Issuu on Google+

����������

p

������������������������������������������������������������� �������������� ���������� �������������������������� �������������������

DOMENICA 19 FEBBRAIO 2012 ���������������������

Anno III N. 38 - Euro 1,00 �����������������������

���������������������������������������� Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO

Politica

Ugo Sposetti è contrario a far pagare l’Ici alla Chiesa Servizio

Attualità

Speciale Sanremo

Concluso il rito del Festival Ed ora cosa resterà?

Il Rotary premia i giovani autori di progetti sul turismo culturale nella Tuscia

di Pietro Bevilacqua

Servizio

a pagina 5

a pagina 17

a pagina 7

Non riescono a gettare la maschera neanche a fronte di uno scandalo imponente come quello della Ausl

Per i politici è sempre Carnevale E’ l’ultima domenica di Carnevale e i politici sono così tanto impegnati nello s�lare in ogni angolo della regione o d’Italia che si sono dimenticati il mandato che gli è stato conferito dagli elettori. Quale mandato vi domanderete. Ma è semplice, quello di tutelare i nostri interessi. Invece tra chi è in carica e chi in pensione a tutto pensano meno che a fare gli interessi del cittadino. Troppo presi da rivincite o vendette personali. Impegnati nel raggiungere il massimo del massimo e come è naturale che avvenga si dimenticano spesso la loro origine. Il top della classi�ca la raggiunge Donatella Ferranti, a Viterbo se domandate a dieci persone a caso chi sia il 100% risponderà: BOH!!!

Cronaca Class action dei pendolari contro Trenitalia

di Michele Mari a pagina 13

La disavventura di una “elisoccorsa”

Una celebrazione commossa e partecipata quella di ieri mattina per ricordare le vittime delle Foibe. Un dramma che costò la vita di migliaia di persone, tra cui il viterbese Carlo, e l’esodo di 350mila connazionali istriani, giuliani e dalmati. “Qualcuno vuole sminuire la tragedia delle foibe dove trovarono la morte migliaia di persone, colpevoli solo di essere italiani” ha ricordato Maurizio Federici. Presenti anche il sindaco Marini ed il presidente della Provincia Meroi, oltre a tanti giovani. Servizio a pagina 5

SPORT - Le cronache e gli eventi della provincia

Calcio D Flaminia ok nell’anticipo Oggi la Viterbese

Nuoto Oggi termina la “Coppa Carnevale”

Servizi a pagina 20-21

Servizio a pagina 21

Servizio

ACQUAPENDENTE

Viterbo ricorda i martiri delle Foibe ANNUNCI Aste giudiziarie a Viterbo e provincia pagine 10 e 11

E’ Carnevalando Sfilano i carri a pagina 9

di Paolo Gianlorenzo a pagina 3

L’assessore Cacalloro replica pesantemente alla Bartolozzi

TARQUINIA

La storia I dieci anni di presidenza di Zarelli

Redazione via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - Centralino 0761.346807 - Fax 0761.1705337 Email: redazione@opinioneviterbo.it

Servizio a pagina 23

di Fulvio Medici a pagina 12

VETRALLA

Incontro con i ragazzi della Protezione Civile di Emanuele Faraglia a pagina 12

CIVITA CASTELLANA

Il Pdl dice la sua sui contratti di quartiere Servizio a pagina 15


Domenica 19 Febbraio 2012 Viterbo &

AltoLazio

cronaca

3

Il manganellatore del vento e il moralizzatore dell’aria Michele Bonatesta se non gli portano in redazione notizie non è in grado di dire la sua ma... Quanto è il “tesoretto” accumulato dal duo Aloisio - Paoloni? di Paolo GIANLORENZO

O

ggi è l’ultima domenica di carnevale e quindi è dif�cile trovare qualche politico in giro. Non li noterebbe nessuno visto che sono abituati a girare mascherati. Maschere che utilizzano per ingannare i cittadini, il popolo che purtroppo li ha votati. Ci siamo immaginati quindi una domanica di carnevale particolare per la nostra città, la nostra provincia. Questa è stata la settimana della “bomba” Ausl di Viterbo e qui politici che di solito sono sulla piazza con centinaia di comunicati sono spariti, quelli che invece sono spariti da quando sono stati eletti hanno pensato bene di far perdere le loro tracce. Partiamo dal più piccolo della truppa. Nel senso politico ovviamente perché conoscendo quanto sia permaloso fare riferimenti alla sua statura lo renderebbe furioso. Dunque Battistoni. Francesco prese il posto di Giancarlo Gabbianelli come presidente del comitato dei sindaci che dovevano occuparsi di controllare l’operato del direttore generale della Ausl Giuseppe Antonio Maria Aloisio. Lo fece male e non lo fece per niente. Anzi, in quel periodo tra le peste ci �nì il suo caro amico Michele Di Mario arrestato mentre pagava mazzette a destra e manca. In questi giorni non ha mai fatto ac- vicenda non ha osato profecenno al disastro in corso e alla rire parola, eppure quando si grande mangiatoia venuta alla trattava di parlare di intercetluce. Mistero che prima o poi tazioni, leggi ad personam su il cavaliere azzurro in cerca di Berlusconi di comparsate in principesse da spostare ci dirà. televisione ne ha fatte tante. Poi c’è lei, la nientepopodi- Chissà come mai non dice nulla menoche Donatella Ferranti, di quanto accaduto a Viterbo deputata di Viterbo sulla carta dove alcuni personaggi del Pd e membro della commissione da lei molto conosciuti l’hanno Giustizia alla Camere. Sulla fatta da padrone?

Cari politici, giù la maschera

Donatella Ferranti regina del silenzio, Battistoni il cavaliere azzurro senza principessa e Fioroni fa l’indiano Forse perché a lei Viterbo interessava solo per farsi eleggere e non certo per i problemi che c’erano da risolvere. Il culmine lo raggiungiamo con “cicciobello” Beppe Fioroni che vista la situazione ha preferito fare l’indiano. Giuseppe Maria Antonio Aloisio lo ha voluto lui, il professore Mauro Paoloni è un uomo suo e lo ha

messo in una marea di consigli d’amministrazione, il neo direttore generale della Ausl Adolfo Pipino lo impose a Marrazzo quindi è meglio fare l’indiano che �nire nel tritacarne. Tanto a Viterbo come arriva si appecoronano tutti lo stesso, servi della gleba e baciatori d’anelli fasulli (non tutti fortunatamente). In�ne in questo carnevale

non poteva mancare lo sceriffo e moralizzatore e manganellatore dell’aria Michele Bonatesta. Quando si tratta di parlare di Cev, Ced, Bed, Bad, Cik, Pick, Mik e chi più ne ha ne metta non lesina corsivi prolissi lunghi da sfondare i coglioni anche a chi non li ha. In questo frangente, il marescialletto “BonCranio” tace, silente, del

resto nessuno gli porta le carte, lui non le va a cercare e scrivere lettere al direttore del Nuovo Corriere Viterbese come suo solito in questo momento evidentemente a lui non è molto conveniente. Diciamo che questi soni i personaggi che la politica ci ha dato e lasciato in eredità. Pensateci bene prima di rivotare cari lettori.


cronaca

4

Le fiamme gialle hanno arrestato un magrebino con più di mezzo etto di cocaina purissima

Dopo i continui ritardi i treni soppressi senza avviso e i vagoni sudici i viaggiatori sono insorti in tutto il Lazio

Beccato con più di mezz’etto di cocaina. Un magrebino di circa trent’anni residente a Corchiano, pluripregiudicato, è stato arrestato dalla Guardia di Finanza del comando provinciale di Viterbo guidata dal colonnello Alfonso Amaturo. Messa sul mercato la droga avrebbe fruttato svariate migliaia di euro. Le �amme gialle hanno messo in campo un’intensa attività per reprimere il commercio di droga nell’hinterland civitonico. I �nanzieri hanno messo a segno diverse operazioni, come il recente sequestro di oltre due chili di hashish sempre nella stessa zona. Alcune delle quali, tenute riservate per questioni investigative, hanno portato all’arresto di più spacciatori.

di Mario Migneco

C

entinaia di pendolari della tratta Viterbo-Roma hanno avviato una class action contro Trenitalia. E’ stata depositata l’altra mattina, presso il tribunale civile di Roma, promossa dall’associazione romana Paspartù che da anni si batte per i diritti dei viaggiatori. “Non sono valse le maniere educate – spiega il presidente di Paspartù Salvatore Barbato - né la disponibilità totale nel segnalare tempestivamente e con grande pazienza le problematiche tuttora esistenti. Si tratta di ritardi cronici, di soppressione di treni e di mancati annunci, di carenza in materia di sicurezza e igiene, dell’esigenza di manutenzione dei vagoni, di restituire decoro alle carrozze massacrate dai graf�tari e, soprattutto, di restituire la dignità calpestata a lavoratori e studenti pendolari”. Basta ricordare l’avventura del 3 febbraio scorso, quando 600 pendolari della tratta sono rimasti per una ventina di ore sul treno, incastrati dal maltempo che imperversava su tutto il Lazio, tanto che hanno dovuto passare la notte nella caserma della fanteria di Cesano. “Siamo stati costretti alla class action – dice l’avvocato Domenico La Tempa, che patro-

Viterbo & Domenica 19 Febbraio 2012 AltoLazio

Class action contro Trenitalia I pendolari della tratta Viterbo-Roma avviano un’azione legale cina gratuitamente l’azione legale – perché le dif�de, le petizioni con migliaia di �rme, e gli appelli rivolti �nora ai vertici nazionali di Trenitalia sono caduti nel nulla”. Sono state migliaia le �rme raccolte per dare il via ad un’azione legale che portasse l’attenzione su chi quotidianamente si serve del treno per andare a lavoro o all’università. Ma non è stato facile avviarla: “Per avere più chances di successo – continua l’avvocato - avevamo dapprima concordato una tregua con i dirigenti di Trenitalia, ma non abbiamo ottenuto ciò che chiedevamo. Poi, la dichiarazione di inammissibilità da parte del tribunale di un’analoga azione intrapresa dai pendolari della tratta Roma-Nettuno, ha richiesto una profonda revisione della stesura dell’atto, con l’inserimento di modi�che tali da ridurre al minimo il

rischio di rigetto della causa per la Roma-Viterbo”. Battaglia che durano da più di un decennio. Mentre si spendono miliardi di euro per i treni ad alta velocità che viaggiano spesso vuoti, i pendolari vengono lasciati a se stessi in balia di una non curanza vergognosa. “L’esperienza degli ultimi 17 anni – conclude l’avvocato la Tempa - ci ha insegnato che alcune delle tante battaglie intraprese sono state vinte grazie a migliaia di pendolari che hanno partecipato alle nostre petizioni, ma questa volta è diverso: gli ostacoli più signi�cativi non vengono più dai Dirigenti regionali di Trenitalia, con i quali peraltro Paspartù si confronta quotidianamente, ma da politiche di gestione poste in atto dai vertici nazionali dell’azienda, che non prendono minimamente in considerazione gli enormi disagi dei pendolari”.

Processati ieri mattina, tre ladri in carcere A

veva addirittura salutato il padrone di un appartamento dopo aver tentato si svaligiarlo. Ma la fuga è durata poco grazie all’intervento della polizia che lo ha arrestato insieme ai suoi complici. Sono gli sviluppi dell’operazione di giovedì scorso quando una volante aveva inseguito a sirene spiegate e bloccato la macchina dei ladri partita a tutto gas da via Polidori. Si tratta dei fratelli originari di Napoli, Pasquale e Alfonso Pengue, rispettivamente di 49 e 60 anni, e di Luigi Noce, sempre partenopeo, di 63 anni. Ai tre sono stati sequestrati auto, cellulari e anche un borsone pieno di arnesi da scasso. Ieri mattina sono stati processati per direttissima. Sette mesi la condanna: per due di loro si sono aperte le porte del carcere mentre il terzo è agli arresti domiciliari. Hanno anche risarcito i danni provocati alla porta della casa durante il tentativo

furto. Il complice che inizialmente era riuscito a fuggire, è stato rintracciato grazie ai telefoni dei fratelli Pengue. Mentre i due si trovavano in Questura, sul cellulare di uno di loro sono iniziate una serie di telefonate con prefisso 0761. Grazie a queste è stato possibile rintracciare l’utenza telefonica da cui provenivano, un hotel di Viterbo. Gli agenti hanno pensato subito che si trattasse di un compare che li stava aspettando. L’uomo è stato preso vicino al tribunale. ‘’Stiamo verificando che i tre non abbiano commesso altri furti nel Viterbese - ha detto il capo della Squadra Mobile, Fabio Zampaglione -, anche perché due di loro hanno precedenti per reati analoghi. Per questo motivo invitiamo le persone che abbiano riconosciuto dalle foto i tre malviventi e che li abbiano visti aggirarsi per le vie della città a venire in Questura’’.


Domenica 19 Febbraio 2012 Viterbo &

AltoLazio

politica

5

IL CASO - Sei deputati firmano una petizione per invitare il Governo a riflettere sull’eventuale tassazione

Sposetti, no all’Ici per la Chiesa di Mario Migneco

L

’Europa ha chiesto a Monti di tassare i beni della chiesa. E’ il vice presidente della Commissione Europea, Joaquin Almunia a spingere il presidente a far pagare l’Ici al Vaticano per quegli immobili dove si svolgono attività commericiali. Ma un drappello di deputati ha �rmato una petizione nella quale si invita a stare attenti a non danneggiare chi fa del bene. Di questa è capo�la Ugo Sposetti, insieme a Maurizio Lupi (Pdl), Gianluca Galletti (Uc), Gabriele Toccafondi (Pdl), Paola De Micheli (Pd), Angelo Compagnon (Udc). Il deputato del Pd è chiaro: “Non condivido la battaglia dell’Europa”. Il premier avrebbe già predisposto un emendamento per accontentare i voleri di

Almunia. La questione è oggetto di una procedura d’infrazione dell’Ue per una serie di sgravi �scali concessi dall’Italia al Vaticano durante il periodo 2007-2011. Circa un miliardo di euro in totale. Il reato ipotizzato è quello di

aiuti di Stato illegali. Sposetti spiega perché ha �rmato il documento. “Personalmente, si tratta di una convinzione maturata nel corso della mia esperienza passata al ministero delle Finanze – racconta - quando cercammo di ca-

pire cosa fare delle ex Ipab (istituzioni pubbliche di assistenza e bene�cenza) e come affrontare il problema della tassazione sulle loro proprietà e sulle loro attività commerciali. Quando un’ex Ipab, piuttosto che un’associazione

di volontariato o la Chiesa utilizza le risorse derivanti da attività commerciali per �ni istituzionali – puntualizza (occorre, ovviamente, che vi sia una corretta applicazione dei �ni istituzionali sanciti dagli statuti), quelle attività

Il presidente della Provincia dopo i dati pubblicati da Federlazio ha lanciato un nuovo appello agli istitui di credito

non devono essere oggetto di tassazione. Un’opera di solidarietà, infatti, è giusto che venga agevolata. Poniamo che chi gestisce un’ex Ipab abbia ricevuto in donazione un terreno che af�tta ad un agricoltore, o un immobile che af�tta ad una famiglia; gli introiti di tali af�tti, se usati per �ni istituzionali, non vedo perché debbano essere tassati. Il valore etico e politico di queste attività - in senso nobile, è elevatissimo; senza contare – prosegue il deputato che tali iniziative vengono sgravate dalla spalle dello Stato. Che, se dovesse accollarsele, lo farebbe con costi molto più alti. L’utilità sociale che ne scaturisce, d’altronde, è oltremodo superiore alla quanti�cazione economica che, in ogni caso, sarebbe estremamente alta”.

Meroi, “le banche aiutino le imprese”

Migliaia gli interventi eseguiti dalla Talete per garantire il servizio idrico

M

Questa mattina ho letto con molta attenzione sugli organi di informazione locale i resoconti dell’incontro di ieri organizzato da Federlazio per svelare i risultati dell’analisi congiunturale effettuata dall’associazione sul tessuto economico e produttivo della Tuscia. Il quadro che emerge dai dati di Federlazio è molto preoccupante e dipinge una situazione �nanziaria che, a detta dei rappresentanti delle impre-

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Editore Cooperativa Editoriale Giornalisti Poligrafici amministratore unico Viviana TARTAGLINI

Iscrizione ROC n. 20469 Alessandro Giulietti Virgulti Simona Tenentini Valeria Sebastiani Emanuele Faraglia Viviana Tartaglini Fulvio Medici Andrea Di Palermo Michele Mari Giovanni Corona Mario Migneco Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) 0863.997451 - 06.55261737

Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Per la pubblicità

Coop. Editoriale Giornalisti Poligrafici TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 GRUPPO EDITORIALE STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

se e delle attività produttive, nel nostro territorio non è azzardato de�nire apocalittica”. Lo ha dichiarato il presidente della Provincia di Viterbo Marcello Meroi, che ha ri�ettuto sui dati presentati venerdì da Federlazio. “Produzione, ordinativi, esportazioni e fatturato sono infatti in picchiata, complice la crisi economica globale che sta portando l’intero Paese ad una recessione che rischia di diventare stagnazione. Inoltre – spiega Meroi - l’attuale inasprimento del sistema di tassazione operato dal Governo Monti non aiuta lavoratori e imprese, e diventa dif�cile pensare a sviluppo e innovazione, le uniche due ancore di salvezza per arginare gli effetti nefasti della crisi”. Il presidente è rimasto molto colpito dall’atteggiamento di chiusura degli istituti di credito, sempre meno propensi ad erogare il credito. “Un comportamento immotivato, specie in una provincia come

la nostra, caratterizzata dalla fortissima presenza di sportelli bancari, sintomo di un’ampia propensione agli investimenti da parte delle attività economiche locali”. Poi aggiunge: “In un momento delicato come questo, per garantire la sopravvivenza delle aziende, specie di quelle piccole e medie imprese maggiormente colpite dalla crisi che sono il vero motore propulsivo della nostra

Italia, è impossibile non pensare ad una doverosa risposta positiva delle banche”. “Faccio nuovamente appello agli istituti che operano nel Viterbese – conclude - sperando che possano divenire reali compartecipi della salvaguardia del territorio e della sua uscita dalla crisi, supportando quelle iniziative che le istituzioni e le associazioni stanno mettendo in atto e che la nostra Tuscia senza dubbio merita”.

arco Fedele, presidente della Talete, la società pubblica di gestione del servizio idrico, stila un bilancio degli interventi eseguiti durante l’emergenza. “Come Presidente della Talete S.p.A. voglio pubblicamente ringraziare gli operai dipendenti della Società che in questi 10 giorni di emergenza, causati dalle avverse condizioni meteo, non si sono risparmiati dando la loro disponibilità oltre il normale orario di lavoro, impegnandosi anche durante le giornate di sabato e domenica al fine di garantire la corretta erogazione dell’acqua, a servizio degli utenti”. Prima di tutto Fedele ringrazia i suoi lavoratori. Poi elenca: “Interventi di sostituzione contatori rotti per le basse temperature n° 1207; Interventi di riparazione su contatori n° 448;

Riparazioni su condotte idriche n° 72”. Centinaia le chiamate ricevute. “Abbiamo cercato con tutte le nostre forze di soddisfare le esigenze che ci sono state segnalate. Ritengo che siamo riusciti a farlo con buoni risultati, perché nonostante le problematiche che il nostro territorio ha subito in questi giorni, l’erogazione del servizio idrico non ne è uscita penalizzata. Probabilmente – conclude - qualche disagio c’è stato e non saremo riusciti a soddisfare tutto e tutti, ma l’impegno incondizionato che è stato messo a disposizione ha dato quei risultati che una società di gestione del servizio pubblico, partecipata dai Comuni della Provincia di Viterbo e dalla Provincia stessa, deve sapere offrire alla comunità”.

