Issuu on Google+

AltoLazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

p

Viterbo & Lazio Nord Anno II N. 45 - Mercoledì 23 Febbraio 2011

Direttore Editoriale ARTURO DIACONALE

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

EDITORIALE

Un magistrato a dir poco inopportuno di Paolo GIANLORENZO

R

oberto Staffa, questo nome sconosciuto ai viterbesi, tranne che a Francesco Marcucci e Alveno Lotti, è il pubblico ministero che ieri, nell’ennesima udienza contro i due prima citati, accusati di sfruttamento e riduzione in schiavitù di alcuni operai romeni, ha dato spettacolo. Credeteci che ogni giudizio è sempre poco rispetto a quello che ieri, quel pubblico ministero, è stato in grado di dire davanti ad un collegio di giudici. Non vogliamo entrare nel merito del giudizio e cioè se Marcucci e Lotti siano colpevoli o meno dei reati a loro ascritti, certo è che dalle parole di quel magistrato è apparso evidente, il disprezzo verso queste persone e, cosa ancor più grave, verso tutti quei testimoni, circa una trentina, che avevano testimoniato a loro favore. Tutti smemorati, o che confondevano persona, sognatori quando andava bene, bugiardi e falsi testimoni nella peggiore delle ipotesi. Lui difendeva la posizione di alcuni lavoratori romeni, dei quali non si conosce bene il nome, la provenienza, non si sa se sono in Italia o a casa loro, però, romeni credibili, sfruttati e perseguitati da questi despoti italiani nuovo modello dei sudisti americani. Ha de�nito il pane casareccio “pane dei cafoni”, che diventato duro dopo un paio di giorni, non è più commestibile. Ogni sbavatura delle contradditorie deposizioni dei presunti schiavi, quale umana reazione alla sofferenza. Secondo un nostro modesto parere, questo è uno dei casi nei quali, anche un magistrato, andrebbe sottoposto a qualche test psicoattitudinale. La giustizia, la verità sono una cosa, la persecuzione e i pregiudizi tutt’altra. In bocca al lupo Marcucci e Lotti.

POLITICA

Udienza shock contro Marcucci I

di Emanuele FARAGLIA

eri si doveva arrivare alle conclusioni e poi alla sentenza nel processo a carico di Francesco Marcucci e Alveno Lotti, accusati di sfruttamento e riduzione in schiavitù di alcuni lavoratori romeni. Lo show è stato tutto del pubblico ministero Roberto Staffa che, oltre ad aver fatto stare in carcere per quattordici mesi il Marcucci, ieri, nelle conclusioni prima della sentenza, ha fatto una lunga disquisizione pro-romeni che ha lasciato giudici e platea basiti per i contenuti di quell’intervento. Se il Marcucci e il Lotti avessero sbagliato è giusto che paghino, ma non possono certo pagare anche per chi portò in America Kunta Kinte, l’africano del serial televisivo “Radici”.

POLITICA - Sul piatto la leadership nel Pdl

E’ “rimpasto-mattanza”

Il sindaco di Viterbo Giulio Marini la sta tirando per le lunghe e alla �ne del percorso la tanta pazienza potrebbe essere ripagata con una cattiva moneta. I consiglieri di maggioranza restano fermi al loro posto, come tanti soldatini. Qualcuno sbuffa fuori dalla divisa ma poi alla �ne si piega al gioco (o al giogo) e fa il bravo in attesa che “babbo” Giulio poggi la spada sulla sua spalla destra, nominandolo assessore. Un’attesa che rischia di rivelarsi

VASANELLO

vana per quanti ancora oggi ci credono. Il rimpasto ci sarà ma rischia seriamente di essere un rimpasto a due. E il resto? “Trombati”. Insomma, una “tonnara”. Se ne faranno una ragione vedrete e torneranno nei ranghi senza battere troppo i piedi. In politica, specie per chi ha pochi voti, l’obbedienza è tutto. Oltre al rimpasto dopo tutto c’è una partita più grande e complessa: la leadership all’interno del Pdl. servizio a pagina 6

CIVITAVECCHIA

servizio a pagina 3

SPORT - BASKET

Aeroporto, presto Ecografo, continua Teleradioweb Scontro playoff la Tuscia volerà la raccolta fondi Il futuro è già qui per la Defensor

A

bbiamo intervistato Giovanni Bartoletti che si gongola nella prospettiva di un aeroporto della Tuscia prossimo al decollo. Di fatto quella che ieri era solo un’idea acquista forma. A questo punto dei giochi, cari viterbesi, all’aeroporto conviene crederci davvero. di Roberto POMI servizio a pagina 5

Sabato sera, dopo il successo dell’ultima edizione, si ripeterà la serata danzante presso l’Arancera del Castello Orsini. I fondi che saranno raccolti andranno a �nanziare l’ecografo di ultima generazione che è già stato sistemato presso la sede Avis. di Simona TENENTINI

Fa già ampiamente parlare di sé l’ultima creatura della rinnovata RadioCivitavecchia.com, la neonata “Teleradioweb”, testata di informazione e non solo diretta dal navigato Cristiano Degni. Un progetto aperto a tutti quelli che “vogliano metterci la faccia”. di Pietro COZZOLINO

servizio a pagina 9

servizio a pagina 12

Turno infrasettimanale di campionato per la Defensor che oggi alle 19 ospiterà al PalaMalè la Consum.it Siena. Scontro diretto determinante per la zona playoff, che le gialloblù affrontano con diversi problemi �sici e l’assenza quasi certa di Baiocco. di Glauco ANTONIACCI servizio a pagina 13

In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE DELLE LIBERTA’ a 1 euro


2

cronaca

p

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

Le nuove tracce nella casa? Era solamente marmellata

Camion ribaltato sulla Cassia Feriti due uomini all’interno

risultati sulle nuove, presunte tracce ematiche rilevate nell’ultimo sopralluogo avvenuto lunedì scorso nella villa di Paolo Esposito a Gradoli si sono dimostrate inutili e l’ennesimo buco nell’acqua. In quella casa in località cannicelle, luogo dell’ipotetico massacro, non ci sono tracce evidenti di sangue e quelle analizzate lunedì scorso erano marmellata e residui di una spugnetta di colore rosso. Ogni tentativo per cercare la verità è necessario ma, continuare a cercare laddove i Ris hanno effettuato un sopralluogo minuzioso appare davvero super�uo. Venerdì prossimo, continuerà l’audizione di Ala Ceoban e, forse, si cominceranno a scoprire dei nuovi retroscena tutt’oggi sconosciuti. L’atteggiamento della difesa, in questi ultimi

i ribalta un camion nel tardo pomeriggio di ieri a San Lorenzo Nuovo, paura per gli occupanti del mezzo. Sono ancora poco chiare le dinamche che ieri hanno causato il ribaltamento di un mezzo pesante al chilometro 125 della statale Cassia, nei pressi di San Lorenzo Nuovo. Il mezzo pesante, che trasportava circa 40 tonnellate di segatura, si è ribaltato al centro della strada, creando disagi al traf�co. Sul posto sono arrivate le forze dell’ordine del posto,

I

giorni, sta dando l’impressione che abbiano, dalla loro, qualche cosa che potrebbe scombussolare per l’ennesima volta questa ingarbugliata storia. La settimana scorsa abbiamo raccontato della mamma di Ala Ceoban che, in più circostanze, è sembrata ridere degli imbarazzi della �glia. Certo è che Ala, racconterà qualcosa della sua vita e della sua famiglia. Vale la pena ricordare ai nostri lettori che la mamma di Ala Ceoban ha ottenuto l’af�damento della piccola Erika. Per carità, se i giudici hanno stabilito questo avranno avuto le loro buone ragioni, guardando un po’ il curriculum della donna qualche ri�essione in più forse andava fatta. Madre di tre �gli, uno maschio e due femmine, nel girovagare per l’Italia in cerca di sistemazione, ha perso un �glio in modo violento, ucciso

S

in circostanze strane nel suo paese, una �glia scomparsa nel nulla ed Ala, per l’appunto, attualmente detenuta e in attesa di giudizio che potrebbe

portarla all’ergastolo. C’è poco da ridere e stare allegri. Certo è che di Tatiana ed Elena, madre e �glia, nessuno sa più che �ne abbiano fatto.

che hanno bloccato il traf�co e chiamato i medici del 118. Sul posto, oltre l’ambulanza, sono arrivati anche i vigili del fuoco del capoluogo. Nel veicolo, infatti, i due abitanti del veicolo sono rimasti incastrati nelle lamiere. I pompieri hanno provveduto a tirare fuori i due. I medici, una volta liberati dalle lamiere, hanno esaminato gli uomini, che hanno riportato qualche ferita lieve nel ribaltamento del mezzo. I feriti, una volta stabilizzati, sono stati trasportati all’ospedale per le cure mediche. (la)

Tanti i messaggi arrivati al giornalista dopo il ritrovamente del biglietto minatorio nella sede di Codici

Minacce a Camilli, la solidarietà della politica Cava di Soriano, la minoranza ottiene l’intervento dell’Arpa per i controlli

di LUCA APPIA

D

opo la pesante minaccia di morte rivolta al giornalista Daniele Camilli, con tutta probabilità da ricollegarsi alle tante inchieste condotte nel tempo su queste colonne, esplode la solidarietà del mondo politico e civile viterbese. Non appena diffufasi la notizia del biglietto trovato nella sede di Codici di Vetralla, con la scritta “sei morto”, chiamate, messaggi e comunicati si sono succeduti per dare una ferma condanna a questi atti intimidatori. Basta dare uno sguardo al pro�lo Facebook del giornalista per capire quanti, fra amici ed esponenti del mondo politico, hanno teso la mano a Camilli per supportarlo. Oltre ai tanti messaggi lasciati on line, la solidarietà contro il gesto intimidatorio è stata rivolta al giornalista anche tramite le tante telefonate che si sono succedute nei giorni. Dallo scrittore Giulio Laureti alla ProLoco di Vetralla, �no alla Diva Cassia Onlus. Gli è vicino anche il mondo politico che attraverso le telefonate di Radames Petti, Giulio Ferrara, Marcello Mariani, Giacomo Barelli, Sergio Insogna, Teresa Sestito e Francesco Biancucci, hanno espresso la massima condanna per chi, con delle minacce, cerca di bloccare la libertà di stampa e di frenare il corso della giustizia. Anche l’assessore regionale Francesco Battistoni ha voluto dare il suo contributo alla condanna di queste minacce di stampo criminale. “Piena solidarietà a Daniele Camilli. Un episodio veramente spiacevole per chi compie il proprio lavoro di cronista e di sostegno ai consumatori, essendo anche un rappresentante di Codici. Augurandomi che quanto accaduto si riveli uno scherzo di cattivo gusto, a Camilli va un forte incoraggiamento nel proseguire le sue attività, con l’impegno e la serietà che lo

di SIMONA TENENTINI

F

contraddistingue e con la consapevolezza della vicinanza delle istituzioni”. Una condanna bipartisan, quindi, a chi vuole mettere un bavaglio alla stampa che dice le cose come stanno, o alle associazioni che difendo-

no i diritti insindacabili dei consumatori, come fa Codici. Camilli, però, non si perde d’animo e confortato dal calore della solidarietà espressa da tante persone, prosegue senza indugiare il suo lavoro, come ha sempre fatto.

inalmente sulla cava del Bucone inizia a farsi un po’ di chia-

rezza. Non molto tempo fa, da queste colonne, veniva sollevata la questione del sito, nel quale è in atto un’attività di recupero ambientale. Ufficialmente, a tal scopo, vengono riversati materiali classificati R10, ovvero fanghi di riempimento che, opportunamente trattati, non sono pericolosi per la salute dell’uomo. Ufficiosamente, però, crescono le paure della popolazione che, in mancanza di risposte certe sui dati relativi alle analisi, ha cominciato a temere il peggio, ovvero che i rifiuti possano essere in realtà altamente inquinanti, come è già capitato in pas-

sato nelle cave di Capranica, Vetralla e Castel S.Elia. Di fronte al crescere dell’allarmismo, il consigliere di minoranza Francesco Sensini ha preso in mano la situazione e si è adoperato per ottenere dei riscontri inopinabili in merito alla natura dei materiali usati per il riempimento. Una determinazione che è sfociata direttamente nella convocazione di un consiglio comunale aperto: un forte segnale per cittadinanza ed istituzioni. A seguito del clamore suscitato, infatti, dopo mesi di immobilismo, qualcosa si è mosso. Come ci riferisce al riguardo lo stesso consigliere Sensini: “Sono andato di persona a parlare con l’ing. Flaminia Tosini della Provincia che mi ha rassicurato sull’iter della

Controlli contro le stragi del sabato sera La polizia decurta 150 punti in una notte

N

on ha avuto successo il particolare stratagemma ideato da un gruppo di ragazzi per evitare una multa per guida in stato di ebrezza, che è stato subito scoperto dagli agenti della stradale. I giovani sabato sera, dopo una serata in un locale viterbese, si sono proposti come volontari per effettuare l’alcol test e vedere chi doveva guidare. Nessuno di loro era idoneo ed il semaforo rosso si è acceso per tutti. Gli agenti a quel punto hanno chiesto ai ragazzi di aspettare e smaltire l’alcol, ma il gruppo è salito di soppiatto in macchina e a fari spenti ha preso una strada laterale, per evitare di essere fermati dalla polizia. Gli

agenti, però, non sono caduti nel tranello e hanno notato l’auto che viaggiava a fari spenti, così dopo un breve inseguimento sono riusciti a bloccarli. Al conducente, un25enne di Terni, è stato riscontrato un tasso alcolemico tre volte sopra il consentito. Per lui è scattato il ritiro della patente, 20 punti decurtati e una denuncia al giudice penale. “Purtroppo - osserva il Dirigente della Polizia Stradale di Viterbo, Federico Zaccaria - è solo uno dei tanti giovani guidatori a cui, lo scorso week-end, abbiamo dovuto applicare le pesanti sanzioni previste per la guida in stato di ebbrezza. Nessuna criminalizzazione e, soprattutto, nessuna imboscata da parte della polizia stradale.

Avevamo preventivamente diffuso la notizia di questi controlli e principalmente cerchiamo, più di ogni altra cosa, di prevenire gli incidenti spiegando ai giovani e meno giovani che alcol e guida non vanno per niente d’accordo. I risultati della nostra attività dimostrano, però, che ancora manca una diffusa consapevolezza della pericolosità della guida dopo aver assunto bevande alcoliche”. Nello scorso week-end, infatti, la polizia ha controllato circa 250 veicoli, ritirando 13 patenti e denunciando 9 persone, tra cui un ragazzo di 19 anni. In totale, solo nella notte tra sabato e domenica, gli agenti hanno decurtato 150 punti dalle patenti dei fermati. (la)

vicenda. A seguito delle ripetute richieste, infatti, l’Arpa ha effettuato due controlli: uno il 1° febbraio e l’altro il 14 febbraio. Per ottenere i risultati delle analisi bisogna aspettare circa due settimane – prosegue – quindi già a fine mese potremo finalmente conoscerne l’esito. Dopo circa sei mesi di niente i cittadini di Sant’Eutizio e dei comuni circostanti potranno dunque essere rassicurati ed avere un po’ di chiarezza, quella che finora è mancata da parte del sindaco e degli amministratori.” “Questi ultimi risvolti dimostrano – conclude Sensini – che nonostante le accuse di demagogia e le intimidazioni, le cose si smuovono solo se ci si adopera in maniera concreta e fattiva.”


Mercoledì 23 Febbraio 2011

Viterbo & Lazio Nord

cronaca

p

3

Ieri il pm Staffa ha tenuto una dura ed articolata requisitoria nei confronti dei presunti schiavisti della Tuscia

Udienza shock contro Marcucci di EMANUELE FARAGLIA

S

ette anni e sei mesi per Francesco Marcucci, cinque anni e otto mesi per Alveno Lotti. Con queste richieste il pubblico ministero Roberto Staffa ha chiuso la sua lunga ed articolata requisitoria nell’udienza tenuta ieri presso il Tribunale di Viterbo di fronte al collegio composto dai giudici Mautone, Turco e Romano. Un processo che vede i due imputati accusati di maltrattamento e riduzione in schiavitù di quattro operai romeni che secondo l’accusa furono costretti a lavorare in condizioni disumane, anche per 15 ore al giorno e per giunta senza nemmeno ricevere uno stipendio, sebbene in nero. L’intervento del dottor Staffa, componente di spicco della Direzione Distrettuale Antima�a di Roma, è stato particolarmente acceso sia per la gravità dei fatti emersi durante il processo sia per la contrapposizione piuttosto netta con la tesi degli avvocati difensori, Trotta e Fini per Marcucci, Maruccio per Lotti. ACCUSA VS DIFESA Proprio nella seduta di ieri non sono mancati momenti di duro confronto, anzi di vero e proprio scontro verbale tra il pm e l’avvocato Maruccio che ad un certo punto, dopo aver dichiarato “Mi sento dequali�cato” (dalle parole e dal comportamento del primo, ndr) è stato richiamato dal giudice Mautone ad un atteggiamento più consono all’aula di un Tribunale. Ieri, grazie alle testimonianze del Brigadiere a capo della stazione di Ischia di Castro e del maresciallo Fioretti della compagnia di Tuscania, il dottor Staffa e gli avvocati hanno tentato di ricostruire lo scenario in cui i lavoratori romeni – di cui si son perse completamente le tracce – sarebbero stati costretti a lavorare. LE INDAGINI Mentre il pm ha chiesto delucidazioni sulla posizione geogra�ca dell’azienda agricola di Marcucci (piuttosto isolata, a sei-sette chilometri da una cooperativa e senza negozi nelle vicinanze), l’avvocato Trotta ha voluto risposte in merito alle sette ore e mezzo di interrogatorio che il brigadiere ha tenuto nei confronti del primo romeno giunto

presso la stazione dei carabinieri il 15 luglio del 2009: “Ho cercato di capire in tutti i modi quello che diceva il signore. Se si trattava solo di un mancato pagamento o reati più gravi. C’era una dif�coltà oggettiva perché non parlava bene l’italiano...” ha risposto il carabiniere. LE CONTESTAZIONI Successivamente è stato l’avvocato Fini a rievocare alcuni momenti importanti della vicenda, in particolare sulle attività investigative svolte dalle forze dell’ordine locali: “Una fonte con�denziale – ha spiegato il brigadiere – mi aveva riferito che due o tre persone lavoravano nell’azienda in una situazione di sofferenza”. “Di quel racconto - la risentita risposta del dottor Fini - negli atti ho trovato solo che Marcucci era stato attinto da un colpo di pistola. Del resto delle indagini non c’è traccia negli atti”. Brigadiere: “Nel 2000 e nel 2006 ero stato già nell’azienda, ma l’accesso era stato fatto per altri motivi...”. Qui il primo ‘battibecco’ tra il pm che ha chiesto retoricamente: “Pensate sia un falso?”. “Non so se è falso” la tentennante risposta dell’avvocato Fini. Mentre l’avvocato Maruccio ha aggiunto in tono ben più stentoreo: “I cittadini rispondono di quello che è presente negli atti uf�ciali, non delle impressioni della polizia giudiziaria”. Lo stesso Maruccio ha poi sottolineato: “Il collega prima intendeva evidenziare la particolare attenzione della Polizia Giudiziaria nei confronti del Marcucci, soggetto descritto (presumibilmente in alcuni verbali, ndr) come arrogante, presuntuoso e che era vissuto in un contesto familiare

dove la violenza e la prevaricazione erano la norma”. LA DEPOSIZIONE DEL MARESCIALLO Senza dubbio più esaustiva è apparsa la testimonianza del secondo teste in aula, il maresciallo Fioretti: “Siamo subentrati come nucleo operativo nel settembre 2009 e quando abbiamo perquisito l’azienda di Marcucci ci siamo trovati di fronte ad una villetta ed un manufatto che fungeva da stalla. Abbiamo fatto rilievi fotogra�ci e video dove dormivano i romeni. Le condizioni igieniche erano pessime, la tazza del bagno era occlusa da escrementi, la doccia era sporca, siamo entrati con una torcia perché mancava la luce, anche i piatti nel lavandino erano sporchi, il pavimento lo stesso e poi c’era una puzza indescrivibile, tant’è che nei video si sentono i conati di vomito dei colleghi...”. LA REQUISITORIA Sarà perché per la prima volta il dottor Staffa ha tenuto una requisitoria nel tribunale di Viterbo, fatto sta che il suo intervento è stato particolarmente interessante, sotto vari aspetti, anche se più che un intervento di tipo prettamente giudiziario è apparso in alcuni passi un trattato di carattere socio-politico-culturale. Per motivi di spazio – e ce ne duole assai – saremo costretti a sintetizzare: “In questo processo viene affrontato il tema dello sfruttamento lavorativo collegato alla riduzione in schiavitù. Non inganni un termine così antico e brutto. Qualcuno potrebbe chiedersi: come è possibile che nel 2011 si parli ancora di schiavitù? Ebbene

mi occupo da anni di questi reati (riduzione in schiavitù punito dall’articolo 600 e tratta e commercio degli schiavi punito dall’articolo 601) ed affermo che il nostro paese è in retroguardia rispetto agli altri”. Dopo aver elogiato il comportamento investigativo del brigadiere L. il pm ha osservato: “Dalla prima testimonianza emergono le dichiarazioni di un pover’uomo che proviene da un paese povero. Quello del pastore è un mestiere duro, umile, faticoso e quest’individuo si accontentava di 500 Euro vivendo in un luogo che de�nire fatiscente è troppo. [...] Ci ho messo mezz’ora per redigere la richiesta di custodia cautelare (che ha avuto esito immediato portando l’imprenditore di Ischia dietro le sbarre del Regina Coeli per 14 mesi, ndr) per difendere la dignità dell’uomo. Marcucci ha abusato dello stato di necessità di questi soggetti [...] Immaginate quanti poveri dannati d’ora in poi in che condizioni saranno costretti a lavorare e quanti soldi faranno guadagnare ad altri”. “Il magistrato del tribunale di Roma – ha poi retoricamente concluso Staffa – non solo ha accolto la mia richiesta, ma ha scritto una pagina memorabile della giustizia italiana che va al di là della semplice posizione del signor Marcucci, per tutti coloro che vengono in questo paese per trovare l’America e che invece �niscono in una situazione di denigrazione e razzismo latente. Questo Paese sta perdendo la strada del giusto. Le vittime chi sono? [...] Mi aspetto una risposta per le vittime assenti ma ideali che rappresentano tutte le vittime sfruttate nella nostra bella Italia”. Una lunga ed articolata requisitoria, insomma, che si è conclusa con il riconoscimento delle attenuanti generiche per Marcucci che “sulla base del suo portato culturale, un po’ arretrato, non ha ben precisi i limiti della dignità umana”. Dunque nove anni ridotti a sei per le attenuanti ma aumenati a sette e mezzo per la continuazione e cinque anni ed otto mesi a Lotti considerato corresponsabile. Nella prossima udienza prevista per il 10 maggio il collegio giudicante, dopo aver ascoltato gli avvocati difensori e forse anche lo stesso Marcucci, deciderà se accogliere o meno le richieste del pm.

Esistono ancora i contratti di soccida? E ` un contratto intercorrente tra due soggetti: il soccidante e il soccidario che si associano per l`allevamento e lo sfruttamento di una certa quantita` di bestiame e per l`esercizio delle attività connesse, al �ne di ripartire l`accrescimento del bestiame e gli altri prodotti e utili che ne derivano. L`accrescimento consiste tanto nei parti sopravvenuti, quanto nel maggior valore intrinseco che il bestiame abbia al termine del contratto. Nella disciplina giuridica si distinguono diverse tipologie di contratto di soccida tra cui si annovera la soccida semplice che si con�gura qualora il bestiame e` conferito dal soccidante. La stima del bestiame all`inizio del contratto non ne trasferisce la proprieta` al soccidario ma deve indicare il numero, la razza, la qualita`, il sesso, il peso e l`eta` del bestiame e il relativo prezzo di mercato. La stima serve di base per determinare il prelevamento a cui ha diritto il soccidante alla �ne

del contratto. Se nel contratto non e` stabilito un termine, la soccida ha la durata di tre anni. Alla scadenza del termine il contratto non cessa di diritto, e la parte che non intende rinnovarlo deve darne disdetta almeno sei mesi prima della scadenza o nel maggior termine �ssato dalla convenzione o dagli usi; se non e` data disdetta, il contratto s`intende rinnovato di anno in anno. La direzione dell`impresa spetta al soccidante, il quale deve esercitarla secondo le regole della buona tecnica dell`allevamento. La scelta di prestatori di lavoro, estranei alla famiglia del soccidario, deve essere fatta col consenso del soccidante, anche quando secondo la convenzione o gli usi la relativa spesa e posta a carico del soccidario. Dal contratto in specie ne sorgono degli obblighi, che devono essere senza dubbio rispettati, in particolare il soccidario deve prestare, secondo le direttive del soccidante, il lavoro occorrente per la custodia e l`allevamento del bestiame af�datogli, per la lavo-

razione dei prodotti e per il trasporto sino ai luoghi di ordinario deposito, adottando la diligenza del buon allevatore. Non risponde del bestiame perito per causa a lui non imputabile, ma deve rendere conto delle parti recuperabili. Nella soccida stipulata per un tempo non inferiore a tre anni, qualora durante la prima meta` del periodo contrattuale perisca la maggior parte del bestiame inizialmente conferito, per causa non imputabile al soccidario, questi puo` chiederne la reintegrazione con altri capi di valore intrinseco eguale a quello che i capi periti avevano all`inizio del contratto, tenuto conto del numero, della razza, della qualita`, del sesso, del peso e dell`eta`. Se il soccidante non provvede alla reintegrazione, il soccidario puo` recedere dal contratto. Se la proprieta` o il godimento del bestiame dato a soccida viene trasferito ad altri, il contratto non si scioglie, e i crediti e i debiti del soccidante, derivanti dalla soccida, passano all`acquirente in proporzione del-

la quota acquistata, salva per i debiti la responsabilita` sussidiaria del soccidante. Qualora il trasferimento riguarda la maggior parte del bestiame, il soccidario puo`, nel termine di un mese da quando ha avuto conoscenza del trasferimento, recedere dal contratto con effetto dalla �ne dell`anno in corso. Gli accrescimenti, i prodotti, gli utili e le spese si dividono tra le parti secondo le proporzioni stabilite dalla convenzione o dagli usi. E` nullo il patto per il quale il soccidario debba sopportare nella perdita una parte maggiore di quella che gli spetta nel guadagno. La soccida non si scioglie per la morte del soccidante; mentre in caso di morte del soccidario si osservano, in quanto applicabili, nei riguardi degli eredi le disposizioni del secondo, terzo e quarto comma dell`art. 2158 del codice civile. Ciascuna delle parti puo` chiedere lo scioglimento del contratto, quando si veri�cano fatti tali da non consentire la prosecuzione del rapporto procedendo pero`, a nuova stima del bestiame.

La canzone di De André al “grande” servo pastore

A dieci anni, ancora oggi, in alcuni paesi della Barbagia, si diventa servo pastore col classico contratto di soccida: il padrone del gregge si impegna a dargli tre pecore all’anno e il vitto (pane d’orzo e «sa frue», il latte cagliato). Condizioni di vita durissime. Secondo la testimonianza di un pastore di Sarule, raccolta da Antonio Pigliaru, «se nevica è contro di

lui, se piove è contro di lui, se c’è la siccità chi ne piange è lui, se i prezzi scendono lui ci rimette il latte e tutto, se salgono è contro di lui, se ci sono i carabinieri è contro di lui, perché lui è pastore e il pastore è sempre solo, solu che sa fera solo come una �era, e per lui non c’è casa, non c’è paese, non c’è �glio, non c’è festa».

