Page 1

AltoLazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

p

Viterbo & Lazio Nord Anno II N. 38 - Martedì 15 Febbraio 2011

Direttore Editoriale ARTURO DIACONALE

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

EDITORIALE

Salvate l’associazione Erinna! di Roberto POMI

S

empre in prima �la, come il soldato Ryan di Steven Spielberg, questa è l’associazione Erinna. Personalmente ho avuto l’occasione di conoscere da vicino le volontarie di questo gruppo. Tutte donne, come le Amazzoni. Sono stato anche accolto nella loro sede lungo Corso Italia, un luogo dove pochi uomini sono entrati. Dovevo intervistarle per un piccolo magazine locale. Rimasi colpito del fatto che in quella sede è custodito l’unico burqua che auspicabilmente si trova nella Tuscia. Il simbolo più forte dell’oppressione subita dalle donne, il nemico quotidiano da combattere. Ogni giorno in quella casa vengono accolte ragazze e mogli che non ce la fanno più. Picchiate dai mariti, controllate in ogni mossa, persino attraverso gli orari degli scontrini della spesa o altre follie simili. Ai deliri della mente umana non ci sono limiti. Donne che accolgono altre donne in dif�coltà questo è Erinna. Leggere che Palazzo Gentili non si sta comportando con cavalleria nei loro confronti ci lascia stupiti. Conosciamo troppo bene la sensibilità del presidente Marcello Meroi a simili tematiche e conosciamo da vicino la sua tempra di combattente contro le ingiustizie. Auspichiamo che quanto prima da via Saf� convochino queste ragazze per dare loro ascolto e sostegno economico vero e solido per l’importante ruolo sociale che ogni giorno svolgono in questa città e nella Tuscia in genere. Sostenere chi combatte in prima linea è il dovere della politica, Meroi assolva al suo compito.

In manette i rapinatori della Bnl di Viterbo M dI Luca APPIA

CRONACA

SPECIALE SANREMO

CIVITAVECCHIA

SPORT - CALCIO

Per l’arsenico è Anticipazioni Il sindaco a ‘gamba Viterbese “bluff” stato d’emergenza e curiosità tesa’ su Tidei Altro pareggiaccio Il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, interviene sul caso arsenico e dichiara lo stato d’emergenza nel Lazio. Ora Renata Polverini, nominata Commissario straordinario, dovrà gestire la cosa e lavorare con la protezione civile per garantire al più presto la �ne di questa situazione. servizio a pagina 3

Stasera parte il Festival più amato e criticato della canzone italiana. E’ andato a seguirlo per noi Pietro Bevilacqua. Seguiteci ogni giorno con le interviste dei protagonisti e le anticipazioni sulle serate. A tutti auguriamo buon Festival. servizio a pagina 7

Aumenta di intensità la polemica sull’utilizzo dello stadio Fattori da parte del Civitavecchia Calcio e delle altre società sportive. Il sindaco non gradisce le interferenze a mezzo stampa di Tidei ed altri noti personaggi del mondo pallonaro. Ed entra a gamba tesa.

Siamo alle solite in casa Viterbese. La trasferta di Budoni ha fruttato un solo punto. Abbiamo chiesto al giovane Mezzotero cosa manca a questa squadra ed il giovane classe ‘91 non si è tirato indietro. Nel girone E invece mister Rossi “benedice” l’arrivo della sosta...

di Pietro COZZOLINO

di Emanuele FARAGLIA

servizio a pagina 12

In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE DELLE LIBERTA’ a 1 euro

servizio a pagina 14

axioperazione congiunta fra i carabinieri di Viterbo, Grosseto, Reggio Calabria e Caserta per mettere le manette ai polsi di quattro persone. Secondo le lunghe e minuziose indagini dei militari i quattro sarebbero responsabili della rapina a mano armato avvenuta nel 2009 alla Bnl di Via Genova. Tre di questi, poi, sono anche implicati in un’altra rapina a un istituto di credito grossetano. L’arresto è avvenuto negli scorsi giorni dopo un’indagine che va avanti dal giorno in cui due di loro, gli esecutori materiale, entrarono dal retro della banca armati di pistole e portarono via, oltre a 27mila euro in contanti, anche le cassette con i soldi degli sportelli. servizio a pagina 3


2

cronaca

p

Scontro sulla Flaminia Gravemente ferito un 34enne di Viterbo

S

pettacolare incidente sulla strada Flaminia nella giornata di domenica, ferito gravemente un uomo della Tuscia. Lo scontro è avvenuto tra Spoleto e Terni, più precisamente nella zona del Valico della Somma. Nel sinistro sono rimaste coinvolte quattro auto, tra le quali quella di un 34enne viterbese, che si trovava a passare per quella zona. Le forze dell’ordine intervenute sul posto hanno registrato un bilancio di tre feriti, tra i quali il viterbese ha avuto la sorte peggiore. Una volta arrivati i medici del 118 umbro, i tre feriti sono stati stabilizzati e portati all’ospedale di Terni a causa delle varie fratture riportate. Per due delle tre vetture è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco, che hanno liberato gli occupanti.

Viterbo & Lazio Nord

Bagarre tra extracomunitari a colpi di sequestri Iniziato ieri il processo a romeni, indiani e pakistani di EMANUELE FARAGLIA

D

opo diversi rinvii è �nalmente iniziato il processo che vede come imputati del reato di sequestro a scopo di estorsione e rapina quattro indiani e due romeni ai danni di quattro pakistani a loro volta indagati per truffa. Di fronte alla Corte d’Assise presieduta dai giudici Mautone e Romano il pubblico ministero Renzo Petroselli ha potuto dare inizio all’ammissione delle prime prove e delle prime testimonianze. La storia è particolarmente complessa poiché coinvolge diversi protagonisti, tra presunte vittime e presunti colpevoli, ma anche le autorità giudiziarie e le forze dell’ordine di almeno cinque province: la nostra, quella romana, poi Milano, Brescia e Bergamo.

L’INIZIO DELLE INDAGINI Cerchiamo dunque di capire come si sono svolti i fatti sulla base del racconto del Brigadiere della compagnia di Ronciglione che nell’aula del Tribunale di Viterbo ci ha riportato al maggio dell’anno scorso: “Fummo contattati dalla compagnia di Blera perché si era presentato un extracomunitario che ha raccontato di essere stato sequestrato. Successivamente i colleghi di Milano ci confermarono di aver avviato delle indagini proprio su un tentativo di sequestro da parte di alcuni indiani e due romeni nei confronti di diversi pakistani...”. 45MILA EURO PER DOCUMENTI FALSI Particolare rilevante nella deposizione del Brigadiere è il riferimento alla cifra: “Dalle intercettazioni (che sono state

acquisite dalla Corte) più e più volte gli interlocutori hanno parlato di 45mila Euro, non una cifra ogni volta diversa, che so? 100mila o 25mila Euro, ma sempre di 45mila”. Soldi che sarebbero serviti ai pakistani per l’acquisto di documenti falsi che i romeni, in particolare B. Floare, �danzata di uno degli indiani, avrebbe dovuto procurare attraverso le conoscenze del fratello impiegato presso una ditta che aveva rapporti con il Ministero di Grazia e Giustizia. LA DIFESA Dalle prime parole di uno dei difensori di �ducia, l’avvocato Cataldo, si può avere un’idea di quella che sarà la tesi difensiva: “Non contestiamo una buona parte delle accuse rivolte ai nostri assistiti né che le persone offese siano effettivamente state in quei luoghi, Villa San Giovanni, Ladi-

spoli e Brescia, ma i pakistani e gli indiani avevano una comunione di intenti (verosimilmente la possibilità di rimanere sul suolo italiano pur senza disporre di regolare permesso... ndr).”. Anche l’avvocato Scarano ha parlato di un accordo interno tra indiani e pakistani. Quando a prendere la parola è stato il Brigadiere lo stesso Cataldo ha chiesto: “Le risulta che l’uomo che si è presentato ai Carabinieri avesse delle ecchimosi?”. “No, non mi pare” è stata la risposta del Brigadiere. Insomma, se di sequestro si è trattato con ogni probabilità si dovrebbe parlare di sequestratori gentiluomini e non di violenti aguzzini. Per capire, però, come andarono i fatti, o meglio, in che modo la Procura e la Corte d’Assise cercheranno di ricostruire i fatti bisognerà attendere la prossima udienza �ssata per il 21 marzo.

Martedì 14 Febbraio 2011

Denunciato macedone con una mazza nel portabagagli

T

rovato con una mazza da baseball nascosta nella macchina, denunciato straniero. E’ finito nei guai un 26enne macedone, scoperto dai carabinieri mentre se ne andava in giro con una mazza di legno nella sua auto. I militari di Civita Castellana, sotto la guida del maresciallo Risi, stavano eseguendo dei normali controlli nella zona. Dopo aver istituito un posto di blocco, infatti, avevano inziato a fermare e controllare qualche auto che passava nella zona, fin quando non è arrivato il giovane straniero. Nel portabagagli della sua auto i militari hanno trovato la mazza di legno, per la quale il ragazzo è stato denunciato per porto d’armi e oggetti atti ad offendere.

Da 20 anni in Italia Ebraheem parla del suo Egitto e della rivolta contro Mubarak

“Speriamo arrivi un po’ di democrazia” Gli amministratori del nord scrivono all’Ausl per avere garanzie sull’ospedale aquesiano

di LUCA APPIA

P

rosegue il nostro viaggio nella rivoluzione egiziana vista dall’Italia, attraverso gli occhi di alcuni egiziani che da anni vivono nel viterbese. Abbiamo intervistato Ebraheem Morees, simpatico gestore del ‘Mordi & Fuggi”, una pizzeria-kebab a Orte, che per rendere la vita più facile agli amici italiani ha deciso di adottare lo pseudonimo di “Maurizio”. Maurizio è qui dal 1991, quando è arrivato a Roma. E’ scappato dall’Egitto quando il lavoro ha iniziato a scarseggiare. Prima lavorava in un albergo, “le mance - ci dice - ci garantivano uno stipendio vero con il quale potevamo fare una famiglia. Quando i terroristi hanno attaccato l’Egitto, i turisti sono spariti e per noi non c’era più lavoro”. Dal ‘91 vive in Italia e lavora nei ristoranti, �no ad arrivare a Orte dove si è messo in proprio. Quando gli chiediamo cosa ne pensa della rivoluzione giovanile al Cairo lui risponde secco e deciso: “Speriamo arrivi un po’ di democrazia, ma quella vera”. In Egitto ha lasciato buona parte dalla famiglia, i genitori, la sorella e gli amici. “Vivono tutti al Cairo. In questi giorni sono rimasti in casa, avevano paura di uscire fuori”. Approfondiamo il discorso e iniziamo a parlare del Presidente Mubarak: “La famiglia tempo fa lo vedeva di buon grado, poi sono usciti fuori tutti i soldi che il Governo si stava mangiando, riducendo la popolazione alla fame. Un tempo Mubarak era l’assistente del vecchio presidente, per noi è stato solo un fatto di continuità. Ma le informazioni non c’erano allora, non sapevamo tutto lo schifo che stavano facendo alle nostre spalle. Ora è il momento di cambiare e ridare vita all’Egitto. La nostra sola speranza è che arrivi una persona onesta che guidi il Paese verso il futuro. Speriamo anche che i Fratelli Mussulma-

N

ni non vadano al potere. Noi siamo una famiglia cristiana e non vorremmo che l’Egitto diventasse un paese che non rispetta le religioni. Speriamo per il meglio”. Al termine del discorso Maurizio ci illustra un’utile paragone tra Egitto e Italia: “L’Egitto e l’Italia sono molto simili, entrambi vivono di turismo, sono nazioni con

una grande storia. In tutte e due queste nazioni, però, le cose vanno male. Anche qui il lavoro scarseggia e i giovani sono costretti ad andarsene per trovare qualcosa. Spero che l’Italia reagisca, che non si debba arrivare anche qui a una rivolta popolare come quella egiziana, ma per ora ritrovo in Italia quello che vedevo qualche anno fa nel mio Egitto”.

uove polemiche arrivano dal nord della provincia contro l’atto aziendale della Ausl di Viterbo. In particolare gli amministratori delle zone al con�ne con Acquapendente lamentano forti lacune e un senso di abbandono verso di loro. Gli amministratori, infatti, sono rimasti abbastanza perplessi dal fatto che sul presidio ospedaliero aquesiano si siano spese pochissime parole. Il che, a detta loro, fa perdere molta credibilità al progetto, qualora fosse effettivamente presente nei piani della direzione ospedaliera. Partendo da questi presupposti i rappresentanti di vari Comuni della zona hanno chiesto qualche delucidazione al direttore Pipino, ma soprattutto qualche garanzia. In un documento �rmato da vari Comu-

ni, infatti, si fa presente che al momento della presentazione dell’atto aziendale si è fornita solamente una frettolosa illustrazione dell’organigramma che dovrà assumere il nuovo ospedale di Acquapendente. Fra i punti pochi chiari agli amministratori c’è innanzitutto la mancata comprensione di chi si incaricherà della direzione del presidio ospedaliero e della responsabilità clinica. Al termine delle delucidazioni chieste dagli amministratori, poi, c’è la speranza che quello di Acquapendente non diventi un semplice presidio di zona, vista la distanza con gli altri ospedali, ma che venga ampiamente riorganizzato per essere un nosocomio in tutto e per tutto. La missiva, infatti, continua con una serie di richieste inoltrate alla direzione dell’Asl. Richieste che riguardano il day hospital, le

aree chirurgiche, la degenza e l’assistenza domiciliare. Insomma, gli amministratori temono fortemente che questo atto aziendale possa privarli di un vero e proprio ospedale, declassandolo a un semplice pronto soccorso. Quello che viene chiesto, in de�nitiva, sono maggiori investimenti e non tagli a quello che già esiste, per portare l’ospedale di Acquapendente in un’epoca di profonda innovazione e garantire un servizio continuativo nella zona, altrimenti sprovvista di ospedali vicini e facilmente raggiungibili. Il nosocomio aquesiano, in questo caso, rappresenta un baluardo per i cittadini e i Comuni. Non investire su questa struttura signi�ca, secondo il comitato pro ospedale, non avere a cuore la salute dei tanti cittadini della zona montana.

Io, invalido al 100% , dopo sei mesi L’alga rossa torna a Vico ancora in attesa di pensione di SIMONA TENENTINI

I

l caso di Salvatore Creta è di quelli che ti fanno ri�ettere. Sulle ingiustizie e sulle circostanze della vita che conducono gli eventi in un verso o nell’altro. Basti pensare che c’è chi, come Franco Califano, si lamenta di non riuscire a sopravvivere con 1500 euro al mese e chi, al contrario, è costretto a campare con una misera pensione. Quando ce l’ha. Lui, Salvatore, quarantacinque anni, è invalido al 100% a seguito di un ictus che gli ha compromesso completamente un braccio e quasi del tutto anche la gamba. Nonostante le sue gravi condizioni siano evidenti anche ad occhio nudo, sono

circa sei mesi che non percepisce un euro di contributo mensile di pensione. La sua domanda è scaduta ad agosto del 2010 e, nonostante abbia presentato tutti i documenti necessari per il rinnovo, in realtà la sua pratica non si sa che �ne abbia fatto, visto che non ha ricevuto più alcuna notizia dagli uf�ci dell’Inps di Viterbo. Nel frattempo Salvatore continua a vivere a casa con gli anziani genitori, i quali, anch’essi, vivono solo con la pensione. Ad aggravare ancor di più la circostanza, se ce ne fosse bisogno, è il fatto che l’uomo è anche separato con due �gli, ai quali dovrebbe corrispondere, ogni mese, seicento euro. Una situazione quindi che ha veramente dell’assurdo. Anche

perchè, a seguito del mancato pagamento degli alimenti, la ex moglie, tramite un’azione legale, ha ottenuto il pignoramento di 223 euro su una pensione di 400 euro che, in realtà, alla luce dei fatti, non viene nemmeno percepita. Tra l’altro, essendo in attesa di essere inserito nella lista del collocamento mirato, Salvatore non potrebbe accettare un lavoro nemmeno se lo trovasse. Alle ripetute sollecitazioni, per ottenere quanto dovuto, all’Inps hanno semplicemente saputo rispondere “Noi ci prendiamo il tempo che vogliamo”. Alla faccia della carità umana citata nelle sacre Scritture. Questa è l’Italia, patria di santi, poeti, navigatori e.... impiegati statali.

Foto Zadropress

L

a tanto temuta alga rossa è tornata a sporcare le acque del Lago di Vico. Cresce la preoccupazione tra la cittadinanza, mentre si aspetta che si faccia qualcosa per risolvere questo problema e portare la zona al suo antico splendore.


Martedì 15 Febbraio 2011

cronaca

Viterbo & Lazio Nord

p

3

Maxioperazione dei carabinieri di Viterbo, con l’aiuto dei colleghi di Grosseto, Reggio Calabria e Catania

Quattro arresti per la rapina alla BNL

Berlusconi interviene sull’arsenico e dichiara lo stato d’emergenza

di LUCA APPIA

M

axi azione dei carabinieri per l’arresto di una pericolosa banda criminale. L’operazione degli uomini dell’Arma è avvenuta tra Reggio Calabria e Trecastagni, ed è stata eseguita dai militari di Grosseto e Viterbo, con l’aiuto dei colleghi di Reggio Calabria e Catania. L’intervento si è concluso con l’arresto di quatro persone, accusati di essere i malviventi che il 19 maggio del 2009 rapinarono, armati di pistola, la �liale viterbese della BNL in via Genova. Le indagini, però, sono partite già dal giugno del 2008, dopo una rapina a Grossetto, per la quale nel giugno del 2009 era state arrestate quattro persone, tre delle quali riammanettate per questo caso. Nel maggio del 2009 due persone a volto coperto e armati di pistola si sono introdotte nei locali della Banca Nazionale del Lavoro. I due avevano tagliato una grata e le sbarre del locale condizionatori, in modo da riuscire ad entrare nella �liale direttamente dal retro. Una volta dentro minacciarono il personale del-

A

la banca con le armi, costringendo i dipendenti a entrare in un bagno dell’uf�cio. A questo punto i ladri si appropriano delle cassette di denaro della banca, oltre che di 27mila euro in contanti e fuggirono indisturbati. Ora dopo una lunga azione di indagine, i carabinieri sono riusciti a ricollegare la rapina avvenuta a Grosseto con quella di Viterbo e a mettere i ladri nel sacco. A �nire in manette sono S.S. di 42 anni,

S.C. di 46 anni, M.M. di 48 anni e G.A. di 29 anni. I primi due sarebbero gli esecutori materiali della rapina, quelli che con il volto coperto e le pistole hanno fatto irruzione nella banca viterbese. Il terzo, invece, avrebbe partecipato alle fasi preparatorie del colpo, organizzando con gli altri due tutti i dettagli della rapina. Il quarto, in�ne, avrebbe fornito appoggio logistico prima del furto e successivamente. L’operazione giunge poco

tempo dopo quella che ha consentito al nucleo investigativo del reparto operativo di Viterbo, insieme alla compagnia carabinieri di Ronciglione, di individuare e assicurare alla giustizia i componenti della batteria di malviventi di banche, provenienti dalla Capitale, che erano in procinto di mettere a segno un altro colpo a Manziana. I militari non escludono che avessero già puntato qualche istituto di credito a Viterbo.

rsenico nell’acqua, Berlusconi uf�cializza l’emergenza e nomina il Commissario. Sarà il Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, il Commissario per l’emergenza arsenico venutasi a creare nel territorio. A nominarla è stato lo stesso Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che lo scorso 12 febbraio ha preso uf�cialmente atto del problema, dichiarando lo “Stato d’Emergenza”. Anche il Lazio, quindi, va a ingrossare le �la delle regioni sotto emergenza, come l’Abruzzo del post-terremoto o la Campania dei ri�uti partenopei. Anche nel Lazio entreranno in funzioni gli uomini della protezione civile, che cercheranno in qualsiasi modo di limitare i disagi provenienti dalla non potabilità dell’acqua, infetta da arsenico in concentrazioni maggiori di quelle previste dalla Commissione Europea. Nel frattempo, però, il comitato pro-acqua torna con

una nuova denuncia. Al centro c’è un cartello esposto nella sala d’aspetto dell’ospedale Sant’Anna di Ronciglione. Nel manifesto, secondo il presidente Chiricozzi, si lascia intendere che l’acqua con valori sopra i 10 microgrammi/litro sia ancora potabile. “Non riusciamo a capire il vero motivo che ha ispirato la direzione sanitaria P.O.C. nella af�ssione di tale locandina.Viste anche le ordi nanze emesse da molti sindaci, compresa quella emessa dal primo cittadino di Ronciglione richiamata dalla locandina, essendo convinti che tra i compiti primari della Asl, ci sia quello della prevenzione dai rischi sanitari, desideriamo richiedere al responsabile della direzione sanitaria presidio ospedaliero centrale di rimuovere urgentemente le locandine stesse e chiarire che l’acqua non è potabile se l’arsenico contenuto in essa è al di sopra i 10 microgrammi litro, per la legge italiana”. (la)

La Scalzini non regge alla scomparsa (lavorativa) Come riconoscere il riciclaggio di denaro sporco di Aloisio e scappa verso una Ausl della Capitale Le ventuno regole deliberate dalla Banca d’Italia di PAOLO GIANLORENZO

L

a dipartita (lavorativa ovviamente) dell’ex direttore della Ausl di Viterbo Giuseppe Antonio Maria Aloisio era stato un brutto colpo per lei. Ancora più brutto quando al suo posto è arrivato un direttore generale vero, Adolfo Pipino, che l’ha ridimensionata nel ruolo e soprattutto nelle funzioni. Parliamo ovviamente dell’avvocato Alessandra Scalzini che non ha retto il fatto di doversi occupare solo delle pratiche legali e soprattutto di doverlo fare bene. Ha fatto richiesta quindi di essere trasferita a una Asl romana dove, con tutta probabilità, gli amici degli amici, potranno ricollocarla in un posto più prestigioso, con maggiori responsabilità e con uno stipendio superiore. Con la scomparsa (lavorativa ovviamente) di Aloisio dalla Ausl di Viterbo per lei è cessato il potere e soprattutto la possibilità di andare anche in altre strutture come membro di commissione in importanti gare d’appalto insieme ad Andrea Bianchini e poter arrotondare con qualche decina di migliaia di euro in più il suo compenso. Il direttore generale Adolfo Pipino ha concesso il nulla osta e presto l’avvocato Scalzini lascerà Viterbo alla volta della non proprio vicina Roma C. Andarsene da un posto in questo modo è del tutto comprensibile e la professionista ha la nostra solidarietà. Essere praticamente a capo di una struttura, anzi di un’azienda imponente come la Ausl è un conto, avere un ruolo da gregario e neanche di prima scelta, costretta a ore e ore di anticamera è un’altra cosa. Prima Paoloni, poi Aloisio, poco dopo Leoncini e adesso la Scalzini.

Al gruppo dei fuggitivi manca all’appello solamente Andrea Bianchini ma a “radio mercato” lo danno presto in uscita. Meglio scappare oggi ed evitare qualche brutta situazione poi rimanendo da queste parti. Del resto di vantaggio ne hanno avuto molto. La Procura di Viterbo sulle inchieste che coinvolgono le persone sopra citate si è fatta dei sonni ciclopici. Non hanno saputo mettere insieme un quadro in grado di soddisfare l’opinione pubblica. Se il pubblico ministero Renzo Petroselli, che si occupa del giallo di Gradoli, avesse avuto a suo vantaggio un cinquantesimo di quello che i colleghi hanno in

mano su Aloisio & company avrebbe già chiesto l’ergastolo per Paolo Esposito e Ala Ceoban. Vale la pena ricordare agli smemorati, che la Ausl di Viterbo, riuscì a �nanziare un progetto a una società che non era stata ancora iscritta in Camera di Commercio. Di quella storia non si sa più nulla. Dei soldi che Nando Selvaggini consegnò a qualche misterioso dirigente se lo sono dimenticato pure i fogli di carta dove le sue confessioni furono raccolte. Aloisio e la sua combriccola di amici aspettano di festeggiare con i “tarallucci e vino” in arrivo dalla Procura di Viterbo.

Ritrovato cadavere Fermato a bordo sulla Orte-Fiumicino di una moto rubata Ritardi ai treni Denunciato 24enne

F

orti disagi per i pendolari ieri sulla tratta Orte-Roma Fiumicino, a causa del ritorvamento di un cadavere sui binari. Il corpo è stato trovato alle 7 di ieri mattina nei pressi della stazione di Villa Bonelli, a Roma. L’uomo, secondo gli investigatori che cercano di far luce sul caso, è un cittadino dominicano di 45 anni. Secondo la ricostruzione, la vittima sarebbe stata travolta da un convoglio in transito, anche se non si sa cosa stesse facendo sui binari prima di essere investito. L’uomo è stato riconosciuto solo attraverso i documenti che portava in tasca. Il caso ha creato forti disagi sulla linea, con un ritardi anche di un’ora.

T

rovato a fare qualche giro con una moto rubata, denunciato giovane romeno. E’ avvenuto ieri a Castel Sant’Elia, dove i carabinieri del maresciallo Querci stavano eseguendo alcuni controlli sui mezzi in transito nel paese. A �nire sotto la lente di ingrandimento dei militari è stato anche un 24enne romeno, che viaggiava a bordo di un motorino. Dopo i primi controlli i carabinieri hanno scoperto che il mezzo era stato denunciato come rubato. Un 53enne, infatti, ne aveva lamentato il furto qualche tempo prima. La moto è stata riportata al suo leggittimo proprietario, mentre il ragazzo romeno è stato denunciato per ricettazione.

di DANIELE CAMILLI

S

e doveste essere assunti in Banca e ritrovarvi a lavorare alla cassa, sapreste distinguere tra un povero cristo qualsiasi che deposita i suoi risparmi e il delinquente di turno che tenta di mettere al sicuro i soldi riciclati delle organizzazioni criminali? È dif�cile. Lo sappiamo. I soldi alla �ne sembrano tutti uguali. Soltanto che i primi sono puliti e i secondi sporchi di droga, armi e sangue. Ma non vi preoccupate. A darvi qualche dritta è la Banca d’Italia in persona che lo scorso agosto ha deliberato i nuovi “Indicatori d’anomalia per gli intermediari”. Vademecum utilissimo per i lavoratori bancari – soprattutto per evitare di �nire inconsapevolmente nei guai – e perché no un bel manualetto di educazione civica per tutti gli altri cittadini. Non si sa mai, ed è sempre meglio e importante sapere come si riconosce la criminalità organizzata. Visto che ‘ndragheta, camorra, ma�a, sacra corona unita e terrorismo non sono più fatti da contadini con scoppola, cavallo, fucile in spalla e baffetti. Oppure da insensati tupac amaru che hanno scambiato le metropoli italiane per le foreste sudamericane. Ma da uomini di (mal)affari che, prima di maneggiar pistole, gestiscono denari. Col problema di smaltirli facilmente e sotto tono. Magari in�landoli di soppiatto in quello sportello bancario dove pure noi versiamo il nostro onesto e al confronto misero stipendio. Ecco allora che il Direttore Generale di Bankitalia vi suggerisce 21 ipotesi di anomalie per agevolare la valutazione sugli eventuali pro�li di sospetto e di ridurre i margini d’incertezza. Indicatori a loro volta suddivisi in 5 gruppi: da quelli connessi al

cliente a quelli inerenti i rapporti bancari; da quelli relativi ai mezzi e alle modalità di pagamento a quelli che riguardano le operazioni in strumenti �nanziari e ai contratti assicurativi. In�ne, gli indicatori di anomalia rapportati al �nanziamento del terrorismo. Ma quali sono le tipologie più ricorrenti nell’operatività quotidiana? Innanzitutto, il pro�lo economico �nanziario del cliente e quanto sta versando. Certo, se uno ha �nora depositato mille euro una tantum e poi all’improvviso porta in banca qualche decina o centinaia di migliaia di euro…o ha vinto al Superenalotto oppure qualche dubbio viene. Dopodichè c’è l’utilizzo frequente della tecnica di frazionamento delle operazioni. Si versano di continuo tante piccole somme che alla �ne portano a un gruzzolo consistente che si spera passi inosservato. Particolare attenzione va poi prestata al cliente che fa transitare di frequente quantità di denaro sul conto corrente d’altre persone. In�ne, l’utilizzo ripetuto e ingiusti�cato di denaro contante. Tenendo ben presente che in un periodo di crisi economica – come quello che stiamo attraversando – la prima cosa che manca, anche alle imprese, è la liquidità. Che fare se ci si trova dinanzi a uno di questi casi appena descritti? Se si è bancari, è obbligatorio informare subito i propri superiori. Se si è invece semplici cittadini e in qualche modo si nota qualcosa di poco chiaro, continuare a tenere gli occhi ben spalancati e avvertire le forze dell’ordine. Speriamo insomma che queste norme servano a qualcosa. E forse un giorno a poter dire, parafrasando una famosa massima latina… ”ubi Banca, minor (le organizzazioni criminali) cessat”.

