Issuu on Google+

O I G G M@CGIL

p r i mo

www.cgiltoscana.it

A N A C S TO

Numero 45/ 2012 - Anno 2

Le iniziative in Toscana La solidarietĂ  Le iniziative in Europa La Newsletter del LunedĂŹ

12. 11. 2012


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Indice

Editoriale di Alessio Gramolati 02 In America Obama, qui c'è ingoverbabilità

Primo Piano 03-05 Sciopero

generale Appuntamenti in Europa

Copertina 06-08 14

novembre, manifestazioni in Toscana

del

sciopero

chi

lavora

14

per

novembre.

generale

e

Primo Piano Toscana 09 CIGS, impennata in Toscana ad Ottobre - Incidente mortale nel Valdarno 10 Province: puntare sui servizi - Sciopero Pavimental e Spea 11 13 novembre, presidio INPS INPDAD Enpals - Assemblea scuole 12 Servizio Sanitario regionale: le richieste della CGIL - Unicoop, Arci e CGIL per Samb e Mor L'iniziativa 13 CGIL incontra, ad Arezzo 14 PLAS, la casa dei mille lavori Intorno a noi 15 Festa della Legalità 16 Ribelli! Con Anpi La rubrica 13 La lesione della reputazione è un danno in re ipsa Toscana in breve 18-20 Notizie dalle province toscane ... in evidenza 21 sito, agenda


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Editoriale

di Alessio Gramolati

segretario generale CGIL Toscana

L'America ha scelto Obama. In Italia c'è chi lavora per l'ingovernabilità Martedì scorso il popolo americano ha scelto di riconfermare Obama quale Presidente attraverso un serrato confronto elettorale, in una parola con il voto democratico. Nelle stesse ore in Italia le destre e l’UDC hanno provato a riconfermare Monti anche per la prossima legislatura senza votare. Perché l’idea di cambiare le regole elettorali in modo da evitare che qualcuno possa avere una maggioranza per governare può essere motivata da pochi scopi e da minori scrupoli: o si vuole consegnare il Paese all’ingovernabilità, oppure si vuol garantire alle future minoranze parlamentari il potere di veto sul prossimo Presidente del Consiglio in barba al voto popolare (e alle primarie). Infine qualche irresponsabile potrebbe persino puntare ad entrambe le cose con conseguenze drammatiche per i conti pubblici, la credibilità internazionale e la stessa tenuta democratica del Paese. D’altra parte non c’è molto da aspettarsi dall’amor di patria di questi signori, come l’Italia ha purtroppo imparato a conoscere a proprie spese. Ma non tutto è colpa della cattiva politica; ci sono

responsabilità anche nelle classi dirigenti. Non è un caso infatti se subito dopo questa scelta anche le nostre controparti si sono messe d’accordo per rimangiarsi l’accordo del 28 Giugno. Hanno fatto una proposta sulla Produttività a danno del contratto nazionale e senza regole sulla rappresentanza. Insomma anziché fare un passo avanti ne hanno fatti due indietro, lasciando inevaso un grande tema per il Paese. Intanto negli Stati Uniti (si quelli lì) il Presidente Obama appena rieletto ha detto : “ I ricchi paghino di più!” e ancora: “Bisogna lavorare per favorire crescita e occupazione”. Sono gli stessi obiettivi su cui con parole diverse la CES ha promosso una giornata di mobilitazione di tutti i lavoratori europei per la solidarietà e lo sviluppo. È la prima volta che accade, quindi il 14 novembre è una data storica per i lavoratori europei. La CGIL aderirà a questa iniziativa con lo sciopero generale. I conservatori saranno invece da un’altra parte, come ci siamo abituati a vederli in questi anni. Con una differenza: questa volta saranno loro ad essere isolati tanto in Europa quanto in America. Non mi pare una cosa da poco!


