Issuu on Google+

Regolamento Generale dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Bergamo

Testo approvato dall'Assemblea Straordinaria degli Inscritti in data 29 gennaio 2010


CONSIGLIO DELL’ORDINE 2009-2013 Arch. Paolo Belloni, Presidente Arch.Vittorio Gandolfi, Vice Presidente Arch. Elena Sparaco, Segretario Arch. Carlos Manuel Gomes de Carvalho, Tesoriere Arch. Stefano Baretti Arch. Achille Bonardi Arch.Matteo Calvi Arch. Remo Capitanio Arch. Francesco Forcella Arch. Arianna Foresti Arch. Francesca Carola Perani Arch. Matteo Seghezzi Arch. Marco Tomasi Arch. Francesco Valesini Arch. Iunior Fabio Corna


INDICE CAPITOLO 1...................................................................................................................................................... 7 ART. 1

GENERALITA’ ......................................................................................................................... 7

CAPITOLO 2...................................................................................................................................................... 7 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART. 12 ART. 13 ART. 14 ART. 15 ART. 16

ART. 17 ART. 18 ART. 19 ART. 20 ART. 21 ART. 22 ART. 23 ART. 24 ART. 25 ART. 26 ART. 27

ORGANI COSTITUTIVI DELL’ORDINE ....................................................................................... 7 L’ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI ALL’ORDINE .............................................................................. 7 IL BILANCIO ........................................................................................................................... 8 IL CONSIGLIO - FUNZIONI E ATTIVITA’ .................................................................................... 8 IL CONSIGLIO - CARICHE E NOMINE........................................................................................ 9 COMPITI DEL PRESIDENTE ..................................................................................................... 9 COMPITI DEL SEGRETARIO ....................................................................................................10 COMPITI DEL TESORIERE.......................................................................................................10 ORDINE DEL GIORNO DEL CONSIGLIO ...................................................................................11 ESPRESSIONE DI VOTO IN CONSIGLIO ...................................................................................11 VERBALI DELLE SEDUTE DI CONSIGLIO ..................................................................................11 DELIBERE DI CONSIGLIO........................................................................................................12 SEDUTE DI CONSIGLIO ..........................................................................................................12 SEGRETO D’UFFICIO..............................................................................................................13 CRITERI PER LA SEGNALAZIONE DI NOMINATIVI PER LA PRESENZA DI UN ISCRITTO IN COMMISSIONI EDILIZIE, URBANISTICHE, PER LA QUALITA’ ARCHITETTONICA ED IL PAESAGGIO E ALTRE COMMISSIONI ............................................................................13 CRITERI PER LA SEGNALAZIONE DI NOMINATIVI PER LA PRESENZA DI UN ISCRITTO IN COMMISSIONI GIUDICATRICI DI CONCORSI ......................................................................14 CRITERI PER LA SEGNALAZIONE DI NOMINATIVI PER INCARICHI PUBBLICI O PRIVATI O ALTRE COMMISSIONI ...........................................................................................................15 CRITERI PER LA SEGNALAZIONE DI NOMINATIVI PER INCARICHI DI COLLAUDO GENERALE O STATICO, DI PERIZIE E DI ARBITRATI .................................................................15 APPALTI ...............................................................................................................................15 INCARICHI ............................................................................................................................16 CONVEGNI E RAPPRESENTANZE............................................................................................16 PATROCINI ...........................................................................................................................16 RIMBORSI SPESE...................................................................................................................16 LIMITI DELLE COMPETENZE DEL CONSIGLIO ..........................................................................17 LA COMMISSIONE PER I PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DELLE PARCELLE ................................17 PROCEDIMENTI DISCIPLINARI ...............................................................................................17

CAPITOLO 3 ALBO ...........................................................................................................................................17 ART. 28 ART. 29 ART. 30

PUBBLICAZIONE E DUPLICAZIONE .........................................................................................17 ELENCHI SPECIALI. ................................................................................................................18 BANCA DATI .........................................................................................................................18

CAPITOLO 4 SEGRETERIA.................................................................................................................................18 ART. 31 RAPPORTI CON IL PUBBLICO .................................................................................................18 ART. 32 RAPPORTO TRA IL CONSIGLIO I DIPENDENTI ED I COLLABORATORI ........................................19 ART. 33 OBBLIGHI DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ......................................................................19 ART. 34 PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ...........................................................................................................19 CAPITOLO 5 USO DELLA SEDE DELL’ORDINE ....................................................................................................19 ART. 35 ART. 36 ART. 37 ART. 38

CRITERI PER L’UTILIZZO DEI LOCALI .......................................................................................19 CRITERI PER L’ORGANIZZAZIONE DELLE INIZIATIVE................................................................20 APERTURA SERALE ...............................................................................................................20 ATTIVITA’ AMMESSE.............................................................................................................21

3


CAPITOLO 6 COMMISSIONI E GRUPPI DI LAVORO INTERNI ALL’ORDINE ......................................................... 21 ART. 39 ART. 40 ART. 41 ART. 42

FUNZIONE ............................................................................................................................ 21 AUTONOMIA........................................................................................................................ 21 COMPOSIZIONE E COORDINAMENTO ................................................................................... 22 PROGRAMMA E DURATA ..................................................................................................... 22

CAPITOLO 7 REGOLAMENTO ELETTORALE ...................................................................................................... 23 ART. 43 ART. 44 ART. 45

ELEZIONI DEL CONSIGLIO ..................................................................................................... 23 PRESENTAZIONE E FORMAZIONE DI LISTE E PROGRAMMI..................................................... 23 DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE .................................................................................... 24

ALLEGATO1 .............................................................................................................................................. 25 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PER L’EMISSIONE DEI PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DELLE PARCELLE ............................................................................................................. 25 PREMESSA ...................................................................................................................................................... 25 PER UTILE PRO MEMORIA SI RIPORTANO I SEGUENTI ARTICOLI ESTRATTI DAL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI ARCHITETTI ITALIANI IN VIGORE DAL 1° SETTEMBRE 2009 .............................................................................. 25 Art. 32 Art. 33 Art.39

Compensi ............................................................................................................................. 25 Esecuzione dell’incarico ........................................................................................................ 25 Richieste di pagamento ........................................................................................................ 26

CAPO I – NORME GENERALI ............................................................................................................................ 26 Art. 1 Art. 2 Art. 3

Competenza generale ............................................................................................................... 26 Competenza territoriale ............................................................................................................ 26 Commissione consultiva............................................................................................................ 27

CAPO II – COMMISSIONE PARCELLE ................................................................................................................ 27 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art. 14

Norma generale ................................................................................................................... 27 Nomina e composizione della Commissione .......................................................................... 27 Durata della nomina e decadenza dei commissari................................................................. 27 Validità delle sedute ............................................................................................................. 28 Segreto d’ufficio e professionale - Incompatibilità................................................................. 28 Compiti della Commissione .................................................................................................. 28 Rapporti della Commissione parcelle con il Consiglio ............................................................ 29 Compiti del Presidente ......................................................................................................... 29 Compiti del Segretario .......................................................................................................... 29 Cadenza delle riunioni .......................................................................................................... 30 Prestazione dei commissari .................................................................................................. 30

CAPO III – RICHIESTE E PARERI ........................................................................................................................ 30 Art. 15 Art. 16 Art. 17

Pareri................................................................................................................................... 30 Documenti richiesti al professionista .................................................................................... 31 Documenti da esibire da parte del committente privato o ente pubblico.............................. 31

CAPO IV – PROCEDURE ................................................................................................................................... 32 Art. 18 Art. 19 Art. 20 Art. 21 Art. 22 Art. 23

4

Domanda di esame parcelle e accettazione .......................................................................... 32 Istruzione delle pratiche ....................................................................................................... 32 Convocazioni........................................................................................................................ 32 Pareri della Commissione ..................................................................................................... 32 Delibera del Consiglio ........................................................................................................... 33 Conservazione dei documenti ............................................................................................... 33


Art. 24 Art. 25

Diritti per il rilascio dei pareri................................................................................................33 RICHIAMI LEGISLATIVI – ENTRATA IN VIGORE .......................................................................33

ALLEGATO2...............................................................................................................................................35 CAPO I TERMINI DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO ..............................................................................35 Art. 1 ......................................................................................................................................................35 Art. 2 ......................................................................................................................................................35 Art. 3 ......................................................................................................................................................36 Art. 4 ......................................................................................................................................................36 CAPO II RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO....................................................................36 Art. 5 ......................................................................................................................................................36 Art. 6 ......................................................................................................................................................36 CAPO III ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL’ORDINE ................................................................37 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 Art. 17 Art. 18 Art. 19 Art. 20 Art. 21

DISCIPLINA ...........................................................................................................................37 FINALITA’ .............................................................................................................................37 ATTI .....................................................................................................................................37 ATTI ESCLUSI ALL’ACCESSO ...................................................................................................38 MOTIVAZIONE PER L’ACCESSO AGLI ATTI ..............................................................................38 PRESENZA DI CONTRO INTERESSATI ......................................................................................39 ACCESSO INFORMALE ...........................................................................................................39 IMPOSSIBILITA’ DI ACCOGLIMENTO IN VIA INFORMALE ........................................................39 ACCESSO FORMALE ..............................................................................................................39 COSTO DI RIPRODUZIONE COPIE ...........................................................................................40 SESSIONI DI ACCESSO AGLI ATTI ............................................................................................40 TERMINI ...............................................................................................................................40 ACCOGLIMENTO, DIFFERIMENTO E RIFIUTO.........................................................................41 DIRITTO DI ACCESSO DEI CONSIGLIERI DELL’ORDINE .............................................................42 RICHIAMI LEGISLATIVI – ENTRATA IN VIGORE .......................................................................42

ALLEGATO3...............................................................................................................................................43 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9

Azione disciplinare ....................................................................................................................43 Procedimento di istruttoria .......................................................................................................44 Conclusione della fase preliminare ............................................................................................44 Avvio del procedimento disciplinare ..........................................................................................44 Celebrazione del procedimento disciplinare ...............................................................................45 Contenuto del provvedimento disciplinare .................................................................................46 Sanzioni ....................................................................................................................................46 Pubblicità dei provvedimenti disciplinari ....................................................................................48 Procedimenti disciplinari nei confronti di iscritti alla sezione B dell’Albo pendenti avanti il Consiglio dell’Ordine .................................................................................................................49 Art. 10 Richiami legislativi – Entrata in vigore .......................................................................................49

5


CAPITOLO 1

ART. 1

GENERALITA’

1. L’attività del Consiglio dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti, Conservatori della Provincia di Bergamo è disciplinata dal presente regolamento, redatto ai sensi dell’art. 42 del R.D. n° 2537/1925. 2. Il Regolamento integra operativamente le attribuzioni di legge che restano piene e complete e annulla a tutti gli effetti ogni altro atto o deliberazione assunti in precedenza per regolare le attività del Consiglio. 3. Il regolamento è stato elaborato dal Consiglio e sottoposto all’approvazione dell’Assemblea generale degli Iscritti nella seduta del 29 gennaio 2010.

CAPITOLO 2

ART. 2

ORGANI COSTITUTIVI DELL’ORDINE

1. Gli organi dell’Ordine sono: a. l’Assemblea degli Iscritti b. il Consiglio c. la Commissione per i pareri sulla liquidazione delle parcelle.

ART. 3

L’ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI ALL’ORDINE

1. Le Assemblee generali sono ordinarie (per l’approvazione dei bilanci) e straordinarie ed esercitano tutte le funzioni attribuitegli dalle vigenti norme in materia (R.D. n° 2537/1925, D.L.L. n° 382 del 1944, D.P.R. n° 169 del 2005). 2. L’Assemblea viene convocata dal Presidente del Consiglio quando lo ritenga opportuno ed, in ogni modo, a richiesta scritta della maggioranza dei componenti del Consiglio ovvero da un quinto degli Iscritti all’Albo con richiesta motivata. 3. L’avviso di convocazione dell’Assemblea è spedito a tutti gli Iscritti nell’Albo, esclusi i sospesi dall’esercizio della professione, a mezzo Posta Elettronica Certificata –PEC(con valore legale equivalente alla raccomandata), almeno dieci giorni prima della data fissata, oltre che pubblicato sul sito web dell’Ordine. Il Consiglio potrà valutare anche l’opportunità di inviare copia dell’avviso stesso a mezzo e mail e/o stampa. 4. L’Ordine del giorno dell’Assemblea viene deciso dal Consiglio.

7


5. Ogni iscritto può chiedere, all’apertura della seduta e previa specifica votazione favorevole – a maggioranza dei presenti -, di introdurre eventuali argomenti aggiuntivi all’Ordine del giorno. 6. Tali argomenti saranno discussi in coda all’Ordine del Giorno già stabilito ma non potranno essere sottoposti a deliberazione.

ART. 4

IL BILANCIO

1. I bilanci dell’Ordine sono pubblici e devono essere approvati annualmente in Assemblea ordinaria entro il mese di marzo di ogni anno. La proposta di bilancio, adottata dal Consiglio, sarà messa a disposizione degli Iscritti, presso la Segreteria dell’ORDINE, almeno dieci giorni consecutivi prima dell’assemblea.

ART. 5

IL CONSIGLIO - FUNZIONI E ATTIVITA’

1. L’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti, Conservatori della provincia di Bergamo è retto dal Consiglio. 2. Il Consiglio svolge le funzioni fondamentali previste dalle disposizioni di legge: a. Provvede alla custodia, alla formazione ed all’annuale aggiornamento telematico dell’Albo, apportandone le varianti che fossero necessarie, inviandone copia agli Iscritti, agli Enti, alle Autorità ed agli Istituti di cui all’art. 23 del R.D. n° 2537/1925 e a quegli Enti e Istituzioni pubblici e privati che riterrà opportuno. b. Provvede all’amministrazione dei beni spettanti all’Ordine e propone annualmente all’approvazione dell’Assemblea il conto consuntivo ed il bilancio preventivo, ordinariamente entro il mese di marzo di ogni anno. Il Consiglio può, entro i limiti strettamente necessari a coprire le spese per il funzionamento dell’Ordine, stabilire una tassa annuale per l’iscrizione all’Albo, nonché una tassa per il rilascio dei certificati e dei pareri per la liquidazione degli onorari. Ferma rimanendo l’efficacia delle norme che impongono contributi a favore di enti previdenziali di categoria, nessun pagamento, oltre a quelli previsti dal D.L.L. n° 382/1944, può essere imposto o riscosso per l’esercizio della professione a carico degli Iscritti nell’Albo. c. Delibera, su richiesta, sull’entità delle liquidazioni spese in base al parere espresso dalla Commissione Parcelle. Fornisce inoltre pareri sulle controversie professionali ed altri eventualmente richiesti dalle Pubbliche Amministrazioni su argomenti attinenti la professione. Qualora il rilascio di tali pareri richieda consulenze di altre figure professionali, queste verranno compensate direttamente dal richiedente, previa approvazione del preventivo di spesa. d. Vigila affinché il comportamento degli Iscritti sia conforme alle norme di deontologia professionale, sul mantenimento della disciplina tra gli Iscritti affinché il loro compito sia svolto con probità e diligenza; vigila inoltre sulla tutela dell’esercizio professionale e sul decoro dell’Ordine; reprime gli abusi e le mancanze di cui gli Iscritti si rendessero colpevoli nell’esercizio della professione, assumendo i provvedimenti disciplinari e le sanzioni nei modi e nelle forme di legge – legge n° 1395/1923, R.D. n° 2537/1925, D.M. 10.11.1948, D.P.R. n° 328/2001, D.P.R. n° 169/2005; e. Reprime l’uso abusivo del titolo e l’esercizio abusivo della professione presentando, denuncia all’autorità giudiziaria. 3. Il Consiglio è responsabile della gestione dell’Ordine che attua mediante un programma operativo generale. 4. Il Consiglio, entro tre mesi dalla sua elezione, definisce tale programma operativo generale e settoriale articolato per ambiti di lavoro e lo invia a tutti gli Iscritti insieme alla

8


convocazione dell’Assemblea generale per illustrarne i contenuti e promuovere la partecipazione degli Iscritti all’attività dell’Ordine. 5. Il Consiglio lavora collegialmente, definendo precisi programmi operativi in ordine a situazioni emergenti. Ai Consiglieri, singolarmente o attraverso Gruppi di Lavoro, possono essere affidati specifici incarichi. L’apporto dei Consiglieri, pertanto, non si esaurisce nelle sedute prescritte. 6. Il Consiglio, in riferimento alla partecipazione degli Iscritti all’attività dell’Ordine, promuove la formazione Commissioni e Gruppi di Lavoro che svolgano un ruolo consultivo per la trattazione di temi specifici attinenti alla professione. Essi sono composti da Iscritti all’Ordine, ma possono stabilire relazioni esterne di tipo informativo e collaborativo anche interprofessionale.

