Page 1

AltoLazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

p

Viterbo & Lazio Nord Anno II N. 28 - Giovedì 3 Febbraio 2011

Direttore Editoriale ARTURO DIACONALE

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

EDITORIALE

La politica delle divisioni colpisce ancora di Paolo GIANLORENZO

C

‘ ‘erano una volta la Democrazia Cristiana, il Partito Comunista e il Partito Socialista. Ce n’erano tanti altri di partiti ma ci limitiamo a ricordare i maggiori. Questi movimenti politici avevano dei leader che si occupavano delle grandi manovre di Governo e i sotto leader che gestivano le correnti interne al partito. All’esterno tutti d’amore e d’accordo. All’interno faide e guerre a colpi di tessere e congressi. Raggiunta una decisione, gli scon�tti, loro malgrado, si presentavano con il sorriso stampato sulla bocca e si allineavano con i vincitori. I governi, di qualsiasi natura, nazionale, regionale, provinciale o comunale cadevano perché le coalizioni tra i partiti erano litigiose. Oggi tutto è perduto. I partiti esistono? Sulla carta ovviamente sì ma nella realtà sono identità astratte. Tutti contro tutti. Non c’è un solo partito che rimanga unito per più di un anno. C’è chi entra o chi esce o chi addirittura ne fonda dei nuovi. Diciamo questo perché il caos nazionale e la mancanza di collante con la base continua a produrre danni irreversibili anche sul nostro territorio. Dal Pdl al Pd al “fantomatico” Terzo Polo, non c’è giorno senza novità. Riteniamo giusto rivolge un invito a tutti gli uomini che rappresentano la politica locale, di qualsiasi colore e schieramento: invece di pensare a dividersi per trovare posti e gestire il potere, sarebbe un bel gesto tornare all’umiltà del passato e riavvicinarsi alla gente, al popolo abbandonato in balia della quotidianità. Viterbo e provincia sono zone depresse dove l’economia è da terzo mondo. Invece di litigare lottate per l’aeroporto. Invece di dividervi, unitevi per raggiungere almeno un risultato per questo territorio. Non volete volare? Allora dateci strade senza buche e ferrovie veloci. Dateci le terme a prezzi popolari, dateci servizi ef�cienti. Insomma, dateci qualcosa.

CRONACA

S’è spaccato il Pdl Provincia in crisi Cimitero - Insogna risponde a Muroni

Tante le cose da chiarire Sergio Insogna risponde per le rime all’assessore Muroni che qualche giorno fa aveva rilasciato un’intervista al nostro quotidiano sulla questione della privatizzazione dei servizi cimiteriali. Tanti sono anche gli interrogativi che il consigliere del Pd pone al titolare delle partecipate viterbesi, chiamando in causa pure Galati. Una domanda su tutte: perchè il Cimitero non potrebbe essere una “miniera

MONTALTO

d’oro” per il Comune di Viterbo? Perché dovrebbe esserlo invece solo per i privati? “Un conto è dare 160mila euro al Cev, un conto darne 167mila a un privato”. “Un conto è far gestire una struttura comunale come il Tempio Crematorio, che molto ha reso e molto renderà, ad un privato, un conto farlo gestire da una partecipata del Comune”. servizio a pagina 7

CIVITAVECCHIA

di Emanuele FARAGLIA servizio a pagina 4

Parte direttamente dal quartiere Il Palombaro una pesante denuncia contro le autorità per lo stato di abbandono in cui si trova l’intera zona. Alberi le cui radici mettono a rischio lo stesso asfalto, rami che possono cadere da un momento all’altro. Una situazione, insomma, invivibile di Valeria Sebastiani

Con un criterio di riassegnazione degli stalli la cui legittimità è tuttora ancora da dimostrare serpeggiano strane ed insistenti voci sui nuovi box del mercato. C’è addirittura chi è convinto di poter sfruttare le solite pressioni dell’amico politico per avere la ‘spintarella giusta’. di Pietro COZZOLINO

servizio a pagina 11

servizio a pagina 12

A Palazzo Gentili si spacca in due il gruppo consigliare guidato da Gianluca Mantuano. Nasce il “Centrodestra-Pdl”. A promuoverlo sono Equitani, Staccini, Capitoni e Cuzzoli. Il tutto con l’avallo del Sindaco Marini che con gli stessi si era riunito già martedì scorso nel suo uf�cio di Palazzo dei Priori. La manovra pare punti ad isolare Mantuano e fare quadrato attorno all’assessore Equitani più volte messo in discussione dalla stessa maggioranza. Aria di tempesta in tutto il centrodestra. Piero Camilli fuorioso con l’ex sindaco di Bolsena: sulla questione dell’eolico a Piansano “c’ha fatto fare la �gura dei coglioni”. servizio a pagina 6

SPORT - CALCIO

Non c’è prova Al Palombaro Mercato, nuovi box Tutti i recuperi delle percosse rischio sicurezza e ‘strani appetiti’ dei Dilettanti Torna in tribunale il caso di presunti maltrattamenti di un uomo nei confronti della sua ex compagna. Una storia tormentata culminata in quella maledetta notte del 25 agosto 2007 durante la quale, secondo la testimonianza della donna, si sarebbe consumato il reato

di Daniele CAMILLI

E’ stato un mercoledì all’insegna dei recuperi nel calcio dei Dilettanti. In Promozione capitombolo interno del Corchiano Gallese contro il Santa Marinella , in Prima Categoria �niscono 11 Valleranese- Grotte di Castro e 2-0 Latera-Vignanello. In Seconda successi per Viterbo Pool, Celleno e Nuova Bagnaia.

di Alessandro G.VIRGULTI servizi a pagina 14 e 15

In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE DELLE LIBERTA’ a 1 euro


2

p

cronaca

Viterbo & Lazio Nord

MercoledĂŹ 2 Febbraio 2011


Giovedì 3 Febbraio 2011

Viterbo & Lazio Nord

primo piano

p

3

Una vita da reporter dell’umanità L’avventura e le foto del viterbese Gianluca Uda di Roberto POMI

U

n viaggio attraverso il mondo quello di Gianluca Uda. Classe 1981 e viterbese, il giovane è stato “catturato” dalla magia del volontariato e dal 2008 si sposta da un continente ad un altro alla ricerca di emozioni. La passione per la fotografia gli permette di fissare in scatti le proprie esperienze e di condividerle con tutti. Da ciò nascono il calendario 2009 sulla Tanzania e il libro fotografico ‘La Mama Calle’ (La mamma strada), entrambi in vendita sul portale ‘ilmiolibro.it’. Africa, India, America Latina. Queste le tappe del viaggio del giovane viterbese. Confronto con popoli diversi, capaci di colpire e lasciare un segno dentro gli occhi di un occidentale. L’avventura inizia in Tanzania (Africa), nella provincia di Iringa. Uda è ospite di una casa famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII. Corre l’anno 2008 e Gianluca raggiunge ogni giorno un villaggio dove si occupa di bambini con gravi deficit. Le sue giornate si dividono tra un centro nutrizionale per i bambini malnutriti, il sostegno alle famiglie povere del posto e la fotografia. Di questa esperienza seleziona dodici scatti per la realizzazione di un calendario a

scopo benefico. “Il materiale fotografico raccolto in quei tre mesi mi è servito per documentare la realtà precaria ma al tempo stesso vitale della gente che popola quelle terre. Terra rossa, quella africana, che riesce a ospitare miseria e missionari, Masai e turisti, pioggia e sole. Un sistema complesso di gente, usi costumi che ti entrano dentro per non abbandonarti più”, racconta Uda. Quel calendario è stato realizzato, le spese sono state coperte da uno zio tipografo del giovane, e messo in vendita. Il ricavato dato in beneficenza.

Nel 2009 Gianluca si trasferisce in Bolivia. Vive l’esperienza come Casco Bianco nella città di La Paz, sulle Ande, a quasi 4000 metri sul livello del mare, questa volta occupandosi di senzatetto con problemi di alcool e droghe. Li cerca direttamente nei bassifondi per dargli un pasto e un tetto dove passare le freddissime notti andine. Li fotografa. Altra attività non meno importante è stata quella di gestire un piccolo pronto soccorso ed inoltre pagare le prestazioni ospedaliere, dato che in Bolivia sono tutte private. Il 2010 è stato l’anno del Bangladesh dove è stato per quasi tutto l’anno. Nel paese dei monsoni, dove la povertà e la miseria sono a livelli per noi inimmaginabili, in un villaggio nel sud, Gianluca, si è prodigato negli aiuti a una comunità di circa 600 persone con molti portatori di handicap. Aiuti che vanno dall’insegnamento di tecniche agricole alla gestione di una scuola, un centro sanitario e la distribuzione di medicinali. Ieri è partito per lo Sri Lanka. Anche lì nuove miserie e ricchezze da fotografare e raccontare al mondo. Anche lì queste giovani braccia viterbesi sono pronte a spendersi per la dignità di altri uomini. Per guardare tutti gli scatti di Uda o contattarlo potete consultare il suo sito www.gianlucauda.it


cronaca

p

4

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

A Capranica l’eroico gesto di un vigile urbano salva la vita a due bambine precipitate in un dirupo

di VALERIA SEBASTIANI

T

ragedia s�orata oggi pomeriggio a Capranica ed evitata grazie al pronto intervento di un vigile urbano. Attorno alle 15,30

due bambine che si erano inoltrate nel bosco di Macrò sono scivolate in un dirupo. Le grida d’aiuto sono state sentite da alcune ‘consigliere’ che si trovavano all’interno del palazzo comunale e che hanno

allertato il vigile urbano di servizio, il Maresciallo Fabio Romagnoli(nella foto). Grazie alla conoscenza del territorio l’uomo ha subito individuato il luogo da dove provenivano le richieste di soccorso delle bambine, dalle quali lo divideva un dislivello di 70 metri. Ha quindi percorso 2 km tra i noccioleti con l’auto di servizio, raggiungendo un punto più accessibile dal quale poterle aiutare. Senza preoccuparsi per la propria incolumità è sceso nel dirupo, calandosi per circa 50 metri, raggiungendo le piccole per tranquillizzarle quindi trarle in salvo e riconsegnarle alle rispettive famiglie. Intanto anche i Carabinieri si erano attivate nelle ricerche delle due scomparse.

Sfilano testi importanti nel caso del maltrattamento che vede imputato un padre presunto violento

“Nessuna prova delle percosse” di EMANUELE FARAGLIA

T

orna in tribunale il caso di presunti maltrattamenti di un uomo nei confronti della sua ex compagna. Una storia tormentata culminata in quella maledetta notte del 25 agosto 2007 durante la quale, secondo la testimonianza della donna, si sarebbe consumata la violenza. I FATTI “La nostra bambina aveva appena trascorso tre mesi - ha raccontato la signora - siamo tornati a casa da una cena e mi

Altolazio News srl Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO piggi@opinioneviterbo.it Redazione Centrale di Viterbo GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI MICAELA ROTELLI Grafici MARIO RAMUNDO In attesa di registrazione ROC Editore Altolazio News srl Pres.te Manfredino Genova A.D. Ferdinando Guglielmotti Sede di Viterbo 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.341539 redazione@opinioneviterbo.it donn@opinioneviterbo.it Tipografia L’OPINIONE S.P.A.VIA DEL CORSO 117 ROMA

Centri Stampa edizioni teletrasmesse EDITORIAL M.P.A S.R.L. SENAGO (MI) POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRETA (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 21,30

sono messa ad allattarla. Fin da quando è nata Ariel (nome di fantasia, ndr) lui ha iniziato a essere sempre più aggressivo e violento nei miei confronti. E’ entrato nella stanza - dal parto non dormiva più con me ma al piano di sopra - mi ha dato della puttana e mi ha rifilato quattro calci forti ad una gamba. Poi mi ha strappato nostra figlia dalle mani ed è andato in cucina. Me lo sono rivisto presentare con la piccola in braccio ed un coltello in mano. Quella notte non la dimenticherò mai. Dopo qualche giorno decisi che dovevo finirla, così sono andata via da quell’inferno”. Fin qui la ricostruzione della donna alla quale il Tribunale dei Minori ha affidato la bambina consentendo al padre della piccola di vederla soltanto sette volte negli ultimi tre anni provocando in D.F. (iniziali di fantasia) uno stato di sofferenza facilmente immaginabile.

LE ULTIMISSIME Ieri mattina, di fronte al pubblico ministero Paola Conti ed al giudice Eugenio Turco sono sfilati testimoni particolarmente importanti. L’AMICA DELLA PRESUNTA PARTE LESA Per prima ha parlato la signora R.Z. che ha confer-

mato di conoscere da molti anni la 42enne viterbese che avrebbe subito violenze dal ‘mostro’ sbattuto in prima pagina. La teste ha ricordato: “Antonietta era incinta e mi disse che non sapeva dove andare, le dissi, ma vieni a casa mia...”. A quel punto il Pubblico Ministero le ha chiesto: ha assistito ad altri episodi di

maltrattamento? “Lui la minacciava e aveva atteggiamenti minacciosi anche nei confronti dei suoceri”. Che ci fosse un rapporto non idilliaco tra i genitori della mamma e l’ex compagno è cosa nota e confermata dal fatto che tuttora la piccola non può essere vista né dal padre né dai nonni paterni anzi il nonno è addirittura morto senza poter salutare la piccola. I TESTI DELLA DIFESA Subito dopo la testimonianza a supporto della ricostruzione della mamma ha parlato S. che ha affermato di aver ricevuto presso un centro di ascolto diocesano locale il papà della piccola: “Mi disse che aveva rapporti conflittuali con la compagna”. A questo punto il PM ha voluto chiarire se presso il centro di ascolto diocesano è stata tentata una “riappacificazione” tra i due conviventi ma il signor S. ha dichiarato che non conosceva la donna e che non rientrava nei suoi compiti provare una simile riconciliazione. Dopo il signor S. è stata la volta di un amico del padre della piccola che ha confermato come il fidanzamento tra i due fosse

“altalenante”. LE CONSIDERAZIONI DELL’AVVOCATO TRANFO L’avvocato difensore del padre, da noi contattato telefonicamente nel pomeriggio dopo che il Giudice Turco ha fissato la prossima e definitiva udienza per il 23 giugno, però, ha notato: “La parte lesa non ha prodotto nessuna certificazione medica che attestasse le lesioni presunte subite. L’unica che ha prodotto è una certificazione del proprio ginecologo che attesta che intorno alla 17esima settimana c’è stato il rischio di un’interruzione di gravidanza. Mi pare un po’ poco per impedire al padre della figlia di poterla vedere in serenità e non in mezzo ad un distributore di benzina una volta ogni tanto. Ci tengo a ribadire che in questi anni noi abbiamo tentato più e più volte di riconciliare i due, non certo in vista di un ormai concluso rapporto d’amore, ma in difesa del diritto del padre di vede re la propria bambina”. Parole che restano sospese in attesa del l’udienza di quest’estate quando il caso tornerà ad essere affrontato in Tribunale.

Quando il razzismo e la paura del diverso generano l’assurdo di SIMONA TENENTINI

L

a paura del diverso e la necessità di attribuire reati e azioni infamanti a persone che parlano una lingua diversa dalla nostra o magari hanno usi e costumi a noi incomprensibili, genera, molto spesso, delle deformazioni della realtà che arrivano a s�orare il grottesco. Questo è quello successo, qualche tempo fa, in relazione ad un articolo, da me pubblicato, riguardante un gesto vandalico compiuto ai danni di una panchina della passeggiata di Vasanello, completamente divelta dalla sua base. Etichettato il gesto come sconsiderato, sembrava un capitolo chiuso. E invece no. Qualche giorno fa arriva infatti, addirittura non al mio indirizzo, ma a quello di un mio collega, una lettera

anonima rivolta alla mia persona. Visto il lessico poco chiaro e la mancanza di �rma della stessa, siamo costretti a pubblicare solo qualche straccio della missiva, tanto per rendere l’idea della situazione grottesca e sperando che, sentendosi chiamato in causa, il responsabile si assuma le sue responsabilità ed esca allo scoperto. Anche se già nel momento in cui lo diciamo stentiamo a crederci anche noi. “Gentile Signora Simona Tenentini... Le ho scritto perché ci tengo a dirle una cosa. Sono un ragazzo di diciotto anni che la sera che è stata rotta la panchina era in giro in motorino poiché erano le vacanze di Natale, ed eravamo più liberi di uscire la sera senza il pensiero dell’interrogazione o del compito in classe del giorno dopo. lo e i miei amici abbiamo visto un

gruppo di rumeni seduti su quella panchina e come li abbiamo visti noi, li avranno visti anche le persone in piazza o al bar (ma ovviamente tutti zitti).”..... Qua la prima accusa indiretta a presunti reati di un’altra nazionalità “Comunque, quella stessa sera che li abbiamo visti seduti su quella stessa panchina rotta poi siamo andati a giocare a carte. Quando siamo riusciti “QUELLA” panchina non c’era più!!!!..... Ho espresso ai genitori la voglia di scrivere ai Carabinieri e Sindaco ......” evidentemente questa persona non è abituata �rmarsi “visto che “qualcuno” ruba le macchine, ci sono i nomi in caserma ma non si può fare niente visto che i nostri concittadini poliziotti a Viterbo e a Roma sono stanchi di arrestare rumeni e trovarseli dopo due

giorno lasciati liberi dai Giudici e che se li ritrovano a prenderli in giro sotto il naso.....Per questo i miei genitori mi hanno detto di stare zitto, ma quando ho visto il suo articolo non ce l’ho fatta a non scriverle.” Ora inizia poi una serie di incredibili assurdità: “Provi lei, se ha le palle, a denunciare i fatti successi qui e altrove che rimangono quotidianamente impuniti. Vada a parlare con i carabinieri se ci sono nomi di rumeni per furti di cellulari a pasquetta e i furti di macchine qui a Vasanello......” per concludere poi con delle accuse assolutamente prive di fondamento: “Prima di parlare di branco o di bravate da ragazzi la devo invitare a pensare bene ma molto bene la prossima volta, prima di poggiare la penna e sputare sentenze a chi non lo merita., anche perché sto branco de rumeni che fanno i danni tutti li vedono e


Giovedì 3 Febbraio 2011

cronaca

Viterbo & Lazio Nord

p

5

Un 34enne di Viterbo ed un 24 di Celleno fermati la notte scorsa e tradotti al Mammagial a

Avevano in auto un chilo di fumo Arrestati due giovani L

a notte scorsa sono finiti in manette G.G. e V.J.J., di 24 e 34 anni, uno di Viterbo e l’altro di Celleno, rispettivamente operaio ed impiegato, sorpresi dagli uomini della Squadra Mobile con un ingente quantitativo di droga. La narcotici, coordinata dal sostituto commissario Luca Mezzera, li ha fermati in nottata, dopo un lungo pedinamento. Dentro una Lancia Y grigia, i poliziotti hanno rinvenuto dieci panetti di hashish, da cento grammi l’uno. Lo stupefacente una volta reimmesso sul mercato, avrebbe fruttato tra i dieci e i quattordicimila euro. I panetti erano stati occultati sotto il sedile posteriore dell’auto. La perquisizione successivamente effettuata nei rispettivi domicili, gli agenti hanno rinvenuto altri 150

grammi di hashish, per un complessivo di un chilo e 150 di “fumo”. Sequestrati inoltre cinque cellulari, un bilancino di precisione, 700 euro in contanti e la Lancia Y, della quale la questura chiederà, come la legge prevede per i reati connessi allo spaccio di droga, la confisca.

Il dottor Zampaglione ed un agente della Mobile

G.G. e V.J.J. sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e tradotti presso il carcere viterbese di Mammagialla.

I panetti di stupefacente ed il resto del materiale sequestrato

Arsenico, un’ordinanza ed un avviso per la cittadinanza F

irmata ieri mattina l’ordinanza n. 13 riguardante la questione arsenico. Nel documento vengono illustrati i dati inerenti la concentrazione di arsenico nell’acqua destinata al consumo umano nel territorio comunale e riportate le relative disposizioni in merito. Sempre in data odierna è stato redatto un avviso alla cittadinanza con tanto di tabella suddivisa in base alle varie concentrazioni di arsenico, con illustrati utilizzi e limitazioni dell’acqua in base alle indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità. Nell’avviso si legge: “Nell’acqua erogata in tutto il territorio comunale l’arsenico ha una concentrazione compresa tra 10 e 20 microgrammi/litro, con la sola eccezione delle zone di Tobia, Carcarelle e della

zona rurale compresa tra la strada Querciaiolo e la località Fornaci, che comunque hanno una concentrazione tra 20 e 50 microgrammi/ litro”. Nella tabella, nella fascia compresa tra 0 e 10 microgrammi/litro non è prevista alcuna limitazione per il consumo umano, inclusi il bere e il cucinare, l’igiene della persona, degli indumenti e degli ambienti. Qualche limitazione invece per la fascia compresa tra 11 e 20 microgrammi/litro. L’acqua non risulterebbe infatti utilizzabile per bambini di età inferiore a tre anni e per donne in stato di gravidanza, né come bevanda, né per cucinare, né tantomeno per reidratare cibi liofilizzati e per sciogliere latte in polvere o altre polveri alimentari come caffè solubile, orzo. Le imprese alimentari inoltre dovran-

no dotarsi di impianti di potabilizzazione. Particolare attenzione dovrà essere fatta qualora i valori fossero compresi nella fascia 2150 microgrammi/litro. In questo caso, oltre a quanto previsto per la fascia 11-20 microgrammi/litro, è sconsigliato bere quotidianamente utilizzare l’acqua per la preparazione di alimenti quali brodi, minestre e minestroni o salamoie, per la cottura della pasta, la lessatura delle verdure e per le preparazioni dove l’acqua sia elemento significativo. Nella parte conclusiva dell’avviso pubblico si legge: “il cittadino può utilizzare l’acqua fornita dal gestore del pubblico acquedotto seguendo le indicazioni contenute nella tabella […] ed inoltre approvvigionarsi autonomamente con acqua contenente arsenico

in concentrazione fino a 10 microgrammi/litro, non appena saranno operative apposite fontanelle in corso di installazione, le cui ubicazioni saranno tempestivamente e pubblicamente rese note”. “Da alcune settimane – ha spiegato il sindaco Giulio Marini – insieme all’assessore all’Ambiente Giovanni Arena stiamo lavorando in sinergia con la Ausl per dare alla cittadinanza risposte concrete e per eliminare in tempi brevi il problema riguardante l’arsenico. La salute dei miei concittadini ha priorità assoluta. Per questo abbiamo messo in campo tutti gli strumenti necessari per affrontare e gestire la questione senza creare eccessivi allarmismi e soprattutto per fornire soluzioni e strumenti per la tranquillità e la sicu-

rezza della cittadinanza viterbese. Strumenti che vanno dall’istallazione di fontanelle pubbliche per l’erogazione di acqua con concentrazione di arsenico non superiore a 10 microgrammi per litro alle nuove tecniche di dearsenificazione attraverso appositi impianti. Confidiamo di risolvere definitivamente il problema nel più breve tempo possibile”. Sulle so-

luzioni definitive per debellare la presenza di arsenico nell’acqua si è soffermato anche l’assessore all’Ambiente Giovanni Arena, che ha aggiunto: “Da parte nostra c’è la massima attenzione. A questa problematica si sta interessando concretamente la Regione Lazio che, per gli impianti di dearsenificazione ha stanziato un finanziamento di circa 15 milioni di euro”.


