Issuu on Google+

����������

p

������������������������������������������������������������� �������������� ���������� �������������������������� �������������������

MARTEDI 13 MARZO 2012 ���������������������

Anno III N. 57 - Euro 1,00 �����������������������

���������������������������������������� Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO

Politica

Inaugurata la sede dei Cristiano Popolari a Nepi. Presente anche l’On. Mario Baccini Servizio

Regione

Spettacolo

“Cantacarnevale” festeggia con successo la sua terza edizione

Dalla Giunta arriva l’approvazione della “Legge Montagna”

di Benedetta Ferrari

Servizio

a pagina 5

a pagina 17

a pagina 9

SANITOPOLI - Per avere indiscrezioni il professor Mauro Paoloni “usava” l’impiegata Lorella Zolla

Altro che talpa, in Tribunale c’era una “guardiana” Va a fuoco un deposito di gomme a Onano, è emergenza

Il professor Mauro Paoloni sapendo di essere nel mirino della Procura di Viterbo non ha esitato un istante nello spingere la sua amica Lorella Zolla ad appro�ttare del suo ruolo per carpire informazioni a lui utili. In cambio il professore le ha regalato una bella macchina, trovato lavoro al �glio e ad una nipote. All’inizio, traendo in inganno alcuni militari addetti alle indagini pensava di aver trovato la via giusta per aiutare il suo caro, carissimo amico. Purtroppo per lei il gioco era stato scoperto e nessuno ha ceduto alle sue lusinghe che alludevano anche a qualcosa di più appetibile. Fortunatamente i militari, a differenza della Zolla e di Paoloni, tra la via del peccato (anche sessuale) hanno scelto la via della giustizia, della verità, ristabilendo equilibrio laddove campeggia ovunque: “La legge è uguale per tutti”. Paolo Gianlorenzo a pagina 3

Devastante l’incendio che ha colpito un deposito di pneumatici situato sulla Strada provinciale Onanese a pochi chilometri da Acquapendente. Duemila metri quadrati totalmente occupati da pile alte tre metri di gomme che dovevano essere regolarmente smaltite. E’ emergenza, il fumo denso e acre, è stato portato dal vento che sof�ava verso il Comune di Onano , il cui sindaco ha emanato una ordinanza straordinaria. Ai cittadini è stato imposto di chiudere �nestre e porte, alle donne in gravidanza di lasciare immediatamente il territorio coperto dai fumi carichi di sostenze tossiche per la salute umane. E’ stato vietato anche il pascolo degli animali e il consumo di frutta e verdura.

MONTEFIASCONE

Menichelli campione di Enelcaccia di Michele Mari a pagina 13

CIVITA CASTELLANA

Farmacie, delibere fantasma e non solo di Simona Tenentini a pagina 15

di Mario Migneco a pagina 2

RONCIGLIONE

Il centrosinistra Unitus, pronti tre nuovi corsi di laurea sceglie le priorità ATTUALITA’

Sono passati dodici anni dall’ultima nata in casa Unitus: l’allora facoltà (oggi dipartimento) di Scienze Politiche, ma oggi, le nuove nate sono addirittura due, anzi tre, stiamo parlando dell’attivazione di un corso di Ingegneria industriale presso il Dipartimento di Economia e un corso di giurisprudenza presso il dipartimento di Istituzioni linguistico letterarie (Distu). Al via allora ad una serie di novità per l’Università della Tuscia e soprattutto per quanti

intendono iscriversi. L’offerta formativa si amplia ed oltre ad ingegneria e giurisprudenza sarà il Dipartimento dei Beni Culturali a subire le maggiori trasformazioni che vedranno la con�uenza in un unico corso per le lauree magistrali di archeologia e storia dell’arte e l’istituzione di un ciclo unico di restauro, un percorso quinquennale alla �ne del quale si avrà accesso all’ albo dei restauratori italiani. Servizio

Servizio a pagina 14

CURIOSITÀ

Sceicco del Kuwait a spasso per Viterbo di Pietro Bevilacqua

Benedetta Ferrari a pagina 7

a pagina 6

SPORT - Le cronache e gli eventi della provincia

Serie D Il futuro della Viterbese ora è un ‘giallo’

Calcio Il Corneto si salva. Vigor sempre in vetta

Basket Perde soltanto la Defensor. Belli oggi in campo

Servizio a pagina 20

Servizio a pagina 20

Servizio a pagina 23

Redazione via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - Centralino 0761.346807 - Fax 0761.1705337 Email: redazione@opinioneviterbo.it


cronaca

2

Viterbo & AltoLazio

Martedì 13 marzo 2012

Ad Onano, località “Poggio delle Forche” nella notte di domenica scoppia un incendio di proporzioni mastodontiche. Ancora fiamme, fumo e dispersione di sostanze tossiche di Mario Migneco

D

evastante incendio nella notte tra domenica e lunedì. La fiamme sono divampate verso l’una in un deposito di pneumatici situato tra Acquapendente e Onano in località “Poggio delle Forche” sulla strada provinciale Onanese. Una super-

Nelle foto le immagini di soccorso dei Vigili del Fuoco e le condizioni del deposito ieri mattina

Duemila metri quadri distrutti dalle fiamme

Un deposito di pneumatici ha preso fuoco. L’incendio non è ancora completamente domato za con il rogo. Il sindaco di Onano, Giovanni Giuliani solo la settimana scorsa si era recato a Roma, nella sede della Regione Lazio per discutere i termini della bonifica della discarica di pneumatici usati. Giuliani ha emesso una ordinanza straordinaria nella quale viene avvisata la popolazione residente di tenere le finestre e porte chiuse, di allontanare le donne in gravidanza e possibilmente far spostare i residenti nelle vicinanze in abitazioni non esposte. E’ stato vietato il consumo di frutta e verdura raccolte in prossimità dell’incendio per evitare il contaminamento dalle sostanze nocive sprigionatesi dai fumi. Nell’area non potranno pascolare nemmeno gli animali. Sono in ancora in corso le indagini per stabilire la causa che ha innescato l’incendio.

ficie di circa duemila metri quadri, all’aperto, dove in file alte tre metri sono stipate le gomme per le autovetture. Dalla scorsa notte e fino a tutta la giornata di ieri i vigili del fuoco sono stati impegnati a domare l’incendio. Un rogo impressionante dal quale si è alzato un fumo denso e alto, carico di sostanze tossiche, causando disagi alla circolazione. La provinciale è stata infatti chiusa per tutto il pomeriggio. Sul posto, inizialmente, due squadre dei pompieri una di Gradoli e una di Viterbo con un’au-

tobotte e il carro schiuma, verso le 14,00 sono arrivati altri mezzi dal comando provinciale con delle ruspe per lo smassamento delle carcasse degli pneumatici. Alle 16.00 per domare le violente vampate delle fiamme sono arrivate altre unità dei pompieri con un’altra decina di mezzi. Presente anche la forestale di Acquapendente con il compito di monitoraggio e sorveglianza della zona. Il deposito fu oggetto di una indagine condotta proprio dallo stesso comando aquesiano e dal relativo sequetro. C’è una strana coinciden-

FISCO - Continuano le operazione di controllo nei locali e negli esercizi commerciali viterbesi per combattere l’evasione fiscale

Viterbo, seppur con qualche pecca, è in regola. Forse è ora di controllare le tasche dei veri ricchi

I

l Comune di Viterbo con una nota comunica che sono stati effettuati controlli sul territorio comunale da parte

del Comando di Polizia Locale di Viterbo per prevenire e reprimere l’esercizio abusivo di attività di pubblico spettacolo

e intrattenimento presso i pubblici esercizi (bar, ristoranti, ecc.). “Nell’ambito di un particolareggiato piano – ha spiegato il comandante di Polizia Locale Franco Fainelli – il personale del Nucleo Commercio e Polizia Amministrativa, congiuntamente a quello della Vigilanza Territoriale, a partire dallo scorso 2 marzo, in orario notturno, ha provveduto a sottoporre a veri�ca alcuni pubblici esercizi del territorio comunale. L’operazione, che è stata svolta da agenti in borghese, in modo da non creare allarmismi tra gli ospiti dei locali,

ha rilevato gravi irregolarità, anche di carattere penale, a carico di un esercizio pubblico all’interno del quale è stata scoperta una sala da ballo abusiva. Il reato contestato al proprietario del locale – prosegue il comandante Fainelli - è ascrivibile all’apertura al pubblico di un’attività di spettacolo e intrattenimento senza autorizzazione per la sicurezza e la solidità dell’edi�cio”. Quanto accertato è stato comunicato per i pro�li di speci�ca competenza al dirigente del Settore IV del Comune di Viterbo, alla Guardia di Finanza e alla SIAE”.

Ricordiamo ai lettori che nelle ultime settimane i controlli �scali sono stati fatti a tappeto nella nostra provincia, ma possiamo dire con un certo orgoglio che le anomalie riscontrate sono davvero poche. Infatti sembra, anche dai risultati delle veri�che dell’Agenzia delle Entrate, che più del 90% degli esercenti viterbesi è in regola con tasse, �sco, pagamenti, scontrini e dipendenti. E questo da un controllo più ampio, non limitato alle serate più calde, quelle in cui c’è più movimento di soldi. Addirittura, dall’Agenzia delle Entrate ci giungono di-

chiarazioni secondo le quali la città di Viterbo potrebbe essere presa ad esempio a livello nazionale. Allora viene da pensare che, come al solito, i commercianti, i piccoli imprenditori e i veri lavoratori, le tasse le pagano. Dunque forse, adesso, sarebbe opportuno che i controlli li facessero a chi i soldi, quelli veri, ne ha tanti e magari ne dichiara meno di quanto dovrebbe. Possibile che i politici, chi ricopre incarichi di alto livello dichiari realmente tutte le entrate? Ma allora tutte queste tasse, dove vanno a �nire? ViTa75


Martedì 13 Marzo 2012

cronaca

Viterbo & AltoLazio

3

SANITOPOLI - Lavorando in Tribunale la donna cercava di carpire notizie utili da riferire al professore

L’impiegata Zolla era la “guardiana” di Paoloni. Per lui era pronta a tutto di Paolo GIANLORENZO

E

ra inevitabile che dalle migliaia e migliaia di pagine dell’inchiesta sulla sanitopoli viterbese emergessero cose incredibili. Tra le tante quella dell’impiegata del Tribunale di Viterbo in servizio presso il giudice di pace Lorella Zolla (nella foto grande). Di lei avevamo parlato intuendo, attraverso il reato che gli veniva contestato dai magistrati, che fosse venuta a conoscenza di qualcosa inerente alle indagini e che lo avesse riferito al suo amico Mauro Paoloni. Oggi i sospetti sono confermati dalle indagini svolte dagli inquirenti che, secondo loro, avrebbe: “più volte rivelato notizie segrete relative al procedimento penale... al �ne di procurare a sé e a Paoloni Mauto indebiti vantaggi anche di natura patrimoniale”. Accuse pesantissime che gli inquirenti supportano con una serie di intercettazioni telefoniche ed ambientali inequivocabili. A cosa si riferiscono gli inquirenti quando parlano di vantaggi di natura patrimoniale? Al fatto che, durante il periodo nel quale l’impiegata infedele operava, riceveva in cambio delle informazioni, un’autovettura Daiatsu Sirion quale dono del Paoloni per grati�carla per la sua opera di “GUARDIANA”. Non solo, sempre il professor Mauro Paoloni, si è adoperato tanto anche per il �glio della Zolla al quale ha trovato un posto di lavoro presso un’Istituto dei padri Giuseppini di Roma. I favori di Paoloni non si sono limitati al solo al �glio della Zolla ma anche a sua nipote che, attraverso anche all’interessamento dell’avvocato Diddi trovava impiego presso lo studio legale di tale Giovanni. In che modo la donna si è resa utile al Paoloni cercando di acquisire informazioni sul suo conto? Semplice, lavorando all’interno del Tribunale di Viterbo,

pur in un altro settore, sapeva chi erano i militari delegati alle indagini e, invitandoli a prendere un caffé, a fare due chiacchiere, cercava di ottenere informazioni utili per l’amico. Eloquente l’intercettazione di una telefonata tra i due (B: Lorella Zolla, A: Mauro Paoloni): “B: Pronto? A: Bella! B: Aho? A: Ciao B: Sì... sono andata a prende un caffé con quel mio amico... Tutto bene!! A: Uhmm.. B: Uhmm.. A: Va be... tutto bene nel senso che...avete parlato del più e del meno? B: Sì!... Uhm... A: Va bè... poi dopo me fai sapè B: D’accordo con me! A: E’ d’accordo con te? B: Uhm.. Uhm... E’ sì! A: Sulle caratteristiche di alcuni soggetti? B: Sì... Sì... Sì... A: Va bè.. me fa piacere... va bè” Mentre l’impiegata infedele pensava che il militare avvicinato da lei esaudisse i suoi desideri, al contrario, subito dopo quell’incontro lo stesso aveva avvisato i suoi superiore e i magistrati. Questo una delle tante conversazioni che sono state messe tutte a verbale dai militari e suffragate da molteplici intercettazioni. Arrivata ad un certo punto poi, vedendo che non era facile avere delle indiscrezioni chiamava i militari e, una volta con una scusa, una volta l’altra, cercava di carpire da loro ogni minima informazione al punto che dopo tanti approcci e dialoghi con Paoloni relazionano: “Dalle sopraindicate (riferito alle intercettazioni, ndr) si percepisce in maniera inequivocabile che Zolla Lorella aveva acquisito informazioni sulla posizione giudiziaria di Mauro Paoloni direttamente da personale della sezione della polizia giudiziaria e mediante inganno aveva

Tribunale accoglie il ricorso dei pm e sequestra il centro diabetologico I

l Tribunale di Viterbo ha accolto la richiesta dei pm D’Arma e Tucci e ha dato parere positivo al sequestro del centro diabetologico della clinica Nuova Santa Teresa, di proprietà degli imprenditori della sanità Roberto e Fabio Angelucci (padre e �glio nelle foto). Il ricorso era stato presentato dai sostituti Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci, titolari della maxi inchiesta Ausl, perchè convinti della mancanza delle autorizzazioni regionali necessarie al funzionamento del centro. tentato di acquisire informazioni dal medesimo che però non era facilmente corruttibile. Lo stesso Paoloni invita la donna a continuare in tale condotta arrivando a spingerla anche ad approcci di natura sessuale e Zolla Lorella, da quanto appreso dalla sopracitata conversazione, non sembra intenzionata a desistere da tali intenti”. La �gura di Paoloni diventa inquietante perché, come emerge dall’inchiesta, non si faceva alcuno scrupolo nello sfruttare le persone vista la sua posizione. Arrivati a questo punto ci si interroga sul perché l’impiegata infedele e spiona non sia stata sospesa dal servizio o trasferita in altra sede distaccata.

Il direttore ti scrive...

MAESTRO - Il direttore del Nuovo Corriere si avventura su un campo minato: la libertà di stampa

Caro Ceccarelli, certe volte è meglio tacere E

ssere sotto padrone o sotto più padroni deve essere dura per un giornalista come Evandro Ceccarelli. Pur non �rmandosi, come suo stile, domenica sul giornale da lui condotto si è permesso di scrivere un articolo che riportiamo qui a �anco in foto. In buona sostanza ci rimprovera per quello che scriviamo, parla di un pozzo nero pieno di veleni ed in�ne di verità taciute. Articolo che sembra ritrarre alla perfezione il suo ruolo attuale. Scrive costantemente verità parziali. Quello che scrive lui è verità, quello che scrivono gli altri sono attacchi personali a questo o quel personaggio politico (a lui di comodo ovviamente). Come può scrivere chi ha scritto sul dopo terromoto un articolo dettato dal suo editore. Come può parlare di morale un giornalista che viene

intercettato nell’uf�cio da Aloisio in odore di manette dove non solo si accorda su cosa scrivere ma si fa dettare anche il titolo. COme può giudicare i colleghi uno come lui che nelle intercettazioni telefoniche con Paoloni si adopera af�nché chi scrive la verità venga

messo a tacere. Caro Ceccarelli, tu sei tutto tranne che un giornalista libero. Hai fatto delle scelte di campo, hai deciso di stare al guinzaglio ma noi, a differenza tua, non ci facciamo dettare gli articoli, scriviamo di Aloisio, Paoloni e Battistoni. Tu no! Perché? Saluti.

La Ausl ha comunque garantito l’assistenza ai circa 2500 pazienti che, ad oggi, usufruiscono del servizio. Alla cittadella della salute (in località Pietrare) infatti, sarà trasferito il centro diabetologico. Senza autorizzazione regionale, quindi ritenuti illegali, il centro diabetologico, il day hospital riabilitativo neuro-motorio e i 12 box per �siokinesiterapia attivati nella stessa casa di cura. Insomma, secondo i pubblici ministeri la nuova struttura sanitaria sulla Tuscanese non avrebbe i requisiti per essere in attività.


cronaca

4

Viterbo & AltoLazio

Martedì 13 marzo 2012

Da quattro anni molestava la moglie e la figlioletta, ora si decide sull’eventuale scarcerazione

Stalker viterbese ascoltato dal giudice S

talker viterbese arrestato lo scorso 8 marzo: si deciderà sulla scarcerazione. Questo è quanto è emerso ieri mattina a seguito dell’interrogatorio di garanzia condotto dal gup Franca Marinelli. Il quarantenne, difeso dal legale Luigi Mancini, si trova attualmente sotto misura di

arresti domiciliari a seguito dell’ennesima denuncia della ex moglie, da cui si è separato nell’estate del 2008. Da quel momento in poi avrebbe reso la vita impossibile alla donna con telefonate minacciose, a lei e alla �glioletta di poco più di dieci anni. Proprio l’ultima telefonata ha fatto scattare l’arresto, il terzo, eseguito dagli uomini della questura, lo scorso 8 marzo. L’ i m putato ha ammesso di essere soggetto spesso a scatti d’ira, che dipenderebbero, a suo dire, dal comportamento della ex moglie e dei genitori. Ha affermato inoltre che gli è stato vietato di vedere la �glia negli ultimi due anni,

Il quarantenne si trova agli arresti domiciliari a seguito dell’ennesima denuncia da parte della moglie

Disagi sulla linea Roma-Viterbo a causa di un furto di rame

D

isagi ieri mattina per i pendolari della linea Fr3 Roma-Viterbo. I treni hanno avuto ritardi dai 15 ai 30 minuti a causa di un furto di cavi in rame avvenuto nei pressi della stazione Monte Mario, nella Capitale. Lo ha comunicato Fs in una nota, nella quale ha spiegato che nella notte scorsa sono state rubate alcune bobine. Anche se il valore del rame trafugato è irrilevante i disguidi per i viaggiatori sono stati intensi. Il reintegro del materiale rubato e lavoro aggiuntivo per il ripristino del regolare funzionamento della linea ha

nonostante il tribunale avesse disposto incontri per due volte a settimana. Il legale dell’uomo, nel caso in cui non venga disposta la scarcerazione, ha annunciato che farà appello al tribunale per le libertà. La vicenda ha avuto inizio nel dicembre del 2008 quando la ex moglie chiese aiuto in questura, sporgendo la prima denuncia. Da quel momento la mobile viterbese diede il via alle indagini che portarono all’emissione, da parte della procura,di un provvedimento restrittivo nei confronti dell’uomo, che non avrebbe potuto più avvicinarsi alla famiglia. Ma la decisione del tribunale non ha sortito alcun effetto sull’imputato, che ha continuato a molestare la donna, ed è stato denunciato nuovamente nel 2011. ReTrac.

portato via diverse ore. ‘’I cavi in rame, le cosiddette trecce, alimentano, infatti, i sistemi di controllo della circolazione – spiega l’ufficio stampa di Fs -. La sottrazione dei cavi in rame, comunque, non comporta problemi di sicurezza alla circolazione ferroviaria che prosegue, sebbene rallentata, secondo specifici protocolli di sicurezza. La circolazione ferroviaria si è normalizzata anche se le squadre tecniche di pronto intervento sono ancora al lavoro. Le Ferrovie dello Stato hanno sporto denuncia contro ignoti’’.

La ragazza che aggredì con delle forbici la sua rivale in amore prova a calmare le acque presentando una lettera di scuse

A

rrestata lo scorso 29 febbraio per aver colpito con un paio di forbici da elettricista la rivale in amore in un bar in zona San Giovanni a Civita Castellana. Pochi giorni dopo è stato incardinato il processo davanti al giudice Italo Centaro e per la ventenne era stato disposto l’obbligo di �rma in caserma. Ieri mattina la seconda udienza nel procedimento che vede la giovane accusata di lesioni aggravate e porto d’armi improprie. Il legale della ragazza , l’avvocato Ottavio Capparella (nella foto), ha fatto sapere che presto l’imputata presenterà alla parte offesa, la nuova �amma del suo ex �danzato, una lettera di scuse, con l’intento di portare il processo in acque più tranquille. Ieri mattina inoltre c’è stata la richiesta di giudizio abbreviato, condizionato all’ascolto della sua assistita, e di un testimone, il fratello della barista, presente sul posto al momento dell’aggressione. Si cercherà in�ne di far cadere l’aggra-

Due giorni di straordinari per il 115

D

ue giorni di straordinari per i vigili del fuoco di Viterbo. Ieri il devastante incendio tra Acquapendente e Onano in un deposito di smaltimento di pneumatici. Domenica, invece trenta interventi in tutta la provincia che li hanno tenuti impegnati per dodici ore. Il più dif�cile nel Comune di Gradoli, dove è bruciato mezzo ettaro di bosco e un campo di sterpaglie. A causa del forte vento che

ha sferzato il territorio sono caduti rami e alberi sulle sedi stradali e nelle campagne. Due i soccorsi a persona effettuati. Un anziano che non rispondeva al telefono e al campanello ma che stava solo dormendo. A Canino, invece, un bambino era rimasto chiuso in casa con la pentola sui fornelli ancora accesi, per fortuna non è successo niente e i vigili hanno risolto il problema. C’è stato anche un incidente stradale al chilometro 51 della Cassia, una macchina fuori strada, e il guidatore estratto dal veicolo e non ha subito danni particolari. La giornata, per concludersi “in bellezza” è �nita con l’incendio di un casale situato tra Caprarola e Carbognano, ma le �amme sono state subito domate dalla squadra intervenuta.

vante dei “futili motivi”, contestata dall’accusa all’imputata. Ulteriore richiesta pervenuta dalla difesa al giudice Centaro quella di un’oblazione, ossia il pagamento di una somma, a seguito dell’utilizzo delle forbici da parte della giovane per colpire la vittima. La prossima udienza si terrà il 23 aprile, per la ventenne permane l’obbligo di �rma in caserma, disposto la volta scorsa,per evitare il ripetersi di episodi di aggressione. ReTrac.

