Issuu on Google+

����������

p

������������������������������������������������������������� �������������� ���������� �������������������������� �������������������

MERCOLEDI 28 DICEMBRE 2011 ���������������������

Anno II N. 306 - Euro 1,00 �����������������������

���������������������������������������� Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO

Politica

Primarie regionali del Pd Enrico Gasbarra si presenta di Emanuele Faraglia a pagina 5

Cronaca

Spettacoli

Una panoramica sui reati dell’anno 2011

Inizia a Orvieto la stagione di Umbria Jazz Winter Servizio a pagina 16

Servizio a pagina 3

Da 11 giorni in sciopero della fame. Soltanto l’Associazione Antimafia Antonino Caponnetto lo difende

Gaetano Cici lasciato solo MONTALTO

Nel durissimo articolo pubblicato sul sito dell’Associazione Caponnetto vengono rivolte gravi accuse alle istituzioni ed in particolare a taluni uffici della Prefettura di Viterbo accusata di non far nulla in difesa dell’imprenditore “strozzato” e truffato. “Sarebbe ora - scrive l’Associazione - che il nuovo Ministro dell’Interno disponga una seria inchiesta mandando degli ispettori che accertino se le cose siano state fatte in regola”. Appello al Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Tuscania affinché faccia accertare le condizioni psico fisiche di Gaetano Cici, determinate dal prolungarsi dello sciopero della fame. dalla REDAZIONE a pagina 3

All’inaugurazione del Presepe Vivente di Tarquinia presenti più di 4mila persone di Alessandro Sacripanti a pagina 10

Prima edizione di “Natale insieme” Servizio a pagina 11

MONTEFIASCONE

Polemica in consiglio comunale di Michele Mari a pagina 13

Il palazzo della Prefettura di Viterbo

Il Prefetto Dr.ssa Antonella Scolamiero

I White Singers si esibiscono a Tuscania Un successo clamoroso del concerto Gospel

Passione Civile attacca la Giunta

di Valeria Sebastiani a pagina 12

di Emanuele Faraglia a pagina 14

SPORT - Le cronache e gli eventi della provincia

Calcio Al Montefiascone l’Oscar nostrano dell’Eccellenza

Calcio Prima e Seconda La situazione prima della ripresa

Servizio a pagina 19

Servizio a pagina 21

VETRALLA

L’evento La Festa del Coni in piscina

Redazione via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - Centralino 0761.346807 - Fax 0761.1705337 Email: redazione@opinioneviterbo.it

Servizio a pagina 23


Grande Veglione di Fine Anno 31 Dicembre 2011

Ristorante “Al Poggio� Vallerano

Per prenotazioni telefonare al 0761.751248


Mercoledì 28 Dicembre 2011 Viterbo &

AltoLazio

cronaca

3

Omicidi, rapine, furti, usura, incendi, ma quest’anno sarà ricordato per l’ergastolo “senza prove” dato a Paolo Esposito

Un 2011 “ricco” di reati O

micidi, usura, incendi, abusi sessuali. Un anno incredibilmente segnato da vicende che hanno occupato le prime pagine dei quotidiani e dei telegiornali nazionali. Mai come nel 2011 i ri�ettori dei media sono stati puntati sulla provincia di Viterbo. L’otto marzo (per ironia della sorte festa delle donne) una paziente viene stuprata da un infermiere all’ospedale Andosilla di Civita Castellana. Giovanni Piergentili viene arrestato con l’accusa di aver abusato sessualmente di una donna che si trovava sotto anestesia. La violenza in corsia non sarebbe l’unica, dalle indagini vengono scoperte nuove vittime e l’uomo, padre di due �gli, viene condannato a cinque anni e quattro mesi di reclusione dal gip Franca Marinelli. A distanza di due giorni, il dieci marzo, ad Acquapendente un uomo uccide la moglie ed il �glio di quattro anni a martellate. Tamara Sperandini e il piccolo Francesco vengono colpiti

con violenza, �no a morire con il cranio fracassato. Una storia terribile, molti sostennero allora che il quarantenne Imo Seri, titolare di un bar pizzeria, avesse una relazione clandestina con la cugina della moglie. Seri dicono avesse anche un’altra ossessione; era convinto, a seguito di un rapporto occasionale con un’altra donna, di aver contratto una grave forma di epatite e di averla trasmessa a moglie e �glio. Ossessioni che gli hanno probabilmente armato la mano. La verità però non la conoscerà mai nessuno perché tutto si è fermato con le loro vite ai con�ni della Toscana. Il trentuno marzo al via il processo sull’omicidio della giovane madre Marcella Rizzello uccisa a coltellate il tre febbraio 2010 davanti alla sua bambina di quattordici mesi. Vengono indagati Giorgio De Vito, napoletano, e la sua compagna polacca Mariola Henrijka. Il tredici maggio arriva la

condanna per il giallo di Gradoli. Paolo Esposito e l’amante vengono condannati all’ergastolo per l’omicidio e l’occultamento dei cadaveri di Tatiana Ceoban e della �glia Elena. Il dieci settembre da Bolsena ha inizio l’operazione Lions: undici persone vengono ammanettate con l’accusa di spaccio, furto, usura, minaccia, detenzione illegale di armi da fuoco e ricettazione di opere d’arte. Più di ottanta carabinieri in azione tra Bolsena, Soriano nel Cimino, Gradoli, Vetralla e nelle province di Pavia, Terni, Grosseto, La Spezia e Massa Carrara. Poi la lunga serie di incendi che hanno devastato diverse attività commerciali del territorio. Il diciotto maggio il rogo al supermercato Sigma di via Monte Nevoso. L’otto ottobre è la volta del negozio di vendite on-line Ebay in via SS Maria Liberatrice. L’undici dello stesso mese va a fuoco l’ex cinema Metropolitan. L’undici novembre le �amme distruggono il capannone della

tipogra�a industriale Union Printing. Il ventuno tocca ad un supermercato di Tuscania che stavano ristrutturando. In�ne il ventinove novembre un incendio rade al suolo lo stabile di Mondo Convenienza. Questi i fatti più salienti che hanno sconvolto il territorio. Una cosa va evidenziata e cioè che la maggior parte dei reati contro il patrimonio commessi sono opera di cittadini stranieri in particolare di nazionalità romena. In aumento i furti nelle case e nei negozi. aetano Cici è all’ undicesmo I ladri hanno giorno di sciopero della fame e la iniziato a prendePrefettura di Viterbo continua a dormire. re di mira anche Lo stiamo dicendo da anni: non ci piace il beni di prima comportamento di taluni Uf�ci di quella necessità come Prefettura!” gli alimentari. Nei Inizia così un dirissimo articolo casali di campapubblicato ieri sul sito dell’Associazione gna di solito adiAntima�a “Antonino Caponnetto” che biti a magazzini si si scaglia in difesa dell’immprenditore consumano veri e “strozzato” e truffato Gaetano Cici( propri saccheggi. nella foto). “Stiamo all’undicesimo giorno di sciopero della fame - prosegue l’articolo - da parte del nostro amico Gaetano Cici di Tuscania in provincia di Viterbo e nessuna delle autorità viterbesi ha fatto qualcosa in suo favore. Anzi dobbialismo asserendo che “appare mo ancora una volta assolutamente scorretto da stigmatizzare il comun punto di vista informativo portamento degli ufdare notizie contraddittorie �ci competenti della che non siano suffragate da Prefettura viterbese adeguato riscontro documenche noi riteniamo i tale”. E più documentale della veri responsabili deldichiarazione della Soprinla situazione che si è tendenza là dove afferma che venuta a creare. “pur nella consapevolezza che Non ci piacciono molto si potrebbe e si dovrebcerti comportamenti be ancora fare per la tutela, la di quegli Uf�ci e lo conservazione e la valorizzastiamo dicendo da zione di tale compendio”, che anni, da quando, dobbiamo scrivere? cioè, il nostro comSarebbe invece più utile inpianto vicesegretario contrarsi, abbattere le barriere regionale Gigi Daga del formalismo ministeriale ci segnalò alcuni e parlare dei gravi problemi fatti. Sarebbe ora che il nuovo Ministro che af�iggono non solo Villa dell’Interno disponga un’inchiesta seria Lante ma altri e tanti beni altri del Comune di Viterbo. Ciò non toglie che la mandando degli ispettori che accertino che dovrebbero essere sotto critica, quando è costruttiva ed al solo �ne di tuse in questo caso, ad esempio, le cose la tutela del Ministero. Siamo telare un patrimonio che ci appartiene, va sempre siano state fatte o meno in regola. Intanto altresì consapevoli che la So- bene e non “precisata” o “retti�cata”. preghiamo il Comandante della CompaAppro�ttiamo per augurare ai funzionari della printendenza ancora non si è gnia Carabinieri di Tuscania, che ci viene organizzata dopo le vicende Soprintendenza un occhio più benevolo verso il descritto come un ottimo e solerte Cocorruttive che videro coinvolto nostro territorio e molto meno rigidità nei rapporti mandante, faccia accertare le condizioni un loro funzionario insieme ad non solo con i media ma con i cittadini in genere. psico�siche di Gaetano Cici determinate dallo sciopero della fame che ormai si avvia verso il dodicesimo giorno dal suo inizio e ne informi i Comandi Provinciali e Generale. Qualche anno fa, parlando con un investigatore di un organismo specializzato centrale, questi ci disse: na rapina a mano armata è stata Appena dentro lo hanno costretto “ Apprezziamo quanto fanno alcuni portata a termina ieri mattina in- ad aprire la cassaforte impadronendosi cittadini ed associazioni sul piano dell’intorno alle ore 6 a Nepi in Via Roma di circa 40 mila euro. formazione e della sensibilizzazione della ai danni della Tabaccheria Belloni di Subito dopo si sono dati alla fuga a gente, ma questo non basta. A noi serve proprietà di Carlo Belloni di 56 anni bordo di un’auto condotta da un comdell’altro, notizie, notizie, notizie. Bisogna del luogo. plice che li stava attendendo. andare oltre la notizia di quanto già è acErano le 6 di mattina, ancora buio, Sul posto si sono recati immediacaduto. Ci interessa sapere quanto deve quando il signor Carlo ha alzato la sa- tamente i Carabinieri della locale ancora avvenire. Per combattere le ma�e, racinesca della sua tabaccheria. Stazione unitamente ai colleghi della più che al passato, bisogna dedicarsi al Dopo aver acceso le luci, è uscito Compagnia di Civita Castellana per i presente e, soprattutto, al futuro”. dal locale per riempire il distributore rilievi e le indagini del caso. Le associazioni antima�a hanno esterno di sigarette. Per il momento nulla di più si può un’importanza eccezionale e possono E’ stato un attimo. dire anche perché gli investigatori fare tantissimo perché i cittadini timorosi Due individui presumibilmente ita- stanno setacciando i dintorni del locale con noi non parlano perché hanno paura liani, come verrà poi riferito dal malca- nella speranza di recuperare qualche di entrare nelle caserme e nei commissapitato che li avrebbe sentiti farfugliare indizio che possa metterli sulla buona riati, con voi, invece, sì”. E’ quanto noi qualche parola, lo hanno raggiunto strada. ci stiamo da anni sforzando di far capire alle spalle e gli hanno puntato una piLa tabaccheria Belloni, da quello a tutti, cittadini e nostre consorelle. Dai stola contro intimandogli di rientrare che pare sia risultato immediatamente, tanti messaggi di auguri scambiati con subito nel negozio. sarebbe coperta da assicurazione. tantissimi nostri iscritti e simpatizzanti è

Una precisazione su Villa Lante l’occasione per aprire un dialogo

La Soprintendenza finalmente attenta In merito ad un articolo apparso su queste colonne oltre un mese fa ed altri articoli pubblicati sulle pagine di un altro quotidiano cartaceo ed uno online, sempre di Viterbo, circa il degrado in cui versa Villa Lante a Bagnaia, la Soprintendenza per i Beni Culturali del Lazio a �rma congiunta del direttore Giorgio Calandri e della Soprintendente Maria Costanza Pierdominici, ha inviato una lettera, ai noi ed agli altri due quotidiani, per chiosare alcuni passaggi degli articoli che non sarebbero stati graditi. In sostanza la Soprintendente con la sua lettera di precisazione, pur arrampicandosi sugli specchi, vuole negare quello che ben tre quotidiani hanno visto e descritto. Dopo aver criticato i titoli “per altro messi in particolare rilevanza gra�ca” sostiene che negli articoli si “attribuisce tali condizioni di degrado proprio a Villa Lante” ed “argomentando su questioni ed aspetti che di fatto nulla hanno a che fare con il sito monumentale di cui si tratta”. Più avanti la lettera spiega che il sito Monumentale “la cui titolarità spetta al Demanio della Stato che, a sua volta, lo ha consegnato al Ministero dei Beni Culturali ed in particolare alla Soprintendenza”. Ci pare che questo nessuno l’abbia contestato. Continuando la missiva sostiene che “pur nella consapevolezza che molto si potrebbe e si dovrebbe ancora fare per la tutela, la conservazione e la valorizzazione di tale compendio”. E noi che abbiamo detto! Se le cose stanno così è evidente che abbiamo descritto una realtà. La precisazione della Soprintendenza, poi, va oltre dandoci una lezione di giorna-

Rapina in un tabacchi di Nepi

U

L’Associazione Antimafia “Caponnetto” critica la Prefettura e le altre istituzioni per i silenzi ed i mancati aiuti a Gaetano Cici

“G

apparsa chiara la volontà di molti di un impegno per il nuovo anno rinnovato e più appropriato. Ogni anno è sempre più evidente la necessità per un’associazione vivace e combattiva come la nostra, di analizzare le strategie e le tecniche usate nei mesi andati e di riposizionare le artigliere in modo più conforme alle mutazioni di quelle adottate dalle ma�e. Oggi le ma�e, ad esempio, sono sempre più costituite non più da gente analfabeta, ma, al contrario, da professionisti, avvocati, ingegneri, notai, commercialisti e, poi, da funzionari di banca, esponenti politici, direttori generali, sindaci, assessori, consiglieri, parlamentari, uomini di governo, funzionari e dirigenti dello Stato ed anche funzionari ed agenti delle forze dell’ordine, qualche magistrato ecc. Altre esempio: prima, quando si faceva una misura camerale per individuare l’origine di un’impresa sospetta, si guardava alla sua provenienza geogra�ca. Su una ditta proveniente dalla Campania, dalla Sicilia, dalla Calabria si accendevano subito i ri�ettori. Oggi le imprese ma�ose campane, siciliane, calabresi, per depistare le ricerche, hanno stabilito quasi tutte le loro sedi legali nel nord Italia, a Bologna, Modena, Milano, Torino, nel Veneto, stabilendo in queste aree delle teste di ponte con gente locale che consente ad esse un più agevole inserimento nei tessuti sociale, economico, politico ed istituzionale. Una continua mutazione, insomma, che impone un continuo studio da parte nostra delle nuove condizioni e situazioni. Quando, ad esempio, un sindaco, un parlamentare, un prefetto, un magistrato, un maresciallo dei carabinieri o della guardia di �nanza negano l’evidenza e dichiarano che non c’è ma�a o sono degli incapaci o, peggio, dei collusi con i ma�osi. Bisogna, quindi, stare molto attenti e saper analizzare a fondo i comportamenti dei singoli. Sospetti, umori, dicerie, tutto va segnalato all’Associazione, la quale vaglia, �ltra, cerca di trovare riscontri e passa a chi di competenza, al centro. Solo facendo così si fa un’antima�a seria, concreta, ef�cace. Con l’anno nuovo, pertanto, invitiamo tutti coloro che seriamente vogliono impegnarsi a fare qualcosa di concreto contro le ma�e ad af�nare ed irrobustire le tecniche di investigazione e di denuncia agli organismi istituzionali. Tutto, ovviamente, tramite l’Associazione che deve diventare sempre di più uno strumento vivo ed ef�cace nella lotta quotidiana contro tutte le ma�e militari, politiche ed economiche”.


cronaca

4

Viterbo & Mercoledì 28 Dicembre 2011 AltoLazio

Quattro signore di età compresa tra i 33 e i 45 anni sono state colte in flagranza di reato proprio nel giorno di Natale

Sgominata la banda “Occhi di Gatto��� L’eliambulanza Pegaso 33 ha soccorso due minori

E

ra composta da quattro donne la banda di ladri sgominata dai carabinieri di Viterbo e di Bagnaia. Le quattro, un po’ come le protagoniste di una nota serie animata degli anno ’80 erano abili svaligiatrici di appartamenti. I carabinieri le hanno arrestate in flagranza di reato nel proprio nel giorno di Natale. Una pattuglia dell’Arma stava effettuando dei servizi perlustrativi nel centro storico di Viterbo per garantire la sicurezza dei cittadini durante le festività natalizie, quando mentre stava pattuglian-

do via Sant’Andrea ha notato due donne uscire alla svelta dall’androne di un palazzo. Dopo averle immediatamente fermate i militari hanno notato la loro strana agitazione, e si sono insospettiti anche perché non hanno saputo spiegare il motivo per cui si trovavano in quel posto. Intanto delle altre pattuglie intercettavano un’auto che sostava nelle vicinanze con

altre due signore a bordo, anche queste in atteggiamento sospetto. Dagli accertamenti sono stati rinvenuti attrezzi da scasso sia nella vettura che abilmente occultati negli abiti delle donzelle e allo stesso tempo alcuni gioielli d’oro e altra refurtiva. E’ stato individuato anche l’appartamento, di proprietà di una pensionata, svaligiato dalla banda,

La banda era specializzata nel compiere furti negli appartamenti

che è riuscita ad entrare forzando la porta d’ingresso grazie a dei cacciaviti. Le quattro “signore” di età compresa tra i 33 e i 45 anni, sono state messe ai domiciliari nelle loro abitazioni di Viterbo e Vetralla. La generazione dei trentenni si ricorderà sicuramente il famoso cartone animato Occhi di Gatto, che andava in onda nel pomeriggio di Italia Uno. Soltanto che le protagoniste delle avvincenti storie erano tre sorelle che dovevano recuperare gli importanti quadri del padre sparsi nei più importanti musei del mondo.

N

on sono mancati incidenti durante le festività natalizie. Tra questi da segnalare quelli dove sono rimasti coinvolti due minori. Ad Orte un bambino di appena due anni è caduto dal muretto di casa battendo la testa. Dopo la caduta il piccolo è rimasto privo di sensi a terra, il personale sanitario intervenuto sul posto insieme ai carabinieri ha richiesto immediatamente l’intervento dell’eliambulanza Pegaso 33. L’equipaggio lo ha trasportato d’urgenza al Policlinico Gemelli di Roma, da dove in seguito è stato trasferito

al Bambin Gesù. Il bimbo ha riportato un trauma cranico, ma per fortuna non è in pericolo di vita. A Bassano Romano un’altra famiglia ha passato dei brutti momenti. Dei ragazzi stavano giocando in attesa del cenone, quando uno di questi si è accasciato al suolo esanime. Anche in questo caso è stato necessario l’intervento dell’eliambulanza. Il giovane, un quindicenne di Soriano nel Cimino, è stato trasportato all’ospedale Belcolle di Viterbo, dove i medici hanno diagnosticato un possibile infarto miocardio.


