Page 1

AltoLazio News Quotidiano Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10 In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE delle Libertà

Direttore Editoriale NICOLÓ ACCAME

p

Viterbo & AltoLazio Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

Anno II N.157 - Domenica 3 Luglio 2011 - Euro 1,00

Cronaca

Cronaca

Cultura

Piove dentro gli autobus del servizio pubblico Francigena

Termalismo, una storia già vista e vissuta quasi cent’anni fa

A Caffeina arriva Paolo Rossi con la ‘Serata del disonore’

di Daniele Camilli a pagina 4

di Daniele Camilli a pagina 2

dalla Redazione a pagina 13

Rumori nella notte e mobili spostati. La principessa ha chiesto l’intervento di esperti del paranormale

Castello Ruspoli infestato dai fantasmi

Il 10 luglio saranno resi noti i dati dei rilevamenti

Ce ne sarebbe abbastanza da �nire in prima serata di Italia Uno con la nota trasmissione sul paranormale ‘Mistero’. Il castello Ruspoli pare sia infestato dai fantasmi. Rumori nella notte, grossi mobili che cambiano di posizione e “presenze” misteriose in alcune precise aree della residenza. Tutto questo ha spinto la principessa a chiamare in causa un pool di esperti. Si tratta di quattro appassionati di paranormale dell’associazione Prisma. Hanno posizionato in diverse stanze microfoni e altre strumentazioni utilizzate in questo genere di casi. Il 10 luglio ci diranno se si tratta di fantasmi oppure no.

EDITORIALE

Giulio Marini la spunterà ma Viterbo? di ROBERTO POMI

Il prossimo momento cruciale della vita politica di Viterbo si consuma lunedì. L’ambientazione è quella di Palazzo dei Priori e gli attori protagonisti sono i consiglieri di maggioranza. Marini è stato lapidario: “O ci sono i numeri o si va a casa”. Dopo le assenze ai recenti Consigli è arrivato il momento delle decisioni forti. Ci sentiamo di prevedere un pienone. Dif�cile che qualcuno decida di rimanere sotto le coperte, sarebbe una scelta senza possibilità di ritorno. Che Marini si salverà, conoscendo l’appetito di questi signori, è certo ma il problema rimane. Che ne sarà di Viterbo? Dovremo assistere alla politica del niente per ancora due anni? La situazione attuale rimanda alla memoria l’ultima fase del Gabbianelli Secondo. Lì la rottura con l’Udc paralizzò la macchina politica. Oggi la rottura interna nel Pdl ripete l’esperienza. Gabbianelli trovò il coraggio di dimettersi. Sicuramente fu un bene per la città. Marini saprà avere lo stesso slancio e amore per i suoi concittadini?

di Roberto Pomi a pagina 3

CRONACA

Acqua vietata ai minori di tre anni

POLITICA - Sposetti invita Marini a dimettersi e lui inizia a pensarci

“Se non ci sono i numeri si va a casa”

Per 53 Comuni della provincia di Viterbo sarà vietato dare da bere acqua corrente ai bambini sotto i tre anni. Lo ha deciso il Ministero della Salute mettendo una piccola postilla alla deroga sui livelli di arsenico e �uoruro contenuti nell’acqua dei rubinetti dei paesi. Un dato preoccupante se si pensa che su 60 Comuni della Tuscia, la stragrande maggioranza rientra nella direttiva.

Sempre più dif�cile la situazione in consiglio comunale, dove le assenze dei consiglieri costringono il sindaco a imporsi e durante una riunione di maggioranza dice che �nché ci sono i numeri si va avanti, altrimenti tutti a casa. Dalla parte opposta il capogruppo del Pd parla chiaro con il primo cittadino e lo invita a dimettersi. Marini accetterà il consiglio?

di Luca Appia a pagina 3

di Luca Appia a pagina 5

CIVITA CASTELLANA

L’Orto di Miretto dato in pasto alle ortiche di Simona Tenentini a pagina 12

FABRICA DI ROMA

Le associazioni di volontariato attaccano Scarnati dalla Redazione a pagina 12

TARQUINIA

Al via i lavori sulla provinciale Tarquiniese dalla Redazione a pagina 9

VETRALLA

A tu per tu con l’assessore Maurizio Sensi di Emanuele Faraglia a pagina 10

TENNIS UNDER 18 PALLONE D’ORO 2010/2011 - Classifiche finali e premiati

Il Tc Viterbo si laurea campione regionale

Montefiascone fa il pieno. Trionfa Giannini

Con una grande prova di forza, la squadra under 18 maschile del Tennis Club Viterbo si è laureata campione regionale aggiudicandosi il successo nella Final Four disputata proprio sui campi del circolo cittadino. Vinciguerra e Cardarelli hanno superato per 2-0 sia la Corte dei Conti che il Nomentano, regalando una nuova gioia al proprio club.

Da lunedì a giovedì quasi 6000 voti in redazione per il grande �nale del Pallone D’Oro 2010/2011, sesta edizione. Trionfo falisco con i primati per Marco Giannini, per mister Antolovic e il secondo posto nella classi�ca principale del bravo Giovanni Parri. Nello sport due pagine speciali sul gran �nale in attesa della super festa del prossimo 29 luglio.

di Glauco Antoniacci a pagina 26

di Alessandro G.Virgulti alle pagine 24 e 25


cronaca viterbese interni

2

Viterbo & & Viterbo Domenica 3 Luglio2010 2011 1 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

Dalla biblioteca comunale di Viterbo spunta fuori un libro del 1917

Termalismo, un grande futuro alle spalle di DANIELE CAMILLI

Il momento è propizio. Parlare oggi di quelle Terme che formarono un dì la sontuosa ricchezza del territorio viterbese, facendo coincidere i ricordi lontani con la rinascita dei luoghi e col moderno utilizzar delle acque prodigiose che si va attuando, può esser grato a quanti non sanno ancora, come in una non eccessivamente vasta, ma splendida, ricca pianura del Lazio, prossima a Roma, di ben sedici fra ville e stabilimenti etruschi e romani si abbiano ancora gli avanzi”. Sembra ieri e pare quasi l’intervento di un consigliere comunale a favore del termalismo o agrotermalismo viterbese. L’incipit necessario d’un discorso pubblico per dire: onorevoli colleghi, abbiamo quest’immenso patrimonio sparso per le campagne. Mettiamolo a sistema per rilanciare economia e turismo. E giù gli applausi di tutta Sala d’Ercole. Invece no, è il 1917. Con la Grande Guerra ancora in corso e la Rivoluzione d’Ottobre che sembrava dover esser alle porte. Quasi cent’anni fa, quando Costantino Zei scrisse delle “Terme Romane” di Viterbo, raccontandole nel dettaglio e descrivendo ciò che ancora restava in piedi qua e là sul territorio. L’occasione? Ironia della

sorte, sempre la medesima. È lo storico stesso a dircela. “Il consiglio comunale di Viterbo – si legge nel libro che abbiamo scovato nella biblioteca di Piazza del Teatro dove le pubblicazioni sul termalismo sono ben 256 – presieduto dal conte G.B. Savini, accogliendo l’iniziativa del prof. Aristide Ranelletti dell’Università di Roma per un completo rinnovamento ed ampliamento delle terme di Viterbo a bene�cio non solo dei benestanti ma anche dei poveri, ha di recente approvato de�nitivamente i relativi grandiosi progetti eseguiti dall’ing. Cesare Ranelletti. La città di Viterbo vedrà così rivivere (ciò che fu aspirazione di secoli), le sue famose terme, in modo degno della sua antica grandezza”. E di queste, l’agro viterbese ne annoverava ben sedici, censite da Costantino Zei una ad una. Impianti che “potevano per la loro ampiezza assomigliarsi non a città, ma a province”. Dedica in�ne un passaggio a quelle tuttora Comunali. Una storia che forse pochi conoscono e che vale comunque la pena ribadire. L’immagine e l’idea che se ne aveva all’inizio del XX secolo. “Fu questo il ‘Palazzo che ebbe splendore di Reggia’ e che costò a Niccolò V (1397-1455 ndr) trentamila ducati d’oro.

Costiuita una taskforce per il problema

Grande blitz anti-vucumprà sulle spiagge di Montalto

B Costantino Zei, Terme romane e territorio viterbese Ora nulla resta di quel �or di classico rinascimento che, dopo tante vicende, era riuscito �nalmente a rivivere in casa propria sovrapponendosi alla costruzione romana. Alla terma del Papa, il Comune di Viterbo volle conservata una distanza di classe da tutti gli altri bagni eserciti allora. Dal 1458 al 1462 fu più volte visitata, per ragioni di salute, da Enea Silvio Piccolomini, prima Cardinale di Siena, e poi Pio II; questi lodò Viterbo nei ‘Commentari’, bene�cò la città, migliorò l’edi�cio di Niccolò V. Ritornati i barbari nei Saccomanni del

1527 fu incendiata e distrutta; ricostruita in parte, ebbe a soffrire delle alluvioni più volte nei secoli XVII e XVIII, �no a che nel 1846 fu costruito l’attuale stabilimento. Tenute sempre in altissimo concetto, le terme di Viterbo sono ora per innalzarsi al livello delle migliori del mondo per la straordinaria ricchezza delle acque e per la forte radioattività dei fanghi naturali. Quanto ai resti che vedemmo dell’età romana, ogni valido ed urgente soccorso oggi s’impone per conservarli”. Oggi s’impone per conservarli. Anche noi lo ribadiamo.

litz delle forze dell’ordine sul litorale contro i venditori abusivi che a decine affollano le spiagge viterbesi. Oltre 2mila i pezzi sequestrati nella sola mattinata di ieri da una taskforce composta da carabinieri, guardia costiera e polizia locale di Montalto di Castro. Diversi anche gli extracomunitari fermati dalla guardia costiera mentre provavano a vendere la loro merce contraffatta sul lido di Montalto. La notizia del blitz, però, non ci ha messo molto a correre di bocca in bocca e raggiungere gli ambulanti, per la maggior parte africani, “sopravvissuti” alla tornata, che sono scappati in massa spesso lasciando in spiaggia i loro borsoni. Tra le altre cose i carabinieri hanno sequestrato una “grattachecca” - un carretto frigorifero allestito per la vendita di bevande e granite - ed un

marsupio che conteneva un telefono cellulare in lingua inglese e diversi pacchetti confezionati artigianalmente; si pensa che il contenuto dei pacchetti, una strisciolina blu conservata all’interno di un pezzo di canna di bambù, possa consistere in sostanze stupefacenti simili agli acidi. Solo un ulteriore accertamento scienti�co potrà dare conferma a tali supposizioni. Sul campo c’era anche la protezione civile, che ha dato una mano a portare via l’ingiente quantitativo di sequestri. Ma non tutto è �lato liscio. Durante un controllo, infatti, un senegalese avrebbe aggredito un agente della municipale e un uomo della capitaneria di porto che hanno riportato lievi lesioni guarite all’ospedale di Tarquinia. A quel punto il senegalese è stato tratto in arresto per resistenza e oltraggio a pubblico uf�ciale.

I professionisti di Belcolle hanno aiutato l’equipe umbra a salvare una donna Decine gli animali che ogni anno vengono lasciati in strada nel periodo estivo

I medici di Viterbo in trasferta nel ternano Parte la campagna Lav contro l’abbandono I

medici dell’ospedale Belcolle in trasferta in Umbria per salvare una donna. E’ accaduto la scorsa settimana, quando un equipè viterbese è corsa in aiuto dei colleghi del nosocomio di Narni, in provincia di Terni. L’intervento ad alta complessità ha richiesto l’impegno multidisciplinare di chirurghi ortopedici, anestesisti e chirurghi vascolari dell’ospedale di Viterbo. L’operazione, infatti, è stata effettuata su una paziente laziale portatrice di lussazione dell’artroprotesi di anca precedentemente impiantata a cui si è aggiunta una rara complicanza vascolare. er eseguire l’intervento, i chirurghi ortopedici guidati da Angelo Atzori, direttore del dipartimento di chirurgia della Asl 4 di Terni, si sono avvalsi della collaborazione di Domenico Alberti, responsabile della chirurgia vascolare dell’ospedale di Viterbo. Si è potuto quindi procedere al trattamento ortopedico, eseguito da Dino Scaia, che è consistito nella ricostruzione della cavità articolare e nell’impianto di una nuova protesi. Un intervento di quattro ore perfettamente riuscito che ha comportato un significativo impegno anestesiologico garantito dall’équipe coordinata da Giuseppe Petracchini. Un successo, quindi la collaborazione fra le equipè viterbesi e ternano, che grazie al lavoro di squadra e allo scambio di professionalità sono riusciti a portare a termine un’operazione tutt’altro che semplice. (la)

E

’ arrivata l’estate, tempo di vacanze. Come ogni anno, però, nel periodo del divertimento e del relax una sfortunata piaga vive il suo massimo picco annuale: l’abbandono degli animali. Proprio per questo come ogni anno è partita la fase della campagna della LAV sul fenomeno dell’abbandono estivo di animali che prevede l’af�ssione di manifesti predisposti dall’associazione con l’appoggio dei Comuni già sensibilizzati al problema. Ad oggi hanno aderito e si sono già attivati i Comuni di Viterbo, Bassano Romano, Capranica, Sutri e Vignanello che da subito hanno prenotato il loro quantitativo di materiali da diffondere. Sempre più sono gli Enti locali che, anziché trovare soluzioni sbrigative e, talvolta anche cruente, pensando

di poter risolvere con mezzi super�ciali un fenomeno sociale complesso, intraprendono la strada della cooperazione con il terzo settore. Il problema, tra l’altro, non riguarda solo aspetti etici che giustamente pesano sempre più sulle scelte dei singoli ed anche degli amministratori, ma anche il bilancio economico dell’intera collettività. E’ ormai collaudato che un’assidua collaborazione con il volontariato consente la

diffusione capillare di buone pratiche che anche in tema di randagismo determinano nel tempo l’arginarsi di fenomeni aberranti come l’abbandono e il maltrattamento di animali ed i fenomeni di parassitismo economico ad essi connessi. Basti pensare alle molte convenzioni fra pubblico e privato che raggiungono facilmente le centinaia di migliaia di euro l’anno distogliendo fondi ad altri settori. I Comuni interessati all’acquisizione gratuita di manifesti (70x100cm) sull’abbandono e di locandine (33x70cm) a sostegno della pratica della sterilizzazione dei pets, visibili al sito dell’associazione, possono contattare la LAV locale al cell. 3491048578 oppure all’indirizzo e-mail lav.tarquinia@lav.it . LAV Onlus ww.lav.it PdR LAV Tarquinia VT

I ladri entrano in azione mentre il politico viterbese si trova fuori dall’appartamento

Furto in casa dell’assessore Paolo Muroni

Finisce fuori strada con l’auto Ferito un 67enne sulla Nepesina

F

urto nella casa sulla Tuscanese di proprietà dell’assessore comunale Paolo Muroni. Il furto a opera di qualche ladro notturno è avvenuto lo scorso giovedì mentre l’assessore non era in casa. “Quella sera – racconta Muroni – ero fuori per l’inaugurazione di Caffeina. A un certo punto ho ricevuto un messaggio sul cellulare che mi avvertiva che era scattato l’allarme. Sono andato a casa e una volta entrato ho visto che c’erano stati i ladri. I mal-

F

inisce fuori strada con l’auto, grave un 67enne. E’ accaduto nella tarda mattinata di ieri, intorno alle 13, sulla strada Nepesina, quando F.A., classe 1945, ha improvvisamente sbandato ed è �nito fuori strada. Nell’incidente, fortunatamente, non sono rimasti coinvolti altri veicoli. Sul posto sono arrivati immediatamente i mezzi dei vigili del fuoco, visto che l’uomo era rimasto incastrato all’interno dell’abitacolo della macchina. Una volta estratto dalle lamiere i sanitari del 118 hanno considera-

viventi sono entrati, arrampicandosi con un tubo nella parte posteriore della casa. – continua l’assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Viterbo – Una volta dentro, hanno messo a soqquadro la camera da letto, ma fortunatamente non sono riusciti a portare via molto, se non un orologio e un paio di collanine di mia moglie. L’allarme, infatti, li ha fatti fuggire subito. Il danno maggiore – conclude – è stato fatto alla finestra che hanno praticamente distrutto per entrare in casa”.

to abbastanza gravi le ferite riportate nel sinistro e hanno chiamato l’eliambulanza Pegaso, che si è precipitata sul posto. La vittima è stata caricata e portata all’ospedale Gemelli a Roma, dove i medici gli hanno assegnato un codice giallo. Anche i carabinieri della stazione locale sono arrivati sul posto per aiutare i soccorsi. La strada, infatti, è rimasta chiusa �no alla �ne dei soccorsi alla vittima, poi sono stati avviati i rilievi del caso per capire le reali dinamiche che hanno portato all’incidente.


& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

cronaca viterbese

3

La principessa ha chiamato in causa una squadra di esperti del paranormale

Presenze misteriose al castello Ruspoli di ROBERTO POMI

F

enomeni misteriosi al castello Ruspoli di Vignanello. Mobili che cambiano di posizione, rumori sinistri e brividi che percorrono le schiene in alcuni ambienti della struttura. Tutto questo ha spinto la principessa Claudia Ruspoli a chiamare in causa dei “ghost-buster” locali. Il mistero Tutto sarebbe iniziato nel mese di giugno. Durante una notte, a ridosso delle festività per la Repubblica, al castello c’erano sia la nobile proprietaria che un ospite. Entrambi, pur dormendo in due piani distinti della struttura, avrebbero sentito rumori misteriosi. Ognuno però pensò che a provocarli poteva essere stato l’altro, fino a quando, incontrandosi per la colazione, si resero conto che le cose stavano diversamente. C’è di più, ebbero modo di verificare il cambio di posizione di grossi mobili antichi. Armadi talmente grandi che nessuna persona, da sola, sarebbe mai riuscita a muovere. Alcune notti dopo gli “strani” rumori tornano a ripetersi. La mattina seguente altro mobilio risulta spostato. In diverse aree del castello iniziano anche a essere avvertite “strane presenze”.

Le indagini dei moderni “ghostbuster”

I componenti dell’associazione Prisma hanno iniziato la propria attività ispezionando in primis i luoghi in cui i fenomeni si sarebbero manifestati. Sono state posizionate anche delle specifiche apparecchiature, necessarie per le rilevazioni: telecamere, microfoni ipersensibili, termocamere a ultravioletti, rilevatori di campi elettromagnetici, ricettori di frequenze radio. Si tratta in sostanza di rilevatori per “catturare” prove di eventuali presenze. L’esito di questo studio sui presunti fenomeni paranormali verrà reso noto il prossimo 10 luglio. Da quello che è trapelato

pare comunque che i quattro esperti abbiano “intercettato” qualche presenza nella zona tra la cappella privata di Santa Maria Marescotti e il giardino.

I precedenti Le storie di fantasmi al castello Ruspoli non sono nuove. La principessa ricor-

da bene due strani racconti che le erano stati fatti agli inizi degli anni Settanta dalla nonna paterna. Racconti di cui venne a conoscenza durante le vacanze estive che

la famiglia era solita trascorrere al castello di Vignanello. Racconti che parlano di un uomo che indossava un’antica armatura, a cavallo dirigersi dal giardino verso il palazzo e, una volta giunto davanti al muro di uno dei torrioni, attraversarlo come se fosse fatto d’aria. Una “manifestazione” di cui sarebbe stata testimone oculare una domestica. L’altra storia ha invece come protagonista una donna, ospite dei Ruspoli, che si sentì chiamare ripetutamente in francese con un nomignolo che nessuno, nel castello poteva conoscere. Lei si guardò intorno, entrò nelle stanze adiacenti a quella in cui si trovava, si affacciò dalle finestre ma non vide nessuno. Da qual momento anche il castello Ruspoli di Vignanello ebbe il proprio fantasma. Ma siccome per circa 40 anni non si era più manifestato, era caduto nell’oblio. Fino a giugno scorso.

La principessa si rivolge a esperti di fantasmi La principessa Claudia Ruspoli ha incaricato l’associazione Prisma, acronimo di ‘Progetto indagini e studio delle manifestazioni anomale’, di fare luce sulle origini delle manifestazione di cui è stata testimone oculare e “uditiva”. L’associazione fa capo a quattro viterbesi appassionati di misteri, parapsicologia, fantasmi e poltergeist. Dei veri e propri guru nel campo dei fenomeno paranormali che da qualche giorno sono al lavoro nella residenza nobiliare di Vignanello.

Sono 53 i Comuni della Tuscia che rientrano nel provvedimento del Ministero della Salute Volevano vendere la questura di Roma. Sequestri anche in provincia di Viterbo

A Viterbo acqua vietata ai minori di tre anni Presa la banda che emulava Totò truffa di LUCA APPIA

P

er i bambini al di sotto dei tre anni in alcuni Comuni del viterbese è vietato bere l’acqua del rubinetto. A imporlo è il Ministero della Salute, che ieri ha concesso la deroga per i parametri di �uoruro e arsenico, ma con qualche limitazione. Il decreto, pubblicato sulla Gazzetta Uf�ciale, riguarda i comuni della Tuscia di Acquapendente, Arlena di Castro, Bagnoregio, Barbarano, Bassano in Teverina, Bassano Romano, Blera, Bolsena, Calcata, Canepina, Canino, Capodimonte, Capranica, Caprarola, Carbognano, Castel Sant’Elia, Castiglione

in Teverina, Celleno, Cellere, Civita Castellana, Civitella d’Agliano, Corchiano, Fabrica di Roma, Farnese, Gallese, Gradoli, Grotte di Castro, Ischia di Castro, Latera, Lubriano, Marta, Monteromano, Monte�ascone, Monterosi, Nepi, Onano, Orte, Piansano, Proceno, Ronciglione, San Lorenzo Nuovo, Soriano nel Cimino, Sutri, Tarquinia, Tessennano, Tuscania, Valentano, Vallerano, Vasanello, Vetralla, Vignanello, Villa San Giovanni in Tuscia, Viterbo e Vitrorchiano. Sono ben 53 (su 60) i Comuni del viterbese nei quali è vietato bere acqua corrente al di sotto dei tre anni di età. Un dato importante, perché rende

ancora bene l’idea di un problema che è tutt’altro che superato: quello dell’arsenico, ma anche degli altri agenti inquinanti delle acque, come il �uoruro. La lista del Ministero mostra come quasi la totalità dei Comuni della Tuscia abbia acqua “infetta”, anche se in alcuni casi l’arsenico rientri nel parametro dei 10 microgrammi/ litro imposto dalla Comunità Europea (e deroga a 20 per la Regione Lazio �no al 31 dicembre del 2012). Il problema della pulizia dell’acqua si fa comunque sentire, per questo motivo non sono pochi i Comuni della Tuscia che in questi giorni stanno installando “casette” per l’acqua leggera.

I

n manette banda di truffatori nella Capitale, sequestrato un terreno anche nella provincia di Viterbo e una villa a Tarquinia. Si chiama “la truffa è servita” l’operazione coordinata dal vice questore aggiunto Letizia Mandaglio e partita da una indagine simile denominata ‘Il gioco é fatto” chiusa nel 2010. Una banda specializzata nelle truffe, che con tutta probabilità volevano ricalcare le gestà di Antonio De Curtis, in arte Totò, che durante il �lm Totò truffa cercava di vendere la Fontana di Trevi a un turista. Il gruppo truffava gli acquirenti proponendo case, ville, macchine e quant’altro per poi

intascare il pagamento e scomparire nel nulla. Tra i pezzi in vendita sono stati proposti anche il palazzo della questura di San Vitale, uno della Coin e la vecchia villa dell’ex calciatore della Roma Cafù. Ognuno nel gruppo aveva un ruolo ben preciso: dal capo all’imbonitore, �no all’interstatario degli acconti, il �nto deputato che garantiva amicizie fra giudici e avvocati per un canale preferenziale nella compravendita. La polizia ha così sequestrato 14 autovetture, 2 terreni ad Anguillara e in provincia di Viterbo, 9 immobili di cui 2 villini tra Ardea, Roma, Tarquinia e Isola Liri, box e quote di 3 società: una edile e una di

ristorazione a Roma. E’ stato inoltre sequestrato il 40% del pacchetto azionario di una società con sede a Napoli e attiva nel settore delle scommesse sportive, già peraltro coinvolta in un’indagine incardinata presso la procura della Repubblica di Napoli per associazione a delinquere, riconducibile a soggetti legati al clan dei Casalesi. A far parte del gruppo erano in sei, di cui cinque hanno già subito sequestri per la loro pericolosità sociale. Circa 15 le denunce arrivate in questura negli ultimi due anni di indagini, che hanno permesso agli inquirenti di ricostruire il modus operandi della banda per poi metterli in manette. (la)


politica viterbese interni

2 4

Viterbo & & Viterbo Domenica 3 Luglio2010 2011 1 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

E’ successo ieri pomeriggio, quando anche a Viterbo pioveva

Francigena, “la pioggia nell’autobus” Bagnoregio, Energie rinnovabili

di DANIELE CAMILLI

Piove dalle nuvole sparse. Piove su le tamerici salmastre ed arse, piove sui pini”…e pure dentro gli autobus Francigena che di dannunziano hanno ben poco. Eppure ieri ci pioveva. Pure ben bene, come le foto che abbiamo scattato e il video pubblicato su You Tube alla pagina de l’Opinione testimoniano. Il mezzo parcheggiato al sacrario, l’acqua che Dio la manda e il sedile del conducente zuppo come un panno bagnato. Che dire? Servizio, pubblico come la pioggia. Intanto il fatto pare sia stato segnalato all’istante al Cda Francigena. E altrettanto sembra che non sia la prima volta che quanto abbiam visto con i nostri occhi e obiettivi fotografici accade. All’autobus immortalato abbiamo dato un nome: Bernacca. In onore del meteorologo italiano.

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Direttore Editoriale NICOLÒ ACCAME Editore Altolazio News srl PresIdente Manfredi Genova Amministratore Delegato

Ferdinando Guglielmotti Iscrizione ROC n. 20469 Servizi grafico-giornalistici forniti dalla Coop. Ed. Gior. e Pol. GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI FULVIO MEDICI Grafici MARIO RAMUNDO Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

Quale sarà l’effetto prodotto dagli impianti nella Tuscia?

“La pioggia nell’autobus” (fotoservizio Daniele Camilli)

Si continua nell’approvazione di numerosi impianti industriali da energie rinnovabili, senza aver ancora provveduto ad un censimento di quelli realizzati, o in via di realizzazione, e senza alcuna piani�cazione energetica provinciale e nazionale, e soprattutto senza un logico e concordato piano di dislocazione”. A mettere nero su bianco è il Comitato “Habitat e Paesaggio” di Bagnoregio. “Le amministrazioni e le aziende provvedono a continue rassicurazioni sull’impatto nullo, o comunque trascurabile di queste industrie”. Quale sarà l’effetto – si domanda il Comitato – “della sommattoria di impianti installati nella Tuscia? Migliaia di ettari di specchi ri�ettenti, con conseguente inquinamento luminoso, dovuto al riverbero, ed elettromagnetico. Altre migliaia di torri eoliche alte 145 metri (come da parziale censimento dei progetti nella mappa) che creeranno una gabbia d’acciaio intorno al meraviglioso Lago di Bolsena”. “La sottostazione di raccordo di Tuscania è in avanzamento lavori, e da quel che si apprende dai giornali, opera e sbanca migliaia di metri cubi di terra, senza la minima autorizzazione. Per il bene nazionale si sarebbe anche disposti ad ulteriori sacri�ci di territorio, ma è sempre più acclarato l’in�nitesimale contributo al fabbisogno

energetico nazionale di questi grandi impianti. La scelta dei siti è poi casuale, senza indagini preventive di effettiva capacità produttiva dei luoghi scelti dalle aziende. I dati di rilevazione anemometrica sono spesso secretati, ed invece di procedere ad installazioni nei pressi dei siti energivori, si preferisce impiantare queste industrie a distanze tali da favorire una grossa dispersione dell’eventuale energia prodotta. La rete elettrica nazionale, che non riesce a sostenere i picchi di produzione non programmabili, dei mega impianti da rinnovabili, deve infatti disperdere l’energia prodotta ed oltretutto corrispondere oneri elevatissimi per la mancata produzione, pagando queste multinazionali con soldi pubblici. Invece di incentivare gli impianti che servono effettivamente ad un affrancamento energetico da fonti fossili, che quindi dovrebbero essere realizzati in scala energetica utile all’indipendenza in situ, quindi sui tetti (civili ed industriali) o ad utilizzo dei siti che richiedono grandi quantitativi energetici (aziende e fabbriche), si continua a favorire la distruzione dei territori con una distribuzione degli impianti senza alcuna logica, utilità e capacità produttiva. Siamo davvero disposti – conclude in�ne ‘Habitat e Paesaggio’ – a continuare a non valutare la distruzione in atto ed a porvi rimedio?” (Dan.Ca.)

Diversi i problemi causati al traffico sulle strade provinciali Un operaio cade dal muletto e un trattore si ribalta sopra un anziano

Nubifragio sulla Tuscia Due infortuni sul lavoro la scorsa settimana di LUCA APPIA

U

n violento temporale nel primo pomeriggio di ieri si è abbattutto sulla parte est della Tuscia. Le avvisaglie si avevano già alle prime luci di questa mattina, quando gran parte del cielo delle zone di Orte, Vasanello, Civita Castellana e Gallese si è presentato completamente grigio, mentre una fresca brezza dava il cambio al caldo torrido degli ultimi giorni. Nella tarda mattina il cielo era tornato a scoprirsi un po’, ma era solo un’illusione. Intorno alle 15, infatti, il nuvolone presenta sopra la Tuscia ha dato il peggio di sè, facendo cadere a terra decine di litri d’acqua. Su Orte è stato il nubifragio, la zona della Stazione è stata per lungo tempo impraticabile anche alle auto che a tratti si trovavano dei veri e propri laghi a sbarrargli la strada. L’acqua piovana che veniva ri�utata dai tombini, ha creato dei piccoli laghi temporanei alti uno-due centimetri che andavano a nutrire le già ampie pozze d’acqua. La temperatura è rapidamente calata dagli oltre 30 gradi del venerdì a circa 20 gradi durante la maggior

parte della giornata di sabato. Il fronte temporalesco ha coinvolto anche le zone di Terni e Rieti. Anche Viterbo è rimasta a lungo nell’occhio del ciclone. Tantissime le chiamate ai vigili del fuoco per gli allegamenti, concentrati a via della Palazzina e nella zona del Cimitero, dov’è intervenuto il personale del Comune. Allagate anche la Teverina e la Cassia, dove alcune auto sono rimaste in panne per l’acqua. Stessa storia sulla Cimina, dove un’auto dopo aver perso il controllo si è ribaltata e la conducente pare sia rimasta ferita in modo abbastanza grave. Una giornata veramente dif�cile per il traf�co della Tuscia, che dal sole estivo si è ritrovata in una gioranta tipicamente invernale. foto Zadropress

D

ue infortuni sul lavoro questa settimana nel viterbese. Gli incidenti sono avvenuti entrambi lo scorso venerdì, uno nel territorio di Soriano nel Cimino e l’altro nei pressi di Ponte di Cetti. Due infortuni che all’inizio erano sembrati piuttosto gravi, ma che poi si sono rivelati pià lievi di quanto prospettato. Nel caso di Soriano nel Cimino la vittima è un operaio di una nota ditta ditta di attrezzature da giardino, M.T., 47enne originario del paese dei Cimini ma residente a Montefiascone. L’uomo mentre stava usando un muletto per lo spostamento di materiale, forse per un calo ipoglicemico, ha avuto un giramento di testa e csubito dopo è caduto dal mezzo sbattendo violentemente la testa a terra. L’operaio è rimasto privo di sensi a causa del colpo subito, mentre i colleghi hanno chiamato il 118 per i soccorsi. I sanitari hanno fatto arrivare sul posto anche l’eliambulanza Pegaso 33. I paramedici arrivati sul posto, subito dopo, sono riusciti a stabilizzare la vittima per poi farlo ricoverare a Belcolle con un

trauma cranico e una ferita lacero contusa alla regione occipitale. Il secondo infortunio sul lavoro è avvenuto a Ponte di Cetti, sulla Cassia Sud, dove un agricoltore di 77 anni, M.V., ha avuto un incidente sul suo trattore. Mentre stava guidando nel terreno, infatti, ha perso il controllo del mezzo che si è ribaltato imprigionando l’anziano sotto di esso. Fortunatamente per l’uomo il trattore

ha fatto ponte sui cigli del canaletto che ha provocato il ribaltamento del mezzo e non è rimasto schiacchiato dal peso del trattore. Anche qui sul posto è subito arrivata un’automedica e un’ambulanza del 118. Il 77enne, come l’altro operaio a Soriano, è stato ricoverato nel nosocomio di Viterbo per un politrauma, ma se la dovrebbe cavare con quindici giorni circa di ricovero ospedaliero.


& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

attualità viterbese

5

Duro attacco del capogruppo del Partito Democratico al Sindaco di Viterbo

Sposetti: “Giulio fai il bravo: dimettiti!” U

na situazione che sembra essere piuttosto grave quella in cui versa la maggioranza di Marini in Comune. Situazione che non pare essere passata inosservata al capogruppo del Pd, Ugo Sposetti, che ieri ha scritto una lettera in cui chiede al sindaco di gettare la spugna. Una lettera dura quella che il deputato del Partito Democratico rivolge al collega della Camera Marini. Una critica aperta a tutto l’operato della Giunta del Pdl degli ultimi anni e un invito dichiarato a chiare lettere: “dimettiti”. “Caro Giulio, mi rivolgo a te, sindaco di Viterbo, in modo amichevole. E’ l’ennesima volta che minacci le dimissioni per l’irresponsabilità della tua maggioranza. Ma il problema, caro Giulio, non è una presenza in più o in meno durante la seduta del consiglio, piuttosto che in tre anni non siete stati in grado di trovare la strada giusta per pensare al futuro della città, avendo chiuso con il passato. Prendi atto - continua Sposetti - che il passato pesa come un macigno sulla città e tu non sei riuscito a individuare l’idea giusta per uscire dal vicolo cieco in cui Viterbo è stata costretta negli ultimi 15 anni. In tre anni non siete riusciti ad avanzare una proposta per il futuro della città: non un’idea per il centro storico, non una per Bagnaia o

Abbiamo fatto la domanda al Sindaco Marini e all’assessore Muroni. E creato pure un evento Facebook

Cosa ne pensate della dichiarazione Francigena? di DANIELE CAMILLI

S

San Martino al Cimino. Grotte Santo Stefano è abbandonata e alcuni di voi non sanno neanche dove si trova. Non parliamo poi delle periferie, come Pianoscarano o La Capretta, solo per citare alcuni esempi. E che dire di Sant’Angelo, Roccalvecce e Fastello? Giulio, tu continui a ripetere che ami la tua città. Ma se così è veramente, allora presentati alla città e dimettiti. Chiedi scusa, sei ancora in tempo.

Se fai passare altri mesi sarà Viterbo a ribellarsi. Anche la pazienza dei buoni ha un limite - si avvia alla conclusione il capogruppo del Pd al Copmune di Viterbo - e, caro Giulio, la pazienza dei viterbesi nei tuoi confronti, in quelli della tua giunta che hai dovuto cambiare per ben tre volte, e in quelli dei consiglieri della tua maggioranza è arrivata al capolinea. Allora, Giulio, fai il bravo: dimettiti”. (la)

iccome a noi piace mantenere le promesse e ben sappiamo che la politica è solita glissare, allora la risposta alla domanda posta ieri ce la siamo andati a cercare. L’argomento è sempre lo stesso. La dichiarazione rilasciata alla stampa dalla società Francigena pure. La riportiamo di nuovo. “In�ne, vale la pena ricordare a tutti i lettori che in larga misura le imprecisioni sulle vicende Francigena/Autoservice vengono diffuse da chi è in con�itto personale d’interessi, volendo bene�ciare a livello familiare, personale ed economico di quanto pubblicamente asserito”. Abbiamo così telefonato al Sindaco di Viterbo Giulio Marini e all’Assessore comunale alle partecipate Paolo Muroni. Dopo avergli letto la dichiarazione �rmata dalla partecipata dei trasporti viterbesi, gli abbiamo chiesto in modo semplice e diretto: se quanto sostenuto non corrispondesse a verità, ovverosia non vi fosse nessuno che diffonde “imprecisioni sulle vicende Francigena/Autoservice”, “volendo bene�ciare a livello familiare, personale ed economico di quanto pubblicamente asserito”, secondo lei…chi ha fatto queste affermazioni dovrebbe

dimettersi oppure no? “Non so che cosa signi�ca. Non riesco a capire – ci ha detto Marini – Sono comunque dell’avviso che non andavano neanche scritte e chi l’ha fatto se ne assume le responsabilità. Non le condivido, perché un conto è fare una relazione tecnica. Altro, dichiarazioni di natura personalistica. La Francigena – ha poi aggiunto – è una società pubblica con caratteristiche e sfaccettature molto complesse. Un percorso, il suo, dove la politica ha creato forti tensioni cercando di allineare la struttura produttiva della società”. Cosa vuol dire? “Che la politica – ci ha risposto il Sindaco – aveva creato situazioni di disparità interna cui il

Cda ha cercato di far fronte”. L’assessore Muroni (nella foto) è stato invece più stringato. “Non capisco cosa abbiano voluto dire. Credo però che chi ha fatto quelle dichiarazioni abbia avuto le sue giusti�cazioni. Per quanto mi riguarda sono una persona che parla a ragion veduta. E penso che anche gli altri lo facciano. Bisognerebbe sentire Di Toro e chiedergli cosa voleva dire”. Appunto. Nel frattempo – in attesa di una risposta da parte dei vertici della Francigena – ci siamo presi la briga di aprire un “evento” Facebook. Il nome che gli abbiamo dato? “Viterbo: Societa’ Francigena, vogliamo sapere a chi si riferiva”.

Marini dice la sua sul problema delle assenze in consiglio Ferindo Palombella e Ugo Sposetti si complimentano per la scelta fatta dal Ministero dello Sviluppo Economico

“Senza numeri si va a casa” Francesco Monzillo neo direttore della Camera di Commercio “

Se non ci sono i numeri si va tutti a casa”. E’ la linea adottata dal sindaco Marini al termine della riunione di maggioranza di ieri pomeriggio, convocata dopo l’ennesimo consiglio comunale ‘senza numeri’. Il primo cittadino, infatti, tira in ballo proprio quei consigli comunali dove l’assenza pare sia diventata un segnale pesante e dice: “Se lunedì in consiglio comunale ci saranno ancora assenze tali da non garantire per l’ennesima volta volta il numero legale e quindi l’approvazione poi del bilancio, si va a casa con tutte le conseguenze politiche e amministrative del caso”. I grandi assenti al consiglio comunale di pochi giorni fa, però, non c’erano neanche alla riunione di ieri, rendendo vano il tutto. A mettere in crisi la maggioranza è l’assenza di Rotelli, Buzzi, Peruzzi e Salza alla scorsa assise. Assente anche Fracassini alla riunione di ieri convocata dal sindaco. Rimanendo assenti anche all’incontro, il sindaco non ha potuto chiedere agli interessanti le ragioni dell’assenza, quindi si è andati avanti per ipotesi. Pare che le ragioni di natura politica o amministrativa siano state escluse alla base, ripiegando sul fatto che il malessere del partio possa essere dovuto a richieste da parte dei singoli politici. Un momento dif�cile, quindi, per la maggioranza che oltre ad affrontare i nemici esterni

V

dell’opposizione, deve anche fare i conti con i problemi “domestici” del partito. Chissà se Marini deciderà di dare retta al consigliere Sposetti e mandare tutti a casa? (la)

enerdì 1 luglio si è insediato alla direzione della Camera di Commercio di Viterbo Francesco Monzillo, nominato con decreto del Ministro per lo Sviluppo Economico Paolo Romani, ratificando la selezione compiuta dalla Giunta camerale nei mesi scorsi. Subentra a Franco Rosati, che per 12 anni è stato Segretario generale dell’Ente di via Rosselli, il quale lascia il suo incarico per raggiunti limiti di età. Monzillo, 41 anni, viterbese, laureato in scienze statistiche e in economia ha svolto un percorso professionale tutto interno al-

l’Ente camerale iniziato nel 1995, ricoprendo incarichi di rilievo dapprima come responsabile del Servizio Studi e Statistica e Studi, poi come dirigente dell’area amministrativo, contabile e studi, e da tre anni vicesegretario generale vicario. Attualmente ricopre anche la direzione del CeFAS, Azienda speciale della Camera di Commercio, ed è presidente dell’Assonautica provinciale. “Credo che la Giunta camerale – dichiara Ferindo Palombella, presidente della Camera di Commercio di Viterbo – abbia giustamente optato per il candidato che

meglio può garantire l’evoluzione gestionale dell’Ente in linea di continuità con quanto egregiamente realizzato in tutti questi anni da Rosati, il quale ringrazio anche a nome del Consiglio. Una scelta che valorizza la capacità di questa Camera di Commercio di formare ed esprimere una classe dirigente preparata, e che sicuramente porterà nuova linfa nell’affrontare le sfide che ci attendono nei prossimi mesi per la crescita economica del territorio. Al nuovo segretario rinnovo i più sinceri auguri”. Anche Ugo Sposetti ha inviato i suoi auguri al neo

direttore della Camera di Commercio di Viterbo. “I miei migliori auguri di buon lavoro a Francesco Monzillo, nuovo segretario generale della Camera di Commercio. Una nomina che suggella un percorso professionale caratterizzato da preparazione, dedizione e competenza. Sono sicuro che anche nel nuovo ruolo si distinguerà per l’impegno profuso nella valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze in ogni settore. A Franco Rosati, suo predecessore, il ringraziamento per il lavoro svolto in tutti questi anni per lo sviluppo dell’economia locale”.

L’ex presidente della società comunale racconta il grande successo

Coacioli tira le somme dell’attività della Multiservizi

Salta il consiglio straordinario sui rifiuti Parroncini: “Manca correttezza e rispetto”

Il lavoro che abbiamo fatto in questi 4 anni lo devono giudicare soltanto i cittadini. Io sono assolutamente soddisfatto e per almeno 3 motivi: abbiamo raggiunto gli obiettivi �ssati con un anno di anticipo, poi abbiamo chiuso il 2010 in attivo e così pure il bilancio di questi primi 6 mesi del 2011”. A poche ore dall’addio, il presidente uscente della Multiservizi, Alvise Coaccioli traccia il bilancio dell’attività della società comunale nata nel 2007. “Gestione cimiteriale, verde pubblico, pulizia delle strade, pulizia degli edi�ci comunali, questi sono i settori di competenza della società che è partita da zero, e che anche grazie ai 7 dipendenti siamo riusciti a portarla ad un ottimo livello di qualità”. Come siete riusciti ad essere in attivo? “Innanzitutto vorrei ringraziare l’amministrazione Tarantino per la �ducia e il rapporto che si sono consolidati in questi

S

alta il consiglio straordinario sui ri�uti. Il consigliere regionale Parroncini va su tutte le furie e spara a zero sulla maggiornaza provinciale. “Altro che “Incontri Gentili”, in Provincia non si trovano più nemmeno correttezza e rispetto istituzionale. Ormai da moltissimi giorni infatti è stato programmato per lunedì mattina un consiglio straordinario alla presenza dell’assessore regionale Pietro Di Paolo, che dovrà illustrare il piano ri�uti e spiegare i motivi dell’aumento dei costi del conferimento in discarica nella Tuscia viterbese. Ebbene, su un tema così delicato non si sono neanche preoccupati di invitare i consiglieri regionali. Eppure proprio su questi temi alla Regione Lazio è in corso

anni che sono stati dif�cili, come sempre avviene quando si parte da zero in una nuova avventura. Poi abbiamo gestito la Multiservizi ogni giorno, ogni minuto con serietà, passione e grande attenzione ad ogni piccola spesa. Ma alla base c’è stato un grandissimo attaccamento a Soriano”. Si poteva fare di più? “Non lo so. So che consegno al nuovo amministratore scelto dal sindaco Menicacci una ‘macchina’ che funziona e che può essere considerata un modello di trasparenza e di ef�cienza. Da domani i nuovi vertici, ai quali auguro buon lavoro, potranno partire da una base di mezzi e strumenti su cui sono stati investiti circa 180.000 euro. In questi anni i sorianesi, che ringrazio, mi hanno dimostrato un grande spirito di collaborazione, anche questo è stato fondamentale per lavorare bene”.

una discussione in commissione, poi l’argomento dovrà approdare in consiglio. Già a Roma, nel corso di un’apposita audizione, la Provincia non si era presentata né con il presidente, né con l’assessore all’Ambiente: hanno solo inviato il dirigente. Oggi, non avere invitato chi rappresenta la Regione sul territorio – a maggior ragione alla luce della presenza dell’assessore – è indice di mancanza di correttezza e rispetto istituzionale, nonché un segnale della deriva della Provincia. Al di là dei ruoli di maggioranza e opposizione infatti, quando c’è da discutere su un argomento che riguarda tutti, l’assenza dei fondamentali istituzionali minimi dimostrata dagli amministratori di Palazzo Gentili non può essere accettabile”.


attualità viterbese

6

Viterbo & Domenica 26 Giugno 2011 AltoLazio

E’ una giovane fotografa viterbese ed è arrivata ai quarti di finale di un importante concorso Nikon. Si chiama Claudia Cavallo

Tabia, “fotografo oggi i ricordi di domani” di DANIELE CAMILLI

C

omincia per gioco, quasi per scherzo. Diventa in�ne un’artista. Vende una foto e si emoziona. Si chiama Claudia Cavallo, in arte Tabia. Ha venticinqu’anni, fa scatti e la natura è sua modella. “L’aspetto delle cose varia secondo le emozioni – scrive Kahlil Gibran – e così noi vediamo magia e bellezza in loro: ma bellezza e magia, in realtà, sono in noi”. Claudia è romana, ma vive a Vetralla e “la fotogra�a – ci spiega – è il mezzo per immortalare le emozioni provate in quell’istante. Sono un’autodidatta, ho studiato e studio tra i campi di grano, guardando l’orizzonte in�nito, scrutando il passaggio delle nuvole che mi invitano ogni volta a seguirle e magicamente si trasformano in quell’attimo irripetibile, fermato con un clik della mia Nikon. Il mio terzo occhio”. Tabia, “così mi chiama l’amore della mia vita, Tabia è dedicata a lui”. Suo fratello, la prima parola che gli uscì di bocca quando non riusciva ancora a dire Claudia. “Collaboro con alcune associazioni culturali ed editoriali della zona”. Artecittà e Benclaro.it su tutte. Si sta poi specializzando nel fare Virtual Tour e Foto-Panoramiche. Oltre a partecipare ad un importante concorso Nikon.

Alcuni scatti della fotografa Claudia Cavallo Per chi volesse avere informazioni e votarla, basta accedere alla sua pagina Facebook. Oppure sapere che su 17mila partecipanti, attualmente è arrivata ai quarti di �nale dove se la sta vedendo con altri 7 colleghi. Niente male, come del resto la sua citazione preferita...”Fotografo oggi i ricordi di domani”.

La fotografia giunta ai quarti di finale del concorso Nikon

Ad aggiudicarsi il primo premio della lotteria, ideata da Don Pino, il signor Antonio Mataloni

Consegnata la Suzuki della Grotticella

V

into dal signor Antonio Mataloni il primo premio della lotteria della parrocchia

Santa Maria della Grotticella. Al fortunato vincitore Don Pino Curre, ideatore

dell’iniziativa, ha consegnato le chiavi della Suzuki Swift in palio.

Operazione ‘Viterbo Pulita’, una squadra di volontari ha rimesso in ordine il quartiere di Santa Barbara

La squadra di ‘Viterbo Pulita’

U

na Viterbo più pulita comincia da Santa Barbara. Dall’idea di Pagnanelli, lanciata qualche settimana fa a mezzo stampa all’azione di ieri mattina. Intervento muscolare che ha visto protagonisti, accanto ai cittadi-

ni, anche diversi componenti della maggioranza a Palazzo dei Priori. Presenta anche il sindaco Giulio Marini. Sotto lo slogan ‘Viterbo Pulita! Noi non siamo zozzi’, ben stampata sulle magliette, un piccolo esercito di volontari ha ripulito il quartiere.

L’azione è stata coordinata tramite il gruppo facebook ‘Puliamo Viterbo’, aperto da Bruno Pagnanelli. L’idea ha trovato il forte sostegno del consigliere comunale (Pdl) Andrea Marcosano. L’ i n i z i a t i v a ha trovato spazio anche sul sito online di ‘La Repubblica’. Caccia spietata a cartacce e bottiglie abbandonate praticamente ovunque. Appuntamento in mattinata presso la chiesa di Santa Barbara. Quando va in scena un “miracolo” la Chiesa c’entra sempre. Armati di maglietta,

ramazze, guanti e buste di plastica anche il sindaco di Viterbo Giulio Marini, l’assessore ai Lavori pubblici Giovanni Arena, quello alle Politiche giovanili Daniele Sabatini e il consigliere Andrea Marcosano. Il gruppo dei volenterosi ha dato il buon esempio e in diversi cittadini, all’ultimo momento, si sono uniti per dare una mano. La squadra è partita dal parco giochi e piano piano ha esteso il proprio intervento a tutte le vie e marciapiedi nei dintorni. A dare manforte anche l’artiglieria pesante: un mezzo del Cev che ha affiancato tutte le operazioni. E’ stata una bella dimostrazione di civiltà e l’abbraccio della politica va sicuramente accolto positivamente. Il messaggio è chiaro: “una città più pulita dipende da ognuno di noi”.

Il consigliere Marcosano e l’assessore Sabatini

Giovanni Arena alla raccolta dei ri�uti


& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

provincia di roma

7

BRACCIANO - Titolo ironico e allo stesso tempo iper critico per la kermesse cittadina

La V edizione sarà ‘RiTaglidiCultura’ di SARAH PANATTA

L

’estate braccianese guarda altrove, oltre la recinzione appuntita eretta dalle conclamate ristrettezze economiche, e si apre all’insegna della lotta contro i tagli alla cultura. L’intento è tutto nel titolo, paradigma simbolico e ironico per i mesi che verranno. Inizia da questo weekend la kermesse “Viva Bracciano” giunta alla sua V edizione, questa volta tutta centrata su festosi “RiTaglidiCultura”. La stagione vacanziera si salva con le associazioni territoriali e una programmazione che accontenta tutti i gusti. Si va dai concerti al teatro passando per gli spettacoli intelligenti dedicati ad un pubblico di bambini, una miscela refrigerante per affrontare il fuoco del bimestre luglio-agosto. Da domani si scoperchia il calderone artistico, con il concerto d’apertura “Saràbanda”, che inaugura le numerose rassegne musicali, tra le quali il “Festival Città di Bracciano”, con rivisitazioni d’artista da grandi classici (Listz e Bach), recital sonoro-poetici, contamina-

zioni jazz e fremiti risorgimentali dal Melodramma Italiano, per celebrare con alternative alternanze i 150 tricolori, presso il Chiostro degli Agostiniani; il ciclo “Tagli Spettacolari”, con concerti interculturali, giri di note contemporanee della Lake Jazz Orchestra, voci nuove e antiche dal Coro Polifonico di Bracciano; le serate di “Cantiere Musica”, tra guizzi di Luis Bacalov e ricordi “arrabbiati” di Fa-

brizio de André; dall’11 al 13 agosto l’ormai celebre e molto seguito “Cover Band Rock Festival”, con tributi ai mitici Deep Purple, ai Blues Brothers e ai Dire Straits. Sul palco dell’intrattenimento ludico gli spettacoli di animazione con gli amati e sempre richiesti burattini, e “Il Principe Azzurro è gay”, commedia a cura dell’associazione culturale Talia. Oltre alle tradizionali feste religiose, grande spazio al

“Festival Internazionale del Folklore” per la direzione artistica dell’associazione Cultura in Movimento, con sfilate, balli, canti e musica dal mondo, e a “Ti Fa.Rò. Ridere”, nuova rassegna di cabaret a cura dell’associazione Fa.Rò. onlus. Tre le importanti esposizioni di arte figurativa che si aggiungono ai reperti archeologici in mostra al Museo Civico: al Chiostro degli Agostiniani dall’8 al 15 luglio “Quelli degli anni ’10”, mostra d’arte contemporanea promossa dall’associazione culturale “Arte-Saman” e dalla galleria d’arte “Collezione Saman” di Roma; nei Corridoi dell’Archivio Storico dal 15 al 31 luglio “Illuminarte”, mostra di scultura promossa dall’associazione culturale “Accademia Europea Arte Applicata” di Bracciano, al Convento dei Cappuccini e il 23 agosto il “Bracciano Art Contest 2011- Se guardo altrove non è per distrazione”, interessante e “giovane” concorso artistico in movimento, promosso da Cucuas onlus, per cervelli che fuggono dall’ordinario passando per fotografia, pittura e scultura.

BRACCIANO - Per il Comune 1340 contatti

L’amministrazione su Facebook L

’era dei contatti iper veloci, dei link “comuni” e delle chat on line. Stare vicini non è mai stato così facile e sfruttabile, e le istituzioni se ne sono accorte in massa.Tra queste �gura ormai stabilmente il Comune di Bracciano, che sta già s�orando il suo primo record di “amici”, su Facebook. Il comune ha collezionato in meno di un mese 1340 contatti usando l’arci noto social network per informare e comunicare con i cittadini. L’amministrazione, appagata dal risultato raggiunto si apre allora a nuove conquiste on line, convinta che simili scelte siano in linea con la volontà di partecipazione, condivisione e comunicazione che il comune sta cercando di attuare attraverso tutti i canali disponibili. Seguire su Facebook la pubblica gestione di tutti i settori della vita braccianese sembra un modo in più per integrare quella missione di trasparenza che l’amministrazione Sala tenta di difendere dall’inizio del suo mandato, certo ostacolata dai molti problemi della cittadina, dai tanti lavori in corso in attesa di

compimento, della scarsa reperibilità delle risorse, dai processi penali per gli abusi edilizi, dall’espansione dei residenti, dal clima informativo e politico spesso subdolo, che usa anche gli spazi web per denigrare e fomentare polemiche, anziché costruire dibattiti fattivi. Lungi dal diventare l’ultima frontiera di un risanamento della frattura tra comunità e palazzo comunale, Facebook si inserisce nella �tta schiera dei mezzi modaioli per trovare af�nità con una società che si modernizza, soprattutto nella “rete”. (S.P.)

CERVETERI - Fissato per il 15 luglio l’incontro sul turismo

La Destra polemizza sulle attività della Giunta

Ā‫؀଀؀‬ఀȀ଀ഀĀĀ฀‫؀‬Ȁ

਀଀Ԁ̀ЀȀऀఀഀ฀฀ༀ ༀഀऀȀကȀఀ਀ЀȀ‫؀‬Ѐ̀ഀက̀‫؀‬ЀԀഀᄀᄀሀȀ‫܀‬ఀጀЀ᐀ᔀЀࠀᘀကఀ਀ЀᜀጀᔀЀԀഀᄀЀ‫܀‬ഀ᠀਀ᄀȀऀഀကఀ਀ЀԀ‫؀‬Ѐ ഀ‫᠀਀܀‬Ȁᤀ‫਀؀‬ကഀЀԀഀᄀᄀȀЀᨀ਀ကԀȀᤀ‫਀؀‬ကഀᬀ

R

iceviamo e pubblichiamo dal portavoce della Destra, Roberto Menasci: “Sarebbe bello riavere il Cratere di Euphronios per poterlo mostrare ai Turchi che vengono dal lontano Azerbaigian! Mentre le gite scolastiche e i turisti che arrivano al Porto di Civitavecchia vengono attratti dalle altre città Turistiche –Storiche – Culturali, il vice sindaco Caterina Intragna, l’Assessore Domenico Grassetti e la delegata del sindaco Paola Calce, sono impegnati a curare i rapporti con la Delegazione dell’Azerbaigian, occupando molto del loro tempo retribuito dai contribuenti del comune di Cerveteri, i quali ( i cittadini) vorrebbero vedere la Necropoli Etrusca e il Museo Cerite ravvivata da turisti e meno abbandonata dalle istituzioni. Del resto, cosa mai ci si poteva aspettare in più di quello che non hanno fatto i politici sopraindicati presenti nelle Amministrazioni comunali di Cerveteri fin dagli anni ’90 ? “Lo sviluppo turistico della nostra città”, sarà il tema dell’ incontro del gruppo de la Destra (Sto-

ĀȀ̀ЀԀ‫܀؀‬Ȁ̀ࠀऀĀȀ̀̀ȀЀԀ‫؀‬Ѐ‫ࠀ̀؀܀‬Ȁ‫਀؀ऀ܀‬ЀԀ‫؀‬Ѐ

ကᄀऀऀ Āሀጀ᐀ᄀᔀᘀሀጀᜀऀऀ ᠀ᄀᤀᤀᄀऀऀ ᐀ᘀऀऀ ᨀᘀᤀᬀᄀᰀᴀᘀሀऀऀ ᐀ᘀऀऀ ᠀ᘀḀᘀἀᄀḀᜀ !ᘀᄀᔀЀЀ ᰀᴀḀḀሀἀ !"#$ЀЀ %ᴀḀḀሀἀ##"&"#'ЀЀ "(#"#)*"$ᰀἀḀᴀЀЀ +ᴀ,Ѐ Ḁሀᴀ(ᴀ,-"*"$Ѐ./00ᔀЀ1ἀЀ(#ἀᰀ*"ἀ#$ЀḀἀЀ($ ἀЀ-$ +Ḁᴀ(("&ἀЀ%"Ѐࠀ"ᰀሀऀ#$ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ'ऀ%ἀЀἀ((ᴀ2ᰀἀ,ᴀЀἀЀ+,$2ᴀ##"Ѐ ᴀ%"ἀᰀ#ᴀЀ !ἀᰀ%$ᔀЀἀЀ3+,$2ᴀ##"Ѐᴀ%Ѐ"ᰀ"*"ἀ#"&ᴀЀ%"Ѐ#ᴀ,*"4Ѐ%ἀЀ,ᴀἀḀ"**ἀ,ᴀЀᰀᴀḀЀ#ᴀ,,"#$,"$Ѐ%ᴀ"Ѐ-$ )ᰀ"Ѐ%"ЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀᔀЀȀḀḀ) "ᴀ,ᴀᔀЀ Āᴀ,&ᴀ#ᴀ,"ᔀЀ ᄀἀ%"(+$Ḁ"ᔀЀ ऀἀᰀ*"ἀᰀἀᔀЀ ऀ$ᰀ#ἀḀ#$Ѐ %"Ѐ Āἀ(#,$ᔀЀ ̀ἀᰀ#ἀЀ ऀἀ,"ᰀᴀḀḀἀᔀЀ ఀἀ,5)"ᰀ"ἀЀ ᴀЀ ఀ$Ḁ6ἀᔀЀ +ᴀ,Ѐ ḀᴀЀ 6"ᰀἀḀ"#'Ѐ ᴀЀ -$ᰀЀḀἀЀ,"+ἀ,#"*"$ᰀᴀЀ%"Ѐ(ᴀ2)"#$Ѐ"ᰀ%"-ἀ#ᴀ7

race) che si terrà dalle ore 18,00 venerdì 15 luglio nella sala interna del Jolly in Via Santa Maria centro storico Cerveteri. I simpatizzanti e gli iscritti al Partito sono invitati all’incontro che si concluderà con un intervento di Bruna Di Berardino riguardante l’opportunità di sviluppo che si potrà ricavare dal nuovo Aeroporto che nascerà nella provincia di Viterbo. Nell’occasione si avvierà una raccolta di firme dal titolo “ Riprendiamoci le nostra opere preziose” Dopo la cam-

pagna elettorale, perché nessuno si fa paladino di riportare a Cerveteri il Cratere di Euphronios e altri beni Artistici? Sarebbe bello riaverli e poterli mostrare ai Turchi che vengono dal lontano Azerbaigian!”

(ᜀἀἀሀᰀᜀऀऀऀ ࠀ᐀" ᄀᔀᘀሀጀᜀ&ऀऀऀ ‫܀‬ᤀἀᰀ"ᔀᘀሀጀᜀऀऀऀ ᜀ Āሀᰀᴀᄀᔀᘀሀጀᜀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀ(ᄀ*"ἀᜀऀ+",,*ᘀ ᄀ&ऀ-ᜀ᐀ᘀ ᘀጀᄀऀ ᬀᰀᜀḀᜀጀἀᘀḀᄀऀᜀऀᰀᘀᄀ,ᘀ*ᘀἀᄀἀᘀḀᄀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀԀᰀἀᜀ&ऀԀἀἀᘀḀᘀἀ.ऀᜀऀ଀ᜀጀᘀऀ "*ἀ"ᰀᄀ*ᘀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀऀ /ሀ*ሀጀἀᄀᰀᘀᄀἀሀ&ऀऀ 0ᘀ*ᄀጀἀᰀሀᬀᘀᄀऀऀ ᜀऀ ,ᜀጀᜀ0ᘀ ᜀጀᔀᄀ ࠀ"ᰀሀ 1ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀ ᨀᘀ ᜀᰀ ᄀ ( ᘀᜀጀἀᘀ0ᘀ ᄀ ᜀ 2ᜀ ጀሀ*ሀ3ᘀ ᄀ ࠀ"ᰀሀ ฀ഀഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀ Ԁᤀᤀᘀᤀἀᜀጀᔀᄀ ᄀ3*ᘀ ᄀጀᔀᘀᄀጀᘀ ࠀ"ᰀሀ ฀ഀഀ%ഀഀഀ&ഀഀ ऀ ऀऀऀ ऀऀऀऀᴀᄀᤀᤀᘀᴀሀ ऀऀऀ ऀ5ᘀᴀᬀሀᰀἀሀ ऀऀऀ ऀऀऀ 4 ऀ %ऀऀऀऀ฀ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ ऀऀऀ ऀऀऀऀऀऀ ᴀሀ ऀ ऀऀऀऀ᐀ᘀऀ ᘀऀऀऀऀ ऀऀऀ ऀᴀᄀᤀᤀ ᰀἀሀऀऀऀ ऀऀऀऀ ऀऀऀ ሀ ऀᘀᴀᬀ ऀऀऀ ऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀऀ"ጀ ऀऀἀሀ ᄀ ऀऀऀ ऀᜀᰀሀ3 ऀऀऀ ऀऀऀ ऀᜀᤀᤀᜀᰀᜀ ऀऀऀ ऀऀऀ ऀऀऀऀᬀሀἀᰀ. ऀऀऀ ऀᬀᰀሀ3ᜀἀἀሀ ᘀᄀᤀ "ጀऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀऀऀऀऀ ऀऀ +ᜀᰀ ᜀ᐀ᘀ,ᘀ*ᜀ6ऀऀ%ऀ ऀऀ !ᘀऀऀऀऀ ᰀᘀ 4%฀ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ% ᐀ᘀऀऀऀ ऀᤀሀᬀᰀᄀᘀጀ᐀ᘀ ᄀἀሀऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀ7"ᜀ**ሀ ऀᤀऀऀ"ᬀᜀᰀᘀሀᰀᘀऀᄀ ऀऀ ऀऀ ऀᰀᘀ !ᘀᜀᤀἀᜀऀ ሀጀऀᘀᴀᬀሀᰀἀᘀ ऀ*ᜀ ऀऀ (ᄀᰀᄀጀጀሀऀᰀᜀᤀᬀᘀጀἀᜀ

