Andrea Zurlini - Il Maestro nel Cuore

Page 1



26 nonordinari



Andrea Zurlini

IL MAESTRO NEL CUORE Evolvere nella Luce e nell’Amore dell’Anima

SPAZIO INTERIORE


Andrea Zurlini Il Maestro nel Cuore editing Elisa Picozza © 2018 Andrea Zurlini © 2018 Spazio Interiore Tutti i diritti riservati Edizioni Spazio Interiore Via Gabrino Fondulo, 59 • 00176 Roma www.spaziointeriore.com redazione@spaziointeriore.com copertina La riapparizione del Cristo – Angeli Solari progetto grafico Francesco Pandolfi I edizione: febbraio 2018 ISBN 978-88-94906-12-7


Indice

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 La Missione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 I BASI TEORICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 Il Sé Divino • Il Regno Umano • L’Individualizzazione • Colei che attende • E le origini? • La valle della dimenticanza • Il libero arbitrio • Aiuti da Venere • La Gerarchia Spirituale • Anima - Mente - Cervello • La Personalità • Integrazione della personalità • L’Influenza dell’Anima sulla personalità • Ogni Vita un tassello • Concepimento spirituale • Tipologie di karma • Riassunto karmico • Cos’è l’Anima? • I Piani e i Corpi • Mentale Inferiore e Superiore • Il Filo della Coscienza • Il Guardiano della Soglia • Un nemico antico • Egoismo • La Presenza Splendente

II TECNOLOGIE SPIRITUALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103 L’Infusione • Scegliere • Collegamento con L’Anima • Animici o Reattivi? • L’Innocuità • L’Adattamento • Trasformazione spirituale • Ricompensa • Non essere Anima • Essere Anima • La trasformazione del Sesso • Anime Gemelle • Il conto corrente divino • L’Energia Aurea • Domanda e Offerta • Chi è il Nemico? • La Croce di Vita • Contatto col Maestro • In conclusione


Appendice I

Invocazioni ed Evocazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177 Appendice II

Meditazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187 Appendice III

Benedizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192 Ringraziamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195 Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197


Buddha disse: «Che non dobbiamo credere in qualcosa soltanto perché è stato detto; né alle tradizioni in quanto ci sono state tramandate dall’antichità; né alle dicerie come tali; né agli scritti dei Saggi, solo perché questi ne sono gli autori; né a fantasie che pensiamo potrebbero esserci state ispirate da un Deva (cioè in uno stato di presunta ispirazione spirituale), né in deduzioni tratte da qualche nostra accidentale ipotesi; né in virtù di ciò che appare una necessaria conseguenza logica; né nella sola autorità dei nostri istruttori o maestri. Ma dobbiamo credere soltanto quando lo scritto, la dottrina o sentenza è confermata dalla nostra ragione e dalla nostra coscienza. Per questo» ha detto il Signore Buddha concludendo «io vi ho insegnato a non credere semplicemente perché avete udito; ma quando credete secondo la vostra coscienza, vi ho insegnato ad agire allora di conseguenza e generosamente». Helena P. Blavatsky



«Tutto ciò che un discepolo o un aspirante deve fare nei confronti dei suoi simili è stimolare la luce che è in loro, lasciandoli liberi di procedere nella loro luce e a loro modo sul Sentiero». Alice A. Bailey

Le parole di questo libro, come un balsamo di Bellezza e Saggezza, sono in grado di generare frequenti “salti di coscienza”. All’inizio certe informazioni non si comprenderanno razionalmente, dunque lasciatele agire nel lato “destro” del vostro cervello. Esse poi avranno la funzione di rassicurare il Cuore, infondere Forza allo Spirito, Illuminare la Mente e portare Chiarezza nella Visione. Abbiatene Cura, usatele con Metodo, coglietene l’Ispirazione. Con Gioia e Spirito di Servizio, diffondetene il Messaggio.

