Page 1

����������

p

������������������������������������������������������������� �������������� ���������� �������������������������� �������������������

MERCOLEDÌ 21 MARZO 2012 ���������������������

Anno III N. 63 - Euro 1,00 �����������������������

���������������������������������������� Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO

Politica

Risorsa Verde aprirà uno sportello di consulenza contro la crisi Servizio

Cultura

Regione

Acqua, Legambiente chiede una nuova gestione pubblica

Grandi cambiamenti per “Cioccotuscia” Annunciati ieri in Camera di Commercio

Servizio

di Sabrina Morbidelli

a pagina 5

a pagina 9

a pagina 17

A Grotte S.Stefano si è tolto la vita Emilio Emiliani, a Cinelli Giuseppe De Federicis, a Mammagialla un detenuto

Tre suicidi e due incidenti mortali

Male non fare paura non avere

Alla pagina 3, cari lettori, troverete la nostra risposta alla perquisizione che abbiamo subito ieri da parte degli uomini della polizia giudiziaria comandati dalla Procura di Viterbo. Sono arrivati alle otto di mattina, hanno rovistato le case e sequestrato computer personali e portatili. Hanno perquisito la nostra redazione e effettuato una copia dei computer in uso al direttore. Al di là del fatto che si sono presi anche cose che non riguardavano le persone per le quali stavano effettuando questi controlli non abbiamo posto resistenza. Anzi! Abbiamo collaborato, li abbiamo aiutati a cercare quello che non hanno trovato e presumiamo non troveranno mai. Non perché da noi nascosta, occultata. Solo perché non abbiamo mai avuto o posseduto le cose che cercavano. Cosa cercavano? Di tutto ma, in particolare, “documentazione, proveniente da pubblici Uf�ci, ovvero da privati, concernente le persone di Camilli Piero e Battistoni Francesco, o comunque situazioni ad essi riferibili”. I documenti di Piero Camilli avrebbero fatto meglio a cercarli, avrebbero sicuramente fatto Bingo, presso la Guardia di Finanza di Viterbo. Quelli riferiti a Battistoni, invece, bastava rimanere in Procura. Noi siamo giornalisti liberi, poveri rispetto ai Camilli o Battistoni di turno. La nostra ricchezza entra dalle porte del cielo e vola via con le colombe. Siamo e saremo sempre liberi. NOI!

Tragiche giornate quelle appena trascorse nel viterbese. Una serie impressionante di suicidi ed incidenti stradali sta caratterizzando questa settimana. A Grotte Santo Stefano si è tolto la vita soffocandosi con una busta di plastica il noto professor Emilio Emiliani, già consigliere comunale di Palazzo dei Priori a Viterbo. A Cinelli si è impiccato Giuseppe De Federicis un agricoltore di 69 anni di Vetralla. Non si conoscono i motivi dell’insano gesto. A Mammagialla si è invece impiccato ad una trave utilizzando un lenzuolo un detenuto accusato di gravi nefandezze. In un incidente stradale a Monte�ascone è morto Mario Oliveto di 26 anni, mentre a Monterosi è deceduto un romeno di 35 anni.

TUSCANIA

Compostaggio, interviene Staccini di Valeria Sebastiani a pagina 12

TARQUINIA

Il voltafaccia degli agricoltori al Comune di Daniele Girardi a pagina 11

di Mario Migneco a pagina 4

VILLA SAN GIOVANNI

Ambientalisti... Omicidio di Valerio L’ospedale Belcolle è tra i 20 siti più pericolosi del Lazio a convenienza si cerca la donna CRONACA

AMIANTO KILLER

Servizio

Numeri agghiaccianti, che fanno paura. Sono quelli relativi alla concentrazione di amianto in città, contenuti nel rapporto fornito dal Centro regionale Amianto di Viterbo. Ben il 39% delle scuole monitorate nel Lazio dichiara la presenza di eternit, mentre oltre tremila tonnellate sono sepolte negli edi�ci pubblici. Tra i siti potenzialmente più pericolosi, si trova l’ospedale del capoluogo. Belcolle si piazza al secondo posto della graduatoria dei venti siti a maggior rischio nell’intera regione Lazio.

Servizio a pagina 2

a pagina 14

MONTALTO

Il Psi abbandona la lista della Peruzzi

di Simona Tenentini

Servizio

a pagina 6

a pagina 11

SPORT - Le cronache e gli eventi della provincia

Calcio D Viterbese test di lusso con il Perugia

Eccellenza A tu per tu con un gasato mister Antolovic

Basket Trionfo per la Ilco Stella Azzurra nel derby

Servizio a pagina 20

Servizio a pagina 20

Servizio a pagina 23

Redazione via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - Centralino 0761.346807 - Fax 0761.1705337 Email: redazione@opinioneviterbo.it


cronaca

2

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 21 marzo 2012

SABAUDIA - Gli inquirenti sono alla ricerca della sua compagna Milena Grimaldi

Si infittisce il giallo sulla morte di Valerio S

ONO a una svolta le indagini sull’omicidio di Sabaudia. Nella giornata di ieri i carabinieri del Comando provinciale di Latina hanno incrociato gli elementi raccolti in questi giorni con le informazioni in possesso dei loro colleghi di Viterbo che collaborano alle indagini. Porta al capoluogo della Tuscia, infatti, la pista seguita dagli inquirenti. Stando al rapporto del comando provinciale di Viterbo l’uomo trovato morto nel lago di Paola sarebbe Valerio Quarneti, un 68enne di Lugo di Ravenna, che per alcuni anni ha occupato una casa cantoniera a Viterbo insieme a una donna, Milena Grimaldi, 62 anni, anche lei del Ravennate . Occupazione poi sfociata in un contenzioso che ha visto la coppia soccombere davanti al giudice. Stando agli accertamenti dei carabinieri di Viterbo, la convivente del 68 enne sarebbe in possesso di una pistola calibro 9x21 regolarmente denunciata, un’arma grosso calibro che per il peso peraltro è poco adatta a una donna. Nonostante siano state fatte ricerche in tutta la Tuscia della donna e naturalmente della pistola �nora non si è trovata traccia. Ai carabinieri di Viterbo risulta anche che dopo aver lasciato la casa cantoniera Valerio Quarneti si sarebbe trasferito in provincia di Latina dove aveva rapporti con perso-

ne di Sabaudia, del capoluogo e di Tre Cancelli, una zona periferica del vicino Comune di Nettuno. Sono tante dunque le coincidenze al vaglio del sostituto procuratore Raffaella Falcione (nella fotina a �anco) che coordina le indagini e degli uomini del colonnello Giovanni De Chiara. Non ultime le prime risultanze dell’autopsia eseguita dal medico legale Saverio Potenza (nella fotina in basso): da cui risulterebbe che l’uomo “affondato” nel lago di Paola è stato ucciso con un solo colpo di pistola di grosso calibro che gli ha attraversato il cervello da un orecchio all’altro. Una valutazione effettuata, per il momento, sulla base della sola osservazione, in quanto il proiettile, uscendo, ha causato la frantumazione delle ossa del cranio. Per cui per stabilire con maggiore attendibilità il calibro dell’arma che ha sparato sarà necessario effettuare la ricostruzione dei frammenti. Per il momento la donna risulta irreperibile sia in provincia di Viterbo che a Latina. Tanto più che a Sabaudia solo di rado Valerio, che aveva rari contatti, è stato visto in compagnia femminile. Gli inquirenti stanno indagando anche sul passato della donna che, a quanto pare, sbarcasse il lunario facendo la cartomante.

Gli inquirenti non parlano Dna, esame fondamentale P

roseguono, intanto, le indagini di laboratorio sui reperti acquisiti nel corso dell’autopsia sul cadavere dell’uomo trovato senza vita nelle acque del Lago di Sabaudia. Nei prossimi giorni, visto che i �gli dell’uomo hanno dichiarato di non essere in grado di riconoscere il padre che non vedrebbero da quando erano bambini, la procura potrebbe disporre il confronto del loro dna con quello del presunto ge nitore. Sin dal ritrovamento del cadavere, peraltro, gli inquirenti hanno con�dato nel risultato degli esami peritali che il sostituto Raffaella Falcione ha af�dato al medico legale Saverio Potenza. Massima riservatezza sul risultato dell’autopsia e delle successive indagini di laboratorio effettuate sui tessuti repertati. Un giallo in piena regola

Coniugi di Blera arrestati per spaccio di droga avevano creato una piazza per la cocaina M

arito e moglie avevano creato una base di spaccio a Blera, dove si rifornivano molti giovani clienti, anche dai paesi vicini. Ad eseguire gli arresti oltre ai militari della locale stazione anche quelli di Barbarano e Monte Romano. In manette sono �niti F.G., 28enne pregiudicato, e la moglie S.G., di 35 anni, colti con le mani nel sacco mentre cedevano una dose ad una ragazza. L’accusa è detenzione ai �ni di spaccio di sostanze stupefacenti. I due erano specializzati nel commercio della cocaina. Nella loro abitazione sono stati trovati dieci grammi di coca purissima, i bilancini di precisione e vario materiale per il taglio ed il confezionamento delle dosi, tutto sequestrate. Dopo le formalità di rito, marito e moglie sono stati riportati nella loro abitazione in regime degli arresti domiciliari, come disposto dall’autorità gudiziaria di Viterbo. Un’altra piazza dello spaccio di cocaina e hascisc è stato scoperto dagli uomini dell’Arma in un istituto di bellezza a Narni scalo.

Arrestati il marito della titolare e, nel prosieguo delle indagini, altre due persone mentre cinque sono state quelle denunciate nell’ambito dell’operazione ‘’Solarium’’. La retata ha permesso di sequestrare 30 grammi di cocaina e 380 di hashish. Tra gli indagati anche un commerciante viterbese di 42 anni trovato in possesso di 18 grammi di “fumo”.

in cui gli elementi a disposizione sono ben pochi, se si fa eccezione per il rapporto dei carabinieri sulla probabile permanenza a Viterbo dell’uomo ucciso a Sabaudia e della sua covivente. Certezze sull’identità solo dal dna. “Le certezze - spiega il colonnello Giovanni De Chiara, comandante provinciale dei Carabinieri di Latina - arriveranno solo con i risultati dell’esame del dna. Solo allora si potrà chiarire con certezza l’identità dell’uomo e ricostruire la sua vita”. L’uomo è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa. Ad accertarlo l’autopsia. Secondo le testimonianze raccolte dai carabinieri l’uomo era arrivato a Sabaudia da Viterbo a ottobre e aveva preso in af�tto un appartamento. Il gestore della lavanderia di Sabaudia, che ha riconosciuto la propria etichetta sulla giacca che l’uomo indossava, ha riferito che la vittima aveva raccontato di essersi trasferita

nella cittadina della provincia di Latina dopo la morte della sua compagna. Ma questo particolare non risulta ai Carabinieri, che si sono messi sulle tracce della donna. La residenza di entrambi risulta ancora a Viterbo, ma i due non vivevano quì da diverso tempo. È scomparsa nel nulla come la sua utilitaria, una Fiat Panda bianca e una pistola di grosso calibro che aveva regolarmente denunciato. È caccia in tutta Italia alla compagna dell’uomo il cui cadavere fu trovato la scorsa settimana nel lago di Sabaudia e oggi è stato identi�cato. Milena G., 63 anni, è stata vista a Viterbo per l’ultima volta alcuni mesi fa, forse tra il settembre e l’ottobre 2011. A vederla e a scambiarci qualche parola sono stati alcuni clochard che ancor’oggi occupano la casa cantoniera sulla Cassia Sud, alle porte di Viterbo, dalla quale la donna era stata sfrattata per moro-

sità. “Era una specie di cartomante e astrologa - raccontano - ha lasciato una stanza piena di libri e alcuni documenti. Lui, invece, lo abbiamo intravisto solo una o due volte”. Tra i documenti lasciati nella casa cantoniera dalla donna ci sono anche la lettera con cui la Regione Lazio, nel marzo del 2004, le intimava di lasciare l’immobile, di cui era l’af�ttuaria, e la missiva con la quale il suo legale, l’avvocato Vincenzo Mutolo di Roma, si opponeva al provvedimento perchè “non debitamente motivato”. “Mi sono occupato solo sporadicamente del caso della signora Grimaldi nel 2004 - ricorda l’avvocato Mutolo - mi fu presentata da un mio collaboratore. Da allora non l’ho vista nè sentita. Non mi fece sapere nemmeno che esito ebbe l’opposizione allo sfratto”.


MercoledĂŹ 21 Marzo 2012 Viterbo &

AltoLazio

cronaca

3

BAVAGLIO - Ieri la Procura ha fatto perquisire case e redazione, sequestrato computer, documenti e... adesso che si fa?

Male non fare paura non avere


cronaca

4

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 21 Marzo 2012

A Grotte S.Stefano si è tolto la vita il prof. Emilio Emiliani, a Cinelli Giuseppe de Federicis, a Mammagialla un detenuto

Settimana tragica: 3 suicidi e 2 incidenti mortali di Mario MIGNECO

informavano i colleghi della Compagnia di Viterbo che, giunti sul posto iniziavano le indagini del caso. Al momento che andiamo in macchina ancora non si conoscono le cause che hanno spinto Giuseppe de Federicis a compiere il tragico gesto, infatti, sembra che l’uomo non abbia lasciato nessun biglietto. Gli investigatori stanno allargando il giro delle indagini per chiarire ogni aspetto della vicenda.

H

a posto �ne ai suoi giorni in maniera tragica il professor Emilio Emiliani, noto esponente della politica viterbese prima nelle �la del Pds poi dei Ds e successivamente, nel 2000, quale candidato a sindaco di Viterbo nelle �le di Rifondazione comunista. L’uomo risiedeva da anni nella frazione di Grotte Santo Stefano dove era rimasto a vivere anche dopo la morte della consorte. Evento questo, che lo aveva particolarmente prostrato tanto che, secondo quanto sarebbe emerso dalle prime indagini, ultimamente il professor Emiliani, sembra, fosse caduto in uno stato di depressione. Ieri mattina la �glia non avendolo sentito da due giorni si è recata presso la sua abitazione e lo ha trovato disteso sul letto con la testa chiusa in un busta di plastica. Alle sua grida sono accorsi alcuni vicini che hanno subito avvertito i carabinieri della locale stazione. La tragica morte del professor Emiliani ha destato profonda impressione e costernazione sia a Grotte che, sopratutto, a Viterbo, dove era particolarmente conosciuto ed apprezzato.

xxxxxx Il professor Emilio Emiliani Il sindaco della Città di Viterbo, Giulio Marini, non appena messo al corrente del fatto ha inviato ai familiari una lettera di condolianze, dove tra l’altro scrive: “Con grande dispiacere ho appreso della scomparsa di Emilio Emiliani. Ricordo di averlo conosciuto diversi anni fa quando ero vice sindaco. Al tempo lui era consigliere comunale. Lo ricordo come una persona molto attiva, che credeva nella sua passione politica e nelle sue idee. Ma anche nel suo lavoro di �sico e insegnante che con dedizione portava avanti. Alla �glia rivolgo il mio

personale messaggio di cordoglio e quello dell’intera amministrazione comunale”. Anche la redazione de L’Opinione si associa alle condolianze. xxxxxx Si è tolto la vita impiccandosi ad un albero, verso le ore 16 di ieri, in strada San Vivenzio in località Cinelli, agro di Viterbo, il 69enne Giuseppe de Federicis agricoltore di Vetralla. Pare che ad accorgersi dell’accaduto sia stata una persona che passava nelle vinanze del luogo. Resasi conto di quanto avvenuto allertava immediatamente i carabinieri della stazione di Vetralla, i quali, a loro volta,

Come abbiamo accennato su queste colonne nell’edizione di ieri, anche a Mammagialla c’è stato un suicidio. Un detenuto, infatti, si è tolto la vita impiccandosi ad una delle travi della cella utilizzando un lenzuolo. Dalle indagini subito avviate sarebbe emerso che l’uomo appro�ttando dell’assenza dell’altro detenuto che stava con lui nella stessa stanza, ha posto �ne ai suoi giorni. Ad accorgersi dell’accaduto sono state le guardie carcerarie le quali non hanno potuto far altro che costatarne il decesso. Del fatto è stata immediatamente avvertita la Procura della Repubblica di Viterbo che ha avviato le indagini del caso. Dai primi rispontri sembra che il soggetto non abbia lasciato nessuna memoria, anche se

Mario Oliveto qualcuno ha avanzato il dubbio che sia stato sopraffatto dai suoi rimorsi. xxxxxx Un mortale incidente stradale dove ha perso la vita un giovane di 26 anni, Mario Oliveto, è avvenuto lungo la statale Cassia nei pressi nei pressi di Monte�ascone. Il giovane viaggiava sulla sua moto insieme ad una ragazza, C.P. di 20 anni, quando, giunto all’altezza di Villa Serena, ha perso il controllo del mezzo �nendo nella scarpata. La sua morte è stata istantanea, mentre la giovane è stata trasportata al Belcolle con fe-

rite varie, ma non in pericolo di vita. xxxxxx Un altro incidente mortale è accaduto ieri sera sulla statale Cassia nei pressi di Monterosi, dove ha perso la vita un giovane romeno di 35 anni. Il giovane, che viaggiava a bordo di una Mercedes, dopo aver perso il controllo del mezzo si è schiatato contro i piloni di cemento che sostengono il passaggio pedonale al chilometro 35,700. Sul posto è intervenuta la polizia stradale di Monterosi per i rilievi e determinare le cause del sinistro.

Pubblichiamo la testimonianza rilasciata da Gianluca Manca al quotidiano on line Caffè News di Napoli

Caso Manca, da Napoli un’intervista al fratello S

i torna a parlare del caso Manca, l’urologo dato per suicida. Una storia che per molti versi resta un mistero. Ne hanno parlato a Napoli, nella redazione online del Caffè News. Roberto Galipò è l’autore dell’intervista al fratello di Attilio Manca, Gianluca. “Dodici febbraio 2004. L’urologo Attilio Manca venne trovato morto nella sua casa di Viterbo. Il medico del 118 che intervenne lo trovò riverso sul letto con il setto nasale deviato, ecchimosi sul corpo, con le mani ritratte come per aggrapparsi alla vita e con segni presumibilmente di lacci ai polsi e alle caviglie. Un esame autoptico piu approfondito rilevò che Attilio morì in seguito ad un overdose di eroina, alcool e diazepan e secondo lo stesso medico che fece l’autopsia Attilio si iniettò nel braccio sinistro la dose letale, si sedette a tavola, cenò e poi successivamente svenne sul letto colpendo il telecomando con la faccia deviandosi il setto nasale e poi mori. Durante la perquisizione dell’appartamento le forze dell’ordine trovarono due siringhe ben riposte di copri ago e copri stantuffo nella pattumeria e i vestiti ben riposti sulla sedia. Signori lettori, a questo punto è lecito porsi degli interrogativi: Prima

Da notare il dettaglio nella foto a sinistra, il telecomando della tv sotto è il braccio del cadavere del medico di tutto Attilio era mancino puro e s�diamo qualsiasi mancino puro a farsi un’iniezione da solo nel braccio sinistro. La squadra mobile di Viterbo interrogò i suoi colleghi e tutti, ripetiamo tutti, negarono che Attilio facesse uso di farmaci o di stupefacenti. Secondo: Attilio svenendo sul letto �nì sul telecomando e si deviò il setto nasale. Dalle foto pubblicate su Caffè News, su gentile concessione del fratello Gianluca Manca, si nota chiaramente che il telecomando è sotto il braccio sinistro. Il setto nasale come può essersi deviato? Finendo sul materasso? Terzo: gli schizzi di sangue sulla parete, le ecchimosi sul corpo e i segni riconducibili a legamento mediante legacci a braccia e ca-

viglie? Secondo logica, se uno si vuole suicidare non pensiamo si leghi e si picchi da solo. A tutti questi nostri quesiti ha risposto il fratello di Attilio, Gianluca. Hai dichiarato in più occasioni che hai saputo della morte di Attilio da tuo zio, come mai lui e non i carabinieri? “Mio zio, Gaetano Manca (fratello di mio padre e papà di Ugo Manca), ha riferito che è stato lui a bloccare i Carabinieri che stavano entrando a casa mia per dare la notizia. Notizia che lui aveva appresa da un’anestesista di Barcellona che lavorava presso l’Ospedale Belcolle di Viterbo per il tramite di Salvina Alfano, cognata della �glia Francesca Manca, amica dell’anestesista”. Quando hai iniziato a so-

spettare che Attilio era stato ucciso dalla rete di protezione di Bernardo Provenzano? “Ho iniziato a sospettare che si trattasse di omicidio da subito, dopo la morte di Attilio. Che si trattasse di Bernardo Provenzano solo un anno dopo, nel 2005, a seguito delle dichiarazioni del pentito Pastoia che riferì che un urologo siciliano visitò Bernardo Provenzano”. Come mai davanti a tutte queste prove inconfutabili il dottor Petroselli continua a chiedere l’archiviazione per suicidio? “Il Dott. Petroselli ha condotto indagini lacunose e super�ciali e quelle poche che ha svolto le ha svolte, a mio avviso, malamante. Mi auguro che dipenda da una scarsa preparazione alle tema-

tiche ma�ose e non ad altro”. Dalle testimonianze di chi ha ritrovato il corpo di Attilio e non essendo stata forzata la porta d’ingresso, secondo te Attilio conosceva i suoi assassini? “Attilio era solito chiudersi dall’interno a chiave quando andava a dormire. La mia risposta è si, li conosceva”. Come mai secondo te persone ignote continuano ad intimidire la tua famiglia? “Perchè parlare di Attilio ha riportato l’attenzione sulla ma�a Barcellonese e sui loro interessi enomico-politico ma�oso. Meglio il silenzio che le luci della ribalta per la ma�a dai colletti bianchi. Attilio avrà giustizia solamente quando il senso di giustizia sarà trasmesso dallo Stato.

