Page 1

AltoLazio News Quotidiano Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Viterbo & AltoLazio Anno II N.65 - Venerdì 18 Marzo 2011

Direttore Editoriale ARTURO DIACONALE

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

A oggi l’unica certezza è che il Comune ha speso 8500 euro per un concorso d’idee

Che destino ha S. Pellegrino in Fiore? EDITORIALE

A quaranta giorni dalla consueta data d’inizio di San Pellegrino in Fiore in città ancora non si sa nulla sul prossimo destino della manifestazione. Nessuno ne parla, nessuna pubblicità. L’unica certezza è data dal bando del Comune, risalente al 2010, per un concorso di idee relative alla progettazione della manifestazione. Concorso costato a Palazzo dei Priori 8500 euro. Il vincitore ha messo in tasca la cifra tonda di 5mila euro per un progetto di arredo �orovivaistico delle piazze che tradizionalmente sono interessate dall’evento. Un concorso a cui non è stata data tra l’altro tutta la pubblicità che avrebbe meritato. Una pubblicità dovuta considerando che stiamo parlando della seconda manifestazione, per importanza, della città dei Papi. Le ultime edizioni della manifestazione non hanno proprio brillato ma questa del 2011 dovrà essere una bomba, visto che abbiamo speso quasi 10mila euro solo di progettazione.

Pericolose e insidiose sono strade maledette di Viviana TARTAGLINI Nella Tuscia si vive tutto sommato bene, ma ci sono problemi ricorrenti insoluti che dimostrano una totale noncuranza da parte delle varie amministrazioni che si sono susseguite nel tempo. Soprattutto, e gli ultimi avvenimenti ce lo confermano, una situazione del traf�co automobilistico gestita grossolanamente ed un’innegabile incuria di strade, marciapiedi e scarichi fognari. Le strade in particolar modo, stanno creando una situazione di pericolo divenuta insostenibile: dalla viabilità cittadina a quella delle vie che collegano i vari comuni della provincia. Le cattive condizioni delle strade sono già state oggetto di diverse segnalazioni, denunce e interrogazioni, a cui sono susseguite risposte vaghe e super�ciali relative all’esistenza di programmi di intervento mai realizzati né messi in cantiere. Anche se utopico, sarebbe necessario che chi di dovere compia un sopralluogo su tutti i percorsi della nostra provincia, onde potersi rendere conto di persona dell’effettiva percorribilità degli stessi. In alcuni punti della Cassia il fondo stradale è talmente sconnesso che sembra di guidare su una pista da motocross. Neanche i trattori agricoli percorrono più alcune strade con tranquillità. Ciò nonostante è doveroso ricordare alle varie Amministrazioni che sulle vie in questione transitano quotidianamente centinaia di automezzi soprattutto negli orari di punta, da lavoratori, genitori che portano �gli a scuola, a mezzi pubblici scolastici e non: tutti utenti che sono obbligati a percorrere le stesse in uno stato di assoluto ed ingiusti�cabile pericolo. Sono oggetto di cronaca quotidiana nella nostra provincia i tantissimi incidenti stradali troppo spesso dovuti all’incuria e allo stato di abbandono manutentivo delle nostre strade. Non ci resta che con�dare nel Dio dell’asfalto che, pago del sacri�cio dei quaranta veicoli caduti in una buca causata dalla pioggia torrenziale di questi ultimi giorni, intervenga dall’alto con fulmini e saette di catrame a riparare le strade.

CIVITAVECCHIA

L’Italia, una e indivisibile “E’ necessario rimanere saldamente uniti ai valori insiti nella nostra Costituzione”. Così l’assessore alla Cultura Vinaccia per i 150 anni dell’Unità d’Italia... di Pietro COZZOLINO servizio a pagina 12

servizio a pagina 5

La Tuscia onora il tricolore

servizio a pagina 8

MONTEFIASCONE

Paradiso: “Nessuna spaccatura all’interno del Pd” servizio a pagina 9

CIVITA CASTELLANA

“La Giovane Italia? si prenda un diger seltz” servizio a pagina 10

FALERIA

servizio a pagina 10

fatto palpitare i cuori degli italiani. Al centro della festa c’erano i più piccoli, portatori del futuro messaggio di unità e speranza, lo stesso che nel 1861 ha reso possibile la nascita di questo stupendo Paese, ricco di storie di coraggio e di grande passione. Gli eventi proseguiranno anche nei prossimi giorni. servizio alle pagine 2 e 3

Davide Buoninsegna alle prese con un nuovo ‘corto’

Ancora sorprese nell’assurda storia del Comitato Mense

PRIMO PIANO- In ogni paese feste e celebrazioni

Una giornata fantastica quella di ieri che, nonostante la pioggia battente, ha visto tutti i paesi della Tuscia rendere omaggio ai 150 anni dell’Unità d’Italia, a Garibaldi e i suoi Mille coraggiosi. Un giorno storico per il Paese, che l’ha onorato con la musica delle bande e delle corali cittadine. Manifestazioni, eventi e mostre, tutte riuscitissime, che hanno

TUSCANIA

TARQUINIA

‘Tutti contro tutti’ al Consiglio dell’Agraria Le mattonelle di Garibaldi dentro S. Maria Nuova

CRONACA

Le fontanelle? “Sono inutili” Questione arsenico nelle acque, intervista a Piero Camilli, Presidente del Consiglio provinciale. “Le fontanelle dearseni�canti - ci ha detto - non servono a nulla”. Sul problema c’è stata poi “un’impreparazione grave”. Camilli interviene anche sulla Talete: “prima chiude e meglio è”. di Daniele CAMILLI servizio a pagina 6

In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE DELLE LIBERTA’ a 1 euro

servizio a pagina 11


interni primo piano

2

Viterbo & AltoLazio

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

Bande, manifestazioni e bandiere sventolanti per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia

Tutta la Tuscia festeggia l’Italia Unita I

l maltempo c’ha provato a rovinare la giornata dedicata al compleanno dell’Italia, ma non è riuscita a farlo. In tutta la Tuscia, le 43 bande musicali cittadine, hanno intonato all’unisono l’Inno di Mameli, segno di devozione e onore per i cittadini dello Stivale. Dal nord al sud del viterbese eventi, manifestazioni, processioni e iniziative hanno anumato la giornata...alla faccia della pioggia. Le bandiere hanno sventolato sulle �nestre e i balconi di tantissimi italiani, qui come nel resto del Paese, dimostrando che l’Italia è una e ancora unita. Uno spettacolo meraviglioso, che secondo molti dovrebbe ripetersi ogni anno, non solo in occasione del 150esimo. Una vera e propria dimostrazione di grande patriottismo e amore per l’Italia, quella di ieri, che ha coinvolti tutti, grandi e bambini, che serberanno nel loro cuore questo giorno, in attesa dei fatidici 200 anni dall’Unità. Nei cuori di tutti, oltre il tricolore, il pensiero per Garibaldi, rappresentazione degli uomini che hanno reso possibile tutto questo e che ancora oggi vengono ricordati come “eroi della Patria”. (la)

Vasanello Il paese ricoperto dal drappo italiano U na cerimonia sentita e commossa quella che si è tenuta ieri mattina a Vasanello per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia. Causa maltempo, l’intera cerimonia si è tenuta all’interno della chiesa di Santa Maria, contrariamente a quanto previsto dalla programmazione uf�ciale. Dopo la funzione religiosa, si è esibita la banda musicale “Giacomo Porri”, in un concerto che si è svolto, simultaneamente, in tutti i paesi della provincia di Viterbo, aperto dall’esecuzione dell’Inno d’Italia. Tra le autorità presenti alla manifestazione, oltre al sindaco di Vasanello, Primo Paolocci, l’assessore provinciale alla Cultura, Giuseppe Fraticelli e le numerose associazioni combattentistiche, d’Arma e patriottiche, del volontariato sociale, sportivo e ricreativo, ed, in�ne, rappresentanze delle scuole, dei partiti e dei sindacati. (simo.ten.)

foto Andrea Di Palermo

Vallerano Grotte di Castro Ricordati i pionieri del paese Coinvolgere i più piccoli S A

i è svolta ieri mattina l’intera cerimonia per celebrare il 150° dell’unità d’Italia. Il consiglio comunale riunito in sessione straordinaria è servito ad inaugurare l’aula e intitolarla al primo sindaco di Vallerano, Girolamo Zelli Iacobucci, dopo l’unità d’Italia. In precedenza il sindaco Mauro Giovannini ha voluto celebrare, ricordandoli, i tre valleranesi caduti in battaglia per instaurare la Repubblica Romana pronunciando i loro nomi, Giovanni Ercoli, Pasquale Ottavianelli e Benedetto Patacchini. Al consiglio straordinario hanno assistito il presidente della Provincia Meroi e il sindaco di Viterbo Marini, che hanno speso parole di plauso per il programma ideato dall’amministrazione. La pioggia battente ha ritardato la formazione del corteo, ma non ha ostacolato la volontà di recarsi al monumento, restaurato per l’occasione. Il Sindaco ha pronunciato il suo discorso, incurante della pioggia, poi il parroco Don Claudio Fune ha benedetto la targa apposta nella base marmorea della statua bronzea. Intonato l’inno di Mameli tutti presenti sono scattati sugli attenti raccolti con profonda commozione. Ha preso la parola Brenno Ercoli, il maestro di Vallerano per antonomasia, ricordando i momenti dif�cili del periodo post bellico ma di profonda italianità. (em)

Grotte di Castro si segue la linea della cerimonia ufficiale. Alle 10.30 tutti in piazza Guglielmo Marconi per ascoltare la seduta del sindaco e delle autorità presenti. Subito dopo inizia il festeggiamento vero e proprio. L’inno di Mameli è stato eseguito dalla banda cittadina “G.Verdi”, alla presenza del tricolore che il sindaco ha invitato a esporre fuori dalle finestre di tutte le case. Dopo l’inno ufficiale della Repubblica, la banda ha eseguito altri brani, in linea con il tema della festività. Subito dopo, la celebrazione ha coinvolto bambini e ragazzi dell’Istituto Comprensivo del paese, che presenteranno una serie di iniziative preparate per l’occasione con l’aiuto di insegnanti

e genitori. Infine l’ultimo momento importante della cerimonia, la consegna da parte del sindaco e della giunta comunale, di un kit composto da una copia della Costituzione e una penna tricolore commemorativa, a tutti i bambini e ragazzi della scuola primaria e secondaria. Una scelta semplice e sobria dunque per festeggiare questa ricorrenza, ma con la volontà di mettere in primo piano il ruolo e la presenza dei più piccoli.

Montefiascone Lo sforzo delle associazioni

Uno scenario decisamente splendido composto da centinaia di tricolori, palloncini, coccarde quello che ho veduto per la città venendo quassù nel cuore del centro storico. Nemmeno Viterbo ha preparato una cosa così.” Così l’apertura uf�ciale ai festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità Nazionale nella piazza Vittorio Emanuele da parte del commissario prefettizio Francesco Tarricone. Alla cerimonia hanno partecipato centinaia di persone. Sono state distribuite centinaia di medaglie celebrative tricolori con impresso 150. La manifestazione si era aperta con le note della banda Città di Monte�ascone. Poi Tarricone, che ha elogiato le associazioni per essere riuscite ad organizzare l’evento che ha avuto il patrocinio del Comune. Dopo

c’è stata l’esibizione della corale di Santa Margherita diretta da Tommaso Mariottini, che ha eseguito la bandiera tricolore e Va pensiero. A seguire la banda musicale che alle 11 in punto ha eseguito il Canto degli Italiani. Commovente. Lo storico Giancarlo Breccola ha illustrato brillantemente le vicende della città, la maggior parte sconosciute ai presenti, che l’hanno portata a far parte del Regno d’Italia che per Monte�ascone è avvenuta solamente nel 1970. Poi alcuni membri dell’associazione Giorgio Zerbini hanno intrattenuto i presenti con delle splendide e signi�cative poesie riguardanti per terminare poi con un brindisi. Grazie alla cooperazione delle associazione la città ha così vissuto momenti emotivi e signi�cativi che rimarranno per sempre nella storia. (mm)


Venerdì 18 Marzo 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

primo piano Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 3

Quattro mattonelle situate nel sottotetto della chiesa raffigurano l’Eroe dei due Mondi

Il volto di Garibaldi dentro S. Maria Nuova Tanti appuntamenti in città

di ROBERTO POMI

Viterbo s’è desta grazie al tricolore

Q

uattro mattonelle raf�guranti Giuseppe Garibaldi sono collocate all’interno di Santa Maria Nuova. Precisamente si trovano nel sottotetto della navata di sinsitra. Dif�cile vederle a occhio nudo. Vedere il volto dell’Eroe dei due Mondi raf�gurato all’interno di una chiesa è sicuramente una perla. Un qualcosa di strano e originale che nasconde una qualche complessa storia. Storia che purtroppo non siamo in grado di ricostruire. Un nemico dello Stato Ponti�cio, come lo fu l’eroe dei Mille, non può essere dipinto all’interno di una chiesa. Queste mattonelle sono quindi un qualcosa di eccezionale ed estremamente raro. La notizia è nota da anni, perlomeno agli appassionati, anche se la maggior parte dei viterbesi non ne hanno mai sentito parlare. La conosciamo da qualche tempo ma non poteva esserci giorno migliore per raccontarvi questa curiosità. Le foto ci sono state messe a disposizione da Gianluca Di Prospero, grande appassionato di storie viterbesi e di “particolarità”. Qualche anno fa si recò a Santa Maria Nuova perché aveva sentito parlare di una mattonella con raf�gurato Garibaldi. Parlando con il parroco, don Angelo, aveva avuto conferma della presenza di questa “anomalia” e anche il sacerdote si era dimostrato molto curioso. Di Prospero, armato degli adeguati ingrandimenti, rimase stupito quando trovò non solo la “famigerata” raf�gurazione ma ne individuò altre tre. Una addirittura con la scritta “G,A”, interpretata coma Giuseppe e Anita, la donna tanto amata dal Generale.

Foto Zadro Press

V

Le misteriose mattonelle raf�guranti Garibaldi collocate nel sottotetto di Santa Maria Nuova - Foto gentilmente concesse da Gianluca Di Prospero

Accolti dal sindaco gli eredi dei garibaldini sono ‘sbarcati’ in Moto Guzzi

iterbo in festa per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Tricolori alle �nestre e tanta voglia di stare insieme, nonostante la pioggia. Nel pomeriggio di ieri diversi gli appuntamenti. La giornata ha avuto inizio alle 11 in piazza del Plebiscito, con il concerto della banda musicale ‘Ferentum’ di Grotte Santo Stefano, patrocinato dalla Provincia di Viterbo e ispirato alle melodie del Risorgimento italiano. Nel pomeriggio, alle 17, tre gli appuntamenti dislocati in città. Al Teatro Unione, il Concerto per l’Unità d’Italia organizzato dall’Associazione Artistico Culturale XXI

Secolo, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, con il patrocinio della Provincia e della Fondazione Carivit, il cui ricavato è stato devoluto all’Associazione Giovani Diabetici. Presso la Sala Coronas della Prefettura di Viterbo il convegno Lions, distretto 108L, dal titolo ‘1861-2011: l’evoluzione socioeconomica dell’Alto Lazio dallo Stato Ponti�cio a quello Costituzionale’. A seguito dell’incontro, alle 19 circa, ospiti, relatori ed autorità si sono trasferiti nella Sala Regia di Palazzo dei Priori per il concerto d’archi per l’Unità d’Italia curato dal Tuscia Operafestival.

A piazza del Plebiscito il ‘Raid dei Mille’

I

n sella alla loro fedelissima Moto Guzzi sono arrivati nella mattina di ieri a Viterbo. Erano le ore 12 in punto quando i centauri del ‘Moto Guzzi Worl Club’ sono “sbarcati”, rombanti, in piazza del Comune. Ad accoglierli il sindaco di Viterbo Giulio Marini e il presidente della Provincia Marcello Meroi. Con loro anche tantissimi consiglieri comunali (da Enrico Con-

tardo a Umberto Fusco, passando per Salvatori) che non hanno saputo resistere al richiamo di questi storici e indimenticabili modelli di due ruote. Per loro è stato un po’ come tornare ragazzi. Lo hanno chiamato il ‘Raid dei Mille’, un modo - pensato dalla storica fabbrica Guzzi - per rendere omaggio all’Unità d’Italia. A vestire i panni dei moderni seguaci del Generale Giusep-

pe Garibaldi ci hanno pensato gli appassionati del marchio Guzzi. In questi giorni sono in viaggio in tutta Italia per festeggiare le novanta candelini del marchio Guzzi e le 150 del Bel Paese. Con loro, immancabile, un bellissimo tricolore, su cui anche il sindaco Marini ha messo la firma. Un’iniziativa fantastica che ha toccato anche Viterbo, piccola perla dell’Italia

unita e città che ha dato anche alcune camicie rosse alla spedizione che partì da Quarto. Un passaggio sicuramente gradito che ha trovato il consenso dei presenti. Più di ogni parola lasciamo parlare le foto scattate dal nostro fotoreporter Alberto Zadro. Tutte le emozioni più belle del ‘Raid dei Mille’ a Viterbo racchiuse in pochi, significativi, click.

Foto Zadro Press


interni cronaca

2 4

Viterbo & AltoLazio

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

I livelli non sarebbero ancora preoccupanti, ma se continua a piovere il fiume romperà gli argini

Torna a farsi sentire l’allarme esondazione del Tevere di LUCA APPIA

L

a Tuscia da qualche giorno è sotto la morsa della pioggia, un’ondata di maltempo che ieri sembra aver raggiunto il suo picco massimo con un diluvio generalizzato in tutta la provincia. Se si pensa che solo qualche settimana fa, complice un caldo sole che attraversava la Tuscia, non sono stati pochi quelli che hanno deciso di passare una bella domenica sul lungomare del viterbese a mangiare un gelato o un pezzo di pizza, sognando il giorno in cui si sarebbero potuti gettare in mare durante l’estate. Ma quel calore fuori stagione, ha lasciato il passo al vento e alla pioggia, che a

pochi giorni dall’entrata della primavera risultano anch’essi fuoristagione. Una situazione insolita alla quale, negli ultimi anni, si assiste sempre più frequentemente. Ma le strade scivolose e piene di buche o l’impossibilità di spostarsi con facilità da qualsiasi parte, sono solo alcuni degli aspetti negativi della pioggia. Ieri, infatti, è tornata alta ancora una volta l’allerta per i livelli del Tevere, che ogni inverno coinvolge tutta la Tuscia. Solo qualche mese fa a causa di un grande fronte temporalesco, simile a quello di questi giorni, alcune abitazioni fra Orte e Gallese erano state evaquate per un allarme esondazione, mentre le campagne della zona venivano riempite dell’acqua del Tevere. Ora a

causa di questa nuova perturbazione l’allarme è tornato a farsi sentire. Da ieri, infatti, la Prefettura di Viterbo ha allertato i vigili del fuoco e la protezione civile del territorio, che tengono sotto controllo i livelli del �ume nelle zone in cui attraversa la Tuscia. Il �ume, secondo i primi rilievi, si sarebbe ingrossato, ma sarebbe ancora sotto i livelli di guardia, per cui al momento la situazione è sotto controllo. Il pericolo, però, viene come sempre dal cielo. Se le pioggie dovessero continuare a cadere come ieri, la paura dei tecnici potrebbe concretizzarsi e il Tevere esonderebbe di nuovo. Gli esperti del meteo hanno calcolato che nella prima metà della giornata di ieri, nella Tuscia

sarebbero caduti dai 40 ai 50 millimetri di pioggia, determinando uno stato di piena generalizzato in molti corsi d’acqua che con�uiscono nel Tevere. I terreni, inoltre, risultano ormai saturi d’acqua e ulteriori perturbazioni potrebbero peggiorare la situazione. Per il Fiora e il Marta la situazione è molto simile a quella del Tevere e anche lì si teme l’esondazione. Secondo le previsioni, però, già da oggi il tempo dovrebbe migliorare, concedendo una piccola tregua al viterbese. Una tregua che appunto durerà poco, visto che già da domani le nuvole potrebbero tornare a coprire il cielo della Tuscia, per poi tornare a tirare giù “apocalittici” quantitativi di pioggia.

Le pioggie degli ultimi giorni hanno reso critica una situazione già di per sè non bella

Le strade della Tuscia come un colabrodo di FULVIO MEDICI

C

omplice anche la pioggia di questi giorni che ne ha accentuato lo stato di degrado, le strade della provincia viterbese da nord a sud riversano in una condizioni veramente preoccupante. Nulla importa se di competenza regionale, provinciale o comunale, tutte rispondono alle stesse caratteristiche: semi impraticabili. Il manto stradale sembra proprio non ne voglia sapere di resistere anche alle semplici intemperie. Numerose buche, profonde fino ad addirittura 50 centimetri si sono formate lungo diversi tratti stradali. SUD DELLA TUSCIA Alcuni danneggiamenti che impediscono il normale transito dei pedoni e soprattutto delle auto ci vengono segnalati in numerosi punti: poco dopo le 20 della serata di mercoledì al chilometro 33 e 300 della Cassia bis nelle vicinanze di Monterosi, si è formata una vera e propria voragine, profonda mezzo metro, almeno una trentina i mezzi hanno subito danni, anche gravi. Per molti di loro è stato necessario l’intervento del carro attrezzi. La situazione non è affatto migliore dalle parti di Vetralla dove segnalazioni ci arrivano sia sul tratto stradale della stessa Cassia bis, ma anche all’interno del Comune in prossimità anche delle scuole dove i “problemi stradali” vengono chiaramente annunciati anche dai cartelli disseminati sulle strade comunali del centro abitato, che indicano al conducente il dissesto e la pericolosità. NORD DELLA TUSCIA La parte nord della provincia non vive di una situazione migliore: all’estremo nord la Cassia bis nel tratto che collega San Lorenzo Nuovo con Acquapendente,

è ormai luogo di gimcane degli automobilisti, che in più di una occasione hanno danneggiato pneumatici, cerchi e ammortizzatori. Avvicinandosi al capoluogo il manto stradale se possibile peggiora: nel tratto di strada che a Montefiascone gli automobilisti debbono percorrere per andare a Viterbo, senza dover passare nel centro storico falisco, all’altezza del bivio che porta anche ad Orvieto, si può solo passare a passo d’uomo e con attenzione estrema per non finire nelle buche più grandi che di sicuro danneggerebbero almeno i pneumatici. L’eterno disastro lo ritroviamo in prossimità della città dei Papi, venendo da nord all’altezza del nuovo centro commerciale Carrefour, inizia una vera e propria apocalisse che continua poi in ambo i sensi di marcia. La strada sembra vittima di un bombardamento e la possibilità di non piombare in una delle tante buche disseminate, praticamente inesistente. Preoccupante anche la condizione della superstrada per Orte all’altezza dell’uscita Bomarzo e i due cavalcavia

di uscita in entrambi i sensi per Viterbo. Gli interventi che hanno riguardato le strade provinciali (alcuni ancora non effettuati), come la provinciale Ponterotto, dal km 0,2 al km 1,450, o la provinciale Massarella, dal km 2,5

al km 8, non sono stati altro che gocce nell’oceano. VITERBO Bisognerebbe mettersi al volante e girare l’intero territorio, come d’altronde molti

cittadini sono costretti a fare per lavoro, per rendersi conto del disastro reale delle nostre strade: all’interno del territorio comunale di Viterbo alcune strade diventano praticamente impercorribili e numerosi sono i danni segnalati in questi ultimi giorni. A Bagnaia, ad esempio, in via Santa Rossella una voragine causata dal crollo

del terreno sottostante il manto stradale ha costretto una signora in auto con la propria figlia a rimanere all’interno della stessa a causa della pioggia, nell’attesa che un carro attrezzi le permettesse di uscire dal “cratere” stradale. Sempre a Bagnaia, in strada Pian del Cerro, all’altezza del passaggio a livello ferroviario dietro il cimitero, al lato della strada, è ben visibile una voragine, pericolosa per tutti, soprattutto se si cammina distratti, senza guardare per terra, o nelle ore più buie. Sempre sulla stessa strada non mancano parecchie buche, vero calvario per i tanti automobilisti che non possono schivarle se non invadendo il lato opposto della carreggiata con evidente pericolo per sé e per gli altri. All’altezza del cimitero cittadino oltre alle buche onnipresenti, l’acqua di queste ore ha creato dei veri e propri laghi artificiali. La primavera tarda ad arrivare, ma ci auguriamo che le prime giornate di bel tempo coincidano con gli inizi dei lavori alle strade, la viabilità, in attesa di decollare entro il 2044 con l’aeroporto di Viterbo, necessità a breve di interventi strutturali importanti.


