Issuu on Google+

INFO Opening in winter 10AM - 6PM, in summer 10AM - 7PM Monday closed Tel. 0575/354126 casamuseobruschi@gmail.com www.fondazionebruschi.it TICKET € 5,00 € 3,00 Under 18, Senior (over 65), students, FAI members, groups with more than 15 people. € 1,00 with ticket of Piero della Francesca’s frescos “La leggenda della vera croce” Free Under 6, Teachers (if they come with a classroom), tour guide, disabled people and their assistants, Touring Club member APPOINTMENTS Special evenings Thursday, 11th july, from 21.00 to 24.00: Notte dell’Archeologia. Free entrance. Thursday, 25th july, from 21.00 to 24.00: Notte Rosa. Free entrance. Tuesday, 6th august, from 21.00 to 23.00: Aspettando calici di stelle. Spirit of art Friday, 18th october and Friday, 8th november, 21.00: vintage tasting evenings curated by “le Carovaniere”. Sunday, 28th july, 21.15: concert Anonima Frottolisti – inside the Festival delle musiche. Educational visit with creative workshops Appointments for families: saturday, 27th july; saturday, 24th august; saturday, 28th september; saturday, 26th october; from15.00, by appointment. Schools and associations: everyday by appointment.

From the Macchiaioli to the 20th century Works from the Olschki collection The result of an enduring passion for 19th and 20th century Tuscan art, the Olschki family collection allows you to retrace the figurative history which, beginning with the genre style of painting developed during the Restoration years, documents the fundamental experience of the Macchiaioli and their naturalist results having come into contact with contemporary French art up until the emergence of divisionism that would lead, also in Tuscany, to the experimentalism of the 20th century avant-garde. The selection of paintings exhibited here formed part of a larger collection that developed over time within the family: the original core stemmed from the friendship between Giovanni Del Greco and Giovanni Fattori who dedicated some of his commemorative Risorgimento paintings to his doctor and Garibaldian friend. Expanded by his son-inlaw Alessandro Roster, the collection was further developed by Alessandro’s daughters, Renata and Rita, who married Rapisardi and Olschki respectively. It is to this latter branch of the family, internationally renowned for the excellence of the publishing business that took Olschki’s name, that we wanted to dedicate the first exhibition of the ‘The Houses of life’ series, a project that will present the public with art collections related to the culture and taste of well-known figures, but also less familiar names, of early and more recent Italian history. Thanks also to a series of high-quality photographs, for this first exhibition we are in the rooms of the collections and the places – from Florence to the island of Elba – that inspired some of the work of, among others, Giuseppe Moricci, Giovanni Si-

gnorini, Lorenzo Gelati, Giuseppe Abbati, Odoardo Borrani, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Eugenio Cecconi, Luigi Gioli, Llewellyn Lloyd, Plinio Nomellini, and which constituted the setting for the daily activities of the Olschki’s and those who, by their side, enjoyed seasons of unparalleled creativity. OLSCHKI, FOUR GENERATIONS OF COLLECTORS AND BOOK LOVERS The single common denominator that unites the family’s artistic passion with its love for books is a heartfelt desire to rediscover the balance of 16th century texts and prints and reproduce them in modern editions. This is the path that was laid down by the founder of the publishing house, Leo S. Olschki, and faithfully followed since 1886 by the four generations that have sat at the helm. During the course of the company’s long history, during which the difficult periods of the two world wars and the imposition of racial laws alternated with the tranquil parentheses of holidays in Elba, when the memories of the exiles, the losses and the rubble left behind faded, each time leaving them with renewed hope and the strength to continue along their path. While the trying moments influenced and profoundly impacted the activities of the publishing house, more carefree times are evidenced by the subjects of the Macchiaioli painters, the friendship with Lloyd and his visits to Elba. His paintings, the final additions to the collection, depict the quest of the generation that experienced the devastation of the Second World War to rediscover the tranquillity that was stolen from them.

Dai macchiaioli al Novecento Opere dalla collezione Olschki

Conference Saturday, 5th october, 17.30: Dott. Carlo Sisi “Tuscany’s light. Artists between XIX and XX century”. Tuesday, 15th october, 17.30: Dott. Daniele Olschki “Olschki, four generations between collecting and ‘amor di libro’”.

5 luglio - 10 novembre 2013 Casa Museo di Ivan Bruschi Corso Italia, 14 - Arezzo

Unless specified, appointments are with entrance fee.

Cesare Ciani, Ragazzo sull’aia.

Gaetano Spinelli, Donne al lavoro.

Leo S. Olschki


Dai Macchiaioli al Novecento Opere dalla collezione Olschki

Odoardo Borrani, Vecchia Firenze.

Vito D’Ancona, Donna mulatta.

Frutto di una costante passione per l’arte toscana fra Otto e Novecento, la collezione della famiglia Olschki consente di ripercorrere le vicende figurative che, muovendo dalla pittura di genere coltivata negli anni della Restaurazione, documentano la fondamentale esperienza dei Macchiaioli e i suoi esiti naturalisti maturati a contatto con la contemporanea arte francese, sino alla svolta divisionista che avrebbe anticipato, anche in Toscana, lo sperimentalismo delle avanguardie novecentesche. La selezione dei dipinti esposti in questa mostra faceva parte di una più ampia raccolta formatasi nel tempo in seno ad una vera e propria saga familiare: il nucleo originario si deve infatti alla consuetudine di Giovanni Del Greco con Giovanni Fattori che dedicherà all’amico, medico e garibaldino, alcuni quadri celebrativi delle sue imprese risorgimentali. Ampliata dal genero Alessandro Roster, la collezione verrà incrementata dalle figlie di lui, Renata e Rita, maritate rispettivamente Rapisardi e Olschki.