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Primo Piano 14 novembre

Sciopero generale e manifestazione europea

La CGIL proclama per mercoledì 14 novembre uno sciopero generale di 4 ore, in concomitanza con la giornata di mobilitazione europea indetta dalla CES, Confederazione europea dei sindacati, dal titolo: 'Per il lavoro e la solidarietà contro l’austerità. La CGIL prosegue quindi la sua mobilitazione, questa volta al fianco dei sindacati europei, come già annunciato dal Segretario Generale Susanna Camusso, dal palco di piazza San Giovanni, in occasione della manifestazione nazionale del 20 ottobre. Una giornata di protesta per cambiare le politiche europee e quelle nazionali a partire dalle legge di stabilità varata dal governo Monti. Dopo aver cercato invano di costruire una giornata di mobilitazione unitaria anche con CISL e UIL, la CGIL dichiara quattro ore di sciopero generale da gestire a livello territoriale anche in coerenza con il mandato ricevuto dall’ultimo Comitato Direttivo.

dialogo sociale”, una politica economica che stimoli un'occupazione di qualità, un'ambiziosa politica industriale europea orientata verso un'economia verde. Tra le rivendicazioni anche l'effettiva applicazione di una tassa sulle transizioni finanziarie per combattere la speculazione e agevolare politiche di investimento, la lotta all'evasione e la frode fiscale, il rispetto per la contrattazione collettiva e il rispetto dei diritti sociali e sindacali fondamentali.

Maggiori informazioni - Clicca qui

“L'austerità non funziona” si legge in una nota della Confederazione europea dei sindacati, le conseguenze per l'Europa sono devastanti: blocco della crescita e disoccupazione in continuo aumento. Con i tagli ai salari e alle protezioni sociali si aggravano le disuguaglianze e l'ingiustizia sociale. Secondo la CES sono 25milioni gli europei che non hanno lavoro e in alcuni paesi il tasso di disoccupazione giovanile supera il 50%. E' necessario un cambio di rotta. La CGIL insieme alla CES chiede un patto sociale per l'Europa, con un “vero

Lo sciopero dei trasporti è rinviato al 14 dicembre - Clicca qui


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Primo Piano Lo sciopero in Europa


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Primo Piano Lo sciopero in Europa


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Copertina

Sciopero generale

Manifestazioni solo a Prato e Firenze Modalità e appuntamenti per le altre province

Sospeso lo sciopero per emergenza maltempo a Massa Carrara, Lucca, Livorno, Pisa, Grosseto e Siena Il maltempo ha di nuovo messo in ginocchio la Toscana. Tutta la costa, a partire da quella settentrionale, ha subito danni ingenti. L’asse viario è interrotto in più punti, a questo vanno aggiunte le difficoltà al traffico marittimo e l’allarme per il pericolo frane nelle zone interne. Nella sola provincia di Massa Carrara oltre mille case danneggiate con centinaia di persone evacuate. Di fronte a questo disastro che peraltro insiste su popolazioni già colpite nel recente passato, la CGIL, sentite le Camere del Lavoro Territoriali, ha deciso, pur confermando la propria adesione alla giornata di mobilitazione promossa dalla CES per il 14 Novembre 'Per la solidarietà e la crescita', di sospendere, per i territori costieri, lo sciopero generale. Un atto di responsabilità per favorire il massimo di attenzione e di sforzo da parte di tutta la struttura della confederazione verso le attività di aiuto e soccorso delle popolazioni colpite. Una scelta di solidarietà del mondo del lavoro per concorrere alla più rapida ricostruzione dei territori devastati dall’alluvione. Nelle prossime ore le Camere del Lavoro di Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno e Grosseto concorderanno le modalità più congrue per

assicurare il più ampio consenso alle iniziative di solidarietà verso le popolazioni che hanno subito danni da questa nuova terribile ondata di maltempo. Di fronte alle situazioni critiche che hanno già interessato gran parte della Val di Chiana, della Val d’Arbia, della Val d’Orcia e dell’Amiata e dopo che intorno alle ore 14 di lunedì la Protezione civile regionale ha emesso un nuovo bollettino che rinnova l’allerta , la CGIL di Siena, pur confermando la propria adesione alla giornata di mobilitazione, ha deciso di sospendere lo sciopero generale previsto per il 14 novembre.