«Disse il Cristo: “Se rimanete nella mia parola, siete realmente miei discepoli, e conoscerete la verità, e la verità vi renderà liberi”». Gv 8:31, 32



Dedicato alla mia compagna Federica, che con grande spirito d’iniziativa, immenso amore e coraggio spirituale, costruisce e vivifica nella fusione di coppia la Luce ineguagliabile delle nostre Anime intrecciate.


Il volto del Maestro1

1. Ispirazione sul volto del Cristo, disegno di Andrea Zurlini.

12


Premessa

Nel dar vita a questo libro magico – poiché non vi è esperienza che renda più magica la vita di quella che conduce a un rapporto intimo con l’Anima – le sensazioni che provo possono essere descritte solo poeticamente. A tal proposito trovo idonee le parole di Salvatore Quasimodo quando scrisse: «Ho tutta l’Anima incrinata di brividi di stelle». Eppure, come se fosse un dolcissimo paradosso soggettivo, mi considero assolutamente impreparato e incompetente nei confronti di tutti quei grandi iniziati, santi, mistici di ogni tempo, occultisti e grandi discepoli che con la loro volontà spirituale, le più alte aspirazioni e un amore infinito per l’umanità, hanno diffuso gli insegnamenti della Saggezza Eterna, rendendoli comprensibili e disponibili a tutti. C’è chi afferma con sicurezza che è già stato scritto tutto. Non vi è nulla da aggiungere. L’uomo ha già tutte le conoscenze disponibili. L’Insegnamento Spirituale Eterno è rivelato ed è a portata di mano. E io sono in totale accordo con quest’affermazione. Sono convinto che la differenza tra gli insegnanti e i divulgatori, del presente e del passato, consista soprattutto nell’intensità con cui vivono ciò che diffondono e nell’originalità con cui riversano le loro conoscenze agli altri. Ed è altrettanto vero che nessun uomo può presumere di possedere egli solo tutta la conoscenza spirituale. La stessa Ma-

13


dame Blavatsky, nell’introdurre La Dottrina Segreta,2 il suo capolavoro di occultismo e scienza spirituale, riporta le parole di Montaigne: «Signori, ho qui con me un mazzolino di fiori di campo al quale nulla di mio ho aggiunto, a parte il nastro che li tiene legati». Quel “prezioso nastro” di cui parla il filosofo Montaigne è la capacità di sintesi che deve avere l’uomo moderno che si accosta alle discipline esoteriche. Siamo stanchi di dividerci, di combatterci e di ritenerci diversi per il modo con cui percorriamo il Sentiero Spirituale e per la diversità delle parole che utilizziamo nell’intenderci. Così come ho scritto in Alchimisti della Nuova Generazione. Evolvere nella Gioia,3 dobbiamo ricordare sempre che tutte le strade conducono alla cima della Montagna Sacra (l’Iniziazione). Con l’intento preciso che – in questo testo – le mie parole, le espressioni e la capacità di “trasmissione” della conoscenza siano un fuoco che illumina, mi rivolgerò al lettore parlando direttamente a lui, escludendo me stesso dal flusso del discorso. Questa scelta non ha minimamente a che fare con la mia presunta superiorità o autorità in merito, ma si rivela un escamotage molto utile quando vi è la necessità di trasmettere concetti importanti. Citando direttamente Madre Teresa: «Sono come una piccola matita nelle Sue mani, nient’altro. È Lui che pensa. È Lui che scrive. La matita non ha nulla a che fare con tutto questo. La matita deve solo poter essere usata».

2. H.P. Blavatsky, La Dottrina Segreta, 8 voll., Teosofiche Italiane 20032010. 3. A. Zurlini, Alchimisti della Nuova Generazione. Evolvere nella Gioia, Anima 2014.

