Page 1

����������

p

������������������������������������������������������������� �������������� ���������� �������������������������� �������������������

DOMENICA 22 GENNAIO 2012 ���������������������

Anno III N. 18 - Euro 1,00 �����������������������

���������������������������������������� Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO

Regione

Cultura

Attualità

Il presidente Renata Polverini concede la proroga alla caccia

Inizia oggi Al “Top 16” di Tarquinia “Carnevalando 2012”

Afesopsit, dopo venti giorni chiude il sit-in in Piazza del Comune

Servizio

Servizio

Servizio

pagina 9

a pagina 17

a pagina 7

La Talete presenta il conto ai gestori della piscina di Civita Castellana per un servizio mai pagato

Acqua pubblica a costo zero

A

anche a Civita Castellana ci sono i “furbetti” che quando pizzicati da qualcuno cadono dalle nuvole e non sanno dare spiegazioni. Parliamo della Cooperativa Futura di Civita Castellana che da molti anni gestisce e cura la piscina comunale. Un business ancor più vantaggioso visto che la struttura era sprovvista di un contatore “uf�ciale” e attingeva all’acqua pubblica senza pagare un centesimo di bolletta. Come sia successo ciò e chi sarà chiamato a rispondere dell’accaduto non spetta certamente a noi dirlo. Certo è che i consumi di una struttura imponente come quella di una piscina sono elevati. La cosa è venuta alla luce durante i controlli richiesti dalla Talete sulla rete idrica del comune di Civita Castellana. Servizio

TARQUINIA Russo e Fortini entrano nella Elezioni, firmato Giunta Marini l’accordo Pd-Udc L’uf�cialità arriverà solo domani, ma intanto il sindaco ha già scelto le due donne che entreranno a far parte della sua squadra. Si tratta dell’unica consigliera di maggioranza, l’avvocato Maria Antonietta Russo e della giovanissima Chiara Fortini, entrambe del pdl. La prima dovrà lasciare l’incarico di delegata alle Pari Opportunità, per la seconda è il primo incarico pubblico.

di Alessandro Sacripanti a pagina 10

BAGNOREGIO

Un seminario dedicato a Civita Servizio a pagina 12

VETRALLA

dalla REDAZIONE a pagina 5

a pagina 3

Infermieri al Mammagialla E’ nato il primo laboratorio “creativo” Speculazioni sterili e accuse gratuite E’ ancora polemica Francesco Storace replica alle polemiche sul concorso Ater di Viterbo

Servizio

Rinviato al 10 febbraio il processo all’ orco dalla REDAZIONE a pagina 4

Solo demagogia le accuse di presunta strumentalizzazione di un concorso pubblico per ottenere l’incarico di addetto stampa presso l’Ater di Viterbo. Accuse rivolte a Storace che non è affato spaventato, anzi, neanche sente il bisogno di difendersi oltre misura perché in caso di illecito è pronto a prendere provvedimenti. dalla REDAZIONE a pagina 3

73enne muore travolto dal trattore daIla REDAZIONE a pagina 4

Il segretario provinciale della Fials Vittorio Ricci ed il consigliere Udc Roberto Talotta criticano duramente il comportamento della Uil. “Predica bene e razzola male”,“C’è chi difende esclusivamente interessi di parrocchia” sono alcune delle accuse mosse all’indirizzo del segretario Sambuci che aveva bollato come demagogia la proposta di impiegare al Mammagialla infermieri disoccupati. daIla REDAZIONE a pagina 5

Servizio a pagina 20

Promozione Super derby tra Vigor e Ischia di C.

Redazione via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - Centralino 0761.346807 - Fax 0761.1705337 Email: redazione@opinioneviterbo.it

L’allarme smog di Legambiente Servizio

Basket La Belli pronta al riscatto

Servizio a pagina 21

CIVITA CATELLANA

a pagina 15

SPORT - Le cronache e gli eventi della provincia

Calcio D Le sfide per Viterbese e Flaminia

a pagina 14

Servizio a pagina 19


Domenica 22 Gennaio 2012 Viterbo &

AltoLazio

cronaca

3

Qualcuno dovrà delle spiegazioni su come sia stato possibile assegnare un servizio alla società senza mai aver controllaro l’esistenza di un contatore. Adesso chi pagherà e come? di Paolo GIANLORENZO

A

anche a Civita Castellana ci sono i “furbetti” che quando pizzicati da qualcuno cadono dalle nuvole e non sanno dare spiegazioni. Parliamo della Cooperativa Futura di Civita Castellana che da molti anni gestisce e cura la piscina comunale. Un business ancor più vantaggioso visto che la struttura era sprovvista di un contatore “uf�ciale” e attingeva all’acqua pubblica senza pagare un centesimo di bolletta. Come sia successo ciò e chi sarà chiamato a rispondere dell’accaduto non spetta certamente a noi dirlo. Certo è che i consumi di una struttura imponente come quella di una piscina sono elevati. La cosa è venuta alla luce durante i controlli richiesti dalla Talete sulla rete idrica del comune di Civita Castellana. Evidentemente da questi controlli i consumi erano decisamente superiori a quelli che poi venivano fatturati dall’ente. Non sappiamo di preciso come siano potuti arrivare alla piscina comunale, ma i tecnici della Talete hanno segnalato alla direzione l’anomalia. Un’anomalia sicuramente non da poco. Non pagare conti di questo genere e su questa quantità di consumi è un danno importante che nel corso degli anni sembra abbia assunto dimensioni da far chiudere bottega anche alla più solida delle società che gestiscono piscine in tutta Italia. Il presidente della Talete non ha rilasciato dichiarazioni in merito alla vicenda perché, testuali parole: “Ancora non ho potuto prendere visione della relazione dei tecnici, quello che posso dire è che di certo ci sarà un contenzioso. Niente di più”. Bene capiamo la reticenza del presidente in questo momento delicato che sta attraversando la Talete specialmente con un Comune

L’ingresso della piscina comunale di Civita Castellana

Acqua gratis alla piscina comunale

La Talete chiede il conto alla Cooperativa Fura di Civita Castellana che non paga da anni l’ente Sul concorso Ater si cercano alibi per non colpire gli alleati

La solita demagogia dell’Idv di Viviana TARTAGLINI

Q

grande come quello falisco. Diciamo noi che la Cooperativa Futura non aveva alcun tipo di contratto con l’ente gestore e potrebbe quindi addossare la colpa all’amministrazione comunale che non l’aveva censito. Migliaia e migliaia di metri cubi d’acqua per un valore al momento molto aprossimativo che supera le 50mila euro o forse più.

Se le tariffe dell’acqua aumentano è colpa anche di questi episodi incresciosi che potrebbero non essere casi isolati. La domanda che ci poniamo noi è però la seguente: cosa prevede il contratto di locazione della struttura pubblica e come mai i responsabili della cooperativa non si sono mai spiegati del perché l’acqua sgorgava così copiosa senza alcun costo?

uando si cerca di fare chiarezza su presunte irregolarità in danno a persone o cose il nostro quotidiano è sempre stato in prima linea. Abbiamo quindi trovato piacere nel vedere che il consigliere regionale dell’Italia dei Valori Vincenzo Maruccio prima e Claudio Bucci poi hanno cercato di prendere posizione su un concorso a dir poco anomalo all’Ater di Viterbo. Quello che non capiamo è perché si voglia cercare di strumentalizzare la cosa a danno della presidente della Regione Lazio Renata Polverini e, addirittura, ritirare per la giacca l’ex governatore Francesco Storace. Se i consiglieri sopra citati avessero letto i nostri servizi con tanto di interviste sull’argomento avrebbero di certo evitato un

ritorno da parte nostra sulla vicenda. Il concorso all’Ater non è stato gestito dalla Regione. Era da annullare ancor prima che venissero svolte le prime prove scritte perché nel bando di assunzione venivano meno le prerogative e le tutele imposte da un decreto del Presidente della Repubblica. I due consiglieri si sono dimenticati di dire che l’Associazione Stampa Romana chiamata in causa da noi e da una delle candidate, ad oggi non solo non ha fatto alcuna azione contro l’Ater ma ha sconsigliato la ricorrente di spendere denaro per rivolgersi al Tar. Bindi, il vincitore del concorso farsa, sono anni che non lavora più con Storace e i suoi rapporti con l’ex governatore si erano rotti con

la �ne del mandato ma poco importa. Come è importato poco ai due dell’Idv sapere che proprio Storace chiese la documentazione a noi perché messo al corrente della cosa. Ha talmente tanto la “coscienza sporca” di aver adottato già tutti i provvedimenti del caso e di dichiarare: “La direzione regionale dell’assessorato alla Casa è stata investita della questione concorsi all’Ater di Viterbo. Mi auguro la massima rapidità possibile e altrettanta chiarezza. La sinistra non deve essere messa nella condizioni di speculare nei riguardi dell’amministrazione regionale. I centomila voti conquistati da La Destra alle regionali sono un patrimonio morale”. Il sindacato giornalisti come mai non dice nulla?


cronaca

4

Viterbo & Domenica 22 Gennaio 2012 AltoLazio

L’assenza del Gip Franca Marinelli ha fatto rinviare il dibattimento al 10 febbraio

Slitta a febbraio il processo al presunto orco di MARIO MIGNECO

Finti corrieri truffano aziende per un milione e mezzo di euro

D

oveva prendere il via ieri mattina il processo al presunto “orco” di Orte, ma la l’udienza è stato rinviata al 10 febbraio. L’assenza in aula del Gip Franca Marinelli ha fatto slittare il dibattimento. A febbraio, quindi, si saprà se verrà o meno accolta la richiesta di revoca della misura cautelare nei confronti dell’operaio 40enne. L’uomo è accusato di violenza aggravata continuata per aver abusato sessualmente della figlia della convivente. Una bambina che all’epoca dei fatti aveva appena sei anni. L’incubo, secondo l’accusa, è iniziato nel 2008. Oggi la piccola ha dieci anni. L’operaio, arrestato il 27 marzo del 2011 dagli uomini della Squadra mobile di Viterbo coordinata da Fabio Zampaglione, resterà in carcere fino al pronunciamento del giudice. Dalle indagini

S emerse che gli abusi erano avvenuti quasi tutti in casa, quando la madre della bambina era assente. Secondo le ricostruzioni si è trattato di episodi turpi, tanto che la piccola, mentre veniva interrogata non è riuscita a parlare

per diverse volte, con la voce interrotta dalle lacrime e dalla disperazione. Il 40enne, noto per altre vicende penali, ha sempre negato di aver abusato per tre anni consecutivi della figlia della compagna romena. I suoi avvocati,

dopo l’interrogatorio di garanzia, avevano presentato l’istanza di revoca della misura cautelare in carcere per ‘insussistenza’ delle detenzione carceraria e avevano chiesto il giudizio abbreviato. Se ne discuterà il 10 febbraio.

Prosegue la battaglia dell’imprenditore tuscanese che si dichiara vittima dell’usura

Infiltrazioni mafiose, la denuncia di Cici

C

ontinua la battaglia di Gaetano Cici contro l’usura della quale sostiene di essere vittima da troppo tempo. Sono passati dieci anni da quando il cittadino sporse denuncia contro due aziende produttrici di mobili dalle quali si rifor-

niva il suo negozio. Oggi, dopo un recente sciopero della fame che ha contribuito solo a peggiorare le sue condizioni di salute Cici scrive una lunga lettera, raccontando tutta la sua vicenda personale al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

e ai due Capitani Reggenti della Repubblica di San Marino, dove risiedono le due aziende denunciate da Cici, Gabriele Gatti e Matteo Fiorini. Nella lettera si fa riferimento alle infiltrazioni mafiose nella Tuscia e ad una manifestazione, a tale proposito, che si terrà a Viterbo. Inoltre si cita una dirigente della Prefettura di Viterbo nei confronti della quale Gaetano Cici ha sporto denuncia lo scorso 18 gennaio presso

Guida in stato di ebrezza e resistenza, arrestato 40enne I

eri sera intorno alla mezzanotte un allevatore sardo di 40 anni, ma residente a Viterbo, è finito fuori strada a Vetralla. Intorno a quell’ora è arrivata ai carabinieri della locale stazione, coordinati dal maresciallo Taormina, una segnalazione che in via Foro Cassio un autocarro aveva avuto un incidente, coinvolgendo anche altre autovetture. Giunti sul posto i militari sono dovuti correre appresso al sardo che aveva tentato la fuga. Raggiunto, l’uomo in evidente stato di ebbrezza alcolica,

ha cominciato a dare in escandescenza, insultando e tentando di aggredire gli uomini dell’Arma. Il 40enne, furioso, è stato bloccato con l’aiuto di un altra unità di rinforzo. Violenza e resistenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebbrezza alcolica, queste le accuse

di cui dovrà rispondere davanti all’autorità giudiziaria.

il Comando Provinciale dei Carabinieri di Viterbo. Cici, nel verbale redatto dai Carabinieri, chiede che “si provveda penalmente nei confronti della citata Dott.ssa per tutti quei reati che si ravviseranno nell’esposizione dei fatti” . “Mi reco quasi quotidianamente presso la Prefettura di Viterbo per avere contentezza di quanto da me richiesto- si legge nel verbale della denuncia orale- e cioè di poter accedere ai fondi di cui sopra (i fondi antiusura n.d.r.) ma la dirigente della Prefettura di Viterbo sostiene che tutto quello che dico io non è vero, che non c’è nemmeno il “fumus” dei reati che io ho denunciato e che non mi spetta nulla.”

i spacciavano per dipendenti dei più noti corrieri espressi, si facevano consegnare la merce da spedire e poi sparivano nel nulla. Con questo “stratagemma” cinque campani, secondo l’accusa, hanno truffato aziende in tutto il territorio nazionale. Una truffa da più di un milione e mezzo di euro scoperta dai carabinieri di San Polo d’Enza, Comune in provincia di Reggio Emilia. Tra le vittime del raggiro anche aziende viterbesi. I protagonisti sono un 60enne di Pagani (Salerno), un 42enne di Torre Annunziata, un 37enne e un 65enne di Poggiomarino (Napoli) e un 40enne originario di Torre Annunziata ma residente a La Spezia.

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Editore Cooperativa Editoriale Giornalisti Poligrafici amministratore unico Viviana TARTAGLINI

Iscrizione ROC n. 20469

Muore travolto dalla fresa del suo trattore

E

’ morto ieri mattina nel suo podere mentre all’età di 73 anni stava stava lavorando. L’uomo, secondo le prime ricostruzioni sarebbe scivolato dalla cabina di un trattore e �nito sotto la fresa che era attaccata al mezzo. L’incidente è avvenuto intorno alle 12.00 di ieri, in un campo situato nei pressi della strada che collega Gallese a Vignanello. Il 73enne si trovava insieme al �glio ed al marito della �glia. I due non hanno potuto fare niente. Come niente hanno potuto fare i sanitari del 118 , l’eliambulanza, l’automedica e la croce rossa di Orte. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i carabinieri di Gallese e i colleghi di Civita Castellana, che dovran-

Devono rispondere di associazione per delinquere finalizzata al compimento del reato continuato di truffa aggravata, ricettazione, sostituzione di persona e uso di atto falso. Gabbate anche ditte di trasporti inglesi, spagnole, polacche e slovacche. I militari hanno cominciato a rendersi conto delle dimensioni della frode quando nel 2011 arrestarono il 60enne di Pagani. Da qui gli uomini dell’Arma di San Polo cominciarono ad indagare. Vennero quindi scoperti i complici del sessantenne e tutti i loro imbrogli, iniziati nell’aprile del 2010. E non a caso, dato l’elevato numero di persone rimaste “fregate”, l’operazione dei militari è stata chiamata “Totò truffa ’62”.

Alessandro Giulietti Virgulti Simona Tenentini Valeria Sebastiani Emanuele Faraglia Viviana Tartaglini Fulvio Medici Andrea Di Palermo Michele Mari Giovanni Corona Mario Migneco Vice Redattore Capo Emanuele Faraglia Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) 0863.997451 - 06.55261737

no capire chi era alla guida della trattrice, in che posizione stava il contadino gallesano, come ha fatto a perdere l’equilibrio. Sono solo alcuni interrogativi sulla sconcertante morte di un uomo che ha passato la sua vita in campagna e che sapeva benissimo come comportarsi.

Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Per la pubblicità

Coop. Editoriale Giornalisti Poligrafici TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 GRUPPO EDITORIALE STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30


politica

Domenica 22 Gennaio 2012 Viterbo &

AltoLazio

5

Ieri il sindaco ha scelto i nuovi assessori donna che verranno ufficializzati domani

Russo e Frontini le new entry in rosa S

ono Maria Antonietta Russo e Chiara Frontini, entrambe Pdl, i due nuovi assessori della giunta Marini. Dopo l’azzeramento dovuto al mancato rispetto delle quota rosa è stato dunque necessario nominare due rappresentanti del gentil sesso e come promesso dal primo cittadino i due nomi sono usciti fuori già ieri. Maria Antonietta Russo è la prima ad essere stata scelta in virtù del fatto che è l’unica consigliere donna della maggioranza. “La sentenza del Tar - ha chiarito il sindaco - spiega come prima vada chiesta la disponibilità alle consigliere comunali presenti in maggioranza”. E la stessa Russo, dopo aver evitato commenti nelle ore successive alla decisione del Tar ha successivamente accettato l’incarico. Avvocato esperta in mediazione familiare, attiva nel campo delle Pari Opportunità, siede in consiglio dal 2008 eletta con Viterbo Vola dopo un passato in Forza Italia. E’ presidente della quarta commissione e ora dovrà rinunciare al ruolo di delegata alle Pari Opportunità che svolge dal 2008. Il volto nuovo è quello di Chiara Frontini, appena 22enne. Laureata in Scienze Politiche a Siena, ap-

partiene al movimento viterbese di Giovane Italia ed è considerata una ‘pupilla’ del gruppo dei quarantenni. Il suo impegno nel sociale è iniziato con il volontariato in parrocchia, mentre durante una sua visita al Parlamento europeo a Bruxelles ha conosciuto l’eurodeputato Marco Scurria incontro probabilmente decisivo per il suo ingresso attivo in politica. Il momento di maggior popolarità, comunque, viene raggiunto quando risponde per le rime alla senatrice Laura Allegrini che si era lamentata di guadagnare solo tremila euro al mese. Proprio in quell’occasione Chiara Frontini ebbe a dichiarare: “È ora di farla �nita con un partito che crede di fare un favore alle donne con la difesa delle quote rosa, che altro non sono se non uno strumento discriminatorio e soprattutto antimeritocratico. È ora di farla �nita con un partito che parla di giovani come problema e non come risorsa. Da giovane donna, mi sentirei offesa nel sapere di aver avuto incarico solo per una questione di genere, e non di capacità”. Chissà se nel frattempo ha cambiato idea. Le due nuove nomine verranno in ogni caso uf�cializzate domani. E. F.