ᄀἀЀ +,ᴀ(ᴀᰀ#ἀ*"$ᰀᴀЀ %ᴀḀḀᴀЀ ,"-1"ᴀ(#ᴀЀ %$&,'Ѐ ἀ&&ᴀᰀ",ᴀЀ #,ἀ "#ᴀЀ Ḁἀ Ѐ -$ +"Ḁἀ*"$ᰀᴀЀ %"Ѐ )ᰀ Ѐ 3(-1ᴀ%ἀ4Ѐ -1ᴀЀ " Ѐ ($22ᴀ##"Ѐ "ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"Ѐ#,$&ᴀ,ἀᰀᰀ$Ѐ%"(+$ᰀ"!"ḀᴀᔀЀ)ᰀ"#ἀ ᴀᰀ#ᴀЀἀḀЀ-$ᰀ#ᴀᰀ)#$Ѐ-$ +Ḁᴀ#$Ѐ%ᴀḀ Ѐ!ἀᰀ%$ Ѐ./00ᔀЀ+,ᴀ(($ЀḀἀЀ(ᴀ2,ᴀ#ᴀ,"ἀЀ %ᴀḀḀἀ Ѐ ᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀ ЀĀἀ,"-"&ᔀЀ ("#ἀ Ѐ"ᰀЀ ଀"ἀ Ѐ‫("܀‬$,2" ᴀᰀ#$ᔀ Ѐ890. Ѐ:Ѐ Ā"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀᔀ Ѐἀ+ᴀ,#ἀ Ѐ"ḀЀ Ḁ)ᰀᴀ%;ᔀ Ѐ ᴀ,-$Ḁᴀ%;Ѐ ᴀЀ ЀЀᴀЀЀЀ ᰀ ЀЀ ЀЀ $ᰀ%ἀ*"$ ᨀ ЀЀᴀЀЀḀЀЀЀЀḀЀἀЀЀЀ ЀЀ % ,ᰀᴀ#ЀЀ ЀЀ ("#$ Ѐ "ᰀ#ЀЀᴀЀЀЀ "ḀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀ$ % &ᴀᰀᴀ,%;Ѐ %ἀḀḀᴀЀ $,ᴀЀ <ጀ// Ѐ ἀḀḀᴀЀ $,ᴀЀ 0.ጀᜀ/ᔀЀ $Ѐ -$ᰀ()Ḁ#ἀᰀ ЀЀ ЀЀ#ЀЀጀ ЀЀጀ" "-"& ЀЀ ,ЀЀЀЀ ЀЀᴀ-ἀ ᰀ ЀЀ ===ጀ6$ᰀ%ἀ*"$ ЀЀ ЀЀ,"ጀ ЀЀ $ Ѐ(ЀᴀЀЀ## "Ѐ"ЀЀЀ #Ѐ)##ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ +ᴀ, ЀЀ฀ऀ ЀЀ ऀऀ ฀ ऀЀЀఀഀ ЀЀ ऀऀ ЀЀऀЀЀက89က‫܀‬Ȁ Ѐ>ЀḀ Ѐ ሀЀЀ฀Ѐ฀ ЀЀ4ЀЀЀЀЀ $ ЀЀ Ѐ3Ѐ!ἀᰀ% ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ#ᴀ ᴀ(ᴀᰀ Ѐ+Ѐ,ЀЀЀЀ ᴀЀЀḀЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀ %ᴀᰀ*ἀЀ% Ѐ(Ѐ-ἀ Ѐ%Ѐ"ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ,ЀЀЀЀ "ᰀᴀ ЀЀ ‫؀‬ḀЀЀ#ЀЀЀᴀЀЀЀ ‫؀‬Ѐ($22ᴀ##"Ѐ"ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"ЀἀЀ,"-1"ᴀ%ᴀ,ᴀЀḀሀἀ((ᴀ2ᰀἀ*"$ᰀᴀЀ%"Ѐ6$ᰀ%"Ѐ+ᴀ,Ѐ"ḀЀ6"ᰀἀᰀ*"ἀ ᴀᰀ#$Ѐ%"Ѐ+,$2ᴀ##"ЀЀ,"6ᴀ,"!"Ḁ"Ѐἀ"Ѐ(ᴀ##$,"Ѐ ()%%ᴀ##"ᔀЀ %ᴀ!!$ᰀ$Ѐ "ᰀ&"ἀ,ᴀЀ ḀᴀЀ Ḁ$,$Ѐ ,"-1"ᴀ(#ᴀᔀЀ ᴀ(-Ḁ)("&ἀ ᴀᰀ#ᴀЀ #,ἀ "#ᴀЀ ,ἀ--$ ἀᰀ%ἀ#ἀЀ +$(#ἀḀᴀЀ -$ᰀЀ ἀ&&"($Ѐ %" ,"-ᴀ&" ᴀᰀ#$ᔀЀ"ᰀ%","**ἀᰀ%$ḀᴀЀἀ7 ᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀĀἀ((ἀЀ%"Ѐ‫("܀‬+ἀ, "$Ѐ%"ЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀЀ଀"ἀЀ‫("܀‬$,2" ᴀᰀ#$ᔀЀ8?0/?0.Ѐ:Ѐ///@ᜀЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀЀༀ‫ऀ܀‬ᬀጀ ଀ᄀጀ᐀ሀऀఀഀ฀฀ऀ:ऀ ሀጀऀᘀጀ᐀ᘀ ᄀᔀᘀሀጀᜀऀ᐀ᜀ*ऀᤀᜀἀἀሀᰀᜀऀ᐀ᘀऀᄀᬀᬀᄀᰀἀᜀጀᜀጀᔀᄀऀ᐀ᜀ*ऀᬀᰀሀ3ᜀἀἀሀ% Ѐᰀ$ᰀ Ѐ Ѐ ЀᴀЀ ЀЀЀ ЀЀЀ Ѐ"ᰀ%"-ἀ#$ Ѐ ЀЀЀ Ѐ($+,ἀ Ѐ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀᴀḀḀ$ Ѐ5Ѐ ) Ѐ%Ѐ ἀЀЀЀЀЀ ЀЀЀ Ѐ%"&ᴀ,($ Ѐ Ѐ ЀЀЀЀЀ $%$ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ"ᰀ ЀЀ"#ᴀ Ѐ(+ᴀ Ѐ % ЀЀᴀЀЀЀЀЀ ἀᰀ% Ѐ%$ Ѐ ЀḀᴀ Ѐ ЀЀЀ ἀ*"$ᰀᴀЀЀЀ ,ЀЀЀЀ Ѐ Ѐ ЀЀЀЀ-$ᰀ("%ᴀ ᴀ(ᴀЀЀЀЀ"ᰀ ЀЀЀЀ+Ѐ ,ЀЀЀЀ Ѐ က$ᰀ ЀЀ ЀЀЀЀ(ἀ,ἀᰀᰀ$ ,ЀЀ +ЀᴀЀЀЀЀ Ѐ%ἀ#ἀ Ѐ ЀЀЀЀ #ἀЀЀЀ ᴀ%ᴀ#ЀЀЀЀ Ѐ+Ѐ,ЀЀЀЀ ḀἀЀЀЀ ЀἀЀḀЀЀЀЀ ᰀ#ᴀЀЀЀ ЀЀ ᴀЀЀЀЀ ЀЀ ()Ѐ -ЀЀᴀ(("&ἀ #ᴀЀЀЀЀ "ЀЀЀЀ Ѐ(+ᴀ% Ѐ ЀЀ ḀЀЀᴀЀЀЀЀ ЀЀᴀḀ Ѐ5Ѐ) ЀᴀЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ*ἀ ЀЀᴀЀЀᰀ ЀЀ ᰀ Ѐἀ++ Ѐ ἀЀЀ,#ᴀ Ѐ%" Ѐ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ #ЀЀ#Ѐ$Ѐ,ᴀ (ЀᴀЀЀЀЀ Ѐ%ЀᴀЀЀḀЀЀЀЀ ЀЀЀ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀ ἀЀЀ*"$ᰀ" ЀЀ"Ѐ"ᰀ Ѐ% Ḁᴀ Ѐ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ ЀЀᴀᰀ#" ᰀ ЀЀ -$ᰀ#ᴀ ᴀጀ ЀЀ ḀЀЀЀЀ Ѐ+$( Ѐ #ἀ Ѐ#Ѐ"ЀЀЀ !,$ЀЀЀ Ѐ"ḀЀ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ Ѐ6ЀᴀЀЀ%ᴀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ 6ЀЀἀЀ,' ЀЀЀ ἀḀᴀЀ ЀЀ ЀЀ5) Ḁἀ ࠀᴀ,Ѐ #)##"Ѐ "Ѐ -1"ἀ," ᴀᰀ#"Ѐ "ᰀЀ $,%"ᰀᴀЀ ἀḀЀ -$ᰀ#ᴀᰀ)#$Ѐ %ᴀḀЀ !ἀᰀ%$Ѐ ᴀ%Ѐ ἀḀḀᴀЀ ,ᴀḀἀ#"&ᴀЀ +,$-ᴀ%),ᴀᔀЀ "Ѐ ($22ᴀ##"Ѐ "ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"Ѐ +$(($ᰀ$Ѐ,"&$Ḁ2ᴀ,("ЀἀḀḀἀЀ(ᴀ2,ᴀ#ᴀ,"ἀЀ%ᴀḀḀἀЀᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀἀḀЀ#ᴀḀᴀ6$ᰀ$ЀᰀጀЀ/᐀AAጀᜀB.<᐀Ѐ:Ѐ/᐀AAጀ.@0᐀.ጀ ᨀ਀ကԀȀᤀ‫਀؀‬ကഀЀĀጀ‫܀‬ጀЀĀ‫؀‬Ā‫؀଀؀‬ఀȀ଀ഀĀĀ฀‫؀‬ȀЀ ‫؀‬ᄀЀࠀ‫܀‬ഀ̀‫؀‬Ԁഀကఀഀ

Ȁ&&ጀЀ଀"ᰀ-ᴀᰀ*$ЀĀἀ--"ἀ2Ḁ"ἀ


2 8

interni litorale viterbese

Viterbo & & Viterbo Domenica 3 Luglio2010 2011 1 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

MONTALTO - “Altrove le energie alternative regalano benefici, da noi nessuno sgravio per i cittadini”

“La giunta Carai impari da Piansano” R

iceviamo e pubblichiamo dall’associazione Noi di Montalto e Pescia: “E’ di pochi giorni fa la notizia pubblicata dai giornali locali dei molti sgravi �scali di cui godranno i cittadini di Piansano, dovuti all’installazione di circa 21 pale eoliche nel borgo viterbese: riduzione del 50% delle tasse sui ri�uti per gli ultra sessantacinquenni, duecento euro una tantum per gli studenti universitari e cento per medie ed elementari, sostegni economici per l’acquisto del materiale scolastico dei più piccoli, sgravi sull’abbonamento di viaggio per i ragazzi delle superiori. A Montalto sono stati costruiti decine di impianti foto-

TARQUINIA - Annuncio perentorio del sindaco

voltaici che hanno occupato centinaia di ettari di terreni, ma per i cittadini nessun bene�cio. I posti di lavoro per i residenti che l’amministrazione aveva promesso e che tanti cittadini hanno aspettato invano non sono stati creati, le categorie sociali deboli non hanno ricevuto alcun bene�cio, il territorio è stato fortemente penalizzato. Tutto questo a causa dell’incapacità dell’Amministrazione che ha sottoscritto delle convenzioni senza prevedere alcun accordo di salvaguardia per la manodopera e l’imprenditoria locale, e senza prevedere dei bene�ci concreti per la cittadinanza.

Mazzola: “Citerò per danni la Talete” “

Quindi niente lavoro (o molto poco e per pochissimi mesi) e nessuna compensazione a favore della popolazione di Montalto e Pescia alla quale rimane solamente la servitù energetica e il fatto che oltre 300 ettari di campagna sono stati tappezzati da pannelli fotovoltaici. Una politica seria di sostegno delle energie rinnovabili avrebbe dovuto avere come obiettivo quello di favorire la realizzazione di impianti sugli edi�ci pubblici, di sostegno alla realizzazione di impianti domestici che avrebbero con-

sentito ad ogni cittadino di vedere concretamente, sulla propria bolletta, i bene�ci di questa inesauribile fonte alternativa di produzione dell’energia elettrica che è il sole. Ancora una volta, a nostro avviso gli amministratori di Montalto non sono stati in grado di sfruttare l’occasione per agevolare le famiglie, studenti, disoccupati e pensionati, perdendo ancora una volta la possibilità di regalare un po’ di benessere in tempi molto critici alle fasce della popolazione più bisognose.”

Citerò per danni Talete. Il 5 luglio ho convocato d’urgenza un vertice con i rappresentanti della società e di ATO1. Protesterò con forza contro una decisione scellerata e inaccettabile, perché l’Amministrazione ha chiesto più volte di entrare nella società, senza ricevere risposta». Lo dichiara il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola sulla scelta dell’azienda di raddoppiare il costo dell’acqua. «È un ricatto bello e buono. – afferma – Il Comune ha espresso, con atti formali, la volontà di trasferire il servizio idrico a Talete. Il continuo rinvio di ogni decisione da parte della società mi ha addirittura costretto a inviare nel luglio del 2010 una lettera al presidente della Regione Lazio, per chiedere d’includere il territorio di Tarquinia all’interno dell’ATO2 e, quindi, di entrare in Acea. La posizione del Comune non può essere assimilata a quella delle altre Amministrazioni che hanno deciso di rimanere fuori da Talete». Il primo cittadino dif�da Talete: «Dovrà intraprendere

in tempi rapidissimi tutte le azioni necessarie a formalizzare il passaggio del servizio idrico del Comune e annullare le nuove tariffe». Indetto perciò, il 5 luglio, al palazzo comunale un incontro con i rappresentanti della società e di ATO1. «La Talete ha causato questa situazione assurda e deve risolverla. L’Amministrazione ha fatto tutti gli atti necessari per chiedere di entrare nella società. I problemi dei Talete non possono essere “pagati” dall’Amministrazione. La società dovrà fare dei passi indietro, revocare la decisione di raddoppiare il costo dell’acqua, e avviare le procedure d’integrazione del servizio idrico del Comune Tarquinia».

TARQUINIA - E’ partita la campagna estiva cui hanno già aderito molti comuni TARQUINIA - Critico il Pdl sul calendario degli eventi presentato da Capitani

La Lav si mobilita contro ‘Manifestazioni estive, nessuna novità’ l’abbandono degli animali È stato presentato il programma delle manifestazioni estive del comune di Tarquinia. Nessuna novità eclatante rispetto alle scorse edizioni.” E’ critico il Pdl sul calendario delle manifestazioni. “Anche quest’anno, il tabellone degli spettacoli si riempie grazie all’insostituibile apporto delle compagnie teatrali amatoriali e delle associazioni locali. Rispettiamo il lavoro dell’assessore allo spettacolo Giancar-

lo Capitani, ma non condividiamo le sue affermazioni quando tenta di scaricare sul Governo nazionale la carenza di fondi a disposizione per l’organizzazione degli eventi estivi. Infatti, le amministrazioni comunali in carica nell’ultimo decennio hanno dovuto affrontare tagli sul bilancio e limitazioni dovute al cosiddetto “patto di stabilità”. Se l’assessore Capitani ha a disposizione solo 30 mila euro

è perché negli anni scorsi la sua amministrazione ha stanziato pochi fondi sui capitoli di bilancio relativi allo spettacolo. Quindi, se oggi può investire non più del 20% di quanto speso nel 2009 è perché negli anni passati l’amministrazione in carica ha preferito indirizzare i fondi comunali in altre direzioni e non si è preoccupata eccessivamente di �nanziare il programma degli spettacoli estivi.”

TARQUINIA - Il primo cittadino all’attacco di personaggi ‘negativi’

“Basta denigrare la città sempre e comunque” L

’associazione animalista Lav, sezione locale di Tarquinia, rende noto che è partita la fase della campagna LAV sul fenomeno dell’abbandono estivo di animali che prevede l’af�ssione di manifesti predisposti dall’associazione con l’appoggio dei Comuni già sensibilizzati al problema. Ad oggi hanno aderito e si sono già attivati i Comuni di Viterbo, Bassano Romano, Capranica, Sutri e Vignanello che da subito hanno prenotato il loro quantitativo di materiali da diffondere. Sempre più sono gli Enti locali che, anziché trovare soluzioni sbrigative e, talvolta

anche cruente, pensando di poter risolvere con mezzi super�ciali un fenomeno sociale complesso, intraprendono la strada della cooperazione con il terzo settore. Il problema, tra l’altro, non riguarda solo aspetti etici che giustamente pesano sempre più sulle scelte dei singoli ed anche degli amministratori, ma anche il bilancio economico dell’intera collettività. E’ ormai collaudato che un’assidua collaborazione con il volontariato consente la diffusione capillare di buone pratiche che anche in tema di randagismo determinano nel tempo l’arginarsi di fenomeni aberranti come l’ab-

bandono e il maltrattamento di animali ed i fenomeni di parassitismo economico ad essi connessi. Basti pensare alle molte convenzioni fra pubblico e privato che raggiungono facilmente le centinaia di migliaia di euro l’anno distogliendo fondi ad altri settori. I Comuni interessati all’acquisizione gratuita di manifesti (70x100cm) sull’abbandono e di locandine (33x70cm) a sostegno della pratica della sterilizzazione dei pets, visibili al sito dell’associazione, possono contattare la LAV locale al cell. 3491048578 oppure all’indirizzo e-mail lav.tarquinia@lav.it.

Basta ai denigratori di professione. Danneggiano l’immagine della città e il lavoro di commercianti e imprenditori che vivono di turismo». Lo dichiara il sindaco Mauro Mazzola, puntando il dito contro chi discredita Tarquinia per avere pochi minuti di visibilità. «Leggendo i quotidiani locali mi accorgo di come alcuni tarquiniesi non amino la loro città. – prosegue – Penso anzi che la odino. Ad amarla ci sono una maggioranza silenziosa di uomini e donne e le migliaia di persone che vengono da fuori: turisti, viaggiatori, professionisti, intellettuali o semplici cittadini che risiedono nei comuni limitro�. È arrivato il momento di cambiare le cose e mettere a tacere i denigratori di professione, il cui unico scopo è d’infangare senza alcun motivo Tarquinia. Ho sentito la necessità d’intervenire ed essere portavoce della gente che vuole bene alla città ed è stanca di ascoltare le solite e insulse polemiche di persone vigliacche che, su internet per esempio, si nascondono dietro l’anonimato. Come

ogni comunità, i problemi ci sono ma vanno affrontati e risolti nelle sedi opportune. È possibile discutere e criticare, perché dal confronto nascono i miglioramenti. L’importante è non avere sempre un approccio negativo e distruttivo. Invece, appaiono brutti articoli in cui mai si parla della realtà. Se questi signori sono così a bravi, perché non si sono mai presentati alle elezioni per ricoprire cariche istituzionali e risolvere i problemi di Tarquinia? Forse la risposta è che il loro lavoro è quello di “sparlare”. Persone disoccupate per scelta che non hanno il coraggio o la bravura di mettere la loro faccia nel prendere decisioni. Non vogliono fare politica e poi la fanno, o meglio pensano di farla salendo su un piedistallo per puntare il dito contro tutto e tutti. Un esempio assolutamente da non seguire. Come non si fa ad amare Tarquinia. Non esiste un posto migliore. Un posto che quest’Amministrazione è riuscita a far rivivere, con iniziative culturali e turistiche».


& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

litorale viterbese

9

TARQUINIA - Partiranno domani gli interventi di rifacimento di alcuni tratti del manto stradale

Provinciale Tarquiniese, al via i lavori “

Lunedì (domani n.d.r.) partiranno i lavori di rifacimento di alcuni tratti del manto della strada provinciale Tarquiniese”. A comunicarlo il consigliere provinciale Al�o Meraviglia. “Dopo un anno – afferma il consigliere Meraviglia - �nalmente partiranno i lavori di messa in sicurezza della provinciale tarquiniese, con gli interventi che riguarderanno numerosi tratti del manto stradale. Purtroppo, che la situazione di buona parte di questa strada sia in avanzato stato di degrado è un dato di fatto. Ma questa situazione – precisa il conigliere – non dipende assolutamente dall’attuale amministrazione di Palazzo Gentili che, invece si è rimboccata le maniche e nonostante la situazione poco felice delle proprie casse è riuscita a dare il via a questi importanti interventi. Nel frattempo, sta proseguendo ad alti ritmi la pulizia dei bordi stradali che da qui a poco verrà completata”. Ma la prossima settimana segnerà anche la risoluzione di un altro importante problema: “Molti rappresentanti delle associazioni di categoria tarquiniesi ci hanno fatto notare che all’uscita del nuovo tratto di superstrada, in località Cinelli, manca il cartello di

indicazione stradale per la cittadina di Tarquinia. Posso assicurare che entro la �ne della prossima settimana verrà posizionato. Ringrazio la cittadinanza che ci ha sottolineato questa problematica e li invito a farlo ogni qualvolta lo riterranno necessario”. “Con questi interventi – ha continuato Meraviglia – l’amministrazione provinciale ha dato dei segnali importanti dimostrando di stare sempre vicino ai cittadini per risolvere le loro problematiche. Martedì verrà approvato il bilancio e nonostante la situazione economica non sia delle migliori avremo il via per effettuare ulteriori interventi sul territorio del litorale. Ringrazio l’assessore

TARQUINIA - Visite a cura di Artetruria

Ritorna l’evento ‘I colori degli Etruschi’ R

provinciale ai Lavori pubblici e Viabilità, Gianmaria Santucci, che ha dimostrato ancora una volta di essere particolarmente vicino al territorio, ma

soprattutto che se ha a disposizione delle risorse è in grado di utilizzarle nel migliore dei modi e nell’interesse della comunità”.

Riapre il punto prestito della biblioteca R

itorna anche questa estate il punto prestito della biblioteca comunale “Dante Alighieri” a Tarquinia Lido. Dal 4 luglio al 31 agosto sarà possibile richiedere o prenotare i 600 libri di narrativa e saggistica disponibili all’uf�cio informazioni dell’associazione Assotur, in via Porto Clementino. Curato dal personale della biblioteca comunale, lo sportello sarà attivo ogni lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 10 alle ore 13. «Si tratta di un servizio importante che la biblioteca svolge in continuità ormai da dieci anni. – afferma l’assessore alla Cultura Angelo Centini – Questa iniziativa è molto

apprezzata dai turisti e soprattutto da anziani e bambini».

itorna “I colori degli Etruschi”, l’iniziativa promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Tarquinia e dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale. Il programma prevede visite guidate alla necropoli dei Secondi Archi, alle tombe delle Pantere (la più antica conosciuta), degli Auguri, del Barone, dei Tori e all’area Scataglini, con la suggestiva tomba della famiglia Anina. Da quest’anno, oltre ai weekend, le visite saranno possibili anche negli altri giorni della settimana, lunedì escluso. «Grazie al rinnovo della convenzione con la Soprintendenza sarà possibile riproporre itinerari di visita che permettono di conoscere il grande patrimonio archeologico etrusco e soprattutto del sito Unesco. – dichiara l’assessore alla Cultura Angelo Centini(nella foto) – Da alcuni anni il Comune gestisce l’apertura di queste tombe, che sono fra le più belle della necropoli dei Monterozzi, e la manuten-

zione delle aree, per sopperire ai problemi causati dalla mancanza di stanziamenti statali». L’associazione Artetruria curerà le visite. Per maggiori notizie è possibile chiamare il numero telefonico 331/ 8785257, o consultare il sito www.arteetruria.it, o rivolgersi all’Uf�cio Informazioni Turistiche (Barriera San Giusto) al numero 0766/849282.


comprensorio

10

Viterbo & AltoLazio

Domenica 3 Luglio 2011

VETRALLA - A tu per tu con l’assessore all’Urbanistica Maurizio Sensi

“Così cambieremo il volto del paese” di EMANUELE FARAGLIA

M

ancano pochi giorni ormai al tanto atteso consiglio comunale. Un consiglio, quello di sabato prossimo, che si preannuncia infuocato dalle numerose polemiche innescate nelle settimane scorse dall’opposizione. Ma chi il paese lo deve governare non sembra farci caso più di tanto. Almeno a sentire uno degli uomini su cui il sindaco Sandrino Aquilani dovrà fare parecchio af�damento per risolvere i problemi dei cittadini. Stiamo parlando di Maurizio Sensi, assessore all’Urbanistica che ha già maturato una consistente esperienza presso gli uf�ci tecnici di questo delicato settore e che proprio di recente ha avuto modo di approfondire le tematiche e le procedure necessarie per poter usufruire dei �nanziamenti che l’Unione Europea prevede periodicamente per tutte le realtà che fanno parte del Vecchio Continente, comprese quelle più piccole e, diciamocelo, malmesse come Vetralla. Assessore Sensi, come è nata l’idea di partecipare alla “due giorni di Bruxelles”, sede del Parlamento e della Commissione europei?

“Dobbiamo tutto al consigliere regionale Francesco Battistoni che nel corso degli anni ha organizzato numerosissimi incontri e visite, anche appro�ttando della disponibilità degli onorevoli Pallone e Tajani. Questa in particolare non è stata una visita come le altre, ma una vera esperienza formativa per me e gli altri amministratori della provincia presenti, per certi versi è stato un po’ come tornare a scuola. Molto fruttuoso è stato l’incontro con i capi-gabinetto

che ci hanno assicurato la loro disponibilità a �ltrare ed esaminare le richieste di �nanziamento che verranno fatte nei prossimi mesi. Purtroppo l’Italia perde moltissimi fondi messi a disposizione dall’Europa perché spesso le domande ed i progetti non soddisfano i requisiti formali...”. A proposito di �nanziamenti e “treni perduti” qualcuno in paese si è lamentato della scelta fatta dall’attuale amministrazione sui Pit (Progetti Integrati Territoriali) piutto-

sto che sulle risorse messe a disposizione dai Gal Maremma. Polemiche giusti�cate o infondate? “Questo è un vecchio discorso, credo in parte pilotato da Postiglioni che in passato come amministratore aveva avviato delle trattative per poter sfruttare i fondi assieme al Comune di Canino. Purtroppo non siamo riusciti ad appro�ttare dei fondi messi a disposizione per i Pit, mentre altre amministrazioni come Montalto, la stessa Canino e Tarquinia sono stati più abili di noi. Non va dimenticato però che noi veniamo da un Commissariamento durante il quale per forza di cose molte delle iniziative precedentemente avviate si impantanano. In cantiere tra le altre cose c’era una nuova sentieristica per Monte Fogliano e i “Giardini d’inverno”, per quanto riguarda quest’ultimo progetto i cit-

tadini devono sapere che l’ho ripresentato personalmente entro il termine stabilito per poter richiedere i fondi regionali. L’idea è quella di ristrutturare la zona sottostante l’asilo comunale situato sotto la Rocca dei Vico, sono previsti una serie di lavori per un importo complessivo di 480mila euro. Speriamo che vada a buon �ne e se così non fosse cercheremo altre vie come il �nanziamento di privati”. Oltre alla delega alla Casa ed all’Urbanistica lei ha anche l’arduo compito di risollevare il centro storico. Dopo le esperienze maturate come assessore ai Lavori Pubblici dal ‘94 al ‘97 e come assessore al Patrimonio ed all’Ambiente dal 2006 al 2010 è lecito attendersi risultati concreti in questa legislatura. O no? “Me ne rendo conto, sono perfettamente consapevole del lavoro che mi spetta e posso dire che il mio impegno sarà massimo. Attualmente la situazione dei commercianti nel centro storico è critica e per poter far tornare a vivere il cuore della cittadina sono necessari numerosi interventi. Per prima cosa verrà costituita una Commissione sull’Ornato che avrà il compito di eliminare tutte quelle brutture

che deturpano l’architettura di palazzi ed edi�ci risalenti al Medioevo, mi riferisco ad esempio a �nestre in alluminio o portoni in stile moderno che nulla hanno a che vedere con il contesto in cui sono inseriti. A questo proposito ovviamente siamo disponibili ad un confronto aperto e partecipato con le associazioni e con la cittadinanza attiva”. Altri progetti in cantiere? Sistemazione di marciapiedi per le abitazioni sulla Cassia, rotatorie, asfaltature varie... “Sono diverse le problematiche da affrontare. Tra le cose che sicuramente faremo c’è l’introduzione di parcheggi a pagamento per evitare il sovraffollamento di automobili soprattutto nel centro del paese. In via Roma ad esempio non ci sarà più il parcheggio a spina di pesce, ma posti macchina paralleli alla carreggiata in modo da rendere più agevole il transito in una delle strade più belle e ricche di storia del nostro territorio. Ci attendiamo proteste all’inizio, ma a lungo andare tutti potremo godere degli effetti bene�ci di queste scelte. Guardate Piazza Umberto I, ora può per�no capitare di vederci giocare dei bambini a pallone, non è meraviglioso?”.

BOLSENA - Servizio sanitario per i turisti VETRALLA - Le indecenti condizioni della Villa comunale davanti agli occhi di tutti

Ambulatorio di Guardia Medica Passione Civile sul degrado degli impianti ‘Pietro Canonica’ P

er la stagione estiva 2011 il Comune di Bolsena e l’Azienda ASL VT/1 di Viterbo hanno organizzato il servizio di guardia medica turistica presso il Poliambulatorio S. Cristina in via IV Novembre a decorrere dal 15 giugno. Tale prestazione, che ha lo scopo di garantire l’assistenza sanitaria a tutti coloro che soggiornando o trovandosi in vacanza a Bolsena hanno la necessità di un medico, nel mese di luglio, probabilmente confermato nel mese di agosto, il servizio sarà attivo nei seguenti giorni agli orari indicati: lunedì e il giovedì, dalle ore 15.00, alle ore 20.00, il martedì e il mercoledì dalle 8,00 alle 13,00 e il venerdì

dalle 9,00 alle 13,00. I numeri utili da poter contattare in caso di necessità, sono: Poliambulatorio Santa Cristina al numero 0761/ 799462, la Confraternita Misericordia, ai seguenti cellulari 339/1804594 – 339/2917107 e la Guardia Medica prefestiva e festiva, ai numeri 0761/833250– 0763/735038. (F.M.)

E’ un’indecenza”, “Una vergogna”, “Che schifo, una Villa così bella, una risorsa così preziosa, completamente abbandonata a sé stessa”. Ecco solo alcuni dei commenti che ciclicamente, immancabilmente, inesorabilmente siamo costretti a raccogliere sulle riprovevoli condizioni in cui versano gli impianti sportivi e ricreativi della Villa Comunale “Pietro Canonica”. Per carità c’è anche chi maliziosamente controbatte: “Parlate ancora degli impianti sportivi di Vetralla? Bravi, bravi, mi sembra tanto di riascoltare le parole di quel famoso amministratore palermitano che sarcasticamente chiese e si chiese: lo sapete qual’è il problema più grave della nostra città? Il traf�co...”. Beh, di sicuro il problema degli impianti sportivi della Villa non sono la priorità della nuova amministrazione né della cittadinanza, ma un proble-

ma lo rappresentano eccome. Lo spunto ce lo hanno dato i rappresentanti di Passione Civile con un comunicato: “Passione Civile da tempo ha denunciato e continua a denunciare lo stato di estremo degrado in cui versano gli impianti sportivi di Vetralla ed in particolare quelli posti all’interno della Villa Comunale “Canonica”. Al di là della situazione di degrado, a cui il Sindaco nel suo vademecum ha promesso di porvi rimedio, è fortemente preoccupante il grado di pericolosità che rivestono i fabbricati adibiti a spogliatoi dal momento che vengono impropriamente utilizzati dai bambini, ignari dei grandi e svariati pericoli in essi insiti. Difatti, non essendoci alcuna vigilanza, assistiamo giornalmente (nonostante che i bambini stessi vengano continuamente rimproverati e avvisati del pericolo) ad avventurosi giochi sui tetti degli

ACQUAPENDENTE - Sulle emergenze chirurgiche la Direzione Generale fa due passi indietro

Continua il ‘tira e molla’ tra amministrazione e Ausl I

n merito alla situazione critica per la mancata risposta alle emergenze chirurgiche all’ospedale di Acquapendente, denunciata ieri dal Sindaco Alberto Bambini, oggi il Direttore Sanitario Aziendale Dott.ssa Cerimele ha inviato una nuova disposizione in cui si assicura sempre la disponibilità di due chirurghi e due infermieri per l’attivazione della sala operatoria. “È una notizia che ci tranquillizza – dichiara il

Sindaco – perché finalmente è scritto nero su bianco che l’ospedale di Acquapendente potrà rispondere ai casi di emergenza-urgenza che si presenteranno sul territorio. Non era possibile privare la nostra struttura ospedaliera di un servizio fondamentale per la salute dei cittadini. In questo modo, 24 ore su 24 ed ogni giorno della settimana sarà garantito il pronto intervento chirurgico”.

spogliatoi, tra cavi elettrici scoperti, vetri rotti, lamiere taglienti e quanto altro di più pericoloso. Sembrerebbe un racconto di Beirut dopo i bombardamenti, ma basta fare qualche passo per trovarseli di fronte, proprio dentro la “nostra” Villa Comunale. Il Sindaco Aquilani, sempre nel suo libro di buone intenzioni, parla di sicurezza: beh, gli consigliano vivamente di fare una visitina agli impianti sportivi di Vetralla per rendersene conto di persona. Egregio Sindaco Aquilani, speriamo che questa nostra invocazione permetta a Ella di prendere le dovute misure precauzionali per evitare problemi ai nostri ragazzi ed anche ad Ella stessa,

essendo la massima autorità in materia di sicurezza pubblica del nostro Comune. Cordialmente”. A rendere il quadro ancora più fosco ci ha pensato madre natura che nei giorni scorsi ha scagliato contro uno degli alberi presenti nella Villa - forse come avvertimento all’amministrazione ed agli sciacalli che si divertono a rovinare le poche panchine rimaste intatte - un fulmine che ha letteralmente disintegrato la povera pianta. La speranza è che non servano altre calamità naturali per rivedere all’opera qualcuno che si occupi della tanto amata e bistrattata Villa comunale. (Ema.Far.)


& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

montefiascone

11

Riguardo la votazione sui terreni di via Borghesi, Massimo Ceccarelli chiede le dimissioni di Mario Trapé

“Il Presidente non é stato super partes” di MICHELE MARI

Ritengo opportuno che il presidente del consiglio comunale Mario Trapè si dimetta dalla sua carica.”. Così tuona il consigliere di opposizione Massimo Ceccarelli, ed ex assessore, dopo che nel consiglio sono state votate due osservazioni, presentate da tre cittadine, inerenti al piano particolareggiato del centro storico. Sono state presentate rispettivamente da Annamaria Chiatti, Claudia e Laura Panichi ed erano inerenti a dei terreni di via Oreste Borghesi, a sinistra per chi sale, che secondo il piano dovevano rimanere giardini mentre le osservazioni sono presentate per potervi costruire. L’ osservazione di Anna Maria Chiatti è stata accolta con una votazione decisamente singolare: 4 “sì”, 3 “no” del gruppo Foscarini e 8 astenuti con l’assenza del sindaco Cimarello che aveva abbandonato l’aula in quanto parente del marito della Chiatti e la seconda osservazione invece è stata bocciata. “Il presidente del consiglio Mario Trapè dovrebbe dimettersi -puntualizza Ceccarelli- perché nel corso della votazione non è stato super partes come

la �gura richiede e deve essere. Infatti nel corso della votazione per le due osservazioni ha intimidito anche i votanti. Inoltre una volta che ha alzato per primo la mano ha invitato i membri della maggioranza a votare affermativamente. A quel punto uno dei suoi uomini, Contestabile, seguiti poi da altri due hanno alzato la mano in segno di assenso. Sempre per questa votazione inoltre il sindaco non era presente, dato che

la richiedente è una sua parente ed è stato costretto a non partecipare alla votazione e ad uscire dall’aula. Sono veramente morti�cato anche perché una parte dei componenti l’opposizione ha scelto di astenersi contribuendo così ad approvare”. Il consigliere aggiunge: “Farò presente quanto è accaduto anche alla Regione Lazio comunicando la particolare votazione. È assurdo che vengano portate a votazione del consiglio

delle osservazioni importanti, e di notevole interesse, senza farle discutere dalla commissione istituita per legge. Questa amministrazione assurdamente prima ha votato le osservazioni e poi ha costituito le commissioni nei punti all’ordine del giorno successivi”. Inoltre Ceccarelli accusa: “Non è possibile che il primo atto della nuova amministrazione è stato quello di far cementi�care dei giardini storici come sono quelli

di via Oreste Borghesi. Accolta l’osservazione i giardini scompariranno e faranno posto ad un palazzo di tre piani con posti auto, mentre il piano particolareggiato del centro storico era indirizzato completamente in senso opposto facendo rimanere i due giardini, tra gli ultimi di Monte�ascone all’interno delle mura del centro storico”. Il consigliere continua parlando del piano particolareggiato del centro storico: “Questo piano è un elemento determinante per lo sviluppo del paese. La sua nascita risale alla giunta Fumagalli quando venni incaricato di portare avanti il progetto. Poi con la giunta Danti, è stato portato a termine, sempre curato dal sottoscritto. Non siamo riusciti ad adattarlo a causa delle famose vicissitudini che hanno colpito l’amministrazione Danti. Poi è stato adottato dal commissario in data 21 dicembre 2010 ed è stato pubblicato l’8 aprile 2011. Da qui ci sono poi trenta giorni per presentare osservazioni da parte dei cittadini. In particolare in data 7 maggio è giunta la prima osservazione (quella approvata) ed in data 9 maggio la seconda osservazione. Quest’ultima è pervenuta oltre i termini stabili-

ti. Nonostante questo -ggiunge Ceccarelli- la maggioranza del consiglio l’ha voluta votare ugualmente quando non doveva neanche essere presa in esame dato che il termine era perentorio come confermatomi dal segretario comunale anche durante lo stesso consiglio. Nonostante tutto sono state votate: la prima, come detto, con 4 sì, 3 no ed 8 astenuti; la seconda con 3 sì e 3 no e 9 astenuti. Per la verità all’inizio i due giardini era stati considerati come area fabbricabile ma su consiglio e dopo un sopralluogo, degli architetti della Regione Lazio Lalli e Campanella, erano ritornati ad essere solo giardini”. Conclude con una polemica: “Nel corso della riunione dei capigruppo la cartellina inerente al piano non è stata presentata all’opposizione sembra perché era stata smarrita. Inoltre dal piano il parcheggio a più piani a piazzale Mauri è stato completamente annullato nonostante l’ottimo lavoro degli ingegneri Biccheri ed Ingrosso. Tutto il buon lavoro fatto potrebbe essere vani�cato da questa assurda osservazione. La mia battaglia in merito continuerà. Non mi fermerò di certo qui”.

Grazie al testo di Cignini, ‘Amalasunta’, si possono riscoprire le tradizioni e i luoghi nostrani Villa Margherita durante i festeggiamenti del Corpus Domini

La leggenda del buon beone Cardinale Defuk Il piazzale del centro di GIUSEPPE BRACCHI

E

’ davvero un invito a ripercorre i sentieri della memoria il volume del compianto Mauro Cignini, “AMALASUNTA”: Storie e leggende della Tuscia. E’ un volume datato, sicuramente. Risale al 1987. Ma le storie e le leggende che contiene hanno tutto il sapore delle �abe che non tramontano mai e che ci accompagnano spesso e volentieri sui sentieri di una vita vissuta spesso in modo troppo frettoloso e super�ciale per assaporarne le gioie più semplici, ma che alla �ne sono quelle che più ci appartengono �n nelle pieghe più intime e remote del nostro animo e della nostra mente.

“Ho raccolto le storie più comuni che circolano tra la mia gente, scartandone almeno altrettante, non genuine”, ci dice nella sua breve prefazione l’Autore, prematuramente scomparso diversi anni or sono, ma che ci ha lasciato pagine semplici e, per questo motivo, immortali, perché sono storie nostre, “Storie locali, ma non proprio municipali, perché molte di queste hanno avuto una buona eco altrove…”. Il maestro Cignini è stato nella sua esistenza terrena di maestro elementare un ottimo e fedele trascrittore e amanuense delle nostre tradizioni locali più nobili e genuine. Tutto il �lo conduttore

delle opere del Cignini può essere considerata la nostalgia, ma non quella nostalgia dei Laudatores temporibus actis, ma una nostalgia che riconduce ai luoghi d’origine per farne patria comune di tutti gli uomini, da conservare gelosamente perché nei suoi silenzi ha ancora molto da narrarci ed insegnarci, come il Cignini ci dice nella lirica “La Terra antica” laddove ama la terra etrusca perché “M’intenerisce ancora/un volto di buona pietra/ che il Tempo risparmia/negli occhi di musco”. Sono storie e leggende, quelle tramandateci in “AMALASUNTA”, che dovrebbero arricchire ciascuna delle nostre biblioteche, sia casalinghe che scolastiche. Anzi,

viepiù scolastiche! Sono letture agili e di buona memoria che partono proprio dal nostro Colle con la leggenda del buon beone Cardinale Defuck per spaziare con Amalasunta nel Regno di Teodorico passando per l’isola Martana, via riprodotte in modo “conciso scarno e, dove occorreva, con un pizzico di umorismo”. In questa Estate già calda e assolata, potrebbe essere una buona occasione per il lettore, per fare di questa antologia del Cignini una riscoperta di luoghi e memorie sempre vivi e sempre fecondi, spesso sconosciuti o dimenticati, quanto ricchi di passato.


comprensorio

12

Viterbo & Domenica 3 Luglio 2011 AltoLazio

CIVITA CASTELLANA - Solo un anno fa è stato fatto un intervento di risistemazione dell’intera area

L’Orto di Miretto ‘gettato alle ortiche’ di SIMONA TENENTINI

L

’Orto di Miretto in pasto alle erbacce. Solo un anno fa l’amministrazione comunale di Civita Castellana rivendicava, con toni trionfalistici, l’operazione di ripulitura e sistemazione dell’intera zona. Queste, all’epoca, le dichiarazioni entusiastiche dell’assessore Urbanistica Gianluca Cerri: “A breve faremo le ultime ri�niture alla pulizia dell’area, togliendo i ri�uti e le ultime sterpaglie. Stiamo inoltre programmando un livellamento della zona, per eliminare gli affossamenti più pericolosi e renderla fruibile al pubblico.” A distanza di soli dodici mesi l’orto di Miretto è di nuovo un immondezzaio, mentre della fruibilità promessa dall’assessore Cerri non si vede nemmeno l’ombra. Anzi. Il progetto di recupero del vallum, approvato dalla giunta Giampieri, giace ancora in

fondo ad un cassetto. Nelle intenzioni, all’interno dell’Orto di Miretto doveva essere realizzato un an�teatro con relativi giardini. Un intervento che avrebbe determinato anche una conseguente rivalutazione del centro storico e la possibilità, inoltre, di poter ospitare eventi culturali prestigiosi. Per il progetto, approvato in conferenza di servizi ed autorizzato dalla Sovraintendenza, è stato acceso un mutuo di 598.000 euro. Ora bisognerebbe solo avviare la procedura di gara. Un passaggio che, dal 2009 ad oggi, ancora non si è concretizzato. Il dato non è però sfuggito agli occhi vigili dei revisori dei conti che, nella dettagliata relazione relativa al bilancio consuntivo 2010, hanno sollevato non poche critiche sull’operato della giunta. In particolare sul mancato avvio di opere cantierabili per cui sono state già stanziate somme consistenti e sulle quali, dunque, si stanno già

VASANELLO - L’assessore risponde alla minoranza

Visita Birindelli la replica di Porri R

L’orto di Miretto com’è ora, dopo un anno dall’intervento di recupero pagando gli interessi passivi. Un ‘rimprovero’pesante che comprende un riferimento, quindi, anche al famoso progetto dell’Orto di Miretto. I cittadini al riguardo,

FABRICA DI ROMA - Una lettera aperta al primo cittadino

chiedono e pretendono delle spiegazioni: come si può lasciare una delle aree più caratteristiche di Civita Castellana in un simile stato di abbandono?

iceviamo e pubblichiamo dall’assessore all’Agricoltura di Vasanello, Gianfranco Porri: “In riferimento all’articolo dell’Opinione di mercoledì 29 giugno, avente per oggetto: “Consiglio Comunale, la minoranza (Salvatori - Fazioli) chiede le dimissioni dell’assessore Porri”, preciso quanto segue: ritengo di non aver violato alcuna norma di legge o regolamento comunale che impone la presenza della minoranza consiliare, se non la lesa maestà non ancora inserita nel nostro regolamento. Nella riunione da me convocata con l’assessore regionale Birindelli, alcuni agricoltori e alcune associazioni di categoria, si è discusso del settore corilicolo e la crisi che sta affrontando il territorio laziale nonostante gli ultimi miglioramenti produttivi. Si è discusso della dif�coltà di collocazione del prodotto sui mercati, dell’aumento della produzione mondiale, del ribasso dei prezzi e tutte quelle tematiche che hanno messo in crisi il settore, delle misure messe in campo dalla Regione e del Piano di Sviluppo Regionale. La riunione era propedeutica per un convegno della zona dei monti Cimini. Nel consiglio comunale citato erano all’ordine del giorno altri punti, tra cui il

Foto Di Palermo consuntivo 2010, documento importante, che imporrebbe un confronto ampio e approfondito tra maggioranza ed opposizione! Ma nulla di tutto ciò, solo qualche �ebile osservazione per dire che non avevano avuto il tempo di vedere le carte. Eppure la convocazione è stata fatta secondo i tempi e i modi previsti. I consiglieri possono e usufruiscono di permessi retribuiti per poter svolgere il loro mandato, sia i “colletti bianchi” delle pubbliche amministrazioni, sia quelli del settore privato. Ma la minoranza non ha trovato il tempo, se non quello di continuare ad abbaiare alla luna perchè non invitata ad una riunione. Vorrà dire che la prossima volta chiederò il loro permesso preventivo.”

VITORCHIANO - Tante proposte avanzate in Consiglio dagli oppositori di Olivieri

Scarnati-volontari, continua la polemica La minoranza “picchia” duro Alcuni cittadini di Fabrica di Roma, già stanchi del neo sindaco Scarnati, hanno inviato una lettera aperta di cui pubblichiamo alcuni stralci: “Per dovere di chiarezza e trasparenza ritengo necessario informare i cittadini su quello che l’opposizione ha etichettato come attacco alle associazioni ma che è soltanto una doverosa operazione di rigore e trasparenza”. Con queste parole, Lei, (Scarnati n.d.r.) inizia i suoi proclami.. Vorremmo farLe presente che non sta prendendo di mira l’associazione “Fungo Liscio Viterbese”, ma quella della Polizia di Stato in congedo e... quella della Protezione Civile.... Sono due associazioni che raggruppano cittadini che hanno scelto come modello di vita l’impegno civile...,hanno avuto riconoscimenti ed encomi...e di conseguenza, fatto conoscere ed apprezzare, oltre i ristretti con�ni del territorio, il Comune di Fabrica di Roma, per la nobiltà d’animo, la dedizione e l’altruismo con cui operano senza avere alcun pro�tto ma soprattutto senza guardare il colore politico. Quali esempi di impegno civile può vantare Lei, sindaco Scarnati, che solo oggi si erge a fustigatore di costumi e nume

tutelare della morale? Lei chiede di conoscere come sono stati utilizzati i contributi erogati nel corso di cinque anni a questa parte alle due associazioni! Ma la risposta la sa già, basta vedere i documenti presenti in Comune. Lei non ha potere di chiedere nessuna rendicontazione. Se ritiene che non vi sia chiarezza nella gestione dei fondi comunali, faccia un esposto alla giustizia amministrativa (Corte dei Conti) per accertare se ci sono state delle irregolarità amministrativo-contabile o danno erariale. Se ritiene, come vuol far credere con le sue allusioni, che vi sia stato chi ha “appro�ttato” del pubblico denaro, faccia un esposto alla magistratura. In entrambi i casi un giudice accerterà i fatti, individuerà le responsabilità ed irrorerà le eventuali pene avendo quei poteri e quella competenza che a Lei Sindaco Scarnati, mancano. Perché invece di fare manifesti e proclami a mezzo stampa, non va alla Procura della Repubblica? Forse perché ha paura che qualcuno le chieda come mai questa crociata ha avuto inizio immediatamente con la sua elezione a Sindaco e perché sta accusando, non si capisce bene di cosa, la precedente amministra-

zione comunale? Le ricordiamo, come ricordiamo a tutti coloro che hanno interesse a conoscere la verità, che del Consiglio Comunale di Fabrica di Roma, ne ha fatto parte anche Lei e che nei cinque anni che ha ricoperto l’incarico di consigliere, anche se di minoranza, non ha mai, ripetiamo mai, sollevato nessuna delle eccezioni che solleva oggi ! O era d’accordo o non partecipava ai lavori venendo meno ai doveri che gli elettori le avevano af�dato. Riteniamo che le due associazioni siano oggetto di una vera e propria campagna diffamatoria politica soprattutto nei confronti del segretario della Polizia di Stato in congedo e nei confronti del presidente della Protezione Civile...Per ultima cosa. La “Lista Civica per Fabrica” di cui Lei era capolista, ha pubblicato un opuscolo (stampato e distribuito) contenente i vari punti di programma elettorale e tra cui: FORTE SOSTEGNO NEI CONFRONTI DELL’ASSOCIZIONISMO, DEL VOLONTARIATO E DELLE ORGANIZZAZIONI NO PROFIT...Signor Sindaco, è trascorso poco più di un mese dalla sua elezione, MEDITI PROFONDAMENTE SU TUTTO CIO’.

U

n consiglio comunale quello del 30 giugno a Vitorchiano completamente diverso rispetto ai canoni tradizionali, dove il punto saliente all’ordine del giorno è stato l’approvazione del bilancio di previsione per il 2011. Ha tenuto banco la caparbietà di alcuni consiglieri della minoranza, da una parte Raffaele D’Orazi e Sante Fabbri per la lista Miglioramento e dall’altra Massimiliano Baglioni per la lista Arieti, dal quale però si è completamente dissociato, tanto che lo stesso Baglioni ha creato il gruppo autonomo. A turno hanno messo in evidenza le negligenze dell’attuale amministrazione, evidenziando come, pur essendo stato installato il dearseni�catore con l’innaugurazione del 6 maggio (prima delle elezioni e in piena campagna elettorale), allo stato attuale ancora non funziona pur avendo speso la ragguardevole cifra di euro 420mila. Ma la contesa maggiore è stata sulla questione della piscina comunale, dalla quale l’amministrazione comunale, pur

avendo a suo tempo costruito un impianto di tutto rispetto, dalla gestione data ai privati ricava pochissimo o quasi nulla, ma quel che è emerso è di gran lunga più grave, che di fronte a un mutuo acceso dai gestori, il Comune ha messo la propria �dejussione. C’è stata anche la proposta della minoranza di devolvere i gettoni di presenza dei consiglieri a favore dei cittadini bisognosi di Vitorchiano. Inoltre sempre da parte della minoranza, in considerazione che dalla stesura del bilancio, si è evidenziata una penuria di risorse economiche, tanto che per i prossimi 10 anni non si potranno più accendere mutui, è stato proposto di trovare una formula nella quale chi viene bene�ciato delle aree fabbricabili dovrà versare all’amministrazione comunale, una percentuale del surplus realizzato, ossia del valore del terreno agricolo ad area fabbricabile. Un altro punto focale è stato quello di avere delucitazioni sul licenziamento degli operai

della cooperativa che fornisce i servizi vari al Comune, con la quale la stessa amministrazione comunale di Vitorchiano, ha un contratto di appalto, il sindaco si è limitato a dire che non è stato il Comune a licenziare ma la cooperativa, quasi come se fosse stato un problema che non lo riguardasse. Risultato? Più di qualche persona si trova disoccupata. Questo è il nuovo corso dell’amministrazione del sindaco Olivieri Nicola? La maggioranza non ha gradito troppo le varie osservazioni dei consiglieri della nuova minoranza formatasi, tanto che a un certo punto l’assessore Bagnato si è alzato e infuriato si è diretto verso gli uf�ci per cercare la documentazione che era stata richiesta, ma è ritornato dicendo che dal giorno dopo sarebbe stata a disposizione dei consiglieri in quanto in quel momento gli uf�ci erano chiusi. Qualcuno del pubblico presente, invece ha apostrofato dicendo: “con questa minoranza la musica �nalmente è cambiata”.


& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

cultura e spettacoli

13

Sul palco del Paradosso l’attesissima performance del comico Paolo Rossi

È arrivata la ‘Serata del disonore’ È un trionfo anche per il gusto made in Tuscia

A

ppuntamento anche per questa domenica con il Laboratorio del Gusto proposto nel Cortile San Pellegrino a ‘EconoMenti’, l’iniziativa ideata dalla Camera di Commercio di Viterbo per Caffeina Cultura. L’appuntamento questa volta, dopo gli oli Dop Tuscia e Dop Canino e i formaggi, è con i salumi in collaborazione con Slow Food. Sarà proprio Patrizio Mastrocola, �duciario della Condotta viterbese a guidare a partire dalle ore 21,30 la degustazione illustrando la vasta e quali�cata produzione di carni lavorate suine dell’azienda Fratelli Stefanoni. Durante l’incontro sarà dato ampio spazio alla Susianella di Viterbo, divenuto solo recentemente presidio Slow Food, un insaccato tradizionale tratto da una ricetta che risalirebbe alla civiltà etrusca e divenuta celebre tra l’XI e il XV secolo quando si è diffusa la lavorazione delle frattaglie, ma che solo da qualche anno grazie anche a norcini come Stefanoni è tornata a essere reperibile nelle botteghe del gusto e nei ristoranti tipici locali. La serata sarà introdotta alle ore 20 dalla degustazione di prodotti tipici di qualità del Marchio Tuscia Viterbese, prodotti disponibili anche presso le Botteghe del Gusto del centro storico: Ejelo, in Via Saf�; Le Dame Souvenir, in via San Lorenzo, MagnaMagna, in piazza della Morte; Symposium Vini, in Via del Meone, Sub Rosa, in Piazza del Gesù TrediciGradi, in piazza Don Mario Gargiuli.

Serata del disonore’ con Paolo Rossi, questo è l’appuntamento clou �rmato Caffeina per questa domenica. L’attore, cantautore e comico si esibirà alle ore 21 nella location del Parco del Paradosso, situato tra i quartieri medioevali di San Pellegrino e Pianoscarano. Si tratta dell’unico spettacolo a pagamento dell’intero cartellone. Lo spettacolo di Rossi è un delirante e irriverente “repertorio antologico, pata�sico e criminale” che racconta, tra monologhi comici e tragici, canzoni e momenti di cabaret, i plurimi vizi e le rare virtù dell’Italia degli ultimi vent’anni. Rossi sarà accompagnato in scena dalle musiche di Emanuele Dell’Aquila. Se lo spettacolo con Paolo Rossi rappresenta il momento centrale della giornata Caffeina di oggi, la “cittadella della cultura” continua a proporre nel centro storico medioevale di Viterbo una se-

rie di presentazioni e incontri di grande interesse. A cominciare dalla scrittrice Luciana Castellina, che nel chiostro di Santa Maria Nuova parlerà del suo ultimo libro ‘La scoperta del mondo’, il suo diario dai quattordici ai diciotto anni che racconta la sua adolescenza e la sua iniziazione politica, per proseguire con un incontro sulla storia locale all’Arena Boscolo Academy (Via San Pellegrino, ore 21.30) con Antonello Ricci e Francesco Mattioli dal titolo ‘Raccoltare Viterbo. Il Genius Loci e la Città’. A seguire la poetessa Gabriella Sica parla del libro ‘Emily e le altre’. Alle 22 al Cortile San Carluccio Michele Campanella presenta ‘Il mio Liszt’ e in Piazza del Fosso ‘Eia eia baccalà’, serata dedicata al fumettista Jacovitti. Alle 22.30 al Cortile La Zaffera in Piazza San Carluccio Luca Di Fulvio presenta ‘Il grande scomunicato’. Da sottolineare l’appuntamento delle 22.30 in Piazza

Paolo Rossi pronto per la ‘Serata del disonore’ a Caffeina Cultura Cappella in collaborazione con il Tuscia Film Fest. Il critico e scrittore cinematogra�co Franco Grattarola, autore del libro ‘La Tuscia nel cinema’”, incontra l’attore Ugo Fangareggi, che recitò nel celeber-

In tanti alla ‘Notte Futurista’ P

Foto Giulia Venanzi, fotografo Caffeina

ienone alla ‘Notte Futurista’ di Piazza Cappella, in tantissimi ad assistere allo show di parole e battute messo in scena da Filippo Rossi, Andrea Baffo e Alessandro Carbone. Al centro ‘Il Futurista’, un settimanale che ha portato un vento nuovo nel panorama dell’informazione nazionale. Ospite “fantasma” Silvio Berlusconi, continuamente tirato in ballo dai “futuristi” del nuovo millennio. “Ci sono dei momenti della storia in cui è giusto tradire, serve per muovere un passo verso il futuro”, così ha

Foto scattata da Massimiliano Vismara, fotografo di Caffeina successo. La sezione di ‘Caffeina Cultura’ dedicata ai più piccoli è ormai una certezza. In festa anche il quartiere di Pianoscarano, che è tornato praticamente a nuova vita. ‘Tre soldi per un’opera’, spettacolo teatrale ispirato all’opera di Brecht ha saputo catturare l’attenzione dei bambini ma anche dei geni-

tori che li hanno accompagnati. E’ la magia del teatro, è il successo di un’idea importante sotto tanti punti di vista: ‘A teatro con mamma e papà’. Impeccabile la regia del bravo Francesco Cerra, sempre attento ai dettagli. Buona la resa scenica degli attori. Anche per Tetraedro una conferma importante.

sottolineato Filippo Rossi in uno dei momenti seri della performance. Forte, d’impatto come un pugno nello stomaco l’intervento di Antonello Ricci. Ha rievocato il Ventennio, quello vero, quello di Benito Mussolini. “Non siamo mai riusciti a capire fino in fondo quell’esperienza storica. Se ci fossimo riusciti il berlusconismo non sarebbe mai esistito”. Ma Ricci non si è limitato a questo, alle frasi. Ha fatto di più. Ha costruito il senso di questo suo messaggio rievocando il passato e la memoria di questo. Ha

portato sul palco di Caffeina la storia fatta di storie, il crocevia di esperienze che è nel dna di ognuno di noi e delle comunità a cui apparteniamo.

SE SEI UN CANTANTE O HAI UN GRUPPO MUSICALE E VUOI FARTI CONOSCERE CONTATTA opinionelive@gmail.com redazione@opinioneviterbo.it

Trecento spettatori a ‘Senza Caffeina’ Quello che bolle in pentola per oggi

Un successo che va oltre ogni aspettativa”, commenta così Paolo Manganiello (direttore artistico) la prima serata (venerdì) di ‘Senza Caffeina’. Impossibile non credergli. Sotto il palco, reso magico dalla brava compagnia Tetraedro, siedono circa trecento persone. Un numero che sancisce tutti i crismi del

Gonfalone in Via La Fontaine, mentre le degustazioni dei prodotti tipici a cura di Confesercenti e Camera di Commercio trovano spazio sempre in Piazza Scacciaricci e al Cortile San Pellegrino.

Rossi, Baffo e Carbone stregano la piazza. Sul palco uno straripante Antonello Ricci

La compagnia teatrale viterbese si sta facendo conoscere sempre più anche nella città dei Papi, dovo sono in molti ad apprezzarla. La notte di Pianoscarano per tutto il gruppo di ‘Senza Caffeina’ è stata veramente una notte da leoni.

rimo ‘L’armata Brancaleone’. L’incontro vuole ricordare la �gura del grande regista Mario Monicelli e il suo stretto legame con la Tuscia. Musica dal vivo in Piazza del Gesù e all’arena del

Maschere, occhi bendati e uncini. Il galeone di Senza Caffeina ha reclutato la sua ciurma e ogni giorno sono pronti a salpare verso l’isola della fantasia dei nuovi bambini. La Bottega dei Talenti tiene aperta la lista di imbarco e invita tutti i ragazzini viterbesi a presentarsi presso l’Arena Scotolatori alle 17.30. Giochi e animazione per un’estate piena di colori, nuove amicizie e divertimento. Questa domenica vi aspettano anche le maschere teatrali di Mario Gallo. Un laboratorio fantastico dove

sarà impossibile imparare a costruirsi il volto teatrale preferito. Anche qui l’appuntamento è per le 17.30. Dopo un intenso pomeriggio domenicale, mano nella mano con mamma e papà, tutti i più piccoli sono invitati per le 21.30 a un nuovo spettacolo teatrale. La compagnia La Luna nel Pozzo presenta ‘Senza piume’ di Damiano Nirchio con Anna Maria De Giorgio, Mirko Lodedo, Damiano Nirchio e Tea Primiterra. “Senza piume” è una fiaba moderna, che racconta l’ avventura di una ragazzina che si ritrova a fare un incredibile viaggio in mezzo alle assurdità della gente comune, accanto ad un “nobile cavaliere che sa volare” che altri non è che un matto fuggito dal manicomio. La piccola protagonista si scontra con le cose quotidiane scoprendo, attraverso lo sguardo innocente del suo compagno di viaggio, la grande follia delle cose nor-

mali e che tutto può essere guardato con occhi diversi e trasformato in qualcosa di diverso. La storia ha come cornice drammaturgica la bottega di un rigattiere inventore e del suo aiutante combinaguai; una coppia un po’ clownesca che diventa il motore dell’azione scenica. Come nel cinema muto, lo spettacolo scorre senza parole guidato dal suono di un vero pianoforte suonato dal vivo e da macchine sceniche che muovono illustrazioni e didascalie. ‘Senza piume’ nasce anche dal bisogno di raccontare al pubblico dei più piccoli e delle loro famiglie la malattia mentale e il contesto umano in cui essa nasce, cresce e muore. E’ una sfida, una ricerca di forma e linguaggio per cercare di trasmettere poche ma fondamentali coordinate sull’esistenza di chi soffre di un disagio, quello psichico, ancora poco conosciuto e accolto nella nostra comunità.


14

cultura e spettacoli

Viterbo & Domenica 3 Luglio 2011 AltoLazio

Una rassegna ricca di eventi e spettacoli, fra gli ospiti anche lo scrittore Andrea Camilleri

Torna a Civitavecchia il festival Linea 35

di ROBERTA FRASCARELLI

C

onferenza stampa al Live Sporting di Santa Marinella di un cartellone per intenditori, che vede ancora Roma protagonista di grandi eventi, Linea 35festival all’ Ex-Lavanderia, padiglione 31, Comprensorio dell’exospedale di Santa Maria della Pietà. Un Festival delle Arti, il LINEA 35 Festival rivolto a coloro che, nel tessuto cittadino e non solo, hanno voglia di confrontarsi con la forza viva e contraddittoria di questo parco, della sua mole monumentale, dei suoi complessi temi e luoghi interni, della sua eredità storica e, fondamentalmente, della sua potenzialità collettiva. Dal ieri al 10 Luglio 2011, il Linea35Festival darà vita a 9 giorni di itinerari ricchi di spettacoli, video, ri�essioni, concerti, mostre e performance. Si tratta di una serie di itinerari, concepiti da Linea 35, che ci faranno riappropriare momentaneamente delle strutture consentendoci di visitarle e scoprirle da scorci inaspettati, attraverso lo sguardo contemporaneo degli artisti ed accompagnati dalle parole di chi è stato testimone storico dell’esperienza interna. L’obiettivo del Festival è infatti quello di promuovere nuove esperienze espressive che rielaborino, attraverso varie forme d’arte, un confronto serrato con gli spazi ospitanti. Molti gli artisti che hanno aderito al Festival: tra gli altri Andrea Camilleri, Fabrizio Gifuni, Sonia Bergamasco, Andrea Rivera, The Niro e Diana Tejera, Elena Arvigo, Marco Solari e Alessandra Vanzi, Collettivo Angelo Mai. Questo, in sintesi, il programma del festival: ogni sera, dalle 19, il pubblico verrà accolto presso le sale dell’Ex lavanderia dove sarà operativa la caffetteria e un punto ristoro. Nelle sale sarà possibile visitare un’esposizione di arti visive realizzata in collaborazione con Techné e una selezione di lavori gra�ci di Angela Zurlo a cura di Francesca Campli. La stessa artista ha anche concepito per le zone esterne tra i padiglioni piccoli interventi che rievocano le storie qui vissute. Sarà inoltre possibile seguire le proiezioni di corti, �lmati, reportage prodotti intorno all’argomento e introdotti brevemente dai loro autori, alternati con concerti di musicisti, gruppi e singoli artisti.

Nelle zone esterne ai Padiglioni – attraverso il Parco – il pubblico, guidato nel percorso, ‘scoprirà’ gli spettacoli e le performance e avrà modo di vedere, sotto una diversa luce, aspetti dimenticati del parco stesso e della sua storia. Prima dell’itinerario notturno, una guida, legata all’esperienza del Santa Maria della Pietà, avvierà il pubblico alla visione della serata con un breve racconto della sua storia e dei suoi protagonisti. Si potrà così conoscere e visitare uno scenario suggestivo, quello degli ex padiglioni psichiatrici ed aree limitrofe ora abbandonate all’incuria e al lento degrado. Si farà poi ritorno alla Ex-Lavan-

deria dove sarà possibile cenare, ballare e chiudere la serata. Le prime due serate, dedicate all’inaugurazione, attraverso una grande festa con concerto, sul palco esterno alla Lavanderia. Linea35Festival vuole essere un grande momento di incontro, di dialogo e proposta aperto e rivolto alla città, per confrontarsi con la forza viva e contraddittoria di questo luogo. L’ingresso a sottoscrizione ri�ette lo spirito autonomo con il quale è stata concepita l’intera manifestazione: LINEA35 Festival non si avvale infatti né di patrocini né di sponsorizzazioni istituzionali o private.

L’artista italiano molto noto in giro per l’Europa ma quasi dimenticato nel suo stesso Paese

Un gioco per i più piccoli da fare tutti insieme

La Ricreazione sotto l’ombrellone va in scena all’Aquafelix

I Un’iniziativa per valorizzare la figura di Luigi Calamatta N el nostro giro panoramico tra le realtà associative locali oggi ci soffermiamo su l’Associazione Culturale Onlus “Forum Luigi Calamatta”, che opera a Civitavecchia e sul territorio, per parlarvi di una importante e prestigiosa iniziativa rivolta all’artista Luigi Calamatta, molto celebre all’epoca ed ancora oggi in Europa, ma quasi dimenticato in Italia, allo scopo di valorizzarne la figura. L’associazione da tempo a conoscenza della conservazione delle sue Memorie autobiografiche presso un’importante Biblioteca francese, è pronta a promuoverne la sua edizione e divulgazione. Il manoscritto è attualmente in corso di pubblicazione a cura della storica dell’arte Rosalba Dinoia, dottore di ricerca, che, nell’ambito delle Grandi Mostre per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, sta organizzando e curando l’esposizione internazionale “Luigi Calamatta (18011869), incisore e patriota in Europa”, finanziata dall’Unità Tecnica di Missione per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, che si terrà a Roma dal 20 settembre al 1° novembre 2011, a Palazzo Poli presso l’Istituto Nazionale per la Grafica (Ministero per i Beni e le Attività Culturali). (Rob.Fra.)

l gioco, prettamente estivo, si svolge all’interno del parco acquatico AQUAFELIX, prodotto da radiocivitavecchia.com, presentato da Carlo Gattavilla e Roberta Frascarelli. Un titolo (La ricreazione) e una formula azzeccata, fatta apposta per i ragazzi frequentanti la scuola media che ebbe notevole successo, negli anni passati, sia in radio sia in televisione. Questa stagione, grazie soprattutto al placet della direzione, capitanata da Franco Farina, viene riproposto nella gioiosa Aquafelix, “sotto l’ombrellone”. Due le squadre impegnate e composte da tre giocatori ognuna. Alla domanda proposta potrà rispondere solo il capitano. Quiz generici, focalizzati sull’estate “felix” e con l’aiuto dei genitori, coinvolti anch’essi, se tirati in ballo. Al tirar delle somme, passerà il turno la squadra che avrà totalizzato maggior punteggio. Per quanto riguarda lo spazio riservato alla pubblici-

tà, verrà realizzato un cd con tutti i nomi degli sponsor e tale pubblicità sarà diffusa ogni qualvolta andrà in onda RADIO FELIX, che ritorna così dopo anni all’interno del parco. Buon divertimento e buona estate felix a tutti! (Rob.Fra.)


