Page 1

AltoLazio News Quotidiano Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10 In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE delle Libertà

Direttore Editoriale NICOLÓ ACCAME

p

Viterbo & AltoLazio Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

Anno II N.111 - Mercoledì 11 Maggio 2011 - Euro 1,00

Cronaca

Cronaca

Attualità

Deragliamento Roma Nord Simeone: “Fate chiarezza”

Presunto caso di mobbing nel trasporto scolastico di Soriano

Spettacolo Almadiani Cervo applaude Ciorba

di Luca Appia

di Simona Tenentini

di Roberto Pomi

a pagina 2

a pagina 4

a pagina 9

Sentenza dura per l’imprenditore di Ischia di Castro, assolto Alveno Lotti

Otto anni e tre mesi per Marcucci Per il tribunale di Viterbo Francesco Marcucci è uno schiavista. Nella tarda serata di ieri è arrivata la dura sentenza di primo grado: otto anni e tre mesi oltre alla perpetua interdizione dai pubblici uf�ci. Assolto invece il commerciante Alveno Lotti che inizialmente era stato tirato in ballo come socio del Marcucci. Soddisfatto il pubblico ministero Roberto Staffa che aveva chiesto ‘solo’ sette anni e mezzo per il primo e cinque anni e otto mesi per il secondo. Ieri di fronte al collegio composto dai giudici Mautone, Turco e Romano gli avvocati difensori Maruccio, Fini e Trotta hanno ripercorso nelle loro arringhe i tratti salienti della vicenda �n dalla fatidica denuncia presentata da uno dei quattro romeni “schiavizzati” dall’imprenditore di Ischia...

EDITORIALE

Ancora pochi giorni prima della “pesata” delle amministrative di Roberto Pomi Siamo a un pugno di giorni dal voto di maggio. Traguardo tanto atteso e faticato per gli oltre settecento aspiranti consiglieri che si stanno dando battaglia su tutto il territorio provinciale. Ventuno comuni vanno al rinnovo, con tanto di realtà pesanti come Monte�ascone e Vetralla. Dietro le amministrative i mille �li dei partiti e dei singoli, perché - teniamolo bene a mente - il voto del 15 e 16 è il momento del “peso” per i singoli e le correnti. Il punto a cui tutti guardano, anche questo non va dimenticato, sono le amministrative che interesseranno tra due anni la città dei Papi. Questa tornata elettorale servirà anche a preparare i giochi per quella s�da, la più importante in tutta la Tuscia. Interessante sarà vedere il risultato che riusciranno a portare a casa i satelliti del Pdl locale: in primis Tuscia Vola e Lega Federalista. Ma ancora più signi�cativo sarà il risultato �nale all’interno del Pdl. Con un Pd un po’ alla deriva gli uomini del centrodestra sono di fatto impegnati a pensare e a concretizzare una “guerra fratricida”. Quale sarà la corrente più forte? Chi uscirà irrobustito o dimagrito di peso politico dal voto di maggio? Attenzione perché a seconda di come andranno le cose potremmo assistere a una pioggia di teste.

di Emanuele Faraglia a pagina 3

POLITICA

Cimiteri, Insogna chiede risposte

VALLERANO

Claudio Mastrogregori si autoesclude dal Partito Democratico di Simona Tenentini a pagina 12

VETRALLA

Intervista al candidato di ‘Progetto Vetralla’ David Delle Monache di Daniele Camilli a pagina 10

MONTEFIASCONE

ATTUALITA’ - Emozioni forti per la festa dello storico corpo militare Santucci rassicura

Aves, sessanta anni di coraggio

San Lazzaro, il consigliere comunale del Pd Sergio Insogna scrive a Giulio Marini. Una lunga lettera piena di domande che girano essenzialmente intorno a una: perché a distanza di due mesi dalla chiusura della gara d’appalto la società vincitrice non ha ancora preso in gestione i servizi?

Avere sessanta anni e non sentirli, così ieri l’Aves ha festeggiato alla grande la storica ricorrenza. Folta presenza di autorità militari e civili e lo spettacolo, veramente emozionante, della simulazione di un’azione di guerra. Amore per la patria e spirito d’appartenza a farla da padrone e tantissima gente.

dalla Redazione a pagina 5

di Emanuele Faraglia a pagina 8

di Michele Mari a pagina 11

CIVITAVECCHIA

L’appello di Marino (Pdl) “Servono nuove entrate per il Comune” di Pietro Cozzolino a pagina 14

CICLISMO - Domani la corsa rosa attraverserà molti centri della provincia MINIBASKET

Il Giro d’Italia sulle strade della Tuscia

i cittadini: “Né altri immigrati, né tendopoli”

Un entusiasmo incontenibile

Sarà un’edizione del Giro ricordata a lungo per la tragedia che ha colpito il belga Weylandt, morto durante la terza tappa della corsa rosa dedicata all’Unità d’Italia. Lo spettacolo però non si è fermato e domani i corridori attraverseranno la Tuscia nella tappa che va da Orvieto a Fiuggi. Tanti gli appassionati che già si preparano ad accoglierli ed incitarli.

Centocinquanta come i cestisti che hanno partecipato alla festa e come gli anni dall’Unità d’Italia, ricordata con magliette dei tre colori della nostra bandiera e con un evento ospitato proprio dalla neonata piazza Unità d’Italia a Viterbo. Una bellissima festa per il minibasket, raccontata soprattutto grazie alle immagini.

di Glauco Antoniacci a pagina 15

dalla Redazione a pagina 21


primo piano interni cronaca

2

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì Maggio2011 2011

Assunto part-time come autista di autobus è sempre stato scavalcato dai residenti del paese

Presunto mobbing a Soriano, parla la vittima di SIMONA TENENTINI

N

el programma elettorale della lista Unione per Soriano, una voce speci�ca dedicata al lavoro non è presente. Forse è per questo che si veri�cano episodi come quello che Marco T. ha portato alla nostra attenzione. “ Nel 2002 ho iniziato a lavorare come autista di scuolabus presso il Comune di Soriano nel Cimino, con un part-time di 15 ore a settimana. Nel 2003, l’appalto per la gestione del servizio passa alla ditta Turismo Fratarcangeli sas. Da quel momento sono iniziate tutte le mie vicissitudini, che si protraggono ancora al giorno d’oggi. A cominciare dalle politiche di vero e proprio mobbing che sono state portate avanti nei miei confronti. A tal riguardo basti pensare che, per ben tre volte, dopo che se ne sono andate delle persone assunte come autisti, ed io avrei potuto benissimo subentrare loro, essendo il più ‘anziano’ in termini d’esperienza, sono sempre stato ‘messo da parte’ in quanto non residente a Soriano. Quando si veri�cò la prima defezione, il responsabile della ditta mi chiese se volessi prendere servizio sul trasporto pubblico e trasformare così il mio contratto da semplice part-time indeterminato a un tempo pieno indeterminato. Ovviamente la mia risposta non poteva che essere affermativa, ma alla �ne del discorso ci congedammo con una sua

frase che non lasciava troppo spazio alle speranze. Mi disse, infatti, :”vedremo cosa posso fare”......Difatti i miei timori non tardarono ad essere confermati. Al mio posto fu assunto il secondo raccomandato, nativo e residente nel comune di Soriano nel Cimino. Nei mesi che seguirono ebbi naturalmente delle discussioni con il mio datore di lavoro, Fratarcangeli Giovanni, ma lui non mi diede mai nessuna spiegazione plausibile sulle circostanze. Quando poi minacciai di intraprendere le vie legali, mi fece delle vaghe promesse che mi avrebbe ‘risarcito’ con altri posti di lavoro che si sarebbero venuti a creare, ma, ovviamente, anche in questo caso si trattò di semplici chimere. Dopo 7 anni, un altro dei dipendenti assunti nel 2004 ha deciso di andarsene e, logicamente, chiunque, al posto mio, si sarebbe aspettato di subentrare al suo posto. Invece qui la vicenda assume un aspetto tragicomico. Per l’ennesima volta, infatti, venne trovato, non si sa né come né perché, un nuovo sostituto (indiscrezioni sostengono che sia il ragazzo della �glia di un esponente del centrosinistra) naturalmente anche lui di Soriano, E’ a questo punto che sono esploso e la rabbia si è impossessata della mia persona. Rabbia perchè non ti spieghi per quale motivo di quattro autisti scuolabus tu sei l’unico ad essere tenuto con contratto part-time di 15 o 20 ore set-

timanali (450/550 € al mese) mentre gli altri hanno contratto a tempo pieno, così come lo stipendio, pur facendo quasi lo stesso orario di servizio. Rabbia perché in tutti questi anni di lavoro non ho mai �rmato, se non all’inizio, uno straccio di contratto. Rabbia perché, dopo aver lavorato in nero per circa nove mesi, il datore di lavoro, candidamente ti risponde: “C’è stato un problema...sono cose che capitano”. All’epoca cercai anche un contatto con il sindaco di Soriano, pensando che lui potesse aiutarmi a risolvere questa palese ingiustizia. A dicembre chiesi un incontro rivolgendomi in segreteria…mi fu detto che sarei stato richiamato......silenzio totale anche dal comune A febbraio decisi allora di rivolgermi al sindacato. In seguito a quest’azione ho ricevuto persino delle velate minacce, in quanto il mio datore di lavoro mi ha redarguito dicendo che avevo compiuto un errore gravissimo. L’ultima mia carta, in de�nitiva, è stata quella della carta stampata, nella speranza che qualcuno, leggendo la mia vicenda, sappia darmi delle spiegazioni plausibili anche sul fatto che, pur non sussistendo alcuni requisiti fondamentali (ad esempio una rimessa per i mezzi che da mesi che stazionano nei vari parcheggi di Soriano) la ditta continua a mantenere, inspiegabilmente, l’appalto con il Comune di Soriano.

Trend positivo anche per Viterbo che nei primi mesi del 2011 segna un -39,4%

Crisi, diminuisce la cassa integrazione nel Lazio R

ilevato nel periodo gennaio-aprile 2011 un decremento della cassa integrazione totale del 21,5%, passando da 414,4 a 325,5 milioni) rispetto al 2010. Per la Cig ordinaria si osserva un calo sia delle ore totali (-47 per cento) che di quelle autorizzate nell’Industria (-55,5 per cento). Invece, nell’Edilizia si assiste ad una crescita del 0,6 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In aggiunta, la cassa integrazione straordinaria diminuisce del 16,4 per cento in totale (da 164,7 a 137,6 milioni), del 18 per cento nell’Industria, del 95,8 per cento nell’Artigianato e del 23 per cento nel Commercio, mentre aumenta del 134,7 per cento nell’Edilizia. Da segnalare, infine, l’incremento del 9,2 per cento (da 98,8 a 107,9 milioni) della cassa integrazione guadagni in deroga. Per quanto riguarda il Lazio emerge una diminuzione della Cig totale (-38,5 per cento, da 25,6 a 15,7 milioni) più ampia di quella nazionale. Nel dettaglio, le ore di cassa integrazione ordinaria diminuiscono del 17,3 per cento (da 5,2 a 4,3 milioni), quelle autorizzate nell’Industria scendono del 31,8 per cento (da 3,7 a 2,5 milioni), mentre si assiste ad una crescita del 19,4 per

Il dirigente di ragioneria precisa i numeri e le problematiche dell’istituto

Caso Ruffini, il Paolo Savi non ci stà

E

’ ancora in bilico la questione degli 800 alunni del liceo scienti�co Ruf�ni, divisi attualmente in tre plessi scolastici per mancanza di posto nella sede centrale. Lunedì una buona parte degli studenti ha attraversato le vie del centro storico viterbese per arrivare poi in Provincia, dove hanno parlato con il Presidente Meroi e l’assessore Fraticelli. Sono state avanzate proposte varie, come quella di diminuire le sedi da tre a due, spostando alcune aule nella sede dell’Ipsia. Qualcunaltro, invece, ha avanzato la proposta di un cambio con i ragazzi del Paolo Savi. Secondo alcuni, infatti, gli studenti del liceo potrebbero trasferirsi tutti nel plesso di ragioneria, mentre i ragazzi del Savi sarebbero divisi in due strutture, questo perché gli alunni di ragioneria sarebbero in numero molto inferiore agli 800 dello scienti�co. Dopo queste parole, però, i ragazzi del Paolo Savi

non sono stati fermi con le mani in mano. Nell’evenienza che a settembre possano trovarsi senza il loro vecchio istituto, occupato dai colleghi del Ruf�ni, hanno dato corpo alle loro paure e buttato giù qualche cifra per far capire che alla �ne la loro situazione non sarebbe così diversa da quella del Ruf�ni. Gli alunni del Savi, infatti, sono attualmente 746 e non 500 come qualuno aveva sollevato in sede di discussione in Provincia, divisi in 29 classi, con l’uso indispensabile,

perché curriculare, di dieci laboratori di informatica, uno di chimica e uno di lingue. Per il prossimo anno poi la situazione va crescendo, visto che gli alunni già iscritti sono 800, considerando anche i nuovi ragazzi del primo anno. Questi dati, certamente, fanno capire che se venisse deciso lo scambio fra Ruf�ni e Savi non sarebbe risolto nulla, solamente al posto dei ragazzi del liceo a manifestare in piazza la prossima volta ci saranno quelli di ragioneria. (la)

Con la bella stagione il prato di Valle Faul Scontro a Nepi diventa una spiaggia nudista per i turisti Tre feriti lievi

I cento (da 1,5 a 1,7 milioni) nell’Edilizia. Anche per la cassa integrazione straordinaria si rileva una contrazione superiore a quella nazionale; la variazione osserva tata è infatti pari a –56 per cento (da 15,6 a 6,8 milioni). Le ore autorizzate di Cigs calano del 58,2 per cento (da 14,9 a 6,2 milioni) nell’Industria, del 37,9 per cento (da 473 a 294 mila) nel Commercio ma aumentano del 73,9 per cento (da 188 a 327 mila) nell’Edilizia. Infine al contrario del dato nazionale diminuisce la Cig in deroga, la cui variazione è pari a –5,2 per cento (da 4,9 a 4,6 milioni). In provincia di Viterbo, invece, si registra una diminuzione della cassa integrazione in linea con la media

regionale pari a –39,4 per cento (da 2,5 a 1,5 milioni), da attribuire al decremento delle ore autorizzate di Cigs. Nel dettaglio, la riduzione del 37,9 per cento di cassa integrazione straordinaria è imputabile all’Industria, per cui si assiste ad un –38,2 per cento (da 974 a 602 mila). Per quanto riguarda la Cigo, invece, si assiste ad una crescita del totale pari a +37 per cento (da 509 a 698 mila) a cui concorrono sia il +36,6 per cento rilevato nell’Industria (da 359 a 490 mila) che l’aumento del 37,9 per cento fatto registrare dall’Edilizia (da 151 a 208 mila). Infine, nel periodo osservato, la Cig in deroga risulta in calo (-78,1 per cento) e le ore autorizzate passano da un milione a 229 mila.

E

’ bastato un po’ di caldo in più a far entrare de�nitivamente l’estate e a Viterbo i turisti lo prendono come un segno del destino. Il mare è troppo lontano e quindi ci si adatta a mettersi in costume, o in mutande, per iniziare a prendere un po’ di colore (come testimoniato dallo scatto del nostro Alberto Zadro). Mancava solo

una piscina ieri a Valle Faul per rendere la gita di questi due turisti un vero e proprio “tuffo” nell’estate. Dall’abbigliamento, poi, sembra che la coppia sia arrivata preparata, anche con crema solare e cappellini. Non osiamo immaginare cosa possa accadere quando il caldo, quello vero, arriverà a battere sulle nostre teste.

ncidente nella mattinata di ieri nella zona di Nepi in cui sono rimaste coinvolte due auto. Lo scontro è avvenuto intorno alle 10.30 sulla statale Nepesina 311. Protagoniste del fatto due automobili che si sono scontrate frontalmente mentre viaggiavano in direzioni opposte. Sul posto sono arrivati velocissimi i carabinieri di Civita Castellana, che hanno bloccato il traf�co per eseguire i rilievi di rito. Poco dopo sul luogo del sinistro è arrivata anche un’ambulanza del 118, ma una delle persone che si trovava in auto durante lo scontro era rimasta incastata all’interno del veicolo e non c’è stato modo di sbloccare la situazione. E’ stato quindi necessario far intervenire anche i vigili del fuoco di Viterbo, che in pochi minuti hanno liberato una delle vittime dell’incidente dalle lamiere. L’uomo, poi, è stato portato al pronto soccorso dove gli è stato assegnato un codice verde. Insieme a lui, altre due persone sono rimaste ferite durante l’incidente, ma sempre in maniera piuttosto lieve.


Mercoledì 11 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

cronaca Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 3

Ieri il tribunale di Viterbo ha emesso la sentenza di primo grado nel processo per riduzione in schiavitù

Otto anni e tre mesi a Marcucci, assolto Lotti di EMANUELE FARAGLIA

S

entenza durissima quella emessa ieri dai giudici Mautone, Turco e Romano nei confronti di Francesco Marcucci, ritenuto colpevole del reato di riduzione in schiavitù nei confronti di tre dei quattro romeni che lo avevano denunciato. Otto anni e tre mesi oltre all’inibizione perpetua dai pubblici uffici, dunque più di quanto avesse chiesto lo stesso Pubblico Ministero Roberto Staffa che si era ‘fermato’ a sette anni e mezzo per Marcucci e cinque anni e otto mesi per Lotti. Quest’ultimo, difeso ottimamente dall’avvocato Maruccio, è stato assolto mentre i legali del primo, Giorgio Fini ed Alfreo Trotta, hanno comunque preannunciato il ricorso in Appello. Una sentenza per molti versi inattesa, soprattutto considerando le numerose

L’ART. 358 C.P.P.

Il pubblico ministero compie ogni attività necessaria ai �ni indicati nell’art. 326 e svolge altresì accertamenti su fatti e circostanze a favore della persona sottoposta alle indagini”. Nella realtà dei fatti, come ben sanno avvocati ed addetti ai lavori, la norma è solitamente evasa dagli stessi magistrati che nel corso delle indagini operano a stretto contatto con le forze dell’ordine. Consuetudine ef�cace nel caso in cui l’indagato sia effettivamente colpevole. Pratica assai più rischiosa e foriera di conseguenze nefaste quando invece l’indagato si rivela innocente.

‘lacune’ evidenziate dagli avvocati difensori nell’impianto accusatorio. “Il pm ha battuto forte sulle condizioni umane dei lavoratori presso l’azienda Marcucci le parole dell’avvocato Maruccio - Ebbene ricorderete la signora Jonita Domenica che nel dicembre 2008 ha ammesso di aver provveduto a dipingere e pulire la casetta in cui poi sarebbero stati ospitati i pastori romeni”. Particolare di non poco conto, poi, la testimonianza di M. Ovidiu detto “Tanu” che nel corso dell’incidente probatorio è stato scartato dal pm per poi essere recuperato dagli avvocati difensori: “Durante gli interrogatori i carabinieri hanno interrotto l’audizione - ha proseguito Maruccio - ed io mi son chiesto perché? Durante il processo non c’è stata una contestazione da parte del pm. Eppure egli dice le stesse cose degli altri. Che il Marcucci non andasse a pulire è cosa nota. Che pagasse 500 euro invece di 800 pure. Ma Tanu, a differenza degli altri tre non considerava le proprie condizioni di lavoro come una riduzione della propria libertà”. “Lo stesso Ciucanu (uno dei querelanti) se ne va dall’azienda con le proprie gambe, dunque non si può parlare di fuga. Lo stesso invita il Todosa a venire a lavorare dal Marcucci. E Todosa non sapeva cosa volesse dire fare il pastore. Lo stato di necessità è pregresso, se è vero come è vero che con 500 euro un romeno ci campa lui e la famiglia”. Un aspetto piuttosto inquietante, infine, viene ricordato da Maruccio al termine dell’arringa: “La detenzione di Marcucci (13 mesi e 16 giorni, dal 4 novembre 2009 al 20 dicembre 2010) ha fatto sparire dalla

Dal 2006 non si riesce ad arrivare alla fine

Ancora un rinvio per i presunti ladri del treno di FULVIO MEDICI

I

stazione dei carabinieri di Ischia la documentazione relativa al tentato omicidio nei confronti dello stesso”. “Cinque anni e otto mesi sono un fardello enorme per chi non avverte il peso della propria responsabilità, ma per Lotti, che non era affatto socio del Marcucci come è emerso durante il processo, ma solo un commerciante di pecore che aveva bisogno di un luogo dove lasciare gli animali, chiedo l’assoluzione perché il fatto non sussiste”. Ma è l’avvocato di Marcucci Giorgio Fini a rimarcare un altro aspetto che dovrà per forza di cose essere valutato durante il giudizio di secondo grado: “Non c’è traccia di questi romeni. Il punto fondamentale è che questi romeni sono stati denunciati per falsa testimonianza presso questo stesso tribunale. E come nasce questo

processo? Nasce quando Mariano Boi accompagna il Todosa dai carabinieri dichiaranndo di aver incontrato uno straniero per strada. In realtà lui è il cugino della moglie di Todosa. Il giorno dopo la denuncia scatta la custodia cautelare per il mio assistito. Non voglio mettere in cattiva luce l’operato dei carabinieri, ma solo far ri�ettere su queste coincidenze”. In�ne la questione della carta d’identità che non fu sottratta ad uno dei romeni per chissà quale ragione, ma che fu data al Marcucci af�nché questi acquistasse una Sim card. Aspetti che evidentemente non sono stati considerati dal collegio composto dai giudici Mautone, Turco e Romano i quali hanno in�itto una dura condanna nei confronti dell’imprenditore di Ischia. Otto anni e tre mesi. In attesa dell’appello.

eri mattina in tribunale si è consumato un altro processo, dove ad essere ‘imputata’ è di nuovo la burocrazia. I Giudici collegiali presieduti dalla dottoressa Franca Marinelli, hanno dovuto rinviare al 27 settembre prossimo il processo a carico di tre individui, accusati di rapina e minacce a mano armata(coltello). I fatti risalirebbero all’aprile 2006. Sul treno proveniente da Nizza, destinazione Napoli, all’altezza di Orte, all’interno del convoglio si sarebbero consumati i reati. A denunciare l’accaduto due guardie giurate della Italpol in servizio sul treno e il capo stazione. Dopo aver ricevuto la denuncia (verbale) di uno straniero in viaggio sullo stesso, il quale dichiarava di essere stato vittima di un’aggressione da parte di tre persone, le quali gli avrebbero tolto il portafoglio, le due guardie giurate, A.M. e A.C., insieme al controllore bloccavano i tre, due di nazionalità italiana ed un extracomunitario. I tre, dalla ricostruzione di allora dei querelanti, avrebbero reagito minacciando con il coltello le due guardie e il controllore e provvedendo all’arresto del treno con la leva dell’s.o.s., scendevano e si dileguavano, fermati molto dopo dalla Polfer di Orte che nel frattempo era stata avvisata dal macchinista. Oltre a non essere presente uno dei querelanti, ieri mattina l’altro chiamato a deporre non riusciva a riconoscere uno degli imputati

dalle foto segnaletiche, cosa che invece aveva fatto nell’immediatezza dei fatti. Uno degli imputati è irreperibile, mentre nella prossima udienza è stato predisposto dai giudici, l’accompagnamento coatto della guardia giurata A.C. oggi assente. Non solo sono già passati 5 anni per un processo dai reati gravi e dall’acquisizione delle prove che riescono ad avere una loro valenza se considerate al momento delle prime indagini. E’ impossibile pretendere dai testimoni che riconoscano delle persone a distanza di così tanto tempo, avendoli visti solo in quella occasione. Il ritardo dei procedimenti in casi come questo rischiano, come spesso accade, di non dimostrare alcunché e di far perdere tempo prezioso ai Giudici, già indaffarati, alimentando gli sprechi e denigrando le basi fondamentali della legge, uguale, per chi…fa in tempo!

Coppia di romeni ubriachi crea il panico sulle strade fra acrobazie e investimenti

Prima della fine del 2012 dovrà essere raggiunta la soglia di 10 microgrammi/litro

di LUCA APPIA

D

In arresto i pirati della strada di Castel Sant’Elia Arsenico, nonostate la deroga l’emergenza rimane E

’ arrivata a conclusione la storia, che avevamo raccontato la scorsa domenica, sui quattro ragazzi di Nepi che erano stato aggrediti e inseguiti da Castel Sant’Elia al loro paese da due ragazzi stranieri. Nella giornata di ieri, infatti, i carabinieri della compagnia di Civita Castellana hanno confermato l’arresto di due romeni che qualche notte fa hanno causato un’ondata di panico per le vie di Castel Sant’Elia e dintorni. Il caso dei quattro ragazzi, infatti, non sembra essere stato l’unico durante quella lunga notte di follia. In tanti, infatti, durante quella notte hanno chiamato il 112 a Castel Sant’Elia a causa delle presenza di un’Alfa Romeo 166 che sfrecciava impazzita per le vie del piccolo centro, creando pericolo alla circolazione stradale. Alcuni cittadini hanno anche riferito di alcune acrobazie fatte dagli occupan-

ti del mezzo che, di tanto in tanto, dopo aver bloccato la loro auto sulla sede stradale, si posizionavano sul tettuccio della propria autovettura attendendo il passaggio di altri veicoli sui quali saltare. Sul posto, quindi, è stata immediatamente inviata una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile che provvedeva a rintracciare l’auto pirata e a bloccarla. Gli occupanti, due cittadini romeni residenti a Civita Castellana, una volta scesi, in evidente stato di alterazione dovuta ad abuso di alcool, non solo si sono ri�utati di collaborare al �ne di fornire i propri documenti e per il guidatore di sottoporsi all’accertamento etilometrico, ma si sono avventati contro i carabinieri responsabili di averli interrotti nelle loro performances, procurando ad uno di essi lievi lesioni per un colpo al volto. A questo punto i militari civitonici sono riusciti a bloccare i due stranieri, dichiarandoli in ar-

resto. Mentre i due venivano trasportati in caserma, inoltre, i carabinieri sono venuti a conoscenza del fatto che durante le scorribande in giro per il paese, la coppia aveva investito un minore. Il ragazzo fortunatamente non ha riportato gravi conseguenze, ma solo grazie ai suoi ri�essi è riuscito a evitare il peggio. I due, invece, sono schizzati via senza prestare alcun soccorso al ragazzo investito, che dopo una visita al pronto soccorso ne è uscito con una prognosi di 5 giorni. Per i due romeni le “ragazzate” per Castel Sant’Elia sono uf�cialmente �nite e attualmente si trovano rinchiusi nel carcere di Viterbo. Le accuse nei loro confronti sono pesanti e vanno dalla resistenza, lesioni e minacce a pubblico uf�ciale, a omissione di soccorso, ri�uto di sottoporsi e ad accertamenti per veri�care lo stato psico�sico. La patente del pirata della strada è stata ovviamente ritirata e sospesa.