Primarie, a Corchiano il circolo del Pd ha indetto lo sciopero del voto C

’è stata una macchia in queste primarie del Partito democratico che oggi andrà ad eleggere il segretario e i componenti dell’assemblea regionale. Tutto è filato liscio, tranne che a Corchiano dove il circolo ha deciso di indire lo sciopero del voto. ‘’Dopo un’attenta lettura dei programmi dei tre candidati alla segreteria regionale, persone degne, rispettabili e capaci – si legge nel documento diffuso dal circolo - abbiamo ravvisato la netta sensazione che i contenuti presenti nei documenti congressuali siano quanto di più lontano dalle esigenze e dal sentire del popolo democratico. I temi dell’ac-

qua pubblica, dell’ambiente e dei beni comuni – proseguono - sui quali un grande partito, democratico, riformista, popolare e progressista non può non assumere una posizione chiara, anche e soprattutto dopo lo straordinario risultato del 12 e 13 giugno che ha visto ventisette milioni di italiani partecipare al voto referendario per affermare la gestione pubblica dei servizi locali e per impedire ulteriori liberalizzazioni e privatizzazioni forzate’’. Si tratta di una clamorosa presa di posizione, un atto di ribellione verso la disciplina di partito. Disciplina che a sinistra come a destra sembra essere sparita.


attualità

6

Viterbo & Domenica 19 Febbraio 2012 AltoLazio

Una tragedia che molti tendono a sminuire ma che, in realtà, costò la vita a migliaia di persone colpevoli solo di essere italiane. Molte le vittime della Tuscia tra cui Carlo Celestini

S

i è svolta ieri mattina, alle ore 12, in largo martiri delle foibe istriane (zona Valle Faul) in Viterbo, la manifestazione in occasione del “Giorno del Ricordo”, con la quale si è commemorato il dramma delle foibe e l’esodo di 350.000 nostri connazionali istriani, giuliani e dalmati. L’iniziativa, organizzata dal “Comitato 10 Febbraio”, si è svolta quest’anno con il patrocinio del Comune di Viterbo, alla presenza del sindaco Giulio Marini, del presidente della provincia Marcello Meroi e di molti consiglieri e assessori comunali e provinciali. Numerosa la partecipazione dei cittadini, specialmente giovani, e dei labari delle associazioni combattentistiche e d’arma. Sono stati proprio due giovani viterbesi a deporre un cuscino di fiori, sopra il quale era scritto “ai viter-

A destra un momento della celebrazione con le autorità cittadine

Viterbo celebra i martiri delle Foibe

Una cerimonia sentita e commossa che ha ricordato l’eccidio di 350.000 connazionali besi che per tomba hanno una foiba”, davanti al cippo che ricorda Carlo Celestini e con lui tutti i nati a Viterbo e provincia che trovarono la morte per mano dei comunisti jugoslavi. Il segretario del comitato, Silvano Olmi, ha elencato

i nomi di questi martiri, mentre il presidente Maurizio Federici ha ricordato la storia e la cultura millenarie di Istria, Venezia Giulia e Dalmazia. “Qualcuno – ha aggiunto Federici – vuole sminuire la tragedia delle foibe dove trovarono la morte migliaia di persone, colpevoli solo di essere italiani. Inoltre, vogliono tentare di giustificare l’esodo, che portò ben 350.000 italiani a lasciare la propria terra e a rifugiarsi in quella parte d’Italia libera e democratica. È necessario ricordare – ha concluso – affinché genocidi e barbarie non debbano più ripetersi. Se le repubbliche nate dalla dissoluzione della Jugoslavia vogliono entrare a pieno titolo nell’Unione Europea, facciano un gesto di riconciliazione e restituiscano i beni confiscati agli italiani oltre sessant’anni fa”.

“Vergognoso che la Rai pretenda il pagamento del canone sui pc”

Il governo ascolti la voce delle associazioni e intervenga subito af�nché le imprese siano escluse dalla vergognosa tassa sui computer pretesa dalla Rai”. Lo auspica Luigia Melaragni, segretaria della Cna Associazione Provinciale di Viterbo, che condivide appieno la protesta di Rete Imprese Italia contro la pretesa, da parte della Rai, del pagamento del canone speciale di abbonamento per il possesso non solo del televisore, ma anche di qualsiasi dispositivo atto o adattabile a ricevere il segnale tv, inclusi monitor per il personal computer, videofonini, videoregistratori, iPad, addirittura sistemi di videosorveglianza. In questi giorni, �occano

sugli imprenditori e sui lavoratori autonomi le lettere della Rai con l’imposizione di questo assurdo tributo. Come spiega in una nota Rete Imprese Italia, “basta avere un computer per essere costretti a versare una somma che, a seconda della tipologia di impresa, va da un minimo di 200 euro �no a 6.000 euro l’anno. Si calcola che quasi 5 milioni di aziende italiane dovranno sborsare 980 milioni di euro. Chi non paga è soggetto a pesanti sanzioni e a controlli da parte degli organi di vigilanza”. “E’ davvero inaccettabile -osserva la segretaria della Cna- che si giunga a tassare strumenti che le imprese utilizzano per lavorare, non per guardare reality show.

Bene ha fatto Rete Imprese Italia a scrivere al premier e al ministro dello Sviluppo Economico per sollecitare un intervento �nalizzato alla eliminazione dell’obbligo di corresponsione del canone in relazione al possesso di apparecchi che fungono da strumenti di lavoro per le aziende. Ci auguriamo che anche le forze politiche in Parlamento sostengano le nostre ragioni”.


& Domenica 19 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

attualità

7

Un’iniziativa, in collaborazione con la Fondazione Carivit, che intende valorizzare le attività preposte allo sviluppo e alla formazione di un’imprenditoria culturale

I

eri mattina, nel corso di una conferenza stampa Il Rotary Club Viterbo, la sua sezione giovanile Rotaract e la Fondazione Carivit hanno presentato il bando di concorso per idee per giovani professionisti che si affacciano al mondo del lavoro con tematica principale il “Turismo Culturale nella Tuscia”. Hanno partecipato alla presentazione alla stampa l’Avv, Pilerio Spadafora, in qualità di Vice Presidente del Rotary Club Viterbo, il Prof. Francesco Maria Cordelli, Presidente della Fondazione Carivit, il Dott.Andrea Micci, presidente del Rotaract e l’Architetto Giovanni Cocullo in qualità di delegato per il Rotary ai rapporti con i giovani. Il Presidente del Rotary Club Viterbo, Roberto Ciula, assente per motivi personali, ha fatto avere il suo saluto ai rappresentanti della stampa presenti. E’ questa la seconda volta che, a cinque anni di distanza dalla prima edizione, viene creato un premio avente come obiettivo la valorizzazione di professionalità giovanili. L’Avv. Pilerio Spadafora ha presentato il bando di concorso con le sue principali caratteristiche che prevedono per la partecipazione la laurea ed un limite di età �ssato a 35 anni. Per poter partecipare si deve inviare il progetto entro il 20 aprile del 2012 con raccomandata con ricevuta di ritorno. I progetti inviati saranno poi valutati da un’apposita commissione composta da Giovanni Cucullo, Fosca Mauri Tasciotti, Luciana Zampi, Enrico Porceddu, Adolfo Gusman, Andrea Micci, Carlo Mazzei, Stefano e Martina Giusti, rappresentanti del Ro-

A destra alcuni momenti della conferenza stampa tenutasi presso la sede del Rotary Club di Viterbo

Il Rotary premia i giovani

Un bando di concorso per progetti sul ‘turismo culturale nella Tuscia’ tary e del Rotaract. I premi che saranno erogati, per un totale di 10.000 euro vedranno 7.000 euro al vincitore, 2.000 al secondo classi�cato e 1.000 al terzo. Il presidente del Rotaract Andrea Micci ha sottolineato come questo concorso è il frutto della “perfetta integrazione tra mondo giovanile ed adulti da cui trarre insegnamento. Per poterlo portare avanti sono stati coinvolti gli Ordini professionali e l’Università della Tuscia per fare una reale promozione di questa oppor-

tunità data ai giovani. Il presidente della Fondazione Carivit Francesco Maria Cordelli ha manifestato il suo entusiasmo per essere stato coinvolto in prima persona in questo progetto che rispecchia gli scopi principali della Fondazione con: attività preposte allo sviluppo e alla formazione di un’imprenditoria culturale, “una cultura che si fa impresa – ha dichiarato soddisfatto – per parafrasare il titolo di un convegno tenutosi un paio di anni fa a Palazzo Brugiotti. Un modo per coinvolgere i gio-

vani nella valorizzazione di un territorio splendido che siamo così fortunati da avere sotto gli occhi”. “E’ necessario far camminare le idee – ha concluso Spadafora - ma facciamo in modo che non si allontanino dal territorio, correndo il rischio che vengano poi realizzate altrove”. La conferenza è stata l’occasione per il Presidente del Rotaract, Micci, di presentare l’iniziativa che porterà la scrittrice Dacia Maraini al Gran Caffè Schenardi, il prossimo 23 febbraio alle ore 15,00. L’autrice presenterà il suo ultimo libro “Per Giulia”, storia di una ragazza morta durante il terremoto de L’Aquila e sarà l’occasione, per la sezione giovanile del club, di raccogliere fondi per il progetto “Uniti per L’Aquila”, con cui stanno aiutando la ricostruzione della città. Per maggiori informazioni visitare il sito www.rotaractviterbo.org

Le Ceneri aprono la Quaresima

M

ercoledì prossimo 22 febbraio “Le Ceneri” ricorre per la Chiesa il giorno di penitenza e digiuno che aprirà il grande tempo della Quaresima. Un tempo particolare per i cristiani durante i quali tutti saranno chiamati a fare esperienza più intensa di preghiera, di digiuno e di carità. Il Ponte�ce Benedetto XVI ha inviato a tutta la Chiesa un messaggio per questa Quaresima richiamando tutti i cristiani fra le altre cose anche al valore della “comunione e della correzione fraterna”. Anche il Vescovo Diocesano S.E. Mons. Lino Fumagalli ha inviato a tutta la Diocesi un messaggio

nel quale richiama a tutti il senso della conversione e del cambiamento. “La preghiera personale, la meditazione quotidiana della Parola di Dio, la partecipazione attenta alla Eucaristia domenicale e la celebrazione del Sacramento della Penitenza – ricorda il vescovo nel messaggio – devono sostenere il cammino quaresimale”. La Celebrazione cittadina delle Ceneri si terrà in Cattedrale a Viterbo mercoledì 22 febbraio alle ore 21.00 durante la quale il Vescovo S.E. Mons. Lino Fumagalli presiederà il Rito dell’imposizione delle Ceneri.


litorale

& Domenica 19 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

9

TARQUINIA - La festa più attesa dell’anno entra nel vivo con la sfilata dei carri allegorici per le vie del Peparello e del Centro Storico

La grande domenica di “Carnevalando” C

resce l’attesa per la sfilata di oggi pomeriggio dei carri allegorici protagonisti di Carnevalando 2012. Dopo il successo del “rodaggio” di giovedì scorso che dalle strade del quartiere Madonna dell’Olivo, ha visto poi una vera e propria “marea” irrompere all’interno del Centro Commerciale Top16 per la festa finale. Musica e balli, i bambini tra i protagonisti assoluti, si sono alternatati tra degustazioni gratuite e le performance delle scuole di danza Arteritmica, Caleidoscopio, Royal Talent Accademy, Fatamorgana Danza e Karate. Inaugurata anche la mostra fotografica “Ricordando il Carnevale” con le sue centinaia di immagini a testimonianza di come la tradizione per la festa mascherata principe dell’anno, se pur tra alti e bassi nel tempo, a Tarquinia non è venuta mai meno. Una carrellata infinita di immagini tra gli allegri sfondi e soggetti di una Tarquinia in festa e tarquiniesi in maschera a partire dalla

fine del 1800 ad oggi con particolare riferimento all’edizione di Carnevalando del 2011 nelle due versioni invernale ed estiva. Anche il Sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola, intervenuto all’inaugurazione insieme all’Assessore allo Spettacolo Giancarlo Capitani e all’Assessore ai Lavori Pubblici Anselmo Ranucci, si è lungamente soffermato su quelle fotografie che, come ha sottolineato, rappresentano un’eccezionale testimonianza della storia cittadina rappresentando uno spaccato dell’evoluzione e delle mutazioni della società, facendogli, al contempo, tra l’altro, riaffiorare non pochi ricordi di infanzia. Da parte dei rappresentanti del Comitato di Quartiere Madonna dell’Olivo (Marcello Zerbini) e dell’AssoGes t o r i To p 1 6 l’occasione si è prestata per consegnare agli amministratori le caricature originali dei loro volti effettuate lo scorso anno proprio durante il Carnevale e realizzate dal pittore, scultore, caricaturista e scenografo Claudio Lana

20.000 biglietti da 1000 Eurobond saranno distribuite dal carro satirico “Ma vaffa... Spread”

TARQUINIA - Primarie del Pd. I Giovani Democratici sostengono Marco Gentili

Le primarie di oggi per l’elezione del segretario regionale sono un’ importante occasione di mobilitazione e partecipazione democratica. - Queste le parole con le quali il vice segretario Pd della provincia di Viterbo, Alessandro Dinelli, e il segretario dei Giovani Democratici di Tarquinia, Michele Tatulli, invitano i cittadini a recarsi alle urne - Dopo 18 mesi di commissariamento del partito regionale, è necessario legittimare e mettere da subito al lavoro un nuovo gruppo dirigente capace ed autorevole. La candidatura di Enrico Gasbarra costituisce una garanzia di affidabilità, condivisione e piena operatività del partito. Primarie per la

selezione dei parlamentari, un partito di tutti i territori e non solo di Roma, nuove forme di consultazione e rapporto diretto con gli iscritti. Questi sono alcuni punti salienti della proposta di Gasbarra. Una proposta convincente e vicina ai bisogni della Tuscia. Una proposta largamente unitaria, che ha consentito nella Provincia di Viterbo di evitare conte e inutili divisioni. Votare per Gasbarra ha dunque una doppia valenza: sostenere un candidato convincente e competente e nello stesso tempo contribuire al rafforzamento dell’unità del partito. Per Tarquinia poi la scelta di Gasbarra contiene in sè un’altra importantissima opportunità: quella di eleggere Marco Gentili all’Assemblea regionale. Marco è un patrimonio prezioso del partito democratico, una risorsa di primario valore in termini di competenza e passione. Chiediamo quindi a tutti, iscritti e non iscritti di sostenere Enrico Gasbarra ed il nostro concittadino Marco Gentili”. Le elezioni si svolgeranno presso la sala Isder, alberata Dante Alighieri, dalle ore 8 alle 20.

di Viterbo.Particolarmente divertita e soddisfatta (con tanto di festose accoglienze da parte del NewDay e il Capriccio), in ogni caso la popolazione dell’intero quartiere nel veder sfilare i carri ed i gruppi mascherati al loro seguito: “I Buffi”, “I Flintstones” e “Ma Vaffa…Spread” con tanto di banconote satiriche da 1000Eurobond distribuite alla popolazione. C’è ne saranno per tutti, affermano gli organizzatori del carro, quanto meno una per ognuno dei sedicimila cittadini di Tarquinia che per i quattromila turisti che complessivamente assisteranno alle altre tre sfilate in programma. 20.000, appunto, sono i

biglietti fatti stampare appositamente per l’occasione. Cresce l’attesa quindi per l’appuntamento di questo pomeriggio, quando i carri allegorici si presenteranno al gran completo (due non hanno potuto sfilare giovedì per ragioni di carattere tecnico) che vedrà questa volta coinvolti i quartieri del Paparello e del Centro Storico. Partenza da Via dello Stadio alle ore 15.00 (il ritrovo per i partecipanti è fissato alle 14.00) proseguendo per Via Veio, Via Tirreno, Piazzale Europa, Circonvallazione Cardarelli, Via Cav. Giuseppe Volpini, Barriera S.Giusto e Corso Vittorio Emanuele con arrivo ed intrattenimenti in Piazza Matteotti.

Sopra, da sinistra: il carro allegorico “Ma Vaffa...Spread”,; la sfilata del corteo mascherato de “I Buffi” che precede il carro ispirato ai celebri personaggi blu dei cartoni animati; gli amministratori con le caricature realizzate da Claudio Lana.

MONTEROMANO - Anche le telecamere Rai a “La Rotonda” per la prima del musical sull’ ‘800 romano

La “Nuova Compagnia della Tuscia” spopola con “er fattaccio” E

’ stato un grande successo quello registrato al Teatro La Rotonda a Monte Romano, per la prima uscita della ‘Nuova Compagnia della Tuscia’ nello spettacolo ‘il fattaccio’ per la regia di Luigi Galdiero. Alla presentazione svolta poco prima dell’inizio dell’evento erano presenti insieme ai direttori del Teatro Francesco Vigliarolo e Luigi Galdiero, anche il sindaco della città Maurizio Testa, l’assessore alla cultura Loredana Gabrielli, e per l’occasione è intervenuto anche il consigliere provinciale Al�o Meraviglia. Nelle parole del sindaco Testa e della Gabrielli, la soddisfazione per il progetto di continuità che lo stabile sta svolgendo, allo stesso Meraviglia ha ribadito l’importanza che la cultura e lo spettacolo rivestono nell’ambito sociale, ed ha esortato

gli organizzatori ha proseguire con questo tipo di iniziative. La ‘Nuova Compagnia della Tuscia’ ha poi esordito di fronte ad un numeroso pubblico, e alle telecamere della Rai intervenute per l’occasione per la rappresentazione del musical sull’800 romano dal titolo ‘er Fattaccio’. Uno spettacolo che attraverso rime, canzoni, balli e racconti romani ha coinvolto i presenti con una commedia veramente strepitosa. Gli organizzatori ricordano che per la prima volta, nella storia dello stabile è’ stata indetta un Audizione con ben 75 candidati, per le categorie: attori – ballerini – cantanti; aperta a tutte le età, ceto, livello. “Nonostante sia già chiusa da tempo - riferiscono - si ricevono ancora richieste di aspiranti che vogliono essere provinati. E’ nostra intenzione continuare nelle audizioni

nei prossimi giorni, per non escludere ragazzi e ragazze che si vogliono avvicinare a questa disciplina. Il Teatro quindi inteso come ‘La casa di tutti’. L’attuale “Nuova Compagnia della Tuscia” è formata da elementi, provenienti dai Comuni di Monte Romano, Tarquinia, Vetralla, Montalto di Castro, e persino Civitavecchia. Si stanno già preparando in laboratorio altri 3 Musical imperniati sul Folklore ed il recupero della tradizione laziale che sono previsti per l’anno 2012. “Il Teatro ‘La Rotonda’ – aggiungono - era chiusa ed inutilizzata senza nessun preciso indirizzo da anni. A nostre spese, con enormi sacri�ci economici, senza alcun contributo esterno, abbiamo riportato lo Stabile allo splendore che gli compete. Dotato di 248 posti a sedere in poltrona rossa, abbiamo

apportato notevoli ed innovative migliorie tecniche in merito ad audio, luci e sicurezza”. Da 16 novembre 2011 a �ne dicembre sono stati svolti ben 18 prodotti artistici diversi ospitando anche sei Compagnie amatoriali teatrali, espressione più pura e semplice di usi e costumi del territorio, quali Al�ero Al�eri, Luciano Lembo e Pino La Mura e lo stesso cast di “Incantesimo Romano”, i giovani del Progetto “Nuova Compagnia della Tuscia”, hanno potuto assistere ad uno stage gratuito. Il direttore Francesco Vigliarolo ricorda che le telecamere di Rai che hanno ripreso lo spettacolo, saranno nuovamente presenti domani dalle 16.00 per le interviste e per realizzare uno speciale dello spettacolo che andrà in scena alle 18.00, dal titolo ‘er fattaccio’. Alessandro Sacripanti

TARQUINIA - Sono cominciati i lavori di restauro del monumento dedicato al celebre statista

20.000 euro e Giuseppe Mazzini si fa bello L

’intervento di restauro della statua intitolata a Giuseppe Mazzini, teorico padre della patria, è stato finanziato con un fondo di 20 mila euro messo a disposizione dalla Presidenza della Repubblica, nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, ed è curato dall’assessorato ai lavori pubblici del comune di Tarquinia. Soddisfatto dell’inizio dei lavori l’assessore Anselmo Ranucci che si augura che il monumento, una volta restaurato, venga rispettato come merita così come gli altri monumen-

ti della città. L’opera consiste di un busto di bronzo del grande statista genovese ed è costituito da un basamento quadrangolare a gradini di travertino, su cui è inserita una colonna di granito grigio, con la base e il capitello in marmo di Carrara, sormontata da un’aquila bronzea. Il monumento, completato nel 1932, è nato dalla mente dello scultore Ettore Ferrari: “Ha un alto valore simbolico e storico per la città, e nel centocinquantenario, vogliamo riportarlo alla bellezza di un tempo.” Daniele Girardi