Venerdì 18 Marzo 2011

Viterbo & AltoLazio

cronaca

Venerdì 1 Ottobre 2010

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 5

Al momento l’unica certezza è che il Comune ha già speso 8500 euro per un concorso d’idee

Che ne sarà di San Pellegrino in Fiore? di ROBERTO POMI

M

ancano una quarantina di giorni circa al primo maggio, storica data di ‘San Pellegrino in Fiore’. La domanda che in parecchi iniziano a porsi è: “che cosa succederà quest’anno?”. Le ultime edizioni di quello che di fatto è il secondo evento viterbese - dopo l’intoccabile Santa Rosa - hanno piuttosto lasciato a desiderare. E per il 2011? Dobbiamo partire da alcuni dati di fatto. Esiste, forse non tutti lo sanno, un concorso di idee legato alla storica manifestazione. Si tratta di un bando, risalente a qualche mese fa, promosso dal Comune, per progetti di arredo urbano da utilizzare proprio in virtù di ‘San Pellegrino in Fiore’. Avete capito bene, Palazzo dei Priori ha chiesto, ai viterbesi e non, idee per realizzare una bellissima iniziativa. Per stimolare la partecipazione dei “pensanti” ha messo sul piatto la somma complessiva di ottomilacinquecento euro (primo premio 5000, secondo 2500, terzo 1000). Andiamo a considerare alcuni passaggi interessanti del bando. Partiamo dalla premessa che recita così: “Nel presente regolamento si intende un progetto di arredo urbano

�orovivaistico da destinare alla promozione turistica della città di Viterbo, da tenersi preferibilmente nel mese di maggio 2011”. Avete capito bene: “preferibilmente maggio 2011”. Che signi�ca? In questi giorni andremo a chiederlo agli esperti dell’assessorato Cultura. Forse stanno ipotizzando di cambiare la data e questo potrebbe spiegare perché a quaranta giorni dalla manifestazione non c’è una pubblicità o quant’altro. Un altro punto del regolamento ci ha incuriosito: “Al presente bando verrà data pubblicità sul sito internet del Comune di Viterbo e sulla cronaca locale di tre dei maggiori quotidiani”. Sul sito del Comune sicuramente il bando è stato pubblicato ma sui maggiori quotidiani abbiamo delle perplessità. Per giunta non ci risulta nessun comunicato inviato dall’uf�cio stampa del Comune sull’argomento. Strano. Sta di fatto che a oggi l’unica certezza è che il Comune di Viterbo, per l’edizione 2011 di San Pellegrino in Fiore, ha speso già 8500 euro tondi tondi. Altra certezza è che un’idea su come dovrà essere l’edizione 2011 è nel cassetto. Un’idea da 5mila euro. Per il resto ancora niente. Stiamo a vedere, al primo maggio manca poco.

Presentata mercoledì da due esponenti del Pdl

Interrogazione parlamentare contro le Corse a Vuoto S ulla morte di Tiffany e la pericolosità del Palio di Ronciglione, dopo la riunione col Sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, arriva anche un interrogazione parlamentare a �rma dell’On. Paola Frassinetti (Pdl). “Inutile sottolineare che è una situazione inaccettabile, cui bisogna trovar rimedio - ha dichiarato negli scorsi giorni la parlamentare - con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione, perché la tutela dei cavalli e degli animali in generale altro non è che una battaglia di civiltà a cui un Paese che vuole guardare al futuro non può sottrarsi.” E’ per questo motivo che l’On. Paola Frassinetti mercoledì ha presentato un’interrogazione al Ministero della Salute con la collega Onorevole Giammanco. “L’incidente in cui è morta la cavalla Tiffany - si legge nell’interrogazione - è solo l’ennesimo di una lunga serie che caratterizza da sempre il Palio di Ronciglione, è necessario accertarne le responsabilita.Il comune di Ronciglione non ha rispettato l’ordinanza ministeriale del 2009 a tutela degli equidi mettendo a repentaglio la vita dei cavalli del palio - spiegano le due parlamentari - ma, al tempo stesso, le forze dell’ordine non hanno arginato una tragedia annunciata, dal momento che già durante le prove, giorni prima la manifestazione, si erano ve-

ri�cati due incidenti. Bisogna, quindi, rilevare le responsabilità della mancata attuazione degli accorgimenti tecnici per salvaguardare l’incolumità dei cavalli nonche’ la dinamica dei controlli delle forze dell’ordine preposte a tale scopo”. (la)

“Non datecela a bere”

Nuova petizione contro l’arsenico nelle acque

S

Il terrore creato da Fukushima continua a fare proseliti

Nucleare, cresce il fronte del “no” di LUCA APPIA

S

i fa sempre più pressante la discussione in atto sull’energia nucleare in Italia. Dopo il disastro di Fukushima che si sta consumando in questi giorni, le coscienze degli italiani tornano ad essere divise, facendo riaf�orare i ricordi della tragedia di Chernobyl. Da una parte gli esponenti del Governo, non più compatti come prima sulla questione, continuano a dire di andare avanti. Dall’altra parte i contrari mettono in evidenza che l’Italia è un paese in controtendenza, visto che al momento sono in molti i Paesi che hanno deciso di spegnere le loro centrali, tra cui la Germania. Nei giorni scorsi sulla questione si è espresso anche Carlo Rubbia, premio Nobel per la �sica, che descrive la situazione nucleare “inac-

cettabile e fuori controllo” e spinge verso le energie rinnovabili. Lo scienziato è certo che il problema giapponese sia stato un dramma annunciato, vista la pericolosità intrinseca di queste forme di energia. “La situazione di Fuskushima è diversa da quella di Chernobyl. Lì c’è stata un esplosione, mentre in Giappone il vero pericolo sono le radiazioni che possono sfuggire al controllo e uccidere centinaia di persone”. La paura del nucleare torna a toccare picchi storici dopo Chernobyl, che per anni ha tormentato le menti dell’Europa. Ora nella Tuscia sentono il pericolo ancora più vicino, visto che secondo il Pd parlamentare due possibili siti delle centrali che verranno installate in Italia, potrebbero essere Orte e Montalto di Castro. Sul caso è intervenuta anche la sezione viterbese di

Legambiente, il cui presidente ribadisce la propria contrarietà all’iniziativa atomica. Secondo Legambiente uno dei grandi problemi che circonda il nucleare in Italia, oltre i rischi concreti alla salute, è che non risolverà il problema energetico. Le centrali, infatti, non saranno pronte prima di 20-25 anni, quando con tutta probabilità questo tipo di soluzioni energetiche sarà già superato, costringendo il Paese a una spesa inutile, come quella fatta prima del referendum che ha abrogato il nucleare in Italia. Se �no a qualche giorno fa erano poche le voci che liberamente si alzavano per dire “no al nucleare”, oggi dopo la tragedia di Fukushima e la rinnovata paura atomica, sono in tanti quelli che iniziano a levarsi contro la proposta fatta tempo fa dal Governo.

I lavoratori del Cev scendono di nuovo in piazza contro la privatizzazione dei servizi cimiteriali di DANIELE CAMILLI

C

imitero Viterbo, lavoratori di nuovo in strada per protestare contro la privatizzazione dei servizi che a breve verranno affidati ad una società di Firenze, la Silve spa. Questa mattina, alle 9.30 saranno infatti a Piazza delle Erbe. In pieno centro cittadino e come promesso una settimana fa, quando gli operai del Cev hanno tenuto il primo presidio davanti ai cancelli del cimitero. “Nonostante la ritorsione economica subita ingiustamente – spiega il responsabile Fenasalc Cisal, Francesco Pantaleo (nella foto) – con la decurtazione della paga nonostante abbiano garantito il servizio, e la sorveglianza continua che hanno avuto da alti Dirigenti della società

appostati nei pressi del precedente presidio”. I motivi della protesta? Sempre gli stessi. “La mancanza di una garanzia occupazionale, l’incognita di quale fine farà la liquidazione, i quesiti sollevati in merito alla dismissione a privati della gestione dei cimiteri, nonostante lo stesso Comune abbia dichiarato il ‘risicato guadagno’ di 20.000 euro, rimanendo tutto da accertare come mai sia così poco rispetto al volume di affari dichiarato di 800.000 (ottocentomila) euro”. Per Pantaleo c’è inoltre un’altra questione. Come mai il ricavato non è stato mai adoperato “né per dare un giusto contratto ai dipendenti e tanto meno per agevolare le tariffe della cittadinanza”? “Quesiti – aggiunge il responsabile Fenasalc – sollevati in parte

dal sindacato e in parte dal comitato dei cittadini che l’Amministrazione comunale volutamente ignora e la Dirigenza del Cev si guarda bene dal sottoporre all’Assessore di turno”. Il sindacalista punta il dito anche contro la maggioranza che amministra Palazzo dei Priori. A suo avviso trattano “l’argomento con molto distacco pur non conoscendo la realtà del servizio, della gara e dell’appalto, strano modo di governare una città”. Non solo, ma finora “nessuno ci ha smentito in merito alla liberalizzazione delle tariffe e alla vendita delle teste dei dipendenti”. Tutto questo, nonostante “i quesiti posti dalle aziende in competizione per aggiudicarsi l’appalto parlano chiaro, da domani saranno i cittadini di Viterbo a doversi

preoccupare insieme ai dipendenti che saranno rimasti a svolgere il servizio”.

empre più forte e pressante la lotta all’arsenico nell’acqua da parte delle associazioni del territorio. Recentemente nella lunga lista dei comitati, associazioni ed enti che si sono schierati contro l’arsenico, spesso sporgendo denunce in procura in modo da individuare i responsabili dell’emergenza, si è aggiunto un altro nome: quello del comitato “No arsenico e veleni nell’acqua”, che martedì scoprso presso la libreria “Mondo Libri”, ha presentato la sua campagna “Non datecela a bere” per la raccolta �rme a sostegno della petizione popolare per la risoluzione del problema inquinanti (arsenico in primis) nelle acque pubbliche. “L’arsenico - ha sottolineato il comitato - è un agente cancerogeno di classe 1, pericoloso per la salute come sancito dalla legge europea ed italiana. La presenza di questa sostanza si può eliminare in modo certo. Da troppo tempo le amministrazioni comunali, provinciali e regionali sminuiscono il problema, conservando uno stato di illegalità e posticipando interventi la cui tempestività avrebbe risparmiato anni di avvelenamento ai cittadini e consentito una migliore gestione delle �nanze comunali. Ai cittadini si chiede una �rma che testimoni il loro desiderio di vedere realizzati in tempi brevi e certi e con trasparenza i lavori necessari per azzerare la presenza del veleno arsenico nelle acque pubbliche. L’amministrazione comunale non potrà ignorare una espressione di volontà compatta da parte di larga parte della popolazione. In particolare la petizione richiede: una campagna informativa ef�cace, capillare e diversi�cata per mezzi di comunicazione, che fornisca alla popolazione i valori di concentrazione di arsenico e di altre sostanze velenose presenti nell’acqua per tutto il territorio, che chiarisca dettagliatamente gli usi delle acque consentiti, che aggiorni sulle iniziative intraprese per risolvere l’emergenza; la fornitura di acqua potabile per i cittadini, per le ditte di produzione alimentare (bar, ristoranti, mense etc.), per le scuole, per gli ospedali, per le caserme e per gli enti pubblici in genere; Il comitato chiede che la scelta della tipologia di impianti per la depurazione venga effettuata con la massima trasparenza sulla base di criteri di massima ef�cienza e validità dei trattamenti, basando la scelta sulle indicazioni presenti in documenti di Enti pubblici e di Ricerca accreditati, quale ad esempio il documento dell’Agenzia di Protezione dell’Ambiente (EPA) n° 600/R-01/033n”.


interni politica

2 6

Viterbo & AltoLazio

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

Intervista a Piero Camilli sulla questione arsenico. “C’è stata un’impreparazione grave”. La Talete? “Prima chiude e meglio è”

Le ‘fontanelle’ non servono a niente di DANIELE CAMILLI

P

iero Camilli non la manda di certo a dire. Il Presidente del Consiglio provinciale e sindaco di Grotte di Castro va giù duro. A domanda risponde. Senza tergiversare. Senza giri di parole. È schietto e immediato. Anche sulla questione arsenico, che in queste ultime settimane sta caratterizzando il dibattito politico e catalizzando l’attenzione della gente più di qualsiasi altra cosa. L’acqua si beve, con l’acqua ci si cucina e ci si lava. E sapere che i valori del fattore As sono così alti e nocivi per la salute non è di certo rassicurante. Come non lo sono le informazioni che impazzano da ogni dove senza una logica precisa o una cabina di regia istituzionale. “Le fontanelle dearsenificanti non servono a nulla – ci dice Camilli – anzi è una soluzione che fa ridere. Sembra il gioco della casetta di Barbie. Poi c’è troppa confusione, non ci si capisce più niente. Insomma, un’impreparazione grave. Un problema gestito male a tutti i livelli”. Cosa servirebbe allora? “Va fatta un’unità di crisi con persone competenti e in grado di prendere in mano la situazione e pianificare interventi concreti. Prima ancora, è però necessaria un’analisi approfondita e dettagliata. L’arsenico fa male? Allora dobbiamo chiudere tutto e mettere i dearsenificatori direttamente alla fonte, direttamente negli acquedotti. Ripeto, le fontanelle sono del tutto inutili, un inutile palliativo”.

Inoltre secondo Camilli vanno fatte “rilevazioni continue sui valori presenti nelle acque. Ma è mai possibile – sottolinea – che ho chiesto le analisi all’Arpa e queste mi sono arrivate dopo 20 giorni!? Facendole privatamente ce ne ho messi solo 3. E le analisi servivano per capire il tasso di arsenico nel mio comune”. E qual è? “L’Arpa dice 12-13 mcg/l, quelle che ho fatto fare 7,5-9 mcg/l. Il valore giusto? Non lo so”. C’è poi la situazione in cui si trovano i commercianti che somministrano alimenti e bevande. Con tassi che in alcuni casi si aggirano attorno ai 50 microgrammi per litro rischiano addirittura di chiudere, se non di essere accusati di qualche reato. Non crede – abbiamo chiesto a Camilli – che le amministrazioni locali siano state un po’ assenti su questo punto? “Se ne sono lavate le mani – ci ha risposto – loro hanno fatto le ordinanze, mentre i commercianti potrebbero trovarsi a breve in mezzo a una strada. È necessario rispondere subito alle loro giuste preoccupazioni facendo accordi con le banche e istituendo un fondo regionale di garanzia per l’acquisto dei dearsenificatori, fondamentali per poter portare avanti l’attività

Rimpasto di minima poi si vedrà...

Giulio Marini

Piero Camilli, Presidente del Consiglio provinciale e sindaco di Grotte di Castro commerciale. Non possiamo lasciar fare solo alle ditte private che in questi giorni bussano a tutte le porte per vendere i loro prodotti”. E in tutta questa situazio-

ne la Talete cosa potrebbe fare? Sull’argomento il presidente di Palazzo Gentili è categorico: “Prima chiude e meglio è. E’ solo una fabbrica di debiti. Nient’altro”.

Si apre il dibattito sui lavoratori interinali della Provincia di Viterbo

“La scelta migliore è il concorso pubblico”

Altolazio News srl Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO piggi@opinioneviterbo.it Redazione Centrale di Viterbo GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI Grafici MARIO RAMUNDO In attesa di registrazione ROC Editore Altolazio News srl Pres.te Manfredi Genova A.D. Ferdinando Guglielmotti Sede di Viterbo 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.341539 redazione@opinioneviterbo.it donn@opinioneviterbo.it Tipografia L’OPINIONE S.P.A.VIA DEL CORSO 117 ROMA

Centri Stampa edizioni teletrasmesse EDITORIAL M.P.A S.R.L. SENAGO (MI) POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRETA (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 21,30

Viterbo, Palazzo Gentili sede dell’amministrazione provinciale

In risposta a quanto dichiarato dal consigliere provinciale Mantuano in merito alla questione dei precari, vorrei sottolineare che uno soltanto è il modo di risolvere il problema senza incorrere negli ‘errori dietro l’angolo’ che si possono incontrare nel cercare una soluzione mai sperimentata prima. Sarebbe suf�ciente seguire la logica, oltre che la Costituzione, e cioè avviare le procedure per un concorso pubblico che dia la possibilità a tutti i cittadini, anche quelli che non hanno lavorato come precari, di accedere alla Pubblica Amministrazione”. È la risposta che una lettrice, Elena

Angiani, dà al capogruppo del Pdl Gianluca Mantuano, sulla questione dei lavoratori interinali di Palazzo Gentili. “Tanto più – prosegue – che non si è mai riusciti, nonostante le stucchevoli richieste in questo senso, a conoscere quali siano stati i criteri di reclutamento di tutti questi lavoratori, se ci siano stati bandi regolari e concorsi o se invece siano stati semplicemente introdotti nell’Amministrazione Provinciale in modo del tutto clientelare. Certo, il fatto che mai nessuno nella vecchia come nella nuova amministrazione provinciale abbia ritenuto di dover dare spiegazioni in merito fa sospettare seriamente

che qualcosa di poco spiegabile sia alla base di tutto questo pasticcio”. Secondo la Angiani sarebbe invece “necessario fare chiarezza una volta per tutte, dire apertamente ai cittadini come sono andate le cose e lasciare che ognuno possa almeno giudicare con tutti i criteri se queste stabilizzazioni siano giuste oppure no, non nei confronti dei precari ma nei confronti della Comunità. Continuo ad aspettare una risposta – conclude – magari dai consiglieri del Pd e faccio presente che in Puglia sono state annullate di recente un gran numero di stabilizzazioni irregolarmente avvenute nella Asl”.

di ROBERTO POMI

S

ituazione esplosiva dentro Palazzo dei Priori. E’ un vero e proprio putiferio e per il rimpasto si tira ancora a campare, in attesa di tempi migliori. L’ostacolo Laura Allegrini non è credibile quindi deve esserci dell’altro a bollire in pentola. Cosa non è dato saperlo. A occhio e croce i diretti interessati, i politici, non la raccontano giusta. Si attende e molto probabilmente quando sabato si incontreranno i maggiorenti non si arriverà a capo di una nuova squadra per gestire il Marini Secondo. Abbiamo ragione di credere che decisione del sindaco e degli altri possa essere un ripiego su una situazione più morbida. Rimpasto con un solo cambio (forse due), come già avevamo scritto tempo fa. Fuori Claudio Taglia, l’unico assessore impossibile. Forse in molti si aspettavano la consegna delle dimissioni da parte dell’al�ere Fli in quota Urso. Forse queste dimissioni sono anche arrivate tra le mani del sindaco. Sta di fatto che i diretti interessati hanno sempre smentito la circostanza. I tempi per il “defenestramento” dalla giunta di Claudio Taglia sembrano oggi essere maturi. C’è poi l’ingresso di Claudio

Ubertini. E’ un po’ imbarazzante per Marini tenere un assessorato così importante, come l’Urbanistica, ad interim. Ricapitolando, l’ipotesi più credibile in questa fase del “gioco” è quella di un rimpasto minimo che si circoscrive ai nomi di Ubertini e del sostituto di Taglia. Chi sarà? Anche su questo c’è battaglia. Portare dentro Fattorini signi�cherebbe sbilanciare il rapporto ex An-ex Forza Italia all’interno della giunta. Portare dentro Contardo potrebbe essere la soluzione giusta, anche perché in qualche modo la poltrona presentata a Lallo Ubertini appartenevana a un ex An, ma non tutti la vedono così. Terzo possibile nome. Umberto Fusco che era dato come “perdente” è invece tornato in pista. I suoi due voti in Consiglio, che rimarrebbero invariati anche in caso di sua nomina ad assessore grazie all’ingresso di Maurizio Pinna (pronto dicono i rumors a passare con i leghisti laziali), di fatto sono preziosi per Giulio Marini. Forse potrebbe “bruciare” sul tempo gli altri ed essere il terzo “uomo nuovo” del “Marini Secondo ristretto”. Anche perché un Bartoletti senza consiglieri non ha ragione d’essere. La sensazione è che si stia aspettando qualcosa. La domanda è: cosa?


Venerdì 18 Marzo 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

attualità Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 7

di LUCA APPIA & ROBERTO POMI

S

ettimana niente male, festa doppia grazie ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Venerdì sera da leoni, siete pronti? Dicono che al Class Club è stato un bel mercoledì sera. Bella gente e giusta musica per una notte dell’Unità da album dei ricordi. Andiamo con l’elenco dei locali da visitare e col solito giro dei saluti agli amici gestori e baristi. Tutti pazzi, come sempre, dalle parti del Blitz Cafè dove potete incontrare e avere i vostri “scontri” con dei cocktails niente male. Ottimi gli equilibri tracciati nello shaker dall’ingegnere Simone. Grande “equilibrista” nella costruzione della perdita di equilibrio anche Maurizio. Bell’ambiente anche dalle parte del Try 2, andate a dare un’occhiata. Vanno forte i ragazzi di via Garbini. Xo piace ed è molto gettonato da diverse tipologie di persone. E’ una sorta di locale di frontiera dove mettono piedi dagli “sciscì” ai più alternativi. Bravi, anzi bravi tanto. Per un aperitivo tranquillo e veramente ricco, magari da gustare in due, consigliamo l’angolo di piazza Fontana Grande. C’è un posto molto carino, Caffetteria Cioccolini. Da non perdere. Sempre in voga, sulla cresta dell’onda, il Grandori. A piazza della Rocca l’ambiente è cool. Per una storia più tranquilla consigliamo l’Eden di piazza del Sacrario. Ve lo ricordate il vecchio bar degli autobus? Beh, non c’entra niente. Questo è veramente curato. San Pellegrino conferma il suo ruolo di roccaforte della movida anche se si deve fare di più. Il Due Righe Book Bar fa la parte del leone mentre Lucio rimane la raccaforte della tradizione. Provate il “blow-job” o “la ramata” alla voce short. Cercate di tenersi sotto controllo anche perché il sabato è sempre la giornata più impegnativa. E’ un saturday night, questo del 19 marzo, che inizia dalla cena. Anzi dalle cene. Tavoli apparecchiati lungo la Cassia. Theatro. In zona Cassia Nord stanno preparando tutto per ‘Cenadinote’, la cena-evento all’insegna dell’eleganza. A guidare il posto Stefano Sbatini, the voice. Perfidia Hight Quality Club. Emozioni da mille e una notte nell’eleganza della Perla Nera. Stesso posto, stessa tribù. Una marea di emozioni pronte per voi. Torna la cenaspettacolo più

su cui vale la pena buttare l’occhio. Una serata in partenership anche con gli amici del Vincent Cafè di Bagnaia, grande Stefanino. Rotta su Nepi per sperimentare una notte dove sarà presente anche il gio-

esplosiva d’talia: Osteria n. 1. Pronti a fare roteare in aria i vostri tovaglioli? Tutti i perfidi sono invitati a prendere parte al banchetto del mese, per un 19 marzo da urlo. Il gusto e il ritmo giusti per una serata da veri numeri uno. Niente può arrestare l’energia della Perla Nera e quindi vale lo slogan bevi, mangia, balla e pensa Perfidia. Attenzione perché la notte del 19 non finisce qui. C’è un ospite speciale venuto apposta dall’Emilia per tirare fuori il meglio e il peggio di voi.

