Issuu on Google+

����������

p

������������������������������������������������������������� �������������� ���������� �������������������������� �������������������

���������������������MARTEDÌ 6 MARZO 2012

Anno III N. 51 - Euro 1,00 �����������������������

���������������������������������������� Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO

Attualità

Regione

Il successo di “Gustandolio”, l’evento dedicato ai Dop della Tuscia Servizio

L’assessore Buontempo interviene su abusi e morosità negli alloggi Ater

Cronaca

Maxi arresto “furti”, i Carabinieri mettono le manette a sette rom Servizio

Servizio

a pagina 6

a pagina 4

a pagina 9

Sequestrati tre quintali di derrate destinate alla ristorazione viterbese

Alimenti cinesi con etichette contraffatte Ridotti a fare i “panini”

di Viviana Tartaglini Caro direttore Evandro Ceccarelli, Le scriviamo in risposta all’editoriale pubblicato ieri sul Suo quotidiano. Ci tengo a precisare che come è nostra consuetudine, a meno che non ci vengano chieste retti�che o precisazioni, non siamo avvezzi alle chiacchiere, né tantomeno ai botta e risposta a suon di giornalate. Questa nostra politica la adottiamo perché riteniamo che chi sente la necessità di difendere la propria posizione attraverso il proprio organo di divulgazione, non ha probabilmente nient’altro a supporto di ciò che dice. Le ricordo infatti che, quando il Suo giornale si è avvalso dell’”ignobile” contributo del Grande Fratello per pubblicare conversazioni e fatti avvenuti all’interno della nostra redazione (ricevuti fra l’altro da ex dipendenti del nostro quotidiano che li hanno acquisiti in maniera illecita registrando di nascosto il contenuto di assemblee e riunioni redazionali), noi non ci siamo sentiti in dovere di replicare. Qualche precisazione è però legittima e necessaria. In primo luogo, a proposito del Grande Fratello di cui sopra, del quale Lei mi ha dato spunto e ispirazione a citare, Le vorrei far presente che Le do perfettamente ragione: ognuno è libero e padrone di frequentare chi vuole, senza ombra di dubbio ed aggiungo che nessuno è tenuto a dare spiegazioni delle proprie conversazioni telefoniche e non. Cosa diversa è, se tali conversazioni rientrano in inchieste giudiziarie e un organo di stampa che ne entra in possesso, reputa che rappresenti una notizia da divulgare. Come Lei mi insegna, ogni giornalista è libero di valutare cosa possa essere o meno di interesse pubblico. Per questo esiste anche la stampa scandalistica, il gossip e via dicendo, il tutto tutelato da quella libertà di stampa che Lei stesso cita. Io mi fermerei qui, anche se personalmente forse avrei molto altro da dire, ma come già precisato, questa sarà l’unica risposta del nostro quotidiano, anche perché a fronte di tutto il materiale che andremo a pubblicare (dello stesso tenore di quello già pubblicato), parleranno i documenti al nostro posto. Un’ultima cosa. Mi viene in mente un’iniziativa editoriale per Lei e molti dei Suoi colleghi: dato che da qualche giorno tra le 10 domande alla Procura e gli editoriali sembra che abbiate intrapreso una linea, non semplicemente comune, bensì identica, non avete pensato di ottimizzare i costi ed uscire tutti insieme in panino? Anche perché per elaborare l’undicesima domanda “del menga”, credo non serva un grande impiego di personale! Il resto, credo, sia demagogia, sterili polemiche e inutili ripicche... Giusto?

C

Gli avvocati di Selvaggini rinunciano al mandato Gli avvocati Riccardo Micci e Serena Celestini del Foro di Viterbo difensori di Ferdinando Selvaggini, coinvolto nella nota vicenda della Asl di Viterbo unitamente a Giuseppe Antonio Maria Aloisio, Mauro Paoloni ed altri, avrebbero rinunciato al loro mandato. La vicenda della Asl viterbese dopo tre anni è ancora al Ferdinando Selvaggini centro dell'attenzione dell'opinione pubblica locale. In questi giorni la Procura avrebbe depositato gli atti di chiusura dell'inchiesta. Ieri mattina pare che i due legali abbiano depositato la rinuncia al mandato presso la cancelleria della Procura del Tribunale di Viterbo.

Servizio a pagina 20

di Mario Migneco a pagina 3

TARQUINIA

Marzo è il mese della piscina di Daniele Girardi a pagina 11

ACQUAPENDENTE

Ospedale, ancora una farsa? di Fulvio Medici a pagina 12

VETRALLA

Sel: “Riduciamo Sulla morte di Massimo Dolciami l’ombra del traffico di rifiuti? le spese militari” Cronaca

L’imprenditore umbro era coinvolto nell’inchiesta sul traf�co di ri�uti pericolosi partita nell’aprile del 2009 da Civita Castellana. Venne infatti trovata nelle vicinanze del paese una discarica nella quale erano state smaltite circa cento tonnellate di ri�uti pericolosi. Nella vicenda furono coinvolti anche il titolare della Ecoservice di Civita, Leonello Di Giovenale, uno dei suoi collaboratori, Stefano Riganelli e l’addetto alla pesatura dei materiali, Samuele Valeriani. Servizio a pagina 4

SPORT - Cronache ed eventi della provincia

Calcio D Viterbese un successo di speranza

Erano destinati ai ristoranti di Viterbo, Orvieto e Roma i tre quintali di alimenti cinesi sequestrati dalla forestale di Montepulciano. Stipati nella cella frigorifera di un camion i prodotti erano in uno stato di conservazione irregolare. La temperatura nella cella era infatti di 13 gradi quando la legge ne prevede -18. Surgelati a lunga conservazione, tra i quali 30 chili di bastoncini di granchio, 84 chili di petto di pollo, 18 chili di gamberoni indonesiani, 12,5 chili di patate, 8 chili di tubi di totano, 39 chili di anatra e 90,8 chili di gamberetti dell’Ecuador. Gli agenti, una volta aperto il portellone dell’autoarticolato hanno immediatamente notato sia una temperatura eccessivamente alta che la compresenza di alimenti non surgelati. Si tratta di una modalità di trasporto vietata dalle norme del settore. E’ stato quindi chiamato il personale della Asl che ha accertato altri illeciti.

Eccellenza Spettacolo Montefiascone con l’ex regina Servizio a pagina 20-21

Redazione via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo Centralino 0761.346807 Fax 0761.1705337 Email: redazione@opinioneviterbo.it

Servizio a pagina 14

TUSCANIA

Cimitero, polemiche sul parcheggio di Valeria Sebastiani a pagina 12


Martedì 6 Marzo 2012

cronaca

Viterbo & AltoLazio

3

E’ stata la forestale di Montepulciano a scoprire il carico di prodotti con etichette alterate e trasportati in modo irregolare

Sequestrati tre quintali di alimenti cinesi destinati ai ristoranti di Viterbo e Orvieto di MARIO MIGNECO

E

rano destinati ai ristoranti di Viterbo, Orvieto e Roma i tre quintali di alimenti cinesi sequestrati dalla forestale di Montepulciano. Stipati nella cella frigorifera di un camion i prodotti erano in uno stato di conservazione irregolare. La temperatura nella cella era infatti di 13 gradi quando la legge ne prevede -18. Surgelati a lunga conservazione, tra i quali 30 chili di bastoncini di granchio, 84 chili di petto di pollo, 18 chili di gamberoni indonesiani, 12,5 chili di patate, 8 chili di tubi di totano, 39 chili di anatra e 90,8 chili di gamberetti dell ’ E c u a d o r. Gli agenti, una volta aperto il portellone dell’autoarticolato hanno immediatamente notato sia una temperatura eccessivamente alta che la compresenza di alimenti non surgelati. Si tratta di una modalità di trasporto vietata dalle norme del settore. E’ stato quindi chiamato il personale della Asl che ha accertato altri illeciti. Gli alimenti ad una prima visione presentavano vistosi segni di

scongelamento. Dai documenti di trasporto è risultato che il viaggio dell’autotrasportatore era iniziato addirittura il giorno precedente. A spedire la merce un’impresa con sede a Milano, specializzata anche nell’importazione diretta dalla Cina. Anche l’etichettatura era stata alterata in modo tale da innalzare la data di scadenza e modi�care l’area di provenienza dei cibi. L’operazione ha portato al sequestro e distruzione di tutta la merce. Inoltre è stata contestata anche una sanzione amministrativa da più 7000 euro a carico della ditta milanese e dei trasportatori. Una truffa alimentare a tutti gli effetti. Quei viveri erano destinati ad alcuni ristoratori della Città dei Papi e della vicina Orvieto, un’ evenienza che di per sé getta un’ombra su ciò che i ristoranti cinesi e gli altri fanno mangiare alla gente. Se quella di utilizzare prodotti alterati e senza tracciabilità, senza date di scadenza certi�cate, senza nessuna informazione sulle aree di provenienza fosse una normale prassi allora le autorità dovrebbero incominciare a fare controlli a tappeto e a san-

Gamberoni, petti di pollo, anatre, totani, patate e gamberetti i generi sequestrati

Offerte di Lavoro MAGAZZINIERI, SEGRETERIA, ADDETTI ALLA VENDITA MAGAZZINO CARTACEO A VITERBO RICERCA 3 AMBOSESSI DA INSERIRE COME INSERIMENTO DATI,GESTIONE PRATICHE E DUE ADDETTI AL PUBBLICO, ANCHE PRIMA ESPERIENZA. SOLO TEMPO PIENO. PER COLLOQUIO TEL. 0761/253159 ______________________________ VENDITORE AUTO Concessionaria auto di Viterbo cerca 1 venditore di età minima 20 anni, con conoscenze informatiche e patente di guida. E’ gradita l’esperienza lavorativa nel profilo richiesto. Si offre contratto Enasarco. Riferimento: 3034/B Data annuncio: 29/02/2012 Richiesta: 1 VENDITORE AUTO Settore: Concessionaria auto Sede lavoro: Viterbo Contratto: Lav. Autonomo Titolo di studio: licenza media Requisiti: Età minima 20 anni, conoscenze informatiche, patente di guida. Si richiede disponibilità ad aprire partita Iva. AIUTO PARRUCCHIERA Attività commerciale- parrucchiera donna- cerca 1 aiuto parrucchiera. La candidata si occuperà di supportare la titolare nel fare schampo e tinture. Riferimento: 3276/T Data annuncio: 24/02/2012 Richiesta: 1 AIUTO PARRUCCHIERA Settore: Parruccheria Sede lavoro: Tarquinia Contratto: Contratto apprendistato Titolo di studio: indifferente Requisiti: Residenti in Tarquinia o paesi limitrofi entro i 30Km e non oltre. Patentati e automuniti. Si richiede esperienza nel settore specifico. Tempo determinato pieno con orari distribuiti nell’arco della giornata. PER EVENTUALI CANDIDATURE: Tel. 0761.353252 - 353267 - Fax: 0761.271279 Indirizzo e-mail: lavoro.domanda.offerta@provincia.vt.it

zione chi venisse trovato fuori norma. Il fenomeno è in continua crescita, solo nel 2011 le frodi alimentari hanno tolto ai produttori onesti un giro d’affari di circa 13 miliari di euro. Soldi, secondo il rapporto �niti nelle casse delle organizzazioni criminali. Il made in Italy è sotto lo scacco di un altro fenomeno dalle proporzioni ancora maggiori: prodotti che nel nome ricordano le nostre eccellenze realizzati e venduti da aziende estere. Il fatturato di questi falsi è di 60 miliardi di euro all’anni. Parmigiano Reggiano e Grana Padano

sono tra i più copiati nel mondo con il Parmesan diffuso dagli Stati Uniti al Canada, dall’Australia �no al Giappone, ma in vendita c’è anche il Parmesao in Brasile, il Regianito in Argentina, Parmesano in tutto il Sud America, ma anche Pamesello in Belgio o Parmezan in Romania. Secondo Coldiretti, “il rischio reale è che si radichi nelle tavole internazionali un falso ‘made in Italy’ che toglie spazio di mercato a quello autentico e banalizza le specialità nostrane frutto di tecniche, tradizioni e territori unici e inimitabili”.

