL 29/08 AL 11/09 ORE 16.00-19.00

27


GIURIA / JURY

La giuria di AsoloArtFilmFestival viene costituita attraverso la selezione di vari protagonisti nel mondo del cinema, dell’arte e della cultura in generale. I giurati si incontrano nelle giornate iniziali del Festival per decidere i film vincitori. The jury of AsoloArtFilmFestival is established through the selection of different leading players in the world of cinema, art and culture. The jurors meet in the initial days of the festival to decide the winners.

28

29


GIURIA / JURY

VITTORIO DALLE ORE

Vittorio Dalle Ore ha conseguito il diploma di Bachelor of Arts and Sciences negli USA alla Northwestern University per poi studiare cinematografia alla New York University e a Roma prima di entrare nell’equipe di Akira Kurosawa che ha seguito per un arco di 15 anni. La collaborazione con il grande maestro giapponese iniziò nel 1983 come assistente volontario sulla lavorazione di “Ran” della quale ha seguito la preparazione, il montaggio e l’edizione, fino a partecipare al giro di promozione internazionale in occasione del lancio del film. E’ stato quindi assunto come aiuto regista ed assistente al montaggio per “Sogni”, “Rapsodia d’Agosto” e “Madadayo”. Il suo lungo rapporto con il regista giapponese lo ha portato a stretto contatto con la cultura giapponese e il mondo del cinema internazionale. Attualmente scrive, si occupa di produzione cinematografica, e della Villa di Maser (Villa Barbaro), monumento di Andrea Palladio, Patrimonio dell’Umanità UNESCO nella quale ha la fortuna di vivere. Vittorio Dalle Ore got the Bachelor of Arts and Sciences degree at the Northwestern University, USA and studied cinematography at the New York University and in Rome before working with the Akira Kurosawa équipe for 15 years. His collaboration with the great Japanese master began in 1983 as voluntary assistant during the making of “Ran”, taking care of the preparation, the editing and of the international promotion during the launch of the movie. He was then hired as director and editing assistant in “Dreams”, “Rhapsody in August”, and “Madadayo”. His long working relationship with the Japanese director gave him the chance to appreciate Japanese culture and the world of international cinema. Currently he writes, works on film productions, he lives and is the owner of Villa di Maser (Villa Barbaro), a building made by Andrea Palladio, included in the UNESCO World Heritages list.

MIKKEL MALTHA

Mikkel Maltha è nato nel 1973 e lavora per il Gruppo Zentropa dal 1998, fino al 2003 come avvocato di produzioni in-house e dal 2003 in poi come supervisore musicale. È stato responsabile della produzione legale di molte pellicole tra le quali “Dancer in the Dark”, “Dogville” (Lars Von Trier), oltre ad aver supervisionato la produzione della colonna sonora di più di 30 film, incluso “Dopo il matrimonio” (Susanne Bier) e “Island of Lost Souls” (Nikolaj Arcel). Contemporaneamente alla sua attività di supervisore musicale, Mikkel Maltha ha svolto anche il lavoro di compositore per vari film e progetti televisivi. Ha composto musica per il corto drammatico “At Night” nominato all’Oscar Academy Awards 2008 e per il film “Razone” nominato al Robert Film Award 2007 per la migliore canzone originale. Mikkel Maltha was born in 1973. He has been working for the Zentropa Group since 1998. From 1998 to 2003 he worked as in-house production lawyer and from 2003 he became music supervisor. He has been responsible for the legal production of films like “Dancer in the Dark” (Lars von Trier) and “Dogville” (Lars von Trier) and he supervised the film soundtrack productions of more than 30 films including “After the Wedding” (Susanne Bier) and “Island of Lost Souls” (Nikolaj Arcel). Besides his work as music supervisor, Mikkel Maltha worked as composer on various film and TV projects. He composed the music for the 2008 Oscar Academy Awards nominated short drama “At Night” and he was nominated for the best original song at the 2007 Robert Film Award (Danish Academy Awards) for the feature film “Råzone”.

30

PRATI KULSHRESHTHA

Laureata in Scienze Botaniche presso l’Università di Delhi, studia lingua e letteratura italiana nella stessa città mentre lavora presso il giornale più letto in India, “The Times of India”. Scrive articoli sull’educazione e i problemi del sistema di istruzione. Dopo un anno di permanenza in Italia, vince la borsa di studio erogata dal Governo Italiano per continuare il suo lavoro di ricerca a Perugia. Al suo ritorno in India consegue il Master in Letteratura e Storia italiana e il M.Phil. Ha da poco iniziato il Dottorato in Letteratura italiana con uno studio comparativo tra “Il Principe“ di Niccolò Machiavelli e l’opera principale di uno scrittore indiano del II secolo d.C., Chanakya. Attualmente lavora nel Parlamento Indiano a Delhi come “Research Intern”. La sua ricerca sulle immunità parlamentari sarà pubblicata a breve dal parlamento indiano. Graduated in Botanical Sciences in India at the University of Delhi. She studied Italian language and literature, working simultaneously for “The Times of India”, India’s largest selling English Daily. Wrote articles on education and the challenges faced by India’s education system. After the first year of Italian studies, she got a scholarship by the Government of Italy to study Italian culture in Perugia. The first contact with Italy was so fascinating that she decided to continue the Italian studies in India. Successfully she completed Masters and M.Phil in Italian History and Literature at the University of Delhi. She is now about to begin her Doctoral thesis on a comparative study between Machiavelli’s “Il Principe“ and the most important work of a second-century Indian political thinker, Chanakya. Currently she’s working as a Research Intern at the Indian Parliament in Delhi that will soon publish her research on parliamentary immunity.

JUI-JEN SHIH 石瑞仁

J.J. Shih, nato nel 1954 a Nanto, laureato in arti figurative alla Taiwan University e in storia dell’arte alla Temple University, negli Stati Uniti. Prima di iniziare il suo lavoro al MoCA di Taipei, Shih è stato curatore e vice ricercatore al Fine Arts Museum di Taipei. È stato, inoltre, membro del consiglio di amministrazione della fondazione privata Dimension Endowment of Art and Contemporary Art. Membro del comitato al Ministero delle Politiche Culturali di Taipei, Direttore Artistico della fondazione Taishin Bank for Arts and Culture. J.J. Shih ha scritto oltre 300 recensioni, ha vinto il Premio Critico d’Arte (DEOA) nel 1997. Tra le sue più importanti esibizioni possiamo ricordare: Mediaholic, The Art of Ni Tsai Chin (2009), MOCATaipei; EnvironmentHuman as Art, ArtTaipei 2009; 6th Taishin Arts Award Exhibition 2008; Taipei Zhongshan Metro Linear Park Public Art 2005, MOCATaipei, and Pseudo Hackers’ Art in Parallels Zones 2005, MOCA Taipei. Born in 1954 in Nanto, Taiwan J.J. SHIH holds Bachelor Degree (Fine Arts), National Taiwan University and Master Degree, Graduate School of Art History, Temple University (USA). Prior to taking up the directorship of Museum of Contemporary Art Taipei, J.J. Shih was Chief Curator, Exhibitions and Deputy Researcher, Taipei Fine Arts Museum. He also serves as a Trustee, Dimension Endowment of Art and Contemporary Art Foundation; committee member, Public Art Program, Taipei Council of Cultural Affairs; consultant, National Culture and Arts Foundation, and Artistic Director, Taishin Bank Foundation for Arts and Culture. J.J. Shih has written over 300 art reviews, winning the 1997 DEOA Art Criticism Award. Amongst his many exhibitions are: Mediaholic, The Art of Ni Tsai Chin (2009), MOCA Taipei; Environment-Human as Art, ArtTaipei 2009; 6th Taishin Arts Award Exhibition 2008; Taipei Zhongshan Metro Linear Park Public Art 2005, MOCA Taipei, and Pseudo Hackers’ Art in Parallels Zones 2005, MOCA Taipei.

31


GIURIA / JURY

SIMONA CARACENI

Simona Caraceni si occupa di nuove tecnologie e multimedialità dal 1994, fondando con Pier Luigi Capucci NetMagazine poi MagNet, la prima pubblicazione elettronica in Italia. Ha insegnato all’Università di Bolzano, Macerata, Firenze ed il DAMS-Cinema di Bologna. Attualmente insegna Informatica Museale all’Università di Bologna, e New media presso la NABA di Milano, ed ha collaborato con enti come il Comune di Bologna, la Regione Emilia Romagna, il Cineca, L’Università di Bologna ed il suo Sistema Museale d’Ateneo. Svolge attività di ricerca per il Planetarium Collegium, network internazionale di studiosi, artisti e docenti che approfondiscono il rapporto fra arte e tecnologie. E’ M. Phil. in Technology presso l’Università di Plymouth e Ph.D. Researcher in Aesthetics and Technology per il Planetary Collegium (University of Plymouth). Membro ICOM, fa parte del Comitato Esecutivo di AVICOM. Nell’ambito della ricerca applicata si occupa di didattica tramite le nuove tecnologie, musei virtuali e interaction design. Simona Caraceni works on the fields of new media communication and multimediality, and since ‘94 has been involved in new media and new technology applications in communications and art. She taught at the Universities of Bozen, Milan, Florence, Macerata and Bologna DAMS-Cinema. At present she teaches Museum Informatics at the University of Bologna, and History of New media at NABA: Academy of Fine Arts in Milan. Her museological activity is about the relationship between museum and technology, she started with her PhD research on “museum and technology” at the University of Plymouth, dept. of Aestethics and Technology. ICOM member, she’s in the executive board of AVICOM. In the field of applied research, she is involved in didactic with new technology, virtual museums and interaction design.

VITTORIO DALLE ORE

MIKKEL MALTHA

PRATI KULSHRESHTHA

JUI-JEN SHIH 石瑞仁

SIMONA CARACENI

32

33


premi / prizes

Il premio Eleonora Duse nasce per volontà di Flavia Paulon nel 1977 a celebrazione della “Divina” innamorata di Asolo, dove soggiorna per lunghi periodi e dove, per sua espressa volontà viene sepolta nel piccolo e raccolto cimitero di S. Anna. La prima edizione del premio vede protagonista l’attrice Ingrid Bergman, che rievoca la vita di Eleonora Duse in una lunga intervista sulla sua tomba, per essere poi consegnato ad altre importanti attrici di teatro e di cinema tra cui Elisabeth Bergner nel 1982 (X edizione), Monica Vitti nel 1983, Paola Borboni nel 1984 (XII edizione), Ottavia Piccolo nel 2008 (XXVII edizione) e Golshifte Farahani nel 2009 (XXVIII edizione), la giovane e coraggiosa attrice iraniana. “Eleonora Duse Prize” was established by Flavia Paulon in 1977 in celebration of the “Divine” in love with Asolo, where she stayed for long periods and where, by her express desire, was buried in the small and intimate cemetery of St. Anna. The award was first given to the actress Ingrid Bergman, who retold the life of Eleonora Duse in a long interview over Ms. Duse’ grave. Other famous actresses of theatre and cinema who have received the award are: Elisabeth Burgner in 1982 (10th edition), Monica Vitti in 1983(11th edition), Paola Borboni in 1984 (12th edition), Ottavia Piccolo in 2008 (27th edition) and Golshifte Farahani in 2009 (28th edition), the young and brave Iranian actress.

Il Premio Arte e Cultura vuole riconoscere una personalità che con il suo operato sia intervenuta in modo significativo nel divulgare la cultura dell’arte o l’arte della cultura. The Art and Culture Award is a distinction for a personality who has intervened significantly in disseminating the culture of art or the art of culture.

34

35


She starts studying at a very young age, and she does it for two years, at the school of Filodrammatici in Milan. In the next two years she studies at the Piccolo Teatro di Milano, but she is restless, and soon expelled from the school for insubordination. She never graduates, but she debutes in 1953, when she is 19, in F. H. Herbert’s “Quando la luna è blu”. In the same year, she joins the Compagnia dei giovani with Romolo Valli, Giorgio De Lullo, Rossella Falk, where she remains until 1962 interpreting successfully both dramatic (“The Diary of Anne Frank”) and comic (“Gigi” by Colette) roles. Left the company, she works with important directors such as Franco Zeffirelli, Mario Missiroli, Luca Ronconi. With Missiroli, at the Teatro Stabile in Turin, she plays Goldoni, Pirandello, Strindberg, Checov (she plays Sonia in “Zio Vania”, which is still her dearly-beloved role), Shakespeare, Webster, Wedekind. She works in many television dramas like “The Citadel”, “The stars look down” by Archibald Cronin and in Charles Dickens’ “David Copperfield”, directed by Anton Giulio Majano. In cinema she works with Mauro Bolognini, Pasquale Festa Campanile and Enzo Muzii. Her most recent television appearance dates back to 1978 in “L’Agente Segreto”, directed by Antonio Calenda. In the 90’s she plays tragic roles in Euripides’ theatre (“Clytemnestra”, “Iphigenia in Tauris”) and in Pirandello’s “La ragione degli altri”. In 2001 she is awarded with the Ugo Betti career prize.

36

ARTE E CULTURA

Decide giovanissima di studiare, e lo farà per due anni, alla scuola dei filodrammatici di Milano, quindi, per i due anni successivi, frequenta la scuola del Piccolo Teatro di Milano. Ma il suo carattere è irrequieto e da questo corso verrà espulsa per indisciplina, Non si diploma, quindi, ma debutta lo stesso nel 1953, a 19 anni, in “Quando la luna è blu” di F. H. Herbert. Nello stesso anno entra nella Compagnia dei Giovani, accanto a Romolo Valli, Giorgio De Lullo, Rossella Falk e con loro resterà fino al 1962, interpretando con successo sia ruoli drammatici (“Il Diario di Anna Frank”, 1956) che più leggeri (“Gigi” di Colette). Lasciata la Compagnia, lavorerà con i grandi registi italiani come Franco Zeffirelli, Mario Missiroli, Luca Ronconi. Con Missiroli, al Teatro Stabile di Torino, recita Goldoni, Pirandello, Strindberg, Cechov (è Sonia in “Zio Vania”, ruolo a cui afferma ancora di tenere moltissimo), Shakespeare, Webster e Wedekind. Per la televisione interpreta gli sceneggiati “La cittadella”, “E le stelle stanno a guardare” di Archibald Cronin e “David Copperfield” di Charles Dickens, diretti da Anton Giulio Majano. Al cinema lavora con Mauro Bolognini, Pasquale Festa Campanile, Enzo Muzii. La sua più recente apparizione televisiva risale al 1978, nella serie “L’Agente Segreto” diretta da Antonio Calenda. Negli anni novanta interpreta soprattutto grandi ruoli tragici del teatro di Euripide (“Clitemnestra”, “Ifigenia in Tauride”) e di Pirandello (“La ragione degli altri”). Nel 2001 le viene conferito il premio Ugo Betti alla carriera.

premio speciale

Eleonora duse

premio speciale

ANNA MARIA GUARNIERI

ADRIANO GOLDSCHMIED Adriano Goldschmied originario della città di Trieste, ha lanciato la sua prima linea di jeans nel 1970 nella località sciistica di Cortina D’Ampezzo. Otto anni più tardi ha fondato il marchio Diesel ed ha avuto un ruolo fondamentale per lo sviluppo delle linee europee come Replay, Goldie e Rivet. Nel 1993 ha iniziato la fabbricazione della linea ‘A Gold E’ a Los Angeles. La sua successiva iniziativa imprenditoriale ‘AG Adriano Goldschmied’ ha vinto il riconoscimento internazionale Best Women’s Jeans per l’abbigliamento sportivo nel 2002, 2003, 2004. Goldschmied ha creato nel 2005 Goldsign, la linea esclusiva di jeans che ha contribuito a dare nuovo prestigio e innalzare il livello del denim. Nel 2007 Goldsign si fonde con CITIZENS OF HUMANITY portando Goldschmied ad essere partner e Vice Presidente Esecutivo per lo Sviluppo del Prodotto, mentre continua la progettazione della label Goldsign. “Il mio lavoro si sviluppa come ricerca di laboratorio sul jeans per l’intera azienda. Mi piace spingermi ai limiti perché a volte non si conoscono finché non li si oltrepassa.” Adriano Goldschmied hails from the Italian port of Trieste and launched his first denim line in 1970 in the ski resort of Cortina D’Ampezzo. Eight years later Adriano founded Diesel and was instrumental in the development of successful European brands including Replay, Goldie and Rivet. In 1993 he began manufacturing a signature line, ‘A Gold E’, in Los Angeles. His subsequent venture, ‘AG Adriano Goldschmied’, won Sportswear International’s Best Women’s Jeans award in 2002, 2003 and 2004. Goldschmied then went on to create the luxury denim label Goldsign in 2005, elevating premium denim to new heights. In 2007 Goldsign merged with CITIZENS OF HUMANITY, bringing Goldschmied into the fold as a partner and Executive Vice President of Product Development, while continuing to design his Goldsign label. “My work is like a denim research laboratory for the whole company” Goldschmied says. “I like to push the envelope because sometimes you don’t know what the limits are until you have passed them.”

37


ARTE E CULTURA

premio speciale

Roberto De Feo Roberto De Feo è nato a Pieve di Soligo nel 1963, cresciuto tra il Veneto Orientale e il pordenonese vive da una ventina d’anni a Venezia. È stato uno dei primi laureati in Italia in Conservazione dei Beni Culturali presso l’Università degli Studi di Udine dove ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Storia dell’Arte e successivamente il Post-Dottorato presso quella di Padova. Dal 2001 è ricercatore e docente universitario della Facoltà di Lettere e Filosofia presso l’Ateneo friulano dove ha tenuto l’insegnamento di Storia dell’Arte Moderna presso il Corso di Laurea DAMS e da due anni presso quello di Scienze del Turismo Culturale. Specializzato nel periodo sette e ottocentesco, ha pubblicato diversi studi anche in riviste internazionali riguardanti la pittura e la decorazione neoclassica d’ambito veneto, nello specifico sulla figura del pittore scenografo ornatista Giuseppe Borsato. Recentemente si è dedicato al problema dell’autografia di un dipinto di Raffaello intitolato “La Visione di Ezechiele”, del quale si è occupata anche la stampa giornalistica. Roberto De Feo was born in Pieve di Soligo in 1963. He grew up in the eastern part of Veneto and around Pordenone. For the last twenty years he has lived in Venice. He was one of the first person to get a degree in Heritage Conservation in Italy, graduating at the University of Udine in Art History Research which he followed with post doctoral work at the University of Padua. Since 2001 he has been a research fellow and professor of the Faculty of Literature and Philosophy at the University of Friuli, where he has taught History of Art at the DAMS degree course and in the Faculty of Cultural Tourism. A seventeenth and eighteenth century specialist, his articles regarding neoclassical painting and decoration in the Veneto have been published in Italian and foreign journals. He has a special interest in the work of Giuseppe Borsato, the scenery painter and decorator. Lately, he has dedicated his time to a problem of autography related to a painting by Raphael intitled “Ezekiel’s Vision”, which has also interested the popular press.

38

ANNA MARIA GUARNIERI

ADRIANO GOLDSCHMIED

Roberto De Feo

39


Dedicated to films reporting the harmonic development of territory and its contradictions, enhancing its resources within the respect of culture and environment. This works are placed right in the meeting point of territory and culture and they provide a cross-section of this intense and controversial union.

40

41

ARMONIA E TERRITORIO HARMONY AND TERRITORY

film in concorso film contest

Per opere che documentano lo sviluppo armonico del territorio e le sue contraddizioni, valorizzandone potenzialità e risorse nel rispetto della cultura e dell’ambiente. Situate nel punto esatto in cui territorio e cultura si incontrano, queste opere offrono spaccati di un connubio intenso quanto controverso.


AUTORE

NAZIONALITÀ

Alberto Meroni

Svizzera

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

40’

Armonia e territorio

CASA DI PRODUZIONE Imago Film Lugano SINOSSI

SYNOPSIS

«Il ghiacciaio muore. Un’agonia millenaria destinata a far scomparire un mondo che con il lento gocciolare ne crea un altro. Il fotografo Ely Riva, che da anni documenta il rapporto uomo-natura, parte per un viaggio solitario alla scoperta di quel nuovo mondo creato da un artigiano glaciale».

«The glacier is dying. The photographer Ely Riva, who spent years documenting man’s relationship with nature, sets off on a solitary journey to discover the new world created by the ice sculptor».

