Page 1

l’Opinione

p

DirettoreResponsabile Responsabile PAOLO GIANLORENZO Direttore Paolo GIANLORENZO

In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE delle Libertà AltoLazio News Quotidiano Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Via Garbini a fianco del C.C. Le Clerc N. 71 - Euro 1,00 Anno I N.1Anno - EuroIII1,00

Giovedì 17 Marzo 2011SABATO 31 MARZO 2012

IL GIORNALE OGGI INIZIA A PAGINA 3

Nuova Apertura

www.pittarello-calzature.it

31 marzo - Viterbo via Garbini a fianco del Centro Commerciale E. Leclerc

Sconti fino al 40% Redazione Via Piave 8 - 01100 Viterbo - Centralino 0761.1890827 - Fax 0761.1890811 Email: redazione@opinioneviterbo.it


Pittarello. Scarpe di famiglia.

42

31

,00

53,00 -40%

70,00 -40%

33

Nike Dart 9 Numeri dal 39 al 47

,90

56,50 -40%

Nike 5 Street Gato Numeri dal 40 al 46

,80

39 66

,00

,60

Nike Fivekay

-40%

Numeri dal 35 al 42

39

Reebok Runtone Numeri dal 35 al 42

37

66,00 -40%

,80

63,00 -40%

,60

Reebok Traintone Numeri dal 35 al 42

Adidas Prajna Numeri dal 35 al 42

12

,00

20,00 -40%

SPORT

Flor Numeri dal 30 al 39


����������

p

������������������������������������������������������������� �������������� ���������� �������������������������� �������������������

Politica

Cronaca

Si complicano i piani di Marini per la lottizzazione Itet

Servizio a pagina 5

a pagina 4

E’ attesa per oggi la decisione del Gip per le sorti dei quattro banditi romeni che hanno massacrato il professore

La città chiede giustizia per Zappa Il gip Francesco Rigato si è riservato sulla convalida degli arresti per i quattro romeni accusati di aver ridotto in �n di vita il professor Ausonio Zappa. Il giudice si pronuncerà questa mattina. I quattro sono stati arrestati mercoledì 28 marzo con l’accusa di tentato omicidio e rapina, dopo il furto �nito in tragedia nella villa di Bagnaia della famiglia Zappa. La vittima del pestaggio, il fondatore dell’Accademia delle Belle Arti di Viterbo e Milano, è ricoverato a Belcolle dalla notte della rapina in stato di coma vegetativo e lotta tra la vita e la morte. La rabbia tra i cittadini è sempre più forte nei confronti di questi giovani romeni che per l’ennesima volta rischiano di farla franca. Uno di loro, a quanto pare, era stato arrestato una settimana prima dell’episodio e rimesso in libertà.

di Paolo Gianlorenzo I viterbesi hanno paura. Paura di questi balordi che hanno ridotto in �n di vita il professore Ausonio Zappa. Paura perché non sono soli. Sono sempre più numerosi nel nostro territorio i deliquinti di questa nazione che piovono nella nostra Italia e che faticano meno a massacrare le persone che a cercarsi un posto di lavoro. Quello che hanno fatto al professore è degno del �lm “Arancia Meccanica”. Lo hanno colpito con un tubo di ferro sulle dita delle mani per farlo parlare. Per farsi consegnare i soldi non hanno esitato a sprangarlo riducendolo in �n di vita. Non paghi si sono rilassati, hanno bevuto qualcosa, fumato una sigaretta e dopo sono tornati a picchiare. Un uomo di 82 anni anche se ancora sano nel corpo e nella mente li deve aver spaventati molto se non hanno trovato di meglio che colpirlo così tante volte. Oggi è attesa per loro la decisione del Gip per la convalida dell’arresto. La legge italiana consente loro di usufruire anche di un legale d’uf�cio che tutti noi dovremo poi pagargli. Queste persone dovrebbe trascorrere il resto dei loro giorni in carcere e la loro condanna dovrebbe servire da monito per tutti gli altri che, nel resto d’Italia, non fanno altro che macchiarsi di questi efferati delitti. Come dimenticare l’omicidio di Perugia di appena due settimane fa. Basta. Altro che Europa, altro che frontiere aperte, qui bisognerebbe ripristinare i con�ni con tanto di dogane. Ogni straniero meritevole di cittadinanza ne entrano cento pronti a delinquere. BASTA!!!

Claudio Taglia risponde a La Destra e striglia la “scheggia” del Fli Barelli

Servizio

a pagina 5

Bande romene a caccia di soldi

Politica

Spacciandosi per dipendenti della Provincia telefonavano per chiedere fondi di solidarietà

di Emanuele Faraglia

Paure fondate

���������������������SABATO 31 MARZO 2012

Anno III N. 71 - Euro 1,00 �����������������������

���������������������������������������� Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO

Servizio a pagina 4

Servizio a pagina 18

Il Bar Grandori arriva in spiaggia Servizio a pagina 6

MONTEFIASCONE

A Menichelli il trofeo EnelCaccia di Michele Mari a pagina 11

VETRALLA

Multe T-Red Il Cipe non finanzierà Tantissimi soldi alla Margherita altro scandalo l’aeroporto di Viterbo grazie alle “amicizie” di Fioroni Primo Piano

SANITOPOLI

Servizio

a pagina 12

Ieri per un errore di trasmissione la pagina in questione è stata stampata male e quindi oggi la riproponiamo scusandoci con i lettori che numerosi ci hanno segnalato la cosa e che per questo ringraziamo. L’articolo parla dei copiosi �nanziamenti (regolari ovviamente, ndr) che il Pd di Fioroni percepì nel 2008.

Servizio a pagina 2

TARQUINIA

Nuove luci a San Giovanni

di Paolo Gianlorenzo

di Daniele Girardi

a pagina 3

a pagina 9

SPORT - Le cronache e gli eventi della provincia

Calcio D Il nuovo mister della Viterbese con i piedi per terra

MONTALTO

Calcio Le sfide di Prima, Seconda e Terza Parla mister Carloni

Basket La Belli Cgt nella tana dello Smit

Servizi a pagina 19

Redazione Via Piave 8 - 01100 Viterbo - Centralino 0761.1890827 - Fax 0761.1890811 Email: redazione@opinioneviterbo.it

Servizio a pagina 19


primo piano

2

Viterbo & AltoLazio

Sabato 31 Marzo 2012

Addio aeroporto, per ora Ma Lega Federalista non ci sta L

’aeroporto di Viterbo rischia di rimanere un miraggio. Dall’attuale governo è arrivato un segnale chiaro e Lega Federalista vede addensarsi nubi sempre più minacciose anche se il consigliere Maurizio Pinna, che segue dal 2005 la vicenda, non demorde. Il gruppo di Umberto Fusco ha chiesto a inizio marzo, al proprio referente di Lega Nord, il senatore Fabio Rizzi, di presentare una interrogazione parlamentare - immediatamente depositata - per conoscere il vero stato degli atti relativi all’aeroporto di Viterbo. In attesa che il Governo si degni, però, di rispondere all’interrogazione, la settimana scorsa il ministro Passera, in un più ampio discorso televisivo, ha ironizzato verso chi vorrebbe un aeroporto sotto casa. Ora per Viterbo le campane hanno iniziato a suonare a morto. Cosa è accaduto di nuovo a dimostrazione che Viterbo non è nelle grazie di alcun Governo? E’ accaduto che il Cipe, su indicazione del ministero dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture, ha sbloccato 12,5 miliardi di euro, di cui 2,2 di fondi privati, per accelerare il completamento di opere fondamentali per il Sistema Paese. Con questi interventi il Governo conta di mantenere operativi oltre 130 cantieri - più altri 82 per piccoli interventi nel Mezzogiorno - e aprirne nuovi 40 entro i prossimi 3 mesi. Ma in tutto questo

Il consigliere Maurizio Pinna ed il senatore della Lega Nord Fabio Rizzi di Viterbo, dell’aeroporto e dei relativi collegamenti stradali e ferroviari nemmeno l’ombra. Anzi, c’è una voce sospetta relativa ad allacci viari per l’interporto di Fiumicino per circa 20 milioni di euro, e questo non sembra aiutare l’apertura dello scalo viterbese inizialmente prevista per il 2010 e poi rinviata al 2015 e infine al 2019. “Di cosa vogliamo parlare ancora?”chiedono da Lega Federalista. “Vogliamo forse dire che la nostra politica locale è ininfluente sulle decisioni importanti di questa malridotta Italia? Vogliamo forse mettere in guardia coloro che hanno fallito e magari potrebbero ritrovare il

coraggio di ripresentarsi alle elezioni cavalcando nuovamente il filone dell’aeroporto? Oppure vogliamo responsabilizzare i cittadini affinché, dopo le esperienze vissute in casa nostra e in casa Monti, decidano di mandare tutti a casa propria una volta per tutte? Questo Governo tecnico se ne deve andare, e con esso tutti coloro che ne hanno permesso l’insediamento, i danni e le tragedie umane già compiute. Un Governo che dopo aver ridotto in povertà milioni di italiani già a basso reddito ora ha iniziato a indurre al suicidio vittime strozzate dall’impossibilità di rispondere alle richieste assurde dei paciosi

e ben pagati uomini e donne di Monti. L’Italia non ha eletto questi professori e Lega Nord, per prima, si è dissociata dal coro prendendone le distanze, ben sapendo che un matematico non può fare il politico. E quello che oggi è sotto gli occhi di tutti è il risultato di quella scienza applicata dalle più prestigiose cattedre universitarie dove tutto capiscono e fanno quadrare, fuorché i più basilari elementi che consentono la sopravvivenza agli esseri umani, alle famiglie, ai lavoratori. E’ proprio questa la differenza tra i tecnici ed i politici, se quest’ultimi, però, sono capaci di essere onesti. Anche la sinistra di Vendola si è iniziata a

vergognare per aver sostenuto questo scempio ma Bersani resiste. Forse deve ancora camuffare che l’obiettivo per emergere dal nulla è stato proprio quello di mandare a casa Berlusconi ricorrendo a qualsiasi stratagemma e strumentalizzando all’esasperazione “le passioni” dell’ex premier? I consiglieri di Lega Federalista, Umberto Fusco, Alfiero Spadoni e Maurizio Pinna non si rassegneranno di certo di fronte a queste tristi realtà e continueranno a prendere le distanze da ogni situazione che non rispecchia la volontà dei viterbesi”. Anche il senatore della Lega Nord, Fabio Rizzi, presentatore dell’interrogazione sul destino dell’aeroporto

viterbese, esprime il proprio disappunto, apprendendo la notizia: “E’ l’ennesima delusione di questo governo di euro tecnocrati, completamente avulso dalla realtà e dalle necessità del Paese! Continueremo a combattere affinchè questa pagina oscura della storia repubblicana si chiuda quanto prima - afferma l’esponente Leghista - e personalmente accolgo molto positivamente l’evidenza che anche in altre parti d’Italia si stanno formando Movimenti ispirati a Lega Nord, come Lega Federalista a Viterbo, che si occupano fattivamente e concretamente del proprio Territorio! Sarò sempre al loro fianco a sostenere queste sacrosante rivendicazioni!”.

L’assessore Giovanni Bartoletti, il sindaco Giulio Marini e l’Assessore provinciale ai Lavori Pubblici Gianmaria Santucci con il progetto dello scalo viterbese

L’elenco completo delle opere finanziate dal Cipe A

mmontano a circa 12,5 miliardi di euro, di cui 2,2 di fondi privati, le risorse complessive sbloccate dal CIPE su indicazione del ministero dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture, per accelerare il completamento di opere fondamentali per il Sistema Paese. Grazie a questi interventi sarà possibile mantenere operativi oltre 130 cantieri - più altri 82 per piccoli interventi nel Mezzogiorno - e aprirne nuovi 40 entro i prossimi 3 mesi. Confermati 170mila posti di lavoro, con la previsione di creare circa 80mila nuove opportunità. Il Ministro dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture, Corrado Passera, così come già reso noto dal Cipe, ha confermato lo stanziamento di 4,8 miliardi di euro, che consentiranno la prosecuzione delle seguenti opere: • Metropolitana Napoli per circa 200 milioni di €; • Metropolitana Bologna

per circa 220 milioni di €; • Metropolitana Milano linea M4 ed M1 per 330 milioni di € tale valore genera un coinvolgimenti di risorse private per ulteriori 700 milioni di € ed è intervento funzionale all’EXPO 2015; • Metrotramvia di Milano per 121 milioni di €; • Metropolitana di Torino linea 1 per 106 milioni di €; • schemi idrici Sardegna per 107 milioni di €; • schemi idrici Basso Molise per 71 milioni di €; • schemi idrici Basilicata e Puglia 92 milioni di €; • schemi idrici Sicilia per 30 milioni di €; • Interramento stazione Catania per 11 milioni di €; • Asse ferroviario Bari – Taranto per 31 milioni di €; • Galleria Brennero (progettazione) per 45 milioni di €; • Potenziamento linea Rho

– Gallarate per 90 milioni di €; • Ferrovia Circumetnea per 90 milioni di €; • Asse autostradale Pontina per 468 milioni di € pubblici che generano ulteriori 1.200 milioni di € di capitali privati; • Asse autostradale Campo Galliano Sassuolo per 234 milioni di € pubblici che generano risorse private aggiuntive per circa 500 milioni di €; • Asse autostradale Telesina in Campania per 110 milioni di € pubblici che generano risorse private aggiuntive per 330 milioni di €; • Accessibilità Malpensa per 120 milioni di €; • Asse stradale 106 Ionica per 698 milioni di € (nel tratto Roseto – Capo Spulico. Opera questa che mette in sicurezza un asse stradale della Calabria particolarmente critico); • Variante di Morbegno in Valtellina per 87 milioni di €; • Opere complementari Asse autostradale Asti – Cuneo per 30 milioni di €; • Asse viario Palermo Lercara Friddi per 212 milioni di €; • Viabilità accesso porto La Spezia per 215 milioni di €;

• Asse autostradale Pedemontana Lombarda per 870 milioni di €; • Allacci viari interporto di Fiumicino per circa 20 milioni di €; • HUB portuale di Civitavecchia per 150 milioni di €; • Porto di Manfredonia per 30 milioni di €. In aggiunta a quanto comunicato dal Cipe, si segnala inoltre che il Contratto di Programma delle Ferrovie dello Stato, è stato deliberato per un valore globale di 3.352 milioni di € di cui 840 milioni per la manutenzione. All’interno di questo importo, oltre a stanziamenti per la manutenzione e altri interventi, sono comprese le risorse assegnate per dare continuità a due opere ferroviarie ad alta velocità ubicate su due Corridoi comunitari quali l’asse RotterdamGenova e Lione-Torino-MilanoTrieste-Kiev. Sono in particolare assegnati: • 1.100 milioni di € per il collegamento Milano-Genova (Terzo Valico dei Giovi). In tal modo si assicura la copertura finanziaria, per circa il 30%, dell’intero tracciato della Milano Genova realizzando un valico ferroviario lungo 34 Km essenziale per i collegamenti tra la

portualità ligure ed il Nord Europa; • 919 milioni di € per il completamento della tratta funzionale Treviglio – Brescia. Con tale assegnazione lo Stato assicura la definitiva copertura della tratta ad alta velocità Treviglio Brescia, consentendo un collegamento di tipo metropolitano tra Milano e Brescia ed abbassando in modo rilevante i tempi di collegamento tra Milano e Venezia. Si ricorda infine, come già riportato nel comunicato del Cipe, che è stato deliberato il Contratto di programma dell’ANAS, che assicura risorse per un valore globale di 900 milioni di €, di cui 300 a decorrere dal 2012 con il nuovo Contratto, destinati agli interventi urgenti ed indifferibili ed a garantire la continuità degli interventi manutentivi lungo l’intera rete. È stato data via libera anche a un’ulteriore tranche di 600 milioni di € per dare continuità al sistema MO.SE, un’opera chiave per la difesa di Venezia e della sua laguna, l’avanzamento dei lavori del Mo.SE ha superato il 70%. Con questa tranche non solo si evita il blocco dei lavori ma si consente, entro il 2012, il raggiungimento di una soglia percentuale di avanzamento

superiore all’80%. Deliberata anche la proposta di contratto della gara dei lavori del nuovo sistema filoviario di Verona e l’assenso per l’utilizzo dei ribassi di gara relativi agli interventi nel “ nodo di Termini “ a Roma per il miglioramento dell’interscambio tra le metropolitane A e B consentendo la copertura finanziaria per il completamento delle opere. Si da così certezza ad investimenti per oltre 200 milioni di €. Approvato il Piano di riparto dei fondi per il trasporto rapido di massa per un valore di 162 milioni di €. All’interno del Piano sono contenuti importanti interventi riguardanti il trasporto rapido di massa nelle città di Milano, di Bologna, Potenza e Torino. Infine, è stata deliberata l’assegnazione di 440 milioni di euro a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione in applicazione dell’art. 33, comma 3, della legge 183/2011. Quanto alle ulteriori possibilità di finanziamento consentite da tale medesima norma, non è stata ancora assunta alcune decisione, in quanto è stata chiesta una informativa urgente relativa ad una definitiva ricognizione delle opere da salvaguardare secondo le finalità della norma stessa.


Sabato 31 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

cronaca

3

SANITOPOLI - Gli inquirenti non si spiegano del perché le aziende che operano nella sanità siano state così generose con Fioroni

Piatto ricco mi ci ficco... Finanziamenti a pioggia di Paolo GIANLORENZO

per un problema tecnico la pagina di ieri è uscita incompleta in diverse sue parti, la riproponiamo oggi in parte scusandoci con i lettori

T

empo indietro qualcuno mise le mani avanti dicendo che i contributi ricevuti dal Partito Democratico durante l’ultima campagna elettorale erano più che regolari. Di questo ne sono convinti anche gli inquirenti che hanno operato nell’inchiesta sulla Sanitopoli Viterbese. Ecco che cosa scrivono dopo aver sequestrato la contabilità presso lo studio del commercialista viterbese che le deteneva: “Dalla documentazione indicata e dall’esame della stessa emergono chiaramente le relazioni in atto tra i fornitori della Asl di Viterbo e la dirigenza del PD, rappresentati, per la sede di Viterbo, da ditte che operano maggiormente ed esclusivamente nel settore sanitario. Inoltre dagli appunti scritti a penna emergono chiaramente l’organizzazione e lo svolgimento di cene fatte proprio con tali rappresentanti,

che si ribadisce sono titolari di ditte che hanno ottenuto appalti e concessioni da parte della dirigenza della Asl di Viterbo per rilevante entità. Inoltre, il legame con la dirigenza della Asl è maggiormente rafforzato anche per il modulo fax di inoltro con l’appunto scritto a penna e con riferimento al prof. Paoloni”. Ecco quindi, i contributi sono legittimi, strano è che la maggior parte di questi provengano da ditte che hanno avuto rapporti, in un modo o nell’altro con l’azienda Ausl del duo tutto viterbese composto da Aloisio e Paoloni. Eloquente anche l’altro appunto che fanno gli inquirenti nella loro relazione su una certa cena. “De Vito Salazar (forse il direttore del118) (chiedere a Luciana). Bollero (ndr Enrico è direttore generale del Policlinico Tar Vergata di Roma e persona molto vicina ad Aloisio) 3/4 cena a Roma (Sentire Luciana) 25 Piciucchi (consulente della Ausl di Viterbo con incarico molto sospetto) Nel lato posteriore del foglio vi è l’intestazione della Camera dei Deputati ed i recapiti di Bollero e del circolo

acquasanta (vds all. 6). Appunti vari ed e-mail relative alla campagna elettorale del PD nella provincia di Rieti. Appunto manoscritto con elenco di nominativi ed a �anco i tavoli prenotati (verosimilmente per una cena) ed alcuni numeri forse riferiti alle migliaia di euro di contributo, si riportano i nominativi (vds all. 7): MORABITO (LAVIN) con indicato 3 tavoli e la cifra 7,5 (Boni�co devono chiamare società 2,5 cadauna) {società che ha ottenuto in af�damento l’appalto dalla Asl di Viterbo per la gestione delle lavanderie e sterilizzazione strumenti chirurgici}. ING. CATTABRIGA con indicato 20 (Boni�co deve chiamare ma ho gà dato il materiale per boni�co) {Amministratore unico S.T.S. scrl che ha un appalto regionale per la manutenzione degli ospedali tra cui anche a Belcolle}. LISI con indicato 2 tavoli 5 (ti chiama mio fratello per il boni�co). ANGELUCCI (quest’ultimo poi depennato) 3 tavoli 7,5 (dovrebbe venire stasera).” Serve �nanziare i partiti? Secondo noi no perché gli sponsor di un certo livello ci sono e con tutti questi soldi...