Salvadanai per Noemi, la precisazione di Semi di Pace D

Cibi cinesi sequestrati dalla forestale

opo il nostro articolo di domenica, in cui chiedevamo all’as- richiede tempo perché è portata avanti solo da mamme volontarie sociazione Semi di Pace di Tarquinia il perché in molti esercizi ed è stata particolarmente condizionata, nella città di Viterbo, commerciali della città fossero ancora presenti dei salvadanai per dalle abbondanti nevicate che hanno reso impraticabili le straraccogliere offerte per far operare Noemi, in quanto la cifra era da de. I contenitori si stanno ritirando e vengono sostituiti con altri tempo già stata raggiunta, �nalizzati a sostenere il l’associazione ha provveProgetto Luce per conduto a precisare quanto trastare il progredire segue. della cecità nei bambini “La somma necessaria, e negli adulti in Burundi indicata �n dall’inizio per e nella Repubblica Deassicurare l’intervento chimocratica del Congo. rurgico e le cure negli Stati Come già dichiarato, Uniti alla piccola Noemi e costantemente, la somcioè 380.000 euro, è stata ma che rimarrà, dopo superata. Il raggiungimento l’intervento chirurgico, di questo obiettivo è stato che vista la delicatezza possibile grazie al concorso richiede un margine di Amministrazioni comueconomico di sicurezza, nali, enti, bambini, ragazzi sarà utilizzata interae insegnanti di ogni ordine mente per favorire la e grado, ospedali, parrocricerca sulla speci�ca e chie, associazioni culturali, rara patologia che ha sportive, artistiche e umainteressato la piccola nitarie, Pro Loco, bande Noemi. Si sottolinea, Uno dei salvadanai ancora esposti musicali, coro, artisti, inoltre, che Semi di categorie di professionisti, Pace non trattiene alcantanti, teatri, musicisti, cuna percentuale sulla case di riposo per anziani, gruppi, movimenti, Forze dell’Ordine, raccolta di questi fondi”. Ci teniamo a precisare che nel nostro militari, dirigenti scolastici, detenuti, dirigenti di case di reclu- precedente articolo non era presente nessun riferimento in merito sione, giornalisti, comunità, famiglie, singoli, parenti, esercenti, a eventuali percentuali percepite dall’associazione, volevamo e, imprese, sindacati, partiti politici. I volontari dell’Associazione soprattutto lo volevano i cittadini, sapere la destinazione ultima hanno posizionato numerosi salvadanai nella città di Viterbo, nei delle offerte che si stanno (ancora) raccogliendo dentro oboli che comuni limitro�, a Tarquinia e a Civitavecchia, questa operazione raf�gurano (ancora) il viso della piccola Noemi”.


cronaca

4

Viterbo & AltoLazio

Martedì 6 marzo 2012

Il corpo di Massimo Dolciami è stato trovato carbonizzato, l’uomo era coinvolto in un’ inchiesta partita da Civita Castellana nel 2009

Traffico di rifiuti, morto un imprenditore di MARIO MIGNECO

D

oveva comparire davanti al giudice del tribunale di Civita Castellana tra pochi giorni perché coinvolto l’inchiesta sui ri�uti pericolosi portata avanti dai carabinieri del nucleo tutela ambientale civitonico. Il corpo di Massimo Dolciami, così si chiamava l’imprenditore umbro che ha posto �ne ai suoi giorni in maniera così tragica, infatti, è stato trovato carbonizzato mercoledì 29 febbraio nei pressi di Perugia all’interno della sua auto. Questa morte è e rimane un mistero. Sembra che l’imprenditore abbia compiuto l’insano gesto, a causa, almeno così sembra dalle prime indagini, di disagi sorti nella conduzione della sua attività lavorativa. L’inchiesta nella quale era coinvolto, denominata “Il signore degli inerti”, risale all’aprile del 2009 quando, in una discarica di Civita, vennero trovate circa cento tonnellate di ri�uti pericolosi. Ri�uti smaltiti illecitamente e scoperti, come detto sopra, dal reparto ope-

rativo dei carabinieri per la tutela dell’ambiente. Massimo Dolciami, titolare di una nota azienda di autotrasporti di Panicale (Pg) era �nito in manette per traf�co illecito di ri�uti e gestione non autorizzata di ri�uti, truffa e falso. Domenica pomeriggio a Tavernelle si sono svolti i funerali del poveretto ai quali ha partecipato una grande folla di parenti e amici che in questa maniera hanno voluto ricordare il loro caro. Il tragico fatto ha infatti destato forte e profondo scalpore in tutto il circondario in quanto Massimo Dolciami era particolarmente conosciuto e stimato. Nella vicenda furono coinvolti anche altre persone che successivamente furono posti agli arresti domiciliari su ordine del Giuidice per le indagini preliminari dottor Gaetano Mautone del Tribunale di Viterbo. Tra questi il titolare dell’azienda Ecoservice di Civita Castellana, Leonello Di Giovenale, Stefano Riganelli, un suo collaboratore e Samuele Valeriani, addetto alla pesatura dei materiali.

L’imprenditore umbro avrebbe cosparso di benzina e dato fuoco alla sua auto, un gesto folle per dire addio alla vita

Allarme furti nella Tuscia, i carabinieri dei comandi provinciali hanno sventato 4 nuovi colpi e arrestato 7 rom

S

La vettura dove si è tolto la vita Massimo Dolciami

I carabinieri di Monterosi hanno arrestato due noti spacciatori Li hanno arrestati mentre cedevano cocaina a dei consumatori del posto. Si tratta di due noti spacciatori, 45enne e un 30enne originari di Ronciglione, ai quali i carabinieri di Monterosi stavano dando la caccia da mesi. I due si trovavano sulla Cassia bis quando una pattuglia dell’Arma ha notato la loro vettura. I militari si sono quindi appostati e li hanno colti con le mani nel sacco Appena avvenuto lo scambio gli uomini del maresciallo Della Corte sono intervenuti mettendo le manette ai polsi dei noti pusher. Nella macchina altri 7 grammi di coca già suddivisi in buste pronte per lo spaccio al dettaglio. Gli arrestati sono stati trasferiti presso il Carcere di Rebibbia in attesa dell’interrogatorio di garanzia e dovranno rispondere del reato di detenzione ai �ni di spaccio di sostanza stupefacente.

In manette un romeno di 42 anni residente a Bagnaia

Maltratta figlia e moglie, arrestato

M

altrattamenti in famiglia e lesioni personali: con queste accuse è stato arrestato un 42enne romeno da anni residente a Bagnaia. Ad eseguire l’arresto i militari della compagnia di Viterbo e quelli della locale stazione comandati dal maresciallo Failla. Gli uomini del maresciallo Failla sono intervenuti alle prime ore del mattino per placare l’ira del soggetto che, all’interno

della propria abitazione, stava picchiando la moglie, connazionale di 40 anni e la figlia di soli 2 anni. Non è stato il primo intervento a casa del 42enne romeno. Già in passato, infatti, le forze dell’ordine erano dovute correre ai ripari per fermare queste esplosioni di violenza. Sul romeno pendeva un’altra denuncia per i continui pestaggi riser-

vati alla compagna e alla figlioletta. Questa volta invece la rabbia dello straniero è stata punita. Le due vittime sono state prontamente soccorse e trasportate con ambulanza all’ospedale Belcolle di Viterbo, dove i medici hanno riscontrato entrambe un trauma cranico e altre varie lesioni. Il 42enne si trova ora nelle camere di sicurezza della caserma, in attesa del giudizio.

Roma-Lazio al bar, tifoso da in escandescenze I

l secondo goal della squadra avversaria alla televisione: quanto basta per dare in escandescenza e colpire con un pugno un bicchiere di vetro, ferendosi la mano, e schizzare di sangue gli altri avventori del locale; la proprietaria del bar ha chiamato i carabinieri e lui ha continuato a tirare pugni sul bancone inveendo contro tutto e contro tutti, anche contro gli uomini dell’arma che lo hanno bloccato tentando di portarlo a casa per farlo calmare. E’ quanto è accaduto domenica in un bar (nella foto un locale) nel comune di Vejano durante il match Roma- Lazio, dove il 52enne è stato arrestato con l’accusa di resistenza a pubblico uf�ciale. Ieri mattina è stato processato per direttissima davanti al giudice Gaetano Mautone che ha disposto per l’uomo l’obbligo

di dimora. L’uf�ciale intervenuto sul posto ha raccontato che il 52enne è conosciuto in paese per gli eccessi d’ira, ma che domenica fosse particolarmente su

di giri per via dell’alcool. Mentre con l’aiuto dei colleghi lo ha fatto entrare nell’autovettura ha iniziato a prendere a testate il poggiatesta.

ette rom senza �ssa dimora e due viterbesi arrestati con l’accusa di furto aggravato. Tutti e nove sono stati processati ieri mattina per direttissima davanti al giudice Gaetano Mautone. I colpi, sventati dall’arrivo dei carabinieri che hanno colto i ladruncoli con le mani nel sacco, sono avvenuti tra Viterbo e i comuni limitro� tra sabato e la prima mattinata di ieri. Un pregiudicato del ’92 intorno a l’1.30 di domenica si è introdotto in un pani�cio di Tuscania, forzando la serratura dell’entrata secondaria. Risolutivo l’intervento dei carabinieri che perlustravano la zona, spesso presa di mira. Per il giovane è stata convalidata la misura cautelare in carcere, in attesa dell’udienza del prossimo 16 marzo. Stessa dinamica per due cugini, un trentaseienne ed un ventunenne che si sono introdotti in un’abitazione a Vetralla sabato pomeriggio intorno alle 16.30.Un anno, due mesi e 700 euro di multa per il primo, pena sospesa per il più giovane, incensurato. In quattro si sono introdotti

in un magazzino di materiale ferroso sulla Cassia Sud direzione Vetralla, hanno divelto la recinzione, raccolto alla rinfusa i pochi ferri vecchi trovati e, all’arrivo delle forze dell’ordine, hanno pensato di abbandonarli tra la vegetazione circostante. A denunciarli era stato un abitante del posto, insospettito dal furgone parcheggiato davanti la sua proprietà, a bordo del quale uno dei quattro ha affermato che si stesse riposando. I due ventiseienni, il ventitreenne e il ventunenne, che hanno dichiarato di avere i �gli malati e di voler fare rientro nel loro paese, sconteranno un anno e quattro mesi di carcere, oltre al pagamento di 400 euro di multa. Per �nire, alle prime ore di lunedì, intorno a l’1.30, due viterbesi sono stati fermati a bordo di un’ape di fronte ad un’azienda sulla Strada Teverina. Avevano appena rubato dei tondini di ferro preconfezionati. Uno dei due, con precedenti per furto, dovrà scontare dieci mesi di carcere e pagare 400 euro di multa. Per l’altro la pena è stata sospesa.


politica

Viterbo & AltoLazio

Martedì 6 Marzo 2012

5

Lega Federalista e Lega Nord lanciano un appello al governo italiano. La città tappezzata di volantini

Salviamo i nostri maro’ “

Non lasciamo soli i due Marò”, così Lega Federalista nel giorno in cui i giudici indiani hanno deciso il carcere per i due fucilieri del San Marco, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Dal 20 febbraio scorso i due militari italiani si trovavano in stato di fermo presso gli uffici della polizia locale. Ieri la decisione del tribunale indiano di trasferirli nella prigione centrale di Trivandrum. L’accusa è di aver ucciso, scambiandoli per pirati, due pescatori indiani. I due marò, in servizio di scorta antipirateria sulla petroliera italiana Enrica Lexia, sostengono di aver sparato in aria e in mare verso una imbarcazione so-

spetta, dopo che una nave aveva segnalato un attacco di pirati in zona. Proprio in questo giorno così difficile Lega Federalista ha fatto affiggere in città i manifesti con la foto dei due Marò e la scritta “Salviamo i nostri Marò”. Sotto il logo di Lega Federalista e Lega Nord, insieme nel chiedere un impegno serio del governo italiano sulla vicenda. “Siamo con questi due ragazzi italiani. Vanno riportati in Italia. Non esistono parole più appropriate per esprimersi su questa vicenda - così Umberto Fusco, coordinatore per la provincia di Viterbo di Lega Federalista - La mia lunga militanza all’interno delle forze armate non può

xxxxxxxxx xxxxxxxxxxx xxxxxxx xxxxxxxxxxx

Eletto con 99 preferenze contro le 29 della sua avversaria Cristiana Antonelli

Fabbrini è il nuovo President del Pd provinciale N

che farmi sentire vicino a quei due nostri ragazzi. A condividere questo mio stesso sentimento lo stesso Maurizio Pinna, Alfiero Spadoni, Giovanni Adami e Zefferino Di Prospero. Siamo con quei ragazzi. Ora in difficoltà per difendere il loro Paese. Non vanno lasciati soli”.

ella tarda serata di ieri, intorno alle 20: 30, Aldo Fabbrini con 99 voti di preferenza è stato eletto President del Partito Democratico della Provincia di Viterbo. A contendere la carica al neo eletto c’era Cristiana Antonelli che al termine dello spoglio ha potuto ascrivere a suo favore 29 presenze. La vittoria schiacciante di Aldo Fabbrini è stata sottolineata dallo stesso onorevole Giuseppe Fioroni il quale, parlando con un gruppo di amici ha espresso la sua soddisfazione per il risultato raggiunto. “Risultato - ha detto il parlamentare Pd - che non poteva non essere che questo, considerato che Aldo Fabbrini gode della

fiducia e della stima di tutto il popolo del Pd”. A conclusione della votazione anche Aldo Fabbrini ha voluto pubblicamente ringraziare i suoi sostenitori con parole di gratitudine e commozione. L’elezione di Fabbrini alla carica di President del Pd provinciale si inserisce in un’ottica più vasta tesa a rinnovare dalle radici tutta la struttura del partito per dare ad esso nuovi slanci e nuove prospettive per il futuro. Per l’onorevole Fioroni l’affermazione odierna è un altro tassello per la sua leadership e si aggiunge agli altri ottimi risultati raggiunti come il successo di Gasbarra alla segreteria regionale del partito.