Eugenio Cecconi, Ragazzo sull’aia.

Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Eugenio Cecconi, Luigi Gioli, Llewelyn Lloyd, Plinio Nomellini e che costituirono lo scenario stesso delle vicende quotidiane degli Olschki e di coloro che accanto ad essi vissero stagioni irripetibili di feconda creatività.

OLSCHKI, QUATTRO GENERAZIONI TRA COLLEZIONISMO E ‘AMOR DI LIBRO’ È un unico percorso quello che unisce le passioni artistiche della famiglia all’amore per il libro, sempre coniugato nella sentita esigenza di ritrovare l’equilibrio dei testi e della stampa cinquecentesca, per riproporla nelle moderne edizioni. Questa è la strada tracciata dal fondatore, Leo S. Olschki, fin dal 1886 e a tutt’oggi seguita, senza soluzione di continuità, dalle quattro generazioni che si sono avvicendate alla guida della Casa Editrice. In questa lunga pagina di storia si alternano i difficili passaggi delle due guerre mondiali e delle leggi razziali, con le pacate parentesi delle vacanze elbane, durante le quali si stemperano gli echi degli esili subiti, delle perdite e delle macerie lasciate alle spalle, per ritrovare ogni volta la speranza e la forza di riprendere il percorso. Se i passaggi difficili si legano e incidono profondamente nell’attività della Casa Editrice, i momenti sereni s’identificano con i soggetti della pittura dei Macchiaioli, con l’amicizia e le frequentazioni elbane di Lloyd. Nei suoi dipinti, che chiudono le acquisizioni della collezione, si ritrova la ricerca della serenità perduta della generazione che ha vissuto le devastazioni dell’ultima guerra.

Llewelyn Lloyd, Barca in cantiere, 1911.

BIGLIETTO € 5,00 € 3,00 gruppi superiori a 15 persone, minori di 18 anni, maggiori di 65 anni , studenti, soci Fai. € 1,00 possessori biglietto di ingresso al ciclo di affreschi “La Leggenda della Vera Croce” di Piero della Francesca. Gratuito bambini fino a 6 anni, insegnanti (accompagnatori di una classe), guide turistiche, diversamente abili e loro accompagnatori, soci Touring Club. APPUNTAMENTI Serate di apertura straordinaria Giovedì 11 luglio dalle ore 21.00 alle ore 24.00: Notte dell’Archeologia. Ingresso gratuito. Giovedì 25 luglio dalle ore 21.00 alle ore 24.00: Notte Rosa. Ingresso gratuito. Martedì 6 agosto dalle ore 21.00 alle ore 23.00: Aspettando Calici di Stelle. Spirito d’arte Venerdì 18 ottobre e venerdì 8 novembre, ore 21.00: serate vintage di degustazione a cura di “Le Carovaniere”. Domenica 28 luglio, ore 21.15: concerto Anonima Frottolisti – all’interno del Festival delle Musiche. Visite didattiche con laboratori creativi Appuntamenti per le famiglie: sabato 27 luglio, sabato 24 agosto, sabato 28 settembre, sabato 26 ottobre, a partire dalle ore 15.00, su prenotazione. Scuole e Associazioni: tutti i giorni su prenotazione.

Giuseppe Abbati, Paese.

È a quest’ultimo ramo della famiglia, conosciuta a livello internazionale per l’eccellenza dell’omonima impresa editoriale, che abbiamo voluto dedicare la prima mostra della serie intitolata ‘Le case della vita’, un ideale viaggio che prevede di presentare al pubblico raccolte d’arte legate alla cultura e al gusto di protagonisti noti, ma anche appartati, della storia italiana antica e più recente. Questa prima occasione ci introduce dunque, grazie anche alla presenza in mostra di un repertorio fotografico di notevole qualità, nelle stanze della collezione e nei luoghi – da Firenze all’isola d’Elba – che dettero spunti molteplici ai quadri, fra gli altri, di Giuseppe Moricci, Giovanni Signorini, Lorenzo Gelati, Giuseppe Abbati, Odoardo Borrani,

INFO Orario invernale 10 -13 / 14 - 18 ; estivo 10 - 19 Chiuso il lunedì. Tel. 0575/354126 casamuseobruschi@gmail.com www.fondazionebruschi.it

Conferenze Sabato 5 ottobre, ore 17.30: Dott. Carlo Sisi “Luce di Toscana. Artisti tra Ottocento e Novecento”. Martedì 15 ottobre, ore 17.30: Dott. Daniele Olschki “Olschki, quattro generazioni tra collezionismo e ‘amor di libro’”. Le conferenze sono ad ingresso gratuito. Dove non diversamente specificato gli appuntamenti si intendono con ingresso a pagamento. Plinio Nomellini, Temporale imminente.