6

politica

p

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

A Palazzo Gentili è nato il gruppo consigliare “Centrodestra-Pdl”. Con la benedizione di Marini

Si spacca il Pdl in Provincia. Isolato Mantuano di DANIELE CAMILLI

A

ria di tempesta a Palazzo Gentili. Il gruppo del Popolo della Libertà in consiglio provinciale s’è spaccato in due e da una sua costola del Pdl è nato un nuovo gruppo. Si chiamerà Centrodestra-Pdl e a farne parte sono l’assessore all’ambiente Paolo Equitani e i consiglieri Bruno Capitoni, Roberto Staccini e Alessandro Cuzzoli. Una notizia che scompagina gli scenari futuri del panorama politico viterbese a pochi mesi dalle elezioni amministrative di primavera. Il tutto con la benedizione del coordinatore provinciale del Partito, nonché Sindaco di Viterbo, Giulio Marini che per lunedì mattina avrebbe addirittura convocato i “maggiorenti” del Pdl viterbese per provare a districare l’intricata matassa. Inoltre, secondo alcune indiscrezioni, la formazione del gruppo pare sia stata uf�cializzata ieri mattina e che per oggi è previsto l’annuncio uf�ciale. La nascita del nuovo gruppo porrebbe però nell’immediato due problemi: uno di carattere formale, l’altro istituzionale. Innanzitutto il nome. Com’è possibile che due gruppi distinti possano utilizzare entrambi il logo del Pdl?

Molti sarebbero infatti contrari, incluso Meroi. Contrarietà che alla �ne potrebbe far venir meno il “suf�sso” Pdl e costringere il gruppo ad assumere solo il nome di “Centrodestra”. Con tanto di conseguenza politica non da poco, perché a quel punto i consiglieri che l’hanno pensato rischiano di vedersi tagliati fuori dal Popolo della Libertà, dandosi così la “zappa sui piedi”. E con loro a darsela sarebbe anche Giulio Marini che dopo aver sostenuto i quattro, si ritroverebbe da solo dentro il suo Partito. Dopodichè c’è pure la questione istituzionale. La nascita della nuova formazione potrebbe infatti spingere il presidente del consiglio Piero Camilli a rivedere la composizione delle commissioni, ridisegnando alcuni equilibri a Palazzo Gentili. Quale sarebbe invece il motivo uf�ciale della nascita del nuovo gruppo? Secondo i fondatori, “rafforzare l’operato dell’amministrazione Meroi”. Secondo i più smaliziati, mettere all’angolo il capogruppo Pdl Gianluca Mantuano, isolarlo ben bene e andare allo scontro con i “quarantenni”, laddove sono più forti, cioè in Provincia. Prima ancora che si arrivi al rimpasto a Palazzo dei Priori e alla

Comune: il rimpasto? Una boiata pazzesca

di ROBERTO POMI

Rimpasto dopo l’8 febbraio? Una boiata pazzesca”, pare sia questo il maggioranza-pensiero degli ultimi giorni. Il cielo è grigio su Palazzo dei Priori e il clima da resa dei conti inizia a emergere dalle acque. Uno scoglio molto pericoloso per la corazzata Giulio Marini. Ieri pomeriggio vertice di maggioranza. I giorni si fanno sempre più caldi e c’è chi inizia a tirare calci, anche se davanti al sindaco poi tutti scattano nuovamente sull’attenti. Non è stato mandato giù da nessuno l’intervento protettivo di Ser Nando Gigli a favore di Claudio Taglia. “Mi auguro che l’assessore resti – aveva pubblicamente dichiarato Gigli alla convention di ‘Futuro e Libertà’–. Chi governa spero che scelga non in modo settario, in base alle convenienze, ma nell’interesse generale. Così non va e noi siamo disposti a dare una mano, a patto che serva, per affrontare i reali problemi della città. La situazione è stagnante”. Soprattutto gli uomini della maggioranza non hanno digerito il silenzio assoluto da parte del sindaco

sulla questione Taglia. Una scena muta che ha dell’ambiguo: Marini d’accordo con Gigli? Su un’osservazione del “Babbo” Nando sono invece tutti d’un sentimento: “la situazione è stagnante”. In più d’uno sembrano disposti a girare i tacchi e lasciare vuota la sala d’Ercole se Marini non la smette con i “giochetti”. I consiglieri si dichiarano, a bassa voce e in gran segreto, stanchi di “dover girare per Viterbo con la maschera”. “I cittadini non sono stupidi. Sanno e vedono che il Comune è fermo. Non possiamo prenderci gioco di loro o saremo puniti al momento del voto. La gente chiede sviluppo e noi raccontiamo barzellette. Fissare il rimpasto al dopo 8 febbraio è una presa per i fondelli, doveva essere già tutto fatto da tempo”, questo quello che si ascolta porgendo l’orecchio da più parti. Gli unici a rimanere impassibili di fronte a questa situazione sono non più di tre-quattro consiglieri di maggioranza: i mariniani “for ever”. Gli altri? Ne hanno �n sopra ai capelli. Se Marini non si affretta a buttare acqua sulla polveriera dovrà fare i conti con chi ha già pronti i tizzoni.

caduta del governo Berlusconi. Nel primo caso per “depotenziare le pretese dei rotelliani” e giocare la partita su più fronti. Nel secondo perché, dopo la caduta del Premier, all’interno del Popolo della Libertà si prospetta non il diluvio, ma un vero e proprio “bagno di sangue”. Tanto vale, quindi, organizzarsi per tempo. Mantuano come San Sebastiano. Legato a un palo e in attesa di esser tra�tto dalle frecce. Quali sarebbero le sue colpe? Perché s’è arrivati a questa sorta di regolamento dei conti con i “quarantenni”? “Perché – come ci dicono alcune fonti – Gianluca ha fatto troppo di testa sua prendendo decisioni senza concordarle con gli altri appartenenti al gruppo”? Oppure perché – come ci rivelano altri – Mantuano & Co. “hanno messo apertamente in dif�coltà Equitani” aprendo così una frattura profonda con tutta la componente proveniente da Forza Italia che nell’ex sindaco di Bolsena trova l’unico referente in giunta? Una scontro incentrato su cinque punti. Questioni che ruotano tutte attorno all’ex Sindaco di Bolsena. Primo, l’eolico a Piansano. Con la sentenza del Tar, che ha dato torto ad Equitani, amministrazione e maggio-

ranza avrebbero fatto “la �gura dei coglioni”. Testuali parole di Piero Camilli. Non solo, ma pare che l’assessore all’ambiente voglia pure ricorrere al Consiglio di Stato. Se questo ribadisse però la sentenza del Tribunale Amministrativo, a quel punto le responsabilità degli “errori commessi” non ricadrebbe solo su Equitani, bensì su tutta la giunta. Secondo, l’arsenico nelle acque. Ad Equitani si rimprovererebbe la sottovalutazione del problema, così come d’aver preso la decisione di piazzare fontanelle su tutto il territorio senza averlo concordato in maggioranza. Terzo, le dichiarazioni sul termovalorizzatore. Mantuano e una grossa fetta della maggioranza non lo vogliono, anche perché il Piano ri�uti della Regione non lo prevede. Equitani invece sì. Quarto, la sostituzione di alcune dipendenti precarie andate in maternità con altri precari senza consultare nessuno. In�ne la sorte dei precari in Provincia che Mantuano e Camilli vorrebbero stabilizzare. Insomma, tante micce accese che rischiano di far saltare in aria Palazzo Gentili a pochi mesi di distanza dall’insediamento della giunta Meroi.

La dichiarazione Irpef di Mantuano No agli aumenti

Piero Camilli attacca Equitani

Se le cose non si mettono apposto, si va tutti quanti a casa. Io non ho alcun problema, tornerei a fare con grande serenità quello che ho sempre fatto: l’imprenditore. Di tutta questa situazione ci sono inoltre almeno 4-5 consiglieri che ne hanno le scatole piene”. Il Presidente del consiglio provinciale Piero Camilli interviene sulla crisi che sta spaccando in due la maggioranza a Palazzo Gentili. E va giù duro, decisamente senza mezzi termini. “Come Presidente dovrei essere sopra le parti, ma quando vedo certi comportamenti proprio non ci riesco”. Per quale motivo? “Perché tra gli assessori c’è chi pensa che i consiglieri debbano solo alzare la mano e dire sì o no. Perché c’è chi crede che si possano fare assunzioni e delibere senza passare per l’Aula consigliare. Ma si sbaglia di grosso! Il Consiglio non è un luogo asettico. Il Consiglio decide”. A questo punto, e tanto per fare nomi e cognomi, gli chiediamo: sta parlando per caso di Paolo Equitani? La risposta è “sì”. Camilli, per chi lo conosce, non è uno che la manda a dire. Tutt’altro. Aggiunge infatti – e sempre a proposito dell’assesso-

re all’ambiente – che sulla questione dell’eolico a Piansano “abbiamo fatto la �gura dei coglioni” e che “non si possono fare sostituzioni a piacimento e poi non voler risolvere la questione dei precari in Provincia”. In sintesi, non è possibile che Equitani “viva l’assessorato di cui è titolare come casa propria e non come espressione della maggioranza che lo ha nominato”. Inoltre il Pdl non c’è. Anzi – come sottolinea Camilli – “non c’è più. Marini fa tutto: sindaco, deputato, coordinatore. Il Partito non viene convocato da mesi e sulle prossime elezioni amministrative che coinvolgeranno 21 comuni della provincia nemmeno una parola”. E poi – riferendosi all’incontro di lunedì mattina tra il Sindaco di Viterbo e i consiglieri Staccini, Cuzzoli e Capitoni – “non capisco proprio cosa centrino queste riunioni carbonare. Basta con le logiche correntizie e degli ex. Forza Italia non esiste più. Ora c’è il Popolo della Libertà di cui tutti dovremmo far parte, tutti nella stessa direzione”. Domandiamo in�ne: come s’è arrivati a questo? Semplice, “c’è qualcuno che vuole fare come gli pare. Ma non siamo al paesello”…Stava parlando forse di Bolsena? (dc)

S

ulla crisi in Provincia abbiamo sentito anche il parere del capogruppo del Pdl a Palazzo Gentili, Gianluca Mantuano. Il probabile bersaglio della manovra politica che ha visto la nascita del nuovo gruppo consiliare Centrodestra-Pdl. Lui però non si sbottona più di tanto e dichiara: “in questo momenti in cui tanti altri partiti mettono in dif�coltà il Pdl, non si capisce perché non ci sia da parte di tutti una dimostrazione di responsabilità”. Una dichiarazione “ecumenica”. Cosa signi�ca però “responsabilità”? Sta parlando di Giulio Marini che avrebbe dato il proprio avallo all’operazione che ha portato alla nascita del gruppo consigliare “Centrodestra-Pdl”? Oppure di Equitani, Staccini, Cuzzoli e Capitoni che con questa manovra rischiano di mettere in discussione la tenuta stessa della maggioranza? Sta provando forse a chiamare in causa anche Marcello Meroi che in questi mesi ha dato l’impressione di non voler o poter intervenire nella crisi che sta scuotendo il Pdl viterbese? Risposte che soltanto il tempo, quello della politica, potrà dare. Risposte che potrebbero condurre anche alla convocazione di un Congresso provinciale. (dc)

Come già annunciato nella seduta del Consiglio Comunale del 31 gennaio 2011, resto fermamente contrario al possibile aumento dell’addizionale IRPEF che il Sindaco Marini ha pensato di imporre ai viterbesi nel corso del 2011, richiamando a sua giusti�cazione il fatto che l’aliquota in essere ( 0,4% ) è tra le più basse d’Italia e che, a fronte della pesante riduzione dei cosiddetti “trasferimenti statali”, i Comuni hanno la necessità di trovare altrove le risorse necessarie”. A dichiararlo è il consigliere comunale Udc, Roberto Talotta. “Vorrei soffermarmi proprio su questo aspetto – aggiunge poi – ad iniziare dalle affermazioni pubbliche dello stesso Sindaco che accenna alla fattibilità di recuperare l’evasione �scale mediante “strumenti straordinari”, quale soluzione meno dolorosa per i cittadini; di sicuro questa sarebbe la decisione più onesta da decretare, visto che il precedente Governo Prodi e l’attuale Governo Berlusconi, in barba alle incensante promesse di “sgravi �scali” per tutti, non hanno tolto un solo euro dalla soffocante imposizione erariale che fa degli italiani i più tartassati d’Europa. Stando così le cose, Berlusconi farebbe bene a correggere il suo tron�o ritornello che, tutti i giorni, stancamente e provocatoriamente, dichiara che ‘…il suo Governo non mette le mani nelle tasche dei cittadini’; allora, come reputare l’esasperata e inarrestabile tassazione sulla benzina, la perdita di migliaia di euro prodotta dal ‘blocco dei contratti’ ai pubblici dipendenti, l’aumento dei ticket sanitari, le Leggi �nanziarie e i tanti balzelli che appesantiscono le bollette di luce, acqua, telefono, gas, ed ora, l’aumento dell’addizionale regionale e comunale? Come si deve chiamare l’impressionante salasso che, oggi più che mai, subiscono le famiglie e le classi medio-basse della Società?” Secondo Talotta, “un incremento della �scalità comunale, oltre che pregiudizievole sotto tutti i punti di vista, costituirebbe quasi una beffa anche per i viterbesi, soprattutto per quelli che regolarmente denunciano le severe inef�cienze strutturali della città che riguardano la viabilità, la pulizia, i servizi, la sicurezza e l’assetto urbano in generale”.


Giovedì 3 Febbraio 2011

Viterbo & Lazio Nord

politica

p

7

Prosegue lo scontro sulla privatizzazione dei servizi cimiteriali. Insogna risponde a Muroni

I “misteri” del Cimitero di Viterbo di DANIELE CAMILLI

E’ sicuro che Muroni ha curato la pratica per quello che gli competeva, e speriamo che non sia andato oltre le sue competenze”. Risponde così il consigliere Sergio Insogna alle dichiarazioni rilasciate al nostro giornale dall’assessore alle partecipate del Comune di Viterbo, Paolo Muroni, in merito alla privatizzazione dei servizi cimiteriali. Tiene però a speci�care che l’assessore competente in materia non è Muroni, ma Galati. Quest’ultimo “disponibile a discutere il bando con la Commissione e il Consiglio”. A chi dar retta dunque? A Muroni favorevole alla cessione ai privati senza passare per Palazzo dei Priori oppure a Galati che l’avrebbe invece voluto fare? E non è vero – spiega Insogna – che rispetto al bando dello scorso anno nessuno ha detto niente. “Il gruppo Pd ha votato contro la delibera n. 59 del Consiglio Comunale e quindi contro le proposte da lui relazionate, per cui il nostro dissenso amministrativo era già evidente ancora prima del Bando ritirato, e comunque volevamo già all’epoca parlare a fondo della questione cimiteri e trovare con l’amministrazione le giuste soluzioni. La nostra contrarietà a questo tipo di soluzione è stata lapidaria e concreta, oltre questo, in altre occasioni, noi abbiamo affermato che i servizi cimiteriali (proprio perché erano in attivo, fatto poi confermato suc-

cessivamente dagli uf�ci comunali) dovessero transitare in Francigena come erano transitati altri servizi del CEV, naturalmente servizi cimiteriali e lavoratori compresi”. Risulterebbe inoltre “che questo percorso sia stato attivato dallo stesso assessore”. Per poi essere successivamente e “misteriosamente interrotto”. Perché – si chiede il consigliere comunale – assessore e amministrazione avrebbero “cambiato idea”? “Altra cosa importante è il fatto che si stava chiudendo, con vantaggi per il Comune e per la collettività, un accordo per la gestione della sala autoptica con la ASL , grazie anche al lavoro svolto dal collega Mario Quintarelli”. Però, “anche questa questione improvvisamente è saltata e non si è fatto più nulla”. Se non tirar fuori “l’idea dei privati e della privatizzazione”. E inoltre: è proprio vero che con il bando non cambierebbe nulla in termini di gestione? Per Insogna, no. “Un conto è dare 160.000 euro (sicuro che è questa la cifra data?) al CEV che è una società del Comune di Viterbo, ed è quindi come se li desse a stesso, un conto è dare 167.000/00 a un privato”. “Un conto è far gestire una struttura comunale come il Tempio Crematorio, che molto ha reso e molto renderà (dalle ditte partecipanti è stato de�nito una ‘miniera d’oro’) ad un privato e un conto è farlo gestire da una società partecipata del Comune”.

Regione Lazio “Frutta nelle scuole”

Perché invece – domanda il consigliere Pd – “il Tempio Crematorio non può essere una ‘miniera d’oro’ anche per il Comune? Perché alcuni servizi se li fa il privato rendono guadagno e quando li gestisce il Comune diventano debiti?”. Altra cosa che secondo Insogna andrebbe chiarita “è che i consiglieri di maggioranza e minoranza stavano discutendo dei servizi cimiteriali, con una sorta di patto politico”. Ed è “per questo motivo che la mozione era stata inviata alla apposita commissione, e rinviato

il voto della stessa in Consiglio Comunale, con la garanzia politica che nel frattempo non sarebbe partito il Bando”. Insogna solleva in�ne la questione delle tariffe cimiteriali che non potrebbero essere inserite in un bando senza essere prima discusse in Consiglio, così come previsto dallo Statuto comunale. Chi allora ha autorizzato la pubblicazione del bando? “Se n’è in�schiato altamente e questo rappresenta un altro grave sgarbo e una ingiusti�cata forzatura amministrativa”.

Ho ben presente quanto sia necessario e spesso dif�cile far capire ai nostri �gli l’importanza di un’alimentazione corretta ed equilibrata ma sono convinta che iniziative come questa, basate sulla conoscenza alle giovani generazioni dei prodotti freschi e di stagione provenienti dalla nostra tradizione agricola, saranno utili a stimolare la curiosità dei nostri ragazzi e ad aiutare a formare adulti capaci di apprezzare il valore di uno stile di vita improntato alla qualità e alla salute”. Lo ha dichiarato Angela Birindelli, assessore alle Politiche agricole del Lazio durante l’intervento alla presentazione della campagna “Frutta nelle scuole”. L’iniziativa, nata da un progetto europeo gestito dal ministero delle Politiche agricole (Miipaf) e co�nanziato con 36 milioni di euro, prevede la distribuzione gratuita di frutta e verdure per promuovere il consumo di prodotti ortofrutticoli fra i giovani allievi. Tra le scuole coinvolte, anche 18 istituti viterbesi. “Oggi promuovere la freschezza e la qualità dei nostri prodotti – ha aggiunto l’assessore Birindelli - rappresenta anche una risposta indispensabile all’estendersi dell’allarme sui rischi alimentari che

mettono a repentaglio la salute dei consumatori e sottraggono ricchezza alle nostre imprese. Per questo il Lazio partecipa a questo importante progetto con un ampio numero di adesioni. Sono, infatti, circa 107.000 gli alunni coinvolti appartenenti a 5.557 classi di 300 istituti primari. L’iniziativa si inserisce bene nelle strategie di intervento che dall’assessorato alle Politiche agricole stiamo portando avanti per la valorizzazione dei prodotti locali e la diffusione di una sana e corretta alimentazione. Tra queste, il progetto regionale di educazione alimentare “Sapere i Sapori”, e le nostre proposte di legge sulla tracciabilità e il sostegno alla commercializzazione dei prodotti a chilometri zero”.


8

provincia

p

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

GROTTE DI CASTRO

Il taglio del nastro a Pian della Sella, alla presenza dei sindaci di S. Lorenzo, Gradoli e Latera

Camilli inaugura i due impianti fotovoltaici di FULVIO MEDICI

È

stato inaugurato ieri mattina (ndr mercoledì) intorno alle 12,00 l’impianto fotovoltaico nel Comune di Grotte di Castro in località “Pian della Sella”. Alla presenza del Sindaco del Comune dell’Alta Tuscia, Piero Camilli a fare gli onori di casa e a tagliare il classico nastro. Con la benedizione del parroco di Grotte di Castro, Don Tancre-

di, l’inaugurazione a riguardato anche un’altro impianto in località Santa Giulia, quest’ultimo di circa un megawatt nella provinciale castrense tra i Comuni di Grotte e Acquapendente, mentre l’altro sulla provinciale onanese che collega Grotte con Onano di circa tre megawatt. Su due terreni concessi in comodato al Comune, quello di Pian della Sella di 9 ettari di proprietà del notaio Orzi, impegnato per il 30% del totale, dal

TUSCANIA - Conclusi i lavori di ristrutturazione

Arriva il poliambulatorio accessibile agli anziani

montaggio di 16038 pannelli “Aidesolar”da 185 watt, �ssati al terreno con pali OMEGA lunghi 3 metri e 75 in alluminio, con un inclinazione di 25°, impianto che segue l’andamento del terreno; l’altro di proprietà di Camilli di circa 2 ettari e mezzo, impegnato per il 35% del totale, con la stessa struttura montata ma con un’inclinazione di 30° per i 5400 pannelli. Entrambi gli impianti dotati di inverter all’interno, sono stati realizzati dalla ditta vincitrice del bando, “Gransolar Ghella Srl” azienda con sede a Roma e compartecipata da soci spagnoli, che è stata �nanziata per l’ottanta per cento della spesa (circa 13 milioni di euro) dalla Banca Etruria. Due impianti che in totale potranno garantire circa quattro megawatt, produzione di energia che può soddisfare le esigenze di almeno 1700 nuclei famigliari, praticamente il doppio delle famiglie presenti nel Comune di Grotte di Castro.” In una situazione di approvvigionamento energetico come quella italiana, dove sembra dover sfu-

Qui sopra il sindaco Piero Camilli mentre taglia il nastro, nelle altre due immagini i due impianti di fotovaltaico inaugurati a Grotte di Castro mare anche il discorso nucleare, l’importanza di fonti rinnovabili e pulite assumono un’importanza rilevante e sono motivo di orgoglio per il nostro Comune” così il Sindaco ha introdotto il suo discorso, ringraziando la ditta che ha realizzato gli impianti in tempi di record, infatti il primo palo delle strutture era stato piantato solo il 10 novembre u.s.. Il titolare della ditta l’ingegner Ghella ha ringraziato il Sindaco per la sensibilizzazione del territorio nei riguardi dei due impianti e l’intera equipe che ha lavorato manualmente alla realizzazione. Per il Comune di Grotte, presto il bilancio, potrà godere di un’entrata annua di circa 250 mila euro, ossigeno importante per un’amministrazione.

