Page 1

����������

p

������������������������������������������������������������� �������������� ���������� �������������������������� �������������������

MERCOLEDÌ 29 FEBBRAIO 2012 ���������������������

Anno III N. 46 - Euro 1,00 �����������������������

���������������������������������������� Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO

Politica

A Vallerano il ricorso di Mastrogregori si conclude con la nomina del Commissario di Mario Migneco

Regione

Cronaca

I furbetti dello scontrino traditi dalla fuga di notizie

Difesa e Regione Lazio uniti a beneficio della sanità pubblica

di Viviana Tartaglini

Servizio

a pagina 5

a pagina 3

a pagina 9

La sua posizione messa in discussione in quanto la moglie, avvocato, esercita ed è iscritta all’ordine a Viterbo

Mandolini, giudice di pace incompatibile

Q

ualcosa all’interno del Palazzo di Giustizia di Viterbo si è rotto o quantomeno incrinato. Da giorni ci arrivavano segnali su qualcosa e su qualcuno. Subito dopo i segnali sono iniziate ad arrivare le carte. Probabilmente c’è qualche “giustiziere” all’interno di questo Palazzo che, a suo dire, da troppo tempo ha taciuto “certe situazioni”. Insomma, mentre cercavamo di capire di cosa si trattasse, ecco il primo plico sul quale c’era scritto: “veri�cate e semmai… scrivete”. Non immaginate plichi di dimensioni enormi, non una scatola di scarpe, né tantomeno un cofanetto per anello bensì una bustina, di quelle che si usano per i messaggi d’amore e si spillano su un mazzo di �ori. All’interno un piccolo micro�lm da “leggere”. Letto il contenuto è iniziata la veri�ca e… l’informazione era corretta e quindi degna di essere data alla stampa. Può un avvocato esercitare le funzioni giudiziarie onorarie di giudice di pace nel circondario del Tribunale dove esercita la professione forense?

Il Comitato contro Fotovoltaico e Eolico nelle Aree Verdi ha inviato una lettera di allarme al ministro dell’Ambiente

Sì alle energie alternative, ma a quale prezzo? Le prostitute Negli ultimi anni il paesaggio rurale italiano è stato stravolto dagli impianti fotovoltaici ed eolici sorti in maniera incontrollata. Tutto ciò senza tenere in minima considerazione i danni sia ambientali che quelli eventuali per la salute pubblica. E questo con la totale indifferenza, se non con il consenso della politica nazionale e locale. Ora che, come si suol dire, i buoi sono scappati dalla stalla, si cerca di correre ai ripari. Ma non ci si poteva pensare prima? Forse le ragioni del business hanno �nito col piegare anche il buon senso... di Valeria Sebastiani a pagina 2

di Paolo Gianlorenzo a pagina 3

Cronaca

Cronaca

Le incendia la porta di casa Bomarzo ancora vittima “Volevo attirare la sua attenzione” di una serie di furti Ha confessato tutto il 48enne bassanese che all’alba di lunedì ha appiccato il fuoco all’ingresso dell’abitazione di una 50enne di origini romene. “Mi ero innamorato di lei e volevo attirare la sua attenzione”. L’amore è sempre rimasto platonico, mentre per il ‘focoso’ amante si sono aperte le porte del Mammagialla.

Da tre mesi la cittadina è in preda ai malvivneti. Una serie inaudita di furti che va avanti da troppo tempo. La popolazione è stanca di essere preda degli appetiti dei ladri che non risparmiano nessuno. Ieri mattina un altro tentativo di furto ai danni di una donna

Servizio a pagina 4

Arbitraggi Dopo il caos di Milan-Juve l’idea Cipolloni

Calcio Oggi recuperi di Promozione e Prima

Servizio a pagina 19

Servizio a pagina 21

dividono la giunta di Simona Tenentini a pagina 15

MONTEFIASCONE

Cacalloro solleva un “vespaio” di Michele Mari a pagina 13

VETRALLA

Aree verdi per bimbi parte la petizione di Emanuele Faraglia a pagina 14

residente nel centro storico. La signora, sentendo dei rumori provenire dalla porta d’ingresso ha dato l’allarme che ha fatto scappare gli scassinatori. La settimana scorsa, in un altro tentativo di furto, è stata individuata una vettura sospetta con targa risultata rubata.

Escrementi di cane trovata la soluzione

Servizio a pagina 4

a pagina 11

TARQUINIA

Servizio

SPORT - Le cronache e gli eventi della provincia

C

CIVITA CASTELLANA

Atletica Colavene Alto Lazio e Zona Olimpica super

Redazione via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - Centralino 0761.346807 - Fax 0761.1705337 Email: redazione@opinioneviterbo.it

Servizio a pagina 23


cronaca

2

Viterbo & Mercoledì 29 Febbraio 2012 AltoLazio

LA DENUNCIA - Il Comitato Nazionale contro Fotovoltaico e Eolico nelle Aree Verdi mette in guardia sulle possibili conseguenze

Energie alternative dannose alla salute? di VALERIA SEBASTIANI

S

erve sempre che si giunga alla catastrofe in Italia perché si ponga la dovuta attenzione ad un problema. Ce lo ha insegnato l’amianto. Decine di persone continuavano a morire di tumore. Studiosi pubblicavano ricerche sull’altra tossicità dell’Eternit, ma niente. Abbiamo dovuto aspettare che l’intero paese ne fosse invaso per “svegliarci”. E’ quello che sta accadendo con le energie alternative. Sembra un �lm già visto. Eppure la maggior parte dei cittadini pensano che le migliaia di comitati sorti in tutta Italia e nel mondo, contrari all’installazione selvaggia di impianti eolici e fotovoltaici, fondino la loro contrarietà su motivi puramente estetici, su tornaconti personali. Eppure dovrebbe riguardarci tutti. Dovrebbe essere un nostro dovere sapere, informarci. E’ del futuro nostro e del nostro ambiente che si parla. Nella Maremma laziale, nella vasta pianura che si stende tra Tuscania, Tarquinia e Montalto, verranno installati 1200 ettari di impianti. Una terra che ha sempre dato buoni frutti. A cosa e a chi servono? Qui non si parla di autoconsumo. Dif�cile non pensare alla speculazione. Forse sarebbe il caso di dedicare 5 minuti del nostro tempo alla denuncia di “grave

emergenza sanitaria nazionale” che il Comitato Nazionale contro Fotovoltaico ed Eolico nelle Aree Verdi, a cui si sono aggiunti 20 associazioni e comitati oltre a persone interessate, ha inviato il 25 febbraio al Governo e in particolare al Ministro della Salute Renato Balduzzi e al Ministro dell’Ambiente Corrado Clini. I cittadini che vivono nelle immediate vicinanze di impianti fotovoltaici ed eolici industriali a terra sono sottoposti a grave rischio per la loro salute, così come sono a rischio interi ecosistemi. In particolare riguardo agli impianti fotovoltaici industriali a terra sono stati evidenziati, tra gli altri, i seguenti effetti: inquinamento elettromagnetico generato dalle cabine di trasformazione, dai cavidotti e dagli elettrodotti posti nelle vicinanze delle abitazioni; pericolo di incendi; abbagliamento; rumore causato dalle cabine di trasformazione; possibile dispersione di sostanze nocive (ad esempio cadmio) contenute nei pannelli, per rottura degli stessi o a causa di fenomeni naturali; danni esistenziali e neuropsicologici; inquinamento causato dai diserbanti irrorati a terra; variazioni microclimatiche nell’area circostante; peggioramento dello stato ambientale dei luoghi; danni agli ecosistemi; grave impatto visivo; ecc. Non sono effetti trascurabili, in

primis quelli legati all’inquinamento elettromagnetico. L’Organizzazione Mondiale della Sanità e lo Statuto della Comunità Europea invitano ad applicare il principio di precauzione che afferma che “occorre usare con prudenza e cautela tutte quelle tecnologie che non risultano essere sicuramente innocue”. L’Istituto Superiore della Sanità già dal 1995 ha evidenziato la correlazione tra esposizione ed aumento del rischio di leucemia infantile. L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (AIRC) nel 2001 ha classi�cato i campi elettromagnetici come “possibilmente cancerogeni per l’uomo.” Altri ricercatori hanno constatato un drammatico incremento di patologie croniche e gravi, nonché il moltiplicarsi di ulteriori disturbi, come insonnia, vertigini, emicrania, impotenza, ecc, tutti riconducibili all’esposizione a fonti di campi elettromagnetici. Il problema maggiore nasce per i cosiddetti “effetti a lungo termine”, derivanti da esposizioni prolungate anche a dosi di centinaia di volte inferiori a quelle stabilite per proteggersi dagli effetti immediati (per esempio un’abitazione situata vicino ad elettrodotti, cavidotti, cabine di trasformazione ecc.). Tali effetti possono essere rilevati solo da indagini epidemiologiche sulle popolazioni esposte per lunghi

periodi. Per le basse frequenze, molte indagini hanno dimostrato che vi è certezza scienti�ca del rapporto causa-effetto di un aumento dell’incidenza di alcune gravi patologie, tra le quali la leucemia infantile, o il tumore alla mammella maschile. Gli impianti eolici non sono da meno: inquinamento da rumore; esposizioni al rumore a bassa frequenza, sindrome da turbina eolica. Un numero rilevante di questi impianti è stato installato a ridosso di abitazioni. Le fasce di rispetto, cioè le distanze minime dai singoli edi�ci, sono state decise in maniera del tutto arbitraria. Le linee guida nazionali suggeriscono attualmente 200 mt quando l’Accademia Nazionale Francese di Medicina raccomanda la costruzione di turbine eoliche a un minimo di 1.5 Km dalle abitazioni; 2,5 km sono invece consigliati dagli esperti interpellati dalla provincia dell’Ontario (Canada) che ha condotto gli studi più avanzati in materia. Un minimo criterio di prudenza imporrebbe una distanza minima di almeno 1,5 km. “Siamo di fronte ad una violazione di diritti umani internazionali - spiegano dal Comitato fondamentali allorquando i pubblici amministratori, nel desiderio di raggiungere gli obiettivi

energetici (e miseri indennizzi per il bilancio dei loro Comuni), agiscono a detrimento della salute e della dignità delle famiglie. Gli abitanti che vivono a ridosso di tali impianti chiedono al Governo lo smantellamento degli impianti industriali fotovoltaici ed eolici situati in prossimità di case di civile abitazione, dovendo essere riconosciuto prevalente il diritto alla salute dei cittadini. Chiedono che il Governo: conferisca ai Prefetti poteri d’emergenza al �ne di poter essi autonomamente individuare tutte le irregolarità che hanno consentito l’installazione di impianti a ridosso di abitazioni; preveda l’emissione di ordinanze di smantellamento degli impianti irregolari; inasprisca le pene per “falsa descrizione del territorio” �nalizzata ad ottenere l’autorizzazione del progetto; renda obbligatori, di concerto con gli abitanti e/o proprietari,

i sopralluoghi preordinati all’approvazione dei progetti al �ne di veri�care la corrispondenza della descrizione del territorio in progetto con lo stato effettivo dei luoghi; preveda l’assoluto divieto di integrare i progetti incompleti ed inidonei alla reale descrizione del territorio, con conseguente inef�cacia degli stessi; elimini ogni dubbio circa la possibilità di qualsivoglia tipo di sanatoria; vengano applicate misure di diminuzione sull’impatto ambientale con la riduzione della super�cie dell’impianto o allontanamento dello stesso dalle abitazioni; siano boni�cati i siti alterati con il restaurorinaturalizzazione dei luoghi secondo lo “status quo ante”; che le Sottostazioni elettriche per l’immissione di energia prodotta da impianti eolici e fotovoltaici sulla rete nazionale vengano allontanate da insediamenti abitativi”.


Mercoledì 29 Febbraio 2012 Viterbo &

AltoLazio

cronaca

L’incompatibilità si manifesta perché giudice e coniuge non possono esercitare nella stesso Tribunale. Il presidente Pacioni chiamato a derimere la posizione del suo giudice di Paolo GIANLORENZO

N

uovi parche, invQualcosa all’interno del Palazzo di Giustizia di Viterbo si è rotto o quantomeno incrinato. Da giorni ci arrivavano segnali su qualcosa e su qualcuno. Subito dopo i segnali sono iniziate ad arrivare le carte. Probabilmente c’è qualche “giustiziere” all’interno di questo Palazzo che, a suo dire, da troppo tempo ha taciuto “certe situazioni”. Insomma, mentre cercavamo di capire di cosa si trattasse, ecco il primo plico sul quale c’era scritto: “veri�cate e semmai… scrivete”. Non immaginate plichi di dimensioni enormi, non una scatola di scarpe, né tantomeno un cofanetto per anello bensì una bustina, di quelle che si usano per i messaggi d’amore e si spillano su un mazzo di �ori. All’interno un piccolo micro�lm da “leggere”. Letto il contenuto è iniziata la veri�ca e… l’informazione era corretta e quindi degna di essere data alla stampa. Può un avvocato esercitare le funzioni giudiziarie onorarie di giudice di pace nel circondario del Tribunale dove esercita la professione forense? Questo il quesito posto al Consiglio Superiore della Magistratura che, peraltro, si era già espressa in tal senso con un documento uf�ciale nella seduta del 15 maggio 2003. Il Csm nel pronunciarsi sulle incompatibilità del giudice di pace, elencava tutta una serie di situazioni ed ipotesi che sgombravano il campo da futuri dubbi. Nel caso speci�co che riguarda Viterbo, il quesito era il seguente: Può l’avvocato Alessandro Mandolini esercitare la professione di giudice di pace onorario nel circondario di Viterbo dove anche la moglie esercita la professione forense?

3

Ceccarelli in Procura Patteggerà la pena? Q

uesta mattina, Massimo Ceccarelli, l’impiegato della Telecom, si presenterà davanti ai magistrati Tucci e D’Arma accompagnato dai difensori Massimo Meloni e Franco Taurchini. Dovrà dire poche cose e poi accettare, come si dice dagli ambienti ben informati, la proposta di patteggiamento della pena a due anni di reclusione che gli consentirebbe di poter uscire da questa brutta vicenda di corruzione con il male minore. Ceccarelli è uno di quelli �niti in carcere nell’estate del 2009 pizzicato dai carabinieri dopo aver intascato una tangente pagata dall’imprenditore Michele di Mario. Cosa dovrà aggiungere Ceccarelli ai magistrati?

A fianco l’estratto del certificato comulativo dell’avvocato Maria Chiani

Giudice di pace incompatibile

Secondo il Csm Alessandro Mandolini non può esercitare perché la moglie è avvocato a Viterbo Secondo il nostro suggeritore, o Mandolini smette di fare il giudice di pace o la moglie decide di trasferirsi ed esercitare la professione in altra città ben lontana da Viterbo. Questo, secondo il Consiglio Superiore della Magistratura, rientra nel caso di incompati-

bilità previsto dal comma 1 Bis dell’articolo 8 della legge 21 novembre 1991, n. 374, introdotto dalla legge 24 novembre 1999, n. 468 che stabilisce speci�catamente: “1 – Bis. Gli avvocati non possono esercitare le funzioni di giudice di pace nel circondario del tribunale nel

quale esercitano la professione forense, ovvero nel quale esercitano la professione forense i loro associati di studio, il coniuge, il convivente, i parenti �no al secondo grado o af�ni entro il primo grado”: Detto questo dove nasce l’incompatibilità dell’avvocato

Alessandro Mandolini giudice di pace di Viterbo? Semplicemente dal fatto che è coniugato con l’avvocato Maria Chiani, nata a Soriano nel Cimino, e regolarmente iscritta all’ordine degli avvocati di Viterbo dal 4 aprile del 2008, con studio a Soriano nel Cimino,

L’avvocato Diddi ha chiesto che sia interrogato. Porterà un argomento a piacere?

Paoloni bussa alla porta dei magistrati I

l professore universitario Mauro Paoloni “torna” sui banchi di scuola (metaforicamente parlando). Ha infatti chiesto di essere interrogato dai magistrati che lo accusano di aver commesso vari reati che vanno dalla corruzione alla turbativa d’asta. Cosa porterà in Procura, un argomento a piacere, oppure parlerà di quello che i magistrati gli anno contestato? Noi non lo sappiamo. Lo sa lui e l’avvocato Diddi. Le contestazioni, le carte, i documenti prodotti dalla Procura di Viterbo, inoltre, le conosce solo ed esclusivamente lui e sempre il suo avvocato, gli unici ad essere stati in grado di aprire i file consegnati dalla Procura su supporto multimediale. Mauro Paoloni è

sul baratro perché, secondo i ben informati, sarebbe stato bellamente mollato in mezzo al mare di carte e dovrà vedersela da solo. Con quello che ha guadagnato e guadagna non ha certo alcun problema nello scegliere un collegio di difesa adeguato. Il processo di Viterbo che si aprirà, infatti, vedrà nel nostro Tribunale l’élite dei togati. Da Franco Coppi a Bruno La Rosa, da Giuliano Migliorati a Giuseppe La Bella o da Massimo Meloni al “perry mason” Franco Taurchini. Insomma ci sarà da scrivere pagine e pagine di storie, fatti e circostanze sul più grande comitato d’affari e giro di corruzione che Viterbo abbia mai conosciuto. piggi

Il professor Mauro Paoloni userà la lavagna?

come si evince dal sito dell’ordine di Viterbo. Secondo l’atto dello stato civile del Comune di Viterbo, l’avvocatessa Maria Chiani, coniugata con Alessandro Mandolini, risulta residente nella Città dei Papi dal 2 settembre 2008 proveniente da Soriano nel Cimino. Secondo chi ha posto il quesito di incompatibilità, ci sarebbero anche responsabilità di omesso controllo da parte del presidente del Tribunale di Viterbo dottor Maurizio Pacioni il quale, sempre secondo quanto pronunciato dal Csm, sarebbe dovuto intervenire per regolarizzare la posizione del giudice di pace. Tant’è che i togati del Csm così scrivono: “…Considerato altresì che, ai sensi del capo 13° della circolare del 30 luglio 2002 e successive modi�cazioni e della normativa ivi richiamata, il presidente del Tribunale esercita la sorveglianza sull’adempimento dei doveri del giudice di pace, e segnatamente, dell’osservanza della normativa in tema di incompatibilità”. Pacioni, quindi, avrebbe dovuto contestare da subito la posizione irregolare di Mandolini e consorte. Cosa accadrà quindi al giudice di pace Alessandro Mandolini? L’eventuale risposta e spiegazione le potrà dare solo il presidente del Tribunale di Viterbo Maurizio Pacioni, al quale, probabilmente, sarà arrivato in copia il nostro stesso “pizzino”.

Il segreto di Pulcinella pubblicato tesmpestivamente dal Messaggero capovolge l’operazione dell’Agenzia delle Entrate

Cause ed effetti della cronaca in anteprima I

l Messaggero di domenica scorsa ha pubblicato la notizia dei controlli �scali effettuati dall’Agenzia delle Entrate sabato notte nella città di Viterbo. Anche Viterbo infatti, non è sfuggita alla nuova linea dura dell’Agenzia delle Entrate e del Ministero delle Finanze che stanno provvedendo a dare una ripulita al “nero” prodotto da qualche attività commerciale gestita dai “furbetti”. Quello che negli ultimi giorni si vedeva ai notiziari su scala nazionale e che si pensava non avrebbe mai riguardato la nostra provincia, l’incubo degli evasori �scali, si è con-

cretizzato a Viterbo con un blitz dell’Agenzia dell’Entrate che a tappeto ha veri�cato la contabilità di locali, bar, ristoranti e discoteche che tengono viva la “movida” viterbese nel week end. Dalla patinata Cortina alla Milano dei “�ghetti” �no alla trasgressiva Napoli passando per la scatenata Rimini, nelle ultime settimane sono stati effettuati controlli nei locali più o meno in voga di gran parte della nazione. Quello che viene spontaneo chiedersi, è come sia stato possibile che la domenica mattina già fosse riportata la notizia del blitz nella città di Viterbo visto che era successo la notte di sabato.

Abbastanza semplice la risposta: bravi giornalisti hanno le loro attendibili e sollecite fonti da cui ricavano le notizie. Ma i bravi giornalisti non lavorano solo per il Messaggero, ergo, la notizia era nota un po’ a tutti i quotidiani. Onde evitare di compromettere la riuscita dell’operazione, i più hanno taciuto questa “sof�ata”. Purtroppo la fuga di notizie c’è stata, e non solo sul giornale di domenica. Qualcuno ha informato qualche amico di quello che sarebbe accaduto durante la notte e i geni dell’evasione �scale si sono premuniti scontrinando come non mai dai tempi della “Febbre del Sabato sera”.

Hanno inoltre sollecitamente provveduto a regolarizzare i contratti dei lavoratori alle proprie dipendenze. L’aiuto del misterioso amico si è rivelato un’arma a doppio taglio per i “diligenti” commercianti che si sono armati di registratore di cassa e carta chimica: l’Agenzia delle Entrate notando una netta impennata degli introiti dichiarati e la quantomai sospetta data di assunzione di tutto il personale dipendente che risaliva solo al giorno prima, ha pensato bene di allargare le veri�che ad un periodo di tempo più lungo e procedere con il sequestro dei libri contabili di molte attività.