Dove �orisce il rosmarino c’è una fontana scura dove cammina il mio destino c’è un �lo di paura qual’è la direzione nessuno me lo imparò qual’è il mio vero nome ancora non lo so Quando la luna perde la lana e il passero la strada quando ogni angelo è alla catena e ogni cane abbaia prendi la tua tristezza in mano e sof�ala sul �ume vesti di foglie il tuo dolore e coprilo di piume Sopra ogni cisto da qui al mare c’è un po’ dei miei capelli sopra ogni sugara il disegno di tutti i miei coltelli l’amore delle case l’amore bianco vestito io non l’ho mai saputo e non l’ho mai tradito Mio padre un falco mia madre un pagliaio stanno sulla collina i loro occhi senza fondo seguono la mia luna notte notte notte sola sola come il mio fuoco piega la testa sul mio cuore e spegnilo poco a poco. Il soccidante preleva, d`accordo con il soccidario, un complesso di capi che, avuto riguardo al numero, alla razza, al sesso, al peso, alla qualita` e all`eta`, sia corrispondente alla consistenza del bestiame apportato all`inizio della soccida.Il di piu` viene diviso. Se non vi sono capi suf�cienti ad eguagliare la stima iniziale, il soccidante prende quelli che rimangono. Oltre alla soccida semplice, si annovera anche la soccida parziaria, nella quale il bestiame e` conferito da entrambi i contraenti nelle proporzioni convenute i quali ne divengono comproprietari in proporzione del rispettivo conferimento. Nella soccida stipulata per un tempo non inferiore a tre anni, qualora durante la prima meta` del periodo contrattuale perisca per causa non imputabile al soccidario la maggior parte del bestiame inizialmente conferito, e i contraenti non si accordino per la reintegrazione, ciascuno di essi ha diritto di recedere dal contratto e, salvo diverso accordo il recesso ha effetto con la �ne dell`anno in

corso. Il bestiame rimasto sara` diviso fra le parti. Se e` convenuto che nella divisione del bestiame da farsi alla scadenza del contratto sia attribuita ad uno dei contraenti una quota maggiore di quella corrispondente al suo conferimento, tale quota deve essere ridotta in rapporto alla minor durata della soccida. Gli accrescimenti, i prodotti, gli utili, le spese e, al termine del contratto, il bestiame conferito si dividono nella proporzione stabilita dalla convenzione o dagli usi. Un`atra differente tipologia di soccida e`, la a soccida con conferimento di pascolo, che oltre alla disciplina codicistica, trova riferimento anche in leggi speciali. Il rapporto contrattuale in questione si determina qualora il soccidario conferisce al soccidante il terreno per il pascolo; in tal caso il soccidario ha la direzione dell`impresa e al soccidante spetta il controllo della gestione. In ogni caso, in merito, si osservano le disposizioni in quanto applicabili, dettate per la soccida semplice.


cronaca

p

4

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

Il giudice Fanti si pronuncerà sulla scarcerazione dell’ex sindaco di Graffignano dopo aver ascoltato i pm

Caso Marchini, oggi la decisione del gip Furto nel capannone della ditta Gentili per un bottino che sfiora i 200mila euro

di LUCA APPIA

R

imane chiuso in carcere dal 17 febbraio, l’ex sindaco e attuale assessore ai lavori pubblici di Graffignano, Fabrizio Marchini. Oggi arriverà la decisione del gip per la scarcerazione. Il Corpo Forestale gli ha messo le manette ai polsi all’alba del 17 febbraio. Da quel giorno l’ex sindaco di Graffignano si trova dietro le sbarre di Mammagialla. Contro di lui due pesanti accuse, riferite a vicende del 2008-2009: corruzione e turbativa d’asta. Marchini, infatti, secondo i pm che portano avanti l’inchiesta Tucci e D’Arma, quand’era sindaco del paese della Tuscia, avrebbe intascato somme di denaro per agevolare delle ditte in alcuni bandi comunali. I casi presi in oggetto sono due. Il primo riferito all’affidamento dei lavori per la ristrutturazione della scuola elementare di Graffignano, che secondo le accuse venne affidato a una ditta dopo il pagamento di una tangente. Quella stessa società, poi, subappalto il lavoro a un’altra ditta di Montefiascone in maniera illecita. Il secondo caso, invece, si riferisce all’acquisto di due auto per il Comune, per le quali, secondo gli inquirenti, Marchini aveva già preso accordi con due ditte precedentemente. Lunedì mattina, alle 8.30, Marchini ha incontrato il gip Salvatore Fanti, al quale ha raccontato la sua versione dei fatti e spiegato cos’è accaduto nel suo mandato da primo cittadino. L’avvocato Pietro Pesciaroli, poi, ha

Altolazio News srl Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO piggi@opinioneviterbo.it Redazione Centrale di Viterbo GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI Grafici MARIO RAMUNDO In attesa di registrazione ROC Editore Altolazio News srl Pres.te Manfredino Genova A.D. Ferdinando Guglielmotti Sede di Viterbo 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.341539 redazione@opinioneviterbo.it donn@opinioneviterbo.it Tipografia L’OPINIONE S.P.A.VIA DEL CORSO 117 ROMA

Centri Stampa edizioni teletrasmesse EDITORIAL M.P.A S.R.L. SENAGO (MI) POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRETA (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 21,30

chiesto al gip la scarcerazione del suo assistito. Decisione sulla quale il giudice si è riservato di decidere, non prima di aver ascoltato anche i pm che conducono le indagini. Oggi, infine, il gip

Fanti dovrebbe emettere il verdetto sulle sorti di Marchini, se dovrà rimanere a Mammagialla o tornare nella sua casa di Graffignano, in attesa del processo contro di lui.

Tornano in azione le bande di ladri nella zona del viterbese, con un colpo che questa volta gli ha fruttato circa 200mila euro. Nuovo bersaglio delle bande notturne di malviventi sembrano essere le ditte operaie viterbesi. Dopo gli appartamenti e le ville isolate, già depredate nei mesi scorsi, l’attenzione ora si concentra sui capannoni industriali. Pochi giorni fa era stata la volta di un’of�cina meccanica che si era vista sparire nottetempo alcuni attrezzi per la riparazione delle auto e una delle macchine custodite

Perdono il controllo dell’auto e si schiantano fuori strada. Ferite due donne sulla Cassia

D

ue donne sono rimaste ferite ieri pomeriggio in un incidente sulla strada Cassia Nord. L’auto, una Renault Clio grigia, si sarebbe ribaltata da sola sulla salita che va verso la frazione di Monte�ascone, Zepponami, proprio accanto al mobili�cio Nardini. Secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, una delle due donne presenti a bordo e che si trovava alla guida, ha perso improvvisamente il controllo dell’auto, �nendo al lato della carreggiata sulla corsia di marcia opposta. Immediato

l’intervento dei sanitari del 118, che arrivati sul posto hanno notato che le due donne a bordo erano incastrate nelle lamiere dell’auto. Sono stati quindi chiamati i vigili del fuoco di Viterbo, che una volta sul luogo dell’incidente hanno provveduto a far uscire le due dal veicolo. Sul posto anche i carabinieri, che hanno deviato il traf�co per aiutare i soccorsi ed effettuato i rilievi del caso sul luogo dell’incidente. Le due donne sarebbero rimaste lievemente ferito durante l’accaduto e trasportate all’ospedale di Belcolle. (la)

Abusi edilizi e documenti contraffatti a Cellere Sei persone finiscono nella rete dei militari

S

ei denunce negli scorsi giorni a Cellere per abuso edilizio da parte dei carabinieri della stazione locale. L’indagine dei militari era partita proprio con l’intenzione di contrastare l’abuso edilizio nella zona, e a finire nella rete dei carabinieri sono stati sei cittadini del paese. A tre di loro è stato contestato il reato di falso ideologico. Secondo le indagini, infatti, i tre cittadini avrebbero presentato alla Prefettura false attestazioni ed elaboratti tecnici, sempre contraffatti, riuscendo così ad ottenere la trasformazione da manufatto agricolo a fabbricato urbano. Gli altri tre uomini, invece, sono stati accusati di abuso edilizio in assenza di concessione edilizia. In pratica i tre compilando il Dia (Dichiarazione d’inizio lavori), che permette di eseguire modifiche interne a fabbricati già esistenti, avevano costruito da zero delle abitazioni sui loro terreni, che erano ad esclusivo uso agricolo. Scoperti, i carabinieri di Cellere hanno provveduto a denunciare le sei persone coinvolte, che ora dovranno rispondere delle accuse a loro carico. Nel frattempo l’opera dei militari, guidati dal maresciallo Zampone, non si ferma e continuano le indagini per scoprire nuovi abusi nella zone. (la)

Rinviato al primo marzo il processo per direttissima nei confronti di tre teppisti accusati di tentata rapina

Mi hanno rubato il telefono, soldi, poi il più piccolo mi ha dato un pugno e mi ha fatto cadere. Mi hanno anche sputato. Ma come si sono permessi?”. Il giovane derubato e vittima dell’angheria di tre ragazzi residenti a Montefiascone, Tuscania e Viterbo si è confidato coi cronisti ma non ha potuto parlare nell’udienza di ieri mattina, non solo perché il processo per direttissima è stato rinviato al primo marzo, ma anche perché assieme al suo avvocato ha preferito non costituirsi parte civile. I fatti risalgono ad un paio di settimane fa quando l’imputato G., attualmente detenuto al Mammagialla e per il quale il difensore ha già preannunciato la richiesta di patteggiamento, con la complicità di due sodali, di cui uno minorenne, aggredì e derubò il giovane Pistolu (nome di fantasia, ndr) che, presso la fermata di viale Trento, stava attendendo l’autobus per il ritorno a Montefiascone. Di fronte al pubblico ministero Fabio Tucci la corte presieduta dal giudice Mautone ha disposto il rinvio del processo al primo marzo alle ore 9 per istanza di differimento da parte dell’avvocato difensore, impegnato proprio ieri in un’altra udienza fuori città. (e f)

nel tendone. Nei giorni scorsi, invece, un nuovo colpo è stato messo a segno ai danni della ditta Gentili di Bagnoregio, che noleggia piattaforme aeree, autogrù e opera nel settore del restauro e risanamento del cemento armato. I malviventi hanno assaltato il capannone della società Gentili nella zona Capraccia di Bagnoregio, sulla UmbroCastrense, forzando il cancello d’ingresso al terreno. Una volta dentro, i ladri hanno preso di mira alcuni dei mezzi pesanti custoditi nella rimessa. Poi

dopo un giro di perlustrazione hanno portato via un autogrù e un’autoribaltabile a tre assi della Scania, oltre a diversi attrezzi usati per lavorare, poi si sono dileguati coperti dalle tenebre. Il furto è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato, quando la ditta si riposa per il week end, quindi la denuncia è stata fatta solamente lunedì mattina. I dipendenti della società, infatti, arrivati nella zona di lavoro hanno subito notato che il cancello era aperto e la chiusura forzata dall’esterno. Entrati nel capannone hanno confermato le loro paure, notando che due mezzi pesanti non erano al loro posto. E’ partita immediatamente la denuncia ai carabinieri di Monte�ascone, che hanno avviato le indagini. Secondo gli inquirenti, inoltre, il valore della merce asportata dal capannone s�ora le 200mila euro, dato il grande valore che hanno i veicoli rubati. (la)

L’operazione “Nasorosso” prosegue anche a Viterbo

I

l 21 febbraio il Ministro Giorgia Meloni ha presentato a Palazzo Chigi i primi risultati dell’Operazione Nasorosso. Milleduecento serate organizzate in 11 regioni, 59.886 alcol test effettuati, 43.886 ragazzi intervistati nei locali notturni. “Le stragi del sabato sera, così come vengono chiamate impropriamente, restano un’assoluta emergenza nella nostra societa”. Lo sottolinea il ministro della Gioventu’, Giorgia Meloni presentando a palazzo Chigi i primi risultati dell’operazione ‘Naso Rosso’, iniziativa promossa in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanita’ , la Fondazione Ania e Modavi Onlus contro l’abuso di alcool tra i giovani. Da mesi l’Operazione Nasorosso si sta svolgendo anche a Viterbo dove i ragazzi impegnati cercano di sensibilizzare i giovani che frequentano i locali notturni circa i danni provocati dall’abuso di alcool. A Viterbo i ragazzi di Nasorosso coordinati da Pierluigi Nisi in collaborazione con il reparto di alcologia dell’Istituto Villa Rosa diretto dal dott.Vittorio Digiacomantonio, stanno operando nei più importanti locali ricreazionali del capoluogo quali il Per�dia disco club, il Theatrò,il Class, il pub Reverse , lo Shu lounge; in questi primi mesi oltre 5000 ragazzi si sono avvicinati alla nostra postazione- spiega il coordinatore del progetto Nisi- in modo spontaneo, inizialmente mossi da semplice curiosità poi,col passare dei mesi, han-

no preso la nostra postazione come punto di riferimento in special modo all’uscita della discoteca potendo effettuare gratuitamente e in maniera anomina l’alcol test per sincerarsi delle proprie condizioni. Sempre più frequenti sono state le domande dei ragazzi circa le conseguenze dannose dell’abuso di alcool ma anche domande relative al nuovo codice della strada, entrato in vigore da pochi mesi , il quale si caratterizza per un forte giro di vite nei confronti dei trasgressori specialmente nei confronti dei guidatori in stato di ebbrezza, domande alle quali i ragazzi di Nasorosso e gli infermieri di Villa Rosa hanno sempre saputo rispondere nel più professionale dei modi. Purtroppo abbiamo riscontrato- continua Nisi- che alcuni ragazzi entrano in discoteca già con un tasso alcolemico sopra il limite consentito dalla legge e che continuando a bere all’interno del locale rischiano, nel migliore dei casi , di rovinarsi la serata; è di sabato scorso l’ultimo intervento degli infermieri di Villa Rosa che hanno dovuto soccorrere una ragazza in evidente stato di ubriachezza. Nasorosso quindi anche sinonimo di sicurezza per i ragazzi che frequentano il locale e per i genitori che sempre più spesso ci dimostrano di apprezzare l’iniziativa promossa dal Ministro Meloni. Ricordiamo infne che i ragazzi di Nasorosso stanno operando il martedi e mercoledi presso il pub Reverse, il venerdi presso il Class Club e il sabato al Theatrò.


Mercoledì 23 Febbraio 2011

Viterbo & Lazio Nord

politica

p

5

Intervista a 360 gradi con l’assessore all’Aeroporto Giovanni Bartoletti

“Voleremo prima di quanto si immagina” di ROBERTO POMI

Per l’evento servono infrastrutture

Voleremo, e voleremo prima di quanto tutti si immaginano”, così Giovanni Bartoletti. L’assessore all’aeroporto del Comune di Viterbo tocca il cielo con un dito. Il giorno dopo la �rma di Giulio Marini dell’accordo che impegna il Comune di Viterbo a effettuare lo studio di impatto ambientale - storica �rma apposta presso l’Enac - è perfetto per un’intervista al responsabile comunale, appunto l’assessore all’aeroporto, della realizzazione della storica infrastruttura.

Olimpiadi di Roma 2020 l’occasione giusta per decollare

Giovanni Bartoletti, voleremo? Non ne abbiamo dubbio. Voleremo presto, da oggi facciamo sul serio. Fino a ieri c’era solo ipotesi ma ora sappiamo dove è la pista, quanto è lunga, come è orientata. Tutto questo ce lo ha detto l’Enac che qualche giorno fa ha approvato de�nitivamente il plastico di presentazione dell’aeroporto di Viterbo. Fino a ieri l’infrastruttura era solo un’idea, oggi esiste una fotogra�a precisa. Diciamo che lo scalo della Tuscia esiste già come modellino, ora dobbiamo essere bravi e realizzare la versione in grandezza naturale.

Quale tipo di scalo sarà realizzato a Viterbo? Sarà un aeroporto di livelo nazionale che si occuperà del trasporto passeggeri e cargo. Questa infrastrutturà realizzerà una vera e propria rivoluzione sul nostro territorio. Ferrovie dello Stato sono impegnate a costruire una ferrovia che collegherà Viterbo a Roma in un’ora e venti minuti. Una svolta anche per i nostri pendolari. Come la politica viterbese deve comportarsi? Dobbiamo fare lobby, serve

fare fronte comune e remare uniti nella stessa direzione. Tutto questo senza guardare alle bandiere politiche. In prima �la devono lavorare i nostri parlamentari, poi i nostri eletti in Regione e devo battersi anche i politici locali, �no a oggi un po’ �acchi. Una cosa mi preme dire in qualità di assessore: AdR è il gestore �rmatario della convenzione per la realizzazione dello scalo. Se non si attiverà entro breve per far decollare i lavori il territorio della Tuscia comincerà a guardarsi intorno, visto che abbiamo già diversi interessati a questo progetto.

Anche agli Stati Generali di Roma Capitale si parla dello scalo viterbese

L

o scalo viterbese sbarca e diventa anche protagonista, sebbene per pochi minuti, all’interno degli Stati Generali di Roma Capitale. Un incontro fondamentale, fortemente voluto dal sindaco Alemanno, e in scena al Palazzo dei Congressi dell’Eur in questi

giorni. Un meeting funzionale a individuare le linee guida per il prossimo sviluppo della Capitale. Basta snocciolare l’elenco dei partecipanti per afferrare il tenore dell’iniziativa: i ministri Tremonti, Meloni e Matteoli; i big dell’industria Marcegaglia, Della Valle, Abete, Regina, Pininfarina; architetti come Cala-

Parroncini attacca il centro-destra

“Per volare servono i soldi”

S

ulla questione dell’aeroTuscia interviene anche il consigliere regionale del Pd Giuseppe Parroncini: “Siamo vicini alle preoccupazioni degli amministratori di Ciampino che chiedono un adeguamento del numero dei voli che insistono sulla loro città: non basta certo una telefonata tra il Presidente della Regione e il Ministro Matteoli a dare il via ai lavori per il nuovo aeroporto di Viterbo. Soprattutto perché dietro alle buone intenzioni si nasconde la dura realtà. Alemanno e il centrodestra, l’Enac e l’Adr non hanno alcuna intenzione di ridimensionare Ciampino, un aeroporto che in completo spregio delle leggi dopo l’avvento dei vettori low cost, ha più che quintuplicato il volume di traf�co senza la necessaria V.I.A. (Valutazione di Impatto Ambientale) e la zonizzazione acustica. A parole tutti convengono che l’attuale assetto del sistema aeroportuale regionale, incentrato sui due aeroporti di Fiumicino

e Ciampino, non è idoneo a fronteggiare lo sviluppo della crescente domanda di traf�co aereo, soprattutto considerate le gravi ripercussioni che già vive la popolazione residente nell’area del sedime aeroportuale di Ciampino. Ma la soluzione tarda ad arrivare. Perché il Cipe, con le ultime delibere, ha assicurato l’apertura dei cantieri di opere pubbliche per 21 miliardi di euro ma, nonostante le rassicurazioni di autorevoli esponenti del centrodestra viterbese, in Tuscia non è �nito neanche un euro. La verità è che Ciampino tornerà alla sua vocazione originaria di aeroporto dedicato a voli di Stato e militari solo quando Viterbo diventerà l’aeroporto low cost del Lazio. E questo accadrà solo quando il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica assicurerà i �nanziamenti necessari ad aprire i cantieri. Questi i fatti. Tutto il resto fa parte delle chiacchiere di una politica del centrodestra arruffona e buona solo a coniare slogan pubblicitari”.

trava, Fuksas, Krier e Renzo Piano; il governatore Renata Polverini, il presidente della Provincia di Roma Zingaretti e molti assessori regionali e comunali. A rendere protagonista il futuro aeroporto di Viterbo ci ha pensato il ministro Matteoli con un intervento secco, volto a dare risposte anche alle polemiche (da noi riportate) sollevate lunedì da Ciampino. “Coma si fa a chiudere l’aeroporto di Ciampino se non si fa prima quello di Viterbo? Io sono stato denunciato al tribunale dei ministri dal sindaco di Ciampino perchè non ho chiuso al traf�co l’aeroporto. Ma come faccio a chiuderlo se non si fa prima Viterbo?”, così il ministro delle Infrastrutture. Contesto dell’intervento la tavola rotonda alla quale ha partecipato anche il presidente di Alitalia Spa, Roberto Colaninno. La questione dello scalo viterbese si fa sempre più pressante per tutta una serie di fattori. Al momento non ci resta che registrare un intervento sull’aeroporto etrusco anche sui massimi tavoli dello sviluppo del Paese. (R.P.)

S

e la fiamma di Olimpia arriverà a brillare per le strade di Roma vedremo gli aerei atterare a Viterbo. Non è una profezia in centurie firmata Nostradamus ma una riflessione ponderata sul futuro dell’Alto Lazio. Interessante a tal proposito riportare una dichiarazione della Camera di Commercio di Roma, pubblicata su La Repubblica: “[...] Le Olimpiadi rappresentano un’occasione unica per realizzare importanti opere infrastrutturali e uno strumento di promozione della Capitale e dell’Italia in tutto il mondo”. Tra queste opere potrebbe risultare compreso anche il nostro scalo, utile nel fare bella figura di fronte al Comitato Olimpico Internazionale chiamato a scegliere la destinazione dei giochi. In lizza troviamo candidature forti come Tokyo e Toronto ma la città santa può giocarsi la partita.

Intanto oggi, a chiusura del meeting dell’Eur, dovrà essere ufficializzata la nomina del presidente del comitato olimpico per Roma 2020. Dopo il no di Luca Cordero di Montezemolo è stato avanzato il nome di Mario Pescante. Una candidatura su cui però non c’è comunione d’intenti tra maggioranza e opposizione. Il sindaco Alemanno giusto nella giornata di ieri ha fatto appello all’unità in nome dell’interesse collettivo. Il candidato infatti deve auspicabilmente essere sostenuto in maniera trasversale per poter operare nella maniera migliore e portare a casa l’unica cosa che conta: il risultato. Bisognerà attendere il settembre 2013 per l’assegnazione dei giochi. Da oggi si inizia a lavorare e in questo lavoro, nel suo esito ultimo, si gioca anche l’opportunità per Viterbo di vedere concretizzarsi il sogno di volare. (Ro. Po.)

Sarà pari e patta con Ciampino

A

eroporto Viterbo, manca solo l’intervento di Napolitano poi ognuno avrà detto la sua. Una kermesse impressionante di politici, dichiarazioni, distinguo, battibecchi altalenanti e scaramucce balbettanti. Tanto rumore per nulla? Probabilmente sì. Perché alla �ne sarà pari e patta con Ciampino. Da cosa lo si capisce? Basta leggere le dichiarazioni dell’assessore alle Risorse del Comune di Ciampino riportate ieri dal collega Roberto Pomi. “A Ciampino – ha detto – nessuno vuole chiudere l’aeroporto, che rappresenta la storia della nostra città; quello che l’amministrazione comunale e i comitati dei cittadini chiedono da anni è semplicemente l’adeguamento del numero dei voli a quanto stabilito dagli studi scienti�ci, quali la zonizzazione acustica, lo studio epidemiologico e il monitoraggio sui livelli acustici”. Chiaro, no!? Storia, nessuno e adeguamento. Tre parole chiave che descrivono una strategia. Se aeroporto viterbese dev’esserci, “nessuno” s’azzardi però a toccare quello di Ciampino. Due scali dunque, uno a sud e l’altro a nord della Capitale. Il primo con la sua “storia” e gli opportuni “adeguamenti” per evitare di massacrare i timpani dei cittadini. Il secondo per alleggerire invece l’eccessivo carico del primo. Una soluzione che in �n dei conti potrebbe andar bene a tutti. E qualche volo a �rma Ryanair magari ci scappa pure. Innanzitutto a Marini e Meroi, che porterebbero a casa la realizzazione dell’opera e il risultato che più conta: l’ammodernamento e il completamento di infrastrutture fondamentali (ferrovie e trasversale) chiudendo così la triste parentesi dell’isolamento di un territorio che per contrastare l’egemonia regionale di Roma rischia di essere più “provinciale” di quanto già non lo sia. Dopodichè farebbe contente le associazioni che si battono contro lo scalo aeroportuale, Peppe Sini incluso. Meno voli, minore impatto ambientale e maggiore tutela del patrimonio culturale della zona. Certo, resterebbe pur sempre aperta la questione – che pochi hanno valutato o sottolineato – dei terreni agricoli attorno. Destinati probabilmente a diventare edi�cabili. Dunque a non veder più spuntare fave, mele e pomodori, ma palazzine, case e centri commerciali. (Dan.Ca.)

Il consigliere regionale Battistoni: “Aiuteremo gli allevatori”

Arrivano fondi a sostegno della zootecnia

Grazie alla Regione, per questo anno i fondi ci sono: sono stanziati nel bilancio e, anche se nella peggiore delle ipotesi non saranno rimborsati dallo Stato, la Regione riuscirà a farsene carico”, lo ha dichiarato il presidente della commissione regionale Agricoltura, Francesco Battistoni, che ieri ha incontrato i vertici dell’associazione regionale allevatori (Aral). “La Regione - continua il presidente - farà quanto in suo potere per sostenere la zootecnia

del Lazio. Il sistema allevatoriale rappresenta un patrimonio per il nostro territorio, depositario di dati che hanno cinquanta anni di storia e che tracciano la crescente qualità della produzione zootecnica. La notizia del taglio delle risorse destinate al settore da parte del Governo certamente ci preoccupa. Giovedì prossimo ci sarà un nuovo incontro della conferenza Stato-regioni: questo sarà un’ulteriore occasione per ribadire la necessità, condivisa da tutte le regioni italiane, di

ripristinare i fondi tagliati. Non possiamo perdere questa partita – ribadisce il consigliere -, dobbiamo mantenere alto il livello della qualità di produzione e salvaguardare l’occupazione di circa settanta famiglie. A fronte dell’opera di riorganizzazione interna messa in atto dell’Aral, sempre nell’ottica di ottimizzazione delle risorse, anche la Regione farà la sua parte, cercando di velocizzare i pagamenti agli allevatori e inseguendo una sempre maggiore qualità e tracciabilità degli alimenti”.


6

politica

p

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

Palazzo dei Priori, sarà solo cambio a due. La vera questione è la leadership interna al centrodestra viterbese

Rimpasto, sommersi e “trombati” di DANIELE CAMILLI & ROBERTO POMI

stanche di giocare un ruolo da retroguardia. E con tutte le carte in regola per raccogliere il testimone di chi gli è stato “padre” senza però essere riconosciuto in veste di “padrone”. Un passaggio di consegne gestito solo dalla politica. E che politica! Marini e Gabbianelli sono stati di polso. I quarantenni hanno dato prova di maturità e Taglia, il cui scalpo è stato più volte esibito inutilmente sui giornali, di grande saggezza. Passando prima dal Pdl al Fli, per poi prendere le distanze, isolare i “romanocentrici” alla Filippo Rossi e amministrare in tal modo tutto il percorso di costruzione di Futuro e Libertà sul territorio provinciale. Una trasformazione necessaria oltretutto per preparare il dopo Berlusconi anche nel viterbese. Prima che sia troppo tardi e per evitare che assieme a Sansone muoiano tutti i �listei. Come si potrebbe ri�ettere

R

impasto a Palazzo dei Priori, non se ne riparla prima del 28 febbraio. Ma sarà probabilmente un cambio a due. Ancora un rinvio, pertanto. L’ennesimo. Dalla Tregua di Leclerc – che ha permesso di creare le condizioni per un accordo tra le varie componenti del Pdl viterbese e sistemare ben bene le velleità di parte dell’opposizione – si passa ora alla �rma della Pace. Dunque alla “deserti�cazione” interna al centrodestra. La “Pax mariniana” con tanto di sommersi e “trombati”. Al centro di tutto, la vera questione. L’oggetto del contendere. Il “rimpasto reale”. Ossia, la contendibilità della leadership dentro il Pdl. Alla base c’è la s�da lasciata qualche mese fa dai “quarantenni” (Rotelli, Battistoni, Mantuano, Bianchini, Fraticelli, Bartolacci), che ha causato un terremoto grazie a un metodo di lavoro ef�cace e penetrante. Dall’altra la vecchia guardia (Marini e Gabbianelli) che prima ha subito l’urto rischiando il depotenziamento del proprio ruolo, poi ha reagito con stile e in�ne ha mediato con esperienza e savoir fare. Il risultato? La Giunta resta saldamente in mano a Sindaco e Presidente del Consiglio comunale. Il Partito passa invece ai quarantenni. Ed eventuali nuovi scontri? Rimandati a dopo le elezioni di maggio che, vista la tenuta del governo Berlusconi, assumono un’importanza al di là di ogni aspettativa. In mezzo a questa morsa, chi verrà schiacciato, facendo la �ne del tonno. Una tenaglia che ha come obiettivo anche quello del ricambio dei gruppi dirigenti che hanno �nora amministrato Viterbo. Una sorta di rivoluzione che nel medio periodo vedrà l’addio alle armi, ma con rispettoso onore, degli “uomini di una volta”. Così come la presa del Palazzo da parte delle giovani leve, ormai

“La mattanza”, montaggio a cura di Luca Appia

Nomi e cognomi delle possibili “vittime” dell’annunciato e ancora non realizzato cambio di marcia

Enrico Maria Contardo

C

i ha sempre creduto in una nuova veste di assessore. Enrico Contardo sembra invece destinato a conservare il suo ruolo da capogruppo del Pdl a Palazzo dei Priori.

Antonio Fracassini

D

oveva essere l’uomo dei “quarantenni” all’interno della giunta ma a questo punto anche Fracassini sembra destinato a rimanere col cerino in mano. Ne resterà scottato.

Pienamente riuscita la manifestazione dei democratici viterbesi sull’acqua pubblica

Arsenico o Arsenio Pd?