ACQUAPENDENTE - Domani il primo esperimento di progettazione partecipata

Al via la riqualificazione del verde

L’incontro per raccogliere proposte ed aprire un confronto

A

M

artedì 8 febbraio sarà inaugurato il nuovo poliambulatorio del comune di Tuscania. La struttura di piazza Basile, dunque, torna pienamente operativa dopo un periodo nel quale sono stati effettuati dei lavori di ristrutturazione resi possibili grazie all’impegno dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Massimo Natali. Gli interventi che hanno riguardato la struttura sanitaria, in particolare, hanno reso possibile un più facile accesso, realizzato al pianterreno, agli ambulatori di ortopedia, cardiologia, geriatria, neurologia e dermatologia. “Gli anziani e gli utenti con problemi di deambulazione – spiega il direttore del distretto 2, Fabiola Cenci - ora non dovranno più salire le scale e potranno così raggiungere facilmente i

medici specialisti. La ristrutturazione appena terminata, inoltre, ha anche ottimizzato il percorso di accesso al poliambulatorio per tutte le prestazioni del distretto”. “Ringrazio l’Amministrazione comunale di Tuscania – commenta il direttore generale della Ausl di Viterbo, Adolfo Pipino – per aver partecipato in maniera determinante a questo progetto che permette ai nostri utenti di accedere senza problemi ai servizi ambulatoriali. Un ringraziamento particolare va, oltre al sindaco Natali, a Salvatore Fusco, delegato alla sanità per il Comune, che ha seguito personalmente tutto l’iter dei lavori. A Tuscania si è veri�cato un ulteriore esempio di come la collaborazione tra direzione strategica, direzione di distretto ed Enti locali possa migliorare l’assistenza agli utenti”.

lle ore 18.00 di venerdì 4 febbraio, presso la sala consiliare del Comune di Acquapendente, si terrà un’assemblea pubblica di progettazione partecipata sulla riquali�cazione delle aree verdi, ed in particolare la zona della via Cassia nell’area della fermata autobus (La Pesa, Porta S. Angelo). Si tratta del primo di tre incontri organizzati dall’assessorato all’ambiente e dall’assessorato alle attività produttive del Comune di Acquapendente, e �nanziati dalla Regione Lazio, all’interno del percorso di Bilancio Partecipato “Acquapendente che vorrei”, per proseguire con la realizzazione di un’altra proposta civica, presentata in consiglio comunale da oltre 100 �rmatari, e che riguarda appunto la riquali�cazione delle aree verdi. Le successive assemblee si svolgeranno giovedì 10 febbraio alle ore 18.00 al Vescovado su “Giardini del Museo della Città, di Piazza della Costituente e Giardino delle Rose”, e giovedì 17 febbraio alle ore 18.00 presso la sala Chico Mendes nella sede della Riserva Naturale Monte Rufeno su, “Ex orto dei frati di S. Francesco”. L’incontro di venerdì 4 febbraio servirà non solo ad illustrare ai cittadini lo stato del progetto, ma soprattutto

a confrontarsi e ricevere proposte e idee per la realizzazione delle opere, ed in futuro i cittadini stessi potranno valutarne i risultati. Il gruppo di lavoro è composto dal Dott. Claudio Speroni Assessore all’ambiente del Comune di Acquapendente, l’ingegnere comunale, Ferrero Friggi, l’architetto Renzo Chiovelli, l’architetto Giordana Geronzi, la dott.ssa Rossana Giannarini e la cooperativa L’Ape Regina.

Nata ad Acquapendente il 2 febbraio 1909 è ancora vispa

Tanti auguri a nonna Emma,102 anni U n compleanno da record per la signora Emma Ia-

comini. Quello che campeggia sulla torta è il numero 102, tre candeline, una per numero, anche perchè spegnerle una per ogni anno di vita sarebbe stata una vera fatica. Nata ad Acquapendente il 2 febbraio 1909 e residente a Roma, la signora Emma, è ancora autonoma e veramente ‘ in gamba’. A lei vanno i nostri migliori auguri.


Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

provincia

CORCHIANO

p

9

SORIANO NEL CIMINO

Addio commosso a Don ‘Memmo’ Tour a Predappio I I di ERNESTO MALATESTA

eri mattina, all’ospedale di Civita Castellana, dove era ricoverato da qualche giorno, Mons. Domenico Anselmi novantaduenne, è andato nella casa del padre dopo breve malattia. La sua repentina dipartita ci ha lasciati tutti un po’ sorpresi, la sua forte �bra faceva sperare. ‘Don Memmo’ era infatti sempre stato molto attivo, compiendo importanti opere di apostolato per la sua Corchiano dove è stato parroco per ben 57 anni. Nell’ottobre del 2009 fe-

steggiò il suo novantesimo compleanno e il 63esimo di ordinazione sacerdotale. I due paesi di Fabrica e Corchiano lo festeggiarono con riti religiosi e concerti, ricorrenze che fecero conoscere la grande opera pastorale che aveva svolto in quegli anni, immediatamente successivi alla guerra. Il piccolo parroco, Don Domenico, corre in aiuto dei poveri, racimola fondi per ricostruire l’azione cattolica locale e dirige l’associazione agricoltori cattolici diocesana, costruisce l’asilo parrocchiale, e si adopera per una in�nità di altre opere. Siamo certi che i suoi concitta-

dini di Corchiano per il suo impegno sacerdotale, e i Fabrichesi quali parenti amici estimatori, non lo dimenticheranno. Il rito funebre si celebrerà oggi alle 16,00 nella chiesa di San Biagio a Corchiano e sarà of�ciata da S. E. Il Cardinale Agostino Vallini che in gioventù fu chierichetto di Don Domenico. Prenderà parte alla S. Messa il Vescovo diocesano Romano Rossi. Le spoglie mortali verranno tumulate nella tomba di famiglia nel cimitero di Fabrica di Roma. Alla famiglia Anselmi e a tutti i corchianesi la più profonda, nostra partecipazione al lutto.

Meglio la T.A.R.S.U. o la T.I.A.?

Al Comune tira un’aria sempre più tesa

Contro il sindaco anche i ‘suoi’ N

on si placano i venti tempestosi che sof�ano sul Sindaco Angelelli e la sua stessa maggioranza. Se il rimpasto di giunta doveva servire per rilanciare una macchina amministrativa in evidente dif�coltà, il risultato però è stato esattamente l’inverso, e addirittura ha incrinato pericolosamente i già fragili equilibri della coalizione di centrosinistra. Prima rifondazione comunista, poi la lista civica che aveva nell’ex assessore Pro�li

il proprio referente, ora addirittura una parte del suo stesso movimento del primo cittadino, il partito democratico, nella sua area più moderata si è apertamente dissociata dal modo di operare di Angelelli a cui viene rimproverato di aver disatteso il programma elettorale. Al primo cittadino viene imputato di aver fallito su più punti; dal tanto ventilato rilancio del centro storico, mai veri�cato e che ha visto nella nomina di un assessore ad hoc l’evidenza del fallimento, �no ad arrivare al programma sulla crisi del distretto industriale che è misteriosamente

scomparso dall’agenda di governo. Non sono meno teneri i commenti che l’area popolare del PD riserva la sindaco sulla modalità con cui è stato difeso l’ospedale Andosilla dopo i tagli decisi dal piano di riordino regionale. Su Angelelli pesa come un macigno il confronto con il Sindaco di Tarquinia Mazzola che a difesa del nosocomio della città del litorale si è spinto ben oltre la campagna antiPolve-

FABRICA DI ROMA

Se n’è andato l’ ‘amico fotografo’ I eri l’altro dopo il tramonto, ci ha lasciati, prima del dovuto, Matteo Alessandrini l’amico sincero. Se n’è andato in silenzio dopo una lotta strenua col male incurabile che l’ha ghermito quando ancora doveva scoprire altre bellezze del Mondo. Ci ha lasciati il collega fotografo, per tanti anni corrispondente per il quotidiano il Tempo, poi il viaggiatore curioso attento di questi ultimi anni. Sto scrivendo con le lacrime agli occhi, perché, in queste faccende, dovrebbero essere gli altri a farlo. Tuttavia il ricordo ancora vivo m’impone il doverlo fare per conoscenza degli accadimenti e per la stima che dava e riceveva. Il legame di profonda amicizia, dall’infanzia via via, in tante storie, tante foto, mostre, documentari, certamente amatoriali, hanno irrorato e la vita di Matteo e degli amici, che traevano linfa

vitale dal suo essere. Chi ha avuto la gioia e il piacere di averlo conosciuto, non lascerà cadere nell’oblio il suo ricordo. Gli amici e conoscenti, a riprova del suo carattere, si trovano ovunque in provincia. A Soriano nel Cimino, quale fotografo, a Ronciglione tra gli amici del-

dagli organizzatori. Arrivo a Predappio intorno alle 9.3010. A seguire visita alla tomba e alla casa natale di Benito Mussolini e pranzo al ristorante con menù locale, intorno alle 13.00. Il pomeriggio sarà dedicato ad una visita a Villa Carpena, residenza di Donna Rachele e Benito Mussolini. La partenza per il rientro è alle ore 18.00. Per informazioni e prenotazioni, entro il 13 marzo, è possibile rivolgersi al 349893781 (Francesca).

VETRALLA - Nel paese esiste già la soluzione

CIVITA CASTELLANA

di MAURIZIO MATTEUCCI

l fascino di Benito Mussolini, seppur opinabile, continua a mietere proseliti, pur a distanza di anni. E’ per questo motivo che periodicamente, anche in paesi della provincia, vengono organizzate delle visite a Predappio, suo paese natale. La prossima, con partenza a Soriano nel Cimino, è prevista per il 20 marzo. Questo il programma nel dettaglio. Partenza davanti al campo sportivo di Soriano alle ore 6. Colazione a bordo offerta

le scuderie, come tra i gruppi mascherati, a Fabrica suo paese d’origine. Una vita intensa, vissuta e mai appagata �no in fondo. Oggi, alle 15,00 nel Duomo di Fabrica sarà of�ciato il rito funebre e nel cimitero comunale tumulata la sua salma. Addio Matteo. (E. M.)

rini. Una presa di distanza totale quella che una parte del principale partito di coalizione sta prendendo dal Sindaco e che rischia di avere dei risvolti clamorosi, come l’autosospensione dal partito dei consiglieri comunale facenti parte all’area critica, se Angelelli non si prodiga nel fare autocritica e ridiscutere il modo autoritario di gestire l’amministrazione. Se l’opposizione nel frattempo guarda la maggioranza cadere a pezzi, i cittadini guardano al palazzo comunale cominciando a chiedersi se non sarebbe meglio tornare al voto augurandosi così di poter risolvere i numerosi problemi che affliggono la città.

Sondaggino da lanciare ai cari cittadini vetrallesi. Chiunque voglia rispondere può mandare mail a redazione@opinioneviterbo.it


10

provincia

p

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

ORIOLO ROMANO

Questo convegno ‘non s’ha da fare’ Un appuntamento per ricordare i martiri delle foibe duramente osteggiato su Internet di SIMONA TENENTINI

BRACCIANO

A

volte capita che l’intolleranza si manifesti anche con i pensieri o con un semplice click. Questo è quello che è capitato ai membri de La Destra, attualmente impegnati nell’organizzazione di un convegno commemorativo sulle Foibe intitolato “Io non scordo”. L’iniziativa, che si terrà sabato prossimo ad Oriolo Romano, presso la biblioteca comunale a partire dalle 17.00, è stata pubblicizzata anche su Facebook. Ed è qui che iniziano i problemi. Alcuni utenti della rete, infatti, evidentemente infastiditi dalla circostanza, hanno iniziato a ‘bannare’, come si dice in gergo, il logo dell’evento, opponendo una sorta di ‘ostruzionismo virtuale’. “In realtà - come spiegano i rappresentanti del partito - questo non fa che motivarci ancora di più, in quanto ci fa capire che molto ancora c’è da conoscere sulle foibe. Tali comportamenti sono infatti dettati dall’ignoranza. La crescita culturale è basata, imprescindibilmente, da un riconoscimento reciproco, da destra e da sinistra, che invece ancora non si veri�ca. E’ per questo che, in occasione della ricorrenza del 10 Febbraio (Giornata del

Acqua non potabile al Lega R

ricordo), la Destra di Oriolo Romano insieme alla Federazione Viterbese, ha organizzato una conferenza per tenere viva la memoria sui tragici eventi che colpirono le popolazioni di Istria, Fiume e Dalmazia. All’epoca migliaia e migliaia di nostri connazionali furono perseguitati, torturati e gettati nelle foibe dai partigiani comunisti slavi agli ordini del maresciallo Tito, avendo come unica “colpa” quella di essere italiani.” “Purtroppo però - proseguono - si tratta di un capitolo ancora poco conosciuto

della nostra storia che, al contrario, dovrebbe avere la stessa dignità che viene attribuita, giustamente, alla Giornata della Memoria. Non esistono, infatti, morti di serie A e di serie B, è �nchè ciò non si comprenderà, si ripeteranno le manifestazioni di censura ed intolleranza che abbiamo avuto modo di sperimentare sulla nostra pelle. Al riguardo basti pensare - concludono - che appena abbiamo �nito di attaccare i manifesti che pubblicizzavano il convegno, nel tragitto da Oriolo Romano a Vejano erano già stati strappati.”

iceviamo e pubblichiamo dall’uf�co stampa del Comune “A seguito delle linee guida fornite dal Ministero della Sanità e del riscontro della presenza di arsenico in quantità maggiori a quanto previsto dalla Commissione Europea è stata emessa un’ordinanza che stabilisce il divieto di utilizzo per uso potabile dell’acqua dell’acquedotto comunale “Lega”. I valori medi registrati in quest’acquedotto, infatti, risultano compresi fra i 20 microgrammi e i 50 microgrammi per litro, seppure con diverse variazioni a seconda del tempo e dei punti di prelevamento. La zona interessata dall’ordinanza riguarda la frazione di Vigna di Valle e la SP 493 Braccianese-Claudia zona Settevene Palo II tronco, nella quale sono stati posizionati due serbatoi da 5.000 litri ciascuno per l’approvvigionamento alternativo di acqua potabile a disposizione dei cittadini. I due serbatoi sono stati installati dal Gruppo comunale di Protezione Civile in via di Pratigliolo (tratto

MANZIANA - Alcuni mesi fa il consigliere Bruni aveva già denunciato il disagio

Tubature, il problema si fa sempre più grave di SARAH PANATTA

A

Manziana le tubature cedono e alcuni cittadini, dopo gli ultimi mesi del 2010 trascorsi tra polemiche e carenze d’acqua, si sono ripetutamente lamentati. Nonostante Manziana non sia interessata dal problema dell’arsenico nell’acqua, i cui valori si attestano, per la cittadina, sui 7 microgrammi/litro, ben al di sotto dello standard europeo vigente, l’impianto di approvvigionamento idrico rappresenta una seria preoccupazione, in quanto è insuf�ciente e ormai vecchio. Sulla questione si è espresso nei mesi scorsi anche il consigliere di minoranza Bruno Bruni, responsabile del centro studi Imago, accusando l’Amministrazione comunale di una scarsa informazione ai cittadini e di non aver preso provvedimenti stringenti per intervenire sulle falle del sistema idrico. L’Assessore ai lavori pubblici Massimiliano Rossini, da noi interpellato, ha ridimensionato gli allarmismi, sottolineando tuttavia la gravità delle condizioni dell’impianto. Benché le fonti di approvvi-

gionamento siano numerose, ovvero la Fonte della “Dolce” (con sei pozzi) e un pozzo in località “Ponte Mariano”, l’intero impianto e il sistema di distribuzione hanno ingenti problemi che, afferma Rossini, si sono trascinati per decenni, senza essere stati toccati, sino ad ora, da programmi di manutenzione e da investimenti. I due serbatoi di accumulo erabo riforniti da un’unica tubatura che costringeva ad alternare i �ussi d’acqua, provocando ritardi e complicazioni sia nell’estrazione che nella diffu-

sione. Inoltre i quadri elettrici di comando erano malandati e soggetti a guasti continui. L’Amministrazione attuale, spiega Rossini, si è mossa su diversi fronti, per aumentare la capacità dell’erogazione idrica, sia nel raddoppiare le tubature collegate ai serbatoi, i cui lavori sono in via di completamento, sia nell’istallazione di una nuova cabina di trasformazione della corrente, con rifacimento totale dei quadri di comando, sia nel potenziamento e nel controllo delle pompe e dei pozzi. La questione più urgente

è rappresentata però dalla rete distributiva, che ha causato tanto scontento e danni alla popolazione, specialmente nell’estate 2010. La rete ha infatti più di 50 anni e le perdite sono all’ordine del giorno. Dif�coltà ampli�cate dall’edi�cazione di diverse nuove abitazioni permessa dal piano regolatore del 2004. Il Comune ha tamponato l’emergenza riparando e rifacendo le tubature in alcune zone di Manziana (ristrutturando aree nevralgiche come Via Tittoni e Via Garibaldi) e sta per indire una gara d’appalto per cambiare i tubi nelle zone più soggette a rotture e per inserire nuove valvole che regolino la pressione af�nché l’acqua raggiunga più facilmente le aree con maggiore carenza. L’Ass. Rossini, anche in risposta alle giuste richieste della cittadinanza, ha incaricato un tecnico le cui ricerche, riguardo l’impianto e le possibilità di ulteriore intervento, sono in via di completamento. Rossini ha inoltre ribadito che non ci saranno problemi per le abitazioni, le perdite e i lavori non apporteranno nessun rischio di stabilità, come invece ha paventato lungamente l’opposizione.

compreso tra via del Cannone e via di Boni�ca) e in via della Macchia (zona Lottizzazione “Contrada Verde”) e sono già operativi. A curare il rifornimento di acqua potabile, che sarà regolato dalla quantità di consumi che si registreranno, è la Bracciano Ambiente SpA. In caso di necessità, un terzo serbatoio è già pronto per l’installazione. Le limitazioni d’uso per la zona individuata nell’ordinanza sono: acqua potabile; cottura e ricostituzione alimenti; preparazione di alimenti a contatto in cui l’acqua sia ingrediente signi�cativo a contatto con l’alimento per

tempi prolungati (ad esempio reidratazione prodotti o salamoie); uso da parte di imprese alimentari. Gli utilizzi ammessi dell’acqua riguardano: tutte le operazioni di igiene personale (incluso il lavaggio dei denti); tutte le operazioni di igiene domestica; la preparazione di alimenti in cui l’acqua non sia ingrediente signi�cativo, sia a contatto con l’alimento per poco tempo e venga, per la gran parte rimossa dalla super�cie del cibo (ad esempio il lavaggio di frutta e verdura); l’uso negli esercizi commerciali trattandosi di un uso saltuario da parte del consumatore. Si conferma che si tratta di una misura temporanea visto che è già stato conferimento l’incarico per la realizzazione di un sistema di �ltraggio delle acque dell’acquedotto “Lega”, sperimentato con successo nei mesi scorsi, che consentirà l’abbassamento del livello di arsenico e �uoro nelle zone attualmente fuori norma. La gara è stata vinta dalla stessa società che ha effettuato la sperimentazione e il tempo di espletamento dei lavori è stimabile in circa tre mesi.

BRACCIANO

Scuole ed adulti tutti in maschera

U

n premio per i migliori gruppi mascherati che contribuiranno ad animare i festeggiamenti legati al Carnevale 2011 di Bracciano. Questo il senso del concorso ‘Premio Bracciano in Maschera’ promosso dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune e riservato a due categorie: ‘Adulti in maschera’ e ‘Scuole in maschera’. Quest’ultima sezione, in particolare, punta a coinvolgere gli alunni delle scuole materne, elementari e medie inferiori di Bracciano. In palio per i vincitori delle due categorie una somma in denaro pari a 250 euro messa a disposizione dal Comune e una targa ricordo. Ogni gruppo o ‘mascherata’ dovrà essere composta da un minimo di 7 persone vestite secondo il tema prescelto che dovrà essere indicato al momento dell’iscrizione. Partecipare al concorso è gratuito e basta compilare l’apposito modulo - disponibile on-line sul sito www. comune.bracciano.rm.it e in distribuzione presso la sede della ‘Pro Loco di Bracciano’

e l’Area IV-Servizio Cultura (siti in piazza Mazzini n. 5) - da presentare entro le ore 13 del 14 febbraio all’Uf�cio Protocollo del Comune di Bracciano (piazza IV Novembre n. 6). Nel dettaglio, i gruppi mascherati tematici s�leranno assieme domenica 27 febbraio e domenica 6 marzo 2011. Per la sezione “Adulti” è obbligatorio partecipare alle due s�late previste, mentre per la sezione “Scuole” è suf�ciente partecipare ad almeno una delle due e la data prescelta dovrà essere indicata sul modulo di iscrizione. In caso di annullamento, sospensione o interruzione della s�lata per qualsiasi motivo, questa potrà essere ripetuta successivamente in altra data. Al termine della s�lata di domenica 6 marzo, una giuria apposita decreterà le ‘mascherate’ vincitrici del premio valutando la capacità del gruppo di coinvolgere e divertire il pubblico, la creatività e fantasia, nonché la ricerca effettuata per la rappresentazione del tema prescelto e l’ef�cacia del tipo di allegoria e satira impiegata nella mascherata.


Giovedì 3 Febbraio 2011

Viterbo & Lazio Nord

litorale

p

11

MONTALTO DI CASTRO

Dal ‘Palombaro’ parte un esposto alle autorità A bbiamo raccolto l’esposto fatto da uno dei tanti ‘non residenti’ che posseggono una casa nella marina di Montalto di Castro. L’esposto è stato inviato dal signor O.P. al comune di Montalto al procuratore di Civitavecchia al prefetto della provincia di Viterbo, alla Pro. Civ. di Montalto e al comando prov.le dei Vigili del Fuoco, per lamentare lo stato di degrado i cui versa da anni via Tre Cancelli, inserita all’interno del consorzio ‘Il Palombaro’. Via Tre Cancelli è attualmente

impraticabile a causa delle radici dei filari di Pini che hanno divelto e avvallato il manto stradale. Oltre ad un rischio per la circolazione di automobili, biciclette e pedoni, gli alberi lasciati a se stessi e mancanti di potature periodiche adeguate rappresentano un pericolo per la minaccia di incendi a causa delle giacenze di aghi ammassati tra i rami. Il signor O.P. ha raccontato di aver provveduto più volte a spegnere in prima persona piccoli incendi dei cassonetti dove d’estate vengono gettati per incu-

ria le braci e le ceneri dei barbecue, incendi che se raggiungessero gli alberi carichi di rami ed aghi secchi darebbero luogo a disastrose conseguenze. In diverse occasioni alcuni rami dei pini incriminati, si sono spezzati precipitando sulle auto in sosta, fatti per i quali sono stati chiamati ad interveniri i Vigili del Fuoco e lo stesso comune per provvedere al risarcimento dei danni. Ora la storia di via Tre Cancelli è critica. Come abbiamo già scritto la stessa faceva parte del consorzio ‘Il Palombaro’.

Scriviamo ‘faceva’ perché il signor O.P. sostiene nel suo epsosto che il consorzio di fatto non esiste più da anni, non c’è nessun responsabile, nessun rappresentante. Eppure proprio il consorzio dovrebbe provvedere alla maunutenzione dell’area al posto del comune. Un consorzio che non esiste? Un paradposso che costa rischi seri per i proprietari delle abitazioni di via dei 3 cancelli dei quali il signor O.P. è portavoce e che se non ascoltati dalle autorità sono decisi a scendere in piazza per manifestare.(V.S.)

anteriori del passeggino ci sono cadute dentro, per fortuna avevo messo la cintura a mio �glio altrimenti sarebbe �nito per terra... ed i posti macchina al centro storico che sono sempre occupati da auto con permessi verdi che non si capisce con quale criterio siano stati assegnati!!! cmq spero proprio di andarmene dal centro e questo grazie all’ amministrazione comunale .... potrò chiedere il rimborso per la benzina che consumo prima di trovare un parcheggio per tornare a casa?” ( i permessi verdi non esistono più da qualche mese, ora i residenti

hanno un solo tagliando valido in qualsiasi zona del centro storico che si è inevitabilmente trasformato in un grande parcheggio, a pagamento per i non residenti. N.d.r). Queste sono solo alcune delle tantissime segnalazioni presenti sul gruppo, ci siamo permessi di citarle perchè è un gruppo aperto e visibile a tutti e chi ha lasciato questi messaggi lo ha fatto consapevole che chiunque avrebbe potuto leggerli. Ogni giorno sulla carta stampata si leggono comunicati stampa dell’ assessore Ranucci nei quali vengono annunciate

grandi opere pubbliche ed imprese faraoniche, soprattutto in questi mesi, è recente infatti la pubblicazione di una lista di opere pubbliche da concludere entro lo scadere del mandato elettorale. Ci chiediamo come possa essere possibile fare in un anno ciò che non è stato fatto in 4 anni, la campagna elettorale, iniziata con largo anticipo sulla normale tabella di marcia, sarà un buon motore propulsore. Non sarebbe certamente la stessa cosa presentare alla stampa l’ordinaria manutenzione delle strade del paese.