Dai Macchiaioli al Novecento Opere dalla collezione Olschki

Odoardo Borrani, Vecchia Firenze.

Vito D’Ancona, Donna mulatta.

Frutto di una costante passione per l’arte toscana fra Otto e Novecento, la collezione della famiglia Olschki consente di ripercorrere le vicende figurative che, muovendo dalla pittura di genere coltivata negli anni della Restaurazione, documentano la fondamentale esperienza dei Macchiaioli e i suoi esiti naturalisti maturati a contatto con la contemporanea arte francese, sino alla svolta divisionista che avrebbe anticipato, anche in Toscana, lo sperimentalismo delle avanguardie novecentesche. La selezione dei dipinti esposti in questa mostra faceva parte di una più ampia raccolta formatasi nel tempo in seno ad una vera e propria saga familiare: il nucleo originario si deve infatti alla consuetudine di Giovanni Del Greco con Giovanni Fattori che dedicherà all’amico, medico e garibaldino, alcuni quadri celebrativi delle sue imprese risorgimentali. Ampliata dal genero Alessandro Roster, la collezione verrà incrementata dalle figlie di lui, Renata e Rita, maritate rispettivamente Rapisardi e Olschki.

Eugenio Cecconi, Ragazzo sull’aia.

Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Eugenio Cecconi, Luigi Gioli, Llewelyn Lloyd, Plinio Nomellini e che costituirono lo scenario stesso delle vicende quotidiane degli Olschki e di coloro che accanto ad essi vissero stagioni irripetibili di feconda creatività.

OLSCHKI, QUATTRO GENERAZIONI TRA COLLEZIONISMO E ‘AMOR DI LIBRO’ È un unico percorso quello che unisce le passioni artistiche della famiglia all’amore per il libro, sempre coniugato nella sentita esigenza di ritrovare l’equilibrio dei testi e della stampa cinquecentesca, per riproporla nelle moderne edizioni. Questa è la strada tracciata dal fondatore, Leo S. Olschki, fin dal 1886 e a tutt’oggi seguita, senza soluzione di continuità, dalle quattro generazioni che si sono avvicendate alla guida della Casa Editrice. In questa lunga pagina di storia si alternano i difficili passaggi delle due guerre mondiali e delle leggi razziali, con le pacate parentesi delle vacanze elbane, durante le quali si stemperano gli echi degli esili subiti, delle perdite e delle macerie lasciate alle spalle, per ritrovare ogni volta la speranza e la forza di riprendere il percorso. Se i passaggi difficili si legano e incidono profondamente nell’attività della Casa Editrice, i momenti sereni s’identificano con i soggetti della pittura dei Macchiaioli, con l’amicizia e le frequentazioni elbane di Lloyd. Nei suoi dipinti, che chiudono le acquisizioni della collezione, si ritrova la ricerca della serenità perduta della generazione che ha vissuto le devastazioni dell’ultima guerra.

Llewelyn Lloyd, Barca in cantiere, 1911.

BIGLIETTO € 5,00 € 3,00 gruppi superiori a 15 persone, minori di 18 anni, maggiori di 65 anni , studenti, soci Fai. € 1,00 possessori biglietto di ingresso al ciclo di affreschi “La Leggenda della Vera Croce” di Piero della Francesca. Gratuito bambini fino a 6 anni, insegnanti (accompagnatori di una classe), guide turistiche, diversamente abili e loro accompagnatori, soci Touring Club. APPUNTAMENTI Serate di apertura straordinaria Giovedì 11 luglio dalle ore 21.00 alle ore 24.00: Notte dell’Archeologia. Ingresso gratuito. Giovedì 25 luglio dalle ore 21.00 alle ore 24.00: Notte Rosa. Ingresso gratuito. Martedì 6 agosto dalle ore 21.00 alle ore 23.00: Aspettando Calici di Stelle. Spirito d’arte Venerdì 18 ottobre e venerdì 8 novembre, ore 21.00: serate vintage di degustazione a cura di “Le Carovaniere”. Domenica 28 luglio, ore 21.15: concerto Anonima Frottolisti – all’interno del Festival delle Musiche. Visite didattiche con laboratori creativi Appuntamenti per le famiglie: sabato 27 luglio, sabato 24 agosto, sabato 28 settembre, sabato 26 ottobre, a partire dalle ore 15.00, su prenotazione. Scuole e Associazioni: tutti i giorni su prenotazione.

Giuseppe Abbati, Paese.

È a quest’ultimo ramo della famiglia, conosciuta a livello internazionale per l’eccellenza dell’omonima impresa editoriale, che abbiamo voluto dedicare la prima mostra della serie intitolata ‘Le case della vita’, un ideale viaggio che prevede di presentare al pubblico raccolte d’arte legate alla cultura e al gusto di protagonisti noti, ma anche appartati, della storia italiana antica e più recente. Questa prima occasione ci introduce dunque, grazie anche alla presenza in mostra di un repertorio fotografico di notevole qualità, nelle stanze della collezione e nei luoghi – da Firenze all’isola d’Elba – che dettero spunti molteplici ai quadri, fra gli altri, di Giuseppe Moricci, Giovanni Signorini, Lorenzo Gelati, Giuseppe Abbati, Odoardo Borrani,

INFO Orario invernale 10 -13 / 14 - 18 ; estivo 10 - 19 Chiuso il lunedì. Tel. 0575/354126 casamuseobruschi@gmail.com www.fondazionebruschi.it

Conferenze Sabato 5 ottobre, ore 17.30: Dott. Carlo Sisi “Luce di Toscana. Artisti tra Ottocento e Novecento”. Martedì 15 ottobre, ore 17.30: Dott. Daniele Olschki “Olschki, quattro generazioni tra collezionismo e ‘amor di libro’”. Le conferenze sono ad ingresso gratuito. Dove non diversamente specificato gli appuntamenti si intendono con ingresso a pagamento. Plinio Nomellini, Temporale imminente.