Protagonista di una rissa sabato scorso, ieri è arrivata la condanna a dieci mesi

H

a scatenato una rissa sabato scorso in un bar a Via Bruno Buozzi, nel quartiere Pilastro, scagliandosi contro un avventore del locale per motivi di gelosia. A stento sono riusciti a fermarlo gli uomini della questura intervenuti nel locale a seguito della segnalazione della proprietaria. “L’uomo cercava

di entrare nel bar in modo minaccioso” – ha spiegato ieri mattina in udienza davanti al giudice Rita Cialoni e al pm Cristiano Ricciutelli l’agente intervenuto per scongiurare la rissa. “Sgomitava, scalciava e ha colpito un mio collega al volto e al labbro” – continua il poliziotto – “ ci ha anche minacciato dicendo che non gli facevamo paura”. Il trentanovenne, incensurato e residente a Vetralla, è stato arrestato con l’accusa di lesioni e resistenza a pubblico uf�ciale. Per lui è stato chiesto dal legale Franco Turchini il patteggiamento, concluso ieri mattina con una condanna a 10 mesi, pena sospesa.


Martedì 13 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

politica

5

Inaugurata alla presenza dell’Onorevole Baccini, del responsabile nazionale D’Ovidio e di numerosi sindaci

A Nepi la sede dei Cristiano Popolari É

stata inaugurata la Sede dei Cristiano popolari di Nepi. Presenti alla cerimonia l’Onorevole Mario Baccini, Presidente nazionale, l’On. Angelo D’Ovidio, responsabile nazionale organizzativo, l’On. Alessandro Vicari, Coordinatore regionale, Angelo Cardarelli, Coordinatore provinciale e Massimo Ricci Presidente della Sede di Nepi. Per il PDL è intervenuto il Coordinatore provinciale On. Giulio Marini, Sindaco di Viterbo. La presentazione si è svolta nella Sala Nobile del Comune di Nepi con l’intervento di un numeroso pubblico e di molti amministratori del viterbese ad iniziare dai Sindaci di Nepi, Ronciglione, Castel Sant’Elia. Le motivazioni della costituzione di una Sede in

Nepi, sono state illustrate dal Presidente Ricci che ha così esordito: “Questa iniziativa vuole essere simile ad un sasso scagliato nella superficie delle acque stagnanti della politica che sembra non abbia più niente da dire alle persone. Ci piace credere che invece sia possibile tornare a discutere e dibattere dei problemi della gente e trovare le soluzioni, perché questo è il ruolo della politica e delle forze politiche, ruolo che invece in questo momento non svolgono. E’ una grave responsabilità dei vertici politici nei confronti del futuro dei giovani e quindi della nostra nazione”. L’Onorevole Giulio Marini ha affermato di essere particolarmente felice di incontrare tanti amici con i quali ha condiviso tante iniziative politiche, ringra-

ziandoli per l’appoggio che ha sempre avuto dagli stessi per il raggiungimento di obiettivi importanti, quale l’elezione a Deputato del parlamento italiano. Però in questo momento ha la-

sciato volentieri lo scranno parlamentare per dedicarsi a tempo pieno nel ruolo di Sindaco di Viterbo, non condividendo tra l’altro l’avvenuta formazione del Governo Monti che co-

Presentata dal senatore della Lega Nord Rizzi un’interrogazione a riguardo

Aeroporto, progetto reale o fantasia? L

ega Federalista di Viterbo ha presentato ai propri rappresentanti della Lega Nord presso il Parlamento, nella persona del senatore Fabio Rizzi, una dettagliata relazione di sedici pagine relativa alla realizzazione dell’aeroporto di Viterbo. “Le complesse vicende aeroportuali, la propaganda, ma anche i pochi fatti concreti raggiunti - spiega il consigliere Maurizio Pinna - chiedono di avviare ogni procedura utile a

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Editore Cooperativa Editoriale Giornalisti Poligrafici amministratore unico Viviana TARTAGLINI

Iscrizione ROC n. 20469 Alessandro Giulietti Virgulti Simona Tenentini Valeria Sebastiani Emanuele Faraglia Viviana Tartaglini Fulvio Medici Andrea Di Palermo Michele Mari Giovanni Corona Mario Migneco Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) 0863.997451 - 06.55261737

Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Per la pubblicità

Coop. Editoriale Giornalisti Poligrafici TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 GRUPPO EDITORIALE STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

stabilire l’attuale stato degli atti e, se possibile, sollecitarne l’iter procedurale anche attraverso una interrogazione parlamentare”. L’interrogazione parlamentare è stata presentata personalmente dal sen. Rizzi nella 687^ seduta pubblica (pomeridiana) di mercoledì 7 marzo 2012. Ne ha dato notizia lo stesso parlamentare giunto a Viterbo per partecipare alla presentazione del libro di Maurizio Pinna “Viterbo dal fascismo alla guerra con uno sguardo ai nostri giorni”, tenutasi presso la Sala Regia del Palazzo dei Priori gremita di pubblico particolarmente interessato all’evento. Nello speci�co, il Gruppo Federalista di Viterbo chiede certezza riguardo l’esistenza, o meno, di atti concreti e formalmente siglati in merito: alla reale localizzazione a Viterbo del terzo scalo aeroportuale laziale; alla effettiva volontà di realizzazione dell’aeroporto di Viterbo; all’esistenza di un valido e concreto progetto per la realizzazione dell’aeroporto e delle opere stradali e ferroviarie necessarie; al coinvolgimento e pronunciamento, al riguardo, dei rispettivi organi di Governo (passato e presente), Regione Lazio, ADR, ENAC, FS, Enel e CIPE; alla VIA (Valutazioni d’Impatto Ambientale) e VAS (Valutazione Ambientale Strategica), oltre quant’altro previsto dalle normative; a chi �nanzierà ciascuna opera; al pronunciamento del CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica); a chi sarà incaricato della realizzazione dell’aerostazione (sarà ADR, già concessionaria dell’aeroporto di Ciampino, o si dovrà andare a bando europeo?); altre eventuali notizie utili. L’interrogazione del senatore Fabio Rizzi, dopo un breve excursus dei punti cardine della vicenda aeroportuale viterbese, conclude: “l’interrogante chiede di sapere quale sia l’attuale stato procedurale, di progettazione e di copertura economica dello scalo

stituisce la rinuncia delle forze politiche a svolgere il proprio ruolo. Nel chiudere i lavori l’On. Baccini ha affermato: “In un momento in cui la politica ha raggiunto un

Giovanni Arena e Daniele Sabatini nominati commissario straordinario e vice del Pdl di Ronciglione

N

el corso di vari incontri politici, propedeutici al rinnovo del Consiglio Comunale di Ronciglione, i referenti locali del PdL hanno richiesto all’unanimità il commissariamento del Partito, istituzione ritenuta necessaria ed opportuna per favorire la coesione e la sintesi di vari pensieri.

aeroportuale di Viterbo e delle opera stradali e ferroviarie ad esso connesse per il più idoneo trasferimento, tra Viterbo e Roma, del volume di passeggeri previsto dai piani strategici citati, e quale sia la reale tempistica prevista per la realizzazione delle stesse”. Non rimane che attendere. “Abbiamo �ducia nei nostri politici locali - afferma il Capo Gruppo di Lega Federalista di Viterbo, Umberto Fusco - ma è trascorso troppo tempo rispetto ai proclami di qualche anno fa. Ora che al nostro �anco abbiamo il consigliere Maurizio Pinna, già segretario dell’allora Comitato per l’aeroporto di Viterbo, persona seria, coscienziosa e stimatissima da quanti lo hanno conosciuto durante il suo impegno nel Comitato, sentiamo il dovere ed il piacere di seguire direttamente la situazione per offrire la verità e il nostro contributo ai cittadini”. Per Pinna: “E’ un atto dovuto che va a rinforzare l’interrogazione già presentata dal Sindaco Giulio Marini ma della quale non abbiamo ancora ricevuto risposta. La città deve far sentire la propria voce con forza e con costanza – sostiene Pinna – �no a che non ottiene quanto gli è dovuto. E per essere maggiormente ascoltati dalle Istituzioni superiori, sarebbe opportuno

livello così basso noi non ci rassegnamo e andiamo controcorrente, recuperando la morale sociale, per coinvolgere e mai e poi mai escludere, alzando il livello della politica, partendo dai piccoli centri, come stiamo facendo oggi qui a Nepi, Etica e non etichetta. Dove la politica non sia una riunione di un consiglio di amministrazione dove i valori sono sostituiti da interessi per pochi intimi”. Infine il Presidente Baccini ha invitato l’amico On. Marini a ricandidarsi alla guida del PDL provinciale. Finito il dibattito politico l’incontro si è spostato presso la nuova Sede dei Cristiano popolari dove il Parroco di Nepi, dopo il taglio del nastro tricolore, ha impartito la benedizione dei locali e dei presenti.

Nell’intendimento di accogliere tale specifica istanza, in data 6 marzo u.s. si è provveduto a nominare il prof. Giovanni Maria Arena ed il dott. Daniele Sabatini, rispettivamente commissario straordinario e vice commissario straordinario del Pdl di Ronciglione, sino al congresso comunale.

che sul tema aeroportuale tutte le forze politiche e imprenditoriali si coalizzassero con grande senso di responsabilità. Abbandonare per stanchezza o incapacità le posizioni �n qui conquistate, signi�cherebbe retrocedere perdendo la battaglia, e questo non deve avvenire”.

L’Api ribadisce la priorità dell’Orte-Civitavecchia I

l segretario provinciale dell’Api, Marcello Mariani, ha ribadito l’urgenza e la priorità del completamento della trasversale stradale OrteCivitavecchia nel corso di un incontro ieri sera a Tarquinia. L’occasione, per ribadire l’importanza strategica della trasversale, è stata una riunione che ha visto presenti tutte le forze politiche e Comitati civici che a Tarquinia costituiscono il Terzo Polo (UDC,FLI, API, MPA e PRI) in vista delle prossime elezioni comunali della cittadina tirrenica. “Si può discutere di tutto ma almeno su un punto dobbiamo essere tutti d’accordo: la trasversale

Orte-Civitavecchia deve trovare compimento e questo in tempi rapidi e certi. In merito al tracciato ed ad una eventuale

variante, diciamo che se la Proposta di Variante serve a spendere meno, se serve a salvaguardare boschi, ambiente e giacimenti archeologici e se soprattutto serve a terminarla, finalmente, perché non procedere a verificare tecnicamente la proposta e quindi a realizzarla? In ogni caso occorre finire la traversale e fare presto. Vista la ripartenza dei lavori previsti soltanto sino a Monteromano, ribadiamo la nostra posizione e chiediamo di lavorare tutti insieme per una iniziativa forte ed immediata sul tratto stradale finale che da Monte Romano congiunge con la S.S.1, Aurelia”.


attualità

6

Viterbo & AltoLazio

Martedì 13 Marzo 2012

Grande successo per la presentazione alla Sala Regia dell’opera di Maurizio Pinna

Pienone per “Viterbo dal fascismo alla guerra” G

rande successo per la presentazione del libro tanto atteso di Maurizio Pinna “Viterbo dal fascismo alla guerra con uno sguardo ai nostri giorni”. La meravigliosa ed affrescata Sala Regia del Palazzo dei Priori ha fatto da cornice ad un evento che ha entusiasmato sia il pubblico sia l’autore ed i relatori, registrando posti in piedi. Bello e attento il pubblico, dinamico e interessante il tavolo dei relatori composto dal sindaco di Viterbo Giulio Marini, dal senatore Ferdinando Signorelli, dal senatore Fabio Rizzi Lega Nord e referente in senato del gruppo Lega Federalista di Viterbo al quale Pinna appartiene come consigliere comunale, dal professore Massimo Bonelli e dal geometra Giuseppe Presutti. Al giornalista Mario Cipolloni il compito di moderatore assolto con il suo consueto ed elegante stile. Durante i lavori, iniziati con la proiezione di un video di presentazione del libro, video realizzato con sentimento da Federica, �glia dell’autore, con colonne sonore del Maestro Fabio Barili, alcuni momenti di emozione da parte dell’autore, ma anche tra il pubblico, hanno confermato

che il messaggio è arrivato con tutta la sua forza al pari dei valori e della passione che hanno animato Pinna nell’inedito progetto editoriale e nella sua esecuzione imponente quanto assolutamente interessante per la città di Viterbo, soprat-

tutto dei giovani. La battuta rivolta a Pinna dal senatore Rizzi: “Maurizio, te forse non ti rendi ancora conto di che mole di libro hai fatto”, è dimostrativa della sorpresa che l’opera suscita, mentre per l’autore è semplicemente

il risultato di un serio impegno portato a compimento con la conoscenza e con una profonda passione. “Se ci sono questi due elementi - riferisce Pinna - la stanchezza viene annientata mentre prevale la gioia di regalare se stessi

L’ambasciatore ha fatto visita al quartiere medievale di San Pellegrino

Lo sceicco del Kuwait nella Città dei Papi di PIETRO BEVILACQUA Lo sceicco Jaber Al Sabah, ambasciatore del Kuwait in Italia, accompagnato dalla sua signora, PrincipessaJamail al Sabah, ha fatto visita domenica scorsa alla città di Viterbo. L’ambasciatore ha fatto visita al quartiere medioevale San Pellegrino. Nella visita alla parte storica della città, a fare gli onori di casa è stato il Dott. Edoardo Tasciotti, che ha saputo illustrare le caratteristiche della nostra città. Al termine del giro, il vicesindaco e assessore alla cultura del comune di Viterbo Enrico Maria Contardo, ha accolto l’illustre famiglia in piazza del plebiscito. I graditi ospiti hanno poi visitato il palazzo comunale. Soffermandosi incuriositi, sui numerosi affreschi della sala regia. Ad accompagnare l’ambasciatore, c’era anche il sindaco di Soriano nel Cimino, Fabio Menicacci. Sembra infatti che l’ambasciatore con la consorte e tutto il suo seguito, apprezzino molto la cucina delle nostre zone e spesso si recano nella cittadina dei Cimini dove ormai sono diventati quasi di casa. Nel tardo pomeriggio, l’ambasciatore è ripartito per Roma, con la promessa di tornare per il trasporto della Macchina di Santa Rosa.

agli altri. Il più grati�cante compenso – prosegue l’autore - è dato dalla presenza di così tanti amici, conoscenti e cittadini che sono rimasti �no alla �ne per stringerti la mano in segno di apprezzamento e di stima; persone veramente straordinarie. Sono queste le soddisfazioni che spera di collezionare chi, come me, crede e vive nel rispetto dei più alti valori umani, del prossimo e del Creato”. Un libro al di sopra delle parti e delle ideologie, precisa Mario Cipolloni. Un libro che parla di una Viterbo che si è evoluta con l’avvento del Fascismo, per �nire distrutta dagli alleati in cambio della liberazione dal nazifascismo, ma anche una Viterbo che ha avuto una storia ed un ruolo, per certi versi, più importanti rispetto a quelli attuali. Non il solito trattato storico e politico, spiega l’autore, ma un piacevole viaggio vivacizzato e reso particolarmente interessante dal collezionismo. Un viaggio che tra il bene e il male potrebbe insegnarci molte cose, se non altro, come hanno vissuto la loro vita i nostri genitori e le persone di quell’epoca per comprendere cosa si deve salvare e cosa non si deve più ripetere. Grande festa per Maurizio Pinna che ritiene ogni persona presente in sala un inestimabile regalo che questa giornata gli

ha donato. Tra gli intervenuti la signora Ombretta Ciorba alla quale Pinna ha consegnato il libro anche a nome della Città, in memoria del papà il commendator Alberto. Tra i presenti, inoltre, il Presidente della Banca di Viterbo dottor avvocato Luigi Manganiello, il Presidente della Provincia Marcello Meroi, il Presidente del Consiglio comunale Giancarlo Gabbianelli, l’assessore alla Cultura e Turismo Enrico Maria Contardo, i consiglieri Umberto Fusco, Maurizio Federici, Adelio Salvatori e l’antropologo dottor Antonio Riccio, che ha curato lo studio per far ottenere il riconoscimento Unesco al trasporto della Macchina di Santa Rosa. L’unica nota di dispiacere, trapelata dalle parole pronunciate dall’autore, riguarda la mancata partecipazione dei comandanti di tutti i reparti militari e dei vari Corpi di stanza a Viterbo, e del Vescovo, Istituzioni alle quali Pinna è molto affezionato: “Ho invitato tutti ma non vedo nessuno, probabilmente sono impegnati altrove”, come recita quel saggio riferendosi ai capi quando sono assenti. E conoscendo Pinna, se li ha invitati, non è stato certo per un gesto dovuto ma bensì sentito, tanto che nel suo libro i reparti militari e di polizia e la stessa diocesi sono rappresentati con tutti gli onori conquistati sul campo.

Offerte di Lavoro MAGAZZINIERI, SEGRETERIA, ADDETTI ALLA VENDITA MAGAZZINO CARTACEO A VITERBO RICERCA 3 AMBOSESSI DA INSERIRE COME INSERIMENTO DATI,GESTIONE PRATICHE E DUE ADDETTI AL PUBBLICO, ANCHE PRIMA ESPERIENZA. SOLO TEMPO PIENO. PER COLLOQUIO TEL. 0761/253159 ______________________________ VENDITORE AUTO Concessionaria auto di Viterbo cerca 1 venditore di età minima 20 anni, con conoscenze informatiche e patente di guida. E’ gradita l’esperienza lavorativa nel profilo richiesto. Si offre contratto Enasarco. Riferimento: 3034/B Data annuncio: 29/02/2012 Richiesta: 1 VENDITORE AUTO Settore: Concessionaria auto Sede lavoro: Viterbo Contratto: Lav. Autonomo Titolo di studio: licenza media Requisiti: Età minima 20 anni, conoscenze informatiche, patente di guida. Si richiede disponibilità ad aprire partita Iva. AIUTO PARRUCCHIERA Attività commerciale- parrucchiera donna- cerca 1 aiuto parrucchiera. La candidata si occuperà di supportare la titolare nel fare schampo e tinture. Riferimento: 3276/T Data annuncio: 24/02/2012 Richiesta: 1 AIUTO PARRUCCHIERA Settore: Parruccheria Sede lavoro: Tarquinia Contratto: Contratto apprendistato Titolo di studio: indifferente Requisiti: Residenti in Tarquinia o paesi limitrofi entro i 30Km e non oltre. Patentati e automuniti. Si richiede esperienza nel settore specifico. Tempo determinato pieno con orari distribuiti nell’arco della giornata. PER EVENTUALI CANDIDATURE: Tel. 0761.353252 - 353267 - Fax: 0761.271279 Indirizzo e-mail: lavoro.domanda.offerta@provincia.vt.it


Martedì 13 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

attualità

7

Ingegneria, giurisprudenza e un nuovo corso in restauro con accesso diretto all’Albo dei restauratori, opportunità che solo l’Unitus offre nel Lazio

Università, in arrivo tre nuovi corsi di laurea di Benedetta FERRARI

S

ono passati dodici anni dall’ultima nata in casa Unitus: l’allora facoltà (oggi dipartimento) di Scienze Politiche, ma oggi, le nuove nate sono addirittura due, anzi tre, stiamo parlando dell’attivazione di un corso di Ingegneria industriale presso il Dipartimento di Economia e un corso di giurisprudenza presso il dipartimento di Istituzioni linguistico letterarie (Distu). Al via allora ad una serie di novità per l’Università della Tuscia e soprattutto per quanti intendono iscriversi a qusto prestigioso Ateneo. L’offerta formativa si amplia ed oltre ad ingegneria e giurisprudenza sarà il Dipartimento dei Beni Culturali a subire le maggiori trasformazioni che vedranno la confluenza in un unico corso per le lauree magistrali di archeologia e storia dell’arte e l’istituzione di un ciclo unico di restauro, un percorso quinquennale alla fine del quale si avrà accesso all’ albo dei restauratori italiani. “Un riconoscimento che aspettavamo da diversi anni - afferma soddisfatto il rettore Mancini - e che sicuramente sarà un valido riconoscimento per entrare

Premio Fedeltà agli artigiani Ma Agostino Garberoli dov’è? P

nel mondo del lavoro. La nostra Università come più volte ribadito, punta sullo sviluppo e sull’ accesso dei giovani al mercato del lavoro ecco perché siamo qui oggi con nuove interessanti proposte. Abbiamo pensato – prosegue il Magnifico - a dei corsi che non guardassero alle scienze umanistiche, materie che già la nostra università soddisfa, ma a tematiche giuridiche e tecnologiche per le quali molti studenti viterbesi sono ancora costretti a migrare verso Roma o altre città”. Secondo la legge per atti-

vare nuovi corsi, bisogna chiuderne altri, uno di quelli che verrà soppresso sarà Scienze della Pubblica Amministrazione. Agli iscritti sarà comunque garantito il passaggio verso la “nuova” Giurisprudenza, con gli stessi crediti formativi, che prevede un percorso simile, ma più completo. Un anno molto soddisfacente per l’Università della Tuscia che ha visto crescere le iscrizioni dell’8,5% in più rispetto allo scorso anno. “Veniamo da un triennio spaventoso sul piano dei tagli economici e finanziari che hanno

interessato gli atenei italiani, l’università della Tuscia è fortunatamente riuscita a rimanere a galla, e quest’anno sarà sicuramente migliore”. Non possiamo che complimentarci per il suo operato unito a quello dei Dipartimenti per i risultati che stanno “incassando”, a dimostrazione che anche, e soprattutto, dai tempi di crisi, possono nascere delle importanti e belle novità. Il domani, i ragazzi interessati, potranno partecipare all’Open Day, giornata di orientamento dei dipartimenti.

regevole iniziativa quella della Commissione provinciale per l’artigianato di Viterbo e della Camera di Commercio di premiare gli artigiani più “fedeli” al proprio mestiere. Un modo di lanciare un messaggio anche per le future professioni, non per forza sganciate dalla logica del “fare con le proprie mani”. Però ha stupito l’assenza, tra gli imprenditori artigiani con almeno 40 anni di anzianità di lavoro, di un artista del restauro come Agostino Garberoli. Classe 1938 il conosciuto Garberoli è specializzato nella decorazione e nel restauro di immobili dal lontano 1964, dunque ben 48 anni di onorato servizio. Unico nella Tuscia ad essere iscritto all’albo nazionale dei costruttori edili cat.5A, pittura edile, ha �rmato alcuni dei lavori più delicati e di prestigio nel nostro territorio. Gli affreschi dei fratelli Spadini all’interno di Palazzo Marcucci a Viterbo, il Palazzo Onorati di Civita Castellana, il duomo di Fabrica di Roma o il Palazzo del cardinale Widman a San Martino al Cimino sono solo alcuni dei luoghi in cui il mitico Garberoli è intervenuto. “Ho iniziato a seguire il maestro

Il Maestro Garberoli Emilio Moretti �n da giovanissimo, dall’età di 7 anni - dice lui orgoglioso - e nel tempo ho appreso l’arte decorativa e di restauro dallo stesso e frequentando la scuola serale Lorenzo da Viterbo dove insegnava lo scenografo Bataloni. Mi chiedo perché il sottoscritto e Mario Muzzi - anche lui artigiano da aprile del 1964 - siano stati esclusi da questa onori�cienza. Non amo polemizzare, ma un riconoscimento credo che ce lo meritassimo”. E chissà che chi di dovere non ripari questa mancanza, magari assegnando al “Maestro del Restauro” viterbese un’altra benemerenza per la fedeltà, questa sì certa, nei confronti della propria attività.