TARQUINIA

Dal social network parte la protesta, “Assessore asfalta le buche o dimettiti!”

Ranucci e le strade finiscono su facebook di DILETTA ALESSANDRELLI

B

asta farsi un giro sul web per rilevare la scollatura tra i tarquiniesi e l’amministrazione comunale. Il gruppo facebook “ Ranucci asfalta le buche di Tarquinia” è ormai divenuto un cult. Sono tanti ad aver aderito alla pagina e molti i commenti lasciati da cittadini arrabbiati per l’incuria in cui l’assessore ai lavori pubblici tiene le strade della città. “ Quelli che invitano l’assessore Ranucci ad asfaltare le strade di Tarquinia... è vero le parole le porta via il vento ma ...le buche

rimangono... DIMETTITI!!!!!!!!! “ questa è la frase che descrive i contenuti del gruppo. Sono 425 i cittadini che hanno aderito al gruppo, uno spaccato trasversale di Tarquinia, amministratore della pagina è Angelo Morgantini, locale rappresentante de La Destra, ma a manifestare il malcontento abbiamo potuto riconoscere anche molti cittadini di centro sinistra. Veramente un gruppo molto partecipato, tanti i commenti lasciati da cittadini arrabbiati dopo aver rotto la macchina con una buca, essersi fatti male, sfoghi, lamentele e rimostranze nei confronti dell’ assessore Ranucci,

segnalazioni di strade particolarmente malmesse . R.R. “A Ranù!! reduce da 4 buche in �la, ora munita di tutore e stampelle... riposo per 7 giorni e quindi niente lavoro... mi dici che devo fa???” e ancora “li farei venire nella via in cui abito, dove magicamente un cratere si trasforma in un dosso, per poi avere una nuova metamorfosi e diventare un tunnel”. C.B. “ Via Manfredi Mariani offre per un giorno di pioggia tre di piscina all’ aperto” C.B. “ le buche??? ho rischiato di cappottarmi con il passeggino per evitare una macchina, non ho visto una voragine e le ruote

TARQUINIA - Fare Verde con Meraviglia, Olmi e Gambetti TARQUINIA - La ‘Rete dei cittadini’ si presenterà alle prossime elezioni come lista civica

Tutti insieme per le Saline Marzia Marzoli scende in campo per le amministrative È L pronto il documento stilato da tre esponenti politici locali per chiedere interventi urgenti in difesa della riserva naturale “Le Saline” a Tarquinia Lido. I tre politici locali, il consigliere provinciale Al�o Meraviglia, il consigliere comunale Silvano Olmi e quello dell’Università Agraria Alessio Gambetti, hanno deciso di unire le loro forze per agire compatti in difesa della riserva naturale delle Saline gravemente minacciata dall’erosione marina. Tutto è nato domenica scorsa, durante la manifestazione “Il mare d’inverno” organizzata dall’associazione ambientalista Fare Verde. “Il maltempo e la pioggia insistente – dichiara l’associazione – domenica scorsa non ha consentito il regolare svolgimento della pulizia della spiaggia. È la prima volta che accade in diciannove edizioni. Allora abbiamo avuto il tempo per parlare con il consigliere provinciale Al�o Meraviglia, il consigliere comunale Silvano

Olmi e quello dell’Università Agraria Alessio Gambetti. Con loro tre – prosegue Fare Verde – abbiamo dato vita a un accordo. Ciascuno, nei prossimi giorni, porterà all’attenzione del consiglio dove è eletto la problematica dell’erosione marina che sta minacciando l’esistenza stessa dell’oasi.” Infatti, le onde del mare sono arrivate a pochi metri dalle vasche dove sostano e nidi�cano varie specie di uccelli e altri animali. L’area naturalistica, che il 25 gennaio scorso ha compiuto 31 anni di vita, rischia di scomparire ingoiata dalle acque del mare se non si interverrà in tempo. “Abbiamo stilato un documento – dicono Meraviglia Olmi e Gambetti – che presenteremo e faremo mettere in votazione nei consigli dove rappresentiamo la città di Tarquinia. Sarà uno documento che dovrà stimolare le autorità competenti a prendere provvedimenti celeri in difesa della spiaggia e per la salvaguardia della riserva naturale delle Saline.”

di ALESSANDRO SACRIPANTI

a Rete dei cittadini presenta la Lista civica e si mette in lizza per le prossime elezioni comunali. Infatti anche se manca ancora poco più di un anno alla scadenza di �ne mandato del sindaco Mauro Mazzola, in città è già forte il sentore di ‘accordi carbonari’ in vista della campagna elettorale. Oltre infatti ai già collaudati schieramenti principali di centrosinistra con il Partito Democratico in testa, e quelli del centrodestra con il Popolo della Libertà, è nell’aria anche a Tarquinia l’arrivo del terzo polo, che però non sembra aver trovato solide fondamenta, in quanto il partito di centro dell’Udc è fortemente unito con la maggioranza di centrosinistra. Ma non si può escludere che siano attuabili le indiscrezioni che vedono altri politici non esclusivamente dell’Udc, per ora vicini al sindaco che avrebbero

intenzione di formare un terzo schieramento. Tra questi sarebbero presenti alcuni consiglieri che non hanno sentito la giusta considerazione nel corso di questi anni per il lavoro svolto. Fuori dagli schemi e forse anche senza sorprese, ecco che si presenta alla cittadinanza la prima ‘Lista civica’ in corsa per le prossime amministrative comunali, denominata ‘La Rete dei cittadini’. Il Comitato territoriale dell’Alto Lazio insieme

al gruppo consiliare per il Bene di Tarquinia, avviano quindi questo progetto con una logica di indipendenza dai partiti, condividendo il manifesto politico di www.retedeicittadini.it. A darne notizia Marzia Marzoli referente della Lista, già nota nel panorama politico per la sua candidatura a presidente della Regione Lazio alle ultime elezioni del Lazio. Quindi dopo le voci che circolavano da tempo in città sulla nascita o meno di una lista civica legata a questo movimento, adesso è realtà. Il progetto viene illustrato nei dettagli dalla Marzoli –”Dopo soli due anni dalla nascita della rete dei cittadini e dopo pochi mesi dall’esperienza delle Regionali 2010, in cui la Rete dei cittadini, ha partecipato come Lista civica in completa autonomia alla carica di presidente della Regione Lazio, si prepara per affrontare, in giusto anticipo l’esperienza politica delle amministrative nel Comune di Tarquinia.Dopo l’eccezionale avvio politico nella campa-

gna elettorale delle Regionali – continua la Marzoli - la Rete dei cittadini nonostante i mezzi d’informazione abbiano oscurato la nostra visibilità alla quasi totalità degli elettori. Il progetto politico di Lista civica continua vuole realizzare una rappresentanza distante da tutti i partiti politici.I movimenti civici – aggiunge Marzia Marzoli - sono diventati una grande realtà e si avviano a creare un movimento nazionale, con un nuovo modello di politica, senza strutture verticistiche, proponendo lo strumento della democrazia diretta, e sovranità ai cittadini.Il nostro è un progetto di politica territoriale, cuore pulsante della vita di ogni cittadino.Per liberarsi della vecchia politica – conclude Marzia Marzoli - è doveroso ricominciare guardando alle esigenze dei cittadini. La grave crisi economica pone tutti noi di fronte alla necessità di cambiare modello economico, sociale ed il nostro rapporto con l’ambiente”.


12

civitavecchia

p

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

Mentre i commercianti delle ‘superfetazioni’ attendono invano

Mercato, nuovi box e ‘strani appetiti’ Quello che sta per liberarsi dovrà esser riassegnato a coloro che spetta di diritto di PIETRO COZZOLINO

N

uovi box in allestimento nella parte dell’Antico Mercato “ricreata” (almeno la stessa, con tutti i comfort) a seguito della delocalizzazione avvenuta, ormai cinque mesi fa, per dare avvio (ma non se ne ha notizia certa) alla ristrutturazione del medesimo. Quello che si dice avrebbe dovuto inizialmente funger da sorta di Ufficio “reclami ed informazioni”, infatti, sembra che stia per prender finalmente nuova vita. Questo, grazie alla prevista allocazione di un esercizio storico adibito alla vendita del pane che, all’uopo, abbandonerebbe il posto ad

esso, originariamente riassegnato all’interno, appunto, della tensostruttura ora ospitante quelli provenienti da “San Lorenzo”. Cosa, quest’ultima, che offrirebbe un’inattesa, concreta possibiltà di subingresso ad uno dei commercianti delle “superfetazioni”, e non sono pochi, allora rimasti esclusi dalla dovuta riconsegna di una struttura idonea e di valore economico e commerciale pari alla preesistente. Ciò, però, con il condizionale d’obbligo. Si, perchè altresì in un contesto generale in cui il criterio di equità seguito nelle riassegnazioni risulta a tutt’oggi da pienamente dimostrare, voci insistentissime (nonchè dichiaratamente

Festa di Carnevale al rinnovato Lungoporto

“ben informate”) ci riportano, in più e già da giorni, dello “strano appetito” in tal senso mostrato, in particolare, da una esercente a sede fissa, tuttora operante nel Mercato rionale di un tempo, che starebbe “cercando di accaparrarsi il box nell’occasione liberatosi, grazie perltro alle pressioni tentate da diversi politici”. E così, dopo “i figli ed i figliastri” da tempo pubblicamente denunciati dal Presidente della Commissione

consiliare al Commercio, Fabrizio Reginella, e “gli amici degli amici” stigmatizzati dal forte vociare del popolo, si prospetterebbe, a riguardo, un ulteriore, palese ingiustizia nei confronti dei diretti interessati i quali, di certo, non intendono rimanersene lì, zitti zitti, ad oltremodo subire. E chissà che, nell’eventualità sopra citata, non si riesca infine a prender qualcuno (o qualcuna) proprio “con le mani in pasta”.

In assemblea musicisti, cantanti e band giovanili

‘Punto d’ascolto’ alla Domani pomeriggio per salutare la riapertura della passeggiata Cittadella della Musica

D

omani pomeriggio, a partire dalle ore 16.30, il rinnovato Lungoporto Gramsci ospiterà una Festa di Carnevale organizzata dall’Amministrazione Comunale. La stessa, sarà l’occasione per salutare la riapertura della lunga passeggiata sovrastante il Porto storico, oggetto di una capillare azione di restyling coordinata dall’Assessorato alle Opere Pubbliche capitanato dal Vice Sindaco, Enrico Zappacosta. “Il suo nuovo aspetto - spiega il medesimo - è già noto, credo, a molti civitavecchiesi che hanno avuto modo di frequentare lo stesso nel corso delle ultime settimane. L’inaugurazione uf�ciale - ricorda poi - è saltata per due volte a causa del maltempo e quindi, per salutare al meglio il compimento di un altro importante intervento di riquali�cazione della città, abbiamo pensato ad un evento aggregativo per le famiglie ed i bambini”.

N

L’organizzazione è stata af�data all’Assessorato al Commercio e Turismo diretto da Alessandro Maruccio. “Il Lungoporto - interviene quest’ultimo - è sempre stato uno dei luoghi più amati dai visitatori di Civitavecchia, per il suo affacciarsi sui traf�ci marittimi, fornendo un’ottima

visuale dei tramonti. Oggi, stretto com’è tra lo Scalo suddetto e le vie più suggestive del centro, questa sua antica vocazione può essere ancor più valorizzata ed è bene dare, sin da subito, una connotazione ricettiva all’intera area. In tal senso - conclude - ringrazio gli operatori commerciali che

hanno attivamente collaborato e che allestiranno dei punti di ristoro in prossimità dei propri esercizi”. Altresì previsti, con appuntamento �ssato in Piazzetta Santa Maria, animazione con trampolieri, mangiafuoco, maschere, artisti di strada e musica dal vivo. (P.C.)

uove iniziative in vista alla locale Cittadella della Musica. Quest’oggi alle ore 21.00 la struttura ospiterà infatti un’assemblea di musicisti, cantanti e band giovanili del territorio, convocata dalla Direttrice Artistica della stessa, Maria Letizia Beneduce (nella foto). Durante la medesima, verranno illustrate le iniziative che si intende porre in essere per l’anno in corso, ma l’appuntamento detto fungerà altresì da “punto d’ascolto” delle istanze dei giovani artisti civitavecchiesi. “Nel 2010 - dichiara la Beneduce - abbiamo organizzato delle positive esperienze come, ad esempio, il “Tir Tour” che credo tutti ricordino con piacere. Ora, intendiamo rafforzare il ruolo organizzativo e di riferimento a vasto raggio della

Cittadella che, ricordo, non è soltanto un luogo dove poter assistere a spettacoli musicali di livello, bensì anche uno spazio, reale e virtuale, grazie al quale valorizzare le energie positive della città e la creatività delle nuove generazioni. Pertanto, mi auguro che in tanti rispondano al nostro appello”. (pc)

Operatori del 118 e Protezione Civile nel traffico di un’ora di punta

Pronto soccorso in ottima sinergia U

n’esempio di pronto soccorso in ottima sinergia, quello di recente offerto dagli Operatori del 118 e da un intraprendente giovane della Protezione Civile, presso la trafficatissima rotatoria sita all’incrocio tra Viale Guido Baccelli e Viale Parmiro Togliatti. Attorno alle 12.40, ora palesemente di punta, pochi istanti dopo un incidente nel quale un’automobile è andata ad impattare contro uno scooter con a bordo un ragazzo, l’addetto di cui sopra ha infatti abilmente, quanto provvidenzialmente, fatto defluire

il traffico veicolare nel modo, all’uopo, più corretto. A dimostrazione di ciò, la fluidità delle manovre operate dalla sopraggiungente autoambulanza che, nonostante l’utilitaria interessata invadesse amcora gran parte della carreggiata, ha potuto raggiungere il malcapitato (fortunatamente non riportante gravi conseguenze), espletare rapidamente tutte le procedure del caso e ripartire solo pochi minuti dopo alla volta del nosocomio cittadino. Un esempio, quello di cui sopra, peraltro lovevolmente non raro nella nostra città. (pc)


SPORT

� �

BASKET - Join the Game

KART - Trofeo dei Campioni

Giovani cestisti pieni di passione

Il DBM Racing inizia alla grande

di Glauco ANTONIACCI

di Maurizio PINNA

servizi a pagina 20

servizio a pagina 18

Edizione del 3 Febbraio 2011

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

PALLAVOLO SERIE C

Tuscania si gode un doppio primato Capolista imbattuta nel massimo campionato regionale e nell’under 21, l’entusiasmo ormai è alle stelle di GLAUCO ANTONIACCI

La società ci crede e intanto si gode i suoi ragazzi, anche quelli dell’under 21, campioni regionali in carica, che guidano a punteggio pieno il proprio girone, e tutti quelli che compongono le varie formazioni giovanili. L’entusiasmo cresce e Tuscania è sempre più una cittadina nel pallone...da pallavolo ovviamente.

T

redici partite, tredici vittorie. Trentanove set vinti e sette persi; trentasette punti in classi�ca, solo due in meno del massimo che si può ottenere in tredici gare, perchè i due successi al tie-break contro Virtus Roma e Fenice hanno fruttato ‘solamente’ due punti e non tre. Dettagli, sottigliezze, pinzillacchere (direbbe il grande Totò): guardare i due punti lasciati per strada signi�cherebbe cercare il pelo nell’uovo di una stagione, quella condotta �nora dal Tuscania Volley, che va de�nita sostanzialmente perfetta. Dopo la tranquilla salvezza dello scorso anno in serie C, il primo di un progetto nuovo, af�dato ad un tecnico esperto come l’argentino Ruben Timpanaro e ad una società desiderosa di farsi conoscere anche con iniziative particolari, come il terzo tempo gastronomico, quest’anno gli obiettivi erano ben diversi e nessuno ha voluto nascondersi. La squadra era stata allestita per essere competitiva nelle zone alte della classi�ca del girone A di serie C, con innesti mirati e di qualità; le incognite non mancavano, considerando la dif�coltà che

VOLLEY C MASCHILE

esiste nel conoscere in anticipo il valore delle avversarie, soprattutto nella zona di Roma. La squadra ha lavorato senza squilli di tromba ma, settimana dopo settimana, ha messo in chiaro che le ambizioni della vigilia non erano semplici proclami. Una vittoria dopo l’altra, il gruppo di coach Timpanaro si è installato in testa ma è stato nelle ultime due settimane che sono arrivati altrettanti capolavori: prima il clamoroso 3-0 esterno ri�lato a Roma7, poi il 3-2 casalingo con la Virtus Roma, sulla carta le due avversarie più temibili del girone.

VOLLEY 3ª DIVISIONE VITERBO

Oratorio Madonna del Fiore le trasferte rimangono un tabù

C

ontinua la maledizione dei match in trasferta per l’Asdp Oratorio Madonna del Fiore, impegnata nel campionato di pallavolo di Terza Divisione organizzato dal comitato Fipav di Viterbo. La squadra aquesiana ha mostrato qualche passo avanti rispetto al ko di Bol-

sena, ma non è stato sufficiente ad evitare la sconfitta sul campo del Green Volley Soriano. Il sestetto di coach Alfieri ha dovuto alzare bandiera bianca per 3-0, con parziali piuttosto netti (25-14 / 2518 / 25-19) che la dicono lunga sullo squilibrio di valori in campo. La formazione cimina, tra l’altro, è capolista solitaria del campionato ed anche in questa occasione ha dimostrato il suo valore. Domenica prossima, a partire dalle 18, le aquesiane ritroveranno nuovamente il calorosissimo incitamento del pubblico amico nel match contro il Volley Viterbo. Le portacolori del capoluogo, ultime in classifica dopo la sconfitta casalinga contro l’Asd Volley Castelgiorgio, rappresenteranno un’avversaria ideale per dimostrare se sono stati realmente compiuti passi avanti sul piano tattico e tecnico, con l’obiettivo confermato di divertirsi e far divertire il pubblico.

Il ritorno proporrà a Murri e compagni ben tre scontri di alta classi�ca in trasferta (Marino alla seconda giornata, Civita Castellana alla quinta e la Virtus Roma all’ultima) e solo uno in casa (Roma7 alla penultima giornata); il calendario non è proprio favorevolissimo, ma Tuscania è nella posizione di non dover dipendere dagli altri e di poter fare i conti solo su se stessa. I quattro punti di margine sulla seconda signi�cano che non basta un passo falso per farsi raggiungere e questo potrebbe essere motivo di ulteriore tranquillità.

POL. TUSCANIA

37

ROMA 7

33

VIRTUS ROMA

32

MARINO

31

TECN. CIVITA C.

27

MARE DI ROMA

21

FENICE

18

MONTEPORZIO

16

ANGUILLARA

15

BRACCIANO

14

CB IMM. TUSCIA

12

CASAL BERTONE

11

SALES

5

SORA

1

VOLLEY COPPA LAZIO - Si gioca a febbraio e marzo

Definiti tutti i gironi Al via cinque provinciali L a conclusione del girone di andata, nei campionati regionali di volley, non è servita solamente a decretare i campioni d’inverno, ma ha anche segnato una tappa importante per tutto il movimento pallavolistico laziale. Come previsto dal regolamento, infatti, le prime sei classificate dei vari gironi sono state ammesse (obbligate) a partecipare alla Coppa Regione Lazio, venendo raggruppate in gironi (quattro per ogni categoria) formati da tre squadre ciascuno. Toccherà alle squadre, previa accordo tra loro, l’individuazione delle date in cui, nei mesi di febbraio e marzo, si giocheranno i match, con la formula del girone all’italiana e sfide di sola andata.

VOLLEY 3ª DIVISIONE SIENA - Travolta la Grifo Montepulciano

Un esordio Vigor...oso VIGOR VOLLEY 3 GRIFO VOLLEY 0 (25-15 / 25-19 / 25-20) Vigor Volley Acquapendente: Tanzini (11 punti), Antonini (8 punti), Dionisi (10 punti), Cappelloni (6 punti), Galli (4 punti), Casoli (4 punti), Del Segato (1 punto), Boi. All: Maggiolini U.P.P. Grifo Volley Montepulciano: Becherini, Beligni, Cugusi, Dellagiovampaola, Fallarini, Mosca, Solini. All: Paffetti Arbitro: Fè di Pienza

E

sordio in scioltezza per la Vigor Volley Acquapendente che, nella prima uscita uf�ciale della stagione 2011, ha superato con un netto 3-0 la Grifo Montepulciano. Grazie ad un servizio �ccante ed incisivo, le aquesiane hanno recuperato una partenza a rilento nel primo set mettendo in evidenza qualche lacuna di troppo delle ospiti in fase di rice-

zione. Con molti servizi vincenti, la squadra di casa ha allungato �no al +10 di �nale parziale. Ancora più sotto controllo il secondo set, questa volta non c’è stata nemmeno una partenza incerta a creare disagi alle aquesiane che hanno sempre tenuto in mano le redini del gioco e del punteggio. Le toscane sono partite bene nel terzo set (0-3), ma si è trattato di un fuoco di paglia perchè la

reazione di Tanzini e compagne è stata veemente. Il �nale è stato una tranquilla passerella per la Vigor che ha potuto conquistare i primi tre punti stagionali. Sabato prossimo, alle ore 21, prima trasferta uf�ciale di campionato in quel di San Quirico D’Orcia dove, ad attendere la compagine di Maggiolini, ci sarà la Libertas che, nella prima giornata, ha osservato un turno di riposo.