ART. 6

IL CONSIGLIO - CARICHE E NOMINE

1. I Consiglieri restano in carica quattro anni e non possono essere eletti per più di due volte consecutive. 2. Il Consiglio elegge al suo interno un Presidente, iscritto alla sezione A dell’Albo, un Segretario ed un Tesoriere; può anche eleggere un Vice Presidente. 3. Per favorire l’alternanza di gestione dell’Ordine si potrà ricoprire ciascuna di queste cariche solamente per due volte anche se non consecutive; inoltre a metà mandato gli eletti nelle suddette cariche sono tenuti a rimettere il proprio mandato ad un voto di fiducia del Consiglio. 4. Il Consiglio dovrà essere convocato dal Presidente uscente entro quindici giorni dallo scrutinio delle votazioni. Nella prima seduta il Consiglio procederà ad eleggere con voto palese e nell’ordine: il Presidente, il Segretario ed il Tesoriere e l’eventuale Vice Presidente. 5. Il Consiglio, entro le prime quattro sedute successive al suo insediamento, nomina i componenti della Commissione consultiva per l’emissione dei pareri sulle parcelle professionali con le modalità, compiti e condizioni di cui allo specifico Regolamento. 6. I Consiglieri non possono assumere contemporaneamente cariche all’interno degli organi collegiali della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti.

ART. 7

COMPITI DEL PRESIDENTE

1. Il Presidente rappresenta legalmente l’Ordine ed il Consiglio. 2. Compiti specifici del Presidente: a. convoca il Consiglio e le Assemblee e ne presiede le sedute; cura l’ordine del giorno, sentito il Segretario. b. assicura l’esecuzione delle deliberazioni; c. firma i mandati di pagamento, controfirmati dal Segretario, e li trasmette al Tesoriere per la verifica di copertura di bilancio ed esecutività. d. è responsabile dell’osservanza delle scadenze di legge relative ad atti di sua diretta competenza; e. agisce “in nome e per conto” del Consiglio esclusivamente nei casi in cui si ravvisino condizioni d’urgenza. In tal caso alla prima seduta di Consiglio, il Presidente dovrà informare il Consiglio del suo operato e sottoporlo a ratifica.

9


3. In assenza del Presidente ne fa le veci il Vice Presidente, se nominato, ed in sua mancanza il Consigliere più anziano d’età.

ART. 8

COMPITI DEL SEGRETARIO

1. Il Segretario ha i seguenti obblighi: a. riceve e verifica le domande d’iscrizione all’Albo; b. cura la corrispondenza; c. autentica le copie delle deliberazioni; d. ha in consegna l’archivio e la biblioteca; e. organizza gli uffici di Segreteria e vigila con il Tesoriere sul loro buon andamento; f. è responsabile dell’osservanza delle scadenze di legge relative ad atti che investono il Consiglio e/o la Segreteria; g. cura la stesura delle proposte di deliberazione da sottoporre al Consiglio ove necessario; h. redige il verbale delle sedute e delle deliberazioni di Consiglio, eccetto quelle relative ai procedimenti disciplinari redatte dai relatori; i. In assenza del Segretario ne fa le veci il Consigliere meno anziano d’età.

ART. 9

COMPITI DEL TESORIERE

1. Il Tesoriere ha i seguenti obblighi: a. è responsabile dei fondi e degli altri titoli di valore di proprietà dell’Ordine; b. riscuote il contributo di iscrizione all’Ordine fissato annualmente dal Consiglio; c. autorizza direttamente i pagamenti, nonché i versamenti, delle previsioni di bilancio, attinenti la gestione ordinaria. d. Per le spese straordinarie il Tesoriere potrà procedere ai relativi pagamenti, previa verifica di copertura a bilancio, secondo le modalità di seguito riportate: - Per importi fino a €5.000: direttamente, previa valutazione di almeno tre preventivi, con obbligo di necessaria comunicazione al primo Consiglio utile. - Per importi fino a € 10.000: con firma del Presidente ed obbligo di successiva comunicazione al primo Consiglio utile. - Per importi superiori: con deliberazione di Consiglio. e. vigila con il Segretario sul buon andamento degli uffici di Segreteria; f. cura la formazione dell’inventario dei beni dell’Ordine; g. mantiene aggiornata la contabilità di cassa trimestralmente che deve essere consultabile su richiesta dei consiglieri; h. assume la responsabilità dell’osservanza delle scadenze di legge che riguardano atti amministrativi e/o finanziari coinvolgenti l’Ordine; i. provvede alla stesura del conto consuntivo e del bilancio preventivo, da approvarsi ordinariamente entro il mese di marzo di ogni anno; 2. Nessun impegno di spesa può essere preso dal Presidente, Segretario, Consiglieri senza il consenso del Tesoriere. 3. In assenza del Tesoriere ne fa le veci un Consigliere designato dal Presidente.

10


ART. 10 ORDINE DEL GIORNO DEL CONSIGLIO 1. Gli o.d.g. sono redatti dalla Segreteria sui temi ed argomenti indicati dal Presidente. 2. L’o.d.g. viene indicativamente articolato nei seguenti punti: a. lettura e approvazione del verbale della seduta precedente; b. comunicazioni del Presidente; c. ratifica di eventuali decisioni d’urgenza assunte dal Presidente d. deliberazioni di ordinaria amministrazione: iscrizioni, cancellazioni e trasferimenti; e. nomine di rappresentanti dell’Ordine; f. argomenti specifici illustrati dai relatori designati dal Consiglio; g. varie ed eventuali: se queste richiedono una delibera, viene designato un relatore per istruire l’argomento ed esporla all’o.d.g. del Consiglio successivo. 3. La Segreteria è tenuta a fornire ai Consiglieri l’o.d.g. del Consiglio con un preavviso di almeno settantadue ore (tre giorni esclusi i festivi) rispetto alla data di convocazione della seduta, onde consentire agli stessi di poter esaminare l’eventuale documentazione depositata per ciascun argomento da trattare. L’o.d.g. del Consiglio contestualmente alla trasmissione ai Consiglieri sarà esposto (per la parte non riservata) nella bacheca presso la sede dell’Ordine ed inserito nel sito web dell’Ordine per essere consultabile da tutti gli Iscritti. 4. Gli argomenti Iscritti all’o.d.g. non discussi o non definiti passano con priorità al successivo Consiglio. 5. Ogni Consigliere può chiedere che un determinato argomento sia posto all’o.d.g. di una successiva seduta. L’argomento può essere discusso, tra le varie ed eventuali, nella medesima seduta qualora il Consiglio sia d’accordo a maggioranza dei presenti; qualora richieda una deliberazione o un impegno di spesa, l’argomento deve essere inserito all’o.d.g. della seduta successiva, salvo il caso in cui sia presente la totalità dei Consiglieri.

ART. 11 ESPRESSIONE DI VOTO IN CONSIGLIO 1. Tutte le votazioni espresse in Consiglio sono palesi comprese quelle riguardanti i procedimenti disciplinari. La votazione può essere resa non palese su specifica richiesta di 1/3 dei Consiglieri; la motivazione di tale richiesta dovrà essere verbalizzata. 2. Le deliberazioni sono prese a maggioranza dei Consiglieri presenti; in caso di parità di voti prevale quello del Presidente.

ART. 12 VERBALI DELLE SEDUTE DI CONSIGLIO 1. I verbali delle sedute di Consiglio vengono redatti a cura del Segretario, entro la seduta successiva, sulla base degli appunti e/o registrazioni effettuate durante la seduta, ed anche mediante l’ausilio del personale necessario. 2. Le registrazioni possono avvenire su richiesta di uno dei consiglieri, se la stessa è approvata a maggioranza. 3. I verbali devono riportare le deliberazioni di Consiglio, comprese le dichiarazioni di voto, i risultati delle votazioni e le dichiarazioni, pertinenti il punto all’ordine del giorno in trattazione, che ogni singolo Consigliere presente richieda esplicitamente vengano messe a verbale ed in questa forma devono essere approvati.

11


4. Le dichiarazioni di cui sopra devono essere presentate, per iscritto ed in forma leggile, dal consigliere richiedente nella seduta stessa e formeranno parte integrante del verbale, come documento allegato. Nel caso di voto contrario le dichiarazioni dovranno essere trascritte sul verbale medesimo. 5. Lo stile del verbale deve essere sufficiente ad indicare le motivazioni per cui è stata assunta una certa delibera, senza soffermarsi sulle discussioni che ne stanno alla base e senza entrare nei dettagli di ogni singolo intervento. 6. Quando l’argomento in discussione comporta la valutazione del comportamento e/o della figura di uno o più Iscritti, la trattazione e la relativa verbalizzazione sono riservate, salvo specifica richiesta degli interessati ritenuta accoglibile dal Presidente. 7. La bozza di verbale è secretata e viene inviata tempestivamente ad ogni Consigliere per una verifica di conformità a quanto discusso e deciso in Consiglio. Nel caso un Consigliere abbia delle precisazioni da apportare al testo, limitatamente al proprio intervento fatto in sede di Consiglio, le comunica per iscritto al Segretario entro 72 ore dall’invio della bozza, perché lo stesso possa predisporre il testo definitivo da far approvare nella prima seduta utile di Consiglio. Se non pervengono richieste di precisazione alla bozza trasmessa, il verbale viene comunque approvato nella prima seduta utile di Consiglio. 8. I verbali approvati, per la parte non riservata, sono consultabili presso la sede dell’Ordine.

ART. 13 DELIBERE DI CONSIGLIO 1. Tutte le deliberazioni del Consiglio, evidenziate nei verbali, sono pubbliche, fatte salve le norme di legge, ed immediatamente esecutive salvo diversa disposizione del Consiglio. 2. Le delibere saranno accompagnate dal numero dei Consiglieri presenti, dal numero dei voti favorevoli, contrari con la relativa motivazione e astenuti. 3. Per le deliberazioni relative a procedimenti disciplinari si rinvia all’Allegato specifico del presente regolamento (ALLEGATO 3) di cui costituisce parte integrante.

ART. 14 SEDUTE DI CONSIGLIO 1. Il Consiglio è convocato dal Presidente ogni volta che lo ritenga necessario, anche su richiesta scritta e motivata di almeno due membri del Consiglio. In questo ultimo caso, la riunione deve tenersi entro 60 giorni e devono essere inseriti all’ordine del giorno gli argomenti proposti, purchè di competenza consiliare. Il Consiglio delibererà il calendario delle sedute con cadenza almeno trimestrale. 2. Il Consiglio è di norma presieduto dal Presidente, in sua assenza, è presieduto dal Vice Presidente o, in assenza di quest’ultimo, dal Consigliere che fra i presenti risulti il più anziano per età. 3. La seduta di Consiglio è valida con la presenza di un numero pari alla metà più uno dei membri eletti. 4. I Consiglieri devono partecipare alle sedute di Consiglio ordinariamente per l’intera durata dello stesso salvo quanto previsto ai successivi punti 5 e 6. 5. Nel caso in cui un Consigliere debba assentarsi prima della conclusione della seduta, è tenuto a comunicarlo al momento dell’apertura della stessa. 6. Il Consigliere che non può partecipare alla seduta di Consiglio è tenuto a darne comunicazione all’ufficio Segreteria entro le ore 10.00 del giorno stabilito, salvo causa di

12


forza maggiore; in caso contrario la sua assenza sarà considerata ingiustificata. Il Consigliere è tenuto ad avvertire di eventuale ritardo entro l’ora stabilita; in caso contrario e nel caso il ritardo sia superiore ad un’ora, sarà considerato assente. 7. Il Consigliere che senza giustificato motivo, non interviene a due adunanze consecutive, o dopo quattro assenze giustificate consecutive è considerato dimissionario. 8. Ogni Consigliere è tenuto a partecipare annualmente ad almeno i 2/3 delle riunioni pena la decadenza dalla carica di Consigliere. 9. Il Consiglio provvede alla sostituzione del Consigliere dimissionario o decaduto nominando il primo dei candidati non eletti, iscritto alla medesima sezione dell’Albo, e convocandolo per la prima seduta utile di Consiglio. 10. Lo spazio di tempo intercorrente tra due successive sedute non può eccedere i trenta giorni, salvo nel caso di chiusura dell’Ordine o per altre cause di forza maggiore. 11. Le riunioni del Consiglio, di norma non sono pubbliche. Il Consiglio può, in particolari casi, dichiarare pubblica una seduta definendo le modalità di partecipazione di altri soggetti, Iscritti e non Iscritti, come meri relatori o uditori; in caso di votazione gli stessi dovranno abbandonare la seduta. 12. Per particolari argomenti all’Ordine del giorno può essere motivatamente chiesto il segreto d’ufficio da parte di uno o più Consiglieri qualora non sia specificatamente previsto per legge.

ART. 15 SEGRETO D’UFFICIO 1. I Consiglieri e tutti gli Iscritti che abbiano accesso alle informazioni riservate, sono tenuti al segreto d’ufficio ed alla massima riservatezza in merito alle stesse.

ART. 16 CRITERI PER LA SEGNALAZIONE DI NOMINATIVI PER LA PRESENZA DI UN ISCRITTO IN COMMISSIONI EDILIZIE, URBANISTICHE, PER LA QUALITA’ ARCHITETTONICA ED IL PAESAGGIO E ALTRE COMMISSIONI 1. Il Consiglio dell’Ordine, nel caso ne venga fatta richiesta da parte delle pubbliche amministrazioni, comunica agli Iscritti la richiesta pervenuta, raccoglie i curricula inviati dagli Iscritti e li trasmette alle amministrazioni richiedenti previa verifica dei requisiti di seguito riportati. 2. Possono essere segnalati dall’Ordine ed accettare la nomina solo gli Iscritti che abbiano un’anzianità d’iscrizione all’Ordine di almeno tre anni e non si trovino in condizioni d’inammissibilità o incompatibilità definite dalle specifiche norme deontologiche e siano in regola con i pagamenti della quota di iscrizione annuale all’Ordine. 3. Qualora la richiesta rivesta carattere di estrema urgenza, la segnalazione verrà decisa dal Presidente e controfirmata o dal Segretario o dal Consigliere delegato del Gruppo di Lavoro “Bandi e Concorsi” nel rispetto dei soli requisiti di cui al secondo comma del presente articolo e per qualifica professionale.