����� � �������� ��� ������� �����������������������

�������������������������� ����������������������������

��

����

���������������������� ���������������������� ��� ����� ������� ���� ������ ������������������ ������ �������������� �� ���� ����������� ���� �� ������������ ���������������������������������� ���� ������������� ��������������� ���� ��� ������ ������������������������������������������������ ������� � ������������������������������������� ���������������������������� � ������������������� ������������������������� �������� �������������������� �����������������

���������������������� ��������������������� ������������������������ ����������������� ������������������������ �������������� ��������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������������������������������������������������


Martedì 13 Marzo 2012

regione

Viterbo & AltoLazio

9

Irmici (Pdl) presenta una proposta per rafforzare il sistema degli aereoporti nel Lazio “

Il potenziamento del sistema degli aeroporti del Lazio deve essere ritenuto necessario in funzione sia dello sviluppo della piattaforma logistica costiera sia al �ne di promuovere l’integrazione del territorio con le reti europee di trasporto, agevolati in questo dalla centralità geogra�ca del Lazio e dai collegamenti su gomma e ferro esistenti, e quelli in progetto, adeguando in questo modo la regione agli standard europei in materia di piani integrati della mobilità sostenibile, al �ne di favorire la circolazione

delle persone e delle merci”. E’ quanto si legge nella relazione alla proposta di legge, composta da quattro articoli, “Aeroporti di interesse regionale”, presentata dal consigliere regionale del Pdl, Pier Ernesto Irmici, che mira a rafforzare il sistema degli aeroporti della nostra regione. “Lo sviluppo degli aeroporti – continua nella sua relazione il consigliere Irmici – dovrà avvenire in modo sinergico, esaltando le speci�cità

Lo sviluppo del sistema aeroportuale deve avvenire in sinergia con l’economia del territorio

di ciascuno di essi in un rapporto integrato con l’economia del territorio, incentivando i servizi di linea e charter con compagnie low cost, e i servizi cargo, le collaborazioni con privati attraverso l’elaborazione di progetti di �nanza, convenzioni e collaborazioni. Solo in questo modo gli aeroporti potranno fungere da porta di accesso alla Regione, facendo crescere i livelli di qualità, ricettività, accoglienza e funzionalità. Maggiori investimenti negli aeroporti – si legge, concludendo, nella relazione del consigliere Irmici agevolano l’ingresso di capitali privati e hanno l’effetto di attrarre nuovi investimenti in diversi settori, con effetti positivi per l’ occupazione e il reddito”.

La Regione che coordina con un unico testo le attività economiche turistiche e sociali in materia di impianti sciistici

La Giunta Polverini approva la legge montagna V

ia libera dalla Giunta Polverini alla cosiddetta ‘Legge della Montagna’ con l’approvazione delle ‘Disposizioni in materia di sistemi di trasporto a mezzo di impianti a fune e altri mezzi di risalita e di piste da sci, nonché in materia di sicurezza e di comportamento nella pratica non agonistica dello sci’. La proposta di legge supera un precedente testo risalente al 1983, de�nendo e individuando i comprensori sciistici, programmando i relativi impianti e disciplinando autorizzazioni e concessioni di impianti, piste da sci.“Con questo provvedi-

mento – afferma la presidente Renata Polverini – per la prima volta la Regione regolamenta in un unico testo le attività economiche, turistiche e sociali in materia. La proposta, attesa da tempo dai territori interessati e dagli addetti ai lavori, parte dall’esigenza di piani�care le materie connesse alla pratica dello sci, fornendo una chiara ripartizione delle funzioni e dei compiti amministrativi fra le istituzioni competenti”. Tra gli obiettivi, lo sviluppo economico dei comprensori sciistici regionali esistenti. La proposta di legge, infat-

ti, favorisce anche l’esercizio associato delle funzioni tra gli enti locali, permettendo, così, una sempli�cazione ed una gestione più agile delle procedure amministrative. Novità di rilievo la promozione di una gestione integrata di tutti i comprensori sciistici a livello regionale allo scopo di de�nire interventi comuni e coordinati. “Dotiamo la nostra regione – sottolinea l’assessore alle Politiche della Mobilità e del Tpl, Francesco Lollobrigida – di una nuova e più puntuale disciplina per i sistemi di trasporto a mezzo di impianti a fune e altri mezzi di risalita, di piste da sci e di norme in materia di sicurezza della pratica degli sport invernali. Con questa proposta, partendo da un’analisi della situazione esistente si pone come obiettivo lo sviluppo economico dei comprensori sciistici regionali, attraverso un intervento legislativo volto a chiarire e sempli�care le procedure”. In materia di impianti di risalita, vengono invece dettate norme inerenti la localizzazione, di competenza della Giunta

Regionale, e di procedure volte all’af�damento per la costruzione e gestione di impianti. Sul tema delle tariffe, la Regione, al �ne di promuovere un sistema integrato che conduca ad un omogeneo sviluppo dei comprensori sciistici, si riserva l’opportunità di intervenire attraverso la costituzione, analogamente ad altre realtà quale il trasporto pubblico locale, di un sistema tariffario integrato. Elementi di novità anche sul tema della sicurezza, con l’introduzione di norme in materia di comportamento nella pratica non agonistica dello sci, prevedendo la nuova �gura del gestore delle piste. A questo �ne è previsto l’obbligo per il gestore di stipulare un apposito contratto di assicurazione, che costituisce condizione per l’apertura al pubblico della pista. Sono state previste, in�ne, una serie di sanzioni amministrative poste a tutela delle garanzie previste per la realizzazione e per l’esercizio degli impianti a fune e altri mezzi di risalita e delle piste da sci, nonché per le norme previste a garanzia della sicurezza degli utenti.

Dalla Giunta un fondo per sostenere attività di prevenzione e assistenza alle vittime

Prevenire e combattere il fenomeno dell’usura V

ia libera dalla Giunta Polverini alla proposta di legge per prevenire e combattere il fenomeno dell’usura. Il provvedimento prevede l’istituzione di un “fondo economico” per il �nanziamento di diverse misure un “fondo economico” per il �nanziamento di diverse misure: sostegno per il sovra indebitamento, attraverso facilitazioni �nanziarie a persone �siche e famiglie nonché la concessione di garanzie per prestiti personali �nalizzati al riequilibrio �nanziario della gestione economica dei soggetti bene�ciari;indennizzi per le famiglie e per le piccole e medie imprese; interventi per favorire la competitività e l’inclusione con il reinserimento nei circuiti �nanziari legali dei soggetti vittime d’usura, incluse le imprese costituite da cittadini stranieri, che intendono riavviare l’attività aziendale con progetti quali�cati; azioni di assistenza e tutela alle vittime e potenziali vittime

dell’usura. “Questa Giunta da subito ha posto grande attenzione al problema dell’usura – dichiara la presidente Renata Polverini – ricordo che attraverso il numero verde regionale siamo stati in grado, con la collaborazione delle associazioni, di dare risposte e sostegno concreto a tante famiglie e piccole imprese. Questa legge vuole ulteriormente rafforzare questo impegno e interviene in diversi ambiti per assicurare una ancora più incisiva attività di prevenzione e di contrasto al fenomeno dell’usura. In particolare per la prima volta si riconosce il danno sociale subito dalle vittime dell’usura, attribuendo un indennizzo alle persone �siche, alle famiglie e alle piccole e medie imprese vittime di usura”. “La proposta di legge – aggiunge l’assessore agli Enti locali e Sicurezza, Pino Cangemi - intende uniformare l’attuale sistema di sostegno e di aiuto

ai soggetti vittime di usura o che versino in situazioni di sovra indebitamento e rendere la normativa maggiormente ef�cace e in linea con i tempi, nonché con le nuove esigenze socioterritoriali”. La proposta di legge stabilisce anche ulteriori linee guida di intervento, che riguardano in particolare la promozione e il sostegno dell’associazionismo, attività di comunicazione e pubblicizzazione sui servizi offerti alle famiglie e alle piccole aziende in condizioni di sovra indebitamento, sostegno alle province ed ai comuni per progetti di prevenzione; servizi di accompagnamento alle famiglie e persone �siche impossibilitate ad accedere al credito legale o soggette al rischio usura; attività d’informazione e formazione nelle scuole sul tema dell’usura e dell’educa-

Nel Lazio 60.000 cassaintegrati R

ispetto a febbraio la cig nel Lazio e’ quasi raddoppiata, passando infatti da 4.0631.062 ore di cig a 7.347.723, con incrementi del 20.5% di Cig ordinaria, del 33.4% di cig straordinaria e l’esplosione con un +228% della cig in deroga. Lo comunica la Uil Lazio. I lavoratori interessati sono passati dai 23.712 di gennaio ai 43.222 di febbraio, (dati relativi ad unita’ lavorative a tempo pieno): “Tenuto conto del pesante ricorso al part-time -dice la Uil Lazio- possiamo ritenere una cifra attendibile se diciamo che i lavoratori interessati alla cassa siano circa 60.000”. “Siamo stati purtroppo buoni profeti quando, rispetto ai dati strumentalmente comunicati, anche dall’Inps stesso, che per la nostra Regione e soprattutto per Roma (la citta’ piu’ terziaria d’Italia) il 2012 sarebbe stato

Rifiuti, si aspetta la chiusura di Malagrotta

“ zione al consumo nonché all’uso responsabile del denaro; studi e ricerche attraverso la concessione di borse di studio; seminari e indagini conoscitive anche mediante accordi con le Università del Lazio o enti e istituti di ricerca. Il provvedimento prevede in�ne la costituzione di un Tavolo regionale sul sovraindebitamento e sull’antiusura quale sede di confronto con gli enti che operano il settore e funzioni di coordinamento delle attività dell’amministrazione regionale.

un anno di lacrime e sangue. Non che gli anni precedenti non siano stati anni duri, ma il 2012 sara’ ancora peggio”, commenta il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio, Luigi Scardaone. Riguardo alle province, l’uso della cig sale a Viterbo del 119.9%, a Rieti del 16.4%, a Latina del 53.9%, a Roma del 148% mentre solo la provincia di Frosinone determina un calo di ricorso alla Cig del 21%.

Sulla chiusura di Malagrotta e l’esclusione di qualsiasi sito da destinare a discarica di ri�uti nel territorio della Valle Galeria, il centrodestra tutto si gioca buona parte della propria credibilità e dal vertice di oggi sono soddisfatto che sembrerebbe ribadita l’intenzione di non provvedere a localizzare questo genere di impianti nei territori del Municipio XV e del Municipio XVI”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV e componente dell’Osservatorio ambientale partecipato della Valle Galeria. “Ad oggi vogliamo continuare a svolgere il nostro umile ruolo di sindacalisti del territorio – prosegue Santori – in una bat-

taglia che da anni il centrodestra porta avanti con coerenza e costanza nel tutelare la Valle Galeria dall’eventualità di qualsiasi altra servitù ambientale. Ricordo a tutti che trattasi di un’area soggetta ai rischi Seveso II proprio in base a una direttiva comunitaria che ne sottolineava gli aspetti di pericolosità legati proprio ai numerosi impianti industriali presenti in loco. Non mi sento affetto da sindrome Nimby, poiché è innegabile che in questa area insistano da anni la Raf�neria di Roma, il gassi�catore di Malagrotta, l’inceneritore di ri�uti ospedalieri di Ponte Galeria, diversi depositi di materiali bituminosi”. “Ringrazio quindi il Sindaco Alemanno e la Presidente Polverini – conclude Santori – per aver percorso la strada più dif�cile ma anche la più nobile, quella di non far pesare su questo territorio l’ennesimo impianto scomodo della città e, �ducioso, attendo che la situazione venga nuovamente chiarita ribadendo con fermezza questo genere di intenzioni”.


ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE

6 6 5 0 4 6 6 2 0 90

I

D E I R L E G N E E C T S S O S

Compilando le apposite sezioni Sez.Com. “R.MILIONI” di

730 - UNICO - CUD

Viterbo

90026640566

LE SCELTE “8 e 5 PER MILLE” NON SON0 IN ALCUN MODO ALTERNATIVE FRA LORO

Donare sangue .... fa bene a te stesso, ma .... soprattutto agli altri Avis Comunale Viterbo Via E. Fermi, 15 Tel/Fax. 0761/236914

E-Mail avis.comunale@asl.vt.it www.aviscomunaleviterbo.it


Martedì 13 Marzo 2012

litorale

Viterbo & AltoLazio

11

MONTALTO - Dopo il tentativo dell’accordo con Caci e le accuse di inciuci con il Pd, “Cittadini Uniti” parla chiaro

Tardioli, “Andiamo avanti per vincere” E

’ stata al centro di polemiche la lista civica di Umbetto Tardioli(nella foto). Un manifesto apparso per le vie di Montalto raccontava di come fossero “saltati” gli “accordi” tra lui e Sergio Caci. Da li in poi è successo il finimondo. Il Pd ha preso le parti di Tardioli contro l’acerrimo rivale Caci. La lista di Tardioli è stata additata come “strumento” del Pd per ostacolare l’ascesa di Caci verso la vittoria. Una risposta di Tardioli, nella vicenda nata ovviamente dallo scontro tra Pd e Caci che però ha rischiato di travolgerlo, la aspettavano in molti.”Noi non vogliamo alimentare polemiche. Non ci interessa farlo e crediamo non sia interesse del cittadino tro-

vare pagine piene di accuse ed urla vuote di contenuto. Abbiamo fatto tutto quello che potevamo e dovevamo per rispondere alla richiesta di unità che ci viene da molte persone. Purtroppo, nonostante la nostra piena disponibilità, questo non è stato possibile . Ora andiamo avanti determinati per vincere le elezioni.” Umberto Tardioli conferma in questo modo la propria candidatura a sindaco e risponde alle domande sul mancato accordo tra le liste di opposizione. “Resto profondamente convinto delle nostre possibilità di vittoria. Specie se in questi ultimi mesi di campagna elettorale saremo in grado di spiegare il nostro programma con quella serenità che è la nostra vera cifra politica.”

TARQUINIA - Elezioni, pronte le liste a sostegno di Mazzola I

Un modo diverso di proporsi che è stato apprezzato anche dalla candidata del centrosinistra Paola Peruzzi. “Riconoscere la validità dell’avversario è un primo piccolo passo per metter fine ad una stagione di scontro e di reciproca delegittimazione. Il paese deve unire tutte le sue migliori energie per risalire la china e trovare la strada dello sviluppo e del benessere. Tuttavia noi siamo e restiamo antagonisti della compagine della D.ssa Peruzzi, e crediamo che nessuna operazione di maquillage politico ed elettorale possa nascondere la continuità con la

disastrosa amministrazione guidata dal sindaco Carai che ci risulta peraltro essere candidato nella sua lista. Certo non ricorreremo in ogni caso alla critica priva di proposta o alla semplice denuncia di palesi errori ed orrori che sono sotto gli occhi di tutti perché bisogna avere il coraggio e la forza di guardare avanti. Solo chi come me ama e vive da sempre nel suo paese ne conosce tanto il bisogno di cambiare e di crescere, quanto la necessità di ritrovare quel senso di comune e pacifica appartenenza alla stessa comunità che da candidato oggi e da Sindaco domani promuoverò in ogni circostanza.”

l Partito Democratico, il “Polo Civico della Sinistra” e il vicesindaco Renato Bacciardi presenteranno nei prossimi giorni le liste che sosterranno il primo cittadino e candidato a sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola(nella foto). Le tre liste, insieme a quella “Mauro Mazzola Sindaco”, sono composte da candidati di ogni estrazione sociale, specchio della città che siamo: viva e vitale. «Vogliamo proseguire l’opera di rinnovamento. – afferma il candidato a sindaco Mazzola – Ho grandissima fiducia nelle liste, perché ho stima dei candidati che le compongono. Cittadini che vogliono il bene di Tarquinia e vogliono

impegnarsi direttamente per farla continuare a crescere. Tutte le liste avranno un ruolo importante e saranno un sicuro sostegno per la nuova compagine amministrativa. Spendo poi delle parole per il vice sindaco Bacciardi, il consigliere comunale Mauro Bonifazi e nelle persone che rappresentano. Insieme abbiamo fatto un lungo percorso, basato sul dialogo e sulla lealtà dei rapporti e su una visione comune delle cose. Anche nei momenti di tensione politica interni alla maggioranza, hanno mostrato grande senso di responsabilità e istituzionale, mantenendo fede alle scelte prese in precedenza».

CERVETERI - Arrestato un romeno. La vittima è una donna di 36 anni TARQUINIA - Marcello Zerbini presidente del Comitato di Quartiere replica alle accuse

Stupro in via del Lavatore “Madonna dell’ Olivo non è un quartiere abbandonato” L

A

Cerveteri in Via Del Lavatore, dove da anni una grossa voragine nella strada fa parte dell’arredo urbano, dove il tanfo dell’urina ( di chi frequenta bighellonando quella zona del centro storico) fa venire il volta stomaco, ieri notte un uomo di nazionalità romena è stato arrestato dai carabinieri per aver stuprato una donna all’interno di una casa diroccata. Secondo quanto rico-

struito, il romeno ubriaco, è entrato nell’abitazione della vittima, una donna italiana di 36 anni che vive insieme al suo compagno bulgaro. E’ stato lui ad aprire la porta ma è stato colpito con un pugno e strascinato fuori. Il romeno, 28 anni e con piccoli precedenti, una volta rimasto solo con la donna, l’ha violentata. Bruna Di Berardino

a storia è semplice: in un articolo dell’otto marzo, apparso sulla stampa locale, sono state fatte una buona quantità di critiche in particolar modo circa la sicurezza stradale presso il quartiere della Madonna dell’olivo, giusto in seguito ad un incidente che ha visto coinvolta una signora. Ferma restando la spiacevolezza dell’accaduto, e che certamente delle migliorie debbano necessariamente essere apportate al sistema stradale del quartiere, il presidente del “Comitato Madonna dell’olivo” Marcello Zerbini(nella foto) ha tenuto a sottolineare quanto comunque è stato fatto in questi anni. “Sappiamo bene noi del comitato di quartiere, che ci sono dei miglioramenti da mettere in atto”, afferma il presidente, “Ma da qui a far trasparire la nostra zona come un luogo completamente abbandonato, ce ne passa.” Finché le critiche sono poste in maniera costruttiva sono benvenute, perché consentono di rendere mi-

gliore l’intera città, “Però è ingiusto e incomprensibile, guardando i fatti, omettere di dire che l’amministrazione comunale, assieme a noi del comitato e con la sentita collaborazione degli abitanti, ha fatto molto.” Zerbini tiene a ribadire che come al solito si può e si deve fare di più, ma al contempo non è consono evidenziare solo i problemi senza far notare quanto risultati nel frattempo sono stati raggiunti, per altro in periodo pre elettorale, quando i commenti tendono a diventare tendenziosi. “Il comitato di quartiere, composto di volontari che fanno da tramite con l’amministrazione comunale, preferisce dialogare invece che inveire” conclude pacatamente il presidente, “Ed è per questo che esiste un punto, la sede stessa del comitato, in via Berlinguer, dove è possibile effettuare reclami o suggerimenti, e non mi risulta ne siano arrivati, come invece era scritto sull’articolo che ha sospinto questa risposta.” D.G.


comprensorio nord

12

Viterbo & AltoLazio

Martedì 13 Marzo 2012

Il Pd di Acquapendente attacca la Regione Lazio

“La Polverini con la decisione Cecad non ha fatto altro che arrecare un ulteriore danno ad un territorio già disagiato”

R

iceviamo e pubblichiamo dal circolo del Pd di Acquapendente. Senza giri di parole, la sezione aquesiana del Partito Democratico imbastisce l’ennesimo attacco frontale alla Regione Lazio: “Noi siamo indignati e ferocemente arrabbiati. Abbiate almeno il coraggio delle Vostre azioni ed il pudore di venire a spiegare i danni che state arrecando”. “Il 5 Marzo” esordisce una nota dettagliata fattaci pervenire dalla sede di Piazza Girolamo Fabrizio, “la Asl di Viterbo ha trasmesso via fax ad una serie di istituzioni “per opportuno debito informativo” il riassetto del presidio ospedaliero di Acquapendente. Richiamato il decreto della Polverini viene trasformato in una struttura denominata Cecad (struttura sanitaria non ospedaliera in senso classico ma di struttura distrettuale nelle quale è previsto un punto di primo intervento di tipo C). Con un termine così complicato tanto da non far capire nulla alla gente comune, viene così respinta la richiesta territoriale di un qualcosa di primo livello capace di dare risposte

a tutto il distretto privandola del diritto alla salute così come previsto dall’articolo 32 della Costituzione e dallo Statuto regionale laddove si dice che la stessa “Opera per realizzare un sistema integrato di interventi di servizi e prevenzione, cura ed assistenza adeguato alle esigenze della popolazione e informato al principio del pino rispetto della dignità della persona e, in particolare, dei minori, degli anziani e dei disabili”. La Polverini ed il proprio entourage con la “decisione Cecad” non fatto altro che creare un danno economico e sociale ad un territorio già disagiato e debole sotto tutti i pro�li, aumentare il disagio dei cittadini utenti in particolare anziani, aumentare il debito verso le regioni limitrofe. Ma, quello che ci fa più male, è accorgersi che al momento di prendere questa decisione, i nostri rappresentati territoriali erano impegnati solo ed esclusivamente a garantirsi lauti compensi per il futuro vitalizio o a rubarsi la scena sulla stampa locale con auto elogi in una competizione ef�mera e di scarso interesse per i cittadini. Visto in�ne che nella forma

“8 marzo, donne della politica e ospedale di Acquapendente” D

lo Statuto regionale sottolinea come la stessa “favorisce il concorso dei Comuni, delle Provincia e degli altri Enti locali, in quanto istituzioni autonome rappresentative delle rispettive comunità, alla determinazione delle proprio scelte politiche e degli obiettivi generale della programmazione socio-economica territoriale”e, allo stesso tempo che la stessa “provvede alla formazione dei propri programmi assicurando la partecipazione degli Enti

Locali acquisendo il contributo delle Categorie interessate”, chi chiediamo quale valore sia stato attribuito alle istanze dell’Amministrazione Comunale, a quelle dei Comuni del territorio e agli emendamenti al Piano Provinciale apportato dalla Conferenza dei Sindaci sulla Sanità, alle numerose richieste di confronto sulle sorti del Nostro Ospedale e della Sanità dell’intero territorio, sollecitazioni puntualmente e reiteratamente inascoltate”.