Io ho speranza e attendo”. E’ stato mai interrogato il medico del 118 che è intervenuto per primo sul posto? Non è mai stato interrogato”. L’unica impronta ritrovata all’interno di casa è di Ugo Manca, risulta indagato? “Oltre all’impronta di Ugo Manca, rinvenuta nella stanza da bagno, sono state ritrovate impronte appartenenti a mio fratello Attilio ed altre a cui non si è riusciti ad attribuire un nome ed un cognome”. Cosa sta facendo la D.N.A? “Per il caso di Attilio Manca, non sta facendo nulla. Ci ha solo risposto il Dott. Grasso, l’attuale Procuratore Capo, il quale ci ha riferito che se gli avessimo fornito le prove certe della permanenza di Attilio a Marsiglia si sarebbe occupato del caso. Da cittadino italiano, e non da fratello di una vittima, mi aspettavo che fosse una Procura Nazionale a scoprire le prove e non un cittadino”. Concludendo, questo “suicidio” ha parecchie ombre su cui si deve far luce. Attilio deve avere giustizia, il suo non deve restare un caso irrisolto e l’omertà che avvolge la sua vicenda deve svanire. I colpevoli di questo omicidio devono essere assicurati alla giustizia e lo Stato deve muoversi in questo senso.


Mercoledì 21 Marzo 2012

politica

Viterbo & AltoLazio

5

La Destra plaude all’iniziativa di Federici sui bozzetti della Macchina di Santa Rosa

R

iceviamo e pubblichiamo: “In merito alla mozione presentata in Consiglio Comunale dal consigliere Maurizio Federici (nella foto), La Destra esprime piena approvazione al metodo proposto riguardo i criteri di scelta dei futuri bozzetti per la Macchina di S.Rosa. Appare quantomeno giusto il principio di lasciare ai Viterbesi l’ultima parola riguardo la scelta �nale, data l’importanza che da secoli

S.Rosa riveste per la nostra Città. Dopo che la Commissione preposta avrà valutato i migliori sei bozzetti tra quelli pervenuti, questi verranno esposti nelle sale comunali e nei decentramenti delle frazioni per circa una settimana, dove potranno essere “votati”, previo “accertamento di cittadinanza” attraverso l’esibizione di un documento d’identità ed il suo inserimento in un semplice pro-

gramma che eviterà doppie o triple votazioni. La Devozione ed il Sentimento di un Popolo debbono poter essere espressi attraverso la selezione del Simbolo della sua Fede, come vero esempio di “democrazia partecipata”, e quello esposto è, a nostro avviso, il modo migliore. Un plauso, quindi, a Maurizio Federici per l’ennesima valida proposta portata in Consiglio”.

Risorsa verde promette di aprire entro l’estate uno sportello di consulenza professionale gratuita per persone in difficoltà

Un aiuto concreto contro la crisi A Pietrasanta folta rappresentanza viterbese per la convention di Futuro e Libertà

I

l partito di Gianfranco Fini, dopo aver contribuito in modo determinante a chiudere la lunga era berlusconiana,ha posto le basi per un ampliamento del progetto di rinnovamento della politica italiana. All’incontro di Pietrasanta, a cui hanno partecipato oltre 1.500 delegati da tutta Italia, era presente anche una folta rappresentanza di futuristi viterbesi, guidata da Claudio Taglia, coordinatore provinciale di FLI. Il presidente Gianfranco Fini ha tracciato, con decisione e chiarezza, la rotta politica del futuro: “le strade di Futuro e Libertà non incontreranno quelle del Pdl”, perché in questo momento c’è bisogno di una ricostruzione morale, oltre che economica,dell’Italia;e,perFuturoeLibertà,ivaloridell’onestà, della giustizia, della solidarietà, della meritocrazia non sono negoziabili. Del resto, ha sottolineato Fini, la vera alternativa è “tra i rinnovatori e i nostalgici,i gattopardi; il discrimine è tra chi vuole riformare e chi è privo di progettualità innovativa”. Da Pietrasanta - ed è la linea perseguita anche dal Coordinamento viterbese - FLI si impegna a divenire sempre di più movimento aperto alla società civile, alle associazioni, al mondo del lavoro, delle professioni, della cultura. Un cantiere in costruzione dove portare progetti e speranze per l’Italia che verrà; un movimento per affermare un nuovo patriottismo repubblicano che sappia interpretare la politica come servizio per il bene comune e dove l’unico interesse Altolazio News deve essere quello Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10 della collettività”. Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Editore Cooperativa Editoriale Giornalisti Poligrafici amministratore unico Viviana TARTAGLINI

Iscrizione ROC n. 20469 Alessandro Giulietti Virgulti Simona Tenentini Valeria Sebastiani Emanuele Faraglia Viviana Tartaglini Fulvio Medici Andrea Di Palermo Michele Mari Giovanni Corona Mario Migneco capo redattore Antonio Brancadoro Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) 0863.997451 - 06.55261737 Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Per la pubblicità

Coop. Editoriale Giornalisti Poligrafici TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 GRUPPO EDITORIALE STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

Quanto sta accadendo in Italia e nel Viterbese non ci piace affatto”, così il presidente di Risorsa Verde Umberto Fusco (nella foto). “Non vogliamo però stare con le mani in mano - continua - e siamo al lavoro per aprire entro l’estate uno spazio di prima consulenza professionale gratuita. Un luogo, a Viterbo, dove sarà possibile a tutti, e in modo particolare alle persone che stanno affrontando un periodo di difficoltà economica, ricevere consigli utili da esperti in varie aree di competenza. Dal commercialista all’avvocato, passando per lo psicologo. Uno spazio di primo contatto dove i cittadini possono avere consigli utili e indicazioni preziose per affrontare i propri problemi con il minore carico economico possibile. La crisi – approfondisce Fusco di Risorsa Verde – si sta facendo

sentire. Ogni giorno purtroppo cresce il numero delle persone che rimangono senza lavoro e tanti sono i giovani senza occupazione. Una situazione difficile e dalla quale, con le misure che si stanno prendendo, difficilmente si uscirà nel breve periodo. Per sistemare i conti e rispettare patti di natura economica di fatto si sta facendo macelleria sociale. Risorsa Verde - nata a Viterbo in occasione delle recenti nevicate, e impegnata da subito in un lavoro di pulizia delle strade rurali del capoluogo della Tuscia - pone al centro della propria azione iniziative volte a tutelare la dignità delle persone. Il nostro obiettivo è quello di creare condizioni che possano liberare la gente dai problemi più o meno banali che ogni giorno si presentano. Spesso per risolvere alcuni di questi problemi bastano dei giusti e competenti consigli”.

Uno spazio dove i cittadini possono avere consigli utili da professionisti

L’appello dell’associazione è rivolto anche a quei professionisti interessati a questa iniziativa e che possono essere disponibili a mettere le proprie preziose conoscenze, per poche ore a settimana, al servizio dei cit-

tadini che stanno soffrendo maggiormente le difficoltà del momento. Chiunque volesse saperne di più può contattare il presidente Umberto Fusco al numero 3331299821 o all’indirizzo email fuscoumberto@hotmail.it.

Il segretario provinciale della Conf.S.A.L. Catani polemizza dopo alcune dichiarazioni all’indomani della competizione elettorale

“Da Cgil, Cisl e Uil presunzione che rasenta la megalomania” D

opo settimane di reciproci attacchi relativi all’utilizzo di operatori sanitari presso il carcere di Mammagialla è di nuovo battaglia tra le diverse sigle sindacali. In particolare è il segretario provinciale della Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori Giancarlo Catani (nella foto) a “togliersi qualche sassolino dalle scarpe”. “Avremmo voluto evitare di scendere nella solita sterile polemica che si sviluppa frequentemente tra concorrenti all’indomani di una competizione elettorale, ma la elezione delle Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU) recentemente costituite, hanno fatto emergere da alcune dichiarazioni dei Segretari di CGIL-CISLUIL, una eccessiva personalizzazione, un certo disprezzo, la presunzione che rasenta addirittura la megalomania, nell’intento di voler a tutti i costi azzerare ogni possibile voce contraria, ogni forma di dissenso sindacale che possa minacciare il “trono”, il monopolio della rappresentanza dei lavoratori, da sempre

ostentata da CGIL-CISL-UIL. Così i “Grandi” i “Confederali”, come ossessivamente è stato ripetuto, in una delirante cantilena autocelebrativa, si sono avventati contro il sindacalismo autonomo, in particolare contro la FIALS-Confsal, che ha osato nella sanità, mantenere il primo posto per consensi all’ospedale di Belcolle e piazzarsi dignitosamente al terzo posto nella AUSL-Viterbo. Sul fronte degli enti locali, è andata ancora meglio, il DICCAP-Confsal ha raggiunto il primo posto nell’Amministrazione Provinciale ed il secondo posto, nell’intero comparto degli enti locali. Non di meno l’UNSA-Confsal nel comparto ministeri e nelle agenzie �scali si è bene affermata. Il dato secondo noi rilevante, è che il sindacalismo autonomo rappresentato dalla Confsal, ha conquistato il primato dei consensi in due strutture di alta consistenza numerica del pubblico impiego, l’ospedale Belcolle e l’Amministrazione Provinciale e si è di fatto inserito

concretamente tra le organizzazione sindacali più rappresentative di Viterbo e provincia. Tale situazione non molto frequente sul territorio italiano, ha suscitato reazioni emotive e scomposte prese di posizione, così il discepolo di Bonanni il cislino Malerba del “grande sindacato”, si è dilettato nel fare valutazioni sulla FIALS che fa parte della “Confsal”se lo ricordi, col solo scopo di screditare, mentre avrebbe potuto chiarire come mai il suo sindacato, riscuote storicamente molti successi proprio in alcuni seggi della AUSL, dove insistono molti uf�ci, dove si fanno carriere brillanti e si arrotondano bene gli stipendi, mentre a Belcolle, dove gli operatori sanitari hanno subito pesanti arretramenti sotto ogni punto di vista, la CISL ha ottenuto meno della metà dei consensi della FIALS. Vorremmo ricordare al sig. Malerba, che ci sono anche gli infermieri disoccupati e precari (quelli delle manifestazioni a Belcolle di qualche mese fa indette dalla cisl e dagli altri sindacati), che lo stanno cercando per sapere, dopo i bei comizi di allora, se si è degnato come ha fatto la FIALS, di sollecitare la AUSL perché chieda alla Regione Lazio, di ricoprire i posti vacanti di infermiere, previsti nella pianta organica per la Casa Circondariale di Mammagialla, così come è avvenuto per il carcere di Civitavecchia… faccia meno chiacchiere e più fatti”.


attualità

6

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 21 Marzo 2012

Il nosocomio viterbese figura al secondo posto tra i venti siti più pericolosi del Lazio

Amianto killer, emergenza a Belcolle di SIMONA TENENTINI

N

umeri agghiaccianti, che fanno paura. Sono quelli relativi alla concentrazione di amianto in città, contenuti nel rapporto fornito dal Centro regionale Amianto di Viterbo. Ben il 39% delle scuole monitorate nel Lazio dichiara la presenza di eternit, mentre oltre tremila tonnellate sono sepolte negli edifici pubblici. Per tranquillizzare gli animi non serve nemmeno ricorrere all’alibi della bonifica. Secondo quanto afferma sempre il Centro, ci vorranno, infatti, circa 100 anni per completarla. E per quanto riguarda le vittime del materiale killer? Anche in questo caso i numeri fanno rabbrividire: sono 761 i morti accertati negli ultimi 10 anni, ed il peggio deve ancora venire. Ci vogliono dai 20 ai 40 anni perché si manifesti il mesotelioma dal primo contatto. Dunque, le vittime di oggi sono i bambini di 10-15 anni che hanno respirato le polveri di asbesto durante l’infanzia. Tra gli aspetti più preoccupanti dell’intera questione, c’è il fatto che non si conosce, ancora oggi, la quantità di eternit che alberga indisturbata nel sottosuo-

lo dell’intera regione. La legge 257/92 delega alle regioni il monitoraggio. Ma la mappatura dei siti a rischio, affidata dai tempi della presidenza Marrazzo al Laboratorio d’igiene industriale, Centro regionale amianto, della Asl di Viterbo, è lontana dal completamento. In sintesi è disponibile solo un report parziale anche se è sufficiente una rapida analisi dei dati relativi al 2011 per far accapponare la pelle. Quasi 3mila tonnellate di

amianto, esattamente 2960, si celano in 1300 edifici pubblici: scuole, ospedali, uffici comunali, biblioteche, centri sportivi. I dati, inoltre, corrispondono solo agli edifici autocensiti, ovvero quelli che hanno risposto ai questionari. I numeri reali vanno ben oltre l’immaginazione, già di per sè terrificante. Nel Lazio sarebbero diffuse quà e là, sparpagliate tra tetti, coperture, pareti, cassonetti ben 700mila tonnellate di amianto, pari a 54 milioni di metri quadri di

superficie. A questi bisogna aggiungere le coibentazioni, i tessuti, le guarnizioni delle tubature, insomma, tutto il materiale più pericoloso in quanto di natura friabile. Il Lazio, nel complesso, ‘ospita’ oltre 1 milione di tonnellate di eternit. Numeri che colpiscono come un pugno nello stomaco. Anche perchè, facendo un rapido conto, si tratta di un quantitavivo di 180 kg procapite di amianto. Neonati compresi.

Proseguono gli appuntamenti con studiosi che accompagnano i ragazzi in città

Lezioni di storia all’aperto S

anta Rosa, Buratti e Ruf�ni, i ragazzi dei licei viterbesi la storia di Viterbo la studiano direttamente sul luogo. E si è svolta proprio con questo spirito la recente visita guidata per le vie della città dei papi che ha visto Valentina Berneschi, storico viterbese e Alberto Pichardo Gallardo, archeologo spagnolo, illustrare ai liceali alcuni segreti del passato cittadino e svelare alcune novità del progetto riguardante il ritrovamento della tomba di papa Alessandro IV su cui lo stesso Pichardo sta lavorando da mesi. La lezione/escursione, svoltasi lunedì scorso, rientra nel più ampio e innovativo progetto Vetus Urbs, Nova Juvens, neologismo di una lingua morta che sta proprio a testimoniare la vitalità del passato che incontra le giovani generazioni viterbesi. L’iniziativa, promossa dall’assessorato alle Politiche Giovanili coinvolge, oltre ai tre licei viterbesi, il professor Al�o Cortonesi, docente universitario, e altri docenti e ricercatori del territorio. Grande attenzione mostrata dai circa cento ragazzi che hanno partecipato al percorso che ha coinvolto il Colle del Duomo, la cattedrale di San Lorenzo, la Chiesa di S. Tommaso che ospita la mostra su Alessandro IV, la chiesa della Carbonara, il complesso

templare e ancora il quartiere Pianoscarano con la chiesa di Sant’Andrea, San Pellegrino, la chiesa di Santa Maria Nuova e piazza del Gesù. “Il nostro obiettivo – ha spiegato l’assessore Daniele Sabatini – è quello di far scoprire e apprezzare ai nostri ragazzi la storia medievale della città attraverso lezioni curate da docenti universitari e visite sui luoghi, che tanto hanno da raccontare, con storici e ricercatori

viterbesi. Sono ancora in programma quattro conferenze e un’altra escursione dedicata questa volta alla Viterbo rinascimentale e barocca. Questo progetto, di grande valore sociale, ha già dato i suoi primi risultati. Molti sono i ragazzi interessati a scoprire tutti i segreti del passato storico cittadino e del patrimonio che li circonda. L’ampia partecipazione da parte delle scuole conferma

questa nuova formula come un naturale strumento culturale, didattico e soprattutto formativo per i nostri giovani. Un risultato ottimale ottenuto grazie ai dirigenti scolastici degli istituti, Paola Moscucci per il Liceo Classico, Maria Antonietta Bentivegna per lo Scienti�co e Maria Teresa Maffucci per il Santa Rosa, e ai professori che, con entusiasmo, hanno seguito i ragazzi in questo affascinante progetto”.

Sempre rimanendo in tema di bambini, è preoccupante rilevare che, secondo quanto afferma il dossier Ecosistema Scuola 2011 di Legambiente, ben il 39% delle scuole monitorate ha rilevato presenza di amianto (su un campione di istituti che hanno risposto pari al 66%). Un altro 12%degli edi�ci scolastici nasconde casi sospetti, mentre solo 1 scuola su 10, negli ultimi 2 anni, ha effettuato interventi di boni�ca. E nella provincia di Viterbo

qual’è la situazione? Tra i siti dismessi figura, nella Riserva Naturale di Monte Rufeno, la cosiddetta “Cava del Bianchi”. Attiva tra gli anni ‘50 e ‘60 del secolo scorso, vi si estraevano rocce di tipo o�olitico dalle caratteristiche colorazioni verdi molto intense che ne avevano favorito l’estrazione e l’utilizzo, ad esempio, come lastre per altari nelle chiese della zona. Il sito è stato completamente boni�cato e messo in sicurezza, diventando, addirittura sede di una struttura museale sull’ambiente. Il paradosso però dell’intera vicenda è che, tra i siti potenzialmente più pericolosi, si trova l’ospedale del capoluogo. Belcolle, infatti, si piazza al secondo posto della graduatoria dei venti siti a maggior rischio nell’intera regione Lazio. Il nosocomio viterbese può ‘vantare’ un quantitativo di amianto superiore ai 10.000 chilogrammi, di cui la superficie danneggiata è di oltre il 10%. Risultato conclusivo: un punteggio di 1331 punti e una classe di priorità pari a 2, ovvero quella più preoccupante. Insomma, si va per farsi curare e il rischio è quello di trovarsi pericolosamente esposti all’amianto killer.