DONNA

� �

L’Opinione Donna va in vacanza Arrivederci in autunno

La Redazione

Redattrici: Valeria Sebastiani Laura So�a Tanziani Viviana Tartaglini Simona Tenentini Sarah Panatta

Edizione di domenica 3 Luglio 2011 pagina 15

Elisabetta Brenci racconta tutte le tradizioni e i segreti della storica gelateria Natale di Acquapendente

U

n bambino e il suo sacro gelato. Cattura all’istante l’insegna discreta ma luminosa della storica gelateria Natale, nel cuore di Acquapendente, da generazioni arroccata nel “suo” spazioso angolo della piazza del comune. Un luogo di famiglia, dedicato al patriarca Natale. Ce ne svela i segreti una delle attuali proprietarie, la deliziosa Elisabetta Brenci. Elisabetta, quando è nato il Bar “Natale”, vera istituzione di Acquapendente, e che cosa rappresenta per lei? E’ cominciato tutto con mio padre, Natale, che rilevò un’attività preesistente. Il bar è nato nel 1961 e festeggiamo quest’anno i “suoi” 50 anni. Forse organizzeremo una festa alla �ne dell’estate per celebrare il mezzo secolo, un rinfresco per amici e clienti. È una vera e propria famiglia. La vostra è una gestione artigianale. Quali sono i privilegi e i problemi, pro e contro? In realtà non ci sono contro.

Il maggiore vantaggio è la �ducia reciproca, il rapporto stretto che lega il gruppo di lavoro. Sono rapporti familiari, basati sulla grande disponibilità dell’uno verso l’altro. Questa è la nostra forza. Come associate l’esigenza di qualità a quella di commerciabilità del vostro prodotto? La qualità è la nostra prima e più importante pubblicità. Partecipiamo agli eventi locali, insieme alla proloco, a manifestazioni sul territorio, ma senza sponsorizzazioni clamorose. L’obiettivo non è l’espansione vista la natura familiare del bar. Dedichiamo moltissimo tempo alla lavorazione, lenta e accurata. La nostra migliore pubblicità è il passa parola dei clienti. Può svelarci un segreto di preparazione? La freschezza e ingredienti genuini. Usiamo ricette molto antiche, il nostro vero segreto. Papà già a tredici anni lavorava in una gelateria di Roma e li si lavorava con le mani, la forza della braccia. Tutto senza macchinari moderni. Ci ha

Elisabetta Brenci trasmesso ricette tradizionali basate su ingredienti freschi senza conservanti. Lavorati con pazienza e con tempi molto lunghi. Il suo gusto preferito e il vostro gusto “fantasia”. Il cioccolato sicuramente. Abbiamo sempre preparato gusti tradizionali, semplici e per questo gustosi. Non strani, ma buoni. Questo è l’importante. Il gusto favorito per i clienti? Sicuramente il cioccolato.

Non c’è cono o coppetta senza il classico nostro cioccolato. Va per la maggiore, ad ogni età. Uomini e donne si differenziano nella scelta dei gusti? Devo dire che non c’è grande differenza. Dipende più dalla stagione che dal sesso. D’estate vanno tantissimo i gusti alla frutta. Con il sempre presente cioccolato, semplice o extrafondente, irresistibile. Sarah Panatta

Storia del gelato Rintracciare le origini del gelato nell’antichità è complesso: i riferimenti alla refrigerazione di frutta, latte e miele si incontrano sia negli antichi testi sia nelle cronache delle scoperte archeologiche più note. Nella Bibbia Isacco offre ad Abramo latte di capra misto a neve: uno dei primi mangia e bevi della nostra storia. Una tradizione storica racconta che re Salomone era un grande consumatore di bevande ghiacciate e che Alessandro Magno, durante le sue campagne in India, pretendesse un continuo rifornimento di neve da consumare mescolata a miele e frutta durante le marce e le battaglie. Gli antichi faraoni egizi, tra le portate più ambite dei loro sontuosi banchetti, annoveravano primitive forme di granite. Cleopatra offrì con successo a Cesare ed Antonio frutta mescolata a ghiaccio. I Romani producevano le nivatae potiones. Il generale Quinto Fabio Massimo inventò una ricetta tipo sorbetto; Quinto Massimo Gorgo afferma che il primo ad introdurre uf�cialmente nei banchetti l’uso del gelato fu l’imperatore Nerone, il quale nell’anno 62 d.C. offrì ai suoi invitati una bevanda consistente in frutta tritata, miele e neve. Durante il Medioevo, in Oriente, venne realizzata la decisiva scoperta del sistema per congelare i succhi di frutta ponendoli in recipienti circondati di ghiaccio tritato. I Crociati, di ritorno dalla Terra Santa, portarono sulle mense dei ricchi d’Europa raf�natissime ricette di sorbetti a base di agrumi, gelsi e gelsomini. Marco Polo, verso la �ne del XIII secolo, al termine del suo famoso viaggio in Asia, riportava dalla Cina nuove idee per il congelamento arti�ciale, grazie ad una miscela di acqua e salnitro. Nel corso del Medioevo i sorbetti spariscono dalle mense insieme ad altri cibi raf�nati, accusati di simboleggiare il peccato. Alla �ne del ‘300 risorge l’arte del vivere e del mangiar bene insieme al consumo dei sorbetti. Il vero e proprio trionfo del dolce freddo sulle tavole dei potenti avviene nel Cinquecento, con l’af�usso dai

nuovi continenti di frutta, piante nuove, aromi e spezie, tè, caffè, cacao. Presso la corte medicea di Firenze, i sorbetti hanno un posto d’onore all’interno delle feste e dei banchetti. Originariamente somiglianti alla gremolata, furono in seguito sostituiti da un vero e proprio gelato montato, ottenuto roteando il liquido da congelare in primitive sorbettiere immerse in mastelli di legno pieni di ghiaccio frantumato e sale. La miscela così ottenuta veniva poi immessa in stampi di metallo, mantenuti molto tempo sotto il ghiaccio, a forma di piramidi, di frutti giganteschi, di agnelli, di colombe, che, sformati al momento del pranzo su capaci vassoi, facevano da coronamento ai sontuosi convivi dell’epoca. Il primo ad introdurre a corte questa novità, fu un certo Ruggeri, un �orentino venditore di polli: partecipando ad un concorso indetto dai signori di Firenze, con il suo sorbetto vinse e divenne famoso in tutta la regione. Il siciliano Francesco Procopio de’ Coltelli, un secolo dopo, con una rudimentale sorbettiera costruita e lasciatagli in eredità dal nonno, affrontò l’avventura di un lungo viaggio sulle strade della nostra penisola infestate dai briganti, con l’intento di conquistare Parigi. All’inizio del 1700 il dolce freddo è pienamente affermato in tutte le corti e capitali d’Europa. Negli Stati Uniti il gelato riscuote un’indicibile fortuna: merito del genovese Giovanni Bosio, che, nel 1770, apre a New York la prima gelateria. Nel 1906, nei caffè di Milano appaiono le parigine o nuvole, una porzione di gelato compressa tra due ostie di pasta wafer rotonde, quadrate o rettangolari, inventate da Giovanni Torre di Bussana, che, di ritorno da Parigi, inizia il commercio ambulante di gelati. All’inizio del secolo i nostri gelatieri, soprattutto veneti, invadono le capitali della Mitteleuropa, consolidando la vendita ambulante di gelato soprattutto in Austria ed in Germania. In�ne, l’opera di riconoscimento di un Comitato di gelatieri, ha portato ad una vera e propria riscoperta di un primato che tutto il mondo ci riconosce.

Donna a donna

Gelato ‘epico’ ma tutto in famiglia


Viterbo & Domenica 3 Luglio 2011 AltoLazio

� �

DONNA

16

donna

Inutile nelle diete è un alimento ideale solo per ridare il giusto peso al buonumore

Calorie per l’anima Un pasto feticcio per coccolarsi

p

Il mistero della donna

di Tina Lombardi

di Sarah PANATTA

I

l piacere morbido di una colorata miscela di dolci sapori, un letto di brina succosa nel palato, ma anche una valanga di calorica voluttà. Molti nutrizionisti inneggiano alle proprietà organolettiche e alla soluzione “sostitutiva” del gelato, che può diventare in estate un ottimo surrogato dei pasti, anche e soprattutto per le persone a dieta. Tante le donne che dopo aver perso con�denza con la bilancia in inverno si tuffano nella magia salvi�ca del gelato per perdere peso eliminando pasta, pane e condimenti vari. Ma anche con il gelato, cibo della libertà per eccellenza, bisogna misurare con cautela le dosi, saper riconoscere un prodotto artigianale di buona fattura e selezionare con cura. Fantasiosi e allettanti i gelati industriali, propagandati con patinati battage pubblicitari. Molto più salutari i gelati fatti a mano, specie se molto cremosi e particolarmente sensibili allo scioglimento da sole, due indici di qualità. Veniamo allo spauracchio-calorie. La fatidica coppetta piccola, da 2 o 2,50 €, il peccato che pensiamo di poterci concedere sempre, contiene già un esercito

di calorie e grassi. Fino a 180 kcal per i gelati alla frutta, �no a 280 per quelli alla crema, ma tra combinazioni, cialde e panne si può oscillare tra le 300 e le 500 kcal �nali. Meglio allora gusti fruttati, dai nomi poco “artefatti” ed evitare simili infusioni di glucosio dopo pranzo o come merendina, a meno che i pasti della gior-

nata siano caratterizzati solo da proteine nobili (pesce) e verdura. Il gelato resta tuttavia un nutrimento ideale, amato all’unanimità, amico per gli stadi depressivi passeggeri, e rivelatore di personalità. Il gelato è una fonte di appagamento sensoriale e dalle ultime ricerche in ambito psicologico è emerso con chiarezza il suo

aspetto disinibitore. Come afferma la Dott.ssa Viviana Finestrella il gelato consente alla persona di “spogliarsi” dagli aspetti formali della vita o almeno gettarsi in un atto di piacere condiviso e moralmente accettabile, in cui sublimare desideri e persino frustrazioni, abbattendo le difese mentali e “alimentando” l’anima.

Quando il gelato diventa piacere sensoriale Punto G di Dolce TADDEI

Erotica, sublime coppetta

M

omento di estroversione misurata. Totem culturale trasversale. Non luogo di piacere ad personam, artistico, seduttivo. Brivido caldo, ossimoro perfetto che coagula goccia a goccia e poi espande l’erotismo intrinseco dell’atto alimentare. Antistress sostitutivo del sesso per oltre il 60% degli italiani, rimedio atavico contro noia, insoddisfazione, solitudine. Il gelato è cibo accessorio, moda gustativa, ma anche appendice sessuale, oggetto dispensatore di quel piacere ef�mero ma ef�cace che insabbia fulmineo lo spleen odierno. Alleato per la singletudine di donne di ogni età, diventato nella tricolore penisola lusso spendibile dopo il boom degli anni ’60, è icona glamour negli spot televisivi popolati di creature seminude che consumano amplessi di cioccolata e frutti

rossi con i loro gelati “�rmati”, preconfezionati per disegnare �ni e con�ni del piacere. Il gelato è allora mezzo erotico. Atto che replica il gesto infantile e innocente che ci accompagna dalla nascita,

succhiare, leccare, mordere il gelato dal suo friabile cono è un rituale per i sensi. È la simulazione languida di un corteggiamento affettuoso, dell’approccio sinuoso con un partner immaginario, il gioco afrodisiaco quotidiano

per stimolare la propria vita interiore. L’approccio al gelato testimonia involontariamente le proprie attitudini relazionali e sessuali. Lo afferma lo psicologo dell’istituto CIRM Alessandro Amadori. La scelta del cono con cialda è di chi predilige un’esperienza sensoriale completa puntando sull’appagamento �nale. Lo stecco è per gli insicuri, che hanno bisogno che rimanga qualcosa di tangibile. Il ghiacciolo è per chi non ama la degustazione lenta e punta con realismo e indipendenza al piacere immediato. La coppetta è il baluardo del moderato, che vuole controllare i propri “appetiti” in ogni occasione, nascondendo brame ribelli. Al di là delle etichette, interessanti m sempre sempli�cative, un gelato incarna senza dubbio il piacere veloce ma pieno, ineliminabile, di un incontro palato-ventre-cuore.

Non è raro sentire affermare che non c’è una differenza essenziale tra l’uomo e la donna, tranne una differenza biologica. Molte donne hanno adottato questo punto di vista e si sono impegnate a diffonderlo. Felici di essere degli uomini in gonnella, hanno perduto il senso del principio che gli è proprio. Questa è forse la causa principale del malessere e dell’instabilità emozionale della nostra epoca. Perché se una donna perde il senso del principio femminile che regge con le sue leggi i rapporti tra gli esseri, ella non potrà dominare per quello che è, in �n dei conti, il dominio femminile, quello delle relazioni umane.”: Esther Harding Una delle tragedie degli ultimi tempi risiede nell’abbandono, da parte della donna, del principio femminile. Numerose conclusioni e squilibri possono spiegarsi con questo rinnegamento di se stessa operato da certe donne, vittime di ingannevoli apparenze di un modo di vita pseudo-maschile (ci è suf�ciente attestare, su questo punto, la crudele illusione che lascia credere che i valori moderni abbiano un carattere maschile: la maggior parte delle professioni non richiede alcuna qualità virile e deve essere quali�cata come asessuata e sessualizzante, come neutra e neutralizzante: si può constata tre che colui che vi sim impegna non troverà nessuna valorizzazione per il suo sesso interiore e vi perderà anche il poco che l’educazione razionalistica, laica e obbligatoria gli avrà lasciato). Ciò non deve lasciare alcun dubbio: noi soffriamo tutti di una mancanza di femminilità e non si potrebbe escludere che il mondo moderno sia salvato dalle donne (anziché dagli uomini, poiché la femminilità recrudescenze provocherebbe una ripresa di virilità presso gli uomini: c’è in questo dominio un giuoco di interazioni, una dialettica sessuale da studiare nel modo più approfondito e più determinante). Vivere in conformità con la propria natura: tale potrebbe essere una delle parole d’ordine del femminismo di destra. Nascendo donna, vivere da mulier. Venendo al mondo con degli organi genitali maschili, educare in sé il vir. Sarebbe assurdo che una donna si realizzi in quanto uomo e criminale che essa non perfezioni la sua femminilità. Lo stesso per l’uomo. Certamente, molte donne e uomini soffrono interiormente di non potersi, nella loro vita personale, identi�care ai tipo della donna assoluta e dell’uomo assoluto. Noi dobbiamo soffermarci su ciò che simbolizza più

autenticamente il mistero della donna: la Luna (che i primitivi chiamano il “Dio della donna”). Secondo Esther Harding, “il simbolo che più d’ogni altro si è mantenuto attraverso le età come il simbolo della donna, non in quello che essa ha di comune con – homo sapiens- ma in quello che li distingue, l’elemento femminile in opposizione all’elemento maschile, è la LA LUNA. Nella poesia, sia moderna che classica, e da tempo immemorabile nei miti e nelle leggende, la luna ha rappresentato la divinità della donna, il principio femminile, allo stesso modo in cui il sole e i suoi eroi simboleggiamo il principio maschile. Per gli uomini primitivi così come per i poeti e i sognatori d’oggi, il Sole è maschile, la Luna femminile”(E. Harding: Le Mystère de la femme). Tralasciamo di aggiungere che questo carattere lunare della donna non le impedisce evidentemente del tutto di prendere parte a una spiritualità solare o di avere in lei degli elementi” solari: ogni yin contiene dello yang, non dimentichiamolo. Dunque “ per comprende la donna, è (…) indispensabile tener conto del suo carattere lunare e della legge del cambiamento che la governa” (E. Harding op. cit.). Dopo aver preso in considerazione il carattere ciclico della natura femminile, molti comportamenti, a priori bizzarri, si rivelano del tutto naturali, inevitabili. L’ “umore cangiante”, la “versatilità” delle donne non può avere niente di reprensibile se si tiene conto della in�uenza della Luna su di loro (in�uenza che esplode nel fenomeno mestruale in latino, mens, il mese, poteva prendere anche il signi�cato di luna; si chiamano spesso le mestruazioni “il periodo della luna”; ultimo esempio: nel Congo, la parola njonde designa sia la luna che le “regole”). Lamentarsi della della “versatilità” o della “incostanza” delle donne è semplicemente stupido ed indice di uno spirito poco illuminato. Quanto all’aspetto male�co dei mestrui, il dibattito continua. Noi avremmo piuttosto la tendenza ad approvare questo passaggio di un testo vedico: “Il sangue delle donne è una delle forme di Agni (il dio del fuoco), per cui nessuno dovrà disprezzarlo.” Noi completeremo queste osservazioni segnalando che la Grecia aveva divinizzato la Luna nella dea Ecate e attraverso il mito lunare nell’ Ecate Triformis (i Greci simbolizzarono così le tre fasi lunari. Artemide per la crescente, Selene per la luna piena, Ecate per la decrescente).


SPORT

� � �

17

Domenica 3 Luglio 2011

MOTORI - Esposta la vettura di Roman De Beer

Un bolide per sognare I

n pista a s�darsi c’erano i kart, impegnati nel Campionato Italiano, ma in tanti si sono fermati ad ammirare la vettura esposta all’interno del Circuito Internazionale di Viterbo. Si tratta della macchina del Team Victoria

World, di proprietà di Dario Caso, che partecipa alla Formula Abarth con al volante il talentuoso sudafricano Roman De Beer. Magari, tra qualche anno, saà guidata da uno dei tanti giovani in lizza nei kart.

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

BASKET UNDER 20

Richter in forma per i Campionati Europei L’ala della Defensor ha realizzato sette punti nell’amichevole delle Azzurrine contro la Svezia di GLAUCO ANTONIACCI

abbordabile delle rivali del girone, e per �nire la Bielorussia. La formula prevede che le prime tre superino il turno portandosi dietro i risultati acquisiti nella prima fase, affrontando le tre quali�cate che arrivano da un altro girone. Per il gruppo C dell’Italia, l’abbinamento sarà con il girone D che presenta Spagna, Slovacchia, Lettonia e Gran Bretagna. Un cammino non semplice per le ragazze di Nino Molino che però puntano ad entrare nella seconda fase e poi a giocarsi le proprie chances di arrivare �no ai quarti di �nale, un risultyato che sarebbe decisamente eccellente.

S

ono gli ultimi match, le ultime veri�che prima della partenza per Novi Sad, in Serbia, dove si svolgeranno gli Europei. La Nazionale under 20 di basket femminile si trova a Caorle, provincia di Venezia, per un quadrangolare contro Svezia, Germania e Spagna. Coach Nino Molino sta mettendo a punto gli ultimi dettaglia, strigliando a dovere un gruppo di cui fa parte anche la ‘viterbese’ Alice Richter, confermata anche per la prossima stagione con la maglia della Defensor di coach Carlo Scaramuccia. Le Azzurrine hanno iniziato il torneo di Caorle affrontando la Svezia e sono state costrette ad inseguire praticamente per tre quarti. Decisivo è stato un ottimo ultimo quarto da 17-9, che ha consentito alla squadra italiana di mettere la freccia e superare la nazionale scandinava per 51-54. La miglior marcatrice è stata Valeria De Pretto con 14 punti, in doppia cifra anche Federica Tognalini a quota 10 ma anche Alice Richter si è messa in buona

Alice Richter evidenza, realizzando sette punti e dando un buon contributo al successo del quintetto di Nino Molino. Ieri sera la nazionale italiana è tornata in campo per s�dare la Germania, battuta nettamente dalla Spagna nella partita inaugurale, mentre oggi si disputerà l’ultimo incontro, proprio con la Spagna. Dopo la gara contro le ibe-

riche, con la quale terminerà il torneo, le Azzurrine partiranno alla volta di Novi Sad. Giovedì è previsto infatti il via della rassegna continentale che vede l’Italia inserita nel gruppo C della prima fase. Richter e compagne dovranno affrontare, nell’ordine, la Francia, una delle più forti formazioni a livello europeo, l’Olanda, sulla carta la più

Di seguito il tabellino della gara giocata a Caorle contro la Svezia: Italia: Madonna 7, Nannucci, Bestagno 1, Galbiati, Cigliani 2, Tava 5, Tognalini 10, Pastorino 2, Richter 7, Leva 6, De Pretto 14. Coach: Molino. Svezia: Kucukkya 4, Torneberg 2, Massamba 2, Forsman 10, Kabengano 1, Drammen 6, Fobdemarc 9, Abdi 14, Neffati 3.

BASKET SERIE C - Rinforzo per i neroarancio

Colpo Nuova Fortitudo Ingaggiato Angelo Mulè

P

rende forma la Nuova Fortitudo che parteciperà, con rinnovate ambizioni, al campionato di serie C regionale di basket nella stagione 2011/2012. Il general manager viterbese Enrico Bertini ha messo a segno

BASKET - Preso d’assalto dai giovanissimi il nuovo playground realizzato nella cittadina lacuale

A Bracciano la palla a spicchi finisce in ‘Gabbia’ P

er risolvere la cronica mancanza di spazi in cui praticare sport, a Bracciano hanno deciso di scendere in campo in maniera diretta. Guai a piangersi addosso, invocando chissà quale aiuto dall’alto: via invece ad una specie di azionariato popolare, una

raccolta fondi per agevolare i lavori e rendere più rapida la costruzione. E’ nata così la ‘Gabbia’, un nuovo playground con due campi da basket recintati in cui i ragazzi della cittadina lacuale potranno sfogare la loro passione per la pallacanestro.

In una zona che era stata sostanzialmente abbandonata, grazie ad un contributo stanziato dal Comune sono iniziati i lavori che, spinti anche dal sostegno di tante persone che hanno messo mano al portafoglio, sono proseguiti e si sono poi conclusi con un risultato

decisamente accattivante, come potete osservare soprattutto nella foto qui in alto. La gabbia è stata presa d’assalto dai giovani e giovanissimi, felici di avere a disposizione un luogo in cui dar vita a tantissime partite per tutta la giornata.

Sicuramente il periodo estivo vedrà un crescente successo di questi impianti, destinati a diventare un importante centro di aggregazione per i ragazzi. Un esempio da seguire in tutte le realtà, Viterbo compresa. Di certo non mancano le aree da riquali�care. (ga)

un bel colpo con l’ingaggio di Angelo Mulè, protagonista di un’ultima stagione molto positiva con la maglia del Velester Velletri; ha segnato quasi 16 punti a partita che non sono bastati ad evitare la retrocessione della sua squadra, ma hanno confermato le sue indubbie qualità di realizzatore. Nato il 26 agosto 1987 a Licata, Mulè è un esterno di 1,82 che può ricoprire più ruoli e che non ha mai avuto problemi a fare canestro. Ha accumulato esperienze nei campionati nazionali sia con la squadra della sua città di nascita, con cui ha disputato una stagione 2006/2007 a quasi nove punti di media in 20 minuti di utilizzo per gara, sia con le Stelle Marine Roma che, nella stagione 2008/2009, lo hanno visto autore di un campionato da 8,1 punti per gara in poco più di 25 minuti di media sul parquet. L’arrivo di Mulè è certamente un colpo molto importante per la formazione neroarancio guidata da coach Fausto Cipriani, in un settore in cui ci sono già state le conferme di Bitetto, Ottaviani e Peroni. Un altro tassello molto importante è stato rappresentato dalla riconferma di Werther Pigliafreddo che, nonostante le lusinghe arrivate da diverse società, ha deciso di indossare la maglia neroarancio anche nella stagione che verrà. La dirigenza della Nuova Fortitudo sta continuando a sondare il mercato per completare l’organico e ulteriori colpi sono attesi già nei prossimi giorni.


� �

sport

SPORT

24 18

Viterbo & AltoLazio

C ALCIO S ERIE D

E CCELLENZA

Viterbese, Gay racconta la sua verità “Era tutto già deciso in partenza. Non mi volevano più tenere” Al momento sono solo 70 i club certi dell’iscrizione in Lega Pro di GIANLUCA NATOLI

T

orniamo a fare un bilancio provvisorio sulle società che sono in bilico per l’iscrizione ai prossimi campionati di Lega Pro (stagione 2011/2012). Tirando le somme e lasciando spazio ai numeri sono attualmente quattro i club che si sono autoesclusi dalla Seconda Divisione non facendo pervenire la richiesta di ammissione entro i termini stabiliti (Canavese, Crociati Noceto, Rodengo Saiano e Sangiovannese). Altre 16 squadre di categoria sono invece �nite sulla ‘black list’ non avendo presentato in modo completo la documentazione necessaria per l’iscrizione. Si tratta di 7 società di Prima Divisione (Atletico Roma, Como, Foggia, Gela, Lucchese, Ravenna, Salernitana) e 9 di Seconda Divisione tutte rimandate a giudizio (Fano, Brindisi, Cavese, Cosenza, Ebolitana, Montichiari, Sanremese, Catanzaro e Matera che è riuscita all’ultimo, almeno in modo parziale, ad evitare il capitombolo). Alla luce di tutto ciò il Consiglio Direttivo ha certi�cato che soltanto 70 società hanno al momento le carte in regola per disputare il campionato di competenza. A questo punto entra in gioco la Covisoc che l’8/7 si esprimerà in prima istanza sull’esito dell’istruttoria per l’ammissione ai

Domenica 3 Luglio 2011

campionati. Quel giorno verrà resa nota la lista uf�ciale delle società escluse dalla Lega Pro. Il 16/07 la Covisoc si pronuncerà in modo de�nitivo sui ricorsi delle società non ammesse. Il verdetto �nale spetterà invece al Consiglio Federale in programma il prossimo 18 luglio. Mercato – Sebastian Gay saluta e ringrazia la Viterbese Calcio. La sua è stata una storia d’amore ed odio con la società di via della Palazzina che dopo averlo lasciato andare via nell’estate scorsa (destinazione Zagarolo), aveva deciso di richiamarlo appena tre mesi più tardi accusandone già la mancanza. Anche quest’anno la situazione non è cambiata di molto. L’accordo tra il gio-

catore e il presidente Fiaschetti c’era. Quello veniva raggiunto nelle ‘segrete stanze’ dello stadio Rocchi in un famoso giovedì sera di qualche settimana fa. A quel punto Simone Canovi si è incontrato con l’argentino ed il suo procuratore per de�nire gli aspetti economici del rinnovo. Gay l’anno scorso ha guadagnato cifre importanti grazie al fatto che il suo stipendio era a carico di due società (Zagarolo prima e Viterbese poi). Quest’anno lo stesso ingaggio se lo sarebbe dovuto accollare tutto la Viterbese invece, anche se il giocatore nell’estremo tentativo di non far saltare l’affare si era dichiarato disponibile a rinunciare al 35% rispetto alla richiesta iniziale. Non è basta-

to. Gay non l’ha presa bene, fortemente legato a questi colori e alla piazza, dichiarando con queste parole tutta la sua delusione: “Sono molto deluso per come è �nita questa storia. Credo che non sia la questione economica il problema principale. Probabilmente l’affare è saltato perché qualche responsabile di mercato della Viterbese è intervenuto per non riconfermarmi. Era già tutto deciso dall’inizio. Si è trattato di una strategia per farmi ‘fuori’. Non esistono tanti calciatori disposti a rinunciare ad una fetta così importante del proprio ingaggio pur di rimanere a giocare in una squadra”. Gay fra poche giorni, forse solo poche ore sarà papà di una fantastica bambina. L’argentino avrebbe voluto di certo festeggiare in grande la nascita di una �glia. Purtroppo però il calcio è un mondo a sé, che viaggia su propri binari e non conosce incroci con altre strade solo parallele. La società gialloblù dal canto suo smentisce il fatto che Gay abbia rinunciato ad una parte così importante dell’ingaggio e motiva la propria scelta con un budget limitato al quale non si è potuto proprio derogare. Adesso l’arduo compito di Simone Canovi, forse meno dif�cile del previsto, sarà quello di trovare un sostituto all’altezza per quel ruolo a cifre sicuramente più abbordabili.

Corneto, Perugini verso l’addio La Caninese aspetta la sua firma Poggi, Morasca e Di Mugno sono vicini al Tarquinia Dopo il 12 luglio inizieranno i ripescaggi di categoria

I

l Corneto Tarquinia gira come una trottola in questi primi giorni uf�ciali di calcio mercato. Il derby con la Caninese sta riguardando moltissimi giocatori, tanto che Fabio Perugini è ad un passo dall’approdo in biancoceleste, malgrado la �rma con la società di patron Morosini ancora non sia arrivata per motivi tecnici (solo ieri sono stati ritirati i cartellini per i nuovi tesseramenti. La settimana prossima verranno uf�cializzati nero su bianco tutti i nuovi colpi). I rossoblù intanto stanno trattando molti giocatori quali Valerio Poggi (Santa Marinella), Carlo Morasca (Orvietana) e Roberto Di Mugno (Anguillara). Tra i big sono già molti i riconfermati. Fabio Bisozzi ha giurato fedeltà alla squadra del litorale, così come Leonardo Bordo e tanti altri. Per loro la voglia di restare è prevalsa sulla tentazione di provare nuove avventure. In uscita per il momento c’è solo Stefano Cascianelli (destinazione Grotte di Castro). L’appuntamento per il ritiro è �ssato al 1 agosto. In quell’occasione si presenteranno a Tarquinia diversi ragazzi della Juniores della Viterbese. Molti di questi al termine della preparazione verranno aggregati con la prima squadra del Corneto, mentre altri faranno ritorno a casa. Si partirà con delle sedute singole per la prima quindicina del mese, mentre dopo agli appuntamenti pomeridiani verranno af�ancati anche quelli mattutini. I lavori per il nuovo campo sintetico stanno proseguendo come da programma. L’augurio dello staff

Fabio Perugini tecnico rossoblù è quello che il campo possa essere pronto entro la metà di agosto. Se ciò non dovesse accadere, conterà almeno avere il nuovo impianto a disposizione per l’inizio del campionato. Ancora da de�nire la data d’inzio della stagione 2011/2012. Tutte le società di Eccellenza e Promozione avranno tempo �no al 12 luglio per iscriversi ai campionati. Alcune squadre potrebbero non farcela. La Tor Tre Teste ha fatto sapere ad esempio nei giorni scorsi tramite le parole del presidente Antonio Di Bisceglia di non voler iscriversi al massimo campionato regionale a causa dei costi troppo elevati. Molte squadre retrocesse in Promozione si leccano i baf� e si preparano a presentare la domanda di ripescaggio (Fregene in primis). Gia Nat

NON SOLO MERCATO - Spano-Lubriano fumata nera. Alla N. Bagnaia ipotesi mister Onofri

Boys Foglianese un fiume in piena, c’è anche Rizzo S

abato di pioggia che ci ha riportato allo scorso inverno quando giocare una partita di calcio era uan impresa. I giochi vanno avanti ed allora sotto sotto con altre chicchette di mercato che si espandono a destra e a sinistra e con piacere abbiamo registrato che il nostro monito pubblicato ieri (assegni post e rimborsi da 2000 euro, dove andremo a finire...) ha prodotto buoni consensi. SPANO-LUBRIANO NON SE NE FA NULLA Hanno “inciuciato”, hanno parlato, hanno provato ma alla fine tra il Lubriano e mister Marco Spano non se ne fa più nulla. Da ieri la fumata nera e Lubriao che naviga in acque limacciose con un fuggi fuggi generale che non promette nulla di buono per il team del presidente Riccini che gioco forza sarà costretto a far salire in prima squadra tanti giovani della Juniores. Mister Spano è quindi un tecnico in cerca di sistemazione e che per il momemto con il suo amico Franco Bacocco e l’avvocato Capparella darà una mano nella riorganizzazione del settore giovanile dell’Ortana. ASSALTO DEL MONTEFIASCONE A BEVILACQUA PER GLI JUNIORES Il Montefiascone ci ha provato a far venire l’acquolina in gol a Marco Bevilacqua per la conduzione tecnica della squadra juniores ma il tecnico viterbese ha ascoltato, ha informato per correttezza la sua società (Foglianese)

del dialogo avuto ma per nulla al mondo lascerebbe i suoi pupilli del ‘96 partecipante al prossimo campionato degli allievi fascia B regionali. CANINESE, MERCATO SUPER, ARRIVA MACALUSO Chi lo avrebbe mai detto? Il presidente Maurizio Morosini sta costruendo una grande squadra. Dopo essersi assicurato l’ingaggio di Fabrizio Borriello e Fabio Perugini, ha annunciato ieri il nuovo colpo: Roberto Macaluso. Nei prossimi giorni arriverà la firma di tutti e tre i giocatori e la squadra inizierà a volare. Macaluso (ex Ladispoli) porterà brio e qualità al centro dello scacchiere di miser Riccardo Sperduti. La trattativa è andata a buon fine grazie anche al lavoro svolto dal direttore sportivo biancoceleste Fosco Luzzi che svela così la sua soddisfazione: “Avevamo contattato il ragazzo prima delle sue vacanze ed eravamo in attesa di risposta. Venerdì scorso è tornato dal Messico e poche ore più tardi ci ha dato la sua disponibilità a firmare con noi. Siamo molto contenti. Nè lui, nè Borriello hanno bisogno di presentazioni. Credo che nessuno avrebbe mai potuto immaginare che due giocatori così forti avrebbero lasciato Ladispoli dopo la vittoria del campionato per venire da noi. Ora dobbiamo essere bravi a contenere l’entusiasmo. Canino è una piazza piccola ed è gia un lusso se siamo in Promozione. Dobbiamo rimanere con i piedi per terra. Strada facendo poi stabiliremo i traguardi

su cui puntare”. E pensare che Macaluso sembrava ad un passo dal Corneto. Non è la prima volta che in questa calda estate di mercato la squadra di patron Santori si fa superare sul più bello dalla Caninese. Per Maurizo Morosini però a tutto c’è una spiegazione: “Da quando sono arrivato a Canino, due anni fa, qui si respira un’altra aria. Sono i giocatori stessi a chiederci di venire, perchè sanno che qui prevalgono su tutto i rapporti umani e la puntualità nei pagamenti. Elementi che ti permettono di fare il salto di qualità”. E non è finita. La Caninese sta per chiudere anche la trattativa con Braccini, oltre che con Gravina (anche se su quest’ultimo sembrerebbe in vantaggio proprio il Corneto). Infine altre novità: “Due giocatori del Leeds mi hanno contattato per venire a giocare con noi -ha aggiunto Morosini- si tratta di un attaccante e di un esterno di fascia. Chissà”. La squadra ha fissato per il 16 agosto l’inizio del ritiro precampionato. FOGLIANESE BOYS SCATENATA ARRIVA ANCHE BOMBER RIZZO Raffica di news dal dinamico settore giovanile della Comunale Foglianese dove il ds Massimiliano Petrelli e il suo staff sono inarrestabili. E nelle ultime ore annunci davvero importanti per le presenze negli juniores di Cretu e Munteanu entrambi classe ‘93 e che hanno già firmato. Farà parte della juniores il portiere Capone, ex Pianoscarano, classe 1994, annunciati gli arrivi per i ‘95 di

Roberto Macaluso

Il ds Massimiliano Petrelli (Foglianese)

Fusi dal Barco Murialdina e per i ‘96 (allievi fascia B regionali) dell’attaccante Rizzo dal Real Monterosi, del difensore centrale Baroni dalla Pol. Tuscania, dell’attaccante Minella, del centrocampista Cappetti e del difensore Caponero dal Pianoscarano e per i giovanissimi Elite 97 (scontata la partecipazione a questo campionato) di Fiorani esterno destro alto dal Real Monterosi, di Angelelli (esterno basso sinistro) e del centrocampista Caporuscio dal Civita Castellana. Definite anche le date di tutti i ritiri. E infine ultima chicca del fine settimana legata al contratto posto in essere con la Puma e quindi Foglianese che avrà il materiale di abbigliamento e di gioco di questa importante azienda a livello internazionale.

mozione ottenute in questi giorni dai quattro arbitri dell’Aia di Viterbo ai quali la Figc di Viterbo augura ulteriori traguardi nel corso delle loro importanti carriere.