Canino partecipa al “...Fattaccio”! U

na giornata ventosa, ma ben soleggiata quella che ha accompagnato il gruppo di Canino alla volta del teatro stabile “La Rotonda” di Monte Romano. La gita fuori porta, organizzata e promossa dal consigliere con delega alla cultura, Antonio Battisti, ha permesso a più di cinquanta persone di servirsi di un prodotto culturale emozionante e coinvolgente, oltrechè di venire a conoscenza delle numerose bellezze artistiche presenti nel territorio.

Grazie a Francesco Vigliarolo, che si occupa della direzione organizzativa del teatro, la giornata ha unito l’utile al dilettevole: da prima con la visita alla Rocca Respanpani e poi con la commedia teatrale “...Fattaccio!”, curata dal regista Luigi Galdiero e rappresentata da ben 13 �guranti di tutte le età e dalla massima bravura. Il musical in romanesco ha entusiasmato l’intero gruppo che spera di poter vedere la Nuova Compagnia della Tuscia anche nel teatro caninese, ancora in fase di ristrutturazione. “Spero di poter vedere rinascere anche il nostro teatro, afferma il consigliere Battisti, come avete fatto voi a Monte Romano. Come spero di poter, in un giorno non molto lontano, ospitare a Canino il Sindaco Maurizio Testa e l’assessore Loredana Gabrielli che ci hanno accolto con entusiasmo in questo bellissimo paese”. Presente anche il Dott. Meraviglia, consigliere provinciale,

il quale si è mostrato molto interessato alla questione del teatro di Canino e ben disponibile ad aiutare l’Amministrazione per cercare di porre �ne alla ristrutturazione. Anche il consigliere di Canino, con delega alle politiche giovanili e alla sanità, Mauro Colagè ha preso parte all’evento: “E’ stata una giornata singolare che non solo ha estasiato sensi importanti come la vista, l’udito e il gusto, ma che ci ha permesso di conoscere persone interessanti e disponibili, con le quali di sicuro nascerà una collaborazione futura”. Una giornata fatta di scambi culturali e di amicizie, quindi, contornata dalla frizzante allegria che ha caratterizzato il gruppo di Canino, nel quale erano presenti anche molti rappresentanti delle diverse associazioni locali. Un grazie particolare dagli amministratori di Canino va allora alla ProLoco di Monte Romano per la professionalità, al Sindaco di Monte Romano per l’ospitalità, ai bravissimi attori della Compagnia, al regista e per ultimo, ma non di certo per importanza, a Francesco Vigliarolo: grazie!

TUSCANIA - Al Teatro Rivellino arriva la nuova fatica di “Tutti in scena”

“Quando le donne dissero di no”

S

abato 17 marzo presso il teatro Il Rivellino, a Tuscania, alle ore 21,00 andrà in scena l’ultima fatica della

compagnia teatrale “Tutti in Scena”. Un nuovo spettacolo teatrale, con la regia di Piermaria Cecchini, che si preannuncia già irresistibile. “Quando le donne dissero di no” è una commedia, liberamente tratta dalla “Lisistrata” di Aristofane. In una Atene in continuo con�itto con la città di Sparta, le donne, stanche di avere i loro mariti sempre lontani, si coalizzano per far cessare la guerra. Tra malizia ed ingegno riescono a raggiungere il loro

scopo dicendo un semplice “NO.” Le risate sono assicurate. Piermaria Cecchini noto regista e attore da oltre 4 anni cura la scuola di dizione e arti sceniche a Tuscania e per questa occasione ha seguito la realizzazione della scenogra�a e dei costumi. Il costo del biglietto è di 8,00 Euro e di 4,00 Euro il ridotto per i bambini �no a 12 anni.

all’ex sindaco di Acquapendente Anna Maria Meaccini, in merito all’ospedale acuesiano, riceviamo e pubblichiamo: “L’8 marzo è la giornata internazionale della donna,non una festa,ma una giornata di ri�essione sulla condizione della donna ,nella società, nel lavoro, nella vita quotidiana. Quest’anno per quella radiogra�a impietosa dell’Istat scattata alla �ne del 2011,risulta che l’ Italia è un paese,dove 7 milioni di donne non hanno un lavoro retribuito,il tasso di occupazione femminile è appena il 46%,contro una media europea del 58% con ben 12 punti di scarto,occupa il penultimo posto in Europa, il nostro è un paese dove le donne sono più precarie degli uomini,più disoccupate e meno retribuite; la radiogra�a in negativo sarebbe ancora molto lunga da refertare,ma mi fermo qui,perché voglio ritornare al titolo della mia ri�essione. Che la �agellazione dell’ospedale di Acquapendente,con il declassamento del pronto soccorso in primo soccorso,con tutto quello che ciò comporta per l’emergenza sanitaria,sia stata perpetrata proprio l’8marzo da parte di donne che occasionalmente occupano posti di grande potere,si tinge di un signi�cato anche simbolico fosco,cupo,inquietante,che mi viene da dire, non ci sono donne peggiori di quelle nemiche delle donne e si perché quelle misure vanno a colpire ancor più e prima le donne ,non solo per la loro condizione economica,ma perché le donne in questo paese sono ancora le uniche interpreti del lavoro di cura e quindi saranno sempre loro prima a spostarsi sia se utenti sia come accompagnatrici,quando ci sarà un’emergenza sanitaria o ci sarà la necessità di assistere un familiare. On Polverini, Lei come presidente della regione si è rivelata un disastro su tutti i fronti,ha solo dimostrato incapacità ,arroganza,spavalder ia,talora maleducazione,tutte cose che non si confanno a chi ricopre un ruolo istituzionale cosi’ alto e ad investitura popolare,tanto più a Lei che è una donna,perché ci perde di dignità,la fa perdere alla politica e soprattutto ci offende come donne; ma il fondo l’ha toccato nella sanità,non solo ad Acquapendente,ma sull’intero territorio regionale;non dimentichi che Lei è anche commissario ad acta per la sanità, che non risanato un bel niente dei conti pubblici del bilancio regionale,ha solo distrutto l’intero assetto sanitario di questa regione ed ora che non ha più l’on. Tremonti o l’on. Berlusconi che le coprono le spalle e le hanno permesso �no ad oggi di raccontare tante bugie,voglio vedere ora come si metterà la

questione. Quanto a Lei on. Birindelli, che ogni mattina di buon’ora la vengono a prelevare a Bolsena con una brillante auto blu, per portarla in regione e per riportarla a casa la sera,mi viene da chiederLe, ha mai speso mezza parola per la nostra provincia,per il suo sviluppo economico,agricolo e sociale,per la sanità, per l’ospedale di Acquapendente, visto che è la provincia che più avverte i morsi della crisi; ma veramente è noto, da quanto è dato sapere che Lei va in regione per approvare talvolta i suoi progetti ingegneristici,per partecipare alle varie sagre,sponsorizzazione di prodotti,ultima quella dell’abbacchio e con questa credo che anche Lei abbia toccato il fondo, ci ha proprio abbacchiati a tutti. In�ne mi rivolgo a Lei, dottoressa Cirimele, che ha �rmato in qualità di direttore sanitario generale della Asl,il riassetto operativo del presidio di Acquapendente, previsto dal piano redatto dalla regione Lazio,insomma per farla breve una struttura che non sarà più un ospedale e soprattutto un pronto soccorso declassato a punto di primo intervento,dove non ci sarà più la �gura dell’anestesista e che per l’emergenza medicalizzata dell’Ares 118 può fare ricorso a strutture sanitarie anche di altra provincia,voglio ricordarLE dottoressa che le province intorno al territorio del nostro comune fanno parte di altre regioni,che la sanità è una materia di stretta pertinenza regionale ed una regione che invita i propri abitanti ad andare fuori dai propri con�ni, ha già di per se dichiarato il proprio fallimento e comunque voglio ricordarLE che a noi non garantiscono l’emergenza in tempi di percorrenza, perché il più vicino ospedale è comunque a 40 minuti e che nell’emergenza neve,non sarebbe stato mai raggiungibile; da donna la voglio avvertire di questo, perché Lei il territorio non lo conosce,ma la disposizione sanitaria porta la sua �rma ed in caso di disgrazia sarà chiamata Lei a rispondere. Reputo che esistono tutti gli estremi per ricorrere ad una denuncia circostanziata alla procura della Repubblica,alla quale provvederanno il sindaco ed i consiglieri comunali in qualità di rappresentanti dei cittadini,io da parte mia continuerò a lavorare con alacrità e pazienza tra le donne egli uomini di questa città , vecchi e giovani, perché per noi l’ospedale è la prima necessità, tutto il resto viene dopo,viaggerò con la mia lettera dell’antico ciliegio secco che tornò a �orire il 15 maggio nel 1166 ed allora quasi ci siamo e ce la faremo, parola di Anna Maria Meaccini.”


Martedì 13 Marzo 2012

montefiascone

Viterbo & AltoLazio

13

Grande soddisfazione dell’assessore Cacalloro per la vittoria del grande cacciatore e cinofili falisco

Menichelli trionfa nel campionato Enelcaccia di MICHELE MARI

Critiche al Cotom da parte di un cittadino

A Montefiascone si è svolto il campionato sociale Enalcaccia cane da seguita che ha visto trionfare proprio un montefiasconese : Gianni Menichelli”. È il festoso annuncio dell’assessore alla caccia ed alla pesca Giorgio Cacalloro che commenta questo particolare evento aggiungendo una grossa novità: “A Montefiascone, dal 23 al 25 marzo, si svolgeranno le prove valide per le finali della Coppa Europa”. Cacalloro continua: “Li ha messi tutti in riga il nostro Gianni Menichelli, sott’ufficiale dell’esercito, in primis grande cinofilo, poi grande cacciatore, sabato 3 marzo nelle gare cinofile di prove su selvaggina naturale lepre ha sbarazzato tutti i valorosi concorrenti che provenivano da tutta la regione e da buona parte del centro Italia. Le prove di lavoro su lepre sono state organizzate dall’Enalcaccia in collaborazione con l’associazione ‘Segugi e Segugisti’, capeggiati dal giudice Giuseppe Jacoponi, in collaborazione con l’Enalcaccia di Bolsena e Montefiascone:Il nostro amico Menichelli si è fatto valere superando tutti gli agguerriti sfidanti dando una lezione di dressaggio addestramento battendo tutti e raggiungendo addirittura il primo posto assoluto. Hanno partecipato all’evento decine di appassionati del settore. Gli anfiteatri dove si sono dati battaglia a suon di scovate e seguite sono state le Zrc dell’Alto Viterbese che da quando viene gestito dai cacciatori, vi è stato riscontrato un aumento della selvaggina”. Per quanto riguarda i prossimi eventi Cacalloro analizza: “Nel mese di marzo precisamente il 23-24-25 vi saranno le prove valide per le finali della coppa Europa sempre a Monte-

U

fiascone con il patrocinio del comune, dove speriamo di vedere il meglio della cinofila italiana che sicuramente non mancherà all’appuntamento imperdibile che vedrà anche la presenza di molti appassionati provenienti dai paesi limitrofi; si spera che il tempo ci assista così daremo modo di passare tre bellissime giornate a tutti coloro che ci faranno visita rimarranno di certo colpiti dalle bellezze dei paesaggi incantevoli e che possano ritornare nel periodo delle vacanze”. L’assessore illustra l’attività venatoria: “Noi abbiamo un Atc con poco più di due anni, molto giovane, di conseguenza non si può pretendere che tutto vada bene ma da quando si gestisce il proprio territorio agrosilvopastorale le cose sono migliorate

di molto. Da appassionato cacciatore sono entusiasta di questi raduni che sono momenti piacevoli di incontro, verifica ed assestamento fra quanto detto ed attuato, e si può tranquillamente programmare il lavoro da intraprendere nel futuro prossimo in simbiosi con il cacciatore. Detto questo mi auguro che anche questo incontro sia una grande occasione per gli addetti ai lavori al fine di collaborare in maniera proficua affinché le prove, la caccia e tutto l’intero patrimonio che essa comprende non vada disperso. “Cacalloro termina: “Concludo facendo un caloroso complimento all’amico Gianni Menichelli e un in bocca al lupo per quanto concerne come dice lui “gli attrezzi da lavoro”.

n lettore vuole garbatamente rispondere al Cotom, Comitato per la tutela dell’ospedale, alla nota apparsa su un quotidiano locale che faceva riferimento ad un nostro articolo sul nosocomio dove si evidenziavano tre novità riguardanti il nostro ospedale, in base alle dichiarazioni del sindaco Luciano Cimarello, ed una era la notizia dell’installazione di una nuova insegna dell’ospedale (grande lettera H con sottostante freccia). Lungi dal fare polemica, abbiamo riportato le dichiarazioni del sindaco, e la notizia che è stata installata dagli operai del comune, aggiungendo dopo numerose richieste intendendo come sapevano tutti, anche se non scritto, sollecitazioni effettuate dal Cotom. Tra l’ altro è poi veramente singolare che si risponda ad un articolo apparso sul nostro quotidiano in un altro giornale; non è la prima volta che accade come fanno anche spesso

alcuni politici locali. Il cittadino, A.N. che vuole tuttavia rimanere anonimo, nella lettera evidenzia: “Sembra che il Cotom abbia perso la propria serenità. È un fatto importante. Ma attenzione, se continua su questa strada, potrebbe perdere anche la propria credibilità dopo gli ultimi episodi: critiche inopportune, polemiche sterili, il mostrarsi ostile, le amicizie politiche dimostrate da alcuni dirigenti che tendono tutte a modellare una dubbia credibilità. Per ora ha perso la serenità. Li ho sempre seguiti con passione ora mi sorgono molti dubbi. Fatemi rifare un passo indietro”. Una lettera a cui aggiungiamo che lo stesso Cotom ha raggiunto una certa coerenza e si è meritato tanta stima da parte della popolazione, dopo anni ed anni di laborioso lavoro, e sarebbe un guaio, un grosso guaio se il tutto si perdesse banalmente. M.M.

La città non viene menzionata nella popolare trasmissione di Rai1 in onda da Marta e su Facebook scoppia la polemica

“Linea Verde” dimentica Montefiascone

P

olemica per la mancata citazione di Monte�ascone nella trasmissione Linea Verde andata in onda da Marta. La trasmissione registrata nella cittadina sul lago di Bolsena nella prima settimana di marzo è andata in onda su Rai Uno alle ore 12,20 di domenica scorsa. Ma la mancata citazione di Monte�ascone ed anche una sua eventuale partecipazione alla trasmissione ha fatto salire la polemica sul colle. In particolare a scatenare questa critica è stato il giovane Luca Rosati sulla bacheca del gruppo del Comune di Monte�ascone sul portale facebook. Rosati ha scritto: “Inizio raccontando una storia campanilistica che quando ero piccolo mi venne raccontata: Marta nel dopoguerra era il paese più arretrato del circondario, un giorno il sindaco decise di fare un comizio pubblico. Venne montato un bel palco e, vista la condizione disastro-

sa della location a causa della strada infangata, venne messo anche un bel pavimento di tavole per rendere più confortevole l’ascolto dei cittadini. Tutto era organizzata in grande stile per un discorso che avrebbe avuto contenuti storici. Arrivò la domenica e il sindaco iniziò a parlare dal pulpito tricolore. l fulcro del discorso era ‘fare un passo avanti’ quindi disse: ‘Tutti i paesi qui intorno hanno fatto un passo avanti, martani è ora che anche noi facciamo un passo avanti’. La folla che stava ascoltando non capendo di cosa si trattasse avanzò battendo i piedi e cascò il palco, il sindaco e tutto quello che poteva cascà”. Rosari parla poi della trasmissione andata in onda domenica: “Tutti abbiamo visto che bel servizio Rai 1 ha fatto sul nostro lago, c’erano un sacco di paesi, compresa Marta del passo avanti. Monte�ascone non è stata

nemmeno nominata. Sarebbe stata una bella pubblicità sulla rete nazionale, ma noi stiamo qui a discutere del sesso degli angeli. Ora invito a pensate a tutti quelli che in comune stanno a ri�ettere su quanto siano bravi a guardare i loro titoli e le loro deleghe ed a lucidare le foto e i video della Bit. Fate fruttare quello per cui siete stati investiti, altrimenti prendete i vostri bei assessorati al turismo, alla cultura e tutti gli altri, ed usateli per la pulizia corporea. Abbiamo un sacco di risorse in più rispetto agli altri paesi del circondario che, ogni giorno sono veramente promossi e pubblicizzati a livello nazionale ed internazionale, senza contare che abbiamo una tra le più antiche tradizioni dal punto di vista enogastronomico. Oggi hanno fatto vedere la “sbroscia”, abbiamo uno dei primi ristoranti ad averla fatta ma in Italia nessuno lo sa e noi siamo troppo concentrati a far rispettare la quaresima dopo il carnevale! Ma non mi fate ridere!”. A questo post sono seguiti molti commenti negativi che hanno criticato l’amministrazione per la mancata partecipazione. M.M.

Via Cannelle, un progetto da 306mila euro

C

ome anticipato qualche giorno fa, è stato approvato dalla giunta comunale il progetto de�nito per il rifacimento di via della Cannelle, più conosciuta come via “del Fosso”. Il costo del rifacimento della rete fognaria e del manto stradale ammonta a 306 mila euro, come spiega il quadro economico dei lavori della delibera. L’atto, numero 38 del 27 febbraio, delibera “di approvare il progetto preliminare e de�nitivo relativo ai lavori di rifacimento del tratto intubato del fosso delle Cannelle nel centro abitato”. Il quadro economico dei lavori ammonta a 306mila euro di cui lavori al netto degli oneri della sicurezza Euro 228mila e 930 euro come “totale lavori” ed altre 68mila per imprevisti, spese tecniche, sicurezza, ecc) che complessivamente in totale ammontano a 306mila euro. L’atto di giunta continua di “dare atto che è stato nominato responsabile unico del procedimento ai sensi dell’art.10 del D.lgs n. 1653/2006 e art. 7 e ss. del DPR. 554/99 il Dott. Ing. Angelo Cecchetti”. Inoltre spiega che “l’opera viene interamente �nanziata con mutuo della Cassa Depositi e Prestiti”. Nella delibera si legge anche gli interventi che verranno realizzati nella via: “È intenzione di questa Amministrazione procedere al rifacimento mediante sostituzione con collettore di diametro più grande, del tratto intubato del fosso delle Cannelle ed un tratto di Strada delle Cannelle �no all’incrocio con via Madonna delle Grazie”. Il progetto è stato redatto dall’ingegnere France-

sco Treta. I lavori come esplicitato dall’assessore ai lavori pubblici Domenico Batinelli e dal primo cittadino Luciano Cimarello, dovrebbero partire non appena le festività pasquali e si dovrebbero concludere prima dell’inizio dell’estate. In questi giorni si stanno approntando le pratiche per aprire il mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti. Questa importante opera, necessaria da anni, non soltanto darà nuovo lustro ad una via centrale come via delle Cannelle, ma la farà diventare anche una via commerciale importante poichè già vi sono molte attività. Tutto ciò darà la possibilità all’amministrazione di pensare ad un senso unico in via Dante Alighieri e quindi migliorare tutta la viabilità del centro. Un progetto quindi, che dovrebbe portare molti bene�ci dal punto di vista estetico ma anche in termini di viabilità e commerciali. M.M.


vetralla e cimini

14

Viterbo & AltoLazio

Martedì 13 Marzo 2012

Obiettivo della riunione focalizzare i punti rilevanti da includere nel programma politico-amministrativo della coalzione per le imminenti elezioni comunali a Ronciglione. Presenti cittadini e associazioni

É

in piena attività la sezione Psi di Ronciglione. Con le elezioni alle porte ed un insieme di partiti che si riuniranno sotto i simboli del centrosinistra da coordinare accanto all’iniziativa della diffusione tra i cittadini di un sondaggio, la Sezione ha promosso venerdì scorso anche un’assemblea pubblica, per focalizzare i punti rilevanti da includere nel programma politico amministrativo della coalizione. “Dopo le primarie del centro sinistra, che hanno visto una larga partecipazione di cittadini e alle quali il PSI ha fornito l’apporto costruttivo, per ridare centralità al paese nel comprensorio, è necessaria una attenta ri�essione sulle grandi potenzialità inespresse e i problemi accantonati e irrisolti, da un’amministrazione quale quella uscente insolvente e inadatta” ha dichiarano dalla sezione del Psi. Hanno partecipato alla riunione il candidato Sindaco per la coalizione di centro sinistra Alessandro Giovagnoli e altri componenti delle forze politiche oltre ad esponenti di associazioni culturali e ai cittadini. “Pensare proposte programmatiche ha sottolineato il segretario del Psi di Ronciglione Raimondo Chiricozzi nella sua introduzione ai lavori - signi�ca puntare ad una migliore qualità della vita che è il risultato di una sommatoria di iniziative nei settori della cultura, dello sport, delle infrastrutture e servizi, nello sviluppo economico, nella solidarietà, nel rispetto della salute e nel mantenimento di una ambiente sano e pulito”. “Questioni principali - ha continuato Chiricozzi - che vanno de�nite con chiarezza tra gli intenti della

A destra Alessandro Giovagnoli candidato sindaco del centrosinistra

Il centrosinistra sceglie le priorità Le forze che sostengono Giovagnoli si sono incontrate in un’assemblea promossa dal Psi locale coalizione di centro sinistra, sono la promozione della partecipazione in particolare giovanile e soprattutto la costruzione di un’amministrazione che faccia della trasparenza il suo punto quali�cante. Sono stati discussi a lungo i problemi del paese, che dovranno essere affrontati da un’amministrazione che voglia il bene della collettività, fra questi principale l’ambiente e quindi la difesa del lago di Vico e il disinquinamento delle sue acque, la boni�ca del Centro NBC, la tutela della salute dei cittadini con la soluzione del problema acqua potabile. Da un’attenta tutela dell’ambiente ne trae vantaggio l’economia del paese e il turismo anche sociale e scolastico. Altro punti rilevanti sono la creazione del Parco di archeologia industriale nel vallone del Rio Vicano, il Museo di Archeologia industriale, il recupero del Centro storico, la creazione di un Museo sui �lm girati a Ronciglione presso la Stazione FS. Discorso attento va fatto per il Carnevale che deve ritrovare l’antico splendore e caratteristica che è proprio dello spirito e della spontaneità dei ronciglionesi, come dimostra il carnevale di notte.