Nelle foto i due nuovi assessori donna, a sinistra Maria Antonietta Russo, a destra la 22enne Chiara Frontini

“Da giovane donna mi sentirei offesa nel ricevere un incarico per una questione di genere e non per merito”

L’on. Antonio Tajani a Viterbo per parlare di termalismo Speriamo che qualcosa cambi

Ennesima puntata della questione sollevata da Fials sull’assunzione di disoccupati presso la casa circondariale

Infermieri al Mammagialla, che ne pensano Cisl e Cgil? S

i fa sempre più incandescente la polemica sulla possibile assunzione degli infermieri disoccupati presso il Mammagialla proposta dalla Fials. “Pensiamo sia doveroso - sottolinea il segretario locale della Fials Vittorio Ricci - rivolgerci ai tanti Infermieri che hanno perso il lavoro, a quelli che non lo hanno mai trovato, a quelli che hanno seguito le Assemblee a Belcolle, a quelli che hanno protestato e raccolto migliaia di �rme; a loro diciamo che, forse, tanto clamore ed impegno non sono stati del tutto inutili. La vicenda, sostenuta dalla Fials, sulla possibile assunzione di infermieri disoccupati presso la Casa Circondariale di Mammagialla, ha registrato purtroppo solo l’ intervento della UIL, speriamo che CISL e CGIL facciano conoscere la loro posizione sull’argomento, ed abbiamo avuto modo così di approfondire

le affermazioni di questo sindacato, che nello strenuo tentativo di tutelare gli interessi oggi divenuti “privilegi”, di qualche iscritto, vorrebbe far naufragare ogni piccolo barlume di speranza per tanti infermieri che non pagano la tessera sindacale e perciò sono, da tutti, dimenticati nell’oblio della disoccupazione. Al �ne di comprendere liberamente e senza pregiudizi, quanto affermato sull’argomento dalla UIL, vorremmo richiamare l’attenzione sulla seguente frase riportata all’interno dell’articolo di ieri: “Dunque sostenere che in un breve volgere di tempo sia possibile modi�care l’attuale modalità di gestione, che assicura, peraltro, risultati più che soddisfacenti… È pura demagogia”. Come dire, non c’è da cambiare niente, perché va tutto bene, così l’infermiere dipendente della AUSL può continuare a lavorare ancora a

Mammagialla percependo così un doppio “stipendio”, mentre i colleghi disoccupati possono tranquillamente continuare a stare a bocca asciutta. Questa è, in sostanza, la prospettiva che ha offerto agli infermieri disoccupati la UIL di Viterbo. Crediamo di aver chiarito i termini della questione, e

“La Uil ha uno strano modo di tutelare i lavoratori”

“I

l ruolo del Termalismo nella Città dei Papi” è il titolo del convegno che si è svolto ieri a Viterbo nella sala regia del Palazzo dei Priori alla presenza dell’On. Antonio Tajani,vice presidente della Comunità Europea. Numerose le autorità politiche presenti ed i sindaci delle città italiane che fanno del termalismo uno dei loro principali vettori economici e turistici. L’on Tajani nel suo intervento ha messo in evidenza come il 2011 il settore del turismo del benessere è iniziato con i migliori auspici e i sistemi e le politiche sanitarie sono sempre più interconnesse in tutta l’Unione Europea. Il vice presidente della Comunità Europea ha voluto chiarire come gli sviluppi demogra�ci attuali in Europa faciliteranno la crescita costante del turismo della salute e del turismo termale che dovrà diventare in un prossimo futuro una struttura sempre più solida. Secondo Tajani la Commissione europea sta sostenendo attivamente lo sviluppo del turismo sanitario e con lui è in essere una azione preparatoria triennale,denominata Calypso,che mira a sostenere 4 gruppi principali di riferimento: i giovani di età compresa tra i 18 e 30 anni, le persone con età oltre 65 anni o pensionati,i cittadini disabili adulti e le famiglie che affrontano dif�coltà sociali. Uno degli obiettivi primari sarà quello di consentire alle persone che non possono permetterselo di visitare località turistiche in Europa ed aiutare le economie locali.Con Calypso ci sarà quindi la promozione dei centri termali e di benessere. In�ne,oltre ad altri punti trattati con meticolosa attenzione,Tajani ha voluto far sapere che è in essere un’itinerario termale europeo che con la Rotta termale europea vedrà molte città italiane termali coinvolte per un loro reale sviluppo.

R

iceviamo e pubblichiamo dal consigliere Udc Roberto Talotta: “Quanto affermato nella replica del nostro Segretario Ricci, viene da noi tutti condiviso e rinforzato e ci spinge ad aggiungere ulteriori particolari che fanno comprendere, ai più attenti, lo strano modo di tutelare i Lavoratori in generale e, nel particolare, quelli della Sanità, rappresentati da Sindacalisti, qualche volta nelle vesti di “tuttologi”, che ragionano e operano esclusivamente per interessi “parrocchiali” e di “bottega” . Infatti, recentemente, la cronaca ha portato alla ribalta il caso di alcuni operatori sanitari, letteralmente minacciati

proprio da una sindacalista e, oggi, è il turno del “segretario generale della UIL” che, con argomentazioni che evidenziano chiaramente la volontà di tutelare gli interessi di un gruppo di infermieri che svolgono un secondo lavoro presso il carcere di Mammagialla, dimostra di essere in forte e colpevole contraddizione allorquando, nelle varie assemblee, ha sempre sostenuto ( ipocritamente ) la necessità di impiegare gli infermieri precari e disoccupati. Come dire: predica bene e razzola male l’onnipresente sindacalista che, dall’alto del suo salomonico pensiero, stabilisce anche che l’assistenza

Roberto Talotta (foto a dx): “Alcuni Sindacalisti operano esclusivamente per interessi parrocchiali”

sanitaria a Mammagialla è migliorata con l’utilizzo del personale ospedaliero, come a dire che un eventuale ingresso di altri infermieri, disoccupati e precari, arrecherebbe uno scadimento delle prestazioni all’interno del carcere. Una volta si diceva che “pancia piena non crede quella vuota” e, nel caso in esame,

quindi, non ci resta che appellarci a questa nostra salutare “pura demagogia”, io direi semplicemente “disinteressata volontà” che reclama l’assunzione degli infermieri per Mammagialla, così come è avvenuto” in breve tempo” per Civitavecchia e per tantissime Case Circondariali d’Italia”. calza perfettamente questo antico detto popolano. Ma se il segretario generale della UIL fosse stato un comune mortale, allora la cosa poteva essere umanamente comprensibile ma, si da il caso, che proprio il ruolo che riveste dovrebbe indurlo a maggiore ri�essione quando sono in gioco la sicurezza e il futuro dei nostri ragazzi che, pur in possesso del titolo abilitante alla professione e con la necessità di garantire i livelli minimi essenziali nell’assistenza infermieristica, da una parte sono stati scippati delle loro sacrosante aspettative dai saccheggianti provvedimenti della Polverini, dall’altra, ancora più grave, dal giudizio e dalla visione del tutto alterata di un sindacalista che, con le sue scomposte dichiarazioni, preferisce appoggiare gli appetiti di quel gruppo di infermieri, impiegati nel secondo lavoro a Mammagialla che, per garantirsi questa sorta di vantaggio, per sua stessa “candida” ammissione, si sono iscritti alla UIL”.


attualità

6

Viterbo & AltoLazio

Domenica 22 Gennaio 2012

Un settore in profonda crisi che va di pari passo con il moltiplicarsi di nuovi e approssimativi “media”

La preoccupante deriva del giornalismo C

’è stata un’epoca in cui il giornalismo poteva considerarsi una forma di letteratura e i giornalisti scrittori veri. Da Malaparte a Longanesi, da Flaiano a Montanelli per citare solo alcuni maestri del pensiero e della lingua italiana moderna. Non si diventa certo Montanelli né si acquisisce una coscienza critica con lo sfogliare i quotidiani, ma di certo la loro scomparsa rappresenta un regresso civile preoccupante. È di questi giorni la notizia della chiusura delle redazioni locali di un quotidiano storico come Il Tempo. Soltanto poche settimane fa, la stessa sorte è toccata i colleghi di Ies Tv. Qualità e competenze perdute al sistema Paese, insieme alle opportunità di crescita della sua società. Scelte imprenditoriali, congiuntura economica, nuovi media. Non importa, il dato di fatto è che tra i molti giornalisti oggi virtualmente disoccupati, forse qualche Longanesi o qualche Malaparte si nasconde davvero. E purtroppo le possibilità che contribuisca in futuro, dalle colonne di un giornale, al progresso o all’analisi delle forme

assunte dal nostro vivere quotidiano, sono pochissime. Soprattutto perché le redazioni locali, quelle più sacri�cabili, costituiscono da sempre una palestra naturale per giovani e aspiranti giornalisti. Al loro posto, le nuove agenzie stampa delle piazze virtuali, dei social network… e l’illusione che davvero la realtà si esaurisca nel semplice accadere. Rassegniamoci dunque ai servizi televisivi girati da improvvisati operatori smartphonemuniti, ai dilettanti allo sbaraglio dei congiuntivi, alle chiacchiere da bar multimediale. Quasi che la modernità vada di pari passo con una contrazione in sé stesso del lettore medio, cui è af�dato il compito di discriminare l’approssimativa e caotica offerta d’informazione e il bombardamento mediatico. Sulla base di quale spirito critico e di quale consapevolezza non è dato saperlo, visto che gli istituti tradizionalmente preposti a svilupparli -la scuola, l’università, la stampa- hanno da tempo, o si avviano a derogare, alle proprie funzioni. Michele Vittori

A Fabrica di Roma nell’ambito del FabricaFestival

“La frase che suona” Oggi le premiazioni

Istituti di credito, il sindacato Fabi soddisfatto dell’accordo sottoscritto

O

ggi a Fabrica di Roma, in coincidenza del concerto dell’Orchestralunata, per la IX edizione del Fabricafestival, alle ore 17,30 presso il Teatrotenda “ Palarte “ di Fabrica di Roma, ci sarà la premiazione dei partecipanti ( scolari e studenti �no alla III Media) del prestigioso concorso “ La frase che suona”. La consuetudine ormai radi-

cata di questo concorso, che vede partecipare oltre duemila alunni delle scuole della zona dei Cimini, vuole che i vincitori, oltre che assicurarsi un premio ( strumento musicale) abbiano il piacere di vedere il loro brevissimo componimento, indicante le loro emozioni per la musica, riportato come motto sui manifesti della edizione successiva del Fabricafestival.

Un motivo di vanto anche per le scuole dei ragazzi vincitori che dimostrano il loro attaccamento al festival e il loro interesse per l’espressione artistica della musica. I ragazzi �nalisti avranno l’accesso gratuito al teatro con il loro accompagnatore mentre, come al solito contenuto a cinque euro il biglietto per i numerosissimi fans dell’Orchestralunata.

In un periodo storico contrassegnato da una recessione economica senza precedenti, abbiamo siglato il miglior accordo possibile, realizzando un’intesa nel più dif�cile contesto socio economico della nostra storia, un accordo che tutela i diritti individuali e collettivi, difende l’occupazione e recupera l’in�azione”. Lo ha dichiarato Lando Maria Sileoni, segretario generale nazionale della Fabi, il sindacato più rappresentativo del credito a livello nazionale e che vanta oltre 850 iscritti su 1.200 bancari nel Viterbese. L’aumento economico sarà di 170 euro medi a regime per tre anni. Novità di questo accordo è la creazione di un fondo a sostegno dell’occupazione; è stato infatti condiviso un protocollo per l’istituzione del fondo bilaterale per la

nuova occupazione con il contributo dei lavoratori e delle aziende. Oltre al contributo delle banche, gli impiegati contribuiranno con una giornata di “banca delle ore”, i quadri e i dirigenti con una ex festività mentre i manager con il 4% della retribuzione �ssa, il tutto per permettere l’assunzione nel triennio di circa 15 mila giovani con contratto a tempo indeterminato. Altra novità è l’orario di lavoro. In un periodo caratterizzato dalle liberalizzazioni anche degli orari, le parti hanno deciso per un orario di sportello allungato. “Abbiamo rischiato - aggiunge Paolo Capotosti, viterbese e dirigente nazionale della Fabi - che le banche, sulla scia di quanto già accaduto in importanti imprese metal meccaniche come la Fiat, avessero proceduto a sostituire la contrattazione nazionale, che garantisce la

vera tutela, con contratti e accordi solo aziendali, polverizzando così una’area contrattuale unita e dividendo i lavoratori del credito in maniera irreversibile con la conseguenza della perdita del potere contrattuale”. “Il nostro senso di responsabilità ha contribuito al potenziamento dell’unità della categoria – prosegue Capotosti - dimostrando che anche in una situazione di emergenza senza precedenti, si può creare nuova occupazione e pensare al futuro delle nuove generazioni. L’ultima parola spetta chiaramente ai lavoratori, che si esprimeranno democraticamente in merito all’ipotesi di accordo su tutto il territorio nazionale, nella Tuscia siamo già al lavoro per affrontare con i colleghi i temi relativi al rinnovo contrattuale e per l’organizzazione delle assemblee a cui potranno partecipare tutti i lavoratori interessati”.


& Domenica 22 Gennaio 2012 Viterbo AltoLazio

attualità

7

La manifestazione si è protratta per venti giorni

Afesopsit, chiuso il sit-in in piazza del Comune S

i è concluso ieri, con una grande festa a Piazza del del Comune a Viterbo, il sit-in dell’Afesopsit iniziato il 2 gennaio scorso. Una chiusura commossa e partecipata, che ha visto riunirsi per una giusta causa oltre un centinaio di persone. Il sit-in, che si è protratto per 20 giorni ha saputo coinvolgere l’intera comunità locale ( popolazione, associazioni, istituzioni ) a sostegno delle proposte che l’Associazione familiari e sostenitori sofferenti psichici della Tuscia ( Afesopsit ) ha presentato alla Regione Lazio per ottenere i provvedimenti indispensabili per garantire l’attività dei servizi pubblici territoriali. Ecco il resoconto dei risultati in un comunicato inviato dalla stessa associazione. “Nel corso del sit-in vi è stata una grande sensibilizzazione che ha prodotto anche un’ampia solidarietà : non solo a livello locale ma anche a livello regionale e nazionale con dichiarazioni signi�cative da parte di prestigiose personalità ed associazioni di rilevanza nazionale e persino la presen-

tazione di varie interrogazioni parlamentari e regionali di appoggio alle ragionevoli richieste dell’Afesopsit. Giovedì 19 gennaio si è svolto il primo incontro tra la Regione Lazio e l’associazione, ulteriori incontri si svolgeranno nelle prossime settimane sulla base delle proposte contenute nel documento analitico e programmatico predisposto dall’Afesopsit. Gli incontri e la trattativa saranno accompagnati da ulteriori iniziative pubbliche da parte dell’associazione, che mentre ringrazia quanti hanno già espresso solidarietà chiede che questo sostegno continui �no all’ottenimento delle richieste presentate alla Regione, richieste assolutamente indispensabili. Concludendo il sit-in ieri si è svolta un’assemblea pubblica nel corso della quale i rappresentanti dell’associazione, il presidente Vito Ferrante e il dott. Walter Tosches, hanno ringraziato tutti coloro che hanno partecipato all’iniziativa e che hanno espresso solidarietà; hanno brevemente illustrato i termini reali della situazione per quanto riguarda

il diritto alla salute e all’assistenza; hanno indicato le iniziative future ed il percorso di impegno per raggiungere gli obiettivi per cui l’associazione sta lottando : ottenere il rispetto e l’applicazione delle leggi, difendere e potenziare i servizi sociosanitari, garantire la necessaria assistenza a tutte le persone che ne hanno bisogno. All’assemblea pubblica hanno preso parte molti cittadini; hanno preso la parola anche molte delle persone che hanno partecipato al sit-in; particolarmente commoventi e lucidi gli interventi degli utenti che sono stati protagonisti in questi 20 giorni di testimonianza morale e di impegno civile; particolarmente apprezzato l’intervento dei ragazzi del centro sociale autogestito “Valle Faul” che hanno dato uno straordinario e generosissimo contributo all’iniziativa. Alla �ne della giornata c’è stata una festa popolare con musica, canti e convivialità. Nei prossimi giorni l’Afesopsit ha già in programma ulteriori attività a sostegno delle proposte formulate alla Regione Lazio : lunedì 23 gennaio sarà presente nell’aula consiliare di palazzo dei Priori in occasione del consiglio comunale che si occuperà appunto delle proposte dell’associazione; successivamente si svolgeranno nuovi incontri rispettivamente con la Regione Lazio e con la Direzione Generale della ASL di Viterbo; l’associazione sarà poi presente anche alle sedute consilari degli altri Comuni del viterbese in cui sono state presentate mozioni di sostegno all’iniziativa dell’Afesopsit. L’associazione ringrazia tutte le persone che in questo periodo hanno sostenuto le giuste iniziative in difesa di diritti fondamentali di ogni persona, e continuerà nel suo impegno af�nché la solidarietà e la dignità umana prevalgano sull’indifferenza.

Un approfondimento sul progetto, presentato dall’assessore provinciale Paolo Bianchini, a supporto dell’imprenditoria

A Palazzo Gentili il convegno “Tuscia al lavoro” S

i terrà il prossimo 3 febbraio, presso la sede della Provincia a Palazzo Gentili, l’incontro dibattito “Tuscia al lavoro, rimbocchiamoci le maniche.” L’appuntamento intende approfondire il relativo progetto, presentato dall’assessorato provinciale alla Formazione professionale, lavoro, politiche sociali, gioventù e pubblica istruzione. “Con il progetto ‘Tuscia al lavoro. Rimbocchiamoci le maniche’, che ha ottenuto l’ok dell’esecutivo provinciale, intendiamo avviare una forte azione di politiche attive per il lavoro”, ha spiegato l’assessore alla Formazione e Lavoro, Paolo Bianchini. “Oltre 1.400.000 euro sono,

infatti, destinati a 45 borse individuali work experience, cioè ad attività di orientamento e formazione in azienda che favoriscano l’incontro tra domanda e offerta. Attraverso i centri per l’impiego verrà, quindi, selezionato il personale richiesto dalle imprese, le quali riceveranno contributi condizionati alla loro disponibilità a provvedere a successive assunzioni a tempo determinato, con contratti non inferiori a due anni, o a tempo indeterminato”. “Tuscia al lavoro - Rimbocchiamoci le maniche” prevede anche una parte di �nanziamenti destinati allo start up di nuove imprese nell’ambito del sociale, dello sviluppo ecosostenibile e

dell’innovazione tecnologica. Sono, infatti, disponibili 15 borse individuali, pari a 20.000 euro ciascuna, per idee e iniziative imprenditoriali di chi vorrà avviare un’impresa sul territorio viterbese. La Provincia, inoltre, in collaborazione con un istituto bancario del territorio, ha in animo di erogare anche 40.000 euro di contributi in conto interesse, a fondo perduto, che si stima svilupperanno oltre 340.000 euro di montante capitale. “L’amministrazione - spiega l’assessore - con questa cifra si fa garante degli interessi dei prestiti richiesti dalle nuove aziende alla banca individuata dalla Provincia.

L’intervento mira a supportare l’avvio di nuove imprese, con particolare attenzione al mondo dei giovani, a quello femminile, agli over 50, e a coloro che vivono situazioni di disagio economico e sociale”. Un ulteriore intervento avrà come destinatari, poi, soggetti svantaggiati e persone con disabilità. “Investiremo 300.000 euro per il loro inserimento socio lavorativo – aggiunge Bianchini -, sviluppando percorsi d’integrazione in aziende, cooperative sociali e di lavoro, e consorzi che si renderanno disponibili ad accogliere disabili per un periodo di formazione e tirocinio retribuito”.


Domenica 22 Gennaio 2012

regione

Viterbo & AltoLazio

9

Battistoni spiega che il rinvio è conforme alla linea dei periodi di caccia definiti dalle normative regionali, nazionali ed europee

Approvati i decreti di proroga in merito alla programmazione venatoria “

Francesco Battistoni

Proroga in linea dei periodi di caccia definiti dalle normative regionale, nazionale ed europea”. Lo ha dichiarato il presidente della Commissione regionale agricoltura, Francesco Battistoni, commentando la firma dei decreti di proroga della stagione venatoria da parte della Presidente Polverini. “La Presidente non ha fatto altro che agire secondo le prerogative dell’ente regionale in merito alla programmazione venatoria: la Regione ha la responsabilità della

disciplina dell’attività venatoria sul suo territorio, così come da consolidata giurisprudenza inclusa la sentenza TAR Lazio del Marzo 2011. Nessuna lobby, nessun regalo ha detto Battistoni -. In osservanza delle norme e sulla base di valutazioni tecnico-scientifiche – ha proseguito Battistoni – la Regione ha ritenuto di poter procedere, per altro limitatamente a quattro giornate e solo per alcune specie, alla proroga della stagione venatoria.

Certo – ha concluso – che a distanza di 17 anni dalla legge 17/95, una profonda rivisitazione della norma si rende necessaria, unitamente ad una nuova strategia sulla gestione faunistica, basata sulla ricerca scientifica e sull’uso sostenibile delle risorse, per la quale l’attività venatoria rimane un importante strumento se ben regolamentato con competenza tecnica e solide basi scientifiche”.