ella situazione acqua all’arsenico sembra non se ne parli più, eppure il problema rimane. I Comuni per cui l’Italia ha ottenuto la terza e ultima deroga dalla Commissione europea per poter continuare ad erogare acqua potabile con concentrazioni di arsenico pari al doppio rispetto a quelle previste dalla legge sono in tutto 109. Cinquantaquattro in provincia di Viterbo, ventitre di Roma, dieci di Livorno, nove di Latina, tre di Trento, tre di Mantova, tre di Varese, due di Pisa e uno di Siena. Dai rubinetti potrà continuare a scorrere acqua con valori di arsenico �no a 20 microgrammi per litro. Esclusi dal provvedimento rimangono però neonati e bambini di età inferiore ai tre anni: l’Italia, speci�ca il documento comunitario, dovrà “adottare misure speci�che per la loro protezione”. La deroga scadrà nella maggior parte dei casi alla �ne del 2012. Entro il prossimo anno il paramentro

legale di 10 microgrammi per litro dovrà essere ripristinato. Tutto quello che non è stato fatto in sei anni di deroghe (il nostro Paese ha già fatto ricorso a questo strumento per ben due volte), dovrà essere portato a termine in meno di un anno e mezzo. Nel Lazio, la regione d’Italia con il maggior numero di Comuni coinvolti, la corsa contro il tempo è già iniziata. Nella nostra sola regione, però, ci sono 21 Comuni che non sono riusciti a bene�ciare della deroga europea. A Civita Castellana, ad esempio, la concentrazione tocca quota 49 microgrammi per litro; a Vetralla arriva a 48 microgrammi, a Bracciano a 47 microgrammi e a Viterbo 40. Prima di pensare a riportare l’arsenico da 20 a 10 microgrammi, la Regione dovrà dovrà adeguarsi alla soglia per cui è stata concessa la deroga. Stando al piano degli interventi messo a punto dalla presidente Renata Polverini, nominata dal Consiglio dei ministri Commissario per

l’emergenza arsenico, il budget complessivo necessario per riportare il valore a 20 microgrammi ammonterebbe a oltre 60 milioni di euro. Risorse che in parte arriveranno dai fondi di Acqualatina e di Acea Ato-2, in parte dalla Regione. Secondo alcuni, però, in buona parte dei Comuni la situazione è più grave di quanto dichiarato. In alcune zone della città di Viterbo, per esempio, la concentrazione di arsenico raggiunge valori pari al doppio di quelli per cui è stata concessa la deroga. Poi c’è il caso dei Comuni che non risultano nella lista per cui è stato chiesto il provvedimento comunitario. Il tempo passa e l’emergenza si complica. Le proteste dei cittadini sono arrivate a Bruxelles e il Parlamento europeo ha aperto un’inchiesta preliminare sul nostro Paese. Per capire come mai, a undici anni dal primo allarme, l’Italia sia ancora oggi in netto ritardo sulle misure da prendere a tutela della salute pubblica.


primo piano interni cronaca

2 4

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì Maggio2011 2011

L’assessore provinciale Simeone chiede che venga fatta chiarezza su quanto successo sabato sulla linea Roma Nord

Deragliamento, si seguono tutte le piste

Malè: “Le critiche fanno parte del gioco”

di LUCA APPIA

C

ontinuano senza sosta le indagini sul deragliamento del treno RomaViterbo di sabato sera, causato da una chiavarda lasciata ad opera d’arte sui binari. I militari continuano a mantenere un certo riserbo sulla questione, anche perché la pista anarco-insurrezionalista, che pare essere stata messa da parte, è ancora una delle probabili ipotesi dell’incidente. Il fatto che sia stata una mano umana a piazzare il bullone sui binari e che il suo intento fosse quello di far deragliare il locomotore, intanto, sembrano essere stati accertati. Qualche perplessità, invece, è sorta sul mancato deragliamento di lunedì. A soli dieci chilometri dal primo incidente, infatti, un treno ha incontrato sul suo percorso un tubo di ferro, che fortunatamente non ha retto al peso del treno ed è �nito tranciato in due senza provocare particolare disagio al convoglio. Gli investigatori per questo secondo avvenimento, infatti, pensano possa trattarsi di un gesto emulativo, innescato dall’eco mediatico riscontrato con il primo deragliamento. La strategia del tubo di ferro, infatti, è totalemnte dissimile dalla prima e denota una conoscenza poco profonda delle dinamiche ferroviare, cosa che nel primo caso è stata basilare sia per il bullone usato (una chiavarda utilizzata per �ssare i binari) sia per il metodo con cui quello stesso bullone era stato piazzato. A seguito del deragliamento del treno sulla tratta ferroviaria Roma- Civita CastellanaViterbo, però, l’assessore provinciale ai Trasporti Franco Simeone ha inviato una nota

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it

San Pellegrino, l’Ente risponde all’organizzatrice

D foto Zadropress al presidente dell’Atac Luigi Legnani e al direttore della ferrovia Giovanni Battista Nicastro e per conoscenza all’assessore regionale ai Trasporti Francesco Lollobrigida, al presidente del Cotral Vincenzo Surace e alle segreterie regionali e provinciali dei sindacati di categoria. “Prima di ogni altra considerazione – scrive Simeone - sento la necessità di esprimere piena solidarietà nei confronti dell’azienda, dei lavoratori, di tutti i pendolari ed in particolare delle persone coinvolte nel sinistro e verso i loro familiari. In qualità di assessore provinciale ai Trasporti, ancora una volta, garantisco la massima disponibilità nella ricerca di soluzioni idonee in grado di risolvere i disagi procurati dagli eventi di questi giorni, fornendo anche un supporto logistico per un tavolo di lavoro”. Premesso ciò Simeone ha poi invitato

gli organi competenti a fare chiarezza sulle cause dell’incidente: “E’ necessario – ha aggiunto – che sia fatta luce su quanto avvenuto dal momento che, questi incidenti, oltre a mettere in serio pericolo l’incolumità dei viaggiatori e a creare innumerevoli disagi all’utenza, producono ricadute fortemente negative sul già precario stato di salute dei nostri trasporti. Dobbiamo lavorare tutti insieme per rendere sempre più ef�ciente il sistema della mobilità, regionale e provinciale, e far decollare le infrastrutture della nostra provincia”. Fin qui la lettera. L’assessore tiene poi a precisare un ultimo importante aspetto: “Ritengo che l’Amministrazione provinciale abbia dimostrato in maniera inequivocabile la volontà di dialogare e collaborare con tutti nell’interesse del territorio e per risolvere le tante

problematiche sul tappeto. Purtroppo, non sempre, da parte dei nostri interlocutori è seguito un positivo riscontro”. Il caso sul deragliamento di Soriano, quindi, rimane aperto a tutte le possibile, anche quelle anarco-insurrezionalista, benché manchi effettivamente una rivendicazione uf�ciale del gesto. L’incidente di lunedì, invece, sembra sia stato quasi del tutto scaratato come possibile gesto emulativo. La ferrovia, intanto, rimane chiusa al transito dei treni. Nei giorni scorsi i tecnici dell’Atac hanno fatto un sopralluogo nella zona e attualmente si sta creando ad hoc un piccolo stradello, che consenta il passaggio di un mezzo pesante che dovrà poi agganciare la carrozza deragliata e rimetterla sui binari per far tornare tutto com’era �no a sabato sera.

Torna nella nostra redazione Nelson, il cittadino dello Sri Lanka che ha trovato la sua casa occupata

“Dormo in macchina da fine aprile”

Editore Altolazio News srl PresIdente Manfredi Genova Amministratore Delegato

Ferdinando Guglielmotti Iscrizione ROC n. 20469 Servizi grafico-giornalistici forniti dalla Coop. Ed. Gior. e Pol. GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI FULVIO MEDICI Grafici MARIO RAMUNDO Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

D

a quando è rientrato in Italia dorme in macchina. Questa è la storia di Nelson, cittadino dello Sri Lanka, nel nostro Paese dagli anni ottanta. Ha due figli italiani, perché nati a Viterbo. Rimasto senza lavoro ha deciso di riportare la sua famiglia nella città d’origine ma lui è tornato per cercare ancora una volta fortuna. A fine aprile è sceso dall’aereo e da Roma ha raggiunto Roccalvecce, dove viveva in una casa popolare.

E’ qui che invece ha dovuto fare i conti con un’amara sorpresa: dentro l’alloggio ha trovato un’altra famiglia e le sue cose ammassate in un angolo. Per Nelson un’unica scelta, prendere qualche vestito e tornare in macchina. Ora è disperato e in cerca di un tetto. La sua storia è particolarmente complicata perché non è neanche in regola con i pagamenti dell’affitto all’Ater. “In questi giorni - ci

racconta - sono andato ai Servizi Sociali ma mi hanno detto che non posso fare niente e devo rivolgermi ai preti. Non so come risolvere questa situazione. Per fortuna non è più freddo e dormire in macchina è possibile. Ogni tanto qualche amico mi offre ospitalità ma non possono fare di più. Ho bisogno di una stanza dove vivere come un essere umano. Qualcuno mi aiuti, non so come fare”.

opo le critiche dei turisti agli allestamenti di quest’edizione di San Pellegrino in Fiore, qualche giorno fa è arrivata la risposta di Lusi Nesbitt, organizzatrice dell’evento. A qualche giorno di distanza arriva la replica di Armando Malè, presidente dell’Ente San Pellegrino in Fiore, che negli scorsi anni curava la manifestazione. “Gentilissima Signora Nesbit, ho letto le sue considerazioni sul sito di viterbonews24, in merito all’edizione di San Pellegrino in Fiore 2011 e con somma meraviglia ho appreso che la regia di quanto realizzato è stata sua, contrariamente a quanto credevo e cioè che l’avesse organizzata il Comune di Viterbo a seguito di un concorso di idee. Ho notato che Lei Signora non gradisce molto essere criticata, ma vorrei farle notare che anche l’Ente, nelle passate edizioni, è stato oggetto di critiche di tutti i generi sia positive che negative. Ma purtroppo questo fa parte del gioco e chi è in prima �la in determinate situazioni, signorilmente, deve accettare dì buon grado quanto a ragione o a torto, viene ascritto al proprio operato. Per quanto riguarda i giovani architetti, mi permetto di farle notare che alcuni operano da molti anni e sono vicini agli ‘anta’, anche se non tutti Viterbesi, ben conoscono l’attaccamento della città alla manifestazione di San Pellegrino in Fiore la cui caratteristica principale è proprio la chiara connotazione �oreale. Prendo atto delle considerazioni che Lei ha manifestato nei riguardi della città di Viterbo allorché ha parlato dì commenti strampalati o mancanza di onestà intellettuale offendendo, in primo luogo, i cittadini, che non certo meritano un trattamento del genere. Le va comunque dato atto di aver riconosciuto personalmente che alcune cose siano state sbagliate anche se ideate da un pool di architetti e da un giovane artista. L’esperienza dell’Ente avrebbe potuto consentire di evitare alcuni di questi sbagli. Mi risulta inoltre che Lei come organizzatrice, così sembra dalle sue dichiarazioni, non abbia visitato la manifestazione, in quanto ha detto che a Piazza San Carluccio era presente un roseto con tutte le qualità di rose esistenti in Italia. Le vorrei far notare che il cittadino, per vedere le rose, ha dovuto fare una passeggiata nel mercatino del �ore dove, esposte da una azienda �orovivaistica proveniente della Toscana, erano presenti molteplici varietà di tali tipi di �ore. A Piazza San Carluccio, invece, trionfava una esposizione di frutta e verdura, di grande effetto coreogra�co, me senza la minima presenza �oreale. Vorrei precisare che la Piazza adibita a rosato era Piazza del Gesù e sono rimasto

sorpreso che una organizzatrice ha potuto commettere un simile errore. Pregevoli invece sono state le teche che contenevano piante particolari, apprezzate dal visitatore attento ed anche dal sottoscritto. Per quanto riguarda Piazza del Plebiscito, Le faccio presente che anche in altre edizioni è stata addobbata con �ori, ma forse Lei non ricorda quale spettacolo fornì alcuni anni fa “Il Vivaio Michelini”. Scelta oculata è stata quella di lasciare libere le fontane e i palazzi storici per consentire di ammirarne l’architettura, anche se una nota di colore non avrebbe tolto nulla alla bellezza e alla particolarità delle forme. Negli anni passati le fontane sono state impreziosite con orchidee, rose, azalee ecc; non si è mai pensato di esporre sulle fontane vini, caciotte e cestini se non in occasione della tradizionale festa dell’uva che si tiene nel quartiere di Pianoscarano, durante la quale la fontana butta vino, coreogra�a sempre molto gradita dai Viterbesi e dalle migliaia di visitatori. Canestri, vini,caciotte nelle passate edizioni ed anche nell’edizione 2011, hanno avuto il loro giusto risalto nello stand della C.C.I.A.A. di Viterbo prodotti presentati con il marchio TUSCIA. Per quanto riguarda il Pergolato, Lei, gli Architetti, ed il vivaio incaricato della realizzazione dovevate sapere che il glicine è un �ore molto delicato e nel periodo della manifestazione è a �ne �oritura. Forse, a mio giudizio, sarebbe stato più opportuno e senza dubbio più bello allestirlo con sole rose. L’effetto sarebbe stato dì grande risalto. Inoltre vorrei sottolineare la sua mancanza di accenni alla macchina collocata in Piazza Scacciaricci. l commenti dei visitatori sono stati fortemente negativi. Riguardo a Piazza San Pellegrino e Piazza San Lorenzo, le più belle Piazze del Quartiere Medioevale, non vale la pena di commentare, perché come Lei dice i Viterbesi non hanno onestà intellettuale. Sono contento che Lei abbia avuto apprezzamenti per il lavoro svolto, ma dalla stampa e dai vari network non mi pare ci siano stati riscontri positivi. Per concludere, è stata una azione incivile essersi appropriati della frutta e della verdura che componevano l’arredo di Piazza San Carluccio e che sarebbero stati dati in bene�cenza. Ma veramente avreste donato quella frutta e verdura esposta per cinque giorni alla mercé di cani e gatti non proprio educati? Cosa avrebbe detto la A.S.L? Mi spiace che Lei se ne vada da Viterbo, dopo aver lasciato anche Villa Lante dove si svolgeva la bellissima manifestazione La Conserva della Neve. Forse non si è sentita compresa dai miei concittadini che, a suo giudizio, non hanno onestà intellettuale”.


Mercoledì 11 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

politica Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 5

A due mesi dalla chiusura della gara d’appalto la ditta vincitrice non gestisce ancora il servizio

Affare cimiteri, Insogna chiede luce T

orna a riaccendersi la questione cimiteri. A sof�are sulla brace è il consigliere comunale Sergio Insogna (Pd). A due mesi dall’aggiudicazione dell’appalto la nuova ditta non risulta ancora subentrata nella gestione del servizio. Il consigliere chiede lumi con una lunghissima lettera aperta che riportiamo integralmente: “Onorevole sindaco, mi rivolgo ancora a lei per ottenere notizie, delucidazioni e dati certi in merito alla questione cimiteri comunali, o meglio alla forzata privatizzazione da lei caldeggiata e illustrata come evento epocale e innovativo nel settore. Dopo una lunga, tortuosa e appassionata discussione pubblica, senza tener conto delle volontà dei cittadini �rmatari di una petizione popolare, senza tener conto delle richieste e delle indicazioni della minoranza all’interno del Consiglio Comunale, senza tener conto del danno economico arrecato alle casse comunali, senza tener conto della importanza storica, culturale e affettiva di questi sacri luoghi di culto; avete ritenuto opportuno in maniera frettolosa e ingannevole di procedere al bando per l’appalto dei servizi cimiteriali. Era una notte fredda e buia nel mese di dicembre, quando voi avete

portato avanti questo progetto di privatizzazione e di privazione amministrativa dei servizi. Prima ho accenno all’inganno perpetrato nei confronti di tutto il Consiglio Comunale, che aveva chiesto una pausa di ri�essione e che si è trovato di fronte al fatto compiuto, e in conseguenza di ciò la mozione del PD presentata dallo scrivente a dal collega Quintarelli per il ritiro del bando in questione è stata respinta dalla sua maggioranza. In quel dibattito del 4 febbraio scorso, sostanziato da nostri ragionamenti obiettivi e validi, voi avete mantenuto il punto, avete sostenuto tutto il valore dell’operazione, tutte le ragioni di un atto concepito per il bene della città e dei cittadini, tutte le garanzie lavorative per 11 dipendenti, tutto avveniva comportando solo vantaggi economici per tutti, ci avete fatto capire che avevate scaricato una patata bollente ai soggetti (perché il bando prevedeva che potessero essere anche più di uno) che si sarebbero aggiudicati il bando, in virtù del maggior ribasso del canone �ssato a 167.000/00 euro. Portato a termine il bando avete trionfalmente annunciato alla Città che il ribasso della Ditta che si era aggiudicata l’appalto era addirittura del 82%, incredibile

ma vero e tutto è nella norma. Le faccio presente che ultimamente un consigliere della sua maggioranza ha contestato questo tipo di ribasso, de�nendolo non accettabile. Avete detto che a brevissimo la Ditta avrebbe preso in carico servizi e personale (come previsto anche dalla cessione di azienda ). Avete magni�cato l’azione amministrativa, tutto a posto nessun problema; operazione perfetta e sono passati due mesi dall’aggiudicazione dell’appalto e ancora tutto è fermo. Sindaco non è possibile, non è concepibile che tutto sia ancora secretato, misterioso e non si riesca a capire perché non si è ancora proceduti al passaggio di consegne del pacchetto servizi cimiteriali cittadini con annessi debiti e tfr dei lavoratori. Sindaco lei ci deve delle spiegazioni urgenti e necessarie per farci comprendere i motivi di questo enorme ritardo, di questo mistero che aleggia sull’appalto, del perché i servizi li continua ancora a gestire il CEV. Il bando è stato fatto d’urgenza, lei ha anche chiesto scusa al Consiglio per aver forzato la mano ma la “ ragion di stato” ha prevalso e ora è tutto bloccato, tutto fermo ma soprattutto non c’è trasparenza su quello che sta avvenendo.

L’assessore Birindelli soddisfatta del lavoro dell’assessore Cangemi”

“Ok il piano per la sicurezza del territorio” “

Il piano per la sicurezza del territorio presentato dall’assessore Cangemi è un intervento molto importante non solo come forma di contrasto ai fenomeni di abusivismo e illegalità ma anche come freno al forte degrado e abbandono in cui versano i parchi del Lazio”, così Angela Birindelli, assessore regionale alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali. “Si tratta di una risposta

concreta da parte della Regione – ha aggiunto Birindelli - per offrire una nuova vivibilità del territorio orientata al miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Riquali�care i parchi del Lazio, promuoverli come centri di aggregazione di persone, come luoghi di servizi a favore della comunità, come punti di riferimento per tutti, questi gli obiettivi che riteniamo più importanti del Piano”.

Lei deve dare urgenti chiarimenti a noi consiglieri comunali ma soprattutto ai cittadini, la invito caldamente a farlo nel prossimo Consiglio Comunale, seduta del 16 maggio. Faccia un atto di dovuta chiarezza amministrativa che conforti e sostenga quanto da lei e dai suo assessori affermato nel dibattito consiliare del 04/02/ 2011, oppure abbia il coraggio di dire pubblicamente che vi siete sbagliati e che non è più possibile procedere a questa privatizzazione, in quanto ci sono problemi maggiori di quelli preventivati”. A Marini l’aruda risposta.

ACQUAPENDENTE - Il vice sindaco Claudio Colonelli risponde alla lista di Ferri

“Sindaco? indispensabili le origini aquesiane” I

l vice sindaco Claudio Colonnelli risponde all’articolo pubblicato sulle nostre pagine inviatoci dalla lista ‘Uniti per Acquapendente’. Di un’intervista più ampia, sintetizziamo i passi riferiti alla risposta medesima, avendolo, oltretutto, sentito telefonicamente anche su altri temi, comunque legati alla sua smentita in merito: “Nell’ultimo consiglio comunale, ho ritenuto opportuno intervenire nel dibattito, per rispondere al alcune notizie apparse sulla stampa locale che, palesemente di parte, mettevano in discussione l’operato della giunta, fornendo informazioni non veritiere. Che denotano una “scarsa conoscenza” degli argomenti trattati. I contenuti del mio intervento purtroppo non compaiono in quanto, coloro che hanno inviato il comunicato al giornale L’Opinione di Viterbo & Lazio nord, si sono ben guardati dal citarli e sintetizzarli, perché sarebbe poi stato dif�cile smentire quanto da me affermato. Si sono limitati invece ad imbastire un articolo basato sulla lettura del pensiero altrui, parlando di sedi improprie, di panni sporchi, di veti del Sindaco

sulla mia candidatura, ammiccamenti e allusioni varie. Argomenti di cui non vi è traccia alcuna. Nel mio intervento ho parlato dei meriti dell’amministrazione di cui facevo parte, delle cose da salvaguardare, come scuole e ospedale e del concetto di aquesianità, indispensabile per capire l’onore e l’orgoglio di essere di Acquapendente e che solo chi vi è nato può comprendere �no in fondo” ed inoltre, “Parlare di questo pubblicamente in Consiglio Comunale, magari anche con foga, è da considerarsi sede impropria? Esprimere soddisfazione per i traguardi raggiunti in questi anni dall’amministrazione locale è da considerare, fuori luogo? Parlare con carattere e grinta vuol dire non essere un “vero politico” ? . Bè, se dopo aver trascorso 25 anni nell’Amministrazione pubblica ricoprendo diversi ruoli non lo sono diventato, allora chi può de�nirsi tale ? Comunque non posso esimermi dal rispondere

all’insinuazione dei componenti della Lista Uniti per Acquapendente, in merito ai presunti veti del Sindaco sulla mia candidatura nella lista alle elezioni di Maggio: ovviamente non è vero nulla. Le cose sono molto più semplici e trasparenti di quanto si vuole far credere. Il Pd di Acquapendente all’interno della sua autonomia politica, ha deciso all’unanimità un forte ricambio nella classe politica locale e di conseguenza di presentare una lista di candidati espressione di questo rinnovamento, a cui il sottoscritto insieme ad altri ha aderito con convinzione. Mi rendo conto che a “qualcuno” questo modo di agire politico, basato sull’appartenenza, sulla trasparenza e la coerenza, possa creare un certo imbarazzo. Ma questo è il discrimine, la diversità che caratterizza, arricchisce e differenzia le persone e gli schieramenti politici. Claudio Colonnelli

Un giro per sostenere i propri candidati nelle amministrative

Luca Danese (API) in tour per la Tuscia

Bianchini: “Un’occasione per sviluppare l’impegno civile dei ragazzi”

La Provincia lancia ‘Campogiovani’ L

’assessorato provinciale alla Gioventù comunica che sono aperte le iscrizioni per la terza edizione di Campogiovani, il progetto del Ministero della Gioventù destinato a ragazzi e ragazze residenti in Italia, di età compresa tra i 14 e i 22 anni compiuti, che frequentano istituti scolastici superiori o sono iscritti ai primi anni del ciclo universitario. Campogiovani è in programma da giugno a settembre del 2011 ed è organizzato in collaborazione con i Vigili del Fuoco, la Marina Militare, le capitanerie di porto e la Croce Rossa italiana. Campogiovani offre la possibilità di trascorrere una settimana da protagonisti, svolgendo attività in difesa dell’ambiente, in aiuto alla popolazione, al servizio della comunità nazionale. Una settimana per apprendere nozioni utili, fare amicizia, conoscere persone straordinarie, scoprire e valorizzare le proprie attitudini e sod-

disfare la voglia di impegno civile. “Si tratta di un’opportunità straordinaria – è il commento dell’assessore Paolo Bianchini – che ritengo vada colta al volo visto che favorisce l’incontro e la socializzazione dei giovani e soprattutto sviluppa il senso civico attraverso l’incontro con le realtà maggiormente impegnate nella difesa del territorio e nelle attività di soccorso. Un progetto che la Provincia è lieta di diffondere sul territorio sollecitando la più ampia partecipazione da parte dei giovani della Tuscia. Un progetto che dimostra chiaramente quanto il governo nazionale e il ministro Giorgia Meloni in particolare, credano nei giovani promuovendo iniziative che hanno come comune denominatore proprio lo sviluppo e la valorizzazione delle loro potenzialità”. Chi volesse saperne di più sul progetto e sulle modalità

O

di adesione può collegarsi al sito del Ministero della Gioventù all’indirizzo www.gioventu.gov.it dove potranno essere scaricati i bandi di partecipazione ai corsi promossi da Vigili del Fuoco, capitanerie di porto ecc. La graduatoria di coloro che potranno prendere parte

ai campi estivi si forma in base a criteri di merito scolastico e, in caso di parità, dando la precedenza all’Isee più basso che sarà richiesto in caso di necessità. I corsi sono tutti gratuiti, hanno una durata minima settimanale ma variano a seconda dell’istituzione presso cui si svolgono.

ggi a Viterbo l’onorevole Luca Danese Segretario regionale API insieme al segretario organizzativo Mino Di Noi per sostenere i candidati di ‘Alleanza per l’Italia’ nelle elezioni comunali. In una nota il segretario provinciale Marcello Mariani riassume il tema del giro elettorale: “ Lavoro e sviluppo economico al primo posto dei nostri programmi. Non è più possibile tollerare questa stagnazione di idee e di azioni; compito della politica è progettare e guidare il cambiamento piuttosto che subirlo. Alle nuove amministrazioni comunali chiediamo di mettere nel proprio programma al primo posto il lavoro, poi più cultura, più attenzione ai beni

artistici, archeologici, ambientali e in�ne le infrastrutture sociali. Queste le gambe per lo lo sviluppo delle nostre città, questa la nostra “ricetta” per il 15 e 16 maggio”. Il giro elettorale in provincia di Viterbo che toccherà diversi comuni tra cui Gallese, Vasanello, Vallerano, Vitorchiano, Monte�ascone, Canino, Bassano Romano e Vetralla. E’ prevista anche una riunione del Comitato promotore provinciale insieme al responsabile API di Canino, Pierpaolo Pinacoli, candidato alle comunali. La giornata avrà termine a Vetralla per sostenere il responsabile API Arch. Mauro Galloni candidato anche lui alle comunali.


2 6

[MONTEFIASCONE]

primo piano interni speciale elezioni

La Foscarini sceglie di puntare su turismo ed efficenza

urismo, efficienza e trasparenza amministrativa, ambiente ed energie alternative e rinnovabili, urbanistica e viabilità, sociale, sicurezza. Sono questi i punti salienti del programma, della lista Per Montefiascone - Foscarini in Cricco sindaco. Queste le direttrici da percorrere avendo come princìpi cardine la progettualità, la comunicazione, il confronto.“Il progetto è fondamentale per dare rigore alle nostre intenzioni e alle nostre azioni di governo locale. Ma poi i progetti vanno comunicati affinché il cittadino possa avere la possibilità di comprendere e interloquire: ecco la trasparenza nei processi amministrativi”. Nella casa dei montefiasconesi (il Comune) si dovrà parlare di turismo “che dovrà diventare entro cinque anni la prima industria del nostro sistema comunale”, spiega il candidato Augusto

Bracoloni, ex assessore al Turismo della giunta Danti. “Le aree su cui lavorare per diventare competitivi sono il turismo culturale, quello enogastronomico, il comparto sportivo - precisa Bracoloni -. In questo, sistemare e potenziare le strutture ricettive del lungolago è un imperativo”. La rivisitazione grafica del sito internet comunale è una precondizione per migliorare la trasparenza: “Pubblicando online tutti gli atti del Comune -dice Anna Braguti, una delle sette donne della lista- si andrà verso un’amministrazione centro di servizi e non centro di potere”. Due elementi ritenuti importanti dal più giovane della lista, Paolo Manzi, sono “l’accessibilità del territorio, valorizzando viabilità e infrastrutture; e l’organizzazione più innovativa di eventi e attrazioni, che possano convogliare il divertimento di

ragazzi, famiglie e bambini attraendo visitatori per risollevare le sorti del turismo”. Silvia Somigli, invece, chiede la “sistemazione del piano regolatore, ma senza clientelismi”. In questo, abbraccia in toto il punto del programma di lista che riguarda l’urbanistica e la viabilità: “La questione parcheggi non è solo problema del centro storico - si legge nel programma- ma di tutto il territorio comunale”. Sul sociale dice due parole l’ex assessore ai servizi sociali della giunta Danti, la capolista Agata Urso: “Si dovrà partire dalla famiglia, da politiche di sostegno per quei nuclei disagiati: un Comune amico che sappia ascoltare e risolvere”. Massimo Paolini parla invece di sanità: “L’ospedale dovrà essere salvaguardato controllando l’apertura dei servizi previsti dal piano sanitario regionale e provinciale”.