LUCARINI PLAUDE L’AIA Felicitazioni vivissime sono state espresse dal Delegato Figc di Viterbo Renzo Lucarini e da tutta la Delegazione per le importanti pro-

IPOTESI ONOFRI ALLA N. BAGNAIA E CHE NOMI... Nelle ultime ore si è affacciata l’ipotesi mister Tonino Onofri alla Nuova Bagnaia dove il progetto messo in piedi dallo scatenato Bisanti è roba appetitosa. Tra i giocatori appaiono scontati gli arrivi di Maculani e Federici. LA PORTA DEL DORIA ANDREOLA SUI CIMINI? Il Doria San Martino per il prossimo campionato ha ingaggiato il portiere Fabrizio Tiberi (ex V. Bolsena) mentre il partente Flavio Andreola ha avuto delle avances dal Vignanello dove il mitico “Ros” Piacentini ha preso in mano le operazioni di mercato.


sport

SPORT

A

C ALCIO

& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

19

5

La grande festa degli amici di Graziano A Bagnaia nel centro sportivo di Fimiani la kermesse in onore del compianto tifoso della Viterbese. Vince lo sport e il Pegaso Caffè (ai rigori)

I

l Pegaso Cafe’ si aggiudica la terza edizione del memorial Graziano Vagnoni a Bagnaia. In una serata �nale davvero spettacolare e affollata di sportivi e amici del tifoso della Viterbese scomparso tre anni fa, la formazione di Bagnaia si è imposta sul pur bravo Maxsim Cafè soltanto dopo i calci di rigore. Anche la cosiddetta �nale di consolazione per il terzo posto è stata avvincente e se l’è aggiudicata Il Cavallino sui ragazzi del Galactico Vitorchiano. Durante il torneo si sono messi in mostra tanti giovani

talenti del calcio provinciale: da Daniele Proietti (fresco di passaggio al Perugia) a Losien Voka (Monte�ascone) ad Antonio Proietti Ragonesi (Pianoscarano).

Stella, Ugo Erasmi, Riccardo Aquilani Marcatori: Proietti Ragonesi (2), Ragonesi, Erasmi, A. Stella, Mei.

FESTA PREMIAZIONE Alle premiazioni sono intervenuti i fratelli di Graziano, Rossano e Stefano e i nipoti. Martedì si erano svolte le semi�nali, mentre giovedì è stata disputata la partita tra i tifosi della Brigata Etrusca e gli amici di Graziano, conclusasi poi con una

FINALINA Questi invece i protagonisti della �nale per il terzo e quarto posto vinta dal team Il Cavallino per 8-5 contro il Vitorchiano. Il Cavallino: Stefano D’Ottavio, Alessandro Miralli, Losien Voka, Daniele Proietti, Simone Menicacci. Galactico Vitorchiano: Michele Maraca, Augusto Boni, Mirco Cisterna, Luca Calisti, Luca D’Orazio

bella cena alla Tana del Duca. Gli organizzatori ringraziano Ferdinando Ciambella e la sua azienda Monte Yugo, l’Ore�ceria Rotisciani, la Polisportiva Nuova Bagnaia, e danno appuntamento a tutti gli amici di Graziano all’anno prossimo. Con gioia il quotiodiano l’Opinione ha messo in palio dei trofei per i protagonsiti del torneo e un grazie di cuore ai colleghi del Nuovo Corriere Viterbese per la collaborazione nel redigere questo servizio. FINALISSIMA Queste le formazioni della �nalissima vinta dal Pegaso Cafè contro il Maxsim Cafè ai calci di rigore per 12-11 dopo che i tempi regolamentari si erano conclusi sul 3-3. Maxsim Cafè: Massimiliano Vannini, Antonio Proietti Ragonesi, Simone Gatti, Riccardo Ragonesi, Walter Peris, Matteo Cecchini, Marco Mei. Pegaso Cafè: Gabriel Guidarelli, Nazzareno Stella, Andrea

Marcatori: Cisterna (5) Calisti (3) Voka (2) Menicacci (2) e Proietti. TUTTI I PREMIATI Premitate le prime quattro classi�cate: 1°) Pegaso Cafè; 2°) Maxsim Cafè: 3°) Il Cavallino; 4°) Galactico Vitorchiano. Rinconoscimenti personali a Gabriel Guidarelli (miglior portiere); Ugo Erasmi (miglior giocatore); Luca Calisti (capocannoniere). NELLE FOTO I tanti bei momenti di questa bellissima terza edizione del Memorial “Vagnoni”.


� �

sport

SPORT

24 20

Viterbo & AltoLazio

Domenica 3 Luglio 2011

C5 ‘M INELLA ’

F.M.A. Termoidraulica Bari un successo di ‘rigore’ Battuta dal dischetto dopo una splendida gara la Ripa Canepina. Nell’edizione di martedì servizio speciale. Da stasera i quarti al ‘Cenciarini’ di Blera

C

alcetto che passione e che emozioni tra tornei che terminano e altri che si avviano alla loro fase finale. MEMORIAL MINELLA DI VASANELLO Venerdì sera emozioni a go-go nella finalissima del terzo Memorial di Vasanello con la combattutissima finale tra F.M.A. Termoidraulica Bari e La Ripa Canepina. Match vietato ai “deboli” di cuore e che alla fine è stato vinto dalla più calcettara F.M.A. Termoidraulica capace sempre di recuperare contro la Ripa Canepina visto che a un certo punto perdeva per 3-0 ed ha saputo rientrare alla grande. Si è arrivati ai tempi supplementari e poi ai calci di rigore dove qui è saluto in cattedra un super portiere Ciprini che ha parato tutto e il contrario di tutto sia nella gara che nella sequenza dal dischetto, consegnando ai suoi il prestigioso trofeo dopo la conclusione vincente di David Fabrizi che ha messo a segno il rigore del trionfo. Nella finale di consolazione netta affermazione dei giovanotti di casa del Q.D.C. con Gianluca Tretta e compagni che hanno schiantato con un punteggio vistoso l’altrettanta giovane compagine dell’Ecosmo Team Canepinese del tecnico Renzoni. Al termine

ciarini”. Ecco quello che ci attende in questa due giorni in cui si faranno i giochi per le semifinali.

Foto Andrea Di Palermo

Questa sera - Alle 21 prima semifinale tra il team dell’E So’ Matte e del Dembele e alle 22 match tra Caffè Etruria e Blerana Infissi.

F.M.A. Termoidraulica Bari

Domani - Gli altri due confronti dei quarti di finale. Alle 21 il match tra Panzer e Locomotiv e alle 22 l’ultimo confronto dei quarti di finale tra Bar Fuori Mano e Bar Cancellieri 2Gpf.

La Ripa Canepina delle finali la cerimonia di premiazione. APPUNTAMENTO Nell’edizione di martedì ulteriori approfondimenti sulla finalissima del “Minella” con il servizio fotografico curato dal sempre presente Andrea Di Palermo che con i suoi scatti ha nobilitato e dato lustro e notorietà alla bella manifestazione.

Ecosmo Team Canepinese

OGGI SI TORNA IN CAMPO A BLERA PER I QUARTI DEL CENCIARINI Intanto da stasera dopo la breve sosta al termine della prima fase si torna in campo con i match dei quarti di finale della terza edizione del Memorial “Bruno Cen-

Q.D.C.

C/5 MEMORIAL CIGNARALE - Le sfide della 12ª e 13ª giornata del torneo di Fabrica

E’ Randazzo show! Ok Autocarrozzeria Bozzo, Tiffani, Salefino e Panificio Broglia T

utto sulla dodicesima e tredicesima giornata del Memorial di calcio a cinque “Alessandro Cignarale” in pieno svolgimento dell’impianto Al. Pi. di Fabrica. Successi per AutoCarrozzeria Bozzo, Tiffani Boutique, Salefino e Real Panificio Broglia. Ecco come è andata nei loro quattro incontri. AUTOCARR. BOZZO A. 12 TORINO 6 AutoCarrozzeria Bozzo Alberto: Bozzo Alberto , Foglietta Augusto , Learth Manolo , Maculani Gianluca , Ginevra Gianluca , Ceccarelli Francesco ,Annesi Gianluca , Ripani Alessio , Cristofari Michele , Colinelli Andrea , Randazzo Alessandro. Torino: Scalise Antonio , Giove Francesco , Giove Gianni , Periti Vitaliano , Prezzavento Michael , Inciocchi David , Giove Luca , Giove Tony , Giove Roberto. Con un Randazzo strepitoso l’Autocarrozzeria Bozzo del presidente Alberto Bozzo vola al primo posto del girone e vede i quarti di finale sempre piu’ vicini grazie alla sua forte formazione capitolata da giocatori di alto livello tipo Randazzo-Maculani-Mandro e Cristofari. Per il Torino non cè niente da fare in questa partita,da segnalare la grande prestazione del portiere Scalise. Per l’Autocarrozzeria Bozzo a segno Randazzo con ben 7

Real Panificio Broglia Reti,Maculani (3) e Mandro (2). Bella Gara per il Capitano Ripani Alessio ed il portiere Bozzo Alberto. Per il Torino a Segno il suo capocannoniere Giove Luca (5) e Giove Francesco (1). TIFFANI BOUTIQUE 10 AGENZIA CSM 4 Tiffani Boutique: Casadidio Maurizio , Pacelli Daniele , Bonamin Giancarlo , Angeletti Marco , Sernicola Paolo , Stefanelli Daniele , Placidi Attilio , Forestiero Fabrizio , Stefanelli Michael , Lucchetti Luca , Cruciali Stefano.

Agenzia Csm: Lettieri Alessio , Vincenzo Lettieri , Bacchiocchi Marco , Pintoni Leonardo , Cioccolini Gianluca , Cioccolini Sandro , Pieri Marco , Fioretti Marco , Silveri Marco , Accettone Riccardo , Basili Marco. Ennesima vittoria per la Tiffani Boutique di Capin Lucchetti che grazie a una partita capolavoro vince per 12-6 dopo un primo tempo chiuso sull’ 8-5 nei confronti di un Agenzia C.M.S. rimaneggiata dalle assenze. Prestazione divina per il bomber Stefanelli Michael che davanti alla porta non sbaglia un tiro e segna ben 8 reti. Le altre arrivano

Salefino da capitan Lucchetti (1) e Angeletti Marco (1). Per l’Agenzia Cms a segno Cioccolini Gianluca (2). Lettieri Vincenzo (1) e Accettone Riccardo (1). Ora la Tiffani Boutique si giocherà il primo posto nel girone venerdì 8 luglio quando si scontrerà contro il Forte Forno Falisco. SALEFINO 20 THE SENIOR 2 Salefino: Morbidelli Mirko , Biguzzi Francesco , Gentili Andrea , Masci Riccardo , Arriga Alessio , Scarpetta Andrea , Pagano Michele , De Angelis Alessio , Arriga Stefano , Paludi Gianluca .

Autocarrozzeria Bozzo The Senior: Barbato Antonio , Ripani Giorgio , Baldassare Fabio , Pieri Giuliano , Picca Alessandro , Campana Alberto , Pacelli Stefano , Mechilli Emiliano. Prima vittoria a suon di gol per i civitonici del Sale�no capitanati da Scarpetta Andrea che vincono 20-2 contro i The Senior. R. PANIFICIO BROGLIA 6 CST 0 (a tavolino) Real Pani�cio Broglia: Rossi Roberto , Maroni Stefano , De

Luca Roberto , Vincenti Davide , Pieri Cristian , Kuba , Di Ciuccio Riccardo , Testa fabio. Gentili Stefano Cst: Casagrande Luigi , Stinchelli Fabio , Tombolino Alessandro , Sciarrini Davide , Mascarucci Stefano , Frezza Enrico , Paggi Daniele , Prezzavento Mario , Galbo Antonio , Sanapo Francesco. All: Rizzo Domenico Nella seconda partita di venerdì sera il C.S.T. di Mazzei Romualdo non si presenta ed il Real Panificio Broglia vince a Tavolino 6-0 ed ora spera in una possibile qualificazione.


SPORT

sport

& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

21

C/8 GINNASI - FRABOTTA

L’ Officina Chiricozzi fa girare bene il suo motore Successo per 2-1 contro il Caffè Cuba Libre con le reti di Buratti e Ardiri. Iei sera l’ultimo match dei quarti Al ‘Frabotta’ i Pulcini 2003 del C. Castellana B battono 3-0 la Virtus Cimini. Nel recupero dei Pulcini 2002 successo per 2-1 del Ronciglione sul Civita

V

enerdì sera si è giocato il terzo quarto di finale del torneo di calciotto “Valerio Ginnasi”. Successo dell’Officina Chiricozzi per 2-1 contro il Caffè Cuba Libre di Fabrica di Roma con il risultato di 2 ad 1 al termine della più bella gara dei quarti di finale fino ad ora giocata. Ecco lo score della sfida. OFFICINA CHIRICOZZI 2 CAFFE’ CUBA LIBRE 1 Officina Chiricozzi: Tassone Francesco, Pianesi Mirno, Paoloni Giuseppe, Brizzi Roberto, Cosenza Gianluca, Salvitti Stelio, Salvitti Matteo, Veneruso Giovanni, Musso Cristian, Grimaldi Mattia, Buratti Gianpietro, Bernabei Emanuele, Buratti Giorgio, Ardiri Alessandro, Chiarelli Luciano. Dirigente Accompagnatore: Chiricozzi Mauro Caffè Cuba Libre: Boccia Michael, Meraglia Fabio, Piermaria Roberto, Braccini Luca, Stefanelli Michael, Febbraro Saverio, Di Giuseppe Andrea, Beccacioli Emanuele, Sestili Mirco, Iammella Diego, Smargiassi Simone, Cingolani Marco, Stefanini Marco, Tranquilli Stefano, Mascarucci Stefano. Dirigente Accompagnatore: Scacchi Giuliano. Allenatore: Giordano Giorgio Arbitri: Cilli e Coccia Marcatori: per l’Officina Chiricozzi reti di Buratti e Ardiri; per il Caffè Cuba Libre gol di Smargiassi. Quindi l’Officina Chiricozzi di Sutri si qualifica alle semifinali della 21° edizione del Torneo calciotto “Valerio Ginnasi” vincendo, venerdì al comunale di Ronciglione, la partita con il Caffè Cuba Libre di Fabrica di Roma con il risultato di 2 ad 1 al termine della più bella gara dei quarti di finale fino ad ora giocata. Le due squadre composte dai grandi

CALENDARIO VALERIO GINNASI data

talenti del calcio locale hanno regalato, al pubblico presente sugli spalti del comunale di Ronciglione, tanto spettacolo e divertimento. L’Officina Chiricozzi si è aggiudicata il primo tempo della gara giocando un bel calcio avvolgente che ha messo in difficoltà gli avversari incapaci di bloccare le folate offensive sulle fasce degli esterni di centrocampo. Il primo gol di Buratti Gianpietro è stato realizzato con un gran colpo di testa dopo aver ricevuto la palla su cross dalla fascia da Matteo Salvitti. A pochi minuti dalla fine del primo tempo Ardiri ha raddoppiato le segnature a favore dell’Officina Chiricozzi. Nella ripresa la gara si è rovesciata a favore del Caffè Cuba Libre riuscita ad accorciare le distanze con un gran tiro di Smargiassi. La formazione di Fabrica di Roma ha avuto la possibilità di riportare il punteggio

ora

partita

risultato

VIRTUS CIMINI 2000 - VIGNANELLO 2000

1-0

VIRTUS CIMINI 2002 - C. RONCIGLIONE 2002

1 - 6

VIRTUS CIMINI 2003 - C. RONCIGLIONE 2003

0 - 3

CIVITA CASTELLANA 2000 - C. RONCIGLIONE 2000

0 - 3

CIVITA CASTELLANA A 2002 - CIVITA CASTELLANA B 2002

3 - 3

CIVITA CASTELLANA A 2003 - CIVITA CASTELLANA B 2003

3 - 3

VIRTUS CIMINI 2000 - CIVITA CASTELLANA 2000

0 - 3

VIRTUS CIMINI 2002- C. CASTELLANA A 2002

5 - 5

CIVITA CASTELLANA A 2003-V. CIMINI 2003

rinviata

VIGNANELLO 2000 - CIVITA CASTELLANA 2000

0 - 4

CIMINA RONCIGLIONE 2002 - C. CASTELLANA B 2002

2 - 1

C. RONCIGLIONE 2003-CIVITA CASTELLANA B 2003

2 - 2

VIRTUS CIMINI 2000 - C. RONCIGLIONE 2000

3 - 0

VIRTUS CIMINI 2002 - CIVITA CASTELLANA B 2002

3 - 3

VIRTUS CIMINI 2003 - CIVITA CASTELLANA B 2003

0 - 3

04/07

21,00

VIGNANELLO 2000 - C. RONCIGLIONE 2000

05/07

19,30

CIMINA RONCIGLIONE 2002 - C. CASTELLANA A 2002

06/07

20.30

CIMINA RONCIGLIONE 2003 - C. CASTELLANA B 2003

FINALI 8/07

17,30

Finale Pulcini 2000: RONCIGLIONE -

8/07

18,30

Finale Pulcini 2002

8/07

19,30

Finale Pulcini 2003

in parità su due calci di punizione tirati alti sopra la traversa e su due tiri scagliati da distanza ravvicinata a cui ha risposto il portiere Tassone dimostrando, qualora ce ne fosse stato bisogno, qualità da campione. Nel finale il dirigente del Caffè Cuba Libre ha recriminato per la mancata concessione di due calci di rigore. Ha arbitarto l’incontro la coppia Cilli/Coccia. In semifinale l’Officina Chiricozzi di Sutri incontrerà martedì 5 luglio la EdiltimBrico SBA di Ronciglione per una partita che si preannuncia spettacolare. IERI SERA L’ULTIMO QUARTO Ieri sera si è giocato l’ultimo quarto di finale tra Immobiliare Bertini e Pol. Bassano Romano del quale vi daremo il resoconto nella nostra edizione di martedì. CLASSIFICA MARCATORI Resiste, incredibilmente, in vetta alla classifica marcatori il bomber Di Stefano della Cicram Ronciglione. Ecco la situazione aggiornata al match di venerdì sera. 4 reti - Di Stefano (Asd Cicram) 3 reti - Musetti (Immobiliare Bertini); Menichini (Ediltimbrico); Pascale (Mizzella); Veneruso, M. Grimaldi (Off. Chiricozzi); Smargiassi (Caffè Cuba Libre) 2 reti - Mandro, Farricelli, Alò, Fanka(EdiltimBrico); Troili E, Mustafà, Greco, Malè (Ristorante Pizzeria Il Peccato); Stella, De Angelis (Gelateria Igloo): Randazzo (Immobiliare Bertini); Braccini, Mascarucci, Beccaccioli, (Caffè Cuba Libre); Oliva (Uno Holding); Mariuta (Mizzella); Congiu (Pol. Bassano Romano); Cernetti (Sgm Legno)

1 rete - Pazzielli, Pagano (Immobiliare Bertini); Pompei, Ceglia, Luciani (EdiltimBrico); Esposito, Zucci (Gelateria Igloo); Ruffini, Boccolini, Arriga (Ristorante Pizzeria Il Peccato); Salvitti, Pianesi, Buratti, Ardiri (Officina Chiricozzi); Federici, Modanese, Mattei (Asd Cicram); Grandicelli, Santini, Pomi, Litta (Sgm Legno); Tommasetti, Iacurti, Vecci (Agrit. Rio Vicano); Ricci (Mizzella); Piferi (Uno Holding); Giardini, Citti (Bassano Romano); D’Alessio (Mizzella). QUEI FANTASTICI RAGAZZI Per finire una menzione doverosa la meritano i ragazzi incaricati di raccogliere i palloni lungo il campo sportivo. La loro dedizione e precisione nello svolgimento dell’incarico affidato si sta dimostrando fondamentale per il corretto svolgimento del Torneo a cui “I Ragazzi del Presidente” e la Pro Loco di Ronciglione devono grande riconoscenza.

partita

risultato

CICRAM RONCIGLIONE - CAFFE’ CUBA LIBRE

1 - 3

IMMOBILIARE BERTINI - UNO HOLDING

3 - 1

EDILTIMBRICO SBA - GELATERIA IGLOO

4 - 1

MIZZELLA - RIST. IL PECCATO

0 - 6

POL. BASSANO ROMANO - OFFICINA CHIRICOZZI

0 - 1

CICRAM RONCIGLIONE - EDILTIMBRICO SBA

3 - 4

SGM LEGNO - AGRITURISMO RIO VICANO

4 - 1

IMMOBILIARE BERTINI - RIST. IL PECCATO

1 - 4

CICRAM RONCIGLIONE - GELATERIA IGLOO

3 - 4

IMMOBILIARE BERTINI - MIZZELLA

4 - 3

CAFFE’ CUBA LIBRE - EDILTIMBRICO SBA

2 - 4

UNO HOLDING - RIST. IL PECCATO

2 - 1

POL. BASSANO ROMANO - AGRITURISMO RIO VICANO

2 - 1

OFFICINA CHIRICOZZI - SGM LEGNO

3 - 1

CAFFE’ CUBA LIBRE - GELATERIA IGLOO

3 - 1

UNO HOLDING - MIZZELLA

0 - 4

OFFICINA CHIRICOZZI - AGRITURISMO RIO VICANO

4 - 1

SGM LEGNO - POL. BASSANO ROMANO

0 - 2

La prima rete dell’Officina Chiricozzi

CALENDARIO ALDO FRABOTTA data

ora

QUARTI DI FINALE EDILTIMBRICO - MIZZELLA (3ª ripescata)

1 - 0

RIST. PIZZERIA IL PECCATO - SGM LEGNO (3ª ripescata)

2 - 0

OFFICINA CHIRICOZZI - CAFFE’ CUBA LIBRE

2 - 1

ieri sera

IMMOBILIARE BERTINI - POL. BASSANO ROMANO

SEMIFINALI 5/07

21,30

EDILTIMBRICO - OFFICINA CHIRICOZZI

6/07

21,30

RISYT. PIZZERIA IL PECCATO - ......................

FINALI 9/07

20,30

TERZO E QUARTO POSTO

9/07

21,30

PRIMO E SECONDO POSTO

IL TORNEO FRABOTTA Nel pomeriggio di venerdì i Pulcini 2003 del Civitacastellana CG B hanno vinto contro la Virtus Cimini con il netto risultato di 3-0. I ragazzi cimini hanno pagato la mancanza di alcuni elementi importanti partiti, con la famiglia, per le meritate vacanze. Nel corso della settimana è stata recuperata la gara nella categoria Pulcini 2002. La Cimina Ronciglione ha vinto con il risultato di 2-1 contro il Civitacastellana CG “B” conquistando a punteggio pieno la prima posizione in classifica. Nella categoria Pulcini 2003 il Civitacastellana CG ha superato la Cimina Ronciglione in classifica. Domani il Vignanello si giocherà la possibilità di essere ripescata per giocare la finale della categoria Pulcini 2000 contro la fortissima Cimina Ronciglione.

PULCINI 2000

PULCINI 2002

PULCINI 2003

CIMINA RONCIGLIONE

9

CIMINA RONCIGLIONE

6

CIVITA CASTELLANA B

5

CIVITA CASTELLANA

6

CIVITA CASTELLANA A

2

CIMINA RONCIGLIONE

4

VIGNANELLO

0

CIVITA CASTELLANA B

2

CIVITA CASTELLANA A

1

VIRTUS CIMINI

0

VIRTUS CIMINI

2

VIRTUS CIMINI

0


� �

sport

SPORT

24 22

Viterbo & AltoLazio

Domenica 3 Luglio 2011

C/5 G IOVANILE

Corest e Pizza Fantasy in trionfo Vincono con merito i tornei Ragazzi e Giovanissimi al ‘Virgili’ di Ronciglione

S

i è conclusa, con grande successo e davanti ad un grande pubblico, la 10° edizione del Un intero centro sportivo è rimasto col �ato sospeso per le due ore delle �nali durante le quali, davanti alle tribune gremite da circa 300 persone, i protagonisti hanno dato spettacolo. CATEGORIA GIOVANISSIMI Le Furie si aggiudicano la 3° posizione mentre va a A.C. Tua il 4° posto. Poi fari puntati sulla �nalissima tra Pizza Fantassy e Gli Irriducibili. PIZZA FANTASY 8 GLI IRRIDUCIBILI 9 (dopo i calci di rigore) A contendersi la �nale Pizza Fantasy e Gli Irriducibili, due squadre arrivate a pari punti in testa alla classi�ca del girone di quali�cazione. La gara non ha disatteso le aspettative. Pizza Fantasy ha condotto la partita, con le giocate di Marco Leo e Matteo Zucchini ad impreziosirla, con Lo Bue e Salza impegnati in avanti nel tentativo di realizzare reti importanti e Marangon e Fabretti impegnati a difendere la propria porta. Dall’altra parte la solida difesa di Vettori,

Verzari e Tosi ha limitato i danni, af�dando al duo Piferi-Boldorini la possibilità di fare gol. Eccellente la prestazione di entrambi i portieri, Tondini e Chiricozzi, che hanno contribuito al risultato �nale. Alla �ne dei tempi regolamentari infatti il risultato �nale è stato, a testimonianza della buona prova delle difese, di 2 a 2, con le reti di Boldorini e Vettori per Gli Irriducibili e di Salza e un autogol degli avversari per Pizza Fantasy. La serie dei rigori è stata interminabile. Dopo i primi tre tiri entrambe le squadre avevano realizzato tutte le reti. Al quarto penalty, dopo il gol di Zucchini, Giorgio Tondini riesce a neutralizzare il tiro di Piferi ma è lo stesso Tondini a fallire la rete della vittoria colpendo il palo e dando a Tosi la possibilità di riportare in parità la situazione. Si va a oltranza, con Pizza Fantasy a calciare per prima e Gli Irriducibili a seguire. Nell’ordine seguono le reti di Salza e di Carboni e poi gli errori di Lo Bue e Chiricozzi, Leo e Vettori, Marangon e Verzari, con i 2 portieri che si sono superati in più di una occasione. Gli Irriducibili hanno dunque fallito ben tre occasioni di portare a casa il trofeo. Dopo i gol di Zucchini e Boldorini, all’undicesimo rigore si presenta di nuovo Tondini che realizza. Lo

stesso Tondini neutralizza poi il tiro di Piferi e decide l’incontro. Il 9 a 8 d.c.r. deve consolare però gli scon�tti, meritevoli di aver disputato una ottima prestazione. PREMIAZIONI Nell’ordine sono stati assegnati la Coppa Disciplina al Le Furie, per essersi distinta a livello comportamentale durante il torneo. Titolo di capocannoniere a Luca Boldorini degli Irriducibili con 10 reti: miglior portiere Marco Chiricozzi degli Irriducibili davanti a Giorgio Tondini, Alessio Torazi e Andrea Venci. Miglior giocatore Matteo Zucchini del Pizza Fantasy davanti a Luca Pifferi e Marco Leo. Classi�ca �nale - IV Classi�cato A.C. Tua: III Classi�cato Le Furie; II Classi�cato Gli Irriducibili; I° Classi�cato si aggiudica il 6° Trofeo Mariangela Virgili per la categoria Giovanissimi Pizza Fantasy

CATEGORIA RAGAZZI Va ad Autoscuola Europa la coppa per il gradino più basso del podio, ad Hakuna Matata la 4° posizione. A contendersi il Titolo i campioni in carica di Corest e L’Automobile. COREST 5 L’AUTOMOBILE 1 La gara prevede una s�da nella s�da, con Claudio Andreoli per Corest e Lorenzo Biviglia per L’Automobile a contendersi anche i premi di capocannoniere e miglior giocatore del torneo. Le caratteristiche delle squadre sono molto diverse, con i nepesini di Corest che giocano un calcio concreto, con Grandicelli, Rizzo e Tribolati che svolgono un lavoro importante nella retroguardia, diretti dall’ottimo portiere Coretti, per dare poi palla al pivot Andreoli, abilissimo nella realizzazione. Per L’Automobile invece la musica è diversa, la squadra ha dimostrato durante il torneo di avere un’ ottima disposizione in campo e

di giocare un calcio molto attento, con le giocate di Lorenzo Biviglia in avanti a decidere tutte le partite. Proprio questo è stato il tema della gara, con Corest in possesso di palla quasi dall’inizio alla �ne e L’Automobile attenta a difendere. Il problema che si poteva immaginare è saltato subito agli occhi di tutti: la difesa a zona de L’Automobile non ha retto la botta delle giocate di Claudio Andreoli, che marcato da Campanari prima e da Oriolesi e Montini poi, a �ne primo tempo era riuscito già a realizzare tre reti. Impotente invece Biviglia, che con i suoi troppo impegnati a guardarsi le spalle è lasciato solo ed in balia della difesa avversaria. Ad inizio ripresa Andreoli chiude i giochi realizzando il 4 a 0. A nulla serve la rete di Montini che accorcia le distanze, Andreoli batte ancora il portiere Fratoni e con le sue 5 reti determina la �ne dei giochi. Con il �nale di 5 a 1 dunque va a L’Automobile la coppa per il 2° classi�cato mentre Corest si aggiudica il 1° Trofeo Ass. Tempi Moderni Antonio Orlandi. Prima squadra dal 2006 a vincere per due edizioni consecutive questo torneo, Corest si aggiudica anche il 1° Trofeo Mariangela Virgili, consegnato dal presidente dell’associazione Bruno Pastorelli e dal consigliere Stefano Ciucci.