Alcuni degli sponsor AB Consulting 2006 srl (5.000€) Gruppo Rori (30.000€) Siar se (10.000€) STS scrl (20.000€) Gestione Servizi Integrati (10.000€) Coop. Soc. di lav. Operatori sanitari assoc. (5.000€) Lavanderie industriali Lavin Spa (2.500€) Co.m.e.i.p. srl (5.000€) Delta Petroli srl (5.000€) As.si.pro.far. associazione sindacalisti farmacisti (2.000€) Associazione Federfarma (2.000€) Alliance Medicai srl (5.000€) Servizi Italia SpA (2.500€) Marcellini srl (1.000€) CCC Costruzioni Civili Cerasi Spa (6.000€) Noema srl (5.000€) Istitu. di vig. Privata della Prov. Di Viterbo (5.000€)

L’editore de Il Nuovo Corriere Viterbese un contribuente d’oro per il Pd di Fioroni N

on c’è che dire, il Re dei �nanziatori del Pd nella tornata elettorale del 2008 è stato senza ombra di dubbio Roberto Angelucci che attraverso la sua controllata Ro.Ri. il 28 marzo del 2008 disponeva un boni�co bancario di 30mila euro. Non sappiamo quanto abbia contribuito nel versante del centrodestra ma, se avesse usato la parcondicio anche il Pdl dovrebbe aver giovato di tanta generosità. Anche in questo caso gli inquirenti hanno avuto modo di fare delle considerazioni: “Giova evidenziare che la maggior parte (se non quasi tutte) delle società sopra indicate operano nel settore sanitario ed alcune di queste rappresentano fornitori della Asl di Viterbo che erano in stretto contatto con il direttore generale pro tempore dr. Aloisio. Tra i contributi sopra evidenziati spicca quello del gruppo RoRi di 30.000 euro”. Come mai così tanta generosità da parte di Roberto Angelucci? Come mai tanta generosità da parte di società che sul territorio viterbese ci sono solamente in ambito ospedaliero e, di fatto, sconosciute? Il gruppo Ro.Ri. in realtà è quello più noto di tutti, non solo per le brutte vicende giudiziarie che vedono coinvolto il vecchio patron Roberto Angelucci. La Procura di Viterbo ne aveva chiesto l’arresto

insieme a quello di Aloisio e Paoloni. C’è l’attesa per il ricorso promosso in appello da parte della Procura di Viterbo ma nel frattempo gli è stato sequestrato un bel pezzo della nuova clinica Santa Teresa sulla Tuscanese e portato via il centro diabetologico. Il gruppo Ro.Ri.

giova ricordare che è anche proprietario del quotidiano locale Nuovo Corriere Viterbese. Tutte coincidenze, strane ma coincidenze. In questo momento fa molto più notizia il �nanziamento di 15mila euro della Regione al nostro quotidiano. Ovviamente.


cronaca

4

Viterbo & AltoLazio

Sabato 31 Marzo 2012

Caso Zappa, i romeni restano in carcere almeno sino a questa mattina, nessuna traccia del portafolgio e della spranga di ferro

Il Gip deciderà stamane se convalidare gli arresti di Mario MIGNECO

I

eri mattina durante la prima udienza il Gip Francesco Rigato ha espresso una riserva sulla convalida degli arresti per i quattro romeni accusati dell’aggressione del Professor Ausonio Zappa. Il pronunciamento è atteso per la mattinata odierna. Gli arresti sono scattati mercoledì 28 marzo, per il gruppetto le accuse sono tentato omicidio, rapina aggravata e sequestro di persona. La loro potrebbe aggravarsi. Il fondatore dell’Accademia di Belle Arti di Viterbo e Milano è ricoverato nel reparto di terapia intensiva del Belcolle. Dal giorno del pestaggio Zappa è in coma irreversibile, in uno stato a cavallo tra la vita e morte, che sembra essere sempre più vicina. Non sappiamo se l’81enne riuscirà a superare la notte: da quello stato vegetativo il passo per l’aldilà è breve: ha il cranio fracassato. L’orrore consumato nella sua villa di Bagnaia ha avuto un tragico epilogo. Quei ragazzi, da ventenni con la faccia

pulita si sono trasformati in assassini, barbari senza nessun rispetto per il valore supremo che è la vita umana. Zappa aveva più volte aiutato la famiglia di uno dei quattro giovani romeni: sostegno economico, la aveva accolta nella sua casa e trattato come uno nonno tratta un nipote il �glio della badante di sua suocera. Ed è stato quel �glio a tradire la �ducia, la gentilezza e la grandissima umanità, lo spessore morale e la fede mistica che Ausonio Zappa coltivava dentro se stesso. Zappa la sera dell’aggressione si trovava per puro caso a Bagnaia, nella villa di Strada Romana, una toccata e fuga per rinfrescare e preparare per la bella stagione la sua dimora di campagna. Intanto i carabinieri del nucleo investigativo, guidati dal capitano Giovanni Martu�, si sono recati nuovamente a Bagnaia alla ricerca del corpo contundente con il quale è stato colpito Zappa e oggetti che ancora mancano all’appello. Manca anche il cacciavite con

Il paese natale del Professore Inverigo in provincia di Como, è sgomento, l’uomo era un esempio di generosità

il quale è stata aperto il portone d’ingresso. Nell’appartamento in via della Palazzina di Petrit Cosmin Ofrea ed Adrian Nicusor Salicir, gli autori materiali del pestaggio, erano state trovate le chiavi dell’auto di Zappa, le carte di credito, ma non il portafoglio, di cui si sono disfatti durante la fuga. I militari sono ancora alla ricerca della spranga di ferro, probabilmente gettata in terra durante la fuga dei due. Lo sgomento ha contagiato anche gli abitanti del paese natale di Ausonio Zappa. Il professore è nato a Inverigo in provincia di Como. Un quotidiano locale ha raccolto le testimonianze dei cittadini che ricordano con affetto il docente. Toccante il racconto del parroco don Costante Cereda. “Passava spesso a trovarci, mostrando sempre grande disponibilità per le manifestazioni organizzate dalla parrocchia. Il �glio Marco, artista, ha scolpito la Via Crucis della nostra chiesa. Un uomo davvero gentile – dice don Cereda – dotto e partecipe”. Ausonio Zappa fu visto per l’ultima volta in paese nel 2010 insieme all’Arcivescovo di Milano Dionigi Tettamanzi,all’inaug urazione della nuova scuola dell’infanzia”.

Chiamavano soprattutto anziani chiedendo soldi per attività di beneficenza svolte dall’Ente

Offerte di Lavoro Truffa telefonica, si spacciavano per dipendenti della Provincia MAGAZZINIERI, SEGRETERIA, ADDETTI ALLA VENDITA MAGAZZINO CARTACEO A VITERBO RICERCA 3 AMBOSESSI DA INSERIRE COME INSERIMENTO DATI,GESTIONE PRATICHE E DUE ADDETTI AL PUBBLICO, ANCHE PRIMA ESPERIENZA. SOLO TEMPO PIENO. PER COLLOQUIO TEL. 0761/253159 ______________________________ VENDITORE AUTO Concessionaria auto di Viterbo cerca 1 venditore di età minima 20 anni, con conoscenze informatiche e patente di guida. E’ gradita l’esperienza lavorativa nel profilo richiesto. Si offre contratto Enasarco. Riferimento: 3034/B Data annuncio: 29/02/2012 Richiesta: 1 VENDITORE AUTO Settore: Concessionaria auto Sede lavoro: Viterbo Contratto: Lav. Autonomo Titolo di studio: licenza media Requisiti: Età minima 20 anni, conoscenze informatiche, patente di guida. Si richiede disponibilità ad aprire partita Iva. AIUTO PARRUCCHIERA Attività commerciale- parrucchiera donna- cerca 1 aiuto parrucchiera. La candidata si occuperà di supportare la titolare nel fare schampo e tinture. Riferimento: 3276/T Data annuncio: 24/02/2012 Richiesta: 1 AIUTO PARRUCCHIERA Settore: Parruccheria Sede lavoro: Tarquinia Contratto: Contratto apprendistato Titolo di studio: indifferente Requisiti: Residenti in Tarquinia o paesi limitrofi entro i 30Km e non oltre. Patentati e automuniti. Si richiede esperienza nel settore specifico. Tempo determinato pieno con orari distribuiti nell’arco della giornata. PER EVENTUALI CANDIDATURE: Tel. 0761.353252 - 353267 - Fax: 0761.271279 Indirizzo e-mail: lavoro.domanda.offerta@provincia.vt.it

C

ontributi economici per le attività di bene�cenza della Provincia di Viterbo. Dei fantomatici rappresentanti di Palazzo Gentili chiedevano soldi alla gente che contattavano telefonicamente. Diversi i casi registrati nel viterbese, dal capoluogo ai comini del litorale �no all’aera dei Cimini. Bersaglio delle telefonate soprattutto le abitazioni di anziani o persone sole. Si può dire tranquillamente che si tratta di una truffa a tutti gli effetti. Di queste iniziative bene�che e di solidarietà non se ne sa praticamente nulla. Si sa soltanto che la mole di episodi registrati ha di fatto allarmato i veri responsabili dell’amministrazione provinciale, tanto che da Palazzo Gentili è stata emessa una ordinanza che mette in guardia i cittadini. “La Provincia di Viterbo – si legge nella nota - chiarisce di non avere nulla a che fare con questi soggetti, né tanto meno con le iniziative da questi pro-

mosse in quanto nessuno è autorizzato a spendere nome o mezzi dell’Ente”. L’ordinanza prosegue: “La Provincia, ogni volta che ha deciso di aderire a queste campagne, lo ha fatto in maniera trasparente, attivando appositi conti corrente presso

gli istituti di credito e gli uf�ci postali, dandone comunicazione uf�ciale attraverso i propri canali informativi, mai telefonando nelle case. La Provincia ha provveduto a contattare l’Autorità competente per valutare le iniziative

del caso. Invitiamo i cittadini a non prestare alcun credito a quelli che appaiono come evidenti tentativi di raggiro, e nel caso di nuove telefonate, a sporgere denuncia presso i Carabinieri o il più vicino posto di Polizia”.

In fiamme la tabaccheria di via Dell’Orologio Vecchio N

ella tarda mattinata di ieri un incendio ha distrutto una delle tabaccherie del centro storico. Il fatto è avvenuto in via Dell’Orologio Vecchio, verso le 13,45. Non appena dato l’allarme sul posto sono intervenuti i vigili del fuococ del comando provinciale che sono stati impegnati più di un ora per domare le fiamme. Una volante della polizia ha provve-

duto invece a garantire l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini. Infatti nelle vicinanze dell’incendio si era avvicinata una piccola folla di curiosi, immediatamente allontanati dagli agenti in servizio. Per fortuna non c’è stato nessun ferito. La maggior parte del locale è andata, però, distrutta. Aperte le indagini per identificare le cause del rogo.


Sabato 31 Marzo 2012

politica

Viterbo & AltoLazio

5

L’aut aut posto dal sindaco sull’approvazione della pratica spinge Ricci (Pd) all’ennesimo attacco

L’affare Itet si complica per Marini di EMANUELE FARAGLIA

E

’ ancora l’affare Itet a tenere banco in queste ore. La notizia che i terreni al Barco sarebbero già stati acquistati dalla Incremento Termale Turistico srl in attesa che arrivi il cambio di destinazione d’uso da agricolo a residenziale è solo l’ultimo tassello di un puzzle che rischia di rimanere incompleto. Su quei t e r r e n i , come è noto, dovrebbero essere costruiti i fatidici 300 appartamenti dopo i problemi sorti per il complesso turistico in località Zitelle. Ma l’ok deve arrivare da un consiglio comunale che si prefigura di fuoco visto che l’affare sta spaccando la maggioranza,

oltre ad aver compattato l’opposizione. A tutto ciò va aggiunto l’invito del costruttore viterbese Franco Governatori che ha proposto di costruire il complesso termale nei pressi del Pianeta Benessere, su 15 ettari di terreno privi di vincoli di sorta. Insomma le alternative ci sarebbero pure. Forse a mancare è la volontà. In ogni caso il 12 aprile si voterà e al sindaco Marini potrebbero mancare non solo i voti di Lega Federalista (3), ma anche quelli di Chicco Moltoni, del presidente Gabbianelli e dei consiglieri della Destra (Turchetti e Federici). Staremo a vedere, nel frattempo l’opposizione non perde l’occasione di af-

I terreni al Barco risultano già di proprietà della Itet, ma l’ok in consiglio è tutt’altro che scontato

fondare le critiche. Stavolta a parlare è il vice-capo gruppo del Pd in Comune Alvaro Ricci: “Rimango stupito dall’improvviso cambio di attenzione da parte del Sindaco Marini sulla “pratica Itet”. Fino a pochi giorni fa il programma di trasformazione urbanistica, che prevede lo spostamento di 90.000 mc. dalle Zitelle al Barco, con relativo cambio di destinazione d’uso da turistico - ricettivo alberghiero a residenziale, veniva qualificato dallo stesso Sindaco come una semplice pratica da evadere. Insomma una sorta di atto dovuto; bastava che il consiglio comunale dicesse un si o un no e tutto finiva lì. Oggi leggo, sugli organi di informazione locale, che Marini dà un’impronta alla vicenda totalmente diversa, ponendoci sopra, addirittura, una sorta di

voto di fiducia: o l’Itet passa o mi dimetto. Alla faccia dell’atto dovuto, della “pratichetta”. Tale nuovo approccio, che è una sorta di “fulminazione sulla via del Barco”, è un chiaro messaggio ai consiglieri comunali di centro destra, una specie di: “o mangi ‘sta minestra o salti dalla finestra”. Per chi è di buona memoria, ricorderà che già in altre occasioni il Sindaco, quando si è trovato in difficoltà con la sua maggioranza, è ricorso alla stesso annuncio/ minaccia di dimissioni, ma tutti possiamo constatare che è ancora al suo posto. Come ormai è arcinoto, a chi mastica anche solo un po’ di politica, le dimissioni si danno e quando si annunciano è soltanto perché non si ha alcuna intenzione di darle”.

Il segretario comunale del partito di Storace auspica un ritorno ai fasti di Almirante

Verso la costituente de La Destra a Viterbo L

a federazione de La Destra di Viterbo è pronta ad avviare una nuova costituente. Pier Paolo Pasqua scrive un documento del quale pubblichiamo una parte. “Duecento anni fa gli austriaci abolivano la costituzione conquistata col sangue dai Napoletani nell’allora regno Borbonico delle due Sicilie, e rimettevano sul trono

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Editore Cooperativa Editoriale Giornalisti Poligrafici amministratore unico Viviana TARTAGLINI

Iscrizione ROC n. 20469 Alessandro Giulietti Virgulti Simona Tenentini Valeria Sebastiani Emanuele Faraglia Viviana Tartaglini Fulvio Medici Andrea Di Palermo Michele Mari Giovanni Corona Mario Migneco capo redattore Antonio Brancadoro Sede operativa 01100 VITERBO VIA PIAVE 8

TEL. 0761.1890827 FAX 0761.1890811 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) 0863.997451 - 06.55261737 Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Per la pubblicità

Coop. Editoriale Giornalisti Poligrafici TEL. 0761.1890827 FAX 0761.1890811 GRUPPO EDITORIALE STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

Re Ferdinando. Poi imponevano a Re Ferdinando di contrarre un prestito con il banchiere Rothschildt per mantenere le 50.000 baionette tedesche d’occupazione necessarie a perpetuare lo status quo. Dopodichè Rothschildt accompagnato dal generale Frimont inviato da Metternich, imponeva al Re di cambiare il ministro Canosa con il Medici, unico “tecnico” in grado, a suo dire, di riassestare il bilancio del regno. Il Medici cominciò a spremere i cittadini per pagare il banchiere tedesco affossando così de�nitivamente l’economia del sud d’Italia che ancora oggi non si è ripresa. Era l’anno 1821. Oggi la storia si ripete. Anche se questa volta non sono servite le baionette austriache. È bastato lo spread. Il Presi-

dente Napolitano, al posto del Re Napoletano, sospende la costituzione e nomina un primo ministro gradito alle banche. Il primo ministro, che dalle banche proviene, spreme i cittadini per ripagare le stesse banche che hanno creato la crisi mondiale con i mutui subprime, con il signoraggio bancario, con i bonus miliardari ai manager fallimentari e via dicendo. Ed intanto l’economia del nostro Paese sprofonda nel baratro. I lavoratori nelle migliore delle ipotesi non lavorano e nella peggiore si danno fuoco, le piccole e medie imprese, vera forza del tessuto socio economico Italiano, per non sparire del tutto diventano sempre più piccole e mentre i gabellieri si scatenano contro i piccoli commercianti a Na-

poli, Corrado Passera, altro banchiere, in qualità di ministro tecnico, accorda sconti di decine di milioni di Euro a Gruppo San Paolo e Unicredit su tasse evase accertate e iva non pagata. L’idea di una nuova costituente della destra Italiana sta de�agrano sul territorio in modo dirompente. C’è voglia di cambiamento. C’è un entusiasmo che ricorda i tempi di Almirante. Una forza tale da schiacciare le piccole rivalità personali. E questa nuova destra è ovviamente aperta a tutti. A chiunque si riconosca nei nostri valori. A chiunque vuole darsi da fare per portare avanti il progetto.Noi di La Destra di Viterbo siamo già paghi dell’onore di aver dato il via a questo risorgimento.

Maria Antonietta Russo e Gioia Scipio hanno incontrato politici e società civile

Prima uscita ufficiale per le consigliere di pari opportunità “

Lavoriamo insieme per promuovere sul territorio vere politiche di pari opportunità”. E’ l’esordio uf�ciale per le due nuove consigliere alle pari opportunità della Provincia di Viterbo (nella foto). Si tratta dell’avvocato Maria Antonietta Russo, effettiva e dell’avvocato Gioia Maria Scipio, supplente. Prima uscita uf�ciale dopo la nomina del Ministero del Lavoro per le due nuove consigliere di parità della Provincia di Viterbo, l’avvocato Maria Antonietta Russo (effettiva) e l’avvocato Gioia Maria

Scipio (supplente). Ieri mattina si sono presentate ai rappresentanti delle istituzioni, degli enti locali e delle associazioni, in un incontro organizzato nella sala conferenze “Franco Bendetti” di Palazzo Gentili. “Il nostro obiettivo è quello di lavorare insieme, all’insegna della trasversalità e a prescindere dalle singole appartenenze – spiega Maria Antonietta Russo, avvocato esperto di diritto del lavoro, dopo aver illustrato

“Il nostro obiettivo è lavorare insieme oltre le diverse appartenenze per promuovere il territorio”

nello speci�co il ruolo che l’uf�cio delle consigliere di parità ricopre riguardo la promozione, il controllo e il coordinamento delle iniziative riguardanti le pari opportunità -, visto che per altre attività possiamo trovare spazi differenti e comunque diversi da questo uf�cio. Intendiamo dar vita ad una rete territoriale funzionale al superamento delle distorsioni che si veri�cano soprattutto nel mondo del lavoro, utilizzando anche i canali comunicativi che oggi ci offrono le nuove tecnologie e coinvolgendo tutti i soggetti competenti in maniera di tutela e promozione delle pari opportunità”. Le due professioniste metteranno a disposizione dei cittadini le loro competenze.