13


ART. 17 CRITERI PER LA SEGNALAZIONE DI NOMINATIVI PER LA PRESENZA DI UN ISCRITTO IN COMMISSIONI GIUDICATRICI DI CONCORSI 1. Il Consiglio dell’Ordine, nel caso ne venga fatta richiesta da parte delle Pubbliche Amministrazioni, da Enti o da privati, è tenuto ad indicare uno o più nominativi di propri iscritti resisi disponibili a prendere parte a commissioni giudicatrici di concorsi. 2. Si procederà alle nomine tra gli Iscritti che avranno comunicato la loro disponibilità previa verifica dei curricula, con criteri di rotazione. 3. Il Consiglio dell’Ordine predispone a tal fine un elenco che verrà costantemente aggiornato attraverso l’esame da parte del gruppo di lavoro “Bandi e Concorsi” dei curricula pervenuti applicando una selezione sulla base dei seguenti criteri di giudizio complessivamente considerati: 4.

avere esperienza nella partecipazione a concorsi di architettura ottenendo premi e segnalazioni;

5.

aver pubblicato articoli inerenti la critica architettonica;

6.

avere all’attivo pubblicazioni di progetti propri e/o di carattere tecnico scientifico inerenti la materia del concorso.

7.

aver già fatto parte di precedenti commissioni giudicatrici;

8. La selezione all’interno dell’elenco verrà operata dal gruppo di lavoro “Bandi e Concorsi” sulla base dell’analisi delle specifiche competenze dell’iscritto in merito al tema di concorso fornito. 9. Il professionista o i professionisti scelti, una volta conclusasi la commissione giudicatrice, verranno inseriti in un secondo elenco che diverrà attivo all’esaurimento del primo. 10. Non possono essere candidati e segnalabili gli Iscritti che: a. sono Iscritti all’Albo da meno di tre anni (fatte salve le norme di legge); b. gli siano stati comminati richiami o provvedimenti disciplinari presso l’Ordine, secondo le seguenti modalità: - Lettera di richiamo: primo richiamo: nessun effetto secondo richiamo: 1 anno di non segnalazione; - Provvedimento disciplinare di “ Censura”: 2 anni di non segnalazione; - Provvedimento disciplinare di “ Sospensione”: 3 anni di non segnalazione a decorrere dalla data di cessazione della sospensione. c. Non sono in regola con i pagamenti della quota di iscrizione annuale all’Ordine 11. Qualora l’elenco risulti vuoto e la richiesta rivesta carattere di estrema urgenza, la segnalazione verrà decisa dal Presidente e controfirmata o dal Segretario o dal Consigliere delegato del Gruppo di Lavoro “Bandi e Concorsi” nel rispetto dei soli requisiti di cui al secondo comma del presente articolo e per riconosciute caratteristiche di merito professionale. 12. In concorsi di particolare rilevanza il Presidente dell’Ordine unitamente al Consigliere delegato del Gruppo di Lavoro “Bandi e Concorsi” potrà valutare di nominare un referente di particolare importanza e qualifica anche se non presente nell’elenco sopra menzionato. 13. Tutte le segnalazioni dovranno essere comunicate alla prima seduta utile di Consiglio per la presa d’atto.

14


ART. 18 CRITERI PER LA SEGNALAZIONE DI NOMINATIVI PER INCARICHI PUBBLICI O PRIVATI O ALTRE COMMISSIONI 1. Il Consiglio dell’Ordine, nel caso ne venga fatta richiesta da parte delle Pubbliche Amministrazioni, Enti, Fondazioni, Ordini professionali o da privati, qualora non ritenga, per motivi di evidente opportunità, scegliere i nominativi tra i Consiglieri, comunica agli Iscritti la richiesta pervenuta, raccoglie i curricula inviati dagli Iscritti e li trasmette ai richiedenti previa verifica dei requisiti di seguito riportati. 2. Possono essere segnalati dall’Ordine ed accettare la nomina solo gli Iscritti che: 3. non si trovino in condizioni d’inammissibilità o incompatibilità definite dalle specifiche norme deontologiche; 4. a cui non siano stati comminati richiami o provvedimenti disciplinari presso l’Ordine, secondo le modalità indicate all’art. 17; 5. siano in regola con i pagamenti della quota d’iscrizione annuale all’Ordine. 6. Solo nel caso di segnalazioni per altre commissioni il Consiglio potrà valutare per motivi di opportunità e scegliere i nominativi da segnalare anche tra i Consiglieri in carica.

ART. 19 CRITERI PER LA SEGNALAZIONE DI NOMINATIVI PER INCARICHI DI COLLAUDO GENERALE O STATICO, DI PERIZIE E DI ARBITRATI 1. Il Consiglio dell’Ordine, nel caso ne venga fatta richiesta da parte delle pubbliche amministrazioni o da privati, è tenuto ad indicare una terna di nominativi. Si procederà alle nomine tra gli Iscritti che avranno comunicato la loro disponibilità e previa verifica dei curricula, con criteri di rotazione. 2. Per i collaudi statici e amministrativi la terna sarà estratta dagli Elenchi in dotazione presso l’Ordine, da aggiornarsi periodicamente, attraverso l’utilizzo del programma dell’Albo in dotazione alla segreteria, al fine di garantire l’abbinamento casuale nel sorteggio dei nominativi ed il sistema di rotazione. 3. Non possono essere candidati e segnalabili gli Iscritti che: a. sono stati nominati dal Consiglio e scelti dal richiedente nel precedente anno solare, fino ad esaurimento delle disponibilità; b. sono Iscritti all’Albo da meno di cinque anni (fatte salve le norme di legge); c. sono Consiglieri dell’Ordine in carica o legati a questi da vincoli di parentela (sino al terzo grado), affinità o società professionale; d. hanno in corso procedimenti disciplinari presso l’Ordine. 4. Per quanto riguarda il controllo sulla formazione di albi di periti o consulenti del Tribunale, valgono le disposizioni di legge. 5. E’ compito del Consiglio documentarsi preventivamente sulla competenza dell’iscritto che

chiede di essere iscritto agli albi del Tribunale, verificare che non abbia in corso o non abbia avuto procedimenti disciplinari e nominare un Consigliere che, in rappresentanza del Presidente, partecipi alle riunioni presso le commissioni del Tribunale deputate alla compilazione degli Albi.

ART. 20 APPALTI 1. Il Consiglio dell’Ordine approverà l’assegnazione di incarichi professionali o appalti ad esterni solo in presenza di un preventivo di spesa e della presentazione di referenze da parte del fornitore.

15


2. Qualora la cifra del contratto di forniture di beni e servizi superi la soglia di €. 5000 (cinquemila). il Tesoriere è tenuto a presentare al Consiglio almeno tre offerte corredate da referenze dei fornitori.

ART. 21 INCARICHI 1. Il Consiglio dell’Ordine non può in alcun modo ed in nessun caso affidare incarichi relativi alla professione dell’Architetto, pianificatore, paesaggista e conservatore ad un iscritto, se non tramite concorso. Dai concorsi tra gli Iscritti per l’affidamento d’incarico da parte dell’Ordine sono esclusi i Consiglieri in carica, i loro parenti affini o soci.

ART. 22 CONVEGNI E RAPPRESENTANZE 1. Il Presidente e/o rappresentanti dell’Ordine all’uopo designati partecipano a congressi o convegni in rappresentanza del Consiglio e ne esprimono la posizione. In mancanza di una posizione del Consiglio, gli eventuali interventi dovranno essere dichiarati espressamente a titolo personale.

ART. 23 PATROCINI 1. L’Ordine può rilasciare il suo “patrocinio” a iniziative utili e significative per la formazione e l’immagine delle categorie degli Architetti, Paesaggisti, Pianificatori e Conservatori. 2. Il “patrocinio gratuito” può essere richiesto e concesso se l’iniziativa ha le seguenti caratteristiche: a. carattere culturale (desumibile dalla qualità dei relatori) b. deciso interesse professionale (per i temi trattati) c. assente o secondario carattere commerciale d. nessun carattere lesivo della dignità degli Architetti. 3. Il “patrocinio con contributo” da parte del richiedente può essere richiesto e concesso se l’iniziativa ha le seguenti caratteristiche: a. carattere commerciale b. deciso interesse professionale (ancorché settoriale) c. normale interesse culturale d. nessun carattere lesivo della dignità degli Architetti. 4. Se il patrocinio non è oneroso, per il rilascio è sufficiente la firma del Presidente e del Segretario o del referente del Gruppo di lavoro al quale il patrocinio si riferisce (cultura, formazione, ecc.). In ogni caso si dovrà informare il Consiglio per presa d’atto dei patrocini concessi. 5. Se il patrocinio è oneroso, la concessione è di competenza del Consiglio, che delibera annualmente l’entità del contributo da richiedere ai promotori delle iniziative. 6. Eccezionalmente, nei casi di estrema urgenza, il Presidente può concedere i “patrocini” anche onerosi, nel rispetto delle condizioni di cui ai punti precedenti, dandone successiva comunicazione al Consiglio, per presa d’atto, nella prima seduta utile.

ART. 24 RIMBORSI SPESE 1. Ai Consiglieri è riconosciuto un rimborso per le spese vive sostenute per l’assolvimento dei soli incarichi istituzionali.

16


2. Nel caso l’incarico sia stato affidato ad un iscritto, il rimborso spese deve essere preventivamente deliberato dal Consiglio. 3. Il Consiglio può decidere di istituire un rimborso spese forfetario per i Consiglieri e per le cariche istituzionali.

ART. 25 LIMITI DELLE COMPETENZE DEL CONSIGLIO 1. Le deliberazioni che impegnino finanziariamente il bilancio dell’Ordine oltre il mandato quadriennale del Consiglio, sono soggette al parere vincolante dell’Assemblea degli Iscritti.

ART. 26 LA COMMISSIONE PER I PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DELLE PARCELLE 1. La Commissione per i pareri sulla liquidazione delle parcelle è disciplinata dall’apposito “REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PER L’EMISSIONE DEI PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DELLE PARCELLE PROFESSIONALI” di cui all’ ALLEGATO 1, che costituisce parte integrante del presente Regolamento.

ART. 27 PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 1. I procedimenti disciplinari sono normati dall’apposito “REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI” di cui all’ ALLEGATO 3, di cui costituisce parte integrante del presente regolamento.

CAPITOLO 3 albo ART. 28 PUBBLICAZIONE E DUPLICAZIONE 1. L’ORDINE cura la regolare tenuta dell’Albo con l’elenco degli Iscritti. 2. Una volta redatto, l’albo sarà revisionato a cadenza almeno annuale a spese e cura dell’Ordine e trasmesso in forma scritta o su supporto informatico (integralmente e/o solo nella parte di aggiornamento) agli enti, nella forma prevista dalla legge. 3. L’albo è disponibile per la consultazione pubblica presso l’Ordine, negli orari di apertura al pubblico e con pubblicazione sul sito dell’Ordine ed aggiornato nei trenta giorni successivi ad ogni Consiglio in cui si sia preso atto delle variazioni. 4. Copia dell’Albo sarà rilasciata, dietro pagamento, a chiunque ne faccia richiesta. Il rimborso delle spese di riproduzione verrà approvato dal Consiglio.

17


ART. 29 ELENCHI SPECIALI. 1. Vengono formati e pubblicati i seguenti elenchi speciali al fine di rendere pubbliche ed accessibili le specifiche competenze professionali acquisite dagli Iscritti al presente Ordine: a. Iscritti all’Albo dei Consulenti Tecnici di Ufficio del Tribunale b. Iscritti negli elenchi del Ministero degli Interni ex-legge 818/84 c. Iscritti nell’Albo Regionale Collaudatori Strutturali d. Iscritti nell’Albo Regionale Collaudatori Amministrativi e. Iscritti nell’elenco dei tecnici competenti in acustica ambientale riconosciuti dalla Regione Lombardia f. Iscritti nell’elenco dei soggetti accreditati alla certificazione energetica in Regione Lombardia g. Coordinatore per la Sicurezza h. Esperto Ambientale e del Paesaggio i. Esperto in materia di abolizione delle barriere architettoniche

ART. 30 BANCA DATI 1. La “banca dati” inerente l’attività professionale degli Iscritti, le loro cariche o incarichi pubblici e la loro disponibilità a rappresentare l’Ordine sotto qualsiasi forma, si forma tramite compilazione di apposita “scheda raccolta dati”, predisposta dal Consiglio dell’Ordine e compilata/aggiornata a cura e responsabilità dell’interessato. 2. La “Banca Dati” è un archivio riservato accessibile al solo Consiglio per le attività istituzionali. L’uso di dati per semplice attività professionale di ricerca o statistica puo’ essere consentito, con esclusione dei dati sensibili, solo attraverso l’affiancamento di un Consigliere proponente.

CAPITOLO 4 segreteria ART. 31 RAPPORTI CON IL PUBBLICO 1. E’ compito della Segreteria, dietro disposizioni del Consiglio, organizzare l’attività quotidiana dell’Ordine stabilendo e rendendo noti a tutti gli Iscritti e al pubblico: a. Gli orari ed i giorni di apertura della sede dell’Ordine; b. L’individuazione del personale necessario per un efficiente servizio al pubblico; c. Ogni notizia necessaria alla massima trasparenza e accessibilità ai servizi forniti dall’Ordine.

18


ART. 32 RAPPORTO TRA IL CONSIGLIO I DIPENDENTI ED I COLLABORATORI 1. Il rapporto tra il Consiglio, nella persona di ogni suo componente, ed il personale dipendente e i collaboratori dell’Ordine deve essere informato alla massima espressione di professionalità, correttezza e lealtà. 2. Atteggiamenti od attività da parte dei Consiglieri ingiustificatamente lesivi della dignità del personale dipendente e dei collaboratori saranno considerati grave infrazione delle norme deontologiche.

ART. 33 OBBLIGHI DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI 1. I dipendenti e i collaboratori sono tenuti alla massima riservatezza e nell’esercizio delle loro mansioni e, di conseguenza, non devono comunicare a terzi notizie sugli Iscritti nel rispetto della legge sulla “privacy” n 196/2003 e successive modifiche e integrazioni. 2. I dipendenti e collaboratori dell’Ordine sono tenuti alla massima correttezza e disponibilità nei confronti del pubblico, nel limite delle proprie competenze; sono altresì tenuti, negli orari di apertura al pubblico, ad esibire il documento nominativo di identificazione.

ART. 34 PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI 1. I procedimenti amministrativi ed il diritto di accesso ai documenti amministrativi dell’ORDINE sono normati dall’apposito “REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DI DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI” di cui all’ALLEGATO 2, che costituisce parte integrante del presente Regolamento.

