Page 1

periodico BIMESTRALE N. 03 anno IV - MAGGIO 2012 - Registrazione al tribunale di Tivoli n° 52 del 22/05/2009

www.okkio.it

FOCUS SU... Crisi: idee soluzioni opportunitĂ

Tendenze

Tatoo mania Sport

Gli Europei di calcio

Photographer: Amarillis Cargnin Model: Gloria Castrataro


sommario

5 EditorialE 8 focus su … 22 L'approfondimento i GIovani e la crisI 26 TEMPI MODERNI FINCHE' VITA NON VI SEPARI 32 MOTORI rivoluzione smart 42 GOSSIP AL VELENO DAVID GANDY 44 TENDENZE TATOO MANIA 47 okkio by night 52 CASA & CO 54 ECOLOGICA-MENTE 58 SOCIETA' RIFIUTI E... 60 GIOVANI TALENTI mika organic 64 TECNOLOGIA PAZZE "APP" 66 storie di cronaca nera caso reggiani 67 MUSICA Red hot chili peppers 68 danzA &... la danza del ventre 70 sport &... Gli europei di calcio 72 moto una miss a 300 all'ora 78 lo studio dello psicologo 81 LA parola alle associazioni 82 bellessere 85 dalla parte del consumatore 87 ARCHITETTURE SOSTENIBILI 88 L'ARTE DI NUTRIRSI 90 NUMERI UTILI 92 ANNUNCI 93 POESIA 94 oroscopo okkio alle stelle

VIVERE... parigi 4 ∫ Okkio

24

40 56

QUESTIONE DI STILE

AMICI ANIMALI


libram”, ossia per censo. Insomma, chi più aveva, più doveva pagare! Lo avevano capito 800 anni fa ed ora, quando torna ad aumentare il prezzo del pane, del latte, della benzina... forse è il caso di ripensare alla definizione di “secoli bui”, per decidere a quali anni si possa attribuire con maggiore pertinenza! Noi di OKKIO, che pure amiamo regalarvi momenti di svago, non possiamo ignorare la realtà che occupa e preoccupa ciascuno di noi: proviamo così a parlare della crisi in modo “costruttivo”, senza voli pindarici e improbabili ricette miracolose, ma con tanti piccoli consigli che potrebbero aiutare, nella banale vita di ogni giorno, ciascuno di noi. Per questo ringraziamo, in modo particolare, i nostri esperti, che ad ogni numero si prestano volentieri a scrivere per noi mettendoci a disposizione la loro competenza. E dandovi appuntamento alla prossima estate, auguriamo, come sempre, a tutti voi. Buona lettura e buoni acquisti con OKKIO! Lorena Battistoni direttore@okkio.it

editoriale

C

ari amici, riflettevo giorni fa sulla curiosa storia del significato di alcune parole, che talvolta finiscono con l’acquisire valori totalmente diversi, quasi opposti da quelli di partenza. Ad esempio, l’aggettivo “medievale” è diventato sinonimo di “gretto, buio, retrogrado”. Tutto il contrario di quanto in realtà ci tramanda la storia di un’età (peraltro lunga un millennio), che ha contribuito in modo fondamentale alla costruzione del “nostro” mondo moderno. Tuttavia è vero quanto diceva alcuni giorni fa un giornalista alla radio, il quale richiamava la famigerata “tassa sulla luce”, che vigeva appunto in quei secoli: allora si doveva, infatti, pagare in base all’ampiezza delle finestre, perciò i cittadini costruivano case con aperture molto piccole, quasi fessure, onde far entrare la quantità di luce appena sufficiente alla vita domestica e ridurre al minimo i costi. Tassa sulla luce (del sole!): chissà se siamo di nuovo su quella strada; e poi, magari, arriveranno anche quelle sull’aria, sul sonno, sulla fantasia... Chissà! Ma il dubbio sorge ogniqualvolta IVA, accise, aumenti indiscriminati dei generi di maggiore e inevitabile consumo piombano come un macigno a schiacciare contro un muro sempre meno immaginario il potere di acquisto dei nostri euro. Il trend non sembra volersi interrompere, e tanto meno invertire, con buona pace del sogno di crescita del Paese a suon di aumento dei consumi. E intanto aspettiamo di sapere quanto ci succhierà la stangata dell’IMU: aspettiamo tutti, compresi i vecchietti negli ospizi (tranne, però, le fondazioni bancarie!). Aspettiamo anche di sapere che fine faranno gli “esodati”, orribile neologismo coniato per nascondere la realtà di volti, nomi, esseri umani insomma, che rischiano di rimanere, per anni, privi delle risorse necessarie alla sopravvivenza. Abbiamo discusso fino allo sfinimento sull’art. 18, come se fosse la causa di tutti i mali dell’economia italiana, mentre anche l'emiro del Qatar ha detto a Monti che il primo ostacolo all’idea di investire in Italia è la corruzione. Nel frattempo, 2,3 miliardi di euro di soldi pubblici sono finiti nelle casse dei partiti, dopo che con un referendum gli italiani avevano detto no al finanziamento pubblico. Tornando, dunque, al Medioevo: era il lontano1234 e il popolo perugino, fiero protagonista della vita del proprio Libero Comune, affisse sulla facciata della cattedrale di San Lorenzo una lapide in cui, oltre a commemorare l’estinzione del debito pubblico (!!!), si stabiliva un principio di straordinaria, modernissima equità: la tassazione doveva essere imposta “per

Ricordiamo che i contenuti della rivista sono anche presenti sul nostro sito www.okkio.it e che potete in ogni momento contattarci ai nostri recapiti:

• editore@okkio.it • direttore@okkio.it • commerciale@okkio.it • redazione@okkio.it

Partecipa al concorso

ragazza∫ragazzo copertina

Inviaci la

tua

foto

fotografo@okkio.it oppure commerciale@okkio.it ti contatteremo per le selezioni anche su

facebook Okkio ∫ 5


MACULATO pizza, cucina e grill, ha selezionato un menu “take away” per i clienti che vogliono gustare tutti i piatti comodamente a casa propria, ricordiamo che il MACULATO propone una vasta scelta di torte artigianali anche senza glutine per qualunque tipo di evento. MACULATO pizza, cucina e grill dal 2007 informato dall’Aic, l’Associazione Italiana Celiachia, per un servizio senza glutine garantito

6 ∫ Okkio


Okkio ∫ 7


Parliamo di Equitalia Gerit con il Codacons di Monterotondo

La Corte di cassazione annulla le multe di Equitalia

O

rmai da giorni gira sul web la notizia e noi vogliamo fare chiarezza, anche perché la sentenza non è stata messa in risalto dai media. In sostanza la Suprema corte di Cassazione ha emesso un principio - fino ad oggi disatteso dalla Equitalia – per le cartelle di pagamento emesse in materia di violazioni al codice della strada non è dovuta la maggiorazione di cui all’art. 27 L. 689/81 Cassazione Civile Sez. II 16 Febbraio 2007 n. 3701. COSA VUOL DIRE? Che le maggiorazioni previste dall’art. 203 Cds comma 3, in deroga alla L. n. 689/81 all’art. 27 in caso di ritardo nel pagamento della sanzione irrogata nell’ordinanza ingiunzione, comportano l’iscrizione a ruolo della sola metà del massimo edittale e non anche degli aumenti semestrali del 10%, aumenti pertanto ritenuti illegittimi dalla Suprema Corte di Cassazione. Quindi dobbiamo sempre controllare le cartelle che ci vengono notificate per sollevare l’eccezione e impugnare la cartella illegittima . Si deve rilevare che dal 2007 molti cittadini - non sapendo dell’indirizzo della Suprema Corte – hanno pagato detta maggiorazione illegittima senza contestare nulla alla EQUITALIA GERIT e quindi pagando milioni di euro non dovuti. Si precisa inoltre – sempre in merito alla sentenza citata che la sentenza non dichiara nulla tutta la cartella ma solo la maggiorazione applicata che a volte costituisce e rappresenta il 50% dell’importo richiesto in cartella (centinaia di 8 ∫ Okkio

milioni di euro) . La sede Codacons di Monterotondo con i suoi legali è a disposizione dei cittadini/consumatori per maggiori informazioni sulla sentenza citata e sulle modalità per eventuali contestazioni alla EQUITALIA . EQUITALIA ED ISCRIZIONE IPOTECARIA LE REGOLE DETTATE DALLA LEGGE 106/11 L’iscrizione di ipoteca legale sugli immobili è lo strumento preferito dalla Pubblica Amministrazione per recuperare quanto vantato nei confronti dei cittadini. Con la legge n. 106/2011 in vigore dal 31/07/2011 le cose sono notevolmente cambiate vediamo come; - La legge citata ha previsto la necessità di avvisare il contribuente prima di iscrivere l’ipoteca cosa che non era prevista nella precedente normativa quindi a partire dal 13.07.2011 Equitalia dovrà, quindi inviare una comunicazione con l’avviso che in assenza di pagamento delle somme dovute entro 30 giorni si procederà alla iscrizione ipotecaria. - Per i debiti fino a 2000,00 Euro l’applicazione di misure cautelari (ipoteca e fermo amministrativo del veicolo) devono essere precedute dall’invio per posta ordinaria di due solleciti di pagamento di cui il secondo a distanza di almeno 6 mesi. Prima della legge l’iscrizione veniva effettuata senza alcuna comunicazione al cittadino. segue a pagina 10


La soluzione si chiama Da oltre vent’anni gruppo leader sul territorio. Oggi con una nuova sede a Monterotondo Scalo

P

rofessionecasa, più di vent’anni di esperienza e passione al servizio di chi vende e acquista casa. E oggi con una nuova sede a Monterotondo Scalo. “Con la nuova filiale di via Col di Lana garantiamo alla nostra clientela un punto di riferimento in più e un servizio ancor più capillare. – spiega Pino Di Giacinto, che insieme a Pietro Cimei guida lo staff di professionecasa - Nonostante la crisi stiamo crescendo. Credo sia il segnale della solidità del nostro gruppo”. Un team composto da nove professionisti, leader nel territorio di Mon-

terotondo, Mentana e Fonte Nuova. “Chi si affida a noi – continua il titolare – accede a un’estesissima banca dati di clienti. Una piattaforma tramite la quale l’immobile in vendita viene condiviso da 1.500 agenzie in tutta Italia, quindi con la massima visibilità”. E con professionecasa non fa paura neanche la crisi: “E’ innegabile che il settore immobiliare stia attraversando un momento non facile. Tuttavia lavorando con serietà e oculatezza riusciamo a trovare le soluzioni più vantaggiose”. Chi non risente della crisi è di sicuro il mercato degli affitti: “E’ vero. In

questo periodo in cui le banche non concedono mutui facilmente, per tante persone, ad esempio per le coppie giovani, la casa in affitto diventa una soluzione importante. Tramite la nostra agenzia chi vuole affittare casa risolve in tempi brevi e con la massima garanzia e sicurezza”. Insomma, per vendere, acquistare e affittare casa professionecasa ha sempre la soluzione giusta. “Gli oltre 20 anni di presenza sul territorio credo siano una garanzia. – conclude Di Giacinto – Con noi il cliente va sul sicuro”. fm


CASI DI INVALIDITÀ DELL’ISCRIZIONE IPOTECARIA Casi più frequenti di invalidità dell’iscrizione ipotecaria: - Debito inferiore a 8.000,00 Euro - Debito inferiore a Euro 20.000,00 e abitazione principale - Omessa notifica dell’intimazione di pagamento - Omessa comunicazione dell’iscrizione di ipoteca La somma di Euro 8.000,00 non è sufficiente per iscrivere ipoteca quando l’immobile di proprietà del debitore sia adibito ad abitazione principale, qualora la somma iscritta sia contestata ovvero sia ancora contestabile, in questo caso la soglia minima per poter iscrivere ipoteca è di euro 20.000,00. Se non si è mai ricevuta la comunicazione l’impugnazione può essere proposta in ogni tempo mentre per le altre ipotesi dobbiamo vedere il tipo di credito portato dalle cartelle che sono diversi a seconda del credito. Questi termini sono a pena di decadenza e sono scritti nella cartella. Inoltre i termini per impugnare decorrono sempre dal ricevimento della comunicazione della iscrizione del procedimento cautelare. Insomma, dobbiamo fare molta attenzione quando riceviamo una cartella di pagamento dalla Equitalia Gerit, perché molto spesso ci sono delle irregolarità che possono essere impugnate e contestate.

10 ∫ Okkio

Il CODACONS Da sempre al fianco dei cittadino consumatore - alla sede di Monterotondo ha predisposto un Team di Avvocati specializzati nella materia ed ha siglato un protocollo di intesa con Commercialisti Tributaristi e Fiscalisti convenzionati e che collaborano con l’Associazione ed è a disposizione dei propri associati per verificare la regolarità delle odiate Cartelle Esattoriali e delle eventuali iscrizioni delle misure cautelari nonché format per impugnazioni ed eccezioni alla cartelle illegittime. Avv. Enrico Bonizzoni Coordinatore Sedi Codacons Provincia Roma Nord


Un per mettersi in società

T

ra le varie sigle che abbreviano le forme societarie, dovremo fare l’abitudine a una nuova: S.s.r.l. È l’acronimo della società a responsabilità limitata “semplificata” a vantaggio dei giovani al di sotto dei 35 anni, introdotta nel Codice civile (è il nuovo articolo 2463bis) dal decreto legge sulle liberalizzazioni. La novità non è tuttavia immediatamente operativa, in quanto la normativa in esame dispone che, con decreto ministeriale, da emanarsi entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione, verrà «tipizzato lo statuto standard della società» e verranno «individuati i criteri di accertamento delle qualità soggettive dei soci» (in sostanza, ad oggi non si sa esattamente cosa deve contenere l’atto costitutivo e quali caratteristiche devono avere i soci, ci sono delle indicazioni “di massima”, per questo non si può ancora procedere con la costituzione). SOCI SOTTO I 35 ANNI La S.s.r.l. non sarà utilizzata in modo generalizzato: potrà essere costituita solamente «da persone fisiche che non abbiano compiuto i 35 anni di età alla data della costituzione». Ciò, peraltro, implica l’esclusione dalla compagine sociale di tutti i soggetti diversi dalle persone fisiche (ovvero, non potranno far parte della compagine sociale, per esempio, le società). Per evitare le elusioni (ovvero, l’aggiramento della norma), è disposta, inoltre, la nullità dell’atto di cessione di quote di partecipazione al capitale sociale a persone con età superiore ai 35 anni. Non è chiaro, invece, cosa accada con l’inesorabile avanzamento dell’età dei soci (o con la morte di un socio e la devoluzione dell’eredità a soggetti di età non inferiore a 35 anni); infatti, anche se nella versione del decreto approvato dalla Camera dei Deputati non è più presente alcun vincolo di esclusione del socio che perde il requisito legato all’età o di trasformazione della società, non mancano le interpre-

tazioni che, al contrario, considerano ragionevole ritenere che le norme attuative che il ministero della Giustizia (di concerto con Economia e Sviluppo economico) dovrà emanare nei prossimi mesi in materia di statuto della S.s.r.l. e di accertamento delle qualità soggettive dei soci conservino un’impostazione restrittiva (ovvero, non permettano la permanenza all’interno della società dei soci che compiono il 35esimo anno di età). L'ATTO COSTITUTIVO La S.s.r.l. potrà essere costituita sia con atto unilaterale (cioè con unico socio) che con atto plurilaterale (ovvero più soci); la S.s.r.l. a unico socio, durante il corso della sua esistenza, potrà poi evolvere verso una situazione di pluripersonalità (ma sempre con l’ingresso nella compagine sociale di ersone under-35); viceversa, la S.s.r.l. pluripersonale potrà perdere questa caratteristica e divenire una S.s.r.l. unipersonale, quindi con unico socio di età inferiore ai 35 anni. L’atto costitutivo della S.s.r.l. dovrà essere redatto per atto pubblico notarile in conformità al modello standard tipizzato con decreto del ministro della Giustizia (che, come già detto in precedenza, ad oggi non è ancora disponibile e dovrà essere emanato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del DL liberalizzazioni). I COSTI L’atto costitutivo e l’iscrizione nel Registro delle Imprese saranno esenti da diritto di bollo e di segreteria; non saranno dovuti, inoltre, onorari notarili. Resta da corrispondere il diritto annuale di iscrizione al Registro delle Imprese (€ 200,00), l’imposta di registro (dovuta nella misura fissa di € 168,00), la tassa annuale per la vidimazione dei libri sociali (€ 309,87) e la parcella per il professionista che vi ha segue a pagina 14 Okkio ∫ 11


MAGIC D N U O S strumenti musicali

Via Pietro Nenni, 6 Fiano Romano Tel/fax 0765.4810.91 e-mail: magicsound1@virgilio.it 12 âˆŤ Okkio


Okkio ∫ 13


assistito fin dall’inizio (da concordare liberamente). A conti fatti, con una spesa che ragionevolmente si potrà aggirare intorno al migliaio di euro un giovane (da solo o con i suoi amici/parenti) con meno di 35 anni potrà costituire la nuova S.s.r.l., a fronte di una spesa prevista per una S.r.l. “ordinaria” non inferiore ai 3/4.000 mila euro, conseguendo un risparmio di circa 2/3.000 euro. CAPITALE SOCIALE E CONFERIMENTI La S.s.r.l. nasce praticamente senza patrimonio: la nuova norma impone che il capitale sociale sia versato in misura non inferiore a 1 solo euro. Ciò è una vera e propria rivoluzione nel campo delle società di capitali (delle cui obbligazioni risponde solo il capitale sociale senza che in questa responsabilità sia coinvolto il patrimonio personale dei soci). È poi disposto che il capitale iniziale non vada depositato in banca, come accade invece per le società di capitali “ordinarie”, ma che esso venga versato nelle mani dei soggetti nominati quali amministratori della S.s.r.l. L’organo amministrativo. La S.s.r.l. potrà adottare la governance di una “normale” S.r.l., ma con la precisazione che gli amministratori devono essere necessariamente soci della società stessa. LE PERPLESSITA' Come Dottore Commercialista devo confessare che, analiz-

zando le caratteristiche di questa nuova forma semplificata di S.r.l., se da un lato ho apprezzato molto l’intenzione del Governo di voler dare un’opportunità ai giovani in un periodo molto difficile (offrendo il beneficio della responsabilità limitata), dall’altro mi è sembrato che sia stato varato un provvedimento in modo troppo frettoloso (aspetto che sta caratterizzando il legislatore negli ultimi tempi) senza tener conto di una serie di norme, e circostanze, che vanno in contrasto con il provvedimento stesso. Gli interrogativi legati alla S.s.r.l. con capitale sociale di un euro sono diversi e si riferiscono soprattutto: da un lato, all’incapacità della società di far fronte già alle spese (seppur molto ridotte) di costituzione, con l’aggravante della disciplina delle perdite che scatterebbe automaticamente; dall’altro lato, all’incapacità della società di riuscire ad ottenere credito se non attraverso la firma di un fideiussore (garante) esterno. Dott. Paolo Favale

Studio Commerciale Dott. Paolo Favale Dottore Commercialista - Revisore Legale in collaborazione con Economos S.r.l. Contatti: Studio tel./fax 06.9093042 E-mail: paolofavale@alice.it vendite E affitti

immobiLiare

costruzioni e ristrutturazioni interventi termoidraulici - mutui e prestiti pratiche edilizie e catastali notaio in sede

RIF.A\110 TRATTATIVE RISERVATE MONTEROTONDO CENTRALE Appartamento di mq 200 su un unico livello, composto da ingresso, salone triplo, cucina, 3 camere da letto, 2 bagni, terrazzo e due posti auto.

RIF.A\119 € 340.000,00 MONTEROTONDO Via Garigliano, villetta a schiera di mq 200 circa disposta su tre livelli e composta da ampio garage, salone, cucina, quattro camere da letto, 2 bagni, terrazzo e giardino a livello. Ottimo stato

RIF.A\07 € 129.000,00 MONTEROTONDO Gesù operaio, in piccola palazzina appartamento al piano terra di mq 60 circa, composto da ingresso, cucina, due camere, bagno e box auto. No spazi esterni

RIF.A\39 € 145.000,00 MONTEROTONDO 1° piano di mq 35 circa composto da soggiorno con zona cottura, camera, bagno balcone, cantina e box auto. Nuova costruzione

RIF.A\103 € 259.000,00 BORGO QUINZIO A soli 5 minuti dalla stazione ferroviaria, deliziosa villetta a schiera di mq 220 disposta su 4 livelli e composta da rustico con camino, 4 camere da letto, 4 bagni, giardino, portico e cantina. Per amanti della tranquillità.

