Issuu on Google+

C A S S I N O F A N S - a n n o I I n u m er o 10 la voc e d e l t ifos o c a s s in a t e – 7 a p r . ‘0 7 N.10 di OLD LOVE. Anche questo è uno di quei traguardi che in un certo qual modo deve essere ricordato, perché inatteso e allora ho riproposto la grafica accattivante del n.8 tanto per intenderci quella del trentennale dei fedayn. La soddisfazione più grande resta la vostra affezionata passione nel seguirci. Voglio ricordarvi che la fanzine è autogestita e finanziata con le entrate del tesseramento dei fedayn cassino per cui chi volesse mantenere viva quest’idea può farlo recandosi al nostro fedayn point presso l’edicola Carlo al rione Colosseo. 3 €. e il costo della tua libertà. Se vuoi puoi aiutarci anche inviando un sms o una e-mail a solocassino@alice.it Mi piace ricordarvi che questa fanzine appartiene a tutto il popolo biancoazzurro. Cambiamo argomento. Articolo 21 della Costituzione Italiana “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Portare uno striscione, una bandiera allo stadio: tremila lettere, alle società di calcio, questure varie e tremila controlli. Megafoni vietati. Tamburi vietati. Fumoni colorati vietati. Respirare…quasi vietato. Manifestazioni politiche: tutto consentito. Striscioni provocatori e non, insulti e cori di qualunque natura, ok. Scontri, bombe carta e molotov ok. Andiamo avanti? Se allo stadio (è successo un po’ di tempo fa) un tifoso del Rionero si è fatto 4 giorni di carcere per aver festeggiato un gol della sua squadra accendendo un fumone, di contro a una manifestazione puoi accenderne anche 100 e se ti va puoi anche lanciarli verso qualche vetrina o auto in sosta tanto lo Stato ha deciso di fare guerra agli ultras mica agli altri. Tanto non ci avrete mai come volete voi. Ministro Amato lo sai che ti dico alla cassinese: vatt’addurmi ch’è nott. Non arrabbiamoci è festa. Buona Pasqua. Il Direttore Nella foto a sinistra possiamo vedere una delle vittime della Legge Amato. Fabio, detto Mel Gibson, l’ultimo dei romantici, ultimo baluardo e tamburino dei fedayn. Non ha mai fatto male a nessuno.