Rapina in un bar di Orte nella notte Rubate slot machine

R

apina notturna a un bar di Orte. Il colpo è avvenuto nella notte tra sabato e domenica in via Le Piane, proprio sotto il centro storico ortano. Vittima del furto un bar della zona. Appro�ttando della tranquillità notturna e dell’ingresso posteriore del bar, che li ha coperti da occhi indiscreti, una banda di ladri ha scassinato la porta del locale. Una volta dentro il bersaglio dei ladri sono diventate alcune slot machine del bar, che per comodità i malviventi hanno portato direttamente via dal locale. Solo il giorno dopo il padrone del bar si è reso conto del furto. Attualmente militari, sotto la guida del maresciallo Lo Giudice, danno la caccia ai responsabili del furto.


politica

p

4

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 15 Febbraio 2011

Se il primo cittadino sbaglia qualche mossa la maggioranza finisce nel pantano

Rimpasto, Marini rischia tutto di ROBERTO POMI

N

essuno vorrebbe essere nei panni di Giulio Marini. Confezionare il rimpasto è un po’ come giocare con l’esplosivo. Basta una mossa sbagliata e il “governetto” di Palazzo dei Priori va a farsi benedire. Gli appetiti in sala d’Ercole sono dei più variegati, tutti aspirano a guadagnare qualcosa, in termini di posizione, dalla manovra politica annunciata come imminente. Giulio Marini è per questo, in questi giorni, alle prese con la matematica. Deve fare attenzione a non creare troppi scontenti e operare un rimpasto che gli permetta di mantenere in campo una maggioranza di manica larga. La fotogra�a che possiamo scattare in questo momento ci racconta una maggioranza di 25 unità, incalzata da un’opposizione di 15. Dieci uomini di vantaggio, consentono una governabilità comoda. E’ un po’ come girare con un suv per le avverse e dif�coltose stradine della politica locale. Al momento tutti i rumors parlano di quattro cambi certi. Gli stessi che vi abbiamo presentato da mesi: Meroi-Ubertini; Taglia-Fracassini; Guerriero-Contardo e Arena-Fattorini. Una volta effettuata la sostituzione verranno però riviste le deleghe con rotazioni, date per certe, all’interno della nuova giunta. I cambi elencati porteranno a sedere in Consiglio Comunale quattro new entry: Ottavio Raggi, Augusto Turchetti, Marco Milioni e Antonella Stella. I

primi due hanno un trascorso politico che li ha messi in evidenza per la propria autonomia di pensiero, non sono proprio degli “yesman” e quindi non una garanzia di solidità per la maggioranza. Per gli altri due, la cui fedeltà non è in discussione, dovranno invece dimostrare di avere impegni compatibili con le sedute di Consiglio. Un’incognita. Sta di fatto che la maggioranza potrebbe scendere nella peggiore delle ipotesi �no a quota 21, tra autonomia intellettuale e assenze varie. Altro guado per Giulio Marini si chiama Lega Federalista Lazio. Peso speci�co due consilieri (Fusco e Spadoni). Se il partito non venisse coinvolto nel rimpasto per Marini si presenta un’altra bella sottrazione. Togli due. Sottrazione che potrebbe trasformarsi sull’altra sponda come somma, più due ai voti dell’opposizione. 21 (nell’ipotesi catastro�sta ma non tanto) meno due e siamo a

I

quota 19. 15 più due e siamo a 17. In Consiglio è spesso assente Bracaglia, Taborri vota come meglio crede e qualche assenza non manca mai. Specie se con il rimpasto non si accontenta

qualcuno: leggi Moltoni, Salvatori, ecc. Regalate a Marini un pallottoliere, la situazione è complicata e basta un errore per andare a casa.

di Palazzo danno come sotto protezione della governatrice del Lazio Renata Polverini. Abbiamo contattato il leader del movimento leghista viterbese per strappargli delle dichiarazioni sulla situazione. “Stiamo attendendo di incontrare il sindaco Marini. In questo momento è impegnato a chiarire la situazione all’in-

Una ricetta di idee e sviluppo per il territorio

L’arrembaggio di Alleanza di Centro

Altolazio News srl Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO piggi@opinioneviterbo.it Redazione Centrale di Viterbo GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI Grafici MARIO RAMUNDO In attesa di registrazione ROC Editore Altolazio News srl Pres.te Manfredino Genova A.D. Ferdinando Guglielmotti Sede di Viterbo 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.341539 redazione@opinioneviterbo.it donn@opinioneviterbo.it Tipografia L’OPINIONE S.P.A.VIA DEL CORSO 117 ROMA

Centri Stampa edizioni teletrasmesse EDITORIAL M.P.A S.R.L. SENAGO (MI) POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRETA (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 21,30

L

o scorso venerdì presso Schenardi si è svolto l’incontro dei quadri politici del gruppo Alleanza di Centro (AdC). Il segretario provinciale, Mario Bracci Devoti, ha presentato al segretario nazionale, onorevole Francesco Pionati, e ai consilieri nazionali, onorevoli Roberto Petrassi e Paolo Tuffi, i delegati della provincia di Viterbo. Oltre ai neo eletti segretari comunali erano presenti i responsabili dei dipartimenti. All’incontro sono intervenuti il sindaco di Viterbo, Giulio Marini, e il presidente della Provincia, Marcello Meroi. L’incontro ha inteso sottolineare il rapporto di amicizia e di collaborazione tra le istituzioni e il gruppo politico Alleanza di Centro. Al termini della serata i responsabili dei dipartimenti hanno presentato il programma elettorale del gruppo. Oltre alle tamatiche più importanti: sanità e agricoltura; così drammaticamente colpite dagli ultimi tempi, sono stati individuati due progetti, da tempo in fase di studio. La metropolitana veloce Orte-Civitavecchia e il progetto di un parco archeotermale da realizzarsi in

‘Il Bullicame’ contro Palazzo dei Priori

I

Fusco: “A breve un incontro con il sindaco Siamo ottimisti sul nostro ingresso in giunta” ndiscrezioni sul rimpasto lasciano intravedere una manovra politica a quattro cambi. Un risultato che terrebbe fuori dalla giunta Umberto Fusco, l’aspirante assessore targato Lega Federalista Lazio. Il tutto per mantenere in giunta l’assessore volante Giovanni Bartoletti, che sempre i rumors

Imbarazzante lettera dell’associazione

località Palliano. Il primo intende collegare due importanti poli commerciali: l’interporto di Orte e il Porto di Civitavecchia, che farebbe di Viterbo il centro direzionale del sistema. La metropolitana veloce su pattini magnetici, unica in Italia per lunghezza, permetterebbe un rapido scambio di passeggeri tra i centri della Tuscia. La tratta Orte, Bomarzo, Viterbo, Tuscania, Tarquinia, Civitavecchia verrebbe percforsa in un tempo inferiore a 30 minuti. La superstrada e l’antica ferrovia verrebbero a completare il collegamento, destinando quest’ultima al trasporto merci, ma non solo. Infatti, nei mesi estivi potrebbe essere adibito al trasporto turistico di passeggeri, grazie alla panoramicità del percorso. L’onorevole Pionati, membro della Commissione Trasporti, ha lodato l’idea e promesso di appoggiarla. Secondo punto, la creazione di un esteso parco archeologico termale che, partendo dalle terme di San Sisto arrivi fino al Bagnaccio. In questo modo il gruppo di Alleanza di Centro intende dare una risposta al futuro del territorio con progetti d’avanguardia.

terno al maggior partito di maggioranza, il Pdl. Una volta risolte le questioni in casa il primo cittadino ci incontrerà e insieme faremo le dovute ri�essioni. Siamo pronti a entrare in giunta e con�diamo in questa possibilità. Abbiamo voglia di spenderci in prima �la per questa nostra amata città. Non ci mancano né le idee né le forze. Il rapporto speciale che stiamo costruendo con la Lega Nord poi ci rilancia e ci dona una marcia in più”. (Ro. Po.)

l presidente dell’associazione ‘Il Bullicame’ scrive una lettera aperta al sindaco di Viterbo Giulio Marini. Il contenuto è piuttosto imbarazzante perché mette in evidenza un fatto su cui è necessario fare chiarezza: “una serie di manfrine in atto sulle terme viterbesi”. Riportiamo fedelmente il contenuto. E’ forse un po’ lungo ma vale la pena di essere passato in rassegna �no all’ultima goccia: “Quando a metà del mese di ottobre del 2010, il Comune di Viterbo ricevette la copia dell’esposto denuncia dell’Associazione “Il Bullicame”, subito il sindaco Marini volle vederci chiaro e inviò tutto il fascicolo all’avvocato Giuseppe Puri, per ricevere un parere legale sul contratto in essere tra il Comune e la S.G.T. Viterbo, meglio conosciuta come Terme dei Papi. Il legale dopo circa venti giorni espresse un parere motivato nel quale si evidenziava come in quel contratto il sinallagma che è un elemento fondante di tutto l’accordo, sia stato nel tempo ampiamente modi�cato in favore delle Terme dei Papi. In altre parole l’avvocato Puri faceva notare come la concessione di 14 litri al secondo di acqua del Bullicame, fosse stato ceduto alle Terme dei Papi in cambio di tutte le opere previste per l’ammodernamento e la trasformazione dello stabilimento delle Terme Comunali. Ora se i 14 litri al secondo, come dimostrato dalle relazioni del direttore di miniera Giuseppe Pagano, oscillano da un minimo di 30,2 ad un massimo di 43,2 è evidente che c’è stato, e ancora oggi c’è, uno sbilanciamento a tutto favore delle Terme dei Papi. Per fare un esempio è come se un imprenditore assumesse un operaio per uno stipendio di 1000 euro al mese con un contratto di 40 ore settimanali, e poi lo facesse lavorare giorno e notte lasciando lo stipendio invariato. L’avvocato Puri nella sua relazione stigmatizza anche la ricaptazione del “pozzetto”, mai autorizzata né dalla Regione né dal Comune, avvenuta nel gennaio del 1993, che ha consentito da subito alle Terme dei Papi, un prelievo di acque molto maggiore di quella prevista nella proposta contrattuale, risultata vittoriosa nell’appalto concorso. Le conclusioni dell’avv. Puri possono essere qui

riassunte con il suggerimento al Comune di Viterbo di rescindere il contratto con le Terme dei Papi, per colpa di queste. Lo stesso legale ha anche esaminato nel merito la questione del parere del Comune di Viterbo, rilasciato attraverso l’avv. Angelo Angeloni che, pur essendo pagato dal Comune di Viterbo, svolge tutta la sua relazione in favore delle Terme dei Papi asserendo a nome del Comune, che le Terme dei Papi hanno ragione. A questo proposito il Puri, stupito e meravigliato che si sia potuta produrre una memoria a favore delle Terme dei Papi, che hanno palesemente violato una disposizione regionale utilizzando le acque per uso geotermico, invita il Comune di Viterbo a produrre al più presto una memoria, che possa riformulare correttamente le difese del Comune. Nelle considerazioni conclusive l’avvocato Puri invita il Comune di Viterbo a rivedere e riscrivere tutto il contratto in essere con le Terme dei Papi, paventando la possibilità, neanche tanto remota, che la Regione Lazio, possa negare il rinnovo della concessione termale al Comune di Viterbo (ricordiamo che tale concessione scade nel 2017). Oggi a distanza di quasi tre mesi e mezzo di distanza dal rilascio del parere motivato dell’avvocato Giuseppe Puri, il Comune di Viterbo non ha fatto niente. Non ha rescisso il contratto con le Terme dei Papi. Non ha neanche iniziata la discussione in Consiglio Comunale per studiare il modo migliore di scriverne uno nuovo. Non ha ancora scritto una memoria difensiva al Tar per correggere quella “sbagliata” dell’avvocato Angelo Angeloni. Quest’ultima notazione è molto grave perché siccome siamo vicini alla sentenza del Tar, potrebbe essere che tale giudizio venga emesso sulle carte esistenti. In questo caso la bilancia potrebbe essere dalla parte delle Terme dei Papi con grave sciagura per il sistema termale viterbese. Noi dell’Associazione “Il Bullicame” ci opponiamo a questo lassismo, e chiediamo che il Comune affronti il problema in modo serio, senza tante manfrine che non depongono certamente bene verso chi ha il dovere di amministrare questa città”. Al sindaco la risposta.

“Sbagliato pensare a una Santa Alleanza anti-Berlusconi”

Fioroni boccia D’Alema

G

iuseppe Fioroni “piccona” l’idea lanciata in questi giorni da Massimo D’Alema di costruire una grande alleanza antiberlusconiana. Per l’esponente dell’anima moderata del partito l’intenzione di costruire una grande alleanza per combattere “il nemico” è degna di un’altra epoca e non può essere traghettata all’interno di un nuovo quadro politico, che inevitabilmente il Paese è chiamato ad affrontare.

Il Partito Democratico che Fioroni sogna quindi non punta a definirsi come alternativa al berlusconismo ma vuole essere un movimento politico veri, in carne e ossa, fatto di programmi e proposte concrete. Un partito capace di dare risposte vere ai cittadini e dettare un cambiamento e un ammodernamento sostanzioso al Paese. Sta di fatto che il Pd si muove in due diverse direzioni, prima o poi maturerà uno strappo.


Martedì 15 Febbraio 2011

politica

Viterbo & Lazio Nord

Michele Vittori di Lega Tuscia critica duramente chi è sceso in piazza contro Berlusconi

“Io sto con Ruby” di DANIELE CAMILLI

Io sto con Ruby”. Michele Vittori di Lega Tuscia risponde alle duecento persone che domenica pomeriggio hanno invaso Largo Benedetto Croce e Via Marconi a Viterbo contro Berlusconi e per “difendere la dignità delle donne”. “E s’intende – ci spiega – con Ruby e le altre: Nicole, Noemi e tutte le lolite ormai marchiate nell’immaginario collettivo per le loro frequentazioni erotico-istituzionali. Il che non vuol dire che ne giusti�chi o ne raccomandi la condotta o l’esempio, ma semplicemente che la ritengo preferibile a quella dei bassotti della morale che da mesi edi�cano sistemi etici e prospettive politiche sulle nude spalle di queste signorine. Perché i moralizzatori di destra e sinistra – che paiono �nalmente frequentare la medesima parrocchia dopo aver tenuto per decenni gli stessi identici costumi – sono i primi responsabili della deriva della quale le Ruby di questo Paese sono �glie illegittime”. Una deriva che per Vittori ha i suoi responsabili. Chiari e alla luce del sole. Sono “politici, uomini e donne di potere, specie se hanno una lunga militanza alle spalle (e Fini per primo)”. Le loro “colpe” vengono elencate una ad una. Innanzitutto quella di “aver trasformato nella percezione degli elettori il proprio mandato in una pratica di trasformismo teso a rafforzare il proprio status, bandendo dalla politica l’ideologia, il merito, la coerenza. Salvo poi rivendicarle in modo posticcio e strumentale, proprio come ha fatto domenica il Presidente della Camera, che in occasione della manifestazione del 13 Febbraio dichiara: ‘Basta considerare le donne solo in base alla loro avvenenza �sica’. Tradendo così le ‘fascinazioni intellettuali’ che l’hanno fatto cadere ai piedi della Tulliani”. Responsabili,“specie a sinistra”, anche “di aver sistematicamente eroso e abbattuto quei vincoli familiari, sociali, religiosi che, pur nella loro valenza morale convenzionale, avevano dettato linee di condotta personale alle generazioni precedenti. E lo sono ancor di più per aver condotto questa battaglia senza affrontare prima il necessario momento costruttivo. Salvo poi immaginare fantasiose etiche cattoprogressiste, come quelle di moda in area Pd”. Sono invece “Ruby e

le altre le donne ‘forti e coraggiose’ delle quali favoleggia dall’alto del suo femminismo radical-chic Angela Finocchiaro. Donne determinate e disposte, per necessità o scelta, a perseguire i propri �ni saltando a piè pari il perbenismo che le donne come la Finocchiaro frappongono tra sé stesse e i propri”. Uomini e donne di potere colpevoli in�ne, questa volta “in sede generazionale, per aver costruito una società impermeabile al merito, sensibile solo alle aderenze e alle pressioni, impossessata dal demone della furberia, raccomandata a chiare lettere da ogni adulto che, stratutelato nei propri diritti, è pronto a dare buoni consigli, non avendo il coraggio di dare il cattivo esempio. Ruby e le altre – sottolinea l’esponente di Lega Tuscia – sono le �glie in provetta di questa società di plastica, �glie di ometti e di donne in carriera. E hanno appreso bene la lezione che sta dietro i proclami e le belle parole sbandierate sui giornali o nelle manifestazioni di piazza”. Nient’altro dunque che “forma di darwinismo morale che ha generato Ruby e le altre”. Un adattamento all’ambiente che “ha prodotto predatori più giovani, motivati, spietati di quanto non fossero i loro stessi progenitori”. Perché lamentarsene? Perché non dire apertamente che “gli uomini sono tutti identici nell’intenzione, ma chiamano poi ‘morale’ la propria mancanza di coraggio nell’azione”? “Coraggio Ruby, coraggio ragazze – incalza in�ne Vittori – fate a pezzi ciò che rimane di questa morale di facciata, di questo femminismo da salotto, di questa generazione di politici da opera buffa. Cambiate il sistema, fatelo alla radice. Ma so già che nessuno s’azzarderà. Perché nessuno di noi ne trarrebbe il benché minimo vantaggio”.

“Smettetela di chiedere il potere”

A

nno 1968, studenti e forze dell’ordine se le danno di santa ragione prendendosi a bastonate, manganellate e molotov in quella che è passata alla storia come la “Battaglia di Valle Giulia”. Pasolini subito dopo scrisse: “Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte coi poliziotti, io simpatizzavo coi poliziotti! Perché i poliziotti sono �gli di poveri”. Oggi a distanza di oltre 40anni, lo scontro s’è trasferito su tutt’altra piazza, quella mediatica. Meno contatto �sico, nessun ferito ma identica violenza. Senza poliziotti, però, che continuano comunque ad esser “�gli di poveri”, ma almeno s’evitano qualche inutile randellata. Dall’altra parte tuttavia i sessantottini d’un tempo, con trent’anni in più e di ritardo. E col dito puntato contro Berlusconi e Ruby. Anche a Viterbo, dove domenica pomeriggio duecento persone si son date appuntamento tra Largo Benedetto Croce e Via Marconi. “Ironiche. Taglienti. Irriverenti”. Ha scritto qualcuno. Manifestazione priva della benché minima utilità, aggiungiamo noi. Prendessero esempio dai “fratelli mussulmani”. Per far cadere il “caimano” – perché di “caimano” parlano – serve ben altro. La politica innanzitutto. Non il salotto buono che si fa piazza con la pretesa di far pulizia evocando educatamente, allegoricamente, e senza la tensione morale del partigiano, l’ennesimo “Piazzale Loreto”. Berlusconi a testa in giù come Mussolini. Accanto a lui le Clarette Petacci d’oggi, con l’uo-

mo qualunque – anzi “qualsiasi” – a guardare compiaciuto. Non realmente, s’intenda. Solo metaforicamente. In Italietta visione. Perché il “caimano” va scon�tto e punito laddove s’è creato. Mussolini in Piazza, Berlusconi in televisione. Ma dov’è la politica? Dov’è la progettualità del dopo? Dov’è �nita l’opposizione? Quale? Di certo non quella delle raccolte di �rme. Perché, se il Premier è un “caimano” sporcaccione, non si ha il coraggio di indire uno sciopero generale ad oltranza per farlo cadere? Perché anche chi millanta credito avrebbe tutto da perdere? Dov’erano domenica precari e precarie, colf e “serve” d’ogni tipo e “razza” quotidianamente oltraggiate nelle mani e nelle ginocchia raggrinzite dall’acqua e costrette a piegarsi per pulire le scale? Chi le ha fotografate con i cartelli in mano a gridare “né puttane, né Madonne, �nalmente donne”? Dov’erano gli operai dai polmoni rovinati in fabbrica e alle verniciature? Dove pakistani, rumeni, indiani e marocchini stagionali da far emergere in super�cie per qualche primaria di potere? Dove muratori, imbianchini e garzoni a 50 euro al giorno e a partita IVA che quando vengono giù a piombo dalle impalcature hanno diritto solo a lenzuola bianco candido per coprire un sangue di cui ci si vergogna? Non c’erano, perché hanno ancora la dignità e la forza di capire che anche con questa “piazza” si vuol cambiare tutto per non cambiare niente. Perché della Comincini non gliene frega niente. Perché “l’essere odiati fa odiare”. Aveva ragione Pasolini. Bell’e morto e forse morto per quello. “Io simpatizzo coi poliziotti”. “Smettetela di pensare ai vostri diritti, smettetela di chiedere il potere”. Oppure…”prendetevela contro la Magistratura, e vedrete!” (Dan.Ca)

p

5

Regione Lazio, Battistoni a sostegno degli allevatori

C’è tutta la volontà di costruire un rapporto di confronto e collaborazione con l’Associazione regionale allevatori (Aral)”, lo ha dichiarato Francesco Battistoni, Presidente della Commissione agricoltura Lazio, a fronte di una lettera inviatagli dall’Arel e che lamenta il mancato inserimento dei �nanziamenti per il sistema delle Associazioni Allevatori nel decreto Milleproroghe. “Nonostante la Regione Lazio, nella legge di bilancio, abbia stanziato fondi destinati alla zootecnia, è tuttavia necessario garantire maggiore sostegno al settore, italiano e laziale. Soprattutto in un momento in cui – sottolinea Battistoni - dopo le note vicende della mozzarella blu, al latte italiano viene �nalmente riconosciuta la sua qualità, che lo contraddistingue dal prodotto estero. Ed è su queste basi che occorre investire nel comparto, garantendo ai tecnici di poter entrare ogni giorno nelle aziende per effettuare i controlli, seguire gli animali, veri�carne l’alimentazione e le condizioni di vita. Tutta una serie di operazioni che costano – commenta - ma che sono fondamentali per ottenere un prodotto di qualità, tracciabile e per questo competititivo. Insieme all’Assessore Birindelli – dice – mi farò portavoce delle istanze Aral preso le sedi competenti. Nei prossimi giorni - prosegue – convocherò un’audizione in Commissione per affrontare la questione e valutare gli strumenti e le modalità per sostenere il comparto zootecnico, strategico per l’economia regionale”. Il Lazio infatti non solo è sede di importanti impianti di trasformazione del latte, ma vanta numerosi prodotti Dop e Igp (Mozzarella di Bufala, il Pecorino Romano, la Ricotta Romana, l’Abbac-

chio Romano e il Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale), conosciuti in tutto il mondo.

È nata Fli

S

i è chiusa nel pomeriggio di domenica l’Assemblea costituente che ha sancito la nascita di Futuro e Libertà per l’Italia: il nuovo partito che nella regione Lazio ha il maggior numero di iscritti d’Italia. Ha partecipato alla Costituente di Milano anche il Comitato organizzativo della provincia di Viterbo. I numerosi militanti hanno raggiunto la Fiera di Milano, sede dell’Assemblea, con mezzi propri e con pullman organizzati dal Comitato. “Il coordinatore regionale del Lazio on. Antonio Buon�glio – ha dichiarato il Comitato – è stato molto soddisfatto della straordinaria partecipazione della nostra regione e ha ringraziato gli oltre 600 militanti del neo partito in una cena sabato sera”.


6

attualità

p

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 15 Febbraio 2011

Una delle opere dell’artista viterbese “Omaggio alla Musica” esposta all’ingresso del Teatro Ariston

Il maestro Joppolo onora Sanremo di SIMONA TENENTINI

I

n una breve intervista il maestro Roberto Joppolo ci dona qualche spunto di rilfessione sulle sue opere, la sua esperienza e l’arte in generale. Quale, tra le sue opere, ricorda con maggior affetto? Ogni grande opera ha una storia diversa e tutte, per me, di grande interesse, ma, a livello affettivo mi lego soltanto a quella che ancora è in progetto. Pregi e difetti di Viterbo Viterbo è la città nella quale ho realizzato tutti i miei sogni: la famiglia, il lavoro, il successo; non posso che amarla. Sia i pregi che i difetti sono

quelli della piccola città, un po’ sorniona nella quale tutti si conoscono. La Tuscia l’ha aiutata nel suo percorso artistico? La Tuscia è un territorio ideale per chi ama la tranquillità, condizione essenziale per un artista. Non a caso ospita molti artisti venuti, anche da lontano, a vivere in questa parte dell’Italia centrale. Penso proprio di essere stato aiutato. Chi nella Tuscia, tra gli artisti, si distingue per particolare talento e bravura? Io apprezzo gli artisti in quanto tali. Il talento e la bravura sono doti possedute da ognuno in modo diverso. Non posso proprio giudicare in questi termini, e comunque,

Nelle foto alcune delle oopere più signi�cative di Roberto Joppolo. In alto a sinistra Papa Giovanni Paolo II che inaugura la statua di S. Massimiliano M. Kolbe e, subito sotto, la Virgo Prudentissima posta allo svincolo di Orte. Accanto l’opera Armonia Celeste che vince a Viterbo, nel 1986, il concorso nazionale per la nuova Macchina di S. Rosa. Sopra La Porta della Luce, porta maggiore della Cattedrale di S. Lorenzo di Viterbo.

nella Tuscia, di bravi artisti ce ne sono tanti. Come nasce la circostanza che ha permesso di esporre una sua opera a S.Remo? Sono molti anni che ho realizzato un’opera dedicata alla musica e da allora, inseguo l’occasione per poterne realizzare un monumento. Dove se non a Sanremo? Tramite vari contatti, quest’anno, in accordo con il comune, presenteremo l’opera. L’OPERA DI SANREMO

L’opera esposta a SanRemo, “Omaggio alla Musica”, è un intreccio armonioso di linee e forme che suscita un immediato richiamo al tema della musica. Il linguaggio musicale, valica tutti i con�ni divenendo un mezzo universale di dialogo tra i popoli. Con l’opera “Omaggio alla Musica” si materializza anche il concetto di bellezza, che come ebbe a dire Paolo VI “…è ciò che infonde gioia nel cuore degli uomini …”. Il primo bozzetto dell’opera fu realizzato nel 1989, e subito venne utilizzato per premiare personaggi dello spettacolo di primo livello come Rita Pavone, Amedeo Minghi, Armando Trovajoli. Nel novembre scorso, una copia dell’opera è stata consegnata al Maestro Mogol durante una strepitosa serata organizzata dai quattro Rotary Club della provincia di Viterbo. Quest’opera diventerà un monumento alto quattro metri, e verrà installato al centro della città di Sanremo che è senz’altro da considerarsi la capitale della Musica leggera. Il monumento diventerà un valore aggiunto al prestigio della città, che da oltre sessant’anni svolge un ruolo fondamentale nella sviluppo della cultura e diffusione nel mondo della musica italiana. La realizzazione del monumento sarà motivo anche per la città di Viterbo di essere orgogliosa che un proprio �glio abbia dato un contributo così importante alla musica leggera italiana. (P.B.)