RIF.A\93 Trattative in ufficio CAPENA - Colle del Fagiano. Rustico di villa da ultimare e da frazionare a piacimento. Adatto a disporre per due unità immobiliari con ingresso indipendente, giardino di mq 1.200 circa. Panoramicissimo.

Monterotondo Via dell’Unione 83 • Tel. Fax 06.9061597 • Mobile 329.1621985 14 ∫ Okkio


La corsa non si arresta è record caro-benzina Prezzi dei carurbanti alle stelle e in continuo aumento: come e dove realizzare un minimo risparmio

C

on il prezzo della benzina aumentato del 18% e quello del gasolio del 25% nei primi due mesi dell’anno, con le accise impennate rispettivamente del 20,7 e del 34,16% dal 2011 ad oggi, in particolare con l’impennata del gpl auto che in due settimane è aumentato del 10,3%, con un calo dei consumi del 20% e con migliaia di punti vendita prossimi alla chiusura, con l’inflazione al 3,3%, la recessione italiana ha raggiunto il suo picco. I continui rincari di benzina e gasolio hanno effetti a catena anche su tutta la filiera alimentare, stravolgendo i bilanci delle aziende agricole che dipendono dal gasolio per lo spostamento dei macchinari, stravolgendo i bilanci dei punti ven-

dita che dipendono dalla mobilità su gomma per lo spostamento delle merci e di conseguenza aumentano i costi per la tavola delle famiglie. 4 MILIARDI IN PIU' ALL'ERARIO Da un’analisi condotta, emerge che negli ultimi anni, tra gennaio 2008 e la metà marzo di quest’anno, che questi rincari hanno portato all’erario un extragettito di 4 mld di euro, pari a 2,33 miliardi di euro

di maggiore Iva e 1,7 mld di euro di maggiori accise. Il famoso tesoretto. Il gasolio è passato da poco più di 1,145 euro/litro agli attuali 1,723 euro/litro. Un aumento pari al +50,5%. La benzina è passata da 1,267 euro/litro a circa 1,804 euro/litro. L’aumento registrato è stato del +42,4%. I prezzi, aggiornati al mese di marzo, la benzina raggiunge 1,874 euro al litro nei gestori a marchio Q8,

E va sempre più di moda il distributore "discount" Con il prezzo della benzina ormai fuori controllo, sono ormai gettonatissimi i distributori discount, distributori indipendenti che non hanno i loghi delle grandi aziende produttrici e che cercano di offrire prezzi più convenienti, tipicamente a 5-6 cent/litro in meno. Come il caso del benzinaio di via Marco Simone, al confine tra Roma e Guidonia, proprio a ridosso di un supermercato discount. Se non è risparmio questo... 15 ∫ Okkio


1,859 euro al litro nei gestori a marchio Eni, 1,845 euro da Esso, 1,871 euro da Ip e 1,854 euro da TotalErg. Per quanto riguarda il diesel, vediamo Eni a 1,769 euro al litro, Ip a 1,770 euro, Tamoil a 1,768 euro e TotalErg a 1,777 euro. Il prezzo massimo del gasolio rimane quello di Shell, stabile a 1,780 euro al litro. LA SOLUZIONE ALTERNATIVA Forse il Gpl e il metano che hanno avuto meno rincaro degli altri combustibili? Che sarebbe anche a favore di una mobilità più sostenibile. Lo Stato propone anche degli incentivi per trasformare la propria auto ad alimentazione gpl o metano. Ma intanto si cerca di sopravvivere andando a fare il pieno dai distributori meno cari. Qui tra la Via Salaria, la Via Tiberina, la Via Nomentana e la Strada Maremmana inferiore ce ne sono alcuni che sempre applicano degli sconti sui prezzi quotidiani

16 ∫ Okkio

dei carburanti. Come ad esempio il Gruppo D’Amico sulla Via Tiberina direzione Capena fa un meno 10/11 centesimi al servito; o ad esempio sulla Via Salaria in direzione Roma, dopo l’eli118, fa un meno 5 centesimi al servito; l’ex Ip su via Reatina a Mentana fa meno 8/10 centesimi al servito; anche Erg sulla Via Tiberina direzione Roma arriva

a meno 4/5 centesimi come quello sulla Via Salaria direzione Roma in self service; o ancora gestori privati come quello sulla strada Maremmana inferiore in direzione Tivoli che fa meno 10 centesimi servito e self service. Insomma si fa quel che si può. Ilaria Biondi


Okkio ∫ 17


A me gli occhi, please!

O

cchiali tradizionali o lenti a contatto? Spesso, nel dubbio, si scelgono i primi, anche perché li consideriamo più facili da usare, anche se ci piacerebbe che il nostro disturbo visivo non venisse notato dal prossimo. E allora, facciamo chiarezza sulle lenti a contatto con il dottor Luigi Militerni, medico chirurgo oculista al quale chiediamo quali sono le tipologie di lenti a contatto. Le lenti a contatto si suddividono in due grandi famiglie, sulla base dei materiali che vengono utilizzati per la loro costruzione: Lenti morbide o polimeri gommosi; Lenti rigide o polimeri vetrosi. Queste ultime vengono realizzate sia con un materiale non permeabile all’ossigeno che con materiali permeabili, mentre quelle morbide sono costruite con polimeri che hanno la caratteristica fisica della morbidezza. Poi ci sono le lenti rigide gas-permeabili, conosciute con il nome erroneo di semi rigide. Sono in molti che vorrebbero utilizzare le lenti a contatto colorate. Cambiare il colore dell’iride con la stessa facilità con cui si trasforma la nuance dei capelli…

18 ∫ Okkio

In commercio sono disponibili due tipi di lenti a contatto colorate: ci sono quelle opache e quelle colorate intensificanti. Le prime coprono completamente l’iride, quindi la superficie visibile altro non è che il colore della stessa lente. Le lenti a contatto colorate intensificanti non modificano il colore degli occhi, ma rendono più intenso quello già presente nell’iride. Parliamo della manutenzione, una pratica fondamentale per mantenere integre nel tempo le caratteristiche chimico fisiche del materiale. La manutenzione passa attraverso importanti processi quali la pulizia, la disinfezione, il risciacquo e la lubrificazione. La pulizia è indispensabile per rimuovere dalla superficie della lente muco e cosmetici, mentre la disinfezione ha come scopo principale quello di prevenire uno stato patologico iniziale proveniente da un agente eziologico presente sulla superficie

della lente stessa. Per l’azione di risciacquo è importante utilizzare solo ed esclusivamente i liquidi appositi ed è bene sapere che le lenti a contatto non vanno mai risciacquate sotto l’acqua corrente che potrebbe provocare gravi infezioni oculari, causate, ad esempio, da una patologia come la cheratite. Ultima ma non ultima per importanza, la lubrificazione è necessaria per mantenere l’idrofilia del materiale. I componenti che vengono maggiormente utilizzati come agenti umettanti sono l’alcol polivinilico, l’ossido di polietilene, oltre alla metilcellulosa. Un’ultima domanda che riguarda le lenti a contatto “usa e getta”, oggi facilmente reperibili in commercio. Vanno bene per tutti? Le lenti a contatto “usa e getta” sono studiate per curare la maggior parte dei disturbi visivi, purché non si presentino in forma particolarmente acuta. Con le lenti giornaliere è anche possibile correggere l’astigmatismo ed il loro prezzo varia a seconda della quantità e del tipo scelti. Olivia Gobetti


Okkio ∫ 19


Un’oasi di primavera al

bar Vittoria

20 ∫ Okkio


bar Vittoria

una pausa di gusto, relax ed eleganza nel cuore verde di Monterotondo

… bv… bar vittoria

Viale Bruno Buozzi, 17/25 • Monterotondo 00015 Roma • Tel. 06/90627258 e-mail: info@bar-vittoria.it • www.bar-vittoria.it


L'APPROFONDIMENTO

Crisi, viaggio tra i giovani

B

ot, Btp, Spread, Eurex, Deficit, Pil, Mib, Share, Bund, Dow Jones, ecc. ecc. No, non do i numeri, ne tanto meno si tratta di un messaggio crittografato (o forse sì?!). In realtà qui di sopra sono riportati solo alcuni (pochissimi!) dei termini/sigle del linguaggio economico che quotidianamente sentiamo riecheggiare dai nostri televisori, o vediamo quasi saltar fuori dalle pagine dei nostri quotidiani. Niente panico, il fatto di non sapere cosa siano, o cosa ESATTAMENTE siano, è condizione abbastanza diffusa, altrimenti dovremmo aspirare ad essere un popolo di esperti economisti! Tuttavia qualcosina risulta chiara a tutti: il nostro Bel Paese è in crisi, i soldi per arrivare a fine mese bastano sempre meno anche se “qualcuno” vorrebbe che se ne tirassero fuori sempre di più mentre, nel frattempo, trovare un lavoro sembra un sogno sempre più irrealizzabile, e se pure lo si trova, chissà se lo si riuscirà a mantenere.... Ma volendo trattare l’argomento (che novità! direte giustamente, visto che non sembra si parli d’altro!), ho voluto cercare di capire cosa ne pensano i giovani, o meglio, come la crisi è percepita dai più giovani. È ovvio che la ricerca richiederebbe molto tempo per essere sviluppata a fondo, cosa che per ragioni pratiche non ho. Per questo motivo mi sono concentrata su un piccolissimo campione di ragazzi/e, di età compresa tra i 16 e i 22 anni, che per questo non sono ancora inseriti nel mondo del lavoro, o stanno timidamente cercando di addentrarvisi. Di seguito troverete i loro pareri (e le loro speranze), tenendo conto che si tratta di un limitatissimo numero di esempi, anche se si considera il solo territorio di Monterotondo. 22 ∫ Okkio

Consapevoli e determinati: pronti a impegnarsi fino in fondo per costruirsi il futuro che sognano. Niente di più lontano dai bamboccioni sfigati di cui si parla... TOBIAS, 20 anni, Liceo delle Scienze Sociali Non sente molto il peso della crisi, poiché ha la possibilità di confrontarsi anche con la realtà tedesca avendo dei parenti che vivono in Germania, dove sappiamo la situazione essere diversa rispetto alla nostra. In effetti uno dei suoi fratelli, dopo aver studiato in Italia, avendo fatto qualche lavoretto saltuario, già si è trasferito lì, dove lavora regolarmente in un regime meno allarmante rispetto a quello instauratosi all’interno dei nostri confini. Il sogno di Tobias è in realtà quello di diventare musicista, per realizzare il quale studia da molto tempo pianoforte. È cosciente delle difficoltà che incontrerà nel suo percorso (del resto in questo paese è più facile che si trovino persone pronte a dissuaderti dal cercare di realizzare sogni di questo tipo!), ma è determinato e positivo, contento

del fatto che intanto studia ciò che più lo appassiona e ama. E una soluzione già ce l’ha: dovesse andargli male come musicista, potrà comunque coniugare i suoi studi di psicologia con la musica e dedicarsi ad attività quali la musicoterapia! ILARIA, 16 anni, Liceo Classico Già la scelta della scuola superiore è stata fatta in maniera oculata, credendo che una formazione classica potesse essere più completa e aprire a maggiori possibilità di studio future, aspettativa che, col tempo, è stata solo in parte soddisfatta. Vorrebbe poter studiare Medicina ed esercitare un domani tale attività, anche se tuttavia è scoraggiata dal test di ingresso, credendo che sia un altro modo con cui la società in cui viviamo cerca di limitare le nostre scelte. Crede, di contro, che il grande problema di oggi sia un livel-


lo culturale piuttosto basso, alimentato anche dalla sfiducia nei confronti dello studio caratteristico dei giovani, i quali credendo che sia inutile studiare (“tanto il lavoro non si trova”) si lanciano scoraggiati nel mondo del lavoro che pure è quello che è. Lei è invece è convinta che nonostante tutto non sia vano studiare, anche solo per se stessi, e che addirittura questo permetta di avere maggiori possibilità lavorative. “Questo momento ci rende tutti più consapevoli”, dice, “la speranza è l’ultima a morire. Io ci voglio provare!”. MARCO, 18 anni, Scuola Alberghiera È il caso di dire che per Marco passione, divertimento e studi si fondono in un’ unica attività: cucinare. Il suo progetto è quello di diplomarsi per cercare di realizzare il suo sogno che è quello di diventare chef. Non è spaventato dal momento poco felice che stiamo attraversando poiché, qualora fosse necessario non lo spaventa andare a lavorare anche all’estero.

La grinta è molta ed il fatto di aver scelto una scuola superiore che lo proiettasse direttamente nel mondo del lavoro la dice lunga! MARIO, 16 anni, Istituto Tecnico Industriale Crede che sia importante lo studio nel percorso formativo di ognuno, e che sia necessario almeno conseguire il diploma per poter svolgere alcuni lavori. Nonostante la situazione attuale poco favorevole, il suo atteggiamento nei riguardi del futuro è comunque positivo. Il mondo del lavoro non lo spaventa, anzi, Mario sembra avere le idee molto chiare: senza indugiare troppo oltre, vuole lavorare nel campo dell’informatica, appena conseguirà il diploma. JESSICA, 22 anni, Scuola professionale per truccatori: che dire di una ragazza che è già uscita dal

liceo da qualche anno e nonostante la crisi frequenta un’accademia professionale per poter un giorno realizzare il suo sogno? Semplicemente che deve essere più che convinta di ciò che fa! “La situazione è dura, pesante e difficoltosa, senza dubbio” mi dice con tono un po’ tra l’amareggiato e l’arrabbiato, “qualunque cosa oggi uno voglia fare, in qualunque campo, ci vuole tanta buona volontà, ma soprattutto tanta inventiva!”. È vero, soprattutto se si pensa che in alcuni ambienti, come il suo, non si hanno molte opportunità per emergere, a meno che non si diventi bravi a creare le situazioni per far vedere quanto si vale, invece di aspettare di essere notato da qualcuno... E Jessica, di tempo non ne perde e già da ora sta cercando di crearsi un proprio spazio lavorativo. Del resto, quando c’è la passione anche le difficoltà che incontriamo sul nostro percorso sembrano magicamente diminuire! Federica Fatone

Okkio ∫ 23


QUESTIONE DI STILE

U

n caloroso saluti a tutti i lettori e le lettrici di Okkio. Siete pronti per scoprire le tendenze di questa nuova primaveraestate, lasciandovi conquistare dalle tendenze più “cool” che il mondo della moda ci propone? Eccoci di nuovo qui: dopo aver tanto atteso i primi giorni di primavera, siamo finalmente stati baciati dal sole e dalle temperature più alte!Quindi prendete i vostri capi invernali, riponeteli nell’armadio e preparatevi al vostro cambio di stagione!Le parole chiave sono: colore ed eccesso. Dilagano le decorazioni eccentriche applicate ad abiti, scarpe ed accessori, abbinate alla riscoperta dell’artigianato e dell’autenticità. Si valorizzano così prodotti non solo belli, ma sopratutto “ben fatti”. Il foulard è sicuramente un protagonista di questa nuova visione di moda. Piccolo come un fazzoletto, da poter portare legato sotto al mento abbinandolo a degli occhiali scuri e grandi, in stile Audrey Hepburn e Grace Kelly.Può essere utilizzato in mille modi, anche in versione maxi, trasformandolo in abito/pareo, per le vostre giornate di mare. Le fantasie sono svariate, dal classico monocolore ai più elaborati con disegni floreali e grafiche avant garde. Tornando agli occhiali, anche qui avete una vastissima scelta, partendo dalla dimensione che meglio si adatta alla forma del vostro viso, per finire a tutte le varietà di colori. E se volete osare di più, allora sicuramente la linea di A-Morir farà al vostro caso: veri e propri gioielli, decorati con perle, e swarovsky. Ma passiamo ora a ciò che le donne amano di più: le scarpe! È già iniziata l’invasione di sandali con tacchi altissimi e colorati, un ritorno al plateau e ai modelli anni ’70, dove il vero protagonista è il tacco. Gli shoe designer progettano per noi tacchi dai volumi solidi e linee affilate, illuminati da sfaccettature metalliche, rasi, spyke coloratissimi e addirittura coralli, come nel caso di Chanel. Passiamo ora alla parte migliore! L’abito. Il “Total White” ritorna nelle passerelle, riportandoci la purezza e l’innocenza, ma sopratutto riportandoci la luce. Infatti il vero segreto di questo look è il saper dare risalto alla silhouette e alla materia che la compone.Ritornano anche le “pieghe”, che ricoprono abiti, gonne e persino accessori. Diversamente dal passato, quando si era vista una certa rigidità, adesso i tessuti impalpabili e ultraleggeri dominano la scena. Ci mostrano alcuni esempi i modelli di Lanvin, Bottega Veneta ed Enza Costa. E ora vado a presentarvi l’accessorio più fashion di questa primavera 2012: direttamente dalla maison Gucci, la borsa “Icona Gucci 1970” , meraviglioso accessorio pitonato e dai colori più vivaci. Ispirata dall’art decò, prende il nome da un anno molto importante, in cui per la prima volta nella maison Gucci fecero il loro ingresso gli angoli in metallo negli accessori. È disponibile in più versioni lussuose (nappa, vitello, pitone e coccodrillo), ma se non amate la violenza e lo sfruttamento degli animali, non disperate: potrete averla lo stesso, perché Gucci propone anche la bellissima versione dipinta a mano! Anche per questa volta è tutto, ritorneremo nel prossimo numero con tantissime novità e consigli su costumi e completi per la spiaggia. Per ora, mi raccomando, non dimenticate: colore, brio e fantasia! Un saluto, Amarillis Cargnin

24 ∫ Okkio

ARTICOLO, PHOTOGRAPHER, POSTPRODUCER, OUTFIT: Amarillis Cargnin MAKE UP ARTIST: Marina Macii HAIR STYLIST: Simona Cancellaro MODELLA: Gloria Castrataro


Okkio ∫ 25


TEMPI MODERNI

Finché vita non vi separi I matrimoni sono in costante calo. Di contro aumentano separazioni e divorzi Come cambieranno le cose per le nuove generazioni?

S

aranno i tempi che cambiano, sarà la leggerezza con cui ormai si affronta ogni cosa, sarà la convinzione che “nulla è per sempre, quindi...”, sarà questa frenesia febbrile di poter cambiare qualunque cosa che ci ha stufato con qualcos’altro che ci piace di più, invece di rammendare e cercare di salvare il salvabile, buttiamo via tutto e rimpiazziamo il vecchio con il nuovo. E così cambiamo

26 ∫ Okkio

cellulari, macchine, computer, paio di scarpe, vestiti e... mariti o mogli, insieme ad una vita pensata e progettata in due... Basta guardarsi attorno per vedere

che le coppie sposate e FELICI, oggi giorno, sono perle rare. Dico anche “felici”, perché non è invece difficile trovare coppie che stanno insieme per abitudine, perché l’andamento


ALCUNI NUMERI Ma bando alle ciance (si fa per dire!) vediamo alcuni dati in concreto: secondo l’ISTAT nel 2008 i matrimoni sono stati 246.613; due anni dopo, nel 2010, si sono registrati invece poco più di 217.000 (30.000 in meno!). E ancora si legge: “La tendenza alla riduzione delle nozze è in atto dal 1972, ma nel biennio 2009-2010 il calo è stato particolarmente accentuato. Infatti, la variazione media annua ha raggiunto il – 6%, un valore decisamente al di sopra del – 1,2% registrato, in media, negli ultimi 20 anni”. Un altro dato inquietante è il fatto che se a diminuire sono i matrimoni, e soprattutto i PRIMI matrimoni (che, se nel 1991 sono stati più di 280.000, nel 2010 toccano a malapena i 180.000!), ad aumentare sono invece i divorzi e le separazioni: rispetto al 1995, nel 2009 le separazioni sono aumentate di oltre il 64% e i divorzi sono praticamente raddoppiati. Un dato interessante si rileva prendendo in esame i matrimoni, religiosi e civili, avvenuti all’interno del Comune di Monterotondo. Ebbene, secondo i dati forniti dal Servizio Demografico, si osserva che nel 1990 i matrimoni religiosi sono stati 127 e quelli civili 38, per un totale di 165 matrimoni; nel 2010 le unioni sono state 121 (58 religiose e 63 civili), per

arrivare al 2011, quando si registrano 137 matrimoni, di cui 56 religiosi e 81 civili. Il fattore interessante è che un boom, rispetto alle annualità prese in esame, si è verificato a Monterotondo proprio negli anni 2000 e 2001, che hanno visto il celebrarsi di 189 matrimoni nel 2000 (126 religiosi e 63 civili) e di 163 matrimoni nel 2001 (107 religiosi e 56 civili). Altro fenomeno su cui riflettere è, se vogliamo, la diminuzione di matrimoni religiosi e l’aumento di matrimoni civili ,riscontrabile se prendiamo in esame i matrimoni civili avvenuti nel 1990 (38) contro quelli avvenuti nel 2010 (63) e 2011 (81).