CAPITOLO 5 uso della sede dell’ordine ART. 35 CRITERI PER L’UTILIZZO DEI LOCALI 1. Il Consiglio, al fine di promuovere lo sviluppo della professione, favorisce l’incontro tra gli Architetti a fini professionali e scientifici e sostiene tutte le iniziative tese a facilitare il progresso culturale degli Iscritti. 2. Per soli scopi culturali , scientifici ed attinenti l’esercizio della professione, per gli Iscritti all’Albo è possibile, utilizzare i locali della Sede dell’Ordine. 3. Su specifica richiesta, il Consiglio dell’Ordine può concedere ad associazioni culturali, professionali o gruppi d’Iscritti all’Albo l’uso degli spazi della Sede per incontri, riunioni, seminari e conferenze, nel rispetto delle seguenti condizioni minime: a. le iniziative dovranno essere conformi al decoro ed alla dignità della professione e fondate su materie di interesse scientifico, professionale o culturale e rivolte a settori o alla generalità degli Architetti;

19


b. la partecipazione alle iniziative dovrà essere gratuita e riservata prevalentemente agli Architetti; c. le riunioni dovranno avere carattere di pubblicità e pertanto ciascun iscritto può essere presente anche se non espressamente convocato. 4. Il criterio di priorità che si dovrà seguire per decidere l’utilizzo dei locali della Sede, sarà il seguente: d. iniziative del Consiglio dell’Ordine; a. iniziative delle Commissioni dell’Ordine; b. iniziative di Enti istituzionali in collaborazione con l’Ordine; c. iniziative di Iscritti all’Ordine;

ART. 36 CRITERI PER L’ORGANIZZAZIONE DELLE INIZIATIVE 1. La specifica organizzazione delle iniziative dovrà rispettare le seguenti disposizioni: a. l’utilizzo degli spazi della Sede avverrà a titolo gratuito, previa prenotazione; b. è resa necessaria una prenotazione presso la segreteria dell’Ordine almeno con una settimana di anticipo, prima della data prevista per lo svolgimento dell’iniziativa; in essa, va specificato il carattere dell’iniziativa, le date, gli orari, i temi trattati; c. è reso necessario indicare il responsabile dell’iniziativa, che manterrà i contatti con la Segreteria dell’Ordine per l’organizzazione generale; d. il responsabile dell’iniziativa dovrà dichiarare, per iscritto, l’assunzione di responsabilità per eventuali danni arrecati agli arredi ed alla struttura, sollevando espressamente l’Ordine da tale carico; e. al termine della iniziativa i locali dovranno essere lasciati in ordine; f. gli orari e le date di svolgimento dell’iniziativa verranno concordati con la Segreteria dell’Ordine; sarà possibile utilizzare gli spazi della Sede anche in orario serale; g. durante le riunioni potrà essere consultata la raccolta bibliotecaria dell’Ordine; h. la concessione dell’uso della Sede non prevede il coinvolgimento del personale di Segreteria; i. l’eventuale uso della strumentazione tecnica dell’ORDINE dovrà essere concordato preventivamente; j. sarà consentito l’uso anche contemporaneo della sala riunioni e dello spazio mostre temporanee; in ogni caso dovranno essere garantite tutte le misure di sicurezza; k. l’uso degli spazi della Sede durante la fase di elezione del nuovo Consiglio verrà data con priorità ai richiedenti che intendono proporsi come candidati per permettere riunioni attinenti alla formazione di programmi; l. in casi particolari d’urgenza, l’occupazione potrà essere consentita in prima istanza direttamente dal Presidente e rilasciata in forma scritta.

ART. 37 APERTURA SERALE 1. Compatibilmente con la soluzione di problemi di sicurezza e di personale, il Consiglio potrà predisporre l’apertura serale degli spazi della Sede dell’Ordine (situati in Passaggio Canonici Lateranensi, 1 - Bergamo), con cadenza settimanale, per incontri, riunioni, seminari e conferenze organizzati da Architetti Iscritti all’Albo. 2. L’accesso alla sala conferenze e l’utilizzo degli spazi per esposizione temporanee è consentito esclusivamente ad iniziative culturali, di formazione e aggiornamento

20


professionale attinenti alla cultura, all’arte, all’architettura e correlate agli aspetti culturali, tecnici e professionali dell’Architetto, anche non patrocinate dal Consiglio.

ART. 38 ATTIVITA’ AMMESSE 1. Durante l’apertura settimanale degli spazi della Sede sarà possibile organizzare le seguenti attività, secondo modalità organizzative e d’accesso precedentemente concordate con la Segreteria dell’Ordine: a. eventi ed iniziative, conferenze e seminari, azioni e riunioni; b. mostre ed iniziative di fruizione culturale, di livello regionale, ma anche nazionale ed internazionale; c. corsi di formazione ed aggiornamento, e workshop tematici, di livello nazionale ed internazionale, con iscrizioni aperte agli Iscritti all’Albo. d. apertura degli spazi come punto d’incontro per la valorizzazione della rete regionale e nazionale degli Ordini degli Architetti attraverso lo scambio di buone pratiche, di esperienze e progetti, così come di azioni divulgative.

CAPITOLO 6 commissioni e gruppi di lavoro interni all’ordine ART. 39 FUNZIONE 1. Il Consiglio, per promuovere la partecipazione degli Iscritti all’attività dell’Ordine, istituisce la formazione di Commissioni permanenti e di Gruppi di Lavoro a termine per particolari obiettivi, specificandone temi e funzioni, modalità organizzative e doveri. 2. Le Commissioni e i Gruppi di lavoro sono organi consultivi ed operativi del Consiglio dell’Ordine e svolgono i seguenti principali compiti: a. forniscono consulenza al Consiglio dell’Ordine; b. affiancano il Consiglio nell’approfondimento di tematiche varie; c. svolgono operazioni preparatorie alla sua attività istituzionale; d. affiancano il Consiglio dell’Ordine nei rapporti con i propri Iscritti e con l’esterno; e. per richiesta del Consiglio, curano l’organizzazione d’incontri culturali, riunioni, convegni, corsi di formazione. 3. Le Commissioni si occupano di temi ed attività con carattere di continuità, mentre i Gruppi di lavoro esauriscono il loro mandato con il raggiungimento dell’obiettivo per cui sono nati.

ART. 40 AUTONOMIA 1. Le Commissioni e i Gruppi di Lavoro operano in piena autonomia per quanto riguarda l’elaborazione dei temi in esame e le eventuali iniziative pubbliche da proporre al Consiglio, mentre il tema di lavoro e il relativo programma va riconfermato o aggiornato 2. al Consiglio all’inizio di ogni anno.

21


3. Ciascuna Commissione e Gruppo di Lavoro organizzerà le proprie attività secondo le esigenze degli obiettivi prefissati. 4. Il Consiglio ha la facoltà di proporre programmi di studio che possano dare il via a nuove Commissioni e/o Gruppi di Lavoro. 5. Le sedute delle Commissioni e dei Gruppi di Lavoro sono aperte a tutti gli Iscritti; le date degli incontri saranno pubblicate sul sito dell’Ordine almeno cinque giorni prima.

ART. 41 COMPOSIZIONE E COORDINAMENTO 1. Le Commissioni ed i Gruppi di Lavoro sono composte di un numero minimo di tre membri, scelti tra gli Architetti Iscritti all’Ordine. 2. I componenti delle Commissioni e/o dei Gruppi di Lavoro vengono scelti tramite candidatura spontanea al settore di interesse. 3. I componenti del gruppo di lavoro, nel caso venissero a conoscenza di notizie che non devono essere divulgate, sono tenuti al segreto d’ufficio. 4. Il Consiglio dell’Ordine indica per ogni Commissione e Gruppo di Lavoro, il Consigliere Referente al Consiglio stesso, che si fa attivo tramite tra le attività della Commissione e/o del Gruppo con il Consiglio dell’Ordine. Il Consigliere Referente è tenuto a verificare le attività intraprese dalla Commissione e/o dal Gruppo di Lavoro e a riferirne periodicamente al Consiglio. 5. In accordo con il Consiglio, ogni Commissione e Gruppo di Lavoro nomina al proprio interno, scelto tra i propri membri, un Coordinatore di Commissione e/o di Gruppo di Lavoro. 6. Il Coordinatore organizza e dirige la Commissione, sorvegliandone il buon funzionamento in ordine alla produttività e al comportamento etico e deontologico. Esso propone e discute con il Consigliere Referente le iniziative che ritiene utili al miglior funzionamento della propria Commissione. 7. Il Coordinatore può invitare, a singole riunioni, esperti anche estranei alla Commissione che su particolari argomenti possano fornire pareri, informazioni.

ART. 42 PROGRAMMA E DURATA 1. Entro un mese dalla loro costituzione, e comunque a scadenza annuale, le Commissioni ed i Gruppi di Lavoro devono formulare il loro Piano Operativo e trasmetterlo al Consiglio, in questa fase possono prospettare il quadro di iniziative pubbliche che intendono promuovere (es. consultazione di esperti, consulenze, convegni di studi, conferenze, ecc.) preventivandone i relativi costi. 2. Il Consiglio valuterà le proposte della Commissione e/o del Gruppo di Lavoro ed inserirà nel proprio bilancio una voce specificatamente dedicata. In ogni caso le iniziative che comportano l’appoggio economico dell’Ordine dovranno essere sottoposte all’approvazione del Consiglio. 3. Il candidato scelto come membro della Commissione e/o Gruppo di lavoro deve garantire la continuità del suo impegno per tutto il periodo temporale previsto per le attività della Commissione e/o Gruppo di Lavoro. 4. Le Commissioni si riuniscono, preferibilmente presso la sede dell’Ordine, con cadenza non inferiore al bimestre e comunque ogni altra volta che il Coordinatore lo ritenga necessario.

22


5. Le Commissioni hanno durata pari a quella del Consiglio e decadenza naturale insieme al Consiglio. 6. In ogni momento, il Consiglio può deliberare la decadenza di una o di più Commissioni o l’esclusione o la sostituzione di membri delle stesse, con adeguate motivazioni.

CAPITOLO 7 regolamento elettorale ART. 43 ELEZIONI DEL CONSIGLIO 1. Il regolamento per l’elezione del Consiglio dell’Ordine è il D.P.R. 8 luglio 2005, n. 169 cui si rimanda. 2. Al fine del corretto e trasparente svolgimento delle operazioni elettorali si aggiungono alcune note integrative: a. Le votazioni per l’elezione del Consiglio dell’Ordine avranno luogo di norma presso la sede dell’Ordine. b. Il Consiglio uscente può deliberare di aprire altrove ulteriori seggi allo scopo di facilitare l’accesso al voto, previo l’avviso a tutti gli Iscritti. Il luogo di votazione dovrà essere riportato con evidenza sull’avviso di convocazione. c. Le schede elettorali predisposte per la votazione devono essere pari almeno alla metà degli Iscritti, devono riportare un numero di righe pari a quello dei Consiglieri da eleggere ed essere debitamente timbrate e firmate dal Presidente di seggio prima dell’inizio delle operazioni elettorali. d. La Segreteria deve tenere annotate le ulteriori schede da predisporre se ne venissero richieste. e. Ove in Consiglio si manifestassero delle minoranze, queste ultime, avranno il diritto di indicare almeno uno scrutatore per ogni seggio. f. Ad ogni sospensione e alla chiusura del seggio elettorale si procede a sigillare e firmare i contenitori delle schede votate e di quella ancora da votare da parte di tutti i componenti del seggio. Le urne debitamente sigillate, nei giorni di votazione, saranno conservate in locale chiuso a chiave sotto la personale responsabilità del Presidente del seggio. g. La riapertura del seggio di votazione deve avvenire sempre alla presenza di tutti i componenti del seggio. h. Durante la votazione è richiesta la presenza di almeno tre componenti del seggio.

ART. 44 PRESENTAZIONE E FORMAZIONE DI LISTE E PROGRAMMI 1. Tutti gli Iscritti all’Albo possono esser eletti a far parte del Consiglio Direttivo. 2. Coloro che si candidano per le elezioni del Consiglio sono, di norma, tenuti a presentare un documento programmatico contenente le attività che il futuro Consiglio dovrà svolgere durante il mandato. 3. Ogni documento programmatico sarà accompagnato e sottoscritto da una lista di candidati o dal singolo candidato. I documenti programmatici devono essere depositati

23


direttamente in Segreteria dell’Ordine fino a sette giorni prima della convocazione delle elezioni. 4. Tali programmi, unitamente ai nominativi dei firmatari e dei candidati, verranno contrassegnati con un numero progressivo (lista n. 1, lista n. 2, ecc) secondo l’ordine di presentazione alla Segreteria. 5. Una copia dei documenti programmatici verrà affissa presso l’Ordine e tutti gli Iscritti potranno prenderne visione e ottenerne una copia. 6. Durante il periodo di elezione, e cioè per tutti i cinquanta giorni antecedenti la data stabilita, la Sede dell’Ordine verrà messa a disposizione per riunioni finalizzate alla stesura di documenti programmatici. L’uso della sede avverrà nel rispetto delle condizioni descritte al capitolo 6, con deroga all’ uso anche oltre gli orari di Segreteria, fermo restando la responsabilità attribuita all’iscritto che richiede la prenotazione.

ART. 45 DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE 1. Il presente Regolamento Generale e i tre Regolamenti allegati di cui agli articoli 26, 27 e 34 possono essere modificati e/o integrati con semplice deliberazione di Consiglio assunta con la maggioranza qualificata dei due terzi e con la presenza di almeno nove Consiglieri. 2. Ogni modifica e/o integrazione dovrà essere comunicata per conoscenza a tutti gli Iscritti e ribadita, per semplice presa d’atto, in occasione dell’annuale Assemblea ordinaria di bilancio. 3. Resta di competenza dell’Assemblea degli Iscritti la sola possibilità di modificare quanto previsto dal presente articolo, dall’articolo 6 e dall’articolo 25 del Regolamento Generale. 4. Il presente Regolamento Generale con i relativi Allegati entra in vigore dal 29 gennaio 2010. 5. Le presenti norme saranno inviate alla Procura della Repubblica e a tutti gli Enti territoriali competenti, verranno pubblicate sul sito web dell’Ordine; copia sarà inviata a tutti gli Iscritti, consegnata a tutti i futuri nuovi Iscritti all’Albo degli A.P.P.C. di Bergamo. 6. Dalla loro entrata in vigore annullano e sostituiscono tutte le precedenti norme. 7. Tutti gli Iscritti sono tenuti a rispettarle. Il mancato rispetto o la violazione ad uno degli articoli del presente Regolamento saranno fatti oggetto degli opportuni provvedimenti disciplinari di cui all’art. 45 del R.D. n° 2537/1925 e del D.M. 10.11.1948 e dalle apposite disposizioni specifiche vigenti.

24


ALLEGATO

1

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PER L’EMISSIONE DEI PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DELLE PARCELLE

PREMESSA

Per utile pro memoria si riportano i seguenti articoli estratti dal Codice Deontologico degli Architetti Italiani in vigore dal 1° settembre 2009

Art. 32

Compensi

1.

Tenuto conto di quanto previsto dall’art. 2, comma 1, lett. b) della legge 4 agosto 2006, n. 248, che ha abrogato le disposizioni, legislative e regolamentari, che prevedono con riferimento alle attività libero professionali o intellettuali l’obbligatorietà di tariffe fisse o minime, l’Architetto determina con il cliente il compenso professionale ai sensi dell’art . 2233 c.c. e nel rispetto di quanto previsto dalle leggi speciali.

2.

L’Architetto nell’accettazione dell’incarico deve definire preventivamente ed esplicitamente con il Cliente i criteri per il compenso per la propria prestazione.