Dai Macchiaioli al Novecento Opere dalla collezione Olschki

Odoardo Borrani, Vecchia Firenze.

Vito D’Ancona, Donna mulatta.

Frutto di una costante passione per l’arte toscana fra Otto e Novecento, la collezione della famiglia Olschki consente di ripercorrere le vicende figurative che, muovendo dalla pittura di genere coltivata negli anni della Restaurazione, documentano la fondamentale esperienza dei Macchiaioli e i suoi esiti naturalisti maturati a contatto con la contemporanea arte francese, sino alla svolta divisionista che avrebbe anticipato, anche in Toscana, lo sperimentalismo delle avanguardie novecentesche. La selezione dei dipinti esposti in questa mostra faceva parte di una più ampia raccolta formatasi nel tempo in seno ad una vera e propria saga familiare: il nucleo originario si deve infatti alla consuetudine di Giovanni Del Greco con Giovanni Fattori che dedicherà all’amico, medico e garibaldino, alcuni quadri celebrativi delle sue imprese risorgimentali. Ampliata dal genero Alessandro Roster, la collezione verrà incrementata dalle figlie di lui, Renata e Rita, maritate rispettivamente Rapisardi e Olschki.

Eugenio Cecconi, Ragazzo sull’aia.

Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Eugenio Cecconi, Luigi Gioli, Llewelyn Lloyd, Plinio Nomellini e che costituirono lo scenario stesso delle vicende quotidiane degli Olschki e di coloro che accanto ad essi vissero stagioni irripetibili di feconda creatività.

OLSCHKI, QUATTRO GENERAZIONI TRA COLLEZIONISMO E ‘AMOR DI LIBRO’ È un unico percorso quello che unisce le passioni artistiche della famiglia all’amore per il libro, sempre coniugato nella sentita esigenza di ritrovare l’equilibrio dei testi e della stampa cinquecentesca, per riproporla nelle moderne edizioni. Questa è la strada tracciata dal fondatore, Leo S. Olschki, fin dal 1886 e a tutt’oggi seguita, senza soluzione di continuità, dalle quattro generazioni che si sono avvicendate alla guida della Casa Editrice. In questa lunga pagina di storia si alternano i difficili passaggi delle due guerre mondiali e delle leggi razziali, con le pacate parentesi delle vacanze elbane, durante le quali si stemperano gli echi degli esili subiti, delle perdite e delle macerie lasciate alle spalle, per ritrovare ogni volta la speranza e la forza di riprendere il percorso. Se i passaggi difficili si legano e incidono profondamente nell’attività della Casa Editrice, i momenti sereni s’identificano con i soggetti della pittura dei Macchiaioli, con l’amicizia e le frequentazioni elbane di Lloyd. Nei suoi dipinti, che chiudono le acquisizioni della collezione, si ritrova la ricerca della serenità perduta della generazione che ha vissuto le devastazioni dell’ultima guerra.

Llewelyn Lloyd, Barca in cantiere, 1911.

BIGLIETTO € 5,00 € 3,00 gruppi superiori a 15 persone, minori di 18 anni, maggiori di 65 anni , studenti, soci Fai. € 1,00 possessori biglietto di ingresso al ciclo di affreschi “La Leggenda della Vera Croce” di Piero della Francesca. Gratuito bambini fino a 6 anni, insegnanti (accompagnatori di una classe), guide turistiche, diversamente abili e loro accompagnatori, soci Touring Club. APPUNTAMENTI Serate di apertura straordinaria Giovedì 11 luglio dalle ore 21.00 alle ore 24.00: Notte dell’Archeologia. Ingresso gratuito. Giovedì 25 luglio dalle ore 21.00 alle ore 24.00: Notte Rosa. Ingresso gratuito. Martedì 6 agosto dalle ore 21.00 alle ore 23.00: Aspettando Calici di Stelle. Spirito d’arte Venerdì 18 ottobre e venerdì 8 novembre, ore 21.00: serate vintage di degustazione a cura di “Le Carovaniere”. Domenica 28 luglio, ore 21.15: concerto Anonima Frottolisti – all’interno del Festival delle Musiche. Visite didattiche con laboratori creativi Appuntamenti per le famiglie: sabato 27 luglio, sabato 24 agosto, sabato 28 settembre, sabato 26 ottobre, a partire dalle ore 15.00, su prenotazione. Scuole e Associazioni: tutti i giorni su prenotazione.

Giuseppe Abbati, Paese.