Applausi per Gambafreaks, dj Stefano Gambarelli. Molti suoi dischi sono stati dei veri e propri successi nei Club d’ oltrefrontiera e gli artisti che sono stati remixati dal discjockey emiliano non si contano nemmeno più. La sua “malattia” si chiama house music e si sta preparando per il contagio tra i perfidi. Un ritmo incessante e coinvolgente, quello portato in pista da Gambarelli che accenderà l’atmosfera del Perfidia come solo un grande sa fare. Ma non finisce qui. Dopo la cena tutti dentro al Club

vanissimo dj viterbese Lele Andreoli. Non importa dove fare rotta, non importa con quanti soldi in tasca e con quale macchina. L’unica cosa che è importante è riuscire a sentirsi se stessi.

Dior, il mitico privè perfidia. La voce di Gaddo e i suoni di Luca Abati, dj residente del Perfidia Hight Quality Club, sapranno come farvi divertire. Avvertenze per l’uso: Perfidia può causare dipendenza. Euforia, entusiasmo e scariche d’adrenalina sono da considerarsi come sintomi legati alla frequentazione del locale. Ci consiglia la presenza a un pubblico di altà qualità. Perfidia piace alla gente che piace. Novità. Attenzione, spunta ‘The Difference - Dance Party’. Un fuori provincia

Domani apre le porte il progetto ‘Stanze’ in collaborazione con ‘Quartieri dell’Arte’

I quadri del ‘Picasso d’Africa’ in esposizione nella galleria ‘Art up’ A ll’interno della manifestazione ‘Arte in loco 2011’ verrà presentato il programma ‘Stanze’ nato dalla stretta collaborazione tra Art up e Quartieri dell’Arte. Un ciclo di spettacoli messi in scena da autori e critici di fama internazionale che si presenta con un programma originale e capace di innescare un dialogo a più voci con personalità creative, provenienti da vari campi artistici e culturali. Domani, sabato 19 marzo, dalle ore 18.00 nello spazio Art up sarà introdotto il progetto con le opere di due grandi nomi dell’arte contemporanea: Sarenco e George Lilanga. Dell’artista tanzaniano, noto come il Picasso d’Africa, saranno in mostra 4 opere, di Sarenco la tela ‘Rainy season’. Nello stesso contesto verrà

inoltre proiettato il documentario di Sarenco ‘Art Africa’, commissionato da SKY Discovery Channel, e di Piero Mantarrese, assistente alla regia e attore Sandro Mabellini. Con il ciclo di ‘Stanze’prosegue la manifestazione Arte in loco 2011 che vede impegnata Art up nel tener viva l’attenzione sul mondo dell’arte contemporanea. L’intero evento è stato ideato, curato e realizzato da Gian Maria Cervo, Marina Ioppolo e Fabio Vincenti. George Lilanga è l’artista africano più conosciuto tra gli artisti non occidentali, de�nito il Picasso d’Africa per la simile impronta rivoluzionaria da lui lasciata nell’arte nel continente nero, ma anche in tutto il mondo, per uno stile che ha segnato l’arte contemporanea africana, ma anche quella di

artisti occidentali del calibro di Keith Haring. Sarenco, poeta visivo, performer, mercante, agitatore, esploratore, regista, organizzatore, è fra le �gure più dotate, attive, imprevedibili ed esplosive della ricerca artistica contemporanea, in Italia e non solo. Fondatore di riviste, ‘Lotta Poetica’ (1971) ‘Poesia Visiva’ e ‘Sarenco’s’ (edizioni Sarmic, e poi Factotum Art). È regolarmente presente nelle rassegne collettive internazionali dedicate alla poesia visiva come ‘Documenta V’ di Kassel del 1972, ‘la Biennale di Venezia’ del 1986 e ‘Poesia Visiva e dintorni’ a Spoleto nel 1995. La mostra resterà aperta al pubblico dal giovedì al sabato con orario 18.00 – 19.30 �no al 02 aprile. Per appuntamento tel. 0761.091142.


interni provincia

2 8

TUSCANIA

Quando i sogni si trasformano in realtà D

avide Buoninsegna(nella foto in alto), giovane produttore cinematogra�co tuscanese, si lancia in una nuova impresa. Dopo la fondazione della Real Dreams associazione culturale che si occupa anche di produzione è la volta di un nuovo progetto indipendente. La realizzazione di un nuovo cortometraggio. L’idea per questa altra fatica è nata dall’incontro con il regista spagnolo Xavier Plagaro Mussard(nella foto in basso), regista di professione che da qualche tempo vive a Civita Castellana. “La sintonia con Xavier-con�da Davide- ha creato i presupposti per la collaborazione. Abbiamo iniziato a visionare diverse scenogra�e e abbiamo scelto quella �rmata del giovane Andrea Carbone.” Una storia dolce amara che nella sintesi del cortometraggio racconta di solitudine, amicizia, del bene e del male, del lato oscuro dell’esistenza e delle piccole inaspettate sorprese che la vita ci riserva ogni giorno, a volte magiche che

anche se non cambiano il destino possono aiutarci ad accettarlo, a viverlo. ‘Non da sola’, questo il nome del corto(10 minuti di girato) nato dalla copruduzione, le cui riprese inizieranno a giorni. Davide ci svela in anteprima i nomi degli attori:“Abbiamo fatto i casting a Roma e abbiamo scelto due giovani che risiedono nella capitale per il ruolo dei protagonisti. Olga Matsyna, di nazionalità russa e Gianluca Testa.”Quello del cinema è un mondo al quale Davide si è avvicinato giovanissimo per passione. Era il 1996 quando avviò le riprese del suo primo cortometraggio. Da 4 anni poi ha fondato la Real Dreams con la quale ha riscosso diversi successi. Ultimo quello seguito al mediometraggio Zero Lux(2010) girato dal regista di Piansano Samuele Brizi. L’associazione oltre alla produzione ha promosso diverse iniziative culturali nella cittadina da ‘Aperitivo in Corto’ ad ‘Emozioni Visive’. ‘Non da sola’ è il secondo progetto che Davide intraprende senza la Real Dreams. Lavori nati in collabora-

L

zione con altre realtà e altre �gure professionali. Il primo, Bloody Mud (2010),è un cortometraggio horror realizzato in coproduzione col regista Salvatore Aquilani di Vetralla. Nato da una scommessa ha riscosso successi inaspettati dagli stessi coproduttori, classi�candosi tra le prime 5 posizioni al Miami Film Festival. Il sogno di ogni produttore è realizzare un

Cura, è dell’Arsial la villa abbandonata? di DANIELE CAMILLI na villa dei primi del ‘900 in completo stato di abbandono. E pare appartenga all’Arsial, l’Agenzia Regionale per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura laziale. Si trova a Cura di Vetralla, a pochi passi dalla stazione dei treni. Completamente invasa da erbacce e rovi. Al punto che il cancello d’ingresso è completamente bloccato. Non è possibile nemmeno sbirciare all’interno, se non salendo sul muro di cinta laterale, dove manca pure un pezzo di recinzione. Ma non è consigliabile. Pare poi che la villa sia in queste

Da Boscolo le aziende della ‘Tuscia Viterbese’

lungometraggio “i corti sono una sorta di biglietto da visita, una specie di promo.-spiega Davide- Se l’idea piace a qualche �nanziatore allora dal corto si può trarre il �lm.” Un sogno che i buoni presupposti �nora dimostrati potrebbero trasformare in realtà. Sul sito www.realdreamsproduction.com troverete i link per poter avere un assaggio del lavoro di questo giovane talento tuscanese .

VETRALLA

U

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

TUSCANIA

Davide Buoninsegna, giovane produttore cinematografico tuscanese, alle prese con un nuovo corto

di VALERIA SEBASTIANI

Viterbo & AltoLazio

condizioni da diversi anni e che vi siano comunque delle proposte avanzate dalle associazioni del posto e dal comune per poterla gestire, riportandola dunque a nuova vita. Vedendola, vengono in mente alcune domande: è o no dell’Arsial? Se così fosse, perché si trova in quello stato? Perché in tutti questi anni nessuno è mai intervenuto cedendola a un’associazione o a un privato oppure dislocandoci degli uf�ci regionali? Così com’è, non potrebbe in�ne rappresentare un pericolo per qualcuno, visto che l’accesso alla struttura è pure facilitato dall’assenza di recinzione su uno dei lati?

La villa in stato di abbandono (foto Daniele Camilli)

’alta cucina della Boscolo Etoile Academy e le aziende del Marchio collettivo Tuscia Viterbese s’incontrano venerdì 18 marzo a Tuscania, alle ore 17, presso la sede della prestigiosa scuola di alta cucina. “Abbiamo aderito con piacere – dichiara Ferindo Palombella, presidente della Camera di Commercio di Viterbo – all’invito di Rossano Boscolo di entrare in contatto con le aziende enogastronomiche locali del Marchio Tuscia Viterbese. Siamo convinti che da questo incontro possano nascere delle interessanti partnership commerciali, con ripercussioni nazionali e internazionali”.34 sono le imprese che prenderanno parte all’incontro, tra cui produttori di pane, coniglio, patate, formaggio, olio, vino, dolci e miele che nella provincia di Viterbo si distinguono per tipicità e qualità: L’Oliveto Matarazzo di Viterbo, 3AFormaggi di Tuscania, Alberto Valentini di Viterbo, Azienda Agro biologica Petra e Maurizio Rocchi di Tuscania, Casei�cio Pannucci di Capodimonte, CCORAV di Grotte di Castro, Colli Etruschi di Blera, Consorzio Coniglio Verde Leprino di Vasanello, Cooperativa olivicola di Canino, Cooperativa olivicoltori di Vetralla, Formaggi Chiodetti di Civita Castallana, Frantoio Battaglini di Bolsena, Il Casareccio di Monte Romano, Il Molino di Monte�ascone, Macelleria Nardi di Pescia Romana, Massimo Luciani di Canino,

Monte Jugo di Viterbo, Nepipan di Nepi, Olei�cio di Tuscania, Olei�cio Mosse di Monte�ascone, Olei�cio sociale cooperativo di Canino, Pani�cio Anselmi di Viterbo, Pani�cio Cavalloro di Bagnoregio, Pani�cio Mancini di Tuscania, Pani�cio Oddo di Graf�gnano, Pani�cio Paola Blasi di Tessennano, Radicetti di Cellere, Sant’Isidoro di Tarquinia, Sergio Buzzi di Viterbo, Sergio Mottura di Civitella d’Agliano, Tenuta di Ferento di Viterbo, Thomas Wulf di Vetralla, Tusciapi di Viterbo, Vincenzo Lotti di Cellere. La Boscolo Etoile Academy – organizzatrice di corsi di base e perfezionamento, riconosciuta dai professionisti del settore per l’alto livello della sua offerta, ed editore di testi di riferimento per l’alta cucina e la pasticceria – sulla base della sua forte esperienza ha ampliato il suo progetto di formazione, oltre che con il recente lancio di corsi per amatori, anche attraverso la creazione dello Showroom del prodotto italiano di qualità e della Cantina del Vino Italiano che diventano luoghi di in-formazione, degustazione e confronto. La nuova struttura di Tuscania della Boscolo Etoile Academy è stata progettata e allestita per ospitare diverse attività, tutte di elevato pro�lo, volte a far conoscere e apprezzare la qualità e le caratteristiche sensoriali del prodotto italiano di qualità e favorirne concretamente la commercializzazione.


Venerdì 18 Marzo 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

provincia Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 9

BOLSENA

La vittoria è andata a ‘Ghinga’ timonata da Luigi Graziani

‘Gioia mia’ ancora leader E

ntusiamante la nuova regata, domenica scorsa 13 marzo, per il XII campionato invernale di altura del lago di Bolsena. Il campionato, riservato alla classe minialtura (imbarcazioni cabinate da 5.50 a

10.00 metri ) è organizzato dalla locale sezione della Lega Navale Italiana e dal suo presidente, l’avvocato Andrea Stefano Marini Balestra (nella foto). La regata che si è regolarmente svolta nonostante una fastidiosa

pioggia e le condizioni meteo che non promettevano nulla di buono, è servita a recuperare la prima regata del campionato che doveva aver luogo il 21 novembre 2010 e che è stata annullata proprio a causa del maltempo. Maltempo e condizioni meteo sfavorevoli che quest’anno sembrano non voler abbandonare il campionato. Nonostante questo sempre numerosi i partecipanti. Le quindici barche che hanno partecipato alla gara sono partite alle ore 11.40 sul percorso delta: tre boe tra l’isola Bisentina, località Pajeto ed il porto di Capodimonte. Il vento si è mantenuto sui 15 nodi da Scirocco. Una regata velocissima all’interno della quale non sono certo mancate sorprese, soprattutto, al traguardo. Ha vinto, in compensato, la barca “Ghinga”, timonata in solitario da Luigi Graziani, seconda è arrivata “Gioia mia” di Giampietro Gioia che con la posizione conquistata domenica consolida

il primato nella classifica generale parziale. Sesta la “Tolla” del professore Carlo Cereti. Ci si aspettava qualcosa in più dalla barca “Bimba con la chiglia” di Franklin van Der Wall che invece ha deluso un po’ il numeroso pubblico presente. All’arrivo non sono arrivate tre barche, ritirate per avaria. La prossima regata avrà luogo domenica 20 marzo alle ore 11.00. A seguire, se sarà possibile, sarà recuperata la prova dello scorso 6 febbraio non corsa per mancanza di vento.

MONTEFIASCONE - Dalla penuria di tricolori alla beffa dello Stato, croci e delizie dell’unità d’Italia MONTEFIASCONE - Il segretario risponde a Fumagalli

Fatta l’Italia, ancora da fare gli italiani di GIUSEPPE BRACCHI

H

a ragioni da vendere il buon segretario locale del PD, Maurizio Paradiso, quando ci rimprovera dell’assenza sui balconi della cittadina falisca della bandiera tricolore in occasione della festività che dovrebbe - il condizionale è d’obbligo riunire, le ragioni ed i valori di un popolo, di una nazione,attorno alla sua uni�cazione. Ma, forse, proprio per quella strana teoria di Giovan Battista Vico sull’eterogenesi dei �ni, una volta tanto dobbiamo ringraziare le previsioni metereologiche che vista la pioggia, molto probabilmente hanno dato una giusti�cazione agli organizzatori e a chi non ha esposto il tricolore sui balconi o sulle �nestre.

Per quanto riguarda, poi, il segretario locale del PD, Maurizio Paradiso, forse avrebbe dovuto rivolgere il suo rimprovero ai membri del suo paritito i quali, in tempi non sospetti, preferivano le note dell’Internazionale socialista all’Inno di Goffredo Mameli ed anteponevano il simbolo del parito alla bandiera tricolore. Questo per fare giustizia di tanti luoghi comuni e dare a ciascuno il suo! Il fatto è che anche in tale ricorrenza si sono perse delle buone occasioni per fare dell’Italia una nazione. Tanti lavoratori, per esempio, dall’Azienda Cotral a Poste Italiane, passando per lo stesso pubblico impiego, si sono visti decurtare una festività soppressa da quelle previste nell’annualità, senza che gli stessi ne fossero a conoscenza. D’altronde lo Stato non può permettersi una

festa in più perché in perenne crisi ma trova i fondi necessari per mandare negli stadi, ad assitere alla partita, i propri rappresentanti istituzionali con le auto blù! E non parliamo dcelle altre schifezze!! Vede, caro Paradiso, quanto è dif�cile intonare l’Inno di Mameli, a certe condizioni? Peccato! Davvero un peccato! Ho avuto un bisnonno, che ha combattuto nelle �le del glorioso Esercito Italiano durante la Prima Guerra Mondiale ed è stato ferito a Caporetto: si chiamava Giuseppe Pascucci, detto il Dante!! Onore a lui e a tutti coloro che hanno combattutto per la libertà dell’Italia. Ho avuto un nonno: Lanfranco Pellegrini, che durante la Seconda Guerra Mondiale è stato impegnato come Carabiniere nella guerra d’Africa e che di ritorno è morto a soli 27 anni per un

ulcera perforarata allo stomaco. Mia nonna, rimasta vedova a soli 23 anni non si è mai risposata, ha lavorato sodo, senza che mai le venisse riconosciuta una pensione e con una �glia a carico di soli tre anni . Onore a lui e a tutti coloro che hanno combattuto per l’Italia, dall’una o dall’altra parte! Quel che non sopporto è l’ipocrisia! E’ il voler prelevare dalle tasche dei lavoratori italiani, con la scusa dell’Unità d’Italia, milioni e milioni di euro, che nulla hanno a che vedere con la festa o con la ricorrrenza. Nessuno ha voluto fare e vuol fare dell’Unità d’italia o del 17 marzo futuri, una ricorrenza da calendario. Ed allora? ‘Passata la festa gabbato lo Santo’! Fatta l’italia restano da fare ancora gli italiani. Con buona pace di Cavour e di Garibaldi.

MONTEFIASCONE - Un tombino pericolante transennato da settimane crea problemi alla viabilità

Esplode la protesta dei residenti di via Bastiglia “ Ormai da più settimane un tombino di ferro all’inizio di via Bastiglia è stato transennato, perché pericolante, senza che nessun operario del comune sia ancora intervenuto per la sistemazione”. È questa la protesta di alcuni cittadini residenti nella via; infatti oramai da una quindicina di giorni a causa dal’oscillazione un tombino dell’acqua è stato transennato dopo una segnalazione degli stessi residenti agli impiegati comunali. Ogni volta che una autovettura, o un passante, vi

transitava sopra si creavano preoccupanti oscillazioni dello stesso tombino. Dopo la segnalazione sono intervenuti prontamente gli operai che hanno messo in sicurezza l’area. Ma il tutto è rimasto così da oltre due settimane producendo notevoli disagi soprattutto alle auto ed ai numerosi camion che vi transitavo per il trasporto di materiali per i numerosi cantieri della zona. Speriamo che in tempi brevi i responsabili dell’Uf�cio Tecnico intervengano per far ritornare la viabilità alla sua normalità. (M.M.)

Paradiso: “All’interno del Pd non ci sono spaccature”

di MICHELE MARI

Non ci sono spaccature manifeste nel Pd”. Così esordisce Maurizio Paradiso, segretario del Pd locale, dopo le pesanti dichiarazioni di Ferdinando Fumagalli che vorrebbe organizzare una propria lista civica, dopo che il consiglio direttivo del partito aveva indicato Luciano Cimarello come candidato a sindaco. “Il partito -ha dichiarato Paradiso- ha fatto in piena democrazia la sua scelta. Così Luciano Cimarello ha avuto il mandato di costituire una lista civica che possa comprendere persone più quali�cate possibili. Lui sta lavorando in questo senso mentre il partito si sta invece concentrando sulle linee programmatiche da seguire. Si formerà un nucleo di esperti per redigere i programmi cercando di non ripetere gli aspetti negativi che si sono presentati nel corso dei quindici anni di amministrazione di centro sinistra. L’obiettivo primario è di creare una lista

civica allargata il più possibile. Con la nomina di Cimarello il partito -continua il segretario- ha fatto le sue precise scelte mentre solo successivamente si penserà al nucleo che parteciperà attivamente all’interno della lista”. Parlando della scelta di Fumagalli di fare una sua lista Paradiso aggiunge: “Lui stesso aveva chiesto questo tipo di votazioni, cioè interne al Pd; mentre Luciano Cimarello voleva direttamente le primarie. Ma per noi non ci sono problemi. Se vorrà Ferdinando, come da accordi, potrà far parte della squadra e della lista. Infatti, come noto, vi era e vi è un accordo che chiunque dei due candidati avesse prevalso l’altro lo avrebbe aiutato. Per il partito è valido ancora questo preciso compromesso. Infatti -conclude Maurizio Paradisocon queste votazioni si voleva indicare una �gura rappresentativa adatta anche alla formazione della lista. Per questo il discorso con Fumagalli, per quanto ci riguarda, non è assolutamente cambiato”.


interni provincia

2 10

Viterbo & AltoLazio

CIVITA CASTELLANA

CAPRANICA

Trasporti si fa il punto

La replica di Angeletti, della Destra, alle accuse sul ‘cambio di casacca’

‘Ai ragazzi della Giovane Italia forse serve un diger seltz’ di SIMONA TENENTINI

S

ulle polemiche dichiarazioni rilasciate dalla Giovane Italia riguardo il passaggio dei consiglieri comunali del Pdl a diversi schieramenti arrivano, puntuali, le repliche dei diretti interessati. Il primo a parlare è Edoardo Carrisi che dalla Destra è passato recentemente al Fli. Ecco le sue dichiarazioni: “Stare in una lista con il simbolo del PDL non vuol dire essere iscritti a quel partito (anche se in modo virtuale) cosa a cui il sottoscritto non ha mai aderito. Preciso che ho militato prima nelle sezioni del MSI poi nei circoli di AN, posti radicati nel territorio, non sullo schermo di un computer, cioè quei Partiti virtuali come colui

che lo rappresenta, cioè un partito che non esiste, perché decide solo Lui il “padrone” e coloro che gli sciamano intorno. Questo è il mio terzo mandato in seno all’amministrazione comunale, due di maggioranza e uno in minoranza, per ben tre volte i cittadini che hanno scritto il mio nome sulla scheda elettorale hanno dimostrato di aver �ducia nel mio operato, ma non perché stavo come “indipendente” nella lista del PDL ma perché hanno riposto la loro �ducia in me. Dunque se mi devo dimettere o no devono essere i cittadini a chiederlo non certo voi, che siete saliti sul carro dei vincitori come hanno fatto altri che nel 1999, �utando la vittoria, sono entrati in AN occupando posti che forse spettavano ad altri. Tutto questo anche con il bene placido di chi

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

allora rappresentava il partito. Per rappresentare i cittadini bisogna che uno prima ci metta la faccia, il nome e cognome e presentarsi al giudizio degli elettori, una volta visti i risultati ha il diritto di parlare, altrimenti parla solo in modo virtuale (come voi), come lo è il vostro partito. Concludo dicendo che il centro sinistra nel 2009 ha vinto le elezioni amministrative perché è riuscito a mettere insieme tute le anime della sinistra. Al contrario del centro destra che ha presentato ben sette liste con altrettanti candidati a sindaco. Risultato ha perso le elezioni. Questo avveniva ieri. Oggi alcuni iscritti a Giovane Italia (partito virtuale) appena entrati o fatti entrare in politica si permettono di criticare chi da ben tre mandati siede in consiglio comunale eletto dai cittadi-

VASANELLO

S

ni e non nominato dai partiti, se questo rappresenta il nuovo del PDL e GI sono sicuro che il centro sinistra locale andrà avanti per altri anni. Dunque anziché criticare abbiate il coraggio di essere propositivi e di discutere delle cose che ci uniscono anziché di quelle che ci dividono.” Più o meno sullo stesso tono, sono le dichiarazioni di Carlo Angeletti della Destra, che afferma: “I membri della Giovane Italia, anzichè criticare, dovrebbero spingere gli esponenti politici del Pdl a costruire una reale opposizione alla giunta

Angelelli, quella che, in realtà, stiamo portando avanti solo noi de La Destra.” “Forse sarebbe bene capire continua - che il nostro ‘nemico comune’ non sono gli altri partiti del centrodestra, con il quale anzi dovremmo portare avanti una battaglia compatta, ma la maggioranza di centrosinistra. Solo uniti potremmo �nalmente far crescere il nostro paese.” “Ai ragazzi della Giovane Italia - conclude Angeletti- che hanno mal digerito il nostro passaggio ad altri schieramenti, posso solo consigliare di prendere un bel diger-seltz”

i terrà oggi alle 16.00, nella sala consiliare del Comune di Capranica, il “L’area Tuscia Etruria” in cui si affronterà il tema delle infrastrutture del Lazio e, in particolare, della Tuscia. A questo scopo sarà trattato il nodo cruciale dell’importanza delle infrastrutture per il riequilibrio del territorio; la ferrovia Civitavecchia Capranica Orte, la Ferrovia Circumcimina. Come affermano gli organizzatori dell’incontro: “Il Viterbese deve cessare di essere l’estrema periferia della grande metropoli, ma connotarsi come asse strategico di comunicazione tra il Tirreno e l’Adriatico, dandosi come obiettivo il potenziamento del Porto di Civitavecchia e lo sviluppo dell’Interporto Centro Italia di Orte. Attraverso la realizzazione delle infrastrutture è possibile programmare lo sviluppo, che riteniamo imprescindibile dalla creazione politico istituzionale dell’Area Tuscia Etruria”.