Il sindaco Giulio Marini

Le “fantasie” dell’Avvocato Barelli ispirano le dichiarazioni del Segretario Provinciale Claudio Taglia “ Avevamo deciso di lavare i panni sporchi in casa, ma l’intervento del vicesegretario comunale de “La Destra” su un giornale provinciale ci costringe a lavarli in pubblico sia per un chiarimento nei confronti del suddetto vicesegretario che dei nostri iscritti. Per conoscenza di Ciucciarelli e di tutti gli iscritti al Fli, facciamo presente, pertanto, che l’articolo a �rma Barelli uscito il 28/03/ c.m. con il quale si prendevano le distanze dal Convegno organizzato da “La Destra” per il 2 Aprile, è frutto esclusivo della sua mania di protagonismo e che mai la Dirigenza Provinciale del Fli ha pensato di partecipare al detto convegno. Facciamo altresì presente che non è costume dell’avv. Barelli frequentare gli uf�ci del Fli ed avere contatti con la Dirigenza Provinciale e che per questo motivo tutto ciò che scrive e che dice nasce esclusivamente dalla sua fantasia, dal voler indossare un vestito che non gli appartiene. Chiarito questo aspetto ci sembra necessario aggiungere alcune considerazioni prendendo spunto dalle affermazioni espresse dal Ciucciarelli. Non nascondiamo che anche in molti iscritti e simpatizzanti del Fli le manovre espresse dal Governo Monti sono un boccone amaro da digerire, ma il Fli è ancora un partito in �eri, che non ha ancora tenuto un Congresso dove chiarire, attraverso un processo dialettico, le proprie

linee programmatiche. Ciò che stupisce sono invece le posizioni espresse da “La Destra” attraverso la penna del Ciucciarelli. “Le ultime azioni del governo a tutela della nazione – scrive il Ciucciarelli- sono stati gli accordi di Berlusconi con Ghedda�”, salvo poi bombardarlo e contribuire alla sua uccisione; il rappresentante de “La Destra” se la prende, e giustamente, con Attilio Befera che percepisce 460mila euro l’anno, ma dimentica di dire che in tale posizione è stato messo da l’ex Ministro dell’Economia e del Tesoro del Governo Berlusconi di cui Nello Musumeci, esponente di spicco de “La Destra “ faceva parte essendo stato sottosegretario di detto governo al Ministero del Lavoro; in�ne il Ciuccialelli se la prende con il Governo delle banche – e anche qui giustamente – ma dimentica di dire che il suo alleato Berlusconi siede attraverso la �glia in Medio banca ed è possessore egli stesso di una banca; in�ne non va dimenticato che il suo alleato Berlusconi impingua le proprie casse attraverso il più subdolo strumento del capitalismo la pubblicità, la quale esaspera tutti i bisogni e ne crea di continuo dei nuovi, riservando però l’accesso ad essi ad una piccola minoranza, il che aumenta le frustrazioni e la collera di tutti gli altri. In conclusione, ora che sa come stanno le cose, Ciucciarelli si rivolga all’avv. Barelli e non con il Fli, ed inoltre sia più coerente con se stesso cercando di trovare identità tra le parole e i fatti.


attualità

6

Viterbo & AltoLazio

Sabato 31 Marzo 2012

Il noto punto di ritrovo viterbese sceglie come location il lungomare per aprire la sua nuova golosa gelateria

ll Grandori sbarca anche a Montalto U

n nuovo taglio del nastro per Andrea Ciancolini, titolare dell’ormai famoso Caffè Grandori. Questa volta non si tratta né di un bar di tendenza né di un trasloco (così recitava una pubblicità di qualche anno fa), ma di una nuova gelateria. L’attività aprirà i battenti a Montalto Marina oggi 1 aprile 2012. Dove? Allo stabilimento il Gabbiano. “ La mia prima gelateria l’ho aperta proprio al Grandori, riscontrando un buon successo tra i clienti – afferma Andrea Ciancolini- quella di Montalto sarà una nuova s�da alla quale intendo rispondere al meglio, concentrandomi, come ho sempre fatto, sulla sicurezza e genuinità dei prodotti. La scelta di aprire proprio al Gabbiano è motivata da un lungo rapporto di stima e di amicizia che mi lega con i titolari della struttura “. Il Caffè Grandori è aperto da ormai 10 anni e costituisce per molti viterbesi una tappa �ssa sia per la colazione che per l’happy hour. Da sempre si è contraddistinto in città per la cortesia e l’attenzione riservata ai clienti, oltre ad aver ricevuto due importanti riconoscimenti la Nomination al premio “Miglior bar d’Italia” istituito da F.I.P.E. (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) nella 15ma

edizione del Cibus di Parma e la “terza tazzina” aggiudicatagli dal Gambero Rosso nel 2010. La nuova location marittima è sicuramente di tutto rispetto. Lo stabilimento il Gabbiano è noto ai villeggianti ormai dal 1971 e da sempre rappresenta una meta immancabile per chi sceglie di passare le vacanze in questa parte del lido tirrenico. Ben

organizzato da sempre per la ristorazione, in spiaggia e per la notte questo stabilimento si è evoluto cercando di fornire sempre un servizio impeccabile per tutti. Da oggi i suoi spazi si arricchiscono di una nuova gelateria che offrirà una scelta di gelato di ben 32 gusti, dalle creme alla frutta, crepes, yogurt e gelati in stecco. Immancabile il gusto “grandori” e imperdibile il nuovo gusto

“gabbiano”. L’inaugurazione sarà completamente dedicata ai piccoli assaggiatori e a loro saranno regalati palloncini e gadget per rendere più dolce e più divertente possibile questa giornata. Quindi appro�ttando delle lunghe giornate e dei primi caldi sarà un piacere in più passeggiare sul lungo mare con un cono in mano. Ancora una volta Grandori…new emotion.


Sabato 31 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

regione

7

Pietro Bardoscia chiede che dopo l’eliminazione Fisco, nella regione Lazio l’addizionale Irpef più alta del Cartaceo Regione si proceda con le ricette on line “ “

Siamo piacevolmente colpiti dall’annuncio dell’Assessore alle Infrastrutture e ai Lavori Pubblici della Regione Lazio On. Luca Malcotti sull’eliminazione del cartaceo, a partire dal 2013, informatizzando tutto l’Assessorato che produrrà un notevole risparmio economico, ma soprattutto si offrirà un servizio migliore ai cittadini sempli�cando ed obbligando i diversi uf�ci dislocati sul territorio ad uniformare le procedure. Questo processo di sburo-

cratizzazione e snellimento delle procedure deve essere presa da esempio in tutto il nostro paese; il passo successivo deve essere l’informatizzazione sulle prescrizioni delle ricette per le prestazioni sanitarie o farmaceutiche”. Lo comunica in una nota il Segretario dell’Associazione per la tutela del cittadino Assotutela Pietro Bardoscia. “Da svariati mesi stiamo lottando af�nché si proceda al solo utilizzo delle ricette on line, concentrandosi, almeno come

prima fase sperimentale, sulle prescrizioni dei farmaci. Conosciamo bene le dif�coltà iniziali che possono nascere con il passaggio dal sistema cartaceo a quello telematico, ma nessuno può obiettare gli innumerevoli vantaggi e risparmi che ciò produrrebbe. E’ necessario tuttavia che le Istituzioni si assumano,una volta per tutte, il coraggio di adottare queste scelte – conclude Bardoscia – non facendosi intimidire da chi, per mille motivi, è contrario a questa innovazione”.

E’ il Lazio la regione con l’importo medio piu’ elevato per l’addizionale Irpef regionale. E’ quanto emerge dall’analisi del Dipartimento dele Finanze del Mef sulle dichiarazioni dei redditi per l’anno 2010. L’addizionale regionale all’Irpef ammonta complessivamente a 8,6 miliardi di euro (+3,7 per cento rispetto al 2009) con un importo medio per contribuente pari a 280 euro, mentre quella comunale ammonta a circa 3 miliardi di euro (+0,4 per cento) con

un importo medio pari a 120 euro. L’addizionale regionale media piu’ alta si registra nel Lazio (440 euro), seguito dalla Campania (360 euro),

in relazione agli automatismi �scali previsti in caso di de�cit sanitario, mentre l’addizionale regionale piu’ bassa si registra in Puglia e Basilicata (180 euro).

La Presidente Polverini presente alla cerimonia di celebrazione del decennio di attività delle eccellenze del San Camillo e Forlanini di Roma

Il centro trapianti festeggia 10 anni

L

a presidente Renata Polverini è intervenuta ieri mattina alla cerimonia per i dieci anni di vita del Centro trapianti dell’ospedale San Camillo Forlanini, dove sono stati presentati i risultati della decennale attività della

struttura relativamente ai trapianti di cuore. Il direttore generale del San Camillo, Aldo Morrone, in collaborazione con medici di famiglia e pediatri, ha con l’occasione illustrato i contenuti della campagna di sensibilizzazione per

incentivare i trapianti e la donazione di organi, sangue, midollo e cellule staminali. “Dobbiamo lanciare una campagna sulla promozione della cultura del dono – ha sottolineato la presidente Polverini - che non è solo quello del sangue ma anche quello degli organi. Il San Camillo è l’unica azienda ospedaliera che ha un centro trapianti perché gli altri due sono all’interno di policlinici universitari. Questo, qui al San Camillo, rende tutto più facile in senso organizzativo. A questo centro trapianti si fa riferimento da tutta Italia e anche dall’estero e ci si occupa non solo di trapianti di cuore ma anche di altri organi. I risultati presentati questa mattina testimoniano l’eccellenza da parte di professionalità straordinarie che offrono un percorso umano al quale i pazienti e le famiglie possono fare riferimento. E’ un �ore all’occhiello

della nostra regione che va sostenuto e implementato e per questa ragione dobbiamo dire con maggiore forza le cose che funzionano anche quando in maniera strumentale - ha concluso Polverini- qualcuno ha voluto screditare questa struttura straordinaria”. Il professor Morrone ha affermato che “vanno promosse campagne di sensibilizzazione, bisogna dimenticare le paure perché in Italia i trapianti sono sicuri e donare gli organi signi�ca donare la vita ad altre persone”. Dal 2001 al 2011 l’equipe guidata dal professor Francesco Musumeci, responsabile del centro trapianti, ha eseguito 146 trapianti di cuore e impiantato 56 organi arti�ciali. L’86 per cento dei pazienti è tornato a condurre una vita normale, così come hanno testimoniato alcuni trapiantati che hanno voluto raccontare la loro storia lodando la professionalità dei medici del San Camillo.

Giuseppe Cangemi presenta il piano di prevenzione sanitaria per i detenuti del Lazio

Finanziato il Progetto Salute nelle carceri con 130mila euro “

Il progetto Salute nelle carceri che abbiamo finanziato con lo stanziamento di 130mila euro e’ stato pensato per promuovere la salute e il benessere dei detenuti della nostra regione, con l’intento di raggiungere l’uguaglianza di trattamento e la possibilita’ di accesso alle cure sanitarie dei detenuti rispetto ai cittadini non privati della liberta’ personale”. Lo ha dichiarato l’assessore ai rapporti con gli enti locali e alle politiche per la sicurezza della Regione Lazio, Giuseppe Cangemi, alla presentazione, tenutasi oggi presso la casa circondariale di Rebibbia nuovo complesso, del bilancio dell’iniziativa Salute nelle carceri, progetto finalizzato alla prevenzione e cura sanitaria per i dete-

nuti del Lazio. “Sono state elaborate schede di rilevazione -ha aggiunto Cangemi, che ha portato a tutti i presenti il saluto della presidente della Regione Lazio, Renata Polverini- sulle condizioni sociali e sanitarie di ciascuna persona prima e durante lo stato di detenzione. Sono state implementate azioni informative e formative sulla salute per chi vive e per chi lavora in un istituto penitenziario, attraverso incontri individuali e di gruppo. Sono stati realizzati opuscoli informativi sulle principali patologie che possono manifestarsi nella realta’ penitenziaria, tradotti in 4 lingue (inglese, romeno, arabo, spagnolo). In alcuni casi sono state rilevate situazioni di criticita’ (ad

esempio nevi melanocitari con richiesta di esame istologico), segnalati immediatamente ai referenti sanitari interni delle Asl Rma e Rmb”. Il progetto, sostenuto dall’Assessore Cangemi, in collaborazione con il San Camillo Forlanini e le Asl Rmb, Rme e Rmh, e’ durato sei mesi ed e’

consistito in screening specialistici, attivita’ di formazione ed informazione e assistenza psicologica ai detenuti di Regina Coeli, Rebibbia nuovo complesso, Rebibbia sezione femminile, Rebibbia terza casa, Casale del marmo e della casa circondariale di Velletri.

Nel Lazio 6mila persone scomparse La regione più colpita dal fenomeno

É

il Lazio la regione con il maggior numero di persone scomparse: 6.245, circa un quarto del totale che si aggira sui 9mila l’anno in Italia per una media di 25 nuovi casi al giorno. Al secondo posto c’è la Lombardia (3.303) seguita dalla Campania (2.997). Sono questi i dati riferiti dall’ottava relazione semestrale sul fenomeno delle persone scomparse, presentata al Viminale dal prefetto Michele Penta alla presenza del ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri. Stando al rapporto, il totale delle Il manifesto con l’appello della persone scomparse, scomparsa di Manuela Orlandi italiane e straniere, avvenuta nel 1983 a Roma in Italia e a all’estero, è di circa 110.000, delle quali 24.912 ancora da ricercare. Fra queste, i minori sono circa 42.000, dei quali 10.319 ancora da ricercare. In particolare, nell’ultimo semestre si è avuto un incremento del 4,7% (circa 5.000 persone scomparse in più), e un incremento dell’1,8% (449 persone in più) per quanto riguarda quelle ancora da ricercare. ‘’Sono in tutto 515 i minori da ricercare nell’ultimo semestre del 2011. Un dato in crescita del 5,25% rispetto al semestre precedente. Sempre nell’ultimo semestre dell’anno scorso i minori scomparsi nel nostro paese sono risultati essere 2.177 con un incremento del 5,48% mentre i ritrovamenti sono risultati, in totale, 1.662. La regione maggiormente colpita dal fenomeno risulta essere il Lazio che dal ‘74 al 2011 ha visto la scomparsa di 1.093 minori seguita dalla Lombardia, dalla Campania e dalla Puglia. “Dietro questi casi c’è - ha ricordato Cancellieri- una famiglia e una storia da non dimenticare mai. Ringrazio il commissario Penta per aver sempre affrontato queste tematiche non con un approccio burocratico”. Dei 24.912 ‘fantasmi’, per il 71% (17.539) non è stata determinata la motivazione della scomparsa: si tratta dei casi ‘storici’, precedenti al 2007. Il 15% (3.651) è composto da minori che si sono allontanati dall’istituto che li accoglieva; l’11% di è allontanato volontariamente. Con percentuali minori, ma in aumento, ci sono i casi di sottrazione da coniuge (284), possibili disturbi psicologici (536) e possibili vittime di reato (90 casi, di cui 22 minori). La maggior parte dei minorenni da ricercare è rappresentata da ragazzi stranieri che scappano e rientrano nelle comunita’ di accoglienza: i più numerosi sono romeni (1.518), afgani (1.001) e marocchini (811). Complessivamente, al 31 dicembre 2011, le persone di cui è stata denunciata la scomparsa dal 1974 erano 110.107; 85.195 sono state ritrovate. Nel 2011 gli scomparsi sono stati 9.707 (+9,67% rispetto al 2010), i ritrovati 8,971 (+11,77%), quelli da ricercare 736 (+3%). E’ il Lazio quindi, la regione che conta più persone scomparse.


Sabato 31 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

litorale

9

TARQUINIA - L’opera ha dato una nuova veste alla chiesa. Grande la soddisfazione del parroco Don Cono Ferringa

S. Giovanni, inaugurata la nuova illuminazione di DANIELE GIRARDI

TARQUINIA - Grandi potenzialità per lo sviluppo della città nel nuovo piano urbanistico

C

’è chi, scherzando, urlava il motto “fermate Memmo Ranucci!”. Lo ribadiamo, per scherzo. Perché ormai l’assessore ai lavori pubblici ha dimostrato di pensare a Tarquina ponendo in essere molte opere pubbliche, l’ultima delle quali è il rifacimento dell’illuminazione della chiesa di San Giovanni, sotto la direzione dell’ingegner Angelo Lodi, già progettista del sistema di luci della chiesa di Santa Maria in Castello: “Siamo stati efficienti” ha di dichiarato Ranucci. “Abbiamo voluto valorizzare i nostri beni storici e monumentali, seguendo una strada che ha riscosso grandi consensi.” Le uniche polemiche riservate all’operato del suo assessorato sono indirizzate alle spese sostenute, ma spesso chi critica lo fa senza conoscere i fatti. Con il budget a disposizione infatti, in cinque anni hanno avuto una veste visiva rinnovata il palazzo comunale, le chiese di San Giacomo, San

L

La chiesa di San Giovanni con la nuova illuminazione progettata dall’ingegnere Angelo Lodi Salvatore e Santa Maria in Valverde e il parcheggio alla circonvallazione Vincenzo Cardarelli. “Sono infine molto soddisfatto” conclude “degli apprezzamenti ricevuti dal parroco della chiesa di San Giovanni, don Cono

Firringa, molto ben voluto dai fedeli della città.” L’assessore ha ricordato le parole di una signora, che durante l’inaugurazione dell’impianto, si è augurata che le voci di un suo possibile trasferimento non fossero vere.

’incontro del 29 marzo è stato molto fruttifero in termini di presentazione del lavoro svolto e delle possibilità di miglioramento attraverso lo strumento urbanistico. Il gruppo di studio dell’architetto Pier Luigi Cervellati ha illustrato il PUGC assieme alle realtà socio-economiche. Le parole d’ordine infatti, come specificato dal sindaco Mauro Mazzola sono: “Onestà, trasparenza e condivisione.” prosegue poi il primo cittadino: “sono quarant’anni che la città aspetta la redazione di uno strumento di sviluppo fondamentale, e per far questo serve la collaborazione di tutti per mettere in atto un piano tanto ambizioso quanto indispensabile. L’obiettivo primario dichiarato è quello di sfruttare le grandi potenzialità offerte da Tarquinia: agricole, per un settore primario già di qualità, turistiche, per la presenza di un ricco patrimonio storico e artistico e di una fascia costiera di pregio, e ambientali per un territorio ancora integro. Quello del PUGC è un piano troppo importante per essere limitato da interessi particolaristici o da divisioni politiche, ed è per questo che il sindaco ha dato mandato al gruppo di Cervellati di lavorare senza fermarsi, sebbene siano

imminenti le elezioni amministrative. D’altronde la corrente amministrazione ha dimostrato di tenere e di lavorare sull’urbanistica, dimostrazione ne è il fatto che ha predisposto il piano di riqualificazione della località San Giorgio (Consorzio San Giorgio e Villaggio dei Pini), ha approvato l’ampliamento da 9 a 18 buche del campo di golf di Marina Velca, è riuscita a far accettare a SAT il progetto per la rete stradale alternativa e ha dato il via libera alla zona industriale. D.G.