È a quest’ultimo ramo della famiglia, conosciuta a livello internazionale per l’eccellenza dell’omonima impresa editoriale, che abbiamo voluto dedicare la prima mostra della serie intitolata ‘Le case della vita’, un ideale viaggio che prevede di presentare al pubblico raccolte d’arte legate alla cultura e al gusto di protagonisti noti, ma anche appartati, della storia italiana antica e più recente. Questa prima occasione ci introduce dunque, grazie anche alla presenza in mostra di un repertorio fotografico di notevole qualità, nelle stanze della collezione e nei luoghi – da Firenze all’isola d’Elba – che dettero spunti molteplici ai quadri, fra gli altri, di Giuseppe Moricci, Giovanni Signorini, Lorenzo Gelati, Giuseppe Abbati, Odoardo Borrani,

INFO Orario invernale 10 -13 / 14 - 18 ; estivo 10 - 19 Chiuso il lunedì. Tel. 0575/354126 casamuseobruschi@gmail.com www.fondazionebruschi.it

Conferenze Sabato 5 ottobre, ore 17.30: Dott. Carlo Sisi “Luce di Toscana. Artisti tra Ottocento e Novecento”. Martedì 15 ottobre, ore 17.30: Dott. Daniele Olschki “Olschki, quattro generazioni tra collezionismo e ‘amor di libro’”. Le conferenze sono ad ingresso gratuito. Dove non diversamente specificato gli appuntamenti si intendono con ingresso a pagamento. Plinio Nomellini, Temporale imminente.


Dai Macchiaioli al Novecento Opere dalla collezione Olschki

Odoardo Borrani, Vecchia Firenze.

Vito D’Ancona, Donna mulatta.

Frutto di una costante passione per l’arte toscana fra Otto e Novecento, la collezione della famiglia Olschki consente di ripercorrere le vicende figurative che, muovendo dalla pittura di genere coltivata negli anni della Restaurazione, documentano la fondamentale esperienza dei Macchiaioli e i suoi esiti naturalisti maturati a contatto con la contemporanea arte francese, sino alla svolta divisionista che avrebbe anticipato, anche in Toscana, lo sperimentalismo delle avanguardie novecentesche. La selezione dei dipinti esposti in questa mostra faceva parte di una più ampia raccolta formatasi nel tempo in seno ad una vera e propria saga familiare: il nucleo originario si deve infatti alla consuetudine di Giovanni Del Greco con Giovanni Fattori che dedicherà all’amico, medico e garibaldino, alcuni quadri celebrativi delle sue imprese risorgimentali. Ampliata dal genero Alessandro Roster, la collezione verrà incrementata dalle figlie di lui, Renata e Rita, maritate rispettivamente Rapisardi e Olschki.

Eugenio Cecconi, Ragazzo sull’aia.

Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Eugenio Cecconi, Luigi Gioli, Llewelyn Lloyd, Plinio Nomellini e che costituirono lo scenario stesso delle vicende quotidiane degli Olschki e di coloro che accanto ad essi vissero stagioni irripetibili di feconda creatività.

OLSCHKI, QUATTRO GENERAZIONI TRA COLLEZIONISMO E ‘AMOR DI LIBRO’ È un unico percorso quello che unisce le passioni artistiche della famiglia all’amore per il libro, sempre coniugato nella sentita esigenza di ritrovare l’equilibrio dei testi e della stampa cinquecentesca, per riproporla nelle moderne edizioni. Questa è la strada tracciata dal fondatore, Leo S. Olschki, fin dal 1886 e a tutt’oggi seguita, senza soluzione di continuità, dalle quattro generazioni che si sono avvicendate alla guida della Casa Editrice. In questa lunga pagina di storia si alternano i difficili passaggi delle due guerre mondiali e delle leggi razziali, con le pacate parentesi delle vacanze elbane, durante le quali si stemperano gli echi degli esili subiti, delle perdite e delle macerie lasciate alle spalle, per ritrovare ogni volta la speranza e la forza di riprendere il percorso. Se i passaggi difficili si legano e incidono profondamente nell’attività della Casa Editrice, i momenti sereni s’identificano con i soggetti della pittura dei Macchiaioli, con l’amicizia e le frequentazioni elbane di Lloyd. Nei suoi dipinti, che chiudono le acquisizioni della collezione, si ritrova la ricerca della serenità perduta della generazione che ha vissuto le devastazioni dell’ultima guerra.

Llewelyn Lloyd, Barca in cantiere, 1911.

BIGLIETTO € 5,00 € 3,00 gruppi superiori a 15 persone, minori di 18 anni, maggiori di 65 anni , studenti, soci Fai. € 1,00 possessori biglietto di ingresso al ciclo di affreschi “La Leggenda della Vera Croce” di Piero della Francesca. Gratuito bambini fino a 6 anni, insegnanti (accompagnatori di una classe), guide turistiche, diversamente abili e loro accompagnatori, soci Touring Club. APPUNTAMENTI Serate di apertura straordinaria Giovedì 11 luglio dalle ore 21.00 alle ore 24.00: Notte dell’Archeologia. Ingresso gratuito. Giovedì 25 luglio dalle ore 21.00 alle ore 24.00: Notte Rosa. Ingresso gratuito. Martedì 6 agosto dalle ore 21.00 alle ore 23.00: Aspettando Calici di Stelle. Spirito d’arte Venerdì 18 ottobre e venerdì 8 novembre, ore 21.00: serate vintage di degustazione a cura di “Le Carovaniere”. Domenica 28 luglio, ore 21.15: concerto Anonima Frottolisti – all’interno del Festival delle Musiche. Visite didattiche con laboratori creativi Appuntamenti per le famiglie: sabato 27 luglio, sabato 24 agosto, sabato 28 settembre, sabato 26 ottobre, a partire dalle ore 15.00, su prenotazione. Scuole e Associazioni: tutti i giorni su prenotazione.