14


Certi insegnamenti, così come alcune verità espresse da un libro, sono una Saggezza Spirituale pura e coerente solo se, approfondendola, vi troverete a esclamare (sia dentro che fuori di voi): «Fantastico! Io lo sapevo già. Ho sempre percepito queste verità dentro di me, da qualche parte. Solo che non riuscivo a esprimerle chiaramente». Se, leggendo questo libro, non vi capiterà nemmeno una volta un’esclamazione del genere, lasciatelo andare! La Verità che esprime Amore e Saggezza è un’Eco nel Cuore. Cercate quella vibrazione interiore.


La Missione «Si dice che l’Umanità stessa debba farsi salvatore del Mondo. Pensate alle implicazioni di ciò! L’Umanità deve salvare se stessa! L’Umanità deve scegliere di manifestare la sua completezza, il suo essere gruppo, prima di poter salvare il mondo». Frances Adam Moore

Vi viene chiesto di inaugurare una Nuova Età dell’Oro che durerà circa ventiseimila anni. Per adempiere a questo prezioso compito dovete puntare in direzione del vero obiettivo spirituale della vostra vita (e di tutte le vostre incarnazioni): il ricordo della vostra essenza divina e immortale, la magia e il miracolo contenuti nel vostro Potere di plasmare la materia e spiritualizzarla, elevarla e trasformarla positivamente. Non siete “polvere che tornerà alla polvere” ma Luce che, guardandosi allo specchio, vedrà la sua stessa Luce e, ricordandosi di sé, in quella Luce, inizierà a irradiare Luce. L’uomo è ansioso di risolvere tutti i suoi problemi attraverso nuove scoperte tecnologiche. Eppure, senza la qualità dell’amore, ogni scoperta e comodità in più finisce per impoverirlo spiritualmente. Occorre un cambio di paradigma.

16


Non dovete trovare una cura alla vecchiaia e alla morte, ma iniziare a viverle in modo completamente nuovo: invecchiare nella Gioia, lasciare il corpo in modo consapevole, in salute e in totale coscienza e partecipazione! Non dovete fermare i pazzi che deforestano il mondo combattendoli, ma iniziare a piantare alberi, parlare con gli alberi, dialogare con gli spiriti di natura, le nubi, i mari e l’intero cielo azzurro; collaborare con tutte le forme di vita su questo pianeta per creare armonia ed equilibrio. Non dovete investire miliardi nelle ricerche farmacologiche per le cure alle malattie degenerative o autoimmuni, ma guarire il problema che è alla base della vostra stessa malattia e sofferenza. Le scuole devono insegnare già ai bambini che cosa vuol dire amare se stessi e il prossimo; come interpretare il messaggio simbolico che è dietro a ogni patologia o malattia; come intervenire positivamente e trasformare gli antichi traumi epigenetici della famiglia d’origine. Dovete investire nella capacità di comprensione che la malattia è un messaggio dell’Anima sincronico, che abbraccia più vite contemporaneamente e vi dà l’occasione di guarire davvero. Tutti possono guarire, da ogni cosa, se davvero credono nella Luce divina che è riposta nel loro Cuore. La tecnologia medica e chirurgica, seppur efficace in casi di emergenza e in grado di salvare prontamente un corpo fisico molto danneggiato, è solo uno strumento e un supporto alla vera Guarigione. Non potrà mai esserne la causa. Non dovete distruggere paesi e città, combattendo il terrorismo con leggi e restrizioni pesanti, reazioni che causano ulteriore odio e fanatismo. Non dovete fare la guerra per portare una pace che non durerà. Com’è possibile costruire una Pace fondata sulla distruzione e sulle atrocità delle bombe e dei missili? Dovete sradicare il Male che è nel vostro cuore, senza più puntare il dito all’esterno. Dovete unire le forze per costruire oasi e colonie di pace,

