Page 1

ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013

NOTIZIARIO

PROVINCIA NAPOLETANA DEL SS. CUORE DI GESU’ DELL’ORDINE DEI FRATI MINORI


NOTIZIARIO Pagina 3

Sommario VITA DELL’ORDINE Fraternitas Aprile

4

Fraternitas Maggio

6

Ordinazione Episcopale di Mons. Fr. José

10

Venerabile Serva di Dio Maria Cristina di Savoia

10

Corso di GPIC presso l`Antonianum

10

Congresso in Brasile SGME

11

Nomina del Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica

12

Saluto del Ministro generale alle Sorelle Clarisse e Concezioniste

13

Il Ministro generale saluta l’Ordine

14

Sessione di Formazione Missionaria Inter-francescana

15

Udienza del Santo Padre a Fr. José Rodríguez Carballo, OFM

15

Conferenza di Lingua Inglese a Malta

16

Il Guardiano della Curia generale celebra 25 anni di sacerdozio

16

Servizio “Fedelta´e Perseveranza”

16

Conferenza Nord Slavica – Formazione di Formatori

16

Il Definitorio generale ringrazia Fr. José

17

Fr. Michael Perry ofm è il nuovo Ministro generale

18

Fr. Michael prima S. Messa come Ministro generale

18

Messa di ringraziamento presso la Curia generale

18

Polonia – Formazione di Formatori

19

Incontro OFM al “Cono Sur”

19

Visita alla Casa di formazione a Buenos Aires

19

DALLA PROVINCIA Missione Popolare Uniti nel Signore,apriamo la“Porta della Fede”

20

Liveri

21

Orta di Atella

22

Roccamonfina

23

Capitolo Elettivo Regionale Gifra

24

"crediAMO" Festa della Gioventù Francescana di Campania e Basilicata 2013

24

S. Chiara - Processione di S. Gennaro

25

Ordinazione episcopale di Mons. Pietro Lagnese

25

Comunità di S. Chiara - Pellegrinaggio in Terra Santa: Sui passi del Credo

26

Afragola Un oratorio dedicato alle vittime della camorra

27

Fondi: 11° anniversario della salita al cielo di Padre Alessio Falanga - 8 Aprile 2013

27

Portici - Festa S. Pasquale 2013

28

Morefra - Giornata di Formazione

29

Speciale XXI Capitolo Provinciale

30

Agenda del Ministro Provinciale del mese di Aprile 2013

38

Agenda del Ministro Provinciale del mese di Maggio 2013

39

Agenda Provinciale dei Frati Minori di Napoli - Calendario di Maggio 2013

40

Agenda Provinciale dei Frati Minori di Napoli - Calendario di Giugno 2013

41


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 4

Vita dell’Ordine

FRATERNITAS Ita. Vol. XLVI. Nr. 196 - OFM Roma - Email: fraternitas@ofm.org - 01. 04. 2013

Grandi/piccole notizie

ROMA - La Fraternità Francescana Internazionale “Beato Fr. Gabriele M. Allegra OFM”, ha celebrato diverse attività spirituali, formative e fraterne: 13 febbraio, Santa Messa del mercoledì delle ceneri, presieduta da Ministro Generale OFM, Fr. José Rodríguez Carballo; 16 febbraio, giornata di ritiro nella Quaresima, animata da Fr. Massimo Tedoldi ofm, Segretario Generale per la Missione e l'Evangelizzazione; 6 marzo, incontro “formare per la missione”, presentato da Fr. Vidal Rodríguez López ofm, Segretario Generale per la Formazione e gli Studi e Fr. Massimo Tedoldi ofm, Segretario Generale per le Missioni e l'Evangelizzazione; 20 marzo, incontro fraterno del Ministro Generale con i frati studenti nella prossimità della Pasqua. GERUSALEMME - Convento S. Salvatore, 28 febbraio 2013, inaugurazione della nuova sede della Biblioteca Generale e dell’Archivio della Custodia di Terra Santa, Convento di S. Salvatore. MURCIA (Spagna), dal 3 al 8 marzo 2013, XXVI Giornate di Teologia “A 50 anni del Concilio Vaticano

II”, nell’Istituto Teologico di Murcia OFM, affiliato alla Facoltà di Teologia della Pontificia Università Antonianum.

fenomenologia della religione ed esperienza mistica islamica, pubblicato da Editrice Apes. L’incontro è organizzato dalla Facoltà di Filosofia della Pontificia Università Antonianum in collaborazione con l’Istituto di Studi Politici “S. Pio V” e il Centro Italiano di Ricerche Fenomenologiche.

ROMA - 12 marzo 2013, Giornata di studio “Dalla Terra Santa alla Terra di Cina. Bilancio e prospettive di ricerca”, organizzato dalla COMMISSIO SINICA, Scuola Superiore di Studi Medievali e Francescani della Pontificia Università Antonia- VENEZIA - 22 marzo 2013, connum. vegno: La Chiesa del Vaticano II: rilettura dalla Lumen gentium, ROMA - 14 marzo, Presentazione da Ecclesiarum orientalium e da del libro di Fabrizio Casazza, “il Unitatis redintegratio, organizzadito sul sole. Religioni e costituzio- to dall’Istituto di Studi Ecumenine in Messico”, Prefazione di Giu- ci “S. Bernardino”, incorporato seppe Card. Versaldi, Libreria Edi- alla Facoltà di Teologia della trice Vaticana, Città del Vaticano, Pontificia Università Antonia2012, nella Facoltà di Filosofia della num. Pontificia Università Antonianum. ROMA - Il Libro di Famiglia delROMA - Nella Pontificia Università la Curia Generalizia é stato pubAntonianum, presentazione il 20 blicato per il secondo anno sucesmarzo 2013 del volume di Angela sivo. Per saperne di più si può Ales Bello e Shahid Mabeen Linea- scaricare dal nostro sito. (Curia menti di antropologia filosofica: Sezioni - Curia generale)

Agenda del Ministro generale 02 Aprile: Relazione del MG alla Settimana di Vita Religiosa (Madrid – Spagna). 09-20 Aprile: Visita alla Provincia Regina della Cina e alla Custodia dipendente di Hon-Kong (Tapei - Taiwan). 23-25 Aprile: Partecipazione al II Congresso Latinoamericano delle Missioni (Canindé – Brasile). 28 Aprile: Partecipazione al 50° anniversario della coronazione di San Giuseppe (Malta). 29-30 Aprile: Partecipazione al Capitolo dell’unione delle Provincie di Francia (Lione – Francia).


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 5

Segnalibro francescano

Libri Francescani Klara-Quellen. Die Schriften der Heiligen Klara, Zeugnisse zu Ihrem Leben und ihrer Wirkungsgeschichte(Fonti clariani. Gli scritti di Chiara d’Assisi, testimonianze più importanti sulla sua vita e sulla storia come sono state recepiti), ed. Johannes Schneider OFM e Paul Zahner OFM, (Verlag und Butzon Bercker) Kevelaer 2013 (ISBN-10: 3766616226). Tutte le principali fonti di Chiara d’Assisi e la storia di come sono state ricevute, sono state raccolte per la prima volta in un unico volume in tedesco. Con l’eccezione degli scritti di Chiara e le testimonianze più importanti della sua vita, il libro contiene un gran numero di diverse fonti di cronache, testi liturgici, o di tipo politico-religioso e spirituale. La selezione copre il periodo che va dal 13° al 15° secolo e considera principalmente - oltre alla letteratura latina - le tradizioni vernacolari (dialetto) sia nella lingua romana che tedesca. In questo modo, gli ultimi risultati sulla ricerca di Chiara e il movimento delle donne religiose nel Medioevo sono state ancora una volta riprese. E’, quindi, uno strumento

essenziale e indispensabile per lo studio di Chiara d’Assisi. eBooks Francescani Cronaca dei Ventiquattro Generali dell’Ordine dei Frati Minori. Noel Muscat, OFM. Disponibile gratuitamente su iPhone, iPad o iPod touch. La Cronaca dei 24 Ministri Generali presenta la storia dell’Ordine dei Frati Minori, dalla sua fondazione; da San Francesco d’Assisi (1182-1226) al Generale Leonardo di Giffoni e l’inizio dello scisma d’Occidente (1378). Questa traduzione è il frutto di tre anni di lavoro, e si basa su l’edizione critica Latina. La Cronaca è stata pubblicata in latino dagli studiosi francescani e Quaracchi Editori nel 1897, nel volume 3 di Analecta Franciscana, e copre 575 pagine di testo, oltre 134 pagine di appendici. A causa della sua natura voluminosa, la Cronaca intera è stata tradotta in 5 sezioni che coprono, rispettivamente, i seguenti periodi storici: (1) San Francesco e la prima fraternità francescana; (2) I generali da frate Elia come vicario (1227) a San Bonaventura ( 1274); (3) I generali da Girolamo di Ascoli (1274) a Michele da Cesena (1328); (4) I generali da Gerard Eudes (1329) a Leonardo di Giffoni (1378); (5) Appendici alla Cronaca. La traduzione è arricchita da note e spiegazioni sui vari eventi storici narrati e sui personaggi della cronaca. L’Icona di Santa Chiara. Sergiusz Marek, Baldyga, OFM Il libro è un invito a conoscere la figura straordinaria di Santa Chiara d’Assisi. In otto scene viene narrata la storia della vocazione della giovane. E in quattro di esse viene mostrato il carisma del

volto femminile del francescanesimo. La “Pianticella” di San Francesco è una donna nuova - madre, abbadessa, legislatrice. La lettura dell’icona permette d’avvicinarsi alla persona di Santa Chiara, e di attingere al suo eccezionale dono della contemplazione. Chiara ci insegna come scoprire nello spirito del Signore la volontà di Dio. L’esempio della Povera Sorella Chiara é ancora affascinante, e capace di suscitare ammirazione e insegnare con umiltà e semplicità ad amare Gesù – lo Sposo, nonché ogni uomo. Disponibile in due lingue, gratis su iPad. Guardando Avanti Una parola di ringraziamento: Vorremmo ringraziare Fr. Robert Bahčič, OFM per il servizio che ha prestato come editore di Fraternitas. Lo ringraziamo per la dedizione avuta in ogni numero uscito di Fraternitas e gli promettiamo la nostra preghiera per l’inizio del suo nuovo servizio nella sua provincia.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 6

FRATERNITAS Ita. Vol. XLVI. Nr. 199 - OFM Roma - Email: fraternitas@ofm.org - 01. 05. 2013

Il 6 aprile 2013 il Santo Padre Francesco ha nominato Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica il Rev.mo Padre José Rodríguez Carballo, Ministro generale dell’Ordine dei Frati Minori (OFM), elevandolo in pari tempo alla sede titolare di Belcastro, con dignità di Arcivescovo. Il P. José Rodríguez Carballo, ofm, è nato a Lodoselo, Diocesi di Orense (Spagna), l’11 agosto 1953, è entrato nel Seminario minore della Provincia Francescana di San Giacomo di Compostela, a Castroverde de Campos (Zamora) nel 1964; l’anno successivo è passato al Seminario di Herbón (La Coruña); ha poi fatto il noviziato presso il Convento di Ponteareas, concluso con la professione dei voti temporanei il 9 agosto 1971. Ha proseguito con gli studi di filosofia e teologia presso il Centro di Studi Teologici di San Giacomo di Compostela. Dal 1976 ha frequentato lo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme, conseguendo la laurea in Teologia Biblica nel 1978; iscrittosi poi al Pontificio Istituto Biblico di Roma, nel 1981 ha ottenuto la laurea in Sacra Scrittura. Nel Capitolo Provinciale del 1983 è

stato eletto Definitore ed è stato poi nominato Segretario Provinciale per la Formazione e gli Studi, Commissario di Terra Santa e Maestro dei Novizi. Eletto Ministro Provinciale di Santiago de Compostela nel 1992, dal 1993 al 1997 è stato anche Presidente dell’Unione dei Ministri Provinciali Francescani d’Europa. Nel Capitolo Generale dell’Ordine del 1997 é stato eletto Definitore Generale, e in seguito é stato nominato Segretario generale per la Formazione e gli Studi. Il 5 giugno 2003, nel Capitolo Generale, è stato eletto Ministro Generale dell’Ordine dei Frati Minori, il 119° successore di san Francesco di Assisi e poi nel Capitolo Generale del 2009 è stato rieletto. Il 23 novembre 2012 è stato eletto anche Presidente dell’Unione dei Superiori Generali. Membro delle Congregazioni per l’Evangelizzazione dei Popoli e per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, ha partecipato ai Sinodi dei Vescovi del 2005, del 2008 e del 2012, e a quello per il Medio Oriente nel 2010; ha partecipato anche alla V Conferenza Generale dell’Episcopato LatinoAmericano di Aparecida nel 2007.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 7

Altre Notizie

Programma di formazione ecumenica in direzione spirituale 2013 - 2014 Il programma si articolerà in tre week-end e nove sabati durante l'anno. La prima parte del programma si concentra sullo sviluppo spirituale personale e costruzione di competenze che sarà sviluppata e approfondita nel programma. La seconda parte comprende e guarda alla spiritualità nell'ambito della Chiesa e la comunità. La terza e ultima parte del programma si concentrerà sull'ulteriore sviluppo delle competenze per la direzione spirituale. Per maggiori info: www.franciscans.ac.uk Ritiro Francescano Accompagnato Mercoledì 28 - Giovedi 5 settembre 2013. Il Programma si concentra su una esperienza spirituale positiva in un ambiente bello e tranquillo. Liturgie nella tradizione francescana aiuteranno ad approfondire la vostra preghiera. Esperti Direttori Spirituali vi accompagneranno nel vostro cammino. Il Ritiro francescano avrà inizio con la cena il Mercoledì sera, 28 agosto e terminerà con la Messa nella mattinata di Giovedi, 5 settembre 2013. Per maggiori info: www.franciscans.ac.uk Sessione di Formazione Missionaria Inter-Francescana Dal 1 al 4 aprile 2013 Fr. Michael A. Perry, Vicario Generale dell’Ordine dei Frati Minori, ha animato la Sessione di Formazione Missionaria Inter-francescana,

presso la fraternità internazionale “Notre-Dame des Nations” di Bruxelles. Il tema “giustizia, pace e integrità del creato a servizio della missione” è stato approfondito dal punto di vista teologico e sociologico, evidenziando come i due aspetti siano inscindibili così come dimostrano la Scrittura e la dottrina sociale della Chiesa. Non c’è, infatti, separazione tra preghiera, giustizia e vita quotidiana. “Fare la giustizia, ha detto Fr. Mike, è ciò che Dio si attende dalla nostra vita come espressione autentica della nostra fede vissuta. Per fare questo è necessario recuperare la dimensione di fede, di Dio, che umanizza la società”.