Okkio ∫ 27


economico attuale rende più conveniente una seppur triste convivenza... Sono poi molti i casi in cui, soprattutto coppie giovani, stanno si insieme, e magari fanno anche dei figli, eppure non si sposano. UN’ISTITUZIONE ORMAI PRIVA DI FASCINO? Insomma, da qualunque lato si guardi la situazione, il matrimonio come istituzione sembra aver perso il suo fascino ( o sembra non dar più alcuna garanzia?!), e insieme a lui, sembra modificarsi il DNA della “famiglia classica” dove insieme ad ex mogli ed ex mariti, aumentano ex compagni ed ex compagne, aumenta il numero di figli nati da relazioni diverse e di conseguenza si infittisce la rete dei cosiddetti “fratellastri” e “sorellastre”, si ingarbugliano le relazioni e i rapporti genitori/figli come quelle tra fratelli/sorelle/fratellastri/sorellastre. Le chiamano “famiglie allargate”, quando poi invece ci si sente sempre più soli, e il risultato è un logaritmo infinito senza possibilità di soluzione... o forse sì...

28 ∫ Okkio

UN ISTANTE INFINITO Numeri, date, tabelle e percentuali su cui riflettere si ma senza perdere di vista la “vita reale” che ci vede protagonisti ogni giorno: che ripercussione hanno tutti questi calcoli su noi, i nostri familiari, i nostri figli? Con quali ideali e valori cresceranno le generazioni future? Sin dall’antichità si pensa che la prima comunità/società con cui il bambino entra in contatto è la famiglia: data la triste situazione, con chi avranno modo di confrontarsi

i nostri figli? Mi ha colpito molto una frase della mia professoressa di Storia dell’Etica che in aula ci spiegava la differenza tra il “primo amore”, possessivo, passionale, fugace e il matrimonio secondo il filosofo Kierkegaard, che sembra fare proprio al caso mio. Così la professoressa ci ha spiegato la differenza: “Il primo amore è l’infinito in un istante, il matrimonio è l’infinito fatto durare istante dopo istante”. Federica Fatone


Okkio ∫ 29


30 ∫ Okkio


FITNESS

Arriva l'estate, torniamo in forma

C

i siamo. Arriva l’estate e allora riteniamo possano tornare utili alcuni consigli per mettersi in forma e affrontare la temutissima prova costume. Per prima cosa: mangiate! Fate cinque pasti al giorno: colazione, spuntino, pranzo, ancora spuntino, cena. Se non mangiate, infatti, il metabolismo rallenta per risparmiare energia. Per bruciare grasso il corpo deve sentirsi al sicuro dalla fame, quindi mangiate a sufficienza, in modo da sentirvi sempre sazi. Evitate magari carni grasse, insaccati, alcol (oltre a essere dannoso per la salute porta velocemente al sovrappeso), bevande gassate, dolci, formaggi stagionati, burro, panna, latte intero. Mangiate invece alimenti integrali, verdure, frutta di stagione, pesce magro, pollo, tagli di manzo magri, olio d’oliva, e bevete almeno tre, quattro litri di acqua oligominerale al giorno. Introducete gradualmente l’attività fisica, arrivando ad allenarvi almeno tre volte a settimana. All’inizio 30/40 minuti basteranno. Allenatevi con i pesi, e mi rivolgo soprattutto alle donne! Più muscoli si hanno, più il corpo brucia calorie anche a riposo! Avete capito bene! Dopo una seduta di allenamento con i pesi, per 48 ore il metabolismo continua a bruciare energia anche se non vi allenate. Altro consiglio: dopo un allenamento con i pesi mangiate carne, pesce, verdure, escludendo pane e pasta. Concentratevi su esercizi base: gambe, schiena e poi altri gruppi muscolari. A fine allenamento avrete qualche doloretto ma questo è un segnale positivo: continuerete a bruciare calorie importanti per il dimagrimento. Per quanto riguarda gli esercizi per gli addominali, non fatene un miliardo. Non servono per togliere la pancia! Pochi, concentrati e soprattutto eseguiti in modo corretto. Con affetto, il vostro personal fitness trainer Maurizio D’Antonio


MOTORI

Rivoluzione SMART E' giovane ma già un mito. Storia dell'auto che ha dato vita alla nuova concezione della city car

A

ll’inizio sembrava una provocazione, un’idea folle per alcuni addirittura fallimentare. Creare in pochi centimetri un’auto dall’ottima prestazione qualche anno fa appariva come un’utopia piuttosto che un progetto reale, un miraggio come un’oasi nel deserto. E invece eccola lì, nell’ottobre del 1998 viene lanciata la Smart. L’intuizione si deve a un certo Signor Johann Tomforde, dipendente della Mercedes-Benz; il successo al modello decisamente par-

ticolare, fondamentalmente unico, innovativo. Un’auto che sta in due metri e mezzo, senza cofano anteriore, discreto bagagliaio, pannelli di plastica removibili, due grandi e comodi sedili, trazione posteriore e motore sotto lo stesso bagagliaio.

COMODA, UTILE, VELOCE Smart, acronimo di Swatch Mercedes Art, nel tempo è stata associata a concetti quali rapidità, comodità, per certi versi furbizia. Utile, utilissima all’interno delle grandi metropoli, nessun problema per la classica ne-

www.berimbaujeans.com

32 ∫ Okkio


vrotica ricerca del parcheggio. In questo caso, le piccole dimensioni fanno la differenza. Un concetto di meccanica confortevole, soprattutto sicura grazie alla cellula di protezione. Nel tempo l’apprezzamento di critica e pubblico ha spinto la casa madre a produrre un’ampia gamma di modelli curiosi e particolari: City Coupé & City Cabrio; Crossblade; Roadster, ForFour; ForTwo; ForTwo ED; Smart K, per ora regalata solo al mercato nipponico. Sempre Smart, ma in versioni differenti. AMICA DELL’AMBIENTE Politiche ambientali, energie rinnovabili, lotta all’inquinamento, attenzione ai costi. Già nel 2010 è stato lanciato nel nostro Paese il Progetto E-mobility Italy: una sperimentazione basata su una flotta di 100 Smart Electric Drive. In collaborazione con Enel, l’obiettivo è quello di testare la possibilità di utilizzare queste auto elettriche per gli spostamenti urbani. Uno studio continuo che ha portato oggi all’affermazione di questa city

car ad emissioni zero, una delle autovetture elettriche più economiche del panorama mondiale. Motore con potenza da 55 Kw, accelerazione da 0 a 100 in circa 13 secondi, 120 km/h di velocità massima e 140 di autonomia. Silenziosa, ideale per la realtà caotica del nostro tempo, libera di viaggiare senza alcuna limitazione di traffico. Essenziale per chi lavora ed è sempre in lotta con il tic tac dell’orologio; fondamentale per spostarsi da un capo all’altro della città e resistere ai clacson di migliaia di automobilisti frenetici. Dinamica, sportiva e sgusciante, leggera, solida e stabile. L’attenzione non è posta solo alla meccanica ma anche all’estetica, diversi i colori e le combinazioni cromatiche. Particolare il look elegante di Smart, un mix perfetto tra prestazioni e bellezza. Smart: auto del passato, del presente e soprattutto del futuro: Open your mind! Valentino Cristofalo


ENTRA NEL NUOVO MONDO SYSTEM PROFESSIONAL SUN PROTEZIONE SOLARE E TRATTAMENTO QUOTIDIANO UNIONE PERFETTA PER I TUOI CAPELLI

•DOCCIA SOLARE

34 ∫ Okkio

•SERVIZIO SPOSA

•EXTENSION


il gelato artigianale

di Monterotondo

S

e cercate il vero gelato artigianale, allora la scelta non può essere che una: Gelatondo! “Non abbiamo segreti particolari. spiega Stefano, il titolare - Solo tanta passione e ingredienti genuini che rendono il nostro gelato semplicemente speciale”. Creme squisite, gusti di frutta “preparati solo con frutta fresca, acqua e zucchero. Questa è la ricetta. E da noi anche il cono da 1 euro e 50 ha sempre tre gusti e la panna!” Ma il gelato non è l’unico ‘piatto forte’: “Ottime sono anche le nostre granite, - continua Stefano - da provare in diversi gusti. Da buongustai è quella di caffè con la nostra panna che è eccezionale”. Magari da gustare comodamente seduti nell’accogliente spazio esterno del locale. Molti apprezzati, soprattutto nei mesi più caldi, i golosissimi frappè e il frozen yogurt, “da abbinare a sciroppi e frutta fresca. Un prodotto di altissima qualità, che potranno apprezzare anche i ciliaci visto che è assolutamente privo di glutine”. E completamente artigianale è anche la produzione dei dolci: “Tiramisù, semifreddi, profitteroles e tanti altri tipi di torte che prepariamo anche su ordinazione in base alle richieste”. E ogni torta ha la sua ‘ciliegina’. “Che nel nostro caso sono i cannoli, preparati proprio come nella migliore tradizione siciliana. Utilizziamo ricotta di Palermo e inoltre le cialde vengono farcite al momento, per assicurare la massima fragranza. Credetemi, sono davvero da non perdere!”.

Coni, granite frappè, yogurt e cannoli siciliani Ogni gusto è una specialità

Gelatondo - Piazza Indipendenza, 5d - Monterotondo Per ordinazioni tel.06.90626577 - cell. 340.3761235 Aperto tutti i giorni fino a mezzanotte Okkio ∫ 35


OKKIO MOVIE Presto nelle sale MARGIN CALL Ambientato nel mondo dell’alta finanza, è un thriller che coinvolge i manager di una grande banca di investimenti durante le drammatiche 24 ore che precedono la crisi finanziaria del 2008. Quando Peter Sullivan, un semplice analista, entra in possesso di informazioni che potrebbero provocare il fallimento del colosso, inizia una frenetica corsa contro il tempo. USCITA CINEMA: 18/05/2012 GENERE: Drammatico, Thriller REGIA: J. C. Chandor INTERPRETI: Kevin Spacey, Paul Bettany, Zachary Quinto, Penn Badgley, Simon Baker, Aasif Mandvi, Mary McDonnell, Demi Moore, Ashley Williams, Al Sapienza, Stanley Tucci, Jeremy Irons DISTRIBUZIONE: 01 Distribution PAESE: USA 2011 CONTRABAND Chris Farraday è un ex marinaio, licenziato dalla nave su cui lavorava a causa della sua abitudine a contrabbandare merci rubate a New Orleans. Nonostante negli anni sia riuscito a costruirsi una vita onesta, torna nella criminalità per proteggere la famiglia. USCITA CINEMA:18/05/2012 GENERE: Thriller REGIA: Baltasar Kormákur INTERPRETI: Mark Wahlberg, Kate Beckinsale, Ben Foster, Giovanni Ribisi, J.K. Simmons, Lukas Haas, Diego Luna, Caleb Landry Jones DISTRIBUZIONE: Universal Pictures PAESE: USA 2012 MEN IN BLACK 3 Gli agenti J (Will Smith) e K (Tommy Lee Jones) sono tornati indietro nel tempo. Durante i suoi 15 anni fra i Men in Black, J ha visto delle cose inimmaginabili, ma nulla è riuscito a sorprenderlo tanto quanto il suo enigmatico partner e scoprirà che ci sono segreti che K non gli ha mai rive36 ∫ Okkio

a cura di Daniele D.

lato... USCITA CINEMA: 23/05/2012 GENERE: Azione, Commedia, Fantascienza REGIA: Barry Sonnenfeld INTERPRETI: Will Smith, Tommy Lee Jones, Josh Brolin, Emma Thompson, Jemaine Clement, Rip Torn, Alice Eve DISTRIBUZIONE: Warner Bros. Italia PAESE: USA 2012 LORAX - IL GUARDIANO DELLA FORESTA Il viaggio di un ragazzo e la sua ricerca dell’unica cosa che riuscirà a fargli conquistare l’attenzione della ragazza dei suoi sogni. Per far questo dovrà scoprire la storia di Lorax, la brontolona e magica creatura che lotta per proteggere il suo mondo. USCITA CINEMA: 01/06/2012 GENERE: Animazione REGIA: Chris Renaud, Kyle Balda INTERPRETI: Danny De Vito, Zac Efron, Taylor Swift, Betty White, Ed Helms DISTRIBUZIONE: Universal Pictures PAESE: USA 2012 21 JUMP STREET Versione cinematografica tratta dall’omonima serie TV anni ’80-’90, nota soprattutto per aver avuto nel cast il giovane Johnny Depp. Protagonisti due giovani poliziotti sotto copertura infiltrati nei licei per controllare e reprimere la delinquenza giovanile. USCITA CINEMA: 15/06/2012 GENERE: Azione, Commedia, Poliziesco REGIA: Phil Lord, Chris Miller INTERPRETI: Jonah Hill, Channing Tatum, Johnny Depp, Ellie Kemper, Jake M. Johnson, Dave Franco, Ice Cube, Brie Larson, Rob Riggle, Johnny Simmons, Dakota Johnson DISTRIBUZIONE: Sony Pictures Releasing Italia PAESE: USA 2012 Fonte: www.comingsoon.it


Boris Gomez, quando la Salsa diventa magia

È

cresciuto a Cuba, dove il ballo non è solo divertimento ma piuttosto una filosofia di vita. Oggi Boris Gomez insegna Salsa per trasmettere la magia di questo ballo. "Il corso di Salsa della mia scuola - spiega - è un viaggio nella perla dei Caraibi, una passeggiata nei vicoli dell’Havana negli anni ‘30 o ‘50 attraverso, ballo, musica e storia. Cerco di trasmettere alle persone la nostra cultura e la nostra allegria. L’allievo delle nostre scuole deve essere in grado di distinguere gli influssi musicali che circondano la Salsa Cubana come l’elegante Son, il corteggiamento della Rumba, la frenesia del Mambo o la ritmica del Cha Cha Cha. E’ vero che i cubani hanno il ritmo nel sangue? Sì e vero, noi a Cuba già da piccoli cresciamo con el ritmo del tamburo dentro. Ogni ricordo della nostra vita è associato

a musica e ballo. Nel mio caso l’ho anche un po’ ereditario dalla mia famiglia. Il ballo è una passione che portiamo sempre con noi. Ma poi, far diventare il ballo una professione è ben altra cosa: devi studiare danza, folklore cubano, ritmica e avere la conoscenza dei tanti generi musicali .E per lavorare nel ballo a Cuba dove quasi tutti sanno ballare non è impresa facile. Parlaci dei corsi della tua scuola. I corsi di ballo sono divisi in livelli base per il principiante, intermedio e avanzato. La metodologia della salsa è lo stile ‘Casino’, nato alla fine degli anni ‘50 a Cuba, seguendo un percorso musicale dal son, rumba, mambo, cha cha cha, reggaeton,. Nel corso delle lezioni l’allievo, oltre che a ballare, apprende come e dove sono nati questi stili, e perché. L’importanza della provenienza del passo o del ritmo è importante tanto quanto il saperlo ballare.

Okkio ∫ 37


38 ∫ Okkio


Okkio ∫ 39


VIVERE PARIGI

Come, dove e quando la Capitale dell'arte e dell'amore svela il suo volto più prezioso e intrigante

Glamour e magica Paris

Parigi al mattino è bellissima. Parigi il pomeriggio è affascinante. Parigi la sera è incantevole. Ma Parigi dopo mezzanotte è magica”. Così si è espresso di recente il grande Woody Allen su una delle città più belle al mondo. E lo immaginavamo, visto che sono tanti i suoi capolavori cinematografici ispirati alla metropoli dell’amore. Da Pussycat a Tutti dicono I love you per arrivare a Midnight in Paris, l’ultima pellicola uscita questo inverno e ambientata in una Parigi di mezzanotte degli anni venti. E a Parigi c’è chi ci torna, chi ci vive da sempre e chi se ne va perché troppo glamour. Come l’artista Cecile Belmont, che da qui se n’è andata anche per motivi di cuore e alla fine ha scelto una nuova meta e si è messa a dipingere tutti i muri della strada principale di Bueinos Aires. MODA, MODA E ANCORA MODA C’è chi la ama e chi la odia per gli stessi motivi. E se qual-

40 ∫ Okkio

cuno se ne va perché Parigi è troppo alla moda, molti la scelgono per le sfilate e, in direzione Champes Elysee, per entrare nel palazzo di Louis Vuitton, oppure verso le vie del lusso come la Avenue Montaigne, per toccare con mano la maison Dior e altre boutique come quella di Celine, Miu Miu e Prada. Nella Rue Saint Honoré, Ysl e Bottega Veneta. A Place Vendome, invece, i più grandi gioiellieri del mondo. Da Cartier a Van Cleef, da Bvlgari a Chanel. E poi, per sentirsi meno in colpa, al ritorno dicono di essere rimasti incantati dai viali alberati, dall’architettura e dai musei. QUATTRO PASSI NELL'IMMORTALITA' Eppure molti registi, tra cui Allen, non si sono invaghiti solo della Parigi patinata tutta luci, paillettes e purfume, ma di quella colta, raffinata e di cui si sono riempite le pagine dei libri di storia e di letteratura. Il Cimitero di Père-Lachaise è un esempio di luogo unico nel suo genere. Una grande


necropoli che custodisce le spoglie dei grandi artisti e musicisti del XIX e XX secolo. Da Chopin a Jim Morrison, da Proust ad Oscar Wilde. Un giardino-pantheon delle grandi personalità del passato. Ma anche il cimitero di Montmartre è molto simile. Tutti labirinti verdi e statue bellissime. Place de la Concorde è un’altra meta interessante. Si trova sul bordo della Senna ed è la più grande piazza di Parigi. E poi, oltre alla Torre Eiffel, una postazione da cui godersi il panorama è la torre di Montparnasse, il grattacielo più alto di tutta la Francia: 210 metri! E se l’ Arco di trionfo lo conoscete a memoria, andate a visitare il Grande Arche de la Défense, esempio di una Parigi nuova e futuristica. L’idea fu del Presidente Mitterrand, che desiderava un arco di trionfo attuale. L’architetto prescelto, Otto van Spreckelsen, che costruì un arco di 106 metri un cubo squadrato e semplice che oggi ospita numerosi uffici commerciali. PARIS BY NIGHT E di notte anche a Parigi ci si diverte. Inutile ricordare il mitico Moulin Rouge. Ma anche discoteche e pub non mancano: il Vip, agli Champes Elysee, è quella più in e costosa. Ma nel quartiere del du Marais se ne trovano tante altre per tutti i prezzi e per tutti i gusti. SK


GOSSIP AL VELENO

... tutte pazze per

David Gandy Quella britannica mediterraneità che ha stregato D&G, Dior e le donne di mezzo mondo

Q

uei due buongustai di Dolce&Gabbana hanno centrato la fragranza più seducente e mediterranea degli ultimi tempi. Ma hanno saputo centrare anche il volto ed il corpo icona di chi lo avrebbe ben rappresentato. È lo spot girato nel bel mezzo del mare di Capri per il profumo Light Blue. Una barchetta, una biondissima modella e lui, il supermodello David Gandy che è ai primi posti tra i modelli più desiderati e pagati secondo una classifica della rivista Forbes. PIGMALIONE D'ECCEZIONE Ovviamente quel gatto e quella volpe di D&G se lo sono tenuto stretto, il signor Gandy, che ormai è il testimonial di molte loro campagne pubblicitarie. Ma anche se il merito del lancio sembrerebbe essere made in Italy, lo si deve a