42

HARMONY AND TERRITORY

TITOLO L’artigiano glaciale

ARMONIA E TERRITORIO

L’artigiano glaciale

Mbambu and the Mountains of the Moon TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Mbambu and the Mountains of the Moon

Nataša Muntean, Lucian Muntean

Serbia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2011

50’

Armonia e territorio

CASA DI PRODUZIONE Lunam Docs SINOSSI

SYNOPSIS

«Questa è la storia di Mbambu, una ragazza di 16 anni del villaggio di Kilembe situato ai piedi delle Montagne Rwenzori in Uganda, che desidera essere la prima componente della famiglia a completare gli studi presso la scuola secondaria. Mbambu è anche un fedele membro del gruppo locale di teatro dilettantistico, che utilizza performance artistiche (come ad esempio una rappresentazione sulle conseguenze del bracconaggio) allo scopo di educare le persone della regione. Provenendo da una famiglia di contadini poveri che non possono permettersi di pagare le tasse scolastiche decide di lavorare come guida per i turisti che praticano trekking sulle montagne del Rwenzori, professione in genere riservata agli uomini».

«This is the story of Mbambu, a 16 yearold girl from the village of Kilembe, at the foot of the Rwenzori Mountains in Uganda, who wants to be the first in her family to complete secondary school. Mbambu is also a faithful member of the local amateur drama group, wich uses art and thematic performances (such as a performance on the drawbacks of poaching) to educate people in the region. Mbambu comes from a poor farming family that cannot afford her school fees, so she decides to earn money for school by becoming a guide for tourists trekking in the Rwenzori Mountains, a profession generally reserved for men».

43


AUTORE

NAZIONALITÀ

Uma Tramazul – Thread in blue

Andre Costa, Tassia Quirino, Matias Lancetti

Brasile

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2011

12’30’’

Armonia e territorio

CASA DI PRODUZIONE Olhar Periférico Filmes SINOSSI

SYNOPSIS

«L’artista Regina Silveira ricama un cielo blu nel paesaggio della città più grande dell’America Latina. Il documentario segue il lento procedere del lavoro di Regina nella facciata del Museo d’Arte di San Paolo (MASP), che ridefinisce la leggerezza dell’architettura moderna di Lina Bo Bardis».

«Artist Regina Silveira embroiders a blue sky in the landscape of the largest city of Latin America. The documentary follows the slow occupation of Regina’s work of the facade of the Sào Paulo Museum of Art (MASP), this redefine the lightness of Lina Bo Bardis modern architecture».

44

HARMONY AND TERRITORY

TITOLO

ARMONIA E TERRITORIO

Uma Tramazul – Thread in blue

45


Dedicated to historical reconstruction and critic interpretation of the biographies of the main International artists. Artworks that follow the life-journeys of the protagonists of the international historical and artistic background.

46

47

BIOGRAFIE D’ARTISTA ARTIST’S BIOGRAPHIES

film in concorso film contest

Per lavori di ricostruzione storica e interpretazione critica sulle biografie dei maggiori artisti internazionali. Prodotti d’arte che ripercorrono, secondo schemi e con linguaggi più o meno convenzionali, dei percorsi di vita che hanno segnato lo scenario storicoartistico internazionale.


AUTORE

NAZIONALITÀ

Claudio Moschin

Italia, Svizzera

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

6’58’’

Biografie d’artista

CASA DI PRODUZIONE RSI – Radiotelevisione Svizzera SINOSSI

SYNOPSIS

«L’incontro con il maggior illustratore al mondo, l’inglese Quentin Blake. Fino ad ora ha illustrato più di 300 libri, collaborato con i maggiori scrittori per ragazzi e creato personaggi propri come Mister Magnolia, scritto libri e vinto innumerevoli premi e riconoscimenti. Cult Tv lo ha incontrato a Londra presso il suo studio, dove ha parlato di sé, dei suoi disegni, della sua ispirazione e presentato l’ultimo libro da lui illustrato, “School Blues”, scritto da Daniel Pennac».

«This is the encounter with the world’s greatest illustrator, the English Quentin Blake. Until now he has illustrated more than 300 books, collaborated with leading writers for children’s books and created his own characters, one of which is Mister Magnolia. He also wrote books and won countless awards and accolades. Cult TV met him in his studio in London, where he talked about himself, his drawings, his inspiration and where he presented the last book he illustrated, “School Blues”, written by Daniel Pennac».

48

ARTIST’S BIOGRAPHIES

TITOLO Mr. Scratchy

BIOGRAFIE D’ARTISTA

Mr. Scratchy

Josif Brodskij - In the prison of latitudes TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Josif Brodskij - In the prison of latitudes

Jan Andrews

Stati Uniti, Italia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

60’

Biografie d’artista

CASA DI PRODUZIONE Shibui Productions, Salt Lake City; Studio AC Venezia SINOSSI

SYNOPSIS

«In questo ritratto documentaristico si esplora lo spirito appassionato di Josif Brodskij, che ha sfidato ogni barriera per diventare uno dei più interessanti poeti contemporanei russi del 20° secolo. Interviste con studiosi e amici di Brodskij tracciano la sua esperienza quale ultimo scrittore russo arrestato dal KGB. Venne sottoposto ad un processo “kafkiano” e quindi esiliato in Siberia. Nel 1987 ottenne il premio Nobel per la Letteratura».

«In this documentary portrait we explore the passionate spirit of Joseph Brodsky, who defied all barriers to become one of the most intriguing contemporary Russian poets of the 20th century. Interviews with scholars and friends of Brodskij trace his experience as the last Russian writer to be arrested by the KGB. He was given a “Kafkaesque” trial and exiled to Siberia. In 1987 he received the Nobel Prize in Literature».

49


AUTORE

NAZIONALITÀ

Voir Ce Que Devient L’ombre

Matthieu Chatellier

Francia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

89’

Biografie d’artista

CASA DI PRODUZIONE Moviala Films SINOSSI

SYNOPSIS

Fred Deux e Cécile Reims sono due grandi artisti che hanno attraversato il Ventesimo secolo incontrando e collaborando con i più famosi maestri dell’arte e della letteratura. Superstiti della Seconda Guerra Mondiale, ne portano per sempre nella loro opera l’ombra indelebile. Per più di un anno Matthieu Chatellier li ha filmati nell’intimità del loro lavoro di pittori e incisori, aprendo una finestra sulla loro feconda vecchiaia e spaziando con lo sguardo lontano sul “dopo”. A oltre ottant’anni, Fred e Cécile ci offrono un pensiero moderno, audace, senza compromessi.

Fred Deux and Cécile Reims are two great artists who have crossed the Twentieth Century, meeting and working with the most famous masters of art and literature. Survivors of the World War II, they always bring in their works the indelible shadow of this historical event. For more than a year Matthieu Chatellier has filmed them in the privacy of their work of painters and engravers, letting the viewers open a window on their fertile agedness, and letting the gaze reach as far as the “afterlife”. Being more than eighty years old, Fred and Cecile offer us a modern, bold, uncompromising thought.

50

ARTIST’S BIOGRAPHIES

TITOLO

BIOGRAFIE D’ARTISTA

Voir Ce Que Devient L’ombre

Ritorno in Sicilia TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Ritorno in Sicilia

Salvo Cuccia

Italia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

32’

Biografie d’artista

CASA DI PRODUZIONE Abra&Cadabra S.R.L.; RAI EDUCATIONAL SINOSSI

SYNOPSIS

Letizia Battaglia, vincitrice a New York del prestigioso Cornell Capa Infinity Award 2009, ci racconta la sua grande avventura nella fotografia e nella vita, del suo impegno politico e sociale, dei viaggi, del trasferimento a Parigi e del successivo ritorno nella sua Palermo.

Letizia Battaglia, who won the prestigious 2009 Cornell Capa Infinity Award in New York, narrates her great adventure within photography and life, her political and social commitment, her travels and especially her stay in Paris and subsequent return to her native Palermo.

51


AUTORE

NAZIONALITÀ

Nam June Paik: Open Your Eyes

Maria Anna Tappeiner

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

61’

Biografie d’artista

CASA DI PRODUZIONE Westdeutscher Rundfunk (WDR) ARTE SINOSSI

SYNOPSIS

«L’artista coreano Nam June Paik (19322006) è conosciuto per essere stato l’inventore della New Media Art ed inoltre è stato uno degli artisti più innovativi del XX secolo».

«The Korean born artist Nam June Paik (1932-2006) is known as the inventor of New Media Art and was one of the most innovative artists of the 20th century».

52

ARTIST’S BIOGRAPHIES

TITOLO

BIOGRAFIE D’ARTISTA

Nam June Paik: Open Your Eyes

Hans Zimmer – The sound of Hollywood TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Hans Zimmer – The sound of Hollywood

Ariane Riecker

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2009

52’

Biografie d’artista

CASA DI PRODUZIONE Looks Medienproduktion GmbH SINOSSI

SYNOPSIS

«Esploriamo il mondo e la musica di Hans Zimmer attraverso le interviste dei registi di Hollywood e dei suoi direttori esecutivi, dei suoi collaboratori e consiglieri e degli amici con cui è cresciuto e, infine, dello stesso compositore».

«We explore the world and music of Hans Zimmer through interviews with the Hollywood directors and executive he works with, his collaborators and mentors of old, the friend he grew up with, and last but not least, Hans Zimmer himself».

53


Dedicated to all those films on history, movements, protagonists, works and projects belonging to the world of design. The creative process and its inspirations, seen through the eyes and the sensitiveness of the film maker, who decided to speak about the work the main international designers in order to create its own work of art.

54

55

FILM SUL DESIGN FILMS ON DESIGN

film in concorso film contest

Per lavori dedicati a storia, movimenti, protagonisti, opere e progetti appartenenti al mondo del design. Il processo creativo e le sue ispirazioni visti attraverso gli occhi e la sensibilità del cineasta che ha scelto di raccontare la produzione dei maggiori designer internazionali per dar forma alla propria opera d’arte.


AUTORE

NAZIONALITÀ

Enzo Mari: sessanta fermacarte

Pietro Menditto

Italia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

9’

Film sul Design

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«“Sessanta fermacarte” non è solo un film su aspetti peculiari del design ma si allarga ad una riflessione di Enzo Mari sul nostro vivere contemporaneo. Mari, oltre ad essere un progettista di talento, è anche un pensatore-filosofo, un teoricodivulgatore».

«To Mari the paperweights are not a simple collection of mirabilia, but methaphores to investigate the role of the intellectual, the cooperation of thinking and doing, heads and hands, words and things».

56

FILMS ON DESIGN

TITOLO

FILM SUL DESIGN

Enzo Mari: sessanta fermacarte

57


Dedicated to all those films on history, movements, protagonists, works and projects belonging to the world of architecture and town planning. The man and his project, into the time and out of it, described into a work of art whose aim is to understand means and meanings.

58

59

FILM SULL’ARCHITETTURA FILMS ON ARCHITECTURE

film in concorso film contest

Per lavori dedicati a storia, movimenti, protagonisti, opere e progetti appartenenti al mondo dell’architettura e dell’urbanistica. L’uomo e il suo progetto, nel tempo e fuori dal tempo, raccontati in un’opera d’arte che cerca di comprenderne gli strumenti e i significati.


AUTORE

NAZIONALITÀ

Tal Amiran

Regno Unito

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2009

2’43’’

Film sull’Architettura

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«“Facades” mostra un modello in scala utilizzato per gli effetti speciali nelle produzioni cinematografiche. Si possono osservare da vicino palazzi in costruzione, pareti e finestre, immagini interrotte di tanto in tanto da lampi di luce, mentre in sottofondo si sentono il suono del mondo ed il mormorio delle voci».

«“Facades” shows a scale model, used by the film industry for special effects in movie productions. We see close up shots of building, walls and windows, interrupted occasionally by flashing lights, whilst in the background we hear the sound of activity and the murmur of voices».

60

FILMS ON ARCHITECTURE

TITOLO Facades

FILM SULL’ARCHITETTURA

Facades

Chance Encounter on the Tiber TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Chance Encounter on the Tiber

Renato Chiocca

Italia, Stati Uniti

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

10’

Film sull’Architettura

CASA DI PRODUZIONE TEVERETERNO SINOSSI

SYNOPSIS

«100 sedie rosse e una performance musicale per un esperimento urbano sulle rive del Tevere».

«An urban experiment: 100 movable chairs and an unexpected musical performance on the Tiber river».

61


AUTORE

NAZIONALITÀ

Anne Haaning, Benandsebastian

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

3’

Film sull’Architettura

CASA DI PRODUZIONE Rods & Cones SINOSSI

SYNOPSIS

«“In a Way the City Is” è una celebrazione di tre qualità che percepiamo come il cuore della vita urbana. La Città dei Paradossi, La Città del Cambiamento Continuo e La Città dei Sogni. Queste caratteristiche vengono sviluppate attraverso la visione caleidoscopica di una città del futuro che appare quasi familiare rispetto a quella che già conosciamo».

«“In a Way the City Is” is a celebration of three qualities that we see as being at the heart of urban life. The City of Paradox, The City of Continual Change and The City of Dreams. We develop these qualities into a kaleidoscopic vision of a future city that is strangely familiar to the one we already know».

62

FILMS ON ARCHITECTURE

TITOLO In a way the city is

FILM SULL’ARCHITETTURA

In a way the city is

[RE]Focus - Blick Richten TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

[RE]Focus – Blick Richten

Marcin Michalski, Mareike Graf, Melanie Riesle

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2011

5’25’’

Film sull’Architettura

CASA DI PRODUZIONE Regionales Rechenzentrum, Medienkompetenzzentrum; Universität Hamburg; Hamburg University Press (BgA) Verlag der Staats - und Universitätsbibliothek Hamburg

SINOSSI

SYNOPSIS

«L’edificio principale dell’Università di Amburgo ha raggiunto i 100 anni nel maggio di quest’anno. Nelle vicinanze dello stabile gli ebrei di Amburgo vennero radunati e deportati nei campi di concentramento nel 1941. Al giorno d’oggi non è più possibile scorgere l’area di deportazione dall’edificio - la costruzione stessa è diventata semplicemente il simbolo dell’Università di Amburgo nella coscienza collettiva. Tuttavia uno sguardo più vicino rivela che il disordine e le fratture che hanno attraversato questo luogo durante il secolo passato hanno lasciato delle cicatrici nel cemento, così come nella collezione di busti. È uno spazio storicamente carico di memoria che si è arricchito, durante un processo durato dieci anni, di ulteriori significati quando le sue aule sono state rinominate».

«The main building of the University of Hamburg turned 100 years old in May 2011. Within close proximity to the building, the Jewish people of Hamburg were rounded up and deported to extermination camps in 1941. Today it is no longer possible to see the deportation area from the building - the construction itself is just a mere symbol of the University of Hamburg in the collective consciousness. However a closer look reveals: the turbulence and fractures, wich have been experienced at this location during the last century, have left scars in the concrete as well as in the building’s collection of busts. It is a historically-charged site of remembrance - one which received a further discursive layer when, during a ten-year process, its lecture halls were renamed».

63


AUTORE

NAZIONALITÀ

Hernán Talavera Villodre, Chema Araque

Spagna

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2009

11’40’’

Film sull’Architettura

CASA DI PRODUZIONE Hernán Talavera and Chema G. Araque SINOSSI

SYNOPSIS

«Il cadavere di un palazzo in rovina si trasforma nel mausoleo di se stesso».

«The corpse of a palace in ruins turns into its own mausoleum».

64

FILMS ON ARCHITECTURE

TITOLO Interiorismo

FILM SULL’ARCHITETTURA

Interiorismo

Every speed TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Every speed

Lindsey Martin, Julia Fuller

Stati Uniti

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2011

12’02’’

Film sull’Architettura

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«“Every Speed” è un cortometraggio sperimentale che esplora, attraverso l’uso di interviste fuori campo e rotoscoping, il punto di vista di normodotati e di persone disabili sul movimento del corpo, la tecnologia e la dipendenza. Storicamente le persone con disabilità si sono viste negare alloggi e sistemazioni per problemi legati ai costi, in quanto le persone normodotate davano per scontato la loro fiducia verso gli onerosi sistemi di trasporto progettati per facilitare il movimento. “Every Speed” considera sia la progettazione e l’accessibilità delle città e dei trasporti, che l’esperienza personale di movimento. Analizza l’importanza che la nostra cultura manifesta per l’indipendenza e le capacità fisiche e come questo possa influenzare il concetto di movimento per persone abili e disabili».

«“Every Speed” is an experimental short documentary that explores able-bodied and disabled perspectives on body movement, technology, and dependency through the use of voice-over interviews and rotoscoping. Historically, people with disabilities have been denied accommodations based on arguments of cost, yet able-bodied people take for granted their reliance on vast and expensive transportation systems designed to facilitate movement. “Every Speed” considers both the design and accessibility of cities and transportation as well as the personal experience of movement. It analyzes the importance our culture places on independence and physical ability and how this affects meanings of movement for both able-bodied and disabled people».

65


AUTORE

NAZIONALITÀ

Estela Estupinya Garcia

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2009

7’2’’

Film sull’Architettura

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«L’insoddisfazione di qualcosa che già si possiede lascia posto alla ricerca della perfezione che si conclude nella perdita. Il film utilizza le immagini di repertorio ricavate dall’archivio della società costruttrice “Neue Heimat”, parlando dell’inseguimento di un sogno di perfezione che diventa utopia».

«You are never satisfied with something you already have, and in striving for perfection you miss it. A movie with pictures from the building society “Neue Heimat”. It tells about tracking a dream of perfection, which becomes utopia».

66

FILMS ON ARCHITECTURE

TITOLO Utopìa

FILM SULL’ARCHITETTURA

Utopìa

67


For works devoted to art in all its forms. This category includes a huge variety of materials about historical figurative culture: from artworks surveys, to exhibitions, cities, art locations and other aspects of cultural habits and curiosities. Various different languages become tangled: the classic narrative scheme of documentary, the more elaborate fiction to reach the specialized and experimental cinema.

68

69

FILM SULL’ARTE FILMS ON ART

film in concorso film contest

Per opere dedicate all’arte in tutte le sue forme. Questa categoria comprende un’enorme varietà di materiali dedicati alla cultura storico figurativa: dalle indagini su opere, mostre, città, luoghi d’arte, fino a prodotti incentrati su fatti di costume e curiosità. Svariati linguaggi differenti s’intrecciano, spaziando dal classico schema narrativo del documentario, attraverso la fiction più elaborata, per giungere ad un cinema sperimentale e specializzato.


AUTORE

NAZIONALITÀ

Over your cities grass will grow

Sophie Fiennes

Regno Unito, Francia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

95’

Film sull’arte

CASA DI PRODUZIONE Amoeba Film ltd; Sciapode production

SINOSSI

SYNOPSIS

«“Over your cities grass will grow” testimonia il processo creativo dell’artista tedesco Anselm Kiefer e lo traspone cinematograficamente in un viaggio nel suo personale universo, costruito attorno al suo studio sulle colline del sud della Francia. Grazie ai magnifici paesaggi francesi il film immerge lo spettatore nel mondo del processo creativo di uno dei più inventivi ed importanti artisti contemporanei».

«“Over your cities grass will grow” bears witness to German artist Anselm Kiefer’s alchemical creative processes and renders as a film journey the personal universe he has built at his hill studio estate in South of France. Traversing this landscape, the film immerses the audience in the total world and creative process of one of today’s most significant and inventive artists».

70

FILMS ON ART

TITOLO

FILM SULL’ARTE

Over your cities grass will grow

The Colour of Your Socks A Year with Pipilotti Rist TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

The Colour of Your Socks – A Year with Pipilotti Rist

Michael Hegglin

Svizzera, Austria

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2009

53’

Film sull’arte

CASA DI PRODUZIONE Catpics Coproduction AG; Amour Fou Filmproduktion SINOSSI

SYNOPSIS

«Il documentario “The Colour of Your Socks - A Year with Pipilotti Rist” accompagna l’artista svizzera Pipilotti Rist in tutto il mondo, mostra il suo posto di lavoro nel suo studio a Zurigo e al Museum of Modern Art di New York. Da quando ha vinto il Premio Duemila alla Biennale veneziana nel 1997, Pipilotti Rist è un’artista riconosciuta a livello internazionale. Per la prima volta permette ad un documentarista di riprenderla e approfondire il suo processo creativo, lo sviluppo di progetti e la collaborazione con il suo team».

«The documentary “The Colour of Your Socks - A Year with Pipilotti Rist” accompanies the Swiss artist Pipilotti Rist around the world, shows her at work in her studio in Zurich as well as at the Museum of Modern Art in New York. Since she won the Duemila Prize at the Biennale di Venezia in 1997, Pipilotti Rist is an internationally recognized and renowned artist. For the first time, she lets a documentary filmmaker into her world, providing insight into her creative process, the development of projects and the collaboration with her team».

71


AUTORE

NAZIONALITÀ

Marco Wilms

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

16’10’’

Film sull’arte

CASA DI PRODUZIONE Heldenfilm SINOSSI

SYNOPSIS

«“Resampling the Past” rielabora, modifica, e opera un montaggio di cinegiornali di propaganda taiwanese del periodo 1945-1985, al fine di creare una storia soggettiva dell’isola sottoforma di musical giocoso».

«“Resampling the Past” re-processes, intervenes, and copy-pastes Taiwanese propaganda newsreels from the 1945-1985 period in order to create a subjective history of the island with the shape of a playful musical».