Papa Francesco, ci ha ricordato il Vicario Generale, sfida tutti alla costruzione di “una Chiesa povera per i poveri”, altrimenti si corre il rischio di dimenticare che il Dio nel quale crediamo è Colui che ascolta il grido di sofferenza del suo popolo. La giustizia sociale è allora una dimensione costitutiva della fede e a noi Frati Minori è chiesto di vivere, là dove siamo, la relazione tra vangelo, chiesa e cultura per essere uomini del dialogo e ambasciatori della riconciliazione. Conferenza di Lingua Inglese a Malta Dal 8 al 12 aprile 2013, la Conferenza di lingua inglese (ESC), dell'Ordine dei Frati Minori ha avuto la sua riunione di primavera presso la Casa di Esercizi Porziuncola in Bahar ic-Caghaq, Malta. La ESC è formata dalle Provin-

cie nordamericane OFM , la Provincia irlandese OFM, la Provincia del Regno Unito OFM, la Provincia Lituana OFM e la Provincia di Malta OFM. Il Ministro della Provincia australiana OFM è stato

anche invitato a partecipare alla riunione ed è stato presente. Durante questa settimana i Provinciali e il segretario esecutivo hanno avuto l'opportunità di visitare l'isola in un tour di un giorno. Il prossimo incontro ESC è previsto per l'autunno 2013 e si terrà in San Diego, Stati Uniti, e sarà ospitato dalla Provincia di Santa Barbara OFM.

Nuovi Provinciali Fr. Michel Laloux, ofm Prov. Du Bienheureux Jean Duns Scot - France-Belgique Fr. Maggiorino Stoppa, ofm Prov. S. Bonaventura in Piemonte - Italia Fr. Juan C. Moya Ovejero, ofm Prov. S. José , Esposo de la B.V.M - Valencia-Spagna Fr. Joaquín Zurera Ribó, ofm Prov. Ntra. Sra. de Regla – Granada - Spagna Fr. Manuel Corullón F., ofm Cust. Santi Martiri Marruecos Fr. Felix Junco Jr., ofm Cust. St. Anthony of Padua Philippines Fr. José M. Sainz Jiménez, ofm Prov. San Gregorio Magno Castilla-Spagna


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 8

Segnalibro francescano

Libri Francescani AFFERRANDO IL FUOCO, DIVENTANDO FIAMMA: UNA GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE SPIRITUALE ALBERT HAASE, OFM Vi siete mai chiesti perché e come alcune persone diventano fuoco e entusiaste riguardo il loro rapporto con Dio? In trentatré brevi capitoli, Albert Haase offre degli strumenti per preparare la scintilla di Dio nella vostra vita - e poi mostra come fare questo finché non si accende questo incendio. Questo libro si illumina con la saggezza e l’esperienza di un collaudato esperto direttore spirituale nel tempo e condivide i segreti dei santi. Senti freddo? O forse sei solo fumigante? Con i suggerimenti supplementari di lettura e le domande e la riflessione, questo libro sarà come un personale, ritiro spirituale. (www.AlbertOFM.org) ASSISI FÜR PILGER. Ein spiritueller Reisebegleiter (Assisi per pellegrini. Un compagno spirituale), Verlag Echter, Würzburg 2013.Helmut Schlegel Coloro che visitano Assisi come luogo turistico, trovano un paesaggio bellissimo e magnifici tesori.

Chi vi arriva come pellegrino, viene invitato ad un’avventura spirituale sulle tracce di Chiara e Francesco. Helmut Schlegel riprende questo invito, conducendo il pellegrino sulle orme dei due grandi santi d’Assisi. Si rivolge alla storia e al significato spirituale di questi luoghi, dà impulso ad una vita secondo lo spirito di Francesco e Chiara, offre testi per le celebrazioni liturgiche e per la preghiera personale e comunitaria. Una guida spirituale “sul posto” e un ulteriore incoraggiamento a rischiare, nella vita di tutti i giorni, per vivere il Vangelo secondo la testimonianza dei due santi. UN SANTO DI CARTA. Le fonti biografiche di san Francesco d’Assisi. Accrocca Felice Il volume propone una lettura delle principali fonti biografiche di san Francesco d`Assisi nel Due-Trecento e costituisce la sintesi più matura del percorso di ricerca dell`autore, che negli ultimi dieci anni ha dedicato all`argomento molteplici studi. L’asserto principale da cui muove l’approccio di Accrocca è la necessità di superare l’ottica sabatieriana. Paul Sabatier, infatti, operò una rigida contrapposizione tra le fonti cosiddette “ufficiali” e le fonti di origine leonina. Accrocca si sforza invece di mostrare che le fonti che vennero progressivamente alla luce nel Corso del Duecento stabilirono tra loro relazioni non antitetiche, ma di complementarietà. Egli ritiene perciò necessario passare dalla contrapposizione

all’integrazione. IN DIO NON C’É VIOLENZA. LA FORZA CHE CI ABITA Frédéric Marie Le Méhauté, Katia Mickhaël et Alain Richard Questo libro desidera offrire alcune prospettive a ogni persona che ha il desiderio di approfondire questo cammino. Nessun grande discorso speculativo, ma un incoraggiamento a non lasciarsi invischiare nella complessità dei molti aspetti della violenza, un invito a contribuire nella costruzione di relazioni che aiutino a crescere nel quotidiano secondo l’esempio e sulle orme di Gesù Cristo. Non basta proclamare che crediamo in Dio se non inseriamo l’espropriazione nel nostro modo di vita e di agire quotidiano. eBooks Francescani In Difesa dell’indulgenza della Porziuncola Noel Muscat, ofm Presentiamo una traduzione in inglese delle fonti originali latine medievali per l'Indulgenza della Porziuncola, che San Francesco d'Assisi (1182-1226) richiese a Papa Onorio III nel 1216 per la cappella di Santa Maria degli Angeli, conosciuta come la Porziuncola, vicino ad Assisi. La fonte più importante tra questi documenti è il "Tractatus de Indulgentia Portiunculae" di Fr. Francesco Bartholi di Asisisi, composta nel 1334-1335 in difesa della Indulgenza contro i suoi detrattori. Da qui il titolo "In difesa dell’Indulgenza della Porziuncola".


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 9

Grandi/piccole notizie

GERUSALEMME - 2-5 aprile 2013, Convento di S. Salvatore, 38º corso di aggiornamento biblico teologico: La “Porta della fede”… è sempre aperta per noi, riflessioni sulla fede alla luce della lettera apostolica Porta Fidei di Benedetto XVI. Organizzato dallo Studium Biblicum Franciscanum, Facoltà di Scienze Bibliche ed Archeologia della Pontificia Università Antonianum. ROMA - il 15 aprile 2013, giornata di studio sul tema Democrazia, legge “ingiusta”, obiezione di coscienza. Organizzata dalla Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università Antonianum in collaborazione con la Cattedra di Diritto Canonico e la Cattedra di Diritto Ecclesiastico della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre e con il patrocinio della Consociatio Internationalis Studio Iuris Canonici Promovendo. ROMA - 24 aprile 2013, presso l’Auditorium Antonianum, si terrà la giornata di studio Arte, spiritualità e trasmissione della fede, organ i z z a t a dall’Istituto Francescano di Spiritualità della Pontificia Università Antonianum.

GRECCIO - (Italia) dal 3 al 4 maggio 2013 si terrà a Greccio, presso l’Oasi Gesù Bambino, l’undicesima edizione del Convegno di Greccio, dedicata al tema: “I francescani e la crociata”. L’iniziativa è organizzata dal Centro Culturale Aracoeli, in collaborazione con le province di S. Bernardino da Siena e dei SS. Apostoli Pietro e Paolo dell’Ordine dei Frati Minori, la Scuola Superiore di Studi Medievali e Francescani e l’Istituto Francescano di Spiritualità della Pontificia Università Antonianum e il contributo del convento S. Francesco di Greccio. ASSISI - Presso le due sedi del Museo della Porziuncola e della Galleria d’Arte Contemporanea della Pro Civitate Christiana, di una significativa mostra dedicata al rapporto tra la Scrittura Sacra e l’Arte. La Mostra sarà intitolata “Dalla Parola, l’Immagine. L’Arte che legge la Bibbia” e si svolge dal 20 aprile al 18 agosto 2013. In mostra opere grafiche di Rembrandt, di Dürer, di Chagall, di Dalì, di Rouault, e di straordinari artisti contemporanei come Mimmo Paladino e Sandro Chia, oltre che ad una mostra sulla evoluzione e il significato del testo sacro.

Nuovo Assistente Generale OFS

Fr. José Antônio Cruz Duarte, OFM, Assistente generale dell’OFS. Nato a Pederneiras, São Paulo (Brasile), il 14 maggio 1956, è entrato nell’Ordine dei Frati Minori il 20 gennaio 1975; ha fatto la professione solenne il 2 agosto 1979 ed è stato ordinato sacerdote il 12 dicembre 1981. Ha concluso gli studi in Pedagogia presso la Pontificia Università Cattolica di Rio de Janeiro nel 1988. Nel 1998 ho conseguito il diploma di post laurea in Scienze Religiose presso l’Università Cattolica di São Paulo. Dal 1977 al 2012 si è dedicato alla pastorale giovanile; formazione dei giovani; all’insegnamento superiore nell’Università di São Francisco, Bragança Paulista, São Paolo, e in diversi corsi di Etica e Bioetica. Ha accompagnato l’Istituto Secolare Piccola Famiglia Francescana come Assistente spirituale del Cono Sur dell’America Latina. É stato Assistente locale di diverse Fraternità dell’OFS. Dal 1988 fino al 2012 ho svolto il ministero di Direttore spirituale di diverse Congregazioni francescane.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 10

Ordinazione Episcopale di Mons. Fr. José

S. E. R. Mons. Fr. José Rodríguez Carballo, OFM, Arcivescovo titolare di Belcastro e Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, è stato ordinato vescovo nella Santa Apostolica

Cattedrale Metropolitana di Santiago de Compostela, Sabato 18 maggio 2013, solennità di Pentecoste. Il Vescovo Consacrante fu Em.mo e Rer.mo Cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato di Sua Santità Francisco. I Vescovi Co consacranti Em.mo e Rev.mo Cardinale Carlos Amigo Vallejo, OFM e Ex.mo e Re.mo Mons. Julián Barrio Barrio, Arcivescovo di Santiago de Compostela. Oltre a numerosi, Cardinali e Arcivescovi e Vescovi, molti sacerdoti hanno concelebrato e religiosi, con un gran numero di Frati Minori arrivati da molte parti del mondo. Hanno Accompagnato a Monsignor Carballo anche religiose, amici e familiari

Venerabile Serva di Dio Maria Cristina di Savoia Nel pomeriggio di ieri, giovedì 2 maggio 2013, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza privata Sua Eminenza Reverendissima il Signor Card. Angelo Amato, S.D.B., Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Nel corso dell’Udienza il Sommo Pontefice ha autorizzato la Congregazione a promulgare alcuni Decreti tra cui quello riguardante: il miracolo, attribuito all’intercessione della Venerabile Serva di Dio Maria Cristina di Savoia, Regina del Regno delle Due Sicilie, nata a Cagliari il 14 novembre 1812 e morta a Napoli il 31 gennaio 1836. La tomba della Venerabile Regina di Napoli è custodita dai frati minori nella Basilica di Santa Chiara in Napoli. Per questo motivo la Causa fu affidata ai Rev.mi Postulatori Generali dell’Ordine, p. F. Scipioni, P. A. Cairoli, P. J. Folguera T., P. Luca M. De Rosa.

Corso di GPIC presso l`Antonianum La 7 ° edizione del corso OFM di GPIC si è svolta dal 09 al 19 Aprile presso l’Antonianum. E ‘stato promosso dall’Ufficio di GPIC di Roma e la Cattedra di GPIC presso l’Università. Il tema di quest’anno è stato “credenti e la questione dello sviluppo sostenibile”. Come in tutti i corsi precedenti, si è basato su uno dei mandati del Capitolo generale Del 2009; quest’anno ha fatto riferimento alla giustizia ambientale. Le Sessioni del mattino, come al solito, sono state dedicate alla formazione dei nostri animatori GPIC. Presentazioni trattati sulla sostenibilità, la spiritualità francescana, dottrina sociale della Chiesa, la preoccupazione delle Nazioni Unite con le questioni ambientali, l’impatto

del nostro stile di vita sull’ambiente e sulla giustizia ambientale. Le discussioni sulla base delle presentazioni hanno incoraggiato i partecipanti a riflettere sui modi concreti per affrontare i problemi che dobbiamo affrontare nel nostro mondo di oggi. Tra i partecipanti, 20 Animatori provenienti da Messico, Italia, Repubblica Ceca, America Centrale, Colombia, Polonia, Stati

Uniti, Africa orientale, l’Ucraina, Terra Santa, Vietnam, Slovacchia, Egitto e Brasile. Hanno partecipato anche i frati che non sono animatori, suore e laici, particolarmente importante è stata la presenza di un Francescano Secolare e un membro della Gioventù Francescana, entrambi dal Brasile. La loro presenza aiuta a diffondere il messaggio di GPIC nell` OFS e nella GiFra. I partecipanti hanno sottolineato che il corso è stato importante per la loro comprensione e impegno per GPIC. Hanno, inoltre, preso l`impegno di parlare con gli altri frati e i provinciali per promuovere una maggiore partecipazione al corso, compresi i membri dei Francescani Secolari e altri laici che lavorano con i frati.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 11

Congresso in Brasile SGME

Da dodici Paesi dell’America Latina e del Caribe, 113 frati, 7 religiose e 24 laici si sono ritrovati dal 21 al 27 aprile 2013 per il II Congresso latino-americano sull’Evangelizzazione. Punto di incontro Canindé, città del Nord Est del Brasile, un vero chiostro francescano, dove tutto parla del Poverello, meta di numerosissimi pellegrini devoti di san Francesco das Chagas. Insieme al loro esempio, la fraterna accoglienza della Provincia di S. Antonio del Brasile e della Fraternità locale, è stata la prima evangelizzazione che i partecipanti al Congresso hanno ricevuto. L’incontro di tanti fratelli e sorelle provenienti da paesi e culture differenti, ciascuno col proprio bagaglio di entusiasmo, di sfide e di impegno, ha fatto sperimentare

la bellezza della fraternità, la scoperta del dono che è ogni fratello e sorella. Nei giorni del Congresso i momenti liturgici hanno ritmato il lavoro di riflessione: preghiere animate da tanti canti, eseguiti dai numerosi cori, con tanta fantasia creativa, soprattutto l´Eucaristia quotidiana, vissuta come sorgente di ogni evangelizzazione. L’Assemblea ha voluto indirizzare il suo saluto riconoscente al Ministro generale uscente, fr. Jose` R. Carballo, augurandogli ogni bene per il suo nuovo servizio a beneficio dei consacrati di tutto il mondo e in stretta collaborazione col nuovo Papa Francesco. Dalla Curia generale erano presenti fr. Michael Perry, Vicario generale, fr. Nestor Schwerz e fr. Julio Bunader, Definitori generali di zona, fr. Arturo Rios Lara e fr. Massimo Tedoldi, della Segreteria generale per le Missioni e l’Evangelizzazione, fr. Fabio Ferreira, dell’Ufficio Giustizia e pace, fr. José Antonio Cruz dell’OFS. Inoltre erano presenti fr. Ruben Tierrablanca e fr. Roberto Giraldo del Servizio per il Dialogo, e fr. An-

tonio Herrera della Pastorale educativa. Il tema del Congresso, la scelta dei Relatori e l’organizzazione in laboratori di ricerca, tutto era stato programmato per affermare la pratica dell’evangelizzazione, come essere oggi i nuovi evangelizzatori per vivere e animare la nuova evangelizzazione. L’Assemblea ha, infine, approvato un ricco messaggio finale, rivolto a tutti i frati che operano nell’America Latina e nei Caraibi; oltre a fare memoria storica del cammino dal primo Congresso di Cordoba ad oggi, i partecipanti al

Congresso hanno delineato il volto del nuovo francescano evangelizzatore e offerto molte indicazioni ai frati che lavorano nei differenti campi della missione evangelizzatrice (vedi il documento nel settore Curia SezioniMissioni e Evangelizzazione). I frati si sono dati appuntamento ad Assisi nel maggio 2014 per il primo Congresso internazionale, al quale sono invitati tutti gli incaricati provinciali dell´Evangelizzazione e delle Missioni delle Entità dell´Ordine.! Da San Francesco das Chagas a san Francesco ad Assisi!