Adesso tutto è al vaglio degli inquirenti e siamo ansiosi di sapere nella nostra Viterbo così “bene”, quali sono le pecore nere che si nascondono dentro i loro suv, dietro i loro Rolex e i loro Ray - Ban tanto fashion. A quei commercianti che si sono �dati di amici degli amici del Messaggero, direi che forse certi amici è meglio averli come nemici se questi sono

i risultati. Chi avesse avuto qualcosa da nascondere oltre al danno ha subìto pure la beffa e adesso dovrà fare i conti con le autorità. Il vantaggio di tutto questo guardia e ladri invece, per una volta, potrà andare a restituire un po’ di serenità a tutti quei cittadini che pagano le tasse ed agevolare il lavoro dell’Agenzia delle Entrate. Viviana Tartaglini


cronaca

4

Viterbo & Mercoledì 29 Febbraio 2012 AltoLazio

L’imprenditore viterbese parteciperà al convegno sulle mafie con il senatore Giuseppe Lumia

Cici protagonista a San Marino di Mario MIGNECO

La ma�a è presente su questo territorio Viterbese”. A dirlo è il presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione dr. Ferdinando Imposimato, per anni in trincea tra indagini e processi contro la criminalità organizzata. Lo ha detto nel corso del convegno che si è tenuto giovedì a Civitavecchia all’aula Pucci dal titolo “E’ anche cosa Nostra. Le mani della ma�a sull’alto Lazio”, organizzato dall’associazione Caponnetto”. Imposimato ha aggiunto che “per combattere le infiltrazioni della ma�a, della camorra e della ndrangheta, c’è bisogno dell’apporto di tutti, primi fra tutti delle amministrazioni e dei cittadini comuni. Si è parlato tanto del “caso” dell’ imprenditore Viterbese Gaetano Cici, vittima della Mala e della Giustizia. “La città di Viterbo deve cambiare – ha dichiarato Cici - è ora di farla �nita con tutti questi giochi di potere, da otto anni sto combattendo con una so�sticata organizzazione criminale che ha l’accento romagnolo, celata a San Marino e che opera tuttora indisturbata su tutto il territorio Italiano. A San Marino, nelle prossime ore, giovedì 1 marzo alle ore 21,00,

si svolgerà la conferenza pubblica “La Piovra a San Marino” presso il Best. Western Palace Hotel a Serravalle R.S.M. Parteciperanno, il Senatore della Repubblica Italiana Giuseppe Lumia componente della Commissione Parlamentare Antima�a, il procuratore della Repubblica Italiana presso la procura di Rimini dr. Paolo Giovagnoli, la giornalista coautrice del libro “Ma�e a San Marino” dott.ssa Monica Moroni, moderatore il giornalista della redazione giornalistica l’Informazione David Oddone, apriranno i lavori il segretario dr. Giuliano Tamagnini e il vice segretario dr. Gilberto Piermattei della confederazione Sanmarinese del Lavoro. Il tema sarà quello della lotta alla criminalità organizzata e delle in�ltrazioni ma�ose. I ri�ettori saranno accesi sul “caso Cici” che sarà presente in sala con il suo avvocato difensore dr. Antonio Masiello di San marino. Cici fa sapere che, nelle ultime ore, è scesa in campo anche la Procura di Rimini, lo aveva già fatto in passato, ma non aveva la competenza territoriale. Dalle indagini sono emerse molte novità, la posizione dei vertici delle aziende incriminate ora è più pesante.

Gaetano Cici lotta da dieci anni per affermare il diritto di essere risarcito

San Marino

L’uomo si era invaghito di lei e per attirare la sua attenzione le ha incendiato la casa

Confessa il piromane di Bassano “

Sì, sono stato io. Mi ero invaghito di lei: per attirare la sua attenzione ho cosparso di benzina lo zerbino e poi ho dato fuo-

co ad uno scottex gettandolo sul pavimento”. Ha confessato tutto l’uomo che all’alba di lunedì ha dato fuoco ad una casa in

Bomarzo è vittima di una serie inaudita di furti, ieri mattina un altro tentativo, serve più controllo

U

na serie in�nita di furti sta colpendo la cittadina di Bomarzo da circa tre mesi. Ieri mattina verso le 10,30 un altro, ma per fortuna andato a vuoto. La signora Annamaria Buzzi, residente nel Borgo del centro storico, era in casa quando ha sentito dei rumori metallici provenire dal portone d’ingresso. Nessun dubbio, si trattava di dei ladri che stavano cercando di scassinare la porta del suo appartamento. La donna non ci ha pensato due volte e si è affacciata sul balcone dando l’allarme ai vicini. Sentendo le sue grida i ladri se la sono data a gambe. E’ l’ennesimo tentativo dei malviventi. Ormai si è perso il conto dei colpi e dei tentativi messi a segno. L’opinione pubblica è stanca, i cittadini non ce la fanno più.

Da troppo tempo il paese è il terreno di conquista dei lestofanti, che non hanno lasciato scampo a nessuno. Dal centro alle campagne non ci sono differenze, ogni momento è buono perché non c’è controllo. Alcuni giorni fa dei ragazzi hanno notato due persone scappare. Erano vestite con delle tute ed avevano il capo coperto da dei cappucci. Sono stati avvistati proprio dopo che era stato dato l’allarme ladri. Sembra che nelle immediate vicinanze ci fosse una terza persona che stava facendo da palo. Alcuni presenti hanno fatto in tempo a prendere la targa della vettura con la quale i ladri si stavano dileguando. Targa risultata poi, a seguito di controlli, rubata e appartenente ad un autocarro.

via Gai nel centro storico di Bassano Romano. Sono stati i carabinieri della locale stazione guidati dal maresciallo Andrea De Fusco a registrare le confessioni. Al contrario di quanto scritto da alcuni organi di stampa tra il 48enne bassanese e la 50enne romena non c’è mai stata una relazione. Un amore platonico. Ascoltato dai militari, infatti, ha riferito di non essersi mai fatto avanti. Ha agito solo per attirare l’attenzione della donna, “colpevole” di non provare alcun interesse per l’uomo. “E’ stato grazie alla freddezza dimostrata dal vicino di casa della romena – hanno spiegato i carabinieri - se il grave episodio accaduto ieri non è sfociato in tra-

gedia. Per fortuna – hanno continuato - il vicino è riuscito a domare l’incendio in una mezz’ora con diverse secchiate d’acqua. Se non fosse intervenuto tempestivamente, la donna sarebbe stata costretta a gettarsi dal secondo piano per mettersi in salvo, visto che la porta d’ingresso era bloccata, e chissà quali sarebbero state le conseguenze”. La palazzina, come detto ieri, è stata dichiarata inagibile dai vigili del fuoco, per questo la donna ha chiesto ospitalità a degli amici, mentre il vicino al figlio. Il 48enne, detenuto a Mammagilalla, dovrà rispondere di incendio doloso, ma la sua posizione potrebbe aggravarsi.

Ai domiciliari l’uomo arrestato a Pescia Un altro agricoltore caduto da un Romana, aveva 60 grammi di coca albero di olivo, è il secondo in due giorni

A

i domiciliari l’uomo arrestato dai carabinieri di Pescia Romana per spaccio di sostanze stupefacenti. Gli uomini del maresciallo Ferraro lo avevano beccato con 60 grammi di cocaina occultati nel vano della ruota di scorta della sua auto. Un ritrovamento avvenuto durante un normale controllo alla circolazione stradale. I legali, Antonello Marrocci e Giancarlo Capitani, sono riusciti ad ottenere una misura cautelativa di minore inten-

sità. Per questa ragione e per tutelare il loro assistito hanno diramato una nota stampa. Gli avvocati, entrambi del foro Civitavecchia, all’udienza di convalida dell’arresto tenutasi presso il locale carcere hanno presentato istanza al giudice. Istanza accolta dal G.I.P., Dott. Naspeca, nonostante la richiesta del Pubblico Ministero rivolta ad ottenere la custodia cautelare in carcere, ritenendo ricorrere i presupposti per l’applicazione dei domiciliari presso l’abitazione.

E

’ il secondo grave incidente occorso ad un agricoltore nel giro di due giorni. Sempre per una brutta caduta da un albero. Lunedì è toccato ad un sessantenne di Vetralla. Ieri ad un 75enne di Marta. Questo è il periodo della potatura delle piante d’olivo, pericoloso come la raccolta. Sono state quindi identiche le cause: un uomo arrampicato su di una pianta perde l’equilibrio e cade rovinando al suolo da altezze anche di quattro metri. L’ultima caduta si è veri�cata

verso le 9,30 di ieri mattina. Chiamato il 118 l’anziano è stato trasportato d’urgenza al Belcolle, ma non in pericolo di vita. Dai primi accertamenti pare che abbia riportato diverse fratture alle gambe. Più gravi invece le condizioni dell’agricoltore di Vetralla dove per trasportarlo d’urgenza al Gemelli di Roma è intervenuta l’eliambulanza. Si sospetta una lesione spinale. L’uomo è stati infatti ricoverato per parestesia degli arti inferiori e superiori.


politica

Mercoledì 29 Febbraio 2012 Viterbo &

AltoLazio

5

E’ il vice prefetto Giuseppina Reggiani che amministrerà il Comune fino a nuove elezioni

Vallerano, nominato il commissario di Mario MIGNECO

I

l commissario per il Comune di Valleranno è stato nominato. Ieri il Prefetto di Viterbo Antonella Scolamiero ha dato l’incarico al suo vice Giuseppina Reggiani. Guiderà l’amministrazione sino alle prossime elezioni. Si tratta dell’epilogo della vicenda che vede contrapposti l’ormai ex sindaco e la minoranza che ha contestato la sua elezione. L’opposizione di centrosinistra aveva presentato ricorso al Tar del Lazio per contestare la legittimità delle elezioni. Pomo della discordia l’iscrizione nelle liste elettorali di oltre 100 cittadini romeni, dopo il termine ultimo �ssato dalla legge, ossia 30 giorni prima del voto. Una fattispecie, secondo

Il sindaco di Vallerano Mauro Giovannini la giurisprudenza, che può essere applicata in casi particolari e solo per cittadini italiani. Ma l’amministrazione in

carica, guidata da Mauro Giovannini, ritenne opportuno applicare tale deroga anche per gli stranieri. Aroldo Mastrogregori,

Il candidato sindaco Aroldo Mastrogregori candidato sindaco per la lista “Uniti per Vallerano” ha impugnato davanti al tribunale amministrativo proprio questa deroga.

Si tratta del punto alla base del ricorso che il Tar ha accolto dopo otto mesi dalla presentazione. Con questa è stato di-

sposto lo scioglimento del consiglio comunale in carica. Il voto massiccio degli immigrati ha avuto anche dei risvolti penali. Uno dei romeni, anche lui iscritto fuori tempo, venne beccato dal presidente del seggio mentre fotografava la scheda appena votata con il telefonino cellulare. La preferenza era per Giovannini. Fatto che valse le ire delle opposizioni: Giovannini, per la consulenza legale, avrebbe già utilizzato duemila euro, soldi, secondo i suoi oppositori, provenienti dalle casse comunali. Ma Giovannini, se potrà tornare a vestire la fascia tricolore, soltanto quando il Consiglio di Stato accoglierà le sue istanze. In caso contrario i cittadini di Valleranno dovranno tornare a votare.

La Provincia si mobilita per i due militari arrestati in India che ora rischiano anche la pena di morte

“Salviamo i nostri marò”, due banner esposti a Palazzo Gentili

Villa Santa Paola è polemica sulla centrale a biomasse

E

Salviamo i nostri marò”: sotto una delle �nestre di Palazzo Gentili è esposto questo striscione. La Provincia ha così risposto all’appello lanciato dall’ex ministro della Difesa, Ignazio La Russa, e dai parlamentari del Pdl in favore della liberazione dei due marò italiani, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, che sono stati arrestati in India e che rischiano anche di venire condannati a morte. Da ieri mattina, infatti, sia

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Editore Cooperativa Editoriale Giornalisti Poligrafici amministratore unico Viviana TARTAGLINI

Iscrizione ROC n. 20469 Alessandro Giulietti Virgulti Simona Tenentini Valeria Sebastiani Emanuele Faraglia Viviana Tartaglini Fulvio Medici Andrea Di Palermo Michele Mari Giovanni Corona Mario Migneco Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) 0863.997451 - 06.55261737

Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Per la pubblicità

Coop. Editoriale Giornalisti Poligrafici TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 GRUPPO EDITORIALE STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

sulla facciata d’ingresso in via Aurelio Saf�, sia sul lato dello stabile che si affaccia su via Cavour, sono stati esposti due banner con la foto dei due ragazzi e con la scritta sopra citata. “Abbiamo ritenuto giusto accogliere l’appello lanciato dall’ex ministro La Russa – dichiara il presidente della Provincia di Viterbo, Marcello Meroi – per sensi-

bilizzare l’opinione pubblica sulla vicenda che riguarda Latorre e Girone, esprimendo così la nostra vicinanza a due servitori dello Stato che, con la benedizione del Parlamento Italiano e dell’ONU, stavano svolgendo il loro lavoro. La dinamica dell’incidente in cui sono stati coinvolti non è ancora chiara, ma �no a quando i due marò non

verranno liberati gli striscioni con i loro volti resterà af�ssi a Palazzo Gentili. Si tratta di un gesto semplice ma che interpreta la volontà della gente di questo Paese di rivedere i due marò tornare al più presto a casa sani e salvi. Ci auguriamo che lo sforzo diplomatico italiano riesca a centrare quanto prima questo obiettivo”.

’ polemica a Villa Paola sulla costruzione di un impianto a biomasse. Impianto al quale la Provincia avrebbe detto no. “La cosa ci lascia a dir poco sconcertati – dicono Americo Ciripicchio e Giuseppe Rea - dire no ad una caldaia a legna sminuzzata paragonandola ad un inceneritore di immondizia o a mega impianti da impatti ambientali perlomeno discutibili è francamente una cosa che non riusciamo a comprendere. Pensate – proseguono - che solo nella vicina Toscana vi sono oltre quattrocento di questi micro centrali a biomasse agricole e forestali che danno lavoro reale e duraturo a qualche migliaia di persone: impianti �nanziati tra l’altro in tutto o in parte dalla comunità europea. Forse che la Toscana o l’Umbria o il Piemonte, il Friuli, la Lombardia o ancora prima e di più il Trentino fanno parte di un altro stato?

Forse che la nostra Provincia – si domandano - è così ricca e piena di lavoro che può permettersi il lusso di negare qualsiasi nuova fonte pulita di energia? Capiamo a malapena la maggioranza che essendo stata sempre a favore del nucleare non riesce a vedere altre energie ma che anche tutta l’opposizione la pensasse allo stesso modo è una cosa molto imbarazzante e francamente orripilante. Anche perché alcuni di loro (non molti per la verità) li abbiamo intravisti ai convegni organizzati da varie associazioni universitarie o del territorio in cui eravamo invitati a spiegare il funzionamento – concludono - gli impatti ambientali ed i vantaggi economici di questi impianti ormai in uso nel nostro continente da quasi quaranta anni e che hanno fatto diventare le nazioni del nord Europa le prime al mondo per competitività”.

Danti: “Presenze turistiche si potranno comunicare solo on line” “

A partire dal 1° marzo 2012 la trasmissione degli arrivi e delle presenze turistiche da parte delle strutture ricettive del territorio tramite il modello C59, potrà essere fatta esclusivamente attraverso la compilazione on-line, pertanto i moduli cartacei non saranno più accettati”. A ricordarlo ad addetti ai lavoro e non è direttamente l’assessore provinciale al Turismo, Andrea Danti che ha coordinato tutto il progetto con i tecnici della Provincia. “La Regione Lazio – ha aggiunto Danti - ha sta-

bilito che, con decorrenza 1° gennaio 2012, tutti i soggetti titolari di esercizi ricettivi dovranno comunicare per via telematica gli arrivi e le presenze alla Provincia competente per territorio e alla Regione ai fini della rilevazione statistica del movimento turistico regionale”. Per la compilazione online del modello C59 basta collegarsi al portale ilmiolazio.it ed accedere all’area “trasmissione C59”. Si apre la pagine “Osservatorio regionale del turismo” che sulla sinistra propone l’accesso all’area

riservata. Per registrarsi bisogna cliccare sul link “registrati”, scritto con caratteri minuscoli nell’area grigia tra la casella per inserire la password ed il pulsante “accedi”. Dopo aver compilato il modulo di registrazione il sistema invierà una e-mail di conferma con un link per attivare l’account. A quel punto basta definire la password per accedere al sistema e compilare la scheda iniziale (caratteristiche della struttura) e subito dopo si potranno inserire i dati delle presenze del modello C59 ed inviare.


attualità

6

Viterbo & Mercoledì 29 Febbraio 2012 AltoLazio

Il corso, organizzato dalla Croce Rossa Italiana, rientra nel quadro delle attività volte alla diffusione del Diritto Internazionale Umanitario

D

al 13 al 24 febbraio 2012 presso la Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare/Comando Aeroporto di Viterbo, si è tenuto il 22° Corso di quali�cazione del personale delle FF.AA. per l’applicazione del D.I.U. (Diritto Internazionale Umanitario) dei con�itti armati. Al corso organizzato dal Corpo Militare della Croce Rossa Italiana su proposta della Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare/ Comando Aeroporto di Viterbo hanno partecipato Uf�ciali dell’Aeronautica Militare in servizio presso Enti del Comando Scuole, Uf�ciali dell’Esercito Italiano e dei Carabinieri in forza ai Reparti di Viterbo e Volontari della Croce Rossa Italiana per un totale di 18 persone. Il corso che rientra nel quadro delle attività volte alla diffusione del Diritto Internazionale Umanitario applicabile ai con�itti armati è stato articolato su una serie di lezioni teoriche, solitamente tenutesi la mattina, a cui hanno fatto seguito, nel pomeriggio, attività pratiche consistenti nell’applicazione a casi concreti di quanto precedentemente appreso; la direzione è stata af�data alla Sorella Anastasia Siena, Vice Presidente della Commissione Nazionale

Diritti umani nei conflitti, focus alla Scuola Marescialli Al termine dell’iter formativo diciotto nuovi qualificati in quest’importante settore

Libera, a quale vittima della mafia dedicare il coordinamento?

del D.I.U. mentre la Scuola Marescialli/Comando Aeroporto di Viterbo ha garantito il supporto logistico-organizzativo. Le lezioni sono state tenuti da esperti internazionali del D.I.U. e docenti provenienti dalle più prestigiose Università italiane.

A margine delle operazioni di chiusura, durante le quali sono stati consegnati i diplomi ai neoquali�cati, il Comandante della Scuola Marescialli e dell’Aeroporto di Viterbo, Col. Coppola, ha evidenziato l’importanza di questa attività in quanto quali�ca

gli Uf�ciali delle FF.AA. su tematiche di assoluta importanza nell’attuale contesto d’impiego dello strumento militare in operazioni fuori area e che si pone come valida testimonianza di collaborazione tra l’Aeronautica Militare e le altre Istituzioni dello Stato.

L

’associazione Libera di Viterbo lancia l’iniziativa: “A quale vittima della ma�a dedicare il coordinamento provinciale? “I volontari di LIBERA di Viterbo vogliono condividere questa importante decisione con il maggior numero possibile di persone, perché pensano che il Coordinamento non sia solo degli iscritti, ma di tutti quelli che tengono a valori come giustizia e legalità. Ci piacerebbe che venissero ricordate le vittime meno conosciute, per “scoprire” chi, seppur nell’ombra, ha contribuito a difendere la libertà e la democrazia del nostro paese. Vorremmo che le proposte fossero accompagnate da una motivazione, vi preghiamo di inviare o una email all’indirizzo viterbo@libera.it o partecipare al sondaggio lanciato sul nostro pro�lo di face-

book . A questo progetto abbiamo interessato anche le scuole del territorio, l’invito ha riscosso un notevole successo, sono circa 280 i ragazzi impegnati nello studio della vita di una vittima di ma�a di sei istituti, per la precisione hanno dato la loro adesione: - Istituto comprensivo Fantappiè: 4 classi - Liceo scienti�co Ruf�ni: 2 classi - Istituto F. Orioli: una classe - Liceo artistico: una classe - IPSIA: una classe - Istituto comprensivo Vasanello: una classe - ISIS Carlo Alberto Dalla Chiesa: 3 classi e 3 piccoli gruppi di ulteriori classi. Ringraziamo già da ora tutti quelli che parteciperanno e che condividono i nostri stessi ideali: SEMO TUTTI DE N’ SENTIMENTO!