17


dove regnano la collaborazione, la creatività, l’amore, la bellezza, la gioia di vivere... Dovete risanare attraverso una meditazione attiva questo mondo, cioè curando il vostro rapporto intimo e diretto con il Dio che vi abita, nella meditazione soggettiva, per poi mettervi all’opera con le vostre forze, sviluppando i vostri talenti individuali e mettendo a disposizione il vostro Potere in modo che si unisca a quello degli altri che incontrate sul Sentiero di Luce, così da creare una grande forma-pensiero e una grande Forza Collettiva che evolva e ricostruisca l’umanità partendo dai valori etici principali e fondamentali. Dovete lavorare su voi stessi allo stesso modo in cui si lavora una pietra, un dipinto, un vaso o un orto, come artefici principali del vostro lavoro alchemico di trasformazione soggettiva. E poi dovete unire le vostre forze, i vostri colori, le sfumature, i talenti, le straordinarie unicità che vi contraddistinguono, e formare una grande Forza di Gruppo che evolve e spiritualizza la materia. Intendendo con spirituale tutto ciò che può portare miglioramento e innovazione positiva in ogni settore della vita materiale e quotidiana. Siete chiamati a una Grande Missione di Luce: è il suono di un richiamo antico e nuovo che vi vede protagonisti di un’alchimia collettiva e non più isolata. Sul baratro della fine di una vecchia umanità, dominata da valori materialistici e autodistruttivi, non avete ancora il mondo nuovo in cui vivere e prosperare, poiché prima dovete costruirlo creativamente e magicamente dentro di voi. Siete su quella corda tesa tra un Piano di Coscienza e l’altro, sospesi su un precipizio evolutivo. La camminata è graduale e lenta, ma non ci si può fermare, altrimenti si perde l’equilibrio. L’oscillazione è necessaria, ma non dev’essere guidata da un fremito di paura, piuttosto dalla volontà di creare un atto di Trasformazione e Bellezza. Avanti allora, uniti da questa Volontà e dall’Energia della Bellezza!

18


Dalla Terra al Cielo Vi viene chiesto, nella fase di transizione verso la Nuova Era, di riportare la sacralità nella vostra vita quotidiana. Non è possibile vivere un autentico cambio di paradigma e una trasformazione totale se questa richiesta non viene soddisfatta. La sacralità è l’antidoto perfetto per l’abbuffata di materialismo che avete vissuto nelle ultime migliaia di anni. Ma non bisogna confondere la sacralità con la “religiosità”. Non avete bisogno di un nuovo credo, di una nuova religione e neanche di rafforzare le qualità di fede e devozionalità verso una religione che oramai non fa più presa nel vostro cuore e nella vostra mente. La sacralità è l’arte di fare sacre tutte le cose, a partire dal rito del vostro caffè (o tè o estratto di frutta, in base al vostro stile di vita) mattutino, il risveglio dal letto, il rapporto con il partner, i pensieri che fate e le parole che dite per dare vita a un nuovo giorno. Il modo di rapportarvi con il vostro lavoro, i colleghi, i clienti e tutte le persone che fanno parte della vostra vita. Vi hanno convinti, nel corso degli ultimi secoli, che la spiritualità è scissa e separata dalla materia; che le due realtà sono inconciliabili. Vi hanno detto che lo Spirito è realizzabile solo privandosi della materia. Invece è proprio nella quotidianità che avete il Tempio più adeguato e più consono per mettere in atto e in pratica la Magia e il Potere che giacciono silenti nel vostro Cuore in attesa di essere risvegliati. Ritrovare la conoscenza e la saggezza per poi applicarle, con la forza dell’Amore e dell’Intelligenza, nel vostro modo di vivere e nella vita di chi amate, restando qui, proprio dove siete, proprio dove la Vita e l’Anima vi hanno messi per compiere la vostra missione evolutiva. Vi viene chiesto di andare oltre quel velo d’ignoranza che vi portate dietro da tempo... Siete tutti un po’ acciaccati da millenni di ignoranza spirituale e forte dualismo tra spirito e materia. Avete dimen-