Mercoledì 28 Dicembre 2011

Viterbo & AltoLazio

politica

5

Il candidato alla segreteria regionale del Pd Enrico Gasbarra ha parlato nella locale sede di partito

“Sono per l’unità, non per l’unanimità” di EMANUELE FARAGLIA

Foto Andrea Di Palermo

I

l timbro della voce ricorda quello di un certo Francesco Rutelli, ma a parlare nella sede del Pd di Viterbo è Enrico Gasbarra, candidato alla segreteria regionale del partito. E lo fa di fronte ai vari Parroncini, Mazzoli, Fioroni, Panunzi e tanti altri, interessati a scoprire per quale motivo i viterbesi dovrebbero dare la loro preferenza alle primarie ad un “romano de Roma”. Dopo una breve introduzione da parte del segretario provinciale Andrea Egidi, Gasbarra si è quasi scusato con i presenti: “Dovrebbero essere giorni da dedicare alla famiglia, ma non abbiamo più tempo, è necessario intervenire in questo momento dif�cile per l’Italia, il Lazio e per Viterbo. E’ necessario mettere in campo un Pd unito, concreto, deciso, in grado di poter sostenere le dif�coltà dei cittadini. La mia candidatura non è stata motivata dalla scelta del ‘più bravo’, ma perché assieme a tante sensibilità diverse ho condiviso una scelta coraggiosa: basta parlare della vita interna del Partito Demo-

Il candidato Enrico Gasbarra con Andrea Egidi cratico, favoriamo l’incontro con il nostro popolo per lanciare la s�da al fallimento della destra”. E proprio sulle mancanze dei governi nazionale, regionale, provinciale e comunale si concentra il discorso di Gasbarra: “Bisogna creare un’alternativa perché chi governa non è adatto. Non ci sono solo i vitalizi a rendere la manovra regionale insuf�ciente. La manovra è distante dai problemi della regione che registra un altissimo tasso di

disoccupazione e di insolvenza. Di fronte ad una situazione d’emergenza è stato redatto un bilancio ordinario”. Poi nello speci�co su Viterbo: “Non possiamo stare a perdere tempo domandandoci se Marini farà il sindaco o il deputato, mentre assistiamo ai tagli nella sanità (vedi gli ospedali di Ronciglione, Monte�ascone e Acquapendente, con un Belcolle che non è ancora completato) senza che sia mai stato fatto un piano sanitario lungimi-

rante. E Viterbo perde le sue potenzialità, come quella del turismo che è sottodimensionato, o l’opportunità dell’aeroporto tuttora ferma perché non c’è un piano regionale in grado di soddisfare la richiesta di ADR di garantire il tragitto RomaViterbo in 50 minuti. Anzi proprio la tratta ferroviaria Roma-Viterbo è risultata la peggiore nel Lazio. La Destra non è in grado di fornire risposte adeguate, il Pd invece ha le competenze per farlo”. “La mia segreteria non sarà articolata sulle province per concessione - ha proseguito Gasbarra toccando il dolente tasto di Roma VS resto della Regione - ma per necessità. L’assemblea dovrà comunicare con i giovani e coordinarsi con gli eletti, dal Parlamento ai consigli comunali. Ritroviamo senso di sobrietà, parliamo di un’Italia nuova e di scelte anche dif�cili ai cittadini. Con me sarà un Pd che unisca le varie sensibilità e che dica che questo sindaco non va, questo presidente di provincia non va, e nel 2015 anche la Polverini dovrà essere scon�tta. Noi, a differenza di altri, non vogliamo staccare la spina a questo governo, ma attaccarla”.

La folla presente nella sede di Viterbo del Pd E tra le proposte programmatiche: “Si deve recuperare la candidatura di Emma Bonino. Siamo un laboratorio, ma serve unità d’intenti. Si deve incontrare la grande proprietà: chi ha di più deve dare di più. E serve una riforma socio-sanitaria come quella che si sta discutendo nel mondo anglosassone”. In�ne la reazione di fronte al fatto che Ugo Sposetti abbia deciso di sostenere un’altra candidatura,

quella di Marta Leonori, la più giovane dei papabili: “Sono per l’unità, non per l’unanimità, che tra l’altro rischia di essere anche noiosa. Il mio progetto si è articolato nel tempo e c’è chi l’ha condiviso e chi no. E’ del tutto naturale. Con Ugo non c’è nessun problema, ci mancherebbe”. Ed oggi, alle 13, sempre nella sede viterbese del partito toccherà a Giovanni Bachelet presentare il suo programma.

Giulio Marini

Ugo Sposetti

tra la carica di sindaco e quella da deputato: “Se il sindaco deciderà di continuare a governare la città, lasciando l’incarico da deputato e quindi rimanendo a tempo pieno a Viterbo, si accorgerà in poco tempo

di come sta messa la città e quali sono i conti”. Altro che conti a posto. Ma insomma questo bilancio è positivo o negativo? Ai cittadini l’ardua sentenza. E F.

BILANCI - Senza sconti il giudizio del consigliere Pd sull’amministrazione comunale

Sposetti “boccia” il 2011 firmato Marini L

o abbiamo visto di recente ospite di Lilly Gruber impegnato in una sperticata quanto difficoltosa difesa della Casta, o meglio dei costi della politica. Lo ritroviamo caustico

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Editore Cooperativa Editoriale Giornalisti Poligrafici amministratore unico Viviana TARTAGLINI

Iscrizione ROC n. 20469 Alessandro Giulietti Virgulti Simona Tenentini Valeria Sebastiani Emanuele Faraglia Viviana Tartaglini Fulvio Medici Andrea Di Palermo Michele Mari Giovanni Corona Mario Migneco Capo redattore Antonio Brancadoro Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Per la pubblicità

Coop. Editoriale Giornalisti Poligrafici TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

critico dell’amministrazione Marini, visto che è tempi di bilancio. Ugo Sposetti finisce l’anno in bellezza - si fa per dire - mostrando i denti proprio mentre il popolo quegli stessi denti li batte (per il freddo e non solo). Ma ricordiamo alcuni passi del bilancio di fine anno fatto dal sindaco Giulio Marini che dopo aver ricordato che “veniamo da un periodo di grosse difficoltà con tagli in tre anni di finanziarie”, ha passato in rassegna le (buone) cose fatte durante l’anno. “Abbiamo speso dieci milioni di euro in opere pubbliche, sono già partiti i lavori per il raccordo Teverina-Cassia e l’anno prossimo riprenderemo la sistemazione a Piazza delle

Erbe”. Eppoi ben dodici chilometri di vie sistemate, oltre 70mila metri quadrati e 100mila euro di lavori per gli edifici scolastici, altri 100mila per la potatura degli alberi nelle principali vie della città. Inoltre nel 2012 Viterbo sarà Città Europea dello Sport con quaranta manifestazioni in cantiere con una spesa di 360mila euro di cui 160 finanziati dai proponenti ed il resto da reperire da sponsorizzazioni ed altri enti, come ha ricordato l’assessore Enrico Maria Contardo. Poi ancora la riapertura del museo a Piazza Crispi, l’inventario del patrimonio immobiliare fatto dall’assessore Fattorini, l’installazione degli impianti di videosorveglianza

ed i venti alloggi assegnati dall’assessorato alle Politiche Sociali alle persone in difficoltà. Tanti interventi che però si riducono ad un bilancio generale del tutto insoddisfacente, almeno a sentire le parole del capogruppo Pd Ugo Sposetti: “Non c’è un’iniziativa culturale, manca l’attenzione verso la scuola, non migliorano i servizi”. Insomma un’ecatombe. Poi l’affondo: “Ma il sindaco si è letto l’indagine del Sole 24 Ore sulla Sanità a Viterbo e Provincia? Siamo al 100esimo posto. Solo questo potrebbe bastare per formulare un giudizio. Senza contare il dilemma che lo stesso Marini sta vivendo (e che pare presto risolverà), ovvero la scelta


Viterbo & Mercoledì 28 Dicembre 2011 AltoLazio

6

In esclusiva tutti i giorni le news dall‛interno della casa Buon compleanno Ilenia

In Casa nel week end di Natale non è mancata occasione per alzare i calici e brindare. Il 23 sera pochi minuti prima dello scoccare della mezzanotte Rudolf ha preparato una sorpresa per l’amica la torta, preparata insieme ad altri romana Ilenia. Con l'aiuto alcuni inquilini ha infatti preso Buon compleanno Ilenia compagni - e una bottiglia di spumante per festeggiare il compleanno dell’amica.

Brindisi natalizi e non Il riassunto della decima puntata del 26 dicembre

In Casa nel week end di Natale non è mancata occasione per alzare i calici e brindare. Il 23 sera minuti prima dello scoccare della mezzanotte Rudolf ha preparato una sorpresa per l’amica Il rugbista ha chiesto ai ragazzi di radunarsi tutti in cucinapochi e di chiamare la festeggiata. "Per una romana Ilenia. Con l'aiuto alcuni inquilini ha infatti preso la torta, preparata insieme ad altri ragazza speciale, un compleanno speciale", ha esclamato Vito e tutti in coro "tanti auguri a te". compagni - e una bottiglia di spumante per festeggiare il compleanno dell’amica.

In alto i calici, i ragazzi brindano ai 26 anni della bellissima indossatrice romana, la qualediha Il rugbista ha chiesto ai ragazzi radunarsi tutti in cucina e di chiamare la festeggiata. "Per una speciale, un compleanno speciale", ha esclamato Vito e tutti in coro "tanti auguri a te". ringraziato tutti quanti e ha dichiarato di essere veramenteragazza felice. Parte la musica, gli abitanti di Casa GF ballano felici e spensierati. Il regalo più bello per Ilenia la pace finalmente ritrovata con In alto i calici, i ragazzi brindano ai 26 anni della bellissima indossatrice romana, la quale ha Gaia: le due ragazze si ritrovano in terrazza a chiacchierare, il loro rapporto è di nuovo ottimo. ringraziato tutti quanti e ha dichiarato di essere veramente felice. Parte la musica, gli abitanti di Cominciano a ridere e si abbracciano ripensando alla Casa frase GF di Ilenia durante lite "Gaia Il regalo più bello per Ilenia la pace finalmente ritrovata con ballano felici elaspensierati. eliminata!". Acqua passata, la strada da percorrere insieme è ancora lunga e la loro amicizia Gaia: le due ragazze si ritrovano in terrazza a chiacchierare, il loro rapporto è di nuovo ottimo. Cominciano a ridere e si abbracciano ripensando alla frase di Ilenia durante la lite "Gaia troverà conferma. eliminata!". Acqua passata, la strada da percorrere insieme è ancora lunga e la loro amicizia troverà conferma.

Amori sotto l’albero

Amori sotto l’albero

Nella Casa di Grande Fratello i sentimenti prima o poi arrivano… Prima coppia della Casa Nelladi Casa Grande i sentimenti prima o poi arrivano… Prima coppia della Casa Armando e Caterina, poi il bacio tra Luca e Enrica pur tra i dubbi tutti ediora è forseFratello amore tra Armando e Caterina, poi il bacio tra Luca e Enrica pur tra i dubbi di tutti e ora è forse amore tra Fabrizio e Martina. E se non è amore senza dubbio poco ci manca. Sembra infatti sempre più forte Fabrizio e Martina. E se non è amore senza dubbio poco ci manca. Sembra infatti sempre più forte il feeling e la sintonia tra la torinese e il toscano: li troviamo ilsdraiati in camera a torinese e il toscano: li troviamo sdraiati sul letto in camera a feelingsul e letto la sintonia tra la scambiarsi pensieri e pareri. La torinese sembra davvero presa dal bel viareggino gli domanda scambiarsi pensieri ema pareri. La torinese sembra davvero presa dal bel viareggino ma gli domanda anche il motivo per il quale solo ora ha deciso di avvicinarsi a lei: "Con Adriana ed Enrica c'è stata anche il motivo per il quale solo ora ha deciso di avvicinarsi a lei: "Con Adriana ed Enrica c'è stata una conoscenza, non ci ho provato, volevo conoscerle e basta, poi sei arrivata tu - afferma il una conoscenza, non ci ho provato, volevo conoscerle e basta, poi sei arrivata tu - afferma il ragazzo - e mi trovo bene". ragazzo - e mi trovo bene". Martina è lusingata, continui abbracci, carezze, sfioramenti di mani e baci sul collo: "Non mi

Martina è lusingata, continui abbracci, carezze, sfioramenti baciare di mani etroppo baci sul collo: "Non mi sul collo, è pericoloso", dice Fabrizio. La torinese ovviamente continua maliziosamente e manca davvero poco al bacio sulle labbra. Amore in vista? baciare troppo sul collo, è pericoloso", dice Fabrizio. La torinese ovviamente continua maliziosamente e manca davvero poco al bacio sulle labbra. Amore in vista?

La notte di Santo Stefano nella Casa...

La puntata del Grande Fratello 12 del 26 dicembre, come preannunciato, è stata ricca di forti emozioni e sensazionali colpi di scena, avvenuti tra le 21:20, ora dell’inizio della puntata, sino al termine di quest’ultima, ovvero intorno alle ore 24:30. La puntata inizia subito parlando della nascita della seconda storia d’amore della casa, ovvero quella tra lo squalo Di Tolla ed Enrica Saraniti. A tal proposito vengono mandati in onda alcuni rwm riguardanti anche Fabrizio Conti, il concorrente massarese col quale Enrica aveva stretto un ottimo rapporto d’amicizia e per il quale sembrava aver più di un semplice interesse. Luca e soprattutto Enrica vengono subito messi “alla gogna” e tra i tanti �schi del pubblico ad ogni affermazione di Luca, Enrica è la concorrente più colpita dal gruppo della casa; alla �ne la concorrente sicula scoppia in un pianto e trascorre tutta la serata in silenzio e disparte. Poco dopo l’argomento si sposta su Floriana Messina, grande amica di Enrica e ormai ex amica di Luca Di Tolla. Nei giorni scorsi Floriana è stata partecipe di uno pseudo triangolo amoroso che l’ha vista protagonista indiscussa assieme al Di Tolla e a Saraniti, ma alla �ne lo squalo ha deciso di approdare tra le braccia della concorrente siciliana. Floriana sembra esser rimasta molto male dall’ambiguo comportamento del Di Tolla, e in puntata i due hanno avuto modo di avere un faccia a faccia, senza che quest’ultimo però sortisse ad effetto. Nota: Alfonso Signorini, regolarmente in studio, ha ammesso che non crede

assolutamente alla storia d’amore nella casa tra Luca ed Enrica, ritenendo che questi stiano soltanto giocando con una precisa strategia di gioco. Intorno alle ore 22:35, Alessia Marcuzzi apre la bust nera contenente l’inesorabile verdetto della giuria popolare in merito al televoto settimanale. Chi tra Chiara Giorgianni e Kiran Maccali ha dovuto abbandonare la casa del grande fratello 12 perdendo così la posisbilità di vincere il premio �nale pari a 250 mila euro? Col 55% dei voti esce il contadino bergamasco d’origine indiana Kiran Maccali. Poco prima abbiam assistito a due grandi emozioni, rappresentate dalle rispettive storie dei 63 giorni di vissuto dei due concorrenti Chiara e Kiran nella casa. Da una parte l’rwm sunto della storia di Kiran e il suo grande legame d’amicizia con Rudolf Mernone, e dall’altra le lettere scritte da Chiara e Amedeo Aterrano, l’uno per l’altra e viceversa. Momenti molto intensi e ricchi di emozioni. Alla �ne la pr milanese, tra la gioia delle amiche e di Amedeo, resta in casa. Pochi minuti più tardi è il momento del verdetto del pubblico chiamato a votare riguardo il preferito della settimana. Per la seconda settimana consecutiva il pubblico ha televotato la giovane modella romana Ilenia Pastorelli. Grandi applausi del pubblico presente in studio, che approva di buon grado le scelte dei telespettatori. E’ il momento della D’Urso. Intorno alle ore 23.00 l’ex conduttrice di 3 edizioni del reality fa il suo ingresso in casa al �ne di far sostenere ad un concorrente una scena maliziosa della dottoressa Giò, una �ction che vide protagonista la D’Urso negli anni ’90. Per l’occasione il grande fratello ha deciso di far sostenere la prova al concorrente romano Rudolf, il quale è ben riuscito nell’arduo compito, e con simpatia e romanità è riuscito a far guadagnare ai ragazzi il cenone per l’ultimo dell’anno. Tra le altre cose della puntata: Tra le altre cose della puntata grande rilievo è

rappresentato dalla commovente storia di Fabrizio Conti e il grave lutto che l’ha colpito soltanto un anno fa, quando ha perso il caro papà. Viene mostrato un commovente rwm nel quale Fabrizio racconta la sua storia ad alcuni concorrenti, e gli viene recapitata la lettera della mamma in occasione delle festività del santo Natale. Fabrizio, chiamato in confessionale da Alessia, risulta molto provato ed emozionato. Bel momento. Dopo il momento riguardante la commovente storia di Fabrizio, il gf mostra ai concorrenti un rwm con le consegne dei doni nel giorno di Natale, poi fa loro un’ulteriore sorpresa. Un grandissimo pacco tutto brillantinoso. Cosa c’è all’interno? Una gradita sorpresa, specie per i maschietti single della casa. Trattasi della nuova concorrente del gf (che presenteremo in apposita scheda nella sezione grande fratello 12) Monica Sirianni, 26 anni australiana, da 3 anni in Italia. Nel frattempo sono iniziate le nomination e il gf ha deciso anche questa settimana alcuni nominabili e sono: Amedeo Aterrano, Franco Giusti, Armando Avellino, Caterina Siviero e Vito Mancini. Dopo un terribile confronto dinanzi la parete scorrevole tra la concorrente Ilenia Pastorelli e l’ex amica Adriana Peluso, l’eliminata della scorsa settimana, acceso scontro che non ha risolto nulla, Alessia ha comunicato ai coinquilini due importanti verdetti; le nomination e il risultato della prova di ballo settimanale, fondamentale perché stabilisce il budget per la spesa della settimana. La prova è stata superata e i concorrenti hanno vinto 300 euro per la spesa. Le nomination: I concorrenti della casa, chiamati a dare due preferenze, hanno stabilito che vanno in nomination settimanale ben 5 persone, ovvero tutti i nominabili. Chi tra Amedeo, Armando, Caterina, Vito e Franco uscirà dalla casa il prossimo 2 gennaio 2012 in occasione dell’undicesima puntata del grande fratello 12? Non ci resta che attendere, osservando attentamente quanto accadrà in casa nel corso di questa settimana. Come dice Alessia: “Occhi aperti..”.


& Mercoledì 28 Dicembre 2011 Viterbo AltoLazio

attualità

7

Una proposta della Camera di Commercio avanzata sul sito istituzionale

Vetrina on-line per gli artigiani U

na vetrina on line per le imprese artigiane riconosciute per le loro lavorazioni artistiche e tradizionali di origine e qualità. È quanto propone la Commissione Provinciale per L’Artigianato (CPA) nel sito istituzionale della Camera di Commercio di Viterbo: www.vt.camcom.it. Secondo la nuova normativa regionale le categorie previste per la lavorazione artigiana artistico e tradizionale sono: ceramica, legno, metalli comuni, metalli pregiati e pietre. Per lavorazioni artistiche vanno considerate le creazioni, le produzioni e le opere di elevato valore estetico o ispirate a forme, modelli, decori, stili e tecniche che costituiscono gli elementi tipici del patrimonio storico e culturale, anche con riferimento a zone di affer-

mata ed intensa produzione artistica, tenendo conto delle innovazioni che, nel compatibile rispetto della tradizione artistica, da questa prendano avvio e quali�cazione, nonché le lavorazioni connesse alla loro realizzazione. Mentre per lavorazioni tradizionali vanno considerate le produzioni e le attività di servizio realizzate secondo tecniche e modalità consolidate, tramandate nei costumi e nelle consuetudini a livello locale o regionale. Per la provincia di Viterbo sono inserite nell’apposito elenco dell’artigianato artistico e tradizionale, consultabile nella vetrina delle imprese su internet: “Mastro Cencio” di Vincenzo Dobboloni di Civita Castellana, Elena Urbani di Bomarzo e “La Fornace” di Pietro Facchini di Celleno (lavorazione artigianali

“Una ricchezza da promuovere e valorizzare”

della ceramica); “La Ciarla” di Pietro Mastrandrea di Faleria (lavorazione artigiana del legno e af�ni); Pina Perazza di Vignanello, Danilo Bonucci e Damian_Preece di Viterbo (lavorazione artigiana di metalli pregiati, pietre preziose, pietre dure e lavorazioni af�ni). “Ritengo che la vetrina delle imprese che hanno ottenuto il contrassegno d’origine e qualità – afferma Luigi Cola, presidente della CPA e della CRA (Commissione Regionale per l’Artigianato) – non solo contribuisca a far conoscere e a valorizzare le attività artistiche del comparto, ma stimoli altre aziende a intraprendere il percorso per ricevere questo importante riconoscimento. Del resto, come emerge dal recente rapporto di ricerca sull’artigianato artistico e tradizionale a cura di Bic Lazio, gli operatori segnalano, tra le priorità, proprio le politiche di marchio, evidenziando la necessità di un’azione di comunicazione e promozione che trasmetta al consumatore il valore aggiunto del prodotto fatto a mano.