Sui possibili rallentamenti al progetto interviene il presidente della Commissione Lavori Pubblici regionale

Nuova Cassia, per Gigli deve prevalere l’interesse generale N

on c’è una protesta come quella organizzata dai No Tav, ma certo è che sulla Super Cassia i veti iniziano a far paura. Paura che il progetto possa arenarsi. Prima le perplessità di alcuni Comuni, primo fra

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile Paolo GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Editore Cooperativa Editoriale Giornalisti Poligrafici amministratore unico Viviana TARTAGLINI

Iscrizione ROC n. 20469 Alessandro Giulietti Virgulti Simona Tenentini Valeria Sebastiani Emanuele Faraglia Viviana Tartaglini Fulvio Medici Andrea Di Palermo Michele Mari Giovanni Corona Mario Migneco Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) 0863.997451 - 06.55261737

Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Per la pubblicità

Coop. Editoriale Giornalisti Poligrafici TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 GRUPPO EDITORIALE STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

tutti Capranica, poi il secco no arrivato dalla Soprintendenza perché una parte del tracciato ricadrebbe su terreno sottoposto a vincolo paesaggistico, infine la Conferenza dei Servizi presso il Ministero d e l l e Infrastrutture cui hanno partecipato i sindaci dei paesi interessati. E dove ognuno ha proposto delle modifiche migliorative al progetto sulla base delle valutazioni di ciascuna amministrazione e delle osservazioni fatte dai

cittadini. Ebbene adesso anche il presidente della Commissione Lavori Pubblici in Regione Nando Gigli esprime il timore che il progetto sia rallentato dai numerosi ostacoli: “Mi auguro che le osservazioni dei Comuni e le riserve della Soprintendenza p o s s a n o e s s e r e superate. Il raddoppio della Cassia è di fondamentale importanza per il territorio e non ci si può fermare per assecondare interessi di singoli individui, l’interesse generale deve prevalere”.

“Il raddoppio della Cassia è fondamentale per il territorio. Il progetto non si può fermare”

Non a caso, proprio a ridosso delle polemiche e delle precisazioni giunte dalle varie amministrazioni, anche l’assessore regionale ai Lavori Pubblici Luca Malcotti si è affrettato a chiarire: “Non c’è nessun naufragio, il progetto del raddoppio della Cassia va avanti come previsto. La Regione Lazio ha già convocato le necessarie riunioni tecniche con i ministeri interessati. Si terrà conto, nei limiti del possibile, anche delle osservazioni dei Comuni. In ogni caso, come previsto, la Conferenza si chiuderà entro il 10 marzo e saremo pronti per il Cipe”. “Sarebbe una

Rodolfo “Nando” Gigli sciocchezza - ribadisce Gigli rimandare il progetto per consentire ulteriori modifiche al tracciato. Capisco che i sindaci debbano ascoltare

i propri concittadini, ma c’è anche ci sono anche responsabilità politico-istituzionali da rispettare. Non è possibile accontentare tutti”.

L’assessore alle Politiche Sociali Sabatini smentisce le voci su possibili rincari delle tariffe comunali

Le rette mensili degli asili nido non aumenteranno “

Nessun aumento delle rette mensili degli asili nido gestiti dal Comune di Viterbo”. A precisarlo e ribadirlo è l’assessore alle Politiche Sociali Daniele Sabatini, a seguito di dati pubblicati periodicamente da alcuni istituti di ricerca, movimenti di partecipazione civica e associazioni di consumatori che annunciano aumenti delle tariffe mai richiesti dall’amministrazione. “Le tariffe attualmente in vigore aggiunge l’assessore - definite in base al quoziente familiare, sono quelle approvate nel novembre del 2007”.

A tal proposito, si ricorda che le rette mensili, in base al quoziente familiare, sono così suddivise: euro 123,95 con un valore reddituale da zero a 5.164,57 e u r o a n n u i , 144,61 e u r o , per un quoziente da euro 5.164,57 a 7.746,86, 185,92 euro per famiglie con un indicatore reddituale compreso tra 7.746,86 e 10.329,14 euro

annui e, infine, 258,23 euro se il quoziente familiare supera i 10.329,14 annui. “Da allora - aggiunge l’assessore Sabatini sono rimaste invariate. Per questo ci tengo a rassicurare tutte le mamme e i papà che hanno affidato i loro figli alle nostre s t r u t t u r e . L’ a u m e n t o delle rette, in un momento e c o n o m i c a m e n t e difficile come questo, non rientra nei nostri programmi”.

“In un momento di crisi come quello attuale l’aumento delle rette non rientra nei nostri piani”


attualità

6

Pregevole iniziativa della Camera di Commercio che ha coinvolto ben quindici oleifici, cinque punti vendita e attirato decine e decine di visitatori di EMANUELE FARAGLIA

D

i iniziative del genere ce ne vorrebbero di più. É questo il primo pensiero scaturito dalla visita ai punti vendita che hanno aderito con entusiasmo a Gustandolio, una serie di degustazioni guidate dedicate agli oli Dop Tuscia e Dop Canino e ai prodotti tipici di qualità a marchio Tuscia Viterbese tenutesi sabato 25 febbraio e sabato 3 marzo. Presso la Bottega del Gusto Ejelo, il Magnamagna, TrediciGradi, il Subrosa ed il Symposium Vini è stato possibile apprezzare l’oro della Tuscia, i pregiati oli provenienti da Canino, Blera, Vetralla, Montefiascone, Tuscania, Bolsena e Viterbo accompagnati da dolci e prodotti tipici locali come formaggi ma anche vini la cui bontà - lasciatecelo dire - inorgogliscono pure noi. L’iniziativa è nata per promuovere gli olii e i prodotti locali facendoli conoscere ad un gruppo di camperisti e turisti provenienti dalle altre regioni che effettivamente, soprattutto nel secondo appunta-

Viterbo & AltoLazio

Martedì 6 Marzo 2012

Foto Andrea Di Palermo

A destra e in basso alcuni momenti delle degustazioni guidate

Gustandolio, un itinerario da leccarsi i baffi Tanti camperisti, ma pochi cittadini, alle degustazioni guidate dedicate agli oli Dop e ai prodotti tipici locali mento si sono presentati e hanno apprezzato le degustazioni, ovviamente gratuite, facendo tappa nei cinque punti vendita coinvolti. Dispiace non aver visto altrettanti cittadini viterbesi e della provincia, molti dei quali, forse, nemmeno sapevano dell’iniziativa. E dispiace perché chi scrive è convinto che molti non conoscano le ricchezze gastronomiche locali. Altrimenti, siamo certi, non mancherebbe sulle nostre tavole almeno una volta al giorno un formaggio di Cellere, un vino bolsenese o un olio di Blera, altro che prodotti esotici o stranieri. Vorrà dire che alla prossima edizione - perché

l’appuntamento è da ripetere - gli organizzatori faranno tesoro di questa prima volta e saranno più accorti. Concludiamo ricordando gli oleifici coinvolti: l’Oliveto Matarazzo, Gisella ed Elena Ascenzi (Viterbo), il Frantoio F.lli Paolocci, la Coop. Olivicoltori, la Coop. Cesare Battisti ed il Frantoio Tuscus (Vetralla), l’Oleificio Sociale (Tuscania), la Coop. Olivicola, l’Oleificio Sociale, il Cerrosughero, il Frantoio Archibusacci, il Frantoio Archibusacci F. & C. (Canino), il Frantoio Battaglini (Bolsena), i Colli Etruschi (Blera) e Sciuga (Montefiascone).


Martedì 6 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

attualità

7

IL CASO - In un’inchiesta di Affari Italiani spunta il nome di una società del capoluogo, la Viterbo Service

Prima le bollette pazze ora i contratti fantasma di SIMONA TENENTINI

N

on c’è pace per i consumatori. Prima vessati dalle bollette pazze sono ora ‘minacciati’ dai contratti fantasma, con i quali si introducono modi�che non autorizzate alle forniture per le utenze domestiche curate da un unico soggetto. Il procedimento è semplice: vi sono infatti sul mercato ditte specializzate, create ad hoc proprio per svolgere questo servizio: diffondere la cosiddetta “multiutility” che è già stata multata dall’Antitrust per comportamento scorretto. L’argomento viene sviluppato, in maniera estesa, in un’inchiesta condotta da Affari Italiani, nella quale fa capolino anche una ditta del capoluogo, la Viterbo Service. Ecco alcuni stralci signi�cativi del report. “Al centro della cronaca, da molti mesi, ci sono le “bollette pazze” (acqua+luce+gas). Un caso speciale è però quello delle fatturazioni incardinate nei “contratti del mercato libero” che vengono raccolti da società e cooperative incaricate dalla Holding capitolina Acea

SpA (quotata in borsa) e che permettono di fatturare con modalità molto diverse dal passato. Leggendo la bolletta della luce si scoprirà in alto la dicitura “Mercato Libero” per distinguerle da quelle usuali. Dai vertici Acea, insomma, sono stati ingaggiati plotoni di “ditte esterne” (Panacea srl, Eurocall srl, Recall srl, BM credit, Viterbo service, Holding at, Holding energetic service, Panzironi Stefano, etc.) con il compito di procacciare “nuovi contratti nel mercato libero”, attraverso azioni mirate... I contratti del “mercato libero” sono migliaia e in un certo senso anacronistici per le utenze domestiche, e spesso ottenuti – come accertato dalle Autorità di controllo- senza �rme e/o, peggio ancora, carpiti alla buona fede dei cittadini con modalità ingannevoli. Soprattutto “anziani” e soggetti meno abbienti in gravi dif�coltà, attratti dalla “promessa di grandi risparmi” in bolletta. Contratti che, al contrario, possono essere vantaggiosi per i grandi consumatori d’energia (supermercati, centri produttivi, grandi centri sportivi, pubbliche amministrazioni, etc.), che possono spuntare

condizioni favorevoli di fornitura dual-fuell (energia elettrica e gas), scegliendo nel tutto sommato ridotto parterre delle Società di distribuzione “effettive” presenti sul mercato. La nuda realtà è che da mesi migliaia di clienti/utenti domestici si ritrovano bollette esose e incomprensibili e protestano, chiedendo di rientrare nel “mercato tutelato” che garantisce la “tariffa stabile” decisa dall’Autorità dell’Energia, e malgrado abbiano contestato le super-fatture restano impigliati nei “nuovi contratti liberi” e sotto la minaccia di distacco della fornitura. ... Ancor peggio vanno le cose quando scoprono, con sorpresa, di far parte “del mercato libero” per la luce ed il gas e che la fattura è lievitata per questo. Per l’attivazione non richiesta al “mercato libero” della fornitura di energia elettrica e gas naturale, l’Antitrust ha indagato e sanzionato Acea Energia spa....Ma torniamo all’inchiesta di Affaritaliani.it e tentiamo di fare chiarezza sui contratti del mercato libero....Tramite le ditte esterne, è stato messo in campo un esercito, coordinato, da alme-