[FABRICA DI ROMA]

Lega Falisca alza la voce sopra le sette liste in concorso

La lista di Alberto Bambini e i progetti per Torre Alfina

Città Solidale vuole collaborare con il consiglio di frazione

La presenza del Museo del Fiore, del Bosco del Sasseto, della Riserva Naturale Monte Rumeno e dell’appartenenza di Torre Al�na al Club dei Borghi più Belli d’Italia completano il quadro di un paese che ha bisogno di essere vissuto tutto l’anno e non solo nel periodo estivo e/o delle feste comandate. Ci impegneremo a favorire quelle scelte di indirizzo volte a implementare e valorizzare le potenzialità che il luogo offre, favorendo l’unità di tutte le forze sane e facendo tesoro dei suggerimenti del Consiglio di Frazione e della partecipazione della Comunità tutta, al �ne del raggiungimento di obiettivi comuni, concreti e realizzabili volti a favorire e invogliare al-

Lega Falisca” con candidato sindaco Fabrizio Caponi dichiaratamente legato a doppio �lo alla destra di Storace, si fa sentire nella confusione generale di questi ultimi giorni, prima dello stop alla propaganda elettorale. L’impostazione politica, appare parte di un progetto più grande che esce dai con�ni comunali di Fabrica di Roma. A dare man forte il comunicato stampa “Il progetto “Emergenza Sociale”, un’idea ed attività concreta del dipartimento provinciale delle politiche sociali de “La Destra”, lanciato neanche una settimana fa, già cresce in provincia e continuerà a farlo. E’ di questa mattina la comunicazione uf�ciale della nascita dei lavori inerenti al progetto a Tar-

quinia; ne ha data informazione alla stampa ed alla comunità, il segretario cittadino de “La Destra“, Angelo Morgantini. Oltre questa “tappa” a nord della provincia, è da registrare l’avvio del progetto anche a Nepi, Viterbo e Fabrica di Roma, dove il rappresentate locale del partito, Fabrizio Caponi, candidato sindaco per la lista civica “Lega Falisca”, di cui faccio parte, alle imminenti elezioni amministrative di Fabrica di Roma, ha accolto con molto entusiasmo l’iniziativa. Indubbiamente questi sono segnali della nostra concretezza nel lavoro politico e nello schierarsi apertamente a �anco dei cittadini, della gente comune, del popolo tutto, nonché della crescita di un progetto ambizio-

so ma importante, chiaro e forte, una risposta alla “retorica” e alle esigenze della comunità. Con il progetto “emergenza sociale”, nasce in provincia il nostro osservatorio sulle problematiche di politica sociale, mala - sanità, sui disagi dei cittadini nella vita sociale, comunitaria e quotidiana, in tutela di tutte le categorie, dai minori, agli anziani, alle persone diversamente abili, sole, alle famiglie, ai disoccupati, �no ai giovani. Siamo qui per ascoltarvi e per poter essere il vostro punto di riferimento. Dalla parte della gente comune, come nostra abitudine, da oggi, anche a Fabrica di Roma, Nepi, Viterbo e Tarquinia, in attesa di espandere il progetto in ogni paese della Tuscia.”

[GALLESE]

L’onorevole Fioroni a sostegno della lista di Agostino Massa

Una via per ricordare le vittime della mafia

La proposta già presentata due anni fa I

eri 9 maggio è stato l’anniversario della morte di Peppino Impastato, voglio ricordare ai cittadini di Vasanello che nel 2009 fu presentata da me e dagli altri consiglieri di minoranza, la richiesta di insignire alla memoria di Peppino Impastato una via o un’area di interesse pubblico. Perché memori di quanto diceva Falcone che “chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola”, consideriamo quello della mafia un problema che ci riguarda più da vicino di quanto si creda e che bisogna combattere con ogni mezzo per far desiderare alle nuove generazioni una società giusta ed in pace, da costruire con il contributo vigile di tutti. In una società malata di intrecci tra mafia e politica si voleva riconoscere e valorizzare chi come Peppino Impastato ha pagato con la propria vita le lotte combattute contro

il potere criminale. La risposta della maggioranza è stata quella di riservarsi sull’intitolazione a Peppino Impastato e di occuparsi della cosa solo nel caso in cui in futuro si fossero rese disponibili nuove vie e comunque la decisione sarebbe stata presa dalla Giunta Comunale. Sono passati due anni, altre vie sono state intitolate e di questa richiesta è svanita ogni traccia. Forse la lotta alla mafia non è un argomento che interessa alla destra. In merito all’articolo dell’assessore al Bilancio devo invece contestare con forza quanto da lui dichiarato in merito al fatto che la minoranza non ha mai avanzato proposte alternative di bilancio, anzi tutt’altro abbiamo cercato sempre di fare un opposizione dura ma costruttiva contestando a più riprese la mancanza di programmazione pluriennale dei bilanci che di politico hanno avuto sempre ben poco. Devo

poi lamentare il fastidio che la vecchia amministrazione ha sempre avuto nei confronti delle regole democratiche ed infatti in cinque anni hanno fatto due o tre commissioni al bilancio non concedendo spazio, quindi, né al dibattito né alle proposte. Proposte che invece sono state presentate nei vari Consigli, proposte politiche non semplici aggiustamenti ragioneristici, volte ad una gestione più oculata dei soldi pubblici, finalizzate a migliorare i servizi ai cittadini, garantire servizi adeguati per tutti mantenendo bassa la pressione fiscale. Se si fosse permesso alla tv locale di riprendere i consigli comunali i cittadini avrebbero avuto la prova tangibile di quanto affermato, così non è stato ed è anche per questo che una delle nostre proposte sarà di dare massima pubblicità a tutti gli atti dell’Amministrazione, compresi i Consigli comunali.

[VITORCHIANO]

Olivieri, D’Orazi e Arieti una poltrona per tre

L’ex ministro si è intrattenuto con i giovani del gruppo

Oggi alle 19 ‘Miglioramento’ ai giardinetti di piazza Umberto

U

A

sostegno della lista ‘Gallo e Arcobaleno’ per Agostino Massa sindaco scende in campo anche l’On. Giuseppe Fioroni. L’ex ministro, infatti, ha partecipato a Gallese, domenica scorsa, a un’iniziativa della lista ‘Gallo e Arcobaleno’ organizzata in piazza Matteotti. Fioroni, giunto a Gallese in mattinata, si è intrattenuto volentieri con il sindaco Agostino Massa e con i rappresentanti della lista ‘Gallo e Arcobaleno’, soprattutto con i giovani candidati di cui ha potuto apprezzare la grande determinazione e l’impegno profuso nella competizione elettorale. L’ex ministro ha condiviso ampiamente e sostenuto il novero di idee e proposte messe in campo dai giovani della lista per

tri a scegliere Torre Al�na non solo per un periodo di ferie ma anche per vivere. Promuoveremo tutte quelle azioni che, partendo dalle piccole cose come i lavori di piccola manutenzione o la cura del verde pubblico, rendano il borgo più bello e accogliente. Organizzazione, integra-

zione fra pubblico e privato, valorizzazione delle singole e differenti risorse del territorio e un sistema di relazioni tra tutti i soggetti saranno indispensabili per il futuro del borgo. Uno dei nostri obiettivi per valorizzare la frazione di Torre Al�na, integrata nell’intero territorio di Acquapendente, è la creazione di una consulta per la promozione del territorio incentrata sulla collaborazione tra associazioni, attività economiche, enti e istituzioni che pur nella piena autonomia gestionale si rivolga al fruitore con programmi de�niti, anche alla luce del nascente sistema turistico locale che vede la partecipazione a livello interregionale di circa 20 Comuni.”

[VASANELLO]

Proposto il progetto “Emergenza Sociale” “

Sabato 30 Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì Maggio2011 2011

[ACQUAPENDENTE]

Il programma della candidata sindaco T

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

far crescere il paese. Vari sono stati i temi affrontati dall’On. Fioroni con il sindaco Agostino Massa, ma l’argomento principale è rimasto comunque il lavoro e lo sviluppo occupazionale del territorio, concetto molto a cuore a tutti i candidati della lista “Gallo e Arcobaleno”. Questo anche il virtù

dell’emergenza occupazionale che ha interessato Gallese in questi ultimi anni e che necessita di un serio piano di rilancio. L’On. Fioroni ha rinnovato il sostegno alla lista guidata da Agostino Massa e si è reso subito disponibile a supportare le future iniziative della squadra di governo.

na poltrona per tre pretendenti, questa è la storia politica che si sta consumando a Vitorchiano. Dopo la tregua di due giorni dettata dalla legge per i festeggiamenti del Santo Patrono la campagna elettorale torna effervescente. Oggi, dalle 19 alle 22 la lista civica ‘Miglioramento’, che sostiene il candidato sindaco Raffaele D’Orazi attende i vitorchianesi ai giardinetti di piazza Umberti I. Un appuntamento importante in attesa del voto del 15 e 16 maggio. Anche i sostenitori di Giampaolo Arieti sono scatenati e si stanno dando da fare. Procede a pieno ritmo anche la macchina elettorale di

Nicola Olivieri, l’uomo di Gemini Ciancolini. La grande domanda su queste votazioni è proprio legata al gradimento del sindaco uscente. Il paese si presenta come diviso su due opinioni: chi è intenzionato a rinnovare la fiducia a “Gemme” e

chi invece reputa opportuno un rinnovamento rispetto a quella linea di gestione. Su i fautori di questa seconda linea andranno a pescare D’Orazi e Arieti. L’impegno di tutti è massimo, il risultato è nelle mani di Dio.


Mercoledì 11 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

speciale elezioni

Venerdì 1 Ottobre 2010

Venerdì 1 Ottobre 2010

[VETRALLA]

Bacocco plaude alle inziative per l’efficienza energetica

E’ bello vedere che in tutti i programmi presentati dalle liste è previsto un piano di integrazione sia per l’ef�cienza energetica, sia per l’utilizzo delle fonti alternative e credo che debba essere uno dei punti su cui l’Amministrazione che presiederà al Comune dovrà necessariamente impegnarsi. Non sono assolutamente d’accordo però sull’utilizzo di suolo nè per i parchi eolici che stanno devastando la Tuscia nè per i pannelli fotovoltaici messi a terra”. A dichiararlo è Alessandro Bacocco della lista “Vetralla Bene Comune”. “La vocazione agricola dei nostri terreni va salvaguardata, proprio per quel rispetto e quella voglia di generare posti di lavoro nel territorio

che viene proposta nel nostro programma elettorale. Inoltre – prosegue – una concentrazione di massa di fonti di energie rinnovabili, che sistematicamente viene impiantata da chi può investire in questo settore e da chi conduce ampi terreni, non è garanzia di risparmio per il cittadino e rappresenta soltanto

un fantoccio di sicuro impatto visivo e mediatico, che è solo un ulteriore opzione di guadagno per pochi. L’unica alternativa è sì incentivare l’utilizzo di fonti rinnovabili, ma concedendo la possibilità a tutti di potersi produrre l’energia che singolarmente viene consumata,con singoli impianti individuali ubicati sulle unità abitative,abolendo così quella sudditanza energetica di cui tutti siamo vittime. Allora sì che inizia un nuovo percorso di ecologia e sostenibilità. Questa settimana con gli altri candidati della lista Vetralla Benecomune saremo a Cura e nelle principali piazze di Vetralla per incontrare i cittadini – conclude Bacocco – e illustrare il nostro programma elettorale.”

[ORIOLO ROMANO]

La minoranza del Partito Democratico “Hanno tradito i nostri sogni”

evilacqua, Russo e Valentini del Pd, scrivono alla maggiornaza del partito. “Mancano ormai pochi giorni alla tornata elettorale, il 15-16 maggio si confronteranno davanti agli elettori tre liste: Insieme per Oriolo, Centrodestra Uniti per Oriolo e la terza lista Alternativa Civica per Oriolo, condivisa dalla nostra componente, che potremo de�nire minoranza del Pd. Queste elezioni rappresentano la �ne di un ciclo, quello iniziato nella primavera del 1993 dove forze della sinistra ex Pci, Rifondazione e Partito dei democratici di Sinistra, si allearono con una parte dissidente della Democrazia Cristiana e soprattutto con indipendenti di vario

orientamento e con la presenza di tre elementi di un circolo culturale, il circolo “Santacroce”, Marrocco Roberto, Valentini Antonio e di Russo Saverio che fu designato dal patto candidato alla carica di sindaco. Una nuova stagione è possibile, tra l’altro non ci sentiamo eretici, appoggiamo una lista civica

e Oriolo non è certamente un’anomalia: solo in cinque comuni del viterbese ci sono due liste classiche in tutti gli altri è un �orire di tre, quattro, sei liste con il record di Fabrica, dove ci sono sette liste con il centrosinistra diviso in quattro liste (alla faccia del lavoro fecondo degli organi provinciali). Noi ci crediamo, ringraziamo Antonaglia Maurizio che ci ha seguito in questo cammino, ringraziamo tutti i candidati, ringraziamo chi nel Pd provinciale ci ha dato appoggio e garanzie. Il nostro appoggio convinto alla candidata a Sindaco Garganti Daniela, un appello a Oriolo a non avere paura: votiamo e facciamo votare lista n.3 Alternativa Civica per Oriolo”.

[CANINO]

Canino nel cuore presenta i suoi candidati

In occasione delle votazioni di questa domenica

I

n occasione delle elezioni di questa domenica, il candidato alla carica di sindaco Luigi Moriggi, della lista “Faleria Viva” ha inviato una lettera ai cittadini di cui pubblichiamo un primo stralcio. “Caro concittadino, cara concittadina, domenica 15 e lunedì 16 maggio 2011 si terranno le elezioni per il rinnovo dell’Amministrazione Comunale di Faleria. La mia candidatura a Consigliere Comunale nella lista “Faleria Viva”, con Marisa Marchizza Sindaco, si propone come reale alternativa alla precedente gestione politica. Oggi scelgo ancora una volta di

i seguito una nota della lista “Canino nel Cuore”: “Il 2 maggio, alle ore 18.30, si è svolta la presentazione del programma e dei candidati della lista “Canino nel Cuore”, con la presenza dei candidati guidati da Alessia Ceccarini, con la partecipazione della senatrice Laura Allegrini, che con la sua presenza ha testimoniato la vicinanza del Pdl e delle istituzioni ai valori e al programma della lista “Canino nel cuore”. Ha aperto la presentazione il coordinatore del Pdl di Canino Daniele Ricci, che ha enunciato le caratteristiche della lista che la distinguono dalle altre, ossia l’innovazione e il cambiamento propri della

lista, basti osservare che i candidati sono per lo più giovani provenienti tutti dal mondo del lavoro e non da quello della politica delle chiacchiere. Il secondo aspetto caratterizzante della lista è che non si pone come lista dei pochi o di qualcuno, e soprattutto non è la lista contro qualcuno, ma

la lista di tutti, la lista della gente, per la gente. Successivamente ha preso la parola la candidata a sindaco Alessia Ceccarini che ha spiegato i motivi che l’hanno spinta ad accettare la candidatura, tra cui la curiosità di capire per quale motivo a Canino non si fa mai niente di positivo per il paese, perché soprattutto non si aiuta chi ha voglia di investire, perché non si fanno le grandi opere, perché non si migliorano i servizi per i cittadini, anzi si fa l’esatto contrario, perché non si ascolta la gente, perché insomma non si ha a cuore Canino, visto le oggettive possibilità e risorse che ha il paese e che non vengono valorizzate.

concorrere – spinto dalle richieste del mio elettorato – scrivendo questa lettera per illustrare la mia storia politica, le recenti scelte ed i programmi per il futuro. Nel 2001 entravo a far parte della lista “Un futuro per Faleria” e, in qualità di Assessore alla Cultura e Ser-

vizi Sociali, ottenevo una serie di risultati riconosciuti da tutti, solo a citarne alcuni: la stabile presenza dell’Assistente Sociale presso il nostro Comune, l’assistenza domiciliare per gli anziani ed il sostegno per i bambini diversamente abili nelle scuole, i servizi di telesoccorso e telecardio, numerosi corsi di formazione nell’ambito socio-sanitario e scolastico. Nel campo della Cultura e dell’Istruzione promuovevo una variegata serie di manifestazioni, mostre, rappresentazioni teatrali, concerti e convegni, riscoprendo luoghi di grande valore storico, culturale ed ambientale”.

[MARTA]

Servizi al cittadino e burocrazia nel programma di Lucia Catanesi

Costituire lo “Sportello del cittadino” N

el’ultimo punto del programma di Lucia Catanesi, spicca la voce struttura burocratica, servizi al cittadino e acquisito mezzi comunali. Eccone un piccolo stralcio. “Costituzione dello “Sportello del Cittadino” allo scopo di assistere la cittadinanza nella compilazione di modulistica verso istituti di interesse nazionale tipo Inps o Inail e indirizzare e suggerire i giovani nel presentare domande per concorsi a carattere locale o nazionale. Pulizia periodica delle aree pubbliche, piazze, slarghi, marciapiedi. Riutilizzazione e incremento delle fon-

tane dislocate nel nostro territorio. Riorganizzazione della pianta organica comunale, con incentivazione del personale esterno addetto alla pulizia del paese ed al riordino dei giardini con previsione, qualora necessaria, di una ridistribuzione interna del personale. Creazione di una pagina U.R.P. Ufficio Relazioni con il Pubblico all’interno del sito web www.comune.marta.vt.it, per rendere accessibili i vari servizi anche da casa. Acquisto di piccoli mezzi, tipo apecar, per la raccolta dei rifiuti e per i servizi che la quotidianità richiede”.

[TOLFA]

Nel 2006 Battilocchio vinse con dieci punti di scarto, ora come finirà?

Pronti alle elezioni di questa settimana D

interni 7

Moriggi invia una lettera ai suoi elettori

Alcuni membri scrivono alla maggioranza B

2

[FALERIA]

In ogni programma presente un accenno “

Viterbo & AltoLazio

Sul voto sarà decisivo il voto degli “scontenti”

B

asteranno l’entusiasmo e la voglia di cambiare registro da parte dei candidati della lista “Il paese che vogliamo”? Dif�cile dirlo, per ora resta impressa nella memoria la frase dell’attuale vicesindaco Luigi Landi: “Noi abbiamo un programma, loro hanno buttato giù dieci righe”. Effettivamente il solo confronto del programma del centrodestra e di quello della lista che propone la candidatura a sindaco dell’ex presidente della Pro Loco Marta Ceccarelli risulta assai esplicativo. Per quanto riguarda il primo la rapida approvazione del Piano Urbanistico Generale Comunale (PUGC), da tutti conosciuto come Piano Regolatore Generale sarà l’impegno centrale,

immediato e, soprattutto, partecipato del prossimo quinquennio della lista “Progetto Tolfa”. La redazione del PUGC (ex PRG) confermerà le scelte coerenti del vecchio P.R.G., modi�cando quelle non più idonee: nella realizzazione del nuovo assetto urbanistico territoriale un ruolo importante verrà riconosciuto

all’Università Agraria, essendo l’Ente il principale proprietario terriero e superando, dove strettamente necessario, il vincolo dell’uso civico. La lista pro Ceccarelli invece propone un nuovo Piano Urbanistico comunale con esclusione di ulteriore estensione del centro abitato, reperimento di �nanziamenti pubblici per il recupero abitativo di stalle, magazzini, ecc. Valorizzazione dell’immenso patrimonio naturalistico e paesaggistico. L’ultima volta Landi si impose con il 54,70% delle preferenze contro il 45,30% di Maruo Vannicola. La sensazione è che stavolta a far da ago della bilancia più che l’appeal dei candidati conterà l’umore degli “scontenti”...


primo piano interni attualità

2 8

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì Maggio2011 2011

Un’altalena d’emozioni. Dai saluti delle autorità ai brividi dell’azione simulata

Aves, sessant’anni portati con stile di EMANUELE FARAGLIA

In 60 anni di storia è cambiata la tecnologia, sono cambiate tante cose, ma gli ideali e la passione sono rimasti gli stessi”. E’ una delle frasi pronunciate nel video che è stato proiettato ieri durante la coinvolgente cerimonia di festeggiamento dei 60 anni di vita dell’Aviazione dell’Esercito e dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Parole che testimoniano la volontà di apertura verso il mondo circostante da parte della più giovane specialità del nostro esercito, nata il 10 maggio del 1951 presso la Scuola di Artiglieria di Bracciano. Di fronte alle autorità cittadine e militari accorse numerose come gli spettatori civili all’aeroporto Fabbri hanno sfilato schierati in formazione gli uomini dell’Aves nelle diverse uniformi. Tra loro anche dei militari ‘operativi’ di cui non è stato possibile riportare le immagini per ovvie ragioni. Ad assumere il comando dello schieramento il Generale di Brigata Rocco Bruno che ha reso onore agli stendardi dell’Aves assieme al Capo di Stato Maggiore Giuseppe Valotto ed ai Generali di Corpo d’Armata Francesco Tarricone ed Enzo Stefanini. Presenti con i loro vessilli e le loro impeccabili uniformi i Labari ed i Medaglieri delle Associazioni Combattentistiche così come i Gonfaloni della Provincia e della Città di Viterbo. Particolarmente sentito il discorso di colui che ha fatto gli onori di casa, il Comandante dell’Aviazione dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Enzo Stefanini che dopo aver ricordato il pilota più anziano in servizio, Roberto Bernardini, Comandante di Reggimento fino al ’98, ha ribadito l’importanza del 2011: “Un anno ricco di significati le cui celebrazioni sono iniziate il 17 marzo. Ancora ricordo le parole del Presidente Giorgio Napoletano ‘Orgoglio, fiducia, senso della missione e dell’unità nazionale’. Sia-

mo la specialità più giovane, ma di passi ne abbiamo fatti tanti. Lasciatemi parlare poi del termine ‘sacrificio’, parole spesso abusata, che per le donne e gli uomini dell’Aves significano sabbia opprimente, paura, lontananza dai propri familiari. So quante volte ho chiesto sacrifici. Per questo li ringrazio. Ringrazio tutti i baschi azzurri e mi inchino di fronte agli stendardi dei 113 baschi azzurri caduti nel difficile cammino che dalla fanciullezza ci ha portato alla maturità”. Lo stesso commosso ricordo si è manifestato nelle parole del Capo di Stato Maggiore Giuseppe Valotto: “Alle famiglie dei caduti va la promessa che non le lasceremo mai sole”. E, rivolto ai militari: “Siete parte di un’avanguardia, una specialità giovane ma che è riuscita ad affermarsi grazie al proprio spirito pionieristico. L’Aves è assolutamente essenziale in un contesto di interoperatività per il controllo di aree estese e per il trasporto di feriti in territori spesso privi di strade. Senza l’apporto degli elicotteri non sarebbe possibile garantire gli stessi risultati, la stessa sicurezza. Ringrazio il Generale Enzo Stefanini per la sua preparazione, il suo spirito e per l’altissimo rendimento raggiunto dai suoi uomini. Siate orgogliosi di quello che fate, a voi tutti e alla città di Viterbo auguro le migliori fortune”. Dopo gli onori alle massime autorità (presenti sul palco l’assessore Giovanni Arena, la senatrice Laura Allegrini ed il presidente del Consiglio Comunale Giancarlo Gabbianelli) i numerosi spettatori presenti hanno potuto assistere ad una emozionante esercitazione che ha messo in mostra le capacità operative di Dornier 228, Ch47, Nh90 e degli immancabili Mangusta. Una manifestazione agile, senza retorica, ma allo stesso tempo intensa. Per ricordare i 60 anni dell’Aves ed i 150 di questa nostra Italia che mai come oggi dovremmo sentire come la nostra casa, la nostra patria.

foto Zadropress

Presente in tribuna d’onore il Primo Corso Allievi Sottufficiali P

rotagonisti della giornata di ieri anche gli uomini che quarantacinque anni fa fecero parte del Primo Corso Allievi Sottufficiali e Secondo Corso Piloti Osservatori Elicottero. Per loro una giornata veramente

speciale, piena di commozione e ricordi. Per loro è stato riservato un posto in tribuna d’onore, un segno forte di rispetto per la generosità che li ha sempre caratterizzati nel lavoro e nella vita.

Fusco:“Grazie per il vostro lavoro”

Siamo orgogliosi – così commenta il capogruppo di Lega Federalista Umberto Fusco la giornata di ieri – di avere a Viterbo una delle componenti principali delle nostre forze armate. In questa importante ricorrenza siamo vicini a tutto il personale che ringraziamo per il lavoro quotidianamente svolto sul territorio nazionale e all’estero, dove l’Aves si distingue come portatrice di pace”.

Un’iniziativa fortemente voluta dal Ministero della Gioventù

I ragazzi del Risorgimento in mostra

E

splosione di documenti, �lmati, immagini su i protagonisti del Risorgimento. Tutto in mostra, �no al 12 giugno, all’interno della sala Aurora e sala delle Colonne di Palazzo dei Priori. Un’iniziativa voluta dal ministero della Gioventù e inaugurata ieri dal sindaco Giulio Marini, con il consigliere Mauro Rotelli che ha letto il saluto del ministro Giorgia Meloni. “Il Risorgimento è stata la lucida follia di una generazione disposta a sacri�ci enormi. Ai giovani di oggi – dice il ministro nel suo saluto – l’invito a essere più �duciosi, per un nuovo risorgimento, non una guerra di moschetti ma di idee”. La mostra di Viterbo fa parte di un progetto più ampio. “E’ soltanto una parte – spiega

Rotelli – di quella partita al Vittoriano e che toccherà Napoli, Firenze e Bergamo. Parallelamente, questa toccherà sei tappe, partendo proprio da Viterbo e sono particolarmente orgoglioso che si parta proprio dalla mia città”. Un omaggio ai ragazzi che hanno fatto l’Italia, secondo Giuseppe Talucci Peruzzi. “Non esponiamo opere d’arte – spiega Marco Pizzo del Museo Centrale del Risorgimento –, ma documenti storici simbolici, perché come disse Carducci, l’estetica maggiore è quella delle idee. C’è tutto il Risorgimento, anche di chi non stava dalla parte giusta”. Evitando icone, come Garibaldi o Cavour, ma spostando l’attenzione su comprimari. Piena soddisfazione espressa anche dal sindaco Giulio Marini.