3.

L’Architetto è tenuto a comunicare al Cliente ogni variazione di condizioni che possa modificare le originarie pattuizioni dell’incarico.

Art. 33

Esecuzione dell’incarico

1.

L’Architetto deve svolgere l’incarico con diligenza e perizia richieste dalle norme che regolano la professione.

2.

L’Architetto deve, tempestivamente, informare il cliente, con semplicità e chiarezza, sugli elementi essenziali dell’incarico, del suo svolgimento e di ogni sua evoluzione. In particolare, è tenuto a: a. informare il cliente sulle possibili conseguenze della prestazione richiesta in tutti i profili connessi all’incarico affidatogli e, se del caso, proporre al cliente soluzioni alternative; b. adottare la soluzione tecnica più adeguata alla richiesta del cliente, accertandone la conformità alle norme ad essa applicabili; c. rettificare gli errori, le inesattezze o le omissioni eventualmente commessi nello svolgimento della prestazione;

3.

L’Architetto, fatta salva la sua autonomia intellettuale e tecnica di cui all’art. 4 del nuovo codice deontologico in vigore dal 01/09/2009, deve anteporre gli interessi del cliente a quelli personali.

4.

L’Architetto, qualora debba superare i limiti pattuiti dell’incarico conferitogli, è tenuto ad informare il Cliente e ottener e esplicita autorizzazione concordando modalità e compensi.

25


Art.39

Richieste di pagamento

1.

L’architetto, in costanza del rapporto professionale non formalizzato per iscritto, può chiedere la corresponsione di anticipi parametrati alle spese sostenute ed a quelle prevedibili nonché di acconti sugli onorari commisurati alla quantità e complessità della prestazione professionale oggetto dell’incarico.

2.

l’architetto, ove non previste forfetariamente o percentuale , cura la rendicontazione delle spese sostenute e degli acconti ricevuti ed è tenuto a consegnare, a richiesta del cliente, la nota dettagliata delle spese sostenute e degli acconti ricevuti.

3.

La richiesta di compensi, di cui all’articolo 32, palesemente non proporzionati, all’attività svolta costituisce infrazione disciplinare.

4.

L’architetto, in caso di mancato pagamento, non può chiedere un compenso maggiore di quello già concordato salvo che non ne abbia fatto espressa riserva.

CAPO I – NORME GENERALI Art. 1

Competenza generale

1. Il rilascio dei pareri sulle controversie professionali e la liquidazione degli onorari e delle spese agli Architetti iscritti all’ Albo sono di competenza del Consiglio dell’ Ordine, a norma dell’art. 5 della Legge 24/06/1923 n. 1395. Sono di esclusiva competenza del Consiglio dell’ Ordine nei casi di cui all’ ultimo comma dell’art. 13 della Legge 02/03/1949 n.143 e s.m.i. (TARIFFA PROFESSIONALE), e nei casi di applicazione dell’art. 1 ultimo comma della Circolare Ministero Lavori Pubblici in data 01/12/1969 n. 6679 (TARIFFA URBANISTICA) e legge 4 agosto 2006 n. 248

Art. 2

Competenza territoriale

1. Il Consiglio dell’ Ordine ha competenza sulle prestazioni degli iscritti al proprio Albo, anche se svolte fuori dalla circoscrizione di competenza territoriale. 2. Se la parcella riguarda prestazioni di più Architetti riuniti in gruppo anche appartenenti ad Ordini diversi, la richiesta di parere deve essere rivolta all’ Ordine di appartenenza del capogruppo o, in sua mancanza, a quello del componente dell’ uopo espressamente delegato dagli altri professionisti, unitamente allo loro rinunzia alla richiesta di parere per il medesimo incarico ai propri Ordini di appartenenza e di accettazione delle deliberazioni dell’ Ordine chiamato ad esprimere parere. 3. L’ Ordine dovrà darne comunicazione agli Ordini interessati in via preventiva, e successivamente trasmettere copia dell’ avvenuta liquidazione. 4. Se gli Architetti sono riuniti in Collegio,(ai sensi dell’art. 7 della Legga 143/1949) ciascuno richiederà il parere del proprio Ordine di appartenenza. In tal caso i diversi Ordini dovranno preventivamente consultarsi prima di emettere il proprio parere con lo specifico scopo di conseguire unanimità di giudizio. 5. Le disposizioni precedenti valgono anche nel caso in cui la prestazione sia stata svolta dall’architetto in collaborazione con professionisti non soggetti alla medesima tariffa professionale.

26


Art. 3

Commissione consultiva

1. Il Consiglio, a sensi dell’art. 42 del R.D. 23/10/1925 n. 2537, per l’emissione dei pareri sulla liquidazione degli onorari e delle spese si avvale di un’ apposita Commissione con parere consultivo.

CAPO II – COMMISSIONE PARCELLE Art. 4

Norma generale

1. La Commissione Parcelle è istituita per effettuare l’istruttoria, l’esame ed esprimere i pareri sulla liquidazione delle competenze professionali degli iscritti all’Albo. 2. Il presente titolo provvede a normare la composizione della Commissione, le modalità di nomina dei Commissari e quant’altro necessario per il suo funzionamento.

Art. 5

Nomina e composizione della Commissione

1. Il Consiglio dell’Ordine entro le prime quattro sedute di Consiglio successive al suo insediamento, nomina, scegliendoli fra gli Iscritti all’Albo e mediante votazione, i componenti della Commissione Parcelle. 2. I componenti devono avere i seguenti requisiti: 3. essere Iscritti all’Albo da almeno 7 anni, con la possibilità di deroga per n° 2 componenti. 4. non avere subito, richiami e provvedimenti disciplinari che ne comportano l’esclusione secondo le modalità previste dall’art. 17.5c del Regolamento generale, né essere soggetti a sospensione cautelare; 5. provata esperienza professionale, verificata e documentata da curricula 6. La procedura per la segnalazione dei candidati può avvenire o attraverso autocandidatura o tramite segnalazione da parte di ogni singolo Consigliere. Il Consiglio delibera le nomine dopo aver esaminato i curricula presentati dai candidati stessi. 7. Il numero dei componenti della Commissione Parcelle è liberamente determinato dal Consiglio dell’Ordine che li nomina, in funzione della tipologia e della presumibile quantità di pratiche da esaminare. 8. Il numero dei componenti non può comunque essere inferiore a cinque membri tra cui il Presidente della Commissione scelto tra i Consiglieri dell’Ordine ed il Segretario eletto fra i commissari.

Art. 6

Durata della nomina e decadenza dei commissari

1. La Commissione opera per la durata del Consiglio che l’ha nominata e sino all’insediamento della nuova Commissione Parcelle nominata dal nuovo Consiglio. 2. I componenti della Commissione possono essere rinominati per non più di due mandati consecutivi.

27


3. Il Consiglio dell’Ordine, al fine di garantire il rinnovo dei componenti della Commissione ed al tempo stesso la necessaria continuità, si atterrà per quanto possibile al criterio del rinnovo parziale della Commissione stessa. 4. Il commissario che per assenza giustificata, per quattro sedute consecutive, comprometta il regolare funzionamento dei lavori, salvo diversa valutazione del Presidente della Commissione, viene considerato dimissionario e sostituito, su segnalazione del Presidente della Commissione, dal Consiglio dell’Ordine. 5. Il commissario che per assenza ingiustificata, per tre sedute consecutive, comprometta il regolare funzionamento dei lavori, viene considerato dimissionario e sostituito, su segnalazione del Presidente della Commissione, dal Consiglio dell’Ordine. 6. In caso di rinuncia, durante il corso del mandato, di uno o più commissari, il Consiglio dell’Ordine ha facoltà di sostituirli con le medesime procedure adottate per le designazione e le nomine.

Art. 7

Validità delle sedute

1. La seduta è valida con la presenza della metà più di uno dei componenti, tra i quali il Presidente e/o il Segretario. I pareri sono presi a maggioranza dei presenti. 2. In caso di assenza del Presidente le sue funzioni sono assunte dal Segretario o dal commissario più anziano come iscrizione all’Ordine.

Art. 8

Segreto d’ufficio e professionale - Incompatibilità

1. Durante la trattazione e fino all’ emissione ufficiale del parere dell’Ordine con la firma del Presidente dell’Ordine e della Commissione, le pratiche per la liquidazione e la convalida degli onorari o per l’espressione di congruità sono riservate e, pertanto, non potrà essere comunicata all’esterno alcuna anticipazione o notizia sull’esito delle stesse. 2. In tutti i casi in cui un componente della Commissione abbia rapporti di interesse con il richiedente il visto o con il committente dell’incarico, nonché quando un commissario richieda il parere relativo ad una propria parcella, questi si dovrà allontanare dalla seduta, ciò deve risultare dal verbale, ferma restando la validità di cui all’art. 7. 3. Ogni violazione alle norme sopra riportate costituisce grave mancanza deontologica e come tale verrà perseguita.

Art. 9

Compiti della Commissione

1. I Compiti della Commissione sono: a. provvedere all'esame degli onorari professionali, già espressi alla Committenza da parte dell'iscritto mediante comunicazione scritta, a seguito di richiesta scritta dell'iscritto stesso o della Committenza. b. Nel caso sia il Committente ad avanzare la richiesta, se ne darà comunicazione al professionista incaricato, con il duplice fine di tutelare le parti (committente e professionista) in modo paritetico e di acquisire una documentazione il più possibile completa; c. Eventuali incontri richiesti dalla Committenza a seguito di ricorso in prevenzione o in contraddittorio con le richieste degli iscritti saranno invece di competenza del Presidente dell'Ordine o di altro Consigliere a ciò delegato, i quali comunque faranno riferimento al Commissario relatore della pratica in trattazione.

28


d. Il mancato pagamento dei diritti di convalida da parte dell’iscritto costituisce illecito disciplinare e come tale sarà sottoposto all’attenzione del Consiglio per l’assunzione degli eventuali conseguenti provvedimenti. e. istituire uno sportello di consulenza, circa la congruità dell'eventuale preventivo di onorario dagli stessi predisposto in relazione all'incarico da svolgere per la redazione di notule professionali, fornendo all'iscritto la necessaria assistenza per la corretta interpretazione delle norme, delle classificazioni e dei parametri contenuti nelle tariffe di Legge. Tale servizio è rilasciato unicamente agli iscritti e in forma verbale, su richiesta scritta e specifica degli stessi e non può essere fatto valere nei confronti della Committenza quale documento sostitutivo della parcella. f. Per questo servizio di sportello, i Commissari e o i Consulenti nominati dal Consiglio, incontreranno i singoli professionisti interessati, esclusivamente presso la sede dell'Ordine, ai fini di consultare documenti e ottenere informazioni in merito al parere richiesto.

Art. 10

Rapporti della Commissione parcelle con il Consiglio

1. La Commissione Parcelle ha eminente carattere consultivo, restando a carico del Consiglio e del Presidente dell’Ordine, quale legale rappresentante del medesimo, la responsabilità verso i terzi relativa alla liquidazione e convalida degli onorari professionali. 2. E’ pertanto facoltà del Consiglio o del Presidente dell’Ordine richiedere eventuali chiarimenti o spiegazioni in merito alle decisioni della Commissione Parcelle prima della definitiva emissione ufficiale delle stesse. 3. E’ parimenti facoltà della Commissione Parcelle richiedere al Consiglio nei casi dubbi l’espressione preventiva delle linee-guida o di interpretazioni specifiche della normativa vigente, nonché, tramite il proprio Presidente l’effettuazione di sedute congiunte ai fini della individuazione di criteri di giudizi omogenei. 4. E’ altresì compito della Commissione Parcelle segnalare al Consiglio, per gli opportuni provvedimenti, le presunte infrazioni delle norme deontologiche compiute dagli iscritti nella formulazione dei propri onorari professionali o nell’esercizio stesso della professione.

Art. 11

Compiti del Presidente

1. Il presidente della Commissione provvede a : a. convocare, sentito il Segretario, la Commissione; b. trasmettere al Consiglio i pareri espressi formalizzando il dispositivo della parcella da liquidare; c. proporre al Consiglio la sostituzione dei membri ai sensi del precedente art. 6; d. relazionare al Consiglio su pareri di particolare complessità; e. convocare le parti ai sensi del successivo art. 20; f. controfirmare il registro dei verbali;

Art. 12

Compiti del Segretario

1. Il Segretario della Commissione provvede a : a. rubricare le pratiche; b. effettuare l’istruttoria;

29


c. d. e. f.

inoltrare le pratiche alla Commissione; redigere il verbale di ogni pratica; tenere aggiornato il registro dei verbali; predisporre, la comunicazione da effettuare ai richiedenti con le osservazioni e le rettifiche proposte dalla Commissione;

Art. 13

Cadenza delle riunioni

1. La Commissione si riunisce, di norma con cadenza quindicinale e comunque in base ad un calendario prefissato e concordato con il Consiglio dell’Ordine. 2. Il Presidente può in ogni caso convocare, con un preavviso di 72 ore (tre giorni escluso festivi), la Commissione ogni volta lo ritenga necessario.

Art. 14

Prestazione dei commissari

1. I componenti della Commissione parcelle prestano la loro collaborazione a titolo gratuito. 2. Il Consiglio dell’ORDINE può riconoscere, ai membri della Commissione e ad eventuali consulenti, un rimborso per spese vive e forfetario, con propria deliberazione.

CAPO III – RICHIESTE E PARERI Art. 15

Pareri

1. Su richiesta del Professionista, o anche del Committente, il Consiglio dell’Ordine esprime: a. Parere preventivo di corretta applicazione della tariffa professionale o sulla congruità di parcelle per prestazioni non contemplate dalla vigente tariffa; b. Il parere preventivo viene rilasciato per prestazioni ancora da svolgere allo scopo di definire in via preventiva le competenze professionali. c. La prestazione viene individuata sulla base di un documento d’intenti (o lettera d’incarico) in cui vengono dettagliatamente indicate le prestazioni che verranno svolte in relazione all’incarico. d. Tale documento farà parte integrante del parere rilasciato. e. Parere sulla liquidazione ai sensi del punto 3 dell’art. 5 della Legge 26/06/1923 n. 1395. Il parere sulla liquidazione viene rilasciato sulla base di un approfondito esame di tutta la documentazione prodotta dal professionista e/o dal Committente e dopo la verifica della rispondenza tra le prestazioni ed oneri esposti in parcella e quelle effettivamente svolte e sostenute. f. Tale parere comporta l’emissione di deliberazione liquidatoria redatta dal Consiglio dell’Ordine.

30


Art. 16

Documenti richiesti al professionista

1. Il professionista che richiede il parere dell’Ordine deve presentare domanda in bollo su modello predisposto dall’Ordine stesso con i seguenti allegati: a. per parere preventivo: b. preventivo di parcella debitamente firmata e redatta dal professionista su carta intestata (tre copie); c. lettera di incarico, delibera d’incarico o convenzione (due copie); d. relazione sull’incarico o documento d’intenti (due copie) sia per committenza privata che pubblica; e. dichiarazione di non incompatibilità ai sensi delle vigenti leggi. 2. per parere sulla liquidazione: a. dichiarazioni dal professionista redatte su modello predisposto dall’Ordine; b. parcella firmata, redatta dal professionista su carta intestata (tre copie); c. lettera d’ incarico, delibera d’incarico o convenzione (due copie) sia per committenza privata che pubblica; d. autorizzazione allo svolgimento della libera professione per i dipendenti pubblici o dichiarazione di non incompatibilità ai sensi delle vigenti leggi; e. relazione, datata e firmata, relativa allo svolgimento dell’incarico ed ai rapporti con il committente (due copie). Se in epoca anteriore è stata presentata all’Ordine una pratica riguardante la stessa opera, precisarlo nella relazione; f. tutti gli elaborati di progetto, muniti della data di elaborazione, firmati, eventuale corrispondenza e altra documentazione utile al chiarimento ed alla caratterizzazione delle prestazioni effettuate; g. Elenco dettagliato degli elaborati presentati, opportunamente raggruppati e numerati (due copie).