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Copertina

Sciopero e manifestazioni in Toscana SCIOPERO SOSPESO IN 6 PROVINCE A PRATO RESTA TUTTO CONFERMATO A FIRENZE LE MANIFESTAZIONI DI PISTOIA E AREZZO In seguito al perdurare dell'emergenza maltempo, si rende necessario ridefinire le modalità dello sciopero e delle manifestazioni già programmate per mercoledì 14 novembre. Lo sciopero, come già annunciato, è sospeso nelle province di Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Siena e Grosseto. In Toscana si svolgeranno due manifestazioni: a Prato, come già previsto, e a Firenze dove confluiranno le manifestazioni delle province ove lo sciopero è confermato (Arezzo e Pistoia). Sempre a Firenze si uniranno delegazioni dalle province ove lo sciopero è sospeso (Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto, Siena).

FILT CGIL: MALTEMPO, I TRASPORTI NON SCIOPERANO "Esclusi dallo sciopero generale della Cgil di mercoledì 14 novembre tutti i servizi e le attività di trasporto in Toscana". Lo comunica la Filt-Cgil "a seguito della decisione confederale di esentare dallo sciopero le zone della Toscana danneggiate dal maltempo". "In particolare - precisa la nota - sarà regolare in tutta la regione la circolazione dei treni e le attività ferroviarie di supporto, così come l'attività su strade ed autostrade degli addetti dell'Anas. Esentati anche i lavoratori marittimi e gli addetti nei porti. Escluse dalla protesta anche il trasporto merci, l'autonoleggio, il soccorso autostradale, le autoscuole ed i trasporti funebri". seguito al perdurare dell'emergenza maltempo, si rende necessario ridefinire le modalità dello sciopero e delle manifestazioni già programmate per mercoledì 14 novembre. (Ansa)


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Copertina Sciopero e manifestazioni in Toscana FIRENZE Sciopero per l'intera giornata Manifestazione a Firenze Piazza SS. Annunziata ore 9.30

Cl i c c a o t i Il s

qu i

PRATO Sciopero dell'intera giornata per Pubblico Impiego, Scuole e Commercio. Gli altri settori, scioperano le ultime 4 ore. Manifestazione a Prato ore 10 in Piazza Mercatale

Cl i c c a o t i Il s

qu i


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Primo Piano Toscana Si impenna la cassa integrazione in Toscana

Oltre 7,5 milioni di ore in Ottobre. Nel 2013 diecimila a rischio

Si impenna di oltre 7.566.000 la cassa integrazione in Toscana ad ottobre portando il dato dei primi 10 mesi a oltre 44 milioni e 200.000, ben il 10% in più del corrispondente periodo dell'anno precedente ( Gennaio-Ottobre). La deroga cresce del 3,56% sul 2011, la straordinaria del 18,70% ( 17.566.977 contro 16.780.670) l'ordinaria del 7,18%. Le crescite più preoccupanti ancora una volta a Lucca ( 124,91%) Livorno ( +83,97%) Siena (+41,49%). “Tengono” Firenze-Prato-Pistoia che

