Corrado Malanga - La geometria sacra in Evideon

Page 1



lanterne 11



Corrado Malanga

LA GEOMETRIA SACRA IN EVIDEON

SPAZIO INTERIORE


Corrado Malanga La geometria sacra in Evideon © 2015 Corrado Malanga © 2015 Spazio Interiore Tutti i diritti riservati Edizioni Spazio Interiore Via Vincenzo Coronelli 46 • 00176 Roma Tel. 06.90160288 www.spaziointeriore.com info@spaziointeriore.com editing Maura Gancitano illustrazione in copertina Satvat I edizione: ottobre 2015 ISBN 88-97864-72-1 finito di stampare nell'ottobre 2015 presso CSR Centro Stampa e Riproduzione, Roma

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, archiviata o trasmessa in qualsiasi forma o attraverso qualunque mezzo, inclusi quelli elettronici, meccanici, di fotocopiatura o di registrazione, senza l’autorizzazione dell’editore.


INDICE

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

7

Capitolo 1

geometria sacra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

11

Capitolo 2

chakra e triade color test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15

Capitolo 3

le ragioni del mito della coscienza gemella . . . . . .

73

Capitolo 4

i teoremi di gödel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

81

Capitolo 5

realtà dell’universo di evideon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

85

Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

93



INTRODUZIONE

In alcuni lavori precedenti ho dimostrato come l’Universo intero possa essere descritto da un sistema di assi cartesiani ortogonali fra loro – che rappresentano lo spazio, il tempo e l’energia potenziale – caratterizzati da regole di simmetria descrivibili sulla base dei colori fondamentali e di quelli complementari. Tale raffigurazione mi ha portato a descrivere l’Universo come un unico oggetto simmetrico – detto Evideon – in grado di rappresentare il Nulla e il Tutto (Coscienza Primordiale) che, attraverso operatori geometrici quali la traslazione, la rotazione e il cambiamento di dimensioni, crea tutti gli oggetti dell’Universo virtuale, cioè dell’Universo modificabile. Le correlazioni stabilite in quella sede hanno messo in luce come nel modello di Evideon siano comprese le strutture base delle particelle subatomiche e le informazioni sugli operatori base della matematica (addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione). Sono compresi nel modello anche i principali valori di alcune costanti geometriche universali come la velocità della luce, in unità di massa atomica, π e la sezione aurea, tra loro efficacemente correlati. I valori assegnati a queste costanti andrebbero calcolati sulla base di nove numeri che rappresentano nove oggetti base che, a

7


loro volta, rappresentano altrettanti vettori, cui è stato assegnato il valore dei primi nove numeri (dall’1 al 9, escludendo lo 0). Utilizzando tali valori sono state ricavate le potenziali frequenze legate ad Anima, Mente e Spirito. Ho altresì verificato l’esistenza di forti analogie tra questi valori e le frequenze calcolate grazie agli studi sul bioritmo. Ne avevo concluso che il sistema di assi che descriveva l’Evideon fosse del tutto generale e si potesse utilizzare per spiegare qualsiasi aspetto della vita virtuale quotidiana. Ho dunque pensato di approfondire la ricerca su tale paradigma e di estenderla alla dimensione del mito, della fisica moderna e della psiche.

8




Capitolo 1

GEOMETRIA SACRA

Per geometria sacra si intende erroneamente, e in modo decisamente restrittivo, la tecnica attraverso cui sono stati costruiti – in tutti i tempi e i luoghi del mondo – i luoghi di culto. Sembra infatti che esistano canoni, valori e simmetrie particolari che vengono regolarmente utilizzati nella costruzione degli edifici sacri, a prescindere dalla religione a cui sono legati. In realtà, la geometria sacra rappresenta una serie di forme – e di conseguenza di numeri rappresentativi – che descrivono archetipicamente l’Universo virtuale. Si tratterebbe, quindi, di quell’insieme di costanti derivanti da simbolismi di natura archetipica, e dunque primordiale, che ognuno di noi avrebbe inconsciamente dentro di sé. Nel corso della storia del pianeta, infatti, tali conoscenze inconsce hanno prodotto una serie di opere d’arte caratterizzate sempre dagli stessi contenuti ideico-simbolici: le stesse misure, le stesse forme, gli stessi movimenti e gli stessi fonemi si ritroverebbero ovunque, e con lo stesso significato archetipico, in tutte le culture del pianeta.

11


Se i generatori di queste geometrie e architetture – sia nella fisica sia nella metafisica – sono gli archetipi, ciò significa, ancora una volta, che questi simboli sono dentro di noi e non fuori. Di conseguenza, non saremmo solo i custodi di tali strutture, ma i reali creatori dell’Universo virtuale, che quindi si manifesta sempre con le stesse forme, in modo frattalico, archetipico, simbolico e ideico. Se l’origine dell’archetipo fondamentale è nell’Evideon, esso deve contenere tutti gli archetipi e tutti i significati simbolici che possiamo trovare nell’Universo. In esso, quindi, deve esistere la radice del Tutto, ed Evideon deve rappresentare un modello generale in grado di spiegare qualsiasi aspetto dell’Universo.

12




figura 1

figura 2 Chakra

Raggi Corona

Fronte Gola Cuore Ombelico Sacrale Radice

Violetto Indaco Blu Verde Giallo Arancio Rosso

97