Art. 17

Documenti da esibire da parte del committente privato o ente pubblico

1. Il committente privato o Ente pubblico che richiede il parere dell’Ordine deve presentare domanda in bollo, redatta su modello predisposto dall’Ordine con i seguenti allegati: a. lettera e/o delibera di incarico o convenzione sia per committenza privata che pubblica (due copie); b. relazione cronologica ed osservazione sullo svolgimento dell’incarico (due copie); c. eventuale corrispondenza intercorsa tra Committente e Professionista; d. eventuale parcella o richiesta di pagamento presentata dal professionista (tre copie); e. tutti gli elaborati grafici e contabili e gli scritti prodotti dal professionista al Committente e quant’altro possa essere necessario a formulare il parere richiesto; f. elenco degli elaborati e dei documenti presentati (due copie);

31


CAPO IV – PROCEDURE Art. 18

Domanda di esame parcelle e accettazione

1. Le domande di esame delle parcelle, corredate da tutti gli allegati prescritti, dovranno essere presentate alla Segreteria dell’Ordine, corredate della ricevuta di avvenuto pagamento dei relativi diritti. 2. La segreteria dell’Ordine rubricherà la pratica protocollandola, dopo aver constatato la presenza materiale degli allegati prescritti.

Art. 19

Istruzione delle pratiche

1. La Commissione ricevute le pratiche, ne inizia l’esame sollecito secondo il rigoroso Ordine di presentazione. 2. In caso di particolare complessità, il Presidente della Commissione, ove lo ritenga necessario, può designare un relatore, il quale istruirà la pratica relazionandone alla Commissione nella seduta successiva. 3. Tale procedura sarà comunque riportata sul verbale.

Art. 20

Convocazioni

1. Il Presidente della Commissione convoca il professionista, che richiede il parere sulla liquidazione ogni qual volta la Commissione ritenga necessario avere ulteriori chiarimenti relativamente alla corretta formulazione della parcella. 2. Nel caso di richiesta di parere di liquidazione presentata dal committente, il Presidente della Commissione ne darà comunicazione al professionista, affinchè questi abbia modo di precisare o documentare le modalità di svolgimento dell’incarico. 3. Il Presidente della Commissione, su richiesta del Consiglio o del Presidente dell’Ordine, può infine convocare il professionista o il Committente quando ciò possa consentire una più completa valutazione tecnica della pratica. 4. Nel caso di divergenze tra professionista e Committente la questione verrà demandata al Consiglio dell’Ordine per l’audizione delle parti.

Art. 21

Pareri della Commissione

1. La Commissione esprime, a maggioranza dei presenti, il proprio parere in base alla documentazione acquisita e già in possesso dell’Ordine. 2. In caso di parità di voti prevale quello del Presidente della seduta. 3. Le determinazioni della Commissione vengono, di norma, assunte, tra i trenta ed i quaranta giorni successivi la data di presentazione della domanda. 4. Il Consiglio dell’Ordine vidimerà direttamente, entro quindici giorni successivi alla data di presentazione, parcelle di cui liquidazione è richiesta con urgenza. 5. La richiesta di urgenza deve essere motivata; la motivazione sarà valutata, insindacabilmente, dal Consiglio, il quale potrà anche non accettarla e trasmettere la pratica alla Commissione Parcelle per l’attivazione della normale procedura.

32


6. Qualora emergano dall’esame della pratica aspetti di carattere deontologico, la Commissione sospende l’istruttoria trasmettendo la pratica al Consiglio dell’Ordine. 7. I pareri della Commissione devono risultare a verbale, il quale deve essere firmato da tutti i Commissari presenti alla seduta.

Art. 22

Delibera del Consiglio

1. Il Consiglio dell’Ordine, visto il parere consultivo espresso dalla Commissione, delibera in proposito. 2. I pareri sulla liquidazione dovranno attestare l’esistenza e le modalità dell’incarico, l’esame compiuto sugli elaborati, le prestazioni effettivamente svolte e l’ammontare dei compensi.

Art. 23

Conservazione dei documenti

1. L’Ordine Professionale trattiene per il proprio archivio la seguente documentazione: a. la domanda di parere; b. copia delle dichiarazioni del professionista; c. copia della parcella; d. copia della relazione; e. copia dell’elenco della documentazione presentata; f. copia del documento emesso. 2. La restante documentazione, regolarmente timbrata dall’Ordine, verrà restituita al richiedente che dovrà conservarla per dieci anni.

Art. 24

Diritti per il rilascio dei pareri

1. L’ammontare dei diritti per le Consulenze e il rilascio de Pareri, Preventivo e di Liquidazione, sia per incarichi pubblici che per quelli privati, sono inseriti nel prospetto riassuntivo dei diritti di segreteria dell’Ordine. 2. Tali diritti devono essere versati: a. all’atto della presentazione della domanda: il 50% dell’importo dovuto arrotondato per eccesso o per difetto ai 50 euro più vicini. b. All’atto del ritiro della pratica: conguaglio a saldo calcolato sull’importo effettivamente liquidato dall’Ordine. c. In caso di rinuncia al parere i diritti versati saranno incamerati dall’Ordine. d. I diritti di liquidazione delle parcelle sono a carico del richiedente e, ad eccezione dei casi previsti dalla legge, è facoltà del professionista chiederne il rimborso al Committente.

Art. 25

RICHIAMI LEGISLATIVI – ENTRATA IN VIGORE

1. Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento valgono le disposizioni contenute nella legge n° 1395/1923 e successive modificazioni, nella legge n° 143/1949, nonché nella Circolare Ministero L.L.P.P. n° 66791969. 2. Dalla loro entrata in vigore annullano e sostituiscono tutte le precedenti norme.

33


3. Tutti gli Iscritti sono tenuti a rispettarle. Il mancato rispetto o la violazione ad uno degli articoli del presente Regolamento costituisce grave infrazione deontologica. I trasgressori saranno fatti oggetto degli opportuni provvedimenti disciplinari di cui all’art. 45 del R.D. n° 2537/1925 e del D.M. 10.11.1948 e dalle apposite disposizioni specifiche vigenti. 4. Le presenti norme entrano in vigore dal 29 gennaio 2010.

34


ALLEGATO

2

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO DI DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. n° 184 del 12 aprile 2006 Legge n° 241 del agosto 1990

CAPO I TERMINI DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Art. 1 1. In applicazione dell’art. 2 della Legge 241/1990, comma secondo, si determina in 90 (novanta) giorni il termine per la conclusione del procedimento amministrativo inerente la vidimazione delle parcelle professionali degli Iscritti attraverso l’adozione di provvedimento espresso di vidimazione o di diniego della stessa. 2. Il termine previsto dal precedente comma decorre dal momento del protocollo della richiesta di vidimazione presentata dall’interessato. 3. Il termine di 90 (novanta) giorni previsto al comma 1, si interrompe ogni volta che la Commissione Parcelle dell’Ordine avanzi, con richiesta scritta debitamente motivata, domanda agli interessati di chiarimenti o di documentazione ulteriore al fine di istruire correttamente la pratica. Detto termine riprende a decorrere dal momento della produzione di quanto richiesto agli interessati

Art. 2 1. Il termine di tre mesi per la conclusione del procedimento amministrativo inerente l’iscrizione all’Albo degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori è quello previsto per legge (art. 8 R.D. n° 2537/1925) 2. Al medesimo termine di tre mesi si assoggetta la conclusione dei procedimenti amministrativi relativi alle richieste di cancellazione, reiscrizione, trasferimento dall’Ordine Professionale. In tale ultimo caso il termine si riferisce esclusivamente a quella parte dell’attività amministrativa di competenza dell’ORDINE 3. Ai procedimenti amministrativi di cui al presente articolo, si applica il comma 3 dell’articolo 1.

35


Art. 3 1. Si rinvia alla Guida ai Procedimenti Disciplinari approvata dal C.N.A.P.P.C in data 18.04.2007 per la fissazione dei termini istruttori, specificando che non sono previsti termini per la conclusione nel merito di tali Procedimenti.

Art. 4 1. Per tutti gli eventuali procedimenti amministrativi difficilmente identificabili a priori, il termine massimo per la loro conclusione, previsto all’art. 2, comma 3 della Legge 241/1990, non può superare i novanta giorni.

CAPO II RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Art. 5 1. Responsabile del procedimento di accesso ai documenti amministrativi è il Segretario dell’ORDINE che ha la facoltà di delegare altro Consigliere o, per casi determinati e con le opportune istruzioni, delegare un funzionario/dipendente dell’Ordine. 2. Il funzionario/dipendente dell’ORDINE individuato dal Segretario, è responsabile della corretta istruttoria della pratica e di ogni altro adempimento procedimentale sul quale ha facoltà di incidere, ma mai dell’adozione del provvedimento finale. 3. Responsabili dell’adozione del provvedimento finale e nel merito di esso sono il Consiglio dell’Ordine e, a seconda dei casi, il Segretario, il Presidente nella sua veste di legale rappresentante pro-tempore dell’Ordine, il Consigliere delegato dal Consiglio per singole funzioni. 4. Qualsiasi atto destinato, quale provvedimento finale del procedimento amministrativo, ad incidere su interessi dei terzi, è sempre firmato, a seconda dei casi, dal Consiglio dell’Ordine, dal Presidente o dal Consigliere delegato. Non può mai essere firmato dal funzionario responsabile del procedimento.

Art. 6 1. Il funzionario preposto: a. Valuta, ai fini istruttori, le condizioni di ammissibilità amministrativa dell’istanza presentata; b. Adotta ogni misura per l’adeguato e sollecito svolgimento dell’istruttoria; c. Cura la predisposizione delle comunicazioni, notificazioni e pubblicazioni previste da leggi e regolamenti, da sottoporre alla firma del Segretario; d. Cura la trasmissione degli atti al Consiglio dell’ORDINE, al Presidente o al Consigliere delegato competenti per l’adozione del provvedimento finale; e. Cura i rapporti con gli interessati al procedimento amministrativo, individuati ai sensi dell’art. 9 della Legge 241/1990, al fine di metterli nelle condizioni di partecipare al

36


procedimento e di accedere agli atti amministrativi con le modalità e nei limiti previsti dalla legislazione vigente e dal presente Regolamento.

CAPO III ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL’ORDINE Art. 7

DISCIPLINA

1. Il presente Regolamento disciplina il diritto di accesso ai documenti amministrativi dell’ORDINE a termini della Legge n° 241/1990 e successive modificazioni, e del D.P.R. n° 184 del 12 aprile 2006. 2. Per diritto di accesso si intende il diritto di esaminare i documenti amministrativi dell’ORDINE e di averne copia. 3. Si considera documento amministrativo dell’ORDINE ogni rappresentazione grafica o di qualunque altra specie autentica, del contenuto di atti, anche interni, formati dall’ORDINE o da questo utilizzati per lo svolgimento della propria attività istituzionale.

Art. 8

FINALITA’

1. L’ORDINE garantisce il diritto degli interessati di accedere, nelle forme previste dal presente Regolamento, ai documenti amministrativi da esso formati o comunque detenuti stabilmente, al fine di assicurare la trasparenza dell’attività amministrativa e di favorirne lo svolgimento imparziale, assicurando peraltro la riservatezza dei dati personali nei casi previsti dalla legislazione vigente. 2. Il diritto di accesso ai documenti amministrativi è esercitato nei confronti dell’ORDINE da chiunque abbia interesse personale e concreto per la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti. 3. Il diritto di accesso si estende anche agli atti presupposti dei provvedimenti di diretto interesse del soggetto richiedente, sempre che, pure riguardo ad essi, risulti l’interesse all’accesso a termini di legge.

Art. 9

ATTI

1. Il diritto di accesso è ammesso per gli atti espressamente indicati e non in relazione a richieste generiche o di carattere meramente esplorativo; non è ammesso agli atti di consulenza acquisiti dal Consiglio ed agli atti defensionali, coperti dal segreto professionale, salvo il disposto di cui alla lettera a) del successivo articolo 10. 2. Sono oggetto del diritto di accesso gli atti amministrativi formati o detenuti ai fini dell’attività amministrativa dell’ORDINE di seguito elencati: a. le deliberazioni ed i verbali del Consiglio; b. le determinazioni del Presidente; c. le decisioni delle Commissioni e dei Gruppi di lavoro istituiti ed operanti per legge o per regolamento, in seno all’ORDINE, in ordine alla vidimazione delle parcelle

37


d. e.

f.

g.

professionali, alla tenuta degli elenchi speciali, al rilascio di pareri su contenziosi, compatibilità, competenze; gli ordini di servizio; gli atti e i documenti amministrativi (certificati, attestati, dichiarazioni) rilasciati dagli uffici e sottoscritti dal Presidente, da un Consigliere delegato o da un funzionario appositamente abilitato o delegato; gli atti e i documenti amministrativi (certificati, attestati, pareri) stabilmente detenuti in originale o in copia autentica e previsti dalla normativa vigente quali elementi costitutivi ovvero richiamati come necessari, del procedimento preordinato all’emanazione di un atto amministrativo da parte dell’ORDINE; altri atti e documenti comunque utilizzati ai fini dell’attività amministrativa.

3. Il diritto di accesso può essere differito con atto del responsabile del procedimento che deve indicare la durata del differimento disposto, quando la conoscenza dei documenti può impedire od ostacolare lo svolgimento dell’attività dell’Ordine.

Art. 10

ATTI ESCLUSI ALL’ACCESSO

1. I documenti amministrativi sono esclusi dall’accesso nei seguenti casi: a. Quando riguardano procedimenti penali, nei limiti del segreto istruttorio, e disciplinari, anche nella fase preliminare di istruttoria. In tal caso l’ esame dei documenti e l’estrazione di copia è consentito solo all’iscritto soggetto al procedimento ed al suo difensore, al Presidente ed al Segretario e al Consigliere delegato dal Consiglio dell’Ordine al procedimento. b. Quando riguardano atti relativi a note di onorari oppure atti delle procedure di assistenza per i quali l’accesso è consentito soltanto alle parti direttamente interessate. c. Quando riguardano il fascicolo personale di ogni Iscritto, esistente presso la Segreteria dell’Ordine, in quanto riservato esclusivamente all’Iscritto stesso, al Presidente e al Segretario. I membri del Consiglio dell’Ordine vi possono accedere previa autorizzazione del Presidente o del Segretario. d. Quando i documenti riguardano la vita privata o la riservatezza di persone fisiche o giuridiche (dati personali sensibili di cui agli artt. 22 e 24 della Legge 675/1996): in tal caso ai richiedenti è consentita soltanto la visione degli atti dei procedimenti la cui conoscenza risulti necessaria per la cura e la difesa di specifici diritti tutelati. e. Corrispondenza in arrivo e partenza protocollata come riservata; f. Informative e rapporti per l’attribuzione di onorificenze e riconoscimenti; g. Documenti amministrativi coperti dal segreto di Stato, nonché nei casi di segreto o divieto di divulgazione altrimenti previsto dall’ordinamento; h. Quando la loro divulgazione possa nuocere alla difesa ed alla sovranità nazionali ed alla correttezza delle relazioni internazionali, con riferimento alle ipotesi previste nei trattati e nelle relative leggi di ratifica.