La Tuscia – prosegue Cola – è ricca di realtà che meritano il contrassegno, non solo nei settori che dispongono del disciplinare di produzione. Il mio impegno nella CRA è infatti rivolto a far sì che a breve siano approvati i disciplinari anche per le altre attività. Il lavoro che stiamo compiendo è delicato e complesso, perché si tratta di �ssare, in modo rigoroso, i requisiti che le imprese devono possedere per fregiarsi del riconoscimento. È nostro dovere garantire e tutelare la qualità, fattore trainante per l’economia dei territori”. “Qualità, tradizione, territorio e passione – dichiara il presidente della Camera di Commercio Ferindo Palombella – sono i valori che ispirano molte delle produzioni artigianali della Tuscia, suscitando apprezzamenti soprattutto tra chi ricerca l’originalità e l’af�dabilità dei prodotti. L’auspicio è che il riconoscimento regionale per le lavorazioni artistiche e tradizionali si estenda a un numero crescente di imprese e divenga un ef�ca-

Inaugurato nel cuore di Viterbo, dall’associazione culturale Daimon

Laboratorio “Pop-Upiamoci!” ottimo esordio F

ortunato esordio, quello del laboratorio “POP-UPiamoci!” presso la sede del centro culturale Daimon di Viterbo. Sabato 17 dicembre, nel cuore di Viterbo, l’associazione culturale Daimon, con sede in Corso Italia, ha realizzato con successo il primo laboratorio di pop-up, costruzioni di carta tridimensionali, avvalendosi della �gura professionale di Isabella Christina Felline, autrice e promotrice di libri per ragazzi, all’avanguardia nel settore, ampliando così la sua offerta culturale sul territorio. Oltre ai corsi di yoga, meditazione, ginnastica, corsi di preparazione al parto, corsi di formazione nel massaggio ayurvedico , musica, lingue, chimica per bambini, infatti, il poliedrico centro culturale Daimon si è

aperto a nuove s�de innovative, unendo lo spirito ludico del laboratorio alla sua valenza pedagogica in forma di incentivo all’aggregazione ed alla promozione della lettura e del libro come strumento straordinario di crescita personale. In un epoca di nativi digitali, si scopre e si riscopre che il libro non solo non è morto, ma anzi conserva il misterioso fascino di un oggetto per crescere. E allora perché non partire dai libri più leggeri e divertenti? Quelli che si leggono con gli occhi ma anche con le mani e con le orecchie? E’ così che il centro Daimon ha aperto le porte ad un festoso e riuscitissimo laboratorio di pop- up, indirizzato ai bambini dai 4 agli 11 anni, ma al quale anche alcuni adulti dall’ “orecchio acerbo”, come direbbe Rodari, non

hanno saputo resistere. C’è stato chi ha scelto la formula “lascio il �glio e vado a fare shopping prenatalizio al centro” e chi invece si è incuriosito per l’attività e vi ha partecipato con interesse. Nel pentolone bollono altre sorprese… il Pop-upiamoci di

ce strumento di promozione e valorizzazione”. Per ottenere il riconoscimento di impresa operante nel settore dell’artigianato artistico e tradizionale, e utilizzare quindi l’apposito contrassegno di origine e qualità, è necessario presentare apposita domanda alla Commissione provinciale per l’artigianato

(CPA) che valuterà la richiesta in base all’analisi dei requisiti �ssati dalla normativa. La modulistica e informazioni più speci�che sono disponibili sul sito camerale nella sezione dedicata all’Albo Imprese Artigiane. Per informazioni: tel. 0761.234438 – 0761.234439 / e-mail: marco.micheli@vt.ca mcom.it.

APPELLO URGENTE PEPE, maschio, taglia medio/piccola, a pelo medio, di colore nero, con macchiolina bianca sul petto, coda pelosa, di 9 anni,con microchip 380098100843663, no collare . Smarrito il 21 dicembre 2011, a Viterbo in Viale Francesco Baracca. Pepe è molto spaven-

tato, non si lascia avvicinare, non è abituato al traf�co della città e non conosce Viterbo... chiunque lo incontra è pregato di contattare URGENTEMENTE il 327.3270702 oppure l’Ambulatorio Vetreinario 0761.340081 + 0761.306002 (Andrea)

sabato scorso è stato solo l’antipasto e ci aspetta un buffet culturale ricco di iniziative! Il presidente del centro culturale Daimon, Sergio Valeri, ringrazia Isabella Christina Felline per la collaborazione e la professionalità dimostrata.

Organizzata una raccolta di beni di prima necessità in tre scuole della provincia

Felice Natale solidale con il Movimento Studentesco R

iceviamo e pubblichiamo da Ivana Tuia, Responsabile di Movimento Studentesco Nazionale Viterbo. “È stato un autentico successo, una mobilitazione da parte degli studenti dei licei che nemmeno noi aspettavamo così attiva. Nei giorni precedenti le vacanze di Natale, Movimento Studentesco Nazionale, Federazione Prov.le di Viterbo, ha organizzato dei giorni di raccolta di beni di prima necessità in tre istituti superiori della Tuscia: il liceo Classico Colasanti e l’ITC Fabio Besta di Civita Castellana e il Ragioneria di Orte. È stata impressionante la

quantità di vestiti e giocattoli che i ragazzi hanno saputo donare per rendere questo Natale felice anche per chi è meno fortunato, un chiaro segnale di una Gioventù che non rimane inerte e non è insensibile al mondo che ci circonda. Siamo fieri di esserci resi protagonisti di un tale gesto di generosità che riscatta questa generazione troppo spesso ingiustamente accusata di menefreghismo, egoismo e apatia. No, noi siamo ben coscienti del potenziale dei giovani d’oggi, questo Natale Solidale ne è un esempio eclatante, un atto di beneficenza da parte di liceali che

non si chiudono in se stessi, ma si occupano delle loro scuole, della società e anche di volontariato. Il 24 dicembre i beni raccolti sono stati devoluti personalmente all’Associazione Murialdo Onlus e alla Caritas a Viterbo, dove siamo stati calorosamente accolti e abbiamo potuto vedere con i nostri occhi l’ottimo ed encomiabile lavoro di queste due associazioni che si occupano tutti i giorni dei meno abbienti. Ringraziamo di cuore tutti gli studenti che hanno partecipato a questo evento, che sono di certo la migliore Gioventù della nostra Provincia.”


regione

Mercoledì 28 Dicembre 2011 Viterbo &

AltoLazio

Facendo un bilancio dell’operato della passata amministrazione comunale e visti gli indagati, per le ormai prossime votazioni, si spera nell’elezione di candidati che siano diligenti preparati e soprattutto onesti di BRUNA DI BERARDINO

A

l dì là dell’ azione giudiziaria, avvenuta nei primi giorni di dicembre nei confronti del sindaco G. Ciogli più quattro consiglieri comunali, tutti sapevano che la variante per l’Edilizia Contrattata non era una operazione corretta, tutti sapevano che il “tutto” era legato al PTPG della Provincia di Roma. Perché gli undici indagati per corruzione (numero destinato ad aumentare) sono sorpresi dell’intervento della Magistratura? In fondo anche L’architetto Jr. Giuliano Gangitano (Consulente in Urbanistica e Territorio) trattò la questione. Infatti il 15/7/2011, girava un articolo giornalistico (sotto riportato), che informava i cittadini e sopratutto i 15 consiglieri comunali che con il loro voto avevano approvato la delibera sotto accusa: ... “In merito alla recente approvazione in Consiglio comunale della procedura di urbanistica contrattata, mi preme inizialmente sottolineare che l’operazione, data per approvata, in realtà è stata semplicemente adottata, in attesa di decisioni superiori. Infatti nel sistema legislativo in vigore l’operatività delle proposte di varianti urbanistiche per �ni edi�catori restano subordinate all’ accertamento di conformità con la superiore disciplina derivante, per questo comune, dal Piano territoriale provinciale e dal Piano paesistico regionale. Va subito chiarito che ambedue i Piani impongono proce-

Gino Ciogli

9

L’amministrazione comunale al lavoro

Aria nuova al comune di Cerveteri

Dopo le vicende di “Edilizia Contrattata” si spera in un’amministrazione differente dure di attenzione sul territorio che non consentono operazioni simili a quella in oggetto. Spiace dirlo ma quanto proposto, in ragione del sistema giuridico localmente applicabile in materia di piani�cazione urbanistica, vale meno di un penny, meno certamente della cruda spesa materiale sostenuta per la sua redazione. D’altra parte si fa fatica a credere che qualcuno era ed è magari ancora convinto che i due menzionati Piani sopracomunali, la cui vigenza è derivata dalle rispettive pubblicazioni sul BurLazio, possano essere modi�cati, riadottati, riapprovati e ripubblicati sul medesimo Bur tramite quella complessa procedura di confronti che è durata anni, solo per far contento qualche cervetrano spurio, e magari in danno di qualche altro comune. Da tutto questo resta estranea la professionalità del tecnico redattore. Non riferisco cose dell’ultima ora, dal 6 marzo 2010 e cioè dall’ entrata in vigore del Piano provinciale risulta vigente una nuova disciplina che obbliga i comuni della provincia a dotarsi di piano urbanistico generale secondo i

principi e le procedure dettate dalla l.r. n.38 ’99 che vanno, come già indicato, in direzione opposta a quella approvata in Consiglio comunale. Quanto deliberato risulta inoltre in totale ed insanabile contrasto nella forma e nella sostanza anche con l’intero compendio normativo strutturante il Piano paesistico regionale, di rango giuridico primario per avere ad oggetto il bene paesaggistico tutelato dall’art. 9 della costituzione. Anche questo Piano non è

Oltre al sindaco undici indagati per corruzione dell’altro ieri, è entrato in vigore in regime di salvaguardia con la pubblicazione sul BurLazio del 14.02.2008. Su codesti presupposti legislativi che dispongono l’obbligo di sottoporre ogni nuova proposta comunale in materia territoriale all’esame di conformità di competenza

dei comitati tecnici provinciale e regionale tenuti a riunirsi in seduta congiunta, riesce dif�cile ipotizzare la presenza taumaturgica di un qualche supergarante. La proposta, priva peraltro della procedura di valutazione ambientale strategica, è in contrasto insanabile con l’art.11 del T.U. sull’Ambiente, che dispone: ...” I provvedimenti adottati senza la previa VAS sono annullabili per violazione di legge.” Non commento, in�ne, la chiesta comparazione �nanziaria cardine di codesta iniziativa, secondo la quale sarebbe nell’ interesse pubblico consentire la realizzazione di 31.000 mc di edilizia residenziale più 51.000 mc di edilizia commerciale in cambio di una scuola per 20 aule, perché non è commentabile civilmente. Tuttavia mi preme far presente che esiste un Ente statale con�gurato legislativamente in ambito operativo intermedio tra il Governo ed il Parlamento, denominato Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture con sede a Roma, a cui ci si può rivolgere qualora, come in simili situazioni, è richiesta

L’Associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori dà qualche indicazione per il “dopo acquisti di Natale”. Garanzia e diritto di recesso C apita spesso che dopo la mattina del Natale ci si accorga che qualche regalo non funzioni bene o sia rotto, oppure si desideri cambiarlo. Il ritorno al negozio, pero’, spesso risulta infruttuoso (non si cambia nulla, manda il telefonino a riparare al centro assistenza, ecc.). Allora, vediamo quali sono i diritti del consumatore per quanto riguarda la garanzia (nel caso in cui il prodotto non funzioni come dovrebbe) ed il diritto di recesso (cosiddetto diritto di ripensamento). Se un bene e’ guasto o non corrisponde a cio’ che e’ descritto sulla confezione, ci si potra’ avvalere di una di queste forme di garanzia: 1. Garanzia legale a carico del venditore. Il venditore, a sua scelta, dovra’ riparare o sostituire il bene entro “tempi congrui”, da pattuire insieme al consumatore. Se la riparazione o la

sostituzione non fossero possibili, si ha diritto alla restituzione dei soldi. Questa garanzia e’ valida 2 anni, ma dopo 6 mesi dall’acquisto si deve dimostrare al venditore che il guasto e’ dovuto a difetti originari (o di fabbricazione), e non all’uso che si e’ fatto del bene. Inoltre, il difetto deve essere segnalato al venditore entro 2 mesi da quando lo si è scoperto. 2. Garanzia del produttore. Questa e’ una garanzia contrattuale, e per sapere cio’ che ci e’ dovuto dal produttore e/o centro di assistenza, si dovra’ leggere attentamente il contratto di garanzia acquistato insieme al bene (di solito, lo si trova all’interno della confezione). Se invece si vuole esercitare il diritto di recesso (o ripensamento), la legge distingue tra i seguenti casi:

1. Per gli acquisti fatti in negozio, la legge non prevede alcun diritto di recesso. In altre parole, una volta acquistato il bene, non si puo’ pretendere che il venditore lo cambi a meno che non fosse stato pattuito al momento dell’acquisto. 2. Per gli acquisti fatti a distanza (via Internet, telefono, ecc.) o fuori dai locali commerciali (per posta, a domicilio, negli alberghi, ecc.), la legge da’ diritto al recesso entro 10 giorni lavorativi dal giorno in si e’ fatto l’acquisto oppure dal giorno in cui si riceve il bene. Solitamente, le modalita’ di recesso sono previste nel contratto di acquisto. Per sicurezza, e’ comunque consigliabile esercitare il recesso con una lettera raccomandata a/r ed eventualmente rispedi-

re il bene tramite assicurata. Qualora il produttore o il venditore si ri�utino di fare cio’ che dovrebbero, sara’ necessario richiedere il dovuto tramite una lettera raccomandata a/r di messa in mora. Eventualmente, si dovra’ ricorrere al giudice di pace per ottenere il dovuto.

competenza pluridisciplinare specialistica. Qualsiasi consigliere comunale può inoltrare a codesta Autorità richiesta di parere in merito alla asserita congruità dell’operazione di presunto interesse pubblico”. Ecco, spero per quanto dichiarato dall’arc. Gancitano nonché per l’inchiesta già avviata dal P.m. Del Giudice e per la nuova che vede coinvolte le ultime 4 amministrazioni comunali che si sono succedute, che sono: Gino Ciogli (P.D.) è stato s�duciato a viso aperto in aula da 12 consiglieri. Nel giugno del 2007, invece Brazzini (U.d.C.) cadde sempre per la �rma di 12 consiglieri,

anche se non ci fu il voto in aula visto che 10 consiglieri di minoranza più due di maggioranza presentarono le proprie dimissioni. Al posto di Brazzini subentrò il commissario prefettizio, Raffaele Bonanno. Nel settembre del 2002 fu la volta di Guido Rossi ( A.N.) ad essere mandato a casa: 10 consiglieri �rmarono il documento delle dimissioni. S’insedio, in Comune, il commissario prefettizio, Paola Basilone. Nel 1998 invece fu Stefano Cetica (A.N.), attualmente assessore al Bilancio della governatrice Renata Polverini, a farne le spese. A sostituirlo il commissario straordinario, Achille Togna.

Il disappunto di Bonessio sui tagli al TPL

“Troppe le corse cancellate” “

Ben vengano i bus antiaggressione, specialmente nella Roma di Alemanno, che in poco tempo è diventata un far west, ma sarebbe più onesto se il sindaco, che oggi inaugura 3 bus detti anti-aggressione, rivelasse ai cittadini romani anche quanti bus verranno tagliati, quante corse soppresse, quanti viaggi potranno fare le metropolitane, e quanti treni non esisteranno più per i pendolari, a partire dal 1° gennaio 2012”. Lo dichiara Nando Bonessio, presidente dei Verdi del Lazio “Da gennaio infatti a Roma ci sarà il collasso del sistema di trasporto pubblico locale, per colpa dei pesanti tagli operati dal governo Berlusconi. L’accordo con il governo sul Tpl non migliora la situazione, dato che da quanto s’è appreso dall’assessore Cetiva, i 400 milioni stanziati dal governo copriranno solo le

spese per le ferrovie in concessione, lasciando quindi scoperte Atac per 117 milioni e Cotral per 30 milioni. La vera aggressione ai cittadini romani, di cui Alemanno non parla sono i pesanti tagli al trasporto pubblico romano”. “Per 3 autobus anti-aggressione - conclude Bonessio -, vi saranno decine di corse in meno, stazioni tagliate, ed enormi disagi per i cittadini e per i pendolari. Alemanno potrebbe inoltre ricordare che da gennaio il biglietto per la singola corsa passerà da 1 a 1,50 euro. La conseguenza di tutti questi tagli ai danni dei cittadini sarà quella di spingere i romani a prendere sempre più l’auto privata, portando al collasso un sistema viario già oggi al limite della sostenibilità, con conseguente aumento di smog, costi e disagi”.

Ben vengano i bus anti aggressione ma non a scapito degli altri trasporti


litorale

10

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 28 Dicembre 2011

TARQUINIA - Grande successo per la “prima” dello spettacolo inaugurato il giorno di Santo Stefano

La magia del Presepe Vivente si ripete di ALESSANDRO SACRIPANTI

E

’ stato un grande successo quello registrato per la prima della 3 edizione del Presepe Vivente nel giorno di Santo Stefano. Oltre 4 mila le persone che hanno partecipato all’evento arrivati da ogni parte d’Italia per ammirare lo straordinario spettacolo del ‘Presepe Vivente’ organizzato con grande maestria dall’assessorato al turismo del Comune di Tarquinia in collaborazione con la diocesi di Civitavecchia-Tarquinia, l’Università Agraria, le associazioni Tarquinia Viva, Pro Tarquinia e Anziani con l’Hobby del Modellismo, il comitato di San Martino e il Consiglio Comunale dei Giovani, con la gestione del direttore artistico Sirio Rotatori. Alle 17.00 circa dopo il consueto taglio del nastro in piazza San Martino effettuato dal sindaco Mauro Mazzola si sono aperte le porte alla manifestazione. Tutte le piazze e le vie del centro

storico per un giorno si sono trasformate nella vivacità della vita della Betlemme di 2 mila anni fa, tra la sfarzosa corte di Re Erode e il grande mercato, tra i molti artigiani, i commercianti e i popolani intenti nelle loro attività quotidiane, per arrivare infine alla alla stalla della Natività, con Giuseppe e Maria ad accudire il piccolo Gesù. A fare da cornice a tutto questo gli oltre 350 personaggi, i veri attori protagonisti dell’evento, che hanno dato vita in modo reale a due legioni romane in gran completo, alle tessitrici, ai venditori di pelli, ai fabbri e anche ad una via solo per ‘lebbrosi’. Gli splendidi allestimenti in legno sono stati adibiti anche per scene, recite e vari spettacoli. Viva soddisfazione è stata espressa dal sindaco Mazzola che ha visitato tutto il percorso, salutando tutti i figuranti presenti al ‘Presepe’. Tutto si è svolto nel migliore dei modi commenta l’assessore al turismo Sandro Celli che ha riferito –”E’ stato un lavoro di squadra

Oltre 4mila persone hanno partecipato all’evento per ammirare la ricostruzione di Betlemme

eccezionale, che ha impegnato centinaia di persone. Adesso ci prepariamo per i prossimi due eventi”. Anche dal punto di vista della sicurezza tutto è quadrato nel migliore dei modi, fanno sapere le squadre preposte della Protezione Civile e della Croce Rossa Italiana presenti, che sono state gestite dall’attenta direzione del Tenente della Polizia Locale Massimo De Angelis. Il prossimo appuntamento con il ‘Presepe Vivente’ è per il 01 gennaio 2012, sempre alle ore 17.00, il biglietto d’ingresso alla manifestazione, dal costo di 3 euro, si potrà acquistare presso i due punti vendita posti davanti al palazzo comunale in piazza Giacomo Matteotti.