Offerte di Lavoro MAGAZZINIERI, SEGRETERIA, ADDETTI ALLA VENDITA MAGAZZINO CARTACEO A VITERBO RICERCA 3 AMBOSESSI DA INSERIRE COME INSERIMENTO DATI,GESTIONE PRATICHE E DUE ADDETTI AL PUBBLICO, ANCHE PRIMA ESPERIENZA. SOLO TEMPO PIENO. PER COLLOQUIO TEL. 0761/253159 ______________________________ VENDITORE AUTO Concessionaria auto di Viterbo cerca 1 venditore di età minima 20 anni, con conoscenze informatiche e patente di guida. E’ gradita l’esperienza lavorativa nel profilo richiesto. Si offre contratto Enasarco. Riferimento: 3034/B Data annuncio: 29/02/2012 Richiesta: 1 VENDITORE AUTO Settore: Concessionaria auto Sede lavoro: Viterbo Contratto: Lav. Autonomo Titolo di studio: licenza media Requisiti: Età minima 20 anni, conoscenze informatiche, patente di guida. Si richiede disponibilità ad aprire partita Iva. AIUTO PARRUCCHIERA Attività commerciale- parrucchiera donna- cerca 1 aiuto parrucchiera. La candidata si occuperà di supportare la titolare nel fare schampo e tinture. Riferimento: 3276/T Data annuncio: 24/02/2012 Richiesta: 1 AIUTO PARRUCCHIERA Settore: Parruccheria Sede lavoro: Tarquinia Contratto: Contratto apprendistato Titolo di studio: indifferente Requisiti: Residenti in Tarquinia o paesi limitrofi entro i 30Km e non oltre. Patentati e automuniti. Si richiede esperienza nel settore specifico. Tempo determinato pieno con orari distribuiti nell’arco della giornata. PER EVENTUALI CANDIDATURE: Tel. 0761.353252 - 353267 - Fax: 0761.271279 Indirizzo e-mail: lavoro.domanda.offerta@provincia.vt.it


Mercoledì 21 Marzo 2012

attualità

Viterbo & AltoLazio

7

Presentati a Palazzo dei Priori i due nuovi corsi di laurea disponibili, le lezioni partiranno da ottobre

Ostetricia e Scienze infermierististiche al via di Mario MIGNECO

D

al prossimo ottobre, con l’avvio del nuovo anno accademico, partirà il nuovo corso di laurea magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche presso il polo didattico Ausl di via Cardarelli. Avviato già il corso di laurea triennale in Ostetricia. Queste le due novità ottenute grazie alla collaborazione tra Comune di Viterbo, Ausl e l’Università La Sapienza di Roma e annunciate questa mattina a Palazzo dei Priori, nell’ambito di un’affollata conferenza. E grazie anche alla professionalità di un reparto che ha sempre fatto molto per portare alto il nome dell’ospedale. Tra i presenti, gli assessori alla Pubblica Istruzione Massimo Fattorini e ai rapporti con l’Università Chiara Frontini, il direttore generale e il direttore sanitario Ausl di Viterbo Adolfo Pipino e Marina Cerimele, e Giuseppe Cimarello, direttore sanitario dell’ospedale Belcolle. “Grazie alla disponibillità del professor Adriano Redler, preside della Facoltà di Medicina e Odontoiatria dell’Università La Sapienza di Roma – ha spiegato l’assessore Fattorini

La cerimonia di apertura con l’assessore Fattorini – e alla collaborazione della Ausl di Viterbo, oggi possiamo annunciare quest’importante nuova realtà. Con l’attivazione di questo corso a Viterbo si eviterà il disagio del viaggio necessario per raggiungere la facoltà universitaria nella Capitale. Considerando che buona parte delle donne che si iscrivono alla laurea magistrale ha già una famiglia, ritengo che, in

particolar modo per loro, il bene�cio sia davvero notevole”. “Poter frequentare corsi universitari direttamente nella propria città – ha aggiunto l’assessore Frontini – è un enorme vantaggio per molti di noi. E’ fondamentale crescere ed educare gli studenti sul territorio per arginare la fuga della nostra migliore gioventù e far sì che mettano a frutto le competenze

I relatori che hanno illustrato i progetti acquisite per contribuire allo sviluppo di questa città. L’attivazione del corso di ostetricia è inoltre segnale di quanto questa amministrazione sia attenta alle politiche della famiglia”. “Questo progetto – ha concluso il direttore generale Ausl – è il coronamento di un percorso che racchiude il signi�cato di interazione. Una collaborazione tra più realtà

istituzionali che consente di proseguire e sostenere la formazione del personale, a favore di quel processo di umanizzazione verso il malato/paziente a cui ogni giorno ci rivolgiamo”. Presente alla conferenza anche Francesca Gubbiotti, dirigente del settore Risorse Umane della Ausl di Viterbo. Anche la senatrice del Pdl Laura Allegrini ha commen-

tato positivamente il nuovo corso. “L’inaugurazione del Corso di Laurea Triennale in Ostetricia è il coronamento di un progetto al quale ho creduto sin dall’inizio. Il Corso, sono convinta, sarà un �ore all’occhiello dell’Ospedale di Belcolle, e lo indicherà con maggiore forza come un punto di riferimento per le nascite e la maternità, integrandosi con l’intensa attività del Primario dott. Nicolanti e di tutto il personale medico e ostetrico del Reparto. Già l’ostetricia dell’Ospedale di Belcolle ha raggiunto ottimi risultati, essendo un Ospedale amico del bambino, con l’utilizzo di speciali protocolli per la maternità ed avendo la minore incidenza di tagli cesarei del Lazio, fattori questi, che lo candidano, a pieno titolo, punto di riferimento a livello regionale e nazionale. Ringrazio per questo i vertici dell’Azienda, l’Università La Sapienza di Roma, il Presidemte Prof. del corso Terenzio Boni e la D.ssa Bracoloni, per la caparbietà dimostrata, per quanto sin qui fatto e per quanto ancora potranno, fare per i giovani studenti che sceglieranno.


Mercoledì 21 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

regione

9

La Federazione della Sinistra appoggia la manifestazione del Cearl “

Pieno sostegno e adesione alla manifestazione promossa oggi dal Cearl, il Coordinamento enti ausiliari della Regione Lazio per il recupero dei tossicodipendenti, che ha organizzato alle 10 un presidio sotto il Consiglio regionale, per sollecitare un incontro con la presidente Polverini che affronti le criticità del servizio”. A renderlo noto il capogruppo regionale della Federazione della Sinistra, Ivano Peduzzi.

“Sono ormai due anni – prosegue Peduzzi – che il Cearl chiede invano di essere ricevuto dall’assessorato alla Sanità, con l’obiettivo di istituire un tavolo permanente di concertazione e progettazione e provvedere all’adeguamento delle rette e alla certezza nei tempi di pagamento. Chiedono, inoltre, che le comunità siano scorporate dall’accreditamento unico, per il riconoscimento delle loro peculiarità. Ricordiamo alla Polverini che le rette,

le più basse d’Italia, permettono di coprire solo la metà dei costi di gestione mentre i ritardi nei pagamenti non consentono la sopravvivenza degli enti e la puntualità nel pagamento degli stipendi ”. “Eppure il Cearl svolge un ruolo fondamentale: è costituito da 27 enti che ospitano quotidianamente circa 900 persone mentre sono migliaia gli utenti che usufruiscono dei servizi di informazione, prevenzione, reinserimento e riduzione del danno.

Alla luce di questi dati – conclude Peduzzi - il silenzio della Giunta è ancora più vergognoso”. Alla manifestazione hanno già aderito il Cnca Lazio, il Fict, la Federserd Lazio e il Forum del terzo settore.

Legambiente si schiera contro la cessione di Acea ai privati ed invita a considerare una nuova politica per una risorsa indispensabile

Acqua, serve una nuova gestione pubblica

No alle cessione di Acea ai privati, serve una nuova gestione pubblica e partecipata per l’acqua a Roma e nel Lazio”. Con queste parole Legambiente Lazio invita l’assemblea capitolina a bocciare la proposta di Alemanno. Da oggi è attivo presso la sede regionale uno

sportello della campagna di obbedienza civile del Forum Italiano dei Movimenti per l’acqua. Roma si piazza all’ultimo posto tra le città grandi italiane per i consumi di acqua, con ben 234,3 litri di acqua consumati ogni giorno pro-capite, ma anche per le perdite idriche di ben 68 metri cubi di acqua persi per chi-

lometro di rete (fonte blue book e Mediobanca), ossia il 27% del totale immesso. E nel testo del Lazio non va molto meglio, tra i peggiori consumatori del prezioso oro blu, Viterbo agli ultimi posti fra le città più piccole con 209,6 litri/giorno pro-capite e Latina con il 62% di perdite idriche. Ecco i dati principali per il Lazio che Legambiente anticipa in occasione della prossima giornata mondiale dell’acqua del 22 marzo, con la presentazione dell’edizione 2012 del Rapporto Ambiente Italia, di Legambiente e Istituto Ambiente Italia, edito da Edizioni Ambiente. “L’Assemblea capitolina bocci la scelta di Alemanno, no alle cessione di Acea ai privati, a Roma e nel Lazio serve una nuova politica per l’acqua, una risorsa indispensabile per vivere che va tutelata, conservata, difesa, smettendola di considerare questa come una merce sulla quale lucrare e da far gestire a società private -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio - Lo hanno ben chiaro i cittadini che con i referendum hanno chiesto un ruolo pubblico più forte e determinato, nelle scelte e nella gestione delle società. Decisioni che vanno prese ora, per battere la crisi ambientale ma dirimenti anche per uscire dalla crisi economica puntando su un futuro migliore per i cittadini”.

Per i consumi di acqua, tra le città piccole, va un po’ meglio a Frosinone con 173,7 litri, a Rieti con 157,8 litri e tra le medie città a Latina con 154,1 litri. Assurde le perdite d’acqua nella rete anche a Rieti con il 45%, Frosinone con il 39%, mentre va un po’ meglio a Viterbo con l’11%, seconda nel Paese tra le città piccole. Neanche i depuratori laziali sembrano funzionare troppo bene: l’ef�cienza del sistema di depurazione a Roma passa dal 97% al 90% e Rieti perde un punto percentuale passando all’83%; Latina pur con i dati aggiornati, rimane all’84% mentre Viterbo è al 95% e Frosinone solo all’80%. Importanti, invece, i dati quantitativi per questa risorsa così indispensabile: nel compartimento idrogra�co Lazio-Umbria sono ben 2.525 milioni di metri cubi disponibili di acqua all’anno, ben 437 metri cubi pro-capite. Nell’acqua dei rubinetti di 64 Comuni del Lazio (17,3%), rimane però una concentrazione di arsenico da riportare nei limiti di legge entro il 2012. “Altro che privatizzazione, dopo i referendum serve una nuova gestione pubblica e partecipata per l’acqua a Roma e nel Lazio - ha affermato Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio - Per vincere la s�da del risparmio idrico, delle perdite di

Il Presidente Nando Bonessio invita le forze politiche a farsi parte attiva

I verdi dicono “No al totodiscariche”. Solidarietà a Simonini “

Bene ha fatto Paolo Simonini, al quale va tutto il nostro supporto, che sta effettuando da lunedì pomeriggio lo sciopero della fame sotto al Ministero dell’Ambiente per protestare conto la scelta di Corcolle e Riano, a chiedere al Ministro Corrado Clini il commissariamento del Comune di Roma nel settore rifiuti fino al raggiungimento del tasso di raccolta differenziata al 65%, finanziandone lo start up, come previsto dalla legge”. Ad affermarlo il Presidente dei Verdi del Lazio, Nando Bonessio che da questa

mattina è presente sotto al Ministero e accompagnerà per le prossime 24 ore Simonini. “Il totodiscariche di queste ore non ci interessa e non ci appassiona - prosegue Bonessio - ciò che deve essere fatto è mettere a punto un serio Piano Rifuti che dia le necessarie garanzie ai cittadini. Il Ministro su questo fronte può fare molto. Prima di tutto deve incontrare subito tutti i comitati attivi nella questione rifiuti, e non solo i tre coinvolti direttamente sui siti di Riano, Corcolle e Pizzo del Prete, e successivamente imporre

alla Regione di rivedere il Piano Rifuti “fuffa” della Polverini. Ma un grande ruolo spetta anche alla politica che deve farsi parte attiva. Per questo motivo invito tutti i politici regionali che come noi si sono schierati senza se e senza ma, a portare la propria solidarietà fattiva a Paolo Simonini facendo una

staffetta da qui a giovedì prossimo ed evitando di usare la questione rifiuti come una passerella”.

rete, della depurazione e della qualità dell’acqua e togliere l’acqua dal mercato, si devono ripensare le società di gestione dell’acqua. Alla Regione Lazio chiediamo anche di non andare verso una nuova legge che preveda un unico Ambito Territoriale Ottimale regionale, quanto piuttosto una riorganizzazione ragionata sulla base dei bacini idrogra�ci e delle infrastrutture esistenti”. In occasione della Giornata Mondiale per l’Acqua, Legambiente Lazio attiverà presso la sede regionale di Roma, in Viale Regina Margherita 157, uno sportello della campagna di obbedienza civile del Forum Italiano dei Movimenti per l’acqua. Per mettere al cen-

tro della discussione l’acqua pubblica, pulita, preziosa, la prima e fondamentale questione è far rispettare l’esito del referendum votato da milioni di italiani: l’obiettivo della campagna di obbedienza civile è proprio questo, a partire dall’eliminazione del pro�tto dalle bollette. Chiediamo a tutti i cittadini una scelta concreta e tangibile, iniziare a pagare la tariffa applicando una riduzione pari alla componente della “remunerazione del capitale investito”, abrogata dai referendum. Per partecipare è possibile compilare il reclamo e consegnarlo al nostro sportello. Per ogni ulteriore informazioni www.legambientelazio.it

Anche Augusto Santori (Pdl) difende Valle Galeria

E’ necessario, in un momento così delicato per il nostro territorio, prendere una posizione in maniera chiara e unitaria, per questo anche io aderirò alla manifestazione di domani (oggi per chi legge, ndr) alle ore 15 di fronte al Ministero dell’Ambiente. Una tenda della speranza per salvaguardare la già martoriata Valle Galeria da ogni tentativo di aprire una nuova discarica a Monti dell’Ortaccio, a pochi metri da quella di Malagrotta che si appresta alla chiusura”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV e componente dell’Osservatorio ambientale della Valle Galeria. “Sosterremo le iniziative del popolo della nebbia per difendere la Valle Galeria – insiste Santori – oggi non si tratta di prendere una speci�ca parte politica quanto di difendere, al di là delle appartenenze partitiche, il territorio e la sua salubrità ambientale. Dobbiamo sostenere le iniziative e le dichiarazioni del Sindaco Alemanno e della Presidente Polverini che si sono espresse nettamente contro l’ipotesi Monti dell’Ortaccio. E di questo il ministro tecnico dell’Ambiente Clini dovrà tenerne conto. Sono a rischio la salute di migliaia di cittadini, la salubrità ambientale di una porzione importante della città, le prospettive di sviluppo economico di molte aziende, tra cui Latte Sano, marchio di qualità della nostra città che si troverebbe ad operare a pochissimi metri dal sito di Monti dell’Ortaccio”.


����� � �������� ��� ������� �����������������������

�������������������������� ����������������������������

��

����

���������������������� ���������������������� ��� ����� ������� ���� ������ ������������������ ������ �������������� �� ���� ����������� ���� �� ������������ ���������������������������������� ���� ������������� ��������������� ���� ��� ������ ������������������������������������������������ ������� � ������������������������������������� ���������������������������� � ������������������� ������������������������� �������� �������������������� �����������������

���������������������� ��������������������� ������������������������ ����������������� ������������������������ �������������� ��������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������������������������������������������������


Mercoledì 21 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

litorale

11

TARQUINIA - Senza parole l’assessore Di Simone: il suo operato è stato prima appoggiato e poi criticato

Voltafaccia degli agricoltori al Comune di DANIELE GIRARDI

L

’assessore all’agricoltura Loretta Di Simone è chiaramente sconcertata da quanto accaduto in questi giorni. Si è persa, a quanto pare, la condivisione di idee che aveva caratterizzato l’impegno preso dalle due parti, comune di Tarquinia e agricoltori del luogo, che insieme avevano deciso di difendere gli interessi della collettività circa il problema della viabilità alternativa all’autostrada. “Sono davvero sconcertata dai toni usati dagli agricoltori nel loro chiedere un incontro a me e al sindaco, come se ciò che stiamo facendo e che tutti avevamo condiviso non fosse nulla. Gli agricoltori del posto hanno infatti domandato nuove rassicurazioni

sulla viabilità alternativa all’autostrada, ma lo scorso 6 marzo era stata tenuta una riunione in cui l’amministrazione intera affermava che, se SAT non avesse accettato il percorso alternativo predisposto da Comune, si sarebbe opposta con tutti i mezzi all’avvio dei lavori. “Sono anche delusa”aggiunge l’assessore “Perché in questo sembra che non si voglia lavorare per il benessere di Tarquinia, e soprattutto appare che si vogliano fare delle barricate politiche che vanificano tutto il lavoro di condivisione già fatto.” Mentre quindi, sembra che chi era prima d’accordo nel da farsi ora preferisce fare dell’opposizione politica, l’amministrazione ha spedito due lettere in cui si chiede a SAT di porre particolare attenzione su alcuni aspetti

della viabilità locale, già evidenziati nel piano, e di tutelare le aziende agricole che saranno coinvolte.

“Detto questo, è triste vedere che su antepone la politica agli interessi della collettività.”

L’assessore Loretta Di Simone

MONTALTO - I rappresentanti provinciali Bucci e di Settimio annunciano la composizione di una lista elettorale autonoma

Psi: “Non stiamo più con Paola Peruzzi” I

n merito alle elezioni amministrative di Montalto intervengono con una nota durissima i responsabili degli Enti locali provinciali Fernando Bucci e Ernesto di Settimio, delegati dal nazionale a garantire la linea politica per Montalto, che prevedeva due candidature nella lista di Centro Sinistra come condizione irrinunciabile. Quello che è avvenuto a Montalto – si legge nella nota inviata da parte di Bucci e Di Settimio – ha dell’inverosimile. Infatti dagli attuali due consiglieri comunali uscenti iscritti al nostro partito, nella lista per le prossime elezioni non vi è nessun candidato iscritto in rappresentanza dello stesso.

Questo in barba alle più normali norme di rispetto politico e di rappresentanza che si deve ad un partito; del quale non solo si mette in discussione la presenza numerica in lista, ma gli si sceglie addirittura il candidato. Tutto ciò – continua la nota – con l’avvilente copertura politica della nostra federazione dalla quale, per questo, ci dissociamo e ne chiediamo immediatamente agli organi nazionali il commissariamento; perché certi personaggi nominati ma mai eletti in un regolare congresso, che svendono per quattro denari la presenza, la linea politica e, peggio ancora, la dignità del nostro partito, non

hanno nulla a che vedere con la storica tradizione dei socialisti che da sempre è fatta di autonomia, dignità, rispetto e unità. Questa non può essere umiliata da alcuno per giochetti di basso profilo che danneggiano il rispetto e l’immagine del PSI.» «E’ evidente – incalzano Bucci e Di Settimio – che disconosciamo nella maniera più assoluta, insieme a tutti i socialisti di Montalto e Pescia Romana quell’accordo scellerato, umiliante e liquidatorio per il PSI di Montalto, confermando la nostra uscita dalla coalizione del Centro Sinistra. Vorremmo sapere inoltre chi ha autorizzato il candidato Sindaco Paola Peruz-

zi e il Pd ad utilizzare il nostro simbolo e le nostre bandiere nella presentazione della lista. Detto ciò li diffidiamo per il futuro a non utilizzare più il nostro simbolo in modo improprio. Questo per non costringerci a presentare un esposto alle forze dell’ordine. A questo punto – concludono Bucci e Di Settimio – alle prossime elezioni comunali di Montalto il Partito Socialista, con l’avallo politico degli organi nazionali, per difendere le proprie giuste istanze, nonché per rispetto degli elettori che nelle passate elezioni comunali hanno dato piena fiducia, presenterà una lista propria ed autonoma con il simbolo del PSI».

“Bucone” e S.Giovanni Al via i lavori pubblici

La chiesa di San Giovanni a Tarquinia

Cominciamo dal parco detto “Bucone”. Finalmente dopo anni di incuria e di danneggiamenti, l’amministrazione ha dato il benestare per il rifacimento del campo da gioco e dell’intera area, compresa la recinzione che limiterà intrusioni ed atti vandalici. L’opera di prevenzione sarà posta in essere anche grazie a delle telecamere di sorveglianza, per scoraggiare i vandali che da anni hann fatto del “Bucone” un far west. Inoltre verranno sistemate le adiacenti scalette, che saranno provviste di nuova illuminazione.

Anche per quanto riguarda la chiesa di San Giovanni, si parla di nuova illuminazioni artistica, che come già fatto con le chiese di Santa Maria in castello, Valverde, Salvatore e San Giacomo, vuole dare il giusto risalto ad una delle chiese più belle di Tarquinia. L’assessore ai lavori pubblici Anselmo Ranucci spera che i lavori, che partiranno domani sotto la direzione dell’ingegnere Lodi, finiscano prima di Pasqua, per omaggiare i numerosi turisti che affollano la città in quel periodo dell’anno. D.G.