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 12

Nomina del Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 13

Saluto del Ministro generale alle Sorelle Clarisse e Concezioniste Care Sorelle Clarisse, care Sorelle Concezioniste: il vostro fratello José vi augura salute e pace (cf. LErm 1). Come già molte di voi sanno, Sua Santità il Papa Francesco mi ha nominato Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica. Desidero, in questo momento importante della mia vita, condividere con voi alcuni stati d’animo, carissime Sorelle contemplative. Nel mio cuore si mescolano sentimenti di gioia, di tristezza, di timore. Gioia per la fiducia che il Signore, al di là delle mie molte debolezze, continua a riporre in me. Gioia perché il Santo Padre confida nell’Ordine e in me, ponendo nelle mie mani una grande responsabilità: l’animazione della Vita religiosa e consacrata nella Chiesa. Tristezza perché sono obbligato a vivere separato dai miei Frati, anche se solo temporaneamente. Timore perché non so che cosa comporterà per me questa nuova responsabilità e non so se sarò all’altezza della situazione. Nonostante la tristezza e il timore che provo, ho accettato la nomina perché «so in chi ho posto la mia fede» (2Tm 1,12), parole che ho scelto per il mio motto episcopale. Ho accettato anche perché, nel fare voto di obbedienza, ho promesso, come Francesco, «obbedienza e riverenza» al Signor Papa (cf. Rb 1,2). Per fede, accetto questa nomina come un “dono”, che mi ha fatto il Signore e la Chiesa, e in atteggiamento di “restituzione” proverò a viverlo secondo la logica del

dono senza riserve. Guardando indietro, posso solo confessare che il Signore è stato buono con me (cf. Sal 126,3), la sua misericordia e il suo amore mi sono stati donati senza limiti. Desidero, perciò, fare mie le parole del salmista quando proclama: «canterò in eterno l’amore del Signore» (Sal 89,2). Con Maria, la «vergine fatta Chiesa», proclamo la grandezza del Signore, perché ha guardato la mia pochezza (cf. Lc 1,48) e con la Sorella Chiara rendo grazie al Signore che mi ha pensato, amato, chiamato alla vita e alla vita francescana. La mia gratitudine va anche a voi, mie carissime Sorelle Clarisse e Concezioniste. Molto è stato quello che assieme abbiamo fatto in questi anni. Grande è stato l’aiuto reciproco. Enorme l’affetto fraterno che ci siamo scambiati. Da parte mia ho cercato di essere fedele alla promessa di san Francesco a santa Chiara (cf. RsC 6,3-4) e alla responsabilità storica che abbiamo acquisito con il carisma concezionista-francescano. Alle une e alle altre ho cercato di prestare “cura” e “sollecitudine” di fratello. Voi avete risposto con una grande generosità ed oggi mi sento debitore di tanto amore ed affetto che mi avete dato nel corso dei 10 anni di servizio come Ministro della Fraternità universale e successore del serafico padre san Francesco. Grazie Sorelle. La mia ordinazione episcopale è

prevista per il 18 maggio, vigilia di Pentecoste. Vi prego, per amore di Dio e «baciandovi i piedi», di unirvi a me nella preghiera. Carissime Sorelle nel Signore, non vi scriverò più le lettere come ho fatto ogni anno, non vi visiterò come facevo ogni volta che visitavo i Frati nelle diverse Entità. Ma sappiate che dovunque starò, qualunque cosa faccia, vi porterò nel cuore e potrete sempre contare sul mio aiuto fraterno. Credo fermamente nell’attualità del vostro carisma francescano, clariano e concezionista. Credo nell’importanza e nella necessità della vostra missione di contemplative nella Chiesa e nel mondo. Credo in voi, poiché conosco la santità che si nasconde dentro le mura dei vostri monasteri. Contate su di me come io conto su di voi. Ora che il Signore mi chiama ad assumere altre responsabilità per il bene della Chiesa e della Vita religiosa e consacrata, vengo a voi, come mendicante, per chiedervi con forza di continuare a pregare per me. Ho bisogno delle vostre preghiere, come ne avuto bisogno fino ad ora. Continuiamo ad essere uniti nell’affetto fraterno e nella preghiera. Dal momento che questa è l’ultima lettera che vi scrivo come Ministro e servo, con profonda emozione, vi benedico nel serafico Padre. FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO Ministro generale, OFM


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 14

Il Ministro generale saluta l’Ordine

Carissimi Fratelli, il Signore vi dia Pace! Quando leggerete questa Lettera, sarà stata già pubblicata la mia nomina, da parte di Sua Santità il Papa Francesco, a Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica. Desidero, pertanto, condividere con voi alcuni sentimenti. Il primo sentimento è di immensa gratitudine al Padre delle misericordie per la bontà che mi ha manifestato in tutti questi anni. Dalle sue viscere materne mi ha scelto e mi ha eletto. Mi ha donato dei genitori, Ángel e Celia, ai quali devo non solo la vita, ma anche l’educazione alla fede. Ciò mi ha permesso, fin dalla fanciullezza, di sentirmi chiamato alla vita francescana e sacerdotale, e di rispondere con grande generosi-

tà ed entusiasmo a detta chiamata. Essi, con l’esempio di lavoratori e la testimonianza dell’amore per il Signore, mi sostennero sempre in questo cammino e furono veri formatori nella sequela di Cristo. Ad essi si unirono mia sorella, mio cognato e i miei nipoti, ai quali devo molto nella mia vita umana, francescana e sacerdotale. Più tardi, da quando avevo 10 anni e mezzo, il Signore mi diede dei Fratelli francescani, che mi accolsero e mi formarono, anzitutto nella mia Provincia di origine, S. Giacomo di Compostela, e poi nella Custodia di Terra Santa. I Frati della mia Provincia mi mostrarono grande fiducia, affidandomi compiti di grande responsabilità, soprattutto nel campo della formazione e di governo, poi i Frati dell’Ordine fecero altrettanto, eleggendomi Definitore, Segretario generale per la Formazione e gli Studi e Ministro generale. In tutto questo tempo ho sempre sentito la mano del Signore proteggermi e la fiducia dei Fratelli che non è venuta mai meno. Continuerò, pertanto, a ringraziare il Signore per la sua bontà e misericordia nei miei confronti.

Un grazie particolare desidero esprimerlo ai Frati che mi hanno formato, molti dei quali sono già nella casa del Padre, e a quelli con i quali ho condiviso la responsabilità dell’animazione e del governo, prima nella mia Provincia e poi nell’Ordine. Grazie, caro fratello Giacomo Bini per la tua vicinanza ed la tua amicizia in questi anni. Da te ho appreso molto! Grazie a voi, fratelli Definitori del primo e del secondo sessennio del mio servizio come Ministro. Con voi non mi è stato difficile collaborare. Siete stati sempre comprensivi con i miei limiti ed ave-

te avuto sempre fiducia in me. Grazie ai miei Segretari particolari, particolarmente a Fr. Francisco Arellano, fedele fratello e collaboratore, e ai Frati della Curia generale, senza i quali sarebbero stati impossibili l’animazione e il governo della Fraternità universale. Grazie a voi, Frati dell’Ordine: con voi ho sofferto, con voi ho gioito; con voi ho sopportato le fatiche e le gioie della nostra vita. Quale sollievo è stato per me sapere di essere accompagnato da quasi 15.000 Frati dell’Ordine! Probabilmente ho dato molto in questi 10 anni di Ministro e 6 anni di Definito-


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 15

re e Segretario per la Formazione e Studi, ma certamente molto, moltissimo è stato quello che ho ricevuto da voi. Grazie mille! Siete stati per me un grande regalo, un grande dono! Ora che mi separo temporaneamente da voi, vi supplico, baciandovi i piedi, di continuare ad essermi di sostegno e di benedizione con la vostra preghiera e con il dono della vostra fraternità ed amicizia. Accanto al rendimento di grazie non posso non riconoscere i miei limiti. Se è vero, e lo è, che a chi molto è stato dato, molto verrà richiesto, in questo momento sento forte più che mai il peso delle mie debolezze, per le quali chiedo perdono. Anzitutto a Dio, che mi giudicherà e che mi conosce meglio di quanto mi conosca io stesso; poi a voi, miei amati fratelli, ai quali ho promesso di servire secondo la logica del dono senza riserve. Perdonatemi per tutte le volte che vi ho potuto offendere. Ponendomi davanti al Signore, vi posso assicurare che mai ho voluto offendervi e che non ho mai voluto cadere in

favoritismi. Se l’umiltà è la verità, vi posso assicurare, con grande umiltà, che sempre e in ogni momento ho cercato il bene dell’Ordine, senza pensare a me né a quello che gli uni o gli altri avrebbero potuto dire. Confesso anche che ho sempre inteso fare io stesso quello che vi chiedevo di fare. Se ciò non è avvenuto, mi affido alla misericordia di Dio e alla vostra comprensione fraterna. In questo momento sento nel cuore un doppio sentimento: di gioia e di tristezza. Di gioia, perché il Signore continua ad avere fiducia in me e perché il Santo Padre, il mio «Signor Papa» Francesco, mi ha affidato una grande responsabilità al servizio della vita religiosa e consacrata, segno anche della sua fiducia nella mia persona e nell’Ordine. Tristezza, perché mi mancate, cari fratelli. Infatti, mi mancherà la vostra compagnia nella preghiera, nella ricreazione, nel desinare, in ogni momento. Mi mancheranno i vostri saggi consigli e la vostra mano tesa in qualsiasi necessità. Sì, mi mancherete…

Sessione di Formazione Missionaria Inter-francescana Dal 1 al 4 aprile 2013 fr. Michael A. Perry, Vicario Generale dell’Ordine dei Frati Minori, ha animato la Sessione di Formazione Missionaria Inter-francescana, presso la fraternità internazionale “Notre-Dame des Nations” di Bruxelles. Il tema “giustizia, pace e integrità del creato a servizio della missione” è stato approfondito dal punto di vista teologico e sociologico, evidenziando come i due aspetti siano inscindibili così come dimostrano la Scrittura e la dottrina sociale della Chiesa. Non c’è, infatti, separazione tra preghiera, giustizia e vita quotidiana. “Fare la giustizia, ha detto fra Mike, è quello che Dio si attende dalla nostra vita come espressione autentica della nostra fede vissuta. Per fare questo è necessario recuperare la dimensione di fede, di Dio, che umanizza la società“. Papa Francesco, ci ha ricordato il vicario generale, sfida tutti alla costruzione di “una Chiesa povera per i poveri”, altrimenti si corre il rischio di dimenticare che il Dio nel quale crediamo è Colui che ascolta il grido di sofferenza del suo popolo. La giustizia sociale è allora una dimensione costitutiva della fede e a noi Frati Minori è chiesto di vivere, là dove siamo, la relazione tra vangelo, chiesa e cultura per essere uomini del dialogo e ambasciatori della riconciliazione.

Ma mi consola il fatto che continuerò a lavorare per la vita che amo, perché è la mia: la vita religiosa e, pertanto, anche per la vita francescana. Sentitemi a vostro servizio. Ogni volta che lo crederete opportuno, non abbiate timore di ricorrere a me e, secondo le mie possibilità, mi troverete disponibile, se non altro per camminare con voi. La mia ordinazione episcopale è prevista per il 18 maggio, Vigilia di Pentecoste. Avverrà a Santiago de Compostela e mi ordinerà Sua Eminenza il Card. Tarcisio Bertone, Segretario di Stato di Sua Santità. Mio piacerebbe avervi tutti fisicamente presenti. So che non sarà possibile. Vi chiedo, allora, un ricordo nell’Eucaristia e nella vostra preghiera. Ne ho bisogno. Pregate per me, come io prego per voi. È la mia ultima Lettera firmata come vostro Ministro generale e servo. Con questa consapevolezza e con profonda emozione vi benedico nel Serafico Padre. FR. JOSÉ RODRÍGUEZ CARBALLO Ministro generale, OFM

Udienza del Santo Padre a Fr. José Rodríguez Carballo, OFM Il Santo Padre, Papa Francesco, ha ricevuto ieri, 8 aprile in udienza privata Fr. José Rodríguez Carballo, OFM, Segretario della Congregazione della Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica. L’udienza, che è durata un’ora, ha riferito il nuovo Arcivescovo, è stata molto cordiale e fraterna.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 16

Il Guardiano della Curia generale celebra 25 anni di sacerdozio

Conferenza di Lingua Inglese a Malta

Dal 8 al 12 aprile 2013, la Conferenza di lingua inglese (ESC), dell’Ordine dei Frati Minori ha avuto la sua riunione di primavera presso la Casa di Esercizi Porziuncola in Bahar ic-Caghaq, Malta. La ESC è formata dalle Provincie nordamericane OFM , la Provincia irlandese OFM, la Provincia del Regno Unito OFM, la Provincia Lituana OFM e la Provincia di Malta OFM. Il Ministro della Provincia australiana OFM è stato anche invitato a partecipare alla riunione ed è stato presente. Durante questa settimana i Provinciali e il segretario esecutivo hanno avuto l’opportunità di visitare l’isola in un tour di un giorno. Il prossimo incontro ESC è previsto per l’autunno 2013 e si terrà in San Diego, Stati Uniti, e ospitato dalla Provincia di Santa Barbara OFM.

Servizio “Fedelta´e Perseveranza” Il pomeriggio del 23 aprile 2013, si è tenuto presso la Pontificia Università Antonianum, il secondo preseminario organizzato dal servizio Fedeltà e Perseveranza, in linea con il mandato n. 48 del Capitolo generale di Assisi OFM 2009. Il tema: “Dinamiche degli abbandoni nella vita consacrata e criteri di accompagnamento della crisi”, è stato presentato da P. Lucio Pinkus, servo di Maria, psicologo e psicoterapeuta. Dopo la presentazione c’è stato un interessante dialogo sul modo di proporre, dall´area di psicologia, orientamenti di prevenzione e accompagnamento dei frati in difficoltà vocazionale. Il servizio di “fedeltà e perseveranza” è formato dalla Procura Generale e la Segreteria generale per la Formazione e gli Studi, e ha il sostegno dell’Istituto Francescano di Spiritualità della Pontificia Università Antonianum.

