Page 13

Questa lettera vale le poche lettere false che il CUN si auto scrive sulla sua rivista, tentando di dimostrare che il nostro lavoro sia deleterio. Certo deleterio alla sopravvivenza del CUN stesso e degli agganci che esso ha con i nostri governanti corrotti. Tutto ciò che appare sulla rivista del CUN ha un alone di falsità e di bugie: dagli indirizzi dei collaboratori che sono ormai inesistenti, alle note sui link dei siti del CUN in Italia che sono dismessi da anni, dagli articoli che qualcuno scrive facendo credere che ci siano un sacco di collaboratori mentre invece si tratta sempre delle stesse persone. Pinotti, Parentelli, Robotti, od altri sono sempre il nostro ex presidente ed ora segretario generale del CUN il quale ai tempi in cui ero nel consiglio direttivo di quella organizzazione usava scrivere utilizzando anche la firma di Mario Cingolani allora presidente del CUN stesso senza nemmeno avvisarlo. Speranze Come abbiamo già detto più volte ma evidentemente con poca enfasi in passato, mi rivolgo ai fruitori di notizie del CUN ed ai suoi soci ed ex soci. Chiedo formalmente a questa gente di sconfessare il lavoro del CUN, chiedo a loro di prendere coscienza dell’inganno che i dirigenti di questa ipocrita associazione hanno perpetrato negli anni contro il popolo italiano. Ve lo chiedo per l’ultima volta. Prendete nella vostra vita una posizione e non comportatevi come l’elettorato italiano in questa tristissima fase della Repubblica Italiana, fatta di puttane e di raccomandazioni. Esprimete una vostra posizione o a favore del CUN o contro, ma fate qualcosa, perché altrimenti sarete giudicati come i principali colpevoli della distruzione del pianeta! Vedete: non è che io sia come quei politici di pseudo sinistra che dicono che gli Italiani sono stati ingannati da Berlusconi. Io sostengo che quelli di pseudo sinistra non vogliano dire che gli Italiani sono inermi, altrimenti perderebbero il consenso dei cattolici di centro. Io invece dico che un certo numero di Italiani, appaiono incapaci ed inerti. Vorrei che questo fosse chiaro per tutti. In altre parole nel nostro piccolo dico che se chi sostiene il CUN non ha il coraggio di dire quello che pensa di quella organizzazione, come invece scrivono a me in privato, è perché non ha un minimo di dignità da difendere ed è per questo che si merita solo di rappresentare una civiltà decadente, dove la cultura è stata delegata ad un Bondi od a chi come lui sfrutta l’ignoranza della gente. Dunque dicevamo “Non essere nessuno per essere qualcuno”. L’Italia oggi è piena di questi soggetti da Lele Mora a Bondi allo stesso Berlusconi passando per i personaggi del direttivo del CUN (Centro Ufologico Nazionale) alle veline della TV che poi diventano parlamentari della maggioranza. Vorrei sottolineare come la Programmazione neurolinguistica fornisce, oggi come oggi, tutti i mezzi per evitare di prendere cantonate sulla moralità di certe persone. I movimenti del corpo infatti tradiscono le vere intenzioni del soggetto che avete davanti. Non si tratta, come abbiamo detto prima, solo di uno sguardo vacuo o di un dito puntato ma di una serie di cose che vanno dal come si cammina al colore del vestito che si sceglie, ad un modo che si ha per rappresentare se stessi. http://www.youtube.com/watch?v=KGfL64iRCh0 Sgarbi per esempio santifica se stesso in televisione tutte le volte che si aggiusta un ciuffo che rappresenta per lui un attributo sessuale che vuole mettere in bella vista verso il pubblico femminile. Un analogo modo di gestirsi è legato all’uso di cravatte dal nodo grossolano o dalle farfalline al collo o dal fazzoletto nel taschino. Tutti modi obsoleti di vestirsi che però rappresentano sempre un richiamo maschile verso il sessuale femminile. Così le persone che ingrassano senza avere la possibilità di fermare il loro allargamento spaziale. I soggetti di questo tipo hanno un problema che non appare legato al cibo o a qualche disfunzione biologica ma bensì ad un rapporto con lo spazio attorno a loro. Tali soggetti

Cosç in alto come in basso  
Advertisement