no 250 addetti, operanti sul territorio cittadino e di casa in casa nelle 20 circoscrizioni romane e non solo. Le domande che sorgono spontanee sono molte: le Società specializzata (scelte e autorizzate da Acea), sono veramente “esperte”? Qualcuno dei dipendenti ci marcia ? Quale controllo viene effettuato? E’ tutta colpa, come è stato detto, di fantomatici soggetti esterni all’Acea? ... Sicuramente, anche nel “mercato libero” i buchi del nuovo sistema informatico non aiutano gli utenti e visti i mancati incassi e i danni di immagine per l’azienda capitolina, ci sarà qualcuno che dovrà risponderne o no? Si dovrebbe indagare a fondo, visto che: circolano addetti che, grazie agli archivi di un milione e cinquecento mila utenze (il più grande d’Italia), all’investitura ottenuta e alla formazione impartita, agiscono per ottenere il “massimo numero di contratti” a cui corrisponde un “pagamento” per ogni utente conquistato tra i 60-70 euro a contratto (incasso di circa 2milioni di euro in un anno e mezzo) e che peraltro risulta che alcune dit-

te annoverano tra i loro clienti delle aziende concorrenti nel comparto Energia. Aspetto, quest’ultimo, non di poco conto per le gravi implicazioni che comporta, su cui qualcuno a piazzale Ostiense ne è certamente responsabile. I vertici della società romana vanno avanti come se niente fosse e hanno assunto per�no un Direttore Generale e un nuovo Capo del Personale (Paolo Gallo e Paolo Zangril-

lo) ben pagati (nonostante la crisi) per rimettere in carreggiata la multi utility romana, ma cittadini e dipendenti si rendono conto che la situazione è infernale. A ottobre 2011, ricordiamo, che il Presidente e l’Amministratore delegato della “corazzata Acea SpA” spergiurarono che entro la �ne dell’anno sarebbe stato tutto sistemato. Forse, invece, la situazione é peggiorata.”


Martedì 6 Marzo 2012

regione

Viterbo & AltoLazio

9

Alloggi Ater, Buontempo: “contro abusi e morosità intervenga la Guardia di Finanza”

Nel Lazio è urgente affrontare il problema di coloro che vivono in un alloggio di proprietà dell’Ater pur avendo la disponibilità di un reddito superiore a quello previsto per usufruire della casa popolare. Non escludo, al riguardo, di ricorrere alla Guardia di Finanza per fare chiarezza sul modo in cui si utilizza il patrimonio immobiliare pubblico, che deve servire esclusivamente per affrontare il dramma dell’emergenza abitativa e per fornire il necessario sostegno

ai cittadini più bisognosi. E’ questo il vero compito delle Ater”. Lo ha detto l’assessore alle Politiche per la casa della Regione Lazio, Teodoro Buontempo, a margine del consiglio di amministrazione dell’Ater di Frosinone. “Le Ater – ha spiegato Buontempo – devono poi impegnarsi concretamente per abbattere la morosità, che sta raggiungendo livelli ormai insopportabili; devono concludere la vendita degli appartamenti inseriti nei vecchi

piani, anche per elaborarne di nuovi più corrispondenti alle esigenti attuali; devono avviare una razionalizzazione dell’uso dei locali commerciali, per renderli disponibili, attraverso un bando, anche alle associazioni senza scopo di lucro. Occorre, inoltre, una gestione più oculata del patrimonio immobiliare attualmente esistente, per valorizzarlo e contribuire con iniziative responsabili ad assicurare l’assistenza abitativa sull’intero territorio regionale”.

“L’assessorato regionale alle Politiche per la casa – ha aggiunto in�ne Buontempo – proporrà all’approvazione della Giunta la modi�ca del regolamento relativo alla graduatoria per accedere all’assegnazione dell’alloggio popolare. E’ impensabile che chi, dopo tanto tempo, ottiene l’alloggio abbia la possibilità di rinunciarvi per una mera questione di gradimento, rimanendo nonostante tutto in graduatoria e danneggiando, così, gli altri aventi diritto”.

Un convegno organizzato dalla Consulta Regionale Femminile in occasione dell’iniziativa europea

“L’Europa è per le donne” Sofferenti psichici: Parroncini chiede un incontro subito

Ormai è passato un mese, ma la data dell’incontro ancora non c’è e nessuno si è più degnato di far sapere qualcosa”. Associazione familiari e sostenitori sofferenti psichici della Tuscia: il consigliere regionale del Pd, Giuseppe Parroncini, ha scritto al presidente della Regione Lazio Renata Polverini af�nché venga al più presto rispettato l’impegno preso in Prefettura a Viterbo di ricevere l’Afesopsit a Roma, e alla presidente della commissione Sanità Alessandra Mandarelli per convocare una seduta in cui discutere del problema. “Le scorse settimane – dice Parroncini – sono state caratterizzate da una forte mobilitazione sociale e associativa volta a denunciare lo stato di crescente inef�cienza, debolezza e depotenziamento del sistema di assistenza e cura relativo alle patologie psichiatriche. Una situazione divenuta insostenibile a cau-

sa della mancanza di operatori, come medici e psicologi, e per effetto di una politica aziendale che ha disarticolato la rete di assistenza sul territorio”. Il lungo sit-in di protesta davanti alla Prefettura era culminato con l’impegno della Regione di ricevere l’associazione. “L’incontro era stato �ssato per il 7 febbraio, ma poi è stato disdetto a causa del maltempo. E’ trascorso ormai un mese e non se ne è saputo più nulla. Affrontare e risolvere i problemi dei sofferenti psichici è una questione di civiltà, non si può non mantenere la parola data. La Polverini �ssi dunque nuovamente una data in tempi rapidi”. Parroncini ha inoltre chiesto alla Mandarelli di convocare sul tema anche una seduta della commissione Sanità. “Sarebbe un pro�cuo contributo in termini di ascolto, approfondimento ed indirizzo della questione in esame”.

O

rganizzato dalla Consulta regionale femminile e le pari opportunità del Lazio, presieduto da Donatina Persichetti, si è tenuto giovedì 1 marzo scorso a Roma, nella Sala delle Bandiere in via IV Novembre, il convegno: “I Lavori e le pensioni delle donne: quale futuro?”. La prima sessione è stata interessata dal tema: “I Lavori delle donne per il futuro del Lazio”. Dopo i saluti istituzionali di Clara Albani, Capo dell’uf�cio d’informazione in Italia

del parlamento Europeo, i lavori sono stati introdotti di Donatina Persichetti, presidente della Consulta femminile: “Oggi vogliamo mettere a confronto le dif�coltà di ingresso e di mantenimento del posto di lavoro per le donne, la precarietà e l’impoverimento ulteriore delle donne, nonché il sistema dell’orientamento scolastico in rapporto alle richieste del mercato del lavoro (abbiamo un rischio di abbandono scolastico pari al 13,4% - 1 su 5 non ha né diploma, né una quali�ca professionale - nel Lazio,

che segna una preoccupante involuzione delle competenze tecniche e professionali a scapito della qualità del lavoro e dell’ occupazione), ma anche conoscere e ri�ettere – ha evidenziato Persichetti - sulla riforma pensionistica, sulle sue conseguenze sullo stato sociale, sulla vita delle donne e sulla necessità di rivedere l’organizzazione del lavoro in risposta alle diverse esigenze personali e sociali delle lavoratrici”. Sono intervenute: Elisa Manna, Responsabile Politiche Culturali del Censis; Domenico Bocchini sociologo ed esperto in orientamento. E’ seguita una tavola rotonda: con Salvatore Monni - Università Roma 3; Claudia Bella - coordinatrice Gruppo Lavoro; Alida Castelli - Consigliera regionale PO; Fiorella Palazzesi - coordinatrice Gruppo Scuola, Formazione, Università. Le conclusioni della sessione sono state illustrate da Patrizia Germini, vicepresidente Consulta femminile Regionale per le pari opportunità. Il convegno è ripreso nel pomeriggio con la seconda sessione, sul tema: “Quale riforma delle pensioni, come cambia la vita delle donne”.

L’introduzione, af�data a Concetta Fusco, coordinatrice Gruppo di Lavoro Politiche Sociali. Gli interventi sulla riforma delle pensioni, di Maurizio Benetti - esperto di previdenza; Le criticità della riforma per le donne, di Ewa Blasik - segretaria USR Cisl Lazio. Le Conclusioni sono state tratte da Donatina Persichetti che ha evidenziato: “Il convegno ha aperto il mese “L’Europa è per le donne” promosso dal Parlamento europeo - uf�cio per l’Italia. Dopo un’approfondita analisi dei dati statistici del lavoro delle donne e la necessità di orientare i ragazzi nel mondo del lavoro; fatta una valutazione sulle riforme pensionistiche intervenute negli ultimi anni e i loro ri�essi sulle donne, è stata quella di raccogliere tutti i contributi e di promuovere un ulteriore approfondimento sulla questione della povertà femminile. Queste analisi – ha fatot sapere Persichetti - contribuiranno a predisporre una piattaforma di proposte e di iniziative della Consulta per sollecitare le Istituzioni a promuovere una società basata sulla centralità della persona e della qualità della vita”.


Martedì 6 Marzo 2012

Viterbo & AltoLazio

litorale

11

TARQUINIA - Dopo trent’anni d’attesa a metà marzo inizieranno i lavori per la costruzione dell’opera

Finalmente arriva la piscina di DANIELE GIRARDI

TARQUINIA - L’addio dell’amministrazione comunale al poeta dialettale Spartaco Compagnucci

M

età marzo sarà un momento storico per la città, perché dopo trenta anni di speranze inattese, verrà posata simbolicamente la prima pietra a sancire l’inizio dei lavori per la costruzione della tanto agognata piscina comunale. Saranno l’assessore Ranucci ed il sindaco Mazzola, assieme al progettista architetto Leonardo Proli, al direttore dei lavori ingegnere Jafet Fattori e al responsabile del procedimento architetto Giuseppe Luciani, i protagonisti incaricati di dare il via a quest’opera troppo a lungo aspettata da un’intera città, dopo che hanno firmato la consegna ufficiale dei lavori. Per Mazzola “È un sogno che si trasforma in realtà”, mentre Ranucci guarda con fiducia al futuro, immaginando già delle migliorie da apportare alla città per renderla più vivibile, pur considerando quanto sia cambiata durante i cinque anni in cui a reggerne le sorti è stata l’ammiinistrazione della quale fa parte. Mazzola: “La piscina sarà una nuova grande opera per Tarquinia, che in cinque anni ha

E

cambiato volto. - dichiara l’assessore Ranucci - Continueremo su questa strada, con gli obiettivi futuri di potenziare il sistema dei parcheggi, indispensabili per decongestionare il traffico sulla rete viaria del centro storico, e di valorizzare il litorale con le località costiere, un’altra

L’impianto occuperà una superficie di 4.200 metri quadrati, e avrà due vasche

importante risorsa economica». L’impianto sarà edificato in località Giglio, accanto alla pista di atletica, e occuperà una superficie di circa 4.200 metri quadrati. La struttura avrà una vasca lunga 25 metri e una più piccola destinata all’attività natatoria dei bambini, spogliatoi, bagni con docce, palestra e servizi vari, tra i quali un bar. All’esterno saranno realizzati un parcheggio, un giardino con giochi e attrezzature sportive.

ra uno degli anziani più celebri della città di Tarquinia e con lui se ne va un pezzo delle tradizioni e della cultura del nostro territorio. È scomparso alla veneranda età di 90 anni il “poeta veritiero”, ultimo poeta dialettale cornetano, dato che come soleva lui stesso dire: “Sono nato cornetano e morirò tarquiniese.” In questo momento di cordoglio, l’amministrazione Mazzola si stringe attorno a chi ben conosceva “il nonno di tutti”, del quale a lungo verranno ricordati i folti baffi bianchi e gli occhi intelligenti, oltre che l’innata spontaneità, che lo rendeva abile nel saper comunicare con tutti. Spartaco Compagnucci era nato il 6 settembre 1921, settimo di otto figli, quando Tarquinia si chiamava ancora Corneto e i panni si lavavano ancora a Fontana Nova, si prendeva l’acqua alla “fontana di piazza” e il mestiere del buttero era il più comune, oltre che meno retribuito. È stato autore di numerosi versi dedicati al suo paese natale, “ricco

di cultura e tradizioni” e protagonista di diversi eventi: tra gli ultimi la mostra, nel 2007, organizzata dall’associazione culturale La Lestra su “La Maremma – Una tradizione poetica da indossare”. Il sindaco Mazzola ha voluto ricordarne l’impegno nel ritrarre il passato e le tradizioni del nostro paese. Come lui ci ha tramandato tanta conoscenza del passato che in prima

persona ha vissuto, così il primo cittadino vorrebbe raccontare la sua memoria e quella di altri cittadini che come lui hanno reso omaggio alla città di Tarquinia: “Ci piacerebbe dedicare una data a questi grandi personaggi per renderli parte integrante del bagaglio culturale di tutti noi. Spartaco è sempre stato e continuerà ad essere un pezzo di storia del nostro paese.” D.G.