Numerosi i temi trattati dalle iniziative culturali e sportive alle infrastrutture oltre alla tutela ambientale

Quindi il rilancio delle attività del Teatro, la Musica con la creazione della Scuola internazionale di Musica, la Scuola d’arti e mestieri e poi l’arredo urbano, le strutture per lo sport, la viabilità, il centro commerciale naturale, la de�nizione di un’area per insediamenti produttivi e industriali, il recupero dei comprensori urbanisti sorti senza spazi a verde pubblico e senza opere di urbanizzazione, il depuratore delle acque re�ue che sia realmente funzionante. Le questioni riguardanti la sanità e l’assistenza e quindi la ripresa di iniziative per il mantenimento delle attuali funzioni dell’ospedale di Ronciglione . Tanti i temi affrontati. Particolare attenzione, inoltre, è stata rivolta alle questioni sul riassetto del territorio con la richiesta della istituzione dell’Area Tuscia Etruria Umbria in contrapposizione allo strapotere di Roma capitale, per contrastare la nascita dei paesi dormitorio. La ripresa delle iniziative per la riapertura della linea ferroviaria Civitavecchia-Capranica-Orte. La realizzazione dell’anello ferroviario Circumcimina con la creazione di una fermata all’ospedale Belcolle, questioni peraltro recepite nel Piano di bacino dei trasporti che tecnici e professori dell’Università La sapienza hanno disegnato”. Il candidato a Sindaco Giovangnoli, dopo aver ascoltato attentamente la relazione e gli interventi

ha indicato quelle che ritiene siano le priorità da affrontare nell’immediato e si è detto favorevole alla formazione di commissioni e iniziative volte alla partecipazione e discussione dei problemi del paese con tutti i cittadini. L’assemblea ha preso atto degli impegni assunti dal candidato a Sindaco della coalizione di centro sinistra. I socialisti hanno altresì assicurato il “massimo impegno di tutto il partito alla lista presieduta da Giovagnoli, ritenendo necessario un radicale cambiamento dell’amministrazione, anche a seguito della valutazione degli enormi ritardi accumulati e dell’operato dell’amministrazione uscente, che si è contraddistinta per la non trasparenza, per l’allontanamento dei cittadini alla cosa pubblica, sorda alle richieste delle associazioni, tutta protesa al favorimento degli interessi di amici, parenti e clienti”. Ernesto Di Settimio, responsabile degli Enti locali della federazione del PSI nelle conclusioni, nell’apprezzare le iniziative della sezione di Ronciglione, ha ricordato quanto siano importanti per i socialisti: “In quanto sono la componente principale del loro DNA, i temi per la creazione di sviluppo economico, con la massima attenzione però al riequilibrio delle disuguaglianze, che governi centrali e locali di centro destra hanno enormemente accentuato”.

Nuovo incarico per il segretario del Pd di Vetralla Emanuele Trevi “

Occorre non avvinghiarci nella discussione interna ma aprirsi al confronto con chi vive il dramma di pensare al futuro senza prospettive. Offrire proposte politiche credibili senza dimenticarci degli errori che hanno allontanato molte persone dai partiti”. Il segretario del PD di Vetralla Emanuele Trevi, entrato nei giorni scorsi nella nuova segreteria provinciale come responsabile Economia e Lavoro, commenta il nuovo ruolo. “Si tratta del riconoscimento del lavoro di un gruppo e di un territorio - spiega Trevi - ecco perché ho chiesto subito collaborazione al mio circolo. La riorganizzazione della segreteria è avvenuta al termine di un percorso che ambiva al ritorno di una gestione unitaria del partito, successivamente alle fratture dell’ultimo congresso provinciale. Il tema del lavoro è quanto mai d’attualità, complesso e controverso;

proprio per questo mi auguro che non si perda più di vista l’obiettivo: è importante costruire la proposta politica su cui investire, ma è pericoloso fossilizzarsi nella dialettica interna dimenticando che per essere credibile, un partito, deve guardare la realtà con gli occhi logorati del giovane che non trova modo di accedere al mondo del lavoro, quelli preoccupati del lavoratore precario perennemente in bilico, così come quelli disperati del padre di famiglia che improvvisamente perde il lavoro ormai cinquantenne. Tutto questo nel contesto della giungla dei contratti atipici e degli stage, della laurea che non garantisce più un impiego lavorativo e della disoccupazione giovanile al 31%. E’ indispensabile che le forze politiche e sindacali collaborino af�nché l’imminente e non procrastinabile riforma del lavoro apra la strada per un futuro meno claustrofobico di come oggi appare”.

La denuncia dei cittadini sul gruppo Striscia Vetralla

VETRALLA - L’amministrazione comunale commenta l’incontro e spegne le polemiche

N

A

“Il paese è nel degrado” “Positiva la riunione del Comitato Mensa” umerosi cittadini segnalano sul famoso gruppo striscia vetralla che conta più di 3000 iscritti la mancanza di attenzione da parte dell’amministrazione comunale nei confronti di continui casi di degrado che avvengono in città. Dalla lampadina bruciata, alla buca nel marciapiede sino al cestino della spazzatura divelto, scarsa illuminazione per non parlare dello stato in cui versano numerose strade. Tutti elementi che finiscono per determinare difficoltà ai cittadini per non parlare della cattiva immagine che la città finisce per proporre ai turisti.

In particolare alcuni cittadini segnalano lo stato di abbandono del sottopassaggio che non viene ripulito in modo corretto e frequentemente, dove la pavimentazione é deteriorata, messa in sicurezza dei luoghi frequentati dai figli (giardini pubblici), strisce pedonali ormai invisibili, mancanza di rilevatori di velocità, incroci ad alto rischio dove si verificano molti incidenti stradali. La carenza di illuminazione su tutte le vie a maggior traffico comprese le frazioni crea disagio nelle ore serali dove molto spesso si verificano incidenti anche mortali.

ltra puntata della telenovela del servizio mensa scolastico. Stavolta è l’amministrazione comunale a rendere pubblico il recente incontro avvenuto sull’argomento. “Un quadro ampiamente positivo è quello emerso dalla prima riunione del Comitato Mensa, tenutasi il giorno 6 marzo, nei locali dell’Assessorato alle Politiche Scolastiche e Giovanili in Piazza S. Severo. Il Comitato previsto dall’art. 12 del capitolato di appalto, è stato istituito con delibera il primo dicembre 2011 ed è costituito dai funzionari dell’uf�cio competente (Dott. Angelo Russo e Signora Bianca Maria Lubin), da due insegnanti della Scuola dell’Infanzia (maestre Tiziana Lattanzi e Loredana Marra) e da quattro genitori rappresentanti le quattro sedi

della Scuola dell’infanzia: Maria Cristina Grossi (Vetralla), Maria Caterina Frontoni (Tre Croci), Elisabetta Ferracci (Mazzocchio) e Renato Criscuolo (Pietrara). Alla riunione hanno presenziato l’Assessore alle Politiche Scolastiche Giulio Menegali Zelli Iacobuzi e la responsabile dell’azienda Cir Nicoletta Esposito. Durante l’incontro sono stati affrontati diversi argomenti, primo tra tutti quello della conformità del menù attualmente adottato alle tabelle nutrizionali indicate dalla ASL. L’attuale menu è stato formulato dalla stessa ditta CIR sulla base della propria esperienza nelle numerose mense scolastiche alle quali fornisce il servizio e adottato in via provvisoria in attesa della sistemazione dei locali cucina presso la scuola primaria di Vetralla, attualmente in ristrutturazione.

Non sono emersi disservizi relativamente alla qualità e alla somministrazione dei pasti che risultano essere di ottima qualità e che nonostante il tragitto, grazie alle attrezzature di alto livello in possesso della ditta arrivano caldi e a cottura ottimale. A proposito del centro cucina di Campagnano, la responsabile della ditta ha rassicurato il Comitato circa l’uso di un dearseni�catore per l’acqua utilizzata nella preparazione dei pasti. In ottemperanza alle indicazioni del capitolato saranno predisposte, a partire dalla prossima

settimana, tutte le misure necessarie per permettere ai membri del comitato di ispezionare i locali mensa e di assaggiare i pasti al loro arrivo, con la compilazione di una scheda di merito oggettiva che verrà consegnata all’Assessorato competente ed alla stessa ditta”.


Martedì 13 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

comprensorio sud

15

CIVITA CASTELLANA - Circostanze poco chiare e delibere che scompaiono rendono intrigata la vicenda dell’acquisto

Lo strano caso della farmacia comunale di SIMONA TENENTINI

CIVITA CASTELLANA - “Solidali con il reggimento S.Marco”

F

armacia comunale di Civita Castellana: un vero e proprio intrigo degno delle migliori �ction televisive. Era il 15 giugno 2011 quando, con la delibera n.14 il consiglio comunale decideva l’acquisto di un locale commerciale in via Petrarca da adibire a “farmacia dei servizi”. Con lo stesso documento si accetta la proposta, avanzata dall’immobiliare Fontanelle, proprietaria del complesso Ex Zanganella, di cedere un locale di 380 mq. alla modica cifra di 800.000 euro. Un vero affare, se si considera, tra l’altro, che il Comune è già proprietario di locali di ampiezza maggiore in via Quattro Giornate di Napoli, quindi nelle immediate vicinanze del complesso edilizio. La stranezza di tale operazione economica tuttavia non si ferma qui. Anzi. Questo è solo l’incipit di una vicenda tutt’altro che trasparente. Osservando attentamente la delibera in oggetto, si può notare che, sia il parere di regolarità tecnica che il parere di regolari-

R

tà contabile sono �rmati dalla stessa persona, ovvero Marco Tomassetti. Come può un responsabile d’area contabile pronunciarsi su un parere di regolarità tecnica che, in realtà, spetterebbe ai responsabili d’area ovvero l’architetto Masci e l’ingegner Tè? La terza stranezza riguarda una delibera scomparsa dall’Albo Pretorio comunale: la 323 del novembre 2011.

In questo documento si stabiliva una clausola importante e vincolante all’acquisto della farmacia: per concludere l’operazione è condizione imprescindibile il trasferimento della cittadella della salute nei locali dell’ex-Zanganella. In caso contrario l’affare sfuma. Un affare da ben 800.000 euro, mica bruscolini. Anche in questo caso il visto

di regolarità tecnica è stato messo dalla dottoressa Salimbene. Che c’azzecca? E, soprattutto, perchè la delibera è scomparsa? Ultima stranezza: nella farmacia comunale, attualmente sita in via Giovanni XXIII, è stata eletta direttrice Martina Canonici, �glia del direttore della Asl di Civita Castellana. Quando si dice le coincidenze!

NEPI - Al taglio del nastro presenti molti politici locali e il presidente nazionale Baccini

Cristiano popolari, inaugurata la sede E

’ stata inaugurata la Sede dei Cristiano popolari di Nepi. Erano presenti l’On. Mario Baccini, Presidente nazionale, l’On. Angelo D’Ovidio, responsabile nazionale organizzativo, l’On. Alessandro Vicari, Coordinatore regionale, Angelo Cardarelli , Coordinatore provinciale, Massimo Ricci, Presidente della Sede di Nepi. Per il PDL è intervenuto il Coordinatore provinciale On Giulio Marini, Sindaco di Viterbo. La presentazione si è svolta nella Sala Nobile del Comune di Nepi con l’intervento di un numeroso pubblico e di molti amministratori del viterbese ad iniziare dai Sindaci di Nepi, Ronciglione, Castel Sant’Elia.

Le motivazioni della costituzione di una Sede in Nepi, sono state illustrate dal Presidente Ricci che ha così esordito: “Questa iniziativa vuole essere simile ad un sasso scagliato nella super�cie delle acque stagnanti della politica che sembra non abbia più niente da dire alle persone. Ci piace credere che invece sia possibile tornare a discutere e dibattere dei problemi della gente e trovare le soluzioni, perché questo è il ruolo della politica e delle forze politiche, ruolo che invece in questo momento non svolgono. E’ una grave responsabilità dei vertici politici nei confronti del futuro dei giovani e quindi della nostra nazione”. L’On. Giulio Marini ha affermato di essere particolar-

mente felice di incontrare tanti amici con i quali ha condiviso tante iniziative politiche, ringraziandoli per l’appoggio che ha sempre avuto dagli stessi per il raggiungimento di obiettivi importanti, quale l’elezione a Deputato del parlamento italiano. Però in questo momento ha lasciato volentieri lo scranno parlamentare per dedicarsi a tempo pieno nel ruolo di Sindaco di Viterbo, non condividendo tra l’altro l’avvenuta formazione del Governo Monti che costituisce la rinuncia delle forze politiche a svolgere il proprio ruolo. Nel chiudere i lavori l’On. Baccini ha affermato: “In un momento in cui la politica ha raggiunto un livello così basso noi non ci rassegnamo

e andiamo controcorrente, recuperando la morale sociale, per coinvolgere e mai e poi mai escludere, alzando il livello della politica, partendo dai piccoli centri, come stiamo facendo oggi qui a Nepi, ETICA E NON ETICHETTA. Dove la politica non sia una riunione di un consiglio di amministrazione dove i valori sono sostituiti da interessi per pochi intimi”. In�ne il Presidente Baccini ha invitato l’amico On. Marini a ricandidarsi alla guida del PDL provinciale. Finito il dibattito politico l’incontro si è spostato presso la nuova Sede dei Cristiano popolari dove il Parroco di Nepi, dopo il taglio del nastro tricolore, ha impartito la benedizione dei locali e dei presenti.

CIVITA CASTELLANA - Per la Giovane Italia: “Il Pd locale sta cadendo a pezzi” I

mpietoso il giudizio della Giovane Italia sul Pd locale. “Negli ultimi tempi sembra proprio che il Partito Democratico di Civita Castellana abbia dei seri problemi interni, oltre che per le motivazioni inerenti il Consiglio Comunale, per quelle esterne. Da pochi giorni, infatti, il segretario del PD Avv. Stefano Angeletti sembra aver rimesso il proprio mandato. “Penso ad un collettivo di protagonisti”, diceva l’Avv. Angeletti il 26 novembre 2010, (giorno della sua elezione), a quanto pare questi personaggi tanto “coesi” non ci sembrano, ma “protagonisti” lo sono senza ombra di dubbio.

Tralasciando le assurde ed incredibili scuse di partito che motiverebbero le dimissioni dell’Avvocato a seguito della sua nomina nel direttivo provinciale del PD, Noi della Giovane Italia riteniamo lecito e doveroso domandarci il perché della scelta dell’avvocato Angeletti, attualmente Consigliere Comunale (eletto nella lista del PD), presidente di consorzio, responsabile di Centro Commerciale, Legale comparto C1 (di cui il padre Ing. Pietro è direttore dei lavori), comproprietario di agenzie pubblicitarie in centri direzionali ecc. Ebbene, tutte queste cariche ricoperte da Angeletti, potrebbero farci pensare a con�itti di

interesse tali da porre l’avvocato al centro di accuse dai suoi stessi compagni di partito (oltre che da parte dell’opposizione in Consiglio Comunale), ma, come dice qualcuno, noi siamo abituati a pensar male… Inoltre, il �op del PD Civitonico alle primarie di partito appena concluse e la bufera ASL che vede coinvolto il capogruppo del PD in Consiglio Gianluca Parroccini, potrebbe aver spinto l’Avvocato tuttofare ad uscire dalla vista dei maligni che, come noi, pensano sempre al “peggio”. Senza ombra di dubbio, le dimissioni di Angeletti rispecchiano l’attuale situazione del PD Civitonico, ormai imploso

nelle proprie scellerate scelte politiche comunali connesse ad interessi personali, delle quali la cittadinanza è ormai al corrente e di cui l’ormai “ex” segretario di partito sembra essere il più fulgido esempio.

iceviamo e pubblichiamo dal gruppo consigliare La Destra di Civita Castellana: “Mercoledì 15 febbraio, 30 miglia a Ovest dalla costa meridionale indiana, nell’Oceano indiano in acque internazionali, sulla base delle testimonianze italiane, alle 16 ora locale, un’imbarcazione indiana con cinque persone, alcune delle quali armate, fu dissuasa dall’avvicinarsi al cargo italiano “Enrica Lexie” dai marò del San Marco di scorta, i quali spararono tre serie di colpi d’avvertimento. L’imbarcazione indiana si allontanò dopo la terza serie di raf�che. Le autorità indiane imputano ai militari italiani la morte di due pescatori, i cui cadaveri sono stati rinvenuti su un peschereccio. Il comandante del Lexie e i marò italiani sostengono che il peschereccio coi pescatori morti è diverso, per forma e colore, da quello oggetto dell’azione dissuasiva. L’International maritime bureau riferisce, nello stesso giorno e in quei paraggi, un attacco di pirati all’Olympic Flair, cargo greco simile alla Enrica Lexie. L’Olympic Flair era a circa 2 miglia dalla costa, la distanza riferita dai sopravvissuti del peschereccio. L’abbordaggio al Lexia è avvenuto alle 16 ora locale, molto più a sud di quello dell’Olympic Flair avvenuto alle 21.50, l’orario riferito della morte dei due pescatori. E’ oramai certo che in ogni caso l’incidente che ha coinvolto la nave battente bandiera italiana è avvenuto in acque internazionali, non indiane e che per tale motivo secondo il diritto internazionale la giurisdizione è di competenza della magistratura italiana. La sentenza sul ricorso dell’Italia contro la denuncia per l’omicidio di due pescatori, dovrebbe avvenire attraverso l’esame congiunto delle armi dei marò e le prove balistiche, necessarie per stabilire la verità sulla dinamica dell’incidente. Considerando che: I Nuclei Militari di Protezione (NMP) sono stati istituiti con Decreto Legge n. 107 del 12 luglio 2011 art. 5, convertito in Legge n.130 del 2 ago-

sto 2011. Il suddetto articolo intitolato “Ulteriori misure di contrasto alla pirateria” consente l’imbarco su navi italiane di “Nuclei Militari di Protezione (NMP)” della Marina Militare Italiana, che può così avvalersi anche di personale di altre Forze Armate italiane e del relativo armamento previsto per l’espletamento del servizio. Le regole di ingaggio che regolamentano l’attività di questi team di sicurezza militari si basano sul principio dell’autodifesa. I militari italiani si limitano solo ad azioni che impediscono il sequestro della nave, ricorrendo a segnali luminosi, radio e ad azioni puramente intimidatorie come raf�che sequenziali dirette in aria e in acqua. Il ricorso al fuoco diretto sul presunto assalitore è possibile solo come ultima risorsa. IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA Di esprimere vicinanza e solidarietà a nome della città di Civita Castellana ai nostri due militari Massimiliano Latorre e Salvatore Girone del Reggimento San Marco, al momento illegalmente privati della libertà dalle autorità giudiziarie dell’India, esprimendo ad ogni modo cordoglio per la morte dei due pescatori indiani per la quale dovranno essere accertate le responsabilità; Di stigmatizzare il fatto che si sia permessa la consegna di due nostri soldati alle autorità indiane in contrasto con le norme internazionali che sottoponevano all’autorità giudiziaria italiana il compito di accertare e valutare i fatti e chiede al Governo di veri�care in tal senso le responsabilità . Di sostenere l’azione del Governo italiano impegnato in tutte le sue articolazioni per chiarire e risolvere la vicenda dei due marò attualmente detenuti in India e a promuovere ogni attività di sostegno e solidarietà in favore dei due marò. Di ribadire l’importanza della continuazione del servizio di scorta e protezione militare delle navi commerciali italiane in transito nell’aree a rischio pirati. Di trasmettere il presente atto al Ministro degli Esteri.


Martedì 13 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

spettacolo

Grande successo di bambini e genitori che portano in scena per il terzo anno la manifestazione

“Cantacarnevale” da Don Pino alla parrocchia della Grotticella M

schere, balli, musica per la parrocchia Santa Maria della Grotticella ,che ha salutato il carnevale con una simpatica e coinvolgente manifestazione che ha visto la partecipazione dei bambini e i ragazzi dell’oratorio nonché dei genitori. Tutti si sono dati da fare per portare sul palco il terzo “Cantacarnevale”, un appuntamento che ogni anno riscuote grande successo e favore tra tutti i parrocchiani. Un lavoro che vede il coinvolgimento delle insegnanti di catechismo e di tutte le famiglie che si sono date un gran da fare per realizzare meravigliosi costumi di scena. Diversi gruppi si sono esibiti mostrando tutta la loro simpatia: dai Puf� rappresentati dai bambini di seconda elementare, ai 44 Gatti, che erano veramente quarantaquattro, portati in scena da bambini, ragazzi e genitori che hanno cantato diverse canzoni del mondo dei cartoni animati dove i protagonisti sono i felini. Il gruppo che alla �ne è risultato vincitore è stato quello de “La bella e la bestia” che ha interpretato l’omonimo capolavoro della Disney, dove oltre alla performance l’ hanno fatta da padrona dei bellissimi costumi.