& Mercoledì 29 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

attualità

7

Le domande vanno redatte con i moduli disponibili presso la Camera di Commercio

Imprese Storiche, si riaprono le iscrizioni al Registro nazionale n occasione del 150° anniversario della fondazione delle prime Camere di

I

qualsiasi settore economico, iscritte nel Registro delle Imprese e ancora attive, con

mere Ferruccio Dardanello e dal presidente della Camera di Commercio Ferindo Pa-

Commercio in Italia, sono state riaperte le iscrizioni al Registro Nazionale delle Imprese Storiche, istituito nel 2010 da Unioncamere per valorizzare le imprese che nel tempo hanno trasmesso alle generazioni successive il loro patrimonio di esperienze e valori imprenditoriali. Possono candidarsi all’iscrizione al Registro delle Imprese Storiche – e ottenere così anche il logo appositamente predisposto da Unioncamere – tutte le imprese di qualsiasi forma giuridica operanti in

esercizio ininterrotto dell’attività nell’ambito del medesimo settore merceologico per un periodo non inferiore a 100 anni. Tale requisito temporale deve essere maturato al 31 dicembre del 2011. Le candidature dovranno pervenire per le imprese operanti nella Tuscia alla Camera di Commercio di Viterbo entro il 23 marzo prossimo Attualmente le aziende della provincia di Viterbo iscritte al Registro delle Imprese Storiche, premiate lo scorso novembre dal presidente di Unionca-

lombella, sono: Fratelli Sorrini dal 1870, Orsolini Amedeo dal 1880, Antica Legatoria Viali dal 1891, Boccolini Arredamenti dal 1901, Of�cine Brugiotti dal 1906. Le domande, che vanno redatte sui moduli predisposti dalle singole Camere disponibili anche sul sito camerale (www.vt.camcom.it), devono essere corredate da: una breve relazione sulla vita dell’azienda dalla costituzione ad oggi, dalla quale si evinca, in particolare, la continuità storica dell’impresa;

copia della documentazione storica utile a dimostrare la data di avvio dell’attività o della costituzione, qualora queste non coincidano con quelle risultanti dalla visura camerale; eventuale copia di pubblicazioni e/o documentazione storica, sulle origini e sulla storia dell’impresa. Sarà inoltre particolarmente apprezzato per l’eventuale pubblicazione nel Registro delle Imprese Storiche l’invio preferibilmente già in formato elettronico del logo o marchio attuale dell’impresa, riproduzioni di documenti storici (atti, fotogra�e d’epoca, disegni o rappresentazioni gra�che di marchi), corredate di didascalie (data o periodo, descrizione del documento o della fotogra�a). Le domanda può essere inviata per raccomandata con avviso di ricevimento o con posta elettronica certi�cata all’indirizzo camera.commer cio.viterbo@vt.legalmail.cam com.it o presentata a mano presso l’Uf�cio Protocollo dell’Ente camerale in via Fratelli Rosselli n. 4 – Viterbo. La Camera di Commercio di Viterbo e l’Unioncamere effettueranno veri�che sulle informazioni rese al �ne di validarle da punto di vista storico-scienti�co.

Un servizio gratuito, attivato dalla Sie, per fornire un supporto a malati e familiari

Malattie ematologiche, ecco il numero verde

Raccolta ingombranti domenica al Riello

L

D

a SIE, la Società Italiana di Ematologia, riconferma anche quest’anno il suo impegno nel promuovere il Numero Verde 800.550.952. Si tratta di uno sportello telefonico gratuito, attivo da febbraio 2009, che ha già risposto a centinaia di chiamate di pazienti e familiari di tutta Italia offrendo un servizio fondamentale per tutte le persone coinvolte nella gestione delle malattie ematologiche, direttamente (i pazienti) o indirettamente (i familiari, gli operatori sanitari). Il Numero Verde, rea-

lizzato con il supporto di Novartis, è un servizio di consulenza attivo in tutta Italia dedicato alle leucemie e alle altre malattie ematologiche. “Oggi le terapie disponibili consentono di intervenire con successo sulle malattie ematologiche ma è essenziale orientare il paziente verso l’appropriato percorso di diagnosi e cura, oltre che supportarlo psicologicamente” – afferma il Professor Fabrizio Pane, Presidente della SIE – “grazie al Numero Verde si possono ottenere informazioni su

sintomi, esami, terapie e sulle strutture sanitarie di interesse ematologico: un aiuto concreto per i pazienti e per chi se ne prende cura”. Per avere informazioni e assistenza in campo ematologico, basta chiamare il Numero Verde, da telefono fisso o cellulare, per ottenere spiegazioni su sintomi, esami e terapie e sapere a chi rivolgersi, se non si è già seguiti presso una struttura ematologica. Dall’altro capo del filo specialisti ematologi rispondono alle chiamate e forniscono informazioni

generali sulle malattie ematologiche. Il servizio fornisce dunque un primo orientamento sulle strutture cui rivolgersi, sugli esami di laboratorio necessari, ed infine anche un supporto psicologico. Il Numero Verde non sostituisce infatti la visita dallo specialista ma rappresenta un vero e proprio sportello informativo telefonico di notevole aiuto a malati e familiari. Il Numero Verde della SIE è attivo tutti i martedì ed i giovedì dalle ore 15.00 alle 18.00

omenica 4 marzo torna l’appuntamento mensile con la raccolta straordinaria dei ri�uti ingombranti. L’appuntamento, promosso dall’assessorato all’Ambiente in collaborazione con il Cev, slittato nel mese di febbraio per ben due volte a causa dell’abbondante nevicata che ha interessato anche la città di Viterbo, è �ssato come di consueto al Riello, dalle 8 alle 18. Si ricorda che solo i cittadini residenti nel territorio del Comune di Viterbo (frazioni comprese) possono usufruire del servizio.

Presso il punto di raccolta non verranno accettati imballaggi di piccole dimensioni, bottiglie, barattoli, giornali, vasi, pneumatici usati, ri�uti inerti derivanti da manutenzioni (calcinacci, sanitari in ceramica), materiali in vetroresina, bombole, vernici e quant’altro etichettato come ri�uto pericoloso, in�ammabile, tossico e irritante. Al momento della consegna dei ri�uti va presentato al personale un documento di identità. Si precisa inoltre che verranno accettati ri�uti �no al riempimento dei cassoni.


ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE

6 6 5 0 4 6 6 2 900

I

D E I R L E G N E E C T S S O S

Compilando le apposite sezioni Sez.Com. “R.MILIONI” di

730 - UNICO - CUD

Viterbo

90026640566

LE SCELTE “8 e 5 PER MILLE” NON SON0 IN ALCUN MODO ALTERNATIVE FRA LORO

Donare sangue .... fa bene a te stesso, ma .... soprattutto agli altri Avis Comunale Viterbo Via E. Fermi, 15 Tel/Fax. 0761/236914

E-Mail avis.comunale@asl.vt.it www.aviscomunaleviterbo.it


regione

& Mercoledì 29 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

Mario Abbruzzesse e Giancarlo Miele presenti alla mostra “I ghetti nazisti”

I

l presidente del Consiglio regionale e del Forum dei Giovani del Lazio, Mario Abbruzzese ed il consigliere regionale delegato, Giancarlo Miele, hanno guidato una rappresentanza del Forum in visita alla mostra “I ghetti nazisti” presso il Complesso del Vittoriano, a Roma. All’evento hanno preso parte anche il presidente della Comunità Ebraica, Riccardo Paci�ci ed il direttore della Fondazione Museo della Shoah, nonché curatore dell’esposizione, Marcello Pezzetti. “Credo che serbare memoria della Shoah, evento storico vergognoso piani�cato e calcolato con inumana freddezza, sia diventato un vero e proprio dovere civico di ogni cittadino italiano”, ha dichiarato Abbruzzese. “Un dovere civico - ha continuato - che va onorato non solo ricordando, ma anche e soprattutto tentando di comprendere quanto accadde, approfondendo come e quanto le derive populistiche e totalitaristiche abbiano potuto provocare degenerazioni nel sistema di rappresentanza su cui si fonda lo Stato. E’ proprio per questo motivo che ho voluto sostenere questa meritoria iniziativa del Forum, af�nché i giovani della nostra Regione possano farsi portavoce di una nuova coscienza umanitaria, allo scopo di rifuggire dalla guerra, da ogni forma di odio razziale e da ogni fanatismo, sia esso religioso o politico”. L’appello del presidente ha trovato piena adesione nelle parole del consigliere delegato Giancarlo Miele: “Lo scopo dell’iniziativa è quello di diffondere tra le nuove gene-

razioni la consapevolezza degli orrori dei totalitarismi: e’ questo infatti lo spirito del Forum, che ha il compito di rappresentare i giovani del Lazio promuovendo sia iniziative di sensibilizzazione come questa, ma soprattutto facendosi garante all’interno delle sedi istituzionali delle necessità delle nuove generazioni. Pur trattandosi di un organo appena costituito – ha concluso il consigliere – la costante attenzione del presidente Abbruzzese e della presidente Polverini sono il segno più tangibile di come questo percorso sia iniziato nel miglior modo possibile a tutto vantaggio dei giovani della nostra Regione.” Per Riccardo Paci�ci: “Il rischio più grande che corriamo oggi è l’indifferenza all’odio e alle moderne discriminazioni violente. La stessa indifferenza di chi vedeva, nel pieno centro delle capitali europee, ghetti in cui venivano concentrati cittadini ebrei che �no al giorno prima erano parte del tessuto sociale ed economico di quelle stesse realtà”. La mostra resterà aperta �na al 4 marzo (ingresso gratuito). Il curatore Marcello Pezzetti, guidando la delegazione in visita, ha sottolineato i pezzi più particolari esposti al Vittoriano. A partire dalla bolla papale del 1555 “Cum nimis absurdum”, uscita per la prima volta dalla Biblioteca Casanatese, esempio di un antisemitismo religioso ed ideologico, esistente ben prima del nazismo e con presupposti diversi. Il resto della mostra è invece segnato dall’antisemitismo di matrice biologica, tipico del Reich, che in pochi anni ha fatto passare nell’immaginario collettivo l’idea dell’ebreo come una sorta malattia da estirpare. I ghetti, da questo punto di vista, sono stati l’anticamera dei campi di concentramento.

Dall’assessore Angela Birindelli un sostegno pratico ai produttori di Kiwi

A

ngela Birindelli, assessore alle Politiche Agricole del Lazio, in relazione alle azioni messe in campo dall’assessorato per rilanciare il comparto del kiwi colpito dalla batteriosi, ha annunciato: “Stiamo attivando un nuovo percorso per sostenere i produttori di kiwi attraverso la predisposizione di un bando ad hoc della misura 121 del PSR dedicato esclusivamente a �nanziare nuovi impianti di actinidia, con una dotazione �nanziaria di 5 milioni di euro”. “L’assessorato alle Politiche Agricole – aggiunge Birindelli – dal 2011 ha già impegnato 1,5 milioni di euro in favore degli indennizzi ai produttori costretti ad eradicare le piante di kiwi, previsti dalla legge ‘Misure di intervento a favore delle piccole e medie imprese agricole per la prevenzione ed eradicazione di �topatie e infestazioni parassitarie’. Interventi importanti che testimoniano la vicinanza e l’impegno dell’Amministrazione Polverini per tutelare il comparto

Insieme per la sanità R

egione Lazio e Difesa insieme per la sanità pubblica: questo l’obiettivo dell’Accordo Quadro per la cooperazione in tema di sanità pubblica siglato oggi, presso la sede della Regione Lazio, dalla presidente della Regione, Renata Polverini ed il Tenente Generale Federico Marmo, Capo Uf�cio Generale della Sanità Militare. Un’intesa tra lo Stato Maggiore della Difesa e la Regione Lazio che intende consentire il comune utilizzo di strutture, professionalità e mezzi della sanità civile e militare al �ne di realizzare progetti e attività cliniche che consentano standard qualitativi di eccellenza per tutta l’utenza civile e militare,

anche in termini di contenimento dei tempi di attesa per le prestazioni. Obiettivo raggiungibile grazie alla presenza nel Lazio di ospedali civili di rilevanza e riferimento nazionale e di strutture sanitarie militari dotate di strumentazione di elevata tecnologia, di mezzi e servizi impiegati in caso di pubbliche calamità con personale di elevata professionalità, maturata anche in scenari emergenziali all’estero. L’accordo permetterà il coordinamento di convenzioni già avviate e l’implementazione di nuove attività di cooperazione tra le strutture sanitarie civili e militari, le cui potenzialità potranno essere sfruttate ottimiz-

“Ai tirocinanti era stata data una chance”

Scambiare per negligenza l’onere �nanziario e la responsabilità organizzativa che ci siamo assunti per sostenere un progetto di politica attiva a favore di lavoratori svantaggiati, che integra il loro reddito e consente loro di svolgere un periodo di formazione presso gli Uf�ci Giudiziari della nostra Regione, è una strumentalizzazione da respingere con forza”. Lo dichiara l’assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio, Mariella

Zezza. “La protesta – prosegue - annunciata dai dipendenti di aziende in crisi del nostro territorio attualmente in cassa integrazione o mobilità, a cui è stata offerta una chance retribuita per riquali�carsi, appare pretestuosa e immotivata. Sarebbe bastata una telefonata per scoprire che il pagamento delle indennità di dicembre è già stato effettuato e che quello di gennaio è in fase di lavorazione. Come i tirocinanti sanno

I lavoratori minacciano una protesta e l’assessore spiega che la soluzione ai problemi sollevati era già avviata

del kiwi, unico primato agricolo del Lazio, ai quali si aggiungono le misure attivate per sostenere l’accesso al credito delle aziende agricole. L’assessorato ha stanziato in bilancio 1 milione di euro l’anno per il triennio 2011 – 2013 sulla legge in favore dei Con�di, e 2,5 milioni di euro per l’attivazione del fondo di garanzia ISMEA. Strumenti �nanziari fondamentali – conclude l’assessore – che concedono maggiore sicurezza economica alle aziende del Lazio in questo momento di crisi e, in particolare, consentono di sfruttare al meglio le opportunità di sviluppo offerte dal PSR che prevedono un co�nanziamento a carico degli imprenditori agricoli”.

Accordo Quadro siglato tra Difesa e Regione Lazio

I provvedimenti presi per i lavoratori svantaggiati dovevano aiutare non creare disagi

9

bene, le indennità mensili possono essere corrisposte solo dopo una veri�ca delle attestazioni di presenza inviate dagli Uf�ci Giudiziari. Si tratta di un rimborso di circa 300 euro, aggiuntivo rispetto al trattamento di cassa integrazione o di mobilità percepito, per il quale valgono le stesse regole applicate a tutti gli altri lavoratori svantaggiati. Evidentemente, però, qualunque pretesto è valido per denigrare una buona azione

amministrativa”. “Se iniziative come queste – conclude Zezza -, auspicate e sollecitate da molti altri lavoratori in dif�coltà, creano disagi e malcontento, sarà opportuno valutarne il proseguimento nello stesso ambito”.

zando l’ef�cienza di servizi, a volte non utilizzati al massimo per carenza di strutture, mezzi e specialisti. L’intesa, scaturita anche dall’attuale contesto economico-�nanziario e dall’esigenza di contenere costi e di ottimizzare le risorse disponibili, è �nalizzata al raggiungimento di una sinergia tra la sanità civile e quella militare, unendo le esperienze cliniche, universitarie e scienti�che maturate in Patria con quelle proprie delle

missioni militari anche con compiti sanitari svolti in contesti internazionali. L’Accordo Quadro, della durata iniziale di cinque anni, prevede la costituzione di un Comitato Direttivo (composto da rappresentanti della Regione Lazio e dello Stato Maggiore della Difesa) per la de�nizione dei programmi e delle iniziative nelle aree della ricerca, della formazione e per la veri�ca periodica dello stato di avanzamento dei progetti e degli obiettivi conseguiti.

L’onorevole Giuseppe Celli di Lista Civica indignato per il no del Governo agli aumenti di bollo e benzina previsti dall’ultima finanziaria regionale

R

iportiamo le dichiarazioni di una nota dell’onorevole Giuseppe Celli, capogruppo della Lista Civica Cittadini/e alla Regione Lazio. “L’impugnativa del Consiglio dei Ministri che censura gli aumenti di bollo auto e benzina approvati all’interno dell’ultima �nanziaria regionale mette a nudo le gravi criticità di un documento �nanziario approvato in mancanza di una programmazione seria e di coordinamento con il Governo. Già in fase di approvazione avevamo denunciato quanto la manovra fosse pesantemente squilibrata sul versante di tagli e tasse, senza il minimo segnale di sviluppo, lotta agli sprechi, riduzione delle consulenze, snellimento della macchina burocratica”. “Resta da chiarire come

la Regione coprirà i 100 milioni di euro di entrate stimate derivate dagli aumenti di bollo e benzina. Un ammanco che avrà pesanti ricadute in termini di disservizi ai cittadini e di mancata erogazione di servizi già programmati per l’anno in corso. Chiediamo pertanto alla Giunta di venire in Consiglio Regionale a riferire su come intende risolvere una questione di estrema rilevanza per i cittadini e le casse regionali”, ha aggiunto.


litorale

& Mercoledì 29 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

11

La legge punisce chi non raccoglie gli escrementi dei propri cani, ma spesso farla rispettare diventa difficile a causa dei costi elevati che sarebbero necessari a garantire un efficace controllo del territorio. La scelta del Comune di Tarquinia, di convolgere il mondo del volontariato nel trovare i trasgressori, è d’esempio per molti comuni della provincia di VALERIA SEBASTIANI

G

li escrementi dei cani sono un vero e proprio cruccio di chi deve provvedere al decoro urbano. E’ così che la città di Tarquinia si appresta a dar luogo ad una vera e propria battaglia in nome del decoro e dell’igiene dei giardini della città.La legge prevede sanzioni per i proprietari che trasgradiscono alle regole e non raccolgono gli escrementi dei propri animali ma spesso le limitate risorse dei Comuni non permettono che venga realizzato un capillare controllo del territorio da parte del personale pagato dall’Ente. E’ così che l’ amministrazione comunale, ha pensato di rivolgersi al mondo del volontariato, firmando un accordo con l’AEOP (Associazione Europea Operatori Polizia) per attivare un servizio di controllo contro i proprietari di cani, che non rispettano il regolamento comunale. «I volontari dell’AEOP potranno multare i trasgressori. – afferma l’assessore al Verde Pubblico Anselmo Ranucci – Non siamo più disposti a tollerare l’inciviltà di alcuni, anche perché abbiamo realizzato due parchi esclusivamente dedicati agli amici a quattro zampe. Le aree verdi sono spesso sporche, diventando inospitali. Un degrado, più volte segnalato dalla cittadinanza, che

Nelle foto accanto, da sinistra: l’assessore Anselmo Ranucci; un gruppo di volontari dell’Aeop

Escrementi canini, trovata la soluzione

Il Comune di Tarquinia ha firmato una convenzione con L’Aeop: i volontari potranno multare i padroni incivili sarà fermato. I possessori di cani hanno diritti ma pure obblighi da rispettare, tra cui contribuire a mantenere la pulizia, raccogliendo, con gli appositi attrezzi, le deiezioni degli animali. Molto importante per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema è stata l’esperienza del “Fido day” dello scorso anno, che sarà ripetuta ad aprile. Pochi maleducati non devono danneggiare le tante persone civili che frequentano i parchi pubblici della città». Non bisognava certo essere dei geni per individuare la soluzione alla quale è arrivato Ranucci, ma come sempre più spesso accade, la città di Tarquinia ha qualcosa da insegnare agli amministratori delle altre città e cittadine della provincia.I cittadini ringrazieranno ed anche i proprietari dei cani che diligentemente raccolgono da sempre gli escrementi dei propri animali che non si sentiranno più in “minoranza” per essere gli unici “civili”.

TARQUINIA - Il giovane, classe ‘84, è allievo della scuola dottorale in Scoenze Politiche dell’’Università Roma Tre

TizianoTorresi è il nuovo segretario nazionale del Meic

N

ato a Tarquinia nel 1984, il giovane Tiziano Torresi è il nuovo segretario nazionale del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale (Meic), l’aggregazione laicale dei laureati e degli intellettuali cattolici italiani. Torresi è attualmente allievo della Scuola Dottorale in Scienze Politiche dell’Università di Roma Tre, autore del volume “L’altra giovinezza”, (Premio Capri 2010), di numerosi articoli di attualità e ricerche di carattere storiografico. L’incarico al Maic è impegnativo quanto prestigioso. Il Movimento infatti è uno dei fondatori dell’International Catholic Movement for Intellectual and Cultural Affairs (Pax Romana ICMICA, un punto di riferimento fondamentale per il mondo culturale cattolico. Fondato nel 1933 come Movimento dei Laureati da Igino Righetti e da Giovanni Battista Montini, futuro Papa Paolo VI, per dare continuità alla formazione dei giovani universitari cattolici, esso ha conosciuto nei decenni uno sviluppo progressivo dei suoi temi di studio, dell’impegno intellettuale ed accademico e nel mondo delle professioni. Tra le sue fila si sono formati politici come Aldo Moro, Giulio Andreotti, Giuseppe Lazzati, Giorgio La Pira, Giuseppe Dossetti. Più di recente, anche il Ministro della Salute, Renato Balduzzi, è stato presidente del Meic. Il compito del giovane Torresi sarà quello di sovrintendere alla programmazione culturale, di organizzare e gestire la vita

e gli appuntamenti di un’associazione che attualmente conta migliaia di aderenti, riuniti in oltre cento gruppi presenti nelle Università di tutta Italia.