Lo scultore Roberto Joppolo (a sinistra) stringe la mano all’assessore a l l e Po l i t i ch e G i ova n i l i e a l l a C u l t u ra d e l c o m u n e d i S a n r e m o G i ova n n i Berrino, dopo aver consegnato il bozzetto del monumento alla musica

La carriera dell’artista N ato a Siena nel 1939, Roberto Joppolo vive e lavora a Viterbo, dove negli anni ’60 inizia a dedicarsi all’arte per passione. Nel 1983 realizza in bronzo la statua di S. Massimiliano M. Kolbe che più tardi riprodurrà in quattro esemplari ora in Giappone, in Polonia e negli U.S.A. Nel 1984 comincia il suo tributo alla cittadina di Assisi con I Genitori di S. Francesco, una scultura in bronzo installata in Piazza della Chiesa Nuova. Inoltre, dopo quattro secoli, Joppolo è il primo artista a creare arredi liturgici ed altre opere di carattere sacro per la Chiesa Inferiore della Basilica Patriarcale di S. Francesco. Nel 1989 la sua Virgo Prudentissima viene benedetta da Papa Giovanni Paolo II e collocata sull’Autostrada del Sole allo svincolo di Orte. Intanto la produzione “personale” di Joppolo – che verrà presentata a Venezia nel 1998 nel Chiostro di S. Nicola al Lido e nel 1999 nel Palazzo delle Prigioni Nuove – si focalizza sempre più su un genere “profano” e sulla sperimentazione di nuovi materiali come la maiolica policroma e il legno, con cui realizza sculture di grandi dimensioni. Dalla frequentazione dei laboratori di Carrara nascono opere come Ballerina stanca, Busto di donna, Amore materno, Movimento musicale, Madonna, esempi della sua costante ricerca di un linguaggio plastico tradotto nelle forme astratte e fantasiose del suo intimo sentire.

Dal 1999 è tutto un susseguirsi di commissioni prestigiose: la Porta Maggiore del Duomo di Messina, il Busto di Amerigo Vespucci a Brasilia e in particolare L’Albero dell’Umanità nei Giardini Vaticani e Il Seme che germoglia nella sede F.A.O. di Roma, opere provenienti entrambe dalle fonderie veronesi. E a Verona Joppolo realizza in bronzo La Porta della Pace per la Chiesa di S. Caterina a Betlemme, installata all’ingresso della Grotta della Natività nel Natale del 2003. Seguono la porte bronzee per il Santuario di Castelnuovo Berardenga e per il Tempietto di S. Ansano a Siena e la Porta della Sofferenza per la Chiesa di S. Maria Assunta a Vejano (VT). Nel 2005 inaugura a Roma nelle sale storiche di Castel Sant’Angelo una prestigiosa mostra antologica curata dalla Sovrintendenza al Polo Museale Romano e contemporaneamente, aViterbo, viene installata la sua Porta della Luce, Porta Maggiore della Cattedrale di S. Lorenzo. Nel 2007 viene chiamato dalla Comunità Francescana di S. Croce, a Firenze, per commemorare il 40° anniversario dell’alluvione. Joppolo realizza una prestigiosa medaglia ed

un bassorilievo in bronzo installato all’interno della Basilica di S. Croce in ricordo della visita di Paolo VI la notte di Natale 1966. Nello stesso anno realizza la medaglia commemorativa per il 25° anniversario della S.I.A.E. ed il prestigioso premio esclusivo che la stessa Società conferirà ad artisti e personaggi meritevoli. In apprezzamento al suo lavoro, la S.I.A.E. organizza a Roma, nel Museo Teatrale del Burcardo, una splendida mostra personale di Roberto Joppolo. Nel 2008, nello splendido scenario del Complesso Monumentale di S. Croce, a Firenze, espone per ben due mesi oltre 50 sculture, alcune di grandi dimensioni, ottenendo grande successo di critica e di pubblico. Contemporaneamente, ancora nella Basilica Inferiore di S. Francesco ad Assisi, installa una statua bronzea del Santo nella Cappella giottesca della Maddalena che introduce alla Cripta che ne custodisce le spoglie. Nel 2009 viene incaricato di completare, con la realizzazione in bronzo delle porte laterali, il trittico della facciata del Duomo di Viterbo che riceverà la benedizione di S.S. Benedetto XVI. Nello stesso anno viene invitato con 260 selezionatissimi artisti internazionali a partecipare nella Cappella Sistina all’”Incontro con gli Artisti” indetto dal Papa Benedetto XVI. (S.T.)


Martedì 15 Febbraio 2011

Viterbo & Lazio Nord

attualità

p

I CAMPIONI IN GARA OGGI

di PIETRO BEVILACQUA

S

anremo si riparte, il rito della musica leggera italiana si rinnova, con i suoi numeri, i suoi giudizi le sue critiche. Negli anni sessanta, a una canzonissima, Nilla Pizzi cantava la canzone ‘L’edera’, una melodia un pò sdolcinata su un testo scandaloso per quel tempo. Tutti detestavano quella canzone, ma tutti, allora si votava con le cartoline abbinate alla lotteria di capodanno, la preferirono inviando una valanga di voti. Il Festival di Sanremo, arrivato alla sessantunesima edizione, è come la la canzone ‘L’edera’, se si chiede, nessuno lo guarda poi arrivano i dati AUDITEL e gli spettatori superano sempre i dieci milioni! Mah! I misteri della televisione, che poi non sono grandi misteri, diciamocelo… Sanremo piace, è sempre piaciuto e sempre piacerà! È uno dei pochi momenti nazional popolari rimasti, dove, nel bene o nel male si rispecchia la nostra identità

nazionale: a noi italiani ci piace anche cantare e con Sanremo cantiamo tutti insieme! Adesso tocca a Gianni Morandi guidare questa mastodontica nave che navigherà per cinque giorni nelle nostre case, sorprendendoci, stimolandoci per poi dire che non siamo interessati all’evento. Eppure saremo, come tutti gli anni, tutti lì incollati, e se non lo seguiremo tutto, magari un passaggio, un’occhiatina gliela daremo. Insieme a Morandi, due bellissime donne: Belen Rodriguez e Elisabetta Canalis, ma anche 2 brutti uomini: Paolo Chessisol e Luca Bizzarri, le due per�de Iene. Il cast che Gianni Morandi e Giammarco Mazzi hanno messo in piedi è di grande spessore e prestigio. Due mostri sacri come Vecchioni e Battiato saranno in gara, ma anche gli artisti del momento, in grado di attrarre i i giovani. I Modà primi in tutte le classi�che e amatissimi dai ragazzi, saranno in gara. L’altro idolo dei giovani

anno, Antonella Clerici, che passerà il testimone a Morandi. Entrerà sul palco quasi a buio e raccoglierà gli spartiti musicali lanciati l’anno scorso dall’orchestra e da li inizierà la liturgia festivaliera. Bellissima la scenogra�a di Gaetano Castelli. Ora ci resta solo di accomodarci in poltrona e specchiarci nelle canzoni che dovrebbero rappresentare la società di oggi.

Max Pezzali è presente con una canzone che rispecchia perfettamente il suo personaggio. Gradito il ritorno di Anna Oxa e di Anna Tatangelo, due prime donne che partono con il favore dei pronostici. I La Crus, un gruppo storico nell’ambito della canzone d’autore, ricostruito apposta per questo evento. Insomma, ce n’è per tutti. Questa sera tornerà, solo per qualche minuto la mattatrice dello scorso

Una grandissima voce sul palco dell’Ariston

A tu per tu con Giusy Ferreri

D

opo un inizio di carriera abbastanza complicato e travagliato, Giusy Ferreri nel 2008 decide di presentarsi ai provini per la prima edizione del talent Show di Raidue ‘X Factor’. Entra nel cast del programma alla settima puntata e subito riceve i consensi del pubblico. Anche se non si aggiudica la vittoria, la sua partecipazione le dà la possibilità di �rmare un nuovo contratto discogra�co con cui pubblica il cd-ep ‘Non ti scordar mai di me’, brano di grande successo presentato alla �nale di X Factor che porta la �rma di Tiziano Ferro e Roberto Casalino. Nel disco, oltre a ‘on ti scordar mai di me”, la cantante interpreta altri 4 brani inediti di Tiziano Ferro. Nel 2009 esce l’album “FOTOGRAFIE”, è una sorta di scrigno personale in cui sono raccolte canzoni di grandi cantautori italiani e grandi artisti internazionali, come ‘Il cielo è sempre più blu’ Rino Gaetano, ‘Come pensi possa amarti’(Como Quieres Que Te Quiera) di Rosario Flores e ‘Il Mare’ di Paolo Benvegnù, reinterpretate dalla voce inconfondibile di Giusy. La prima canzone dell’album è ‘Ciao Amore Ciao’ di Luigi Tenco. Quest’anno partecipi al Festival con una canzone di Bungaro, dove compari anche

come autrice, è �nita la tua esperienza con Tiziano Ferro o è solo un momento di pausa? Bungaro si è dimostrato molto sensibile in questo frangente. E’ successo tutto in un pomeriggio. lui è una persona fantastica e un buon riferimento come autore, anche per il futuro. Con Tiziano mai dire mai. Con ‘Gaetana’ mi ha permesso di ottenere un successo straordinario. Mi piacerebbe bissarlo. Per i 150 anni hai scelto “Il cielo in una stanza”. Perche? L’ho scelta da una lista di canzoni che mi ha sottoposto Gianni Morandi. Io avevo proposto Malafemmena. Questo brano, peraltro, mi ricollega al percorso di ‘X

Factor’, dove avevo già cantato una canzone di Paoli, ‘Che cosa c’è’ Venerdì duetto con Francesco Sarcina de Le vibrazioni! Ci siamo conosciuti quando abbiamo collaborato a Tocca a noi (iniziativa di MTV Italia per coinvolgere i ragazzi in un progetto di democrazia diretta, n.d.r.) con Marracash, J-Ax e altri e c’è stato un bel feeling, della simpatia. Per me quest’anno era importante il concetto di band e ho voluto un esponente di una band italiana, quindi ho subito pensato a Francesco Quali sono i tuoi progetti futuri? Uscirà in contemporanea al Festival il mio nuovo cd ‘Il mio universo’.(P.B.)

- Patty Pravo (Il vento e le rose) - Emma e i Modà (Arriverà) - Luca Madonia e Franco Battiato (L’alieno) - Giusy Ferreri (Il mare immenso) - La Crus (Io confesso) Anna Oxa (La mia anima d’uomo) - Tricarico (3 colori) - AlBano (Amanda è libera) - Nathalie (Vivo sospesa) - Luca Barbarossa e Raquel Del Rosario (Fino in fondo) Anna Tatangelo (Bastardo) - Davide Van De Sfroos (Yanez) - Max Pezzali (Il mio secondo

7

tempo) - Roberto Vecchioni (Chiamami ancora amore) I GIOVANI IN GARA OGGI - Serena Abrami (Lontano da tutto) - Roberto Amade (Come pioggia) - Anansi (Il sole dentro) - Micaela (Fuoco e cenere) - Raphael Gualazzi (Follia d’amore) - Marco Menichini (Tra tegole e cielo) - Gabriella Ferrone (Un pezzo d’estate) - Btwins (Mi rubi l’amore)

Tutta la bellezza e la grande emozione di Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis di CARMEN GUADALAXARA

Sono tesissima, mi tremano le gambe anche in conferenza stampa”, è stata così Belen a rompere il ghiaccio con i giornalisti della sala stampa dell’Ariston. Il primo scoglio da superare per le due first ladies di Sanremo - poi ci sarà quello vero, quello del pubblico, degli ascolti. E la prima sensazione è che le due bellissime (perché straordinariamente belle, questo sì, lo sono) abbiano deciso di adottare la linea della più tradizionale banalità. “Spero che sia un grande festival, incrociamo le dita”, fa eco la povera Elisabetta. Povera perché davvero non sarà facile per lei affrontare il palco dopo aver perso la nonna pochi giorni fa. E povera perché la rivalità con Belen, un po’ inventata per alimentare il gossip, un po’ reale, rischia di essere impietosa nei suoi confronti. Belen ballerà e canterà. Elisabetta ballerà, certo, ma le prime immagi-

ni rubate alle prove, hanno scatenato una ridda di commenti spietati. Se non altro, la Eli nazionale vince la gara dei fidanzati. Impossibile che la concorrenza ti batta se hai al tuo fianco George Clooney, what else. Lei si affretta a dire che lui non arriverà perché è sul set, negli Stati Uniti. Le fa eco l’argentina: Corona è arrivato ma se ne andrà prima dell’inizio del festival. E c’è da crederci, sapendo quant’è affidabile! Fa quasi tenerezza pensare alle pole-

miche per l’onnipresenza del bell’Eddy, l’animatore che conquistò Antonella Clerici e un posto al sole tra gli autori Rai, anche a Sanremo. Antonella lo portava e lo porta in ogni dove, ma il principe consorte è e resta lui. Le due - pur essendo splendide, famosissime e soprattutto due - non possono arrivare al risultato della cuoca pasticciona più amata della televisione italiana. Lei era regina assoluta. E anche se il Festival arriverà al risultato ambiziosissimo che si è prefisso (un “quattro a zero” di ascolti), non c’è niente da fare: resta il Sanremo di Gianni Morandi. Belen ed Elisabetta potranno anche stupirci sul serio, ma in tempi in cui parlare di donne va tanto di moda, una cosa è certa: saranno solo una cornice al successo del vecchio leone, quell’uno su mille che ce l’ha fatta. Un successo, sì: perché si sa, a Sanremo, comunque vada...


provincia

p

8

GROTTE DI CASTRO

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 15 Febbraio 2011

VETRALLA

A S.Cristina arriva il turimo equestre Educazione alimentare nelle scuole N P di FULVIO MEDICI

er tutti coloro che volessero dedicarsi al turismo equestre, con l’arrivo della prossima primavera, per i più grandi ma anche per i giovani cavalieri, nell’Alta Tuscia e più precisamente nel Comune di Grotte di Castro, è possibile, presso il Castello di S. Cristina. E’ situato al centro dell’ altipiano dell’ Alta Tuscia, tra Lazio, Umbria e Toscana, nel mezzo di una campagna incontaminata, a metà strada tra Roma e Siena, a soli 10 minuti dal Lago di Bolsena, con una natura ancora intatta e un territorio ricco di spunti interessanti per

magiche escursioni tra castelli, antichi palazzi rinascimentali, affascinanti paesini arroccati su rupi impervie e necropoli etrusche perse nelle campagne. Dalla ristrutturazione del borgo sottostante il Castello, effettuata negli ultimi anni, sono stati ricavati 8 appartamenti con servizio di self-catering e 14 stanze B&B, per la maggior parte arredati con mobili provenienti dal Castello. Una location perfetta, ma soprattutto un posto ideale per il turismo equestre e le escursioni a cavallo. Il Castello di S.Cristina, un tranquillo rifugio immerso in una campagna incontaminata fuori dalle rotte tradizionali, è un punto di

partenza ideale per escursioni. Cavalli selezionati e guide esperte a disposizione per portare gli ospiti a scoprire le bellezze naturali di uno dei territori meno abitati d’Italia. Il miglior modo di apprendere o migliorare l’antica arte dell’equitazione è di farlo in campagna. Negli unici scenari intorno al Castello di S.Cristina gli allievi hanno la possibilità di stare a stretto contatto con i cavalli, e con i loro amici quadrupedi, potranno lavorare e divertirsi. Accompagnati da un istruttore quali�cato bilingue, una volta in sella gli allievi potranno immergersi in una natura ancora incontaminata.

uovi progetti di educazione alimentare e attività motorie per gli alunni delle scuole vetrallesi. A promuoverli è il Circolo Didattico diretto da Roberto Santoni. “Nei precedenti anni scolastici – esordisce il Direttore – alcune classi delle scuole primarie hanno partecipato al progetto ‘Alimentazione e movimento’ coordinato dalla Regione Lazio e dall’Istituto Universitario di Scienze Motorie di Roma. Dallo scorso anno abbiamo aderito al progetto europeo ‘Frutta nelle scuole’ che permette la distribuzione, due volte alla settimana, di frutta biologica, o a ‘lotta integrata’, in tutte le classi delle scuole primarie del Circolo. Nei prossimi giorni prenderà il via il progetto “Crescere

bene è un gioco da ragazzi”, patrocinato dal Ministero della Salute, dal Comune di Vetralla e coordinato dalla ASL/20 di Verona”. Il progetto, seguito dalla dott.ssa Maria Grazia Fontana, punta alla conoscenza e alla “sperimentazione” pratica dei giochi di una volta (corsa dei sacchi, ruba bandiera, salto con la corda, palla avvelenata, etc.). Ogni classe è stata dotata di un box con attrezzi e giochi da utilizzare in palestra o all’aria aperta. Nello stesso tempo è prevista una serie di incontri, rivolti ai genitori, sul tema dell’ educazione alimentare, condotti dalla dott.ssa Alessia Fuschino, biologa nutrizionista. Da ieri ha poi preso il via anche il progetto nazionale, sostenuto dal Ministero dell’Istruzione, di “Alfa-

betizzazione motoria”, riservato, in via sperimentale, a sei scuole della provincia di Viterbo e con l’af�ancamento di un docente di educazione �sica all’insegnante di classe. “La principale azione educativa della scuola – spiega Santoni – si è realizzata e sta continuando tenendo conto di un principio fondamentale: alimentazione e movimento sono strettamente collegate per abituare i bambini ad un corretto stile di vita. Un’alimentazione sana e una quotidiana attività motoria rappresentano due facce della stessa medaglia in quanto l’una e l’altro debbono essere in equilibrio tra loro. Se ciò non avviene, o per eccesso di introito calorico, o per difetto di movimento, e quindi di dispendio energetico”. (Dan.Ca.)

ro presentano livelli di arsenico più alti di quelli stabiliti dalla Comunità Europea. Quello che andrebbe fatto adesso è tranquillizzare i cittadini.” Parole sante quelle di Liberati, in paese infatti l’allarme è altissimo. Ci si chiede quale comportamento tenere. La confusione sulle necessità che ancora possono essere soddisfatte dall’acqua del rubinetto imperversa. “Posso usarla per cuocere la pasta?” si chiede una signora. “Per la pasta si, risponde un’ altra, basta che non la usi per pre-

parare il brodo”. “Ed il the, il caffè?” “La doccia posso farcela? Lavare i denti con l’acqua del rubinetto rappresenta un rischio?” “A queste ed altre domande si potrebbe dare risposta con una conferenza pubblica alla quale invitare dei tecnici specializzati che possano fugare tutti i dubbi della popolazionesottolinea Liberati-. Intanto il comune sta aspettando i risultati delle analisi commissionate ad un terzo istituto privato, dopo che quelle effettuate dalla ASl e dallo IAT

hanno prodotto risultati contrastanti.” Anche qui si dovrà fare chiarezza. Mentre l’amministrazione è impeganta a prendere decisioni importanti in Provincia sul modus operandi per fronteggiare il problema arsenico, Liberati pone all’attenzione dei cittadini un altro problema per la salute pubblica: “Il nostro vicesindaco aveva promesso una commissione ad hoc sull’eternit, ancora presente in grandi quantità sul territorio comunale. E’ un fatto che va affrontato.”

TUSCANIA

L’ordinanza del sindaco ha creato dubbi e perplessità tra i cittadini

Liberati,“Sull’arsenico manca informazione” di VALERIA SEBASTIANI

Un incontro con i cittadini, al più presto, per spiegare i perché dell’ordinanza”. Questo quanto chiede il consigliere d’opposizione Leopoldo Liberati(nella foto) a seguito dell’ordinanza dello scorso 9 febbraio emanata dal sindaco Massimo Naltali sul divieto di bere l’acqua pubblica esteso a tutti i cittadini indistintamente. “L’ordinanza del sindaco è giustissima, va ad allinearsi alle direttive provinciali e alla scelta degli altri sindaci dei tanti comuni che si trovano nella stessa condizione del nostro, ovve-

MONTEFIASCONE

Uno scomodo parcheggio ‘ad personam’ surriscalda gli animi dei falisci di PIETRO BRIGLIOZZI

A

scoltando certe istanze dei cittadini e rovistando tra le stranezze del breve periodo, per fortuna, dell’Amministrazione di centro destra guida sul colle falisco dall’ex sindaco Danti, abbiamo trovato anche un posto macchina riservato ad un privato, senza che paghi occupazione di suolo pubblico, portatore di handicap solo per il fatto di essere avanzato negli anni. La stranezza sta nel fatto che tale posto macchina è su una piccola piazzetta della frazione Zepponami longitudinalmente ed a ridosso dell‘abitazione del soggetto interessato che , tra l’altro, per la maggior parte dell’anno non dimora in modo �sso e continuativo in questa sua casa, ma passa la maggior parte dell’anno presso l’abitazione della �glia in

un quartiere periferico di Roma. Un posto macchina “ad personam” che però condiziona tutto il movimento delle auto nella piazzetta, non consente di usufruire a pieno dello spazio disponibile in quanto esso, è strutturato longitudinale alla casa ed a ridosso della provinciale Cassia penalizzando altri cittadini che invece potrebbero utilizzarlo quando l’illustre privato è assente. Questo posto auto parimenti non consente, nei pressi, il parcheggio di altre auto ed al tempo stesso non consente ad altri posteggiarvi, anche per breve tempo, la propria auto in quanto è protetto da apposito cartello recante indicazione e pena in caso di utilizzo da altri. Ogni giorno si assiste ad auto parcheggiate sui marciapiedi e li metà piazza vuota senza necessità. Un posto macchina riservato

ad un cittadino che lo utilizza per soli pochi giorni durante l’intero anno contrariamente ad altri luoghi di pubblico interesse ove tale sollecitudine non vi è stata. Fato vuole poi, senza spettegolare, ma l’attuazione di un certo favoritismo in paese non lo sclude nessuno, che il bene�ciario del parcheggio appartenga allo stessa famiglia di una persona che faceva parte ed aveva un ruolo importante nell’Amministrazione di Danti. Nessuno vuol venir meno alle necessità di un anziano, nel modo più assoluto ma non si possono penalizzare gli altri cittadini per cui sarebbe stato molto meglio, più oculato con rispetto anche delle necessità di chi vive sul territorio, ed applicando maggior logica riservarlo a tempo, nel periodo cioè, che la persona interessata, è presente in zona.


Martedì 15 Febbraio 2011

Viterbo & Lazio Nord

provincia

VASANELLO

Per le primarie del centrosinistra ecco Romano Salvatori E

ccolo il terzo candidato per le elezioni primarie del centrosi-

nistra. Tutti auspicavano che ci fosse un’altra persona ad ampliare la rosa dei ‘papabili’ e Romano Salvatori (nella foto) ha accontentato le richieste. Ora, a meno di colpi di scena dell’ultim’ora, a presentarsi saranno: Giuseppe Creta, Stafano Squarcia e Romano Salvatori, appunto. Quarantatrè anni, una laurea in Scienze Politiche alla Sapienza di Roma e una professione che gli permette di stare molto a contatto con le persone. Salvatori è infatti un quadro-dirigente presso una fabbrica di ceramiche di Civita Castellana. Da anni nell’ambiente politico, anche in maniera attiva, visto che già dieci anni fa si presentò come

candidato sindaco di Vasanello finendo poi battuto dall’attuale primo cittadino in carica, Primo Paolocci. Romano, come nasce la voglia di candidarti nuovamente? La mia scelta, anche se dif�cile, soddisfa le numerose richieste che mi sono arrivate in tal senso, anche da cittadini di destra. Sicuramente ho deciso di candidarmi per vincere, sia alle primarie che alle elezioni. Dopo la precedente scon-

�tta non hai paura nel ripresentarti? P a u r a no, mai. In primo luogo perchè sono cambiati i tempi e le situazioni. E poi perchè i numerosi attestati di stima nei miei confronti mi incoraggiano notevolmente. Quale politica in caso

di vittoria? L’azione amministrativa sarà improntata alla trasparenza, alla legalità e all’attenzione verso tutti i cittadini, senza nessuna discriminazione. La mia politica si potrà de�nire del ‘buon padre di famiglia’:

mirata al quotidiano, alle piccole cose, al miglioramento effettivo delle condizioni di vita di ognuno. Ogni decisione sarà comunque condivisa, anche con la minoranza, con un unico �ne comune: il bene di Vasanello e di chi ci abita. Il primo passo in caso di vittoria? Un’assemblea pubblica in cui siano convocate tutte le realtà sociali ed economiche del paese, per studiare insieme a loro piani da attuare ed opportunità da cogliere. E poi l’istituzione di una Consulta giovanile per uno sviluppo delle iniziative per i ragazzi che, a Vasanello, non hanno un centro di aggregazione che possa de�nirsi tale. In�ne il necessario riavvio della macchina comunale, da troppo tempo ormai bloccata dalla mancanza di continuità e programmazione.

CAPRAROLA - Domenica prossima presso le ex-Scuderie di Palazzo Farnese

In scena la ‘romanità’ di Rugantino L

a Compagnia Teatrale dell’IPSEOA “Alessandro Farnese” di Caprarola andrà in scena con l’opera “Rugantino” che si terrà Domenica 20 Febbraio 2011 alle ore 16.30 presso l’Aula Magna delle ex-Scuderie di Palazzo Farnese. Alle ore 15.30 la rappresentazione verrà preceduta dall’originale Buffet inserito in momento di tipica tradizione di scuola alberghiera con “un brindisi Rugantino”, dando così il benvenuto a tutti i presenti. Sarà un vero e proprio tour che avrà inizio a Caprarola in un triplice appuntamento che va dal 18 con la rappresentazio-

9

SORIANO NEL CIMINO

In caso di vittoria attuerò la politica del ‘buon padre di famiglia’

di SIMONA TENENTINI

p

ne interna l’Istituto, al 19 con le autorità �no al 20 febbraio aperto a tutti, in particolare alle famiglie degli studenti. La Compagnia Teatrale continuerà il suo tour a Viterbo, Montalto di Castro, Capodimonte. La regia, curata con particolare intuizioni di contemporaneità giovanile, del Prof. Aldo Bellocchio, esperto di comunicazione, è stata coadiuvata dai suoi collaboratori più stretti che hanno ricoperto il ruolo di ottimizzatori e costumisti: la Prof.ssa Alessandra Roscani, la Prof.ssa Luigina Santini e la Prof.ssa M. Cristina Bigarelli. Le coreogra�e e le musiche sono state curate

da alcuni studenti con l’Assistenza tecnica del collaboratore scolastico Roberto Carassai. La colonna sonora è stata per l’occasione modi�cata come alcuni dialoghi e scene che sono state oggetto di studio dell’équipe del laboratorio. In sostituzione dei brani musicali del classico Rugantino sono state scelte circa 44 tracce musicali più familiari ai ragazzi e al loro modo di sentire: alcune sono quelle di Ramazzotti, I Modà, Venditti. L’ originalità musicale è mantenuta da “La ballata di Rugantino”, “Come è bello avere una donna dentro casa” e “Roma non fa la stupida stasera”.

FABRICA DI ROMA

Il comune a Varsavia a ‘fare le cose per bene’ di SILVIO CAPPELLI

L

a Presidenza del Consiglio dei Ministri -Dipartimento della Funzione Pubblica ha invitato il Comune di Soriano nel Cimino a rappresentare l’Italia a Va r s a v i a , il 29 e 30 settembre prossimi, in occasione della manifestazione “Doing the right tinghs right”, che in italiano si può tradurre in “Fare le cose per bene”, organizzata dalla presidenza semestrale polacca dell’Unione Europea. Incontro di livello internazionale che servirà per confrontarsi sul passaggio da un’amministrazione incentrata sugli “inputs” ad un’amministrazione più orientata agli “outcome”. Vale a dire di saper valutare l’impatto delle proprie politiche e strategie gestionali sulla qualità dei servizi pubblici offerti dalle amministrazioni nei confronti dei cittadini utenti. Questo riconoscimento importante per Soriano grazie al servizio “Punto Comune”, offerto dall’amministrazione a tutti i cittadini e per il quale, nel passato, ha ricevuto dal ministro Brunetta il “premio di eccellenza” per essersi distinto positivamente tra tutti i comuni italiani. Un progetto innovativo con il quale l’Amministrazione comunale sorianese ha voluto avvicinarsi ulteriormente ai propri

cittadini, semplificando le procedure amministrative e migliorando l’utilizzo dei servizi del Comune. Un servizio tra i più avanzati, quello di “Punto Comune”, soprattutto perchè riesce a recepire il più ampio ventaglio di richieste del cittadino, nei vari settori operativi e per le varie esigenze. Il riconoscimento dell’eccellenza del Comune di Soriano, riconosciuto ufficialmente già nel 2010 dal titolare del “Dicastero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione” Brunetta, ha dato modo agli amministratori della “Perla dei Cimini” di veder riconosciuti i risultati di alcune scelte che tendono a migliorare la soddisfazione del cittadino, semplificando notevolmente molti complicati “iter” e giri per uffici vari, ai quali purtroppo in molte altre amministrazioni locali sono ancora una triste realtà. E il prossimo mese di settembre il Comune di Soriano nel Cimino, sarà rappresentato in Polonia dai suoi rappresentanti politici e dirigenti amministrativi, per riferire sulla sua bella esperienza, presentandosi come esempio da imitare nel contesto di una manifestazione di così alto livello che, per il Comune di Soriano, è motivo di orgoglio e di grande soddisfazione. E anche per tutta la comunità della provincia di Viterbo.