TARQUINIA - Mazzola: “La giunta non si tocca” Smentite la voci di una probabile “sfiducia”

D

opo alcune indiscrezioni che erano state palesate nei giorni scorsi di una probabile sfiducia nei confronti della squadra di lavoro del sindaco Mauro Mazzola, arriva determinata la risposta del primo cittadino a mettere ‘nero su bianco’ in merito alla vicenda. “La giunta comunale non si tocca, perché è la migliore possibile – tuona Mazzola – e gli assessori godono del-

la mia massima fiducia”. Con queste parole, confermateci in prima persona il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola mette fine alle indiscrezioni circolate in questi giorni di Natale attraverso alcuni organi di informazione, e aggiunge – ”La squadra è questa e non si cambia. Le voci apparse su alcuni mezzi di informazione locali sono semplici illazioni e prive di fondamento – e sottolinea - gli

TARQUINIA - Il sindaco Mazzola e l’assessore Ranucci hanno inaugurato la nuova opera presso la circonvallazione Cardarelli

“Taglio del nastro” per l’area di sosta del Belvedere C

onclusa e inaugurata l’opera architettonica inerente l’area di sosta del Belvedere alla circonvallazione Cardarelli. A tagliare il nastro nel giorno della vigilia di Natale, è stato direttamente il sindaco Mauro Mazzola, con l’assessore ai lavori pubblici Anselmo Ranucci e ad aprire alla cittadinanza l’infrastruttura che di fatto conclude la riquali�cazione del principale punto di accesso al centro storico, intrapresa con il recupero e la valorizzazione della Barriera San Giusto. Nelle parole del primo cittadino la soddisfazione all’apertura dell’area –”Il parcheggio è stato pensato e realizzato come una vera opera architettonica. Con questa opera si completa anche il programma di riquali�cazione urbana

degli ingressi al centro storico. Oltre a recuperare la Barriera San Giusto – continua Mazzola - sono state ricostruite la scalinata di piazza Belvedere, le mura dell’arco d’ingresso alla piazza della chiesa di Santa Maria in Castello ed è stato recuperato il tratto di cinta muraria vicino all’arco di via Porta Tarquinia. Opere che dimostrano il grande impegno del Comune per dare una nuova veste al centro storico della città”. Viva soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore ai lavori pubblici Anselmo Ranucci -”È stato svolto un lavoro eccezionale. Ringrazio l’architetto Roberto Sacconi, che ha seguito costantemente i lavori; gli operai dell’impresa edile LB Costruzioni che, nonostante i ritardi causati dal patto

di stabilità, hanno dimostrato grande professionalità; e la ditta Conversini, per aver curato l’illuminazione. Dopo le feste di Natale, sarà completata la messa in sicurezza della rupe sottostante”. L’area di sosta della circonvallazione Cardarelli presenta un giardino panoramico con aiuole adornate da piante mediterranee, tra cui venti olivi adulti, con vista sulle chiese di Valverde e di Santa Maria in Castello e sulla costa. Il parcheggio è provvisto di un sistema di video sorveglianza, dotato di trenta posteggi e un marciapiede che lo collega a via delle Rose e permetterà di decongestionare parzialmente quella della Barriera San Giusto e servirà la scuola media ex Luigi Dasti. A.S.

assessori Renato Bacciardi (delegato al Lido), Giancarlo Capitani (delegato agli Eventi e spettacoli), Sandro Celli (delegato al Turismo e pubblica istruzione), Angelo Centini (delegato alla Cultura), Enrico Leoni (delegato ai Servizi Sociali e alle problematiche cimiteriali) e Anselmo Ranucci (delegato ai Lavori Pubblici), hanno svolto in questi anni un lavoro eccellente. Questa – continua il sindaco Mazzola - è la giunta che andrà avanti fino al termine della legislatura. Tutto il resto e quello che si è scritto in questi giorni sono parole al vento, supposizioni e congetture utili per far divertire solo qualcuno”. Ma il primo cittadino ci tiene a precisare anche un altro fattore su questa vicenda - Anche se questi continui ‘giochini’ politici hanno stancato. Si tirano infatti in ballo sempre gli stessi ‘nomi’ soltanto per creare tensioni. Ma non abboccheremo all’amo della sterile polemica – conclude Mauro Mazzola facendo da scudo alla propria giunta comunale. A.S.


Mercoledì 28 Dicembre 2011

G

litorale

Viterbo & AltoLazio

rande successo per la prima edizione di Natale Insieme 2011, l’evento culturale che si è svolto il 22 e 23 dicembre scorsi, organizzato da alcuni giovani montaltesi - Giovanni Corona, Francesca Graziani, David Paparozzi, Eleonora Sacconi e Antonello Petrò - con lo scopo di creare un’atmosfera di festa e socialità a ridosso delle festività natalizie. Come location si è ritenuto opportuno scegliere il centro storico, da anni in progressivo stato di abbandono in quanto inadeguatamente valorizzato. I protagonisti principali della manifestazione sono stati i prodotti enogastronomici e artigianali del nostro territorio: l’obiettivo è stato quello di sostenere l’economia del comprensorio sensibilizzando la popolazione alla conoscenza della cosiddetta “�liera corta”. Sui banchi di abilissimi artigiani è stato infatti possibile ammirare oggetti in legno o in pietra, cosmetici naturali e capi d’abbigliamento realizzati rigorosamente a mano. Tra i prodotti gastronomici, ovviamente locali, c’erano formaggi, salumi ed alimenti biologici come pasta, confetture, legumi, frutta e verdura. Alla due giorni di festa erano presenti anche l’associazione umanitaria Alba della Speranza e uno stand informativo e di raccolta fondi per il canile di Montalto. Ad arricchire il doppio appuntamento con Natale Insieme hanno contribuito, oltre agli artisti di strada che con semplici attività hanno stupido grandi e piccini, il saggio della scuola musicale “0 in condotta”, una mostra fotogra�ca ed un’esposizione di capi d’abbigliamento sapientemente rielaborati da Luisella Giuliani, stilista e creatrice della Butter�y Mode.Passeggiate a cavallo ed un laboratorio creativo, inoltre, sono state le attività che hanno riscosso maggiore successo tra i più piccoli. “Come organizzatori dell’evento

11

A sinistra i giovani organizzatori di Natale Insieme; nelle altre immagini alcuni momenti dell’evento

Il successo del “Natale Insieme” L’evento culturale organizzato da alcuni giovani si è svolto a Montalto il 22 e 23 dicembre – commentano Giovanni Corona, Francesca Graziani, David Paparozzi, Eleonora Sacconi e Antonello Petrò- abbiamo voluto dimostrare come troppo spesso non ci accorgiamo delle notevoli potenzialità che il nostro territorio potrebbe offrirci in termini sia di risorse matariali che intellettive” La serata del 23 dicembre si è conclusa prima con il coro della parrocchia di Gesù Eucaristico che in Piazza Giacomo Matteotti ha intonato piacevoli brani natalizi e poi con l’estrazione dei biglietti della lotteria che ha premiato i vincitori con 6 ricchi cesti colmi di prodotti locali. “Un sincero ringraziamento –concludono i ragazzi dell’organizzazione- va a tutti coloro che hanno partecipato ma anche a coloro che da lontano sono stati a guardare”...

TARQUINIA - I due consiglieri di Agraria commentano l’uscita di Leoncelli dal gruppo consiliare del Pd

Catini e Gambetti: “Per Antonelli una vera sconfitta!” A

ll’Università Agraria non si placano le scosse politiche che in questo ultimo periodo hanno colpito le stanze di Palazzo Vipereschi, l’ultima in ordine cronologico è l’uscita del consigliere Maurizio Leoncelli dal gruppo del Pd (quello della maggioranza) per crearsi un proprio gruppo consiliare autonomo. Dall’opposizione è arrivato subito il commento alla vicenda ‘politica’ attraverso le parole dei consiglieri del Popolo della Libertà, Manuel Catini e Alessio Gambetti che ironicamente riferiscono – “Il Presidente Antonelli riceve dal consigliere ex Pd Maurizio Leoncelli un bel regalo di Natale, confezionato con cura in tutte le sue parti. L’uscita, dal gruppo consigliare del Partito Democrtaico all’Università Agraria, è per l’amministrazione Antonelli una vera e propria scon�tta. Capiamo il suo rammarico e comprendiamo la scelta maturata - continuano Catini e Gambetti - purtroppo sembra che le decisioni di ‘pochi’ del

palazzo comunale sono effettuate con pochissima trasparenza, le quali stanno sfaldando un ente, vani�cando una vittoria raggiunta solo un anno e mezzo fa”. I due esponenti del centrodestra affondano anche verso il consigliere Leoncelli uscito dal Pd –”Ci piace ricordare al consigliere Leoncelli che la situazione imbarazzante venutasi a creare è opera dei suoi colleghi di partito, e se la coerenza in politica è un valore fondamentale sarebbe cosa gradita ri�ettere prima di sostenere questa maggioranza”. Ma Catini e gambetti del Popolo della Libertà tirano le somme della vicenda aggiungendo –”Questa è una triste vi-

cenda che sembra aver preso una strada senza ritorno, bisogna che si valuti concretamente l’ipotesi di lasciare la guida dell’amministrazione al di là dei numeri necessari o meno, altrimenti i sogni ambiziosi di qualcuno non sono più realizzabili nel prossimo futuro. Per questioni puramente politiche – continuano Catini e Gambetti - si sta perdendo l’occasione di portare a compimento tanti provvedimenti amministrativi già avviati e tanto rivendicati. Cosi come è la situazione diventa intollerabile alla quale urge chiarezza una volta per tutte. I cittadini hanno necessità di essere informati su quanto sta accadendo alla maggioranza del Presidente Alessandro Antonelli. Ci attendiamo, delusioni permettendo – concludono i consiglieri del Pdl, Manuel Catini e Alessio Gambetti - la solita replica di qualche coraggioso pronto a difendere l’indifendibile travisando la verità”. A.S.

TARQUINIA - Oltre l’incontro istituzionale con sindaco ed assessori quello con Santino Pelucco, ex delegato, suscita perplessità

Il volontariato locale tra saluti natalizi ufficiali e...non

Tarquinia -Acqua, Il Tar sospende l’aumento delle tariffe deciso da Talete

F

I

orse a Tarquinia qualcuno non ha ben capito che il consigliere Santino Pelucco, non ha più la delega al volontariato, oppure è lo stesso consigliere comunale (passato all’opposizione) che continua a far credere ai rappresentanti del volontariato locale di avere le fila di questo settore? Questo è quanto alcuni rappresentanti del volontariato tarquiniese si sono chiesti giovedì 22 dicembre scorso, durante l’incontro ufficiale per i saluti di fine anno, avuto tra il terzo settore, il sindaco Mauro Mazzola con l’assessore ai servizi sociali Enrico Leoni, l’assessore all’agricoltura Loretta Di Simone presso la sala conferenze dell’Associazione Semi di Pace. Nel salutare le rappresentanze del mondo del volontariato locale, il sindaco Mazzola, ha elogiato il grande lavoro svolto da tutte le categorie e a tutti i livelli, rivolti ad aiutare il prossimo e la collettività in momento di crisi generale dove il supporto delle associazioni è fondamentale. “In merito alla Consulta del volontariato – riferisce Mazzola – siamo contenti che le associazioni abbiano trovato una casa comune che porterà a grandi collaborazioni tra gruppi per svolgere azioni di solidarietà in sinergia”. Sul palco si sono succeduti al primo cittadino, l’assessore Leoni che ha voluto ringraziare le associazioni di Tarquinia, che stanno contribuendo a portare avanti la campagna per la raccolta fondi per la piccola ‘Noemi’, ricordando che a breve partirà il programma in ‘rete’ per la distribuzione di

viveri e vestiario nelle ‘Caritas’ e a Semi di Pace, un sistema che censirà quanto consegnato e quindi non sarà possibile avere due volte lo stesso aiuto nello stesso giorno. Anche la Di Simone al suo esordio da assessore ha portato il suo saluto ai volontari presenti associandosi alle parole del sindaco Mazzola e del collega Leoni. Ma quando il sindaco Mazzola ha chiamato sul palco il presidente della Consulta del Volontariato, Alfonso D’Antonio, non si è avuta risposta, e tra i volontari presenti c’è stato sgomento per non aver sentito il saluto di chi li rappresenta. Sgomento maggiormente aumentato quando sui giornali si è appreso che il presidente D’Antonio aveva lasciato l’aula per dirigersi all’altro incontro ‘non ufficiale’ organizzato dall’ex delegato al volontariato il consigliere Santino Pelucco, dove sono stati portati saluti e riconoscimenti. “E’ chiaro che il secondo incontro – riferiscono alcuni noti rappresentanti del volontariato locale - non può e non deve rispecchiare nessun saluto ufficiale venuto da parte della Consulta del volontariato. Non ci risulta siano arrivate convocazioni ufficiali in merito e quindi speriamo che tutto sia stato fatto a livello personale, perché se così non fosse, si dovrebbero rivedere molte cose all’interno dell’organismo. Le vicende tra partiti non ci interessano, la politica deve rimanere fuori dal volontariato”. A.S.

l TAR sospende l’aumento della tariffa dell’acqua stabilito nei mesi scorsi dalla Talete. Il Tribunale Regionale del Lazio ha accolto il ricorso presentato dal Comune di Tarquinia, insieme ad altre Amministrazioni, contro ATO n. 1 Lazio Nord-Viterbo nei confronti della società che gestisce il servizio idrico. Nella sentenza si legge che “appare fondato il motivo di ricorso con cui si deduce eccesso di potere quanto al relativo difetto di istruttoria e del pari denunciato travisamento dei fatti”. «Una risposta importante che prova la fondatezza delle nostre motivazioni. – afferma il sindaco Mauro Mazzola – L’incremento del costo dell’acqua fatto da Talete si dimostra immoti-

vato. Sebbene tale provvedimento non abbia creato dissesti alle casse comunali, ha comunque provocato dei problemi. Le somme iscritte a bilancio per pagare l’aumento della tariffa sono infatti al momento bloccate e inutilizzabili. Il CdA della società ha operato con scarsa lungimiranza: non aderendo alla mia proposta di trovare una soluzione condivisa per risolvere la questione, ha continuato su una strada sbagliata che ha portato alcuni Comuni a fare ricorso al TAR. Un danno per la società e per le Amministrazioni che ne fanno parte. Ora aspettiamo con molta �ducia il pronunciamento di merito del tribunale, che avverrà alla �ne del 2012».


comprensorio nord

12

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 28 Dicembre 2011

TUSCANIA - Ad aprire in bellezza le feste il concerto gospel organizzato da ViviTuscania e Parrocchia del Centro Storico

“Tanti auguri” con i White Singers di VALERIA SEBASTIANI

U

n successo clamoroso per il concerto gospel natalizio dei White Singers Gospel Choir &band, organizzato dall’associazione culturale ViviTuscania e dalla parrocchia del Centro Storico. L’evento ha inaugurato le feste natalizie tuscanesi regalando ai cittadini un momento di aggregazione e spiritualità a ritmo di blues. Oltre trecento persdone hanno affollato la chiesa di San Giacomo, Duomo cittadino, la notte del 23 dicembre per assistere ad un omaggio al Natale davvero unico. Splendide musiche, canzoni, veri pezzi forte del panorama internazionale che hanno coinvolto il pubblico presente, luci e coreogra�e ad effetto che hanno regalato alla chiesa un’allure davvero magica. Come vuole la tradizione natalizia e come hanno voluto organizzatori ed artisti. L’evento era �nalizzato alla raccolta fondi da destinare alla parrocchia per interventi manutentivi sulle chiese ed iniziative

solidali. Graditissima la sorpresa �nale: un buffet a base di pandoro, panettone e spumante presso l’oratorio San Luigi. Una vera e propria festa che si è inoltrata �no a tarda notte.

A chiudere la serata il buffet natalizio all’oratorio San Luigi

ACQUAPENDENTE - Incredibili disposizioni per ‘vietare’ di fermarsi all’ospedale aquesiano

‘Chiami il 118 e ti ritrovi al Belcolle di Viterbo’ “Cittadini del comprensorio nord del Lazio, se volete ricoverarvi presso l’ospedale di Acquapendente, non chiamate il 118, altrimenti vi troverete, volenti o nolenti, ricoverati a Belcolle!” Questa è l’ultima novità, della triste, tristissima ‘telenovela’ dell’ospedale di Acquapendente. L’ennesima puntata della farsa intitolata: ‘Atto Aziendale’. Il penultimo ‘episodio’ si basava sulla lettera della Direzione Generale dell’Ausl di Viterbo, in data 21/12/2011, con la quale veniva garantito l’assetto delle autoambulanze e auto medica presso l’ospedale di Acquapendente, per il periodo che andava dal 22/12/2011 al 15/01/2012, dove oltre che l’attività del reparto di medicina a tutti gli effetti, veniva garantita la presenza in ospedale del personale anestesista, sia per il trasporto di pazienti critici, con necessità di rianimatore, sia per

l’attività di chirurgia, con servizio attivo, per quest’ultima, anche in pronta disponibilità oltre che attività normale, questa anche con validità, per tutto il personale infermieristico del blocco operatorio. Siamo venuti a conoscenza, invece, del fatto che i familiari di un paziente critico, bisognevole di ricovero in Medicina (dove era disponibile il posto letto) in quanto affetto da polmonite, chiamato il 118, hanno avuto risposta, che il ricovero sarebbe avvenuto a Belcolle, in quanto, queste, erano le disposizioni che avevano ricevuto. Solo grazie alle pressanti insistenze di uno dei familiari del paziente (un medico) questi veniva ricoverato ad Acquapendente. Ora preoccupati non poco, ci domandiamo: Chi ha dato questa disposizione, atteso il contenuto della nota, sopracitata della Direzione Generale? Per

ACQUAPENDENTE - Alcuni consiglieri hanno inviato una lettera per informare i cittadini

Campo Morino, la minoranza chiede risposte R

iceviamo e pubblichiamo una lettera aperta, inviata ai cittadini di Acquapendente dai consiglieri della minoranza comunale appartenenti al centrodestra: Franco Ferri, Alessandro Brenci, Aldo Bedini, Sergio Iacoponi. “Con la presente comunichiamo ai

cittadini di aver espressamente fatto richiesta al Sindaco Alberto Bambini di veri�care lo stato attuale, la prospettiva futura e gli sviluppi della Zona di Campo Morino, per la quale a nostro parere necessita una forte azione di rilancio. La

Si attende la convocazione della commissione ad hoc per proporre interventi di rilancio

zona in questione, assume allo stato attuale caratteristiche di abbandono, incuria e degrado. Senza collegamento alcuno fra le Ditte presenti che, invece, dovrebbero trovare forme associative ed anche gestionali, tipiche di dette zone. Senza considerare che stessa, per come è stata ideata e realizzata, è fra le migliori di tutto l’Alto Lazio, bassa Toscana e vicina Umbria. Merita, quindi, tutto il nostro impegno, anche sotto forma di azioni incentivanti e promozionali, mediante

il concreto coinvolgimento sia della Provincia che della Regione : sotto ogni pro�lo. E’ per queste ragioni che la questione merita attenzione e la massima urgenza: perché l’isolamento si vince anche in questo modo. Abbiamo inoltre con separata nota già provveduto ad indicare il nominativo del rappresentante delle minoranza in seno alla Commissione in questione. E restiamo in attesa di conoscere la data della prima convocazione ed insediamento della stessa.”

quale ragione, allora, sono ancora regolarmente in servizio presso la struttura aquesiana, i medici del reparto di Medicina generale, i medici di Chirurgia, il personale infermieristico della sala operatoria, i medici del pronto soccorso, gli anestesisti rianimatori? Se un paziente in condizioni di criticità ‘seria’ ha bisogno di ricovero, chi decide dove e come ricoverarlo? Nella situazione sopra descritta e visto lo stato dell’elisuper�cie, il trasporto in elicottero per i pazienti in condizioni critiche, non avverrà mai, e gli stessi saranno trasportati per oltre 60 chilometri, con un autoambulanza, con tempi di percorrenza che non offrono alcuna garanzia, tanto che, il rischio per la salute dei cittadini di un intero territorio, è oramai certezza assoluta? Non si ritiene pertanto giusti�cato, l’esposto inoltrato alla Procura della Repubblica di

Viterbo dal sindaco Bambini, per procurato rischio grave per il quale sarà necessario adottare repentini provvedimenti, se non altro per scongiurare il ripetersi di tragici eventi, come la morte del paziente di alcuni giorni fa? Queste e altre semplici considerazioni e domande sono quelle che continueremo a farci, �nché qualcuno la smetta di giocare con la salute della ‘povera’ gente e ci dia le dovute risposte. Inoltre riteniamo doveroso che le autorità preposte si assumano correttamente le proprie responsabilità, dandone, nella circostanza, comunicazione anche a coloro, che più volte nei giorni scorsi, hanno continuato a sostenere ‘che tutto va bene, anzi meglio di prima’. Evidentemente non conoscevano ‘il prima’ o sono all’oscuro di come veramente è adesso! Meditate… gente, meditate. F.MEDICI


montefiascone

& Mercoledì 28 Dicembre 2011 Viterbo AltoLazio

13

Giuste e doverose le precisazioni di un nostro lettore sulla data del bombardamento della chiesa del Riposo L

’attento lettore M.F. ci ha inviato una lettera di puntualizzazioni che pubblichiamo.”Ho apprezzato l’articolo ‘Presepe sotto le stelle in una chiesa bombardata’ che raccontava della simpatica e originale iniziativa da parte dell’associazione ‘sei3sei’ di creare una natività in un tempio raso al suolo nel lontano 1944 e mai ricostruito ed abbandonato a se stesso. Tuttavia nella parte del racconto delle testimonianze, raccolte dallo stesso sodalizio in un comunicato, si evidenzia un’imprecisione: la chiesa del Riposo non venne bombardata e distrutta il 5 e 6 giugno 1944 ma bensì il 26 maggio quando venne colpita quella parte della città che la precedente incursione del 2 maggio aveva risparmiato; la zona interessata: le vie Trento, Porticella e Verentana e appunto la chiesa del Riposo”. “Nell’occasione

-continua la lettera- voglio anche evidenziare che la stessa associazione sei3sei che è stata così denominata perché la città di Monte�ascone è posta a 636 metri sul livello del mare, ha appunto nel nome una grave imprecisione perché Monte�ascone è posta a 633 metri di altezza sul l.m. e non a 636 come si può facilmente e chiaramente evincere dalla cartogra�a uf�ciale. Tre metri di differenza non sono nulla ma non fanno altro che aumentare la confusione che regna nella reale altezza cui è posta la città. L’associazione dovrebbe provvedere tempestivamente alla correzione. A conclusione voglio aggiungere, come poi lanciato da anni e a più riprese da Marcello Mari sul mensile la Voce, che sarebbe opportuno che l’amministrazione comunale intervenisse in maniera de�nitiva sulla chiesa del Riposo, o meglio sui

resti, facendola rivivere come un museo a cielo aperto, con ripulitura, restauro e aggiunta di bacheche che narrano la sua particolare storia, a perenne testimonianza degli orrori della guerra. Si può fare e veramente con poco”. M.M.