Mercoledì 11 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

attualità Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 9

Dal Sol Le Witt rispolverato da Gian Maria Cervo al ciclo pittorico scoperto da Alberto Ciorba

Almadiani, un museo dentro l’ex chiesa di ROBERTO POMI

A

lmadiani, c’è un museo nascosto all’interno della ex chiesa. La notizia che abbiamo lanciato ieri sul progetto - che il presidente dell’Associazione Amici dei Monumenti, Alberto Ciorba, ha intenzione di presentare al Comune - per rendere visibile il ciclo pittorico del ‘500, nascosto dalla volta, è stata accolta con grande entusiasmo in diversi ambienti cittadini. Nelle foto che oggi vi proponiamo in esclusiva è possibile rendersi conto della straordinaria bellezza di questo tesoro dimenticato per secoli. Un nastro di immagini, alto circa due metri, che percorre tutto il perimetro della struttura. Dai profeti dell’antico testamento ai più importanti santi del Cristianesimo, questi i temi illustrati lungo le mura. Il primo a intervenire a sostegno dell’idea del commendatore è Gian Maria Cervo, direttore artistico di Quartieri dell’Arte e particolarmente legato alla chiesa sconsacrata degli Almadiani. Appartiene proprio a Cervo la “battaglia” per il recupero di un altro tesoro nascosto all’interno dell’edificio di largo Benedetto Croce: il dipinto del grande artista contemporaneo Sol Le Witt. In occasione dell’edizione 2010 di Qda proprio Cervo ha lanciato una sfida culturale alla città di Viterbo. Sfida volta all’impegno per il

recupero della memoria artistica e culturale della Tuscia e del suo capoluogo. Oggi il Comune è impegnato in prima linea nell’operazione di recupero del dipinto - valore stimato intorno ai 200mila euro - di cui si è fatto paladino e garante anche l’assessore alla Cultura Enrico Maria Contardo. “Gli Almadiani rappresentano un vero e proprio museo nascosto di opere d’arte - così il direttore artistico di QdA -. E’ impensabile che l’amministrazione comunale non intervenga fattivamente per il recupero e la riconsegna di questi capolavori, dagli affreschi del ‘500 al Le Witt, alla comunità cittadina e al mondo. Per quanto

riguarda il lavoro dell’artista americano, in questo momento stiamo aspettando l’autorizzazione al recupero da parte della Fondazione Le Witt. Questo per evitare amare sorprese, come la possibile richiesta di ulteriori soldi da parte della fondazione stessa. Una volta che tutte le carte saranno apposto il Comune interverrà. Tra l’altro il recupero dell’opera non è una spesa onerosa (si tratta di poche migliaia di euro). Recuperare anche gli affreschi nascosti dall’attuale volta sarebbe fantastico, anche perché si tratta di un ciclo pittorico di notevole pregio artistico”. A questo punto la palla

passa alla politica che difficilmente, considerando la massima disponibilità adottata sul caso Le Witt, assumerà una posizione negativa. Tra l’altro, come lo stesso Ciorba ha avuto modo di spiegarci, l’intenzione di ‘Amici dei Monumenti’, che sta lavorando al progetto in squadra con l’architetto Giovanni Cesarini, è quella di accedere tramite il sostegno di Palazzo dei Priori a finanziamenti europei per la realizzazione dei lavori necessari. Portate a termine tutte queste operazioni l’Almadiani è destinata a diventare una sorta di ex chiesa-museo nel pieno centro della città.

foto Zadropress

La sequenza di immagini che mostra il ciclo pittorico nascosto dalla volta nella chiesa degli Almadiani

Un fine settimana di visite guidate, degustazioni e intrattenimento in uno dei posti più belli della città

L’Orto Botanico festeggia vent’anni

Uno dei più suggestivi angoli dell’Orto Botanico

N

elle giornate del 13, 14 e 15 maggio l’Orto Botanico dell’Università degli Studi della Tuscia apre i suoi cancelli in occasione dell’evento ‘L’OrtoInFesta’ per festeggiare i 20 anni dalla fondazione. Dopo una prima fase di progettazione e ricerca scienti�ca, portata avanti con il fondamentale sostegno dell’Università e la competenza del primo Direttore e fondatore Prof. Angelo Rambelli, grazie anche all’appoggio e alla lungimiranza della Città di Viterbo e delle altre istituzioni, è stato possibile realizzare un Orto Botanico, divenuto oggi sito ad

Il Sol Le Witt nascosto dall’intonaco della navata destra

alta valenza scienti�ca e didattica, che contribuisce alla valorizzazione del territorio e offre alla collettività un’opportunità di crescita culturale. In un’area ricca di resti archeologici di epoca etrusca, romana e medioevale, la Piana dei Bagni, in prossimità della sorgente termale del Bullicame, nasceva alla �ne degli anni ‘80 una realtà che sempre più, in questi anni, è cresciuta e si è sviluppata, �no a regalarci, oggi, nella visita, un’ampia gamma di sensazioni legate alla particolarità delle collezioni che vanno dalla ricostruzione di ambienti di tipo desertico agli specchi d’ac-

qua, dalla macchia mediterranea alla foresta tropicale, dal roseto al giardino roccioso. Da non trascurare la valenza didattica dell’arboreto e del “giardino dei semplici”, che richiama l’origine e la storia degli orti botanici. La giornata inaugurale, che si svolgerà nella mattinata del 13, a partire dalle ore 9:00 presso l’Aula Magna del complesso di Santa Maria in Gradi, sarà presieduta dal Magni�co Rettore Marco Mancini. Vedrà la partecipazione di autorevoli membri della comunità accademica viterbese, tra cui i professori che si sono susseguiti nella carica di Direttore dell’Orto Botanico, Angelo Rambelli, Silvano Onofri, Anna Scoppola. Saranno presenti rappresentanti delle Istituzioni del territorio e di istituzioni scienti�che coinvolte nella conservazione e tutela delle risorse vegetali. Spiccano tra questi ultimi i nomi dei professori Carlo Blasi (Roma), Pietro Pavone (Catania), Edoardo Biondi (Ancona), Gianni Bedini (Pisa). Nei tre giorni dell’evento, inoltre, sarà possibile accedere gratuitamente all’Orto Botanico e partecipare a visite guidate, in particolare alle ricostruzioni di ambienti desertici, assistere a momenti teatrali proposti dalla compagnia Tetraedro (venerdì 13 ore 16:30) e al concerto della Corale Polifonica San Giovanni–Bagnaia (sabato 14 ore 18:00),

a mostre fotogra�che, concorsi e degustazione a cura dell’Enoteca Provinciale (domenica 15 ore 17: 30). Sono giornate che giungono a coronamento di un periodo ricco di eventi a dimostrazione della valenza scienti�ca e culturale dell’Orto Botanico, che contribuisce a rendere il sito del Bullicame, di interesse storico, paesaggistico e monumentale, maggiormente fruibile non solo per la città di Viterbo, ma per tutta l’area della

provincia. Per festeggiare i suoi venti anni l’Orto Botanico ha proposto il progetto i ‘Patriarchi del deserto’, �nalizzato alla realizzazione di una grande serra per il ricovero invernale degli esemplari di succulente (piante grasse) di grandi dimensioni ed elevato pregio, che non possono più essere protette in altro modo. Se da un lato la cura della cornice naturale è opera di tutto il personale dell’Orto e dei suoi giovani collaboratori, la cornice gra�ca della manifestazione è stata curata da studenti e docenti delle classi V dell’Istituto ‘Francesco Orioli’, grazie a una pro�cua collaborazione che ha visto, nei

mesi scorsi, momenti di formazione con visite guidate all’Orto e laboratori presso l’Istituto. Dagli studenti viene inoltre proposto, per questa occasione, il nuovo logo del Centro dell’Orto Botanico che sarà premiato il giorno 15 maggio alle ore 17:00. L’organizzazione dell’evento è resa possibile dal sostegno dell’Ateneo, della Camera di Commercio di Viterbo e degli Enti del territorio, che si ringraziano. Info Centro Interdipartimentale dell’Orto Botanico - Università degli Studi della Tuscia Strada Bullicame s.n.c., 01100 Viterbo. tel./fax 0761 357028, ortobot@unitus.it, www.unitus.it/ centri/ortobotanico

Asili nido, al via le iscrizioni per l’anno 2011/2012 Sabatini: “Prossima l’apertura di Monterazzano”

A

sili nido comunali e convenzionati, aperte le iscrizioni per l’anno 2011/2012. La domanda, che si può ritirare presso il Settore Servizi Sociali, in via del Ginnasio (il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 10 alle 12,45 e il martedì e il giovedì dalle 15,30 alle 16,30) o presso lo Sportello Famiglia, in via IV Novembre (da lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e il martedì e giovedì dalle 15,30 alle 16,30), o scaricare direttamente dal sito internet www.comune.viterbo.it alla sezione “albo pretorio”, dovrà essere compilata in stampatello in ogni sua parte, indirizzata al “Servizio Asili Nido” e consegnata (o spedita) al protocollo generale del Comune di Viterbo, via Ascenzi 1, entro il 31 maggio. I Comitati di

gestione degli asili compileranno un’unica graduatoria ai �ni dell’assegnazione dei posti disponibili sulla base dei criteri dell’apposito regolamento riguardante gli asili nido comunali. La stessa graduatoria sarà resa pubblica mediante af�ssione nei locali del Settore Servizi Sociali. Possono presentare domanda di iscrizione al nido i genitori dei bambini di età compresa nella fascia 0-3 anni, residenti o domiciliati, o che prestino attività lavorativa nel territorio comunale con priorità per i residenti. Possono inoltrare domanda anche le gestanti con data presunta del parto non oltre il 30/09/2010 (da documentare con certi�cazione medica specialistica da allegare alla domanda). Le domande pervenute incomplete e/o

illeggibili non verranno prese in esame. “Quest’anno – ha spiegato l’assessore alle Politiche Sociali Daniele Sabatini – possiamo garantire una maggiore offerta grazie all’apertura del nuovo asilo nido comunale di Monterazzano. Una nuova struttura che ha tutti i requisiti di un ecoasilo immerso nel verde. Il nuovo asilo comunale di Monterazzano precede la realizzazione di un secondo nido nel quartiere di Santa Barbara, un progetto che grazie al sostanzioso �nanziamento della Regione Lazio rappresenterà un’ulteriore soluzione alla domanda del quartiere stesso e della città”. Per ogni ulteriore informazione, l’uf�cio preposto è comunque a disposizione, in via del Ginnasio, tel. 0761 348 573.


primo piano interni provincia

2 10

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì Maggio2011 2011

VETRALLA

Ha le idee molto chiare David Delle Monache, giovane fisioterapista alla prima esperienza elettorale

“Ho scelto Gidari perché credo nel cambiamento” di DANIELE CAMILLI

G

iovane �sioterapista, ma già professionista di livello, David Delle Monache è alla sua prima esperienza elettorale. E per candidarsi ha scelto la lista civica “Progetto Vetralla” di Giovanni Gidari. Delle Monache, perché questa scelta e perché nella lista di Gidari? Per quanto riguarda la mia partecipazione ho accettato di buon grado la proposta fattami da Gidari perché credo fermamente nella necessità di un radicale rinnovamento politico con l’ introduzione di forze nuove e giovani. E’ �n troppo facile puntare il dito e criticare il degradante spettacolo che ormai quotidianamente ci viene offerto dalla politica a tutti i livelli, stando comodamente seduti davanti alla tv. Il cambiamento non lo si può aspettare sperando che sia sempre qualcun altro ad agire per noi,ma lo si deve cercare, pretendere e costruire

mettendosi in gioco in prima persona. Quali sono i suoi obiettivi? Ritengo che d’ora in avanti non si debba più fare una politica ridondante di belle parole o gon�a di promesse che non incantano più, ma occorre ascoltare la voce e le esigenze dei cittadini realizzando quegli obiettivi che a gran voce il paese ormai invoca e che sono sotto gli occhi di tutti. E lei, se fosse eletto, a cosa si dedicherà? Cercherò di dedicarmi con tutte le energie a quegli aspetti che per attitudini umane e personali più mi si addicono. Il mio interesse sarà quindi rivolto principalmente alle componenti sociali più bisognose. Soprattutto anziani e disabili con la realizzazione,tra le tante iniziative,di un nuovo centro polivalente della terza età più funzionale ed adeguato, di una nuova casa di riposo e di una casa famiglia. Massimo impegno nell’abbattimento delle barriere architettoniche, valorizzazione delle associazioni

VETRALLA - Nel programma della lista di Franco Copponi

Largo alle attività sportive con ‘Passione Civile’

A di volontariato che lavorano costantemente per i più deboli, realizzazione della RSA che tanto servirebbe a Vetralla. Ma ovviamente, una politica “giovane” non può trascurare quello che rappresenta il futuro del nostro comune, i ragazzi. Si rende necessario intervenire sul territorio per ripristinare tutti i luoghi che

possano permettere a ragazzi e bambini di divertirsi. Mi riferisco a tutte le strutture sportive che ormai sono allo sfacelo. Quindi, creare nuovi luoghi di incontro e sana aggregazione, come per esempio sale prove comunali, strutture teatrali, iniziative per favorire scambi culturali e incentivazione delle manifestazioni.

nche le attività sportive nel programma di Passione Civile. La lista civica di Franco Coppari ha infatti “preso in esame anche lo sport inteso come attività motoria, ludica e ricreativa al quale viene attribuita la grande capacità di diffondere i valori fondamentali per la crescita di un bambino. Gli impianti sportivi di proprietà comunale che costituiscono la spina dorsale del sistema sportivo cittadino attualmente sono inadeguati o addirittura inutilizzabili”. “Passione Civile – spiegano in un comunicato – vuole pertanto riportare lo sport inteso anche come solo movimento �sico nel proprio Comune. Per far si

LATERA - Si è conclusa la settima edizione dell’incontro interregionale di poesia CANINO - Organizzata dalla lista ‘Rinnovamento Caninese’

L’ottava rima dei ‘poeti a braccio’ ha incantato il pubblico A ‘La Pineta’ cine-cena con politica M

di FULVIO MEDICI

S

i è svolta domenica pomeriggio, presso il Museo della terra di Latera, la VII edizione dell’Incontro interregionale di poesia a braccio. Nella sala proiezioni del Museo, gremita di spettatori, si sono esibiti improvvisando versi in ottava rima i poeti laziali Mario Monaldi da Allumiere (RM), Franco Finocchi da Tolfa (RM), Donato De Acutis da Bacugno (RI) ed Emilio Mediani da Santa Maria a Monte (PI). L’evento, svoltosi nell’ambito dei festeggiamenti indetti in onore di Sant’Isidoro agricoltore, ha richiamato in paese persone provenienti da tutta la provincia e oltre. I temi attorno ai quali i poeti hanno composto le proprie ottave, in parte sotto forma di “contrasti” e in parte come stanze sciolte, sono stati

scelti – come di consueto – dal pubblico in sala. Alcuni di essi sono risultati connessi a fatti di cronaca recente, altri invece ad argomenti di più ampia por-

tata e meno legati a questioni contingenti. L’appuntamento con la poesia estemporanea a Latera è ormai per maggio del prossimo anno.

ercoledì 11 Maggio, presso il cinema “La Pineta” di Canino, verrà offerta a tutti i presenti una Cine -cena nella quale verrà proiettato il �lm comico “Cado dalle nubi” di Checco Zalone. L’evento, volto a sensibilizzare i partecipanti sul tema della precarietà giovanile, è �nalizzato alla presentazione dei giovani che fanno parte della lista ‘Rinnovamento Caninese’ Mauro Pucci sindaco. “I giovani, colonna portante della società attuale, troppo spesso vengono lasciati da parte e troppe volte vengono isolati nei loro quotidiani problemi.- dichiarano dalla lista- E’ necessario, invece, porli al centro della nostra attenzione, ma soprattutto porli al centro delle priorità della nuova amministrazione, come generazione futura che ha bisogno di essere ascoltata, compresa e considerata in quanto rappresenta il nostro più prossimo avvenire. La fuga di

neo laureati o giovani lavoratori da un Paese che ha risorse sfruttabili dai giovani stessi (come il tursimo, l’agricoltura o l’archeologia) è veramente un qualcosa di inaccettabile e proprio per questo la lista, �n dalla sua nascita, ha posto la realtà giovanile come uno dei cardini del proprio programma, immettendo al suo interno giovani che hanno voglia di apportare il loro contributo per il rinnovamento di Canino. Se ne parla molto, ma ben poco a questo proposito si fa: le promesse fatte durante la campagna elettorale, sfumano giorno dopo giorno lasciando solo l’alone di tante belle parole che non hanno visto seguire altrettanti fatti. Vogliamo, con questo evento coinvolgere i giovani, vogliamo sollecitare la politica locale quanto quella regionale, vogliamo far vincere la meritocrazia di quei giovani avvolti invece nella precarietà”.

che ciò accada è necessario dapprima provvedere al censimento di tutti gli impianti sportivi di proprietà e poi adottare due tipi di tipologie gestionali: tipologia mista, nella quale l’impianto verrà gestito dall’amministrazione comunale e in convenzione con vari enti sportivi o società regolarmente riconosciute al quale verrà dato in af�damento; tipologia convenzionata, in cui l’impianto verrà af�dato totalmente a enti sportivi o società regolarmente riconosciute che dovranno garantirne la totale gestione con contratto periodico rinnovabile. Per quanto concerne invece la salvaguardia, la sicurezza, la custodia e la manutenzione dei percorsi sportivi si adotteranno delle �gure professionali idonee con compiti speci�ci anche di custodia. Dove possibile verranno installate telecamere di videosorveglianza. Il consiglio comunale inoltre delibererà annualmente l’approvazione di un bando per l’accesso ai contributi semmai esistenti per interventi di adeguamento degli impianti sportivi alle necessità poste dalla pratica sportiva delle persone con disabilità, ritenendo la disabilità una condizione mentale e non �sica”.(D.C.)

ACQUAPENDENTE SPECIALE PUGNALONI - GRUPPO CORTE VECCHIA - SELECAO ACQUAPENDENTE- Presso la biblioteca comunale

Dal giardinetto delle Rose ai tanti successi ottenuti in pochi anni di vita In mostra ‘Il Signore di Mezzomaggio’ I

l Gruppo CorteVecchia (Selecao) (bozzettista 2011 Francesca Sacchini) nasce uf�cialmente nel 1998, anche se la fondazione vera e propria avviene presso il giardinetto delle Rose nel Luglio del 1997 con il nome provvisorio di: Gruppo 2000. Nato da una scissione del Gruppo Comb con l’aggiunta di alcuni elementi provenienti dal GruppoAcquaviva,la Selecao,i cui colori sociali sono Grigio-Rosso, si contraddistingue subito per l’elevata qualità dei propri Pugnaloni. Il primo Pugnalone del ’98 difatti si classi�cherà 3°. Le vittorie non tarderanno ad arrivare. Tre volte primo classi�cato nel 2001, nel 2004 e nel 2007. Il Gruppo Selecao nella sua seppur breve storia, è quasi sempre riuscito ad entrare nelle zone alte della classi�ca, tranne nel 1999, 2008, 2009 e lo scorso anno con la bozzettista di questo anno, quando il Pugnalone non si è classi�cato. Il gruppo è legato indissolubilmente alla bozzettista storica, Veronica Regoli, coadiuvata dalla sorella Giorgia, con la quale ha ottenuto risultati prestigiosi, anche se l’artista da un paio di anni non realizza più il bozzetto. Oltre le tre vittorie si contano ben quattro secondi posti e un terzo. Maico Colonnelli prima e Valerio Rocchi poi, i capigruppo storici,che hanno seguito le orme del ‘grande’ Carlo Fastelli, grazie anche al grande numero di esponenti del gruppo, riescono a creare eventi e coreogra�e invidiabili, oltre il sempre innovativo vestiario in dotazione ai componenti, ricco di ilarità e stravaganza.

A

partire da ieri, �no a martedì 24 maggio, la biblioteca comunale di Acquapendente ospita il quinto appuntamento dell’edizione 2011 del Bibliolago Festival. La mostra documentaria ‘Il Signore di Mezzomaggio: i Pugnaloni di Acquapendente’. “Accanto ai bozzetti del concorso 2011”, sottolinea il bibliotecario Marcello Rossi curatore dell’evento, coadiuvato da Giovanni Riccini e Giuseppe Brenci, “troveranno spazio foto storiche della �gura tradizionale del ‘signore’, legata all’origine leggendaria della Festa stessa. Quello che è da considerarsi il successore del Podestà dei Bifolchi, erede di quei personaggi che avevano annunciato nel lontano 1166 alla comunità il Miracolo della Madonna del Fiore, va in processione davanti alla statua

della Madonna con in mano un cero acceso che poi viene donato ai Frati dell’Ordine dei Servi di Maria. Protagonista ogni anno della Festa, la �gura del Signore è fondamentale. Si parte dalla sua estrazione in piazza, a �ne festeggiamenti dell’anno prima, per passare attraverso uno speci�co incarico: raccogliere assieme ai propri collaboratori offerte presso i poderi del territorio come denaro o prodotti della terra. Terminata la cosiddetta “ultima questua” nei giorni precedenti il 15 Maggio, si occupa dei preparativi della festa, l’organizzazione del pranzo per le Autorità, di ricevere dal Comune, mantello nero e guanti bianchi come rappresentante della cittadinanza ed in�ne, come ultimo atto, estrae dall’urna, il nome del Signore dell’anno successivo.(F.M.)


Mercoledì 11 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

provincia

Venerdì 1 Ottobre 2010

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 11

MONTEFIASCONE

Marco Balestri, candidato per la prima volta, ha deciso di scendere in campo nella lista di Luciano Cimarello

“Voglio contribuire al rilancio della città” di MICHELE MARI

M

arco Balestri, per la prima volta candidato a consigliere nella lista “La Città Nuova” il cui candidato a sindaco è Luciano Cimarello, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla sua candidatura, alla lista e al clima politico che si respira in questi giorni a Monte�ascone. “Sono sceso in campo in questa tornata elettorale -esordisce Marco Balestri- per la grande passione politica che ho coltivato in questi anni. Infatti sono anche stufo e stanco di vedere persone lamentarsi in continuazione senza tuttavia fare nulla. Spinto da una grande passione per il mio paese mi sono voluto cimentare in questa esperienza politica e mettere a disposizione il mio impegno, la mia passione e le mie idee per la città di Monte�ascone ed i suoi cittadini. Sono stato spinto soltanto dal mio impegno e dal senso civico. Non ho assolutamente altri obiettivi. Spero che abbia la possibilità di poter portare

il mio piccolo contributo per il rilancio della città”. Per quanto riguarda la squadra, messa in campo da Cimarello, Marco Balestri aggiunge: “Sono pienamente convinto che tutta la lista è competitiva per quanto riguarda le elezioni ma soprattutto per la capacità di amministrare. Infatti soprattutto sul piano di competenza la vedo estremamente competitiva per cercare di evitare i recenti trascorsi dove, in pratica, non si è amministrato. Infatti, secondo me, Monte�ascone non ha bisogno di imponenti progetti di opere pubbliche ma si deve intervenire in alcuni settori chiave per il rilancio della città. Si dovrà puntare in primis alla costituzione di parcheggi e poi il potenziamento del lungolago; è assolutamente fondamentale rilanciare il turismo e l’agricoltura. Monte�ascone si deve basare su questi due settori per una immediata rivalutazione attraverso la valorizzazione dei prodotti tipici perché Monte�ascone è soprattutto un paese agricolo”. Per la campagna

MONTEFIASCONE - Oggi l’arrivo di Alfredo Pallone

Gli appuntamenti elettorali dei prossimi giorni A

Marco Balestri elettorale ancora in corso Balestri aggiunge: “Questa campagna elettorale mi piace in maniera particolare perché i toni sono rimasti sempre sobri e non ho visto nessun segno di volgarità o attacchi personali tra i candidati e le persone in lista. Il clima è

buono e soprattutto è quello che serve a Monte�ascone”. Balestri conclude: “Spero che chiunque uscirà vincitore possa amministrare nel migliore di modi”. Serve proprio questo, un’ amministrazione valida soprattutto dopo il commissariamento.

lfredo Pallone coordinatore regionale del Popolo della Libertà verrà, oggi pomeriggio, a Monte�ascone. L’appuntamento con l’elettorato è �ssato presso la sala convegni del Bar Italia alle ore 18 dove terrà una breve conferenza stampa a cui seguirà un aperitivo. Gli appuntamenti con le personalità di spicco del Popolo della Libertà non sono tuttavia terminati in quanto continueranno anche domani, giovedì, con l’assessore regionale ai lavori pubblici Luca Malcotti. Malcotti ha accettato l’invito del dottor Angelo Busà e di Francesco Moscetti entrambi candidati consiglieri della lista “Il Popolo della Libertà – Berlusconi per Monte�ascone”. In questa occasione si incontreranno gli imprenditori della città. In�ne l’ultimo appunta-

mento tra l’elettorato e la lista di Luca Bellacanzone avverrà venerdì, alle ore 20 , presso il ristornante Isola Blu per la grande festa conclusiva della campagna elettorale. A quest’ultimo evento saranno presenti il consigliere regionale e presidente della commissione agricoltura Francesco Battistoni, il sindaco di Viterbo nonché coordinatore provinciale onorevole Giulio Marini, Marcello Meroi presidente della Provincia di Viterbo, la senatrice Laura Allegrini, Paolo Equitani presidente vicario della provincia, Gabriela Grassini presidente vicario provinciale del Pdl, gli assessori provinciali Paolo Bianchini e Giuseppe Fraticelli, Mauro Rotelli consigliere comunale di Viterbo e Umberto Fusco responsabile regionale della Lega Federalista.

MONTEFIASCONE - Parla il candidato de ‘La Destra’ MONTEFIASCONE - Si è tenuta ieri la conferenza stampa per rassicurare i cittadini dopo i primi arrivi del mese scorso

“Contro la sinistra la forza dei valori” Santucci: “La città non ospiterà altri immigrati” A

merico Ciripicchio (nella foto): “Contro la sinistra la forza dei valori”. Così esordisce il rappresentante locale de La Destra candidato consigliere nella lista “Il Popolo della Libertà, Berlusconi per Monte�ascone” che aggiunge: “Voglio innanzitutto porgere un sentito e grande grazie a tutte quelle persone che dopo averle incontrate e chiesto cosa ne pensavano della nostra lista ci hanno fatto un’in�nità di complimenti, stimandoci per il coraggio che abbiamo avuto a proporre una vera e nuova compagine alternativa e ci hanno sollecitato e spronato ad andare avanti. Ed anche se so che qualcuno di loro non troverà il coraggio di votarci, perché sarà in qualche modo moralmente costretto ad appoggiare i vecchi maneggioni della sinistra mascherata da lista civica, li rispetto ugualmente”. Ciripicchio continua: “Mi ispira la ricerca di un paese rinnovato nell’aspetto e nel modo di essere amministrato, dove il lavoro sia una scelta e non un miraggio, dove il popolo si senta coinvolto e partecipe in tutto quello che si decide, dove chi amministra lo deve fare con volontà ed onestà, per un massimo di dieci anni, poi tornare ad occuparsi delle proprie professioni, lasciando alle nuove leve il compito di servire la popolazione. Sono questi i motivi che mi hanno portato nel 2007 a fondare La Destra a Monte�ascone, quella Destra che �nalmente oggi posso rappresentare a pieno titolo nella compagine con candidato a sindaco Luca Bellacanzone. Sono gli

N

stessi motivi che negli anni scorsi mi hanno spinto ad appoggiare movimenti politici di destra diversi nel nome ma in realtà con gli stessi obiettivi e valori”. Il rappresentante de La Destra aggiunge: “Oggi, con l’orgoglio e la coerenza che sempre mi ha contraddistinto, mi batto perché a Monte�ascone non torni al potere quella sinistra becera ed ottusa che ha distrutto letteralmente la nostra tanto amata cittadina, con quelle stesse persone che dopo aver fatto unicamente i loro affari oggi ci propongono una Città Nuova”. In�ne Ciripicchio conclude: “Si salvi il popolo di Monte�ascone dai vecchi e nuovi comunisti mascherati dietro una falsa lista civica. La lista del Popolo della Libertà con Luca Bellacanzone sindaco non vuole una loro nuova città ma una città completamente nuova in cui siano messi in pratica quei valori per cui da sempre noi di destra ci battiamo”.

on arriverà nessun altro immigrato a Monte�ascone. È quanto emerso dalla conferenza stampa presieduta dall’assessore regionale alle politiche sociali Aldo Forte e dall’assessore provinciale alla Protezione Civile Gianmaria Santucci presso la casa d’accoglienza “Raggio di Sole”. Presente il commissario prefettizio Francesco Tarricone. Per primo ha preso la parola Santucci sostenendo che i 26 profughi già residenti nella struttura “Raggio di sole” di Monte�ascone sono gli unici che sono stati ospitati, dalla �ne del mese di aprile, e non sono previsti nuovi arrivi. È stato scelto Monte�ascone soltanto perché non vi erano altre strutture idonee per contenerli in altri paesi. Santucci ha continuato: “Confermo che non verranno in

nessuna maniera innalzate tendopoli. Per quanto riguarda i libici che hanno richiesto asilo politico, non arriveranno per mancanza di strutture idonee. Il nostro governo ha realizzato un accordo con quello Tunisino e dal 5 aprile i migranti che arrivano saranno rimpatriati”. Poi è stata la volta dell’assessore regionale Aldo Forte: “Secondo il piano di accoglienza varato dal governo –ha esordito- se dovessero, eventualmente, arrivare 50mila migranti tra tunisini e libici alla regione Lazio spetterebbero 4936. Ogni 10mila abitanti verranno distribuiti in modo graduale in tutte le regioni. Il criterio numerico adottato è di mille per ogni milione di abitanti. Quindi –ha continuato Forte- le notizie di 800 migranti nella Tuscia sono completamente false soprat-

tutto perché non esistono strutture idonee. Ogni giorno dall’Italia vengono rimpatriati 30 migranti per un totale di 600 al mese. Per i richiedenti asilo politico sarà creato dalla Regione un bando rivolto alle associazioni, cooperative ed enti in grado di poter fornire assistenza e soprattutto una formazione pro-

fessionale. Il governo in merito ha stanziato adeguate risorse”. “Importante- ha concluso- è inserirli e dare loro la possibilità di fornirli di una professione per svolgere i lavori che mancano in Italia”. Poi Santucci ha aggiunto: “Per ora l’accoglienza è stata ottima senza nessun problema”. (M.M.)