L

e fontanelle? “Sono solo un palliativo”. A dirlo è stato Giuseppe Parroncini intervenuto lunedì all’iniziativa del Pd sul tema “Emergenza arsenico. Acqua pulita e...pubblica”. Per il Peppe regionale servono invece “dearseni�catori alla fonte”. E in quanto alla Presidentessa Polverini, nominata commissario per l’emergenza arsenico, “speriamo – dice – di non fare la �ne della sanità”. Una sala affollatissima quella che ha accolto l’incontro promosso dal II Circolo del Pd di Viterbo e dall’Associazione degli Ecologisti Democratici, in collaborazione con il gruppo del Pd alla Pisana. Acqua pulita e…“pubblica”. Già, perché uno dei timori del Partito di Bersani è che l’idea di una class action, gestita dalle associazioni dei consumatori, per chiedere il rimborso delle bollette, possa trasformarsi in un boomerang per la Talete. In che senso? Laddove un qualsiasi tribunale accolga il ricorso dei cittadini svuotando così le casse della partecipata pubblica, qualcuno potrebbe suggerire come solu-

l’ipotesi appena descritta sul rimpasto in Giunta? A nostro avviso – e basandoci su quanto sentito dire per i corridoi di Palazzo dei Priori – si tratterà solo di un semplice cambio a due: Claudio Ubertini all’Urbanistica e Paolo Muroni ai Lavori Pubblici. Quest’ultimo mandato condizionato alla nomina all’Arpa dell’attuale assessore Giovanni Arena. Al posto di Muroni, Massimo Fattorini. Tanto le Partecipate sono in liquidazione. C’è tuttavia il pericolo che la staffetta possa interessare solo l’urbanistica. Perché non è affatto scontato che alla Protezione Ambiente debba andarci per forza Arena. Si tratta infatti di un incarico dove i voti raccolti alle ultime elezioni regionali potrebbero giocare un peso non indifferente. E chi ne ha presi ottomila, cioè Gabbianelli, potrebbe pure dire la sua. E, a conti fatti, imporsi.

zione per risolvere il problema la privatizzazione della società. Mandando in fumo anni e anni di duro lavoro. Prima per edi�care poi per mantenere in piedi un gestore idrico che fa acqua da tutte le parti. Ma ch’è pur sempre pubblico. Quindi, meglio attrezzarsi e mettere le mani avanti, facendosi protagonisti di una battaglia in cui le associazioni dei consumatori potrebbero prendere il sopravvento. Ecco allora la proposta. “Dearseni�catori alla fonte” e non alla cannella. Perché – spiega Parroncini – “un nuovo acquedotto” costerebbe “milioni e milioni di euro” con tempi “biblici” di realizzazione. In una provincia, come quella di Viterbo, dove il problema interessa 240mila abitanti su 300mila e le fonti di approvvigionamento idrico sono oltre 200. “E’ inaccettabile che, dopo dieci anni di inerzia – hanno poi ribadito gli organizzatori – si scarichi sui cittadini e sulle imprese l’emergenza dovuta alla elevata concentrazione di arsenico nell’acqua. Anziché cercare deroghe e rinvii o ricorrere

a palliativi, come le fontanelle, gli Enti competenti si assumano le loro responsabilità e programmino interventi �nalizzati a risolvere de�nitivamente il problema”. Si evitino insomma toppe e scorciatoie. E “ci si metta, invece, al lavoro per dare risposte serie, adottando le migliori tecnologie che abbiamo a disposizione, e garantire il diritto all’acqua potabile”. A partire magari, come il Pd stesso ha evidenziato, dal contributo scienti�co dato dall’Università della Tuscia. In particolare da Silvia Rita Stazi, ricercatrice in ChimicaAgraria, e Francesca Lotti, collaboratrice di ricerca in Idrogeologia. (Dan.Ca.)

Umberto Fusco

C

i ha creduto anche lui, tanto che stava studiando da assessore alle Terme. Gli sarebbe piaciuto anche diventare il rappresentante degli agricoltori ricoprendo il titolo di assessore all’Agricoltura. Anche Umberto Fusco sembra destinato a passare nella storia politica di questa città come membro del gruppo dei grandi “trombati” del rimpasto. Verranno tempi migliori.

Giovanni Arena

A

nche il sogno di Giovannino Arena di sedersi su una poltrona regionale, nel ruolo di presidente dell’Arpa, sembra destinato a fare una brutta �ne. La nomina tarda ad arrivare, nonostante quanto trapelato dopo la cena col coordinatore regionale Pdl Vincenzo Piso. Pare che Arena abbia in mano un accordo �rmato ma dif�cilmente potrà prevale nei confronti di altri pretendenti più titolati.

Massimo Fattorini

E

’ lui il “trombato dei trombati”. Massimo Fattorini non ha una grande fortuna politica, nonostante i consensi puntualmente riscossi nelle urne. Decise di fare il nobile gesto rinunciando a un assessorato già suo a Palazzo Gentili per fare un favore a Meroi ma ora la politica non lo sta ripagando con una moneta buona. Se Arena non sale all’Arpa Fattorini non entra in giunta. Questioni di matematica.


Mercoledì 23 Febbraio 2011

Viterbo & Lazio Nord

attualità

p

7

L’Unitus protagonista al ‘Big Blu’ di Roma Al via un ciclo di incontri sull’ambiente Grande risalto al progetto di ripopolamento degli astici promosso da Unitus e Tribunale

V

iterbo protagonista all’interno di ‘Big Blu’, il salone della pesca e della nautica che si svolge ogni anno a Roma. Anche per questa edizione il Centro Ittiogenico Sperimentale Marino (CISMAR) del Dipartimento di Ecologia e Sviluppo Economico Sostenibile (DECOS), dell’Università della Tuscia è presente all’interno dell’esposizione. Il CISMAR nasce nel 2008 per la conservazione e la gestione razionale delle risorse biologiche del mare, compatibilmente con le esigenze di salvaguardia ambientale, anche attraverso lo studio e il controllo delle interrelazioni tra l’ambiente marino, la pesca e l’acquacoltura. Le principali attività del CISMAR sono lo studio, la valutazione e il monitoraggio

della biodiversità in ambienti marini, costieri e di transizione, dedicando le attività di ricerca in particolare alla genetica di popolazione di specie ittiche utilizzate per il ripopolamento dei mari; il reperimento e lo studio di riproduttori selvatici e la riproduzione in cattività; l’ allevamento larvale di specie per il ripopolamento; il riadattamento alimentare di animali allevati in cattività; lo studio della variabilità genetica degli animali utilizzati per il ripopolamento e la semina di animali in ambiente marino-costiero. Presso lo stand della Regione Lazio sono stati allestiti acquari nei quali è possibile ammirare gli astici nati in cattività, e specie marine mediterranee recuperate dallo scarto della pesca, oltre ai video che illustrano la riprodu-

zione e stabulazione in cattività dei ricci di mare, seppie, orate, spigole e mormore, e anche le attività di formazione ed educazione ambientale rivolte alle scuole superiori. Questi non sono che alcuni dei progetti di ricerca in corso presso il CISMAR, che in pochi anni hanno permesso di raggiungere risultati di eccellenza grazie al contributo di docenti, ricercatori e studenti, che hanno portato sino a oggi al rilascio di oltre 18.000 astici prebentonici e di oltre 700 bentoni, in attesa del lancio di altri 2.000 giovani astici lungo la costa laziale da Santa Marinella a Montato di Castro con il contributo dei pescatori, delle istituzioni e dei divers. Il Centro di ricerca si occupa del monitoraggio degli ambienti

marini e salmastri, della conservazione dei Siti di Importanza Comunitaria attraverso l’attuazione di tre progetti LIFE, oltre ad uno studio permanente dello stato di salute del nostro mare e ad un rapporto di collaborazione e �ducia con gli operatori e le istituzioni locali. La cooperazione con l’ Assessorato all’Ambiente della Regione Lazio ha portato all’attuazione di numerosi programmi e progetti, che si rilevano fondamentali per salvaguardare l’ambiente marino. Le competenze che può offrire il CISMAR e l’intero DECOS possono offrire al territorio uno strumento utile alla salvaguardia ed allo sviluppo della risorsa mare e del territorio, nel rispetto della qualità ambientale .

I

l Dipartimento Scienze Ambientali dell’Università degli Studi della Tuscia, DiSA, a seguito della convenzione stipulata con il Tribunale di Viterbo e con il supporto dell’Assessorato all’Ambiente della Provincia di Viterbo, si è fatto promotore della realizzazione di cinque incontri-dibattito improntati a temi relativi all’inquinamento delle acque e dell’atmosfera, all’ambiente, all’edilizia e urbanistica, ai ri�uti. Gli incontri, di ampia attualità, saranno localizzati nell’ambito del territorio provinciale: Acquapendente, Civita Castellana (nel mese di marzo), Tuscania (ad aprile), Sutri (maggio) e Bolsena (giugno). La fase di preparazione

degli eventi è stata supportata anche dal Corpo Forestale dello Stato, dalla Camera di Commercio (che ha dato il proprio Patrocinio), dalla Ausl, dall’Arpa e dalle altre istituzioni locali. L’iniziativa è stata realizzata grazie all’impegno profuso dalla prfessoressa A. Maria Fausto direttore del DiSA e dak dirigente e funzionari del Tribunale di Viterbo dr. Paolo Stavagna, Enzo Prudenzi e Lorella Martin che hanno curato la piani�cazione e il coordinamento. Si inizierà sabato 26 febbraio - alle ore 10 - ospiti nella sala consiliare del Comune di Acquapendente, dove si parlerà di ‘Urbanistica ed edilizia nel contesto della territorialità dell’Alta Tuscia’.

Appuntamento fissato per venerdì 25 febbraio all’interno della Libreria dei Salici (via Cairoli)

Viterbo ricorda Malè nel giorno del compleanno E

’ il 25 febbraio del 1929 quando Luigi Malè viene alla luce a Viterbo. A vent’anni quel ragazzo di Pianoscarano, cresciuto tra le miserie della guerra e le speranze del periodo post bellico, porta a Viterbo il titolo di campione italiano dei pesi leggeri. E’ la �ne del 1949. Malè batte al Palaghiaccio di Milano Valdè Fusaro. Vince ai punti, dopo dodici round. E’ l’inizio di un’avventura fatta di polvere, cazzotti e gloria. E’ l’inizio di una storia destinata a emozionare l’intera città dei Papi nel profondo, �no a trascinare quattromila viterbesi all’incontro di Prato Giardino tra Malè e Garbelli. E’ il 15 settembre del 1957 e l’avventura sportiva dell’amatissimo Giggetto trova il punto d’arresto. Il mito però rimane. Un mito fatto di combattimenti con protagonisti assoluti della boxe mondiale. Un nome su tutti quello di Duilio Loi con cui Malè seppe misurarsi e pareggiare ai punti. Una storia avventurosa che trova l’apice nell’esperienza australiana, nell’incontro allo stadio della Regina in Inghilterra e in varie altre parti d’Europa. Malè al centro della storia sportiva

viterbese. Il frutto più succoso di un’intera generazione di pugili, cresciuti intorno a lui e capaci di trovare nell’esempio dell’al�ere viterbese uno stimolo per salire sul ring e misurarsi. Venerdì 25 febbraio 2011. Vogliamo ricordare, nel giorno del suo compleanno, il campione Luigi Malè. Tutti i viterbesi e i curiosi sono invitati all’appuntamento organizzato presso la ‘Libreria dei Salici’ per le ore 18. Un’iniziativa collocata all’interno della ‘Rassegna Culturale Salicemente’ e fortemente voluta dai giovani autori viterbesi – Emanuela Moroni, Roberto Pomi e Glauco Antoniacci – che hanno recentemente immortalato la storia di Luigi Malè in un libro dal titolo ‘L’HO BUTTATO GIU’ CON UN DESTRO’. A moderare questo momento di ricordo del campione sarà presente Massimiliano Mascolo, giornalista di Rai Sport. Verranno proiettate delle parti delle interviste realizzate dagli autori del libro durante la raccolta del materiale. Interviste a persone che sono vissute al �anco di Malè, condividendo con lui le emozioni e i ricordi. Un documento, questo delle

L’Orto Botanico ripropone la cultura contadina

L

video-interviste, destinato a diventare un dvd di supporto alla conservazione della memoria e della bellissima storia di questo “grande viterbese” Luigi Malè. All’interno della Libreria dei Salici è stata allestita una mostra fotogra�ca, già visita-

bile, che racconta la vita del campione. L’iniziativa è stata sostenuta e resa possibile grazie al contributo di Daniel Plants, Al Vecchio Orologio, Elettro Faul, Zona Olimpica, Lele Andreoli Deejay, Non Solo Copie. Grazie.

umbra, Falesco, ci sono anche alcuni che uniscono al vino anche un grande impegno sociale, come quello della cantina Cremisan, in Terra Santa, vicino a Gerusalemme, che in una terra

dif�cilissima vede lavorare �anco a �anco ragazzi italiani e palestinesi, o la collaborazione per l’attività vinicola della Comunità di San Patrignano di Andrea Muccioli.

Il Magnifico Mancini incorona dottore l’enologo Cotarella

R

iccardo Cotarella, uno dei più prestigiosi enologi italiani ha ricevuto una laurea “honoris causa” direttamente dalle mani del Magni�co Marco Mancini. A 62 anni è arrivato il riconoscimento accademico per uno dei più noti esperti del settore a livello mondiale. L’Unitus ha conferito a Cotarella la “laurea honoris causa” in Scienze Agrarie, nella cerimonia di scena il 21 febbraio. Il professionista ha tenuto la sua lectio doctoralis dal titolo ‘Scienza del Vino e qualità d’Impresa tra tradizione e in-

novazione’. Un riconoscimento reso ancor più solenne dall’unico altro laureato “honoris causa” dell’Università della Tuscia: Giulio Andreotti. Un titolo che impreziosisce la carriera di Cotarella, che dopo il titolo di Enologo conseguito all’Istituto di Conegliano Veneto nel 1968 e numerosi riconoscimenti internazionali, è stato anche nominato Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana nel 2008. Tra i tanti progetti vinicoli seguiti con successo da Cotarella, oltre a quello della sua azienda

’Orto Botanico dell’Università degli Studi della Tuscia organizza per il prossimo mese di marzo, con inizio sabato 5 e �ne sabato 26, il terzo corso teorico-pratico ‘Buone da Mangiare’ per la raccolta, l’identi�cazione e l’uso di piante commestibili della �ora locale, che concluderà il ciclo triennale tenuto all’interno dell’Orto. Le lezioni si terranno ogni venerdì pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 18.00 e sabato mattina dalle ore 9.00 alle ore 13.00 (corso a pagamento), saranno tenute dalla professoressa Anna Scoppola, dalla signora Edda Lattanzi e dal personale dell’Orto Botanico. In quest’epoca di riscoperta, valorizzazione e diffusione delle tradizioni del passato e in particolare di quelle relative alla cultura contadina, è forte l’interesse per la cucina del territorio, basata proprio su quelle erbe spontanee che possono essere consumate crude, cotte o di cui si utilizzano bulbi, apici e frutti, che il corso insegna a conoscere e ad apprezzare, oltre che a distinguerle da quelle tossiche, presenti a volte nei medesimi luoghi. La lezione di cucina che concluderà gli incontri offrirà l’occasione di imparare a cucinare e ad “assaggiare” piatti della tradizione vecchi e nuovi, rivisitati o creati ex novo in base alle moderne esigenze alimentari.

Il Corso non si limita all’insegnamento e alla raccolta delle piante buone da mangiare, ma offre l’occasione di conoscere l’Orto Botanico, struttura universitaria istituzionalmente preposta alla conservazione della biodiversità vegetale e alla divulgazione ambientale, che si estende per circa 6 ettari e sorge presso la Caldara del Bullicame. A partire dal prossimo anno, considerato il successo riscosso dall’iniziativa e l’esigenza di “aprirsi” al territorio, l’appuntamento per “Buone da Mangiare” potrà diventare un’iniziativa itinerante proposta dall’Università nei mesi di marzo e di ottobre che potrà coinvolgere diverse realtà quali le aree protette, le aziende agrituristiche e associazioni culturali che si faranno avanti. I proventi di questo 3° corso andranno a sostegno del progetto “I patriarchi del deserto” �nalizzato alla realizzazione di una serra presso l’Orto Botanico. Le domande d’iscrizione dovranno pervenire alla segreteria dell’Orto Botanico, unitamente alla quota d’iscrizione o alla ricevuta del versamento e saranno accolte �no ad esaurimento posti. I moduli sono scaricabili dal sito dell’Orto Botanico http://www.unitus.it/centri/ ortobotanico o disponibili presso la segreteria dell’Orto.


8

provincia

p TUSCANIA

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

TUSCANIA

Natali-Matteoli: l’incontro ha dato frutti ‘Assotuscania’:tavola rotonda sull’energia I L di VALERIA SEBASTIANI

unedì 21 febbraio il sindaco di Tuscania, Massimo Natali ha incontrato, a Roma, il ministro delle infrastrutture Altiero Matteoli. Appro�ttando dell’occasione il primo cittadino ha proposto in prima persona al ministro due progetti che stanno particolarmente a cuore agli abitanti del paese e che rappresenterebbero un punto di svolta non di poco conto oltre che per la sicurezza stradale anche per quanto riguarda i collegamenti infrastrutturali necesasari per un adeguato sviluppo turistico. “Ho chiesto al ministro- dichiara Natali- un intervento anche in termini economici, che garentireb-

be al paese la possibilità di poter sfruttare collegamenti più veloci. Si tratta della ristrutturazione ed ampliamento della provinciale Vetrallese, dal paese �no all’ imbocco della superstrada. Un intervento del tutto simile simile a quello che è gia stato realizzato qualche anno fa per il tratto stradale Vetralla- imbocco supestrada che permetterebbe anche a Tuscania di venire collegate direttamente con la Orte-Civitavecchia sfruttando i bene�ci del traf�co turistico che transiterebbe nella cittadina per raggiungere l’Aurelia.” Una proposta questa che Matteoli ha mostrato in particolar modo di gradire, così come ha manifestato la sua volontà di interessamento anche per la seconda richiesta del

sindaco. “Ho chiesto inoltre al ministro- ha continuato Natali- di caldeggiare la proposta avanzata dal comune per l’abbattimento delle barriere architettoniche e la riquali�cazione funzionale per l’eliminazione di pericoli nelle due strutture che ospitano il Liceo Scienti�co e l’ IPSIA.” Il comune ha già ottenuto dal CIPE un �nanziamento di circa 300.000 euro per interventyi analoghi da realizzarsi però nelle scuole elementari e medie. Le ristrutturazioni degli edi�ci scolastici sono ormai indispensabili per garantire un futuro alle due scuole di istruzione superiore del paese. Le richieste avanzate lunedì dal sindaco verranno uf�cilizzate in una prossima convocazione.

l prossimo 26 febbraio a Tuscania, presso la Sala Conferenze del Comune, alle ore 17.00, Assotuscania, promuove una Tavola rotonda sul tema Energia e Ambiente, come rendere compatibili tutela del paesaggio e nuovi impianti per la produzione delle energie rinnovabili. Si parlerà di eolico, fotovoltaico, biomasse, biogas e degli impianti e altre fonti e tecnologie alternative per produrre energia elettrica. Come fare a realizzare questi nuovi impianti di produzione e al tempo stesso proteggere l’ambiente, conservare il paesaggio e tutelare l’agricoltura, valorizzare le risorse naturali e culturali del territorio? Interrogativi scottanti in un

territorio particolarmente adatto alla produzione delle nuove fonti energetiche. Ma anche unico per le grandi valenze paesaggistiche, naturalistiche e culturali,: riserve, zone protette, siti archeologici incomparabili .Attraversato dall’antico tragitto della via Clodia e dagli altri cammini etruschi in un paesaggio continuo, ancora in larga misura da scoprire e valorizzare e da tutelare. “Af�nché sia possibile promuovere le fonti energetiche rinnovabili e al tempo stesso indirizzare e ricercare la compatibilità con le esigenze di protezione ambientale e di conservazione delle risorse naturali e culturali”, affermano i rappresentanti di Assotuscania, “occorre attuare la più ampia e rigorosa in-

formazione e conoscenza su cosa signi�chi introdurre le energie alternative, sui loro impatti - sul territorio, sull’economia, sull’inquinamento, sulle popolazioni locali - e su come avere al tempo stesso rispetto per l’ambiente e creare le condizioni di un duraturo benessere della popolazione”. Questo lo scopo della tavola rotonda: favorire appunto questa informazione ad amministratori, rappresentanti delle forze politiche, parti sociali, associazioni di categoria, associazioni culturali e ambientaliste. Interverrà l’assessore all’ambiente della Provincia di Viterbo Paolo Equitani insieme agli Amministratori di Tuscania, a Sindaci e rappresentanti degli altri Comuni della Tuscia.(V.S.)

questo tipo non era mai capitato. A quale causa è dovuto il loro decesso!? Mangiano elementi avvelenati!? Bevono acque inquinate!?” E qui proprio sulle acque nasce l’allarme di molti cittadini che spaventati dalla vicenda arsenico vedono nella morìa un campanello d’allarme. Mito da sfatare, in quanto la concentrazione di arsenico nelle acque monte�asconesi è la stessa probabilmente da sempre e allora di piccioni morti ne avremmo dovuti vedere da tanto tempo., Un mito comunque sintomatico della poca informazione che ali-

menta la confusione dei cittadini ed accresce l’allarmismo. Escludendo la causa ‘arsenico’ non sono da accantonare le ipotesi di avvelenamento. Bisognerebbe scoprire cosa si nasconbde dietro l’insolita strage che potrebbe essere sintomatica di più gravi problemi. Un altra emergenza nasce dal rischio infezioni, perché mai nessuno si preoccupa della rimozione dei cadaveri!? A questo punto bisognerebbe porsi necessariamente delle domande: limitare il moltiplicarsi di questi animali è un bene??!! Lasciarli riprodurre in modo incontrollato è

un buon servizio alla specie o un danno alla medesima!!??. Una sola sembra essere la risposta. Anche sul colle falisco è giunta l’ora che gli organi competenti, Amministrazione Comunale ed ASL, comincino a prestare attenzione al fenomeno, ne facciano un monitoraggio accurato e poi prendano i dovuti provvedimenti. Si avvicina la stagione estiva e questo spettacolo non è certo edi�cante agli occhi dei turisti ed al tempo stesso, con le alte temperature, diviene fonte d’infezione per tutti gli abitanti ed allora cosa aspettare!? prevenire è meglio che curare.

MONTEFIASCONE

La misteriosa morìa dei pennuti allarma i cittadini

Strage di piccioni sul colle falisco di PIETRO BRIGLIOZZI

A

ggirandosi per le vie, per i giardini pubblici e spazi verdi della cittadina falisca sul colle che domina, da una parte il lago di Bolsena con la sua meravigliosa valle, dall’altra la pianura viterbese, spesso capita di imbattersi in piccioni morti. Sono piccioni che, a detta, in modo semplice, dei contadini, appartengono alla famiglia dei “Torrini”. Un fatto increscioso che, da una parte solleva molte perplessità e ri�essioni negli stessi cittadini, dall’altra offre una pessima veduta ai turisti che, in visita, si aggirano per la cittadina. Le strutture archeologiche, come la Rocca dei Papi, i

cornicioni classici dei vari palazzi storici, specialmente del centro storico, ed il contesto prettamente contadino, favoriscono il raggrupparsi ed il vivere di questi animali in terra monte�asconese favorendo una convivenza uomo-animali che da luogo ad una serie di controindicazioni. Gli animali, con il loro guano, estremamente acido, corrodono cornicioni e statue sulle quali a quanto sembra amano depositarlo. Il fatto poi che si trovano spesso morti, per le vie e sui cigli delle medesime, preoccupa abbastanza e su vari fronti: da quello sanitario a quello alimentare, a quello biologico. In molti si domandano: “come mai si notano tanti piccioni morti?! Un fatto di

ACQUAPENDENTE

Sabato il tribunale e l’università propongono un convegno dedicato all’ambiente di FULVIO MEDICI

S

abato 26 febbraio alle ore 10.00, presso la sala consiliare il Comune di Acquapendente ospiterà il primo degli incontri sulla tutela ambientale organizzati da Tribunale di Viterbo e Università della Tuscia. A seguito di una convenzione stipulata con l’Ordine degli avvocati ed il Tribunale di Viterbo, il Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università della Tuscia, promuove l’evento. La professoressa Anna Maria Fausto, per la stessa Università, illustrerà i cinque incontri-dibattito in programma, il primo dei quali ad Acquapendente. L’importanza di temi, quali l’inquinamento delle acque e dell’atmosfera, l’ambiente, l’edilizia urbanistica e i ri�uti, verranno trattati nei diversi appuntamenti. Al progetto hanno partecipato attivamente, il Presidente del Tribunale di Viterbo Maurizio Pacioni, la Dottoressa Flaminia Tosini, il Dirigente del Settore Ambiente della Provincia Enzo Prudenzi e la Dottoressa Maura Paci�ci. “L’evento”, ci illustra la Dottoressa Fausto, “sarà di tipo multidisciplinare e permetterà un approccio ampio rivolto a tematiche diverse, inoltre la fase di preparazione degli eventi è stata supportata anche dal

Corpo Forestale dello Stato e dalla Camera di Commercio che ha dato il proprio patrocinio, dalla Asl, dall’Arpa e dalle altre istituzioni locali”. Dopo quello aquesiano, i successivi convegni sono in programma a Civita Castellana, nel mese di marzo, a Tuscania, ad aprile, a Sutri a maggio, per terminare a giugno nel Comune di Bolsena. “Una vera e propria occasione”, come sottolinea, ancora la dottoressa, “di scambio e arricchimento reciproco sulla base di argomenti di interesse pubblico”. Il programma previsto ad Acquapendente, avrà inizio dopo i saluti del Sindaco Alberto Bambini con l’intervento del Dottor Agronomo Alberto Cardarelli (Consigliere Segretario Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali) su “Il Piano di Utilizzazione Aziendale”. A seguire, l’intervento dell’Architetto Emilio Capoccioni (Ordine degli Architetti) su “Il Piano Territoriale Particolareggiato Regionale”. Il Geometra Adriano Bisegna (Collegio dei Geometri), si soffermerà su “Procedimenti tecnico-amministrativi in riferimento alle normative e disposizioni vincolistiche”. Il Dott. Roberto Troncarelli (Presidente Ordine Geologi) e l’Ing. Ivan Grazini interverranno su “Le norme antisismiche”. A conclusione l’intervento del Dott. Marco Avanzo (vice questore Corpo Forestale di Viterbo) con una esposizione in merito al “Parere sui controlli”.


Mercoledì 23 Febbraio 2011

provincia

Viterbo & Lazio Nord

p

9

VASANELLO

L’innovativo macchinario acquistato con i fondi raccolti dal Centro Commerciale Naturale

L’ecografo a disposizione della cittadinanza è arrivato di SIMONA TENENTINI

L

a solidarietà inizia a dare i suoi frutti. Già da qualche mese, ossia dallo scorso dicembre, l’associazione dei commercianti di Vasanello, il Centro Commerciale Naturale sta portando avanti, con diverse iniziative, una campagna di raccolta fondi per l’acquisto di un ecografo da mettere a disposizione della cittadinanza. Poco tempo fa, l’obiettivo si è �nalmente concretizzato, anche grazie al veri�carsi di una serie di coincidenze positive e di eventi che si sono intrecciati quasi per una benevola volontà superiore. Questa, in poche parole, la sintesi della circostanza. Alcuni mesi orsono, il presidente dell’associazione, Paolo Pieri, stava conducendo delle ricerche �nalizzate all’acquisto del macchinario, quando si è

imbattuto nel dott. Maurizio Marra, il titolare di una ditta che realizza proprio questo genere di apparecchiature. Il caso ha voluto che Marra abbia abitato proprio a Vasanello dal 1956 al 1963, coltivando, tra l’altro, un gran numero di amicizie. Messo al corrente dell’iniziativa, si è immediatamente prestato a dare una mano al paese che gli è rimasto nel cuore, fornendo l’ecodoppler ad un prezzo assai scontato e perdipiù con la possibilità di un pagamento dilazionato. Il macchinario, di ultima generazione, sarà collocato presso la sede Avis e già da sabato prossimo inizierà la campagna di screening sperimentale. Queste le applicazioni mediche diagnostiche preventive per le quali è predisposto: Ostetricia e ginecologia con tecnologia tridimensionale e

CAPRAROLA

Il presidente Paolo Pieri con Maurizio Marra 4D, ovvero in tempo reale, Senologia, Vascolare ed angiologia, Radiologia, Piccole parti e muscolo-scheletale, Tiroide. Le visite costano trenta euro e saranno effettuate dal dott. Paolo Marchetti tutti i sabati, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17. In questa prima fase si prevede un numero di prestazioni compreso tra le venti e venticinque, poi, in base al feedback, si potrebbe aggiungere anche un altro giorno in cui effettuare le visite. Come spiega il presidente dell’associazione: “Abbiamo avuto un ottimo riscontro da parte sia della popolazione che è intervenuta in maniera massiccia alle nostre iniziative, sia da parte del Comune, che, in�ne, delle varie associazioni pre-

senti sul territorio. Tutti hanno contribuito, in qualche modo, al raggiungimento di un obiettivo che sembrava inarrivabile. Per avere un’idea dei numeri basti pensare alla serata danzante di sabato scorso - continua Pieri - in cui abbiamo regitrato il tutto esaurito. Visto l’ottimo successo, sabato prossimo si replica. In programma un’imperdibile serata in puro stile carnevalesco, alla quale tutta la cittadinanza è invitata a partecipare numerosa. In fondo l’ecocolordoppler è a disposizione di ogni vasanellese, anche se si spera che non debba mai servire.” Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.ccnvasanello. com.