Aspra polemica in consiglio per il privilegio che il Ptpr concederebbe a tredici privati cittadini

Ceccarelli accusa la maggioranza di Michele MARI

L

a polemica più aspra e pungente, nel recente consiglio comunale, è stata in merito alle osservazioni dei privati al Ptpr ((Piano Territoriale Paesaggistico Regionale). Infatti l’opposizione si è dichiarata decisamente contraria all’approvazione ed ha votato naturalmente contro. Il più agguerrito è stato il consigliere di minoranza Massimo Ceccarelli che ha protestato e battibeccato a lungo con il sindaco Luciano Cimarello. La polemica è nata per due questioni di notevole importanza: la prima è che secondo l’opposizione il 90% di queste osservazioni erano state già discusse nel lontano 2008; mentre la seconda che sono stati riaperti i termini per presentare le domande all’insaputa di tutti e quindi privilegiati solamente alcuni cittadini, senza alcun perché, rispetto ad altri dato che 13 osservazioni sono tutte databili in questo anno 2011. In particolare nel corso delle varie votazioni dei vari blocchi di osservazioni, divise per oggetto o procedura, il sindaco Luciano Cimarello, è uscito dall’aula perché alcune di esse interessano suoi parenti stretti mentre ugualmente l’assessore Batinelli e il consigliere Tisbo si sono astenuti nelle votazione di alcune osservazioni perché anch’esse interessavano dei loro parenti. Ecco in dettaglio come si sono svolti i fatti nel consiglio in merito a questo

dibattuto e molto importante punto all’ordine del giorno. A prendere la parola è stato dapprima il sindaco che ha esposto a tutti i presenti il punto all’ordine del giorno. “Queste osservazioni devono essere portate alla Regione Lazio perché si pronunci in merito. Sono state divise per gruppi omogenei per gli stessi oggetti o peculiarità. Sono votabili blocco per blocco”. A questo punto è intervenuto il consigliere d’opposizione Massimo Ceccarelli: “Rimango esterrefatto.

Già nel lontano 2008 prendemmo atto di queste osservazioni, esattamente il 29 luglio, nel corso del consiglio comunale ed ora senza motivo vengono ripresentate. Per legge però i termini a disposizione per presentare le varie istanze sono di tre mesi e invece, in questo speci�co caso, sono passati ben tre anni. Supponiamo che la Regione voglia fare un favore portandole ora. La cosa grave è che il 90% di esse è datata 28 07 2008 e le ultime, invece del 2011, sono 13. Dal 2008 al settembre 2011 non è stata presentata nessuna osservazione e poi improvvisamente da settembre ad oggi ben13”. Ceccarelli ha aggiunto: “Mi domando che siano stati riaperti i termini? Se è così la cosa deve essere resa pubblica a tutti perché ho centinaia di persone che vorrebbero fare osservazioni e nessuno era a conoscenza della riapertura dei termini. Forse i termini sono stati riaperti solo per gli amici degli amici. Va in realtà pubblicato per tutti i cittadini per migliorare le stesse osservazioni”. A queste dichiarazioni è intervenuto nuovamente il sindaco: “Non si può fare avviso perché non compete ai comuni. Il Comune si è trovato di fronte alla sorpresa che queste osservazioni non erano state spedite alla Regione Lazio. Quando l’ ho chiesto agli addetti alla Regione mi hanno risposto di mandarle il prima possibile. Noi obbligati a spedirle subito”. Ceccarelli ha replicato che la presa d’atto vi era già

stata nel 2008 e che i termini sono stati riaperti senza avvisi. A questo punto è intervenuto il consigliere con delega all’urbanistica Gianni Bacchiarri: “È stata una volontà dei cittadini. Noi non abbiamo nessun diritto di riaprire i termini. Fino a prova contraria ogni cittadino può presentare istanze e il comune deve recepirle; poi sarà la Regione a decidere in merito”. Ceccarelli ha replicato: “I cittadini devono essere informati di presentare le osservazioni Regione. Ci sarà anche un motivo perché negli ultimi tre mesi sono state presentate ben 13 istanze”. Il consigliere di minoranza Bellacanzone ha aggiunto: “In realtà qui ci sono 13 privilegiati. Un’ anomalia c’è”. Poi si è passati alla votazione per blocchi e Ceccarelli ha fatto verbalizzare: “Non siamo contrari alle osservazioni dei privati ma contrari al metodo con cui sono state portate in consiglio. Non possiamo accettate che vengano privati di questo privilegio la maggior parte dei cittadini di Monte�ascone. Questo privilegio non può essere attribuito solo a 13 che hanno presentato le osservazioni dal settembre 2011”. Bellacanzone si è associato a Ceccarelli. Al termine della vivace discussione molte osservazioni hanno avuto parere positivo da parte della maggioranza ed ora sarà la Regione Lazio a decidere in merito.

Sopra il consigliere di minoranza Massimo Ceccarelli A sinistra il Sindaco Luciano Cimarello

A Zepponami, ancora polemiche sul mancato posizionamento del semaforo Per le festività il comune fa “retromarcia”

“Il Comune ha espletato tutte le pratiche” Blocco al traffico revocato

N

on sono le polemiche che occorrono, per veder �nalmente funzionare lungo la direttrice Monte�ascone Zepponami in località Montisola, l’ormai tanto atteso e sospirato semaforo. E’ stato recentemente proprio il Sindaco Luciano Cimarello a prendere sull’argomento una posizione piuttosto chiara intervenendo ad una cerimonia di premiazione nella popolosa frazione di Zepponami. Tutto ciò che era stato necessario fare per l’istallazione del semaforo: dall’espletamento delle pratiche burocratiche, �no all’ultima richiesta dell’ASTRAL, il Comune lo aveva fatto in tempo e per tempo. Purtroppo, non sempre la burocrazia è �glia di chiarezza e trasparenza. Ed allora ecco che solerti funzionari romani, avrebbero voluto, diciamo così, menare il can per l’aia ed allungare i termini della questione, quasi… sotto forma di un ricatto? Forse che si, forse che no. Tuttavia certe cose si possono intuire, anche attraverso l’amaro sfogo di un Sindaco.

Ora, però, in quel dell’ASTRAL pare sia arrivato il tempo di tirare le orecchie al… solerte o ai zelanti (sic) funzionari, mettendoli al loro posto e scrivendo così sulla vicenda dell’istallazione del semaforo la parola �ne. Sissignori, l’ASTRAL darà �nalmente la sua approvazione al progetto non appena passate le feste e senza che il classico… Santo ne resti gabbato. Merito dunque del Sindaco e, soprattutto, della caparbietà di Pietro Brigliozzi, che della sua vivace battaglia per ottenere maggiore sicurezza in quel tratto di strada (lui che purtroppo ha pagato in prima persona certi ritardi con la perdita del �glio Marco) ne ha fatto una ragione di vita, se �nalmente quel semaforo se ne vedrà – è proprio il caso di dirlo – la luce. Una riunione presso la sede ASTRAL, peraltro, è prevista proprio, dopo la sosta delle festività natalizie ed alla quale, oltre a Pietro Brigliozzi, parteciperanno,

D

Colpa della burocrazia e dei tempi dell’Astral e il semaforo non è stato ancora montato

tra gli altri, anche il Sindaco Luciano Cimarello. Ora non resta che attendere gli ulteriori sviluppi della vicenda. E, si spera, senza ulteriori ed inutili scorribande polemiche che, oltre a non servire per il bene della causa, di tutta la storia farebbe invece perdere di vista la meta essenziale. Giuseppe Bracchi

opo l’accesa polemica dei commercianti del Corso l’amministrazione ha revocato l’ordinanza che istituiva per queste festività natalizie il blocco delle auto nel centro della città. Infatti il blocco del traffico c’è stato soltanto il 22 dicembre ma ha prodotto soltanto un vero e proprio deserto. I commercianti hanno anche scritto al comune e l’amministrazione ha deciso di revocare l’ordinanza lasciando le vie del centro storico aperte al traffico. La polemica più accesa l’ha fatta un noto negoziante del corso che nel consiglio comunale di giovedì 22 dicembre ha attaccato un

cartello con scritto: “Natale 2011. Il centro è deserto. Il sindaco contento”. Sicuramente per il futuro si dovranno prendere decisioni importanti per riqualificare tutto il centro storico. M.M.


vetralla e cimini

14

Viterbo & Mercoledì 28 Dicembre 2011 AltoLazio

Passione Civile attacca l’amministrazione Aquilani colpevole di non mantenere le promesse fatte in campagna elettorale. Dure critiche agli assessori Bacocco e Sensi. Rimpianto per la giunta Marconi...

U

n duro atto d’accusa viene lanciato da Passione Civile all’attuale giunta Aquilani. L’attenzione è riservata in particolar modo agli assessori Bacocco e Sensi, ma la critica coinvolge l’intera amministrazione che, secondo Passione Civile, non sta rispettando le promesse elettorali. “Ai consigli comunali di Vetralla si parla di tantissime cose ma alla �ne di concreto nulla; proprio come chi corre sul tapis-roulant… corre corre e sta sempre lì. Non per essere i soliti disfattisti ma Passione Civile è attenta a quanto si realizza (o meglio non si realizza) nel nostro comune e di come l’Amministrazione Aquilani mostri un operato così distante da quello ipotizzato nel celeberrimo Libro delle Promesse, cioè il programma elettorale di Sandrino Aquilani. Ormai è prassi assodata che a noi di Passione Civile, così come alle altre opposizioni, viene impedito di contribuire alle decisioni che riguardano l’intera cittadinanza dal momento che si assiste perennemente e perentoriamente alla negazione di tutte le proposte che vengono portate sia in seno alle commissioni consiliari che ai consigli comunali. Da attenti cittadini vetrallesi, ci piace ogni tanto rileggere il programma elettorale proposto dalla lista del Sindaco Aquilani, e purtroppo, nonostante animati da buone speranze, giorno dopo giorno ci accorgiamo che dietro l’abbondante cortina di fumo, poco arrosto ci si trova visto che i vari assessori o delegati, che di volta in volta si alternano a rispondere alle interrogazioni dell’opposizione,

Da sinistra gli assessori Bacocco e De Rinaldis ed il Sindaco Sandrino Aquilani

Consigli comunali come il tapis roulant

“Durante le assemble si parla di tantissime cose, ma mai nulla di concreto” declinano i verbi al futuro: “faremo”, “realizzeremo”, “ci stiamo adoperando per...”, “tra poco attiveremo”... ormai il gioco è chiaro: tentano di far rimpiangere l’amministrazione Marconi e quasi quasi ci stanno riuscendo. Pensate un po’ come siamo ridotti!!! Per esempio, quando ci rivolgiamo all’Assessore Bacocco riguardo alle sue responsabilità circa il clamoroso insuccesso registrato all’ultima Sagra dell’olio, ci sentiamo dire che oltre ad essere stato un roboante successo di pubblico (forse c’è da rivedere qualcosa alle diottrie del nostro assessore) in virtù di un manifesto pieno zeppo di iniziative ed attività che solo lui riesce a vedere, sarà comunque sua cura provvedere nei prossimi anni ad ampliare la manifestazione visto che è il primo anno che è assessore al patrimonio. Il nostro assessore Bacocco, però, dimentica che non è nuovo della macchina amministrativa e che soprattutto avrebbe potuto avvalersi della consulenza del suo compagno di avventura, l’assessore Sensi, nonché assessore al patrimonio uscente. E se veramente Bacocco ed il suo pigmalione, il Sindaco Aquilani, volessero vera-

“Tanto fumo e niente arrosto. Come sul tapis roulant: corri, corri e stai sempre lì”

mente valorizzare l’olio extravergine di oliva di Vetralla, così come scritto a pagina 13 e 19 del “Libro delle promesse”, non dovrebbero far altro che seguire gli esempi di comuni vicini come Canino, Tuscania e Blera dove si respira una certa atmosfera di rispetto per un prodotto che in passato ha portato Vetralla sugli scudi in tutta Italia e nel mondo; non un evento, nessuna iniziativa dell’Assessorato. Se valorizzare l’olio di Vetralla signi�ca soltanto permettere di allestire tre stand dell’olio in mezzo a tanti altri del cioccolato, beh ci viene da chiedere cosa sarebbe stato se Aquilani e Bacocco non avessero puntato sulla valorizzazione dell’olio. Ma davvero l’Assessore Bacocco crede che abbiamo tutti l’anello al naso? Ci ha scambiato per buoi al pascolo?!? Così come vorrebbe darcela a bere riguardo all’altra tematica propostagli in consiglio comunale e riguardante il piano di assestamento forestale che è lo strumento di piani�cazione decennale per i tagli boschivi del Comune di Vetralla, importantissimo per rimpinguare le scarne casse comunali. Forse l’assessore non sa (o fa �nta di non sapere) che �n quando non verrà presentato questo piano di assestamento (e tra realizzazione del bando, incarico ed esecuzione passerà sicuramente almeno un anno) Vetralla non potrà procedere ad avviare nuovi tagli di legna

Franco Coppari e Sandro Costantini di Passione Civile sia per uso civico che industriale con consistente riduzioni delle entrate comunali. Però ci risponde che si sta adoperando per attuare questo piano di assestamento... ma per favore Assessore Bacocco!!! Vogliamo parlare invece dell’Assessore Sensi? Nel consiglio comunale di �ne novembre, durante la trattazione delle mozioni ed interrogazioni, ci ha stupito (ovviamente in senso negativo) l’atteggiamento del “competente” Assessore Sensi riguardo alla problematica sul decoro urbano conclusasi con la negazione della proposta portata in consiglio comunale dalle opposizioni riguardo all’adesione dell’Amministrazione al portale per la denuncia di atti contro il decoro urbano.

L’argomento risale già ad agosto scorso quando lo stesso Sensi emanò un manifesto con il quale (a suo dire) si voleva informare la cittadinanza sulle norme riguardanti il decoro urbano (per intenderci tutti gli adempimenti da seguire per impedire il proliferare di brutture sia nel centro storico che in tutto il tessuto urbano) nonché di avvisare la popolazione che tali inestetismi sarebbero giustamente stati di lì a poco oggetto di sanzione o quanto meno di attenzione da parte dell’amministrazione. Tanto di cappello all’Assessore Sensi che vuole una città “decorosa”. Però, caro Assessore Sensi, sono passati circa sei mesi e da quel manifesto null’altro è stato

fatto e sconcerta oltremodo la sua affermazione in consiglio comunale quando, ad una considerazione da parte del consigliere di Passione Civile Sandro Costantini riguardo ad alcune possibili situazioni meritevoli quantomeno di attenzione da parte del responsabile dell’urbanistica della città, Lei risponde che c’è bisogno di “denunce ben precise” per potersi muovere. Ciò sta a dire, secondo noi, o che è ignaro su quanto accade nel comune anche da Lei amministrato, oppure che ha capito e concluso che tale iniziativa potrebbe risultare impopolare costandoLe cara in termini di consenso. Ci chiediamo, inoltre, che �ne hanno fatto i buoni propositi del Sindaco Aquilani e del suo Assessore all’Urbanistica, sempre a riguardo del decoro urbano ed in particolare del tanto promesso “Regolamento dell’ornato”, sbandierato e riportato a pagina 14 del programma elettorale della sua lista, ma mai realizzato!!! Lasciamo sempre ai vetrallesi il giudizio, nella speranza che dietro al fumo prima o poi ci si ritrovi un pochino di arrosto... basterebbe anche qualche avanzo, ma soprattutto siamo speranzosi (il Natale serve anche per sperare) che la giunta Aquilani scenda prima o poi dal tapis roulant e si metta a macinare chilometri... per il bene di Vetralla e di tutti i vetrallesi”.

RONCIGLIONE - Ottimo successo di pubblico per il 16° concerto di Natale

Musica e cultura hanno fatto centro U

n grande successo di pubblico per una serata speciale. Venerdì 23 dicembre alle ore 21.00 presso il Teatro Comunale Ettore Petrolini di Ronciglione si è svolto, con grande successo, e presenza di un pubblico entusiasta che ha occupato ogni ordine di posti, il 16^ Concerto di Natale, offerto dalla Banda Cittadina ‘Alceo Cantiani’ di Ronciglione, Diretta dal Maestro Prof. Fernando De Santis. Sono stati eseguiti brani di L. Van Beethoven, M. Mangani, G. Verdi, J. Strauss, V. Bellini, R. Wagner, J. Williams, R. Strauss, A. Shabazz. Ottima come sempre l’esecuzione dei 47 musicisti e della soprano

Martina Chiossi, come anche la direzione del Prof. De Santis. Durante la manifestazione è stato presentato dal dott. Bruno Pastorelli il secondo dei Quaderni Ronciglionesi, dedicato a l Maes t r o D o m e nico Altissimi nel centenario della nascita, realizzato a più mani. Della parte storico-letteraria si è occupato Roberto Ragone, delle indagini Maria

Cangani, del reperimento dei documenti fotografici e documentazione dell’epoca Sergio Ortenzi, Corrado Marinangeli, Flaviano Fabbri, Enrico Marini. Il volume è stato stampato con il patrocinio dell’Associazione Culturale Mariangela Virgili. Un vivo ringraziamento a chi ha possibile lo svolgersi di questa 14^ Stagione Cameristica, ed in particolare alla Regione Lazio, alla Provincia di Viterbo, al Sindaco di Ronciglione Massimo Sangiorgi e al Delegato Comunale ai Grande Eventi Prof. Sergio Farricelli.