VALLERANO

Tutto pronto per il Carnevale Il Consiglio dei Giovani alle urne I I carri allegorici di Fabrica di Roma non parteciperanno al corso di gala a Corchiano, contrariamente a come era stato proposto dal presidente della Pro-Loco di Corchiano Quinto Prosperi. A deciderlo, sono stati i rispettivi organizzatori delle manifestazioni per Corchiano, come detto, il presidente Prosperi e per Fabrica di Roma il presidente del Carnevale Nicola Pascucci che ci ha riferito della decisione: “ Non possiamo andare a Corchiano a s�lare il 27 perché per quel giorno sono pronti soltanto tre carri allegorici di grandi dimensioni che avrebbero dif�coltà a girare per il percorso tradizionale di Corchiano, mentre resta confermato che nei

giorni domenica 6 marzo e 8 i due carri di Corchiano saranno a Fabrica. Per l’anno prossimo organizzeremo diversamente per diventare ospiti e ospitanti per i tre giorni tradizionali delle s�late”. Intanto per quanto riguarda Fabrica, i ragazzi sono al lavoro da molti giorni in quanto stanno allestendo cinque carri di grandi dimensioni sia in altezza che in larghezza. E almeno altri tre, diciamo di piccole misure, oltre ad alcune mascherate a piedi. L’entusiasmo tra i giovani è alle stelle. Per tempo hanno concretizzato il tema del carro e delle mascherate che stanno sviluppando attraverso i bozzetti e le stoffe variopinte per creare quel effetto gioioso del colore, di spensieratezza che caratteriz-

za il carnevale fabrichese. Esso si differenzia dal rigore formale durante il passaggio dei carri e delle mascherate, ma si autoalimenta tra gli spettatori, talvolta coinvolti in passi di ballo e, personaggi comici del luogo. In ogni Carnevale c’è la satira di grandi avvenimenti politici e dei loro personaggi, ma a Fabrica questo genere di presa in giro si è af�evolita, rispetto agli anni passati, per lasciare spazio a temi più semplici, improntati all’effetto cromatico e di contrasto, con particolare attenzione alla colonna sonora. L’inizio delle s�late nei tre giorni stabiliti è per le ore 15,00. La partenza è sempre la stessa da via Via IV novembre, poi Viale degli Eroi e Via Roma. (E.M.)

ndette le elezioni per il rinnovo dei membri del Consiglio dei Giovani che si terranno il giorno venti del mese prossimo. Largo anticipo, quindi, per approntare la campagna elettorale. Mentre tanto tempo non è a disposizione per la formazione e presentazione delle liste che vorranno concorrere, le quali dovranno essere presentate entro le ore 14 del 28 febbraio prossimo. Il rinnovo del Consiglio dei Giovani,si rende necessario, in ossequio alla legge istitutiva di questo importante dispositivo, che vuole i giovani, al fianco dei grandi con valore consultivo e pro-

positivo e con autonome decisioni. L’età, per essere eletti Consiglieri, va dai 15 anni ai 21, come l’età degli elettori, proprio perché gli appartenenti a questa fascia di età, possano avere dei propri rappresentanti nel Consiglio Comunale dei Giovani. Questo Consiglio come l’altro, quello dei grandi, si vedrà decurtato di due rappresentanti da eleggere, per Vallerano da 12 a nove, per effetto della nuova legge elettorale. A indire le elezioni, e quindi ad aprire ufficialmente la campagna elettorale è stato il Sindaco Mauro Giovannini.

La convocazione è stata fatta attraverso il manifesto affisso già dal primo febbraio. Molti cittadini, vedendo da lontano la parola elezioni, a grandi caratteri, stampata sul manifesto, e non leggendo quanto in esso scritto, hanno pensato bene di diffondere la notizia che era giunto il momento di andare alle urne. Nella realtà alle urne ci andranno soltanto i giovani come detto il venti del mese prossimo in via Del Torrione, sede del Consiglio Comunale dei Giovani. Dalle ore 10.00, apertura del seggio fino alle 22.00. (E.M.)


10

provincia

p

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 15 Febbraio 2011

BRACCIANO

Più verde, aree pubbliche e spazio ai giovani In corso d’attuazione il nuovo piano regolatore che punta a valorizzare il territorio di SARAH PANATTA

BRACCIANO

A

ree verdi laddove la cementi�cazione minaccia deserto, spazio ai giovani e alle loro idee, meno edilizia residenziale e più servizi pubblici. L’amministrazione di Bracciano vuole muoversi verso un coinvolgimento fattivo dei cittadini nelle decisioni di interesse collettivo, fornire loro spazi di condivisione e ricon�gurare l’assetto urbano a favore di luoghi culturali, ricreativi e di pubblica utilità. Lo hanno illustrato i maggiorenti della cittadina durante i lavori delle assemblee che si sono svolte negli ultimi due week end di febbraio. Al centro del dibattito da una parte le opere pubbliche e lo stato di attuazione del programma in cui sono state inserite sin dall’insediamento della giunta Sala. Dall’altra una serie di iniziative nate dal bilancio partecipativo, strumento che da circa due anni consente una presa diretta della popolazione sulla propria vita sociale in ogni campo. Con l’approvazione del nuovo Piano Regolatore Generale, nel 2009, la possibilità di costruire centri abitativi e commerciali scenderà a 21.500 persone, rispetto alle 30.000 previste dal PRG del 1980. Il nuovo PRG punta così a ridurre l’impulso selvaggio all’edi�cazione residenziale (che tanto caos politico e mediatico sta creando in queste settimane), focalizzandosi invece sulle

Al voto le proposte dei cittadini D

Il sindaco di Bracciano, Giuliano Sala infrastrutture, quali scuole, in particolare asili, cinema, teatri e aree verdi. Per ciò che riguarda il centro storico sono state revisionate le norme del Piano Particolareggiato, in modo da incrementare l’apertura di attività commerciali, anche al �ne di attrarre un maggior af�usso turistico. La riquali�cazione urbana del centro sta in effetti avanzando con celerità, come dimostra la ristrutturazione del Torrioncino delle Sentinelle, di Via Umberto I e di Piazza Samminiati. La rete dei trasporti pubblici locali, nucleo di frequenti proteste e pietra dello scandalo per molti territori limitro�, subirà, ha ribadito l’Ass. Capparella, una forte implementazione: con i fondi regionali verrà riaf�dato

il trasporto locale, saranno aumentati da 4 a 5 i mezzi e rese più frequenti le navette da e per la stazione ferroviaria, di cui usufruiscono studenti e pendolari soprattutto negli orari serali, i più congestionati. E’ in�ne in fase di approvazione da parte della Regione il Piano di Edilizia Economica e Popolare (per riassegnare e valorizzare alcune zone del centro con un bando a cui potranno partecipare cooperative, per il 70%, e costruttori privati, per il 30%), mentre è già stato approvato il Piano di Utilizzazione degli Arenili (PUA), per regolamentare uso e gestione delle spiagge intorno al lago e lottare contro l’abusivismo e il mal costume in stile far west che domina spesso queste aree.

CALCATA - Il paese degli artisti ha stupito il presidente della Provincia

Meroi in visita al borgo D

al “paese degli artisti” tante idee e tanti spunti per arricchire con eventi di pregio le manifestazioni culturali che l’amministrazione provinciale intende organizzare in primavera e in estate nel cortile di Palazzo Gentili. Ieri mattina il presidente della Provincia di Viterbo, Marcello Meroi, accolto dal sindaco di Calcata Luciano Sestili, ha visitato il bellissimo borgo immerso nella Valle del Treja, con i suoi laboratori e le sue gallerie, frequentatissime da visitatori appassionati, turisti, curiosi e artisti di fama internazionale. In particolare, questa mattina il presidente ha visitato molti bellissimi studi privati e la sede dell’associazione culturale “Il Granarone”. Giuseppe Salerno e Marijcke Van Der Maden, referenti dell’associazione, stanno, infatti, organizzando in questo periodo la decima edizione della famosa esposizione “L’uovo d’artista”, patrocinata dalla Provincia di Viterbo e dedicata questa volta al 150° anniversario dell’Unità d’Italia. All’iniziativa, che durerà dal

are voce e strumenti ai residenti assume un’importanza focale, quasi simbolica nel periodo attuale del Comune di Bracciano, viste le recenti vicende mediatiche e quelle giudiziarie tuttora in corso, che rischiano di far vacillare il rapporto tra amministrazione e cittadinanza. Sabato 12 febbraio una folta assemblea pubblica ha dato il via alla fase decisionale de�nitiva del Bilancio Partecipativo 2010/ 2011. La popolazione verrà chiamata, �no al 5 marzo, alla votazione (possibile on-line o recandosi presso l’Uf�cio Relazioni con il Pubblico) su due proposte in merito a “Politiche sociali” e “Politiche culturali/giovanili”, che sono state scelte dall’Amministrazione tra le circa centocinquanta segnalazioni presentate dai cittadini per cinque diversi ambiti tematici. Dopo aver valutato sotto il pro�lo economico e normativo le proposte della popolazione, l’Amministrazione ha già messo in cantiere alcuni interventi di manutenzione necessari in varie zone del comune e ha selezionato cinque progetti, giudicati ammissibili e conformi con il bilancio pluriennale precedentemente approvato. Un progetto, portato avanti da cinquanta cittadini di Bracciano Nuova

e sostenuto dal Consiglio di quartiere, rientra nell’ambito “Programmazione opere/Politiche ambientali” e verte sulla creazione di un’area verde attrezzata con�nante con il Centro Civico che verrà costruito il località Cinquilla (zona nord, vicino Bracciano Due). Due, rispettivamente nei settori “Politiche sociali” e “Politiche culturali/giovanili”, sono i progetti soggetti alle votazioni. Il primo, proposto dalla onlus “Cucuas” riguarda l’apertura di uno sportello scolastico e professionale per persone con disabilità (sportello “Io domani”), con un servizio di consulenza dedicato al reinserimento e all’integrazione dei disabili nella vita

socio-lavorativa del comune. Il secondo, ideato dal centro Studi Mythos, prevede similmente un’attività di sostengo per studenti e famiglie, concentrata però sul counseling e sul supporto psicopedagogico. Nell’abito “Giovani”, i progetti al voto sono improntati l’uno sull’organizzazione di un festival, con seminari, dibattiti, mostre e altro, la cui novità importante sarebbe la totale gestione da parte dei ragazzi; l’altro invece su una proposta di rassegna cinematogra�ca, con un ciclo di proiezioni da tenere in locali pubblici consoni. La parola spetta adesso ai cittadini residenti o domiciliati, dai 16 anni in su. (S.P.)

TOLFA - L’associazione Chirone propone laboratori didattici alle scuole del comprensorio

“Un museo a misura di bambino” G

10 al 25 aprile prossimi, parteciperanno oltre 100 artisti. “Calcata è una vera e propria fucina di prodotti culturali di qualità – afferma il presidente Meroi –, un luogo famoso in tutto il mondo per la sua particolare bellezza e per la folta presenza di artisti conosciuti a livello mondiale. Il centro storico di Calcata e le attività che in esso risiedono sono un patrimonio inestimabile per la nostra provincia, e voglio ringraziare l’amico sindaco Luciano Sestili, l’associazione ‘Il Gra-

narone’ e gli artisti che oggi mi hanno mostrato le proprie opere per questo invito, da cui mi auguro possa nascere una collaborazione importante al �ne promuovere questa bellissima realtà su tutto il territorio della Tuscia”. “L’amministrazione è a completa disposizione di chiunque voglia presentare proposte e progetti – conclude Meroi – per esposizioni, mostre ed eventi che aprano le porte di Palazzo Gentili alle attività artistiche caratteristiche di Calcata”.

razie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia, l’Associazione Culturale Chirone di Tolfa, per l’anno scolastico 2010-2011 propone alle scuole del comprensorio una vasta gamma di laboratori didattici archeologici, storici e naturalistici e laboratori di archeologia sperimentale che consentano ai ragazzi di fare nuove esperienze formative da af�ancare al normale percorso didattico. L’iniziativa promossa dall’Associazione in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Tolfa, si svolgerà negli ampi spazi del Polo Culturale della cittadina collinare: la sala conferenze, il chiostro, la biblioteca ed i laboratori di archeologia sperimentale. A dare inizio ai lavori sarà la conferenza di presentazione del progetto: “Imparo e mi diverto: un mu-

seo a misura di bambino”, che si terrà venerdì 18 febbraio alle ore 11.30 presso l’aula convegni del Polo Culturale di Tolfa, Largo XV Marzo 1799. Oltre al relatore, Giordano Iacomelli, Interverranno l’avvocato Vincenzo Cacciaglia, presidente CA.RI.CIV, e il

Sindaco di Tolfa, Alessandro Battilocchio(nella foto). Per informazioni e prenotazioni dei laboratori è possibile chiamare ai numeri 0766/92127 e 3897824847, oppure inviare una e-mail all’indirizzo associazionechiro ne@hotmail.it.


Martedì 15 Febbraio 2011

Viterbo & Lazio Nord

litorale

p

11

TARQUINIA

Oltre 4mila firme per salvare le Saline I

l consigliere del Popolo della Libertà all’Università Agraria Alessio Gambetti, illustra i risultati raccolti a seguito della raccolta delle �rme per la difesa e la tutela della spiaggia delle Saline di Tarquinia. “ Ad oggi sono 4 mila le �rme raccolte dalla petizione popolare – esordisce Gambetti – è grande l’attenzione, come la partecipazione, di cittadini residenti e non residenti, che non nascondono l’entusiasmo a che questo problema venga risolto, per il bene di uno dei luoghi più interessanti e belli della Regione Lazio.

Un entusiasmo questo – aggiunge il consigliere del Pdl - che deve essere da stimolo a continuare in questa battaglia perché venga difeso sia un sito naturale ma anche un pezzo della nostra storia locale, nonché fonte di ricchezza socio-economica per la nostra città, un occasione da non perdere. Attualmente la situazione presso la spiaggia è grave – tuona Gambetti - e l’azione del mare non solo sta minacciando un patrimonio naturale come l’Oasi Naturale, dichiarata sito di interesse comunitario, ma anche un patrimonio di inestimabile valore archeologico,

vedi Porto Clementino. Da un punto di vista �nanziario, quello che emerge è che la giunta Polverini, ha reinserito nella �nanziaria 2011, il �nanziamento che interessa per la realizzazione dell’opera di difesa, prima notizia buona e positiva in merito al problema. Sul fronte della mozione da presentare in sede di consiglio di amministrazione all’Università Agraria, il documento è stato elaborato – sottolinea Gambetti - e verrà presentato nell’annunciato consiglio aperto dell’ente dove verranno esaminata anche la tematica del possibile ritorno al nucleare e

la possibile discarica presso il Comune di Allumiere. In questi giorni – continua Gambetti - sto lavorando, appena raccolte e ritirate tutte le �rme, per organizzare un “incontro-convegno” sul fenomeno dell’erosione costiera, dove lì verranno consegnate le �rme raccolte ai responsabili politici regionali, e dove si chiederà l’impegno a che si intervenga nel più breve tempo possibile, vista la grave situazione in cui versa la zona costiera, specie la spiaggia – conclude Alessio Gambetti - ridotta ormai ad una sottile striscia di arenile”. (A.S.)

Alessio Gambetti

MONTALTO Arriverà presto il nuovo revisore dei conti

TARQUINIA

Il consigliere provinciale replica alle accuse di Alessandro Dinelli

Meraviglia,“I ritardi sulle infrastrutture? Colpa del Pd” di ALESSANDRO SACRIPANTI

I

l consigliere provinciale Udc Alfio Meraviglia risponde ad Alessandro Dinelli del Pd, che ricopre anche il ruolo di presidente del consiglio comunale a Tarquinia. “Se Dinelli riferisce che questa è la situazione a parere di tutti, è innegabile la forte responsabilità delle precedenti amministrazioni comunali, provinciali e regionali guidate dal suo partito negli ultimi cinque anni e di cui, il sottoscritto non faceva parte”. Con queste parole Alfio Meraviglia replica alle dichiarazioni di Dinelli a seguito di una nota del consigliere provinciale Udc. Il botta e risposta mediatico tra i due va avanti quindi ormai da giorni e c’è da giurarci, queste dichiarazione di meraviglia non porranno fine alla diatriba almeno che Dinelli non lasci al consigliere il privilegio

dell’ultima parola. Tutto ha avuto inizio a seguito di una dichiarazione del consigliere provinciale. Meraviglia infatti aveva riferito alla stampa la sua determinazione nel tenere alto l’interesse verso il territorio viterbese con una particolare attenzione per il litorale, a dimostrazione del lavoro che sta svolgendo a seguito degli impegni presi in campagna elettorale, essendo comunque l’unico rappresentante tarquiniese in via Saffi a Viterbo. Le ‘parole’ che hanno sollevasto il polverone mediatico tra i due che ancora non accenna a scemare, quelle rilasciate da Meraviglia a seguito dell’ultimo consiglio provinciale straordinario dove si è discusso della situazione delle infrastrutture nella Tuscia, che riportiamo testualmentne : “Siamo riusciti ad approvare un documento unitario che prevede l’individuazione delle opere prioritarie che garantirebbero il rilancio economico-

turitico del nostro territorio fino ad oggi penalizzato dagli investimenti in territori romani. Le infrastrutture – aggiunge Meraviglia - fanno muovere persone e merci e sono cruciali per rilanciare la nostra economia. L’impegno dell’amministrazione provinciale sarà quello di organizzare una sessione tra Provincia e Regione, nella quale verranno specificate le modalità ed i finanziamenti relativi alle opere infrastrutturali. Indipendentemente dello scalo aeroportuale di Viterbo – continua Alfio Meraviglia - si convocherà un consiglio provinciale con le rappresentanze territoriali, tra cui sindacati, imprese, enti locali, con la presidente Renata Polverini, per chiarire lo stato dei progetti delle opere infrastrutturali.” Dietro a questa sua esposizione Dinelli del Pd aveva criticato Meraviglia dicendo che le sue affermazioni erano vecchie, anzi rincarando

S

Il consigliere provinciale Al�o Meraviglia la dose e aggiungendo : “Meraviglia si è svegliato adesso.”Ovviamente le parole di Dinelli non potevano cadere nel vuoto. Alla provocazione Meraviglia ha reagito usando gli stessi toni: “Io sveglio? C’è chi dorme da una vita! Informo Dinelli che le priorità da me esposte sullo stato ‘disastroso’ delle nostre infrastrutture sono pienamente condivise dal suo stesso partito che ha contribuito alla redazione di un documento votato all’unanimità del consiglio provinciale di cui faccio parte.

A quanto pare anche il suo gruppo ritiene che, in questo senso, non siano mai stati realizzati interventi decisivi sul nostro territorio. Se questa è la situazione a parere di tutti, è innegabile la forte responsabilità delle precedenti amministrazioni guidate dal suo partito negl’ultimi cinque anni e di cui, il sottoscritto, non faceva parte. Ma questo i cittadini già lo sanno – conclude Alfio Meraviglia - e le ultime tornate elettorali provinciali e regionali lo hanno ampiamente dimostrato”.

cade domani il bando per la nomina del nuovo revisore dei conti del Comune di Montalto di Castro. Il posto è vacante da un mesetto, dalle dimissione dell’ultimo contabile. E’ bene ricordare che sulla questione si è giocata un battaglia politica. L’opposizione all’attacco ha accusato sindaco e giunta di incapacità gestionale. Negli ultimi mesi si è assistito ad un carosello di nomine e dimissioni. Con un denominatore comune. Tutte ruotano attorno al settore contabile del Comune di Montalto di Castro. Durante la prossima seduta consiliare si procederà alla nomina del revisore. Per presentare la domanda c’è tempo sino alle ore dodici del sedici febbraio 2011. Il posto è a tempo determinato. Si tratta del triennio 2011-2014. Mancano quindi pochi giorni alla nomina. Il nuovo revisore dei conti, secondo l’opposizione, “avrà il compito di rimettere ordine nella situazione �nanziaria dell’ente”. Il vento di tempesta ha cominciato a sof�are quando è scoppiato il caso della maxi truffa di cui il Comune è stato vittima. Più di un milione di euro svaniti nel nulla. Un mistero sul quale ancora non è stata fatta chiarezza.


12

civitavecchia

p

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 15 Febbraio 2011

Quando lo sport non ce la fa proprio ad affrancarsi da certa politica

Tidei vs Moscherini, è il fischio d’inizio? Le frizioni tra club e Amministrazione tradiscono albori di campagna elettorale di PIETRO COZZOLINO

È

inutile; lo Sport, anche e forse sopratutto nella nostra città, non ce la fà proprio ad affrancarsi da certa Politica. Ed allora ecco anche le recenti “frizioni” tra l’Asd Civitavecchia 1920 e l’Amministrazione sulla gestione in esclusiva dello Stadio comunale (ripetiamo, comunale), finire inevitabilmente per tradire gli albori di una vera e propria Campagna elettorale per delle Amministrative peraltro a quanto pare non certo imminenti. “Sono felice per l’andamento del Civitavecchia Calcio di Adriano Clemeno, ma mi auguro che non

Pietro Tidei e Gianni Moscherini

debba avere a che fare, nel futuro prossimo, con personaggi come Mario Auriemma” replica il Sindaco, Gianni Moscherini, alle critiche mossegli dallo stesso Cavaliere, ex patron del Club succitato, altresì a mezzo di alcuni media locali. “Leggo che il medesimo, pur non essendo ancora in Società, straparla e dà giudizi; non mancando, addirittura, di mettere il suo partito a disposizione di una candidatura del suo amico, Pietro Tidei. Ecco; questa è tutto sommato una buona notizia - ironizza poi - perché sapere che sono tali gli alleati di colui che si sta organizzando per candidarsi contro di me, è la migliore assicurazione

sulla mia conferma a Primo cittadino di Civitavecchia. Di Civitavecchia; non di Viterbo - ribadisce inoltre in risposta ad un provocatorio striscione esposto, da alcuni tifosi nerazzurri, presso le gradinate del bistrattato, ma al contempo sempre più ambito, “Giovanni Maria Fattori”. “Certamente - commenta ancora il numero uno di Palazzo del Pincio - potrebbe essere appassionante governare anche una città come quella; ma la stessa

è fin troppo ben amministrata da Giulio Marini; e quindi il problema non si pone. Invece - ribadisce mi ricandiderò qui; dove, visto come i miei avversari si stanno organizzando, la partita è, tra l’altro, praticamente vinta”. Dalla Città d’incanto risvegliatasi “pallonara” (e fortunatamente, non solo), almeno per ora, è tutto. O quasi. “Vota Antonio; vota Antonio!”. Nella speranza, mai sopita, che sia rimasta un pò di trippa col sugo.

“Progetto su cui occorre lavorare” Cisal Federenergia: “Potenziata

Diverse le modifiche apportate al modello Enel

Fabio Rampelli (Pdl) in merito alla Piattaforma Logistica Italia la sicurezza a Torrevaldaliga Nord”

Nelle strategie nazionali, la Piattaforma Logistica Italia è un progetto ambizioso di vasta area dal quale può concretizzarsi una parte rilevante del tanto declamato sviluppo economico della Capitale e del Lazio”. E’ un esordio convinto, quello del Deputato Pdl, On. Fabio Rampelli. “Non c’è più tempo da perdere se si vogliono scon�ggere altre proposte decisamente meno competitive sul mercato, ma fortemente sostenute sul piano politico. Le infrastrutture ivi presenti - osserva poi - sono senz’altro utili a sempli�care l’intermodalità e la stessa prospettiva di realizzazione dell’aeroporto di Viterbo troverebbe una sua coerenza territoriale. Del resto - aggiunge - il Porto civitavecchiese, sin dai tempi dell’antica Roma, viene utilizzato quale accesso alle merci di tutto il mondo ed oggi può

L’onorevole Fabio Rampelli altresì aprirsi alle economie emergenti”. Inoltre: “I Presidenti di Regione e Provincia, unitamente al Sindaco, Gianni

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: hi scrive è un gruppo di lavoratori soci e dipendenti della COOP. C.C.M.S. (in concordato preventivo), la più grossa realtà, almeno �no a qualche anno fa, del settore metalmeccanico sul territorio. Attualmente siamo in Cassa Integrazione Straordinaria (CIGS), senza più certezze per il futuro lavorativo come del resto tanti lavoratori nella nostra bella Italia. Siamo esclusi dal mondo lavorativo con prospettive zero e gli interrogativi che ci poniamo tutti i giorni non trovano risposte. Tra le tante preoccupazioni vi è anche la cattiva e super�ciale gestione della parte burocratica della CIGS - che dobbiamo subire - che ha comportato, e comporta tuttora, ritardi o addirittura blocchi nei pagamenti delle indennità mensili. Perciò non solo sbattuti in Cigs ma anche senza soldi. Da Maggio 2009 a oggi si sono veri�cati: 1) errori nelle procedure di apertura CIGS; 2) super�cialità nella tempistica per i rinnovi degli accordi. Un´incapacità dirigenziale della società che porta a una serie di errori nelle procedure, da cui si evince: una totale mancanza di programmazio-

C

Alemanno, dovrebbero quindi valorizzare tale proposta nei confronti del Governo perché se fosse accantonata per favo-

ne nella gestione del personale e nella tempistica degli adempimenti, l’assenza di rotazione del personale in CIGS, ritardi sulle remunerazioni. Il tutto mettendo anche in dif�coltà l´organizzazione sindacale di categoria la quale - a nostro avviso - gestisce la trattativa dando rilievo a elementi atti a mantenere l’organico nella sua completezza, sperando nel superamento della crisi. In altre parole siamo rimasti senza salario per 6 mesi dal 21 Maggio al 12 Novembre 2010. Oggi siamo di nuovo con lo stesso problema, da Dicembre 2010 sono stati fermati i pagamenti della CIGS poiché il secondo rinnovo è in attesa della convalida del Ministero e si prevede che si sbloccherà se tutto va bene a Marzo 2011. In�ne sappiamo che nel mese di Maggio �nirà la CIGS e la Cooperativa C.C.M.S. che cosa deciderà? Continuerà con la CIGS o metterà in mobilità? Nessuna risposta da nessuno. Che �ne faremo ? ? ? La nostra disperazione è giunta al limite. Lanciamo pertanto un grido di denuncia e una richiesta di aiuto alle Istituzioni locali af�nché individuino una soluzione a questa drammatica e ridicola situazione.

rire altre localizzazioni, visto che tecnicamente Civitavecchia non ha rivali, signi�cherebbe che le Istituzioni locali hanno un potere contrattuale molto relativo”. Un auspicio, quello di cui sopra, in più condiviso dal nostro Assessore alla Cultura, Gino Vinaccia (Udc): “Il lavoro presentato è sicuramente il risultato di una signi�cativa elaborazione culturale e progettuale che merita massima attenzione. E dall’attuazione del medesimo - rimarca - dipende non soltanto il futuro di un’area sempre più ampia avente ad epicentro la nostra città, bensì anche quello del sistema Paese. Credo, pertanto, che al momento di confronto debba seguire una fase operativa, in cui il marketing territoriale dei Comuni interessati sia sopratutto sostenuto con l’impegno concreto dei più alti livelli governativi”. (P.C.)

G

li incontri fra Cisal Federenergia ed Enel Produzione sulla revisione del modello organizzativo della Centrale di Tvn, ritenuto datato e non più corrispondente alle reali esigenze, si sono conclusi. “La trattativa, che ci ha visto impegnati per mesi - ci riferiscono dalla Segreteria nazionale del Sindacato - si è conclusa in maniera positiva in quanto la Spa ha accolto in gran parte le richieste”. Il documento �nale dell’Accordo preve-

de, in sintesi: l’ampliamento della struttura dedicata alla sicurezza, 34 nuove posizioni nell’organico interno (per lo più, giovani periti industriali) ed il riconoscimento della professionalità con passaggi di categoria da de�nirsi a breve. “Sindacato ed Azienda - concludono - hanno mostrato, in maniera seria e professionale, come si tengono delle relazioni industriali ad alto pro�lo al �ne di portare un contributo signi�cativo ai lavoratori ed alla città tutta”. (pc)

Perello e Gatti (Gruppo Misto) invitano a superare le divisioni ed a cooperare

Due città divise per una ‘manciata’ di funghi?

