Issuu on Google+

p

AltoLazio News Quotidiano Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10 In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE delle Libertà

Direttore Editoriale NICOLÓ ACCAME

Viterbo & AltoLazio

Anno II N.194 - Mercoledì 17 Agosto 2011 - Euro 1,00

Cronaca

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

Attualità

Politica

Domani si svolgeranno i funerali del centauro

Viterbo “degradata” I cittadini scrivono a Marini

La Pop Art arriva in città

dalla Redazione a pagina 3

dalla Redazione a pagina 4

di Simona Tenentini a pagina 7

Si avvicina San Bartolomeo e torna a rifiorire la polemica tra i pro e i contro il palio di Ronciglione

Quale sarà il destino delle Corse a Vuoto?

La guerra si accende anche attraverso i social network e la rete

Dopo la morte della cavalla Tiffany lo scorso febbraio sulle Corse a Vuoto di Ronciglione aleggia un’ombra tetra. Sono in tanti quelli che vorrebbero mettere �ne alla manifestazione storica, ma il paese si oppone con tutte le sue forze. Intanto a pochi giorni dai festeggiamenti per San Bartolomeo è ancora mistero sullo svolgimento delal seconda tornata del Palio. Su facebook si accende la polemica tra due gruppi rivali: uno che vorrebbe abolire il Palio, l’altro fatto da ronciglionesi che non indietreggiano e che continuano a professarsi veri amanti degli animali. Quale sarà quindi il destino �nale delle Corse a Vuoto?

EDITORIALE

Capoluogo sporco e nervi a fior di pelle di Roberto Pomi C’è un luogo, la bacheca facebook di Giulio Marini, dove i cittadini sollevano a più riprese il problema dello stato di degrado in cui si trova la città. “Si vota con la pancia”, recita una regola non scritta della politica. Lo stomaco dei viterbesi, alla luce di ciò che siamo in grado di registrare, non gode certo di buona salute. Possiamo affermare con grande tranquillità che la città soffre di una pesante gastrite. Troppe le cose indigeste. Tante piccole faccende quotidiane che stanno agendo come una goccia cinese sulla corposa base di consensi raccolta nel 2008 dal centrodestra s�dato da Ugo Sposetti. Uno dei problemi più sentiti è quello dell’immondizia e lo scatto di Alberto Zadro - guardate per credere all’interno del giornale - dello stemma col leone oltraggiato da una lattina accartocciata, parla da solo. La situazione della periferia poi è ancora peggio. Il senso di abbandono è sempre più diffuso ma non la rassegnazione. A qualcuno iniziano a “girare” davvero.

di Luca Appia a pagina 3

CARCERE - 15 consiglieri prendono posizione. Tra loro Rotelli, Mantuano e Bianchini

Mammagialla, “la situazione è insopportabile” POLITICA

E’ morto Giovanni Botondi Se ne è andato Giovanni Botondi, un nome storico della Democrazia Cristiana viterbese. E’ scomparso durante la sera di Ferragosto, avrebbe compiuto 87 anni a novembre. Il ricordo di Rodolfo Gigli e Renzo Trappolini. dalla Redazione a pagina 4

CALCIO DILETTANTI - La Viterbese già al lavoro dopo il break

Anche la politica prende posizione. Mammagialla, basta con sovraffollamento e carenza di personale. La situazione è ormai insopportabile. A metterlo nero su bianco sono 15 consiglieri e assessori del Pdl viterbese. Tra loro anche Mauro Rotelli, Gianluca Mantuano e Paolo Bianchini. Anche il ministro Palma annuncia tutta una serie di interventi. di Daniele Camilli a pagina 2

MONTEFIASCONE

Stop ai ricoveri nel pronto soccorso il Cotom insorge di Michele Mari a pagina 13

VIGNANELLO

Festa del Vino il copione si ripete di Simona Tenentini a pagina 16

TARQUINIA

Politica locale l’Udc mostra preoccupazione di Alessandro Sacripanti a pagina 11

ORTE

Il centrosinistra sulle probabili assunzioni di Simona Tenentini a pagina 16

TIRO CON L’ARCO - L’atleta di Tarquinia gareggia alle Universiadi in Cina

Da oggi al via anche la Caninese Anastasio vicina ad una medaglia Esaurito il break del ferragosto la maggior parte dei nostri team di serie D, Eccellenza e Promozione sono tornati in campo per la ripresa degli allenamenti. Da oggi prende il via il raduno della Caninese e da domani sarà la volta anche della Castrense per la Prima Categoria. Intanto in Toscana sono stati già diramati i gironi dei vari campionati.

Tirerà domani per la medaglia di bronzo nella gara mista del Compound, insieme a Jacopo Polidori, per dimenticare la delusione dell’individuale che l’ha vista ottenere il secondo punteggio nelle quali�cazioni ma uscire subito nel tabellone ad eliminazione diretta. Anastasia Anastasio può centrare il bronzo alle Universiadi di Shenzhen in Cina, a patto di superare il temibile Iran.

di A. Giulietti Virgulti alle pagine 23-24-25

di Glauco Antoniacci a pagina 21


cronaca viterbese interni

2

Viterbo & & Viterbo Mercoledì1 17 Agosto2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

Una lettera per dire basta con sovraffollamento e carenza di personale. A firmarla 15 consiglieri e assessori del Pdl viterbese

Mammagialla, la politica prende posizione di DANIELE CAMILLI

C

arcere Mammagialla, la politica viterbese scende in campo e prende posizione. E la parola d’ordine è una: basta con sovraffollamento e carenza di personale, i problemi vanno risolti perché sono ormai diventati “insopportabili”. Una lettera �rmata da 15 persone, consiglieri e assessori: comunali e provinciali. Non solo Viterbo, ma anche Soriano, Vetralla, Tuscania ecc. Tutti del centrodestra. Tutti del Pdl. Mauro Rotelli, Giuseppe Talucci Peruzzi, Luigi Maria Buzzi, Paolo Bianchini, Gianluca Mantuano, Fabio Bartolacci, Giulio Zelli, Alessandro Traili, Roberto Fagioli, Aldo Latini, Francesco Di Biagi, Pier Luigi Sandoletti, Antonio Fracassini, Marco Bracaglia, Antonio Porri. “Vogliamo associare anche la nostra voce alla mobilitazione nazionale causata dall’emergenza sovraffollamento delle carceri. Vogliamo af�ancare – scrivono in una nota – i tanti operatori carcerari tra i quali i dirigenti penitenziari, gli agenti in divisa, gli educatori, psicologi, cappellani, assistenti sociali, medici, terzo settore e volontari come il Gavac ed i detenuti con le loro famiglie. Il Presidente Napolitano l’ha de�nita una questione di prepotente urgenza. La situazione

in decine di penitenziari è insopportabile, le carceri scoppiano ed il numero di suicidi,violenze e minacce a pubblico uf�ciale si moltiplicano. L’urgenza di rinforzi e di misure alternative riguarda prima tra tutte la casa circondariale di Mammagialla dove la carenza di organico è diventata insopportabile, 200 unità in meno sono veramente troppe”. Insostenibile al punto che la scorsa settimana la Polizia penitenziaria di Viterbo ha dovuto gestire – fortunatamente senza gravi conseguenze – un tentativo di evasione e la fuga di un ex detenuto in attesa di estradizione. Rotelli & C. fanno in�ne riferimento alla visita del neo Ministro della Giustizia Nitto Palma che il 15 agosto ha visitato il carcere di Regina Coeli. “Attendiamo da lui – concludono – e da tutte le istituzioni del nostro territorio una seria mobilitazione per la risoluzione di questa grave emergenza”. Ed è proprio il ministro a dire che serve un “intervento di sistema” che preveda la depenalizzazione dei reati minori e un ripensamento della carcerazione preventiva con un maggior ricorso agli arresti domiciliari per le condotte meno gravi. Così come è necessario pensare a un ampliamento della legge “svuotacarceri”, che consente di scontare l’ultimo anno di pena ai domiciliari. Finora ne hanno

bene�ciato 3.000 detenuti e nessuno di loro è evaso. Inoltre il piano di edilizia carceraria non subirà tagli dalla manovra �nanziaria. Non solo, ma Palma ha assicurato anche che “entro il 2013” verranno realizzati 11 nuovi istituti e 20 padiglioni. Il nuovo Guardasigilli ha bocciato invece la richiesta di Marco Pannella di un’amnistia – “non è un intervento de�nitivo” – aprendo sull’ipotesi di un dibattito parlamentare – “ben venga” – ha detto – a patto che porti ad “una soluzione il più possibile condivisa” – dichiarandosi pronto al confronto,

Le vie di Acquapendente Finisce in manette un pregiudicato montaltese di 36 anni sotto l’attacco serrato di una banda di vandali

A

cquapendente si ritrova alla mercè dei vandali. La zona più colpita dagli atti di qualche irresponsabile è via Roma, in prossimità di largo San Agostino, trasformata in “zona franca” per diversi atti di vandalismo. Nella tarda serata di venerdì 12, infatti, è stato preso di mira un ripostiglio edile privato, dal quale sono stati rubati alcuni sacchi di sabbia che, dopo essere stati spaccati, sono stati svuotati in parte del loro contenuto per la via principale. Contemporaneamente è stata rubata un’Ape Piaggio a cui è stato rotto anche il fanalino. Tanto lavoro sin dalle prime ore della mattinata di sabato, perciò, per i cittadini della zona che, dimostrando senso civico e rispetto per la centralissima zona in cui vivono, hanno ripulito il tutto nel giro di un’ora.

Ubriaco danneggia due bar A

rrestato dai carabinieri della stazione di Montalto di Castro un 36enne ubriaco. È successo nel pomeriggio di domenica, quando l’uomo, montaltese e già noto ai militari per i suoi trascorsi con la legge, in preda ai fumi dell’alcool, ha danneggiato due bar, creando il panico tra gli avventori. Il 36enne, alla vista dei carabinieri, intervenuti immediatamente a seguito della telefonata di un dei proprietari degli esercizi danneggiati, si è poi scagliato con violenza contro di essi, minacciandoli e aggredendoli, procurando ad un paio di quest’ultimi lievi lesioni. Una volta bloccato, è stato portato in caserma e tratto in arresto per violenza, re-

sistenza minaccia a pubblico ufficiale e danneggiamento. Per l’uomo dopo le formalità di rito si sono aperte le porte del carcere di Civitavecchia.

Centinaia le chiamate da tutta la Tuscia per risolvere il problema insetti

I nuovi nemici dei pompieri sono le api e i calabroni P

ochi incendi rispetto agli anni scorsi durante questa estate, ma se non c’è il fuoco i pompieri di Viterbo non se ne stanno certo ad aspettare. Un nuovo nemico, infatti, pare si sia insediati in questa stagione estiva particolare, fatta di un intenso altalenare tra l’afa spietata e il freddo fuori stagione: i calabroni. Tantissime le segnalazioni arrivate al numero di emergenza dei vigili del fuoco di Viterbo, che sono corsi da una parte all’altra della provincia per cercare di interve-

nire su tutti i fronti. Difficoltà per i vigili che oltre agli interventi della quotidianità devono far fronte anche all’emergenza insetti, molto spesso con richieste difficili da eseguire, con i posti più impensabili dove andare ad

intervenire per sconfiggere i fastidiosi animali. Armati di prodotti chimici, come veleni, e protetti da speciali tute i vigili stanno lottando contro i nemici alati: nel caso delle api, invece, è necessario l’intervento degli apicoltori per proteggere gli animali. Intanto i centralini dei vigili del fuoco sono letteralmente impazziti. Sembra che quest’anno a sostituire i boschi negli incendi e lungo le coste siano arrivati fiumi e fiumi di insetti che stanno cercando di “conquistare” la Tuscia.

innanzitutto con l’Associazione nazionale magistrati a cui ha già chiesto di indicare i propri rappresentanti al tavolo tecnico che lavorerà alla depenalizzazione. Sulle misure annunciate dal ministro è intervenuto in�ne il presidente dell’associazione Antigone, Patrizio Gonnella. “Per risolvere il dramma del sovraffollamento nelle carceri italiane non servono provvedimenti tampone ma un vero disegno riformatore per depenalizzare i reati che producono reclusione senza aumentare la sicurezza. Siamo sollevati dalla presa d’atto del governo della situazione tragica che vivono i detenuti all’interno degli istituti di pena – ha detto Gonnella all’ANSA – ammassati in condizioni di vita intollerabili, ma intervenire come annuncia di voler fare il neo Guardasigilli con la cosiddetta legge ‘svuota carceri’ signi�ca pensare di operare quando il danno è già stato fatto e ciò a posteriori, dopo l’ingresso in carcere”. “Anche parlare di depenalizzare i reati minori - aggiunge - va bene ma per intervenire alla base del problema è necessario rivedere le leggi che producono carcere, prima tra tutte la legge Fini-Giovanardi sulla droga». «Senza fare ciò – conclude il presidente di Antigone - è certo che i tassi di detenzione rimarranno uguali”.

Accesa lite sedata dall’intervento dell’Arma

Spendono banconote false in un bar, due denunciati di LUCA APPIA

R

i�lano una banconota falsa a un barista di San Lorenzo Nuovo, due denunciati. L’episodio è accaduto nella giornata di sabato nel centro di San Lorenzo Nuovo, dove in uno dei bar del paese si sono presentati due uomini, un ventenne molisano e un trentenne romeno. I due hanno chiesto al gestore di cambiargli una banconota da 20 euro in pezzi da un euro per poter giocare ai video poker presenti nel bar. Il barista ha così preso in mano la banconota, ma si è subito roso conto che qualcosa in quella moneta non andava. Chi è abituato come i gestori di negozi a prendere in mano le banconote, infatti, riesce subito a rendersi conto della differenza tra una moneta falsa e una vera. Ha quindi deciso di fare un ulteriore controllo sulla banconota, che è risultata a tutti gli effetti falsa. Il barista ha subito contestato il fatto ai due avventori, che

non hanno ammesso il fatto, ma hanno assunto un atteggiamento minaccioso nei suoi confronti. E’ scoppiato così un acceso diverbio tra il barista e i due uomini sulla dubbia provenienza della banconota, che i due dicevano essere vera. A risolvere il diverbio, per fortuna, sono arrivati i carabinieri della stazione locale sotto il comando del maresciallo Bodani, che hanno tranquillizzato la situazione evitando che la lite degenerasse in qualcosa di peggio. I militari intervenuti hanno poi esaminato la banconota e accertato il fatto che fosse falsa. Le 20 euro sono state sequestrate, mentre i due uomini sono stati denunciati. Se nel processo a loro carico fosse dimostrato che i due erano consapevoli della falsità della banconota le cose non si metterebbero molto bene per loro, rischiando un processo ex articolo 453 del codice penale, che commina pene tra i tre e i dodici anni di reclusione per la spendita di banconote false.


& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

cronaca viterbese

3

Tra gruppi su facebook e notizie in sordina ci si appresta a scoprire il destino della manifestazione

Si riaccende la battaglia sulle corse a vuoto di LUCA APPIA

S

i avvicina a Ronciglione la festa patronale di San Bartolomeo e con essa anche la seconda tornata delle Corse a Vuoto dei cavalli. Ancora però non è chiaro se quest’estate la tipica manifestazione di Ronciglione verrà organizzata o meno. A mettere in discussione il palio, infatti, c’è stato l’incidente avvenuto durante la scorsa edizione della manifestazione nel quale ha perso la vita la cavalla Tiffany. Già dai giorni precedenti all’avvio della manifestazione di febbraio, le associazioni animaliste avevano iniziato ad attaccare pesantemente il palio di Ronciglione, accusando gli organizzatori di “maltrattamento di animali”. Le corse a vuoto di Ronciglione, infatti, prevedono una gara tra un gruppo di cavalli facenti parti delle nove scuderie del paese senza la presenza del fantino a guidarli, da qui il termine “a vuoto”. In gara diciotto cavalli, due per ogni scuderia, si contendono il Palio rappresentato da un artisticostendardo dipinto da vari maestri di pittura. La partenza viene data in Piazza del Monumento, passano sotto l’arco, attraversano Piazza della Nave, ed affrontano così il momento più delicato della corsa: una curva a gomito e

in salita, denominata: “Curva del Gricio”. L’incidente che ha portato alla morte di Tiffany, però, non è avvenuto durante la corsa uf�ciale, ma durante le prove di quali�cazione dei cavalli. Tiffany è scivolata ed è andata a sbattere contro una transenna �nendo in�lzata alla giugulare da un paletto di ferro emerso dalla protezione. La cavalla è �nita tragicamente a terra sotto gli occhi attoniti dei presenti, rimanendo senza vita in pochi istanti. Un episodio tragico che è balzato subito agli occhi delle cronache locali e nazionali e che ha generato un polverone senza precedenti sulle corse a vuoto. La Lav ha subito presentato un esposto in procura, chiedendo che si indagasse sul fatto e “af�nché il sindaco e il Comitato organizzatore del Palio vengano perseguiti per uccisione e maltrattamento di animali (articoli 544 bis e ter del Codice penale)”. Dal canto suo il sindaco Sangiorgi ha convocato un’assemblea cittadina due giorni dopo il fatto, mentre la manifestazione era stata annullata, giusti�cando la cosa dicendo che l’incidente era avvenuto a causa delle disposizioni dell’Unire, che avrebbero costretto gli organizzatori a restringere il naturale percorso della corsa proprio nel punto in cui si è veri�cato l’incidente. Il primo

cittadino ha anche annunciato “azioni di tutela contro chi ha causato un danno alla città”. Sulla questione sono anche arrivati i commenti del sottosegretario alla salute, Francesca Martini, che ha inveito contro la manifestazione e chiesto che la vicenda fosse studiata dalla Procura. Più avanti a �nire nel registro degli indagati furono il sindaco Sangiorgi assieme al Presidente della Pro loco, per il reato di maltrattamento di animali, mentre un tecnico comunale ed il vicecomandante della Polizia Municipale sono stati accusati del reato di false dichiarazioni proprio in merito alla planimetria del

percorso. Una vicenda che ha gettato delle lunghe ombre sulla storica manifestazione di Ronciglione, che ora vive uno dei suoi momenti più critici. A fare da cassa di risonanza alla morte di Tiffany, poi, ci sono state un �ume di lettere sia da parte degli animalisti, sia da parte dei ronciglionesi che hanno continuato a difendere la loro tradizione e il loro amore per gli animali. Il dibattito si è riacceso in questi ultimi giorni, quando sul social network facebook sono comparsi due gruppi diametralmente opposti: uno per l’abolizione delle Corse a

Vuoto e l’altro per l’abolizione del gruppo contro le Corse a Vuoto. Il primo risulta fondato dalla Lav, che nelle informazioni del gruppo spiega che il gruppo serve “per l’abolizione del palio di Ronciglione, in cui i cavalli vengono fatti correre scossi per le vie del paese, su un pecorso misto di asfalto e pavé, privo dei requisiti di sicurezza previsto dall’Ordinanza ministeriale sui palii con equidi. La vita dei cavalli vale molto di piu’ del divertimento degli umani! Blocchiamo questa manifestazione indegna che si vuole far correre a tutti i costi grazie al sindaco che non si arrende, nonostante l’Unire e l’ASL non abbiano �rmato l’idoneità al percorso”. Il secondo gruppo, invece, nato come protesta al primo chiosa il discorso sostenendo che “la salvaguardia dell’animale innanzitutto però basta con questo astio verso una corsa storica motivo di orgoglio in tutto il mondo”. Una battaglia combuttata su più fronti, nella quale ancora non è chiaro chi vincerà. Intanto ci si continua a interrogare sulla seconda edizione annuale delle Corse a Vuoto, che tradizionalmente si corre durante la festa di San Bartolomeo che cade durante la prossima settimana. Il sito della proloco di Ronciglione ancora non annuncia alcuna manifestazione per i giorni di

San Bartolomeo e tutto rimane nel mistero. Intanto, però, secondo l’agenzia stampa animalista GeaPress che nei giorni della morte di Tiffany si è schierata con l’abolizione del Palio, nei giorni scorsi ha pubblicato la notizia secondo cui la Regione Lazio avrebbe approvato una legge nelle cui pieghe “salta fuori l’istituzione di un Albo delle manifestazioni culturali e storiche in cui vengono utilizzati gli animali”. Secondo la fonte questo signi�ca che “il Palio di Ronciglione come la corsa dei maiali di Bassiano, non solo saranno parate dall’applicazione della legge 189/04 sul maltrattamento di animali, ma potranno più agevolmente ricevere i contributi regionali. Sarà così pienamente in vigore l’art. 3 della legge contro i maltrattamenti (189/04) che prevede la sua inapplicazione nel caso delle “manifestazioni storiche e culturali autorizzate dalle regione competente“. Il Lazio, come già altre regioni, ha pertanto legiferato in maniera tale di escludersi da una legge che, in linea sempre più teorica, dovrebbe difendere gli animali”. Questa novità ha contribuito a far tornare gli animalisti alla carica contro la manifestazione di Ronciglione, che ora in vista di San Bartolomeo dovrà tornare ad affrontare l’ira funesta dell’esterno.