vedono un calo tendenziale a 2 cifre con Prato addirittura a un -10,45% sul 2011 e – 41,49 sul 2010 punto più pesante della crisi. “Siamo ancora in piena crisi, pur con evidenti differenze territoriali - secondo Daniele Quiriconi responsabile mercato del lavoro della segreteria reg.le della CGIL Toscana- in particolare il dato preoccupante è rappresentato dal fatto che i quattro quinti della cassa è rappresentato dalla straordinaria che riguarda le imprese in crisi strutturale e dalla cassa in deroga ( oltre 17 milioni a testa per le 2 tipologie). Per la cassa in deroga in particolare, dal 2013 peserà lo sciagurato taglio delle risorse operato non solo dalla riforma della legge sul mercato del lavoro, ma anche dalle successive manovre di assestamento, che ne ridurranno le disponibilità a meno della metà. Ciò significa, se non ci saranno correttivi, che circa 10.000 lavoratori toscani interessati dalla crisi rischieranno di rimanere senza ammortizzatori e quindi licenziati già dai primi mesi dell'anno nuovo, come avevamo purtroppo previsto opponendoci alle riforme. Anche di questi contenuti, si carica in Italia lo sciopero generale europeo del 14 Novembre, nel nostro paese promosso, purtroppo, dalla sola CGIL.”

Lavoro: incidente mortale nel Valdarno La vicinanza della CGIL e della Fiom di Firenze Venerdì in una Azienda di Figline Valdarno è morto un giovane lavoratore di 34 anni il quale stava stava lavorando alla manutenzione quando, per cause ancora da accertare è stato schiacciato da un escavatore tipo “ragno”. La Cgil di Firenze e la Fiom denunciano con forza la necessità di tenere alta l'attenzione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, maggiori controlli delle autorità competenti, piu' formazione agli addetti ai lavori. Non possiamo più tollerare che si possa perdere la vita sul lavoro per cause che molto probabilmente sarebbero evitate con procedure corrette che non vengono applicate, per ritmi di lavoro troppo alti a anche per ragioni di carattere economico che purtroppo, in momenti di crisi

come questo, vengono sempre più messe in atto e che producono fatti e conseguenze gravi come l'incidente mortale accaduto.


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Primo Piano Toscana Riordino Province: non si gioca sulla pelle dei lavoratori CGIL, CISL e UIL di categoria: finora squallidi dibattiti Ci sconcerta, ma non ci stupisce, l’uscita in questi giorni di articoli di stampa che con buona dose di superficialità si sono “prodigati” a dare i numeri su quanti dipendenti delle province rischiano il posto a seguito dei processi di accorpamento dettati dal decreto legge recante disposizioni urgenti in materia di province e città metropolitane. Superficialità che si traduce in una informazione che suscita solo allarmismo verso i lavoratori e le lavoratrici delle province, visto che continua ad essere d’obbligo il “condizionale” Ci piacerebbe sapere sulla base di quali criteri considerando che ad oggi non abbiamo ancora certezze su funzioni, servizi, criteri di virtuosità e soprattutto come si concluderà l’iter di conversione del decreto legge. Abbiamo sopportato in questi ultimi due mesi lo squallido dibattito che la politica ha consegnato agli organi di stampa su confini e capoluoghi, non siamo disponibili però ad accettare che si giochi sulla pelle dei lavoratori, l’anello debole di tutta questa vicenda. Siamo consapevoli della complessità di questi processi e per tale ragione abbiamo rivendicato ,

con il presidio del 19 ottobre scorso, un tavolo istituzionale di livello regionale quale sede naturale per affrontare seriamente le ricadute sui servizi ai cittadini e sul personale (ma non in termini di esuberi) . Abbiamo inoltre chiesto alla Regione Toscana di assumere il ruolo di cabina di regia con le altre istituzioni coinvolte: Upi ed Anci.

Lunedì 12 novembre 4 ore di sciopero dei dipendenti SPEA SPA e PAVIMENTAL SPA (GRUPPO AUTOSTRADE) Le rappresentanze sindacali (RSU) Spea spa e Pavimental spa, rispettivamente società di ingegneria e direzione lavori e azienda addetta alle manutenzioni del gruppo Autostrade per l’Italia S.p.A., insieme a Fillea CGIL Filca CISL e Feneal UIL Firenze, hanno proclamato per lunedì prossimo, 12 novembre, 4 ore di sciopero dei dipendenti delle unità di Barberino di Mugello, Calenzano e Campi Bisenzio con volantinaggio presso la sede del IV tronco Firenze Nord di Autostrade per l’Italia. L’iniziativa s’inserisce nel pacchetto di 16 ore di sciopero proclamato, a livello nazionale, dai coordinamenti delle Rsu a seguito della volontà delle direzioni aziendali di procedere alla riduzione, per quanto riguarda il comparto manutenzioni di Pavimental, di circa il 50% del personale, circa 170 persone tra impiegati e operai su tutto il territorio nazionale, e, per Spea,