Giuseppe Abbati, Paese.

È a quest’ultimo ramo della famiglia, conosciuta a livello internazionale per l’eccellenza dell’omonima impresa editoriale, che abbiamo voluto dedicare la prima mostra della serie intitolata ‘Le case della vita’, un ideale viaggio che prevede di presentare al pubblico raccolte d’arte legate alla cultura e al gusto di protagonisti noti, ma anche appartati, della storia italiana antica e più recente. Questa prima occasione ci introduce dunque, grazie anche alla presenza in mostra di un repertorio fotografico di notevole qualità, nelle stanze della collezione e nei luoghi – da Firenze all’isola d’Elba – che dettero spunti molteplici ai quadri, fra gli altri, di Giuseppe Moricci, Giovanni Signorini, Lorenzo Gelati, Giuseppe Abbati, Odoardo Borrani,

INFO Orario invernale 10 -13 / 14 - 18 ; estivo 10 - 19 Chiuso il lunedì. Tel. 0575/354126 casamuseobruschi@gmail.com www.fondazionebruschi.it

Conferenze Sabato 5 ottobre, ore 17.30: Dott. Carlo Sisi “Luce di Toscana. Artisti tra Ottocento e Novecento”. Martedì 15 ottobre, ore 17.30: Dott. Daniele Olschki “Olschki, quattro generazioni tra collezionismo e ‘amor di libro’”. Le conferenze sono ad ingresso gratuito. Dove non diversamente specificato gli appuntamenti si intendono con ingresso a pagamento. Plinio Nomellini, Temporale imminente.


INFO Opening in winter 10AM - 6PM, in summer 10AM - 7PM Monday closed Tel. 0575/354126 casamuseobruschi@gmail.com www.fondazionebruschi.it TICKET € 5,00 € 3,00 Under 18, Senior (over 65), students, FAI members, groups with more than 15 people. € 1,00 with ticket of Piero della Francesca’s frescos “La leggenda della vera croce” Free Under 6, Teachers (if they come with a classroom), tour guide, disabled people and their assistants, Touring Club member APPOINTMENTS Special evenings Thursday, 11th july, from 21.00 to 24.00: Notte dell’Archeologia. Free entrance. Thursday, 25th july, from 21.00 to 24.00: Notte Rosa. Free entrance. Tuesday, 6th august, from 21.00 to 23.00: Aspettando calici di stelle. Spirit of art Friday, 18th october and Friday, 8th november, 21.00: vintage tasting evenings curated by “le Carovaniere”. Sunday, 28th july, 21.15: concert Anonima Frottolisti – inside the Festival delle musiche. Educational visit with creative workshops Appointments for families: saturday, 27th july; saturday, 24th august; saturday, 28th september; saturday, 26th october; from15.00, by appointment. Schools and associations: everyday by appointment.

From the Macchiaioli to the 20th century Works from the Olschki collection The result of an enduring passion for 19th and 20th century Tuscan art, the Olschki family collection allows you to retrace the figurative history which, beginning with the genre style of painting developed during the Restoration years, documents the fundamental experience of the Macchiaioli and their naturalist results having come into contact with contemporary French art up until the emergence of divisionism that would lead, also in Tuscany, to the experimentalism of the 20th century avant-garde. The selection of paintings exhibited here formed part of a larger collection that developed over time within the family: the original core stemmed from the friendship between Giovanni Del Greco and Giovanni Fattori who dedicated some of his commemorative Risorgimento paintings to his doctor and Garibaldian friend. Expanded by his son-inlaw Alessandro Roster, the collection was further developed by Alessandro’s daughters, Renata and Rita, who married Rapisardi and Olschki respectively. It is to this latter branch of the family, internationally renowned for the excellence of the publishing business that took Olschki’s name, that we wanted to dedicate the first exhibition of the ‘The Houses of life’ series, a project that will present the public with art collections related to the culture and taste of well-known figures, but also less familiar names, of early and more recent Italian history. Thanks also to a series of high-quality photographs, for this first exhibition we are in the rooms of the collections and the places – from Florence to the island of Elba – that inspired some of the work of, among others, Giuseppe Moricci, Giovanni Si-

gnorini, Lorenzo Gelati, Giuseppe Abbati, Odoardo Borrani, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Eugenio Cecconi, Luigi Gioli, Llewellyn Lloyd, Plinio Nomellini, and which constituted the setting for the daily activities of the Olschki’s and those who, by their side, enjoyed seasons of unparalleled creativity. OLSCHKI, FOUR GENERATIONS OF COLLECTORS AND BOOK LOVERS The single common denominator that unites the family’s artistic passion with its love for books is a heartfelt desire to rediscover the balance of 16th century texts and prints and reproduce them in modern editions. This is the path that was laid down by the founder of the publishing house, Leo S. Olschki, and faithfully followed since 1886 by the four generations that have sat at the helm. During the course of the company’s long history, during which the difficult periods of the two world wars and the imposition of racial laws alternated with the tranquil parentheses of holidays in Elba, when the memories of the exiles, the losses and the rubble left behind faded, each time leaving them with renewed hope and the strength to continue along their path. While the trying moments influenced and profoundly impacted the activities of the publishing house, more carefree times are evidenced by the subjects of the Macchiaioli painters, the friendship with Lloyd and his visits to Elba. His paintings, the final additions to the collection, depict the quest of the generation that experienced the devastation of the Second World War to rediscover the tranquillity that was stolen from them.