Presentato il secondo dei Quaderni Ronciglionesi sul Maestro Altissimi


& Mercoledì 28 Dicembre 2011 Viterbo AltoLazio

comprensorio sud

15

CIVITA CASTELLANA- Sul complesso edilizio prosegue il botta e risposta

Ex-Zanganella, la replica de La Destra S

ulla vicenda dell’ex-Zanganella arriva la nuova replica de La Destra“Signor Sindaco, per quanto ci riguarda faccia conto di averlo il potere di interrogare qualcuno ogni tanto! Noi consiglieri della “Destra” siamo ben lieti di poterle rispondere su tutto quello che ci vorrà chiedere. Ci riferiamo a quanto si afferma nel suo ultimo comunicato stampa. A proposito dal taglio giornalistico sembrerebbe che qualcuno riporti i suoi pensieri. Si vede che l’uf�cio stampa del comune, ah pardon, l’uf�cio comunicazioni, funziona ancora, ce ne rallegriamo! Lei in questo comunicato afferma “Vorrei rivolgere un’interrogazione ai consiglieri della Destra per sapere da chi continuano a ricevere, imperterriti, informazioni false e tendenziose. L’ultima mi vorrebbe insieme al direttore generale della Asl presso i locali af�ttati dalla stessa Asl in via Petrarca, magari a contrattare sottobanco chissà cosa…” Tutto qui? Per così poco si in�amma tanto? Non ci vuole molto a risponderle. Semplicemente, così come peraltro chiaramente riportato nella nostra interrogazione, la notizia l’abbiamo appresa da un organo di stampa locale: Il Nuovo Corriere Viterbese,

nell’edizione di Domenica 18 dicembre 2011. Nell’articolo intitolato “Quando apre la cittadella della salute?”, il giornalista estensore del pezzo nel dare notizia del suo incontro con il direttore Pipino testualmente scriveva: “ Bocche cucite e massimo riserbo sul contenuto del colloquio che all’interno dell’ex centro artigianale ha animato l’incontro tra il sindaco Angelelli e il dottor Pipino.” Noi abbiamo solo chiesto lumi, perché ci sembravano strane le modalità dell’incontro e il luogo riportati nell’articolo. Perciò le informazioni “false e fantasiose” le abbiamo ricevute, come tutti i civitonici da un organo di stampa. In merito alla seconda domanda che ci pone, cioè se siamo favorevoli alla cittadella della salute a Civita Castellana e se abbiamo a cuore le esigenze dei nostri concittadini, le rispondiamo dettagliatamente nel merito: Siamo favorevolissimi ad una cittadella della salute a Civita, ma non nell’ex complesso Zanganella, per i seguenti motivi: 1) perché riteniamo a nostro modesto parere, che i condoni che avete rilasciato in quell’edi�cio presentino molti dubbi di legittimità. 2) perché nell’ospedale

Andosilla sono stati ristrutturati di recente più di duemila metri quadri di locali che potrebbero essere adibiti a cittadella della salute senza costi di af�tto. 3) perché non abbiamo ancora capito come la Asl, prima ancora che i locali fossero condonati, peraltro a destinazione commerciale, abbia potuto far vincere un concorso per l’aggiudicazione della locazione ai proprietari dell’ex Zanganella. Questa notizia ce

l’ha fornita lei nel consiglio comunale del 26.05.2010. 4) perché riteniamo che andava sondato con accuratezza dalla Asl, il mercato immobiliare civitonico e soprattutto quello dei costruendi edi�ci nella vera zona Direzionale di P.R.G., che si trova poco distante dallo stesso ex Zanganella e sicuramente meglio inserita nel tessuto urbano della città. 5) perché avete legato la collocazione della Asl nell’ex Zanganella all’acquisto per

RONCIGLIONE - Al Teatro comunale pienone per il concerto di Natale

Boom per la stagione concertistica V

enerdì 23 dicembre alle ore 21.00 presso il Teatro Comunale Ettore Petrolini di Ronciglione si è svolto, con grande successo, e presenza di un pubblico entusiasta che ha occupato ogni ordine di posti, il 16^ Concerto di Natale, offerto dalla Banda Cittadina ‘Alceo Cantiani’ di Ronciglione, Diretta dal Maestro Prof. Fernando De Santis. Sono stati eseguiti brani di L. Van Beethoven, M. Mangani, G. Verdi, J. Strauss, V. Bellini, R. Wagner, J. Williams, R. Strauss, A. Shabazz. Ottima

come sempre l’esecuzione dei 47 musicisti e della soprano Martina Chiossi, come anche la direzione del Prof. De Santis. Durante la manifestazione è stato presentato dal dott. Bruno Pastorelli il secondo dei Quaderni Ronciglionesi, dedicato al Maestro Domenico Altissimi nel centenario della nascita, realizzato a più mani. Della parte storico-letteraria si è occupato Roberto Ragone, delle indagini Maria Cangani, del reperimento dei documenti fotografici e

documentazione dell’epoca Sergio Ortenzi, Corrado Marinangeli, Flaviano Fabbri, Enrico Marini. Il volume è stato stampato con il patrocinio dell’Associazione Culturale Mariangela Virgili. Un vivo ringraziamento a chi ha possibile lo svolgersi di questa 14^ Stagione Cameristica, ed in particolare alla Regione Lazio, alla Provincia di Viterbo, al Sindaco di Ronciglione Massimo Sangiorgi e al Delegato Comunale ai Grande Eventi Prof. Sergio Farricelli.

a solo due anni, ma è già entrata nel cuore dei vignanellesi e dei tanti giunti da fuori che si sono divertiti giocandoci: è la tombola vivente, che si è svolta il pomeriggio di Santo Stefano in una piazza della Repubblica strapiena. Un vero e proprio evento, ideato dal “Puzzoloso” (Vincenzo Pacelli), “Llomo” (Marcello Bernardini) e “Grappaman” (Alessandro Agnitelli), che ha coinvolto i cittadini i quali hanno vestito i panni dei 90 numeri: una volta estratti, hanno declamato un detto vignanellese prima di andarsi a posizionare sul megacartellone formato

10x9 metri. Soddisfatta per il risultato la Pro loco, che è già al lavoro per ultimare i preparativi in vista della notte di Capodanno, dove, per la prima volta, la location principale sarà il castello Ruspoli. Si inizia appunto con il cenone di San Silvestro al Castello Ruspoli e a seguire, nella cornice di Piazza della Repubblica, concerto del trio Radiomarelli, con brindisi inaugurale al 2012 illuminato da bengala e fuochi d’arti�cio direttamente dal Castello. Dopo il brindisi la notte continua con il veglione nelle segrete del Castello Ruspoli.

Si tratta – dicono gli organizzatori – di un appuntamento molto suggestivo, “visto che non capita tutti gli anni di festeggiare il Capodanno all’interno di un

castello, con un menù davvero speciale”. Per info e prenotazioni per la cena: www.prolocovignanel lo.org.

fango , insinuazioni, sospetti”, le rispondiamo, come già a suo tempo abbiamo risposto all’assessore Cerri, che crediamo abbia imparato la lezione, dato che non si è fatto più sentire; raccontandole un’antica favola dove si narra che una giovane volpe cadde disgraziatamente in una tagliola; riuscì a fuggire ma gran parte della coda rimase nella tagliola. Gli animali che la conoscevano ebbero pietà e le costruirono una coda di paglia. Quando la cosa fu saputa dai padroni dei pollai, questi accesero un po’ di fuoco davanti ad ogni stia. La volpe, per paura di bruciarsi la coda, evitò di avvicinarsi alle stie. Si dice che uno ha la coda di paglia quando sta sempre sul chi vive, si allarma alla minima allusione sfavorevole, si discolpai senza neppure essere accusato, non avendo la coscienza tranquilla. come chi avesse un’immaginaria coda di paglia e quindi un sacrosanto timore dei �ammiferi. Le consigliamo signor sindaco di rileggersi attentamente la nostra interrogazione e vedrà che non c’è nessun riferimento di quanto da lei lamentato. Le consigliamo in�ne signor sindaco, così come abbiamo già consigliato l’assessore Cerri, di stare alla larga dai “gallinari”.

CORCHIANO - Ecco il premio “Un bosco per Kyoto” I

VIGNANELLO - Tombola vivente, grande successo H

quasi un milione di euro di un locale da adibire a farmacia. Un milione di euro che riteniamo siamo soldi dei cittadini civitonici che verranno sperperati inutilmente sulla loro pelle, perché il comune possiede già dei locali poco distanti in via 4 giornate di Napoli e poi perché nei prossimi tempi le liberalizzazioni potrebbero ridimensionare di molto il valore delle farmacie. 6) perché per come ci ha informati l’assessore Cerri in un comunicato stampa sembra che sulla vicenda dell’ex Zanganella stia indagando la magistratura. Perciò egregio signor sindaco ci teniamo eccome ai nostri concittadini ed abbiamo a cuore le loro esigenze, come per esempio, quella prioritaria di avere per la città un dearseni�catore, e faremo del tutto per destinare a questo scopo o ad altri scopi sociali a favore di Civita e dei civitonici, i soldi programmati per l’acquisto della farmacia. (su questo terreno peraltro siamo in buona compagnia di un bel pezzo di maggioranza) Per quanto riguarda invece la parte del suo comunicato che attiene alla volontà di “voler insinuare presunte commistioni tra interessi pubblici e privati del sottoscritto e della propria famiglia” e di gettare “solo

l Comune di Corchiano vincitore del riconoscimento internazionale ‘Un Bosco per Kyoto’. Un Bosco per Kyoto, giunto alla sua settima edizione, voluto a suo tempo dal Presidente della Repubblica Ciampi e poi sostenuto da Giorgio Napolitano, è una manifestazione che si celebra ogni gennaio a Roma presso il Campidoglio dove vengono premiati ministri dell’ambiente italiani e stranieri, sindaci e scienziati che più degli altri si sono adoperati per la qualità dell’ambiente naturale e per la mitigazione climatica. In quest’ultima edizione fra i premiati c’è appunto il comune di Corchiano che, oltre a risultare uno tra i più virtuosi d’Italia, con gli oli esausti delle fritture produce un biocarburante per i propri scuolabus, è tra i più ricicloni del Lazio, è produttore di compost dai ri�uti umidi e, in�ne, è consumatore di prodotti ortofrutticoli a Km 0. La paternità e l’organizzazione della manifestazione è dell’Accademia Kronos, mentre la commissione che seleziona le candidature per il riconoscimento �nale è composta da scienziati di valore pro-

venienti dalle università e dall’ENEA. Ci saranno anche esponenti provenieti dall’Università della Tuscia: la prof.ssa Anna Maria Fausto, che è anche il presidente di commissione, e il prof. Riccardo Valentini. Come presidenti della cerimonia al Campidoglio si sono sempre alternate personalità di rilievo e dello spettacolo culturale, così Licia Colò, Carla Fracci e nell’ultima edizione Piero Angela. Per il prossimo 20 gennaio, se non ci saranno impegni all’ultimo minuto, presidente dovrebbe essere l’attuale ministro dell’Ambiente Corrado Clini. Nel passato il riconoscimento di Un Bosco per Kyoto è andato ai comuni viterbesi di: Acquapendente, Gallese, Montalto di Castro, Monte Romano e Oriolo Romano. Per l’occasione Accademia Kronos per il giorno 20 gennaio mette a disposizione, per chi volesse partecipare alla manifestazione un pullman gratis che, partendo da Viterbo e facendo tappa a Ronciglione, Sutri e Monterosi, trasporterà le persone �n sotto al Campidoglio di Roma, riportandole indietro alla �ne della cerimonia.


orvieto eventi

16

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 28 Dicembre 2011

Tutto pronto per la 19esima edizione della kermesse all’insegna della felice convivenza con la musica latina

Umbria Jazz Winter 2011 T

utto pronto ad Orvieto per la 19esima edizione di Umbria Jazz Winter. Da oggi, �no al 1 gennaio 2012, per 5 giorni, ad ogni ora del giorno �no a tarda notte la musica avrà come location gli scenari di una delle più affascinanti e storiche città dell’Umbria, a riproporre il connubio virtuoso tra cultura e turismo che caratterizza Umbria Jazz Winter, facendone un esempio unico nel pur affollato scenario delle manifestazioni nazionali. In calendario oltre 100 concerti, che vedranno impegnati 150 musicisti. L’iniziativa, spiega una nota dell’organizzazione, non si propone come una semplice appendice invernale dell’appuntamento di luglio, ma ha saputo conquistarsi un posto di prestigio grazie al nutrito cartellone. Quest’anno spazio al latin jazz, insieme ai migliori jazzisti italiani e la musica gospel, protagonista del concerto di Capodanno in Duomo, per fare qualche nome Michel Camilo, Gonzalo Rubalcaba, Chano Dominguez, Stan Tracey. Ed

ancora, The Harlem Jubilee Singers, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Gianluca Petrella, Danilo Rea, Franco Cerri, Renato Sellani, Peppe Servillo, la Lydian Sound Orchestra, Bobby Broom, Allan Harris, Funk Off. Ad inaugurare la kermesse, domani il concerto al Teatro Mancinelli “Memorie di Adriano” - Canzoni del clan di Adriano Cementano, con Peppe Servillo (voce); Javier Girotto sax; Fabrizio Bosso tromba; Furio Di Castri contrabbasso; Rita Marcotulli pianoforte; Mattia Barbieri batteria. “Quando ci siamo incontrati per la prima volta - hanno commentato i protagonisti - cinque o sei anni fa in occasione di una “residenza artistica’ promossa dall’Ater, non avevamo idea che il nostro percorso sarebbe stato così lungo e intenso. Le canzoni del clan sono le canzoni di un’Italia giovane, di nuovo giovane, che guardava altrove e a se stessa anche nelle canzoni, in queste canzoni, tenere ed urlate, scritte da autori vari ed arrangiate dai migliori per

essere cantate da tutti, insieme al molleggiato e a Don Backy, insieme agli amici. Canzoni danzate e sussurrate che cantiamo, diversamente, anche oggi per appartenenza e desiderio, per curiosita’ e gusto di una memoria viva e sorprendente”. Il programma: Oggi pomeriggio alle ore 16,00 al Palazzo del Popolo - sala dei 400 i Berklee / Umbria jazz Clinics 2011 Award Group, daranno il via alla 19esima edizione di Umbria Jazz Winter, con ingresso libero. Alle ore 18,00, lungo il corso e in altri punti del centro storico sarà la volta dello ‘Street Parade’ degli ormai famosissimi Funk Off. In serata, dalle ore 21,00 al teatro Mancinelli dopo il brindisi augurale, si esibirà in concerto la band formata da Peppe Servillo, Javier Girotto, Fabrizio Bosso, Furio Di Castri, Rita Marcotulli e Mattia arbieri, con ‘Memorie di Adriano: Canzoni del clan di Adriano Celentano’ Nel frattempo al ristorante vSan Francesco, ‘Jazz Dinner’, con ‘The Good Fellas – Gangsters of Swing’.

‘Round Midnight’ nella sala expo di Palazzo del Popolo, con il Consorzio vini di Orvieto, con il duo BossoGirotto che lasciato il teatro Mancinelli si esibiscono con il ‘Latin Mood sextet Vamos’

insieme a Natalio Mangalavite, Luca Bulgarelli, Lorenzo Tucci e Bruno Marcozzi. Il PalazzodeiSette ha in programma musica non stop, con il servizio bar, snacks ed enoteca, con alle ore 19,00

‘Bobby Broom deep blue organ trio’, alle 20 e 30 Allan Harris quintet, alle 22 e 30 Nick the Night�y Nice Two! E alle 23 e 30 Ezra Charles & Texas Blues Band. Rastelli - Medici

Image by AGATA KWIATKOWSKA Stampato da TIPOGRAFIA CECCARELLI Grotte di Castro

Alcuni dei protagonisti dell’edizione di quest’anno: in alto Paolo Fresu quintet. Sotto Danilo Rea al pianoforte . In basso Gonzalo Rubalcaba


Mercoledì 28 Dicembre 2011

Viterbo & AltoLazio

cultura & spettacolo

17

ACQUAPENDENTE - Il concerto del compositore argentino che accosta la musica popolare a temi religiosi

Al Teatro Boni la Navidad Nuestra di Ramirez

G

iovedì 29 dicembre alle ore 21,15, il Teatro “Boni” di Acquapendente propone il concerto Navidad Nuestra del grande compositore argentino Ariel Ramirez. Gli interpreti sono la soprano Simonetta Chiaretti, la voce narrante Sophia Socciarelli, con Roberto Forlini alle percussioni ed Elena Bazzuoli al pianoforte. Il concerto prevede anche

la partecipazione del coro polifonico Vox antiqua diretto dal M° Loretta Pucci. Ariel Ramirez compose Navidad Nuestra in collaborazione con il poeta Felix Luna quasi completamente in una sola notte dell’ottobre 1963. I due artisti si trovarono a lavorare con lo stesso entusiasmo e ispirazione e, come racconta Luna, i temi musicali sui quali ritagliò i testi si con-

cretizzarono quella notte con la naturale eccezionalità del miracolo. Navidad Nuestra è un quadro plastico di sapore creolo ispirato al tema della nascita di Gesù. Sono sei brani, sei quadri tematici, ciascuno costruito attorno ad una differente voce regionale e imperniato su un proprio ritmo o tipo di danza. Il testo poetico restituisce la narrazione religiosa in maniera libera attraverso un pastiche linguistico (caratteristico dell’America Latina) dove s’incontrano, fondendosi, spagnolo e lingua guaranì, l’idioma degli indios del Paraguay e delle provincie argentine Corrientes e Entre Ríos. Le musiche guidano il percorso narrativo e spirituale comunicando le atmosfere di una religiosità popolare molto particolare. Il recupero del repertorio musicale popolare e la sua contaminazione con le sonorità e le tradizioni più varie è un fenomeno culturale che si è notevolmente diffuso per tutta la seconda metà del Novecento e che perdura anche ai giorni nostri. Solo raramente esso ha però investito il tema religioso, quasi esclusivamente riservato alla tradizione cosiddetta “colta” che, in questo ambito, per la sua diffusione presso il grande pubblico, si è conquistata una “popolarità di ritorno”. Per questo la Navidad Nuestra, che attinge invece ad un’autentica vena popolare nella rappresentazione della

natività di Gesù, può destare stupore all’ascolto. In realtà l’accostamento della musica popolare ai temi religiosi non è affatto inusuale e si presenta nei contesti geogra�ci più vari. Anche in Italia la devozione popolare ha trovato spesso espressione in un vasto repertorio di canti narrativi, la cui conoscenza oggi paradossalmente resta circoscritta ad un’élite di esperti. Il concerto propone alcuni di questi canti come una sorta di preludio, per suggerire l’esistenza, anche vicino a noi, di un universo parallelo a quello su cui Ariel Ramirez ha costruito il suo capolavoro.

Fuori Provincia musica e cinema T

utto pronto a Tolfa per il Tolfa Jazz Christmas – Concerto di Natale,organizzato dall’Associazione Musicale “A. Vivaldi” per oggi alle ore 17 presso il Teatro Claudio. Sul palco tanta bella musica: aprirà la Tolfa Jazz Orchestra che suonerà i brani più tradizionali del Natale rivisitati in chiave Jazz con la partecipazione straordinaria di due ospiti d’eccezione, Marcello Rosa e Paolo Tombolesi. A seguire le esibizioni di due cori, sempre provenienti dai laboratori della scuola di musica della Vivaldi, il coro di voci bianche “InCanto” e il coro Gospel “New Voices”. Insomma, un altro appuntamento culturale da non perdere. Continua inoltre il cinema a Tolfa al Teatro Claudio. In programma in questi giorni (�no al 30 dicembre) per i più piccoli “Le avventure di

Tintin – Il segreto dell’Unicorno” alle 18, mentre alle 21 sarà la volta di “Midnight in Paris” ultimo lavoro di Woody Allen che ci fa viaggiare nel tempo grazie al fascino di Parigi. Solo per oggi 28 dicembre lo spettacolo delle 18 è spostato alle 19.30 per il concerto della Associazione Vivaldi.

Muore il Maestro Zeno Scipioni. I saluti di chi lo ricorda con affetto Il sindaco Giulio Marini Renzo Salvatori Presidente della Scuola Musicale Comunale

C

on la scomparsa del maestro Zeno Scipioni Viterbo ha perso un grande riferimento artistico

musicale. Un grande musicista che tanto ha dato alla nostra scuola musicale comunale, coordinandola per quasi vent’anni, contribuendo fortemente a farla diventare quella che è divenuta oggi. Ma anche un’altra realtà musicale come la Camerata polifonica Viterbese porta la preziosa impronta del maestro Scipioni.. Viterbo ricorderà il suo maestro per il grande impegno profuso per la crescita artistica e musicale della nostra città. Alla famiglia del caro maestro Scipioni il mio personale cordoglio, quello della Scuola musicale comunale e dell’intera Viterbo.