L’obiettivo della Birindelli con questa manovra è quello di assicurare la qualità e promuovere la cultura enogastronomica regionale

Accorciare la filiera per contenere i prezzi dei prodotti agricoli Angela Birindelli

A

ccorciare la �liera per contenere il prezzo dei prodotti agricoli ed agroalimentari e garantire ai consumatori prodotti stagionali, di qualità, sani e tracciabili”. E’ quanto dichiara Angela Birindelli, assessore regionale alle Politiche Agricole intervenendo alla tavola rotonda “Contenimento dei prezzi – qualità dei prodotti in tavola, binomio eccellente per il risparmio delle famiglie Ciociare”, che si è tenuta a Frosinone al mercato di Campagna Amica

di via Aldo Moro. “L’assessorato – aggiunge Birindelli – ha promosso una serie di iniziative volte ad aprire una nuova stagione nel rapporto produttori-consumatori favorendo la vendita diretta dei prodotti agricoli e alimentari direttamente dal produttore direttamente al cittadino-consumatore. In particolare, con la legge per promuovere il consumo dei prodotti a km 0 intendiamo garantire una maggiore sostenibilità ambientale dei sistemi di produzione agricola, favorire la produzione, la commercializzazione ed il consumo di prodotti agricoli stagionali a chilometri zero, e offrire ai consumatori una maggiore trasparenza sui prezzi insieme a un’adeguata informazione sull’origine e sulle speci�cità dei prodotti. Una legge strategica per promuovere l’apertura dei farmer’s market nelle piazze cittadine e incentivare l’utilizzo di prodotti regionali nella ristorazione collettiva e ospedaliera e nelle attività private di ristorazione,

ospitalità, somministrazione o vendita di cibi e bevande. Con la legge sulla tracciabilità dei prodotti, invece, miriamo a istituire una �liera tutta laziale attraverso un marchio regionale collettivo di qualità che racchiuda sotto lo stesso segno le eccellenze agroalimentari del Lazio. L’obiettivo è quello di assicurare ai consumatori la qualità dei prodotti agricoli e agroalimentari ed incentivare la valorizzazione e la promozione della cultura enogastronomica tipica regionale. Inoltre, dopo tre anni di attesa, abbiamo reso attuativa, con l’approvazione del regolamento, una legge di iniziativa consiliare del 2008 che disciplina, tra le altre cose, la costituzione di gruppi di offerta e di acquisto e la vendita diretta in azienda”. “Oltre a queste iniziative – continua Birindelli – con il progetto Sapere Sapori, abbiamo investito importanti risorse in attività di comunicazione ed educazione alimentare per incentivare tra i giovani un

consumo responsabile, con particolare riguardo agli sprechi, alle piccole produzioni di qualità certi�cata, alla salvaguardia dell’ambiente e alla valorizzazione del patrimonio enogastronomico laziale. In più, insieme a Coldiretti, abbiamo avviato il progetto Didattica Attiva in Agricoltura, che prevede laboratori tematici per permettere ai giovani attività pratiche o esperienze dirette come il contatto con gli animali, la coltivazione e la trasformazione dei prodotti”. “La �nalità di questi progetti – conclude Birindelli – è quella di indirizzare i giovani, e con loro le famiglie di appartenenza, verso un consumo mirato e consapevole, in cui vengono privilegiati prodotti di qualità, dall’origine certa, rispettosi della stagionalità e dell’ambiente. Prodotti che attraverso la �liera corta (farmers market e/o vendita diretta in azienda) possono essere acquistati a prezzi contenuti rispetto ai tradizionali canali della distribuzione”.

Lo dichiara il consigliere Marco Di Stefano

Donato Robilotta: “Strumentale Cotral: azienda allo sbando la protesta rifiuti degli ex Marrazzo “

Nubi sempre più fosche sul Cotral. Anche il Cda straordinario convocato oggi dal presidente Palozzi si è chiuso con un nulla di fatto e nessun provvedimento approvato. L’azienda è oramai allo sbando, vista la grande confusione che regna nella gestione aziendale lasciata in balia del management senza una chiara e de�nitiva strategia di risanamento e rilancio. Ne sono prova: il pesante disservizio cui sono sottoposti i cittadini del Lazio con la soppressione di circa 100 corse al giorno, le dif�coltà per l’approvvigionamento del carburante, data l’incapacità a organizzare una gara in grado di assicurarne un �usso ininterrotto, per non parlare, poi, delle promozioni a spot senza un piano che segua una precisa

strategia industriale e della mancata de�nizione, a oggi, del piano di acquisizione del ramo di azienda di Cotral Patrimonio, �nalizzato alla copertura delle pesanti perdite. La ciliegina sulla torta è poi il milione e mezzo annuo di euro non incassato da vari enti locali per la remunerazione del personale dell’azienda che è comandato e distaccato presso di loro… Ogni giorno che passa, quindi, aumentano dif�coltà e perdite e l’azienda è ormai sull’orlo del baratro. La giunta Polverini, in tutto ciò, fa sentire al sua voce solo aumentando le tariffe e scaricando la propria incapacità sui cittadini. A questo punto la domanda si impone: questo centrodestra dove vuole portare il Tpl di Roma e del Lazio?”

Ho profondo rispetto per tutte le manifestazioni di protesta dei cittadini ma trovo francamente strumentale che a rinfocolare la protesta dei cittadini di Riano contro la discarica siano esponenti della ex giunta Marrazzo che hanno avuto notevoli responsabilità proprio in questo settore. Credo di non svelare un segreto se dico che proprio quello di Riano, non distinguendo tra Pian dell’Olmo e

Quadro alto, era proprio il sito su cui maggioranza e opposizione, ma anche Pisana e Campidoglio, avevano trovata una convergenza alla �ne della scorsa legislatura quando il piano ri�uti stava per approdare in Consiglio Regionale. D’altra parte la stessa Provincia di Roma con grande correttezza istituzionale ha continuato a dire sì a quel sito anche se ha indicato Pian dell’Olmo, che è situato sì nel XX Municipio, ma è ai con�ni di Riano e di Quadro alto. Comprendo i tatticismi della politica ma i ri�uti sono una cosa troppo seria per essere trattati con demagogia, anche perché il fatto che il Consiglio di Stato abbia confermato lo stato di emergenza sta a dimostrare che urgono decisioni dif�cili e responsabili per evitare di trovarci i ri�uti per strada”.

La Birindelli presentava il libro sulla caccia e preannunciava i cambiamenti “

Guida all’attività venatoria nel Lazio”: è il titolo del volume realizzato dall’assessorato alle Politiche Agricole della Regione Lazio e dall’Arsial, presentato questa mattina dall’assessore regionale Angela Birindelli e dall’assessore all’Agricoltura della Provincia di Viterbo Francesco Simeone. All’incontro hanno partecipato i rappresentanti di tutte le associazione venatorie e degli Atc (Ambiti Territoriali di Caccia). “Il volume – ha dichiarato Birindelli – nasce con l’intento di fornire informazioni utili per una corretta attività venatoria ed è rivolto a tutti i cacciatori e a coloro che aspirano a diventarlo”. Il settore conta circa 55.000 persone iscritte alle sei principali associazioni venatorie presenti e attive sul territorio regionale. In 236 pagine, ricche di illustrazioni, la guida fornisce una rassegna completa e chiara del mondo venatorio: dai divieti alle sanzioni previste; dalla preparazione dell’esame per il conseguimento della licenza di caccia alle armi e munizioni; dalla cino�lia alle iconogra�e delle specie, divise in cacciabili, protette e particolarmente protette. Una lunga sezione, in�ne, è dedicata alla legislazione vigente. “Realizzando la guida – continua l’assessore Birindelli – abbiamo voluto dare continuità all’attività �nora svolta in collaborazione con il mondo venatorio, �nalizzata a una corretta gestione del patrimonio faunistico del Lazio, uno dei più ricchi e variegati d’Italia”. La presentazione del libro è stata l’occasione per fare anche il punto sul calendario venatorio del Lazio e sulle attività che l’assessorato regionale sta portando avanti in favore del settore.

“Stiamo lavorando – sottolinea Birindelli – ad una bozza di calendario venatorio che recepisce le indicazioni della sentenza del Tar del Lazio, laddove impone la chiusura anticipata della caccia alla beccaccia, i tordi e gli acquatici. Chiusura che verrà �ssata al 19 gennaio anziché al 30 gennaio, come previsto in precedenza. Con questo provvedimento – ha aggiunto – eviteremo che la caccia a tali specie debba cessare il 20 dicembre, come chiesto dalla Lav e le altre associazioni che hanno presentato il ricorso accolto parzialmente dal Tar, contro il quale, comunque, presenteremo ricorso al Consiglio di Stato”. Sempre in relazione alla sentenza del Tar, Birindelli ha annunciato che la Regione estenderà il divieto di utilizzo di cartucce tossiche, cioè con i pallini di piombo, attualmente in vigore nelle sole zone a protezione speciale, a tutte le aree umide del Lazio. Unica eccezione ammessa, la caccia al cinghiale. L’assessore ha poi concluso annunciando che è in corso la modi�ca della legge regionale 17/95 “che stabilirà una chiara ripartizione delle competenze in materia faunistico – venatoria tra Regione e province; la de�nizione delle competenze e delle funzioni degli Atc, l’attribuzione delle competenze per il risarcimento dei danni causati dalla fauna selvatica”.


litorale

10

Viterbo & AltoLazio

Domenica 22 Gennaio 2012

Bacciardi e Bonifazi: “L’accordo è un’azione volta alla continuità. In questi anni di partecipazione alla maggioranza abbiamo sostenuto il programma di Mazzola. Adesso dobbiamo continuare su questa strada per dare forza ad una realtà che ha prodotto numerosi risultati per la città.” di ALESSANDRO SACRIPANTI

I

l sindaco Mauro Mazzola e il Partito Democratico siglano l’accordo con gli amministratori locali dell’Udc in vista delle prossime elezioni comunali. Nell’incontro avuto con il primo cittadino per la �rma di questa intesa erano presenti l’assessore Renato Bacciardi e il consigliere comunale Udc Mauro Bonifazi che durante l’illustrazione del documento hanno riferito –”Quello che stiamo ponendo su carta è soltanto un azione volta alla continuità. In questi anni di partecipazione alla maggioranza abbiamo sostenuto il programma di lavoro del sindaco Mazzola, adesso – continuano Bacciardi e Bonifazi – dobbiamo proseguire su questa strada per dare forza ad una realtà che ha prodotto numerosi risultati per la città”. Tra gli altri nell’incontro è emerso che nei prossimi giorni l’assessore Bacciardi diventerà vicesindaco, bisognerà soltanto attendere le pratiche burocratiche svolte per prassi. Il suo sarà un ruolo a termine che avrà forza �no all’arrivo delle elezioni, poi se la coalizione verrà riconfermata la squadra di ‘governo’ potrebbe anche essere la stessa, ma è chiaro che si dovrà tenere conto delle altre alleanze. L’accordo è stato posto in essere tra il Pd e i rappresentati dell’Udc che si trovano al Comune di Tarquinia e all’Università Agraria. Tra questi per il Pd �gurano infatti il segretario del Partito Democratico Arianna Centini e il presidente dell’Agraria Alessandro Antonelli. Per l’Udc

Nella foto accanto da sinistra: Mauro Bonifazi, Renato Bacciardi e il sindaco Mauro Mazzola

Elezioni, firmato l’accordo tra Pd e Udc

All’incontro per firmare l’intesa erano presenti il sindaco Mazzola, l’assessore Bacciardi e il consigliere Udc Bonifazi invece a sostenere l’appoggio al sindaco Mazzola, hanno siglato l’accordo oltre a Bacciardi e Bonifazi anche il vicepresidente dell’Agraria Pierangelo Conti, l’assessore Gino Stella e il già coordinatore del partito Angelo Marini. A seguito dell’accordo è stata unanime la soddisfazione espressa da entrambe le parti per voce del primo cittadino e del suo prossimo vice Renato Bacciardi –”L’intesa è lo sbocco naturale dell’eccellente lavoro svolto in questi anni. Ci siamo incontrati con tutti gli amministratori in carica e i loro sostenitori per fare il punto della situazione e constatare che esistono i presupposti per continuare un percorso condiviso. L’esperienza del centrosinistra sarà arricchita dall’apporto dei moderati e darà le forze necessarie per continuare la strada dello sviluppo economico, sociale e culturale della città. Abbiamo gettato le fondamenta di un progetto politico basato su un programma autorevole da presentare agli elettori. Un programma che ha come unico obiettivo il bene di Tarquinia e aperto al contributo di chi ama la città”. Secondo i rappresentanti del Pd e dell’Udc questa

alleanza è scaturita alla luce del pro�cuo rapporto instaurato alla guida dell’amministrazione comunale e dell’Università Agraria che ha gettato le basi di una presenza forte e responsabile nelle due amministrazioni, adesso i politici interessati auspicano anche il coinvolgimento delle migliori forze politiche e della società civile tarquiniese. Per ora di certo e sicuro c’è l’appoggio di molti rappresentanti Udc locali al sindaco Mazzola, rimane però a veri�care se gli stessi andranno ad elezioni con il simbolo del partito, oppure verrà creata una lista, a fare luce su questa incognita sarà il direttivo locale che nei prossimi giorni prenderà una decisione in merito. Nelle parole del sindaco Mazzola la soddisfazione sulla decisione presa –”Dobbiamo continuare a lavorare in sinergia con i rappresentanti dell’Udc, per dare continuità al lavoro �n qui svolto. Nel prossimo consiglio comunale – continua Mazzola – prenderemo decisioni importanti del territorio, tra questi sono in evidenza il Golf e la zona di S. Giorgio che porteranno un incremento allo sviluppo locale”.

TARQUINIA - Il sindaco invita a diffidare delle speculazioni di chi vende dearsenificatori

“L’acqua è potabile” I

l sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola, ha rilasciato dichiarazioni importanti in merito alle segnalazioni ricevute dal comune, circa dei venditori che telefonicamente contattano le persone per suggerire di comprare degli impianti di filtraggio dell’acqua. “Invito tutti i cittadini a diffidare di chi tenta di speculare economicamente sul problema dell’acqua.” ha affermato il primo cittadino. “L’acqua della città è potabile, ed ha concentrazioni di arsenico pienamente al di sotto dei limiti consentiti dalla legge.” Si tratta di un appello volto a coloro che fossero stati impressionati dalle telefonate ricevute, per tranquillizzare i cittadini ed evitare allarmismi inutili. “Questi venditori puntano sulle preoccupazioni infondate delle famiglie per l’eccessiva quantità di arsenico nell’acqua, che in realtà è perfettamente potabile. E’ per questo che Carabinieri e Polizia Locale sono stati allertati per avviare delle indagini, visto che è possibile che ci troviamo di fronte a delle vere e proprie truffe, per le quali è anche ipotizzabile il reato di procurato allarme.”

TARQUINIA - L’assessore difende il sistema per la raccolta dei rifiuti dalle accuse di Marzia Marzoli

Sandro Celli: “Giù le mani da Igenio” “Demagogico non è “Igenio”. Demagogica è Marzia Marzoli, la candidata a tutto che non ama la politica ma che, come i peggiori politici, sgomita e litiga per avere visibilità a fronte di una disperata ricerca di affermazione personale. La mia campagna elettorale si basa sui fatti che quotidianamente caratterizzano la mia azione amministrativa e che i cittadini giudicheranno». Lo afferma l’assessore del Comune di Tarquinia Sandro Celli. «Fuorvianti sono i numeri dati da Marzoli, perché il 25% di raccolta differenziata si riferisce al 2010, sebbene il porta a porta sia stato attivato alla �ne di quell’anno. – prosegue – Ella non cita guarda caso il 2011, dove alla �ne di dicembre è stato raggiunto il 43%. 18 punti di differenza che fanno la differenza. “Igenio” è un sistema innovativo, che garantirà il rispetto del decoro urbano, l’igiene e la facilità d’uso e, allo stesso tempo, contribuirà in modo determinante (come già avvenuto in altre città) a un decisivo apporto nelle percentuali della raccolta differenziata. L’accoglienza positiva dei cittadini è facilmente testimoniabile anche dall’impegno messo dalle persone nel differenziare i ri�uti. I primi risultati sono estremamente soddisfacenti. L’aspirante a tutte le poltrone presidenziali preferisce però vie e piazze multicolori e i vecchi secchioni dell’immondizia accanto ai monumenti. Fortunatamente è un’imprenditrice turistica!». Da buona ambientalista, Marzoli è più attenta al guadagno economico che alla tutela dell’ambiente. «È infatti esperta in corsi e ricorsi, sistematicamente

persi, e usa i temi dell’ambiente per fare becera opposizione politica. – aggiunge – La raccolta differenziata è un’esigenza e un dovere per cittadini e amministratori. Le tariffe in passato erano più basse? La raccolta differenziata non esisteva mentre ora è attiva e ciò comporta un costo; i piani �nanziari della vecchia Multiservizi preventivavano un costo su cui si basava la tariffa e puntualmente a consuntivo producevano centinaia di migliaia di euro di debito; le super�ci erano calcolate in modo arbitrario producendo disparità di trattamento tra utenti analoghi. I costi di conferimento in discarica sono sensibilmente aumentati e se, non fosse diminuito quello dei ri�uti, la tariffa sarebbe schizzata in alto. Quindi il contenimento avuto è un risparmio». Sui cambiamenti da me annunciati e mai avvenuti, Marzoli mente sapendo di mentire. «Visto che è molto attenta a quanto avviene con il servizio d’igiene ambientale, non può non essersi accorta delle grandissime differenze con il passato: – conclude – l’attivazione della raccolta differenziata a domicilio, con la scomparsa di tutti cassonetti e delle discariche abusive, l’aver tolto il servizio alla Multiservizi, con l’eliminazione della produzione dei debiti che pagavano i cittadini (questa è una tassa tolta). Quindi oggi la critica all’Amministrazione è di aver adottato un sistema innovativo come “Igenio”, mentre in passato parlavamo di discariche abusive, di buchi economici e di percentuali ridicole di raccolta differenziata. Questa sì che era spazzatura, come le menzogne di Marzoli.”


litorale

& Domenica 22 Gennaio 2012 Viterbo AltoLazio

11

MONTALTO - “Passione Civica” si interroga sull’operato di Comune e opposizione in merito a vecchie questioni

“Che fine hanno fatto i conti di Mastarna?” C

on un lungo comunicato diffuso anche attraverso manifesti per la città, il gruppo “Passione Civica” di Cesare Nardo Di Maio e Luciano Natali(nella foto) chiede ai consiglieri di opposizione che �ne hanno fatto i conti della Mastarna e come si è conclusa la questione del parcheggio della marina trasformato in centro commerciale. “Al riguardo, le domande sono le seguenti- spiegano da Passione Civica- :Sono state fatte le denunce e gli esposti tanto reclamati sui giornali ed in consiglio comunale? Se si, potremmo vederli? Ai consiglieri che disertano costantemente i consigli comunali vorremmo chiedere perché vi siete fatti votare? Visto che di fare i consiglieri non vi interessa così tanto, date spazio a chi sta dietro di voi e permettetegli di vivere anche un’esperienza! Con l’occasione vogliamo anche chiedere al gruppo di Obbiettivo Comune

che sembra prendersela con i liberi professionisti che sono alla corte del sindaco Salvatore Carai, cosa ne pensano dei liberi professionisti che erano alla corte del sindaco Roberto Sacconi? Sarebbe opportuno, visto che parliamo di Pubblica amministrazione, mettere a conoscenza degli elettori gli elenchi dei liberi professionisti che hanno collaborato con l’amministrazione in questi ultimi diciotto anni e i loro relativi compensi con il semplice scopo di informare gli elettori di come sono stati spesi una parte dei soldi della comunità!” E Passione Civica non risparmia neppure l’opposizione: “Obbiettivo Comune ci accusa di scrivere gli strafalcioni e noi rispondiamo che, al contrario di come fanno loro, noi ci informiamo prima di dirvi le cose ( vedi rimborso l’Iva della Tarsu e la contestazione su facebook dell’acquisto dell’area ex esso) quando parliamo sappiamo ciò

“Ai consiglieri che disertano i consigli comunali chiediamo di farsi da parte”

che diciamo, dimostrando, se ce ne fosse bisogno, al tempo stesso, una lealtà nei confronti di chi ci ascolta allo scopo di mettere in condizione l’elettore di avere gli strumenti per scegliere chi votare sapendo chi siano coloro che si presentano. In merito alla faraonica opera nell’area ex Esso siamo ora in grado di svelarvi quanto ci è costata una parte di questa, dimostrandovi anche che gli “strafalcioni” non siamo noi a scriverli ma chi ci accusa. L’area dove è sorto il teatro, monumentale costruzione costosissima, è stata acquistata nel lontano 1987 dall’Immobiliare Aurelia SRL per 160.000.000 di lire dalla Caporali Carlo & C. sas. Il Comune l’ha riacquistata dopo 14 anni al modico prezzo di 1.350.000.000 di lire. Il Responsabile del Servizio Tecnico, incaricato del procedimento ai sensi del D. Lgs. 267/2000 e del vigente statuto comunale era l’Arch. Carla Pasqualini, come viene riportato sul documento disponibile alla conservatoria dello Stato di Civitavecchia raccolta n. 2108 repertorio n. 8824 e la somma è stata così suddivisa: 1.050.000.000 di lire alla società venditrice, l’Immo-

biliare Aurelia srl, 300.000.000 di lire alla società venditrice e per essa alla Banca della Tuscia Credito Cooperativo Società Cooperativa a responsabilità limitata. Quanto sopra esposto è stato approvato con delibera Comunale n. 25 del 22 agosto 2001, determina n. 530 del 5 settembre 2001 e determina di liquidazione n. 579 del 19 settembre 2001, tutto ciò è riportato, come abbiamo prima detto, sul documento disponibile alla conservatoria dello Stato di Civitavecchia raccolta n. 2108 repertorio n. 8824. Chiaramente ci vengono dei dubbi, ma l’immobile non potevamo comprarlo nel 1987 risparmiando così una somma considerevole? Perché facendo due conti e considerando che 300.000.000 di lire sono stati dati alla banca, 160.000.000 di lire alla Caporali Carlo & C. SAS, ne deriva che, in quattordici anni, la comunità ha dovuto metterci sopra 890.000.000 di lire, chiaramente tolti i costi dei professionisti, delle tasse etc. Perché oggi come allora c’era la tendenza di non far sapere niente al popolo con la complicità dell’opposizione. Una domanda,

ma i consiglieri di maggioranza e di opposizione controllano o hanno controllato se di queste operazioni ce ne siano più di una? Passione Civica, ha come caratteristica quella di parlare con cognizione di causa e come vi

abbiamo sempre promesso saremo sempre vigili nel comune interesse della popolazione tutta, nessuno escluso, - concludono - se ci sono o ci saranno altre notizie ve lo faremo sapere all’insegna della trasparenza e legalità che a noi tanto piace.”