10 A131663 Viterbo Esecuzione Immobiliare 238/1994 22 febbraio 2012 ore 9.00 € 20.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Appartamento Comune di Canino (VT) Via Cavour, 23 - 01011 Lotto 6 della perizia. Piccolo appartamento ubicato nel centro storico, al piano primo, composto da due vani catastali. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 09:00 *************** A181101 Viterbo Esecuzione Immobiliare 329/2009 22 febbraio 2012 ore 9.00 € 50.200,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Appartamento Comune di Caprarola (VT) Piazza Vittorio Emanuela, 32 - 01032 Appartamento composto da magazzino al piano seminterrato di metri quadri 18 ed altro appartamento al piano terra, come meglio descritti in avviso. *************** A180647 Viterbo Esecuzione Immobiliare 132/2010 22 febbraio 2012 ore 9.00 € 245.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Villetta, Terreno Comune di Soriano nel Cimino (VT) Località Fornacchia Contrada Montagna, 5 - 01038 Villetta composta da soggiorno, cucina, bagno e sala da pranzo al piano terra; due camere, bagno e disimpegno al piano primo, della superficie utile di metri quadri 170... *************** A180946 Viterbo Esecuzione Immobiliare 138/2010 22 febbraio 2012 ore 9.00 € 8.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Magazzino, Terreno edificabile Comune di Fabrica di Roma (VT) Via Fontana Secca, 19 - 20 - 01034 Rudere composto da due locali, uno al piano terra destinato a magazzino e uno al piano primo destinato ad abitazione, come meglio descritto in avviso. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 09 *************** A180948 Viterbo Esecuzione Immobiliare 172/2010 22 febbraio 2012 ore 9.00 € 98.200,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Appartamento, Cantina, Magazzino Comune di Graffignano (VT) Frazione Sipicciano - Via Verdi, 16 - 01020 Appartamento al piano primo, della superficie di metri quadri 86,55, composto da quattro stanze, bagno, cucina, corridoio oltre a due balconi a livello di metri quadri 6,97. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 09:00 *************** A177562 Viterbo Esecuzione Immobiliare 204/2010 22 febbraio 2012 ore 9.00 € 66.700,00 Vendita : Senza Incanto - Da bandire tra meno di 15 giorni Lotto Unico - Appartamento Comune di Canepina (VT) Via del Poggio, 29 - 01030 Immobile ai piani terra, primo, secondo e terzo, composto da 5,5 vani catastali. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/ 2012 ore 09:00. *************** A180649 Viterbo Esecuzione Immobiliare 214/2010 22 febbraio 2012 ore 9.00 € 117.500,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 1 - Appartamento Comune di Fabrica di Roma (VT) Viale Italia, 1 - 01034 Appartamento composto da 4,5 vani catastali, della superficie di metri quadri 70,30, oltre balconi di metri quadri 12,40. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 09. *************** A180650 Viterbo Esecuzione Immobiliare 214/2010 22 febbraio 2012 ore 9.00 € 12.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 2 - Magazzino Comune di Fabrica di Roma (VT) Viale Italia, 1 - 01034 Magazzino. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 09:00 *************** A180651 Viterbo Esecuzione Immobiliare 214/2010 22 febbraio 2012 ore 9.00 € 2.200,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 3 - Magazzino Comune di Fabrica di Roma (VT) Viale Italia, 1 - 01034 Magazzino. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 09:00 *************** A176601 Viterbo Esecuzione Immobiliare 231/2010 22 febbraio 2012 ore 9.30 € 45.000,00 Vendita : Senza Incanto

aste giudiziarie Lotto Unico - Appartamento Comune di Graffignano (VT) Via Ciccolone, 2 - 01020 Appartamento composto da cucina-soggiorno, bagno e disimpegno al piano primo; due camere disimpegno e terrazzo al piano secondo. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/ 2012 ore 09:30 *************** A176690 Viterbo Esecuzione Immobiliare 58/2010 22 febbraio 2012 ore 9.30 € 187.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 1 - Appartamento, Garage-Posto Auto Comune di Onano (VT) Via Ferri, 7 - 01010 Appartamento al piano terreno composto da 6,5 vani catastali, della superficie di metri quadri 120, oltre terrazza coperta di metri quadri 30. Annesso garage al piano seminterrato. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 09:30. *************** A180340 Viterbo Esecuzione Immobiliare 81/2010 22 febbraio 2012 ore 9.30 € 50.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Appartamento Comune di Latera (VT) Corso Vittorio Emanuele III, 170 - 01010 Unità immobiliare ad uso di civile abitazione al primo piano composta da 4,5 vani catastali. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 09:30 *************** A133666 Viterbo 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 52.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 3 - Terreno, Fabbricato Rurale Comune di Cellere (VT) Località Monte di Cellere - 01010 Diritti di usufrutto su terreno. Diritto di usufrutto su fabbricati rurali composti da corpo principale e tre corpi accessori, per una superficie residenziale di metri quadri. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A146433 Viterbo Esecuzione Immobiliare 155/1997 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 23.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 2 - Appartamento Comune di Civita Castellana (VT) Via del Risorgimento, 27 01033 Quota pari ad 1/2 di abitazione sita al piano primo di metri quadri 86, compreso sottotetto di metri quadri 79. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A146434 Viterbo Esecuzione Immobiliare 155/1997 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 26.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 3 - Appartamento, Garage-Posto Auto Comune di Civita Castellana (VT) Via delle Gardenie, 3 - 01033 Quota pari ad 1/2 di abitazione distribuita fra piano terra e piano primo di metri quadri 78, e taverna di metri quadri 23 al piano interrato, con giardino recintato di metri. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A132309 Viterbo Esecuzione Immobiliare 180/2000 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 560,00 Vendita : Senza Incanto - Da bandire tra meno di 15 giorni Lotto 4 - Deposito Comune di Viterbo (VT) Frazione San Martino al Cimino - Via del Centro, 7 - 01030 Quota pari ad 1/4 su locale. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A132310 Viterbo Esecuzione Immobiliare 180/2000 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 560,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 5 - Deposito Comune di Viterbo (VT) Frazione San Martino al Cimino - Via del Centro, 7 - 01030 Quota pari ad 1/4 su locale al piano terra. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A132557 Viterbo Esecuzione Immobiliare 139/2003 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 156.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Fabbricato Comune di Montefiascone (VT) Località Vallalta - 01027 Fabbricato autonomo suddiviso in residenziale ed agricolo in corso di costruzione, sviluppantesi su due piani fuori terra con annessa corte. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/ 2012 ore 11:00 *************** A112441 Viterbo Esecuzione Immobiliare 211/2004 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 20.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Appartamento Comune di Caprarola (VT) Via Filippo Nicolai, 148 - 01032

Viterbo & Domenica 19 Febbraio 2012 AltoLazio

Appartamento sito al piano sottostrada, composto da 2,5 vani catastali. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A130207 Viterbo Esecuzione Immobiliare 15/2005 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 67.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Appartamento Comune di Viterbo (VT) Frazione Bagnala - Via Cardinale De Gambera, 39 - 01100 Appartamento composto da camera, bagno e sala, al piano primo; cucina e soggiorno pranzo, al piano secondo. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A133052 Viterbo Esecuzione Immobiliare 16/2005 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 15.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 2 - Terreno Comune di Civita Castellana (VT) - 01033 Quota di 1/4 di terreno agricolo della superficie complessiva di ettari 2.05.80. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/ 2012 ore 11:00 *************** A133053 Viterbo Esecuzione Immobiliare 16/2005 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 2.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 3 - Fabbricato Rurale Comune di Civita Castellana (VT) - 01033 Quota di 1/4 di fabbricato rurale sito alla base del ponte “denominato del Forte”. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A133054 Viterbo Esecuzione Immobiliare 16/2005 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 253.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 4 - Locale Commerciale Comune di Civita Castellana (VT) Via Nepesina - 01033 Locale commerciale sito al piano terra, di metri quadri catastali 234, con annessa area esterna di pertinenza esclusiva, di metri quadri 230 circa articolato in due ambienti. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A148413 Viterbo Esecuzione Immobiliare 3/2005 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 116.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 1 - Magazzino, Terreno Comune di Soriano nel Cimino (VT) Via Madonna di Loreto, 23 - 01038 Fabbricato ad uso abitazione, sviluppantesi ai piani terra e seminterrato, composto da 11,5 vani catastali, di metri quadri 191, con cantina di metri quadri 30 e balcone di metri. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A148414 Viterbo Esecuzione Immobiliare 3/2005 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 10.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 2 - Terreno Comune di Soriano nel Cimino (VT) Località Castello - 01038 Terreno di qualità noccioleto, coltivato a seminativo. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A148415 Viterbo Esecuzione Immobiliare 3/2005 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 18.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 3 - Terreno Comune di Viterbo (VT) Località Quartuccio Zona Cassia Sud - 01100 Terreno di qualità seminativo attualmente incolto. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A129242 Viterbo Esecuzione Immobiliare 293/2006 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 35.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Appartamento Comune di Piansano (VT) Viale Santa Lucia, 137 - 01010 Appartamento ad uso civile abitazione al piano quarto composto da ingresso, disimpegno, cucina, soggiorno, due camere e bagno, per complessivi metri quadri 66, oltre balcone di. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A132351 Viterbo Esecuzione Immobiliare 94/2006 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 141.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Terreno, Fabbricato Rurale Comune di Viterbo (VT) Località Sambuchete - 01100 Terreno agricolo per una superficie totale di ettari 8.23.03. Due fabbricati rurali di modesta entità, nonché ulteriori due strutture a carattere precario entrambe non autorizzate. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00


Domenica 19 Febbraio 2012 Viterbo &

AltoLazio

A114726 Viterbo Esecuzione Immobiliare 176/2007 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 244.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Appartamento, Garage-Posto Auto, Corte o resede Comune di Civita Castellana (VT) Via Roma - 01033 Appartamento ad uso civile abitazione sviluppantesi su due livelli (piano terreno e seminterrato) composto da: ingresso, cucina, due camere e bagno, di complessivi metri quadri 90. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 ***************

A116793 Viterbo Esecuzione Immobiliare 244/2007 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 36.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 1 - Fabbricato Comune di Grotte di Castro (VT) Via Cordelli Scossa, 18 - 01025 Fabbricato ad uso abitazione, composto da: soggiorno, cucina, due camere, bagno e ripostiglio. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A116794 Viterbo Esecuzione Immobiliare 244/2007 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 37.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 2 - Magazzino Comune di Grotte di Castro (VT) Piazza della Libertà - 01025 Fabbricato ad uso magazzino. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A130661 Viterbo Esecuzione Immobiliare 118/2008 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 210.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 1 - Appartamento Comune di Viterbo (VT) Via Montello, 12 - 01100 Appartamento sito al piano quinto, distinto dall’interno 17, della consistenza catastale di sette vani, della superficie calpestabile di metri quadri 138,76, oltre sei balconi. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A130662 Viterbo Esecuzione Immobiliare 118/2008 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 75.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 2 - Appartamento Comune di Viterbo (VT) Via San Leonardo, 31/B - 01100 Appartamento in centro storico, sito al piano primo - zona soppalco, della consistenza catastale di 2,5, della superficie calpestabile di metri quadri 48,16, oltre terrazzino. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A130663 Viterbo Esecuzione Immobiliare 118/2008 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 25.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto 3 - Magazzino, Cantina Comune di Viterbo (VT) Via delle Grazie - 01026 Magazzino/grotta sito al piano terra, della superficie di metri quadri 42,54, con cantina della superficie di metri quadri 26, locale w.c. esterno della superficie di metri quadri... Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A132473 Viterbo Esecuzione Immobiliare 292/2008 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 28.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Appartamento Comune di Arlena di Castro (VT) Via Umberto I, 72 - 01010 Appartamento ad uso residenziale al piano secondo. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A128759 Viterbo Esecuzione Immobiliare 54/2008 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 48.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Appartamento Comune di Vetralla (VT) Via Scriattoli, 22 - 01019 Appartamento al piano secondo, composto da soggiorno-cucina, camera, due camerette e bagno. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A117584 Viterbo Esecuzione Immobiliare 60/2008 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 19.000,00 Vendita : Senza Incanto - Da bandire tra meno di 15 giorni Lotto unico - Appartamento Comune di Arlena di Castro (VT) Via Umberto I, 72 - 01010 Appartamento al piano primo, composto da: ingresso/soggiorno con angolo cottura, due camere e bagno. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A166187 Viterbo Esecuzione Immobiliare 140/2009 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 14.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Terreno Comune di Vetralla (VT) Località Ceracchio - 01019

aste giudiziarie Terreni di qualità seminativo rispettivamente di metri quadri 3.440 e metri quadri 6.200. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A168048 Viterbo Esecuzione Immobiliare 331/2009 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 11.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Terreno Comune di Bagnoregio (VT) Strada provinciale Pratoleva - 01022 Terreno agricolo di qualità seminativo. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A166436 Viterbo Esecuzione Immobiliare 336/2009 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 24.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Appartamento Comune di Piansano (VT) Via Umberto I, 83 - 01010 Unità immobiliare ad uso civile abitazione sviluppantesi ai piani secondo e terzo composta da cucina, sala, camera, disimpegno e bagno per una superficie complessiva di metri. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:00 *************** A148380 Viterbo Divisione Giudiziale 458/2009 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 25.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Appartamento Comune di Gallese (VT) Via dei Ricci Parracciani, 26 - 01035 Appartamento composto da: soggiorno - cucina, piccolo bagno, due camere. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11 *************** A168319 Viterbo Divisione Giudiziale 596/2010 22 febbraio 2012 ore 11.00 € 290.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Appartamento,Terreno Comune di Valentano (VT) Via Guarnelli, 11 - 01018 Appartamento uso abitazione, composto da magazzino al piano terra di metri quadri 5,70 ed abitazione di tredici vani al piano primo e secondo con superficie di metri quadri 234. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11 *************** A172246 Viterbo Fallimento 1641/1999 22 febbraio 2012 ore 11.30 € 27.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Appartamento Comune di Viterbo (VT) Viale IV Novembre, 10 - 01100 Quota di 1/2 su appartamento di civile abitazione al piano primo, interno 5, scala A, composto da ingresso, soggiorno, cucina disimpegno, due camere di cui una con balcone a... Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:30 *************** A45600 Viterbo Fallimento 1773/2002 22 febbraio 2012 ore 11.30 € 29.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto Unico - Appartamento, Garage-Posto Auto Comune di Viterbo (VT) Località Carmine - Via Giuseppe Ricci, 6 01100 Quota del 50% del diritto di superficie di appartamento composto da 5 vani catastali. Quota del 50% del diritto di superficie di autorimessa. Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:30 *************** A139310 Viterbo Fallimento 1421/1996 22 febbraio 2012 ore 11.45 € 500.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Capannone, Fabbricato Industriale, Terreno Comune di Viterbo (VT) Strada Tuscanese Km. 3 - 01100 Porzione di capannone industriale-artigianale di metri quadri catastali 427 con area di pertinenza di metri quadri 1140. Porzione di capannone industriale-artigianale di metri... Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 11:45 *************** A155791 Viterbo Fallimento 6/2007 22 febbraio 2012 ore 12.00 € 2.600.000,00 Vendita : Senza Incanto Lotto unico - Fabbricato Industriale,Terreno Comune di Gallese (VT) Strada Statale, 315 - 01035 - Strada Statale, 315 - Località Casale Valli - 01035 Opificio industriale costituito da un corpo principale con palazzina uffici e corpi secondari, come meglio descritto in avviso. Appezzamento di terreno di ettari 2.82.60 sul quale... Eventuale prossima vendita con incanto il 29/02/2012 ore 12:00 *************** A184698 Viterbo Fallimento 1651/1999 24 febbraio 2012 ore 16.00 € 30.000,00 Vendita : Invito a offrire Lotto unico - Terreno Comune di Valentano (VT) Località Grotte dell’Acqua - 01018 Utile dominio su un terreno di ettari 1.94.60 con sovrastante capannone.

11 *************** A184132 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 230.000,00 Vendita : Invito a offrire Lotto 1 - Deposito Comune di Nepi (VT) Via Guglielmo Marconi - 01036 Locale deposito attività commerciale, oltre quota di 1/13 su unico passaggio per accedere all’immobile. *************** A184133 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 532.000,00 Vendita : Invito a offrire Lotto 2 - Locale Commerciale Comune di Nepi (VT) Via Guglielmo Marconi - 01036 Locale attività commerciale, oltre quota di 1/13 su unico passaggio per accedere all’immobile. *************** A184134 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 199.500,00 Vendita : Invito a offrire Lotto 3 - Ufficio Comune di Nepi (VT) Via Monsignor Gori - 01036 Ufficio, oltre quota di 1/13 su unico passaggio per accedere all’immobile. *************** A184135 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 49.500,00 Vendita : Invito a offrire Lotto 4 - Locale caldaia - Centrale termica Comune di Nepi (VT) Via Monsignor Gori - 01036 Locale caldaia, oltre quota di 1/13 e quota di 1/6 su unico passaggio per accedere all’immobile. *************** A184136 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 255.000,00 Vendita : Invito a offrire Lotto 5 - Appartamento Comune di Nepi (VT) Via Guglielmo Marconi - 01036 Abitazione di tipo civile, oltre quota di 1/13 su unico passaggio per accedere all’immobile. *************** A184137 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 41.500,00 Vendita : Invito a offrire Lotto 6 - Deposito Comune di Nepi (VT) Via Guglielmo Marconi - 01036 Locale deposito, oltre quota di 1/13 e quota di 1/6 su unico passaggio per accedere all’immobile. *************** A184138 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 976.500,00 Vendita : Invito a offrire Lotto 7 - Fabbricato Industriale Comune di Nepi (VT) Via Guglielmo Marconi - 01036 Caseificio, oltre quota di 1/13 su unico passaggio per accedere all’immobile. *************** A184139 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 109.500,00 Vendita : Invito a offrire Lotto 8 - Deposito Comune di Nepi (VT) Via Guglielmo Marconi - 01036 Locale deposito, oltre quota di 1/13 e quota di 1/6 su unico passaggio per accedere all’immobile. *************** A184140 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 190.000,00 Vendita : Invito a offrire Lotto 9 - Fabbricato Industriale Comune di Nepi (VT) Via Guglielmo Marconi - 01036 Opificio, oltre quota di 1/13 e quota di 1/6 su unico passaggio per accedere all’immobile. *************** A184141 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 9.000,00 Vendita : Invito a offrire - Da bandire tra meno di 15 giorni Lotto 10 - Deposito Comune di Nepi (VT) Via Guglielmo Marconi - 01036 Locale deposito, oltre quota di 1/13 e quota di 1/6 su unico passaggio per accedere all’immobile. *************** A184142 Viterbo Fallimento 16/2010 1 marzo 2012 ore 16.00 € 24.000,00 Vendita : Invito a offrire Lotto 11 - Deposito Comune di Nepi (VT) Via Guglielmo Marconi - 01036 Locale deposito, oltre quota di 1/13 e quota di 1/6 su unico passaggio per accedere all’immobile.


compresorio nord

12

Viterbo & Domenica 19 Febbraio 2012 AltoLazio

L’elicottero atterra ma l’elisuperficie è chiusa

Incredibile avventura per una donna ferita da trasferire a Belcolle: l’ambulanza costretta ad inseguire “Pegaso” di FULVIO MEDICI

I

ncredibile vicenda ieri ad Acquapendente. Una donna dopo una rovinosa caduta, causata dall’abbondante neve ghiacciata che ricopre da giorni le vie della cittadina, si procura una frattura allo zigomo e ne viene predisposto il trasferimento al reparto maxillo facciale di Belcolle in codice giallo con l’ausilio dell’eliambulanza Pegaso. Fin qui, a parte l’amara constatazione delle precarie condizioni delle vie del Comune dell’Alto Lazio, che hanno causato centinaia di cadute in questi giorni, per fortuna con conseguenze meno gravi di quelle riportate dalla donna, tutto sembra normale e di routine. Peccato che il pilota di Pegaso, informato dalla centrale operativa si è diretto, per l’atterraggio, nell’ormai ‘dimenticata’ elisuperficie, costruita sotto i cavi della media tensione, area che nei mesi scorsi era stata giustamente al centro delle polemiche in merito al non utilizzo forzato della stessa. Nel frattempo, l’ambulanza

partita dall’ospedale, con a bordo la malcapitata signora, come da prassi, si è diretta allo stadio comunale Dario Dante Vitali, dove di norma atterra l’elicottero. Qui la sorpresa con la comunicazione del cambio rotta verso l’elisuperficie nelle vicinanze del cimitero comunale, dove nel frattempo avveniva l’atterraggio. Attimi di incredulità per l’equipe di Pegaso, che pur riuscendo ad atterrare (qualcuno ci spieghi se di giorno allora questo è possibile!), ha dovuto attendere l’arrivo dell’ambulanza che giunta fuori dal cancello dell’elisuperficie lo trovava chiuso e con quasi un metro di neve ad ostacolarne l’apertura. Neanche l’intervento dell’operaio del Comune è servito a risolvere il problema, infatti pur avendo la chiave del cancello, quest’ultimo, non avrebbe avuto modo di essere aperto. Immediatamente, presa coscienza della situazione, l’equipe di Pegaso è risalita in elicottero e dopo aver ripreso il volo è andata ad atterrare al campo spor-

L’elisuperficie dimenticata era stata ultimamente al centro di accese polemiche

A sinistra, dall’alto: l’elicottero atterra dentro l’elisuperficie chiusa; il secondo atterraggio al campo sportivo. Sopra: finalmente i soccorritori possono procedere e caricare a bordo la donna ferita. tivo dove nel frattempo l’ambulanza si è nuovamente diretta. Che dire: Complimenti! Questi ‘poveri’ cittadini dell’estremo nord della Regione sono sempre più tutelati dall’offerta sanitaria in materia di emergenze-urgenze. E per fortuna che si trattava di una frattura ad uno zigomo. Comunque finalmente la signora ha raggiunto l’ospedale di Belcolle e ricoverata presso il reparto maxillo facciale, per lei, con tutta probabilità nei prossimi giorni sarà necessario intervenire chirurgicamente. Un’ulteriore conferma di come la risposta all’emergenze-urgenze, lasci davvero sbigottiti. Meditate, gente…meditate!