FALERIA

Il Comune amplia l’ illuminazione L’assurda storia del comitato nelle zone periferiche del paese genitori per la mensa scolastica S L i moltiplicano le iniziative del Comune per tutelare la sicurezza dei cittadini. L’ultima, in ordine di tempo, è la delibera che dispone un ampliamento del servizio di pubblica illuminazione, soprattutto nelle zone periferiche e limitrofe al centro urbano. La misura è stata adottata anche in concomitanza con il ripetersi di innumerevoli episodi di furti e rapine in villa nell’intera zona. Tali spiacevoli episodi hanno fatto inevitabilmente salire

la tensione tra i residenti oltre ai giusti�cati timori per la propria incolumità. I fondi necessari per l’ampliamento del servizio di pubblica illuminazione sono stati reperiti da fondi di Bilancio. Si prevede altresì anche la partecipazione economica dei cittadini eventualmente interessati. Nei prossimi giorni quindi sarà avviato, a tal �ne, uno studio di fattibilità da parte dell’Uf�cio Tecnico comunale che sarà poi sottoposto all’approvazione della Giunta. (Sim.Ten.)

ORTE - Un’iniziativa del consiglio comunale dei Giovani

Sconti e agevolazioni con la Hortae card

I

l Consiglio comunale dei Giovani di Orte,in collaborazione con l’assessorato alle politiche giovanili e sociali, in un periodo dif�cile e di crisi come quello attuale, in cui il commercio vive momenti critici e fatica a rimettersi in moto, ha pensato di venire incontro alle esigenze dei venditori e dei consumatori, dando vita alla “Hortae Card”. Il progetto, sicuramente ambizioso, ha da un lato lo scopo di �delizzare i cittadini ortani al territorio, trovandovi beni a prezzi scontati e, dall’altro, far si che tutti i commercianti possano allargare il loro circuito di vendita. La “ Hortae Card “ è una carta personale e gratuita destinata a tutti i

ragazzi di età compresa tra i 14 ed i 25 anni e a tutti i “giovani d’animo” d’età superiore a 65 anni, stimati approssimativamente in 3000 unità. La tessera dà diritto a sconti e facilitazioni negli esercizi convenzionati e sarà recapitata per mezzo posta a tutti i cittadini destinatari

dell’iniziativa. In allegato vi sarà anche l’elenco completo delle attività aderenti al progetto e la relativa aliquota di sconto. Eventuali modi�che o integrazioni di esercenti aderenti sarà indicate sul sito uf�ciale del comune di Orte www.comune.orte.vt.it (Sim.Ten.)

a situazione del plesso scolastico di Calcata e Faleria vive una situazione ai limiti del paradossale. L’ultimo episodio di questa ‘farsa del surreale’ è stata, nei giorni scorsi, l’istituzione dei Comitati Mensa che, in teoria, avrebbero la funzione di controllare e valutare ciò che mangiano i bambini a scuola. Tralasciando il fatto che questo provvedimento così tempestivo arriva dopo ben cinque mesi che è iniziato l’anno scolastico, ed inoltre dopo numerose insistenze da parte dei genitori, un cenno particolare va sicuramente alle modalità con le quali il servizio è stato organizzato. A Calcata sono state selezionate, non si sa da chi e non si sa con quale criterio, due mamme per far parte del comitato mensa. Da sottolineare che, nessuna di queste due signore ha chiesto, in nessun momento, di far parte del comitato, ed infatti, come prevedibile, non potranno svolgere, per motivi personali e oggettivi, il compito che si sono viste attribuire. Inoltre, nella circolare inviata dal dirigente scolastico, viene specificato che, i componenti del comitato potranno accedere nei locali della scuola, solo dopo aver preso accordi “con la docente fiduciaria del plesso” ed, esclusivamente, in determinati giorni prestabiliti. Insomma è previsto un controllo sulla scuola, ma, ed è qui l’assurdo, solo con

modalità stabilite dalla scuola stessa. Per completare il quadro della scuola di Calcata è interessante aggiungere che, saltuariamente, vengono somministrati wurstel e patatine, in barba a qualsiasi principio di alimentazione corretta, perdipiù in stoviglie di plastica che, ogni giorno, vanno ad incrementare i livelli di rifiuti non riciclabili. Anche nella scuola di Faleria si assiste, più o meno, alla medesima modalità per il ‘reclutamento’ dei membri del comitato mensa, con l’unica differenza che, in fase di controllo, è prevista, obbligatoriamente, anche la presenza di un rappresentan-

te del Comune. Il risultato è che, se nei giorni predisposti questi è assente, salta il ‘controllo’ settimanale nella scuola. Si fa presto a tirare le somme di una simile situazione: una commissione mensa non dovrebbe forse agire indipendentemente ed a proprio giudizio, stabilendo, senza alcun preavviso, i momenti in cui effettuare il controllo? Altrimenti.... che razza di controllo è? Forse, come ha commentato un residente di Faleria: “Vista l’inerzia generale di enti ed istituzioni, questa è proprio la situazione che meritiamo per i nostri figli”. (S.T.)


Venerdì 18 Marzo 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

litorale Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 11

TARQUINIA

Al consiglio dell’Agraria tutti contro tutti di DILETTA ALESSANDRELLI

U

n singolare Consiglio dell’Università Agraria, quello riunitosi il trascorso mercoledì 16 marzo, presso la sala consiliare del Comune di Tarquinia, molti i punti all’ ordine del giorno e molte le anomalie emerse. Durante la discussione dei punti 3 e 4 all’ ordine del giorno: la mozione sulla contrarietà dell’ Ente alla realizzazione di un impianto di smaltimento di ri�uti ad Allumiere e la mozione sulla salvaguardia della Riserva delle Saline, non sono mancate polemiche apertamente messe sul tavolo dai consiglieri durante gli interventi, ma anche taciute e poi palesate nel voto. Invitato dal Presidente Antonelli è intervenuto alla seduta consiliare il presidente dell’ Università Agraria di Allumiere Aldo Frezza, che, dopo una presentazione della mozione da parte di Antonelli, si è speso in un lungo quanto ridondante intervento in merito all’ inopportunità della realizzazione di una discarica sul territorio di Allumiere.

Diversi sono stati gli interventi dei consiglieri di maggioranza che, contrariamente alle dichiarazioni d’intenti, hanno dato alla mozione un taglio piuttosto politico, questo nonostante le riserve precedentemente espresse dal Presidente Antonelli che, in apertura al punto, ha fatto notare come il Consiglio Regionale abbia espresso anch’esso contrarietà alla realizzazione della discarica in oggetto. La capogruppo del Pdl, Anna Rita De Alessandris nel

suo intervento ha chiesto il ritiro della mozione, in quanto venuto meno l’oggetto della stessa. Il Consiglio Regionale, infatti, il 2 marzo ha votato una mozione che esclude la possibilità della realizzazione di una discarica ad Allumiere, per di più la Governatrice Renata Polverini ha più volte ribadito che l’ipotesi di un impianto di smaltimento di ri�uti su quel territorio sarebbe stata la meno percorribile e un sito per la sostituzione

della discarica di Malagrotta è già stato individuato ai Monti dell’Ortaccio, località che si trova tra Magliana e Boccea, una cava di proprietà dell’ avvocato Cerroni. All’ intervento della capogruppo del Pdl è seguito quello del consigliere Catini che ha sconfessato la posizione assunta dalla De Alessandris, chiedendo di allegare alla mozione la deliberazione della Giunta Regionale in senso rafforzativo della mozione stessa. L’accaduto sembra aver causato diversi malumori in casa Pdl, la De Alessandris, forte di una collaborazione e di un confronto con il Consigliere Regionale On. Chiara Colosimo, la quale si è molto dedicata alla questione sottopostale dalla capogruppo del Pdl, non ha voluto cedere alle pressioni del consigliere Catini. Il Pdl ha dunque votato diviso, Catini e Gambetti favorevoli alla mozione presentata dal Presidente Antonelli, De Alessandris e Crescia contrarie. Una ulteriore spaccatura nel Pdl si è veri�cata in seno alla votazione sulla mozione per la salvaguardia della Riserva delle Saline presentata dal consigliere Gambetti, che ha tralascia-

to di consultare il proprio gruppo consiliare in merito all’ opportunità della mozione. Molti dei suoi colleghi, eccetto Catini, ritenevano la questione non di competenza dell’Università Agraria. Si vocifera che molti dei consiglieri Pdl assenti alla seduta, abbiano deciso di non prendervi parte proprio per astenersi dal votare la mozione presentata dal collega, evitando confronti imbarazzanti. La mozione infatti, data l’incompetenza dell’ Ente di via Garibaldi, non avrà altra valenza che quella di semplice atto di solidarietà rispetto alla situazione di degrado in cui si trova la riserva delle Saline. Di nuovo il Pdl ha votato spaccato, Anna Rita De Alessandris e Livia Crescia si sono astenute alla votazione sulla mozione presentata da Alessio Gambetti.

L’ultimo punto all’ ordine del giorno riguardava la proposta di riordino degli enti agrari del Lazio. Il Presidente Antonelli si è speso in parole di plauso nei confronti dell’ assessore Regionale agli Enti Locali Cangemi e della sua iniziativa legislativa, pur riservandosi di porre delle questioni di indirizzo per la correzione della bozza inviata dall’ assessore; la quantità delle fasce di utenza per la determinazione del numero dei consiglieri, l’ incompatibilità tra cariche amministrative al Comune e quelle all’Università Agraria, la riforma dello statuto,la votazione del bilancio, il sistema elettorale e molti altri temi che presto torneranno a creare opinione sulle testate locali in vista della discussione e dell’ approvazione del testo proposto dall’ assessore Cangemi.

MONTALTO - Il consigliere comunale Fabiola Talenti (Pdl) ritorna sulla questione TARQUINIA - I dati relativi alla qualità dell’aria eccedono i parametri

“Ribadisco il No al nucleare!” Centraline, valori superiori alla norma R I iceviamo e pubblichiamo da Fabiola Talenti. “Nel 1972 a Montalto si pose la prima pietra della centrale nucleare, poi bloccata grazie ad un referendum nazionale, oggi bisogna chiamare all’impegno etico-morale le famiglie e tutti i cittadini, af�nché blocchino il devastante progetto del nucleare a Montalto come in ogni altra parte di Italia. Invito tutti ad una grande mobilitazione: votare al prossimo referendum contro la scelta del nucleare è garantire un futuro migliore, per le nuove generazioni. Oggi è la centrale di Fukushima a confermare ulteriormente le nostre giuste paure e a smascherare i “signori della morte”. I cittadini di questo territorio e tutti gli Italiani devono confermare il no deciso al nucleare espresso nel precedente referendum del 1987”. Questo l’appello lanciato dal consigliere comunale (Pdl) Fabiola Talenti che interviene nuovamente sul tema: “Nel 1986 la fuga radioattiva nella centrale nucleare di Chernobyl oggi il terrore di un’altra imponente fuga radioattiva dalla centrale giapponese di Fukushima, mette di nuovo l’accento sugli effetti devastanti per l’uomo e per l’ambiente di questa scellerata scelta energetica. Non avevamo quindi urlato alla luna quando ci opponem-

mo con forza all’installazione del nucleare a Montalto. Immaginate la situazione giapponese traslata alle nostre latitudini: se avessimo costruito una centrale nucleare a Montalto e vi fossero problemi di fughe radioattive, immaginate gli effetti e le ricadute anche sulla capitale, che dista soli 100 Km”. “Ma per sfatare alcuni luoghi comuni mettiamo in evi-

denza i motivi per cui ri�utare il nucleare: Non è sicuro per l’uomo, i fatti lo dimostrano; non è un’energia rinnovabile, ma esauribile, quindi al pari del petrolio. Se il referendum darà esito positivo, dette centrali entreranno in funzione tra 25 anni, quando le tecnologie reputeranno obsoleta la scelta a favore di altre soluzioni. Una centrale nucleare crea posti di lavoro assai inferiori a quanti richiesti dal settore delle energie rinnovabili; il nucleare produce dei gas serra

superiori a qualsiasi altra tipologia di centrale; il nucleare spreca una risorsa preziosa: l’acqua. Per il sistema di raffreddamento preleverebbe dal nostro mare ingenti quantità di acqua, rigettandoli poi in acqua a temperature superiori, creando inquinamento termico, e la proliferazione di germi, causa di patologie (vedi quanto successo già in Francia); Il nucleare rende l’Italia dipendente comunque energeticamente dalla Francia e dai giacimenti di uranio africani. Il nucleare è più caro, considerate anche lo smantellamento e lo stoccaggio delle scorie radioattive, che ad oggi non hanno ancora un sito sicuro per sempre(Tozzi) e i suoi ri�uti sono insostenibili per il nostro pianeta. Il nucleare è vulnerabile, in caso di attentati, di guerra è una bomba ad orologeria e che dire degli errori umani e degli eventi naturali devastanti? Il nucleare può distruggere ogni fonte di vita ed anche qualora non vi fossero fughe radioattive esiste una naturale dispersione radioattiva intorno ad una centrale deleteria per gli abitanti. Dobbiamo quindi puntare sulle rinnovabili, andare avanti con queste tecnologie e non andare indietro scegliendo il nucleare, chiamandolo erroneamente progresso. Fukushima dimostra che l’uomo è niente davanti alla forza della natura, usiamo questa forza e rinunciamo all’autodistruzione”.

l 14 marzo la rete di rilevamento della qualità dell’aria ha rilevato superamenti nei valori di PM10 nelle stazioni di Tarquinia, Monte Romano, Sant’Agostino, Fiumaretta, Faro, Aurelia, Campo dell’Oro, S.Gordiano e Santa Severa, con conseguente indice sintetico scadente su tutte le stazioni, eccezione fatta per quelle di Allumiere e Tolfa. Tali dati sono perfetta-

mente in linea con quelli rilevati dalle centraline Arpa Lazio, che hanno registrato il superamento del limite dei PM1O al Parco della resistenza e valori nella norma ad Allumiere. l superamenti si sono propagati da Santa Severa a Tarquinia e Monte Romano, coerentemente con il regime di vento registrato (venti medi di 10 nodi da Sse) ed hanno interessato esclusivamente i dati dei PM10,

senza causare incrementi nei valori dei PM2,5 né sforamenti degli altri inquinanti monitorati. Nonostante questo, è stato immediatamente richiesta all’Arpa Lazio la valutazione di quanto rilevato alla luce dei dati registrati dall’intera rete regionale e dei dati meteorologici più speci�ci in loro possesso, per meglio comprendere le dinamiche del fenomeno.


interni civitavecchia

2 12

Viterbo & AltoLazio

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

Festante cerimonia presso il Piazzale della Repubblica

Italia, una ed indivisibile di PIETRO COZZOLINO

La nostra Nazione è e deve rimanere assolutamente indivisibile!”.

Potrebbe idealmente ritrovarsi tutto in tale incitamento dell’Assessore alla Cultura ed all’Istruzione, Gino Vinaccia (nella foto), il senso vero della celebrazione del 150° anniversario

dell’Unità d’Italia, svoltasi ieri, a partire dalle 12.00, presso un Piazzale della Repubblica, purtroppo gremito più d’auto in sosta vietata che di concittadini. Ciò, altresì nel riprendere le parole pronunciate dal Presidente, Giorgio Napolitano: “Se l’Italia fosse rimasta divisa in otto, diversi Stati, la storia ci avrebbe spazzato via”. Una storia, invece, quella che i nostri eroi hanno contribuito a valorosamente comporre, che si presenta densa di grandi valori e sacrifici profusi in onore degli stessi, da continuare a far propri o riscoprire in una veste di rinnovato vigore. “Valori insiti nella Costituzione - ha continuato Vinaccia - ed attorno ai quali è necessario, lo ribadiamo quest’oggi, restare

saldamente uniti”. E poi, rivolgendosi a coloro che hanno la fortuna d’esser genitori: “Aiutate i vostri bambini, che so esser curiosi in tal senso, a studiare, o ripassare, il periodo più bello della nostra vita, ossia il Risorgimento, sì da mantenere viva la memoria storica - è stato il sentito invito - perchè solo se il Paese rimarrà unito e coeso come è ora, potremmo affrontare, e vincere, tutte le sfide che ci attendono”. Banda musicale e solenne alzabandiera, hanno fatto l’assai gradito resto. Quanto detto, nonostante il mancato arrivo in Stazione del preannunciato “treno tricolore” nonchè l’irrispettosa assenza di tante, troppe figure istituzionali locali. Viva l’Italia Unita! Ora, per sempre; e comunque.

Danno e beffa ‘tricolore’ in pieno centro I commercianti abusivi vendono anche le bandiere italiane

D

ella serie: a Civitavecchia continuiamo a non farci mancare proprio niente (salvo, in certi casi, la legalità). Nonostante i nostri ripetuti (quanto dettagliati) articoli a riguardo e, nella specifica occasione, il grande dispiegamento di Forze dell’Ordine in zona (datasi la concomitante Festa Nazionale), la bella giornata di ieri non ha infatti mancato d’esser “macchiata” (ma “insozzata” è termine decisamente più appropriato, vista la grave offesa nuovamente recataci) dall’abusivo esercitare, in pieno centro cittadino, di diversi extracomunitari. Ciò, tanto per cambiare e per bastarda ironia della sorte, proprio lungo il Viale dedicato al nostro “Eroe dei

due Mondi” (leggasi Giuseppe Garibaldi). Ed al danno perpetrato ai commercianti regolari (quelli, per meglio

intenderci, che pagano la Tassa d’occupazione del suolo pubblico e quant’altro), ecco aggiungersi una

particolare, particolarissima beffa. Gli irregolari (magari anche clandestini, chissà) di cui sopra hanno difatti tenuto esposte alla vendita (nei tempi, nei modi nonchè negli spazi loro più confacenti) moltissime bandiere verde-bianco-rosso di diverse dimensioni. Il tutto, altresì indossando un capellino di uno sgargiante color azzurro. Quanto detto, in più ad ironico quanto palese sfottò nei confronti di tutti coloro che, in città, permettono tuttora (a quale “pro”, prima o poi, si scoprirà...) di far godere, inoltre ai “caporali” dei medesimi, un privilegio che, diciamocelo francamente, risulta esser tutto italiano. Danno e beffa, insomma. Ma che sia “tricolore”! (CoPi)

Aria di possibile sfiducia nelle parole dei consiglieri Udc

Gianni Moscherini sindaco ‘pro tempore’?

Le casette di legno, scelta discutibile ormai adottata, sono completate? Ci si sta lavorando da quasi quattro anni; mentre si tratta di prefabbricati che si preparano in tre giorni. Il disagio di numerose famiglie intanto aumenta. Non è che de�nendole pronte, ci hanno detto una bugia? L’orologio della Marina è stato ricaricato? I lavori, ben pagati, avrebbero dovuto esser completati l’anno scorso ed essere interrotti per pochi giorni. Che si sia fermato pure quello del Sovrintendente? Dopo la “conferenza stampa risolutrice”, quelli al mercato sono iniziati? Non saranno state mica altre bugie?”. Queste, le domande, a tratti ironiche nonché dichiaratamente intrise di dubbi, rivolte dai Consiglieri comunali UdC, Mirko Cerrone e Mirko Mecozzi, al Sindaco, Gianni Moscherini (nell’occasione de�nito “pro tempore”, con tanto di sottolineatura) ed all’Assessore all’Urbanistica, Mauro Nunzi. “E ne avremmo qualche altra decina; ma abbiamo paura delle risposte” - rincarano. E ricordando di aver accordato, “per l’ennesima volta”, la �ducia al medesimo Primo cittadino: “Comunque, sono passate due settimane e, come ampiamente previsto, nulla di risolto. Anzi, la situazione si è aggravata con la questione di Largo Mons D’Ardia, dove un progetto sciagurato si è trasformato nell’ennesimo incubo per i cittadini. Ciò, con delle prese di posizione che avrebbero abbondantemente superato il limite del comico, se non ci fosse in ballo la pelle di questi ultimi”. In�ne: “Ci fermiamo qui, ma non va bene; non va bene per niente”. Aria di possibile s�ducia? (PiCo)

S. Gordiano e Boccelle

Carnevale in periferia Ci pensa il comitato di quartiere

C

ome preannunciato, si è tenuta di recente, presso il locale “Marienplatz”, la prima iniziativa a �rma del neonato Comitato “San Gordiano-Boccelle”. Nell’occasione, si è trattato di una festa di Carnevale per bambini, costituente un felice momento di socializzazione per numerose famiglie. “Abbiamo voluto dedicare la stessa ai bambini dei nostri quartieri perché è soprattutto a loro che pensiamo quando ci poniamo il problema della vivibilità in città - ha dichiarato il Presidente, Alessandro Cascioni - ed iniziare con un qualcosa di carnevalesco in quanto, purtroppo, tale momento di svago non ha toccato le periferie. E così ci siamo auto-organizzati. Le nostre prossime iniziative - preannuncia poi - saranno dunque centrate sulla qualità della vita, tema che costituisce la ragion d’essere del nostro Comitato”. A questo scopo, entro �ne mese i Soci del suddetto si incontreranno per discutere dei problemi relativi a manto stradale, manutenzione del verde pubblico ed acqua. (pc)

ANGUILLARA - Riconoscere la Fonte Mola Antica come sorgente minerale

Emergenza idrica, il Comune si muove di SARAH PANATTA

L

a Fonte Mola Antica è stata �no a qualche tempo fa risorsa di approvvigionamento d’acqua molto importante e apprezzata dai cittadini di Anguillara Sabazia, prima della sua chiusura nel 2009. Ecco cosa ha riposto l’Assessore all’Ambiente Andrea Piccioni riguardo le possibilità di riapertura della Fonte. Perché la fonte Antica Mola è stata chiusa? “La Fonte venne chiusa dalla precedente Amministrazione su ordine dell’Asl RMF, poiché essendo acqua potabile di uso pubblico conteneva al suo interno alte concentrazioni di elementi come arsenico, �uoruro e manganese”. A seguito dei rilievi del tecnico de “La Sapienza” da Voi incaricato è stato messo a punto un progetto per un impianto di “ozonizzazione” per risolvere gli alti livelli di arsenico e �uoruri, che �ne ha fatto?

“Tale progetto fu da me inviato unitamente alla richiesta di �nanziamento all’Assessorato all’Ambiente della Regione Lazio, diretto allora dall’Ass. Zaratti, il quale fece del proprio meglio inviandoci una prima somma di € 130.000,00. Nel frattempo, essendo insuf�ciente tale somma, abbiamo richiesto ulteriore contributo di € 220.000,00, poiché il primo �nanziamento non era idoneo a sostenere l’opera”. Avete richiesto intanto di far riconoscere la Fonte come sorgente minerale. Che cosa comporterebbe il riconoscimento e si concilierebbe con l’eventuale impianto suddetto? “Sì, effettivamente abbiamo ripreso un vecchio progetto richiesto dall’allora Sindaco Bianchini, che prevedeva il riconoscimento della Fonte della Mola Antica quale sorgente minerale. La normativa relativa alle acque minerali è meno af�ittiva di quella sulle acque potabili ed in caso di riconoscimento verrebbe meno l’esigenza di un impianto di depurazione dell’acqua”.

I cittadini muniti di tessera, per usufruire dell’acqua della fonte dal 2009, verranno rimborsati, o potranno usufruire gratuitamente di una nuova tessera? “Ho più volte comunicato ai cittadini che al momento della riapertura della Fonte coloro che erano in possesso della tessera nel 2009 bene�ceranno di una tessera gratuita”. Al di là del riutilizzo della Fonte, Anguillara come sta affrontando il problema dell’arsenico a livello pratico? “Stiamo �nendo gli interventi nelle zone periferiche, Colle sabazio e Ponton dell’Elce, ove sono state apposte delle fontanelle di acqua potabile vista l’ordinanza di non potabilità emessa dal Sindaco f.f. Abbiamo trovato un accordo con Acea ATO2 per l’aumento della concessione di acqua potabile proveniente dal Peschiera, che ha abbattuto i valori del pozzo più grande, il Montano. In�ne nuove fontanelle saranno apposte vicino alle case popolari”.