MONTALTO - Il comitato antinucleare dice “no” al dissociatore molecolare

TARQUINIA - Luigi Caria esprime solidarietà al consigliere attaccato dal centrodestra

D

A

opo l’avvincente battaglia contro l’energia atomica, anche il comitato antinucleare di Montalto e Pescia scende in campo per la salvaguardia del territorio e invita i cittadini a prendere in seria considerazione l’argomento che da giorni sta facendo discutere tutti sui giornali locali: la costruzione di un dissociatore molecorale a Ponte Sodo, nel territorio tra Canino e Montalto. “Come comitato antinucleare-dichiarano- siamo disposti a scendere in campo in prima persona, cosa per altro già fatta da Fare Verde e da altri movimenti di Canino: riteniamo che si debba ri�ettere su quanto accaduto nel comune di Peccioli, vicino Pisa, dove l’impianto venne smontato.Invitiamo i cittadini a leggere quanto diffuso via Internet su questa tipologia di impianto. All’estero ad esempio la protezione ambientale scozzese SEPA, l’equivalente dell’italiana ARPA, riporta che nel mese di ottobre 2010 il dissociatore molecolare di Dumfries, Scozia, superò di ben 39 volte i limiti di emissioni di mercurio e di diossine e furani. Sempre nel corso del 2010 l’impianto di Dumfries lavorò per 3.500 ore, sulle 8.000 ore previste, incenerendo appena 10.000 tonnellate sulle 60.000 tonnellate previste, non potendo far funzionare correttamente il sistema di rimozione delle ceneri dalle camere di gassi�cazione e non riuscendo mai a produrre energia elettrica. La SEPA ha rilevato inoltre anche la presenza nell’aria degli stessi elementi inquinanti degli inceneritori: da alcuni esami effettuati è infatti risultato che sono stati superati i valori massimi di mercurio -1.95 mg/m3 contro un limite massimo di 0.05 mg/m3- e di diossine/ furani -0.12 ng/m3 contro un limite massimo di 0.1 ng/m3-.”Sui giornali di ieri siamo in�ne venuti a conoscenza che il gruppo “Canino nel Cuore” attraverso il suo capogruppo in consiglio comunale Alessia Ceccarini ha richiesto al Sindaco Mauro Pucci un consiglio comunale straordinario ed aperto al pubblico, proprio per discutere l’eventualità ed i rischi ad essa annessi, della costruzione di un dissociatore molecolare a Ponte Sodo.Come comitato antinucleare ed a tutela del nostro ambiente e territorio ci riserviamo di partecipare a questa seduta consiliare perché la salute dei cittadini di Montalto, Pescia e Canino va tutelata sempre e comunque”.

“Tufarini è vittima di una campagna stampa pretestuosa” prendere le difese del consigliere dell’Università Agraria Maurizio Tufarini, dall’attacco del centrodestra ci pensa il capogruppo del Polo Civico Sinistra, Luigi Caria (nella foto) che vuole esprimere solidarietà al suo componente di Lista. “Maurizio Tufarini – esordisce Caria – è vittima di una campagna stampa pretestuosa. E’ stato superato ogni limite di rispetto della persona e delle sue scelte, siamo alle offese personali, questo è inaccettabile. Chi si sente migliore di lui mette in piazza solo i suoi limiti e la sua disonestà intellettuale”. Poi Caria torna alla carica e prende le misure verso un consigliere (si capisce da sé, di chi parla) che ha attaccato Tufarini –”Artisti del cambio di schieramento, cacciati per tre volte da altrettanti sindaci, che fanno impallidire anche Scilipoti, non possono oggi additare nessuno, ci piacerebbe sapere cosa lasciano a futura memoria dopo oltre un ventennio di politica passato solo a produrre sterili polemiche e macchinazioni sottotraccia.

Altrettanto – continua Caria - non si possono prendere lezioni dal Pdl, la cui morale è corta e a tempo. Sono alla frutta, non hanno nulla di meglio da dire e fare che scagliarsi contro Maurizio Tufarini. Ci piacerebbe sapere quale è il vero Pdl: quello di Fiaccadori che in consiglio parla di programmi condivisi per superare la crisi o quello che sui comunicati stampa usa toni da rissa da bar e nega l’evidenza. Quanto alla capogruppo De Alessandris – aggiunge Caria - che oggi si indigna per le scelte di Tufarini, ci chiediamo perché con altrettanta forza non prese posizioni quanto il suo staff collezionava �rme rinnegate e smentite dai suoi stessi candidati messi loro malgrado sulle liste che la sostenevano. Dal canto nostro – prosegue il capogruppo della Sinistra - come forza di una sinistra non chiusa su sé stessa e pronta solo a dire no, continuiamo a volere l’Università Agraria attenta, al problematiche del lavoro, del sociale, vicina ai cittadini, questo il nostro impegno per i prossimi tre anni.

La coerenza non si compre al metro. Il passato di ciascuno riemerge a ricordare che a volte è meglio tacere che collezionare brutte �gure. Chi oggi lascia la maggioranza – conclude Luigi Caria - persegue disegni meno limpidi di altri, la loro dipartita un sollievo che siano curati solo gli interessi dei cittadini”. Ale.Sac.

TARQUINIA - Il capogruppo pdl De Alessandris torna a riflettere sui “numeri” di Antionelli difesi dal consigliere Blasi

Agraria, la maggioranza traballa o no? “

Capiamo che al consigliere Blasi la nostra analisi non faccia piacere ed è comprensibile da parte sua cercare di confondere le idee ai cittadini, ma questo non modi�ca di fatto le cose.”Così esordisce Annarita De Alessandris(nella foto), capogruppo del popolo della libertà nel consiglio dell’Università Agraria, rispondendo alle dichiarazioni del consigliere del Pd Blasi.“Dispiace soprattutto l’uso da parte di Blasi di una dialettica politica intrisa di offese e di insulti, vecchia

e stantia, tesa a denigrare ogni volta gli avversari politici, come se a questi non fosse consentito il legittimo approfondimento sulla grave crisi politica sfociata nell’allontanamento dalla maggioranza di repubblicani e socialisti. Un atteggiamento quello di Blasi che non ci si aspetterebbe da chi ricopre il duplice e delicato incarico di consigliere in Comune e all’Agraria. La maggioranza sulla quale contava il presidente Alessandro Antonelli, quando i rapporti tra Mazzola e i repubblicani-socialisti in Comune non si erano logorati, era composta da un gruppo consiliare forte e coeso: questo almeno appariva agli occhi di tutti. Oggi, alla luce delle ultime gravissime vicende, la situazione non appare così tranquillizzante come invece vorrebbero farci credere.Abbiamo assistito durante l’ultimo consiglio dell’agraria all’uscita dalla maggioranza di centro sinistra di Sera�ni e Guarisco: buoni per portare voti durante le elezioni e adesso diventati improvvisamente i cattivi di turno. Inoltre, bizzare e farneticanti ci appaiono le affermazioni che accostano il Pdl a Guarisco e di pessimo gusto

l’ironia verso un consigliere che �no a pochi giorni fa era considerato autorevole e indispensabile dalla maggioranza. Certamente non dormono sonni tranquilli i compagni di banco del consigliere Leoncelli, poiché molti riferiscono di una sua probabile scesa in campo con una lista civica autonoma che sembrerebbe non voler sostenere l’uscente Sindaco Mazzola.Evidente che nel centro sinistra regna un totale caos politico: chi può abbandona la barca che affonda mentre altri si aggrappano ai salvagente più disparati pur di rimanere a galla. Un ultimo appunto ci sembra opportuno farlo sulla persona del consigliere Tufarini. Nessuno di noi ha mai pensato di mancargli di rispetto o di considerarlo persona poco degna di stima, a differenza di altri che oggi sembrano aver perso la memoria. Non sono le sue qualità morali a essere messe in dubbio, tutt’altro, ma è innegabile che il passaggio dai banchi dell’opposizione a quelli della maggioranza ha costituito un provvidenziale aiuto af�nché quest’ultima possa oggi ancora fregiarsi di tale titolo .”


comprensorio nord

12

Viterbo & Domenica 22 Gennaio 2012 AltoLazio

BAGNOREGIO - Il seminario dedicato alla “città che muore” punta alla valorizzazione dei luoghi

“La ri-nascenza di Civita” G

rande soddisfazione per il successo del seminario dedicato agli studi, la didattica e la ricerca, “La ri-nascenza di Civita” organizzato dalla facoltà di Architettura dell’Università Iuav di Venezia, giovedì 19 gennaio, e dedicato interamente al risveglio di Civita di Bagnoregio, conosciuta, da molti, come la “città che muore”. Soddisfazione per il lavoro svolto è stata espressa dal sindaco di Bagnoregio, Francesco Bigiotti, presente all’incontro per seguire e partecipare, direttamente, il workshop didattico interdisciplinare. Diversi i nomi degli stu-

diosi e dei professionisti presenti all’incontro: oltre al preside della facoltà di Architettura, Giancarlo Carnevale che ha portato i saluti dell’Università e ha dato il via ai lavori, il responsabile scientifico del progetto Eugenio Va s s a l l o , Esther Giani, Sara Di Resta e Gianpaolo Tr e c c a n i . Nel corso del seminario è intervenuto, telefonicamente, anche il dott. Paolo Crepet, promotore e responsabile scientifico per l’attuazione del protocollo d’intesa tra Università IUAV di Venezia e Civita di Bagnoregio; nonché conoscitore e profondo ammiratore.”Il pro-

L’importante evento è frutto della collaborazione tra l’Università “Iuav” di Venezia ed il Comune

tocollo d’intesa tra questa Università e il Comune di Civita di Bagnoregio – ha spiegato ai presenti il sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti – è nato il 20 aprile dello scorso anno con una sola finalità: attivare lo studio e la ricerca al fine di poter contribuire, attraverso delle giuste competenze scientifiche, a valorizzare il patrimonio culturale, geologico, ambientale e architettonico di Civita di Bagnoregio”. L’obiettivo è quello di definire le migliori strategie di tutela e conservazione, da coniugare, al contempo, con lo sviluppo della fruizione e della valorizzazione del Borgo. Unico nel suo genere. Un programma di studi, dunque, e di progetti, che possano restituire vitalità al paese senza, però, alterarne l’equilibrio urbano e geologico.

TUSCANIA - I suoi padroni sono disperati. La gatta è scomparsa nel nulla da dieci giorni

SMARRITA: aiutateci a ritrovare Nina

E

’ scomparsa il 12 gennaio scorso, dalla sua cuccia, Nina, un gatto meticcio di due anni che non si era mai allontanato prima da casa. L’abitazione dei suoi padroni si trova in località Guadigliolo, nelle vicinanze di Via Piansano, a Tuscania. In molti la stanno cercando ma �no ad oggi nessuna traccia. Estendiamo l’appello a tutti i nostri lettori af�nché questa triste vicenda possa concludersi nel migliore dei modi. Nina è un gatto molto affettuoso ed è possibile che si sia avvicinato a qualcuno per “chiedere” cibo o acqua. Forse nel suo vagabondare ha trovato una nuova famiglia che si è presa cura di lei ma Nina una casa ce l’ha già. Il gatto purtroppo al momento della scomparsa non aveva addosso il collare che portava di solito. Oggi a Tuscania si celebra Sant’Antonio Abate protettore degli animali, speriamo che anche la famiglia di Nina possa festeggiarlo insieme a lei. Se qualcuno ha sue notizie chiami ai numeri 0761 436624 o 349 4696092. V.S.

BAGNOREGIO - Dedicato ai giovani bagnoresi che potranno studiare con il supporto di personale competente

Nasce il “Centro di Studio Assistito Bonaventura da Bagnoregio” U

n luogo comune, e di riferimento, dove poter studiare serenamente e svolgere attività culturali più disparate. Sarà inaugurato, lunedì 23 gennaio, all’interno dell’Auditorium Taborra, il Centro di Studio Assistito . “Il nuovo servizio del Comune di Bagnoregio – spiega il sindaco Francesco Bigiotti(nella foto) – metterà a

disposizione delle famiglie e dei giovani bagnoresi un locale ‘dedicato’ nel quale si avrà la possibilità di svolgere un’attività di studio senza distrazioni. In un clima sereno ed efficace”. I ragazzi potranno studiare con l’assistenza di personale competente in grado di intervenire per fornire tutto l’aiuto necessario a superare eventuali difficoltà ; garantendo il rispetto delle regole in un clima sereno e conviviale. Presteranno assistenza ai ragazzi: giovani laureati, o laureandi, con possibilità di apprendistato nel campo dell’insegnamento e docenti di ruolo, in servizio o in pensione.”Accanto all’obiettivo principale che è quello dello studio – prosegue il sindaco Bigiotti - i giovani bagnoresi potranno anche leggere libri, condividere passioni e organizzare progetti: come riviste, ricerche e lavori di ogni genere, attraverso Internet e scriptorium. Il tutto per contribuire insieme , con la creatività tipica dell’età giovanile, alla valorizzazione del territorio”. Una volta partito il Centro Studi all’interno di Palazzo Petrangeli, si lavorerà insieme a tutti i cittadini più creativi alla realizzazione di un circolo artistico, e letterario, in cui ogni ba-

gnorese di qualsiasi età potrà mettere in pratica, in apposite aule, il proprio talento nell’arte, nella poesia, nella musica, e in qualsiasi altra forma di creatività. All’interno del Centro Studi si lavorerà anche alla pubblicazione della rivista Vagantes su cui i giovani creativi bagnoresi parleranno del proprio talento artistico (arte, musica, poesia etc) raccontando anche le storie dei personaggi più interessanti del paese. Il Centro di Studio Assistito “Bonaventura da Bagnoregio” sarà aperto nel pomeriggio per tre ore al giorno, per quattro giorni settimanali, e potrà essere frequentato da studenti delle scuole medie e degli istituti superiori. Il centro è aperto anche agli studenti universitari. Come coordinatore del Centro di Studio Assistito è stato incaricato il professor Emiliano Macchioni, con il compito dell’organizzazione generale e del controllo delle attività. Le famiglie dei giovani che intendono usufruire del nuovo servizio dovranno farne richiesta scritta, per eventuale iscrizione, in Comune, oppure al coordinatore, così come gli aspiranti tutors. Nella prima fase, sperimentale, il servizio sarà completamente gratuito.

TUSCANIA - L’artista da anni vive e lavora nella città viterbese

Fraddosio espone a Roma A

ntonio Bernardo Fraddosio da anni ha scelto Tuscania come luogo ideale per sviluppare la sua creatività, aprendovi addirittura due studi; uno di questi, la scorsa estate, è stato aperto al pubblico grazie all’iniziativa di Assotuscania e del Comune “La Biennale di Venezia a Tuscania”, in occasione della partecipazione all’ultima Biennale di Venezia di alcuni artisti con studio nella bellissima cittadina della Tuscia. Dopo la sua convincente partecipazione all’ultima Biennale, Fraddosio torna a esporre le proprie opere a Roma dal 26 al 31 gennaio 2012 presso lo Spazio Cerere a San Lorenzo, con una mostra intitolata “I Cantieri della crisi – Architetture destabilizzanti”: una risposta di straordinario tempismo all’attuale momento storico che ci troviamo ad affrontare. Gli artisti, dotati di antenne sensibili e attente a cogliere anche i lati non ancora palesi della contemporaneità, sentono le emergenze del proprio tempo in anticipo, e Fraddosio, architetto, scultore, pittore e poeta, dimostra di possedere proprio questa qualità. Oggi la sua produzione si impone a una ri�essione che acquista anche una valenza sociale, dando voce ad un’idea profonda di crisi relativa alla nostra epoca. Scrive il curatore, Gabriele Simongini: “Fraddosio si è indirizzato verso un personale “reportage” sulla

crisi e sull’incompiutezza che ci circondano concretamente e non solo simbolicamente. Le fratture che percorrono come terremoti la super�cie delle sue opere mettono a nudo le crepe nascoste di un modo di vivere asettico, indifferente, anestetizzato. Le antiarchitetture destabilizzanti di Fraddosio, fatte anche di umili materiali di recupero e prive di qualsiasi levigata compiutezza, fanno emergere il ritratto di un mondo che deve ormai fare i conti col proprio malessere più profondo …”.In mostra a Roma una scelta di opere dal 2003 al 2011: “Torsioni”, “Scissura”, “Sconnessione”, “Decoesione”, “La materia del tempo”, “Compressioni esplosive”, “Tutte le lesioni” �no a “Le onde nere”, l’ultima produzione. Sin dai titoli, è messa in gioco un’arte che impone allo spettatore un confronto �sico, oltre che visivo. In un periodo storico dominato da immagini sempre più veloci e colorate, spesso fantasmi della super�cialità, la materia dell’opera di Fraddosio, concreta perché scarto riutilizzato di un già vissuto, si veste di semplice bianco o nero, e utilizza forme e super�ci che richiedono tempo e attenzione per essere comprese e interiorizzate, come la ripetizione al contrario dell’azione dello scultore: l’approccio all’opera si fa così esperienza comunicata dall’artista allo spettatore.


montefiascone

Domenica 22 Gennaio 2012 Viterbo &

AltoLazio

Per i circa cinquecento appassionati della caccia, in arrivo grosse novità: verrà effettuato un lancio di lepri e verranno create due nuove riserve al posto di quella attuale, una nel territorio comunale, l’altra a Viterbo

Cacalloro: Nuova riseva e più lepri L’assessore con delega alla caccia illustrà le novità introdotte dall’Atc Vt1 Domande di ammissione per i servizi ed interventi ai non autosufficienti