19


ticato la vostra vera identità, siete sprofondati gradualmente nell’identificazione più totale nei valori più bassi e grossolani dell’esperienza umana materiale. Appetiti, desideri, istinti, reazioni automatiche, emotività esagerata, malattia, involuzione, depravazione... C’è una cura per queste patologie evolutive? Sì, certamente: mettersi al Servizio dell’Anima, nell’azione quotidiana, sradicando i semi della dualità, del materialismo, della negatività e dello scetticismo sepolti nel vostro inconscio. Operare con cura un graduale riorientamento delle vostre forze e della volontà divina di cui siete compartecipi ogni momento. Venite allarmati ogni santo giorno dagli strumenti mediatici di disinformazione, che risucchiano quella fecondità spirituale che vi permetterebbe di portare armonia, consapevolezza, bellezza e sacralità nelle vostre giornate. Viene alimentata la grande eggregora della “paura della morte” e come conseguenza di ciò vi identificate ancora di più nel vostro corpo fisico, quello più denso, grossolano e che reagisce solo agli effetti prodotti sugli altri vostri corpi sottili. E così vi allontanate sempre di più dalla verità che la morte – intesa come fine della vostra vita – è una grande illusione! Voi non siete questo veicolo fisico, l’Anima non vive dentro questa prigione materiale e non è racchiusa da un corpo cui siete attaccati morbosamente. L’Anima è già libera di muoversi nell’Eterno Presente e non è succube del dolore che causate a voi stessi e agli altri lungo le vostre incarnazioni. L’Anima è un Maestro d’Amore e Pazienza che non è identificato nella vostra illusoria identità passeggera (personalità, nome e cognome, lavoro, famiglia, karma, ecc.). Ella vi attende al di là del confine delle vostre stesse paure di perdere il vostro “piccolo io” per andare verso il “Grande io”, l’essenza eterna che davvero siete.

20


Uno degli atti più sacri da fare quotidianamente è ricordarsi di questa verità essenziale. Siete Pure Essenze Divine che si sono involute al punto di voler fare un’esperienza nella materia più densa e dimenticarsi, per interi eoni, della loro origine divina. Dallo stadio materiale più basso e denso, dal Regno Minerale, vi siete evoluti grazie a Forze Divine sempre operanti negli universi, e grazie al Magico Potere dell’Anima avete creato un apparato e un veicolo di risposta senziente e intelligente (Regno Umano) che deve lavorare affinché ricordi la sua origine divina e operi un’inversione di rotta. Dalla Terra, adesso, dovete puntare al cielo. Non in senso materiale, ma in senso simbolico e metaforico. La vostra ricerca non dev’essere più quella di soddisfare gli appetiti materiali, carnali e involutivi che avete già tutti sperimentati nel corso di interi cicli di esistenze terrene. Non dovete ricercare la chirurgia estetica, la criogenizzazione, altri pianeti da colonizzare (e inquinare) o le cure farmaceutiche a malattie degenerative e sempre più feroci, ma dovete agire in senso positivo verso la causa di questo grande problema. La causa è la “rotta sbagliata” che avete inserito nel navigatore interiore. Cambiatela con la Forza di Volontà che avete, l’entusiasmo, l’energia dell’Amore e dell’Intelligenza per mettervi all’opera. Iniziate ad abituarvi a ricordare che cosa siete davvero e mettetevi in ascolto sincronico dei messaggi dell’Anima (incontri, libri, video, numeri, messaggi, sogni, intuizioni): cambiate la vostra in vita in modo positivo. Respingete ogni giorno con forza le vostre reazioni automatiche e mettete in esse la Luce necessaria per trasmutarle. Tutti gli acciacchi del passato ruotano attorno all’ignoranza sulla vostra vera identità spirituale. Quello che siete è qualcosa di unico e meraviglioso, talmente speciale che le Forze Involutive devono inventarsi di tutto, ogni giorno, per farvelo dimenticare (irrorazioni aeree, vaccini, leggi restrittive, crisi economiche, pesticidi, ecc.) perché quello di cui hanno più paura è che voi, un