MONTEFIASCONE - Bellacanzone: “Mi sto attivando per lasciare integra l’offerta formativa della città”

Solo 14 iscritti, all’Isis è a rischio il futuro della scuola per geometri “

Un problema decisamente importante della città sono le scuole”. Così il candidato sindaco della lista ‘Il Popolo della Libertà. Berlusconi per Monte�ascone’ Luca Bellacanzone. “Grazie all’amicizia con l’assessore provinciale all’istruzione Paolo Bianchini-continua Bellacanzone- valuteremo le possibili soluzioni per salvaguardare tutte le scuole di Monte�ascone, nessuna esclusa. Oltre alle criticità emerse in questi mesi passati voglio porre all’attenzione un altro grave problema: si rischia che la prima classe geometri dell’Isis Dalla Chiesa non verrà costituita. Infatti i ragazzi

iscritti sono solamente 14 e così si rischia di perdere un pezzo fondamentale della scuola superiore di Monte�ascone”. Conclude: “Mi sto attivando per sollecitare l’intervento dell’assessore Bianchini per risolvere la problematiche e cercare di lasciare integra l’offerta di istruzione di Monte�ascone”. L’Isis Carlo Alberto Dalla Chiesa è ormai un isituzione per il territorio, non solo della città di Monte�ascone. Un polo scolastico con una vasta offerta formativa: Dal Liceo Scienti�co, al Liceo Classico, all’Istituto Tecnico per Ragionieri rogrammatori, a quello per Geometri.


primo piano interni provincia

2 12

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì Maggio2011 2011

VALLERANO

In un comizio, l’esponente di spicco del Partito Democratico, critica la metodologia pre-elettorale

Claudio Mastrogregori attacca i ‘soliti noti’ di SIMONA TENENTIN

S

e, nella maggior parte dei comuni, il periodo precedente alle elezioni si vive in maniera apparentemente tranquilla, con un pro�lo basso per non scatenare roventi polemiche, Vallerano è il paese dei contrari, dove ogni medaglia ha il suo rovescio. L’ultimo episodio che testimonia questo fermento politico è stato il comizio, tenuto lunedi scorso, da Claudio Mastrogregori. Un ennesimo spiraglio che lascia intravedere le profonde piaghe che minano, dall’interno, il partito Democratico di Vallerano. Mastrogregori è un esponente di spicco del centrosinistra, avendo ricoperto, per molti anni, l’incarico di segretario del partito Comunista prima e dei Ds poi. Quindi non è certo l’ultimo sprovveduto che si prende la briga di dire la sua, ma qualcuno, al contrario, che parla con cognizione di causa. E lunedì ha parlato a lun-

go: sulla situazione attuale del partito, sulle dinamiche interne, sui vari esponenti che tornano sulla scena ad ogni elezione. E’ stata una panoramica lunga ed esaustiva, che di certo ha chiarito le idee di tutti coloro che ancora non sapevano da che parte votare. Praticamente, in un’ora o poco più di comizio, è stata smantellata la fragile cortina di fumo che ha coperto mesi e mesi di estenuanti trattative alla ricerca di un candidato sindaco. “Alla �ne il candidato si è trovato - dice Claudio Mastrogregori, ma a che prezzo? Non è stata rispettata alcuna norma statutaria ed è stata completamente ignorata una lettera inviata dalla maggioranza del direttivo con la quale si chiedeva, invano, la convocazione di un’assemblea. Insomma - aggiunge - una vicenda gestita male �n dall’inizio e risolta ancora peggio, visto che il nome di Aroldo Mastrogregori è stato deciso ob torto collo, senza alcun coinvolgimento

della base. In de�nitiva, si tratta non di una scelta ma di una forzatura, frutto della fretta dell’ultim’ora, anche perchè, in tutto il periodo pre elettorale, questo nome non era mai uscito fuori. Il Partito, in questo frangente, di Democratico ha mo-

strato in realtà ben poco, visto che, dal 2001 al 2011 i nomi presentati sono stati sempre gli stessi. Con il mio comizio so di aver creato dei malumori, ma, di certo, ho chiarito anche molto le circostanze a chi non le conosceva. Per evitare le conseguenze del mio gesto, che sarebbero state delegate agli organi provinciali, ho deciso di autoescludermi dal partito.” Insomma, non c’è che dire, una posizione tutt’altro che morbida quella assunta da Claudio Mastrogregori nei confronti, soprattutto, della segretaria del circolo Lidia Gregori. Una rivalità, inoltre, che si tramanda di padre in �glia, visto che, negli anni Settanta alla guida della Democrazia Cristiana c’era proprio il padre della Gregori.

VASANELLO - L’iniziativa, che si è tenuta domenica scorsa, è stata organizzata dalla sezione locale dell’Anc

Monumento ai carabinieri, un successo l’inaugurazione È

stato inaugurato domenica scorsa, alla presenza di un gran numero di persone, il monumento ai carabinieri caduti, collocato davanti alle scuole elementari di Vasanello. L’ i n i z i a tiva è stata fortemente voluta e splendidamente realizzata dalla sezione locale dell’Anc (associazione nazionale carabinieri in congedo), il cui presidente, il luogotenente Francesco Pieri,

commenta, soddisfatto, la perfetta riuscita dell’evento. “Siamo stati a lungo impegnati nella messa a punto dei dettagli di quest’ iniziativa che ci stava a cuore da molto tempo. Era nostra intenzione, infatti, onorare con un monumento che potesse donare loro l’immortalità, tutti i caduti dell’Arma. Ringrazio quindi tutti coloro che hanno collaborato e anche chi ci ha espresso personalmente i

complimenti per l’opera.” L’associazione carabinieri in congedo rappresenta un’importante realtà sul territorio locale. Attiva fin dal lontano 1965, conta circa una trentina d’iscritti e quasi sessanta simpatizzanti che svolgono importanti funzioni per la popolazione sia a livello di sicurezza che di supporto sociale. Alla suggestiva cerimonia organizzata domenica scorsa hanno preso parte anche la Fanfara dei carabinieri a cavallo direttamente da Roma e le numerose associazioni presenti in paese. Commovente il momento in cui è stato scoperto il monumento: a togliere il velo sono stati la moglie ed i figli del carabiniere Alessio Venanzi recentemente scomparso. (Sim.Ten.) Foto Andrea Di Palermo

LUBRIANO - Prosegue la rassegna ‘Chi è di scena?’

In programma sabato Madonna Antonia

S

abato 14 maggio alle ore 21,15, prosegue la rassegna “Chi è di scena?” al Teatro dei Calanchi di Lubriano, con lo spettacolo “Madonna Antonia” presentato dal Gruppo teatrale Castel Viscardo. Madonna Antonia, era stata moglie e poi vedova di Bonifacio Ranieri, membro insigne del Consiglio di Orvieto e signora del Castello di Castel Viscardo intorno al 1350, detto appunto “Castello di Madonna”. Castel Viscardo fu fondato nel 1263 da Giuscardo da Pietrasanta, nipote di Papa Urbano IV e rappresentò per molto tempo grazie ai suoi torrioni (il Castello e la torretta di Vitiano) un importante punto di avvistamento, in difesa di Orvieto e di tutta l’alta e media Valle del Paglia. Della famosa castellana di Castel Viscardo si sa ben poco. Sicuramente doveva essere molto potente se, in un‘epoca in cui le donne valevano meno di niente, Madonna Antonia

risulta tra i �rmatari del trattato di pace con l’imperatore. Si tramanda anche che fosse una guerriera potente e invincibile. Però dell’illustre signora per lo più si rammentano solamente la crudeltà e la per�dia, come anche i numerosi amanti �niti nei trabocchetti del castello. Però si sa anche che era piuttosto brutta, cosa che ha fatto supporre che non godesse di molti spasimanti, nonostante la giovinezza e la vedovanza. Della particolare e misteriosa �gura femminile, che la leggenda vuole identi�care con la cosiddetta “dama bianca”, si racconta che si aggirerebbe ancora oggi nel maniero durante le notti di luna piena. A interpretare Madonna Antonia troviamo l’attrice Nadia Tiezzi, il testo è di Franco Tiberi ed Andrea Brugnera, I costumi di Stefania Stefani, la regia di Giuliano Baglioni. L’ingresso è di 5,00 euro. Info e prenotazioni al 3471103270.

BASSANO ROMANO - Lo rende noto il consigliere provinciale Felice Casini

Attivato il semaforo sulla Cassia sud “

A Bassano Romano è stato attivato il semaforo per il passaggio pedonale all’altezza del bivio con la Cassia sud”. A comunicarlo il consigliere provinciale Felice Casini. “Si tratta di un’opera di grande importanza soprattutto per i pendolari bassanesi che attendono il pullman nella fermata vicina. Proprio per questo è stato infatti realizzato anche un marciapiede che rende così sicuro il tragitto dei pedoni dalla fermata dell’autobus �no al parcheggio antistante”. “E’ un intervento che la cittadinanza di Bassano Romano attendeva da decenni e che tutti, nelle passate legislazioni, avevano promesso e mai

realizzato. In campagna elettorale gli amici di Bassano ne avevano fatta richiesta, come consigliere mi sono da subito occupato della realizzazione che è stata portata a termine in tempi più che ragionevoli”. “Ringrazio l’assessore ai Lavori Pubblici e Viabilità della Provincia, Gianmaria Santucci che ha ancora una volta dimostrato grande vicinanza al territorio, fornendo un contributo fondamentale. Si tratta a tutti gli effetti di una prova tangibile con la quale viene rimarcato il buon operato dell’amministrazione provinciale”. Ma i lavori non �niranno qui: “A breve verranno fatti alcuni interventi sulla viabili-

tà della zona – ha proseguito Casini – il tempo di espletare gli iter burocratici e i lavori partiranno, a piccoli passi cercheremo di fare il possibile per le esigenze dei bassanesi”.


Mercoledì 11 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Ottobre 2010

litorale Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

interni 13

TARQUINIA

Le sculture in ferro, donate dall’artista, saranno esposte all’interno della suggestiva ‘Villa Felice De Santis’

A Fiori e Luci per l’Arte, le opere di Narduzzi di ALESSANDRO SACRIPANTI

N

ell’ambito dell’imminente manifestazione “Fiori e Luci per l’Arte 2”, che si svolgerà nella cittadina nei giorni 13,14/ e 15 maggio, verranno presentate anche le numerose sculture in ferro donate dall’artista Domenico Narduzzi. Le opere infatti saranno esposte all’interno della suggestiva villa Felice De Sanctis a Fontana Nova, e l’intero gruppo di esemplari costituite da vari soggetti sono composti da tre cavalli in corsa, un albero con qualche uccello e un uomo con il tipico cappello maremmano, un asino con una pianta di cardo, un solitario cespuglio di ferla. Gli elementi del noto artista Domenico Narduzzi sono stati sistemati in modo permanente, a cura dello stesso autore. Tutto è stato sistemato nei vari angoli del parco di villa De Sanctis, in

perfetta armonia con il paesaggio circostante, volto a ricreare l’aspetto più antico ed eterno della Maremma. La particolare realizzazione degli animali quasi ‘in trasparenza’ permette alla luce di giocare un ruolo fondamentale con l’immobili-

tà del ferro, variando la prospettiva e il movimento nelle varie ore del giorno e nelle varie stagioni. Narduzzi quindi ha voluto dare spazio alla propria fantasia mettendo in luce anche gli alberi espongono le radici in primo piano. In questo artista l’elemento orizzontale è �lo conduttore delle sue opere assieme al ferro. Nei ferri di Domenico Narduzzi, infatti, l’elemento centrale è il dinamismo dei soggetti raf�gurati, colti in posizioni ai li-

miti del possibile, la cui forma spesso è come trascinata via e ridotta a brandelli dalla forza del vento. Le opere esposte mostrano come il fuoco possa forgiare in maniera così elastica un materiale pesante come il ferro, conferendogli la sua stessa mobilità. I soggetti rappresentati a villa De Sanctis sono ancora quelli del mondo contadino e dei paesaggi boschivi, e spesso trova spunto per le sue opere negli oggetti più disparati, che recupera così come sono, trovando loro un possibile impiego o riuso: sassi, conchiglie, tavole, vetro brucialo. Tutto questo sarà possibile ammirarlo in questo �ne settimana a villa Felice De Sanctis a Fontana Nova dove nel contesto dell’evento “Fiori e Luci per l’Arte 2”, e nella mostra collettiva “Rocca Scannacavalli Primavera 2011” dove saranno presenti altri artisti e scultori insieme a Domenico Narduzzi.

TARQUINIA - Organizzato dal Centro Nazionale si svolgerà sabato e domenica prossimi

Tutto pronto per il ‘Convegno Nazionale di Ufologia’ S

i svolgerà sabato e domenica il 13° Convegno Nazionale di Ufologia città di Tarquinia organizzato dal C.U.N. Centro Ufologico Nazionale nella sala consiliare del Comune in Piazza Matteotti n.6. L’evento ad ingresso libero, si realizza con il patrocinio del Comune di Tarquinia, Provincia di Viterbo, Regione Lazio e Università Agraria di Tarquinia, con la collaborazione del C.i.f.a.s. ‘Council of International Federation for Advanced Studies’ e dell’A. Osservatorio Parlamentare per lo studio del fenomeno Ufo, presieduta dall’On. Falco Accame. A riferirlo è Alessandro Sacripanti Coordinatore regionale C.U.N. del Lazio – “Quello di Tarquinia è l’evento più importante a livello nazionale, e l’obiettivo dell’evento è �nalizzato alla divulgazione e all’informazione della ricerca

e degli studi effettuati dai ricercatori del Centro Ufologico Nazionale sugli avvistamenti e sui fenomeni spaziali, che vengono osservati sul territorio italiano”. E’un appuntamento molto atteso per gli addetti ai lavori e per gli appassionati che ogni anno arrivano a Tarquinia da tutta Italia e anche dall’estero, per ascoltare gli interventi ed osservare i �lmati e le immagini di Ufo. Le numerose presenze registrate ogni anno nella sala consiliare che ospita il Convegno sono la dimostrazione dell’interesse che l’opinione

pubblica sente per l’argomento. Altresì – aggiunge Sacripanti – tutto questo si unisce anche alla partecipazione delle televisioni nazionali che intervengono per l’occasione. Anche quest’anno – continua Sacripanti - questo evento si realizza anche grazie al vivo interesse del sindaco della città di Tarquinia Mauro Mazzola, del consigliere provinciale Al�o Meraviglia, del presidente dell’ Università Agraria Alessandro Antonelli”. Il tema del Convegno dell’edizione 2011 sarà ‘Ufo: ieri, oggi , domani’, e nel contesto saranno illustrate le ricerche e gli

studi degli esponenti del Centro ufologico nazionale, sugli ultimi avvistamenti registrati sul panorama nazionale. Tra i principali ospiti dell’evento saranno presenti il giornalista aerospaziale e segretario generale C.U.N. Roberto Pinotti, il conduttore televisivo Rai Osvaldo Bevilacqua, il presidente della 6° Commissione Telecomunicazioni ONU Alfredo Magenta, il generale dell’Aeronautica militare (r) Salvatore Marcelletti, il Prof. Stefano Breccia Ingegnere elettronico dell’Università dell’Aquila, il direttore dell’Opinione di Viterbo Paolo Gianlorenzo. Nella serata di sabato è prevista una serata osservativi del cielo e della Luna a cura di Silvio Eugeni del C.N.A.I. Altre informazioni sulla manifestazione sono disponibili sul sito internet www.fenomenoufo.com

MONTALTO - L’opposizione incalza la maggioranza

“Strade, non c’è sicurezza” R iceviamo e pubblichiamo da Caci, Talenti e Liberatore. “Lo scorso tre marzo si è veri�cato un tragico incidente lungo la via Aurelia Grosseto che fortunatamente si è concluso senza danni per l’occupante dell’automobile coinvolta. Infatti, a causa di uno sbandamento, l’auto dopo aver urtato il parapetto del lato nord del ponte sul �ume Fiora, distruggendolo in parte, è precipitata nel dirupo. L’area è stata immediatamente transennata e, con Delibera di Giunta del 7 aprile scorso, l’amministrazione ha dato il via ai lavori di messa in sicurezza del parapetto in questione. Leggendo la Delibera però si capisce bene che non si tratta di lavori di semplice “ripristino”, ma anche di “sostituzione del parapetto”. Infatti, dopo l’incidente, forse l’amministrazione si è accorta che il parapetto in questione non era poi così tanto sicuro, tanto da non chiedere i danni al cittadino coinvolto, ma sobbarcandosi l’intera spesa di

62mila euro per i lavori. Siamo scandalizzati perché tra le centinaia di migliaia di euro sperperati ogni anno non sì è trovato un solo euro per permettere ai cittadini di Montalto di girare per le vie del proprio paese in tutta sicurezza. Ricordiamo inoltre che quella è anche la via che porta all’Aurelia e alla strada per Vulci, quindi anche molto traf�cata dai turisti. Il cittadino coinvolto nell’incidente è stato anche troppo corretto, perché comunque la sua vita è stata messa in pericolo dall’incuria del Sindaco e della sua amministrazione. Considerato che in questi giorni si sta elaborando il Bilancio di Previsione, sarebbe bene rivedere i capitoli dei Lavori Pubblici ed intervenire sulla messa in sicurezza delle infrastrutture non sicure, come l’altro lato del ponte ad esempio dove è ancora presente il vecchio parapetto. Cosa aspetta la Giunta, che un’altra auto cada anche dall’altra parte? Questa volta il cittadino è stato fortunato. La prossima?”


primo piano interni civitavecchia

2 14

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì30 Maggio2011 2011

In previsione dell’assestamento di Bilancio arriva l’appello di Pasquale Marino (Pdl)

“Individuare nuove entrate per il Comune”

di PIETRO COZZOLINO

Vanno create nuove entrate per il Comune, senza che le stesse pesino sulle tasche dei residenti”. L’appello arriva da Pasquale Marino, Presidente della Commissione consiliare alle Finanze. “Ciò - prosegue - in previsione dell’assestamento di Bilancio che contiamo possa andare in Consiglio entro la fine di giugno. Il federalismo municipale ci dà gli strumenti - indica - gli esempi sono molti; ed intendo farne alcuni. Sappiamo che nel territorio di Civitavecchia ci sono 1076 case non accatastate, cosiddette case fantasma: mi aspetto quindi

che dopo la ricognizione, i gettiti possano essere restituiti, per intero, alle disponibilità della collettività. Altrimenti, mi auguro che i proprietari delle medesime siano sollecitati affinché si mettano in regola davanti alla Pubblica amministrazione, soprattutto se sarà confermata la media nazionale e datosi che, secondo le prime stime, soltanto poco più della metà degli stessi avrebbe regolarizzato la propria posizione. Altro aspetto da verificare - sottolinea - è l’opportunità di muoversi per far sì che anche qui sia applicata la tassa di soggiorno. Personalmente sono favorevole a questa

Predisposto il tutto per altri 130 richiedenti asilo

Ulteriori arrivi alla ‘De Carolis’ “ Il presidente della Commissione Finanze Marino (foto di A.M. Colucci) ipotesi, già percorsa da Comuni come quello di Roma, anche se magari non nella stessa misura. D’altronde, c’è già l’Autorità Portuale che incassa una quota pro capite sui passeggeri in transito e credo che sia giunto il momento che quest’ultima raggiunga un accordo con lo stesso Ente comunale per distribuire meglio tali risorse. Infine - si avvia a concludere Marino - torno a sollevare il

tema dell’Ici sulle case che gli Istituti bancari hanno pignorato e che hanno nella loro disponibilità. Ho notizie che anche quella sia una strada percorribile e pertanto credo vada intrapresa”. Ed infine: “Non va dimenticato un altro problema da risolvere, quello della fatturazione dell’acqua, visto che c’è chi da due anni non ha mai ricevuto istruzioni sul pagamento”.

Su richiesta del Dipartimento della Protezione Civile Regionale, sentiti il Sindaco, Gianni Moscherini, ed il Comandante di quello locale, Colonnello Carlo Sisti, ho autorizzato in questo preciso momento l’accoglienza di 130 richiedenti asilo presso il Centro De Carolis”. Questa, parte della nota giuntaci lunedì, a tarda notte (e precisamente alle 23.24, ndr), a �rma Andrea Pierfederici. “La provenienza dei medesimi non ci è ancora nota - prosegue l’Assessore con Delega speci�ca - si prevede comunque l’arrivo degli ospiti in città a mezzo pullman nella serata di domani (ieri per chi legge)”. Ciò, con la Cooperativa Sociale “Domus Caritatis”, attuale gestore del Campo, nel mentre ad attivarsi per dare seguito a tutte le procedure inerenti tale, ulteriore accoglienza ed il Grup-

Nuovi arrivi alla De Carolis (foto di Edmondo Zanini) po dei volontari a supportarne l’intera operazione. Inoltre, Tecnici comunali e personale di “Città Pulita” hanno all’uopo allestito e predisposto le strutture destinate a funger da dormitori. Il citato rappresentante dell’Esecutivo cittadino ha altresì inteso ringraziare nuovamente la Stampa “per la disponibilità e la professionalità dimostrata”. (pc)

I ‘gioiellini’ del Vespa Club Autostrada per Orte Perello plaude la Polverini Un tuffo nel passato grazie alla due ruote che ha fatto sognare milioni di italiani “Ha dimostrato ancora una volta di avere a cuore il nostro territorio”

La Regione Lazio e il Presidente Renata Polverini ha dimostrato ancora una volta di avere a cuore le sorti del nostro territorio”. Queste le parole del Capogruppo “Misto”, Daniele Perello (nella foto di Anna Maria Colucci), alla luce del via libera di recente decretato dal Cipe sulla realizzazione dello stralcio Cinelli-Monte Romano Est dell’Autostrada Orte-Civitavecchia già deliberato dalla medesima con lo stanziamento di 117 milioni di euro. “Quello ottenuto nell’occasione - rimarca - è un risultato importante anche perché con tale semaforo verde si sancisce de�nitivamente la valenza strategica dello stesso nonché la grande importanza che riveste il Porto locale per lo sviluppo regionale. Porto che, essendo molto cresciuto negli anni, ambisce ad essere il primo del Mediterraneo. Il tutto - prosegue - naturalmente guardando sempre alla grande progettualità legata alla logistica ed alla Piattaforma Logistica del Centro Italia che questa Amministrazio-

U

na 125 “Vacanze romane”, a tre marce, del 1952; una 150 “Sprint” (del 1965); un’altra 125 datata 1964 ed ancora una 150 risalente al 1961; in�ne, sempre annoverabile tra le “Sprint”, una 90 del 1966. Queste ultime, tutte a 4 marce. Sono stati Giuliano Medici, Lino Maffei, Pierluigi Chiricozzi e Pietro Crescentini, Soci del Vespa Club locale, a piacevolmente introdurci, domenica mattina presso il piazzale antistante la Cittadella della Musica, nell’affascinante mondo di tale, inimitabile due ruote. Un mezzo di locomozione, quest’ultimo, altresì fortemente caratterizzante (per svariati motivi) la nostra, italica storia. “Per ciò che concerne la prima - hanno spiegato - basta pronunciarne il nome, richiamante il ne comunale, insieme a quella di Tarquinia, stanno portando avanti a tutti i livelli istituzionali. In tale ottica - conclude Perello - il completamento del sistema viario per Orte rappresenta inoltre una svolta positiva quanto concreta in termini di rilancio”. (PiCo)

OGGI PRESSO L’ASSOCIAZIONE CULTURALE CIVITA LIBERA

I

l funzionamento dell’assessorato al Commercio, Turismo e Trasporti ed il suo ruolo centrale nell’ambito dell’amministrazione comunale civitavecchiese. E’ questo il tema della conferenza prevista per oggi, presso l’associazione culturale “Civita Libera”, che avrà come relatore principale l’assessore al ramo, Alessandro Maruccio. L’appuntamento, il terzo nell’ambito del ciclo di conferenze denominate “Istituzione e cittadino”, è previsto per le ore 18 nella sala dell’associazione, in Galleria Garibaldi. L’obiettivo principale di “Civita Libera”, attraverso gli incontri con gli assessori, i consiglieri comunali e i dirigenti, è di far conoscere in modo semplice e lineare il ruolo ed il funzionamento dei singoli settori che compongono la macchina comunale a tutta la cittadinanza.

notissimo �lm con Gregory Peck e Audrey Hepburn, e si è detto praticamente tutto. La seconda, invece - hanno proseguito andando più nel dettaglio tecnico - sfoggia un faro trapezoidale, innovativo per l’epoca nonchè, tuttora, molto di tendenza”. Un istruttivo tuffo nel passato, dunque, a contatto quasi diretto con dei veri e propri pezzi della storia poc’anzi richiamata che, personalizzati o meno (nei colori), hanno saputo riportarci, inoltre grazie all’attenta cura riservata

ai medesimi e trasmessaci seduta stante dai nostri, disponibilissimi interlocutori, ad alcuni di quei sapori di un tempo da cui una modernità, per certi versi forsennata, sta allontanandoci sempre di più. Malauguratamente. (CoPi)

LADISPOLI NEWS

L

a Corte d’Appello di Roma conferma la sentenza che in primo grado condannò al carcere a vita Santo Barbino. Si tratta dell’uomo che il 22 aprile di due anni fa, in uno studio legale del centro di Ladispoli, sparò agli avvocati Francesco Terracciano e Paolo Salinieri, uccidendoli sul colpo. Barbino, all’epoca dei fatti aveva 69 anni e giusti�cò il suo gesto dicendosi disperato a causa di una onerosa parcella richiesta dallo studio legale. La difesa di Barbino già annuncia che tenterà il ricorso in Cassazione. (BDB)

BRACCIANO - Dopo la sentenza ‘sospensiva’ del Tar urge un piano di risanamento

Il traballante ‘domani’ dell’ospedale Padre Pio di SARAH PANATTA

D

opo la salvezza dal burrone di un provvedimento riconosciuto come deturpante per il litorale e l’entroterra sabino, arriva il purgatorio dei pantani burocratici, dei rimpalli istituzionali e delle falle �nanziarie. La sentenza di �ne aprile con la quale il Tar ha sospeso l’applicazione del decreto n° 80, della Commissaria Polverini, all’Ospedale Padre Pio di Bracciano, apre la stagione più dura per il nosocomio, provato da un logoramento di forze ultra decennale. Il 7 novembre arriverà la sentenza di merito, che uf�cializzerà le sorti della struttura, che nel frattempo dovrà combattere ancora per sopravvivere. La Asl Rmf ha il più basso rapporto, regionale di posti letto per abitante e la zona lacuale supera scarsamente lo zero in questa media. La risposta al problema sarebbe stato il taglio de�nitivo di un cordone ombelicale, secondo la Polverini,

in irreversibile putrefazione. La soluzione che i cittadini e le amministrazioni locali reclamano è invece una piani�cazione scrupolosa e concreta del nuovo assetto dell’ospedale braccianese (il solo H24, ospedale di pronto soccorso, oltre a quello di Civitavecchia nella Rmf), da ottenere ricon�gurando a livello nazionale il sostegno alla salute pubblica. Il Padre Pio è una risorsa irrinunciabile per gli abitanti, ma anche se non verrà “riconvertito” e nonostante sia apparentemente salvo, non è palesemente sano. Mancano i primari, non esiste turnover, le liste d’attesa per le analisi sono lunghissime e scoraggianti, a giugno scadranno 30 contratti e non ci sono ad oggi le risorse per rinnovarli tutti, fatto grave in un nosocomio dove il problema più stringente è la carenza numerica di organico. Durante l’assemblea tenutasi nell’aula consigliare del Comune di Bracciano sabato scorso, dove sono intervenuti il sindaco Giuliano Sala, il

Comitato Territoriale per la Difesa della Salute Pubblica e il capogruppo del Pd al Consiglio Regionale del Lazio, Esterino Montino, si è discusso in un clima profondamente critico sui piani fattivi da mettere in campo per far stare in piedi con gambe rinvigorite l’invecchiato “padre”. Il portavoce del Comitato ha affermato che con tutti i cittadini e i politici di ogni “colore” sarà edi�cato un patto di responsabilità per confrontarsi a breve con la Regione, attraverso una proposta materiale per curare il nosocomio. Montino ha illuminato la questione nodale, incalzato dal pubblico intervenuto con accese istanze: senza la mobilitazione tangibile del mondo politico per deviare il corso della sanità non c’è riparo giuridico che tenga. Va cambiata la mentalità: razionalizzare per ridistribuire le ricchezze mal dirette e non abbandonare la provincia all’autocombustione.