42 ∫ Okkio


Christian Dior questo bel pezzo di dio greco dei nostri tempi. Ed il francese Dior non avrebbe potuto scegliere modo più bizzarro per farlo ancora meglio risaltare tra molti altri dei delle passerelle. Immaginate un modello come tanti che nel backstage di una sfilata si accinge al cambio d’abito. E poi l’imprevisto al limite del surreale, che getta nel panico sarte e addetti ai lavori. I pantaloni non entrano, le misure sbagliate. Cosa si fa a questo punto?! Ovvio! Si fa uscire il modello così com’è. La sfilata era quella di Dior e lui, David Gandy, una sorta di “modello Giuditta”, si ritrova in passerella con le sole mutande! FASCINO MULTIETNICO Ma cosa c’è di così speciale in questo super bello scelto tra tanti super belli? Secondo D&G una sostanziosa mediterraneità. Occhi blu, carnagione olivastra e capelli scuri. Non potevano farselo scappare i due stylists che da qualche anno a questa parte con la loro moda celebrano il made in Sicily e tutto ciò che fa mare, macchia mediterranea e sole del Sud. E a detta di qualche opinionista, sono i peli di David Gandy a fare la differenza, perché sembrerebbe che ce li abbia tutti, come un vero “masculo”! “Diciamo che non sono Sean Connery, ma qualche pelo ce l’ho. I primi anni sono stati difficili: era il momento in cui la moda voleva gli uomini effeminati. Io non ero trendy. Ora, il fatto che i peli piacciono significa che le donne apprezzano gli uomini che sembrano… uomini. Non quelli con un giro coscia più magro del loro.” Ma la genetica è strana, perché le origini di David

sono cento per cento scozzesi e lui nasce nell’Essex. British inside e pure timido e schivo. Tra un underwear e l’altro, in cui è ormai specializzato, pensa al cinema e a un ruolo che lo convinca. E speriamo che un fascino così multietnico non sfugga alla sceneggiatura di un accorto regista! SK


TENDENZE

E' sempre più

tatoo mania

L'uomo decorava il suo corpo già nell'antichità ma oggi il tatuaggio è divenuto vera e propria arte

L

a parola “Tatuaggio” deriva, da “Tatau”, che in lingua polinesiana significa: tecnica di decorazione corporale dell’uomo. Oggi collochiamo questa pratica nella branca della “Body Modification”, ma il tatuaggio è qualcosa di antichissimo, che ha accompagnato l’uomo per gran parte della sua esistenza. Uno dei primi documenti sul tatuaggio risale al 330 a. C.: sono state rinvenute pitture rappresentanti simboli ed animali sul corpo della mummia di Similaun.Ci sono state tante altre scoperte di questa pratica sia in Egitto che nell’antica Roma: prima della nascita del Cristianesimo, infatti, moltissimi uomini di fede decidevano di tatuarsi simboli religiosi, per poter marcare la propria identità spirituale. Tra le popolazioni più antiche, ricorderemo due delle più

44 ∫ Okkio

importanti: quella maori e quella giapponese. Tra i Maori il tatuaggio simboleggiava nobiltà, crescita fisica e spirituale, nonché coraggio. Invece nel mondo giapponese il tatuaggio, meglio conosciuto con il nome di Irezumi o Horimono, inizialmente era destinato solo a schiavi e a criminali, poiché veniva praticato come metodo punitivo. Di seguito acquistò un significato di ricchezza e nobiltà nonché, appartenenza ad alcune delle famiglie più potenti (Yakuza). PER TUTTI I GUSTI Esistono molti generi di tatuaggi ai giorni nostri; tra i più conosciuti ricordiamo: Tribale; Old School; New School; Japan-Realistico; Lettering-Biomeccanico; Fantasy. Anticamente ci furono molti metodi per realizzare tatuaggi:


gli Inuit usano degli aghi d’osso per far passare attraverso la pelle un filo coperto di fuliggine (che è poi non molto diversa dalla china). Nelle zone oceaniche, invece, il tatuaggio viene eseguito tramite i denti di un pettine di osso (fermato all’estremità di una bacchetta e battuto con un altra), che forano la pelle introducendo il colore, ottenuto dalla lavorazione della noce di cocco. I giapponesi, invece, usano la tecnica del “tebori”, utilizzando aghi sottilissimi in metallo e pigmenti di molti colori, introducevano nella pelle sostanze di natura chimica e colore diversi. La tecnica giapponese inoltre prevede che gli aghi siano fissati all’estremità di una bacchetta che viene fatta scorrere avanti e indietro, e che siano fatti entrare nella pelle obliquamente, con minor violenza rispetto alla tecnica polinesiana, ma comunque in modo abbastanza doloroso.

PERMANENTI E NON Oggi i metodi per realizzare un tatuaggio sulla pelle sono svariati e si dividono in permanenti e non, come il tatuaggio all’hennè o quello solare, oppure – parlando del metodo permanente – quello ad ago. Quest’ultima tecnica, nata in America, prevede l’utilizzo di una macchinetta elettrica ad aghi, che una volta imbevuta nell’inchiostro del colore desiderato, grazie a delle vibrazioni elettriche permette agli aghi di forare l’epidermide, iniettando appunto l’inchiostro. Il numero degli aghi e il loro spessore varia in base alla sottigliezza delle linee del disegno e al riempimento del colore. Ma è importante ricordare che tatuarsi non è un gioco!Chi effettua questa scelta deve farlo con la consapevolezza che si tratta di qualcosa che rimane sul corpo per sempre. Oggi

Okkio ∫ 45


esistono tecniche di rimozione laser del tatuaggio, ma oltre a essere costose – e uno stress per l’epidermide – non garantiscono l’eliminazione totale del tatuaggio. Ecco perché prima di tatuarsi è necessario scegliere con molta cura il disegno, la parte del corpo dove si vuole averlo, e per ultimo ma non meno importante, il tatuatore. A questo proposito, è necessario sottolineare l’importanza del rispetto delle norme igieniche nell’effettuare tale pratica. OKKIO A CHI VI RIVOLGETE Assicuratevi, quindi, che lo studio da voi scelto sia munito di una stanza asettica, con strumentazioni per la sterilizzazione e che – cosa più importante – il tatuatore utilizzi aghi monouso, indossando sempre guanti puliti anch’essi monouso. Il tatuaggio è un’arte antichissima, un linguaggio di espressione corporale, di unicità del proprio io. Per questo è importante tatuarsi NON per moda, ma per scelta personale e ben ponderata. Quindi se anche voi, come me, fate parte del mondo “modificati”, quel mondo che ci rende unici, non abbiatene mai vergogna, neppure dinnanzi ad una società che schernisce ed è contraria. Siate fieri delle vostre scelte, poiché se fatti con giudizio, i tatuaggi stanno a significare un ricordo, un’idea, un sogno… tutte cose che sul vostro corpo saranno immortali. Amarillis Cargnin


Viaggio tra i locali più "in"

OKKIO

BY NIGHT!

PhotoArt Amarillis

Okkio ∫ 47


OKKIO

BY NIGHT!

48 ∫ Okkio


Okkio ∫ 49 Okkio ∫ 49


OKKIO

BY NIGHT!

Foto messe a disposizione da: • I CUGINI DUPON • FUJON • 1830 • MEDIOEVUS Per la tua pubblicità su OKKIO scrivi una e-mail all’indirizzo: commerciale@okkio.it - editore@okkio.it 50 ∫ Okkio


CASA & CO

Lasciarsi alle spalle il freddo invernale significa riscoprire il fascino degli spazi aperti

Sboccia la primavera:

indoor e outdoor

T

emperature miti, abiti leggeri, cielo limpido, è primavera! Case, terrazzi e giardini sono pronti ad accogliere la nuova stagione e senza alcun dubbio sono i fiori ad essere i veri protagonisti. Vestita per l'occasione in versione floreale è Housse by Poltrona Frau; la celebre Vanity Fair, con i suoi splendidi decori presi in prestito dal mondo della moda, evocherà l’intenso profumo delle giornate primaverili. Lasciarsi alle spalle il freddo invernale significa riscoprire il fascino degli spazi aperti con oggetti di design liberi, sciolti da luoghi e contesti, capaci di adattarsi a qualsiasi ambiente come Demetra di Luodovica+Roberto Palomba; in sei diverse finiture, tre per interni e tre per esterni, è al tempo stesso lampada, fioriera ed elemento divisorio. Grazie ai disegni traforati, ottenuti con taglio laser, i raggi solari si smaterializzano creando un affascinante effetto scenografico. E per chi con l'arrivo di magnifiche giornate ha voglia di dare libero sfogo alla propria green attitude, l'azienda De Castelli, con un attento studio sui materiali costruttivi, ha reinventato il ripostiglio per gli attrezzi da giardino; Casetta N. 1 è realizzata in legno di abete naturale intrecciato a tre strati (tecnologia che preserva il materiale inalterato anche sottoposto ad intemperie) e rivestito in acciaio COR-TEN. Grazie al suo disegno minimale ha ottenuto un importante riconoscimento nell'ambito dell'annuale Wallpaper* design Award. Nato dall’estro del designer polacco Pani Jurek, il lampadario Test Tube Chandelier rivoluziona il concetto di illuminazione, rendendola interattiva e incredibilmente vitale; splendido esempio di green design, è in grado di fiorire grazie a sottili tubi trasparenti che, riempiti d’acqua, possono ospitare piante, fiori e vegetali di ogni forma e colore. Omaggio letterario al mondo floreale è l’ultimo lavoro di Ray Marshall, Paper Blossoms. L’illustratore, amante della paper engineering, l’arte di trasformare tridimensionalmente la carta, ha dato vita a cinque diversi centrotavola dai colori sgargianti. All’interno del libro sbocciano ghirlande di rose, iris e ninfee e prendono il volo graziose farfalle, insostituibili icone della splendida stagione della rinascita. Martina Ruberto 52 ∫ Okkio

Martina Ruberto Industrial & Product Designer martina.ruberto@libero.it 333.2168494


ECOLOGICA-MENTE

Che rompiscatole! Cosa si nasconde dietro una semplice scatoletta di tonno? Spesso pratiche dalle conseguenze disastrose per l'intero ecosistema

Q

uanti di noi a tavola non hanno mai mangiato il tonno? È un piatto comune sin dall’inizio dei tempi, gustoso (ricordi di vegetariana) sia come condimento che accompagnato, ingrediente di molte ricette. E poi è soprattutto un piatto veloce e subito pronto, l’ideale per quando si va di fretta o si ha fatto tardi. Ma qualcuno ha mai pensato cosa c’è dietro una semplice scatoletta di tonno? No? Meglio così, altrimenti questo articolo non avrebbe senso. ABBASSARE I COSTI Dietro le simpatiche e tranquille scatolette c’è una storia di disastri e ingiustizie ai danni dell’ecosistema marittimo. Le industrie alimentari, per poter abbassare i costi di produzione, adottano delle pratiche che


zione diviene particolarmente alto.

portano a disastrose conseguenze. Uno dei metodi più usati è il FAD (Fish Aggregation Device): vengono lasciati al largo dei galleggianti che attraggono i tonni, ma col tempo vi si annidano sopra anche alghe, polpi, piccoli e grandi pesci. Un ecosistema che puntualmente viene distrutto ogni volta che i pescatori vanno a riprendersi le boe. Inoltre i pesci pescati sono esemplari di tutte le età, qualunque sia la specie, cosicché il rischio di estin-

LA CLASSIFICA DI GREENPEACE Greenpeace da 3 anni stila una classifica annuale sulla sostenibilità delle scatolette. Al primo posto c’è l’Asdomar, seguito da Mareblu, che all’inizio di marzo 2012 ha promesso di utilizzare tecniche di pesca ecologiche entro il 2016. Al terzo posto Rio Mare, contro cui è stata indetta una petizione affinché la prima industria italiana nella produzione di tonno si impegni a migliorarsi. Perché chi può risolvere questa situazione è prima di tutto il consumatore, anzi i consumatori, che premendo sulle grandi aziende con richieste e boicottaggio, possono ottenere un futuro migliore per più di 30.000 specie diverse. Gaia Cecconi Per altre informazioni: www.tuttogreen.it/le-4-cose-non-proprioeco-sostenibili-del-tonno-in-scatola o www.greenpeace.org


AMICI ANIMALI

Simpatico intelligente e giocherellone il Labrador può trasformarsi facilmente nel più sincero degli amici

We all love Labrador

I

più piccoli lo vorrebbero come compagno di giochi, i più grandi come amico fedele. Tutto lo conosciamo e ammiriamo per il suo temperamento estremamente docile, il suo muso simpatico e il suo carattere estremamente vivace e giocherellone. Tenero, affabile, affidabile, goloso, adattissimo alla convivenza con bambini, tutte doti racchiuse nei 30-40 kg di bontà del Labrador Retrivier. UN PO’ DI STORIA Originario dell’isola di Terranova e della penisola del La-

56 ∫ Okkio

brador (Canada), nasce dall’incrocio di una razza autoctona e i cani da caccia importati dall’Inghilterra. A partire dal XVII secolo è allevato dai pescatori dell’isola di Terranova, per passare oltreoceano all’inizio del 1800 quando viene importato in Inghilterra a bordo di navi provenienti dal Labrador. La razza fu quindi allevata e selezionata da alcuni nobili inglesi, tra cui il Conte di Malmesbury, al quale si deve la nascita, nel 1885, di Buccleuch Avon, il primo esemplare di Labrador come oggi lo conosciamo. Il Kennel Club (ente cinofilo) riconobbe ufficialmente la razza nel 1903.


Essendo un eccellente nuotatore, grazie anche alla “palmatura” delle zampe, in passato era presente a bordo delle barche dei pescatori dell’isola di Terranova e della penisola del Labrador che lo utilizzavano per il recupero delle reti. Ancora oggi è spesso presente a bordo di barche dei pescatori di Bretagna e Normandia. Per le sue grandi doti di cane da caccia e da riporto, in origine conobbe una grande fortuna in Inghilterra. UN CANE PER TUTTE LE STAGIONI Per il carattere docile e l’estrema intelligenza, oggi il Labrador, oltre ad essere conosciuto come cane da compagnia, viene addestrato allo svolgimento di moltissime attività, come guida per i non vedenti, o utilizzato dalle forze dell’ordine per scovare esplosivi e sostanze stupefacenti e dalla protezione civile, per la capacità di percepire la presenza di persone sotto neve o macerie. Non è consigliabile invece come cane da guardia, non essendo l’aggressività una caratteristica che gli appartiene. Particolarmente ingordo e goloso, il Labrador tende ad ingrassare molto se non si pone attenzione alla sua alimentazione sin da cucciolo: non è raro vederne passeggiare qualcuno abbastanza pienotto (ma felice e soddisfatto!) con il suo padrone. IRRESISTIBILE! La versione più diffusa è certamente quella color miele, per intenderci un simpaticissimo e tenerissimo Labrador

MONTEROTONDO AFFITTASI APPARTAMENTO IN RESIDENCE, SALONE, CUCINA, DUE cAMERE, DUE BAGNI, BALCONE, POSTO AUTO, ARREDATO € 800,00

MONTEROTONDO INDIPENDENTE BILIVELLO: 1°: SALONE DOPPIO, CUCINA, CAMERA, BAGNO, BALCONI. 2°: TRE CAMERE,BAGNO,TERRAZZO BOX AUTO 36 MQ € 340.000,00

color miele è quello che abbiamo visto in tv per la pubblicità della Scottex, ma altrettanto affascinanti sono gli altri due colori: nero e chocolate (marrone). In onore a questa razza stupenda e per ricordare in modo assolutamente veritiero, e per certi aspetti molto poco “romantico”, un suo compagno di avventure (ovviamente cane e ovviamente Labrador!) lo scrittore americano John Grogan ha scritto “Io & Marley”. Il racconto, a tratti ilare, di un’amicizia vera e sincera, che permette agli appassionati di questa razza di averne un ritratto completo ed onesto. Un cucciolo di Labrador ci conquista facilmente e non sarà facile resistergli, ma nonostante il suo aspetto simpatico e giocoso, non dobbiamo dimenticare mai che non si tratta di un giocattolo, bensì di un essere vivente che in quanto tale merita (e necessita!) tutto il nostro rispetto, le nostre attenzioni e soprattutto la nostra pazienza. Federica Fatone

MONTEROTONDO CENTRO STORICO INDIPENDENTE SU TRE LIVELLI RUSTICO CON CAMINO, CUCINA, SALONE, DUE CAMERE,TRE BAGNI,TERRAZZO RISTRUTTURATO € 205.000,00

MONTEROTONDO LOC. GROTTE MAROZZA APPARTAMENTO 100 MQ, SALONE CON CAMINO, CUCINA, DUE CAMERE, DUE BAGNI,TERRAZZO,GIARDINO POSTO AUTO OTTIMO STATO € 240.000,00

TRASFERIMENTO SEDE OPERATIVA IN VIA G. MATTEOTTI , 37 AL 1° PIANO Okkio ∫ 57


SOCIETA'

Rifiuti e... malavita Mentana, quando gettare gli ingombranti

Questo il calendario delle giornate ecologiche organizzate dalla Ge.se. pu con il Comune di Mentana per l'anno 2012: • 6 Maggio - Casali, intersezione tra via del parco e via Triventi (vicino al campetto) • 10 Giugno - Mentana. parcheggio via Giolitti • 9 Settembre - Castelchiodato, piazzale antistante il cimitero • 7 Ottobre - Casali, intersezione tra via del parco e via Triventi (vicino al campetto) Tutti i cittadini potranno portare GRATUITAMENTE rifiuti ingombranti presso i punti di raccolta. Saranno accettati rifiuti urbani provenienti da uso domestico come armadi, divani, materassi, televisori, frigoriferi, ecc... Non sarà invece possibile portare rifiuti derivanti da demolizioni edili (es. calcinacci, sanitari) e materiali pericolosi (es. vernici, ethernit, bidoni tossici, ecc..).

58 ∫ Okkio

"Dove portino ogni giorno il loro carico gli spazzaturai nessuno se lo chiede: fuori dalla città, certo; ma ogni anno la città s'espande e gli immondezzai devono arretrare più lontano". Italo Calvino

I

l concetto di rifiuto in natura non esiste poiché ciò che viene scartato da alcuni esseri è una risorsa per altri. Insomma in natura non si butta via nulla. Invece le attività gestite dall’uomo producono scarti che non facendo parte del ciclo della materia e dell’energia, rappresentano un serio problema per il pianeta. In una società moderna, dove bisogna tener conto di uno sviluppo economico compatibile con l’ambiente, i rifiuti devono essere considerati una risorsa. COME MADRE NATURA La gestione dei rifiuti coinvolge la raccolta, il trasporto, il trattamento (riciclaggio o smaltimento) e anche il riutilizzo dei materiali di scarto. Ora si sta cercando pian piano di

fare come fa la natura, di trasformare progressivamente il rifiuto in una preziosa e abbondante risorsa in quanto costituisce una fonte alternativa. A questo scopo molti paesi fanno la raccolta differenziata scartando quindi solo ciò che non si può riciclare. Gli scarti non riciclabili sono portati in discariche controllate. Queste discariche sono progettate appositamente per non inquinare le acque sotterranee e superficiali, non degradare il paesaggio, non essere fonte di polveri, rumori, cattivi odori, non sviluppare colonie di insetti e di topi. I rifiuti così sistemati possono essere ancora utili: decomponendosi, infatti, producono un gas combustibile, il biogas, il quale, incanalato in un sistema di tubazioni e depurato, produce energia termica


RIFIUTI ED ECOMAFIA Non sempre però viene rispettata questa norma per smaltire i rifiuti; spesso le persone lasciano i rifiuti in discariche abusive alimentando l’ecomafia. La criminalità organizzata opera durante la notte con camion carichi di rifiuti con i quali riempiono solchi che dopo essere colmi, vengono coperti. Secondo alcune ricerche, l’Italia sarebbe un crocevia di traffici internazionali di rifiuti provenienti dai paesi europei e destinati negli stati africani attraverso un grande intreccio mai chiarito tra politici e imprenditori, mafiosi e servizi segreti. Temi sui quali, in passato, indagarono varie procure italiane. UNA FILIERA DEBOLE La filiera della raccolta indifferenziata è molto debole e per questo facilmente vittima della malavita. I rifiuti raccolti indifferenziatamente sono naturalmente molto più difficili da trattare di quelli raccolti in modo differenziato. Possono essere seguite tre strade principali: trattamenti a freddo, (ovvero separazione e parzia-

le recupero di materiali, biostabilizzazione e conferimento in discarica); trattamenti a caldo (ovvero incenerimento e conferimento in discarica); conferimento diretto in discarica (oggi molto usato ma certamente da evitarsi). La combustione dei rifiuti dovrebbe essere solo un eventuale anello finale della catena di smaltimento. Inoltre gli inceneritori, a

quanto sembrerebbe, se sono progettati per bruciare un certo quantitativo di rifiuti, dovranno sempre essere alimentati con quel quantitativo. Oggi per ragioni tecnico-economiche si realizzano inceneritori sempre più grandi, con la conseguenza di alimentare il ‘turismo dei rifiuti’. Ilaria Biondi

Ecco i numeri della gestione rifiuti in Europa Nazione Riciclo Incener. Discar.