Pubblicato bando e termini

di MICHELE MARI

N

ovità in materia di caccia per i numerosi amanti dello sport/hobby falisco. Ad esporre queste primizie è l’attento e dinamico assessore, con la delega alla caccia e alla pesca, Giorgio Cacalloro (foto a destra). “Il 25 ed il 26 gennaio (salvo contrattempi) -esordisceavverrà un lancio di lepri anche nel territorio di Monte�ascone. Verranno lanciati esattamente 56 lepri; lo stesso numero dello scorso anno ma con la promessa del presidente Corsini di aumentarne il numero qualora si partecipasse alle operazioni di cattura nelle “z r p”. Tuttavia sempre pochi, secondo il mio parere, rispetto al numero dei cacciatori che a Monte�ascone ha raggiunto le 468 unità in base ai tesserini rilasciati dal Comune. Un numero notevole. Rispetto ad altri paesi il cui numero di cacciatori è di molto inferiore vengono lanciati, in proporzione, un numero maggiore di lepri. Per questo è evidente che bisogna assolutamente rivedere i parametri con i quali vengono assegnate le lepri da ripopolamento ai vari comuni. Non chiediamo l’impossibile! Ci sentiamo penalizzati perché abbiamo a disposizione soltanto 10/15 capi in più rilasciati rispetto ad altri paesi molto più piccoli e con meno cacciatori. L’assessore tratta anche delle zone di ripopolamento a cattura. Infatti la riserva cosiddetta del “Pisello Lemme” verrà probabilmente sostituita perché inadatta come riserva di ripopolamento e cattura. “Il responsabile del provvedimento -continua-, il consigliere Al�ero Castellani, insieme ai tecnici e al consiglio direttivo

13

S

dell’Atc Vt1,sentito il parere delle associazioni venatorie, hanno deciso di smantellare la riserva sul territorio di Monte�ascone la cosiddetta del “Pisello Lemme” e probabilmente ne verranno costituite due: una a Monte�ascone ed una a Viterbo”. L’assessore spiega anche i motivi dello smantellamento della riserva: “Abbiamo -continua una riserva nella parte bassa del territorio che va ridisegnata. Questa zona è ricca di macchia e gli animali che vi vengono immessi per il ripopolamento non vi escono mai e quindi non vengono più catturati per essere poi lanciati in altre zone. Di questo problema ne ho parlato con Al�ero Castellani e Giuseppe Jacoponi, il secondo nominato recentemente come rappresentante del Comune nel direttivo dell’Atc Vt1, e sono entrambi perfettamente d’accordo con le mie teorie. Questa riserva è impropria perché è piena di strade che favoriscono il bracconaggio,e anche molto vasta, così come è attualmente serve solo da serbatoio di animali. Questa zona sarebbe idonea

‘Abbiamo una riserva nella parte bassa del territorio che va ridisegnata’

per cacciarvi ma non lo è invece come riserva. Un altro grave problema che vi gravita è anche la presenza di oltre 5 mila pecore disseminate in 300/500, ettari oltre ad un numero inde�nito di cinghiali. In�ne esiste ancora un’ altra problematica : la riserva è adiacente ad una riserva privata. Sarebbe logico staccarla di almeno un paio di chilometri così da creare un corridoio dove poter cacciare in modo da impedire il rimpinguamento dell’adiacente afv “Menicozzo”. “Per fortuna continua l’assessore- si è deciso di smantellarla”. In merito all’Atc Vt 1: “Il nostro Atc è ancora giovane e siamo soltanto alla prima consigliatura. Gli eventuali sbagli possono essere rivisti in tempi brevi. È necessario migliorare il suo funzionamento. Dobbiamo inoltre capire perfettamente quali associazioni venatorie remano contro e il perché. La maggior parte delle volte avviene soltanto per loro convenienza o per protagonismo personale. Ci siamo battuti per anni al �ne di mettere il cacciatore al centro dell’attività tramite l’ Atc. Ora abbiamo l’opportunità di farlo funzionare con serietà, passione e conoscenza della materia. Sono certo che nel futuro avrà un ruolo sempre più importante per i cacciatori e la caccia data la soppressione della Province”.

ono aperti i termini per la presentazione delle domande di ammissione agli interventi e servizi previsti nel progetto “Non autosuf�cienza”. Il bando è stato pubblicato dal Comune di Monte�ascone in qualità di capo�la del distretto socio sanitario Vt1. I termini per presentare le domande sono �ssati alle ore 12 di martedì 31 gennaio ad eccezione delle domande per Dimissioni Protette che possono essere presentate secondo le necessità. “Le domande -si legge nel bando- dovranno essere compilate, sottoscritte e corredate da tutta la necessaria ed idonea documentazione richiesta, su moduli appositamente predisposti e allegati al presente avviso. Le domande dovranno essere presentate o inviate a

mezzo di raccomandata A.R. o con altri mezzi di spedizione previsti per legge entro il termine di scadenza dell’avviso al proprio Comune di residenza. Le richieste e le relative valutazioni saranno inviate da parte dell’U.V.T. all’Uf�cio di Piano presso il Comune capo�la per la redazione della graduatoria de�nitiva”. In questo progetto “Non Autosuf�cenza” sono previsti interventi di sollievo e sostegno alla persona e ai familiari attraverso forme di assistenza domiciliare e aiuto personale; programmi di aiuto alla persona gestiti in forma indiretta ed in�ne dimissioni ospedaliere protette. I destinatari del progetto sono, si legge nel bando: “Le persone totalmente e permanentemente non autosuf�cienti”; “persone

temporaneamente non autosuf�cienti, cioè che versano in uno stato di temporanea, totale o parziale perdita di abilità �sica o psichica” e “persone parzialmente e permanentemente non autosuf�cienti, e cioè soggetti che non soffrano di situazione patologiche che compromettano del tutto il livello di autosuf�cienza (persone con disabilità sensoriale, �sica, mentale, malati cronici), nonché soggetti con autonomia limitata in grado di provvedere a sé stessi, anche con l’aiuto discontinuo e parziale di altri”. Per rientrare nel bando queste persone devono essere residenti in uno dei Comuni del Distretto Socio Sanitario VT1; essere in possesso di un indicatore della situazione economica equivalente del nucleo familiare (ISEE), determinato ai sensi del decreto legislativo 31 marzo 1998 e successive modi�cazioni, non superiore ad euro 14.000,00 (D.G.R. n. 601/2007 punto 3 lettera b); essere riconosciuti dalla competente commissione AUSL di cui alla Legge 104/ 92 soggetti portatori di handicap in condizioni di gravità e/o con indennità di accompagnamento. “Successivamente alla scadenza �ssata per la presentazione delle domande -recita il bando- si provvederà all’adozione della graduatoria distrettuale. L’approvazione della graduatoria avverrà entro 60 giorni dalla data di scadenza del presente avviso. Il comune capo�la provvederà a comunicare agli interessati l’avvenuta ammissione in graduatoria e la relativa posizione. M.M.

Ricordo falisco per il Santo protettore dei giornalisti. Martedì il giorno della ricorrenza Pezzato espone i suoi quadri lignei alla sala Anselmi

San Francesco di Sales Vescovo di Ginevra Opere in mostra a Viterbo R

icorre oggi la festa di S. Francesco di Sales, patrono dei giornalisti. Francesco era nato presso il Castello di Sales, in Savoia e dopo aver rintrapreso gli studi � �loso�a all’Università di Parigi, si laurò in Giusrispriudenza a Padova. Ma, più che uomo di legge, Francesco di Sales, amava così tanto la teologia che, a ventotto anni decise di diventare sacerdote della Diocesi di Ginevra, dedicandosi subito alla evangelizzazione dei paesi protestanti. E poiché le tradizionali forme si diffusione del Vangelo sembravano non dare i frutti sperati, ricorse all’uso dei volantini, che di-

stribuiva per la strada ai pasanti, attaccava sui muri, o lasciava sdotto l’uscio di casa. Eletto Vescovo di Ginevra, patria del Calvinismo, per oltre vent’anni dovette eleggere la sua residenza ad Annecy, dal momento che i protestanti non gradivano la presenza di un Vescovo cattolico sul suolo ginevrino. Tuttavia egli accettò questo supremo incarico della Chiesa innanzituto come un servizio, una missione e atutti coloro che gli imlputasvano di non saper far ripsettare la gerarchia all’intarno della Chiesa egli rispose: “volete che in un quarto d’ora io perda quel poco di mitezza che mi sono acquistato in vent’anni a prezzo di un faticoso controllo del mio carattere?”. Pur assorbito da molteplici attività pastorali, cosntimuò a scrivere e a dirigere spiritualmente le persone. Tra i suoi �gli spirituali vale la pena di menzionare San Vincenzo dè Paoli e Giovanna Francesca di Chantal, con la quale fondò l’ordin e religioso della visitazione, dal momentoi che intento suo principale era quello di inviare le suore nel mondo a praticare la carità. Ma la sua incessante raccomandazione era quella di coltivare la conoscenza e lo studio. Si narra che quando Francesco di sale, durante la gioventù, fu colpito da una grave malattia, egli dispose che, in ccaso di morte, il suo corpo avrebbe dpvuto servire ai medici per i loro studi.

Ma Francesco di Sales si distinse in particolar modo per la predicazione misurata, gli scritti chiari e semplici diretti agli eretici ed ai devoti. Si racconta, in via del tutto miracolosa, che un giorno la panna di Francesco noin potè continuare a scrivere le sue pagine in difesa della verità e contro gli eretici. Egli non si spazientì minimamente, ma accoststa la penna vicini al cuore, essa riporese a scrivere senza alcun problema. Nell’usare la penna, soprattutto in senso apologetico, per servire la verità del Vangelo contro gli eretici, Fancesco di Sales preferì sempre il dialogo pacato e l’amicizia, oltre le barriere della diversità. Soleva spesso rieptere: “Voglio sbagliare piuttosto per troppa bontà, che per rigore”. Ed inoltre: “Si prendono più mosche con una goccia di miele, che con un barile di aceto”. Le sue opere più conosciute sono “Introduzione alla vita devota e “Trattato dell’amore di Dio”, due testi della letteratura religosa di ogni tempo. Ma il suo argomento portante fu quello dell’amore di Dio, mediante il quale con vinse i suoi avversari. Dopo la sua morte i suoi scritti ebbero una larga diffusione. Tra i più celebri e diffusi è la Filotea, che venne tradotto in diverse lingue ed ebbe un in�usso bene�co nella vita spirituale di intgere generazioni, tanto che egli meritò il tutolo di Dottore della Chiesa. Giuseppe BRACCHI

F

ino al 31 gennaio sarà possibile visitare la mostra dell’artista monte�asconese Paolo Pezzato presso la sala Anselmi di via Saf� di Viterbo. Molte sono le opere esposte; da evidenziare che tutto il ricavato delle offerte sarà devoluto in bene�cenza all’associazione Bambino Cardiopatico Onlus di Viterbo. La caratteristica dei quadri lignei di Pezzato sta proprio nella loro costruzione: sfruttando uno sfondo nero l’artista vi fa sopra dei ritratti in legno bianco massello (pioppo) tagliandolo però su uno spessore di oltre 4 centimetri. “Questa tecnica -spiega l’autore- è unica e parte sempre dallo studio della luce di una fotogra�a così da creare degli effetti unici: dà la tridimensione all’immagine; guardata

da vicino l’immagine non si afferra, sembra un ammasso di legno quasi messo a caso; guardata da lontano (8-10 metri) è una perfetta immagine fotogra�ca, un negativo contrario (bianco = luce e nero= ombra)”. “Lo scopo -aggiunge Pezzato- è quello di mostrare le opere per far conoscere tale tecnica e tentare di ridare un’immagine nobile e vincente all’artigianato in tutte le sue forme”. Una mostra da non perdere. M.M.


vetralla e cimini

14

Viterbo & Domenica 22 Gennaio 2012 AltoLazio

VETRALLA - I buoni propositi dell’assessore all’Urbanistica Sensi in vista del prossimo consiglio comunale

“Il Piano Casa servirà al rilancio” di EMANUELE FARAGLIA

L

a convinzione che il Piano Casa possa rilanciare l’economia locale. Con questa idea l’assessore all’Urbanistica Maurizio Sensi e l’amministrazione tutta si presenteranno al prossimo consiglio comunale del 28 gennaio, quando dovrebbe essere presentato anche il regolamento sull’ornato. Tra i vari temi in discussione c’è l’approvazione del Piano sul territorio comunale: “Con una sola eccezione - chiarisce l’assessore - ovvero la zona A, il centro storico, sul quale il Piano non sarà attuato. Per il resto crediamo che questo provvedimento sia un buon incentivo per le famiglie che potranno effettuare i lavori di ampliamento della propria casa in deroga ad alcune rigide limitazioni prima esistenti”. E tutto questo nonostante �no ad ora il Piano non sia riuscito a smuovere più di tanto l’economia del Lazio. Nei Comuni che l’hanno adottato infatti sono state pochissime le richieste da parte dei privati, segno evidente che mancano le risorse per intraprendere lavori di

Uno scorcio del centro storico edilizia, anche modesti. “Questo è vero - ammette l’assessore - ma noi crediamo che comunque il Piano Casa sia uno strumento da sfruttare, tentare non nuoce”. Lo stesso assessore ha poi commentato la recente notizia di un possibile furto presso la chiesa di Foro Cassio: “Già in passato sicuramente dei ladri o tombaroli sono entrati nella

chiesa perché pare che ci siano dei reperti etruschi sotto l’edi�cio. Ora non sappiamo se ci sono stati ulteriori episodi di questo genere. Ci informeremo. Quel che è certo, comunque, è che al momento c’è una ditta che sta svolgendo dei lavori e la responsabilità del sito è dunque la loro, non del Comune”. In�ne, sulla situazione del fa-

moso santuario della dea Demetra scoperto in località Bosco delle Valli l’assessore Sensi ha chiarito: “La Soprintendenza ha assegnato la gestione del sito al Comune. Il fatto però è che per arrivarci bisogna attraversare terreno privato, dunque l’idea è quella di acquistare questo terreno per poter sfruttare anche turisticamente parlando il santuario”.

L’assessore Maurizio Sensi

VETRALLA - L’artista armena Sargysan gestisce un laboratorio per bambini e adulti a Cura

Rive d’Arte, uno spazio per liberare la creatività

P

resso l’Oratorio della parrocchia di Santa Maria del Soccorso a Cura c’è una nuova iniziativa, un laboratorio artistico gestito dall’artista armena Tereza Sargsyan. “Sono venuta ad abitare a Cura di Vetralla dopo aver compiuto un percorso di formazione a Roma - dice Tereza - e con il mio bagaglio artistico portato dall’Armenia dove insegnavo pittura ai bambini nel Centro di Educazione Artistica Nazionale, famoso nel mondo per le sue iniziative singolari (nel centro di Yerevan c’è un museo vasto che custodisce un’ampia collezione internazionale di opere di bambini ed è il primo nato in assoluto nel mondo), ho preso l’impegno di ravvivare lo spazio

dedicato all’arte nella parocchia di Cura. Il laboratorio è nato! E come ogni nascita ha avuto anche un nome “Rive d’Arte”. Senza alcuna presunzione offro il mio tempo, la mia volontà e passione per sviluppare questo nido artistico. Ho pensato di organizzare due corsi uno per bambini e uno per adulti. Due corsi di Creatività. Oggi siamo piuttosto preoccupati per il futuro e appesantiti dalla fatica quotidiana e non abbiamo molte possibilità di dedicare il nostro tempo alle attività piacevoli e entusiasmanti. I valori della bellezza si riferiscono spesso e volentieri all’esteriorità e al benessere materiale. L’arte viene vista come super�ua, inutile dal punto di vista materiale. Questa è una visione comune purtroppo. E con questa visione io non

sono d’accordo. Secondo me la società crea il proprio ambiente e l’ambiente crea la società. Se ci preoccupiamo soltanto del materiale, la materia prenderà sempre più spazio nella nostra vita, schiavizzandoci sempre di più. I nostri �gli seguiranno le nostre orme. Come sarà il futuro per loro, ecco la domanda che ci preoccupa sempre di più. Il Corso di creatività per bambini ha come scopo di toglierli dai monitor, dai videogiochi, dalla televisione, dar loro un attimo di tregua dai compiti, dagli impegni, dallo stress e farli sentire a loro agio, farli sentire bambini che giocano, inventano, si autoesprimono, si conoscono come persone capaci e creative. La creatività è di tutti, non soltanto degli artisti. La creatività è quella parte umana che cerca le strade e trova le soluzioni. La lezione singola dura 1 ora e 15 minuti. Nella prima parte dell’incontro proponiamo dei movimenti creativi, facciamo giochi con l’immaginazione coinvolgendo il corpo e la voce, con degli esercizi teatrali diamo la possibilità di sviluppare la personalità di ogni bambino e di mettersi in relazione con il gruppo.

Nella seconda parte, dopo esserci già scaldati e preparati ci mettiamo a inventare manualmente, dipingiamo, lavoriamo la creta creando delle �gure e delle forme. Gli oggetti che i bambini realizzeranno, daranno loro una sensazione di sicurezza e affermeranno l’idea che loro sono persone capaci. Il mio obbiettivo è di realizzare degli eventi (rapresentazioni teatrali, mostre, o semplicemente delle feste) che possano animare la vita del paese e la vita stessa dei bambini. Per fare questo ci vogliono anzitutto i bambini, l’invito è di portarli, e poi sarebbero importanti le persone simpatizzanti di questa attìvità e di questo modo di pensare, quindi inviterei anche i genitori a prendere parte alla vita del laboratorio in modo che anche i bambini si sentano stimati e valorizzati. Il corso di creatività per gli adulti non è il solito corso artistico dove il maestro dà delle indicazioni sulla tecnica da usare (non mancherà questo) ma piuttosto si dà la possibilità alle persone che hanno avuto sempre il desiderio di dipingere, di scolpire e di fare arte ma non hanno avuto il coraggio e il tempo di farlo, di realizzare il loro sogno. Dà anche l’opportu-

nità di mettersi in confronto con gli altri. Ci possono essere dei dibattiti, gite nella natura, prepareremo degli argomenti da approfondire anche secondo la necessità. Il corso quindi ha un taglio sia individuale che di gruppo. Insomma ci vogliono delle persone non indifferenti, che hanno voglia di cambiare la realtà facendola più colorata, più bella e più vivibile. Per mettere in piedi tutto questo serve la partecipazione anche economica e se pur modesta. Per ogni 5 lezioni del corso di Creatività per i bambini si pagherà 30 euro senza costi aggiuntivi per l’iscrizione. Ovviamente il materiale che mancherà e di cui avranno bisogno sarà a carico dei genitori. Il corso per gli adulti costa 50 euro al mese con la frequenza una volta alla settimana. La lezione avrà durata di un ora e mezza. Per concludere vorrei inolte sottolineare che per rendere fruttuoso, attivo e vibrante uno spazio non basterebbe animarlo una volta alla settimana. Vorrei invitare tutti a conoscere, a portare la loro partecipazione, l’interesse e l’amore per l’arte in questo piccolo spazio artistico chiamato “Rive d’Arte”.

Lo ha rivelato l’assessore Cappelli nel corso dell’ultimo consiglio comunale

Chinotto Neri chiude a Capranica, ma diventa sponsor della JuveCaserta in A1

R

iceviamo e pubblichiamo un comunicato da parte di Elena Angiani, ex dipendente della Chinotto Neri. “Venerdì 20 gennaio il consiglio comunale di Capranica ha affrontato il problema della chiusura della fabbrica del Chinotto Neri che ha cessato l’attività il 31 dicembre scorso lasciando a casa gli undici dipendenti e privando la cittadina di Capranica e tutta la Regione Lazio di un marchio storico. Nell’ambito della seduta, alla quale erano presenti anche gli ex dipendenti della Chinotto Neri, i rappresentanti sindacali di Flai Cgil e Flai-Cisl e numerosi cittadini, è stata approvata all’una-

nimità una mozione con la quale l’Amministrazione si impegna ulteriormente a cercare tutte le possibili soluzioni per sostenere innanzi tutto i lavoratori licenziati, anche coinvolgendo direttamente i politici ed i tecnici della Regione, ed in secondo luogo a continuare nella ricerca di possibili acquirenti dello stabile al �ne di un riutilizzo per l’imbottigliamento o di una riconversione ad altro tipo di attività. Il sindaco Oroni e gli altri amministratori, sia di maggioranza che di opposizione, hanno voluto sottolineare la scorrettezza compiuta dai vertici della Chinotto Neri i quali hanno tenuti nascosti i loro piani di dismissione del-

l’azienda �no all’ultimo momento, comunicando la chiusura sia al Comune che ai lavoratori soltanto una manciata di giorni prima della cessazione dell’attività; ciò, nonostante il fatto che da sempre le varie Amministrazioni Comunali che si sono succedute abbiano sempre mostrato la massima disponibilità verso l’azienda, arrivando per�no ad approvare una variante del piano regolatore che consentisse un eventuale ampliamento dello stabile e la copertura dell’area del piazzale. Che la decisione di chiudere l’attività fosse programmata da mesi, contrariamente a quanto affermato dalla dirigenza, è stato dimostrato dalla “rivelazione”

fatta dall’assessore Cappelli durante la seduta del consiglio: la fermezza dei dirigenti aziendali nel voler a tutti i costi portare via anche il marchio “Chinotto Neri”, vera ricchezza del prodotto, ha trovato una spiegazione nel fatto che dal 1 gennaio il Chinotto Neri è divenuto lo sponsor, al posto della Pepsi Cola, della squadra di basket maschile di serie A1 “Basket Juvecaserta” che si chiama ora, appunto, “Otto Caserta” e mostra sulle proprio maglie il famoso logo del Chinotto Neri con l’8 sormontato dalla coroncina. Dunque quel marchio così poco produttivo da costringere la società a chiudere uno stabilimento in constante per-

dita economica (secondo quanto sostenuto da anni dai dirigenti), quella società che non aveva più risorse per pagare 11 dipendenti, improvvisamente trova centinaia di migliaia di euro per dare il suo nome ad una delle maggiori

squadre di basket d’Italia. Ora c’è da temere che se non dovessero essere abbastanza produttivi da vincere lo scudetto, anche i dieci cestisti della Juvecaserta potrebbero rischiare di ritrovarsi disoccupati da un giorno all’altro.