72

FILMS ON ART

TITOLO Resampling the Past

FILM SULL’ARTE

Resampling the Past

Analogue Kingdom TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Analogue Kingdom

Esther Johnson

Regno Unito

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

23’50’’

Film sull’arte

CASA DI PRODUZIONE Blanche Pictures SINOSSI

SYNOPSIS

«Un ritratto toccante alla scoperta di Gerald Wells e delle intriganti storie legate alla sua collezione di radio d’epoca che occupa ogni angolo e fessura della sua casa-museo».

«A poetic portrait revealing the charm of Gerald Wells’ world, where radio relics and their attendant stories fill every nook and cranny of his house/living museum».

73


AUTORE

NAZIONALITÀ

Guglielmo Manenti

Italia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2009

5’

Film sull’Arte

CASA DI PRODUZIONE Extempora srl SINOSSI

SYNOPSIS

«Realizzata nell���anno delle celebrazioni per il centenario del Futurismo, “Officina Russolo” è un’animazione dedicata a Luigi Russolo, uno dei fondatori del movimento futurista, inventore di stralunate macchine sonore, i cosiddetti “intonarumori”, che cercano di riprodurre i suoni e i rumori della realtà».

«On the centenary of Futurism, “Russolo Workshop” is an animation inspired by and dedicated to Luigi Russolo, one of the founders of Futurism, the inventor of dazed sound machines, known as “Noisemakers”, that try to reproduce the sounds and noises of reality».

74

FILMS ON ART

TITOLO Officina Russolo

FILM SULL’ARTE

Officina Russolo

David Fray records the Mozart piano concerto in E flat K.482 TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

David Fray records the Mozart piano concerto in E flat K.482

Bruno Monsaingeon

Francia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

52’

Film sull’arte

CASA DI PRODUZIONE Idéale Audience - Hélène Le Coeur SINOSSI

SYNOPSIS

«David Fray è stato insignito del premio “Instrumental Soloist of the Year” al concorso francese “Victoires de la Musique Classique” nel 2010. La bellezza del suo modo di suonare, il flusso ritmico, l’energia che genera, la sua fantasia e la personalità carismatica, fanno di lui un pianista destinato a grandi cose. Nel suo nuovo CD per Virgin Classics, David Fray propone i concerti di Mozart per pianoforte KV 482 e 503 eseguiti con la Philharmonia Orchestra diretta da Jaap van Zweden. Questa registrazione effettuata ad Abbey Road a Londra è stata l’occasione che ha permesso a Bruno Monsaingeon, dopo un film dedicato a Fray “Swing, Sing & Think”, di filmare nuovamente il musicista e il suo modo personale di affrontare questi capolavori».

«David Fray was voted Instrumental Soloist of the Year at France’s Victoires de la Musique Classique awards in 2010. The beauty of his playing, the rhythmic flow and vital energy he generates, his imagination and charismatic personality, make him a pianist destined for very great things. David Fray’s new CD recording for Virgin Classics features Mozart’s KV 482 and 503 piano concertos, performed with the Philharmonia Orchestra conducted by Jaap van Zweden. This recording at Abbey Road in London was a new opportunity for Bruno Monsaingeon, after his remarkable film “Swing, Sing & Think” dedicated to the artist, to film him again as he pursues his entirely personal way of addressing these major works».

75


AUTORE

NAZIONALITÀ

Clare O Hagan, Denise Wyllie

Regno Unito

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

7’50’’

Film sull’arte

CASA DI PRODUZIONE Wyllie O Hagan SINOSSI

SYNOPSIS

«In “First Darkness” incontriamo una pittrice che recupera il legame con la vita attraverso l’arte dopo lo smarrimento causato dalla morte di una cara amica. In questo periodo di grande sofferenza l’artista, continuando a dipingere, capisce che la perdita è superabile, realizzando come alcuni dei suoi migliori lavori provengano da un posto oscuro».

«In “First darkness” we see an artist reconnecting with life through her art, after her friend dies. The artist continues painting through this time of loss. The artist comes to realise that this loss is survivable, and that some of her best work comes from a place of darkness».

76

FILMS ON ART

TITOLO First Darkness

FILM SULL’ARTE

First Darkness

Andrej TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Andrej

Victor Asliuk

Bielorussia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

20’

Film sull’Arte

CASA DI PRODUZIONE BelarusFilm SINOSSI

SYNOPSIS

«Andrej considera l’arte la cosa più reale e importante della sua vita; vive tra i suoi dipinti e foto nello scantinato di un palazzo e il resto del mondo è percepito come molto lontano. Al pari di molti intellettuali (di cui ha le foto appese nel suo studio) è tormentato da ossessioni e domande, ma in particolar modo è ipnotizzato dalla personalità di Andrej Tarkowskij».

«His art is the most real and important thing in Andrej’s life. He lives among his paintings in a photos basement of a multystorey city house. It is very far from here to the rest of the world. Andrej is tormented by the same questions that other intellectuals, as well who are present in his studio as on the wall. Most of all, Andrej is mesmerized by Tarkowskij’s personality».

77


AUTORE

NAZIONALITÀ

Peter Bebjak

Slovacchia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

19’

Film sull’Arte

CASA DI PRODUZIONE D.N.A. Production SINOSSI

SYNOPSIS

«Un corpo, molte anime... Una donna si confronta con molteplici identità».

«One body and many souls… Story of a woman confronted with different identities».

78

FILMS ON ART

TITOLO Voices

FILM SULL’ARTE

Voices

New London Calling TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

New London Calling

Alla Kovgan

Stati Uniti

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

10’

Film sull’Arte

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«Un gruppo di 75 bambini prende d’assalto la città di New London dando vita ai loro rituali giochi di strada. Il loro vibrante spirito evoca speranza per il futuro ma anche tristezza per la cultura dell’infanzia ormai sparita dalle città americane».

«An unsupervised tribe of 75 children take over the entire city of New London, creating their rites and rituals through playing street games. Their vibrant spirit evokes hopes for the future but also melancholy about the glorious past of children’s culture disappearing from the streets of American cities».

79


AUTORE

NAZIONALITÀ

Noémie Lafrance

Stati Uniti, Canada

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

9’50’’

Film sull’Arte

CASA DI PRODUZIONE Sens Production; Producer Natalie Galazka for Sens Production SINOSSI

SYNOPSIS

«“Melt” mette in scena il progetto artistico da cui il film prende nome. La performance di danza rappresenta una delicata, sensuale e drammatica esperienza vissuta dal corpo in relazione alla sensazione di esilio e abbandono».

«Melt Film is a short dance film inspired by the Melt live performance work. It depicts a delicate, sensual and dramatic experience of the physical body in exile and surrender».

80

FILMS ON ART

TITOLO Melt

FILM SULL’ARTE

Melt

Objet Sans Corp TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Objet Sans Corp

Paolo Asaro, Fabrizio Saiu

Italia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2011

14’

Film sull’Arte

CASA DI PRODUZIONE Zerkalovideo SINOSSI

SYNOPSIS

«Il documento audiovisivo “Objet sans corps” è composto da cinque scene e ha una durata complessiva di 14 minuti. Il documento è la traccia, il resto, il Supplemento di una ricerca sulle dinamiche di trasformazione della materia, del movimento e della risonanza nel rapporto tra uomo e ambiente. Ogni scena è incentrata sulla ripetizione circolare di uno stesso movimento ed è caratterizzata da un preciso ed essenziale spostamento del corpo nell’ambiente. Gli atti corporei non hanno uno scopo ultimo, e la loro autoreferenzialità libera il corpo che in essi si produce da ogni funzionalità annullandolo in se stesso. È attraverso questa alienazione che gli “Objet sans corps” divengono un effetto del processo e non il suo risultato».

«The audio-visual document “Objet sans corps” is composed of 5 scenes and it lasts 14 minutes. The document is the Trace, the residue, the Supplement of a research on the dynamics of matter transformation, of movement, and of the resonance on the link between man and environment. Every scene is focused on the circular repetition of the same movement and it is characterised by a precise and essential displacement of the body in the environment. The corporal acts do not have an ultimate aim, and their self-referentiality frees the body that on them produce itself from every functionality, canceling it inside itself. Is it through this alienation that the “Objet sans corps” become an effect of the process instead of his outcom».

81


AUTORE

NAZIONALITÀ

Søren Thilo Funder

Danimarca

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

11’

Film sull’Arte

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«Un consiglio cittadino si è riunito con lo scopo di mettere in atto il rito del cerchio comune. La performance rispecchia le qualità rituali del sistema operativo della politica - di voto, delimitazione dei confini e dichiarazione pubbliche».

«A citizens council is gathered to perform the ritual of the circle commune. The performance mirrors the ritualistic qualities of operating system of politics - voting, border settlement and public statement».

82

FILMS ON ART

TITOLO Council of Citizens

FILM SULL’ARTE

Council of Citizens

83


Dedicated to art films made by Cinema Schools and Universities. This category gathers the films of artists that are facing a theory studying together with practice laboratories, which are both steps of a journey that leads to a serious and appropriate approach to film production activity.production activity.

84

85

PRODUZIONI DI SCUOLE DI CINEMA FILM SCHOOL PRODUCTIONS

film in concorso film contest

Per lavori relativi all’arte in tutte le sue forme, realizzati da Scuole di Cinema, Istituti Superiori Specializzati e Università. La categoria raccoglie i lavori di artisti impegnati nello studio teorico e nella pratica di laboratorio, tappe di un percorso che conduce ad un approccio serio e competente all’arte cinematografica.


AUTORE

NAZIONALITÀ

Martin Groetzsche, Benjamin Manderbach

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

5’45’’

Produzione Scuole

PRODOTTO DA FILMAKADEMIE Baden-Württemberg GmbH SINOSSI

SYNOPSIS

«La danza, come sentimento che rappresenta l’individualità, è presto minacciata dall’avanzare delle masse. È quello che succede al protagonista del video, che, scalzo, sta scoprendo una danza propria e per questo motivo non potrà passare inosservato».

«The dance, as a feeling of individuality, is quickly threatened by the march of the masses. So also our barefoot friend who is about to discover his own dance and not remain unobserved».

86

FILM SCHOOL PRODUCTIONS

TITOLO First Darkness

PRODUZIONI DI SCUOLE DI CINEMA

Conformis

Rabenjunge TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Rabenjunge

Andrea Deppert

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

9’40’’

Produzione Scuole

PRODOTTO DA FILMAKADEMIE Baden-Württemberg GmbH SINOSSI

SYNOPSIS

«I bambini di un villaggio vivono secondo le leggi della giungla, guidati dal bambino più meschino, disprezzano e lasciano in disparte uno di loro: Ravenboy, l’emarginato del gruppo. Un giorno però arriva un’ammaliante ragazza che lascia tutti d’incanto, dimostrando interesse solo verso Ravenboy. La moralità della piccola comunità a questo punto è messa in discussione».

“The children of the village live by the law of the jungle. Led by the meanest, they scorn the Ravenboy, the groups’ outsider. When one day a fascinating girl appears, putting her spell on everybody, it is the Ravenboy of all people she takes interest in. The small community’s moral confidence is shaken».

87


AUTORE

NAZIONALITÀ

Ilija Brunck, Jan Bitzer, Csaba Letay

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

5’20’’

Produzione Scuole

PRODOTTO DA FILMAKADEMIE Baden-Württemberg GmbH SINOSSI

SYNOPSIS

«Una falena è caduta in trappola nella tela di un ragno. Affronta il predatore, viene digerita e diviene parte integrante della trappola».

«A moth being caught in a spider´s web and after facing the predator, being digested and in the end becoming an integral part of its own trap».

88

FILM SCHOOL PRODUCTIONS

TITOLO Loom

PRODUZIONI DI SCUOLE DI CINEMA

Loom

In Particular TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

In Particular

Nicole Wegner

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

7’

Produzione Scuole

PRODOTTO DA Academy of Media Arts Cologne - Kunsthochschule für Medien Köln SINOSSI

SYNOPSIS

«Sta seduta lì per molto tempo. Potrebbe ascoltarlo per tutto il giorno. Si alza e va via. Quindi, cammina in cucina. L’ombra (noi due) e il flusso oscuro. Lei ascolta attentamente (16000 Hz). E, ciò che è importante, cessa di esistere (Non posso esistere senza di te)».

«She sits there for a long while. She could hear him the whole day. She sets out. Finally she walks into the kitchen (adding). The shadow (us two) and the black flood. She listens carefully (16,000 Hz). And what is important ceases to exist (I can’t be without you)».

89


AUTORE

NAZIONALITÀ

The People from Flight 103

Fedor Belenky

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

8’34’’

Produzione scuole

CASA DI PRODUZIONE HBKsaar Hochschule der Bildenden Künste Saar SINOSSI

SYNOPSIS

«Cosa succede nella mente di qualcuno che viene scaraventato fuori da un aereo? Per quanto tempo rimane paralizzato dalla paura di morire? Quanto tempo occorre prima che inizi ad ambientarsi nella nuova situazione? I protagonisti della mia storia iniziano da subito ad abituarsi al cambiamento. Appena lo shock iniziale se ne va, iniziano ad accorgersi dei propri sentimenti e complessi abituali».

«What goes on in somebodies’ mind who rushes out of a plane? How long is he tied by the paralyzing fear of death? How long does it take before he starts getting settled in his new environment? The characters in my story start very early to assimilate to their environment. As soon as the initial shock passes by they discover their usual feelings and complexes».

90

FILM SCHOOL PRODUCTIONS

TITOLO

PRODUZIONI DI SCUOLE DI CINEMA

The People from Flight 103

Western Movie TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Western Movie

Lee Hyung-suk

Corea del Sud

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

9’

Produzione Scuole

PRODOTTO DA Yonsei University - Yonsei Graduate School Of Communication & Arts

SINOSSI

SYNOPSIS

«Uno sceriffo attraversa una landa desolata in sella al suo cavallo...»

«A sheriff crosses a desolate field on horseback...»

91


AUTORE

NAZIONALITÀ

Julia Maria Imhoof

Svizzera

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

9’13’’

Produzione scuole

CASA DI PRODUZIONE HSLU - Hochschule Luzern Design und Kunst/Lucerne University SINOSSI «Una lunga camminata che da Lucerna, oltre il San Gottardo e fino a Genova diventa un fantastico viaggio in un mondo surreale. Un film poetico sulla necessità di mettersi in viaggio e sull’importanza relativa della meta».

SYNOPSIS “A long tramp from Lucerne over the San Gottardo to Genoa becomes in “Moonstruck” a fantastic journey through a surreal world. A poetic film about being on the road and the relativity of arriving».

92

FILM SCHOOL PRODUCTIONS

TITOLO Moonstruck

PRODUZIONI DI SCUOLE DI CINEMA

Moonstruck

Mother’s fading TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Mother’s fading

Arthur Stepanyan

Israele

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

13’36’’

Produzione Scuole

PRODOTTO DA Tel Aviv University Film & Tv Department SINOSSI

SYNOPSIS

«Madre e figlio, schiavi di loro stessi e delle proprie vite, passano la loro vita rinchiusi nell’appartamento di un palazzo. La loro routine viene infranta dall’intrusione di una vicina che cambierà la realtà di entrambi».

«Mother and son are enslaved by themselves within their lives and the flat where they reside. The day to day routine is broken by the invasion of a woman from the window in front, she is about to change the reality for both».

93


For all those works connected the use of traditional technologies, electronics and informatics as a mean of artistic expression. Particularly within this category, the artwork has to be seen, not only in the final video product, but also in the choice of mixing up different techniques. From drawing to graphics. From performances recording and complex multimedia structures.

94

95

VIDEOarte E COMPUTERART VIDEOART AND COMPUTER ART

film in concorso film contest

Per opere connesse all’utilizzo di tecnologie tradizionali, elettroniche o informatiche come strumento di espressione artistica. In particolare in questa categoria, l’opera d’arte è da ricercarsi non solo nel prodotto video finale, ma anche nella scelta e nel metodo di fusione delle tecniche utilizzate per la sua realizzazione. Dal disegno alla computer grafica. Dalla registrazione di performance a complesse strutture multimediali.


NAZIONALITÀ Spagna

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

13’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE SONORA ESTUDIOS SINOSSI

SYNOPSIS

«Sulla sommità della città invisibile di Armilla, una ninfa disperata trova l’ultima goccia di liquido viscoso di cui si nutre. L’incaricato di controllare le tubature dell’acqua indossa il camice di un paziente d’ospedale... e si addormenta di nuovo. I sogni di questo tormentato amante formano un discorso amoroso. Una visione da sogno, così surreale e allo stesso tempo così vicina alla realtà».

«On the summit of the invisible city of Armilla, a nymph despairingly finds the very last drop of the viscous liquid on which she feeds. The person in charge of keeping the pipes full of water wears a hospital patient’s gown… And fallen asleep again. The dreams of this tormented lover form an emotional amorous discourse. A dream vision, just as surrealistic and close as any reality».

96

VIDEOART AND COMPUTER ART

AUTORE Aitor Herrero

VIDEOarte E COMPUTERART

TITOLO Corazón Encharcado

Tempus Destruit TITOLO

AUTORE

Tempus Destruit

Blaž Erzetic

NAZIONALITÀ ^

Corazón Encharcado

Slovenia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2011

1’33’’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«Il concreto scorrere di una vitab in un minuto».

«A material lifetime in a minute».

97


AUTORE

NAZIONALITÀ

Marcella Piccinini

Italia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

5’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«“Il mondo capovolto”, ovvero il mondo della dislessia parallelo a quello di tutti gli altri».

«“The world upside down”, the dyslexic world being parallel to that of all others».

98

VIDEOART AND COMPUTER ART

TITOLO Il mondo capovolto

VIDEOarte E COMPUTERART

Il mondo capovolto

The Art-Qaeda Project TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

The Art-Qaeda Project

Wei-Ming Ho

Taiwan

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

7’03’’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE Liang Jia-Shing SINOSSI

SYNOPSIS

«In un’atmosfera particolare sono state proposte immagini per dar vita ad un’avventura emozionante. Rappresentano segnali segreti, un viaggio misterioso o una protesta silenziosa? Per mezzo di azioni di “Guerrilla Art”, questo progetto ha permesso il dialogo tra le immagini e l’ambiente urbano».

«In a weird atmosphere, the images set out for an exciting adventure. Do the images represent the secret signals, a mysterious journey or a silent protest? By means of guerrilla art action, this project presented the conversation between the images and the city environment».

99


AUTORE

NAZIONALITÀ

Disastrous Dialogue

Søren Thilo Funder

Danimarca

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2011

10’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«“Disastrous dialogue” riflette sull’ossessione dell’uomo moderno riguardo le immagini catastrofiche, in particolare nei confronti del cinema catastrofico hollywoodiano».

«“Disastrous dialogue” focuses on the modern subject’s fixation on catastrophe images, here particularly the HollywoodProduced Catastrophe Cinema».

100

VIDEOART AND COMPUTER ART

TITOLO

VIDEOarte E COMPUTERART

Disastrous Dialogue

Cankered and Cursed TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Cankered and Cursed

Todd DeJong

Stati Uniti

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

4’34’’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«È qui raccontata la storia di due streghe cattive che vogliono evitare di essere raggiunte dal sentimento di bontà che ormai le circonda, prima che sia troppo tardi».

«The story depicts a sisterhood of evil witches that must avoid getting possessed by the goodness that surrounds them, before its too late».

101


AUTORE

NAZIONALITÀ

Olivier Pietsch

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

40’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«“From Here to Eternity” esplora il tema della morte nella storia del cinema».

«“From Here to Eternity” explores the theme of death in the history of cinema».

102

VIDEOART AND COMPUTER ART

TITOLO From Here to Eterniy

VIDEOarte E COMPUTERART

From Here to Eternity

Paths of Hate TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Paths of Hate

Damian Nenow

Polonia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

10’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE Platige Image SINOSSI

SYNOPSIS

«“Paths of Hate” è un racconto dinamico sull’odio, elemento indispensabile alla natura umana. Il film di Damian Nenow combina l’attrattiva visiva del cinema d’azione americano e il carattere riflessivo del cinema d’autore europeo. Il pubblico è trascinato nel bel mezzo di una battaglia di origini sconosciute».

«“Paths of Hate” is a dynamic tale about hatred which is the indispensable element of human nature. Damian Nenow has created a film that matches Visual attractiveness of American action cinema and European reflexive character of author cinema. The audience is being drawn into the middle of a fight, of unknown origins».

103


AUTORE

NAZIONALITÀ

César Esteban Alenda, José Esteban Alenda

Spagna

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

19’

Video e Computer Art

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«La vita di Julia si svolge nella vasca da bagno. Goccia dopo goccia troverà il coraggio di cambiare l’ordine delle cose».

«Julia’s life takes place in the bathtub. Drop by drop she will gather the courage to change the order of things».