VETRALLA

Un focus sul destino dei noccioleti Carnevale al centro storico I

l futuro dei noccioleti al centro di un convegno organizzato per oggi dal Cefas, speciale della Camera di Commercio di Viterbo. Il titolo del focus è “Potatura, sicurezza e recupero delle biomasse” e l’appuntamento è alle ore 16,30 nella sala conferenze dell’azienda dimostrativa Arsial, al Km. 16 Cassia Cimina a Caprarola. Nell’incontro si farà il punto sullo stato dell’arte e le prospettive di innovazione per una moderna gestione dei noccioleti. All’incontro interver-

ranno: Claudio Sonnati del Creso-Consorzio di ricerca, sperimentazione e divulgazione per l’ortofrutticoltura piemontese, su “La potatura meccanizzata del noccioleto: Esperienze maturate nella regione Piemonte”; Valerio Cristofori del Diprov-Università degli Studi della Tuscia su “Gestione della chioma nei noccioleti del viterbese: stato dell’arte e modalità di potatura di produzione a confronto”; Danilo Monarca del Gemini-Università degli Studi della Tuscia su “Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura mecca-

di DANIELE CAMILLI

nizzata dei noccioleti”. Il convegno avrà anche dei risvolti pratici: sarà infatti preceduto, nella mattinata, da una prova dimostrativa di potatura meccanizzata del nocciolo nella zona industriale “S. Valentino” a Caprarola e in località “Roncaglia” a Ronciglione. L’iniziativa, che rientra tra le attività del CeFAS di innovazione e trasferimento alle piccole e medie imprese, è organizzata il patrocinio di numerosi enti tra cui Arsial, Coldiretti, Confagricoltura, CIA, Assofrutti, Apronvit, Apnal, Aop Nocciola Italia. (S.T.)

V

SORIANO NEL CIMINO - Domenica prossima presso il cinema Floridia

Terzo incontro pubblico per “Soriano Novo” S

i terrà domenica prossima, presso il cinema Florida alle ore 11,30, la terza assemblea pubblica del movimento civico “Soriano Novo”, al �ne di coinvolgere associazioni e cittadini a discutere sulla “rinascita del territorio”. “È sotto gli occhi di tutti come la vita sociale di Soriano nel Cimino e delle nostre frazioni stia sempre più morendo e la nostra comunità, una volta vivace, si stia progressivamente trasformando in una specie di periferia urbana e di grande quartiere dormitorio. Così esordisce il portavoce Fabio Menicacci che prosegue: “Il nostro impegno sarà di lavorare af�nché si inverta questa tendenza, un po’ frutto

dei tempi ma anche conseguenza di certe scelte amministrative che hanno impoverito la comunità sorianese. Vogliamo puntare, prosegue Menicacci, in massima parte alla valorizzazione dei nostri centri storici che dovranno recuperare il loro antico ruolo di centri di aggregazione della vita sociale: a tal �ne dovremo prevedere programmi di miglioramento e riquali�cazione estetica degli spazi urbani nonché lo sviluppo e la tutela delle piccole attività commerciali e dei pubblici esercizi; i borghi storici dovranno essere anche lo scenario di eventi �eristici e culturali orientati alla promozione del commercio e dell’identità territoriale. Siamo certi che qualsiasi cosa possa

essere realizzata dovrà vedere il fondamentale coinvolgimento delle associazioni e degli operatori economici sorianesi con i quali vorremo istituire una consulta permanente al �ne di sostenere e coordinare la loro attività. Il nostro impegno, sottolinea Menicacci, sarà di lavorare af�nché si inverta questa tendenza, un po’ frutto dei tempi ma anche conseguenza di certe scelte amministrative (per lo più fatte senza alcun consenso o partecipazione) che hanno impoverito la società sorianese ed il territorio, soprattutto quando queste caratteristiche sono indispensabili, per la vocazione stessa turistico-ambientale di Soriano, allo stesso sviluppo economico.

Dobbiamo valorizzare il patrimonio artistico e architettonico distribuito in tutto il territorio comunale a partire dai Simboli del territorio come il Castello Orsini e Palazzo Chigi-Albani, per arrivare al centro storico di Chia alla vasta zona archeologa di Sant’Eutizio alle catacombe o alla vastissima zona di Corviano alla Faggeta, ecc.. Vogliamo dimostrare che lavorare sulla cultura signi�ca investire per il futuro. In ogni caso il denominatore comune delle nostre linee di politica anche per la rinascita sarà un generale orientamento alla tutela ambientale, alla valorizzazione del territorio e a uno sviluppo economico multisettoriale e sostenibile.

etralla in piazza per il Carnevale. Domenica prossima, carri e maschere attraverseranno le vie del centro storico cittadino per un evento che quest’anno ha seriamente rischiato di saltare. Tuttavia si farà, grazie soprattutto alla Pro Loco, all’impegno della sua Presidente, Ida Brama di Marco, e alla collaborazione di Scuole, amministrazione comunale e associazioni del territorio. “Il carnevale vetrallese – spiegano gli organizzatori – è da sempre un importante appuntamento per il territorio e i più piccoli. È inoltre un’occasione per portare colore e tradizione nella comunità locale”. E c’è pure una bella sorpresa. Parteciperà all’evento anche il Comune di Villa San Giovanni in Tuscia con il carro allegorico “The Cavernicoli”, creato dalla locale Pro Loco sangiovannese e con tanto di Banda al seguito. Con loro i colleghi del Complesso “Ottavio Pistella”, la Nuova Racchia di Monte Romano e Il gruppo Brasil Maravilha. Partenza da piazza Vittorio Emanuele nelle prime ore del pomeriggio. Le strade del paese diverranno così “una vera e propria girandola di colori con animazioni e divertimento. La manifestazione più pazza dell’anno – dice la Brama Di Marco – emblema dello scherzo, della comicità e della risata in un clima festoso e coinvolgente”. Emblema soprattutto di

Al lavoro per allestire i carri ragazze e ragazze che hanno tenuto duro per garantire a Vetralla una manifestazione importante. Non solo per la gioia e il divertimento che ogni volta regala, ma anche per il momento di valorizzazione che essa rappresenta per il centro storico e le sue attività commerciali. Carnevale vetrallese che non si fermerà di certo domenica. Proseguirà infatti �no all’8 marzo. Martedì grasso e Festa della Donna. Con tanto di girotondi, tarantelle in piazza, serata a base di salcicce e “struffolata” e gran �nale con “Cremazione di Re Carnevale”.


provincia

p

10

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

BRACCIANO

Un super carnevale! Si parte domenica con carri, spettacoli, sfilate e premi

D

al 27 febbraio prende il via una nuova edizione del Carnevale di Bracciano. Un’iniziativa realizzata dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Bracciano; con il sostegno del Comitato per il Carnevale e della Pro Loco; e la sponsorizzazione della Bracciano Ambiente SpA. Dieci giorni di festa che scorreranno fra carri allegorici, sfilate, spettacoli di piazza e premi per le maschere, grazie al “Premio Bracciano in Maschera” riservato ai gruppi mascherati e alle scolaresche che sfileranno insieme ai carri allegorici. Ricco il calendario degli eventi. Si comincia domenica 27 febbraio, alle ore 14.30, con la sfilata dei carri allegorici e dei gruppi mascherati che animeranno le vie del paese con un percorso che si snoderà da Bracciano nuova al Centro urbano. A seguire, esibizione delle Scuole di Ballo in piazza IV Novembre. Giovedì 3 marzo, alle 17.30 presso l’Archivio storico di piazza Mazzini, “Teatro in…Maschera” con lo spettacolo di burattini “Storia della gabbianella e del gatto” curato dall’Asso-

ciazione T.E.A. Ovviamente, tutti i bambini sono invitati a partecipare mascherati! Domenica 6 marzo, nuova sfilata di carri allegorici e gruppi mascherati (sempre alle 14.30 da Bracciano nuova al Centro) e ancora un’esibizione in piazza delle Scuole di Ballo del territorio. Al termine, consegna dei premi del concorso “Bracciano in maschera”. Martedì “grasso”, 8 marzo, ci sarà il “Carnevale dei bambini”: a partire dalle ore 15, spettacoli di burattini, animazione e giochi in piazza IV Novembre e, alle 17.30, gran finale

con la “cremazione di Re Carnevale”. Quest’anno, inoltre, fino al 3 marzo, nel Chiostro degli Agostiniani, si terrà la mostra di fumetti “Isoliti ignoti”, a cura dell’Associazione Pin Up Art, che espone tavole, illustrazioni, personaggi che non hanno mai visto la luce. Storie mai raccontate, ignote al pubblico. Una mostra che svela il persorso segreto che porta dall’idea alla realizzazione della pagina finita da parte di giovani talenti italiani emergenti. La mostra è ad ingresso gratuito.

TOLFA

In arrivo le ‘olimpiadi della cultura’ P roseguono i preparativi in vista del grande appuntamento nazionale del 4 e 5 Aprile quando, per la prima volta, la cittadina di Alessandro Battilocchio ospiterà la �nale assoluta dell’edizione 2011 delle “Olimpiadi della Cultura e del Talento”, organizzate da un team coordinato da Daniele Ceccarelli. Saranno presenti a Tolfa circa 200 studenti, che si s�deranno nelle prove �nali del concorso . Il Sindaco Alessandro Battilocchio, che ha fortemente voluto a Tolfa l’iniziativa, sta coordinando in prima persona tutte le fasi organizzative: per quei tre-quattro giorni Tolfa diventerà un vero e proprio “campus all’aperto”, a completa disposizione degli studenti. Il Sindaco ha riunito tutti i ristoratori ed i proprietari di posti- letto e di bed and breakfast del paese ed ha preparato un pacchetto per gli studenti che riceveranno la massima accoglienza a prezzi agevolati. Il paese farà registrare il tutto esaurito. Le varie Associazioni locali, su richiesta del primo cittadino, stanno

organizzando eventi ed iniziative di promozione della cittadina e di intrattenimento per questi 200 ragazzi che avranno quindi, al di fuori delle gare, una serie di happenings dedicati esclusivamente a loro. Anche il Teatro Claudio, sarà allestito per rendere unica la location dell’evento. “Siamo onorati - ha dichiarato il primo cittadino- di avere a Tolfa la �nale nazionale di questo importante concorso e ringrazio ancora gli organizzatori per aver accettato il mio invito. Le ‘Olimpiadi della Cultura e del Talento’ sono un esempio di concorso intelligente che sta letteralmente scoppiando in termini di adesioni e che mette al primo premio la creatività, oltre alla preparazione dei nostri ragazzi. Tolfa darà il massimo in quei giorni e si candida a divenire tappa �ssa della �nale anche in futuro: queste sono iniziative che fanno crescere la comunità a rappresentano comunque un volano fondamentale di promozione e valorizzazione del territorio.”

BRACCIANO - Presentato il libro di poesie di Maria Emilia Baldizzi BRACCIANO - I comuni dell’area Sabatina sensibilizzano i giovani sul problema della droga

L’ amore incanta la biblioteca comunale Tre progetti per prevenire le dipendenze di SARAH PANATTA

E

mozioni sospirate, trattenute nell’”alveo” prezioso del cuore. Amore bambino cullato nei sogni e nei desideri di donna che sboccia ad ogni palpito di vita. Maria Emilia Baldizzi trasforma in duttile materia multisensoriale la sussultante vorticosità dei sentimenti umani. Una creatura minuta ed eterea Maria Emilia, palermitana di nascita, ma ormai da circa 25 anni figlia adottiva di Cerveteri. Tra amici carissimi e un uditorio raccolto e familiare, la scrittrice, già vincitrice nel 2009 del II Premio del Concorso “Palazzo” di Cerveteri, ha presentato presso la Biblioteca Comunale di Bracciano la selezione di poesie ‘Il mio amore quando dorme sogna l’amore’, pubblicato dalla casa editrice Albatros/Il filo. Il testo, miscellanea di poesie che racchiude vagamente il sentimentalismo spettrale e totalizzante di Emily Dickinson ma anche l’aspra meraviglia del cosmo di sentore montaliano, è nato tre anni fa, dall’idea di riassemblare e tramandare pensieri che sono rimasti per molto tempo nel cassetto.

La copertina del libro Ad accogliere ed introdurre l’opera due scrittrici affermate e pluripremiate, Nadia Angelini e Maddalena Ruspoli. Molto sottile l’interpretazione dei componimenti offerta dalla Angelini, che ha definito l’arte di Maria Emilia un “grido sincero di tristezza…filtrata da una sincerità vibrante…tra Ibsen e D’Annunzio”, in cui la femminilità di pone esasperata al centro del mondo, descrivendone e assorbendone con spontaneità disarmante e musicale note “carezzevoli per l’orecchio” e per l’anima

di chi le legge e quindi ne “ascolta” la melodia. Versi da percepire con ogni senso quelli di Emilia, un coro solitario e potente di impressioni, che si disperdono nella loro leggiadra semplicità e nel loro stupore candido di matrice pascoliana. Versi vissuti e donati, che accordano sovente il paesaggio ai moti del cuore, generando un’estasi panica, che esalta lo spirito femminile e umanizza al contempo la natura. E’ la “luce dell’amore”, come ha affermato una commossa Nadia Angelini, che si irradia come vento interiore nelle poesie della Baldizzi, unendo in felice matrimonio carnalità sensuale e tenerezza sublimata. In ogni verso, ha sottolineato la Angelini, si ritrova “un approdo”, la meta e insieme la rampa di lancio per nuove riflessioni guidata da un’innocente ma passionale femminilità. Seme creativo di Maria Emilia sembra dunque essere una limpidezza arcaica ma non vetusta, che racconta un dolore represso e poi dilagato, una visione del mondo schietta e “fanciullina”.

I

comuni dell’area sabatina insieme per potenziare le attività dei giovani e per i giovani, e “recuperarli” alla quotidianità sociale del loro territorio, af�nché se ne sentano parte consapevole e integrante, non solo da integrare. Nonostante la cronica scarsità dei fondi Bracciano e comuni limitro� sono riusciti ad aderire ad una serie di eventi piani�cati per raggiungere in particolare i minori e offrire loro un servizio di supporto pratico che sia continuativo e consenta una qualche �ducia nelle istituzioni, di solito percepite come lontane e indifferenti. Già illustrato presso l’Archivio Storico di Bracciano lo scorso 27 gennaio, sta iniziando l’iter del “Tris di progetti per la prevenzione delle dipendenze” – soprattutto da droghe e da alcol, piaga largamente diffusa tra gli adolescenti e i preadolescenti – che rientra nel nuovo Piano Dipendenze del distretto F3 e che riunisce i comuni di Anguillara Sabazia, Bracciano (Comune capo�la), Canale Monteranno, Manziana, Trevignano Romano. La terna di iniziative è volta innanzitutto ad informare i soggetti non ancora a rischio, a ri-entrare in contatto con i soggetti a rischio, che tendono ad alienarsi dalla vita sociale e a perdere la cognizione di sé entro la comunità, e a coinvolgere in occasioni di studio e di lavoro sia studenti delle superiori

che ragazzi che stanno attraversando o hanno attraversato dolorosi percorsi di riabilitazione. L’Ass. alle Politiche Sociali Elena Rosa Carone ha rimarcato come questo “tris” serva ad avvicinarsi alle esigenze e ai disagi dei giovani e ad educarli sui pericoli reali di alcuni comportamenti che deviano spesso nelle dipendenze. Alla realizzazione stanno contribuendo alcune associazioni culturali della zona, “Cooperate”, “Il Ponte” e “Imago”. Il “tris”, che si dilata dal tempo libero all’impegno attivo, si articolerà in: “Giochiamo con la pubblicità”, partito come esperimento a novembre 2010 nelle scuole medie, con laboratori mirati alla costruzione, all’analisi e alla compa-

razione di spot pubblicitari, per comprendere, con un’esperienza di interazione vissuta direttamente, i tranelli e le strategie nascoste della comunicazione mass-mediatica; “Disco driver”, che vuole coniugare divertimento e sicurezza, fornendo un bus navetta che sarà disponibile nei prossimi venerdì e sabato dalle 23 alle 5 del mattino (su prenotazione al numero 3357578823), ai ragazzi che devono andare e tornare da locali e discoteche; in�ne “Inclusione lavorativa”, con la collaborazione dei Servizi Sociali dei cinque comuni, che prevede orientamento, formazione e tutoraggio nell’inserimento lavorativo per soggetti sottoposti a trattamenti di disintossicazione a che siano da sei mesi in fase di remissione dei sintomi. E’ partita poi la terza edizione del Concorso “I Giovai e il territorio” (scadenza 10 marzo 2011) bandito dall’Associazione “La compagnia del castello” e dalla Consulta Comunale Giovanile di Bracciano, e che ha per tema: “I giovani popolo di pendolari”. Giovani dai 15 ai 35 anni potranno inviare, senza quota d’iscrizione, saggi brevi o fotogra�e, Al di là del premio pecuniario – 350 € il primo premio – l’occasione consente una testimonianza personale sul proprio rapporto con la vita di e dentro la provincia. (S.P.)


Mercoledì 23 Febbraio 2011

Viterbo & Lazio Nord

litorale

p

11

TARQUINIA

I No-coke all’appello

A Savona si è riunito il coordinamento nazionale

I

n occasione dell’incontro pubblico promosso dal’associazione “Uniti per la salute” di Savona, si è di nuovo riunito il Coordinamento Nazionale Contro il Carbone che vede uniti i vari comitati, movimenti e associazioni di tutta Italia che operano attivamente nei territori di riferimento. E’ il caso di Brindisi, Tarquinia, Porto Tolle, Civitavecchia e Rossano che hanno partecipato al convegno per portare la propria esperienza a conoscenza della comunità savonese. In un Teatro Chiabrera gremito di cittadini preoccupati della cattiva informazione dilagante, i presenti, tra cui molti amministratori, hanno avuto l’opportunità di ascoltare importanti medici, studiosi ed epidemiologi. Gli specialisti presenti, dopo aver ribadito i gravi danni provocati dall’utilizzo del carbone come combustibile, hanno spiegato inoltre l’importanza che nei terri-

tori ove sono localizzati gli impianti inquinanti venga effettuata la Valutazione di Impatto sulla Salute (VIS) Questa è necessaria a dimostrare le ricadute inquinanti degli impianti energetici e le eventuali correlazioni con i danni alla salute. In virtù di quanto sopra, oltre che dell’assenza di un Piano Energetico nazionale, in più dell’inadeguatezza dell’impianto normativo e della gestione dei controlli istituzionali a salvaguardia della salute pubblica, e denunciando decine di progetti di costruzione (o riconversione) di impianti per la produzione di energia elettrica ancora troppo basati su fonti fossili (altamente dannosi per la salute e l’economia dei territori) molto spesso utilizzando un vero e proprio ricatto occupazionale, il Coordinamento ha quindi stabilito di lanciare alcune iniziative comuni di ordine tecnico-legale ed informativo-comunicativo. I progetti, che saranno

lanciati su tutto il territorio nazionale, che portino alla luce le gravi lacune del sistema energetico italiano e della relativa programmazione. Programmazione all’interno della quale la VIS, intesa come definita dall’organizzazione mondiale della Sanità, ovvero ”una combinazione di procedure, metodi e strumenti per mezzo dei quali una politica, un piano o un progetto possono essere giudicati sui loro potenziali effetti sulla salute di una popolazione, e sulla distribuzione di questi effetti all’interno della popolazione stessa”, e partecipata dalla collettività interessata, non può che essere prioritaria. Motivo per il quale il Coordinamento, anche in risposta alle continue nuove richieste di costruzione, riconversione, ed ampliamento di centrali a carbone, ha stabilito di farne oggetto della prossima iniziativa comune.

TARQUINIA - Bruno Catini denuncia il degrado in cui versa il nosocomio

Emergenza rifiuti all’ospedale “ La differenziata non è di casa all’ospedale di Tarquinia”. A sollevare il problema il Presidente dell’associazione politico culturale IdeAzione Bruno Catini. “Alcuni giorni fa ho potuto constatare con i miei una situazione veramente indecorosa. I cassonetti posti all’interno della cinta muraria del nosocomio tarquiniese tracimavano e nei grossi bustoni neri posti anche all’esterno vi era una gozzoviglia di ri�uti.” Catini si chiede come mai mentre sono mesi che l’amministra-

zione comunale continua a puntare forte sulla raccolta differenziata all’ospedale ancora non vi è traccia. “Ho già provveduto personalmente a segnalare il disservizio sia al dottor Franco Bifulco, direttore sanitario, che all’assessore Sandro Celli. Entrambi mi hanno detto che si sarebbero interessati per trovare una soluzione ef�cace. Noi vigileremo af�nché le loro non restino solo vuote promesse.” Il presidente Catini pone anche in risalto un’altra problematica da più parti sollevata. “Le condizioni in

cui versano i locali adibiti ad obitorio, sono davvero poco edi�canti. Dif�cile descrivere dei locali in completo abbandono che non rendono giustizia ed onore ad un complesso ospedaliero che è il �ore all’occhiello della Provincia. Mi domando e domando a chi di dovere, come sia possibile che nessuno recepisce le istanze dei cittadini, permettendo il completo abbandono di locali purtroppo quotidianamente frequentati dagli utenti. Attendo risposte in merito.”

MONTALTO DI CASTRO - Il Comune gestirà autonomamente il servizio

Diritti d’affissione, si cambia C ambiano le modalità per il pagamento dei diritti d’af�ssione nel Comune di Montalto di Castro. L’amministrazione ha infatti deciso di non rinnovare la convenzione con la società concessionaria della riscossione della tassa e di gestire direttamente il servizio. Il contratto tra l’ente e la società Gemma Spa è scaduto. La decisione di gestire autonomamente l’accertamento e la gestione della riscossione dei diritti sulle pubbliche af�ssioni è stata presa con la delibera della giunta numero dieci del 26/01/2010. La dottoressa Stefania Flammini sarà la nuova

responsabile del servizio. D’ora in poi i pagamenti dovranno essere versati sul conto corrente postale intestato al Comune di Montalto di Castro n. 11894011. Va speci�cata la causale, che ovviamente è: imposta comunale di pubblicità. Sullo stesso conto corrente postale va pagata l’imposta comunale sulla pubblicità permanente. La giunta ha prorogato il termine ultimo per il pagamento al 31.03.2011. È prevista anche la possibilità di pagamento dilazionato. Chi ha già versato la tassa deve inviare agli uf�ci comunali la fotocopia del bollettino. L’uf�cio competente è quello tributi-personale.

TARQUINIA

Arriva la Giovane Italia P

roprio nell’anno in cui l’Italia festeggia il suo 150° anno di unità nazionale, arriva a Tarquinia il circolo della Giovane Italia. Non si tratta, chiaramente, della celebre associazione che Giuseppe Mazzini fondò nel 1831 proprio con lo scopo di uni�care l’Italia, bensì di un movimento giovanile in cui nel 2009 hanno con�uito i ragazzi di “Azione Giovani” (associazione giovanile vicina ad Alleanza Nazionale) e “Ragazzi di Forza Italia” e che, quindi, riconosce i propri valori in quelli della tradizione

del centro destra. Presidente del circolo di Tarquinia è stato nominato Marco Carra già da tempo vicino al centro destra e candidato alle ultime elezioni dell’Università Agraria. “Si tratta, prima di tutto, di un contenitore nel quale far con�uire tutti quei ragazzi che ancora credono che oggi si possa fare politica nell’accezione più positiva del termine, nonostante la situazione a livello nazionale non sia incoraggiante in questo senso. Le prerogative che poi saranno nostre e di tutti quei ragazzi che vorranno aderire, saranno certamente

molteplici: da una parte ci batteremo af�nché la nostra generazione possa in qualche modo essere protagonista del rilancio di Tarquinia, specialmente a livello economico e turistico, dall’altra perseguiremo un’opera di riavvicinamento dei giovani all’“arte” della politica che, se ben utilizzata, è uno degli strumenti più affascinanti ed importanti in una società in continuo fermento come la nostra”. Queste le prime parole del presidente del circolo della Giovane Italia di Tarquinia Marco Carra.


12

civitavecchia

p

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

La nuova frontiera dell’informazione di RadioCivitavecchia.com

‘Teleradioweb’, interazione totale! di PIETRO COZZOLINO

U

n’attenta e capillare programmazione web, altresì pronta a sbarcare sul Digitale terrestre in più confidando su di una Tv locale, espressamente rivolta ad una specifica fascia di utenza: quella dei

giovani. Questo l’intento, colorato di variegate sfaccettature e tecnologie d’ultima generazione, della rinnovata RadioCivitavecchia.com e della sua ultima “creatura”, Teleradioweb, testata di Informazione diretta dal nostro, navigato collega, Cristiano Degni, e dichiaratamente pensata

sull’interazione con coloro che “vogliano metterci la faccia”. Una novità assoluta, presentata ieri l’altro, in pompa magna, nel corso di una conferenza stampa d’inaugurazione tenutasi presso il “quartier generale” sito al 9° piano del civico 15 di via Annovazzi (la nota Torre Europa). Ciò, in più alla presenza del Consigliere comunale del Gruppo Misto, Daniele Perello, augurante alla medesima un futuro da riconosciuta protagonista, nonchè del Primo cittadino, Gianni Moscherini. Un progetto, quello di cui sopra, inoltre curato dalla Direttrice artistica, Roberta Frascarelli, e da Gaetano Criscuolo, nell’occasione costantemente alla consolle di regia, cui hanno dato fattivo apporto anche il poliedrico stilista, Enzo Ceci ed il “look maker”, Eligio Martinoli, nonchè tanti altri ad occuparsi dei piccoli ma importanti particolari. Quanto

detto, inevitabilmente “immerso” nella musica, grazie alla stretta collaborazione offerta dai Dj di fama internazionale, Emix e D Lewis, propiziata dal diretto interessamento di Alessandro Scotto (Lista civica “Civitavecchia 2000”). Musica, notizie e tanto altro ancora, dunque, a diffondersi non “solo” via etere nonchè a rivolgersì “senza vincoli locali e comprensoriali”, assai ambiziosamente, verso il mondo intero, a mezzo d’ogni canale multimediale possibile. E ciliegina sulla torta, l’intervento del citato numero uno di Palazzo del Pincio: “Accolgo con gran piacere tale inaugurazione - ha sottolineato, lodando le nuove applicazioni all’uopo professionalmente utilizzate - Quanto presentato quest’oggi, peraltro, si potrebbe ottimamente coniugare con il già profuso presso la Cittadella della Musica, datasi la presenza

“Aiutateci a difendere la nostra dignità”

I relatori di TeleRadioWeb, a sinistra l’affollata conferenza stampa (Foto di Pietro Cozzolino) in città di diverse, valide Band giovanili, ed al Teatro Traiano, visti vieppù in tal caso i molti, emergenti talenti. Ciò - ha concluso Moscherini - senza dimenticare la Danza (e magari la relativa, futura Cittadella

di riferimento, adiacente proprio alla Torre suddetta, ndr) che a breve, in quel di Latina, vedrà protagonisti i nostri ragazzi di concerto con quelli statunitensi”. Civitavecchia “in the world”, appunto.

Pasquale Marino in attesa della decisione di Matteoli

Authority: “ Fare nomi a caso serve a nulla”

Appello alle Istituzioni da parte delle lavoratrici del ‘Centro Arcobaleno’

D

opo il grido d’allarme e dolore per la possibile, de�nitiva chiusura, recepito e pubblicato nell’edizione di ieri, diamo ora spazio all’intervento delle lavoratrici del Centro Diurno “Arcobaleno”. “Lavorarvi è un’esperienza irripetibile dove professionalità e affettività ci hanno permesso di crescere professionalmente e umanamente. Un’affettività manifestata con ogni mezzo possibile anche in quei casi in cui la comunicazione è estremamente ridotta dalla disabilità - è l’intenso esordio a riguardo - Di ognuno dei ragazzi conosciamo nome, vita, storia e necessità. A noi non importa quali siano le patologie o l’origine delle loro dif�coltà perchè per noi ognuno di loro è un essere umano. Chi, come noi, svolge una professione di aiuto alle persone in stato di bisogno sa che le nostre conoscenze e competenze non possono essere �nalizzate all’esclusiva produzio-

A

ne del reddito”. E poi: “Per svolgere il nostro lavoro è necessario soprattutto avere attenzione per l’altro, prendersene cura, saper accogliere, integrare ed includere in un reciproco scambio di esperienze tra pari. Altrettanto vero - sottolineano a ragione - è che il nostro reddito va difeso perchè anch’esso �nalizzato al poter

vivere con dignità: la chiusura dell’”Arcobaleno” ci priverà del nostro lavoro, sarà motivo di regressione delle abilità acquisite dai ragazzi stessi e dell’impossibilità di garantire una serena prospettiva sul “dopo di noi”. Chiediamo dunque alle istituzioni di mettere in campo ogni risorsa per mantenere

Grazie al Bando pubblico indetto dalla Prima Circoscrizione

Avviamoli gratuitamente allo sport L a Prima Circoscrizione, su proposta del Consigliere, Massimiliano De Cinti, del Vice Presidente, Daniele Ceccarelli, della Delegata allo Soprt, Alessandra Federzoni, e di quello al Sociale, Juri Oliveri, con la fattiva collaborazione dell’Assessorato allo Sport guidato da Roberto Petito, ha indetto un Bando pubblico per l’avviamento allo Sport. Lo stesso, peraltro votato all’unanimità dal Consiglio Circoscrizionale, darà concreto modo, a 30 tra bimbi e ragazzi di età compresa fra i 3 ed i 15 anni, di usufruire, gratuitamente, di

Corsi di pallavolo e basket. Gli stessi si svolgeranno nelle Palestre comunali ricomprese nel territorio di competenza dell’Organo decentrato in oggetto. Chiunque fosse interessato, dovrà far pervenire apposita domanda alla Segreteria del medesimo, entro e non oltre il termine del 28 febbraio. Il ritiro dei relativi moduli è possibile, presso gli Uf�ci al civico 19 di Piazza Vittorio Emanuele, negli orari normalmente aperti al pubblico. Per qualsiasi altra informazione, si può contattare il numero 0766.679608 (tel-fax). Buono Sport a tutti!. (pc)

vivo questo spazio, nessuno dovrà essere escluso, nessun reddito perduto. Chiediamo - concludono - di attuare politiche �nalizzate al benessere e all’attenzione comune e che i risparmi vengano effettuati facendo scelte responsabili e socialmente utili”. Come non sostenerle? (PC)

ltra convergenza sulla “sponsorizzazione” moscheriniana di Pasqualino Monti a numero uno dell’Autorità Portuale: “E’ la persona giusta per guidare il Porto di Civitavecchia - è l’esordio di Pasquale Marino - Ottimo conoscitore della materia tecnica, in questi anni ha svolto un eccellente lavoro sia presso Molo Vespucci che al Comune dove ha egregiamente ricoperto l’incarico di Assessore al Bilancio. La Presidenza dell’Authority - continua il Consigliere comunale del Pdl - esige una guida preparata sopratutto

in campo economico; cosa, quest’ultima, che di sicuro gli si addice incarnando, il medesimo, le qualità personali, morali di uomo altresì in grado di aumentare la sinergia tra i due Enti suddetti. Ciò, in particolar modo alla luce del progetto “Piattaforma Logistica Italia”. Sinergia, quella detta, più volte richiamata dal Sindaco Moscherini e gravemente mancata durante la gestione Ciani. Monti - spiega ancora Marino - sarebbe la figura ideale per risollevare le sorti di uno Scalo che, nel mentre, ha perso tanto terreno rispetto alle altre realtà, europee ed internazionali, tornando indietro nel suo percorso di sviluppo. Ora - sottolinea - manca l’approvazione delle Istituzioni incaricate della nomina; sperando che meritocrazia e competenza prevalgano quali criteri di scelta. Il nostro Ente comunale ha fatto e farà la sua parte - sottolinea - tuttavia, ricordo a chi tuttora si accanisce in vari pronostici, che la partita si giocherà principalmente fuori, e precisamente in Regione e Provincia, negli altri Comuni di Tarquinia, Gaeta e Fiumicino ed all’interno delle Camere di Commercio. Quanto detto, per finire con il Ministro ai Trasporti, Altero Matteoli, il quale valuterà comunque più nominativi. Fare nomi a caso, dunque, ora come ora, serve assolutamente a nulla” (PC)


SPORT

� �

BASEBALL - Coppa Italia

KART - Trofeo dei Campioni

Il calendario dei Rams

Fabiani-Canu davanti a tutti

di Glauco ANTONIACCI servizio a pagina 18

dalla REDAZIONE

servizio a pagina 20

Edizione del 23 Febbraio 2011

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

BASKET A2 DONNE

Defensor, quanti guai per la sfida con Siena Questa sera al PalaMalè delicato scontro diretto per le gialloblù che sono state falcidiate dall’influenza di GLAUCO ANTONIACCI

T

orna in campo la Defensor per l’ottava giornata di ritorno del campionato di serie A2 femminile e questa sera, al PalaMalè, sarà scontro diretto contro la Consum.it Siena.