& Domenica 22 Gennaio 2012 Viterbo AltoLazio

comprensorio sud

15

CIVITA CASTELLANA - Preoccupa il dossier di Legambiente “Mal’Aria” che registra elevati livelli di inquinamento

Allarme smog, sforati 29 volte i limiti È

peggiorata, nel 2011, la qualità dell’aria nelle città italiane. L’allarme arriva dal dossier ‘’Mal’aria’’ di Legambiente sull’inquinamento, da cui emerge che il 67% dei capoluoghi di provincia monitorati non ha rispettato il limite consentito di superamenti della soglia di Pm10, con un aumento del 12% rispetto al 2010. Nel Viterbese suona il campanello per Civita Castellana, che fa registrare ben 29 superamenti. Situazione nettamente peggiore nella provincia di Frosinone dove, nel 2011, gli episodi di superamento sono giunti a quota 529, mentre nella provincia di Roma, secondo il Dossier, la situazione più preoccupante si registra a Colleferro con 74 giorni di fuorilegge, grazie al mix tra le emissioni industriali e stradali, Ciampino invece 58. Rieti rimane la provincia meno inquinata, con 25 sforamenti totali tra il capoluogo e Leonessa, mentre la provincia di Latina arriva a 70 giorni di superamento nel complesso dei quali 35 a Latina. In Italia la zona più critica

CIVITA CASTELLANA Civita Cavalli invita alla benedizione degli animali

rimane l’area della Pianura Padana: tutti i capoluoghi lombardi hanno superato il ‘bonus’ dei 35 giorni; in Piemonte si salva solo Verbania, in Veneto Belluno, in Emilia Romagna Cesena e in Friuli Venezia Giulia Gorizia. Il problema delle polveri

sottili è più presente a Torino, dove sono stati registrati 158 superamenti dei limiti nella centralina peggiore. Al secondo posto, con 131 superamenti, c’è Milano, dove da lunedì scorso ha preso il via l’Area C, che prevede un ticket di ingresso da 5 euro nel cen-

tro della città per quasi tutte le auto dal lunedì al venerdì. Terza in classi�ca è Verona, con 130 superamenti. Roma, dove nei primi due giorni di questa settimana sono tornate le targhe alterne, si piazza al 33.mo posto con 69 superamenti.

FABRICA DI ROMA - Il circolo del Pd si interroga sulla necessità dell’intervento

“Il taglio dei cipressi è una ferita aperta” R

iceviamo e pubblichiamo dal Pd di Fabrica di Roma. “Come molti cittadini e associazioni fabrichesi hanno scritto o detto, il taglio di un �lare di oltre 20 cipressi storici nella via di accesso al cimitero di Fabrica di Roma è una ferita che non si rimarginerà mai per l’inaudita ferocia dell’intervento, per le modalità del blitz che ha lasciato tutti increduli, e per la risibile motivazione fornita a parole da alcuni esponenti della giunta e nell’atto di determina. I due �lari di cipressi rappresentano per ognuno di noi, nel nostro immaginario, un elemento della nostra civiltà e del nostro senso identitario e per ogni fabrichese , in particolare, quelli del proprio paese. La violenza del gesto, e sostanzialmente la sua ingiusti�cabiltà stanno tutti nell’elemento di sorpresa, nessuno sapeva, alcuna voce era trapelata, nella via i vigili non avevano predisposto, nei giorni precedenti, alcuna

segnaletica di chiusura per lavori.. E così i fabrichesi si sono ritrovati nel giro di poche ore un paesaggio completamente stravolto, barbaramente mutilato. Molti si sono interrogati sul perché e, sinceramente, non esistono motivi riconducibili alla logica umana. La strada era sì stretta ma conduceva essenzialmente al cimitero e due auto di normali dimensioni la percorrevano tranquillamente in entrambi i sensi di marcia, se proprio era così faticoso procedere con attenzione si poteva ovviare in modo molto naturale con il senso unico, visto anche l’uso smodato che se ne sta facendo in questi ultimi tempi!!! Inoltre era veramente poco usata: persino i funerali passavano attraverso Viale Ligabue. Non c’era alcun motivo se non quello di procedere alla totale distruzione di tutti gli elementi di appartenenza di questo paese, delle piante e del

verde in particolare. Le motivazioni uf�ciali riportate grossolanamente e super�cialmente sulla determina sono poi tutto un programma. Si sarebbe proceduti allo scalpo per segnalazione del comando di polizia locale che ne avrebbe denunciato l’elevato livello di pericolosità. Ci si chiede su quali statiche di incidenti si sono basati se, a memoria d’uomo, non ne è mai successo nessuno degno di una qualche nota. Per essere precisi all’interno del centro urbano solo a Via Roma ci sono stati incidenti gravi. L’urgenza, tale da non poter aspettare neanche un giorno per informare i cittadini, i consiglieri di minoranza, le poche persone che risiedono in prossimità del viale, è stata giusti�cata con le condizioni meteo favorevoli. Non ci eravamo accorti noi comuni mortali che Fabrica è entrata nella fascia climatica

tropicale monsonica e tra poco ci sarebbe stata la stagione delle piogge e degli uragani! Inoltre poiché il nostro uf�cio tecnico è oberato di lavoro è stato tutto af�dato ad un architetto romano. Ma cosa farà, come sistemeranno l’area, quanto ci costerà alla �ne dei lavori non ci è dato saperlo perché udite, udite non esiste né progetto né tantomeno impegno di spesa. Dobbiamo �darci del noto buonsenso del sindaco e dei nostri amministratori. Le grossolane inadempienze giuridico-legali verranno trattate dai nostri consiglieri di minoranza unici a svolgere questo ruolo con molta dif�coltà e circondati sempre da un evidente ostilità, ma quello che noi vorremo denunciare è la totale mancanza di rispetto per i cittadini che vivono, lavorano e pagano le tasse in questo paese e che meriterebbero certo un paese più bello e vivibile.

SORIANO NEL CIMINO - Una rassegna organizzata dal Gruppo Roccaltia

“Un tè alla Torre”, ecco “Il problema di Pantaleo” Teatro, musica e documentari. Questa la formula di ‘Un tè alla Torre’, iniziativa che oggi apre i battenti alla Torre di Chia con il primo di dieci incontri all’insegna della cultura e dell’intrattenimento. Gli eventi sono organizzati dal Gruppo Roccaltia in collaborazione con il Comune di Soriano che ha messo a disposizione la suggestiva location.

Ad andare in scena oggi sarà ‘Il problema di Pantaleo’, spettacolo di Commedia dell’arte messa in scena dagli artisti di Circomare Teatro, associazione nata nel 2002 con sedi operative a Roma e Soriano nel Cimino. La trama si snoda in epoca contemporeanea e vede protagonista un imprenditore, Pantaleo per l’appunto, che ha un problema di salute le-

gato al suo rapporto con le donne. La rassegna Un tè alla Torre, come accennato, è opera del Gruppo Archeologico Roccaltia di Soriano, sorto nel giugno del 2006 con lo scopo di individuare, conservare e valorizzare le risorse storico-ambientali del territorio. Attualmente ne fanno parte 24 soci e numerosi simpatizzanti.

‘Dopo i numerosi appuntamenti culturali del periodo natalizio – ha detto il vicesindaco Troili – Soriano torna a proporre intrattenimento di qualità nel borgo di Chia.’ Per partecipare occorre la prenotazione poiché sono disponibili 20 posti. L’ingresso è a offerta libera. Per info e prenotazioni: http://grupporoccaltia.it/

L

’associazione Civita Cavalli invita i civitonici a partecipare oggi alla consueta benedizione di Sant’ Antonio Abate, protettore di tutti gli animali domestici. Quest’anno l’associazione ha organizzato l’evento con delle novità importanti rispetto allo scorso anno; infatti la manifestazione è stata indubbiamente impreziosita dall’acquisto fatto dai cavalieri di Civita Cavalli della statua di Sant’Antonio Abate. Il programma prevede: alle ore 10,00, il raduno dei cavalieri presso il Duomo di Santa Maria Maggiore in Civita

Castellana, Cattedrale della diocesi, dove si procederà con la benedizione della statua donata, successivamente si formerà una processione per le vie di Civita fino ad arrivare alla storica e bellissima chiesetta di Sant’Antonio, dove alle ore 11,00 verrà celebrata la Santa Messa, con la toccante benedizione degli animali domestici presenti. L’associazione inoltre provvederà a distribuire ai presenti le tipiche pastarelle del Santo, insieme ad una lauta colazione. Vi aspettiamo , non mancate.


cultura & spettacolo

Domenica 22 Gennaio 2012 Viterbo &

AltoLazio

17

Anche quest’anno, le associazioni faranno parte della macchina organizzativa dell’evento

Al via oggi l’edizione 2012 di “Carnevalando” D

opo il grande successo della passata edizione e della divertente versione estiva, a Tarquinia torna “Carnevalando”. L’edizione 2012 ripropone la formula sperimentata l’anno scorso che, grazie alla collaborazione tra enti pubblici e associazioni, aveva dato un esito più che positivo. Ad organizzare l’evento l’Assessorato allo Spettacolo di Tarquinia e l’Associazione “Tarquinia Allegra”, simbolo della rinascita del carnevale tarquiniese, insieme alla Provincia di Viterbo e la locale Università Agraria. Anche quest’anno, a collaborare con loro ci saranno le associazioni Tarquinia Viva, il Comitato di Quartiere Madonna dell’Olivo, il Top16 e, da quest’anno, l’Assotour, il Comitato Borgo dell’Argento e il Comitato di Quartiere S.Martino. Il programma dell’evento vedrà alternarsi esibizioni di danza, intrattenimenti musicali, una mostra fotogra�ca retrospettiva con immagini storiche e di “Carnevalando 2011” che prepareranno il terreno al gran �nale di febbraio con le s�late per le vie cittadine dei carri allegorici e dei gruppi mascherati, i temi dei quali sono ancora tenuti in gran segreto. Oggi, domenica 22 gennaio, ci sarà l’avvio uf�ciale del Carnevale dal Quartiere Madonna dell’Olivo, al Centro Commerciale Top16. In programma la prima delle esibizioni di danza nel corso della quale è previsto anche il saluto delle autorità comunali. A partire dalle quattro del pomeriggio di oggi, nel parterre di piazza grande del Top16, appuntamento “Con la danza e il karate la magia del Carnevale”. Gli insegnanti Sara Barreca e Alessandro Cancian della scuola Fatamorgana, presenteranno coreogra�e di Danza Moderna, Hip Hop e Danza contemporanea, in preparazione per il consueto saggio di �ne anno che si svolgerà nel mese di Giugno presso l’Arena S. Marco di Tarquinia. La Presidente Simonetta Paolacci e gli Insegnanti Tecnici Rossi Giuliano, Carlo Barreca, Donatella Trebbi e Angela Ar-

naldino presenteranno l’esibizioni del Karate di Fatamorgana, una delle più anziane società sportive presenti sul territorio nata nel 1986, che prevede kata (forme), kumite (combattimento), difesa personale e sound karate. Quest’ultimo è uno dei linguaggi più moderni ed elaborati del karate ed è inteso come insieme di movimenti e di gesti eseguiti con il corpo, seguendo il suono e il ritmo della musica. Nel sound Karate sono importanti la tecnica, la precisione del gesto, la creatività e la fantasia individuale e di gruppo attraverso la capacità di ascoltare la musica e coordinare e sincronizzare il proprio movimento con quello degli altri. L’Associazione “Fatamorgana Karate & Danza”, con sede operativa a Tarquinia in Via Michelangelo Buonarroti (zona artigianale), coinvolgerà tutti i suoi allievi dai 5 anni in su, sotto l’egida della Federazione Uf�ciale del Karate in Italia, l’unica riconosciuta dal CONI e dal Ministero per le Politiche Giovanili e Attività Sportive. Si tratta dell’unica Federazione che partecipa con i suoi atleti ai giochi olimpici, world games, giochi del Mediterraneo, campionati europei e campionati mondiali uf�ciali. L’evento di oggi rientra nell’ambito delle attività didattiche promosse da “Fatamorgana Karate & Danza” attraverso i propri associati, rendendo merito all’impegno e alla professionalità dei tecnici, degli atleti e dei dirigenti delle società sportive, che con entusiasmo e passione svolgono un’opera sociale preziosa per i giovani. PROGRAMMA VALANDO 2012

nimenti musicali e degustazioni gratuite Top 16 – Sabato 18 febbraio ore 16 “Hip-hop – danza – karate” - Associazione Fatamorgana Karate & Danza Domenica 19 febbraio ore 15 “S�lata dei carri allegorici e gruppi mascherati” per la vie della città con partenza da via dello Stadio e arrivo in piazza Giacomo Matteotti (Comune) con musica e balli Martedì 21 febbraio ore 15 - “S�lata dei carri allegorici e gruppi mascherati” per la vie della città con partenza da via dello Stadio e arrivo in piazza Giacomo Matteotti (Comune) ore 17,30 – “Festa della mora” in piazza Giacomo Matteotti (Comune) e chiusura di “Carnevalando 2012” con musica e balli. (F.L.) compagnia di “Pino” Top 16 – Sabato 4 febbraio ore 16 – “Danze del XV secolo” – Emozioni e sentimenti di altri tempi - Associazione Borgo dell’Argento con il gruppo danzante “La Mandragola” ore 18 - Inaugurazione della mostra fotogra�ca “Ricordando il Carnevale di Tarquinia” – Le immagini storiche e quelle di “Carnevalando 2011” ore 19 - “Danze del XV secolo” seconda parte Top 16 – Domenica 5 febbraio ore 16 “La vida es un Carnaval” - Asd Royal Talent Accademy Top 16 – Sabato 11 febbraio ore 16

“Sun�ower accademy” Domenica 12 febbraio ore 15 “S�lata dei carri allegorici e gruppi mascherati” per la vie della città con partenza da via dello Stadio e arrivo in piazza Giacomo Matteotti (Comune) con musica e balli Giovedì 16 febbraio ore 15 – Nelle vie del quartiere Madonna dell’Olivo “S�lata dei carri allegorici e gruppi mascherati” lungo il seguente percorso: partenza da via Filippo Turati, via Aldo Moro, via Palmiro Togliatti, via Sandro Pertini e arrivo al Top 16 ore 17,30 – Al termine della s�lata “Gran festa al Top 16” - Esibizioni di danza, intratte-

CARNE-

Top 16 – Domenica 22 gennaio ore 16 “Con la danza e il karate l’allegria del Carnevale” – Associazione Fatamorgana Karate & Danza Top 16 – Sabato 28 gennaio ore 16 “Carnevalandocon ritmo” - Asd Arteritmica e scuola il Caleidoscopio Top 16 – Domenica 29 gennaio ore 16 “Allegria in piazza Grande” in

Ultimo appuntamento con la commedia “generazionale” I

n scena oggi alle ore 17.00 al Teatro Bianconi lo spettacolo “C’è una certa Annalisa per te”, per la regia di Ennio Coltorti. Attraverso battute divertenti, provocazioni esilaranti e toni accesi e diretti, vengono narrate le paure di coppia e i piccoli drammi amorosi. Ma la frase chiave dello spettacolo che da il via ai ritmi frenetici della commedia è “Amore...siamo in crisi”, che porta lo spettatore a vivere le paure e gli imbarazzi della �glia e i battibecchi dei suoi genitori. La commedia vede riuniti due atti unici di Sandra Conti vincitori del premio del pubblico e della critica della storica rassegna “Attori in cerca di autori” ideata e diretta da Ennio Coltorti. Con l’aggiunta di altre due scene i due atti unici iniziali si sono trasformati in una commedia esilarante dai ritmi frenetici che coinvolge due genitori ex-sessantottini, interpretati da Francesca Draghetti (conosciuta ai più come attrice della Premiata Ditta) ed Ennio Coltorti, ed una �glia conformista ed intransigente.

I battibecchi, le incomprensioni e le ripicche di questa coppia stanca della solita routine domestica, vanno ad intrecciarsi con le paure e l’impaccio della loro �glia Luigia (Sandra Conti), alle prese con un appuntamento al buio con un possibile “�danzato” (Simone Crisari). E se, come nella migliore tradizione teatrale, ridere è un modo per esorcizzare dapprima e affrontare poi le s�de e le dif�coltà della vita, questa commedia assolve al duro compito di metterci di fronte alle nostre piccole realtà umane col sorriso di chi si accetta e, in de�nitiva, di chi si ama. Ridendo di se e delle proprie disgrazie e disavventure tutti i personaggi di questa esilarante commedia portano in scena una profonda umanità, mostrando al pubblico il loro lato più fragile attraverso il coraggio e la schiettezza di chi decide di vuotare il sacco e tentare un nuovo inizio Una commedia dove lo scontro generazionale diventa lo spunto comico e di ri�essione sui piccoli drammi relazionali dei nostri tempi in una sorta di moderna “Comedie humaine”. Per informazioni e prenotazioni www.teatrobianconi.it o telefonare al 0761613695.


almanacco

18 NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

Viterbo & Domenica 22 Gennaio 2012 AltoLazio

Oggi al Cinema

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Fortunato 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE

In questi ultimi tempi è possibile che non prendiate molto sul serio le vostre stesse parole, quindi gli altri lo capiranno ed agiranno di conseguenza. Probabilmente non è detto che tutti siano così comprensivi con voi e se avete dato la vostra parola, ci si potrebbe non accontentare del fatto che non siete riusciti a mantenerla per via della vostra confusione.

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO

21 Aprile - 20 Maggio TORO

Se in questi ultimi tempi non ci sono particolari p r o b l e m i lavorativi, allora potete benissimo cercare di prendere del tempo per dedicarvi alla vostra famiglia e alle persone che amate. In questo modo riuscirete a dare un colpo al cerchio ed una alla botte, come si è solito dire e vedrete che otterrete tanti benefici e tanti risultati.

In questa giornata ci potranno essere dei piccoli malintesi con la persona che lavora più a stretto contatto con voi e questo perché non vi saprete spiegare voi e non si sapranno spiegare loro. Quindi, visto che la comunicazione sarà alquanto interrotta, è possibile per voi tentare un’altra strada, ossia quella del silenzio, fino a quando le cose non si ristabiliranno normalmente.

23 Luglio - 22 Agosto LEONE

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE

In questa g i o r n a t a p o t r e s t e pensare a q u a l c o s a e farne completamente un’altra poiché la vostra mente è così, elastica ma anche piuttosto volubile. Non fate caso a tutte le persone che per questo vi criticheranno, poiché ce ne sarà almeno una in mezzo a tante che invece vi appoggerà qualsiasi cosa decidiate di mettere in pratica.

In questa g i o r n a t a q u a l c u n o p o t r e b b e pretendere da voi più allegria e questo non a torto, poiché non siete affatto poco propensi ed inclini al sorriso. In fondo non c’è motivo per non essere quanto meno ben disposti verso gli altri, abbozzando un saluto magari, un gesto carino o affettuoso. Siete scontrosi e incupiti per motivi che nemmeno voi potete conoscere.