H

o conosciuto Zeno Scipioni, come collega dell’INPS . Lui era nell’uf�cio legale ed io in quello di ragioneria e per motivi tecnici spesso ci trovavamo a lavorare sulle stesse pratiche. Ricordo la sua onestà intellettuale, la sua discrezione, la sua professionalità e la disponibilità alla collaborazione, oltre che la sua grande passione per la musica. Poi gli eventi della vita ci hanno fatto incontrare in altra situazione. Infatti nel 1985 , quale consigliere comunale di Viterbo, ebbi la delega a presidente della scuola musicale comunale di Viterbo, incarico che ho ricoperto per quasi sei anni. Zeno era il coordinatore artistico della scuola, nata

Fabrizio Bastianini coordinatore artistico della Scuola Musicale Comunale N

oi lo ricordiamo così, come una persona con un sorriso gentile, che accoglieva noi, giovani studenti della Scuola Musicale Comunale di Viterbo, con modi naturali e semplici, come una buona musica. Lo ricordiamo quando ci parlava con parole che, allora non lo sapevamo, si stavano scolpendo a lettere di fuoco nelle nostre menti e si depositavano irresistibilmente noi nostri cuori. Erano i suoi racconti carichi di emozione, la sua voce commossa che rievocava i grandi musicisti

del passato, i grandi capolavori, a infondere in noi il desiderio di capire, di ascoltare ancora e ancora quelle pagine immortali. C’è un momento della vita che ci cambia per sempre? Un istante o un periodo che riusciamo a ricordare, dopo il quale il nostro destino, �no ad allora un oscuro intreccio di possibilità, prende �nalmente forma? Io credo di ricordarlo in quei mesi nei quali la presenza del Maestro si percepiva a Scuola come una sicurezza alla quale non si dà peso perché parte delle cose

normali della vita, in quei giorni nei quali anche per merito suo una timida speranza maturava, diventava certezza e il nostro futuro si legava indissolubilmente alla Musica. Ogni gesto del Maestro, ogni sua espressione, tutto sembrava trasmettere il profondo mistero dell’arte suprema. Un fuoco inestinguibile che divora e risana. Una vetta che mai si raggiunge, un mare che mai si traversa, un enigma che mai si risolve. È la nostra sorte scorgerne

l’immensità senza capirla e la nostra fortuna abbandonarsi ad essa. Tutto questo, ma con parole migliori, con la sensibilità di un padre, tutto questo il Maestro Scipioni lo ha insegnato a noi. La sua voce calma, i suoi occhi da bambino e il suo cuore colmo di emozione: è questo il ricordo che abbiamo. Questa eredità, che brilla come un tesoro e risuona come un cristallo, ora e per sempre ci appartiene. Grazie Maestro.

pochi anni prima, nel 1979, e ne era stato, per la parte tecnica, il promotore. Ruolo, quello di coordinatore, che ha svolto per quasi venti anni �no al 1998. Fu, la nostra, una collaborazione speciale, dalla quale nacque anche sincera amicizia, che portò frutti importanti alla scuola ed alla società viterbese . Lui era tutto musica , mentre per me quello era una campo abbastanza inesplorato...ma avevamo in comune la consapevolezza dell’importanza della musica ed il suo ruolo educativo e di prevenzione per la gioventù. Il suo rapporto con le Istituzioni è stato sempre di collaborazione e rispetto. La sua passione era coinvolgente .Mi faceva innamorare della “sua” musica tant’è che i miei tre �gli iniziarono a studiarla e coinvolsero anche altri amici. Eravamo all’inizio dell’esperienza della scuola, e di problemi ce n’erano molti, ma insieme li affrontammo e molti furono anche risolti, a cominciare dai locali inidonei di v. S.Pietro. La scuola fu trasferita prima in via Cristofori e successivamente al teatro dell’Unione. Ricordo le moltissime iniziative portate avanti insieme. Ma maggiormente la serietà e la qualità della scuola, di cui era il direttore, che ha formato i nostri giovani, consentendone l’avviamento lavorativo nel campo artistico e professionale, compreso l’insegnamento nella scuola stessa dove avevano studiato. Ed ancora, corsi di approfondimento e specializzazione, corsi di frequenza per i militari che prestavano servizio di leva a Viterbo, corsi per inizianti. Se oggi, ex allievi della scuola suonano in orchestre o bande di rilevanza nazionale, o insegnano, o svolgono attività lavorativa nel campo musicale , una buona parte del merito va a Zeno e questa quali�cata e folta presenza al funerale di corali e giovani strumentisti , ne è la più evidente conferma. Anche quando non avevo più incarichi istituzionali e lui stesso aveva lasciato la direzione della scuola, sempre mi parlava di essa e mi sollecitava ad interessarmene e seguirne le vicende. Il Maestro Scipioni lascia questa eredità che dobbiamo custodire e migliorare. Grazie Zeno per la tua passione e per il grande servizio che hai reso a noi tutti ed alla nostra città.


almanacco

18 NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

Viterbo & AltoLazio

Oggi al Cinema

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Giggi 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE

21 Aprile - 20 Maggio TORO

Vi sentirete un tantino stanchi poiché i postumi iniziano a farsi sentire e questo però vi farà sentire anche un tantino frustrati poiché non riuscirete a dare il massimo e soprattutto a raggiungere il vostro primo obiettivo della giornata. Insomma, dovrete aspettare giorni migliori per mettere a punto i vostri piani e vedere se essi potranno mai avere un futuro!

Forse è giunto il tempo per voi di prendere al volo l’oppor tunità di cambiare qualcosa in ambito professionale, poiché ci sono diverse questioni nelle quali potete partecipare e che potete sviscerare con molta più competenza di altre persone. Mettete a frutto la vostra intraprendenza e non abbiate paura di esagerare o di essere troppo interattivi.

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO

23 Luglio - 22 Agosto LEONE

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE

Se vi sentite un pochino stanchi di fare sempre sforzi e sacrifici senza ottenere nulla, non crucciatevi eccessivamente, in quanto i risultati dovete assolutamente attenderli nel tempo e non pretendere di averne nelle immediatezze. Siate onesti con voi stessi e con gli altri quando fate delle previsioni, non create aspettative illusorie che non possono avverarsi in breve tempo!

In questa giornata dovrete proprio fare attenzione al tono della vostra voce poiché non è semplice essere simpatici a quelle persone che avete intorno gridando continuamente. Forse l’aggressività che trasparirà dal vostro carattere non vi contraddistingue abitualmente ma darete proprio questa impressione se non riuscirete a controllarvi!

Siete in grado di ammaliare c h i u n q u e quando vi impegnate, q u i n d i conoscete alla perfezione l’arte della seduzione anche se nessuno ve l’ha insegnata. Avete una dote naturale che quindi dovreste mettere in pratica soprattutto se siete single e se soffrite un po’ la mancanza di una persona vicino a voi. Non dovreste restare soli proprio voi!

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO

Prima di procedere con i vostri piani in questa gior nata, cercate di riconsiderarli, poiché qualcosa potrebbe essere cambiato e dovreste necessariamente adeguarvi. Forse avete agito troppo tardi o forse troppo presto, fatto sta che dovreste riconsiderare anche la tempistica. Qualcuno vicino a voi potrebbe aiutarvi con questa riorganizzazione.

In questa g i o r n a t a p o t r e s t e essere molto più espressivi del solito e questo potrebbe comportare qualche piccolo cambiamento nei vostri rapporti interpersonali. Cercate di ottenere le giuste informazioni dalle persone che vi sono vicino e che vorranno essere espansivi con voi, senza per questo tentare troppo la fortuna calcando la mano su di loro.

Tuttoèimportante quando riguarda le persone che vi interessano, quindi in questa giornata non lasciatevi condizionare dai giudizi di coloro che vi diranno che non ne vale la pena di prendere più sul serio certi desideri e soprattutto non prendete in considerazione nessuno di coloro che vi dirà di non impelagarvi in cose in cui non c’entrate nulla. Se la persona è importante per voi, è certo che vi deve interessare.

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI

Questa sarà un’ottima giornata per iniziare qualche piccolo progetto. Non è necessario che sia qualcosa di enorme e di ben architettato, basta semplicemente che sia sufficientemente organizzato per dare il via a qualcosa di nuovo che possa crescere nel tempo e darvi qualche piccolo spunto per altri progetti sempre più grandi. E’ da qui che si inizia a pensare a qualcosa di più!

FARMACIE (reperibilità)

In questa giornata occhio alle finanze perché non è ancora passato il periodo delle vostre spese pazze e quindi se non sapete trattenervi dal comprare qualcosa, dovreste proprio chiedere a qualcuno di controllarvi, magari di nascondervi la carta di credito! Ci sono spese da affrontare molto più impegnative che togliervi qualche sfizio solo per capriccio!

VITERBO

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI

In questa g i o r n a t a potreste essere un pochino distratti e questo p o t r e b b e ripercuotersi sulle persone che vi sono vicino e che al contrario avranno bisogno del vostro massimo impegno. Tentate di prendere solo il meglio dalla giornata e dalle questioni che vi proporranno, altrimenti sarà davvero difficile affrontare con il sorriso la problematica altrui.

Se volete dare una festa o invitare qualche amico a cena o a pranzo in questa giornata, cercate almeno di chiedere a tutti cosa preferiscano o cosa non possano mangiare. Insomma, informatevi anche sui gusti altrui oltre che pensare a soddisfare i vostri, altrimenti rischiereste di fare un fiasco e di indispettire chi è venuto con le migliori intenzioni di trascorrere una gradevole serata in vostra compagnia!

Mercoledì 28 Dicembre 2011

Cinema Genio Via del Teatro Genio 16 Vacanze di Natale a Cortina Orario: 18,30 - 20,30 - 22,30 Cinema Trento Piazza del Santuario 51/A Il gatto con gli stivali 3D Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Cinema Trieste Viale Trieste 30 Finalmente la felicità Orario: 20,30 - 22,30

VETRALLA

Cinema Excelsior Via Cassia 277, Cura Il gatto con gli stivali 3D Orario: 16,00 - 17,30 Vacanze di Natale a Cortina Orario: 17,30 - 19,40 - 22,00

CASTIGLIONE IN TEV.

Cinema Tevere Via Orvietana Vacanze di Natale a Cortina Orario: 21,30

TARQUINIA Cinema Etrusco Multisala Via della caserma 32 Il gatto con gli stivali 3D Orario: 16.00 -18,00 - 20,00 - 22,00 Finalmente la felicità Orario: 16.00 -18,00 - 20,00 - 22,00 Vacanze di Natale a Cortina Orario: 16.00 -18,00 - 20,00 - 22,00 Sherlock Holmes: Gioco di ombre Orario: 17,00 - 19,30 - 21,30

Cine Tuscia Village Multisala Località Pallone, Vitorchiano Vacanze di Natale a Cortina Orario Fer. 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Sherlock Holmes. Gioco di Ombre Tutti i giorni: 17,00 - 19,45 - 22,30 Il Gatto con gli stivali 3D Orario Fer.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest. 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Finalmente la felicità OrarioFer. : 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Il Figlio di Babbo Natale Orario Fer.: 18,00 Fest.: 15,45 - 18,00 Capodanno a New York Tutti i giorni: 20,15 - 22,30 Il Principe del deserto Tutti i giorni: 17,00 - 19,45 - 22,30

BAGNOREGIO Cinema Alberto Sordi Via Giacomo Matteotti 2 Finalmente la felicità Orario: 21,30

SORIANO NEL CIMINO Cinema Florida Piazza Marconi 12 Finalmente la felicità Orario: 21,30

MONTEFIASCONE Multisala Gallery Via Cardinal Salotti Vacaze di Natale a Cortina Orario: 21,30 Il gatto con gli stivali Orario: 21,30 Multisala Flavia Via della Croce, 1 Finalmente la felicità Orario: 21,30 Sherlock Holmes: Gioco di ombre Orario: 21,30

ORTE Cinema Alberini Via del Plebiscito 10 Vacanze di Natale a Cortina Orario: 21,45

PREVISIONI METEOROLOGICHE

OGGI 28 DICEMBRE

ACQUAPENDETE Corso Taurelli Salimbeni, 1 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

FARNESE Via Principe Amedeo, 126 (Diurna e 16,00-19,00)

NEPI Via Roma, 19 (Diurna e 16,00-19,30)

VALLERANO Piazza Diaz, 14 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

ARLENA DI CASTRO Via Vittorio Emanuele, 128 (08,30-12,30 e 16,30-19,30)

GALLESE Via Tronsarelli, 41 (09,30-13,00 e 16,30-19,30)

ORTE Piazza Del Popolo, 15 (08,30-13,00 e Notturna)

VETRALLA-TRE CROCI Piazza Europa, 53 (09,00-13,00 e 16,35-19,30)

BAGNOREGIO Piazza Trento e Trieste, 8 (08,30-13,00 e 16,00-19,00)

GRAFFIGNANO-SIPICCIANO Piazza Umberto I, 28 (09,00-13,00 e 16,30-19,30)

RONCIGLIONE Corso Umberto, 33 (08,30-12,55 e Notturna)

VILLA SAN GIOVANNI IN T. Piazza Savoia, s.n.c. (Diurna e 16,30-19,30)

CALCATA Piazza Risorgimento, 1 (09,30-13,00 e 16,00-19,00)

GROTTE DI CASTRO Via Vittorio Veneto, 4 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

SORIANO NEL CIMINO Via Ernesto Monaci, 96 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

VITERBO Via Vicenza, 40/A (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CAPRANICA SCALO Via Della Stazione, s.n.c. (08,30-13,00 e Notturna)

MARTA Via Tuscania, 4/A (09,00-13,00 e Notturna)

SUTRI Piazza Del Comune, 34 (09,30-13,00 e 16,00-19,30)

VITERBO-GROTTE S. STEF. Via Della Stazione, 5 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

CAPRAROLA Viale F. Nicolai, 141 (09,00-13,00 e 16,00-20,00)

MONTALTO-PESCIA ROMANA Via Delle Mimose, 12/15 (09,00-12,30 e Notturna)

TARQUINIA Via Igea, 20 (08,30-13,00 e 16,00-19,24)

VITORCHIANO Via Manzoni, s.n.c. (09,00-12,40 e 16,00-19,00)

CIVITA CASTELLANA Via S. Felicissima, 17 (08,30-13,00 e 15,55-19,30)

MONTEFIASCONE Corso Cavour, 21 (08,30-12,55 e 16,00-19,30)

TUSCANIA Via Tarquinia, 53 (08,35-13,00 e 16,30-20,00)

Mercoledì 28 Dicembre

Giovedì 29 Dicembre

L’anticiclone continua a proteggere la regioni italiane ma si indebolisce progressivamente. Ancora bel tempo dunque sulle centrali tirreniche, ma in serata e nottata si prevedono delle umide infiltrazioni occidentali che deter mineranno un’aumento delle nubi sull’alta Toscana e sulle coste laziali. Temperature in lieve calo nei minimi al suolo con gelate diffuse e inversioni ter miche. Venti deboli var iabili o da SSE al largo delle coste laziali, residui da ENE in quota, mar i poco mossi o quasi calmi sottocosta.

L’alta pressione si ritira per l’avanzata di una debole perturbazione inserita nel flusso di correnti nordoccidentali. Pertanto giornata in prevalenza nuvolosa sulla Toscana con deboli pioviggini sulla Lunigiana nel pomeriggio e in serata finverso le pianure settentrionali. Tra Lazio ed Umbria nuvolosità stratificata ed innocua con tempo asciutto, seppur maggiori addensamenti si avranno in serata e nottata sul Lazio con qualche pioggia al largo delle coste. Temperature in calo in montagna da nord, stazionarie o in lieve calo nei massimi al suolo. Venti deboli in prevalenza da SSE sul Lazio, da ENE in serata al suolo, da O a ONO in quota. Mari poco mossi, in tendenza mosso l’alto Tirreno al largo.


SPORT

� � �

Mercoledì 28 Dicembre 2011

19

CALCIO ECCELLENZA

Al Montefiascone l’oscar tra le provinciali Il girone di andata si è concluso con un discreto bilancio per i nostri team Squadre di Eccellenza impegnate nella fase di richiamo della preparazione in questo periodo di sosta natalizia. Squadre che tornano in campo domenica 8 gennaio con gli incontri della prima di ritorno. Un girone di andata tutto sommato positivo per le nostre formazioni con l’oscar della migliore che spetta al Monte�ascone del presidente Lorenzo Minciotti.

micino-Fontenuovese (1-0); Guidonia-Giada Maccarese (2-1); Diana Nemi-Ladispoli (1-1); Ostia Mare-Monte�ascone (1-1); Tor Sapienza-Pisoniano (1-2); Corneto Tarquinia-Real Pomezia (01); Cecchina-Rieti (3-1, verrà posticipata); Real MonterosiVillanova 2-2.

ALLA RIPRESA Ecco i match della prima di ritorno nel campionato di Eccellenza. S�de che si giocheranno il prossimo 8 gennaio. Tra parentesi i risultati del girone di ritorno: La Sabina-Albalonga (0-3); Fiu-

I MARCATORI Ed ecco aggiornata grazie a calciolaziale.com tutta la classi�ca dei marcatori dell’Eccellenza Laziale.

4 RETI: Mariani (CECCHINA) Gravina (CORNETO TARQUINIA) Cassandra ,Capozzi, Pedalino (DIANA NEMI) Pischedda (FIUMICINO) Regis (GUIDONIA) Provinciali 2 su rig (LADISPOLI) Giuliani 3 su rig (LA SABINA)De Luca (MACCARESE) Giampaolo De Luca 2 su rig (OSTIA MARE) Saliou (PISONIANO) Per�li (TOR SAPIENZA) Di Corpo (VILLANOVA) 3 RETI : Juarez, De Oliveira (ALBALONGA) Dezi (CECCHINA)Granato, Poggi (CORNETO TARQUINIA) Palomba (FIUMICINO) Del Prete, Lalli Mari (FONT E N U OV E SE) Cifani (LADISPOLI) Cremonini (LA SABINA) Vittori (MONTEFIASCONE) Barile (REAL POMEZIA) Ippoliti (RIETI) De Gasperis (VILLANOVA)

10 RETI: Metta (OSTIA MARE) Marcheggiani 5 su

(LA SABINA) Castelluccio su rig Menna, Mazzeri, Prosia, Bocchini (MACCARESE) Cappetti , Buoncompagni (MONTEFIASCONE) Molfesi, Villanueva, Piro (OSTIA MARE) Scotto di Clemente, Cesaro, Roversi (PISONIANO) Franchitti, Marrocco, Ceglie, Bufalini Pini, Piergentili, Borniggia, Merelli (REAL MONTEROSI), Rocchi, Sopranzetti., Moi (REAL POMEZIA),., De Simone (RIETI) Rosati, Gigli, Di Giuliantonio, Lupo (TOR SAPIENZA) Ciaiola, Bonacci, Picco (VILLANOVA) 1 autorete : Giorgi (LADISPOLI) pro CORNETO TARQUINIA, Saporetti, Testa (VILLANOVA) pro LA SABINA e MONTEFIASCONE Gravina, Giorgi (CORNETO TARQUINIA) pro REAL MONTEROSI, pro ALBALONGA Speziali (REAL MONTEROSI) pro OSTIA MARE

Tra i marcatori delle nostre squadre abbiamo in vetta Pirillo del Monterosi

Sopra il presidente del Montefiascone Minciotti A sin. Pirillo del Monterosi, sotto il Corneto in allenamento rig (RIETI) 9 RETI: Toscano 2 su rig (OSTIA MARE) Spaziani 1 su rig (REAL POMEZIA) Guidi 2 su rig (TOR SAPIENZA) 8 RETI: Bez 1 su rig (ALBALONGA) Di Fiandra 1 su rig (CECCHINA)Spirito 3 su rig (CORNETO TARQUINIA) Fazi 1 su rig (PISONIANO) Cavallai (RIETI)Meloni (VILLANOVA) 7 RETI: Aloe 1 su rig (LA SABINA) Pirillo ( 6 REAL MONTEROSI/1LADISPOLI)

Alfonsi 2 su rig (OSTIA MARE)Reali 2 su rig (PISONIANO) 6 RETI: Corrado (ALBALONGA) Pascucci 2 su rig (CECCHINA) Fioravanti 1 su rig (DIANA NEMI) Zanni (LADISPOLI) Grimaldi (MONTEFIASCONE) Maestà 2 su rig (REAL MONTEROSI) 5 RETI: Marconi (FIUMICINO) Petrangeli (FONTENUOVESE) Piantadosi, Petroccia (REAL POMEZIA)