104

VIDEOART AND COMPUTER ART

TITOLO El orden de las cosas

VIDEOarte E COMPUTERART

El orden de las cosas

Touch TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Touch

Ferenc Cakó

Ungheria

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

6’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE C.A.K.Ó. STÚDIÓ

SINOSSI

SYNOPSIS

«In questa animazione realizzata con la sabbia, Ferenc Cakó ricorda suo padre, artista. Non è un film biografico tradizionale ma una sperimentazione creativa che include gli abissi e gli apici delle emozioni nel labirinto della società e delle relazioni tra uomo e donna, la ricerca di espressione del sé, la scoperta della voce interiore che permette il contatto con la musa».

«In this sand animation film Ferenc Cakó recalls his late father, who was an artist. It is not a traditional biographical film, instead, it is an artistic drive involving the dephts and heights of emotions in the labyrinth of society and man-woman relationships. The search for self-expression, the finding of the inner voice of inspiration touching the muse».

105


AUTORE

NAZIONALITÀ

Jochen Kuhn

Germania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

11’30’’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«La seconda parte di una serie di “Sunday outings”. In “Sonntag 2” accompagnamo il flâneur all’ultima rappresentazione del Teatro Krause, che sta per chiudere».

«The second part of a series of Sunday outings. In “Sonntag 2”, we accompany the flâneur to the last performance of the Krause Theater, which is due to close down».

106

VIDEOART AND COMPUTER ART

TITOLO Sonntag 2

VIDEOarte E COMPUTERART

Sonntag 2

Ariadne’s thread TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Ariadne’s thread

Attila Bertóti

Ungheria, Romania

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2009

9’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE Inforg Stúdió, Argo Audiovisual Association; Sapientia EMTE SINOSSI

SYNOPSIS

«I tipici elementi mitici dell’antica Grecia sono ben noti: il labirinto, il Minotauro, Teseo, Arianna e, ovviamente, il filo. Che la ricerca abbia inizio!»

«The basic elements of the ancient Greek myth are well-know: the labyrinth, the Minotaur, Theseus, Ariadne, and of course, the thread. Let the search begin!»

107


AUTORE

NAZIONALITÀ

Czesław Kałužny

Polonia

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

5’15’’

Video e Computer art

CASA DI PRODUZIONE Produzione Indipendente SINOSSI

SYNOPSIS

«I quattro elementi aria, fuoco, terra, acqua sono stati l’ispirazione per l’artista che ha ideato i manifesti per la mia mostra. La sua idea è ironica: una candela che brucia, dell’acqua che scorre dal rubinetto, del terriccio preso da un vaso, una borsa di plastica. Il tempo della mostra è esaurito. Sono rimasti molti manifesti, carta straccia. La uso come materiale per fare delle sculture. La schiaccio e la fisso. Con il titolo di “Manifesti” presento una galleria di forme astratte di carta. Progetto un cubo, i visitatori devono entrarvi dentro e toccarne le pareti. Una volta che l’esibizione è finita, l’installazione ritorna agli elementi naturali».

«Four elements:fire,water,earth,are the inspiration for the artist who has designed four posters for my exhibition. His view is ironic: a burning candle,water running from a tap,earth from a flower pot,an inflated plastic bag. The time of the exhibition has ended. Many left-over posters remainpaper trash. I use them to make a sculptural work. I squash and fix them. I present the abstract paper forms in a gallery under the title “Manifesti”. I design a cube-the visitors have to go inside and touch the walls.Once the exhibition is over return the installation to the elements».

108

VIDEOART AND COMPUTER ART

TITOLO Manifesti

VIDEOarte E COMPUTERART

Manifesti

109


110 111

FILM FUORI CONCORSO films out of competition


TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Hands and eyes

Michael Meredith

Stati Uniti

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2009

6’26’’

Film fuori concorso

PRODOTTO DA AndLew Entertainment/Jordan Foley Films; Gigantic Pictures Production SINOSSI

SYNOPSIS

«Un eccentrico critico d’arte entra nello studio di un pittore con l’intento di scrivere un pezzo su di lui. Avendo soltanto tre minuti per la visita, non ha tempo di ascoltare ciò che l’artista ha da dire. Lasciandogli dire solo “ciao” il critico si inoltra in un discorso di tre minuti sui lavori dell’artista. Dalla brillante introspezione alla pedante follia, il critico ci porta attraverso un totruoso percorso alla conoscenza dei lavori della sua mente duttile e contorta. Alla fine quando il critico chiede all’artista un commento, il pittore imbarazzato rimane senza parole. Tuttavia questa “inespressività innocente” lavora a suo favore, poiché riconferma al critico l’audacia sua e della sua pittura. Egli esce di fretta dallo studio per scrivere la sua storia. L’artista, inizialmente perplesso, ritrova subito la tranquillità, da solo, con le sue opere».

«An eccentric art critic stops by a painter’s studio with the intent of writing a piece on him. Having spared three minutes for the visit, he has no time to hear from the artist himself. Cutting him off at hello, the critic proceeds on a three-minute diatribe about the works at hand. From brilliant historical insights to pedantic lunacy, he takes us on a roller-coaster ride through the inner workings of his supple yet contorted mind. When at last he requests a word from the artist, the painter finds himself embarrassingly speechless. However, this “innocent inarticulateness” ends up working for him, as it reconfirms to the critic his brilliance and that of his paintings. He rushes out to write his story and the bewildered artist finds contentment alone again with his work».

112

FILM FUORI CONCORSO

Hands and eyes

Santo de la Guitarra: la Historia Fantàstica de Augustìn Barrios Mangoré TITOLO

AUTORE

NAZIONALITÀ

Santo de la Guitarra: la Historia Fantàstica de Augustìn Barrios Mangoré

Carlos Salcedo Centurión

Paraguay

ANNO

MINUTI

CATEGORIA

2010

115’

Film fuori concorso

PRODOTTO DA Centro De Estudios Barrios Mangoré SINOSSI

SYNOPSIS

«“Santo de la Guitarra” è il primo documentario mai realizzato sulla figura dell’artista paraguaiano Augustìn Barrios Mangoré (1885-1944). La storia si sviluppa attraverso una serie di interviste agli allievi di Barrios, ai suoi seguaci e a chitarristi di fama che per decenni hanno viaggiato lungo la mitica “Mangoré Trail” inseguendo la storia senza tempo di questo virtuoso della chitarra classica. Dopo la sua morte avvenuta a El Salvador nel 1944, Barrios e la sua musica sono stati dimenticati per circa un quarto di secolo. Oggi Augustìn è considerato lo “Chopin o il Paganini dell’America Latina”».

«“Santo de la Guitarra” is the first ever documentary about eccentric, Paraguayan classical guitar genius Augustìn Barrios Mangoré (1885-1944). The story is told through interviews with Barrios disciples as well as legendary guitarists and Barrios scholars that have journeyed for decades along the mythical “Mangoré trail” in search of the timeless and fascinating story about one of the world’s great guitar virtuoso. After his death in 1944 in El Salvador, he and his music were forgotten or ignored for nearly a quarter century. Today Augustìn is considered the “Chopin or Paganini of Latin America”».

113


Chen Mei Yuan

Nata a Taipei (TAIWAN) nel 1964. Vive e lavora a Treviso, dopo aver trascorso lunghi periodi a Londra. Laureata all’Accademia delle Belle Arti di Venezia con specializzazione in pittura dove ha frequentato i corsi del prof. Luigi Viola. Realizza opere prevalentemente a carattere installativo e video. Ha al proprio attivo numerose mostre collettive. Unisce all’attività artistica quella di curatela, presentando artisti cinesi in Italia.

Born in Taipei (Taiwan), 1964 Chen Mei Yuan lives and works in Treviso, after spending long periods in London. She graduated in painting at “Accademia delle Belle Arti” of Venice, where she attended courses of professor Luigi Viola. Her creations are mainly based on installations and art videos. She credits numerous group exhibitions and combines art work with curator activities presenting Chinese artists in Italy.

Main recent exhibitions:

Main recent exhibitions:

2006 CZ_VPI2006, evento collaterale 10° Biennale di Architettura di Venezia.

2006 CZ_VPI2006, collateral event of 10th Biennale di Architettura di Venezia.

2007 P3 PROJECT, evento collaterale 52° Biennale di Arte di Venezia. Artista e curatrice.

2007 P3 PROJECT, collateral event of 52nd Biennale di Architettura di Arte di Venezia Artist and curator.

FESTIVAL FUORI

2007 Vento da Oriente, esposizione d’arte contemporanea cinese alla galleria Artesegno di Udine.

2007 Vento da Oriente, contemporary art exhibition at Artesegno art gallery in Udine.

2007 Genius Loci – I giardini segreti di Venezia, esposizione d’arte contemporanea nei principali giardini storici di Venezia.

2007 Genius Loci – the secret gardens of Venice, contemporary art exhibition in the main historical gardens of Venice.

2007 Nel bosco di Adolfo Ottolenghi, collettiva di land art, Mestre.

2007 Nel bosco di Adolfo Ottolenghi, land art exhibition, Mestre.

2008 Two Points 2008 Chinese Contemporary, Palazzo Frisacco di Tolmezzo (UD) Artista e curatrice.

2008 Two Points 2008 Chinese Contemporary, Frisacco palace, Tolmezzo (UD).

2009 Nuove Figure 3 rassegna video collettiva a San Servolo – Accademia delle Belle Arti di Venezia. 2010 Persone, eventi, radici: testimonianze / People, events, roots: testimoniancies, Galleria Neon, Bologna. 2010 Le avventure del sogni e Architettura di Paradiso allo Spazio Paraggi e Fondazione Benetton, doppia mostra personale di Lisa Perini. Curatrice. 2010 La natura come cura / La cura della natura – Sentieri nell’Arte collettiva di Land Art presso la Valle del Tasso (VR) a cura di Nadia Melotti e Dario Trento. 2011 Two Points – Taiwan + China Contemporary 2011, Villa Benzi Zecchini di Caerano S. Marco (TV). Artista e curatrice. 2011 Adamà – Cantica per la Terra collettiva presso il PaRDeS (Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea) a Mirano (VE) a cura di Maria Luisa Trevisan.

2009 Nuove Figure 3 video exhibition at Accademia delle Belle Arti of Venice. 2010 Persone, eventi, radici: testimonianze / People, events, roots: testimoniancies, Neon gallery, Bologna. 2010 Le avventure del sogni and Architettura di Paradiso at Spazio Paraggi and Benetton foundation, double solo exhibition of Lisa Perini. Curator. 2010 La natura come cura / La cura della natura – Sentieri nell’Arte, land art exhibition at Tasso valley (VR). 2011 Two Points – Taiwan + China Contemporary 2011, Villa Benzi Zecchini of Caerano S. Marco (TV). 2011 Adamà – Cantica per la Terra at PaRDeS (Contemporary art research laboratory), Mirano (VE).

Chen Mei Yuan

114

115

ART SHIFT

Chen Mei Yuan


Ideazione di Chen Mei Yuan ART SHIFT è ideato come una serie di eventi che riflettono le esperienze dell’arte contemporanea, nell’incontro con la tecnologia e le nuove forme della comunicazione, in grado di modificare l’arte stessa nel tempo amplificandone il linguaggio. La parola shift, derivata dalla terminologia informatica, indica un cambiamento; associata all’arte essa significa flessibilità, velocità e freschezza nell’aggiornamento. Nel caso di Asolo International Art Film Festival indica l’organizzazione di una serie di eventi che, basati sulle caratteristiche dette, valorizzano gli elementi di confronto culturale tra diverse nazioni e popoli che misurano i propri pensieri in arte tra spinta alla globalizzazione ed espressione dell’identità. L’obiettivo di quest’anno è di immaginare Asolo come terreno ideale per incontrare l’arte contemporanea attraverso artisti di diverse culture, in particolare quelle orientali. Storicamente Asolo è stato un luogo amato dagli artisti, che hanno formato una ricca cultura intellettuale attorno a questo piccolo straordinario borgo. Per la sua bellezza naturale, storica, architettonica e per gli intellettuali che la frequentano Asolo è chiamata la Venezia della terraferma. Negli anni ’70 divenne centro frequentato da artisti del movimento Fluxus, un’avanguardia artistica che praticava l’intreccio di ogni tipo di linguaggio: pittura, poesia, musica, performance, danza, ed anche un esponente del Wiener Aktionismus come Hermann Nitsch ha mantenuto un rapporto costante con questo territorio. Nel 1973 nasceva il Festival Internazionale del film sull’Arte e di Biografie d’Artisti, primo evento nella storia del cinema dedicato interamente al film d’arte. Il festival divenne, sin dalla prima edizione, una delle rassegne più importanti al mondo. Noi vogliamo continuare su questa traccia che fu seminata già molto tempo fa e riconoscere ad Asolo la natura preminente di luogo che favorisce il flusso dell’arte contemporanea. Rispetto al passato ciò che è oggi cambiato significativamente sono i mezzi di comunicazione che hanno dissolto le tradizionali distanze spazio-temporali favorendo le dinamiche di scambio e relazione e su queste vogliamo infatti puntare. Il progetto ART SHIFT è ideato per essere realizzato in collaborazione con alcune istituzioni culturali di Taiwan e Cina. Alla conclusione del festival le opere saranno esposte in tour in università, musei e gallerie di Taipei, Taichung, Pechino, Shanghai, e di altre città, privilegiando la video art, la computer art, l’animation. Insieme a queste opere sarà presentato anche il film vincitore dell’Asolo Film Festival. Per la realizzazione del Festival, verranno utilizzati diversi spazi pubblici, assumendo il territorio di Asolo come luogo aperto in cui gli artisti esporranno le opere, in modo che la gente, nel proprio passaggio, possa incontrare l’arte direttamente senza doverla cercare. Asolo come grande museo vivente della storia e della contemporaneità.

116

ART SHIFT

Progetto “ART SHIFT ” - Eventi d’arte contemporanea per l’Asolo International Art Film Festival 2011

“ART SHIFT ” Project – Contemporary art events for the Asolo International Art Film Festival 2011 An idea by Chen Mei Yuan ART SHIFT was imagined as a series of events that reflect what is happening in art today as it meets technology and new forms of communication head on, modifying itself and widening its language. The word shift comes from IT terminology: it means change; in art it means flexibility, speed and freshness and being on the cutting edge today. In the case of the Asolo International Art Film Festival it means organizing a series of events based on those notions. Bringing out the cultural differences between nations and peoples, caught between the push for globalisation and expressing their own identity as they measure their own thoughts in art. The aim this year is to imagine Asolo as the ideal focus for contemporary art and artists from different cultures, especially those from Asia. Asolo has always been beloved by artists who created an intellectual think tank in this marvellous little hill town. Aesthetically special for its natural beauty, its architecture and for the intellectuals who have always come here, it is nicknamed Venice by land. In the 1970s, it became the meeting place for artists of the avant-garde Fluxus movement where barriers between different forms of art such as painting, poetry, music, performance art and dance melted away. For instance, Hermann Nitsch, a member of Wiener Aktionismus has maintained a constant contact with the area. In 1973, the first event in the history of cinema to be dedicated wholly to art films, the international festival of films about art and the lives of artists (Festival Internazionale del film sull’Arte e di Biografie d’Artisti) was founded. The festival immediately became one of the most important in the world. We want to continue on the same trail blazed all those years ago which lead to Asolo as the natural crossroads for trends in contemporary art. What have changed in relation to the past are the means of communication which have done away with the traditional time-space distances in favour of relationships and the dynamics of exchange. This is what we want to look into. The ART SHIFT project was designed to be carried out in collaboration with Chinese and Taiwanese cultural institutions. At the end of the festival, the works will go on tour around universities, museums and galleries in Taipei, Taichung, Beijing, Shanghai and other cities open to video art, computer art and animation. The winning film of the Asolo Film Festival will also be presented at these venues. The Festival will be decentralised over various public spaces in the Asolo area, using the city as an open space where artists can exhibit their work so that people wandering about can find art without having to look for it. This way Asolo will become a great living museum of past history and of what is happening today.

117


Curator: Chen Mei-Yuan

La nuova pittura realistica di Taiwan e l’arte concettuale italiana, pur rappresentando due punti di vista assai diversi sul mondo si affiancano tra loro a formare uno scambio culturale inedito nell’ambito dell’arte contemporanea. Da oriente e da occidente si incontrano due lunghe traiettorie di civiltà nello spazio del contemporaneo: Est ed Ovest non sono più così lontani l’uno dall’altro e i costumi e le caratteristiche locali sono sempre meno distinguibili in quest’epoca, mentre la memoria della Cultura Madre rimane un’importante riferimento per l’arte contemporanea.

The new realistic painting of Taiwan and the Italian conceptual art, although they represent two very different points of view on the world, joined together to form an unprecedented cultural exchange in contemporary art. From east and west two long trajectories of civilization meet in the contemporary space : East and West are no longer so far apart and customs and local characteristics are becoming less distinguishable at this time, while the memory of Mother culture is an important reference for contemporary art. The Two Points exhibition series follow the umbilical cord that connects the Mother culture and the present’s one. The exhibitions are organized along the path proposed by this thought. In “Two Points 2011: Taiwan’s realistic painting + Italian conceptual art”, artists are all graduates of academic schools and form two groups: one in Taiwan and one in Italy, distinguished by two different forms of language: realistic painting and conceptual art . The structure of the exhibition is characterized by the choice of artists from different cultural background and different linguistic and formal approach, called to a participation of mutual respect and observation and to enjoy in the harmony of diversity Two-axis path: two nations, two professors and their students who follow their artistic concept walking on their own road. At one point there is Professor Li Chu-Hsin of Taiwan who teaches at the National Hsin Chu University of Education and its five graduate students. Their brushes are able to create visual surprises, have the ability to react quickly to change, represent a new kind of trendy men: an expression of the e-generation. The artists of the e-generation show a particular sensitivity to colors and capture the shape, their behavior is very much connected to the Internet, they interpret the classical forms stratified in the past by giving them an electronic soul. In recent years their works have been published in China and Taiwan emerging as a new current of painting. At the other point in Italy there is another professor Luigi Viola and his graduate students at the Accademia di Belle Arti in Venice. Viola in the ‘70s was an artist already very active, one of the most representative figures of italian conceptual art. He works with various forms of expression: performance, video art, photography, painting, etc.. He has participated several times at international exhibitions like the Venice Biennale, Documenta in Kassel and others. He made an artistic career of almost 40 years approaching the study of literature, philosophy, aesthetics. His artistic thought has passed through his works and his teaching job. He led both Italian and art students from various countries around the world that are now recognized artists.

La serie espositiva di Two Points segue il cordone ombelicale che collega la Cultura Madre e quella di oggi. Le mostre si articolano lungo la traccia proposta da questo pensiero. In “Two Points 2011: pittura realistica di Taiwan +arte concettuale italiana” gli artisti sono tutti laureati in scuole di formazione accademica e formano due gruppi: uno di Taiwan e uno italiano, distinguendosi per due forme di linguaggio diverse: pittura realistica ed arte concettuale. La struttura della mostra e’caratterizzata dalla scelta di artisti di diverso background culturale e di diverso approccio linguistico e formale, chiamati ad una partecipazione di rispetto e di osservazione reciproca ed a gioire nella armonia delle diversità. Due assi di percorso: due nazioni, due professori e i loro allievi che seguono il loro concetto artistico camminando sulla propria strada. In un punto c’è il professor Li Chu-Hsin di Taiwan che insegna alla National Hsin Chu University of Education ed i suoi cinque allievi laureati. I loro pennelli sono capaci di creare sorprese visive, hanno la capacità di reagire rapidamente ai cambiamenti, rappresentano una nuova specie di Uomo trendy: espressione dell’ e-generation. Gli artisti della e-generation mostrano una particolare sensibilità al colore ed a catturare la forma, il loro comportamento e’ molto legato a internet, essi interpretano le forme classiche stratificate nel passato dando loro un’anima elettronica. Negli anni recenti le loro opere sono state pubblicate in Cina e Taiwan affermandosi come una nuova corrente pittorica. All’altro punto in Italia c’e’ il professor Luigi Viola ed i suoi allievi laureati all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Viola negli anni ’70 era un artista già molto attivo, una delle figure più rappresentative dell’arte concettuale italiana. Egli lavora con diverse forme espressive: performance, video art, fotografia, pittura, ecc. Ha partecipato più volte ad esposizioni internazionali come la Biennale di Venezia, Documenta di Kassel ed altre. Ha fatto un percorso artistico di quasi 40 anni affrontando lo studio della letteratura, della filosofia, dell’estetica. Il suo pensiero artistico lo ha trasmesso attraverso le sue opere e il suo lavoro di insegnante. Ha guidato all’arte allievi sia italiani che provenienti da vari paesi del mondo che ora sono artisti riconosciuti. 118

119

TWO POINTS

FESTIVAL FUORI

Curatrice: Chen Mei-Yuan


Titolo

Chuhsin Lee 李足新

The last stronghold

ANNO

Nazionalità

2008

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Iniziato nel 2002, il lavoro di Lee espone temi sociali e concetti umanistici. Raffigura e rappresenta anziani contadini taiwanesi con tecniche classiche unite ad un immaginario surrealistico, mentre costruisce nei dipinti una dignitosa immagine rurale religiosamente iconografica. Nel suo lavoro del 2002 “Old farmers Annals” si descrive, attraverso una metodologia distintamente surrealista, una scena di due contadini seduti. I visi e la parte superiore del corpo non si vedono, solamente il busto e le mani, in cui si sottolineano pesantemente le linee delle vene, sono esposte sotto una luce, formando un potente contrasto tra luce e oscurità. Sulla destra troviamo uno spazio in cui la testa del contadino viene sostituita da un`immagine di un albero di banane, un classico espediente surrealistico. Per esprimere l’espressione degli uomini, l`artista utilizzale loro mani irruvidite dagli annidi duro lavoro, riuscendo ad evocare un effetto drammatico. L`artista sembra aver intenzionalmente represso ogni sentimento di tristezza.