Maltrattamenti in famiglia Si scontra con un albero e il veicolo gli prende fuoco Siarhei Chykun di 26 anni è morto domenica in un incidente con la sua moto Arrestato un 28enne in flagranza di reato

D

urante la vigilia di ferragosto, a Corchiano, la pattuglia dei carabinieri della locale stazione, composta anche dal comandante, maresciallo Rizzo, procedevano all’arresto in flagranza di un 28enne, ivi residente, responsabile di maltrattamenti in famiglia e danneggiamento. I militari erano intervenuti su indicazioni della Centrale Operativa della compagnia dei carabinieri di Civita Castellana, poiché era stata segnalata una lite famigliare. Giunti sul posto i carabinieri prendevano contatto con i genitori del giovane che illustravano quanto occorso in quella mattinata, ma anche nei giorni precedenti, riferendo anche di un episodio di autolesionismo messo in atto dal giovane e per il quale lo stesso era ricorso alle cure del pronto soccorso dell’ospedale civitonico. A tal punto prese le denunce del caso, riferite a continue e pressanti minacce di morte ai danni dei genitori, i militari condotto il 28enne in caserma, dopo le formalità del caso, lo conducevano presso il carcere di Viterbo. Peraltro il giovane nelle settimane precedenti era stato già interessato da altre vicende per le quali in una circostanza era stato denunciato per lesioni personali e danneggiamento di autovetture.

Auto si incendia dopo l’impatto Domani i funerali del giovane centauro S

batte contro un albero e l’auto prende fuoco. E’ accaduto nella prima mattina di ferragosto, alle 6.55, nella zona di Tuscania. La macchina stava percorrende la provinciale Tarquiniese, quando improvvisamente il conducente ha perso il controllo del veicolo, che si è scantato contro un albero ai bordi della carreggiata. Un urto violento, che per ragioni ancora in corso di accertamento ha causato lo sprigionamento di fiamme dal cofano dell’auto. L’auto ha inziato velocemente a prendere fuoco, ma l’autista fortunatamente è riuscito ad aprire la portiera dell’auto e uscire prima che fosse troppo tardi. Sul posto sono arri-

S

vati immediatamente i vigili del fuoco e i carabinieri del posto. I pompieri hanno immediatamente spento il fuoco dell’auto, mentre l’uomo è stato portato al pronto soccorso per curare alcune lievi ferite ferite riportate nell’incidente.

i svolgeranno mercoledì mattina a Vetralla i funerali di Siarhei Chykun, il 26enne era originario della Bielorussia che domenica 14 agosto ha perso la vita in un incidente stradale sull’Aurelia bis, nei pressi di Vetralla. Era stato adottato tempo fa da una famiglia di Vetralla e lavorava nella ditta che si occupa di vendita di legname di proprietà del padre. Ieri pomeriggio stava tornando a casa dopo aver trascorso una giornata al mare, quando è andato a scontrarsi con un’auto che viaggiava sulla stessa corsia di marcia. Secondo la ricostruzione infatti, l’automobilista avrebbe messo la freccia e rallentato, per immettersi in una strada laterale. Chykun forse non accortosi del segnale di svolta, ha proseguito senza riuscire a frenare in tempo, schiantandosi nella parte posteriore del mezzo e finendo rovinosamente sull’asfalto. Sul posto sono accorsi gli uomini del 118 e l’elicottero Pegaso ma per il 26enne non c’è stato niente da fare, è morto sul colpo.

I carabinieri continuano l’opera contro le stragi del sabato sera

Controlli sulle strade: una denuncia e quattro segnalazioni

Si stacca un pezzo di intonaco da un palazzo a Fabrica di Roma, l’area messa in sicurezza

C

ontinua l’opera incessante dei carabinieri della compagnia di Tuscania tesa alla prevenzione delle stragi del sabato sera e al consumo e spaccio di sostanze stupefacenti. Nella rete dei carabinieri è finito un 22enne della capitale, sorpreso dai militari della stazione di Piansano, guidati dal maresciallo Panunzi, alla guida delle propria autovettura in evidente stato di ebbrezza alcolica. Allo stesso è stata ritira la patente di guida e contestualmente gli è stato sequestrato il veicolo. Nel corso della medesima operazione, i carabinieri dell’aliquota radiomobile del Norm di Tuscania hanno segnalato all’ufficio territoriale del governo di Viterbo quattro 20enni della capitale, trovati in possesso di hashish e marijuana, pronta per essere consumata. Durante le perquisizioni i militari hanno sequestrato oltre 10 grammi di stupefacenti, il tutto sottoposto a sequestro.

P

anico lunedì mattina a Fabrica di Roma, dove da un palazzo di via Roma si è staccato parte dell’intonaco di una lunga pensilina al quarto piano che serve come riparo dell’acqua piovana al balcone sottostante. A dare l’allarme è stato il proprietario di una delle auto parcheggiate sulla via, che ha notato un danno riportato dal suo specchietto retrovisore, alla cappotta e in altri punti. Il pezzo di intonaco, infatti, cadendo ha colpito l’auto, danneggiandola. Immediatamente sono stati allertati i vigili del

fuoco di Civita Castellana, che arrivati sul posto hanno immediatamente chiuso l’accesso alla via in entrambi i sensi di marcia. Subito dopo i pompieri hanno iniziato l’opera di messa in sicurezza dell’area, cercando di fermare la caduta dell’intonaco. Sul posto anche i carabinieri e la polizia locale del paese che hanno eseguito i rilievi del caso e transennato il palazzo per tutta la sua lunghezza. La situazione ora sembra tornata nella piena normalità e a breve si dovranno eseguire i lavori di restauro dello stabile.


politica viterbese interni

2 4

Viterbo & & Viterbo Mercoledì1 17 Agosto2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

Il primo cittadino chiamato a risolvere l’imbarazzante situazione attuale

Viterbo nel degrado, i cittadini scrivono a Marini

L’incuria oltraggia tutto, anche i simboli - Foto Zadro Press

L

a città dei Papi fa acqua da tante parti. Il degrado è problema che riguarda in primis la periferia ma anche il centro storico. Quanto il tema sia caro ai cittadini è possibile vederlo “buttando” gli occhi sul pro�lo facebook di Giulio Marini. Un “tartassare” continuo dei cittadini verso il sindaco. Il più ef�cace tra tutti è sicuramente Bruno Pagnanelli. Ecco il suo ultimo discorso, sul fronte degrado, a mezzo di comunicato stampa: “Ho avuto modo di ragionare a lungo su questo piccolo pezzo di mondo che abitiamo con alterne fortune. Provo quindi a razionalizzare e a organizzare le idee che passano in testa a un cittadino comune. A un viterbese. Già perché di Viterbo parliamo. Dunque… Viterbo è fondamentalmente una città e �n qui ci siamo. Concetto semplice, elementare lapalissiano.

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it

E’ anche un circolo di mura di tufo, un’aggregazione di case e di giardini, una rete di strade e di vicoli, di piazze e di chiese. E’ anche un punto in una applicazione per iphone, è una carta di google map, è una recensione su trip advisor, nella sua forma più tecnologica. Ma è soprattutto la rappresentazione di una storia, fatta di martiri, di santi, di avi, di nonni e di genitori. E’ il collegamento, l’interazione di persone con la stessa cantilena che esce dalla bocca, quel dialetto musicale, fatto di identità, di senso di appartenenza, una forma di campanilismo per il quale da piccolo ero pronto a battermi, è un brivido lungo la schiena quando la immagini da migliaia di chilometri di distanza. E’, nella sua forma più pura, la lacrima che cade mentre si vede quella torre che cammina il 3 set-

Se ne va un pezzo della storia politica del viterbese Il ricordo di Rodolfo Gigli

E

Amministratore Delegato

Ferdinando Guglielmotti Iscrizione ROC n. 20469

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI FULVIO MEDICI Grafici MARIO RAMUNDO Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

C’è pure chi dorme in strada terra pensando che poi qualcuno ci penserà. Glielo dica signor sindaco. Non c’è più nessuno che ci pensa. Provi a passeggiare fuori le mura, su viale Raniero Capocci sotto porta della verità verso il distributore dismesso prima del gommista. nelle aiuole ormai abbandonate ci sono batterie esauste e ogni genere di sporcizia. E’ questa la città che vuole far vedere? La seguo nelle sue lotte contro i vandali della notte, quelli che hanno preso il peggio delle altre culture, quelli che per divertirsi devono per forza eccedere. Signor sindaco, senza controllo purtroppo non ci sono leggi o ordinanze che tengano. Mi spiego: se lei va sulla Teverina e vede i cassonetti si renderà conto che parte di

quello scempio è di alcuni locali nei paraggi (o anche case di cura). Ci vuole molto a fare la posta a questi commercianti? E’ cosi’dif�cile? Sarò estremamente impopolare e magari sarò uno di quelli a cui i vigili faranno volentieri la multa ma invece di far cassa lungo via Cavour a far multe ai divieti di sosta non si potrebbe controllare meglio la periferia? O mettere dei cartelloni con le offerte dei supermercati senza insozzare tutti i condomini con queste masse di carta che poi �niscono in strada? pensi quanti alberi si salverebbero. Già sogni… La capisco. Adesso è impegnato per l’organizzazione della festa. La capisco. Come sempre a Viterbo ne riparleremo dopo Santa Rosa”.

La politica piange per la scomparsa di Giovanni Botondi

Editore Altolazio News srl PresIdente Manfredi Genova

ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

Immondizia in bella mostra in centro

A partire dagli anni Settanta è sempre stato un pilastro per la Democrazia Cristiana

Direttore Editoriale NICOLÒ ACCAME

Servizi grafico-giornalistici forniti dalla Coop. Ed. Gior. e Pol. GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA

tembre sera. Già, Santa Rosa. E’ l’inizio del calendario viterbese. o la sua �ne. il suo Natale o il suo Capodanno. una festa che prepara un anno intero o che lo chiude, per il quale si organizza, ci si prepara, ci si interroga sul come sarà, per come verrà. Ho pensato allora che proprio in funzione di Santa Rosa volevo scrivere al signor Giulio Marini. Volevo chiedergli se questa era la città che voleva consegnare alle 40/60 mila persone che verranno a vedere questo evento. E’ questa signor sindaco la città che vuole consegnare ai “forestieri”? Perché se fosse questa, lei non farebbe, in qualità di primo cittadino una bella �gura. Non mi riferisco al centro, a quello dentro le mura. Queste persone arriveranno con le auto, cercheranno di parcheggiare lungo le vie della città,

magari al Pilastro, ai Cappuccini, al Murialdo, e poi a piedi arriveranno al centro passando dalle vie che noi viterbesi ormai non guardiamo più, alle quali non facciamo più caso. Vie che sono devastate dal degrado, dall’incuria di quei personaggi, come dice Lei, sporcaccioni e birbaccioni. Ha perfettamente ragione quando dice che la colpa non è del Comune ma di chi sporca ma questo non la rende meno responsabile. Già perché se facesse un giro per la città si renderebbe conto che la sua città, la nostra città è quanto di peggio ci si possa augurare. Passi signor sindaco per via Monte Nevoso dove c’era la vecchia Cifam: è una porcilaia a cielo aperto, un contenitore di raccolta pile esaurite divelto, pali scoperti, zona dei cassonetti da vergogna oppure faccia un giro a via del Murialdo (c’è un monitor da 1 mese in mezzo ai cassonetti), in via della Pila dove delle transenne e un rotolo rosso impediscono l’uso del marciapiede verso il costone sotto le nuove case e non è dato a sapere da cosa ci vuol proteggere signor sindaco. E mentre spendiamo dei soldi per far passare la macchina che pulisce le strade (una macchina che scopa sull’asfalto di norma pulito) le faccio notare che è dove vive la gente che è sporco. Dove giocano i bambini, dove passeggiano i nonni, dove camminano le massaie che non hanno le macchine. E’ li che è sporco. Ma è uno sporco antico. Dica ai suoi cittadini che non facciano af�damento sul demotivato Cev. Lo dica loro: sono soli! Il Cev non c’è, non è presente, non riesce. Glielo dica. Magari c’è qualcuno (parecchi a mio avviso) che sotto i cazziatoni delle mogli o delle madri, dentro le loro case si mettono le pattine e poi, quando escono, buttano tutto a

E

’ morto nella sera di Ferragosto Giovanni Botondi. 87 anni da compiere a novembre e una storia intrecciata nel viterbese con quella della Democrazia Cristiana. Era nato in Umbria, nella Valnerina di Ferentillo, nel lontano 1924. A Viterbo il partito individuò lui, un uomo solido, come dirigente locale. Per Botondi la Dc era un partito e una famiglia. Con questo spirito accoglieva tutti nella sede viterbese. Dopo la �ne della Democrazia Cristiana aveva dato sostegno all’esperienza dei Popolari, negli ultimi anni aveva scelto di farsi da parte. I funerali si terranno questa mattina alle 10, nella chiesa di San Pietro a Viterbo.

’ morto un vero democristiano. Un uomo di grande umanità che ha sempre servito il partito. I ricordi sono molti anche se in un momento come questo mi tornano alla mente in maniera un po’ confusa. La morte di

La Democrazia Cristiana sapeva essere partito grazie a uomini come lui Il ricordo di Renzo Trappolini

L

a Democrazia Cristiana sapeva essere partito nazionale anche perché c’erano suoi uomini, di alta formazione politica e amministrativa, che da Roma venivano inviati nelle province, per ascoltare, capire, comunicare e fare da anello di congiunzione tra le esigenze di un progetto generale e i bisogni, le proposte e le prospettive locali. A Viterbo, per molti anni, questo ruolo è stato svolto da Giovanni Botondi che viterbese non era ma

Botondi mi ha scosso e credo abbia scosso tutto il nostro mondo politico, almeno a livello provinciale. Botondi dopo l’esperienza nella Dc approdò nei Popolari. Era un politico profondamente legato alla Democrazia Cristiana e a suo modo ha tentato di porsi come elemento di continuità. Io negli anni l’ho perso di vista, ma so che anche dopo che la Dc si era praticamente disgregata lui ha voluto darsi sempre da fare all’interno di un partito che ha cercato di perseguire gli

stessi obiettivi della Dc. Chi ha fatto, come me, una vita politica attiva si è trovato a volte all’interno di scontri dialettici e di contrasti. Lui invece era un funzionario, un vero elemento di mediazione che con la sua dialettica ha saputo mettere d’accordo molte persone, tentando sempre di fare il bene del partito e combattendo per la sua unità. La notizia della sua morte mi ha lasciato una tristezza profonda. Botondi rappresentava davvero un pezzo di storia. Un

pezzo di storia della Dc, della politica in generale, ma anche della mia storia personale se vogliamo, perché anche io con lui ho condiviso un bel pezzo del mio percorso.

lo era diventato con tutta la sua famiglia, arrivando a morire a ferragosto qui da noi. Per molti anni diresse gli uf�ci della segreteria provinciale Dc, in tempi peraltro non facili di contrasti tra uomini e correnti, aggravati dalla dif�coltà di “tenere” sul piano elettorale. Fu allora insostituibile, intelligente quanto riservato, ma rigorosamente deciso, uomo di collegamento, di moderazione, di richiamo alla concretezza, quando a Viterbo si creavano le premesse per l’istituzione dell’Università, si decideva la localizzazione del nucleare a Montalto, si impostava la trasversale e de�nivano gli obiettivi di sviluppo, quelli ancor oggi non raggiunti. Botondi – lo posso testimoniare

per essergli stato accanto da segretario provinciale Dc – seppe rappresentare un punto di riferimento per tutti, di fedeltà senza retorica ai valori, di comprensione, di sostegno e incoraggiamento. Sempre con l’attenzione alla crescita del viterbese per la quale scommetteva sui giovani e tanti di quelli che oggi occupano posizione di responsabilità in politica e altrove devono a lui molto della loro formazione al senso delle istituzioni e dell’impegno civile. Le cronache non riportavano il suo nome, ma la sua opera è stata determinante nell’assistenza nelle decisioni politiche che riguardavano il territorio e nella preparazione delle attuali classi dirigenti di matrice cattolicodemocratica.

Giovanni uomo era un buono ma rigoroso e severo nei comportamenti. Per lui la bontà d’animo si accompagnava a un rigido senso dell’etica che rifuggiva da ogni furbizia. Un esempio in un mondo, quello politico, che si avviava a teorizzare la prevalenza degli interessi particolari su quello generale. Lui non fece mai parte di questa “corrente” di pensiero.


& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

attualità viterbese

5

Dal 2009 è stato lasciato a se stesso. Gli abitanti di via Romolo Falcioni attendono il miracolo del Comune

Il giardino pubblico dimenticato I

l verde pubblico a Viterbo c’è ma non c’è. A vedere dalle foto il verde c’è ed è pure (fate voi) riserva/foresta naturale perchè dal lontano 2009 non ha più visto un giardiniere occuparsene. Parliamo del giardino pubblico realizzato tra la �ne del 2008 e l’inizio del 2009 dal consorzio di lottizzazione “Carmine 2005” dopo aver costruito cinque palazzine, per oltre 100 abitazioni, tra via Ioppi e via Agnesotti nel triangolo San Pietro, Buon Pastore e Carmine subito fuori le mura di Pianoscarano. Terminati lavori, come sembra prassi comune, i costruttori anzichè pagare gli oneri di urbanizzazione al Comune hanno realizzato tutte quelle opere che erano previste per l’insediamento (collegamenti alla rete fognaria, asfaltatura di Via Romolo Falcioni, parcheggi, spa-

zi per l’allocazione dei cassonetti per i ri�uti, il giardino completo di sette piante di Ontano, cinque panchine, presa d’acqua e percorso pedonale); dal 2009 dopo che un giardiniere (privato) aveva fatto la sua apparizione per una manutenzione il tutto è nel più completo abbandono da quando, si presume, il comune di Viterbo ha ricevuto in eredità tali opere dal consorzio dei lottizzanti. Il prato del giardino è stato sopraffatto dalle erbacce spontanee che hanno nascosto anche le panchine, dei sette Ontani sopravvivono a stento solo quattro perchè l’acqua da quando sono stati impiantati hanno avuto solo quella venuta giù da cielo; molte mamme vorrebbero portare i propri �gli nel giardinetto lontano dai pericoli della strada per farli giocare; ma si possono portare i propri �gli in un posto così? Parliamo in�ne dei cassonetti per i ri�uti: come detto nel comprensorio della lottizzazione sono state realizzate oltre 100 abitazioni, ci sono gli spazi già assegnati sull’asfalto per metterli al servizio delle famiglie ma di cassonetti neanche l’ombra (uno dei costruttori nel 2009 disse che il comune di Viterbo li aveva terminati e doveva ricomprarli). E così ognuno è costretto a caricare i ri�uti in macchina e andare alla ricerca dei cassonetti, i più vicini sono in via Bastianini che quasi sempre sono stracolmi perchè su tale via ci abitano circa 150 famiglie e i cassonetti non sono

Ritrovato un basolato romano e alcune sepolture

Cava degli Zucchi importanti ritrovamenti

O suf�cienti per tutta la popolazione e così si fa il giro di Viterbo alla ricerca di un cassonetto disponibile a ricevere i nostri ri�uti (un amico mi dice sempre che il cassonetto è il miglior amico dell’uomo, dopo il cane, perchè prende tutto quello

che gli dai senza mai reclamare). Gli abitanti di Via Romolo Falcioni siamo �duciosi; chi lo sa se dopo Santa Rosa, come si dice a Viterbo, il Comune fa questo miracolo e si occupa del giardino e dei cassonetti dei ri�uti.

tto metri di basolato romano e due sepolture a inumazione entro fossa, purtroppo rinvenute saccheggiate in antico. E’ quanto è stato trovato nel primo turno di scavo del XIX Campo di Ricerca Estiva della Via Amerina del Gruppo Archeologico Romano presso l’area denominata Cavo degli Zucchi, al confine tra i comuni di Fabrica di Roma e Civita Castellana, che si è concluso il 6 agosto. Lo scavo, cui hanno partecipato volontari provenienti da tutta Italia, Russia, USA

e Francia, ha permesso di recuperare anche molteplici materiali di interesse scientifico, fra i quali spicca una moneta romana. Supporto fondamentale per la buona riuscita della campagna è stato quello del Comune di Fabrica di Roma, che ha sistemato la strada per raggiungere l’area archeologica, ha fornito i mezzi meccanici con cui asportare gli strati di terreno più recenti facendo risparmiare tempo ed energie preziose, e ha aiutato a rinnovare il campo attrezzi.


2 6

attualità viterbese interni

Viterbo & & Viterbo Venerdì1 12 Agosto2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì


& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

attualità viterbese

7

Anticipando la mostra che sarà ospitata a Viterbo dal 19 novembre, spuntano i primi disegni ‘stile Haring’

“...La Pop Art” è già arrivata in città di SIMONA TENENTINI

E

’ proprio il caso di dirlo: la Pop Art arriva in città. Forse rapiti dalle suggestioni di Keit Haring, infatti, iniziano a spuntare a Viterbo piccolo disegni, schizzi improvvisati ed espressioni estemporanee ispirate al genio della cosiddetta ‘cultura di strada’. Uno di questi è stato ‘catturato’ da un rapido �ash in via Mazzini (vedi foto). Emulazione o semplice anticipazione? Forse gli appassionati del genere volevano ‘dare un piccolo assaggio’ della mostra che si terrà a Viterbo dal prossimo 19 novembre, all’interno della Rocca Albornoz. L’evento, “... la Pop Art” , realizzato dal Comune di Viterbo in collaborazione con i.Media s.a.s. e Pubbliwork Eventi, si protrarrà �no al 15 gennaio 2012. Saranno esposte opere di Keith Haring, Mario Schifano, Robert Rauschenberg, Franco Angeli, Roy Lichtenstein, Mimmo Rotella e alcuni inediti di Andy Warhol per la prima volta a Viterbo. La location scelta, la Rocca Albornoz, ha già ha avuto, in passato, la residenza di pittori importanti come Ligabue nel 2006. Originale anche la formula scelta per l’allestimento: al-

le pareti ma anche i mobili del negozio, che avevamo svuotato quasi completamente. Fu un evento indimenticabile. Io feci portare un tavolone, �aschi di vino, bicchieri. La gente entrava a vedere Keith dipingere, si fermava a

l’interno della mostra le opere saranno inserite negli appositi spazi, in modo tale da creare un “itinerario” speci�co per ogni artista con rispettive didascalie recanti il titolo del quadro e l’anno di realizzazione. La manifestazione avrà una risonanza a livello nazionale. Basti pensare che alcune opere saranno posizionate negli esercizi commerciali della città, verranno organizzati eventi collaterali nei giorni della mostra, e saranno presenti a Viterbo visitatori e operatori del settore che avranno la possibilità di prendere contatti con aziende di assoluta rilevanza giunte in città per l’occasione. E, visto il forte richiamo attrattivo esercitato dalla Pop Art, c’è da scommettere

che si tratterà di un evento memorabile sia dal punto di vista artistico che da quello turistico. Del resto si tratta di una forma espressiva già di per sè dilagante in maniera impetuosa. Le parole di Elio Fiorucci al riguardo, sembrano le più indicate per descrivere la portata del fenomeno. In un’intervista, rilasciata subito dopo che Haring, nel 1985, aveva avuto l’incarico di dipingere una facciata del suo negozio di Milano dichiarò: «Invitai Haring a Milano, stregato dalla sua capacità di elevare l’estemporaneità ai gradini più alti dell’arte. Egli diede corpo ad un happening no stop, lavorando per un giorno e una notte. I suoi segni “invasero” ogni cosa,

bere e a chiacchierare. Ventiquattr’ore di �usso continuo; e poi i giornali, le televisioni... In seguito, i murales sono stati strappati e venduti all’asta dalla galleria parigina Binoche.»