TARQUINIA - Minniti, Fiaccadori e Olmi: “Il nostro? Un operato corretto e costruttivo, ma anche fermo e risoluto”

A Montalto si parla di Mafia Elezioni,“I cittadini sapranno valutare l’operato dell’opposizione” con la fondazione D Antonino Caponnetto urante l’ultimo consiglio comunale dell’amministrazione Mazzola, prima delle prossime elezioni, a rappresentare l’opposizione erano presenti soltanto tre consiglieri di centro destra: Cristiano Minniti (che nella imminente tornata elettorale sarà candidato a Sindaco), Marco Fiaccadori e Silvano Olmi. “Una presenza determinante per lo svolgimento del consiglio comunale – dicono i tre – oltre ai saluti di rito, essendo quella di ieri l’ultima seduta dell’attuale consiglio comunale, abbiamo portato il nostro contributo di idee. L’ottimo lavoro svolto nella commissione dei capigruppo, il cui funzionamento richiede-

vamo da sempre perché utile a analizzare approfonditamente gli argomenti, ha consentito di approvare all’unanimità tutti i punti all’ordine. In particolare i due regolamenti, quello sull’occupazione degli spazi pubblici e privati in occasione di manifestazioni e quello per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali, hanno visto noi dell’opposizione proporre molte integrazioni al testo, puntualmente accolte dalla maggioranza. In questa maniera – proseguono i tre – si è delineato chiaramente il nostro intento costruttivo, teso a portare idee e proposte utili per la città, in un’ottica di leale ma deciso

confronto politico, che ci ha visto in questi anni attenti alla soluzione delle problematiche della città. In prospettiva futura, abbiamo allertato l’amministrazione sull’ulteriore minaccia di costruzione di una discarica ad Allumiere e sottolineato la necessità di un piano comunale della viabilità e dei trasporti, da portare all’attenzione di Provincia e Regione, facendo grande attenzione alle necessità dei pendolari. Adesso – concludono Fiaccadori, Minniti e Olmi - la parola passa ai cittadini che sapranno riconoscere i meriti di un’opposizione corretta e propositiva, ma ferma e risoluta.”

TARQUINIA - Il Comune accusa Renata Polverini

“No” alla discarica di Allumiere I

S

i terrà oggi pomeriggio, alle ore 17,30 presso il Palazzetto dello Sport della Polisportiva Montalto, a Montalto di Castro, l’incontro “La Mafia nell’Alto Lazio”. L’iniziativa è curata dalla fondazione Antonino Caponnetto ed è stata fortemente voluta dalla lista civica “Passione Civica”, il cui candidato a sindaco, Luciano Natali, ha sempre sostenuto l’importanza fondamentale della legalità quale base solida per la costruzione di un futuro sano per l’intera società. Di Mafia nell’Alto Lazio se ne parla sempre più spesso, di infiltrazioni mafiose che rischiano di compromettere seriamente la salute del tessuto sociale, a partire dalle amministrazioni pubbliche fino alle imprese ed aziende private. Al’incontro di domani, assolutamente a-politico, interverrà il presdiente della fondazione Caponnnetto, Salvatore Calleri.

Il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola dice “no” alla discarica ai confini con la città

l comune di Tarquinia l’ha ribadito più volte: “no” alla discarica di Roma ad Allumiere, in sostituzione di quella prossima alla chiusura di Malagrotta. Questo non è un “no” detto per il gusto di criticare, bensì è ragionato in base alle conseguenze che colpirebbero il nostro territorio. “L’Amministrazione Polverini, non contenta di aver affossato il sistema sanitario provinciale, pensa bene di colpire ancora una volta le nostre

terre” afferma il sindaco Mazzola - “per altro, tra le zone individuate, la località di Santa Lucia è quella che presenta più vincoli.” Il primo cittadino assicura che terrà alta la guardia per salvaguardare i confini della città, e suggerisce che, come hanno fatto molti comuni tra cui Tarquinia, arrivati al 50% di differenziata, dovrebbe agire allo stesso modo anche la capitale, invece si pensare a riempire nuove megadiscariche. D.G.


comprensorio nord

10

Viterbo & AltoLazio

Sabato 31 Marzo 2012

“La minoranza è un gruppo non stabile” Lapidaria affermazione del sindaco di Acquapendente per giustificare la mancata assegnazione all’opposizione della bacheca richiesta di Fulvio MEDICI

I

consiglieri di minoranza del comune di Acquapendente in questi giorni hanno inviato una nota al Sindaco Bambini in riferimento al regolamento delle bacheche. Il contenuto della lettera non differiva molto dalla prima, dello stesso argomento, inviata in precedenza lo scorso gennaio, nella quale il gruppo, atteso che il regolamento comunale non prevedeva l’utilizzo da parte della minoranza consiliare dello spazio bacheca, formalizzava con la nota, la richiesta delle modi�che al regolamento stesso, dichiarando che la rappresentanza del 35% dei cittadini era di certo una buona ragione per variare detto regolamento e le motivazioni giusti�cative di buona parte delle bacheche esistenti, non erano di certo di rilevanza superiore a quelle della richiesta. Alla medesima il Sindaco ha risposto, solo di recente con la seguente comunicazione: “Si comunica che allo stato attuale non è possibile assegna-

re una bacheca alla minoranza consiliare, in quanto in contrasto con il regolamento vigente.” Ed inoltre, “si fa presente che le SS.VV. possono presentare uno schema di modi�ca regolamentare da poter discutere in commissione, tenuto tuttavia conto che appare anomala l’assegnazione di una bacheca a formazioni non stabili, temporanee e soggetti a mutamenti anche imprevedibili (es. modi�ca dei gruppi, distacchi, nuovi gruppi,

ecc)”. La risposta uf�ciale dei componenti dell’opposizione non si è fatta attendere e dopo aver chiarito, appunto, che la prima richiesta conteneva come riportato, la richiesta di una modi�ca al regolamento, precisano, altresì: “Reputiamo grave, tuttavia, la sua affermazione di giudicare ‘anomala’ l’assegnazione di una bacheca a formazioni, non stabili, temporanee, ecc”, dichia-

rando, “siamo in dubbio se valutare detta affermazione come un auspicio oppure un ipotesi che intravede a breve scadenza: a Lei una seria spiegazione. Valutare non stabile una minoranza ‘unica’ in consiglio comunale, per la durata dell’intero mandato conferito dal 35% della popolazione è quanto meno opinabile, e , ci consenta, del tutto soggettivo. Salvo speciali informazioni in Suo possesso, che sarebbe gradito conoscere. Ci permettiamo, da ultimo, richiamare alla Sua attenzione la possibilità di concessioni temporanee limitate al mandato ricevuto, con revoca dell’autorizzazione a scadenza del mandato stesso. Con la presente, pertanto, rinnovo la richiesta contenuta nella precedente nota del 24/01/ 2012, con invito a voler prontamente sottoporre la medesima al doveroso esame della competente commissione consiliare, nella speranza di poter trovare in detta sede, una maggiore e migliore comprensione di quella da Lei come sopra riportata”.

I consiglieri Ferri e Iacoponi convocano la commissione

‘Sfratto’ cinema Olimpia I

componenti della commissione del gruppo di minoranza del comune di Acquapendente, hanno richiesto alla presidente della commissione cultura, sport e spettacolo, Claudia Pelosi, di convocare

urgentemente la commissione per discutere in merito alla mancata autorizzazione regionale per il rinnovo del contratto di comodato per l’immobile di proprietà regionale. Attuale sede del cinema Olimpia, era stato af�dato alla cooperativa L’Ape Regina, a seguito di gara esperita in data 29/ 09/2000. “Grati per l’attenzione”, conclude la nota, “in attesa di assicurazione, nonchè di ricevere una relazione ampiamente esplicativa dell’intera questione, al �ne di consentire una concreta ed ef�cace discussione in sede di Commissione”. F.M.

A Valentano nuova area per rifiuti ingombranti A Tuscania il taglio del bosco comunale è insufficiente alle necessità dei cittadini

Ai Felceti lo spazio raccolta Legna da ardere, Tuccini ha la soluzione I l comune di Valentano ha deliberato il progetto esecutivo per la sistemazione in località Felceti di una piazzola attrezzata per il conferimento spontaneo dei rifiuti urbani ingombranti. I lavori, che inizieranno a breve e che consisteranno in alcune modifiche dell’area per una spesa di circa ottomila euro andranno a completare i servizi della raccolta rifiuti del Comune.

L

a polemica sulla consegna della legna da ardere, circola in città già da tempo. A farsene portavoce è il consigliere comunale Sabatino Tuccini: “in questi giorni sono stato contattato da più persone che si lamentavano perché avendo acquistato dal Comune di Tuscania il biglietto della legna ad uso civico, si sono recati presso il Bosco Comunale e purtroppo hanno trovato i cancelli chiusi perché la legna è esaurita”. Il consigliere è voluto andare “in fondo” alla vicenda e vederci chiaro.”Da informazioni acquisite verbalmente - spiega - risulterebbero venduti circa 2500 biglietti a fronte del taglio di circa 1500 metri cubi, in pratica il Comune ha venduto molti più biglietti di quelli dovuti. Non voglio soffermarmi sulla inopportunità da parte del Comune di avere incamerato soldi senza fornire il servizio, il problema prioritario è delle tante famiglie che rischiano di restare senza

legna. Sembra che in questi giorni sia stata indetta un’asta per il taglio della legna alla quale nessuna ditta locale è stata invitata, mentre le ditte prescelte ed invitate non hanno presentato l’offerta”. Certo un bel problema, al quale Tuccini propone una soluzione: “il problema non è di poco conto e non va sottovalutato, il 15 aprile è il termine ultimo per poter tagliare la legna, tempi ristretti ma suf�cienti per recuperare questa inef�cienza. L’Amministrazione Comunale deve procedere subito alla risoluzione del problema, magari contattando tutte le ditte locali. Sarebbe bene che il nostro sindaco desse una tiratina alle orecchie dell’Assessore responsabile di questo scivolone”. In questi giorni chi si è recato in Comune per acquistare i biglietti ai quali ha diritto si è

sentito rispondere che il servizio è stato momentaneamente sospeso. Ci auguriamo che riprenderà al più presto e che tutti i cittadini possano accedere al servizio senza fare le spese dello spiacevole contrattempo che ha già allertato molte famiglie. Valeria SEBASTIANI

Bolsena rievoca la Passione di Cristo nella tradizionale Processione del venerdì Santo

Via Crucis fino alla Basilica di Santa Cristina A

Bolsena venerdì 6 aprile (venerdì Santo) si svolge la tradizionale Processione. La rievocazione storica della Passione di Cristo, vedrà la partenza della Via Crucis dalla Basilica di San Cristina, percorrerà le vie del centro storico rievocando

le tappe della Passione di Cristo, e giunta sul sagrato della Basilica di Santa Cristina, infine, sopra l’alto muro di cinta che la fiancheggia, verrà rappresentata la crocifissione di Cristo e dei due ladroni. L’immancabile appuntamento, vede la partecipazione di molte persone che già da alcuni mesi sono al lavoro per la perfetta rievocazione. Anche l’amministrazione comunale collabora con l’organizzazione, mettendo a disposizione anche gli operai comunali per i vari preparativi e la logistica. F.M.


Sabato 31 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

montefiascone

11

Il cacciatore falisco ha sbaragliato la concorrenza aggiudicandosi il titolo nella 3 giorni di Bolsena

Menichelli vince il torneo nazionale EnalCaccia di MICHELE MARI

comune di Montefiascone che, a sua volta, ha ospitato orgogliosamente i tanti intervenuti che ci hanno onorato della loro presenza in questo breve periodo e che invitiamo a venirci a trovare quando, al di là del lavoro (poiché vi erano dei personaggi che svolgono questa attività per professione), con tranquillità e magari accompagnati dalle famiglie, vorranno trascor-

C

lamoroso successo del montefiasconese Gianni Menichelli alla finale nazionale dell’Enal Caccia di Viterbo; l’ottimo risultato è stato ottenuto da Menichelli guidando una coppia di segugi italiani. Tutto è cominciato vincendo le qualifiche ma nessuno si aspettava di poter sbaragliare il campo e vincere la finale. L’assessore alla caccia Giorgio Cacalloro è entusiasta di un così prestigioso successo: “Ti faccio i migliori complimenti caro Gianni e sai che sono sinceri, per non dirti che benevolmente ho anche un pizzico di invidia per quello che hai fatto perché so bene che per un cinofilo come te oggi hai raggiunto il massimo traguardo arrivando dove nessuno altro cittadino di Montefiascone era mai arrivato. Comunque goditi quanto ti sei meritato perché hai lavorato con i tuoi cani per molto tempo; credo tuttavia che nemmeno tu avresti mai pensato di raggiungere livelli così alti. Il tutto ti ripaga in parte dei tuoi sacrifici ed è un grande insegnamento che per

raggiungere un notevole traguardo bisogna sempre lavorare sodo”. Le prove si sono svolte intorno allo stupendo bacino del lago di Bolsena; prove di lavoro su selvaggina naturale (lepre) che hanno visto la partecipazione di centinaia e centinaia di persone che si sono avvicendate nei nostri boschi per un ben tre lunghi tre giorni dove si sono dati battaglia a suon di “levate e seguite” adoperando un loro termine classico. “Tutto questo sotto l’occhio attento e vigile -continua l’assessore- dei giudici di

gara del calibro di Giuseppe Jacoponi, presidente ed organizzatore dell’evento, del dottor Massimo Sassara, del giudice Lorenzo Parrano. A tutti loro e a tutti gli organizzatori va il mio caloroso saluto e i miei ringraziamenti per aver dato il loro contributo essenziale per far sì che la manifestazione abbia avuto un successo non indifferente. “Ringrazio -spiega Cacalloro- anche l’Atc Vt1 con il presidente Corsini e la Provincia per aver dato il benestare all’evento che si è svolto nuovamente nel

rere delle stupende giornate in riva al nostro splendido lago. Concludo con un caloroso ringraziamento da parte di tutta l’amministrazione comunale a tutti quanti hanno collaborato e anticipatamente ringrazio pubblicamente per la loro partecipazione tutti i cinofili che verranno di nuovo sul nostro colle il 15 aprile: come assessore alla caccia e pesca ho sponso-

rizzato questa competizione su quaglie in territorio libero”. Giorgio Cacalloro conclude: “Ci saranno premi per tutti i partecipanti oltre ad una abbondate colazione che offriremo a tutti i presenti”. Per ora tutti i cinofili si godono questa superba vittoria di Gianni Menichelli che continua a stupire per le sue prestazioni.

Panariello omaggia la città a “Matrix”, su Canale 5 N

ella serata di lunedì, nel programma Matrix in onda su Canale 5 condotto da Alessio Vinci, si è parlato anche della nostra città di Monte�ascone. A farlo è stato il famosissimo Giorgio Panariello. L’attore, nel corso della puntata a lui dedicata in cui si ripercorreva tutta la sua carriera, ha citato la nostra città nel corso di un’ intervista dove gli si chiedeva dove fosse stata la sua prima apparizione su un palco. Panariello ha risposto che durante una Fiera del Vino si era esibito, per la prima volta, su un palcoscenico, in un’ imitazione di “Renato Zero”. Panariello ha anche raccontato che vi erano due palchi, uno per lui ed un altro

dove si svolgeva della musica. Lui impersonava Renato Zero ed alla �ne tutto il pubblico si era trasferito sotto il suo palco lasciando vuoto l’altro. Era stato invitato ad esibirsi alla Fiera del Vino dall’impresario Franco Pagliaccia che è stato ringraziato, nel corso della trasmissione, dallo stesso Panariello. Da quanto era stato bravo nella imitazione, in molti credevano, sono parole dello stesso Panariello, che ad esibirsi era il vero Renato Zero e per�no il sindaco e gli assessori -sempre a detta di Panariello- gli avrebbero chiesto l’autografo. Notizia molto simpatica che produce anche un effetto promozionale per la città. M.M.

Itinerari più o meno brevi, luoghi affascinanti a portata di mano e portafogli, per la prima scampagnata di Primavera

Tante idee per la Pasquetta, in casa o fuori porta Gli Auguri dell’Udc

C

on l’approssimarsi delle festività pasquali, complice il bel tempo, nonché i fasti e le ricche tradizioni delle nostra terra, cresce in tutti noi la voglia di evasione, di interrompere, di spezzare, anche se solo per un giorno, la monotonia del lavoro quotidiano o delle solite giornate passate all’insegna dello sbadiglio. Che fare per questa Santa Pasqua, oltre a sedersi intorno alla solita tavola imbandita per il ricco pranzo a base di carne, uova, colomba, pizza e quant’altro? Certo un bel digestivo è d’uopo e non guasta mai. Ma forse, unendo l’utile al dilettevole si possono pensare altre alternative, magari condite con una buona sosta ad una trattoria con cucina tipica o pranzo al sacco. Ho per le mani, giustappunto, l’itinerario dll’antica via Francigena, quella che partendo da Canterbury e attraversando il Gran S. Bernardo era diretta a Roma, centro della cristianità, passando anche

per buona parte del nostro territorio dell’alta e bassa Tuscia. E’ un itinerario della storia, una via maestra percorsa in passato da migliaia di pellegrini in viaggio per Roma, sorpattutto a partire dall’inizio del secondo millennio, quando l’Europa era percorsa da una moltitudine di anime “alla ricerca della Perduta Patria Celeste”. Questa via attesta soprattutto l’importanza del Pallegrinaggio in epoca medievale: esso doveva compiersi prevalentemente a piedi per ragioni penitenziali, con un percorso di 20-25 chilometri al giorno e portava in sé un fondmentale aspetto devozionale: il pellegrinaggio ai Luoghi Santi della religione cristiana. Ecco: quale migliore occasione della Pasqua, per riscoprire intatta la nostra identità cristiana e rinfrescare la nostra memoria sotrica un pò arruginita e - perché no? - spesso e volentieri anche un pò ignorante? Senza voler andare troppo distanti, proprio partendo da Monte�ascone e dopo aver rivisitato tante delle sue bellezze storico ed artistiche, si puù giungere a Poceno, passando per Bolsena, S. Lorenzo Nuovo e Acquapendente. Certo, le località testè citate non esauriscono tutta la via Francigena presente sul territorio della Tuscia. Come non citare il capoluogo Viterbo, e poi S. Martino al Cimino, Ronciglione, Vetralla, Capranica, Sutri e Monterosi? Ma, passo dopo passo, con pazienza e tanta voglia di ammirare e di rinverdire i fasti della nostra storia, si potranno allungare tempi e percorsi, così da poter un giorno magari raccon-

tare di aver attraversato la via più famosa d’Europa. Accontendandoci per ora di un itinerario più breve, ma di per sé già assai ricco, partendo da Monte�ascone, ci attendono la Chiesa di S. Flaviano, singolare costruzione romanica del XII sec e con singolari affrteschi, tra cui l’inquetante “Incontro dei tre vivi e dei tre morti”, la Chiea di S. Andrea, con portale romanico, che presenta al suo interno interessanti capitelli oltre ad uno stemma ed una incisione del XIV secolo con cui Monte�ascone stabiliva un patto di pace con i vicini paesi. Inoltre, la Chiesa di S. Francesco, di Santa Maria delle Grazie, ilo Duomo (Santa Margherita), solenne costruzione iniziata in epoca rinascimentale su progetto attribuito a Michele Sammicheli, nonché la Rocca dei Papi, alla quale, nel 1506, Giulio II ordino ad Antonio da Mugello di apportare modi�che che la rendono oggi alla vista del visitatore agile ed elegante. Da Monte�ascone a Bolsena, per ammirare la Chiesa di S. Cristina, giovane martire cristiana e patrona della cittadina bolsenese, eretta da Urbano IV nel sec. XI, al �ne di celebrare il miracolo del Corpus Domini avvenuto nella medesima Chiesa nell’anno 1263, nel corso di una messa celebrata dal sacerdote Boemo Pietro da Praga, sulla cui �gura, peraltro, si può leggere un breve sunto di Pier Luigi Leoni, in: “Bolsena ed il Miracolo Eucaristico”, Atti del Convegno di Bolsena 4 giugno 2006, a cura di Pietro Tamburini e pubblicati sui “Quaderni1” per iniziativa del Sistema Museale

del lago di Bolsena. A S. Lorenzo Nuovo, esempio di Borgo settecentesco, piani�cato modello di urbanistica dell’età dell’Illuminismo, si ammirerà la parrocchiale di S. Lorenzo Martire, che custodisce un Croci�sso ligneo del XIII sec. e la cinquecentesca Chiesa di S. Goivanni in Val di Lago, progettata dall’Architetto Pietro Tartarino. All’ ingresso di Acquapendente si incontrano la Torre Julia de Jacopo, Porta delle antiche mura, la Cattedrale del S. Sepolcro, consacrata nel 1149 dal Vescovo Aldobrandino da Orvieto, mentre a soli 2 km a nord la cittadina acquesiana ospita la riserva naturale di Monte Rufeno, 3000 ettari del territorio situati tra la quota 200 e 748 s.l.m, dove vivono numerose specie di animali ed è particolarmente attrezzata per escursioni, maneggio e pic - nic. In�ne Poceno, pittoresco villaggio che la leggenda vuole fondato da Porsenna e la cui origine antica è dimostrata dal ritrovamento di sepolcreti etruschi. Da ammirare le Chiese di S. Maria del Giglio, che conserva affreschi di scuola defgli Zuccari, di San Martino, anteriore al 1250, che custodisce affreschi del ‘300 e del ‘400; all’interno dell’abitato sorge inoltre il Palazzo degli Sforza, la Rocca medeivale e la Parrocchiale di fondazione gotica. Fine del suggestivo viaggio. Certo tutto non è stato detto. Si è trattato di un viaggio �n troppo rapido. Al lettore, perciò, il compito di scoprire il resto, in una sorta di viaggio affascinante tra storia, leggenda e.. buona tavola. Giuseppe Bracchi

alla “Banca Sviluppo Tuscia”