21


bel giorno, inizierete inesorabilmente a ricordare e a risvegliarvi da questo sonno. E inizierete ad avere memorie precise della vostra Luce, del vostro Potere e dell’Amore di cui siete capaci. Che si preparino allora, perché di paura, questi signori oscuri, ne avranno sempre di più. Il vostro momento è arrivato...

A cavallo tra problemi e identificazioni L’Umanità vuole liberarsi dalle lunghe e vecchie catene che la tengono prigioniera di un’identità illusoria. Le Anime degli Uomini e l’Anima dell’Umanità sono in procinto di intensificare questo lavoro di illuminazione della materia, della personalità o dell’Ego (come lo chiamano gli psicologi). Siete voi, con la vostra voce interiore, attraverso la forza delle vostre credenze e convinzioni, che date valore e consistenza ai fatti della vostra vita. Vi riconoscete come corpi di una certa età anagrafica che saranno soggetti a inevitabile deperimento e morte, oppure siete quel principio che dà la vita a questa falsa personalità? È l’occhio che crea la vostra capacità di vedere le cose, oppure l’occhio è lo strumento attraverso il quale l’Essenza che siete guarda il mondo e cerca di comprenderlo? È il vostro orecchio a generare l’ascolto e il sentire, oppure siete voi che, attraverso l’orecchio, utilizzate questo senso per raccogliere esperienza di voi stessi, degli altri e del mondo? Sentite il bisogno evolutivo terrestre che vi conduce a cercare sicurezza: una casa, un lavoro, una famiglia, una stabilità, ecc. Perché rimanere intrappolati in un bisogno che è soltanto uno tra i tanti? Chi vi ha convinti che siete soltanto questo? Nascere, crescere, riprodursi e morire: questa è la linea evolutiva animale, non umana. E per di più è anche errata! Manca la parola “evolvere”. Perché gli animali, proprio come ogni forma di vita, in ogni loro

22


incarnazione accumulano un pezzetto di esperienza in più sul pianeta ed evolvono, cioè percorrono un tragitto ascendente nella voluta della spirale evolutiva. C’è chi arriva ad ammalarsi e morire per avere uno stipendio, e chi finanzia guerre mondiali per difendere il suo patrimonio. Chi vive per i figli e la famiglia, e chi non riesce a vivere perché una famiglia non è riuscito ad averla. Ma non gira tutto intorno a questo. È da questa prigione psichica che dovete uscire. Create continuamente modelli familiari che ripetono gli errori e i conflitti di quelli precedenti, siete irretiti e condizionati dall’inconsapevolezza dei vostri avi, ereditate malattie e traumi mentali, genetici ed epigenetici. Vi fate carico del pesante karma dei familiari e non sapete fare i conti col vostro karma individuale. Comportandovi in questo modo siete vittime e schiavi di un sistema di potere e sfruttamento creato da Forze Involutive che siete i primi ad alimentare. In sostanza, vi schiavizziate da soli! Coloro che adesso comandano nel mondo (ovvero coloro che il pianeta lo sfruttano e lo depredano) hanno paura di voi, temono l’umanità nel suo complesso, sono molto preoccupati e stressati dall’ansia di controllo, organizzazione e gestione di tutto il Potere e la Luce che rappresentate (ma che non sapete riconoscere ed esercitare). Essi hanno paura che l’uomo – prima soggettivamente e poi collettivamente – riconosca la straordinarietà del suo essere unico e irripetibile, che riconosca la Luce divina che abita in quella Coscienza. Paura che l’uomo si riappropri del potere creativo di generare la sua vita partendo dal suo Pensiero, e che questa condizione produca libertà, emancipazione, colore, creatività, diversità, complessità, non-conformazione, amore e condivisione, soluzioni facili a problemi difficili... Riassumendo, hanno paura della vostra Natura Interiore e della Natura in generale (il Verde) che c’è su questo meraviglioso pianeta. La Bellezza è armonia dei colori, dei rapporti, delle