2 8

attualitĂ  viterbese interni

Viterbo & & Viterbo Domenica 7 Agosto2010 2011 1 Ottobre AltoLazio AltoLazio VenerdĂŹ


& Domenica 7 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

attualitĂ  viterbese

9


litorale viterbese interni

2 10

Viterbo & & Viterbo Mercoledì1 17 Agosto2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

TARQUINIA - Numeroso ed entusiasta il pubblico che accolto la giornata dedicata ai diritti degli amici a quattro zampe

Il ‘Fido Day’ va oltre ogni aspettativa C

ani di ogni razza ed età protagonisti al “Fido Day”, la manifestazione promossa dall’assessorato al Verde Pubblico del Comune di Tarquinia che si è svolta il 12 agosto, per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi dell’abbandono, del randagismo e sulla tutela dei diritti degli amici a quattro zampe. «È stata una splendida festa. – afferma l’assessore Anselmo Ranucci – Oggi un cittadino su tre possiede un cane con tutti i problemi legati alla sua buona tenuta e alla convivenza con le persone, perché non esistono cani cattivi ma cattivi padroni». L’iniziativa è andata oltre ogni più rosea aspettativa. «Non potevo immaginare tanto entusiasmo da parte del numeroso pubblico presente, in modo particola dei bambini, testimonianza del grande affetto che la gente prova verso questo animale. – prosegue – Ringrazio i proprietari dei cani, Sirio Rotatori e la veterinaria Silvia Boni, i volontari della Protezione Civile e del canile comunale, i presidenti delle associazioni Tarquinia Viva

Sopra i cani ‘bagnini’ della Scuola Italiana Cani Salvataggio; a destra l’assessore Anselmo Ranucci e Pro Tarquinia Maurizio Leoncelli e Paolo Giorgi e i commercianti dei negozi specializzati. Senza dimenticare l’addestratore Daniele Scarantino, il comandante della Guardia

Costiera Lamberto Alessandro e le due unità cinofile della Scuola Italiana Cani Salvataggio». Infine un auspicio. «La speranza è che eventi simili servano a migliorare il rapporto

tra l’uomo e il cane e a far crescere il numero dei bravi padroni. – conclude l’assessore al Verde Pubblico – Il cane non può essere considerato una sorta giocattolo da regalare in particolari occa-

sioni, per poi trasformarlo in un fastidio da liberarsene al più presto. Un giorno forse si

potrà dire che anche l’uomo sarà l’amico più fedele di questo animale».

TARQUINIA - Il concorso avrà come tema il 150° anniversario dell’Unità d’Italia TARQUINIA - Strade vicinali: il consigliere Gambetti scrive al presidente Antonelli

Torna ‘Io pittore per caso’ La mozione da sola non basta N

ella splendida cornice di via delle Torri(nella foto in basso) e di piazza delle Erbe, nel cuore del centro storico di Tarquinia, torna il 19 agosto “Io pittore per caso”, manifestazione organizzata dal CAG, Centro di Aggregazione Giovanile (assessorato alle Politiche Giovanili), in collaborazione con l’Università Agraria e la cooperativa sociale Alice. Talento, creatività, colori e allegria saranno gli ingredienti del concorso di pittura, sul tema dei 150 anni dell’unità d’Italia. Giovani e meno giovani dalle ore 21 si sfideranno quindi a colpi di pennello, per vincere il premio per il quadro più bello. Animeranno l’evento una caccia al tesoro, degli spettacoli per i bambini, la degustazione di prodotti

I

tipici, un mercatino dell’artigianato e, all’ora di cena, un gustoso “pasta e pizza

party”. Grande novità sarà la musica: dalle ore 17 fino a tarda sera si esibiranno in una maratona di note le band che usufruiscono della sala prove del Centro di Aggregazione Giovanile. «“Io pittore per caso” è una festa pensata e nata in modo particolare per i ragazzi. – afferma l’assessore Giancarlo Capitani(nella foto in alto) – Un’iniziativa che è cresciuta negli anni e vede in questa edizione il diretto coinvolgimento dei giovani attraverso il CAG, un centro diventato in pochi mesi un punto di riferimento sociale e culturale della città». Per avere maggiori informazioni su “Io pittore per caso” è possibile chiamare l’ufficio Informagiovani allo 0766/856305 o inviare un’email a informag iovani@tarquinia.net.

l consigliere Alessio Gambetti (Pdl)(nella foto a destra) scrive al presidente dell’Università Agraria Alessandro Antonelli(nella foto in basso). Una lunga lettera per commentare le dichiarazioni di Antonelli che pubblichiamo integralmente: “Esprimo viva e piena soddisfazione per le parole del presidente Antonelli, che sostiene �n d’ora, positivamente, la mozione sull’istituto consortile per le strade vicinali, ma alcune precisazioni, mi sono a cuore. Nessun problema politico, ne tantomeno, si può de�nire l’attenzione per questa strada, di interesse politico, come del resto, “è a cuore l’intera e vasta viabilità rurale”, che oggi ci troviamo a gestire, peggio sentir dire questo, quando per questa strada ormai da tempo si è con�gurato, un pericolo e rischio per la pubblica incolumità, che necessita un celere intervento.

Qui l’interesse è altresì di altra natura, non certamente politica, ma di più elevato valore, perché attiene, ad un coacervo di “elevati interessi”, come quelli culturali, storici-archeologici nonché, naturalistici ed ambientali. Interessi, che dovrebbe vedere anche lei, e che sono indubbiamente, superiori alla mia e alla sua volontà politica, e che come amministratori abbiamo il dovere di perseguire nell’obiettivo di una loro valorizzazione, nel generale interesse della collettività. Per questa strada, si va per interessi, come, l’“Acropoli Etrusca di Tarquinia”; per la “Riserva dei Funghi Ferlenghi”, dove tra poco, circa 800 nostri concittadini dovranno transitare su quel tratto, che, da circa “sei mesi” è franato; ed inoltre, per il “Sic – Sito d’Importanza Comunitaria”. Sgombrato il campo quindi, da strumentali e lontani af�bbiati

interessi, in merito, alla strada in questione, sarebbe invece, il caso, di ravvisare, in questa proposta, una costruttiva e seria azione amministrativa dell’opposizione, che è quella appunto, di addivenire, ad una de�nitiva costituzione dell’istituto del consorzio per le strade vicinali, che come dice il Presidente, è una battaglia che conduce da anni, appunto. “Una porta, quindi, da sfondare, non proprio tanto aperta”, ma ciò che conta ora, è chiudere questa “battaglia”, e magari, grazie anche al lavoro, di questa opposizione. Ecco quindi, la ragione della “mozione” sul tema, che da anni come dice lo stesso presidente, va avanti, e su cui, il Consiglio di Amministrazione, deve essere coinvolto, perché, fondamentale e di necessità ormai, formulare un “atto amministrativo”, avente una forza istituzionale e collegiale.”


& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

litorale viterbese

11

TARQUINIA - Angelo Marini coordinatore del partito: “ In vista delle elezioni siamo aperti al confronto con destra e sinistra”

L’ Udc si preoccupa per la politica locale di ALESSANDRO SACRIPANTI

Siamo preoccupati per la situazione attuale della politica tarquiniese” Con queste parole esordisce Angelo Marini(nella foto a destra), coordinatore dell’Udc di Tarquinia, nel corso di una lunga esposizione di fatti dove mette in evidenza la posizione del suo partito nell’ambito della politica locale. “Mi rendo conto – aggiunge Marini - che l’avvicinarsi delle pros-

sime amministrative locali sta suscitando in molti, stimoli e aspettative più o meno giuste. Il nostro partito preferisce la strada del fare a quella del dire, e ritengo doveroso rimarcare alcuni concetti importanti, primo tra tutti la nostra determinazione nel voler perseguire la linea programmatica dell’Udc nazionale, ed essere motivo di incontro tra destra e sinistra, collaborando con chi mette al primo posto l’interesse del territorio e dei cittadini. Siamo stanchi – tuona Marini

- di vedere tutti, uno contro l’altro solamente per interessi personali. Vorremmo evitare chi preferisce dividere, vivacchiare e rimandare di continuo i problemi, riunendo invece tutti intorno ad un tavolo per cercare di trovare una soluzione più condivisa possibile, evitando magari di non rimanere sulla sponda del �ume ed aspettare il cadavere del nostro amico/nemico passare. È ora di diventare adulti – sottolinea il coordinatore dell’Udc - e far si che la nostra politica venga decisa dal basso, senza interventi di personaggi esterni che intendono accontentare tutti �nendo per scontentare tutti”. A questo punto Marini apre il capitolo politico – “La nostra scelta di collaborare con l’amministrazione Mazzola, ci ha permesso di confrontarci con le reali esigenze locali, contribuendo a importanti decisioni come nel caso della piscina, della chiusura dei lavori per il teatro, dell’avvio del nuovo piano regolatore e del rilancio del Lido, che, risorse permettendo, rimane per noi uno dei punti determinanti

accanto, a settori come agricoltura e turismo. E dunque chiaro – continua Marini - che la nostra partecipazione nella maggioranza sarà il punto di partenza per tutti gli eventuali accordi di programma, anche se la scelta del partito sarà una scelta politica condivisa, senza tuttavia tener conto di rivalse o vendette personali. ’ nostra abitudine confrontarci con tutti, evitando riunioni ‘carbonare’, potremmo non condividere, ma il parlare liberamente potrà alla �ne evidenziare un accordo partecipato e non una decisione guidata. Il ‘ci penso io’ non ci interessa, vogliamo pensarci insieme e confrontarci per un futuro migliore sia per noi che per i giovani. Non mi stancherò mai di dire che l’apporto di più persone oneste e volenterose è il modo per sbagliare meno, e che l’incontro, più che lo scontro, debba essere il nuovo modo di far politica. Per questo – conclude il coordinatore dell’Udc Angelo Marini - vorrei lanciare un appello a tutti per partecipare in modo attivo e determinato al presente e al futuro della

MONTALTO - Le tradizioni dei Butteri rivivono nel parco archeologico

Tutto pronto per il III Trofeo di Vulci S

i svolgerà sabato pomeriggio il III Trofeo di Vulci, dedicato alle più radicate tradizioni locali, quelle dei Butteri, dal fascino indiscusso per tutti gli amanti della Natura, della Storia ed in particolare dei cavalli, compagni inseparabili degli uomini di queste terre. Il Trofeo si svolge all’interno del Parco Archeologico di Vulci, dove è stata realizzata un’ area dedicata alle “Tradizioni Maremmane”, un’arena in legno nella quale sabato pomeriggio si confronteranno alcune delle migliori Associazioni della Maremma Laziale, cimentandosi nelle più spettacolari performance del loro

lavoro, tanto emozionante da ricordare quello dei famosi butteri. Sbrancamenti, prove di abilità, gimkana di vacche: ogni specialità si trasformerà in una competizione tra Uomini della Maremma. Al termine della manifestazione le mandrie di vacche maremmane verranno raggruppate nel tondino ed i cavalieri attenderanno di conoscere il nome della squadra vincitrice. Nella mattina di sabato invece, i visitatori potranno cimentarsi nel Kayak al Laghetto del Pellicone, in compagnia degli istruttori che “inizieranno” a questo sport grandi e piccini.

Sarà dunque possibile passare un’emozionante giornata alla scoperta delle diverse “anime” del Parco: Natura, Archeologia e Tradizioni da assaporare nel Punto di Ristoro del Parco che offre ampia scelta di piatti legati alle tradizioni locali. In attesa dell’evento di sabato pomeriggio, proseguono al Parco le attività, con visite guidate in notturna a tema archeologico (la Necropoli etrusca il martedì e gli scavi della città etrusco-romana il giovedì) e naturalistico (Racconti di Stelle, il lunedì ed il venerdì): per gli eventi in notturna è necessario prenotare allo 0766.89298. www.vulci.it


2 10

regione lazio interni

Viterbo & & Viterbo MercoledĂŹ1 10 Agosto2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio VenerdĂŹ


& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

montefiascone

13

Il preoccupante grido d’allarme circa la situazione dell’ospedale in una lettera del Cotom

Nel pronto soccorso niente ricoveri di MICHELE MARI

Il primo soccorso di Monte�ascone non può più eseguire ricoveri da diversi giorni”. A lanciare questo grido d’allarme è una lettera del Cotom, comitato per la tutela dell’ospedale di Monte�ascone, che da anni si adopera per la salvaguardia ed il potenziamento del nosocomio. Questa volta i membri del sodalizio, in data 13 agosto, hanno scritto una lettera, dove si porta a conoscenza della popolazione di un nuovo disagio, e non indifferente, riguardante il primo soccorso del nostro ospedale. La lettera è stata inviata al direttore sanitario Ausl Vt Dott.ssa Cerimele, al Prefetto di Viterbo Dott.ssa Scolamiero, al sindaco di Viterbo Onorevole Marini, al sindaco di Monte�ascone Luciano Cimarello ed al dirigente sanitario dell’ospedale di Monte�ascone Dottor Guerrini. L’oggetto della lettera/fax è: “Operatività primo soccorso ospedale Monte�ascone”. “Il Cotom -esordisce la missiva- è venuto a conoscenza che, da qualche giorno, il primo soccorso dell’ospedale di Monte�ascone,

non può più eseguire ricoveri. Tali ricoveri vengono eseguiti in parte dall’uf�cio amministrativo ed in parte dal pronto soccorso di Belcolle. La disposizione dei non ricoveri -continua la lettera- è stata emanata in forma verbale, cosi ci risulta; tale disposizione ha prodotto subito la non possibilità di trasferire un paziente dal pronto soccorso di Belcolle al reparto di Geriatria di Monte�ascone dove vi era disponibilità di posti letto”. La causa del disguido secondo il Cotom è dovuto ad una problematica tecnico/burocratica: “Tutto ciò sembra -continua al missiva- sia dovuto ad un fattore tecnico/burocratico (incongruenza del codice di accettazione del paziente). Il dottor Brama, poco tempo fa, aveva ridato la possibilità al primo soccorso di Monte�ascone di eseguire direttamente le consulenze, senza che il paziente venisse trasferito al pronto soccorso di Belcolle dove veniva rivalutato ed eseguita la consulenza”. Nella lettera si aggiunge: “Il Cotom si chiede dove è stato ricoverato il paziente che non è stato possibile trasferire al reparto di geriatria di Monte-

Le serate falische all’insegna della monotonia

La crisi continua nonostante la Fiera...

�ascone, datosi che a Belcolle non vi è il reparto di geriatria. Quanto sopra esposto crea, evidentemente, lungaggini operative e disagi ai pazienti. Il Cotom si aspetta, quanto prima, la risoluzione del problema tecnico/burocratico ed il miglioramento dell’operatività del primo soccorso di Monte�ascone. Miglioramento che gioverà agli operatori

ed ai pazienti”. La missiva conclude: “Certi di un positivo riscontro, forti anche dell’interessamento dei Signori in indirizzo per conoscenza, a cui va il nostro anticipato ringraziamento; ringraziamento che in primis, porgiamo alla dottoressa Cerimele”. La lettera è �rmata dal presidente del Cotom Giorgio Onofri e della vice Rossana Bartolozzi.

L’anniversario del suo arrivo apparso in un articolo de Il Venerdì

Defuk approda a Repubblica I

900 anni di Defuk hanno interessato anche giornalisti della Repubblica nel particolare supplemento del “Il Venerdì”. Infatti nell’edizione del 5 agosto, a pagina 77, è apparso un articolo che parla della 53esima Fiera del Vino (appena conclusa), e la particolare celebrazione del 900esimo anniversario dell’arrivo di Defuk a Monte�ascone. L’articolo è a �rma di Isa Grassano che riportiamo integralmente: “L’Est Est Est di Monte�ascone c’è dal 1111. Quest’anno festeggia perciò i suoi 900 anni. La paternità del nome, secondo la leggenda, si deve a un messo del vescovo Defuk, �ne inten-

ditore del buon bere, che era al seguito di Enrico V di Germania, in viaggio per andare a Roma dal papa. Per poter provare solo i vini migliori, il vescovo mandava in avanscoperta il suo coppiere Martino che, quando trovava una buona produzione, lasciava sulla porta della cantina, la scritta Est, è. A Monte�ascone però rimase talmente soddisfatto che scrisse: Est Est Est”. l’articolo continua: “La cittadina laziale, celebra questa estate l’importante compleanno con le tante iniziative e degustazioni in programma alla Fiera del Vino (�no al 15 agosto). E ricorda anche Defuk, che poi �nì i suoi giorni nella cittadina laziale. Sulla sua tomba (nella chiesa di San Flaviano) una targa di Martino lo ricorda così: Per il troppo Est, qui morì il mio Signore”. M.M.

N

onostante la Fiera del Vino, le serate falische sono corse all’insegna della ripetitività e della noia più assoluta. Si, è vero, c’è la crisi. Le famiglie, essendo diventate più parsimoniose, preferiscono restare a casa per far quadrare i conti. Le borse di mezzo mondo, intanto crollano e con loro i sogni di tanti investitori, risparmiatori e… avventurieri vari.Ma a quanto pare da qualche parte, nei pressi di Palazzo Renzi Doria anche la Borsa delle idee latita o è crollata sotto i colpi della rassegnazione o del bisogna accontentarsi di quel che passa il convento, dal momento che, la geremiade ormai è sempre la stessa, i sodi non ci sono. E va bene, i soldi non ci saranno pure. Ma se per un a festa o una sagra tutto diventa opinabile e relativo, non è così quando si parla, ad esempio, di Illuminazione e di Centro Storico, che sono e restano per qualunque città o paese d’Italia, di Europa e del mondo, il biglietto da visita per chi decida di trascorrervi anche soltanto un’ora.Ebbene provate un po’ a percorre le caratteristiche vie del Centro Storico così belle quanto assai trascurate e sarete assaliti dall’angoscia più assoluta. Provate a scendere quella rampa che collega la parte su-

periore del Centro Storico con la sottostante via nei pressi del supermercato CONAD, via totalmente bua e senza uno straccio di illuminazione. Che penserà mai il povero Cristo che dovrà attraversarla? Di essere capitato nel paese dei lupi? Giocando a mosca cieca e sperando arrivare in fondo alla rampa sano e salvo, il malcapitato se ne guarderà bene di acquistare souvenir e cartoline da spedire ai posteri. Va bene. Abbiamo capito! I soldi non ci sono. Ma per illuminare una via o una fetta di zona, quanto caspita occorre in moneta sonante? Possibile che al solo pensiero di rendere un poco più luminose ed accoglienti le vie del Centro Storico e quelle viciniori, il Comune rischi il default come la Grecia? Suvvia, siamo seri. Ormai lo abbiamo detto e ripetuto una in�nità di volte. Per rendere più accogliente una città non serve allargare la borsa a dismisura. A volte, basta un’ideuzza, basta avere la visuale un po’ più larga, capace di superare gli steccati dell’orticello per rendere più bello per�no un.. camposanto. Allora, Fiera del Vino a parte, ci vogliamo provare, signori Amministratori a fare più bella ed ospitale questa città per tutti i 365 giorni all’anno?

Esposte nella chiesa di Sant’Andrea tre lavori di ispirazione sacra realizzati interamente in legno

Le opere di Pezzato incantano i visitatori U

na mostra molto caratteristica si è tenuta a Monte�ascone in questa estate nella chiesa di San Andrea con esposte le opere di Paolo Pezzato. L’artista ha messo in mostra i suoi ultimi tre lavori che sono tutte opere sacre: tre raf�gurazioni lignee di papa Giovanni Paolo II, di Padre Pio e di Gesù. La mostra si è tenuta nel corso della 53esima Fiera del Vino ed ha ottenuto un notevole successo sia di critica che di pubblico. In particolare l’opera raf�gurante Papa Giovanni Paolo II è stata molto apprezzata, era stata presentata in anteprima nel corso di una conferenza proprio sul precedente ponte�ce tenutasi presso i saloni della Rocca dei

Papi, il 9 luglio, alla presenza del cardinale Angelo Sodano, segretario di Stato Vaticano del papa polacco, il vescovo di Viterbo Lino Fumagalli, di Luciano Cimarello sindaco di Monte�ascone e monsignor Fabio Fabene, of�ciale della congregazione dei vescovi, che è stato il promotore della brillante iniziativa. Le opere eseguite magistralmente da Paolo Pezzato, sono ricavate da un intaglio di oltre 4 centimetri giocando poi sul nero che sta come sottofondo. Il dottor Pezzato, di professione dirigente amministrativo della ASL Viterbo, è bene ricordarlo che lavora in maniera ottimale il legno solo per pura passione. M.M.


& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

comprensorio

15

ACQUAPENDENTE - Le targhe sparse nel territorio parlano della storia e forse del prossimo futuro del paese

Il passato della città affisso sui muri di FULVIO MEDICI

P

asseggiando per le vie di Acquapendente, la nostra attenzione è stata catturata da alcuni curiosi particolari, che ci hanno indotto ad alcune inevitabili riflessioni, soprattutto in merito a ciò che la cittadina aquesiana ha rappresentato in passato, a ciò che rappresenta oggi e cosà rappresenterà domani… ah sì il domani… Il primo particolare lungo la via XV Maggio, in prossimità dei giardini comunali. Nella facciata dell’edificio è ancora affissa una targa, posta al lato del portone d’ingresso con su scritto: ‘Ufficio del Registro – 2° piano’. Sono passate decine di anni da quando detto ufficio è stato soppresso, ma forse proprio per ricordare i vecchi fasti, quella targa è ancora lì, fuori posto, superflua, causa però anche di un altro sentimento, la nostalgia, soprattutto dei più anziani. Questi ultimi, ricordano vivamente, quando Acquapendente era sede anche della Pretura, dell’ufficio delle imposte dirette, sede Vescovile, e al pensiero

il cuore si stringe. L’altra riflessione è in relazione allo stato attuale della città dell’Alto Lazio, tra poco, probabilmente,l’ultimo comune della regione con la prossima annessione di Proceno al comune aquesiano, è relativa alle strutture che si occupano dell’importante

tema dell’istruzione, della cultura: In piazza della costituente affissa al muro della facciata del palazzo accanto al portone c’è la targa che riporta la scritta ‘Scuole elementari’, completamente scheggiata e ridotta a cimelio. Alle scuole medie, la situazione

non è migliore: la targa posta all’esterno, e dedicata all’illustre concittadino Girolamo Fabrizi è completamente illeggibile. Sede della cultura di tutto il comprensorio e prima scuola media, ricopriva il ruolo di unica sede, atta all’inizio della vera e propria preparazione

personale. Due targhe che invece di ricordarci, quale ruolo abbia avuto in passato e oggi, Acquapendnente, ci danno la vera sensazione di ciò che la scuola, purtroppo significhi. Una terza riflessione ci è venuta spontanea, quando siamo andati a parcheggia-

re in via dell’Annunziata, nella piazza intestata alla memoria della medaglia d’oro, Maresciallo Dionisi, ricordandone chiaramente la cerimonia d’intitolazione. Dell’allora ‘festa’ in onore di un nostro eroico cittadino, non resta che un ricordo, viste le condizione di totale distruzione della targa, posata al lato destro della piazza. Quasi un grave oltraggio alla memoria di chi ha sacrificato la propria vita per l’ordine e la sicurezza. Da tempo denunciatene la condizione, ma fino ad ora nel medesimo stato. Ed allora il nostro ricordo va a quando Acquapendente era sede di Sezione dei Carabinieri, oltre che essere sede della stazione dell’Arma, punto di riferimento di tutte le stazioni del mandamento. Forse queste riflessioni ci hanno fatto ricordare meglio cosa rappresentava Acquapendente per gli aquesiani e per un intero territorio e quanto oggi sia distratta, intellettualmente un po’ ‘scaduta’ e quel che è più grave poco riconoscente verso i suoi eroi. Pensiamoci visto che da oggi andremmo a visitare la mostra….Ricordi in Rosa…

ACQUAPENDENTE - Foto mozzafiato e contenuti carichi di passione scritti da Anna Capresca LUBRIANO - In concerto il leader dei Costa Volpara

Un nuovo look per la guida del Pellegrino La grande musica estiva L

a stupenda cartografia e le fotografie mozzafiato del Gruppo Design fotografia multimedia “Graphisphaera” ed i testi curati da Anna Caprasecca (Cooperativa L’Ape Regina) e Ufficio Turistico Comune di Acquapendente, formano il “cuore” della nuova guida del Pellegrino “La Via Francigena in Acquapendente” distribuito dal Gruppo “Cavalieri di S.Ermete” durante la cerimonia religiosa svoltasi alle ore 11.00 di Domenica 14 Agosto presso la Concattedrale Basilica del Santo

D

Sepolcro. La sorta di “benvenuto ad Acquapendente” condensa in 15 pagine tutte le informazioni utili che potranno servire a tutti i turisti per muoversi ad Acquapendente e trovare le strutture di cui avere bisogno. Coloro che ne usufruiscono potranno segnalare carenze o eventuali inesattezze contattando il 0763-7309206 (Ufficio Turismo Comune di Acquapendente responsabile Sergio Pieri “Mek”. Facendo un servizio utili anche a tutti coloro che ne potranno usufruire in futuro”.

opo una intensa programmazione estiva, che ha visto il susseguirsi di innumerevoli manifestazioni Il 18 Agosto a Lubriano (VT) presso L’an�teatro di Parco “Giandomenico Pistonami” in località Antonello Giovani . Budano Leader della Costa Volpara con un suggestivo quartetto, reinterpreterà le canzoni dei più grandi cantautori Italiani e nel suo progetto solista, presenterà alcuni dei suoi brani editi e inediti. Verrà af�ancato da: Cristiano Pizzati (Chitarra Classica), lo storico chitarrista polistrumentista autodidatta della Costa Volpara;

Piero Ranucci (Contrabbasso), proveniente dalla musica Classica con percorsi artistici al �anco di Noti cantautori cantautori quali Umberto Bindi e Renato Zero; Alex Barberis (Percussioni), Docente Batterista Romano di fama internazionale, Endorser delle prestigiose marche (2BOX), (MAPEX), (VIC FIRTH), (UFIP). Aprirà il concerto di Antonello G. Budano, l’Attrice e Cantautrice italiana Marialaura Ronzoni, per anni sulla scena dublinese, che riporta in Italia il suo bagaglio artistico della tradizione Folk Cantautorale.

BOLSENA - Sul palco hanno sfilato i gruppi di giovani del paese BAGNOREGIO - Torna la classica manifestazione gastronomica

Successo per le band al lungolago Scatta l’appuntamento con il coniglio G

rande successo di pubblico per la manifestazione “BOLSENA BAND IN CONCERTO” svoltasi il 13.08.2011 sul Lungolago di Bolsena, organizzata dal Centro Musicale Bolsena, con il patrocinio del Comune. Si sono esibite Band Bolsenesi già note come la PICK’ UP BAND e Band giovanili come YOUNG BAND; I VELZNA ; MR. WOLAND; WITHOUT NAMES ed i più maturi NATI XCASO, queste ultime Band stanno crescendo grazie alla nuova realtà cittadina del Centro Musicale Bolsena, nato da appena un anno e già diventato il maggior punto di aggregazione, incontro e studio della

T

Musica per ragazzi Bolsenesi e non, di tutte le età, che credono nel valore della Musica come mezzo per esprimersi, confrontarsi, conoscersi,

discutere e divertirsi, sia da soli, apprendendo l’uso dei vari strumenti musicali, che insieme con la costituzione di Gruppi.

agliatelle fresche all’uovo con ragù, preparati di coniglio come hamburger e rollè, coniglio fritto: preparato con uovo e pane grattato e coniglio in salmì: con aglio, capperi, alici, salvia buccia di limone e poi coniglio ripieno: con patate, �nocchio aglio e olive. A Bagnoregio la terza domenica di agosto è ormai da 5 anni dedicata all’appuntamento con il coniglio. Dal 19 al 21 agosto tutti “A tavola con il coniglio”. Per chi si recherà a Bagnoregio può visitare Civita su una collina di argilla e ha mantenuto intatta la sua struttura medievale. Un ponte la unisce a Bagnoregio, che sembra sospeso sul nulla. Le due cittadine si trovavano un

tempo nella zona chiamata Balneoregium dallo stesso re Desiderio che pare abbia miracolosamente curato una malattia con le acque termali di questa zona. La fonte curativa dovrebbe esistere ancora oggi (fonte delle Colonne zona chiamata dell’Uncino)

, che un tempo era possibile raggiungere con una stradina che partiva dalla chiesa di Santa Maria della Maestà, oggi non più esistente perchè crollata nel 1695. Un tempo era possibile entrare da 5 porte, ma oggi l’entrata è una sola, e decisamente visibile!


comprensorio

16

Viterbo & Mercoledì 17 Agosto 2011 AltoLazio

VIGNANELLO - L’edizione numero quarantadue, che doveva portare lo sperato cambiamento, ha riproposto i soliti schemi

Festa del Vino, ennesimo flop di SIMONA TENENTINI

F

esta del Vino di Vignanello: si sono chiusi i battenti. Si è archiviata infatti lunedì sera la quarantaduesima edi-

zione dell’evento che, ormai, si ripropone ogni anno sempre uguale a se stesso. Era il 2009 quando su facebook alcuni ‘appassionati del genere’ scrivevano: “Amare signi�ca non dover mai dire

................ mi dispiace. Amare la Festa del Vino vuol dire non riproporre stancamente ogni anno le stesse cose, bensì rinvigorire e innovare la tradizione. Questo gruppo è stato creato per proporre, a chi ama questa festa, di trasferirla nel centro storico, compresa piazza e rupe sotto il castello, per valorizzare oltre ai prodotti gastronomici anche la nostra storia. Che cosa ne pensate? P.S. Speriamo sia �nita la variante!” La variante, dall’epoca, è stata portata a termine, mentre lo stesso non si può dire delle priorità evidenziate in questa descrizione, quasi profetica. I cambiamenti che si sono avuti in seno alla pro-loco, insomma, non hanno prodotto conseguenze rilevanti, dal punto di vista dell’organizzazione, di uno degli eventi più amati dalla cittadinanza. Il luogo deputato per i festeggiamenti è rimasta la ‘Colonnetta’ e non il centro storico, si sono moltiplicati i banchi di venditori ambulanti

con ogni genere di mercanzia di valore discutibile, e i punti ristoro dove bere e mangiare hanno fatto registrare il consueto pienone. Con le inevitabili conseguenze, ovvero, �le interminabili per degustare i famosi piatti tipici (?), e lunghe ore trascorse in tavolinate confuse e confusionarie. A ciò bisogna aggiungere il �op dei pochi eventi di spessore, come le degustazioni guidate, che hanno riscosso uno scarsissimo successo e le rare persone presenti alle esibizioni di musica live, programmate negli stessi orari in cui i visitatori sono tutti intenti ad abbuffarsi. In de�nitiva, una delusione su tutta la linea, sia per coloro che vedevano quest’edizione come quella del fatidico cambiamento, sia per i turisti che, richiamati dalla fama di manifestazioni simili ma di tutt’altro spessore (vedi Castiglione in Teverina) , se ne sono andati con lo stomaco pieno, certamente, ma con un certo non so che di insoddisfazione.

BOMARZO - Previste visite guidate

Il trionfo dell’iperspazio nel Museo Pierelli

ORTE - In paese circolano insistenti indiscrezioni su tale eventualità

Possibili assunzioni in vista? I

l gruppo consiglirae Centrosinistra per Orte lancia l’affondo contro l’amministrazione comunale. L’oggetto degli strali sono i rumors insistenti che circolano in paese riguardo probabili assunzioni. Ecco il comunicato inviato da Giuseppe Puicchiarelli e Gianrenato Nori: “Ad Orte, in gran silenzio, assumono una dozzina di giovani! Finora non abbiamo trovato atti scritti: si dice di contratti a termine della durata di due mesi rinnovabili, di una retribuzione di alcune centinaia di euro mensili, per un impegno dedicato al controllo di pratiche per impianti fotovoltaici, svolto all’interno del palazzo destinato all’università. Si dice di un progetto che la GSE (Gestore Servizi Energetici: SpA italiana controllata dal Ministero dell’Economia) ge-

stisce con il CIRDER (Centro Interdipartimentale di Ricerca e Diffusione Energie Rinnovabili dell’Università di Viterbo). Alcuni cittadini ci hanno riportato dubbi che vorremmo contribuire a dissipare. Ci piacerebbe conoscere chi ha avuto la possibilità di sapere in anteprima di queste assunzioni e da chi. Ci piacerebbe sapere chi ha avuto quindi la possibilità di inviare il curriculum e di svolgere il colloquio, dove e come. Vorremmo inoltre sapere se l’amministrazione comunale ne era a conoscenza, come a noi hanno detto, e sopratutto vorremmo sapere le eventuali iniziative che ha posto in essere per informare tutti gli interessati, TUTTI e non pochi eletti, per fare in modo che TUTTI potessero partecipare alla selezione e che l’università o chi per lei godesse della pro-

fessionalità dei migliori, e non solo di chi ha avuto la sof�ata giusta. Certo, è davvero un brutto momento per l’Italia. C’è la crisi che affama le famiglie e toglie ai giovani la speranza del futuro. C’è un governo che dopo aver negato persino l’esistenza della crisi stessa é stato costretto a correre ai ripari, con una manovra iniqua che invece di

dare risposte non fa altro che peggiorare la situazione rendendo l’Italia un paese sempre più ingiusto. Ad Orte, come magari altrove, dobbiamo considerare addirittura un privilegio essere messi nelle condizioni di poter partecipare ad una selezione per un contratto precario. Come dire: la precarizzazione della precarizzazione.” (Sim.Ten.)

FABRICA DI ROMA - Rinvenute numerose testimonianze di elevato valore archeologico

Cavo degli Zucchi, conclusi gli scavi R

iceviamo e pubblichiamo: Sabato 6 Agosto si è concluso il primo turno di scavo del XIX Campo di Ricerca Estiva della Via Amerina del Gruppo Archeologico Romano presso l’area denominata Cavo degli Zucchi, al con�ne tra i comuni di Fabrica di Roma e Civita Castellana. Lo scavo, cui hanno partecipato volontari provenienti da tutta Italia, Russia, USA e Francia, ha permesso il recupero di 8 metri di basolato romano e di due sepolture a inumazione entro fossa, purtroppo rinvenute saccheggiate in antico. Tra i molteplici materiali

di interesse scienti�co, si segnala la presenza di una moneta romana. Supporto fondamentale per la buona riuscita di questa campagna è stato quello del Comune di Fabrica di Roma, che ha sistemato la strada per raggiungere l’area archeologica, ci ha fornito i mezzi meccanici con cui asportare gli strati di terreno più recenti facendo risparmiare tempo ed energie preziose, ci ha aiutato a rinnovare il campo attrezzi sostenenendoci ampiamente in ogni maniera possibile; lo ringraziamo in�nitamenteper la disponibilità.

F

in dalla metà degli anni Cinquanta il lavoro artistico di Attilio Pierelli si è strutturato come ricerca spaziale. Dalle prime opere, che indagavano uno spazio simbolico, superfici che celavano realtà nascoste, Pierelli presto si è rivolto a una ricerca lucida e “matematica” che gli ha permesso di cogliere i riflessi della materia. L’acciaio inox è diventato il suo materiale prediletto. Fino a oggi il lavoro di questo artista-scienziato è avanzato con rara forza poetica attraverso la ricerca meticolosa degli aspetti progettuali. Gran parte del suo lavoro è, oggi, raccolto nel Museo delle Sculture Iperspaziali, voluto e concretamente realizzato dall’artista nel 1991 a Bomarzo. Qui, la ricerca artistica di Pierelli, si è condensata e ha trovato un suo momento di stasi riflessiva. Il Museo rientra nel problema conoscitivo di Attilio Pierelli, che ha acquistato, per realizzarlo, un edificio industriale in disuso, ex tabacchificio e prima ancora laboratorio artigianale di ceramica. Lo scultore lo ha ristrutturato, mantenendo inalterato il suo valore di patrimonio storico, con una operazione di riuso tesa a sottolinearne, tra l’altro, il rapporto con lo spazio circostante. Bomarzo è, di fatto, un paese con una storicità visibile, legato alla famiglia Orsini, famoso per il suo Parco dei Mostri, che, tutt’oggi restituisce all’ambiente circostante un’atmosfera incantata. Il Museo si specchia e al tempo stesso rispecchia il Parco, dando continuità storica alla tradizione del

posto. Calandosi in questo luogo, ovunque emergono gli spiriti profondi dell’essere, i simboli nascosti. È un percorso segnato, una sorta di mappa storico misterica. Nella proposta di Pierelli le opere seguono il percorso della sua stessa ricerca. Il Museo appare e si pone come mappa. E’ una mappa conoscitiva, in senso temporale perché segue il percorso “evolutivo” del suo lavoro, e in senso spaziale perché la ricerca si appunta proprio sul significato simbolico dello spazio. La scelta di Pierelli non è casuale, è innanzi tutto la storicità del luogo a sottolineare la continuità della ricerca dello scultore, non una ricerca individuale, ma collettiva, universale. Il Museo delle Sculture Iperspaziali non è solamente una raccolta di opere dell’artista, ma, è, esso stesso, vera e propria opera. Questo appare evidente se si accosta l’iter progettuale di una singola opera a quello del Museo stesso. In entrambi i casi l’artista si pone con l’umiltà dell’ipotesi e mai con la certezza della verità. Pierelli modella percorsi segnici, relazioni che mutano i rapporti tra lo sguardo e lo spazio esaltando l’immaginario razionale. La possibilità immaginativa della razionalità scientifica trova nel Museo di Bomarzo il suo sbocco migliore e più rapido attraverso l’intuizione. Il museo di Bomarzo è visitabile il sabato e la domenica dalle 16.00 alle 18.00 e gli altri giorni su prenotazione. È possibile usufruire di visite guidate. Per info.: Tel.0761/ 378585 – 3286941483.


& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

cultura e spettacoli

17

Prende il via stasera a Vallerano l’attesa kermesse giunta all’undicesima edizione

Piccole Serenate Notturne, si apre il sipario

di FORTUNATO LICANDRO

T

utto pronto per la XI edizione di “Piccole Serenate”. Il tradizionale evento musicale di Vallerano avrà inizio stasera. Ad aprire le danze ci penserà la “Piccola Orchestra Mutinae Plectri”. L’evento, organizzato dal Comune di Vallerano e insieme all’associazione culturale Musicultura, terminerà il 27 agosto. I direttori artistici, i maestri Emiliano Di Vozzo e Maurizio Gregori, fondatori nel 2001 delle “Piccole Serenate” valleranesi e ricercatori di nuovi percorsi sonori da proporre a un pubblico che, negli anni, è diventato sempre più esigente, propongono per questa XI edizione del Festival quattro appuntamenti musicali da non perdere. Tutte le esibizioni si svolgeranno nell’incredibile teatro naturale di piazza dell’Oratorio, scorcio mozza�ato del bellissimo centro storico di Vallerano nonché ambiente adatto a ospitare concerti all’aperto. Ad inaugurare le “Piccole Serenate” ci penserà quest’anno la “Piccola Orchestra Mutinae Plectri”. Si tratta di una orchestra a plettro composta da mandolini, mandole e chitarre che propone uno spettacolo dal titolo Serenata

Pizzicata con musiche di Morricone, Piazzolla, Myers, De Andrè e brani originali. Nella prima metà del 1900 a Modena era molto attiva la pratica del suonare il mandolino e gli altri plettri della famiglia in formazioni che andavano dal duo mandolino-chitarra �no alle vere e proprie orchestre: a tali formazioni erano af�date esecuzioni assai apprezzate di

trascrizioni operistiche oppure di musiche originali. Inserendosi in questa tradizione, Maria Cecilia Vaccari e Paolo Toffanetti (mandolini), Giampaolo Parmeggiani (mandola) , Marco Pisa (mandolino) e Corrado Barbieri (chitarra) suonano insieme da anni in formazioni varie, più o meno ampie, che hanno avuto come denominatore comune l’ interesse per lo studio e la

riscoperta del patrimonio di musica a plettro della zona emiliana. Insieme a loro anche Davide Pancetti (mandolino) e Piergiorgio Pecorari (chitarra). Martedì 23 agosto sarà poi il momento della “Roma Termini Big Band”. Il nome è stato scelto perché la stazione Termini è il nodo di scambio e il centro ideale della città di Roma. Lo scopo della Big

Band è quello di diffondere la musica di tutti quei compositori che hanno saputo creare un linguaggio universale (Evans, Ellington, Hendrix, Nestico, Gillespie, Piazzolla, Mingus, Zappa). E’ composta da musicisti provenienti da diverse esperienze musicali uniti dalla passione per la musica e dalla voglia di creare qualche cosa di diverso. Quella del 25 agosto sarà, invece, una serata tutta dedicata alla musica latina.Dalla Spagna al Brasile, dal samba alle Antille, dalla morna di Capoverde al Flamenco in un interessante spettacolo proposto dalla formazione polistrumentale “Fragua Latina”. Per il quinto anno consecutivo, il Festival Piccole Serenate Notturne si chiuderà il 27 agosto con un evento di grande fascino ed unico nel suo genere: la “Notte delle Candele”. Ventimila lumi rischiareranno completamente il centro storico di Vallerano, le luci esalteranno i contorni degli archi, delle case e delle chiese, incorniceranno porte e �nestre, seguiranno i percorsi di scalinate e vicoli, creando un’atmosfera magica, intima e surreale. Inoltre, tanta musica con una serie di spettacoli in contemporanea che animeranno le piazze del centro

storico dove sarà anche possibile degustare vini e prodotti locali. Ospite della serata, per il secondo anno consecutivo, l’ “Emu Fest”, il Festival Internazionale di Musica Elettroacustica, organizzato dal Conservatorio di Santa Cecilia di Roma. Con la partecipazione dell’Emu Fest alla Notte delle Candele l’Associazione Musicultura intende consolidare l’impegno costante, avviato negli anni, nella ricerca di collaborazioni e di nuove sperimentazioni.