L’istituzione della riserva di Pian della Regina, operata dall’Università Agraria è in contrasto con le disposizioni di legge. Allora, nel dirlo, non eravamo ne pazzi ne demagocici; ma costatavamo una situazione che tutti conoscevano e che, invece, qualcuno ha voluto far credere diversa”. Intervengono cosi, i Consiglieri del Gruppo Misto, Daniele Perello ed Alessio Gatti, commentando con piacere la decisione regionale in merito ad un provvedimento che, di fatto, tuttora

tiene i cittadini civitavecchiesi (e non solo) alla larga dalla medesima. “Un plauso - continuano - va altresì al nostro Assessore con delega all’Agricoltura, Alessandro Maruccio, per avere seguito con intensità l’intera vicenda, agli “appassionati fungaroli” nonchè agli uomini del Corpo Forestale che hanno egregiamente gestito le susseguenti difficoltà. Inoltre - aggiungono - oggi non c’è molto da riflettere su questa vittoria, bensì su di un modo di concepire il territorio in maniera differente,

ossia sulla falsariga delle linee programmatiche dei due Comuni, tendenti a superare le divisioni ed a cooperare nei processi di sviluppo industriale e turistico. Civitavecchia e Tarquinia devono crescere; e farlo assieme. Ognuno ha bisogno dell’altro, perche’ i territori di riferimento sono e devono essere complementari. Garantire scelte importanti - concludono - è necessario per dare un futuro differente ai nostri giovani”. Vogliamo forse rimanere divisi per una “manciata” di funghi? (PC)


SPORT

BASEBALL - Winter League

Che carica questi ragazzi!

dalla Redazione servizio a pagina 19

PALLAVOLO - Serie B2

Orte Civita va sul velluto di Alessandro URSINI

servizio a pagina 20

Edizione del 15 Febbraio 2011

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

BASKET SERIE C

Harley Davidson a tutto gas

Anche senza Lanfaloni la formazione biancoblù travolge la Virtus Frusino con due quarti super BASKET SERIE C

Tutte le prime portano a casa il referto rosa

C

hi faticando, chi passeggiando, tutte le prime della classe hanno rispettato il pronostico e così la scontro diretto Belli CGTFormia, rinviato all’1 marzo, diventa ancora più importante per non perdere contatto dal vertice. La Petriana ha liquidato senza troppe dif�coltà il Civitavecchia, chiudendo già nel primo tempo un match che ha poi controllato negli ultimi due quarti, Vigna Pia ha sofferto le pene dell’inferno contro la Fortitudo Roma, rientrando dal -16 del primo tempo grazie ad una ripresa in cui i romani si sono dimenticati quasi come si gioca a basket, ed anche la macchina da guerra Cassino, pur cogliendo due punti preziosi ad Ostia, ha avuto bisogno di un canestro allo scadere di Guida per imporsi. Blitz esterni in�ne per Borgo don Bosco e Fox. (ga)

BASKET A2 DONNE - Alcamo capolista solitaria

di GLAUCO ANTONIACCI

Turno movimentato in testa e in coda G

I primi venti minuti sono stati forse i nostri migliori dell’intera stagione, ma la verità è che l’ho già detto altre volte ed in ogni occasione questa squadra sposta in avanti il limite di quello che può fare”. Coach Orlando Orchi è davvero soddisfatto dopo il successo per 88-63 che la sua Harley Davidson, priva di Lanfaloni, ha ottenuto a spese della Virtus Frusino. I venti minuti cui fa riferimento il tecnico viterbese sono i primi, giocati ad un ritmo super e chiusi con un 51-27 che voleva già dire partita �nita. In quei 51 punti ci ha messo più di uno zampino Federico Zena, tornato a bombardare allegramente da oltre la linea dei 6,75 ma un contributo lo ha dato anche la squadra ospite: “Dopo i primi minuti a uomo prosegue Orchi - si sono messi a zona e sono rimasti con quel tipo di difesa per tutto il secondo quarto, nonostante il nostro bombardamento cui hanno contribuito sia Zena che Pasqualini. Questo però non toglie nulla al valore del Frusino,

Brucculeri è un grandissimo giocatore, forse il migliore di tutto il girone nel crearsi un tiro da solo, Lawmann è un ottimo rinforzo ed ora hanno anche Bianchi, pivot di mestiere ed esperienza. Se avessero iniziato con questo organico il campionato sarebbero in ben altra posizione ma sono sicuro che anche così faranno male a tante altre squadre”. Tra queste non ci sarà la Harley che può guardare

avanti con �ducia. I biancoblù avranno una settimana per smaltire la sbornia di canestri di sabato e prepararsi alla prossima gara, una tappa decisiva nella battaglia per il ruolo di vice Marino; Sacripanti e soci saranno infatti impegnati sul campo dell’Eurobasket e, se dovessero vincere, potrebbero agganciare i romani guadagnando il 2-0 nello scontro diretto. Il cammino è lungo ma la strada è giusta.

iornata di rivoluzioni nel girone sud della serie A2. Con il Cus Chieti fermo per il turno di riposo e la TermoCarispe La Spezia caduta a sorpresa sul campo di Napoli, Alcamo è tornato in testa alla classi�ca da solo. Le siciliane non hanno faticato molto a battere fuori casa College Italia, così come è stato netto il successo esterno di Ragusa nel big match della giornata sul parquet di Orvieto. Movimento anche in coda alla classi�ca, con Firenze che ha strapazzato a sorpresa Battipaglia (26 di Ilieva) mentre Ancona è andata a vincere addirittura a Siena, acuendo la crisi delle toscane che hanno vinto solo una gara delle ultime otto. Preziosa l’affermazione della Risorseimmobiliari La Spezia che ha fermato la rincorsa di Pomezia dilagando nel �nale.

BASKET A2 DONNE ALCAMO

32

CUS CHIETI *

39

TERMO LA SPEZIA

30

ORVIETO

26

RAGUSA

26

BATTIPAGLIA

24

RISORSE LA SPEZIA *

22

SIENA *

20

DEFENSOR VITERBO

20

POMEZIA

16

NAPOLI *

16

FIRENZE *

10

ANCONA

10

RENDE

8

COLLEGE ITALIA *

4

* HANNO RIPOSATO

BASKET UNDER 17 - Successo 72-68 BASKET D - Biancorossi vittoriosi nonostante una lunga lista di indisponibili

Nuova Fortitudo inarrestabile A Rieti arriva il quinto sigillo ASD RIETI N.FORTITUDO VT

68 72

Asd Rieti Bk: Isu� 9, Scardamaglia 4, Trovatelli 12, Ianni 15, Fabrizi 10, Algeri 2, Martorelli 14, Giovannelli 2, Muscia, Muggia, Arcoragi. Acc.Giovannelli Fortitudo Bk Viterbo: Lepinzan 15, Porrone, Carrisi 17, Dottori 2, Cencioni 1, Turco 21, Bagnaia 11, Speranza. All. Porrone

S

plendido pokerissimo per i ragazzi under 17 della Nuova Fortitudo, bravissimi a ripetere l’exploit del turno precedente, quando avevano battuto la Tiber, andando ad espugnare Rieti dove non è mai facile portare a casa i due punti. Il team di Porrone, invece, lo ha fatto ed ha conquistato la quinta vittoria di �la, in attesa del recupero contro il Pass Roma che potrebbe consentire di chiudere alla grande la prima fase del campionato. I viterbesi hanno iniziato abbastanza bene l’incontro, ma il punteggio è rimasto in sostanziale equilibrio �no alla sirena di metà

gara, nonostante gli sforzi dei neroarancio. Al ritorno in campo per disputare il terzo quarto, però, c’è stata l’accelerazione dei viterbesi con Luca Dottori che ha lanciato a più riprese il contropiede mandando a canestro alternativamente Turco, Carrisi e Lepinzan (nella foto), tutti in doppia cifra. Si è così entrati nei dieci minuti conclusivi sul +12 Fortitudo (4759) e nemmeno qualche �schio ‘generoso’ della coppia arbitrale è bastato al Rieti per capovolgere l’esito della gara.

Santa Rosa a segno contro l’Itri N

ella settimana in cui la Sovil ha rinviato la gara contro lo Smit, è toccato all’unica viterbese in campo, il Santa Rosa, tenere alto l’onore del basket della Tuscia in serie D. La formazione biancorossa ha compiuto in pieno il suo dovere, regolando 72-59 l’Itri in una giornata che pure si presentava insidiosa per un gruppo alle prese con una lunga serie di malanni �sici. Non inganni infatti il punteggio, la gara è rimasta a lungo in bilico, con i viterbesi a fare corsa di testa e gli ospiti abbastanza vicini da non poter essere considerati battuti. Il motivo? Ce lo spiega coach Lorenzo Tedeschi: “Siamo partiti bene ma poi abbiamo calato la nostra intensità e loro si sono rifatti sotto. Siamo stati sempre avanti ma non abbiamo mai dato il colpo di grazia. Hanno in�uito le nostre cattive condizioni �siche che non ci permettono di lavorare bene in settimana, quello che si fa

in campo è �glio di ciò che si prova in allenamento e noi commettiamo sempre gli stessi errori perchè in questo periodo non abbiamo potuto lavorare come avremmo dovuto”. Una vittoria è comunque una vittoria, tanto più che i biancorossi non hanno potuto contare su La Torre, in panchina ma non entrato per motivi precauzionali causa un guaio al ginocchio, ed hanno dovuto rinunciare anche a Migliorati, Mosiello e all’ultimo arrivato Graziotti. “Quando gli avversari difendono con aggressività prosegue Tedeschi - andiamo in bambola e non riusciamo ad essere �uidi. I nostri avversari non erano forti ma quando commetti errori da principianti la gara può mettersi male e infatti ci hanno messo in dif�coltà. Ora pensiamo a recuperare qualche infortunio e a migliorare la qualità degli allenamenti, la corsa al primo posto è dura ma sappiamo che, se non dovesse arrivare, sarà

stagione”. Il Santa Rosa spera di arrivarci bene e di dimenticare tutti questi malanni. Per ora tenta di riuscirci a suon di vittorie, in una classi�ca che, nelle zone alte, non è cambiata dopo le vittorie di Ostia, Anzio, Colle�orito, Boville e Master. La caccia al primo posto è apertissima. (GA)

Lorenzo Tedeschi esclusivamente colpa nostra e non merito degli avversari. Dovevamo vivere una stagione di transizione ma siamo in una posizione di classi�ca che ci consente di sognare e non vogliamo tirarci indietro. Anche il secondo posto e il vantaggio del fattore campo nei playoff sarebbe positivo, visto che in casa sappiamo esaltarci, ma tutto dipenderà da come le squadre arriveranno al momento decisivo della


� �

sport

SPORT

p

14

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 15 Febbraio 2011

CALCIO SERIE D GIRONE G

E se avesse avuto ragione Aprea? Altro pareggio amaro per la Viterbese di Puccica che contro il Budoni non va oltre lo 0 a 0 Ma Mezzotero è fiducioso: “E’ stata una gara tosta, abbiamo fatto bene, peccato per le occasioni sprecate” di EMANUELE FARAGLIA

N

on c’è nemmeno la gioia per aver raggiunto almeno un record in questa stagione, quello del maggior numero di pareggi. La Viterbese infatti ne ha collezionati dodici, mentre la Porto Torres, che si è rifatta sotto andando a vincere a Somma Vesuviana, è arrivata a quota tredici. Ironia a parte la squadra di mister Puccica se ne torna dalla Sardegna con gli ormai soliti rammarichi per non aver tenuto fede alle speranze dei tifosi, ma anche con un morale non proprio sotto le scarpe, pardon gli scarpini: “E’ stata una partita tosta - il commento dell’esterno mancino Luca Mezzotero - in Sardegna non è mai facile e poi il Budoni veniva da una serie di otto risultati utili

Il classe ‘91 Mezzotero consecutivi. Noi abbiamo giocato bene, abbiamo avuto qualche occasione e personalmente sono dispiaciuto di non essere riuscito a concretizzare quella che mi è capitata alla mezz’ora della

SERIE D GIRONE ‘G’ - 7ª DI RITORNO ANZIOLAVINIO - APRILIA (and. 2-1)

0-2

ARZACHENA - BACOLI (and. 1-4)

1-0

BUDONI - VITERBESE (and. 0-1)

0-0

FIDENE - CYNTHIA (and. 2-0)

3-0

MONTEROTONDO - ZAGAROLO (and. 2-1)

1-1

SANLURI - GUIDONIA (and. 2-1)

0-2

SELARGIUS - TAVOLARA (and. 3-2)

1-1

CASTIADAS - ASTREA (and. 0-1)

2-1

VIRIBUS UNITIS - PORTOTORRES (and. 1-1)

0-1

ripresa...”. Mezzotero sta facendo una buona stagione, ma la mira non è delle migliori in prossimità della porta avversaria, un problema che riguarda anche altri lì davanti o no? “Già, ma in realtà domenica non ci sono state molte chance, solamente in un paio di situazioni ci siamo resi davvero pericolosi, però c’era anche un rigore su Di Matera che l’arbitro ha giudicato diversamente”. E l’espulsione di Gay non vi ha certo aiutato. Ma perché tutte le volte la Viterbese perde, come dire, l’attimo fuggente? “Non so, in alcune gare ci è mancato il carattere giusto, in determinati periodi inoltre abbiamo perso punti che alla lunga potrebbero pesare come nelle s�de interne con Cynthia, Astrea e Guidonia o come nella trasferta di Zagarolo. Purtroppo non va sempre come vorremmo, ma la squadra è buona, serve solo più attenzione... Anche contro il Budoni abbiamo lottato �no all’ultimo. Dobbiamo essere più incisivi e sfruttare ogni episodio che capita”. Anche perché dieci partite alla �ne sono tante, ma non tantissime... “E’ vero, abbiamo quattro punti dalla Zagarolo e ben dodici dalla capolista e ogni domenica si riduce la possibilità di ridurre il gap. Bisogna tornare a vincere subito a cominciare dalla partita col Selargius”.

SERIE D GIRONE G MONTEROTONDO

48

APRILIA

46

BACOLI

43

VIRIBUS UNITIS

40

ZAGAROLO

40

VITERBESE

36

FIDENE

35

PORTOTORRES

34

ARZACHENA

34

ANZIOLAVINIO

33

BUDONI

32

ASTREA

29

SELARGIUS

26

GUIDONIA

25

CYNTHIA

22

TAVOLARA

21

SANLURI

20

CASTIADAS

16

Un Selargius che a differenza del Budoni non vive un momento di particolare brillantezza, ma Sbaccanti e compagni nelle settimane scorse hanno già dimostrato di non riuscire a sfruttare le debolezze altrui. Una Viterbese solida, sia pur una buona squadra, ma incapace di diventare un’ottima squadra. E se avesse avuto ragione Aprea? Meglio non pensarci va.

CALCIO SERIE D GIRONE E - Il tecnico della Flaminia analizza l’1 a 1 col Deruta

“Per fortuna che c’è la sosta”

“Ultimamente stanno giocando sempre gli stessi...”. Poi fa gli elogi a Cavalieri SERIE D GIRONE E PERUGIA

55

CASTEL RIGONE

49

TODI

49

SANSEPOLCRO

42

CITTA’ DI CASTELLO

38

PONTEVECCHIO

37

VOLUNTAS SPOLETO

36

FLAMINIA CIVITA C.

36

PIANESE

35

SPORTING TERNI

32

SCANDICCI

28

MONTEVARCHI

28

ATLETICO AREZZO

23

ORVIETANA

23

DERUTA

23

SESTESE

22

FORTIS JUVENTUS

18

MONTERIGGIONI

17

I

tredici punti di differenza in classi�ca non si sono visti domenica pomeriggio e mister Rossi non nasconde l’amarezza. “La classi�ca conta relativamente, piuttosto si sono fatte sentire le assenze di Travaglione, Rossi, Morini e Stefani. Si tratta di giocatori che non si possono regalare a nessuno, �guriamoci ad una squadra che lotta per salvarsi. Ho dovuto far giocare Lazzarini centrale e poi far esordire un giovane come Russo (‘93) che tra l’altro si è disimpegnato egregiamente”. L’approccio non è stato dei migliori, dopo sei minuti siete andati subito sotto... “Già e dopo nemmeno mezz’ora ci siamo ritrovati in vantaggio numerico (per l’espulsione di Goretti, autore dell’1 a 0, ndr), e tutti a dire che avremmo dovuto vincere facilmente, ma invece i nostri avversari si sono chiusi tutti dietro la linea della palla ed in quelle condizioni diventa tutto più complicato”.

Mister Roberto Rossi Cosa ha sbagliato la Flaminia? “Abbiamo fatto troppi lanchi lunghi e abbiamo fatto girar poco la palla. Pur avendo supremazia territoriale non siamo riusciti a concretizzare le occasioni create. Anzi, per fortuna che Scardini ha �rmato un gran bel gol al termine di un’azione insistita altrimenti rischiavamo anche di perderla. Nel �nale

infatti la gara si era incanalata davvero male, anche se durante la ripresa abbiamo avuto noi il pallino del gioco”. Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? “Beh, diciamo che la sosta arriva al momento giusto visto che ultimamente stavano giocando sempre gli stessi. Non dimentichiamo poi che il Deruta veniva dalla vittoria sul Città di Castello. Insomma adesso pensiamo a recuperare gli infortunati, credo che per quanto riguarda Morini non ci siano problemi, mentre Travaglione e Stefani saranno da valutare attentamente”. Oltre al gol di Scardini qual’è stata l’altra nota positiva di questo non certo esaltante 1 a 1? “Senza alcun dubbio l’esordio dal primo minuto di Alvaro Cavalieri, un giovane di Civita Castellana che è già un piccolo professionista. Si vede che gli anni alla Lazio gli hanno fatto bene. In lui ci ho sempre credu-

A Coverciano con la Nazionale Under 19

Federico Viviani diventa “azzurrino”

A

vanti così e siamo tutti felici. Altra perla del nostro Federico Viviani, centrocampista nella Primavera della Roma classe 1992, �glio d’arte che da domenica si trova presso il Centro Tecnico di Coverciano per uno stage con la Nazionale Under 19 del tecnico Daniele Zoratto. Grande gioia quindi per questa chiamata in azzurro per il talento di Grotte di Castro che continua a bruciare le tappe e che ha risposto alla convocazione in azzurro con questi compagni di avventura: Bardi

(Inter); Ceccarelli (Lazio); Crisetig (Internazionale); Baselli (Atalanta); Benedetti (Inter); Bianchi (Empoli); Carraro (Fiorentina); De Sciglio (Milan); Frascatore (Roma); Ghiringhelli (Milan); Iemmello (Fiorentina); Leali (Brescia); Libertazzi (Juventus); Miello (Torino); Minotti (Atalanta); Partexano (Modena), Petta (Napoli); Piccini (Fiorentina), Rozzio (Canavese); Scialpi (Varese); Suagher (Atalanta); Verdi (Milan); Viviani (Roma). Lo stage si concluderà domani con un incontro amichevole contro lo Spezia. (agv)

SERIE D GIRONE ‘E’ 7ª DI RITORNO CASTEL RIGONE - PONTEVECCHIO (and. 3-3)

1-3

DERUTA - FLAMINIA CIVITA CASTELLANA (and. 0-2)

1-1

FORTIS JUVENTUS - SESTESE (and. 2-4)

1-1

MONTEVARCHI - MONTERIGGIONI (and. 1-0)

0-1

PERUGIA - ORVIETANA (and. 2-1)

2-0

PIANESE - TODI (and. 1-3)

0-2

SANSEPOLCRO - SPORTING TERNI (and. 1-2)

1-0

SCANDICCI - CITTA’ DI CASTELLO (and. 0-2)

0-1

VOLUNTAS SPOLETO - AREZZO (and. 1-2)

0-0

SERIE D GIRONE ‘E’ 8ª DI RITORNO (27/02) ATLETICO AREZZO - CASTEL RIGONE FLAMINIA CIVITA CASTELLANA - FORTIS JUVENTUS CITTA’ DI CASTELLO - SANSEPOLCRO MONTERIGGIONI - SCANDICCI ORVIETANA - VOLUNTAS SPOLETO PONTEVECCHIO - PIANESE SESTESE - PERUGIA SPORTING TERNI - PERUGIA TODI - MONTEVARCHI

to e sono davvero soddisfatto di averlo visto crescere così tanto”. Elogi che non vanno certo sprecati, ma che allo stesso

tempo non danno alcun contributo alla lotta senza quartiere che vede la Flaminia in mezzo ad almeno altre otto squadre per gli ambiti play off... (e f)


� �

sport

SPORT

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 15 Febbraio 2011

p

15

CALCIO ECCELLENZA

Foglianese, l’urlo di chi non si arrende Corneto e Monterosi altri punti in cascina di EMANUELE FARAGLIA “Se non ora quando?”. Lo slogan che ha riunito le migliaia di donne scese in piazza in diverse città d’Italia domenica scorsa è stato raccolto anche dalle viterbesi impegnate nel girone A d’Eccellenza.

ECCELLENZA PISONIANO

51

CIVITAVECCHIA

49

PALESTRINA

48

ALBALONGA

46

RIETI

45

N. TOR TRE TESTE

38

REAL POMEZIA

37

OSTIA MARE

35

FONTENUOVESE

35

GIADA MACCARESE

33

MONTEROSI

33

CORNETO

28

FIUMICINO

24

CECCHINA AL.PA.

18

FOGLIANESE

18

FREGENE

13

PESCATORI OSTIA

12

TORRENOVA

12

GRIMALDI SHOW PER LA PRIMA DI MISTER PASCUCCI Non a caso proprio sugli spalti del San Paolo una delle due ‘capeultrà’ dei vetrallesi sfoggiava una maglietta con la scritta che passerà alla storia non solo, a questo punto, per la giornata femminista ma anche per la rinascita della Foglianese di mister Pascucci. Una Foglianese eroica, partita alla grandissima esattamente come voleva il tecnico romano: “I ragazzi sono stati bravissimi, hanno fatto proprio quello che avevo chiesto loro. Bravi tutti. Il neo dell’espulsione? Non c’è nessun neo, semplicemente l’arbitro mi ha cacciato commettendo un errore perché stavo soltanto incitando i miei. Ha sbagliato, tutto qui. Il merito della vittoria, comunque, va tutto ai miei giocatori. Abbiamo preso il secondo gol solo per una nostra disattenzione. Non dimentichiamoci che il Giada Maccarese è stato costruito per vincere e ha tantissimi giocatori di grande esperienza e valore. Per noi è una vittoria importantissima”. A conferma della splendida prestazione di Grimaldi e soci (a proposito tutti sopra il sette i vetrallesi ma il numero 10 è sprecato, sprecato, sprecatissimo in questa categoria... ndr) ecco le parole dell’altro numero 10, l’esperto Adornato: “Ci aspettavamo di affrontare una squadra che avrebbe fatto di tutto per ottenere i tre punti, conosco il carattere di mister Pascucci e non

L’abbraccio a mister Pascucci dispetto dell’età e del �sico non certo possente (ma quanto pesa? è uno spillo!) si conferma tra i migliori in un centrocampo frequentato da gente come Vartolo da un lato e Borghi dall’altro.

Mattia Grimaldi, autore di una doppietta avevo dubbi sulla grinta di questa squadra. Al girone di ritorno è un campionato nuovo per tutti, anche per chi deve salvarsi. E’ stata una bella partita e a mio avviso sarebbe stato più giusto un pareggio. Prendere il gol dopo appena un minuto e reagire come abbiamo fatto noi non è semplicissimo. Sull’agonismo visto in campo dico che è giusto dare il massimo sul rettangolo di gioco, poi arrivederci e grazie, ognuno per la sua strada”. Una �loso�a che tutti i ragazzi dovrebbero far propria e che nella fattispecie avrebbe dovuto guidare anche mister Calce apparso davvero troppo nervoso in occasione dell’espulsione. Per il resto una giornata da ricordare per i capelli color terra di Monte Fogliano

dell’inesauribile Fanka, la determinazione di un gruppo tutt’altro che abbattuto, gli interventi al limite del miracoloso di Giovannetti e la maturità del classe ‘92 Fiorelli che a

CORNETO E MONTEROSI A BRACCETTO Non stupiscono più invece le squadre guidate da Gu� e Lauretti. I tarquiniesi sfruttano al meglio la ‘stecca’ di Cascianelli che dopo una manciata di minuti supera De Angelis per l’1 a 0 strenuamente difeso �no al novantesimo. Stesso risultato per i monticiani che trascinati dal solito Maestà ottengono la decima vittoria in una stagione da incorniciare (36 gol fatti come il Civitavecchia).

ECCELLENZA 6ª DI RITORNO FONTENUOVESE - ALBALONGA (and. 2-2)

1-1

PESCATORI OSTIA - CIVITAVECCHIA (and. 0-2)

0-1

FREGENE - FIUMICINO (and. 0-1)

2-2

FOGLIANESE - MACCARESE (and. 1- 6)

3-2

TORRENOVA - MONTEROSI (and. 1-2)

0-1

CORNETO TARQUINIA - N.T. TRE TESTE (and. 0-3)

1-0

CECCHINA - OSTIA MARE (and. 1-1)

1-1

PISONIANO - RIETI (and. 1-1)

3-3

PALESTRINA - REAL POMEZIA (and. 3-4)

2-1

CALCIO PROMOZIONE - Ride il Ladispoli che tiene botta coi falisci e si prepara per la sfida di Coppa Italia

Il Pianoscarano scopre Milic e va Nella zona calda i rionali guadagnano tre punti importanti approfittando del tracollo nepesino

P

ari e patta tra le due regine del girone A ed ovviamente ride il Ladispoli che conferma di avere qualcosa in più rispetto ai falisci e si prepara nel migliore dei modi alla s�da di domani contro il Real Collevecchio (ritorno

CLASSIFICA LADISPOLI

50

MONTEFIASCONE

45

S. MARINELLA

43

CANINESE

42

ANGUILLARA

38

VIGOR ACQUAPENDENTE

37

FOCENE

36

LA STORTA

35

TOLFA

33

TANAS CASALOTTI

32

REAL MONTEVERDE

28

CITTA’ DI CERVETERI

25

PIANOSCARANO

25

ATLETICO VESCOVIO

24

CORCHIANO GALLESE

21

FORTITUDO NEPI

20

TREVIGNANO

19

VIRTUS CIMINI

9

dei quarti di Coppa Italia). Nella lotta per la salvezza invece fanno festa i rionali che grazie ad Isidori, Iannuzzi e Renzani conquistano tre punti d’oro appro�ttando del crollo nepesino e del pareggio del Cerveteri e guadagnando posizioni in classi�ca. “Sono soddisfatto – commenta mister Ferretti – nel primo tempo siamo andati molto bene, nel secondo abbiamo iniziato male, come spesso ci succede quando siamo in vantaggio. Dopo il loro pareggio, però, abbiamo ripreso in mano il pallino del gioco ed abbiamo meritato la vittoria. Milic ha giocato una buona gara, poi però ho ritenuto giusto cambiare e puntare sulla velocità per mettere in dif�coltà la loro difesa un po’ statica ed è andata bene. Ne avevo parlato con Giovanni Veneruso in settimana e la squadra si è mossa bene nel �nale. Sono certamente tre punti pesanti ma per tirarci davvero fuori dai guai dobbiamo essere più squadra fuori casa, altrimenti rischiamo di arrivare con il �atone �no alle ultime giornate. Ora pensiamo alla prossima s�da con la Caninese, ritroveremo alcuni squali�cati ma non potrò contare su Proietti, un’assenza pesante”. Comprensibilmente deluso il suo collega Sperduti, in tribuna perché squali�cato: “Dopo il pareggio

Esordio ok per Boris Milic se c’era una squadra che sembrava in grado di vincere eravamo noi, poi abbiamo perso un pallone che ha spianato la strada del loro 2-1 e, con cinque minuti di follia, siamo �niti sotto di due reti. Potevamo riaprire ancora la gara con Farricelli ma non ci siamo riusciti, il Pianoscarano è stato più pratico ed ha meritato di vincere. Peccato perché era un’occasione per cogliere un punto prezioso e rimanere agganciati ad un’avversaria diretta, credo che ora sarà dif�cilissimo pensare alla salvezza diretta, anzi dobbiamo evitare gli ultimi due posti. Ritengo che ci giocheremo il penultimo posto con Corchiano e Nepi, domenica affronteremo

l’Atletico Vescovio e sarà una gara da vincere a tutti i costi”.