MONTALTO - Il 10 Marzo un convegno a cura dell’Assessorato al Turismo e dell’associazione “Assopaguro”

Guardia Costiera salva Nuove proposte per valorizzare il patrimonio sommerso un natante in difficoltà U

N

avigare con scarsa visibilità può risultare molto pericoloso e difficile quando non si ha dimestichezza con le strumentazioni elettroniche di ausilio. L’episodio dello scorso venerdì pomeriggio ne è un esempio: intorno alle 15:00 la Capitaneria di Porto di Civitavecchia ha intercettato un mayday sul canale 16. La stessa richiesta arrivava anche alla Capitaneria di Porto di Portoferraio che ha iniziato una comunicazione con il comandante dell’imbarcazione in difficoltà. L’interlocutore ha spiegato di aver urtato una secca e di non essere in grado di dare indicazioni circa la propria posizione,

a causa della scarsa visibilità. Solo qualche minuto più tardi una segnalazione al numero di emergenza in mare 1530, da parte del Comando Polizia locale di Montalto di Castro, di un natante che aveva urtato le secche delle Murelle, ha permesso alla sala operativa di Civitavecchia di capire che si trattava della stessa unità, un cabinato bianco di nome “Giada”. L’unità CP 891 è immediatamente partita a soccorso:in pochi minuti ha raggiunto il natante, con a bordo solo il proprietario, imprenditore quarantaquattrenne residente a Roma. Una volta intercettata la barca il personale della CP 891 è salito a bordo per alcune valutazioni tecniche, con lo scopo di capire se lo scafo avesse potuto continuare a navigare in sicurezza. L’imbarcazione, scortata dalla motovedetta della Guardia Costiera, ha infine raggiunto il porto di Riva di Traiano. Giovanni Corona

n incontro, un confronto e una discussione sull’affascinante mondo dell’archeologia subacquea. Per sabato 10 marzo alle 18, nella sala del complesso monumentale di San Sisto a Montalto di Castro, l’associazione Assopaguro, in collaborazione con l’assessorato al Turismo del Comune di Montalto, organizza un convegno dal titolo “Il mare tra passato e presente, nuove proposte per valorizzare il patrimonio sommerso”. L’argomento portante della serata sarà, appunto, l’archeologia subacquea e lo spunto è offerto dalle attività dell’associazione che nell’agosto del 2011 hanno portato al ritrovamento, nel fondale antistante la costa montaltese, di un’antica ancora di tipo classico. Interverranno come relatori Valeria D’Atri, della Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Etruria meridionale; Virgilio Giusti, comandante del reparto aeronavale della Guardia di finanza del Lazio; Mario Mazzoli, direttore generale dell’associazione romana di speleologia subacquea Asso onlus; Vittorio Gradoli, presidente dell’associazione subacquea Assopaguro di Montalto di Castro. Argomento principale della serata sarà proprio il ritrovamento dell’ancora. “Dopo la denuncia alle autorità competenti – sottolinea il presidente Vittorio Gradoli – e dopo una serie

di contatti con Soprintendenza e Guardia di finanza abbiamo stabilito insieme di tentare un recupero conservativo aderendo alla Convenzione Unesco sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo che stabilisce, quando possibile, di conservare i reperti laddove vengono ritrovati”. Così l’ancora è stata assicurata al fondale marino e ora è a disposizione di tutti i sub che vogliono ammirarla. Ma nel corso dell’incontro si parlerà anche di conservazione e

tutela dei beni ambientali, della loro fruizione, del pericolo e del danno causato dalle razzie dei tombaroli che continuano a depredare il patrimonio archeologico. Quindi anche di lotta al crimine in mare e di speleologia subacquea. Inoltre saranno proiettati due filmati realizzati dall’associazione Asso: “Sopra e sotto il mare” e “Un’ancora antica da consegnare alle generazioni future” riguardante proprio il reperto ritrovato nell’agosto scorso sul fondale marino di Montalto di Castro.


comprensorio nord

12

Viterbo & AltoLazio

Martedì 6 Marzo 2012

Ospedale Acquapendente, ultima farsa?

Dalla recente circolare della direzione sanitaria emergono diverse incongruenze tra le teorie esposte e i provvedimenti adottati

E

’ datata 2 marzo la circolare inviata dalla direzione sanitaria dell’Ausl di Viterbo a �rma del direttore generale, Adolfo Pipino, del direttore DEA, Alberico Paoletti e del direttore sanitario, Marina Cerimele, al direttore sanitario del presidio di Acquapendente, Bifulco, al direttore del distretto, Piermattei e ai vari direttori, compreso il direttore di anestesia dell’ospedale aquesiano. In realtà l’oggetto della nota, “riassetto operativo presidio di Acquapendente”, pur se riferito ad una serie di interventi, provvedimenti, riquali�cazioni e riordini, nella realtà riguarderebbe solo due importanti novità in merito a modi�che dell’assetto operativo dell’offerta sanitaria: la cessazione delle consulenze specialistiche al pronto soccorso e della copertura h24 degli anestesisti. Ma cerchiamo di analizzare meglio la circolare, anche e soprattutto in seno ad alcune anomalie che sembrerebbero contenute nella stessa. In primo luogo i punti elencati che contribuirebbero al nuovo assetto della struttura: il primo è , “potenziamento della risposta in emergenza”, proprio su questo punto, che tante polemiche ha alimentato sin dall’avvento del decreto 80, si riscontrano le anomalie più incredibili. Quello che viene de�nito un

‘pronto soccorso pienamente operativo h24 che assume la denominazione di punto di primo intervento di tipo C’ verrà privato delle consulenze , compreso quella dell’anestesista. Cosa vuol dire? E in cosa consiste secondo la direzione sanitaria il “potenziamento”. Cerchiamo di spiegarlo in maniera semplice in modo tale che i

cittadini comprendano tutti, anche i non addetti ai lavori: ‘Premesso che la de�nizione di pronto soccorso pienamente operativo h24 denominato primo intervento di tipo C’ senza le consulenze soprattutto quella anestesistica è da ritenersi un’assoluta novità in tema di attività in seno alle emergenze soprattutto per un pronto soccorso.

La direzione dell’Ausl viterbese, da far suo, crede di poter potenziare la risposta alle emergenze, con l’introduzione già avvenuta dell’auto medica e della postazione del comune di Bolsena. In tal senso c’è da fare almeno due precisazioni indispensabili: La prima riguarda la preoccupante impossibilità di stabilizzare un

ACQUAPENDENTE - Mostra di disegni e oggetti in vetro a Torre Alfina

Piano sviluppo rurale e del marketing C

on particolare attenzione a progetti per la migliore quali�cazione delle infrastrutture rurali e di tutto quanto concerne attività produttive e cultura, la Giunta Comunale di centro-sinistradi Acquapendente, attiva la programmazione di �ne inverno. Nell’ambito del Piano Sviluppo Rurale Lazio 2007-2013 (Misura 125 – Azione 2) viene approvato il progetto esecutivo per il miglioramento e ripristino delle infrastrutture forestali strade vicinali della Solata, Torre Al�na-Ponte Cahen, Carbonarola, Carbonara, Troscetto, MontepetroccoPiantata Cozza, Montepetrocco. “La Regione Lazio”, sottolinea il Sindaco Alberto Bambini, “ha ridimensionato il nostro progetto inviato inizialmente di € 166.098,86 concedendoceli 109.467,19. Seppur con 56.631.67 € in meno di quelli previsti porteremo comunque a termine il tutto”. Per raggiungere l’obiettivo di promuovere e sviluppare tutto quanto ri-

guarda le attività produttive così come previsto dalla Deliberazione N° 28 del Giugno 2011, è stata nominata apposita commissione. Sarà formata da Fabio Facciolini (Assessore Attività Produttive), Alfredo Valente, Fabrizio Ronca, Averino Sbarrini, Stefano Cesaretti, Palmiro Masini (Associazioni di Categoria), Massimo Guerrini e Giuseppe Silvestri (Sindacati), Andrea Occhione (Consigliere di maggioranza), Aldo Bedini (Consigliere di minoranza), Mario Paioli (Presidente Consiglio di frazione di Trevinano), Mauro Favero (Presidente Consiglio di Frazione di Torre Al�na), Mariano Ronca e Riccardo Polacco (rappresentanti zone artigiane), Massimo Pelosi (Camera di Commercio), Lanfranco Nardini (Lega Cooperative) e Fabio Catocci (Presidente Associazione Commercianti). In vista degli eventi culturali e folcloristici che si svolgeranno da Maggio a Dicembre ad Acquapendente e nella Frazione di Torre Al�na, viene rati�cata

la concessione di due patrocini. Come già realizzato lo scorso anno, l’Università Agraria di Torre Al�na ospiterà un evento che prevede la realizzazione di una mostra di disegni ed oggetti in vetro oltre alla presentazione di un libro e quello all’Associazione I Gigli di Castro e Pro Loco di Acquapendente per una iniziativa presso il Chiostro di San Francesco (realizzazione di un concorso a premi con disegni dedicato all’evento dei Pugnaloni. “Entrambe i patrocini”, sottolinea lo stesso Sindaco, “rispecchiano fedelmente il nostro spirito statuario che ritiene importante sostenere iniziative volte a promuovere lo sviluppo della cultura, in particolare anche mediante incontri, scambi e vissuti esperienziali che implichino un attivo e diretto coinvolgimento della gente, soprattutto dei giovani e che contribuiscano a diffondere e consolidare il senso di aggregazione e scambi culturali tra le giovani generazioni”.

paziente in situazioni di estrema gravità per l’assenza di consulenze. Ma facciamo un ‘tragico’ esempio: se un bambino di Proceno (zona all’estremo nord) ingoiasse un oggetto e stesse rischiando il soffocamento, necessitando per la sua salvezza di essere intubato, verrà trasportato all’ospedale di Belcolle (via eliambulanza solo diunrna e senza ancora l’elisuper�ce dove atterrare) ma con tempi che andrebbero di certo oltre l’ora e mezzo, con le chiare e tragiche conseguenze facilmente ipotizzabili. Anche perchè, di certo, da adesso in poi, non vedo quale medico al seguito del 118, si assumerebbe la responsabilità di un qualsiasi trattamento di un caso di emergenza/urgenza presso una struttura priva di consulenze e soprattutto di anestesista, (la seconda). Quest’ultima �gura che solo oggi a distanza di quasi un anno (per un anno cerchiamo di capire , cosa ha fatto, vista la chiusura del reparto di chirurgia e il continuo smantellamento sistematico dell’ospedale aquesiano a comnpleto danno anche dell’attività di Day surgery) viene mantenuto con un orario pressochè ambulatoriale, che se si esclude l’attivita di chirurgia legata al reparto di otorino larigoiatra, non ha senso di esistere, vista la necessità e la normale attività in caso di emergenze che lo contraddistingue e che invece non viene assicurata, (non esistono emergenze programmabili in orario ambulatoriale...) Un’altra ‘chicca’ è il terzo punto, “Pieno sviluppo di una chirurgia ambulatoriale/day surgery pol ivalente.....PO LIVALENTE?! Ma perchè esiste un’attività di day surgery M O N OVA LENTE? O legata solo ad alcuni interventi? Mah..... Ma andiamo oltre e arriviamo all”istituzione di un reparto a gestione infermieristica”, che tanto piace anche all’assessore alla sanità del comune di Acquapendente. Il progetto, giustamente perorato, avrebbe una

certa valenza in ordine alle esigenze territoriali e dell’utilizzo del personale, oggi pressochè inoccupato, dopo la chiusura del reparto di chirurgia, ma, pur avendone parlato abbondantemente, descrivendone le attività e quant’altro, non si è avuta notizia del doveroso coinvolgimento dei medici di base, indispensabili per l’attuazione del progetto. Per quanto riguarda il punto 6 della nota “Totale integrazione con il distretto sanitario”, visto quanto trattato su queste pagine nei giorni scorsi sull’attività di �sioterapia, presso l’ospedale, con i macchinari ancora all’interno di un’altra sede, evitiamo di parlare di integrazione. Visto il serio rischio per la salute dei cittadini, cittadini ormai chiaramente classi�cati di ‘serie B’, nei casi di emergenza/urgenza, e l’evidente iter dequali�cante che sta riducendo l’ospedale di Acquapendente, dopo 600 anni, a un piccolo e squallido reparto geriatrico posto sopra ad un’ammasso di macerie, ci si potrebbe aspettare, soprattutto in merito alle attività di consulenza del pronto soccorso, che come successo in passato, arrivi presto, una retti�ca della direzione sanitaria a quello che ha tutto il sapore dell’ennesima dequali�cazione, soprattutto in merito all’offerta sanitaria relativa alle urgenze, base indispensabile e insostituibile della vita di un presidio ospedaliero. E come disse il condannato a morte:“Non vorremmo dover ringraziare il boia solo perchè ha deciso di giustiziarci con quaqlche mese di ritardo!” Fulvio MEDICI