PREMIAZIONI Corest e l’Automobile, a coronare una manifestazione andata splendidamente, si sono aggiudicate anche, ad ex aequo, la Coppa Disciplina, per aver terminato la competizione entrambe senza aver subito ammonizioni. Valerio Coretti, della Corest, ha vinto poi il premio di miglior portiere, dimostrando nell’arco delle gare disputate di essere davvero in forma, un vero ostacolo da superare per tutte le punte avversarie. A Claudio Andreoli è andato alla �ne il premio di capocannoniere con 17 reti realizzate, una in più del diretto concorrente Lorenzo Biviglia che però, per aver trascinato la sua squadra in �nale, accollandosi tutto il peso dell’attacco ben �gurando in tutte le gare, ha vinto il premio di miglior giocatore. ORGANIZZATORI FELICI Gli organizzatori, felici del successo dell’evento, ringraziano tutti gli sponsor che hanno contribuito alla realizzazione di questa manifestazione, su tutti la Banca di Credito Cooperativo, sponsor uf�ciale. Un ringraziamento va anche a tutte le istituzioni e associazioni che hanno sostenuto il torneo: il Comune di Ronciglione, l’Istituzione Centri Sportivi Comunali, l’Ass. Culturale Mariangela Virgili, l’Ass. 1728 città di Ronciglione, l’Ass. Culturale Tempi Moderni Antonio Orlandi e la Pro Loco.


sport

SPORT

A

C ALCIO

& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

23

8

TROFEO CARLO TORRE - Nella finale di Fabrica il Panificio Centro Storico batte 3-2 La Spaccata

Forestiero, Mandro e Clarioni ‘sfornano’ il grande trionfo

I

l Pani�cio Centro Storico vince l’edizione 2011 del Torneo Città di Fabrica di calciotto e conquista il prestigioso Trofeo “Carlo Torre” al termine di una partita bellissima giocata contro una mai doma La Spaccata. Cinquanta minuti intensi , senza mai un attimo di tregua, davanti al pubblico delle grandi occasioni, i protagonisti della �nale hanno messo in campo anche l’anima pur di portare a casa la vittoria di un Torneo che magari non mette soldi in palio ma prestigio tanto e nessuno naturalmente ci sta a perdere. PANIFICIO C. STORICO 3 LA SPACCATA 2 Pani�cio Centro Storico: Casadidio, Mandro, A. Paesani, Braccini, Forestiero, Carvetti, Alessi, Federici, Stefanelli, Censi, Clarioni, Di Giammartino. All: F. Paesani La Spaccata: Pula, Ciarrocchi, Nelli, Aramini, Dhimitri, Capparella, Romano, Angeletti, Viola, Ceccarelli, Casali, De Luca, Gulino. All. Coletta Reti: 9° Casali (Sp), 16° Forestiero (Pa), 22° Mandro (Pa), 17° st Clarioni (Pa), 23° st Dhimitri (Sp). Il Pani�cio CS ha vinto ma la Spaccata ha perso solo perché ha fatto un gol meno degli avversari e nel calcio si sa, conta solo quello. Prima di questa �nale Fausto Pula in cinque partite era riuscito a tenere la propria porta candida e inviolata, ma in �nale si è dovuto piegare per ben tre volte per raccogliere i palloni alle proprie spalle. Onore ai vincitori, ma onore anche ai vinti. Onore al Pani�cio CS che ha potuto schierare la formazione quasi al completo con le uniche eccezioni di Rizzo e Calistri, ma con due pezzi da novanta quali Mandro e Stefanelli che hanno tenuto alto il livello di concentrazione quando, dopo la partenza fulminea de La Spaccata con il vantaggio di Daniele Casali (9°), il Pani�cio CS sembrava aver perso la bussola. Ed invece a metà

primo tempo (16°) un strepitoso gol di Forestiero riequilibrava il match dando ossigeno e speranze alla Paesani family. La Spaccata subiva il colpo e a quel punto l’esperienza di Mandro era determinante per ribaltare il match a proprio favore e allo scadere proprio l’italo-albanese siglava il 2-1 e con questo punteggio le squadre andavano negli spogliatoi per il riposo. Nella ripresa la Spaccata si riversava in avanti ma il Pani�cio CS non aspettava altro e in contropiede con Clarioni (17°) siglava il 3-1. Sembrava �nita anche perché il solito Mandro al 20° colpiva il montante della porta di Pula s�orando il 4-1. In un �nale nervoso e concitato una

punizione stupenda di Dhimitri (23°) riportava sotto la Spaccata riaprendo i giochi: 3-2. Nei minuti di recupero la squadra di Aramini cercava il 3-3 con le residue forze rimaste ma Braccini e soci tenevano duro e portavano a casa risultato, Torneo, Trofeo e una cena per 20 persone offerta dalla Pizzeria fabrichese al Chiaro di Luna. CLASSIFICA FINALE Ecco quella che è stata la classi�ca �nale del Torneo Carlo Torre 2011: 1°)Pani�cio Centro Storico; 2°) La Spaccata; 3°) Pasticceria Marco Cafè e Tabaccheria Evangelisti; 5°) Calzature bimbi Tip Tap, I Ragazzotti, Cartolibreria Soldini, EdilPatrizi /Intonaci Picca. Dopo il goliardico match di giovedì sera si è laureata la squadra meno peggio quella del Centro Sportivo del Trullo e la squadra “peggiore” il team del Join Cafè. RICONOSCIMENTI Titolo di capocannoniere all’intramontabile Fabio Peciaroli del Marco Cafè con 7 reti; miglior portiere Fausto Pula de La Spaccata; miglior giocatore del torneo Fabrizio Forestiero del Pani�cio Centro Storico.

E.T.

NELLE FOTO In alto al centro i neo campioni del Pani�cio Centro Storico, nelle altre immagini i tanti protagonisti di questa bellissima kermesse conclusasi venerdì sera al campo La Cesa di Fabrica. E da sottolineare il grande impegno degli organizzatori che hanno messo in piedi una rassegna davvero niente male.


� �

sport

SPORT

24

Viterbo & AltoLazio

Domenica 3 Luglio 2011

PALLONE D’ORO 2010/2011 - I VOTI

Conclusa la sesta edizione con una partecipazione immensa. Nella pagina accanto tutte le classifiche conclusive ed i premiati

Una volata finale da quasi 6000 tagliandi

E

d i giochi sono fatti al Pallone D’Oro 2010/ 2011. Da lunedì scorso a giovedì sera ben 5920 coupon sono arrivati in redazione per gli ultimi colpi da realizzare e i vari assestamenti nelle graduatorie al foto�nish. Ci sono state anche delle new entry e per chi non ha dato sostanza ai suoi voti on line con i 50 coupon obbligatori c’è come previsto dal regolamento la “cancellazione” dalla possibilità di passare alla “cassa” con il premio di questa sesta edizione. E adesso non telefonateci dicendoci che non lo sapevate perchè lo abbiamo scritto per un anno intero. ALLA PAGINA SEGUENTE Tutto quello che c’è da sapere per quanto concerne i premiati (oltre 70 tesserati) nella grande festa che si terrà il prossimo 29 luglio alle 19,30 a Villa So�a. LE GRADUATORIE In questa pagina tutte le graduatorie complete per le varie categorie al termine delle votazioni che da domenica a giovedì scorso con il sistema on line, tramite il sito www.nuovoviterbooggi.it /www.opinioneviterbo.it hanno portato oltre 450 voti. In tutto dall’inizio circa 15.000 voti con il sistema on line. ECCELLENZA E PROMOZIONE 2613 voti: Marco Giannini (Monte�ascone) 2074 voti: Giovanni Parri (Monte�ascone) 795 voti: Marco Scatena (Caninese) 377 voti: Guido Mancinelli (Pianoscarano) 363 voti: Marco Di Giacinto (Monte�ascone) 200 voti: Roberto Corasaniti (Caninese) 168 voti: Morgan Croce (F. Nepi) 123 voti: Losien Voka (Monte�ascone) 25 voti: Andrea Provenzano (Caninese) 20 voti: Fabio Bisozzi (Corneto Tarquinia) 20 voti: Marco Francesconi (Ortana) 16 voti: Jacopo Cianfana (Monte�ascone) 15 voti: Stefano Polidori (Foglianese) 13 voti: Fabio Perugini (Corneto) 11 voti: Stefano Maestà (Monterosi) 10 voti: Stefano Ciorba (Monte�ascone) 6 voti: Michele Lucci (Pianoscarano) 6 voti: Gian Marco Quintiliani (Foglianese) 5 voti: Sergio Oliva (Manciano) 5 voti: Maico Colonnelli (Vigor) 5 voti: Luca Malagigi (Pianoscarano) 2 voti: Matteo Morelli (Cerveteri) 2 voto: Alessio Feliciani

(Real Virtus) 1 voto: Stefano Maestà (Monterosi); MISTER 882 voti: Daniele Antolovic (Monte�ascone) 61 voti: Nazareno Gu� (Corneto Tarquinia) 1 voto: Stefano Teloni (Cerveteri) PRIMA CATEGORIA 1439 voti: Marco Mazzucco (Vasanello) 924 voti: Alessandro Randazzo (Grotte di Castro) 298 voti: Mauro Baiocco (Latera) 254 voti: Angelo Maffei (Manciano) 100 voti: David Poleggi (Vasanello) 22 voti: Fabrizio Ercolani (Atletico Tarquinia) 15 voti: Daniele Boninsegna (Valentano) 12 voti: Riccardo Bonucci (Latera) 10 voti: David Poleggi (Vasanello) 10 voti: Matteo Maio (Virtus Pilastro) 10 voti: Dominik Gaska (Latera) 8 voti: Marco Mariani (Vasanello) 8 voti: Andrea Colinelli (Canepina) 7 voti: Cristian Pecci (Capranica) 7 voti: Gianluca Maculani (Canepina) 6 voti: Stelio Salvitti (Capranica) 5 voti: Daniele Nebbioso (Latera) 5 voti: Manuel Pecci (Capranica) 3 voti: Matteo Achilli (V. Pilastro) 2 voti: Marco Nobile (Grotte di Castro) 2 voti: Luca Fazioli (Vasanello) 1 voto: Francesco D’Egidio (Latera) e Matteo Di Giacinto (V. Pilastro) MISTER 436 voti: Romano Floccari (Sorianese) 112 voti: Paolo Proietti (Canepina) 40 voti: Roberto Blasi (Atletico Tarquinia) 2 voti: Giorgio Aquilio (Latera) SECONDA CATEGORIA 510 voti: Davide Botarelli (V. C. Bolsena) 338 voti: Luca Tocchi (Tre Croci) 333 voti: Roberto Vincenti (Virtus Marta) 270 voti: Luca Cesarini (Celleno) 249 voti: Alessandro Paoloni (V. C. Bolsena) 152 voti: Alessio Arriga (C. Ronciglione) 38 voti: Fabio Stefani (2001 Tuscia) 33 voti: Riccardo Milani (Barco Murialdina) 32 voti: Roberto Vincenti (Virtus Marta) 20 voti: Emiliano Tiberti (C. Ronciglione)

16 voti: Cristian Giorgi (Barco Murialdina) 12 voti: Gabriele Carloni (1928 Vetralla) 12 voti: Enrico Frontoni (Doria S. Martino) 11 voti: Walter Peris (Nuova Bagnaia) 11 voti: Massimiliano Fortunati (Tre Croci) 10 voti: Andrea Fa (1928 Vetralla) 9 voti: Marco Grassi (Tre Croci) 9 voti: Stefano Sera�nelli (San Lorenzo Nuovo) 9 voti: Carlo Coppari (1928 Vetralla) 8 voti: Massimiliano Proietti Palombi (Viterbo Pool) 7 voti: Michele D’Onofrio (Querciaiola) 6 voti: Carlo Puddu (Vetralla 1928) 5 voti: Valerio Faccenda (Viterbo Pool) 4 voti: Luigi Roselli (Tre Croci); Simone Zanoni (San Lorenzo Nuovo); 3 voti: Riccardo Mariani (Barco Murialdina) 3 voti: Luca Tardani (Graf�gnano) 3 voti: Federico Coletta (Blera); 2 voti: Cesare Falcinelli (Celleno); Tupu Vasile (San Lorenzo Nuovo); 1 voto: Gabriele Carloni (Tre Croci) MISTER 729 voti: Maurizio Cozza (San Lorenzo Nuovo) 380 voti: Massimiliano Samà (Graf�gnano) 217 voti Biagio Zaccaro (Tre Croci) 11 voti: Domenico Gavazzi (C. Ronciglione) TERZA CATEGORIA 717 voti: Paolo Antonuzzi (Onano) 302 voti: Paolo Viviani (Proceno) 226 voti: Nico Savoca (Bomarzo) 193 voti: Maurizio De Bartolo (S. Bagnoregio) 123 voti: Tiberio Proietti (Team Canepinese) 73 voti: Michel Marinetti (Asd Sipicciano) 17 voti: Andrea Bronzo (Onano) 13 voti: Giacomo Fanelli (Team Canepinese) 11 voti: Andrea Lillioni (Bomarzo) 10 voti: Daniele Napoli (Giglio Zepponami) 10 voti: Simone Napoli (Giglio Zepponami) 10 voti: Mario Tysserand (Real Gradolese) 7 voti: Matteo Lamoratta (Bomarzo) 7 voti: Andrea Lilloni (Bomarzo) 6 voti: Luigi Mancini (Onano)

6 voti: Ivan Mancini (Onano) 5 voti: Adriano Mariani (Castel S.Elia); 4 voti: Giacomo Artieri (Real Gradolese) 3 voti: Luciano Renzoni (Team Canepinese); Alessio Di Stefano (Cicram) 2 voti: Nicola Ferri (Team Canepinese) 1 voto: Romano Giovanale (Castel S.Elia); Fabrizio Petti (Team Canepinese); Marino Benedetti (Team Canepinese); Gabriele Ramacci (Team Canepinese) MISTER 2 voti: Bernardino Renzoni (Team Canepinese) 1 voto: Luca Vaccarelli (Virtus Corchiano) AMATORI CSI 253 voti: Simone Sera�nelli (Torrese) 20 voti: Jacopo Cavalloro (Amatori Bolsena) JUNIORES 1377 voti: Daniele Macino (Viterbese) 1012 voti: Giacomo Bacocco (jun. Orvietana) 368 voti: Marco Basili (Pianoscarano) 230 voti: Francesco Celletti (Monte�ascone) 116 voti: Andrea Tofani (Pianoscarano) 20 voti: Alessandro Rosati (Corneto Tarquinia) 12 voti: Fabiano Silvestri (Valentano) 8 voti: Simone Biagioni (Corneto) 5 voti: Luca Codoni (Corneto) 4 voti: Evaldo Ceccarini (Valentano) 4 voti: Mirko Cisterna (Viterbese) 3 voti: Luca Poponi (Vigor) 3 voti: Giorgio Barbano (Etrusca) 2 voti; Piero Pareti Abetone (Caninese) e Giorgio Ioncoli (V. Cimini) 1 voto: Mattia Foglietta (Viterbese); Giordano Morelli (Caninese); Nicola Ferri (Viterbese), MISTER 960 voti: Giorgio Nardocci (Virtus Cimini) 470 voti: Andrea Damiani (Pianoscarano) 395 voti: Erminio Tiziano (Atletico Tarquinia) 61 voti: Renzo Bonelli (Corneto Tarquinia) 44 voti: Luca Frelicca (Lubriano) 5 voti: Angelo Bonelli (V. Pilastro) ALLIEVI 740 voti: Francesco Scarinci (Etrusca) 583 voti: Jacopo De Carlo

(Barco Murialdina) 346 voti: Giovanni Zucchetto (Real Monterosi) 238 voti: Leonardo Cavalloro (Vulsinia Bolsena) 90 voti: Lorenzo Cappetti (Pianoscarano) 90 voti: Leonardo La Perna (Foglianese) 26 voti: Luca D’Avino (Ladispoli) 19 voti: Giuseppe Fazzi (Blera) 14 voti: Andrea Selvaggini (Corneto) 12 voti: Luca Martinelli (N. Sorianese) 12 voti: Andrea Fattori (Real Monterosi) 7 voti: Luca Ottavi (Tre Croci) 6 voti: Fabio Tosi (Tuscania Bolsena) 6 voti: Marco Telluri (Tuscania Bolsena) 5 voti: Gianluca Alfano (Tuscania Bolsena) 5 voti: Emanuele Grani (Tuscania Bolsena) 4 voti: Samuele Rocchi (Tuscania Bolsena); Marian Jiga, (Tuscania Bolsena); Davide Cruciani (Tuscania Bolsena) 3 voti: Alessandro Quattrociocchi (C. Monterano) 2 voti: Davide Guadagno (Viterbese); Romano Picchioni (Tuscania Bolsena); MISTER 2481 voti: Giuseppe Salta (Pol. Tuscania Bolsena) 1618 voti: Massimo Robustelli (Pol. Real Azzurra) GIOVANISSIMI 1164 voti: Emanuele Geronzi (Virtus Pilastro) 1082 voti: Marco Fapperdue (Virtus Marta) 416 voti : Federico Ricci (Corneto Tarquinia) 372 voti: Luca Sera�nelli (Vigor Acquapendente) 61 voti: Francesco Palombi (Foglianese) 26 voti: Alessio Provenzano (Viterbese) 17 voti: Cristian Pala (Pol. Real Azzurra) 9 voti : Davide Restuccia (Pianoscarano) 9 voti: Cristian Nicolai (Virtus Marta) 9 voti: Federico Matronicola (Foglianese) 5 voti: Davide Randisi (Viterbese) 4 voti: Matteo Ceccarini (Monte�ascone) 4 voti: Alessandro Bellacanzone (Viterbese) 2 voti: Simone Raspoli (Pol. Real Azzurra); ESORDIENTI 1013 voti: Emanuele Di Risio (Virtus Cimini) 888 voti: Lorenzo Formoso (Vasanello) 230 voti: Cristian Del Soldato (Farnese) 173 voti: Luca Fazioli (Vasanello) 50 voti: Paola Pace (Vasanello) 30 voti: Marco Costanzi (Vasanello) 20 voti: Alessandro Salvatori (Vasanello)

MISTER 394 voti: Massimo Lanzi (Farnese) PULCINI 4155 voti Matteo Gemini (Calcio Tuscia) 1864 voti: Michele Natali (Tre Croci) 1634 voti: Alessio Stefanoni (V. Pilastro) 1323 voti: Filippo Norcia (Tre Croci) 606 voti: Gianmarco Tomai (Calcio Tuscia) 455 voti: Luca Di Prospero (Virtus Pilastro) 19 voti: Jacopo Barzellotti (V.Pilastro) MISTER 2272 voti:Giovanni Luniddi (Nuova Sorianese) 581 voti: Moreno Solia (C. Tuscia 2000) 158 voti: Francesco Legittimo (Pol. Tuscania) 37 voti: Matteo Cerica (Calcio Tuscia) CALCIO A 5 MASCHILE 168 voti: Marco Cingolani (Civita Castellana c/5) 31 voti: Michel Stefanelli (Civita Castellana c/5) 19 voti: Javier Torres (Active Network) 10 voti: Alberto Ansalone (Virtus Pilastro) 10 voti: Yuri Gori (Active Cus Vt) 5 voti: Gianluca Ara (S. Marinellese) 4 voti: Marco Cingolani (Civita Castellana C/5) CALCIO A 5 FEMMINILE 611 voti: Cristina Caporali (Accordia Oriolo) 606 voti: Veronica Menichelli (Grotte S. Stefano) 4 voti: Noemi Lattanzi (Celleno C/5 donne) MISTER 120 voti: Roberto Valentini (Accordia) DIRIGENTI 1452 voti: Maurizio Borgi (Doria San Martino) 1422 voti: Claudio Valentini (Accordia c/5 Donne) 285 voti: Paolo Chiarabini (Barco) 188 voti: Katia Pelizzari (Lubriano) 106 voti: Antonio Valentini (dirigente Acc. Oriolo) 4 voti: Massimo Doschi (Tuscania Bolsena) PREPARATORI ATLETICI 191 voti: Francesco Carnevale (Pianoscarano) 155 voti: Stefano Salta (Tuscania Bolsena) MAGAZZINIERI 281 voti: Pietro Tizi (Tuscania Bolsena) ARBITRI 346 voti: Carlo Cilli 320 voti: Fernando Cilli 280 voti: Claudia Pelin 132 voti: Daniele Giacomini 17 voti: Ennio Mariani.


� �

sport

SPORT

& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

25

PALLONE D’ORO 2010/2011 - I PREMIATI

Giannini e Antolovic, è un Pallone d’Oro falisco Festa finale il 29 luglio dalle 19,30 a Villa Sofia (Viterbo). Ed occhio alle sorprese e ai premi speciali

E

cco il momento più atteso, quello delle proclamazioni che si tramuteranno in realtà nella magica serata di venerdì 29 luglio quando dalle 19,30 sino a conclusione andrà in onda la serata no-stop della festa �nale per la sesta edizione del Pallone D’Oro (stagione 2010/2011), promossa dal nostro quotidiano. Un Pallone d’Oro che ha parlato in falisco e molto importanti in questa ottica sono stati i risultati messi a segno dalla compagine del presidente Minciotti, promossa in Eccellenza e che hanno creato intorno all’ambiente grande entusiasmo. Questi tutti i premiati per i Dilettanti. PALLONE D’ORO DILETTANTI 1°) Marco Giannini (Monte�ascone) 2°) Giovanni Parri (Monte�ascone) 3) Marco Mazzucco (Vasanello) PANCHINA D’ORO DILETTANTI 1°) Daniele Antolovic (Monte�ascone) 2°) Maurizio Cozza (San Lorenzo Nuovo) 3°) Romano Floccari (Nuova Sorianese) ECCELLENZA E PROMOZIONE 1°) Marco Scatena (Caninese) 2°) Guido Mancinelli (Pianoscarano) 3°) Marco Di Giacinto (Monte�ascone) All: Nazareno Gu� (Corneto) PRIMA CATEGORIA 1°) Alessandro Randazzo (Grotte di Castro) 2°) Mauro Baiocco (Latera) 3°) Angelo Maffei (Manciano) All: Paolo Proietti (Canepina) SECONDA CATEGORIA 1°) Davide Botarelli (V.C. Bolsena)

Marco Gianni 2°) Luca Tocchi (Tre Croci) 3°) Roberto Vincenti (Virtus Marta) 4°) Luca Cesarini (Celleno) All: Massimiliano Samà (Graf�gnano) Biagio Zaccaro (Tre Croci) TERZA CATEGORIA 1°) Paolo Antonuzzi (Onano Sport Calcio) 2°) Maurizio De Bartolo (Onano Sport Calcio) ****************************** PALLONE D’ORO GIOVANI DALLA JUNIORES AI GIOVANISSIMI 1°) Daniele Macino (juniores Viterbese) 2°) Emanuele Geronzi (giovanissimi Virtus Pilastro) 3°) Marco Fapperdue (giovanissimi Virtus Marta) PANCHINA D’ORO GIOVANI DALLA JUNIORES AGLI ALLIEVI 1°) Massimo Robustelli (allievi Pol. Real Azzurra) 2°) Giorgio Nardocci (juniores Virus Cimini) JUNIORES 1° ) Giacomo Bacocco (Juniores Orvietana) 2°) Marco Basili (Juniores Pianoscarano) All: Andrea Damiani (Pianoscarano)

Davide Botarelli

ALLIEVI 1°) Francesco Scarinci (Etrusca) 2°) Jacopo De Carlo (Barco Murialdina) 3°) Giovanni Zucchetto (Real Monterosi) All: Giuseppe Salta (Pol. Tuscania)

Daniele Antolovic GIOVANISSIMI 1°) Federico Ricci (Corneto Tarquinia) 2°) Luca Sera�nelli (Vigor Acquapendente) ********************************* MINI PALLONE D’ORO BABY PER ESORDIENTI E PULCINI 1°) Matteo Gemini (C. Tuscia pulcini) 2°) Michele Natali (Tre Croci pulcini) 3°) Alessio Stefanoni (Virtus Pilastro pulcini) PANCHINA D’ORO BABY PER ESORDIENTI E PULCINI 1°) Giovanni Luniddi (Sorianese) 2°) Moreno Solia (Pulcini Calcio Tuscia) 3°) Massimo Lanzi (Esordienti Farnese) ******************************** ESORDIENTI 1°) Emanuele Di Risio (Esordienti V. Cimini) 2°) Lorenzo Formoso (Vasanello) 3° )Cristian Del Soldato (Farnese) 4°) Luca Fazioli (Vasanello) 5°) Paola Pace (Vasanello) PULCINI 1° ) Filippo Norcia (Tre Croci) 2°) Gianmarco Tomai (Calcio Tuscia) 3°) Luca Di Prospero (Virus Pilastro) All: Francesco Legittimo (Pol. Tuscania) ********************************* C/5 MASCHILE 1°) Marco Cingolani (Civita Castellana) C/5 DONNE 1°) Cristina Caporali (Accordia Oriolo) 2°) Veronica Menichelli (Grotte Santo Stefano) Mister Roberto Valentini (Accordia Oriolo) DIRIGENTI 1°) Maurizio Borgi (Doria San Martino) 2°) Claudio Valentini (Accordia Oriolo) PREPARATORI 1°) Francesco Carnevale (Pianoscarano) MAGAZZINIERI 1°) Pietro Tizi (Pol. Tuscania)

Luca Tocchi

Roberto Vincenti

Marco Scatena

ARBITRI 1°) Carlo Cilli 2°) Fernando Cilli 3°) Claudia Pelin 4°) Danilo Giacomini

Alessandro Randazzo RICONOSCIMENTI SPECIALI Nel contesto della manifestazione verranno assegnati dei riconoscimenti speciali decisi dalla nostra testata. PANCHINA D’ORO SUL CAMPO Ad Angelo Bonelli del Corneto Tarquinia per la vittoria nel campionato juniores regionale Fascia B ALLA MEMORIA Ricordo per la compianta e indimenticata Katia Pelizzari PREMIO LA PIU’ A Ilaria Filippi della Caninese C/5 donne, super bomber e straordinaria interprete a soli 17 anni del calcio a cinque femminile provinciale. OLTRE IL CALCIO Alla società Bassano Romano del presidente Alfredo Boldorini per tutte le interessanti iniziative promosse in ambito sportivo e non. Oltre il calcio per l’appunto. FORZA RAGAZZI Riconoscimenti ai giovanissimi Matteo Ceccarini (classe 96 del Monte�ascone) e Alessio Provenzano (classe 97 della Viterbese) in procinto di iniziare le loro avventure con Empoli e Chievo. ALTRE GRANDI SORPRESE CON IL NOSTRO SPONSOR CALCIOMANIA E non �nirà qui perchè grazie al nostro sponsor CalcioMania di Rossano Certini ci saranno tante altre gradite sorprese. IL MERCOLEDI’ E LA DOMENICA Da qui sino al 29 luglio ogni mercoledì e domenica pagine speciali sulla festa �nale del Pallone D’Oro con le immagini del premiati, altre curiosità e tutto quello che che c’è da sapere. Prossimo appuntamento con il Pallone D’Oro a mercoledì 6 luglio.


� �

sport

SPORT

26

Viterbo & AltoLazio

Domenica 3 Luglio 2011

TENNIS /1

Il Tc Viterbo è campione regionale Il gruppo under 18 supera Corte dei Conti e Nomentano e aggiunge un’altra perla alla stagione gialloblù TENNIS/2 - Ricco montepremi in Francia

di GLAUCO ANTONIACCI

H

Anna Floris in lizza nell’ITF di Biarritz

a organizzato la Final Four e l’ha vinta, meritandosi il titolo regionale. La formazione under 18 del Tennis Club Viterbo ha portato a casa il successo nel campionato regionale, confermando ulteriormente la bontà di un movimento giovanile che è ormai sotto gli occhi di tutti. Non è un caso, infatti, che i ragazzi che si sono meritati il titolo regionale sono protagonisti anche nella serie C, promossa quest’anno in serie B grazie anche al loro contributo costante per tutto l’arco della stagione. La Final Four, organizzata dal circolo cittadino sui suoi campi in terra battuta, si è aperta giovedì con la s�da tra Tv Viterbo e Circolo Corte dei Conti. A difendere i colori del Tc Viterbo ci hanno pensato Alfonso Cardarelli e Filippo Vinciguerra che hanno con-

M

cluso in maniera autoritaria i propri singolari. La formula delle gare under 18 prevede la disputa di due singolari e, qualora sia necessario, di un doppio per determinare il vincitore. Non ce n’è stato bisogno perchè Viterbo si è portato rapidamente sul 2-0 ed ha conquistato di diritto un posto nella �nalissima. Avversaria dei ragazzi di casa è stata la formazione del Nomentano, ma anche in questo caso non c’è stata sto-

ria: Cardarelli e Vinciguerra non hanno lasciato scampo ai due singolaristi del circolo romano, portando a casa i due punti che servivano per rendere inin�uente il doppio di spareggio. Più che giusti�cata la festa dell’intero gruppo gialloblù, in posa per la classica foto di rito con gli scudettini che rappresentano il simbolo del successo conseguito. Un plauso ai ragazzi ma anche a tutta la struttura del Tennis Club che

ha saputo costruire uno staff tecnico di primissimo piano con cui far crescere i propri giovani. La loro parabola ascendente va però considerata ancora in corso, dalle categorie giovanili si dovrà passare adesso ai tornei senior, in cui acquisire quell’esperienza che solo il campo (e le inevitabili scon�tte) ti possono dare. Per ora, tuttavia, è meglio godersi questa vittoria, ennesimo trionfo di una stagione dalle tinte decisamente rosee.

essa da parte la delusione per l’eliminazione al primo turno nell’Itf di Cuneo, avvenuta per mano dell’austriaca Meusburger, Anna Floris è pronta a giocare un altro torneo del circuito Itf dotato di un montepremi particolarmente elevato. La giocatrice del Tc Viterbo è infatti presente nella lista delle iscritte per l’appuntamento francese di Biarritz, con 100mila dollari di montepremi. Nella settimana che segue la chiusura del prestigioso torneo di Wimbledon, sono diverse le giocatrici, anche di buona classi�ca, che preferiscono ripartire da un appuntamento non del circuito maggiore ma comunque di un elevato livello tecnico. In tabellone dovrebbe infatti esserci la francese Parmentier, numero 75 del mondo, e la cinese di Taipei Yung-Jan Chan, anche lei entro le prime cento atlete del ranking internazionale. Moltissime poi le giocatrici con una classi�ca tra il numero 100 e il numero 150,

avversarie temibili per una Anna Floris che, in Francia, dovrà ritrovare il sorriso e cercare di superare qualche turno. Il tabellone di singolare verrà reso noto solamente oggi, una volta terminate le quali�cazioni; importante azzeccare anche un buon sorteggio, che eviti subito gli scogli più insidiosi e permetta alla giocatrice cagliaritana, ma ormai viterbese d’adozione, di tornare ad esprimere il suo gioco migliore. (ga)

CALCIO E VACANZE - Domani la partenza per Giovanissimi e Pulcini. E nei giorni scorsi le sfide con i team di Kiev

Pol. Real Azzurra in Calabria con furore e divertimento il Kiev Pokol, poi la Real Azzurra Pulcini 2000/2001 ha battuto per 6-0 i Lions Kiev e infine alla festa hanno partecipato anche i piccoli della Caninese che hanno battuto per 7-6 ai rigori i Lions Kiev. E adesso dai match con i coetanei russi alle sfide nel profondo sud e da sottolineare l’impegno della macchina organizzativa e in primis dell’inesauribile tecnico Sergio Pieri “Mek” trascinatore assoluto. in Calabria si giocherà sui campi di Scalea, Maratea e Diamante. Ecco tutta l’allegra spedizione.