Art. 11

MOTIVAZIONE PER L’ACCESSO AGLI ATTI

1. La richiesta di accesso deve essere motivata con riferimento alla particolare situazione giuridicamente rilevante che si intende tutelare e, nel caso di cui alla lettera a) dell’art. 10, alla necessità della conoscenza in relazione allo specifico interesse giuridico da difendere.

38


2. Il Presidente può consentire l’accesso per motivi di particolare urgenza, opportunità e trasparenza, sempre nel rispetto delle normative sulla riservatezza personale, dandone comunicazione al Consiglio appena possibile.

Art. 12

PRESENZA DI CONTRO INTERESSATI

1. Qualora risulti l’esistenza di contro interessati, viene data loro comunicazione per raccomandata con avviso di ricevimento o per via telematica certificata (PEC); entro dieci giorni dal ricevimento della comunicazione i contro interessati possono presentare una motivata opposizione. 2. Decorso tale termine il responsabile del procedimento procede nell’iter di accesso agli atti.

Art. 13

ACCESSO INFORMALE

1. Qualora, in base alla natura del documento richiesto, non risulti l’esistenza di contro interessati, il diritto di accesso può essere esercitato in via informale mediante richiesta motivata, alla Segreteria dell’ORDINE compilando apposito modulo da protocollare. 2. La Segreteria dell’ORDINE fornisce all’utente tutte le informazioni relative alle modalità dell’esercizio del diritto di accesso agli atti e sui relativi costi, provvede all’identificazione del richiedente e al ricevimento della richiesta di accesso, attribuendole un numero progressivo di protocollo, inserito nel protocollo generale dell’ORDINE 3. Il richiedente deve indicare gli estremi del documento o gli elementi che ne consentano l’individuazione, specificando l’interesse connesso alla richiesta, dimostrando la propria identità oppure, ove occorra, i propri poteri di rappresentanza del soggetto interessato. 4. La richiesta verrà esaminata immediatamente e senza formalità. Quando la richiesta risulta redatta ritualmente e non vi siano motivati impedimenti che costringano a differire, è accolta con l’immediata l’esibizione del documento. 5. Eventuale estrazione di copie è possibile previa richiesta scritta e con le modalità di cui ai successivi articoli 16 e 18.

Art. 14

IMPOSSIBILITA’ DI ACCOGLIMENTO IN VIA INFORMALE

1. Qualora non sia possibile l’ immediato accoglimento in via informale, ovvero sorgano dubbi sulla legittimazione del richiedente, sulla sua identità, sui suoi poteri rappresentativi, sulla sussistenza dell’interesse, sulla possibile/ipotizzabile esistenza di contro interessati, la richiesta va effettuata per iscritto ai sensi dell’art. 15.

Art. 15

ACCESSO FORMALE

1. Il diritto di accesso si esercita mediante formale richiesta presentata alla Segreteria dell’Ordine. La richiesta deve essere scritta e compilata su apposito modello con le indicazioni e gli elementi di cui all’articolo 13 comma 2. 2. Eventuale estrazione di copie è possibile previa richiesta scritta e con le modalità di cui ai successivi articoli 16 e 18.

39


Art. 16

COSTO DI RIPRODUZIONE COPIE

1. L’esame dei documenti è gratuito, mentre il rilascio di copia è subordinato al solo rimborso del costo di riproduzione, salve le disposizioni in materia di bollo e tributarie. 2. Eventuali spese postali per la spedizione di copie dei documenti oggetto di accesso sono a carico del richiedente. 3. Il costo di riproduzione viene stabilito dal Consiglio dell’Ordine per le diverse tipologie/formati di copie e reso pubblico mediante affissione alla bacheca e pubblicazione sul sito dell’Ordine. 4. I consiglieri sono esentati dal pagamento dei costi di riproduzione, nonché da altro diritto, purchè l’istanza sia accompagnata da dichiarazione che la documentazione viene richiesta per l’espletamento del mandato e tale richiesta risulti plausibile.

Art. 17

SESSIONI DI ACCESSO AGLI ATTI

1. Il Consiglio dell’Ordine determina i giorni e gli orari di accesso agli atti, con riferimento all’esigenza degli uffici di Segreteria, garantendo almeno un dipendente e due sessioni alla settimana di almeno due ore ciascuna. 2. Durante tali orari, nel rispetto di quanto riportato agli articoli precedenti, il personale di Segreteria incaricato del servizio provvederà anche alla ricerca dei documenti, alla relativa riproduzione ed a quanto altro necessario per garantire l’accesso ai documenti amministrativi. 3. Il responsabile del procedimento può consentire che il personale di Segreteria incaricato del servizio provveda alla ricerca dei documenti e/o alla riproduzione degli stessi anche al di fuori degli orari di accesso, sempre che il Consiglio, a suo insindacabile giudizio, non ritenga che ciò vada a gravare sui rimanenti compiti funzionali della Segreteria. 4. I periodi di accesso sono resi pubblici mediante affissione alla bacheca e pubblicazione sul sito dell’Ordine.

Art. 18

TERMINI

1. Compatibilmente con i limiti di cui al precedente articolo 17: a. Il procedimento deve concludersi nel termine di trenta giorni decorrenti dalla presentazione della richiesta; b. Ove ricorrano casi dubbi sulla sussistenza dell’interesse alla richiesta oppure sulla legittimazione o identità del richiedente, questi è invitato a fornire chiarimenti; c. Qualora la richiesta sia irregolare o incompleta, il responsabile del procedimento è tenuto, entro quindici giorni, a darne comunicazione al richiedente mediante raccomandata con avviso di ricevimento o per via telematica certificata (PEC); d. Nei casi di cui ai precedenti punti b) e c) il termine di trenta giorni ricomincia a decorrere dalla presentazione della richiesta perfezionata; e. Gli atti vengono resi disponibili in visione nella seconda sessione utile di accesso agli atti, successiva alla data di presentazione della richiesta; f. Il termine di trenta giorni di cui al punto a) può essere posticipato in base ai maggiori gravami e ad insindacabile giudizio del responsabile del procedimento nel caso di richiesta di accesso agli atti per: g. Più di cinque documenti o documenti con più di duecento pagine complessive; h. Atti non conservati nell’archivio corrente (pratiche evase da più di un anno);

40


i. Le copie richieste a seguito della presa visione dei documenti devono, di norma, essere predisposte entro dieci giorni dalla data di richiesta delle stesse e ritirate dal richiedente entro i trenta giorni successivi; trascorso inutilmente tale termine il costo delle copie sarà comunque addebitato al richiedente; j. Per l’ottenimento di copia degli atti di cui alle lettere a) e b) dell’articolo 10 e di atti per i quali è necessario far ricorso ad attrezzature non in possesso degli uffici dell’Ordine, possono essere previsti, ad insindacabile giudizio del responsabile del procedimento, termini diversi in base alle disponibilità tecniche degli uffici interni o esterni all’Ordine.

Art. 19

ACCOGLIMENTO, DIFFERIMENTO E RIFIUTO

1. L’atto di accoglimento della richiesta formale di accesso contiene l’indicazione completa del responsabile del procedimento cui rivolgersi, dell’orario di apertura degli uffici, nonché un congruo periodo di tempo, di almeno quindici giorni, per visionare i documenti o per ottenerne copia. 2. L’interessato può prendere appunti e trascrivere, in tutto o in parte, i documenti presi in visione. 3. Fatta salva l’applicazione delle norme penali, è vietato asportare i documenti dal luogo presso cui sono dati in visione, tracciare segni su di essi o comunque alterarli in qualsiasi modo. 4. Per atti/documenti già pubblicati e disponibili al pubblico, l’accesso agli atti si intende favorevolmente accolto e concluso con la comunicazione all’interessato dei riferimenti della pubblicazione o dell’indirizzo telematico internet su cui l’atto/documento è pubblicato. 5. L’accesso agli atti avviene secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande di accesso presentate alla Segreteria. 6. Al fine di evitare inutili copie e di gravare sulla struttura che le effettua, la copia degli atti può avvenire solamente dopo la presa visione degli stessi e per la parte di effettivo interesse del richiedente. 7. L’ORDINE non può rilasciare copie autentiche di documenti detenuti non in originale: le copie dei dati informatizzati possono essere rilasciate sugli appositi supporti, ove forniti dal richiedente, ovvero mediante collegamento in rete, ove esistente. 8. Il rifiuto, la limitazione o il differimento del diritto di accesso richiesto in via formale sono motivati a cura del responsabile del procedimento e comunicati tramite raccomandata con avviso di ricevimento o per via telematica certificata (PEC). 9. Il differimento dell’accesso richiesto in via formale deve indicare anche la durata del differimento disposto. 10. Ai sensi dell’art. 25, IV comma della legge 241/1990 la richiesta si intende rigettata qualora siano trascorsi trenta giorni dalla sua presentazione senza che l’ORDINE si sia pronunciato. 11. Contro il diniego esplicito o tacito, o il differimento del diritto di accesso, il richiedente può presentare ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di trenta giorni dalla comunicazione.

41


Art. 20

DIRITTO DI ACCESSO DEI CONSIGLIERI DELL’ORDINE

1. I Consiglieri nell’esercizio del loro mandato hanno diritto di prendere visione e richiedere copia degli atti, provvedimenti e documenti a disposizione dell’Ordine. 2. Essi esercitano tale diritto secondo le modalità di cui agli articoli precedenti. 3. E’ legittimo il diniego all’accesso quando la richiesta dei Consiglieri risponda a interessi privati o abbia scopi meramente emulativi, oppure quando aggravi eccessivamente la corretta funzionalità amministrativa del Consiglio dell’Ordine con richieste non contenute entro gli immanenti limiti della proporzionalità e della ragionevolezza. 4. Per quanto riguarda gli atti riservati, si applica l’art. 10 del presente Regolamento. 5. I Consiglieri sono tenuti al segreto d’ufficio nei casi specificamente determinati per legge. 6. Non è consentito ai Consiglieri l’uso delle informazioni e delle copie dei documenti per fini diversi dall’espletamento del mandato. 7. Il responsabile del procedimento è il Segretario dell’Ordine.

Art. 21

RICHIAMI LEGISLATIVI – ENTRATA IN VIGORE

1. Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento valgono le disposizioni contenute nella legge n° 241/1990 e successive modificazioni, nel D.P.R. 27 giugno 1992 n° 352, nonché nel D.P.R. 12 aprile 2006 n° 184. 2. Dalla loro entrata in vigore annullano e sostituiscono tutte le precedenti norme. 3. Tutti gli Iscritti sono tenuti a rispettarle. Il mancato rispetto o la violazione ad uno degli articoli del presente Regolamento costituisce grave infrazione deontologica. I trasgressori saranno fatti oggetto degli opportuni provvedimenti disciplinari di cui all’art. 45 del R.D. n° 2537/1925 e del D.M. 10.11.1948 e dalle apposite disposizioni specifiche vigenti. 4. Le presenti norme entrano in vigore dal 29 Gennaio 2010.

42


ALLEGATO

3

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Art. 1

Azione disciplinare

1. Premesso che gli iscritti all’ Albo, a titolo individuale, associato o societario, a presidio dei valori e degli interessi generali connessi all’esercizio dell’attività professionale nonché del decoro e della credibilità della professione, devono conformare la propria condotta ai principi ed ai doveri dettati dal Codice deontologico vigente, spetta al Consiglio dell’Ordine, fatto salvo quanto previsto dalla legge, la potestà disciplinare e la decisione delle sanzioni adeguate e proporzionate alla violazione di tale Codice, da esercitarsi secondo le forme e garanzie previste dal R.D. n° 2537/1925 (regolamento delle professioni), dal D.M. 10.11.1948, dal D.P.R. n° 380/2001, dal D.P.R. N° 169/2005 e dalle apposite disposizioni vigenti. 2. Per quanto non dettato dal presente regolamento in materia di procedimenti disciplinari ci si atterrà alla guida redatta dal C.N.A.P.P.C. in data 18 aprile 2007. 3. L’azione disciplinare può trarre origine su iniziativa delle parti che vi abbiano interesse, su richiesta del Pubblico ministero o comunque d’ufficio in seguito a notizie di abusi e mancanze, avute anche in via occasionale, commessi dagli iscritti. Tali mancanze o abusi devono essere stati commessi nell’esercizio dell’attività professionale. 4. Il Presidente di propria iniziativa o su decisione del Consiglio può, in qualsiasi momento, convocare il proprio iscritto per acquisire informazioni, con riserva di poterle utilizzare, verificando in un momento successivo l’opportunità di dare corso ad un procedimento disciplinare. 5. L’esercizio dell’azione disciplinare è soggetto alla prescrizione di 5 anni, decorrenti dal momento in cui si è verificato il fatto o dalla data della segnalazione all’Ordine. 6.

Qualora si apprenda, anche occasionalmente, che a carico dell’iscritto sia stata adottata una sentenza di condanna, spetterà al Consiglio esperire le iniziative più opportune per verificare l’esattezza della notizia ai fini di una sua valutazione in sede disciplinare.

7. Nell’ipotesi in cui, l’iscritto sia membro del Consiglio dell’Ordine, l’art. 49 del R.D. 2537/1925 prevede che questo venga giudicato dal Consiglio dell’Ordine viciniore. 8. Non possono partecipare né presenziare ai procedimenti disciplinari, in tutte le fasi del procedimento, i Consiglieri che nei riguardi dell’iscritto o degli Iscritti oggetto del procedimento si trovino nelle seguenti condizioni: a. parente fino al 3° grado compreso; b. socio in associazione professionale; c. collaborazione in atto; d. posizione subalterna o di rango superiore in pubbliche amministrazioni o in aziende private o pubbliche.

43


9. Il Consigliere che trovandosi nelle condizioni suddette, contravviene alla prescrizione della sua necessaria astensione dal procedimento, compie grave infrazione deontologica. E’ facoltà, in ogni caso, dei singoli Consiglieri valutare, al di fuori delle prescrizioni, l’opportunità, per particolari motivi, della propria astensione dalla partecipazione al procedimento disciplinare. 10. Agli atti e procedimenti di azione disciplinare verso un iscritto della sezione A non può partecipare il Consigliere rappresentante della sezione B.

Art. 2

Procedimento di istruttoria

1. Il Presidente del Consiglio dell’Ordine è il titolare del potere esercitato nella fase preliminare dell’istruttoria. Per l’esercizio di tale funzione istruttoria può essere coadiuvato da uno o due Consiglieri con espressa decisione del Consiglio. Egli deve tendere all’accertamento dei fatti e delle circostanze che costituiscono violazione alle norme deontologiche. 2. A tal fine il Presidente o un suo delegato può: a. convocare, senza necessità di formalità, l’iscritto presso l’Ordine per un incontro, ai fini del preliminare chiarimento dei fatti e trarre utili elementi; b. assumere tutte le informazioni che reputerà opportune per lo svolgimento delle indagini e, se necessario, accedere ad uffici pubblici per estrazione della documentazione utile, anche ricorrendo, attraverso l’intervento del Procuratore della Repubblica, agli organi di polizia giudiziaria; c. valutare, dopo la verifica dei fatti, se i medesimi costituiscono o meno presupposto di violazione di nome deontologiche, e, in caso negativo, sentito il Consiglio, archiviare l’istruttoria, mentre in caso positivo, convocare l’indagato affinché sia udito dal Consiglio.