SPORT

� � �

15

RUGBY OLD

Vittoria di prestigio per gli Amatori di Glauco Antoniacci servizio a pagina 20

VOLLEY U.14

Tuscania va vicina al titolo regionale di Glauco Antoniacci

servizio a pagina 22

Edizione del 11 Maggio 2011

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

CICLISMO

La Tuscia attende un Giro vestito a lutto

Domani la carovana rosa attraverserà la provincia da Castiglione in Teverina fino a Civita Castellana VELA - Allievi di tre istituti diversi hanno avuto come istruttori i soci della Lega Navale

di GLAUCO ANTONIACCI

Quaranta studenti con il vento in poppa N

D

oveva essere una grande festa del ciclismo ma la tragedia capitata al belga Weylandt, morto a seguito di una tremenda caduta in discesa nel corso della terza tappa, ha inevitabilmente ammantato di tristezza l’intera edizione 2011 del Giro d’Italia. La carovana rosa ha proseguito ma il ricordo del giovane atleta della Leopard accompagnerà i corridori lungo tutte le tappe della corsa rosa, concepita quest’anno per festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia. Domani i protagonisti di questo Giro arriveranno anche nella Tuscia: la sesta tappa, con partenza da Orvieto ĀĀȀ̀ЀԀ‫܀؀‬ĀࠀऀĀȀऀ਀ऀ଀ఀĀȀఀഀ଀‫܀‬฀฀ఀ‫؀‬ఀ Ā

Āఀༀༀကༀༀᄀሀጀ᐀ᄀĀጀᔀᔀᄀĀഀᘀᄀሀ᐀

ᜀ᠀ᤀĀᨀऀᬀ̀Āࠀᰀऀ଀ఀ฀ऀఀ Ȁ̀ȀЀԀĀЀԀ‫؀؀‬ԀĀ‫̀਀ऀࠀ܀‬Ѐ‫଀܀‬ఀ਀ഀ฀฀਀ĀༀကĀᄀሀጀ Ā฀᐀ᔀᘀᜀ᠀ᤀĀሀᄀĀကᨀᬀᬀ᐀ᔀ ‫؀‬ᨀᰀᰀᨀᬀᬀ᐀ᔀĀᴀḀᜀᘀ᐀ᰀἀᔀĀᴀᜀḀĀ ᜀĀᘀ᐀ᜀĀ᠀ᜀ Ā!ᜀ"ἀḀᔀĀ᠀᐀Ā#᐀ᘀ᐀ἀᨀĀ#ᨀᰀἀᜀ ᨀ"ᨀĀἀḀᨀĀ ᜀĀሀ$%ሀጀĀᜀĀ ᜀĀሀ$%ᄀጀ& ‫؀‬Ḁᜀ!ᜀ᠀ᜀḀ'Ā᐀ ĀᬀḀ(ᴀᴀᔀĀ᠀᐀Ā(")ᔀḀᨀĀ!᐀Ḁ!ᨀĀ ᨀĀ!ᨀḀᔀᘀᨀ"ᨀĀᴀ(** ᐀!᐀ἀᨀḀ᐀ᨀĀ!+ᜀĀᰀᔀᰀἀᜀḀ'ĀᴀᜀḀĀ$,Ā-᐀"(ἀ᐀ĀᨀĀ‫؀‬᐀ᨀ..ᨀĀ᠀ᜀ ᨀĀ /᐀*ᜀḀᨀ.᐀ᔀ"ᜀĀᴀᜀḀĀᔀ-ᨀᬀᬀ᐀ᨀḀᜀĀ᠀᐀Āᬀᨀ᠀ᬀᜀἀĀἀ(ἀἀ᐀Āᬀ ᐀ĀᰀᴀᜀἀἀᨀἀᔀḀ᐀ĀᴀḀᜀᰀᜀ"ἀ᐀& ਀ Ā฀᐀ḀᔀĀ0)਀ἀᨀ ᐀ᨀĀᴀᨀᰀᰀᜀḀ'ĀᴀᜀḀĀ ᜀĀᘀ᐀ᜀĀ᠀᐀%Ā ऀ᐀ᨀĀ#ᔀḀ!+᐀ᨀ"ᔀĀ ऀ᐀ᨀĀ฀᐀ᔀᘀᨀ""᐀Ā11਀਀਀Ā ऀ᐀ᨀĀ᠀ᜀ ᨀĀࠀᜀᴀ(** ᐀!ᨀĀ ऀ᐀ᨀĀကᨀᰀ!᐀Ā ऀ᐀ᨀĀఀᜀḀḀᜀἀἀ᐀Ā ऀ᐀ᨀĀȀᨀ"ĀȀᨀ ᘀᨀἀᔀḀᜀĀ ȀȀ$Āఀ ᨀ-᐀"᐀ᨀĀ᠀᐀Ḁᜀ.᐀ᔀ"ᜀĀࠀᔀ-ᨀ&

2(ᔀ"Ā0᐀ᘀᜀḀἀ᐀-ᜀ"ἀᔀĀᨀĀЀ(ἀἀ᐀

਀/ĀȀ਀30Ԁ#‫܀‬ ฀᐀ᨀ" (!ᨀĀԀ"ᬀᜀ ᜀ ᐀

e arrivo a Fiuggi, entrerà quasi subito in provincia di Viterbo attraversando Castiglione in Teverina, poi toccherà altri centri della provincia come Bomarzo, anche se c’era qualche dubbio per una strada su cui c’è un restringimento della carreggiata e qualcuno aveva ventilato l’ipotesi di un possibile cambio di percorso, al momento smentita. Toccherà poi a Soriano nel Cimino, Vignanello, Corchiano e Civita Castellana, con il gruppo che dovrebbe transitare per le vie del centro tra le 13:16 e le 13: 26. Un’ora prima, circa, passerà la carovana pubblicitaria che sosterà per 30 minuti a Piazza della Liberazione per omaggiare di gadget

gli spettatori. “Siamo molto felici di riospitare a Civita Castellana il Giro d’Italia dopo moltissimi anni – ha commentato l’assessore allo Sport, Alessio Alessandrini – sarà un’occasione imperdibile per i moltissimi appassionati di ciclismo della nostra città e non solo. Ringrazio le forze dell’ordine e la polizia locale che saranno impegnati per assicurare un regolare svolgimento della manifestazione.” Il Giro D’Italia passerà per le seguenti vie: Via Corchiano, Via Giovanni XXIII, Via della Repubblica, Via Masci, Via Ferretti, Via San Salvatore, SS3 Flaminia direzione Roma.

elle acque antistanti il Porto Turistico di Capodimonte si è svolta una giornata tutta all’insegna dell’incontro tra vela e mondo della scuola. Circa 40 studenti appartenenti all’Istituto Mag. S. Rosa di Viterbo, all’ISIS Dalla Chiesa di Monte�ascone e all’ISIS Galilei di Tarquinia hanno preso parte a questa iniziativa, nata dalla collaborazione tra il Coordinamento di educazione �sica dell’Uf�cio scolastico provinciale e la Lega Navale Italiana, sezione Lago di Bolsena con sede in Capodimonte. La volontà era quella di avvicinare e appassionare alla vela e alla cultura marinara i giovani ed infatti il gruppo di studenti ed

insegnanti è stato accolto dal sindaco di Capodimonte, Mario Fanelli, e da Roberto Gigante, vicepresidente della Lega Navale Italiana sezione di Capodimonte, che hanno esposto le �nalità sportive ma anche turistico- ambientali dell’iniziativa. Gli undici equipaggi sono stati assegnati ad altrettanti cabinati, messi a disposizione dai soci dell’associazione, che hanno fatto anche da istruttori ai giovani velisti guidandoli �no alla splendida isola Bisentina. Al rientro, grande soddisfazione dei partecipanti e appuntamento con la Lega Navale per il prossimo 28 maggio, per ripetere l’ iniziativa con gli studenti delle scuole medie.

JUDO - Il portacolori della Polisportiva Fanum ha chiuso al terzo posto il Trofeo Internazionale Città di L’Aquila

Lorenzo Bataloni centra un magnifico podio C

’è stata gloria anche per gli atleti viterbesi della Fanum nel prestigioso Trofeo Internazionale Città di L’Aquila, giunto alla tredicesima edizione. La rassegna di judo organizzata dalla ASD Amiternum Judo L’Aquila, ha visto sul tatami rappresentanti di società di tutta Italia ma anche atleti provenienti da

altri paesi come Polonia, Malta, Israele, che si sono confrontati nelle varie categoria previste dal programma. L’evento, organizzato con il coordinamento del Comitato Regionale Lazio Fijlkam, ha visto tra gli iscritti anche Lorenzo Bataloni, categoria 55kg Esordienti A, schierato dai responsa-

bili della Fanum dopo qualche titubanza per il valore degli avversari e soprattutto nonostante qualche preoccupazione per la relativa esperienza di Bataloni, chiamato a confrontarsi con un torneo internazionale per la prima volta. Il sorteggio è sembrato sorridere al giovane judoka viterbese,

anche se nelle fasi di riscaldamento il Maestro Calistroni non ha potuto far altro che constatare la maggiore esperienza degli avversari, qualcuno dei quali già con anzianità di tesseramento anche di 7 anni rispetto a Bataloni, tesserato da due anni. Nonostante tutte queste possibili dif�coltà, l’atleta della Fanum ha

confermato in pieno le sue qualità, terminando la gara con un più che lusinghiero terzo posto. Senza entrare nei dettagli tecnici su quanto fatto dai protagonisti e sull’arbitraggio, va comunque rimarcato che se non ci fosse stata l’imprevista contusione al gomito sinistro nel corso del primo match, che si è fatta sentire in maniera particolare nel secondo incontro, Bataloni avrebbe forse potuto arrivare �no in fondo e portare a casa una strepitosa medaglia d’oro. I responsabili della Fanum ed i tecnici si sono detti ugualmente

soddisfatti sul piano tecnico per la prestazione del loro allievo, limitato vistosamente dalla contusione subita. Altri due atleti dell’ A.S.D. Fanum Viterbo Polisportiva, Giorgio Curti e Cristian Aneris, impegnati di recente nelle gare di Palestrina, hanno ricevuto punti preziosi da parte della Federazione che ha stilato la nuova classi�ca Regionale del G.P. Giovanissimi. Curti ha conquistato 16 punti, Aneris ne ha ricevuti 8 ed entrambi saranno in gara il 19 Giugno prossimo a Montalto di Castro.


� �

SPORT

primo piano interni sport

2 16

CALCIO SERIE D

Sabato 30 Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì Maggio2011 2011

CALCIO PROMOZIONE

La Viterbese ha voglia di fare

Sergio: “Esistono delle priorità. Il mercato può attendere” Flaminia, fai in fretta. Scardala rischia di andare via di GIANLUCA NATOLI

S

i inizia a parlare di mercato, anche se per farlo concretamente ci vorrà del tempo. Un dato accomuna Viterbese e Flaminia: la rifondazione più o meno radicale da attuare. La squadra di via della Palazzina ne ha bisogno perchè in caso di ripescaggio non può pernettersi di farsi trovare impreparata all’appuntamento. La Flaminia invece ha il dovere di provare almeno a migliorare i risultati di questi ultimi anni. QUI VITERBESE Simone Canovi e mister Sergio sono già a lavoro. Daniele Federici ha fatto sapere di essere disposto a rimanere. E da uno come lui, che ha messo a segno 20 gol in questa stagione bisognerebbe davvero ripartire. L’attaccante di origine romana ha già avuto modo di farsi le ossa in Lega Pro, motivo per cui la scelta di puntaci ancora potrebbe rivelarsi come una doppia mossa vincente. Ieri intanto la squadra si è tornata ad allenare regolarmente allo stadio”Rocchi” in un’unica seduta dopo pranzo. Anche oggi pomeriggio il gruppo si ritroverà sul campo. In dubbio ancora l’amichevole di giornata contro alcuni giovani della Ternana. Unici assenti in squadra Moreno

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Daniele Federici Esposito febbricitante e Scerrati convocato dalla Rappresentativa di Serie D per la disputa di un torneo. Il clima non è più ovviamente il solito, visto che il campionato si è concluso e gli “stress tattici” predomenicali non hanno più motivo di esistere. Per l’allenatore Raffele Sergio però il lavoro non manca affatto: “Adesso ci stiamo occupando dell’aspetto organizzativo, che credo sia un elemento basilare per ogni società seria. Non è ammissibile continuare ad andare alla ricerca ogni settimana di un campo di allenamento. Abbiamo bisogno di una struttura stabile, così come stiamo lavorando per la costruzione di

una palestra proprio qui allo stadio Rocchi (sotto la curva). Per quanto riguarda il mercato c’è tempo. Non dobbiamo avere assolutamente fretta. Ci sono ancora i play off e i play out di serie D da giocare”. E poi su Federici: “E’ un giocatore che si è integrato benissimo nei miei schemi e vorrei tenerlo. Poi giustamente sarà il presidente Fiaschetti a dire l’ultima parola”. QUI FLAMINIA Sono già in tanti ad essere con le valige pronte a Civita Castellana. I sicuri partenti rispondono ai nomi di Farrugia, Berardi, Lunghi, Okoroji. In dubbio invece ancora

Scardala e Menichini. Se proprio questi ultimi due dovessero partire, allora non sarà affatto facile trovare sostituti all’altezza di chi quest’anno ha tolto più volte le castagne dal fuoco. E’ pur vero però che il mercato bolle già in pentola ed i giocatori fanno i giocatori. Dove ci sono le migliori offerte alla fine decidono di andare. “Ho ricevuto telefonate di varie società - ha dichiarato Stefano Scardala- ed è normale che adesso si iniziino a valutare le proposte che arrivano. Parlerò con tutti quelli che mi cercano, perchè credo che non si debba lasciare nulla di intentato. La priorità però la darò alla Flaminia, perchè ho molto rispetto per la società con cui ho lavorato due anni”. Intanto domani è previsto uno stage con gli Allievi della Lazio. Si tratterà di una chance importante per lo staff tecnico civitonico, che potrà visionare qualche giovane da inserire magari nella futura rosa. ERRATA CORRIGE Da buoni gemelli del gol, è facile confondersi. Ovviamente vi sarete accorti che quello nella foto, uscita ieri nel nostro giornale, non era Daniele Federici bensì Vincenzo Palumbo. Ci auguriamo che potrete perdonarci la “svista”. D’altra parte la mancanza del bomber di nascita tedesca si fa sempre più sentire.

Pianoscarano, che bello adesso! Ferretti: “Il mio futuro? Devo parlare con la società”

I

n Promozione alcune delle nostre viterbesi sono già in vacanza, almeno con la testa. Chi per un motivo, chi per un altro domenica prossima andrà in campo per l’ultimo turno senza avere più l’ansia di dover vincere a tutti i costi. Il Pianoscarano infatti dopo la vittoria di Cervetri, targata Ivano Iannuzzi a segno con una tripletta, è finalmente salva. Purtroppo invece la Fortitudo Nepi retrocede in Prima Categoria con una giornata di anticipo, dopo aver subìto la sconfitta interna contro la Caninese di mister Marconi. QUI PIANOSCARANO “Abbiamo raggiunto meritatamente questo obiettivo. E’ da qualche settimana che esprimiamo un buon calcio e quindi non potevamo retrocedere”. Con queste parole l’allenatore della squadra viterbese, Marco Ferretti, ha espresso la sua soddisfazione personale. E la gioia nopn può che essere doppia, visti i tanti momenti difficili che quest’anno il Pianoscarano ha vissuto, soprattutto ad inizio stagione sotto la gestione tecnica di Mauro Lucarini: “Quando sono arrivato mi sono trovato davanti ad una situazione molto complicata- continua Ferretti- perchè eravamo penultimi in classifica e in quel momento ho davvero te-

Mister Marco Ferretti muto il peggio. Poi però insieme allo staff ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo accettato la sfida. Il merito più grande va a tutti i ragazzi che hanno saputo reagire, dimostrando tutto quel valore che inizialmente non era emerso”. E adesso dopo la gara col Tolfa si inizierà a parlare solo di futuro: “Non so ancora se resterò. I matrimoni si fanno in due. Per il momento ci sono stati solo dei contatti con la società. Se resterò, a livello di mercato dovremo muoverci con intelligenza, perchè questa è una squadra che già così può stare nelle posizioni di metà classifica”. (GN)

ZOOM - Tutte le decisioni del giudice sulle gare di Eccellenza e Promozione. La Vigor ne “perde” cinque per il derby a Canino

La Viterbese ‘96 ad Aprilia per centrare le semifinali. All’Interforze tris della Polizia

A

pprofondimenti del nostro calcio tra attività agonistica, sanzioni del giudice e tornei vari. PLAY OFF GIOVANISSIMI ELITE LA VITERBESE IN CERCA DEL PASS AD APRILIA Fari puntati sui fantastici boys della Viterbese ‘96 che oggi alle

17,30 inseguono ad Aprilia il visto per le semi�nali di categoria per l’assegnazione del titolo regionale. I leoncini di mister Conticchio partono forti dal 3-0 dell’andata in loro favore concretizzatosi domenica mattina a Gallese con le splendide realizzazioni di Bonaventura, Provenzano e Venanzi. Un vantaggio corposo che rappresenta una dote

CALENDARIO INTERFORZE (inizio gare 17,30) data

partita e campo

risultato

VIGILI DEL FUOCO - POLIZIA DI STATO (Villanova)

0-1

VIGILANZA PRIVATA - AERONAUTICA (Soriano)

0-5

PENITENZIARIA - PIANETA GIUSTIZIA (La Quercia)

0-2

PIANETA GIUSTIZA - AERONAUTICA (La Quercia)

0-3

POLIZIA DI STATO - PENITENZIARIA (Soriano)

1-0

VIGILI DEL FUOCO - VIGILANZA PRIVATA (S.Martino)

0-0

VIGILANZA PRIVATA - POLIZIA DI STATO (S.Martino)

0-1

oggi

AERONAUTICA - PENITENZIARIA (Soriano)

13/05

PIANETA GIUSTIZIA - VIGILI DEL FUOCO (S.Martino)

23/05

PENITENZIARIA - VIGILI DEL FUOCO (S.Martino)

25/05

VIGILANZA PRIVATA - PIANETA GIUSTIZIA (Soriano)

27/05

AERONAUTICA - POLIZIA DI STATO (S.Martino)

30/05

POLIZIA DI STATO PIANETA GIUSTIZIA (S.Martino)

01/06

VIGILI DEL FUOCO - AERONAUTICA (Soriano)

03/06

PENITENZIARIA - VIGILANZA PRIVATA (S.Martino) SEMIFINALI (Stadio Rocchi di Viterbo)

06/06 08/06 FINALE (Stadio Rocchi di Viterbo) 11/06

importante per andare a conquistare la doppia prestigiosa semi�nale con il forte Savio che ha ottenuto il primato nella regular season del girone B. TORNEO INTERFORZE Da lunedì ha preso il via la terza giornata della fase di quali�cazione del Torneo Interforze. Si sono affrontate le compagini della Polizia di Stato e dell’Istituto di Vigilanza Privata e successo per 1-0 di Matrorosato e compagni. I vice campioni in carica dell’edizione 2010 con la rete in mischia di Anselmo Buzzi hanno così centrato la loro terza vittoria consecutiva, sempre con il punteggio di 1-0, ipotecando di fatto l’accesso alle semi�nali. E il team del tecnico Angelo Fioramanti, subentrato da questa stagione al pluri vincente Gianluca Di Prospero si conferma come una delle favorite al successo �nale. Oggi - Alle 17,30 al Comunale di Soriano avremo il secondo match della terza giornata tra Aeronautica e Polizia Penitenziaria. La formazione dell’Aaeronautica insegue il tris per raggiungere al comando la Polizia di Stato mentre la Penitenziaria ancora a secco dopo due giornate rischia l’eliminazione. Venerdì - Il quadro della terza giornata si completerà con la s�da tra Vigili del Fuoco e Pianeta Giustizia che si giocherà alle 17,30 al Sasso D’Addeo di San Martino. CLASSIFICA A seguire la graduatoria aggiornata dopo il primo match della

Francesco Giovanale terza giornata giocato lunedì pomeriggio al Sasso D’Addeo di San Martino al Cimino. Polizia di Stato 9 punti Aeronautica 6 punti Pianeta Giustizia 3 punti Vigili del Fuoco 1 punto Vigilanza Privata 1 punto Pol. Penitenziaria 0 punti LE DECISIONI DEL GIUDICE IN ECCELLENZA E PROMOZIONE Già diramate le decisioni del giudice sportivo per le gare di domenica scorsa nei campionati di Eccellenza e Promozione. Ecco le sanzioni per i tesserati e i club del girone A. ECCELLENZA Ammenda - Multe di 500 euro al Cecchina e di 300 euro al Palestrina. Allenatori - Due turni di squali-

�ca a Mario Apuzzo del Fiumicino: “Per aver rivolto alla terna arbitrale espressioni offensive”. Giocatori Espulsi - Due giornate a Gian Marco Santilli del Pescatori Ostia. Un turno ad Alessandro Mori della Fontenuovese; Fabio Priori della Nuova Tor Tre Teste; Alessandro Spaziani dell’Ostia Mare; Giulio Tagliabue del Rieti. Non Espulsi - Per somma di ammonizioni un turno a Stefano Martinelli del Cecchina; Maurizio Consorti dell’Ostia Mare; Riccardo Pennazzi del Fiumicino; Leandro Guaita dell’Albalonga, Paolo Valerio e Matteo Palmigiani del Cecchina; Daniele Prosia del Maccarese e Maurizio Alfonsi dell’Ostia Mare. PROMOZIONE Così invece per i match della 33esima giornata nel girone A della Promozione.

Ammende - Multa di 300 euro all’Atletico Vescovio: “Perché propri sostenitori in campo avverso,nel corso del I tempo,facevano esplodere alcuni petardi che, tuttavia, non provocavano danni ad alcuno. I medesimi, inoltre, intonavano cori offensivi nei confronti della terna arbitrale”. 250 euro al Città di Cerveteri: “Perché propri sostenitori nel corso del II tempo rivolgevano ad un Assistente Arbitrale espressioni offensive. In particolare, un tifoso, minacciava gravemente l’uf�ciale di gara”. Allenatori - Ammonizione con dif�da per Marco Galli del Ladispoli, Riccardo Firotto del Tanas Casalotti e Salvatore Incorvaia del Tolfa: “Per comportamento non regolamentare”. Giocatori Espulsi - Due turni a Francesco Giovanale della F. Nepi. Una giornata a Massimiliano Matteucci del Corchiano Gallese e Claudio Eufemi del Tanas Casalotti. Non Espulsi - Per somma di ammonizioni un turno a Luca Bresciani e Davide Oliviero del Città di Cerveteri; Stefano Lanzi del Tanas Casalotti; Alessio Sarrecchia dell’Anguillara; Massimiliano Gravina del Ladispoli; Dario Santecchi e Luca Mollica del Tolfa; Maico Colonnelli, Luca Cardellini, Angelo Pedetta , Giacomo Bedini e Valerio Bayslach della Vigor; Angelo Ciampini dell’Atletico Vescovio; Stefano Santini della F. Nepi; Marco Di Giacinto del Montefiascone.


sport

SPORT

Venerdì 1 Ottobre 2010

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 11 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

CALCIO 1ª CATEGORIA

H

segno contro il Canepina, entrambi di ottima fattura”. Se il Canepina dovesse arrivare secondo consideri giuste la prima piazza dell’Isschia e il ruolo di vice regina da parte dei cimini? “Sul primo posto dell’Ischia neanche c’è da parlare, per la piazza d’onore la classi�ca dice questo e quindi è giusto così ma a livello di gioco tra le sei sorelle il Latera mi è sembrata la squadra migliore. Hanno toppato nelle partite chiave”. Parlaci del tuo mister Chiarelli: “Un grande motivatore, ha saputo lavorare benissimo tenendo molto unito il gruppo”. Prospettive. Avrai tante richieste: “Io ho un desiderio che è quello di giocare in una squadra in

Cristian Pecci grado di avere il potenziale per vincere un campionato. Non mi è mai accadduto e lo desidero tanto”. Andiamo al sodo. Dove andrai? “E’ presto per dirlo, ora facciamo

�nire questa stagione e poi decideremo”. Pronto a restare anche a Capranica: “Mai dire mai, se così fosse signi�cherebbe che la società punta al salto di categoria”. Tanti passi indietro. Recrimini qualcosa riguardo alla tua carriera: “Dopo aver giocato con le giovanili della Viterbese a 17 anni andai al Terracina e poi al Cassino, diciamo che in quelle esperienze non sono stato molto fortunato e mi sono ritrovato un po’ abbandonato. Diciamo che tra i 17 e i 19 anni ho �nito per perdere il treno per poter ambire a un qualcosa di più importante. Si vede che doveva andare così”. agv

AIAC VITERBO - Sul tema ‘Organizzazione e lo sviluppo dell’allenamento preventivo’

1ª CATEGORIA ISCHIA DI CASTRO (campione)

63

CANEPINA

57

MONTEROMANO

55

GROTTE DI CASTRO

54

LATERA

53

CAPRANICA

51

TUSCANIA BOLSENA

42

VASANELLO

41

VALLERANESE

40

MONTALTO CALCIO

36

NUOVA SORIANESE

35

VIGNANELLO

32

LUBRIANO

30

VALENTANO (retrocesso)

20

A. TARQUINIA (retrocesso)

14

V. PILASTRO (retrocesso)

13

Il 16 maggio importante convegno per i mister viterbesi R

icordiamo che L’Aiac Sezione Provinciale di Viterbo del presidente Otello Settimi (nella foto) organizza per il giorno 16 maggio 2011 ore 17,00 presso la Sala Congressi “dell’Oratorio Don Alceste Grandori”– Via della Mazzetta, 1/a, – 01100 Viterbo uno stage informativo e pratico sul tema: ”L’organizzazione e lo Sviluppo dell’Allenamento Preventivo”. Aperto a tutti gli Allenatori Federali di Calcio e agli interessati all’argomento della Provincia di Viterbo la cui trattazione è af�data a professionisti dello sport quali Marco Lucarelli – allenatore professionista e laureato in scienze motorie; Tiziano Antonetti – laureato in Scienze motorie, Posturologo e Naturopata; Marco Chialastri – laureato in Scienze motorie e istruttore di calcio

interni 17

1ª CATEGORIA 15ª RITORNO (15/05)

Parla bomber Pecci: “Una stagione emozionante ed un Capranica miracolo” a segnato a tutte le big, ha realizzato 17 reti delle 33 complessive del suo Capranica, usufruendo soltanto di un calcio di rigore. Ha colpito una in�nità di legni ed è un bomber felice e contento. Stiamo parlando di Cristian Pecci la star del Capranica nel girone A di Prima Categoria. De�nisci con un aggettivo la tua stagione: “Emozionante, è stato bello segnare a tutte le grandi del torneo e giocare un campionato su alti livelli”. Capranica nel lotto delle migliori anche se alla lunga vi è mancato qualche punto in più fuori casa. Da cosa è dipeso? “Mentalità, tutta una questione di mentalità”. Il gol più bello? “I due messi a

2

A TRIGORIA L’associazione Aiac di Viterbo ha organizzato in data 19 maggio 2011 una giornata tecnica formativa presso il centro sportivo di Trigoria con l’As Roma. (prima squadra e settore giovanile);

Presenza da confermare entro il 16 maggio 2011. Per maggiori informazioni consulta il sito www.aiacviterbo.it.. In occasione del convegno del 16 maggio ci si può iscrivere per parteciapre alla giornata a Trigoria.