la risoluzione di 130 contratti a termine in scadenza entro l’anno 2013. Le organizzazioni sindacali, insieme alle Rsu, respingono le soluzioni proposte dalle direzioni aziendali. Queste ultime ... LEGGI TUTTO ...

Adesione altissima allo sciopero Clicca qui


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Primo Piano Toscana Legge Stbilità: martedì 13 manifestazione regionale lavoratori INPS - INPS EX INPDAP - INPS EX ENPALS E’ indetta per martedì, 13 novembre 2012, la mobilitazione generale dei lavoratori dell’INPS,INPS ex INPDAP - INPS ex ENPALS della Toscana. La protesta, promossa dalle rappresentanze RSU dei lavoratori di tutte le sedi e agenzie della Toscana, unitamente ai Coordinamenti Regionali CGIL – CISL FP – UIL PA – FILP CISAL – USB PI , rientra nell’ambito delle iniziative di agitazione già in corso su tutto il territorio per protestare contro l’articolo 4 della Legge di Stabilità 2013 che prevede ulteriori tagli alle risorse economiche destinate agli Enti previdenziali, per un risparmio aggiuntivo di 300 milioni di euro da ottenere “anche attraverso la riduzione delle risorse destinate ai progetti speciali di cui all’ art. 18 della legge 88/89 e successive modificazioni”. I lavoratori esprimono la loro contrarietà a tale articolo di legge che andrebbe a decurtare ulteriormente il loro salario già abbondantemente oggetto di interventi di blocco e decurtazione da parte delle precedenti leggi. Dopo il blocco della contrattazione e il blocco dei salari fino a tutto il 2014, la diminuzione del valore del buono pasto da 12€ a 7€ con conseguente perdita di circa 100 euro mensili, il blocco e in taluni casi la diminuzione delle risorse dei Fondi destinate

al salario accessorio, il blocco del turnover e quindi delle assunzioni con la conseguente e consistente diminuzione del personale, questa ulteriore misura penalizza pesantemente gli Enti con il rischio della paralisi delle attività produttive con conseguenze gravissime sull’erogazione dei servizi per i cittadini. La norma, così formulata, ... LEGGI TUTTO ...

Scuola, legge di Stabilità: martedì 13 assemblea a Firenze, sciopero il 24 I lavoratori della scuola si mobilitano anche in Toscana contro le misure previste dalla Legge di stabilità: i sindacati hanno convocato per la mattina del 13 novembre un'assemblea a Scandicci (Firenze), e iniziative analoghe sono annunciate in tutte le province, in attesa dello sciopero nazionale del 24 novembre. Il 13, infatti, inizierà l'iter parlamentare dei provvedimenti criticati. Già adesso, con lo stato di agitazione proclamato, sono sospese attività non obbligatorie come lo svolgimento di visite guidate, le ore eccedenti di insegnamento e le attività oggetto di ampliamento dell'offerta formativa. Al centro dell'iniziativa convocata da Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda e Snals, presentata oggi in una conferenza stampa a Firenze, ci sono soprattutto l'aumento dell'orario di lavoro e la riduzione delle retribuzioni: un insieme di provvedimenti che viene considerato un

annullamento di fatto del contratto di lavoro (peraltro non rinnovato dal 2009, lamentano i sindacati), e che secondo le stime causerebbe una riduzione dei posti di lavoro pari a 30 mila posti in meno in tutta Italia per i docenti precari.