Altro

Austria Belgio Francia Germania Italia P. Bassi R. Unito

1% 4% 0% 11% 8% 14% 0%

60% 35% 25% 42% 17% 45% 12%

10% 34% 32% 22% 9% 33% 7%

30% 27% 43% 25% 67% 8% 80%

Okkio ∫ 59


GIOVANI TALENTI

La couture di Mika Organic Dalla Savana alle passarelle linee, colori e... di una nuova icona dell'organic clothing

M

ika Machida è giapponese, ha trentasette anni e vive a New York. Mika Organic è invece la sua linea prêt à porter, ispirata a lei, ovviamente, e alla natura. Se andate sul sito, scoprirete deliziosi abitini disegnati da questa giovane ed emergente stilista, creativa sin da piccola. In un viaggio in Australia si innamora perdutamente della cultura aborigena. I suoi disegni si ispirano sempre più alla natura e dalla carta passano su stoffe organiche. Cotone, lino, lana e canapa sono ecosostenibili e si prestano perfettamente alle stampe di Mika. La green philosophy di questa linea permette di salvaguardare il pianeta in fase di produzione e rispetta pure la pelle di chi la vuole indossare. Del resto, quando un’idea è buona e la collezione accattivante, è facile dare il buon esempio. Creature delle foreste, delle savane africane e delle profondità marine spuntano dai fianchi, dal giro vita o dal decoltè di abitini o top dai colori coloniali. Le orecchie di un elefante svolazzano sulle maniche di una t-shirt. E che dire del cavallo su un tubino di cotone con tanto di frange per criniera? Al centro di un abito un nido di rondine e la pinna di un delfino come colletto su quello dai colori del mare. Una macro farfalla su un top e un conchiglione su un vestitino leggerissimo quasi impalpabile. La rivelazione Mika Organic ha aperto i battenti allo shop on line, dove molte di queste creazioni stanno andando a ruba. Per il momento gli unici stores in cui acquistare i capi del brand sono alcuni presenti a Stoccolma e a New York. SK

Contatti: www.mikaorganic.com mail:mika @mikaorganic.com

60 ∫ Okkio


Nuova carrozzeria

F.lli Di Ventura qualità, cortesia e professionalità Basta una telefonata per avere subito dopo l'incidente una consulenza immediata e procedere senza intoppi dalla denuncia alla riparazione del veicolo. Tutto con la massima attenzione al cliente ed alle sue esigenze

La “Nuova Carrozzeria F.lli Di Ventura” è stata creata dai fratelli Carlo e Dante Di Ventura, insieme a Maurizio Paoletti e Olivio Ciampanella, nel 1982 a Monterotondo riscuotendo sin dall’inizio un notevole successo. Il qualificato staff esegue riparazioni su vetture di tutti i tipi. La verniciatura è a forno con prodotti ecologici, il ripristino della scocca avviene tramite l'installazione della vettura su dime di riscontro e la misurazione computerizzata del telaio. I ricambi sono originali, forniti dalle case madri e dotati di garanzia. Grandi marchi affiancano lo svolgimento del lavoro quotidiano: la Nuova Carrozzeria F.lli Di Ventura è autorizzata Chevrolet. E massima attenzione è riposta nella cura del cliente, con ben sette auto di cortesia. E' inoltre previsto un servizio di soccorso stradale h24. TECNOLOGIA ALL'AVANGUARDIA Metodi di controllo e tecnologia avanzata sono i punti di forza dell'azienda; uno di questi è il controllo computerizzato del telaio. Attraverso la comparazione di punti sottostanti all'autovettura si possono determinare anomalie presenti nella scocca e avviare la procedura di tiraggio dell'auto. APPARECCHIATURE SUPPLEMENTARI La Carrozzeria è dotata di due forni di ultima generazione, lampade infrarossi, tinto box e ricarica condizionatore.

Nuova Carrozzeria F.lli Di Ventura - Convenzionata con tutte le Assicurazioni Banco di Riscontro - Autorizzata CHEVROLET - AUTO DI CORTESIA Via Bruno Buozzi, 84 - Monterotondo (Roma) - Tel. 06.90015312 - Fax 06.9061080 62 ∫ Okkio


TECNOLOGIA

Pazze e divertenti

"App"

Utili e futili le applicazazioni disegnano un mondo in cui, giorno dopo giorno, non riusciamo più a farne a meno

C

he smartphone sarebbe senza applicazioni? Come mangiare una torta senza la deliziosa ciliegina, impossibile e ingiusto! Allora andiamo alla scoperta delle app più originali. Utili, interessanti, particolari, funzionali. Ma anche inutili, folli, pazze e decisamente strane. Potrete giocare al dottore grazie a iStethoscope Pro App per iPhone, che si trasformerà in uno stetoscopio con cui sentire il battito cardiaco e giungere

ad improbabili diagnosi. Il vostro bimbo piange e non sapete interpretare le sue grida d’aiuto? Semplice, Cry Translator darà significato a ogni lacrima e doterà di senso qualsiasi mugolio. NORMALI? NO, PARANORMALI! Dal reale al paranormale: iVoodoo è un’applicazione ideata per sostituire una vera bambolina voodoo tra magia nera e follia tecnologica occidentale. Altri segnali dall’aldilà giungono a noi

con Paranormal State EMF Meter che consente di registrare movimenti e fenomeni paranormali per far rabbrividire tutti i più paurosi e creduloni. Per i cultori della birra, invece, iBeer simulerà sul display un boccale pieno e che, inclinando il telefono sulle labbra, si otterrà l’effetto della bevuta sino allo svuotamento e al classico suono di “gradimento”. Divertente, simpatica e decisamente italiana è iMortacci: forse un po’ scurrile, ma sorriderai ascoltando le principali espressioni dei dialetti italici. IL TERRORE DELLE ZANZARE! Intanto l’estate si avvicina e le zanza-


re preparano ad infastidire le nostre serate all’aria aperta. Niente paura, basta avere a porta di mano l’iPhone, prezioso alleato, che emetterà dei particolari suoni con una frequenza variabile tra 16.000 e 20.000 Hz, impercettibile all’orecchio umano ma fastidiosa per gli antipatici insetti. Utile no?! Essenziale è Cloo che ti guida alla ricerca di un bagno pulito in città: appena lanciato a New York City, presto sbarcherà anche in Italia. L’igiene prima di tutto. UNA SCELTA INFINITA E poi la lista delle app è lunghissima: possiamo citare ancora Hipstamatic, Flipboard, Angry Birds, Ringdroid, Foursquare, Bump, Fruit Ninja, Instagram, Suapseed. Dategli un’occhiata e vedrete caratteristiche e particolarità. Per gli amanti della musica esiste Shazam: ascolta pochi secondi di una canzone e ti fornisce titolo, autore, versione e copertura del disco. Ha superato da tempo gli 80 milioni di utenti e il miliardo di brani riconosciuti. Così potremmo evitare spasmodi-

che ricerche sul web di brani che non troveremo mai. Con Fatbooth scatti una foto, shakeri il cellulare e i tuoi amici si trasformeranno nella versione extra large. Possiamo scoprire se si russa durante il sonno con iSnort, verificare la presenza di fantasmi rilevando i campi elettromagnetici con GhostRadar, monitorare il traffico aereo con Plane Funder AR. Curiosa è PuffApp, un’applicazione nata per il pubblico maschile: soffiando attraverso il microfono potrete far sollevare la gonna a gentili e attraenti signorine. Strana no? VoiceChanger regala agli appassionati 18 toni diversi di voce e la possibilità di creare la vostra tonalità personalizzata del tipo Scary Movie. Ancora potremmo utilizzare Fingerprint Scanner per aspiranti investigatori e l’incantesimo chiamato Luke Spell. Un mondo folle, divertente. Tecnologia e stranezze si muovono di pari passo per farci fare una risata ogni tanto. Valentino Cristofalo


66 ∫ Okkio


MUSICA

La controversa parabola di una delle più discusse band della storia del rock. Dopo 30 anni ancora sulle scene...

I

l 31 dicembre 1991, al Cow Palace di San Francisco, tre band strepitose suonano per il concerto di Capodanno. Si tratta dei Pearl Jam, dei Nirvana e dei Red Hot Chili Peppers. Nello stesso anno, pochi mesi prima, erano già stati pubblicati Ten (Pearl Jam), Nevermind (Nirvana) e Blood Sugar Sex Magik (Red Hot), tre album fuori dal comune, capaci di avere un’influenza massiccia e travolgente e di cambiare per sempre il mondo della musica. Da allora parecchie cose sono cambiate. I Nirvana, dopo la morte di Cobain, si sono sciolti, mentre le altre due band hanno continuato a sfornare dischi e a girare il mondo in tour, condividendo anche un batterista, quel Jack Irons che ha suonato coi Pearl Jam dal 94 al 98 e che prima ancora era stato uno dei fondatori dei Red Hot fino a quando non aveva lasciato il gruppo in seguito alla morte per overdose dell’amico chitarrista Hillel Slovak. IL CAPOLAVORO Sarà stata la disperazione per la morte dell’amico; o magari l’ingresso nella line-up di John Frusciante (chitarra) e Chad Smith (batteria), fatto sta che i RHCP, tirano fuori, appunto nel 1991, un capolavoro senza eguali che porta il titolo di Blood Sugar Sex Magik con canzoni che ancora oggi dopo tanti anni restano vive e forti con tutta la loro energia e la loro bellezza innovativa. Si parla di pezzi come Under The

Il mito dei Red Hot Chili Peppers Bridge, Breaking the girl, Give it away, Suck my kiss e If you have to ask. Da qui in poi eventi a non finire, con l’eroina spesso a fare da sfondo: uno su tutti, gli eterni problemi con la figura del chitarrista, con Frusciante che inizia a drogarsi ed esce dal gruppo, la sostituzione con Dave Navarro dei Jane’s Addiction, fino al ritorno di Frusciante, il suo nuovo addio e l’arrivo dell’attuale chitarrista Josh Klinghoffer. In mezzo tanta musica e tanti concerti esagerati e memorabili. I RHCP OGGI E' impossibile raccontare i Red Hot in un articolo. Ciò che si può fare però è immaginare la loro parabola (ascendente o discendente?) fino all’ultimo album, quel I’m with you uscito nel 2011, senza dubbio l’album più debole della band. Il risultato è buono anche se è impossibile pretendere che una band di cinquantenni (eh già, sembra impossibile ma è così) possa avere lo stesso smalto di due decenni fa. Intanto l’album è prodotto da quel genio visionario che è Rick Rubin, già con loro ai tempi Blood Sugar, e poi l’ennesima fuoriuscita di Frusciante,

ormai demotivato, invece di provocare un terremoto, ha causato l’avvento di un nuovo ottimo chitarrista, Josh Klinghoffer, già con loro in alcune esibizioni live e ora in pianta stabile nella line-up. Così dopo una pausa ecco un album che non raggiunge i fasti del recente Californication (il più venduto) ma che appare come un disco compatto, con ben 14 canzoni, tra cui una sola sopra i 5 minuti, la bellissima Police station. Certo, a volte può sentirsi la mancanza dei riff e della personalità di Frusciante ma c’è l’immancabile energia di Flea, la regolarità di Smith, e Kiedis che canta/rappa come solo lui sa fare, con il suo inconfondibile stile vocale, soprattutto nel capolavoro Brendan’s death song, che parte come numero acustico per arrivare a un crescendo irresistibile. Isomma, con questo album i Red Hot Chili Peppers confermano la loro presenza, magari attenuando le caratteristiche più muscolari della loro musica, ma dando risalto alle loro capacità, migliorate con gli anni e grazie alle molteplici esperienze che la vita, nel bene e nel male, ha donato loro. Giorgio Di Gennaro Okkio ∫ 67


DANZA E...

Dagli antichi riti propiziatori di fertilità alla ribalta dello star system: arte e seduzione nel segno dell'emancipazione

I

l Belly Dance è quella che gli inglesi chiamano danza del ventre. In realtà questa antica danza, che nasce con le prime civiltà mesopotamiche, è da sempre conosciuta in Medio Oriente come raqs sharqi, che significa più semplicemente e correttamente “danza orientale”. Le prime ballerine erano delle sacerdotesse che con movimenti sinuosi e ondulatori del bacino veneravano il culto della dea Madre Ishtar, perché queste primissime civiltà avevano già intuito l’importanza della ciclicità, da quella delle stagioni a quella della vita. In principio, riti sacri e propiziatori legati alla fertilità, fino a quando il primo night club egiziano inaugurato negli anni Trenta da una famosa ballerina libanese, apre le porte al cabaret ed allo show hollywoodia-

68 ∫ Okkio

L'elogio della

femminilità

no. All’interno le due più apprezzate danzatrici della storia d’Egitto e le coreografie sempre più ricche e spettacolari. ARTE A 360° E adesso le ballerine professioniste

sono artiste complete, perché nei loro varietà cantano e recitano e più di qualcuna finisce davanti ad una cinepresa a rappresentare se stessa e la propria arte in musical, commedie e film drammatici. Le almee che erano professioniste colte,


Dina invece è una danzatrice dei nostri giorni e la più famosa in Egitto.

dai settecenteschi harem egiziani, bussano alle porte dei proprietari dei cafè e dei locali notturni. Puntano in alto e sognano il cinema. Ma tra la sacerdotessa dell’antica Babilonia e la superstar della grande metropoli egiziana, c’è la ghaziya che a quel tempo è un’artista di strada a cui non interessa il successo e che si accontenta di ancheggiare a pagamento in feste e cerimonie. Una nomade sempre in viaggio e avventurosa la vera danzatrice del ventre.

DA GHAZIYA A POP STAR L’evoluzione della ghaziya in pop star. Una vera imprenditrice con al seguito manager, costumisti e musicisti personali. È una di quelle molto richieste e che spesso salgono sui jet privati di facoltosi emirati del Golfo pronti a pagare profumatamente. Merito o colpa di Holywood? Perché oltre al business le esibizioni delle ballerine più in voga, sono sempre più sexy e simili alla lap dance e il trucco sempre più appariscente, al punto che attualmente in alcuni regimi arabi è d’obbligo coprire il ventre, pena una multa salata. Ma Dina non ci pensa proprio e preferisce pagare. Se in origine la danza orientale era una specie di cult della femminilità, oggi è uno strumento di lotta per l’emancipazione. In occidente, invece, sono molti i corsi seguiti da donne anche non più giovanissime, affascinate dalle movenze seduttive, dai costumi sgargianti e dal tintinnio delle monetine cucite sugli abiti. Un toccasana per corpo e mente secondo gli esperti di danzaterapia! SK

Okkio ∫ 69


SPORT &...

“Vedrete, l’Italia farà

un grande Europeo”

Vedrete, faremo un grande Europeo”. Le speranze di tanti tifosi italiani sono appese alle parole del nostro Ct Cesare Prandelli, a dire il vero uno dei pochi ottimisti in vista della fase finale del torneo. Ci siamo: venerdì 8 giugno il via del campionato europeo di calcio in Polonia ed Ucraina. Si prevede una delle edizioni più spettacolari e meglio organizzate. CHE LA FESTA ABBIA INIZIO Le squadre che prenderanno parte ad Euro 2012 sono 16 ed inizialmente saranno suddivise in 4 gironi da quattro. Match inaugurale 8 giugno a Varsavia (Polonia e Grecia). La fase a gironi terminerà il 19 giugno, con le prime due di ogni gruppo che si qualificheranno per i quarti, in programma dal 21 al

Parte l’avventura della Nazionale in Polonia e Ucraina Il Ct Prandelli sicuro: “Saremo protagonisti” 24 giugno. Il 27 e il 28 giugno si giocheranno poi le due semifinali, mentre la finale si disputerà a Kiev il primo luglio. Questa sarà l’ultima edizione a 16 squadre. L’Uefa ha infatti stabilito che a partire dall’edizione 2016, che si svolgerà in Francia, le squadre partecipanti saranno 24. GIRONE DI FERRO Durissimo il girone degli Azzurri che esordiranno ad Euro 2012 domenica 10 giugno contro i campioni in carica

Joanna Krupa, la supersexy madrina dell’evento E’ davvero supersexy la madrina dell’evento, la 32enne di origini polacche Joanna Krupa. Figlia di un proprietario di alberghi polacco, è nata a Varsavia. A cinque anni era già negli Stati Uniti, a Chicago, ma la vera svolta arriva con il trasferimento a Los Angeles dove la sua bellezza viene notata dalle grandi grife della moda. Joanna lascia la danza e si dedica alle sfilate e alle foto. E’ stata due volte sulla copertina di Playboy. Nel 2000 ha vinto in America “Ballando con le stelle”. 70 ∫ Okkio

della Spagna. Successivamente torneremo in campo giovedì 14 contro la Croazia e concluderemo il girone lunedì 18 incontrando l’Irlanda. La Croazia è il classico avversario ‘rompiscatole’, come ci dicono i precedenti. In 6 incontri una sola vittoria per l’Italia (e nel lontano 1942), poi due pari e tre sconfitte. Ma spinoso sarà anche il confronto con l’Irlanda di Giovanni Trapattoni. L’intramontabile Trap ha affrontato l’Italia già tre volte e non ha mai perso ed ha il grande merito di aver portato l’Irlanda alla fase finale degli europei per la seconda volta nella sua storia. Il giocatore più rappresentativo è senza dubbio il capitano Robbie Keane. UNICA VITTORIA L’Italia ha vinto gli Europei solo una


volta, nel 1968. Poi solo delusioni. Stavolta intorno alla nostra nazionale non c’è grande entusiasmo. Il fatto è che magari non abbiamo più i fuoriclasse di una volta: Baggio, Baresi, Maldini o Paolo Rossi. Però abbiamo un buon Ct come Prandelli, il portiere più forte di tutti, Gigi Buffon, Balotelli e un gruppo ‘operaio’ con tanta voglia di stupire. Stupiteci!

Gianluigi Buffon e Mario Balotelli, i protagonisti più attesi

I GRUPPI Gruppo A: Grecia, Polonia, Repubblica Ceca, Russia. Gruppo B: Olanda, Danimarca, Portogallo, Germania.. Gruppo C: Spagna, Irlanda, Croazia, Italia. Gruppo D: Ucraina, Francia, Svezia, Inghilterra. SPAGNA FAVORITA La Spagna è la Nazionale favorita, almeno secondo i Ct partecipanti. Le Furie Rosse nei pronostici battono Germania e Olanda. Puyol e Piqué costituiscono una coppia centrale solidissima, Xabi Alonso è la solita certezza e con

Xavi e Iniesta a orchestrare togliere la palla alle Furie Rosse è quasi un’impresa. Nonostante i numerosi talenti in squadra però, il giocatore più seguito di questi Europei 2012 sarà Cristiano Ronaldo. A 27 anni, il madridista cercherà di portare il Portogallo al suo primo grande trofeo. Per salire sul tetto d’Europa, la Germania punterà su Mezut Ozil. L’Olanda invece si affiderà alla formidabile coppia Sneijder-Robben, i due grandi talenti artefici del secondo posto mondiale. Infine, l’Inghilterra riporrà le sue speranze europee nel bomber del Manchester Utd Wayne Rooney. NOTE A MARGINE Il pallone di Euro 2012 sarà l’Adidas Tango 12, ennesima reincarnazione di un design leggendario. La prima apparizione del Tango risale addirittura ai Mondiali in Argentina del 1978. Introdusse un design che sarebbe rimasto pressoché immutato anche per i palloni ufficiali dei cinque successivi Mondiali di calcio. fm

Monterotondo - Via Dello Stadio 41• Tel 06.90627550 Mentana - presso Sporting Life • Via dei Cannetacci 50

Okkio ∫ 71


MOTO

Letizia Marchetti

una Miss a 300 all’ora

Campionessa italiana nella categoria Stock è stata la controfigura di Belen nello spot Tim In pista ha più grinta dei maschietti ma con tanta femminilità

C

hi ha detto che andare forte in moto sia roba da maschiacci? Prendete Letizia. Lo scorso anno ha vinto il campionato italiano Stock con una belva da quasi 200 cavalli, è la prima donna ad aver vinto una gara del Campionato SBK Italia, eppure fuori dalla pista è una bellissima insegnante di aerobica che ascolta Renato Zero e va matta per i cartoni animati. Qualche tempo fa la Tim ha scelto lei come controfigura di Belen. Lo spot era quello in cui sembrava che la showgirl con la farfallina girasse a tutto gas sul circuito di Jerez de la Frontiera, in Spagna. In realtà in sella a quella Ducati MotoGp c’era Letizia Marchetti, 34 anni il prossimo agosto, segno zodiacale Leone. CAMPIONESSA ITALIANA Lety5, come la conoscono gli appassionati delle corse, corre con il Team Crazy Old Men e lo scorso anno ha trionfato nella classe Stock 1000 in sella ad una Suzuki. Quest’anno ci riprova con una Bmw. “Una gran bella moto. – spiega – Ha cavalli da vendere ma resta sempre docile da guidare”. Dovrà vedersela con gli uomini. Nei tornei femminili infatti non la

72 ∫ Okkio

vogliono più perché vince sempre lei. “Ma spesso metto dietro anche i maschietti”, sorride. Eppure Letizia ha scoperto il suo talento solo pochi anni anni fa. “E’ vero, ho iniziato tardi – racconta – Mi ha trasmesso questa grande passione mio marito: si era stancato la domenica di portarmi dietro e io di sentirmi una ‘zavorrina’. Così comprammo una moto e non ne sono scesa più. Cosa è cambiato da quel giorno? “La passione è sempre la stessa, però sono cambiate tante cose. Oggi mi sento più sicura, mi muovo sulla moto con maggiore confidenza e più armonia ma questo è naturale perché l’esperienza aiuta tanto". Cosa

ti passa per la testa quando giri in pista a 300 all’ora? “La concentrazione è massima. Ogni pensiero e gesto è finalizzato solamente ad abbassare i tempi del giro precedente. Non pensi ad altro”. FUORI DALLA PISTA Chi è Letizia Marchetta fuori dalla pista? “Beh, vivo a Civita Castellana, insegno fitness in palestra e sono un istruttore di guida sicura a Vallelunga. Per il resto sono appassionata di pesca subacquea, adoro Renato Zero, i film di Alberto Sordi ma soprattutto… i cartoni animati! Purtroppo però sta diventando un problema convincere


ogni giorno mio marito a vedere i Puffi!”. CON BELEN Torniamo a Belen. E’ simpatica? “Resta tra noi o lo devi scrivere?” Lo devo scrivere. “Va bene, allora diciamo che è simpatica. Anche se farle capire come doveva salire sulla moto non è stato facile”.