BASKET A2 DONNE ALCAMO

34

CUS CHIETI *

32

TERMO LA SPEZIA

32

RAGUSA

28

ORVIETO

26

BATTIPAGLIA

24

RISORSE LA SPEZIA *

22

SIENA *

20

DEFENSOR VITERBO *

20

POMEZIA

18

NAPOLI *

18

ANCONA

12

FIRENZE *

10

RENDE

8

COLLEGE ITALIA *

4

* HANNO RIPOSATO

La seconda sfida consecutiva in casa coincide con un match importante per le posizioni di classifica in zona playoff, visto che le due formazioni sono appaiate con 20 punti ed un bilancio identico di dieci vittorie e altrettante sconfitte. All’andata la Defensor giocò sempre di mercoledì a Siena, contro un team che, in quel momento dell’anno, veleggiava addirittura in testa alla classifica e che si impose per 56-38; le gialloblù rimasero in partita fino alla fine del terzo quarto, quando il punteggio era di 37-34, ma furono condannate alla sconfitta da un ultimo periodo disastroso. Decisiva per l’affermazione delle toscane fu la lunga lettone Lauma Reke, miglior realizzatrice della squadra con oltre 16 punti di media cui aggiunge 13 rimbalzi a partita, ma in evidenza si misero anche Grillo e Consolini oltre all’esperta Valentina Petrassi, leader di un gruppo di cui fa parte anche la ex viterbese Valentina Piroli. La squadra di coach Binella sta attraversando un periodo negativo e, nel girone

Cristina Baiocco di ritorno, ha ottenuto una sola vittoria a fronte di cinque sconfitte; arriverà dunque a Viterbo per invertire la tendenza mentre la Defensor ha come obiettivo quello di allungare la striscia di successi casalinghi e confermare il suo ottimo rendimento al PalaMalè. Non sarà però un’impresa semplice, considerando che il turno di sosta non ha consentito affatto di recuperare una buona condizione fisica ma è stato anzi caratterizzato da una

lunga serie di problemi; coach Carlo Scaramuccia non ha praticamente mai potuto allenare la squadra al completo, con Baiocco alle prese con l’influenza che sarà quasi certamente out per la sfida contro Siena. Febbre altissima anche per Bonafede che però dovrebbe recuperare in tempo, come Richter che ha ripreso ad allenarsi e sarà tra le dieci a referto. Probabile turno di stop anche per Marini che accusa una leggera contrattura alla coscia sinistra e dovrebbe essere tenuta a riposo. Difficile però sapere in anticipo quali saranno le scelte di coach Scaramuccia che vuole aspettare fino all’ultimo prima di prendere una decisione. La palla a due è in programma alle 19 e la direzione di gara sarà dei signori Stefano Pani di San Gavino Monreale e Alessandro Pais di Porto Torres. Le gare di oggi: OrvietoNapoli, Ragusa-Alcamo, Chieti-Termo La Spezia, Ancona-Battipaglia, Risorse La Spezia-College Italia, Firenze-Rende. Riposerà la Romasistemi Pomezia.

BASKET UNDER 19 FEMMINILE - Primo posto vicino

Junior Ants perfette Anche l’Athena cede A ncora è presto per gridare vittoria, ma certo è che le Junior Ants sono veramente ad un passo dal primo posto nel girone regionale under 19. L’obiettivo dichiarato di inizio stagione, vale a dire la quali�cazione alle �nali nazionali, passava anche attraverso il primo posto nel Lazio che, a meno di sorprese, dovrebbe riservare un girone interzona più semplice. Questo traguardo del primo posto è ora vicinissimo grazie al 66-59 sul parquet dell’Athena Roma, contro l’avversaria più pericolosa del girone e al termine di una gara che è andata avanti per tutto il primo tempo sui binari dell’equilibrio. Le gialloblù, infatti, hanno chiuso avanti di due lunghezze i primi dieci minuti (11-13) ma le romane hanno recuperato questo mini divario nel secondo periodo,

BASKET A1 MASCHILE - Designati Tola e Aronne BASKET UNDER 17 MASCHILE - Città Futura domina l’ultimo quarto

Doppio arbitraggio viterbese per la sfida Milano-Sassari

Stella beffata nel finale

CITTA’ FUTURA 73 STELLA AZZURRA VT 62 (19-15) (40-36) (45-53) Citta’ Futura Roma: Valtorta 3, Perilli 6, Palumbo 2, Frau 11, Leurini, Senni 7, Salvan 3, Petracca, Damba, Graziosi 4, Pasquini 4, Rosi 33. All: Francesco Russo Stella Azzurra Viterbo: Paolocci 6, Ciriello 2, Baldelli 13, Piazzolla, Veleno 4, Rocchetti, Caniello 18, Ripamonti 17, Marsili 2. All: Ferri Arbitro: Mastroddi di Roma Luciano Tola

Emanuele Aronne

ra già accaduto il 7 novembre 2010, a Treviso, quando la Benetton aveva affrontato Varese ed erano stati gli ospiti a vincere. Accadrà nuovamente domenica, questa volta a Milano, quando l’Armani Jeans di coach Dan Peterson riceverà la visita di una Dinamo Sassari decisamente rilanciata dal sorprendente +20 ottenuto a Biella. Nella terna arbitrale per il match tra Milano e Sassari saranno presenti entrambi i

�schietti viterbesi attualmente in organico al massimo campionato nazionale di basket, vale a dire Luciano Tola ed Emanuele Aronne. Accanto a loro, per completare la terna, ci sarà la grande esperienza e l’af�dabilità di Luigi Lamonica, senza dubbio uno degli arbitri migliori e non solo a livello nazionale. La gara è in programma domenica alle 18,15 e vale per la quinta giornata del girone di ritorno. (ga)

E

S

con�tta per la Stella Azzurra under 17 nella prima giornata di ritorno del girone B del campionato open. Scesa sul campo del Città Futura priva di Carra e Sera�ni e con in panchina il debuttante ‘96 Piazzolla, la squadra biancoblù si è ben disimpegnata cedendo solo nel �nale. Già nel primo quarto si sono viste azioni veloci e scorrevoli, con i romani più bravi nell’organizzare e �nalizzare alcuni contropiedi e con la Stella che con Caniello e Ripamonti riesce a battere il pressing avversario e penetrare nella difesa ospite, spes-

so costretta al fallo che manda i due viterbesi in lunetta con buone percentuali di realizzazione. Secondo quarto e la Stella comincia ad avere qualche problema di falli con Baldelli, Ripamonti e Marsili mentre uno straripante Rosi per il Citta’ Futura �nalizza buone penetrazioni con la coppia di lunghi Baldelli-Paolocci che ha il predominio nel pitturato sia in fase offensiva che soprattutto in quella difensiva. Si va al riposo con ancora i romani sopra di 4 lunghezze. Terzo quarto e i coach mischiano le carte, alla box and one su Ripamonti di coach Russo risponde coach Ferri con una 2-3 intenta a limitare i falli di Baldelli e Marsili. La partita scende di ritmo con i romani che sbagliano molto al tiro e i rimbalzi sono preda del duo Baldelli-Paolocci. Ripamonti è ben controllato ma apre spazi per Caniello e Veleno e, con buone giocate, passa in vantaggio. Con Ripamonti in panchina a tirare il �ato è Caniello che con Baldelli incrementa il vantaggio per gli ospiti che chiudono il quarto avanti di 8 e il rammarico

di Ciriello che spreca due liberi e un facile contropiede. Coach Ferri perde per tutto il quarto prima Baldelli e poi Marsili per falli mentre Rosi ricomincia a segnare. Ultimo quarto e come successo con lo Smit, la Stella comincia ad accusare la stanchezza, la perdita di Baldelli risulta essere determinante e il Città Futura prima impatta il risultato e poi sempre con il solito Rosi passa in vantaggio per incrementare il vantaggio �no al 74 a 63 �nale. L’ultimo parziale di quarto è di 28 a 9 per i romani che meritatamente vincono la partita comunque piacevole e corretta arbitrata in maniera incerta da un arbitro che da solo ha fatto quello che poteva e comunque aiutato dal comportamento sportivo di atleti e coach .. Prossimo impegno per i ragazzi di Lillo Ferri sabato 26 tra le mura amiche contro l’imbattuta Palocco, capolista solitaria. Partita sulla carta proibitiva per Veleno e compagni che orfani ancora di Carra, cercheranno di rendere vita dif�cile all’ottima formazione romana.

Selena Marini tornando negli spogliatoi per la pausa lunga con la situazione in perfetta parità sul 28-28. Il terzo periodo è stato quello che ha lanciato il quintetto di Carlo Scaramuccia verso la vittoria; la difesa ha letteralmente chiuso la via del canestro all’Athena, costretta ad accontentarsi di soli nove punti segnati, mentre in attacco la squadra ha saputo distribuire molto bene le responsabilità come dimostrano le tre giocatrici in doppia cifra con altre due atlete a nove punti. Le Ants non si sono accontentate del +8 di �ne terza frazione (37-45) ma hanno continuato a spingere, ben sapendo che anche la differenza canestri potrebbe pesare nel caso di arrivo a pari punti in classi�ca. Il team viterbese ha infatti giocato un quarto periodo di sostanza e concentrazione �n quasi alla �ne, peccando però nelle battute decisive quando ha accelerato qualche conclusione di troppo e, soprattutto, ha commesso alcuni falli evitabili che hanno fruttato tiri liberi preziosi per le padrone di casa. Dal +14 il vantaggio si è dimezzato alla sirena conclusiva, ma la squadra ha comunque portato a casa un successo fondamentale per il prosieguo della stagione. Questi i punteggi individuali delle gialloblù: Marini 16, Gasbarri ne, Del Citto ne, Di Battista 12, Ferrillo 4, Balestri 9, De Sanctis 9, Badini 1, Sera�ni 3, Romagnoli 12. Lunedì prossimo le Junior Ants torneranno in campo, alle 19 a Tarquinia, contro il Guidonia, alla ricerca della quarta vittoria nella seconda fase.


� �

sport

SPORT

p

14

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

CALCIO SERIE D

La Viterbese del futuro prende forma Prevista per oggi l’attesa conferenza stampa in cui verrà ufficializzato il ‘matrimonio’ con lo studio Canovi

D

imenticate Camilli, dimenticate soprattutto Maggini, lasciate da parte le polemiche degli ultimi giorni, la Viterbese del futuro sta prendendo forma. Oggi pomeriggio presso la sala conferenze dello stadio Enrico Rocchi la dirigenza gialloblù riunita al gran completo uf�cializzerà l’inizio della collaborazione tecnica con lo studio Canovi, ovvero quello dello stimato procuratore nonché avvocato Dario Canovi. Un acquisto davvero col botto per il club di via della Palazzina, forse il migliore della gestione Fiaschetti. Il presidente gialloblù ha voluto tutti a raccolta in una giornata che sicuramente riserverà non poche sorprese per i tifosi della vecchia leonessa. Senza alcun dubbio, dal punto di vista prettamente societario, l’attento imprenditore di Corchiano ha elaborato una strategia vincente che possa permettere alla Viterbese di crescere dal punto di vista tecnico ed allo stesso tempo di superare intoppi tuttora in corso come il famoso scioglimento della Terra dei Papi srl (una vicenda tuttora poco chiara che nei prossimi mesi cercheremo di analizzare, ndr). Il presente, con il solo Cadeddu out per infortunio e il �n qui impalpabile Testa al posto dello squali�cato Gay per la gara col Selargius, impone il massimo impegno a Scoppetta e soci, mentre il futuro, grazie alla collaborazio-

CALCIO GIOVANILE - Il 28 febbraio e il 1° aprile raduni a San Martino

Pianoscarano-Lazio due giornate di festa G

rande lavoro in casa Pianoscarano per preparare la due giorni della prossima settimana con i raduni in collaborazione con la Lazio che si effettueranno presso il campo sportivo del Sasso Daddeo di San Martino al Cimino. Thiago Motta: non è l’ultimo acquisto gialloblù, ma il giocatore che ha scelto l’avv. Dario Canovi come proprio procuratore ne con persone che masticano calcio - quello vero, con la ‘C’ maiuscola - appare un po’ più radioso rispetto ai lamenti di chi non riesce a digerire i magri risultati successivi alla dannata retrocessione nel Purgatorio dei Dilettanti. La speranza dei viterbesi è che tutta la carne messa al fuoco nelle ultime settimane, come l’ingresso in società di una decina di imprenditori del posto (addirittura si vociferavano già le cifre: 20mila Euro a testa per ognuno dei dieci=200mila Euro a disposizione del club per consentire un �nale di stagione ottimale e magari presentare pure la

domanda per il ripescaggio o l’acquisizione di un titolo in Lega Pro, ndr) non si riveli l’ennesimo spargimento di fumo verso occhi che non hanno più lacrime da piangere. Senza dubbio su via della Palazzina saranno puntati molti ri�ettori. Quando questi se ne andranno, però, in campo resterà una squadra che �n qui non è mai decollata e sugli spalti si rivedranno le facce di sempre, quelle di tifosi che sono stati presi in giro tante, troppe volte dagli smaliziati presidenti di turno. E’ il tempo di tirar fuori qualcosa di concreto dal cilindro. Il mago Fiaschetti ci riuscirà? (ef)

LUNEDI’ 28 FEBBRAIO Appuntamento alle 15 con i raduni per i nati dal 1° gennaio del ‘95 al 31 dicembre del ‘96. E sarà una bella occasione per fare esperienza non solo per i giovani calciatori del Pianoscarano ma anche per tutti coloro che sono stati invitati dalla società rionale in ambito provinciale e di oltre con�ne visto che hanno già dato la loro adesione atleti di Federico Mosconi, Ciconia, Orvietana, San Gordiano e tanto per citare alcune delle provinciali Vigor Acquapendente, Virtus Pilastro, Corchiano Gallese, Vignanello, Sorianese, Ischia di Castro, Pol. Real Azzurra Grotte di Castro e altre ancora.

MERCOLEDI’ 1° MARZO E’ in programma la seconda giornata dei raduni in questo secondo giorno riservati a coloro che sono nati dal 1° gennaio del 1997 al 31 dicembre del 1998 e anchein questo caso sono molte le adesioni da parte delle società contattate dal Pianoscarano. Si calcola che in questa due giorni oltre 150 atleti avranno l’opportunità di cimentarsi e di vivere una bella eperienza che va vissuta come una occasione di cimentarsi in un qualcosa di nuovo. Se poi verrà messa una x sulla scheda di qualcuno per poter essere rivisto tanto

CALCIO 1ª CATEGORIA RECUPERI - Oggi altre due sfide, poi mercoledì 2 marzo l’ultimo atto

Ostacoli derby per le accelerate di Ischia di Castro e Canepina

L’undici di Gasperini nella tana del Valentano Per i cimini di mister Proietti gara interna con la N. Sorianese

E

avanti si vada. Per sogna-

re il trionfo, per compiacersi della salvezza, per coronare i sogni che si inseguono. Eravamo arrivati strada facendo a ben 13 recuperi nel corso di questo “strano” campionato di Prima Categoria. Siamo adesso a - 3 ed oggi altri due atti dello scenario del mercoledì, in attesa dell’ultima recita in programma tra sette giorni esatti esatti quando si giocherà il confronto tra Virtus Pilastro e Canepina della seconda di ritorno. Oggi piattini forti per l’alta classi�ca e per la corsa alla salvezza con s�de dal sapre di derby sui campi di Valentano e Canepina.

Mimmi Gasperini (Ischia)

Tonino Onofri (Valentano)

Romano Floccari (N.Sorianese)

Paolo Proietti (Canepina)

VALENTANO ISCHIA DI CASTRO Cinque, sei chilometri di derby che mettono a confronto il Valentano del suo nuovo tecnico Tonino Onofri e la più attrezzata Ischia di Mimmi Gasperini che è reduce da sei successi e un pareggio che l’hanno portata sul gradino più alto della classifica. Così il tecnico dell’Ischia inquadra il confronto: “Gara che ha il suo fascino vista la sana rivalità tra i due centri limitrofi. Non siamo ancora al top ma stiamo bene e cercheremo un nuovo successo rispettando un avversario che già all’andata ci fece un bello scherzetto. Ma era la prima giornata e questa Ischia è ben

diversa da quella dello scorso 3 ottobre”. Formazione al completo? “Vedremo dopo l’ultimo allenamento di (ieri sera ndr) ritengo che non ci saranno grosse defezioni. Stanno quasi tutti bene, torna Talucci dalla squalifica e ci tengo a sottolineare la bontà di un gruppo formato da 20 titolari. Mai un mugugno, mai una lamentela con una società che ci sta vicino e non ci fa mancare assolutamente nulla. Andiamo avanti con serenità, non piangiamo mai sulle assenze, chi è a disposizione gioca”. Bel campionato, nnonostante la storia dei recuperi che un po’ l’ha bastonato. Chi vincerà? “Mancano ancora troppe partite, io mi auguro che

l’Ischia centri la promozione perchè è un obiettivo alla nostra portata ma la concorrenza è forte”. In casa Valentano la boccata d’ossigeno del successo contro il Pilastro è stata una mano santa e mister Onofri ed Aziz pur privi dell’ex Boninsegna cercheranno con una squadra combattiva di frenare lo slancio della più attrezzata avversaria. Pronostico: segno 2

del girone e che si è rilanciata alla grandissima con il successo di domenica scorsa a Latera. “Dobbiamo ripartire da quella prestazione - ci ha detto ieri pomeriggio mister Proietti - ultimamente abbiamo sofferto maggiormente contro le cosiddette piccole ma questo è un campionato dove puoi vincere e perdere con chiunque. Peccato per le assenze di Colinelli e Miralli che domenica non meritavano i cartellini rossi e spero d non dover fare a meno anche di Mancini. Boccolini e Incalcaterra hanno dei problemini fisici ma saranno del confronto e rientra nel gruppo anche Maculani. Temo la voglia di rivalsa del gruppo di mister Floccari che domenica

CANEPINA N. SORIANESE E’l’altro recupero odierno dove la posta in palio pesa tantissimo per un Canepina che con i due recuperi da effettuare è la leader virtuale

meglio ma siamo dell’idea che chi ha dei meriti effettivi strada facendo avrà poi la possibilità di potersi mettere in vista senza credere alla neve ad agosto o alle favole di Capuccetto Rosso. Un plauso quindi a tutto l’entourage del Pianoscarano per la grande molte di lavoro che in questi giorni sta svolgendo a livello di organizzazione e di programmazione del doppio evento e sin da ora un grosso in bocca al lupo a coloro che saranno presenti e che cercheranno di fare la loro bella �gura.

1ª CATEGORIA GROTTE DI CASTRO

40

ISCHIA DI CASTRO #

40

CANEPINA # #

39

CAPRANICA

37

LATERA

36

MONTE ROMANO

32

TUSCANIA BOLSENA

30

MONTALTO CALCIO

29

VIGNANELLO

24

VASANELLO

23

LUBRIANO

22

VALLERANESE

21

NUOVA SORIANESE #

18

VALENTANO #

17

V. PILASTRO #

12

A. TARQUINIA

10

# GARE DA RECUPERARE

scorsa a Vallerano ha giocato male ed ha interrotto un buon periodo. Ma hanno gente di valore come Gianola, Grieco, gli rientra Pellegrini e non è affatto un confronto semplice, a questo punto del campionato la differenza punti in classifica conta relativamente. Le motivazioni di chi vuole vincere sono le stesse di chi si si deve salvare. Andiamo avanti con umiltà e grande spirito di gruppo”. Pronostico: segno 1 agv


sport

SPORT

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

p

15

CALCIO NEWS

Virtus Marta giovanissimi, trionfo sulla Vigor con dedica Il pensiero dei boys di mister Sposetti va al dirigente Fabbiani, reduce da 4 mesi d’ospedale. Ok il Pilastro di Settimi a Bagnoregio Terza Categoria con il ruggito del ‘leone’ della Doc Gallese e la cronaca della vibrante sfida in cui il Sipicciano ha espugnato Montefiascone

N

ews e approfondimenti dal nostro calcio giovanile e dilettantistico.

GIOVANISSIMI PROVINCIALI OK LA VIRTUS MARTA Vittoria con dedica nel girone B dei Giovanissimi Provinciali per la Virtus Marta di mister Sposetti reduce dal successo per 2-1 contro la quotata Vigor Acquapendente. VIRTUS MARTA 2 VIGOR 1 Virtus Marta: Lombardi, D. Bracoloni, Fangar, Nassi, Flemma, Baroni, Fabbiani, Pacini, Tuccini, Federici, Nicolai. A disposizione: Marchetti, Giannetti, Cosimelli, Sposetti, P. Bracolani, Astol�, Lacchini. All: Sposetti Vigor Acquapendente: Alberelli, Spezzuti, Palombini, Del Segato, Pasquini, Magrini, Ronca, Ceccolungo, Bacchi, Bigerna, Peraino. A disposizione: Guerrini, Sartucci, Vichi, Sera�nelli, Cecio, Ceppari, Nardini. All: Sartucci La partita comincia con un Marta molto spumeggiante che prende le redini del gioco portando alla conclusione nella porta avversaria per due volte Tuccini con la palla che nella prima occasione esce di poco, nella seconda ben bloccata dall’attento portiere Alberelli. Dopo 15’ di supremazia locale, alla prima sortita la Vigor passa in vantaggio con una bellissima azione manovrata �nalizzata dal bravo Bacchi che batte l’incolpevole portiere locale. Da questo momento si assiste ad un’altra partita. La Vigor forte del vantaggio prende spirito di iniziativa e in pratica fa lei la partita �no alla �ne del primo tempo andando comunque alla conclusione sempre con il bravo Bacchi, ma il suo tiro è neutralizzato da un ottimo intervento di Lombardi. Il primo tempo �nisce 0-1 per la squadra ospite con un Marta che dopo un ottimo avvio, forse dmoralizzata dal gol e’ sembrata molto frastornata. Nel secondo tempo entra in campo un’altra squadra e non il team impaurito del primo tempo, infatti la Virtus Marta raggiunge il pari dopo soli tre minuti con ottima incursione di Giannetti che da pochi passi batte il portiere. Al 5’ espulsione giusta per il terzino Fangar che entra senza cattiveria

sull’avversario , ma in modo scomposto, Per lui secondo giallo e automatico cartellino rosso. ma la Virtus Marta non demorde e continua ad attaccare nonostante l’inferiorita’ numerica, e va in vantaggio al’ 12’ con Baroni con un colpo di testa. Nonostante il meritato vantaggio la Virtus attacca ancora a testa bassa mettendo alle corde la Vigor e raggiunge la terza rete ancora con Giannetti. Sulle ali dell’entusiasmo la Vigor colpisce una palo ancora con baroni. Girandola di sostituzioni e ancora Baroni su punizione colpisce la traversa,sulla respinta il subentrato Paolo Bracoloni paolo tira a botta sicura ma sulla riga ribatte un difensore. La partita �nisce con la giusta vittoria della squadra locale ma merito all’ottimo primo tempo della Vigor. c’e’ da dire che e’ stata una partita molto bella e ben giocata da entrambe le squadre , soprattutto giocata in maniera leale e molto sportiva, la direzione del direttore di gara e’ sembrata troppo �scale e troppo rigida forse l’unica nota negativa di una splendida giornata. Dedica - Alla �ne della partita i giocatori hanno voluto dedicare la vittoria ad Alessandro Fabbiani che dopo una degenza di 4 mesi all’ospedale dovuta ad un brutto incidente automobilistico ritornerà ad abbracciare i suoi ragazzi . GIOVANISSIMI PROVINCIALI LA VIRTUS PILASTRO TORNA AL SUCCESSO Ritorna al successo la compagine giovanissimi della Virtus Pilastro, che s’impone con il classico 2 a 0 sul Bagnoregio, consolidando così la terza posizione in classi�ca. BAGNOREGIO 0 VIRTUS PILASTRO 2 Bagnoregio: Franchi, Cintia S, Belcapo, Cavalloro, Zambonin, Cintia D, Artemi, Rastrello, Manea, Boi, Virgilio, Ferrari, Fordini, Abate, Bellini, Pietrasanta, Borrelli, Marchignani. All Burla Virtus Pilastro: Lattanzi, Bianchi, Casella, Addabbo, Floris, Villani (cap), Pastori, Papalini, Bernardini, Lupino, Geronzi, Cristiano, Grossi, Graziotti, Palladino, Settimi. All. Otello Settimi. Arbitro: Sig. Bronzetti Enrico della sezione Aia di Viterbo

La maglietta che i giocatori della Virtus Marta Giovanissimi provinciali hanno dedicato al proprio dirigente Fabbiani con la scritta “Sandro ri vogliamo bene”

Marcatori: p.t.al 20’ Berbardini; s.t 15’ Papalini I rionali vengono dalla deludente prestazione con il Montalto, che avrebbe potuto rilanciarli per la vittoria �nale, ed invece la netta scon�tta ha per il momento relegato i ragazzi di mister Settimi al terzo posto, un’onorevole posizione di classi�ca. Il Bagnoregio sembrava un ostico avversario, che all’ andata aveva fatto il colpaccio al Vincenzo Rossi, portando a casa sorprendentemente l’intera posta in palio. Per la cronaca, la partita inizia con gli ospiti protesi in avanti alla ricerca del vantaggio e padroni di casa che giocano di rimessa. Partita in mano agli ospiti che concretizzano la supremazia al 20’, con una punizione dalla destra di Bernardini, che s’insacca a �l di palo. Poca consistenza in avanti per i ragazzi di mister Burla, che però potrebbero pareggiare al 25’, quando Virgilio sorprende la difesa e solo davanti a Lattanzi manda fuori. Nella ripresa sempre supremazia ospite che numerose volte si fa pericolosa in area avversaria, mentre i padroni di casa calano �sicamente. Il raddoppio è opera di Papalini al 15’, che �nalizza in rete, una perfetta giocata di Geronzi. Altra ghiotta occasione al 19’ per Graziotti, che però è lento nel concludere e la difesa ha buon gioco. Quindi al 26’ occasione ancora per Bernardini, che lascia partire un bolide che s�ora la traversa. Poi è la volta ancora di Papalini al 29’, ma anche la sua conclusione è

Da sinistra: Casella, Bernardini e Addabbo della Virtus Pilastro Giovanissimi Provinciali

imprecisa. Bagnoregio che, come detto, cala �sicamente, e non riesce più ad impensierire la difesa ospite. Triplice �schio del signor Bronzetti consente ai ragazzi di mister Settimi di lasciare aperto uno spiraglio di aggancio al secondo posto: non a caso il prossimo impegno è con la capolista Sorianese, ultima chance d’altissima classi�ca a disposizione dei rionali. Tra i migliori in campo Bianchi, Papalini e Bernardini. I padroni di casa non sono stati mai in grado di impensierire gli ospiti, anche se in campo hanno cercato in tutti i modi di bissare il successo dell’andata; tra i migliori Virgilio, Zambonini e Artemi. Ottimo l’ arbitraggio del sig. Bronzetti della sezione di Viterbo. (Ra. Ger.) TERZA CATEGORIA GIRONE A: BENE LA DOC GALLESE CON IL RUGGITO DEL LEONE Continua la striscia di risultati positivi per il Doc Gallese, ormai sempre più realtà consolidata e vero top-team del Girone “A” del Campionato Provinciale di Terza Categoria. Questa volta i biancorossi di mister Quattrini, alla quarta vittoria esterna consecutiva, fanno bottino pieno in quel di Ronciglione contro l’ultima ma orgogliosa Vicus. Da salvare solo il risultato, vista la prestazione poco incisiva, ben al di sotto delle attese e agli standard cui avevano abituato capitan Pallozzi e compagni. Come dicevamo, i padroni di casa non vedono di buon occhio il ruolo,designato dal pronostico, di “vittime sacri�cali”. Giocano a viso aperto, senza timori reverenziali e soprattutto giocano per vincere. Rispondono all’iniziale vantaggio ospite di Ranfone e tengono botta per quasi tutta la partita a un Doc Gallese però cinico e spietato. Fino a pochi minuti dalla �ne, infatti, quando Quattrini getta nella mischia il proprio asso nella manica: quel Luca Savoia dato inizialmente tra i titolari, ma partito dalla panchina. E’ suo il tap-in vincente all’ 85’ su ribattuta del portiere avversario a un preciso colpo di testa, ancora di Ranfone, indirizzato sotto il sette. Gol facile ma gol da tre punti. Di gente che fa grandi reti ce n’è dovunque; i gol che contano

però li fanno i campioni veri. “Magic Box” Gibo Savoia, reduce da un periodo di leggero appannamento, con relative critiche a corredo, risponde da par suo con i fatti non con le chiacchiere; lui, vera anima, cuore pulsante di questa formazione. Troppo talento non può stare in un piumino da panchinaro. La s�da è ormai lanciata: “Il gol lo dedico a me stesso. Ora provate a fermarmi!”. A centrocampo tra i migliori Emiliano Mariani, ancora una prova magistrale fatta di lucidità, precisione e grinta per lui. Garanzia. Non punge Travaglini, sorvegliato speciale della difesa ronciglionese dopo le ultime ottime prestazioni, si rifarà. Con il pilastro Andrea Magrini squali�cato al centro della difesa, soffrono più del dovuto il fratello Alessandro Magrini e il suo sostituto Tronati, ma alla �ne se la cavano alla meglio con la giusta dose di caparbietà. La situazione di classi�ca vede ora i “galletti” al terzo posto, condiviso con il Las Vegas e a un punto dal Real Caprorola (una partita da recuperare per entrambe), con il Csl Soccer ancora lontano sei lunghezze. Sabato prossimo riposa il Doc Gallese, in attesa dell’attesissimo derby contro la Virtus Corchiano (all’andata terminato 1-1). Dice ancora Savoia: “ La pausa arriva al momento giusto, potremo ricaricare le batterie e prepararci al meglio per questa s�da importantissima. Dobbiamo per forza fare bene, proseguire questo buon momento e rimanere attaccati al treno delle prime”. (Emanuele Pace) TERZA CATEGORIA GIRONE B: SIPICCIANO ANCORA CORSARO REAL MONTEFIASCONE 2 SIPICCIANO 3 Real Monte�ascone: Brachino; Napoli, Rosauri; Trapè, Governatori, Gainnini; Rossi, Campagnola, Bellacima, Capotosto, Zena. All. Cerica A disp. Stendardi, Ambrosi, Sina, Ceccarelli, Ceccariglia. Sipicciano 3: Boffo; Convito, Rusi; De Santis, Agulli, Gigantipaci�ci; De Togni, Nardi, Burla, Cordoano, Marinetti. All. Di Pietro. A disp. Bellucci, Longo, Branco, Capocecera, Federici, Anzanetti, Cardoni.