Tiziano Torresi

TARQUINIA - La scorsa domenica la scuola tarquiniese ha fatto incetta di medaglie nel torneo “Kabaeva”

“Arteritmica” rinnova i suoi successi a Frascati C

ome ormai avviene da molti anni, l’Arteritmica, scuola di ginnastica ritmica di Tarquinia, ha posto ieri sulla sua bacheca altre medaglie e coppe, grazie ai successi registrati nella giornata di Domenica ottenuti nel torneo “Kabaeva”. Le gare, svoltesi da mattina a sera presso Frascati, esattamente nell’impianto sportivo della Banca d’Italia, hanno visto la partecipazione di circa 350 bambine e ragazze, delle quali 51 provenienti dalla scuola tarquiniese, e tutte quante suddivise in categorie a seconda dell’età. Tra le esordienti dell’Arteritmica, alcune erano allo loro prima esperienza in gara, e si sono comunque comportate egregiamente. Tra le bambine che facevano parte di questa categoria ricordiamo, Bussoleti Gioia e Zannoli Sara, giunte prime nell’esercizio a coppia con la

specialità cerchio-corpo libero; poi Gloria Federici, Laura Magrini, Giorgia Mussa, Valentina Pestelli e Nicole Sabbatini prime anche loro nella squadra cerchio; nella stessa specialità, Marzia Ti�, Asia Pestelli, Gaia Ferretti e Sonia Carrano non sono andate oltre un comunque soddisfacente secondo posto ex equo con un’altra squadra. Nell’esercizio a squadre con la palla invece, Giulia Cirignotta, Fabiana Cognata e Erica Belardinelli si sono guadagnate una buona medaglia d’argento, mentre Altea Leardini, Veronica Pacini e Veronica Bondi sono state premiate con la medaglia di bronzo. In�ne, per concludere i piazzamenti delle esordienti, la squadra clavette composta da Federica Timperi, Ambra Desini, Martina Tosoni e Noemi Bernini, con un esercizio dif�cile per l’insidioso attrezzo, ha vinto

la gara a pari merito, grazie alla grande precisione delle bimbe che non hanno mai fatto cadere alcuna clavetta; Alice Sabbatini, Giulia Grassi, Irene Egidi e Elisa Cancedda, per terminare, sono giunte seconde ex equo, sempre nella squadra clavette. Passando in rassegna i risultati delle allieve, nella squadra cerchio, prime a pari merito sono arrivate Francesca Allegrini, Gaia Giovannangeli e Sabrina Carrano, seconde Maria Chiara Cirignotta, Giorgia e Lorenza Pintore, Miriana Piergentini mentre Chiara Conti, Federica Capitta, Elisa Velluti, Caterina Sartori e Giulia Lena hanno guadagnato il terzo posto. Altro primo gradino del podio per Vanessa Pacini e Federica Grassi nella coppia palla. L’ultima medaglia d’oro tra le allieve, l’hanno conquistata Marta Pace, Flaminia Cardi-

nali, Francesca Piras, Francesca Pandol� e Francesca Pacini, che seguendo la celebre musica del �lm “Harry Potter” hanno svolto un complesso esercizio col nastro. Tra le junior, la coppia cerchio Francesca Ciatti e Chiara Di Giovanni, è giunta solo terza anche a causa dell’uscita dalla pedana del cerchio, mentre ballavano sulla loro tarantella; prime in�ne tra le junior, Clarissa Navarra, Francesca Conti, Alessandra Bellini e Elena Brizi, con la squadra cerchio nastro. Questi ottimi risultati conseguiti dalle allieve sono la dimostrazione della dedizione che le bambine investono nello sport, anche grazie all’impegno profuso dalle insegnanti, che anzi tutto cercano di far divertire le loro piccole alunne, insegnando loro i fondamentali valori dello sport. Daniele Girardi


compresorio nord

12

Viterbo & Mercoledì 29 Febbraio 2012 AltoLazio

Tre nuovi cittadini “onorari” Domenica a Latera verrà conferita l’onoreficenza a Saponaro, Libertucci e Pulici

D

omenica 4 marzo 2012 a Latera si svolgerà un consiglio straordinario, durante il quale avverrà l’assegnazione della “Cittadinanza Onoraria” a tre illustri personaggi legati, per vari motivi, al Paese. Gli “illustri” in questione sono: l’On. Saponaro, Consigliere Regionale del Lazio; Prof. Libertucci, organista del Vaticano; Felice Pulici, grande sportivo, ex-portiere della gloriosa squadra di calcio S.S. Lazio.Nato a Ostuni (Br) l’11 ottobre 1948, L’On. Saponaro è sposato, ha due figli. Laureato in scienze politiche, ha un Master in internazionalizzazione. E’ giornalista pubblicista. Ha copmpiuto i suoi studi presso scuole cattoliche. L’esperienza nel volontariato, nello scoutismo hanno favorito la sua formazione attenta alle esigenze dei deboli e dei giovani, captandone esigenze e aspirazioni. Nel 1973 inizia a dirigere, per conto del Ministero del Lavoro, i corsi di qua-

lificazione per dirigenti di cooperative. E’ tuttora convinto sostenitore della formazione quale strumento di crescita culturale e imprenditoriale. Nel 1977 entra in Confcommercio Roma, la principale associazione di categoria di commercio, turismo e servizi. In pochi anni le sue qualità organizzative, il pragmatismo e la predisposizione alle relazioni esterne lo portano ad assumere incarichi sempre più importanti, fino alla nomina a Segretario Generale di Confcommercio Roma e di Confcommercio Lazio. Nel marzo 2010 viene eletto Consigliere regionale del Lazio nella lista civica Polverini. Dal luglio 2010 è presidente della X Commissione – Piccola e Media Impresa, Commercio e Artigianato e componente della I Commissione – Affari Costituzionali e Statutari. Nel settembre 2010 è stato designato membro del Comitato permanente per l’in-

La cerimonia si svolgerà in Comune alla presenza del sindaco e del consiglio

ternazionalizzazione (art. 7 L.R. n° 5 del 27/05/2008. Gianluca Libertucci è nato a Roma il 5 marzo 1967 . È organista nella basilica di San Pietro in Vaticano (Vicariato), della Cappella dei Santi Martino e Sebastiano della Guardia Svizzera Pontificia, delle Udienze Generali del Papa e della chiesa di Santa Maria dell’Orto in Trastevere. Felice Mosè Pulici, nato a Sovico il22 dicembre 1945 è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex giocatore italiano di ruolo portiere. Giocò nella Lazio, nel Mantova e nell’Ascoli in serie A. Laureatosi in giurisprudenza, esercita tutt’ora la professione di

avvocato. La cerimonia di conferimento delle cittadinanze onorarie si svolgerà in comune, alla presenza del Sindaco Luigi Fiorucci e di tutto il Consiglio Comunale. A Libertucci, Pulici e Saponaro, verranno consegnate una pergamena attestante il conferimento della cittadinanza onoraria ed una targa ricordo. Al termine della cerimonia, partecipanti e rispettive consorti si ritroveranno al Centro Polifunzionale, per gustare un luculliano pranzo, in onore del lieto evento.

Dall’alto a sinistra: Saponaro, Libertucci, Pulici

Sebastiani e Furzi

TUSCANIA - Domenica verrà presentato il primo e-book sulla città

ACQUAPENDENTE - Richiesto di un attraversamento” il riconoscimento di “calamità naturale” “Diario D omenica 4 marzo, alle ore dalle ore 17,00 la compagnia Ilaria Drago e Padpad Revolution presentano il documentario e l’e-book sulla città di Tuscania “Diario di un attraversamento”. L’evento si terrà presso lo Spazio Teatro Magazzini della Lupa, in via della Lupa, 10 - Tuscania . Fra le testimonianze: Enio Staccini, Fiorenzo de Stefanis, Silvia Acciaresi, Ione Kerr Ciccioli, Giancarlo Tizi... “Diario di un attraversamento” è frutto del laboratorio di giornalismo condotto da Antonio Cipriani, ed è un documentario sul reportage collettivo di Tuscania/LAB. Alla presentazione seguirà una discussione su giornalismo civile e conoscenze connettive . L’ingresso all’evento è completamente gratuito.

I

l Comune di Acquapendente rati�ca con Delibera di Giunta Comunale la richiesta alla Regione Lazio di riconoscimento dello stato di calamità naturale determinato dalle straordinarie condizioni metereologiche (nevicate che hanno creato condizioni di estrema criticità alla cittadinanza con rotture di reti idriche e di pome a servizio di impianti pubblici e privati alle quali lo stesso Ente a fatto fronte con interventi di straordinaria e somma urgenza data l’ampiezza e la gravità delle condizioni locali con mezzi e strutture private). In base alle normative vigenti (Legge 24 Febbraio 1992 N° 225, Deliberazione Giunta Regionale del Lazio N° 43

del 06 Febbraio 2012, Legge Regione Lazio N° 37 dell’11 Aprile 1985 articoli 13 e 29, Legge N° 225 del 24 Febbraio 1992, articolo

5 comma 4, Deliberazione Giunta Regionale N° 220 / 2009 ed, in�ne, Decreto Legislativo N° 267 del 18 Agosto 2000), si chiede dalla location di Piazza Girolamo Fabrizio anche agli organi statali e provinciali oltre che prioritariamente alla Pisana la concessione di bene�ci ed indennizzi previsti a favore del Comune e della sua popolazione, per il ripristino delle strutture pubbliche e private danneggiate oltre al risarcimento dei danni per la messa in sicurezza delle aree coinvolte. Contemporaneamente viene dato mandato alle strutture tecniche comunali di quali�care e quanti�care i danni subiti dal territorio e dalle sue strutture.

L’escursione della Cooperativa Curunas, tra natura e archeologia

A Tuscania con l’archeotrekking T

orna l’ “archeotrekking” a Tuscania. Sabato 10 marzo, alle ore 10,00 la Cooperativa Curunas propone un’escursione avvincnente che unirà la passione per il trekking alla visita di alcuni tra i più suggestivi paesaggi e reperti archeologici etruschi della città di Tuscania. L’escursione prevede infatti la visita alla tomba del Dado e alla Necropoli di Pian di Mola, alla quale si giungerà attraversando un incontaminato sentiero naturale. La prenotazone all’evento è obbligatoria e può essere effettuata telefonando al numero 0761 436371 o mandando un e - mail all’indirizzo: turistico.tuscania@libero.it entro l’8 marzo. Da un punto di vista tipologico la tomba del Dado rientra tra le tombe a casa con tetto displuviato, un gruppo limitato per numero e area di distribuzione, ma di enorme impor-

tanza per lo studio dell’architettura domestica coeva. La Necropoli di Pian di Mola è senza dubbio una delle più belle suggestive ed interessanti è ubicata in direzione nord rispetto all’attuale abitato, lungo la valle del Fosso Maschiolo. Fu in uso dal VII al II sec. A.C. Nel 1984 grazie al contributo della sezione dell’Archeoclub è stato individuato ed esplorato dalla Sovrintendenza , in questo sepolcreto, un monumento rupestre di epoca arcaica (VI sec. A.C.) del tipo a casa con tetto a doppio spiovente. Questa tomba rupestre chiamata Tomba a Casa con Portico, simile alla Tomba del Dado scoperta nel 1967 nella Necropoli della Peschiera, se ne distingue per l’ originalità della struttura e per la ricchezza degli elementi ornamentali.


montefiascone

& Mercoledì 29 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

13

La Lista ‘Per Montefiascone’ replica a Cacalloro

“Cosa ha da dire sulla denuncia di irregolarità della lista ‘La Città Nuova’ formulata da Leonardi?” di Michele MARI

L

a lista “Per Monte�ascone”, che nelle ultime elezioni comunali ha sostenuto Anna Rita Foscarini candidata a sindaco, replica con una nota alle dichiarazioni dell’assessore comunale Giorgio Cacalloro pubblicate dal nostro giornale la scorsa settimana che a sua volta rispondeva alle dichiarazioni di una componente della stessa lista. Dichiarazioni decisamente “forti “ che evidenziano il particolare clima politico che si respira nella città. “Con riferimento all’articolo a �rma dell’assessore Giorgio Cacalloro della scorsa settimana, la Lista ‘Per Monte�ascone’ -esordisce la nota- dopo una attenta e particolareggiata disamina del contenuto dello stesso intende replicare e stigmatizzare le gratuite affermazioni di colui che oggi, a tutti gli effetti, sembra essere diventato il ‘portavoce’ del Comune di Monte�ascone. Non intendiamo soffermarci sul paragone alquanto azzardato fatto dal ‘portavoce’ della attuale maggioranza, minoranza nel paese, tra gli interventi da Lui realizzati (piantumazione di qualche tralcio di vite nelle aiuole)

ed il piano della viabilità, comprensivo anche di tre rotatorie che la precedente amministrazione aveva messo in cantiere, perché l’assurdità di tali asserzioni sono talmente lampanti che non meritano neanche risposta”.

“Intendiamo, invece, soffermarci -spiega la missiva della listasulle reiterate e gratuite offese rivolte dal ‘noto’ esponente politico ai componenti della lista ‘Per Montefiascone’, ripetutamente apostrofati con epiteti quali soggetti ‘di dubbia sincerità e coerenza’, ‘compari’, ‘compari facenti parte della stessa cricca’ e, riferendosi ad una candidata, di essere stata addirittura ‘plagiata’. Ebbene, i componenti della lista ‘Per Monte�ascone’, sono tutte persone integerrime, nella loro vita privata e professionale e non accettano di essere oltraggiati da tale signor Cacalloro che,

proprio perché riveste attualmente un ruolo pubblico, dovrebbe essere ancora più accorto nelle sue esternazioni”. “A torto o a ragione -aggiunge la nota- i cittadini (una minoranza-è sempre bene ricordarlo), gli hanno af�dato un compito di ‘governo’ e non quello di calunniatore; faccia vedere di cosa è capace. Capiamo che il ‘noto’ soggetto politico sia alquanto nervoso per la propria incapacità di ‘governo’ sinora dimostrata, ma invece di offendere gratuitamente i propri avversari politici faccia un serio esame di coscienza e, se del caso, rassegni le proprie dimissioni e lasci il compito a persone forse più capaci di Lui”. La lista “Per Monte�ascone” evidenzia anche dei presunti guai giudiziari di Luciano Cimarello (conclusi con una assoluzione piena) e della spinosa “questione Leonardi”: “Le gratuite offese del signor Cacalloro destano particolare sorpresa se soltanto si considera il comportamento di fair play tenuto dalla lista ‘Per Monte�ascone’, nei confronti della Lista ‘La Città Nuova’, sia durante la campagna elettorale che dopo. Ci riferiamo, in particolare

al fatto di non aver speculato e fatto campagna elettorale sui guai giudiziari che hanno coinvolto il signor Cimarello, poi divenuto Sindaco, su quelli che hanno coinvolto il signor Fumagalli, attuale Vice Sindaco e su quelli che hanno coinvolto l’intera Lista ‘La Città Nuova’, oggetto addirittura di denuncia alla Procura della Repubblica di Viterbo da parte di un “grande elettore” della stessa lista (il dottor Sandro Leonardi) nel corso del mese di gennaio u.s. Il signor Cacalloro ha forse confuso un atteggiamento sin troppo ‘signorile’ con uno

‘indeciso’ ma ha capito male”. In�ne la pesante nota conclude: “La Lista ‘Per Montefiascone’, respinge, dunque, al mittente le offese rivolte ai propri componenti e, a questo punto, chiede spiegazioni in merito alle denunce di brogli e irregolarità nella presentazione della Lista “La Città Nuova” formulate dal dottor Leonardi. Cosa ha da dire in proposito il ‘portavoce’ dell’amministrazione comunale signor Giorgio Cacalloro? Cosa ha da dire in proposito il Sindaco Luciano Cimarello? Cosa ha da dire in proposito il dottor Sandro Leonardi? Perché non è stata data ancora risposta all’interpellanza formulata dal Consigliere Ceccarelli Massimo al Consiglio Comunale del 28.12.2011? Attendiamo impazienti risposte e chiarimenti”. Fin qui la lunga nota. Avrà un seguito?

Soddisfazione del Sindaco per la decisione

Alle esequie celebrate ieri presente anche il Vescovo Emerito Chiarinelli

N

Via Cannelle, approvato il progetto Abbiamo approvato il progetto definitivo per i lavori di via del Fosso o via delle Cannelle”. Così, pienamente soddisfatto, il primo cittadino Luciano Cimarello annuncia l’approvazione del progetto: “L’ingegnere Livio Treta ci ha consegnato il proget-

to e noi tempestivamente l’abbiamo approvato. Ora -continua il sindaco Cimarello- stiamo predisponendo la richiesta per accendere il relativo mutuo e poi avranno finalmente inizio i lavori. In questi giorni stiamo approntando tutta la documentazione necessaria e quasi sicuramente dopo le festività pasquali apriremo il cantiere dei lavori”. Il denaro occorrente per la sistemazione della via ammonta a circa 300mila euro; serviranno per rifare completamente la rete fognaria che è il problema principale e quindi il manto stradale così da rendere la via perfettamente idonea per smaltire il notevole traffico delle ex statali adiacenti. La stessa via potrà ospitare centinaia di auto che potranno così parcheggiare”. M.M.

Commosso saluto a monsignor Marinelli

el primo pomeriggio di ieri si sono svolte le esequie funebri di monsignor Emilio Marinelli, nella basilica di santa Margherita, celebrate dal vescovo di Viterbo Lino Fumagalli coadiuvato da una schiera di sacerdoti. Era presente anche il vescovo emerito monsignor Lorenzo Chiarinelli oltre la presenza delle autorità civili. La concattedrale era completamente gremita. Don Emilio Marinelli è ritornato alla casa del padre, dopo aver speso splendidamente la sua vita terrena per la chiesa, lunedì mattina quando si è spento nell’ospedale di Monte�ascone dove era ricoverato da sabato. Oltre che un grande religioso è stato anche un grande uomo di cultura; amava molto la storia della sua città, la storia delle sue chiese in maniera particolare di santa Margherita dove era molto facile incontrarlo per decenni. Monsignor Emilio Marinelli era nato a Monte�ascone il 17 settembre 1921 ed era stato ordella cattedrale che ha sempre custodito gelosamente ed amorevolmente. fatto realizzare copie di libri storici ed ha scritto un prezioso piccolo volume di cui ne era molto orgoglioso: il primo costruttore della chiesa di santa Margherita in Monte�ascone nel 1992 in occasione del 30° anniversario della consacrazione della cripta della cattedrale. Negli ultimi anni era stato ospite della casa di riposo “Villa Serena” di Monte�ascone. Si è spento il 27 febbraio dopo breve malattia. Nella struttura a picco sul lago ha trascorso serenamente gli ultimi scampoli della sua vita

dinato sacerdote da monsignor Giovanni Rosi, vescovo della sua città, il 25 marzo 1944 ed è stato un fedele collaboratore di quattro vescovi; 8 anni con Rosi, 36 addirittura con mons. Luigi Boccadoro, 10 con Fiorino Tagliaferri e in�ne 3 con Chiarinelli. Instancabile e stimatissimo aveva ricoperto un’in�nità di incarichi: cancelliere e direttore uf�cio amministrativo della diocesi Monte�ascone, dal 1984 secondo vicario delle cinque diocesi e dal 1984 al 1991 secondo vicario generale della nuova diocesi di Viterbo; ed ancora cooperatore �n dalla fondazione nel 1953 dell’ente scuola cardinal Salotti, e dallo stesso anno incaricato del seminario regionale della Quercia, cappellano �n dal 1950 del monastero della Benedettine a Monte�ascone e tanti altri incarichi minori. Aveva una particolare cura per l’archivio storico della curia della sua città e per il tesoro terrena molto spesso festeggiato per le sue ricorrenze; l’ultima il 17 settembre dello scorso anno quando fu visitato dal vescovo monsignor Fumagalli per i suoi novanta anni con la presenza di tanti religiosi e le autorità della struttura e del comune. Nell’occasione il decano don Agostino Ballarotto gli esibì il suo certi�cato di battesimo del 25 settembre 1921; Marinelli era stato festeggiato anche nel marzo del 2009 in occasione del suo 65° di sacerdozio e nel ricordino fece scrivere “.. nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro Salvatore Gesù Cristo”. M.M.