Un’iniziativa nata per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia Gli Eposillabici in viaggio tra Anzio, Rimini e la Tuscia

Il teatro Mancinelli apre le porte In bici tra poesia P er accompagnare le celebrazioni di quest’anno per i 150 dell’Unità d’Italia, il Teatro Mancinelli apre le sue porte per partecipare all’iniziativa “Visita a Teatro”. Un’occasione in più per i cittadini ed i turisti per conoscere il pro�lo storico e artistico del teatro di Orvieto ed il suo legame con l’epoca risorgimentale in cui venne edi�cato. Dopo aver ricevuto un grande favore di pubblico nelle scorse stagioni turistiche, l’iniziativa “Visita a Teatro” mira ad inserire l’antica struttura architettonica del Mancinelli in un circuito che arricchisca ulteriormente la già ampia offerta monu-

mentale del centro storico orvietano, contribuendo così a valorizzarne il patrimonio culturale. Dopo essere stati accolti dall’elegante facciata in stile neoclassico, i visitatori, passando per il Caffè del Teatro e poi per la hall ricca di pitture, potranno ammirare la platea e i suoi 4 ordini di palchi �nemente decorati. Inoltre, verranno accompagnati nell’ambiente dalla meravigliosa “Danza delle Ore” di Cesare Fracassini sul plafond, le 3 muse dell’arco armonico e i rispettivi simboli, la buca dell’orchestra, l’ampio palcoscenico e la riproduzione (l’originale è momentaneamente esposto

arte e cultura C

alle “Of�cine Grandi Riparazioni” di Torino, sede della mostra che, in occasione dei 150° anniversario dell’Unità d’Italia, ripercorre la storia della nostra nazione dal 1861 ad oggi) del famoso sipario storico, sempre di Fracassini, “Belisario libera la città di Orvieto dall’assedio dei Goti”: un episodio “storico” in quanto tratto dal De Bello Gothico di Procopio di Cesarea avvenuto nel 535 d.C. Lo storico orvietano Alberto Satolli ha messo in evidenza come, nel gruppo centrale rappresentato nel sipario, il pittore volesse alludere al tricolore: Belisario, infatti, che indossa un mantello rosso, è su un cavallo bianco, mentre il palafreniere accanto a lui è vestito di verde. Raggiungendo il terzo ordine, i visitatori potranno continuare ad apprezzare le meravigliose opere d’arte del

Mancinelli ritrovandosi all’interno dell’elegante foyer, decorato a grottesche che richiamano il mondo classico rinascimentale, utilizzato oggi per matrimoni civili, convegni, meeting ed altro. L’iniziativa “Visita a teatro” proseguirà per tutta la stagione turistica. E’ possibile visitare il teatro dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle 18. Il biglietto d’ingresso per la visita è di 2 euro (ridotto per studenti 1 euro). Per i residenti e i Soci Amici del Teatro della Stagione 2010/2011 l’ingresso è gratuito. Le visite guidate dell’intero edi�cio, su prenotazione, sono invece riservate ai gruppi al costo di 5 euro a persona (ridotto per studenti euro 4). Per maggiori informazioni: 0763/340422. (F.L.)

i è possibile pensare oggi ad un viaggio diverso, lontano dai contemporanei consumistici backpackers, collezionisti di foto ed oggetti edonistici? Non è molto semplice, come sembra, ma la poesia, fortunatamente ancora esiste ed è riuscita anche in questa impresa. Così, domenica 14 agosto la cittadina di Viterbo ha assistito ad un arrivo poetico entusiasmante presso “Ejelo, la bottega del Gojo” in via Saf�, quello degli Eposillàbici Ugo Magnanti e Fabrizio Lenza partiti da Rimini, approdati in bicicletta nella magica terra della Tuscia, con l’accoglienza di Dona Amati e di molti altri cultori della parola poetica. Il viaggio dei ciclisti ha toccato le città di Urbino, Gubbio, Perugia, Todi per arrivare il 16 agosto, dopo una tappa a Cerveteri, alla destinazione �nale, la città di Anzio, chiudendo un simbolico cerchio storico. “EpoSillàBici” (il poeta ed il geometra) da Rimini ad Anzio in bicicletta, è stato un evento di poesia, cicloturismo, ecologia, cultura, cittadinanza che in poco meno di una settimana ha attraversato città e luoghi storici, ricordando nel 150° anniversario dell’Unità d’Italia, Amilcare Cipriani

patriota legato umanamente e storicamente alle città di Anzio e di Rimini. Il viaggio storico-culturale e poetico di Ugo Magnanti e Fabrizio Lenza, ha incontrato happening poetici on the road, incontri estemporanei e interviste con poeti, scrittori, artisti dei territori, ed è stato documentato con la realizzazione di immagini (foto e video) sui luoghi, i monumenti, le tradizioni e le persone incontrate, le costruzioni storiche di eccellenza artistica, le positività e le criticità delle varie edilizie contemporanee, per una sensibilizzazione civico-ecologica, ambientale e culturale. L’incontro per il ‘passaggio’ degli ‘EpoSillàBici’ a Viterbo è stato organizzato da Dona Amati che ne ha curato anche la conduzione. Giovanni Faperdue, noto giornalista e scrittore viterbese ha introdotto la serata, illustrando le caratteristiche storiche e di costume del territorio della Tuscia. A seguire l’accoglienza poetica di: Vincenza Fava, Monica Osnato, Gianni Piacentini, David Di Marco, Candida Proietti, Lorena Paris, Maria Grazia Landi, Ambra Loreti e Lorenzo Ciufo.


2 14

comprensorio interni

Viterbo & & Viterbo Mercoledì 3 Agosto2010 2011 1 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

VxxxxxxxxxLO - La banxxxxxxxxxxxxxtisti

xxxxxxxxxxxxxxxx di SIMxxxxxxxxxxxxTINI

VxxxxxxxxxxO - Unaxxxxxxxxx

‘xxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxxxxxA - Si è conxxxxxxxxxxrsone

xxxxxxxxxxxxxxx Vxxxxxxxxxx - Organxxxxxxxxle

xxxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxx

SxxxxxxxxxxxxO- Visxxxxxxxxxxxis

xxxxxxxxxxxxx

Foto A.Di Palermo


& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

cultura e spettacoli

19

Una piazza gremita ha accolto lo storico gruppo portabandiera del progressive rock

Le Orme fanno ballare Civitavecchia di ROBERTA FRASCARELLI

U

n concerto molto atteso, piazza gremita venerdì sera all’interno del Summer Village di Tarquinia lido, in tanti accorsi da tutto il comprensorio per seguire il concerto delle Orme, la mitica band portabandiera del prog e prossima ad una tournee con il Banco del Mutuo Soccorso. Si è consumato un banchetto rock per tutti i “nostalgici” della buona musica. Il concerto delle Orme, organizzato da Assotur93 e patrocinato dal Comune di Tarquinia, è stato uno dei momenti vintage più belli dell’estate 2011 lungo il litorale tirrenico. Uno dei gruppi più longevi del panorama musicale italiano. Anche se in formazione (quasi) del tutto rifondata, capitanata dall’inossidabile Miki Dei Rossi batterista storico del gruppo ed uno dei fondatori, assieme a Tony Pagliuca ed Aldo Tagliapietra, con lui Michele Bon alle tastiere, Fabio Trentin al basso, chitarra e voce, Jimmy Spitaleri alla voce, Federico Gava al pianoforte, William Dotto alle chitarre. I sei musicisti sul palco hanno regalato forti emozio-

ni presentando il loro ultimo lavoro “La via della seta” e riproponendo i grandi successi che hanno accompagnato il gruppo veneziano lungo il sentiero di diverse generazioni, da “Gioco di bimba”, ad “Amico di ieri” anche in versione unplugged, fino all’”Uomo di pezza”. “Siamo passati da un quartetto ad un sestetto

– ci ha raccontato Michi Dei Rossi nell’intervista pre-concerto registrata al ristorante L’Olivo di Tarquinia – mai cambiando il nostro stile, i fan ci seguono per questo, crediamo anche molto nel buon progressive italiano, meno nei format televisivi che illudono i giovani, ambiziosi di intraprendere la carriera di musicista.”

FOTOSERVIZIO DI GIOVANNI INCORVAIA


SPORT

� � �

21

Mercoledì 17 Agosto 2011

PODISMO - Bella cornice di pubblico per la prima edizione della locale maratonina

Berni e Garofali, primi acuti a Bassano Romano C

irca cento podisti, agonisti e non, si sono dati battaglia sabato scorso sui 7 km della 1^ Maratonina Città di Bassano Romano. Nel settore femminile ha trionfato l’oriolese Rosa Berni dei Liberi Podisti, atleta di spicco del

mondo podistico amatoriale, che ha tagliato il traguardo in 26’20”, mentre tra gli uomini si è imposto, con il tempo di 22’53”, Fabio Garofali della Polizia Penitenziaria Verona. Impeccabile al debutto l’organizzazione della ASD Poli-

sportiva S.Maria Assunta 2011, prodiga di premi per tutti i partecipanti ed il ricco buffet �nale. Un gran bel pomeriggio sportivo sulle strade di Bassano Romano, con la prossima edizione che potrebbe essere ritardata alle 19.

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

RUGBY

Ottima prova e sei punti per Riccardo Bocchino Il mediano viterbese ha contribuito in modo sostanziale al successo dell’Italia sul Giappone di GLAUCO ANTONIACCI

U

na vittoria buona per il morale e per dare indicazioni al tecnico Nick Mallett che, da qui al via dei Mondiali in Sudafrica, ha bisogno di scegliere la formazione migliore e più af�dabile. L’Italia del rugby ha superato per 31-24 il coriaceo Giappone nel Test match disputato sabato sera a Cesena e una parte importante in questo successo l’ha avuta anche Riccardo Bocchino (nella foto), il mediano viterbese che è passato dall’essere uno degli indiziati al taglio nella rosa dei trenta ‘mondiali’ al giocare per la prima volta dall’inizio in un Test match. Bocchino, preferito in questa occasione al più esperto Orquera, ha servito a Matteo Pratichetti il pallone che ha consentito al centro azzurro di segnare la prima meta dell’incontro ed è stato particolarmente freddo anche nelle trasformazioni delle mete, mettendosi in evidenza con un pregevole 3/3 al piede. Di fronte c’era però un Giappone che non si è fatto certo scoraggiare dal 14-0 Italia dei

primi dodici minuti, ma anzi ha reagito ed è andato al riposo addirittura in vantaggio per 17-14 mostrando buona organizzazione ed alcune individualità interessanti; in avvio di seconda frazione la meta del tallonatore Ghiraldini, trasformata ancora una volta da Bocchino, ha riportato avanti gli Azzurri che hanno sofferto un po’ nel �nale ma sono riusciti ugualmente a portare a casa il successo.

Bocchino è stato sostituito al 12’ del secondo tempo da Luciano Orquera, con cui sarà costantemente in ballottaggio per il ruolo di mediano di apertura, ma la sua prestazione va considerata ugualmente positiva. “Sono contento di come la linea arretrata, che era molto giovane, ha giocato per un’ora – ha commentato un soddisfatto Mallett -. Ma va detto che la partita è stata vinta grazie alla prestazione

degli avanti: non è una novità che siano il nostro punto di forza. Nei primi venti minuti siamo stati noi a fare la partita e tutta la squadra ha fatto il proprio lavoro”. Sabato sera la nazionale azzurra sarà impegnata nel secondo ed ultimo Test match di questa preparazione, stavolta in trasferta contro la Scozia a Murray�eld: probabile che Mallett schieri dall’inizio Orquera in una logica di alternanza con Bocchino, ma è altrettanto certo che per il giovane viterbese ci sarà spazio a partita in corso e ci sarà dunque modo di accumulare l’ottava presenza della sua carriera con la maglia azzurra. L’obiettivo restano però i Mondiali che si disputeranno dal 9 settembre al 23 ottobre in Nuova Zelanda. L’Italia, inserita nel girone con Australia (fuori portata), Irlanda (dura), Russia e Stati uniti (abbordabili), ha la possibilità di lottare per il secondo posto nel girone e per quel traguardo dei quarti di �nale che non ha mai raggiunto nella sua storia da quando ci sono i Campionati del Mondo.

TIRO CON L’ARCO - L’atleta tarquiniese può centrare la medaglia alle Universiadi

Anastasio all’inseguimento del bronzo

P

rima la delusione della gara individuale, poi la speranza, ancora in piedi, di trasformare quella delusione in una bella medaglia e un’altra freccia, è proprio il caso di dirlo, ancora da scoccare. Anastasia Anastasio (nella foto) sta partecipando alle Universiadi di Shenzhen, in Cina, ed è in corsa per il terzo gradino del podio nella prova mista del Compound. L’arciera tarquiniese, infatti, è stata chiamata a rappresentare l’Italia insieme a Jacopo Polidori essendo risultata la migliore azzurra come punteggio di quali�cazione individuale; il binomio composto dalla Anastasio e da Polidori ha iniziato il cammino nel tabellone ad eliminazione diretta eliminando senza particolari dif�coltà Singapore, poi si è imposto al termine di una gara spettacolare ai danni della Francia, superata per 13-12 dopo una battaglia entusiasmante. In semi�nale

la squadra italiana si è trovata davanti l’ostacolo più duro, vale a dire la fortissima Corea, e non ha potuto far altro che arrendersi alla consistenza e al valore della testa di serie numero uno del tabellone misto. Niente �nale per l’oro, quindi, ma la possibilità, domani mattina, di aggiudicarsi il bronzo

a patto di riuscire a prevalere sull’Iran, avversaria tutt’altro che agevole da scon�ggere. Un’eventuale medaglia sarebbe una bella soddisfazione per la Anastasio, decisamente delusa dopo la prova individuale; l’atleta tirrenica aveva centrato il secondo punteggio più alto in assoluto della fase di

quali�cazione (683) ad un solo punto di distanza dalla francese Chesse, ma le sue speranze di podio si sono infrante già al primo match ad eliminazione diretta, quando è stata scon�tta per 136-135 dalla non irresistibile belga Dessoy. Solo un punto che le ha impedito di proseguire il cammino ma che, con ogni probabilità, le ha dato una grande carica in vista della prova mista e della gara a squadre che scatterà oggi: il primo turno delle tre azzurre (oltre alla Anastasio ci sono anche Jasmil Frandi e Alessia Foglio) non sembra impossibile, contro il Kazakhistan, ma l’eventuale incrocio nei quarti di �nale contro la Corea non è certo tale da far dormire sonni tranquilli. Per dare la caccia al podio servirà un’impresa non semplice da compiere, ma le ragazze italiane possono sperare nel colpaccio e coltivare il sogno di fare più strada possibile. (GA)

BASKET SERIE C - E’ quello che pensano gli addetti ai lavori

Nuova Fortitudo, sei tu le regina del mercato?

M

ancano solo otto giorni alla riunione del Comitato Regionale che stabilirà i gironi del prossimo campionato di serie C regionale di basket. Poco più di una settimana per cambiare gli equilibri tra le ventotto squadre al via della stagione, con un mercato che non ha regalato troppi colpi a sensazione ma che vede molti addetti ai lavori, in primis i responsabili del sito basketincontro.it, compatti nell’indicare la Nuova Fortitudo Viterbo come una delle favoritissime per il successo e la conseguente promozione in C nazionale. Gli arrivi di Caiazza, Mariani, Dragojevic e Mulè (nella foto), insieme alle conferme di giocatori come Pigliafreddo, German, Ottaviani e Bitetto, valgono alla società neroarancio il ruolo di ‘assoluta regina’ del mercato, a caccia di una promozione che quest’anno deve arrivare. Quali possono essere le rivali più accreditate? Sabaudia ha confermato il gruppo che si è salvato con una grande rincorsa �nale ed ha aggiunto un grande giocatore come Simonetti, Petriana ha perso coach Mininni ed avrà in panchina Andrea Pazzi ma il gruppo rimarrà sostanzialmente invariato e non

bisogna dimenticare che si tratta della squadra vincitrice della prima fase nello stesso girone della Nuova Fortitudo. Pamphili sta chiudendo per due ‘pezzi da novanta’ come Gavassuti e Santoro, ex Vigna Pia, gli Ostia Sharks si sono rinforzati con Taraddei, D’Alonzo e Zanchelli, il San Paolo Ostiense ha messo le mani su Barberini e punta in ogni caso ai playoff. Mercato molto attivo anche per Borgo Don Bosco (Chirico, Binot e Groppi in entrata) e Vigna Pia che, perso Santoro, si af�derà a Costantini e a Beretta sotto i tabelloni. La linea verde sarà il denominatore comune di Monterotondo (con i giovani della Tiber), Fortitudo Cisterna, Virtus Praeneste e SMG Latina, così come la Fox che cercherà di abbassare l’età media con alcuni ragazzi del vivaio. Civitavecchia deve ancora sondare la volontà di restare di Patuzzi e Selis, Monteporzio avrà il gruppo storico della serie D ma sta cercando di capire se può accaparrarsi qualche buon giocatore da Frascati. Giovani in rampa di lancio, in�ne, per l’Alfa Omega che ha perso Zanchelli ma non la voglia di lottare per una buona stagione. (gla.ant.)


� �

sport

SPORT

& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

23

CALCIO SERIE D

Viterbese e Flaminia la testa alla Coppa Da ieri i gialloblu sono tornati in campo, oggi tocca alla formazione di mister Pierangeli Il 28 agosto si sfideranno al Rocchi nel match del turno della manifestazione tricolore

M

ini vacanze finite per Viterbese e Flaminia che proseguono la loro marcia di avvicinamento ai rispettivi impegni.

QUI VITERBESE Ieri pomeriggio mister Sergio ha ritrovato i suoi ragazzi per la ripresa degli allenamenti che saranno intensificati in questi giorni sino ad arrivare alla sfida amichevole contro l’Ischia di Castro in programma venerdì pomeriggio. Sulla via della ripresa quei giocatori che prima di ferragosto avevano lamentato delle precarie condizioni fisiche e in particolare Sabatino, Sbaccanti, Nocerino e Barra. Oggi è prevista una doppia seduta.

QUI FLAMINIA Oggi pomeriggio invece è fissata la ripresa per la Flaminia di mister Pierangeli che ha usufruito di un giorno in più di riposo nella tabella di marcia fissata dal suo staff tecnico. Flaminia che domani giocherà la quarta amichevole di questo inizio di stagione ospitando tra le mura amiche il Pianoscarano, team partecipante al campionato di Promozione. Obiettivo della Flaminia è quello di andare a mettere ancora minuti sulle gambe dopo quanto evidenziato nel confronto giocato all’antivigilia di ferragosto contro il Guidonia.

Sopra Canovi, Fiaschetti e Sergio, sotto una formazione di inizio stagione della Flaminia Civita Castellana D. La formula è identica a quella dello scorso anno. Il turno preliminare ed il primo turno anticiperanno la fase vera e propria della competizione, composta da sessantaquattro squadre che

si affronteranno fino alla finale in virtù di un tabellone tennistico che verrà compilato. Le gare saranno di sola andata, con i rigori a decidere il confronto in caso di parità dopo i 90 minuti. Solo

le semifinali si giocheranno in gare di andata e ritorno. Il turno preliminare ed il primo turno si disputeranno il 21 ed il 28 agosto. Riguardo alle umbre: Pierantonio e Trestina (neopromosse), Deruta ed Orvietana (vincenti i playout), Spoleto, Sporting Terni e Pontevecchio (12a, 11a e 10a nella stagione precedente) partiranno dal turno preliminare. Sansepolcro, Todi e Group Castello sono invece ammesse di diritto al primo turno. Il Castelrigone invece, in quanto partecipante alla Coppa Italia Tim (sconfitta per 2-1 contro l’Albino Leffe) entrerà solo nei trentaduesimi di finale. I criteri con cui sono stati effettuati gli abbinamenti del turno preliminare e del primo turno sono improntati alla vicinorietà tra le squadre. Molti derby dunque, anche nella nostra regione.

VERSO LA COPPA ITALIA LE UMBRE SI PREPARANO Insieme ai gironi, è stato varato anche il calendario della Coppa Italia di Serie

CALCIO D’ESTATE - Team in azione

Provinciali subito in gol e Mencio piace al Sora

T

ra amichevoli, situazioni varie e chi più ne ha più ne metta.

PROVINCIALI VA SUBITO IN GOL CON IL SUO LADISPOLI Prima uscita stagionale positiva per il Ladispoli, che inizia la stagione con una vittoria nell’amichevole contro il Ciampino al Marescotti. 2-0 il risultato finale, maturato nei primi venti minuti grazie alle reti di Zanni e Provinciali. Primo tempo giocato a buoni ritmi da entrambe le squadre,con il risultato che viene sbloccato da Zanni dopo un quarto d’ora di gioco. Raddoppio siglato 5’ minuti dopo da Provinciali su calcio di punizione. Dopo i due gol rossoblu, da registrare nella prima frazione un tentativo di Abis da fuori area respinto coi pugni dal portiere, e un bel tiro da 20 metri del numero 8 ospite fuori di poco. Nella ripresa mister Galli effettua numerosi cambi dando spazio ai giovani. La girandola di sostituzioni influisce sul gioco che non regala più alcuna emozione fino alla mezzora, quando Ventura si invola verso la porta avversaria, ma a tu per tu col portiere spreca tutto servendo il compagno a pochi passi da lui, il quale si trova in fuorigioco,vanificando l’azione. L’ultimo sussulto lo regalano gli

C/5 A VASANELLO - In finale successo per 1-0 contro il Paese Vecchio. Decisiva l’autorete di Pace

San Lanno campione del torneo dei Rioni under 14

I

l team under 14 del San Lanno di Vasanello si è aggiudicato il V Torneo dei Rioni di calcetto disputato tra sabato e domenica a Vasanello fra quattro compagini che hanno divertito il numeroso pubblico presente. Ecco l’esito delle semifinali di sabato.