Primi anni ’80. Un gruppo di ragazzini che partiva dalla nebbiosa Malfa e andava allo stadio per assistere all’ultimo anno della “D” del Magico, assistendo alla sua rovinosa caduta nella retrocessione. Poi arrivò Achille Gallaccio, questo piccolo grande uomo panciuto che con intelligenza, sagacia e amore per il calcio, prese per i capelli i colori biancoazzurri e li riportò a splendere. Anno calcistico 1983/1984, primo campionato di 1^ Categoria. Giocavamo con il Pontecorvo, S.Giorgio, Scauri, Isola Liri, ecc. Quell’estate nacque in noi la voglia di far rinascere il tifo a Cassino. Noi di Malfa i promotori, insieme ai “pezzi” giovani della Vecchia Guardia (Michele Molesini, Massimo Abate, il grande Cico), che fu inizialmente l’unico ad accogliere con entusiasmo la nostra idea, tanto che assieme a lui creammo il nostro primo striscione “Indians”, e un piccolo striscione “Fedayn” . Con noi erano anche Simone D’Aguanno, Pipistrello, Nando ed altri tantissimi ragazzi che non cito solo per problemi di spazio. Tifo organizzato, vero, rude ma organizzato. In quegli anni ciascuno di noi seguiva per fede calcistica anche la Roma, la Juve, il Toro, la Lazio, insomma a digiuno di vita di curva non eravamo, cercando di portare in laterale il meglio che potevamo da quelle realtà. Il 2° anno di 1^ Categoria riuscimmo poi a riportare allo stadio la Vecchia Guardia dei Fedayn, creando l’anno successivo (non senza vivaci discussioni e con momentanea scissione di noi Malfitani) un Direttivo che funzionava meglio dei rami del Parlamento. Il gruppo era uno, Fedayn, suddiviso in Sezioni (Nucleo Malfa, Nucleo Centro, Nucleo Storico), con rappresentanti per ogni sezione. Tutto veniva pianificato in riunioni settimanali tenute alla “Rotonda” in Piazza San Giovanni (coreografie, trasferte, ecc.) e tutto funzionava, seppur con vari distinguo superati dalle normali regole della democrazia, con efficienza e validità. Il tifo a Cassino è ripartito da lì. Nessuno come noi ha avuto il merito di rilanciare la mentalità ultras in questa città. E’ un merito che sfido chiunque a criticarlo. E’ pur vero che di passato non si può certo vivere. Ma che la Storia resti in memoria a chi ne prende l’eredità, portandone rispetto ed onore, deve essere un dovere. Difficile la situazione attuale nella nostra curva. Fedayn, Gruppo Squeti, Intoccabili, Brigate, UTSB. In fondo 4 gruppi non sono molti in una curva, ma le idee che li dividono sì. La soluzione passa per il dialogo, aprendo alle nuove idee che vengono dai ragazzi delle Brigate e degli UTSB, e all’entusiasmo degli Squeti. La curva va rinnovata con loro e insieme a loro. Superare i rancori e le divisioni, incontrarsi, dialogare, ragionare con coscienza e determinazione. Chiudersi a riccio sulle proprie posizioni, non fa altro che creare una curva divisa ed instabile. Quanto a me sento solo il dovere di precisare una cosa. In molti hanno criticato la mia assenza dalle trasferte, arrivando a dire “non può fare il capo in casa e poi non venire fuori”. Sui motivi per cui non vengo fuori non sto certo qui a giustificarli, per me parla il mio passato. Non ho mai voluto essere il Capo di nulla, né ho mai avuto la pretesa di esserlo. Il mio ritorno sulla ringhiera è stato solo dettato dalla mera illusione di poter essere un punto di raccordo tra diverse mentalità e tra mille divisioni che speravo venissero superate, tanto è vero che pubblicamente manifestai la mia volontà anche di farmi da parte se ciò avesse potuto essere utile a raggiungere tale obiettivo. Ma sentire ancora voci e critiche anche “feroci”, sempre alle spalle però, come è costume di questa città, mi ha nauseato a dismisura. Mi auguro solo che l’eterna fede che ho nel mio cuore per il Cassino riesca a farmi superare l’ennesima delusione e possa per lo meno rivedere quanto prima ristabilita la serenità su questi spalti. Pietro De Maria Ciao Pietro, grazie per aver risposto con tanta celerità al mio invito, non avevo dubbi. Il tempo pastella la nostra unione. Rafforza un legame unito da una forte amicizia. Sarebbe bello per un istante solo far rivivere attimi di vita di tanto tempo fa con tutti i nostri amici. Quelli degli anni ’80. Quelli che hanno scelto altre strade. Quelli di Viareggio, quelli dei mitici carri bestiame. Ma soprattutto con Michele, Luigi Broccoli, Fortunato, Massimo er tigre e perché no, Nicola Settegiacchette. Ci pensi amico mio come sarebbe bello ritrovarci tutti Insieme, anche quelli che distrattamente non ricordiamo più o che abbiamo dimenticato…Come sarebbe bello. Paolo dei Fedayn