Beginning in 2002, Lee’s work exhibits themes of social and humanistic concerns. Using the topical subject matter of aging Taiwanese farmers, he blends classical techniques with the linguistic imagery of Surrealism while similarly imbuing the old farmers in the paintings with a near religiously iconographic dignity. In the 2002 work “Old Farmers Annals” a scene of two seated farmers is recreated through the methods of surrealism. The faces and upper bodies of the two subjects are not seen; only their lower halves seated in chairs are visible along with two pairs of heavily veined hands exposed under the light, forming a powerful contrast of light and dark. The head of the farmer, on the right, is replaced with an image of a banana tree, a classic stylistic ploy of surrealism. For the expressions of the two farmers, the artist employs the “hands” of the farmers, roughened by years of labour yet manages to evoke an equally dramatic effect. The artist seems to have intentionally repressed any feelings of sadness.

120

TWO POINTS

Autore

Autore

Titolo

Can-Lin Hsu 許璨麟

Day 1 – Today’s landscape – Observation journal

ANNO

Nazionalità

2010

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Ho provato ad avvicinarmi ad una varietà di teorie artistiche e scuole d’arte per ricercarne la verità e gli obbiettivi che queste si prefiggevano. Grazie ad una continua osservazione e ricerca, ho scoperto che la vita quotidiana dovrebbe poter trasmettere il vero significato dell’arte nel contesto abituale di un ambiente familiare. Infatti, nella vita di tutti i giorni, la quotidianità regola il flusso del tempo mediante pensieri che emergono da sentimenti interiori aggrovigliati, che si proiettano nell’esistenza di oggetti più comuni grazie ad un ‘dialogo’. Non si considera in quest’opera l’uso del veloce progresso delle fotocamere digitali che catturano una serie di note della vita imposte su materiali che compongono uno strato di “qualità sottile della vita”; questo spinge ad intervenire individualmente, con l’autocoscienza come norma nel quotidiano. In questo caso l’Inusuale, che può essere forza benevola o malevola, mostra anche il coinvolgimento della violenza, che molto velocemente scompare per creare una migliore rappresentazione. “Still life painting” è stata una risposta a questa contraddizione, alla vita fugace, ed è la migliore rappresentazione dell’attimo. Nel nome “casa” si mette più significato di quanto ce ne sia bisogno. Questo è dovuto al fatto che nella casa e nelle sue vicinanze vi sono risposte a tutti i bisogni e necessità primarie, che la rendono per questo un luogo sicuro. Utilizzo le tecniche della pittura per registrare il panorama moderno attraverso un immaginario mentale. I progetti creativi mostrano la vita quotidiana delle persone in una varietà di esperienze ed azioni individuali, siano esse buone o fugaci.

I tried a variety of art theories and art schools to find out the truth and purpose of it, constantly looking and searching, I found that day to day life would be able to convey the true significance of art in the public living of a familiar environment. As a matter of fact daily life appears to rule, without finding the full agreement of the many rules of everyday life. The flow of time with the thoughts that emerge after a chaotic tangle of inner feelings, project the life of the most common objects through dialogue, without considering the use of fast progress of digital photography that capture notes of a series of life, imposed on the material as a layer of “thin-quality” appearance, forced to intervene in the subjective self-awareness that seems to have become a daily norm, is so familiar, so the unusual, it seems good or obscure force also shows the involvement of violence, but also very quickly disappears in a better representation of. Still life painting has been the state response, rapid form of life, and it is the best portrayal of the moment. “Home” this adjective is more a matter of course, can be made thanks to all the necessities of life close to home, making that habitat a good place for example for “Nutrition” part, I remember a child to accompanying his mother to the traditional market to buy food, with a repeated selection of the articles and thanks to negotiation during the buy. I the use of painting techniques to make records, showing part of today’s landscape. Creative projects reflect the daily life of people in a variety of actions and real life experiences, whether good or helpless fleeting.

121


Titolo

Jui-Fu Hsu 徐睿甫

Shadow - 4

ANNO

Nazionalità

2009

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Il lavoro di Hsu descrive un ambiente di abbandono e decomposizione, un bianco annerito, misterioso e quasi soffocante. “Shadow”porta l’Io in un livello intermedio tra Realtà e Sogno, esponendo il sé che è più vicino all’essenza interiore.

Hsu’s work communicates an ambience of abandonment and decomposition, blackened white, mysterious, and almost suffocating tonality. Hsu’s work brings the self to a middle ground between reality and dream, exposing the self that is closest to inner essence.

122

TWO POINTS

Autore

Autore

Titolo

Liu, Tsung-Jung 劉宗榮

Map icon II

ANNO

Nazionalità

2010

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

La tentazione non è più una tentazione “Sembrano le immagini più erotiche, in realtà l’autore è alla ricerca della sacralità del corpo.” Continua ad apparire il corpo di sesso maschile, in conflitto tra il modello voluto dalla società e dalla bramosia inconscia di uomo. Possiamo ancora mantenere la nostra purezza? Ero già compromesso con la realtà del mondo, ma quello non ero io. Discutevo con gli altri di grandi progetti e di continuare a superare me stesso. Anche in questo caso non giungevo mai a concretezze. Lottavo continuamente tra il crescere la mia bramosia ed il respingerla. Così poi ho pensato di elevarla e considerarla una divinità.

Temptation is no longer a temptation “They seem the most erotic images, the author is actually looking for the sacredness of the body.” Continues to appear the body of men, in conflict with the desired pattern from society and the unconscious greed of man. Can we still maintain our purity? I was already compromised with the reality of the world, but it was not me. I used to discuss with other about great projects and to continue to overcome myself. Even in this case I had never come to concreteness. Constant struggle between the growth of my greed and reject it. So then I thought to raise it and consider it as a divinity.

123


Titolo

Yiya Li 李宜亞

Unseen emotion – Party 1

ANNO

Nazionalità

2011

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Flash fragments hidden in the reality. Il flash dell`istantaneità della luce, della realtà e dell`assenza di stile appare nel mio lavoro. Questi tre fattori si incatenano formando una specie di realtà, così come le foto hanno una relazione simile sottolineando il vuoto e il frammento. L’immagine è fotografata in casa senza, come uno scatto, senza pensare a cosa appare sullo schermo, mi interessa solamente l`intersezione corrente nel frammento rapido. Questi frammenti non possono formare una storia come descritto in precedenza, sono infatti solamente dei frammenti.Questo quindi è uno stile non stile; gli elementi visibili nello schermo bianco scompaiono creando una costruzione fisica senza dimostrare emozioni e senza creare un gap temporale, ma la compressione temporale ed emozionale sono il Dominio, e anche l`espansione della realtà materiale, del momento percettivo, che si trasforma nel significato assoluto di un tutto.

Flash fragments hidden in the reality. The flashing light instant, reality, the no-style space is appears in my work, this three factors are unceasing circulation one kind of reality; such the picture result the same with relations, there are only the blank and the segment. Picture is photographed at home, a picture, not much thinking about what the screen, I only care about the interception of current rapid segment. These fragments can not form a story, as told in the previous section, he only a fragment. So let me do a real shift in the (painting) process, could have been present and not have to answer questions, it only needs to be properly re-emerging in another space. This depicts the style of no style, are those visible with the white screen disappears, and make physical construction, but here does not show too much time / emotion; but the compression time and emotional as Domain, but more expansion of material reality, the moment of re-perception of the moment, and it immediately turned into the experience of the full meaning of things.

124

TWO POINTS

Autore

Autore

Titolo

Lee Han –Ching 李瀚卿

IV

ANNO

Nazionalità

2009

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Nella mia vita passata ho trascorso molto tempo a giocare con le costruzioni, modellini e molti altri giochi manuali inutili. Sono deluso perchè è stata una grande perdita di tempo. Ho pensato che avrei dovuto impegnarmi di più e concentrarmi a sviluppare il mio lavoro, ma non sono riuscito a lasciare da parte i giochi. Siccome ho capito che non riesco a liberarmene, li inserisco nei miei lavori artistici, dipingendo direttamente i miei giochi nelle opere e legando maggiormente l’arte alla mia vita. Con la mia pittura tento di illustrare i modellini dei cartoni animati comici, ma non è una imitazione, invece prendo gli elementi particolari dei modelli e li pitturo facendoli sembrare in 3D dando una sensazione spaziale. Colleziono i miei giocattoli trattandoli come dei tesori e faccio la stessa cosa con le mie opere, considerandole non come delle classiche pitture ma come un’altra parte dei miei modellini.

In my past life I spent a lot of time playing with building blocks, toy models and many other unnecessary manual games. I am disappointed because it was a big waste of time. I thought I should had done more to develop and concentrate on my work, but I could not put aside the games. Because I realized that I cannot get rid of them, I paint them inside my artwork and link the art with my life. With my painting I try to explain the models of cartoon comedy, but it is not an imitation, instead I take particular elements of the models, paint them with 3D effect and giving a feeling of space. I collect my toys, I treat them like treasures and I do the same with my artworks, considering them not as classic paintings, but as another part of my toy models.

125


Titolo

Shih-Yung Ling 林世雍

After taking 1 / After taking 2

ANNO

Nazionalità

2011

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

“Childhood, no one is pleasant” (“Infanzia, nessuno è schiavo”). Attraverso la pittura ho ricordato ancora una volta che la contraddizione fuori luogo era la regola nella mia famiglia e che questa immagine insopportabile era il ritratto di me stesso. L’ideazione della serie “Initiation - It” nasce nel 2007, quando la mia vita stava cambiando. Essa segna il momento in cui sono tornato alla mia famiglia d’origine e ho iniziato ad entrare nella società. Ero sommerso dai diversi ruoli che tutti si aspettavano ricoprissi e mi sentivo perso. Perciò iniziai a cercare la mia vera identità. Nella mia dimensione creativa mi sono concentrato sull’illustrazione. Ho continuato a cercare il mio stile, unico e personale. Attraverso l’attività creativa ho tentato di aprire un dialogo con me stesso e di capire ed accettare il mio io infantile. Ho iniziato questo lavoro dalle impressioni che avevo della mia famiglia; ero più un osservatore che registrava i cambiamenti ed i conflitti interni ad essa. Ho poi cominciato ad essere partecipe delle immagini per fare uscire le sembianze del mio bambino interiore attraverso la terapia del gioco. Ho permesso al mio bambino interiore di entrare nel processo ludico ed ho avuto un dialogo con “lui” attraverso la decostruzione delle regole del gioco per riassemblare i ricordi sparsi nel mio subconscio. Alla fine ho conosciuto e accettato il mio “lato oscuro” per raggiungere la prospettiva di un’iniziazione.

“Childhood, no one is pleasant.” Through painting, I was reminded of this again. That misplaced contradiction was the norm of the family, and that unbearable image was a profile of me. Creation of the “Initiation - It” series was initiated in early 2007, when life was changing. It marks the time when I returned to my birth family and began to come into the society. I was overwhelmed by it and felt lost in the different roles I was expected to play. Thus, I yearn to find my true self. In my creative life, I focused mainly on illustration. I have been searching for an artistic language that is uniquely my expression. Therefore, through creative activities, I made attempts to have dialogue with myself, a person who grew up in an island culture, and took a step to understand and accept the true self in my childhood. I began this series from the impressions of my family- more like an observer who records the changes and conflicts in the family. And from this year, I began to go into the images as a participant to bring out the image of me as a child through play therapy. I allowed the child in me to go into the play process and had a dialogue with “it” through the deconstructive game rules to reassemble the profile of the memories left in the subconscious. Finally, I confronted and accepted the dark-side of me to achieve the purpose of attaining an initiation.

126

TWO POINTS

Autore

127


Titolo

Viola Luigi

Stella 2011

ANNO

Nazionalità

2010-2011

Italia

SINOSSI

SYNOPSIS

WORK 1 Stella è una installazione realizzata con scritture in caratteri ebraici al neon, corrispondenti ai nomi delle dodici vittime della strage di Asolo del 1547. I nomi sono collocati ciascuno all’interno dello spazio delle 12 finestre poste sui lati maggiori della Torre dell’orologio. Il titolo è dedicato ad una delle vittime della strage, Stella, di anni 12, nel cui nome echeggia la visione del Magen David. La scrittura in caratteri ebraici di colore giallo ricorda la consistente presenza ebraica, oggi quasi dimenticata, ad Asolo dove nel 1547 avvenne un importante episodio di violenza antisemita, che si concretizzò in una vera e propria strage di innocenti. Il mio intervento vuole essere un segno “poetico” operante al ripristino e al mantenimento della Memoria quale strumento fondamentale per la costruzione di una più profonda consapevolezza del tempo presente, non solo volto alla conoscenza critica del passato ma piuttosto teso a preservare il futuro. Asolo dunque, pur nella magnificenza della natura che la circonda, nel pacifico vivere della sua gente, nel suo essere testimonianza incomparabile e plurisecolare di arte e cultura, può ancora evocare paradigmaticamente, a distanza di secoli, l’esistenza di quella che Hannah Arendt ha chiamato “la banalità del male”, cui neppure la bellezza rimane estranea. Il tema della memoria rimane quindi estremamente attuale e costantemente proiettato dal passato verso il futuro che viene. Scriverò in ebraico i nomi delle vittime della strage di Asolo perchè essi – memoria viva dei caduti innocenti – siano onorati nella lingua della Parola, essendoci di monito e guidandoci ancor oggi nel cammino verso la realizzazione di un’umanità compiuta.

Work 1 Stella is an installation realized ​​with neon writing in ebrew characters, corresponding to the names of the twelve victims of the massacre of Asolo in 1547. The names are placed in each of the space of 12 windows on either side of the main clock tower. The title is dedicated to one of the victims of the massacre, Stella, aged 12, in whose name echoes the vision of the Magen David. The writing in yellow colored hebrew characters remind us the large Jewish presence in Asolo, now almost forgotten, where in 1547 a major incident of anti-semitic violence happened, which was embodied in a real slaughter of innocents. My intervention is intended as a sign of “poetic” working for the restoration and maintenance of Memory as a key instrument for building a deeper awareness of the present time, not only for getting to know critically the past but rather aims to preserve the future. Thus Asolo, despite the magnificence of nature that surrounds it, in the peaceful living of its people, in his incomparable and centuries-long testimony of art and culture, can still evoke paradigmatically, centuries later, the existence of what Hannah Arendt called “the banality of evil”, in which not even the beauty remains not involved. The theme of memory remains very current and constantly from the past projected into the future that will come. I am going to write in hebrew the names of the victims of the massacre of Asolo because they - a living memory of the fallen innocents – be honored in the language of the Word, and be a warning and guiding still today, towards the path of the realization of an accomplished humanity.

128

TWO POINTS

Autore

Autore

Titolo

Viola Luigi

Stella / days of silence

ANNO

Nazionalità

2010-2011

Italia

SINOSSI

SYNOPSIS

WORKS 2 3 In Days of Silence, l’artista tocca le corde più sensibili della propria poetica, segnando una tappa emblematica del proprio viaggio nella memoria. I lavori sono stati realizzati in Polonia nel 2010 e sono il frutto di una riflessione radicale sul tema del dolore, dell’itinerario dell’uomo non soltanto nella sofferenza più cieca ma nel completo annientamento e privazione della propria umanità, un viaggio inconfrontabile “ai confini dello spirito” (secondo l’espressione di Jean Améry) che, allo stesso tempo, ci permette di accedere alla vastità del sacro, inteso anzitutto come inesausta interrogazione sul senso. Un’arte intesa come pratica e strumento efficace della memoria dell’uomo, sicché essa possa continuare a rappresentare per lui una irrinunciabile possibilità di riscatto ed affermazione.

Works 2 3 In Days of Silence, the artist touches the notes most sensitive of his poetry, signing an emblematic point of his voyages trough his memory. The works have been realised in Polonia in 2010 and are the fruit of a radical reflection of the death theme, of the itinerary of humanity non only in the most blind sufferance but in the complete annihilation and deprivation of man, an incomparable journey “to the borders of the spirit” (in the words of Jean Amery) and at the same time, an access to the vastness of the sacred, understanding above all as a tireless questioning of its meaning. Art as practical and effective instrument of man’s memory, so it can continue to represent for him a compelling opportunity for redemption and affirmation.

129


Titolo

Perini Lisa

Caterina regina di cuore

ANNO

Nazionalità

2011

Italia

SINOSSI

SYNOPSIS

Il mondo di Lisa, semplice e complesso, intimo e aperto all’esterno, analizza con occhio critico la realtà spogliandola delle ipocrisie per poterla ricreare con il respiro della poesia, è un modo per rappresentare il sogno e per narrare un mondo di favola. Il colore diviene un personale alfabeto per rielaborare e filtrare la rappresentazione. In particolare l’uso del rosso in tutte le sue pulsanti tonalità, così divampante da sembrare a volte oltraggioso, traccia l’originale orizzonte dell’artista volto alla “paradisiaca bellezza”. La sua originale ricerca compositiva si esprime, oltre che con l���intensità della materia pittorica, anche negli altri linguaggi quali il mosaico, la scultura, le installazioni e l’arte digitale. “… Nella sua silenziosità, emana un calore trasmesso dall’uso dei colori ... L’artista mette in gioco diversità e abbinamenti di materiali spesso riciclati che raccoglie e recupera tra oggetti di scarto ai quali trova una collocazione nelle sue opere di pittura ed installazione, innalzandoli tra le ali di una farfalla, di una libellula, di un angelo…” (Chen Mei Yuan). Nella storia di Caterina Cornaro Regina di Cipro che si conclude ad Asolo, Lisa coglie ed interpreta il profilo umano, nelle vicende di donna, sposa e madre e nel suo percorso di vita attraverso la gloria, la felicità ed il dolore. L’artista la segue nei luoghi della sua storia: dalla lontana isola del Mediterraneo ad Asolo, sempre intorno alla amatissima Venezia – paradiso personale dell’artista.

Lisa`s world, is simple and complex, interior and exterior, it analyses with critic eyes the reality, undressing it from hypocrisy to try to recreate it with the breath of poetry, it is a way to represent a dream or to narrate a fairy tale. Colour becomes a personal alphabet to reelaborate and filter representation, in particular the use of the preferred red in all the throbbing tonalities, so flared up to seem sometimes outrageous, and it traces the original horizon of the artist turned to a “paradisiacal beauty”. Her original compositional research is expressed with the intensity of pictorial shape also in other languages such as mosaic, sculpture, installations and digital art. “In its silence, a warmth is transmitted from the use of colour…the artist plays with diversity and matching of materials often recycled that picks up and recuperates from discarded objects finding a collocation in his painting or installation works, uplifting like the wings of a butterfly, of a dragonfly, of an angel”… (Chen Mei Yuan). In history the life of Caterina Cornaro, Queen of Cyprus, ends in Asolo, Lisa captures and interprets the humanity, in the affairs of a woman, wife and mother and his path through life, glory, happiness and pain. She accompanies her in the places of her story, from the Mediterranean isle to Asolo always with the thought of loved Venice in her mind, personal paradise of the artist.