U

na nota dell’ Udc esprime soddisfazione per la costituzione di un nuovo istituto di credito che aprirà anche uno sportello nella città . “Esprimiamo i migliori auguri -esordisce la nota- alla Banca di Sviluppo Tuscia Spa che proprio domenica scorsa 25 marzo si è costituita uf�cialmente. Una nuova banca locale che, oltre ad avere numerosi soci fondatori della città, aprirà uno sportello proprio a Monte�ascone”. Il comitato locale dell’Udc saluta la nascita del nuovo istituto di credito il cui inizio operativo è previsto a inizio del 2013 e vedrà il colle come bacino d’utenza privilegiato insieme alla città di Viterbo. “Sono certo -dichiara il segre-

tario Udc Andrea Danti- che la banca riuscirà a dare una connotazione decisa al sostegno dei cittadini e delle imprese nel solco dell’idea che sta alla radice di una banca a carattere locale”. “Siamo sicuri -conclude- che saprà essere a servizio della città, a contatto quotidiano con le imprese e le famiglie perché, in un momento di particolare dif�coltà del sistema �nanziario e produttivo, possa suscitare maggiore tranquillità e sicurezza. Formuliamo �n d’ora i migliori auguri di buon lavoro nella convinzione che Banca Sviluppo Tuscia saprà rivestire un ruolo di grande prestigio e rilievo nel panorama della nostra città”. M.M.


vetralla e cimini

12

Viterbo & AltoLazio

Sabato 31 Marzo 2012

VETRALLA - Nei giorni scorsi sono arrivate cartelle di pagamento di Equitalia “gonfiate” in modo illecito

Multe T-Red, illegittime le maggiorazioni V

e lo ricordate il T-red installato al semaforo di Vetralla che tra il 02/11/2006 ed il 31/12/2007 ha sfornato circa 14.000 multe per presunto passaggio con il rosso e di conseguenza circa 6.000 multe per presunta mancata comunicazione dei dati del conducente? Come saprete, buona parte di quelle multe, a seguito di ricorso al Giudice di Pace di Viterbo o al prefetto di Viterbo sono state annullate. E’ partita pure un’inchiesta che, vedendo coinvolti oltre trenta comuni italiani, è stata concentrata a Milano dove si sta svolgendo il processo e quindi forse entro l’anno sapremo l’esito del primo grado di giudizio. In questi giorni ad alcuni di quelli che furono destinatari delle multe, che per qualche ragione non le hanno pagate e non hanno fatto ricorso, oppure le hanno pagate,

oppure hanno fatto ricorso e lo hanno vinto: insomma la casistica è ampia. Ebbene a questi malcapitati stanno arrivando le cartelle di pagamento di Equitalia che al di là della fondatezza o meno della pretesa sono tutte caratterizzate da un chiaro vizio: alle somme richieste sono state applicate illegittimamente le maggiorazioni previste dall’art. 27 della legge 689/81. Non si tratta di una richiesta di poco conto: a titolo di esempio, chi si è visto arrivare una cartella di circa 970,00 euro, leggendola scopre che la sanzione iniziale di 250,00 euro per mancata comunicazione dei dati del conducente più 12,00 euro per spese di accertamento e noti�ca del verbale, comminata nel secondo semestre 2007, dopo il sessantesimo giorno è, come previsto dal Codice della Strada, raddoppiata a 512,00 euro (le spese di accertamento e noti�ca non raddoppiano). E �n qui,

C’è chi si è visto arrivare multe di 970 euro, di cui ben 428 euro non dovuti

se non ci sono altri motivi di illegittimità, la pretesa sarebbe corretta. A questa somma va poi applicato il compenso per la riscossione pari al 4,65% ed i diritti di noti�ca che sono in somma �ssa pari ad euro 5,88. Quindi l’importo corretto della cartella anziché di circa 970,00 euro, come richiesto nella cartella, dovrebbe essere circa 542,00 euro. Da dove viene dunque la differenza per arrivare a 970,00 euro, cioè i 428,00 euro in più? Viene dall’illegittima applicazione delle maggiorazioni previste dall’art. 27 della legge 689/81. Quest’articolo di legge, al sesto comma, prevede una maggiorazione pari ad un decimo a semestre trascorso: quindi siccome dalla �ne del 2007 ad oggi sono trascorsi quattro anni pari ad otto semestri sulla somme da riscuotere di 512,00 si applica il 10% moltiplicato per otto che fa 409,60 euro e su questo il compenso per la riscossione del 4,65% che fa 19,05 euro. Quindi ecco spiegato perché la cartella di pagamento arriva ad un totale di 970,00 euro circa. Perché è illegittima tale maggiorazione ce lo dice la Corte di

Cassazione Civile, Sez. II, con la sentenza 16 febbraio 2007 n. 3701 dove si afferma che “Infatti alle sanzioni, come nella specie stradali, si applica l’art. 203 C.d.S., comma 3, che, in deroga alla L. n. 689 del 1981, art. 27, in caso di ritardo nel pagamento della sanzione irrogata nell’ordinanza - ingiunzione, prevede, l’iscrizione a ruolo della sola metà del massimo edittale e non anche degli aumenti semestrali del 10%”. Insomma, le violazioni del Codice della Strada sono una specie diversa rispetto alle generiche ordinanze-ingiunzioni di cui parla il secondo comma dell’art. 27 della legge 689/81. Queste cose il comune di Vetralla e soprattutto Equitalia le dovrebbero sapere. Quindi chi ha ricevuto la cartella di pagamento da meno di trenta giorni (e non 60 giorni come dato ad intendere sulla cartella: 60 giorni è il termine che vale solo per pagare non per fare ricorso) può chiedere la riduzione o fare direttamente ricorso al Giudice di Pace di Viterbo. Chi ha già pagato deve invece chiedere il rimborso di quanto pagato in più.

VETRALLA - Alle 18,30 evento da non perdere al Museo della Città e del Territorio

In via Etruria una perdita d’acqua segnalata da due mesi: nulla di fatto

Il vino in un libro e nel bicchiere U

na testimonianza di un territorio, quello Pontino, in un altro territorio, non meno importante, quello dell’Etruria che insieme hanno segnato la nascita e lo sviluppo della viticoltura in Italia. Il volume “I vini latini e dell’Agro Pontino”, che verrà presentato questa sera alle 18,30 presso il Museo della Città e del Territorio in via di Porta Marchetta 2 a Vetralla, racconta non solo l’evoluzione produttiva dei vini latini dell’Agro Pontino, ma é anche “guida culturale, essenziale per acquisire la giusta conoscenza dei nobili percorsi storici ed imprenditoriali dì una viticoltura, quella pontina, che ha radici che si perdono nella leggenda, e sviluppi tecnologici e viticoli che la pongono all’avanguardia nel nostro paese e fanno onore al Lazio”. Le parole sono di Francesco Saponaro, presidente della

commissione Attività Produttive della Regione Lazio che plaude all’iniziativa dell’Editore Davide Ghaleb con l’impegnativo lavoro di Mauro Maccario nella collana 1 Vini e le specialità alimentari del Lazio”. “Un lungo percorso di oltre due anni - ricorda Saponaro - ha portato alle stampe l’opera, caratterizzata non solo da attente visitazioni del territorio e delle sue particolarità storiche, culturali, ambientali, umane e produttive, ma dall’avere af�ancato eventi importanti dedicati alla promozione dei Vini del Lazio, organizzati dall’Arte dei Vinattieri di Roma, presieduta da Claudio Arcioni”. Prima dell’evento presso il Museo della Città e del Territorio di Vetralla, le principali anticipazioni del libro si sono tenute a: St. Regis Grand Hotel di Roma, Università La Sapienza e al Museo Macro sempre di Roma. Presentazione,

inoltre, in territorio pontino, a Cisterna dove è stato al centro di un dibattito cui hanno partecipato i rappresentanti delle ambasciate accreditate in Italia. Prossima nuova presentazione in occasione di Cisterna Wine Expo, a Palazzo Caetani, con l’e-book nella veste Web curata da Enopress. Programma Sabato 31 marzo dalle ore 18.30 al Museo della Città e del Territorio, Università della Tuscia, in Via di Porta Marchetta, 2 a Vetralla. Ore 18,30 - interverranno: Mauro Maccario, autore del libro e Giancarlo Panarella, editore di Enopress. Ore 19,00 - Banco d’Assagio e presentazione dell’Azienda Agricola Casale del Giglio. Degustazione dei vini Satrico - Antinoo - Albiola - Shiraz - Petit Verdot - Mater Matuta. Guida la degustazione: Enrico

Maria Concutelli, sommelier. Saranno altresì presenti gli olii extravergine di oliva del Frantoio Paolocci e dell’Azienda Biologica Presciutti Caterina. Per partecipare sarà necessario l’acquisto del libro. Per informazioni: Davide Ghaleb Editore - 0761 46 17 94 / 320 089 72 21 / info@ghaleb.it

L

a segnalazione è già stata fatta alle autorità competenti due mesi fa, ma ancora nessuno è intervenuto. A Vetralla in via Etruria c’è una perdita d’acqua piuttosto estesa, come si può vedere dalla foto in alto, e i residenti della

zona o chiunque passi da quelle parti è costretto a subire evidenti disagi. La denuncia è rimbalzata anche sul gruppo facebook Striscia Vetralla. Ora ci si aspetta un intervento urgente per riportare la situazione alla normalità.

Ha coinvolto numerosi cittadini la petizione promossa dal noto gruppo facebook

“Vetralla Parla” raccoglie oltre 600 firme per il parco giochi P

iù di seicento �rme sono state raccolte per spingere il Comune di Vetralla a costruire un parco giochi per lo svago dei più piccoli. L’iniziativa era nata su Facebook alcune settimane fa, all’interno del gruppo “Vetralla Parla”, a seguito di un racconto di vita vissuta scritto dalla Sig.ra Roberta Calce. Il succo del racconto ruotava attorno alla mancanza di luoghi attrezzati per i bambini più piccoli all’interno del Comune di Vetralla. Una situazione che, come sanno tutti i vetrallesi, si protrae da diversi anni. Alcuni genitori hanno così deciso di raccogliere le �rme per una petizione da presentare al Sindaco ed al Consiglio Comunale. Di seguito il testo: “Si richiede la

realizzazione di aree attrezzate con giochi gratuiti per bambini (altalene, scivoli, pavimentazione antiurto, ecc.). Chiediamo la loro installazione in luoghi accessibili. Suggeriamo i giardini di Vetralla, Cura e Tre Croci. Chiediamo, inoltre, l’impegno dell’amministrazione per la loro f u t u r a manutenzione”. Oltre 600 tra genitori, nonni e zii hanno aderito all’appello nella speranza di non essere ignorati per l’ennesima volta.

“Cogliamo l’occasione spiegano gli organizzatori della petizione - di ribadire che dietro quest’iniziativa non ci sono disegni o movimenti politici, ma semplici papà e mamme che vorrebbero trascorrere del tempo con i propri �gli, giocando su un semplice scivolo o altalena senza la necessità di doversi spostare per chilometri. Ringraziamo chi ci ha aiutato nella raccolta ed, ovviamente, tutti coloro che hanno �rmato, rimanendo in attesa di una risposta, auspichiamo positiva, da parte dell’amministrazione comunale”.

Dietro l’iniziativa nessun movimento politico, ma genitori che auspicano una risposta positiva dal Comune


Sabato 31 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

comprensorio sud

13

CIVITA CASTELLANA - Ladri ignoti, di tutto ciò che potevano rubare, si accaniscono solo sul pc dell’ingegner Tè

Il sindaco conferma il furto in Comune di SIMONA TENENTINI

Q

uando si dice le coincidenze! L’altro giorno a Civita Castellana si era diffusa, nel giro di un battibaleno, la notizia che un importante furto era stato perpetrato ai danni del Comune, in un uf�cio altrettanto importante: quello tecnico. L’indiscrezione, con il passare del tempo, ha acquistato sempre maggiore riscontro, tanto che, sull’argomento anche La Destra si era preoccupata di presentare un’interrogazione per cercare di far luce sulla vicenda. Se all’inizio per�no i Carabinieri avevano smentito la voce insistente, ora, alla luce dei recenti sviluppi della circostanza, sono d’obbligo alcune ri�essioni. Proprio ieri, infatti, è arrivata la risposta del sindaco Angelelli all’interrogazione. Ecco quanto dichiara il primo cittadino: “Faccio seguito alla vostra interrogazione del 27/03/ 2012, prot. 7060, speci�co che: 1 - è stata inoltrata denuncia alle autorità competenti 2 - I carabinieri sono intervenuti sul posto ed hanno effettuato i rilievi necessari. Allo stato il procedimento è contro ignoti.

3 - il furto riguarda il computer presente nella stanza del responsabile Area Tecnica IV, con i dati ivi inseriti.” Ora, per chi non fosse a conoscenza dei dettagli è opportuno fare una rapida ricostruzione dell’accaduto e delle vittime del grave reato commesso. In pratica, di tutto il prezioso materiale a disposizione degli oltre settanta impiegati che lavorano al Comune di Civita Castellana, guarda caso, l’unico ad essere stato sottratto è stato il pc del responsabile dell’Area Tecnica, ovvero dell’ingegner Tè, con tutti i dati contenuti all’interno. L’ingegner Tè è uno dei principali protagonisti di una vicenda assai ingarbugliata: quella relativa al complesso edilizio exZanganella, più volte oggetto di varianti e condoni, operazioni tutte immancabilmente �rmate dal responsabile dell’Area Tecnica, ovvero proprio da lui. Questi ladri che si sono avventurati nelle stanze del Comune in pieno giorno, perchè si sono accaniti proprio su questo supporto dal valore economico insigni�cante? Forse perchè non è altrettanto insigni�cante il suo contenuto, ossia tutta la memo-

MONTEROSI Siglato un accordo con Salvamamme

ria storica dell’amministrrazione da tre anni a questa parte? Ed inoltre, se questo hard disk era così prezioso, perchè non è stato protetto con opportune misure di sicurezza? Certo, quando entrano in gioco le coincidenze e gli assurdi scherzi del destino non ne esce mai nulla di buono. Chissà se il buon Tè avrà provveduto a fare una copia dei dati

contenuti nel suo computer? Essendo ingegnere, e quindi uomo razionale, si suppone proprio di sì. In caso contrario, gli ignoti malviventi avrebbero fatto un proproprio un bel danno all’amministrazione, facendo sparire, in un colpo solo, una serie di dati preziosissimi per il Comune e per l’intera cittadinanza. Quando si dice le coincidenze!

CIVITA CASTELLANA - Francesco Urbanetti replica sul Centro Commerciale Naturale

“L’assessore Alessandrini è male informato”

F

rancesco Urbanetti replica sul Centro Commerciale Naturale. “Mi dispiace, ma sono costretto a replicare alle dichiarazioni dell’Assessore alle Attività Produttive Alessio Alessandrini, il quale mi sembra di capire che non sia stato bene informato. In data 4 gennaio 2012 il gruppo PDL con protocollo

numero 183, di cui allego copia, ha inoltrato al Sindaco ed alla Dott.ssa Salimbeni, in qualita di Segretario Generale, una richiesta di documentazione riguardante il progetto �nanziato nella precedente amministrazione di centrodestra dalla Regione Lazio per un importo di 150.000,00 euro, denominato Centro Commerciale Naturale

( C.C.N. ), così richiesto; “i sottoscritti Luciano Soldateschi e Francesco Urbanetti in qualità di Consiglieri comunali del Popolo della Libertà chiedono copia: del progetto approvato e �nanziato dalla Regione Lazio,elencazione delle attività svolte, determine di spesa, delibere di giunta, rendicontazione �nale del progetto presentato alla Regione Lazio”. Egregio Assessore, Lei è un bravo ragazzo ma forse sarebbe il caso che iniziasse a farsi sentire in seno all’amministrazione, in fondo sono passati quasi tre anni e magari potrebbe iniziare invitando il Sindaco o la Segretaria Comunale a far sì che le venga smistata la posta che la riguarda, che ne dice? Il gruppo PDL si rende comunque disponibile a consegnarle brevi manu la richiesta

di documentazione inoltrata all’amministrazione quasi tre mesi orsono. Non se la prenda con l’opposizione che, come Lei ha affermato, svolge un’importante funzione democratica, ma per poterla assolvere deve essere messa nelle condizioni ottimali, quindi le sarei grato se, dopo aver accertato il disguido, provvederà ad inviarci prima possibile ciò che le è stato richiesto. Riguardo l’invito che ci ha rivolto ad essere tranquilli sulla gestione dei fondi ottenuti, siamo certamente �duciosi sulla presunta correttezza del vostro operato, ma proprio per questo riteniamo che fare un ulteriore controllo non guasta, anzi, rafforza l’attività amministrativa; talvolta può capitare che qualcosa sfugga all’attenzione certosina di taluni amministratori.”

CIVITA CASTELLANA - Costituito anche un comitato per vigilare sul corretto funzionamento

Novità nel servizio mensa di medie e elementari E

’ partito a marzo il nuovo servizio mensa presso le scuole elementari e medie di Civita Castellana con i nuovi servizi previsti nell’appalto. Nel frattempo è stato nominato il comitato mense scolastiche composto da 8 rappresentanti dei genitori, uno per ogni plesso, indicati dai dirigenti scolastici, da un responsabile dell’area e dal sindaco o un suo delegato. Il comitato avrà il compito di vigilare e verificare che

il servizio mensa funzioni in conformità a quanto previsto dall’appalto. Il sindaco, Gianluca Angelelli, e l’assessore all’Istruzione, Giancarlo Contessa, invitano tutti i genitori a fare riferimento ai singoli rappresentanti d’istituto facenti parte della commissione mensa per rappresentare eventuali suggerimenti utili a mettere a punto il servizio e renderlo efficiente e a pieno regime al più presto.