IL FAN CLUB Esiste un fan club di Letizia Marchetti che conta migliaia di tifosi. A leggere i messaggi che ti lasciano su Facebook si capisce che ti apprezzano molto come pilota, ma non solo… “Per una donna la femminilità è una qualità essenziale, alla quale tengo davvero molto. Come insegnante di fitness curo molto il mio aspetto fisico. Inoltre prima che pilota ero una ballerina

e credo che l’atteggiamento e i movimenti aggraziati della danza mi siano rimasti. Insomma, anche se vado forte in moto, uno sport considerato da uomini, mi piace dare risalto a tutte quelle qualità che vengono apprezzate in una donna.” Finché non scatta il semaforo. “Certo. Quando abbasso la visiera è tutta un’altra storia”. Francesco Morini

Okkio ∫ 73


il volto "eco" della lavanderia

È

piacevolmente sorprendente (e stuzzica la coscienza ecologica di tutti noi!) essere “salutati”, proprio all’ingresso del negozio, da una serie di distributori di prodotti “alla spina”. Una gamma che si è ampliata con il tempo: dai saponi per il bucato, agli smacchiatori, fino ai prodotti specifici per piatti, superfici, pavimenti... “Acquistare detergenti alla spina – spiega con un pizzico di giustificato orgoglio, Astor Bertacco, da quattro anni proprietario e gestore della storica lavanderia mentanese di via Moscatelli 112 – garantisce un sicuro risparmio, permettendo anche di compiere un gesto importante per la difesa dell’ambiente. Nel pieno rispetto del nostro motto: IL RISPARMIO DI QUALITÀ, che da sempre anima il mio lavoro e quello dei miei collaboratori”. Da Molly and Washy, infatti, le più moderne tecnologie per la pulizia e l’igiene si coniugano oggi con l’attenzione e l’esperienza della tradizione artigianale della lavanderia. Capi d’abbigliamento, tessuti, pelli, tende, piumoni, tappeti... c’è un trattamento mirato e specifico per ogni esigenza. La gamma dei servizi è amplissima: lavaggio ad acqua e a secco, stiratura, sottovuoto (IN OMAGGIO per chi lava i piumoni), ma anche l’innovativo wet-cleaning, un lavaggio alternativo a quello a secco, che utilizza l’acqua anche su capi che in passato avrebbero richiesto soltanto l’uso di solventi chimici. Il risultato? Una sen-

sazione di freschezza e pulizia prima inimmaginabile! “Il nostro fine è sempre quello di soddisfare il cliente in ogni sua esigenza, con rapidità e cortesia”: e questo lo può ben confermare chi, come la sottoscritta, è da sempre un’affezionata cliente di Molly and Washy e ha notato, nel corso degli ultimi anni, un notevole incremento della clientela, sempre più soddisfatta e fidelizzata. Segno che il contatto umano con chi offre un servizio, la necessità dei consigli degli esperti, la cura dell’artigiano attento e appassionato al proprio lavoro non possono essere sostituiti da nessun metodo “automatico”. E la passione, nel progetto di Molly and Washy è anche una filosofia nuova, che mira in ogni dettaglio al rispetto della sostenibilità ambientale, come dimostrano anche i recenti lavori di ristrutturazione che

garantiscono all’attività del laboratorio un notevole risparmio energetico. E qui interviene anche l’adozione di tecnologie innovative, prodotti e lavatrici di ultima generazione che, in felice combinazione con l’esperienza dello staff, garantiscono risultati imbattibili. “Il nostro target? Offriamo servizi a 360 gradi – conclude Astor, – dalla cura del capo più prezioso e delicato ai servizi per aziende: cliniche, ristoranti case di riposo... Ma mi piace ricordare, soprattutto, la nostra disponibilità a convenzioni personalizzate per rispondere alle più varie esigenze della clientela”. A questo punto, dunque, non rimane che correre a provare la cortesia e la competenza di Molly and Washy, che, fino a luglio, sarà aperto anche il sabato pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00! L. B.

Molly and Washy - Via Antonio Moscatelli, 112 - Mentana Cell. 349.4187549 74 ∫ Okkio


STORIE  DI 

CRONACA  NERA

I grandi delitti della storia d’Italia:

l’omicidio Reggiani

E

ra il pomeriggio del 30 ottobre 2007 e Giovanna Reggiani, 47 anni, scendeva alla stazione di Tor di Quinto a Roma diretta a casa. Ma non vi sarebbe mai arrivata, e forse nessuno avrebbe più saputo nulla di lei se Emiliana Neamtu, romena alloggiata nel vicino campo rom abusivo, non avesse fermato un autobus pregando il conducente di chiamare soccorsi. Dichiarerà subito dopo di aver visto il proprio nipote ventiquattrenne, Romulus Nicolay Mailat, trasportare il corpo della donna. Giovanna viene ritrovata in un fossato, in realtà ancora viva, ma orrendamente seviziata e spirerà dopo due giorni di coma all’ospedale S. Andrea. Nonostante l’immediata accusa della zia, Mailat si dichiarerà sempre innocente per i reati di violenza sessuale e omicidio ascrittigli, ammettendo soltanto il furto della borsa della donna (per questo, per la rapina e non per altro, chiederà perdono a Dio al momento in cui la corte lo inviterà a un’ultima dichiarazione prima di ritirarsi in camera di consiglio). Romulus allude alla presenza di altri complici, accusando in particolare il figlio di Emiliana e suo cugino, Vasili, che morirà poi in circostanze sospette poco prima di testimoniare al processo. Mailat è l’unico ad essere condannato, nonostante la difesa abbia sempre invocato l’insufficienza di prove. Ma l’omicidio Reggiani è anche un’infinita storia di polemiche: quella della madre di Romulus, che dalla Romania accusa le autorità della sua nazione di non aver fatto nulla per proteggere il figlio, in-

castrato dalla parente, che lei definisce malata di mente. È una vicenda che ha sconvolto la città di Roma, rinfocolando, oltre che pericolose spinte xenofobe, anche le polemiche sulla sicurezza, cavallo di battaglia nella campagna elettorale del sindaco Alemanno, che tuttavia in questi ultimi anni è diventato un problema più scottante che mai. Ma l’assurdo si è toccato con la sentenza di primo grado, emessa dalla Corte d’Assise nell’ottobre 2008, quando Mailat è stato condannato a soli 29 anni essendogli state riconosciute come attenuanti generiche l’ambiente degradato in cui è cresciuto, l’essere incensurato e, incredibile!, il fatto che la vittima si fosse “difesa disperatamente”. La reazione della donna, dunque, avendo generato una escalation di ira e violenza nel carnefice, avrebbe portato l’aggressione alle estreme conseguenze! Come dire che la vittima se la sarebbe cercata! Tuttavia, in appello Mailat, detenuto a Pesaro, è stato condannato all’ergastolo, sentenza confermata dalla Cassazione (aprile 2010), che non ha riconosciuto le attenuanti poiché l’omicida ha agito consapevolmente, con una progressione criminale tendente ad eliminare ogni traccia della vittima. Egli ha infatti tramortito la donna con un corpo contundente, prima di soffocarla con un laccio, poi ha tentato di sfar sparire il cadavere. Una decisione, quella della Corte, che riconosce una pena certa a un atto compiuto, come recita la sentenza, con “inaudita crudeltà”. Fonte: WEB


76 ∫ Okkio

Okkio ∫ 76


MONTEROTONDO: Splendido attico panoramico, salone triplo, 3 camere matrimoniali, cucina abitabile in muratura, doppi servizi, lavanderiadispensa, 2 ripostigli, balconi perimetrali coperti, terrazzo con veranda attrezzata, box mq. 28. ACE: F € 520.000, 00 Rif. B/178

MENTANA: villino a schiera trilivelli, composto al piano terra da luminosa sala hobby con cucina a vista in muratura, camino e servizio; al primo piano da soggiorno, camera matrimoniale, bagno, giardino e terrazzino; al secondo piano da due camere matrimoniali, bagno e terrazzino. Due posti auto scoperti, ottime rifiniture. ACE: G. € 285.000,00 Rif. A/333 MENTANA: Centralissimo, Via A. Moscatelli, in cortina, appartamento ottima esposizione composto da salone, due ampie camere matrimoniali, cucina abitabile, bagno ,ripostiglio, disimpegno, balcone ,panoramico. Prezzo trattabile. ACE: G. € 183.000,00 tratt. Rif. A/332

MENTANA: Vigne Nuove, bifamiliare su tre livelli fuori terra di mq. 250, sala hobby con camino e angolo cottura, salone doppio, tre camere, cucina con camino, quattro bagni, ampio garage, giardino e terrazzi per mq. 240, doppia entrata indipendente, eleganti rifiniture. ACE: G. € 485.000,00 Rif. A/334 MONTEROTONDO: Signorile appartamento con giardino pavimentato e p.a. interno, salone con a/c, 2 camere, doppi servizi, ottime rifiniture. ACE: B € 235.000,00 Rif. A/238 - NO PROVVIGIONE

MENTANA: Via A .Moscatelli, in piccolo condominio in cortina, appartamento di mq 110 calpestabili composto da salone, tre camere matrimoniali, cucina abitabile, doppi servizi, veranda chiusa, balcone, cantina, ampio parcheggio condominiale scoperto e coperto. ACE: G. € 185.000,00 Rif. A/319

MENTANA: Via Einaudi, salone con camino, due camere matrimoniali, cucina abitabile, doppi servizi, ripostiglio, terrazzo coperto, balcone, soffitta, posto auto interno, ottimo stato. Prezzo trattabile. ACE: G. € 175.000,00 Rif A/328

MENTANA: Via A. Moscatelli, in piccola palazzina in cortina, luminosissimo appartamento di mq 180, unico al piano, composto da salone doppio, quattro camere, cucina abitabile, doppi servizi, tre balconi, panoramico, divisibile in due unità immobiliari. ACE: G. € 260.000,00 Rif. A/325

PALOMBARA SABINA: In splendida posizione collinare, villa bifamiliare da ultimare con uliveto e frutteto di mq 13000, vicina a strada provinciale e ai mezzi pubblici, a venti minuti dalla stazione ferroviaria del treno metropolitano. Prezzo trattabile. € 400.000,00 tratt. Rif. C/152

Okkio ∫ 77


LO STUDIO DELLO PSICOLOGO

La soluzione che non funziona “I problemi non possono essere risolti allo stesso livello di conoscenza che li ha creati” (Albert Einstein)

C

osa fai quando hai un problema? “Tento di risolverlo”. E se quella soluzione non funziona? “Ne tento un’altra”. Sicuro? La logica razionale vorrebbe che le cose andassero così: ho un problema, tento una soluzione, non funziona, ne tento un’altra. Ma quando abbiamo a che fare coi problemi umani, col rapporto che instauriamo con noi stessi, con gli altri, col mondo, la logica razionale (o meglio, la logica lineare, quella che vuole che al punto A segua indiscutibilmente il punto B) funziona ben poco; tanto che già sessant’anni fa a Palo Alto, in California, s’erano accorti che le cose vanno comprese e spiegate in una nuova ottica quando parliamo di problemi umani. Ecco cosa facciamo quando siamo di fronte a queste problematiche: tentiamo una soluzione, una che magari ha avuto successo in passato o per altri problemi, e se stavolta non funziona... la tentiamo ancora

di più! Gli esempi si sprecano: dallo sgridare innumerevoli volte un bambino perché continua a fare qualcosa che non dovrebbe fare, al cercare di spiegare al proprio partner con pazienza e razionalità che non lo vogliamo tradire come lui pensa; dal tentativo fallimentare di placare l’ansia cercando di controllarsi e calmarsi, fino a mettere in atto complicati rituali o formule mentali che possano garantirci un successo o prevenire spiacevoli eventi. Risultato? Il bambino continua nel suo comportamento nonostante la centounesima strillata; il partner continua a farci domande inquisitorie e le nostre spiegazioni sembrano insospettirlo sempre di più; l’ansia anziché diminuire pare crescere esponenzialmente; e i rituali ci rinchiudono in una gabbia di cui non riusciamo più a trovare la porta d’uscita. Eppure Richard Bandler lo diceva con estrema chiarezza: “Se sapete che una certa cosa non funziona, ne segue che qualsiasi altra cosa ha maggiori probabilità di riuscita che insistere con la stessa cosa”. Watzlawick prima di lui aveva già individuato il meccanismo delle “iper-soluzioni” per il quale, appunto, quando una cosa non funziona insistiamo testardamente aumentando la dose. Perché? In parte perché a volte non è facile rendersi conto che stai

Il Dott. Flavio Cannistrà è uno psicologo clinico e formatore. Riceve presso gli studi di psicologia a Monterotondo, in via 8 Maggio 7/A, e a Roma in v. Corvisieri 17 e v. Baldo degli Ubaldi 386. Il suo sito web è www.lostudiodellopsicologo.it e potete contattarlo al 340.95.488.35 78 ∫ Okkio

mettendo in atto una tentata soluzione fallimentare oppure, altre volte, perché potresti non sapere come cambiarla – sono quelle situazioni che, come spiegavamo due numeri fa, rientrano nel terzo livello di problemi e che necessitano l’intervento di un professionista. “Ma prima di rivolgerci a uno psicologo cosa possiamo fare per tentare di renderci conto delle nostre tentate soluzioni disfunzionali?”. Semplice: esercitiamoci a peggiorare la situazione. Un esercizio solo teorico, ovviamente. Quando c’è un problema, anziché chiederci “Come potrei risolverlo?” (domanda poco utile, dato che se sapessimo come risolverlo non avremmo certo bisogno di chiederci come poterlo risolvere), chiediamoci: “Se io volessi peggiorare volontariamente questa situazione, cosa dovrei fare e cosa non dovrei fare? Cosa dovrei pensare o non pensare, se volessi peggiorare, anziché migliorare, questo problema in modo volontario?”. Questa domanda fa appello a un’antica saggezza: “Se vuoi drizzare una cosa, impara prima tutti i modi per storcerla di più”. Possiamo così partire da tutte le cose che già facciamo e che finora non hanno funzionato: via via, pensando a quali nostri comportamenti o pensieri volontari peggiorerebbero la situazione, sarà più semplice mettere in atto quelli che invece possono migliorarla. E se anche questi non dovessero venirci subito in mente, saremo comunque a buon punto: avremo infatti imparato cosa non fare per mantenere quella situazione problematica. Dott. Flavio Cannistrà


tutto il buono che c’è

D

a Yogoloso soddisfi il palato, resti in forma e ci guadagni in salute. Cosa chiedere di

più?!

LO YOGURT “La base di tutte le nostre specialità – spiega Andrea Bigliocchi, il titolare – è lo yogurt bianco naturale derivato da latte magro di altissima qualità. La caratteristica di questo yogurt è di essere particolarmente ricco di fermenti lattici e probiotici, e con un ridotto contenuto calorico, in quanto povero di grassi e senza zuccheri aggiunti”. Un prodotto assolutamente salutare quindi, ma che non rinuncia al gusto. “E con principi nutritivi importantissimi per il nostro organismo. - aggiunge Andrea - Lo sapevate ad esempio che le proteine dello yogurt hanno proprietà immunitarie, protettive contro le infezioni? Oltre al fatto che alcuni fermenti lattici aiutano anche chi soffre di allergie...”. AL MIO SEGNALE, SCATENATE LA FANTASIA Oltre quaranta gusti, frutta fresca, secca e cereali. Un numero di combinazioni pressoché infinito. “C’è chi preferisce accostamenti classici, ad esempio frutta e cereali, e chi invece improvvisa ricette personalizzate e ricercatissime. E i bambini in questo sono degli esperti: l’altro giorno ho preparato uno yogurt con wafer,

meringa e cereali al miele. Poi fragole fresche e frutti di bosco. Porgo la coppetta al piccolo, ma mi accorgo che mi guarda un po’ deluso: Mancano gli smarties, mi fa. Così ci abbiamo messo anche quelli. Fortissimo!”, sorride Andrea.Come detto l’elenco dei gusti è lunghissimo. “I più gettonati sono la nutella, il nostro squisito pistacchio di Bronte e molto richiesto è anche il grisbì. Ma piuttosto che elencare tutte le nostre salse calde, preparate artigianalmente con ingredienti di prima scelta, proporrei a chi sta leggendo di passare a provarle di persona. Potrà constatare che non sto affatto esagerando…”. IN ALTERNATIVA Ma le coppette di yogurt (“Con cui

tanti soprattutto in estate sostituiscono anche il pranzo”, dice Andrea) non sono le uniche specialità della casa. Squisiti semifreddi, croissant, marron glacé, stecchi gelato e granite. Oltre a ottime crepes, brioches e mousse. “E tutti i dolci – spiega Andrea – sono a base di yogurt, quindi squisiti e leggeri. Inoltre su prenotazione realizziamo torte per compleanni, battesimi e cerimonie secondo le esigenze e richieste del cliente”. UNA CANDELINA “A maggio Yogoloso festeggia il primo anno di attività - conclude Andrea - Mi fa piacere ringraziare tutte le persone con le quali abbiamo condiviso bei momenti insieme. Grazie a tutti, vi aspetto presto!”.