130

TWO POINTS

Autore

Autore

Titolo

Primož Bizjak

Photographing the borders

ANNO

Nazionalità

2011

Slovenia

SINOSSI

SYNOPSIS

L’opera di Primož Bizjak, è probabilmente uno dei lavori più attenti e sensibili che siano stati fatti lungo una linea di confine militare. Le trasformazioni radicali europee ricadono su degli specifici manufatti architettonici: quelli che materialmente ospitavano il personale della nazionale jugoslava armata (non essendoci stati quasi mai militari di origine slovena sul confine italiano). La grande storia si traduce nel dettaglio, si specchia con precisione, nelle cosiddette ‘karavle’. La sequenza delle fotografie, rigorose, eseguite da chi ha ben interiorizzato la lezione minimalista e analitica della grande fotografia contemporanea, in particolare quella di Bernd e Hilla Becher, mostrano quel che è accaduto e accade tuttora delle ‘karavle’: diversi livelli dell’abbandono e dell’incombente azione della natura, il riuso di alcuni degli edifici per le funzioni ora completamente disarmate della società civile, (abitazioni, qualche locale). Il modulo architettonico è il medesimo, facendo parte di un ex-sistema militare; medesima l’analisi fotografica che ritrae una settantina di ‘karavle’, tutte quelle esistenti lungo il confine italo-sloveno. Sempre diverso è come invece appare ognuno di quei medesimi edifici, a volte così decaduti da non rimanere altro che una traccia di mura. Ma non vi è selezione, basata sulle condizioni del manufatto, o sulla sua gradevolezza. Si tratta di costituire un repertorio, lo stato di fatto della ‘linea di confine’: cosa ne resta dopo la caduta di ciò che ne motivava la funzione. La storia si fa microstoria: è attraverso quest’ultima che emerge l’Europa dei nostri giorni. Non tanto quella istituzionale, ma quella concreta che si traduce nel restaurare un tetto, nell’aprire una porta.

Primoz Bizjak’s work is probably one of the most attentive and sensitive projects to have been undertaken along a military border. The effect of the radical transformations of Europe are felt by the specific architectural structures: those which physically housed the armed forces of the Yugoslavian army (there were almost never Slovenian soldiers on the Italian-Slovenian borders). The great events of history are translated into details, and are precisely reflected in the so-called ‘karavle’. The photographs in the series are meticulous, made by one who has learned well the minimalist and analytical lessons of the best of contemporary photography, in particular that of Bernd and Hilla Becher. They show what has happened happened, and is still happening to the ‘karavle’: different levels of abandonment and the encroachment of nature, the re-use of some of the buildings for purely civilian activities (homes, a few bars). The architectural module is the same- it was part of a former military system- the photographic analysis which portrays about seventy ‘karavle’ is the same, all the ones along the Italian-Slovenian borders. However, what is different each time is the way each of these identical buildings looks- sometimes so badly collapsed that there is little more that a wall left standing. But there is no form of selection based on the state of the building or how pleasant it might look. This is an attempt to create a repertoire, the current state of the “border line”: what is left after that which motivated its existence has collapsed. History becomes micro-story, and it is through this that today’s Europe emerges. Not so much the institution, but the concrete Europe which is translated in the restoration of a roof or the opening of a door.

131


Titolo

Keyrouz Laure

Annunciation

ANNO

Durata

Nazionalità

2009

4’ 33’’

Libano

SINOSSI

SYNOPSIS

La mia ricerca artistica concettuale si ispira alla natura selvaggia del luogo dove sono nata, la Kadisha Valley nel Libano. La valle sacra ha attirato gli eremiti per secoli. In questo video, mediante una visione, mostro la possibilità di una nuova Annunciazione nel mondo d’oggi, in un modo molto umano. L’angelo è qui una persona normale, con la sua giacca trasformata in ali, che inizia la sua meditazione e la conseguente analisi profonda dell’esistenza , quando incontra la natura. Tutti possono diventare questo angelo che “allontanatosi da Lei…”come è stato descritto nel Vangelo di Luca, porta con sé una carica di meditazione utile a considerare con trasparenza se stesso e il mondo che viene rappresentato all’interno della valle, dove una nuova vita sta cominciando a respirare.

My artistic conceptual research is inspired by the wild landscape of the place where I was born, the Kadisha Valley in Lebanon. The holy valley for centuries attracted the hermits and in this video “The Annunciation” I show it with a vision, the possibility of a new Annunciation in the world of today in a very human way. The angel is now a normal person, with his jacket turned into wings, and when he meets nature, he start meditating by looking deeply into the existence . Everyone can become this angel who “departing from her” ... as been described in Luke’s Gospel carrying a charge of meditation to consider with transparency himself and the world that is represented inside the valley where a new life is breathing.

132

TWO POINTS

Autore

Autore

Titolo

Manzolli Daniela

Cera persa #3

ANNO

Nazionalità

2008 - 2010

Italia

SINOSSI

SYNOPSIS

Cera persa #3 è un’installazione costituita da alveari in ottone e in vetro realizzati fondendo direttamente il favo in cera naturale, con la tecnica della cera persa. Il processo di fusione, eseguito direttamente dalla materia prima all’ottone o al vetro, determina la perdita quasi totale della forma originale in cera. Nelle piccole sculture sono ancora visibili le cannette di colata ed il gesso della microfusione, queste forme raccontano di tecniche usate nell’età del bronzo. Ad Asolo i favi saranno posizionati negli anfratti più nascosti. La forma dell’alveare è un archetipo, eterno nel suo ripetersi come “modello abitativo”; mi piace immaginare uomini ed api che da millenni utilizzano le stesse tecniche, dando origine ad una forma effimera ed immutabile come un alveare in cera. La cera rende la sua forma indistruttibile.

Cera persa #3 is an installation composed by brassy and glass beehive realized by directly fusing the comb in natural wax, with lost-wax technique. The fusion process, made from raw material to brass or glass, produces the loss of the wax original form. In these little sculptures we can see the dripping wax and the micro fusion chalk. These forms show the ancient technique used in bronze-age. In Asolo the combs will be located in hidden spots. Beehive form is an everlasting archetype of living model; I like to imagine men and bees that use these process during the centuries, creating a day-fly and unchanging form as a wax beehive. The wax makes the object indestructible.

133


Titolo

Tsotsoni Angeliki

Paper tale

ANNO

Nazionalità

2011

Grecia

SINOSSI

SYNOPSIS

Questo “racconto in carta” e` composto da nove diversi quadri, focalizzati a semplificare e a distorcere il soggetto e la sua rappresentazione. In questa serie di disegni di alienazione, di religione, della femminilizzazione e dell’infanzia sono tutti presentati con onestà attraverso linee e forme audaci e delicate. Il risultato, sia visivo che concettuale, è una dichiarazione di ciò che noi definiamo la natura umana; perdere o ritrovare la speranza.

This ‘’paper-tale’’ is composed by nine different drawings and it focuses in simplifying and distorting the subject and it’s representation. In this series of drawings alienation, religion, feminization and childhood are all presented with honesty through bold and delicate lines and shapes. The result, both visual and conceptual, it’s a statement of what we define as human nature; losing or finding hope.

134

TWO POINTS

Autore

Autore

Titolo

Minerva Domínguez Chiquet

Multidisciplinaria-Transformista

ANNO

Nazionalità

2011

Messico

SINOSSI

SYNOPSIS

Instrumento de libertad. Yo al servicio de la verdad. Conductor de Felicidad y Justicia. Strumento di libertà. Io sono un servo della Verità. Conduttore della Felicità e la Giustizia. Arte = vita = amore = rispetto = giustizia = bellezza….infinito….arte = vita = bellezza = giustizia Inseguire l’arte mi fa sentire viva, trasformare il mio spazio mi permette di condividere le idee. Trasformare e Coltivare il Giudizio, apparire come un dubbio davanti ad ogni individuo che si ferma ad ascoltare. Sono la ripetizione della natura quando grida nella montagna, l’eco delle strade quando diventano buie dopo la festa, sono il delirio nel rumore notturno, sono istinto e pazzia, arte-uomo, artista-Minerva. Fanatica delle parole e dipendente delle immagini, digerisco il mondo sempre traverso lo stesso filtro: Amore = Rispetto = Giustizia..... preferisco essere un errore passionale che non essere. É sempre questione di amore. Voluntad y Aktitud por un Mundo mejor, 2011

Instrumento de libertad. Yo al servicio de la verdad. Conductor de Felicidad y Justicia. Strumento di libertá. Io sono un servo della Veritá. Conduttore della Felicitá e la Giustizia. Arte = vita = amore = rispetto = giustizia = bellezza….infinito….arte = vita = bellezza = giustizia Instrument of liberty, I am a servant of truth, conductor of Felicity and Justice. Following art makes me feel alive, transforming my space lets my ideas be open to all, I transform and cultivate the opinion and be seen as a doubt in front of every individual that stops to listen. I`m the repetition of Nature when it yells to the mountains and the eco of the streets when dark after the village festival, I`m the raving of the sound of the night, I`m madness and instinct, man and art, artist and Minerva. Fanatic of words and dependent from images, I try to eat the world always with the same filter: Love = respect = Justice. I prefer having a passion error experiences rather than not being at all and it is always a love question. Voluntad y Aktitud por un Mundo mejor, 2011

135


Here: Italy; There: Taiwan Here and There are the two opposite positions which describe the two identical places that obtain their characteristics in space and territory essence. Taiwan is a green island located in Pacific Ocean. Portuguese praised it as “Formosa” at the very first sight; while ancient Oriental addressed it as Pelai Island. Having the experience of undergoing the colonial period of the Netherlans, Spain and Japan, it also melts different culture and tradition of the aboriginal, the Hakka, the Southern Fukien and other provinces of China. As the globalization, new residents join in the local life. The island feeds these content and innocent Taiwanese who create miracles one after another with its natural nourishment. “There we live” elaborates local spirit with Taiwanese independent film and displays rich folk custom with the topic of everyday life. There are conventions and creativities to lead us to our deeper thinking and even our fantasy towards the cities. In there, no matter poverty or richness, we struggle between ideals and realities wherever we are. We are also always facing the dilemma between family and our ego. Thus, we surely strive for our own lives. However, those trivialities in everyday life seem to be meaningful to us somehow. The participated works include drama, animation, and documentary. They expand different life styles and attitudes from four themes: Take Root There, Dream There, Think There, and Home There. They are also getting toward their targets sincerely and dependably. Through these images, we can sense more details which merge into stories. Taiwan in your knowledge is now more than temple fairs, Taipei 101 and Taiwanese delicious cuisine; it actually contains these plain but extraordinary trivialities.

Direttore Generale Moca Taipei J.J. Shih 石瑞仁

Executive Director Moca Taipei J.J. Shih 石瑞仁

J.J. Shih, nato nel 1954 a Nanto, laureato in arti figurative alla Taiwan University e in storia dell’arte alla Temple University, negli Stati Uniti. Prima di iniziare il suo lavoro al MoCA di Taipei, Shih è stato curatore e vice ricercatore al Fine Arts Museum di Taipei. È stato, inoltre, membro del consiglio di amministrazione della fondazione privata Dimension Endowment of Art and Contemporary Art. Membro del comitato al Ministero delle Politiche Culturali di Taipei, Direttore Artistico della fondazione Taishin Bank for Arts and Culture. J.J. Shih ha scritto oltre 300 recensioni, ha vinto il Premio Critico d’Arte (DEOA) nel 1997. Tra le sue più importanti esibizioni possiamo ricordare: Mediaholic, The Art of Ni Tsai Chin (2009), MOCATaipei; Environment-Human as Art, ArtTaipei 2009; 6th Taishin Arts Award Exhibition 2008; Taipei Zhongshan Metro Linear Park Public Art 2005, MOCATaipei, and Pseudo Hackers’ Art in Parallels Zones 2005, MOCA Taipei.

Born in 1954 in Nanto, Taiwan J.J. SHIH holds Bachelor Degree (Fine Arts), National Taiwan University and Master Degree, Graduate School of Art History, Temple University (USA). Prior to taking up the directorship of Museum of Contemporary Art Taipei, J.J. Shih was Chief Curator, Exhibitions and Deputy Researcher, Taipei Fine Arts Museum. He also serves as a Trustee, Dimension Endowment of Art and Contemporary Art Foundation; committee member, Public Art Program, Taipei Council of Cultural Affairs; consultant, National Culture and Arts Foundation, and Artistic Director, Taishin Bank Foundation for Arts and Culture. J.J. Shih has written over 300 art reviews, winning the 1997 DEOA Art Criticism Award. Amongst his many exhibitions are: Mediaholic, The Art of Ni Tsai Chin (2009), MOCATaipei; Environment-Human as Art, ArtTaipei 2009; 6th Taishin Arts Award Exhibition 2008; Taipei Zhongshan Metro Linear Park Public Art 2005, MOCATaipei, and Pseudo Hackers’ Art in Parallels Zones 2005, MOCA Taipei.

136

137

THERE, WE LIVE

FESTIVAL FUORI

Here and There sono due posizioni opposte che rappresentano due luoghi identici, permeati dalle caratteristiche dello spazio e dall’essenza del territorio. Taiwan è un’isola verde situata nel Pacifico. I Portoghesi la nominarono “Formosa”, alla loro prima vista mentre gli antichi orientali la identificarono come Isola Pelai. Ebbe l’esperienza delle colonizzazioni dell’Olanda, Spagna e Giappone, fuse diverse culture e tradizioni aborigene, gli Hakka, i Fukien del sud ed altre province della Cina. Con la globalizzazione, i nuovi residenti si uniscono alla vita locale. L’isola si nutre di questi contenuti e i Taiwanesi, con il loro carattere semplice ed ponendo il loro credo nell’impegno, creano miracoli uno dopo l’altro. “There we live” descrive lo spirito locale con il cinema di “Taiwanese independent film” e mostra le usanze e i costumi nella vita di tutti i giorni. Ci sono convenzioni e creatività che ci conducono ai nostri pensieri più profondi e fantastici. Lì, indipendentemente dalla povertà o ricchezza, lottiamo tra ideali e realtà, ovunque noi siamo. Inoltre affrontiamo il dilemma tra la famiglia ed il nostro ego. Così lottiamo per la nostra vita. Ad ogni modo, le piccole cose di ogni giorno, dopo averle apprezzate, sembra abbiano il loro significato.I lavori partecipanti includono film d’animazione, drammatici e documentari che si dividono in: Take Root There, Dream There, Think There, e Home There. Sono quattro stili di vita che corrispondono ad un atteggiamento di vivere sincero, affidabile, gentile in cammino verso i propri obbiettivi. Attraverso le riprese catturiamo la visione reale delle cose, cogliendo le storie e le riflessioni. Taiwan ora, nelle tue conoscenze, è più di feste nei templi, di Taipei 101, e della deliziosa cucina taiwanese; veramente contiene queste semplici ma straordinarie banalità.


Titolo

Zhang Teng-Yuan 張騰元 Riding In The Rainy Desert ANNO

Durata

Nazionalità

2011

37’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

La moglie di A-Wan, Chun-Ying è morta da mezzo anno. A-Wan continua a portare avanti il negozio di focaccine in cui lavorava con la donna. Il figlio, Chi-Hsiung, il quale non è minimamente interessato all’attività, torna da Taipei per occuparsi del negozio. Suggerisce al padre di impiegare nuovo personale e A-Ying, una donna vietnamita, viene assunta. Un giorno Chi-Hsiung e A-Ying hanno un’idea e creano una focaccina dolce da una ricetta vietnamita.N°17

A-Wan’s wife, Chun-Ying has passed by for half a year. A-Wan still insists to keep the bun shop that he worked with his wife. His son, Chi-Hsiung, even doesn’t interest in his business, comes back from Taipei for taking care this shop. Chi-Hsiung suggests his father to hire new staff, and a Vietnam woman-A-Ying is surprisingly employed. One day, Chi-Hsiung and A-Ying have a whim and create a Vietnam taste “cake bun”.

138

THERE, WE LIVE

Autore

Autore

Titolo

Yu Han-Ting 游翰庭

The gold ore

ANNO

Durata

Nazionalità

2010

30’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

La storia si svolge a Jiu Fen . Un giorno, A-yuan stava giocando a biglie con i suoi amici quando la sua biglia-guerriero fu sconfitta con l’inganno. Non sapendo cosa fare andò da suo nonno, che era un minatore e trovò, per caso, una pallina d’oro sotto il suo tavolo. Pensò che la pallina fosse abbastanza solida per poter sconfiggere le altre e decise di prenderla in prestito. Come aveva previsto, riuscì a riconquistare la sua biglia-guerriero ma in una lite dopo la partita A-yuan la ingoiò accidentalmente. Colto dallo sconforto, come poteva dire al nonno di aver smarrito la pallina d’oro? Allo stesso tempo, il nonno stava pensando ad una miniera d’oro che era stata a lungo abbandonata…

The story takes place in Jiu Fen: One day, A-yuan was playing marbles with his friends, his marble worrier was won but the winner cheated. No knowing what to do, he turned to his grandpa, who used to be a miner. A-yuan found a golden ball under his grandpa’s table. For the hard material of the golden ball, he temporarily borrows it from his grandpa. As expected, the golden ball helped A-yuan win his marble worrier back. But he accidentally swallowed the golden ball in a quarrel after the game. With regret in mind, how is A-yuan going to tell his grandpa about the missing of the golden ball? At the same time, his grandpa is thinking of a gold mine that had been abandoned for a long time.

139


Titolo

Lin Ming-Yuan 林明遠

Packer

ANNO

Durata

Nazionalità

2010

36’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Il vecchio macchinario resiste, sputando una borsa dopo l’altra come di dovere. L’odore di plastica riscaldata avvolge l’enorme impianto da decenni. I fabbricanti di borse e le cucitrici hanno trascorso gran parte della loro vita qui. Giorno dopo giorno, gli anni hanno lasciato il segno sui loro volti, le rughe sono piene di plastica e di polvere, tutto insieme. L’ascesa e la caduta della tradizionale azienda familiare gioca un ruolo importante nello sviluppo delle piccole e medie imprese a Taiwan. Dopo il decollo economico, molte industrie hanno iniziato a trasferirsi. Alcune sono fiorite dopo il trasferimento, mentre quelle rimaste si sono trasformate o ritirate dagli affari. Il patrimonio raro e intangibile è stato senza dubbio il complesso e tuttavia strutturalmente semplice rapporto della fabbrica di famiglia. Questo film è uno sguardo indietro nel tempo attraverso la narrazione storica degli operatori dell’impianto. Anche se la luce del tempo va via via affievolendosi, speriamo di restare uniti alla fine.

The old machinery still stands, spewing out bag after bag dutifully. The smell of heated plastic that circulates the enormous plant for decades. Bag-making masters and bagsewing women workers spend the better part of their lives here. Day after day, the years have left marks on their faces; the wrinkles are filled with plastic and dust, all lumped together. The rise and fall of traditional family business plays an important role in the development of small and medium sized enterprises in Taiwan. After the economic take-off, many industries start to relocate. Some do well after relocation and flourishing; those that stayed either were transformed or went out of business. The rare and intangible heritage was undoubtedly the complex yet simple structural relationship of family factory. This film takes a peek back in time through the narration history of plant operators. Even though time takes its toll on its brightness, it is still a hope that we come together in the end.

140

THERE, WE LIVE

Autore

Autore

Titolo

Wang Ui-Lin 王威人

The Blackout Village

ANNO

Durata

Nazionalità

2010

45’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

C’è di nuovo un black-out al Sia-Luo Village. Nei campi, il coro serale degli insetti e delle rane è in pieno svolgimento. Alcuni abitanti del villaggio si trovano di fronte ad un traliccio rotto lamentandosi dell’incapacità della polizia e del gestore elettrico, maledendo e imprecando contro la scomparsa dei ladri di cavi. Un dipendente della società elettrica, dal viso sospetto, ci porterà ad indagare sul misterioso blackout attraverso il suo occhio ed il suo comportamento insolito.

There is a blackout again in Sia-Luo Village. The chorus of insects and frogs is in full swing all over the evening fields. Some villagers standing in front of the broken electric pole complain about the inability of the police and of the electric power company and keep cursing and swearing to the cable thieves who disappeared. An employee of the electric power company who has a strange face will lead us to see the secret of the blackouts through his eye with an unusual behaviour.

141


Titolo

Hsu Fu-Hsiang 許富翔

Wonderful Day

ANNO

Durata

Nazionalità

2010

30’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

A-Wei è un “cacciatore d’amore” soprannominato “Millennium Swinger”, ma questa volta sembra aver fatto il passo più lungo della gamba. Dopo aver invitato “Sexy Kitten” su un social network per un tè, ha poi urtato “Kitten” all’interno dei bagni maschili. Come correnti con la stessa polarità che si respingono, A-Wei stava per inventare una scusa per allontanarsi, ma il suo buon amico, A-Mao, “Forever Boy Vergine”, irruppe e scombinò il suo piano. In quel pomeriggio, con quel gioco del cuore, chi sta cercando chi? Chi veramente conosce qualcuno? A-Wei si dice: “Con questa battaglia, devo resistere e combattere fino alla morte.”

A-Wei is a love player and his is nickname “Millennium Swinger”, but this time he seems to have bitten off more than he can chew. After asking “Sexy Kitten” from a social network out for tea, he later bumps into “Kitten” inside a men’s restroom. Like currents of the same polarity that repel each other, A-Wei was about to make up an excuse to get away, but his good friend, A-Mao, “Forever Boy Virgin”, barges in and messes up his plan. On that afternoon, with this game of the guessing heart, who is picking up whom? Who really knows anybody? A-Wei tells himself that, “With this battle, I must stick it out and fight till death.”