SPORT

RUGBY - Sei Nazioni

Un tricolore vivente da Orte al Flaminio

di Alessandro URSINI servizio a pagina 19

TENNIS - Serie C maschile

Trasferta romana per il Tc Viterbo di Glauco ANTONIACCI

servizio a pagina 20

Edizione del 18 Marzo 2011

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

BASKET SERIE C

“Troppe critiche intorno a questa squadra”

Coach Cipriani parla del momento della Belli CGT che dovrà rinunciare definitivamente a Marangoni di GLAUCO ANTONIACCI

U

na giornata libera dopo due test amichevoli. In casa Belli CGT la marcia verso il match di domenica contro il Velester si è interrotta ieri, giornata festiva, ma riprenderà regolarmente oggi con gli ultimi allenamenti prima di scendere in campo. Martedì e mercoledì il gruppo di coach Cipriani, senza Marangoni la cui assenza è diventata ormai de�nitiva (l’ala riminese dovrà operarsi di ernia del disco e non rientrerà in campo), ha affrontato in amichevole prima Contigliano, poi la Luiss; due test per continuare quel processo di crescita sulla strada verso i playoff dopo la scon�tta esterna con la capolista Petriana: “La nostra squadra sta ancora una volta cambiando pelle - commenta il tecnico - proprio quando avevano trovato l’assetto de�nitivo abbiamo perso un pezzo che avrebbe dovuto essere importante importante come Marangoni e dovremo trovare nuovi equilibri. Contro Petriana siamo rimasti in partita �no alla �ne, pur se di fronte c’era la capolista e una squadra che gioca insieme dall’inizio dell’anno”.

Coach Fausto Cipriani

BASKET A2 DONNE

“Mi sembra che ci sia molta acrimonia nei confronti di questa squadra - prosegue Cipriani - le altre squadre sono sempre brave mentre a noi toccano solo le critiche. Noi non siamo i favoriti numero uno, siamo tra le squadre migliori ma ci sono tanti team che hanno giocatori di alto livello e che spendono tanto. Mi pare che si facciano troppi drammi intorno a questa squadra, che venga messa sempre nell’occhio del ciclone e che ci sia una pressione eccessiva. Vorrei ricordare che la società è nata da pochissimi anni (questo è il quarto) e s�do chiunque a trovare realtà che, in così poco tempo, abbiano saputo creare questo tipo di interesse. C’è grande voglia da parte dei dirigenti, si stanno costruendo molte situazioni, un progetto di collaborazione con le scuole e con altre società della provincia, c’è insomma tanta buona volontà anche se non c’è una storia consolidata alle spalle come da altre parti e io ritengo che questa dirigenza meriti di vedersi riconosciuti gli sforzi che sta compiendo pur tra mille dif�coltà. Noi comunque andiamo avanti un passo alla volta, faremo i playoff e poi vedremo cosa succederà”.

BASKET ASCSA UISP - Stasera gara due di semifinale

Secondo atto del derby tra Olimpia e OVM S i sono affrontate tre volte nel corso della stagione e lo scarto totale dei tre incontri è stato di dodici punti, quattro di media. Se si esclude il 6254 per l’Olimpia nel primo ‘faccia a faccia’, gli altri due match sono terminati sempre con due punti di distacco (59-57 Olimpia e 6765 OVM), a testimonianza dell’equilibrio che esiste tra i due team, indipendentemente da chi scenda in campo. Stasera saranno nuovamente di fronte, per una gara che, in casa Olimpia, suona già come un’ultima spiaggia: i due team viterbesi che partecipano al campionato Ascsa Uisp stanno dando vita alla serie di semifinale, al meglio delle tre partite, e l’OVM ha vinto il primo in-

BASKET D - I biancorossi pronti a scendere in campo nell’anticipo odierno

Cadono Siena e Napoli La Defensor resta in corsa per l’ottava posizione Assenti Fatiganti, Migliorati e Giovanni Cardoni

A

ltro che playoff compromessi; la Defensor è ancora perfettamente in corsa per l’ottava posizione grazie ai ‘regali’ ricevuti nel giorno della scon�tta contro la capolista Termocarispe La Spezia. Mentre infatti le gialloblù perdevano contro la prima della classe, chi avrebbe dovuto appro�ttarne cadeva senza appello, per di più in casa, e trasformava l’amarezza per la scon�tta in un mezzo sorriso. Nessuno avrebbe immaginato di dover commentare la scon�tta casalinga di Siena contro College Italia, trascinato dalle scatenate sorelle Dotto. Le senesi sembravano aver raddrizzato la stagione con i successi contro Napoli e Firenze ma, proprio quando dovevano raccogliere i frutti del loro risveglio, sono cadute rovinosamente ed ora hanno davanti un trittico durissimo (trasferta a Chieti, Orvieto in casa e Ragusa fuori). La dodicesima di ritorno ha però detto un’altra cosa: l’ottavo posto se lo giocheranno Viterbo e Siena perchè Napoli, smaltita la sbornia per la vittoria del PalaMalè, le ha prese in casa da Alcamo ed è rimasta a -4 come Pomezia, crollata nel �nale a Ragusa. Buone notizie per la Defensor che, se domani espugnerà il cmapo di College Italia, tornerà ad essere la favorita numero uno per i playoff.

Santa Rosa all’esame Polaris L

a scorsa settimana era stato il Santa Rosa a scendere in campo, nella mattinata di domenica, conoscendo già il risultato della capolista Ostia Sharks, impegnata sabato sera. Questa volta accadrà il contrario, dal momento che i biancorossi saranno in campo già questa sera alle 20,30 per l’anticipo contro Polaris mentre il quintetto tirrenico giocherà domani in casa contro Colle�orito. Storie e destini che si incrociano, mettendo in palio la promozione diretta in serie C oppure il vantaggio del fattore campo nei playoff; una bella differenza tra chi potrà darsi subito ai festeggiamenti e chi dovrà ripartire praticamente da zero, trovandosi davanti sette squadre tutte agguerrite e competitive. La via che porta al primo posto, per il Santa Rosa, passa senza discussioni attraverso un �lotto di successi:mancano cinque partite e sono cinque gare da vincere (in realtà quella con Ladispoli è già 20-0 a tavolino), sperando che gli Sharks perdano qualche colpo dopo

un girone di ritorno condotto senza errori, con dieci vittorie di �la. Allora sotto con la prima avversaria, il Polaris, decimo in classi�ca ma pienamente in corsa per i playoff; all’andata ci fu la vittoria dei viterbesi ma con un margine ridotto (58-52) e con qualche patema di troppo nel �nale. Più che logico attendersi una s�da molto serrata, così come è più che logico che il Santa Rosa dovrà fare di tutto per vincerla: “Secondo me

questo turno è il crocevia del campionato - commenta coach Tedeschi (nella foto) - perchè se noi dovessimo perdere e Ostia vincesse con Colle�orito, �niremmo a -6 con quattro gare da giocare e sarebbe impossibile recuperare. Dobbiamo dare atto agli Sharks che hanno vinto tutti i match del girone di ritorno, noi invece abbiamo perso due gare e sono proprio i quattro punti di distacco che abbiamo in classi�ca. Per ora loro stanno meritando il primo posto ma da parte nostra c’è la voglia di continuare a crederci �no alla �ne”. La trasferta con Polaris verrà affrontata con qualche defezione pesante: “Ci mancheranno Fatiganti, Migliorati e Giovanni Cardoni - conferma Tedeschi - così in questi giorni ho provato anche Corbucci e Graziotti come numeri quattro, una scelta dettata anche dalla volontà di dare minuti di riposo in partita ai nostri due lunghi titolari, Sensini e La Torre. Gli avversari non sono altissimi, quindi si potrebbe anche usare questa soluzione con un quintetto più basso e veloce senza soffrire troppo”. (GA)

contro. Questo significa che Michelini e compagni hanno a disposizione due match point per accedere in finale, ripetendo il risultato della passata stagione, mentre l’Olimpia deve vincere due volte, ribaltando il fattore campo, per arrivare all’atto conclusivo del campionato. Basterebbe questo per capire l’attesa che c’è sul match di stasera, ma in realtà ci sarà molto di più: come tutti i derby che si rispettino, c’è una sfida nella sfida tra giocatori cresciuti nelle stesse società, ex compagni di squadra o ex avversari in mille partite, storie di simpatie o antipatie reciproche che daranno vita, c’è da scommetterci, ad una lotta serrata in campo. Gara uno è stata decisa dalla grande carica dell’OVM, più aggressiva e determinata sia in attacco che in difesa, ma anche dalle scarse percentuali nel tiro dalla distanza dell’Olimpia che ha così perso uno dei suoi punti di forza. La squadra blu-arancio è andata avanti un po’ a strappi, non riuscendo a trovare grossa continuità in attacco e pagando alcune amnesie difensive al momento cruciale del match, quando era riuscita a sorpassare gli avversari a meno di un minuto dalla fine facendosi poi nuovamente sorpassare. Alle 21,30 alla Palestra Civitas di Viterbo andrà dunque in scena il secondo atto di una sfida che ha tutte le carte in regola per continuare a regalare emozioni fino alla fine. Nella parte bassa del tabellone playoff attendono di fare il loro esordio Manciano e Soriano Virus, la novità toscana contro i campioni in carica cimini, arrivati in semifinale sconfiggendo nei quarti, rispettivamente, San Lorenzo Nuovo e Civitavecchia. Anche per questi due team una serie al meglio delle tre gare e il desiderio di coltivare un sogno che porta dritti alle finali nazionali Uisp. (GA)


� �

interni sport SPORT

2 14

Viterbo & AltoLazio

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

CALCIO SERIE D

Viterbese e Flaminia alle prove generali Ieri due amichevoli in vista delle sfide di domenica contro Astrea e Scandicci di EMANUELE FARAGLIA

U

n test più complicato del previsto. Questa la sensazione avuta ieri mattina durante l’amichevole tra Viterbese e Corchiano Gallese. Incontro utile a mister Sergio per capire le condizioni della truppa a 48 ore dalla trsaferta con l’Astrea, una gara che si spera possa rappresentare un ulteriore momento di crescita e compattezza dopo la vittoria sull’Arzachena. Per quanto riguarda l’amichevole è rimasto fermo il giovane Lentini, alle prese con una fastidioso mal di schiena, mentre Vincenzo Palumbo ha lasciato ben presto il match a causa di un problema al polpaccio. Oggi le condizioni dei due dovranno essere valutate. Squali�cato Testa, in porta è andato ovviamente il francesce Grandclement, difesa af�data ai soliti Scoppetta e Ciafrei, con i due Esposito sugli esterni. In

Francesco Marigliano mezzo al campo si rivede Gay che ha scontato la squali�ca e dovrebbe dunque tornare in cabina di regia, al suo �anco Sbaccanti e Zagarella. Davanti spazio a Palumbo, �nché ha potuto, Federici e Scerrati. Si diceva test più complicato del previsto tant’è che il primo a far venire i brividi è Pieri che

VIVIANI CONVOCATO NELL’U19 Dopo aver disputato l’andata della �nale di Tim Cup Primavera pareggiata 1 a 1 con la Fiorentina il giovane Federico Viviani, classe ‘92 in forze alla Roma, sarà tra i protagonisti dell’amichevole che l’Italia Under 19 disputerà al Rocchi giovedì 24 marzo, ore 11, contro i pari età dell’Olanda. Un appuntamento imperdibile per gli appassionati della Tuscia.

coglie una traversa con un bel gesto atletico che sorprende la retroguardia gialloblù. Il risultato viene comunque sbloccato nella ripresa da Marigliano, autore di un tiro particolarmente angolato da fuori area. Il raddoppio porta la �rma di Veroli ben servito da Bordacconi che di tacco impreziosisce il cross di Mezzotero. La terza ed ultima rete viene realizzata da Di Matera con una conclusione all’interno dell’area di rigore. Diversi i cambi effettuati da mister Sergio nella seconda frazione di gara con una Viterbese composta da Testa, Fapperdue, Cadeddu, Marinelli, Marigliano, Zagarella, Corral, Mezzotero, Bordacconi e Veroli. Oggi classica seduta al Rocchi, domani mattina la ri�nitura prima del match da vincere a tutti i costi con l’Astrea. QUI FLAMINIA La notizia buona è che mister Rossi ha l’organico praticamente al completo a sua disposizione, quella cattiva è che più che

guardare in alto conviene raccimolare il possibile per salvarsi. Ieri la Flaminia ha superato 5-0 la Virtus Cimini in un’amichevole che ha consentito al tecnico di appurare le condizioni dei suoi ragazzi. Stefani, Rossi e Menichini sono andati a segno e le indicazioni sono state buone: “Sono scesi in campo tutti i giocatori a disposizione, tranne Farrugia fermato dall’in�uenza e Pieri che sente ancora dolore al ginocchio. Lo stato d’animo generale è da un lato sereno, dall’altro determinato a fare bene. Non possiamo sbagliare. Ci servono punti per guadagnare terreno sulle inseguitrici. Dobbiamo fare un passo importante per la tranquillità, anche sperando nel campo, un campo in cui torno dopo diverse settimane”. Data la squali�ca di Lazzarini mister Rossi dovrà ridisegnare il suo scacchiere, in ballottaggio c’è anche il pari età Lunghi che dopo aver saltato la gara di domenica sembra recuperato dall’infortunio: “Non so, anche lui è da valutare, ora sta meglio”. Il ricordo ovviamente va a quella gara d’andata che segnò il suo esordio sulla panchina e non fu festeggiato a dovere: “Perdemmo 2 a 0, fu una gara particolare, ero arrivato mercoledì e c’era un po’ di smarrimento. Ma i ragazzi non giocarono male e lo Scandicci si dimostrò una buona squadra, più di quanto non sia riuscita a confermare nel corso della stagione”. In�ne una considerazione tanto amara quanto realistica: “Abbiamo perso troppi punti per strada, rovinando quanto di buono fatto nella prima parte di stagione. Ora pernsiamo a fare i punti per salvarci, poi si vedrà”.

PROMOZIONE - A tu per tu con il centrocampista del Montefiascone Daniele Nobili

“Siamo ancora in piena corsa” di GIANLUCA NATOLI

T

ra rimpianti e speranze, il Monte�ascone è costretto a guardare avanti, preparandosi al delicato impegno casalingo di dopodomani contro il Real Monteverde. Una partita che dovrà riscattare il mezzo passo falso della scorsa giornata, dove la squadra allenata da Daniele Antolovic non è riuscita a raccogliere niente più di un risicato punticino. Un pareggio che va stretto, e che permette alla capolista Ladispoli di allungare a cinque lunghezze il distacco dalla diretta inseguitrice. La seconda in classi�ca comunque, il Monte�ascone appunto, a rassegnarci non ci pensa nemmeno: “Siamo ancora in corsa per vincere il campionato - dichiara il centrocampista Daniele Nobili - purtroppo domenica abbiamo buttato via due punti, complice anche una serie di episodi sfortunati che ci hanno impedito di trovare il gol. Non abbiamo concretizzato

Daniele Nobili quanto creato lì davanti, e questo ci rammarica, perché ci siamo allontanati dal Ladispoli. Ma…nulla è perduto, e ce la possiamo ancora fare ad agganciarli! Se faremo il nostro dovere di qui alla �ne, vincendo tutte le partite, allora ne potremo vedere delle belle”. E quando si insegue, del resto,

è importante conoscere bene le debolezze dell’avversario per appro�ttarne al massimo: “Il Ladispoli è una squadra che soprattutto in casa ha qualche piccola defezione - prosegue il giocatore del Monte�ascone - A volte alcuni punti li ha persi proprio nel suo stadio. Domenica avranno uno scontro non facile

con il Focene, proprio tra le mura amiche. Ci auguriamo un loro passo falso già da lì”. Comunque vada, se il primato non dovesse essere raggiunto, il Montes�acone, non si strapperà di certo i capelli, consapevole del fatto che almeno sulla carta non partivano come favoriti alla vittoria �nale. Nella partita contro la squadra romana, mister Antolovic avrà tutti i suoi uomini a disposizione, e sarà dunque chiamato a fare scelte importanti: “Noi dovremo essere concentrati al massimo - conclude il numero 10 - e se giocheremo come abbiamo sempre fatto porteremo a casa tre punti pesanti. Non dobbiamo, però, commettere l’errore di permettere ai nostri avversari di chiuderci troppo gli spazi, perché loro faranno di tutto per riscattarsi dalla scon�tta della settimana scorsa”. All’andata gli etruschi si imposero in trasferta per 3-1, disputando una delle loro migliori gare di stagione, ma quella di domenica sarà un’altra storia, tutta ancora da scrivere.

ECCELLENZA - Parla l’attaccante del Corneto

Con la Pescatori bomber Spirito vuole “fare festa”

A

volte ritornano… Domenica il Corneto farà visita alla Pescatori Ostia, andando a caccia di punti salvezza fondamentali. La squadra di mister Gufi dovrà dimostrare di aver digerito le cinque sberle prese in casa dall’Albalonga la setimana scorsa, e stavolta una passeggiata stile balneare, vedi il secondo tempo di domenica scorsa, non sarà ammessa. Da dimenticare presto, infatti, quel capitombolo che il bomber del Tarquinia, Dario Spirito, minimizza così: “Abbiamo fatto un primo tempo strepitoso, portandoci sul doppio vantaggio che sembrava aver messo in ghiacciaia il risultato. Poi nella ripresa tutto è cambiato, e loro hanno meritato di vincere”. Un calo di concentrazione del Corneto ancor più grave, se si pensa che l’Albalonga nella ripresa era rimasta pure in inferiorità numerica per l’espulsione di Pestozzi.

Pensando a domenica invece, per l’attaccante Spirito che compirà 28 anni sarà un giorno speciale: “Sogno un gol per celebrare al meglio il mio compleanno - ha dichiarato l’attaccante del Tarquinia - e regalare anche tre punti salvezza alla mia squadra”. E per gli scaramantici, effettivamente qualche elemento cui affidarsi c’è. Dario Spirito, infatti, fu l’autore di una doppietta importantissima nella partita di andata, che valse un successo pesante (2-1), contro una diretta concorrente per la salvezza. Dando uno sguardo al calendario di qui a fine campionato, il Corneto dopo la trasferta di Ostia incontrerà la Fontenuovese, e soprattutto poi Fregene e Torrenova. Partite fondamentali queste ultime, perché scontri salvezza veri e propri, da cui la formazione di Gufi spera di poter uscire rafforzata per la propria classifica. (G N)

Il presidente del Monte�ascone Lorenzo Minciotti


sport

SPORT

Venerdì 1 Ottobre 2010

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 18 Marzo 2011

Viterbo & AltoLazio

CALCIO 1ª CATEGORIA

Domenica delicata trasferta sul campo del fanalino di coda Atletico Tarquinia “Dobbiamo crederci sino in fondo, peccato le troppe e continue assenze”

D

1ª CATEGORIA ISCHIA DI CASTRO CANEPINA

50 49

GROTTE DI CASTRO

46

MONTE ROMANO

41

LATERA

40

CAPRANICA

40

TUSCANIA BOLSENA

33

MONTALTO CALCIO

30

VASANELLO

30

NUOVA SORIANESE

28

LUBRIANO

26

VIGNANELLO

26

VALLERANESE

24

VALENTANO

18

V. PILASTRO

12

A. TARQUINIA

11

spettive graduatorie. Atletico Tarquinia che cercherà nelle restanti sette sfide di arrivare quanto meno al terz’ultimo posto utile per venire inserito nella graduatoria dei rispescaggi e Valentano che a meno sei dalla quart’ultima vulle giovcarsi le sue chances di salvezza diretta sino in fondo. Mister Tonino Onofri è subentrato alla guida del Valentano da poco più di un mesetto. Questi i risultati conseguiti dal suo team: Valentano-Virtus Pilastro 2-1; Valentano-Ischia di Castro 2-3 (recupero); Canepina-Valentano 1-1; Valentano-Monte Romano 1-2; Latera-Valentano 2-0. Cinque partite, 4 punti nel contesto di un calendario decisamente severo. L’ANALISI A tu per tu con mister Onofri. E’ un Valentano in miglioramento. Sensazioni? “Sono contento di come il gruppo mi abbia accolto e tutto sommato la squadra è cresciuta, c’è il rammarico per il fatto che mai e dico mai siamo stati al completo. Sempre 3,4, 5 assenze, un handicap non da poco”. Con Aziz come state lavorando? “Dal punto di vista della preparazione ormai agire ha poco senso a questo punto

Tonino Onofri della stagione. Ora è il cuore che manda le gambe. Stiamo cercando di lavorare sui particolari, cercando maggiore attenzione in fase difensiva dove i miglioramenti sono stati evidenti”. Certo che da quando sei arrivato il calendario è stato tostissimo: “E’ vero ma con tutte ce le siamo giocata ad armi pari. Penso di essere onesto se sostengo che nelle sfide contro Ischia, Canepina, Monte Romano e Latera le avversarie ci sono state superiori ma noi in tutte queste sfide siamo stati sempre penalizzati da episodi”. Quanto credete alla salvezza diretta? “E’ inutile fare

tabelle o ipotizzare possibili scenari. Mancano sette incontri, diamoci dentro alla grande e cerchiamo di non lasciare nulla di intentato”. Domenica trasferta con l’Atletico Tarquinia. Loro si giocheranno il tutto per tutto? “Ed è giusto che sia così, un motivo in più per affrontarli con il giusto piglio”. Capitolo primato. Tra le big avete affrontato tra le big Canepina e Ischia chi vedi favorita alla vittoria finale? “L’Ischia è più squadra, quadrata in ogni reparto, i favoriti sono loro”. Dispiaciuto per il Monte Romano eliminato dalla Coppa Lazio all’ultimo tuffo della semifinale? “Si perchè nel Monte Romano ho diversi amici e poi è una squadra della provincia che ha perso una ghiotta occasione per il salto di categoria”. Le Sfide - Ricordiamo le gare della 23esima giornata in programma domani: A. Tarquinia-Valentano; Capranica-N. Sorianese; Grotte di Castro-Vasanello; Ischia di Castro-Vignanello; Lubriano-Canepina; Montalto-Virtus Pilastro; Tuscania Bolsena-Monte Romano; Valentano-Latera.

Csl Soccer ok a Barbarano Sale a + 6 dal R. Caprarola Nel gruppo B la Real Gradolese puntualizza 3ª CAT. GIRONE A 39

REAL GRADOLESE

45

REAL CAPRAROLA *

33

SPORTING RONCIGLIONE

42

TARKNA TARQUINIA

32

BASSANO IN TEVERINA

40

DOC GALLESE *

29

SIPICCIANO

36

LAS VEGAS *

27

ORATORIO MAD. D. FIORE

35

ACCORDIA ORIOLO

26

CICRAM

29

VIRTUS CORCHIANO

26

CANINO CALCIO

27

BARBARANO ROMANO *

24

PROCENO

26

FABRICA CALCIO

22

BOMARZO

23

CASTEL S.ELIA *

21

GIGLIO ZEPPONAMI

21

TEAM CANEPINESE

15

SPORTING BAGNOREGIO

20

MURIALDINA *

13

REAL MONTEFIASCONE

19

VICUS RONCIGLIONE

5

ONANO

9

GROTTE S. STEFANO

5

* HANNO RIPOSATO

I

eri recupero nel girone A della Terza Categoria tra Barbarano Romano e Csl Soccer e preziosa vittoria esterna della capolista. GIRONE A BARBARANO ROMANO 0 CSL SOCCER 2 “Vittoria che vale oro”, così la definisce il tecnico della CSL Paolo Brunori. I tirrenici, dopo il mezzo passo falso in casa del Team Canepinese, riallungano in testa alla graduatoria del girone A portando a sei i punti di vantaggio sul Real Caprarola. È stata

Il Tugurio Anguil ara non perde l’attimo. 0-0 nel fango tra Bagnaia e Celleno F

esta dell’Unità d’Italia all’insegna dei recuperi nei gironi A e B della Seconda Categoria. Ieri su campi ai limiti della praticabilità si sono giocati due confronti.