Arbitro: Barletta di Civitavecchia Marcatori: Sina 32° pt e 44° st (M); De Santis 33° pt, Burla 35° pt e 94°(S). Espulsi: Bellacima (M); Convito (S). Una gara, comunque sentita, durante la quale tutte e due le formazioni hanno cercato di far propri i tre punti in palio. Il Sipicciano, formazione più squadra, ben organizzata a centro campo e ben impostata in difesa ha preso in mano le redini del giuoco anche se la formazione di Cirica, apparsa, come sempre, più disunita e meno armonica e molto scollata nei vari reparti, ha cercato di ribattere colpo su colpo con continui cambiamenti di fronte. In questo contesto i locali con Sina, subentrato pocanzi al posto di Zena al trentaduesimo del primo tempo portava in vantaggio i locali. Gli ospiti, per nulla intimoriti, dopo pochi minuti, al trentatreesimo, realizzavano, con De Santis, la rete del pareggio al termine di un’azione corale e pochi minuti dopo, al trentacinquesimo, con Burla, realizzavano la rete del vantaggio. Nella ripresa la gara si faceva più dura così il direttore di gara intorno al ventesimo mandava anticipatamente negli spogliatoi Bellacima e Convito e pochi minuti dopo mister Di Pietro. Si proseguiva ed erano i locali a fare giuoco mentre gli ospiti si limitavano ad azioni di rimessa forti del vantaggio. Così scorrevano via quasi tutti i minuti del tempo regolamentare, tuttavia al quarantaquattresimo, quando ormai la gara sembrava chiusa, i locali con un ottimo tiro di Sina, oggi in ottima vena, segnavano la rete del pareggio mentre il direttore di gara assegnava ben quattro minuti di recupero. Al novantatreesimo, penultimo di recupero, su azione di calcio d’angolo, il pallone colpiva il palo e Borletta, oggi poco in vena, con una direzione di gara mediocre assegna la rete agli ospiti che, così, si trovavano in tasca, gratuitamente, la terza rete, quella della vittoria. (P.B.) Nell’edizione di domani la pagina speciale di approfondimento sul campionato di Terza Categoria.

Luca Gibo Savoia in versione assist-man


� �

Il quadro completo di juniores allievi e giovanissimi provinciali I risultati e i recuperi

ALLIEVI A

sport

SPORT

p

16

ALLIEVI B

Viterbo & Lazio Nord

GIOVANISSIMI A

GIOVANISSIMI B

Mercoledì 23 Febbraio 2011

GIOVAN. FASCIA B

VIRTUS CIMINI

38

V. ACQUAPENDENTE

46

TOLFA ALLUMIERE

37

N. SORIANESE *

39

DLF CIVITAVECCHIA *

33

MANZIANA

38

CORNETO TARQUINIA

40

ACCORDIA ORIOLO

MONTEFIASCONE

35

34

SAN GORDIANO *

36

36

MONTALTO CALCIO #

CANALE MONTERANO

29

MONTEROSI

36

NUOVA SORIANESE

34

CANALE MONTERANO *

33

VIRTUS PILASTRO

33

TOLFA ALLUMIERE *

28

BARCO MURIALDINA

31

TUSCANIA BOLSENA

33

DLF CIVITAVECCHIA *

30

P.R.A. GROTTE DI CASTRO *

23

REAL MONTEROSI

27

TOLFA ALLUMIERE #

31

ETRUSCA

25

SANTA MARINELLA *

25

VIRTUS MARTA

22

C. FOGLIANESE * #

23

VIRTUS PILASTRO

26

LUBRIANO

25

VIGNANELLO

25

VIGOR ACQUAPENDENTE * #

20

BARCO MURIALDINA #

23

BLERA #

20

CANINESE

19

MAGLIANESE #

19

BAGNOREGIO * #

18

CORNETO TARQUINIA

22

REAL MONTEROSI

16

P. R. A. GROTTE DI CASTRO

18

VIRTUS CIMINI *

ISCHIA DI CASTRO #

GROTTE S. STEFANO

15

17

CIVITA CASTELLANA

14

12

16

SAN PIO X CALCIO TUSCIA

14

MONTALTO CALCIO

11

CORCHIANO GALLESE * #

9

CALCIO TUSCIA

12

C. RONCIGLIONE

16

FABRICA CALCIO 2010

13

A. TARQUINIA

9

CANEPINA

3

V. BOLSENA # *

6

TRE CROCI

7

ORATORIO GRANDORI

6

VULSINIA BOLSENA

6

BLERA

3

NUOVA BAGNAIA #

3

MANZIANA *

-1

ORATORIO VILLANOVA

-2

BASSANO IN TEVERINA

1

# DA RECUPERARE

* HANNO RIPOSATO

* HANNO RIPOSATO

* HANNO RIPOSATO

# DEVONO RECUPERARE

# DEVONO RECUPERARE

# DEVONO RECUPERARE

Vigor e Corneto allievi un 2-2 al calor bianco Aquesiani che restano primi con 6 punti sui tirrenici. Virtus Cimini e Manziana al comando nel girone A

I

l punto sui campionati di calcio giovanili provinciali dopo le sfide dello scorso fine settimana e i recuperi. JUNIORES Nello scorso week-end si sono giocate le sfide della quinta di ritorno. GIRONE A Tutto da copione con il successo che sarà a tavolino per la Compagnia Portuale contro il Vasanello che dopo gli incidenti dell’andata non si è recata a giocare a Civitavecchia e bene�cerà quindi del successo a tavolino. Un punto di penalizzazione per il Vasanello. Bene la Virtus Cimini (leader virtuale, avendo riposato) che ha vinto per 3-1 contro la F. Nepi e conferma del terzo posto del Blera di mister Scatena, 2-1 sul San Pio X e del quarto per il Capranica che vinceva 3-0 sul Monte Romano che ha lasciato il campo per un numero di giocatori inferiore a quello previsto dal regolamento. Ritorno al successo del 2001 Tuscia che ha battuto per 2-1 il Corchiano Gallese. Recupero - Sabato 26 febbraio alle 15 si giocherà il recupero tra Monte Romano e Corchiano Gallese. Prossimo Turno - Campionato in sosta che tornerà soltanto il 12 marzo con la sesta di ritorno: Bassano Romano-C. Portuale; Corchiano Gallese-Blera; M. RomanoV. Cimini; San Pio X-Capranica: Vasanello-2001 Tuscia. Riposerà la F. Nepi. GIRONE B Qui nella quinta di ritorno c’è stato il colpaccio del Montalto Calcio di mister Vigorosi che con la doppietta di Maccarini ha sbancato il campo della Virtus Pilastro al suo primo ko interno stagionale. Resta al comando la Vigor che ha osservato il riposo. Negli altri confronti della quinta di ritorno pareggio per 1-1 tra Barco Murialdina e Lubriano, successo per 2-0 della Caninese sull’Atletico Tarquinia. Altro 2-0 in Nuova Sorianese-Etrusca e divertente 4-3 tra Valentano e Tuscania Bolsena. Prossimo Turno - Anche qui tutto fermo sino al 12 marzo quando per la sesta di ritorno avremo: A. Tarquinia-Valentano; Lubriano-V. Pilastro; Montalto-Caninese; Tuscania Bolsena-N. Sorianese e VigorBarco. Riposerà l’Etrusca.

Negli juniores la doppietta di Maccarini fa volare il Montalto che rifila il primo ko casalingo alla Virtus Pilastro. Per il campionato dei giovanissimi Tolfa Allumiere regina del girone A e N. Sorianese padrona del B ALLIEVI Tutto il quadro dopo la terza di ritorno nei gironi A e B del campionato provinciale. GIRONE A Continua a volare la Virtus Cimini di mister Zega che ha battuto per 3-2 l’ex capolista Monterosi e balza al comando della classifica in compagnia del Manziana, corsara per 31 contro il San Pio X. Ottima prova del Calcio Tuscia che ferma sull’1-1 il Canale Monterano un po’ in flessione. Successo sofferto per il Barco Murialdina di Cremarossa che si impone 3-2 sul Blera, netto il 5-1 del Tolfa Allumiere ai danni del Real Monterosi, bel 3-0 della Virtus Pilastro sul Fabrica Calcio (nell’edizione di domani la cronaca del confronto) e nel derby del capoluogo successo per 2-0 dell’Oratorio Grandori di mister Caroleo contro il fanalino di coda Oratorio Villanova. Recupero - Oggi alle 15,30 è in programma il recupero tra Tolfa Allumiere e Blera. Prossimo Turno - Qui non è prevista la sosta e nel prossimo fine settimana squadre in campo per la quarta di ritorno. Sabato 26 febbraio avremo alle 15 Fabrica Calcio-Virtus

JUNIORES A

Cimini e Real Monterosi-Oratorio Grandori (a Mazzano). Domenica 27 febbraio alle 9 Monterosi-Tolfa Allumiere (a Mazzano), alle 9,30 Oratorio Villanova-San Pio X e alle 10,30 Blera-Calcio Tuscia e Manziana-Barco. Alle 11 si giocherà Canale Monterano-Virtus Pilastro. GIRONE B L’atteso big match tra Vigor Acquapendente e Corneto Tarquinia è finito 2-2 e risultato che fa un gran piacere alla Vigor regina del torneo che resta al comando con 6 punti di vantaggio sui tirrenici. VIGOR 2 CORNETO 2 Grande partita del Corneto che ferma fuori casa la capolista Vigor acquapendente fissando il punteggio sul 2 a 2. Partita ben giocata dagli ospiti che con un contropiede subiscono il gol dell’1 a 0. Circa 5 minuti dopo il gigante etrusco del Corneto Fabio Ingrosso, con un lob dalla tre quarti di campo insacca il pallone all’incrocio dei pali. Una sassata micidiale che lascia di stucco l’incolpevole estremo difensore avversario. I padroni di casa si riportano in vantaggio su rigore,

JUNIORES B

COMP. PORTUALE

34

VIGOR ACQUAPEND. *

28

VIRTUS CIMINI *

33

VIRTUS PILASTRO

27

BLERA

28

MONTALTO *

26

CAPRANICA *

27

N. SORIANESE *

24

FORTITUDO NEPI

21

LUBRIANO *

23

SAN PIO X

20

CANINESE

23

2001 TUSCIA

20

BARCO MURIALDINA

21

VASANELLO *

16

ATLETICO TARQUINIA

20

CORCHIANO GALLESE * #

9

TUSCANIA BOLSENA

13

BASSANO ROMANO

7

VALENTANO *

11

MONTE ROMANO * #

0

ETRUSCA

6

* HANNO RIPOSATO # DEVONO RECUPERARE

* HANNO RIPOSATO

pareggio del centrcampista ospite Favetta che di testa firma il gol del pareggio dopo una serie di azioni sototto porta dei padroni di casa. E’ un pari che alla lunga lascia l’amaro in bocca agli uomini del mister Smeraglia che ai punti avrebbero meritato qualcosa di piu’. Alla fine della partita malgrado la gara tiratissima grande fair play tra i protagonisti. Negli altri match della terza di ritorno bene il Montefiascone che ha battuto per 3-1 il fanalino di coda Bassano in Teverina, confermando il suo terzo posto, divertente pareggio per 3-3 in Nuova Sorianese-Pol. Real Azzurra Grotte di Castro, l’Etrusca si è imposta per 1-0 sull’Atletico Tarquinia, successo esterno del Montalto per per 2-1 sul Vulsinia Bolsena e resta in corsa per il terzo posto finale il Tuscania Bolsena si mister Salta che ha battuto per 2-1 la Caninese (nell’edizione di domani l’ampia cronaca di questo confronto), Ed ecco lo score del successo del Montefiascone. MONTEFIASCONE 3 BASSANO IN TEV. 1 Montefiascone: Mocini; Torri, Burla; Ciatoni, Napoletano, Lilli; Stefanoni, Lampitelli, Esperti, Stoskovic, Manghino. All. G. Pasquini. A disp. Sbarra, Sciamanna, Santoro, Lozzi, Pierangeli. Bassano in Teverina: Colatildini; Coluccia, Darwish; Butjnic, Varga, Venditti, Dionisi, Benella, Botti, Merlani, Nevi. All. G. Abati. A disp. Mencarelli, Rossi, Arbitro: V. Boccia di Viterbo. Marcatori: 8° e 24° st Stoskovic, 19° st Stefanoni (M); 11 st Botti(Bt). Le due formazioni sono scese in campo ben determinate per la conquista dell’intera posta in palio, ma la supremazia dei locali, anche se un po’ lenti e dal giuoco farraginoso con troppi personalismi, è apparsa subito evidente. La prima frazione di giuoco, svoltasi quasi tutta al centro campo con squadre molto corte ma pronte a spingersi in area nemica con azioni veloci, è scivolata via senza reti. Nella ripresa i locali di mister Pasquini sembravano più determinati così all’ottavo sono andati in rete con Stoskovic. Gli ospiti per nulla intimoriti si proiettavano in avanti ed, all’undicesimo, realizzavano la rete del pareggio con il centravanti Botti. A questo punto il giuoco si vivacizzava con continui cambiamenti di fronte e su un azione corale e manovrata, i locali, al 19, andavano a rete con

Fabio Ingrosso del Corneto Stefanoni portandosi di nuovo in vantaggio. A questo punto gli ospiti accennavano ad un cedimento ed i locali, al 24’ andavano di nuovo a rete con Stankovic che realizzava così una doppietta portando a tre il bottino delle reti. Bottino che poteva essere più pingue se Stefanoni, Esperti e Lilli non avessero mancato tre ghiotte occasioni veramente favorevoli. (Pietro Brigliozzi) Prossimo Turno - Anche qui si gioca nel prossimo fine settimana. Sabato 26 febbraio alle 15 Bassano in Teverina-Grotte S. Stefano; Corneto-Etrusca e Pol. Real Azzurra Grotte di Castro-Vigor. Domenica 27 febbraio alle 10 Montalto-Montefiascone, alle 10,30 Lubriano-N. Sorianese e alle 11 Atletico Tarquinia-Tuscania Bolsena e CanineseVulsinia Bolsena. GIOVANISSIMI Il punto dopo i match della quinta di ritorno e che precedono la lunga sosta. GIRONE A Resta in vetta il Tolfa Allumiere che dopo il successo nel recupero con il Canale Monterano è stato corsaro a Canepina per 4-0. Restano in corsa per il successo finale l’Accordia che ha battuto la Maglianese per 4-2, lo stesso Canale Monterano che ha battuto il Blera per 2-0 e il Dlf Civitavecchia corsaro con il Corchiano Gallese per 3-1. Successo esterno per 3-1 della Virtus Cimini sul Vignanello. Ha riposato il Santa Marinella. Recuperi - Ne manca solo uno tra Maglianese e Corchiano Gallese che si giocherà venerdì 4 marzo. Prossimo Turno - Così alla ripresa tra il 12 e 13 marzo per la sesta di ritorno: Blera-S. Marinella; Civitavecchia-C. Monterano; Maglianese-Canepina; Tolfa Allumiere-Vi-

gnanello e Virtus Cimini-Corchiano Gallese. Riposa l’Accordia. GIRONE B Campionato in discesa per la regina N. Sorianese di mister Masini che ha avuto vita facile nel 6-2 interno contro il Calcio Tuscia. Per i cimini sono 5 i punti di vantaggio sul Montalto che ha battuto per 5-1 la N. Bagnaia. Terzo posto della Virtus Pilastro corsara a Bagnoregio per 2-0 (servizio nella pagina accanto). L’Ischia di Castro ha battuto per 3-2 il Vulsinia Bolsena e 2-1 della Virtus Marta sulla Vigor (servizio a pagina 15). Ha riposato il Grotte di Castro. Recuperi - Sabato 26 febbraio alle 15,30 avremo Ischia di CastroN. Bagnaia e alle 16 Montalto-Bagnoregio. Domenica 27 febbraio recupero tra Vigor e Vulsinia Bolsena. Prossimo Turno - Alla ripresa tra il 12 e 13 marzo si giocheranno: Pol. Real Azzurra-Grotte di CastroIschia di Castro; N. Bagnaia-Bagnoregio; Vigor Acquapendente-Montalto; Virtus Pilastro-Sorianese e Vulsinia Bolsena-V. Marta. Riposerà il Calcio Tuscia. GIOVANISSIMI FASCIA B Quinta di ritorno nel segno delle squadre di alta classifica. Il Dlf Civitavecchia ha battuto per 3-1 il Ronciglione, successo per 3-2 del San Gordiano a Civita Castellana, il Tolfa Allumiere ha vinto a Tre Croci per 3-2 e e il Real Monterosi si è imposto per 1-0 sul Corneto. Ha riposato il Manziana. Posticipata a sabato 26 febbraio alle 15,30 la gara tra Foglianese e Barco. Prossimo Turno - Così alla ripresa tra il 12 e 13 marzo: C. Ronciglione-Foglianese; Corneto-Dlf Civitavecchia; Manziana-Tre Croci; San Gordiano-Real Monterosi e Tolfa Allumiere-Civita Castellana. Riposa il Barco. (agv)


� �

sport

SPORT

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

p

AMATORI A

Risultati classifiche e decisioni del giudice sportivo

La squadra del Bassano Romano

AMATORI B

17

AMATORI C

S. AGOSTINO AURELIA #

37

BASSANO ROMANO #

30

VIRTUS ACQUAPENDENTE

35

ASA ALLUMIERE

37

AMATORI CAPRANICA *

28

VALENTANO

31

AMATORI TOLFA

33

A- VETRALLA

28

AURORA PIANSANO

25

TREVIGNANO #

30

AURORA VITERBO #

27

AMATORI MONTEFIASCONE

24

ATLETICO FALISCO

24

27

N. S. FAUSTINO 2010

ANONIMA BRACCIANO #

22

POL. SEVAS

25

FULGUR TUSCANIA

22

TREVIGNANO

23

VIGNANELLO

25

ETRUSCA CAPODIMONTE #

19

REAL CANALE

18

VEJANESE #

21

V. CALCIO BOLSENA

18

MONDO NUOVO

18

STELLA AZZURRA *

15

ISCHIA DI CASTRO *

13

FC ORIOLO

12

ATLETICO VITERBO

12

PIANETA GIUSTIZIA VT #

13

REAL TARQUINIA

12

DEPORTIVO CIVITONICO #

11

TORRESE * #

12

ACCORDIA ORIOLO #

11

SAN FAUSTINO *

11

VIRTUS ,MARTA

12

SASSACCI #

N. PESCIA ROMANA #

8

0

9

VOGLIA C. TARQUINIA

# DEVONO RECUPERARE

* HANNO RIPOSATO

* HANNO RIPOSATO

# DEVONO RECUPERARE

# DEVONO RECUPERARE

V. Acquapendente-Valentano, duello infinito Nel girone A stop forzato per il S. Agostino Aurelia, ne approfitta l’Al umiere. 2-2 nel derby Aurora-Sevas

T

utto il quadro dei tre gironi del campionato amatoriale del Centro Sportivo Italiano. Nel girone A nello scorso �ne settimana si sono giocati i confronti della quinta di ritorno, nei gruppi B e C i match della terza di ritorno. Ed ecco come è andata. GIRONE A La gara tra la capolista S. Agostino Aurelia e l’Accordia Oriolo non è stata disputata in quanto la formazione dell’Accordia Oriolo è stata impossibilitata di raggiungere il luogo della gara a causa di un incidente stradale come certi�cato dalla Polizia Locale di Oriolo Romano. Il confronto dovrà quindi essere recuperato. E momentaneamente ne ha appro�ttato l’Asa Allumiere che vincendo per 5-1 sul campo della Voglia di Calcio raggiunge in vetta il Sant’Agostino che ovviamente ha una partita in meno. Si conferma al terzo posto l’Amatori Tolfa con il netto 5-1 ai danni della Real Tarquinia. Negli altri match vittoria esterna del Mondo Nuovo per 3-1 contro il Real Canale e vincono in trasferta anche il Trevignano corsaro per 2-1 a Monte Romano e l’Anonima Bracciano che ha vinto per 2-1 sul terreno della Fc Oriolo. Da Recuperare - Due sono i match da recuperare nel girone A. La s�da tra Trevignano e Anonima Bracciano che si giocherà domani alle 20 al campo di Trevignano e il confronto ancora da �ssare tra S.Agostino Aurelia e Accordia Oriolo. IL GIUDICE Queste invece tutte le decisioni del giudice sportivo sui confronti della quinta di ritorno. Ammonizioni : Minati Daniel, Santecchi Roberto (A.C.

Tolfa) – Testaguzzi Massimiliano (Real Tarquinia) – Pontuali Marco, Rossi Ivan (F.C. Oriolo) – Scotti Roberto (A. Bracciano) – Ferrari Paolo, Pasquali Vittorio,D’Aiuto Giulio (Real Canale) – D’Angelo Davide, Lancini Marco (Comunità M.N.) – Mariani Fabio, Fiorelli Liberto (Monte Romano) – Trabacchino Gabriele, Speranzini Pietro, Simeoni Pietro, Talanas Mattia, Zumbé Fabio (Trevignano) – Grilli Marco, Tirabassi Fabio (Voglia di Calcio Tarquinia) – Verbo Luca (Asa Allumiere) Squali�che: Baldini Mauro (A.C. Tolfa)Fino al 20/03/2011 aspetti rissosi verso l’avversario; Soccorsi Fabio (FC.Oriolo) 1 gg. offesa all’arbitro. Scotti Roberto (A. Bracciano)1 gg. quarta ammonizione; Fiorelli Liberto (Monte Romano) 1 gg. quarta ammonizione. Tirabassi Fabio (V. C. Tarquinia) 3 gg. quarta ammon.ne e fallo su avversario. Multe: € 5.00 una giornata di squali�ca (Oriolo – A. Bracciano – Monte Romano); € 15.00 tre giornate di squali�ca (Voglia di Calcio Tarquinia); € 20.00 squali�ca (Tolfa) GIRONE B Questo invece il quadro completo per la terza di ritorno nel gruppo B. Conferma il suo momento non brillantissimo il Bassano Romano fermato in casa sullo 0-0 dall’Atletico Falisco. Tra le inseguitrici ne appro�tta soltanto il team dell’Amatori Vetralla che ha battuto per 10 la Stella Azzurra. L’Aurora Viterbo è stata fermata sul 2-2 nel derby casalingo contro la Pol. Sevas e nel derby successo per 2-0 del San Faustino contro l’Atletico Viterbo. Ha riposato l’Amatori Capranica. Non si

GIRONE A 6ª RITORNO 26-27/02/2011

sono disputati i confronti tra Vignanello e Sassacci e Vejanese-Deportivo Civitonico. Da recuperare - Qui sono tre le s�de da recuperare. Il match tra Vejanese e Deportivo Civitonico si recupera domani alle 19 al campo di Vejano. La s�da tra Aurora Viterbo e Bassano Romano del girone di andata verrà recuperata il prossimo 9 marzo alle 20,30 presso il Comunale “Sasso Daddeo” di San Martino al Cimino. Da stabilire il recupero del match tra Vignanello e Sassacci. IL GIUDICE Ecco le sanzioni del giudice sportivo sui confronti della terza di ritorno. Ammonizioni : Celkavaja Edmond, Arfaovi Alì (Vetralla) – Arduini Ilario (Stella Azzurra) – Fantini Federico, (Bassano Romano) – Stofolani Jacopo, Orlandi Patrizio, Santini Giulio (At. Falisco) – Casagrande Sergio, Bertini Andrea, Paolucci Stefano (Aurora VT) – Nieto Mendez Norbey, Pastori Christian (Pol. Sevas) – Marziali Patrizio, Kruezi Besmir (S. Faustino) – Boi David (Atletico VT). Squali�che: Corinti Mauro (Aurora VT). Fino al 03/04/ 2011 colpiva l’avversario+ frase blasfema e ripetute offese all’arbitro. Ray Munoz David (Pol. Sevas) 2 gg. colpiva un avversario con un calcio. Ammende: € 10.00 due giornate di squali�ca (Pol. Sevas); € 30.00 squali�ca (Aurora VT) GIRONE C Conferme delle battistrada Virtus Acquapendente e Valentano nella terza di andata del girone di ritorno. La Virtus Acquapendente si è imposta per 2-1 nella non facile gara inter-

na contro la Fulgur Tuscania. Replica del Valentano corsaro per 1-0 sul terreno del fanalino di coda della Nuova Pescia Romana. Frenata dell’Aurora Piansano fermato in casa sullo 0-0 dalla Virtus Calcio Bolsena, recupera posizioni l’Amatori Monte�ascone che ha vinto nettamente per 6-0 contro la Torrese. Negli altri match momentaccio della Nuova San Faustino 2010 che dopo il �op interno contro l’Ischia di Castro della scorsa settimana ha perso per 3-2 nella trasferta contro l’Etrusca Capodimonte e goleada del Pianeta Giustizia Viterbo che si è imposto a Marta per 5-1. Ha riposato l’Ischia di Castro. Da recuperare - Due le gare da recuperare. Pianeta Giustizia Viterbo-Etrusca Capodimonte verrà recuperata il 2 aprile alle 14,30 presso il Comunale “Sasso Daddeo” di San Martino al Cimino. Da �ssare la data del recupero del match tra Torrese e Pescia Romana. IL GIUDICE Queste tutte le sanzioni disciplinari. Ammonizioni: Galli Federico, Lucchi David (V. Acquapendente) – Fiaschi Francesco, Liberati Leopoldo, Giordan Alessandro, Napoli Vittorio, Mencini Roberto, Italiano Antonio (F. Tuscania) – Calandrelli Roberto, Vento Fabio, Falbo Dario, Stendardi Federico (N. Pescia Romana) – Porroni Gianluca (S.S.D. Valentano) – Ranucci Mirko, Lucci Francesco, Ciuchini Simone (A. Piansano) – Lupino Claudio, Lolli Massimo, Briscia Manolo, Dottarelli Fabrizio (V..C. Bolsena) – Patrizi Angelo, Quattranni Federico, Natali Massimo, Rocchi Alessandro, Grabolu Eugenio (V. Marta) – Marcoccia Luca (Pianeta Giustizia Viterbo) – Parri Augusto,