CAPRANICA - VALLERANESE (and. 2-1) GROTTE DI CASTRO - VALENTANO (and. 2-0) ISCHIA DI CASTRO - LATERA (and. 2-1) LUBRIANO - ATLETICO TARQUINIA (and. 1-1) MONTALTO - TUSCANIA BOLSENA (and. 1-1) NUOVA SORIANESE - VIRTUS PILASTRO (and. 1-0) VASANELLO - CANEPINA (and. 1-1) VIGNANELLO - MONTE ROMANO (and. 0-0)

CALCIO TERZA CATEGORIA

Bannella difende il Bomarzo “A volte due pesi e due misure”

N

ei giorni scorsi la società del Bomarzo è stata investita dalla pesante decisione del giudice sportivo a causa del giocatore in posizione irregolare schierato in campo in occasione delle gare poi avute perse dal giudice sportivo. Il dirigente Sandro Bannella ci tiene a sottolineare come questa buona stagione del Bomarzo non dovrà essere ricordata soltanto per questo doppio episodio: “La giustizia sportiva ha fatto il suo corso e ne prendiamo atto ma vorrei sottolineare come questo girone di ritorno del Bomarzo sia stato ricco di belle soddisfazioni e di tanti risultati importanti che sono alla base del lavoro e della programmazione che andremo a intraprendere per la prossima stagione dove cercheremo di essere protagonisti”. Poi Bannella puntualizza su quanto avvenuto due settimane fa in occasione del derby vinto dal Bomarzo sul campo del Bassano in Teverina: “Non riesco a comprendere come sia stato possibile che l’arbitro di quel match nel suo referto non abbia fatto menzione di ciò che di antipatico è successo con un nostro giocatore che è stato aggredito dai componenti della squadra avversaria. Ci siamo rimasti

Sandro Bannella veramente male e non me ne vogliamo gli amici di Bassano in Teverina ma se uno sbaglia poi è giusto che ne paghi le conseguenze come più volte è successo al Bomarzo nel corso di questa stagione”. Il dirigente preferisce poi ritornare sugli aspetti prettamente tecnici: “Siamo tutti contenti del rendimento avuto dalla squadra nel girone di ritorno, quando alla conduzione del team è arrivato Luciano Bannella (suo cugino ndr) la squadra ha inanellato una serie impressionante di buone prestazioni ed è da li che dovremo ripartire per la stagione 2011/2012 consapevoli delle nostre possibilità e pronti a giocarci le nostre chances per lottare con le le migliori del girone”. (agv)

AMATORI CSI - Successo nel big match con l’Atletico Falisco ed avrà i 3 punti dell’ultimo turno con il Sassacci che è stato escluso dal torneo

Capranica campione del girone B con un turno di anticipo S

i sono giocati nello scorso fine settimana gli incontri della penultima di ritorno nei gironi A e B del campionato amatori di calcio del Centro Sportivo Italiano. Ecco tutta la situazione. GIRONE B Successo d’oro per il Capranica nel big match contro l’Atletico Falisco per 1-0 e che ha approfittato alla grande del pareggio per 2-2 nello scontro diretto tra Bassano Romano e Aurora Viterbo. Nelle altre sfide della penultima di ritorno successo per 2-0 del Vignanello contro il San Faustino, pareggio per 2-2 tra Pol. Sevas e Amatori Vetralla e successo a tavolino per 3-0 della Stella Azzurra contro il Sassacci che non si è presentato in campo. Ha riposato il Deportivo Civitonico. Ed è fatta per il Capranica visto che nell’ultima giornata avrebbe dovuto affrontare il Sassacci che si è ritirato dal campionato e che quindi beneficerà dei tre punti a tavolino. Il Giudice - Ecco le decisioni del giudice sportivo dopo i match della penultima di ritorno. Squalifiche: Pasquali Mariano (Bassano Romano)1 gg. quarta ammonizione; Cristofori Massimiliano (San Faustino)1 gg.

quarta ammonizione; Caterini Gaetano (Vejanese)1 gg. quarta ammonizione.; Ragnoni Luca (Vejanese)1 gg. doppia ammonizione; Cavalieri Francesco(A. Capranica)1 gg. quarta ammonizione; Bernardini Andrea (At. Falisco)1 gg. quarta ammonizione; Celkavaja Edmond (Vetralla) 4 gg. frase blasfema e offese all’arbitro; Multe: € 5.00 una giornata di squalifica (Bassano R. – San Faustino – Capranica – At. Falisco) € 10.00 due giornate di squalifica (Vejanese); € 20.00 quattro giornate di squalifica (Vetralla) Esclusione campionato - In riferimento all’articolo 72 punto 2 “Sport in Regola”, si esclude dal proseguo del campionato, per aver compiuto n° 4 rinunce, la Società Sportiva Sassacci. Per effetto dell’esclusione la gara tra Sassacci e Capranica del 14 maggio non verrà giocata. Prossimo Turno - Ecco le sfide dell’ultima giornata in programma nel prossimo fine settimana: San Faustino-Bassano Romano; Atletico Viterbo-Vignanello; Pol. Sevas-Vejanese; Vetralla-Atletico Falisco; D. Civitonico-Stella Azzurra. Riposa l’Aurora Viterbo.

AMATORI B

L’Amatori Capranica GIRONE C Qui tutto deciso da tempo con il successo della Virtus Acquapendente. Ecco quanto avvenuto nei confronti della penultima di ritorno: Aurora Piansano-Virtus Marta 3-1; V. Acquapendente-Montefiascone 3-0 (per rinuncia); Nuova Pescia Romana-Torrese 1-1; Etrusca Capodimonte-Pianeta Giustizia Viterbo 2-3; Ischia di Castro-Virtus Calcio Bolsena 2-2; Nuova San Faustino Viterbo-Fulgur Tuscania 1-3. Ha

riposato il Valentano. Il Giudice Sportivo - Celestini Giovanni (Ischia di Castro) 1 gg. quarta ammonizione; Ferlicca Alessandro (V.C. Bolsena) 1 gg. quarta ammonizione; Campanelli Mirco (S.S. Torrese) 1 gg. fallo ultimo uomo; Ammende: € 5.00 una giornata di squalifica (Ischia di Castro – Bolsena - Torrese) € 50.00 prima mancata presentazione in campo (A. Montefiascone)

AMATORI C

A.CAPRANICA (campione)

48

V. ACQUAPENDENTE (campione)

57

AURORA VITERBO *

46

VALENTANO

43

ATLETICO FALISCO

46

FULGUR TUSCANIA

42

BASSANO ROMANO

44

V. C. BOLSENA

36

POL. VIGNANELLO

41

AURORA PIANSANO

36

AMATORI VETRALLA

40

NUOVA SAN FAUSTINO

35

POL. SEVAS

39

AMATORI MONTEFIASCONE

31

VEJANESE

29

ETRUSCA CAPODIMONTE

25

STELLA AZZURRA

25

PIANETA GIUSTIZIA VT

25

ATLETICO VITERBO

21

TORRESE

24

DEPORTIVO CIVITONICO *

20

ISCHIA DI CASTRO

23

SAN FAUSTINO

18

N. PESCIA ROMANA

17

SASSACCI (esclusa)

0

VIRTUS MARTA *

15

* DEVE RIPOSARE

* DEVE RIPOSARE

Prossimo Turno - Queste le s�de dell’ultima giornata in programma tra il 14 e 15 maggio: Valentano-Nuova San Faustino; Fulgur Tuscania-Ischia di Castro; Virtus Bolsena-Etrusca Capodi-

monte; Pianeta Giustizia-Pescia Romana; Torrese-V. Acquapendente e Amatori Monte�ascone-Piansano. Riposa la Virtus Marta. agv


� �

SPORT

primo piano interni sport

2 18

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì Maggio2011 2011

LA FESTA

I numeri dei Campioni del Ronciglione Il team di Gavazzi ha marciato ad una media di 3,04 gol a partita. Differenza reti finale + 70 IL CAMMINO DEI CAMPIONI partita

andata

ritorno

MAGLIANESE - CIMINA RONCIGLIONE

2-2

1-4

CIMINA RONCIGLIONE - STIMIGLIANO

1-0

4-0

MANZIANA - CIMINA RONCIGLIONE

1-2

0-6

CIMINA RONCIGLIONE - BASSANO ROMANO

6-0

0-1

2001 TUSCIA - CIMINA RONCIGLIONE

1-3

0-2

CIMINA RONCIGLIONE - CIVITA CASTELLANA

7-0

4-1

1928 VETRALLA - CIMINA RONCIGLIONE

1-0

0-6

CIMINA RONCIGLIONE - VEJANESE

2-0

3-0

REAL COLLEVECCHIO - CIMINA RONCIGLIONE

0-0

1-2

CIMINA RONCIGLIONE - SORATTE

5-0

4-0

BLERA - CIMINA RONCIGLIONE

0-1

0-0

CIMINA RONCIGLIONE - CALCIO SUTRI

6-0

0-1

T. C. ANGUILLARA - C. RONCIGLIONE

1-3

1-5

CIMINA RONCIGLIONE - A. MORLUPO

5-1

..........

CIMINA RONCIGLIONE riposo

O

maggio fotogra�co ai neo campioni della Cimina Ronciglione che hanno vinto e convinto, che hanno fatto follie nel girone B della Seconda Categoria 2010/2011. I NUMERI E inquadriamo questa oasi vincente con i numeri di una stagione in cui partiti con l’etichetta dei più forti i rossoblu cimini, strada facendo hanno pian pianino preso il largo s�ancando tutte le rivali. In casa - Tra le mura amiche nelle 14 gare giocate ben 13 vittorie ed un pareggio con 57 gol fatti e 4 subiti. Fuori Casa - Qui nei 13 match sin qui disputati, manca la gara esterna dell’ultima giornata contro il Morlupo la bellezza di 8 successi, due

pareggi e 3 scon�tti con un più “umano” 26 gol fatti e 9 subiti. NELLE FOTO E nelle immagini in pagina ecco alcuni momenti della torcida rossoblu accesasi domenica alle 13 dopo lo squillante successo contro il Tugurio Calcio Anguillara con le immancabili foto di rito a “immortalare” una stagione in cui la Cimina Ronciglione del tecnico Gavazzi, del dg Camilli, del presidente Ricci e di tutti i suoi impagabili dirigenti ha restituito alla “piazza” il prestigioso campionato di Prima Categoria 2011/2012. Ed ora tutti al lavoro per il team che verrà e con la voglia di farsi ancora valere e di provare a ripetere gesta importanti.


sport

SPORT

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 11 Maggio 2011

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

CALCIO GIOVANILE

interni 19

CALCIO GIOVANILE

Trionfo Manziana allievi Nel big match dell’ultimo turno del girone A il team di Pettinari ha battuto la rivale Virtus Cimini per 5-0 La cronaca della sfida e la rosa dei neo campioni che hanno guadagnato il passaggio alla categoria ‘regionale’

L

’ultima giornata valevole per il titolo provinciale allievi girone A, disputata nello stadio Marcozzi di Manziana, ha visto trionfare i padroni di casa sul Virtus Cimini. Alla vigilia del big match il Virtus si trovava in testa alla classifica con un punto di vantaggio sulla diretta inseguitrice Manziana. MANZIANA 5 VIRTUS CIMINI 0 Il Manziana parte subito forte, consapevole di aver a disposizione un solo risultato utile: la vittoria. Così dopo 17 minuti Onesti tira da fuori area, il portiere del Virtus para, ma non trattiene, sulla respinta si avventa Maestri che però viene steso in area dal portiere stesso: calcio di rigore. Sul dischetto si presenta il capitano del Manziana Mariani che spiazza il portiere e mette a segno l’uno a zero. Il Cimini, nonostante il gol incassato, non reagisce il Manziana è padrona del campo e continua ad attaccare con varie occasioni e prima dello scadere del primo tempo è ancora il capitano Mariani che parte da meta campo, dribbla una paio di avversari e tira verso la porta avversaria firmando il raddoppio grazie anche alla complicità del portiere. Allo scadere del primo tempo il Cimini avrebbe l’opportunità di riaprire i giochi, ma sbaglia un gol praticamente già fatto. Nel secondo tempo l’attesa reazione degli ospiti non si concretizza e così il Manziana infierisce senza concedere occasioni agli avversari.

2

E nel gruppo B spareggio giusto tra Vigor e Corneto Forse la sfida slitta alla prossima settimana

N

el girone A degli allievi c’è stato quindi il trionfo del Manziana sulla Virtus Cimini. Nel gruppo B ci vorrà un’appendice con lo spareggio necessario tra Vigor Acquipendente (nella foto) e Corneto che hanno concluso il loro campionato a quota 67 punti, precedendo di tre lunghezze la Vigor.

Al 17 del s.t., su calcio d’angolo, Lucidi si stacca dalla marcatura e realizza il gol del 3 a 0 spedendo la palla sotto il sette e mettendo così una serie ipotetica su incontro e titolo. Dopo due minuti i ragazzi di mister Pettinari non sazi del risultato mettono a segno il quarto gol con Onesti che a centro area si libera dalla marcatura con un dribbling e batte il portiere con un preciso mancino. I padroni di casa ormai paghi del risultato concedono campo e qualche occasione da gol agli avversari che colpiscono con Cristoferi la traversa direttamente su calcio di punizione. La Virtus Cimini rimane anche in 10 a causa dell’espulsione di un giocatore per un fallo di reazione su Monterosso. Al 30’ del s.t. Mariani, dopo un azione solitaria con tiro dal limite area sigla la propria tripletta superando ancora

il portiere. Il Manziana in questo incontro decisivo ha mostrato sul campo tutto il proprio valore offrendo al numeroso pubblico presente un piacevole gioco di squadra ordinato in tutti i reparti, che le ha permesso di superare ampiamente l’avversaria in corsa per il titolo. Gli Allievi del Manziana, possono così festeggiare la vittoria di questo campionato tanto bello quanto combattuto, condotto dalla prima partita sempre all’inseguimento delle varie capolista ed alla fine, senza perdere mai la speranza, con un crescendo inarrestabile (ultime tre partite 23 goal fatti e 0 subiti) sono riusciti ad ottenere il primato nel momento decisivo. Per il Virtus Cimini è un’amara sconfitta al termine di un campionato condotto alla grande. Ha arbitro il Sig. Cozzolino Alberto della sezione di Civitavecchia.

LA ROSA DEI CAMPIONI Squadra Campione: All. Pettinari G. – Giocatori: Cocco, Rossi, Fedeli, Ceccacci, Rossi, Lucidi,Vighi, Onesti, Pettinari, Mariani, Maestri, Monterosso, Fiorucci, Ceciarelli, Scarpari, Cozzuto e Marini

RIMONTA Corneto che ha quindi coronato una grande rimonta come ha sottolineato il suo tecnico Smeraglia: “Abbiamo inseguito tutto l’anno e alla fine è stato bello essere arrivati al primo posto in compagnia di una formazione di valore quale è la Vigor”. All’inizio avete pagato un

po’ dazio: “E’ vero ma non dobbiamo dimenticare che abbiamo sempre giocato con moltissimi sotto età avendo in prevalenza nel gruppo tutti ragazzi del ‘95 e un anno di differenza si fa sentire”. Ora vada come vada lo spareggio c’è la gioia di aver centrato l’accesso alla categoria regionale della prossima stagione: “E’ questo era quello che contava di più e che rappresentava l’obiettivo primario della società”. SPAREGGIO E’ destinato a slittare alla prossima settimana per delle problematiche delle due compagini. Nelle prossime ore se ne sarà qualcosa di più. agv

CLASSIFICA FINALE Manziana 62 punti Virtus Cimini 60 C. Monterano 56 Monterosi 50 Virtus Pilastro 48 Barco Murialdina 46 Tolfa Allumiere 44 Blera 44 San Pio X 30 Calcio Tuscia 26 Real Monterosi 26 Fabrica 23 Oratorio Grandori 6 Oratorio Villanova - 2

LINEA VERDE - Virtus Cimini-Civita in azione al ‘Città di Caprarola’. Il punto sui ‘Pugnaloni’ e ‘Mancinelli’

Da oggi inizia al Pilastro il torneo baby ‘Umberto Fiorillo’

S

pazio tornei di calcio giovanile a livello provinciale. Zoom sul Memorial Fiorillo e sul Torneo Città dei Pugnaloni riservato alle categorie Pulcini. OGGI SECONDO MATCH AL TORNEO “CITTA’ DI CAPRAROLA” Ha preso il via ieri sera la terza edizione del torneo di calcio giovanile del Città di Caprarola. Per il girone A si sono affrontate le compagini del Barco Murialdina, campione in carica e del Pianoscarano e nell’edizione di domani vi daremo l’esito di questo confronto. Oggi - La seconda s�da del torneo valida per il girone B tra la sodietà organizzatrice della Virtus Cimini e il Civita Castellana Calcio Giovanile. Tutti i confronti si giocano con inizio alle ore 21 al Comunale di Caprarola. Al VIA IL MEMORIAL “UMBERTO FIORILLO” AL PILASTRO Organizzato dall’Asd Virtus Pilastro prende il via oggi pomeriggio l’ottava edizione del torneo Memorial “Umberto Fiorillo”, presso il campetto in erba adiacente il campo sportivo Vincenzo Rossi, in Via Carlo Minciotti a Viterbo.

In Azione - Partecipano a questaottava edizione sei compagini di Pulcini delle classi 2002 e 2003. Queste le compagini: Pilastro A, Pilastro B, Pilastro C, Calcio Tuscia, Barco Murialdina e Pianoscarano. Calendario - Si gioca nei giorni di oggi, mercoledi 18 maggio e venerdì 20 maggio. Nei tre pomeriggi avremo tre incontri, dalle 16 alle 9 e venerdì 20 maggio la giornata delle �naline dal 1° al sesto posto in quella che comunque vada sarà una grande festa di sport del calcio baby nel ricordo del compianto dirigente della Virtus Pilastro. CITTA’ DEI PUGNALONI Ecco come è andata nella s�da della categoria Pulcini 2001 giocata lunedì pomeriggio al “Vitali” di Acquapendente. VIGOR ACQUAPEND. 6 R. MENTI ALLERONA 0 Vigor Acquapendente: Lauricella, Lombardelli, Breccola, Silvestrini, Lupi, Calistri, Meaccini, Cecio, Bedini. All: Montagnoli Romeo Menti Allerona: Mathias Mari, Matteo Zaganella, Pagnotta, Pepè, Mattia Zaganella, Negri, Gilibini, Michela Zaganella, Vittori, Tardiolo, Ialonardi. All: Domenica Mari Marcatori: 9’ Cecio, 14’ Bedini,

La Virtus Pilastro, campioni in carica del ‘Fiorillo’ 22’, 36’ e 36’ Calistri e 46’ Cecio La Vigor Acquapendente centra uno stratosferico bis: a pochi giorni dalla quali�cazione in �nale della Categoria 2000, arriva anche quella del 2001. Contro una formazione umbra che trova in Ialonardi-Matteo Zaganella-Mathias Mari una “direttrice” dal futuro sicuro, i viterbesi sulla spinta di Bedini sbloccano la gara con Cecio. Lo stesso Bedini cinque minuti dopo regala la “perla più preziosa” della gara: rete in rovesciata. In un secondo parzialino avaro di emozioni, spetta a Calistri dare il via al personalissimo show. Che si completerà nel terzo con una doppietta nell’arco di un minuto. Sempre su

invenzioni di Bedini si esalta Cecio. Che dopo aver sbagliato a porta vuota al 38, sigla al primo minuto di recupero la marcatura della personale doppietta. Ecco come è andato il confronto derby tra le due formazioni della categoria Pulcini 2000 della società di Grotte di Castro. POL. REAL AZZURRA A 4 POL. REAL AZZURRA B 2 Pol. Real Azzurra Grotte di Castro A: Barzi, Benfante, Capozzi, Carrelli, Ferlicca, Giusti, Gubbiotto, Arcangeli, Pallotta, Poponi, Socciarelli, Luca Virtuosi, Fastella, Fortuni

All: Angelo Virtuosi Pol. Real Azzurra Grotte di Castro B: Agostini, Allegretti, Ceccarelli, Fabbri, Tomassi, Benedettucci, Chiavarino, Belgi, De Nicola, Brenci, Capomare, Cordelli, Filoni, Fantucci All: Vitali Marcatori: 20’, 23’, 28 e 30’ e Benfante (Pol “A”), 37’ e 40’ Allegretti (Pol “B”). Sei reti. Ma soprattutto un espressione tattico-tecnica che dimostra come a Grotte di Castro la simbiosi allenatori-giocatori stà facendo “passi avanti da gigante” dal punto di vista della qualità di gioco. Potrebbe così essere riassunta una “storia derby” che ha visto dopo un primo tempo all’insegna dell’equilibrio, l’esplosione nel secondo di Antonio Benfante (autore di un poker di reti) e nel terzo di Niccolò Allegretti. La “strada verso la �nale” sembra comunque onestamente poco percorribile per entrambe. Resta favorita l’Aurora Pitigliano a cui andranno bene due risultati su tre nell’ultima giornata (vittoria o pareggio) per centrare l’obiettivo. Per la formazione B grottana (differenza reti -8) sarà necessaria una vittoria in goleada. Mentre per quella A solo attendere l’esito dell’ultima gara facendo tifo per i compaesani della B. Che in caso di successo “costruirebbero” una classi�ca con tre squadre a tre

punti. E la seguente casistica: 1) Differenza reti; 2) Maggior numero reti segnate; 3) Sorteggio. TORNEO DOMENICO MANCINELLI Ricordiamo che domani pomeriggio con inizio alle ore 16,30 al “Vincenzo Rossi” del Pilastro si giocherà la quarta e ultima partita dei quarti di �nale della 15esima edizione del torneo di calcio juniores “Domenico Mancinelli”. Si affrontano le compagini junores della Virtus Cimini e del Barco Murialdina. Quali�cate - Ricordiamo gli esiti dei tre confronti già giocati con le quali�cazioni alle semi�nali del Capranica che ha battuto 2-0 la Nuova Sorianese, della Virtus Pilastro che ha avuto la meglio per 4-2 sul 2001 Tuscia e della Fortitudo Nepi che si è imposta per 4-3 sul Lubriano. In semi�nale la Virtus Pilastro s�derà la Fortitudo Nepi (sabato 14 maggio) e il Capranica se la vedrà con la vincente del match di domani. Nell’edizione di domani altri approfondimenti sul torneo con i resoconti dettagliati delle s�de tra Virtus Pilastro-Tuscia e Nepi-Lubriano e la classi�ca aggiornata dei marcatori.


� �

SPORT

primo piano interni sport

2 20

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì Maggio2011 2011

CALCIO 3ª CATEGORIA

Csl Soccer-Real Gradolese vale il titolo provinciale

Considerazioni e analisi dopo l’ultima di regular season. La griglia playoff e il programma dell’andata dei quarti di DANILO PALUMBO

E

cco l’approfondimento dopo l’ultima giornata della regular season nel campionato di terza categoria SENZA RIBALTONI IL GIRONE A L’ultima giornata di campionato nel girone A non ha apportato particolari novità alla classifica, eccetto il sorpasso al terzo posto del Doc Gallese ai danni del Las Vegas Soccer. Quest’ultimo, impegnato nel derby di Civitavecchia con la CSL Soccer, ha strappato un buon pareggio che tuttavia è risultato inutile di fronte alla larga vittoria degli uomini di mister Christian Quattrini sull’Accordia. Il risultato principale dell’ultimo turno di stagione regolare è comunque stato lo zero a zero del “Fattori” che ha consegnato il primo posto, e la conseguente promozione nella categoria superiore, agli uomini allenati dal bravo Paolo Brunori. Il Real Caprarola covava qualche speranza che uno sgambetto alla CSL Soccer da parte dei cugini potesse regalare l’insperato aggancio: gli uomini del presidente Francesco Mascagna hanno svolto diligentemente il loro compito battendo per quattro a due la Vicus Ronciglione ma dalle rive del Tirreno non è arrivata la notizia del clamoroso tonfo. Va sottolineato come a Civitavecchia si sia svolto un derby vero, con una lista bella lunga di ammoniti, e dunque c’è da fornire il giusto tributo alla CSL capace di spuntarla in un girone che annoverava squadre di tutto rilievo. Per il resto in questo raggruppamento molto era già deciso: come atteso il Tarkna 2007, già sicuro della partecipazione alla Coppa della Provincia di Viterbo, ha perso in casa della Virtus Corchiano, a segno con Meraglia e Placidi. Si è trattata di

una vittoria di Pirro per gli uomini del presidente Stefano De Vincenti che, per valore globale, avrebbero indubbiamente meritato di entrare nei play-off ma che hanno difettato specialmente nella continuità: i virtussini sono stati capaci di sconfiggere la CSL Soccer sul finire del girone di andata ma pure di pareggiare a Ronciglione e Canepina, in altre parole in casa delle squadre giunte rispettivamente ultima e terz’ultima. TRA CONFERME E SORPRESE IL GIRONE B La sentenza della Procura Federale sull’affaire Bomarzo, giunta nel pomeriggio di venerdì scorso, aveva messo in fibrillazione buona parte del girone B: con la condanna della squadra del presidente Cocco alla sconfitta a tavolino nelle gare con Sporting Ronciglione United e Cicram, e con l’assegnazione dei tre punti a queste ultime, si erano riaperti in un sol colpo i discorsi sia per il primato sia per la zona play-off. Per quanto concerne la vetta la Real Gradolese, che aveva già festeggiato una settimana prima ad Onano, si è trovata costretta a vincere la sfida interna con il Proceno. Come ci confermano le parole del tecnico ospite Gianfranco Montagnoli i lacuali non erano per niente tranquilli ma alla fine l’hanno spuntata con facilità grazie al tre a zero: “Nei primi minuti i giocatori della Real Gradolese erano piuttosto nervosi, consci di dover cogliere il risultato pieno e memori degli scontri dello scorso anno in cui avevamo vinto in due occasioni su due. A noi mancavano elementi importanti come Del Soldato, Di Biagi o il portiere Montagnoli ma nonostante ciò abbiamo disputato un ottimo primo tempo. Loro hanno avuto il merito di sbloccare la situazione e a quel punto hanno ritrovato la tranquillità. Ripeto, noi

3ª CATEG. GIR. A

Il S.Lorenzo Nuovo è l’ultima squadra a vincere il trofeo nella stagione 2008/2009 abbiamo fatto la nostra gara ma la determinazione, inevitabilmente, non poteva essere la stessa di chi si stava giocando il campionato”. Ben altri fatti imprevedibili sono scaturiti nel cammino verso la Coppa, in cui tutto sembrava già deciso alla penultima giornata con la sconfitta della Cicram a Trevinano. Sabato pomeriggio il Sipicciano ha messo al sicuro la propria posizione con l’uno a uno al cospetto del Bassano in Teverina: la Cicram, in campo domenica pomeriggio a Ronciglione con il Grotte Santo Stefano, avrebbe potuto al massimo affiancare la compagine del direttore sportivo Giganti Pacifici ma sarebbe comunque stata condannata dagli scontri diretti. A Zepponami è, invece, andato in scena il suicidio collettivo dell’Oratorio Madonna del Fiore, che ha perso letteralmente la testa in casa del Giglio uscendo sconfitto

3ª CATEG. GIR. B 62

CSL SOCCER (campioni)

50

R. GRADOLESE (campioni)

REAL CAPRAROLA (play off)

49

S. RONCIGLIONE(play off)

61

DOC GALLESE (play off)

45

BASSANO IN TEV. (play off)

53

LAS VEGAS (play off)

44

SIPICCIANO (play off)

45

CICRAM (play off)

45

POL. ORATORIO MAD

43

PROCENO

36

BOMARZO

36

CANINO

34

REAL MONTEFIASCONE

33

TARKNA TARQUINIA (play off)

41

VIRTUS CORCHIANO

39

ACCORDIA

33

FABRICA CARBOGNANO

31

BARBARANO ROMANO

31

CASTEL SANT’ELIA

28

GIGLIO ZEPPONAMI

20

25

TEAM CANEPINESE

S. BAGNOREGIO

24

MURIALDINA

13

ONANO

13

VICUS RONCIGLIONE

5

GROTTE S.STEFANO

5

LA GRIGLIA PLAY OFF Con CSL Soccer e Real Gradolese già sicure del salto in Seconda Categoria, restano a lottare per alzare la Coppa Provincia di Viterbo e dunque per aggiudicarsi una posizione di riguardo nella graduatoria di ripescaggio le classificate dalla seconda alla quinta piazza nei due gironi provinciali. Ecco così che la seconda classificata del raggruppamento A, il Real Caprarola, incrocerà il proprio cammino con quello della Cicram, quinta del B, con il vantaggio di disputare in casa la gara di ritorno. Stesso dicasi per lo

Sporting Ronciglione United che si recherà a Tarquinia sul terreno del Tarkna per poi ricevere gli uomini di mister Fabrizio Ercolani fra le mura amiche. Il tabellone dei play-off sarà completato dalla doppia sfida fra Las Vegas Soccer, quarta del girone A, e Bassano in Teverina, terza nel B, e da quella fra Doc Gallese e Sipicciano, piazzatesi rispettivamente sul terzo gradino del podio nel raggruppamento A e immediatamente ai suoi piedi nel B. Anche in questo caso la squadra meglio classificata può contare sul piccolo beneficio di disputare la gara di ritorno in casa. Un’ultima nota va dedicata al sistema di qualificazione in caso di parità nel numero delle reti fra andata e ritorno: non esiste il sistema stile coppe europee, con i goal in trasferta che valgono doppio, ma a passare è la squadra meglio piazzata al termine della stagione regolare.