Primi incontri presieduti dal Prof. Porta

Conferenze al Golfarelli “

Napoleone: dalla Rivoluzione all’Impero”. È questo il tema della conferenza che si terrà giovedì 1 marzo alle ore 16,30 presso l’aula

magna dell’Edi�cio Scolastico Odoardo Golfarelli. La conferenza tenuta dal professor Settimio la Porta, è inserita nel nutrito programma dell’associazione culturale “L’acropoli”. L’ingresso sarà come al solito gratuito. È possibile consultare il programma primaverile completo dell’Associazione alla pagina http://associazioneacropoli.jimd o.com. La prossima settimana, giovedì 8 marzo sempre presso la scuola Golfarelli alle ore 16,30, si parlerà ancora di Napoleone ed il suo amaro esilio, sempre con il professor Settimio la Porta. Il programma prevede altre conferenze ed anche delle escursioni che si terranno �no al mese di giugno tra l’altro con la visita al Qurinale. M.M.


vetralla e cimini

14

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 29 Febbraio 2012

VETRALLA - Su un noto gruppo facebook nasce una petizione per chiederne la realizzazione

Aree verdi per bambini, dove sono? di EMANUELE FARAGLIA A volte da un semplice post su facebook può nascere un movimento di protesta o proposta che coinvolge presto decine e centinaia di persone. É proprio quello che è capitato a Roberta Calce, giornalista e poeta residente nel Comune di Vetralla, che alcuni giorni fa ha riscontrato una “lacuna” nel territorio comunale, postando sul gruppo Vetralla Parla una storiella senza criticare nessuno, ma solo “fotografando” una situazione esistente. “C’era una volta, un pomeriggio di febbraio, assolato, una signora di mezza età che voleva portare la bambina ai giardini, si sa ai bambini piace stare all’aria aperta, se poi ci sono anche giochi come lo scivolo, le altalene, percorsi per fare attività motoria e altro, meglio ancora. La signora di mezza età , girovagò tutto il pomeriggio, ma senza trovare nulla... mentre la bimba frignava, dicendo che le aveva promesso che si sarebbero divertite quel pomeriggio. La signora di mezza età, essendo nuova del posto, di questa bella e ridente cittadina vicino Viterbo, chiamata Vetralla, cercò invano, fino a quando si diresse verso il centro dove la scorsa estate

aveva visto dei giochi, erano giostre , e sarebbero andate benissimo, anche se avesse speso qualche euro, le promesse si mantengono! Arrivata nel parco, però, trovò il deserto, ma mentre si girava intorno, notò dei giochi che “alloggiavano” in uno spiazzo all’interno di questo parco... scese dall’auto, felice di accontentare la piccola, ma per sua grande sorpresa notò un lucchetto... i giochi erano chiusi lì dentro. Forse era troppo presto pensò... fra un pò arriverà qualcuno e aprirà... ma il tempo passava e non arrivava nessuno. Si cominciò ad informare, e le venne comunicato che quello era uno spazio comunale con i giochi acquistati dal Comune, ma per accederci bisognava in qualche modo chiedere il “permesso” agli anziani, visto che da lì si accedeva al circolo ricreativo per gli anziani, e a detta di alcune mamme, addirittura si inquietano se i bambini ci vanno a giocare. Per questo è stato chiuso. Sconcertata e anche un pò delusa la signora di una certa età, ha ripiegato con l’acquisto di un piccolo giocattolo per la bambina, pensando che in fondo ad una certa età si torna tutti bambini e anche loro fanno i capricci...”. Ebbene pare che dopo alcuni

Luoghi suggeriti per i giochi sono la villa “P. Canonica” e quella di Cura

A metà marzo l’incontro tra tutti i rappresentanti delle società sportive vetrallesi

A

nnunciato tempo fa dall’assessore allo Sport di Vetralla Elio Ferri è stato �nalmente �ssato l’incontro tra tutti i presidenti e rappresentanti delle varie realtà sportive del paese. La riunione si svolgerà martedì 13 marzo (ma la data deve essere confermata, ndr) e rappresenta un appuntamento di grande importanza per le numerose società che operano nel territorio. “Per troppi anni - ha dichiarato l’assessore - le diverse realtà hanno operato ognuna per conto proprio senza nemmeno sapere dell’esistenza delle altre società. E’ arrivato il momento di farle incontrare per mettere l’intero movimento a sistema e magari coordinare le varie attività in modo che tutti possano giovarsi delll’esistenza e della pratica delle altre società”. Non è ancora chiaro in che modo le varie realtà possano trovare punti di contatto tra loro, ma magari l’incontro potrà essere l’occasione, oltre che per conoscersi, per organizzare eventi in cui ognuno potrà pubblicizzare la propria attività ed in questo caso l’apertura del centro sportivo gestito dallo Sporting Club La Villa rappresenta u n ’ o p p o rtunità da sfruttare. Ovviamente l’incontro potrà servire anche per parlare di convenzioni per poter utilizzare gli impianti e soprattutto per capire i tempi entro i quali le palestre attualmente in disuso (come quella di Cura) potranno tornare a disposizione. “Sono davvero tantissime le società sportive esistenti ed operanti nel nostro territorio, sono rimasto davvero sorpreso” ha dichiarato lo stesso assessore. Bene, l’incontro servirà per fare il punto della situazione e tracciare un quadro più chiaro delle numerose realtà che insistono sul Comune di Vetralla.

giorni quel cancello trovato chiuso sia stato finalmente aperto, rendendo fruibile i giochi posti all’interno dell’area. Non contenti i ragazzi di Vetralla Parla hanno deciso di lanciare una vera e propria petizione popolare per chiedere “la realizzazione di aree verdi con giochi per bambini in luoghi accessibili. Suggeriamo la Villa “Pietro Canonica” di Vetralla e la Villa comunale di Cura. Chiediamo inoltre l’impegno per la loro futura manuntenzione”. Insomma si è partiti dalla filastrocca e si è arrivati alla raccolta firme che dovrebbe partire nei prossimi giorni. Prossimo passo? Sensibilizzare l’opinione pubblica e l’amministrazione comunale sul problema in modo che la situazione possa trovare un’adeguata soluzione e che questo gap venga finalmente colmato.

ORTE SCALO - Gli abitanti del quartiere Città Giardino protestano dopo la recente delibera

Indignarsi o rassegnarsi agli eventi? G

li abitanti del quartiere Città Giardino di Orte Scalo hanno inviato un comunicato. Eccolo. “Indignarsi e reagire o rassegnarsi agli eventi? Sono questi i commenti degli abitanti del quartiere Città Giardino di Orte Scalo sul comportamento da assumere nei riguardi di una delibera, del consiglio comunale la n.3 del 06/02/2012, dichiarata immediatamente esecutiva, con oggetto: “Sdemanializzazione e alienazione residuo stradale ad istanza dei privati richiedenti”. Nel 2008, si legge nella delibera, “è stato rilasciato permesso a costruire per la ristrutturazione e l’ampliamento di fabbricati”, nel progetto presentato e approvato era previsto il rispetto dei �li dei fabbricati esistenti prospicienti Via Zara; in fase di accatastamento dell’immobile

è risultato che l’ingombro del fabbricato cade per una porzione di super�cie di mq 38 su area contigua alla sede stradale non avente un proprio identi�cativo catastale; considerato che “l’area non risulta avere una funzione essenziale alla viabilità, vista la sua ubicazione (situata tra proprietà private e prospiciente solamente per una piccola parte sulla strada comunale Via Zara) l’alienazione della stessa non comporterebbe una minor fruizione da parte della collettività”. A quale autorità compete tale valutazione? Di chi la competenza, in questa società dove il diritto ha perso il requisito essenziale della “certezza”? Gli abitanti “indignati” del quartiere, si chiedono quale tra gli organi preposti al controllo della cosa pubblica, non abbia controllato “il rispetto dei �li dei fabbricati”.

E’ dif�cile, anzi impossibile, la costituzione di un parco pedonabile da adibire alla socializzazione, all’attività sportiva, per ragazzi anziani e portatori di handicap, ma tranquillamente realizzabile la sdemanializzazione e l’alienazione di residuo stradale. Ricordiamo che Via Zara

e Via Fiume furono tracciate da Dante Santoni, pioniere del cinema e dell’industria cinematogra�ca italiana insieme a Filoteo Alberini, su terreni di sua proprietà, per la realizzazione del quartiere Città Giardino sul modello inglese del Garden City negli anni 1905-1910”.

Un grande successo il Carnevale di Bassano in Teverina

E

’ stato un tripudio di colori, musica ed allegria. Il Carnevale di Bassano in Teverina non ha di certo deluso le aspettativa degli organizzatori che hanno lavorato assiduamente e senza sosta per una bella riuscita della manifestazione. E , considerato il successo ottenuto, h a n n o notevolmente centrato il risultato sperato. M e r i t o anche dei tanti concittadini che si sono prodigati per settimane nel creare delle belle mascherate a tema, vero fulcro del carnevale bassanese, ed anche di tutto il paese che ha accolto festante i gruppi mascherati. Anche per questa domenica,

le maschere e l’allegria l’hanno fatta da padrone ed il centro storico di Bassano in Teverina si è colorato a festa per tutto il piacevole e soprattutto mite pomeriggio domenicale. Naturalmente, il Carnevale ha coinvolto l’intero paese ed anche il primo cittadino Alessandro Romoli non si è potuto sottrarre alla goliardica b a g a r r e , improvvisandosi “mattatore” a bordo del carro allegorico della Banda Musicale “A. Bianchi” di Bassano in Teverina. Proprio dal Sindaco arriva la maggiore soddisfazione per il successo del Carnevale “Anche per questa edizione, l’ottima organizzazione messa in campo è riuscita

Merito dei cittadini che si sono prodigati per settimane nel creare mascherate

nell’intento di realizzare una vera e propria festa di paese” ha detto Alessandro Romoli “Questo grazie alla bella sinergia di forze che si crea sempre a Bassano in queste occasioni e

grazie al valido contributo della Protezione Civile Comunale e della Polizia Locale che sono sempre pronti e disponibili a supportare questo tipo di manifestazioni”.


& Mercoledì 29 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

comprensorio sud

15

CIVITA CASTELLANA - Sel si schiera contro l’ordinanza sulla prostituzione. E l’assessore Cerri?

Sulle escort si divide la giunta di SIMONA TENENTINI

I

l sindaco di Civita Castellana qualche tempo fa, emulando alcuni suoi colleghi della provincia (Bassano in Teverina e Gallese), ha emanato un’ordinanza di estrema importanza per la città e l’intero territorio: quella che vieta la prostituzione sulle strade. Un provvedimento di certo non trascurabile e che porterà un innegabile giovamento a livello economico, in un comune come quello falisco, lacerato da profonde problematiche interne, a partire dalla crisi del distretto ceramico. Una parte della cittadinanza non sembra però pensarla allo stesso modo, in particolare coloro che si riconoscono negli ideali di Sinistra e Libertà che, al riguardo ha inviato, qualche giorno fa, un esplicito comunicato: “Come donne e uomini ci indigniamo di fronte a tanta ipocrisia: il fenomeno della prostituzione non può esser affrontato con la repressione e soltanto con la repressione. Questo, invece, leggiamo nell’ordinanza 2/2012 del Sindaco di Civitacastellana. Come sempre a rimetterci sarà l’anello più debole, saranno le donne, peggio se straniere. Se come dice Lei, sig. Sindaco, bisogna adottare provvedimenti per prevenire e

contrastare il fenomeno della prostituzione sul territorio comunale, crede davvero che si possa farlo introducendo il divieto di sosta e di fermata ai bordi delle strade? Dove stanno questi ingorghi e queste �le che intralciano il traf�co e creano problemi di ordine pubblico? Con quale criterio sarà giudicato l’abbigliamento riconducibile all’attività di prostituzione? Come farete a stabilire quando ci sarà l’intenzione di esercitare prestazioni sessuali? Come riuscirete a stabilire chi chiede un’informazione o chi una prestazione sessuale? Come potete impedire a chicchessia di chiedere informazioni, di parlare con un’altra persona, soltanto perché sta per strada? Vietate la prostituzione in luoghi pubblici ma la consentite in casa, lontano da occhi indiscreti. E’ meglio non vedere, per tacitarsi la coscienza assumendo un atteggiamento ipocrita e perbenista. Una doppia morale, quella dei sindaci – scerif� della Lega e di Destra che se la riprendono con i disgraziati, con i barboni, con i senza dimora, specie se stranieri, con le donne che, giovani ed anziani, per scelta o costrizione fanno il mestiere più antico del mondo. Ma non una parola, non un’ordinanza contro i BOR-

DELLI di REGIME, come quelli organizzati per il PADRONE dei sindaci – scerif�, il da loro osannato, servito e riverito, ex premier Unto dal Signore. Noi vorremo un sindaco di sinistra, che non scopiazza gli scerif� del PDL e della Lega e che aiuti le forze dell’ordine nei loro compiti di contrasto allo sfruttamento della prostituzione, ma che lasci libere le persone di esercitare le proprie scelte sessuali, discutibili o

meno, dove gli pare, come sancito dalla Legge Merlin, una legge dello Stato italiano. Ci piacerebbero scelte di sinistra, alternative alla repressione, come quella di aprire un confronto, anche a Civita, con le associazioni di prostitute che da anni chiedono la regolamentazione e l’emersione dall’irregolarità della loro attivita’ di prostituzione”, mostrando umanità e rispetto per chi si

CIVITA CASTELLANA - Creato un gruppo specifico sul popolare social network

Gli ufficiali in congedo sbarcano su Facebook N

on sembra possibile ma dal lontano 26 novembre 2008, data del primo incontro degli uf�ciali di Civita Castellana, sono ormai passati oltre tre anni. Nella convocazione si parlava di “creare a Civita Castellana una struttura organizzata che ci consentirà anche di condividere, con Colleghi d’altre Città d’Italia, le nostre esperienze associative, i valori che ci sono stati insegnati e che portiamo dentro anche a distanza di molti anni, i quali hanno certamente condizionato e condizioneranno la nostra esistenza e che, vivendo nella Società civile, mettiamo quotidianamente in atto con le nostre esperienze professionali e lavorative” . Si faceva riferimento alla condivisione classica: vedersi, fare incontri ed attività insie-

me, e mai si sarebbe pensato che in pochi anni, grazie all’avvento di Facebook ed al suo grande impatto sulla società tutto sarebbe cambiato; oggi si parla anche di condivisione virtuale e globale. Gli Uf�ciali di Civita Castellana vogliono cogliere la s�da innovativa delle nuove tecnologie per ampliare il loro raggio d’azione, creando un gruppo su Facebook denominato “Uf�ciali in congedo Civita Castellana”, dove poter migliorare ed ottimizzare l’organizzazione , ma anche condividere le proprie esperienze passate. L’obiettivo iniziale è di coinvolgere tutti i membri, anche i più maturi, ad utilizzare questo strumento ormai fondamentale per la vita di ognuno di noi, ma soprattutto appassionare coloro

che ad oggi non hanno ancora aderito a questo progetto. Per poter aderire al gruppo basta ricercare su Facebook “Uf�ciali in congedo Civita

Castellana” e richiedere di iscriversi o richiedere l’amicizia all’amministratore Francesco Urbanetti. Ci vediamo su Facebook”

Tracciato Cassia, coinvolto l’assessore Malcotti a senatrice Laura Allegrini interviene sulla questione ‘tracciato della Cassia’ coinvolgendo l’assessore regionale Malcotti. Presa visione della delibera del Consiglio Comunale di Capranica approvata all’unanimità che intende proporre un nuovo tracciato della Cassia per il territorio di Capranica, ho immediatamente interessato l’assessore regionale ai lavori pubblici,

On. Luca Malcotti, il quale mi ha confermato la sua disponibilità. Non mi ha peraltro nascosto la dif�coltà ad apportare modi�che al tracciato in questa fase della procedura; chiariremo nei prossimi giorni quale possa essere la forma tecnica ma, così come anche da me evidenziato in passato, non si può non tener conto della analoga dif�coltà a pro-

CIVITA CASTELLANA - A Roma per chiedere lo stato di crisi “

CAPRANICA - La senatrice Laura Allegrini chiede la disponibilità per il nuovo percorso

L

prostituisce, visto che chiunque, dovrebbe accorgersi che dietro le gonne corte, le scollature vertiginose, ci sono prima di tutto donne, donne con le loro storie e la loro dignità, che vanno ascoltate e non condannate. A noi di SEL per dire queste cose e per invitarla fermamente, sig. Sindaco, a fare carta straccia di quella ordinanza incivile, basta citare Fabrizio de Andrè. Ma per quanti si abbeverano al calice amaro e avvelenato della

cedere a numerosi espropri (circa 90), ed alla circostanza che molte aziende agricole, ed addirittura abitazioni, verrebbero danneggiate dal tracciato individuato dalle precedenti amministrazioni regionali. Credo anche che si debba considerare come l’individuazione del nuovo tracciato possa, alla �ne, procurare un risparmio che consentirebbe di pensare alla effettiva realizzazione del-

l’opera senza procurare danni al territorio. Chiederò, comunque, all’assessore Malcotti, a prescindere dalle valutazioni offerte dai tecnici, di venire a veri�care personalmente lo stato dei luoghi anche se, in questa fase conclusiva della procedura, sarà ovviamente molto dif�cile scardinare le precedenti valutazioni dei Ministeri competenti”.

cultura bigotta della doppia morale, forse serve addirittura citare Jesus di Nazareth - il più famoso difensore della più famosa tra le prostitute, Maria Maddalena – colui del quale la domenica i tanti benpensanti mangiano indegnamente il corpo, senza mettere in pratica neanche un suo insegnamento.” Dichiarazioni che non lasciano spazio a dubbi interpretativi e che pongono degli impellenti interrogativi a livello politico. Se infatti il circolo Sel si schiera apertamente contro quest’ordinanza, come si pone Gianluca Cerri, membro autorevole di Sinistra e Libertà e, nello stesso tempo assessore nella giunta guidata da Gianluca Angelelli? In un’ottica di coerenza dovrebbe fare un passo indietro e appoggiare le dichiarazioni del suo partito ma, a Civita Castellana, si sa, la coerenza non è un concetto che trova ampia applicazione. Al riguardo basta considerare le ultime ‘mosse’ del sindaco, che, recentemente, sembra aver trovato la sua musa ispiratrice nel sindaco di Roma, Gianni Alemanno. Copiate “pare pare”, infatti, sono le ordinanze riguardanti l’emergenza neve, la chiusura delle scuole e la lotta alla prostituzione. Che Angelelli sia rimasto folgorato sulla via del Pdl?

Centinaia di lavoratori del distretto industriale di Civita Castellana stanno manifestando da stamattina (ieri n.d.r.) davanti alla sede del Ministero dello Sviluppo Economico per chiedere il riconoscimento immediato dello Stato di Crisi”. Lo rende noto il capogruppo regionale della Federazione della Sinistra, Ivano Peduzzi, in presidio con i lavoratori. “Una delegazione – prosegue Peduzzi – è stata ricevuta presso ministero e siamo ora in attesa di conoscere l’esito dell’incontro. L’obiettivo è quello di incalzare da un lato il Governo af�nché affronti, con la dovuta urgenza, la vertenza del Distretto industriale della ceramica e riconosca quanto prima lo stato di crisi, come già richiesto più volte dal sindaco di Civita e dal consiglio provinciale di Viterbo; dall’altro di sollecitare la Giunta del Lazio a dare seguito alla mozione che il gruppo della Fds ha presentato in aula e che il Consiglio regionale ha già approvato. Il testo impegna la Giunta a farsi promotrice della richiesta di riconoscimento dello stato di crisi davanti al Governo nella Conferenza Stato – Regioni e a riferire in Consiglio Regionale sulle iniziative adottate e sugli esiti. Ad oggi, nonostante il Consiglio si sia già

espresso favorevolmente, la Giunta è ancora latitante”. “Non smetteremo di ripeterlo - continua Peduzzi – questa crisi che coinvolge l’intero settore della ceramica, è senza precedenti per la sua durata, ma anche per gli effetti sull’occupazione e sull’intera economia. E’ quindi necessario un intervento del Governo per favorire l’accesso ai �nanziamenti agevolati per le imprese e il prepensionamento dei ceramisti più anziani, nonché per poter usufruire di tutte gli aiuti previsti dalle normative vigenti. Questa situazione, infatti, si protrae ormai da più di 12 anni e ha causato la perdita occupazionale di migliaia posti di lavoro con la chiusura di decine aziende”. “Siamo di fronte a un’emergenza che non è più procrastinabile. Questo perché la crisi della ceramica produce non solo un indebolimento delle imprese ed un impoverimento delle lavoratrici e dei lavoratori del settore, ma causa anche una crisi economica che diviene inevitabilmente sociale. E’ necessario quindi - conclude Peduzzi - che la Regione Lazio e il Governo intervengano immediatamente con misure straordinarie, per la difesa occupazionale ed il rilancio economico e produttivo”.


orvieto eventi

16

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 29 Febbraio 2012

Dopo il sorprendente successo al Festival di Spoleto arriva ad Orvieto lo spettacolo sulla celebre giornalista

Monica Guerritore è Oriana Fallaci D

opo il grandissimo successo al Festival del Due Mondi di Spoleto del luglio scorso, Monica Guerritore riprende dalTeatro Mancinelli di Orvieto la tournée dello spettacolo “Mi Chiedete di Parlare…”, dove interpreta la figura di Oriana Fallaci. In scena domenica 4 marzo alle ore 17, lo spettacolo, scritto e diretto dalla stessa Guerritore, nasce da un’idea della nota giornalista del Corriere della Sera Emilia Costantini ed è tratto dagli scritti della Fallaci. La Guerritore è affiancata sulla scena da Lucilla Mininno, mentre per la regia si avvale della collaborazione di Enrico Zaccheo. L’Ansa ha definito così l’esito della prima rappresentazione al Festival dei Due Mondi di Spoleto “…Un successo addirittura sorprendente per una novità portata sulla scena dalla Guerritore, e che cerca di raccontare la tormentata ma immensa figura di una donna tanto celebre, amata, ma anche contestata.”