A passare al turno successivo sarà solo la prima squadra di ogni girone e così rimarranno in corsa quattro team per dare vita a semi�nali e, successivamente, alle �nali. In palio per i vincitori, come reso noto dal Comitato Regionale, ci sarà materiale tecnico che verrà consegnato alle società in quantità e modalità comunicate in un secondo momento. Saranno ben cinque le portacolori della Tuscia inserite nei vari gironi di Coppa Lazio; in serie C maschile la protagonista assoluta del girone A, la Pol. Tuscania, cercherà di farsi valere anche contro F.C.C. Turistico Mare Di Roma e GV Bibbi Games mentre nel girone D è stata inserita la Tecnocopy Civita Castellana che dovrà vedersela con Pol. Roma 7 e Scotland Yard Pub-Isola Sacra. In serie D femminile il Civita Volley di coach Nando Rita si trova nel gruppo C con DLF e Sant’Elia Volley; saranno proprio queste ultime due squadre ad affrontarsi nel primo match mentre il secondo vedrà di fronte la ragazze civitoniche e il DLF. Ben due le rappresentanti provinciali nella Coppa Lazio di serie D maschile, Dea Clima Tarquinia e Fortitudo Nepi. I tirrenici di coach Lamberti fanno parte del girone C insieme all’Andrea Doria Volley Tivoli e alla capolista del girone B, Perucino & Sacchetti Latina Scalo. Per la Fortitudo di Giuseppe Poscolieri l’avversaria numero uno sarà il Talete Lacchi SPA, ma da tenere d’occhio anche la Pallavolo Nettuno. I valori in campo sono spesso equilibrati, ma la discriminante principale sarà legata all’impegno con cui le squadre affronteranno questa competizione. Qualcuno potrebbe ‘utilizzarla’ come allenamento per il campionato, anche perchè non vengono messe in palio promozioni o posizioni privilegiate per il ripescaggio e la sensazione è che il materiale tecnico in palio non rappresenti uno stimolo così forte a dare il massimo. (GA)


� �

sport

SPORT

p

14

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

IL RECUPERO

Corchiano Gallese eroico, ‘Santa’ spietata Un monumentale Ricci ed un primo tempo alla pari non bastano ai locali di EMANUELE PACE GALLESE – Nel recupero di campionato contro la corazzata S. Marinella, il CorchianoGallese non riesce nell’impresa di strappare almeno un punto che sarebbe stato come oro colato per il progetto-salvezza di mister Porcelli. Eppure i padroni di casa vanno vicino all’impresa, giocando una prima frazione di gara alla pari, ma rintanadosi troppo nel secondo tempo e con un arbitraggio tutt’altro che “casalingo” (fuorigioco inesistente �schiato a Russo su ripartenza in superiorità numerica a metà primo tempo) vengono puniti inesorabilmente a 8 minuti dal termine. Ma andiamo con ordine: partono forte gli ospiti, facendo capire che non sarà una giornata facile per Ricci e compagni; già al 2’ tacco di Ferro per Del Monte, cross di quest’ultimo per la testa di Bentivoglio, Ricci si salva in corner. Minuto 8, ancora un’incontenibile Ferro per Del Monte, botta si sini-

stro respinta da Ricci. Al quarto d’ora combinazione nello stretto tra Bentivoglio e Ferro, il cui tiro �nisce alto. Si svegliano i locali: 21’ Umbro per Mangiante S., il terzino si invola sull’out di competenza e centra per Carletti che arriva di un sof�o in ritardo per il tap-in vincente. Cinque minuti più tardi caparbia azione di Manini, vince un contrasto, entra in area avversaria, contrastato da Civero mette in mezzo ma nessuno dei compagni raccoglie il suggerimento. Sul �nire del primo tempo il CorchianoGallese “rischia” seriamente di portarsi in vantaggio sui temibili rivali. Tutto in 2 minuti: 37’ Carletti lancia Russo che dal limite fa partire una rasoiata fuori di pochissimo alla destra di un immobile Giustiniani; 39’ contropiede 3 contro 2, con lo stesso Russo che supera in velocità Civero ma, con Stillo solo a centro area, tira, esaltando i ri�essi dell’estremo difensore avversario e conquistando un calcio d’angolo. Tutti segnali confortanti, se non fosse che nella ripresa i ra-

CORCHIANO GALLESE SANTA MARINELLA

0 1

Corchiano Gallese (4-5-1): Ricci 7,5 Mangiante S 5, Mangiante D 6,5 Maccio 5,5 Merlin 6,5 Besi 5,5 Umbro 5,5 Manini 5,5 Russo 5 (34’ st Michelini 6), Stillo 5 (41’ st Pieri M sv), Carletti 5,5. A disp: Civilotti, Stentella, Pieri A, Maurelli. All: Porcelli 5,5 (sq, in panchina Mozzicarelli). S.Marinella (4-4-2): Giustiniani 6, Tovalieri 6, Poggi 5,5 Panunzi 6, Civero 6,5 De Santis 6,5 Ferro 7 (44’ st De Luca sv) D’Orinzi 6, Bentivoglio Mi 5,5 Barcaioli 7 Del Monte 6 (25’ st Siani 7). A disp: Turnea, Possenti, Murgante, Baldassare, Mancin. All: Bentivoglio Ma 6,5. Terna: Maranesi di Ciampino 5,5 (Emanuele 5,5 e Giubei 4,5) Marcatore: 37’ st Siani (SM). Spettatori: 150 circa, campo in erba in buone condizioni, sereno 12° C. Ammoniti: Stillo, Mangiante S, Carletti e Besi (CG), Tovalieri, Barcaioli, Civero, Poggi, Giustiniani (SM). NOTE: angoli 6-2 per il Santa Marinella, recuperi 3’ pt e 4’ st.

COPPA ITALIA PROMOZIONE - Ieri l’andata dei quarti

Gravina illude il Ladispoli Poi Cardinali fa l’1-1 di EMANUELE FARAGLIA

E

La grande prova di Ricci non è bastata, che peccato...

Siani entra al posto di Del Monte e diventa match-winner

gazzi di Porcelli entrano in campo inspiegabilmente timorosi e gli ospiti ne appro�ttano prendendo il comando del gioco soprattutto a centrocampo. Al 55’ calcio piazzato dai 25 metri di Bentivoglio alto; minuto 59: da corner di Ferro, ancora Bentivoglio di testa accarezza la parte alta della traversa. Intorno alla mezz’ora punizione dal limite di Barcaioli, tiro basso e teso che un attento Ricci respinge; sussulto corchianogallesino con Stillo che si libera di due avversari ma conclude senza precisione invece di servire Carletti libero sulla destra. Minuto 78: ancora un calcio da fermo di Del Monte, suggerimento per Barcaioli che al momento di calciare, solo davanti a Ricci, si fa anticipare dal recupero di Simone Mangiante. Questo è il preludio al gol-partita; all’82’ sempre una punizione da posizione de�lata destra di Ferro e la

palla, dopo alcuni batti e ribatti arriva al nuovo entrato Siani, la cui staf�lata a mezz’altezza si in�la all’angolo lontano. Il CorchianoGallese, che �no a quel momento aveva badato soltanto alla fase difensiva, non riesce a reagire, fatta eccezione per un sinistro a giro del subentrato Michelini da posizione centrale che Giustiniani para in due tempi non senza dif�coltà. Negli ultimi minuti l’arbitro, il signor Maranesi della Sezione di Ciampino, con il rischio di perdere un po’ di mano il match, è costretto ad esibire numerosi cartellini gialli. Quando sembrava vicinissimo al traguardo il CorchianoGallese esce invece scon�tto dal Dino Nelli,mentre un S. Marinella cinico è sempre più felice, visto che il secondo posto occupato dal Monte�ascone ora dista sole due lunghezze.

’ rammaricato mister Marco Galli al termine dei 90 minuti disputati al Marescotti. L’1-1 contro il Colleferro nell’andata dei quarti di Coppa Italia da un lato conferma la solidità dei ladispolani, dall’altro fa venire quel senso di incompiuto per non aver saputo sfruttare il fattore campo, aspetto che può rivelarsi decisivo in questi scontri ad eliminazione: “Fino ad un quarto d’ora dalla fine avevamo la situazione tutto sommato sotto controllo, ma la rete di Cardinali li ha rianimati e nel finale abbiamo anche rischiato di perdere. In generale i nostri avversari non hanno avuto grandissime occasioni, noi invece ne abbiamo sprecate diverse con Gravina, mentre nella ripresa Loiseaux è stato fermato in extremis dall’intervento di un difensore più che mai provvidenziale”. Per la cronaca la rete di Gravina, meritata, è arrivata al 10’ della ripresa dopo un batti e ribatti in area ma l’1-0 è durato giusto

Stefano Loiseaux, prestazione positiva anche se è mancato il gol una ventina di minuti visto che Cardinali ha rianimato un Colleferro a questo punto tenuto in vita per la gara di ritorno: “Noi sicuramente andremo là per vincere” chiude il tecnico dei rossoblù che in questo difficile confronto ha schierato Mazzarini tra i pali, poi Paris, Giorgi, Sacco, Castelletti (infortunio muscolare, sostituito da Boriello), Iacovacci, Loiseaux, Macaluso, Provinciali, Gravina. LE ALTRE Villanova-Valmontone 0-0 Monterotondo Sc-N.Itri 1-1 La Sabina-Scauri Minturno 2-0

SERIE D - Doppia seduta per la Viterbese di mister Puccica chiamata ad una super sfida domenica

Il Monterotondo non è imbattibile D

oppia seduta di allenamento nella giornata di ieri per la Viterbese che sta cercando di preparare nel migliore dei modi la sfida al Monterotondo capolista. Una sfida da vincere anche per la classifica che con il passare delle giornate si sta facendo sempre più negativa con i play-off lontani al momento quattro lunghezze. Gialloblù chiamati quindi ad una prova di carattere e soprattutto a conquistare quei tre punti che mancano ormai dal 2-1 inflitto, tre settimane fa, al Porto Torres. Per provare a cogliere questo obiettivo, buone notizie arrivano dal fronte degli infortunati. Dopo circa due mesi d’assenza forzata infatti è tornato ad allenarsi con il gruppo e a svolgere il lavoro completo

il centrocampista Federico Cadeddu. Un rientro molto importante questo per il tecnico di Capranica che potrà tornare a contare su un giocatore, peraltro under, capace di ricoprire più ruoli sulla linea mediana del campo. Oltre a Cadeddu, allenamento completo anche per Sebastian Gay, che sta smaltendo le “botte” incassate nella battaglia di Somma Vesuviana, e Simone Scerrati che ha superato i fastidi alla caviglia. Ancora lavoro differenziato invece per l’estremo difensore gialloblù Grandclement alle prese con un fastidio ad un ginocchio rimediato sempre nella gara di domenica scorsa. Se dall’infermeria arriva qualche buona notizia, dal giudice sportivo arrivano due stop. Non saranno del match contro il Monterotondo

Anche l’under Cadeddu tornerà a disposizione

infatti capitan Scoppetta, fermato per un turno per doppio giallo, e Antonio Dimatera cha ha raggiunto il bonus di ammonizioni.

Tornano invece a disposizione dopo aver scontato la propria squalifica il difensore Bricchetti ed il centrocampista Lentini.

Jean Pierre Grandclement in via di recupero dopo la contusione al ginocchio


� �

sport

SPORT

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

p

15

1ª CATEGORIA - RECUPERI

2ª CATEGORIA - RECUPERI

Frenata Grotte, accelerata Latera

Lupattelli fa sorridere il team del Viterbo Pool

Senza 10 giocatori il team di Raspoli pareggia a Vallerano e contesta il rigore subito La squadra di Aquilio batte il Vignanello 2-0 con le reti di Pompei e Bonucci

A

RECUPERI MANCANTI Questa la situazione degli altri quattro recuperi mancanti. Il 9 febbraio - Si gioca alle 15 il match della tredicesima di andata tra Canepina e Ischia di Castro. Da �ssare - I recuperi della prima giornata di ritorno tra Canepina-Nuova Sorianese e Valentano-Ischia di Castro. Ed ancora il recupero della seconda di ritorno tra Virtus Pilastro e Canepina.

ltre due sequenze nel campionato più “pazzo e falsato” del mondo sono andate in onda ieri pomeriggio con due recuperi della prima di ritorno giocati sui campi di Vallerano e di Latera. Frena la capolista Grotte di Castro e torna al successo il Latera. VALLERANESE 1 GROTTE DI CASTRO 1 Ospiti rimaneggiatissimi e che nella ripresa sono costretti a schierare il secondo portiere Dottarelli in mezzo al campo. Confronto senza grosse emozioni nel primo tempo con una

1ª CATEGORIA GROTTE DI CASTRO

34

CAPRANICA

31

ISCHIA DI CASTRO # #

30

LATERA

30

CANEPINA # # #

29

TUSCANIA BOLSENA

28

MONTALTO CALCIO

26

MONTEROMANO

25

LUBRIANO

20

VIGNANELLO

20

VASANELLO

18

VALLERANESE

18

N. SORIANESE #

16

VALENTANO #

13

VIRTUS PILASTRO #

12

A. TARQUINIA

10

# DEVONO RECUPERARE

Graziano Varesano del Grotte di Castro (Foto Andrea Di Palermo) traversa colpita da Randazzo e con l’emozione sul �nire del primo tempo quando l’arbitro concede ai padroni di casa un rigore contestatissimo dagli ospiti: “Loro se ne erano tornati tutti a centrocampo - ha commentato a caldo mister Raspoli - che cosa abbia �schiato lo sa soltanto lui”. Dal dischetto Santini batte Spadaccia. Nella ripresa l’orgolio grottano serve per trovare il pareggio a metà frazione quando un colpo di testa di Varesano manda la palla a carambolare sul palo, poi la sfera colpisce il portiere della Valleranese Petruccioli e si in�la in gol. Da li alla �ne succede poco o nulla a parte il secondo giallo rimediato da Randazzo (la prima ammonizione l’aveva subita per le proteste in occasione del gol subito) e che quindi sarà costretto a saltare la s�da di domenica prossima a Lubriano nel confronto valido per la terza di ritorno.

LATERA 2 VIGNANELLO 0 Un Latera non brillante si impone per 2-0 sul Vignanello che al Napoleoni gioca un ottimo confronto. Match subito in salita per il team di mister Bambini che quando non sono scoccati 180 secondi subisce la rete di Pompi che torna quindi al gol staccando nella classi�ca dei marcatori Capocecera. Poi una lunga fase di match in cui è il Vignanello a rendersi più pericoloso. Sul �nale si ripete ciò che era avvenuto qualche settimana fa tra Tuscania Bolsena e Latera. Punizione velenosa calciata da Riccardo Bonucci sulla quale il portiere del Vignanello va in crisi e la sfera carambola pian pianino in gol. Tre punti buoni per il Latera che riguardo al gioco deve invece decisamente migliorare come ha sottolineato al termine del match il bravo tecnico della compagine dell’alta Tuscia.

I MARCATORI Così nelle prime posizioni tra i marcatori del girone A della Prima Categoria. 10 reti: Pompei (Latera) 9 reti - Capocecera (Lubriano) 8 reti - C. Pecci (Capranica); Pacenza (Grotte di Castro); 7 reti - Gaska (2 rigori) Latera; Carrington (2 rigori, Tuscania Bolsena); De Cillis (2 con il Vignanello, 4 con l’Ischia di Castro) e Sfasciotti (2 rig. Ischia di Castro) 6 reti - A. Taratufolo (Canepina); Fileni (3 rigori) Vasanello; Danieli (Canepina); Nobile (Grotte di Castro); 5 reti - Incalcaterra (Canepina); Randazzo (Grotte di Castro); M. Mariani (Vasanello) 4 reti - L. Trebisondi (Monteromano); Pantarelli (Lubriano); Pokoropek (Valleranese); M. Salvitti (Capranica); Cicconi (2 rig.) Valentano (agv)

N. Bagnaia e Celleno vincono a Vitorchiano e Farnese

E

d ecco cosa è accaduto nei tre recuperi giocati ieri nel girone A della Seconda Categoria. VITERBO POOL 1 SAN LORENZO 0 Vittoria pesantissima per il Viterbo Pool nel recupero della tredicesima di andata contro il San Lorenzo. Entrambe le formazioni molto rimaneggiate con il Viterbo Pool a “tocchetti” visto che mister Guerrini ha dovuto rinunciare a gente come Onofri, Faccenda, Proietti Palombi, la maggiore assenza nel clan ospite è stata quella di Tupu Vasile. A decidere il confronto è stato Lupattelli. Felice mister Guerrini: “Tre punti d’oro per noi nella rincorsa a Virtus Calcio Bolsena e Doria San Martino, adesso bisogna insistere”. A meno di una clamorosa e difficilissima rimonta sfumano invece le speranze del San Lorenzo di una rincorsa a chi le sta davanti. FARNESE 2 CELLENO 3 Match vibrante e tre punti d’oro in esterna per il Celleno di mister Spolverini che sale a quota 19 in classfica generale. Alla fine del primo tempo conducevano i padroni di casa, poi il sorpasso del Celleno con le reti di Veleja e Mastrogregori. A una decina di minuti dalla fine Farnese sul 2-2 con un rigore e proprio al 90esimo ka rete vincente per il Celleno del rientrante Perlorca. VITORCHIANO 1 N. BAGNAIA 2 Vince in trasferta anche la

2ª CATEGORIA A VIRTUS C. BOLSENA #

46

DORIA SAN MARTINO

44

VITERBO POOL

43

SAN LORENZO N.

32

NUOVA BAGNAIA #

23

QUERCIAIOLA

21

ETRUSCA

21

CIVITELLA D’AGLIANO

20

CELLENO #

19

GRAFFIGNANO

18

FARNESE

17

TRE CROCI

15

BARCO MURIALDINA

15

VITORCHIANO

14

N. PESCIA ROMANA #

13

VIRTUS MARTA

10

# GARE DA RECUPERARE

Nuova Bagnaia che passa per 2-1 sul campo del Vitorchiano con le reti nella ripresa di Simone Varletta e di Simone Bajocchi e con questi tre punti torna solitaria in terza posizione ed ha ancora un recupero da effettuare. GLI ALTRI RECUPERI Ora restano da fissare le date di altri due recuperi. Si tratta per la prima di ritorno del confronto tra Nuova Bagnaia e Celleno e per la seconda di ritorno del match tra la Nuova Pescia Romana e la capolista Virtus Calcio Bolsena. (agv)

COPPA LAZIO DI 1ª CATEGORIA GIOVANISSIMI REGIONALI - Episodi violenti dal portiere ospite

Grande Monte Romano ed è 2-0 a Santa Severa

È

a Monte Romano la festa e di che tinta. Importantissimo successo esterno per 2-0 di Marzi e compagni nella gara di andata dei quarti di �nale di Coppa Lazio di Prima Categoria giocata ieri pomeriggio a Santa Severa. Un successo corsaro che spiana la strada delle semi�nali ad un Monte Romano che non ha sbagliato praticamente nulla e che nonostante le assenze ha giocato un match ordinato, con concretezza massima ed una concentrazione fuori dal comune a conferma di come tutto l’entourage ben preparato e messo in campo dalla coppia Pavan-Ionta tenesse a questo appuntamento. La prima frazione di gioco termina a reti inviolate e da segnalare un eccellente intervento del portierone Marzi che salva i suoi dall’1-0. Poi nella ripresa arriva l’1-0 siglato da Cristiano Marini per il quale è stata di buon auspicio la foto che abbiamo pubblicato nell’edizione di ieri dell’Opinione.

Montefiascone, un 1-4 bugiardo di PIETRO BRIGLIOZZI

S

con�tta pesante per 4-1 ma risultato bugiardo per il Monte�ascone giovanissimi regionali che ha ceduto in casa nella seconda di ritorno contro la capolista Aurelio.

Massimo Marzi (Monteromano) Foto Andrea Di Palermo E Marini che nell’azione del gol aveva sfruttato alla perfezione un assist di Di Luca resituisce il favore al compagno al 41’ della ripresa e �rma un 2-0 pesantissimo per i giochi quali�cazione alle semi�nali che avranno il loro verdetto mercoledì 16 febbraio quando si giocherà la gara di ritorno dei quarti di �nale. Grande entusiasmo nel clan biancazzurro per la super impresa. (agv)

MONTEFIASCONE 1 AURELIO 4 Monte�ascone: Stella; Selvi, Aronne; Salvatori, Veneri, Ribeca; Governatori, D’Alessio, Bronzetti, Ceccarini, Bianchi. All. Santucci. A disp.: Tontoni, Leopardi, Barbato, Cojocar, Di Pietro, Mancini. Aurelio: Criste; Santoro, Appolloni; Tornarelli, Ruffo, Luminari; Belgiovane, Croce, Margotti, Melito, Moretto. All. Ottavini. A disp.: Nasta, Fortunato, Massimini, Beretti, Salaris, Cocchini. Marcatori: Ceccarini st 19° r. (M), Belgiovane pt 19° (A), Luminari pt. 32°(A), Croce pt 35° e st 2° (A). Espulsi: Stella Doppia Ammonizione, Veneri (M); Criste, Belgiovane (A). Una gara tutta da dimenticare quella di domenica mattina sul

La formazione del Monte�ascone Giovanissimi Regionali campo B delle Fontanelle tra i Giovanissimi Regionali del Monte�ascone ed quelli dell’Aurelio. Una gara svoltasi sotto una pioggia battente su un campo totalmente allagato, alla presenza di un folto pubblico costella da duri falli ed un comportamento, specialmente da parte delle squadra ospite, violento sorretto da duri falli eseguiti con cattiveria. Le abbondanti ammonizioni e le molteplici espulsioni in�itte dal direttore di gara Bernini di Viterbo sono la prova inconfuta-

bile. La più grave e stata quella in�itta al portiere Criste che non solo ha preso a pugni l’attaccante Bronzetti, ma ha dimostrato una buona dose d’isterismo in quanto per allontanarlo dal campo in esecuzione alla consequenziale espulsione di tale gesto è stato necessario l’ingresso in campo del suo allenatore e due dirigenti che, a forza di peso, lo hanno portato fuori mentre egli cercava ancora l’attaccante locale per picchiarlo mentre seguitava ad inveire contro di lui.

Le due squadre sono scese in campo a viso aperto e tra le due formazioni è emerso subito un sano equilibrio. Poi con il passar dei minuti, visto che gli ospiti non riuscivano a segnare, hanno cominciato ad innervosirsi commettendo falli. Poi al diciannovesimo Belgiovane su azione in conseguenza di una lampante papera del portiere Locale Stella, ha portato in vantaggio gli ospiti, così si è andati al riposo con gli ospiti in vantaggio. Nel secondo minuto della ripresa è giunto il raddoppio per opera di Croce. I locali si sono gettati in vanti per recuperare la gara così al dodicesimo, su calcio di rigore, Ceccarini segnava la rete per i locali riaprendo la gara. A questo punto si è scatenato il putiferio così gli ospiti sono di nuovo passati con Luminari, quindi, sul �nire, di nuovo con Croce e la gara si è conclusa tra il nervosismo di tutti con il risultato di quattro ad uno per l’Aurelio. Mister Cantucci avrà molto da lavorare specialmente sul piano psicologico e comportamentale dei suoi ragazzi nonostante il primato in classi�ca.