GIRONE B 4ª RITORNO 26-27/02/2011

La formazione della Virtus Acquapendente capolista nel girone C Lattanzi Massimiliano (Etrusca Capodimonte) – Ingenito Roberto (N. San Faustino). Squali�che: Lucchi David (V. Acquapendente) 1 gg. quarta ammonizione; Pepe Maurizi (V. Acquapendente) Fino al 6/03/2011 proteste. Liberati Leopoldo (F. Tuscania) 1 gg. quarta ammonizione; Giordan Alessandro (F. Tuscania)1 gg. quarta ammonizione. Vento Fabio (N. Pescia Romana) 1 gg. quarta ammonizione; Patrizi Angelo (V. Marta)1 gg. espressione irriverente nei confronti della Divinità. Marcoccia Luca (Pianeta Giustizia Viterbo)1 gg. quarta ammonizione. Ammende: € 5.00 una giornata di squali�ca (N. Pescia Romana – V. Marta – P.G. Viterbo); € 10.00 due giornate di squali�ca (Tuscania); € 15.00 tre giornate di squali�ca (Acquapendente) NOTIZIE UTILI DAL CSI Ecco alcune notizie di approfondimento per l’attività del Centro Sportivo Italiano. OMOLOGAZIONE La gara con omologazione sospesa per reclamo nel precedente turno del girone B viene

omologata con il risultato conseguito in campo di : Atletico Falisco – Vignanello = 3 - 2 VARIAZIONE ORARIO La gara del prossimo turno del girone B tra Amatori Capranica e Amatori Vetralla verrà disputata alle ore 15.00 anziché le ore 17.30 presso il campo comunale di Capranica. RECLAMO NUOVA S. FAUSTINO Il giudice unico, visto il preannuncio di reclamo relativo alla gara Nuova San Faustino – Ischia di Castro del 12/02/2011 e il successivo ricorso scritto consegnato a mano presso il Comitato Prov.le C.S.I. di Viterbo il giorno 16/02/2011; visto l’art. 52 “Sport in Regola” ; visto l’art. 59 del regolamento campionato calcio dilettanti ritiene inammissibile l’impugnazione della gara sopra citata da parte della Soc. Nuova San Faustino per la seguente motivazione: mancato invio alla controparte della copia de reclamo, pertanto la suddetta gara si ritiene omologata con il risultato ottenuto in campo: Nuova San Faustino 2010-Ischia di Castro 0-3. agv

GIRONE C 4ª RITORNO 26-27/02/2011

TREVIGNANO - S. AGOSTINO AURELIA (and. 0-0)

POL. SEVAS - SAN FAUSTINO (and. 2-1)

ISCHIA DI CASTRO - CAPODIMONTE (and. 0-0)

ACCORDIA ORIOLO - TOLFA (and. 2-3)

ATLETICO FALISCO - AURORA VT (and. 1-2)

N. SAN FAUSTINO - PESCIA ROMANA (and. 2-1)

REAL TARQUINIA - VOGLIA DI CALCIO (and. 1-1)

SASSACCI - BASSANO ROMANO (and. 0-3)

VALENTANO - VIRTUS ACQUAPENDENTE (and. 0-0)

ASA ALLUMIERE - FC ORIOLO (and. 2-2)

DEP. CIVITONICO - VIGNANELLO (and. 1-2)

F. TUSCANIA - AURORA PIANSANO (and. 2-0)

AM. BRACCIANO - REAL CANALE (and. 2-1)

STELLA AZZURRA - VEJANESE (and. 0-1)

V.C. BOLSENA - VIRTUS MARTA (and. 2-2)

MONDO NUOVO - MONTE ROMANO (and. 1-0)

CAPRANICA - VETRALLA (and. 1-0)

PIANETA GIUSTIZIA - A. MONTEFIASCONE (and. 2-3)

RIPOSA: ATLETICO VITERBO

RIPOSA: TORRESE


� �

sport

SPORT

p

18

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

RUGBY SERIE B

Prime Sigma, c’è qualche segnale di vita Buone indicazioni per i gialloblù specialmente dal secondo tempo della gara persa contro la Capitolina di DANILO PALUMBO

L

a Prime Sigma Viterbo ha dimostrato domenica contro la Capitolina di essere viva, di avere ancora tanto da esprimere sul campo da qui al termine del campionato. In particolare la seconda frazione disputata per la quasi totalità nella metà campo avversaria, segno innegabile fra l’altro di una condizione �sica più che buona, ha visto i viterbesi manovrare a tratti con buona disinvoltura. Purtroppo il ventinove a cinque �nale a favore dei romani non consegna punti per la classi�ca al di là della buona sensazione trasmessa. Probabilmente se non ci fosse stata la solita partenza ad handicap, con i capitolini in meta già al primo minuto, si sarebbe assistito a un match ancora più equilibrato. “Sono parzialmente soddisfatto – ha dichiarato al riguardo il tecnico gialloblù Donato Scorzosi – mi dispiace semmai per le occasioni costruite nella ripresa ma che non siamo riusciti a trasformare, aspetto che invece sarebbe fondamentale. Si intravede un canovaccio, qualche buon spiraglio di gioco anche se ancora, magari alla terza

Massimo Pompei o quarta fase, i meccanismi devono essere migliorati e automatizzati. La mentalità della squadra dopo il cambio di campo è migliorata, alcuni atteggiamenti discutibili della Capitolina ci hanno punto nell’orgoglio e quando c’è stato da lottare i giocatori non si sono tirati indietro pur contro un quindici fra i migliori del nostro girone”.

RUGBY SERIE B 5ª DI RITORNO (06/03/2011) COLORNO - PRIME SIGMA VITERBO TIRRENO - PESARO CUS ROMA - VASARI AREZZO CUS PERUGIA - IMOLA ROMAGNA - LION AMARANTO LIVORNO PRATO SESTO - CAPITOLINA ROMA

Nel secondo tempo infatti i romani, una volta ottenuto il punto di bonus dopo la segnatura della quarta meta, hanno mostrato un inspiegabile nervosismo; si sono visti comportamenti come quelli del mediano di mischia Tommaso Piva, spedito dal direttore di gara dieci minuti dietro i pali, degni più di un campo da calcio che di uno da rugby. La sensazione è che la Capitolina possa certamente quali�carsi per i playoff post stagione ma che debba migliorare prima di tutto la mentalità per ottenere il salto in serie A. In altre parole non basta lottare per grandi traguardi per essere grandi. Una notizia più che positiva per la Prime Sigma, in un periodo non troppo brillante, arriva dalla convocazione ricevuta da Massimo Pompei per un test match contro la Croazia sabato prossimo a Portogruaro: per il �anker l’opportunità di guadagnarsi la selezione nella nazionale seven dei Vigili del Fuoco. Ma ecco il commento di Pompei sulla gara contro la Capitolina: “Peccato per la prima meta subita a freddo e, soprattutto, per la seconda che è stata regalata dall’arbitro, il quale non ha visto un netto passaggio in avanti. Comunque quando c’è stato da tirare fuori gli attributi lo abbiamo fatto, lottando alla pari per tutta la ripresa contro una squadra completa in tutti i reparti. Speriamo di continuare a recuperare qualche elemento e di poter lavorare bene nel corso degli allenamenti, l’unico modo per tirarci fuori da questa dif�cile situazione”.

RUGBY GIOVANILE

CLASSIFICA ROMAGNA (-4)

70

CAPITOLINA

61

COLORNO

42

CUS PERUGIA

38

CUS ROMA

37

VASARI AREZZO

36

TIRRENO

30

PRATO SESTO

28

PESARO

27

IMOLA

26

LIONS AMARANTO (-4)

20

PRIME SIGMA VITERBO

16

Chiudiamo con le parole del pilone gialloblù Luca Desana: “È stata una partita dif�cile, contro un quindici tecnicamente a noi superiore, da cui però usciamo a testa alta. Match del genere possono fornirci la giusta sicurezza nei nostri mezzi, pensando a ciò dobbiamo lavorare intensamente nelle due settimane che ci separano dalla trasferta di Colorno. In mischia chiusa, a parte qualche sofferenza isolata, si sono intravisti i risultati del lavoro con l’ex giocatore del Viterbo Adriano Ancillotti, attualmente nello staff tecnico della Lazio. Visto che non disponiamo di un pack pesante è cruciale lavorare sui dettagli che possono aiutare in numerosi frangenti. Speriamo anzi di poter disporre di altre sedute di lavoro come quelle delle ultime settimane”.

Cadono i Lions Vola il Green ‘86 Under 14 scatenata con la Garibaldina

D

oppio capitombolo per le formazioni giovanili dei Lions Alto Lazio nei match di domenica scorsa. Due lunghe trasferte culminate con due scon�tte pesanti nelle proporzioni, tanto più che si trattava di match importanti e non certo chiusi dal pronostico. Gli under 18 di Ruggero Grassotti erano di scena a Benevento contro la formazione che, all’andata, era stata bloccata sul 7-7 a Viterbo. Questa volta la musica è stata completamente diversa, i sanniti hanno giocato ad un livello superiore e per i Lions è arrivata una scon�tta severa, con il risultato �nale di 52-21. Niente da fare nemmeno per l’unico team under 16 impegnato. Per i ragazzi allenati da Ascantini e Amicucci era in programma un vero e proprio scontro al vertice con l’Avezzano, capolista con un solo punto di margine rispetto ai viterbesi. Dopo la gara

di domenica, però, il distacco è diventato di sei lunghezze perchè gli abruzzesi hanno dominato la s�da contro i Lions imponendosi con il risultato �nale di 40-10. Una brutta scon�tta per l’under 16 che dovrà provare a riscattarsi dopo la sosta di una settimana, affrontando in casa gli Old Trotters. Ottime notizie invece dalla under 14 del Rugby Green ‘86 Viterbo, protagonista di una sonante vittoria (46-10) a spese della Garibaldina Roma. Nonostante le tante assenze, che hanno costretto i coach Adriana Sferragatta e Massimiliano Spirito ad alcuni cambiamenti nei ruoli all’ultimo minuto, la squadra dei piccoli “leoni” viterbesi si è presentata concentrata all’appuntamento ed ha saputo mettere a frutto nella maniera migliore le proprie caratteristiche, dominando un’avversaria che pure poteva vantare un predominio �sico nei confronti dei gialloblù. (GA)

BASEBALL - Comunicato il calendario della Coppa Italia di B BASEBALL GIOVANILE - Domenica il secondo appuntamento

L’esordio del Pianeta Benessere Altre nove gare in programma sarà sul campo del Jolly Roger per chiudere il torneo ‘Viterbo 2011’ S A di GLAUCO ANTONIACCI

lberto Massini, manager del Pianeta Benessere, lo sapeva già in anticipo. Ieri è arrivata la conferma ufficiale con il calendario emesso dalla Federazione, in cui evidentemente non si è tenuto molto in considerazione lo status di retrocessa dalla serie A federale dei viterbesi: i Rams, infatti, giocheranno due partite in trasferta ed una in casa nella Coppa Italia di serie B, la manifestazione che segna l’inizio della stagione ufficiale 2011 per quanto riguarda il baseball. Un antipasto di campionato? Un utile allenamento? Una scocciatura? Ogni squadra sarà libera di interpretare a suo modo la Coppa Italia, certo è che il Pianeta Benessere esordirà ufficialmente il 20 marzo, alle 11, sul diamante del Jolly Roger Castiglione della Pescaia,

replicando sette giorni dopo sul proprio campo, sempre alle 11, contro il Mastiff Arezzo, in quello che sarà la prima uscita casalinga della stagione. L’ultimo impegno della prima fase per i ragazzi viterbesi è in programma il 3 aprile sul campo del Nettuno 2. Da quanto dichiarato sembra scontato che i

Rams non affronteranno la manifestazione per fare più strada possibile, ma è altrettanto evidente che, trovandosi di fronte tre avversarie anche successivamente in campionato, sarà comunque un test prezioso per valutare la propria condizione e la consistenza di alcune rivali, sulle quali al momento non si sa ancora molto.

i avvicina a grandi passi la conclusione del torneo di baseball indoor ‘Viterbo 2011’. La seconda ed ultima giornata di questa manifestazione è prevista per domenica prossima, ancora una volta presso la tensostruttura del Cus dell’Università della Tuscia, a Viterbo. L’evento giovanile ha già fatto registrare un notevole successo in occasione della prima tappa, disputata domenica 13 sempre a Viterbo. Anche alla seconda tappa sono attese otto squadre che completeranno il quadro dei match in calendario e disputeranno le �nali. Si inizierà alle 9 e si proseguirà senza sosta �no alle 19,30 quando dovrebbe concludersi la manifestazione. Ben nove gli incontri totali, con la possibilità per tutti i ragazzi di partecipare ad un elevato numero di partite e di moltiplicare così il divertimento Questo è il calendario della giornata:

ore 9: Nuova Roma – Stella Rams Viterbo ore 10,10: Monte�ascone Gold – Urbe Roma ore 11,20: Cali Roma XIII – Thunder Baseball Salerno ore 12,30: 1° Girone A – 2° Girone B ore 13,40: 1° girone B – 2° Girone A ore 14,50: Finale 7° e 8° posto ore 16,00: Finale 5° e 6° posto

ore 17,10: Finale 3° e 4° posto ore 18,20: Finale 1° e 2° posto Un appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati che, sicuramente, �niranno per essere contagiati dall’entusiasmo e dalla determinazione dei tanti ragazzi, oltre 150, attesi a Viterbo per questo atto conclusivo del torneo.


� �

sport

SPORT

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

19

KARATE/2 - Gara provinciale di kumite

KARATE/1

Pokerissimo Fatamorgana Tutti e cinque i giovani tarquiniesi alla Coppa di Carnevale sono tornati a casa con medaglie e grandi apprezzamenti

C

inque medaglie e tanta soddisfazione nel primo atto del nuovo anno agonistico in casa Karate Fatamorgana. Presso la Città dello Sport Olimpia di Pomezia si è svolta la gara regionale Coppa di Carnevale, cui hanno preso parte 21 Società Sportive del Lazio per un totale di 260 atleti. L’Associazione Karate Fatamorgana, pur essendo presente con soli cinque atleti nella specialità Kumite (combattimenti), ha centrato il bottino pieno con due primi posti, due secondi posti e un terzo posto. La medaglia più pregiata è andata a Salvatore Barreca e Giulia Oliva, l’argento ha premiato l’impegno di Luigi Peluso e Giulia Massi mentre si è chiusa con un buon bronzo la gara di Tiziano Principe. I cinque ragazzi di Tarquinia sono stati protagonisti di prestazioni davvero strepitose, meritando in pieno un posto sul podio; anche in questa occasione hanno evidenziato la loro ottima preparazione, fondamentale per ottenere risultati di spessore nelle gare federali in calendario, spesso diverse nella tipologia e nei regolamenti. Da evidenziare la splendida prova di Luigi Peluso che, seppur ancora con poca esperienza in questa specialità, è riuscito ad arrivare �no ad uno splendido argento, di rilievo anche la gara disputata da Principe e Barreca che, gareggiando per la prima volta in una categoria di grado superiore, si sono trovati

p

davanti avversari veterani. I dirigenti e i Tecnici del Karate Fatamorgana hanno espresso soddisfazione e orgoglio per tutti i propri ragazzi, capaci di emozionare non solo per i risultati, ma anche per il loro comportamento e l’entusiasmo che mettono in ogni allenamento ed in ogni gara. Il primo commento e pensiero dei giovanissimi vincitori è stato quello di dedicare la loro vittoria al M° Rossi Giuliano da poco in convalescenza per l’intervento al ginocchio, augurandogli una pronta guarigione. Il Direttore Tecnico, M° Carlo Barreca, ha invece sottolineato che questi risultati sono i risultati di tutta la scuola, a dimostrazione che nella palestra del Fatamorgana il gruppo viene prima di tutto e gli atleti

sentono di appartenere ad una grande famiglia dove tutti si rispettano e sono protagonisti. Da sottolineare la perfetta organizzazione di tutto lo staff del Comitato Regionale Lazio Fijlkam settore Karate, dei suoi Uf�ciali di Gara, del Vicepresidente Giuseppe Della Lama, del Commissario di gara M° Andrea Lentini e del M° Maurizio Amato. Il Presidente della scuola Karate Fatamorgana, Simonetta Paolacci, si è congratulata in particolar modo con tutti gli atleti, i soci e i familiari, ringraziando ancora una volta gli sponsor Autotrasporti Eusepi, Autocarrozzeria F.lli Capitta e Seripa e l’Assessore allo sport del Comune di Tarquinia Sandro Celli per la loro disponibilità e sensibilità sempre dimostrata per il settore giova-

nile. Domenica prossima altro appuntamento molto atteso, questa volta con i più piccoli nella gara UISP Piccoli Samurai che si svolgerà a Roma.

Una pioggia di podi per le Scuole Velta Splendidi ori di Della Torre, Flinta e Natili In bacheca anche tanti argenti e bronzi

C

ivitavecchia ha ospitato domenica scorsa la gara di karate organizzata dal Comitato Provinciale FIK di Viterbo, valida come quali�cazione al Campionato Italiano e Coppa Italia specialità combattimento (Kumite). Gli atleti del gruppo Velta Karate, dopo essersi cimentati nel mese precedente nella specialità Kata (forma), hanno indossato guanti e protezioni e si sono s�dati nelle varie categorie e classi di età della specialità Kumite. Davvero interessanti i risultati ottenuti dagli atleti del gruppo diretto dal M° Sergio Valeri e dai suoi insegnanti Vitantonio Affatati di Orvieto ed Allerona, Paola Polegri di Alviano, Antonio Scognamiglio di Vitorchiano, e Danilo Del�ni. Conquistano l’oro nelle varie categorie i seguenti atleti: Bianco Riccardo (Orvieto),

Giulia Dijkman (Orvieto), Della Torre Enrico (Viterbo), Flinta Alice (Viterbo), Natili Patrizio (Viterbo), Vinciarelli Davide (Orvieto). Argento per Biffarino Daniele (Orvieto), Capitanelli Andrea (Viterbo), Carelli Matteo (Monte�ascone), Ciambella Mattia (Orvieto), Leat Valentino Vasile (Viterbo), Micheli Francesca Romana (Roma), Piscitelli Antonio (Viterbo), Zegarra Manuel (Viterbo). Medaglia di bronzo invece per Angelucci Paolo (Viterbo), Carolini Daniele (Viterbo), Cassano Laura (Vitorchiano), Elisei Nicola (Monte�ascone), Giuliano Lorenzo (Viterbo), Ielmoni Chiara (Vitorchiano), Lucarelli Veronica (Vitorchiano), Paci�ci Martina (Viterbo), Sozio Andrea (Viterbo), Taschini Martina (Viterbo).

TENNIS - Doppio torneo per il Tc Acquapendente VOLLEY - Interessanti segnali di crescita per le aquesiane BOCCE - Quasi duecento partecipanti all’evento viterbese

Scapigliati e Clementucci La Vigor può sorridere Vitali-Cerrini a segno si aggiudicano i due titoli Sarteano ko al tie-break nel Memorial Piacentini O Q ltre quaranta iscritti hanno animato il Torneo Nazionale di tennis, riservato ai giocatori di Quarta Categoria e non classi�cati, che per dieci giorni ha messo alla prova i responsabili del Tennis Club Acquapendente. L’organizzazione da parte del circolo del Presidente Enrico Barberini e del suo ef�cientissimo staff (Ennio Cuccu in qualità di Maestro del Circolo, Fabio Mosci, Glauco Clementucci, Mirco Zucca, Amalia Mencuccini, Vittorio Bozzoni) è stata impeccabile nel susseguirsi dei match sui due campi in terra rossa al coperto della Località Boario. Il tabellone di Quarta Categoria ha fatto registrare un dominio toscano, in particolare del Tennis Club Piancastagnaio che ha promosso due suoi elementi di spicco in �nale. La vittoria è andata alla �ne a Giacomo Scapigliati che ha superato per 6-1 /

6-7 / 6-1 Giorgio Pannini nell’ambito di una gara che ha concentrato le sue emozioni soprattutto nel secondo set, in cui non sono mancati colpi davvero spettacolari. C’è stata gloria per il tennis aquesiano invece nel tabellone riservato ai giocatori non classi�cati, con Glauco Clementucci che, in una �nale tutta viterbese, ha superato Vincenzo Palumbo (Polisportiva Real Azzurra Grotte di Castro) con il risultato di 4-6 / 6-1 / 7-5 e si è poi toto la grande soddisfazione di superare più di un turno preliminare anche nel tabellone che annoverava giocatori di maggiore tasso tecnico. Il prossimo evento nel dinamico circolo aquesiamo è in programma da sabato 12 a domenica 20 marzo e sarà un torneo con tabelloni sia di Terza che di Quarta Categoria. Per iscriversi è possibile contattare la Club House aquesiana al numero 339 – 1607635.

VIGOR VOLLEY 3 SARTEANO BLU 2 (25-19 / 25-23 / 21-25 / 19-25 / 15-9) Vigor Volley: Boi, Del Segato, Monachini, Casoli, Cappelloni, Dionisi, Galli, Casalicchio, Tanzini. All: Maggiolini Pgs Sarteano Blu: Bologni, Ceppari, Garosi, Marabissi, Nirta, Morellini, Roghi, Terrosi, Trabalzini, Verdi, Bellutti. All: Moretti

S

egnali positivi per la Vigor nel campionato di Terza Divisione di volley organizzato dal Comitato Provinciale di Siena. Le ragazze di coach Maggiolini hanno superato al quinto set il quotato Pgs Sarteano blu, dimostrando di avere tutte le carte in regola per approdare ai playoff del campionato. Buono il primo set delle aquesiane che, dopo qualche piccola sbavatura iniziale, hanno cambiato marcia dal 19 pari grazie alle profonde e �ccanti battute di Casalicchio

che hanno messo in crisi la ricezione avversaria. Emozioni a ripetizione nel secondo parziale; prima un vantaggio ospite di tre punti (12-9), poi la replica aquesiana (18-15) prima dell’aggancio ancora sul 19 pari. Decisive le giocate sottorete della Dionisi che hanno lanciato la Vigor al successo nel secondo parziale. Le ospiti, a questo punto, hanno reagito con vigore sia nel terzo (massimo vantaggio di +8 sul 18-10) che nel quarto set, riequilibrando la situazione. La Vigor non si è però fatta condizionare e, nel decisivo tie-break, ha saputo alzare il livello della propria battuta ed è uscita vittoriosa praticamente da tutti gli scambi lunghi. Le senesi sono partite male (4-0 Vigor) e non sono più riuscite a recuperare. Il sestetto di Maggiolini è ora quarto in classi�ca con due vittorie ed una scon�tta; venerdì giocherà sul parquet di Abbadia San Salvatore contro la Pallavolo Saiuz Amiata per provare a confermare i progressi evidenziati in questo match.

uasi duecento atleti hanno preso parte alla diciassettesima gara di bocce del calendario provinciale di Viterbo, svoltasi a Viterbo e denominata 2° Memorial Candido Piacentini. La gara, a carattere provinciale specialità coppia, ha visto la partecipazione di 196 atleti provenienti dai comitati provinciali di Terni, Perugia, Grosseto, Roma, Rieti e Viterbo. La fase preliminare ha visto disputarsi 13 gironi dislocati nei bocciodromi af�liati al comitato viterbese, da cui sono stati promossi i vincitori alla fase �nale presso il bocciodromo viterbese. La manifestazione, diretta dall’arbitro Pietro Carcione di Tarquinia è terminata alle 19 ed ha riservato grosse emozioni al pubblico che, ancora una volta, ha dimostrato di apprezzare le giocate dei vari atleti sottolineandole con molti applausi. Si è aggiudicata il primo posto e i sei punti per la classi�ca

di categoria la formazione composta da Walter Vitali e Ivano Cerrini (categoria ‘A’) della boccio�la “A.P.E.R.” di Perugia che ha battuto in �nale la formazione composta da Ermanno Bevilacqua e Franco Valloscuro (categoria ‘C’) della boccio�la Ternana di Terni. Terzo gradino del podio per la coppia composta da Tonino Mancini e Domenico Marconi (categoria ‘B’) della società S.Lucia che hanno preceduto Alessandro Pugliesi e Innocenzo Tedeschini (categoria ‘C’) della boccio�la di Vignanello. Ancora soddisfazioni per i boccio�li viterbesi che conquistano il 3° e 4° posto, due ottimi piazzamenti anche se, questa volta, non c’è stato niente da fare contro le due coppie umbre che hanno raggiunto la �nale. Prossimo appuntamento la gara regionale a coppia 10° Memorial Stefano Gatti, organizzata dalla sezione bocce Oriolo-Vejano in programma domenica ad Oriolo.


� �

sport

Viterbo & Lazio Nord

SPORT

p

20

Mercoledì 23 Febbraio 2011

KART

I viterbesi sfrecciano tra i Campioni Grandi successi per Alessandro Fabiani e Adriano Canu in una giornata di spettacolo assoluto MOTORI - Al Museo dell’Associazione Piero Taruffi

Passione a quattro ruote tra libri e bellezze in vetrina

U

n evento importante, che unisce cultura e sport all’insegna della velocità. Sabato 5 marzo alle 10, infatti, al Museo dell’Associazione Piero Taruf� a Bagnoregio, verrà presentato il libro “Uomini Lancia” scritto da Lorenzo Calvani. Per l’occasione saranno anche esposte vetture sportive Lancia della storia delle quali parla il libro, a partire dalla leggendaria Aurelia per �nire alla 037. Un appuntamento imperdibile per gli appassionati di motori della Tuscia, da sempre sensibili a queste iniziative.

T

anto pubblico e grande spettacolo al Circuito Internazionale di Viterbo, dove è andata in scena la seconda delle tre prove del prestigioso trofeo dei Campioni 2011. I protagonisti dell’evento riservato ai kart sono scesi in pista con grande tensione e concentrazione, ben sapendo che nessuno degli aspiranti alla vittoria �nale poteva concedersi errori o distrazioni per non compromettere la corsa alla vetta della classi�ca in vista della �nale di marzo. Ne è venuta fuori una giornata di grandi emozioni e di spettacolo puro. I primi a gareggiare sono stati i piccoli campioni della categoria 60 Baby che, nonostante la tenera età, si sono comportati da piloti consumati regalando al pubblico uno spettacolo di prim’ordine. Al termine delle due manches il vincitore di giornata è stato il bravissimo Nicola Abrusci davanti a Francesco Pagano e Armandino Musto. Poi è toccato ai piloti iscritti alla categoria 60 Mini; dopo aver dominato sia gara 1 che gara 2, il successo di tappa è andato a Remigio Garofano che ha preceduto Alessandro Di Cori e Alessandro Pandol�. A seguire è stato il turno dei piloti della 125 Italia con il successo andato a Pasquale Feola, secondo gradino del podio per Simone Ragno e terzo Gabriele Berti. Il viterbese Luca Pagliai (DBM Racing) ha terminato in settima posizione a causa di alcuni problemi tecnici, ma nonostante questo il viterbese ha fatto segnare ottimi tempi e ha dimostrato di essere ancora in lizza per la vittoria. Da segnalare anche l’ottima prestazione del celebre protagonista del motociclismo mondiale e grande appassionato di kart Simone Corsi, uscito però di pista a causa di un contatto mentre lottava per la ter-

SUPERBIKE - Super tempo dello spagnolo dell’Althea

Checa da record a Phillip Island Alessandro Fabiani za posizione. Nella 125 Prodriver grandissima soddisfazione per il viterbese Adriano Canu che ha conquistato il gradino più alto del podio chiudendo la giornata davanti a Tiziano Aldrighetti e Fabrizio Aldrighetti, dando un altro successo di prestigio al team DBM Racing che, a sole due gare dal suo esordio, è riuscito già a collezionare grandi risultati. Grazie a questa vittoria Adriano Canu mette una seria ipoteca sul Trofeo per quanto riguarda la categoria Prodriver, un ottimo risultato in attesa della �nale del prossimo 20 marzo. Anche la classe regina, la Kz2, ha visto il successo di un pilota viterbese. Alessandro Fabiani ha infatti chiuso le due manches davanti a tutti, recuperando punti preziosi e riportandosi nelle zone alte della classi�ca. Due gare perfette, accese �no all’ultimo giro dal duello con il bravo Alessandro Giulietti che ha dato molto �lo da torcere al beniamino viterbese. Terminata la gara Alessandro ha voluto ringraziare il padre, per aver sempre creduto in lui, lo sponsor Auto-forniture Orvieto, per l’importante aiuto, e Testa Racing per l’af�dabilità e la competitività del mezzo.