ECCELLENZA GIRONE A - 17ª GIORNATA CECCHINA - LADISPOLI

1-1

CORNETO TARQUINIA - PISONIANO

2-0

DIANA NEMI - REAL POMEZIA

4-1

FIUMICINO - RIETI

2-3

LA SABINA - MACCARESE

3-3

OSTIA MARE - ALBALONGA

1-1

REAL MONTEROSI - GUIDONIA

2-0

TOR SAPIENZA - MONTEFIASCONE

1-0

VILLANOVA - FONTENUOVESE

2-1

2 RETI: Panella (ALBALONGA) Paoloni (CECCHINA) Bisozzi, Giorgi, Tamalio (CORNETO TARQUINIA) Gialli, Tocchi (FIUMICINO) Fontinovi (FONTENUOVESE) Flavi, Peri, rossigni, De Lucia (GUIDONIA) Tagliaferri (LADISPOLI) Corsi, Scrocca, Cimini, Adornato (MACCARESE) De Paolis 2 su rig, Sera�ni, Cesarini (MONTEFIASCONE) Campana, Valdastri, D’Andrea, Alessandro Deodati, Calabresi (PISONANO) Di Ludovico (REAL MONTEROSI) Campioni (REAL POMEZIA) Monaco di Monaco 1 su rig, Mancini, Petrongari, Tagliabue, Di Lorenzo (RIETI) Manzo (TOR SAPIENZA)Bartoli 1 su rig, Neroni (VILLANOVA) 1 RETE: Trinca, Chiavaro, Amico (ALBALONGA) Bordo, Panunzi, Martelli (CORNETO TARQUINIA) D’Alessio, Lunghi, Chialastri, Barbetta (DIANA NEMI) Limongelli, Rambaldi, Galluccio, Flore (FIUMICINO) Iannilli, Palmerini (FONTENUOVESE) Fabio, Borghi, Giannetti (GUIDONIA) Gagliardini, Abis, Sacco (LADISPOLI) Giordano, Pangallozzi, Gerli, Avenali

ECCELLENZA - GIRONE A PISONIANO

37

OSTIA MARE

36

ALBALONGA

28

TOR SAPIENZA

28

REAL POMEZIA

27

CECCHINA

27

VILLANOVA

25

CECCHINA

24

MONTEFIASCONE

24

RIETI

24

REAL MONTEROSI

22

CORNETO

21

LADISPOLI

19

FIUMICINO

17

DIANA NEMI

17

MACCARESE

15

GUIDONIA

11

LA SABINA

10


Viterbo & Mercoledì 28 Dicembre 2011 AltoLazio

� �

sport

SPORT

20

CALCIO PROMOZIONE

Grifone Monteverde campione d’inverno, le nostre non mollano Approfondimento sull’ultima giornata di andata con la regina sconfitta ad Acquapendente

I

l Grifone Monteverde di Franci resta capolista ed ottiene il platonico titolo di Campione d’Inverno, malgrado la sconfitta per 4-2 sul campo della V. Acquapendente di Quintarelli, che invece chiude il girone di andata al terzo posto, con un distacco di tre lunghezze dalla vetta. Viterbesi in goal con Danieli (doppietta), Francis e Gentili. Nei romani reti di Tersigni e Tomassini. Prima della classe che effettua il giro di boa a quota 34 punti, con un vantaggio di una lunghezza sul Fregene di Bernabei, battuto incredibilmente tra le mura amiche dal Casalotti di De Narda. Decide Pennazzi. Con la vittoria ottenuta, i romani salgono a quota 28, tornando prepotentemente in corsa per la promozione. Netta affermazione del Pianoscarano del tecnico

Baggiani, che supera i cugini dell’Ischia di Castro di Gasperini per 3-0 in trasferta, grazie ai goal di Ciorba, Mandro e Russo. La formazione di Viterbo aggancia l’Acquapendente al terzo posto, a quota 31 punti, mentre l’Ischia resta ferma a 28. Tra le due compagini, s’inserisce un’altra esponente della Tuscia, ovvero la Caninese di Sperduti, reduce dallo scialbo 0-0 di Monteverde contro l’Olimpia di Lucarelli. Romani che si portano a 22 punti, mentre gli ospiti salgono a 29, restando ampiamente in corsa per il salto di categoria. A sei lunghezze dalla zona playoff si assesta il Focene guidato da Mirto, vittorioso a Via del B a i a r d o contro il Futbolclub di Guglielmo. La rete che causa il primo dispiacere all’ex tecnico della Juniores degli Orange, lo mette

Pianoscarano, Vigor, Ischia e Caninese tra le big

A sinistra mister Giovannini della Foglianese, a destra il portierone Castra della Caninese a segno Cappai. Padroni di casa in dieci uomini, per l’espulsione di Casanova. Cartellino rosso anche a Delli Muti che, però, sedeva in panchina perché già sostituito. Tirrenici a quota 25 punti, mentre i ragazzi di Tor di Quinto restano nelle sabbie mobili della bassa graduatoria, con 20 lunghezze. Passando a descrivere la situazione nei bassifondi della classifica, altro pareggio noiosamente a reti bianche, è quello maturato nel “Derby del Lago”, tra l’Anguillara di Scorsini ed il Bracciano di Venturi. Trattavasi oltretutto anche di scontro diretto per la salvezza, che porta i padroni di casa a quota 22 punti, mentre gli ospiti salgono a 21. In chiave salvezza, importanti le vittorie di Tolfa e La Storta, contro

Cerveteri e S. Marinella. I ragazzi d’Incorvaia hanno superato per 3-1 la formazione tirrenica di Porcelli, in virtù della doppietta di Compagnucci e la rete di Fronti. Per gli ospiti in rete Ranaldi. Tolfa a quota 22 punti, mentre il Cerveteri resta fermo a 18. Stessa identica situazione di classifica anche dal “Comunale” di S. Marinella, dove i padroni di casa di Valle sono stati battuti dai romani di Verdiglione, grazie all’autorete di Pastorelli ed alla rete nel finale di Policano. Tra le due segnature ospiti, Pelliccioni realizza il rigore del momentaneo pari tirrenico. Per i gialloverdi, ben 11 punti raccolti sui 15 disponibili nelle ultime cinque giornate. Padroni di casa che, invece, chiudono

Caninese alla ricerca della continuità. Per Foglianese e Canepina è molto dura

PROMOZIONE GIRONE A - 17° GIORNATA ANGUILLARA - BRACCIANO

0-0

CANEPINA - FOGLIANESE

2-0

FREGENE - CASALOTTI

0-1

FOTBOL CLUB - FOCENE

0-1

ISCHIA DI CASTRO - PIANOSCARANO

0-3

OLIMPIA - CANINESE

0-0

SANTA MARINELLA - LA STORTA,

1-2

TOLFA - CITTA’ DI CERVETERI

3-1

VIGOR ACQUAPENDENTE - MONTEVERDE

4-2

il girone di andata con due ko consecutivi, giunti dopo quattro vittorie e due pareggi nelle precedenti sei giornate. La squadra di Valle torna dunque nelle sabbie mobili della classifica con 18 punti, mentre gli ospiti salgono a 22 lunghezze. Altri 76’ per il neo acquisto dicembrino Alessandro Corsi (ex Vigor Perconti, Tor Tre Teste, Tor Sapienza e Maccarese). Che sia una stagione davvero complicata per la Foglianese di Giovannini, lo testimonia anche il clamoroso ko contro il fanalino di coda Canepina del tecnico dimissionario Proietti. I viterbesi prima d’ora, avevano ottenuto 5 punti con un solo successo (interno contro il La Storta per 3-2) e due pareggi. Decidono Ferri e Cragnotti. Padroni di casa che accorciano le distanze dalla zona playout, passando da -13 a -10. Per gli ospiti, invece, oltre ad un obiettivo salvezza oramai distante anni luce (-11 da La Storta, Tolfa e Olimpia), si sta allontanando anche la possibilità di giocarsela ai playout, visto il -7 tra i bianconeri e la coppia lidense formata da S. Marinella e Cerveteri. (passione calcio) ALLA RIPRESA L’8 gennaio avremo le gare di ritorno che saranno le seguenti. Tra parentesi i risultati dell’andata: Santa Marinella-Bracciano (11); Futbol Club-Caninese (0-2); Vigor Acquapendente-Casalotti (0-1); Anguillara-Città di Cerveteri

(1-0); Foglianese-Focene (1-0); Tolfa-Monteverde (0-2); Canepina-Ischia di Castro (1-3); Olimpia-La Storta (0-1); Fregene-Pianoscarano (0-1). Adesso quindi settimana di lavoro per la maggior parte delle compagini con riferimento alla parte atletica e dalla prossima settimana passate le festività di fine anno si riprenderà col le sedute che porteranno alla ripresa del torneo.

PROMOZIONE GIRONE A GRIFONE MONTEVERDE

34

FREGENE

33

V. ACQUAPENDENTE

31

PIANOSCARANO

31

CANINESE

29

CASALOTTI

28

ISCHIA DI CASTRO

28

FOCENE

25

LA STORTA

22

TOLFA

22

ANGUILLARA

22

OLIMPIA

22

BRACCIANO

21

FUTBOL CLUB

20

CITTA’ DI CERVETERI

18

SANTA MARINELLA

18

FOGLIANESE

11

CANEPINA

8


� �

sport

21

SPORT

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 28 Dicembre 2011

CALCIO

Castrense e San Lorenzo, razza padrona Altro tonfo della Nuova Sorianese che ora sente sul collo il fiato della Virtus Bolsena. Le due regine sono già campioni d’inverno U

n passo indietro per ricordare quanto è avvenuto nel turno pre-natalizio nei campionati di Prima e Seconda Categoria giunti alla 13esima giornata. PRIMA CATEGORIA GIRONE A E’ sempre più Castrense razza padrona, confermato anche dal successo ottenuto dai gialloblu del presidente Vincenzo Camilli contro il Vignanello. Un 2-0 secco firmato dalla doppietta di Pacenza che ha confermato la dodicesima vittoria stagionale in 13 centri. Il tutto nel turno in cui la Nuova

Sorianese ha confermato di non sapere in questo ultimo mese cosa sia la continuità e che è stata tramortita a Latera dalla rete di Pantarelli. Si avvicina alla piazza d’onore la Virtus Bolsena che con la doppietta del solito Botarelli ha sbancato per 2-1 il campo della Valleranese. Negli altri confronti ok il Montalto che si è sbarazzato per 3-1 di un timido Monte Romano. Sfruttano alla grande il fattore campo il Blera con il 3-1 al Vasanello, la Pol. Falisca con il 5-1 alla Virtus Cimini e il Tuscania con l’1-0 al Capranica e con un ottima prova da parte degli uomini di mi-

1ª CATEGORIA GIRONE A - 13ª GIORNATA

L’analisi di Prima e Seconda dopo il turno giocato il 23 dicembre razza padrona. E si perchè 13 vittorie in 13 incontri da parte degli uomini di mister Cozza significa che proprio non ce n’è per nessuno e la vittoria di misura con la rete di Tupu Vasile conferma che con il + 12 sulle seconde i gialloblu possono già organizzarsi per la prossima stagione nel campionato di

Prima. Negli altri match ricordando che il confronto tra Barco Murialdina e Nuova Pescia Romana è stato posticipato domina quasi interamente il fattore campo con le affermazioni del Civitella D’Agliano per 2-1 sul Tuscia. l’importante affermazione della Real Gradolese per 1-0 sulla Virtus Pilastro in calo rispetto all’inizio di stagione. bene il Vetralla 1928 di mister Zaccaro con il 2-1 sul Celleno e pareggio per 1-1 nel derby tra Farnese e Valentano. L’altro pareggio è arrivato a reti bianche tra Valentano e Farnese mentre ha fatto saltare il banco il

2ª CATEGORIA GIRONE A - 13ª GIORNATA

2ª CATEGORIA GIRONE B - 13ª GIORNATA

BLERA - VASANELLO

3-1

BARCO MURIALDINA - PESCIA ROMANA

post.

ATLETICO MORLUPO - VEJANESE

1-3

CASTRENSE - VIGNANELLO

2-0

CIVITELLA D’AGLIANO - 2001 TUSCIA

2-1

CALCIO SUTRI - CASPERIA

1-0

C. RONCIGLIONE - DORIA SAN MARTINO

0-0

ETRUSCA - VIRTUS MARTA

0-0

FORANO - VIC FORMELLO

4-0

LATERA - NUOVA SORIANESE

1-0

NUOVA BAGNAIA - GRAFFIGNANO

0-1

MAGLIANESE - REAL COLLEVECCHIO

1-3

MONTALTO - MONTE ROMANO

3-1

REAL GRADOLESE - VIRTUS PILASTRO

1-0

REAL CAPRAROLA - BASSANO ROMANO

0-2

POL. FALISCA - VIRTUS CIMINI

5-1

SAN LORENZO NUOVO - QUERCIAIOLA

1-0

SABAZIA - FABRICA CALCIO

2-4

TUSCANIA - CAPRANICA

1-0

VALENTANO - FARNESE

1-1

SORATTE - RONCIGLIONE UNITED

1-4

VALLERANESE - VIRTUS BOLSENA

1-2

VETRALLA 1928 - CELLENO

2-1

STIMIGLIANO - P.C. ANGUILLARA

2-1

Sopra il presidente Tamburini brinda al successo del Graffignano contro il Bagnaia. A sinistra Boldorini e Mamma presidenti del Bassano Romano e del C. Sutri, a destra bomber Pacenza della Castrense

1ª CATEGORIA GIRONE D - 13ª GIORNATA

1ª Categoria girone A CASTRENSE

37

NUOVA SORIANESE

25

VIRTUS BOLSENA

24

MONTALTO

22

C. RONCIGLIONE

21

BLERA

20

CAPRANICA

20

TUSCANIA

18

VALLERANESE

17

LATERA

17

POL. FALISCA

17

DORIA S. MARTINO

16

MONTE ROMANO

11

VIGNANELLO

9

VASANELLO

7

VIRTUS CIMINI

6

ster Forti. L’unico pareggio della giornata è arrivato dal confronto tra Cimina Ronciglione e Doria San Martino che ha fatto più felice la formazione ospite. Alla Ripresa - Ecco le sfide che si giocheranno la penultima di andata il prossimo 8 gennaio: Cimina Ronciglione-Capranica; Doria San Martino-Pol. Falisca; Monte RomanoValleranese Nuova Sorianese-Montalto; Vasanello-Tuscania: Vignanello-Latera; Virtus Bolsena-Blera; Virtus Cimini-Castrense. PRIMA CATEGORIA GIRONE D Pareggio a reti bianche nella capitale tra la Fortitudo Roma e la F. Nepi in un match che alla fine ha visto il team di mister Gasperini che avrebbe meritato l’intera posta in palio. SECONDA CATEGORIA GIRONE A Qui invece c’è la legge del San Lorenzo Nuovo

CAMPAGNANO - CASTELNUOVESE

3-2

CANALE MONTERANO - OTTAVIA

post.

FIANO ROMANO - CASAL BARRIERA

4-0

FORTITUDO ROMA - FORTITUDO NEPI

0-0

REAL PORTUENSE - CESANO

4-1

RIGNANO SORATTE - ROMULEA

1-2

SACROFANO - CAPENA

2-1

TREVIGNANO - PRO ROMA

0-0

1ª Categoria girone D

2ª Categoria girone A

REAL PORTUENSE

29

SAN LORENZO N.

39

CAPENA

27

VALENTANO

27

TREVIGNANO

26

VIRTUS PILASTRO

26

FORTITUDO ROMA

24

NUOVA BAGNAIA

23

FIANO ROMANO

21

CIVITELLA D’AGLIANO

23

CANALE MONTERANO

19

FARNESE

22

ROMULEA

19

2001 TUSCIA

19

RIGNANO SORATTE

18

VIRTUS MARTA

17

CAMPAGNANO

17

VETRALLA 1928

16

CASAL BARRIERA

17

REAL GRADOLESE

15

CASTELNUOVESE

16

QUERCIAIOLA

12

SACROFANO

15

CELLENO

11

PRO ROMA

14

GRAFFIGNANO

11

OTTAVIA

13

CELLENO

11

CESANO

6

ETRUSCA

9

FORTITUDO NEPI

6

BARCO MURIALDINA

3

Graffignano di mister Samà e del presidente Tamburini che ha sbancato Bagnaia per 1-0. Un ko quello dei biancazzurri di casa che ha portato alle dimissioni di mister Vittori e che ha rilanciato invece il team della Teverina al suo secondo successo stagionale. SECONDA CATEGORIA GIRONE B Qui di fatto non è cambiato nulla visto le larghe vittorie di Stimigliano, fiormazione leader con 31 punti, seguita da Vejanese corsara a Morlupo per 3-1 e dal Ronciglione United che ha vinto per 4-1 a Soratte. Delle altre provinciali successo di misura per 1-0 del Calcio Sutri sul Casperiam conferma il suo straordinario momento di forma il Fabrica Calcio che ha vinto 4-2 a Sabazia allungando la sua striscia positiva. E vola alla grande il Bassano Romano che mette a nudo i limiti del Real Caprarola battuto in trasferta per 2-0.

2ª Categoria girone B STIMIGLIANO

31

VEJANESE

29

RONCIGLIONE UNITED

28

FABRICA CALCIO

26

SABAZIA

24

REAL COLLEVECCHIO

24

CALCIO SUTRI

21

MAGLIANESE

20

BASSANO ROMANO

13

P.C. ANGUILLARA

12

SORATTE

12

FORANO

12

CASPERIA

11

VIC FORMELLO

11

FORANO

9

REAL CAPRAROLA

8


sport

SPORT

AltoLazio

Mercoledì 28 Dicembre 2011 Viterbo &

23

L’EVENTO

La grande festa dell’ “aspettando il 2012” Organizzata dal Coni e dal Centro Nuoto Viterbese, presso la piscina della Snam

V

ITERBO – Aspettando il Nuovo Anno il CONI di Viterbo e il Centro Nuoto Viterbese hanno organizzato una bellissima festa per tutti gli sportivi della Piscina SMAM che mai così numerosi si sono presentati all’appuntamento. Grande festa per tutti gli atleti del nuoto, tecnici, dirigenti e famiglie ospiti del Centro Termale ,Terme dei Papi di Viterbo che all’arrivo di Babbo Natale i circa 500 bambini sono completamente impazziti di gioia che tra musiche balli palloncini e tanti regalini hanno reso il pomeriggio veramente gioioso e divertente. Il presidente del Coni Provinciale di Viterbo , prof. Livio Treta, ha salutato gli intervenuti ringraziando tutte le famiglie che hanno confermato anche questo anno la fiducia ai dirigenti e tecnici della Scuola Nuoto Federale Centro Nuoto Viterbese del presidente Salvatore Politi che insieme al suo staff di istruttori qualificati capitanati dal Direttore Sportivo prof. Gianfranco Proietti insegnano la passione per il nuoto con professionalità e gioia. . Ha concluso l’intervento il presidente Treta ringraziando l’Aeronautica Militare di Viterbo per la collaborazione e l’impegno

da sempre dimostrato per garantire l’impianto natatorio efficiente e sicuro pronto ad ospitare iniziative sempre di maggior prestigio. Per l’Aeronautica Militare di Viterbo era presente alla manifestazione il I° Maresciallo Gianni Milano che ha portato i saluti personali del Comandante della Scuola Marescialli di Viterbo il Col. Antonio Gaetano Coppola responsabile della bella struttura natatoria, orgoglio della Scuola Militare e al servizio di piu’ di mille iscritti alle tante diverse specialita’ ospitate. Il saluto dell’Amministrazione Provinciale di Viterbo è stato portato dall’ Assessore allo sport, dott. Andrea Danti , che ha ribadito l’importanza dello sport, il nuoto in particolare, e assicurato la sua vicinanza e l’interesse per le attivita’ sportive cittadine. Dopo i discorsi di rito è stato lasciato spazio ai giovani e giovanissimi nuotatori e famiglie per un ricco buffet e per dei gadget consegnati dai venti istruttori del “Centro Nuoto Viterbese” che, con i coordinatori della scuola nuoto Maurizio Palmucci e Viviana Gabellini hanno augurato a tutti un buon Natale e felice anno nuovo dando appuntamento a tutti alla riapertura dei corsi per il 09 gennaio 2012.

Nelle immagini alcuni momenti della bella festa organizzata dal Coni di Viterbo e dal Centro Nuoto Viterbese presso la piscina della Snam. E’ stata festa super per grandi e piccini con l’arrivo di Babbo Natale



L'Opinione di Viterbo - 28.12.2011