MONTALTO - Contro i furti in città arriva la proposta di Sergio Caci

I molti concittadini con cui ho avuto il piacere di parlare in questi giorni mi hanno chiesto che la futura amministrazione intervenga sulla sicurezza e la legalità nel nostro paese. - così Sergio Caci, candidato a sindaco per il Comune di Montalto di Castro che interviene a proposito dell’ondata crescente di furti nelle abitazione che hanno colpito il Comune. “Alcuni montaltesi e pesciaroli si sono così espressi: “Montalto non dorme più tranquilla a causa dei furti negli appartamenti. Una piaga presente da sempre nel nostro paese, ma ora i ladri non si fanno più scrupoli ed entrano sempre più frequentemente nelle nostre case, di notte, mentre dormiamo, forse anche a causa del difficile periodo di crisi economica che stiamo attraversando”. E ancora:”siamo veramente preoccupati per l’incolumità dei nostri cari, non dormiamo più sonni tranquilli e quando accade fa male sapere che questi delinquenti sono entrati nell’intimità della nostra casa”. Per tranquillizzarli – spiega Caci - dico loro che il programma della coalizione ‘Caci Sindaco’ verte su tre principi cardine: sviluppo, traspa-

renza e, appunto, legalità. Non a caso abbiamo avvertito l’esigenza di parlare di legalità e non a caso abbiamo voluto inserire nella lista dei candidati anche due impiegati nelle forze dell’ordine: un poliziotto, Luca Benni, ed un militare, Matteo Carmignani. Occorre certamente porre rimedio a questa brutta piaga dei furti negli appartamenti e un Sindaco può fare molto quando e se vuole. La proposta della lista Caci Sindaco è quella di formare un tavolo tecnico di lavoro dove pianificare in sinergia tutte le forze dell’ordine a disposizione: carabinieri, polizia di stato, polizia locale, ditte di vigilanza privata, rappresentanti dei cittadini, oltre che amministrazione comunale e Sindaco in prima persona. Non sarà facile ma questa deve essere una battaglia che va combattuta in prima linea e la mia coalizione ha voglia di farlo. Colgo l’occasione, intanto, per ringraziare i Carabinieri di Montalto e Pescia e la Polizia Locale per il difficile lavoro che stanno portando avanti. Bisogna sostenerli e, come dicevo, creargli uno ulteriore strumento di aiuto”.


comprensorio nord

12

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 21 Marzo 2012

Ancora perplessità sul compost Staccini ribadisce la sua posizione scettica sul progetto di ampliamento dell’impianto della società Tuscia Ambiente di Valeria SEBASTIANI

L

’ex vicesindaco Roberto Staccini interviene per chiarire la sua posizione in merito all’impianto di compostaggio. Staccini infatti, come avevamo già scritto, era assente durante la riunione che si è tenuta lo scorso sabato mattina in Comune, alla quale hanno preso parte tutte le forze politiche del paese, maggioranza ed opposizione, e che ha visto anche la presenza del consigliere provinciale Bartolacci. Il risultato dell' incontro è stata l'accettazione della proposta della società Tuscia Ambiente, che gestisce l'impianto, di diminuire la produzione del compost per ridurre l'impatto olfattivo, �no a quando non verrà effettuato l'adeguamento secondo il progetto di ampliamento della struttura presentato dalla società ed approvato lo scorso febbraio. "Benché impossibilitato ad essere presente alla riunione, a causa di un impegno personale, - spiega Staccini prendo atto, della volontà, da parte della società gestore, a ridurre la capacità produttiva, con la speranza che in futuro,

se e quando, il nuovo impianto sarà realizzato non arrechi più i disagi �nora subiti dalla popolazione". "E’ comunque immaginabile, che se il nuovo impianto opererà a regime, ed al massimo della sua portata (60.000 Tonnellate annue) -aggiunge il consigliere - è prevedibile che con�uiranno nel nostro territorio i ri�uti organici e fanghi di depurazione da tutti i comuni dalla Provincia di Viterbo e forse, non solo, sul territorio si riverserà un numero crescente di autocarri pesanti che inciderà negativamente non solo sul traf�co veicolare, ma anche sull'ambiente (inquinamento da scarichi di veicoli industriali) oltre che sulla città nel suo complesso". Rimangono forti quindi

le perplessità di Staccini sull'ampliamento della struttura. "Per quanto riguarda invece le iniziative, istituzionali, possibili in materia ambientale, il giorno 16 Marzo scorso, si è tenuto presso la Provincia di Viterbo, un consiglio straordinario, con all'ordine del giorno, il seguente punto, Problema delle energie

alternative, con particolare riguardo all'eolico, al quale sono stati invitati, fra gli altri: Associazioni Agricole, Camera di Commercio, Ascom, Associazioni Industriali, Federlazio, Confesercenti, Italia Nostra, Legambiente, W.W.F. Dal dibattito è emersa la volontà di tutti i rappresentanti del territorio viterbese,

Consiglieri Provinciali, assessore all'ambiente, Paolo Equitani e assessore all' agricoltura Franco Simeone, cdi concordare che la tutela del territorio, non ha colore politico ma preme a tutti in eguale misura e di non voler continuare a subire passivamente quanto la Regione Lazio, in virtù della legge Nazionale che regola gli insediamenti di energia da fonti rinnovabili, decide e dispone in merito alla occupazione del nostro territorio, con impianti per la produzione di energia da fonti alternative, ma piuttosto ricercare quegli strumenti che diano la possibilità alla Provincia di Viterbo, e quindi ai comuni del comprensorio, di avere, anch’essi, potere decisionale

in merito. La strada percorribile �nalizzata al raggiungimento di questo obiettivo, è stata indicata proprio dall'Assessore all'ambiente della Provincia di Viterbo Paolo Equitani, il quale si è impegnato a far convocare, in tempi brevissimi, la commissione ambiente, nella quale si lavorerà allo scopo di emanare una proposta di legge di iniziativa Provinciale, a norma dello statuto Regionale (art.37), �nalizzata a sospendere tutti i progetti presentati e non ancora avviati al procedimento, �no alla de�nizione del piano energetico Regionale. Personalmente, sono favorevole a tutte le iniziative, di qualsiasi genere,(in particolare per quelle azioni che riguardano il diritto di informazione e di consultazione dei cittadini e il controllo e le veri�che di carattere tecnico oltre che amministrativo delle soluzioni progettuali e degli impianti tecnici adottati) che il nostro Comune vorrà intraprendere – conclude Staccini - allo scopo di affrontare e risolvere i problemi, legati al tema ambientale e come ho sempre fatto, sono e sarò sempre presente".

Incredibile parto d’urgenza all’ospedale di Acquapendente nelle stanze del ‘nuovo’ primo intervento Il circolo del Pd di Acquapendente

Fiocco azzurro al Pronto Soccorso S

i chiama Stefano, pesa poco più di 2 chilogrammi e gode di ottima salute. Alle 9 e 45 di ieri mattina è nato al pronto soccorso dell’ospedale di Acquapendente. La mamma di 30 anni all’ottavo mese di gravidanza si è recata all’ospedale aquesiano, accompagnata dal personale del consultorio familiare, al quale si era rivolta. “E’ venuta da me”, ci racconta l’ostetrica Stefania Creti, “in uno stato confusionale e dopo esserersi recata qualche ora prima al PS di Acquapendente, senza però effettuare una visita accurata. Subito mi sono accorta, vista la regolarità delle contrazioni e soprattutto visitandola, della completa apertura del parto, che non era il caso di perdere altro tempo e l’ho accompagnata”. La donna dopo essere stata messa sull’ambulanza per l’eventuale trasferimento, ha perso le acque e i dolori e le

contrazioni sono ulteriormente aumentati. Facilitati da una serie di incredibili e favorevoli circostanze, si è deciso di farla accomodare nelle stanze del pronto soccorso per assisterla al parto. Infatti sul posto oltre al medico del reparto sono subito giunti, l’ostetrica Micaela Sanitate, il ginecologo, dott. Stefano Vitali (il martedì è l’unico giorno dell’ambulatorio ginecologico) e l’anestesista dott. Giancarlo Muzzi. Il parto non è stato semplice per la posizione podalica del bimbo,

ma l’equipe acorsa sul posto dopo aver provveduto a riscaldare abbondantemente gli ambienti ha lavorato con professionalità sino alla felice conclusione del parto. Anche il sidaco Alberto Bambini è giunto sul posto e ha consegnato alla mamma un mazzo di �ori (foto). Una serie di coincidenze che hanno permesso di assistere in questo caso di emergenza una mamma e hanno permesso a Stefano (il nome del ginecologo) di venire al mondo. Una serie di coincidenze che in questi giorni di polemiche sullo smantellamento dell’ospedale aquesiano, dovrebbero far ri�ettere, la direzione sanitaria e il commissario ad acta Polverini: se non fosse stato presente il ginecologo? E soprattutto, se l’evento non fosse accaduto durante ‘l’orario d’uf�cio’ del medico anestesista, oggi una mamma godrebbe della nascita del piccolo Stefano? Meditate, gente...meditate Fulvio MEDICI

disponibile a qualunque iniziativa per salvare l’ospedale cittadino

“Noi siamo disponibili ad ogni iniziativa politica, legale, dimostrativa, per noi, non ci sono steccati ideologici…dobbiamo combattere tutti insieme per perseguire un unico obiettivo: salvaguardare la salute e la dignità della nostra gente”. Questo l’incipit fondamentale della lettera inviata dalla coordinatrice aquesiana del Pd, Donatella Presilli ai Segretari dei partiti locali provinciali sul problema, “ Ospedale di Acquapendente” che ha visto protagonista in questi giorni il sindaco Alberto Bambini e l’intera amministrazione, in modo intelligente, combattivo e fermo, portare avanti la sua strenua difesa. “Osserviamo”, sottolinea in sintesi la coordinatrice aquesiana, “che in questi giorni si sta spegnendo una istituzione con più di 600 anni di storia : l’Ospedale di Acquapendente. L’incompetenza di chi gestisce la sanità da Roma e da Viterbo, sta generando scelte sciagurate, sbagliate e dannose che creano disagi incredibili ai cittadini che necessitano di cure. Seppur delusi, impotenti, feriti ed umiliati stiamo sostenendo l’azione del Consiglio Comunale e del Comitato pro Ospedale perché sappiamo che la ragione è dalla nostra parte: quella che in nessun caso mai e poi mai si devono calpestare i diritti dei cittadini di un distretto sanitario di 60 mila abitanti. In questi giorni è successo l’impossibile e l’incredibile. Le Istituzioni di competenza

inviano fax “per opportuno debito informativo” dimostrando che qualsiasi forma di dialogo è impossibile. Mentre dalla Pisana si intensi�ca l’accanimento contro la comunità dell’Alta Tuscia. Sempre più penalizzata. Da Acquapendente torniamo a chiederci: la politica dove è? Dove sono le Associazioni di Categoria ed i Sindacati ? Quali azioni sono state intraprese per scongiurare il disastro in atto ? Perché lasciare a se stesse le popolazioni e gli amministratori di un intero territorio ? La Presidente Polverini, l’Assessore Birindelli, il Presidente della Provincia Marcello Meroi ed il Presidente della Conferenza della Sanità Provinciale Giulio Marini non hanno aperto mai bocca in merito. Mentre il consigliere Battistoni che lo ha fatto, avrebbe fatto meglio a stare zitto. Perché dire che “l’Ospedale di Acquapendente rimane un importante punto di riferimento per i cittadini grazie alla Regione Lazio”cozza con la realtà. Allo stesso hanno tolto tutto. Pure il nome Ospedale”.


Mercoledì 21 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

montefiascone

13

La gestione della Rsa è uno dei 17 punti del consiglio comunale fissato per venerdì pomeriggio

Nuovi patti parasociali per Villa Serena di MICHELE MARI

Montefiascone può salvare il reparto di diabetologia viterbese

N

uovi patti parasociali di Villa Serena, la nomina del nuovo vicepresidente del consiglio, la richiesta dell’erogazione con procedura d’urgenza del �nanziamento per il Cobalb e l’interrogazione al presidente della Regione Lazio per l’emergenza arsenico. Sono questi i punti principali e salienti che saranno discussi nel prossimo consiglio comunale che avrà luogo venerdì 23 marzo alle ore 16,30 presso la sala consiliare di palazzo Renzi Doria Sciuga. Ad indire questa nuova seduta è stato il presidente del consiglio Mario Trapé. All’ordine del giorno ben 17 punti. Il più importante è l’approvazione dei nuovi patti parasociali con la società Geress Srl per la gestione della casa di riposo di Villa Serena. Notevoli sono anche i seguenti: la presa d’atto del �nanziamento regionale Cobalb e la richiesta quindi dell’erogazione con procedura di massima urgenza come già approvato dal consiglio comunale di Capodimonte; l’interrogazione al presidente della Regione Lazio per l’emergenza arsenico. Andando per ordine ecco l’elenco completo stabilito: il punto 1 è l’approvazione dei verbali della seduta precedente del 22 dicembre 2012 a cui seguirà, al punto 2, l’approvazione dei verbali della seduta del 30 dicembre. Il terzo riguarderà la surroga del vice presidente del consiglio comunale, dopo che il precedente vice

Anna Rita Foscarini si è dimessa dall’incarico per motivi familiari. Poi ci saranno delle comunicazioni del sindaco a cui seguiranno al punto 5 le interrogazioni e le interpellanze. Poi il sesto: approvazione dei nuovi patti parasociali con la società Geress srl per la gestione della casa di riposo e della Rsa. Il punto 7 riguarderà l’integrazione della deliberazione numero 58 del 22 dicembre 2011 in merito all’”approvazione osservazioni al Ptpr presentate dai privati”. Seguirà l’approvazione per la realizzazione di un capannone ad uso rimessa attrezzi e macchinari agricoli prefabbricato e l’approvazione, al punto 9 l’approvazione per la ristrutturazione e trasfor-

mazione fabbricati agricoli rurali esistenti ad uso agricolo -agrituristico integrati da due serre stagionali. Inoltre il punto 10 approverà la realizzazione di due capannoni per l’allevamento avicolo, �enile e magazzino agricolo. L’alienazione dell’area pubblica identi�cata catastalmente al f.48 località Fetoni sarà il punto numero 11; a cui seguirà il dodicesimo che riguarda la presa d’atto del �nanziamento regionale per il Cobalb e la richiesta dell’erogazione con procedura di massima urgenza, come richiesto dal comune di Capodimonte che, in merito, ha svolto uno speci�co consiglio comunale. Inoltre il regolamento edilizio comunale sarà modi�cato.

Poi il consiglio comunale approverà la convenzione con il consorzio turistico del comprensorio del lago di Bolsena per il triennio 2012-2014 a cui seguirà l’approvazione dell’ordine del giorno presentato dalla federazione provinciale Coldiretti di Viterbo a favore del Made in Italy. Il punto 16 riguarderà l’approvazione dell’interrogazione da inviare al presidente della Regione Lazio Renata Polverini inerente l’emergenza arsenico. Molto importante. In�ne l’ultimo che vedrà la discussione e la modi�ca del regolamento del consiglio comunale. Molta sarà la carne a fuoco e come al solito ci sarà battaglia tra la maggioranza e l’opposizione.

Abbiamo la soluzione per risolvere il problema della diabetologia di Viterbo”. Così esordiscono i responsabili del Cotom, Comitato per la tutela dell’ospedale di Monte�ascone, dopo la notizia dei disagi avvenuti in questi giorni al centro diabetologico della Asl di Viterbo che dapprima era collocato nella clinica Santa Teresa ed oggi implementato nella direzione prevalente della patologia pediatrica. “Invitiamo -spiega il Cotom- la dirigenza della Asl, la dottoressa Cerimele, e il presidente dell’associazione diabetici di Viterbo, il signor Bruno Vincenzi, a prendere in considerazione la possibilità di trasferire il centro diabetologico a Monte�ascone. Qui ci sono ampi spazi, completamente a norma, che sono letteralmente e praticamente vuoti. Esistono tra l’altro dei servizi che servirebbero

ai diabetici. Infatti nel padiglione distaccato di Monte�ascone abbiamo medici di geriatria, medici cardiologi, il laboratorio analisi e la radiologica che sarebbero di supporto allo stesso centro che, se venisse trasferito, possiamo assicurare che tutti i malati sarebbero gestiti in guanti bianchi”. “Questa soluzione -continuano i membri del Cotompotrebbe essere, tra le possibilità concrete, la più ef�cace. Lo spazio in questo padiglione non manca e ci sono tutti i servizi di supporto per la cura dei diabetici. Ci appelliamo per questo alla dottoressa Cerimele. Questa nostra idea è fondata poiché ci sono medici 24 ore su 24, vi è la cardiologia e due altri importanti servizi. Speriamo che questo nostro consiglio sia accolto, soprattutto per il bene dei pazienti diabetici”. M.M.

La poetessa montefiasconese ha conquistato la giuria del premio di Verona

Sezione Delio Ricci, arriva l’Anpi falisca “Squarci di Metamorfosi” premia Monica Saraca S

i è costituita anche a Monte�ascone una sezione Anpi che è stata intitolata a Delio Ricci. In una nota di Silvio Antonini, Presidente Anpi Cp Viterbo, si spiega quanto avvenuto nell’assemblea costituente. “Sabato 17 marzo, presso i locali della Biblioteca comunale di Monte�ascone -esordisce la nota- si è tenuta l’assemblea costituente della sezione Anpi Delio Ricci. Per il Comitato provinciale erano presenti il sottoscritto e il vicepresidente Giulaino Calisti. I lavori sono iniziati davanti ad una quarantina di persone con un breve excursus sulle vicende storiche tra nascita del fascismo, Antifascismo, guerra e Resistenza, fatto da Walter Zucchetta, che ha poi spiegato le motivazioni che hanno portato alla nascita della sezione. Con l’intervento di Sandro Ricci si è entrati nel vivo dei lavori dell’assemblea. Ricci ha relazionato il martirio di suo zio paterno, Delio, cui la sezione è stata intestata”. Nato a Monte�ascone nel 1923, bracciante, il giovane Delio Ricci era entrato a far parte della banda partigiana Sante Arancio, che operava tra il Grossetano e il Viterbese. Catturato dai nazifascisti durante un rastrellamento, venne trucidato il 20 maggio 1944 a Manciano (Gr). La Medaglia alla memoria, inizialmente d’argento, sarà convertita in oro nel 1991, soprattutto grazie all’impegno dell’allora Presidente del Comitato provinciale Anpi Sandro Bonucci.

La nota aggiunge: “ Il sindaco Luciano Cimarello ha portato i saluti del Comune, dicendo: “Per nessuna ragione al mondo sarei voluto mancare”, nonostante gli altri impegni, dando poi piena disponibilità all’Anpi per qualsivoglia iniziativa. Vincenzo Calò, in rappresentanza della Segretaria nazionale, ha ringraziato i presenti e ha citato le recenti battaglie dell’associazione contro ogni equiparazione tra partigiani e repubblichini, sia politica che morale e, a tal proposito, ha citato l’esperienza partigiana di Ferdinando De Leoni, già presidente provinciale dell’Anpi di Roma, recentemente scomparso. Ha, in�ne, ricordato del presidio che si terrà sabato prossimo ad Ostia a seguito di un’aggressione di stampo fascista”. “La parola -aggiunge la notaè quindi passata a Mariolina Scavera. Originaria di Torino, la Scavera ha avuto due zii partigiani: uno in Val di Susa e un altro in Val di Lanzo. Ha ricordato le discriminazioni subite, soprattutto sul posto di lavoro, dai combattenti partigiani negli anni successivi alla Liberazione, a dimostrazione che il percorso avviato nella Resistenza non si fosse del tutto compiuto. Riguardo al presente ha detto: ‘Ogni volta che abbassiamo la testa da sudditi, anziché reclamare diritti, stiamo raccogliendo l’eredità lasciata dal fascismo’. Vincenzo Frallicciardi, militare in congedo, ha ricordato i decenni trascorsi nell’esercito, quando si batteva per la demo-

cratizzazione delle Forze armate per cui l’Anpi, ha tenuto a precisare, diede un contributo morale importantissimo. A chiudere gli interventi, Mario Tofanicchio, in rappresentanza dell’associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra (Anmig), che con l’Anpi condivide la medesima origine combattentistica e oggi, il medesimo impegno a conservare ‘la memoria come amalgama’”. La seconda fase dell’assemblea ha riguardato l’elezione -avvenuta con unanimità- del Comitato direttivo, che risulta composto come segue. Presidente onorario: Sandro Ricci; Presidentessa: Mariolina Scavera; Segretaria: Giulia De Santis (studentessa e giornalista, classe 1987); Tesoriere: Walter Zucchetta; consiglieri: Giuseppe Chindamo, Alessandra Di Tommaso, Vincenzo Frallicciardi, Maurizio Paradiso e Vincenzo Rosiello. Si è quindi proceduto alla distribuzione dei fazzoletti e dei distintivi dell’associazione ai neoeletti dirigenti. A chiudere la giornata l’anteprima del monologo di Pietro Benedetti Drug Gojko (Compagno Gojko) su Nello Marignoli, partigiano viterbese Combattente in Jugoslavia, replicato il giorno dopo a Vetralla nell’ambito delle iniziative a sostegno dell’editore Ghaleb.“La nuova sezione -conclude la nota- conta già circa quaranta iscritti, ed ha sede presso i locali della Cgil di Monte�ascone. Si sta già lavorando in vista del 25 Aprile”. M.M.