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Primo Piano Toscana Servizio sanitario regionale: Funzione Pubblica, documento incompleto. Le richieste della CGIL

Da una prima analisi del documento che ci è stato consegnato e che sarà oggetto di concertazione a partire dalla prossima settimana dobbiamo rilevare che questo risulta incompleto e pertanto necessita di un confronto stringente finalizzato ad un disegno di prospettiva del riassetto

organizzativo e gestionale del sistema socio sanitario della Toscana relativo a: Aziende sanitarie, aziende ospedaliere universitarie, ESTAV, ecc. teso ad ottenere anche per questa via un risparmio di risorse nel medio periodo. Siamo consapevoli della fase di emergenza, ma solo un nuovo e più forte assetto del territorio, che passa per prevenzione, riabilitazione e cura ci potrà consentire di operare parte dei risparmi prospettati dalla regione Toscana, mantenendo l’universalità del sistema . Tutto dovrà avvenire però in tempi certi e contestualmente alle altre scelte di razionalizzazione ospedaliera per non far pagare ai cittadini e alle famiglie le ricadute del riassetto. Il documento non indica ancora nè la scelta delle Società della Salute (SdS) né il loro superamento definendo le strutture equivalenti. Siamo convinti che occorra superare la infinita discussione sul contenitore e indicare ... LEGGI TUTTO ...

Unicoop, Arci e CGIL per Samb e Diop A quasi un anno dall'uccisione, azioni concrete «La loro tragica morte ha fatto nascere nei loro villaggi due scuole, e i giovani del posto saranno più istruiti e più sani»: Pape Diaw, leader della comunità senegalese fiorentina, vuole trovarci un senso, nonostante l`orrore. Tra poco è un anno: era il 13 dicembre 2011 quando vennero barbaramente assassinati da una folle mano razzista a Firenze due senegalesi, More Diop e Samb Modou. Altri tre connazionali furono feriti e ancora oggi ne portano le conseguenze. Unicoop Firenze e la Fondazione "Il cuore si scioglie", con Cgil e Arci regionali, non vogliono dimenticare: ed ecco 25mila euro che serviranno a ristrutturare due scuole dei villaggi di origine di More e Samb. IL DETTAGLIO Per la precisione, nella scuola elementare di Darou Salam Tenefoul saranno ristrutturate due nuove aule, ora inagibili: così il villaggio avrà la scuola media e sarà più forte nel combattere l`abbandono scolastico. Nella scuola primarie di Ndiaye Bopp, invece, saranno restaurati tetto e infissi, e saranno imbiancati i muri. In ambo i casi, saranno acquistati tavoli, lavagne, banchi, armadietti e materiale scolastico per insegnanti e alunni. «Questi interventi

permetteranno ai bambini - spiega Diaw di non dover percorrere ogni giorno 21 chilometri a piedi per andare alla scuola media. La sanità e l`istruzione sono alcuni dei maggiori problemi in Africa ma se abbiamo ragazzi più istruiti e sani forse possono aver meno bisogno di emigrare verso altri paesi. Con questi interventi vogliamo ricordare ma anche raccontare cosa è successo dopo questa terribile strage razzista». IL CONCERTO Diaw rivela ... LEGGI TUTTO ...


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

L'iniziativa


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

L'iniziativa


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Sabato 17 novembre ore 21.15 Serena Sorrentino segretaria confederale CGIL

Via Vittorio Emanuele II, n.303

Firenze, SMS Rifredi

Intorno a noi

Il programma - Clicca qui

Domenica 18 novembre ore 18 Luciano Silvestri coord. Ufficio LegalitĂ  CGIL nazionale Domenica 18 novembre ore 21.15 Claudio Giardullo segretario generale SILP per la CGIL