TUSCANIA - Vive proteste di alcuni cittadini per la sosta limitata ad un’ora al parcheggio del Cimitero Comunale

“Incredibile lutto a...tempo!” “Non si può limitare l’omaggio ai defunti!”

P

roprio non vanno giù ai tuscanesi quei cartelli che limitano ad un’ ora la sosta delle auto nel parcheggio del cimitero comunale di Tuscania. D’altronde non se ne vede la necessità. Il cimitero gode infatti di una posizione isolata. Nelle vicinanze non sorgono uffici o attività commerciali tali da intasarne il

parcheggio, anzi, i parcheggi, dato che nell’area ne sorge più di uno, capace di “ospitare” decine e decine di auto. La trovata dell’amministrazione non è piaciuta. “Il lutto non è a tempo”: questo il commento di alcuni cittadini ai cartelli. Un parere che merita certamente di essere valutato. Al cimitero non si va per fare compere, ne per passeggiare. Si va, come tutti sappiamo, per portare omaggio ai defunti, per trovare conforto al lutto trascorrendo un po’ di tempo sulle lapidi.

E questo tempo non può essere certamente cronometrato. Ci domandiamo con quale coraggio la polizia municipale potrebbe multare l’auto di una madre in ritardo, rispetto al disco orario esposto sul cruscotto, perché troppo addolorata per rendersi conto del tempo che passa. Magari la sosta a tempo potrebbe andare bene nei giorni dedicati alla memoria dei defunti, l’1 e 2 novembre, quando diventa difficile gestire il traffico nel parcheggio, ma negli altri lasciamo che chi convive col dolore di un lutto non debba anche preoccuparsi di dover pagare una multa. Non mettiamo fretta al dolore. Anche perché, tra cimitero vecchio e nuovo, i parcheggi abbondano e le auto in sosta, come l’amministrazione comunale può facilmente verificare, scarseggiano. Valeria Sebastiani


Martedì 6 Marzo 2012

montefiascone

Viterbo & AltoLazio

13

Aperte le iscrizioni alla mostra fotografica nata da un’idea di David Proietti Petretti

“Montefiascone Innevata” di MICHELE MARI

Montefiascone Innevata”. È il titolo della mostra, promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune l’assessore Renato Trapè, che raccoglierà le immagini più suggestive di Montefiascone sotto la neve. Le foto saranno esposte, sarà una mostra particolare, nella sala consiliare di palazzo Renzi Doria Sciuga nel periodo delle festività pasquali. Nel corso delle varie nevicate che si sono susseguite, in maniera quasi incessante nello scorso mese di febbraio, la prima volta che è caduta la neve è stato mercoledì 1 febbraio poi successivamente il 3 e 4 e quindi venerdì 10 e sabato 11 quando la coltre ha raggiunto quasi mezzo metro di altezza, molte sono state le persone che hanno scattato

centinaia di foto alcune decisamente particolari. Per questo l’Assessorato alla Cultura ha accolto con piacere la proposta suggerita dal concittadino David Proietti Petretti subito già accolta e rilanciata dalla redazione di RadioGiornale nell’edizione del mese di febbraio, per raccogliere le migliori e più suggestive immagini che sono state effettuate in quei giorni e in quelli successivi da tante persone in maniera amatoriale e non . Le foto dovranno essere inviate in formato jpg all’indirizzo e-mail montefias coneinnevata@gmail.com o anche via posta all’indirizzo “Assessorato alla Cultura” Piazza Vittorio Emanuele numero 19. Il termine perentorio per inviare le foto è stato fissato per domenica 25 marzo. Nel

La mostra è promossa dal Comune e si terrà nei giorni di Pasqua

numero di febbraio del mensile RadioGiornale era stata inoltrata la richiesta del cittadino Davd Proietti Petretti all’Assessore alla Cultura Renato Trapè con queste parole: “Caro Ass. Renato Trapè, le abbiamo simpaticamente rigirato questa proposta di David perché ci piace l’idea di condivisione tra i nostri concittadini (visto che proprio la comunicazione condivisa è uno dei fini ultimi

del progetto RadioGiornale). In questi giorni di neve, ad esempio, effettivamente sono state tante le persone che in maniera amatoriale o meno hanno scattato fotografie belle e suggestive, così come avviene in estate. Per questo, l’idea di una mostra realizzata esclusivamente dai cittadini, darebbe non solo promozione al paese, ma sarebbe motivo di condivisione collettiva e sin-

tomo d’appartenenza territoriale”. L’Assessore Renato Trapè si è reso prontamente disponibile ed ha organizzato e promosso questa raccol-

ta che sicuramente metterà ancor più in luce le bellezze di Montefiascone, questa volta in maniera particolare: sotto la neve.

Ottimo esordio per la squadra dei seminaristi del “Barbarigo” alla Clericus Cup 2012

Una Commissione Tecnica di Vigilanza “Verbo Incarnato” - “Collegio Pio Brasiliano”: 2 a 0 per i luoghi di pubblico spettacolo

L

a squadra del “Verbo Incarnato” ha esordito egregiamente nelle Clericus Cup 2012 con un ottimo 2 a 0 al “Collegio Pio Brasiliano”. La squadra monte�asconese, composta da tutti seminaristi, ora ospitati a Monte�ascone nel seminario Barbarigo, ha giocato domenica alle ore 14,30 ed ha esordito con una superba prestazione. Risulta ora essere addirittura una delle favorite per la vittoria �nale. Male invece l’altra squadra viterbese, dell’istituto teologico San Pietro che è stata scon�tta per 1 a 0 contro il Collegio Pio Latinoamericano. La prossima partita del Verbo Incarnato si terrà domenica 18 marzo contro Collegio Pio Latinoamericano. In�ne l’ultima partita del girone eliminatorio si concluderà con il derby viterbese tra la squadra monte�asconese e quella viterbese domenica 25 marzo. Ecco l’elenco dei giocatori della squadra del Verbo Incarnato di Monte�ascone: Danilo Maiella, Andrea Bersanetti, Gregorio Ansaldi, Orsù Saidscoiev, Diego Ibarra, Tito Paredes, Simon Willis, Andrés Bonello, José Ansaldi, Geovanny Arbelaez, Martin Villagran, Pavlò Burkov, Nicolas Grace, Mikail Petrov, Mattias Bressan, Osmond Omeye, Agustin Prado, Mario Da Silva, José Dominguez, Jesus Segura, Giuseppe Calvano, Marco Pasqualotto, Kennedy Stephen. Lo staff dirigenziale è composto da Emad Assad e dall’allenatore Orazio Can-

D

gialosi. Da ricordare che la Clericus Cup, giunta alla sua sesta edizione, è il campionato di calcio a 11 ponti�cio riservato a sacerdoti e seminaristi organizzato dal Centro Sportivo Italiano, con il patrocinio dell’Uf�cio sport della Cei e del Ponti�cio Collegio per la Cultura del Vaticano. M.M.

opo la costituzione della commissione Edilizia verrà realizzata anche la Commissione Tecnica Comunale Vigilanza Luoghi di Pubblico Spettacolo. È questo in sintesi il contenuto della delibera di giunta numero 8 con oggetto “Individuazione organi collegiali ritenuti indispensabili per la vita amministrativa dell’ente”. Nell’atto si legge che “Procedutosi ad una rigorosa valutazione delle reali necessità degli organismi collegiali sopra elencati; Ritenuto dover individuare, ai sensi e per gli effetti dell’art. 1, dell’art. 96 del T.U., i seguenti organi collegiali. con funzioni amministrative ritenuti indispensabili per la realizzazione dei �ni istituzionali di questo Ente: Commissione Edilizia; Commissione Tecnica Comunale Vigilanza Luoghi di Pubblico Spettacolo”.

Da ricordare che la commissione edilizia è stata nominata nel mese di gennaio ed è così composta: presidente è stato nominato Claudio Settimi (architetto), del genio civile di Viterbo. Gli altri membri sono: Massimo Saraca (ingegnere); Evandro Stefanoni (geometra); Marcello Burla (agronomo) e Marco Orfei (geologo). Questa commissione servirà per dare consigli sui lavori e progetti e per dare risposte ai cittadini. Questo organismo, composto da tecnici e persone competenti e non politici, dovrà essere di aiuto e di supporto all’uf�cio tecnico del Comune stesso. Inoltre, come dichiarato dal sindaco Luciano Cimarello, si dovrebbe costituire anche una commissione urbanistica. M.M.

Al Centro Commerciale “Tuscia” di Viterbo, un laboratorio per bambini ispirato al libro di Felline e Angeletti

“Animali di versi” conquista la Tuscia I

l logo del pesce con le gambe dell’ultimo libro di Isabella Christina Felline e Roberta Angeletti, “Animali di versi”, Edito da Uovonero, rappresenta ormai un segno riconoscibile nelle librerie, nelle biblioteche e nelle scuole di tutta Italia. Le autrici sono impegnate in una tourné di presentazioni per adulti e laboratori per bambini, che le vede girare per l’Italia per promuovere il libro che parla, attraverso le metafore, di pregiudizi e diversità. Venerdì scorso l’autrice monte�asconese Felline e l’ illustratrice tarquiniese Angeletti hanno allestito un laboratorio nella piazza del Centro Commerciale Tuscia, di Viterbo, con la libreria Giunti. Isabella Felline spiega: “Il pubblico dei centri commerciali è eterogeneo e ‘di passaggio’, le età dei bambini sono molto va-

riabili ed è piuttosto complesso articolare una proposta ef�cace in questi casi”. Tuttavia l’esperienza e la competenza delle autrici ha permesso di realizzare un coloratissimo e riuscitissimo laboratorio di elaborazione di ‘animali di versi’, con nuovi personaggi, rispetto a quelli del libro, che fanno del libro stesso un vero e proprio activity book, sia per bambini che per adulti, un libro interattivo e dinamico. Non a caso uno degli slogan promozionali del libro è ‘non è solo un libro da leggere’. A conclusione del laboratorio è stata allestita una piccola galleria con i lavori esposti e alla �ne ogni bambino ha portato a casa la propria opera”. Isabella Felline parla anche dell’importanza dei laboratori: “I laboratori sono occasioni

culturali stimolanti e preziose. In questi contesti i bambini sono liberi di esprimersi senza dover render conto a nessuno in tutta la loro eccezionale spontaneità e creatività: è questo il valore aggiunto di un laboratorio extrascolastico. Stasera qui è nato un topino con una coda talmente lunga che la usa per stenderci il bucato. Un altro topo esperto di arrampicata che porta la coda- corda sempre con sé. E poi tanti altri personaggi, attraverso i quali le autrici ci ricordano l’importanza dei libri, della lettura, del gioco, col loro ruolo fondamentale nella crescita e nella formazione della personalità”. Buon viaggio al pesce con le gambe, allora! M.M.


