Page 1

La Gazzetta di MC 09

l’aquil a, l a vita fa rumore cosa rimane dopo un terremoto? macerie, sì, ma anche altro: un grande silenzio. quello dell a vita quotidiana che si È interrot ta. “il suono dell a gente” È un’audio-install azione ideata e curata da anna dusi, che porterà (dal 1 al 7/9) in alcuni punti del centro storico dell’aquil a (nell a foto) voci, passi, abbaiare di cani, finestre che si chiudon0... un augurio che tut to questo presto ritorni in quelle strade (hathaciudad.it/ the_sound_of_people.php).

partire con il partito l’occasione È unica, perché la corea del nord È uno dei paesi più isolati del mondo. ma dall’8 al 18 settembre l’ultimo bastione del comunismo aprirà le porte a un simpatico gruppo vacanze occidentale che visiterà porti, fattorie, scuole, per vedere che aria tira laggiù dopo la morte del caro leader kim jung il. lo scoop È di “political tours”, agenzia made in uk specializzata in mete per viaggiatori più interessati a conoscere la realtà che a evaderla (sotto la guida di esperti, reporter, docenti). prossime tappe: la turchia di erdogan (29 settembre-7 ottobre), la libia dopo la rivoluzione (1-9 dicembre). info su politicaltours.com.

vintage shopping in medio oriente

sinfonie di pace vedi all a voce iraq. ma È di musica che si parl a, e dei 33 ragazzi dell’orchestra sinfonica giovanile dell’iraq che il 26 agosto sbarca in europa, ospite del festival di edimburgo. un proget to nato nell a mente di zahal sultan, 22enne pianista di baghdad che sognava un’orchestra con tut te le etnie dell’iraq: sunniti, sciiti, arabi, curdi, cristiani. e c’È riuscita, con l’aiuto del diret tore d’orchestra paul macalindin. selezionati tramite audizioni via web, i 33 si sono incontrati l a prima volta nel Kurdistan iraKeno. e adesso sognano un futuro da professionisti. come aya, 20 anni, che ci confessa: «il compositore che amo di più? beethoven. se fosse vivo, farei di tut to per sposarlo!». E doa rdo Tom a sElli

edoardo tomaselli

siamo a jaffa, nel mercato delle pulci più grande d’israele. «qui si respira una nuova atmosfera, se siete a tel aviv non perdetevel a!», ci dice sivan ask ayo, fotoreporter israeliana di base a new york, autrice di “vintage retro chic”: un viaggio fotografico, e un invito a gironzol are, tra boutique vintage, negozietti di modernariato e pub retro-chic. r.C ampisi

Marieclaire Italia  

2012