2ª CATEGORIA A

Da sinistra: Simone, Pasquale, Francesco e Marco Varletta con le due compagini che alla fine hanno dato l’impressione di accontentarsi. DOMENICA IN CAMPO Ricordiamo i confronti di domenica e poi nell’edizione di domani la pagina di presnetazione della Seconda Categoria. 24esima Giornata - Si giocheranno: Celleno-Querciaiola; Doria San Martino-Tre Croci; Etrusca-Barco Murialdina; Graf�gnano-Farnese; Nuova BagnaiaCivitella D’Agliano; San Lorenzo Nuovo-Nuova Pescia Romana; Virtus Marta-Viterbo Pool; Vitorchiano-Virtus Bolsena. GIRONE B Qui il recupero in programma

aveva effetti ben più importanti. Infatti ieri si è giocato il confronto tra Tugurio Calcio Anguillara e Atletico Morlupo che dopo le note vicende extracalcistiche il giudice sportivo aveva ordinato di far ripetere. T. C. ANGUILLARA 2 MORLUPO 0 Con le reti di Geana e Iovine i padroni di casa del Tugurio Calcio Anguillara non hanno perso l’occasione ed hanno incamerato tre punti assai preziosi per la loro classi�ca. Con questo successo infatti il Tugurio, ieri al suo nono successo interno in 12 s�de si porta a -5 dalla capolista Cimina Ronciglione e aspetto ancora più importante porta il suo vantaggio di 4 punti sul Blera e di 6 punti sul

2ª CATEGORIA B

DORIA S. MARTINO

60

C. RONCIGLIONE

56

VIRTUS BOLSENA

58

T. C. ANGUILLARA

51

VITERBO POOL

49

BLERA

47

SAN LORENZO NUOVO

44

CALCIO SUTRI

45

NUOVA BAGNAIA

34

A. MORLUPO *

36

ETRUSCA

31

VEJANESE *

35

FARNESE

30

REAL COLLEVECCHIO *

30

CELLENO

29

MAGLIANESE *

27

QUERCIAIOLA

27

BASSANO ROMANO

26

CIVITELLA D’AGLIANO

25

2001 TUSCIA

24

GRAFFIGNANO

23

SORATTE *

23

VITORCHIANO

23

STIMIGLIANO *

19

TRE CROCI

23

VETRALLA 1928 *

17

N. PESCIA ROMANA

21

MANZIANA *

11

VIRTUS MARTA

16

C. CASTELLANA

5

BARCO MURIALDINA

15

Calcio Sutri nella corsa al secondo posto �nale utile per la graduatoria di ripescaggio. PROSSIMO TURNO Ecco i confronti di domenica 20 marzo. 24esima giornata - Ecco le sfide:

3ª CAT. GIRONE B

CSL SOCCER

SECONDA CATEGORIA A/B - Nei recuperi di ieri importante successo del team lacuale ora a - 5 dal Ronciglione

GIRONE A E’ finito a reti inviolate quello tra Nuova Bagnaia e Celleno che non aveva grossa importanza per la graduatoria. Un buon punto per entrambe e le squadre di Riccardo Ranaldi e di Alessio Spolverini vanno lodate per l’impegno profuso in un campo pesantissimo. Ecco il tabellino del confronto. N. BAGNAIA 0 CELLENO 0 Nuova Bagnaia: Scarsella, Rocchi, P.Varletta, Bajocchi, F.Varletta, Santini, S.Varletta, Buzzi, Piergentili, Lazzari, Ruzzi. A disp.: Gatto, Stella, Croci, Caruso. All. Ranaldi. Celleno: Menichetti, Pescatori, Brachini, Rossetti (28’ st Proietti), Pizzo, Fordini Sonni, Perlorca, Bignotti, D’eligia (22’ st Rastrello), Viola, Mastrogregori. A disp: Fietti, Cunego, Todisco, Cesarini. All. Spolverini. Arbitro: Nenzi di Civitavecchia. Note: Campo al limite della praticabilità. Ammoniti Scarsella (NB) e F.Varletta (NB). Calci d’angolo 4-2 per la N.Bagnaia. Recuperi: 0’ pt, 2’ st. Pareggio sostanzialmente giusto

15

CALCIO 3ª CATEGORIA

Mister Onofri carica il Valentano omani 24esima giornata del campionato di Prima Categoria. E guardando la classifica dal basso spicca il confronto tra Atletico Tarquinia e Valentano. Locali, condannati dall’ultimo posto, ospiti che sono al terz’ultimo e posta in palio che vale moltissimo per le speranze di entrambe di muovere le ri-

interni

2

* HANNO RIPOSATO

Morlupo-Vetralla; Calcio Sutri-Soratte (domani); C. Ronciglione-Real Collevecchio; Maglianese-Civita Castellana (domani); Manziana-Bassano Romano; Stimigliano-Tuscia; Tugurio Calcio Anguillara-Vejanese. Riposa il Blera agv

una partita condizionata dal campo pesante: esemplare sotto questo profilo la rete del raddoppio ospite con un retropassaggio di un difensore del Barbarano Romano che si ferma in una pozza d’acqua; sul pallone si avventa Massimiliano Ceccarelli che sfrutta l’occasione per chiudere il match. Nel primo tempo la squadra di Civitavecchia, ancora alle prese con qualche assenza, ha comunque sofferto l’iniziativa avversaria. Ad aiutare la leader di classifica è arrivato attorno al quarto d’ora della ripresa un rigore, generoso, concesso dall’arbitro: un giocatore del Barbarano scivola e tocca il pallone con un braccio, dal dischetto trasforma Pieri. “Ci è stato dato un penalty forse dubbio – ammette l’allenatore tirrenico Brunori – ma nel primo tempo c’è stato un salvataggio sulla linea da parte di un uomo del Barbarano che avrebbe meritato la massima punizione. Abbiamo ottenuto un successo molto, molto importante in un campo su cui nessuno era riuscito a vincere in questa stagione. Voglio ringraziare i ragazzi per la prestazione, questa squadra ha dei valori tecnici e umani, non a caso è in testa alla classifica”. Da notare che la CSL ha giocato in dieci nell’ultima mezz’ora a causa di un’espulsione. (Dan . Pal.) GIRONE B Intanto ci ha inviato una nota la società sportiva Real Gradolese, leader del girone B. “In relazione alla partita giocata domenica 13 marzo fra Cicram e Real Gradolese volevamo far notare quanto segue. Viste le continue polemiche della squadra avversaria di un arbitraggio a favore nostro, volevamo puntualizzare che tuttociò che e’ stato detto e scritto non è affatto vero. Gli episodi contestati del goal fantasma respinto fuori dalla riga di porta e del rigore giustamente non concesso perchè inesistente, sono stati episodi ben visti dal direttore di gara che secondo noi è stato all’atezza di una partita importante per i giochi del campionato. Non accettiamo dunque che si metta in discussione il primato di una squadra costituita da 20 amici e partita senza nessuna pretesa . La Real Gradolese è prima in classifica con il miglior attacco e la miglior difesa. Ha avuto 5 rigori a sfavore e 3 a favore. Nonostante tutto aguriamo agli amici di Ronciglione un finale di campionato pieno di soddisfazioni. (Asd Real Gradolese)


� �

interni sport SPORT

2 16

La visita di Boldorini al Barco Prosegue l’iter del dirigente tra i club provinciali “E’ ammirevole il percorso sociale ed educativo intrapreso”

com’è nata, qual è stato il percorso storico sia sociale che strutturale che ha dovuto affrontare, quali siano i loro obiettivi societari, le tante squadre impegnate nei vari tornei, le iniziative svolte e quelle da svolgere. Farò tesoro di queste nozioni”. “Ci ha fatto piacere ricevere la visita del presidente del Bassano calcio – ha detto Sergio Pollastrelli – anch’egli, come noi, impegnato nella promozione delle attività sportive e sociali, ruolo questo che gli sta dando molte soddisfazioni in ambito calcistico regionale e federale. Con questo incontro abbiamo sicuramente gettato le basi per una collaborazione futura tra le parti”. La visita si è conclusa con l’osservazione sul campo di una seduta di allenamento accanto al mister Giorgio Alessandrini. Ricordiamo che Alfredo Boldorini sta effettuando questi “giri” nell’incarico istituzionale del quale è stato investito dagli organi della Figc.

47

V. ACQUAPENDENTE

50

MANZIANA

44

CORNETO TARQUINIA #

43

MONTEROSI

42

NUOVA SORIANESE

43

TOLFA ALLUMIERE

40

MONTEFIASCONE

42

BARCO MURIALDINA

40

TUSCANIA BOLSENA #

39

CANALE MONTERANO

37

LUBRIANO

31

VIRTUS PILASTRO

30

ETRUSCA

24

BLERA

26

CANINESE #

22

REAL MONTEROSI

22

P. R. A. GROTTE DI CASTRO #

22

SAN PIO X

17

GROTTE S. STEFANO #

21

CALCIO TUSCIA

17

MONTALTO CALCIO

12

FABRICA CALCIO 2010

16

A. TARQUINIA

9

ORATORIO GRANDORI

6

VULSINIA BOLSENA #

9

ORATORIO VILLANOVA

-2

BASSANO IN TEVERINA

1

V

Sergio Pollastrelli e Alfredo Boldorini

D

Girone 2 - Blera squadra A, Blera squadra B, Canale Monterano squadra A e Canale Monterano squadra B. Girone 3 - Bassa Tuscia Gallese, Fabrica Calcio 2010 squadra A, Fabrica Calcio squadra B e Virtus Cimini. Girone 4 - Civita Castellana Calcio Giovanile squadra A, C. Castellana C. G. squadra B, Corchiano Gallese e Real Monterosi.

Ennio Zampaletta e Guido Adolini

C/5 SERIE D DONNE Questi invece i confronti della sesta di ritorno nel campionato femminile di calcio a cinque dove guidano al comando a paur punti le formazioni del Canale Monterano e della Femminile Civitavecchia. Oggi - Alle 20,30 Vignanello contro Bassanese Domani - Alle 15,30 Flaminia

ALLIEVI PROV. B

VIRTUS CIMINI

igilia della settima di ritorno nel campionato allievi provinciali. Virtus Cimini leader nel girone A e Vigor Acquapendente, capolista del gruppo B. Ecco quello che ci attende nel fine settimana.

al nostro calcio e calcio a cinque.

C/5 SERIE D MASCHILE Squadre in campo in questo �ne settimana per le gare della sesta di ritorno. Campionato riaperto dopo il ko della scorsa settimana del Santa Marinella contro il Caprarola. Questo il programma. Oggi - Stasera abbiamo ben cinque incontri. Alle 20,30 Calcio

Ben tre i confronti da recuperare nel gruppo B La cronaca del successo del Pilastro a Blera

# una gara in meno

Altra coccarda tricolore per Adolini e Zampaletta

Rossoblu-Caprarola: alle 21 si giocano Active Network Cus-Nepi Sport Event; Associazione Delle Associazioni-Civita Castellana; Virtus Ceramica Flaminia-Virtus Pilastro e Virtus Monterosi-Castel S.Elia. Domani - Avremo le restanti tre s�de. Alle 15 Santa Marinella-Colle Diana Sporting Center; alle 15,30 Cicram-Sporting Vignanello e alle 16,15 Atletico Viterbo- Fc Ronciglione 2003.

A caccia delle regine Vigor e Virtus Cimini ALLIEVI PROV. A

PILLOLE - Le sfide nel calcio a 5 di serie D. I gironi del ‘Giocandocela alla grande’

GIOIE PER I NEPESINI ADOLINI E ZAMPALETTA Guido Adolini ed Ennio Zampaletta, nepesini doc facevano parte di quella favola di nome Nepi c/5 che tanto lustro ha dato nel primo quinquennio del 2000 allo sport provinciale. Entrambe nei rispettivi ruoli di dirigenti hanno proseguito il loro impegno nel calcio a cinque nazionale e quest’anno sono in forza alla Lazio C/5 del presidente Andrea Montemurro, anch’egli in passato nell’organico dirigenziale del Nepi c/5 di patron Ceci. Nello scorso �ne settimana per Guido Adolini ed Ennio Zampaletta la gioia di aver conquistato con la Lazio c/5 (in cui militano tra gli altri gli ex nepesini Marchetti, Ippoliti e Giasson) la gioia di aver conquistato la Coppa Italia battendo in �nale per 3-2 ai supplementari la quotata formazione della Marca Futsal Treviso nella Final Eight giocata a Padova. Felicitazioni a Guido Adolini, Ennio Zampaletta che già avevano conquistato il trofeo proprio con il Nepi nel 2005 nella �nalissima di Conversano e al sodalizio biancazzurro.

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

ALLIEVI PROVINCIALI - Verso la settima di ritorno

CALCIO GIOVANILE E C/5

E’ stata una visita molto istruttiva”. Così il Presidente del Bassano calcio all’indomani della sortita in casa del Barco Murialdina. Visita che di fatto rinsalda i rapporti tra le due società sportive, molto attive, non solo in campo ma anche e soprattutto fuori, con iniziative sociali e culturali. “Seguo con interesse – aggiunge Alfredo Boldorini - le vicende della società del presidente Pollastrelli, il quale si adopera molto per il benessere psico-�sico dei suoi 350 ragazzi. E l’ultimo evento “Giocare con il cervello”ne è la riprova. Importante anche il ruolo educativo e sociale che questa realtà sportiva produce nel quartiere cittadino di riferimento”. Interessante anche l’incontro con il numero uno societario.“E’ stato un piacere per me – prosegue Boldorini – conoscere il presidente Sergio Pollastrelli, che è stato anche senatore della Repubblica per tre legislature, apprendere da lui com’è organizzata la sua società,

Viterbo & AltoLazio

Civita Castellana-Canale Monterano; alle 17 Celleno-Femminile Civitavecchia e Monte�ascone-Grotte Santo Stefano. Domenica - Alle 11 Cus ViterboAccordia: alle 15,30 Blera-Monterosi, Caninese-Graf�gnano e Virtus Pilastro-Virtus Calcio Bolsena (campo di Santa Barbara). I GIRONI DEL ‘GIOCANDOCELA ALLA GRANDE 2011’ La Delegazione della Figc di Viterbo ha reso noti i gironi della manifestazione riservata all’attività di base del “Giocandocela alla Grande 2011”. Ecco tutti i raggruppamenti. Girone 1 - Etrusca Calcio squadra A, Etrusca Calcio squadra B, Cimina Ronciglione e Romaria.

Girone 5 - Barco Murialdina squadra A, Barco Murialdina squadra B, Comunale Foglianese e Tre Croci. Girone 6 - Calcio Tuscia Viterbo squadra A, Calcio Tuscia Viterbo squadra B, Nuova Sorianese e Virtus Pilastro Girone 7 - Corneto Tarquinia squadra A, Corneto Tarquinia squadra B, Montalto; Valentano squadra A e Valentano squadra B. Girone 8 - Calcio Tuscia Viterbo squadra C, Calcio Tuscia Viterbo squadra D, Pianoscarano e Castiglionese Girone 9 - Monte�ascone squadra A, Monte�ascone squadra B, Vigor Acquapendente squadra A e Vigor Acquapendente squadra B La prima giornata è in programma dal 28 marzo al 3 aprile

GIRONE A Domani - Alle 15 il confronto a La Quercia tra Oratorio Grandori e Virtus Cimini in un quasi testa coda. Domenica - Alle 10 avremo San Pio X-Fabrica; alle 10,30 BleraManziana e Virtus Pilastro-Tolfa Allumiere. Alle 11 si giocano Barco Murialdina-Monterosi; Calcio Tuscia-Real Monterosi; Canale Monterano-Oratorio Villanova. GIRONE B Domani - Alle 15 sfide tra Bassano in Teverina-Montalto e Grotte Santo Stefano-Atletico Tarquinia. Domenica - Alle 10,30 LubrianoCaninese (a Bagnoregio) e Nuova Sorianese-Etrusca. Alle 11 Vulsinia Bolsena-Pol. Real Azzurra Grotte di Castro. Lunedì - Alle 15,30 il match tra Tuscania Bolsena e Vigor Acquapendente. Il 7 aprile - Posticipato il match tra Montefiascone e Corneto Tarquinia (ore 16). Da recuperare - La prossima settimana verranno recuperati i confronti della sesta di ritorno tra Caninese-Grotte S. Stefano; Corneto Tarquinia-Vulsinia Bolsena e Pol. Real Azzurra Grotte di Castro-Pol. Tuscania Bolsena. BEL TRIS DEL PILASTRO CONTRO IL BLERA Successo degli allievi della Virtus Pilastro che s’impongono nettamente con un perentorio 3 a 0 sul campo di un coriaceo Blera. Partita ostica per i rionali, in virtù delle buone prestazioni dei ragazzi di mister Rossi, che vengono dal clamoroso successo con il Canale Monterano; i ragazzi di mister Grazini oppongono un rollino di marcia in trasferta da primato con 6 vittorie 3 pareggi ed una sola sconfitta; purtroppo i rionali “steccano” nelle partite casalinghe. Per la cronaca, la partita è condizionata dalle condizioni meteo, con pioggia insistente e forte vento, che nella prima parte della gara è a favore degli ospiti, che

massimizzano il vantaggio, avendo costantemente la meglio sui padroni di casa. Così il primo goal è opera di Tardani, che approfitta di una corta rimessa dal fondo, e batte di sinistro Iavarone. Gli ospiti hanno il predominio a centrocampo con Hallulli, Corradini, Urbani e Persi, mentre in attacco Tardani è una spina nel fianco di Ignatov e compagni. Così il raddoppio arriva poco dopo, al 25’, con Hallulli che mette in rete una veloce azione di contropiede. I padroni di casa non riescono ad imbastire trame offensive, tali da impensierire Mazzetti, e addirittura capitolano per la terza volta al 33’, con Urbani che sfrutta un passaggio di Schiada dalla destra. Poi è la volta di Persi a mettere in difficoltà Allegrucci, presentandosi solo davanti a Iavarone, ma la conclusione è fuori di poco. Nella ripresa però le cose cambiano, con i padroni di casa che sfruttano il fattore vento, e si portano costantemente nella metà campo avversaria. In realtà la difesa ospite è molto attenta chiudendo bene tutti gli spazi e non permettendo a Mazzetti di correre particolari pericoli. Le cose però sembrano ulteriormente complicarsi al 13’, quando Geronzi viene espulso per fallo di reazione. Hallulli scende al centro della difesa e Tardani diventa l’unica punta, ma i ragazzi di mister Rossi non sfruttano il vantaggio numerico, sono molto imprecisi nelle conclusioni, con manovre troppo prevedibili. Tra i migliori in campo Tardani, Hallulli e Persi. Per i padroni di casa una giornata negativa: troppo imprecisi a centrocampo e poco incisivi in avanti. Tra i migliori in campo Caporali, Sambuco e Forti. Ottimo l’arbitraggio del Sig. Valeriu Adrian Incu della sezione di Viterbo Blera 0: Iavarone , Scatena, Amadio, Allegrucci, Ignatov, Sambuco, Turchetti, Fonti, Baschini, Caporali (cap), Flore, Fazzi G., Fazzi A., Belardinelli, Tedeschi, Ragnoni, Chatbi. All. Rossi Francesco. Virtus Pilastro 3: Mazzetti, Bottiglieri, Mancinelli, Halluli, Sambuci, Geronzi, Schiada, Corradini,Tardani (cap), Persi, Urbani, Conti, Teodori, Rinaldo, Ciancolini, Mazzotta, Zefi. All. Grazini Luciano. Arbitro: sig. Valeriu Adrian Incu della sezione di Viterbo Marcatori: p.t. al 19’ Tardani, 25’ Hallulli, 33’ Urbani.


sport

SPORT

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 18 Marzo 2011

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 17

DA NON PERDERE...

350 scatti per un grande album

Da una idea della Pol. Real Azzurra e con il contributo del Comune di Grotte di Castro ecco un fantastico lavoro. Ora tutti in cerca delle magiche figurine

U

n lavoro immenso e che sembrava non �nire mai. Un grande lavoro e alla �ne è nato il primo, grande album di �gurine che racchiude tutto lo sport che si pratica con entusiasmo e passione a Grotte di Castro e che vede in azione molti atleti dei paesi limitro�. L’idea dell’album appartiene alla Polisportiva Real Azzurra ma va rimarcato e sottolineato il fondamentale apporto dell’Amministrazione Comunale con il testa lo “sportivissimo” sindaco Piero Camilli che ha subito sposato la bellissima causa e vanno ricordati Domenico Annulli per aver sviluppato un grande lavoro di gra�ca e il fotografo Maurizio Di Giovancarlo, agente di zona della società del nord che realizza questi album e che ha “immortalato” con i suoi click tutti i tesserati fotografati ai quali è stato donato l’album ed ora è caccia alla �gurina con un divertimento assoluto per grandi e piccini. SOPRESA PER IL PRIMO E non �nisce di certo qui perchè per colui o colei che terminerà per primo l’album fotogra�co ci sarà un premio speciale con l’onore della premiazione presso la redazione del quotidiano l’Opinione di Viterbo e Lazio Nord e la successiva pubblicazione del fatidico momento sul nostro giornale.

NON SOLO CALCIO Ed è un album da seguire con molta attenzione perchì coinvolge non solo tutti i giocatori delle varie compagini di calcio ma comprende anche i protagonisti delle altre discpline sportive con la sola eclusione del nuoto per una questione esclusivamente tecnica e organizzativa. Un plauso quindi a tutti gli ideatori di questa bellissima reazione. LE TANTE INIZIATIVE DELLA POL. REAL AZZURRA Ma le sorprese con la Pol. Real

Azzurra non finiscono mai. Ed ecco le pillole di quanto avverrà in futuro e su questi eventi torneremo con ampi servizi. Memorial Socciarelli - Dal 10 maggio al 12 giugno 2010 avremo la XVIII edizione del Memorial di calcio giovanile al Comunale di Grotte di Castro riservato alle seguenti categorie: allievi (95/96); Giovanissimi (97/98); Esordienti 99 (a 11); Esordienti 2000 (a 9); Pulcini 2001 (a 8); Pulcini 2002 (a 7); Pulcini 2003 (a 6); Piccoli Amici 2004 (a 6); Baby 2005/2006 (a 5) e

Femminile (a 5). Iscrizioni entro il 4 aprile presso le sedi della Pol. Real Azzurra (o per fax 0763/531021). Tornei Gita-Vacanza - La partecipazione dal 17 al 22 giugno all’8° Praga Summer Cup (categorie amatori, Dilettanti, Juniores, Allievi, Giovanissimi, Esordienti e Ragazze) e dal 3 al 9 luglio 2011 la partecipazione all’8° “Versilia Cup” aperto alle categorie Giovanissimi 96/97 a 11; Esordienti ‘98/99 a 11; Pulcini 2000 a 7; Pulcini 2001 a 5 e Pulcini 2002/2003 a 5. (agv)


� �

interni sport SPORT

2 18

Viterbo & AltoLazio

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

C5 SERIE C2 LAZIALE - Viterbesi battuti 5-4

C5 SERIE B

Perdono 8-6 a Gualdo e ora la lotta per la salvezza si fa complicata

Orte, adesso è durissima di ALESSANDRO URSINI

Per restare in B però servirà anche, la settimana seguente, l’impresa ad Ancona contro la Tre Colli, già retrocessa, e la vittoria del Civitanova contro il Numana.