142

THERE, WE LIVE

Autore

Autore

Titolo

Po Chen 陳鵬文

Rabbit and Brother

ANNO

Durata

Nazionalità

2009

15’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Dopo la morte dei propri genitori due fratelli prendono l’urna cineraria e vanno a trovare la nonna. Il fratello più giovane perde la bambola per strada. I due fanno così di tutto per ritrovare il giocattolo, ma si mettono nei guai e finiscono alla stazione di polizia. Non vogliono perdere quell’oggetto così importante, anche se per gli altri è solo una bambola da pochi soldi.

After the death of their parents, two brothers take the funeral urn and go to visit their grandmother. The younger brother looses his doll on the road there and so the brothers go back to find the doll, but get into trouble and end up in a police station. The meaning of this is that they cannot lose important thing anymore, even it is only a cheap doll in other’s eyes.

143


Titolo

Tsai Shiu-Cheng 蔡旭晟 ANNO

Durata

2011

24’

Time of Cherry Blossoms Nazionalità Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Questa storia parla delle avventure di un ragazzo in un tempio vecchio e malandato, bruciato per ragioni misteriose. Improvvisamente accade una storia incredibile tra amici e spiriti delle bambole. Quando egli ritorna al tempio, nei giorni in cui era ancora vivo il suo splendore, il ragazzo scopre la ragione dell’incidente.

This story is about the adventures of a boy in an old and dilapidated temple, which burned for a mysterious reason. Suddenly a great story happens between friends and doll spirits. When he returns to the temple, in the days when it was still beautiful and vivacious, the boy sees the reason for the accident.

144

THERE, WE LIVE

Autore

Autore

Titolo

Zhuang Xiang-An 莊翔安

After Spinning

ANNO

Durata

Nazionalità

2010

31’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

«È come giocare con il cubo di Rubik per la prima volta, ogni volta dobbiamo affrontare il futuro; decidiamo di proseguire per una direzione e poi tutto inizia a girare vorticosamente.» Ta-fa è un musicista che persiste nella realizzazione del suo sogno. Lui, la sua fidanzata, sorda e in stato di gravidanza, un padre con difficoltà economiche e un poliziotto egoista vivono in un ordinario appartamento e svolgono una vita regolare. Ognuno ha le proprie priorità e scelte di vita. Presto tutto quanto inaspettatamente inizia ad esercitare effetti enormi su ognuno.

«It is like playing Rubik’s cube for the first time, every time when we face the future; we decide for one side, then everything starts spinning.» Ta-fa is a musician who persists in his dream. He and his deaf and pregnant girlfriend along with a father who is having financial difficulties and a selfish policeman all live in one ordinary apartment having their ordinary lives. Everyone has his own insistence and choices towards life. Everything soon unexpectedly starts exerting huge effects on one another.

145


Titolo

Jan Kai-D 詹凱迪

A Suspended Moment

ANNO

Durata

Nazionalità

2010

25’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Un uomo disoccupato accompagna la sua anziana madre lungo un viaggio che dal sud di Taiwan arriva fino alla scuola d’arte della figlia dell’uomo, per firmarle la richiesta di un congedo. Durante il loro viaggio verso Taipei, le tensioni si attenuano e vengono abbandonate grazie alla trascinante e mutevole danza moderna della figlia.

A unemployed man accompanies his elderly mother. They make a special trip from southern Taiwan to his daughters art school to sign his daughter’s application form for a “leave of absence”. During their journey to Taipei, tensions are slowly released under the gradual swinging and shifting of his daughters modern dance.

146

THERE, WE LIVE

Autore

Autore

Titolo

Hung Ming-Xuan 洪明萱

Wannabe

ANNO

Durata

Nazionalità

2009

50’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Il documentario esplora la vita quotidiana del transessuale Kyleís. Viene confrontata l’esistenza di Kyleís prima dell’operazione chirurgica e dopo, andando a scavare nella profondità del suo cuore - come lei supera le avversità della sua transessualità, come vive sotto la pressione il pregiudizio degli altri, come reagiscono i suoi genitori alla situazione. Viene esaminato come i transessuali che lavorano nei bar e quelli che sono disoccuati identificano loro stessi e come reagiscono alle politiche sociali in merito alla loro condizione.

This documentary looks into Kyleís daily life as a transsexual. It compares Kyleís life before surgery with the one after, dealing with her heart in depth - how she overcomes the hardship as a transsexual, how she lives under the pressure of prejudice among others, and how her parents react to the issue. Transsexuals who work in bars and those who are unemployed, how they identify themselves and how they react to the public policies regarding the welfare in their regards.

147


Titolo

Sebrina Zheng

The pieces

ANNO

Durata

Nazionalità

2010

35’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

La giovinezza è come una tempesta, ci risulta difficile trovare una direzione al suo interno, veniamo lanciati in aria e gettati a terra e non possiamo appigliarci a nulla se non solamente ad una polvere impalpabile; non possiamo sentire alcun profumo ma solo l’essenza dell’erba. In questa vita incerta, perdiamo la nostra innocenza e puerilità; ne restiamo feriti, cresciamo pian piano, fino a che ci avviciniamo alla tempesta diventando adulti e scoprendo che la cenere al suo interno nasconde una gran varietà di colori e non è solo grigia. La percepiamo così oscura perché l’intensità del vento non ci permette di vedere chiaramente i suoi colori.

Youth is just like the storm, we cannot find our direction in it, but we can be blown up and thrown down by it; we cannot seize anything but misty dust. We cannot smell anything but the flavour of the grass. In this puzzled life, we lost our innocence and childishness, and we got hurt; gradually, we grow; then overlooking the storm, feeling we are grown-ups, we find out that the ashes are multicoloured instead of greyish, and it is so dusky because the fierce wind couldn’t let us see clearly it’s true colours.

148

THERE, WE LIVE

Autore

Autore

Titolo

Dinos Wang 王孔澂

The Calling

ANNO

Durata

Nazionalità

2010

30’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Sono passati tre anni da quando si trasferì in città. Aveva dovuto farlo poiché il percorso che aveva scelto per perseguire i suoi sogni non incontrava l’approvazione dei genitori. Bo Tzi scelse di isolarsi dal nucleo familiare, pensando che in questo modo avrebbe potuto trovare respiro, una sorta di pace interiore; fino a che una telefonata della zia lo fece vacillare. Essa gli raccontò del mal di denti del padre e lo pregò di portarlo da un dentista di Taipei. Bo Tzi, vedendo il padre, si ricordò dei momenti passati, sia drammatici che felici.

Its has been three years since he first moved into the city, with his dream and the ignorance of his family disagreeing on the path he had chosen. As time goes by, he passes from not going back home until not even calling home, Bo Tzi choose to isolated himself from his broken family , thinking in this way he might get to breathe again, a sort of an inner peace, until the day he got a phone call from his aunt back home. Auntie told him about his father’s toothache and asked him to take his father to dentist in Taipei. The sudden change of the distance between them is ineluctable. Bo Tzi sees from his father’s tone the past memories, good and bad.

149


Titolo

Anthony Lian 練健輝

Encore

ANNO

Durata

Nazionalità

2011

30’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

“Encore” racconta la storia di un moderno rapporto genitori-figli sviluppato su tematiche legate all’omosessualità. La madre e il figlio giocano due diversi ruoli nel dramma della vita. Inoltre, il figlio (che sta studiando per diventare attore) sta preparando la performance di laurea. Allo stesso tempo la madre continua a ricordare il suo ruolo in un’opera cinese del passato. Tutto questo va a formare quattro sezioni recitative, che non rappresentano solo la realtà e l’irrealtà della vita quotidiana, ma descrivono anche la felicità ed il dolore di ogni famiglia. La vita è come un lungo dramma, allungato da un bis senza fine.

“Encore” tells a story of modern parentchild relationship and development of themes tied to of a homosexuality in a easy context. The mother and the son play in parallel two different dramas of life. The son (who studies in the department of drama and theatre) is now preparing for the graduation performance. On the other hand, the mother keeps recalling in her memory her performance in the Chinese opera in her past. There forms of the four parts of the tail from the past to the present, represents non only reality and the unreality in dramas of the ordinary life, but also depicts the happiness and sorrow in every real family. Life is like a huge drama with endless encores.

150

THERE, WE LIVE

Autore

Autore

Titolo

Liau Pen-Giun 廖朋君

Ah-Mao’s Shoe

ANNO

Durata

Nazionalità

2010

23’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Ah Mao è una ragazzina al suo primo anno di scuola. Non avendo la madre, essa osserva attentamente il padre che considera un maniaco del lavoro. Ah Fei, che ritiene che la felicità sia avere delle buone cose da mangiare, è un’amica di Ah Mao. Un giorno, Ah Fei insegna ad Ah Mao l’arte della telepatia. Questa storia tratta la vita di una figlia senza figura materna, la sua quotidianità e le sue amicizie, con i rispettivi profondi coinvolgimenti emotivi.

Ah Mao is a first grade student from a single parent. Not having his mother he closely observes his father, whom he considers to be a workaholic. Ah Fei, who considers happiness to be having nice things to eat, is a good friend of Ah Mao. One day, Ah Fei teaches Ah Mao about telepathy. The story is about the life of a child of a single parent and his daily life and his friendships with a deep emotional involvement and its consequences.

151


Titolo

Cho Yu-Hsin 鄒猷新

Avici

ANNO

Durata

Nazionalità

2010

65’

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Da quando riesco a ricordare, i miei genitori sono sempre stati in disaccordo. Non conosco la ragione di ciò ma mi è chiaro che, testardamente, non sono stati capaci di ottenere una riconciliazione consensuale. Ho visto tutto questo con i miei occhi e ho provato in tutti i modi a cambiare l’ordine delle cose; persino aver minacciato il suicidio non ha migliorato la situazione. Con una forte tensione nella mia mente senza una via di sfogo, forse perché sono figlio unico, devo farcela da solo anche a film finito.

Since my own memory starts, my parents always were in the state of disharmony, I cannot figure out the reasons, but it is clear that it is stubborn to involve two parties that are unable to obtain reconciliation between the consensus, through the only son. I saw everything with my own eyes, and I tried to step out to change our status, even threatened suicide but were unable to improve my feelings and the heavy pressure on my mind without place to breath, perhaps because I’m the only son, even if the film finishes, I have to face it alone.

152

THERE, WE LIVE

Autore

153


154 155

VIDEO ART

FESTIVAL FUORI


Titolo

Yang Yong-Liang 楊泳梁

Infinite Landscape

ANNO

Nazionalità

2011

Cina

SINOSSI

SYNOPSIS

Nella serie di video art “Phantom landscape”, “Infinite landscape” è la terza opera. Questa è la più complessa che abbia fatto. Le riprese video includono Taipei, Shanghai, Hong Kong e Chongqing. Per la prima volta ho tentato di visualizzare l’opera verticalmente per aumentare la profondità della prospettiva.

In the series of art videos of the “Phantom landscape”, “Infinite Landscape” is the third work. This is the most complex I have done. Video footage includes Taipei, Shanghai, Hong Kong and Chongqing. For the first time I have tried to display the work vertically to increase the depth of perspective.

VIDEO ART

Autore

Autore

Titolo

Chen Xuegang 陳學剛

Sad

ANNO

Nazionalità

2011

Cina

SINOSSI

SYNOPSIS

Asolo con il suo stile architettonico e la sua struttura, specialmente con le molte finestre verticali tipiche delle antiche città italiane, mi lascia una profonda impressione e nella mia mente si concretizzano le forme classiche del paesaggio cinese, evocando un’ulteriore ricognizione all’interno delle comunità e differenze nelle due culture. Attraverso le immagini ricercate online ho trovato delle foto meravigliose di Asolo, della sua tradizione nella sua protezione della cultura italiana e nel miglioramento dell`ambiente, per questo ho un profondo rispetto. Oggi, vedo la caduta ed il collasso dell’antica cultura cinese, inclusi l’architettura, lo spirito umano ed altri aspetti e mi sento triste e desolato. Da quando la Cina si è aperta alle riforme, abbiamo fatto grandi progressi economici, ma allo stesso tempo, abbiamo consumato troppo le nostre risorse tradizionali di maggior valore e pagato un caro prezzo. Il desiderio di espandersi, l’universale venerazione del denaro, il decadimento morale, la violenza rampante, la violazione dei diritti umani, tutto questo ci sta dominando ed il nostro paese ancora persegue in questa direzione, incapace di districarsi. Così vanno gli affari, sono profondamente preoccupato! Al paesaggio culturale ed alle viste mozzafiato di Asolo, io guardo con ammirazione! Questo atteggiamento non è affatto cieca esterofilia, ma il risultato di un confronto con la realtà. Così, darò interpretazione del tocco e della sensibilità del mio cuore attraverso l’espressione ed interpretazione artistica. Nello scenario della città di Asolo, l’audience può comunicare con l’arte interattiva di animazione, e attraverso i loro confronti e feedback, le realtà politiche, sociali e culturali di Cina ed Italia verranno riflesse, e le critiche sulla nostra situazione sociale e culturale verranno rafforzate. Non vedo l’ora di realizzare il mio desiderio.

ancient towns. It also makes me think of the classical Chinese landscape and its composition, this evokes a further re-cognition on the internal part of communities and differences between two cultures. Through the pictures on line, I saw the beautiful scene of Asolo`s town, and surprised at the inheritance, protection and improvement of ancient Italian culture, for this, I hold deep respect! , Today, I witness the downfall and collapse of ancient Chinese culture, including architecture, human spirit and other aspects , I feel sad and dreary. Since China’s reform and opening, we have made great economic strides, at the same time, we have over-consumed the most valuable traditional resources and paid a heavy price. The desire to expand, the universal respect for money, moral decay, demolition of rampant violence, human rights abuses, happen more and more often but our country is still pursing these aims, unable to extricate herself. Business as usual, and I am deeply worried! For Asolo town’s breathtaking scenery and cultural landscape, I responded with admiration! This attitude is by no means blind xenophile, but a result to contrast with reference to reality. So, I will interpret the touch and vigilance of my heart through my personal artistic meaning and expression. On the scene of Asolo town, audience can communicate with the interactive animation of art, by this kind of feedback and comparison from audience, the political, social and cultural realities between Italy and China will be reflected, and the criticism on our social and cultural environment will strengthened. Finally, I’m looking forward to a wonderful desire to achieve.

Asolo leaves deep impression on me with its architectural style and structure, especially the detail to the many vertical windows of Italian 156

157


Titolo

Huang Ning 黃甯

The Timer

ANNO

Nazionalità

2011

Taiwan

SINOSSI

SYNOPSIS

Gli artisti sperimentano nuove idee per esprimere il passaggio del tempo, utilizzando l’immagine dello scambio di una palla. Gli attori indossano scarpe da calcio e calzini neri che simboleggiano le ore 12, 3, 6 e 9 mentre gli altri indossano una divisa bianca rappresentando le ore 2, 4, 5, 7, 8, 10, 11. Con questo lavoro vogliono esprimere lo scorrere del tempo attraverso il lancio di una palla che viene effettuato ogni 30 secondi; propongono così un diverso modo di intendere il tempo rispetto all’idea di un orologio convenzionale.

The Artists provide a new perspective to count time, thanks to an action of passing a football to each other, this meant to convey the passage of time. The actors wear black football shoes and socks that symbolize Twelve, Three, Six, and Nine o’clock, while the rest of them wear a white one suit that represents Two, Four, Five, Seven, Eight, Ten, and Eleven o’clock. Their intention is to express the passage of time through the movement of the ball between the actors, the football passes to one or the other every 30 seconds. The aim is to propose a different way to see time compared to the idea of a traditional clock.

158

VIDEO ART

Autore

Autore

Titolo

Huang Ning & Dancecology Dancing Time (Video & Dance Performance) ANNO

Durata

Nazionalità

2011

12’

Taiwan

VideO Tseng, Huan-shin 曾煥炘/ Huang, Ning 黃甯 Choreographer/ Dancer

Photo

Peng, Hsiao-yin 彭筱茵

Chen, Yi-shu 陳逸書

Dancers(Video) Chen, Yi-ching陳怡靜/ Huang, Li-chieh黃立捷/ Chang, Chi-wu張琪武/ Cheng, Shi-ling鄭希玲 Dancers(Live) Chen, Yi-ching陳怡靜; Lin, Chia-hui林嘉蕙; Huang, Li-chieh黃立捷; Chang, Chi-wu張琪武; Fang, Shih-yun方士允 SINOSSI

SYNOPSIS

La vite può vivere dieci anni, l’albero un migliaio in che modo l’uomo dovrebbe apprezzare la gioia della natura? Capovolgi il tempo, capovolgi lo spazio, rilassati, e assapora la danza della natura.

Vines could live to ten years, trees a thousand in which way should mankind appreciate the joy of nature The answer could be: Turnaround time and space, relax, and taste nature`s dance

Grazie all’uso di un’inquadratura dal basso viene catturata la diversa velocità dei movimenti di danza; la qualità del gesto rappresenta il passare del tempo e la vista dal basso è una metafora della dislocazione spaziale. La convergenza dello spazio e del tempo crea una sensazione di libertà, ritmo e sconfinatezza. “Dancing of Time” è una performance di danza sviluppata sulla base di “Weeds Flow”, un lavoro originale di Dancecology.

Thanks to the use of a bottom view shot various velocities of dance movements are captured. The quality of motion represents the passing of time, infact this shot from below is a metaphor of space dislocation. The overlap of space and time creates a boundless, free and rhythmic sensation. “Dancing of Time” is a dance performance developed on the base of “Weeds Flow”, an original work of Dancecology.

159


160 161

PERFORMANCE ART

FESTIVAL FUORI


Titolo

Dancecology

Splashing and Dancing Colors

ANNO

Durata

Nazionalità

2011

10’

Taiwan

Visual designeR

Choreographer/ Dancer

Huang, Ning黃甯

Peng, Hsiao-yin彭筱茵

Costume and installation designer Wang, Hsin-min王新閔; Peng, Yu-hung彭宇弘 Administrative director/ Photographer Chen, Yi-shu陳逸書 Dancers Chen, Yi-ching陳怡靜; Lin, Chia-hui林嘉蕙; Huang, Li-chieh黃立捷; Chang, Chi-wu張琪武; Fang, Shih-yun方士允 SINOSSI

SYNOPSIS

Camminando nel nulla, puro e incolore un balzo leggero ed una giravolta apre un collegamento ai colori della vita si espandono dall’interno all’esterno con i corpi dei danzatori generando tutti i colori delle creature del mondo

Walking from the Universe, purely and colourless Through the unconsciously leap or spin Connecting to the colour of life The splendid colours extending from interior to exterior of human dancer’s body Becoming a colourful creation of the world

“Splashing and Dancing Colors” è un progetto di performance dal vivo, che verrà realizzato per la prima volta durante la 30^ edizione dell’AsoloArtFilmFestival. L’intera città di Asolo verrà usata come palcoscenico. I ballerini si esibiranno per le strade e per i vicoli; i loro costumi saranno dotati di un particolare sistema che permetterà di cambiare colore ai loro vestiti. I danzatori, a seconda del colore dei vestiti, cambieranno modo di muoversi e di interagire con il pubblico, facendo sì che Asolo si trasformi in una scenografia del tutto unica.

This is a live performing project that premieres for the first time this year during the Asolo Art Film Festival for the 30th edition of the event. The whole town of Asolo will become a big stage. Dancers will leap and spin among the streets and alleys, while moving, splashing equipment hidden in their costumes will splash different colours in different ways on their big pure white round skirt: the dancing colours will affect how they move and how they interact with audience, becoming a new unique scenography through Asolo.

162

PERFORMANCE ART

Autore

Autore

Titolo

Yang Zhi Chao 楊志超

Performance Art “Bodhi”

ANNO

Durata

Nazionalità

2011

7h

Cina

SINOSSI

SYNOPSIS

L’artista vuole mettere in pratica lo spirito buddista nelle sue azioni; egli intende provare un sentimento superiore e ricercare l’auto-realizzazione nel processo conflittuale tra l’essere umano e la realtà. I rosari sono strumenti buddisti per le preghiere e per il loro conteggio. I rosari sono un simbolo caratterizzante del buddismo; “Bodhi” è una translitterazione dal sanscrito che significa consapevolezza e saggezza.

The artist wants to put Buddhist spirit into his actions. He intends to experience a superior feeling and a research for self- realization in the conflictual process between human being and reality. The prayer beads are Buddhists’ are used for praying and allows with minimum effort how many prayers have been said. Prayer beads are a kind of Symbolic factor of Buddhism. “Bodhi” is a transliteration from Sanskrit: It means consciousness and wisdom.