Qualcuno in questa giornata p o t r e b b e essere tanto disponibile q u a n t o piuttosto lento nell’eseguire i vostri ordini o le vostre richieste, quindi sarete avvantaggiati da un lato ma svantaggiati dall’altro. Non si può di certo rischiare di prendere una cantonata oggi, quindi cercate di velocizzarvi voi per recuperare il tempo perduto altrove.

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO

Nella giornata che sta per entrare p o t r e s t e d e c i d e r e che si tratta del giorno adatto per essere più gentili e disponibili con tutti, nonostante non siate particolarmente predisposti moralmente. Tuttavia avete capito che la chiave di tutto con le persone è la gentilezza ed ora non potete più farne a meno per ottenere quello che volete. Vi si è aperto un mondo.

Nella giornata di oggi avrete molto a che fare con il denaro e questo ovviamente potrebbe influire molto sul vostro umore a seconda che entrino dei guadagni o siate costretti a sborsare una somma di denaro per spese varie. Se avete dei figli di certo vi toccherà scucire controvoglia qualcosa in più per un vizio o uno sfizio loro piuttosto che vostro, ma lo farete abbastanza volentieri.

Se in questa g i o r n a t a t r ove r e t e q u a l c u n o alla porta che vi chiede informazioni, diffidate. Se un collega vuole vedere il vostro lavoro con una scusa, diffidate. Se il partner vi dice di avere una riunione ma non ne ha mai fatta una prima d’ora, diffidate. Non credete a tutto quello che vi dicono oggi, perché finireste per avere delle spiacevoli sorprese.

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI

Non sempre si può vivere felici su di una nuvola rosa. Ogni tanto qualche cruccio può venirvi a trovare e finire per nuocervi. Ma si tratta comunque di qualcosa di passeggero, che lascerà pochi segni nella vostra vita. Siete forti quindi qualcosa vi può piegare per un attimo ma di certo non vi spezza. Il coraggio di rialzarvi lo avete sempre e potrete utilizzarlo anche in questa occasione, per molto meno.

FARMACIE (reperibilità)

Se nelle settimane che precedono ci potrebbero e s s e r e state delle incomprensioni con la persona che vi vuole bene, in questa giornata dovrete mettere un punto per non avanzare di troppo verso il distacco. Il silenzio sarà il primo sintomo, quindi parlate fino anche ad essere logorroici e interessatevi allo stesso tempo quello che l’altro ha da fare!

VITERBO

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI

Nella giornata di oggi non è detto che si possa avanzare troppo verso il futuro, tuttavia se siete impazienti potreste quanto meno buttare le basi per avvantaggiarvi. Non siate troppo frettolosi in generale, soprattutto se siete giovani, poiché bruciare le tappe non è assolutamente la miglior cosa da fare quando si vuole giungere subito al dunque.

Cine Tuscia Village Multisala Località Pallone, Vitorchiano

Cinema Genio Via del Teatro Genio 16 Benvenuti al Nord Orario: 16,30-18,30-20,30-22,30 Cinema Trento Piazza del Santuario 51/A L’ora nera 3D Orario: 16,00-18,00-20,00-22,00 Cinema Trieste Viale Trieste 30 La Talpa Orario: 18,30 - 20,30 Il gatto con gli stivali Orario: 16,30

Benvenuti al Nord Fer. e Pref.: 17,30 - 20,00 - 22,30 Fest.: 15,30 - 17,30 - 20,00 - 22,30 L’incredibile storia di Winter... 3D Fer. e Pref.: 18,00 Fest.: 15,45 - 18,00 Non avere paura del buio Tutti i Giorni: 20,15 - 22,30 Underworld. Il risveglio 3D Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Immaturi 2. Il viaggio Fer. e Pref.: 17,30 - 20,00 - 22,30 Fest.: 15,30 - 17,30 - 20,00 - 22,30 The help Tutti i Giorni: 17,00-19,45-22,30 L’ora nera Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30

VETRALLA

Cinema Excelsior Via Cassia 277, Cura Benvenuti al Nord Orario: 17,30 - 19,40 - 22,00 Il gatto con gli stivali 3D Orario: 15,30

CASTIGLIONE IN TEV.

Cinema Tevere Via Orvietana

Benvenuti al Nord Orario: 15,30 - 17,40 - 21,30

TARQUINIA Cinema Etrusco Multisala Via della caserma 32 Benvenuti al Nord Orario: 16,00-18,00-20,00-22,00 L’ora nera Orario: 16,00-18,00-20,00-22,00 Underworld. Il risveglio 3D Orario: 16,00-18,00-20,00-22,00 Succhiami Orario: 16,00 - 18,00 Emotivi anonimi Orario: 20,00 - 22,00

ORTE Cinema Alberini Via del Plebiscito 10 Alvin 3 Orario: 15,30 Capodanno a New York Orario: 17,45 - 21,30

CIVITA CASTELLANA Cinema Florida Via Del Forte, 26 Immaturi 2. Il viaggio Orario: 17,30 - 19,30

SORIANO NEL CIMINO Cinema Florida Piazza Marconi 12 Benvenuti al Nord

Orario: 15,30-17,30-19,30-21,30

MONTEFIASCONE Multisala Gallery Via Cardinal Salotti, s.n.c. Benvenuti al Nord Orario: 15,30-17,40 - 19,50 - 22,00 Non avere paura del buio Orario: 17,00 - 20,00 - 22,00 Multisala Flavia Via della Croce, 1 Arthur e la guerra dei due mondi Orario: 16,00 - 18,00 Immaturi 2. Il viaggio Orario: 19,45 - 22,00 L’ora nera Orario: 16,00-18,00-20,00-22,00

Inviate le Vostre Programmazioni a: redazione@opinioneviterbo.it

PREVISIONI METEOROLOGICHE

OGGI 22 GENNAIO

ACQUAPENDENTE Corso Taurelli Salimbeni, 1 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CASTIGLIONE IN TEVERINA Via Orvietana, 5 (08,30-13,00 e 16,00-19,00)

NEPI Via Roma, 19 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

TUSCANIA Via Tarquinia, 53 (08.35-13,00 e 16,30-20,00)

BASSANO ROMANO Via Leonardo Da Vinci, 5 (09,00-13,00 e 16,30-19,30)

CIVITA CASTELLANA Via S. Felicissima, 17 (08,30-13,00 e 15,55-19,30)

ONANO Piazza Umberto I, 4 (08,30-13,00 e 16,15-19,30)

VALENTANO Piazza Cavour, 21 (08,30-13,00 e 16,00-19,00)

BLERA Via Due Giugno, 3 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

CORCHIANO Via Civita Castellana, 11/13 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

ORTE Piazza Del Popolo, 15 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

VASANELLO Piazza Della Repubblica, 49/50 (09,30-13,00 e 16,30-20,00)

BOMARZO Piazza Bruno Buzzi, 6 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

GRADOLI Via Indipendenza, 15 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

RONCIGLIONE Corso Umberto, 33 (08,30-12,55 e 16,00-19,30)

VETRALLA - TRE CROCI Piazza Europa, 53 (09,00-13,00 e 16,35-19,30)

CAPRANICA SCALO Via Della Stazione, s.n.c. (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

GRAFFIGNANO - SIPICCIANO Piazza Umberto I, 28 (09,00-13,00 e 16,30-19,30)

SORIANO NEL CIMINO Via E. Monaci, 96 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

VITERBO Via Delle Fabriche, 2 (Diurna)

CAPRAROLA Via F. Nicolai, 141 (09,00-13,00 e 16,00-20,00)

MONTALTO - PESCIA Via Delle Mimose, 12/15 (09,00-12,30 e 16,00-19,00)

TARQUINIA Viale Igea, 20 (08,30-13,00 e 16,00-19,24)

VITERBO Viale Trieste, 36/A (Notturna)

CASTEL SANT’ELIA Via Roma, 14 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

MONTEFIASCONE Via Verentana, 8 (08,30-12,55 e 16,00-19,30)

TESSENNANO Piazza Plebiscito, 12 (09,30-13,00 e 16,00-19,00)

VITERBO - GROTTE S. STEF. Via Della Stazione, 5 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

Domenica 22 Gennaio

Lunedì 23 Gennaio

U n a bl a n d a d e p r e s s i o n e si origina intorno alla Corsica, pilotando umide correnti meridionali s u To s c a n a , U m b r i a e Lazio responsabile di nu vo l o s i t à diffusa, a t ra t t i c o m p a t t a e d e s t e s a . Q u a l c h e p i ov i g g i n e n o n s i e s c l u d e s u l L a z i o, a l t r ove i n p r eva l e n z a a s c i u t t o. Te m p e ra t u r e i n r i a l zo s i a n e i m i n i m i c h e l i eve m e n t e n e i m a s s i m i ; c l i m a d i u r n o m i t e, a n c h e in montagna, specie sulla dorsale toscana. Ve n t i f i n o a m o d e ra t i d a S O s u l L a z i o, i n ripiegamento da SE s u To s c a n a e r e l a t i vo a r c i p e l a g o. M a r i m o s s i .

Entro una modesta saccatura in discesa dal Nord Europa si mantiene in vita una blanda depressione al suolo sul Tirreno, responsabile di un’altra giornata nuvolosa o molto nuvolosa, con solo qualche piovasco breve e localizzato più probabile sulle coste laziali. Temperature stabili o in lieve calo nei massimi, in rialzo nei minimi; calo termico serale in quota. Venti fino a moderati di Scirocco su coste, mare ed Arcipelago toscano, ma in attenuazione. Mari in prevalenza mossi su tutti i settori, ma con moto ondoso in calo entro fine giornata.


SPORT

� � �

Domenica 22 Gennaio 2012

19

BASKET

La Belli Cgt al PalaMalè contro la Fox Il team di Cipriani in cerca del riscatto dopo il primo ko stagionale. Romani pericolosi

D

opo due trasferte consecutive che hanno caratterizzato l’inizio del 2012, la Belli CGT torna a giocare in casa ospitando, in questa domenica pomeriggio al PalaMalè, la formazione romana della Fox. Il match, valido per la seconda giornata del girone di ritorno di serie C regionale, vedrà i ragazzi di Fausto Cipriani opposti ad un team che si sta rendendo protagonista di una stagione decisamente positiva. La Fox ha infatti raccolto già sedici punti con otto vittorie e solo sei scon�tte, un bilancio che le consente di occupare la quinta posizione in compagnia di Cisterna, La Foresta Rieti e SMG Latina e di ambire ad un posto nei playoff. L’attacco produce circa 63 punti a partita ed è molto equilibrato, come conferma l’assenza di giocatori romani nelle primissime posizioni della classi�ca marcatori, ma è soprattutto la difesa a rappresentare il punto di forza per coach Di Bucchianico. Le statistiche dicono infatti che si troveranno di fronte le due squadre che subiscono meno punti di tutto il girone, con la Belli CGT che comanda questa

speciale classi�ca con soli 51 punti incassati per gara mentre la Fox ne concede 61 esatti. Percuoco e compagni arriveranno a Viterbo sulla spinta di due vittorie interne consecutive che li hanno ulteriormente lanciati in zona playoff; proprio in casa sono arrivati i risultati migliori per i capitolini, capaci di battere anche due big come Virtus Praeneste e Pamphili, ma nella gara di andata fu la Belli CGT ad imporsi nell’impianto romano, chiudendo con un margine piuttosto netto un match giocato in modo esemplare e indirizzato nel verso giusto sin dal primo tempo, terminato sul 43-22. Nei due quarti successivi, i neroarancio controllarono in modo autoritario la situazione, gestendo il vantaggio �no al 74-52 conclusivo con quattro giocatori in doppia cifra. Il quintetto viterbese, nonostante la scon�tta di sabato scorso a Terracina che ha interrotto un cammino perfetto durato l’intero girone di andata, si trova saldamente in testa alla classi�ca e vuole conservare il buon vantaggio accumulato grazie ad una prima parte

RUGBY - In campo per la prima di ritorno

La lanciatissima Prime Sigma è di scena sul campo dello Spartaco

P

Tra i giovani a referto Carrisi Peroni e De Martino Inizio alle ore 18

di stagione impeccabile, lavorando anche per arrivare nelle migliori condizioni possibili ai playoff. In settimana non ci sono stati test amichevoli per il team di Fausto Cipriani che ha così potuto lavorare secondo la tabella di marcia usuale sino all’ultima seduta che si è svolta nella mattinata di sabato. La squadra ha evidenziato una buona condizione �sica generale e così il tecnico potrà contare sull’organico al completo, puntando

sugli stessi dieci giocatori che sono stati utilizzati nelle ultime partite. La scelta tra i giovani del vivaio viterbese ricadrà ancora una volta su Jacopo Carrisi, il terzo under a referto insieme a Peroni e De Martino. La palla a due dell’incontro è in programma alle 18 e la direzione di gara sarà af�data ai signori Stefano Lorenzoni di Rieti e Alessandro Zambotto di Cantalice (RI).

rime Sigma impegnata alle 14.30 in casa dello Spartaco nella gara valida per la prima giornata di ritorno del campionato di serie C. Viterbesi che all’andata si imposero con un sonoro 95-0 e che quindi non dovrebbero avere troppi problemi a tornare da Roma con i cinque punti, nonostante le contemporanee assenze di Marco Pascucci, Matteo Zappi e del capitano Andrea Menghini, bloccati da problemi di diversa natura. Coach Donato Scorzosi comunque – che potrà contare sui ritorni di Malchin e De Giorgio – non sembra interessato alla differenza di forze in campo ed ai i 49 punti di divario tra le due

squadre (54 ed 11 vittorie su 11 per i gialloblu, 5 ed un solo successo su 11 per i romani penultimi davanti al Vantaggio ancora a 0), e, come sua consuetudine, manderà in campo la migliore formazione possibile. Sotto osservazione, dopo l’ottima prova di sette giorni fa contro le All Reds, il pacchetto di mischia, l’intensità ed il volume di gioco. I convocati: Bucci, Bonucci, Bocchino, Borgatti, Tichetti, Desana, Menicocci, Cecchinelli, Oguntimirin, Mengoni, Soares, Pompei, Forti, Menghini Moreno, Menghini Roberto, Belli, Cecchetti, Malachin, De Giorgio, Mercuri, Ferrazzano.

David, schierata in quintetto base nella trasferta vittoriosa a La Spezia, e a Valentina Gatti, decisiva in occasione del successo abruzzese al PalaMalè con una prestazione da 23 punti e 14 rimbalzi. Nel secondo turno di andata, il CUS Chieti si impose a Viterbo per 71-57 ma la Defensor, pur soffrendo in area i centimetri delle avversarie e l’assenza di Scimitani, seppe chiudere avanti i primi due quarti e rimase in partita a lungo grazie alla buona vena realizzativa di Richter e Yordanova. Entrambe le giocatrici saranno nelle dieci a referto ma dopo una settimana molto difficile per coach Scaramuccia. La sua comunitaria ha infatti ripreso ad allenarsi solamente negli ultimi due

giorni mentre Richter è rimasta a riposo per tutta la settimana e Scimitani ha lavorato con il gruppo solo in un paio di occasioni. A tutte queste difficoltà si aggiunge anche l’indisponibilità sicura di Alessandra Boi, fermata da problemi di lavoro, e quella di Giorgia Narcisi; problemi fisici anche per due giovani come Giorgia Badini e Martina Gasbarri a completare una settimana in cui è stato davvero proibitivo il compito della staff tecnico di preparare una trasferta così impegnativa. La palla a due del match tra CUS Chieti e Defensor è prevista alle 18 e gli arbitri saranno i signori Alessio Dionisi di Fabriano (AN) e Giuseppe Petrone di Fisciano (SA).

BASKET DONNE - Coach Scaramuccia con delle assenze pesanti

Defensor oggi di scena nella tana della capolista Cus Chieti

I

nizia in questa domenica pomeriggio un poker di impegni molto difficili per la Defensor che, nella seconda giornata del campionato di A2 femminile, va a far visita alla capolista Cus Chieti. Le abruzzesi guidano infatti la classifica in compagnia delle due formazioni di La Spezia e della Passalacqua Ragusa, e possono essere legittimamente considerate fra le favorite alla promozione in serie A1. Coach Caboni ha a disposizione un organico ricco di giovani atlete di talento, il gruppo è infatti tra i più giovani dell’intero campionato e, rispetto alle prime gare della stagione, è stato ulteriormente rafforzato con l’ingaggio di una realizzatrice formidabile

come Debora Gonzalez che sta viaggiando oltre i 20 punti di media. Dopo un avvio da otto vittorie e una sconfitta, il CUS ha dovuto subire un paio di battute d’arresto fuori casa ma resta imbattuto sul proprio campo e, soprattutto, è reduce da una

nettissima vittoria esterna nello scontro al vertice con la Sogeit La Spezia, in cui ha dimostrato tutto il potenziale di cui dispone. Oltre alla già citata Gonzalez, play classe 1990 che sta tirando con quasi il 50% da due e il 33% da tre, si attesta

oltre la doppia cifra di media anche Federica Tognalini, grande talento del basket italiano, che realizza 10,3 punti a partita pur con un minutaggio che non raggiunge i 29 minuti per gara. Da tenere d’occhio sul perimetro anche la svedese Josefine Olheim, tiratrice molto affidabile (35,7% da tre punti), mentre sotto canestro è fondamentale il contributo di Elisa Silva, giovane ma già con alcune stagioni importati in serie A1, che ha statistiche praticamente identiche per i punti segnati (6,9) e i rimbalzi catturati (6,8). Il presidio dell’area pitturata è affidato a Natasha Giselle


� �

sport

SPORT

20

Viterbo & Domenica 22 Gennaio 2012 AltoLazio

CALCIO SERIE D

Viterbese, un solo obiettivo: Vincere Al Rocchi occhi puntati sul rientrante Sabatino e su Majella di LEONARDO CUTIGNI

Foto Andrea Di Palermo

SERIE D - GIRONE E

L

’allenamento di rifinitura svolto al Cus ha dato i suoi frutti. Morale alto, nessun inconveniente e formazione pronta. Oggi a scendere in campo contro il Voluntas Spoleto sarà con ogni probabilità lo stesso undici che una settimana fa ha ben fatto in quel di Sansovino, ossia: Santi, Franzese, Cherubini, Lispi, Noverino, Di Marco, Sabatino, Piccolo, Storani, Vegnaduzzo, Majella. L’unica novità è quindi rappresentata da Sabatino che prende il posto di Cristiano, fermato dal giudice sportivo, in mezzo al campo. Ancora panchina per Morini che sarà in compagnia di: Coretti, Manini, Zagarella, Vanacore e Mereu, con Barra e Pucino che hanno dato una mano alla Juniores di mister Zanfardino. Nessuna novità tattica, con un 4-4-2 rodato ed affidale per affrontare la squadra dell’ex Ingiosi che stando alle ultime notizie dovrebbe partire con un più offensivo 4-3-3, potendo contare sul recupero in mezzo al campo di Ionni che farà coppia con Stefani. Per l’allenatore dello Spoleto rimane da sciogliere un solo nodo, chi far giocare dal 1’ tra Camilli, Di Giuseppe e Falzone. Mister brevi, intenzionato ad invertire la rotta e centrare la prima vittoria del 2012 dovrebbe presen-

tarsi al Rocchi con questi undici: Felici tra i pali. In difesa con Perroni, Falà, acquistato nel mercato di riparazione, Ingiosi, rientrato dal turno di squalifica e Tempesta, con Falzone in panchina. A centrocampo potrebbe prendere forma l’inedito trio Di Giuseppe, Stefani, Ionni. In attacco il tridente Piernera, Pero Nullo con punta di riferimento Giammaidoni, da poco rientrato da un infortunio che lo vedeva fermo ai box da due settimane. Sarà un incontro da seguire con attenzione dove probabilmente nessuna delle due squadre partirà all’arrembaggio col rischio di scoprire il fianco ai contropiedi avversari, nonostante entrambe le

formazione possano contare su pedine di q g r a n d e qualità. Per gli ospiti, strappare un punto a Viterbo sarebbe un bel risultato, quindi non dovremmo aspettarci chi sa quali assalti all’arma bianca, piuttosto qualche barricata in mezzo al campo a dispetto del modulo con tre punte. Per i gialloblu, invece, esiste un unico risultato. La vittoria. Come ricordava in settimana il presidente Roberto Fiaschetti: “Due pareggi portano due punti. Una vittoria ed una sconfitta ne portano tre. Dobbiamo osare

e rischiare anche di perdere.” Sarà necessario controllare la circolazione della palla senza farsi prendere dalla frenesia del risultato, in modo tale da non ripetere l’avvio shock contro il Deruta di due giornate fa (0-2 dopo appena 17’). Per ovviare a queste necessità il tecnico cellenese ha insistito negli allenamenti infrasettimanali con partite a ranghi ristretti così da mantenere sempre alta la tensione. La sfida odierna sarà quindi un crocevia importante per il proseguo della stagione, dove sarà nefasto fallire.