Domenica scorsa 14 aprile 2013, il guardiano della Curia generale, Fr. Donato Sardella, ha ringraziato Dio per i suoi 25 anni di sacerdozio, nella Parrocchia della Santissima Trinità di San Francesco di Paola, a Monopoli, città italiana di 50.000 abitanti della provincia di Bari, in Puglia. L’Eucaristia è stata concelebrata da sette sacerdoti e presieduta da Fr. Donato. La chiesa era piena di fedeli, la liturgia ben curata e solenne, la chiesa sobria ed elegante, l’assemblea attenta, e concentrata. Il magnifico coro, i fratelli della Fraternità il guardiano Fr. Giuseppe come Fr. Massimo, sono stati tutti molto accoglienti e cordiali … questo ambiente ha avvolto la celebrazione della Santa Messa. Le parole che Fr. Donato ha pronunciato nella sua omelia erano piene di emozione e gratitudine a Dio e a quelli che furono i suoi parrocchiani durante i molti anni in cui è stato parroco, e che si sono resi presenti da tutti i luoghi attorno. Tre volte Fr. Donato ha ricordato ai presenti: “Se volete, farmi dono, di qualcosa, vi chiedo di” pregare per me, ne ho bisogno, ‘perché porto in un vaso di creta questo santo ministero del sacerdozio di Cristo, “e ogni volta che lo ha ripetuto la gente lo ha applaudito per la sua umiltà. Come rappresentanti della Fraternità della Curia generali erano presenti: Fr. Fernando Mendoza, Fr. Luis Martín Rodríguez e Fr. Oscar Guadalupe Villalobos. A lode di Cristo. Amen.

Conferenza Nord Slavica – Formazione di Formatori Presso il Convento di Bronowice della Provincia di Santa Maria degli Angeli, in Cracovia, dall’8 al 13 aprile 2013, come ogni anno; si è tenuto il seminario e i workshop per i formatori della Conferenza Nordslavica. Hanno partecipato 17 formatori delle seguenti provincie: dalla Polonia: San Francesco (Poznań), Santa Maria degli Angeli (Kraków), Immacolata Concezione (Kraków) e dell’Assunzione della BVM (Katowice). Sono stati presenti anche i frati dalle Provincie di San Michele Arcangelo (Zhytomyr -Ucraina) e Santissmo

Salvatore (Bratislava – Slovacchia). L’incontro dei formatori è stato arricchito dalla presenza del Vice segretario Generale per la Formazione e gli Studi Fr. Sergiusz Bałdyga, il quale ha presentato il tema ed ha guidato gli esercitazioni sul discernimento vocazionale francescano. Tutto l’incontro è stato coordinato da Fr. Witosław Sztyk (Segretario per la Formazione e gli Studi della Conferenza Nordslavica). Attualmente nella Conferenza Nordslavica ci sono 246 formandi incluso i frati di rito bizantino.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 17

Il Definitorio generale ringrazia Fr. José Caro fratello José, mentre tutta la Chiesa, durate l’Ottava di Pasqua, innalzava il gioioso canto dell’Alleluia, la voce di Papa Francesco ti raggiungeva chiamandoti all’incarico di Arcivescovo Segretario della Congregazione CIVCSVA. La tua commossa comunicazione alla Fraternità avveniva così alla vigilia della Festa della Divina Misericordia. E proprio in questi segni che, noi tuoi fratelli, vogliamo scorgere la chiave per interpretare questo momento di esultanza e, ad un tempo, di comprensibile tristezza per la vita dell’Ordine. Siamo convinti, infatti, che sia il metro dell’Alleluia a dover misurare l’evento della tua nomina a stretto collaboratore del Papa e, di rimando, il distacco dalla tua amata Fraternità. In tutti questi anni del tuo servizio all’Ordine, invero, ti abbiamo ammirato come infaticabile formatore-missionario, sempre intento a promuovere la vita, a far transitare ogni realtà dal bene al meglio. Il tuo coraggio e l’audacia sono usciti dal tuo cuore, un cuore ricolmo della gioia pasquale, dell’alleluia del positivo. Tutti lo abbiamo sperimentato: dal sepolcro della vittoria hai giudicato le vicende della vita dell’ordine, sempre ravvisando in esse germogli di speranza, possibilità di risurrezione. E il tuo animo comprensivo è stato spesso icona della divina misericordia, nell’accogliere, confortare, perdonare, stimolare ciascuno verso cammini di riconciliazione e di pace. Noi

non riusciamo a calcolare gli innumerevoli chilometri che tu hai percorso come pellegrino e forestiero, per insegnarci che ogni cammino è da intraprendere con la totale fiducia nel Signore e con il cuore sempre a lui rivolto. In tantissime fraternità dell’Ordine sei andato a seminare la passione per la vita francescana, i rinnovati itinerari per ricuperare il midollo della nostra identità di Frati Minori. Per tutti noi sei stato il formatore saggio capace di indicarci la via della libertà vera, e lo hai fatto con dedizione. Tutti questi anni di servizio all’Ordine li hai vissuti senza alcun risparmio, spendendo ogni energia fisica e spirituale per il bene dei tuoi fratelli. Quante volte ti abbiamo avvicinato per consigliarti momenti di riposo, di meritate pause, ma i tuoi ritmi sono sempre stati al limite del sopportabile! Nei tuoi occhi leggevamo il versetto del Salmo: Lo zelo per la tua casa mi divora! Caro fratello José, per numerosi anni hai vissuto nel cuore dell’Ordine, compartecipando con i fratelli le loro gioie e i momenti di sconforto, le luci di speranze e l’addensarsi di nuvole scure. E da questo cuore dell’Ordine hai pulsato per noi tutti la linfa della speranza, la forza che proviene dalla Parola di Dio. Hai intonato sempre l’Alleluia della vittoria. Ti vogliamo assicurare che questa armonia resterà nella memoria dell’Ordine, continuerà a pulsare nel corpo della Fraternità. Nel tuo ministero di

Ministro generale ci hai sempre insegnato quell’o-bbedienza e riverenza al Signor Papa, che in questo momento tu vivi in modo particolarissimo. Sappi che la tua è anche la nostra obbedienza, anche noi diciamo con te il nostro Sì a Papa Francesco. Nella tua nomina viviamo l’onore e la responsabilità per questa elezione. Come motto episcopale hai scelto la seconda lettera di Timoteo, quel passo dove si afferma “So in chi ho posto la mia fede” (2 Tm 1,12). Noi ti accompagniamo in questo tuo totale affidamento al Signore delle misericordie, nella restituzione al Signore del dono che sei e di tutto il bene che farai come Segretario Arcivescovo della Congregazione. Spesso, quando ci parlavi della fraternità, hai richiamato l’immagine del nido degli uccelli. Oggi, mentre ti salutiamo commossi, te la rioffriamo: sì, la tua Fraternità è questo nido, dove potrai sempre tornare ogni volta che lo desideri, un nido dove noi ti aspettiamo. Per ascoltarti ancora e vivere insieme il canto dell’Alleluia! Carissimo fra José, il Signore ti benedica e ti custodisca; mostri a te il suo volto e abbia misericordia di te. Rivolga il suo volto verso di te e ti dia pace. A nome del Definitorio generale e di tutto l’Ordine, Fra Michael A. Perry, OFM Vicario generale 15 aprile 2013


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 18

Fr. Michael Perry ofm è il nuovo Ministro generale

Fr. Michael prima S. Messa come Ministro generale Il 23 maggio alle 7:00, Fr. Michael Perry ha celebrato la sua prima Santa Messa come Ministro Generale. Nella sua omelia commentando il libro del Siracide, ha detto che i Frati Minori non devono fare affidamento, se non nello Spirito di Dio. Ha continuato poi dicendo, che nel mondo di oggi i giovani hanno fame di una vita significativa, gli anziani sono assetati di qualcuno che dia loro nuovi spazi di vita. I poveri e gli emarginati sono desiderosi di essere riconosciuti nella loro dignità umana, e noi frati abbiamo di condivisione e di fraternità che siano testimonianza della Misericordia di Dio. Alla fine della sua omelia, ha sottolineato l’importanza di diventare una fraternità profetica, testimoniando la nostra fraternità come luogo della presenza sacramentale di Dio, imparando insieme come leggere i desideri e le sofferenze del nostro tempo e lasciandosi permeare dal Vangelo, che è Gesù Cristo stesso. Questo ci permetterà di diventare un mistero vivente dello Spirito di Dio dato a noi dal Padre mediante il Figlio. Alla fine della Messa il nuovo Ministro generale ha chiesto ai frati di benedire lui e il suo lavoro.

Fr. Michael Anthony Perry è stato eletto come Ministro Generale dell’Ordine dei Frati Minori ‘ad complendum sexennium’. Nato a Indianapolis (USA) nel 1954, Fr. Michael è stato Vicario Generale e Procuratore dell’ Ordine. È stato Ministro provinciale della Provincia del Sacro Cuore di Gesù (USA). Ha servito la sua Provincia per la formazione teologica dei giovani frati e per quella dei postnovizi, ha lavorato nella commissione internazionale di GPIC ed è stato missionario nella Repubblica Democratica del Congo per dieci anni. È stato inoltre al servizio del Catholic Releif Services e della Conferenza di Vescovi Cattolici degli Stati Uniti. Il suo curriculum accademico include un Ph.D. in Antropologia Teologica, M.A in Teologia, M.Div in Formazione Sacerdotale e B.A. in Storia e Filisofia. Fr. Michael Anthony Perry succede in questo servizio a Mons. Fr. José Rodrigue Carballo, OFM. Nato il: 07.06.1954 Nato a: Indianapolis Paese di nascita: U.S.A. Noviziato: 25.06.1977 Professione temp.: 11.08.1978 Professione sol.: 10.10.1981 Ordinazione: 02.06.1984 Provincia OFM: SS. Cordis Jesu Prov. Paese: U.S.A.

Messa di ringraziamento presso la Curia generale La sera del 24 Maggio2013, Mons. Fr. José Rodríguez Carballo, OFM, ha concelebrato una Messa di ringraziamento presso la Curia Generale. In questa Santa Messa hanno partecipato alcuni frati delle case dipendenti dal Ministro generale, gli amici e le persone che frequentano la chiesa di Santa Maria Mediatrice. Uno dei concelebranti era il nuovo Ministro generale, Fr. Michael Perry, OFM., che all’inizio della Messa ha indirizzato parole di benvenuto a Mons. Josè e lo ha ringraziato per il servizio svolto nell’Ordine e per quello che ora realizzerà a servizio di tutta la Chiesa. Durante la sua omelia, il Mons. Josè ha ringraziato Dio per il dono dell’Ordinazione Episcopale e la gioia di questo nuovo servizio, come Arcivescovo e come frate, che sarà sicuramente di grande aiuto nello svolgimento della sua missione nella Congregazione della Vita Consacrata. Egli ha anche ringraziato tutti i fratelli con i quali ha lavorato durante la sua permanenza nella Curia generale, e ha detto che la Curia Generale continuerà a essere la sua casa. Alla fine della Messa, il Padre Guardiano a nome dei fratelli della Curia Generale gli ha dato una talare episcopale.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 19

Polonia – Formazione di Formatori

Incontro OFM al “Cono Sur”

Presso il Convento di Seminario Maggiore della Provincia dell’Immacolata Concezione, in Kalwaria Zebrzydowska, dal 28 al 29 maggio 2013, si è tenuto l’incontro di lavoro per i formatori. Hanno partecipato tutti i formatori assieme al loro Ministro provinciale Fr. Jarosław Kania. L’incontro dei formatori è stato arricchito dalla presenza del Vice segretario Generale per la Formazione e gli Studi Fr. Sergiusz Bałdyga, il quale ha presentato il tema sul discernimento vocazionale francescano e ha proposto il programma di valutazione dei frati in formazione. Tutto l’incontro è stato coordinato da Fr. Romuald Kośla – Segretario per la Formazione e gli Studi della Provincia dell’Immacolata Concezione in Polonia.

A Tuparenda, vicino ad Assunción, capitale del Paraguay, dal 23 al 28 maggio 2013 si è avuto l’incontro annuale della Conferenza francescana del “Cono Sur”. Vi hanno partecipato 30 Frati, tra Ministri, formatori, animatori dell’evangelizzazione e di giustizia e pace, provenienti dalle 5 Entità che sono in Cile, Argentina e Paraguay. È stata presentata e analizzata la realtà di ogni area ed Entità. Sono stati invitati anche due Professori, Margarita Duran e M. Luisa Pfeiffeer, che hanno presentato, la prima la missione francescana nell’incontro con il popolo Guarani, e la seconda le piste di dialogo tra la fede e la cultura contemporanea. Hanno partecipato all’incontro anche fr. Massimo Tedoldi ofm, segretario generale per la missione e l’evangelizzazione, che ha offerto una riflessione sui vincoli, le radici e le luci della nuova evangelizzazione nell’Ordine; e fr. Vidal Rodríguez López, segretario generale per la formazione e gli studi, che ha presentato una lettura su come formare per la missione dai documenti dell’Ordine, di fronte alle sfide formative. Si è avuta anche l’occasione per un incontro per aeree di animazione, indicando proposte di azione formativa e dinamismo missionario in vista di una maggiore collaborazione dentro la Conferenza che sta vivendo un processo interno di ristrutturazione.

Visita alla Casa di formazione a Buenos Aires

Il Segretario generale per la formazione e gli studi, fr. Vidal Rodriguez López, giovedì 30 maggio 2013 ha visitato il convento di S. Antonio di Padova a Buenos Aires (Argentina), casa di formazione per i professi temporanei delle Province argentine della “Asuncì-

on” e di “S. Miguel”, e della Custodia “Fray Luis de Bolaños” del Paraguay, Entità che sono in cammino verso l’unione. È stato celebrato un primo incontro con il gruppo dei formatori, in cui questi hanno esposto il progetto formativo della casa, e sono state condivise le proposte per avanzare nell’accompagnamento più personalizzato, l’articolazione degli studi nella formazione e come garantire la formazione specificamente francescana in questa tappa. In un secondo incontro si sono riuniti i

formatori e i formandi con fr. Vidal. Qui i giovani hanno esposto le inquietudini vocazionali, le necessità formative e le esperienze missionarie. Da parte sua, fr. Vidal li ha incoraggiati a vivere con docilità e maturità l’accompagnamento, per crescere nella configurazione con il Cristo, assimilando insieme le priorità francescane, in un progetto di vita dove gli studi e le esperienze di radicalità sono chiamate a integrarsi in maniera formativa. Nella formazione iniziale unita, le Province della “Asunción” e di “S. Miguel” di Argentina, e la Custodia “Fray de Bolaños” del Paraguay, hanno insieme: 13 postulanti, 5 novizi, 12 professi temporanei.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 20

Dalla Provincia Missione Popolare Uniti nel Signore,apriamo la“Porta della Fede” Questo il titolo della missione popolare svoltasi nella parrocchia dell’Immacolata a Capodichino dal 7 al 21 aprile 2013. Il parroco don Doriano Vincenzo De Luca ha chiesto la missione in occasione del Giubileo per i 150 anni dalla fondazione della parrocchia. “Questa missione sarà un’occasione preziosa di discernimento e crescita nella fede, di dialogo e di comunione ecclesiale con uno sguardo verso il futuro..”, queste le parole del parroco nel presentare la missione durante la celebrazione eucaristica presieduta da mons. Armando Dini, che ci ha dato il mandato con la consegna della croce di san Damiano. Due settimane ricche di eventi ed incontri. Oltre mons. Dini, altri vescovi hanno voluto partecipare alla missione. Mons. Antonio Di Donna nella giornata eucaristica, mons. Antonio De Luca nella giornata della Famiglia; mons. Ciro Miniero nella giornata dell’ammalato e il Cardinale Crescenzio Sepe per la giornata conclusiva. Il nostro Ministro Provinciale, Fra Agostino Esposito, ha presieduto la celebrazione di sabato 20, prima della quale ha benedetto la croce posta in piazza Di Vittorio come segno della missione. I giovani e i centri del Vangelo, questi i due obiettivi principali. Una ventina i missionari presenti, tra frati, suore e laici. La gente ci ha accolti con il calore tipico partenopeo. Con i bambini abbiamo vissuto tanti momenti di gioia. Molto bello e particolare è stato l’incontro con i militari dell’aeroporto di Napoli. Suggestive la fiaccolata mariana e l’adorazione eucaristica sino alla mezzanotte. Ancora una volta il Signore ci ha ricolmati della sua Grazia, facendoci sentire strumento nelle sue mani. Per me è stata un’esperienza molto particolare, vista la stima e l’affetto che mi ha sempre dimostrato la comunità di Capodichino. Infatti da tre anni collaboro con il parroco per la pastorale e il terz’ordine. Con la gioia di san Francesco, ringrazio tutti coloro che hanno partecipato alla missione. Anche se pochi, siamo riusciti ad incontrare tutte le 2400 famiglie presenti nel territorio. Insieme possiamo aprire la porta della fede. Fra Giovanni Paolo Bianco, ofm Delegato provinciale per le missioni popolari