M

onica Saraca(nella foto), monte�asconese doc, è stata premiata a Verona nel corso della Rassegna poetica: “Squarci di Metamorfosi”.Un premio assolutamente meritato con il quale l’autrice si è imposta all’attenzione della critica e del pubblico, grazie ad una poesia dai toni dolci e sommessi, quasi un pentagramma sul quale la poetessa ha voluto imprimere note �nissime d’amore in�nito, un “cantico d’amore” come l’ha de�nita la Giuria nella la motivazione del premio assegnatole, per tutto ciò che una mamma ha di più caro nella vita: la propria �glia che ha appena compiuto diciotto anni. E’ un momento particolare quello che una madre vive osservando il passaggio dall’adolescenza alla maturità di un �glio o di una �glia: ansie, incertezze, inquietudini, ma anche speranze attraversate da luminosi raggi di luce: ecco le sensazioni ed i sentimenti che l’anima �ne e poetica di Monica Saraca deve aver provato davanti all’immagine della propria �glia. Non più quella dolce farfallina pronta a svolazzare fra le gonnelline materne, come a voler cercar riparo da qualche minaccia o da improvvise intemperie. Ma una donna, che ora tigre, ora aquila ha lasciato che passi più sicuri e �eri lasciassero il posto della fanciullina dai capelli scompigliati dal vento. Un artista vive e sa vivere la propria opera d’arte. Come un pittore o uno scultore vivono l’estasi del tormento nel tentativo

di dar forma all’intuizione e di incarnare nei colori o nella creta la sintesi profonda e più recondita della propria creazione, così Monica Saraca ha saputo tradurre in versi il tomento dell’anima di fronte a quell’Opera d’arte che è il Mistero della vita, un mistero che si è svelato e si svela quotidianamente all’autrice nell’immagine concreta della �glia che, come fu per l’autrice stessa a suo tempo, ha “preso dalla vita ogni sua sfaccettatura”. Ed ancora più bella appare la sintesi poetica di Monica Saraca, perché non c’è nella sua poesia alcuna pretesa di racchiudere alcunché nell’ambito di concetti scontati o del già detto. E’ proprio quel “Se…”, con il quale inizia ogni strofa, a rivelarci che il sentimento poetico di Monica Saraca lascia aperti scon�nati spazi all’immaginazione, al pensiero e ai voli dell’anima. Non

fu, forse, il poeta libanese Kahlil Gibran, in quella sua splendida e memorabile poesia, I Figli, a lasciarci in eredità l’ immagine dei genitori come quella di un Arciere che scocca lontano la freccia perché raggiunga la sua meta? E tutto questo perché noi siamo solo strumenti di un Disegno più Sapiente. I �gli non sono �gli tuoi, sono �gli della vita stessa. Possiamo solo sperare che somiglino a noi. Tutto questo ed altro ancora racchiudono quei “se” con i quali Monica Saraca apre e chiude la sua lirica. Ecco perché mai motivazione di Giuria fu più appropriata, per un Cantico d’amore che si fa sentimento vissuto ora in simboli forti (vento, tigre, aquila..) ora delicati (farfalla, arcobaleno, �ore..) in un crescendo, mai scontato né banale, ma solo “sfogo bello di quel che preme dentro”. Giuseppe Bracchi


vetralla e cimini

14

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 21 Marzo 2012

VILLA SAN GIOVANNI - Secca risposta alle dichiarazioni del comitato che si oppone all’installazione di un’antenna

“Ambientalisti solo quando conviene” É

ancora polemica sull’installazione di un’antenna per la telefonia mobile a Villa san Giovanni in Tuscia. Dopo le dichiarazioni del Comitato per il “no” ora a parlare sono esponenti del fronte per il sì che fotografano una situazione diversa da quella descritta nelle settimane scorse dai media locali. “L’amministrazione comunale - scrivono - valutati i pro ed i contro, valutato che in nome del futuro e dei giovani del paese non si può rimanere tagliati fuori dal mondo, come è già successo per la mancanza di una strada di sfondo e oggi la comunicazione via etere è una autostrada, ha dato il proprio assenso e ha messo a disposizione il terreno necessario. In sintesi “antenna SI”. Su questo argomento, è

comunque previsto un consiglio comunale aperto, che con ogni probabilità, si svolgerà sabato 31 marzo, alle ore 16,00 presso la palestra comunale. In opposizione a tale progetto, lo scorso sabato 17 marzo, a cura di un comitato, si è svolta una manifestazione di piazza che ha visto presenti una cinquantina di persone, su una popolazione di 1350 abitanti. E al di la dei toni trionfalistici con cui è stata riportata la cosa e senza farlo apposta, alla manifestazione erano presenti solo appartenenti o simpatizzanti della minoranza in consiglio comunale ed ex amministratori. Quegli stessi amministratori, oggi paladini dell’”antenna NO”, ieri taciti ed accondiscendenti alla installazione di un’altra

Previsto sull’argomento un consiglio comunale aperto sabato 31 marzo alle 16 presso la palestra

antenna, su un terreno privato, non a caso della famiglia dell’allora geometra comunale. La quale naturalmente percepisce oggi un congruo af�tto e che, con bella faccia di bronzo, era ben rappresentata fra i manifestanti. Ha forse qualche altro terreno da mettere a disposizione? Non pensano questi signori che la loro credibilità è meno che zero? Se è vera la logica dell’inquinamento ambientale, questo viene meno se a �ne mese il conto in banca si rimpingua? A lui i soldi, a noi le onde elettromagnetiche!!! Almeno con l’installazione su terreno comunale, a fronte di “possibili” danni ambientali, saranno le casse del comune a beneficiare, poco o tanto, di qualche introito. Danni “possibili” all’ambiente e alla salute dei cittadini, tutti ancora da dimostrare. É più dannosa una antenna vicina che permette

una ricezione ottimale, oppure tanti telefonini individuali, tenuti nelle tasche, nelle borsette o sul comodino, alla continua ricerca di campo, anche da spenti, attualmente pressoché inesistente in tutto il paese? Perché a suo tempo tutto è stato fatto nel più assoluto silenzio e la popolazione ne è venuta a conoscenza solo a cosa fatta? Interessi privati. Interessi amicali. Adesso, che non entra nulla nelle loro tasche, si sono riscoperti ambientalisti. Ma ci facciano il piacere!!! Perché quell’antenna non è stata installata su un terreno comunale? Non può reggere e non regge la motivazione della scelta tecnica dato che il terreno comunale è distante poche centinaia di metri e per di più sulla sommità di una altura! A conti fatti e visto il disinteresse della popolazione, possiamo assegnare

RONCIGLIONE - Rifiuti gettati senza alcun rispetto della raccolta differenziata

Punta del Lago, il “pellegrinaggio” degli incivili

di ELISABETTA GIOVANFORTE

N

onostante la raccolta differenziata si pratichi ormai da quasi due anni ed il porta a porta sia entrato nella mentalità e nelle abitudini dei ligi cittadini, c’è ancora chi non rispetta le regole. E, cosa semplice ed alquanto incivile, getta immondizia indifferenziata con tanto di materiali ingombranti là dove la differenziata porta a porta è impossibile, vale a dire in località Punta del Lago. Nel centro residenziale, a ridosso della Chiesa, i cassonetti comunque differenziati per l’umido, la plastica, la carta ed il vetro, divengono scempio di quanti mal digeriscono i giorni imposti per la rac-

colta porta a porta. E’ così che tutti i giorni ed in particolar modo nei fine settimana, i residenti di altre vie di Ronciglione ed addirittura di altri centri del viterbese, effettuano veri e propri “pellegrinaggi” in località Punta del Lago, gettando nei cassonetti di tutto, in modo scriteriato ed indifferenziato. Tende, passeggini, TV, porte e materiale edile di risulta, il tutto regalando uno spettacolo a dir poco indecoroso alla zona ed alla Chiesa e penalizzando di fatto i residenti stanziali che, loro

malgrado, continuano ad effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti da casa con sacchetti biodegradabili ed appropriati. Il flusso delle auto cariche di sacchi di rifiuti è maggiore nelle ore serali e notturne ed è proprio in quelle ore che gli sporcaccioni di turno praticano i loro riti liberatori gettando anche fuori i cassonetti ed in terra, quanto le loro auto hanno potuto portare. Inutili le lamentele dei residenti per attutire tale fenomeno che sta dando

Il flusso delle auto cariche di rifiuti è maggiore nelle ore serali e notturne

seri problemi anche al personale addetto alla raccolta.

A quattro anni da “Ogni giorno” il regista Felli torna a trattare la malattia con un nuovo lavoro

“L’ultimo giro di valzer” ambientato a Sutri D

opo quattro anni dal bellissimo “Ogni giorno”, cortometraggio sull’Alzheimer con Stefania Sandrelli e Carlo Delle Piane, il regista Francesco Felli torna a cimentarsi con un nuovo lavoro dalle complesse tinte drammatiche. “L’ULTIMO GIRO DI VALZER” tratta, infatti, la Sclerosi Laterale Amiotrofica -SLAmalattia tristemente nota nel mondo del calcio dove si è ha manifestata con particolare incidenza. La scrittura ha richiesto la collaborazione per oltre due anni della Onlus “Viva la Vita”, ed in particolar modo di Erminia Manfredi, vedova di Nino, e Mauro Pichezzi, consentendo dunque un’approfondita e diretta conoscenza della patologia medica a favore del senso d’autenticità della

storia. Con entusiasmo hanno poi accettato di partecipare alle riprese due volti noti del cinema italiano: Serena Autieri e Francesco Montanari. Il cortometraggio, le cui riprese avverranno tra il 23 ed il 25 marzo presso il Comune di Sutri, sarà sponsorizzato proprio dalla Onlus “Viva la Vita” e dall’ avvocato Ezio Nimis, ideatore della galleria d’arte “Artisse”. Quest’ultimo ha inoltre voluto impreziosire il lavoro mediante la concessione di 10 tele dei prestigiosi maestri della sua galleria, da far apparire durante le scene del film. Il Maestro Vincenzo Musardo darà poi il suo personale apporto al film con una partecipazione straordinaria.

una bocciatura al comitato per il “no” e, volendo essere benevoli, far passare la manifestazione più un pretesto per gettare discredito sull’attuale amministrazione e

per darsi una contata, con largo anticipo, sulle prossime elezioni comunali che, visti i numeri, gli ex non hanno granché speranza di vincere. Ci riprovino...”.

Vetralla intitola una via a Quasimodo e celebra la Giornata Mondiale della Poesia

S

arà una giornata diversa dal solito quella in programma oggi a Vetralla. Fin dalla mattina si celebrerà la Giornata Mondiale della Poesia con l’intitolazione di una via al poeta Salvatore Quasimodo. Poi alle 10,30 presso il Cinema Excelsior sarà protagonista il �glio di Salvatore, Alessandro, con il recital “Operaio di Sogni”, organizzato in collaborazione con il circolo dei lettori della biblioteca comunale e con la fondazione Albero dell’Umanità. L’invito dell’amministrazione, già recepito dagli istituti “Andrea Scriattoli” e “Pietro Canonica”, è ovviamente rivolto all’intera cittadinanza. Ad aprire il recital “Operaio di Sogni - Vi racconto il mio Salvatore Quasimodo” sarà Valentina Vignotto. Il brano d’apertura si intitola “Pièce pour �ute seule” di ‘Jacques Ibert’ (1890-1962), compositore francese contemporaneo del poeta Salvatore Quasimodo, il quale cerca attraverso la purezza del suono del �auto di rappresentare i sentimenti più intimi dell’animo umano.

l brano che suonerà in chiusura del Recital è “Fantasia pastorale” di Franz Doppler (1821-1883). La fantasia pastorale è la concretizzazione musicale della poesia bucolica, genere lirico idealizzato da Teocrito, poeta greco ma di origine siracusana. La celebrazione della Giornata di festa proseguirà visto che il primo cittadino, che vanta al suo attivo numerose raccolte di versi e pubblicazioni a �anco di artisti e interpreti di fama internazionale, è stato invitato a prendere parte alle celebrazioni della Giornata mondiale della poesia, che si terranno presso lo storico Caffè Greco di Roma, mercoledì 21. L’iniziativa, promossa dalla casa editrice LietoColle in collaborazione con il dipartimento della comunicazione e della ricerca sociale dell’Università La Sapienza, vedrà alternarsi alla lettura alcuni tra i poeti più importanti del panorama nazionale e internazionale. Ospiti anche il giornalista Samir Al Quaryouti, il soprano cinese Bai Yun e gli attori Silvia ed Edoardo Siravo.


& Mercoledì 21 Marzo 2012 Viterbo AltoLazio

comprensorio sud

15

CIVITA CASTELLANA - L’associazione ha gestito il servizio Cad di assistenza domiciliare senza essere accreditata

Azzurra e Asl, un altro mistero di SIMONA TENENTINI

A

ssociazione Azzurra: uno dei tanti misteri che albergano nella Ausl Vt5 di Civita Castellana, diretta dal dott. Canonici. L’associazione in questione ha gestito, per circa un anno, il servizio Cad (assistenza domiciliare) presso il distretto: gli operatori dunque si occupavano dei pazienti, curavano i malati, effettuavano terapie e via discorrendo, il tutto senza essere accreditati. Sembra impossibile, eppure è una delle tante vicende assurde che si veri�cano nella sanità italiana. In pratica esistono dei requisiti necessari af�nchè un ente possa gestire servizi così delicati come l’assistenza domiciliare e l’accreditamento è una condizione imprescindibile per l’af�damento del servizio. Quasi sempre. A Civita Castellana, con l’associazione Azzurra questo non si è veri�cato. Con conseguenze facilmente immagi-

nabili anche dal punto di vista economico. L’Azzurra, infatti, ha percepito regolarmente i rimborsi previsti dalla Asl pur non avendone diritto �no al momento della sua sostituzione con un altro soggetto. E c’è di più. Con una nota dello scorso 16 novembre, il dottor Ernesto Di Benedetto autorizza alle due infermiere dell’associazione l’uso di due Fiat Panda, di proprietà della stessa Ausl, per poter effettuare le prestazioni sanitarie domiciliari e il trasporto di materiale biologico. In questo caso gli elementi anomali sono più di uno. Il primo, non si vede il motivo per cui le infermiere debbano usufruire di vetture della Ausl per svolgere determinati servizi. Quando si stipula una convenzione, non si dovrebbe presumere un ‘pacchetto completo’? Facendo un esempio “terra terra”, non è che se si chiamano dei muratori per dipingere casa bisogna fornire loro i

CIVITA CASTELLANA Sui rimborsi Inail lo scaricabarile dell’assessore Amicucci S pennelli, in genere ne sono provvisti. Ma forse in ambito sanitario succede diversamente. L’altro aspetto, che si può de�nire eufemisticamente anomalo, è il fatto che tale provvedimento sia �rmato da un medico che lavora presso il Cad con dei contratti a tempo determinato ciclicamente rinnovati. Si tratta dunque di

una �gura che non fa parte in pianta stabile del settore, nè tantomeno, un responsabile. Come può dunque una �gura simile arrogarsi la facoltà di concedere auto in uso a proprio piacimento? Che ne pensa, al riguardo il direttore della Ausl, dott. Canonici? Saremmo curiosi di avere un suo parere in proposito.

BASSANO IN TEVERINA - Secondo posto come migliore olio Dop Tuscia

Orii del Lazio, trionfo per Le Olive di Ale A

nche quest’anno l’olio extra vergine di oliva DOP Tuscia Le Olive di Ale dell’azienda agricola Alessandra Boselli di Bassano in Teverina mantiene la sua posizione sul

podio dei migliori oli della Regione Lazio. Dopo aver conseguito lo scorso anno la medaglia d’oro, conquista quest’anno il secondo posto come migliore olio DOP Tuscia nella categoria “fruttato leggero” in occasione della 19esima edizione del concorso regionale Orii del Lazio, il concorso regionale organizzato dalla Unioncamere Lazio che occupa un posto di rilievo nella strategia a supporto della �liera olivicola. Un grande riconoscimento di eccellenza agroalimentare per l’Azienda agricola Alessandra Boselli, una piccola realtà olivicola che da anni concentra i suoi sforzi sulle produzioni di alta qualità.

L’azienda agricola di Alessandra Boselli estesa su oltre 50 ettari tra le colline viterbesi si propone di armonizzare le attività proprie della produzione agricola (olivo, miele, frutta, ortaggi) e zootecnica, a quelle dell’ospitalità di campagna, culturali (biblioteca verde, erbario, fattoria didattica, laboratori) e ricreative (club house, tea room, piscina), in un villaggio rurale improntato alla �loso�a del vivere la campagna tra romanticismo ed ef�ciente modernità. L’olio extra vergine d’oliva Tuscia DOP “Le olive di Ale” invita ad un preliminare viaggio sensoriale nell’azienda e propone una scelta di qualità ottenuta nel tempo con dedi-

BLERA - La denuncia dell’associazione Amici del Cavallo Maremmano e Tolfetano

Tagliati fuori da Roma Cavalli 2012 R

iceviamo e pubblichiamo: “L’Associazione “Amici del Cavallo Maremmano e Tolfetano” di Blera, da quasi trent’anni, promuove il cavallo e tutto ciò che ruota intorno al mondo di questo meraviglioso animale. Da sempre la nostra Associazione ha fatto della promozione del mondo equestre il proprio “cavallo” di battaglia. In questi ultimi anni abbiamo partecipato a numerosi spettacoli equestri riuscendo ad ottenere prestigiosi riconoscimenti, tra cui gli ultimi due in ordine di tempo sono stati il terzo posto a Fieracavalli 2011 ed il primo posto a “Orgoglio Buttero” durante la manife-

stazione del Carnevale Romano 2012. Da qualche giorno, con nostro grande rammarico e stupore, siamo venuti a conoscenza che l’Assessorato Agricoltura della Regione Lazio ci ha esclusi dall’evento Roma Cavalli 2012. Ci sembra quanto meno doveroso chiedere all’Assessore Angela Birindelli o qualche suo fido collaboratore (come il sig. Lenci), le motivazioni di tale esclusione. Vorremmo capire come mai con i soldi pubblici venga penalizzata un’associazione che ha nel proprio DNA la promozione del territorio, un’associazione che è una delle poche associazioni che ha un proprio allevamento

di cavalli, un’associazione che, a nostro avviso, viene volutamente e scientificamente penalizzata da parte di chi del mondo del cavallo e delle sue tradizioni non ha mai mostrato alcun interesse!!! Chi opera in questo modo, dimentica però un “piccolo” particolare, quello di organizzare eventi e manifestazioni con soldi pubblici e come tali si devono utilizzare ( a beneficio di tutti e non di chi è più o meno “simpatico”). Chiediamo che anche la Presidente Polverini si interessi della questione per fare chiarezza sulla vicenda, affinché chi gestisce i fondi regionali operi con coerenza e trasparenza.”

zione, studio e passione. Selezionate cultivar Frantoio, Leccino e Canino, brucate a mano all’inizio dalla maturazione ed avviate alla molitura a freddo entro le sei ore successive, garantiscono l’eccellenza di un prodotto assoggettato alla regolamentazione del disciplinare Tuscia DOP. Di colore giallo dorato intenso con spiccati ri�essi verdi, all’olfatto si apre fruttato e vegetale, dotato di ricchi sentori di mela e carciofo strutturato da eleganti toni erbacei. Al gusto è ricco morbido ed avvolgente con note di ortaggi di campo e spiccati toni di amaro e piccante ben armonizzati che si chiudono in mandorla.

ui rimborsi Inail, l’assessore Amicucci gioca allo ‘scaricabarile’. Ecco la nota che ha inviato, probabilmente in risposta alle proteste di circa cento invalidi che devono ricevere la pensione da due anni. ““I grandi invalidi riceveranno presto il contributo comunale, non appena l’Inail risponderà alle numerose lettere di sollecito e ci fornirà le liste del 2010 e del 2011”. Così l’assessore al Bilancio e al Patrimonio di Civita Castellana, Paola Amicucci, risponde sulla questione dei contributi comunali che i grandi invalidi non hanno ricevuto per gli anni 2010 e 2011. “Salvaguardare le fasce più deboli è il nostro interesse primario. Abbiamo contattato l’Inail durante tutto lo scorso anno per farci fornire le liste con i nominativi delle persone a cui liquidare i contributi. Purtroppo abbiamo avuto risposta per il 2010 soltanto a novembre 2011, Il comune ha fatto delle osservazioni che a tutt’oggi non hanno avuto riscontro. Inoltre non ci sono stati forniti i nominativi relativi al 2011. Mi auguro che l’Inail ci dia quanto prima i nomi in modo che possiamo risolvere questo disservizio a cui stiamo lavorando da più di un anno”. Sul comunicato in questione si possono muovere numerose obiezioni.