S.Lorenzo Nuovo - Neve, i consiglieri di minoranza ringraziano la Pro Civ

Abbiamo letto sui media alcuni articoli in merito alla gestione dell’emergenza maltempo dei giorni scorsi da parte del Comune; - spiegano i consiglieri di minoranza del Comune di San Lorenzo Nuovo - non entriamo nel merito dei contenuti in quanto ogni cittadino è in grado di giudicare per proprio conto tuttavia ci sentiamo in dovere di rin-

graziare calorosamente il locale Gruppo Pro-Civ per come ha gestito la parte di propria competenza. Il maltempo non ha certo risparmiato San Lorenzo Nuovo riservando alla sua popolazione, come quella di gran parte d’Italia, una situazione di grave disagio. Tuttavia questa situazione di disagio poteva essere ben più grave e complessa senza il determinante, e

spesso risolutivo, intervento degli uomini del locale Gruppo Pro-Civ. A tutti loro va il nostro sincero ringraziamento e quello di tutta la popolazione; in questi giorni così complicati i ragazzi dell’espertissimo Presidente Antonio Bisti si sono prodigati senza soluzione di continuità non lesinando impegno, sacrificio e disponibilità pur di portare il loro aiuto ai compaesani in difficoltà. Un aiuto generoso, appassionato chetestimonia doti non comuni quali spirito di sacrificio, professionalità e serietà, da sempre patrimoniodei volontari del Gruppo Pro- Civ di San Lorenzo Nuovo. Il Gruppo costituitosi negli anni novanta rappresenta da sempre uno dei , non solo di San Lorenzo Nuovo, ma dell’intera Provincia; oltre a intervenire nelle emergenze per pubbliche calamità, effettua il servizio antincendi estivo nonché attività di controllo ambientale, offrendo, in ogni circostanza, il massimo supporto alle Autorità preposte e contribuendo così a diffondere nel territorio un’immagine estremamente positiva del nostro Paese. Sono loro i veri protagonisti di questo rigido febbraio 2012.”

TUSCANIA - Le dimissioni di Marziali aprono nuovi scenari sul Centro Anziani

Un nuovo commissario? L

’emergenza nee, la famiglia in camper, queste e altre vicende avevano distolto l’attenzione dei tuscanesi dalle polemiche seguite al nuovo statuto del Centro Anziani approvato in Consiglio Comunale. Fino a ieri almeno, quando Fabrizio Marziali, dipendente comunale al quale era stato dato l’incarico di commissario del Centro, ha rassegnato le proprie dimissioni. “Perchè è venuto a mancare il rapporto “fiduciario” con l’amministrazione” scrive Marziali nella sua lettera di dimissioni presentata al sindaco Massimo Natali. Nella lettera Marziali parla anche di un accordo non rispettato. Al di la delle motivazioni di Marziali, per il quale non sarà certamente stato semplice svolgere il ruolo di intermediario tra Comune e soci del Centro Anziani date le visibili tensioni degli ultimi tempi, il problema ora è un altro. Come procederà l‘amministrazione? Nominerà un nuovo commissario? Marziali infatti avrebbe dovuto accompagnare i soci fino alle nuove elezioni. Il suo incarico che scadeva a fine gennaio è stato rinnovato insieme all’approvazione del nuovo statuto proprio per dare il tempo ai soci di abituarsi alle nuove norme. Ora certo incuriosisce sapere perché in dieci giorni la decisione di Marziali, che aveva accettato la proroga del mandato, è cambiata. Il sindaco Massimo Natali intanto si riserva di parlare personalmente col dipendente comunale per capire cosa lo abbia spinto a tale passo, prima di prendere qualsiasi decisione. Bisognerà vadere se il Regolamento Comunale prevede che le dimissioni debbano essere accettate o ci sia possibilità di riggettarle. “ La prossima settimana deciderò, dopo aver parlato con Marziali - spiega il sindaco - ed il segretario comunale, come procedere. Qualora le dimissioni verranno accettate è certo che provvederemo a nominare un nuovo commissario fino alle elezioni del centro”. Le dimissioni sono state un fulmine a ciel sereno anche per il primo cittadino.

Intanto però questo nuovo colpo di scena che sembrerebbe non avere niente a che fare col Centro Anziani, ma essere legato ad altri motivi , ha dato nuovi spunti per riaprire la polemica sul nuovo Statuto. Dal sito internet www.toscanella.it piovono commenti poco edificanti su tutta la vicenda che vanno a colpire i delegato ai servizi sociali Ezio Brachetti, accusato di aver gestito male la situazione permettendo che degenerasse fino al nuovo commissariamento. A Brachetti si addossa poi la responsabilità delle norme del nuovo statuto compresa quella, tanto criticata, che fissa a 65 anni il limite d’età per il diritto a votare i propri rappresentanti nelle elezioni. Tra i commenti alcuni invitano addirittura il sindaco a sollevare Brachetti dall’incarico e ad affidare in altre mani la complicata vicenda, per esempio in quelle del vicesindaco Staccini. Valeria Sebastiani


montefiascone

& Domenica 19 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

13

L’Asvom in azione nelle Province di Roma e Rieti coordinata dalla centrale operativa della Regione Lazio

L

’Asvom nel corso della prima settimana di febbraio, in occasione della nevicata del 3 e 4 febbraio è intervenuta, su speci�ca richiesta della sala operativa della Regione Lazio, anche fuori il territorio comunale. In particolare i due maggiori interventi sono stati sulla Cassia Bis e a Rieti. A parlarne è il presidente dell’Asvom Tonino Fiani: “Oltre agli interventi sul territorio di Monte�ascone con la Regione Lazio, nella scorsa nevicata, siamo stati a Roma e a Rieti. A Roma siamo intervenuti sulla Cassia Bis con un mezzo sgombraneve

da Monterosi alla zona delle Rughe. A Rieti altri volontari hanno aiutato la popolazione a liberare le case da oltre due metri di neve. Queste persone ci hanno ripagato con uno splendido sorriso. Per noi è stata una grande, immensa soddisfazione”. Il mezzo sgombraneve e spargisale dell’Asvom, con due volontari di Monte�ascone a bordo, hanno operato per l’intera giornata di sabato 4 febbraio. Il mezzo con i due volontari è stato richiesto direttamente dalla sala operativa della Protezione Civile della Regione Lazio per cercare di risolvere la drammatica

situazione delle strade intorno alla capitale e soprattutto nella zona nord. Da evidenziare che Asvom è stata l’unica associazione di volontariato che nella giornata di sabato ha operato in quel tratto importantissimo di strada; basti pensare che neanche i Vigili del Fuoco o altre associazione della Provincia di Roma sono potuti intervenire. Sono stati anche costretti a liberare le auto bloccate con la pala in mano e successivamente hanno accompagnato alcuni automobilisti, insieme a due pattuglie della Polizia Stradale di Viterbo, alla sala comunale di Carbognano.

Il presidente dell’Asvom Tonino Fiani spiega l’organizzazione della Protezione Civile in caso di grave emergenza effettuata nell’ultima nevicata di venerdì 10 febbraio. “La Regione Lazio aveva predisposto a Monte�ascone da venerdì un concentramento di forze delle varie associazioni di volontariato di Protezione Civile della provincia, con vari mezzi ed attrezzature pronti a partire su chiamata della Regione in caso di emergenze gravi sul territorio del Lazio. Vi erano circa dieci volontari pronti a Monte�ascone a partire in caso di grave emergenza.” M.M.

L’assessore interviene ‘pesantemente’ sulle dichiarazioni rilasciate dall’esponente della lista ‘Per Montefiascone’

Cacalloro replica alla Bartolozzi di Michele MARI

L

’assessore Giorgio Cacalloro dopo i continui e costanti impegni, è stato presente tutti i giorni, per l’emergenza neve che lo ha visto sempre in prima linea, ora vuole replicare alle critiche espresse dalla signora Rossana Bartolozzi candidata nella lista "Per Monte�ascone". "Cara signora Bartolozzi -argomenta l’assessore Cacallorosono molti anni che ci conosciamo e �nché non ha deciso di scendere in politica al �anco di ‘personaggi’ noti a noi tutti per la loro dubbia sincerità e coerenza, la conoscevo come persona sincera e coerente, ma evidentemente mi ero sbagliato. Forse la loro vicinanza e forse la loro frequentazione in questo lasso di tempo l’hanno plagiata al punto di non riconoscerla più". L’assessore replica ad alcune forti

dichiarazioni della Bartolozzi a mezzo stampa: "Da un po’ di tempo noto che le fanno scrivere degli articoli sui quotidiani a dir poco menzogneri se non addirittura molto offensivi nei nostri confronti. Lei è arrivata a de�nirci spazzatura o addirittura virus da evitare. In questo la posso rassicurare che io e i miei colleghi non sentiamo minimamente il bisogno, sia nel breve che nel lungo periodo, né la necessità di passarle talmente vicino da poterla contagiare". In merito ai progetti degli impianti fotovoltaici: "Le vorrei ricordare che quanto da lei affermato in merito al progetto del fotovoltaico riguardante parecchi edi�ci di proprietà del comune e dell’esclusione dell’edi�cio delle scuole elementari della frazione le Mosse, dove io abito, lo dovrebbe chiedere al suo

Fino al 25 febbraio sarà possibile visionarlo

Elenco iscritti alla leva del 1995 F

ino al 25 febbraio sarà possibile visionare la lista di leva. Il 10 febbraio è stato pubblicato l’elenco degli iscritti. A renderlo noto è un avviso del primo cittadino Luciano Cimarello per i ragazzi della classe 1995. “Il Sindaco a norma dell’art. 34 del D.P.R.14-2-1964, n. 237 -comunica l’avviso- rende noto che sono in corso le operazioni per la formazione della lista di leva, relativa ai giovani che compiranno il 17° anno di età nel corso dell’anno, secondo il seguente calendario:nel mese di gennaio, il Sindaco curerà l’iscrizione nella lista di leva dei giovani che siano legalmente domiciliati nel Comune ai sensi dell’art. 35 del D.P.R. n. 237/1964; il 10 febbraio verrà pubblicato per 15 giorni l’elenco degli iscritti; nel corso dello stesso mese di febbraio e di marzo, la lista verrà aggiornata con le nuove iscrizioni o cancellazioni che si rendessero necessarie, per l’invio de�nitivo al competente organo militare entro il 10 aprile”. I giovani interessati hanno il dovere di farsi inserire nella lista di leva qualora vi fossero stati omessi; i loro genitori o tutori hanno l’obbligo di curare che l’iscrizione avvenga regolarmente. Ogni ulteriore notizia in merito potrà essere ottenuta presso l’Uf�cio Leva Comunale.

A questo avviso sono interessati i giovani domiciliati nel comune di Monte�ascone cioè i giovani che abbiano domicilio nel Comune, nonostante che essi dimorino altrove; i giovani ammogliati, il cui padre, o, in mancanza del padre, la madre, abbia domicilio nel Comune, salvo che giusti�chino di aver legale domicilio in altro Comune;i giovani ammogliati domiciliati nel Comune sebbene il padre o, in mancanza di questo, la madre, abbia altrove domicilio; i giovani nati, domiciliati o dimoranti nel Comune, che siano privi di padre, madre e tutore; i giovani nati o residenti nel Comune che, non trovandosi compresi in alcuno dei casi precedenti, non giusti�chino la loro iscrizione in altro Comune; i giovani stranieri, anche se tali di origine, naturalizzati o no, residenti nel Comune”. Agli effetti della iscrizione sulle liste di leva è considerato domicilio legale del giovane nato e dimorante all’estero il Comune dove egli o la sua famiglia furono da ultimo domiciliati nel territorio della Repubblica; ovvero, quando ciò non sia possibile precisare, il Comune designato dallo stesso giovane; ovvero, in mancanza di siffatta designazione, il Comune di Roma. M.M.

parente (o chi per lui) allora sindaco Andrea Danti, poiché il primo progetto venne presentato in quel periodo, noi volevamo modi�carlo giustappunto perché fatto in maniera a dir poco errata e incompleta come anche da lei notato. La pratica completata dall’assessore Batinelli, in fretta e in furia nel mese di luglio, era arrivata al punto di non ritorno dunque non più modi�cabile. Invano ci siamo recati a Sviluppo Lazio per poter cercare di migliorarla ma la risposta è sempre stata purtroppo negativa perché era completamente sbagliata in diversi punti. Ad esempio non era stato previsto il solare termico su nessun edi�cio causando in sede di valutazione un minor punteggio per tutto il progetto". Cacalloro continua: "Cara Bartolozzi lei che segue e si prodiga per il sociale dovrebbe sapere che la sopravvivenza del plesso scolastico

dipende solo ed esclusivamente dai bambini che vi si iscrivono e non da altro, e le posso garantire che questa amministrazione farà anche l'impossibile purché vengano tenuti in attività tutti i plessi esistenti e non solo quello delle Mosse; nel momento in cui ci sarà la possibilità tutti gli edi�ci verranno opportunamente ristrutturati e potenziati per renderli più accoglienti ai nostri �gli e rendere un ottimo servizio alla cittadinanza". Dopo questo preciso impegno l’assessore accenna ad una presunta

polemica evidenziata dalla stessa Bartolozzi " L’ultima cosa in ordine cronologico, e la più assurda, è quella della polemica con il consigliere della frazione Zepponami, cosa montata ed inventata da lei e dai suoi compari per il semplice motivo che tra me e Marco Tisbo non vi è stata mai, confermo e ribadisco, nessuna polemica su nessun argomento. Non posso pensare altrimenti che le farebbe comodo mettere zizzania, come si dice nella nostra città, tra di noi ma le posso assicurare cara signora che da persone civili e intelligenti (mi passi il termine) non in cerca di quella visibilità che l’elettorato a qualche personaggio non ha concesso, a Roma si direbbe ‘nun ce ne pò fregà di meno’". Cacalloro conclude: "Il Comune a breve, il direttore dei lavori è il geometra Burla Andrea, inaugurerà il parcheggio alla stazione di Zepponami che �nalmente avrà posti idonei e suf�cienti ed ancora in breve tempo, naturalmente tempo permettendo, il comune darà inizio ai lavori di rifacimento del pratino antistante lo splendido tempio di S.Maria di Montedoro, questa volta in stretta

collaborazione con il comitato di quartiere festeggiamenti Primo Maggio, che giustamente lei ha citato come validissimi e stimati collaboratori sempre pronti a dare una mano quando si chiamano in aiuto; i lavori verranno effettuati in economia, grazie all’opera degli operai del comune, come già fatto in altre zone della città. Una considerazione: sono stato criticato in consiglio comunale per non aver continuato sulla falsariga da voi tracciata due anni fa. Mi soffermo in particolare sulle rotatorie previste dalla giunta Danti al costo modico di circa 150mila euro cadauna, il 50% sarebbe stato a carico della Regione, da noi non più prese in considerazione per l’enorme costo e per motivi tecnici; tuttavia sono riuscito a sistemare due svincoli, da molti de�niti in maniera ottimale, e non ho speso nemmeno 6 mila euro che è in pratica circa la decima parte dei soldi che ci sarebbero voluti per poter realizzare una sola rotatoria come avrebbero voluto i suoi degni compari facenti parte della sua stessa cricca. Come può ben vedere non ho proprio abbandonato nessuno".

Osservato in aula dalla giunta un minuto di silenzio in onore dell’ex amministratore scomparso

Delibera comunale in ricordo di ‘Checchino’ Morleschi

È stata redatta una delibera dal consiglio comunale per ricordare Francesco Morleschi detto “Checchino”, deceduto nello scorso mese di dicembre, un grande politico degli ultimi cinquanta anni. Il giorno successivo del funerale di Morleschi, il primo cittadino Luciano Cimarello, insieme a tutto il consiglio comunale, ha voluto ricordarlo degnamente in aula con un minuto

di silenzio. La delibera redatta è la numero 60 del 30 dicembre in cui si ricorda proprio la �gura di “Checchino”. Nella delibera si legge ciò che Cimarello ha detto in consiglio comunale: “Il Sindaco -spiega l’atto- prima di iniziare la discussione dei punti posti all’ordine del giorno dell’odierna seduta, fa un solenne ricordo del signor Morleschi Francesco, Amministratore per molti anni di questo Comune, scomparso proprio in questi ultimi giorni”. Ecco le parole del sindaco: “Invito il Consiglio Comunale a commemorare con profonda partecipazione, la recentissima scomparsa del Sig. Morleschi, che ha fatto parte dell’attività amministrativa di questo Comune quasi ininterrottamente dagli anni 60 al 1990. Ciò serve anche per dare un senso alla nostra presenza in questo Consiglio Comunale”. Poi Cimarello ha citato tutti i sindaci che si sono avvicendati in quel periodo. “Morleschi, ricordato come “Checchino”, ha ricoperto -ha spiegato il primo cittadino - oltre la carica di consigliere quella di Assessore Comunale, Vice Sindaco ed è stato anche eletto consigliere provinciale. Ricordo che ai tempi del Sindaco Renato Belardi, gli scontri

verbali in consiglio comunale erano molto accesi in quanto vi era tra i gruppi una forte contrapposizione ideologica. Però tutto ciò va ricordato con piacere in quanto non venivano trattati gli aspetti personali che rimanevano al di fuori della lotta politica. Un consiglio di molti anni fa ricordo che durò dalle ore 16 del pomeriggio alle ore 5 del mattino dopo, quando tutti insieme andammo a fare colazione al bar, e questo debbo dire che è un ricordo molto piacevole a distanza di tanti anni. Mi auguro che anche oggi, dopo i profondi cambiamenti politici che si sono veri�cati, i rapporti personali rimangano integri e salvaguardati. I consiglieri con i quali ho avuto più contrasti ideologici sono ora gli amici che tengo più in considerazione. Auspico che sia sempre prioritario il rispetto per la persona. In onore e nel ricordo di Francesco Morleschi detto “Checchino” chiedo un minuto di raccoglimento alla sua memoria”. Il Consiglio Comunale, in accoglimento alla richiesta, nel riconoscere la grande �gura politica dell’amministratore scomparso, con tutti i suoi componenti alzatisi in piedi lo hanno ricordato con un minuto di silenzio. M.M.


vetralla e cimini

14

Poche risorse, tanto impegno e sacrifici alla base dell’attività svolta dal gruppo vetrallese composto da trenta unità. Tutti molto giovani. Guidati da un pacato ma per nulla sprovveduto presidente di EMANUELE FARAGLIA

L

a recente emergenza neve ha riportato l’attenzione di media e cittadini sull’insostituibile e prezioso lavoro svolto dalla Protezione Civile. Spesso trascurati �n quando piccoli o grandi calamità ricordano all’uomo la forza della natura, i ragazzi della Protezione Civile di Vetralla svolgono in realtà diverse attività e, solitamente, più che il gelo e la neve, sono abituati a combattere le �amme. Siamo andati a trovarli nella sede situata all’interno della Villa Comunale ovvero quella che un tempo veniva ricordata come la “casa del guardiano”. Per molto tempo questo luogo di proprietà comunale è rimasto abbandonato, poi, fortunatamente, la casa è stata af�data alla Protezione Civile che, in parte grazie ad un contributo comunale, in parte grazie al duro lavoro dei propri soci è riuscita a riportarla a nuova vita. “Nata nel 1993 - fa sapere l’attuale presidente Marco Aquilani - la Protezione Civile di Vetralla svolgeva inizialmente assistenza socio-sanitaria all’interno dell’ospedale. Subito dopo, vista l’assenza di un gruppo del genere, abbiamo ottenuto l’iscrizione nei registri regionali come Protezione Civile e Ambientale. La principale attività del gruppo è il servizio antincendio e si svolge nel periodo estivo, dal primo giugno al 30 settembre. In quel periodo forniamo la disponibilità di almeno una squadra di quattro persone più un mezzo tutti i giorni. Ovviamente l’attività viene svolta sotto la direzione della sala operativa regionale ed in stretta collaborazione con la Forestale ed i Vigili del Fuoco”. Non sono però mancati eventi straordinari... “Nel 2009 siamo stati a L’Aquila subito dopo il terremoto, poi c’è stata l’alluvione a Marina Velca e anche lì abbiamo portato il nostro contributo. Nel 2007 siamo intervenuti per�no a Mazzano Romano e ad Allu-