La Uisp Nuoto Orvieto ben figura davanti ‘ai campioni’

Grande successo al meeting di Viterbo D

opo la buona prova a Viareggio di una rappresentativa che ha ben �gurato nella manifestazione organizzata dall’Artiglio Nuoto, la compagine dell’Umbria Nuoto -Spoleto Nuoto, AICS Terni e UISP Orvieto- ha ottenuto un grande risultato al prestigioso “ 6°Meeting di carnevale Città di Viterbo” il 10-11-12 Febbraio 2012 organizzato dalla Larus nuoto classi�candosi al nono posto, malgrado alcune assenze eccellenti per malattia. A livello nazionale sono pochi i meeting che registrano un così alto numero di partecipanti,oltre mille atleti e più di 3400 le iscrizioni gara con presenze che hanno vista in vasca Alessia Filippi, Luca Dotto, Michele Santucci, Fabio Laugeni e Flavio Bizzarri. Campioni di primissimo livello diretti alle prossime Olimpiadi di Londra 2012. Su tutti da segnalare le prove di So�a Martiniche si è aggiudicata i 100 rana, di Emilia Pollasto che ha vinto i 100 farfalla ed è giunta quarta nella �nale assoluta dei 50 farfalla, di Ilaria Patrizi, medaglia di bronzo nei 100 farfalla ed in �nale nei 50 farfalla assoluti, di Giulia Scimiterna che ha vinto i 50 stile libero, in �nale nei 100 stile libero

ed arrivata sesta nella �nale assoluta dei 50 dorso e del “veterano” Luca Bernardini, aggiudicatosi il terzo posto nei 200 dorso. Ottime anche le prove di Davide Scarabottini , �nalista nei 50 farfalla e 100 stile libero, Virginia Maggi in �nale nei 100 stile libero, Diamante D’Agnilliimpegnata nella �nale dei 100 rana come anche Salauchuk Maksim, Luca Mameli e Lorenzo Claudiani. Buone anche le prove degli altri partecipanti, molti dei quali hanno migliorato il proprio personale, in particolare Matteo Romoli nei 200 e 400 sl, Lorenzo Piscini nei 200 misti, Lorenzo Curti nei 50 e 100 farfalla e sl, Susanna Marricchi nei 50 sl, Francesco Ponziani, Eleonora Oreto, Francesco Muzi, Yuki Manieri, Giulio Purgatorio, Alessio Buraccioni, Giorgia Roticiani, Gianluca Gabbiotto, Andrea D’alessio, Chiara D’Alessio. Un eccellente risultato è arrivato anche dai due al�eri del fondo Riccardo Troscia e Alessio Buraccioni che la settimana passata si sono cimentati nei 5000 mt ai Campionati Regionali Umbri e sono giunti rispettivamente al 3° e 4° posto. Prossimo appuntamento a Perugia in occasione dei Campionati Regionali Assoluti e di Categoria.

Ennesima conferma del solido rapporto di collaborazione

Kansas State University sulla Rupe L

o Spring Semester Program della Kansas State University è giunto ormai alla settima edizione consecutiva ed anche quest’anno ha fatto registrare il plenum degli iscritti: trentatre studenti guidati da tre docenti (i professori Susanne Siepl Coates, Gary Joseph Coates e Marco Ceccarani) frequenteranno quotidianamente le aule del Centro Studi “Città di Orvieto” in piazza del Duomo per partecipare ad un programma residenziale di studi multidisciplinari che proprio in Orvieto ha trovato la “città laboratorio” ideale. Una presenza signi�cativa che si rinnova puntualmente ogni anno dal 2006, da gennaio a maggio, per quattro mesi di studio in

aula, di conoscenza approfondita della città e del suo territorio, di partecipazione alla vita cittadina e di pro�cua interlocuzione con la comunità locale. Il Programma comprende corsi di architettura del paesaggio, progettazione architettonica, architettura d’interni, piani�cazione urbanistica e territoriale, design, storia dell’arte medioevale e rinascimentale, lingua e cultura italiana che trovano nella città di Orvieto un “laboratorio” ideale per sperimentare pro�cuamente “sul campo” metodologie e tecniche didattiche innovative e molto ef�caci. L’insegnamento della lingua italiana rappresenta un elemento essenziale per comprendere appieno la

cultura, la società, le persone che gravitano attorno allo studente straniero che si forma in Italia ed è inserito, per tempi lunghi, nel tessuto vivo della città, a contatto con gli abitanti, la sua economia e il suo vasto patrimonio artistico e storico. Il rapporto di collaborazione tra la Fondazione per il Centro Studi “Città di Orvieto” e il College of Architecture, Planning and Design della Kansas State University risale al 2005 e, in virtù della convenzione che ne è scaturita, nel gennaio 2006 ha preso il via ad Orvieto il programma di studi dell’importante ateneo americano che conta un corpo studenti di circa 24.000 unità.

Attraverso un’interpretazione appassionata, Monica Guerritore si confronta con gli impeti, la solitudine, le battaglie di Oriana Fallaci trasmettendo la forza, la rabbia e il dolore che hanno permeato la vita di questa giornalista di fama internazionale, nonché scrittrice tradotta in tutto il mondo. “Una donna non muore se da un’altra parte, un’altra donna, riprende il suo respiro” dice Hélène Cixous, scrittrice e poetessa algerina. La Guerritore vuole riprendere il respiro della Fallaci, per raccontare una donna che per molti è stata scomoda ma sempre determinata e caparbia. Una donna dalla forte personalità, autrice di pagine memorabili della letteratura, che ha vissuto il lavoro di giornalista come una missione, dedicandovi tutta se stessa. Una moderna “guerriera” che niente poteva turbare. Una donna che si è sempre scontrata con la morte, da quella dei propri cari alla sua, per un male incurabile.

Ma mentre questa è la Fallaci, Oriana era una donna diversa, riservata, che non si è mai concessa davvero al mondo, a coloro che le stavano accanto. Una donna che se ne stava rinchiusa nella casa di New York, che per lei era un rifugio, un’estensione di se stessa. Lo spettacolo è una coproduzione Festival di Spoleto, Fondazione Rizzoli-Corriere della Sera, Compagnia Mauri Sturno. Immagino una folle, piccola donna, che torna nel luogo della sua solitudine, quella casa di New York, ora non più sua, coperta di teli di plastica, in attesa di nuovi abitanti. Là, dove nessuno poteva entrare, si era rintanata Oriana, nell’ ombra, mentre la Fallaci infiammava il mondo. “…Non guardatemi…”- chiederà gentilmente alla fine del mio spettacolo - “…Non guardatemi morire…” (Dalle note regia di Monica Guerritore)


Mercoledì 29 Febbraio 2012

Viterbo & AltoLazio

cultura & spettacolo

17

La pianista di fama internazionale si esibisce sabato alle Scuderie Farnese di Caprarola

Gli “itinerari musicali” di Marisa Tanzini Il biglietto per lo spettacolo ha un costo di 10 euro. I punti vendita per acquistare i biglietti sono i seguenti: Comune di Caprarola (Via Filippo Nicolai 2), Tabaccheria 1921 (Piazza Romeo Romei 2) e Cartolibreria Chiossi (Via Filippo Nicolai 189). Per informazioni, prenotazioni telefoniche, pernottamenti e pacchetti

turistici: 0761.646157 (uf�cio turistico comunale), 0761.647941 (Tuscia Doc). Siti di riferimento: www.comune.c aprarola.vt.it e www.caprarola.com. Per ulteriori news e aggiornamenti sono attive le pagine Facebook “Assessorato Cultura Giovani Caprarola” e “Caprarola Città della Musica”.

Il famoso giornalista ospite a Viterbo

S

econdo appuntamento, sabato 3 marzo alle ore 18 presso le Scuderie di Palazzo Farnese a Caprarola, con “Itinerari musicali”, la rassegna organizzata dal Comune in collaborazione con l’associazione Musica d’Oggi e con il sostegno di Ecologia Viterbo. Dopo l’omaggio al Premio Oscar Nicola Piovani - – lui presente - dal trio composto da Gilda Buttà, Luca Pincioni e Marco Serino, tocca ora alla pianista Marisa Tanzini, accompagnata dal Quartetto Phonia, che si cimenterà nelle musiche di Mahler, Mozart e Schubert. Pianista di fama internazionale, Marisa Tanzini nasce a Palermo, dove si diploma giovanissima al conservatorio

con il massimo dei voti e un encomio speciale. Premiata anche all’Accademia Musicale Napoletana, ha vinto il Premio Pianistico Nazionale a Firenze, che le ha aperto la strada per i corsi di perfezionamento del conservatorio di Mosca. Ha partecipato a molti festival internazionali, inciso numerosi dischi e si è esibita con orchestre internazionali come la Filarmonica di Dresda, la W.D.R. di Colonia, i Virtuosi della Filarmonica di Berlino, la Gürzenich Orchester, l’Orchestra da Camera di Mosca, i Cameristi del Teatro alla Scala, i Virtuosi di Santa Cecilia e altre ancora. Di recente uscita un doppio cd (Vista Vera) dei concerti di Mozart con l’Orchestra da Camera Artemisia diretta da Alpaslan Ertungealp.

L’artista si cimenterà nella riproduzione delle opere dei grandi maestri della musica classica

Incontro con Corrado Maria Daclon

Ve la racconto io l’America": è questo il titolo dell’incontro con Corrado Maria Daclon, venerdì 2 marzo alle ore 17, che sarà il protagonista del terzo appuntamento di "Idee@informazione", serie di approfondimenti organizzati da Unindustria Viterbo, Scuola Edile e Tusciaweb, con la collaborazione dell’associazione Ideas. Il segretario generale della Fondazione Italia - Usa, ospite presso la sede della Scuola Edile di Viterbo in Via Alessandro Volta 37, si sottoporrà alle domande

di Carlo Galeotti, direttore del quotidiano on line. Saggista e giornalista, Daclon è balzato agli onori della cronaca lo scorso anno quando, durante il processo Kercher a Perugia, fu vicino ad Amanda Knox, la ragazza americana prima condannata per omicidio e poi prosciolta dalla Corte d’Appello. L’organismo che dirige, nato per testimoniare l'amicizia tra gli italiani e il popolo americano, è un'istituzione indipendente e apartitica al di qua e al di là dell'Atlantico, che ha come �nalità statutaria unicamente la promozione dell'amicizia tra l'Italia e gli Stati Uniti d'America. "Idee e informazione", dopo l’economista Nicola Rossi e il consigliere regionale Rodolfo Gigli - ospite nell’iniziativa parallela "Incontri viterbesi" - propone questa volta un approfondimento sul Paese a stelle e strisce, fatto da un conoscitore attento e privilegiato.

“Giovedì Cinema” il film “Almanya” P

rosegue al C i n e Tu scia la rassegna invernale del Tuscia Film Fest. Il 1° marzo è in programma la proiezione della commedia Almanya. La mia famiglia va in Germania di Yasemin Samdereli. Previsto come di consueto un doppio spettacolo, alle ore 18 e alle ore 21.30. L’ingresso è di euro 5. Dopo una vita di sacri�ci, il patriarca Hüseyin della famiglia Yilmaz, emigrata in Germania dalla Turchia negli anni '60 e giunta ormai alla terza generazione, ha �nalmente realizzato il sogno di comprare una casa nel suo paese d'origine, e ora vorrebbe farsi accompagnare �n lì da �gli e nipoti per risistemarla. Malgrado lo scetticismo iniziale, la famiglia al completo si mette in viaggio e alle nuove avventure nella terra d'origine si intrecciano i ricordi tragicomici dei primi anni in Germania, quando la nuova patria sembrava un posto assurdo in cui vivere. Lungo il tragitto, però, vengono a galla molti segreti del passato e del presente, e tutta la famiglia si troverà ad affrontare la s�da più ardua: quella di restare unita.


almanacco

18 NUMERI UTILI

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 29 Febbraio 2012

Oggi al Cinema

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Fortunato

SORIANO NEL CIMINO

• Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

21 Marzo - 20 Aprile Ariete

Quest’ultimo giorno di febbraio vi accoglie con la Luna nel terzo campo: siete capaci di rapportarvi alle solite persone in maniere nuove e tutte soddisfacenti. Con la persona amata ci saranno parecchi momenti di confronto, che potrebbero sfociare in discorsi appassionati. Sul lavoro sarete molto impegnati, ma anche molto motivati e quello che farete vi dara’ soddisfazione.

22 Giugno - 22 Luglio Cancro

Fate ordine intorno a voi: s b a r a z z a t ev i di scartoffie e cose inutili per occuparvi del vostro obiettivo principale (probabilmente il lavoro). La vostra vita sociale ha bisogno di una piccola quanto significativa svolta. Oltre a ritagliarvi del tempo per voi stessi (per il riposo e il relax), cogliete ogni occasione per intrecciare nuove amicizie e rinnovare quelle in corso da tempo.

23 Settembre - 23 Ottobre Bilancia

21 Aprile - 20 Maggio Toro

Tr a s m e t t e t e a chi vi vive a c c a n t o l’entusiasmo che vi anima, condividete ideali e desideri, nonche’ gli spunti creativi e i momenti di svago e cultura. Socievoli, disinvolti e con brillante spontaneita’, saprete essere leader indiscussi anche nell’ambiente di lavoro. Se operate alle dipendenze altrui si prospetta un periodo molto interessante e fortunato. Belle novita’ in amore.

23 Luglio - 22 Agosto Leone

23 Agosto - 22 Settembre Vergine

24 Ottobre - 21 Novembre Scorpione

22 Novembre - 21 Dicembre Sagittario

22 Dicembre - 21 Gennaio Capricorno

22 Gennaio - 19 Febbraio Acquario

FARMACIE (reperibilità)

La Luna nel segno protegge la vostra vita mondana e le relazioni con gli amici, amplia i consensi da parte di persone che stimate e che vi stimano. E’ il momento di agire perche’si delineano particolari momenti fortunati per qualsiasi progetto: professionale o privato che sia! Le unioni felici sono sempre piu’ soddisfatte, quelle traballanti aggiustano il tiro, qualcuno gira pagina.

Luna e Mercurio vi remano contro. Non vi verra’ spontaneo c h i e d e r e collaborazione per svolgere i soliti compiti. Vorrete a tutti i costi fare da soli. Non isolatevi, cercate supporto! Curate l’equilibrio psicofisico praticando con regolarita’ lo sport preferito; sarebbe anche il caso di tenere alta la guardia ed evitare distrazioni, soprattutto alla guida dell’auto.

In questo p e r i o d o , state avendo qualche piccolo ripensamento su scelte che avete fatto la scorsa settimana. Non piangete pero’ sul latte versato. Meglio cercare di capire a mente fredda come rimediare ai vostri errori: ne avrete certo l’occasione! Meglio non pensare solo alla professione, se non volete essere redarguiti da chi condivide la vita con voi. Meglio trovare un equilibrio.

Il lavoro e’ piu’ stimolante del solito, vuoi perche’ ricevete incoraggiamenti da parte dei soci e colleghi, vuoi perche’ siete caratterizzati da una socievolezza che rende meno stancanti le ore passate a collaborare e operare con altri. Un Marte in offerta speciale garantisce buone energie, un tono vitale straordinario. Straordinario potrebbe essere anche l’appetito, tuttavia.

21 Maggio - 21 Giugno Gemelli

Configurazioni astrali favorevoli vi rendono sereni verso chi vi vive accanto ogni giorno. Se siete alla ricerca della vostra dolce meta’ guardatevi attorno: nella cerchia delle vostre amicizie c’e’ qualcuno che aspetta un vostro sguardo, un vostro messaggio per iniziare, magari in sordina, una love story. Favoriti i brevi viaggi e le nuove amicizie. Opportunita’ in campo lavorativo.

Il cielo vi regala allegria, curiosita’, oppor tunita’, vitalita’ e voglia di divertirvi; lasciate, dunque, perdere i pensieri sgradevoli. L’entusiasmo vi spingera’ verso nuovi progetti lavorativi: si riveleranno vincenti e incrementeranno i guadagni. Realizzate cio’ che volete! La Luna in trigono agevola ogni vostra iniziativa, vi dona ottimismo, riscalda il vostro rapporto di coppia.

I d e e , suggerimenti, lampi improvvisi saranno a vostra d i s p o s i z i o n e. Non avrete che da allungare una mano per cogliere spunti innovativi per rendere piu’ vivace e interessante la vostra attivita’ professionale! La stabilita’ in amore vi fara’ trascorrere una serata ricca di emozioni e di sorprese con la persona amata. Non mancheranno incontri e voglie strane per i piu’ giovani.

Cinema Florida Piazza Marconi 12

Giornata di alti e bassi, in cui farete fatica ad accettare i momenti no. Luna, Mercurio e Marte dispettosi, richiedono infatti prudenza nei rapporti interpersonali, a cominciare da quelli sentimentali, A questo proposito, vi sentite un po’ confusi e frastornati: siete combattuti tra la voglia di evasione dalla routine e il bisogno di continue rassicurazioni da parte del partner.

20 Febbraio - 20 Marzo Pesci

Un ostacolo o un piccolo insuccesso, oggi, potranno amareggiar vi. Potreste sentirvi delusi, ma questo sara’ un buon motivo per reagire e cercare una rivincita alla prima occasione. Attenti agli abbagli sentimentali: passionali e sensibili come sempre all’ammirazione altrui, potreste incappare in qualche insidia abilmente tesa al vostro cuore, anche se siete gia’ in coppia.

Hugo Cabret 3D Orario: 21,30

TARQUINIA

VITERBO

Cinema Genio Via del Teatro Genio 16 In Time Orario: 18,30 - 20,30 - 22,30

Cinema Etrusco Multisala Via della caserma 32

Cinema Trento Piazza del Santuario 51/A Viaggio Nell’Isola Misteriosa 3D Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00

Viaggio Nell’Isola Misteriosa 3D Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Un Giorno Questo Dolore Ti Sarà... Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Paradiso Amaro Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 La Chiave di Sara Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00

Cinema Trieste Viale Trieste 30 The Iron Lady Orario: 21,30

Cinema Excelsior Via Cassia 277, Cura

BAGNOREGIO

Cinema Alberto Sordi Via G. Matteotti, 2 RIPOSO

CASTIGLIONE IN TEV.