Innanzitutto se per il 2010 i nominativi ci sono, perchè non vengono liquidati, visto che i soldi sono disponibili? Inoltre, se l’area socio culturale del Comune afferma che: “L’amministrazione comunale Area Socio, Culturale e Sportiva- Settore 1° Politiche Sociali, ha inviato una nota, attraverso la quale comunicava ai bene�ciari (grandi invalidi INAIL) l’erogazione a breve di contributo previsto dalle leggi vigenti in materia . La nota conteneva il seguente testo : Prot. n. 23279 del 29/11/ 2011Oggetto : Erogazione contributi Grandi Invalidi INAIL –art. 2. DPR 18/04/ 1979. Si informa che con nota prot.n. 22453 del 17/ 11/2011 lo scrivente Uf�cio ha comunicato all’Uf�cio Ragioneria l’elenco dei nominativi aventi diritti al contributo economico per i Grandi Invalidi INAIL , annualità 2010. L’importo a Lei spettante è pari ad € 127,67. L’Uf�cio Ragioneria invierà successiva speci�ca comunicazione relativa all’emissione del mandato di pagamento stesso.”, come mai l’assessore Amicucci dice di non avere a disposizione le graduatorie? Forse non parla con l’Uf�cuio Ragioneria prima di inviare comunicati? SIM.TEN.


Mercoledì 21 Marzo 2012

cultura & spettacolo

Viterbo & AltoLazio

17

Ieri mattina, in Camera di Commercio, la conferenza della manifestazione più “dolce” della Tuscia

Cioccotuscia, il “festival dei sapori” Foto Andrea Di Palermo

di SABRINA MORBIDELLI

P

resso la Sala Conferenze della Camera di Commercio di Viterbo, si è svolta la conferenza stampa della manifestazione Cioccotuscia “festival dei sapori”. La manifestazione Cioccotuscia- ci spiega l’organizatore e il responsabile Andrea Sorrentinasce dall’esigenza di creare nel territorio viterbese una maggiore sensibilizzazione dei prodotti dolciari locali. Arte, cultura e tradizioni devono essere calate negli eventi dove giovani e famiglie possono essere i protagonisti insieme ai prodotti enogastronomici. La cioccolata è il simbolo dei dolci e si associa bene con i nostri prodotti, castagne e nocciole.

Nascono, così, prodotti tipici viterbesi ,come:liquori e tavolette di cioccolato. Non dimentichiamo che dobbiamo far fronte, alla grande distribuzione dolciaria nazionale e quindi con Cioccotuscia, si vuole valorizzare sempre di più il larga scala i nostri prodotti. Nel 2011 alla nostra prima manifestazione, abbiamo avuto 8 mila visitatori e contiamo, quest’anno, di aumentare la cifra. Abbiamo cercato di orga-

nizzare questa manifestazione dolciaria sotto Pasqua, per far aumentare la domanda d’acquisto dei prodotti, nel 2013 però abbiamo pensato di spostare la data nel periodo natalizio. Cioccotuscia valorizza e promuove anche itinerari turistici gastronomici della nostra terra. Il tutto sarà alietato con spettacoli artistici per grandi e piccini, organizzati da scuole di ballo e artisti viterbesi. Unica nota negativa, ri-

A Tuscania “Adesso&Muto” guarda le nostre istituzioni locali, esclusa la Camera di Commercio, che non hanno creduto nel nostro progetto. Speriamo che il prossimo anno, con il loro supporto, si possa organizzare una grande e sempre più dolce manifestazione. Al termine della conferenza, e stata presentata la mascotte di Cioccotuscia, Cioccoleo,un omaggio sia alla cioccolata che alla città di Viterbo.

Un volume per il premio Claudia Fioroni V

errà presentato a Valentano il 6 ottobre 2012 il volume, attualmente in preparazione, per celebrare il decennale del premio di poesia e giornalismo “Claudia Fioroni” che racchiude l’attività e documenta anno per anno, i vincitori delle sezioni poesia, giornalismo e personalità del mondo dello spettacolo e della cultura. L’opera è curata dalla fondazione omonima, coordinata dalla presidente e fondatrice Loretta Zanobbi. “Il premio – dice la presidente – negli anni ha voluto ricordare, attraverso i giovani e la loro voce, Claudia Fioroni, ragazza giovanissima, prematuramente tolta ai suoi affetti”. Tanti le storie, i giovani e i noti personaggi che si sono alternati nel corso delle dieci

edizioni svolte sia a Viterbo che a Valentano, paese natale della ragazza. Prestigiosa la giuria, presieduta dalla stessa Zanobbi, e composta dal poeta e saggista Elio Pecora, dalla poetessa Anna Manni, dai giornalisti Gaetano Savatteri e Giuseppe Resci�na, dal regista Leonardo Corbucci e dell’operatrice culturale Joel Fontaine. Sempre alti la qualità e il parterre degli incontri, a dimostrazione del fatto che l’uomo e in particolar modo i giovani, trovano nella cultura le ali della loro libertà. Tra le personalità premiate dal premio “Claudia Fiorno” i registi Pasquale Squiteri e Franco Bernini, il poliedrico attore, autore e regista Tato Russo e l’attrice Sandra Milo.

Adesso & Muto”. Si chiama così il nuovo evento in programma ai Magazzini della Lupa a Tuscania, nello spazio dell’omonima associazione, in via della Lupa, domani alle ore 19,00 . L’evento è un incontroperformance di e con Isabella Bordoni, poetessa. “Poesia & ascolto, l’ipotesi del paesaggio come misura poetica” Isabella Bordoni, Sara Saini, Claudia Sabbatini presiederanno l’ incontro|performance, presentazione della residenza e del progetto “REFUGEE|stati d’esilio.epifanie”. Testi, visioni, ascolti per 10 giorni di un viaggio privato, intorno al rapporto tra corpo e paesaggio. Con percorsi giornalieri a piedi, “un viaggio di passi leggeri che ha come campo base Tuscania e ha il suo intorno come luoghi di attraversamento”. Un viaggio in compagnia

di Isabella Bordoni, Sara Saini, Claudia Sabbatini e di : John Berger, Modi di vedere; John Berger, Una volta in Europa; Maurice Blanchot, Lo spazio letterario; Maurice Blanchot, L’eterna ripetizione e “Apres coup”- Millepiani Eterotopia; Mike Davis, Geogra�e dell’espressione; Maria Zambrano, Persona e democrazia; Jacques Derrida, Donare il tempo, la moneta falsa; Jean-Luc Nancy, Résistance de la Poésie; JeanLuc Nancy, Corpus; Derek Jarman, Caravaggio; Derek Jarman, Blue; Nicola Ratti, 220tones; Christian Mastroianni, selezione da proprie composizioni per “REFUGEE|stati d’esilio.epifanie”; Tom Sherman, dal materiale prodotto per “Innesti, dialogues on the Nature and Time,” opera di Isabella Bordoni, 2001; John Cage, dalla conferenza “Simplicity and Chaos” sept. 1992; Stefano Scodanibbio, Visas per Vittorio Reta, Arditti String Quartet.


almanacco

18 NUMERI UTILI

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 21 Marzo 2012

Oggi al Cinema

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Fortunato

SORIANO NEL CIMINO

• Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

21 Marzo - 20 Aprile Ariete

Primo giorno di primavera con Sole, Mercurio e Urano nel segno. Inizia un gran bel periodo, per quanto vi riguarda, anche perche’ molti di voi compiono gli anni: sarete allegri, scattanti, vivaci, effervescenti. Non pretendete troppo, pero’, da questo giorno, scandito dalla Luna nel segno che precede il vostro. Per ottenere risultati straordinari bisogna faticare un po’!

22 Giugno - 22 Luglio Cancro

Sapretemuovervi molto bene, dimostrando abilita’ e acutezza, ma anche un’ acuta intuizione e una forte immaginazione; in questo modo riuscirete a trovare proposte o soluzioni originali a qualsiasi questione. La Luna e’ pronta a far lievitare i vostri guadagni e ad esaudire ogni vostro desiderio amoroso, regalandovi ore serene con la persona amata. Successi per molti in serata.

23 Settembre - 23 Ottobre Bilancia

21 Aprile - 20 Maggio Toro

Ottimi i rapporti con gli amici: la vostra sensibilita’, la vostra simpatia e le vostre argomentazioni vi renderanno ricercati e, in molti casi, anche corteggiati. In ambito lavorativo, la bonta’ e la validita’ delle vostre opinioni verranno riconosciute dai vostri compagni di lavoro e dai vostri clienti. L’amore c’e’, ma al momento i vostri interessi sono convogliati in un’altra direzione.

23 Luglio - 22 Agosto Leone

23 Agosto - 22 Settembre Vergine

24 Ottobre - 21 Novembre Scorpione

22 Novembre - 21 Dicembre Sagittario

22 Dicembre - 21 Gennaio Capricorno

22 Gennaio - 19 Febbraio Acquario

FARMACIE (reperibilità)

Sul lavoro, la Luna provera’ a disseminare q u a l c h e piccolo tranello, ma avrete comunque delle soddisfazioni. Emergeranno le vostre risorse! In amore, vi sentite forse fragili; Venere pretende attenzione, impone riflessione, alimenta incertezze. Chi e’ solo, se la cavera’ bene. Chi e’ in coppia potrebbe a trovarsi a dover giustificare al partner i propri comportamenti bizzarri.

Anche se la Luna in Pesci e’ capricciosa, potete contare sui favori di Venere, che vi assicura una bella serata, da trascorrere con la persona amata, oppure con gli amici. Lasciate spazio alla voglia di novita’, di scoprire cose nuove, passioni nuove. Trovate il tempo necessario! Nella professione avrete modo di ottenere quel che volete, ma dovrete usare un pizzico di astuzia.

Scintillante di stelle amiche, q u e s t o mercoledi’ si prevede positivo per l’amore, gli affari e il divertimento. Spensieratezza e benessere fisico saranno gli ingredienti giusti per trascorrere al meglio la giornata e, al contempo, una bella grinta vi consentira’ di promuovere con vantaggio i vostri interessi pratici. In amore attirerete chi vi piace con il vostro indiscusso fascino.

Te n a c i a , determinazione e un pizzico di coraggio sono le doti che dovrete sfoderare oggi per ottenere i risultati che meritate nella sfera professionale. Marte vi da’ energia, la Luna ottime intuizioni: e’, quindi, il momento di agire. Vi attende una serata speciale da dedicare senza riserve alla sfera sentimentale, alle cose piacevoli e belle. Inviti a cena o ad una festa.

21 Maggio - 21 Giugno Gemelli

Gli astri sono propizi ai vostri progetti economici, segnalando un momento d’oro per potenziare le entrate e concludere affari vantaggiosi. Azzurro e’ il cielo odierno anche per quanto riguarda le questioni a carattere sentimentale: se siete in coppia, la routine sara’ spazzata via da nuovi stimoli, da un aperto scambio di idee con il partner; i single, dovranno solo guardarsi attorno.

Oggi, punterete finalmente al sodo. Sul lavoro o nello studio, raggiungerete mete ambite! Sarete sostenuti da una fantasia e una grinta davvero invidiabili. Qualunque sia la vostra attivita’ professionale, realizzerete cose inimmaginabili e splendide. Nel tempo libero tuffatevi nella natura, per rilassarvi, per godervi un dolce far niente o quasi. Dieci e lode per l’amore e il sesso!

U n ’ i d e a geniale, nata all’improvviso, si rivelera’ redditizia in modo insperato, sia per i vantaggi professionali che potra’ procurare, sia per il riscontro immediato e tangibile che portera’ alla maggior parte di voi. Sarete particolarmente attenti e sintonizzati sul mondo attorno a voi, il che acuira’ la vostra sensibilita’ tanto da cogliere dettagli importanti. Bene l’amore!

Cinema Florida Piazza G. Marconi, 12

Ricordate che non esiste solo l’acceleratore, ma anche i freni. Non s p r e c a t e energie e denaro in attivita’ che in questa giornata vi farebbero solo perdere tempo prezioso; fate un qualche cosa per voi stessi e vi sentirete subito meglio. In ambito privato, il bisogno di puntellare il rapporto di coppia potrebbe indurvi ad esagerare con le pretese e le richieste di attenzioni.

20 Febbraio - 20 Marzo Pesci

Non c’e’ miglior situazione della vostra per entrare a pieni voti nel campo dei migliori: se vi si dovesse dare un voto, vi meritereste dieci e lode. Giocate, quindi, le vostre carte con tutta l’abilita’ che vi si riconosce! Vi sentite realizzati sotto il profilo sentimentale. E’ l’amore che fa muovere il mondo e’ voi vi sentirete in grado di spostare, se necessario, l’intero universo!

Posti In Piedi In Paradiso Orario: 21,30

TARQUINIA

VITERBO

Cinema Genio Via Del Teatro Genio, 16 Posti In Piedi In Paradiso Orario: 18,00 - 20,30 - 22,30 Cinema Trento Piazza Del Santuario, 51/A Quasi Amici Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Cinema Trieste Viale Trieste, 30 The Artist Orario: 21,30

BAGNOREGIO

Cinema Alberto Sordi Via G. Matteotti, 2 RIPOSO

CASTIGLIONE IN TEV.

Cinema Tevere Via Orvietana

RIPOSO

CIVITA CASTELLANA

Cinema Florida Via Del Forte, 26 Safe House. Nessuno è Al Sicuro Orario: 17,30 - 19,30 - 21,30

MONTEFIASCONE

Cinema Gallery - Multisala Via Cardinal Salotti, s.n.c. Posti In Piedi In Paradiso Orario: 21,30 The Artist Orario: 21,30 Multisala Flavia Via Della Croce, 1 RIPOSO

Cinema Etrusco - Multisala Via Della Caserma, 32 Quasi Amici Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Magni�ca Presenza Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 John Carter 3D Orario: 17,50 Posti In Piedi In Paradiso Orario: 20,00 - 22,00 10 Regole Per Fare Innamorare Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00

VETRALLA

Cinema Excelsior Via Cassia, 277 - Cura di V. Quasi Amici Orario: 20,00 - 22,00

VITORCHIANO

Cine Tuscia Village - Multisala Multisala Località Pallone, Vitorchiano Magni�ca Presenza Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 10 Regole Per Fare Innamorare Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 John Carter 3D Fer. e Pref.: 17,30 - 20,00 - 22,30 Fest.: 15,20 - 17,30 - 20,00 - 22,30 Posti In Piedi In Paradiso Fer. e Pref.: 17,30 - 20,00 - 22,30 Fest.: 15,20 - 17,30 - 20,00 - 22,30 Viaggio Nell’Isola Misteriosa Fer. e Pref.: 18,00 Fest.: 15,45 - 18,00 Ti Stimo Fratello Tutti i Giorni: 20,15 - 22,30 L’Altra Faccia Del Diavolo Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30

ORTE

Cinema Alberini Via Del Plebiscito, 10 Posti In Piedi In Paradiso Orario: 21,30

Inviate le Vostre Programmazioni a: redazione@opinioneviterbo.it

PREVISIONI METEOROLOGICHE

OGGI 21 MARZO

ACQUAPENDENTE Via G. Marconi, 6 (09,30-12,30 e 16,00-19,00)

FABRICA DI ROMA Via Di Porta Vecchia, 25 (Diurna e Notturna)

MONTEFIASCONE Via Verentana, 8 (08,30-12,55 e 16,00-19,30)

TUSCANIA Piazza Italia, 12 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

ARLENA DI CASTRO Via V. Emanuele, 128 (08,30-12,30 e 16,30-19,30)

FARNESE Via Principe Amedeo, 126 (Diurna e 16,00-19,00)

NEPI Via F. Giannelli, 3 (08,30-13,00 e Notturna)

VALLERANO Piazza Xerry De Caro, 14 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

BAGNOREGIO Piazza Trento e Trieste, 10 (08,30-13,00 e 16,00-19,00)

GALLESE Via Tronsarelli, 41 (09,30-13,00 e 16,30-19,30)

ORTE SCALO Via G. Garibaldi, 52 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

VETRALLA - TRE CROCI Piazza Europa, 53 (09,00-13,00 e 16,35-19,30)

CALCATA Piazza Risorgimento, 1 (09,30-13,00 e 16,00-19,00)

GRAFFIGNANO Piazza Del Comune, 10 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

RONCIGLIONE Corso Umberto I, 6 (08,30-12,55 e 16,00-19,30)

VILLA S. GIOVANNI IN TUSCIA Piazza Savoia, s.n.c. (Diurna e 16,30-19,30)

CAPRANICA Via Padre L. M. Monti, 7 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

GROTTE DI CASTRO Via Vittorio Veneto, 4 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

SORIANO NEL CIMINO Piazza Vittorio Emanuele, 22 (08,24-13,00 e 16,00-19,30)

VITERBO Corso Italia, 37 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CAPRAROLA Viale Caduti Sul Lavoro, 39 (09,00-13,00 e 16,00-20,00)

MARTA Via Tuscania, 4/A (09,00-13,00 e Notturna)

SUTRI Piazza del Comune, 34 (09,30-13,00 e 16,00-19,30)

VITERBO - GROTTE S. STEF. Via Della Stazione, 15 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

CIVITA CASTELLANA Via S. Felicissima, 17 (08,30-13,00 e 15,55-19,30)

MONTALTO - PESCIA ROM. Via Delle Mimose, 12/15 (09,00-12,30 e Notturna)

TARQUINIA Viale Igea, 20 (08,30-13,00 e 16,00-19,24)

VITORCHIANO Via Manzoni, s.n.c. (09,00-12,40 e 16,00-19,00)

Mercoledì 21 Marzo

Giovedì 22 Marzo

La blanda depressione sull’Iberia non riesce a resistere al campo anticiclonico che favorisce tempo più soleggiato su tutte le centrali tirreniche, ad eccezione di velature irregolari in transito ma con cieli spesso più sereni sui settori laziali. Te m p e r a t u r e in aumento nei massimi, specie in To s c a n a con punte s o p r a i 2 1 ° . Ve n t i deboli variabili o da SE al largo delle coste, deboli da SSE in quota. Mari quasi calmi, poco mossi al largo.

Il mare anticiclonico riesce a garantire una nuova giornata soleggiata seppur con passaggio di blanda nuvolosità alta a carattere sparso fino al pomeriggio in dissoluzione. T e m p e r a t u r e stazionarie o in aumento nei massimi con punte di 22-23° su zone interne. Ve n t i d e b o l i v a r i a b i l i o di brezza sulle coste e rinforzi da NO al largo nel pomer iggio, deboli da SSO in quota. Mari poco mossi o quasi calmi.