Viterbo & Domenica 19 Febbraio 2012 AltoLazio

Foto by Genaro Giardino

A fianco il presidente Aquilani con alcuni membri della Prociv vetrallese

Protezione Civile, una risorsa da tutelare Botta e risposta con il presidente Marco Aquilani, al “comando” da otto anni miere per attività antincendio. Sembra un settore piccolo, ma in realtà l’emergenza richiede impegno, sacri�cio e risorse...”. A proposito di risorse: com’è la situazione? “Beh, inutile girarci intorno, le risorse sono scarse. Basti pensare che dal 2007 non riceviamo più contributi comunali. Dall’amministrazione abbiamo ricevuto l’uf�cio ed il gasolio. E bisogna anche dire che questa sede ce la invidiano in molte associazioni. Siamo un gruppo completamente volontario, a volte ci sono rimborsi spesa. Ma mentre le spese sono sicure, dalle assicurazioni dei mezzi a quelle del personale passando per la cancelleria, i fondi regionali sono passati da 15mila euro ai 5mila dell’ultimo anno. In un paio di occasioni sono stato costretto a pagare di tasca mia le assicurazioni dei mezzi... Però va anche detto che nel viterbese siamo tra le unità più operative”. E l’emergenza neve lo ha confermato. Lei è presidente dal 2004, otto anni iniziano a pesare? “Sono in Protezione Civile dal 1994, mi è sempre piaciuto, è un’attività che mi dà grandi soddisfazioni. Dopo Vincenzo Loiacono che ha fondato il gruppo e Marco Santucci, un vigile del fuoco che negli anni ci ha fatto ottenere importanti fondi e mezzi, è arrivato il mio turno. Santucci ha lasciato per motivi personali ed io mi sono ritrovato a ricoprire un ruolo senza esperienza. Col tempo ho cercato di sviluppare anche le mie capacità “relazionali”, diciamo così... Di sacri�ci ne ho fatti tanti, ma prima di lasciare

“Siamo intervenuti a L’Aquila, ma anche a Marina Velca dopo l’inondazione”

Le condizioni della sede prima dell’intervento di “ristrutturazione”

vorrei trovare una persona che sappia portare avanti quanto di buono è stato fatto negli anni. Ovviamente non dimentico il contributo di tutti i soci, siamo un gruppo dall’età media giovane, sui 25 anni e di grande importanza è stato anche il servizio civile che ci consente di poter contare su due giovani rinforzi, utilissimi per tenere aperta la sede e svolgere al meglio tutte le attività. Importante è per la nostra esistenza anche il cinque per mille”. Insomma , è un duro lavoro, ma qualcuno lo deve pur fare... “Per noi è diventato quasi un secondo lavoro. A me personalmente piace quest’attività e ogni volta che posso sono in sede. Con il tempo abbiamo avuto modo di imparare molte cose grazie a corsi in Provincia o esercitazioni con i Vigili del Fuoco. Cerchiamo di sfruttare al massimo il tempo a disposizione. Spesso la domenica facciamo pratica con le pompe idrovore o giriamo il territorio per conoscere al meglio le strade e anche per veri�care lo stato dei mezzi. Da quest’ultimo punto di vista non possiamo comunque lamentarci. Proprio a luglio abbiamo ottenuto un nuovo mezzo, un Iveco Daily 4x4 per l’antincendio davvero ottimo per l’attività”. Ed i risultati si vedono. Grazie all’impegno di questi trenta ragazzi Vetralla può dormire sonni tranquilli, le emergenze fanno un po’ meno paura.

VETRALLA - Aquilani evidenzia la sinergia tra amministrazione e cittadini

Emergenza neve, i ringraziamenti del sindaco

L’emergenza neve può dirsi de�nitivamente superata”. Inizia così il comunicato stampa con cui il sindaco Sandrino Aquilani ha inteso ringraziare quanti si sono adoperati per affrontare la situazione nei giorni delle due grandi nevicate. “Il risultato positivo che unanimemente è stato riconosciuto a Vetralla, è il frutto di un’accorta piani�cazione, di un lavoro svolto in sinergia e di una mobilitazione civica esemplare. Dopo aver assistito in prima persona all’intenso lavoro dei giorni passati, sento il dovere di salutare e ringraziare quanti hanno contribuito alla risoluzione di uno scenario di crisi di proporzioni eccezionali per il nostro territorio. Innanzitutto Santino De Rinaldis e tutto l’Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Manutenzioni, che è stato ripetutamente sollecitato in quanto centro operativo del ‘piano neve’, e i cui funzionari hanno prestato servizio ininterrottamente durante i giorni più dif�cili dell’emergenza. L’Assessore al Patrimonio

Dario Bacocco e il Delegato alla Protezione Civile Mauro Patrignani, e in generale tutti i membri della mia squadra, che non hanno mancato di far sentire sul territorio la propria presenza e la propria disponibilità. Un ringraziamento sentito a tutte le forze di polizia presenti sul

territorio: i Carabinieri, il Corpo Forestale e la Polizia Locale che hanno costantemente presidiato le situazioni critiche. Una menzione di merito e un plauso alle associazioni di volontariato, che in proporzione alle proprie capacità operative, hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato.

Alla Protezione Civile che nel rispetto dei dettami del proprio mandato ha contribuito ad alleviare moltissime situazioni di disagio, il ringraziamento a nome di tutta la cittadinanza. Un grazie sentito anche ai volontari del World Volunteers International, ai volontari del Divino Amore, all’Etruria 2000. Una menzione gradita anche agli operai del verde pubblico della Vetralla Servizi, che hanno partecipato a titolo personale alle operazioni. Degno di elogio anche il lavoro delle ditte Canensi, Pigliavento e Rossi, la cui opera è andata anche al di là di quanto dovuto in meri termini contrattuali. Un grazie anche a tutti gli imprenditori e soggetti privati che hanno messo a disposizione gratuitamente mezzi e personale: Fabrizio Calandrelli, Alessio Cutigni, Paolo Milani, Nicola Moscatelli, Giancarlo Patrizi, Alessandro Reali, Maurizio Tomassini. Vetralla ha offerto un esempio di ef�cienza e di responsabilità civica di cui andare orgogliosi e di cui fare lezione non solo in tempo di crisi”.

SORIANO NEL CIMINO - “Nessuno ha mai negato i crimini di fascisti e nazisti. Doveroso ricordare gli italiani uccisi”

Foibe, la Giovana Italia risponde a Centofanti R

iceviamo e pubblichiamo dalla Giovane Italia di Soriano nel Cimino. “Ringraziamo il Consigliere Centofanti per la lezione di storia tenuta ma che, purtroppo, c’entra gran poco con quello che veniva detto nelcomunicatoprecedentedellaGiovaneItalia. Nessuno ha mai negato e, sarebbe ignobile, immorale ed indignitoso farlo, i crimini commessi durante il fascismo e nazismo nei confronti di tutte le ideologie politiche, colore della pelle, culture e tradizioni diverse commessi dalla follia di pochi, anzi, purtroppo di molti... Caro Centofanti, “quelli della Giovane Italia”, come li chiama lei, certo che “non se ne vogliono” poiché, contro tutte le sue, e ancora di molti, aspettative, i componenti della Giovane Italia non sono dei “fascisti”, come più volte sono stati chiamati a Soriano, e non hanno mai issato a vessillo le aggressioni e i crimini commessi nei territori italo-slavi come tutti gli altri: sono stati, anzi, tra i primi ad aver sempre condannato qualsiasi tipo di

dittatura, aggressione, violenza, genocidio e quant’altro. Siamo nel 21esimo secolo, caro Consigliere, e l’unico che sembra non essersene accorto pare proprio lei! Da come si legge nel suo comunicato, lei sembrerebbe “giusti�care” l’orrendo “avvenimento” delle Foibe poiché le dittature, in particolare quella italiana, in Jugoslavia commisero atroci azioni: come giustamente è stato ricordato da lei, si arrivò per�no all’italianizzazione forzata dei cognomi e dei toponimi. Probabilmente non era molto attento al Consiglio Comunale, perché il Sindaco e il Vicesindaco hanno detto e promesso, e sarà, come già era, uno dei punti per i quali la Giovane Italia si batterà, altri spazi per tutte le vittime delle guerre e della discriminazione ideologica, politica, razziale e culturale. Nessuno toglie o vuole disunire genocidi e altri fatti terribili, perché sarebbe deplorevole un atteggiamento del genere.

Il dire che volere “intitolare uno spazio pubblico alle vittime delle foibe” è sintomo di “un certo razzismo di parte”, come il sostenere che non ci “curiamo” di altre vittime, ci sembra una dichiarazione assurda e fuori luogo in quanto, come già detto sopra, nella discussione avvenuta in consiglio comunale, verranno adibiti altri spazi o monumenti per tutte le vittime, italiane e non (e questo non è un “contentino”, bensì un obbligo morale e civile!). Inoltre è una cosa del tutto sciocca dire che delle vittime sono di “serie B” se non hanno targhe appese o vie intitolate: il fatto di assegnare a ricordo un luogo pubblico alle vittime italiane delle Foibe non è affatto sintomo di nazionalismo, ma piuttosto di patriottismo, che signi�ca sia condannare gli assurdi crimini commessi dagli italiani, sia ricordare tutti i nostri concittadini ingiustamente morti. Lo spazio si intitola per ricordare, ma soprattutto per far sapere”.


& Domenica 19 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

comprensorio sud

15

CIVITA CASTELLANA - Contratti di quartiere, interviene anche il Pdl per chiarire la vicenda

“Il sindaco si prende meriti che non ha” R

iceviamo e pubblichiamo: “Il gruppo consiliare del PDL esprime la massima soddisfazione per la notizia data dal Sindaco sull’imminente inizio lavori dei Contratti di Quartiere II, il quale ha dichiarato “E’ una data storica quella del 15 febbraio 2012 per la città di Civita Castellana”. Come al solito dobbiamo però evidenziare la solita caduta di stile dello stesso e di questa amministrazione di centrosinistra. Nella foga di elogiare i propri meriti, tutti da accertare, hanno omesso alcune informazioni sostanziali che crediamo sia il caso di comunicare. I “Contratti quartiere II” è un progetto di riquali�cazione urbana, nasce come idea nuova di città, viene �nanziato dal Ministero delle Infrastrutture e dalla Regione Lazio con un importo di 9.000.000,00 di euro e progettato nelle due passate amministrazioni di centrodestra. Nasce con la delibera di consiglio n.4 del 02 aprile 2004,dove viene approvato il piano di recupero in variante al PRG per i contratti di quartiere II, �nalizzato alla richiesta di �nanziamento a fondo perduto proposto dall’allora Assessore all’Urbanistica di cui leggiamo testualmente: ” l’Assessore Urbanetti illustra il progetto precisando che si tratta di uno studio di fattibilità per la partecipazione ad un bando di gara diretto ad ottenere un �nanziamento statale e regionale per la riquali�cazione di aree disagiate. Si tratta di un’operazione che ha lo scopo di riquali�care gli alloggi

popolari, di costruzione di nuovi parcheggi sia pubblici che privati, e di eliminazione del passaggio della linea ferroviaria dall’attuale collocazione.C’è inoltre l’accordo con la regione per la costruzione di una nuova stazione ferroviaria.Non partecipare a questa operazione risulterebbe certamente nocivo allo sviluppo futuro della città considerato altresì il costo contenuto della progettazione di 2.500,00 euro”. In quella sede la sinistra civitonica rappresentata dall’attuale Assessore al bilancio Paola Amicucci, allora all’opposizione, fu contraria al progetto e si astenne dichiarando:” ritiene il progetto valido solo a livello puramente teorico e reputa l’amministrazione non lungimirante poiché non ha considerato l’ipotesi di affrontare preliminarmente il problema del potenziamento della linea ferroviaria e delle sue infrastrutture. Si tratta solo di una scelta �nalizzata alla propaganda elettorale”. Nel maggio 2005 il progetto de�nito dalla Amicucci “ puramente teorico” divenne realtà, Civita Castellana fu, insieme a altre poche città d’Italia tra cui Roma, �nanziata con 9.000.000,00 di euro, importo necessario per la realizzazione della copertura della trincea ferroviaria su via Mazzini, la realizzazione in loc San Giovanni di incubatori d’impresa ed abitazioni per famiglie in dif�coltà e la ristrutturazione funzionale di tutte la case popolari esistenti; dopo otto anni e tre amministrazioni si sta concludendo felicemente solo la prima fase del programma di

NEPI - L’Europa incontra la comunità locale riquali�cazione urbana sopra descritta dall’allora Assessore Urbanetti.Per la restante parte bisognerà trovare ulteriori �nanziamenti, quindi anziché strombazzare meriti su di un progetto che avete anche osteggiato, vi consigliamo di attivarvi alacremente a cercare �nanziamenti per completare il programma che con lungimiranza la giunta Giampieri aveva iniziato. Come dire, le parole e i fatti sono pietre, la verità si può omettere ma non si può cancellare. Anche noi riteniamo doveroso ringraziare tutti i dipendenti che hanno collaborato al progetto, ma anche ricordare due civitonici che si sono spesi coraggiosamente per sostenere l’iniziativa, il compianto Rodolfo Pro�li che per primo ebbe l’idea, supportata dalla raccolta di centinaia di �rme, di chiudere la trincea ferroviaria, vista la carenza di posti auto su via Falisca, e Sergio Maestri, all’epoca dirigente della ME.TRO., ora in pensione,che convinse l’azienda ad autorizza-

re un progetto così complesso; in�ne anche altre persone non di centrodestra che senza preconcetti politici hanno sin da subito contribuito a realizzare questo sogno per la nostra città. Egregio Sindaco il 15 febbraio è certamente una data storica per tutti i civitonici che, avendo compreso meglio la vicenda, sapranno fare un confronto tra la precedente amministrazione di centrodestra, la quale con una variante urbanistica del costo di 2.500,00 euro ha ottenuto un �nanziamento di 9.000.000,00 di euro e la Sua amministrazione distintasi per la realizzazione della variante nella zona dell’ex complesso Zanganella, che non solo ha dato degli enormi vantaggi ad un privato ma che ha costretto i civitonici, con l’acquisto in quella struttura della nuova farmacia, a pagare un mutuo di circa un milione di euro per i prossimi dieci anni, che francamente in questo momento di grande crisi non se ne sentiva proprio il bisogno.

CIVITA CASTELLANA - IL Pd locale replica alle accuse de La Destra

“La strana cucina dell’opposizione” I

l Pd di Civita Castellana replica alle dichiarazioni de La Destra. “Meno male che c’è la Destra a ricordare a tutti noi in quale brutto paese viviamo, composto da buoni e cattivi divisi da una linea ben netta e marcata dai galantuomini dell’opposizione. Meno male che c’è questa Destra per insegnare a tutti cosa è la Politica e come va condotta.

La ragione e il buon senso però, come spesso accade, danno torto ai ragionamenti dell’opposizione e ciò che ne esce, non è la “ricetta perfetta” per una buona politica, ma un ratatouille impossibile da mandare giù: un pizzico di sentenza accusatoria anticipata (strano essere una volta garantisti ed un’altra accusatori a seconda dell’imputato); populismo quanto basta (in riferimento alla politica bassa

di coloro che si candidano per farsi “gli interessi propri”). Troppi ingredienti però, a parer nostro, rovinano una ricetta già partita male (mettere insieme un fatto di cronaca giudiziaria con il lavoro svolto da società private verso altri privati rende il tutto indigeribile). Per rendere il tutto più saporito, la Destra ha deciso di abbondare anche con un po’ di pepe, esortando a “rimet-

tere nelle mani del popolo la decisione di chi debba governare con spirito di onestà ed al servizio dei cittadini senza subdoli e biechi interessi personali”. La Destra forse dimentica che l’attuale Amministrazione comunale è conseguenza della scelta operata dai cittadini con il loro voto. Ci dispiace per la Destra, ma non consigliamo a nessuno la loro strana cucina.

VALLERANO - Il sindaco Giovannini chiarisce la posizione della giunta dopo la sentenza del Tar

“Ricorreremo al Consiglio di Stato” I

l sindaco di Vallerano, Mauro Giovannini, chiarisce alcuni particolari sulla ‘vicenda Tar’. “Sig. direttore, le chiedo ospitalità per chiarire alcune questioni in relazione all’articolo su Vallerano relativo all’annullamento delle operazioni di voto delle elezioni amministrative del 15/16. Al momento le motivazioni della sentenza non sono state ancora depositate quindi non conoscendosene il contenuto nessuno può avere certezze. L’unica certezza che posso anticipare è che la maggioranza eletta con la lista Torre Civica e da me capeggiata, ha

già dato incarico ai suoi legali di ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar del Lazio chiedendone la sospensiva. Questo è un dato certo in quanto il Comune di Vallerano ha eseguito rigorosamente le procedure elettorali in applicazione della circolare ministeriale alla quale tutte le Prefetture d’Italia si sono conformate così come la Prefettura di Viterbo. E’ un diritto e un dovere che la lista Torre Civica, eletta democraticamente al governo dell’amministrazione di Vallerano, difenda il suo operato, legittimo e instanca-

bile al servizio di tutta la popolazione. Come è un dovere prodigarsi giorno e notte per uscire dall’emergenza neve come ho fatto unitamente agli assessori comunali, insieme a tutti i sindaci della Provincia, senza alcun calo di impegno e senza alcuna demotivazione conseguente alla notizia della sentenza del Tar. E’ sbagliato scendere in una polemica tutta impostata sull’aggressione personale per esasperare gli animi. Non è nel mio stile e nel mio carattere, che è mite e paziente anche verso coloro che sbagliano. Forse sta proprio in questo il motivo per cui in

venti anni di impegno politico la gente mi ha preferito ad altri competitori”.

G

rande partecipazione all’incontro del 16 febbraio presso la sala nobile del comune di Nepi, evento organizzato dal circolo locale “Cento passi”, sono intervenuti l’europarlamentare Nicolò Rinaldi, il Senatore Stefano Pedica e la professoressa Rita Capponi dell’Italia dei valori, dove si è presentata non solo una panoramica della situazione attuale del governo Europeo, ma anche concrete proposte per avviare un processo di maggiore equità e cooperazione da parte di tutti i paesi membri. Nei dieci punti proposti, emerge il bisogno di ridisegnare un governo economico Europeo, basato su regole e sviluppo che vadano al di la di ogni nazionalismo e delle attuali incertezze che il Parlamento Europeo a volte incontra. Si è discusso sull’integrazione europea, sull’innovazione, ad una maggiore informazione ai cittadini per accedere ai �nanziamenti, procedere ad un accordo tra Unio-

ne Europea e le autorità bancarie della Svizzera per applicare una tassa sui capitali depositati da parte dei cittadini UE, adottando norme comuni europee per favorire il rimpatrio di capitali, chiaramente nel rispetto delle normative sull’antiriciclaggio. Creare un vero governo economico della zona euro con l’istituzione di un Ministro delle Finanze, per superare l’attuale dispersione degli incarichi in ambito economico europeo, si ad elezioni del Presidente di Commissione a suffragio universale sulla base di un programma, in modo da dare piena legittimità democratica della Commissione. Incoraggiare investimenti per favorire un’economia reale rispetto a un’economia virtuale, in sostanza delle proposte concrete per avviare un’approfondita riforma del governo europeo e per stabilizzare la zona euro e creare �nalmente un’unione economica e �scale basata soprattutto su politiche di crescita e di equità sociale.


orvieto eventi

16

Viterbo & AltoLazio

Domenica 19 Febbraio 2012

A Ficulle turismo plein air grazie ai numerosi raduni di camperisti dello scorso autunno N

el circondario di Orvieto e più precisamente a Ficulle, nell’anno appena trascorso, è stata importante la presenza dei turisti in plein air. In alcuni week end autunnali, infatti, tre associazioni di camperisti, Il C.C.Recanati, C.C.Orsa Maggiore di Casalecchio di Reno (BO) e il Gruppo Amici Eurocamperisti di Firenze, in altrettanti Raduni, organizzati in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e alcuni operatori privati, hanno fatto registrare la presenza di circa 150 equipaggi, accolti presso l’Area Attrezzata Comunale. Seguendo un programma, che ormai si può de�nire classico, i graditi ospiti, hanno avuto la possibilità di visitare il centro storico del Borgo,

la Torre o Rocca dei Monaldeschi, dalla cui sommità è possibile vedere il centro storico dall’alto, e il territorio di ben quattro province e un antico laboratorio, dove dal 1834, si lavorano le tipiche terrecotte �cullesi. Visto il periodo, non poteva mancare la visita al Frantoio, dove si estrae l’olio extravergine di oliva, tipico delle colline orvietane. In quella che è stata l’ultima iniziativa in programma, i partecipanti hanno avuto la possibilità di osservare le varie fasi della lavorazione delle olive, degustare il prodotto con la tradizionale “Bruschetta” annaf�ata da ottimo vino, e fare acquisto del pregiato liquido appena spremuto. Non è mancato neanche il ricevimento uf�ciale delle Asso-

ciazioni, da parte del Sindaco, per i saluti di rito, e ringraziamento agli ospiti, per la loro partecipazione. Si è avuta ancora una volta la conferma dell’attenzione che gli amanti del turismo all’aria aperta, hanno nei confronti dei piccoli borghi, per il loro patrimonio storico - artistico, per le loro tradizioni e per i loro prodotti tipici. In venti anni di apertura al turismo itinerante, questa piccola ma caratteristica realtà umbra, fra i molti turisti, che le hanno fatto visita, ha avuto l’onore di aver ospitato, tra gli altri, grandi viaggiatori e organizzatori che hanno guidato carovane di camper attraverso l’Europa, il Medio Oriente, l’Asia, l’Africa e l’America.