Don Pino, giovane parroco di Santa Maria della Grotticella, è riuscito con poco a dare vita ad un evento di notevole valore sociale: “In Parrocchia- afferma don Pino- si ritrovano i valori dell’aggregazione, della comunione, e della condivisione è per questo che in ogni iniziativa voglio vedere il coinvolgimento delle famiglie, la parola d’ordine è: partecipare tutti insieme”. E visto che in sala erano presenti circa seicento persone, e che tutte, si sono date da fare per la riuscita del “Cantacarnevale”, possiamo dire che c’è riuscito. Benedetta Ferrari

17


almanacco

18 NUMERI UTILI

Viterbo & AltoLazio

Martedì 13 Marzo 2012

Oggi al Cinema

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Fortunato

SORIANO NEL CIMINO

• Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

21 Marzo - 20 Aprile Ariete

Il bell’aspetto fra l’astro notturno e il vostro segno vi rende molto affascinanti. Spingete pure sull’acceleratore, il cielo propone situazioni ottimali per la vostra realizzazione professionale. Ci tenete a ben figurare e non vi tirate certo indietro quando si tratta di darsi da fare! L’amore vi sorridera’ e stendera’ un manto luminoso di felicita’ sulla vostra serata.

22 Giugno - 22 Luglio Cancro

Giorno propizio per darsi da fare. Migliorano la forma fisica e l’umore: quando il modo di pensare si trasforma, cambiano anche le situazioni! Potrete realizzare ottime cose e sentirvi soddisfatti dell’impegno, delle iniziative, di cio’ che farete e deciderete in questa giornata. Ciliegina sulla torta una serata indimenticabile con il partner, oppure con gli amici.

23 Settembre - 23 Ottobre Bilancia

21 Aprile - 20 Maggio Toro

Il vostro umore e’ molto migliore, rispetto ai giorni passati: la Luna esce dall’opposizione al segno. Saprete affrontare i compiti con maggiore calma; i risultati, manco a dirlo, sono migliori. Capirete da soli che siete sulla giusta strada per raggiungere gli obiettivi desiderati. Vi siete accorti, inoltre, che una persona interessante vi sta guardando con un occhio particolare?

23 Luglio - 22 Agosto Leone

23 Agosto - 22 Settembre Vergine

24 Ottobre - 21 Novembre Scorpione

22 Novembre - 21 Dicembre Sagittario

22 Dicembre - 21 Gennaio Capricorno

22 Gennaio - 19 Febbraio Acquario

FARMACIE (reperibilità)

La Luna dispettosa non vi permette di iniziare al meglio questa giornata; prestate quindi molta attenzione a cio’ che direte e ai comportamenti che assumerete. Non mancheranno nervosismi e malumori in casa, anche se il sereno tornera’ prestissimo. Nel rapporto di coppia le tensioni piu’ o meno celate potranno esplodere e il vostro comportamento mancare del consueto stile.

Carissimi amici della Vergine per oggiviconsigliamo di diffidare della vostra improvvisazione e pensate bene prima di esprimervi o di muovervi: dedicatevi ai vostri compiti con dedizione. Se siete single, siate concreti e lungimiranti; cercate di approfittare di ogni possibilita’ d’incontro con la persona che vi ha colpito al cuore. In serata accuserete malesseri da addebitarsi allo stress. Bastera’ una tisana e una bella dormita!

Siete un po’ troppo conser vator i, per quanto riguarda la gestione dei vostri beni. Con l’astro notturno in secondo campo, avete poca voglia di rischiare. In amore, pero’, rischiate davvero; in particolare, di apparire un po’ possessivi. Appoggiarsi alle persone care va bene, ma non esagerate: rischiate di perdere il senso della vostra identita’ e la capacita’ di cavarvela da soli.

Oggi la vostra principale n e m i c a potrebbe essere la pigrizia. Se non combattete contro la tendenza a fare le cose con indolenza, potreste presto ritrovarvi in ritardo su tutto. Qualcuno sara’ particolarmente nostalgico e si soffermera’ con il pensiero su amori passati con un po’ di malinconia e di rimpianto; altri, invece, saranno inclini all’evasione, all’avventura. Rilassatevi.

21 Maggio - 21 Giugno Gemelli

La Luna e’ a vostra completa disposizione, e questa giornata diventa per voi immediatamente frenetica e luminosa. E’ facile capire che varra’ la pena cogliere al volo le buone occasioni, evitando di trascinare le cose troppo a lungo, soprattutto dal punto di vista professionale. Parliamo d’amore: la felicita’ sara’ a portata di mano di chi ha una storia serena e appagante in corso!

Datevi da fare, siate combattivi, e’ il momento di realizzare i vostri sogni! Quindi, non dormiteci su, ma sappiate cogliere al volo le opportunita’ che si presentano. Per quanto riguarda l’amore, avete voglia di vivere insieme al partner esperienze che vi piacciono. Se siete single, la fascinazione improvvisa per una nuova persona vi cambiera’ completamente la vita.

Con il bel sestile della Luna, la giornata si apre con uno stato d’animo molto pacato, che vi permette di guadagnare punti agli occhi di chiunque si rapporti con voi. Sul lavoro e’ arrivato il momento di dare il via libera alle iniziative piu’ coraggiose che potranno avere successo. In campo sentimentale avete un approccio “speciale”, poi non siete secondi a nessuno.

Cinema Florida Piazza G. Marconi, 12

La vita sociale e le amicizie vi riempiranno la giornata piu’ del solito, con stimoli coinvolgenti. Grazie a Mercurio in Ariete, potete contare su una determinazione ferrea, che vi consentira’ di raggiungere un obiettivo professionale. Le vostre strategie toccheranno il cuore di qualcuno. Se siete in coppia, cercate di cogliere sempre il lato positivo degli avvenimenti.

20 Febbraio - 20 Marzo Pesci

La giornata si annuncia un po’ noiosa: la Luna e’ in quadratura. Le cose succedono lentamente e vi sembra che il tempo dedicato agli impegni sia eccessivo. Magari siete voi che dovreste darvi un po’ una mossa? Qualche contrattempo ci sara’ per chi e’ autonomo nella professione. Qualcuno di voi potrebbe avvertire qualche malessere legato a una non perfetta circolazione.

Posti In Piedi In Paradiso Orario: 21,30

TARQUINIA

VITERBO

Cinema Genio Via Del Teatro Genio, 16 Posti In Piedi In Paradiso Orario: 18,00 - 20,30 - 22,30 Cinema Trento Piazza Del Santuario, 51/A John Carter 3D Orario: 17,00 - 19,30 - 22,00 Cinema Trieste Viale Trieste, 30 Paradiso Amaro Orario: 20,30 Safe House. Nessuno è Al Sicuro Orario: 22,30

BAGNOREGIO

Cinema Alberto Sordi Via G. Matteotti, 2 RIPOSO

CASTIGLIONE IN TEV.

Cinema Tevere Via Orvietana

Posti In Piedi In Paradiso Orario: 21,30

CIVITA CASTELLANA

Cinema Florida Via Del Forte, 26 A.C.A.B. - All Cops Are Bastards Orario: 19,00 - 21,30

MONTEFIASCONE

Cinema Gallery - Multisala Via Cardinal Salotti, s.n.c. RIPOSO Multisala Flavia Via Della Croce, 1 Quasi Amici Orario: 21,30 John Carter 3D Orario: 21,30

Cinema Etrusco - Multisala Via Della Caserma, 32 Posti In Piedi In Paradiso (In Digitale) Orario: 17,50 - 19,50 - 22,00 Ti Stimo Fratello Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 John Carter 3D Orario: 18,30 - 21,30 The Double Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00

VETRALLA

Cinema Excelsior Via Cassia, 277 - Cura di V. Posti In Piedi In Paradiso Orario: 21,30

VITORCHIANO

Cine Tuscia Village - Multisala Multisala Località Pallone, Vitorchiano Posti In Piedi In Paradiso Fer. e Pref.: 18,00 Fest.: 15,45 - 18,00 Safe House. Nessuno è Al Sicuro Tutti i Giorni: 20,15 - 22,30 Posti In Piedi In Paradiso Fer. e Pref.: 17,30 - 20,00 - 22,30 Fest.: 15,20-17,30-20,00-22,30 John Carter 3D Fer. e Pref.: 17,30 - 20,00 - 22,30 Fest.: 15,20-17,30-20,00-22,30 Ti Stimo Fratello Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 The Double Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Viaggio Nell’Isola Misteriosa Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45-18,00-20,15-22,30

ORTE

Cinema Alberini Via Del Plebiscito, 10 In Time Orario: 21,30

Inviate le Vostre Programmazioni a: redazione@opinioneviterbo.it

PREVISIONI METEOROLOGICHE

OGGI 13 MARZO

ACQUAPENDENTE CorsoTaurelli Salimbeni, 1 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CASTIGLIONE IN TEVERINA Via Orvietana, 5 (08,30-13,00 e 16,00-19,00)

MONTEFIASCONE - ZEPPONAMI

Via Cassia, 95 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

TESSENNANO Via Umberto I, 19 (09,30-13,00 e 16,00-19,00)

BASSANO ROMANO Via Leonardo Da Vinci, 5 (09,00-13,00 e 16,30-19,30)

CIVITA CASTELLANA Via Vincenzo Ferretti, 95 (08,30-13,00 e 15,55-19,30)

NEPI Via Roma, 19 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

TUSCANIA Via Tarquinia, 53 (08,35-13,00 e Notturna)

BLERA Via Due Giugno, 3 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

CORCHIANO Via Civita Castellana, 11/13 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

ONANO Piazza Umberto I, 4 (08,30-13,00 e 16,15-19,30)

VALENTANO Piazza Cavour, 21 (08,30-13,00 e 16,00-19,00)

BOMARZO Piazza B. Buzzi, 6 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

FABRICA DI ROMA Via Roma, 79 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

ORTE Piazza Del Popolo, 15 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

VASANELLO Piazza Della Repubblica, 49/50 (09,30-13,00 e 16,30-20,00)

CAPRANICA SCALO Via Della Stazione, s.n.c. (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

GRADOLI Via Indipendenza, 15 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

RONCIGLIONE Corso Umberto, 33 (08,30-12,55 e 16,00-19,30)

VETRALLA Via S. Michele, s.n.c. (09,00-13,00 e 15,30-19,30)

CAPRAROLA Via F. Nicolai, 141 (09,00-13,00 e 16,00-20,00)

GRAFFIGNANO - SIPICCIANO Piazza Unmberto I, 28 (09,00-13,00 e 16,30-19,30)

SORIANO NEL CIMINO Via Ernesto Monaci, 96 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

VITERBO Via Della Palazzina, 195/197 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CASTEL SANT’ELIA Via Roma, 14 (09,00-13,00 e Notturna)

MONTALTO DI CASTRO Via Aurelia, 30 (08,45-13,10 e 16,00-19,30)

TARQUINIA Corso Vittorio Emanuele, 37 (08,30-13,00 e 16,00-19,24)

VITERBO - SAN MARTINO AL C.

Piazza Buratti, 2/3 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

Martedì 13 Marzo

Mercoledì 14 Marzo

Nessuna novità con l’alta pressione centrata sul Regno unito che determina la prosecuzione del trend stabile in atto da diversi giorni. Le correnti mediamente settentrionali in quota continuano a produrre qualche nube su dorsale centrale e basso Lazio in un contesto di tempo soleggiato. Qualche velatura serale da Toscana verso Lazio. Temperature in aumento nei massimi, clima diurno più mite al suolo. Venti deboli o moderati tra NO al largo e NE su interne, fino a moderati da NNE in quota, mari poco mossi, da mossi a poco mossi al largo i bacini laziali.

Prosegue il dominio a n t i c i c l o n i c o sull’Europa che mantiene stabilità anche sulle centrali tirreniche. Te m p o soleggiato e clima diurno molto mite, residue nubi sul basso Lazio in dissolvimento m a t t u t i n o . Te m p e r a t u r e stazionarie, massime prossime a 20-21° su pianure toscane, in aumento in montagna s u l L a z i o . Ve n t i d e b o l i in prevalenza di brezza sulle coste, da NO a l l a r g o d e l Po n t i n o, deboli da NE in quota, mari poco mossi o quasi calmi.


SPORT

� � �

Martedì 13 Marzo 2012

19

PALLAVOLO

Nel derby il Volley Viterbo stende lo Junior per 3-0 Confronto senza storia quello giocato per il campionato di Prima Divisione

I

l derby di ritorno, così come quello dell’andata, è terminato con un netto successo del Volley Viterbo a scapito delle cugine dello Junior Volley.

VOLLEY VITERBO 3 JUNIOR VOLLEY 0 (25/19 –25/19 – 25/16) Anche se tutte e due le squadre lamentano assenze importanti, danno ugualmente vita ad un incontro ricco di belle azioni ma purtroppo rovinato in alcune situazioni da un arbitraggio molto approssimativo e spesso di parte. Il primo set è combattuto ad armi pari e le formazioni lottano serrate punto su punto fino al sedici pari, poi alcuni servizi vincenti e gli attacchi più precisi spingono le giovani del Volley Viterbo a chiudere il parziale. Il secondo vede le ospiti portarsi in vantaggio di tre punti ma vengono prontamente riprese e poi superate:

ancora il servizio e la varietà di attacco porta le ragazze di coach Marco Noto a chiudere a proprio vantaggio anche il secondo parziale. La terza frazione di gioco è una marcia a senso unico, le ospiti non riescono a scrollarsi di dosso la delusione dei primi due set e così per le padrone di casa diventa tutto molto facile. “Vincere due derby è una b e l l a s o d disfazione” la dichiarazione a caldo del tecnico Marco Noto, “ S p e c i e quando lamenti l’assenza di due pedine fondamentali. So che anche loro avevano delle assenze importanti: rispetto all’andata ho visto una squadra abbastanza rimaneggiata. Per noi sono tre punti molto importanti che ci danno la quasi tranquillità della salvezza.

La soddisfazione del tecnico Noto: “Tre punti preziosi per la salvezza”

Per l’Ortana con il Pantalla un tiepido “brodino”

U

na Ortana alquanto furiosa per la direzione di gara del Sig. Pragliola di Terni, torna con un buon punto dall’insidioso campo di Pantalla. 0-0 il �nale di una gara ben giocata dalla formazione di mister Livi che si è vista annullare due reti di cui una in maniera clamorosa con Francesconi che, dopo aver sospinto verso la porta sguarnita la palla del vantaggio, è stato fermato dal direttore di gara per permettere il soccorso ad un giocatore avversario a terra. Un punto che a livello di classi�ca sarebbe stato anche buono per i viterbese ma che ha perso sostanzialmente valore in virtù del successo della Castiglionese che grazie alla vittoria interna sul AM ’98 ha allungato ulteriormente il proprio vantaggio sulla formazione biancorossa ormai staccata di ben 8 lunghezze dai play-out salvezza. Un divario che si fa sempre

più ampio e che con il passare delle giornate sembra sempre più dif�cile da colmare per una squadra che in campionato ha saputo vincere solamente in due occasioni. Tornando al match, Flamini e compagni hanno disputato davvero una buona prestazione, tanto che dopo la clamorosa azione fermata sul più bello, era arrivata la segnatura di Sciommeri fermato però dall’assistente per un dubbio fuorigioco. Assestato il colpo del kappaò reso nullo entrambe le volte dal direttore di gara, i laziali hanno subito un po’ il ritorno dei padroni di casa e in due occasioni c’è voluto il miglior Pesciaroli per impedire al Pantalla di andare in vantaggio. Nel �nale della s�da il colpo da tre punti capitava a Gammino che però, solo in area, al momento di controllare si aiutava con la mano e veniva fermato giustamente dal Sig. Pragliola.

CALCIO GIOVANILE - Il bilancio di metà stagione in casa Foglianese

Il ds Massimiliano Petrelli elogia la Scuola Calcio

D

Bel successo per il Volley Viterbo Momentaneamente occupiamo la quarta posizione, ma dobbiamo ancora giocare con tutte e tre le prime della classe… Dopo questi scontri vedremo a che punto saremo arrivati.” ù“Il derby è sempre una partita strana” dice l’allenatore in seconda Alessio Proietti, “Alcune volte le atlete rischiano il tutto per tutto senza pensare alla tattica; oggi è andata

bene. La gara era stata preparata al meglio, e le ragazze hanno messo in campo quello che si era provato in allenamento. Tutte hanno dato il massimo e il rendimento generale è stato molto buono, con pochi errori e pochissime sbavature. Dobbiamo continuare così!” Al campo il responso...

al ds del settore giovanile della Foglianese Massimiliano Petrelli (nella foto) riceviamo e pubblichiamo: “ Il grande lavoro svolto nella nostra scuola calcio ci sta’ dando grandissime soddisfazioni grazie ad uno staff di allenatori ai quali va’ un doverosissimo ringraziamento per lo splendido lavoro che stanno svolgendo con dedizione, professionalita’ e competenza ma sopratutto trasmettendo a tutti i ragazzi quei valori che ogni scuola calcio ha il dovere di insegnare, settimana dopo settimana vedo crescere dei gruppi importanti ai quali i mister hanno dato un’ impronta di assoluto valore educandoli alla lealta’ sportiva educandoli al sacri�cio educandoli sopratutto alla realta’ Foglianese, una realta’ troppo importante ormai di cui Tutta la comunita’ Vetrallese deve andare �era, sono mesi che i nostri istruttori scuola calcio lavorano in silenzio portando ogni giorno con la loro presenza la Foglianese a dei risultati impensabili �no a due anni fa’, la nostra scuola calcio lo dico con un pizzico di immodestia e’ se

mai ce ne dovesse essere bisogno di evidenziarlo sicuramente tra le piu’ organizzate e questo grazie alle strutture all’organizzazione e al lavoro quotidiano che dirigenti, segreteria e tutto lo staff in generale mette a disposizione di questa importante realta’ calcistica. Un ultima cosa tengo a precisare e questa mi sta’ a cuore la societa’ sportiva Foglianese resta e restera’ una grande realta’ calcistica giovanile ancora per molto tempo dove si lavorera’ e tanto, perche’ atleti e bravi calciatori crescano preparandoli alle

CALCIO 3 CATEGORIA - Il punto dopo la 17esima giornata nei gironi A e B

Oriolo e Bomarzo senza freni G

irone A. La 17° giornata del campionato provinciale di 3° Categoria vede sempre in testa l’Oriolo che, grazie alla vittoria esterna sul campo della Vicus Ronciglione, raggiunge quota 40 punti. La squadra della bassa Tuscia può vantare numeri impressionanti: è il miglior attacco del torneo, con ben 66 reti, di cui 20 sono state messe a segno da Farnetti, capocannoniere del girone. Inoltre con 15 gol subiti è la terza difesa del campionato. A due sole lunghezze di distanza segue la Polisportiva Cicram che, dopo un periodo di appannamento che le è costata la vetta della classifica, torna alla vittoria battendo per 2-1 il Civita C. Calcio Giovanile. La terza posizione è occupata dal Gallese (35), miglior difesa del torneo con solo 6 reti subite, reduce da una netta vittoria (5-0) sul terreno dell’Oratorio Grandori. In quarta posizione, a 33 punti, troviamo un terzetto. Alla coppia costituita dal Tarkna 2007 e dal Santa Maria Assunta, uscite con un punto ciascuno dallo scontro di-

Monteromano, fermo a 18 punti in quanto questa giornata ha riposato. Il Castel S. Elia (15) ne approfitta per avvicinarsi alla squadra maremmana, sebbene di un solo punto. Rimangono ferme rispettivamente a nove, sette, sei e due punti. Prossimo turno. Monteromano-Barbarano; Atl. Tarquinia-Castel S.Elia; Civita Castellana-Tarkna; Gallese-Accordia; Oriolo-Oratorio Grandori; Pol. Cicram-Vicus Ronciglione; Virtus Corchiano- Civita Castellana C.G.

retto, si aggiunge infatti il Barbarano Romano, che sul proprio campo ha piegato per 5-1 l’Atletico Tarquinia. Da notare, però, che il Tarkna ha giocato una partita in meno. Al contrario, la Virtus Corchiano ha disputato 18 gare, conquistando 31 punti che la collocano al centro della classifica. Più in basso troviamo il Civita Castellana (27), sconfitto per quattro reti a due dall’Accordia. Maggiormente distanziato è il

GIRONE B Continua la lotta per la prima posizione tra Bomarzo (40)e Sporting Bagnoregio (37), entrambe vittoriose sul Bolsena e sul Grotte Santo Stefano. Le due squadre, oltre ad essere vicine in classifica, lo sono anche per differenza reti. Il Bomarzo ha il miglior attacco con 41 reti segnate contro le 39 del Bagnoregio, ma quest’ultima vanta la migliori difesa, con solo 13 gol subiti. Pani, il bomber del girone che fino ad ora ha segnato ben 22 volte, è del Bo-

marzo. Numeri che indicano come lo scontro per il vertice della classifica sia particolarmente avvincente. ecisamente più staccato è l’Onano (27), che grazie alla vittoria, seppur di misura (1-0) sul Montefiascone, scavalca la Virtus Acquapendente (a riposo per questa giornata), portandosi in terza posizione. Segue il Bolsena a 27 punti, quasi raggiunto dall’Oratorio Madonna del Fiore (26), che in casa cala il poker e batte nettamente la Lubrianese. Pareggio a reti inviolate tra Sipicciano (24) e Arlenese (25). Nella zona bassa della classifica importante vittoria del Giglio Zepponami, che supera per 2-1 il Real Vitorchiano. Rimane in scia il Canino, che esce vittorioso (2-4 il risultato finale) dal campo del Real Pool Viterbo. Prossimo turno. Arlenese-Grotte Santo Stefano; CaninoOratorio M.d.F.; Lubrianese-Bomarzo; Real Montefiascone-Giglio Zepponami; Real Vitorchiano-Real Pool Viterbo; Sporting BagnoregioOnano; V. Acquapendente-Sipicciano. (Matteo Faregna)


SPORT

sport

20

Viterbo & AltoLazio

Martedì 13 Marzo 2012

CALCIO

Il futuro della Viterbese diventa un ‘giallo’ Fiaschetti lascia per motivi di lavoro. Tanti i ricordi ed i meriti, uno su tutti aver ridonato dignità al calcio giovanile di LEONARDO CUTIGNI

L

’eco del tuono è arrivato. Di lampi ed avvisaglie già se ne era parlato, ora è giunta l’uf�cialità. Il presidente in carica Giuseppe Fiaschetti si è dimesso. La versione uf�ciale parla di impegni di lavoro incoliabili con le richieste societarie, ma lo spirito di contestazione che si era venuto a creare nell’ultimo periodo tra la società ed una parte della tifoseria ha sicuramente accellerato questo divorzio. La Viterbese quindi terminerà la stagione agonistica 2011-2012 senza guida so-

cietaria, in uno scenario paradossale per chi ha traguardi prestigiosi come la vittoria della Coppa Italia. Passa dunque in secondo piano il successo casalingo contro il Zagarolo dell’ex capitano laziale Paolo Negro. Queste le ultime dichiarazioni del presidente: “La decisione era maturata da tempo. Purtroppo gli impegni mi tenevano lontano dalla squadra e questo per me non è un modo di gestire una società. Lascio una realtà sana, con prospettive di miglioramento notevoli, quindi chi vuole farsi avanti può lavorare su una base solida.”