� �

sport

SPORT

p

16

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

CALCIO XXXXXXX 3 CATEGORIA

Csl Soccer campione d’inverno. Real Gradolese spera nel recupero Al momento la leadership del gruppo B appartiene allo Sporting Ronciglione. Il prossimo turno di DANILO PALUMBO

GIRONE A

E

cco l’approfondimento dopo l’ultima giornata di andata nei due gironi di terza categoria. GIRONE A QUI TUTTO DECISO CSL SOCCER CAMPIONE D’INVERNO Nell’atteso derby di Civitavecchia svoltosi domenica pomeriggio al “Riccucci” la CSL Soccer, con il pareggio di uno a uno, ha respinto l’assalto del Las Vegas Soccer girando in testa alla classi�ca a metà campionato. La squadra allenata da mister Paolo Brunori è stata il costante punto di riferimento del girone di andata ma la sua leadership era stata messa potenzialmente in discussione dal ritorno dei cugini che, prima della stracittadina, avevano in�lato cinque vittorie di �la. La CSL Soccer mantiene così due punti sulla più diretta inseguitrice, vantaggio che potrà essere addirittura incrementato nel recupero della dodicesima giornata in casa del Real Caprarola. Proprio la compagine del presidente Francesco Mascagna sale in terza piazza alle spalle delle due civitavecchiesi: il Real sabato ha vinto, soffrendo più del previsto, in casa della Vicus Ronciglione. I caprolatti, dopo aver sprecato qualche opportunità di troppo nel primo tempo, hanno risolto la gara grazie alla doppietta di Ceccarelli, giunta nell’ultimo quarto d’ora. La prima rete del Real era probabilmente viziata da un netto fuorigioco ma occorre aggiungere che in precedenza, in un paio di occasioni, gli attaccanti ospiti erano stati fermati ingiustamente per off-side. “Si è trattato di un derby di altri tempi, mi ero quasi dimenticato di partite del genere – dichiara con il sorriso il presidente Mascagna – gli interventi decisi in campo sono stati tanti ma non ho mai visto cattiveria. Le palle goal fallite nella prima parte ci stavano togliendo serenità, per fortuna abbiamo trovato la strada della porta prima della �ne”. Le note negative per la squadra di Caprarola arrivano dalle espulsioni, per sciocchi falli di reazione, di Stelliferi e Nustriani: il Real riposerà in coincidenza con il primo turno di ritorno, alla seconda giornata i due giocatori dovrebbero saltare dunque la s�da interna con la Virtus Corchiano. A meno che,

La formazione del CSL Soccer Campione d’Inverno nel girone A nel frattempo, venga �ssato il recupero con la CSL: in questo caso sarebbe la partita con i civitavecchesi quella in cui scontare la squali�ca. Il quarto posto è detenuto in coabitazione dal Tarkna Tarquinia, che domenica ha ottenuto un buon pareggio interno contro l’insidiosa Virtus Corchiano, e dal Doc Gallese, al terzo successo di �la nell’anno nuovo. I ragazzi allenati da Christian Quattrini hanno ottenuto la seconda vittoria in trasferta della stagione niente meno che ad Oriolo. Lungi da noi sminuire la portata dell’impresa del Doc ma occorre anche precisare che all’Accordia mancavano sabato pomeriggio sei-sette titolari: per squali�ca erano assenti,

3ª CATEG. GIR. A 1ª RITORNO 5-6/02

giusto per fare qualche nome, Luca Marani, Matteo Paolessi, Daniele Raf� e Michelangelo Procopio. Defezioni che hanno prima di tutto �accato il morale della squadra di Oriolo, come ci conferma il dirigente Belli: “Siamo scesi in campo spenti, quasi rassegnati a una scon�tta. Invece per quello che si è visto ci saremmo potuti intascare almeno un punto. Decisiva è risultata una disattenzione difensiva, che ha consentito a un attaccante ospite di toccare in allungo un pallone verso la nostra porta”. I recuperi - Per la conclusione del girone di andata si attendono i recuperi della penultima di andata tra Real Caprarola-Csl Soccer e Castel S.Elia-Accordia

GIRONE B IL BILANCIO AL GIRO DI BOA Come da pronostico, dovremo attendere il recupero dei match saltati alla dodicesima giornata per decretare uf�cialmente il campione d’inverno del girone B: oltre a Real Monte�ascone-Proceno sarà soprattutto Real Gradolese-Onano a fornire la vera �sionomia della classi�ca al giro di boa della stagione. I lacuali, attualmente a quota ventinove punti, sono staccati di sole due lunghezze dallo Sporting Ronciglione e a meno di sorprese dovrebbero fregiarsi di questo titolo. È opportuno tornare sui risultati della tredicesima giornata di andata che con diversi pareggi

La compagine del Real Gradolese

orari

3ª CATEG. GIR. B 1ª RITORNO 5/02

orari

ACCORDIA - MURIALDINA (and. 3-1) sabato

14,30

BASSANO IN TEVERINA - SP. RONCIGLIONE ( and. 1-0)

14,30

CSL SOCCER - CASTEL S.ELIA (and. 1-0) domenica

15,00

CANINO CALCIO - ORAT. MADONNA DEL FIORE (and. 0-1)

14,30

TARKNA TARQUINIA - BARBARANO (and. 0-0) domenica

15,30

GROTTE S. STEFANO - GIGLIO ZEPPONAMI (and. 2-3)

14,30

TEAM CANEPINESE - DOC GALLESE (and. 0-0) sabato

14,30

ONANO SPORT CALCIO - SIPICCIANO (and. 1-3)

14,30

VICUS RONCIGLIONE - LAS VEGAS SOCCER (and. 0-4) sabato

14,30

PROCENO - BOMARZO ( and. 0-2)

14,30

VIRTUS CORCHIANO - FABRICA CALCIO (and. 1-2) sabato

14,30

REAL MONTEFIASCONE - REAL GRADOLESE (and. 1-2)

14,30

SPORTING BAGNOREGIO - CICRAM RONCIGLIONE (and. 0-3)

14,30

RIPOSA: REAL CAPRAROLA

GIRONE B

CSL SOCCER #

24

SPORTING RONCIGLIONE

31

LAS VEGAS

22

REAL GRADOLESE #

29

REAL CAPRAROLA #

20

BASSANO IN TEVERINA

29

DOC GALLESE

19

CANINO CALCIO

23

TARKNA TARQUINIA

19

ORATORIO MAD. D.F

23

ACCORDIA ORIOLO #

18

PROCENO #

22

VIRTUS CORCHIANO

17

CICRAM

21

BARBARANO ROMANO

16

SIPICCIANO

18

CASTEL SANT’ELIA #

15

SP. BAGNOREGIO

13

TEAM CANEPINESE

13

REAL MONTEFIASCONE #

13

13

BOMARZO

FABRICA CALCIO

13

GIGLIO ZEPPONAMI

13

MURIALDINA

6

ONANO #

6

VICUS RONCIGLIONE

3

GROTTE S. STEFANO

0

# PARTITE IN MENO

# PARTITE IN MENO

ha, forse, tradito le attese. Cominciamo tuttavia con quella che è apparsa senza dubbio la s�da più spettacolare: il riferimento è al quattro a tre con cui lo Sporting Ronciglione ha violato il “Pompei” di Bagnoregio contro lo Sporting Bagnoregio. La partita sembrava indirizzata dopo la prima mezz’ora con il due a zero a favore dei locali: prima Tirinnanzi dal dischetto del rigore poi Fraticello, con un bel diagonale su assist dello stesso Tirinnanzi, avevano portato avanti la squadra di mister Pernazza. Lo Sporting Ronciglione, da grande squadra, non si è comunque persa d’animo: prima del riposo Andrea Mariani ha ridato speranza ai suoi, quindi Agnolotto nella ripresa ha completato la rimonta. A dieci minuti dalla �ne è quasi iniziata un’altra gara: Verduchi ha �ssato il momentaneo tre a due per i cimini, a due minuti dal termine una punizione di Fringuelli ha decretato il nuovo pareggio. La svolta conclusiva è arrivata con la seconda rete personale di Mariani che ha consegnato i preziosissimi tre punti agli ospiti. “Una vittoria che suggella l’ottimo girone di andata condotto dalla squadra – dichiara David Paradisi, dirigente dello Sporting Ronciglione – sapevamo che a Bagnoregio sarebbe stata dura, avevamo seguito il processo di crescita della squadra di mister Pernazza da dicembre in poi”. “Ce la siamo giocata alla pari sino in fondo – gli fa eco Roberto Burla, dello staff dirigenziale dello Sporting Bagnoregio – si è trattata di una gara che non ci porta punti ma che conferma la maturazione globale del gruppo. In campo non si sono viste le tante lunghezze che dividono le due compagini in classi�ca e il merito va soprattutto al nostro tecnico che dal suo arrivo ha fornito un ottimo gioco”. A metà del cammino è tempo dei primi bilanci stagionali. Cominciamo con quello di Gianfranco Montagnoli, coach del Proceno che sabato ha pareggiato per zero a zero contro la Real Gradolese: “Ad essere sincero mi aspettavo magari una distanza inferiore rispetto al primo posto, ci mancano probabilmente i punti della gara con il Canino, in cui siamo stati

noi a fare la partita ma ci siamo ritrovati al novantesimo con un pugno di mosche. Comunque la prestazione di sabato contro la Real Gradolese dimostra che i ragazzi hanno superato bene quella delusione. Nell’ultima mezz’ora i lacuali hanno dato l’idea di accontentarsi del pareggio, noi abbiamo provato a vincere ma ci è mancato il guizzo sotto porta. In de�nitiva la squadra sta bene e proverà ad essere protagonista sino in fondo”. Tematiche simili si ritrovano nelle parole di Alfonso Santori, tecnico del Bassano in Teverina che nell’ultimo turno ha pareggiato per uno a uno con il Sipicciano: “Considerando il buon inizio di campionato che abbiamo condotto speravo di avere qualche punto in più in tasca. Pesano in questo senso le scon�tte interne con Oratorio Madonna del Fiore e Real Gradolese, partite in cui la squadra ha giocato bene ma raccolto niente. Considero come due punti persi anche il pareggio con il Sipicciano, avevamo qualche assenza dovuta principalmente all’in�uenza però avremmo dovuto fare meglio”. Ultime due note del girone B dedicate a Cicram e Bomarzo. La squadra di Ronciglione ha ottenuto il terzo risultato utile consecutivo con il cinque a zero sul terreno del Grotte Santo Stefano: “Sembriamo aver ritrovato la marcia giusta – dice il presidente Diego Piermattei – sono stato sempre convinto che potessimo puntare ai play-off. Ora i ragazzi stanno ritrovando stimoli ed entusiasmo e in questo modo la quali�cazione alla Coppa della Provincia di Viterbo può essere ampiamente alla nostra portata”. Per quanto riguarda il Bomarzo, da segnalare il debutto vincente di mister Luciano Bannella che ha guidato i suoi alla rimonta in casa dell’Onano Sport Calcio. Per il tecnico, che aveva iniziato la stagione a Sipicciano, si tratta di un ritorno sulla panchina del Bomarzo a distanza di qualche anno. Recuperi - Per il girone B devono essere recuperati i confronti della penultima di andata tra Real Monte�ascone-Proceno e Real Gradolese-Onano Sport.


� �

sport

SPORT

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

p

C5 SERIE B - Il mister analizza il momento dell’Orte

C5 SERIE C2 MASCHILE

Doppio Antonazzi, Ciullo e De Angelis stendono al tappeto il Casal Torraccia

Corchiano, lezione alla capolista C

oglie il primo successo del 2011 il Fescennium Corchiano di mister Mirko Antonazzi. Una vittoria pesante e meritatissima colta in casa della prima della classe. Un Corchiano perfetto quello apparso a Roma, sicuro di se, compatto e con un gioco a tratti davvero spettacolare. LA GARA - Il match è stato molto intenso soprattutto per merito dei viterbesi che nella prima frazione hanno imparti-

C5 C2 MASCHILE CASAL TORRACCIA

30

FENICE

30

OLIMPUS

29

IVO ROMA

26

F. CORCHIANO

25

ANGUILLARA

24

FUTSAL GUIDONIA

24

VIRTUS CENTOCELLE

24

TENNIS C. PARIOLI

23

FUTBOL CLUB

23

ROMA C5

14

ALGIAN VIAGGI

9

REAL BALDUINA

6

ARCA

4

17

to una vera e propria lezione di futsal agli avversari. A realizzare le quattro marcature laziali sono stati Antonazzi, doppietta, Ciulloe De Angelis. SPOGLIATOI - Euforia a mille all’interno dello spogliatoio biancazzurro: Ecco le parole del tecnico Mirko Antonazzi: “Una vittoria splendida figlia di una prestazione di grande livello. Devo fare pubblicamente i complimenti a tutti i ragazzi, soprattutto a chi non ho potuto far scendere in campo, per lo spirito con cui è stata affrontata e giocata questa gara. Credo che una percentuale alta di questo successo, oltre al gioco, sia dovuta allo spirito di gruppo, alla voglia di lottare tutti insieme e aiutarsi sempre sia dal campo che dalla panchina. Questo è lo spirito giusto per continuare il nostro percorso di crescita. Dall’inizio della stagione ad ora i miglioramenti sono stati costanti sotto tutti i punti di vista, ora bisogna continuare così. Se è cambiato il nostro obiettivo? Ho detto ai ragazzi di rimanere con i piedi per terra e di ragionare gara per gara senza fare discorsi che non ci appartengono. La squadra ormai è consapevole della propria forza e delle proprie qualità e questo mi lascia sereno anche per le prossime sfide”. (AU)

C5 SERIE C2 FEMMINILE

Real Collevecchio altro ko Ma c’è la voglia di non mollare

P

rosegue il dif�cile campionato nella C regionale per il Real Collevecchio che sabato scorso perdendo per 7-1 sul campo della vice battistrada Virtus Ciampino (gol della bandiera di Giulia Cianciarulo) ha rimediato la sua sedicesima scon�tta stagionale in 18 incontri disputati. Realtà dif�cile quella della C per Ambra Torrioni e compagne che stanno cercando di onorare con le loro risorse questa dif�cile categoria dopo aver spadroneggiato nella passata stagione nella D provinciale vinta con un magico en-plein. Sabato prossimo alle ore 15 impegno casalingo contro la forte Futsal Lazio. AL COMANDO Intanto al comando del campionato di serie C regionale abbiamo la Lazio Calcio a Cinque femminile in cui milita la viterbese Katia Frilicca che nel corso di questa stagione ha realizzato già 8 reti. In costante ripresa la formazione del Futbol Club Team reduce dallo 0-5 sul terreno della Fb

5 Team e qui da segnalare la doppietta della nostra vecchia conoscenza Simona Maiola (nella scorsa stagione al Monte�ascone) e che salita a quota 11 per quanto riguarda i gol realizzati. (agv)

C5 C2 FEMMINILE LAZIO C5

49

V. ROMA CIAMPINO

48

TIME SPORT ROMA

47

SPORTING TORRINO *

41

FUTSAL LAZIO

33

OLIMPUS

31

FB5 TEAM ROME *

27

BRICIOLA

27

CRC JUNIOR LAZIO *

26

LAZIO CALCETTO *

19

FUTBOLCLUB

15

REAL TORRINO

8

ARANOVA

8

REAL COLLEVECCHIO

6

VEJO LAZIO

4

* HANNO RIPOSATO

Ecco la ricetta di Luciano Nesta “Servono carattere e cattiveria”

Sabato contro la prima della classe Real Monturano

D

opo il 6-0 conquistato d’uf�cio per l’esclusione dal campionato della Virtus Castello, l’Orte C5 di mister Nesta si appresta a tornare in campo questo �ne settimana contro il Real Monturano primo della classe. Una s�da dif�cile per i biancazzurri che hanno potuto sfruttare questa settimana di “riposo” per ricaricare un po’ le batterie sia a livello �sico che a livello mentale. Ad analizzare questo momento importante e delicato della stagione è mister Luciano Nesta. Allora mister, si riparte con una battaglia? “Già, affrontare il Monturano non è sicuramente la migliore delle cose dopo una “pausa” forzata. Comunque in questi giorni in cui non abbiamo disputato gare uf�ciali, abbiamo lavorato molto bene, cercando di preparare nel migliore dei modi una gara che sicuramente sarà molto complessa. Proprio per questo però devo dire che sono abbastanza sereno. Come ho detto ai ragazzi infatti questa è una partita che in teoria si potrebbe anche perdere quindi se dovesse arrivare un risultato negativo, nessun dramma perché il nostro vero campionato inizia la settimana prossima a Numana. Detto ciò, andremo in campo per giocarsela e per cercare di portare a casa un risultato positivo”.

C5 B MASCHILE REAL MONTURANO

47

CIVITANOVA

46

FORLI’

42

PALEXTRA FANO

35

CUS ANCONA

31

ACLI S. GIUSEPPE JESI

31

MAKKIA URBINO

27

ORTE CALCIO A 5

26

MIRACOLO PICENO

23

NUMANA CAMERANESE

22

VIRTUS GUALDO

20

TRE COLLI

15

COAR ORVIETO

7

V. CASTELLO (ritirata)

0

Quanto crede alla salvezza? “Ci credo molto. La squadra secondo me ha le qualità per conquistare la permanenza in B senza passare per gli spareggi salvezza. Certo, per riuscirci serviranno grandi prestazione, servirà molto carattere e in qualche caso anche un po’ di sana cattiveria agonistica”. Quanti punti pensa servano per restare in B? “Penso che 35 punti dovrebbero bastare o almeno lo spero. Questo signi�cherebbe che in queste sette gare che rimangono da qui alla �ne, a noi servirebbero “solo” tre vittorie” (au)

C5 SERIE C2 UMBRA - Campionato complicato C5 SERIE D UMBRA - Il derby regala spettacolo ma termina senza vincitori né vinti

Per la Vigor Ortana e Orte Futsal fanno pari e patta solite amnesie ma quanti rimpianti per Sorbara e soci E

nnesima battuta di arresto esterna nel Campionato umbro di Calcio a 5 serie C2 per il Calcio a 5 Vigor del Tecnico Roberto Morri (nel 4-1 sul parquet dell’Acli Miriano rete di Francesco Cica) ed ora ennesimo delicato scontro salvezza casalingo contro l’Omnia calcio a 5. Quindi nel pieno rispetto di un trend negativo esterno che non sembra avere almeno per il momento soluzione d’uscita, il Calcio a cinque Vigor inanella l’ennesima sconfitta stagionale. Il tutto si materializza nel tardo pomeriggio di Sabato sul parquet narnese di Miriano, dove il team del Tecnico Roberto Morri viene superato per 4-1 dalla formazione dell’Acli in una gara valida per la ventesima giornata del Campionato umbro di serie C2. In un delicato scontro diretto per togliersi dalla pericolosa zona play-out, rete della bandiera aquesiana a firma di Francesco Cica. Primi dieci giorni di febbraio importanti per non dire fondamentali per la formazione del Presidente Stefano Alberelli, che sarà chiamata a disputare due gare casalinghe dal peso specifico pesantissimo contro formazioni impegnate come gli stesi viterbesi nella lotta sal-

di ALESSANDRO URSINI

C5 C2 UMBRA OASI

47

CALVI

45

MARMORE

38

LA VALLETTA

36

CASTEL GIORGIO

35

CHICO MENDES

35

GM 10 *

34

F.LLI NARDI

32

SPORT CENTER

32

OMNIA *

28

ACLI MIRIANO

24

MASSA MARTANA

23

VIGOR C5 #

16

MONTERUBIAGLIESE #

16

LIBERTAS TACITO

10

CANALE

3

# UNA GARA IN MENO

vezza. Si inizierà Venerdì 4 alle ore 21.15 contro la formazione ternana dell’Omnia calcio a 5. Per proseguire Mercoledì 9 allo stesso orario con il Monterubiaglio calcio a 5, nel recupero della gara in programma inizialmente Venerdì 20 Gennaio ma non disputata su ordine del Comitato Federale.

davvero vincere il campionato, dovremo evitare altre prestazioni scialbe come questa. E’ vero che avevamo assenze pesanti (Fabrizi, Marsala e Camilli a mezzo servizio ndr) ma dove non riuscivamo ad arrivare atleticamente o tecnicamente, dovevamo arrivare con l’intelligenza tattica e l’esperienza”.

F

inisce senza vincitori ne vinti il derby ortano di serie D tra Ortana C5 e Orte Futsal. 3-3 il punteggio �nale di una gara spettacolare e ricca di emozioni che ha sicuramente divertito il numeroso pubblico presente al “Polivalente” di Orte ma che ha lasciato un po’ d’amaro in bocca alla truppa di mister Maisano, che ai punti onestamente avrebbe meritato la vittoria. Un punto a testa che in virtù dei risultati delle altre mantiene apertissimi i giochi davanti visto che i biancorossi di mister Impenna rimangono in vetta, seppur in condominio con Futsal Chiesa Nuova e Norcia, e i gialloblù del bomber Sorbara rimangono staccati di appena tre lunghezze. LE RETI - A siglare i gol per le due compagini sono stati: Sorbara, tripletta per lui, Laurucci, un’autorete e Carrino per l’Ortana. POST PARTITA - Partiamo con il coach dell’Orte Futsal Marco Maisano: “Un pari che onestamente brucia. Credo che i miei ragazzi meritassero la vittoria per quanto mostrato sul campo dove secondo il sot-

C5 D UMBRA

Simone Carrino (Ortana C5) toscritto siamo stati per buona parte della gara superiori all’Ortana. Peccato aver sprecato troppo, essere stati sfortunati visti i vari pali colpiti e non essere riusciti ad amministrare l’ultimo vantaggio rischiando pure nel �nale di subire la beffa sul rigore contro parato da Casagrande. Se dovessi dare una nomination per il nostro ed il loro migliore in campo senza dubbio direi Matteo Marzoli per noi e il portiere Giansanti per loro. Da questa gara usciamo più forti mentalmente e ancor più consapevoli del fatto che abbiamo i mezzi per giocar-

cela alla pari con tutti”. Contrariato invece mister Andrea Impenna: “Di questo match salvo solo il risultato �nale. Un pari che onestamente va molto stretto a loro e che per noi è stato un bel regalo. Siamo stati troppo contratti, per assurdo, nonostante l’esperienza dei giocatori, abbiamo sentito troppo la partita e questo ci ha impedito di giocare la nostra gara. In più abbiamo commesso errori gravi anche a livello difensivo, cosa che per noi è inconsueta. Detto ciò, ci teniamo stretti questo punticino e la vetta della classi�ca anche se, se vogliamo

ORTANA

33

F. CHIESA NUOVA

33

NORCIA

33

ORTE FUTSAL

30

LIBERTAS THYRUS

27

PRECI

27

S. GIOVANNI BOSCO

27

ARRONE *

25

SAN GIOVENALE

21

CLT

20

UNICALCIO

17

BONIFAZI GROUP *

16

REAL S. LORENZO

7

NARNI

4

GIOVE

3

* HA RIPOSATO


� �

sport

SPORT

p

18

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

BASKET GIOVANILE

Join the Game, applausi a tutti i protagonisti Al PalaMalè si è svolta la fase provinciale dell’evento di 3 contro 3

A

nche Viterbo ha mandato in scena la sua fase provinciale del Join the Game 2011, l’evento di basket giovanile tre contro tre che, ogni anno, permette a migliaia di ragazzi e ragazze delle categorie under 13 e under 14 di confrontarsi e, soprattutto, divertirsi. Lo hanno fatto anche gli atleti che si sono ritrovati domenica scorsa al PalaMalè, teatro della fase provinciale viterbese della manifestazione, giunta quest’anno alla nona edizione e organizzata dalla Federazione Italiana Pallaca-

Pegaso Tarquinia Under 13

Virtus Capranica Under 13

nestro e VerdeSport Treviso, con il supporto logistico dei Comitati FIP provinciali e regionali e il patrocinio del Coni. Come accade tradizionalmente, le s�de disputate tra ragazzi di Viterbo, Capranica e Tarquinia, si sono svolte all’insegna della correttezza, anche se tutti hanno dato il massimo per portare a casa un risultato positivo. Il torneo della categoria Under 14 è stato vinto dal Santa Rosa “1”, composto da Simone Cavallo, Andrea D’Agostino, Andrea La Torre e Riccardo Labellarte, che ha avuto la meglio sul Santa Rosa “2”

(Lorenzo Boccolini, Piermarco Giustini, Giovanni Quintarelli, Simone Ricci) e sulla Stella Azzurra (Enrico Burla, Andrea Capobianchi, Matteo Rossi e Marco Veleno). Nell’Under 13 c’è stata la rivincita della Stella Azzurra con Matteo Belli, Leonardo Casanova, Matteo Gasbarri e Gabriele Grossi, che, nella s�da decisiva, ha avuto la meglio sulla Virtus Capranica, composta da Giacomo Begini, Edoardo Gazzella, Matteo Lopardo e Giulio Salemi. A seguire le due compagini del Pegaso Tarquinia, la “Gialla” con Sara Amorosi, Marco Lopis, Valerio Parasacchi e Luca Piergentili, e la “Nera” con Rachele Boni, David Boninsegna e Alessandro Centini. Al termine, dimenticato l’agonismo delle gare, tutti i ragazzi hanno posato insieme per una foto-ricordo collettiva. Le due vincitrici - Santa Rosa “1” under 14 e Stella Azzurra under 13 - si sono quali�cate alla fase regionale in programma il 27 marzo a Roma insieme alle Junior Ants, uniche iscritte nel settore femminile. La Delegazione provinciale della FIP, che ha curato l’organizzazione della fase provinciale di Viterbo, ha voluto ringraziare le società che hanno partecipato, gli arbitri, gli uf�ciali di campo e tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento.