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 21

Liveri 12 – 20 aprile In questi giorni si è svolta la novena in onore di S. Maria a Parete e molti fedeli hanno partecipato ai riti delle 5.30, 7.00 e 19.00. Nella Messa vespertina delle ore 19,00 si sono alternati nella predicazione i rev.mi Parroci don Antonio Federico e don Vittorio Garzone, responsabili diocesani delle Confraternite. Il tradizionale e suggestivo canto delle “Scapigliate” ha preceduto ed accompagnato le preghiere dei fedeli venuti ai piedi della Regina delle Vittorie. Per tutta la notte tra Venerdì 19 e Sabato 20 il Santuario è rimasto aperto per accogliere la fiumana di fedeli venuti da tutto l’agro nolano per praticare il rito penitenziale della “Scala Santa”; alle ore 24,00 è stata celebrata una S. Messa; alle 3,30 p. Pino Cianci, amministratore parrocchiale di Liveri, ha guidato il rito della “Scala Santa” per i fedeli di Liveri. Al termine delle celebrazioni del mattino l’Amministrazione comunale di Liveri ha offerto la colazione a tutti i fedeli presenti. Domenica 21 aprile Festa di Santa Maria a Parete. Dopo la santa Messa solenne delle ore 11.00, celebrata dal Ministro Provinciale P. Agostino Esposito, si è svolta la processione con la statua della Madonna, con la partecipazione di fedeli venuti anche dall’estero (Canada). Lunedi 22 aprile Il Vescovo p. Beniamino De Palma ha proclamato ufficialmente l’inizio dell’Anno Giubilare, concesso da Papa Francesco al nostro Santuario

per il 500° anniversario delle Apparizioni della Madonna alla pastorella Autilia Scala. Il p. Rettore ha concluso la celebrazione con la recita della Supplica a S. Maria a Parete nel piazzale “Autilia Scala”. Il maestro Giulio Tabacchino, coadiuvato dall’organista Michele Pantera, ha guidato il Coro del Santuario nell’animazione canora della novena e della festa. Durante la novena e nei giorni della festa l’O.F.S e la Gi.Fra hanno allestito la mostra e la pesca francescana di beneficenza. Mercoledì 24 aprile A dare maggiore lustro al nostro Santuario che celebra l’Anno Giubi-

lare, concesso da Papa Francesco per il cinquecentesimo anniversario delle Apparizioni della Vergine Maria a Liveri, è stato inaugurato il nuovo organo a canne. L’organo, a tre tastiere, è stato progettato e costruito dalla ditta tedesca “Euler” ed è stato modificato per renderlo corrispondente alle caratteristiche degli organi italiani dalla ditta di Alessandro Girotto di Postioma (TV), che lo ha anche montato nel Santuario. Il maestro Vincenzo De Gregorio ha tenuto il concerto inaugurale, illustrando le caratteristiche strumentali e sonore dell’organo con opportune esecuzioni scelte dal vasto repertorio di musica organistica. Il pubblico presente ha molto apprezzato ed applaudito le esecuzioni del maestro De Gregorio. Domenica 5 maggio

P. Luigi Di Bari ha celebrato il sessantesimo anniversario della sua ordinazione sacerdotale con la partecipazione del Ministro Provinciale P. Agostino Esposito, di diversi confratelli e di numerosi fedeli. Durante la solenne concelebrazione eucaristica vespertina p. Luigi ha espresso la sua gratitudine e il suo ringraziamento al buon Dio per il lungo e proficuo ministero sacerdotale. A conclusione, i rappresentanti dei vari gruppi presenti hanno ringraziato p. Luigi e gli hanno formulato i più calorosi auguri per un ulteriore proficuo ministero. La Schola Cantorum di Cimitile ha eseguito impeccabilmente i canti, e la cena al “Convivium” ha concluso lietamente la serata. Per l’incontro di tutte le Confraternite con Papa Francesco anche la nostra Confraternita di S. Maria a Parete si è recata a Roma, in pia z z a S. P ie t ro. E’ st a t a un’esperienza straordinaria, un momento di comunione profonda con tantissime persone, provenienti anche dall’estero, che condividono la chiamata e il carisma dei laici impegnati nella vita della Chiesa. Nella celebrazione della S. Messa Papa Francesco, nella qualità di Vicario di Cristo, ha trasmesso a tutti i presenti la certezza e la gioia della presenza costante di Gesù che cammina accanto a noi, soprattutto in questo anno della Fede e in questi tempi così carichi di problemi e di tensioni.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 22

Orta di Atella Comitato festeggiamenti e la Banda musicale, ha benedetto le bandiere raffiguranti alcuni miracoli avvenuti per intercessione S. Salvatore in alcune zone del paese con spari di fuochi pirotecnici. 18 maggio la S. Messa è stata presieduta da fra Vincenzo Palumbo e l'omelia tenuta da fra Vincenzo Cioffo ofm. Al termine della Celebrazione si è recitato la Supplica a S. Salvatore con la benedizione del pane, degli ammalati e dei bambini. Pellegrinaggio a Pompei Nel pomeriggio di domenica 14 marzo dal Santuario S. Salvatore da Horta in Orta di Atella è stato organizzato un pellegrinaggio al Santuario della B. Vergine Maria del S. Rosario di Pompei; i pellegrini erano una settantina accompagnati dal P. Guardiano. Arrivati al suddetto luogo i pellegrini hanno visitato il Santuario e il centro storico, I pellegrini si sono ritrovati alle ore 18.00 per l'Adorazione Eucaristica e il Santo Rosario e hanno partecipato alla S. Messa delle ore 19.00; e alcuni di loro hanno proclamato le letture della S. Messa; la S. Messa è stata presieduta dal P. Guardiano di Orta di Atella. Il Santuario era gremito di fedeli. Dopo la S. Messa si è vissuto un momento di gioia e di fraternità consumando una pizza nelle vicinanze del Santuario di Pompei. Subito dopo si è ritornati a casa, felici di aver trascorso un pomeriggio ricco di spiritualità e di fraternità. Pellegrinaggio a Collevalenza Sabato 20 aprile dal Santuario di S. Salvatore da Horta è stato organizzato un pellegrinaggio al Santuario dell'Amore Misericordioso in Collevalenza accompagnati dal P.

Guardiano. Santuario costruito dalla Serva di Dio Madre Speranza, la cui causa è in processo di canonizzazione. La spiritualità è incentrata sul far conoscere l’Amore misericordioso di Gesù invitando i fedeli ad accostarsi al sacramento della Penitenza. I pellegrini (circa una trentina) arrivati hanno visitato il Santuario, vivendo momenti di preghiera proposti e organizzati dal Santuario, e alle 12.00 hanno partecipato alla S. Messa: Nel pomeriggio i pellegrini sono ripartiti per il ritorno a casa. 12 maggio In pomeriggio arrivano in chiesa i fedeli in pellegrinaggio da Caturano. In serata, dopo la S. Messa, il P. Guardiano, con la presenza del

19 maggio Domenica di Pentecoste il P. Guardiano ha celebrato in mattinata la S. Messa, e 17 bambini si sono accostati per la prima volta alla Comunione. In pomeriggio il Santuario accoglie dei pellegrini provenienti da Recale e Portico di Caserta. A proseguire la S. Messa vespertina presieduta dal P. Rettore con l'omelia del diacono Michele Ortaglio, Ministro regionale OFS. 20 maggio Fra Vincenzo Palumbo presiede la S. Messa vespertina e l'omelia è affidata al diacono fra Maurizio Del Giudice ofm.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 23

21 maggio Giorno della festa, le S. Messe mattutine sono state presiedute da Don Roberto Comune della Parrocchia di S. Michele Arcangelo in Casapozzano. La S. Messa è stata animata dalla comunità parrocchiale suddetta. La S. Messa vespertina è stata presieduta da Don Francesco Picone, Vicario generale della Diocesi di Aversa; e per l'occasione hanno concelebrato la comunità dei Frati, Don Paolo Gaudino, Parroco della Parrocchia S. Massimo Vescovo in Orta di Atella, fra Antonio Sannino, Vicario provinciale. I frati hanno animato il servizio liturgico studenti. Al termine della S. Messa è seguita una processione per le vie del paese accompagnata dalla banda musicale "Città di Casandrino".

22 maggio Le bande musicali "Città di Conversano" e "Città di Recale" hanno girato per le vie del paese terminando in serata con una gara di Concerto sinfonico tra le suddette bande. 23 maggio Festa di Ringraziamento. Dopo la S. Messa vespertina la scuola di ballo "Tiziana Dance" ha animato la serata. 26 maggio Fra Vincenzo Palumbo, Rettore del Santuario ha celebrato la S. Messa vespertina. Al termine, nell'area liturgica del Santuario da Horta, abbiamo elevato a Dio per intercessione di San Salvatore tutte le preghiere scritte e non lette durante l'anno.

Roccamonfina 17 maggio Incontro a Caserta presso il palazzo della Provincia con il Presidente della Provincia On. Domenico Zinzi per la presentazione del progetto di riqualificazione dell'area di Roccamonfina, in cui è inserita anche la struttura Oasi Regina Mundi appartenente alla Provincia Minoritica dei Frati Minori di Napoli e Caserta. 28 maggio In occasione della tradizionale Calata di S. Antonio vengono al Santuario i Novizi del Sud Italia con il loro maestro fra Antonio Ridolfi. Quest'anno il panegirico è stato tenuto da fra Luigi Bettin, coordinatore nazionale dei santuari francescani d'Italia. Moltissimi sono stati i pellegrini che hanno raggiunto il Santuario della Madonna dei Lattani a piedi. Una tradizione secolare che continua ancora oggi. 31 maggio Chiusura del Mese di Maggio al Santuario tenuta dal Vescovo e benedizione solenne della Copia della Immagine della REGINA MUNDI dei Lattani che andrà nel Congo. Presenti oltre venti sacerdoti della Diocesi, il neo eletto Sindaco di Roccamonfina Sig.ra Maria Cristina TARI, Assessori e una foltissima partecipazione di fedeli e di popolo.

31 maggio Si è chiuso il mese mariano. La S. Messa è stata presieduta da fra Paolo Rosolowski ofm e al termine l'Associazione Euterpe 10 ha organizzato una rappresentazione sacra dal tema "la storia di Maria" in alcune zone del paese, mentre all’interno del Santuario è stata rappresentata l’Annunciazione di Maria. La rappresentazione teatrale è stata eseguita da alcuni bambini e a conclusione tutti i fedeli hanno vissuto la fiaccolata conclusasi all'interno del Chiostro del Convento.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 24

CAPITOLO REGIONALE GIFRA È Antonio Obid il nuovo presidente regionale della Gioventù Francescana di Campania e Basilicata, il movimento laicale giovanile che si fa espressione della spiritualità del Poverello di Assisi. Il ventiseienne napoletano, proprietario di una attività commerciale di Soccavo, è stato eletto dall'assemblea regionale capitolare, riunitasi il 10-12 maggio u.s. presso il centro "La Pace" di Benevento, insieme alla vicepresidente Concetta De Carluccio, ventisettenne studentessa di psicologia proveniente dalla fraternità di Baronissi (SA), e ai consiglieri: Francesco Marciano (Sant'Agnello -NA-), Rosa Buono (Airola -BN-), Raffaella Caputo (Scafati -SA-), Marianna Artiaco (Pozzuoli -NA-), Salvatore Tuccillo (Afragola -NA-), Maria Consiglia Alvino (Atripalda -AV-), Pierfrancesco Bruno (Nocera Inferiore "Sant'Antonio" -SA-), Martina Mastronardi (San Gennaro Vesuviano -NA-), Diego Vittoria (Napoli-Soccavo), Alfonso Dolgetta (Sarno -SA -), Grazia Scauro (Serino -AV-). Attorno a questo evento così importante si è trovata unita tutta la fraternità regionale: in tantissimi hanno seguito in tempo reale, collegandosi al sito e alla pagina Facebook, tutti i passi di un weekend che segna l'inizio di un nuovo triennio di storia vissuta all'insegna della fraternità e della fede, nella speranza di riuscire ad essere testimoni sempre più credibili del messaggio cristiano di Salvezza incarnato nella quotidianità dei giovani. Tutta la famiglia francescana campana e d'Italia si unisce alla gioia e alla preghiera di questi giovani, ed accompagnerà con costanza e fiducia i nuovi responsabili regionali nel servizio che renderanno al progetto di Dio per le vite dei singoli gifrini che ad essi si sono affidati.

Antonio Obid

Presidente

Concetta De Carluccio

Vice Presidente

Rosa Buono

Consigliere

Maria Consiglia Alvino

Consigliere

Marianna Artiaco

Consigliere

Martina Mastronardi

Consigliere

Francesco Marciano

Consigliere

Raffaella Caputo

Consigliere

Salvatore Tuccillo

Consigliere

Pierfrancesco Bruno

Consigliere

Diego Vittoria

Consigliere

Grazia Scauro

Consigliere

Alfonso Dolgetta

Consigliere

"crediAMO" Festa della Gioventù Francescana di Campania e Basilicata 2013 È stato tempo di festa per la Gioventù Francescana di Campania e Basilicata: l’intera fraternità giovanile della Famiglia Francescana si è ritrovata a Caserta il giorno 1 Maggio 2013 per un grande momento di festa, annuncio e testimonianza della gioia che n asce dall’incontro con Cristo. A partire dalle 11:00, al grido di “crediAMO” e nell’anno in cui la Chiesa concentra sulla Fede la sua attenzione, abbiamo provato a raccontare la fede nella quotidianità e a testimoniare che nell’ottica della fede la vita riscopre un valore aggiunto e si veste di forza e di fiducia. Novità eccezionale di quest’anno è stata la presenza sul palco di Annalisa Minetti, cantante di fama internazionale, che ha arricchito il nostro messaggio con il racconto della sua esperienza di vita e di fede, mostrando che, con fiducia e buona volontà, si possono fare grandi cose per sé e per gli altri. Dopo lo spettacolo mattutino, a partire dalle 14:30, in P.zza Antonio Gramsci sono stati realizzati dei workshop, cioè dei punti di incontro e confronto in cui, in modalità pratica e laboratoriale, sono stati raccontati e concretizzati alcuni tratti tipici dello stile francescano; a seguire, dalle 16:45, è iniziata la ormai tradizionale giullarata, un corteo festoso che, a suon di musica, ha percorso le strade della città fino a raggiungere la parrocchia di “San Pietro in Cattedra”, ove alle ore 17:30 ha avuto luogo la Celebrazione Eucaristica conclusiva.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 25

S. Chiara - Processione di S. Gennaro

Come ogni anno è avvenuta la tradizionale e solenne processione del Busto di San Gennaro e delle Ampolle contenenti il Sangue del Martire e Patrono di Napoli, dalla Chiesa Cattedrale alla Basilica di Santa Chiara. La processione si è svolta in ricordo della traslazione delle Reliquie del Santo dal cimitero posto nell’Agro Marciano, nel territorio di Fuorigrotta, alle Catacombe di Capodimonte, poi denominate, per questa ragione, di San Gennaro. L’Arcivescovo, Cardinale Crescenzio Sepe, si è recato nella Cappella del Tesoro, accolto dalla Deputazione e dai Prelati.