PRATICARE 1 PAESE VECCHIO 3 Praticare: Burz, Marocco, Pace, Pieri, Francescangeli, Costanzi, Fochetti, Maracci, Filesi. Paese Vecchio: Mastrogregori, Sebastiani Matteo, Gorello, Tranfa, Pace, Cardinali, Costanzi, Sebastiani Marco. Marcatori: per il Praticare gol di

Marocco, per il Paese Vecchio doppietta di Costanzi e gol di Tranfa. SAN LANNO 6 S. ANTONIO 0 San Lanno: Pomi, Purchiaroni, Pieri, Nicolusa Bilcan, Mariani, Creta, Fazioli, Gregori. Sant’Antonio: Baldini, Prisco, Romani, Buratti, Rita, Buzi, Salvatori. Marcatori: per il San Lanno gol di Gregori (4), Creta e Fazioli. FINALI Questo l’esito delle finali di domenica. Per il terzo e quarto posto.

Il premio per i secondi classificati

PRATICARE 5 S. ANTONIO 2 Praticare: Burz, Marocco, Pace, Pieri, Francescangeli, Costanzi, Fochetti, Maracci, Filesi. Sant’Antonio: Baldini, Prisco, Romani, Buratti, Rita, Buzi, Salva-

Under 14 del San Lanno in festa tori. Marcatori: Per il Praticare: Francescangeli (2), Costanzi M. (3), Per il Sant’Antonio Romani e Rita PAESE VECCHIO 0 SAN LANNO 1 Paese Vecchio: Mastrogregori, Sebastiani Matteo, Gorello, Tranfa, Pace, Cardinali, Costanzi, Sebastiani

Marco. San Lanno: Pomi, Purchiaroni, Pieri, Nicolusa Bilcan, Mariani, Creta, Fazioli, Gregori, Catalucci. Marcatori: Pace (Autogol) Nell’edizione di domani tutto speciale pagina fotografica (by Andrea Di Palermo) e tutti i riconoscimenti consegnati.

Simone Provinciali (sopra) e Leonardo Mencio

ospiti con il numero 18 he salta Paris entra in area e prova il diagonale sinistro che si spegne però sul fondo. (www.ladispolicalcio.it) AL SORA PIACE IL NOSTRO DIFENSORE LEONARDO MENCIO con la presentazione del nuovo presidente, l’imprenditore romano Massimo Paoloni, è stato definito anche l’organigramma societario del Sora calcio. Paoloni, già dirigente di Savio, Giulianova, Teramo e Cynthia, presidente, l’ex numero uno Giovanni Fiorini suo vice, Andrea Finocchi (ex Cynthia) direttore generale e Alfonso Morrone (ex ds del Civitavecchia) direttore sportivo. Definiti anche i prezzi degli abbonamenti: 150 euro per i distinti, 75 per la curva. Domenica prossima sarà calcio giocato col primo turno di Coppa Italia in gara unica a Roma contro l’Astrea. Mister Pasquale Luiso sta decidendo quali età di Lega tenere, mentre sono in arrivo alcuni rinforzi. Il bomber Di Giacomo si sta già allenando, mentre servono un centrale in difesa e uno a centrocampo (si fa il nome dell’ex Lupa Frascati Festa). Luiso commenta: «Chiedo un po’ di pazienza ai tifosi, siamo partiti in ritardo, ma ho visto dei giovani interessanti e ci stiamo rinforzando, ma chiaramente l’obiettivo del campionato sarà la salvezza». E al Sora piace moltissimo come centrale il difensore Leonardo Mencio, viterbese, nella scorsa stagione in forza al Civitavecchia.


� �

sport

SPORT

24

Viterbo & Mercoledì 17 Agosto 2011 AltoLazio

CALCIO DILETTANTI

Caninese, le vacanze sono terminate In Toscana già ufficializzati i gironi di Prima e della Coppa al via dal 4 settembre CALENDARIO DELLE AMICHEVOLI E domani la Castrense apre le danze tra le viterbesi di Prima data

D

entro al nostro calcio con la maggior parte delle formazioni di Eccellenza e Promozione che esaurità la pausa di ferragosto tra ieri e oggi sono tornate in azione per la ripresa degli allenamenti.

Fonteblanda; Alberese, Batirose, Braccagni; A. Piombino, Castiglionese, Elba 2000; Montieri; Monterotondo, Geotermica. SECONDA CATEGORIA GIRONE “G” Ecco tutte le compagini del girone G della Seconda Categoria toscana: Alta Maremma, Arcille, Casotto Pescatori Marina, Castellazzara, Etrusca Vetulonia, InterComunale Santa Fiora, Maglianese, Montiano, Castel del Piano, Paganico, Porto Ercole, Ribolla, S.Andrea, Sauro Rispescia, Sorano, Valpiana. Coppa Toscana - Ecco i gironcini a tre della Coppa Toscana: Valpiana, Ribolla, Alta Maremma; Caldana, Etrusca Vetulonia, Casotto Marina; Porto Ercole, Maglianese, Sant’Andrea; Montiano, Sauro Rispescia, Arcille; Castel Del Piano, Santa Fiora, Paganico; Sorano, Castellazzara e Nuova Radicofani.

ESORDIO CANINESE Come vi abbiamo raccontato nei giorni scorsi scatta oggi pomeriggio il raduno della Caninese di mister Riccardo Sperduti. Una stagione tutta da scoprire per il team del presidente Morosini e del ds Luzzi (nella foto in alto) che hanno allestito una compagine di assoluto valore e in grado di poter ripetere e migliorare l’ottimo campionato scorso. Un mister Sperduti che ha posticipato giustamente questo inizio di raduno motivandolo con una frasetta che la dice lunga sulla sua verità: “Siamo dei dilettanti ed è giusto così”. I GIRONI IN TOSCANA In tanto in Toscana, abbiamo già i gironi ed è ecco quello che è stato deciso per quanto concerne la Prima e la Seconda Categoria che comprende le formazioni del grossetano dove a destra e a manca abbiamo diversi giocatori provinciali e del comprensorio di Civitavecchia. PRIMA CATEGORIA Tutte le maremmane sono state inserite nel gi-

rone “F”, mentre sono ufficiali anche gli accoppiamenti di coppa toscana che inzierà il 4 di settembre. Le squadre - Alberese, Amiata, Argentario, Aurora Pitigliano, Batirose Grosseto nord, Braccagni, Castiglionese, Fonteblanda, La Sorba Casciano,

Manciano (nella foto), Monterotondo, Montieri, Orbetello Pienza, Ponte d’Arbia, San Donato. Coppa Toscana - Già stabiliti gli abbinamenti per la Coppa Toscana che sono i seguenti: Pitigliano, Manciano, San Donato; Orbetello, Argentario,

LA CASTRENSE E’ PRONTA E domani pomeriggio al Comunale di Grotte di Castro parte la grande avventura della Castrense che è la prima tra le formazioni viterbesi della Prima Categoria a mettersi in movimento per preparare una stagione dove punta ad un ruolo di grande protagonista agv

TEMPO DI TEST - E domani avremo la Foglianese alle prese con il Grosseto Primavera

La Vigor scalda i muscoli per il match con l’Orvietana Dopo otto giorni di preparazione fisica alternata a sedute tattiche, la Vigor Acquapendente inizia i test-match sperimentali in vista del Campionato di Promozione. Domani pomeriggio presso lo Stadio Comunale di Bagnoregio con calcio d’inizio alle ore 17.00 i gialloblù viterbesi affronteranno la già rodata Orvietana (tre amichevoli alle spalle) che dopo una tribolatissima stagione 2010-2011 terminata con la salvezza in extremis ai play-out si appresta sotto la guida tecnica di Volpi ad affrontare la nuova stagione di Serie D. Alle prese con qualche affaticamento di troppo (del tutto normale in questa prima fase), il Tecnico utilizzerà in “ampio turnover a ventaglio” la rosa a

sua disposizione: Giamo, Profili, Palla, Bedini, Burchielli, Andrea Lorenzini, Picchiotti, Sacco, Stradiotto, Nuccioni, Cardellini, Cesaretti, Colonnelli, Illiano, Giacomo Lorenzini, Mansour, Pedetta, Broccatelli, Lattanzi, Saccarello, Campana, Fini, Francis, Goretti, Pacifici. Ed avere prime indicazioni sulla loro utilizzazione nei vari schemi gara previsti. Per gli umbri di ben due Categorie superiori, ricerca di ulteriori conferme. Dopo le buone condizioni globali già dimostrate da una rosa utilizzata con ampio minutaggio in ogni occasione: De Gobbo, Felici, Federici, Malagnino, Ciccone, Frizzi, Esposito, Di Milita, Graziani, Lanzi, Franceschini, Presaghi, Cozzolino, Quattrini,

ora

CIMINA RONCIGLIONE - PESCARA

2-9

VITERBESE - FORMELLO

3-2

VITERBESE - RAPPR. DISOCCUPATI LAZIO

0-0

MONTEROSI - FLAMINIA

2-3

VITERBESE - REGGINA

1-2

MONTEROSI - BRACCIANO

1-2

FLAMINIA - SELEZIONE DISOCCUPATI

3-2

GROSSETO PRIMAVERA E domani avremo anche il match che attende la

GUIDONIA - FLAMINIA

3-2

MONTEROSI - PIANOSCARANO

3-2

FOGLIANESE - MONTEROSI

5-3

FLAMINIA - COLLEFERRO

2-2

CANEPINA - MONTEFIASCONE

3-3

CERVETRI - CORNETO

0-1

ISCHIA DI CASTRO - MANCIANO

1-2

oggi

17,00

MONTEROSI - CANTALUPO

18/08

17,00

VIGOR ACQUAPENDENTE - ORVIETANA

18/08

17,30

FOGLIANESE - GROSSETO PRIMAVERA

18/08

18,00

FLAMINIA - PIANOSCARANO

20/08

16,00

ISCHIA DI CASTRO - VITERBESE

20/08

17,00

ANGUILLARA - MONTEFIASCONE

20/08

17,00

CASALOTTI - MONTEROSI

20/08

17,00

CANEPINA - CANTALUPO

20/08

17,00

PIANOSCARANO - ORVIETANA

20/08

17,30

MANCIANO - VITERBESE JUNIORES

21/08

10,30

BRACCIANO - CORNETO

21/08

11,00

FOGLIANESE - 2001 TUSCIA

24/08

17,00

ANGUILLARA - LADISPOLI

25/08

17,00

VITERBESE - MONTEROSI

25/08

17,00

VIGOR ACQUAPENDENTE - FEDERICO MOSCONI

25/08

17,30

FOGLIANESE - RAPPR. DISOCCUPATI

26/08

17,00

TRIANG. TOLFA-CIVITAVECCHIA-MONTEFIASCONE

27/08

16,00

TRIANGOLARE RISI A CANINO

27/08

16,30

S. LORENZO NUOVO - CASTEL LAZZARA

27/08

17,00

PIANOSCARANO - DORIA S. MARTINO

27/08

17,30

MANCIANO - LATERA

28/08

11,00

CASTRENSE - GROSSETO ALLIEVI NAZIONALI

28/08

11,00

FOGLIANESE - 2001 TUSCIA

28/08

11,00

CANEPINA - VITERBESE

28/08

17,00

DORIA S. MARTINO - PIANOSCARANO

28/08

17,00

FONTE BEL VERDE - VIGOR ACQUAPENDENTE

31/08

18,00

PIANOSCARANO - PETRIANA UNDER 21

31/08

18,00

S. LORENZO NUOVO - LATERA

01/09

17,00

VIGOR ACQUAPENDENTE - PIANESE

02/09

18,00

VALLERANESE - BARCO MURIALDINA

02/09

18,30

TUSCANIA - 2001 TUSCIA VASANELLO - CIMINA RONCIGLIONE

04/09

11,00

CASTRENSE - S. LORENZO NUOVO

07/09

18,00

S. LORENZO NUOVO - PIANESE

07/09

18,30

2001 TUSCIA - QUERCIAIOLA

10/09

16,30

10/09

Comunale Foglianese di mister Giovannini contro il Grosseto Primavera. Un buon test per i rossoblu reduci dall’eccellente prova nel pre-ferragosto contro il Monterosi. Domani Carletti e company vanno alla ricerca di altre conferme.

S. LORENZO NUOVO - MONTALTO CALCIO FOGLIANESE JUNIORES - NUOVA BAGNAIA

11/09

11,00

CASTRENSE - REAL GRADOLESE

11/09

10.30

BARCO MURIALDINA - BARCO M. JUNIORES

14/09

18,00

RIGNANOSORATTE - FABRICA CALCIO

14/09

19,00

DORIA S. MARTINO - BARCO MURIALDINA

15/09

18,00

CASTRENSE - GROSSETO PRIMAVERA

15/08

18,00

VALLERANESE - NUOVA BAGNAIA

17/09

18,00

FABRICA DI ROMA - VALLERANESE

18/09

VIGNANELLO - NUOVA BAGNAIA

21/09

CIMINA RONCIGLIONE - NUOVA BAGNAIA

22/09

18,00

CANEPINA - FABRICA CALCIO

22/09

18,00

VIGOR ACQUAPENDENTE - VALLERANESE

24/09

NUOVA SORIANESE - NUOVA BAGNAIA

24/09 24/09

risultato 0 -9

03/09

Barbabella, Di Maio, Pasquini, Sedu, Chiasso, Caligiuri, Venerelli, Cioci, Variale, Padalino, Grassi.

partita

VIGNANELLO - PESCARA

NUOVA BAGNAIA - NUOVA BAGNAIA JUNIORES 18,00

FABRICA CALCIO FORTITUDO NEPI

GLI ORARI POSSONO VARIARE


� �

sport

SPORT

& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

25

XXXXXXXXX

Pianoscarano prepara il test con il Flaminia

Per i rionali buone indicazioni dopo le prime amichevoli ma la parola d’ordine è “umiltà” Per adesso confermati tutti i giocatori che compongono l’ampio organico LA NOVITA’

Il Corneto ha un bomber che va col “Vento”

V

incenzo Vento, nuovo attaccante del Corneto è uno dei giocatori più talentuosi della provincia di Grosseto e che da questa stagione rappresenta la più grande novità del Corneto. Nella passata stagione le sue reti non sono servite per portare alla salvezza il San Quirico. Il giocatore ha trrovato l’accordo con il Tarquinia, formazione laziale del campionato d’eccellenza. Come mai un talento come il tuo non ha trovato una sistemazione nella nostra provincia? “Non mi definirei un talento, ma mi sono sempre impegnato nel tentativo di raggiungere obbietivi importanti; purtroppo in Toscana non ho ricevuto proposte consistenti” Ci sono squadre della nostra provincia che ti hanno cercato? ”Ho avuto contatti con il Monteriggioni, ma la trattativa non si è conclusa come doveva. Ho ricevuto alcune richieste da squadre di prima categoria :alcune le ho rifiutate subito, altre le ho valutate con più attenzione finchè non è arrivata la richiesta del Tarquinia”. Cosa ti aspetti dalla tua nuova avventura? “Parto con l’idea di impegnarmi, fare bene in un nuovo ambiente e raggiungere dei buoni risultati”. Quali gli obiettivi che ti sei prefissato? ”Spero di contribuire in maniera sostanziosa ad un buon campionato per la mia squadra”.

R

CALCIO A 5 SERIE B - Si incomincia il 24 settembre

itorno presso il Campo Sportivo di San Martino per preparare la seconda fase della preparazione che assume ora un importante indirizzo per verificare con quale materiale umano si può aprire la stagione sportiva 2011/2012, avendo a disposizione un buon numero di giocatori nella rosa, e tanti di valida qualità, per partire nelle condizioni migliori e ritagliarsi uno spazio interessante nel campionato di competenza. GIUDIZI POSITIVI Ecco le esternazioni del club rionale sul suo sito: “Nella pausa, abbiamo, con piacere letto e sentito rilasciare, da parte di tecnici e addetti ai lavori, dichiarazioni ottimistiche nei confronti della campagna acquisti del G.S.D.Pianoscarano, sinceramente alcuni ci hanno fatto capire che tra le favorite è inserita anche la compagine del Presidente Grossardi. Non che non lo pensavamo, ma che fosse una delle tre candidate per la vittoria finale ci sembra un po’ troppo presto per affermarlo. Questa situazione può creare delle certezze nei Mister Damiani e Simonetto tanto da indurli ad insistere sulle buone cose che in questa fase iniziale hanno fatto vedere con i ragazzi. I tecnici, che amano una squadra propositiva al punto giusto, ma anche attenta al materiale che dispone per non creare delle difficoltà quando si deve gestire palla, hanno capito che da loro, nonostante questa sia la prima esperienza in una panchina da grandi, tutti si aspettano un torneo da alta categoria, insomma d’elite. La paura di sbagliare non c’è. E’ comprensibile un po’ di tensione, ma la consapevolezza di poter contare su una Società solida e uno staff dirigenziale esperto, sicuramente gli

Le 26 fatiche dell’Orte Calcio a Cinque di mister Nesta con le sarde e le laziali

D darà la tranquillità giusta in quei momenti dove a volte si potrebbe rischiare di dimenticare qualcosa. MISTER DAMIANI E TEST CONTRO IL FLAMINIA La notizia, che ci fa piacere, è la conferma di tutto il gruppo di giocatori che fino a questo momento hanno lavorato sodo per affrontare l’avventura nel torneo di Promozione, lo stesso tecnico Damiani ci riferisce a riguardo : “ Abbiamo più volte detto di voler cercare di ridurre un po’ l’organico per via dei numeri eccessivi, ma riflettendo con lo staff, la Società e il D.T.Baggiani, abbiamo pensato visto anche l’impegno con cui i ragazzi ci hanno fin qui seguito, di confermare l’intera rosa naturalmente chiedendo qualche sacrificio e pazienza nei situazione dove noi si dovrà effettuare delle scelte di for-

mazione. Abbiamo capito che non vogliamo tralasciare nulla, e avere tanti giocatori può essere si un problema di gestione, ma in certi versi potrebbe essere anche un vantaggio per avere sempre qualità anche nei momenti di meno lucidità di qualche elemento o anche a causa di infortuni che bisogna sempre mettere in preventivo”. Certezze, coraggio, e anche una dosa di spregiudicatezza non guasta mai, ora però incombe altro duro lavoro e il prossimo test, davvero duro con la Flaminiae che sicuramente vedrà anche il ritorno di Mandro e il debutto dal primo minuto di Lucci e Peparello, anche loro attesi per verificare le condizioni di salute dopo un lavoro differenziato svolto con il Prof.Carnevale. NELLE FOTO Il preiidente Grossardi con Lucci e i portieri in azione (www.pianoscaranocalcio.com)

opo aver uf�cializzato, mercoledì 10 agosto, i calendari dei campionati di serie A e serie A2, la Divisione Calcio a Cinque ha reso noti i calendari del campionato di serie B, al via sabato 24 settembre. Tre le soste in programma: quelle delle festività natalizie del 24 e del 31 dicembre e l’ultima, quella dell’11 febbraio 2012. In palio ci sono otto posti per la serie A2, sei destinati alle vincitrici dei gironi, i restanti due a chi si aggiudicherà i playoff. Sarà importante �nire nei primi quattro posti al termine del girone di andata: in palio, c’è la quali�cazione alla Final Eight di Coppa Italia, che si giocherà dal 12 al 14 aprile 2012. Ecco il cammino che attende l’Orte di Luciano Nesta (nella foto) l’unica nostra provinciale, inserita nel girone E . IL CAMMINO ANDATA Ecco il cammino per l’Orte Calcio a Cinque. 24-09 - Ariccia-Orte 1-10 - Orte-Elmas 8-10 - Alpha Turris-Orte 15-10 - Orte-Calcetto Paolo Agus 22-10 - Castel Fontana-Orte 29-10 - Orte-Pro Capoterra 5-11 - Orte-Rocca M. Latina 12-11 - Prato Sardo-Orte

19-11 - Orte-L’Acquedotto 26-11 - Aloha-Orte 3-12 - Orte-Elmas 10-12 - Colleferro-Orte 17-12 - Orte-Albano RITORNO 7-01 - Orte-Ariccia 14-01 - Prato Rinaldo-Orte 21-01 - Orte-Alpha Turris 28-01 - C. Paolo Augus Orte 4-02 - Orte-Castel Fontana 18-02 - Pro Capoterra-Orte 25-02 - Rocca M. Latina-Orte 3-03 - Orte-Prato Sardo 10-03 - L’Acquedotto-Orte 17-03 - Orte-Aloha 24-03 - Elmas- Orte 31-03 - Orte-Civis Colleferro 7-04 - Albano-Orte

SPORT E VACANZE - A conclusione dei campus giornata trionfale in terra toscana nel prestigioso centro di divertimento

L’ esercito della Pol. Real Azzurra all’Acqua Village di Follonica E

cco le foto ricordo scattate da Claudio Barcherini (Non Solo Foto) e che ritraggono l’esercito della Pol. Real Azzurra Grotte di Castro nella splendida gita di venerdì scorso all’Acqua Village di Follonica (Grosseto). Momento di festa e di divertimento per i tanti ragazzi che hanno partecipato alla sei settimane di campus nel corso di quest’estate e anche per i tanti tesserati della società che hanno gradito l’iniziativa e con entusiasmo hanno aderito. Giornata divertente tra schizzi, tuffi a acqua scivoli, in attesa che a settembre riprenda tutta la programmazione per la stagione 2011/2012 nelle molteplici discipline portate avanti dalla Pol. Real Azzurra.