COMITIVA Tra genitori, tecnici, giocatori e aggregati si recheranno in Calabria: Domenico Capozzi, Vania Costa, Emiliano Capozzi, Francesco Fastella, Tatiana Lombardelli, Azzurra Fastella, Alessandro Pallotta, Lorenzo Pallotta, Giulio Pallotta, Adio Sbarrini, Alessio Sbarrini, Luciana Fastelli, Laura Costantini, Simone Cecconi, Pietro Cecconi, Luca Fortuni, Roberta Giunta, Elisa Fortuni, Massimo Natali, Simonetta De Santis, Cor-

L

a Pol. Real Azzurra Grotte di Castro non si ferma mai. Da domani partenza per la Calabria, destinazione Scalea, Villaggio Santa Caterina per partecipare al torneo di calcio “Il vero torneo del mare”. In azione i Giovanissimi ‘96/97 e i Pulcini 2000 e 2001 per una avventura tutta da vivere appassionatamente tra pallone, mare e vacanze come è nello stile inconfondibile della Pol. Real Azzurra. E vi terremo aggiornati sulle imprese dei bravi ragazzi della Pol. Real Azzurra che intanto nei giorni scorsi al Comunale di Grotte di Castro hanno dato vita ad una full immersion con i pari età russi di Kiev in questi giorni ospiti a Bolsena. Per la cronaca il gruppo della prossima Etruria 96/97 (nata dalla sinergia tra Pol. Real Azzurra e Vulsinia Bolsena) ha battuto per 2-0

rado Natali, Simone Fortuni, Valerio Filoni, Iacopo Fastella, Cristian Fastella, Simone Raspoli, Razvan Munteanu, Cristian Pala, Riccardo Uderzo, Luca Pelosi, Franco Bacchi, Orietta Maggi, Federico Bacchi, Chiara Bacchi, Reno Ronca, Stefania Sera�nelli, Dario Ronca, Debora Ronca, Mauro Raspoli, Silvia Venezia, Luca Raspoli, Mattia Raspoli, Angelo Virtuosi, Anna Brinchi, Marco Virtuosi, Luca Virtuosi, Marcello Ferlicca, Monia Di Silvio, Gian Paolo Ferlicca, Marco Ferlicca, Francesco Pacelli, Luigi Ronca, Sergio Pieri, Loredana

Lupi, Cinzia Giuliani, Leonardo Belgi, Monica Rossi, Francesca Masella, Massimo Sera�nelli, Paola Pulvano, Luca Sera�nelli, Patrizia Pulvano, Alessio Perazzino. Graziella, Sforza. NELLE FOTO A sinistra e a destra i gruppi Pulcini 2000 e 2001, al centro in maglia bianca i giovanissimi ‘96/97 prima della s�da con il team russo ed ora molti di loro pronti per l’avventura in Calabria (immagini Non Solo Foto) agv


� �

sport

SPORT

& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

27

VOLLEY /1

Grande equilibrio fino alla fine Applausi meritati ad un’orgogliosa Tunisia, terza classificata Italia e Argentina di fronte per il successo nello ‘Smargiassi’ di GLAUCO ANTONIACCI

C

inque partite per stabilire che la vittoria si sarebbe assegnata solo nella sesta, quasi come una �nale secca. Il doppio impegno del venerdì al Torneo Pino Smargiassi di Civita Castellana ha emesso il suo primo verdetto: una coraggiosa e molto tenace Tunisia, con due scon�tte arrivate al termine di incontri sempre combattutti e tirati, si è dovuta accontentarsi della terza posizione mentre le nazionali prejuniores di Italia ed Argentina,

protagoniste annunciate, si sono s�date ieri sera per l’incontro che valeva il primo posto nel girone e, di conseguenza, la vittoria nella ventiduesima edizione del prestigioso torneo, dedicato alla memoria del grande Pino Smargiassi. Gli amanti del volley non sono certo rimasti delusi dallo spettacolo offerto venerdì dalle tre nazionali, a cominciare dalla s�da del pomeriggio tra Tunisia e Argentina. I ‘Pumas’ cercavano una rivincita dopo il ko per 3-2 della serata precedente, e la rivincita è arrivata, con identico punteggio di 3-2 e dopo una battaglia molto simile a quella del primo ‘testa a testa’. I nordafricani hanno pagato lo sforzo della sera precedente in cui, dopo la gara e la cena, sono tornati a tarda notte a Vigna di Valle dove si trovano in ritiro, una faticaccia che si è fatta sentire ancora di più nella s�da serale contro l’Italia che, infatti, ha avuto la meglio per 3-1, non senza qualche sofferenza di fronte ad un’avversaria che ha reso la vita dif�cile a tutti. Ieri sera alle 21 si è disputata la �nalissima tra Italia e Argentina, con in palio il successo in una delle edizioni più combattute ed equilibrate di questi ultimi anni del Torneo Smargiassi. (per le foto si ringrazia Mauro Topini)

RUGBY - Anche Riccardo Bocchino a Villabassa VOLLEY TROFEO DELLE REGIONI - Dopo il successo sulla Liguria c’è il ko con l’Emilia Romagna

Inizia il raduno degli Azzurri in preparazione ai Mondiali

Il Lazio si deve accontentare del sesto posto S

È

suonata oggi l’adunata per quanto riguadra la nazionale italiana di rugby di Nick Mallett, tecnico già s�duciato dalla Federazione ma chiamato ugualmente a guidare la squadra azzurra ai Mondiali che si svolgeranno in Nuova Zelanda dal 9 settembre al 23 ottobre. L’allenatore sudafricano ha chiamato trentasei giocatori, una rosa abbastanza ampia dalla quale dovrà poi scegliere i trenta che faranno parte de�nitivamente del gruppo azzurro. Per questo gli atleti che, da oggi, sono in ritiro presso l’hotel Adler di Villabassa, in Val Pusteria, sanno di doversi dare da fare. Ci sono sei ‘tagli’ da evitare, un

obiettivo che ha anche Riccardo Bocchino, il mediano d’apertura viterbese in forza agli Aironi e protagonista di una buona Churchill Cup con la maglia della Nazionale A. Il suo è uno dei ruoli più delicati del rugby, ma Riccardo è pronto a raccogliere la s�da e riabbracciare quell’azzurro che lo ha già visto protagonista anche nel Sei Nazioni. Uno dei rivali più pericolosi nel suo ruolo, Craig Gower, ha dato forfait per un infortunio, ma Mallett dovrà scegliere due giocatori tra Bocchino, Orquera e Burton. La concorrenza è dura e c’è circa un mese a disposizione per convincere Mallett. (ga)

olo un sesto posto e la delusione di non essere riusciti ad arrivare ai match che valevano un posto sul podio. La Selezione maschile del Lazio, impegnato in Piemonte nel Trofeo delle Regioni, ha concluso lontano dalla zona medaglie la sua avventura che era stata compromessa ben due giorni prima, con un set perso a sorpresa contro la Liguria che era costato un abbinamento molto duro nell’ultimo girone di quali�cazione. Dopo il ko contro il Veneto, decisivo per sbarrare le porte di un’eventuale semi�nale, la formazione di cui fa parte anche Ridas Skuodis della ADP Tuscania è tornata in campo ieri nei due match di quali�cazione dal quinto all’ottavo posto. Per ironia della sorte, la prima gara del giorno è stata nuovamente contro la Liguria e questa volta è arrivato un successo per 2-0 che, se fosse stato colto due giorni prima, avrebbe forse consentito di giocarsi �no in fondo la possibilità di raggiungere le semi�nali. Questa volta non ci sono state sbavature, il Lazio di coach Massimiliano Giordani ha disputato una partita impeccabile in entrambi i

set, chiudendoli con parziali decisamente eloquenti di 2519 e 25-17. Nella �nale per il quinto e sesto posto, la selezione laziale ha affrontato l’Emilia Romagna, capace di superare per 2-0 le Marche, altro team decisamente deluso dall’andamento dei gironi di accesso alle semi�nali. L’ultima gara del Lazio nel Trofeo delle Regioni non è stata certamente all’altezza della precedente, anche se l’Emilia Romagna si è rivelata avversaria molto più ostica rispetto alla Liguria. Due set combattuti, specialmente il secondo, hanno consegnato il successo al-

l’Emilia Romagna che si è imposta per 25-21 e 25-23, relegando dunque il Lazio al sesto posto. Un altro passo indietro dopo che le ultime due edizioni della manifestazione indoor maschile avevano visto il team regionale chiudere al secondo e al quarto posto. Il torneo ha però continuato a riservare sorprese anche nelle semi�nali; in pochi avrebbero scommesso che l’Umbria, grande rivelazione del torneo, avrebbe avuto la forza di far fuori niente meno che i padroni di casa del Piemonte, invece è andata proprio così. Al termine di un

match molto intenso e tirato, l’Umbria si è imposta per 2-1 confermandosi imbattuta e raggiungendo la �nalissima, quella per il gradino più alto del podio, in cui troverà proprio il Veneto che aveva giustiziato il Lazio nel girone di accesso alle semi�nali. Una �nale dif�cile da pronosticare alla vigilia, tra due squadre che però, fra tornei di preparazione e Trofeo delle Regioni, hanno dimostrato di essere più forti rispetto a Skuodis e compagni e, con pieno merito, cercheranno di iscrivere il proprio nome sull’albo d’oro della manifestazione. (GA)


� �

sport

SPORT

28

Viterbo & AltoLazio

Domenica 3 Luglio 2011

BASEBALL GIOVANILE

Un’intera giornata sul diamante Ieri quattro match a Montefiascone ma cresce l’attesa per le finali nazionali dei Ragazzi Green

di GLAUCO ANTONIACCI

Q

uattro partite in rapida sequenza per concludere una stagione che avrà però, come gustosa appendice, una lunga serie di tornei e le �nali nazionali Ragazzi con la formazione Green. Il Monte�ascone Baseball ha vissuto un’intera giornata sul diamante del ‘Porroni’, solo parzialmente rovinata dal maltempo che si è accanito ieri sulla Tuscia ed ha reso dif�cile anche il gioco per i tanti giovanissimi gialloverdi. Quattro partite, dicevamo, ma un’unica avversaria, la Nuova Roma, anche lei presente con quattro formazioni da schierare in campo contro i team gialloverdi, seguiti da vicino dai tecnici Pedro Josè Pinto Sequera e Elvis Antonio Aliotti Villegas e da Roberto Ballarotto. Prima una partita di softball con le ragazze grandi protagoniste; quelle del Monte�ascone baseball si sono dimostrate nettamente superiori ed hanno vinto l’incontro per 20-4, segnando con regolarità in tutti gli innings, chiusi per regolamento una volta raggiunti i quattro punti a referto. A seguire è toccato al baseball con i Ragazzi Gold, formazione composta da elementi più piccoli di età che hanno disputato un ottimo match; dopo aver incassato quattro punti nel primo turno

di attacco della Nuova Roma, i gialloverdi hanno reagito e sono rimasti in partita �no alla �ne, cedendo per 7-5 ma mostrando notevoli progressi sul piano del gioco rispetto all’inizio di stagione. Il terzo match ha visto come protagonisti i Ragazzi Green, vincitori imbattuti del loro campionato regionale. A causa di un violento acquazzone la gara è stata interrotta sul punteggio di 8-0 per i gialloverdi che hanno così terminato la stagione regionale a punteggio pieno. Il loro pensiero è però già rivolto alle �nali nazionali che si svolgeranno dall’11 settembre; per arrivarci nelle migliori condizioni, grazie alla disponibilità delle famiglie, gli allenamenti proseguiranno tutti i giorni e ci saranno molti tornei di avvicinamento. Il primo è previsto dal 7 al 10 luglio a Grosseto: “Poter giocare tante partite vicine è fondamentale per migliorare - ci ha detto Roberto Ballarotto perchè consente di acquisire esperienza. Affronteremo vari tornei con molte avversarie alle �nali nazionali, così capiremo anche il nostro livello. Non abbiamo grandi stelle ma un gruppo unito che difende bene e sarà dura per tutti batterci”. L’ultimo match, iniziato nel tardo pomeriggio, ha visto impegnati gli Allievi, anche loro in crescita rispetto all’inizio della stagione.


� �

sport

SPORT

& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

29

B ASEBALL C

B ASEBALL C

Green Sox, non avere ‘Cali’ Sfida insidiosa per i gialloverdi del manager Di Francesco “Avversari esperti e in crescita ma non possiamo sbagliare”

I ‘Falchi’ viterbesi sono in grandissima forma “Il 6 in pagella c’è già ma si può fare di più”

C

di GLAUCO ANTONIACCI

P

er una volta è meglio non guardare la classi�ca, anche se un intero girone di andata qualcosa vorrà pur dire. Il Tuscia Green Sox è imbattuto, candidato al successo sia in campionato che in Coppa Italia e può giocare in casa, ma non può certo abbassare la guardia nella gara che lo attende oggi. I gialloverdi di Mirco Di Francesco ospitano questo pomeriggio alle 15,30 al ‘Porroni’ di Monte�ascone il Cali Roma XIII, ‘vecchia conoscenza’ che riporta alla mente un lungo duello della passata stagione per il primato in classi�ca. I capitolini quest’anno sono partiti pianissimo, hanno perso le prime due gare ma poi hanno deciso che era il momento di svegliarsi e lo hanno fatto. Nelle ultime cinque gare, contando anche l’intergirone, sono arrivate altrettante vittorie, compreso un rotondo 2013 ri�lato al Charlie Brown Nettuno, e l’ultima scon�tta risale addirittura al 22 maggio (13-12 a Latina contro la Mantovani). Il Cali, a dispetto del nome, è una squadra in piena crescita, che avrà stimoli supplementari nel dover affrontare una rivale così forte e celebra-

Black Hawks per il poker contro i temibili Angels

ta: “Lo scorso anno abbiamo lottato a lungo - conferma il manager Mirco Di Francesco - e l’organico è rimasto praticamente quello. Hasnno tanti giocatori esperti anche di categorie superiori e, se imbroccano la giornata giusta, possono diventare davvero pericolosi. Sicuramente sono stati protagonisti di un netto cambio di rotta, ma noi non possiamo fare sconti a nessuno, ogni giornata da qui al termine del girone può essere decisiva per assegnare il primo posto. Guardando il calendario ritengo che siano questa e la trasferta a Latina

contro la Mantovani le due partite più dure che ci attendono e non dobbiamo fallire. Per noi è un bel test, il gruppo si è allenato bene nonostante qualche acciacco e ci sono le condizioni per fare bene”. Rispetto alla trasferta di domenica scorsa contro il Ceccano, affrontata con un organico ridotto all’osso e quasi un’intera squadra assente per vari motivi, sono previsti alcuni rientri, in particolare quello di Cornicchia sul monte di lancio che dovrebbe essere il partente anche in questa occasione. Qualche problema alla spalla proprio per Di Francesco che

forse dovrà rinunciare a schierarsi in campo, limitandosi a seguire la squadra nel ruolo di manager. Resta l’incertezza legata ad altri giocatori che potrebbe dichiarare forfait, così come c’è incertezza sulle condizioni meteo. Ieri la pioggia abbondante ha allentato molto il terreno del ‘Porroni’ ma sarà decisivo il clima odierno. Le previsioni annunciano tempo bello e, in questo caso, si giocherà regolarmente, con il Green Sox chiamato a superare di slancio anche questo ostacolo e prepararsi per una volata di campionato molto interessante.

on una striscia aperta di tre vittorie consecutive e il morale a mille, i giovani e scatenati Black Hawks Tuscia ricevono oggi la visita dell’Auto Italia Angels Livorno. Un’avversaria toscana dunque, come toscane erano le tre formazioni affrontate e battute nelle ultime settimane dal gruppo di Angelo Sgnaolin, sempre più convinto e �ducioso nei propri mezzi. Questa volta l’impresa di portare a casa il successo si prevede ancora più complicata, perchè gli Angels rappresentano un ostacolo molto duro da superare. Sgnaolin ne è consapevole ma resta ottimista: “Loro sono in una posizione alta di classi�ca e non credo che verranno a Viterbo per fare una passeggiata, ma noi non abbiamo nulla da perdere contro una squadra di livello superiore e partiremo da 0-0. Veniamo da tre vittorie, l’ultima contro Padule non è stata una passeggiata come potrebbe far pensare il punteggio, la squadra è stata brava a giocare un buon baseball ed ha mostrato ulteriori progressi. Ho detto ai ragazzi che si sono già guadagnati il loro ‘6’ in pagella, tutto quello che verrà da qui alla �ne servirà per alzare il voto; tutti si sono allenati con impegno nonostante un periodo non

Luca Pizzichetti semplice per necessità scolastiche, ma i risultati del lavoro si vedono, siamo migliorati molto in difesa e spero che questo salto di qualità sia indicativo di ciò che potrà succedere la prossima stagione, quando le ambizioni saranno maggiori”. Sgnaolin dovrà fare a meno di Pizzichetti ed ha qualche dubbio sulla disponibilità di Tavarez, ma dovrà anche cercare di risparmiare le forze perchè mercoledì la squadra sarà chiamata ad anticipare la trasferta di Spoleto. La s�da odierna si giocherà alle 15,30 sul diamante di Santa Barbara a Viterbo. (GA)

BASEBALL - Successo per la ‘Partita delle Stelle’ con Alessandro Vaglio e Andrea Sgnaolin

Tra Italia e All Star ha vinto lo spettacolo H

a vinto l’Italia, ma più in generale ha vinto il baseball italiano, capace di trasformare il suo primo All Star Game della storia in una grande festa. Tantissime persone hanno preso d’assalto lo ‘Steno Borghese’ di Nettuno, teatro di una serata che non è stata illuminata solo dalla gara, vinta per 12-4 dagli Azzurri sulla selezione dei migliori giocatori del campionato, ma anche da tutte le iniziative collaterali. Musica, cheerleaders, gadgets e l’Home Run Derby, la s�da a suon di fuoricampo tra le mazze più ‘pesanti’ del campionato. Per uno sport così americano, il modello dell’All Star Game non poteva che essere ispirato agli Stati Uniti, con tanti eventi che hanno reso la serata di Nettuno una vera festa per tutti i presenti, compresi i ragazzi che da Viterbo sono partiti per seguire una partita imperdibile. Anche loro hanno potuto applaudire due atleti che proprio da Viterbo sono partiti, arrivando ai vertici del baseball nazionale, e che ieri si sono affrontati con maglie diverse. Alessandro Vaglio è stato convocato dal manager Mazzieri con la nazionale italiana ed ha svolto in pieno il suo compito, entrando a partita in corso e facendosi notare per un paio di prese al volo che hanno aiutato l’Italia a chiudere velocemente i propri innings difensivi. In attacco non ha piazzato nessuna valida ma la

partita era ormai al sicuro. Dall’altra parte del campo c’era Andrea Sgnaolin, votato dai tifosi al punto di essere inserito nella formazione All Star del campionato. Una sua valida nel corso del terzo inning ha contribuito a spedire �no a vcasa base Albanese, ma in quel momento il punteggio era già di 6-0 per l’Italia che ha poi gestito senza eccessive dif�coltà il margine nel resto della gara. I due manager hanno potuto alternare tutti i lanciatori, cercando di

non affaticare troppo i pitcher in una partita pensata e svoltasi tutta all’insegna dello spettacolo, della giocata ad effetto e del divertimento per il pubblico. L’Home Run Derby è stato vinto da Jairo Ramos, battitore designato dell’Italia, che ha avuto la meglio su Olmo Rosario, giocatore del Nettuno e dunque padrone di casa, dopo che i due avevano chiuso la fase di quali�cazione appaiati con cinque fuoricampo ciascuno. (ga)

BASEBALL SERIE B - Cupra si impone 5-3

Pianeta Benessere ko in gara 1 N

on è iniziata bene la trasferta dei Rams Pianeta Benessere sul campo del Cupra Baseball. In un week-end particolarmente delicato per decidere la corsa playoff, la squadra del manager Alberto Massini è stata scon�tta per 5-3 nel match disputato ieri pomeriggio. Gara combattuta ed equilibrata tra due formazioni separate da tre vittorie in classi�ca, scese in campo con l’obiettivo di portare a casa un successo prezioso per la corsa verso le prime due posizioni. Il Pianeta Benessere non è

riuscito a far suo l’incontro, interrompendo la striscia positiva nel primo match che aveva caratterizzato anche le trasferte contro Jolly Roger e Pesaro. In serata, sotto le luci dei ri�ettori che hanno creato qualche problema alla difesa viterbese nelle passate settimane, i due team si sono ritrovati nuovamente; fondamentale per i Rams pareggiare i conti, tenendo così a distanza il Cupra e diminuendo al tempo stesso la distanza dalla capolista Mastiff.


� �

sport

SPORT

30

Viterbo & AltoLazio

Domenica 3 Luglio 2011

CONI

Educamp, entusiasmo a mille Prosegue il successo dell’iniziative che ha come protagonisti assoluti i ragazzi O gni settimana un successo; l’Educamp organizzato dal CONI presso la struttura Europing e la Pineta dell’Università Agraria di Tarquinia continua a riscuotere consensi da parte dei ragazzi che hanno deciso di partecipare a questo centro estivo residenziale, patrocinato anche dal Ministero della Pubblica Istruzione. Tutti i ragazzi iscritti partecipano, ognuno con le proprie potenzialità, ad un evento che punta a promuovere il rispetto del gruppo e delle regole, il benessere psico�sico, la socializzazione, l’integrazione oltre ad un sano corretto stile di vita. Tutto questo praticando nuoto, pallavolo, pallacanestro, calcio, tennis, badminton, tennistavolo e atletica. “Sono rimasto piacevolmente colpito dall’entusiasmo di tutti i ragazzi – ha spiegato il Presidente del CONI di Viterbo Livio Treta - l’organizzazione curata �n nei minimi particolari dalla segreteria del Coni di Viterbo e la partecipazione al progetto solo di personale quali�cato sta dando i suoi frutti. I giovani svolgono tutte le attività sportive conoscendo nuovi sport che magari all’inizio dell’attività scolastica potranno approfondire, ed è importante il ruolo dell’insegnante di educazione �sica che sa far rispettare le norme di civile convivenza che regolano l’attività di gruppo e dei tecnici che li af�ancano. Molti comuni hanno aderito all’Educamp – conclude Treta - abbattendo ulteriormente la quota di partecipazione già di per sè bassa rispetto ad altre iniziative simili e sono sicuro che questa nostra prima esperienza sarà un trampolino di lancio per i prossimi anni. Il progetto è l’unico a livello nazionale riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione che condivide così le �nalità educative-formative del CONI. Con questa scelta il MIUR conferma la bontà del progetto CONI che pone come centralità il giovane con obiettivi di educazione permanente riguardo il benessere �sico e psichico proseguendo così gli obiettivi che si svolgono a scuola”. “Le attività giornaliere seguono un programma ben de�nito

rispettando gli impegni di attività sportiva e di recupero che in questa fascia d’età è molto importante – ha spiegato il Direttore dell’Educamp Nuccio Chiossi che coordina i docenti di educazione �sica ed i tecnici federali che si alternano durante le sei settimane di programmazione dell’Educamp – la professionalità è il �ore all’occhiello di questo progetto, la quali�ca e l’esperienza sono fondamentali per chi fa attività con i giovani. I docenti sono in grado di capire e magari modi�care in corso d’opera i momenti ludici della giornata inserendoli in un contesto in continua evoluzione”. Questa è la giornata tipo: 8,00 Sveglia 9,00 Colazione 9,30 Animazione / Passeggiata in Spiaggia 10,00 Inizio attività in Spiaggia 11,00 Merenda 12,45 Pranzo 14,00 Bungalow Riposo e attività – Giochi da tavolo 16,00 Piscina 17,30 Merenda 18,00 Bungalow Doccia / Igiene Personale 18,45 Pineta Ping Pong e Biliardino 19,45 Cena 23,00 Buonanotte


almanacco

& Domenica 3 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

31

visitando

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE h sì amici dell’Ariete..io sono un gran rompiscatole e a volte mi diverto ad irritarvi..per questo vi dico che

21 Aprile - 20 Maggio TORO proprio mentre tutto stava filando liscio e voi vi sentivate in un brodo di giuggiole ecco che purtroppo questo

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI ì, è vero, è tutto magnifico però è anche vero che i vostri datori di lavoro ultimamente vi

oggi, anche se è domenica..TUTTI AL LAVORO!!..Scherzo ovviamente ma non così tanto visto che finalmente questo Mercurio che vi stava creando non pochi problemi finalmente è entrato nel segno del Leone..e voi che c’entrate?..Eccome se ci entrate..il lavoro aumenterà vertiginosamente..e così i soldini..allora che ne dite..andrete a lavorare o no?..IO PENSO PROPRIO DI SI’

antipatico nuovo Mercurio insieme ad una Luna un po’ acidella ha deciso di cominciare a rompervi un po’ le uova nel paniere..ma sì, può essere che magari qualche trattativa legale che avete in corso si arenerà per un pochino o che qualche entrata sulla quale facevate affidamento si volatilizzerà subito per aggiustare la lavatrice..ma su siate buoni..tanto avete Giove..CHE ALLA FINE RIAGGIUSTA TUTTO

vedevano un po’ troppo morbidoni..e come ben sapete i morbidoni non producono..ed ecco quindi che questo meraviglioso nuovo Mercurio nel segno del Leone vi promette una nuiova vitalità e nuove facilitazioni in ambito lavorativo..e non solo..da un nuovo impulso alla vostra fantasia..che ne direste di mettervi in proprio?..MA CHE ASPETTATE??

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO dopo avervi espresso tutta la mia ammirazione per come vi siete comportati negli ultimi tempi con

23 Luglio - 22 Agosto LEONE OTTI! Saette!.. Giochetti e tric e trac!..Lo spettacolo può iniziare..e nonostante

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE entre un Marte dispettoso in Gemelli ancora continua a farvi innervosire creandovi problemi

qualche amico in difficoltà e dopo aver visto quanto siete bravi quan do si tratta di rimboccarsi le maniche e inventare nuovi progetti sono finalmete lieto di dirvi che tutta la pressione che ultimamente vi ha sì gasato, ma vi ha anche fatto uscire un po’ fuori di testa finalmente si attenua mentre questo nuovo mercurio vi riempie le tasche di bei dollaroni..anzi ma che dico..di un bel po’ di euro..ADESSO VALGONO DI PIU’

finalmente sia stata varata la nuova legge per cui non dovrete più lavorare nel circo il Colosseo ancora vi aspetta!..mi dispiace..quello non è un gioco..quello è lo spettacolo della vita..e stanno tutti aspettando per vedere come vi comporterete..perché hanno puntato tutti su di voi..e non li dovrete deludere..ma io ,o so già…VINCERETE!

a destr ae a manca e in qualche caso regalandovi qualche bell’acciacchetto, ecco che questo nuovo Mercurio nel segno del Leone, associato alla Luna vi aiuta a vedere chiaro con le persone che avete intorno..attenzione amici della Vergone..oi avete intelligenza da vendere quindi cominciate a usarla tutta per capire le intenzioni altrui..e se scoprite qualcosa di brutto non esitate a tagliare..INTESI?

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA proprio m e n t r e tutto sembrava perduto, proprio quando pensavate che mai più

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE ì lo so che non ne potete più e che siete stanchi di stare sempre alla catena come degli

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO e l’ho sempre detto che voi siete tra i segni più fortunati dello zodiaco..infatti

avreste riavuto indietro quei soldi che avevate prestato ecco che finalmente qualcuno si avvicina a voi con nuovi occhi e non solo vi rende il vostro mucchietto ma vi fa anche un bellissimo regalo..e perché direte voi?..ma come percgé..non eravate voi che fino a qualche giorno fa piangevate miseria e tristezza’..Orbene..tutto questo non c’è più..quindi..ALLEGRIA

schiavi con tutti quelli intorno a voi che cominciano a parlare di vacanza..dopo un momento in cui sembrava andasse tutto un pochino meglio ecco che già da due giorni le cose si stanno complicando..vedrete però che troverete sicuramente il modo e la maniera di comunicare ai vostri soci o coLleghi la vostra stanchezza..e lori, pur di non sentire i vostri lamenti vi concederanno un mese di ferie..APPROFITTATENE

nonostante l’amore sia un po’ latitante a causa di una Venere ancora malignetta in Gemelli voi troverete il modo di rendere questo periodo di stasi molto molto piacevole..ve l’ho mai detto che siete i più infedeli dello Zodiaco?..beh ve lo dico ora..e adesso che è arrivato Luglio e che il lavoro ancora incombe..sembrate davvero i protagonisti di “QUANDO LA MOGLIE E’ IN VACANZA”

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO olci amici del Capricorno.. finalmente posso comunicarvi che dopo un mesaccio in cui un

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO ’ meglio rifugiarsi tra calde e rassicuranti braccia e guardare due belli e dolcissimi occhi cari amici dell’Acquario

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI u state tranquilli che non succede niente.. è vero la vostra meravigliosa grotta in fondo

Mercurio vi guardava antipatico dal Cancro facendovi odiare da tutti i collaboratori e rendendovi i più invidiati della terra ora inizierù un periodo migliore..e anche se molte delle vostre aspettative sono andate un po’ deluse sono strasicuro che ci sarà presto qualcosa di assolutamente nuovo e bellissimo che farà brillare i vostri occhi..non mi credete?..beh..VI RICREDERETE

perchè in questo momento, mentre tutti se ne vanno in vacanza voi potreste rimanere un po’ al palo..ma come mai tutti questi amici che avete sempre intorno improvvisamente si sono tutti dileguati lasciandovi tristi e soli?..forse perché dovete crescere un pochino e capire la differenza tra le conoscenze divertenti e le amicizie vere..quelle con la a maiuscola..lo capirete dopo l’estate ma intanto DONATEVI CON GIOIA ALL’AMORE

al mare ultimamente è stata scossa più volte da inquietudini e maree..ed è anche vero che nettuno in più di un occasione vi ha rimproverato la vostra civetteria..oggi però e per un bel mesetto un nuovo mercurio vi darà la possibilità di chiarire tutti i malintesi e di cominciare un nuovo appassionante periodo. in amore e nel lavoro…CHE FORTUNA

E

E

E

D

Buon Compleanno Giorgia

Oggi 3 luglio 2011 Giorgia spegne la sua terza candelina. A lei gli auguri più affettuosi da parte di papà Christian e mamma Virginia, dei nonni Agostino, Rita e G i ova n n a e d a t u t t i g l i z i i .

E

S

B

S

M

M

E

S

Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Vallerano città d’arte da visitare il Santuario del Ruscello, opera del 1605 su disegno di Jacopo Baozzi detto il Vignola. All’interno l’organo ligneo del XVII sec. realizzato dall’Architetto Chainnequiau. La chiesa parrocchiale di S.Andrea. La chiesa di S.Vittore, patrono di Vallerano, vanta lo splendito soffitto a cassettoni, preso a modello per realizzare quello della sala del Mappamondo di Palazzo Venezia a Roma. Tutti i giorni orario delle S.Messe.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Domenica 3 Luglio 2011

Lunedì 4 Luglio 2011

ore 00 cielo poco nuvoloso e vento da sud/ovest a 5 km/h. Temperatura di 18,5 °C ore 03 cielo poco nuvoloso e vento da sud/est a 1 km/h. Temperatura di 17,7 °C ore 06 cielo parz. nuvoloso e vento da est a 5 km/h. Temperatura di 18,4 °C ore 09 cielo nuvoloso e vento da sud/est a 6 km/h. Temperatura di 22,8 °C ore 12 cielo molto nuvoloso con estese ed intense nubi temporalesche con possibili deboli precipitazioni e vento da sud a 6 km/h. Temperatura di 24,4 °C ore 15 cielo molto nuvoloso con estese ed intense nubi temporalesche con possibili deboli precipitazioni e vento da sud/ovest a 13 km/h. Temperatura di 23 °C ore 18 cielo molto nuvoloso o coperto con moderate nubi cumuliformi con possibili deboli precipitazioni e vento da sud/ovest a 11 km/h. Temperatura di 22,2 °C ore 21 cielo parz. nuvoloso e vento da sud/ovest a 5 km/h. Temperatura di 21,5 °C

ore 00 cielo sereno e vento da nord/ovest a 4 km/h. Temperatura di 16,9 °C ore 03 cielo sereno e vento da nord/est a 1 km/h. Temperatura di 15,3 °C ore 06 cielo quasi sereno o poco nuvoloso e vento da sud/est a 2 km/h. Temperatura di 14,8 °C ore 09 cielo nuvoloso con possibili deboli precipitazioni e vento da sud/est a 5 km/h. Temperatura di 23,1 °C ore 12 cielo molto nuvoloso con qualche piccolo cumulo sparso con deboli precipitazioni e vento da sud a 8 km/h. Temperatura di 25,1 °C ore 15 cielo nuvoloso con intense nubi cumuliformi, possibilità di piovaschi sparsi o deboli rovesci e vento da sud/ovest a 13 km/h. Temperatura di 24,7 °C ore 18 cielo parz. nuvoloso con intense nubi cumuliformi e vento da ovest a 11 km/h. Temperatura di 24,3 °C ore 21 cielo poco nuvoloso e vento da sud/ovest a 6 km/h. Temperatura di 22,7 °C

FARMACIE

OGGI 3 LUGLIO CARLINI (DIURNO) CORSO ITALIA, 37 (VT) TEL: 0761-304613 TERRACINA (NOTTURNO) VIA MINCIOTTI, 35 (VT) TEL: 0761-341072 DOMANI 4 LUGLIO RICCARDI (DIURNO E NOTTURNO) VIA DELLA PALAZZINA, 195 (VT) TEL: 0761-250825


L'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 3 luglio 2011  

3 luglio 2011

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you