L’Abate Prelato, mons. Vincenzo De Gregorio, con il Deputato di turno, ha proceduto, alla presenza dell’Arcivescovo, all’apertura della cassaforte che custodisce le Reliquie del Santo. Sul sagrato del Duomo erano già disposti i busti argentei dei Santi compatroni. L’avvio della processione è stato preceduto da un breve momento di preghiera guidato dal Cardinale, dopodiché il corteo processionale si è portato per via dei Tribunali, passando dinanzi al Pio Monte della Misericordia, deviando poi in via della Zite per giungere a Forcella dinanzi alla antica Chiesa di Sant’Agrippino. Qui c’è stata la prima sosta di preghiera guidata dai parroci di Forcella, don Carmine Nappo, don Luigi Calemme e don Angelo Berselli. Davanti alla Basilica di San Giorgio Maggiore il corteo processionale ha ricevuto

l’omaggio dei canonici di San Giorgio. Il corteo ha attraversato via San Biagio dei librai e via Benedetto Croce. Una successiva sosta di preghiera è avvenuta in piazza San Domenico Maggiore, guidata dalla comunità dei padri domenicani e dal Movimento laicale “Dives in Misericordia”. A questa è seguito l’ingresso in Santa Chiara dove ha avuto inizio la Celebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo. La Santa Messa è stata animata dal Coro dello Studentato Francescano. Al termine della celebrazione i concelebranti con il Cardinale Sepe hanno accompagnato i busti dei Santi compatroni, in numero di 9, nel cortile antistante il Monastero di Santa Chiara dove, dopo l’incensazione e la preghiera conclusiva al Santo Patrono, è terminata la processione che, come lo scorso anno, non prevedeva il ritorno in Cattedrale. Per tutta la settimana, ogni giorno, la teca contenente le ampolle del Sangue di San Gennaro è stata venerata in Cattedrale dalle ore 9 alle ore 12,30 e dalle ore 17 alle ore 19.

Ordinazione episcopale di Mons. Pietro Lagnese Il giorno 1 maggio 2013 don Pietro Lagnese, sacerdote dell’Arcidiocesi di Capua, è stato ordinato vescovo di Ischia con la preghiera e l’imposizione delle mani del Cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di Napoli. E’ stato ordinato vescovo nella sua comunità parrocchiale a Vitulazio, dove per anni ha servito il popolo di Dio con grande generosità e dedizione. Erano presenti tutti i vescovi della Campania e di altre regioni, sacerdoti diocesani e francescani che hanno vissuto in spirito di comunione questo fausto avvenimento. Monsignor Lagnese ha scelto quale motto del suo stemma episcopale il versetto del vangelo “Duc in altum”, prendi il largo, con cui il novello Vescovo di una delle isole più belle del Golfo di Napoli e del mar Tirreno vuole esprime il senso del camminare e di elevarsi sempre più verso mete di santità e di adesione a Cristo. L’espressione “Duc in altum” esprime, infatti, l’invito del Signore a scommettere su Dio e a credere nella potenza della Parola di Cristo che rende feconda l’azione della Chiesa. Come il pescatore di Galilea, essa è chiamata ogni giorno a dire al suo Signore: “Sulla tua Parola getterò le reti” (Lc 5, 5), nella certezza che Colui che le chiede di fidarsi e di seguirlo renderà piena e abbondante la sua vita, desiderosa di contagiare tante altre persone perché si lascino “prendere” da Lui.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 26

Dal 28 aprile a 5 maggio 2013 noi giovani con i frati della Comunità Francescana di S. Chiara, nell'anno della fede, ci siamo messi in cammino, tutti per la prima volta per vivere l'esperienza degli esercizi spirituali sui luoghi dove è vissuto Cristo. Il nostro pellegrinaggio è stato strutturato sugli articoli del Credo. Per quanto riguarda la riflessione "Credo in un solo Dio, Padre Onnipotente, Creatore del cielo e della terra..." abbiamo attraversato il deserto di Giuda fino a Qumran, scalato l'oasi di Ein Gedi, discesi verso il Mar Morto, e come i Magi arrivati alla Grotta della Natività a Betlemme. Prima di raggiungere Nazareth abbiamo rinnovato le nostre promesse battesimali nel fiume Giordano.

Sul Monte Tabor abbiamo incontrato i giovani della Comunità "Mondo X", che con i loro discorsi ci hanno testimoniato come questo luogo trasfiguri e continui a trasfigurare le loro vite. "Credo in un solo Signore Gesù Cristo, Unigenito Figlio di Dio...", è stato oggetto di meditazione a Nazareth, dove Maria ha avuto l'annuncio dall'Angelo della Divina Maternità. Sul lago di Tiberiade abbiamo percorso gli anni del Ministero pubblico di Gesù. Molto suggestiva la traversata del lago: ci ha impressionato sperimentare la "viva" presenza di Cristo e nel silenzio del vento percepire la sua voce. "Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto e il terzo giorno risuscitò...".

A Gerusalemme abbiamo avuto la grande gioia di poter vivere la Pasqua Ortodossa e sperimentare la bellezza dell'Oriente e la fatica del dialogo tra le tre grandi religioni monoteiste. La guida del pellegrinaggio, padre Oscar, introducendoci al santuario del santo sepolcro ci ha invitati ad abbandonare la nostra concezione di silenzio per aprirci ad accogliere il modo di esprimere la fede più rumoroso tipico di Gerusalemme. Rientrando siamo stati concordi nel riconoscere che ora è terminato il tempo dell’immaginazione ed è iniziato quello del ricordo, quando meditiamo un passo della Sacra Bibbia, avendo visto e camminato nei luoghi di Gesù di Nazareth.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 27

Afragola Un oratorio dedicato alle vittime della camorra

Giovedì 9 Maggio il nostro Cardinale Crescenzio Sepe, alle ore 18.00, benedirà il nuovo Oratorio Parrocchiale dedicato alla memoria di Luigi Sorrentino e Pasqualino Romano, e realizzato accanto alla Basilica Pontificia S. Antonio di Padova in Afragola. I nostri giovani potranno così esprimere tutte le loro potenzialità agonistiche con il gioco del calcio, del Basket, della Pallavolo e della Bocciofilia per aiutarli a crescere in un ambiente sano che li sproni a una vita migliore e più autentica, intessendo valide relazioni sociali e accettando lo sport come mezzo per poter svolgere sempre con maggior efficacia i propri do-

veri di cittadini secondo l’ideale evangelico di minorità vissuto dal nostro Santo taumaturgo. Il Beato Giovanni Paolo II nella” Lettera agli sportivi” nel grande Giubileo del 2000 sottolineava che: “lo Sport è capace di colorare l’azion -e di ogni atleta con la bontà, la lealtà, la generosità, l’abnegazione, la solidarietà, il coraggio, il senso di responsabilità e lo spirito di socialità, coniugati a un sano fair play”. Non a caso questo centro nasce all’ombra di un Santuario francescano e vicino alla mensa dei Poveri, inaugurata quest’anno e voluta fortemente dai Frati della Comunità e da tutti i gruppi associativi (OFS, GI. Fra. Araldi e Araldini, Gruppo CARITAS, Guardaroba S. Elisabetta, Gruppo S. Marta, Volontari e Ministranti); proprio per dare priorità ai più disagiati e puntare sul futuro di questa nostra terra. È l’esperienza della gratuità del servizio e dello Sport, dove impegno

Fondi 11° anniversario della salita al cielo di Padre Alessio Falanga 8 Aprile 2013 11 anni fa entrava nella gloria del cielo il nostro carissimo Padre Alessio Falanga. Il suo ricordo è ancora vivo nei cuori del popolo fondano come è viva la certezza che, dopo una vita donata alla Madre Chiesa e alla Famiglia Francescana, il suo volto contempla in eterno la gloria di Dio! Padre Massimiliano Scarlato

e vittoria sono gli ingredienti di quel bisogno fondamentale dell’uomo, creato ad immagine e somiglianza di Dio, che è desiderio di vivere semplicemente. Il noto filosofo Gadamer scrive: “La gioia è determinata dalla scoperta di essere soddisfatti”. È questo ciò che ci ha spinto, come Religiosi Francescani, a creare uno spazio adatto a tutti che vada oltre il nostro Chiostro per entrare nella quotidianità dei nostri fedeli. Oggi questo progetto è diventato realtà grazie all’impegno, alla collaborazione e alla donazione di alcuni benefattori, che hanno generosamente finanziato l’opera; in particolar modo il sig. Ciro Ferone, promotore e realizzatore dell’opera, e di quanti, con competenza e ambiti diversi, hanno profuso energie mettendo il proprio tempo a disposizione di questo progetto. Siamo convinti che tutto questo ci aiuterà a recuperare la centralità della persona in un momento particolarmente delicato per la nostra società, memori che solo quello che è fatto con amore riuscirà a salvare il mondo da false utopie. Fra Michele M. Giuliano ofm


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 28

Portici Festa S. Pasquale 2013

Il 17 maggio tutta la Comunità francescana e parrocchiale di Portici ha celebrato con fede e con grande partecipazione la festa di San Pasquale Baylon. In questo Anno della fede, la comunità ha voluto vivere la festa del patrono in modo particolare. Anche grazie al maggior fervore suscitato dalla Missione popolare tenuta dai Frati Minori di Napoli, dal 17 febbraio al 2 marzo, nell’anno di preparazione al 40° Giubileo della Parrocchia di San Pasquale Baylon. Il programma liturgico è stato ricco di appuntamenti. I giorni del Triduo in preparazione alla festa sono stati vissuti attraverso la recita della Corona Francescana e la celebrazione delle Messe vespertine con la predicazione francescana da parte dei Frati Minori del convento. In tal modo i fedeli hanno potuto riflettere sulla ricchezza

di vita e sull’attualità di San Pasquale. Il 17 maggio, giorno della festa, le celebrazioni si sono svolte lungo tutta la giornata. Tanti sono stati i fedeli che sono accorsi anche da lontano per onorare e venerare il Santo dell’Eucaristia, la cui statua è stata esposta al culto sull’altare maggiore, che hanno avuto l’occasione di sperimentare forti momento di spiritualità francescana. Molti si sono accostati al sacramento della penitenza. Le celebrazioni sono state presiedute dai vari Frati accorsi a Portici. In particolare, l’ultima celebrazione mattutina è stata presieduta dal Vicario Provinciale della Provincia dei Frati Minori di Napoli, Fra Antonio Sannino. Mentre ha concluso la giornata la celebrazione serale invece presieduta da S. E. Mons. Valentino Di Cerbo, Vescovo della Diocesi di Alife – Caiazzo, che si è fatto promotore e guida, negli ultimi anni, secondo lo spirito della Chiesa, del movimento dei vari gruppi di preghiera sorti attorno alla figura e al carisma di “Fra Umile Fidanza”, oblato dell’ordine dei Frati Minori, dipartito in odore di santità il 3 marzo 1990. Il vescovo Di Cerbo si è soffermato particolarmente sul senso della fede, della santità e del culto, sottolineando l’incredibile attualità della figura di San Pasquale e sul come attraverso la vita dei santi Cristo è costantemente presente nella vita di ciascuno di noi, e ne

rappresenta ancora oggi il più alto valore e riferimento. Gradita presenza è stata anche quella del Direttore generale dei Gruppi di preghiera “Fra Umile Fidanza”, don Michele Barone. La partecipazione dei fedeli nel giorno della festa di San Pasquale è stata numerosa: gruppi di fedeli sono giunti da Monte di Procida, da Eboli, da Caivano, da Calvisi, dal casertano e da tutti i comuni vesuviani limitrofi. Domenica 19 maggio, nella solennità di Pentecoste (San Pasquale è nato ed è salito al cielo nel giorno di tale solennità), dopo otto anni la Comunità ha vissuto con passione e fede la processione di San Pa-

squale. Adottato da decenni come protettore dei pescatori del Granatello, la sua statua è arrivata dal mare a bordo di un peschereccio; e portata a spalla dai volontari devoti dell’Associazione san Pasquale e Madonna dell’Arco ha attraversato le strade principali della Parrocchia. In un clima di festa la processione si è svolta con la partecipazione di tanta gente che si è lasciata coinvolgere nella preghiera e nel canto gioioso dei giovani e dei ragazzi. A conclusione, della processione è stata celebrata la Santa Messa all’aperto nel campetto del convento. La festa di San Pasquale ci


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 29

ha poi introdotti nella VI Settimana eucaristica, appuntamento di intensa preghiera per tutta la Comunità, che ogni anno permette a tanti di riscoprire la bellezza e la forza della Santissima Eucaristia, e di adorare e ripetere con San Pasquale: “Ornami di fede e di speranza, perché io ti accolga come in un tempio degno di te”. Dal 20 al 25 maggio è stato un avvicendarsi di persone che hanno sostato davanti al Santissimo Sacramento. Quest’anno il tema è

stato (riprendendo una delle prime omelie di Papa Francesco) “Camminare, edificare, confessare: nell’Anno della fede”, riflettendo sul Credo e la Professione di fede, come proposto da Benedetto XVI. Ogni giornata è cominciata con la celebrazione eucaristica e la recita delle Lodi mattutine. E poi spazio per l’adorazione personale fino alle 12,00 momento del Regina Coeli. Alle 16,30 l’Ufficio delle letture eucaristiche e ancora adorazione personale. Alle 18,30, la recita del Rosario Eucaristico e la recita dei Vespri. A seguire, vari momenti di adorazione comunitaria, ogni sera animata da un gruppo che opera in Parrocchia: i Ministri straordinari dell’eucaristia, il gruppo del Rinnovamento nello Spirito, la Gio-

ventù Francescana (Gi.Fra.) e il gruppo dei Cresimati, le suore Figlie di Nostra Signora dell’Eucaristia, l’Ordine Francescano Secolare (O.F.S.) insieme alle Famiglie della Parrocchia stessa. Sabato 25 maggio il momento di adorazione per gli Araldini e la celebrazione eucaristica nei Primi Vespri della domenica della Santissima Trinità ha concluso la Settimana Eucaristica.