Ennesima collaborazione tra Teatro Stabile e Alessandra Cristiani sulla danza contemporanea

A ‘Umbria in Danza’ arriva ‘Langelo’ l

l ‘Teatro Stabile dell’Umbria’, nell’ambito della rassegna “Umbria in Danza”, presenta Alessandra Cristiani in “Langelo”, domani alle ore 19.00, ad Orvieto, presso Palazzo Caravajal Simoncelli. Attrice, danzatrice e coreografa, docente, Alessandra Cristiani affronta e approfondisce ecletticamente i diversi aspetti dell’arte performativa. Appassionata e profonda conoscitrice del butoh, la speci�ca forma di danza contemporanea giapponese, segue numerosi corsi tenuti da maestri quali Masaki Iwana, Akira Kasai, Akaji Maro, Tadashi Endo, Ko Murobushi, Joko Muronoi, Hisako Horikawa, Toru Iwashita, Daisuke Yoshimoto, Atsushi Takenouchi, Kohshou Nanami. Con i suoi lavori è ospite del Romaeuropa Festival, Fabbrica Europa, La Biennale di Venezia. Collabora nel 2010 con Massimiliano Civica per lo spettacolo “Il sogno della notte dell’estate”, danza nello spettacolo “Tutto per bene”

di Luigi Pirandello con la regia di Gabriele Lavia al Teatro Argentina di Roma, e da quest’anno per l’Accademia Filarmonica Romana progetterà e realizzerà gli spettacoli di danza della prestigiosa istituzione romana. Con il sostegno a questa artista il Teatro Stabile dell’Umbria prosegue la collaborazione con le strutture culturali della regione che lavorano nel settore della contemporaneità. E’ questo il caso dell’Associazione ALEF diretta dalla coreografa Rossella Fiumi che ha fatto di uno splendido edi�cio di Orvieto, Palazzo Caravajal Simoncelli, un luogo di incontro, scambio, didattica. Scambio e didattica che af�ancheranno la performance di Alessandra Cristiani con una master class “La Danza del Corpo” tenuta il 18 febbraio e un incontro/ aperitivo con la coreografa subito dopo lo spettacolo di domenica. Alessandra Cristiani è danzatrice del gesto signi�cante, della

Lucia Custodi e il suo ultimo libro ‘Il giardino di Lucy’

U

n racconto inedito scritto con cuore di donna. Una lettura che piacevolmente scorre, si ripiega a scandagliare profonde ri�essioni, poi riparte con un linguaggio vivido, fresco e contemporaneo. Una dopo l’altra si snodano le avventure del quotidiano, quel quotidiano che appartiene a tutti. Uno dopo l’altro l’autrice passa in rassegna i sentimenti nella loro mutevolezza, si colorano, perdono di tono, si rincorrono e comunque ci collegano alle persone che ci stanno vicino. Questo è “Il giardino di Lucy”, un’elegante raccolta di pensieri,

ricordi, esperienze, dubbi, certezze e curiosità per iniziare a vedere la quotidianità, ogni piccolo gesto della quotidianità, sotto un’altra luce. Scritto da Lucia Custodi, nata ad Orvieto, biologa, la quale ha sempre indagato la natura secondo un particolare punto di vista: quello della chimica, una disciplina scienti�ca che studia i fenomeni naturali, interessandosi della composizione e delle trasformazioni della materia. Da allora sono passati molti anni e oltre a “professare” le ossido-riduzioni in vari licei nella sua fondamentale attività di insegnante, si è interessata ad altro. Ha pubblicato altri otto libri dall’85 ad oggi, ha deciso di farsi conoscere su temi diversi come l’amore per la sua città, pubblicando un libro di toponomastica e informazioni storiche come in Orvieto Ritrovata (2007), o, lasciando il rigore scienti�co costruisce un peculiare itinerario autobiogra�co, aprendo il suo cuore con un occhio al presente e l’altro al passato per dirci: “... adesso e non domani... potreste non avermi conosciuta!” ed è per questo che oggi pubblica Il giardino di Lucy.

delicatezza formale che addolcisce in una �uida lentezza di movimenti, accoglie dentro di sé, sul suo corpo fatto metafora e luogo d’incontro fra gli occhi e la percezione. Langelo ha una sola ala, bianca, il corpo dipinto cerca un volo che non potrà, calpesta un fruscio di foglie secche e ancora la terra, le dice il suo destino; è angelo che cade, mentre prova ad alzarsi, è un angelo che cerca di tradire la terra ma il volo l’esclude, �nché cadranno i suoi capelli, rossi, a perdere parte di sé e al terreno mescolarsi.

Alessandra Cristiani profonda conoscitrice della danza contemponanea

Ricco febbraio di appuntamenti culturali presso la Nuova Biblioteca Pubblica ‘Luigi Fiumi’

Mercoledì, ‘Creatività e attraversamento dei confini’

A

lla Nuova Biblioteca Pubblica “Luigi Fumi” l’articolato programma di appuntamenti culturali e musicali prosegue. Mercoledì 22 febbraio ore 16 presso la Sala Accoglienza si terrà l’incontro con Luca Umena su “Creatività e attraversamento dei con�ni”. Insegnante di Matematica e Fisica al Liceo Classico di Orvieto

Luca Umena presenta una relazione che trae spunto da una sua recente conferenza al Festival Internazionale della Scienza di Genova. “In una pagina del suo diario William Blake aveva scritto: “I savi vedono i contorni e perciò li disegnano.” Verità persino banale nella sua evidenza... Le cose, siano esse materiali o immateriali, oggetti o idee, hanno sempre dei contorni, dei con�ni che le separano l’una dall’altra e permettono di distinguerle. La ragione umana si apre e funziona quando instaura le differenze, quando decide che questo non è quello e che una cosa non è il suo contrario. Alla base di ogni forma di rigore e di pensiero critico si trova sempre questa capacità di dividere e differenziare (non per nulla criticare viene da krinò che signi�ca appunto distinguere, separare, differenziare). E Blake, che era un incisore, questo ovviamente lo sapeva bene. Sapeva bene quanto fosse importante tracciare solchi e linee di separazione. Blake però era anche un poeta e un pittore, e soprattutto era un mistico (e come tutti i mistici aveva una visione un po’ “sfocata” della realtà). Così non

deve sorprendere se in un’altra pagina del suo diario si trova scritto: “I pazzi vedono i contorni e perciò li disegnano.” Affermazione completamente opposta alla precedente, più oscura e sotterranea, ma non per questo meno vera. Perché se è vero che le cose hanno contorni e sarebbe irragionevole non vederli, è altrettanto vero che esse non li hanno, ed è da pazzi disegnarli... Perché i contorni che tracciamo, se ci sono, non sono così certi e de�niti come ci piace immaginare. Perché la loro linea serve non solo a distinguere e separare, ma anche a unire e collegare, e consente non solo di segnalare differenze e variazioni, ma anche connessioni e analogie ... E allora non è solo da savi vedere i contorni e cercare di tracciarli, ma, come suggerisce Blake nel suo aforisma, è anche da pazzi”. Prosegue anche il programma di ascolti guidati in Sala Eufonica dedicato a generi, stili, �gure, suggestioni e commistioni della musica contemporanea e realizzato dalla Biblioteca Comunale in collaborazione con Radiorvietoweb. Un percorso a tappe, dal rock al jazz, dalla canzone d’autore all’indie e al pop, con approfondimenti e “note” a cura di alcuni appassionati cultori.


speciale sanremo

& Domenica 19 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

17

Dalle incursioni milionarie di Celentano alle canzoni dei protagonisti

Il rito si è concluso, cosa resterà del Festival di PIETRO BEVILACQUA

Incontro con Alessandro Casillo

I

l rito si è concluso, “Ite missa est”. Un festival contrassegnato, nel bene (poco) o nel male (tanto) dalle due incursioni milionarie di Adriano Celentano. Purtroppo, la musica è passata in secondo piano, e le polemiche hanno preso il sopravvento. Noi andremo controcorrente, parliamo di canzoni. Le dieci rimaste in gara. Si, lasciamoci dietro le spalle le polemiche: continuare a parlare di Celentano che ha chiuso con un sermone sull’amore, veramente credo che interessi a pochi. Noi parliamo di musica, anche se sono poche le canzoni che rimarranno nelle orecchie di chi ha resistito alle cinque giornate di Sanremo. Le radio stanno già sancendo le loro preferenze. Noemi è in testa alle preferenze degli ascoltatori radiofonici, la sua “Sono solo parole” piace, e le radio la stanno premiando. Così come “Non è l’inferno”, la canzone graf�ante scritta da Kekko dei Modà, magistralmente interpretata da Emma che già da alcune settimane troneggia nelle copertine di alcuni settimanali. “La tua bellezza”, cantata da Francesco Renga è stata giudicata dalla critica come la più bella

canzone del Festival. Sicuramente il popolo delle radio sarà invaso dalle note di “Respirare”, il brano prima eliminato e poi ripescato a furor di popolo, cantato dalla coppia Gigi D’Alessio e Loredana Bertè. Stessa cosa per la canzone “Nanì” di Pierdavide Carone e

A

Noemi è in cima alle preferenze degli ascoltatori radiofonici Lucio Dalla, anche se brani con tematiche così particolari non è che di solito fanno tanta strada. In�ne Arisa, la Rosalba Pippa con la canzone “La notte”. Una canzone struggente, scritta dal suo ex compagno Giuseppe Anastasi, forse autobiogra�ca per tutti e due, interpretata in modo magistrale da una cantante con una voce semplice e pulita che sa arrivare al cuore. Tra l’altro sul palco insieme a lei nella serata di venerdì, c’era una cara conoscenza dei viterbesi, Giuseppe Barbera. Insegnante di composizione al CET la scuola di Mogol. Molti ragazzi viterbesi sono passati dai suoi insegnamenti. Nina Zilli è un interrogativo

che si sono posti molti fans. La simil Vixen, pronta ad indossare vestiti improbabili, con gonne cortissime abinate a tacchi vertiginosi. La canzone “Per sempre”, proposta dalla coprotagonista dello show di Panariello, che andrà in onda prossimamente su canale 5, è apprezzatissima dagli italiani, basta dare un’occhiata si ITunes per vedere che Nina è vendutissima. Anche se, come dice il direttore della Universal, una delle più importanti Major discogra�che, quello che fa fatturato e permette all’industria discogra�ca di sopravvivere, sono le vendite degli album nei negozi speci�ci. The game is over. Giochi �niti, certo. Però qualche ri�essione possiamo permettercela o no? Un festival che si chiude con un tale trionfo di ascolti dovrebbe far presagire un altrettanto roseo futuro, invece sarà molto dura.

Ancora una volta tutto si gioca n una settimana, con la classica indigestione canora. Ora, già da domani, l’industria discogra�ca tornerà a piangere, la televisione continuerà a dire che la musica nel piccolo schermo non funziona (eccezion fatta per i talent show, ma anche qui ci sono problemi), per non parlare degli investimenti e delle istituzioni che continuano a tacere. Sanremo funziona nell’evento e non nella serialità, inutile sperare di spalmare il can can mediatico in altri momenti dell’anno e con un album delle �gurine diverso da quello a disposizione. La sua forza è proprio questa e pur essendo una �lodrammatica del mondo dello spettacolo detesta tour e repliche. E’ proprio per questo motivo che il Festival di Sanremo sopravviverà a tutti noi.

Al fianco di Arisa una vecchia conoscenza viterbese Giuseppe Barbera

lessandro Casillo è il vincitore dei Giovani di Sanremo Social con il brano “E vero”. Sicuramente la fama televisiva ha giocato in suo favore. Un piccolo portafortuna, un rosario regalato da Suor Argia, gli ha fruttato la vittoria, complice il successo alla trasmissione di Canale 5 Io canto. Accompagnato da mamma infermiera e papa chef, un po intimidito si è raccontato: “Sono abituato a vedere le ragazze che urlano, ieri sera avere davanti a me dei signori anziani che si alzavano e mi battevano le mani, mi ha commosso’’. Così spiega le lacrime subito dopo l’esibizione. Credi di essere stato avvantaggiato dal successo di Io Canto? “Ho avuto la possibilità di farmi conoscere prima di venire qui. Poi abbiamo saputo che potevamo inviare il video su Facebook, l’abbiamo fatto, ci abbiamo provato. Siamo stati fortunati. Io qui volevo solo salire sul palco e fare bella �gura’’. Chi è Alessandro Casillo? “Faccio una vita normale, come tutti ragazzi della mia età. Finora ho dovuto mantenere un’immagine, molti mi seguono per quello. Sinceramente non ho mai pensato a Sanremo come a una gara dove devi vincere. Volevo fare una bella esperienza. Sono entrato e mi sono divertito. Ora spero di continuare a fare musica, vorrei scrivere an-

ch’io qualche testo. Sono felice, per me è già una vittoria aver fatto tutto questo in così poco tempo’’. Sul palco ti abbiamo visto a tuo agio? “Avevo una grande responsabilità, ho dovuto dimostrare di saper mantenere il palco. Nella prima performance sono partito così così, per l’emozione’’. Ci racconti il tuo Sanremo? “E’ stata un’esperienza molto diversa’ da “Io canto”: ho avuto l’occasione di conoscere bene i miei coetanei, eravamo una grande famiglia. Qui c’è molta più tensione, agitazione. Il palco è qualcosa di molto importante, mette molta ansia, molto terrore’. Per l’impegno sanremese ha dovuto mettere un pò da parte la scuola, ma i professori mi sostengono, non posso fare altro che ringraziarli. Ora però dovrò recuperare con la scuola’’, (frequenta la seconda superiore di un istituto tecnico di Milano ndr). A chi dedica questa vittoria? “La dedico a Gerry Scotti (che ha commentato al telefono “ha vinto tutto il lavoro e l’amore che ci mettiamo noi. E il rispetto che abbiamo per i nostri ragazzi ndr), al regista Roberto Cenci, ai miei genitori e agli amici”. Ma non ha potuto leggere i messaggi con i complimenti: “Ieri ho perso il cellulare’’.

Negli anni ‘50 papillon e vestiti lunghi, poi trasparenze, kitsch, casual e jeans

Cambiano i tempi, cambia pure la moda S

anremo cambia con i tempi come è giusto che sia, una volta portare il jeans a Sanremo era impensabile e improponibile, come del resto le scollature troppo osé, o i look casual e men che meno la minigonna o il nude look… oggi invece sul palco si vede di tutto a volte anche troppo. Negli anni ’50 nasceva il Festival di Sanremo, uomini rigoro-

samente con papillon e le signore in lungo, una moda impeccabile e rigorosissima, un modo di tornare a sognare dopo i lutti della guerra, un esempio su tutti, ecco Tonina Torrielli, che lavorava in una fabbrica di caramelle e che nelle serate del festival indossava abiti sontuosi, come pure il mito Nilla Pizzi principesca e altera ma con una voce calda, chiara, sensuale. Negli anni ’60 serpeggiano venti “rivoluzionari” e anche sul palco si cerca la provocazione, una moda meno ingessata, Sandie Shaw canta addirittura scalza, Petula Clark osa una trasparenza castissima e il motto è “vietato

vietare”. Anche gli uomini abbandonano lo smoking e si vestono casual, le band poi sono l’apoteosi del kitsch e Bobby Solo usa un trucco a dir poco imbarazzante, con mascara e matita. Caterina Caselli con il suo manifesto: “Nessuno mi può giudicare” è la portabandiera di una generazione, Patty Pravo iper femminile gioca con l’ambiguità e fa il verso a David Bowie . Negli anni ’70 Sanremo viene contestato, addirittura alcune edizioni non vanno in onda, sembra il declino, Orietta Berti viene bersagliata di critiche per un abito che assomiglia ad un’autostrada, Loredana Bertè è più selvaggia che mai. Marcella Bella ha un look da educanda e Nada esile ragazza con vocione porta le famose maniche a campana. Anni ’80 a Patsy Kensit cade la spallina e c’è un capezzolo che oc-

chieggia, scandalo… ma la cosa fu accidentale, oggi le mutande sono un optional. Questi anni però rappresentano l’esplosione delle griffe a livello mondiale, ormai tutti i cantanti calcano il palco di Sanremo griffatissimi, conduttori e “vallette” compresi. Sanremo risorge e con più vigore di prima, ci vuole il tanga di Anna Oxa in Gucci a far gridare allo scandalo e la stura a mille polemiche. In contrapposizione ecco l’eleganza perfetta di Mia Martini in un abito Armani che è rimasto negli annali di Sanremo. Le spalline sono esagerate il pancione della Bertè è un cult, e ormai si dice addio ad un diktat di eleganza tout court. Dagli anni ‘ 90 in poi, tutto è permesso, sul palco si vedono T-shirt e jeans stile mercatino rionale, abiti di grandi stilisti per

cui Sanremo è una grande vetrina. Solo alcuni nomi:Gabriella Carlucci e Alba Parietti in Gattinoni, ed entrambi gli abiti sono attualissimi, altro che vintage. Una Lorella Cuccarini splendida in Valentino, Anna Oxa in un abito di lamé di Versace, Sabrina Ferilli in Dolce & Gabbana, stessa scelta diSimona Ventura, e una scatenatissima Tina Turner. Miu Miu invece è la scelta di Victoria Cabello , Valeria Marini vesteGianfranco Ferrè, la stessa scelta la farà Milva , Veronica Pivettielegantissima in Gai Mattiolo. Laetitia Casta invece sceglie Yves

Saint Laurent, Patty Pravo indossa Roberto Cavalli come anche Britney Spears, Armani veste inveceMichelle Hunziker, Gucci valorizza Giorgia, e Belen Rodriguez è inChristian Dior. Questi sono solo alcuni dei nomi che abbelliscono Sanremo, la lista è lunghissima e si rischia che diventi un’inutile elenco di nomi un pò sterile. In ogni caso dagli anni ’50 in poi Sanremo continua a farci sognare, e qualche volta a farci arrabbiare… perché Sanremo è Sanremo e noi stiamo uniti. P. B.


almanacco

18 NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

Viterbo & AltoLazio

Oggi al Cinema

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Fortunato 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE

21 Aprile - 20 Maggio TORO

Avete delle m a n s i o n i da svolgere in questa giornata e non le potrete, né dovrete, rimandare poichè è indispensabile per la vostra crescita personale farle ed adempierle da soli. Troppo comodo sarebbe lasciare che qualcun altro se ne occupi al vostro posto, anche perché la difficoltà si supererebbe grazie ad interventi fortuiti e fortunati!

In questa giornata non dovrete fare altro che osservare le persone che vi sono vicino e già in questo modo riuscirete perfettamente a capire cosa essi vogliano dirvi o cosa vogliono che voi facciate. Chiedervelo sarebbe troppo facile e non si otterrebbe lo stesso risultato nella crescita del rapporto se non si porranno un po’ di ostacoli sulla via verso la serenità!

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO

23 Luglio - 22 Agosto LEONE

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE

Nella giornata odiernatroverete qualche difficoltà nell’approccio con le persone che non avete mai visto prima d’ora poiché vi sentirete un tantino in imbarazzo. Questo è normale se dovete raccontare ad uno sconosciuto i vostri problemi o se comunque dovete parlare con loro di qualcosa di intimo, quindi non preoccupatevi poiché non siete voi gli anormali!

Le persone in questo periodo sembrano snobbarvi o addirittura ignorare le vostre richieste e questo vi da molto fastidio soprattutto in considerazione del fatto che non si possono rimandare taluni appuntamenti e che pertanto vi occorrono delle informazioni in modo chiaro e veloce. Forse non sempre si può pretendere dagli altri ma in queste occasioni si.

Non siete dei presenzialisti quindi in questa giornata non vi farà particolarmente piacere partecipare a degli eventi mondani. Tuttavia in queste occasioni noiose da un certo punto di vista, potreste trovare qualcuno che colpirà la vostra attenzione e che di certo non si lascerà sfuggire l’opportunità di conoscervi meglio!