163


ASOLO BARCAMP

FESTIVAL FUORI

164

Asolo BarCamp non-conference sull’applicazione di nuove tecnologie audiovisive in ambito museale 23 AGOSTO 2011 ORE 14.00 - 18.00 TEATRO ELEONORA DUSE, ASOLO SINOSSI

SYNOPSIS

La trentesima edizione di AsoloArtFilmFestival propone una giornata di incontri sul tema dell’innovazione audiovisiva in ambito museale e il rapporto tra sviluppo tecnologico, nuovi linguaggi comunicativi e recupero della memoria collettiva ed individuale. Alla non-conference prenderanno parte Simona Caraceni, Docente di Informatica Museale, Università degli Studi di Bologna, e Alessandro Califano, Curatore del CRDAV, Centro Ricerca e Documentazione Arti Visive del Comune di Roma; a seguire gli interventi di Ilaria Ferretti, collaboratrice di Home Movies, archivio audiovisivo dedicato alle memorie filmiche private, e di importanti esponenti del MoCA Taipei, Museo di Arte Contemporanea della capitale taiwanese. Il direttore del MoCA, Mr. Jui-Jen Shih introdurrà assieme ai registi, i film presentati nella rassegna There, We Live, composta da produzioni cinematografiche provenienti dall’archivio del Taiwan Independent Production Film Festival.

The 30th edition of the AsoloArtFilmFestival offers you a day of meetings on the themes of audiovisual innovation applied to museums and on the relationship among technological development, new media communication and recovery of individual and collective memory. The non-conference will be attended by Simona Caraceni, Professor of Museum Informatics at the University of Bologna, and Alessandro Califano, Curator of CRDAV, Visual Arts Research and Documentation Centre of the City of Rome, followed by the speeches of Ilaria Ferretti, member of the association Home Movies, (audiovisual archive dedicated to private cinematic memories) and of the leading personalities of the MOCA Taipei, Museum of Contemporary Art based in the Taiwanese capital. Mr. Jui-Jen Shih, director of MOCA Taipei, will introduce, together with the respective directors, the movies presented in the review There, We Live, which consists of film productions coming from the Taiwan Independent Film Festival Production archive.

165


AURORA ASOLANA

FESTIVAL FUORI

166

Aurora Asolana L’Aurora, di bianco vestita, Già l’uscio dischiude al gran sol, Di già con le rose sue dita Carezza de’ fiori lo stuol! The dawn, dressed in white, has already opened the door to the sun, and with pink fingers caresses the myriads with flowers. Mario del Monaco sings the famous “Mattinata” by Ruggiero Leoncavallo Studio Orchestra Ernesto Nicelli 1954

SINOSSI

SYNOPSIS

Quella che i romani chiamavano Aurora era la dea Eos della mitologia greca. Prodigio che separa (ovvero unisce) la notte dal giorno, la tenebra dalla luce. Omero cita la dea Aurora, sia nell’Odissea che nell’Iliade, attribuendole “dita di rosa”, circa venti volte nei suoi versi: “Quando, figlia di luce, brillò l’Aurora dita rosate ...”. A questa dea era attribuito il dono di aprire le porte del Cielo al carro del Sole semplicemente con il tocco delle dita color di rosa. Ovidio la chiama infatti “sposa di Titone”, mentre Dante nomina Aurora nel canto II e nel canto IX del Purgatorio , dove è citata come “la concubina di Titone antico”. Molto amata da poeti e pensatori (ai già citati Omero, Ovidio e Dante, possiamo aggiunger Plinio il Vecchio, Nietzsche, e tanti altri), continua ad esserlo tuttora, perché rappresenta un momento magico e misterioso. Nella Rocca di Asolo, un sito antico, affascinante e per certi versi misterioso, per gli asolani simbolo di appartenenza e identità, “Aurora Asolana - Ricercari e Ritrovari”, attraverso il suono di un Ensemble di strumenti volutamente di soli fiati (dal latino “soffio - spiritus”), si vuole far rivivere antiche suggestioni, che ci proiettano alla notte dei tempi, alla ricerca del senso ancestrale del rapporto tenebra-luce.

In Roman mythology she was called Aurora, while for the Greeks her name was Eos. A wonder that splits (or rather joins) night and day, darkness and light. Homer quotes the goddess Eos in the Odyssey and in the Iliad, awarding her with “rosy fingers” for 20 times in his verses: ““When the child of morning, rosy-fingered Dawn, appeared,..”. The goddess was assigned the gift of opening the gates of the Sky to Helios, with the simple touch of her rosy fingers. Furthermore, Ovid calls her “ Tithonus’ wife” while Dante quotes Aurora in his II and IX Purgatory cantos where she appears as the “The concubine of ancient Tithonus”. Well-beloved by poets and thinkers (in addition to the already mentioned: Homer, Ovid, Dante, also Pliny the Elder, Nietzsche, and others) she is still loved today as she is considered an icon of a magical and mysterious moment. The Asolo fortress, an ancient site, charming and somehow mysterious, is for its inhabitants a symbol of belonging and identity. “ Aurora Asolana – Ricercari e Ritrovari”, through the sound of an Ensemble, expressely formed by wind instruments only (from Latin “breath - spiritus”) aims to let you live again ancient suggestions sending you back to the mists of time looking for the ancestral sense of the darkness-light relation.

167


HOME MOVIES

ARCHIVIO NAZIONALE DEL FILM DI FAMIGLIA

FESTIVAL FUORI

L’Archivio Nazionale del Film di Famiglia, fondato e gestito dall’Associazione Home Movies, svolge attività di raccolta, conservazione e valorizzazione del patrimonio filmico familiare e amatoriale italiano. Custodisce ad oggi oltre 15.000 film, nei formati ridotti 9,5mm-Pathè Baby, 16mm, 8mm e Super8, per una durata di circa 5.000 ore di materiale audiovisivo proveniente da tutta Italia. Filmati che documentano con un punto di vista inedito, privato e personale, più di 60 anni di storia italiana, dagli anni Venti del XX Secolo. Home Movies si rivolge a tutti coloro, privati e istituzioni, che custodiscono pellicole in formato ridotto e che sono interessati al recupero di questi film per far riemergere e rielaborare un patrimonio nascosto altrimenti destinato alla dispersione e all’oblio. Pellicole amatoriali che mostrano momenti di vita quotidiana e familiare, ma anche viaggi, riti collettivi ed eventi pubblici. Al pari di altre fonti della memoria privata (diari, lettere, fotografie amatoriali e testimonianze orali), costituiscono un immenso patrimonio di testimonianze individuali sui fenomeni che hanno segnato la società italiana. Con il loro sguardo essenzialmente diaristico, mostrano gli aspetti più ordinari e per questo più trascurati della nostra società, e testimoniano oggi le trasformazioni del paesaggio e degli stili di vita, offrendoci l’opportunità di osservare i riflessi che i grandi eventi storici hanno portato nelle abitudini e nella vita quotidiana delle persone. La sede dell’Archivio è presso l’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, a Bologna. Expanded Archive è un progetto work-in-progress realizzato dall’associazione Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia con la collaborazione del laboratorio di produzione audiovisiva ReLabTv dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Il progetto nasce dall’esigenza di espandere l’idea riduttiva di archivio filmico come mera conservazione e catalogazione, per aggiungervi la possibilità di un effettivo, inedito utilizzo delle immagini in esso contenute. Il linguaggio dei film di famiglia viene quindi decostruito e analizzato attuando una suddivisione e conseguente ricostruzione dei materiali in base a categorie semantico-lunguistiche, ispirate al lavoro compiuto sui materiali d’archivio dal cineasta tedesco Gustav Deutsch in Film Ist (2000). La struttura di Expanded Archive nasce anche con l’intento di creare una piattaforma rimodulabile, punto di partenza da cui analizzare l’archivio in base ad esigenze e tematiche di volta in volta differenti, permettendo una pluralità di modalità di visione e utilizzo. The National Family Film Archive, founded and run by the Home Movies Association, carries out the collection, conservation and enhancement of the italian family and amateur film heritage. Now holding over 15,000 films, small form factor 9.5-mm Pathè Baby, 16mm, 8mm and Super8, for a total running of about 5,000 hours of audiovisual material from all over Italy. Films that show with a new point of view, private and personal, more than 60 years of Italian history, from the twenties of the twentieth century. Home Movies is intended for all those individuals and institutions which preserve films in a reduced ratio and are interested in the recovery of these films to emerge and build upon a heritage which otherwise might be destined to loss and oblivion. Home movies that show moments of everyday life and family, but also travel, collective rituals and public events. Like other sources of private memory (diaries, letters, amateur photographs and oral testimonies), constitute an immense wealth of individual witnesses on the events that have marked Italian society. With a mainly diaristic gaze, they show the most ordinary and for that most neglected aspects of our society, and today they show us the transformation of both landscape and lifestyles, offering the opportunity to observe the reflections that great historical events have brought in the habits and the daily life of people. The Archive is housed in the Emilia-Romagna Parri Historical Institute, in Bologna. Expanded Archive is a work-in-progress project made by the Association Home Movies - National Family Film Archive in collaboration with audiovisual production laboratory ReLabTv of University of Modena and Reggio Emilia. The project stems from the need to expand the simplistic idea of film archive as mere preservation and cataloging, to add the possibility of an effective, never-seen-before use of the images contained therein. The language of family films is then analyzed and deconstructed by implementing a subdivision and subsequent reconstruction of materials based on semantic and linguistic categories, inspired by the work done on archival materials from German filmmaker Gustav Deutsch in Film Ist (2000). The structure of the Expanded Archive was established with the intention of creating an adaptable platform, the starting point from which to analyze the archive according to needs and issues different from time to time, allowing a plurality of ways of viewing and use.

168

169


CINEMA IERI

FESTIVAL FUORI

170

“CINEMA IERI” è una mostra cinematografica realizzata con la collaborazione del consorzio Promotia e curata dalla dott.ssa Anna Marcolongo su materiale di Magic Vision. L’esposizione, ospitata nelle sale del Teatro Eleonora Duse, si articola in due sezioni. Nella sala di accoglienza vengono presentate locandine del secondo decennio del cinema italiano, con un’area dedicata a Livio Cesare Pavanelli, attore del cinema muto che ha soggiornato per nove anni ad Asolo con la compagnia teatrale di Eleonora Duse. A questa sezione vengono affiancati tre importanti modelli di macchina da proiezione in 35mm appartenenti alla stessa epoca. La sala espositiva del piano superiore è dedicata al cinema di animazione. Manifesti storici 100x150, fotobuste e locandine, vanno a formare un’esposizione coordinata di film di animazione della serie “Classici Walt Disney”, dal primo lungometraggio Biancaneve e i Sette Nani (1937) fino ai lavori degli anni settanta, in una selezione limitata ai lungometraggi realizzati con la tecnica classica dei disegni animati manualmente e ripresi a passo “uno”. Completano l’esposizione una serie di apparecchiature cinematografiche di formati di proiezione minori e una postazione tecnica che riproduce le colonne sonore dei titoli esposti nella sala. “THE OLD CINEMA” is a cinematographyc exhibition made possible with the help of the Promotia group and curated by Anna Marcolongo using Magic Vision material. The exhibition, held in the Teatro Eleonora Duse, is divided into two sections. In the entry hall there are posters from Italian films of the Twenties including an area dedicated to Livio Cesare Pavanelli, the silent movie actor who lived in Asolo for nine years with the Eleonora Duse theatre company. This section also features three famous 35mm film projectors from the same period. The exposition hall on the upper storey is dedicated to animated cinema. 100x150cm historical posters, lobby cards and playbills from the Classical Walt Disney series, ranging from Snow White and the Seven Dwarfs (1937), the first full length film, to works from the Seventies, a selection limited to Disney productions made with the classical handmade drawing and stop motion technique. The exhibition is rounded off with a series of small format movie cameras and a tecnical point which reproduces the soundtracks of the films in this section.

171


It isnae Disney

FESTIVAL FUORI

172

Autore

Titolo del progetto fotografico

Dustin Shum, (1971)

It isnae Disney (themeless park)

Nazionalità Cina SINOSSI

SYNOPSIS

Le fotografie esposte sono state realizzate all’interno di parchi di varie dimensioni in tutta la Cina, in cui l’ambiguità non intenzionale di una serie di attrazioni consente ai visitatori di interagire con modalità personalizzate, non-preconfezionate. Modi che li isolano da un mondo che non è così perfetto come lo spazio di intrattenimento in cui sono impegnati, e modi che probabilmente sono in contrasto con l’idea pubblica di un corretto intrattenimento cittadino. Le autorità comunali possono prendere Disneyland come modello per la progettazione del loro parco, ma i rispettivi utenti, quelli più inventivi e forse frustrati, potrebbero formarsi un’opinione diversa: “Non è Disney!”

The collection of images on display have been taken in parks of various sizes throughout China, in which the unintentional ambiguity of a number of attractions allows visitors to interact in personalized, un-prepackaged ways, ways which insulate them from a world which is not as perfect as the entertainment space they engage with, and ways which probably run contrari to their government’s intentions of proper citizen entertainment. Municipal authorities may see Disneyland as the role model for their park design, but their frustrated, inventive users may form a different opinion:”It isnae Disney!” *isnae = Scottish slang for “isn’t”.

173


32 dicembre

FESTIVAL FUORI

174

Autore

Titolo

Nazionalità

Fabrizio Bellomo

32 dicembre

Italia

DURATA

ANNO

produzione

03’ 02’’

2011

indipendente

SINOSSI

SYNOPSIS

Una serie di video - ritratti di personaggi baresi, attivi nella vendita ambulante di fuochi artificiali. L’uso del video è inteso come strumento di dilatazione dei tempi fotografici.

175

A series of video - portraits of people from the city of Bari. The subjects are itinerant sellers of fireworks. The use of video is meant as a photographic time dilation.


CONTATTIINFORMAZIONI / CONTACTS / INFORMATION

ORARI / OPENING HOURS SEDI ESPOSITIVE APERTE DAL 20 AL 28 AGOSTO 2011 CON I SEGUENTI ORARI MATTINO: 10.30-13.00 – POMERIGGIO: 16.00-19.30 – SERA: 20.30-23.00 LE MOSTRE DI TWO POINTS CONTINUERANNO AD ESSERE VISITABILI DAL 29/08 AL 11/09 DALLE ORE 16.00 ALLE ORE 19.00 EXHIBITION SITES OPEN FROM 20th TO 28th AUGUST 2011 OPENING HOURS: MORNING: 10.30 AM - 1.00 PM – AFTERNOON: 4.00 - 7.30 PM – EVENING: 8.30 - 11.00 PM TWO POINTS EXHIBITIONS WILL BE OPEN FROM AUGUST 29th to SEPTEMBER 11th FROM 4.00 to 7.00 PM

INGRESSO PROIEZIONI / INFOPOINT / SHOP / ADMISSION TO SCREENINGS / INFOPOINT / SHOP TEATRO ELEONORA DUSE APERTO DAL 20 AL 28 AGOSTO DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 22.30 MARTEDÌ 23 E MERCOLEDÌ 24 AGOSTO IL TEATRO RIMARRÀ APERTO ANCHE DALLE ORE 11.00 ALLE ORE 12.30. OPEN FROM 20th TO 28th AUGUST, FROM 5.00 PM TO 10.30 PM TUESDAY 23rd and WEDNESDAY 24th AUGUST THE THEATRE WILL BE OPEN FROM 11.00 AM to 12.30 PM

NEGOZIO / INFOPOINT / SHOP / INFOPOINT PIAZZA GARIBALDI APERTO DAL 20 AL 28 AGOSTO DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 22.30 OPEN FROM 20th TO 28th AUGUST, FROM 10.00 AM TO 10.30 PM

AVVISI / NOTICES I FILM VENGONO PROIETTATI IN VERSIONE ORIGINALE, CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO E/O IN INGLESE. MOVIES WILL BE SCREENED IN THEIR ORIGINAL VERSION, WITH ITALIAN AND/ OR ENGLISH SUBTITLES. IL PROGRAMMA PUÒ SUBIRE VARIAZIONI. PER AGGIORNAMENTI CONSULTARE IL SITO WWW.ASOLOFILMFESTIVAL.IT THE PROGRAM IS SUBJECT TO VARIATION, UPDATES AVAILABLE ON WWW.ASOLOFILMFESTIVAL.IT. L’INGRESSO AGLI EVENTI È GRATUITO E POSSIBILE FINO AD ESAURIMENTO POSTI. FREE ADMISSION UNTIL ALL SEATS ARE FILLED.

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA / ORGANIZATION OFFICE FORESTO VECCHIO 8, ASOLO TEL. +39 0423 1995235/1955236 INFO@ASOLOFILMFESTIVAL.IT WWW.ASOLOFILMFESTIVAL.IT UFFICIO STAMPA / PRESS OFFICE UFFICIOSTAMPA@ASOLOFILMFESTIVAL.IT

176

177


STRUTTURA ORGANIZZATIVA ORGANIZATIONAL STAFF

A.I.A.F. – ASOLOINTERNATIONALARTFESTIVAL PRESIDENTE / CHAIRMAN Attilio Zamperoni SEGRETERIA ORGANIZZATIVA / ORGANIZATIONAL OFFICE Monica Aggio DIRETTIVO ARTISTICO / ARTISTIC COMMITTEE Steve Bisson, Silvia Andreatta, Matteo Gasparetto, Stefano Zara ASSISTENTE DIRETTIVO ARTISTICO / ARTISTIC COMMITTEE ASSISTANT Valeria Cusinato DIREZIONE ARTISTICA FESTIVAL FUORI / ARTISTIC DIRECTOR FESTIVAL FUORI Chen Mei - Yuan ARCHIVIO / ARCHIVE Giada Faganello, Tommaso Zarpellon UFFICIO STAMPA / PRESS OFFICE Elena Casadoro SOCIAL MEDIA COMMUNICATION Ilenia Saccà DIREZIONE AMMINISTRATIVA / ADMINISTRATIVE DIRECTOR Michela Parolin

VOLONTARI / VOLUNTEERS Lisa Costa, Edoardo Forato, Alessandra Lazzaro, Aniello Miele, Alex Tribelli, Maria Scarogni, Chiara Micol Schiona, Simone Zara.

UN RINGRAZIAMENTO SPECIALE A / VERY SPECIAL THANKS TO Asolo Costruzioni, Vincenzo Albano, Katiuscia Baggio, Loredana Baldisser, B&B Cà Leda, Ennio Bianco, Carlo Bisol, Ezio e Lele Botter, Franco Bortolazzo, Cà Cinel, Alessandro Califano, Toni Cancian, Toni e Savina Canciani, Simona Caraceni, Chiara Carinato, CIMBA, Stanley Cohen, Comune di Asolo, Comune di Trissino, Alessandro Conte, Sergio Cordibella, Arianna Corradi, Costruzioni Fratelli Dussin s.r.l., Maria Teresa De Gregorio, De Gusto, Aldo De Zen, Orietta Dissegna, Chiara Fantin, Ilaria Ferretti, Andrea Filippin, Alessandro Fossato, Massimiliano Foytik, Graziano Gambasin, Fabio Gazzabin, Sergio Gelain, Marina Geromel, Giorgio Gobbato, Stefano Gobbato, Enrico “Chicco” Grando , Mons . Giacomo Lorenzon, Magick Vision, Hotel Asolo, Vera Manolli, Anna Marcolongo, Moreno Marcolongo, Giorgio Mattioli, Michael Meredith, MOCA Taipei, Leonardo Muraro, Michele Noal, Daniele Papa, Laura Parisotto, Pasticceria Delice di Trento Stefano, Loris Pastro, Piccolo Festival della Letteratura, Giorgio Piccolotto, Decimo Polloniato, Proloco del Comune di Asolo, Promotia Consorzio d’Imprese, Giusy Ranzenigo Pozzetti, Daniele Reginato, Al Ringleb, Marc Sadler, Lucio Salogni, Mirco Santi, Maurizio Scaparro, Giancarlo Scottà, Mirko Sernagiotto, J.J. Shih, Studio Legale Fabris & Associati, Angelo Tabaro, Tappo Bar, Gianmarco Terri, Theama Teatro, Alberto Tronchin, Cristina Turchet, Ileana Vasquez, Luisa e Mario Vecchiato, Villa Vega, Luigi Viola, Luciano Zaccaria, Roberto Zarpellon, Walter Zecchin, Villa Benzi-Zecchini.

GRAFICO MERCHANDISING / MERCHANDISING GRAPHIC Riccardo Michelazzo PROGETTO GRAFICO / GRAPHIC PROJECT B&B Tesi s.r.l. TIPOGRAFIA / TIPOGRAPHY Grafiche Bastasi - Cornuda WEB DEVELOPER Interlogica INFOL s.r.l. PREMI DEL FESTIVAL / AWARDS BY Rosso Gioielleria - Asolo TRADUTTORI / TRANSLATORS Giulia Cusinato, Adriana Putton, Kit Sutherland

178

179


notes 180

181


Stampato in Agosto 2011 da : Grafiche Bastasi s.n.c - Cornuda (TV)

182



Catalogo AIAF 2011