vetralla e cimini

14

Viterbo & AltoLazio

Martedì 6 Marzo 2012

VETRALLA - Domenica il banchetto in piazza per lanciare un messaggio di cambiamento e di pace

Sel, una firma per ridurre le spese militari I

n Piazza, la domenica mattina, i colori della bandiera della pace e di Sel attirano l’attenzione. E’ così che anche a Vetralla i simpatizzanti del partito di Vendola hanno organizzato dei banchetti per raccogliere firme a favore della riduzione delle spese militari italiane. “La folle spesa - come scrivono gli organizzatori - che da troppi anni intacca, oltre che le nostre casse, l’immagine di pace e diplomazia del nostro paese all’interno della comunità internazionale”. “Sì perché - proseguono - anche tralasciando gli ormai tristemente famosi F35, ci si rende conto sempre più di vivere in un paese prigioniero di sventurate operazioni militari che

ancora oggi perdurano in diverse parti del mondo. Le stesse operazioni che in un passato fin troppo recente qualcuno ha creduto potessero portare la democrazia in paesi come Afghanistan ed Iraq e che, al momento della loro inevitabile fine, faranno ripiombare queste nazioni nel baratro della guerra civile, del terrore e degli scontri sanguinosi tra fazioni rivali. La nostra iniziativa tuttavia nasce anche per focalizzare l’attenzione sul continuo, infinito sperpero di denaro che ogni giorno si materializza all’interno dei confini nazionali con esercitazioni, trasporto di mezzi, via vai di elicotteri ed aerei da combattimento; attività che nonostante il

“La folle spesa intacca da troppi anni le casse pubbliche e l’immagine del nostro paese”

grave periodo di crisi che tutta Europa sta vivendo, continuano senza sosta. Al momento la politica non gode di grande fama in Italia, questo è fuori discussione, ma poi qualcuno inizia ad avvicinarsi al banchetto, chiede di che

si tratta, dimostra di condividere le nostre ragioni e firma. Firmano anche tanti ragazzi stranieri e questo ci fa piacere perché dimostra l’interesse di queste persone verso il paese che li ospita e verso la fase politico-sociale che sta at-

VETRALLA - Con un comunicato la giunta Aquilani ribadisce la propria posizione

Super Cassia, l’amministrazione è favorevole I

n merito a quanto apparso sui media nelle ultime ore, l’amministrazione comunale di Vetralla tiene a precisare quanto segue. Il parere del Comune sul tracciato della Nuova Cassia è favorevole, come emerge sia dagli atti ufficiali sia dall’intervento del Sindaco Sandrino Aquilani in seno alla Conferenza dei Servizi tenutasi presso il Ministero dei Trasporti il 1 marzo scorso, presenti l’Assessore all’Urbanistica Maurizio Sensi e il Responsabile tecnico del Comune di Vetralla Antonello Aquilani. Nell’intervento il Sindaco Aquilani ha avanzato le proposte per una ottimizzazione del percorso e del suo impatto a livello ambientale e sociale sul

territorio vetrallese, così come previsto del resto nei documenti inviati all’Ente dalla Direzione Regionale Infrastrutture. L’amministrazione ha dunque espresso un assenso per il tracciato proponendo alcuni adeguamenti i n f r a s t r u t t u r a l i , presentando in Conferenza dei Servizi quanto contenuto nelle delibere di Consiglio e di Giunta a proposito del tracciato e quanto proposto dai cittadini invitati ad esprimere le proprie osservazioni e indicazioni sull’impatto globale del progetto. Tali proposte sono state comunque oggetto di confronto a più riprese con i Progettisti della Regione Lazio, che ne hanno constatato la fattibilità

nel rispetto del progetto originale. La posizione chiara e netta dell’amministrazione costituisce un’implicita smentita dei tentativi di strumentalizzazione in atto sul progetto

della Nuova Cassia, che andranno ascritti dunque a responsabilità esclusiva di chi se ne fa partecipe, qualora questo importante e a lungo atteso progetto non dovesse vedere la luce.

traversando e, allo stesso tempo, ci colpisce perché ci raccontano che nei loro paesi d’origine, dove le sacche di povertà sono immense, le spese militari sono altrettanto elevate e lungi dall’essere ridotte. Domenica in molte piaz-

ze d’Italia si raccoglievano firme per ridurre le spese militari, un’iniziativa importante che noi riproporremo a breve e che speriamo possa servire a generare un messaggio di cambiamento ma soprattutto un messaggio di pace”.

Donne a Oriolo Romano, la presentazione giovedì al Convento di Sant’Antonio

I

n occasione della Giornata Internazionale della Donna, e nel 450° della Fondazione di Oriolo Romano, giovedì 8 marzo alle ore 16.30, presso la chiesa del Convento di Sant’Antonio ad Oriolo Romano verrà presentato il libro Donne a Oriolo Romano, tra età moderna e contemporanea. Il volume, pubblicato dalla Casa Editrice Davide Ghaleb è il terzo della Collana Quaderni di Oriolo, fondata da Enrico Guidoni e diretta da Elisabetta De Minicis ed è stato realizzato grazie al contributo e al Patrocinio dell’Amministrazione Comunale. Alla giornata di presentazione interverranno, il sindaco Graziella Lombi, la direttrice del Centro di Documentazione Archivio Flamigni Ilaria Moroni e la curatrice del libro Roberta Ferrini. I contenuti del volume,

ideato da Emilia Lotti, verranno presentati attraverso le letture di poesie e prosa curate da Vittoria Arena, Marina Garroni, Maria Lina Pacelli e Laura Pedrazzini. La violoncellista Violeta Molescu curerà invece le introduzioni musicali. Nel volume si sintetizzano i quasi 500 anni di storia oriolese con alcune figure di donne particolarmente legate alla storia di Oriolo. Attraverso documenti di varia natura, talora inediti, vengono delineate dalle autrici le donne prescelte e quindi inserite in contesti più ampi. Poesie o brani aprono ogni capitolo introducendo l’epoca. Nel libro la storia è riproposta al femminile. A conclusione del volume le Riflessioni di Marisa Rodano, protagonista del movimento delle donne e della vita istituzionale italiana per più di mezzo secolo.

RONCIGLIONE - Il Comitato Acqua Potabile ricorda il risultato del ricorso del Codacons e ‘sconfessa’ l’assessore regionale Mattei

Arsenico, basta con l’autoassolvimento e la superficialità D

al comitato Acqua Potabile di Ronciglione riceviamo e pubblichiamo. “L’assessore Mattei autoassolve se stesso e l’amministrazione regionale dicendo di aver ben operato e porta come esempio l’ultima sentenza del Tar sul ricorso del Codacons dicendo addirittura che i Giudici, respingendo le richieste di risarcimento, hanno stabilito che l’amministrazione regionale ha sostanzialmente adempiuto ai propri obblighi. Vorremmo far notare che il Tar proprio con quella sentenza condanna i Ministeri della Salute e dell’Ambiente per danno biologico e danno morale. Tale sentenza riconoscendo tali danni per il minimo periodo che purtroppo il Codacons ha richiesto, apre però al contrario di quanto afferma l’assessore Mattei diverse possibilità di applicazione. Cosa signi�ca danno biologico e danno morale, l’assessore Mattei lo dovrebbe sapere benissimo (?). L’assessore Mattei, anche per l’amministrazione Polverini di cui fa parte, cerca di salvarsi e si arrampica sugli specchi negando l’evidenza. Quale informazione corretta infatti è stata data ai

cittadini dal Commissario per l’emergenza arsenico dalla Regione Lazio e dai Comuni interessati del problema? Cosa è stato fatto per ovviare ai gravi disagi dei cittadini, con i poteri straordinari di un commissario per l’emergenza? In alcuni paesi sono state installate ed inaugurate “fontanelline” ; quanto sono costate alla collettività? Visto che dai siti delle Asl non risultano riportate le analisi di molte “fontanelline” installate in alcuni paesi, siamo sicuri poi, che i Sindaci non abbiano per caso dimenticato di informare le Asl della loro installazione perché potessero esercitare il dovuto controllo? Di questo si sono fatti grandi sindaci e assessori provinciali, forse pensando che i cittadini abbiano gli orecchini al naso. In alcuni paesi quali Ronciglione e Caprarola il problema da risolvere è poi ben più grave. Nell’acqua oltre all’arsenico e il �uoro abbiamo la microcellula tossica dell’alga rossa, che proprio in questi giorni sta nuovamente emergendo ben visibile.

Basta quindi con gli autoassolvimenti, la sottovalutazione del grave problema e la cattiva informazione. Ognuno faccia la sua parte, lavori per la soluzione dei problemi, ponga in essere tutte le iniziative possibili per evitare ancora rischi alla salute dei cittadini. La verità infatti è un’altra: se l’Unione Europea, che dal 3 novembre 1998 ha invitato l’Italia alla eliminazione dell’arsenico o almeno alla sua riduzione �no a 10 mc, non avesse respinto la terza deroga richiesta dalla Regione e dal Governo, concedendola �no al 31 dicembre 2012 e solo �no a 20 mc. , i cittadini avrebbero potuto continuare a bere, senza nessuna informazione, acqua all’arsenico e altri veleni in quantità allucinanti. Vorremmo poi ricordare che uno studio americano ha accertato milioni di morti per il tumore contratto a seguito dell’utilizzo di acqua come potabile con arsenico soltanto �no a 10 mc. e che l’Organizzazione Mondiale della Sanità invita alla sua eliminazione o alla sua riduzione a 5 mc massimo”.


& Martedì 6 Marzo 2012 Viterbo AltoLazio

comprensorio sud

15

VILLA SAN GIOVANNI IN TUSCIA - Consegnata la petizione popolare. Raccolte oltre quattrocento firme

Ripetitori, il paese si mobilita A

Villa San Giovanni in Tuscia depositata la petizione popolare contro l’installazione delle antenne di telefonia cellulare. Ecco il comunicato inviato al riguardo: “Lo scrivente Comitato deposita n. 62 fogli debitamente firmati da cittadini resi-denti e domiciliati nel Comune di Villa San Giovanni in Tuscia per un totale di firme raccolte n. 464, a sostegno della petizione popolare richiedente la seguente istanza: “I sottoscritti cittadini residenti e domiciliati a Villa San Giovanni in Tuscia, nell’unico intento di assicurare una vocazione ambientale al paese, salvaguardarne il territorio e a tutela della salute dei cittadini – nonché nell’ottica di promuovere e stimolare la più ampia partecipazione popolare e il proficuo coinvolgimento dei cittadini alle scelte dell’Amministrazione – manifestano la loro netta contrarietà all’instal-lazione di impianti ed antenne ripetitrici telefoniche nel territorio comunale, in particolar modo in prossimità del centro abitato. Chiedono, pertanto, all’Amministrazione Comunale con la presente petizione di bloccare le procedure già

avviate per la concessione a gestori telefonici di aree comunali site in loc. Poggio Aguzzo e loc. Querciole per l’installazione delle menzionate antenne ripetitrici”. Si chiede quindi di sottoporre l’argomento all’esame degli Organi Collegiali entro 30 giorni dal ricevimento, secondo le rispettive competenze, ai sensi e per gli effetti dell’art. 32 (Istanze – Petizioni – Proposte) dello Statuto del Comune approvato con delibera Consigliare del 22 aprile 2009. Si rimane in attesa di comunicazione a riguardo, nei termini previsti dal richiamato articolo dello Statuto del Comune. Nel contempo, si coglie l’occasione per ribadire quanto richiesto dall’as-semblea pubblica svoltasi domenica 26 febbraio u.s.: • Convocazione di un Consiglio comunale straordinario aperto per discutere delle antenne, del compost e dell’indirizzo ambientalista del Comune; • Convocazione di un referendum consultivo, come previsto dallo statuto e promesso dal Sindaco in un comunicato affisso in ottobre scorso, sulle stesse tematiche del punto che precede. Infine il Comitato, nel ri-

NEPI - Il circolo de La Destra sfila a Roma con Storace R

servarsi di avanzare proposte alternative nelle materie in questione, ritiene importante che l’Amministrazione valuti attenta-mente la necessità di sottoporre al Consiglio Comunale l’approvazione di

una proposta di Regolamento per l’istallazione di antenne radio, così come indicato dalla normativa legislativa in materia, da sentenze amministrative ed attuato da numerosi comuni italiani.