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

Intorno a noi


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

La rubrica LA LESIONE DELLA REPUTAZIONE E' UN DANNO IN RE IPSA La tutela della reputazione, sia personale, sia professionale, di un individuo trova la propria disciplina già nella Costituzione, ai sensi degli artt. 2 e 3 Cost.; mentre, dal punto di vista civilistico, questa viene classificata quale diritto della personalità e in quanto tale gode di un’ampia protezione che consente di dare sbocco a domande di risarcimento sia del danno patrimoniale sia di quello non patrimoniale. In

particolare

nel

generico

concetto

di

reputazione meritevole di tutela rientra anche quello di “decoro professionale”, da intendersi come l’immagine che un soggetto ha costruito di sé nel proprio ambiente lavorativo; pertanto il soggetto che ha subito una lesione della propria reputazione professionale ha diritto al risarcimento del danno, ferma restando la tutela penale prevista dall’art. 595 c.p. in caso di diffamazione, in quanto la violazione della dignità sociale e professionale della persona costituisce lesione di un valore costituzionalmente protetto.

Continua la lettura - CLICCA QUI

a cura dello Studio Rusconi

Via della Condotta 12, 50122 Firenze partita iva 05724800486 Tel. 055-2302805

www.avvrusconi.it


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

TOSCANA in breve

Massa Carrara, Pisa, Lucca, Livorno

Pisa - Boom di disoccupazione, +12% in tre mesi Sono 52.346 le persone iscritte alle liste di disoccupazione delle provincia di Pisa al 30 settembre scorso, circa il 12% in più rispetto a giugno e oltre 8 mila persone in più rispetto ai dati relativi al 31 dicembre 2011. E le ore di cassa integrazione in deroga al 30 settembre sono state 6.036 che equivalgono a 3.168 lavoratori, il 22% in più rispetto al trimestre precedente. Sono i dati, provenienti dai centri per l'impiego pisani, forniti oggi dal segretario provinciale della Cgil, Gianfranco Francese. "Numeri che da soli giustificano - ha spiegato ... LEGGI TUTTO ...

Massa Carrara - NCA, 2 proposte acquisto, restano Ocean e Toremar E' corsa a due (Tecnomar e Ocean Independece) per rilevare entro fine anno da Invitalia i cantieri navali Nca di Marina di Carrara (Massa Carrara). Alle 20 è scaduto il termine per le proposte d'acquisto e la sorpresa dell'ultim'ora è arrivata dal gruppo locale Antonini-Corsi che si è tirato fuori dalla gara. La cordata specializzata in carpenteria metallica ha deciso di non presentare a Invitalia la proposta definitiva per il cantiere Marinello. All'origine della decisione la richiesta, ribadita a più riprese dalla proprietà di Nca nei giorni scorsi, di farsi carico di tutti i 154 ... LEGGI TUTTO ...

Carrara - Lo sciopero dei cavatori Cave bloccate, laboratori e segherie fermi ieri a Carrara (Massa Carrara) per lo sciopero generale indetto dai sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil e dai Cobas, dopo la due giorni di fermo delle lavorazioni di lunedì e martedì scorsi. Al centro delle rivendicazioni dei cavatori, gli aumenti salariali e, in particolare, l'introduzione di un premio di presenza giornaliero. La richiesta dei sindacati porterebbe a un aumento lordo in busta paga di circa 120 euro per ogni operatore del settore, una proposta ritenuta irrealizzabile dalle aziende. Circa 200 cavatori hanno manifestato ieri mattina a Carrara ... LEGGI TUTTO ...


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

TOSCANA in breve Firenze, Prato, Pistoia

Firenze - Bernardo Marasco nuovo segretario della Filctem Il Comitato Direttivo della Filctem CGIL di Firenze ha eletto Bernardo Marasco Segretario Generale della Categoria. Marasco 38 anni già componente della Segreteria Filctem, finiti gli studi universitari ha iniziato l'attività sindacale nelle categorie Nidil (Nuove Identità di lavoro) e poi Filtea (Federazione lavoratori Tessili e affini). A Bernardo le congratulazioni ed i migliori auguri dalla CGIL Toscana. Un caloroso grazie a Umberto Saccone per il lavoro svolto in questi anni.