I VOSTRI SMS 13) Grazie Paolo…… Non sai quanti ricordi hai acceso in me stasera pubblicando quella lista di nomi….. 1 aprile – Gatto 1970 14) Non capisco ancora perché i miei amici di Pignataro sono più interessati alle sorti del Frosinone anziché del nostro grande Cassino. Forse non sanno bene la geografia, noi non siamo mica ciociari ma terra di San Benedetto. Un sostenitore di Pignataro. 1 aprile – anonimo 15) Voglio dedicare la nostra vittoria contro il Val di Sangro a Luciano Kempes il quale per motivi di salute quest’anno non è tra noi (fisicamente) sugli spalti. Ti aspetto per la festa permanenza in questa serie. Ti abbraccio 2 aprile – Serpente F.C. ‘77 16) Domenica 1/04/07 ore 16.37 telefonata di Pasquale: Mario stemm’ a vinc’ 3a2 in 10. Gol di Padovani! Io a 1000 km sulle alpi, un urlo possente DAAI CASSINOOO!!! L’eco arrivato oltre le alte cime innevate. Mi scoppiava il cuore di gioia. Quale onore essere di Cassino, quale orgoglio essere ultras di questa grande immensa squadra. Michele c’eri anche tu lassu! In alto la testa CASSINO SIAMO NOI! a diretto’ la pubblicherai? Un saluto a Mario fratello di Tonino 4 aprile – CANNAVARO 15-18 FEDAYN SQUETI INVIA UN SMS A “OLD LOVE” 333.3883689

Questo spazio di curva Contiene tutto l’estro La fantasia e l’amore Di tutti coloro che di Questa leggenda sono I veri protagonisti. Per questa ragione non Riteniamo assolutamente Possibile che il tempo Una volta riuscito a Logorarne i contorni Si possa in alcun modo Appropriare di un Ricordo cosi’ Suggestivo.

Dedicato a tutti quei ragazzi che Hanno condiviso con noi questi Attimi e adesso in qualche parte Di cielo stanno ancora brillando. Da Sempre e per sempre

TIFOSI BIANCOAZZURRI E’ NATA LA PRIMA SCHEDINA VIRTUALE CAMPIONATO NAZIONALE C2 GIRONE C PER GIOCARE BASTA COLLEGARVI AL MAGICO SITO www.ilmiocassino.com ENTRARE NEL FORUM E SEGUIRE LE ISTRUZIONI. E’ FACILE E DIVERTENTE. QUI A LATO POTETE VEDERE UN FAC-SIMILE DELLA SCHEDINA.

Invia una e-mail a OLD LOVE

solocassino@alice.it A‟ Cannavaro ma certo che la pubblico la tua lettera, non censuro nessuno, il pensiero ha le ali e come diceva un vecchio saggio “nessuno può fermare il suo volo”. Una cosa voglio dirti, quando ti colleghi al sito non fare arrabbiare il moderatore che se si “squeta iss” so dolori. Mi associo al saluto a Mario (detto Mingo) fratello di Tonino di Bruno e di Ercoletto, dico bene!?! Onorata famiglia Fedayn Cassinate. Da soli negli anni ‟80 riempivano mezzo pullman. E un grande saluto va a Michele sicuramente è sempre con noi. Saluti anche a te Gatto dei Fedayn, ti è piaciuta la lista eh! quanto tempo è passato. Riguardati qui a fianco tre chicche di quegli anni (sezze, marino e galassi). A chi non le ha vissute non vi dico le categorie sennò mi date del bugiardo. E saluti anche a te Serpente dei Fedayn e saluti al mitico Luciano Kempes, ma „sta malatia quann te passa. E per ultimo ma solo cronologicamente un saluto anche a te amico di Pignataro, un consiglio, lasciali parlare i tuoi amici forse si sentiranno realizzati a sentirsi ciociari con il frosinone in B, ma la storia è un‟altra cosa e ci ha insegnato che noi GRAZIE A DIO NON SIAMO CIOCIARI

SINDACO STIAMO ASPETTANDO ANCORA QUESTA TRIBUNA PER I DISABILI ALLO STADIO. ADESSO E’ FESTA E NON TI DICIAMO NIENTE. AH UNA COSA, NON MANGIARE TROPPO DURANTE LE VACANZE. BUONA PASQUA ANCHE A TE.


OldLove n.10