SERIE D GIRONE E - 25ª GIORNATA CITTA’ DI CASTELLO- - SANSEPOLCRO

0-2

VITERBESE - ZAGAROLO

2-0

DERUTA - TODI

1-1

PIANESE - CASTEL RIGONE

3-1

VOLUNTAS SPOLETO - TRESTINA

1-1

PONTEVECCHIO - SPORTING TERNI

0-3

AREZZO - PIERANTONIO

1-3

FLAMINIA - PONTEDERA

1-1

SANSOVINO - ORVIETANA

0-0

Il Presidente dimissionario Giuseppe Fiaschetti Quanto ha pesato la becera contestazione degli ultimi mesi? “Nel calcio il tifoso vuole vedere la propria squadra vincere e quando i risultati non arrivano trovo normale che ci si lamenti. Da parte mia c’è stato sempre il massimo impegno e mi auguro che colui che prenderà il mio posto possa riportare la Viterbese ai fasti che merita.” Tanti ricordi, qual è il più bello? “Aver riportato il calcio

giovanile a Viterbo. Quando ho preso la guida della società i nostri giovani si allenavano a Roma, ora invece abbiamo una vera e propria scuola calcio che prepara e fa divertire tanti ragazzi. Questa per me è una vera gioia.” QUI FLAMINIA: Un punto che vale doppio, così si può riassumere il pareggio interno contro il Pontedera. La formazione di Puccica infatti è riuscita a riprende-

re il passivo della prima frazione nella ripresa e, se l’arbitro non avesse sorvolato in qualche occasione dubbia in area, staremmo parlando di una grande impresa. Di contorno gli altrettanti pareggi di Todi, Trestina e Sansovino, che lasciano di fatto invariata la zona play out, e la sconfitta interna del Pontevecchio ora distante due lunghezze. È lo stesso Puccica a vedere il bicchiere mezzo pieno dopo il pareggio: “Nella prima frazione siamo scesi in campo titubanti, lasciando l’iniziativa al Pontedera. Nella ripresa invece ci siamo guardati negli occhi e siamo riusciti a tirar fuori la cattiveria agonistica che ha distinto fino a tre giornate fa. Sono soddisfatto ed orgoglioso dei miei ragazzi.” I pareggi delle inseguitrici e la sconfitta del Pontevecchio, riaccendono le speranze per una salvezza diretta: “Con questo spirito riusciremo a salvarci. Abbiamo pagato il calo psico-fisico con due sconfitte, tra cui quella col Todi che ancora mi brucia. Ora come ora è importante anche un

SERIE D - GIRONE E PONTEDERA

57

AREZZO

50

PIANESE

44

SPORTING TERNI

42

CASTEL RIGONE

40

VITERBESE

37

PIERANTONIO

36

VOLUNTAS SPOLETO

36

DERUTA

34

ORVIETANA

32

SANSEPOLCRO

32

PONTEVECCHIO

32

FLAMINIA

30

TRESTINA

29

SANSOVINO

27

TODI

27

CITTA’ DI CASTELLO

22

ZAGAROLO

22

punto, soprattutto con le dirette concorrenti, ma non passi il messaggio di chi si vuole accontentare. Continueremo a giocare per i tre punti.”

ECCELLENZA - PROMOZIONE - Continua il testa a testa tra Monteverde e Vigor

Successo fondamentale del Tarquinia Trasferta tabù per Montefiascone e Real Monterosi. Vigor da rimonta Dario Spirito

A

rchiviata la venticinquesima giornata di campionato stiliamo un bilancio di ciò che è successo in Eccellenza e Promozione: ECCELLENZA: Grande impresa del Corneto Tarquinia nello stadio ‘Superga’ contro il Diana Nemi in quel di Ciampino. La formazione di Neno Gufi infatti esce con l’in-

tera posta in palio contro una diretta concorrente nella corsa salvezza. Succede tutto nella prima frazione dove i rossoblu fissano il risultato finale grazie alle reti di Tamalio all’8’ e di Spirito al 30’ che risponde al momentaneo pareggio di Fioravanti. La salvezza diretta dista ancora due lunghezze, ma il periodo negativo di Ladispoli e Fontenuovese rendono ancora possibile

ECCELLENZA GIRONE A - 25ª GIORNATA

l’impresa. Nulla da fare per le altre viterbesi che cadono rispettivamente a Pisoniano e Pomezia. Per il Monterosi buona prestazione sotto il profilo atletico, meno in quello mentale. Il vantaggio di Maestà al 10’ della ripresa è stato infatti vanificato dalla veemente reazione dei padroni di casa che in meno di dieci minuti hanno ribaltato il risultato con Cesaro e Giocondi. Il Montefiascone, dopo il clamoroso successo interno

di sette giorni fa, conferma i propri limiti in trasferta andando a sotto di due reti già alla mezz’ora. Inutile ed infruttuosa la reazione della ripresa.

PROMOZIONE: Continua il testa a testa tra Vigor Acuapendente e Grifone Monteverse, con le due contendenti unite anche dalla suspance. La Caninese infatti non riesce a fermare la corsa dei romani nonostante una buona prestazione corale in un cui il rigore fallito da Feola nella ripresa ha inciso in maniera determinante sul risultato. La Vigor invece ha fatto di tutto per complicarsi la vita contro il Santa Marinella. Decisivo l’ultimo quarto d’ora con il duo GorettiFrancis bravi a ribaltare lo

PROMOZIONE GIRONE A - 25ª GIORNATA

CECCHINA - TOR SAPIENZA

1-0

BRACCIANO - CANEPINA

4-0

DIANA NEMI - CORNETO TARQUINIA

1-2

CASALOTTI - FOCENE

2-1

FIUMICINO - OSTIA MARE

0-4

CITTA’ DI CERVETERI - LA STORTA

3-1

FONTENUOVESE - GUIDONIA

1-2

FREGENE - OLIMPIA

3-2

LADISPOLI - ALBALONGA

0-2

GRIFONE MONTEVERDE - CANINESE

1-0

PISONIANO - REAL MONTEROSI

2-1

ISCHIA DI CASTRO - FUTBOLCLUB

4-1

RIETI - GIADA MACCARESE

2-0

PIANOSCARANO - FOGLIANESE

2-1

REAL POMEZIA - MONTEFIASCONE

2-0

VIGOR ACQUAPENDENTE- SANTA MARINELLA

2-1

VILLANOVA - LA SABINA

1-1

TOLFA - ANGUILLARA

0-0

ECCELLENZA - GIRONE A

PROMOZIONE GIRONE A

OSTIA MARE

53

GRIF. MONTEVERDE

51

PISONIANO

51

VIG. ACQUAPENDENTE

51

ALBALONGA

45

FREGENE

48

RIETI

45

CANINESE

47

CECCHINA

39

ISCHIA DI CASTRO

45

VILLANOVA

37

PIANOSCARANO

44

REAL POMEZIA

35

CASALOTTI

39

REAL MONTEROSI

35

FOCENE

36

MONTEFIASCONE

34

LA STORTA

35

GUIDONIA

33

TOLFA

32

TOR SAPIENZA

33

OLIMPIA

32

FONTENUOVESE

31

BRIACCIANO

31

LADISPOLI

30

FUTBOLCLUB

30

CORN. TARQUINIA

29

CITTAì DI CERVETERI

30

FIUMICINO

28

SANTA MARINELLA

27

DIANA NEMI

24

ANGUILLARA

27

MACCARESE

20

FOGLIANESE

12

LA SABINA

11

CANEPINA

8

svantaggio ospite firmato Ferro. Si diverte l’Ischia di Castro contro Futbolclub con le reti di Loiseaux, Chiaranda, Cosenza e De Grossi. Ora, per la formazione di Quintarelli, un posto nei play off dista solo tre lunghezze. Il Pianoscarano, reduce dal caso Russo, si aggiudica in rimonta il derby con la Foglianese. Al vantaggio iniziale

di Tonnicchi, risponde il solito ‘grande’ Ciorba che piazza l’uno-due decisivo negli ultimi venticinque minuti della ripresa. Chi invece ha poco da ridere e tanto da piangere è il Canepina che rimedia l’ennesima sconfitta della stagione per mano del Bracciano. Il risultato finale di 4-0 è lo specchio di un’annata da dimenticare in cui forse si è pagato il frettoloso salto di categoria.


sport

Viterbo & AltoLazio

21

SPORT

Martedì 13 Marzo 2012

� �

CALCIO 1ª / 2ª

Cicloni Castrense e Nuova Sorianese Nel girone A della Seconda Categoria prosegue l’incredibile ascesa del 2001 Tuscia

I

l punto sui campionati di Prima e Seconda Categoria.

PRIMA CATEGORIA GIRONE A Prosegue grazie ad un 3-0 la leadership della Castrense nel Girone A di Prima Categoria; a Grotte di Castro è la Valleranese a cadere vittima della corazzata gialloblu di mister Raspoli. Il risultato matura grazie alle reti di Pacenza (34’ pt) e alla doppietta di Serafini (28’ st e 37’ st). Con ben 13 lunghezze di vantaggio sulla Nuova Sorianese, il campionato sembra già indirizzato verso un trionfo per i

castrensi. I sorianesi sono riusciti a rispondere con una vittoria, grazie ad un 3-1 interno ai danni del Caprinica quinto in classifica. I goal, tutti nella ripresa, sono stati realizzati da Pellegrini, Trilli e Pompei per i padroni di casa, mentre il sigillo del momentaneo 2-1 porta la firma di Gia. Buratti. La sopresa della giornata è la Virtus Cimini; la squadra di Adelli trova un’inaspettata vittoria contro la Virtus Bolsena, terzo in classifica, con un 2-1 in cui risulta decisivo il rigore realizzato al 43’ st da Maiorana. Al gol dei padroni di casa di Burla aveva risposto Bartomioli.

1ª CATEGORIA GIRONE A - 21ª GIORNATA

Il successo del Ronciglione nel derby riapre i giochi primato 0 tra Campagnano e Rignanosoratte , mentre il Cesano perde 2-0 sul campo della Castelnuovese e rimane ultimo; vittoria per la Fortitudo Roma contro Canale Monteranno (2-1), mentre con il 4-1 all’Ottavia la Pro Roma si allontana dalla zona retrocessione, inguaiando proprio gli avversari.

SECONDA CATEGORIA GIRONE A Nel Girone A di Seconda Categoria, il S. Lorenzo Nuovo viene fermato in casa dalla Nuova Bagnaia (1-1), permettendo al Valentano di sperare nell’aggancio. La capolista, ora a 51 punti, era passata in vantaggio grazie ad una autorete di Buffetti, ma a 3’ dal fischio finale S. Varletta realizza su rigore il goal del pari. Il valentanesi si portano a -8 in solitaria seconda posizione, grazie a ben due goal nel recupero realizzati da Boninsegna (49’ st) e Sonno (51’ st) che hanno gelato i

tifosi dell’Etrusca, in vantaggio all’11’ st con Rossi. Subito dietro gli uomini di mister Spano si trovano due squadre a quota 41; la 2001 Tuscia riesce a vincere sul campo della Querciaiola per 1-0 (Giulianelli 42’ pt), mentre perde terreno la Civitella D’Agliano che a Vetralla impatta sull’1-1. Vantaggio dei padroni di casa con Puddu su penalty (21’ pt) e pari di Burla al 21’ st. Sconfitta esterna per la Virtus Pilastro: il goal di Rastrello al 29’ pt permette al Celleno di vincere 1-0 e di raggiungere la Querciaiola al terzultimo posto. Farnese e Graffignano pareggiano 1-

49’ del secondo tempo: in pieno recupero si concretizza il terzo stop consecutivo per il Vejano, scivolato al sesto posto. Sconfitto anche il Sutri in casa, ad opera del soprendente Soratte: Lauro al 40’ st impedisce ai padroni di casa di muovere la classifica (settimo posto a 31 punti). Male anche il Bassano Romano, sconfitto 1-0 sul campo del Casperia e vicino alla zona retrocessione. In coda, 2-2 tra Real Caprarola e Atl. Morlupo mentre vittorie interne per Forano (4-2 alla Maglianese) e Vic Formello (4-2 all’Anguillara). (Gabriele Ludovici)

2ª CATEGORIA GIRONE B - 21ª GIORNATA

2ª CATEGORIA GIRONE A - 21ª GIORNATA

CASTRENSE - VALLERANESE

3-0

BARCO MURIALDINA - REAL GRADOLESE

0-1

ATLETICO MORLUPO - REAL CAPRAROLA

2-2

CIMINA RONCIGLIONE - TUSCANIA

1-0

CELLENO - VIRTUS PILASTRO

1-0

CALCIO SUTRI - SORATTE

0-1

DORIA SAN MARTINO - TUSCANIA

3-1

FARNESE - GRAFFIGNANO

1-1

CASPERIA - BASSANO ROMANO

1-0

LATERA - MONTALTO

3-1

NUOVA PESCIA ROMANA - VIRTUS MARTA

1-0

FABRICA CALCIO - S. RONCIGLIONE

0-1

NUOVA SORIANESE - CAPRANICA

3-1

QUERCIAIOLA - 2001 TUSCIA

0-1

FORANO - MAGLIANESE

4-2

POLISPORTIVA FALISCA - BLERA

1-0

SAN LORENZO NUOVO - NUOVA BAGNAIA

1-1

SABAZIA - STIMIGLIANO

1-1

VIGNANELLO - MONTE ROMANO

0-0

VALENTANO - ETRUSCA

3-1

VEJANESE - REAL COLLEVECCHIO

1-2

VIRTUS CIMINI - V. CALCIO BOLSENA

2-1

1928 VETRALLA - CIVITELLA D’AGLIANO

1-1

VIC FORMELLO - P. C. ANGUILLARA

2-0

A sinistra bomber Pacenza della Castrense ancora in gol, a destra mister Adelli, gran colpo della V. Cimini con il Bolsena 1ª CATEGORIA GIRONE D - 21ª GIORNATA

1ª Categoria girone A CASTRENSE

59

NUOVA SORIANESE

46

VIRTUS BOLSENA

35

POL. FALISCA

33

CAPRANICA

32

C. RONCIGLIONE

31

BLERA

29

DORIA SAN MARTINO

29

LATERA

28

TUSCANIA

25

MONTALTO

23

VALLERANESE

23

MONTEROMANO

22

VIGNANELLO

20

VASANELLO

13

VIRTUS CIMINI

13

La Pol. Falisca si porta a 2 dal Bolsena battendo 1-0 il Blera (Panciotti 13’ st) e superando il Capranica in classifica. Vittoria anche per la Cimina Ronciglione: 1-0 al Tuscania (Rossi 41’ pt), in una partita su cui hanno pesato numerosi errori arbitrali. In coda, 0-0 tra Vignanello e Monte Romano. PRIMA CATEGORIA GIRONE D Nel Girone D la Fortitudo Nepi perde 1-2 in casa contro il Casal Barriera, restando penultimo a quota 9 punti. In rete Massimi per il Casal Barriera al 30’ pt, a cui risponde 2’ dopo Pietrosanti. Polemiche in occasione del rigore che al 25’ della ripresa permette a Bardoscia di realizzare il definitivo 1-2. La capolista Real Portuense non va oltre il pari a Trevignano; 3-3 che permette al Fiano Romano, vittorioso per 1-0 a Sacrofano, di portarsi a -1. In gioco anche il Capena, che si porta a -2 dal primato grazie al 3-1 rifilato alla Romulea. 0-

CAMPAGNANO - RIGNANO SORATTE

0-0

CASTELNUOVESE - CESANO

2-0

COMUNALE CAPENA - ROMULEA

3-1

FORTITUDO CALCIO - CANALE MONTERANO

2-1

FORTITUDO NEPI - CASAL BARRIERA

1-2

PRO ROMA - OTTAVIA

4-1

SACROFANO - FIANO ROMANO

0-1

TREVIGNANO - REAL PORTUENSE

3-3

1ª Categoria girone D

2ª Categoria girone A

REAL PORTUENSE

44

SAN LORENZO N.

51

FIANO ROMANO

43

VALENTANO

43

CAPENA

42

CIVITELLA D’AGLIANO

41

FORTITUDO ROMA

39

2001 TUSCIA

41

TREVIGNANO

35

VIRTUS PILASTRO

35

ROMULEA

33

FARNESE

33

CASAL BARRIERA

32

NUOVA BAGNAIA

30

RIGNANOSORATTE

30

VETRALLA 1928

28

CANALE MONTERANO

30

REAL GRADOLESE

28

CASTELNUOVESE

27

GRAFFIGNANO

27

PRO ROMA

26

VIRTUS MARTA

22

CAMPAGNANO

25

ETRUSCA

19

SACROFANO

24

N. PESCIA ROMANA

17

OTTAVIA

23

QUERCIAIOLA

15

FORTITUDO NEPI

9

CELLENO

15

CESANO

7

BARCO MURIALDINA

7

1, mentre la Real Gradolese va a vincere sul campo del quasi spacciato Barcomurialdina (ultimo a 7 punti) grazie a Procenesi (16’ pt). Infine, decisiva un’altra rete in zona Cesarini nella vittoria del Nuova Pescia Romana sul Marta (1-0). SECONDA CATEGORIA GIRONE B Nel Girone B, il derby viterbese tra Fabrica Calcio e Ronciglione United viene vinto dagli ospiti, che si portano a -3 dalla capolista. Una rete di testa realizzata al 21’ pt da Farricelli permette ai biancorossi, con 47 punti, di sperare nel primo posto, mentre il Fabrica rimane quarto a quota 34 punti. Se il Ronciglione dista solo una vittoria dalla vetta è grazie al Sabazia, che in casa blocca lo Stimigliano primo in classifica sull 1-1. Alla Vejanese non riesce il colpaccio sul Collevecchio, che occupa la terza posizione in virtù del 2-1 conquistato proprio a Vejano. La rete della vittoria arriva al

2ª Categoria girone B STIMIGLIANO

50

RONCIGLIONE UNITED

47

REAL COLLEVECCHIO

40

FABRICA CALCIO

34

VEJANESE

32

SABAZIA

32

CALCIO SUTRI

31

MAGLIANESE

29

P.C. ANGUILLARA

28

FORANO

27

VIC FORMELLO

23

CASPERIA

23

BASSANO ROMANO

20

SORATTE

19

MORLUPO

14

REAL CAPRAROLA

14


� �

sport

SPORT

22

Viterbo & AltoLazio

Martedì 13 Marzo 2012

CALCIO ZOOM

Veleni sul campionato di Terza Categoria Briscia del Bolsena denuncia episodi di razzismo a Bomarzo. Le precisazioni di Gorelli, dirigente dell’Onanese e notizie e le cronache dal nostro calcio dopo il �ne settimana.

L

eventuali repliche su quanto denunciato dal presidente del Bolsena.