Lunedì 2 aprile alle ore 15,00 è stato convocato il comitato presso gli uffici dell’amministrazione comunale. Intanto l’amministrazione comunale sta lavorando in tal senso: l’assessore all’Istruzione Giancarlo Contessa ha gia effettuato delle visite a carattere personale presso alcune mense scolastiche ed ha preso conoscenza e visione di alcune problematiche che potranno essere verificate e modificate

nei prossimi giorni. L’intenzione è quella di monitorare, attraverso visite, controlli e sondaggi, il funzionamento del nuovo sistema di accredito telematico e di verificare il gradimento da parte dei bambini dei nuovi menù proposti. Il nuovo servizio mensa prevede badge elettronici al posto dei buoni pasto e pasti composti in larga parte da alimenti biologici e a produzione locale.

L

’11 marzo 2012 è stato �rmato un protocollo di intesa fra l’APC RNS Monterosi e l’Associazione “I Diritti Civili nel 2000–Salvabebè/ Salvamamme”. Si tratta di un importante e signi�cativo passo per il territorio di Monterosi e della Tuscia in quanto l’Associazione Salvamamme svolge attività su tutto il territorio italiano ed in particolare nel Lazio, collaborando strettamente, oltre che con l’Assessorato alle politiche sociali e famiglia della Regione Lazio nell’ambito del piano di contrasto alla povertà, con tutti i Municipi di Roma, l’Assessorato alle Politiche Sociali di Roma Capitale, le Aziende Ospedaliere, e larga parte delle pubbliche Istituzioni e il privato sociale, ed inoltre, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, ha istituito e reso operativo il “Centro Nutrizionale del Bambino” per il territorio di Roma Capitale. Infatti l’Associazione Salvamamme ha sviluppato una profonda competenza in tutte le tematiche di supporto alla famiglia, alla maternità e all’infanzia e rappresenta per detto settore una realtà unica per la validità del metodo d’intervento oltre che per la misurabilità dei risultati. L’obiettivo che tale associazione si pre�gge è quello di promuovere e realizzare azioni di contrasto alla povertà e sostegno alle madri in situazione di disagio sociale, nonché rafforzare ed ampliare gli strumenti a disposizione nella lotta contro le nuove forme di povertà, il sostegno alla maternità in condizioni di disagio socioeconomiche e per la sensibilizzazione e formazione di volontari ed operatori che agiscono nel terzo settore, che dia risposte concrete alle reali necessità di tutte quelle mamme prive di reddito e impossibilitate

a provvedere all’acquisto di alimenti per l’infanzia e supporti per l’igiene. Considerato che la APC RNS MONTEROSI, con riferimento alle problematiche della maternità, dell’infanzia e della famiglia, approva e condivide le metodologie d’approccio dell’Associazione Salvamamme, si è convenuto di costituire, ciascuna secondo le proprie speci�cità, un impianto comune che contrasti le nuove forme di emarginazione ed esclusione sociale anche attraverso lo studio della fenomenologia della maternità e dell’infanzia a rischio, che offra soluzioni ed interventi pratici, con la distribuzione di ausili, con l’offerta di servizi e di formazione, realizzando un modello esportabile e ripetibile. Associazione di Protezione Civile RNS Monterosi Sede operativa: Via Caduti di Tutte le Guerre, 6 – 01030 Monterosi VT CF 90099710569. Questo protocollo di intesa va ad aggiungersi alla precedente istituzione del “Punto Informativo” già in essere da anni sul territorio di Monterosi nella persona di Paola Menino (consigliere di APC RNS Monterosi) e pertanto amplia il campo di azione creando una sorta di “centrale operativa avanzata” in grado di operare nel territorio della Tuscia. Presso la sede di APC RNS Monterosi, sita in Via Caduti di Tutte le Guerre n. 6 a Monterosi, sarà pertanto possibile incontrare i responsabili locali durante il primo e terzo lunedì di ogni mese dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e tutti i mercoledì e venerdì rispettivamente dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle ore 17,00 alle ore 20,00. Altresì è attivo il numero telefonico 3455095435 dedicato alle richieste degli utenti di Salvamamme.


orvieto eventi

14

Viterbo & AltoLazio

Sabato 31 Marzo 2012

Il Giudizio Universale di Luca Signorelli in un visual show. Palcoscenico della città/Palcoscenico Orvieto

Quando il teatro diventa innovazione S

i è svolta ieri mattina la conferenza stampa di presentazione del progetto Il Teatro Palcoscenico Della Citta’/ Palcoscenico Orvieto. L’appuntamento ha avuto luogo all’Opera del Duomo di Orvieto – alla presenza dell’Assessore Comunale alla Cultura e Presidente dell’Associazione TeMa Marco Marino, del Consigliere Segretario del Consiglio Regionale

dell’Umbria Fausto Galanello, del Presidente dell’Opera del Duomo Francesco Venturi, del Direttore Artistico di ArTè Maurizio Panici, del Direttore Organizzativo di ArTè e Direttore del Teatro Mancinelli Enrico Paolini e del Visual Director Paolo Miccichè - ma il progetto era stato già presentato agli addetti ai lavori il 28 marzo scorso in occasione dell’apertura della XIX edizione del Salone del Restauro

Al teatro Cucinelli di Solomeo

Va in scena la compagnia ALEF L

a Compagnia ALEF\ residenza dinamica, in collaborazione con il Samovarteateret Kirkenes-Norvegia, è andato in scena ieri e replica oggi alle ore 21, al Teatro Cucinelli di Solomeo, in OPERA II Passione, una produzione del Teatro Stabile dell’Umbria e del Teatro Cucinelli di Solomeo, che coinvolge danza e musica. Un viaggio attraverso la rappresentazione della “Passione di Cristo”, in cui musica e danza interagiscono ai �ni creativi. La performance “Crisantemi” �rmata dalla coreografa Rossella Fiumi, che cura anche i costumi, è danzata dal performer Nikolay

Shchetnev. Con le compagnie del network N.U.DA. Contemporanea (Network Umbro Danza contemporanea) Alef-Residenza Dinamica/ Dance Gallery/ Deja Donne/ Segni Particolari/ The Clouds ( Oplas/Centro Regionale Della Danza Umbria) e Quartetto di Roma e Coro Canticum Novum di Solomeo. All’interno di OPERA II Passione CRISANTEMI ALEF\residenza dinamica, in collaborazione con Samovarteateret Kirkenes-Norway Crisantemi Elegia per Archi di Giacomo Puccini, Coreogra�a e costumi Rossella Fiumi. In scena Nikolay Shchetnev.

foto di Patrick Nicolas

di Ferrara. E’ da Orvieto che prende via un progetto pilota per la valorizzazione del patrimonio artistico italiano tramite l’utilizzo delle nuove tecnologie e l’attivazione multimediale. Il Teatro Mancinelli, che insieme ad Argot ha dato vita ad ArTè, riconosciuto come Teatro Stabile d’innovazione, si fa capo�la di un primo passo in questa direzione in concomitanza delle celebrazioni di Luca Signorelli. In un periodo di grande crisi economica generale, il progetto Palcoscenico Orvieto si propone di mettere in luce i tesori artistici della città dando al turismo nuovi stimoli, ma soprattutto l’obiettivo è di farlo in maniera del tutto innovativa. D’UOMO D’ORVIETO il Giudizio Universale di Luca Signorelli è il titolo del VISUAL SHOW in programma al Teatro Mancinelli di Orvieto dal 6 al 10 aprile, dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15 alle 18. L’ingresso è di 5 euro, il ridotto per studenti e residenti è di euro 3. Un vero e proprio spettacolo multimediale della durata di 20 minuti, ideato dal regista e Visual Director Paolo Miccichè e presentato da ArTè Stabile d’Innovazione e Visual Classics, azienda leader nella realizzazione di eventi visivi architetturali e musicali tramite l’utilizzo di nuove tecnologie visive e sonore. Il Giudizio Universale affrescato nel Duomo di Orvieto rappresenta il tema del primo Percorso Sensoriale di una serie prevista di “guide emotive” alla fruizione dei capolavori dell’arte italiana. Questa occasione permette agli spettatori di vivere un

viaggio sensoriale nel ciclo di affreschi del Signorelli, attraverso un percorso all’interno della scatola magica del Teatro, da sempre centro culturale della città e luogo deputato allo spettacolo. Al pubblico che entra al Mancinelli per assistere al VISUAL SHOW, il Teatro si mostra in tutta la sua �sicità ma poi, con l’alzarsi del sipario, invita i visitatori che lo hanno appena ammirato a ribaltare le funzioni e a salire sul palcoscenico per assistere al “suo spettacolo”. Videoproiezione ed audio spazializzato portano il pubblico in una “conoscenza emotiva” del capolavoro di Luca Signorelli che, successivamente, gli spettatori potranno ammirare nella Cappella di San Brizio nel Duomo di Orvieto, vicino al Mancinelli. Una polifonia di mezzi per depositare nell’animo di ognuno l’essenza della ricerca, attraverso l’arte, del segreto rapporto tra l’Uomo, il Divino e l’inconoscibile “al di là”. Uno strumento innovativo per un nuovo approccio ad una cultura viva, destinata al grande pubblico. Quello dedicato al ciclo degli affreschi del Signorelli è solo il PERCORSO 01 di quelli che potranno diventare una serie di percorsi relativi ad altre opere d’arte della città di Orvieto o della nostra regione o, perché no, del nostro Paese. Il progetto si presenta infatti come un esperimento che ha come protagonista una dimensione del tutto nuova della cultura, vista e vissuta con l’aiuto di nuove tecnologie in grado di aiutare i sensi ad apprezzare ed assorbire il

linguaggio dell’arte e della musica. IL TEATRO PALCOSCENICO DELLA CITTA’ ha recentemente avuto come avvio due workshop formativi che si sono svolti al Mancinelli con lo scopo di far acquisire una metodologia di lavoro applicata ad una reale occasione di impiego. Il Teatro Mancinelli, che negli anni ha consolidato la formula dell’iniziativa VISITA A TEATRO accolta favorevolmente dai cittadini e dai turisti, non solo continua così la sua opera di valorizzazione del patrimonio culturale cittadino, ma si propone come obiettivo l’”esportazione” di un format innovativo e di sicuro coinvolgimento emotivo,

potenzialmente applicabile ad altre realtà artistiche ed architettoniche. Per informazioni: www.teatromancinelli.it www.palcoscenicodellacitta.it Tel. 0763.340493

Parte oggi la seconda edizione con un calendario ricco di concerti fino al prossimo 7 aprile

Festival Orvieto Musica e Cultura D

a oggi al 7 aprile prossimo, va in ‘scena’ la seconda edizione del Festival “Orvieto Musica e Cultura”, promosso dall’omonima Associazione, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, Opera del Duomo e Teatro dell’Opera di Roma, in collaborazione con il Comune e la Cassa di Risparmio di Orvieto Spa. Un ricco cartellone di concerti sinfonici incentrati sulle composizioni sacre di grandi autori dal Settecento al XX secolo, che avranno per palcoscenico il Duomo di Orvieto, l’Auditorium di palazzo Coelli e il Museo Emilio Greco. Il programma: Sabato 31 marzo, ore 21,00 - Duomo di Orvieto Concerto d’organo - Musiche di Johann Sebastian Bach,Franz Liszt Felix Marangoni, organo - In collaborazione con Festival Organistico Internazionale Città di Treviso e della Marca Trevigiana; Domenica 1 aprile ore 16.30 - Duomo di Orvieto Concerto per tromba e organo - Musiche di Johann Friedrich Fasch, Gustav Mahler, Modest Mus-

soskij. Marco Pierobon, tromba - Paolo Oreni, organo; Lunedì 2 aprile, ore 21,00 - Auditorium Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto. Opera Ensemble, Quintetto Teatro dell’Opera di Roma Musiche di Franz Danzi, Wolfang Amadeus Mozart, Giuseppe Verdi, Gioachino Rossini, Franz Joseph Haydn, Carlo Enrico Macalli, �auto - Luca Vignali, oboe - Calogero Palermo, clarinetto - Alessio Bernardi, corno - Eliseo Smordoni, fagotto; Mercoledì 4 aprile, ore 21,00 - Auditorium Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto. Ensemble Berlin, Solisti dei Berliner Philharmoniker Musiche di J.S. Bach, L.v. Beethoven, Wolfang Amadeus Mozart, Felice Giardini Christoph Hartmann, Oboe - Luiz Coelho, Violino - Joaquin Riquelme, Viola - Clemens Weigel, Cello; Giovedì 5 aprile, ore 21,00 - Museo Emilio Greco Duo violino e violoncello del Teatro dell’Opera di Roma Musiche di Jean Marie Leclair, Niccolò Paganini, Maurice Ravel, George Frideric Handel, Johann Halvorsen, Enzo Bolognese,

violino - Andrea Noferini, violoncello; Sabato 7 aprile, ore 17,00 - Duomo di Orvieto. Orchestra e Coro Teatro dell’Opera di Roma, Wolfang Amadeus Mozart, Messa di Requiem K 626. Soprano solista, Ekaterina Sadovnikova, Mezzosoprano solista, Alisa Kolosova, Tenore solista, Pavel Kolgatin, Basso solista, Nicola Ulivieri, Direttore, Erik Nielsen; Domenica 6 maggio, ore 16,30 in Duomo di Orvieto, in�ne,

si esibirà il Coro Preparatorio del Teatro dell’Opera di Roma. Direttore Isabella Giorcelli. Coro Voci Bianche del Teatro dell’Opera di Roma. Direttore Josè Maria Sciutto. Info: Fondazione Cassa di Risparmio/Palazzo Coelli Tel. 0763.393835 - Opera del Duomo Tel. 0763.342477 e-mail: opsm@opsm.it www.opsm.it - Teatro dell’Opera di Roma, www.operoma.it e-mail: promoz ione.pubblico@operaroma.it


Sabato 31 Marzo 2012

cultura e spettacolo

Viterbo & AltoLazio

15

A Capranica riapre la stagione all’insegna della musica elettronica degli artisti Matthias Tanzmann Sossa e A.D.M

Torna Nature Beat alle Saline Summer Club A

ppuntamento l’ 8 aprile alle 22 presso Le Saline Summer Club di Capranica per gli appassionati di musica elettronica: torna Nature Beat, line up musicale �rmata Matthias Tanzmann, Sossa e A.D.M. Per l’occasione la location dell’evento è stata completamente rinnovata, per stupire sia da un punto di vista scenogra�co che, soprattutto, acustico. Le installazioni video saranno curate da Visual Jack. La Line up musicale vedrà

alternarsi Matthias Tanzmann, Sossa e A.D.M. Un breve refresh su questi artisti: Matthias Tanzmann mantiene da anni il ruolo che si è conquistato di Dj più atteso dei più celebri festival europei di musica elettronica, come il Time Warp o Awakenings. Merito anche delle due etichette discogra�che che ha fondato, la Cargo Edition nel 2006 e la Moon Harbour Recordings nel 2000. Vero e proprio pioniere di questo genere musicale ha una

sempre una consolle ad aspettarlo a Ibiza e le sue playlist sono state suonate dai maggiori Dj mondiali. Uno su tutti Moby, che ha remixato alcune sue tracce. Sossa è il nome d’arte di Alessandro Di Maria, sulle piste dal 1994. Dopo aver conquistato i locali riferimento di elettronica in Italia comeil Cocoricò o il Nove Nove è approdato nel resto d’Europa, potendo vantare esibizioni e stagioni da resident in club come il The End o il

Pacha di Londra o il Dc10 di Ibiza. Attualmente le sue produzioni sono pubblicate da tre etichette discogra�che e uno degli ultimi lavori gli è stato commissionato da Gabriele Muccino, che ha preteso una sua composizione per la colonna sonora del suo �lm. A.D.M. è il più giovane e anche il più promettente artista della Crew Artistica di questo Nature Beat. Neanche 25 anni e già tante conquiste: il suo nome è ap-

Nella Chiesa di San Biagio la rappresentazione sacra “Altius Imprime Sulcos”

Sabato 7 va in scena a Nepi Massimiliano Dau

S

abato 7 aprile alle ore 21 nella chiesa di san Biagio a Nepi l’attore Massimiliano Dau (di recente protagonista in tivù su Rai Uno nella miniserie “Il generale dei Briganti) porterà

in scena la rappresentazione sacra “Altius Imprime Sulcos”. Lo spettacolo rientra nell’ambito delle festività per la santa Pasqua, voluto dall’Amministrazione comunale

nepesina con il sindaco Franco Vita, l’assessore all’Istruzione Francesco De Fazio promotore dell’iniziativa, e l’assessore alla Cultura Bruno Coretti. “Altius Imprime Sulcos” è tratto dalle “Laudae” dei secoli XIII e XIV di Jacopone da Todi e “Maria alla croce” di Dario Fò. Diretto ed interpretato da Massimiliano Dau, e dedicato alla memoria di Antonio Pierfederici, lo spettacolo vede in scena Giovanna Carnevale, Claudia Amendola, Maria Grazia Bellano, Luciano Giuliano, Carmen La Rocca, Mario Focardi, Alessandra Cavallari e Michele Fazzitta. Aiuto regia Pamela Muscia, progetto gra�co di Giorgio Giardina e organizzatore generale a cura di Cristina Liberatore. L’ingresso allo spettacolo è gratuito.

parso nelle locandine dei principali club italiani,Muretto, Altromondo Studios, Vecchia Fattoria, Tnt Kamasutra ed è attualmente conteso dai club Europei, ultima performance lo scorso marzo a Colonia, Germania. Questo suo successo è sicuramente merito anche delle celebrities con cui ha condiviso la consolle, come Ilario Alicante, Ralf, Emanuele Inglese, Alex Picone, Daria, Radio Slave,Leon... Nonostante questa straordinaria Line Up musicale sia già una fortissima motivazione per non perdere questo evento, gli organizzatori di Nature Beat promettono grandi sorprese. E, visti iprecedenti eventi, le aspettative sono altissime. Tra le tante piccole attenzioni studiate per il pubblico Nature Beat un pullman che

farà servizio navetta da e per le Saline. Un’iniziativa che va a tutelare il tema della sicurezza stradale, a cui l’organizzazione è molto sensibile. Per informazioni sulle tratte e prenotazioni ecco il numero a disposizione: 3332212314. Per assicurarsi un biglietto in prevendita sono attive le linee di prenotazioni e informazione al numero +39 335.5756929. Chi preferisse acquistare i biglietti online può andare su www.ciaotickets.com o direttamente al link http://www.ciaotickets.com/ e v e n t o / n a t u r e beat?mini=calendar/1251/ 2012-04. Il prezzo del biglietto è di 18 euro in prevendita e 23 euro intero. Per ulteriori informazioni: www.naturebeat.it

Fuori Provincia...”La Passione di Cristo” va in scena a Fonte Nuova N

on è facile de�nire la Passione di Cristo rappresentata a Fonte Nuova in occasione della Pasqua. Non è una rassegna di canti quaresimali tradizionali, né un collage di brani tratti dal repertorio classico, nè un semplice teatro in strada. Si tratta di una manifestazione molto sentita, che incarna tutta la fede degli abitanti di questo piccolo comune alle porte di Roma. La sacra Rappresentazione a Fonte Nuova è infatti “fatta in casa”. Gli abitanti per una notte diventano protagonisti della processione del Venerdì Santo che assume da molti secoli a questa parte e in numerose città d’Italia, soprattutto centro-meridionali, un ruolo tipicamente teatrale. Il 1 aprile alle 21 in Via 2 giugno si terrà la XV edizione della Rappresentazione Vivente della Passione e Morte di Gesù. L’evento culturale e religioso mantiene intatto il suo fascino e la capacità di richiamare centinaia di persone provenienti da ogni parte della provincia. I punti di forza dell’intera rappresentazione sono i quadri scenogra�ci, nei quali vengono rappresentati i momenti salienti della Passione di Cristo. Ultima Cena, Orto degli Ulivi, Processo, Croci�ssione, senza dimenticare l’imponente scenogra�a itinerante del corteo della Via Crucis. Quella di Fonte Nuova, non è una Sacra Rappresentazione in senso “classico”, ma è declinata in forma moderna. Non ha la coralità che caratterizza lo spettacolo nella sua genesi originaria pur prevedendo la partecipazione in costume d’epoca di oltre 100 persone. In essa tuttavia una antica suggestione è presente, sviluppata attingendo a moduli riscontrabili nelle rappresentazioni più classiche della Passione: numerosissime persone accorrono ogni anno per ammirare questa suggestiva manifestazione religiosa.