Morefra - Giornata di Formazione “TU SEGUIMI.” Sono le parole che Gesù rivolge a Pietro, secondo il racconto dell’evangelista Giovanni nel capitolo 21. Su questo splendido capitolo del racconto di Giovanni ci ha guidate sapientemente Mons. Franco Alfano, arcivescovo della Diocesi Sorrento – Castellammare, nella giornata dedicata all’ascolto e alla meditazione, che il MoReFra organizza nella Domenica in albis. Il tradizionale appuntamento è stato realizzato quest’anno, il 7 aprile scorso, presso l’Istituto Velotti, delle Suore Francescane Adoratrici della Santa Croce e ci ha visto presenti in molte. La giornata è iniziata con la preghiera delle Lodi, cui è seguita la lectio. Numerosi e interessanti gli spunti che Mons. Alfano ha suggerito. L’evangelista narra di Gesù che appare all’alba agli apostoli sul mare di Tiberiade, dopo una notte faticosa e senza frutto. Chiede da mangiare, ordina loro di gettare nuovamente le reti … fa appello alla loro fiducia, rianima la loro speranza, invita all’obbedienza della fede. Segue un dialogo bellissimo tra Gesù e Pietro; Gesù chiede un amore incondizionato, ma conosce bene l’uomo che ha dinanzi. Non abbiamo difficoltà a riconoscerci in Pietro, nel suo imbarazzo come nella sua sincerità. A lui il Signore affiderà la Chiesa, come a noi il compito della cura e della guida delle sue pecorelle. Questa missione nasce e si compie nell’amore che

Dio ci dona nel suo Figlio, crocifisso e risorto; non dobbiamo aver paura dei nostri passi lenti e pesanti, dei nostri ritardi, delle notti infeconde; il Signore conduce le nostre esistenze verso porti sicuri. Dobbiamo solo imparare a scorgerlo nella notte e a fidarci. Il tema della paura e del coraggio, della forz che infonde Dio nei nostri cuori è stata la nota dominante anche dell’animazione del pomeriggio. P. Pio Avitabile ci ha offerto un percorso di riflessione attraverso delle canzoni e dei segni. Nelle concrete esperienze Dio ci mostra la sua pazienza; nel dolore Dio sembra “versarci da un recipiente all’altro, ma via via che si deposita il residuo e il vino della vita spirituale si fa più chiaro comprendiamo come egli desideri semplicemente produrre in noi il vino spumeggiante dello Spirito Santo”, affinché possiamo versarlo a nostra volta nelle vite dei fratelli. La giornata si è conclusa tra la gioia di tutte e con un fraterno saluto di P. Agostino Esposito, Ministro Provinciale, che accompagna sempre il MoReFra con attenzione e disponibilità. La preghiera di tutte le suore è assicurata per lui e per l’intera Provincia che comincerà il proprio capitolo alla ricerca della volontà di Dio nella trama della storia degli uomini. Buona sequela a tutti noi. Suor Bianca Puglia


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 30

D

al 22 al 27 aprile e dal 27 maggio al 1 giugno 2013, presso la Casa di Spiritualità “Armida Barelli” ad Alberi - Meta di Sorrento, si è celebrato il XXI Capitolo Provinciale della nostra Provincia dei Frati Minori di Napoli e Caserta, dal tema: “teniamo fisso lo sguardo su Gesù Cristo. Il gusto della fede nell’annuncio del Vangelo come Frati Minori oggi.” Dodici giorni caratterizzati dalla ricerca della volontà del Signore e dall’ascolto delle diverse relazioni, dalla verifica della nostra vita e dalla programmazione per il prossimo triennio. Giorni in cui è stato anche eletto il nuovo Governo provinciale, che animerà la fraternità per i prossimi tre anni. È stato riconfermato alla guida della Provincia, come Ministro, fra Agostino Esposito. Sarà affiancato da fra Antonio Sannino (Vicario provinciale) e da fra Marcello Pronestì, fra Carlo D’Amodio, fra Gerardo Ciufo e fra Massimiliano Scarlato (Definitori provinciali). In queste pagine rivivremo insieme i giorni del Capitolo, accompagnati dalla Lettera agli Ebrei (Icona Biblica di riferimento per il Capitolo) e dalla Lettera che l’ex Ministro generale, fra Josè Rodriguez Carballo, ha voluto rivolgere ai frati capitolari.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 31

L

unedì 22 aprile 2013, presso la Casa «S. Vito» in Marigliano (Na), alle ore 08.30 sono convenuti i frati della Provincia Napoletana del SS. Cuore di Gesù convocati dal Visitatore Generale e Presidente del Capitolo Provinciale Fra Massimo Fusarelli OFM, per l’elezione canonica del Ministro Provinciale. Alle ore 09.20 è stata celebrata l’Eucaristia per l’apertura del Capitolo Provinciale. La “Messa votiva dello Spirito Santo” è stata pre-

sieduta da Fra Massimo Fusarelli e ha visto la partecipazione della maggior parte dei frati. Alle ore 10.50 il Presidente del Capitolo Provinciale Fra Massimo Fusarelli ha introdotto il momento dell’elezione canonica del Ministro Provinciale. Fra Francesco Piccolo, segretario del Capitolo, ha fatto l’appello dei professi solenni aventi diritto di voto. I frati hanno cantato il Veni Creator e hanno ascoltato una lettura dalle Fonti Francescane (FF 1775-1776). Successivamente il Ministro Provinciale, Fra Agostino Esposito, ha terminato il suo mandato e ha consegnato il sigillo maggiore della Provincia nelle mani del Presidente del Capitolo Provinciale, Fra Massimo Fusarelli. Questi, dopo aver rivolto alcune parole al Ministro Provinciale e a tutti i frati presenti, ha dichiarato sciolto dall’ufficio il Ministro Provinciale. Si è proceduto poi, con ordine, alla votazione per l’elezione canonica del Ministro Provinciale.

Superato il numero di consensi per l’elezione a suffragio universale, Fra Massimo Fusarelli, ha proclamato il risultato e ha dato lettura del Documento dell’elezione di Fra Agostino Esposito a Ministro Provinciale della Provincia Napoletana del SS. Cuore di Gesù. Poi i frati in processione verso la chiesa hanno cantato solennemente il Te Deum, qui il neo-eletto Ministro Provinciale, Fra Agostino Esposito, ha fatto la sua Professione di fede, ha prestato il giuramento e ha ricevuto dai frati un atto di riverenza e di obbedienza, insieme all’abbraccio di pace. Ha poi impartito su tutti la Benedizione del beato Padre nostro Francesco.

Lettera ai Capitolari dell’ex Ministro Generale Carissimi Fratelli Capitolari, Il Signore vi dia Pace. Sono lieto di potermi rivolgere a voi, riuniti in Capitolo, per lodare insieme e ringraziare il Signore per tutto ciò che sta operando per mezzo di ciascuno di voi. Ed esprimo tutto il mio apprezzamento per lo sforzo che state facendo nel garantire un buon livello di vita fraterna, per l'attenzione che avete nel vivere quotidianamente le Priorità dell'Ordine, per l'impegno profuso con generosità nelle varie attività di carità e nella cultura. Notevole è anche la vostra dedizione nella pastorale parrocchiale e nei Santuari, e ciò è ricompensato da una notevole risposta della gente, come ho potuto costatare di persona, e dalla grande stima che il popolo che servite ha ovunque per voi. E mi piace sottolineare anche il livello di trasparenza e di professionalità che avete raggiunto nella gestione dell'economia della Provincia. (continua a pag 32)


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 32

Lettera ai Capitolari dell’ex Ministro Generale - 2 (continua da pag 31) Tuttavia anche nella vostra Provincia non mancano segni di stanchezza e di difficoltà, uniti alla diminuzione importante delle vocazioni e ad altri segni di malessere. La vita di preghiera avrebbe bisogno di una maggiore vitalità interiore, le relazioni fraterne di maggior comunione, fiducia reciproca e rispetto. Anche la pastorale dovrebbe in alcuni casi ritrovare lo slancio missionario di un nuovo annuncio, andando oltre la semplice amministrazione, e le devozioni popolari richiederebbero un impegno formativo di purificazione e di approfondimento. La grande sfida che abbiamo nel nostro tempo è quella di essere veramente significativi, di sviluppare una nuova evangelizzazione che sia vera profezia per il mondo di oggi, di saperci riappropriare della nostra identità francescana, da vivere nella fedeltà creativa e nella trasparenza. In altre parole, abbiamo bisogno di recuperare e di curare con tutto l'impegno la qualità della nostra vita francescana, per essere discepoli e testimoni del Cristo risorto e vivente. (continua a pag 33)

N

el pomeriggio del 22 aprile i frati capitolari si sono ritrovati presso la Casa di spiritualità “Armida Barelli” ad Alberi - Meta di Sorrento, sede del XXI Capitolo Provinciale. In questa prima fase del Capitolo, attraverso l’ascolto delle relazioni del Visitatore generale, del Ministro provinciale, dei Segretari per la F§S e per l’evangelizzazione, e dell’Economo provinciale per il fondo comune, i frati capitolari hanno potuto verificare il cammino della fraternità provinciale negli ultimi tre anni. I lavori di questa prima settimana sono stati introdotti dalla proposta di meditazione sul tema “Fede ed evangelizzazione”, dettata dalla prof.ssa Maria Rosaria Cirella, docente di Sacra Scrittura allo SFI di Nola, e dalla liturgia di riconciliazione. "Egli, di fronte alla gioia che gli era posta dinanzi, si sottopose alla Croce, disprezzando il disonore, e siede alla destra del trono di Dio." Eb 12, 2b


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 33

I

l giorno 25 aprile i frati capitolari hanno eletto Vicario provinciale, fra Antonio Sannino. Il giorno 26 aprile sono stati eletti Definitori provinciali: fra Marcello Pronestì, fra Carlo Maria D’Amodio, fra Gerardo Ciufo e fra Massimiliano Scarlato. Auguriamo a questi nostri fratelli

di svolgere il loro servizio per la Provincia senza spegnere mai lo spirito di orazione e devozione e ricordando ogni giorno le parole che lo stesso serafico Padre riferiva a se stesso nella “Lettera ai fedeli”: Poiché sono servo di tutti, sono tenuto a servire tutti (FF 180).

Fra Vincenzo Brocanelli, Definitore generale, ha voluto incontrare i frati capitolari e il nuovo Definitorio provinciale, invitandoli, al termine della prima settimana, a tenere fisso lo sguardo su Gesù Cristo come centro decisivo per la qualità della nostra risposta al dono della vocazione.

Lettera ai Capitolari dell’ex Ministro Generale - 3 (continua da pag 32)In primo luogo è necessario che tutta la Provincia si metta e si riconosca in cammino, nella ricerca della riqualificazione della vita, un cammino di conversione profonda che è capace di rinnovare tutti gli aspetti della vita. Un cammino di umanizzazione, dove c'è spazio per la dinamica della vita, per la sensibilità di ciascuno, per l'ascolto, per la bellezza, per la conoscenza, per l'amore purificato e maturo. Un cammino di conversione evangelica, in cui la Parola è alla base e alla radice della vita, il ritorno al Signore e l'incontro con Lui è quotidiano e incessante, e l'impegno costante è di non lasciarsi attirare dalla "mondanità", ma piuttosto di "non conformarsi alla mentalità di questo mondo". Un cammino di alleanza rinnovata che trasforma la comunità in "fraternità di comunione", in "confessio Trinitiatis" (VC 41), in "profezia in atto" (VC 85), in testimonianza di unità nella diversità, in sostegno fraterno per chi è più debole, in servizio reciproco, in "luogo" di nuova evangelizzazione. Un cammino di fedeltà dinamica, dentro un progetto comune di vita e di apostolato, con l'intraprendenza e “la fantasia evangelica" (PdV 9) di San Francesco. Un cammino di unità nella riconciliazione, nello stile di vita semplice e da minori, condiviso e testimoniato. Per tutto questo cammino sarà indispensabile investire molto nella Formazione permanente, intesa soprattutto come cura della vocazione e crescita nella vita e con i mezzi del quotidiano. (continua a pag 34)


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 34

Lettera ai Capitolari dell’ex Ministro Generale - 4 (continua da pag 33) In secondo luogo la vita della Provincia deve incarnarsi evangelicamente nel proprio territorio. Ciò significa, come ci ha detto il Capitolo generale del 2009, entrare in «un processo di inserimento nella realtà che ci fa condividere la vita dei nostri popoli con tutta la sua complessità» (PdV 13), assumere un atteggiamento di simpatia e di dialogo con il mondo (cf. PdV 15). In Campania, voi non potete non confrontarvi con il disagio sociale diffuso nel vostro territorio, che prende le forme della povertà, del degrado ambientale, della delinquenza diffusa, delle forme di ricatto e di pressione anche mafiosa. In questo contesto, la vostra sensibilità deve sentirsi provocata per una maggiore solidarietà con i poveri di vario tipo. E nello stesso tempo la vostra evangelizzazione deve curare molto la pietà popolare, perché esprima sempre meglio una fede autentica nelle forme della tradizione, liberata da rivolti e infiltrazioni inquietanti e non cristiane. Nel sussidio su "La nostra identità francescana" (Roma 2012), il Definitorio generale invita tutti i Frati a mettersi in dialogo con il mondo contemporaneo cercando di individuare il negativo che entra nella nostra vita, per purificarlo, e poi il contributo che noi possiamo offrire per essere noi stessi sfida e proposta profetica per i nostri contemporanei. (continua a pag 35)

L

e immagini usate per il XXI Capitolo Provinciale, sono essenzialmente sguardi, di

luce, intensità e bellezza. L’intento è stato quello di lasciare spazio a infinite domande. Ma il suo valore più alto è certamente quello di porsi come metafora della “Vita” vissuta in pienezza. Sguardi dietro ai quali affiora la presenza di Cristo come scelta radicale o come un vissuto di disagio e degrado, dove Cristo è presente dietro i più poveri, che da sempre ci interpellano. Fermarsi ad osservare quegli sguardi, non ci estranea dalla realtà di ogni giorno, bensì ad essa ci rimanda per irrigarla e farla germogliare, perché rechi nuovi frutti di bene. Fra Pio Avitabile ofm" “Perciò, rinfrancate le vostre mani inerti e le ginocchia fiacche e camminate diritti con i vostri piedi, perché il piede che zoppica non abbia a storpiarsi, ma piuttosto a guarire." Eb 12, 12-13


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 35

N

ella seconda fase del Capitolo (27 maggio - 1 giugno 2013) i frati capitolari hanno continuato a riflettere sulle tre dimensioni della nostra vita di Frati Minori (una vita radicalmente evan-

gelica, una vita in fraternità e minorità, missione nella Chiesa e nel mondo), per individuare insieme, nel discernimento spirituale di ciò che piace al Signore, gli elementi portanti del Progetto provinciale per il triennio 2013-2016.