Cinema Tevere Via Orvietana

RIPOSO

CIVITA CASTELLANA

Cinema Florida Via Del Forte, 26 Com’è Bello Far l’Amore Orario: 17,30 - 19,30

MONTEFIASCONE

Multisala Gallery Via Cardinal Salotti, s.n.c. The Iron Lady Orario: 21,30 Tre Uomini e Una Pecora Orario: 21,30 Multisala Flavia Via della Croce, 1 RIPOSO

VETRALLA

A.C.A.B. Orario: 19,40 - 22,00

VITORCHIANO

Cine Tuscia Village Multisala Località Pallone, Vitorchiano In Time Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 War Horse Tutti i Giorni: 17,00-19,45-22,30 Viaggio Nell’Isola Misteriosa 3D Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Com’è Bello Far l’Amore Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Paradiso Amaro Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Quasi Amici Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30

ORTE

Cinema Alberini Via del Plebiscito, 10 Com’è Bello Far l’Amore Orario: 21,30

Inviate le Vostre Programmazioni a: redazione@opinioneviterbo.it

PREVISIONI METEOROLOGICHE

OGGI 29 FEBBRAIO

ACQUAPENDENTE Corso Taurelli Salimbeni, 1 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CIVITA CASTELLANA Via S. Felicissima, 17 (08,30-13,00 e 15,55-19,30)

MONTEFIASCONE Via Verentana, 8 (08,30-12,55 e 16,00-19,30)

SORIANO NEL CIMINO Via Ernesto Monaci, 96 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CANEPINA P.le Caduti e Disp. 2a G.M., 1 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

FABRICA DI ROMA Via Roma, 79 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

MONTE ROMANO Via Vittorio Emanuele, 45 (09,00-13,00 e 16,30-19,00)

TARQUINIA LIDO Via Delle Sirene, 20 (Diurna e 15,55-19,30)

CANINO Via G. Garibaldi, 30 (08,35-13,00 e 16,30-19,30)

FALERIA Via S. Giuliano, s.n.c. (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

NEPI Via Roma, 19 (Diurna e 16,00-19,30)

TUSCANIA Via Tarquinia, 53 (08,35-13,00 e 16,30-20,00)

CAPRANICA SCALO Via Della Stazione, s.n.c. (08,30-13,00 e Notturna)

GRAFFIGNANO - SIPICCIANO Piazza Umberto I, 28 (09,00-13,00 e 16,30-19,30)

ORTE Piazza Del Popolo, 15 (08,30-13,00 e Notturna)

VEJANO Via Umberto, 53 (09,30-13,00 e 16,00-19,00)

CAPRAROLA Via F. Nicolai, 141 (09,00-13,00 e 16,00-20,00)

ISCHIA DI CASTRO Via Caporossi, 15 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

PIANSANO Via Roma, 16 (09,00-12,30 e 16,00-19,00)

VETRALLA - TRE CROCI Piazza Europa, 53 (09,00-13,00 e 16,35-19,30)

CARBOGNANO Via Fontana Vecchia, 38 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

LUBRIANO Via G. Marconi, 1 (08,30-13,00 e 16,30-19,00)

RONCIGLIONE Corso Umberto, 33 (08,30-12,55 e Notturna)

VITERBO Via Porsenna, 41 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CELLENO Piazza Della Repubblica, 3 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

MONTALTO - PESCIA ROM. Via Delle Mimose, 12/15 (09,00-12,30 e Notturna)

SAN LORENZO NUOVO Piazza Europa, 22 (08,30-13,00 e 15,55-19,30)

VITERBO - GROTTE S. STEF. Via Della Stazione, 5 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

Mercoledì 29 Febbraio

Giovedì 1 Marzo

G e n e ra l i condizioni d i b e l t e m p o gra z i e a l l ’ a l t a p r e s s i o n e, p u r con la presenza di nu b i a l m a t t i n o, s p e c i e sui settori toscani a c a u s a d e l s o l l eva m e n t o d i fo s c h i e o b a n c h i d i n e bb i a n e l l e o r e p i ù f r e d d e. Te m p e ra t u r e i n ulteriore aumento nei massimi, clima diurno molto mite a tutte le quote e marcate i nve r s i o n i termiche n e l l e o r e n o t t u r n e. Ve n t i d e b o l i d a N N E a l s u o l o, r i n fo r z i d a N O s u l l e c o s t e, m o d e ra t i d a N E i n quota, mari poco mossi, mossi al largo specie i settori laziali.

Alta pressione sulle nostre teste con condizioni di bel tempo e clima diurno assai mite, con massime tipiche del mese di Aprile. Qualche nube medio bassa indugerà al mattino tuttavia sulla Toscana, specie tra livornese e colline metallifere, per il resto sole primaverile. Temperature in ulteriore rialzo, punte fino a 2021°C su pianure interne toscane. Venti deboli variabili o da NE su interne, ma con rinforzi di brezza o da ONO al largo delle coste, deboli o moderati da NE in quota. Mari poco mossi, da mossi a poco mossi al largo.


SPORT

� � �

Mercoledì 29 Febbraio 2012

19

CALCIO

Milan-Juve, contestazioni e liti per gli errori arbitrali Il parere di Gianfranco Cipolloni, da sempre fautore delle novità nel settore arbitrale

C

i risiamo!!! E’ di nuovo bufera sugli arbitri di calcio. Di MILAN e JUVE se ne parla perché siamo nella massima serie nazionale, non si parla invece dei problemi, ancor più gravi, che settimanalmente esistono su tutti i campi delle serie inferiori a partire dai giovanissimi. Non passa domenica in cui le macroscopiche sviste degli arbitri, non procurano incidenti. Abbiamo voluto ascoltare il parere di Gianfranco Cipolloni che da anni, con una scuola privata, combatte contro l’immobilismo ed il pressappochismo dell’AIA, dell’UEFA e della FIFA. La struttura degli arbitri, dice Cipolloni, è vecchia e guidata da dirigenti incapaci. Gli arbitri non hanno una adeguata formazione di base e, a meno di spinte interne o appoggi politici, se per caso, nel “casino” totale uscisse fuori un talento, quel talento non approderà mai alle categorie superiori. E mai possibile che gli arbitri, di tutto il mondo, in quanto giudici, siano incorporati e sot-

toposti alle varie Federazioni, che di questa disciplina sportiva ne sono il governo? Il gioco del calcio, per movimento di capitali e manovalanza, è considerata la terza industria al mondo. Può un’industria del genere essere guidata da persone di scarsa levatura? E’ mai possibile che ancora ci si adegui a far dirigere le gare ad un solo arbitro coadiuvato d due assistenti laterali, che nella loro carriera mai hanno raggiunto, le categorie in cui operano? Come si può af�dare, continua Cipolloni, un compito così delicato a collaboratori che hanno capacità ridotte ed operano a distanza di cinquanta metri dalla linea di porta? Perché non far scendere in campo una squadra, (sarebbe la terza oltre alle due contendenti), composta da soli arbitri; tre sul terreno di gioco ed uno in panchina, coadiuvati ed af�ancati da un allenatore? Chi può fare l’allenatore? Un ex arbitro, promosso Commissario Speciale, che invece di fare l’inutile 007 sugli

Dai Mondiali del ‘98 si batte per la presenza in campo di ben 4 fischietti

La peggior Futsal Orte perde 5-1 con la Valletta

P

erde in casa 5-1 contro La Valletta al termine di una prestazione abbastanza negativa l’Orte Futsal di mister Roberto Martellino. I gialloblù infatti non sono sembrati la solita squadra che i tifosi ortani si sono abituati a vedere nell’arco della stagione nonostante poi la prima frazione si sia chiusa solo 1-0 per i narnesi. Lenti e macchinosi come non mai, Sorbara e soci non sono riusciti a rendersi pericolosi come molto spesso è accaduto in questo campionato. Certo, al cospetto c’era la seconda forza del campionato che alla “Pinetina” di Orte ha sicuramente dimostrato tutte le proprie qualità e la propria forza. La partita - La s�da ha vissuto almeno i primi 20’ del primo tempo in maniera molto equilibrata con i padroni di casa che, pur non brillando, hanno saputo tener testa ai rossoblu ospiti. Poi con il passare dei

minuti però La Valletta è uscita fuori �no a trovare a 2’ dal termine della prima frazione il gol del vantaggio. Al rientro dagli spogliatoi la gara sembrava riprendere la linea guida della prima frazione ma dopo una super parata di “spiderman” Saleppichi (che nel compiere l’intervento si infortunava pur rimanendo in campo �no alla �ne) arrivava il crollo mentale e di concentrazione con 3 reti subite in neanche 4’. Un duro colpo per gli ortani che non sono riusciti a reagire, hanno subito il 5-1 trovando solo nel �nale con Matteo Marzoli la rete della bandiera. Mister Martellino è una furia: “Faccio i complimenti a La Valletta, grandissima squadra ma non posso accettare una prestazione del genere da parte della mia squadra. Noi abbiamo prodotto la peggiore prestazione di questo campionato”.

HOCKEY IN CARROZZINA - Sabato si gioca il match di ritorno

Sconfitta onorevole per la Vitersport con i Darco di Albano Laziale (6-8)

6

Cipolloni nella foto storica della protesta in Francia spalti, spesso manipolato e psicologicamente confuso dagli umori dei tifosi, siede in panchina, a contatto diretto con gli arbitri, prima durante e dopo la gara. Quattro arbitri tutti col �schietto, tutti col potere decisionale, tutti con la possibilità di spostarsi in ogni parte del terreno di gioco, scambiandosi nelle posizioni e stando più vicino alle azioni, commettono meno errori e danno spettacolo. Perché non istituire corsi di base, della durata di un intero

anno solare, con vivai che comprendano ragazzi dai dieci agli undici anni d’età? Con una spesa irrisoria, addirittura ridicola, in tempi molto brevi, potrebbe essere messa in moto una rivoluzione, senza precedenti, ef�cace e risolutiva. Tutte le discipline sportive, dallo sci, al nuoto, all’equitazione, al rugby, alla pallacanestro, al tennis, al ciclismo, in tutto il mondo, hanno i vivai; gli arbitri di calcio, fulcro di giustizia e legalità, ne sono sprovvisti.

a 8 il risultato dell’ incontro in casa della Vitersport con i Darco di Albano Laziale. Nei due tempi iniziali le forze sono sembrate sostanzialmente alla pari. Gli atleti viterbesi sono entrati per la prima volta in campo con la maglia della Giomi, la società che ha permesso di affrontare con tranquillità il campionato e a cui va il ringraziamento della società. Grintosi, attenti, hanno giocato mettendo a frutto la carica agonistica e la preparazione tecnica, ma senza capitalizzare un vantaggio tale da assicurare l’esito dell’incontro. Buon gioco di squadra, belle individualità, sia tra le mazze che tra gli stick, ruoli che i giocatori si sono passati più volte, evidenziando la potenzialità che ha la squadra di formularsi in diversi quintetti validi. Edy Marotta, portiere ormai esperto ed af�dabile, Izzo, Cruezi, Cesarei, Umberto Marotta, Minella, Pacchiarotti, Murolo, Polo con la guida del tecnico Michele Mancuso ce l’hanno messa tutta. Ma non è bastato. Il confronto è sempre con squadre

di altissima qualità (tra queste anche la Thunder Roma, nel 2011 campione d’Italia per la seconda volta) preparate, esperte, corredate di carrozzine sportive di ultima generazione. A tempi stretti, sabato 3 marzo, la partita di ritorno ad Albano Laziale, con l’augurio che i ragazzi della Vitersport sappiano trarre tesoro dall’esperienza appena fatta. Nell’edizione di domani altro servizio e la foto della Vitersport Hockey in carrozzina della stagione in corso.

RUGBY UNDER 16 - Successo per 80-0 sul campo del malmesso Latina. Gli autori delle mete

La scorpacciata dei leoncini R

enzetti, Malaguti, Dore, Rattotti, Ricci, Russo. Ecco gli atleti che hanno realizzato le 12 mete durante l’incontro che si è disputato domenica sul campo di Latina. I “leoncini”, nonostante qualche assenza per infortunio, hanno eseguito ciò che era stato chiesto loro dai tecnici Amicucci, Cardoso e Romagnoli: pressing, pressing da subito. Hanno così portato a casa l’ennesima vittoria, guadagnando anche il punto di bonus in palio dalla quinta meta in su. I tecnici si ritengono soddisfatti, e i Lions Viterbo mantengono ancora il primo posto in classifica davanti alla squadra di Colleferro, con la quale si scontrerà domenica 18 marzo. E sarà quindi una bella gara che metterà di fronte le migliori due formazioni del girone e la speranza è che i nostri ragazzi riescano ad imporsi continuando a giocare sugli alti livelli che hanno sin qui caratterizzato la loro ottima stagione. Nelle foto due momenti della gara contro il La tina. Altro servizio a pagina 23.


����� � �������� ��� ������� �����������������������

�������������������������� ����������������������������

��

����

���������������������� ���������������������� ��� ����� ������� ���� ������ ������������������ ������ �������������� �� ���� ����������� ���� �� ������������ ���������������������������������� ���� ������������� ��������������� ���� ��� ������ ������������������������������������������������ �������

� ������������������������������������� ���������������������������� � ������������������� ������������������������� �������� �������������������� �����������������

���������������������� ��������������������� ������������������������ ����������������� ������������������������ �������������� ��������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������������������������������������������������


AltoLazio

� �

sport

21

SPORT

Mercoledi 29 Febbraio 2012 Viterbo &

CALCIO 1ª / 2ª

Castrense e Sorianese si giocano la Promozione Nel recupero della diciassettesima giornata scendono in campo le prime della classe

G

iornata di recuperi in prima categoria, e che recuperi. Scenderanno in campo infatti le prime due classe, impegnate rispettivamente a Caprinica e Vasanello, con l’aggiunta di decisivo incontro in chiave salvezza tra Valleranese e Doria San Martino. Il presidente della Castrense Vincenzo Camilli non nasconde l’amarezza per il secondo pareggio stagionale con il Latera e striglia i suoi per la sfida contro il Capranica: “Domenica non abbiamo messo in campo la necessaria grinta per portare a casa

il risultato. Il Latera è un’ottima squadra, ma i valori in campo non giustificano il pareggio. In prima categoria la tecnica conta ma non è tutto. Senza la giusta concentrazione e senza agonismo non si vince. La società ha costruito una macchina da formula uno che ha solo un obiettivo, vincere e convincere.” Per la sfida con il Capranica tutti a disposizione di Raspoli? “La rosa è al completo, mi aspetto una prova di carattere dai giocatori con una conseguente vittoria.” Il mese di Marzo sarà decisivo: “Ci giochiamo tutto o

1ª CATEGORIA GIRONE A - 20ª GIORNATA (4 marzo)

Il terzo recupero sarà Valleranese - Doria San Martino. In palio tre punti salvezza Di Gennaro e Medori per il resto della stagione, di Traili, che comunque dovrebbe rientrare presto, e Tasca, per il quale dobbiamo attendere il responso della risonanza magnetica.” Credete nella rimonta in campionato? “Affrontiamo le situazioni giorno per giorno, senza

guardare al cammino degli avversari. Al termine del campionato vedremo dove siamo arrivati. L’obiettivo è salire di categoria, da primi ma anche da secondi e da questo punto di vista siamo messi bene.” La Nuova Sorianese scenderà in campo questo undici: Porta, Petronella, Alcini, Borghesi, Bayslach, Bonucci, Ciavatteri, Petruccetti, Pompei, Gentili, Pecci A disposizione: Morgantini, Pallotta, Toni, D’Annibale Bachino, Del Moro Allenatore: Valentini Nel terzo incontro di recupero si affronteranno due

2ª CATEGORIA GIRONE A - 20ª GIORNATA (4 marzo)

delle formazioni più in forma del campionato, Valleranese e Doria San Martino. Il presidente del Doria Marcelliano Borgi analizza così la sfida: “Sarà una ruolette russa. Tra squalifiche ed assenze forzate per gli impegni lavorativi partiamo con gli uomini contati. Non che voglia mettere le mani avanti, anzi. Chi è sceso in campo ha sempre dato il massimo e questo mi fa ben sperare.” Anche un punto sarebbe importante: “La Valleranese è un’ottima squadra. Erano molto validi nel girone d’andata e dopo il mercato invernale

lo sono ancora di più. Non sarà facile affrontarli anche perchè in casa hanno sempre fatto bene.” È l’occasione per avvicinarsi alla salvezza: “Mancano troppe partite alla fine del campionato per guardare alla classifica. Sicuramente uscire indenni da questa trasferta ci darebbe ulteriore morale e ci avvicinerebbe al nostro traguardo, che rimane la salvezza. Purtroppo stiamo pagando i pareggi del girone d’andata, che a mio avviso rimangono sempre delle mezze sconfitte, ma adesso stiamo trovando la quadratura del cerchio. La squadra si è amalgamata,

2ª CATEGORIA GIRONE B - 20ª GIORNATA (4 marzo)

BLERA .- CIMINA RONCIGLIONE

15,00

CIVITELLA D’AGLIANO - SAN LORENZO NUOVO

15,00

BASSANO ROMANO - VEJANESE

11,00

CAPRANICA - LATERA

11,00

ETRUSCA - FARNESE

11,00

MAGLIANESE - ATLETICO MORLUPO

11,00

MONTALTO - CASTRENSE

11,00

GRAFFIGNANO - QUERCIAIOLA

15,00

PRO CALCIO ANGUILLARA - FABRICA CALCIO

15,00

MONTE ROMANO - NUOVA SORIANESE

11,00

NUOVA BAGNAIA - VALENTANO

11,00

REAL CAPRAROLA - CALCIO SUTRI

11,00

TUSCANIA CALCIO - DORIA SAN MARTINO

11,00

REAL GRADOLESE - AS VETRALLA

15,00

REAL COLLEVECCHIO - VIC FORMELLO

11,00

VALLERANESE - POL. FALISCA

11,00

VIRTUS MARTA - BARCO MURIALDINA

11,00

SORATTE - CASPERIA

11,00

VASANELLO - VIRTUS CIMINI

15,00

VIRTUS PILASTRO - N. PESCIA ROMANA

10,30

SPORTING RONCIGLIONE - SABAZIA

11,00

VIRTUS C. BOLSENA - VIGNANELLO

11,00

2001 TUSCIA - CELLENO

15,00

STIMIGLIANO - FORANO

11,00

A sinistra Mauro Valentini, tecnico della Sorianese e a destra Mauro Raspoli della Castrense. L’inseguimento dei cimini continua

Foto Andrea Di Palermo

1ª CATEGORIA GIRONE D - 20ª GIORNATA (4 marzo)

1ª Categoria girone A CASTRENSE

50

NUOVA SORIANESE

40

VIRTUS BOLSENA

32

CAPRANICA

29

LATERA

28

BLERA

28

C. RONCIGLIONE

27

POL. FALISCA

27

DORIA SAN MARTINO

25

TUSCANIA

24

MONTALTO

23

VALLERANESE

20

VIGNANELLO

19

MONTE ROMANO

18

VASANELLO

12

VIRTUS CIMINI

9

quasi. Oltre al campionato avremo il doppio impegno in Coppa Lazio che ci porterà a giocare ogni tre giorni. Sarà un test decisivo anche in vista della prossima stagione sia per il tecnico che per i giocatori.” La Castrense scenderà in campo con questo undici: Izzi, Nulli, Isidori, Cascianelli, Parla, Calistri, Scatena, Camilli, Pacenza, Randazzo, Serafini. A disposizione: Dottarelli, Nobile, Brinchi, De Felice, Alesini, Morabottini, Bisozzi Allenatore: Raspoli Chi invece spera in un passo falso della capolista è la Nuova Sorianese di Francesco Torroni: “Andiamo a Vasanello per fare risultato. La vittoria contro il Virtus Bolsena ha messo al sicuro la seconda piazza e ci ha rinfrancato nel morale.” Tutti a disposizione di Valentini? “Purtroppo no. Rientreranno dalla squalifica Pellegrini ed Esposito ma dobbiamo fare a meno di

CASAL BARRIERA - CAPENA

11,00

CANALE MONTERANO - TREVIGNANO

11,00

CESANO - PRO ROMA

11,00

FIANO ROMANO - FORTITUDO

11,00

OTTAVIA - FORTITUDO NEPI

11,00

REAL PORTUENSE - CAMPAGNANO

11,00

RIGNANO SORATTE - CASTELNUOVESE

11,00

ROMULEA - SACROFANO

11,00

1ª Categoria girone D

2ª Categoria girone A

REAL PORTUENSE

40

SAN LORENZO N.

49

CAPENA

38

VALENTANO

39

FIANO ROMANO

37

CIVITELLA D’AGLIANO

39

FORTITUDO ROMA

36

2001 TUSCIA

35

TREVIGNANO

34

VIRTUS PILASTRO

32

ROMULEA

30

FARNESE

29

RIGNANOSORATTE

29

NUOVA BAGNAIA

28

CANALE MONTERANO

27

REAL GRADOLESE

25

CASAL BARRIERA

25

GRAFFIGNANO

25

SACROFANO

24

VETRALLA 1928

24

CAMPAGNANO

24

VIRTUS MARTA

19

CASTELNUOVESE

21

ETRUSCA

19

OTTAVIA

20

QUERCIAIOLA

14

PRO ROMA

20

N. PESCIA ROMANA

14

FORTITUDO NEPI

9

CELLENO

12

CESANO

6

BARCO MURIALDINA

7

il nostro mister, che reputo uno dei migliori sulla piazza, ha trasmesso il suo credo ai calciatori e la vittoria di Domenica ne è la dimostrazione. Con lo spirito attuale penso non avremo difficoltà a raggiungere il nostro primario obiettivo.” (Leonardo Cutigni)

RECUPERI DI SECONDA TRA UNA SETTIMANA E tra sette giorni si giocheranno i recuperi della Seconda Categoria. Ricordiamo le sfide che sono le seguenti. GIRONE A Si disputeranno i confronti della terza di ritorno tra Barco Murialdina e San Lorenzo Nuovo, il derby tra Nuova Bagnaia e Querciaiola e la sfida tra Real Gradolese e Valentano. GIRONE B Per questo gruppo avremo invece i recuperi tra Bassano Romano e Fabrica Calci, Real Caprarola contro Vejanese e Soratte contro Vic Formello.