PROSSIMO TURNO Ecco i confronti di domenica prossima. Così alle ore 11. Tra parentesi il risultato di andata. Caninese-Pianoscarano (and. 1-0) F. Nepi-Anguillara ( and. 1-2) La Storta-Tanas Casalotti (and. 1-2) Ladispoli-Corchiano Gallese (and. 4-2) Monte�ascone-S. Marinella ( and. 1-1) Real Monteverde-Città di Cerveteri (and. 0-4) Virtus Cimini-Tolfa (and. 0-3) Alle 15 avremo due s�de. Trevignano-A. Vescovio (and. 3-2) Vigor Acquapendente-Focene (and. 1-2)

PROMOZIONE 6ª DI RITORNO ANGUILLARA - REAL MONTEVERDE (and. 1-0)

0-0

ATLETICO VESCOVIO - VIGOR (and. 1-1)

3-0

CITTA’ DI CERVETERI - VIRTUS CIMINI (and. 3-0)

2-2

CORCHIANO GALLESE - LA STORTA (and. 0-4)

1-0

FOCENE - FORTITUDO NEPI (and. 1-0)

5-0

LADISPOLI - MONTEFIASCONE (and. 1-0)

0-0

PIANOSCARANO - TREVIGNANO (and. 0-0)

3-1

TANAS CASALOTTI - CANINESE (and. 0-0)

1-2

TOLFA - SANTA MARINELLA (and. 1-2)

0-0

Promozione Umbra

Ortana, spettacolo e grande successo Pantalla sconfitto 4-0 e sorpassato

D

opo il roboante successo di Subasio per 3-0, l’Ortana di mister Bernabei si ripete in casa contro il Pantalla conquistando i 3 punti con un netto 4-0. Gara praticamente perfetta quella giocata dai biancorossi che ancora una volta sono riusciti a sbloccare subito in apertura il match per poi controllarlo e dominarlo a proprio piacimento. Un inversione di tendenza netta quella degli ortani che dopo il mese nero di Gennaio nelle ultime due gare hanno conquistato 6 punti realizzando 7 reti senza subirne nessuna. Un trend positivo importantissimo per la salvezza visto che ha riportato capitan Paoluzzi e compagni nel gruppone delle squadre in lotta per evitare gli spareggi retrocessione. Al momento infatti, dando per spacciate Julia Spello e Petrignano, ben 7 squadre sono in lotta per evitare le 4 posizioni che condurrebbero all’inferno dei play-out. I GOL - Pronti, via e Ortana in vantaggio. Paoluzzi lancia Sciommeri che “spizza” in profondità per Gammino che è bravo a crederci, brucia il difensore e non da scampo a Rossi. Il vantaggio carica i locali che costruiscono molto e al 26’ raddoppiano. Cianfanelli sulla fascia si “beve” due difensori e crossa al centro per Sciommeri che sale in cielo e schiaccia in rete. Prima del riposo il 3-0. Uno scatenato Cianfanelli si invola sull’out destro, si accentra, chiede ed ottiene l’uno due da Sciommeri e conclude imparabilmente alle spalle dell’estremo difensore umbro. A 10’ dalla �ne del match, il 4-0 ad opera di Piciucchi, bravo a tagliare alle spalle della difesa perugina, involarsi solo verso la porta e battere ancora il numero uno ospite. POST PARTITA - Questa l’analisi di mister Bernabei: “Abbiamo ottenuto la seconda delle cinque gare che secondo me serviranno per salvarsi. Siamo stati molto bravi ad approcciare la gara e a cercare, anche con ottimi risultati direi, di eseguire in campo quello che proviamo e riproviamo durante gli allenamenti settimanali. Inoltre ci tengo a sottolineare che con il 4-0 abbiamo ribaltato lo 0-3 subito all’andata e questo signi�ca avere sul Pantalla un punto in più virtuale in caso di arrivo a parità di punti. Per il resto, sono molto soddisfatto dei ragazzi, hanno tutti disputato una prestazione super anche se nel complesso questa volta è emerso in modo S�njari, autore di una prova eccezionale” (au)


� �

sport

SPORT

p

16

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 15 Febbraio 2011

CALCIO 1ª CATEGORIA

IL PUNTO - La situazione dopo la quarta di andata in cui si interrompe la striscia si del Montalto Calcio. Gol pesanti dei big come Randazzo e De Cillis

Grotte, Ischia e Latera con il passo giusto Bene il Capranica, frena il Canepina che non riesce a sfruttare il fattore campo. Il cammino delle big. Dedica speciale della N. Sorianese per Mastrorosato di ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

F

attore campo che si fa sentire nella quarta di ritorno del girone A della Prima Categoria in cui tra le big non toppano Grotte di Castro, Ischia di Castro, Latera e Capranica. Frenata invece del Canepina che opposto al concreto e mago delle x Monte Romano non va oltre il pari e conferma quelli che da un paio di mesi sono i suoi limiti in zona gol. E per i cimini che con i due recuperi ncora da giocare restano la leader virtuale del girone questa storiella dei match da disputare (ancora) si sta facendo sentire.... IN CORSA PER LA VITTORIA FINALE Ed allora andiamo per ordine con quelle che sono state le vittorie pesanti per Grotte di Castro, Ischia di Castro, Latera e Capranica che restano racchiuse in un fazzoletto di punti e con una in�nità di scontri diretti da giocare tutto è ancora possibile. E andiamo ad analizzare anche quello che sarà il loro percorso da qui alla �ne. QUI GROTTE Se non ci pensa Pacenza ecco pronto King Randazzo a risolvere la tuttaltro che semplie pratica casalinga contro un Montalto Calcio che stava andando a mille e che si presentava al Comunale comune uno spauracchio non da poco da superare. Ma quella di mister Raspoli è formazione concreta e cinica, che sa il fatto suo, che continua a prendere pochi gol e nel momento della dif�coltà arriva sempre il gesto di spessore di uno dei suo big a risolvere la querelle. E questi sono tre punti pesanti alla vigilia della trasferta tuttaltro che semplice di Capranica. Per il Grotte è il dodicesimo risultato utile consecutivo e sin qui nelle 19 gare giocate c’è stato un solo ko. E tenete d’occhio questo dato che alla lunga può pesare moltissimo. Il cammino - Da qui alla �ne nell’ordine il Grotte di Castro si recherà a Capranica, ospiterà l’Atletico Tarquinia e in un nuovo confronto interno l’Ischia di Castro, poi trasferta il 13 marzo a Vignanello, ritorno in casa contro il Vasanello e trasferta sul campo della Nuova Sorianese. Nelle ultime 5 giornate il 3 aprile gara interna contro la Virtus Pilastro, il 10 aprile tra-

gara di una grandissima importanza nella trasferta di Latera. Il cammino - Sono ben 13 le gare che attendono il Canepina. Domenica trasferta a Latera, poi mercoledì 23 il recupero interno con la Nuova Sorianese, il 27 febbraio la gara interna contro il Valentano, il 2 (o 9 marzo il recupero sul campo del Pilastro), il 6 marzo trasferta a Vallerano, il 13 gara interna con il Tuscania Bolsena, il 20 trasferta a Lubriano e il 27 marzo il match casalingo con il Montalto. Poi nelle ultime 5 giornate la trasferta di Capranica, il 10 aprile il big match interno contro il Grotte di Castro e negli ultimi 3 match di maggio la trasferta di Ischia, la gara interna con il Vignanello e la trasferta di Vasanello.

sferta a Canepina e poi dopo la lunga (e folle!) sosta di 15 giorni il 1° maggio ospiterà il Monte Romano, l’8 maggio si recherà a Latera e il 15 maggio giocherà in casa contro il Valentano. Ed è un calendario eccellente. QUI ISCHIA DI CASTRO Qualche sbavatura in fase difensiva per il team di Mimmi Gasperini contro il Lubriano dell’ex Baggiani che al Bozzini ha fatto il suo fugurone mettendo in grande apprensione la compagine del presidente Fossati. Ma poi uando hai gente come De Cillis, Cosenza, De Grossi ecco che i valori tecnici vengono fuori rispetto ad un Lubriano che ha gettato nella mischia anche diversi juniores. Un successo pesante per restare in corsa ricordando anche il match che l’Ischia recupererà la prossima settimana. Il cammino - Per l’Ischia quindi ben tre s�de d domenica 20 febbraio a domenica 27 febbraio con il match tuttaltro che semplice a Montalto di domenica prossima, poi il recupero di Valentano il 23 febbraio e l’ultimo match del mese in casa contro il Capranica. Un piattino niente male. Poi nelle ultime nove giornate nell’ordine trasferta a Grotte di Castro, match interni con l’Atletico Tarquinia ed il Vignanello, il 27 marzo trasferta a Vasanello, il 3 aprile gara casalinga contro la Nuova Sorianese, il 10 aprile trasferta con il Pilastro e dopo la lunga sosta il 1° maggio match interno con il Canepina, l’8 maggio trasferta a Monte Romano e il 15 maggio super scontro in casa contro il Latera. Ed è un calendario che appare più dif�cile rispetto a quello del Grotte. QUI LATERA Con una rete del giocatore Bocci i gialloblu di mister Aquilio sono passati sul campo della Virtus Pilastro per 1-0. E contro i rionali sono gare tuttaltro che scontate perchè è vero che il ruolino interno dei boys di mister Rondini è pessimo (0 vittorie, 2 pareggi e 7 scon�tte) ma al “Rossi” per vincere devi stare attento e non sottovalutare un gruppo che paga dazio solo pr l’inesperienza. “Sono stati tre punti importanti per proseguire il nostro sogno - ha detto il tecnico Aquilio - andiamo avanti giornata per giornata, con serenità, senza tabelle e nè calcoli di ogni genere ed ora iniziamo

1ª CATEGORIA 4ª RITORNO

Gian�lippo Fileni, bomber del Vasanello (Foto Andrea Di Palermo)

Nella zona calda successi pesantissimi per Vasanello e Nuova Sorianese. Si fa sempre più dura per il terzetto composto da Valentano, Virtus Pilastro e Atletico Tarquinia. Domani M. Romano in Coppa Lazio a lavorare per la dif�cile gara interna di domenica contro il Canepina”. Poi Aquilio rivolge un pensiero alla sua ex compagine della Virtus Pilastro: “ Sono ragazzi che ci mettono l’anima e al quale auguro di tutto cuore di riuscire a salvarsi. Hanno tutti giovani interessanti e in fuuro sentiremo parlare di loro”. Il cammino - E andiamo a scrutare quello che da qui alla �ne sarà il percorso del Latera: domenica prossima gara interna con il Canepina, poi due trasferte a Monte Romano e con l’Atletico Tarquinia. Il 13 marzo il derby interno con il Valentano, il 20 marzo trasferta a Vallerano e nelle ultime sei giornate abbiamo la gara interna con il Tuscania Bolsena, la trasferta di Lubriano, il match casalingo contro il Montalto, il 1° maggio la trasferta di Capranica, l’8 maggio il match casalingo con il Grotte di Castro e poi la chiusura ad Ischia per un �nale di stagione tostissimo.

QUI CANEPINA Era lecito attendersi di più dal Canepina che non ha saputo avere ragione del coriaceo Monte Romano che non si è distratto neanche pensando all’impegno di Coppa Lazio di domani con il ritorno contro il Santa Severa. E’ uscito fuori un 1-1 che ha frenato lo slancio dei cimini di mister Proietti che hanno ancora la dote dei due recuperi da disputare ma le s�de in casa contro la N. Sorianese e con la Virtus Pilastro in esterna sono match che vanno giocati e non puoi mettere sei x nelle caselle dei punti se prima i match non li vinci. E’ un Canepina che attualmente ha grossi limiti in fase offensiva e che in casa in serie ha pareggiato con il Lubriano per 0-0 (poi è arrivata la vittoria a tavolino), con il Vasanello (1-1), con l’Ischia di Castro (1-1) e con il Monte Romano (1-1). Il tecnico predica umiltà e domenica prossima

1ª CATEGORIA 5ª RITORNO (20/02)

orari

CANEPINA - MONTE ROMANO (and. 0-0)

1-1

ATLETICO TARQUINIA - MONTE ROMANO (and. 1-2)

11,00

CAPRANICA - A. TARQUINIA (and. 0-0)

1-0

CAPRANICA - GROTTE DI CASTRO (and. 0-2)

11,00

GROTTE DI CASTRO - MONTALTO CALCIO (and. 3-1)

1-0

LATERA - CANEPINA (and. 1-2)

11,00

ISCHIA DI CASTRO - LUBRIANO (and. 0-3)

4-2

LUBRIANO - VIGNANELLO (and. 0-2)

11,00

NUOVA SORIANESE - VALENTANO (and. 1-2)

6-0

MONTALTO - ISCHIA DI CASTRO (and. 0-1)

11,00

V. PILASTRO - LATERA (and. 0- 2)

0-1

TUSCANIA BOLSENA - VASANELLO (and. 0-2)

11,00

VASANELLO - VALLERANESE (and. 1-3)

2-0

VALENTANO - VIRTUS PILASTRO (and. 2-1)

11,00

VIGNANELLO - TUSCANIA BOLSENA (and. 1-3)

1-1

VALLERANESE - N. SORIANESE (and. 1-2)

11,00

QUI CAPRANICA E’ la scheggia impazzita della stagione che in virtù di un bottino stratosferico nelle gare interne (nessuna ha fatto meglio di lei con 25 punti ottenuti sui 27 a disposizione) riesce ancora a stare nel giro che conta e su in alto vuole restarci. Domenica fermo il suo bomber per antonomasia Cristian Pecci ci ha pensato il fratello Manuel a segnare allo scadere il gol dell’1-0 contro un Atletico Tarquunia al quale tanto lottare non è tato suf�ciente. E domenica per il Capranica prova del fuoco contro un Grotte di Castro che sa di dover giocare la gara perfetta per portare via un risultato utile dal Morera e poi la trasferta di Ischia. Il cammino - Per il Capranica dopo la gara interna con il Grotte di Castro ci sarà quindi la s�da di Ischia di Castro, poi gara interna con il Vignanello, trasferta a Vasanello, gara gara casalinga con la Nuova Sorianese, trasferta contro la Virtus Pilastro, il big match a domicilio con il Canepina, la trasferta di Monte Romano, la gra interna con il Latera e nelle ultime due s�de trasferta a Valentano e gara interna con la Valleranese. LE ALTRE Negli altri confronti di domenica scorsa spiccano e di che tinta le belle vittorie per 6-0 della Nuova Sorianese di mister Floccari nei confronti un Valentano (della serie Chi l’ha visto) e tramortito con una randellata di ben 6 reti senza colpo ferire e il 2-0 che ha tranquillizzato il Vasanello (e il “vecchietto” Fileni ancora una volta è andato in gol) contro una Valleranese che in esterna non riesce proprio a vincere un match. Pareggio frizzante tra Vignanello e Tuscania Bolsena entrambe fuori dai giochi promozione e salvezza e che hanno onorato il loro impegno con maggiore soddisfazione per gli ospiti di patron Bacocco che hanno raggiunto il pari quasi all’ultimo tuffo.

1ª CATEGORIA GROTTE DI CASTRO

40

ISCHIA DI CASTRO #

37

CANEPINA # #

36

LATERA

36

CAPRANICA

34

MONTALTO

29

TUSCANIA BOLSENA

29

MONTE ROMANO

29

VIGNANELLO

24

VASANELLO

22

LUBRIANO

19

VALLERANESE

18

NUOVA SORIANESE #

18

VALENTANO #

14

V. PILASTRO #

12

A. TARQUINIA

10

# GARE DA RECUPERARE

DEDICA PER LUIGI MASTROROSATO La Nuova Sorianese ha dedicato il netto successo sul Valentano al compianto Luigi Mastrorosato, bandiera della Primi Calci Sorianese prematuramente scomparso. I RECUPERI Ricordiamo i tre recuperi che mancano. Il 23 febbraio - Alle 15 avremo Canepina-Nuova Sorianese e Valentano-Ischia di Castro della prima giornata di ritorno. Da �ssare - Il match tra Virtus Pilastro e Canepina della seconda di ritorno. MARCATORI Ecco la classi�ca aggiornata dei principali marcatori dopo i match della quarta di ritorno. 12 reti: Pompei (Latera) 10 reti: Capocecera (Lubriano); 9 reti: Pacenza (Grotte di Castro); De Cillis (2 con il Vignanello, 7 con l’Ischia di Castro) 8 reti - C. Pecci (Capranica); 7 reti - Gaska (2 rigori) Latera; Carrington (2 rigori, Tuscania Bolsena); Sfasciotti (2 rig. Ischia di Castro); A. Taratufolo e Danieli (1 rig) (Canepina); Pantarelli (Lubriano); Fileni 3 rigori (Vasanello) 6 reti - Nobile (Grotte di Castro); M. Mariani (Vasanello); Randazzo (Grotte di Castro) 5 reti - Incalcaterra (Canepina); C. Marini (1 con il Capranica e 4 con il M. Romano); 4 reti - L. Trebisondi (Monteromano); Pokoropek (Valleranese); M. Salvitti (Capranica); Cicconi (2 rig.) Valentano; Ligi (Montalto Calcio)


sport

SPORT

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 15 Febbraio 2011

� �

p

CALCIO 2ª CATEGORIA

GIRONE A

La caduta degli dei Primo ko della Virtus Bolsena che fa flop contro la Querciaola di mister Zucchi. Doria alle stelle Nel gruppo B secondo ko che appare indolore per il Ronciglione che cede alla grinta Bassano

Vejanese

E

venne il giorno della prima volta inteso come il primo ko della stagione per la Virtus Bolsena nel girone A e della prima scon�tta nel 2011 per la Cimina Ronciglione nel gruppo B. Succede, e come se succede che anche le prime della classe scivolano. GIRONE A Che per la Virtus Calcio Bolsena non fosse un periodo di fuoco e �amme era evidente. Nell’ultimo mese e mezzo troppe vittorie risicate, una legnosità nell’andare in gol evidente e il campanello d’allarme era suonato forte mercoledì scorso con il pareggio a reti binche sul campo della Nuova Pescia Romana. FURIA QUERCIAIOLA Domenica è arivata la “botta” sotto i colpi d’artiglieria della Querciaiola del bravo tecnico Zucchi che non avevamo mai scoperto così baldanzosa a certe latitudini. Mancinelli e Miralli hanno �rmato la doppietta che ha archiviato il 2-0 �nale e che entra nella storia del calcio viterbese visto che questo è stato il primo capitombolo

del team del presidente Finocchiaro che adesso ha decisamdella ente meno certezze di quante ne avesse qualche settimana fa. OPERAZIONE AGGANCIO E CAMMINO DELLE REGINE Il Doria ringrazia la Querciaiola, centra il 20esimo successo in 20 gare uf�ciali (dalla stagione 2009/2010) giocate al Sasso Daddeo con il 3-0 al Graf�gnano e raggiunge la Virtus al comando. E tutto può ancora succedere con lo scontro diretto che il prossimo 1° maggio si giocherà a San Martino al Cimino. Ed ecco il cammino che attende le compagini dei tecnici Centaro e Corradini. Qui Virtus Bolsena - Nelle restanti 11 gare la Virtus Bolsena ospiterà il Civitella e si recherà sul campo del Viterbo Pool; poi a marzo trasferta a Graf�gnano, gara interna contro il Farnese, trasferta a Vitorchiano e gara interna contro la Virtus Marta. Ad aprile nelle uniche due gare in programma trasferta a Bagnaia e s�da casalinga contro il Celleno. A maggio negli ultimi tre match la super s�da sul terreno del Doria, poi il derby interno contro il San

2ª CATEGORIA GIR. A 4ª RITORNO

Lorenzo Nuovo e ultima in trasferta contro l’Etrusca. Qui Doria - Ecco invece il programmino delle ultime 11 gare per il Doria del presidentissimo Marcelliano Borgi: domenica gara interna con il San Lorenzo, poi trasferta con l’Etrusca, in casa con il Barco, in esterna con la N. Pescia Romana e in casa con il Tre Croci. Ultimo impegno di marzo sul campo della Querciaiola. Ad aprile gara interna con il Civitella D’Agliano e in trasferta contro il Viterbo Pool. Poi negli ultimi tre match di maggio la super s�da a domicilio con la Virtus Bolsena, la trasferta di Farnese e ultima in casa con il Vitorchiano. LE ALTRE Si stacca forse de�nitivamente dal duo di testa il Viterbo Pool che cede 2-1 nella temuta trasferta di Civitella D’Agliano. E 1 solo punto nelle ultime due giornate rappresenta una brusca frenata per la compagine di mister Guerrini a meno sei dal primato. Tutto è ancora possibile ma non sarà facile recuperare il terreno perduto. E della serie “cinque schiaffoni alla lunga serie nera” tutta la rabbia repressa del San Lorenzo Nuovo

Bagarre nella corsa al 2° posto del gruppo B con Anguillara, Calcio Sutri, Blera e Vejanese che non perdono un colpo Nel Barco dopo il ko contro il Marta si dimette mister Deligia si è sfogata sul Celleno rispedito al mitente con un netto 5-0 in cui la parte del leone l’ha fatta bomber Tupu Vasile che ora strizza l’occhietto alla classi�ca dei bomber e chissà che tra i litiganti Botarelli e Iaconissi alla �ne non la spunti proprio lui. Nel posto di prim’ordine dietro alle 4 big si eleva l’Etrusca di mister Bandiera che centra il quarto sucesso di �la e in�la una Nuova Bagnaia sempre troppo discontinua. Bel blitz del Farnese che è corsaro contro un Tre Croci che non ne sta indovinando più una che una e che nel 2011 non ha ncora vinto un solo match e si ritrova adesso affossato nelle sabbie mobili di una classi�ca che giù in fondo segna il rilancio del Pescia Romana che fa suo il delicato scontro diretto contro il Vitorchiano con la rete di Biagini e della Virtus Marta corsara per 4-0 sul terreno di un Barco che sembra essersi disintegrato. Prepotente ritorno al gol con una doppietta di bomber Vincenti che il presidente Palombo aveva ingaggiato proprio con la ferma intenzione di fare af�damento sulle sue reti nella possibilissima operazione salvczza.

2ª CATEGORIA GIR. B 4ª RITORNO

BARCO MURIALDINA - VIRTUS MARTA (and. 1-0)

0-4

BASSANO ROMANO - C. RONCIGLIONE (and. 0-6)

1-0

CIVITELLA D’AGLIANO - VITERBO POOL (and. 1-4)

2-1

CIVITA CASTELLANA - BLERA (and. 1-3)

DORIA SAN MARTINO - GRAFFIGNANO (and. 2-1)

4-0

0-2

ETRUSCA - NUOVA BAGNAIA (and. 1-1)

2-1

MANZIANA - TUGURIO C. ANGUILLARA (and. 1-4)

1-2

N. PESCIA ROMANA - VITORCHIANO (and. 2-1)

1-0

STIMIGLIANO - A. MORLUPO (and. 1-2)

2-1

QUERCIAIOLA - VIRTUS BOLSENA (and. 2-3)

2-0

2001 TUSCIA - CALCIO SUTRI (and. 1-2)

1-2

SAN LORENZO NUOVO - CELLENO (and. 1-0)

5-0

VEJANESE - REAL COLLEVECCHIO (and. 2-2)

1-0

TRE CROCI - FARNESE (and. 0-0)

0-2

VETRALLA 1928 - SORATTE (and. 0-0)

1-1

RIPOSATO: MAGLIANESE

2ª CATEGORIA GIR. A 5ª RITORNO (20/02) orari

2ª CATEGORIA GIR. B 5ª RITORNO (20/02) orari

CELLENO - ETRUSCA ( and. 0-2)

15,00

A. MORLUPO - MANZIANA (and. 3-1)

11,00

DORIA SAN MARTINO - SAN LORENZO N. ( and. 1-1)

15,00

BLERA - VETRALLA ( and. 0-0)

FARNESE - QUERCIAIOLA (and. 2-4)

15,00

15,00

GRAFFIGNANO - VITERBO POOL (and. 1- 2)

15,00

CALCIO SUTRI - C. CASTELLANA (and. 2-1) sabato

15,00

NUOVA BAGNAIA - BARCO MURIALDINA (and. 2-1)

11,00

C. RONCIGLIONE - 2001 TUSCIA (and. 3-1)

11,00

VIRTUS BOLSENA - CIVITELLA D’AGLIANO (and. 3-1)

15,00

MAGLIANESE - STIMIGLIANO (and. 0-0) sabato

15,00

VIRTUS MARTA - N. PESCIA ROMANA (and. 2-0)

15,00

SORATTE - VEJANESE (and. 1-2)

15,00

VITORCHIANO - TRE CROCI (and. 0-4)

11,00

T.C. ANGUILLARA - BASSANO ROMANO (and. 0-0)

11,00

RIPOSA: R. COLLEVECCHIO

17

GIRONE B

V. BOLSENA

50

C. RONCIGLIONE

44

DORIA S. MARTINO

50

T. C. ANGUILLARA

38

VITERBO POOL

44

BLERA

37

SAN LORENZO NUOVO

35

CALCIO SUTRI

27

36

ETRUSCA

26

VEJANESE *

NUOVA BAGNAIA #

31

QUERCIAIOLA

25

A. MORLUPO *

28

FARNESE

23

REAL COLLEVECCHIO

24

CIVITELLA D’AGLIANO

22

SORATTE

23

GRAFFIGNANO

21

2001 TUSCIA

21

CELLENO #

19

MAGLIANESE *

20

VITORCHIANO

17

BASSANO ROMANO

19

NUOVA PESCIA ROMANA

17

VETRALLA 1928 *

17

TRE CROCI

15

STIMIGLIANO

16

BARCO MURIALDINA

15

MANZIANA

11

VIRTUS MARTA

13

C. CASTELLANA

5

# GARA DA RECUPERARE

* HANNO RIPOSATO

MISTER DELIGIA SE NE VA.... E il brusco ko dei rionali ha portato alle dimissioni irrevocabili di mister Bruno Deligia che raccoglie sportivamente parlando l’ennesima amarezza dell’ultimo quinquiennio in cui nelle varie esperienze vissute di soddisfazioni ne ha avute davvero molte poche e il tutto cozza con altre avventure coronate da successo. Ora il coub rionale metterà tutto nelle mani di mister Milani, già tecnico della juniores?

ve e lo scatto di reni per la volata �nale. Vogliamo scommetterci. Complimenti al Bassano per averci creduto alla grande realizzando la più bella impresa della sua stagione con qualche affanno.