� �

sport

SPORT

& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

27

IL PERSONAGGIO

Una straordinaria storia di forza e tenacia Dopo che gli era stata amputata la gamba destra, Otello Litardi è diventato istruttore di sub

L

a sua storia è la storia di chi non vuole lasciarsi andare, di chi lotta contro le avversità e le supera. Una lezione per tutti coloro che si fanno scoraggiare anche dalle più piccole avversità e sottovalutano, invece, tutte le gioie che la vita può dare. Otello Litardi (nella foto) è nato il 29 settembre 1967 a Viterbo da Remo e Anna. La sua vicenda clinica, che lo ha portato fino all’amputazione della gamba destra, è iniziata durante la prima elementare, tra il 1973 e il 1974. Una mattina Otello si lamentò per un dolore alla gamba sinistra e il giorno dopo venne operato in una clinica locale con diagnosi osteomielite e successivamente, poco dopo, finì nuovamente sotto i ferri a Roma in seguito al ripresentarsi dello stesso problema. “Allora non capivo cosa succedesse – racconta adesso - ma poco dopo dovettero rioperarmi per la terza volta in pochissimi mesi e qui, avendo capito che non erano solo degli esami che

mi facevano, in seguito allo stress per i precedenti interventi (mi addormentavano al tempo con la mascherina e non con le iniezioni e questo mi incuteva terrore) durante l’operazione (mio padre assisteva) mi svegliai e buttai tutto all’aria, anche se io non ricordo nulla. Dopo questo nuovo intervento, uno dei professori disse che dovevano amputarmi la gamba, quella che ora ho, e che non dava comunque garanzie sulla mia vita. I miei genitori si opposero e diedero l’autorizzazione per essere sottoposto alla cobalto-terapia, i miei mi hanno assistito sempre, comunque e ovunque durante i 3 mesi ininterrotti di ricovero, con mia madre sempre presente. Alla fine del ciclo, la diagnosi era incredibile, non vi era più traccia del male, ma i miei a quel punto non si fidavano più essendo passato dalla morte alla completa guarigione e in pochissimo tempo fu mobilitata una delle prime sottoscrizioni popolari per farmi andare a Washington d.c. ed essere

curato. Lì ci avrebbe ospitato la famiglia Fiorucci, sempre di Viterbo, che si era trasferita qualche tempo prima e che tramite amici in comune aveva saputo del mio problema. Sarò eternamente grato a loro – continua Otello - ed a quanti mi hanno sostenuto economicamente! Anche l’Alitalia partecipò invitandoci gratuitamente per i nostri viaggi! Al Children’s Hospital di Waschington d.c. in effetti dopo tutte le cure e controlli del caso, la gamba sinistra risultava guarita, ma mentre stavamo per rientrare in Italia, fummo contattati in aeroporto poco prima di partire in quanto avevano trovato una traccia sospetta alla tibia destra! Terribilmente, venne diagnosticato il Sarcoma di Ewing (un paio di anni prima al figlio di Kennedy amputarono la gamba), uno dei più terribili tumori ossei! Venni operato con il laser e i medici dissero a mio padre, visto che eravamo solo io e lui per il primo mese, che dovevo essere sottoposto a massicce radiazioni alla gamba e a cicli di chemioterapia, anticipandoci che la gamba, anche se fosse guarita, avrebbe avuto delle ripercussioni al fine della crescita e della resistenza ossea. Parliamo dei primi cicli che si effettuavano, con gravi disagi per i pazienti, soprattutto se bambini, mio padre mi ricordava che alcuni dei bambini in cura come me, dopo qualche ciclo non resistevano alla terapia e morivano. Dopo un mese ci raggiunse mia mamma per stare con noi e dopo un ulteriore mese rientrammo in Italia per continuare la chemio per un anno e mezzo a Perugia, unico centro oltre Milano a quel tempo dove veniva praticata tale terapia. Puntualmente come previsto dei medici statunitensi, per

molti anni a seguire, si succedettero numerose fratture ad entrambe le gambe, con tempi di guarigione dai 6 ai 10 mesi, sempre con i gessi, pertanto la mia gamba destra risultava molto debole e delicata. Indossavo sempre un tutore di protezione, scarpe ortopediche visto che la gamba non cresceva come la sinistra e quindi un abbigliamento per un ragazzino, poi adolescente e poi ragazzo, totalmente diverso da tutti gli altri e la mia vita a livello di rapporti con le ragazze era nulla”. “Il 23 marzo del 1987 – prosegue Otello - dopo essermi diplomato e impiegato in una piccola azienda di componenti elettronici, mentre mi trovavo a passeggiare con degli amici, avvertii un forte dolore alla gamba destra ed i miei genitori mi portarono subito a Perugia per i controlli del caso. Le radiografie mostravano una parte nera alla tibia ed io parlai con mio padre chiedendo cosa stessero decidendo i medici. La risposta fu che mi avrebbero trasferito

a Milano per controllare la situazione ma questa cosa non mi convinse in quanto la mia storia clinica era sempre stata seguita a Perugia dal 1975. Proposi a mio padre di chiedere l’amputazione della gamba, non avendo più voglia di trascinarmi quell’arto che non serviva più a niente, era piccolo e più corto di 8 cm della gamba sinistra, lui si sentì sollevato e cosi anche i medici, mentre mia madre non voleva che io prendessi quella decisione. In quei giorni mi posi molte domande sui pro e i contro ma gli svantaggi di camminare con una protesi erano rappresentati solo dal fatto che non avrei potuto fare le scale normalmente e correre, ma quest’ultima cosa non ricordavo di averla mai fatta. Il primo aprile 1987 procedettero all’intervento, mi feci da solo un bel pesce d’aprile, ma iniziò anche la mia nuova e forse prima vita. Da lì è stato tutto un percorso su cose che non avevo mai fatto o potuto solo immaginare, dal viaggiare liberamente, andare in palestra, giocare

a tennis, calcetto, pallavolo, avere una ragazza. L’acqua è sempre stato il mio elemento sin da piccolo, forse perché in assenza di gravità riuscivo a muovermi e fare cose che non ho mai potuto fare a terra e nel 1994 coronai il sogno di partecipare ad un corso subacqueo. L’istruttore della scuola dovette combattere con i suoi colleghi perché questi non volevano farmi partecipare essendo un disabile, ma la sua cocciutaggine nel farmi superare tutti i requisiti previsti per i subacquei ‘normali’ e ovviamente la mia grande voglia di vita, la forza di volontà di raggiungere quell’obiettivo, mi fecero terminare l’addestramento e ottenere il brevetto a maggio del 1995. Successivamente partecipai a tutti i corsi successivi e dopo essere diventato guida subacquea nel 1997, l’anno successivo partecipai al corso istruttori Naui. Devo dire che è stata la più grande avventura professionale della mia vita, fui qualificato direttamente istruttore insieme ad altri otto su quarantotto candidati presenti. Un disabile che insegnava a tutti ad andare sott’acqua! Nel 2001 ho conosciuto Silvia, la mia attuale compagna, una conquista bellissima come lo è lei del resto. Insieme al suo aiuto l’anno successivo ho inaugurato Blue & Blue Dive Club Viterbo, ed ora come dicono tanti, è la scuola subacquea più conosciuta ed attiva nella nostra provincia e il rapporto che mi lega a tutti i miei allievi/amici, fa sì che tra noi si noti una grande amicizia, stima e allegria nel partecipare a immersioni, viaggi e week-end durante tutto l’anno. Spero solo che la mia forza di volontà nel non arrendermi mai davanti agli eventi negativi della vita – conclude Otello - possa essere di esempio per tutti!”.


SPORT

� � �

28

Edizione del 17 Agosto 2011

Tennis - Allo Sporting Club di Santa Marinella emozioni con il doppio open maschile misto

P

artito ieri sera sui campi dello Sporting Club di Santa Marinella il torneo di doppio open (maschile e misto) che l’Opinione seguirà quotidianamente con aggiornamenti, risultati e foto. Ieri sera il torneo

ha esordito con la coppia composta da P. CORRAO E P. AMALFITANO contro il duo A. DEL FRATEV.PEZZA. A seguire - nel doppio misti - il duo ACELLA se l’è vista con F. COPPOLA ED E. RUGGIERI. Questa

sera si replica, sempre sui campi in terra battuta dell’impianto della Perla del Tirreno. Si comincia alle 21 con il doppio misto: in campo Clarici e Luchetti contro Egidi-Fabbriani. Alle 21,30 ancora doppio

misto con DEL FRATE A./DEL FRATE M. contro MANFRONCELLI C./ CAJANO D. Alle 21,45 sarà invece la volta del doppio maschile EGIDI M./CRESPI S. contro BALDINI F./ MARRI C.

Redazione sportiva - via Nicolao Arcangelo 5 - 00053 Civitavecchia - telefono 0766-671159 e-mail: opinione.cv@gmail.com

PALLANUOTO Definiti gli accordi con il Latina e per la Fin per l’acquisizione del titolo: oggi l’ufficializzazione di CIRO IMPERATO

S

ole, mare, relax. Macchè. Si è concessa un Ferragosto di esclusivo lavoro la Snc, ma almeno gli sforzi sono stati ripagati con il ‘‘botto’’ che la dirigenza rossoceleste ha fatto esplodere proprio mentre si festeggiava il Natale della città con il tradizionale spettacolo pirotecnico. A poca distanza dalla Marina e dal Pirgo da dove i civitavecchiesi si sono gustati ‘‘le foche’’ (come si dice da queste parti...) nella sede storica o operativa di largo Galli la Snc ha chiuso la partita per l’A1. Ed il risultato è stato oltremodo positivo anche se non tutto è �lato per il verso giusto. Ieri il club rossoceleste ha fatto il punto della situazione attraverso un comunicato stampa nel quale si legge testualmente: “D‘Ottavio, Iacomelli, Feoli e Pagliarini dopo due giorni di incontri, telefonate e mail hanno de�nito con il Latina e la Federazione Italiana Nuoto i termini per la partecipazione della Società Civitavecchiese al prossimo campionato di serie A1: uf�cialità per �ne settimana. Quindi i tifosi del sodalizio di Largo Marco Galli possono gioire perché quest’anno potranno vedere i loro beniamini in vasca contro i campioni del mondo Felugo, Tempesti, Fiorentini, nell’anno delle Olimpiadi di Londra”. Conquistata l’A1, ora però bisogna mantenerla ed il Ds Simone Feoli ha provato a stringere il cerchio: “A questo punto - ha spiegato l’avvocato - il rafforzamento della squadra per giocarsi ad armi pari la permanenza nella pallanuoto che conta si è reso necessario e la Snc ha forti possibilità di piazzare

A lato il gruppo della Snc tornato al lavoro ieri con il prepratore Ronconi, in basso con Foschi e Feoli, con Coleine e con Buffardi (Foto servizio Maurizio Gargiulli)

Botto di Ferragosto: Snc in A1 Il Ds Feoli ha in mano Innocenzi e Druskovic mentre sfuma l’altro montenegrino. Le alternative sono Sefik e Filipovic i primi due colpi di mercato che, ancora in attesa delle �rme uf�ciali e de�nitive, sono l’italiano Claudio Innocenzi e il montenegrino Druskovic”. Innocenzi ex Vis Nova, Lazio e Latina, nazionale giovanile è attualmente impegnato con la Nazionale universitaria, si tratta di un difensore-centrovasca di notevole valore, prossimo alla nazionale maggiore. Druskovic è un esterno molto forte �sicamente, ventisei anni, gioca nella posizione 2 e 3, dotato di gran tiro ex Kotor, ha disputato la Coppa dei Campioni. Feoli attivissimo per esaudire le richieste del coach Marco Pagliarini, riguardanti altri due pedine: un portiere di esperienza (trattativa avviata con Se�k, berretto rosso nazionale serba, e Fabio Violetti,

Del Lungo ‘‘osservatore speciale’’ alle Universiadi Proprio in chiave mercato per l’A1 la Snc ha un inviato speciale alle Universiadi. Si tratta di Marco Del Lungo, che pur avendo lasciato la squadra per approdare al Brescia (prima che arrivasse l’A1...) sembra stia monitorando i migliori talenti espressi dalla competizione in corso di svolgimento a Shenghen (in Cina). Secondo indiscrezioni il portiere avrebbe espresso referenze positive sul serbo Filipovic, �nito nel mirino del Ds Feoli. Del Lungo però non può dedicare molto tempo all’attività di ‘‘osservatore’’ visto che con la che per tanti anni ha difeso i pali azzurri) da af�ancare Giordano

Nazionale nonostante la scon�tta per 11-10 con il Giappone, ha fatto strada. Gli azzurri del Ct Bovo (bene il futuro rossoceleste Innocenzi e l’ex Guidaldi) grazie alla dote della vittoria sull’Ungheria si sono quali�cati per gli ottavi in programma oggi alle 10,30 (ore locali) contro la Francia.

stabile in prima squadra, ed un altro giocatore (qui le trattative sono molte, Filipovic centroboa serbo ex Yadran, Romiti centro ex Latina). De�nitivamente abbandonata l’idea dell’altro montenegrino Mario Brgugljan ancora sotto contratto per quest’anno con il Budva. Tra oggi e domani si de�nirà tutto sia gli acquisti che l’acquisizione del titolo di A1 del Latina. “Per deformazione professionale - si congeda Feoli - tendo a de�nire chiusi gli accordi quando vedo il nero su bianco: bon ci sono motivi per preoccuparsi, ma aspettiamo domani (oggi per chi legge, ndr) per gli annunci uf�ciali.

Visciola, altro frutto del vivaio rossoceleste quest’anno in pianta

Ieri già al lavoro agli ordini del preparatore Ronconi

Vacanze interrotte per la squadra

S

e i presidenti D’Ottavio e Iacomelli, il Ds Feoli e coach Marco Pagliarini hanno dovuto rinunciare a godersi un Ferragosto di relax per assicurare l’A1 alla Snc, i giocatori - proprio per il traguardo raggiunto dallo stato maggiore rossoceleste - sono stati costretti ad interrompere le vacanze e presentarsi in piscina per una ripresa anticipata de-

gli allenamenti visto che l’A1 comincerà il 1 ottobre. Una ripresa a ranghi ridotti aspettando l’arrivo dei due stranieri e degli altri rinforzi ed il rientro dalle vacanze di Daniele Lisi e Fabrizio Rinaldi, che avevano programmato (insieme) due settimane di sole e mare in Sardegna non potendo neppure immaginare che d’improvviso

la Snc sarebbe stata catapultata nella massima serie. Capitan Foschi, Daniele Simeoni, Simone Pagliarini (i senatori presenti) hanno però risposto alla convocazione della società insieme al manipolo di baby destinato a completare il roster della prima squadra (o giù di lì...). Al lavoro quindi anche Chiarelli, i fratelli Muneroni e Castello ed ovviamente il portiere Visciola, che nonostante i movimenti di mercato della società per l’ingaggio di un berretto rosso di esperienza, ha ricevuto ampie rassicurazioni sulla �ducia che avrà da coach Marco Pagliarini. Che ieri ha saltato la ‘‘prima’’ perché impegnato con il DS Feoli in altre manovre di mercato. Il gruppo

ha cominciato ad allenarsi agli ordini di Mauro Ronconi, stimato professionista civitavecchiese, che la società è riuscita - dopo un lungo inseguimento - ad ingaggiare come preparatore atletico. Al gruppo si sono aggiunti anche Emiliano Coleine ed Alessio Buffardi: il primo sembrava aver chiuso l’avventura rossoceleste, ma sta cercando di convincere la società ed il coach mentre il secondo rientra ampiamente nei piani ma vuole risolvere i problemi �sici prima di impegnarsi. Per entrambi comunque si stanno studiando anche soluzioni per restare all’interno della società.


sportCivitavecchia SPORT

Civitavecchia & AltoLazio

Mercoledì 17 Agosto 2011

29

BASKET - Roster di primo livello per le valchirie santamarinellesi accreditate tra le migliori formazioni del girone G della B d’eccellenza

La Valentino prepara il piano per l’A2 Le rossoblu si raduneranno il prossimo 29 agosto

Pallavolo - In via di definizione la squadra maschile che giocherà la C

Grandi manovre in casa Asp V

acanze agli sgoccioli per i tesserati della Pallavolo Civitavecchia. La società sta infatti organizzando una serie di stage ed allenamenti intensivi soprattutto per i giovani da inserire inserire nei roster della prima squadra. Se per quanto riguarda la formazione femminile il gruppo è tutto sommato de�nito visto che si andrà avanti con il progetto di valorizzazione dei prodotti dei vivaio in un campionato comunque dif�cile ed impegnativo come quello regionale di serie C, per la maschile la situa-

L

a Valentino Santa Marinella si presenta ambiziosa ai nastri di partenza del campionato di serie B d’eccellenza di basket femminile. Le rossoblù si stanno godendo gli ultimi giorni di vacanza prima dell’inizio della preparazione che è �ssato per il prossimo 29 agosto al Pala De Angelis di via delle Colonie. Il Santa Marinella dopo un anno di transizione punta ad una stagione da protagonista per tentare di conquistare la promozione in serie A2. La società del presidente Massimo Baraldi è stata molto attiva sul mercato con importanti arrivi che sono andati a rafforzare e a completare il roster a disposizione di mister Daniele Precetti. Il direttore generale Giuseppe Russo ha infatti de�nito gli acquisti del pivot Beatrice Consoli dall’Orvieto, della guardia Alesandra Ciaravino dal Bull Basket Latina, del play Elena Russo dall’Athena Roma e il ritorno del play-guardia Silvia Vicomandi. Di contro la Valentino Santa Marinella ha perso lo storico capitano Elena Amal�tano che ha lasciato la squadra per motivi di lavoro. Un roster comuque più che mai competitivo per il rinnovato campionato di serie B d’ccellenza che ha varato una nuova formula con l’aumento del numero dei gironi. A �ne luglio le rossoblù hanno intanto conosciuto le prossime avversarie che si troveranno di fronte

C2 maschile - Aspettando i gironi, il tecnico Tedeschi pianifica la preparazione

La Se.Gi. Cestistica scalda il motore La maratona al Pincio è servita per tenere i rossoneri in forma in vista dei match veri ncora una decina di giorni e inizierà a delinearsi la prossima stagione della SE.GI. Cestistica. Giovedì della prossima settimana alle 18 infatti, al palazzo della Federazione Italiana Pallacanestro in via Vitorchiano a Roma, si terrà il sorteggio dei gironi del prossimo campionato di serie C2.

Lo scorso anno i rossoneri furono inseriti nel girone A, quello composto da 13 squadre. “Il numero di squadre che parteciperanno al prossimo campionato di serie C2 laziale - dichiara il tecnico Mauro Tedeschi - ci verrà comunicato solamente al momento del sorteggio. L’anno scorso le squadre erano dispari così un girone è stato da 13 squadre mentre quello B era da 14. Naturalmente le formazioni saranno divise in fasce sulla base del piazzamento ottenuto nella passata stagione. Dopo circa due settimane dall’uscita dei gironi, saranno invece comunicati i calendari uf�ciali”. Per quanto riguarda

gli allenamenti, tutto è fermo visto che coach Tedeschi ha concesso una pausa per tutto il mese di agosto. L’inizio è �ssato per lunedì 29 anche se c’è ancora incertezza sul luogo dove riprenderà la preparazione.“Alla �ne anche ad agosto ci siamo tenuti occupati - continua Tedeschi - grazie anche alla maratona di basket che la Cestistica ha organizzato al campo del Pincio alla quale hanno partecipato molti giocatori della prima squadra. L’inizio uf�ciale è previsto però per il 29. Per quanto riguarda il luogo, vorrei svolgere la preparazione ad Allumiere anche se stiamo ancora siamo in una fase di

valutazione della situazione. Il campionato, se verranno rispettate le tempistiche dello scorso anno, dovrebbe iniziare la prima domenica di ottobre. Avremo quindi circa un mese da sfruttare nel

nel girone G. Un girone da 11 squadre composto oltre dal Santa Marinella anche da College Italia, Basket Guidonia, Cestistica Latina, San

Raffaele basket, Athena, Bull Basket, Stella Azzurra Roma Nord, Basket club Perugia, Madonna Alta e Salus Basket Gualdo. La prima giornata di

campionato partirà il prossimo 9 ottobre mentre la squadra inizierà la preparazione il 29 agosto. La società sta intanto organizzando e pia-

ni�cando le amichevoli che dovranno servire al quintetto di Daniele Precetti per entrare in condizione in vista degli impegni uf�ciali. Anche

A

HOCKEY IN LINE Il portiere-coach orientato a seguire Simunek e Kucera di ANTONIO BANDINU

J

urai Franko si allontana sempre di più dai Pirati Civitavecchia. Lo storico portiere della formazione gialloblu sembra infatti ormai orientato ad accettare la proposta del Milano 24, formazione che sin dall’inizio del mercato ha mostrato un reale interesse per il giocatore slovacco. Con i meneghini infatti, Franko avrebbe la possibilità di portare a casa almeno uno dei trofei relativi alle tre competizioni in cui è impegnata la squadra: Campionato, Coppa Italia e Confederation Cup. Al Milano 24 inoltre “Franky” ritroverebbe gli altri due Pirati che sono arrivati già

zione è ancora aperta. L’intenzione è quella di avviare un piano omologo a quello del settore rosa aggiungendo i baby al gruppo dei senatori che però è ancora giovane come nel caso di capitan Cristini, il palleggiatore Dell’Aquila ed il centrale Piscini. Tutti giocatori ancora lontani dai trent’anni e sui quali si può fare af�damento anche per un progetto a lunga scadenza. I prossimi giorni saranno comunque decisivi per l’allestimento della squadra che verrà allenata da Alessio Pignatelli.