Dai macchiaioli al Novecento Opere dalla collezione Olschki

Conference Saturday, 5th october, 17.30: Dott. Carlo Sisi “Tuscany’s light. Artists between XIX and XX century”. Tuesday, 15th october, 17.30: Dott. Daniele Olschki “Olschki, four generations between collecting and ‘amor di libro’”.

5 luglio - 10 novembre 2013 Casa Museo di Ivan Bruschi Corso Italia, 14 - Arezzo

Unless specified, appointments are with entrance fee.

Cesare Ciani, Ragazzo sull’aia.

Gaetano Spinelli, Donne al lavoro.

Leo S. Olschki


INFO Opening in winter 10AM - 6PM, in summer 10AM - 7PM Monday closed Tel. 0575/354126 casamuseobruschi@gmail.com www.fondazionebruschi.it TICKET € 5,00 € 3,00 Under 18, Senior (over 65), students, FAI members, groups with more than 15 people. € 1,00 with ticket of Piero della Francesca’s frescos “La leggenda della vera croce” Free Under 6, Teachers (if they come with a classroom), tour guide, disabled people and their assistants, Touring Club member APPOINTMENTS Special evenings Thursday, 11th july, from 21.00 to 24.00: Notte dell’Archeologia. Free entrance. Thursday, 25th july, from 21.00 to 24.00: Notte Rosa. Free entrance. Tuesday, 6th august, from 21.00 to 23.00: Aspettando calici di stelle. Spirit of art Friday, 18th october and Friday, 8th november, 21.00: vintage tasting evenings curated by “le Carovaniere”. Sunday, 28th july, 21.15: concert Anonima Frottolisti – inside the Festival delle musiche. Educational visit with creative workshops Appointments for families: saturday, 27th july; saturday, 24th august; saturday, 28th september; saturday, 26th october; from15.00, by appointment. Schools and associations: everyday by appointment.

From the Macchiaioli to the 20th century Works from the Olschki collection The result of an enduring passion for 19th and 20th century Tuscan art, the Olschki family collection allows you to retrace the figurative history which, beginning with the genre style of painting developed during the Restoration years, documents the fundamental experience of the Macchiaioli and their naturalist results having come into contact with contemporary French art up until the emergence of divisionism that would lead, also in Tuscany, to the experimentalism of the 20th century avant-garde. The selection of paintings exhibited here formed part of a larger collection that developed over time within the family: the original core stemmed from the friendship between Giovanni Del Greco and Giovanni Fattori who dedicated some of his commemorative Risorgimento paintings to his doctor and Garibaldian friend. Expanded by his son-inlaw Alessandro Roster, the collection was further developed by Alessandro’s daughters, Renata and Rita, who married Rapisardi and Olschki respectively. It is to this latter branch of the family, internationally renowned for the excellence of the publishing business that took Olschki’s name, that we wanted to dedicate the first exhibition of the ‘The Houses of life’ series, a project that will present the public with art collections related to the culture and taste of well-known figures, but also less familiar names, of early and more recent Italian history. Thanks also to a series of high-quality photographs, for this first exhibition we are in the rooms of the collections and the places – from Florence to the island of Elba – that inspired some of the work of, among others, Giuseppe Moricci, Giovanni Si-

gnorini, Lorenzo Gelati, Giuseppe Abbati, Odoardo Borrani, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Eugenio Cecconi, Luigi Gioli, Llewellyn Lloyd, Plinio Nomellini, and which constituted the setting for the daily activities of the Olschki’s and those who, by their side, enjoyed seasons of unparalleled creativity. OLSCHKI, FOUR GENERATIONS OF COLLECTORS AND BOOK LOVERS The single common denominator that unites the family’s artistic passion with its love for books is a heartfelt desire to rediscover the balance of 16th century texts and prints and reproduce them in modern editions. This is the path that was laid down by the founder of the publishing house, Leo S. Olschki, and faithfully followed since 1886 by the four generations that have sat at the helm. During the course of the company’s long history, during which the difficult periods of the two world wars and the imposition of racial laws alternated with the tranquil parentheses of holidays in Elba, when the memories of the exiles, the losses and the rubble left behind faded, each time leaving them with renewed hope and the strength to continue along their path. While the trying moments influenced and profoundly impacted the activities of the publishing house, more carefree times are evidenced by the subjects of the Macchiaioli painters, the friendship with Lloyd and his visits to Elba. His paintings, the final additions to the collection, depict the quest of the generation that experienced the devastation of the Second World War to rediscover the tranquillity that was stolen from them.