IL RECUPERO Da �ssare - Un solo match nel girone A della Seconda Categoria che è quello tra Nuova Bagnaia e Celleno della prima di ritorno. MARCATORI GIRONE A Queste le prime posizioni dei marcatori del girone A di Seconda Categoria. 18 reti - Alessandro Iaconissi (Doria S.Martino, 2 rigori) 16 reti: Tupu Vasile (1 rigore, San Lorenzo Nuovo) e Botarelli (Virtus Calcio Bolsena). 12 reti: Noudem (Virtus Calcio Bolsena); 10 reti: D’Onofrio (2 rig. Querciaiola); 9 reti: Tiberi (2 rig.) (San Lorenzo Nuovo); Proietti Palombi (Viterbo Pool); 8 reti: Salfa (Barco Murialdina); S.Varletta (1 rig.) (Nuova Bagnaia); 7 reti: Orlandi (Querciaiola); Pinzi (San Lorenzo Nuovo); P.Ranaldi (1 rig. Nuova Bagnaia); Matamba (1 rig. Farnese); Di Pietro (1 rig.) (Etrusca); 6 reti: Di Pietro (1 rig.) (Etrusca); Chirila (2 rig.Virtus Calcio Bolsena); Della Rosa (2 rig. Viterbo Pool); Lanzi (Vitorchiano); Sforza (S.Lorenzo Nuovo); Giamberardino (Civitella D’Agliano); Vincenti (Virtus Marta); Biagini (Pescia Romana). GIRONE B Classica giornata no e la Cimina Ronciglione si fa sorprendere dal determinatissimo Bassano Romano che la in�la per 1-0 con un gol di Conti e ne stoppa il cammino. Se sarà una scon�tta indolore ce lo diranno le prossime giornate ma il margine di 6 punti è ancora decisamente rassicurante per i rossoblu di Gavazzi e conoscendo bene il tecnico da questa lezione la capolista troverà la ver-

BAGARRE 2° POSTO Resta il tema più interessante del campionato con il plotoncino a quattro che non sbaglia un solo copo. Il Tugurio Calcio Anguillara è corsaro a Manziana per 2-1 e dimostra di crederci alla grande. Stesso stato d’animo per il Blera del suo Rossi-Scarselletta che non sottovaluta l’impegno esterno contro la cenerentola Civita Castellana dove vince per 2-0 con le reti dei soliti Mantovani e Ghigi. Voglia di secondo posto �nale per il Calcio Sutri che trascinato dall’ottimo Luciano Alimelli sbanca per 2-1 il campo del 2001 Tuscia in un derby che non si preannunciava per niente semplice e resta in corsa la Vejanese di mister Romiti (che tra l’altro ha già osservato il turno di riposo ed ha una partita in meno disputata) che si impone per 1-0 con il Real Collevecchio. Punticino del Vetralla 1928 che impatta 1-1 in casa contro il Soratte, in rete l’esperto Puddu su calcio di rigore. La vittoria resta un desiderio per i ragazzi di mister Pasquinelli ma intanto questo brodino è meglio di uno schiaffone. Vetralla 1928 che deve però tornare a vincere visto che lo Stimigliano dopo la vittoria sul Morlupo lo tallona ad una sola lunghezza. Ha riposato la Maglianese. MARCATORI GIRONE B Così tra i cannonieri del gruppo B per quanto concerne le sole squadre della Tuscia. 15 reti: Biguzzi (C. Ronciglione); 11 reti: Tiberti (C. Ronciglione); 10 reti: Coletta (Blera); 9 reti: Gentili (C. Ronciglione); 8 reti: G. Latini (1 rig.) (2001 Tuscia); Schinelli P. (Vejanese); 7 reti: Barduani (Civita Castellana); Sterpa (1 rig. Vejanese); Mantovani (Blera) 6 reti: Piacentini (Vejanese); A.Rossi (Blera); A. Arriga (C.Ronciglione); 5 reti: Moretti (2001 Tuscia); Temperini (C. Ronciglione); Salza (2 rig.), De Matteo (2 rig. Calcio Sutri). (agv)


� �

ALLIEVI (regionali)

ALLIEVI (elite)

sport

SPORT

p

18

ALLIEVI (fascia B ecc)

Viterbo & Lazio Nord

GIOVANISSIMI (elite)

GIOVANISSIMI (reg)

Martedì 15 Febbraio 2011

GIOVANISSIMI (fascia B ecc)

N. TOR TRE TESTE

45

MONTESPACCATO

49

ROMA

53

SAVIO

48

AURELIO

50

ROMA

49

MONTEROTONDO

36

FREGENE

49

LAZIO

51

URBETEVERE

48

SAN PAOLO OST.

48

LAZIO

46

VITERBESE

34

LA STORTA

33

TOR DI QUINTO

41

TOR DI QUINTO

43

C. FOGLIANESE

43

N. TOR TRE TESTE

43

FUTBOL CLUB

33

VIS AURELIA

33

SAVIO

38

LADISPOLI

40

ETRUSCA

35

URBETEVERE

39

URBETEVERE

31

ALMAS

32

NUOVA T.TRE TESTE

31

VITERBESE

34

PIANOSCARANO

33

SAVIO

34

SPES MONTESACRO

31

VIGILI URBANI

29

ATLETICO ROMA

31

OSTIA MARE

32

CIVITAVECCHIA

33

LODIGIANI

34

OSTIA MARE

30

C. FOGLIANESE

26

VIGOR PERCONTI

28

DELLE VITTORIE

31

FREGENE

30

FROSINONE

27

LADISPOLI

28

SAN GORDIANO

25

URBETEVERE

28

SPES ARTIGLIO

28

MONTEFIASCONE

27

APRILIA

27

OTTAVIA

24

MASSIMINA

24

OSTIA MARE

27

TOTTI SOCCER S.

26

PESCATORI OSTIA #

24

VIGOR PERCONTI

26

21

FOCENE

24

TOTTI SOCCER S

23

TOR DEI CENCI

23

CORNETO TARQUINIA

23

FUTBOL CLUB

25

20

PIANOSCARANO

22

.VITERBESE

19

ROMULEA

21

REAL MONTEROSI

22

VITERBESE

21

20

ETRUSCA

22

APRILIA

15

OTTAVIA

20

PIAN DUE TORRI

22

AURELIO

19

MACCARESE

20

SAN PAOLO OSTIENSE

13

VIS AURELIA

14

C. CASTELLANA C.G .

13

TOR DI QUINTO

19

CIVITA CASTELLANA

19

MONTEROTONDO

11

RIETI

11

BARCO MURIALDINA #

11

PRO ROMA

14

SAN PAOLO OSTIENSE

17

PRO ROMA

9

FOCENE

7

MACCARESE

10

ANZIO LAVINIO

9

PALOCCO

1

DELLE VITTORIE

7

OLIMPIA

5

SAN GORDIANO

1

PRO CALCIO

-1

RIETI # AURELIO TOTTI SOCCER S. VILLALBA

19

PESCATORI OSTIA

18

DELLE VITTORIE #

17

CIVITAVECCHIA

11

# DOMANI IL RECUPERO

# UNA GARA IN MENO

Le perle di Viterbese allievi e giovanissimi ‘96 Il team di Bertini con la rete di Faina batte il Futbol Club e sale al 3° posto. La squadra di Conticchio pareggia sul trreno della regina Savio

P

anoramica sulle nostre formazioni dei campionati giovanili regionali dopo i match del week-end. JUNIORES ELITE Dodicesima scon�tta stagionale per il Pianoscarano battuto per 3-0 nella tana del Fiumicino e che ancora una volta �nisce la gara in ingeriorità numerica. Rossoblu sempre al penultimo posto in classi�ca con un + 8 sul fanalino di coda de La Sabina. Solo l’ultima retrocederà direttamente. JUNIORES FASCIA B Prosegue la �essione del Corneto Tarquinia battuto per 2-0 nella trasferta di Palocco. Per i rossoblu di Bonelli solo 4 punti negli ultimi 4 incontri dopo la striscia di 15 successi consecutivi nel girone di andata e campionato riaperto con il Civitavecchia a - 3 dopo il successo per 3-1 contro la Foglianese che ha segnato il gol della bandiera con Mechilli. Negli altri match della quarta di ritorno vittorie pesanti in chiave salvezza per il Monte�ascone che con le reti di Proietti e Lattanzi ha battuto per 2-1 il Pian Due Torri e del Monterosi che con la doppietta di Mariuta e i sigilli di Coletti e Nicoletti ha battuto per 4-1 il Casal Bernocchi.

JUNIORES (elite)

Negli juniores fascia B si riduce a soli 3 punti il vantaggio del Corneto, ko a Palocco. Allievi, esordio con successo per mister Di Biagio contro la Foglianese. Giovanissimi, il ko del Montefiascone ALLIEVI ELITE Super Viterbese che balza solitaria al terzo posto della classi�ca e profuma aria di play off. Bellissimo il successo per 1-0 �rmato dalla rete di Faina contro la diretta avversaria del Futbol Club che veniva da un serie positiva di ben 11 turni. Gialloblu di mister Bertini in forma super e ogni grande traguardo non è precluso. ALLIEVI REGIONALI Pronostico rispettato da parte della Foglianese che passa per 32 sul terreno del fanalino di coda Palocco con la doppietta di Fanti e la rete di Calisti e ottiene tre punti d’oro nella corsa alla salvezza. Successo pesante in questa ottica anche per l’Etrusca che si impone 4-2 in casa contro il San Gordiano con le reti di Moscatelli (2), Pesa e Bonino. Nulla da fare per il rimaneggiato Pianoscarano battuto per 3-0 nella trasferta contro la capolista Montespaccato e prosegue la

JUNIORES (fascia B)

OSTIA MARE

52

CORNETO TARQUINIA

49

FUTBOL CLUB

52

CIVITAVECCHIA

46

NUOVA TOR T. TESTE

48

PESCATORI OSTIA

41

VIGOR PERCONTI

44

PALOCCO

37

FIUMICINO

40

C. FOGLIANESE

32

VILLANOVA

29

MONTESPACCATO

31

OLIMPIA

28

SANTA MARINELLA

30

OTTAVIA

26

VIS AURELIA

23

CANALE MONTERANO

25

TOLFA

23

TANAS CASALOTTI

23

MONTEFIASCONE

22

SETTEBAGNI

22

MONTEROSI

21

LADISPOLI

21

FORTE AURELIO

21

FREGENE

20

CASAL BERNOCCHI

19

MACCARESE

20

PIAN DUE TORRI

16

PIANOSCARANO

13

LA QUERCIA 88

11

LA SABINA

5

REAL MONTEVERDE

4

sua serie positiva il Civita Castellana Calcio Giovanile che coglie un buon punto con il pareggio per 0-0 sul terreno del Maccarese. ALLIEVI FASCIA B ECCELLENZA E REG. Pareggio per 0-0 della Viterbese di mister Valentini sul campo dell’Aprilia. Un punto che serve per lasciarsi con 4 punti di distacco una diretta rivale nella corsa alla salvezza. Qui sono 4 le rtrcoessioni dirette. Negli allievi fascia B regionali tanta jella per il Pianoscarano che domina nella gara interna contro il Focene ma non va oltre l’1-1 (gol di Beldinanzi). Questa la classi�ca dopo la seconda di ritorno. Graduatoria - Ottavia 39; Ladispoli 35; Vis Aurelia e Aurelio 34; Atletico Acilia 25; Pescatori Ostia 21: Focene 20; La Storta 19; Civitavecchia e Fregene 18; Città di Cerveteri 13; Montespaccato 12; Pianoscarano 6; Petriana 0. ALLIEVI FASCIA B (di Roma) Altro ko per la Foglianese che conferma la sua �essione pur restando al comando della classi�ca perdendo per 2-1 lo scontro diretto in trasferta contro il San Gordiano. Nel derby l’Etrusca ha battuto per 3-1 il Barco Murialdina e batosta del Tre Croci scon�tto per 6-0 nella trasferta di Sabazia. Classi�ca - Foglianese 34; San Gordiano 32; Massimina e Barco 24; Etrusca e Ladispoli 22; Aranova 20; S.Marinella 19; Sabazia 16; Il Grifone 14; Cerveteri Soccer 13; Tre Croci 11; Real Boccea 0. GIOVANISSIMI ELITE Bellissima prova della Viterbese ‘96 di mister Conticchio che pareggia per 1-1 sul campo della capolista Savio con la rete di Pellegrini che aveva portato in vantaggio i suoi. Tra i gialloblu eccezionale prestazione del portiere Sorato autore di interventi fantastici. Viterbese ottima quinta nel dif�cile campionato.

La formazione della Viterbese Allievi Elite GIOVANISSIMI REGIONALI Nella quarta di ritorno tonfo della capolista Aurelio battuta per 2-1 a Civitavecchia e campionato riaperto. Il San Paolo Ostiense che ha vinto a Monte�ascone per 2-0 ora è a meno due dal primato. Ed ecco il tabellino e la cronaca della s�da. MONTEFIASCONE 0 S.PAOLO OSTIENSE 2 Monte�ascone: Tontoni; Ianiro, Aronne; Selvi, Cojokar, Ferri; Governatori, Panichi, Bronzetti, Ceccarini, Bianchi. All. Santucci. A disp. Castellani, Di Pietro, Stefanoni, Barbato, Patacchini, Panichi, Manzi. S.Paolo Ostiense: Colasanti; Salvatori, Iacobucci; Campoli, Battaglia, Vestrini; Nataletti, Bravi, Oliva, Ponziani, Temperini. All. Bravi. A disp. Vona, Carpinetti, De Carolis, Mauloni, Rosetti, Cordingatti. Arbitro: Macagno di Civitavecchia Marcatori: Oliva 35 pt., Campoli 24 st. Ammoniti: Campoli, Battaglia S.Paolo Ost:; Ceccarini M.�ascone. Una gara tutta da dimenticare quella disputata dai giovanissimi di mister Santucci e quelli della S.Paolo Ostiense allenati da mister Bravi sul campo A delle fontanelle, nella tiepida mattinata di domenica, alla presenza di un numeroso pubblico, su un campo in buone condizione. Gli ospiti sono scesi in campo con la convinzione di portarsi via i tre punti in palio e ci sono riusciti grazie ad una gara condotta con attenzione, caparbietà e determinazione facendo un giuoco di squadra. I locali �n dai

primi minuti hanno fatto trasparire molta lentezza, disorganizzazione e completa mancanza di giuoco collettivo. In questo contesto hanno cercato �n dai primi minuti di attaccare alla ricerca del goal ma ogni loro azione ha trovato grande dif�coltà a superare il centro campo , poi si è infranta contro la difesa ospite molto attenta e ben disposta in campo. Con il passar del tempo, sembrava che i locali avessero preso le giuste misure ed in qualche occasione hanno impensierito l’estremo difensore Colasanti. All’ultimo minuto del primo tempo, su calcio di punizione di dubbia esistenza, sulla fascia sinistra, Oliva, con un tiro forte e teso, trovava la rete così le squadre andavano al riposo con gli ospiti in vantaggio. Nella ripresa l’andamento delle gara non mutava di molto, anzi mentre negli ospiti cresceva l’af�atamento ed il giuoco di squadra, nei locali, protesi alla ricerca del pareggio, la situazione veniva a peggiorare così la squadra si è spezzata un due tronconi; quattro uomini in difesa ed altri in vanti con un completo vuoto a centro campo ove gli ospiti hanno dettato legge senza il minimo sforzo. In questo contesto i ragazzi di Bravi, al decimo, su calcio d’angolo , vanno vicini al raddoppio per poi, raggiungerlo con Campoli, al ventiquattresimo, ugualmente su calcio d’angolo. Molta stanchezza e lentezza nelle manovre, con tanta imprecisione nei passaggi, ed eccessivi sterili preziosismi personali è quanto si è visto nei ragazzi di Santucci; mentre la S.Paolo Ostiense ha dimostrato di essere una

squadra compatta con un giuoco molto redditizio, senza tanti fronzoli e preziosismi personali. (Pietro Brigliozzi) Confermano i loro eccelenti terzo e quarto posto la Foglianese che batte 2-0 il Fregene e l’Etrusca corsara per 2-1 a Civita Castellana. Nelle altre gare ok il Pianoscarano nel derby interno contro il Barco Murialdina concluso sul 2-0 e deciso dalla doppietta di Belella; bene il Corneto che vince 3-0 a Maccarese con le reti di Ghergo, Sacripanti e Gasparri. Bene anche il Real Monterosi che vince 4-0 con il fanalino di coda San Gordiano con le reti di Rosato, Rizzo e Gulino (2). GIOVANISSIMI FASCIA B ECCELLENZA E REGIONALI Lotta con grande piglio ma non evita il ko la Viterbese ‘97 che viene battuta in casa per 4-1 dalla forte Lazio di capitan Rossi che è andato anche il gol. La rete della bandiera dei gialloblu è stata segnata da Ceparano. Nei giovanissimi fascia B regionali netto ko interno del Pianoscarano che ha perso 4-0 in casa il derby contro l’Etrusca. Classi�ca - Questa la grduatoria dopo la seconda di ritorno: Ladispoli 40; Fregene 37; Olimpia 34; Ostia Mare 33; Montespaccato 30; Etrusca 29; Pianoscarano 21; Vis Aurelia 16; Città di Cerveteri 15; Casalotti e Civitavecchia 13; Atletico Acilia 12;Petriana 7; Urbe Roma 1. (agv)


� �

sport

SPORT

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 15 Febbraio 2011

p

19

BASEBALL

Oltre 200 persone alla prima giornata del torneo indoor disputata presso gli impianti del Cus a Viterbo

Festa completa per il ‘batti e corri’ L

a tensostruttura del Cus a Viterbo ha fatto davvero fatica a contenere l’entusiasmo e la grinta dei protagonisti della prima giornata nel torneo di baseball indoor Viterbo 2011. Nove partite giocate, quasi 200 tra genitori e ragazzini presenti, numeri che denotano il successo di una manifestazione che, per l’intera giornata di domenica, ha regalato emozioni e un clim a di festa. Ragazzini di nove, dieci e undici anni, emuli dei grandi giocatori del baseball americano come Babe Ruth e Joe Di Maggio o magari dei talenti di casa nostra come Vaglio e Sgnaolin, si sono cimentati in una serie di partite avvincenti sia sul piano sportivo che quello umano, con l’obiettivo primario che non era tanto il risultato agonistico ma il puro divertimento sia in campo che sugli spalti. Lo spettacolo, grazie all’impegno e alla voglia di mettersi in mostra di tutti i partecipanti, non è certo mancato, anche perchè la formula del baseball indoor è studiata perfettamente per dare la possibilità ai giocatori più piccini di praticare il proprio sport favorito con partite veloci e molto dinamiche, capaci di incontrare anche questa volta il favore del pubblico.

FotoZadroPress

Questi i risultati degli incontri: Monte�ascone Green – Rams Stella Viterbo: 2-6 Monte�ascone Gold – Cali Roma XIII: 7-5 Cali Roma XIII – Urbe Roma: 2-9 Nuova Roma – Sacrofano: 4-4 Thunder Baseball Salerno – Monte�ascone Gold: 4-8 Sacrofano – Monte�ascone Green: 2-9 Monte�ascone Green – Nuova Roma: 9-1 Rams Stella Viterbo – Sacrofano: 7-0 Domenica 27 febbraio si svolgerà la seconda ed ultima giornata, che comprenderà le fasi �nali per l’aggiudicazione del trofeo in palio, un bis che, di sicuro, sarà ancora una festa per i giovani atleti, i loro parenti ed amici e per tutti gli appassionati del baseball.

RUGBY B - Capolista scatenata contro il Colorno C5 SERIE D FEMMINILE - Il punto sulla 1ª di ritorno. Grotte S. Stefano da 10 e lode

Giocati gli ultimi recuperi Il Canale Monterano sale sull’ottovolante Il Romagna non perde colpi Scherzetto della Bassanese al Pilastro N E on ci sono più asterischi nella classi�ca del girone 2 di serie B nazionale. Il raggruppamento che comprende anche la Prime Sigma ha appro�ttato della sosta di queste settimane legata al Trofeo Sei Nazioni per recuperare tutti i match rimasti arretrati, fra rinvii per il maltempo e problemi vari. L’ultima gara che rimaneva, quella tra la capolista Romagna ed il Colorno, terza forza del campionato, è stata disputata domenica ed ha esaltato ancora una volta la qualità della prima della classe, chiudendosi con un nettissimo 410 per i padroni di casa. In vetta rimane così la corsa a due fra Romagna e Unione Capitolina, mentre il resto del campionato se ne sta a guardare; alla ripresa del campionato, programmata per domenica prossima, la Prime Sigma si troverà davanti subito una

CLASSIFICA ROMAGNA (-4)

65

CAPITOLINA

56

COLORNO

38

CUS PERUGIA

37

VASARI AREZZO

36

CUS ROMA

33

TIRRENO

29

PRATO SESTO

28

IMOLA

22

PESARO

22

LIONS AMARANTO (-4)

19

PRIME SIGMA VITERBO

15

bella montagna da scalare, dovendo ricevere la visita della Capitolina. Se si vuole ancora sperare nella salvezza, servirà un’impresa.

giocato al Palasport di Montefiascone con le reti di Gloria Rebichini (3), Maria Vetrallini (3), Ada Natalini (2), Susanna Policari e Michela Proietti. Per il Blera gol di Vienna Cancellu (2), Lucia Bussotti e Federica Lopis.

cco il quadro completo della prima di ritorno nel campionato di serie D femminile. E’ rimasta ferma la compagine della F. Civitavecchia che posticipa a dopomani alle 21 la gara casalinga contro il Cus Viterbo. Ecco quanto è avvenuto nelle altre sette sfide. Monterosi-C. Monterano 1-8 - Netta affermazione del Canale corsaro a Monterosi con la tripletta di Gaia Guiducci, le doppiette di Veronica Di Stefano. Simona Filippin e gol di Stefania Taranta. F. Civitavecchia-Cus Viterbo nd - Il confronto si giocherà giovedì sera alle 21. Bassanese-Virtus Pilastro 4-3 - Bel successo della Bassanese che batte la più quotata Virtus Pilastro con

Celleno-Caninese 1-2 - Bel colpo della Caninese corsara sul non facile campo di Celleno con le reti di Ilaria Filippi e Tiziana Mazza. le reti di Chiara Moricelli (3) e Myriam Leonardi. Grotte S. Stefano-Flaminia C. Castellana 10-0 - Confronto senza storia e nettissima affermazione del Grotte Santo Stefano contro la fragile Flaminia. Montefiascone-Blera 10-4 - Match ricco di gol quello

Graffignano-Accordia 5-5 - Spumeggiante pareggio tra due squadre che hanno onorato al meglio il confronto. Per le ospiti reti di Cristian Caporali (4) e Luana Ferrini. V. C. Bolsena-Vignanello 1-2 - Ancora sconfitta la Virtus Calcio Bolsena che perde in casa contro il Vignanello di misura.

C5 D FEMMINILE

CANALE MONTERANO

46

F. CIVITAVECCHIA #

43

VIRTUS PILASTRO

36

GROTTE S. STEFANO

33

MONTEFIASCONE

33

CELLENO

29

BASSANESE

28

CANINESE

28

ACCORDIA ORIOLO

24

BLERA

18

CUS VITERBO #

17

GRAFFIGNANO

15

CIVITA CASTELLANA

11

VIGNANELLO

7

MONTEROSI

4

V.C. BOLSENA

0

# SI GIOCA GIOVEDÌ SERA


� �

sport

Viterbo & Lazio Nord

SPORT

p

20

Martedì 15 Febbraio 2011

VOLLEY SERIE B2

Orte Civita, vittoria facile facile Contro l’ultima della classe i biancorossi di coach Di Marco si impongono senza esitazioni per 3-0 di ALESSANDRO URSINI

V

ince e convince il Volley Club Orte Civita che, dopo aver sbancato Guidonia lo scorso turno, si ripete al “PalaSmargiassi” distruggendo senza pietà il KT Arvalia ultima in classi�ca. Vittoria senza esitazioni per i biancorossi che grazie ad una buona prestazione complessiva conquistano tre punti importanti per migliorare ulteriormente la propria classi�ca. Una graduatoria che vede la truppa di coach Di Marco salire in quinta posizione a meno sei punti dal terzo posto che vale i play-off promozione. LA GARA Match sempre sotto il controllo degli ortani che in poco più di un’ora hanno portato a casa l’intero bottino. Un successo costruito grazie ad un gioco pulito fatto di giocate semplici ma ef�caci e di pochissimi errori gratuiti. 3-0 come detto il punteggio �nale con i parziali che evidenziano in moto

Michal Bartosinski

Fabio Proietti

molto netto la differenza netta tra le due compagini. 25-16, 25-18 e 25-18 i parziali con cui Bartosinski e compagni si sono imposti sulla formazione romana.

dimostra anche la classi�ca. La differenza con loro era piuttosto chiara, senza voler mancare di rispetto a nessuno, credo che l’Arvalia sia destinata a retrocedere. Per quanto riguarda la nostra prestazione, siamo stati bravi ad approcciare nel migliore dei modi l’incontro e questo ci ha permesso di poter amministrare poi senza affanni il resto della partita. Ora dobbiamo continuare così, rimanendo concentrati e

POST PARTITA Soddisfatto anche se lucido come sempre l’opposto milanese Gregorio Guzzago: “Abbiamo fatto il nostro cogliendo una giusta vittoria contro una squadra sicuramente inferiore a noi come

lavorando bene in settimana per preparare al meglio le prossime s�de che potrebbero migliorare ancora la nostra classi�ca. Credo che per accedere agli spareggi promozione ancora ci manchi un po’ qualcosa a livello d’organico ma quello che stiamo disputando non è un campionato impossibile e magari, in�lando una serie positiva importante, potremmo anche rientrare nelle zone che contano davvero. In attesa di quello però, ci prendiamo questi tre punti utili ad avvicinarsi de�nitivamente alla salvezza che è e rimane il primo vero obiettivo di questa stagione”. Soddisfatto anche Mattia Madonna: “Come avevo detto alla vigilia del match, non era una gara impossibile se approcciata nel giusto modo. Probabilmente la cosa più importante di questo successo è stata la mentalità e la determinazione con cui siamo scesi in campo. Volevamo far intendere �n da subito che non ce n’era per nessuno e così abbiamo fatto. Adesso sarà importante proseguire su questo trend anche nelle prossime settimane”.

VOLLEY SERIE D - Fortitudo Nepi avanti col fiatone

Civita è rimasta sola all’inseguimento del Vico P rima c’era una capolista ed un gruppo di inseguitrici. Ora c’è una capolista, un’inseguitrice e un altro gruppo staccato. E’ bastata una settimana per promuovere il Civita Volley al ruolo di unica alternativa valida al Gb Vico, regina del girone A femminile di serie D. Le romane hanno travolto 3-0 il pericolante Palombara ma il Civita ha risposto riservando lo stesso trattamento alla Pro Juventute; non è stato nemmeno un allenamento per le ragazze di coach Rita che hanno travolto le avversarie (25-12, 25-15, 25-9) e, complici gli altri risultati, sono salite a +4

VOLLEY SERIE C - Del primo ko stagionale della capolista approfittano solo alcune inseguitrici tra cui la Tecnocopy

Sorgenia a terra ma con il paracadute di GLAUCO ANTONIACCI ra l’ultima squadra imbattuta nel settore maschile fra serie C e D ma, anche se a malincuore, ha dovuto cedere questo primato, tenendo però ben saldo quello in classi�ca nel proprio girone. La Sorgenia Tuscania è caduta a Marino, nella seconda giornata di ritorno, ma è stato come cadere con il paracadute visto il danno, minimo, che lo stop ha comportato in classi�ca. I ragazzi di Ruben Timpanaro hanno lottato per cinque set recuperando da 0-2 (2521,25-23) e pareggiando i conti al quarto set (25-22 e 25-20) prima di arrendersi all’avversaria al quinto set (15-12), ma quel punto preso, insieme al mezzo passo falso della Virtus Roma che ha avuto bisogno del tie-break per

battere il Sales, permette ancora alla capolista di mantenere oltre una partita di vantaggio. Sabato c’è poi la trasferta contro Sora per cancellare subito il ko ed evitare qualsiasi contraccolpo psicologico. Alle spalle della Sorgenia ha fatto festa la Tecnocopy Civita Castellana che, grazie al 3-1 di Bracciano, ha messo insieme il terzo successo di �la. Escludendo il passaggio a vuoto del secondo set (perso 25-20), il team di coach Costanzi ha dominato la scena (i tre set vinti si sono chiusi 25-16, 25-14 e 25-16) ed ora è a -8 dalla vetta, con lo scontro diretto in casa fra tre settimane. I playoff sono ormai sicuri, ma la squadra non vuole fermarsi pur sapendo che non può permettersi nemmeno un passo falso da qui alla �ne della stagione regolare. Da applausi in�ne la prova del

Tuscia Volley che, con carattere e grinta da vendere, ha battuto 3-2 il Centro Turistico Mare di Roma dopo essersi trovato sotto per due set a zero. La gara sembrava ormai compromessa sul 25-23 e 25-19 esterno, ma i ragazzi di Cardinali l’hanno riaperta a suon di schiacciate, di difesa e soprattutto di determinazione. Progressivamente hanno tolto sicurezza agli ospiti, prendendo �ducia nel terzo (25-22) e quarto set (25-20) e arrivando con il morale altissimo al tie-break, in cui non hanno lasciato scampo (15-8) ai pometini. Due punti preziosi in chiave salvezza e la dimostrazione che la squadra ha le potenzialità e la voglia di tirarsi fuori dalle sabbie mobili. Nel settore femminile il VBC ha dovuto inchinarsi di fronte all’Anguillara che ha legittimato il suo ruolo di prima della classe

ri�lando un rotondo 3-0 alle viterbesi. Solo nel secondo set le gialloblù hanno superato quota 20, fermandosi comunque a 22, e la gara è stata praticamente sempre in controllo delle padrone

di casa, evidentemente vogliose di riscattare la scon�tta dell’andata a Viterbo. Meglio allora pensare alla s�da di sabato contro la Pro Castelnuovo, in cui cercare di allontanarsi ancora dal fondo.