Non potrebbe neppure più allenare i gialloblu

Pirati, Franko vicino al Milano approdati ai rossoblu, Roman Simunek e Zdenek Kucera. Dal canto suo la società del presidente Sergio Calcagno, al lavoro sin da subito per cercare di trattenere lo slovacco con l’incarico di allenatore della prima squadra in serie B, non ha ricevuto risposte da parte delle squadre contattate. Si cercavano infatti soluzioni alternative che permettessero

a Franko di svolgere al meglio sia l’attività di allenatore che quella di giocatore. Le piste più calde, anche per motivi di vicinanza con Civitavecchia, erano quelle che portavano a Latina dell’ex Carlo Peris e ad Arezzo. Ma entrambe le società, soprattutto a causa di impedimenti dal punto di vista economico, non hanno mostrato particolare

interesse per il portiere slovacco.“Abbiamo contattato sia il Latina sia l’Arezzo - afferma il dirigente Enrico Novello - per sapere se erano interessate al nostro portiere. In entrambe le squadre Franko sarebbe riuscito a giocare un altro anno in A1 e ad essere l’allenatore della squadra dei Pirati che è retrocessa in serie B. Nessuna delle due formazioni però ci ha risposto, probabilmente perché le dif�coltà economiche non sono solo un problema nostro ma un po‘ di tutti. A questo punto abbiamo parlato con Jurai. Lui non mi ha dato risposte uf�ciali ma mi è sembrato più deciso a seguire Roman e Zdenek al Milano 24, anche per non rimanere un anno fermo.”. Dopo gli addii già avvenuti di Ottino, Sigillo, Simunek, Kucera, Cocino e Tonin, un altro ‘‘pirata’’ sembra dunque destinato ad abbandonare la nave gialloblu che - è il caso di dire - naviga sempre più a vista in attesa di capire come potrà affrontare il prossimo torneo cadetto.

modo migliore. Nelle prima tre settimane cercheremo di caricare al massimo per farci trovare pronti dal punto di vista �sico per l’inizio del campionato”. Ant. Ban. quest’anno ci sarà come da tradizione il memorial De Angelis che si svolgerà a ridosso della prima giornata di campionato.

Calcioscommesse - Domani l’appello Marco Paoloni spera in uno sconto M

arco Paoloni ci spera. Riparte domani il processo sul calcioscommesse con il secondo grado di appello. Presso l’Hotel Parco dei Principi di Roma, dalle 11 del mattino, inizierà il dibattimento con i ricorsi delle parti in causa contro le sentenze emesse in primo grado dalla Corte di giustizia federale. Il giorno successivo, venerdì 19, l’inizio del processo è �ssato per le ore 9. In primo grado, le principali sanzioni comminate riguardavano: l’Atalanta, sei punti di penalizzazione, e i suoi tesserati Doni (3 anni e mezzo di squali�ca) e Manfredini (3 anni); l’Ascoli, sei punti di penalizzazione e soprattutto il nportiere civitavecchiese e Beppe Signori per i quali erano stati ravvisati gli estremi per una squali�ca di 5 anni con radiazione. Il pool di legali di Paoloni, rappresentato dagli avvocato Rodella, Di Paolo e Curatti, ha fatto già sapere di sperare in uno sconto ma di esser comunque pronto a riccorrere anche all’Alta Corte del Coni per opporsi successivamente alla pena comminata dalla Disciplinare.


SPORT

sportCivitavecchia

30

Civitavecchia & AltoLazio

Mercoledì 17 Agosto 2011

CALCIO - Oggi il primo allenamento al Fattori. Mister Pirozzi: “Siamo in ritardo, ma recupereremo in tempo per il campionato”

Il Civitavecchia corre (a casa) verso la D di SIMONE FANTASIA

R

iprende oggi pomeriggio al Fattori la preparazione in vista del prossimo campionato di serie D per il Civitavecchia calcio. Dopo i due giorni di riposo concessi alla squadra da mister Sergio Pirozzi, i nerazzurri oggi torneranno in campo per proseguire gli allenamenti. Ad Amatrice il raduno si è concluso con l’allenamento mattutino di domenica, dopo che sabato pomeriggio il Civitavecchia era sceso in campo per i test amichevole con il Maccarese. Una sfida in cui Pirozzi ha dato la possibilità a tutti gli effettivi di scendere in campo e non sono mancate le indicazioni positive su cui lavorare in questa settimana. Una settimana che porterà il Civitavecchia ad affrontare il primo impegno ufficiale della stagione, in Coppa Italia contro il Marino sui Castelli Romani: un test significativo anche per confrontarsi con una compagine, appunto quella castellana che il team di via Bandiera si ritroverà in campionato. “Il ritiro ad Amatrice è andato molto

bene – ammette il mister nerazzurro – posso ritenermi in generale soddisfatto del lavoro svolto, ma è chiaro che la strada è ancora lunga e dovremo impegnarci per arrivare al meglio al debutto in campionato, dove essendo partiti in ritardo rispetto alle altre compagini pagheremo lo scotto”. Parlando della partita di domenica a Marino, Pirozzi fa intendere che sarà l’occasione per capire cosa va per il verso giusto e cosa deve invece essere migliorato. “In settimana proseguiremo il programma come se non ci fosse la partita, che ci permetterà anzi di provare alcune soluzioni tattiche. Non saremo al top ma ce la giocheremo, anzi mi aspetto sotto questo punto di vista tanto impegno e quel pizzico di grinta in più fondamentale per sopperire al ritardo nella preparazione”. Intanto tengono banco i lavori del Fattori e la possibilità che vengano terminati in tempo per gli impegni ufficiali dei nerazzurri: in attesa di conoscere il calendario, la preoccupazione è che gli interventi di riqualificazione dell’impianto di via Bandiera

Fuori campo - Polemiche sui gironi: il Gaeta voleva stare in quello dei nerazzurri

Conto alla rovescia per i calendari S

ono attesi tra oggi e domani i calendari del prossimo campionato di serie D. I nerazzurri dopo aver conosciuto le avversarie attendono di conoscere in che ordine dovranno affrontarli a partire dal prossimo 4 settembre. Facendo un passo indietro - e parlando dunque di gironi - in queste ore nella Lega Nazionale Dilettanti tiene banco la veemente protesta del Gaeta, il cui presidente - Pasqualino Iezzi - è arrivato a minacciare le dimissioni se la sua squadra resterà nel girone H. Il patron pontino è infatti andato su tutte le furie perché il suo club è l’unico del Lazio inserito appunto nel girone H insieme a sei squadra pugliesi, otto campane e tre lucane. Nel girone G invece ci sono ben dieci rappresentanti del Lazio (compreso il Civitavecchia) e

Sopra Luigi Ruggiero e qui a lato mister Sergio Pirozzi ed il presidente Adriano Clemeno (Foto GARGIUL LI)

la sola presenza di Salerno, Sibilla Bacoli e Pomigliano. Il criterio usato dal presidente della Lega Nazionale dilettanti, Carlo Tavecchio, si è basato su tre punti cardine: competenza geogra�ca, facilità di collegamenti e ottimizzazione delle spese. Una decisione che ha invece escluso il club biancorosso dal girone G spedendolo per il secondo anno consecutivo nel raggruppamento meridionale. Se la passata stagione ci fu l’equivoco dovuto al ritardo nell’iscrizione alla serie D, quest’anno a Gaeta non riescono a spiegarsi i motivi di una simile scelta. «Salerno - ha detto Iezzi - ha chiesto di giocare in quel girone per questioni di ordine pubblico, mentre Bacoli e Pomigliano avevano fatto richiesta d’essere inserite nel girone laziale. Noi dovremmo presentare domanda per appartenere al raggruppamento con club della stessa regione o non sanno in federazione che Gaeta è una cittadina del Lazio.

non si concludano in tempi rapidi, costringendo la truppa nerazzurra ad

emigrare nel comprensorio. E di sicuro non sarebbe un inizio dei migliori.

Prima - Domani il raduno alla Cavaccia di Allumiere dell’ambiziosa squadra di Rasi che ha completato con Celestini un mercato da dieci e lode Il Ds Presutti: “Puntiamo in alto e non sottovalutiamo di Gianluca Celestini (ex Corneto avventura, con il nostro solito molto – ammette – soprattutto i la Coppa Lazio” Tarquinia), che ha chiuso un entusiasmo e convinti di poter fare primi giorni saranno durissimi.

La Compagnia Portuale comincia a ‘‘sudarsi’’ la Promozione

I

nizia uf�cialmente domani pomeriggio, alla Cavaccia di Allumiere l’avventura della Compagnia Portuale. La società civitavecchiese, infatti, darà il via alla preparazione in vista del prossimo campionato di Prima categoria, dove l’obiettivo dichiarato dalla dirigenza dei rossi è quello di puntare al salto in Promozione. Una campagna acquisti estiva di primissimo livello: tanti giocatori di grande caratura tecnica, con l’ultimo arrivo ovvero quello

mercato da prima fascia. Insomma tanti segnali positivi, con il direttore sportivo della Cpc Sergio Presutti pronto a scommettere su questa squadra e su una stagione da protagonisti. “Ovviamente devo ringraziare la dirigenza – commenta il diesse dell’Armata Rossa – perché ha ancora una volta voluto puntare su questo progetto e anzi dare allo stesso una spinta in positivo. Sul mercato cercavamo giocatori importanti, di spessore tecnico ma che allo stesso tempo sposassero il nostro progetto ma principalmente il nostro modo di vedere il calcio. Così è stato: da domani inizieremo questa nuova

bene. Ci sono tutte le condizioni per toglierci diverse soddisfazioni non solo in campionato ma anche in Coppa Lazio, manifestazione a cui teniamo in modo particolare perché rappresenta un’altra strada per accedere alla categoria superiore”. Una Cpc che parte con l’entusiasmo anche di una tifoseria pronta a scommettere su un gruppo comunque valido, un lusso per un campionato come quello di Prima, ma il calcio estivo è poco indicativo e mister Dario Rasi preferisce guardare al concreto, al lavoro da svolgere in questa prima fase della preparazione che si terrà ad Allumiere. “Dovremo lavorare

Vedo e sento tanto entusiasmo intorno alla squadra e di questo sono veramente contento, ma non dobbiamo farci prendere troppo dall’euforia. In campionato ci saranno squadre temibili, ogni partita sarà da affrontare con la massima determinazione: per questo viviamo alla giornata senza lasciare nulla al caso”. Cpc che inizia la preparazione con una doppia seduta, alla Cavaccia di Allumiere con la dirigenza che sta de�nendo il programma delle amichevoli con i rossi di Rasi che saranno comunque impegnati nel torneo “Sestili” in programma a Tolfa a �ne mese.

Qui sopra uno stop di petto di Riccobello ‘‘scortato’’ da Di Camillo (Foto Gargiulli)

Promozione - Partita la preparazione: due allenamenti giornalieri per arrivare al top Il carnet delle amichevoli

Il Tolfa si ‘‘sdoppia’’ per stupire ancora Vacanze �nite ormai praticamente per tutti. Solo chi gioca in Prima o in Seconda e Terza categoria potrà rilassarsi per un’altra settimana al mare. Per tutti gli altri è scattata l’adunata già da una settimana - o in qualche caso anche due - e da ieri è toccato anche al Tolfa che secondo una trazione avviata da Riccardo Sperduti (che oggi inizia una nuova avventura a Canino in una squadra che ha molto di civitavecchiese visto che in rosa troviamo Macaluso, Boriello ed i baby Trombetta, Bastianelli e Galli ai quali sta per aggiungersene un altro under sempre in prestito dal Il portiere del Tolfa Danilo Borriello resta club nerazzurro) si rimette in moto tra i pali biancorossi per un’altra stagione subito dopo ferragosto. Mister

Salvatore Incorvaia ha accolto i suoi ragazzi con una doppia razione di allenamenti intervallati da una pausa pranzo in sede che la società ed il tecnico hanno fortemente voluto per cementare l’unità di un gruppo che nel corso dell’estate ha perso diversi ‘‘pezzi pregiati’’ (Gibaldo, Bevilacqua, Regnani e Cornacchia), ma ha visto abbassare ancor di più l’età media e aumentare la componente autoctona al punto che provengono da Tolfa 20 dei 25 giocatori al lavoro allo Scoponi. Si andtà avanti in doppia seduta �no al test di domenica contro il Santa Marinella e poi si entrerà a regime giornaliero per poi dfsputare il 26 il memorial Sestili, che per la sua sesta

edizione verdrà in campo Compagnia Portuale e Monte�ascone. Rosa stagione 2011/2012 Portieri: Boriello D. (80) Simonante (93) Boriello M. (94) Difensori: Mollica (87) Silipigni (87) Fronti (89) Sgamma (89) Pierini (92) Del Frate (92) La Morgia (93) Angradi (94) Centrocampisti: Palassini (77) Orchi (87) Amabili (87) Mecucci (89) Baldini (90) Santecchi (92) Campari (93) Fracassa (93) Testa (94) Attaccanti: Braccini R. (80) Compagnucci (90) Di Leva (92) Vannicola (93) Piroli (94) Tecnici: Incorvaia e Aloisi DAGLI ALTRI CAMPI - Se il

Sconfitto il Santa Marinella a Fregene, Cerveteri male Ladispoli già in forma Tolfa ha appena cominciato il Santa Marinella, restando in Promozione ha appena concluso la sua seconda settimana di lavoro con la rinnovatissima squadra di Mario Bentivoglio reduce da una scon�tta in quel di Fregene per 2-0. Ko anche il Cerveteri di Massimo Lupi, che dopo aver beccato un rotondo 5-0 dall’Almas è tornato in campo 48 ore dopo contro il Corneto Tarquinia cedendo di misura (0-1). In campo anche il Ladispoli del civitavecchiese Marco Galli, neo-promosso in Eccellenza, che ha battuto 2-0 il Ciampino.


almanacco

& Mercoledì 17 Agosto 2011 Viterbo AltoLazio

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

31

visitando

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE Fe r ra g o s t o è passato e molti sentono già un po’ di tristezza perché l’Estate se

21 Aprile - 20 Maggio TORO Cari amici del Toro..molto probabilmente siete tra quelli che stanno ritornando

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI Voi siete come i fuochi ar tificiali..nei giorni intorno a ferragosto esplodono di

ne sta lentamente andando..ma non voi! La luna che viene a trovarvi non è che uno dei tanti pianeti che vi guardano in maniera benevola..La vostra carica passionale è sempre al massimo e non accenna a diminuire ed una certa dose di fortuna è garantita..MEGLIO DI COSI’!

al lavoro con la coda tra le gambe e invece avreste ancora voglia di starvene sotto al sole a crogiolarvi tra un libro ed un gelato al pistacchio..Per fortuna che una bella luna in Arite porta via la tristezza regalandovi ancora bei momenti da passare con i vostri amici..TIRATEVI SU

mille colori..i favolosi pianeti in Leone accendono e infuocano l’aria rendendovi degli amanti appassionati e chissà se proprio tra le mille avventure non ci sia nascosta la ostra dolce metà..ricordatevi che l’anno prossimo sarà addirittura favoloso..quindi PREPARATEVI

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO Sì è vero, si stava meglio in vacanza e se tor nate al lavoro pro-

23 Luglio - 22 Agosto LEONE Non potreste essere più felici del fatto che il vostro collega vi ha chiamato al

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE Ma siete proprio incorreggibili amici della Ve r g i n e . . g l i uomini del

prio oggi potreste trovar vi sul tavolo una marea di scar toffie che vi sembrano una montagna molto difficile da scalare..mettetevi con pazienza e volontà a sbrigare tutto..grazie a Mar te ci riuscirete in pochi minuti..e tutto riprenderà il giusto ritmo…AVANTI MARCH!!

cellulare dicendovi che in ufficio non c’è nulla da fare e che potete prolungare ancora un po’ le vostre vacanze..d’altronde questo è il vostro mese e dovete godervelo in pieno..mi raccomando..prendete tutto il sole che potete..vi servirà il prossimo inverno..E RILASSATEVI

segno sono particolarmente soddisfatti di una situazione finanziaria che sembra finalmente migliorare mentre le signore sembrano molte propense a godersi tutti i complimenti che stanno ricevendo già da qualche tempo..lo Zodiaco vi vuole bene..SORRIDETE FELICI

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA ma cosa volete che sia un po’ di malinconia quando intorno a

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE • E meno male che ci si mette un po’ la luna ad aumentare la vo-

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO Pe r voi ancora un m o m e n to magico di gioia e s e r e n i t à

voi c’è un mare bellissimo pieno d’amore e tenerezza..il mondo vi ama signori e Signore della Bilancia.cercate di r icambiare i vostr i amici con qualche bella cenetta a base di quelle leccornie che solo voi sapete preparare e GODETEVI LA C O M PA G N I A .

stra vitalità che ultimamente sembra scarseggiare a causa dei tanti pianeti in leone..cari scorpioncini datemi retta..non tutti i periodi sono bellissimi e adesso il momentaccio è toccato a voi..ma non tutto va male..l’amore per esempio..non sapete che le litigate accendono il desiderio?..MA SI CHE LO SAPETE..

e con la testa piena di progetti e il cuore pieno d’amore..sì cari amici del Sagittar io avete capito bene..siete al top dello Zodiaco in questo m o m e n t o. . d ’ a l t r o n d e ve lo avevo promesso all’inizio dell’anno che sareste s t a t i f e l i c i , v e r o ’ . . E C C OV I A C C O N T E N TAT I

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO Molto probabilmente questo dopo Fe r r a g o s t o è un po’ funestato da al-

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO Per voi che cercate di fare mille case contemporaneamente potrebbe esserci

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI Ma non che non è ancora il momento di rientrare al lavoro cari pesciolini..so

cune notizie riguardanti il l avo r o c h e a n c o r a s t e n t a n o a d a r r i va r e . . n o n d o ve t e p r e o c c u p a r v i d i vo l e r e t u t t o e s u b i t o. . e s e r c i t a t e a n c o r a u n p o ’ l a vo s t r a p r o ve r b i a l e p a z i e n z a e ve drete che tra un po’ sarete ripagati..E CON GLI INTERESSI

un po’ di smarrimento in questa giornata che inizia con questi pianeti che non se ne vogliono andare dal Leone..come lo dico al Capricorno lo dico a voi…siate pazienti..lo so che per voi è più difficili, figli dell’elettrico Urano come siete ma se per una volta vi calmate non fate un soldo di danno..ANZI

che non avete voglia di tornare nella vostra grotta in fondo al mare e vi capisco..preferite agitarvi sui cavalloni abbracciate al vostro fantastico e strabiliante nettuno che tra l’altro in questo momento è più innamorato che mai..e chi vi dice di smettere di divertirvi?.PROPRIO NESSUNO

Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Fabrica di Roma A Falerii Novi, mura etrusco romane del III sec. a.c. e la porta Giove si possono visitare sempre. L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Falerii del sec.XII da marzo a Novembre i sabati e le domeniche dalle ore 9 alle 13. In altri giorni per gruppi e scolaresche contattare il 0761/ 569101 ufficio cultura.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Mercoledì 17 Agosto 2011

Giovedì 18 Agosto 2011

ore 00 cielo sereno e vento da nord/ovest a 6 km/h. Temperatura di 20,7 °C ore 03 cielo quasi sereno e vento da nord a 3 km/h. Temperatura di 19,4 °C ore 06 cielo sereno e vento da nord a 3 km/h. Temperatura di 18,9 °C ore 09 cielo sereno e vento da nord/est a 4 km/h. Temperatura di 24,5 °C ore 12 cielo quasi sereno e vento da sud/ovest a 1 km/h. Temperatura di 28,5 °C ore 15 cielo sereno e vento da nord/est a 6 km/h. Temperatura di 30,5 °C ore 18 cielo sereno e vento da nord/est a 5 km/h. Temperatura di 31,2 °C ore 21 cielo sereno e vento da nord/est a 6 km/h. Temperatura di 24,1 °C

ore 00 cielo sereno e vento da nord/ovest a 4 km/h. Temperatura di 21,3 °C ore 03 cielo sereno e vento da nord/ovest a 5 km/h. Temperatura di 19,2 °C ore 06 cielo sereno e vento da nord/est a 6 km/h. Temperatura di 17,6 °C ore 09 ore 12 cielo sereno e vento da nord a 4 km/h. Temperatura di 31,3 °C ore 15 cielo sereno e vento da nord/ovest a 5 km/h. Temperatura di 33,3 °C ore 18 cielo quasi sereno con nubi sparse su tutto il fronte e vento da ovest a 6 km/h. Temperatura di 32,4 °C ore 21 cielo sereno e vento da sud/ovest a 9 km/h. Temperatura di 24,9 °C

FARMACIE

OGGI 17 AGOSTO FILOSCIA (DIURNO E NOTTURNO) VIA VICO SQUARANO (VT) TEL: 0761-324188 DOMANI 18 AGOSTO COMUNALE LA QUERCIA (DIURNO E NOTTURNO) P.ZZA CAMPO GRAZIANO, 37 LA QUERCIA (VT) TEL: 0761-326530



L'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 17 agosto 2011