C

hiusura con il botto per il Team Althea Racing e il suo pilota Carlos Checa, impegnati nei test sul tracciato di Phillip Island che domenica ospiterà l’esordio del Mondiale Superbike 2011. Il pilota spagnolo, migliore in pista già nel primo giorno in sella alla Ducati 1198 del team civitonico, si è ulteriormente migliorato girando otto decimi più veloce rispetto alla giornata inaugurale. Il suo tempo (1’30”578) ha polverizzato il record della pista che apparteneva al francese Regis Laconi (1’31”0) e risaliva alla Superpole del 2009. Durante la mattinata, su un tracciato molto veloce, Checa ed i suoi tecnici hanno potuto continuare a lavorare senza interruzioni, concentrandosi principalemente sul-

ATLETICA - Ottime prestazioni dei beniamini di casa nelle gare regionali disputate domenica al Campo Scuola

I giovani della Tuscia sono sempre più ‘lanciati’ U

n’intera giornata di lanci, con prestazioni molto interessanti anche in chiave nazionale. Domenica, al Campo Sportivo Scolastico di Viterbo, si sono svolti i Campionati Regionali invernali di lanci che hanno richiamato ben 130 iscritti ed hanno occupato le varie pedane dalle 9.45 �no alle 18.30; quasi nove ore di gare, un record possibile grazie alla professionalità ed alla disponibilità del Gruppo Giudici Gara che ha saputo lavorare anche in condizioni atmosferiche dif�cili, assicurando assoluta precisione con le misurazioni elettroniche e l’inserimento dei risultati direttamente su internet. Di rilievo in particolare la prestazione dell’azzurra Laura Bordignon (Fiamme Azzurre) che nel Disco ha centrato sotto la pioggia un promettente 52.80m; anche i lanciatori viterbesi non hanno demeritato, collezionando successi come

quello di Miriana Della Piagge (Alto Lazio) nel Giavellotto allieve ed altri risultati di grande rilievo. Eleonora Schertel (Finass Viterbo) è giunta seconda nel Giavellotto cadette con 26.69m, secondo posto anche per la compagna di squadra Jessica Carosi nel Martello con 25.66m, terzo gradino del podio per Francesco Carosi (Alto Lazio) nel Martello con il proprio personale di 48.01m e per Mauro Cirignot-

ta (Atl.90 Tarquinia) nel Disco con 20.57m. Il migliore di tutti è stato però Mirko Casavecchia (Alto Lazio) con un 54.75m nel Martello olimpico che testimonia ancora il suo valore e lo lancia verso la Finale nazionale invernale di lanci che si svolgerà proprio a Viterbo il 12 e 13 marzo prossimi. Nel giavellotto femminile la vittoria tra le seniores è andata a Luana Picchianti (Esercito) con 44.04, in quello maschile tra gli allievi si è imposto Joseph Figliolini Cariri con 58.04, tra gli junior Simone Balducci con 49.44m. Nel Disco seniores maschile ha trionfato il milanese Alessio Costanzi con 44.22m, tra gli junior primo posto di Lorenzo Minnozzi (Cariri Rieti) con 41.16m. Nel Martello femminile vittoria della reatina Elena Dionisi con 35.33m mentre nella gara maschile da segnalare il 66.03 di Patrizio Di Blasio delle Fiamme Gialle nella categoria Juniores.

Carosi e Zocchi, a sinistra Miriana Delle Piagge

la durata delle gomme. Il portacolori del team Althea ha completato 26 giri chiudendo la sessione davanti a tutti, con il miglior giro registrato pochi minuti prima della �ne e ben sei decimi di vantaggio su Guintoli. Il pilota francese, anche lui sulla 1198, ha terminato secondo davanti all’ingelse Rea su Honda. Checa è stato una freccia e lo si capisce ancora di più dal confronto con Casey Stoner, vincitore della gara della MotoGP a Phillip Island l’anno scorso, che fece registrare il giro più veloce in gara con il tempo di 1’30”4, solo un decimo meglio di Checa ma con un mezzo decisamente più potente. Nell’ultima sessione del pomeriggio, le condizioni di pista non hanno permesso ai piloti di migliorare ulteriormente i loro tempi. In questi due giorni di prove, Checa ha fatto un totale di 116 giri, con il miglior tempo di 1’30”578. Adesso il pilota e la sua squadra si godono due giorni liberi, prima di tornare in pista venerdì mattina e dare inizio alla loro s�da mondiale. Soddisfatto Genesio Bevilacqua, General Manager di Althea Racing: “Sono veramente contento delle prove e della costante velocita espressa dalla nostra moto, che Carlos ha guidato davvero magistralmente. Altri importanti team hanno provato su questo circuito durante l’inverno ed hanno acquisito qualche vantaggio di messa a punto, ma il lavoro della nostra squadra è stato straordinario in questi giorni. Carlos ha sempre dominato tutte le prove ed il suo stato mentale è quello giusto per puntare ad un risultato di prestigio per la gara.” Questo il riepilogo dei tempi: Carlos Checa (Ducati) 1’30”5; 2. Guintoli (Ducati) 1’31”1; 3. Rea (Honda) 1’31”2; 4. Smrz (Ducati) 1’31”6; 5.Lascorz (Kawasaki) 1’31”8; 6. Biaggi (Aprilia) 1’31”8; 7. Fabrizio (Suzuki) 1’32”1; 8. Melandri (Yamaha) 1’32”1


Martedì 22 Febbraio 2011

cultura

Viterbo & Lazio Nord

p

21

Sergio Rubini racconta il ‘900 a Civitavecchia Dal 25 al 27 febbraio al teatro Traiano va in scena “A cuore aperto” di FORTUNATO LICANDRO

D

che “A Cuore Aperto” ha il sapore di un’improvvisazione che vuole colpire lo spettatore nel suo immaginario, nel suo intimo, portandolo, verso dopo verso, a mettersi a nudo, a cuore aperto appunto, come fanno gli artisti in palcoscenico, i poeti quando scrivono. È come se lo spettatore partecipasse a una prova generale, un esperimento, una ricerca, più che a uno spettacolo inscatolato e pronto solo al consumo. Rubini, oltre a interagire col pubblico attraverso interventi in cui lo prende per mano e lo conduce nel mondo della poesia, si lascia andare a divagazioni che scon�nano nella letteratura, nel teatro vero e proprio. Ed è così che oltre a leggere alcuni Grandi della poesia del Novecento come Neruda, Pavese, De Filippo, Prévert e Sanguineti, Rubini si diverte a sorprendere lo spettatore con il racconto della vita di Puskin per esempio, o con la lettura di un’ Operetta Morale di Leopardi. Lo spettacolo nasce da “Il cattivo soggetto”, un testo scritto per il cinema da Sergio Rubini, Carla Cavalluzzi e Domenico Starnone – sceneggiatori spesso dei �lm di Rubini. Si tratta di un racconto che avrebbe dovuto produrre una sceneggiatura, dalla quale poi sarebbe dovuto nascere un �lm. Tutto questo non è avvenuto per una serie di contingenze abbastanza frequenti nel mondo del cinema e quella pellicola così non si è mai realizzata. Di quel progetto pertanto non è restato che quel testo iniziale che poi, a seguito della richiesta di un editore, è stato ampliato �no a trasformarsi in un racconto letterario scritto a sei mani e successivamente pubblicato.

A palazzo Orsini una parte della manifestazione nazionale ‘Infinite Spaces’

Gli innovatori arrivano a Bomarzo di ELISABETTA SORIANO

A

ll’interno della mostra “Sguardi Sonori” sarà aperta �no al 20 marzo al Palazzo Orsini di Bomarzo, l’evento denominato “In�nite Spaces ,festival of media and time based art”. “In�nite Spaces” è una serie di appuntamenti che si svolgeranno in tutta Italia, dedicati al grande concerto per astronauta e orchestra di Ennio Morricone. Il progetto è stato selezionato nella rassegna ‘Italia degli Innovatori’ all’Expò mondiale di Shangai e sarà caratterizzato da numerosi eventi che si svolgeranno da febbraio a giugno e culmineranno con il grande concerto che si terrà a maggio, direttamente in collegamento con l’astronauta Massimo Vittori dalla stazione spaziale internazionale. “Sguardi Sonori” è un festival d’arte contemporanea che è giunto alla sua quinta edizione ed è organizzato dall’Associazione Culturale FaticArt, che vede la partecipazione di più di cinquanta artisti, provenienti dall’Italia e dall’estero. Il festival è stato inaugurato sabato 19 febbraio, con il vernissage della mostra-evento “In�nite Spaces” a Palazzo Orsini. La mostra rimarrà aperta �no al 20 marzo e per l’occasione ci sarà un �nissage con uno spettacolo di danza butoh, interpretato da Alessandro Petrolati. Lo spettacolo di danza, denominato “Butoh Studio per Divine Delizie”, si terrà al Parco dei Mostri di Bomarzo .

Durante la mostra è stata organizzata inoltre anche una speciale lotteria, che avrà come premio opere d’arte appositamente create l’occasione, il cui ricavato andrà a sostegno dell’Associazione FaticArt. Un festival dunque interessante e variegato, che spazia dalla danza, alla musica e all’arte, quello che è cominciato pochi giorni fa nella cittadina viterbese e si protrarrà �no all’inizio dell’estate.

spettacoli

televisione

di FORTUNATO LICANDRO

di ELISABETTA SORIANO

di ELISABETTA SORIANO

Continuano gli appuntamenti con il cinema proposti dal Cineclub Rosebud al Teatro Boni di Acquapendente. Giovedì, alle ore 21, in proiezione “Si può fare”, film diretto da Giulio Manfredonia e interpretato da Claudio Bisio. Milano, primi anni ‘80. Nello (Claudio Bisio) è un sindacalista dalle idee troppo avanzate per il suo tempo. Ritenuto scomodo all’interno del sindacato viene allontanato e “retrocesso” al ruolo di direttore della Cooperativa 180, un’associazione di malati di mente liberati dalla legge Basaglia e impegnati in (inutili) attività assistenziali. Trovandosi a stretto contatto con i suoi nuovi dipendenti e scovate in ognuno di loro delle potenzialità, decide di umanizzarli coinvolgendoli in un lavoro di squadra. Andando contro lo scetticismo del medico psichiatra che li ha in cura, Nello integra nel mercato i soci della Cooperativa con un’attività innovativa e produttiva. Prima dell’introduzione in Italia della “legge 180/78”, detta anche legge Basaglia, i manicomi erano spazi di contenimento fisico dove venivano utilizzati metodi sperimentali di ogni tipo, dall’elettroshock alla malarioterapia. Il film di Giulio Manfredonia si colloca proprio negli anni in cui venivano chiusi i primi ospedali psichiatrici e s’incarica di raccontare un mondo che il cinema frequenta raramente, non tanto quello trito e ritrito della follia, quanto quello dei confini allargati in una società impreparata ad accoglierne le conseguenze. “Si può fare” emerge come un film che racconta una bella favola, capace di far ridere ma di toccare nei sentimenti raccontando un’utopia possibile e disperatamente ottimista, di quell’ottimismo forse cieco ma necessario al giorno d’oggi.

Ecco alcuni degli appuntamenti di oggi e domani che si terranno a Viterbo e in provincia. Stasera dalle 18 alle 19,30 si terrà a Canino, presso la Liber(é)ria, la Present-Azione cioè una lezione di presentazione del laboratorio teatrale, a cura di Marina Francescani. Domani pomeriggio, alle ore 18 e alle 21,30, presso il CineTuscia Village di Vitorchiano, si terrà all’interno del consueto appuntamento con “Giovedi Cinema”, la proiezione del film “Mammuth”, commedia francese del 2010, di Gustave de Kervern e Benoit Delépine, interpretato da Gérard Depardieu e Isabelle Adjani. Proiezione settimanale del giovedi anche ad Acquapendente domani alle ore 21, presso il Teatro Boni, all’interno del “Cineclub Rosebud”, del film del 2008 dal titolo “Si può fare”, del regista Giulio Manfredonia, interpretato da Claudio Bisio, Anita Caprioli e Giuseppe Battiston. Domani pomeriggio alle 18 si terrà a Caprarola presso il teatro in via Regina Margherita, lo spettacolo “Col naso all’insù”, rappresentazione ambientata nella ‘Galleria d’Arte Italia’ dove si sta preparando la presentazione dell’ultima opera del grande pittore Dominique Ferrero, tutto sembra a posto quando invece all’improvviso il bagno si guasta e iniziano simpatiche situazioni. Domani pomeriggio dalla 16 alle 18 si terrà ad Orvieto, presso la Biblioteca Fumi, un incontro denominato “Lettori del Profondo”, incontri di filosofia, arte ed estetica sul tema ‘L’invenzione’, a cura di Mauro Vespa. Domani pomeriggio alle ore 16 si terrà a Viterbo, presso il Liceo Scientifico “Paolo Ruffini”, un convegno sull’iniziativa “Risorgimento in rosa a Viterbo. La patriota-scrittrice Innocenza Ansuini Tondi, a cura del Liceo Scientifico Ruffini di Viterbo.

Se rimaniamo in casa ecco la tivvù

cinema

A Caprarola l’arte di Dominique Ferrero

Un Bisio da ‘Oscar’... Si può fare

a venerdì 25 febbraio �no a domenica 27 febbraio, al Teatro Traiano di Civitavecchia va in scena “A cuore aperto. Voci del 900, da Neruda a Sanguineti” con Sergio Rubini. Lo spettacolo mette al centro la poesia e gli in�niti mondi contenuti ed evocati dai versi. Tutto questo attraverso una vera e propria drammatizzazione dei testi che si pone il compito di scavalcare la �ssità della parola scritta e il rischio didattico della sua esposizione in lettura. “A Cuore Aperto”, infatti, può considerarsi una s�da al canonico reading se si pensa al rapporto dialettico che Rubini, �n dai primi momenti, instaura tra gli elementi che

vivono sul palcoscenico (recitazione, musica, effetti sonori e luci) e gli spettatori in sala. La s�da consiste proprio nel produrre, con pochi ma essenziali dispositivi scenici, un autentico coinvolgimento emotivo. A condurre lo spettatore in questo viaggio, oltre all’interpretazione di Rubini, è la musica. Anche in questo l’attore s�da il tradizionale punto di vista. Si tratta infatti di musiche originali che, sebbene convivano il più delle volte con la lettura, non vogliono mai essere di solo accompagnamento. È la musica stessa, suonata dal vivo anche da batteria e contrabbasso, in complice armonia con l’interpretazione di Rubini, a produrre le immagini evocate dai versi, come se la musica fosse un vero e proprio elemento scenogra�co del testo. È così

Ecco gli appuntamenti che ci attendono stasera sul piccolo schermo. Rai1 alle 20,35 trasmetterà la partita di calcio degli ottavi di finale (andata) della Champions League Inter – Bayern Monaco. Seguirà alle 22,45 la trasmissione sportiva “90° minuto Champions”. Seguirà ancora alle 23,30 il programma “Porta a Porta”, condotta da Bruno Vespa. Rai2 alle 21 trasmetterà il film “Shall we dance?”, commedia del 2003 interpretata da Richard Gere, Jennifer Lopez e Susan Sarandon che narra la storia di un uomo di mezza età che, grazie alla musica e al ballo, riuscirà a ritrovare armonia, entusiasmo, amore per le cose che ha. Rai3 alle 21,10 propone la trasmissione “Chi l’ha visto?”, condotta da Federica Sciarelli. Seguirà alle 23,15 il talk show “Parla con me”, condotto da Serena Dandini. Canale5 alle 21 trasmetterà la nuova fiction “L’ombra del destino”, diretta da Pier Belloni ed interpretata da Adriano Giannini ( il commissario Pietro Montero) e Romina Mondello (l’ispettore Lara Di Falco): la vicenda è ambientata nell’isola di San Giorgio , in Tunisia, dove una serie di delitti sembrano seguire un filo comune tracciato da un’antica filastrocca. Seguirà alle 23,30 la trasmissione della Gialappas Band “Mai dire Amici”. Italia1 alle 21,15propone la trasmissione “Le Iene show”, condotta da Ilary Blasi, Luca e Paolo. Seguirà alle 00,00 il film “Borat”, interpretato da Sacho Baron Cohen. Rete4 alle 21,05 trasmetterà il film “Il Miglio Verde”che letteralmente in slang tradotto significa ‘il percorso dei condannati a morte’, tratto dal romanzo di Stephen King, interpretato da Tom Hanks, Brutus Howell e John Coffey.


appuntamenti

p

22

Cinema Azzurro

Cinema Lux

Teatro Genio

Viterbo & Lazio Nord

Mercoledì 23 Febbraio 2011

Cinema Trieste

Parto col Folle

Femmine contro maschi

Amore e altri rimedi

Gianni e le donne

Viterbo Via C. Cattaneo, 44 Tel. 0761.220019 17,30-19,00-20,45-22,30

Viterbo Viale Trento, 1 Tel. 0761.340848

Viterbo Via Teatro Genio, 16 Tel. 0761.343041 18,30-20,30-22,30

Viterbo Viale Trieste, 30 Tel. 0761.307083 21,30

Cinema Trento Il Grinta

La Quercia (Vt) P.zza Santuario, 51 Tel. 0761.307759 18,00-20,00-22,00

Cine Tuscia Village

20,20

Cine Tuscia Village - I fantastici viaggi di Gulliver - Il discorso del Re Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 - 18,30 - 20,30 - 22,30

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

Femmine contro Maschi

Il Grinta

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Cine Tuscia Village

Cinema Etrusco

Immaturi

Sanctum in 3D

Sono il numero quattro

Il discorso del Re

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 18,00-20,00-22,0

Cinema Etrusco

Cinema Etrusco

Cinema Etrusco

Flavia Multisala

Il Grinta

Il cigno nero

Sono il numero quattro

Amori e altri rimedi

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 18,00-20,00-22,0

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 18,00-20,00-22,0

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 18,00-20,00-22,0

Montefiascone Via della croce, 1 Tel. 0761.826611 21,30

Flavia Multisala

Cinema Gallery

Cinema Gallery

Cinema Tevere

Gianni e le donne

Bulesque

Femmine contro maschi

Amore e altri rimedi

Montefiascone Via della croce, 1 Tel. 0761.826611 21,30

Montefiascone Via Cardinal Salotti Tel. 0761.824342 21,30

Montefiascone Via Cardinal Salotti Tel. 0761.824342 21,30

Castiglione in Teverina via Orvietana, 37 Tel. 0761.948915 21,30

Cinema Alberini

Cinema Florida

Vallanzasca, gli angeli del male

Qualunquemente

Amore e altri rimedi

Immaturi

Orte Via del Plebiscito, 6 Tel. 0761.403585 21,30

Civita Castellana Via del Forte, 26 Tel. 0761.598165 18,30-21,30

Cura di Vetralla Via Cassia, 277 Tel. 0761.483340 19,40-22,00

Valentano Via Monte Grappa, 16 Tel. 0761.453138 21,30

Mercoledì 23 febbraio Liber(é)ria, Canino “Present – Azione”: lezione di presentazione del laboratorio teatrale a cura di Marina Francesconi (nella foto). Inizio ore 19.

Venerdì 25 febbraio Libreria dei Salici (via Cairoli 35), Viterbo “SaliceMENTE”: presentazione del libro, dedicato al pugile viterbese Luigi Malè, “L’ho buttato giù con un destro” di Emanuela Moroni e Roberto Pomi con proiezioni inedite e mostra fotografica permanente. Interverrà Massimiliano Mascolo, giornalista Rai Sport. Inizio presentazione ore 18. Ingresso gratuito.

Giovedì 24 febbraio Via Regina Margherita 2, Caprarola “Col Naso all’insù”: spettacolo della compagnia “Quelli del Martedì”. Inizio spettacolo ore 18. te

Teatro Boni, Acquapenden-

“Cineclub Rosebud”: proiezione del film “Si può fare” Giulio Manfredonia con Claudio Bisio. Inizio spettacolo ore 21. Ingresso 12 euro più tessera iniziale di 10 euro.

Cinema Excelsior

Cine Tuscia Village, Vitorchiano “Giovedì Cinema”: proiezione del film “Mammuth” di Gustave de Kervern, con Gérard Depardieu. Inizio spettacolo ore 18 e ore 21 e 30. Ingresso euro 5.

Teatro Cinabro, Calcata Vecchia “L’amore è cieco” Tre atti unici di Anton Checov: Domanda di matrimonio, Il tabacco e L’orso. Inizio spettacolo ore 21 e 15. Ingresso gratuito.

Cinema Colombo

Sabato 26 febbraio Sala Tetraedro (via Chigi 12), Viterbo “Dallo zucchero �lato”: spettacolo teatrale per bambini della compagnia “Teatro del Topo Birbante”. Inizio spettacolo ore 16. Ingresso su prenotazione 368 3750512 – 333 3183300. Auditorium Santa Maria in Gradi, Viterbo “Stagione Concertistica Unitus”: concerto del Trio Délian con Seo Hee Seo (violino), Antonio Iannetta (violoncello) e Tiziano Circosta (pianoforte). Inizio concerto ore 18. Ingresso euro 9, ridotto euro 4. Libreria dei Salici (via Cairoli 35), Viterbo “SaliceMENTE”: presentazione del libro “Fascino che vai per la via” di Roberto Ausilio. Ad aprire

concerto di musica lucana. Inizio presentazione ore 18. Teatro Boni, Acquapendente “Racconto di un cuore”: spettacolo di e con Martina Catuzzi. Ingresso euro 5. Inizio spettacolo ore 21. Teatro Velly, Formello “A ruota libera”: spettacolo di Adriano Bennicelli con Michele La Ginestra, Francesca Baragli e Claudia Campagnola. Inizio spettacolo ore 21. Ingresso euro 17, ridotto euro 14, minori 10. Magazzini della Lupa (via della Lupa 10), Tuscania “Simone Weil”: concerto poetico della Compagnia Ilaria Drago. Inizio spettacolo ore 21 e 30. Ingresso euro 7 più 5 euro di tessera.


Mercoledì 23 Febbraio 2011

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

almanacco

Viterbo & Lazio Nord

p

visitando

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE

E

questo m e t à settimana vi regala una inesauribile forza che vi catapulta al centro dell’attenzione nel vostro ambiente lavorativo, facendovi fare rapidamente quei progressi che cercavate da tempo. I vostri superiori �nalmente si accorgono della vostra bravura e vi grati�cano abbondantemente. NIENTE MALE NO? 22 Giugno - 22 Luglio CANCRO

P

er voi sì che comincia ad andare nel verso giusto sensibili amici del Cancro..i Signori dello Zodiaco hanno finalmente deciso di darvi un po’ di respiro e di risolvere per voi tanti problemi, anche e soprattutto di tipo finanziario…APPROFITTATE DI QUESTO PERIODO 23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA

O

ggi il film per voi sarà “ore 10,00.. c a l m a piatta”.cari amici della Bilancia...ciò non è necessariamente sinonimo di una noia mortale, quanto piuttosto di un bisogno di riposo che sentite già da qualche giorno..assecondate il vostro fisico e fatevi belli per il vostro amore..CHE TRA POCO RITORNERA’ 22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO

C

ominciate proprio ad assaporare il piacere della vittoria vero cari amici del Capricorno? beh sono contento per voi..ed è contento anche Saturno, il vostro padre astrologico, che finalmente comincia a premiarvi dopo un lungo periodo di ostacoli…RINGRAZIATELO!

BUONGIORNO

Il buongiorno a tutti i lettori dell’Opinione Viterbo e Lazio Nord dal nostro amico Massimo Alessandrini di Vignanello (Foto Andrea Di Palermo)

21 Aprile - 20 Maggio TORO

Q

uesto

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI

B

Marte,Signore della guerra, abbandona �nalmente dopo venti giorni l’astiosa posizione che aveva nei vostri confronti e che vi creava piccoli problemini di ogni tipo…�nalmente ora potrete sentirvi liberi di organizzare le vostre giornate come meglio credete senza aspettarvi intoppi improvvisi in ogni momento. ALLA GRANDE

isogna che io parli chiaro con voi che siete sempre un po’ ansiosi…per dieci giorni Marte e Mercurio vi daranno un po’ fastidio e forse avrete un carico di lavoro superiore alle aspettative…non lamentatevi e svolgetelo con solerzia e precisione perché quando sarà �nita questa piccola tempesta sarete ripagati…E ALLA GRANDE!

23 Luglio - 22 Agosto LEONE

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE

ncora o g g i A cari Re della foresta c’è una Luna un po’ antipatica che

non vi consente di apprezzare ciò che la vita vi sta regalando, ma vedrete che da domani , un nuovo bellissimo transito di Marte sarà in grado di farvi recuperare quello smalto e quell’energia che ultimamente sembrava vi mancassero.. oggi riposatevi e domani DI NUOVO NELL’ARENA!! 24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE

A

M

a come ci eravamo abituati bene vero, amici della Vergine?...non preoccupatevi, questo Sole, questo Mercurio e questo Marte che dai pesci vi causano irritabilità confusione, gusto per la polemica e qualche acciacco spariranno presto.. solo qualche giorno di pazienza e sarete NUOVAMENTE AL TOP 22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO

A

t r o c h e risveglio!! Qui volete proprio fare le scarpe a tutti cari amici dello scorpione..avete affilato ben bene il vostro pungiglione o ZAC! Siete di nuovo pronti a colpire chiunque vi capiti a tiro… avete ragione.. dovete rifarvi del tempo perduto.. e allora. .SOLDI AMORE E LIBERTA’!!

n c h e p e r voi, come per i Gemelli e la Vergine ci sarà una piccola battuta d’arresto per quanto riguarda i vostri progetti..è colpa del Sole di Marte e di Mercurio che hanno deciso di farvi qualche dispettuccio dal segno dei pesci..ma basta rimanere calmi e tranquilli e tutto si risolverà alla grande..e tra circa 10 giorni SARETE DI NUOVO AL TOP!

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI

D

a oggi i Signori dello Zodiaco hanno deciso di interrompere le vostre danze durate più di un mese.. ciò non signi�ca che dovete annoiarvi, che per voi sarebbe la più crudele delle torture,..vuol dire solo che comincerete a rilassarvi un pochino.. dedicandovi magari un po’ di più all’amore. .SAREBBE ORA NO?

23

Che bel“ la festa.. che splendida

festa tutti vogliono te..” così cantava la Carrà e molto probabilmente si ispirava proprio a voi e al vostro oroscopo che gode di transiti stupendi… mai più come in questo periodo infatti avrete l’appoggio di tre forze cosmiche eccezionali che saranno in grado di farvi inaspettati regali..SIATE FELICI!

Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Fabrica di Roma A Falerii Novi, mura etrusco romane del III sec. a.c. e la porta Giove si possono visitare sempre. L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Falerii del sec.XII da marzo a Novembre i sabati e le domeniche dalle ore 9 alle 13. In altri giorni per gruppi e scolaresche contattare il 0761/ 569101 ufficio cultura.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Mercoledì 23 Febbraio 2011

Giovedì 24 Febbraio 2011

ore 00 cielo sereno e vento da nord/est a 18 km/h. Temperatura di 0,8 °C ore 03 cielo sereno e vento da nord/est a 18 km/h. Temperatura di 0,1 °C ore 06 cielo sereno e vento da nord/est a 20 km/h. Temperatura di -0,1 °C ore 09 cielo sereno e vento da nord/est a 21 km/h. Temperatura di 3,3 °C ore 12 cielo sereno e vento da nord/est a 24 km/h. Temperatura di 6,4 °C ore 15 cielo sereno e vento da nord/est a 28 km/h. Temperatura di 5,5 °C ore 18 cielo sereno e vento da nord a 31 km/h. Temperatura di 1,4 °C ore 21cielo sereno e vento da nord a 25 km/h. Temperatura di -0,8 °C

o r e 0 0 c ie lo s e re n o e ve n t o d a n o rd a 2 7 k m / h . Te m p e ra t u ra d i -1 °C o r e 0 3 c ie lo s e re n o e ve n t o d a n o rd a 2 6 k m / h . Te m p e ra t u ra d i -1,2 °C o r e 0 6 c ie lo s e re n o e ve n t o d a n o rd a 2 4 k m / h . Te m p e ra t u ra d i -1,2 °C o r e 0 9 c ie lo s e re n o e ve n t o d a n o rd a 2 1 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 2,9 °C o r e 1 2 c ie lo s e re n o e ve n t o d a n o rd a 2 3 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 7, 9 ° C o r e 1 5 c ie lo s e re n o e ve n t o d a n o rd a 2 0 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 9,1 °C o r e 1 8 c ie lo q u a s i s e re n o e ve n t o d a n o rd a 2 0 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 4, 8 ° C o r e 2 1 c ie lo s e re n o e ve n t o d a n o rd a 1 6 k m / h . Te m p e ra t u ra d i 2 , 1 ° C

FARMACIE

OGGI 23 FEBBRAIO FILOSCIA (DIURNO E NOTTURNO) VIA VICO SQUARANO, SNC (VITERBO) TEL: 0761-324188 DOMANI 24 FEBBRAIO GIACCI (DIURNO E NOTTURNO) VIA MINCIOTTI, 36A (VITERBO) TEL: 0761-341083



L'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 23 febbraio 2011