TERZA CATEGORIA GIRONE B: GRAVE DENUNCIA DEL BOLSENA CHE PARLA DI EPISODI DI RAZZISMO A BOMARZO Dal presidente del Bolsena Manolo Briscia riceviamo e pubblichiamo un comunicato di denuncia per quanto a suo dire è avvenuto sabato in occasione del match tra Bomarzo e Bolsena e vinto dalla capolista per 2-0. “Bella partita giocata tra Bomarzo e Bolsena dove innanzitutto vogliamo sottolineare la massima correttezza in campo tra i giocatori e tutti i tesserati di entrambe le squadre; vince meritatamente la squadra di casa contro un Bolsena che seppur rimaneggiato tiene testa alla più quotata compagine viterbese. Peccato che a rovinare il match, ci ha pensato una parte della tifoseria locale che per tutto l’incontro si è resa protagonista di sputi ed insulti razzisti nei

CALCIO 3 CATEGORIA LE PRECISAZIONI DI MISTER CIRICA DELL’ONANESE Ed arrivano anche delle precisazioni da parte di Moreno Gorelli, dirigente dell’Onanese per quanto avvenuto in occasione del confronto di sabato tra Onanese e Real Monte�ascone terminato 1-0. “Per dovere di cronaca ed ad “onor del vero”, vorremmo fortemente retti�care quanto asserito dal “Mister” Cirica, la partita è stata indubbiamente “maschia” con falli ed interventi “al limite” da entrambi le parti, però a �ne partita, sul taccuino dell’arbitro, è �nito un solo calciatore di casa per un fallo giudicato pericoloso, mentre i calciatori ospiti, ammoniti per falli pericolosi, sono stati ben 4. L’altra ammonizione Onanese è stata comminata a Mancini Ivan per proteste, al 5° minuto e questo testimonia come l’arbitro ab-

confronti dei giocatori ospiti, purtroppo, secondo noi, anche con la complicità dell’arbitro che non è stato in grado di gestire la situazione durante la gara, chiedendo la collaborazione del Capitano.. La nostra squadra gioca per pura passione e non ha nulla da chiedere a questo campionato, poiché già si ritiene soddisfatta per i risultati �nora ottenuti con il gruppo di amici da cui è composta, ma ci sembra doveroso, nel rispetto di tutti e delle regole, portare a conoscenza e rimarcare questo deplorevole episodio. Non è la prima volta che siamo costretti ad assistere a certi comportamenti davvero assurdi, specialmente su alcuni campi, dove più che a giocare, bisogna pensare a non cadere nelle provocazioni. Il dovuto reclamo rivolto a �ne gara all’arbitro, provocherà certamente sanzioni, ma è d’obbligo da parte di tutti prendere le distanze da certi comportamenti; alla Federazione chiediamo un maggior controllo sui campi sospetti e di vigilare sull’operato di alcuni arbitri in modo da prendere provvedimenti per evitare il ripetersi di certi episodi. Replica del Bomarzo - Il quotidiano dell’Opinione resta a disposizione del Bomarzo per

bia voluto “intimidire” da subito i calciatori di casa, quindi lascio pensare ai lettori cosa sarebbe successo se realmente i nostri calciatori avessero picchiato, come asserito appunto dal “Mister” Cirica. Anche l’espulsione comminata al calciatore di casa Franci S. è dovuta ad un fallo di reazione, un calcetto sferrato allo stinco di un calciatore avversario di entità tale da non provocare alcun danno al calciatore stesso, lo stesso Franci, pur sbagliando e meritando indiscutibilmente l’espulsione, era stato vittima, a palla lontana ed a gioco fermo, di un morso alla mano da parte di un calciatore avversario, che gli provocava un copioso sanguinamento della mano stessa. Con questo non voglio certo giusti�care il comportamento del nostro calciatore, ma vorrei solamente far capire che ad esasperare gli animi non siano stati certo comportamenti ascrivibili a nostri calciatori. Per quanto riguarda l’episodio che ha provocato, a detta del “Mister” Cirica, la frattura di una costola al portiere ospite, se questo fosse vero i primi a rammaricarci ed augurare una pronta guarigione, siamo noi , la cosa strana è che il portiere, con una costola rotta, abbia giocato tutto il secondo

Virtus Pilastro ok con la juniores, ko gli allievi nella gara con la Sorianese tempo, mettendo in opera almeno tre parate decisive per la protezione della propria porta. Lo scontro non è stato altro che una normale azione di gioco, con l’uscita del portiere in presa aerea ed il tentativo del nostro calciatore Sforza L. di intervenire di testa, scontro perfettamente visto dall’arbitro che non ha nemmeno �schiato fallo a favore del portiere. La cosa veramente assurda, è come sia possibile che a personaggi del calibro del “sig.” Cirica, che ha collezionato quasi sei mesi di squali�ca, in più riprese, nelle ultime due stagioni, per insulti all’arbitro ed ai componenti delle panchine avversarie, venga permesso di calcare i nostri campi. Ha aggredito me personalmente ed i membri di tutta la nostra panchina sin dal primo minuto, dopo meno di dieci minuti ci aveva già dato degli “idioti”, degli “stupidi” ed altri insulti non ripetibili. Ad ogni decisione arbitrale, anche a favore, scattava in piedi insieme a tutta la panchina, inveendo verso di noi e l’arbitro, arrivando anche ad attraversare tutto il campo sbraitando ed inveendo all’indirizzo dell’arbitro stesso con insulti di ogni tipo. Caro “Sig.” Cirica, ad Onano, negli ultimi tre anni, non è mai successo nulla di grave né sugli spalti né in campo, siamo noi ad invitare la Federazione, e lo faremo uf�cialmente, a sincerarsi delle condizioni ambientali presenti sul nostro campo in occasione di ogni partita in maniera tale da sfatare tutti i luoghi comuni che grazie a personaggi come lei vengono alimentati. Lei deve solamente ringraziare il senso di responsabilità e la civiltà dei tifosi onanesi, che come sempre erano molto numerosi, e degli stessi tesserati dell’ Onano Calcio, non so in quanti altri campi, dopo quello che ha fatto, sarebbe riuscito ad uscire indenne senza l’aiuto delle forze dell’ordine. Inoltre con il suo comportamento ha messo lei seriamente in pericolo l’incolumità dei propri

La Vitrus Pilastro di Mister Bonelli

e dei nostri calciatori perché esasperando in questa maniera gli animi in campo, può succedere di tutto. Mi auguro vivamente che qualcuno della sua società o la federazione stessa prenda nei suoi confronti i provvedimenti che merita. Detto questo, vorremo comunicare che abbiamo già dato mandato ai nostri legali di veri�care se ci siano i presupposti per adire un’azione legale nei confronti del “Sig.” Cirica, perché a questi personaggi deve essere impedito di fare certe dichiarazioni, totalmente infondate e profondamente offensive, che non fanno altro che male a quello che non deve essere altro che uno sport che coinvolge ogni settimana, a più livelli, migliaia di persone che con la loro passione e poco altro, come noi dell’ Onano Sport Calcio, contribuiscono ad alimentarlo.

ALLIEVI PROVINCIALI LA SORIANESE BATTE AL “ROSSI” LA VIRTUS PILASTRO PER 4-3 Scon�tta di misura per la Virtus Pilastro, che sul proprio campo deve cedere i tre punti alla Nuova Sorianese. VIRTUS PILASTRO 3 SORIANESE 4 (p.t. 1 – 1) Virtus Pilastro: Pellegrini, Giordano, Agulli, Mancinelli, Sambuci, Taschini, Gallegos, Pa-

stori, Rinaldo, Halluli, Geronzi, Prota, Casella, Arena. Nuova Sorianese: Buratti, Poli, Pizzi, Fonse, Buffetti, Rapiti, Giordano, Battistoni, Ciapetti, Perazza, Flauto, Mariu, Pazienza, Ferri, Zibelia, Marinelli, Meconi, All. Del Gnuto. Arbitro: Alessio Maurizi della sezione di Viterbo Marcatori: s.t. 14’ Geronzi, 27’Giapetti.s.t. 15’ Giapetti, 20’ Hallulli, 27’ e 31’ Flauto, 34’ Rinaldo Primo tempo di sostanziale equilibrio, con Geronzi che apre le marcature al 14’ per la Virtus Pilastro: lancio in profondità di Hallulli e conclusione dell’attaccante che mette in rete con Buratti in uscita. Ospiti che cercano il pareggio e lo ottengono al 27’, quando una conclusione non trattenuta da Pellegrini, viene ribadita in rete da Ciapetti. Nella ripresa ospiti più determinati vanno in vantaggio su errore difensivo con ancora Ciapetti, che con un pallonetto supera Pellegrini, ma poco dopo ci pensa capitan Hallulli, con una prestigiosa azione personale, a rimettere le cose a posto, e superati due avversari, batte imparabilmente il portiere ospite. Ma le emozioni non sono �nite, con una doppietta di Flauto, che al 27’ e 30’ sembra chiudere i giochi. Gli ospiti si sentono al sicuro e allentano il ritmo, e vengono puniti allo scadere da Rinaldo. Forcing �nale nei minuti di recupero, e palla del pareggio sui piedi di Geronzi che, poco dentro l’area, batte a rete ma questa

La Formazione Allievi della Virtus Pilastro

volta Buratti si oppone e slava la vittoria della propria squadra. JUNIORES: OK LA VIRTUS PILASTRO CONTRO L’ETRUSCA Ritorna al successo la Virtus Pilastro, dopo lo scivolone casalingo con il Caprinica, e lo fa ai danni di una dismessa Etrusca. Per i rionali l’unico pericolo è il forte vento che condiziona tutto il match, impedendo di fatto qualsiasi giocata. Partita quindi poco piacevole dove i viterbese operano costantemente nella metà campo avversaria, ma di fatto Conesta non corre grossi pericoli. La partita si blocca nella ripresa, quando Caciola sfrutta a dovere il vento a proprio favore e su punizione mette a segno il goal del vantaggio. A questo punto i padroni si fanno più intraprendenti ma si scoprono alle ripartenze della Virtus Pilastro che raddoppia con Tardani, che, partito in sospetta posizione di fuorigioco, evita l’uscita di Conesta e mette i rete. Vibrate proteste della panchina di casa, ma arbitro irremovibile. Poco dopo situazione analoga, questa volta è Ante a sfuggire sulla destra, anche questa volta in posizione dubbia, ma la conclusione dell’esterno è neutralizzata dal portiere. Ancora proteste dalla panchina, con conseguente espulsione di un dirigente. Etrusca che non riesce ad impensierire gli ospiti e capitola de�nitivamente al 38’ quando Persi mette a segno la terza rete. Quindi tre punti incassati, più sofferti del previsto, soprattutto per le condizioni meteo, ma una Etrusca troppo inferiore sul piano tecnico tattico, nulla ha potuto per evitare la scon�tta. ETRUSCA 0 VIRTUS PILASTRO 3 (p.t. 0 – 0) VIRTUS PILASTRO: Mecali, , Geronzi, Mazzarani, Calin, Pietrolungo, Caciola (cap), Miniucchi, Pompa, Tardani, Rempicci, Corradini, Mazzetti, Rossetti, Menicacci, Persi, Ante, Grecu. All. Bonelli Angelo ETRUSCA: Conesta, Bellocchio (cap), Selvi, Brizi L., Toni, Mignani, Brizi F, Bersaglia, Cesaretti, Selvi, Iaschi, Rocchi. Marcatori: s.t. 13’ Caciola, 25’, Tardani, 38’ Persi.


sport

SPORT

Viterbo & AltoLazio

Martedì 13 Marzo 2012

23

BASKET

Ilco Stella Azzurra e Belli Cgt olè Nel campionato femminile nulla da fare per la Defensor che dopo tre successi perde a Battipaglia

G

li approfondimenti del nostro sport dopo il weekend.

BASKET MASCHILE C1 SUCCESSO ESTERNO PER LA STELLA AZZURRA Due punti pesantissimi quelli conquistati sabato sera dalla Stella Azzurra sul difficile campo dell’Eurobasket, diretta concorrente dei viterbesi nella lotta per l’accesso ai playoff. EUROBASKET 69 ILCO STELLA 70 AZZURRA VT Eurobasket: Casale 25, Berardinelli 9, Karantakis 9, Polo 8, Pullazzi 8, Lucibello 6, Bogunovich 2, Staffieri 2, Etro, Liguori. Coach: Bongiorno Ilco Stella Azzurra Viterbo: Giganti 24, Toselli 21, Rogani 10, Baliva 4, Bizzarri 4, Cosentino 3, Billi 2, Innocenti 2, Cima, Pasquali. Coach: O. Orchi A. All.: A. Baleani Arbitri: S. Perrone e C. Luca di Catania Parziali: 16-17/ 24-21/ 19-12/ 10-20 Certamente a poco più di 5’ dalla

e soci, ma Toselli tiene a galla la squadra che va al riposo lungo sotto di 2 (38-40). Alla ripresa Pullazzi e Berardinelli allontanano i padroni di casa, Toselli mette ancora una bella conclusione, ma Casale insacca una tripla. La Stella sembra un po’ in affanno ed i tiratori romani ne approfittano e chiudono il terzo tempo sul 59-50. Al 33’ Eurobasket è ancora avanti di 9 punti, grazie ad una tripla di Casale e ad un canestro di Karantakis, ma il mix tra gli esperti Baliva, Giganti, Toselli ed i giovani Pasquali, Rogani e Billi realizza l’impresa. Giganti, Billi ed un gioco da tre punti di Toselli riportano la Stella a -4 (6662), ma Berardinelli sembra mettere il sigillo sulla gara con un altro tiro da oltre l’arco. Rogani si scatena e mette due canestri con libero supplementare e la Ilco è a -2 (67-69). Giganti impatta a 69 e sul fallo subìto sbaglia il libero, ma Staffieri sul rovesciamento di fronte sbaglia la bomba e sul rimbalzo Cosentino subisce fallo. Il lungo biancostellato ne mette uno dalla carità, ma sull’ultimo fallo non in bonus, ai romani rimangono tre secondi ed un punto di distacco che decreta la vittoria dei viterbesi. In campo è festa grande

Fasi di Gioco della Stella Azzurra fine nessuno avrebbe scommesso sulla vittoria degli ospiti. La Stella infatti, oltre che giunta a Roma senza Zena e Pasqualini, ancora infortunati, aveva perduto Bizzarri nel corso della gara per una botta alla caviglia, ed aveva subìto l’espulsione di Innocenti, fattosi cogliere in fallo di reazione. Ma il grande cuore della Stella, unito ad una prestazione superlativa di Giganti e a Rogani e Toselli in versione top, combatteva su ogni pallone e riusciva ad avere la meglio con un libero di Cosentino a 6’’ dall’ultima sirena. La gara era cominciata bene per i ragazzi di Orchi, che andavano subito 4-0 con Giganti ed Innocenti. Casale cominciava a martellare la retina e riportava i suoi in parità e tutta la prima frazione era un susseguirsi di sorpassi reciproci che vedevano la Stella avanti 17-16 dopo 10’. I biancoblu ripartivano meglio e Giganti ne metteva due di fila, anche con un gioco da tre. Toselli e Baliva allungavano sul +5, Lucibello e Casale riavvicinavano i romani, ma sempre Toselli segnava altri 4 punti e manteneva avanti la Ilco. Sul 30-29 per gli ospiti però arriva la prima svolta della partita: Innocenti va in penetrazione e secondo l’arbitro commette sfondamento. Il play viterbese reagisce malamente e dopo un tecnico viene espulso. La Stella va in confusione per un paio di minuti e si fa superare da Casale

per una vittoria importantissima, difficile, ma voluta e raggiunta grazie a tanta volontà, grinta e gioco di squadra. Un plauso particolare ad un grandissimo Giganti, ben sostenuto da Toselli e Baliva, ma anche da tre validissimi giovani come Rogani (veramente bella la sua partita), Pasquali e Billi. Ottima la lettura della gara da parte della panchina viterbese. Ora la Stella, approfittando del prossimo turno di stop del campionato, sarà sabato prossimo a Roma contro la temibilissima Luiss, per il primo dei due recuperi ancora da disputare. Oggi in campo BASKET DONNE A2 KO PER LA DEFENSOR A BATTIPAGLIA Si chiude a tre la striscia di successi consecutivi della Defensor, battuta dalla Solar Energy Battipaglia nel recupero della gara valida per il quarto turno di ritorno del campionato di serie A2. SOLAR E. BATTIPAGLIA 63 DEFENSOR VITERBO 48 Si chiude a tre la striscia di successi consecutivi della Defensor, battuta dalla Solar Energy Battipaglia nel recupero della gara valida per il quarto turno di ritorno del campionato di serie A2.

Questa sera nuovo impegno per la Belli sul campo della V. Preneste Battipaglia: Di Battista 7 (2/ 6,1/1), Pieropan 16 (3/10,1/5), Di Cunzolo, Granieri 15 (5/11,1/6), Riccardi 12 (4/10,1/2), De Pasquale 2 (1/2,0/3), Chiarella ne, Moscariello 9 (3/7,1/2), Rejchova 2 (1/3), Petrania ne. All. Orlando Defensor: Gasbarri ne, Seralessandri ne, Boi 3 (0/6,0/1), Yordanova 11 (3/8,1/7), Romagnoli 7 (3/5,0/1), Richter 12 (6/13,0/2), Narcisi 3 (0/1,1/2), Serafini, Scimitani 12 (6/20), Spirito (0/3 da due). All. Scaramuccia Arbitri: Borrelli e Perrone Note: Battipaglia 10/17, Defensor 6/9. Rimbalzi Battipaglia 49 (Riccardi 16), Defensor 49 (Scimitani 16). Parziali 10’ (14-10), 20’ (32-24), 30’ (45-30). Nessuna uscita per 5 falli Si chiude a tre la striscia di successi consecutivi della Defensor, battuta dalla Solar Energy Battipaglia nel recupero della gara valida per il quarto turno di ritorno del campionato di serie A2. La formazione gialloblù si ferma contro un’avversaria quotata, pronta per disputare i playoff, al termine di un incontro in cui i parziali vedono sempre il team di casa condurre nel punteggio. La Defensor, pur riuscendo a fare match pari con la Solar Energy alla voce rimbalzi, con Scimitani e Richter in doppia cifra, paga a caro prezzo una serata di scarsa vena offensiva in cui il passo indietro rispetto alle precedenti uscite è evidente. L’incontro resta comunque in sostanziale equilibrio fino alla sirena di metà partita, con Battipaglia avanti di otto lunghezze ma anche con la difesa gialloblù che riesce a controllare bene alcune delle giocatrici più pericolose. Lo strappo deciso delle campane arriva nella terza frazione, in cui la Defensor sbaglia troppe conclusioni facili e non trova la fluidità offensiva che servirebbe per recuperare il distacco. Il -15 sulla sirena del 30’ è impossibile da rimontare nei dieci minuti conclusivi, in cui le viterbesi fanno match pari (18-18) ma non trovano il modo di rimettere in discussione il successo. La squadra di Carlo Scaramuccia tornerà in campo sabato prossimo, ancora una volta a Battipaglia per

La Belli CGT sfidare la Carpedil; si tratterà di uno scontro diretto determinante per la zona playout, che vede la Defensor impegnata a cercare la migliore posizione possibile per giocarsi la permanenza in serie A2. BASKET MASCHILE C2 LARGO SUCCESSO PER LA BELLI CGT La Belli CGT supera brillantemente anche l’esame Pamphili e si conferma leader incontrastata della classifica nel girone A di serie C regionale. PAMPHILI WORLD 55 BELLI CGT VT 75 Pamphili: Gavassutti, Stefanucci 3, Tavelli 8, Irish 7, Ciancone A. 13, Rossi Mori ne, Ciancone M. 6, Monni 4, Santoro 7, Benini 7. All: Codecà Belli CGT: Bitetto 1, Ottaviani 13, Mariani 21, Dragojevic 10, Mulé 5, De Martino, Caiazza 13, Tola, Pazzaglia, La Torre 12. All: Cipriani Arbitri: Angeloni di Lariano e Roberti di Roma Note: Tiri liberi Pamphili 14/18, Belli CGT 18/25. Parziali primo quarto 12-20, secondo quarto 2534, terzo quarto 40-49 Il quintetto neroarancio, privo di Peroni e con altri giocatori non al meglio dopo una settimana con qualche acciacco, si rende protagonista di una splendida prova di forza di fronte ad un’avversaria tra le più quotate del campionato, impegnata ad inseguire punti pesanti per la qualificazione ai playoff e scesa in campo al gran completo.

Il gruppo guidato da coach Fausto Cipriani imposta subito la partita su una difesa forte e su una buona distribuzione delle responsabilità in attacco; Viterbo parte meglio con Mariani e Dragojevic ma la risposta dei romani è immediata ed affidata a Benini e Santoro. Il primo strappo significativo coincide con un 9-0 dei neroarancio in cui mettono la firma Ottaviani, Mariani e Caiazza, tutti da oltre l’arco dei 6,75. Le loro triple propiziano il +8 esterno (9-17) ma la partita è ancora lunga e Pamphili ricorre alla zona per cercare di minare le sicurezze offensive della Belli CGT. L’ingresso dalla panchina di La Torre ha un impatto immediato, il pivot schiaccia il pallone dell’11-19 ed il margine resta invariato anche alla prima sirena dopo un libero di Caiazza. L’importanza di La Torre si avverte soprattutto in difesa, con Pamphili che fa fatica ad avvicinarsi all’area pitturata, e il team neroarancio continua a condurre nel punteggio nonostante l’ingresso in campo di Tavelli che garantisce un buon contributo al tecnico di casa Stefania Codecà. L’attacco viterbese trova punti da La Torre, dal solito Mariani con una tripla, da Caiazza (anche lui con un tiro da tre) e da Dragojevic, tanto che al riposo la formazione del presidente Marini è avanti di nove punti. Il terzo periodo, come il secondo, scorre via in perfetto equilibrio (il parziale sarà infatti 15-15), Dragojevic è puntuale nel trovare la via del canestro e al resto ci pensa capitan Ottaviani con sei punti di fila che lanciano addirittura la Belli CGT sul +13 (32-45); Pamphili si riavvicina con Ciancone A ma Viterbo non si scompone, tine bene in diLa Defensor

fesa e impedisce alla squadra di casa di ridurre il divario oltre i 9 punti. Nell’ultimo periodo i neroarancio, sempre dominatori dei rimbalzi sotto i due tabelloni, hanno la pazienza giusta pera attaccare, Mariani è implacabile, Ottaviani e La Torre sono inarrestabili e così arriva l’allungo decisivo (42-60). E’ in pratica la fine del match, perché Pamphili si disunisce, commette molti falli in difesa e la Belli CGT torna precisa in lunetta, dove invece aveva avuto qualche errore di troppo nel corso del match. Caiazza e Mulé tengono a distanza i romani e i titoli di coda arrivano con un’altra schiacciata poderosa di La Torre che sta crescendo sia sul piano fisico che dell’intesa con i compagni e sta già dimostrando di essere un fattore. La squadra di Cipriani tornerà in campo già martedì sera nel recupero del match esterno contro la Virtus Praeneste, altra gara molto impegnativa per avvicinarsi al primo posto matematico del girone. Oggi in campo - E olo tre giorni dopo aver espugnato il difficilissimo campo del Pamphili, la Belli CGT è nuovamente chiamata in questo martedì ad affrontare una trasferta molto insidiosa, recuperando così l’ultima gara rimasta in sospeso a causa del maltempo che aveva colpito la regione nel mese di febbraio e valida per la quinta di ritorno. Il quintetto neroarancio dovrà infatti sfidare fuori casa la Virtus Preeneste, terza forza del campionato in coabitazione proprio con il Pamphili; una posizione raggiunta anche grazie al netto successo casalingo di sabato contro la Fox in quello che era un autentico scontro diretto per la zona playoff. Le cifre promuovono il quintetto di coach Macchi che ha il miglior attacco dell’intero girone (75,6 punti a partita) e una difesa che concede 66 punti agli avversari. Si tratta di un gruppo con molti giovani di talento e con elementi che viaggiano stabilmente oltre la doppia cifra media come Coluzzi e Baroni, entrambi vicini ai 12 punti a partita. La società può inoltre contare su alcuni giocatori in doppio tesseramento con il Palestrina che milita in Divisione Nazionale B, tra cui Omoregie che, essendo squalificato per la gara contro Giugliano, è stato aggregato alla formazione che ha affrontato e sconfitto la Fox, contribuendo con 26 punti e una presenza costante sotto i tabelloni.

Squadre in campo oggi alle 20,30, arbitri Zaccari e Valentini di Ferentino-


ORIENTAMENTO 2012 A.A. 2012 - 2013 Lauree Triennali

OPEN DAY 14 marzo 2012 Ore 9.00 -13.00

I Docenti dell’Ateneo incontrano presso i dipartimenti gli studenti delle Scuole Secondarie Superiori:

centro stampa d’Ateneo

�������������������������������������� dei servizi agli studenti ��������������� Per partecipare: compila il modulo di adesione che trovi sul sito www.unitus.it ����������������������������������������������������������������������������������������� e mail capuani@unitus.it - rocchimr@unitus.it

infoperme@unitus.it - www.unitus.it


L'Opinione di Viterbo - 13.03.2012