S

confitta amara e dolorosa per l’Orte C5 di mister Luciano Nesta che a Gualdo Tadino, in quello che a tutti gli effetti era uno spareggio per evitare i play-out, si arrende alla compagine locale. 8-6 il punteggio finale di una match che si è deciso negli ultimi 60’’ e che ha visto gli ortani disputare una gara dai due volti con una partenza da brividi e con una

C5 B MASCHILE CIVITANOVA

61

FORLI

57

REAL MONTURANO

56

PALEXTRA FANO

43

CUS ANCONA

37

ACLI S. GIUSEPPE JESI

37

MAKKIA URBINO

36

VIRTUS GUALDO

33

MIRACOLO PICENO

32

NUMANA CAMERANESE

31

ORTE C/5

30

TRE COLLI ANCONA

15

COAR ORVIETO

10

V. CASTELLO (ritirata)

0

Alex Sant’Ana reazione da grande squadra. Pronti via infatti ed i locali spingevano subito sull’acceleratore tanto che a metà del primo tempo erano già avanti per 4-1 e sembravano aver già ipotecato la partita. Poi la reazione di Vespa e soci che con cuore ed orgoglio riuscivano a riprendere la gara riportandosi sul 4-4. Da questo momento in avanti la gara era molto equilibrata con le due compagini che si rispondevano colpo su colpo fino al 6-6 con cui i due quintetti arrivavano all’ultimo minuto di gioco. Qui il Gualdo trovava il gol del nuovo vantaggio a cui l’Orte provava subito a rispondere ma il tiro di xxx

si stampava sul palo e con lui tutte le speranze di pareggio tanto che poi in contropiede arrivava il definitivo 8-6. SCENARI ATTUALI La sconfitta pesa nella classifica ortana ma a pesare di più probabilmente sono le squalifiche in arrivo per Sant’Ana e De Angelis. Due defezioni che priveranno l’Orte di due giocatori importanti in una gara, contro il Miracolo Piceno, che sarà vitale per la salvezza diretta. Un successo dei ragazzi di mister Nesta infatti permetterebbe il sorpasso sui marchigiani.

ANALISI POST GARA Tanta l’amarezza nelle parole del funambolo brasiliano Alex Sant’Ana: “Purtroppo non siamo riusciti ad ottenere un risultato positivo e questo complica maledettamente la nostra rincorsa alla salvezza diretta. Purtroppo non siamo partiti benissimo e così abbiamo dovuto spendere tanto per riuscire a rientrare in partita e sicuramente questo nel finale l’abbiamo un po’ pagato. Inoltre non ci sta girando neanche nel verso giusto come dimostra il palo colpito che poteva cambiare la storia di questo match”. “Comunque non possiamo piangerci addosso - conclude Alex - dobbiamo solo prepararsi alla battaglia di sabato prossimo quando con le buone o con le cattive dovremo conquistare i 3 punti. Andremo in campo con il coltello tra i denti, vogliamo restare in B e faremo anche la ‘guerra’ per riuscirci”.

Il Corchiano gioca bene ma a vincere è la Roma Mister Antonazzi: “Usciamo a testa alta”

S

econda scon�tta consecutiva in campionato per il Fescennium Corchiano che nella capitale viene scon�tto per 5-4 dalla Roma C5. Gara molto combattuta (a volte anche ai limiti del regolamento) dove la differenza maggiore l’ha fatta la “cattiveria”, agonistica e non solo, messa in campo dai padroni di casa che non potevano permettersi assolutamente passi falsi. Una battuta d’arresto che non fa troppo male ai biancazzurri di mister Antonazzi che restano comunque nella parte centrale della classi�ca con un buon margine di sicurezza da difendere e con una gara da recuperare. Certo, il momento dei corchianesi non è il migliore di questa stagione visto che nelle ultime settimane oltre alle due gare perse sono arrivati “solo” tre pareggi con la vittoria che manca ormai dal lontano 29 Gennaio in casa del Casal Torraccia.

# RECUPERO IL 22 MARZO

POST PARTITA A parlarci della s�da è il coach-player Mirko Antonazzi, uscito dalla gara in anticipo per un brutto infortunio ad un ginocchio (sospetta rottura dei legamenti ndr). “Abbiamo disputato una buona prestazione peccando purtroppo in alcune situazioni difensive che ci sono costate poi molto care. Non è stata una partita semplice, la

Roma ha usato tutti i mezzi per cercare di vincere questa gara e ci sono stati degli episodi secondo me depregabili. Comunque niente drammi, il calcio o il futsal in questo caso, a volte è anche questo, sicuramente noi usciamo a testa alta. L’unico rammarico è per il mio infortunio che riduce ulteriormente la nostra rosa già molto provata”. (au)

C5 C2 MASCHILE OLIMPUS #

44

CASAL TORRACCIA

42

FENICE

39

IVO ROMA

38

VIRTUS CENTOCELLE

36

FUTSAL GUIDONIA

34

FUTBOL CLUB

31

ANGUILLARA

31

F. CORCHIANO #

28

TENNIS C. PARIOLI

28

ROMA C5

23

ALGIAN VIAGGI

15

REAL BALDUINA

13

ARCA

5

C5 SERIE C2 UMBRA - Aquesiani battuti 7-2 C5 SERIE D UMBRA - Chiesa Nuova e Clt Terni battono 4-0 e 3-2 i gialloblù e i biancorossi

Marmore in grande forma Orte Futsal perde partita e vetta Nulla da fare per la Vigor Ortana, questo è un vero suicidio Mister neo papà D W opo le buone prestazione di queste ultime settimane, torna a cedere piuttosto nettamente la Vigor del patron Alberelli che davanti al pubblico di casa viene battuta 7-2 dal Marmore. A differenza delle gare giocate contro Oasi e Calvi, stavolta la differenza evidenziata dalla classi�ca si è notata in modo chiaro con i ternani che grazie anche ad un ritmo altissimo e alle grandi qualità tecniche mostrate hanno sempre tenuto in mano il pallino del gioco ed il match. La battuta d’arresto interna però non cambia la classi�ca dei gialloblù che rimangono quartultimi e che continuano a lavorare e a pensare in previsione dei play-out salvezza ormai unica ancora di salvezza per la stagione. Passando alla partita, le reti locali sono state siglate da Buzzico e da Putano Bisti mentre per gli umbri sono andati in rete Fabrizi e Broccoletti, doppietta, Colantoni, Casciani e Salomone. LE ALTRE Dopo l’ultimo turno disputato, nessun cambiamento in vetta dove l’Oasi mantiene il primato sul Calvi. Movimenti importanti

C5 C2 UMBRA OASI #

61

CALVI #

58

MARMORE

52

FRATELLI NARDI

48

GM 10

47

LA VALLETTA

47

CASTEL GIORGIO

43

SPORT CENTER

38

CHICO MENDES *

38

OMNIA

35

MASSA MARTANA

30

ACLI MIRIANO *

27

VIGOR C5

19

LIBERTAS TACITO

17

MONTERUBIAGLIESE

16

CANALE

14

# UNA GARA IN MENO

invece nella zona retrocessione dove il Canale, battendo 4-0 il Castel Giorgio lancia un chiaro segnale di vitalità e si porta a sole 3 lunghezze dal play-out salvezza. Perdono invece Monterubiagliese e Libertas Tacito che mantengono invariato il lro ritardo dagli aquesiani. (au)

eek-end altamente negativo quello appena trascorso per le due nostre portacolori in serie D Umbra. Le nostre rappresentanti infatti sono incappate in due battute d’arresto che hanno cambiato in parte anche la loro classi�ca. Vediamo come è andata. ORTE FUTSAL Niente da fare per i gialloblù di mister Martellino. Nello scontro diretto di Arrone contro l’altra capolista Futsal Chiesa Nuova, gli ortani cedono netto per 4-0 e abbandonano la vetta della classi�ca. Non una grande partita quella disputata dagli ortani che con un Sorbara limitato da un guaio �sico non sono riusciti ad esprimere il loro solito gioco. Certo, merito di quanto appena detto è anche dei padroni di casa che hanno disputato un match tatticamente perfetto sfruttando nel migliore dei modi la loro fase difensiva, vero �ore all’occhiello della battistrada. L’analisi post match è dell’estremo difensore Filippo Casagrande: “Una scon�tta che ci poteva stare per quanto visto in campo ma sicuramente dal punteggio troppo largo. Abbiamo provato a giocarcela alla pari e nonostante il passo falso usciamo dalla s�da a testa altissimi consapevoli di aver dato tutto

T

antissimi auguri da parte di tutta la redazione dell’Opinione di Viterbo ad Andrea Impenna (tecnico dell’Ortana) e a mamma Michela per la nascita della primogenita Maria Chiara.

C5 D UMBRA Mister Andrea Impenna (Ortana C5) e di aver pagato a caro prezzo assenze e condizione �sica precaria di alcuni nostri giocatori” ORTANA Suicidio Ortana. I biancorossi di mister Impenna perdono in casa per 3-2 contro il Clt Terni e condizionano pesantemente la propria rincorsa alla vetta. Al momento infatti Fabrizi e compagni, che comunque hanno già riposato rispetto alla capolista, sono distanti sei lunghezze dal primato. Una battuta d’arresto inaspettata quella dei biancorossi che sono entrati in campo senza il giusto approccio mentale ritrovandosi così a dover rincorrere �n da subito i ternani. Una rincorsa

faticosa che sembrava essere riuscita ad inizio recupero con la rete del 2-2. La fame di vittoria e d’impresa però questa volta tradiva i locali che su una ripartenza commettevano un fallo e sulla conseguente punizione arrivava il 3-2 �nale. DOPO GARA- Musi lunghi e parole a denti stretti tra i biancorossi, queste le parole di mister Impenna: “Non riusciamo a spiegarci questa scon�tta. In settimana avevamo lavorato bene e niente lasciava prevedere questa prestazione. Ora si fa dura, siamo chiamati a non sbagliare più, a sperare nel passo falso altrui per giocarsi poi tutto nello scontro diretto dell’ultima giornata contro il Chiesa Nuova”. (A.U.)

F. CHIESA NUOVA

48

ORTE FUTSAL

45

NORCIA

45

ORTANA *

42

ARRONE *

38

S. GIOVANNI BOSCO *

37

PRECI

36

LIBERTAS THYRUS

34

SAN GIOVENALE *

33

CLT *

29

UNICALCIO

23

BONIFAZI GROUP *

22

REAL S. LORENZO

8

NARNI *

4

GIOVE

4

* HANNO RIPOSATO


sport

SPORT

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 18 Marzo 2011

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 19

UN GIORNO SPECIALE

Un solo grido: “Più fOrte ragazzi” Le emozioni e l’orgoglio di tre giovani che hanno assistito all’impresa storica dell’Italia del Rugby

A

volte accade l’impensabile. A volte un sogno può diventare realtà. A volte basta crederci, e scrivi la storia. Roma, Stadio Flaminio. E’ il minuto 75 quando Mirko Bergamasco realizza i 3 punti che permettono all’Italia di scavalcare la favoritissima Francia di Chabal. Nonostante gli arrembaggi �nali dei transalpini

�nisce 22 a 21. Contro ogni pronostico e contro ogni legge del rugby questa volta abbiamo vinto noi, insieme: squadra, tifosi e tutta l’Italia intera rappresentata dal “tricolore umano”. Si perché io, completamente vestito di rosso, Luca Sorbara di bianco e Filippo Casagrande di verde eravamo lì presenti ad urlare e a far vedere al mondo quali

sono i nostri colori. E così vestiti, da mamma Italia, ci siamo sentiti davvero italiani vincenti, �gli della stessa Patria. 150 anni di storia non potevano essere dimenticati. Noi lo abbiamo voluto ricordare e la nazionale di rugby si è e ci ha consacrati. Grazie ragazzi, siete l’emblema di uno sport vero, entusiasmante e che unisce la gente. Sabato scorso ci avete regalato un sogno ad occhi aperti. Allo stadio ha regnato l’apoteosi e il delirio per la clamorosa impresa realizzata sul campo. Le nostre facce come quelle di tutti gli altri sostenitori azzurri erano orgogliose, orgogliose di appartenere a questa nazione. A Roma dicono “nun succede che nun succede ma sì succede”. E’ successo. Il 12 marzo l’Italia ha fatto la storia e noi l’abbiamo scritta insieme a Lei, spettatori in prima �la. Giovanni Saleppichi


� �

interni sport SPORT

2 20

BMW Autopremium per il bis Il team di Paolo Ricci domenica gioca in trasferta con ‘Gli Ulivi’

D

opo l’ottimo esordio contro il Nomentano, coinciso con una vittoria per 6-0, la formazione di serie C maschile del Tennis Club Viterbo, sponsorizzata Concessionaria BMW Autopremium, si sta preparando per la prima trasferta del girone eliminatorio. Il calendario proporrà infatti domenica la s�da contro un circolo storico del panorama romano, il Tennis Club Gli Ulivi, team che non può contare su giocatori di alta classi�ca ma annovera tra le sue �la molti elementi con un passato decisamente di buon valore. Tra loro anche un ex come Daniele Moretti che, oltre ad essere stato un ottimo giocatore di categoria B, ha fatto parte delle squa-

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

CALCIO A 5 - Concluso il campionato Uisp di Civitavecchia

TENNIS

di GLAUCO ANTONIACCI

Viterbo & AltoLazio

dre viterbesi a metà anni ’90, ottenendo spesso ottimi risultati. Considerando anche la voglia di ben �gurare sui propri campi e di fronte ai soci del proprio circolo, si capisce che non sarà una trasferta dal risultato scontato quella che attende i ragazzi viterbesi. Guai a sottovalutare gli avversari per un team che potrà contare su Privato, Cardarelli, Fondi, Censini e Aloisi, chiamati a ripetere le belle prestazioni del match di esordio. Una dif�coltà in più è stata rappresentata dal maltempo che ha reso problematico allenarsi in questi ultimi giorni sui campi in terra rossa, la super�cie su cui si giocherà domenica; la speranza è che il meteo conceda una tregua almeno nel week-end, dal momento che non è così sicuro che il circolo romano

Luca Fondi

RUGBY - Anche a Viterbo per i transalpini è stato un fine settimana difficile

Gli Old ‘cucinano’ i galletti francesi

O

ltre agli Azzurri di Nick Mallett, anche l’Old Rugby Viterbo ha ‘spennato’ i galleti transalpini nello scorso weekend di rugby. Il team gialloblù, di fronte ai pari età del Metz, si è imposto sette mete a due. La squadra allenata da Cristiano Notarangelo ha mostrato un bel gioco alla mano e grande sicurezza in touche con il sempreverde Umberto Cemicetti, ottime ruck conquistate con forza ed esperienza da Scorsi, Schiavoni e Latilla, e rapide giocate alla mano con Scorzosi e Racean. Uniche note stonate, gli infortuni capitati a Lanzi (dodici punti di sutura), Latilla e Scorsi. Fantastico il terzo tempo preparato dalle old ladies e rispettivi pargoli: pasta con ragù ai funghi, porchetta e tanto vino rosso. Sono scesi in campo, oltre ai già citati: D’Ottavio, Mariottini, Delle Monache, Claudiani, Petroselli, Notarangelo, Natalini, Petrolito, Moricone, Barbieri, Tozzi, Mari, Apolito e il mitico Padre Brown. Mete di Notarangelo (2), Moricone, Lanzi, Delle Monache, D’Ottavio e Natalini. Prossimo impegno sabato 26 marzo.

possa mettere a disposizione campi al coperto. Una cosa è certa: l’obiettivo dichiarato per questa stagione è superare la fase regionale e fare più strada possibile nel tabellone nazionale, magari �no alla promozione in serie B. Per questo il team guidato dal capitano Paolo Ricci non ha ancora calato i suoi assi migliori, Davide Sanguinetti e il bulgaro Mikhail Vassilev, tenendoli in tasca (ma uno solo alla volta potrà essere schierato) per il momento giusto, quando ci saranno da vincere i match decisivi per fare strada in campionato. Domani scenderanno in campo altri due team del circolo viterbese, impegnati nei rispettivi campionati di categoria; la formazione over 60 affronterà in trasferta il Villa Aurelia mentre la squadra over 40 giocherà in casa, sui campi di strada Tuscanese, contro il circolo Flaminio.

Il Deportiva La Coruna festeggia il suo ‘triplete’ di SIMONE FANTASIA

S

i è concluso al Palazzetto dello Sport di via Barbaranelli a Civitavecchia il Campionato Amatoriale di calcio a 5 valido per l’assegnazione del titolo Lega Calcio Uisp di Civitavecchia. Delle 30 squadre partecipanti (per un movimento superiore ai 300 atleti…) è stato ancora il Deportivo La Coruna “Mazzei Shop” (Campione per il terzo anno consecutivo) ad alzare il prestigioso Trofeo messo in palio dalla Goal Sport Management. Una serata di bel calcetto che ha visto entrambe le gare in programma molto equilibrate ed altamente spettacolari. La lotta per il terzo posto si è decisa, infatti, con i tiri dal dischetto; il Barcellona, costretto ad inseguire per quasi tutta la gara, nei minuti conclusivi, come era già accaduto per le Semi�nali, riesce ad agguantare la possibilità di andare ai rigori, ma, come era già accaduto nella precedente gara, sono ancora una volta i rigori a risultarle fatali. Paradossalmente semi�nale e �nale sono le uniche due gare di tutto il Torneo perse dai blugrana. Allo Sporting Lisbona va quindi un meritato terzo posto. Combattutissima la Finale per il Titolo tra Deportivo e Sparta Rotterdam. A dispetto di ogni pronostico la giovane formazione santamarinellese mette in affanno i Campioni in carica che, dopo aver subito uno sconcertan-

te 3 a 0 (Santecchi e doppietta di Pizzi), riescono a rimontare due reti con Bellini e Befani prima del riposo. La ripresa vede ancora lo Sparta protagonista: altri due gol di Manuel Pizzi, veramente ispirato, portano di nuovo il divario a +3. Quando la situazione sembra farsi critica, il Deportivo viene fuori. Dopo aver accorciato nuovamente con Ranucci e Bevilacqua, nei minuti �nali Simone Prizzi insacca il gol del 5 pari. La partita sembra destinata ai rigori, ma all’ultimo minuto di recupero Simone Befani fa esplodere la gioia dei suoi compagni. Palpabile la delusione della formazione di Gianluca Parente, che stava per compiere l’impresa. Una sorta di rivincita per i ragazzi della Mazzei Shop, che nell’ultima Finale disputata (quella Regionale a Rieti) erano stati rimontati e superati proprio a �ne gara. Subito dopo il secondo incontro si è passati alle premiazioni. Trofei per tutte e quattro le �naliste, premi speciali per i “Player-Manager” Erik Arcadi, Andrea Ferraccioli e Gianluca Parente. Per quanto riguarda i premi individuali, a Massimiliano Matteo va il riconoscimento di miglior portiere della Manifestazione, Manuel Pizzi vince il trofeo come miglior marcatore, mentre Michele Notarnicola viene premiato come miglior giocatore del Torneo. Adesso i fari saranno puntati sul Torneo “Champions League” sempre organizzato dalla Goal Sport Management che inizierà la prossima settimana.

VOLLEY PRIMA DIVISIONE - Rossonere ancora in corsa per il salto di categoria BASKET UNDER 13 - Bene i giovanissimi di coach Monte MOUNTAIN BIKE

La Comal batte Tarquinia e rialza la testa La Cestistica sorride due volte Giornata di festa

U

na vittoria importante per inseguire il salto di categoria. La Comal Civitavecchia Volley, nel campionato di Prima divisione femminile supera il Tarquinia per 3-1 e porta a casa tre punti preziosi per accedere alla seconda fase del campionato. Le rossonere guidate da Franco Accardo si presentavano a questa partita dopo il recupero perso contro il Cerveteri per 3 a 2: una scon�tta che non era stata ben digerita considerando l’importanza di quella s�da ai �ni della classi�ca. Ma c’è stato subito il pronto riscatto contro le etrusche, in una gara positiva anche sotto l’aspetto del gioco per una squadra ormai pronta a guardare ai playoff. “Volevamo far bene – ammette Gioia Lestingi, una delle veterane della Comal – perché era fondamen-

per la MTB Grotte

D

oppia vittoria per la formazione Under 13 della Cestistica Civitavecchia impegnata nel campionato CSI contro l’Acilia Sport Red Foxes. I giovanissimi guidati da Franco Monte si sono imposti sia nella partita giocata a Largo Cinciari per 41-30, sia in quella disputata ad Aprilia, dove il risultato è stato di 57-68. Nel frattempo era anche arrivata la vittoria per 20-0 contro il Fiumicino per rinuncia della formazione avversaria. Questi i tabellini delle due partite contro l’Acilia: tale trovare i tre punti ai �ni della classi�ca. Ci siamo riuscite e adesso sarà decisivo affrontare le prossime gare con la mentalità giusta”. La giocatrice civitavecchiese parla anche del campionato del-

la sua squadra: “Direi positivo, ma sicuramente ci è mancato quel pizzico di esperienza in più in alcun frangenti, perché sono convinta che avremmo potuto essere in una posizione di classi�ca ancora migliore”. (SF)

CIVITAVECCHIA 41 ACILIA SRF 30 Di Sarno, Marra, Maccarini 2, De Luca, Quaglio, Piccione 10, Marcorelli, Mangiola 12, Bottone 13, Aglioti, Simeone 4.

E

ACILIA SRF 57 CIVITAVECCHIA 68 Di Sarno 2, Marra 2, Maccarini 1, Zizi, Piccione, Marcorelli 6, Mangiola 18, Bottone 24, Aglioti, Simeone 15, De Luca.

ros Capati ha fatto tris. Il portacolori della MTB Grotte di Castro ha sbaragliato il campo anche a Collicello di Amelia, imponendosi nella categoria giovani con un tempo da record sui due giri previsti. Alle sue spalle un bel gruppo di giovani esordienti e allievi provenienti dalle scuole di MTB del Centro Italia. Terza piazza fra gli Allievi per il compagno di squadra Luca Sabatini mentre il fratello di Eros, Daniele, ha trionfato fra gli Esordienti con Ivan Colonnelli al terzo posto. A completare il successo di squadra anche il primo posto di Serena Monti tra le Esordienti e il trofeo assegnato alla MTB Grotte di Castro come miglior squadra di giornata.


Venerdì 18 Marzo 2011

Viterbo & AltoLazio

cultura

Venerdì 1 Ottobre 2010

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

interni

2

21

La comità di Cornacchione sbarca al ‘Mancinelli’

Il comico proporrà il suo grande spettacolo “Silvio c’è?” di ELISABETTA SORIANO

F

congedarsi alla �ne con un omaggio a Giorgio Gaber. il biglietto dello spettacolo di Cornacchione è comprensivo di una degustazione a base di riso, che precederà lo show nella hall alle 20, preparata dallo chef Maurizio Di Mario della Pasticceria Adriano, in collaborazione con la Compagnia dei Buongustai.