B2 MASCHILE

C MASCHILE

C FEMMINILE

D MASCHILE

D FEMMINILE

E

CASAL BERTONE

35

POL. TUSCANIA

41

ANGUILLARA

38

TALETE

39

GB VICO

39

IGLESIAS

34

VIRTUS ROMA

37

TERRACINA

38

APSIA

38

CIVITA VOLLEY

33

POMEZIA

33

MARINO

36

UN. ZAGAROLO

36

LADISPOLI

37

SAN GIORGIO

29

ZAGAROLO

32

ROMA 7

36

I.C.S.

33

FORTITUDO NEPI

30

NUOVO SALARIO

29

VOLLEY ORTE CIVITA

27

TECN. CIVITA C.

33

CASAL DE’ PAZZI

29

CIVITAVECCHIA

29

FORMELLO

27

LIBERTAS GENZANO

27

MARE DI ROMA

22

SPES MENTANA

22

TARQUINIA

28

POGGIO MIRTETO

25

QUARTUCCIU

25

FENICE

20

PRO CASTELNUOVO

21

TOR SAPIENZA

25

FIANO ROMANO

25

FRASCATI

23

MONTEPORZIO

19

VBC VITERBO

19

ACLI SAET

24

FORTITUDO

24

ARZACHENA

21

ANGUILLARA

19

SCUOLA SPORT

19

VOLLEYPRATI

18

BRACCIANO

23

DELEDDA QUARTU

15

CASAL BERTONE

14

TIBURTINI ROMA

17

NUOVO SALARIO

17

VOLLEY 4 STRADE

19

TIVOLI GUIDONIA

14

BRACCIANO

14

ROMA PALLAVOLO

14

CASAL DE’ PAZZI

16

CASAL DE’ PAZZI

19

CASAL DE’ PAZZI

12

CB IMM. TUSCIA

14

MARINO

13

BREDA VOLLEY

9

GS PALOMBARA

17

CIVITAVECCHIA

12

SALES

9

ALL VOLLEY

9

FIUMICINO

5

PRO JUVENTUTE

5

ARVALIA

5

SORA

1

LIBERTAS GENZANO

7

N.DESIGN TUSCIA

0

SEMPIONE

1

Marialaura Bacchiocchi sul terzo posto. La s�da è stata lanciata e dovrebbe animare il girone di ritorno, anche se le sorprese sono dietro l’angolo. Bacchiocchi e socie dovranno stare attente domenica alla trasferta contro la Fortitudo Piazza Tevere mentre il Gb Vico sicuramente passeggerà contro il derelitto Sempione; lo scontro diretto sarà solo alla decima giornata ma, per avere qualche chance di promozione diretta, le rossoblù dovranno recuperare qualche punto e non sbagliare praticamente mai. Nel girone A maschile non è stata una giornata positiva per le portacolori della Tuscia; non tanto per il ko, atteso, della Nic Design Civita Castellana che non ha raccolto nemmeno un set (25-15, 25-13, 25-21) nella trasferta di Civitavecchia, quanto per lo scivolone della Dea Clima Tarquinia di fronte al Casal de Pazzi. Sulla carta si trattava di una partita abbordabile per il gruppo di coach Lamberti che, dopo aver ceduto il primo parziale 25-20, ha travolto i rivali nel secondo set (2511). La chiave è stata il terzo set, una lunghissima maratona con le due squadre che hanno avuto tantissime occasioni per chiudere i conti; ci sono riusciti i padroni di casa sul 33-31 e a quel punto per Tarquinia è calata la notte, al punto che il quarto set è andato velocemente a �nire nelle mani del Casal de Pazzi per 25-17. I tirrenici sono stati così scavalcati dal Civitavecchia e staccati dalla Fortitudo Nepi che, pur soffrendo, ha portato a casa la vittoria per 3-2 contro il Don Bosco Nuovo Salario. I set dispari sono stati dominato dal Don Bosco (25-13, 25-18), quelli pari hanno segnato la riscossa della Fortitudo (25-17 e 25-21) ma il trend si è invertito nel quinto e decisivo parziale, vinto dal sestetto di coach Poscolieri per 15-9. Un successo sofferto che vale il quarto posto, ma la classi�ca è talmente serrata che non ci si potrà mai rialssare un momento pena il venir raggiunti da un gruppo decisamente agguerrito di inseguitrici. (GA)


Martedì 15 Febbraio 2011

cultura

Viterbo & Lazio Nord

p

21

Il tour dei ‘Fleurs du mal’ fa tappa all’Officina Belushi

Il gruppo è attivo dal 1983 e propone un repertorio molto vario di ELISABETTA SORIANO

I

naca e al Teatro Colosseo a Roma, ricevendo anche una recensione dal Tg3 rai Regionale. Nel 2001 realizzano il cd “Road Sweet Home”, pubblicato da Il Manifesto Dischi, a cui seguì un tour di oltre sessanta concerti. Due anni dopo realizzano il cd “Luna Blues”. Nell’ottobre 2007 effettuano il loro primo tour negli Stati Uniti e nel 2008 esce il cd “Lost & Found”, a cui seguiranno svariati concerti in Italia, Sardegna e due tour in Olanda dove suonano nei prestigiosi “Festival Bevrjidings 5th May Wageningen 2008”, il festival “Bea Pop” e nei locali “Maloe Melo” di Amsterdam, “De Spiegel” di Groningen, “Willemeen” di Arnhem e “Het Blues Cafè” di Apeldoorn. Il 6 giugno 2009 festeggiano il loro anniversario ed effettuano il concerto “25 Anni Fleurs Du Mal”all’Init Club di Roma, con una formazione allargata comprendente nove elementi, il concerto verrà presentato si Rai News 24 all’interno della rubrica “Tempi Dispari”. Il “Lost & Found Tour” che porteranno a Viterbo, presenterà dal vivo il nuovo cd ed ha già toccato numerose città italiane quali Roma, Milano, Firenze, Bologna, Reggio Emila, Perugia, Cagliari, Sassari, Nuoro, Olbia e Oristano. Il Tour inoltre ha partecipato con successo “Liri Blues Festival 2010” e a sedici concerti in Olanda. Non resta che aspettare sabato 19 febbraio per poterli ascoltare a Viterbo.

Primo appuntamento questo pomeriggio nella sala conferenze della Provincia

La storia d’Italia in un ciclo di incontri di FORTUNATO LICANDRO

C

omincia oggi, alla Sala delle Conferenze della Provincia in Via Saf� 49 alle ore 17,30 la serie di incontri organizzata dalla “Fondazione Gualtiero Sarti” di Viterbo in collaborazione con il Centro Studi per la Storia dell’Europa Mediterranea (CSSEM ) dal titolo “Dal Risorgimento alla Repubblica. Storia e storie d’Italia. 4 incontri pubblici”. Come spiegano gli organizzatori: “La Fondazione ha inteso celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia con un programma che prevede quattro incontri cui partecipano studiosi di chiara fama. In un momento in cui si mette in discussione la stessa unità del Paese, si processa il Risorgimento, si cerca di buttar via la Resistenza, si sferrano colpi inauditi ai principi fondanti della Costituzione e si mira a morti�care qualsiasi etica pubblica, una ri�essione non retorica e non oleogra�ca sul nostro recente passato è apparsa quanto mai opportuna

Maurizio Ridol�

Mario Isnenghi

e necessaria. È sembrato giusto impegnare professori universitari dando così serietà e rigore ad un’iniziativa che non vuole essere in alcun modo propagandistica”. Si comincia oggi con un maestro della storiogra�a come Mario Isnenghi, con “Dal Risorgimento alla Repubblica. Storie e storie d’Italia” che si propone di ripercorrere le fasi principali della storia italiana, con una attenzione particolare per “I luoghi della memoria” e l’uso pubblico della

storia. Interverranno la Professoressa Eva Cecchinato (Università di Venezia) e il Preside della Facoltà di Scienze Politiche dell’ Università della Tuscia, il Professor Maurizio Ridol�. Il ciclo di incontri proseguirà giovedì 3 marzo con “Risorgimento conteso”, mercoledì 16 marzo con “Sindaci che hanno fatto l’Italia” e giovedì 31 marzo con “Le passioni della storia e della politica nel secondo dopoguerra”.

spettacoli

televisione

di ELISABETTA SORIANO

di FORTUNATO LICANDRO

di FORTUNATO LICANDRO

E’ in programmazione questa settimana nelle sale cinematografiche italiane il film del regista romano Gianni Di Gregorio “Gianni e le donne”. Anche questa pellicola, come la prima del regista “Pranzo di Ferragosto”, è fortemente autobiografica e racconta la storia di Gianni (interpretato dallo stesso De Gregorio), un tranquillo sessantenne, con una vita piuttosto ‘rassegnata’, senza nulla di entusiasmante, con una moglie remota, una figlia svagata e una madre ultranovantenne nobile decaduta romana piuttosto ingombrante. Un giorno guardando i suoi amici si accorgerà di essere l’unico senza un’amante e così deciderà di cercarsene una. Proverà ad esorcizzare la sua età ormai non più giovanissima e la sua esistenza in baby pensione cercando avventure con avvenenti badanti bionde, primi amori, gemelle intriganti, vicine mondane…senza mai riuscire a concludere nulla. Le sue avance verranno sempre respinte e Gianni si renderà addirittura ridicolo in un ruolo che ormai non gli si addice più: capirà che il suo corpo non è più giovanissimo ma piuttosto poco attraente, corrotto, avvizzito e la sua bellezza appassita. A mancargli sarà anche la volontà di una rivoluzione sessuale. La commedia descrive il vuoto esistenziale di un uomo di mezza età e i suoi sbandamenti sentimentali con le donne, l’avvicinarsi della vecchiaia e il suo volerla esorcizzare quando si capisce che non si è ancora vecchi ma neanche poi così giovani. Questo secondo film di Gianni Di Gregorio affronta in modo raffinato, garbato ed elegante paure e problematiche attuali, non delude le aspettative, è divertente e allo stesso tempo malinconico. Adatto sia ad un pubblico giovane che più in là con l’età.

Alcuni appuntamenti per la settimana. Giovedì 17 febbraio, alle ore19 al Teatro Boni di Acquapendente, continua la serie di incontri cinematografici con il “Cineclub Rosebud” con la proiezione della commedia nera, scritta e diretta da Gustave de Kervern e Benoît Delépine, “Louise – Michel”. Nella provincia francese, un gruppo di operaie è in allarme a causa della forte riduzione di personale. Convocate dal loro direttore, vengono rincuorate e tranquillizzate sul loro futuro. Ma la speranza delle lavoratrici viene spazzata via la mattina seguente, quando scoprono che la loro fabbrica è stata completamente sgomberata nella notte. Rimaste sole, con solo 2000 euro di liquidazione, ognuna avanza un’idea per la realizzazione di un nuovo progetto. Louise, propone di investire il loro misero risarcimento assumendo un killer che uccida il loro capo. L’idea trova il consenso unanime e Louise ingaggia il bizzarro e patetico Michel, i due intraprendono un viaggio alla ricerca del datore di lavoro, dando vita ad una strampalata coppia. L’ingresso è di 12 euro più 10 euro di tessera iniziale. Venerdì 18 febbraio, in via Ragina Margherita 2 a Caprarola alle ore 18, la compagnia teatrale Quelli del martedì” presenta lo spettacolo “Col naso all’insù”. Roma, inverno; nella “Galleria d’Arte Italia” si sta preparando la presentazione dell’ultima opera del grande pittore Dominique Ferrero, alla quale interverranno autorità del mondo dell’arte e della politica. Sembra che sia tutto a posto ma, improvvisamente… il bagno si guasta. Intanto in strada un misterioso barbone sta suonando con grande virtuosismo il suo oboe.

Se rimaniamo in casa ecco la tivvù

cinema

Cinema e teatro in provincia

L’autobiografia di Di Gregorio continua

‘Fleurs du mal’ arrivano sul palco dell’Officina Belushi di Viterbo sabato 19 febbraio, nell’ambito del loro Lost & Found Tour. Il gruppo è uno dei più longevi della scena musicale underground italiana ed è attivo dal 1983, anno della loro nascita grazie a Stefano De Martini, detto ‘Iguana’, in onore del noto ‘Iggy Pop’. I Fleurs du Mal suonano rock, mescolato con blues, funky, swing e latin con testi in italiano, inglese e spagnolo. La loro grande predisposizione underground li portò subito ad avere un percorso molto indipendente: iniziano così nel 1993 un

fortunato sodalizio con la “Toast Records” che durerà per quattro anni; seguiranno poi collaborazioni più brevi con altre realtà editoriali nazionali. Il gruppo è una realtà regolarmente presente nel circuito live dell’Europa continentale, soprattutto in Italia, Svizzera, Germania e nei Paesi Bassi , dove nel 1997 registrano il mini cd “Arnhem Sessions”. Nello stesso anno partecipano attivamente all’Estate Romana Autogestita al Villaggio Globale. Nel 1998 realizzano insieme al regista teatrale Guido d’Avino la versione rock dell’”Agamennone”, che debutta con due spettacoli al Festival Teatrale “Riviera D’Ulisse” a Terracina, e viene in seguito replicato al Teatro di Tor Bella Mo-

La serata televisiva di oggi comincia alle 21 e 5 con il programma di informazione “Ballarò” condotto da Giovanni Floris su Rai 3. Alla stessa ora, doppio appuntamento su Rai 2 con le indagini del telefilm “Senza Traccia”. Alle 21 e 10, su Rai 1, al via la 61esima edizione del “Festival della Canzone Italiana” condotta da Gianni Morandi, Luca & Paolo, Elisabetta Canalis e Belen Rodriguez. Alla stessa ora, su Rete 4, il film “La morte ti fa bella” con Bruce Willis, Meryl Streep, Goldie Hawn e Isabella Rossellini. Sempre alle 21 e 10, su La 7 il film “La duchessa con Keira Knightley. Stesso orario per il film su Canale 5 “Via dall’incubo” con Jennifer Lopez e per il programma condotto da Raz Degan “Mistero” su Italia 1. Su Sky Cinema 1, alle 21 e 10, il film “Notte prima degli esami”, con Cristiana Capotondi e Nicolas Vaporidis. Su Sky Cinema Family, alle 21, allegria e tante risate con Ben Stiller e Drew Barrymore nel film “Duplex – Un appartamento per tre”. Su Sky Cinema Hits, alle 21 e 10, il film “La verità è che non gli piaci abbastanza” con Jennifer Aniston, Scarlett Johansson, Ben Affleck e Drew Barrymore. Su Sky Cinema Max, alle 21, adrenalina in un avvincente action-movie inedito in Italia con Sean Patrick Flanery e Joe Pantoliano dal titolo “Deadly Impact”. Sempre alle 21, su Sky Cinema Mania, “Le ali della libertà” tratto da un racconto di Stephen King, 7 nomination agli Oscar per un capolavoro con Tim Robbins e Morgan Freeman. Sempre alle 21, su Sky Cinema Italia, il grande maestro Federico Fellini dirige Marcello Mastroianni e Giulietta Masina nella commedia “Ginger e Fred”. Stesso orario, su Sky Cinema Classics, per il film “Viva! Viva Villa!” con Yul Brinner e Charles Bronson.


appuntamenti

p

22

Cinema Azzurro

Cinema Lux

Teatro Genio

Viterbo & Lazio Nord

Cinema Trieste

Femmine contro Maschi

Immaturi

Femmine contro Maschi

Another Year

Viterbo Via C. Cattaneo, 44 Tel. 0761.220019 16,00-17,30-19,00-20,45-22,30

Viterbo Viale Trento, 1 Tel. 0761.340848

Viterbo Via Teatro Genio, 16 Tel. 0761.343041 18,30-20,30-22,30

Viterbo Viale Trieste, 30 Tel. 0761.307083 21,30

Cinema Trento

18,00-20,20-22,30

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

Sanctum

Burlesque

Femmine contro Maschi

Immaturi

La Quercia (Vt) P.zza Santuario, 51 Tel. 0761.307759 18,00-20,00-22,00

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Cine Tuscia Village

Cine Tuscia Village

Il discorso del Re

Sanctum in 3D

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,30-20,30-22,30

Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 18,00-20,15-22,30

Cinema Etrusco

Cinema Etrusco

Cine Tuscia Village - I fantastici viaggi di Gulliver in 3D - Parto col Folle Vitorchiano Via Marmolada, 44 Tel. 333/8005007 - 18,30 - 20,30-22,30

Martedì 15 Febbraio 2011

Cinema Etrusco Femmine contro maschi Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 16,15-18,00-20,00-22,00

Cinema Etrusco

Flavia Multisala

Sanctum in 3D

Gianni e le donne

Burlesque

Febbre da fieno

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 16,00-18,00-20,00-22,00

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 16,00-18,00-20,00-22,00

Tarquinia Via della Caserma, 32 Tel. 0766.856432 15,45-17,50-20,0-22,00

Montefiascone Via della croce, 1 Tel. 0761.826611 21,30

Flavia Multisala

Cinema Gallery

Cinema Gallery

Cinema Tevere

Immaturi

The green Hornet

Femmine contro Maschi

L’Orso Yoghi

Montefiascone Via della croce, 1 Tel. 0761.826611 21,30

Montefiascone Via Cardinal Salotti Tel. 0761.824342 21,30

Montefiascone Via Cardinal Salotti Tel. 0761.824342 21,30

Castiglione in Teverina via Orvietana, 37 Tel. 0761.948915 21,30

Cinema Alberini

Cinema Florida

Cinema Excelsior

Femmine contro maschi (da domani)

Qualunquemente

La bellezza del somaro

Femmine contro maschi

Orte Via del Plebiscito, 6 Tel. 0761.403585 21,45

Civita Castellana Via del Forte, 26 Tel. 0761.598165 18,00-21,30

Cura di Vetralla Via Cassia, 277 Tel. 0761.483340 22,00

Valentano Via Monte Grappa, 16 Tel. 0761.453138 21,30

Martedì 15 febbraio Palazzo Gentili, Sala Conferenze (via Saf�, 49), Viterbo “Dal risorgimento alla Repubblica”: incontro dal tema “Dal Risorgimento alla Resistenza, dalla Monarchia alla Repubblica”. Interverranno la Professoressa Eva Cecchinato dell’Università di Venezia e il Professor Maurizio Ridol�, Preside della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi della Tuscia. Inizio incontro ore 17 e 30.

Inizio spettacolo ore19. Ingresso 12 euro più tessera iniziale di 10 euro. Cine Tuscia Village, Vitorchiano “Giovedì Cinema”: proiezione del �lm “In un mondo migliore” di Susan Bier, con Mikael Persbrandt e Ulrich Thomsen. Inizio spettacolo ore 18 e ore 21 e 30. Ingresso euro 5. Venerdì 18 febbraio Teatro Cinabro, Calcata Vecchia “L’amore è cieco” Tre atti unici di Anton Checov: Domanda di matrimonio, Il tabacco e L’orso. Inizio spettacolo ore 21 e 15. Ingresso gratuito.

Mercoledì 16 febbraio Gran Caffè Scenardi (Corso Italia 11/13), Viterbo “Appendere… ad Arte” (dal 14 al 20 febbraio): mostra collettiva di artisti vari. Ingresso gratuito. Giovedì 17 febbraio Teatro Boni, Acquapendente “Cineclub Rosebud”: proiezione

del �lm “Louise – Michel” di Gustave de Kervern e Benoît Delépine.

Via Regina Margherita 2, Caprarola “Col Naso all’insù”: spettacolo

Cinema Colombo

della compagnia “Quelli del Martedì”. Inizio spettacolo ore 18. Sabato 19 febbraio Teatro San Francesco, Bolsena “Ciao Frankie”: spettacolo di e con Massimo Lopez. Inizio spettacolo ore 21 e 15.

4 euro. Via Regina Margherita 2, Caprarola “Col Naso all’insù”: spettacolo della compagnia “Quelli del Martedì”. Inizio spettacolo ore 18.

Sala Tetraedro (via Chigi, 12), Viterbo “Silenzio Nicolino”: Spettacolo di marionette e pupazzi della compagnia “Il giardino dei pupazzi”. Inizio spettacolo ore 16 e ore 18. Ingresso su prenotazione 368 3750512 – 333 3183300.

Palazzo dei Priori, Sala Sacchetti (Via dell’Architetto, 4), Tarquinia “Stagione Concertistica Tarquiniese”: concerto per viola e pianoforte con Gabriele Croci e Maurizio Paciariello. Inizio concerto ore 18. Ingresso euro 5, studenti euro 3, minori di 14 anni gratis.

Auditorium Santa Maria in Gradi, Viterbo “Stagione Concertistica Unitus”: concerto per pianoforte di Luigi Laterza. Inizio concerto ore 18. Ingresso euro 9, ridotto

Teatro Boni, Acquapendente “Io provo a volare!”: Omaggio di Gianfranco Berardi e Isabella Casolari a Domenico Modugno. Inizio spettacolo ore 21. Ingresso euro 12, ridotto euro 10.


Martedì 15 Febbraio 2011

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

almanacco

Viterbo & Lazio Nord

p

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca 21 Marzo - 20 Aprile ARIETE

o capiH to che avete sempre in mente quella frase che dice che

questo è il vostro anno e nessuno vuole rinnegare nulla…è solo che può anche accadere che una giornata o due vadano storte..-ma proprio la serata di San Valentino dovevate fare le bizze con il vostro amore? vabbè.. ormai è inutile piangere sul latte versato.. FARETE PACE DOMANI 22 Giugno - 22 Luglio CANCRO

E

finalmente un po’ di pace anche nel vostro cuore un po’ scosso dai tanti avvenimenti che caratterizzano la vostra vita da qualche tempo..ieri il vostro amore si è reso �nalmente conto che vi stava trascurando un po’ e sicuramente avrete passato una bellissima serata.. continuate così e fatevi STRAPAZZARE DI COCCOLE 23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA

A

m i c i d e l la Bilancia questo inizio settimana è veramente un po’ pesante a causa di una fastidiosa Luna in Cancro… ed avete ragione a pensare che il vostro partner esige un po’ troppo da voi e vi vorrebbe sempre pronti a sorridere anche quando non ne avreste voglia.. portate pazienza..DA DOMANI SI MIGLIORA 22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO

N

o n prendetevela troppo se il partner a San Va l e n t i n o non si è mostrato troppo generoso con voi…magari ha i suoi problemi e non vuole dirvelo per non preoccupa rvi...l’importante è che voi sappiate che vi ama sempre come il primo giorno che vi ha incontrato...anzi ma cosa dico? SEMPRE DI PIU’!

BUONGIORNO

Il buongiorno a tutti i lettori dell’Opinione Viterbo e Lazio Nord dal barman Sergio dell’X Caffè di Orte dove la colazione con un buon cappuccini inizi bene dal mattino (Foto Andrea Di Palermo)

21 Aprile - 20 Maggio TORO

V

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI

b e l l o È per voi questo mese

oi and a t e alla grande e con il vento in poppa amici del Toro.. si è vero nel lavoro ci sono ancora delle tensioni con colleghi o superiori ma voi siete testardi e tenaci e saprete rigirare tutto a vostro favore. .e per quanto riguarda l’amore poi…per voi è UNA COSA MERAVIGLIOSA!

vede che siete felici e sprizzate gioia da tutti i pori.. partecipate a feste ed eventi mondani e avete ritrovato quella spensieratezza che da sempre vi contraddistingue..non abbiate paura di star bene e procedete sicuri in tutti i settori.. per voi sarà tutto UN CRESCENDO DI EMOZIONI

23 Luglio - 22 Agosto LEONE

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE

C

he peperini che siete in questi giorni amici del Leone...questo marte in Acquario che vi rema contro non fa altro che accendere in voi quella voglia di s�da che vi contraddistingue da sempre spingendovi ad agire forse un po’ troppo in preda alle emozioni…cercate di misurarvi un po’ e vedrete che TUTTO PROCEDERA’ BENISSIMO 24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE

M

di febbraio vero amici dei Gemelli?..si

F

o r s e spinti da qualche delusione che si è veri�cata in un recente passato avete trascorso il weekend prima di San Valentino in preda ad una terribile ansia…pensavate che il partner si de�lasse all’ultimo minuto vero?...è stata colpa della luna in Gemelli, ma avete visto che era tutta una fantasia e che in realtà SIETE STRAAMATI 22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO

e l’avevo detV to…durante il

a che bella questa Luna che vi bacia allegra e serena dal segno del Cancro cari inquieti scorpioncini…sicuramente voi avrete passato un San Valentino da mille e una notte ed avrete dimostrato al vostro partner cosa significa avervi accanto…state pur tranquilli che non se lo dimenticherà più…MAI PIU’

minimo di bucare una gomma, e invece no, voi testardi e cocciuti come al solito avete preparato armi e bagagli ed avete s�dato la sorte…beh sapete cosa vi dico?...avete fatto bene visto che da oggi siete di nuovo allegri e pimpanti e forse chissà…ve la state godendo allegramente magari in qualche spiaggia esotica…BEATI VOI

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI

M

a che b e l castello marc ondirondiron dello..eh sì è proprio così che vi sentite. .come dei Re in un castello incantato…tutti sono ai vostri piedi per adorarvi ed ammirarvi e voi ve ne compiacete come dei veri e propri pavoni...va bene va...vi è concesso, d’altronde febbraio è il vostro mese…APPROFITTATENE E AUGURI

weekend non partite…rischiate come

M

a quanto ci avete messo a convincere il vostro partner a festeggiare questo San Valentino dopo che sabato e domenica siete stai nervosetti e diciamola tutta, un po’ intrattabili? Beh suvvia non preoccupatevi…lui sa benissimo che la vostra caratteristica principale è l’incoerenza…ma VI AMA ANCHE PER QUESTO

23

visitando Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Fabrica di Roma A Falerii Novi, mura etrusco romane del III sec. a.c. e la porta Giove si possono visitare sempre. L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Falerii del sec.XII da marzo a Novembre i sabati e le domeniche dalle ore 9 alle 13. In altri giorni per gruppi e scolaresche contattare il 0761/ 569101 ufficio cultura.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Martedì 15 Febbraio 2011

Mercoledì 16 Febbraio 2011

ore 00 cielo poco nuvoloso e vento da ovest a 4 km/h. Temperatura di 4,2 °C ore 03 cielo quasi sereno e vento da nord a 3 km/h. Temperatura di 2,8 °C ore 06 cielo sereno e vento da sud/ est a 3 km/h. Temperatura di 2,3 °C ore 09 cielo poco nuvoloso e vento da sud/est a 4 km/h. Temperatura di 7,3 °C ore 12 cielo parz. nuvoloso e vento da sud a 7 km/h. Temperatura di 9,4 °C ore 15 cielo nuvoloso e vento da sud a 14 km/h. Temperatura di 9,1 °C ore 18 cielo molto nuvoloso e vento da sud a 16 km/h. Temperatura di 8,7 °C ore 21 cielo molto nuvoloso o coperto e vento da sud a 15 km/h. Temperatura di 7 °C

ore 00 cielo coperto con deboli precipitazioni e vento da sud/est a 17 km/h. Temperatura di 6,3 °C ore 03 cielo coperto con deboli precipitazioni e vento da sud/est a 21 km/h. Temperatura di 6,2 °C ore 06 cielo coperto con precipitazioni e vento da sud/est a 23 km/h. Temperatura di 6 °C ore 09 cielo coperto con precipitazioni e vento da sud a 20 km/h. Temperatura di 6,5 °C ore 12 cielo coperto con moderate precipitazioni e vento da sud/est a 23 km/h. Temperatura di 7,5 °C ore 15 cielo coperto con qualche piccolo cumulo sparso con moderate precipitazioni e vento da sud a 26 km/h. Temperatura di 8,4 °C ore 18 cielo coperto con deboli precipitazioni e vento da sud/ovest a 28 km/h. Temperatura di 9,4 °C ore 21cielo coperto con deboli precipitazioni e vento da sud/ovest a 20 km/h. Temperatura di 8,5 °C

FARMACIE

OGGI 15 FEBBRAIO COMUNALE S. BARBARA (DIURNO E NOTTURNO) VIA PORSENNA, SNC (VITERBO) TEL: 0761-270543 DOMANI 16 FEBBRAIO ROSSI (DIURNO E NOTTURNO) LARGO AFRICA, 14 (VITERBO) TEL: 0761-343121


L'OPinione di Viterbo e Lazio nord - 15 febbraio 2011  

edizione del 15 febbraio 2011

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you