2ª Categoria girone B STIMIGLIANO

46

RONCIGLIONE UNITED

41

REAL COLLEVECCHIO

34

FABRICA CALCIO

34

VEJANESE

32

SABAZIA

31

CALCIO SUTRI

30

MAGLIANESE

28

P.C. ANGUILLARA

25

FORANO

24

VIC FORMELLO

20

CASPERIA

19

BASSANO ROMANO

17

SORATTE

15

MORLUPO

12

REAL CAPRAROLA

12


� �

sport

SPORT

& Mercoledì 29 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

22

CALCIO GIOVANI

Sei bravo a... Scuola di Calcio 2012 Tutte le norme che regolano la manifestazione per l’attività di base

A

l �ne di attuare la necessaria veri�ca dell´attività svolta nelle “Scuole di Calcio” uf�cialmente riconosciute, il Settore Giovanile e Scolastico, d´intesa con il Settore Tecnico, organizza la Manifestazione “Sei Bravo a... Scuola di Calcio”, un attività riservata alla categoria Pulcini che viene articolata in prove tecniche. Il programma tecnico-didattico denominato “Sei bravo a...” prende spunto principalmente da due considerazioni rilevanti che riguardano altrettanti fattori determinanti la prestazione nel gioco del calcio: la rapidità di movimento e la precisione tecnica. I giochi (esercizi e situazioni) “a confronto” (S. D´Ottavio, 1989), che rappresentano il criterio metodologico applicato nei contenuti del programma, si pongono, quindi, l´obiettivo di stimolare e cercare di migliorare le abilità tecniche fondamentali in condizioni di:

- effettuazione delle prove nel minor tempo possibile; - ricerca di gesti tecnici precisi; - prestare attenzione e stimolare la percezione sensoriale verso gli elementi presenti nei giochi. Tale attività è da considerarsi uf�ciale a tutti gli effetti: pertanto la partecipazione alla Manifestazione è obbligatoria per tutte le “Scuole di Calcio” Riconosciute con la categoria Pulcini. La mancata partecipazione al “Sei bravo a... Scuola di Calcio” comporta parere negativo per la conferma del riconoscimento della “Scuola di Calcio”. Il Settore Giovanile e Scolastico, prendendo spunto dalla Carta dei diritti del ragazzo allo sport, richiede una serie di requisiti che saranno il presupposto per il riconoscimento delle Scuole di Calcio. Pertanto verrà consentita la partecipazione alle “FESTE” conclusive ai vari livelli del “Sei

Bravo a... Scuola di Calcio”, a quelle Scuole di Calcio che si saranno distinte, oltre che per le capacità ed abilità tecniche, anche per particolari connotazioni organizzative e didattiche. FASE PROVINCIALE - MODALITA´ DI SVOLGIMENTO Ogni squadra dovrà partecipare obbligatoriamente con min. 10 max. 14 giocatori nati negli anni 2000-2001 (solo se necessari a completare la squadra) che verranno tutti impegnati nei giochi/ gare di seguito esposti. Sarà possibile “calendarizzare” le giornate del “Sei bravo...” ogni 4 gare di campionato oppure realizzare il “Sei bravo...” nel periodo primaverile. Si ricorda che per le Scuole Calcio la partecipazione è obbligatoria. Si dovranno disputare almeno due delle gare a confronto oltre al 6 > 6 con portieri e almeno due dei giochi tecnici a scelta tra quelli indicati nel progetto tecnico (viene indicato un esempio in fondo alla presente) In ciascuna delegazione viene lasciata la libertà di decidere se indicare i giochi da realizzare per la giornata di riferimento o meno. La �nale regionale prevista per il giorno 5 giugno 2011 in luogo ancora da destinarsi vedrà la partecipazione di una squadra per ogni delegazione( due per Brescia e tre per Milano) per complessive 16 squadre da determinarsi secondo i seguenti punteggi:

Scuole Calcio quali�cate: 5 pt Scuole Calcio: 3 pt Centri Calcistici di Base: 0 pt Partecipazione a ogni riunione indetta dalla �gc sgs 1 pt 1° classi�cato fase provinciale: 8 pt 2° classi�cato fase provinciale: 6 pt 3° classi�cato fase provinciale: 4 pt 4° classi�cato fase provinciale: 2 pt E´ prevista per tutte le gare la modalità dell´ “auto-arbitraggio”. MODALITA´ DI ACQUISIZIONE DEL PUNTEGGIO Vengono assegnati 3 punti per la vittoria in ogni mini-confronto tra sottogruppi (gara oppure gioco) Viene assegnato 1 punto per il pareggio. Vengono assegnati 0 punti per la scon�tta. (si veda esempio in fondo) E´ fatto obbligo all´inizio e alla �ne delle gare/giochi di salutare i compagni di gioco della squadra affrontata. Nel caso una squadra si ri�uti di salutare verrà penalizzata con 2 punti nella graduatoria �nale.

Ben 54 medaglie per gli atleti delle Scuole Velta Karate, ecco tutti i premiati

S

otto l’egida del Comitato Provinciale FIK (Federazione Italiana Karate) Viterbo, la scorsa domenica 26 Febbraio si è svolta, a Civitavecchia, la seconda ed ultima fase provinciale della specialità Kata (forma), valida per la quali�cazione al Campionato Italiano e Coppa Italia. Nella soleggiata mattinata di domenica, la Palestra MeijiKan ha accolto 246 atleti delle 21 Società del Comitato, di cui 80 provenienti dagli 11 dojo (palestre) dei tecnici del gruppo Scuole Velta Karate del M° Sergio Valeri. Il ricco medagliere delle Scuole Velta Karate conta ben 54 medaglie che comprendono 14 ori, 14 argenti e 26 bronzi. Sono saliti sul gradino più alto del podio: De Ninno Giorgio (Allerona),Peruzzi Nicolas (Alviano), D’Ambrosio Dalila (Attigliano), Pacioni Elena (Attigliano), Biretti Federico (Monte�ascone), Carelli Matteo (Monte�a-

scone), Caricato Fabio (Monte�ascone), Cricco Riccardo (Monte�ascone), Pezzato Alessia (Monte�ascone),Caricato Matteo (Monte�ascone), Ulinici Gheorghe (Orvieto), Laezza Jacopo (Vetralla), Lenczes Catalin (Viterbo), Flinta Alice (Viterbo). Hanno conquistato il secondo posto: Rotili Giulia (Alviano), Falco Jacopo (Alviano),Maccabruno Manolo (Alviano), Magistrato Ryan (Orvieto-Ciconia), Magistrato Axel (Orvieto-Ciconia),Dijkman Giulia (Orvieto), Cavallo Matteo (Vetralla),Natili Patrizio (Viterbo), Napoli Giorgia (Viterbo), Franceschi Jordi (Viterbo), Zegarra Manuel (Viterbo), Giuliano Lorenzo (Viterbo), Piscitelli Antonio (Viterbo), Fois Michele (Viterbo). Si sono aggiudicati il terzo posto: Anselmi Mattia (Alviano), Paladini Carla

(Alviano), Principi Igor (Attigliano), Mariani Andrea (Attigliano), Meacci Matteo (OrvietoCiconia), Botta Emanuele (Orvieto), Giovannini Tommaso (Orvieto), Procaccini Tommaso (Orvieto), Enache Alexandra Simona (Vetralla), Santini Franco (Vetralla), Calore Luigi (Viterbo). Carolini Daniele (Viterbo), Masella Chiara (Viterbo), Moga Riccardo (Viterbo), Sapronetti Dario (Viterbo), Valeri Maddalena (Viterbo), Della Torre Enrico (Viterbo), Calin Simone (Vitorchiano), Cerasa Luca (Vitorchiano), Brunelli Emanuele (Vitorchiano), Ielmoni Chiara (Vitorchiano), Capati Monica (Vitorchiano), Mercuri Veronica (Vitorchiano), Marini Leonardo (Vitorchiano), Salucci Federico (Vitorchiano), Nicoletti Lorenzo (Vitorchiano). Nel medagliere la società Velta Karate Viterbo conquista il 1° posto con 118 punti. Il M° Sergio Valeri e l’Istr. Antonio Affatati si ritengono soddisfatti dei risultati, ormai

conclamati già nelle precedenti gare. Come già dimostratosi nelle precedenti fasi provinciali, il livello tecnico della scuola sta crescendo sensibilmente e ciò è imputabile a diversi fattori: all’impegno quotidiano di tutti gli allievi, al nuovo metodo di allenamento centralizzato introdotto in questa stagione 2011/2012 che si tiene ogni venerdì nella palestra madre di Viterbo ma soprattutto al lavoro costante portato avanti assiduamente da tutti i tecnici nelle proprie palestre. Un riconoscimento va quindi al meritevole lavoro svolto da: l’allenatrice Paola Polegri e dai suoi allievi di Alviano, l’allenatore Daicoro Principi e dagli allievi del nuovo dojo di Attigliano, l’allena-

tore Fabio Gentileschi e dai suoi allievi di Bolsena, l’allenatrice Federica Menenti e dai piccoli allievi del nuovo dojo di Ciconia, l’allenatore Danilo Del�ni e dai suoi allievi di Roma, l’allenatrice Sara Guerrini dagli allievi del dojo di Vetralla e l’allenatore Antonio Scognamiglio e dai suoi allievi del dojo di Vitorchiano. Un ringraziamento particolare dal M° Valeri e dall’ Istr. Affatati agli allievi di Allerona, Monte�ascone, Orvieto e Viterbo, che dimostrano quotidianamente passione, impegno e dedizione e stimolano i loro insegnanti a migliorarsi ed a portare avanti al meglio questa bellissima disciplina marziale.


sport

SPORT

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 29 Febbraio 2012

23

SPORT VARI

Atletica leggera, super Alto Lazio Colavene e Zona Olimpica Nel rugby bel successo per il team dei Lions under 16 nella trasferta di Latina

G

li approfondimenti dal nostro sport.

ATLETICA LEGGERA OTTIMI ARSENTI E L’ALTO LAZIO COLAVENE ALLA ROMA-OSTIA Domenica 26 febbraio si è svolta la 38^ Edizione della Mezzamaratona Roma-Ostia di 21,097 Km e l’A.S.D. Alto Lazio atletica Colavene ha ottimamente portato a termine questo importante appuntamento per il settore senior-master della società. Alla manifestazione con partenza presso il Palalottomatica di Roma all’EUR e che poi si snoda lungo la Cristoforo Colombo per arrivare ad Ostia hanno preso parte circa 13.000 atleti provenienti dall’Italia e dall’estero e l’Alto Lazio Colavene con i suoi 26 atleti giunti al traguardo si è classi�cata al 77° posto su 1055 società partecipanti, mentre con i suoi atleti ha ottenuto un prestigioso risultato con Guido Arsenti giunto 97° assoluto con il tempo di 1h 10min. 58 sec. classi�candosi

D’Antò (MM35)1.38.55,Sandro Lazzarini (MM50)1.41.55, Roberto Percossi (MM50) 1.44.28, Roberto Ceccani (MM40)1.44.29, Pietro Comite (MM55) 1.44.55, Federico Pantani (MM45) 1.45.46, Andrea Carlone (MM40) 1.51.01, Matteo Nelli (SM) 1.52.57, Argante Venturi (MM50) 1.54.58, Enrico Morelli (MM35) 1.57.00, Gianluca Salza (SM) 2.06.54, Eugenio Sangiorgi (SM) 2.09.14.Da tener presente che alcuni di questi atleti erano alla prima esperienza sulla distanza di mezza maratona ed altri rientravano dopo un periodo di sosta. Ora molti di questi atleti prenderanno parte domenica prossima a Tuscania alla gara del Corrintuscia 2012 dove gareggeranno anche altri atleti dei settori giovanili ed agonistici della società Alto Lazio Colavene e poi l’11 marzo tutti pronti per il cross presso la pineta di Montalto di Castro valido come Campionato Italiano UISP.

Il forte Guido Arsenti

4° della sua categoria MM45. Domenica mattina tutto è stato organizzato per il meglio ad iniziare dalla logistica, infatti, tutti gli atleti hanno raggiunto Roma con un pullman che li ha lasciati in prossimità della partenza e poi li ha attesi ad Ostia nella zona di arrivo prima del ritorno a Civita Castellana dove molti di loro hanno poi partecipato alla giornata di recupero della s�lata dei carri allegorici 2012. Tornando alla gara come detto dopo l’ottima gara di Guido Arsenti che ha corso con il suo cognome stampato sul pettorale di gara, in quanto già lo scorso anno si era classi�cato entro i primi 100 ed ha chiuso con 1.10.58 bene si sono comportati il giovane Stefano Martelletti SM seguito da Marco Turco MM40, Alessandro Tombolini MM40 e Stefano Gelanga MM40 tutti sotto l’ora e trenta, rispettivamente 1.21.33 – 1.22.58 – 1.24.59 -1.29.46, a seguire Riccardo Pacelli (MM40)1.32.21, Giuseppe Filoscia (MM35)1.35.20, Federico Rosci (PM) 1.36.03, Marco Tuia (SM) 1.36.22, Domenico Grieco (SM) 1.36.31, Francesco Grifoni (SM) 1.36.58, Marco Montesi (JM) 1.38.16, Fabrizio Di Cosimo (SM) 1.38.19, Roberto Pistola (MM35)1.38.29, Vincenzo

ATLETICA LEGGERA VALERIA CARVETTI E LUDWIG SCHERTEL DELLA ZONA OLIMPICA VITERBO Di scena ad Ancona domenica 4 marzo, la seconda edizione di “Ai con�ni delle Marche”, manifestazione nazionale di atletica Indoor riservata alle rappresentative Regionali Cadetti/e. E’ presente all’importante appuntamento agonistico anche il Lazio che schiera quest’anno una squadra maschile e femminile alquanto competitiva, che cercherà di ripetere gli ottimi risultati conseguiti nel 2011. Grande soddisfazione per l’Atletica Zona Olimpica di Viterbo che schiera nell’occasione ben due rappresentanti della sua squadra, entrambi impegnati nella specialità del salto in alto, Ludwig Schertel e Valeria Carvetti. I due giovanissimi, allenati con passione e competenza da Monica Condurelli, si sono messi in evidenza ad inizio stagione agonistica vincendo le rispettive gare a cui hanno partecipato e nelle quali hanno anche ottenuto i loro record personali. Ludwig ha già saltato alla seconda uscita agonistica a Rieti, nel corso della gara di Triathon, la misura di 1,75, molto vicino al

Nel volley successo di misura per 3-2 dell’Oratorio Madonna del Fiore record provinciale trentennale di Claudio Rossi di 1,80; Valeria, proveniente dal ricchissimo vivaio di Civitacastellana dell’Alto Lazio del presidente Tronti, ha realizzato invece il suo nuovo record personale alla sua prima uscita agonistica del 2011 a Roma con la misura di 1,53. La speranza è che i due viterbesi possano nella importante manifestazione, dare il meglio di loro stessi, valorizzando immagine sia della società, la Zona Olimpica Atletica Viterbo, ma anche di tutto il movimento atletico della Tuscia.

RUGBY, OK I LIONS UNDER 16 Pronostico ampiamente rispettato per l’unica formazione dei Lions rugby Alto Lazio in campo quest’ultima domenica (l’altra ha riposato). Nel campionato regionale Under 16 (girone 2, quinta di ritorno) la squadra della franchigia viterbese per i settori giovanili della pallaovale ha battuto in trasferta il Rugby Latina per 80-0. Un risultato per certi versi esagerato, con dodici mete segnate e ben dieci trasformazioni af�date al piede di Salvatore Russo, ma va rimarcato che il confronto vedeva di fronte la prima e l’ultima in classi�ca. I ragazzi in divisa grigio-nera, nonostante i pericoli legati a cali di concentrazione per una gara apparentemente meno importante, hanno espresso un buon ritmo senza evidenziare rilassamenti per tutta la durata dell’incontro. Va sottolineato che a Latina non erano presenti molti giocatori per infortuni e malattia - praticamente i due terzi del pacchetto di mischia - ma chi è andato in campo, giocando anche in ruoli non suoi, ha dimostrato di non alterare la compattezza della squadra. Elemento, quest’ultimo, fondamentale per mantenere la testa della classi�ca così a lungo - i Lions �nora hanno

I partecipanti alla Roma-Ostia vinto 10 delle 12 gare disputate �nora, una pareggiata e una sola scon�tta di misura - e poter puntare decisi al successo �nale. Ora i Leoncini dei tecnici Amicucci, Cardoso e Romagnoli hanno di fronte due domeniche di riposo, utili per preparare la s�da sul campo del Colleferro-Segni (la seconda in classi�ca) del 18 marzo. Gara che potrebbe dire molto sull’esito del campionato. Intanto la formazione maggiore dei Lions la scorsa domencia ha osservato il turno di riposo del campionato Under 20. Il quindici allenato da Nicola Racean tornerà in campo domenica prossima a MontevirginioOriolo contro la corazzata Cus Roma, prima in classi�ca con largo margine. Un confronto impari ma che i Lions possono affrontare con dignità non avendo nulla da perdere.

IL VOLLEY BENE LA POL. ORATORIO MADONNA DEL FIORE La Polisportiva Oratorio Madonna del Fiore butta magistralmente il cuore oltre l’ostacolo denominato �siologica stanchezza dovuta all’aver disputato tre gare in quattro giorni, superando al tie-break una G.S. Poliziana più fresca atleticamente ma meno esplosiva nel momento chiave del match.

POL. ORATORIO M. DEL FIORE 3 POLISPORTIVA POLIZIANA 2 (25-14 / 25-22 / 24-26 / 20-25 / 15-13) Pol. Oratorio Madonna del Fiore: Agostini, Camicia, Campana, Friggi, Maggi, Meaccini, Neri, Piazzai, Pieri, Poppi. All: Zapponi Gs Polisportiva Poliziana: Bigozzi, Boncompagni, Cio�ni, Del Ticco, Franci, Maccari, Morellini, Pizzingalli. All: Mariani Arbitro: Boncompagni Comitato di Siena La Polisportiva Oratorio Madonna del Fiore butta magistralmente il cuore oltre l’ostacolo denominato �siologica stanchezza dovuta all’aver disputato tre gare in quattro giorni, superando al tie-break una G.S. Poliziana più fresca atleticamente ma meno esplosiva nel momento chiave del match. Per le capoliste del Girone, primo set magistrale a partire dall’8-8. Arrivano ben 11 punti di vantaggio �nali grazie al servizio di Federica Friggi (otto punti consecutivi sulla sua battuta), ai muri di Marianna Maggi ed ai colpi sotto rete della coppia Francesca Meaccini-Monica Putano Alias Bisti. A tentare invano di arginare la marea-punti qualche timido sprazzo sotto rete di Franci. Al primo accenno di “�atone grosso viterbese” le toscane sono brave a ritornare in scia lottando testa a testa nel secondo set. Il lunghissimo equilibrio (�no a livello di 22 pari), vede protagoniste tra le viterbesi sotto rete Giada Campana, Federica Friggi (un paio di muri

Bel record per la Carvetti

chirurgici), Francesca Meaccini e Monica Alias Putano Bisti e tra le ospiti “uber alles” Bigozzi. Decisiva Federica Piazzai arte�ce degli ultimi punti pesantissimi. Riscossa toscana da incorniciare . Oltre ad individualità di spessore si individua un collettivo in crescita esponenziale. Che lotta su ogni palla �no al 24 pari del terzo prima di mettere a segno due zampate vincenti ed ancora maggiormente si fa preferire nel quarto conquistando un massimo vantaggio anche di sei punti a livello di 19-14. A “smontare il giocattolo sincronicamente perfetto” �no a solo due punti dal trionfo nel tie-break �nale, ci pensa il servizio al fulmicotone di Giorgia Pieri che manda in tilt la ricezione ospite. Caricando il braccio di una Federica Piazzai che mura e schiaccia a meraviglia. Dopo tre giorni di riposo nuovo tour de force Campionato a partire da Giovedì per le oratoriali. Giovedì 1 Marzo alle ore 21.00 previsto anticipo casalingo con la formazione della Pallavolo Saiuz Amiata B che dopo la scon�tta casalinga con la U.P.P. Grifo Volley (3-1 con parzialini di 16-25 / 25-19 / 25-19/ 25-17) resta ultima in classi�ca. Impegnativa trasferta Sabato 3 Marzo alle ore 20.30 in quel di Sarteano. C/5 SERIE D FEMMINILE PROVINCIALE E’ LOTTA A TRE Prosegue il campionato di calcio a cinque femminile di serie D provinciale. E per la vittoria finale è sempre lotta aperta tra Libertas Ellera, Montefiascone e Nepi Sport Event. Risultati - Ecco quanto è avvenuto nelle gare della seconda di ritorno: Blera-Vignanello 4-0; Calcio Rossoblu-Libertas Ellera 113; Caninese-Pol. Cicram 9-2; Cus Viterbo-Montefiascone 4-4; Graffignano-Oratorio Grandori 2-14: Lubriano-Celleno 0-4; Nepi Sport Event-Canale Monterano 6-0. Classifica - E questa è la classifica aggiornata: Libertas Ellera 44; Montefiascone 41; Nepi Sport Event 40; Celleno 32; Canale Monterano 28; Oratorio Grandori 26; Lubriano 24; Cus Viterbo e Caninese 23; Atletico Oriolo 19; Blera 17; Pol. Cicram 11; Vignanello 6: Calcio Rossoblu 5; Graffignano 3.


L'Opinione di Viterbo - 29.02.2012  

L'Opinione di Viterbo - 29.02.2012

Advertisement