La Passione coinvolge interpreti, non professionisti, in costume storico con scenogra�e che riproducono luoghi del territorio dove si è consumato il sacri�cio e la morte di Cristo che inizia nella casa di Lazzaro a Betania, prosegue con il tradimento di Giuda, l’arresto, il processo al Sinedrio, la condanna da parte di Pilato, con la �agellazione , La salita al Calvario per la Croce�ssione . Tutta la popolazione del territorio e zone limitrofe lavora per giorni alla realizzazione delle scene. Dai trucchi, ai costumi, alle scenogra�e. Fonte Nuova per poche ore si trasforma in Gerusalemme e ospita la scena più struggente della tradizione religiosa cristiana, quella che si è svolta sul Golgota, la quale ha tutta la potenza della storia sacra, con la musica che segna ogni scena caratterizzando ambienti e personaggi, suscitando emozioni ed empatia profonde. La manifestazione “Passione e morte di Gesù” è organizzata dalla Pro Loco con il Patrocinio di Comune, Provincia e Regione. Questo piccolo comune della sabina romana, che pochi ancora conoscono, si può apprezzare non solo per le sue qualità enogastronomiche, ma anche per le caratteristiche del suo territorio. Dalla Macchia Trentani, alla Valle Cavallara poi ancora la Macchia Mancini, e l’archeologica di Monte d’Oro c’è molto da vedere. Tra i frammenti di bosco a latifoglie, si alternano gli oliveti. Passeggiando nelle stradine bianche che attraversano la campagna del paese è affascinante notare fontanili, abbeveratoi e lavatoi numerosi nel territorio di Fonte Nuova a testimonianza della civiltà contadina. Il programma: Dove: Fonte Nuova, Via 2 giugno Quando – Domenica 1 aprile 2012 ore 21 Info – 347.4981564


almanacco

16 NUMERI UTILI

Viterbo & AltoLazio

Sabato 31 Marzo 2012

Oggi al Cinema

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Fortunato

SORIANO NEL CIMINO

• Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

21 Marzo - 20 Aprile Ariete

Che non sara’ una giornata con i fiocchi lo si intuisce dall’aria che tira. E la Luna nel Cancro conferma in pieno le “fosche” previsioni. Casa, figli e obblighi domestici in primo piano: tutto il resto deve attendere, partner e amore compresi! Piccoli malesseri trascurati da tempo richiedono attenzione; per i disturbi di natura psicosomatica ricorrete ai Fiori di Bach.

22 Giugno - 22 Luglio Cancro

In transito nel vostro segno, dove raccoglie le energie positive di Giove garante di buonumore, la Luna vi rende comunicativi e dinamici. Un imprevisto si trasforma in un’opportunita’ fortunata: un affare sara’ condotto felicemente in porto. Un eccesso di prudenza, in amore, potrebbe frenare lo slancio; se non vi buttate, rischiate seriamente di perdere il treno della felicita’.

23 Settembre - 23 Ottobre Bilancia

21 Aprile - 20 Maggio Toro

Portate a termine i vostri impegni quotidiani, con la coscienza a posto potrete staccare la spina e dedicarvi anima e corpo alla persona amata. La giornata e’ ideale per rendere un servizio a qualcuno che a suo tempo vi ha fatto ben piu’ di un favore. Single? Venere regala magia al vostro fascino. Vi garantisce una serata eccitante: farete una vera e propria strage di cuori!

23 Luglio - 22 Agosto Leone

23 Agosto - 22 Settembre Vergine

24 Ottobre - 21 Novembre Scorpione

22 Novembre - 21 Dicembre Sagittario

22 Dicembre - 21 Gennaio Capricorno

22 Gennaio - 19 Febbraio Acquario

FARMACIE (reperibilità)

Sebbene priva di fanfare e di effetti speciali, la giornata di oggi e’ comunque ammantata da un piacevole senso di tranquillita’. Le soddisfazioni di carattere economico, seppure modeste, non mancheranno; tutto sta nell’accontentarsi. Il mènage di coppia vi procura qualche grattacapo, ampiamente compensato pero’ dai momenti gioiosi che vi vedono uniti contro le difficolta’.

Basta il transito della Luna in Cancro sestile a Giove per rimettere le cose a posto; nelle finanze e nelle questioni pratiche oggi siete imbattibili. Ottime premesse per l’amore, specie se chi vi interessa bazzica i vostri stessi ambienti. Vi sentirete padroni di ogni gioco, capaci di affrontare qualsiasi sfida. E lo farete con scioltezza, con la massima determinazione.

Con l’appoggio di Giove, la Luna in Cancro a c q u i s t a entusiasmo e positivita’. Sono favorite tutte le iniziative, anche le piu’ ardite. Vi attendono conferme da parte dell’ambiente: successi a tutto tondo e bella serenita’ nella vita di relazione! Giornata ideale per viaggiare, ma anche per rintemprarvi a contatto con la natura, praticare un’attivita’ sportiva. Tentate la fortuna al gioco.

Gli astri vi sbattono in faccia le vostre mancanze: superficialita’ e atteggiamenti evasivi sono nel mirino. Dovendo concentrarvi su una certa questione, tenderete a trascurare la persona amata attirandovi addosso il suo malumore. Aumentate la quantita’ d’acqua ingerita: bevete molta acqua e lontano dai pasti principali. Diminuite anche la quantita’ di sale nel cibo.

21 Maggio - 21 Giugno Gemelli

Segnerete dei punti a vostro favore adottando un comportamento riservato: non date spago ai pettegolezzi che circolano nel giro delle amicizie. Una spesa non preventivata mette il budget un po’ sottosopra? Per porvi rimedio usate l’intelligenza. La giornata non prevede intoppi ne’ cedimenti; ideale per una pausa di riflessione, esercizi spirituali, letture e ascolto di musica.

Questo sabato p o t r e b b e rivelarsi poco diver tente. Questo, a meno che non lo passiate con gente di cui potete veramente fidarvi. Evitate locali troppo affollati o feste obbligate, vi innervosireste molto. In amore, non tenetevi dubbi o perplessita’, se ne avete: questo e’ il momento di chiarire le cose tra voi e il partner, di fugare ogni ombra e di arricchire il vostro rapporto di coppia.

Una certa i n q u i e t u d i n e, consiglia di concedere qualcosa di piu’ in termini di tempo sia ai vostri hobby che agli interessi. Qualche problema pratico, in famiglia, richiede la vostra massima attenzione. Ravvivate questa giornata, che potrebbe rivelarsi un po’ spenta, con qualche trovata divertente. In amore siete meno radiosi del solito. Cosa c’e’ che vi intristisce? Reagite.

Cinema Florida Piazza G. Marconi, 12

Concedetevi una pausa per fare il punto della situazione, prendendo in esame anche le esperienze del passato. Occupatevi della casa, delle questioni pratiche e delle finanze; tirando le somme, potreste scoprire una gradita sorpresa. Non potendo vantare un’ottima forma dovreste avere maggiore cura di voi stessi. A cominciare dall’alimentazione: cibi sani e di stagione.

20 Febbraio - 20 Marzo Pesci

Un grazie di cuore alla Luna in Cancro che porta energia positiva e buon umore. Giornata ideale per portare a termine con successo le attivita’ consuete, per una passeggiata nel parco con il cane. Per quanto riguarda l’amore, contate su un’intesa effervescente, grazie a nuove curiosita’ da soddisfare: un buon feeling di mente, a cui fara’ eco un ottima sintonia fisica.

Buona Giornata Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00

TARQUINIA

VITERBO

Cinema Genio Via Del Teatro Genio, 16 Buona Giornata Orario: 18,30 - 20,30 - 22,30 Cinema Trento Piazza Del Santuario, 51/A La Furia Dei Titani Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Cinema Trieste Viale Trieste, 30 Magni�ca Presenza Orario: 18,30 - 20,30 - 22,30

BAGNOREGIO

Cinema Alberto Sordi Via G. Matteotti, 2 Quasi Amici Orario: 21,30

CASTIGLIONE IN TEV.

Cinema Tevere Via Orvietana Buona Giornata Orario: 22,00

CIVITA CASTELLANA

Cinema Florida Via Del Forte, 26 Quasi Amici Orario: 17,30 - 19,30 - 21,30

MONTEFIASCONE

Cinema Gallery - Multisala Via Cardinal Salotti, s.n.c. E’ Nata Una Star Orario: 17,30 - 22,00 Magni�ca Presenza Orario: 17,30 - 22,00 Multisala Flavia Via Della Croce, 1 Buona Giornata Orario: 17,00 - 22,00 L’Altra Faccia Del Diavolo Orario: 17,00 - 22,00

Cinema Etrusco - Multisala Via Della Caserma, 32 La Furia Dei Titani Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Romanzo Di Una Strage Orario: 17,30 - 19,45 - 22,00 Ghost Rider. Spirito di Vendetta3D Orario: 18,00 - 20,00 E’ Nata Una Star Orario: 22,00 Buona Giornata Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00

VETRALLA

Cinema Excelsior Via Cassia, 277 - Cura di V. Buona Giornata Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00

VITORCHIANO

Cine Tuscia Village - Multisala Multisala Località Pallone, Vitorchiano Buona Giornata Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Magni�ca Presenza Fer. e Pref.: 18,00 Fest.: 15,45 Ghost Rider. Spirito di Vendetta3D Fer. e Pref.: 20,15 - 22,30 Fest.: 18,00 - 20,15 - 22,30 La Furia Dei Titani 3D Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Romanzo Di Una Strage Tutti i Giorni: 17,30-20,00-22,30 E’ Nata Una Star Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 The Raven Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30

ORTE

Cinema Alberini Via Del Plebiscito, 10 The Raven Orario: 21,45

Inviate le Vostre Programmazioni a: redazione@opinioneviterbo.it

PREVISIONI METEOROLOGICHE

OGGI 31 MARZO

ACQUAPENDENTE Corso Taurelli Salimbeni, 1 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CIVITA CASTELLANA Via Di Corte, 3/5 (08,30-13,00 e Notturna)

MONTEFIASCONE Via Cardinal Salotti, 48 (08,30-13,00 e 16,00-19,35)

SORIANO NEL CIMINO Via Ernesto Monaci, 96 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CANEPINA Piaz.le Cad. e Disp. 2a G. M., 1 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

FABRICA DI ROMA Via Roma, 79 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

MONTEROMANO Via V. Emanuele, 45 (09,00-13,00 e 16,30-19,00)

TARQUINIA LIDO Via Delle Sirene, 20 (08,30-13,00 e 15,55-19,30)

CANINO Via G. Garibaldi, 30 (08,35-13,00 e Notturna)

FALERIA Via San Giuliano, s.n.c. (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

NEPI Via Roma, 19 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

TUSCANIA Via Tarquinia, 53 (08,35-13,00 e 16,30-20,00)

CAPRANICA SCALO Via Della Stazione, s.n.c. (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

GRAFFIGNANO - SIPICCIANO Piazza Umberto I, 28 (09,00-13,00 e Notturna)

ORTE Piazza Del Popolo, 15 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

VEJANO Via Umberto, 53 (09,30-13,00 e 16,00-19,00)

CAPRAROLA Via F. Nicolai, 141 (09,00-13,00 e Notturna)

ISCHIA DI CASTRO Via Caporossi, 15 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

PIANSANO Via Roma, 16 (09,00-12,30 e Notturna)

VETRALLA CURA DI V. Via Cassia, 38/A (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

CARBOGNANO Via Fontavecchia, 38 (09,00-13,00 e Notturna)

LUBRIANO Via G. Marconi, 1 (08,30-13,00 e 16,30-19,00)

RONCIGLIONE Corso Umberto, 33 (08,30-12,55 e 16,00-19,30)

VITERBO Via Della Palazzina, 195/197 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CELLENO Piazza Della Repubblica, 3 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

MONTALTO DI C. (MARINA) Via Del Palombaro, 11 (09,00-12,00 e 16,00-19,00)

SAN LORENZO NUOVO Piazza Europa, 22 (08,30-13,00 e 15,55-19,30)

VITERBO - BAGNAIA Viale Fiume, 6 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

Sabato 31 Marzo

Domenica 1° Aprile

L’alta pressione rimane debole ma mantiene la sua posizione favorendo una giornata nel complesso soleggiata seppur condizionata da maggiori addensamenti su alta Toscana e dorsale in genere con ulteriori nubi nel corso della notte sui settori toscani. Più soleggiato come detto altrove. Temperature massime stabili o in lieve aumento, punte di 22° su zone interne. Venti deboli in prevalenza da OSO ma con rinforzi da SSE al largo delle coste dalla sera, da NO in quota. Mari quasi calmi o poco mossi, specie i bacini laziali.

Le regioni centrali sono nel limbo tra una saccatura atlantica che tenta di sprofondare sul golfo del Leone e un’altra che sfonda sui Balcani. Ne consegue un richiamo di correnti meridionali che determinano una giornata in parte soleggiata ma condizionata da addensamenti nuvolosi su alta Toscana, dorsale e zone adiacenti, nuvolosità variabile più diffusa dalla notte un po ovunque. Temperature stazionarie, in aumento su alta Toscana. Venti deboli o moderati in prevalenza tra SO e SSE sulle coste, specie laziali e basso toscane, variabili su interne ma con rinforzi da NE su alta Toscana, da ONO in quota. Mari poco mossi, a tratti mossi al largo i bacini laziali.


SPORT

� � �

17

Sabato 31 Marzo 2012

BASKET

La Belli Cgt nella tana dello Smit Per i romani sfida decisiva per centrare l’obiettivo dei play off

C

on la certezza del primo posto ormai matematico, la Belli CGT affronta in questo sabato pomeriggio l’ultima trasferta della regular season andando a far visita alla formazione romana dello Smit. Se per i neroarancio l’obiettivo può dirsi ormai raggiunto, in casa Smit questo match costituisce un crocevia importante per tenere vive le speranze playoff; la situazione nel girone è particol a r m e n t e i n g a r b u gliata, ci sono ben sei formazioni racchiuse in soli quattro punti che lottano per i piazzamenti dal sesto all’undicesimo, nel segno di un equilibrio che non si è spezzato nemmeno dopo molti mesi di stagione regolare. Il quintetto capitolino è in serie positiva da due giornate, culminate con altrettanti successi al supplementare che dimostrano la grinta e la determinazione della formazione guidata in panchina

da coach Gabriele. In particolare l’affermazione casalinga contro Pamphili dimostra che lo Smit sa essere molto temibile specialmente sul proprio campo, dove è caduta anche la Virtus Praeneste e dove Terracina è riuscita a vincere solamente di un punto nonostante la grande rimonta dei padroni di casa nel secondo tempo. Bastano questi dati a far capire la difficoltà dell’impegno che attende la Belli CGT, contro un’avversaria che segna circa 63 punti per gara e ne s u b i s c e 63,6 di m e d i a . N e s s u n giocatore dello Smit è nelle prime quindici posizioni della classifica marcatori del girone, ma sono diversi gli elementi che possono risultare decisivi per la squadra romana, chiamata all’impresa di battere la capolista per continuare ad inseguire i playoff. Per la Belli CGT è una sfida da affrontare in

Nel team viterbese sarà assente Bitetto. Si confida nei recuperi di Mulè e Tola

PALLAVOLO - A fine aprile il Trofeo delle Provincie

La stagione del mini volley riscuote un grande successo

L La Belli vuole un altro successo condizioni tutt’altro che brillanti: Peroni, fermo da qualche settimana per un problema alla caviglia destra, ha iniziato la fase di riabilitazione ma è probabile che tornerà a disposizione solo per i playoff, Bitetto, uscito anche lui per una distorsione alla caviglia nel corso del match contro Velester, è rimasto a riposo precauzionale nelle prime sedute della settimana e, anche se dovrebbe andare ugualmente a referto, una decisione sul

Atletica, ad Oriolo domani la terza prova del Trofeo “Villa” In azione i marciatori nell’evento regionale

S

i svolgerà domenica 1 aprile ad Oriolo Romano, con l’organizzazione della Pro Loco e con la regia di Francesco Farnetti, la 3^ prova Regionale del Trofeo “Fulvio Villa di Marcia”, manifestazione che apre anche la stagione agonistica 2012 Outdoor dell’atletica viterbese. Alla manifestazione prenderanno parte, a difendere i colori della Tuscia le squadre viterbesi dell’Alto Lazio Colavene e della Zona Olimpica Atletica Viterbo, compagini che in questi ultimi anni hanno saputo scalare posizioni importanti, ritagliando uno spazio importante dell’atletica regionale e nazionale. L’Alto Lazio si presenterà all’appuntamento con le

Tutti in azione ad Oriolo sue tre atlete più rappresentative, le Allieve Maria Vagnoni, Gina Pascal e Flavia Facchinetti, capaci la settimana scorsa a Firenze di conquistare il 3° posto nella classifica provvisoria nel campionati Italiano di Società 1^ prova, alle spalle della fortissima compagine dell’Atletica Don Milani di Taranto ed a ridosso

dell’Atletica Alessandria. La Zona Olimpica di Viterbo presenterà invece un gruppo nutritissimo di giovanissime, alcune alla prima uscita agonistica, capitanate dalla talentuosa Delia Pala, sul podio a Firenze nella categoria Cadette, nell’ultima gara nazionale disputata. La gara di Oriolo rappresenterà per la marcia viterbese il prologo per l’importante evento del 10 Giugno di Viterbo, dove saranno organizzati, a cura dell’Alto Lazio e della Kronos Roma 4, la 2^ prova nazionale dei Campionati di Società Allievi/e ed anche la 1^ prova del Criterium Nazionale Cadette, unitamente alla 6^ prova del Circuito Regionale “Fulvio Villa”.

suo utilizzo verrà presa solo all’ultimo momento. Stanno meglio invece Mulè, non entrato contro Velester, e Tola che soffre di una microfrattura al mignolo della mano sinistra. Entrambi saranno regolarmente a disposizione di coach Fausto Cipriani per questa gara. La palla a due del match è prevista alle 17,45 e gli arbitri saranno i signori Gianluca Taddei di Scandriglia (RI) e Daniele Giannuzzi di Palestrina (RM).

a stagione del minivolley continua, riscuotendo sempre maggiore partecipazione. Il movimento pallavolistico viterbese sembra avere ormai un futuro certo. Dopo il successo dei primi due appuntamenti a Tuscania e Grotte Santo Stefano, hanno fatto seguito i concentramenti di Bolsena dell’11 marzo e di Tarquinia del 25 marzo, organizzati rispettivamente Asd Bolsena Volley e dall’Asd Pallavolo Tarquinia. In entrambe le occasioni si è avuto modo di vedere la grande passione delle decine di società che hanno partecipato portando centinaia di bambini, divisi in categorie di primo e secondo livello, e la appassionata partecipazione di genitori e accompagnatori che hanno avuto modo di vedere in azione tanti piccoli sportivi in divise multicolore con la voglia di giocare e divertirsi. Ma allo stesso tempo è stato importante l’apporto degli Enti locali, che con la presenza delle autorità hanno confermato la loro vicinanza al mondo dello sport e della Pallavolo in particolare. Una festa per gli occhi questi incontri di minivolley che hanno

visto l’attenta organizzazione da parte delle società che li hanno ospitati, ma che sono stati anche occasione di solidarietà. Ha riscosso successo, infatti, l’iniziativa benefica promossa dall’Asd Bolsena Volley con l’intento di raccogliere fondi in favore del piccolo Ivan, affetto da una particolare malattia alla testa. Decine le società che hanno presentato diverse squadre e la soddisfazione è grande per il prof. Adriano Ruggiero, responsabile del Settore Minivolley e Scuola del comitato provinciale Fipav Viterbo, che con l’aiuto dei suoi collaboratori è riuscito a creare una macchina efficientissima, che sarà di nuovo in pista per gli appuntamenti successivi di aprile e maggio fino ad arrivare alla festa finale che salvo eccezioni si svolgerà i primi di giugno. Soddisfatto anche il Presidente del comitato provinciale Fipav Viterbo, Roberto Centini, che da sempre investe risorse ed energie per il settore da cui nascono gli atleti di domani e da cui provengono quelli che proprio quest’anno a Viterbo affronteranno a fine aprile la manifestazione giovanile più importante della regione, il Trofeo delle Provincie.