Pistoia - Ansaldobreda vince commessa per metro di Miami La controllata di Finmeccanica AnsaldoBreda si è aggiudicata una gara del valore di circa 300 milioni di dollari per la fornitura di 136 nuove carrozze della metropolitana di Miami. I veicoli, si legge in una nota, "saranno estremamente moderni e caratterizzati da un elevato livello tecnologico, dotati di illuminazione a led a basso consumo energetico, sistema di videosorveglianza, wi-fi". Sono oltre mille i convogli di AnsaldoBreda presenti diverse in città statunitensi.

Firenze - Dipendenti comunali, mobilitazione in vista I lavoratori del Comune di Firenze sono pronti alla mobilitazione: tremila persone giovedì 8 si sono riunite in assemblea all'Obihall, questa settimana ci sarà il tentativo di raffreddamento in Prefettura. "L'assemblea ha deciso - afferma una nota Usb in caso di risposte negative o di chiusure di dare il via ad una vasta e massiva mobilitazione", finalizzata a "dire no all'attacco al salario, ai diritti e alla dignità". Secondo la Fp-Cgil "la partecipazione era alta tanto quanto quella che accorre in giro per l'Italia ... LEGGI TUTTO ...


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

TOSCANA in breve Arezzo, Siena, Grosseto

Siena - Siena Biotech, sospeso lo sciopero La RSU di Siena Biotech, pur confermando l’apertura dello stato di agitazione dei lavoratori, comunica che l’annunciato sciopero indetto per Lunedì 12 Novembre 2012 viene rinviato in attesa di conoscere gli sviluppi del nuovo tavolo di trattative che si è aperto in queste ultime ore. I lavoratori si aspettano che questo rinvio conduca in tempi brevi a risposte chiare ed esaustive sul futuro della Società e che queste risposte siano in grado di offrire prospettive di sviluppo e garanzie occupazionali ai suoi lavoratori. Siena, 09 Novembre 2012. RSU Siena Biotech

Beltrame - Altra settimana di indecisione . . .

VENTI GIORNI per continuare a sperare. Venti giorni sull`orlo di un precipizio profondo e misterioso, venti giorni per capire cosa sarà il futuro. Entro pochi giorni, per l`esattezza sei giorni, sapremo se la Beltrame continuerà a credere e ad investire sullo stabilimento sangiovannese oppure se tutto si fermerà una volta per tutte. Se quei cancelli resteranno chiusi e se quei 79 dipendenti si ritroveranno senza lavoro. L`azienda il prossimo 14 novembre ufficializzerà il proprio piano industriale e solo allora sapremo cosa farà di San Giovanni e della storica fabbrica. L`incontro di qualche settimana ... LEGGI TUTTO

Siena - Debutta Lavoro.it, programma tv e web su crisi e vertenze a Siena "Lavoro.It" è il titolo del nuovo programma televisivo e web ideato dal giornalista Juri Guerranti, in collaborazione con la Cgil di Siena. La trasmissione bisettimanale - ma in replica ogni settimana - tratterà di molti argomenti concernenti il mondo del lavoro e il sindacato, per offrire alla popolazione uno spaccato su ciò che sta accadendo in provincia di Siena in questo difficile momento di crisi. Per la Cgil di Siena, questo nuovo format, è inoltre un utile strumento per raggiungere in tempi rapidi gli oltre 50.000 iscritti e tutti i cittadini senesi e toscani.

Maggiori informazioni - Clicca qui


p r i mo

O I G G @ M CG I L T OS C A N A

...

in evidenza

La pagina di CGIL Toscana

Il canale youtube di Cgil Toscana

CLICCA QUI

Vai al sito

www.cgiltoscana.it t wi t u s ici u g e s

1

t er


Numero 45 anno 2012