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO

Avete proprio bisogno di r i p o s a r e in questa gior nata, quindi meno vi lascerete coinvolgere in progetti paralleli e meglio sarà per il vostro fisico. In caso contrario vi porterete gli strascichi del vostro colpo di testa per un po’ di tempo e non sarete in grado di essere presenti a numerosi appuntamenti galanti e mondani ai quali vi sarebbe piaciuto partecipare.

Ci sono delle p e r s o n e intorno a voi che non vi dicono in realtà che cosa pensano perché hanno paura della vostra reazione o che semplicemente vogliono assecondarvi per gentilezza. In entrambi i casi è comunque errato continuare a vostra volta a fare finta di nulla poiché state alimentando un rappor to falso e basato sulla menzogna.

In questa giornata le persone che incontrerete vi daranno sicuramente una mano a comprendere meglio le dinamiche che vi si presenteranno. Infatti non sempre sarete così immediati con le persone ed in particolare non sempre vi andrà di assecondare coloro che non saranno molto chiari nell’esporsi per una o l’altra idea in quanto vi suonerà strano.

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI

Le vostre promesse in questa g i o r n a t a saranno molto importanti per le persone che vi sono vicino e che hanno delle aspettative nei vostri confronti. Ovviamente non dovete mica fare finta di poter mantenere la vostra parola se non ci sono i presupposti, tuttavia basterà essere onesti per far comprendere agli altri la propria posizione.

FARMACIE (reperibilità)

Forse avete altri pensieri per la testa in questo periodo ma questo non vi esula dal prendere delle decisioni molto più coerenti di quelle che avete preso fino a questo momento. Infatti in ambito personale avete fatto numerose gaffe alle quali dovreste rimediare al più presto e che non dovreste prendere assolutamente come esempio per il futuro.

VITERBO

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI

In questa giornata se riuscirete a portare a termine un progetto di certo non potrete parlare di fortuna poiché non è la fortuna che vi ha assistito durante tutto il vostro percorso ma è stato il vostro impegno e la vostra dedizione. Per questa ragione qualsiasi successo odierno andrà attribuito esclusivamente alla vostra bravura!

Avete forse paura che q u a l c u n o possa alterare lo stato di quiete nel quale vi trovate ma sarete voi che finirete per alterarlo se preferirete stare rintanati in casa piuttosto che uscire fuori dal guscio e godervi tutto quello che è intorno a voi. Non potete mica continuare in questo modo se nessuno vi rimprovererà per il vostro metodo.

Domenica 19 Febbraio 2012

Cine Tuscia Village Multisala Località Pallone, Vitorchiano

Cinema Genio Via del Teatro Genio 16 Com’è Bello Far l’Amore Orario: 16,30-18,30-20,30-22,30 Cinema Trento Piazza del Santuario 51/A Paradiso Amaro Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Cinema Trieste Viale Trieste 30 Benvenuti al Nord Orario: 16,30 A.C.A.B. Orario: 18,30 - 20,30

In Time Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Com’è Bello Far l’Amore Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 War Horse Tutti i Giorni: 17,00-19,45-22,30 Paradiso Amaro Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 The Iron Lady Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Tre Uomini e Una Pecora Fer. e Pref.: 18,00 Fest.: 15,45 - 18,00 40 Carati Tutti i Giorni: 20,15 - 22,30

VETRALLA

Cinema Excelsior Via Cassia 277, Cura Hugo Cabret Orario: 15,30 Com’è Bello Far l’Amore Orario: 17,40 - 19,50 - 22,00

CASTIGLIONE IN TEV.

Cinema Tevere Via Orvietana A.C.A.B. Orario: 17,40 Com’è Bello Far l’Amore Orario: 15,30 - 21,30

TARQUINIA

Cinema Etrusco Multisala Via della caserma 32 War Horse Orario: 17,00 - 19,30 - 21,45 In Time Orario: 16,00 - 18,00 The Help Orario: 19,45 - 21,30 Com’è Bello Far l’Amore Orario: 17,30 - 19,30 Star Wars Orario: 21,30 Paradiso Amaro Orario: 16,00-18,00-20,00-22,00

CIVITA CASTELLANA Cinema Florida Via Del Forte, 26 Benvenuti al Nord Orario: 17,00 - 19,30

SORIANO NEL CIMINO Cinema Florida Piazza Marconi 12 Com’è Bello Far l’Amore Orario: 15,30-17,30-19,30-21,30

MONTEFIASCONE Multisala Gallery Via Cardinal Salotti, s.n.c. A.C.A.B. Orario: 17,30 - 20,00 - 22,00 In Time Orario: 17,30 - 20,00 - 22,00 Multisala Flavia Via della Croce, 1 Com’è Bello Far l’Amore Orario: 16,00-18,00-20,00-22,00 Millenium. Uomini Che Odiano le... Orario: 16,00 - 18,45 - 21,30

ORTE Cinema Alberini Via del Plebiscito, 10 A.C.A.B. Orario: 17,45 - 21,30

Inviate le Vostre Programmazioni a: redazione@opinioneviterbo.it

PREVISIONI METEOROLOGICHE

OGGI 19 FEBBRAIO

ACQUAPENDENTE Corso Taurelli Salimbeni, 1 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CASTIGLIONE IN TEVERINA Via Orvietana, 5 (08,30-13,00 e 16,00-19,00)

MONTEFIASCONE Via Cardinal Salotti, 48 (08,30-13,00 e 16,00-19,35)

TESSENNANO Via Umberto I, 19 (09,30-13,00 e 16,00-19,00)

BASSANO ROMANO Via Leonardo Da Vinci, 5 (09,00-13,00 e 16,30-19,30)

CIVITA CASTELLANA Via Di Corte, 3/5 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

NEPI Via Roma, 19 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

TUSCANIA Via Tarquinia, 53 (08,35-13,00 e 16,30-20,00)

BLERA Via Due Giugno, 3 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

CORCHIANO Via Civita Castella 11/13 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

ONANO Piazza Unberto I, 4 (08,30-13,00 e 16,15-19,30)

VALENTANO Piazza Cavour, 21 (08,30-13,00 e 16,00-19,00)

BOMARZO Piazza B. Buzzi, 6 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

FABRICA DI ROMA Via Roma, 79 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

ORTE Piazza Del Popolo, 15 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

VASANELLO Piazza Della Repubblica, 49/50 (09,30-13,00 e 16,30-20,00)

CAPRANICA SCALO Via Della Stazione, s.n.c. (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

GRADOLI Via Indipendenza, 15 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

RONCIGLIONE Corso Umberto, 33 (08,30-12,55 e 16,00-19,30)

VETRALLA - CURA DI V. Via Cassia, 38/A (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

CAPRAROLA Via F. Nicolai, 141 (09,00-13,00 e 16,00-20,00)

GRAFFIGNANO - SIPICCIANO Piazza Umberto I, 28 (09,00-13,00 e 16,30-19,30)

SORIANO NEL CIMINO Via Ernesto Monaci, 96 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

VITERBO Corso Italia, 37 (Diurna)

CASTEL SANT’ELIA Via Roma, 14 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

MONTALTO DI C. (MARINA) Via Del Palombaro, 11 (09,00-12,00 e 16,00-19,00)

TARQUINIA Via Aldo Moro, s.n.c. (08,30-13,00 e 16,00-19,24)

VITERBO Via Castel Vetulonia, 20 (Notturna)

Domenica 19 Febbraio

Lunedì 20 Febbraio

Le regioni centrali tirreniche sono interessate da deboli e umide correnti mediterranee pilotate da una saccatura atlantica in ingresso che determina una giornata molto nuvolosa con deboli piogge intermittenti, più probabili su alta Toscana, Lazio e zone prospicienti la dorsale ove localmente risulteranno persistenti seppure sempre deboli a tratti moderate sul basso Lazio. Nevicate solo sopra i 1200-1400m. Temperature in ulteriore aumento nei minimi, stabili nei massimi. Venti deboli tra SSE e SO con rinforzi sulle coste laziali, debole o moderato da SO in quota. Mari poco mossi, mossi al largo i bacini laziali.

Le centrali tirreniche rimangono interessate da una saccatura che stenta ad avanzare verso levante, anzi va spegnendosi sul Mediterraneo centrale. Ciò comporterà correnti di scirocco anche in quota con tempo debolmente piovoso e fenomeni sparsi, più persistenti su Umbria e Toscana. Nevicate da 1200-1400m, fino a 800m su dorsale tosco-emiliana. Temperature in lieve calo nei massimi in Toscana ed in montagna. Venti deboli o moderati sempre da SE sul Lazio, in rinforzo da NE in Toscana, da SSO a ESE in quota. Mari mossi, anche molto mossi al largo dell’alta Toscana.


SPORT

� � �

Domenica 19 Febbraio 2012

19

BASKET C

La Ilco Stella Azzurra di scena al Palamalè con il Marino Oggi alle 18 il ritorno in campo degli uomini di coach Orchi. Assente Zena

D

opo la pausa forzata causa maltempo, la ILCO Stella Azzurra ricomincia a fare sul serio. Oggi pomeriggio alle 18 al PalaMalè, per la settima giornata di ritorno del campionato DNC girone G, andrà in scena la gara delle grandi occasioni: prossimo avversario dei biancoblù sarà, infatti, quel Gruppo Amida Marino che nella scorsa stagione è stato �no alla �ne il principale avversario dei biancostellati nella corsa al salto di categoria. Ogni volta che le due compagini si trovano l’una di fronte all’altra la tensione agonistica è sempre alta, e anche in questa occasione l’incontro si preannuncia scoppiettante: all’andata alla squadra di coach Orlando Orchi è riuscito il “colpaccio” di espugnare Marino, ma adesso i biancoblu sono chiamati a ripetersi con una prestazione super sul parquet del PalaMalè. “Purtroppo siamo di nuovo alle prese con assenze importanti – commenta l’allenatore stellino, Orlando Orchi – e, nonostante la sosta, non tutti i giocatori infortunati sono riusciti a recuperare. Zena, infatti, non sarà della partita, mentre Toselli ci sarà ma par-

CALCIO A 5 C2 UMBRA - Tre punti d’oro per risalire

Con un super Bozzoni la Vigor stende il Calvi

C

tirà dalla panchina, perché rientra dopo tanto tempo e ha pure la febbre. L’ultima ‘tegola’ riguarda Pasqualini, che è convocato ma ha un problema al ginocchio e �no all’ultimo la sua presenza potrebbe essere in forse”. Contro Marino, dunque, ci vorrà uno sforzo doppio per i biancostellati. “E’ un periodaccio – continua coach Orchi -, tra infortuni, sosta e rinvii. Ricominciamo da una partita molto tosta e molto sentita, contro

una squadra ben attrezzata che tra i suoi giocatori conta anche l’ex di turno, Dario Lanfaloni, che sicuramente ci terrà a fare bella �gura sul campo dove ha giocato �no a poco tempo fa”. “E’ una s�da sicuramente dura – conclude –, soprattutto perché noi abbiamo qualche dif�coltà. Ma la nostra intenzione è quella di bissare il risultato positivo dell’andata e di offrire una bella prestazione al pubblico di casa. Ce la metteremo sicuramente

tutta”. Arbitrano l’incontro tra ILCO Stella Azzurra Viterbo e Gruppo Amida Marino Paolo Carotenuto di Scafati e Luca Pelliccia di Afragola. Palla a due alle 18 al PalaMalè. CONVOCATI - Michele Baliva, Matteo Pasquali, Angelo Toselli, Pierpaolo Pasqualini, Andrea Innocenti, Valerio Giganti, Simone Rogani, Andrea Cosentino, Gionata Bizzarri, Simone Cima.

ALCIO A 5 VIGOR 4 CALVI 3 Calcio a 5 Vigor: Gianni Tascini, Cica, Vitali, Buzzico, Cencini, Marziantonio, Pagnotta, Bozzoni, Pelosi, Banditelli, Fabio Tascini, Marconi. All: Fioravanti Calvi: Giacomini, Rocconi, Paci�ci, Fiorucci, Alessio Stentella, Brugnetta, Diego Stentella, De Carolis, Petrucci, Di Basilio, Proietti. All: Lanucara Arbitro: Cretaio di Orvieto Marcatori: 19° Fiorucci (Calvi), 20° Rocconi (Calvi), 30° Bozzoni (C/5 Vigor), 38° Bozzoni, (Vigor), 39° Pagnotta (Vigor), 40° Alessio Stentella (Calvi), 43° Bozzoni (Vigor) Note: Espulso al 31° Banditell (Vigor). Ammoniti 36° Fiorucci (Calvi), 60° Giacomini (Calvi) Nel venerdì che rati�ca per i viterbesi la conquista di tre punti dal peso speci�co pesantissimo in vista di una corsa salvezza comunque ancora complicata, partenza tutta cinismo ed ef�cacia degli umbri che concretizzano al massimo

tutto il poco creato nei primi venti minuti di gioco. Le azioni di Vitali e Buzzico che difettano solo in �nalizzazione, diventano esempio lampante di una squadra che almeno in casa è in grado con qualità di buttare il cosiddetto “cuore oltra l’ostacolo” e appropriarsi di una rete che all’ultimo giro d’orologio di prima frazione riapre la contesa. Ridotti in inferiorità numerica per l’espulsione di Banditelli (doppio giallo), gli aquesiani vacillano ma non crollano di fronte alle invenzioni di Diego Stentella e riescono a “girare la frittata match” con un �ash-gioco di un minuto griffato Bozzoni-Pagnotta. Se Alessio Stentella non ci stà e fa rialzare la testa agli ospiti con la marcatura del momentaneo pareggio, non è da meno Vitali che innesca Bozzoni per la rete della vittoria. Nel concitato �nale il “Fioravanti team” stringe i denti ma, soprattutto, dimostra di aver raggiunto un discreto livello di maturità tattica per portare a casa l’intera posta in palio.

CALCIO A 5 B/C2/D - - Ko per la Casaluna in Sardegna e per l’Active in casa contro l’Anguillara

Altri tre punti d’oro per la Fc Ronciglione 2003 N

otizie dal calcio a cinque di serie C2 laziale e serie D provinciale. C/5 SERIE B CASALUNA SCONFITTA Sardegna amara per la Casaluna Orte battuta per 4-2 nella non facile trasferta in Sardegna contro il Pro Capoterra. Un ko che lascia il team viterbese con 21 punti in classifica in piena zona retrocessione ma ci sono ancora i margini per poter recuperare. C/5 C2 LAZIALE KO L’ACTIVE Ripresa amara per l’Active che ieri pomeriggio ha perso in casa per 4-2 contro l’Anguillara. Un ko che fa il paio con quello del turno precedente, prima della sosta contro il San-

ta Marinella. Un periodo quindi del tutto negativo per i ragazzi di mister Salvicchi. C5 SERIE D PROVINCIALE RONCIGLIONE ANCORA UN SUCCESSO La prima giornata di ritorno del campionato di calcio a 5 maschile di serie D si è aperta con l’anticipo tra la rivelazione del t o r n e o , l ’ F. C . R o n c i g l i o n e 2003 e lo Sporting Vignanello. Partita sulla carta senza storia per le rispettive posizioni in classifica delle 2 compagini:l’F.C. in seconda posizione e invece lo Sporting in terzultima posizione con appena 7 punti. Tuttavia con i giovanissimi ronciglionesi non si può mai dire come possa andare a finire e così una partita alla portata diventa

per i padroni di casa un vero e proprio incubo. Il risultato finale vede l’F.C. prevalere all’ultimo respiro contro uno Sporting che più volte ha accarezzato il sogno del colpaccio,con un appassionante e tirato 6 a 5. Il primo tempo è a senso unico:l’F.C. attacca e il Vignanello si difende come può. Si contano almeno 10 parate del portiere avversario e 2 reti per ilRonciglione nel tabellino della gara:quelle del capitano Morandi e del numero 7 Campanari. Un 2 a 0 con cui si chiude la frazione di gioco e che prelude ad una goleada;e invece al rientro in campo per i locali si spegne la luce. Il Vignanello ci crede e riapre immediatamente il match,sfiorando

poi ripetutamente il goal del pareggio. Al 10’,l’F.C. riesce di nuovo ad allungare con un tiro di Galanti deviato da un avversario in fondo al sacco. Risultato al sicuro?? Nemmeno per sogno. Lo Sporting reagisce immediatamente ed al 16’ il risultato è incredibilmente capovolto:3 a 4. L’F.C. si riversa all’arrembaggio e riesce a pareggiare a 10 dalla fine con il bomber Fiorentini. Ai padroni di casa il pari non può bastare e così,riversandosi in avanti,a 4 minuti dalla fine è il Vignanello a riportarsi in vantaggio. Il mister locale Gianluca Cervigni tenta il tutto per tutto:mette il capitano Morandi come portiere di movimento per cercare di sfruttare la superiorità numerica e allo scadere del tempo regolamentare trova il pareggio

L’ottimo Luigi Galanti della Fc Ronciglione 2003 con un goal d’opportunismo del numero 8 Medde. L’arbitro concede 2 minuti di recupero:l’F.C. resta con il portiere di movimento. Gli ospiti tengono la palla lontana dall’aria propria di rigore,ma all’ultimo

respiro,il portiere di movimento Morandi esce in presa alta e si lancia da solo verso la porta avversaria scagliando un gran tiro che si insacca all’angolini basso per il definitivo 6 a 5.


Viterbo & Domenica 19 Febbraio 2012 AltoLazio

� �

sport

SPORT

20

CALCIO SERIE D

Viterbese di scena a Soriano con la Pontevecchio

Ieri nell’anticipo fondamentale successo dei civitonici al termine di un pirotecnico 4-3 di LEONARDO CUTIGNI

E

sono tre. L’anticipo della ventitreesima giornata tra Flaminia e Zagarolo è terminato con uno scintillante successo per gli uomini di Lillo Puccica. Tre punti di platino che allontanano la zona play out e consentono ai civitonici di agganciare in classifica i cugini della Viterbese a quota ventotto. Il successo è giunto al termine di una gara dal doppio volto con una prima frazione piena di emozioni conclusasi col vantaggio degli ospiti per

2-3. Nella ripresa invece la Flaminia ha cambiato marcia martellando gli avversari sulle corsie laterali riuscendo così a ribaltare il risultato. In rete Teverna, Eramo, Scardini, Cini Civitacastellana Flaminia: Russo, Simmi, Gilardi, D’Antoni, Eramo, Piva, Pieri, Buono, Scardini, Capodaglio, Taverna All: Puccica Zagarolo: Schiavella, Traditi, Romaggioli, Ancona, Cadeddu, Campana, La Rosa, Bisogno, Di Giovanni, Mezzana, Carlini All: Negro

SERIE D GIRONE E - 23ª GIORNATA DERUTA - TRESTINA

1-1

FLAMINIA CIVITA CASTELLANA - ZAGAROLO

4-3

GROUP CITTA’ DI CASTELLO - SPORTING TERNI

1-2

PIANESE - ATLETICO AREZZO

14,30

PONTEDERA - CASTEL RIGONE

14,30

SANSEPOLCRO - TODI

14,30

SANSOVINO - PIERANTONIO

14,30

VITERBESE - PONTEVECCHIO

14,30

VOLUNTAS - SPOLETO - ORVIETANA

14,30

Qui Viterbese: Oggi alle ore 14,15 continua il grande pomeriggio sportivo con Radio Verde (91.3 - 103.9 F.M.) dove torna puntuale l’appuntamento con la trasmissione “Radio Verde Sport”, nel corso della quale in collegamento con lo stadio comunale di Soriano nel Cimino verrà trasmessa in diretta con inizio alle 14,25 la radiocronaca dell’incontro Viterbese – Pontevecchio.

Conduce in studio Luca Tofani. La radiocronaca è invece affidata all’inviato Claudio Petricca che al termine dell’incontro raccoglierà i commenti a caldo dei protagonisti. Per lo spazio dedicato ai commenti del dopo gara anche questa volta interverranno giornalisti delle varie testate locali e nazionali, addetti ai lavori, ex gialloblù, personalità politiche e sociali di Viterbo e

Provincia. La sfida invece sarà diretta dal signor Gianni Corona di Oristano coadiuvato da Massimo Manzolillo di Sala Consilina ed Ruben Angotti di Lamezia Terme. Per i gialloblu di Alessandro Conticchio è l’occasione di ritorvare confidenza con la vittoria e di sorpassare i diretti avversari. Sciolti i residui dubbi nel corso dell’allenamento di rifinitura ecco l’undici che scenderà in campo: Scarsella, Vanacore, Cherubini, Lispi, Fapperdue, Cristiano, Franzese, Piccolo, Di Marco, Majella, Vegnaduzzo. A disposizione del tecnico cellenese: Santi, Morini, Mereu, Storani, Zagarella, Barra, Pieri. A guidare il Pontevecchio ci sarà l’ex capitano viterbese, Omar Martinetti. Ecco la probabile formazione degli ospiti: Scarabattola, Morucci, Pencelli, Cottini, Bertolini, Cicchi, Esposito, Gramaccia, Filosi, Martinetti, Urbanelli.