SPORT

� � �

Mercoledì 21 Marzo 2012

19

CALCIO

Coppa Lazio: Castrense, Cimina e Capranica in campo Ritorno dei quarti di finale: per le viterbesi gli ostacoli Casal Barriera. A. Carchitti e Castelverde

R

iparte oggi la Coppa Lazio, con le gare di ritorno dei quarti di �nale. Archiviato l’ultimo recupero, con lo 0-0 tra Castrense ed Aces Casal Barriera, è tempo di de�nire chi saranno le quattro semi�naliste. Proprio dal pari a reti bianche si ripartirà sul campo del Casal Barriera, dove la super Castrense di Raspoli tenterà di mettere a segno il colpaccio esterno dopo aver conquistato la ventesima vittoria in campionato: se nella “regular season” non c’è storia, la squadra di patron Camilli ha trovato in coppa una squadra in grado di dargli del �lo da torcere. I gialloverdi capitolini sono fermi a metà classi�ca nel Girone D. La Cimina Ronciglione invece partirà dal 2-1 casalingo conquistato nell’andata contro il Castelverde per conquistare l’accesso alle �nal four: per la squadra di Gavazzi la trasferta capitolina sarà insidiosa, ma andranno bene due risultati su tre. Va detto che in caso di assoluta parità, la formula del torneo prevede diretta-

FIGC - Riunione per tutta una serie di iniziative

Proseguono i lavori della Consulta Lunedì 2 aprile S. Messa per la Pasqua

V

A sinistra Cascianelli della Castrense, a destra mister Domenico Gavazzi (Ronciglione)

Soltanto il team di Gavazzi parte dal successo dell’andata

mente l’esecuzione dei calci di rigori, senza passare per i tempi supplementari. La Cimina vuole concludere in bellezza questa stagione, dopo aver giocato in un girone praticamente ucciso dalla Castrense. Al Capranica invece servirà un’autentica impresa per ribaltare l’1-3 interno subìto nella gara di andata contro l’Audace

Tennis Club Acquapendente, racchette roventi per gli Under 14

A

ccensione ad intermittenza per il Tennis Club Acquapendente nelle prime due giornate della fase provinciale di Campionati a squadre dedicate a settori giovanili maschili. Gli Under 14 Tommaso Sacco (Categoria Nc), Giorgio Bandiera (Categoria Nc) e Michele Colonnelli (Categoria Nc) superano a domicilio per 3-0 la formazione del Tennis Club Nepi “B” formata da Salvatore Castaldo (Categoria Nc), Federico Basile (Categoria Nc) e Leonardo Di Marco (Categoria Nc). In un girone che vede in testa il Tennis Club Nepi “A con 4 punti in 2 gare disputate, gli aquesiani dividono il secondo posto (utile alla quali�cazione per la fase regionale) con il Tennis Club Davis’76 di Civitacastellana. Lottano ma perdono per 2-1 gli Under 12 (Damiano Sartucci Classi�ca 4/4, Matteo Paoletti classi�ca 4/6 e Pietro Meaccini classi�ca Nc) nel derbyssimo contro la Polisportiva Real Azzurra Grotte di

scambiarci gli auguri, le opinioni ed i pareri fuori campo. Quale migliore occasione in questo giorno speciale ? Appuntamento allora per lunedì 2 aprile presso la Parrocchia S.M. della Grotticella, alle ore 16 dove si terrà la Santa Messa , officiata dal Vescovo di Viterbo Fumagalli e sarà presente anche il Presidente Figc CRLazio Zarelli: a questa iniziativa sono invitati tutti i dirigenti, giocatori e familiari delle società calcistiche viterbesi.“

JUDO - Pr ima uscita ufficiale senza intoppi per i judokas

Sport Riders al battesimo del fuoco

D Castro, presentatasi ad Acquapendente con Marco Ferlicca (classi�ca 4/6 e Simone Fortuni classi�ca Nc). Proprio i grottani sono momentaneamente in testa al Girone con 4 punti in due partite. Seguiti a ruota con due punto dopo una partita dal Tennis Club Nepi e dall’Al.Pi. Sporting Club.

Carchitti. A Palestrina, i capranichesi dovranno segnare almeno tre reti per avere speranze di passare il turno. Tutto in bilico invece nella s�da tra il Santopadre ed il Città di Ciampino, con la prima s�da che è terminata 1-1. Il Santopadre, in vantaggio per via della rete segnata in trasferta, è secondo in classi�ca nel Girone G. Le semi�nali si disputeranno il 4 aprile ed il 9 maggio. (di Gabriele Ludovici)

ITERBO – Proseguono i lavori in seno alla Consulta provinciale. L’organo Figc della Tuscia si è ritrovato lo scorso fine settimana per continuare il programma fissato nelle precedenti sessioni. Erano presenti,oltre al Coordinatore e Consigliere Regionale CR Lazio, Sergio Insogna, Renzo Lucarini, Delegato Figc di Viterbo, Valerio Marcoaldi della Delegazione provinciale Figc, Alfredo Boldorini, delegato assembleare Lnd e presidente Bassano calcio, Lorenzo Minciotti, Presidente Montefiascone calcio e Don Pino Currè, Presidente Oratorio Grandori che ha ospitato con la solita disponibilità l’assise. Tra i punti all’ordine del giorno che sono stati discussi c’è l’organizzazione della PASQUA DEL CALCIO provinciale, iniziativa questa già operativa. “Facciamo appello a tutti i dirigenti, tecnici, giocatori e familiari – sostengono i membri della Consulta - affinchè in questo giorno speciale ci sia tanta affluenza e partecipazione perché il calcio è anche solidarietà e aggregazione. Abbiamo la possibilità di stare insieme qualche ora, assistere alla Santa Messa e

opo tre anni di estenuanti allenamenti, di numerose prove pre-agonistiche e di lunghe trasferte, è arrivato il grande momento: la prima uscita ufficiale degli agonisti dell’ Associazione @Sport Riders 82. Nel funzionale e moderno Centro Sportivo della Polizia presso la Caserma “Stefano Gelsomini” di Roma, i nostri judokas, Sezione Judo Canino e Judo Aurelia insieme, si sono presentati a ranghi serrati per difendere i colori sociali nel Gran Premio Esordienti 2012 del Lazio indetto dalla Federazione Italiana Judo. Ad aiutare l’ istruttore Alessio Patania nel seguire le ragazze e ragazzi durante i sorteggi ed i combattimenti gli atleti Domenico

Fronda e Andrea Gregni di Canino e Mattia Buffo di Civitavecchia. Visto l’alto livello tecnico espresso dai giovani atleti delle migliori Società del Lazio, il risultato dei “nostri” è stato più che buono riuscendo a salire più di una volta sul podio in alcuni casi conquistando “solo” un terzo posto con tre combattimenti su quattro vinti tutti primi del termine. Naturalmente c’è anche qualcuno che è rimasto con una grande voglia di rifarsi, ma si sa che agli inizi è sempre dura, e non possiamo che considerare soddisfacente questo inizio. Questo il dettaglio dei risultati:

Oro per Valeria Uras Argento per Angela Modesti e Kevin Malservigi Bronzo per Alessandro Catani, Andrea Korkeamaki e Sara Porri quinti e settimi posti per Francesco Angori,

Niko Matteo Montico e Ivo Talenti. Ottime prestazioni che confermano quindi la bontà del lavoro svolto dai tecnici e la crescita dei giovani atleti sempre vogliosi di migliorare ulteriormente.


� �

sport

SPORT

20

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 21 Marzo 2012

ECCELLENZA - Mister Antolovic tiene alta la guardia: “Siamo vicini al traguardo, guai a distrarci.”

Il Montefiascone contro il tabù trasferta I

l Monte�ascone, dopo la convincente vittoria contro il Ladispoli, può mirare al traguardo salvezza in tutta tranquillità anche se, per il tecnico Daniele Antolovic, la strada è ancora lunga: “Questi tre punti ci avvicinano al nostro obiettivo, soprattutto perchè arrivano contro una formazione che era dietro a noi.” Con tutto il rispetto, il Ladispoli non è sembrato lo stesso della passata stagione: “Il calcio è uno sport strano. Ci sono annate che gira tutto bene altre che invece va

tutto storto. Poi purtroppo quando i risultati mancano si fa presto ad intraprendere una serie negativa.” Si potrebbe dire lo stesso del Corneto Tarquinia di Nazzareno Gu�? “Non stanno attraversando un buon momento, ma auguro alla società ed al mio amico Nazzareno di ritrovare in fretta la marcia giusta. Noi nelle ultime giornate dovremo affrontare diverse squadre che oggi militano nei bassi fondi e cercheremo di fare il possibile per fermale così da portare punti preziosi alla nostra clas-

si�ca e magari dare qualche chance in più al Corneto di salvarsi.” Tornando al Monte�ascone, Domenica andrete a Rieti, possibile un inversione di rotta in trasferta? “Faremo il possibile per uscire imbattuti dal campo. Paradossalmente giochiamo meglio fuori che in casa, ma senza raccogliere nulla. È giunto il momento di dare un taglio a questo trend.” Cosa manca fuori dal ‘Fontanelle’? “Ci manca la cinicità sotto porta. Come detto creiamo

diverse palle gol ma non concretizzziamo come in casa. Se troveremo la giusta cattiveria i tre punti non saranno più un tabù.” Nell’ultimo incontro Grimaldi è parso leggermente sotto tono, si tratta di stanchezza o solo di una giornata storta? “Mattia ha qualità fuori dalla norma per la categoria. Domenica poteva far gol è vero, ma si comunque sacrificato per la squadra e l’azione del 2-0 ne è la testimonanza. Il ruolo di prima punta è molto dispendioso e forse paga un pizzico di stanchezza, ma con

Il tecnico del Montefiascone Daniele Antolovic le sue caratteristiche sia da rifinitore che da realizzatore lo rendono indispensabile per i nostri schemi d’attacco. Tra qualche domenica tornerà al top.” Un plauso anche ai giovani:

“Cappetti, Faina, Serafini, Petricca, Lamorgese ecc ecc, fino ad oggi hanno fatto un lavoro eccezionale, sono sempre a disposizione del gruppo. Abbiamo ottime basi per il futuro.”

SERIE D Alle 15:00 aria di Lega Pro contro la capolista Perugia

O

ggi, alle ore 15,00, la Viterbese seppur in amichevole riassaggerà l’aria del professionismo contro il Perugia. Una partita che metterà a confronto i gialloblu contro l’attule capolista del girone B della serie C2. Chi sa che non sia di buon auspicio per un eventuale approdo alla lega Pro già da questa stagione Per l’occasione la società renderà gratuito l’accesso allo stadio Rocchi confidando in un buon seguito da parte della tifoseria. Passando all’ormai annosa vicenda della presidenza, a fugare ogni dubbio è intervenuto il candidato principe delle ultime settimane, quel Piero Camilli tanto invocato dalla tifoseria. Ospite ad una trasmis-

Camilli: “La Viterbese non mi interessa”

Chiamato in causa nel corso di una trasmissione sportiva il Comandate chiude la telenovela sione sportiva di TV9 Maremma, il Comandante, incalzato dai cronisti ha rilasciato testuali affermazioni: “Mi ci stanno tirando dentro per la camicia e per il collo ma a me non me ne interessa nulla.” Dichiarazioni che dunque lasciano poche speranze su un reale interesse del-

l’imprenditore e sindaco di Grotte di Castro a prendere la guida della Viterbese. In questi giorni si cercherà di capire se è stato uno sfogo reale o se invece è stata una dichiarazione per mischiare le acque e lavorare con tranquillità su una reale offerta. Quel che è certo è che rispecchiano quanto affer-

mato dalla dirigenza viterbese attuale: “Società non in vendita e nessuna offerta giunta sul tavolo.” Per l’attuale presidente del Grosseto l’idea di un ingresso in società come colaboratore non è assolutamente percorribile, o tutto o niente. Tornando all’amichevole

odierna mister Conticchio darà spazio a chi meno ha giocato in quest ultimo periodo, provando tra l’altro qualche accorgimento tecnico in vista dell’impegno casalingo di Domenica contro il Todi e soprattutto per la trasferta di Mercoledì contro il San Antonio Abate dove sarà ammesso un solo risultato per l’ac-

cesso alla finale che si terrà al Flaminio. Nel corse del match troverranno spazio anche alcuni giocatori della prima squadra del Pianoscarano che organizzerà il pranzo pre gara rinsaldando di fatto i già ottimi rapporti tra le due società, attualmente unite dalla gestione del settiore giovanile.

iL

L

L

PROMOZIONE - Quintarelli non demorde:“Nessuna crisi, sapremo recuperare”

LaVigor Acquapendente paga gli errori dal dischetto Domenica gli aquesiani chiamati al riscatto contro il Futbolclub

L

a Vigor Acquapendente riassapora il gusto amaro della sconfitta dopo oltre due mesi (l’ultima risaliva all’anno passato fuori casa contro il La Storta col passivo di 2-1) riportandosi a -3 dalla vetta occupata dal Grifone Monteverde. Una sconfitta forse inattesa, ma che tuttavia non scalfisce le ambizioni della società come conferma il tecnico Massimo Quintarellli: “Domenica abbiamo di-

sputato una buona partita dove ci è mancato solo il gol, non ho nulla da rimproverare ai ragazzi.” Un altro rigore fallito, questa volta da Francis: “In questa stagione non siamo fortunati dal dischetto. È già il quinto che sbagliamo nonostante il cambio di tiratore. Non so spiegarmi il perchè ma evidentemente deve andare così.” Errori che potrebbero costare caro a fine stagione:

“Ad oggi ci sono costati tre sconfitte. Se fossimo passati in vantaggio probabilmente ora parleremmo di altro, ma nel calcio i punti non si fanno con i se e con i ma. Ci rimboccheremo le maniche per riapartire nel migliore dei modi già dalla prossima giornata col Futbolclub.” Quanto è pesata l’assenza di un giocatore esperto come Gentili? “La sua assenza si è indubbiamente sentita, ma Picchiotti (classe ‘94) lo ha sostituito egregiamente,

quindi non me la sento di analizzare la sconfitta in base ad un assenza.” Possibile il suo rientro già Domenica? “Lo escludo. Ha subito una forte distorsione e per esperienza credo che non sarà della partita. Tra l’altro sarà assente anche Pedetta che è stato espulso nell’occasione del rigore procurato.” Non per creare una polemica, ma a parità di fallo il portiere dell’Olimpia è stato solo ammonito: “Questo è il calcio. Gli episodi nel corso di una partita possono essere decisivi ma mi auguro non condizionino troppo il proseguo della stagione.” La corsa al titolo è ancora lunga, quali saranno le sfide decisive? “L’Olimpia ha dato la dimostrazione che non esi-

Foto Andrea Di Palermo

stono formazioni materasso. Da qui alla fine tutte le partite saranno decisive anche se le ultime quattro giornate potranno fare la differenza.” Corsa a due o vede altre società in lizza? “Siamo in 4-5 squadre a giocarci il titolo. L’Ischia sta trovando la quadratura del

cerchio, la Caninese non molla un colpo, il Fregene è in ripresa ed ovviamente c’è il Monteverde che sta macinando punti in casa e fuori. Noi dovremo essere bravi ad arrivare all’ultima di campionato con un margine colmabile e se possibile davanti. Comunque vinca il migliore.”


sport

SPORT

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 21 Marzo 2012

21

L’EVENTO

Grande successo per il 1° Martial Event In azione i principali Maestri delle arti marziali. E’ intervenuto anche il campione Di Luisa

S

i è svolta sabato 17 marzo una manifestazione sportiva di arti marziali e sport da ring presso i locali della parrocchia di S. Filippo e Giacomo siti in Vetralla (VT) a piazza Franciosoni. La dimostrazione ha visto la presenza di atleti e maestri di più discipline quali il Kung Fu con il Maestro Luigi Monti, il Kung Fu Wu Shu e Sanda con il Maestro Carlo Blengio e l’istruttore Bartoli Daniele, il Krav Maga con l’istruttore Stefano Smera, il Pugilato con il Maestro De Falco Alessio, la Muay Thai con l’istruttore Dimitri Pizzati, la Kick Boxing ed il K1 rules con il Maestro Renato Sini. Sono intervenuti in qualità di ospiti d’onore Livio Treta (presidente C.O.N.I. Viterbo), Sandrino Aquilani (sindaco del comune di Vetralla), Elio Ferri (assessore allo sport del comune di Vetralla), Ida Brama (presidente pro-loco), Andrea Di Luisa (campione italiano pugilato), Renato Sini (pluricampione del mondo di combattimento), Piermaria Cecchini (attore). Si notava inoltre anche la presenza di Dario Bacocco (assessore all’ambiente del comune di Vetralla) ed Ivo Aquilani (comandante corpo di polizia locale di Vetralla). Grande partecipazione del pubblico che in breve tempo riempiva completamente i locali parrocchiali dove si svolgeva l’evento. Questa esibizione è nata da un’idea di Don Lamberto che, unitamente a Gennaro Giardino e Renato Sini, voleva dare rilievo a quegli sport considerati violenti ma che, al contrario, insegnano valori basilari come il rispetto, l’educazione e l’umiltà. Il tutto, a dimostrazione di come uno sport con un confronto diretto, con il proprio avversario, non è altro che un modo di oltrepassare le proprie paure e mettersi in discussione superando i limiti personali. L’evento ha avuto il patrocinio del C.O.N.I. e del comune di Vetralla (VT).


� �

sport

SPORT

22

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 21 Marzo 2012

JUNIORES - Lotta serrata per il primato nei Juniores Regionali B: due punti separano le capoliste

Pareggia il Monterosi, la Foglianese ci crede E cco i risultati delle viterbesi nelle partite dei campionati Juniores Elite e Juniores Regionali B.

JUNIORES ELITE GIRONE B 24^ GIORNATA Successo interno della Corneto Tarquinia sul Villanova: nonostante l’assenza di Sistoni, la squadra allenata da Bonelli trova la via della vittoria grazie ad una rete di Rosati (9’ pt). Prestazione impeccabile per il portiere Casali. Con questi tre punti, i viterbesi si portano a -5 dall’Ostia Mare e quindi dalla zona play-off, e

nel 25° turno faranno visita alla Maccarese. Il calendario è favorevole ai rossoblu, che nelle ultime sei gare avranno un solo scontro diretto per la promozione contro l’Almas, il 14 aprile. Classi�ca: Tor di Quinto 64 pt., V. Perconti 59, Ostia Mare 43, Almas e Villanova 41, Montecelio 39, C. Tarquinia 38, Ladispoli 35, Maccarese 31, Spes Montesacro 28, Fiumicino 25, Settebagni 22, Rieti 20, Tanas P. di Roma e Canale Monteranno 17, Olimpia 12. JUNIORES REGIONALI B GIRONE A

20^ GIORNATA Perde terreno in chiave promozione il Real Monterosi, che sul campo dei Vigili Urbani non va oltre l’1-1. I ragazzi di Frasca trovano il goal del pari a cinque minuti dal termine grazie a De Luca; in precedenza, i capitolini erano passati in vantaggio al 20’ st grazie a Privitera. Il Monterosi, che ora ha un margine di vantaggio di due punti sulla seconda, ha giocato per poco più di un tempo in dieci uomini per l’espulsione di Belloni. Ad appro�ttare di questo stop è stata la Comunale Foglianese: i rossoblu battono 10 il Santa Marinella con una rete

di Lombardi, e la vetta è sempre più vicina. In chiave salvezza, tre punti da incorniciare per il Pianoscarano. I rossoneri viterbesi vanno a vincere di misura sul Fregene, raggiungendolo in classi�ca e portandosi a +3 dalla zona play-out. Il match winner è stato De Santis. Nella zona che precede la retrocessione diretta, il Monte�ascone bissa il 3-0 all’Ostiantica andando a vincere a Casal Bernocchi con un goal di Del Pomo. Le speranze di raggiungere la salvezza aumentano sempre di più. La prossima settimana, il Monterosi ospiterà il Fregene mentre la Foglianese farà visita al Palocco:

determinanti anche Pianoscarano – Atletico Acilia e Monte�ascone – Tolfa Calcio. CLASSIFICA: R. Monterosi 40 pt., C. Foglianese 38, P. Ostia 37, Tor de’ Cenci 35, A. Acilia e Vis Aurelia 30, Fregene e Piano-

scarano 28, Ostiantica 26, Vigili Urbani 25, S. Marinella 24, Monte�ascone 23, C. di Fiumicino 22, Palocco 19, Tolfa 18 e Casal Bernocchi 15. (di Gabriele Ludovici)

Gli Allievi Regionali della Foglianese

ALLIEVI ELITE ALLIEVI REGIONALI Quinto k.o. di fila per la Viterbese

D

iamo uno sguardo alla situazione delle squadre impegnate nei campionati degli Allievi. ALLIEVI ELITE GIRONE A 21^ GIORNATA Scon�tta interna contro la Totti S.S. per la Viterbese, e ora sono cinque le scon�tte di �la per i ragazzi di Bertini. Gli ospiti trovano la rete della vittoria al 8’ pt grazie a Betta; adesso la zona play-out dista nove lunghezze, la Viterbese che deve assolutamente cambiare direzione di marcia per chiudere bene il campionato. Il prossimo turno prevede la s�da con il Fregene, 11° in classi�ca. Classi�ca.: Urbetevere 55 pt., V. Perconti 47, Tor di Quinto 46, Ostia Mare 44, Ladispoli 38, Aurelio 37, Fidene 34, Spes Artiglio 32, Viterbese 31, Totti S.S. 23, Fregene e Ottavia 22, Rieti 14, Villanova 11, Montespaccato 8 e La Storta 7.