Yogoloso - Via G. Garibaldi, 8 - Monterotondo - Tel. 347.70.48.953 - 388.90.10.422 www.yogoloso.com - E-mail: yogo@yogoloso.com Aperto dalle 11 del mattino a tarda sera


80 ∫ Okkio

Via dello Stadio, 35 - Tel 06.9064518 MONTEROTONDO e-mail: cbcsrl@cbcsrl.it


LA PAROLA ALLE ASSOCIAZIONI

Roma danza nel segno delle Culture

T

occare il cuore, cambiare occhi. Com’è possibile? Come lanciare un messaggio che gridi “unione”, “tolleranza”, “coscienza”? Con l’arte, con la danza. Questa la scintilla che ha accesso l’idea di Danza Più, la prima scuola di danza di Tor Lupara, che da oltre 36 anni trasmette i principi, i valori e l’amore per quella che è espressione di tutti i popoli. E proprio in quanto espressione universale, capace di arrivare dritta alla parte più emotiva di noi, la danza è stata al centro del progetto “Roma Danza nel segno delle Culture”, tenutosi lo scorso 1 aprile al Te-

atro Colosseo. Danza Più ha portato sullo stesso palco artisti professionisti chiamati a compiere una ricerca in diverse tradizioni culturali. Così, assieme al Gruppo Danza Più (con l’hip hop americano e le danze africane) e all’esordio delle giovanissime allieve della Scuola (impegnate nella ricerca di balli andini), si sono esibiti Foolz For Funk (street dance), Gruppo SUAD (danze orientali), Gianpiero Strangio (maestro di Tai Ji Quan), Alessandro Uras e Valentina Decini (salsa cubana), Gruppo Margarita Bordons (tango argentino), Gruppo Albanese di danza popolare, e Ales-

sia Loretelli e Francesca Agnese, duo teatrale con una pièce ispirata ai testi di Giobbe Covatta. Il tutto sostenuto anche da un’associazione di volontariato, la Onlus Paìto. L’evento, volutamente gratuito, ha riscosso il successo che meritava: poltrone piene, persone in piedi, scroscii di applausi, e un’energia che ha contagiato tutti. Aspettiamo il bis. Associazione Danza Più – Scuola di danza a Fonte Nuova (via Brennero 60/74). Web: www.facebook.com/associazionedanzapiu

Okkio ∫ 81


BELLESSERE

Come ti sconfiggo la cellulite

S

iamo giunti, ormai, a un passo dalle agognate vacanze e, come ogni anno, noi donne ci poniamo davanti allo specchio e facciamo il bilancio della situazione estetica del nostro corpo. Premetto che non mi stancherò mai di sottolineare l’importanza del nostro “involucro”, durante tutto l’arco dell’anno e non solamente ad un mese dalla partenza per il mare. Qualche piccola attenzione in più anche nei mesi freddi, ci permette di arrivare alla stagione più calda senza affanni sugli odiati rotolini di grasso… Detto ciò, sappiate che un valido aiuto ci può arrivare dalla medicina estetica che ci propone tecniche assolutamente non invasive e che ci permettono di dare dura battaglia anche al rilassamento ed alla cellulite più ostinata. Oggi vorrei parlare della carbossiterapia, una tra le tecniche più rivoluzionarie degli ultimi anni per il trattamento degli inestetismi del corpo. Lo facciamo con il dottor Salvatore Vitiello, tutor alla scuola di Medicina Estetica di Tor Vergata. Dottor Vitiello, che cosa s’intende esattamente per “carbossiterapia?” Per carbossiterapia s’intende l’impiego a scopo terapeutico dell’anidride carbonica somministrata allo stato gassoso per via sottocutanea o per via cutanea. L’uso della Co2 allo stato gassoso, affonda le sue radici negli anni ’30 presOlivia Gobetti, giornalista, presentatrice, scrittrice e attrice, dopo una lunga esperienza televisiva sui temi del benessere (Sabato 4 su Rete 4), sarà a vostra disposizione per rispondere alle domande sulla saluta e la bellezza, che potrete inviare all'indirizzo: redazione@okkio.it

82 ∫ Okkio


BELLESSERE

so la stazione termale di Royat in Francia. Nel corso degli anni, il numero dei pazienti trattati in questa piccola ma efficiente stazione, è aumentato progressivamente. Questa terapia, che trova larghi consensi nei settori dell’angiologia e dell’ortopedia, in medicina estetica funziona attraverso l’uso di iniezioni sottocutanee. Dove viene iniettata l’anidride carbonica? In sedi e dosi variabili. In generale, s’inseriscono aghi di piccolissima sezione per ridurre al minimo la sensazione di fastidio, nelle zone affette da cellulite. Una seduta settimanale è sufficiente per ottenere buoni risultati? Sì, una seduta con frequenza settimanale è consigliata quando prevale un problema estetico e s’intende affrontarlo anche con altre metodiche associate come, ad esempio, la pressoterapia piuttosto che il linfodrenaggio o ancora l’endermologie. In questo modo, la somministrazione

di anidride carbonica ne potenzia l’azione. Il problema della cellulite, quindi, migliora se vengono combinati diversi trattamenti che agiscono tra loro in perfetta sinergia… Esattamente. Da non dimenticare che lo stile di vita è fondamentale per il miglioramento degli inestetismi. Ad esempio, l’attività fisica, come una semplice passeggiata quotidiana, diventa importantissima per chi soffre di disturbi al microcircolo. È una terapia “sicura” e senza controindicazioni la carbossiterapia? Certamente, basta che ci si affidi, come anche in altre terapie, a mani professionali ed esperte. Raccomando anche la costanza, sia nella fase di attacco che di mantenimento per ottenere i migliori risultati. Olivia Gobetti

Okkio ∫ 83


LR Bike, due ruote per passione

M

ai la parola “passione” fu più appropriata. Come spiegare altrimenti la scelta di Lorenzo Bonsignori – una laurea in scienze motorie e una carriera avviata come docente in ambito scolastico e accademico – di dare vita, nel dicembre 2011, a un negozio che è già diventato un irrinunciabile punto di riferimento per tutti i patiti della bicicletta. La bici è da sempre nella vita di Lorenzo: “Corro dall’età di 11 anni, ho disputato cinque campionati italiani e vinto titoli regionali e provinciali sia su mountain bike che su bici da corsa”. Ma è qui, in via Reatina166/168 a Mentana, che si è realizzato il sogno di costruire un vero e proprio paradiso per ciclisti: “Una creatura tutta mia – commenta Lorenzo – dove è possibile trovare tutto, ma proprio tutto quanto possa servire a un ciclista: abbiamo bici da corsa e mountain bike per ogni fascia di prezzo, dalle bici da bambino fino ai modelli professionali da competizione”. Anche la gamma di accessori è vastissima: caschi, occhiali, scarpe, abbigliamento tecnico, oltre a integratori specifici, il tutto delle migliori marche. Ma il fiore all’occhiello di LR Bike è la possibilità di avere assistenza tecnica e meccanica in tempo reale, un servizio offerto e garantito dall’esperienza del titolare, che, in qualità di direttore sportivo e direttore di gara della Federazione Ciclistica Italiana, oltre che dottore in scienze motorie, può organizzare programmi di allenamento personalizzati ed effettuare analisi e misurazioni biomeccaniche, indispensabili per consigliare ad ogni cliente la bicicletta ideale. A ciò si aggiunga la qualità dei prodotti: le biciclette, comprese quelle per bambino, non sono giocatoli e non hanno componenti in plastica. Interessante anche la possibilità di permuta dell’usato, mentre davvero stuzzicante è l’opportunità, per chi deve muoversi nel caos cittadino, di acquistare una bicicletta elettrica con pedalata assistita: comodissima per giri brevi, facile da parcheggiare e non soggetta a tassa di circolazione. Le marche? “Trattiamo i migliori prodotti presenti sul mercato, come ORBEA, marchio spagnolo famoso per aver vinto le olimpiadi di Pechino, TORPADO, con la sua vastissima scelta, e FONDRIEST, l’azienda, tutta italiana, dell’ex corridore Maurizio Fondriest. Caschi e occhiali, invece, sono SALICE, le scarpe SIDI e VITTORIA, mentre per gli integratori ci affidiamo a GENSAN. Tutti questi nomi sono garanzia di qualità. E, anche se è possibile ordinare e ricevere in tempi brevissimi prodotti di qualsiasi marca, siamo certi che la scelta presente in negozio possa soddisfare le più svariate esigenze”. A tutti gli appassionati e i professionisti delle due ruote, dunque, non rimane lasciarsi conquistare da questo nuovo, già frequentatissimo, punto d’incontro. E non dimenticate: nella bella stagione LR Bike organizza uscite domenicali per i propri clienti, aperte a tutti e con diversi gradi di difficoltà, per cui anche le famiglie con bambini al seguito sono benvenute! L. B.

LR Bike - Mentana - Via Reatina 166/168 - Tel. 06.9093057 - www.lrbike.it 84 ∫ Okkio


DALLA PARTE DEL CONSUMATORE

Amari, come trasformare un alcolico in un digestivo

R

amazzotti (dal 1960), Cynar (dal 1962) Amaro Cora (dal 1964), Fernet Branca (dal 1967) Petrus (dal 1971), Kambusa (dal 1973, grazie a messaggi più o meno espliciti, hanno determinato la convinzione presso i consumatori che “amaro” sia sinonimo di “digestivo”. Molti di questi prodotti sono ancora sul mercato, alcuni anche con successo. Ma al di là del ricordo della singola pubblicità di ciascun liquore, è l’idea generale che oramai è passata: gli amari hanno una funzione “terapeutica” ed alla fine di un pasto sovrabbondante consentono di minimizzare o ridurre la pesantezza dello stomaco. Quindi ci si può consentire di mangiare (e magari bere) più del dovuto, tanto poi c’è l’amaro che sistema tutto. La scelta poi può cadere sull’uno o sull’altro tipo di amaro in funzione anche del gusto personale o della moda del momento, ma l’effetto digestivo rimane fuori discussione. Quindi un superalcolico, con gradazione in genere superiore a 40°, viene tranquillamente spacciato per un coadiuvante dei

Okkio ∫ 85


processi digestivi. In altre parole, come accade anche a proposito di diversi altri prodotti, un effetto sfavorevole o addirittura tossico determinato dal consumo del prodotto pubblicizzato, non solo viene completamente omesso, ma addirittura diviene per incanto un pregio. In definitiva, invece di glissare su una possibile conseguenza negativa derivante dal consumo dell’amaro, se ne associa addirittura l’uso a qualcosa di benefico: un po’ come suggerire che il fumo faccia bene ai polmoni. A tutti è capitato a fine pasto di ordinare, o sentirsi proporre da un premuroso cameriere “un digestivo”. Nessuno si riferisce alla magnesia o al bicarbonato. Il pensiero corre all’amaro, ormai definitivamente identificato come “medicina”. Ricordiamo che la capacità di metabolizzare l’alcool etilico è limitata, specie nelle donne, e che l’effetto tossico sulle cellule epatiche è dimostrato da decenni. Non potranno certo essere quei pochi grammi di aromi vegetali contenuti negli amari a far “digerire” pietanze ipercaloriche, specie se il fegato, già impegnato nel metabolizzare i grassi che gli arrivano dall’assorbimento intestinale, e dall’eventuale introduzione di vino o birra durante il pasto, viene ulteriormente appesantito dal carico di alcool dell’amaro, che è quasi sempre un superalcolico come whisky o cognac con una gradazione intorno ai 40°: un bicchierino ne contiene infatti una quindicina di grammi, un paio oltre 30, quando la quantità massima giornaliera indicata come tollerabile è di non più di

86 ∫ Okkio

40 g per l’uomo e 30 per la donna. Qualche esempio di slogan? Branca Menta “digestimola” , un Ramazzotti “fa sempre bene” Cynar è “contro il logorio della vita moderna”. Nella pubblicità di Kambusa “l’amaricante” un coccodrillo piange le consuete lacrime dopo il pasto, ma stavolta perché ha mangiato troppo: gli ci vorrà un bicchiere di Kambusa per digerire. Oggi le pubblicità degli amari puntano su altro, ma ormai il danno è fatto: nella percezione comune l’effetto digestivo è talmente assodato che non vale più la pena di insisterci sopra. Ma i problemi per la salute derivanti da un abuso di alcol – spesso inconsapevole o addirittura ritenuto terapeutico – sono testimoniati dall’aumento dell’insorgenza di disturbi epatici dell’ignara popolazione. Dr. Paolo Checchi

Dr. Paolo Checchi Specialista in Scienza dell’Alimentazione – Master in Informazione e Comunicazione Nutrizionale Poliambulatorio Specialistico FLEMING Via Edmondo Riva 59 Tel. 06 90626317


ARCHITETTURE SOSTENIBILI

Sostituzione delle caldaie residenziali Convenienza e applicabilità

O

ggi molti affrontano la problematica relativa alla ristrutturazione della propria unità immobiliare con un quesito: La caldaia, quale tecnologia scegliere? DESCRIZIONE DELLA TECNOLOGIA Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l’energia termica necessaria per i vari scopi (riscaldamento degli ambienti, produzione di acqua calda per uso sanitario o per uso produttivo). L’energia termica liberata dalla combustione viene trasferita al fluido termovettore (acqua o aria) che circola nell’impianto. Le componenti di una caldaia sono: il bruciatore (che miscela l’aria con un combustibile e alimenta la camera di combustione; la camera di combustione (o focolare); una serie di tubi in cui circolano i fumi caldi della combustione che scambiano calore con il fluido termovettore; un involucro esterno di materiale isolante protetto da una lamiera. I parametri che caratterizzano una caldaia sono: - la potenza termica del focolare, indicativa della quantità di energia che il combustibile utilizzato sviluppa all’interno della camera di combustione su un determinato arco di tempo; - la potenza termica utile, ossia l’energia che viene effettivamente trasferita al fluido termovettore nello stesso arco temporale. Le perdite del sistema, da cui deriva il fatto che la potenza termica utile sia inferiore alla potenza termica del focolare, sono dovute alle dispersioni di calore che avvengono attraverso il mantello isolante e, per la maggior parte, attraverso i fumi che fuoriesco-

no ancora caldi dal camino. Minori sono le perdite generate, più elevato è il rendimento della caldaia. CAMPO DI APPLICABILITA' E CONVENIENZA Le caldaie a condensazione consentono di realizzare risparmi energetici grazie alla riduzione delle perdite di parte del calore prodotto dalla combustione. L’entità esatta del risparmio che si può ottenere dipende: - dal tipo di caldaia precedentemente funzionante (in caso di sostituzioni di impianti esistenti)la convenienza sarà tanto maggiore quanto più basso è il rendimento della caldaia esistente(ovvero quanto più vecchia è la caldaia da sostituire); - dal tipo di impianto di riscaldamento connesso alla caldaia (le caldaie a condensazione esprimono il massimo delle prestazioni quando vengono utilizzate con impianti che funzionano a bassa temperatura, attorno ai 30-50°C, come ad esempio impianti a pannelli radianti); - dalle condizioni medie di esercizio. Il risparmio energetico ottenibile si aggira sul 15% quando la caldaia a condensazione è a servizio di un impianto di riscaldamento “tradizionale” ad alta temperatura, mentre raggiunge valori

del 30% se viene abbinata con sistemi di riscaldamento a bassa temperatura. Nella valutazione economica dell’investimento va tenuto conto dell’età media delle caldaie a condensazione, pari ad un minimo di 15 anni. Il sovraccosto iniziale di acquisto va quindi confrontato con il risparmio annuo che è possibile realizzare sui consumi di carburante, per tutta ladurata della vita dell’impianto. Il costo iniziale di investimento per l’acquisto e l’installazione di una caldaia a condensazione aservizio di una singola abitazione può arrivare a circa 4000 euro, con un extracosto di almeno 1.000 euro rispetto ad una caldaia tradizionale, mentre nel caso di una condominiale (secondo la potenza impiegata) il delta è amplificato. Claudio Sperati, Energy Manager FONTI - Risparmi energetico con gli impianti di Riscaldamento – opuscolo n.14 collana “Sviluppo Sostenibile”, Enea, settembre 2003. http://efficienzaenergetica.acs.enea. it. Le caldaie a condensazione: Normative, installazione e Sicurezza, Gianluca Vatta - Tecniche Nuove – 2004. Le caldaie a condensazione, Laurent Socal - Relazione presentata al convegno Anta. “Impianto di riscaldamento mediante combustione a condensazione” in occasione della “Termoidraulica Clima – Fiera di Bari” il 20.11.2004.

Okkio ∫ 87


L'ARTE DI NUTRIRSI

La doppia faccia del colesterolo

S

iamo abituati a pensare al colesterolo esclusivamente come a qualcosa di dannoso, mentre è in realtà una molecola utilissima, anzi necessaria al nostro organismo. È un costituente delle membrane cellulari di cui regola fluidità e permeabilità, ed è il precursore di ormoni steroidei (es. ormoni sessuali), di acidi biliari (necessari per l’assorbimento dei grassi) e della vitamina D (importante per la salute delle ossa). Una molecola utile dunque, se mantenuta nei giusti livelli, ma se in eccesso, può favorire l‘insorgenza di patologie cardiovascolari, soprattutto in presenza di altri fattori di rischio, quali fumo, sovrappeso, sedentarietà. COLESTEROLO BUONO E CATTIVO Essendo un grasso, il colesterolo può viaggiare nel sangue solo se legato a proteine,

88 ∫ Okkio

sotto forma di particelle lipoproteiche. Le principali sono le LDL e le HDL. Le prime trasportano il colesterolo dal fegato alle cellule, che lo utilizzano per i loro fabbisogni. Se i livelli di colesterolo LDL sono troppo alti, questo si deposita sulla parete delle arterie favorendo lo sviluppo di placche aterosclerotiche e per questo è definito cattivo. Le HDL sono preposte alla rimozione del colesterolo in eccesso dalle arterie e al suo trasporto verso il fegato, dove viene eliminato o riciclato. L’azione del colesterolo HDL riduce il rischio di malattie cardiovascolari, da qui la definizione di buono. COME PUO' AIUTARCI LA DIETA? Per prevenire l’ipercolesterolemia e i danni segue a pagina 91


Orari Autobus (Monterotondo e Monterotondo F.S. per Roma e viceversa) DIREZIONE NOMENTANA

MONTEROTONDO/ROMA TIBURTINA 4,15 6,15 9,30 12,35 16,00 19,40

4,40 6,30 10,00 13,00 16,30 20,40

5,00 7,00 10,15 13,10 17,00 22,00

5,20 7,30 10,30 13,30 17,30 23,00

5,35 8,00 11,00 14,00 18,00

5,40 8,30 11,30 14,30 18,30

5,45 9,00 12,00 15,00 18,40

ROMA TIBURTINA/MONTEROTONDO 6,00 9,15 12,20 15,30 19,00

5,15 8,00 12,00 13,40 15,30 17,40 19,40

6,00 8,30 12,20 13,45 15,40 18,00 20,00

6,30 9,00 12,30 14,00 16,00 18,20 20,30

6,50 9,30 12,40 14,20 16,20 18,30 21,00

7,00 10,00 13,00 14,30 16,30 18,40 22,00

7,15 10,30 13,15 14,40 17,00 19,00 23,00

7,20 11,00 13,20 15,00 17,20 19,20 00,00

7,30 11,30 13,30 15,20 17,30 19,30

DIREZIONE SALARIA  MONTEROTONDO/ROMA TIBURTINA 5,20 8,35 15,05

5,50 9,35 16,05

6,05 10,35 17,05

6,20 11,35 18,05

6,35 12,35 19,05

6,50 13,05 20,05

7,05 13,35 22,05

ROMA TIBURTINA/MONTEROTONDO

7,35 8,05 13,55 14,35

NAVETTA LOCALE da XII Apostoli per scalo f.s. 4,55 7,05 9,40 13,25 16,25

5,20 7,50 9,55 13,45 17,10

5,35 8,10 10,10 14,25 17,45

5,55 8,25 10,25 14,40 18,10

6,15 8,40 10,40 15,00 19,25

6,25 8,55 11,25 15,25 20,25

6,30 9,00 12,25 15,40 20,55

6,55 9,25 12,30 16,00

NAVETTA LOCALE da SANTA LUCIA per SCALO F.S. 7,15

13,50

15,05

16,05

17,50

18,50

19,50

NAVETTA LOCALE da TORLUPARA per SCALO F.S. 6,05 16,20

6,35 17,20

7,20 18,20

9,05 20,05

11,05

13,25

14,05

NAVETTA LOCALE da XII APOSTOLI per PIEDICOSTA 6,40

6,55

7,10

8,10

11,55

12,10

16,40

18,40

6,35 11,05 16,55

7,05 12,05 18,35

7,35 12,45 19,35

8,05 13,15 20,35

8,35 13,45 21,35

9,05 14,15 22,05

da scalo f.s. per XII Apostoli

7,15 9,15 12,00 14,45 18,00 20,15

7,30 9,30 12,15 15,15 18,15 20,45

7,45 10,00 13,15 15,30 18,20 21,15

8,00 10,15 13,30 15,45 18,30 21,45

8,15 10,30 13,45 16,15 19,15

10,05 14,45 23,05

8,30 10,45 14,00 16,30 19,30

8,45 11,00 14,15 17,15 19,45

10,35 15,55

9,00 11,15 14,30 17,30 20,00

da SCALO F.S. per SANTA LUCIA 6,10

6,35

12,45

16,45

17,45

18,45

da SCALO F.S. per TORLUPARA 5,40 15,00

6,20 16,00

7,45 17,00

9,45 19,00

12,15 19,15

12,30

13,00

13,50

19,35

da PIEDICOSTA a XII Apostoli 7,20

7,35

8,05

8,35

13,35

DIREZIONE RIETI-ROMA RIETI /ROMA TIBURTINA 4,00* 7,30 10,35 13,35** 16,30

4,30* 8,05 11,00 14,00 17,00

5,00* 8,30 11,30 14,05** 17,30*

5,30* 9,05 12,00 14,35 18,00

6,00* 9,15 12,40 15,00 19,05

ROMA TIBURTINA / RIETI

6,30* 9,35 13,00 15,20 20,05

7,00** 10,00 13,10* 16,00 21,05

5,30 8,45 11,40 15,40* 18,00 20,40

7,00** 6,30 6,25** 6,00 10,05 10,00 9,35 9,15 12,10** 12,40** 13,10** 13,30 15,45 16,10** 16,30 16,40** 18,10** 18,40 19,10* 19,15 22,00 21,50 21,20 20,45