SERIE D - GIRONE E PONTEDERA

46

AREZZO

42

SPORTING TERNI *

37

PIANESE

33

CASTEL RIGONE

33

DERUTA

31

PONTEVECCHIO

30

SPOLETO

29

VITERBESE

28

FLAMINIA C.

28

PIERANTONIO.

26

TRESTINA

26

ORVIETANA

25

SANSOVINO *

25

SANSEPOLCRO

22

G.C.CASTELLO

22

TODI

20

ZAGAROLO

16

* UNA PARTITA IN PIU’

Questo l’undici scelto dal tecnico Marco Pedetta che proverà a riscattarsi dopo le due sconfitte consecutive delle ultime apparizioni.

ECCELLENZA E PROMOZIONE Per il Montefiascone dura trasferta con l’Albalonga

La Caninese chiede strada a La Storta

C

on l’unico rinvio certi�cato tra Canepina - Vigor Acquapendente, riparte �nalmente la corsa al titolo di promozione. Si riparte da zero con due settimane di sosta che potrebbero lasciare strascichi pesanti sulle gambe dei calciatori e far emergere qualche risultato a sorpresa, soprattutto per le società di vertice nei confronti delle formazioni immischiate nella lotta per non retrocedere. Il Pianoscarano andrà a

saggiare la propria condizione contro il Santa Marinella. Per mister Baggiani tutti a disposizione con il solo dubbio su chi far scendere in campo dal 1’. Per gli avversari formazione tipo ad eccezione degli squali�cati Gallinari e Murgante. La Caninese di mister Sperduti (nella foto) tenterà di ridurre il distacco dal vertice contro il La Storta. Da veri�care la tenuta difensiva, migliore del torneo e

ECCELLENZA GIRONE A - 22ª GIORNATA

In Umbria l’Ortana ospita al Filesi la Castiglionese

chiedere il cambio di sede. La s�da con il Città di Cerveteri si terrà quindi al Raparelli di Vetralla. Per il tecnico Mariani pochi dubbi sull’undici titolare, servirà solo la voglia di vincere e provare a rattoppare una stagione �n qui assai deludente.

imbattuta negli impegni casalinghi da quattro turni, che prima della sosta ha consentito alla formazione maremmana di raggranellare punti pesanti, soprattutto in casa. In attacco spazio alla coppia Feola - Paoloni. L’Ischia di Castro è chiamata a fare risultato nella trasferta di Anguillara, che a causa delle condizioni del terreno del proprio impianto, ha ottuneto il cambio di sede in quel di Montespaccato. Stesso discorso per la Foglianese che a causa dell’abbondante nevicata caduta sul San Paolo è stata costretta a

PROMOZIONE UMBRA Dopo le due settimane di stop per la neve torna a giocarsi la Promozione Umbra con l’Ortana di mister Paolo Livi impegnata tra le mura amiche del Gildo Filesi contro la Castiglionese. Uno scontro diretto di assoluta importanza in chiave salvezza per gli ortani che attualmente sono ultimi e staccati di 4 lunghezze proprio dagli umbri. Una vittoria quindi rilancerebbe prepotentemente la formazione biancorossa in ottica play-out, ipotesi questa che al momento è l’obiettivo

PROMOZIONE GIRONE A - 22ª GIORNATA

ALBALONGA - MONTEFIASCONE

11,00

ANGUILLARA - ISCHIA DI CASTRO

15,00

CORNETO - VILLANOVA

11,00

CANEPINA - VIGOR ACQUAPENDENTE

rinviata

DIANA NEMI - FIUMICINO

15,00

CANINESE - LA STORTA

11,00

GIADA MACCARESE - PISONIANO

11,00

FOGLIANESE - CERVETERI

11,00

GUIDONIA MONTECELIO - SP. REAL POMEZIA

11,00

FOCENE - BRACCIANO

11,00

LA SABINA - LADISPOLI

11,00

FUTBOLCLUB - GRIFONE MONTEVERDE

11,00

OSTIA MARE - RIETI

11,00

OLIMPIA - CASALOTTI

11,00

REAL MONTEROSI - CECCHINA

11,00

S.MARINELLA - PIANOSCARANO

11,00

TOR SAPIENZA - FONTENUOVESE

11,00

TOLFA - FREGENE

15,00

ECCELLENZA - GIRONE A

PROMOZIONE GIRONE A

PISONIANO

45

GRIFONE MONTEVERDE

42

OSTIA MARE

44

V. ACQUAPENDENTE

41

RIETI

36

FREGENE

39

ALBALONGA

35

CANINESE

38

VILLANOVA

32

PIANOSCARANO

38

TOR SAPPINZA

31

ISCHIA DI CASTRO

35

REAL POMEZIA

31

FOCENE

32

MONTEFIASCONE

30

CASALOTTI

30

CECCHINA

30

LA STORTA

29

REAL MONTEROSI

28

OLIMPIA

28

FONTENUOVESE

27

BRACCIANO

27

LADISPOLI

27

FUTBOLCLUB

27

CORNETO TARQUINIA

25

SANTA MARINELLA

26

FIUMICINO

24

ANGUILLARA

25

GUIDONIA

21

TOLFA

25

DIANA NEMI

21

CERVETERI

21

MACCARESE

16

FOGLIANESE

12

LA SABINA

10

CANEPINA

8

primario del sodalizio viterbese. ASSENZE PESANTINonostante i quindici giorni senza calcio nessun recupero importante per l’Ortana che scenderà nuovamente in campo senza il proprio leader difensivo Daniele Mancini e senza il proprio capitano Stefano Orazi entrambi ancora alle prese con degli infortuni muscolari. PRE PARTITA- A caricare l’ambiente è il centrocampista Leonardo Piciucchi: “E’ la partita più

importante di questa stagione, almeno �no a questo momento, e dobbiamo fare di tutto per vincerla. La pausa non so se avrà fatto bene o male alla squadra ma questa partita non concede errori, dobbiamo andare in campo cattivi, dobbiamo essere 18 guerrieri pronti a tutto per conquistare i tre punti. Sono convinto che faremo bene e che, sospinti dal bomber Sciommeri, riusciremo a rilanciarsi per la salvezza


� �

sport

SPORT

& Domenica 19 Febbraio 2012 Viterbo AltoLazio

21

FOTO RICORDO

L’ album di Flaminia-Zagarolo (4-3) Nelle immagini di Andrea Di Palermo il prezioso successo del team di Puccica

I saluti iniziali prima della sfida

L’esultanza di Taverna

Mister Puccica soddisfatto

La prima rete della Flaminia

Eramo autore del secondo gol dei rossoblu

Una sicura parata di Russo La terza rete della Flaminia

Il secondo gol dello Zagarolo

Il secondo rigore dello Zagarolo, parato!!!

La prima rete degli ospiti


� �

sport

SPORT

22

Viterbo & Domenica 19 Febbraio 2012 AltoLazio

NUOTO

Le belle immagini dalla Coppa Carnevale

Oggi presso la piscina Comunale ultimo giorno dell’evento organizzato dalla Larus

U

na grandissima festa del nuoto quella fortemente voluta dalla Larus Nuoto Viterbo e che ha finito per vedere tutti gli appassionati di questa disciplina, prendere d’assalto la piscina Comunale di Viterbo per seguire le gesta dei partecipanti alla Coppa di Carnevale. Nelle prossime edizioni altri numeri e servizi sulla manifestazione che sta riscuotendo un gra nde successo e che oggi vedrà il suo atto finale. Intanto in questa pagina ecco una carrellata di immagini su alcuni momenti relativi alla giornata in cui c’è stato l’esordio delle gare. Un plauso alla società della Larus Nuoto per la capacità con la quale ha saputo organizzare questo evento con la partecipazione di migliaia di atleti provenienti da ogni parte d’Italia. Una manifestazione che ha fatto anche da importante veicolo pubblicitario per la Città dei Papi e per il comprensorio.


sport

SPORT

Viterbo & AltoLazio

Domenica 19 Febbraio 2012

23

LA STORIA

E’ un presidente Zarelli da 10 e lode Il presidente del Comitato Regionale festeggia i dieci anni di presidenza con ottimi risultati

P

er celebrare i 10 anni da presidente, pubblichiamo l’intervista rilasciata da Melchiorre Zarelli a Calcio Illustrato, la rivista uf�ciale della Lega Nazionale Dilettanti. Ci sono traguardi, nella vita di ogni persona, che lasciano davvero il segno, che consentono di superare il sottile �lo che separa l’ordinario dallo straordinario. Quello raggiunto dal presidente del Comitato Regionale Lazio, Melchiorre Zarelli, è sicuramente uno di quei traguardi che vanno ricordati, che vanno celebrati. Dieci anni ininterrotti di presidenza costituiscono, infatti, un punto d’arrivo importante. Ma anche un punto di partenza per altri lidi, altri traguardi da raggiungere. Zarelli, uomo di profonda formazione cattolica, in questo 2012 entra nel “gotha” del calcio laziale, e diventa il terzo presidente della centenaria storia ad avere una carriera dirigenziale così longeva che, legata anche ai 10 anni trascorsi come segretario, ne fanno uno deigli uomini più radicati nel movimento calcistico federale del Lazio. Presidente, sono passati dieci anni da quel 22 febbraio 2002,

quando fu eletto per acclamazione dall’assemblea delle società del Lazio.“Un tempo lungo, che è volato prima di quanto immaginassi. Sembra ieri quando ricevetti l’abbraccio del presidente Tavecchio subito dopo la mia elezione. Un’emozione che ancor oggi ricordo benissimo, ma che ho subito messo da parte, com’è nel mio carattere”. E che ha dato il via a un percorso importantissimo nella storia del calcio laziale. “E’ vero, la mia presidenza è coincisa con alcuni passaggi fondamentali nel lunghissimo percorso del nostro calcio. Ho avuto la fortuna di celebrare i 100 anni di vita del Comitato, e da sola questa ricorrenza potrebbe bastare a segnare la mia presidenza”. Invece, ci sono tantissimi altri momenti che hanno caratterizzato i suoi primi dieci anni. “Già, ma ricordarli tutti diventerebbe dif�cile. Anche perché il mio percorso nel Comitato Regionale è infatti iniziato molto prima che diventassi presidente. Ha preso il via con il compianto Antonio Sbardella, al quale sono stato al �anco per dieci anni come segretario.” Restiamo aI dieci anni della sua presidenza. Ricchi di soddisfazioni, ma anche con qualche momento dif�cile. “E come potrebbe essere altrimenti. Siamo persone, non macchine, e questo signi�ca che

la nostra vita non può essere piani�cata. Qualche intoppo c’è sempre”. L’intoppo, come lo chiama lei, risale alla prima metà del 2007. “L’anno più dif�cile della mia presidenza, ma anche il più bello al tempo stesso. La vicenda Lupa Frascati ha segnato molti mesi di quell’anno, ma la sentenza �nale della Corte di Giustizia Federale, che mi assolse da ogni addebito di irregolarità nell’iscrizione del club al campionato, è stata la gioia più grande”. Che forse ha spazzato via amarezza e voglia di mandare tutto al diavolo. “L’amarezza sicuramente, la voglia di mollare no, quella non c’è mai stata. Ho trascorso parecchie notti senza dormire, non pensavo possibile vivere quella vicenda, la trovavo incredibile. E’ stato grazie all’aiuto della mia famiglia e al sostegno dei consiglieri del Direttivo, che mi scrissero una bellissima lettera di stima che ancora oggi conservo, trovai subito la forza per reagire.” Veniamo al calcio giocato. Il Lazio in 10 anni di presidenza Zarelli ha organizzato tre volte il Torneo

delle Regioni… “Un altro grande attestato di stima, che il presidente Tavecchio ha voluto farci. Evidentemente, siamo sempre riusciti a proporci come interlocutori seri e af�dabili. Soprattutto l’ultima edizione del Torneo delle Regioni ci ha dato una grandissima soddisfazione. E il merito è di tutti i nostri collaboratori, che in quei pochi ma intensi giorni hanno dato il massimo”. Anche con le istituzioni è stato instaurato un ottimo rapporto con il Cr Lazio. “Certamente. E’ un ulteriore segnale di come il nostro Comitato riesca a interloquire con autorevolezza anche con Comune, Provincia e Regione, che lavorano capillarmente sul territorio e a contatto con la gente”. Veniamo al calcio giocato. Alle società lei ha dato parecchio, sul piano delle innovazioni. “E’ per via del mio carattere iperattivo, sempre proteso alla ricerca delle novità. Per natura sono curioso, e quindi mi spingo a cercare di cambiare le cose per migliorarle. Insieme al Consiglio Direttivo, in tutti questi anni il nostro intento è sempre stato quello di offrire nuove motivazioni, nuovi motivi di interesse”. A giudicare delle attenzioni che il calcio dilettantistico riscuote a Roma e nel Lazio, con tante tv, radio e siti internet che seguono giornalmente

Calcio Illustrato ha ripercorso le tappe della sua “carriera” l’attività, c’è proprio riuscito. “A facilitare le cose è sicuramente stata la grande evoluzione tecnologica, che favorisce la comunicazione; ma l’introduzione dei play-out, di format unici per tutti i campionati giovanili, la quali�cazione degli stessi campionati sono innovazioni che hanno ridato slancio a tutta l’attività”. Un riscontro viene da risultati conseguiti dalle squadre laziali in ambito nazionale. “Cinque titoli italiani vinti dalle nostre squadre nel campionato Juniores e i tre vinti nelle categorie Allievi e Giovanissimi sono il miglior riscontro al salto di qualità che è stato fatto. Erano tantissimi anni che il Lazio non otteneva risultati così prestigiosi”. Otto scudetti con le squadre di club e quattro con le Rappresentative Regionali… “Titoli portati in dote soprattutto dal calcio femminile e dal calcio a 5, due settori ai quali abbiamo dato attenzioni particolari con l’intento di farli crescere. In particolare nel calcio a 5 abbiamo puntato molto sui giovani. Siamo stati il primo Comitato in Italia a istituire un campionato Under 21 sia maschile che femminile. Due novità che hanno portato enormi bene�ci a tutto il movimento, al punto che oggi le squadre possono inserire quattro under 21 nelle liste gara del campionato di C1”. A proposito di giovani, il Lazio è sempre più verde “E’ la nostra �loso�a: dare spazio ai ragazzi, vogliamo offrire loro l’opportunità di giocare. Non a caso, abbiamo portato a quattro il numero dei giovani in campo, rispetto ai tre previsti dalla Lega”. Anche il suo spirito di lavoro è molto “verde”. “Lo ripeto, è nel mio carattere. Che riconosco non essere facile. A volte vado così di corsa che in pochissimi riescono a starmi dietro, e questo un po’ mi dispiace. Anche se mi rendo conto che non sempre è possibile essere in sintonia con me, verso le società abbiamo il dovere di essere ef�cienti, reattivi e propositivi”. Dieci anni da presidente, ed ora? “Ora sono qui, a disposizione delle società. Io sono felice di poter essere utile a loro, e non pretendo di essere simpatico a tutti. Ma qui

nel Lazio, pur non essendo nato qui, mi sento a casa. Il calcio laziale è la mia famiglia, e anche se qualche sirena in passato ha cantato per me, non sono mai stato attirato da altre cariche”. Anche perché c’è ancora un progetto da portare a compimento… “Parla della nuova casa del calcio laziale. Un progetto che spero verrà realizzato nel giro di un paio di anni. Ecco, sarebbe davvero la ciliegina sulla mia torta di saluto, sempre che le società mi vogliano ancora qui per i prossimi quattro anni”. LA SCHEDA Nato a Bassano del Grappa, Zarelli è il ventesimo presidente del Comitato Regionale Lazio. Arbitro prima e dirigente di società dopo, si è formato come dirigente federale alle scuole di Filippo Jacinto e Al�o Branda. Esperienze fortissime, che hanno trasmesso al dirigente gran parte del suo conoscere federale. Zarelli è stato segretario del Comitato Interregionale proprio con Al�o Branda, mentre Pippo Jacinto lo ha voluto con se come collaboratore federale dopo la lunga e intesa attività arbitrale svolta sui campi del Lazio e non solo. Nel 1992 è diventato segretario del Comitato Regionale Lazio, voluto al suo �anco da Antonio Sbardella al momento dell’inizio del suo mandato di presidente del calcio laziale. Uomo di profonda fede cattolica, laureato e dal carattere forte, toccando i dieci anni è diventano uno dei presidenti più longevi della centenaria storia del calcio laziale. Soltanto Filippo Jacinto ha trascor-

so più anni consecutivi alla guida del Comitato (venti esatti), mentre Enrico Baldani e Antonio Sbardella hanno raggiunto i dieci anni di presidenza; il primo lo ha fatto in due periodi distinti, mentre il predecessore di Zarelli lo è stato per due mandati e mezzo consecutivi.

terrazza di Villa d’Este a Tivoli.

ZARELLI STAGIONE DOPO STAGIONE 2002 - Nell’estate del suo primo mandato Zarelli cambia sede al Comitato Regionale, trasferendolo in locali più ampi e funzionali e dove si trova ancora oggi. Per ricordare la �gura del suo predecessore, viene organzzato, a Fiumicino, il torneo internazione Antonio sbardella, a cui prende parte la Slovenia.

2006 - Per la prima volta la Rappresentativa Regionale Juniores del Lazio varca i con�ni italici e prende parte ad un torneo internazionale in Grecia. Scompare il vicepresidente Ruggero Lopopolo, e in sua memoria vie e istituito il torneo del Tirreno, riservato alle Rappresentative regionali di Prima e Seconda categoria.

2003 - Il Lazio, dopo diciotto anni, torna ad organizzare il Torneo delle Regioni a Fiuggi. E’ un grande successo organizzativo, oltre che uno sforzo che mette in risalto le capacità del Cr Lazio. Dopo 10 anni, poi, una squadra laziale (il Tor di Quinto) torna a vincere il titolo italiano nella categoria Juniores. 2004 - Nel mese di giugno vengono istituite per la prima volta le Benemerenze regionali, un riconoscimento che il presidente Zarelli vuole dare hai dirigenti di società più fedeli. Il primo appuntamento è nel castello di San Polo dei Cavalieri. Poi, le latre location scelte spaziano dall’Abbazia di San Nilo a Grottaferrata a Palazzo Chigi ad Ariccia, dalle Scuderie Aldobrandini a Frascati �no alla suggestiva

2005 - Varata la riforma del campionato Juniores, viene organizzato un grande meeting sui “valori dello sport” al Palaghiaccio di Marino, a cui prendono parte ben cinquemila ragazzi under 18. Nasce il Torneo Internazionale Roma Caput Mundi.

2007 - Il Lazio organizza per la seconda volta il Torneo delle Regioni (per la prima e unica volta articolato su due stagioni) e la Rappresentativa Regionale Femminile infrange un tabù, vincendo per la prima volta il titolo italiano. Vengono ampliati i gironi del campionato di Promozione, che passa dalle 16 squadre alle 18 per ogni raggruppamento. 2009 - Si celebrano i 100 anni del Comitato Regionale Lazio. Alla grande festa organizzata nell’Auditorium del Santuario del Divino Amore intervengono il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, e il presidente della Lega Dilettanti, Carlo Tavecchio. Viene lanciato l’esperimento del “calciatore arbitro”, ovvero dei giovani della categoria Juniores che vanno a dirigere gare dell’attività di base. 2010 - Il calcio laziale viene ricevuto, per la prima volta nella sua centenaria storia, dal papa in un’udienza pubblica. Emozione e commozione nella Sala Nervi, riempita con oltre duemila persone tra dirigenti, calciatori e allenatori delle squadre del Lazio. 2011- Per la terza volta in meno di dieci anni, al Lazio viene assegnata l’organizzazione del Torneo delle Regioni. E’ un’edizione speciale, che coincide con i 50 anni del torneo e per la prima volta tutte e sei le categorie su cui si articola il torneo si ritrovano in un’unica sede. Viene scelta di nuovo Fiuggi, ed è un successo, di gioco, di colore e organizzativo.


��������������������������

������������������������������ ���������������� ��������������� �������������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������� �����������������������������������

��������������������������

������������������������������ ���������������� ����������������������� �������������������������������������������������������������������� ���������������������������������������������������������

����������������� �������������������������������� ���������������������������� ���������������������������������������� ��������������������������������� ������������������������������ ������������������������������������ �������������������������� ������������������������������ ������������������������������������

��������������������������������������� �������������������������������������� ������������������������������� �������������


L'Opinione di Viterbo - 19.02.2012