Stealla Azzurra Under 13

Gli Arbitri

Santa Rosa Under 14 A

Santa Rosa Under 14 B

Stella Azzurra Under 14


sport

SPORT

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

p

19

RUGBY UNDER 10

La presentazione di un gruppo che sta già ottenendo buoni risultati e promette di regalare tante soddisfazioni al Rugby Green

Dal ‘Canaccio’ a ‘Edo’ è un team da seguire di DANILO PALUMBO

C

i capita spesso di parlare, per fortuna, dei lusinghieri risultati ottenuti dalle varie compagini del Rugby Green ’86. La società guidata dal presidente Giorgio Petroselli sta infatti, almeno da un paio di anni, portando avanti un progetto che ha già consentito di far crescere di molto il numero dei tesserati e di ottenere successi nei vari tornei e concentramenti sparsi per lo stivale. Appare giusto dunque conoscere più da vicino coloro che in prima persona tengono alto l’onore dei colori giallo-blù, vale a dire i piccoli giocatori. Quest’oggi cominciamo con un pro�lo dettagliato dei componenti dell’under 10, allenata dai tecnici Luciano Schiavoni e Michele Schirripa. Avorio Pierpaolo detto “Canaccio”: una vera esplosione di grinta e tempra agonistica. Entra in campo, bracca ogni avversario e riporta la preda (il pallone) a casa. Anche in attacco non si ferma di fronte a nessuno e se vede un muro prova ad abbatterlo con tutte le sue forze. Biagi Adrian detto “Adry”: timido fuori dal terreno di gioco, con la palla si trasforma tanto che diviene quasi impossibile toglierla dalle sue mani… a volte anche per i compagni. Bonucci Tommaso detto “Ma’a Nonu”: uno dei pilastri della squadra. I compagni lo cercano spesso in attacco, gli avversari che lo conoscono quando possono lo evitano. Non si lascia mettere i piedi in testa da nessuno e se subisce uno

sgarbo non lo dimentica… mai! Cosimelli David detto “Pisolo”: prestante, �sicamente sarebbe il classico giocatore di peso, a volte però preferisce stare al di fuori della battaglia. Quando si sveglia diventa un valore aggiunto. Delle Monache Benjamin detto “Benji”: le sue origini inglesi si notano sia nell’aplomb molto british, sia nell’attitudine innata che ha per questo sport. Gioca a testa alta, caratteristica che gli permette di sapere sempre dove entrare per fare più male alle difese avversarie. Delle Monache Filippo detto “Tortellino”: gioca molto bene negli spazi aperti, dove sa lanciarsi con grandi corse, ma si fa sentire anche nelle mischie, non risparmiando placcaggi a nessuno; in difesa porta una pressione incredibile a qualunque squadra. Fabrizi Flavio detto “Flavietto”: uno dei giocatori più piccoli della compagine viterbese che però non si ferma di fronte a nulla. Utilizza la velocità per evitare i placcaggi e involarsi negli spazi. In difesa è una sicurezza sostituendo una �ne tecnica alla mancanza di peso. Faitanini Valerio Junio detto “Principe”: i suoi lunghi capelli biondi e il suo viso angelico lo fanno sembrare appena uscito da un racconto di �abe… Non si sporca in attacco restando alla regia del gioco ma si getta su ogni avversario in difesa. Vedendolo giocare vien da dire che il suo regno non ha nulla da temere con un principe tanto impavido! Fapperdue Luca detto “Cammello”: durante il primo allenamento ha detto che quello con

BASKET UNDER 15

la palla ovale sarebbe stato il suo sport preferito! Dalla presenza sul campo e dall’entusiasmo che dimostra nel voler diventare un giocatore di rugby si può dire che sta confermando le sue dichiarazioni… Lanzi Alessandro detto “Castrogiovanni”: tutti i tifosi italiani conoscono Martin Castrogiovanni, pilone della nazionale ora in forza al Leicester; beh il nostro “Castro” non ha nulla da invidiargli, dinamismo ed esplosività uniti alla corporatura robusta fanno di lui una locomotiva in mezzo al campo. Malè Lorenzo detto “Caterpillar”: uno dei piccoli della squadra… ma solo all’anagrafe. Ultimo acquisto dell’under 10 del Green, nonostante abbia iniziato più tardi degli altri sta facendo progressi da gigante… quale è. Quando parte con il pallone in mano per buttarlo giù devi essere un vero portento perchè non si lascia cadere mai.

Milani Marcello detto “Marcellino”: il capitano, questo solo basterebbe a descriverlo. Eletto dalla squadra… per la SUA squadra fa di tutto. Non lascia mai nessun compagno solo, in campo o fuori. Quando le cose si mettono male prende le redini e conduce i compagni nella giusta direzione, come una vera squadra di ragazzi che sono prima di tutto amici. Monsone Mattia detto “Anima Secca”: il suo aspetto gracile trae in inganno; lo sanno bene gli avversari che hanno provato a fermarlo e lo sanno ancora meglio quelli che sono stati da lui placcati. Ha una reattività invidiabile che gli permette di stendere il contendente, togliergli il pallone e far ripartire la squadra prima che la vittima si sia accorto di aver perso il vasetto della marmellata. Moretti Simone detto “Tigre”: ragazzo estremamente tranquillo… �no a poco più di un mese

BASKET AQUILOTTI

fa. Negli ultimi concentramenti ha tirato fuori il carattere di una vera tigre. Corre da tutte le parti ed entra nel vivo del gioco. Attenzione: Simone non fa più sconti a nessuno! Nicolanti Guglielmo detto “Veleno”: il re Mida dell’attacco giallo-blù, ogni pallone che tocca si trasforma in oro. Combattente infaticabile e determinato. Non accetta la parola scon�tta e lo dimostra con il suo stile di gioco. In difesa corre in ogni angolo del campo per coprire i pochi varchi lasciati dal Viterbo. Olimpieri Filippo detto “Anima lunga”: ragazzo dalle lunghe leve e dal carattere tranquillo. Le sue galoppate con il pallone in mano stanno diventando l’incubo per ogni squadra laziale che non sa proprio cosa inventarsi per fermarlo quando riparte. In difesa aggredisce l’avversario non permettendogli di prendere velocità.

Pescosolido Andrea detto “Carotina”: ragazzo molto calmo ma provate a spaventarlo, vedrete che non ci riuscirete! Gioca ordinato e pulito sempre al servizio della squadra; è infatti la personi�cazione del sostegno, chiunque entri con il pallone sa che potrà contare sulla sua spinta morale e soprattutto �sica. In ogni ruck, se guardate attentamente, vedrete la sua rossa chioma. Petrolito Tommaso detto “Polpettina”: corre per tutto il campo con una capacità di lettura della situazione superiore a un giocatore di Top Ten. Sa sempre dove, come e quando arrivare in ogni giocata, anche in campo aperto. Altra caratteristica distintiva il numero (prossimo all’in�nito) di �nte che riesce a fare con l’ovale in mano. Quarchioni Marco detto “Chiacchiera”: non accetta mai una decisione altrui, ha sempre qualcosa da ridire, ma quando decide di giocare compie cose che lasciano a bocca aperta. Una vera rivelazione considerando che ha iniziato solo in questa stagione a giocare. Saso Edoardo detto “Edo”: romano con passaporto viterbese. Si allena una volta a settimana ma, nonostante l’impossibilità di un’assidua frequentazione, fa parte a pieno della squadra dando una mano signi�cativa in ogni partita con i suoi innumerevoli placcaggi. Ha l’argento vivo addosso e una forza di volontà invidiabile. Si ringraziano Luciano Schiavoni e Michele Schirripa, tecnici dell’under 10, per la cortese collaborazione.

BASKET ESORDIENTI

Pegaso coraggioso I gialloneri si ripetono Tarquinia parte forte ma stavolta non basta espugnando Civitavecchia La Stella è battuta S N È on è bastato l’impegno e la grinta agli under 15 del Basket Pegaso per avere la meglio sulla corazzata Monterotondo. La squadra di Romagnoli si è trobvata davanti una formazione che, senza problemi, avrebbe potuto affrontare una categoria Open, più consona al proprio livello. I gialloneri hanno comunque fatto la loro partita, non s�gurando affatto di fronte ai quotati avversari e limitando notevolmente lo scarto. Molto bene Meneghetti, appena rientrato da una brutta in�uenza, mentre altri compagni erano assenti per malanni più o meno gravi. Il vantaggio maggiore a favore del Monterotondo si è concretizzato nelle primissime fasi dell’incontro, quando il Pegaso ha subito la prestanza �sica ed atletica degli avversari, in particolare gli incontenibili Iezzi e Kedric. Già nel secondo quarto c’è stata la reazione, frutto in particolare della grinta di Filippi e Boninsegna e dei canestri del solito Meneghetti. Tutta la squadra ha però dato il suo contributo, così il terzo e quarto par-

Elia Boninsegna ziale si sono chiusi in sostanziale parità, un risultato tutt’altro che disprezzabile contro un’avversaria di primissimo piano. Il tabellino del match PEGASO 52 MONTEROTONDO 74 Pegaso Tarquinia: Meneghetti 26, Timperi, Filippi 17, Boninsegna 3, Stefanelli, Sartori 2, Ruggeri, Parasacchi, Jacovone 4 Monterotondo: Rigamonti, Felici 2, Fiorenza, Bucioaca 7, Lupoli 10, Morra 4, Tedeschi 5, Kedric 13, Iezzi 29, Gentili 4, De Lorenzis.

econda partita e seconda vittoria per gli Aquilotti 2001 del Basket Pegaso che hanno superato 18-6 la Cestistica Civitavecchia. Partita mai in discussione a favore dei ragazzi di coach Memmo Ranucci che, per questa gara, ha fatto esordire ben 5 nuovi elementi rispetto alla prima gara di campionato. Tutti e 6 i tempi sono stati vinti dai giovani aquilotti gialloneri, capaci di mostrare una difesa

as�ssiante e rapide ripartenze insieme ad un gioco di squadra niente male visto la giovane età. Domenica prossima, alle 10 a Tarquinia, la squadra di Ranucci s�derà il Ladispoli con il coach che spera di poter schierare i giocatori che non hanno ancora avuto occasione di scendere in campo. Il gruppo è infatti molto numeroso e sarebbe importante per tutti riuscire ad essere parte di questa meravigliosa esperienza.

partita con il piede giusto l’avventura del Pegaso Tarquinia nel campionato Esordienti Provinciali. I gialloneri hanno scon�tto 54-11 la Stella Azzurra Viterbo venendo fuori alla distanza, dopo un primo quarto abbastanza equilibrato in cui le squadre si sono studiate a vicenda. Nella seconda frazione di gioco, i ragazzi di Laura Gamberini e Paola Piersanti hanno preso il largo grazie alle rapide incursioni di Alessandro Centini ed alla difesa granitica di Rachele Boni, brava a mettere spesso una pezza agli errori difensivi dei compagni di squadra. Nel terzo quarto è salito in cattedra Damiano Cosimi con una difesa a tutto campo grazie alla quale ha recuperato molti palloni e segnato diversi canestri, tanto da risultare alla �ne il top scorer a �ne incontro con 12 punti. Nell’ultimo quarto c’è stato un piccolo calo dei gialloneri dovuto soprattutto alla stanchezza, ma il punteggio era ormai saldamente in mano alla formazione tarquiniese che ha

Paola Piersanti potuto controllare senza problemi la situazione. Prossima partita Sabato 5 Febbraio alle 15.30 a Capranica. PEGASO 54 STELLA AZZURRA 11 Pegaso Tarquinia: Piergentili 3, Parasacchi 4, Navarra, Evangelistella 2, Boninsegna 7, Cosimi 12, Jacovone 2, Amorosi 6, Boni 8, Calandrelli, Centini 10 Stella Azzurra Viterbo: Casini 2, Biagini, Mari 2, Nappi 2, Ricchi, Ciccarelli, Cupelli, Addio, Piazzola 3, Filoscia 2, Martinenho, Di Giuseppe.


� �

sport

SPORT

p

20

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

KART

DBM Racing, subito una prova da Campioni Piloti viterbesi in evidenza con Luca Pagliai primo e Adriano Canu secondo di MAURIZIO PINNA

S

i è disputata il 29 e 30 gennaio sul circuito Internazionale di Viterbo, la prima prova della gara di kart valevole per il Trofeo dei Campioni 2011. Alla linea di partenza hanno rombato i motori di uno schieramento dove si sono confrontate le prestazioni tecniche dei kart e la professionalità di circa

70 piloti provenienti da tutta Italia. La nostra città, che ha ospitato l’importante evento, è stata rappresentata degnamente e con tutti gli onori, dal DBM Racing composto dal team manager Carlo Accattoli, dai piloti Adriano Canu, Luca Pagliai, Maurizio Fiorillo e Giuseppe Gallo, dal motorista Roberto Gentili, i meccanici e telaisti Stefano Bocci, Giancarlo Cecchini, Pasquale Gallo ed il responsabile della

struttura Daniele Bonifazi. Le prove, che hanno costretto il pubblico a momenti di apnea per non farsi distrarre nemmeno dal proprio respiro, hanno fatto salire sul podio del vincitore, Luca Pagliai, nella categoria 125 Italia, dopo aver mostrato tutta la sua valenza su una pista bagnata sin dal primo giro, mentre veniva ripetutamente incalzato da un Daniele Tarani, più determinato che mai a sof�argli la posizione. Ottime anche le prestazioni di Maurizio Fiorillo, che ha condotto una gara regolare conquistando un 8° posto in classi�ca. Nelle prove valevoli per la categoria Prodrive, Adriano Canu si è aggiudicato un meritato secondo posto, mentre nella categoria KZ22 il pilota Giuseppe Gallo, detentore del record sul giro della pista di viterbo, dopo aver fatto sognare con un partenza perfetta, per questa volta si è dovuto accontentare del 6° posto, riferiscono nei box, a causa di una errata scelta tecnica, ma nonostante ciò, risulta tra i preferiti, e per la sua scuderia sarà vincente sin dalla prossima seconda prova in calendario per domenica 20

febbraio nel Circuito Internazionale di Viterbo. Una grande soddisfazione che non elemosina riconoscimenti, si percepisce nelle parole del team manager Carlo Accattoli: “Questi risultati, giunti all’esordio della nostra struttura, li dobbiamo all’esperienza e all’af�atamento di tutte le persone

che costituiscono il nostro Team e che appro�tto per ringraziare pubblicamente per la passione, l’esperienza e la determinazione che hanno mostrato in questa occasione, lasciando intuire cosa sapremo fare insieme nelle prossime competizioni. Un sentito grazie desidero rivolgerlo anche ai nostri sponsor”.

VOLLEY D MASCHILE VOLLEY B2 DONNE NUOTO - Al Trofeo Master disputato a Viterbo

La Comal resta sola in vetta

Tris Isoltermica sul Tor Sapienza T U erza vittoria consecutiva per l’Isoltermica Civitavecchia di serie D maschile che ha battuto 3-2 il Tor Sapienza in una gara al cardiopalmo. Dopo essere andata facilmente sul 2-0, la squadra di Tonino Lemme si è fatta raggiungere dai padroni di casa prima di imporsi 16-14 al tie-break. Questi i parziali: 14-25/ 19-25/ 25-15/ 25-23/ 14-16. I civitavecchiesi, con diversi assenti per infortunio, sono scesi in campo con Marino in regia, l’opposto Gabelli ancora lievemente febbricitante, i centrali Annovazzi e Arcadi e le bande Lemme P. e Cesarini, con Ruggiero libero. Nel primo e nel secondo parziale è dominio Isoltermica, i locali hanno faticato a trovare le misure in ricezione e, di conseguenza, hanno sofferto molto anche in fase offensiva. Nella terza frazione i ragazzi di Lemme sono crollati improvvisamente, sottovalutando troppo gli avversari che hanno cambiato le carte in tavola e sono rientrati in partita. Anche il quarto set è sembrato in controllo ai locali (14-9) ma, dopo un time out chiesto da Lemme, Annovazzi ha indovinato alcune battute vincenti e l’Isoltermica è tornata in parità sul 14-14 con la possibilità di chiudere subito il match. Le compagini si sono date battaglia con azioni lunghissime �no al 23-23 pari, quando i giovani civitavecchiesi hanno forse perso un po’ di freddezza e il Tor Sapienza ne ha appro�ttato per conquistare il set. Al tie-break, la situazione di parità è andata avanti �no al cambio di campo, quando l’Isoltermica ha conquistato qualche punto di margine. Sul 10-14, con ben 4 palle match a disposizione, la gara è sembrata ormai in archivio ma il Tor Sapienza è riuscito a tornare sul 14-14, prima di cedere de�nitivamente le armi. Al giro di boa l’Isoltermica è dunque sesta in classi�ca, a pari merito col Nepi e un punto sotto il Tarquinia che affronterà la settimana prossima in trasferta. Questa posizione consente comunque ai ragazzi di Lemme di approdare alla Coppa Lazio, impegno di tutto rispetto che vedrà la giovane società contrapposta, nella prima fase, ad Apsia e Fontana Liri. (S.F.)

NA vittoria importante, per continuare a sognare. La Comal Civitavecchia ha superato Monterotondo per 3-2 (25-23, 23-25, 2519, 17-25, 15-7) salendo al primo posto in classi�ca da sola. Una partita spettacolare, a cui ha fatto da cornice un pubblico numeroso: una bella pallavolo da ambo le parti, con il Monterotondo che si è confermata squadra decisamente valida. Alla �ne, però, ha prevalso la forza del gruppo, o meglio del collettivo rossonero. Lo si è visto nel quinto set, con la squadra allenata da Milo Di Remigio che è scesa in campo concentrata e grintosa al punto giusto, con quelle motivazioni che, quando mancano le energie, possono fare la differenza. “E’ stata una partita durissima – ammette il tecnico della Comal Di Remigio – ma c’era ovviamente da aspettarselo considerando il valore dell’avversario. Cinque set combattuti, nel �nale però siamo stati bravi a trovare la grinta giusta e questo ha fatto la differenza. Una vittoria importante per chiudere bene questa straordinaria prima parte di stagione; adesso verrà comunque il dif�cile e dovremo quindi continuare a lavorare come stiamo facendo e con la massima umiltà”. (sf)

Brillante 5° posto della Larus con una Crescentini ‘mondiale’ L a Piscina Comunale di Viterbo ha ospitato il Trofeo Larus Master, secondo appuntamento del nuoto viterbese nel 2011 e capace di regalare non soltanto gare combattute ed equilibrate, ma addirittura un primato mondiale. Partiamo proprio da questa grande impresa, realizzata dalla romana Roberta Crescentini che, dopo aver stabilito il nuovo limite europeo della sua categoria nei 100 rana con il crono di 1’12”30, si è concessa il lusso di ritoccare addirittura il mondiale dei 50 rana, nuotando la distanza con un tempo di 32”73. Il lampo di Roberta Crescentini ha nobilitato un week-end di gare che ha comunque visto tantissimi atleti, di ogni età (ma rigorosamente over 25), sfidarsi nelle varie distanze e nei diversi stili del nuoto Con un grande spirito del divertimento in acqua sono scesi anche, per la categoria M 75, un uomo di 78 anni che ha nuotato i 50 dorso con il tempo di 54’’, e tra le donne una gagliarda signora di 74 anni, anche lei in acqua nei 50 dorso con 1’17’’ e nei 200 stile libero con 4’29’’; ancora più ‘eroica’ una signora di 76 anni che ha affrontato i 100 delfino terminandoli con il tempo di 3’12’’ suscitando l’invidia di molti coetanei e non solo. Queste performances sono la prova che il nuoto fa bene e che la sua pratica, anche non necessariamente a livello agonistico, aiuta a vivere meglio e più in forma. La squadra Larus, di età ben più giovane, ha visto protagonista pure

qualche tecnico ed allenatore ed ha portato a casa risultati inaspettati, soprattutto per chi tra di loro, si è tuffato in corsia dopo 15 anni di assenza dalle gare. Tra i medagliati Gianluca Petrucci ormai noto come allenatore del giovane campione italiano Laugeni, Gian Maria D’Amici, Michele Piedilato ed Emilia Peverini (nella foto). Grazie a loro e alla splendida prova di Roberta Crescentini, la Larus ha conquistato un meritato 5°posto nella classifica delle società, portando a casa ben 25.085 punti contro la prima in classifica con 26.605. Il prossimo appuntamento nell’impianto Larus è per il 12-13 febbraio per ospitare il 5°Meeting di Carnevale città di Viterbo; in acqua ci saranno anche i fuoriclasse della Larus Filippo Magnini e Luca Dotto.

TENNIS

C’è Australia-Italia Cresce l’attesa per la Fed Cup

C

resce l’attesa per la s�da Australia-Italia, valida per il primo turno della Fed Cup 2011. Le azzurre, campionessa in carica da due stagioni, si stanno allenando ad Hobart, in Tasmania, dove sabato e domenica si giocheranno i match. Oggi ci sarà il sorteggio, primo atto uf�ciale di un match che nasconde molte insidie per Francesca Schiavone e compagne: “La pressione di essere campionesse e cominciare la difesa del titolo con una trasferta così insidiosa e contro giocatrici così cariche come quelle che ci aspettano - ha detto la portacolori del Tc Viterbo - è un dato positivo, signi�ca che le nostre avversarie ci temono. Siamo forti e ne siamo consapevoli. Si ricomincia da Hobart con le stesso entusiasmo e la stessa grande voglia di sempre. Giocare per i colori della nazionale è un’emozione forte in uno sport alla �ne individuale”. La star dell’Italia sarà proprio lei, fresca di best ranking mondiale con il numero 4: “E’ ovvio che il desiderio di ogni tennista è puntare al vertice, quindi alla prima posizione del ranking...”, ha detto sorridendo l’azzurra che però sembra molto carica e vogliosa di dare il massimo. Insieme a lei ci saranno Flavia Pennetta, Sara Errani e Roberta Vinci, guidate dal capitano Corrado Barazzutti, che affronteranno Samantha Stosur Jamila Groth in singolare, e l’esperta Rennae Stubbs (quasi certamente con la Stosur) in doppio. Nel circuito Itf si gioca a Sutton, in Gran Bretagna, e Sandra Zahlavova è la testa di serie numero uno di un torneo con un montepremi di 25mila dollari; la sua avversaria di primo turno è la polacca Marta Domachowska. (GA)


Giovedì 3 Febbraio 2011

cultura

Viterbo & Lazio Nord

p

21

Doppio appuntamento ai Magazzini della Lupa Prima il vernissage della mostra di Wilczek, poi la presentazione di ‘Il paese della Memoria’ di FORTUNATO LICANDRO

D

oppio appuntamento con i Magazzini della Lupa sabato 5

di rinnovamento continuo della materia. È possibile visitare la mostra �no al 27 febbraio, il venerdì e il sabato dalle ore 15.30 alle ore 18.30, la domenica dalle ore 11.00 alle ore 13.00 Alle ore 19.00, invece, avrà luogo la presentazione del libro “Il paese della memoria” (Ediesse, Roma) di Franco Farina accompagnata dalle letture di Vincenza Fava, poetessa e attrice. Le microstorie del vino, di una fotogra�a familiare, dell’amicizia in un quartiere del paese sono un affondo nella memoria. Attraverso il richiamo di avvenimenti e di turbamenti, i racconti avanzano nella quiete dei ricordi e nel lento vortice del pensiero di tutta una comunità locale. In questo doppio registro narrativo, l’autore nasconde un gioco sottile e indescrivibile. Infatti, il linguaggio delle memorie viene estromesso e asciugato per gradi e il lettore all’improvviso si ritrova in bilico nel presente del Paese. Senza passato o futuro. Solo, di fronte alla tecnica, ai simulacri della verità e smagrito della cittadinanza del lavoro così come oggi è nel destino di molte persone. In questo esilio dal tempo, l’autore indica la speranza di un imminente inizio in cui le persone, colme di memoria e di diritti, danno il via alla propria esperienza temporale, l’unica ad avere una dignità di narrazione. Un libro insolito in cui la contaminazione di più linguaggi apre nuovi signi�cati e porge la �ducia della parola per il futuro nonostante le assurde retoriche del consumo e la perfezione del nulla della tecnica. L’autore discuterà della sua opera con il giornalista e scrittore Maurizio Gregorini. Ingresso libero.