FINALE A MONTALTO Già fissata la finale per l’assegnazione del titolo provinciale che si giocherà sabato 14 maggio alle 16,30 al campo Incotti di Montalto di Castro, sede neutra della sfida tra Csl Soccer, campione del girone A e Real Gradolese, regina del girone B.

po’ le batterie degli Amatori che avrebbero dovuto chiudere il loro girone eliminatorio affrontando i Pirati Livorno; il ‘quindici’ labronico si è confermato avversario ostico sia per le capacità tecniche che per l’imponenza �sica, così i civitonici, pur provando a contrastarne la maggiore qualità, si sono dovuti arrendere con un passivo estremamente contenuto di due sole mete a zero. Nessun dispiacere particolare per la scon�tta, anzi un clima sempre allegro e disteso in tutta la comitiva degli Old di Civita Castellana, capaci di scherzare anche su qualche

fuori programma che ha coinvolto alcuni compagni come Alessandro Maccioni, decisamente stravolto a �ne partita, o Sergio Rughi, decano con sessantuno anni all’anagrafe ma ancora tanta passione per il rugby, che ha dovuto fare i conti con un attacco di crampi sintomo chiaro di aver dato veramente tutto nel corso della giornata rodigina. La partecipazione degli Amatori Civita Castellana al ‘Città di Rovigo’ si è conclusa con il tradizionale terzo tempo, forse non all’altezza del resto della giornata, come hanno fatto sapere con un pizzico di amaro (e tanta acquolina) in

bocca gli stessi portavoce del gruppo civitonico. Questo l’elenco completo dei partecipanti rossoblù alla trasferta di Rovigo: Becchetti Bruno, Lussu Silverio, Rughi Sergio, Sini Antonio, Cristaldi Franco, De Lorenzi Daniele, Mariani Giancarlo, Angeletti Antonio, Santori Irmo, Caon Angelo (1° capitano), De Lorenzi Federico, Antonelli Anacleto, Adamo Sandro, Rauco Giorgio (2° capitano), Savi Maurizio, James Skeate, Maccioni Alessandro, Montecaggi Eraldo, Anetrini Giancarlo, Lombardo Luca. Accompagnatori: Gimaldi Giorgio, Urbanetti Francesco.

per cinque a due e chiudendo con ben tre cartellini rossi. La Cicram, cui sarebbe bastato un punticino per la differenza reti negli scontri diretti, ha fatto di più e con il tre a uno inflitto ai grottani ha estromesso gli acquesiani dai play-off.

COS’ L’ANDATA DEI QUARTI NEI PLAY OFF Salvo variazioni ecco il programma di andata dei quarti di finale dei play off nel prossimo fine settimana. Gruppo 1 - Domenica 15 maggio alle 16,30 Tarkna Tarquinia-Sporting Ronciglione Gruppo 2 - Domenica 15 maggio alle 11,00 Cicram Ronciglione-Real Caprarola Gruppo 3 - Sabato 14 maggio alle 17 Las Vegas-Bassano in Teverina Gruppo 4 - Domenica 15 maggio alle 16,30 Sipicciano-Doc Gallese.

RUGBY OLD - I civitonici hanno partecipato al ‘Città di Rovigo’

Applausi e fair play per l’Amatori

di GLAUCO ANTONIACCI

I

n una delle piazze tradizionali del rugby italiano, capace di abbinare il suo nome a scudetti e giocatori leggendari, si è svolto il 10° torneo internazionale old ‘Città di Rovigo’ che ha visto tra i partecipanti anche gli over 35 Old dell’Amatori Rugby Civita Castellana. Dopo il successo dello scorso anno, gli Old dell’Amatori si sono concessi il lusso di bettere addirittura il Petrarca Padova, altro team che ha fatto la storia della palla ovale nazionale. Al torneo, organizzato in maniera ottima dal Rovigo, erano presenti formazioni provenienti da ogni parte d’Italia che hanno potuto sfruttare anche un bel sole che ha consentito a tutti di giocare e divertirsi. L’Amatori è stata inserita in un girone molto impegnativo, che comprendeva anche Petrarca Padova, Ribolliti Firenze e Pirati Livorno, formazioni

in grado di schierare atleti che in giovane età hanno militato in serie A e in nazionale e che continuano a giocare per passione e per divertimento. La comitiva civitonica si è presentata molto numerosa all’appuntamento con il ‘Città di Rovigo’, al punto che, per venire incontro allo spirito sportivo più puro, alcuni giocatori come James Skeate o Eraldo Montecaggi sono stati prestati temporaneamente ad altre squadre (in questo caso al Belluno). In compenso la formazione di coach Angelo Proietti ha potuto contare anche su Luca Lombardo, atleta di Trieste venuto appositamente per giocare con gli amici di Civita. L’esordio dei civitonici è avvenuto contro la formazione �orentina dei Ribolliti e si è chiuso con una scon�tta di misura per una meta a zero. La gara è stata molto equilibrata e solo una segnatura ‘di mestiere’ dei toscani è riuscita a determinare il verdetto �nale; l’Amatori ha disputato

la partita senza James Skeate, prestato al Belluno, ma al di là dell’aseptto agonistico quello che maggiormente conta è sicuramente la sportività ed il fair play e, in questo senso, i rossoblù si sono segnalati all’attenzione di tutte le squadre partecipanti con il loro comportamento e la loro disponibilità. Il momento migliore della spedizione rodigina è arrivato nella gara, disputata sul prestigioso terreno del ‘Battaglini’, che ha visto capitan Caon e soci impegnati contro il Petrarca Padova: la gara, anche questa molto avvincente e combattuta, è terminata con la vittoria degli Old civitonici per tre mete a due. Le segnature che hanno deciso l’incontro sono state realizzate da Daniele De Lorenzi, da suo fratello Federico e da una grande azione in solitaria del solito Sandro Adamo, imprendibile per qualsiasi avversario con le sue doti di velocità ed agilità. L’impresa contro i neri patavini ha forse scaricato un


sport

SPORT

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 11 Maggio 2011

Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

MINIBASKET

Una palla a spicchi a forti tinte tricolori

S

ei canestri allestiti in una piazza nuova di zecca, inaugurata da pochissimo. Oltre centocinquanta piccoli cestisti, provenienti da diverse società della provincia, che sotto un bel sole si sono affrontati per trasformare una bella

manifestazione in un successo strepitoso. La Festa del Minibasket organizzata dalla Fip provinciale di Viterbo ha riempito di suoni, colori ed entusiasmo la nuovissima Piazza Unità d’Italia a poco più di una settimana dalla sua inau-

gurazione. La nuova location realizzata nei pressi del Sacrario si è così trasformata in un grande campo da gioco a cielo aperto e le gradinate sono state pressoché riempite dai genitori dei bambini e da un folto pubblico di curiosi che hanno applaudito i giovanissimi atleti, vestiti rigorosamente con magliette verdi, bianche e rosse in omaggio alla bandiera dell’Italia. Al successo dell’iniziativa ha contribuito anche l’atmosfera di festa de “La città a colori”, manifestazione di solidarietà promossa dall’associazione Viterbo con Amore nell’ambito della quale si è svolta la Festa del Minibasket. Ai partecipanti sono stati regalati gadget, magliette e medaglie-ricordo di un appuntamento che si sta trasformando in un classico della primavera viterbese e che ancora una volta non ha deluso le aspettative. “Ringrazio a nome della Fip di Viterbo - ha detto il Delegato provinciale Mauro Corbucci, che ha curato l’organizzazione insieme ai responsabili minibasket Sergio Giacomelli e Laura Gamberini - tutte le società che hanno partecipato a questa festa, tutti coloro che non hanno fatto mancare la loro presenza e il loro apporto e ovviamente l’associazione Viterbo con Amore per averci nuovamente inserito nel suo programma. Ancora una volta abbiamo portato la pallacanestro al centro dell’attenzione e all’interno di un evento importante come ‘La città a colori’: tutto ciò è fondamentale per diffondere sempre di più il nostro sport e insieme ad esso i valori di correttezza, sportività e amicizia in esso contenuti”. Sono intervenuti a questa grande festa anche il sindaco di Viterbo Giulio Marini, gli assessori comunali Contardo, Sabatini, Arena e Muroni, e il consigliere provinciale Mantuano, che si sono intrattenuti a lungo con i bambini del minibasket e con lo staff organizzativo della Fip provinciale. La Festa del Minibasket non sarà però l’unico appuntamento dedicato alla promozione della

pallacanestro presso le giovanissime generazioni. Sabato 14 maggio infatti, a Canepina, si terrà un’esibizione dimostrativa in Piazzale Primo Maggio a partire dalle ore 15.30. L’appuntamento fa parte del cartellone dei festeggiamenti patronali di Santa Corona e prevede il coinvolgimento delle scuole, con la speranza di far conoscere questo sport anche nei paesi della provincia di Viterbo in cui non è ancora presente.

2

interni 21


� �

SPORT

primo piano interni sport

2 22

Viterbo & & Viterbo AltoLazio AltoLazio

Sabato 30 Aprile Venerdì 111 Ottobre 2010 Mercoledì Maggio2011 2011

VOLLEY UNDER 14 FEMMINILE

Bolsena incorona le ragazze del CDP Alto Lazio

In una appassionante Final Four è stato assegnato lo scudettino regionale di categoria

I

n una Final Four magistralmente organizzata tra Monte�ascone e Bolsena dall’A.s.d. Bolsena Volley, in collaborazione con il Comitato Provinciale, le ragazze del Volley Casal De Pazzi Alto Lazio hanno conquistato il titolo di Campione regionale under 14. È stata una giornata di grande pallavolo, cui hanno contribuito con le loro performances in campo le quattro migliori formazioni giovanili femminili under 14 del Lazio, chiamate a contendersi l’ambito scudetto di categoria. Nelle due semi�nali, il Volley CDP Alto Lazio ha scon�tto la AS Sabaudia con un secco 3-0 nel match disputato a Monte�ascone mentre al palazzetto dello sport di Bolsena, sede della successiva �nale, l’ASD Pallavolo Tor Sapienza si è meritato il passaggio del turno fermando la Pol. Roma 7 Volley AD con il punteggio di 3-1 al termine di un match molto combattuto ed equilibrato.

La �nalissima ha fatto registrare un avvio molto aggressivo al servizio del Tor Sapienza, ma le ragazze del Volley CDP Alto Lazio hanno immediatamente risposto imponendo il proprio ritmo chiudendo nettamente per 2513. Tor Sapienza nuovamente all’attacco nel secondo parziale, con un gioco brillante e capace di impensierire seriamente le avversarie; le avversarie però non hanno mollato, dando vita ad un parziale molto interessante ed arrivato sino ai vantaggi. Ad avere la meglio è stato ancora il Volley CDP Alto Lazio per 26-24 ma le ragazze di Simonetta Avalle non si sono demoralizzate e questa volta hanno saputo gestire il vantaggio �no all’ultimo, chiudendo per 20-25 e riportandosi in corsa per la vittoria. Il quarto parziale è stato da subito segnato dall’accelerata del Volley CDP Alto Lazio, Tor Sapienza è tornato a contatto verso metà set ma il Volley

VOLLEY 3ª DIVISIONE

L’Oratorio continua ad inseguire il secondo posto

G CDP Alto Lazio si è imposto chiudendo 25-21 e laureandosi meritatamente campione regionale. Nella �nale per il 3°-4° posto, la Pol. Roma 7 Volley AD si è imposta per 2-0 contro le ragazze dell’AS Sabaudia guadagnando la medaglia di

bronzo. Alla Final Four di Bolsena e Monte�ascone erano presenti l’Ing. Angela Birindelli, assessore agricoltura Regione Lazio e dirigente Bolsena Volley, Paolo Equitani, Vice presidente della Provincia di Viterbo e dirigente Bolsena Volley, Paolo Dottarelli, Sindaco di Bolsena e anche lui dirigente Bolsena Volley, Antonella Ferrari Vice Presidente FIPAV Lazio e Roberto Centini, Presidente FIPAV Viterbo, oltre ad Antonio Mariottini, assessore comune di Bolsena e V. Presidente Bolsena Volley ed ai tre dirigenti che hanno dato un contributo fondamentale per il corretto svolgimento della manifestazione. Si tratta di Pierluigi Puri, Presidente Bolsena Volley, Bruno Menicucci e Tonino Saccarelli. “Ringrazio tutte le società e le quattro squadre �naliste ha dichiarato Antonella Ferrari -. L’età di queste atlete è un momento di passaggio, dif�cile ma fondamentale. Il livello

di gioco espresso durante la manifestazione era molto elevato. Grazie agli atleti che hanno mostrato costanza, grinta e voglia di vincere, ma anche gioia. Grazie ai genitori e ai sacri�ci che fanno ed un augurio speciale alle mamme vista la festività odierna. Applauso che hanno mostrato grinta e voglia di giocare, ma anche gioia. Ringrazio il Presidente del Comitato di Viterbo Roberto Centini e il Comune di Bolsena per aver ospitato la manifestazione”. “Un saluto alle società e alle ragazze che hanno partecipato - ha fatto eco Paolo Dottarelli, sindaco di Bolsena -. Rivolgo i miei ringraziamenti al Comitato Regionale e Provinciale per la possibilità di ospitare qui un’importante manifestazione come questa. Grazie al Bolsena Volley per l’organizzazione eccezionale. E’ stata una giornata intensa di sport, spero che portiate un bellissimo ricordo di Bolsena.”

VOLLEY UNDER 14 MASCHILE - Sul campo di Veroli il sestetto di Matteo Antonucci cede ai campioni in carica

Tuscania si ferma in finale contro la M.Roma di GLAUCO ANTONIACCI

I

l Tuscania Volley avrebbe tanto voluto festeggiare il secondo titolo regionale in poche settimane, ma l’urlo di gioia si è spezzato proprio in �nale. Non stiamo parlando dell’under 21 di coach Ruben Timpanaro, già promossa in semi�nale ma ancora in attesa di conoscere il nome dell’avversaria che uscirà dalla s�da tra Virtus Roma e Albano. A s�orare il gradino più alto del podio regionale sono stati i ‘piccoli’ della under 14, allenata da Matteo Antonucci che è anche il libero della prima squadra appena promossa in serie B2 nazionale. I suoi ragazzi, al termine di una stagione comunque esaltante, hanno affrontato in semi�nale un’avversaria molto quotata come l’Ursa Major Roma XII ma sono stati autori di una gara praticamente per-

fetta: Tuscania ha archiviato la pratica in tre rapidi set, con parziali di 25-20, 25-15 e 2516, conquistando la �nale di categoria contro la M.Roma Volley S. Monica, selezione nata dalla positiva af�liazione tra la formazione romana e il team di Ostia e campione regionale in carica. Le Final Four, disputate a Veroli, si sono dunque concluse con la s�da tra Tuscania e i nero-verdi romani che si è però rivelata una gara a senso unico. Nonostante la buona volontà e l’impegno, il sestetto di Antonucci non ha potuto contrastare ef�cacemente gli avversari che hanno archiviato la pratica in tre set, imponendosi per 25-14, 25-18 e 25-13; forse i ragazzi tuscanesi sono arrivati un po’ scarichi alla �nale, sicuramente hanno trovato davanti un’avversaria molto forte, sia �sicamente che tecnicamente, e il risultato non è mai stato in discussione.

Peccato per l’occasione sfumata di rappresentare il Lazio alle Finali Nazionali, in programma a Padova del 26 al 29 maggio, ma resta comunque l’ottima stagione disputata da questo gruppo e la conferma che il volley a Tuscania non è solo la prima squadra, ma anche un settore giovanile molto ben curato e seguito, pronto a fungere da serbatoio per l’attività di vertice che la società si propone di portare avanti.

Ora l’attenzione di tutti gli appassionati di volley tuscanesi si sposta inevitabilmente sull’under 21, campione regionale in carica, che continua ad allenarsi per preparare la semi�nale e dare l’assalto alla �nalissima, prevista in gara unica a Sabaudia; qualunque sia l’avversaria tra Virtus Roma e Albano, sarà certamente un test impegnativo e una squadra già incontrata nell’arco di questa stagione dal sestetto di Timpanaro. Virtus

Roma è stata affrontata nel girone della prima fase (una vittoria ed una scon�tta a primo posto ormai raggiunto) mentre Albano era nello stesso girone di Capoccioni e soci nella seconda fase (vittoria 3-1 per Tuscania). C’è tanta voglia di arrivare �no in fondo e mettere un altro mattoncino nella costruzione di una credibilità a livello regionale che Tuscania sta ottenendo a suon di vittorie e di entusiasmo.

razie a due vittorie con lo stesso risultato (3-1), l’Asdp Oratorio Madonna del Fiore continua a credere nella possibilità di raggiungere il secondo posto in classi�ca nel campionato di Terza Divisione femminile organizzato dal Comitato Fipav di Viterbo. Il sestetto aquesiano sta duellando con il Green Volley Soriano, attualmente in vantaggio di due punti rispetto all’Oratorio, mentre in testa, già promosso, c’è il Bolsena Volley che ha mostrato in tutto il campionato una superiorità schiacciante nei confronti delle avversarie ed è ancora imbattuto con 14 vittorie in altrettante gare. Il team allenato dal duo Al�eri-Zapponi ha aggiunto punti in classi�ca grazie al trionfo casalingo sull’Asd Gma Volley Alviano; la squadra dell’Oratorio Madonna del Fiore (Campana, Ceccolungo, Friggi, Maggi, Meaccini, Neri, Parotti, Piazzai, Putano Alias Bisti e Rocchi), pur alle prese con qualche acciacco �sico di troppo, ha tenuto botta di fronte ad un’avversaria tutt’altro che arrendevole e installate al centro della classi�ca del girone. Il primo set, chiuso positivamente per 25-23, è stato caratterizzato dai servizi vincenti della capitana Federica Friggi che hanno dato la svolta al parziale interrompendo un equilibrio che pareva consolidato sul 14 pari; le ospiti umbre hanno cercato di ribaltare la situazione nel �nale senza tuttavia riuscirci. Nel secondo set si sono messe in evidenza Monica Putano Alias Bisti, Francesca Meaccini e Martina Maggi, decisive nell’assegnare il parziale alle padrone di casa per 25-19. Alviano ha reagito dominando 25-15 il terzo set, ma nel quarto è nuovamente salita in cattedra la formazione di casa che ha trovato la forza di chiudere positivamente un set molto combattuto, terminato ai vantaggi per 29-27. Il bis vittorioso è arrivato nella trasferta di Ronciglione, contro una squadra che occupa il terzultimo posto in classi�ca ma che si è aggiudicata il primo set per 25-22. A quel punto il sestetto di Al�eri e Zapponi ha cambiato marcia, prima travolgendo le avversarie nel secondo set (25-12), poi dimostrando grande maturità nel portare a casa il terzo per 25-22 ed in�ne avendo vita facile nel quarto parziale per 25-17. L’ultimo impegno della stagione regolare è previsto martedì prossimo in casa contro la Libertas Monte�ascone, penultima in classi�ca.


Mercoledì 11 Maggio 2011

Viterbo & AltoLazio

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

Venerdì 1 Ottobre 2010

almanacco Venerdì 1 Ottobre 2010

Viterbo & AltoLazio

2

visitando

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca

voi siete il segno dominato da Marte,

21 Aprile - 20 Maggio TORO o vorre farvi tanti auguri cari amici del Toro!..Questa è la stagione del vostro com-

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI a che fervore che c’è ora nella vostra già di solito movimentata esistenza cari

pianeta della guerra e dei movimenti tellurici..e proprio oggi in cui tutti noi ci aspettiamo qualcosa di strano..beh..fossi in voi io non mi farei tanto vedere in giro..scherzo, ovviamente..chissà se invece con la vostra forza non sarete proprio voi a salvare il mondo?..AL LAVORO!!!

pleanno e mai come quest’anno la vostra vita cambierà..forse non tutti o sapete ma esattamente il 4 giugno il signor Giove, il grande benefattore dello Zodiaco entra nel vostro segno per rimanerci stabilmente per un anno intero!..Sapete cosa vuol dire?Ne riparleremo..ampiamente e GIOIOSAMENTE

Gemellini…finalmente eccomi qua a potervi dire che, dopo tanti e tanti anni, non avete più un solo pianeta negativo....solo i nati nei primi giorni del segno possono risentire un po’ di Nettuno in Pesci ma non è niente di preoccupante..chi si preoccupa invece è il vostro partner..e come non potrebbE?..SIETE IRRESISTIBILI!

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO su cari dolci e sensibili amici del Cancro che anche questo periodo molto

23 Luglio - 22 Agosto LEONE ncora una giornata che vi vuole assolutamente vincenti a dispetto di una certa stanchezza

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE er voi questa è la primavera del grande risveglio cari amici della Vergine..oggi

stancante sta passando..lo so che voi ci mettete sempre un po’ a riprendervi dalle batoste e dallo stress ma posso dirvi anche oggi che i tempi bui stanno per finire..vedrete che con il passare dei giorni la vostra vita migliorerà notevolmente..fino a diventare bellissima ed entusiasmante..COME VOI

che cominciate a sentire..i giovani del segno vivono momenti meravigliosi che vedeono finalmente la concretizzazione di importanti progetti e di grandi amori, mentre i vecchi Leoni siedono sul trono e guardano tutti i loro trofei sparsi nell’arena..riposandosi un po’..in attesa di nuove battaglie..e ce ne saranno1..OH, SE CE NE SARANNO!

è una giornata di preparazione per alcuni grandi eventi che cominceranno a cambiare la vostra vita..io consiglio di prestare particolare attenzione alle nuove conoscenze che potrebbero presentarvisi all’improvviso..anche voi infatti dal 4 giugno avrete una vera e propria rivoluzione..PREP ARATEVI!!!

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA 0 9 8 7 6..conto alla rovescia per voi amici della Bilancia.. stringete i denti e cercate di

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE uest’anno per voi è un po’ particolare, lo si sapeva dall’inizio..arrivano

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO

resistere ancora un po’…è primavera, stagione che non vi si addice nonostante sia bellissima..voi così equilibrati mal sopportate questi cambiamenti repentini a cominciare dal tempo…l’estate vi andrà decisamente meglio..a cominciare dal 4 giugno…siete pronti ad affrontare un cambiamento?..un nuovo amore?..un nuovo lavoro?..UNA VITA PIU’ BELLA?

novità a tutto spiano e anche voi che siete sempre pronti allo scatto qualche volta vi trovate sorpresi ed esterrefatti dalle novità che si presentano nella vostra vita…cercate in questi giorni di raccogliere tutto il positivo che vi è arrivato fino a questo punto e tenetevelo stretto..amore, lavoro, amicizie..TUTTO SARA’ PREZIOSO

sinvolta nonchalance che vi fa meritare appieno il titolo di belli e selvaggi che da u po’ di tempo qualcuno vi ha cucito addosso..è tutto merito di questi pianeti in Ariete e specialmente di questo magnifico e munifico Giove se state finalmente raggiungendo tanti importanti traguardi…CONTINUATE COSI’

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO tanchi?.. sì lo so..e anche parecchio vero amici del capricorno? Anche voi che siete

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO t i m o lati da questo forte e travolgente Urano, che, non dimenti-

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI oi nuotate tranquilli nelle acque del vostro placido oceano che guizzo dopo

così forti tanto da apparire inossidabili, vi trovate ormai da un po’ di tempo ad affronater questioni un po’ complicate che vi sembrano più grandi di voi..dovete avere pazienza, in quanto molti pianeti si stanno per muovere nel vostro cielo..e tra un po’ saranno finalmente tutti pronti a favorire un vostro BELLISSIMO E MERITATO TRIONFO!!

chiamocelo, è il santo patrono del vostro già eccentrico segno, fate di tutto per trovarvi nel posto giusto al momento giusto, pronti ad accogliere le tanti opportunità che questa primavera vi sta offrendo..cercate però di non strapazarvi troppo..tra un po’ avrete bisogno di molte energie..RELAX

guizzo si fa sempre più piacevole e invitante..io tanto ve l’ho detto e ve lo ripeto…tra un po’, ed esattamente il 4 giugno anche voi sarete travolti da un insolito destino che vi vedrà depositare tante tante uova pronte a schiudersi e atirare fuori delle meravigliose meraviglie..preparatevi..LA FAMIGLIA SI ALLARGHERA’!!!

21 Marzo - 20 Aprile ARIETE

ari miei C ve lo dico chiaramente..

E

1

S

ANNUNCIO INFORMATIVO

Io sottoscritto DES RAJ, figlio di BAKSHI RAM, residente in via V. CHITTI, PO CHITTI DISTR. JALANDHAR, PUNJAB, INDIA, dichiaro che il mio nome è DES e il cognome RAJ, per tutti gli scopi di legge. In fede Des Raj

I

A

Q

M

P

piagge S immense ed assolate..è lì che vi muovete voi con la vostra di-

S

interni 23

V

Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Fabrica di Roma A Falerii Novi, mura etrusco romane del III sec. a.c. e la porta Giove si possono visitare sempre. L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Falerii del sec.XII da marzo a Novembre i sabati e le domeniche dalle ore 9 alle 13. In altri giorni per gruppi e scolaresche contattare il 0761/ 569101 ufficio cultura.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Mercoledì 11 Maggio 2011

Giovedì 12 Maggio 2011

ore 00 cielo sereno e vento da nord a 14 km/h. Temperatura di 12,1 °C ore 03 cielo sereno e vento da nord/est a 12 km/h. Temperatura di 10,3 °C ore 06 cielo sereno e vento da nord/est a 11 km/h. Temperatura di 9,6 °C ore 09 cielo sereno e vento da nord/est a 9 km/h. Temperatura di 15,7 °C ore 12 cielo sereno e vento da nord a 7 km/h. Temperatura di 21,5 °C ore 15 cielo sereno e vento da nord/ovest a 10 km/h. Temperatura di 24,1 °C ore 18 cielo sereno e vento da nord/ovest a 14 km/h. Temperatura di 23,2 °C ore 21 cielo sereno e vento da nord/ovest a 14 km/h. Temperatura di 16,9 °C

ore 00 cielo sereno e vento da nord a 13 km/h. Temperatura di 14,2 °C ore 03 cielo sereno e vento da nord a 12 km/h. Temperatura di 12,3 °C ore 06 cielo sereno e vento da nord/est a 11 km/h. Temperatura di 10,3 °C ore 09 cielo sereno e vento da nord/est a 8 km/h. Temperatura di 16,4 °C ore 12 cielo sereno e vento da nord/est a 1 km/h. Temperatura di 22,8 °C ore 15 cielo sereno e vento da nord/ovest a 10 km/h. Temperatura di 25,1 °C ore 18 cielo sereno e vento da nord/ovest a 14 km/h. Temperatura di 24,2 °C ore 21 cielo sereno e vento da nord/ovest a 14 km/h. Temperatura di 17,9 °C

FARMACIE

OGGI 11 MAGGIO MONTALBOLDI (DIURNO E NOTTURNO) PIAZZA VERDI, 1A (VT) TEL: 0761-341902 DOMANI 12 MAGGIO ROSSI (DIURNO E NOTTURNO) LARGO AFRICA, 14 (VT) TEL: 0761-343121


L'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 11 maggio 2011  

11 maggio 2011

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you