Nuovo appuntamento con la kermesse diSUONIdiVERSI a Bagnoregio

‘Cinque pezzi facili’ sul palco del Taborra di FORTUNATO LICANDRO

D

opo il successo dello scorso 20 febbraio 2011, riscosso dal trio acustico Orchestra Minima Mysticanza che ha musicato dal vivo la cineMAtoGrafIA di Méliès, la rassegna di Musica e Teatro “diSUONIdiVERSI” ospiterà domenica 20 marzo alle 17 e 30, all’Auditorium V. Taborra di Bagnoregio, il debutto della prima opera teatrale del giovane attore e regista Andrea Fabi, dal titolo “Cinque Pezzi Facili”. L’opera si ispira a alcuni testi di Daniil Charms, ed entra nel programma come unica produzione del CUT per la rassegna “diSUONIdiVERSI” e vuole essere una prova d’attore e di regia per un artista in erba del territorio viterbese. “Lo spettacolo – spiega Andrea Fabi – si ispira al teatro quotidiano, cioè a quel tipo di narrazione teatrale che giornalmente impegna tutti

noi. Partendo dal principio che le storie che raccontiamo ogni giorno e il modo in cui le raccontiamo sono soggette a molti dei meccanismi che regolano il processo teatrale, questo spettacolo decide di lavorare su uno dei motivi base del teatro: la �ducia nella �nzione, �ducia che si genera solo se l’attore è il

primo a credere in quello che fa. Ciò che viene narrato sarà accettato come ‘possibile’ dallo spettatore solo se l’attore per primo ci crede e così gioiremo o ci spaventeremo per amori o delitti che avvengono sulla scena e che quindi sono chiaramente �nti. Finti sì, ma assolutamente sinceri. Nella nostra quotidianità – continua il regista/attore – siamo continuamente in ascolto o in scena in pezzi teatrali, in narrazioni di cui siamo protagonisti o spettatori. Il teatro è l’apoteosi di queste �nzioni e “Cinque pezzi facili” è un lavoro che cerca di spulciare la radice del teatro: cioè un uomo che inscena qualcosa di “irreale” per un altro uomo. È un testo grottesco, venato di assurdo, che narra una storia e che parla delle possibilità a cui va incontro il narrare stesso: un testo per il teatro che parla del teatro. Charms, l’autore a cui lo spettacolo si ispira, è un purista dell’assurdo. Così lo

spettacolo si srotola in una narrazione che forse non ha ragione di essere e che forse nemmeno si conclude, rimarcando ancora di più l’importanza del raccontare, dell’ascoltare, del recitare, senza cercare una �ne o un senso pratico a queste azioni”. Andrea Fabi, classe 1983, studia teatro �n da giovanissimo con vari maestri. Se pur giovanissimo, con la �ducia del direttore artistico della rassegna, Maria Laura Ronzoni, si mette alla prova creando una sua personale opera frutto delle sue esperienze in campo. Gli ultimi appuntamenti con la rassegna “diSUONIdiVERSI” saranno: Domenica 17 aprile 2011, ore 17 e 30 “Vittoria!” teatronarrazione di Antonello Ricci e Alfonso Prota Domenica 15 maggio 2011 ore 21 “Concerto di Musica Irlandese” di Kay McCarthy Biglietto unico a spettacolo € 5,00.

spettacoli

televisione

di FORTUNATO LICANDRO

di ELISABETTA SORIANO

di ELISABETTA SORIANO

Nelle sale “Gnomeo e giulietta” nuova avventura in 3D targata PIXAR. Nel film la celebre storia di Shakespeare si trasforma in una fiaba esilarante e stravagante. Il signor Capuleti e la signora Montecchi sono due vicini di casa con la passione (e un pessimo gusto) per l’allestimento del giardino. Sono rivali acerrimi, si odiano così tanto che anche i loro oggetti da giardino sono in continua guerra. Divisi cromaticamente tra blu e rosso, le due famiglie di nani non si possono vedere e la cosa peggiorerà quando i rispettivi figli, Gnomeo e Giulietta, si scopriranno innamorati. In un vortice che porterà ad uno scontro totale tra i due giardini per evitare l’unione dei ragazzi, Gnomeo e Giulietta rischieranno di morire per amore. Rispetto agli ultimi prodotti Disney/Pixar, questo film non convince fino in fondo. Ma il target a cui è dedicata la pellicola non resterà deluso: sicuramente ai più piccoli, ancora digiuni di tutti i rifacimenti Shakespeariani a cui gli adulti sono abituati, piacerà vedere la “strampalata” storia di questi due gnometti. Una straordinario supporto al film è dato dalla colonna sonora di Elton John, Lady Gaga e Nelly Furtado, che crea un mix perfetto tra la classicità della storia d’amore e la contemporaneità della musica pop. Come sempre, il doppiaggio italiano delude e non poco: i Rossi parlano un siciliano, napoletano e calabrese poco credibile; i blu un fastidioso emiliano, torinese e milanese. Unica nota eccellente è lo spassoso “Piuma Rosa”, doppiato eccellentemente da Francesco Pannofino. In generale un’operazione di doppiaggio mal riuscita e notevolmente stridente, ma d’altronde era facile snaturare un film che in lingua originale vede doppiatori del calibro di Michael Caine, Maggy Smith, Ozzy Osbourne e Jason Statham.

Ecco alcuni degli appuntamenti che si terranno oggi a Viterbo e in provincia. Questa mattina alle 9 si terrà a Viterbo, presso il Cinema Trieste, la proiezione del film “Noi credevamo” di Mario Martone, nell’ambito del “Progetto Scuole Speciale 150°”. Il film ripercorre le tappe del processo che ha portato all’Unità d’Italia, attraverso il racconto delle vicende di tre ragazzi meridionali ( Domenico, Angelo e Salvatore) affiliati alla Giovine Italia. Si terrà squesta mattina alle 11 a Canepina, presso il Salone Quarto Stato, il convegno “Patrioti canepinesi”, dedicato alla figura del prete garibaldino Don Felice Ribichini e ad altri patrioti canepinesi. Oggi pomeriggio dalle 16 alle 19 si terrà uno dei consueti incontri della rassegna “Pomeriggi inglesi”, presso l’Upte in via del Giglio a Viterbo, dedicato a “A Bloomsbury” di Virginia Woolf: un pomeriggio con club di lettura, tè e biscotti e proiezione di un film inerente al tema del giorno. L’evento è a cura di Federica Marchetti. Continuano oggi a Sutri le celebrazioni per il 150° anno dell’Unità d’italia, con vari appuntamenti alle 16, alle 18 e alle 21 e per l’occasione si terrà: l’inaugurazione della mostra “Sutri nel Risorgimento”, seguita dalla proiezione del film “Cinema e Risorgimento”, con una replica serale. Questa sera alle 21 si terrà a Caprarola, presso le Scuderie di Palazzo Farnese, la commedia “Col naso all’insù”, rappresentazione in tre atti della Compagnia “Quelli del martedi”.

Se rimaniamo in casa ecco la tivvù

cinema

Ancora festa per i 150 anni dell’Italia

Il cinema animato torna nelle sale

ine settimana all’insegna della comicità e della buona cucina ad Orvieto con il sesto e settimo appuntamento della kermesse “Risate & Risotti”. I prossimi appuntamenti saranno oggi al Ristorante Il Saltapicchio e idomani al Teatro Mancinelli dove si esibirà il comico Antonio Cornacchione nello spettacolo “Silvio c’è?”. Continua ad Orvieto la manifestazione comico - gastronomica “Risate & Risotti”, dedicata agli amanti della buona cucina e del divertimento, che unisce due induscusse eccellenze italiane. Giunta alla sua IV edizione la kermesse è organizzata da Multiservice Meeting & Eventi nella �gura di Luca Puzzuoli, nonchè ideatore stesso, in collaborazione con A.Ge (Associazione Italiana Genitori ) di Orvieto e Associazione Te.Ma. Il prossimo appuntamento in calendario è �ssato per il prossimo venerdi 18 marzo e location sarà il Ristorante Saltapicchio, dove la chef locale Valentina Santanicchio, gli chef ospiti Adelaide Melles e Sandra Salerno collaboreranno insieme per creare un menù unico, rigorosamente a base di riso, principale protagonista della kermesse. Lo spettacolo di cabaret sarà af�dato al comico Gianluca Irti, trionfatore al Festival SpazioCabaret 2007, che ci mostrerà una serie di personaggi surreali, o tratte dalle vite reali, che spaziano dal rappresentante di farmaci a quello con la doppia personalità, dal

collaudatore al fotografo di matrimonio. Protagonista invece domani alle 21 al Teatro Mancinelli sarò l’esilerante comico Antonio Cornacchione con lo spettacolo “Silvio c’è?”. Dopo il fortunato spettacolo di qualche anno fà (“Povero Silvio” in scena al Mancinelli nel 2005), l’artista è ancora alle prese con il suo grande amico Silvio Berlusconi in novanta minuti di confronto ironico con la realtà italiana, musicata da Carlo Fava, solida �gura del teatrocanzone e amabile chansonnier, campione italiano in carica degli imitatori di Joseph Ratzinger. Lo spettacolo è un incontro tra due artisti, tra monologhi e canzoni, per parlare dell’attualità, di politica, giornali, precarietà, fannulloni, amore, futuro e ovvviamente di Berlusconi. Nelle gag del cabarettista, nato fumettista ( collaboratore di “Topolino” e “Tira e molla”) ed ora diventato uno dei volti più celebri della televisione italiana, una divertente distorsione prospettica fa apparire i santi ladri e i ladri santi, come nei migliori rovesciamenti dell’arte popolare. Nella performance cabarettistica il Premier non è che uno degli ingredienti, ricco di racconti e canzonette sul panorama politico contemporaneo. I due complici duettano sui massimi e minimi sistemi, rileggendo con ironia i tempi curiosi che stiamo vivendo come due vecchi amici ( o anche tre contando Silvio) che sghignazzano parlando di temi di scottante attualità, o che si cantano addosso, lavorando con autoironia sui rispettivi difetti, per poi

Ecco le programmazioni che si terranno questa sera sul piccolo schermo. Rai1 alle 21 trasmetterà lo show “Fratelli di Test”, condotto da Carlo Conti insieme ad Alessia Ventura; il programma è l’adattamento italiano del format di successo “Test the Nation”: 300 persone scelte come campione rappresentativo dell’Italia e suddivise in 6 categorie, giocheranno insieme ad ospiti vip e ai telespettatori, rispondendo ad una serie di domande su vizi, virtù, clichè degli italiani. Rai2 alle 21 propone una puntata del telefilm “NCIS Los Angeles”” intitolata “La vedova nera”. Seguirà alle 21,50 una nuova puntata del telefilm “Blue Bloods” e alle 22,40 un episodio del telefilm “Past Life”. Rai3 alle 21 trasmetterà il film drammatico del 2007 “Leoni per agnelli”, interpretato da Robert Redford, Tom Cruise e Maryl Streep; la pellicola narra la storia di due rangers dell’esercito degli Stati Uniti, che subiscono una serie di ingiustizie che provocheranno un grande clamore che coinvolgerà a vario titolo un membro del Congresso, una giornalista e un professore. Canale5 alle 21 trasmetterà lo show “Zelig”, condotto da Claudio Bisio e Paola Cortellesi. Seguirà alle 23,30 il varietà “Chiambretti Night - Solo per Numeri Uno”, condotto da Piero Chiambretti. Italia1 alle 21,15 propone un nuovo episodio del telefilm “Dr.House - Medical Division”. Seguiranno alle 22 due puntate del telefilm “Grey’s Anatomy” e a seguire alle 23,50 “the Closer”. Infine Rete4 alle 21,15 trasmetterà il programma di attualità “Quarto Grado”, condotto da Salvo Sottile. Seguirà alle 23,20 il thriller del 2005 “Fragile”, con Calista Flockhart e Yasmin Murphy. Buona visione.


interni appuntamenti

2 22 Cinema Azzurro

Cinema Lux

Teatro Genio

Viterbo & AltoLazio

Cinema Trieste

Amici Miei

Rango

Nessuno mi può giudicare

Il Rito

Viterbo Via C. Cattaneo, 44 Tel. 0761.220019 18,10-20,20-22,30

Viterbo Viale Trento, 1 Tel. 0761.340848 16,0-18,00-20,20-22,30

Viterbo Via Teatro Genio, 16 Tel. 0761.343041 18,30-20,30-22,30

Viterbo Viale Trieste, 30 Tel. 0761.307083 21,30

Cinema Trento Street Dance in 3D

La Quercia (Vt) P.zza Santuario, 51 Tel. 0761.307759 18,00-20,00-22,00

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

- Rango - Tutti al mare

Nessuno mi può giudicare

Amici miei

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 - 18,00-20,15 - 22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,30-20,30-22,30

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

Venerdì Venerdì 118Ottobre Marzo 2010 2011

Cinema Etrusco

Il rito

Gnomeo e Giulietta

Street Dance in 3D

Amici miei

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,30-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 18,00-20,15-22,30

Cinema Etrusco

Cinema Etrusco

Cinema Etrusco

Flavia Multisala

Gnomeo e Giulietta

Il rito

Nessuno mi può giudicare

Nessuno mi può giudicare

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 18,00-20,00-22,00

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 18,00-20,00-22,00

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 18,00-20,00-22,00

Montefiascone Via della croce, 1 Tel. 0761.826611 21,30

Flavia Multisala

Cinema Gallery

Cinema Gallery

Cinema Tevere

Il Rito

Amici Miei

Il Grinta

Amici Miei

Montefiascone Via della croce, 1 Tel. 0761.826611 21,30

Montefiascone Via Cardinal Salotti Tel. 0761.824342 21,30

Montefiascone Via Cardinal Salotti Tel. 0761.824342 21,30

Castiglione in Teverina via Orvietana, 37 Tel. 0761.948915 21,30

Cinema Alberini

Cinema Florida

Cinema Excelsior

Cinema Colombo

Tutti al mare (da domani)

Rango

Amici miei

Il Cigno nero (da domani)

Orte Via del Plebiscito, 6 Tel. 0761.403585 21,45

Civita Castellana Via del Forte, 26 Tel. 0761.598165 21,30

Cura di Vetralla Via Cassia, 277 Tel. 0761.483340 18,00-20,00-22,00

Valentano Via Monte Grappa, 16 Tel. 0761.453138 21,30

Venerdì 18 marzo

Centro Culturale Polivalente (loc. Chia), Soriano nel Cimino “La contemporaneità del pensiero di Pier Paolo Pasolini”: inaugurazione mostra fotografica Il Vangelo secondo Mimì di Domenico Notarangelo, proiezione documentario Il silenzio è complicità di Laura Betti e dibattito con Adalber to Baldoni, Gianni Borgna, Walter Veltroni, Gino Roncaglia. Inizio ore 16 e 30.

Upte (Via del Giglio 3), Viterbo “Pomeriggi inglesi”: A Bloomsbury di Virginia Woolf. Club di lettura a cura di Federica Marchetti con proiezione di un film a tema. Inizio ore 16 Scuderie Palazzo Farnese, Caprarola “Col naso all’insù”: commedia in tre atti della compagnia Quelli del Mar tedì. Inizio spettacolo ore 21. Sabato 19 marzo Sala Tetraedro (Via Chigi 12), Viterbo “Il regalo delle stelle d’Irlanda”: spettacolo per bambini

della compagnia La Metaphora. Inizio spettacolo ore 16 e 18.Ingresso su prenotazione 368 3750512 – 333 3183300.

Bottega dei Talenti (Via Raffaello 16/H) Viterbo “Re 33 e i suoi 33 bottoni d’oro”: spettacolo di burattini per bambini. Inizio spettacolo ore 17. Ingresso gratuito. Auditorium S. Maria in Gradi, Viterbo

“Stagione Concer tistica Unitus”: concer to del pianista Matteo Biscett. Inizio concer to ore 18. Ingresso 9 euro, ridotto 4 euro. Palazzo dei Priori, Sala Sacchetti (Via dell’Archetto 4), Tarquinia “Stagione Concer tistica Tarquiniese”: concer to del trio d’archi Corrado Stocchi. Musiche di Dvorak, Beethoven, Cambini, Hofmann. Inizio concer to ore 18. Ingresso 5 euro, ridotto 3 euro. Scuderie Palazzo Farnese, Caprarola “Col naso all’insù”: commedia in tre atti della compagnia Quelli del Mar tedì. Inizio spettacolo ore 21.

Teatro Santa Cristina, Porano “Il veleno del teatro”: commedia di Rudolf Sirera interpretata dalla compagnia Pancrisia di Civitavecchi. Inizio spettacolo ore 21. Ingresso 10 euro. Teatro Petrolini, Ronciglione “Baracche e Burattini”: spettacolo teatrale della compagnia Gli strani, ma vero. Inizio spettacolo ore 21. Ingresso 10 euro. Teatro Bianconi, Carbognano “ABBAgliati”: musical del Gruppo Giad liberamente ispirato alle musiche degli Abba. Inizio spettacolo ore 21.


Venerdì 18 Marzo 2011

Viterbo & AltoLazio

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

Venerdì 1 Ottobre 2010

almanacco Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

visitando

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE

na belU la Luna in vergine

stimola la vostra creatività mettendovi al centro dell’attenzione nel vostro lavoro…sicuramente siete tra coloro che non hanno fatto il ponte.. ed è meglio così visto che potreste essere gli assegnatari di un incarico importante.. con tanto di aumento di soldini.. NON MALE VERO?

21 Aprile - 20 Maggio TORO na favolosa Luna vi sorride dal segno della Vergine di terra come voi. .oggi potreste rilassarvi organizzando un fine settimana all’insegna degli inviti degli amici che fanno la fila per avere la vostra simpatica e gioviale compagnia…chissà che proprio tra tutte queste anime che vi ronzano intorno non possiate trovare quella gemella?.. VOI INTANTO FATEVI BELLI

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI n c o ra un po’ di tensione in questo weekend che viene infastidito da una

U

A

fastidiosa Luna in Vergine che potrebbe favorire l’insorgere di un equivoco con i vostri amici o qualche schermaglia in amore.. come sempre per voi in questi casi il consiglio è quello di non cedere ad uno dei vostri famosi scatti di nervi.. ASPETTANDO IL PROSSIMO MERAVIGLIOSO FUTURO

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO nfastiditi dal debutto di questo nuovo Urano che fa sfilare davanti ai vostri occhi le difficoltà del vostro attuale periodo, sentite il bisogno di starvene rintanati in casa rimuginando nei vostri pensieri.. nulla di più sbagliato cari amici del Cancro. .la Luna e il sole in Pesci vi invitano ad uscire ed allietare i vostri amici con la vostra inesauribile carica di dolcezza.. ANIMO!!!

per spremerlo come un limone intenzionati ad ottenere fino alla più piccola goccia di successo?. .e come no!! D’altronde uno dei vostri piccolissimi difetti è quello di essere a volte un po’ megalomani.. però mica è colpa vostra se alla fine siete sempre i più forti, giusto?.. imparassero gli altri a fare come voi!!!AUGURI!!!

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE na Luna suadente e accecante viene a trovarvi direttamente a casa ma questa volta è un po’ troppo ingombrante.. e rischia di acuire in voi un certo nervosismo che,a dire il vero, sentite già da qualche settimana…io però non faccio altro che dirvi di calcolare questo piccolo periodo nero come un purgatorio…state tranquilli perché a breve per voi sarà IL PARADISO

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA n elettrico Urano porta prepotentemente alla ribalta quello che da un po’

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE l vostro carattere un po’ testardo, beh, forse più di un po’, vi porta normalmente a

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO n Urano davvero stratosferico vi ha fatto capire già da qualche giorno che

di tempo non volete vedere.. è importante invece che vi mettiate alla prova in qualsiasi settore della vostra esistenza.. nell’amore specialmente dove, se non siete soddisfatti di un rapporto potrete chiuderlo senza soffrire molto… attraversate con calma questo fiume impetuoso cari amici della bilancia. .alla fine troverete un MARE INCANTATO

focalizzare la vostra attenzione su ciò che invece andrebbe lasciato andare. .sto parlando dell’amore cari Scorpioncini.. una Venere ancora antipatica dall’Acquario non facilita il fluire delle emozioni neanche nei rapporti di vecchia data, ..e allora dico io, datevi pace no?.. TANTO TRA UN PO’ PASSA..E TUTTO SI RIAGGIUSTERA’ MERAVIGLIOSAMENTE

qualcosa nella vostra vita è decisamente cambiato…avete voglia infatti di correre verso il nuovo che si prospetta decisamente più allettante del vostro passato che in questi ultimi anni non è stato affatto facile.. dovete avere solo un attimino di calma e definire meticolosamente i dettagli di un vostro nuovo progetto.. CHE VI PORTERA’ MILLE SODDISFAZIONI

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO i l a s satevi oggi amici del Capricorno. in questo periodo state decisa-

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO aturno n o n è solamente sinonimo di ostilità. .anzi a volte è proprio un vecchio signore benevolo che decide di prendersi cura della vostra vita per portarla verso stati di benessere che siano appaganti e duraturi. .è proprio ciò che sta accadendo a voi..la vostra vita infatti sta cambiando radicalmente e sono sicuro che sarà via via SEMPRE PIU’ FACILE E FELICE

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI inché la b a r c a va…lasciala andare…se poi si fermerà. .tu non remare..

I

U

R

mente lavorando troppo e più che altro state elucubrando fino allo sfinimento su alcune situazioni lavorative che sono ancora in sospeso. .i Signori dello Zodiaco ve lo hanno promesso..tutto andrà bene.. e dovrete lottare questo sì.. ma datemi retta.. CERCATE DI ESSERE PIU’ LEGGERI..E TUTTO ANDRA’ MEGLIO

BUONGIORNO

Al ‘Bar Centrale di Zichetto e Mugnale’ a Tuscania, ogni giorno è un buongiorno. Lo sanno bene gli affezionati clienti che tra cornetti, briosch, caffè, merende e aperitivi non mancano di ‘passare’ a salutare i mitici gestori: Giggi, Daniele, Elisabetta e Donatella. Proiezioni delle partite di calcio, notizie fresche della città. Qui si è sempre in famiglia!

23 Luglio - 22 Agosto LEONE i sentite o no carichi di energia e pronti a prendere il mondo nelle vostre mani

V

I

U

U

S

interni 23

F

cantate così cari amici dei Pesci per affrontare questi due giorni un po’ antipatichelli a causa di una fastidiosa Luna in Vergine che vi porterà ad avere qualche battibbecco con i vostri amici di sempre.. resistete alla voglia di mandare tutti a fare un bagno.. e NUOTATE UN PO’ VOI RINFRESCANDOVI LE IDEE

Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Fabrica di Roma A Falerii Novi, mura etrusco romane del III sec. a.c. e la porta Giove si possono visitare sempre. L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Falerii del sec.XII da marzo a Novembre i sabati e le domeniche dalle ore 9 alle 13. In altri giorni per gruppi e scolaresche contattare il 0761/ 569101 ufficio cultura.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Venerdì 18 Marzo 2011

Sabato 19 Marzo 2011

ore 00 cielo coperto con deboli precipitazioni e vento da est a 12 km/ h. Temperatura di 8,2 °C ore 03 cielo coperto con possibili deboli precipitazioni e vento da sud/ est a 8 km/h. Temperatura di 8,8 °C ore 06 cielo quasi sereno o poco nuvoloso e vento da est a 8 km/h. Temperatura di 6,6 °C ore 09 cielo parz. nuvoloso e vento da est a 9 km/h. Temperatura di 10,7 °C ore 12 cielo coperto con possibili deboli precipitazioni e vento da sud/est a 7 km/h. Temperatura di 12,2 °C ore 15 cielo nuvoloso e vento da sud/ ovest a 5 km/h. Temperatura di 12,7 °C ore 18 cielo parz. nuvoloso e vento da ovest a 7 km/h. Temperatura di 11,2 °C ore 21 cielo molto nuvoloso e vento da nord/ovest a 7 km/h. Temperatura di 9,2 °C

ore 00 cielo quasi sereno o poco nuvoloso e vento da nord a 14 km/h. Temperatura di 7,2 °C ore 03 cielo quasi sereno o poco nuvoloso e vento da nord/est a 14 km/ h. Temperatura di 7,2 °C ore 06 cielo poco nuvoloso e vento da nord/est a 11 km/h. Temperatura di 7,2 °C ore 09 cielo nuvoloso e vento da nord/ est a 10 km/h. Temperatura di 10,3 °C ore 12 cielo molto nuvoloso o coperto e vento da nord/est a 8 km/h. Temperatura di 13,8 °C ore 15 cielo coperto con qualche piccolo cumulo sparso con deboli precipitazioni e vento da nord/est a 5 km/h. Temperatura di 13,7 °C ore 18 cielo poco nuvoloso con possibili deboli precipitazioni e vento da nord/ ovest a 6 km/h. Temperatura di 9,1 °C ore 21 cielo parz. nuvoloso e vento da nord a 8 km/h. Temperatura di 8,6 °C

FARMACIE

OGGI 18 MARZO COMUNALE S. BARBARA (DIURNO E NOTTURNO) VIA PORSENNA, SNC (VITERBO) TEL: 0761-270543 DOMANI 19 MARZO CARLINI (DIURNO E NOTTURNO) CORSO ITALIA, 37 (VITERBO) TEL: 0761-304613


L'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 18 marzo 2011  

edizione del 18 marzo 2011

Advertisement