Il bomber gialloblu si vuole riappropiare del primo posto nella classifica cannonieri

La classifica parla chiaro, una vittoria oltre a mettere alle spalle un’altra diretta concorrente alla corsa verso i play off darebbe un segnale forte al campionato, mettendo pressione alle avversarie. Per concludere, dando un’occhiata alle condizioni meteo, è prevista

PONTEDERA

40

AREZZO

36

SPORTING TERNI

33

PONTEVECCHIO

30

CASTEL RIGONE

29

VOLUNTAS SPOLETO

27

DERUTA

27

PIANESE

27

VITERBESE

27

SANSOVINO

24

ORVIETANA

24

PIERANTONIO

23

TRESTINA

21

GROUP CASTELLO

21

FLAMINIA

19

SANSEPOLCRO

18

TODI

18

ZAGAROLO

16

una giornata soleggiata con temperature in leggero rialzo, come la classifica della Viterbese, speriamo.

SERIE D GIRONE E - 20ª GIORNATA PONTEVECCHIO -PIANESE

-

CASTEL RIGONE - SANSEPOLCRO

-

ZAGAROLO- PONTEDERA

-

ATLETICO AREZZO - DERUTA

-

PIERANTONIO - CASTEL RIGONE

-

TRESTINA - SANSOVINO

-

SPORTING TERNI - FLAMINIA CIVITA C.

-

VITERBESE- VOLUNTAS SPOLETO

-

TODI- ORVIETANA

-

iL

SERIE D - La Flaminia va a caccia di punti nella tana dello Sporting Terni

Allarme rientrato, Taverna sarà della partita Il ds dello Sporting Terni non si fida: “Flaminia peggior avversario possibile”

A

llarme rientrato. Oggi nella difficile trasferta contro lo Sporting Terni, il giovane Taverna sarà a disposizione di mister Puccica dopo il leggero risentimento accusato durante gli allenamenti infrasettimanali. Una notizia che in un periodo piuttosto sfortunato, vedi l’ennesima ricaduta alla caviglia di Luciani che non prenderà

parte al match, almeno dal 1’, farà sicuramente piacere al tecnico capranichese che dovrebbe presentare il Flaminia con questi undici: Russo tra i pali. Difesa a quattro con Bricchetti, Simmi, Eramo, Gilardi. Centrocampo composto da D’Antoni, Pieri, Buono. Attacco affidato al trio Capodaglio, Taver-

na, Piva. A disposizione del tecnico: Goletti, Poiese, Berardi, Scardini, Cini. Lo Sporting Terni affronterà i 90’ con il classico 4-4-2, composto da: Paolucci tra i pali. In difesa con Medici, Taccucci, Grandoni, Novi. A centrocampo con Nori, Paoli, Cossu, Scappito. In attacco il duo Alessandro, Picchioni. Un incontro che viene preso in grande considerazione da ambo le parti con lo Sporting Terni che

vede nella Flaminia lo spettro di un’altra Domenica difficile (nell’ultima giornata pesante sconfitta nel derby contro l’Orvietana per 2 reti a 0) come sottoline il ds Alessandro Degli Esposti: “Giochiamo contro la squadra più difficile. Loro hanno giocatori di grandi qualità, soprattutto dopo la campagna acquisti invernale. Il Civitacastellana Flaminia è davvero una squadra temibile. Non sarà facile spuntarla contro di loro.” Una considerazione nata dalle ultime prestazioni convincenti dei rossoblu che a parte i risultati finali hanno sempre lasciato il campo tra i complimenti degli avversari. Magra consolazione anche se questo vuol dire che la strada intrapresa è nella direzione giusta. Speriamo solo che anche

questa volta non intervenga la malasorte e che sopratutto non ci si metta la terna arbitrale che sarà composta da: Andrea Capone di Palermo, assistito da Anto-

nio Claudio Bilardello di Marsala e Maurizio Lauria di Potenza. Un pareggio in quel di Terni questa volta potebbe essere un risultato soddisfaciente.


� �

ECCELLENZA

E

sport

21

SPORT

& Domenica 22 Gennaio 2012 Viterbo AltoLazio

PROMOZIONE

Vigor-Ischia di Castro colora lo spettacolo In Eccellenza impegni casalinghi per il Corneto con il Rieti e del Monterosi contro il Fiumicino

T

erza di ritorno nel campionato di Eccellenza e di Promozione. Ecco gli impegni delle nostre formazioni in questa domenica di gennaio. ECCELLENZA Impegni casalinghi per Corneto e Real Monterosi e in trasferta per il Monte�ascone. Guidonia-Montefiascone - Nessun infortunato per i

padroni di casa reduci da un momento di forma decisamente buono. Pesanti le assenze di De Lucia e Lolli. In casa Monte�ascone è out lo squali�cato Michele Venanzi e ci sono dubbi per quanto concerne Vittori, Faina e Giannini tutti non al meglio della condizione. Arbitro - D’Ambrogio di Frosinone (Anselmo di Roma 2 e Salazar di Roma 1) Pronostico - Segno x

ECCELLENZA - GIRONE A

ECCELLENZA GIRONE A - 20ª GIORNATA

PISONIANO

41

OSTIA MARE

40

ALBALONGA

31

TOR SAPIENZA

31

RIETI

30

VILLANOVA

29

REAL POMEZIA

28

MONTEFIASCONE

27

FONTENUOVESE

27

CECCHINA

25

REAL MONTEROSI

25

LADISPOLI

23

CORNETO

22

CECCHINA - VILLANOVA

11,00

CORNETO TARQUINIA - RIETI

11,00

DIANA NEMI - FONTENUOVESE

14,30

GIADA MACCARESE - ALBALONGA

11,00

GUIDONIA - MONTEFIASCONE

11,00

FIUMICINO

21

LA SABINA - PISONIANO

11,00

DIANA NEMI

18

OSTIA MARE - REAL POMEZIA

11,00

GUIDONIA

17

REAL MONTEROSI - FIUMICINO

11,00

MACCARESE

15

TOR SAPIENZA - LADISPOLI

14,30

LA SABINA

11

Cialli e Lauretti del Real Monterosi

PROMOZIONE GIRONE A GRIFONE MONTEVERDE

38

FREGENE

37

V. ACQUAPENDENTE

35

CANINESE

35

ISCHIA DI CASTRO

32

PIANOSCARANO

32

CASALOTTI

29

FOCENE

29

OLIMPIA

25

BRACCIANO

24

TOLFA

24

SANTA MARINELLA

24

LA STORTA

23

ANGUILLARA

22

CITTA’ DI CERVETERI

21

FUTBOL CLUB

21

FOGLIANESE

12

CANEPINA

8

Corneto Tarquinia-Rieti Duro ostacolo per il team tirrenico di mister Gu� che deve fare a meno di Santu bloccato per un turno dal giudice sportivo. E’ un Corneto chiamato a dare il massimo contro la forza del team reatino, fresco vincitore della Coppa Italia lo scorso 6 gennaio. Arbitro - Pavia di Roma 2 (Costantini di Roma 2 e Mazzarella di Ostia) Pronostico - Segno x Real Monterosi-Fiumicino - Nella compagine di mister Lauretti non ci sarà Piergentili, espulso domenica scorsa durante il successo contro il Maccarese e fermo per una giornata. Nella squadra ospite sono febbricitanti Zanotti e Galli e mancheranno Pischedda e Palomba. Arbitro - Caltabiano di Roma 2 (Rinaldi di Roma 1 e Starroccia di Tivoli) Pronostico - Segno 1 PROMOZIONE Zoom sui confronti che attendono le formazioni del-

Sbarra, portiere dell’Ischia la Tuscia in questo turno del campionato di Promozione che vede in vetta il Grifone Monteverde, seguito a ruota dal Fregene e poi con il quartetto della Tuscia formato da Caninese, Ischia di Castro, Vigor e Pianoscarano che insegue.

in cui l’intera posta in palio può avere un grandissimo peso nella corsa verso i giochi �nali alla conquista dei primi due posti. Arbitro - Di Matteo di Roma 2 (Noce di Roma 1 e Conti di Roma 2) Pronostico - Segno x

Focene-Caninese - Il team maremmano ha ingaggiato il difensore centrale Pellegrino, ex Almas. Una pedina di valore al posto dell’infortunato di lungo corso Marcolaldi. Tra i padroni di casa Bugiani in�uenzato è in dubbio ma il tecnico Mirto spera di averlo a disposizione ed occhio alla voglia di vittoria che può avere e trasmettere ai suoi uomini proprio l’ex tecnico della Caninese. Arbitro - Leo di Roma 2 (Torella e Conti di Frosinone) Pronostico - Segno x

Tolfa-Pianoscarano - Ostica trasferta per la squadra di mister Baggiani sul campo mai facile di Tolfa. I locali recuperano Braccini e Mollica che però partiranno dalla panchina così come l’estremo difensore Boriello. Tra i rionali De Santis è squali�cato mentre Malagigi è infortunato. Pianoscarano che vuole i tre punti che non sono mai arrivati dall’inizio del girone di ritorno. Arbitro - Lertua di Tivoli (Ferrini e Civitenga di Roma 2) Pronostico - Segno 1/2

Vigor AcquapendenteIschia di Castro - Ancora emergenza in casa Vigor con le assenze di Cardellini, Lorenzini e Bedini che sono ancora fuori mentre il giudice sportivo ha �rmato per un turno Francis e Nuccioni. In casa Ischia di Castro il tecnico Gasperini ha tutta la rosa a sua completa disposizione e c’è la voglia matta del colpo grosso in uno scontro diretto

C. Foglianese-La Storta - Battere i rionali per tornare a sperare. Potrebbe essere questo l’obiettivo di una Foglianese sempre alle prese con una classi�ca complicatissima. Per la compagine romana squali�ca di Farneti con Capua infortunato e Policano in�uenzato. Arbitro - Moriconi di Roma 2 (Marini e Madeo di

Ciampino) Pronostico - Segno x Canepina-Fregene - Durissimo il compito che attende i cimini di mister Proietti contro un Fregene che si presenterà al Palozzi privo di Cianfanelli e Brancati ma con il rientro del bomber Neroni. Arbitro - Pantano di Frosinone (Raganelli e Siclari di Roma 1) Pronostico - Segno 2 LE DECISIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL CR LAZIO Il Direttivo del Comitato Regionale Lazio ha deciso di presentare alla Lega Dilettanti una richiesta di abolizione del Fidelizzato. No all’introduzione dei play-off in Eccellenza Il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Lazio, riunitosi nella giornata di ieri, facendo proprie le indicazioni emerse dalla riunione con le società di Eccellenza che si è svolta il 19 dicembre ultimo scorso, ha deliberato di pre-

sentare alla Lega Nazionale Dilettanti una richiesta di abolizione della norma che prevede, a partire nella prossima stagione, l’utilizzo di un calciatore cosiddetto “Fidelizzato”. Il Consiglio Direttivo sottolinea che la richiesta avanzata esula dall’applicazione dei limiti d’età previsti per la prossima stagione nell’utilizzo dei giovani calciatori nel campionato di Eccellenza. L’ultima paro,a spetterà comunque al Consiglio Direttivo della Lega Dilettanti. Per quanto concerne l’introduzione dei play-off nel campionato di Eccellenza per determinare la squadra che andrebbe a giocare le gare di spareggio nazionale per l’ammissione in serie D, considerando le particolari e dif�cili condizioni economiche vissute in questo momento, il Consiglio Direttivo ha deciso di soprassedere all’introduzione di una novità che, come sostenuto da parte delle società di Eccellenza nella riunione di cui sopra, andrebbe ad aggravare i costi di gestione.

PROMOZIONE GIRONE A - 20ª GIORNATA ANGUILLARA - CASALOTTI

11,00

CANEPINA - FREGENE

11,00

C. FOGLIANESE - LA STORTA

11,00

FOCENE - CANINESE

11,00

FUTBOL CLUB - BRACCIANO

11,00

OLIMPIA - CITTA’ DI CERVETERI

11,00

SANTA MARINELLA - MONTEVERDE

11,00

TOLFA - PIANOSCARANO

11,00

VIGOR ACQUAPENDENTE - ISCHIA DI CASTRO

11,00

Bellacima (Caninese)


� �

sport

SPORT

& Domenica 22 Gennaio 2012 Viterbo AltoLazio

23

BALLO

Doppio impegno interno per i Lions Alto Lazio La compagine di Racean a Civita Castellana ospita il Latina

D

omenica dal doppio impegno casalingo per le formazioni dei Lions rugby Alto Lazio, chiamate a due confronti (non proibitivi) nei rispettivi campionati. Nel torneo maggiore della Under 20 la formazione allenata da Nicola Racean riceve la visita del Rugby Latina (al campo Angeletti di Civita Castellana, ore 11) per la seconda giornata del ritorno nel girone 2. Per i Lions si tratta del primo impegno ufficiale del 2012, a quasi quaranta giorni dall’ultima partita di campionato. Complice la lunga pausa della feste natalizie, il gruppo ha comunque svolto un’amichevole - molto impegnativa - contro il quindici pari categoria del Vasari Arezzo, ai primi di gennaio. Il quindici del Latina è sicuramente alla portata. Gioca invece al “Quatrini” di Viterbo (sempre ore 11) la squadra Under 16. I Leoncini attendono la visita del Pomezia-Torvaianica rugby per la prima uscita del girone di ritorno del campionato regionale (girone 2). Reduci dalla netta affermazione su Civi-

CALCIO PROMOZIONE - Reduce dal ko nella trasferta di Bevagna

Ortana di scena al Filesi con il Gm 10 E’ scontro diretto vitale per la salvezza

R

tavecchia di domenica scorsa, il gruppo allenato da Marco Amicucci, Emiliano Cardoso e Massimo Romagnoli che guida la classifica - insieme al Colleferro - è chiamato a confermarsi. Soltanto mantenendo salde concentrazione e motivazione i Lions possono infatti lottare per il primato fino alla fine del campionato; il Pomezia, già battuto all’andata, non è un avversario di prima fascia,

ma sicuramente non sale a Viterbo per regalare qualcosa agli avversari. Ed è quindi questo un confronto in cui i team viterbesi dovranno cercare di dare il meglio di loro per provare a conquistare altrettanti successi che sono comunque alla loro portata. Il club invita gli appassionati a seguire le sfide ed incoraggiare i team nei loro sforzi.

educe dal pesante kappaò interno subito per mano del Bevagna, l’Ortana di mister Paolo Livi è attesa, sempre al “Gildo Filesi” da un’altra sfida complicatissima contro il GM 10, compagine anch’essa immischiata nella lotta per la salvezza. Gli umbri infatti nelle ultime settimane sono scivolati pericolosamente indietro entrando a tutti gli effetti nella zona play-out. Stessa zona che purtroppo i biancorossi ortani frequentano fin dall’inizio della stagione senza esserne mai usciti. Attualmente infatti Orazi e soci occupano la penultima posizione con un solo punto di vantaggio sull’ultimo posto che costa la retrocessione diretta. Sulla salvezza diretta invece il gap è molto ampio e al momento dice -13. Match difficile dicevamo anche perché i viterbesi si presenteranno

in campo ancora una volta con moltissime defezioni. Non saranno della partita infatti capitan Orazi, che sta recuperando dallo ‘strappo’ muscolare e che probabilmente potrebbe tornare a disposizione a Febbraio, il difensore Mancini, che accusa anch’esso un malanno muscolare, il centrocampista Sfinjari e il difensore Bobbi, squalificati in settimana dal giudice sportivo e l’attaccante Gammino che finirà questo pomeriggio di scontare le proprie tre giornate di stop.

si assicurarono i tre punti grazie alle reti di Proietti, Piechuski, M. Montegiove, Menichetti e Codini.

ALL’ANDATA - Un girone fa a Guardea fu una gara dai due volti con i biancorossi che riuscirono ad imbrigliare i padroni di casa nel primo tempo, chiuso 0-0, per poi crollare clamorosamente nella ripresa e subire una dura lezione. 5-0 fu infatti il punteggio finale della contesa con gli umbri che

NUOVI ARRIVI Per rincorrere la permanenza in Promozione patron Fabrizi le sta provando tutte e così è ricorso ancora una volta al mercato assicurando a mister Livi un nuovo centrocampista. Ad indossare la maglia biancorossa sarà Gianluca Flamini, giocatore dall’ottima tecnica con un passato anche tra i professionisti. E’una Ortana che a questo punto del campionato è obbligata a conquistare punti pesantissimi per non finire in un abisso dal quale poi sperare di rivenire a galla diventerebbe complicatissimo. Di certo il confronto di oggi può rappresentare un crocevia fondamentale nella corsa verso la salvezza che si complica.

palo per parte (Pagnotta e Romani), inaugurano un ultima fase di gioco prima frazione in cui gli aquesiani brillano per intelligenza e vivacità di manovra (Buzzico, Banditelli e Pagnotta si fanno notare dalle parte di Urbani), mentre gli ospiti diventano cinici nel concretizzare con Simone Grillini che sfrutta al massimo la prima palla pulita a disposizione. Spetta a Bozzoni cambiare letteralmente la gara nel giro di sei minuti. Creando due occasioni da rete e mettendo nel sacco la terza. In un finale trop-

po concitato (entrambe le formazioni raggiungono i cinque falli a testa approdando ad un passo dalla fase di tiro libero), saracinesca-Marconi apre un duello sportivo individuale a suoni di deviazioni su Picotti. Mentre Banditelli, Lucchi e Buzzico mettono a dura prova la reattività di urbani. Il percorso salvezza aquesiano riprenderà Sabato 28 Gennaio alle ore 15.30 con il derby viterbese esterno in casa dell’Orte Futsal. Che ha impattato per 0-0 nella seguitissima strapaesana contro l’Ortana calcio.

CALCIO A 5 C2 UMBRA - Finisce 0-0 l’atteso derby di Orte

Bel pareggio della Vigor contro La Valletta (2-2) U

n Calcio a 5 Vigor tutta grinta ed orgoglio, sovverte i pronostici della vigilia inchiodando sul pareggio la quotatissima formazione narnese de La Valletta sc. C/5 VIGOR 2 LA VALLETTA 2 Calcio a 5 Vigor: Cica, Fabio Tascini, Buzzico, Cencini, Marziantonio, Pagnotta, Lucchi, Pelosi, Banditelli, Bozzoni, Marconi. All: Piccini La Valletta Narni: Urbani, Favetta, Cabiati, Treggia, Romani, Caporella,

Beco, Simone Grillini, Colasante, Michele Grillini, Picotti, Bacci. All: Spadini Arbitro: Loreti di Foligno Marcatori: 5° Cabiati (La Valletta sc Narni), 17° Buzzico (Vigor); Grillini (La Valletta); Bozzoni (Vigor) Note: Ammoniti 3° BUZZICO (CALCIO A 5 VIGOR), 20° Cabiati (La Valletta sc Narni), 29° Urbani (La Valletta sc Narni), 59° Picotti (La Valletta sc Narni) Un Calcio a 5 Vigor tutta grinta ed orgoglio, sovverte i pronostici della vigilia inchiodando sul pareggio la quotatissima formazione narnese de La Valletta sc. Senza possibilità di ampio turn-over causa infortuni e squalifiche, i viterbesi “rispondono botta” allo spumeggiante inizio umbro. Alla rete di Cabiti ed alle conclusioni di Simone Grillini, Picotti e Colasante fanno eco le magie di Banditelli su verticalizzazioni di capitan Buzzico. Che allo scoccare del minuto 17 regala la più “preziosa perla” della serata: superpunizione imparabile e vincente. Un


L'Opinione di Viterbo - 22 Gennaio 2012  

L'Opinione di Viterbo - 22 Gennaio 2012