7,15 10,35 14,10* 17,10* 19,40* 22,45

8,15 11,10 15,00 17,40* 20,10

7,45* 11,00 14,40** 17,15 19,45 23,00

Le corse in rosso da lunedì a sabato - Le corse in rosso solo sabato • Le corse in verde viaggiano sempre, anche nei festivi Le corse in verde viaggiano solo nei festivi • Le corse in nero viaggiano da lunedì a venerdì • Le corse in nero viaggiano sempre escluso il sabato Le corse con * passano per l’autostrada • Le corse con ** sono doppie e passano per l’autostrada e la Salaria

FF.SS. VIA M.TE AMIATA MONTEROTONDO SCALO ORARIO TRENI METREBUS E REGIONALI dal lunedì al venerdì

MONTEROTONDO - ROMA TIBURTINA - FIUMICINO 05,18 07,33 09,48 12,18 14,48 17,18 20,33

-

05,33 07,48 10,03 12,33 15,03 17,33 21,03

-

05,48 07,56 10,18 12,48 15,18 17,48 21,33

-

06,03 08,03 10,33 13,03 15,33 18,03 22,03

-

06,18 08,18 10,48 13,18 15,48 18,18

-

06,33 08,33 11,03 13,33 16,03 18,33

-

06,48 08,48 11,18 13,48 16,18 18,48

-

07,03 09,03 11,33 14,03 16,33 19,03

-

07,11- 07,18 09,18 - 09,33 11,48 - 12,03 14,18 - 14,33 16,48 - 17,03 19,33 - 20,03

ROMA TIBURTINA - MONTEROTONDO 06,47 09,17 11,47 14,17 16,47 19,17

-

07,02 09,32 12,02 14,32 17,02 19,32

-

07,17 09,47 12,17 14,47 17,17 19,47

-

07,32 10,02 12,32 15,02 17,32 20,02

-

07,47 10,17 12,47 15,17 17,47 20,17

-

08,02 10,32 13,02 15,32 18,02 20,47

-

08,17 10,47 13,17 15,47 18,17 21,17

-

08,32 11,02 13,32 16,02 18,32 21,47

-

08,47 11,17 13,47 16,17 18,47 22,47

-

09,02 11,32 14,02 16,32 19,02

Cotral Via dello stadio MONTEROTONDO - ROMA TIBURTINA Via NOMENTANA dal Lunedì al Venerdì 4.15 8.00 13.10 18.30

4.40 8.30 13.30 19.00

5.00 9.00 14.00 19.40

5.20 9.30 14.30 20.40

5.35 5.45 6.00 6.15 6.30 7.00 7.30 10.00 10.30 11.00 11.30 12.00 12.20 12.35 15.00 15.30 16.00 16.30 17.00 17.30 18.00 22.00 23.00

Sabato 4.15 8.30 13.30 19.00

4.40 5.00 5.20 9.00 9.30 10.00 14.00 14.30 15.00 19.40 20.40 22.00

Festivi

Via SALARIA dal Lunedì al Venerdì

5.00 6.00 7.00 7.30 8.00 8.30 9.15 10.15 11.00 14.00 15.00 15.30 16.00 17.00 18.00 18.40 19.40 20.40

12.00 13.00 22.00 23.00

5.20 5.50 6.05 6.35 6.50 7.05 7.35 8.05 8.35 9.35 10.35 11.35 12.35 13.05 13.35 13.55 14.35 15.05 16.05 17.05 18.05 19.05 20.05

Sabato 5.20 6.05 18.05 19.05

6.35 20.05

7.35 8.35 10.35 11.35

5.40 6.00 6.15 6.30 7.00 7.30 8.00 10.30 11.00 11.30 12.00 12.20 12.35 13.10 15.30 16.00 16.30 17.00 17.30 18.00 18.30

Festivi 12.35 13.35 14.35 16.05

9.35

22.05


NUMERI UTILI

5% DI SCONTO SULLE CHIAMATE

CARABINIERI....................................................................................................................................... 112 CARABINIERI - P.ZZA PELOSI, 1.....................................................................................06 9009991 POLIZIA.................................................................................................................................................113 POLIZIA MUNICIPALE.....................................................................................................06 90964223 CORPO FORESTALE DELLO STATO........................................................................................... 1515 EUROP ASSISTANCE....................................................................................................................... 1515 MALTRATTAMENTI MINORI.................................................................................................. 803 803 VIGILI DEL FUOCO.............................................................................................................................115 VIGILI DEL FUOCO - MONTELIBRETTI.......................................................................0774 630007 CROCE ROSSA ITALIANA................................................................................................0690623342 PROTEZIONE CIVILE..........................................................................................................06 9065891 FERROVIE DELLO STATO......................................................................................................... 892021 COMUNE DI MONTEROTONDO COMUNE DI MONTEROTONDO centralino................................................................ 06 909641 PRO LOCO............................................................................................................................06 9066683 CIMITERO..............................................................................................................................06 9065368 BIBLIOTECA.....................................................................................................................06 909644221 GUARDIA DI FINANZA.....................................................................................................................117 SERVIZIO ANTINCENDIO.............................................................................................................. 1515 SOCCORSO IN MARE..................................................................................................................... 1530 ENEL........................................................................................................................................800900800 EUROGASMET......................................................................................................................069092529 ELENCO ABBONATI........................................................................................................................ 1240 CHIAMATE URGENTI...................................................................................................................... 4197 PRONTO PAGINE GIALLE......................................................................................................... 892424 OSPEDALE SS GONFALONE.................................................................................................0690071 PRONTO SOCCORSO................................................................................................0690075831/09 CUP REGIONALE ....................................................................................................................... 803333 URP - DISTRETTO VIA GARIBALDI..............................................................................06 90075911 urp - ospedale di monterotondo............................................... Tel. e Fax 06 90075890 GUARDIA MEDICA.................................................................................................................06570600 COMUNE MONTEROTONDO.............................................................................................06909641 COMUNE MENTANA.............................................................................................................06909691 COMUNE FIANO ROMANO.................................................................................................07654071 COMUNE CAPENA............................................................................................................. 069037601 GUASTI TELECOM..............................................................................................................................187 SERVIZIO AFFARI TELECOM...........................................................................................................191 EMERGENZA SANITARIA.................................................................................................................118 CCISS VIAGGIARE INFORMATI.................................................................................................... 1518 TELEFONO AZZURRO..................................................................................................................19696 ACEA.......................................................................................................................................800130330 ACI......................................................................................................................................................80311 POSTE E TELECOMUNICAZIONI INFORMAZIONI POSTE............................................................................................................ 803160 DETTATURA TELEGRAMMI.............................................................................................................186 CALL CENTER P.T...................................................................................................................... 803 160 UFFICIO POSTALE MONTEROTONDO 1...................................................................06 90623815 FARMACIE FARMACIA Via Adige, 36...............................................................................................06 90626554 FARMACIA Piazza Roma, 16.........................................................................................06 90626001 FARMACIA Via Turati, 13.................................................................................................06 9003267 FARMACIA P.zza S. Maria delle Grazie, 5...................................................................06 9064623 FARMACIA Via Salaria, 221/N........................................................................................06 9060093 FARMACIA Via Nomentana, 32.....................................................................................06 9004138 FARMACIA Via Matteotti, 8..........................................................................................06 90625577 FARMACIA Viale Bruno Buozzi, 58.............................................................................06 90624014 90 ∫ Okkio


velli di colesterolo nel sangue. I grassi saturi (di origine animale) e i grassi trans (presenti in alcuni prodotti industriali) innalzano il colesterolo LDL mentre i polinsaturi (come l’olio di semi) ed i monoinsaturi (come l’olio d’oliva) hanno un effetto positivo perché tendono ad abbassarne i valori. Anche la fibra, contenuta in frutta, verdura, legumi e cereali integrali ha un effetto benefico in quanto riduce l’assorbimento di colesterolo a livello intestinale. Fondamentale è poi il ruolo di un‘attività fisica regolare che permette un aumento del colesterolo buono.

che ne possono derivare è fondamentale controllare non solo la quantità ma soprattutto la qualità dei cibi consumati. Il colesterolo è contenuto in tutti gli alimenti di origine animale (carne, burro, salumi, formaggi, tuorlo d’uovo ecc.), mentre è assente in quelli di origine vegetale (frutta, verdura, cereali). Inoltre anche gli altri grassi alimentari influiscono sui li-

RIASSUMENDO, E' IMPORTANTE... • Ridurre il consumo di grassi in genere • Preferire olio extravergine d'oliva a burro, strutto ecc. • Aumentare il consumo di frutta, verdura e legumi • Mangiare pesce 2-3 volte a settimana • Preferire le carni magre ed eliminare il grasso visibile • Scegliere latte parzialmente scremato e consumare porzioni più piccole di formaggi • Svolgere regolarmente attività fisica Dott.ssa Anita Pavone

Dottoressa Anita Pavone - Biologa nutrizionista Riceve a Mentana e Monterotondo - Cell. 347.2864345 e-mail: pavoneanita@gmail.com

www.soccorsoamico.com

MONTEROTONDO Via Sardegna,9 Fax 069068966 Okkio ∫ 91


La redazione declina ogni responsabilità circa la veridicità degli annunci pubblicati dai lettori in questo spazio

Nokia 5800 Express Music ANCORA 1 MESE IN GARANZIA, Cellulare nero, 8gb, pennetta nuova (mai usata), pellicola nuova (da mettere), radio, GPS, Sygic Mobile installato, NESSUN GRAFFIO, Skype, Facebook, Gmail, come nuovo! Vendo a causa di passaggio ad IPhone Prezzo:€ 100.00. Matteo 3297413254

Massaggi terapeutici e rilassanti shiatsu per tutte le patologie proprio e altrui domicilio. Tel. 3475564317.

Cedo avviata attività di lavanderia self service zona limitrofa al centro e in fase di espansione prossima realizzazione centro commerciale e ampio parcheggio. Prezzo: € 60000,00. Andrea 3271472222

Si ricercano ambosessi motivati per facile lavoro di promozione on-line. Richiesto ottimo uso del pc e di internet. Compensi interessanti. Per informazioni: info.spinnato@gmail.com Cerco collaboratori per semplice lavoro indipendente con possibilità full-time, part-time e da casa.3803488478 Si affitta a lavoratore/studente dai 25 ai 35 anni da fine aprile/inizio maggio stanza singola ampia e luminosa a Monterotondo centro storico. L'appartamento è stato restaurato di recente ed è dotato di lavatrice, riscaldamento autonomo e internet wireless. L'affitto è 300 euro spese condominio incluso. Manuel 3492596753 Realizzo siti web professionali, loghi, banner, volantini, biglietti da visita, etc Disponibili anche template accattivanti e personalizzabili. Curo campagne pubblicitarie sul web e tradizionali. Professionalità ed esperienza a ottimi prezzi. www.media06.com agenziamedia06@gmail.com Marsupio taglia fino a 13 kg di colore rosa marca chicco vendo a euro 20. Contattare giovanni 3494783277

Vendo prodotti Avon, NO DA CATALOGO. Immediata possibilità di avcerli senza spedizione, già pronti. Chiusi e confezionati, NUOVI, MAI USATI. vendibili a prezzo pieno. Romina 3404574149

Affittasi villino indipendente di mq.75: soggiorno con camino, angolo cottura, 2 camere, bagno e ripostigli, portico mq.30, giardino mq.400. Sito in Bassano Romano (VT) in complesso residenziale. Completamente ristrutturato e parzialmente ammobiliato. In base al piano casa della Regione Lazio il villino può essere ampliato del 20% della sua superficie. Augusto 3894745383 Montecelio - centro storico: affitto bilocale completamente ristrutturato e arredato. Tel. 3335096095 Giovane stilista crea abiti su misura di ogni tipo a prezzi molto vantaggiosi,inoltre si offre anche il servizio di riparazioni sartoriali Prezzo: € 20.00. Margareta 3283099353 Vendo Renault Clio 1.2 grigio met. benzina 3p anno 2001 uniprò, sempre garage, km 100.000 ottime condizioni come nuova 2.500 euro. Alberto 3381610038

PER I TUOI ANNUNCI commerciale@okkio.it • direttore@okkio.it redazione@okkio.it • editore@okkio.it

Per la pubblicità su questa rivista contattaci al 338.16.10.038 oppure inviaci un’e-mail all’indirizzo: commerciale@okkio.it 92 ∫ Okkio

OKKIO - 92

VENDO, COMPRO, cerco

Nel grazioso comune di Mentana, a pochi Km da Roma, appartamento di 40 mq con giardino: riservato, lontano dal caos In una piccola palazzina , tranquilla, elegante, vendo alloggio di 40 mq, piano terra. È composto da un luminoso salone con angolo cottura, camera da letto, un ampio bagno con doccia in muratura, un comodo giardino di 16 mq per poter soggiornare e rilassarsi. Recentissima costruzione 2012, a risparmio energetico – ACE classe C, termoautonomo, senza spese condominiali. € 129.000 tratt. Per informazioni contattare vendocasamentana@libero.it o 3491394225


Il fiore della passione Se chiudo gli occhi e penso a te allora vuol dire che sei dentro di me. Tu sei il principio incredibilmente meraviglioso la stella più luminosa dell’universo il mio desiderio di averti. Il fiore dell’amore con quel sorriso che illumina gli occhi... due corpi tutt’uno affusolati in un’orda di piacere ingioiellati da baci e carezze quella piccante complicità che rende il rapporto invaso dalla fantasia parole che sospirano l’attesa momenti di piacevoli contese nelle nostre notti bramose... Se di questo fior il profumo saltella nell’aria colgo la sua scia nel respirar a pieno petto il suo dolce sentimento e nel cuor me lo tengo stretto!!!

Fabrizio Bentenuto mistereffe48@gmail.com facebook: Fabrizio Bentenuto

Okkio

redazione@okkio.it commerciale@okkio.it

Periodico bimestrale Edito da Alberto Santoro. Ideatori/Fondatori Alberto Santoro e Daniele Dieghi

Direttore responsabile: Lorena Battistoni direttore@okkio.it

Anno IV, numero 3 Maggio 2012 Registrazione: Tribunale di Tivoli n. 52 del 22/05/2009 Distribuzione gratuita Redazione, amministrazione e pubblicità: tel: 338.1610038 – 339.4978388 editore@okkio.it

Direttore di fotografia: Amarillis Cargnin fotografo@okkio.it Hanno collaborato a questo numero: Fabrizio Bentenuto, Ilaria Biondi, Enrico Bonizzoni (Coordinatore Sedi CODACONS Provincia Roma Nord), Flavio Cannistrà, Gaia Cecconi, Paolo Checchi, Valentino Cristofalo, Daniele D., Giorgio Di Gennaro, Federica Fatone, Paolo Favale,

Olivia Gobetti, Martina Ruberto, S. K., Francesco Morini, Anita Pavone, SKin. Impaginazione e grafica: Francesco Morini okkio.grafica@gmail.com tel. 3478221501 Stampa: TIPOGRAFIA ARTISTICA EDITRICE, di L. Nardini & C. s.a.s. Via Gastone Maresca, 50 00138 Roma tel./Fax 0688588098/386 grafica@tipografianardini.it

a proprio insindacabile giudizio lettere, inserzioni e articoli.tutte le collaborazioni ad articoli o servizi sono considerate a titolo gratuito salvo accordi scritti con l’editore. Le pubblicità, i loghi e i marchi sono forniti direttamente dai proprietari delle aziende

Finito di stampare: Maggio 2012 La redazione di okkio si riserva di accogliere Okkio ∫ 93


ariete

toro

gemelli

Carissimi montoni tormentati dall’ultimo colpo di coda firmato Saturno, questo è un ottimo periodo per rifarsi delle finanze in deficit, degli amori e di tutti i rapporti strani vissuti negli ultimi tempi. Incontri nuovi di zecca, amori vecchi che cambiano pelle e pubbliche relazioni che portano soldi saranno il vostro multivitaminico!

Buon compleanno ruminanti bovini! Spero che molti di voi si stiano dando da fare per raccogliere i preziosi frutti di un anno che vi ha visto protagonisti di un cielo pieno di opportunità. Giove si sta allontanando dal vostro segno (anche perché non è eterno!) e quindi approfittate degli ultimi strascichi di fortuna!

Buon compleanno anche a voi, furbacchioni dello Zodiaco! Inizia a breve il fortunato transito di Giove nel vostro segno. Buon umore, soldi ed importanti occasioni che potrebbero riguardare qualsiasi cosa. Dal 20 maggio la triade Sole,Venere, Giove, segnerà un periodo per voi d’oro!

cancro

leone

vergine

Buon compleanno a tutti voi cancerini prima decade! Giove, nel segno prima del vostro, è un angelo custode a tutti gli effetti. Saturno per molti di voi è lontano e molti cambiamenti sono stati realizzati anche se con sofferenza. Godetevi questo periodo e capite quello che ora desiderate. A breve qualche sogno potrebbe realizzarsi!

Ruggenti criniere dorate, che fatica, ma finalmente eccoci qua e le promesse dell’astrologo… pure! È praticamente arrivato in dirittura di arrivo un periodo in rosso per le vostre tasche! Adesso si riparte con nuove occasioni di lavoro, nuove collaborazioni, nuove amicizie e con qualche assegno incassato!

Cari perfezionisti spesso con l’emicrania, Giove nel settore del successo vi potrebbe regalare nuove chances in campo lavorativo, ovviamente ai più ambiziosi. Ma attenzione alle dispute legali, alla burocrazia che tanto tollerate (siete gli unici… gli altri sono quelli con l’ascendente vergine!) e ai soldini in uscita!

maggio/giugno 2012

bilancia

a cura di Skin

scorpione

alle stelle sagittario

Fredde creature apparentemente deliziose, che dire? Saturno sta sparando le ultime cartucce, ma Giove da qui al prossimo anno vi garantisce una rinascita, almeno un viaggio lontano ed importante, soldi e un ottimismo di cui vi siete dimenticati. L’amore? Non saprete a chi dare i resti!

Belle notizie anche per voi, magnetici seduttori! È vero che voi avete la fortuna di cadere sempre in piedi, ma è pure vero che nell’ultimo anno un Giove opposto ha creato disagio. Adesso vi rifarete e non preoccupatevi se alcuni rapporti non sono facili o se la persona amata è lontana o vi fa pensare. A breve le relazioni miglioreranno!

Cari nomadi dello Zodiaco, calmi ora! Non è il momento di osare troppo né con il partner, né con gli investimenti. Attenzione a consulenze legali che potrebbero rivelarsi non troppo azzeccate e, se potete, rinviate cause e questioni simili. Risparmiate e non vi fate ingannare da qualche specchietto per le allodole!

capricorno

acquario

pesci

Sagge e serie creature dell’Universo, tenete duro come soltanto voi sapete fare, per le ultime scaramucce saturnine. In compenso il lavoro di sempre vi potrebbe riservare sorprese: un viaggio, l’amore o avanzamenti di ruolo. Anche nel quotidiano tutto filerà molto più liscio. Osate di più e mostrate il vostro talento!

Cari amici del peace&love, dite byebye a quel cattivone di Giove che vi fa i dispetti da circa un anno! Se ne sta andando! Questa è la prima buona notizia. La seconda è che transiterà per un anno in un segno vostro amico. Novità ed emozioni in amore, con i figli e per chi si occupa di creatività. Potete festeggiare!

Cari romanticoni, novità riguardanti la casa o la famiglia potrebbero riguardarvi. Ma qualche questione di tipo burocratico o affine potrebbe disturbarvi. Anche qualche soldino per questo o altro motivo potrebbe essere speso. E mi raccomando a chi vuole cambiare aria in amore… fregature dietro l’angolo! Aspettate qualche mese e capirete cos’è un vero sogno d’amore!

94 ∫ Okkio


Okkio ∫ 95


OKKIO  

Rivista M.rotondo(ROMA)

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you