23


forme, dei numeri, delle linee, dell’espressione, delle sfumature. La Bellezza è l’Armonia che si genera unendo le cose diverse che si completano. Voi siete questa Bellezza che vuole fiorire in tutto il suo Potere, che minaccia la stabilità di un sistema di valori e di controllo fondato sull’omologazione, sull’oppressione, sul timore della Gioia. Tale organismo di dolore sta per crollare, è questa la buona notizia; ma questo fatto non deve rassicurarvi troppo, deve piuttosto spingervi all’azione dinamica e positiva nell’incoraggiare la costruzione del Nuovo con estrema fiducia. Servono sempre di più uomini, donne, ragazzi e ragazze di tutto il mondo, con la buona volontà di mettersi al Servizio di un Piano di Amore e di Luce grande quanto la terra stessa. A volte, per far emergere questa buona volontà di cambiamento e innovazione occorrono terremoti. Scosse fisiche, emotive e mentali che fanno tremare le solide ma artificiali sicurezze sopra le quali la coscienza individuale si sta addormentando. Il terremoto (sia quello comunemente definito così, sia ogni avvenimento che vi destabilizza profondamente) vi smuove dall’inerzia materiale e vi mantiene “svegli” e attivi, adattabili e in mutamento, pronti all’azione coraggiosa. Quando questa risposta al terremoto non si verifica, c’è sempre un problema. Se rimuginate nella paura, nel lamento e nel vittimismo, vuol dire che non state affrontando la cosa dalla giusta prospettiva. Se riuscite a capirlo e a invertire il modello comportamentale, vi state davvero facendo un favore enorme. Per questo motivo dovete emergere da tutte le identificazioni errate a cui siete stati assoggettati. Fate una cernita dalle maschere che state indossando e iniziate a considerarle per quello che sono: ruoli, che svolgete ma che non sono in grado di dirvi chi siete veramente. Fate un esame giusto e corretto dei problemi che credete di

24


avere e di cui vi lamentate continuamente e iniziate a considerarli quello che sono: sentieri, che indicano la strada della vostra evoluzione e vi indirizzano nel lavoro di autoguarigione e conoscenza di voi stessi. Imparate a vivere a cavallo tra identificazioni e problemi, sfruttandoli per utilizzare questo prezioso materiale nel vostro lavoro alchemico. Vivete non più succubi e stressati, stanchi del peso delle responsabilità e del vostro pensiero negativo e lamentoso, ma consapevoli della missione che avete. Una singola candela accesa può accenderne tante altre. E queste altre, a loro volta, potranno fare altrettanto. Emergete dal modello della mosca impazzita che sbatte continuamente contro la finestra chiusa cercando l’uscita. Non è quella la direzione, non è quella la strada, non è quella la vita. In questo modo riuscirete a comprendere che se una chiave non apre una serratura, è inutile continuare a provarci, rischiereste di buttare via del tempo prezioso. C’è una nuova chiave da cercare e utilizzare... Il tempo di rimanere aggrappati ai vostri complessi di inferiorità e sensi di auto-svalutazione sta giungendo al termine. Occorrono impavidi guerrieri disposti a lasciar brillare la Luce silente dei loro cuori che attende la manifestazione. Fate in modo di diffondere questa chiamata, utilizzate i canali a vostra disposizione, condividete il vostro sentire. Solo le prove della vita superate con successo, cioè quelle che sfidano le vostre più grandi paure, sono in grado di mostrarvi in maniera autentica la Luce, l’Amore e tutto il Potere che è in voi.

25