Altro stop per la Viterbese: passa la Totti

Sconfitte le due squadre della Foglianese, solo la Corneto guadagna un punto ALLIEVI REGIONALI B GIRONE A 20^ GIORNATA Una rete di Consiglio allontana la Comunale Foglianese dalla promozione; la Real Tor Sapienza infatti riesce ad imporsi di misura, costringendo i foglianesi a toccare quota -10 dalle due capoliste e facendosi raggiungere dalla Vis Aurelia. Sia l’Atletico 2000 che il Civitavecchia infatti non hanno mancato l’appuntamento con i

Alcerno. Domenica prossima, a Tarquinia arriverà la Pro Roma Calcio. Cl.: Atletico 2000 e Civitavecchia 49 pt., C. Foglianese e Vis Aurelia 39, Certosa 36, Pro Roma 33, S. Gordiano 32, R. Tor Sapienza 29, Maccarese 25, Boreale e Fonte Meravigliosa 24, C. Tarquinia 20, Massimina 18, R. Tuscolano 16, S. Marinella 8 e Primavalle 4.

tre punti. Già domenica la Foglianese potrà recuperare qualche punto ospitando proprio i civitavecchiesi. La Corneto Tarquinia pareggia 1-1 contro la Massimina: poteva andare peggio ai padroni di casa, che restano nella prima piazza superiore alla zona retrocessione. Skandar è stato l’autore del goal del pari per i tarquinesi, che erano andati sotto dopo una rete di

ALL. FASCIA B REGIONALI GIRONE A 18^ GIORNATA La Comunale Foglianese non riesce nell’impresa di espugnare Civitavecchia, perdendo 2-1 e restando in una tranquilla posizione di metà classi�ca. La rete dei foglianesi è stata di Foglietta, mentre Sacripanti e Yamani hanno permesso ai padroni di casa di guadagnare tre punti in chiave promozione. Nel prossimo turno,

la Comunale affronterà in casa il Pian Due Torri, che occupa l’ultima posizione in classi�ca. Cl.: Ladispoli 42 pt., Aurelio e Fonte Meravigliosa 40, Civitavecchia 34, A. Acilia 32, C. Foglianese 26, Fregene 20, Cor. 2005 19, Montespaccato 16, La Storta 15, Focene 8, R. Tuscolano 6 e Pian Due Torri 5. S. Gordiano ritirato. (di Gabriele Ludovici)

iL

L

L

Giovanissimi - Gialloblu in formissima: quinto successo di fila

Viterbese-schiacciasassi: 0-5 all’Ottavia

Giovanissimi del Montefiascone

Q

uesti i risultati delle rappresentarive viterbesi nei Giovanissimi.

GIOVANISSIMI ELITE GIRONE A 21^ GIORN. Per la Viterbese, la zona playoff è vicina. La scon�tta del Futbolclub sul campo dell’Urbetevere permette ai gialloblu di portarsi a -2 dalla zona promozione: al Don Calabria, la Viterbese infatti vince sull’Aurelio con un bel 5-0 che porta la �rma di Panichelli (1’ pt), Manoni (11’ pt, 17’ st), Paolelli (33’ pt) e Federici (33’ st). I ragazzi di Devoti nelle ultime cin-

que partite hanno vinto e segnato complessivamente 23 goal, subendone solo due: numeri importanti per una squadra che si prepara al rush �nale. Domenica prossima arriva il Ladispoli: sarà l’esame di maturità per dare la svolta alla stagione. Scon�tta interna invece per la Comunale Foglianese: la Totti S.S. vince 2-1 e per i rossoblu il discorso salvezza è ancora un rebus: sono sempre 6 i punti di ritardo sull’Ottavia. Domenica trasferta contro il Futbolclub. Cl.: Ladispoli 54 pt., N. Tor Tre Teste 49, Futbolclub 43, Viterbese 41, Tor Sapienza 38, Ostia Mare e

La zona play-off dista solo due punti grazie alla serie di risultati positivi Urbetevere 37, Ottavia 33, Fidene 30, Totti S.S. 29, Vis Aurelia 27, Aurelio 19, C. Foglianese e Pro Roma 16, S. Paolo Ostiense 12 e Tor de’ Cenci 0. GIOVAN. REGIONALI B GIRONE A 20^ GIORNATA Il Pianoscarano va a vincere con un convincente 3-1 sul campo dell’Etrusca: mattatore assoluto Vigna, autore di una tripletta, mentre per i padroni di casa il sigillo è di Foglietta. Il Monte�ascone ottiene un punto contro la Massimina grazie ad un goal di Zappalà che ha rimesso le cose a posto dopo la marcatura di Tortorici. La Nuova

Sorianese resta in piena lotta per la salvezza dopo un punto conquistato sul campo della Corneto Tarquinia (1-1). Per la Corneto un punto che fa più morale che classi�ca, mentre i sorianesi hanno perso un’occasione importante per tirarsi fuori dai pasticci. Reti di Menè (Sorianese) e Pesselli (Tarquinia). Il Real Monterosi non riesce ad evitare la goleada contro i Vigili Urbani: i padroni di casa vincono 6-1. Per il Monterosi, il goal della bandiera è stato di Cavatini. Prossimi impegni per le viterbesi: Pianoscarano – Massimina, Monte�ascone – Vigili Urbani, N. Sorianese – Etrusca, R. Monterosi – Olimpia e Focene – C. Tarquinia Cl.: Vigili Urbani 53 pt., Olimpia 47, Montespaccato 43, Fregene 41, Pianoscarano 36, Focene e Massimina 35, Monte�ascone 34, Civitavecchia 24, Cor. 2005 21, N. Sorianese 20, Etrusca 19, Urbe Roma 17, Tolfallumiere 17, R. Monterosi 6 e C. Tarquinia 5. (di Gabriele Ludovici)

Davide Randisi dei Giovanissimi della Viterbese


� �

sport

SPORT

Viterbo & AltoLazio

Mercoledì 21 Marzo 2012

23

SPORT VARI

Basket, la Ilco Stella Azzurra under 17 trionfa nel derby Atletica: Zona Olimpica bene nei lanci, Tombolini esalta la Colavene alla Maratona di Roma

G

li approfondimenti del nostro sport nelle varie discipline tra confronti giocati e varie iniziative. BASKET UNDER 17 ILCO STELLA AZZURRA OK NEL DERBY Vittoria esterna per la Ilco Viterbo a Tarquinia contro il Pegaso, in una partita ben giocata dai ragazzi di coach Ferri che va a bissare il successo dell’andata a danno dei “cugini “ tarquiniesi. PEGASO TARQUINIA 59 ILCO STELLA AZZURRA 69 Pegaso Tarquinia: Meneghetti 13, Timperi 3, Ruggeri 4, Parasacchi, Chimenti 15, Filippi 12, Boninsegna 2, Perugini 1, Stefanelli, Sartori, Jacopucci 4. Coach: Romagnoli A. Ilco Stella Azzurra Viterbo: Zena, Manetti 4, Fabrizi 15, Riggi S., Piazzolla 16, Riggi R. 4, D’Agostino 6, Di Matteo 8, Soldati 7, Mariti 10. Coach: L. Ferri Arbitro : Mosneagu di Monteromano

Terzo quarto e la Stella continua ad incrementare il suo vantaggio con un imprendibile Fabrizi, bravo ad attaccare la mista ospite. Coach Ferri ruota tutti i suoi effettivi, con Manetti che, appena entrato, ne mette4 di �la. Ultimo quarto e la Stella toglie il piede dall’accelleratore, specie in difesa, con Meneghetti che la castiga con 2 belle triple consecutive. I ragazzi di coach Ferri perdono nel �nale qualche pallone di troppo grazie al pressing avversario, che permette al Tarquinia di ridurre il passivo �no al 59 a 69 �nale. Con questo risultato la Stella consolida il suo terzo posto e aspetta sabato prossimo alla Verità i pari età dell’Anzio. Buono l’arbitraggio in un derby comunque piacevole e con molto fair play in campo e fuori. CALCIO: IL BILANCIO DAL PIANETA AQUESIANO Nel �ne settimana in cui la Vigor Acquapendente perde gara e primato nel Campionato di Promozione, il calcio minore avanza

Esultanza Lions Parziali: (12-26, 24-41, 38-60) Vittoria esterna per la Ilco Viterbo a Tarquinia contro il Pegaso, in una partita ben giocata dai ragazzi di coach Ferri che va a bissare il successo dell’andata a danno dei “cugini “ tarquiniesi. La Stella si presenta al Palajacopucci priva di Baleani, Pollini ,Gentili e del lungo D’Aquanno, integrati dai 97 D’Agostino e Fabrizi, con coach Ferri che comincia il primo quarto schierando i 2 lunghi Riggi R, e Soldati con Piazzolla e Mariti guardie e D’Agostino in regia. Scelta felice, dato che col controllo dei tabelloni la Stella si distende in ef�caci transizioni e opera subito un breack importante, con il Pegaso che abbandona la uomo per disporsi a zona, cercando di abbassare il ritmo di gara e rispondendo con il duo ChimentiFilippi. Entra un positivo Fabrizi e Stella continua ad avere buona circolazione di palla e ad andare a canestro con tutti i suoi uomini, sia in penetrazione che con buone conclusioni dalla media di Soldati e Fabrizi, controllando con Di Matteo e Mariti gli esterni locali. Mischia ancora le carte coach Romagnoli passando ad una box and one su Piazzolla, ma l’inerzia della partita non cambia e la Stella va al riposo con un rassicurante + 17 e una buona prova collettiva.

in maniera globalmente balbettante. Nel Campionato di Terza Categoria la Polisportiva Oratorio Madonna del Fiore del Tecnico Andrea Colonnelli perde 2-1 sul rettangolo di gioco del Canino Calcio (in rete Leonardo Muzzi). Nel prossimo turno ritorno tra le mura amiche contro il Real Vitorchiano 1971 che ha superato per 3-0 la Real Pool Viterbo. La gara in programma Domenica 25 avrà inizio alle ore 11.00. Scon�tta nel Campionato Juniores per la Vigor Acquapendente del Tecnico Luca Frelicca (2-0 sul campo della Nuova Sorianese Calcio). Nel prossimo turno gara casalinga contro la Virtus Pilastro (Sabato 24 Marzo ore 15.00) che ha rinviato la gara casalinga contro il Barco Murialdina. Goleada casalinga nel Campionato Allievi per la Vigor Acquapendente del Tecnico Marco Pasquini (7-0 alla Virtus Marta con tripletta di Luca Benedettucci e doppiette di Luca Sera�nelli e Luca Pelosi). Nel prossimo turno prevista trasferta sul campo del Tuscania calcio che ha visto rinviata la gara esterna contro l’Ischia di Castro. Calcio d’inizio Sabato 24 Marzo alle ore 16.00. Pareggio casalingo per i Giovanissimi fascia B contro il Capranica (2-2 per i piccoli del Tecnico Carlo Casciani con reti di Giacomo Mincini e Da-

Grandi trionfi per i due team dei Lions under 16 e 20 vide Santini). Nel prossimo turno prevista trasferta sul terreno di gioco della capolista Monte�ascone (calcio d’inizio Sabato 24 Marzo alle ore 15.00). Ottima prova in�ne nel Campionato Amatori Csi per la Torrese del Tecnico Alberto Tiberi (nel 2-0 alla Virtus Marta in rete Franco Bacchi e William Dellipoggi). Nel prossimo turno prevista trasferta sul campo dell’Etrusca, uscita scon�tta per 2-0 dal rettangolo di gioco della Real Ischia di Castro.

ATLETICA 1 / ZONA OLIMPICA OK NEI LANCI LUNGHI A VITERBO E NEGLI INDOOR A RIETI Si sono svolte domenica 18 marzo due interessanti manifestazioni giovanili di Atletica, nelle quali i giovanissimi della Zona Olimpica Atletica Viterbo si sono messi in evidenza, con alcuni risultati di una certa rilevanza tecnica. E’ stato Ludwig Schertel ad ottenere il miglior risultato, impegnato nel lancio del Giavellotto, nei Campionati Regionali di Lanci Lunghi, che si sono svolti a Viterbo, organizzati dalla Fidal Provinciale. Il viterbese ha ottenuto il nuovo personale nella specialità che lo vede tra i più accreditati in ambito nazionale nella categoria Cadetti, 47,34 il suo migliore lancio, che gli vale anche il 2° posto �nale superato di pochi cm. dal capolista stagionale Bucciolini. Secondo posto anche per Jessica Carosi che nel martello non riesce a ripetere l’ottimo risultato di gennaio 2012, quando lanciò a quasi 39m. ottenendo in nuovo record provinciale; la viterbese deve accontentarsi per questa volta di un discreto 35,51. In gara anche l’esordiente Michele Ingrosso che ottiene un discreto 3° posto nella gara del Martello Cadetti e 4° posto nel giavellotto. A Rieti di scena invece i campionati Regionali Indoor riservati alla categoria Ragazzi/e, nei quali a farsi onore sono stati: Flavia Goletti 6^ nei 60Hs. e 7^ nell’Alto, Andrea

I Boys della Zona Olimpica Perelli 5° nell’Alto, e con buoni risultati di Livia Braconcini, Daniele Carrino e Alice Garside. ATLETICA 2 / TOMBOLINI SUPER NELL’ALTO LAZIO COLAVENE ALLA MARATONA DI ROMA 2012 Bellissima giornata di sport e di sole alla 18^ Maratona di Roma per gli atleti dell’Atletica Colavene Alto Lazio Asd, alla quale hanno partecipato oltre 17.000 iscritti e circa 13.000 arrivati più la stracittadina con oltre 70.000 partenti ma non quelli del Progetto Fun Run “Tutti a Roma” della Regione Lazio che quest’anno non ha garantito i pullman e la solita copertura logistica per le migliaia di scolaresche che negli anni passati vivevano questa bellissima esperienza. Il dominio nella maratona come succede da qualche anno è stato degli atleti africani sia maschili che femminili, anche se è mancato il record della manifestazione nonostante fosse stato cambiato il percorso per renderlo più scorrevole. Molti degli atleti dell’ALTO LAZIO ASD erano alla loro prima esperienza sulla distanza dei fatidici 42,197 Km come si percepisce anche dai risultati, mentre Tombolini Alessandro ha ottenuto un ottimo tempo con 3h05 min 53 secondi migliorando di circa 7 minuti la sua prestazione dello scorso anno, seguito da Sangiorgi Eugenio che ha chiuso in 3h43’20”, Pantani Federico 4h16’06”, Pistola Roberto 4h25’18, Di Cosimo Fabrizio 4h33’23”, Grieco Domenico 4h33’21, Gelanga Stefano

in 4h33’22”, Come bene lasciano percepire i tempi impiegati da diversi atleti va notato che nulla è lasciato al caso in una manifestazione sulla lunga distanza, ad iniziare dall’alimentazione nei giorni precedenti la gara e nelle ultime ore prima della gara, senza trascurare i ristori previsti durante svolgimento, anche perché i liquidi ed i Sali perduti con il sudore si possono reintegrare grazie al regolare apporto dato dalle bevande che si trovano ai ristori stessi. Ora in attesa della prossima gara in programma prevista per domenica 25 marzo a Tarquinia sulla distanza di 11 km e valida come 4^ tappa del Corrintuscia 2012 dove il neo Campione Italiano UISP di Corsa Campestre (AM 45) Guido Arsenti sarà sicuramente uno degli atleti da battere er che si collocherà sui gradini più alti del podio. RUGBY: DOPPIO SUCCESSO PER I LIONS Un solo grido - “Lions!” - da un angolo all’altro della regione. Una domenica esaltante, quella trascorsa, per i colori della franchigia dell’Alto Lazio per il rugby giovanile che rappresenta l’unione di intenti tra le tre società storiche della pallaovale provinciale: Union Viterbo, Amatori Civita Castellana e Montevirginio-Oriolo. Due successi - uno a Viterbo e l’altro a Colleferro - per le due squadre e un campionato regionale quasi vinto: questo il bottino complessivo dell’ultimo turno. La copertina è per la formazione Under 16, che Piazzolla della Ilco u17

ha colto sul campo del ColleferroSegni un successo per 21-12 nella gara più impegnativa del campionato. I Leoncini, al vertice del girone 2 dai primi turni del calendario 2011-2012, affrontavano infatti la seconda in classi�ca. Uno spareggio per il successo �nale, in pratica, anche se i romani arrivavano allo scontro diretto con una partita in più. Al termine di un confronto teso e nervoso, dal quale è scaturita una partita senza pause ma tecnicamente modesta, è uscito fuori il solito carattere dei Lions. Il risultato è rimasto in bilico �no all’ultimo minuto: sul 14-12 per l’Alto Lazio (mete di Gabriele Duri e Valerio Podrini; tre le trasformazioni di Federico Ravoni) è arrivata la meta �nale di Federico Maio a stroncare la resistenza dei validi avversari. Al termine, dopo il canonico scambio di complimenti e saluti con i ragazzi dell’altra squadra, è esploso il coro di gioia dei giovani allenati da Marco Amicucci, Emiliano Cardoso e Massimo Romagnoli. A due partite dal termine del campionato (più il recupero della gara non giocata per neve) i Lions hanno 7 punti di vantaggio sul Colleferro-Segni: per la matematica certezza del primato mancano tre punti, che andranno cercati a partire da domenica prossima contro il lanciatissimo Villa Pamphili. Una gara dif�cile contro un avversario che punta ora a conquistare il secondo posto, a spese proprio del Colleferro. Per la serie: gli esami, soprattutto nel rugby, non �niscono mai. Non meno positiva è stata la domenica per la formazione maggiore dei Lions che ha battuto il Civitavecchia nel campionato Under 20. Sul campo di Santa Barbara, nell’ultima gara della stagione regolare e pur di fronte alle solite dif�coltà - la squadra è scesa in campo con soli 14 elementi e senza cambi a causa di infortuni e assenze impreviste - il gruppo seguito da Nicola Racean ha ancora dimostrato di non aver perso la voglia di vincere. Il 17-14 �nale per i padroni di casa (3 mete contro 2) è stato molto sofferto, ma ha dato un ulteriore soddisfazione a un gruppo di giovani che avrebbe meritato di affrontare un campionato con meno problemi. Chiusa la prima fase della stagione ora la Under 20 Lions è attesa da un ciclo di cinque gare, contro altrettante formazioni dello stesso girone 2, che impegnerà il gruppo per tutto il mese di aprile.


ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE

6 6 5 0 4 6 6 2 0 90

I

D E I R L E G N E E C T S S O S

Compilando le apposite sezioni Sez.Com. “R.MILIONI” di

730 - UNICO - CUD

Viterbo

90026640566

LE SCELTE “8 e 5 PER MILLE” NON SON0 IN ALCUN MODO ALTERNATIVE FRA LORO

Donare sangue .... fa bene a te stesso, ma .... soprattutto agli altri Avis Comunale Viterbo Via E. Fermi, 15 Tel/Fax. 0761/236914

E-Mail avis.comunale@asl.vt.it www.aviscomunaleviterbo.it

L'Opinione di Viterbo - 21.03.2012  

L'Opinione di Viterbo - 21.03.2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you