Art. 3

Conclusione della fase preliminare

1. Nell’apposita seduta, il Consiglio, su rapporto scritto od orale del Presidente, previa contestazione scritta degli addebiti all’indagato, dopo averlo udito in ordine ai medesimi, dopo che lo stesso si sia allontanato dall’aula, decide, con voto palese e a maggioranza semplice dei presenti, se vi sia motivo per il rinvio a giudizio disciplinare. 2. L’indagato ha facoltà di presentarsi accompagnato da un legale o da persona di sua fiducia. 3. Della seduta deve essere stilato apposito verbale contenente le dichiarazioni rese dal Presidente, con eventuale allegazione del rapporto scritto nonché degli atti e documenti prodotti, le dichiarazioni fornite dall’indagato e dal suo difensore e/o esperto di fiducia, con eventuale allegazione degli atti e documenti prodotti. 4. Nel caso il Consiglio ravvisi l’inesistenza di fatti e circostanze disciplinarmente rilevanti, decreta non luogo a procedere. 5. Tutti gli atti di cui sopra restano secretati.

Art. 4

Avvio del procedimento disciplinare

1. Nel caso in cui il Consiglio deliberi che vi sia motivo per il rinvio a giudizio disciplinare il Presidente apre formalmente il procedimento nominando un Consigliere Relatore, al quale trasmette gli atti relativi alla fase preliminare con assegnazione di un termine entro cui produrre la relazione scritta al Consiglio.

44


2. Il Presidente provvede a citare, attraverso l’ufficiale Giudiziario, l’incolpato a comparire a giorno e ora fissati avanti al Consiglio dell’Ordine in un termine non inferiore a 15 giorni per essere sentito e per presentare eventuali documenti a suo discarico. 3. L’atto di citazione contiene l’indicazione di: a. autorità procedente; b. professionista incolpato; c. fatti e circostanze contestati; d. norme deontologiche violate; e. giorno, ora e sede presso cui avrà luogo il dibattimento; f. facoltà di avvalersi di un’assistenza legale e/o di un esperto di fiducia. 4. Nella citazione va fatta circostanziata menzione di tutti gli addebiti da contestare e non limitarsi soltanto agli articoli delle norme di deontologia violate.

Art. 5

Celebrazione del procedimento disciplinare

1. Nel giorno stabilito e indicato nel decreto di citazione si svolge la discussione in ordine ai fatti oggetto del procedimento, con precisa verbalizzazione della seduta, controfirmata dalle parti. 2. L’intervento dei vari soggetti avverrà secondo il seguente ordine: a. Relatore; b. Incolpato oppure un suo legale di fiducia; 3. Terminata la discussione, il Consiglio adotta la decisione sul merito, subito oppure in un secondo tempo, eventualmente anche per l’esigenza sopravvenuta di nuovi accertamenti, previa nuova convocazione dell’iscritto per essere sentito dal Consiglio nelle forme regolamentari. Non è prescritta, a pena di invalidità, né la continuità della fase decisoria dopo la conclusione della discussione, né la lettura del dispositivo in udienza. 4. La seduta del Consiglio in sede disciplinare, non è pubblica e le decisioni sono adottate senza la presenza degli interessati. 5. In tale decisione il Consiglio dovrà tener conto dei seguenti principi: a. La responsabilità disciplinare discende dalla violazione dei doveri; b. La violazione deve essere volontaria, anche se omissiva; c. Oggetto di valutazione è la condotta complessiva dell’incolpato; d. Quando siano state contestate diverse infrazioni nell’ambito di uno stesso procedimento, la sanzione deve essere unica. 6. Il Consiglio può procedere a sintetizzare in una massima le sue decisioni, che sono pubblicate nel sito dell’Ordine. La massima della decisione è redatta dal Consigliere che ha svolto le funzioni di relatore. La massima esprime la ratio decidendi della decisione e indica congiuntamente fattispecie e regola deontologica applicata. 7. Alla deliberazione del provvedimento disciplinare devono concorrere gli stessi componenti che hanno partecipato al dibattimento a pena di nullità del procedimento stesso. 8. La seduta si configura come una vera e propria “Camera di Consiglio” simile a quella della Aule giudiziarie e, pertanto, ogni componente: a. non può entrare nella sala delle riunioni se la trattazione è già avviata; b. non può uscire dalla predetta sala fino a quando non si sia pervenuti alla decisione;

45


c. non può astenersi, ma solo votare contro o a favore. 9. Ai sensi della legge 117/88, art. 16, così come modificato da sentenza della Corte Costituzionale, il Consigliere dissenziente può, a richiesta, mettere a verbale il proprio motivato dissenso. 10. Le decisioni del Consiglio sono adottate a maggioranza e, in caso di parità, prevale il voto del Presidente, il quale, quindi, vota per ultimo. 11. In via eccezionale, può manifestarsi la necessità di un rinvio ad altra seduta. 12. Nel caso risulti impossibile avere la presenza degli stessi componenti che hanno partecipato al dibattimento, si dovrà procedere alla trattazione del caso “ex novo” con la riconvocazione delle parti. 13. Il verbale della seduta decisoria non deve riportare se la decisione è stata presa all’unanimità o a maggioranza.

Art. 6

Contenuto del provvedimento disciplinare

1. La deliberazione in caso di pronuncia di pene disciplinari, va presa su fatti sicuramente accertati e non su convincimenti o sospetti. 2. Il provvedimento deve essere ben argomentato, deve illustrare puntualmente i fatti addebitati e, poi, essere congruamente e compiutamente motivato. 3. Vanno indicati gli articoli delle norme deontologiche violate. In sintesi, la decisione del Consiglio deve contenere l’indicazione di: a. Autorità emanante; b. Professionista incolpato; c. Oggetto dell’imputazione, contestazione degli addebiti ed elementi a discolpa portati dall’interessato; d. Motivi su cui si fonda l’atto; e. Dispositivo con la specificazione della sanzione inflitta; f. Giorno, mese e anno in cui è stata pronunciata; g. Sottoscrizione del Presidente e del Segretario.

Art. 7

Sanzioni

1. Le sanzioni devono essere adeguate alla gravità dei fatti e devono tener conto della reiterazione della condotta nonché delle specifiche circostanze, soggettive e oggettive, che hanno concorso a determinare l’infrazione. 2. L’azione giudiziaria non sospende o impedisce l’instaurazione del procedimento disciplinare ove la condotta addebitata costituisca autonoma violazione delle disposizioni del codice deontologico. 3. Le sanzioni disciplinari che il Consiglio può pronunciare sono: a. l’avvertimento; b. la censura; c. la sospensione dall’esercizio della professione per un tempo massimo di sei mesi (salvo i casi previsti al comma 2 dell’art. 29 del D.P.R. 380/2001 per i quali la sospensione può avere durata da tre mesi a due anni); d. la cancellazione dall’Albo. Sono fatte salve, comunque, le sanzioni disposte dalle leggi dello Stato.

46


4. L’avvertimento consiste nel dimostrare al colpevole le mancanze commesse e nell’esortarlo a non ricadervi. Esso è dato con lettera del Presidente su delega del Consiglio. 5. La censura è una dichiarazione formale delle mancanze commesse e del biasimo incorso ed è notificata all’iscritto per mezzo dell’ufficiale giudiziario. 6. Le sanzioni di sospensione dall’esercizio della professione e di cancellazione dall’Albo, a seguito del provvedimento disciplinare per motivi deontologici, comportano la cessazione dell’attività professionale in corso. 7. Ogni infrazione relativa ad incompatibilità e concorrenza sleale, e ogni altra infrazione in grado di arrecare danno materiale o morale a terzi, comporta la sanzione della sospensione. 8. Le violazioni non previste al dell’avvertimento o della censura.

comma

precedente

comportano

la

sanzione

9. Nei casi di recidività relativi a infrazioni previste ai precedenti commi sono comminabili sanzioni corrispondenti alla categoria di infrazione immediatamente superiore, e comunque, nei limiti della sospensione di mesi sei. 10. La sospensione per un periodo superiore ai sei mesi e la cancellazione saranno disposte nei casi previsti dalle leggi e nei casi di recidività, o di perdita dei diritti necessari per l’iscrizione all’Albo. 11. Tali sanzioni sono immediatamente esecutive e il ricorso al Consiglio Nazionale non ne sospende automaticamente l’efficacia. 12. Peraltro, il ricorrente può proporre al Consiglio Nazionale istanza di sospensione dell’efficacia della sanzione, ex art. 3, D.P.R. 1179/1971. 13. In tal modo il Consiglio Nazionale verrà posto in grado di decidere tempestivamente, prima dell’esame nel merito del ricorso, sulla eventuale istanza di sospensiva avanzata dal ricorrente, e perciò disporre, eccezionalmente, la sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato, in applicazione analogica della previsione processuale contenuta all’art. 21 della L. 1034/1971. 14. Nel caso di sospensione dall’esercizio professionale o di cancellazione dall’Albo, la decorrenza degli effetti della sanzione può essere fissata con la stessa deliberazione consiliare a partire dal giorno successivo a quello della notifica ovvero, più opportunamente, essere differita alla scadenza del termine di trenta giorni stabilito dalla normativa vigente per la presentazione del ricorso, prevedendo cioè che l’eventuale proposizione del ricorso nei termini comporta la proroga del differimento dell’esecuzione della sanzione, fino alla definitiva decisione del C.N.A.P.P.C. 15. L’eventuale differimento degli effetti della sanzione non dovrà essere disposta in casi di colpevolezza del tutto palese o riconosciuta dall’incolpato, ovvero in caso di comportamenti scorretti che potrebbero continuare durante la sospensione della sanzione. 16. A garanzia dell’imparzialità dell’azione disciplinare, il Consiglio dell’Ordine può adottare, per l’attuazione della soluzione suggerita, una deliberazione di carattere generale – da portare a conoscenza di tutti gli iscritti all’ – con la quale viene stabilita nei limiti suddetti, la posticipazione della decorrenza della sanzione della sospensione dall’esercizio professionale, salvo casi eccezionali per i quali il diniego della posticipazione dovrà essere adeguatamente motivato caso per caso. 17. Le sanzioni diventano definitive quando non venga presentato ricorso nei termini prescritti o nel caso in cui esso sia respinto dal C.N.A.P.P.C..

47


18. Nel caso di condanna alla reclusione e alla detenzione, il Consiglio a seconda delle circostanze, può eseguire la cancellazione dall’Albo o pronunciare la sospensione; quest’ultima ha sempre luogo ove sia stato emesso ordine di custodia cautelare e fino alla sua revoca. 19. Qualora si tratti di condanna che impedirebbe l’iscrizione nell’ Albo, è sempre ordinata la cancellazione dal medesimo. 20. Nei casi di sospensione obbligatoria e di condanna che impedirebbero l’iscrizione, i relativi provvedimenti sono adottati dal Consiglio, d’ufficio, senza attivare apposito procedimento disciplinare. 21. Il procedimento disciplinare non deve essere sospeso in attesa dell’esito del giudizio penale poiché per la sanzionabilità in sede disciplinare non è necessario che il comportamento abbia rilevanza penale. 22. Nel caso in cui l’Ordine ravvisi la morosità dell’iscritto nel pagamento della quota annuale d’iscrizione, sollecita l’interessato ad adempiere entro il termine massimo di trenta giorni, dopo di che può avviare un ordinario procedimento disciplinare nei suoi confronti, che si concluderà, nel caso in cui persista la morosità, con la sospensione dell’iscritto medesimo. 23. Simile, particolare, provvedimento di sospensione ha efficacia e durata a tempo indeterminato, ovvero fino a che l’iscritto non provveda a sanare la propria posizione, versando i contributi non pagati.

Art. 8

Pubblicità dei provvedimenti disciplinari

1. La censura, la sospensione e la cancellazione dall’ Albo sono notificate all’iscritto per mezzo dell’ufficiale giudiziario. 2. I provvedimenti definitivi di sospensione dall’esercizio professionale e di cancellazione dall’Albo vengono inviati ai seguenti uffici ed enti: a. Corte di appello, b. Tribunale, c. Prefettura, d. Camera di Commercio avente sede nel distretto dell’Ordine, e. Ministero della Giustizia, f. Ministero degli Interni, g. Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, h. Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, i. Ministero dell'Università e della Ricerca, j. Consiglio Nazionale A.P.P.C., k. Consigli Provinciali degli Ordini A.P.P.C., l. Procura della Repubblica, m. comuni della Provincia di Bergamo, nel caso di sospensioni superiori a 30 giorni. 3. I provvedimenti disciplinari sono annotati nella cartella personale dell’iscritto. 4. Gli atti del procedimento depositati presso l’Ordine sono riservati e come tali debbono essere conservati.

48


Art. 9

Procedimenti disciplinari nei confronti di iscritti alla sezione B dell’Albo pendenti avanti il Consiglio dell’Ordine

1. I Consiglieri dell’Ordine iscritti alla Sezione B dell’ Albo giudicano gli incolpati iscritti nella medesima Sezione. 2. Nel caso in cui vi sia un solo Consigliere dell’Ordine iscritto alla Sezione B, egli giudica in composizione monocratica. 3. L’attività istruttoria, ivi compresa la deliberazione di avviare l’eventuale procedimento disciplinare, rimane comunque affidata al Consiglio dell’Ordine nella sua completezza, secondo quanto disposto dall’art. 44 del R.D. 2537/25. 4. Se non vi sono Consiglieri dell’Ordine iscritti alla Sezione B, il giudizio nei confronti di iscritti alla stessa Sezione è affidato al Consiglio dell’Ordine territorialmente più vicino. Altrimenti, in caso di mancanza di Consiglieri iscritti nella Sezione B nel Consiglio dell’Ordine territorialmente più vicino, il procedimento è comunque svolto dal Consiglio dell’Ordine cui appartiene l’incolpato, anche in fase decisoria.

Art. 10

Richiami legislativi – Entrata in vigore

1. Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento valgono le disposizioni contenute nell’art. 5 della legge n° 1395/1923, negli articoli 37, 42, 43-50 del R.D. n° 2537/1925 (regolamento delle professioni), negli articoli 4 e 29 del D.P.R. n° 380/2001, nell’art. 9 del D.P.R. N° 169/2005 e nel D.M. 10.11.1948. 2. Dalla loro entrata in vigore annullano e sostituiscono tutte le precedenti norme. 3. Tutti gli Iscritti sono tenuti a rispettarle. Il mancato rispetto o la violazione ad uno degli articoli del presente Regolamento costituisce grave infrazione deontologica. I trasgressori saranno fatti oggetto degli opportuni provvedimenti disciplinari di cui all’art. 45 del R.D. n° 2537/1925 e del D.M. 10.11.1948 e dalle apposite disposizioni specifiche vigenti. 4. Le presenti norme entrano in vigore dal 29 Gennaio 2010.

49


REGOLAMENTO ordine architetti bergamo