� �

sport

SPORT

18

Viterbo & AltoLazio

Sabato 31 Marzo 2012

SERIE D - Ecco le prime parole del nuovo tecnico gialloblu Oberdan Biagioni

“Non guarderò il nome ma la condizione”

P

rima conferenza stampa da allenatore per il nuovo tecnico della Viterbese Oberdan Biagioni. L’ex Lazio e Foggia non usa mezzi termini ed inquadra i progetti per il futuro: “Sono un tecnico a cui piace lavorare sul campo. Il mio credo calcistico si basa sul 4-3-3 non perchè vengo dalla scuola Zeman ma perchè credo sia il miglior modulo in quanto in base all’altezza del pressing offre una copertura superiore rispetto agli altri oltre a garantire una maggiore spinta

in fase offensiva.” Mancano poche giornate alla conclusione, vedremo prima della fine del campionato una Viterbese basata su questo schema? “Al momento credo sia impossibile stravolgere l’impostazione tattica della squadra, parlerò con i giocatori e darò continuità al progetto attuale. In seguito penseremo al resto.” Dove interverrà in vista del Castel Rigone? “Curerò l’aspetto mentale. Una squadra che subisce due 4-0 consecutivi ha evi-

dentemente perso gli stimoli. Il mio primario compito sarà quello di tirar fuori le energie residue da questo gruppo e provare a dare una classifica adeguata al blasone della società, anche perchè la Viterbese non merita la categoria Dilettanti.” Cosa è emerso dal confronto col precende allenatore? “Ho parlato con Conticchio stamattina (ieri nrd) e devo dire che mi sono confrontato con una splendida persona, tra l’altro molto preparata. Mi spiace che

la sua avventura in gialloblu si sia prematuramente interrotta ma purtroppo il calcio è questo e noi allenatori siamo i primi a pagare quando le cose non vanno. Gli auguro di trovare maggior fortuna alla prossima esperienza.” Come è il suo rapporto con la squadra? “Non sono un sargente di ferro, però se qualcuno non mi segue può tranquillamente andarsene. Userò il bastone e la carota e non mi farò condizionare dalla carta d’identità. In campo

scenderà solo chi mi garantisce i 90’.” Possono coesistere Vegnaduzzo e Majella? “Nessuna formazione di serie D può contare su due attaccanti di questo livello.

Il mio compito sarà di farli coesistere l’uno a fianco dell’altro anche perchè nessuno dei due ha le caratteristiche dell’esterno. Vedo Majella seconda punta e Vegnaduzzo come prima.”

SERIE D Biagioni sarà il futuro della Viterbese

A

margine della presentazione ecco le parole della dirigenza viterbese, rappresentata dal Presidente Graziani e dal DS Manfra. Il numero uno gialloblu svela i retroscena dell’ingagio di Biagioni: “Dopo la riunione tecnica svota Mercoledì abbiamo deciso di puntare non su un t ra g h e t t a t o re ma su un tecnico che potesse dare ampio respiro al progetto ed attuarlo anche negli anni a venire. Biagioni ha davanti a se un compito difficile, deve ridare dignità alla squadra e gettare le basi per la Viterbese che verrà. Da parte della società avrà tutto l’appoggio necessario per lavorare in serenità.” In ottica mercato dove interverrete? “Attualmente dobbiamo

Foto Andrea Di Palermo

“Chiudiamo la stagione nel miglior modo”

II presidente Graziani ed il DS Manfra svelano i retroscena dell’arrivo di Biagioni pensare a chiudere il più in alto possibile la stagione. Con Conticchio stavamo visionando alcuni innesti per migliorare la stagione per il prossimo anno, ora metteremo l’esperienza di Manfra a disposizione di Biagioni.” Tornando indietro qual è stato l’errore a monte di questa stagione fin qui sot-

to le attese? “Probabilmente l’errore è stato cercare giocatori non adatti alla categoria. In queste realtà serve la fame di mettersi in mostra e puntare le difficoltà a testa bassa. Al momento ciò non è avvenuto. La squadra è avvisata, le ultime Domeniche che rimangono saranno l’asticella da superare per

chi ha la volontà di rimanere alla Viterbese.” Vedremo qualche ragazzo della Juniores in campo? “Me lo auguro. Abbiamo un ottimo settore giovanile e spero ci sia lo spazio per far esordire qualche giovane promessa.” Il DS Manfra prima di addentrarsi nel progetto futuro tesse un ultimo elogio

al vecchio tecnico: “Ringrazio Conticchio per il lavoro svolto. In questo momento di difficoltà ha dimostrato di essere una persona intelligente ed attaccata a questo gruppo. La sua decisione è stata sofferta ma per il bene di tutti ha deciso di defilarsi provando a dare la scossa necessaria ai giocatori. Il

calcio è questo e dall’alto della sua esperienza lo ha dimostrato.” Cosa ti aspetti da nuovo tecnico? “Il suo curricolum parla chiaro. Ha maturato importanti esperienze sia sul campo che in panchina. L’obiettivo è chiaro, dobbiamo riportare la Viterbese in Lega Pro.”

iL

L

L

SERIE D - Designati gli arbitri per la ventinovesima gionata di campionato

La Flaminia alle prese col rebus difesa La pr ima uscita della Viterbese si baserà sul classico 4-4-2

A

l di là della notizia della settima, ossia le dimissioni dalla panchina gialloblu di Conticchio con annesso arrivo di Biagioni, Domenica si torna in campo con le nostre portabandiere impegnate nella ventinovesima giornarta di campionato. La Viterbese sarà di scena nella difficile trasferta di Castel Rigone dove si giocherà le risidue speranze di ridurre il distacco dalla zona play off. Il Civitacastellana Fla-

minia invece ospiterà al “Tutiddu Madami” il Voluntas Spoleto, in un match che si presenta come un dentro o fuori per la corsa ai play out. Ecco le designazioni arbitrali della giornata: Sporting Terni-Atletico Arezzo dirige il signor Andrea Milan di Padova Città di Pontedera-Città di Castello dirige il signor Michele Volpato di Merano Todi-Pianese dirige il signor Daniele Alfarè di

Mestre Castel Rigone-Viterbese dirige il signor Giosuè D’Apice di Arezzo Orvietana-Deruta dirige il signor Giuseppe Gennarelli di Camerino Z a g a r o l o - Po n t eve c ch i o dirige il signor Riccardo Chirigu di Carbonia) Pierantonio-Trestina dirige il signor Daniele Viotti di Tivoli Flaminia-Spoleto dirige il signor Salvatore Guarino di Caltanissetta S a n s e p o l c r o - S a n s ov i n o dirige il signor Dario Patri-

gnani di Roma 1. Dalle indicazioni degli ultimi allenamenti la nuova guida tecnica della Viterbese non porrà stravolgimenti all’impostazione tattica della squadra, mantenedo per il momento il classico 4-4-2 che vedrà in campo: Santi tra i pali. Cherubini, Franzese, Fapperdue, Nocerino in difesa. Di Marco, Storani, Testa, Cristiano a centrocampo. Vegnaduzzo, Morini in attacco. In pachina si accomoderanno: Scarsella, Majella, Cisterna, Pieri, Gnignera, Vanacore, Lispi. Passando alla formazione civitonica, il tecnico Lillo Puccica ha diversi grattacapi soprattutto nel repartro arretrato. Tra squalifiche ed infortuni i reds dovranno fare

a meno di Simmi, Eramo e Pieri. Formazioni rimaneggiata quindi anche se questo dovrebbe essere l’undici: Russo in porta. Stamenkovic, Rambaudi, Gilardi a comporre la classica difesa a tre. Luciani, Camerlingo, Buono, D’Antoni a centro-

campo. Fronte d’attacco con Taverna, Scardini, Capodaglio. Una vittoria riaprirebbe la corsa al duo Trestina Orvietana che attualmente occupano l’ultima piazza al di là dell’incubo play out, ovviamente Todi permettendo.


Viterbo & AltoLazio

� �

sport

19

SPORT

Sabato 31 Marzo 2012

2ª CATEGORIA - Il punto della situazione sulle società ancora in lotta per la salvezza

Infuria la lotta per non retrocedere

A

ndiamo ad esaminare i due gironi di Seconda Categoria con le viterbesi partendo dal basso, ovvero dalla lotta per la retrocessione che come di consueto coinvolge molte squadre che non hanno alcuna intenzione di deporre anzitempo il tomahawk. Nel Girone A, l’unica compagine in alto mare è il Barco Murialdina, che con soli 7 punti chiude la classifica. Ancora nessuna vittoria interna per i biancorossi, che pagano anche il dato che li vede

peggior difesa del campionato (60 palloni in fondo al proprio sacco). La Querciaiola è a -6 dalla salvezza ed è reduce da un brutto stop contro la Nuova Pescia Romana; i biancoazzurri ora affronteranno una delicatissima trasferta contro il Celleno, che occupa la terzultima posizione e si trova a -4 dalla salvezza dopo il successo interno di domenica contro la Virtus Marta. I cellenesi in casa hanno raccolto 14 dei loro 18 punti in classifica, e dovranno sperare proprio nel

Barco Murialdina che, domenica, affronterà la prima squadra ai confini del pianeta salvezza, l’Etrusca. Il club capodimontano non può fallire l’occasione di cogliere i tre punti, anche se va ricordato che il Barco ha ottenuto la sua unica vittoria stagionale proprio in trasferta. La Nuova Pescia Romana invece è reduce dal successo sopracitato contro la Querciaiola, e si porta a +5 dall’abisso: patrimonio di punti non certo pingue, ma che rappresenta la possibilità di tenersi per

ora alla larga da brutte sorprese. Invece, tra le viterbesi del Girone B, la Real Caprarola chiude la graduatoria con 17 punti in classifica: domenica riceverà uno Stimigliano in cerca di un successo per recuperare la testa della classifica. La salvezza per i caprolatti dista 5 punti: a sette turni dal termine, la squadra del Lago di Vico può ancora sperare nella rimonta. Il Calcio Sutri invece si trova a +9 dalla retrocessione, margine che potrebbe già

mettere al sicuro i sutrini. Domenica, con una vittoria potrebbe raggiungere gli avversari in classifica: la sfida di Anguillara potrebbe permettere ai granata di uscire dal periodo

Mister Carloni

IL PERSONAGGIO L’esperto tecnico civitonico parla della squadra

negativo, sottolineato dalle eloquenti dichiarazioni del presidente Mamma sulla presunta mancanza di spirito agonistico dei propri giocatori. di Gabriele Ludovici Foto Andrea Di Palermo

N

el Girone A della Prima Categoria, la lotta per la salvezza sta coinvolgendo ben più di una squadra, tra cui la Valleranese di Giancarlo Carloni. I neroverdi occupano il 12° posto e si trovano a +5 dal terzultimo posto occupato dal Vignanello. Carloni dovrà condurre alla salvezza una squadra che, grazie a lui, ha ritrovato �ducia e risultati; resta il rammarico per la s�da persa domenica sul campo del Montalto: “E’ stata una scon�tta che ha dell’incredibile: siamo riusciti a creare cinque palle gol davanti al portiere, poi siamo passati in vantaggio e in seguito abbiamo sbagliato un rigore, perdendo in�ne 2-1. Il risultato è stato negativo ed ora ci attende una trasferta dif�cile contro il Capranica, dato che abbiamo molti giocatori infortunati e che quindi non sono nelle migliori condizioni.

Valleranese

Carloni, la corsa alla salvezza continua Con il nuovo tecnico, la Valleranese è riuscita a recuperare il terreno perduto Non è stato un campionato facile per la società di Vallerano: Carloni ha rilevato lo “storico” mister Patrizi (in carica dalla fondazione della squadra) a torneo iniziato, per invertire una tendenza che vedeva la squadra inabissarsi verso la retrocessione: “Il nostro obiettivo ora e salvarci, io sono qui da due mesi e quando sono arrivato la squadra navigava nei bassifondi. Ci sono state varie situazioni che hanno

determinato questa classi�ca ma ora, d’accordo con il presidente, faremo il possibile per mantenere la categoria.” Sul futuro della sua esperienza nella Valleranese e sulle prospettive di questa rosa, Carloni preferisce attendere la �ne del campionato: “E’ presto per parlare di futuro, vedremo in seguito con la società. Questo è un gruppo di ottimi ragazzi, siamo riusciti ad

uscire parzialmente dalla zona retrocessione grazie all’unità e parlare dei singoli sarebbe super�uo. La squadra ora punta al risultato, e nonostante sia composta solo da diciotto elementi farà di tutto per salvarsi.” A sette turni dalla �ne del torneo, le chances di salvarsi sono sicuramente aumentate; con Carloni, la squadra ha raccolto nove punti senza pareggiare mai: un ruolino di marcia che sta per-

mettendo alla società valleranese di trovarsi �nalmente fuori dai guai. Il calendario prevede anche qualche scontro diretto contro le altre squadre coinvolte nella bagarre salvezza.

In vista del prossimo turno, riportiamo le designazioni arbitrali: Per il Girone A: Blera - Montalto (Elisino di Ostia Lido), Capranica - Valleranese (Bellosono di Rieti), M. Romano - Cimina R.

(Giannotti di Roma 1), N. Sorianese - Doria S.M. (Pagliuca di Ostia Lido), Tuscania - Latera (Clemente di Tivoli), Vasanello - Castrense (De Rossi di Civitavecchia), Vignanello - V. Cimini (Moscetta di Roma 2) e V. Bolsena - P. Falisca (D’Ilario di Roma 1). Nel Girone D invece, la sfida tra la Fortitudo Nepi e la Pro Roma sarà arbitrata da Cinquepalmi di Roma 1.

G.L.

iL

L

L

3ª CATEGORIA - Il prossimo turno presenta sfide decisive per il torneo

Cicram e Bomarzo, il primato è ancora in gioco Oriolo e Sporting Bagnoregio non vogliono perdere terreno

A

ndiamo a presentare il prossimo turno dei due gironi di 3ª Categoria con le squadre viterbesi. Nel Girone A c’è ancora grande incertezza in merito alle prime posizioni, ed il finale di stagione prevederà una lotta serrata in cui saranno determinanti gli scontri diretti. La Polisportiva Cicram cercherà di difendere il primato, appena conquistato, contro l’Accordia. La società rossoblu è reduce dallo

sgambetto rifilato all’ex capolista Oriolo, e vorrà proseguire il trend positivo mettendo i bastoni fra le ruote dei ronciglionesi, che punteranno come sempre sui gol di Olaru. L’Oriolo, autentica macchina da gol con 75 reti in 19 partite, proverà a riconquistare la leadership ospitando una Tarkna Tarquinia che non perde dal 3 Dicembre e non vuole arrestare la propria salita in classifica nonostante i recenti numerosi

pareggi. La Doc Gallese è a -8 dal vertice; margine che ancora non annulla le chances della squadra di puntare alla promozione per la squadra che ha subito meno sconfitte nel girone assieme alla Tarkna (solo una). I gallesi ospiterano il S. Maria Assunta, squadra a pari punti, in una sfida che si preannuncia molto equilibrata. La Virtus Corchiano tallona le prime della classe ed avrà la possibilità di fare risultato ricevendo l’Oratorio Grandori, che fuori casa

ha sempre perso. Chiudono il quadro Am. Monte Romano – Civita Castellana CG, Atl. Tarquinia – Vicus Ronciglione e Barbarano R. – Castel S. Elia. Turno di riposo per la Civita Castellana. Nel Girone B il Bomarzo proverà ad allungare ulteriormente sulla seconda; ora è a +4 e si accinge a fare visita ai terzultimi del Real Vitorchiano. Lo Sporting Bagnoregio invece proverà a recuperare il terreno perduto affrontando in casa la Real Poot Viterbo, fanalino di coda del torneo. Si sfidano la terza e la quarta per provare a rientrare nel discorso promozione: la Virtus Acquapendente riceve l’Onano Sport che, in caso di vittoria, scavalcherebbe gli acquesiani in classifica. Il Real Montefiascone

L’Onano Calcio invece ospita l’Oratorio Madonna del Fiore, che nonostante la buona posizione in classifica ha ottenuto solo cinque punti fuori casa. In campo anche Arlenese – Zepponami, Canino – Bolsena e Sipic-

ciano – Grotte S. S.; i giocatori della Lubrianese invece potranno andare in gita nella Valle dei Calanchi, in quanto osserveranno il turno di riposo. G.L.


Pittarello. Scarpe di famiglia.

17

,70

23

29 -40%

Offerte valide sul punto vendita indicato, ďŹ no a esaurimento scorte, salvo errori e/o omissioni di stampa. Le foto dei prodotti sono puramente indicative.

,50

,70

39,50 -40%

sandalo in colori assortiti open toe in tessuto colorato con bordi a contrasto

17

,70

15

,00

25,00 -40%

29,50 -40%

9 decolletĂŠ in colori assortiti

decolletĂŠ in colori assortiti ,00

15,00 -40%

17

,70

29,50 -40%

decolletĂŠ in vernice

DONNA

ballerina in colori assortiti

17

,70

29,50 -40%

sandalo con pietre in colori assortiti


VETRINA

23

,70

23

,70

39,50 -40%

39,50 -40%

scarpa sportiva uomo Numeri dal 40 al 46 scarpa sportiva donna Numeri dal 35 al 41

Vi aspettiamo con tutta la famiglia all’inaugurazione del

Nuovo Punto Vendita il 31 marzo a Viterbo Via Garbini a fianco del C. C. E.Leclerc

IN PIÙ SI PUÒ VENIRE A PIEDI E TORNARE IN MACCHINA! PARTECIPA AL SUPER CONCORSO* PUOI VINCERE UNA

CITROEN C1!

Perchè sceglierci su due piedi. • • • • • • •

90 anni di esperienza nelle scarpe. 9 milioni di scarpe vendute ogni anno. Il prezzo più conveniente, sempre. Ampio assortimento per tutta la famiglia. Sempre in anticipo sulle ultime tendenze moda. La qualità migliore, sempre. Le migliori marche di calzature sportive.

• Semplicità e competenza al tuo servizio. *Ogni 20 € di spesa verrà consegnata una cartolina di partecipazione, concorso a premi valido dal 31 marzo al 15 aprile 2012. Estrazione entro il 10 maggio. Valore montepremi iva inclusa € 11.766. Regolamento disponibile presso il punto vendita.

www.pittarello-calzature.

L'Opinione di Viterbo - 31.03.2012  

L'Opinione di Viterbo - 31.03.2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you