Dai macchiaioli al Novecento Opere dalla collezione Olschki

Conference Saturday, 5th october, 17.30: Dott. Carlo Sisi “Tuscany’s light. Artists between XIX and XX century”. Tuesday, 15th october, 17.30: Dott. Daniele Olschki “Olschki, four generations between collecting and ‘amor di libro’”.

5 luglio - 10 novembre 2013 Casa Museo di Ivan Bruschi Corso Italia, 14 - Arezzo

Unless specified, appointments are with entrance fee.

Cesare Ciani, Ragazzo sull’aia.

Gaetano Spinelli, Donne al lavoro.

Leo S. Olschki


INFO Opening in winter 10AM - 6PM, in summer 10AM - 7PM Monday closed Tel. 0575/354126 casamuseobruschi@gmail.com www.fondazionebruschi.it TICKET € 5,00 € 3,00 Under 18, Senior (over 65), students, FAI members, groups with more than 15 people. € 1,00 with ticket of Piero della Francesca’s frescos “La leggenda della vera croce” Free Under 6, Teachers (if they come with a classroom), tour guide, disabled people and their assistants, Touring Club member APPOINTMENTS Special evenings Thursday, 11th july, from 21.00 to 24.00: Notte dell’Archeologia. Free entrance. Thursday, 25th july, from 21.00 to 24.00: Notte Rosa. Free entrance. Tuesday, 6th august, from 21.00 to 23.00: Aspettando calici di stelle. Spirit of art Friday, 18th october and Friday, 8th november, 21.00: vintage tasting evenings curated by “le Carovaniere”. Sunday, 28th july, 21.15: concert Anonima Frottolisti – inside the Festival delle musiche. Educational visit with creative workshops Appointments for families: saturday, 27th july; saturday, 24th august; saturday, 28th september; saturday, 26th october; from15.00, by appointment. Schools and associations: everyday by appointment.

From the Macchiaioli to the 20th century Works from the Olschki collection The result of an enduring passion for 19th and 20th century Tuscan art, the Olschki family collection allows you to retrace the figurative history which, beginning with the genre style of painting developed during the Restoration years, documents the fundamental experience of the Macchiaioli and their naturalist results having come into contact with contemporary French art up until the emergence of divisionism that would lead, also in Tuscany, to the experimentalism of the 20th century avant-garde. The selection of paintings exhibited here formed part of a larger collection that developed over time within the family: the original core stemmed from the friendship between Giovanni Del Greco and Giovanni Fattori who dedicated some of his commemorative Risorgimento paintings to his doctor and Garibaldian friend. Expanded by his son-inlaw Alessandro Roster, the collection was further developed by Alessandro’s daughters, Renata and Rita, who married Rapisardi and Olschki respectively. It is to this latter branch of the family, internationally renowned for the excellence of the publishing business that took Olschki’s name, that we wanted to dedicate the first exhibition of the ‘The Houses of life’ series, a project that will present the public with art collections related to the culture and taste of well-known figures, but also less familiar names, of early and more recent Italian history. Thanks also to a series of high-quality photographs, for this first exhibition we are in the rooms of the collections and the places – from Florence to the island of Elba – that inspired some of the work of, among others, Giuseppe Moricci, Giovanni Si-

gnorini, Lorenzo Gelati, Giuseppe Abbati, Odoardo Borrani, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Eugenio Cecconi, Luigi Gioli, Llewellyn Lloyd, Plinio Nomellini, and which constituted the setting for the daily activities of the Olschki’s and those who, by their side, enjoyed seasons of unparalleled creativity. OLSCHKI, FOUR GENERATIONS OF COLLECTORS AND BOOK LOVERS The single common denominator that unites the family’s artistic passion with its love for books is a heartfelt desire to rediscover the balance of 16th century texts and prints and reproduce them in modern editions. This is the path that was laid down by the founder of the publishing house, Leo S. Olschki, and faithfully followed since 1886 by the four generations that have sat at the helm. During the course of the company’s long history, during which the difficult periods of the two world wars and the imposition of racial laws alternated with the tranquil parentheses of holidays in Elba, when the memories of the exiles, the losses and the rubble left behind faded, each time leaving them with renewed hope and the strength to continue along their path. While the trying moments influenced and profoundly impacted the activities of the publishing house, more carefree times are evidenced by the subjects of the Macchiaioli painters, the friendship with Lloyd and his visits to Elba. His paintings, the final additions to the collection, depict the quest of the generation that experienced the devastation of the Second World War to rediscover the tranquillity that was stolen from them.

Dai macchiaioli al Novecento Opere dalla collezione Olschki

Conference Saturday, 5th october, 17.30: Dott. Carlo Sisi “Tuscany’s light. Artists between XIX and XX century”. Tuesday, 15th october, 17.30: Dott. Daniele Olschki “Olschki, four generations between collecting and ‘amor di libro’”.

5 luglio - 10 novembre 2013 Casa Museo di Ivan Bruschi Corso Italia, 14 - Arezzo

Unless specified, appointments are with entrance fee.

Cesare Ciani, Ragazzo sull’aia.

Gaetano Spinelli, Donne al lavoro.

Leo S. Olschki


DAI MACCHIAIOLI AL NOVECENTO - Opere dalla collezione Olschki