Grandi consensi per la nuova opera dello scrittore viterbese Giorgio Nisini

“La città di Adamo” in piena corsa per la candidatura al Premio Strega L a candidatura al Premio Strega non è ancora uf�ciale, ma sembra sempre più vicina. Giorgio Nisini, classe 1974, viterbese, è uno degli scrittori più apprezzati della nuova generazione e con il suo nuovo lavoro “La città di Adamo” sta raccogliendo grandissimi consensi. Nisini non è un esordiente, insegna sociologia della letteratura all’università “La Sapienza” di Roma e nel 2008 ha esordito con “La demolizione del Mammut” che gli è valso il Premio Corrado Alvaro Opera Prima e l’inserimento nella cinquina dei �nalisti al Premio Tondelli. “La città di Adamo”, come hanno fatto sapere dalla casa editrice, “grazie alla messa in scena di un con�itto all’apparenza insanabile tra dato razionale e intuitivo, si propone come punto di partenza per un ‘realismo meta�sico’ italiano. Una storia sui limiti della conoscenza, sulla dif�coltà di separare il bene dal male”. Come il padre, e come

il protagonista del romanzo, Nisini è (anche) un imprenditore agricolo. Amministra l’azienda agricola di famiglia, nella quale si producono soprattutto castagne e marroni. Il protagonista del libro “La città di Adamo” è Marcello Vinciguerra, un imprenditore agricolo di successo. La sua azienda, ereditata dal padre, è una tra le più importanti d’Italia. Ha una bella moglie, Ludovica, donna so�sticata e complessa, proprietaria di un

negozio di arredamento e amante del lusso e del design, vive in una bella casa, conduce una vita - almeno in apparenza - piena di sicurezze. Una sera, però,un servizio televisivo dedicato a un potente boss della camorra fa riaf�orare nella sua memoria un ricordo dell’infanzia. E con il ricordo il dubbio. Quel boss era lo stesso uomo che lui e suo padre incontrarono, tanti anni prima, in mezzo a strani edi�ci a forma di cilindro? Chi era davvero suo padre? E quale ombra si nasconde nel passato della sua famiglia? L’inquieto affollarsi di queste domande spingono Marcello a una ricerca ossessiva della verità, che in una crescente spirale di avvenimenti - tra cui la scoperta di una misteriosa fotogra�a risalente ai primi anni Cinquanta e un breve viaggio in un’immaginaria cittadella camorrista - lo porterà a scontrarsi con un mondo inafferrabile e ambiguo, in cui tutti possono essere onesti o collusi, corrotti o corruttori.

spettacoli

televisione

di ELISABETTA SORIANO

di FORTUNATO LICANDRO

di FORTUNATO LICANDRO

E’ in programmazione in questi giorni nelle sale cinematografiche italiane il film diretto dall’esordiente Laura Luchetti , dal titolo “Febbre da Fieno”. La commedia romantica, opera prima della giovane regista, è ambientata in una Roma estiva e narra la storia di Matteo (interpretato da Andrea Bosca), giovane che lavora in un negozio di articoli vintage, insieme a Camilla, Franki (interpretata da Giulia Michelini) e Stefano, il proprietario del negozio; il ragazzo è ancora profondamente innamorato di Giovanna, nonostante l’ex ragazza lo abbia lasciato per una donna e gli abbia spezzato il cuore dopo averla scoperta essere gay. D’altro canto c’è invece Camilla che si è innamorata di Matteo dalla prima volta che lo ha visto e tenta di farle cambiare idea. La voce narrante del film è affidata a Diane Fleri, la stessa interprete di Camilla, e la città di Roma è protagonista con le sue belle passeggiate, i giardini, le panchine, i musei. Matteo rappresenta il ragazzo che vuole ciò che non può avere e non si accorge invece di ciò che di bello potrebbe avere vicino a sé…lui che vive nel presente ma guarda sempre al passato. Il film è semplice, dolce, romantico, delicato, educato in quanto non vi sono mai parolacce; i protagonisti hanno una grande voglia di amare e di innamorarsi, hanno paura si ma tanto desiderio ed entusiasmo, vogliono una seconda chance e non a caso lavorano in un negozio vintage, di oggetti di seconda mano appunto…la scelta non è casuale e riprende le storie stesse dei ragazzi. Il film è una commedia romantica ma anche un viaggio sentimentale tra la memoria degli oggetti. I due protagonisti, Matteo e Camilla, vittime un po’ di se stessi e un po’ del destino, impareranno a vivere il presente senza le ombre del passato. Il film è carino, tenero, adatto ad un pubblico giovane.

Sabato 5 febbraio, alle ore 19, il Cinema Teatro Boni ospiterà una serata evento con la proiezione del film musicale “Don Giovanni” del regista Joseph Losey, una trasposizione cinematografica dell’opera di Mozart. L’appuntamento fa parte di un nuovo esperimento del programma del Cineclub Rosebud: la proiezione con buffet. Infatti, al termine del primo tempo gli spettatori potranno gustare un buffet preparato per l’occasione. Il film racconta la storia del personaggio di Don Giovanni, amante e seduttore di donne che, a causa del suo temperamento, si ritrova spesso in situazioni complicate. Nel film sono presenti grandi protagonisti della lirica come Ruggero Raimondi, Teresa Berganza, Kiri Te Kanawa. L’orchestra e il coro sono dell’Opera di Parigi, diretti da Lorin Maazel. Il costo del biglietto è di 15 euro senza tessera Cineclub e di 12 euro per chi ha la tessera. È necessaria la prenotazione entro venerdì 4 febbraio allo 0763/7302046 Domenica 6 gennaio, alle ore 17 e 30, presso la sala conferenze della biblioteca comunale di Tuscania, si terrà la presentazione della mostra fotografica “Tuscania 1971-2011... per non dimenticare”, un progetto realizzato dall’associazione culturale ViviTuscania in occasione del 40° anniversario del violento terremoto che nel 1971 distrusse la cittadina. L’associazione ha recuperato un archivio fotografico di immagini scattate dai fotografi professionisti Gianni Caramanico e Franco de Vita. 50 scatti che raccontano il sisma, le operazioni di soccorso dei carabinieri, vigili del fuoco e volontari, i ricoveri di fortuna nelle tragiche ore che seguirono la calamità. La mostra rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 20 febbraio dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00 nei festivi e prefestivi; dalle ore 17,00 alle 19,00 durante i giorni feriali.

Se rimaniamo in casa ecco la tivvù

cinema

Al Teatro Boni il ‘Don Giovanni’

‘Febbre da Fieno’ dolce e romantico

febbraio. Alle ore 17.00, sarà inaugurato il vernissage della mostra di pittura e scultura di Riccardo Wilczek, l’artista polacco (residente da anni in Italia) che ama de�nirsi l’operaio celeste, colui che usa le mani con lo sguardo rivolto verso il cielo. I suoi lavori, specchio degli stati interiori dell’individuo di oggi, vagano negli angoli nascosti dell’anima e portano alla dolorosa consape-

volezza della condizione umana. Wilczek cerca di portare alla luce le sensazioni come la solitudine, l’ansia, l’angoscia e la paura che si vivono quotidianamente. Da qui vortici, gabbie e reti, tele e pezzi cuciti tra loro come ad indicare la necessità di collegare le più disparate, eterogenee e contraddittorie parti della vita contemporanea. In alcune opere le tensioni sembrano allentarsi nella creazione di un mondo sospeso, �abesco, ancora aperto alle illusioni. L’uso del legno e di altre materie naturali permettono a questo artista di essere partecipe all’energia operante dell’universo e di inserirsi nel ciclo

Ecco i programmi televisivi della serata di oggi. Alle 21 e 5, su Rai 2, una nuova puntata del programma di approfondimento condotto da Michele Santoro “Anno Zero”. Alla stessa ora doppio appuntamento per il telefilm con Patricia Arquette “Medium” su Rai3. Su Canale 5, alle 21 e 10, il film “Il bambino con il pigiama a righe” tratto dall’omonimo romanzo di John Boyne. Stesso orario per il film con Bud Spencer e Terence Hill “Altrimenti ci arrabbiamo”, su Rete 4. Sempre alle 21 e 10, su La 7, il film con Richard Dreyfuss “Rosso d’autunno”. Alla stessa ora, il programma condotto da Fiammetta Cicogna, “Wild – Oltrenatura” in onda su Italia 1. Su Sky Cinema 1, alle 21 e 10, “Bangkok Dangerous – Il codice dell’assassino” un avvincente action-movie con Nicolas Cage, killer spietato in trasferta in Thailandia. Alle 21, su Sky Cinema Family, incantesimi, magie e umorismo targati Disney con Bette Midler e Sarah Jessica Parker nel film “Hocus Pocus”. Alle 21 e 10, su Sky Cinema Hits, “Texas Rangers” una storia esaltante di pistoleri e banditi con Ashton Kutcher. Su Sky Cinema Max, la leggendaria battaglia di Fort Alamo in un western con Dennis Quaid e Billy Bob Thornton nel film “Alamo – Gli ultimi eroi”, in onda alle 21. Alle 21 e 5, una commedia a colpi di chitarra con l’irresistibile Jack Black nei panni di un cantante ribelle e svitato nel film “School of Rock” in onda su Sky Cinema Mania. Su Sky Cinema Italia, alle 21, “Generazione 1000 euro” una frizzante commedia sul tema del precariato con Carolina Crescentini. Su Sky Cinema Classics, alle 21, il film con Cary Grant “Cammina non correre”. Su Cult, sempre alle 21, “Una perfetta coppia di svitati” poliziesco dagli accenti comici, con Gregory Hines e Billy Crystal.


appuntamenti

p

22

Cinema Azzurro

Cinema Lux

Teatro Genio

Viterbo & Lazio Nord

Giovedì 3 Febbraio 2011

Cinema Trieste

Vallanzasca, gli angeli del male

Immaturi

Qualunquemente

Che bella giornata

Viterbo Via C. Cattaneo, 44 Tel. 0761.220019 18,00-20,20-22,30

Viterbo Viale Trento, 1 Tel. 0761.340848

Viterbo Via Teatro Genio, 16 Tel. 0761.343041 18,30-20,30-22,30

Viterbo Viale Trieste, 30 Tel. 0761.307083 21,30

Cinema Trento The Green Hornet

La Quercia (Vt) P.zza Santuario, 51 Tel. 0761.307759 17,30-19,50-22,00

Cine Tuscia Village - L’Orso Yoghi 3D - The Green Hornet Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 - 18,0 - 20,00-22,30

Cinema Etrusco - Skyline - Vallanzasca Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 - 16,00-18,00 - 20,00-22,00

Flavia Multisala

18,00-20,20-22,30

Cine Tuscia Village - Animals United - Vallanzasca Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 - 18,00 - 20,00-22,30

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

Che bella giornata

Immaturi

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Cine Tuscia Village

Cinema Etrusco

Qualunquemente

Febbre da fieno

Qualunquemente

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,30-20,30-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,30-20,30-22,30

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 16,00-18,00-20,00-22,00

Cinema Etrusco

Cinema Etrusco

Flavia Multisala

The Green Hornet

Immaturi

Vallanzasca

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 16,00-18,00-20,00-22,00

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 15,45-17,50-20,0-22,00

Montefiascone Via della croce, 1 Tel. 0761.826611 21,30

Cinema Gallery

Cinema Gallery

Cinema Tevere

Immaturi

Qualunquemente

Skyline

Qualunquemente

Montefiascone Via della croce, 1 Tel. 0761.826611 21,30

Montefiascone Via Cardinal Salotti Tel. 0761.824342 21,30

Montefiascone Via Cardinal Salotti Tel. 0761.824342 21,30

Castiglione in Teverina via Orvietana, 37 Tel. 0761.948915 21,30

Cinema Alberini

Cinema Florida

Cinema Excelsior

Cinema Colombo

Immaturi

Immaturi

Qualunquemente

Immaturi

Orte Via del Plebiscito, 6 Tel. 0761.403585 21,30

Civita Castellana Via del Forte, 26 Tel. 0761.598165 18,30-21,30

Cura di Vetralla Via Cassia, 277 Tel. 0761.483340 19,40-22,00

Valentano Via Monte Grappa, 16 Tel. 0761.453138 21,30

Giovedì 3 febbraio

sa Mannino. Inizio spettacolo ore21. Ingresso euro 20, 23 e 25.

Cinema Teatro Genio, Viterbo “Grazie! Una giornata pensata dagli immigrati”, spettacolo di e con Dario Vergassola e Riccardo Staglianò. Inizio spettacolo ore 21 e 30. Ingresso euro 15.

Teatro Cinabro, Calcata Vecchia “L’amore è cieco” Tre atti unici di Anton Checov: Domanda di matrimonio, Il tabacco e L’orso. Inizio spettacolo ore 21 e 15. Ingresso gratuito.

Cine Tuscia Village, Vitorchiano Giovedì Cinema, proiezione del �lm “Animal Kingdom” di David Michòd, con Guy Pierce. Inizio spettacolo ore 18 e ore 21 e 30. Ingresso euro 5. Teatro Boni, Acquapendente Cineclub Rosebud, proiezione del �lm “Motel Woodstock” di Ang Lee, con Demetri Martin, Liev Schreiber e Eugene Levy. Inizio spettacolo ore21. Ingresso euro 2 più tessera iniziale di euro 10.

Sabato 5 febbraio

Venerdì 4 febbraio Teatro dell’Unione, Viterbo “Terrybilmente divagante”, spettacolo comico con Tere-

Auditorium Santa Maria in Gradi, Viterbo Stagione Concertistica Unitus, Concerto per pianoforte di Aldo Ragone. Inizio spettacolo ore 18. Ingresso euro 9, ridotto euro 4. Sala Tetraedro, Viterbo “Ecobaleno”, spettacolo per bambini di Emanuela Bolco.

Inizio spettacolo ore 16. Ingresso su prenotazione: 368 - 3750512

euro 30, 23 e 15.

Teatro Bianconi, Carbognano “La strana coppia”, commedia di Neil Simon interpretata da “Il Fondo di Solidarietà Daniele Leone”. Inizio spettacolo ore 21. Ingresso euro 10, ridotto euro 8. Teatro Boni, Acquapendente Cineclub Rosebud, proiezione del film “Don Giovanni” di Joseph Losey. Inizio spettacolo ore 19. Ingresso euro 12 più tessera iniziale euro 10.

Chiesa S. Maria della Verità, Viterbo “Inno alla vita”, concerto per organo di Ferdinando Bastianini con musiche di Back, Vivaldi, Marcello , Franck. Inizio spettacolo ore 16 e 15.

Teatro Mancinelli, Orvieto “Il Burbero Benefico”, commedia di Carlo Goldoni diretta da Matteo Tarasco con Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini. Inizio spettacolo ore 21. Ingresso

Domenica 6 febbraio

Teatro Bianconi, Carbognano “La strana coppia”, commedia di Neil Simon interpretata da “Il Fondo di Solidarietà Daniele Leone”. Inizio spettacolo ore 17. Ingresso euro 10, ridotto euro 8. Teatro Palarte, Fabrica di Roma “Fabrica Festival”, concerto lirico con l’Orchestra Interamnia. Inizio spettacolo ore 17 e 30. Ingresso euro 5


Giovedì 3 Febbraio 2011

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

almanacco

Viterbo & Lazio Nord

p

visitando

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE

C

ontin u a il trend positivo che vi vede favoriti per tutto l’anno…. unico ostacolo è ancora questo Mercurio che non vi rende lucidi rischiando di farvi perdere qualche occasione da cogliere al volo… cercate di essere svegli e attenti in tutto ciò che fate..e GIOVE VI PROTEGGERA’ 22 Giugno - 22 Luglio CANCRO

B

eh amici del Cancro come va?.. decisamente meglio rispetto ai giorni passati vero?..Questo è il mese dell’Acquario, un segno per voi amico e che vi spinge a festeggiare il Carnevale indossando maschere divertentissime che stupiranno i vostri amici e il vostro grande amore.. che VI TROVA IRRESISTIBILI 23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA

C

h e rilassatezza e che gioia di vivere scorre oggi nei vostri cuori vero cari Bilancini?..non dovete stupirvi più di tanto..pensavate davvero che gli astri fossero tanto cattivi da essere sempre contro di voi?.oggi il sole, la Luna e Marte hanno deciso di regalarvi amore e fortuna a piene mani. GIOCATE!!! 22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO

B

e n e , anzi ottimo direi..la grinta che state mettendo in questi giorni in tutto ciò che fate presto farà raccogliere i suoi frutti..e vedrete che in men che non si dica vi ricorderete di questo periodo di dif�coltà come una cosa molto molto lontana.. e sarete ricchi e famosi...PROPRIO COME PIACE A VOI.

21 Aprile - 20 Maggio TORO

mici del A t o r o siate pazienti

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI

M

una antipatica luna si unirà ad un irascibile Marte provocando qualche discussione con chi vi sta intorno.. Mantenete la calma.. quando vi arrabbiate vi esce il fumo dal naso.. e siete brutti..af�datevi piuttosto a Venere che vi porta sempre più vicino al vostro GRANDISSIMO AMORE.

a che meraviglia cari gemellini…come ci si alza felici dal letto quando ci attende una bellissima luna in acquario vero?.. ebbene si oggi sarete pieni di energia e di vitalità che contagerà chiunque si metta in contatto con voi…anche un contatto breve breve.. sarà suf�ciente per scatenare un INCONTENIBILE EROS

23 Luglio - 22 Agosto LEONE

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE

specialmente tra oggi e domani quando

M

a l’avete capito o no che per voi la quaresima quest’anno inizia prima? È inutile che vi state tanto a lamentare se non potete essere al centro dell’attenzione..qualche volta capita anche ai migliori..ma visto che io vi voglio bene vi dò il prezioso consiglio di stringere tra le braccia il vostro amato bene..CHE NON ASPETTA ALTRO 24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE

V

E

c o m e per magia vi ritrovate ad essere ogni giorno più sexy, più scintillanti, più dinamici, più attraenti..ma cosa succede?.. semplice, amici della Vergine.. i signori dello Zodiaco hanno fatto una riunione e hanno deciso che questo 2011 lo vogliono dedicare tutto a voi…e SARA’ SEMPRE MEGLIO!!! 22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO

V

oi cari amici dello Scorpione siete sempre un po’ sul chi va la..e oggi a causa di questa luna storta non sarete da meno..fate solo attenzione a non essere sempre così sospettosi nei confronti di tutti..anzi addolcitevi e vedrete che riuscirete ad abbindolare qualsiasi interlocutore..che NON POTRA’ DIRVI DI NO

oi che viaggiate sempre con la mente verso mete lontane cercate oggi di assaporare il sapore della libertà che questi pianeti dall’Acquario vi regalano.. ricordatevi che siete in pole position tra quelli che gli astri quest’anno vogliono vedere felici e innamorati.. per ora godetevi l’ADDIO AL CELIBATO

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI

C

o m e siete baldanzosi amici dell’acquario.. gli uomini del segno giocano ai viveur infrangendo cuori come un elefante in un negozio di cristalli.. le donne invece volano eteree e affascinanti tra mille vernissage e divertenti feste in maschera.. non c’è che dire..SIETE AL TOP

C

23

’è una certa agitazione nell’aria perchè sapete benissimo che Marzo per voi è il mese del compleanno.. e visto che siete così vanitosi ci mettete tutto febbraio a prepararvi per festeggiarlo degnamente..e fate bene perché anche quest’anno come nel 2010 riceverete 1000 SORPRESE.

Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Fabrica di Roma A Falerii Novi, mura etrusco romane del III sec. a.c. e la porta Giove si possono visitare sempre. L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Falerii del sec.XII da marzo a Novembre i sabati e le domeniche dalle ore 9 alle 13. In altri giorni per gruppi e scolaresche contattare il 0761/ 569101 ufficio cultura.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Giovedì 3 Febbraio 2011

Venerdì 4 Febbraio 2011

ore 00 cielo quasi sereno o poco nuvoloso e vento da nord/est a 12 km/h. Temperatura di 2,9 °C ore 03 cielo quasi sereno e vento da nord a 13 km/h. Temperatura di 1,3 °C ore 06 cielo poco nuvoloso e vento da nord/est a 13 km/h. Temperatura di 1,1 °C ore 09 cielo quasi sereno o poco nuvoloso e vento da nord/est a 13 km/h. Temperatura di 4,3 °C ore 12 cielo parz. nuvoloso e vento da nord/est a 15 km/h. Temperatura di 8,9 °C ore 15 cielo nuvoloso con possibili deboli precipitazioni e vento da nord/est a 9 km/ h. Temperatura di 10 °C ore 18 cielo molto nuvoloso con possibili deboli precipitazioni e vento da nord a 14 km/h. Temperatura di 7 °C ore 21 cielo poco nuvoloso e vento da nord/est a 14 km/h. Temperatura di 4,2 °C

ore 00 cielo sereno e vento da nord/est a 14 km/h. Temperatura di 1 °C ore 03 cielo quasi sereno e vento da nord/est a 14 km/h. Temperatura di 1,2 °C ore 06 cielo quasi sereno o poco nuvoloso e vento da nord/est a 14 km/h. Temperatura di 1,1 °C ore 09 cielo sereno o quasi e vento da nord/est a 13 km/h. Temperatura di 4,5 °C ore 12 cielo sereno e vento da nord/ est a 10 km/h. Temperatura di 9,1 °C ore 15 cielo sereno e vento da nord/est a 5 km/h. Temperatura di 9,8 °C ore 18 cielo sereno e vento da nord/ ovest a 6 km/h. Temperatura di 5,6 °C ore 21 cielo sereno e vento da nord a 6 km/h. Temperatura di 2,8 °C

FARMACIE

OGGI 3 FEBBRAIO GALIANO (DIURNO E NOTTURNO) VIA GARIBALDI, 1 (VITERBO) TEL: 0761-3304183 DOMANI 4 FEBBRAIO MONTALBOLDI (DIURNO E NOTTURNO) PIAZZA VERDI, 1A (VITERBO) TEL: 0761-341902


L'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 3 febbraio 2011  

edizione del 3 gennaio 2011

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you