"Cercate la pace con tutti e la santificazione, senza la quale nessuno vedrà mai il Signore; vigilate perché nessuno si privi della grazia di Dio." Eb 12, 14-15a

Lettera ai Capitolari dell’ex Ministro Generale - 5 (continua da pag 34) Per ultimo, vi ricordo che un vero rinnovamento della qualità della vita non è possibile senza un serio e deciso ridimensionamento e ristrutturazione, in primo luogo all'interno della Provincia. Nelle linee guida per il sessennio, il Definitorio generale ha già indicato chiaramente la via da seguire: «È urgente ridurre le attività e le opere per rafforzare la qualità di vita. È indispensabile fare un discernimento approfondito sulle priorità dei vari tipi di attività (parrocchie, santuari, scuole, giovani, nuove forme e nuove emergenze) e sulle priorità dei tipi di presenze (Fraternità di formazione, di evangelizzazione tradizionale, di nuova evangelizzazione)» (Ripartire dal Vangelo, p. 36). La revisione' e l'alleggerimento delle strutture deve essere visto nei suoi aspetti positivi, ossia come strumento perché non si impieghino i Frati per mantenere le strutture, ma viceversa perché ogni struttura sia al servizio della vita dei e della missione dei Frati; come mezzo per permettere ai Frati di vivere in autenticità la vocazione che hanno professato e anche per aprire «spazi per le energie giovani, per forme di nuova evangelizzazione e per rilanciare le missioni ad gentes» (Ridimensionamento e ristrutturazione. Sussidio del Definitorio generale, Roma 2 O 11, p. 8). (continua a pag 36)


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 36

Lettera ai Capitolari dell’ex Ministro Generale - 6 (continua da pag 35) Il nostro tempo è complesso, ma anche fecondo di stimoli e di nuove possibilità. Il Capitolo generale ci ha ricordato che «Francesco e i suoi mostrano di essere capaci di scelte che rendono concrete le loro intuizioni» (PdV 8). Auspico che anche voi possiate arrivare a scelte e decisioni concrete che esprimono le dimensioni evangeliche del nostro carisma, quegli aspetti che ci hanno attirato e appassionato fino a metterei in cammino alla sequela di Gesù nella forma di vita di Francesco. Invoco la benedizione del Signore e di san Francesco su tutti voi, sui vostri lavori capitolari, e vi invio un fraterno saluto. Fra José Rodriguez Carballo Ministro generale OFM

I

l Capitolo Provinciale, distribuito su due settimane tra aprile e maggio, è stato un tempo favorevole per celebrare il dono della fede in

questo anno particolare, grazie alla preghiera liturgica, all’ascolto della Parola di Dio che culmina nella celebrazione dell’Eucarestia, agli spazi di silenzio e al convenire dei fratelli. La positività di quanto vissuto nel Capitolo Provinciale, ci promuove e ci spinge tutti a far circolare il Bene immettendo energie nuove nella vita provinciale. "Non spunti ne cresca in mezzo a voi alcuna radice velenosa, che provochi danni e molti ne siano contagiati." Eb 12, 15b


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 37

Q

uando ci sono i problemi, bisogna prenderli e il Signore ci aiuterà a risolverli”: “Non dobbiamo avere pau-

ra dei problemi: Gesù stesso dice ai suoi discepoli: ‘Sono io, non abbiate paura. Sono io’. Sempre. Con le difficoltà della vita, con i problemi, con le nuove cose che dobbiamo prendere: il Signore è là. Possiamo sbagliare, davvero, ma Lui è sempre vicino a noi e dice: ‘Hai sbagliato, riprendi la strada giusta (…) Non è un buon atteggiamento quello di truccare la vita, di fare il maquillage alla vita: no, no. E quello è il primo passo: quando ci sono difficoltà, bisogna guardarle bene e prenderle e parlarne. Mai nasconderle. Gli apostoli valutano e decidono, senza tergiversare. “Chiediamo al Signore questa grazia: di non avere paura, di non truccare la vita, di prendere la vita come viene e cercare di risolvere i problemi come hanno fatto gli Apostoli, e cercare pure l’incontro con Gesù che sempre è di fianco a noi, anche nei momenti più oscuri della vita”. (Omelia di papa Francesco del 13 aprile 2013).


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 38

AGENDA DEL MINISTRO PROVINCIALE DEL MESE DI APRILE 2013 1-

Ore 10.00

Presiede la S. Messa presso la Cappella Cimiteriale a Poggioreale;

2-

Ore 10.00

Incontra in Curia Fra Lucas Las delle Provincia di Cracovia;

4-

Ore 18.00

Partecipa ad un dibattito culturale radiofonico di Radio Club 91;

5-

Ore 12.00

Incontra in Curia il neo presidente dell’Albano Francescano, Dott.ssa Emilia Carannante; In serata visita alla Fraternità di Miano;

6-

Ore 10.30 Ore 12.00

Si reca in Curia Diocesana per gli auguri pasquali a S. Em. Crescenzio Sepe; Presiede il Rito del Matrimonio presso la Chiesa del Gesù Nuovo del nipote di P. Diomede;

7-

Ore 9.00 Ore 18.00

Partecipa alla giornata del Morefra a Casoria; Concelebra alla S. Messa d’inizio della Missione a Capodichino, presieduta da Mons. Armando Dini;

8-

Ore 9.00

Incontro con il Notaio Milone;

9-

Ore 8.30 Ore 12.00 Ore 17.00 Ore 18.00 Ore 20.30

Incontra il Dott. De Falco a Pozzuoli con fra Mario Dell’Erba; Presiede i funerali della sorella di P. Felice Pannone ad Afragola; Incontro in Curia con l’attrice Femiano; Incontro in Curia con Fra Marco Penniello e Fra Giovanni Sorrentino; Visita ai giovani della casa di Accoglienza a Marigliano;

11-

Ore 16.00

Incontra Suor Elisa;

13-

Ore 19.00

Presiede la S. Messa a Forio d’Ischia;

14-

Ore 8.30 Ore 12.30

Presiede la S. Messa a Forio d’Ischia Presiede la S. Messa al Convento di S. Maria Francesca;

15-

Ore 9.30

Incontro con i Ministri Provinciali della Campania a Liveri;

16-

Ore 19.00 Ore 21.00

Presiede la S. Messa a Forio d’Ischia; Cena con la Fraternità di Ischia;

17-

Ore 19.00

Visita alla Fraternità di Grumo Nevano;

19-

Ore 15.00 Ore 19.00

Visita alla Fraternità di Afragola; Visite alle Sorelle Clarisse di Napoli;

20-

Ore 10.00 Ore 18.00

Visita alle Suore di S. Maria Francesca; Presiede la S. Messa conclusiva della Missione Popolare a Capodichino;

21-

Ore 11.00 Ore 12.30 Ore 13.00 Ore 16.00

Presiede la S. Messa a Liveri in occasione della Festa di S. Maria a Parete; Partecipa alla processione dell’immagine della Madonna per il paese di Liveri; Pranza con la Comunità di Liveri; Partecipa all’ultima sessione del Definitorio Provinciale;

22-27

Capitolo Provinciale presso la Casa di Spiritualità Armidia Barelli in Alberi;

27-

Ore 20.30

Cena a S. Chiara con il Definitore Generale P. Vincenzo Brocanelli;

28-

Ore 19.00

Presiede la S. Messa a S. Maria Capua Vetere;

30-

Ore 10.00

Incontra in Curia P. Adriano Pannozzo, Segretario Provinciale “ad interim”


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 39

AGENDA DEL MINISTRO PROVINCIALE DEL MESE DI MAGGIO 2013 1-

Ore 20.30

Visita a P. Gianluigi Stiappacasse a Torre del Greco;

3-

Ore 10.00 Ore 12.30 Ore 13.00 Ore 15.00

Incontra a S. Chiara il Comitato diocesano per la processione delle Reliquie di S. Gennaro; Visita con Fra Nicola Gildi il neo-vescovo di Ischia a Vitulazio; Pranza con Mons. Pietro Lagnese nella casa parrocchiale a Vitulazio; Incontra a Teano il postulante Eugenio;

4-

Ore 12.00 Ore 12.30 Ore 13.15 Ore 17.00 Ore 18.30 Ore 20.30

Accoglie a S. Chiara l’ex Ministro Generale fra José Carballo; Visita alle Clarisse di S. Chiara; Pranzo nell’Antico Refettorio di S. Chiara con i frati convenuti; Partecipa alla Processione delle Reliquie di S. Gennaro; Concelebra alla S. Messa presieduta dal Cardinale a S. Chiara; Cena con Mons. José Rodriguez Carballo e P. Massimo Fusarelli Visitatore Generale;

5-

Ore 11.00 Ore 19.00 Ore 21.00

Concelebra con Mons. Domenico Sorrentino nella Parrocchia di S. Ignazio di Antiochia in Roma per il 150° Anniversario di fondazione delle Suore Elisabettine Bigie; Partecipa alla S. Messa del 60°Anniversario di sacerdozio di P. Luigi Di Bari; Partecipa alla cena fraterna presso l’ex orfanotrofio di Liveri

Ore 9.30

Partecipa al Consiglio di Presidenza dello SFI a Liveri;

610-15

Si reca in pellegrinaggio a Fatima;

15-19

Si reca a Santiago per l’ordinazione episcopale di fra José Rodriguez Carballo;

20-

Ore 9.30 Ore 15.30

Partecipa all’Assemblea Provinciale presso il Convento di Grumo Nevano; Partecipa alla Sessione del Definitorio Provinciale;

21-

Ore 10.00 Ore 17.00 Ore 17.30 Ore 18.00

Visita alle Suore di S. Maria Francesca; Incontra in Curia il provicario diocesano per la Vita Religiosa; Incontra in Curia il Comm. Salvatore Esposito; Incontra in Curia la sig.ra Paola Tramontano;

27-

Ore 10.00

Incontro con i Ministri Provinciali a S. Chiara;

27-31

Partecipa alla Seconda Fase del Capitolo Provinciale;


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 40

AGENDA PROVINCIALE DEI FRATI MINORI DI NAPOLI CALENDARIO DI MAGGIO 2013 Data MER 1 GIO 2

VEN 3 SAB 4 DOM 5 LUN 6 MAR 7 MER 8 GIO 9 VEN10 SAB 11 DOM 12 LUN 13 MAR 14 MER 15 GIO 16 VEN 17

SAB 18 DOM 19

Impegni CFV: Esercizi spirituali per i giovani in Terra Santa; GIFRA: Festa Regionale della Gifra. CFV: Esercizi spirituali per i giovani in Terra Santa.

OFS: Capitolo Regionale Spirituale ed Elettivo. Fra Domenico Capasso.

Fra Pasquale Mauro; Fra Pasquale Matuozzo; Fra Pasquale Bonacci . Fra Felice Pannone.

Fra Francesco Mirante.

Fra Bernardino De Felice.

Fra Luigi Ortaglio.

Domenica di Pentecoste

MAR 21

INC. INTERP.: Assemblea dei Guardiani Interprovinciali presso le Suore Vocazioniste di Pianura; CFV: Incontro presso il Monastero di S. Chiara “...Pè chi nun vò bene stu mese nun vene”.

MER 22

DOM 26

Fra Alessandro Parrella.

OFS: Capitolo Regionale Spirituale ed Elettivo. OFS: Capitolo Regionale Spirituale ed Elettivo.

INC. INTERP.: Assemblea dei Guardiani Interprovinciali presso le Suore Vocazioniste di Pianura.

SAB 25

Compleanni

Fra Giovanni Paolo Perfetto; Fra Alessandro Pio Milucci. Fra Alfonso Ferraro.

CFV: Esercizi spirituali per i giovani in Terra Santa. CFV: Esercizi spirituali per i giovani in Terra Santa; GIFRA: Consiglio Regionale. CFV: Esercizi spirituali per i giovani in Terra Santa; GIFRA: Consiglio Regionale. CFV: Esercizi spirituali per i giovani in Terra Santa.

LUN 20

GIO 23 VEN 24

Onomastici

Suor Chiara Noemi Rosolino (Pignataro M.). OFS: Capitolo Fraterno Nazionale - Assemblea Nazionale Precapitolare. OFS: Capitolo Fraterno Nazionale - Assemblea Nazionale Precapitolare. OFS: Capitolo Fraterno Nazionale - Assemblea Nazionale Precapitolare.

LUN 27

INC. PROV.: Festa della Provincia a Marigliano; INC. PROV.: Capitolo Provinciale II fase ad Alberi.

MAR 28 MER 29 GIO 30

INC. PROV.: Capitolo Provinciale II fase ad Alberi. INC. PROV.: Capitolo Provinciale II fase ad Alberi. INC. PROV.: Capitolo Provinciale II fase ad Alberi.

VEN 31

INC. PROV.: Capitolo Provinciale II fase ad Alberi.

Fra Pasquale Matuozzo. Fra Ferdinando Cimmaruta; Fra Ferdinando Russo. Fra Graziano M. Buonadonna.

Fra Giacinto Caronia.


ANNO XVII NUMERO 4 – APRILE - MAGGIO 2013 Pagina 41

AGENDA PROVINCIALE DEI FRATI MINORI DI NAPOLI CALENDARIO DI GIUGNO 2013 Data SAB 1 DOM 2

Impegni INC. PROV.: Capitolo Provinciale II fase ad Alberi. CFV: Meeting Francescano presso la Casa del Volto Santo in Napoli.

Onomastici

LUN 3 MAR 4 MER 5 GIO 6 VEN 7 SAB 8 DOM 9

Fra Giorgio Ascione; Fra Agostino Esposito. Fra Luigi Campoli. Fra Antonio Siciliano. GIFRA: Raduno zonale adolescenti; OFS: Capitolo Spirituale di fine anno fraterno.

LUN10 MAR 11 MER 12 GIO 13

Fra Onofrio Di Lauro. S. Ecc. Mons. Antonio Napoletano (Sessa Aurunca); S. Ecc. Mons. Antonio Di Donna (Ausiliare di Napoli) ; Fra Antonio Siciliano; Fra Antonio Vellutino; Fra Antonio Sannino; Suor Chiara Antonietta Nardone; Suor Chiara Antonella Messina (Napoli); Suor Chiara Antonella Fierravanti (Pignataro Maggiore).

VEN 14 SAB 15 DOM 16 LUN 17 MAR 18 MER 19 GIO 20 VEN 21

Fra Luigi Di Bari; Fra Luigi Rossi; Fra Luigi Santullo; Fra Luigi Ortaglio; Fra GianLuigi Stiappacasse; Fra Luigi Campoli; Fra Luigi Capursi.

SAB 22 DOM 23 LUN 24

CFV: “Nella tua storia il volto” presso il Santuario La Verna. CFV: “Nella tua storia il volto” presso il Santuario La Verna.

MAR 25 MER 26

CFV: “Nella tua storia il volto” presso il Santuario La Verna. CFV: “Nella tua storia il volto” presso il Santuario La Verna.

GIO 27

Compleanni

VEN 28 SAB 29

UNDER SEVEN: Giornata di fraternità (Torre del Greco); CFV: Amore e Psiche si incontrano “Le voci di dentro… La fede”. CFV: Amore e Psiche si incontrano “Le voci di dentro… La fede”. CFV: Amore e Psiche si incontrano “Le voci di dentro… La fede”.

DOM 30

CFV: Amore e Psiche si incontrano “Le voci di dentro… La fede”.

Fra Giovangiuseppe Esposito. Fra Raffaele Coppeta. Fra Giovanni Siciliano; Fra Giovanni Paolo Bianco; Fra Giovanni Paolo Perfetto; Fra Giovanni Sorrentino. Fra Massimo Fusarelli. Fra Polydore Badibanga Kashala.

S. Ecc. Mons. Pietro Farina (Caserta); Fra Rufino Di Somma; Fra Pawel Rosolowsky; Suor Chiara Paola Tufilli (Napoli).

Fra Salvatore Vilardi.


Carissimi, vi invitiamo a far pervenire le notizie di particolare rilevanza riguardanti i segretariati e i conventi.

segreteriaprov@ofmna.org

Si ringrazia fin d’ora per la collaborazione

Curia provinciale - Monastero S. Chiara – Via S. Chiara 49/C 80134 Napoli www.ofmna.org


Notiziario ofm aprile maggio 2013  
Advertisement