VASANELLO - Il 1° memorial per Super Lello al campo di tiro a volo a Gallese

Per ricordare Alessio una gara di tiro al piattello di SIMONA TENENTINI

E

’ trascorso già un anno da quando Alessio Venanzi, Super Lello, ci ha lasciati. Una perdita straziante e dolorosa. Una ferita che il tempo non riesce a guarire ma, anzi, contribuisce a scavare, giorno dopo giorno, nel buio dell’assenza. Per ricordare Alessio, i suoi amici più cari hanno organizzato, per domenica 18 marzo, una gara di tiro al piattello. L’appuntamento, per tutti gli appassionati, è alle 9.30 presso il campo di tiro a volo di Gallese. Le iscrizioni sono aperte a tutti i cacciatori di Vasanello ma anche a chiunque vorrà partecipare in ricordo di Alessio. Il ricavato sarà devoluto in

bene�cenza all’associazione O.f.�.ci.um per la ricerca contro la �brosi cistica. Per info è possibile contattare i numeri 392-4608906 (Francesco) e 331 - 3728138 (Alessandro). In attesa del Memorial, vogliamo salutare Alessio con le parole di un suo caro amico: “Ciao Alessio!!! Inutile dirti che andandotene hai lasciato un vuoto incolmabile in tutti i nostri cuori. Chiunque ha avuto modo di conoscerti, o per un’occasione, o per un’altra, ancora non riesce a farsene una ragione e spera sempre in una tua telefonata, o in un tuo varcare la soglia di quell’ingresso dove portavi sempre allegria. Con il tuo modo di fare, sei riuscito a coinvolgere anche la pers...ona più lagnosa e pigra nella realizzazione di progetti che mentre per tanti erano impossibili per te realizzabili tranquillamente. Ricordo come fosse ieri quando per la prima volta abbiamo messo in piedi “LA TAVERNA DEI CINGHIALAI” nel vecchio Cantinone. Oggi invece, devo rassegnarmi e vivere la triste realtà che ormai sei un ricordo, un grandissimo ricordo, da tenere molto volentieri all’interno del cuore, in ogni cuore, quello dei CACCIATORI, degli AMICI, dei COLLEGHI …, dei PAESANI.

Chiudo gli occhi e provo a immaginare che cosa starai facendo adesso in quel mondo nuovo, quel mondo, dove qualcuno ha deciso di portarti strappandoti da tutti noi. Conoscendoti bene, avrai già fatto qualche partitella a carte con CARONTE durante l’attraversamento del �ume e per quanto sei buono, ogni partita vinta, un trasporto gratis per un’anima che con sé non ha l’Obolo, perché LELLO è così, una mano la sempre data. A Le! So proprio curioso de vedette, perché so sicuro, che

con l’astuzia e soprattutto la chiacchiera che hai, sei capace de mette il Signore ai fornelli e l’Apostoli a servì ai tavoli, pur de organizzà il “CANTINONE” per tutte quelle persone che prima di te sono passate a questo nuovo mondo, perché do sta Lello sta la festa. Ma più di tutto sono sicuro di un’ altra cosa, sono sicuro che se il Signore viene da te e solleva un’incertezza, tu, senza esitare, con voce decisa, rispondi: “ E CHE PROBLEMA C’E’? PENSA A TUTTO SUPER LELLO!!!”. Ciao amico mio…

iceviamo e pubblichiamo dal circolo territoriale de La Destra di Nepi. “Una nutrita delegazione di militanti, iscritti del circolo territoriale di Nepi de “La Destra”, ha partecipato alla manifestazione nazionale del partito contro la tecnocrazia di Monti e dell‘attuale “esecutivo delle tasse”, svoltasi a Roma sabato 3 marzo. L’evento, al quale hanno preso parte ben 20.000 persone da tutta Italia (dati uf�ciali) e 200 iscritti, simpatizzanti, militanti solo dalla provincia di Viterbo, servendosi di 3 pullman, ha preso inizio a Piazza della Repubblica, dove il lunghissimo, colorato, festoso, imponente corteo si è sviluppato, �no a raggiungere la meta �nale di Piazza bocca della verità; a chiudere il grande corteo, il comizio del segretario Nazionale Francesco Storace. (La)”Sovranità Monetaria”, titolo del primo striscione in testa al corteo ma anche tesi fondamentale dell’evento e del discorso di chiusura dei quadri dirigenti del partito insieme ad altri, importanti e numerosi temi sociali . Striscioni, slogan, cartelli, migliaia di “tricolori” e sdegno da ogni circolo e federazione d’Italia, sabato , hanno caratterizzato la nostra contrarietà ad un governo vicino al popolo solo nella retorica tecnica, la stessa che sta conducendo la sua azione, per nulla incisiva e concreta nella vita quotidiana degli italiani. Lo sognavamo e così è stato. Abbiamo dato prova che il cuore della vera destra sociale italiana batte ancora e forte, che rappresenta una grande parte dell’elettorato italiano che credeva, ora più che mai, che in tempi di Europa delle banche e del capitalismo, in un’epoca di “inciuci” trasversali, di tradimenti, di

distruzione di valori ed ideali sani, di “politicanteria di arrivismo”, che la politica, quella che si occupa della “polys”, della società, del territorio, della comunità e di ciò che può ambire a farla vivere in condizioni positive e sicure, e dei suoi cittadini, non esistesse più. C’è ancora e dopo il corteo di sabato 3 marzo siamo �eri di dirlo, gridarlo e sottoscrivere la nostra totale vicinanza al popolo italiano nella sua accezione di nazione piuttosto che locale, di ogni paese e provincia. Siamo talmente parte della comunità, di questo popolo, abbiamo talmente a cuore l’obiettivo “sociale” che lo proponemmo e lo abbiamo fatto: abbiamo portato in piazza 20000 persone di ogni ceto sociale e sesso, d’Italia, giovani, “La Destra” di Storace ha avuto il coraggio di mostrarsi, di misurarsi di condurre, in maniera singola, una battaglia contro chi ci sta letteralmente impoverendo, contro chi avrebbe dovuto condurre fuori dalla tempesta le sorti del paese. Questo era solo l’inizio. La destra italiana , autentica in contenuti, modus operandi, idee, valori, strutture genetiche, forma mentis è viva, vegeta ed è tornata sul serio. Che possa essere un riferimento, una ri�essione per gli elettori, cittadini ma anche per gli scontenti, gli indecisi e per chi credeva che questo sistema fosse morto quando qualcuno si è venduto per denaro ed arrivismo. La nostra lotta al �anco del popolo italiano continua, anche a Nepi, anche da Nepi. Grazie di cuore a chi c’era a coronare questo momento storico, alla federazione provinciale, a tutti i cittadini che alla nostra vista ci applaudivano ed incitavano lungo il corteo, senza avere il timore di “estintori volanti” ne di vetrine infrante.


orvieto eventi

16

Viterbo & AltoLazio

Martedì 6 Marzo 2012

Al Mancinelli applausi a scena aperta per l’attrice nei panni dell’indimenticata Oriana Fallaci

Successo per la Guerritore C

on lunghissimi applausi il pubblico del Teatro Mancinelli ha salutato domenica 4 marzo una splendida Monica Guerritore nei panni di Oriana Fallaci in “Mi chiedete di parlare”. Lei, una delle poche attrici in grado di portare

in scena il carattere della femminilità in tutte le più diverse e complesse sfaccettature, passando dai panni di Giovanna d’Arco a quelli di Oriana Fallaci, ha dato voce e corpo alla nota giornalista scomparsa nel 2006, restituendocene la figura nell’ultimo periodo della

sua vita, quando un male incurabile l’aveva spinta a rifugiarsi, lontana da tutti, nella casa di New York, ora non più sua, coperta di teli di plastica in attesa di nuovi abitanti. Lo spettacolo, scritto e diretto da Monica Guerritore e nato grazie al materiale che il Corriere della Sera ed Emilia Costantini le hanno messo a disposizione, è «un immaginario confronto», un’intervista a Oriana Fallaci; Monica ha riletto montagne di parole della Fallaci, il Vietnam, Khomeini, Kissinger, l’amore; le ha assemblate, montate e smontate, rivestendole di una drammaturgia scenica che al Mancinelli ha incantato il pubblico, che alla fine della messinscena ha applaudito a lungo. Con la sua performance l’attrice ha restituito tutta l’energia, l’indignazione e il dolore che hanno caratterizzato la vita della Fallaci, e dal palcoscenico, fumando ininterrottamente, ha fatto continui riferimenti alle interviste che aveva realizzato con i personaggi più importanti del Novecento e ai reportage straordinari, nonchè ai suoi libri più famosi.

Un’ora e 10 minuti di una drammaturgia intensa, a tratti toccante, specialmente quando la Guerritore/Fallaci racconta del suo cancro e della morte, per la stessa causa, di sua madre e degli altri membri della sua famiglia. Sul palcoscenico Oriana, che per molti è stata scomoda ma sempre determinata e caparbia, è ancora una donna spigolosa e tagliente, dalla forte personalità, che ha vissuto il lavoro di giornalista come una missione, dedicandovi tutta se stessa. Una moderna “guerriera” che niente poteva turbare. Una donna che si è sempre scontrata con la morte, da quella dei propri cari alla sua, per il cancro, tema che percorre tutto lo spettacolo, così come le atroci scene di guerra a cui la Fallaci aveva assistito durante la sua carriera. Lei, donna riservata che non si era mai concessa davvero al mondo e a chi le era stato accanto, aveva scelto di rifugiarsi lì, nel luogo della sua solitudine, in quella casa di New York. “…Non guardatemi…” chiederà alla fine dello spettacolo - “…Non guardatemi morire…”.

Saggio sui monaci guerrieri di Sandro Bassetti

Nelle librerie “I Templari in Umbria” L

’ultimo saggio storico di Sandro Bassetti (ed. Intermedia) analizza la presenza dei Templari nelle varie località dell’Umbria, attraverso una ricostruzione delle loro imprese e del contributo offerto allo sviluppo dei singoli territori. I Templari sono impro-

priamente collocati spesso tra mito e leggenda. Nella realtà essi sono monaci guerrieri che hanno la missione di proteggere i pellegrini sulle strade che conducono ai luoghi santi, tanto in Terrasanta contro i Musulmani quanto nel resto del Mondo di allora contro i predoni.

Corollario a queste funzioni sono l’allevamento dei cavalli, la produzione di foraggio, di generi alimentari e di armi, la capitalizzazione finanziaria e l’invio di moneta ai Templari in Terrasanta. In Umbria la presenza templare è molto forte e ancora oggi se ne trovano le tracce seguendo la Via Flaminia e tratti delle Vie Cassia, Salaria, Muccia, Lauretana, Francisca e di altre, tutte interessanti questa regione. Oltre ai due grandi insediamenti di Orvieto e di Perugia, esistono un’altra ventina d’insediamenti descritti nel libro sulla base di reperti e documenti. Verosimilmente sono molti di più ma per “damnatio memoriæ” di romana memoria, nel tempo si è cercato di annullare quanto più è possibile delle tracce templari: questo testo, oltre che far conoscere meglio il territorio umbro, potrebbe aiutare i ricercatori a farle tornare alla luce. Gli insediamenti umbri, infatti, sono sulle direttrici che portano alla città santa di Roma, o da questa ai porti dell’Adriatico per l’imbarco verso la Terrasanta. Il traffico è notevole per l’epoca e tale da attirare predoni e grassatori e quindi i Templari per la protezione dei pellegrini.


ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE

6 6 5 0 4 6 6 2 0 90

I

D E I R L E G N E E C T S S O S

Compilando le apposite sezioni Sez.Com. “R.MILIONI” di

730 - UNICO - CUD

Viterbo

90026640566

LE SCELTE “8 e 5 PER MILLE” NON SON0 IN ALCUN MODO ALTERNATIVE FRA LORO

D o na r e s a n g u e . . . . f a b e n e a te stesso, ma .... soprattutto agli altri Avis Comunale Viterbo Via E. Fermi, 15 Tel/Fax. 0761/236914

E-Mail avis.comunale@asl.vt.it www.aviscomunaleviterbo.it


almanacco

18 NUMERI UTILI

Viterbo & AltoLazio

Martedì 6 Marzo 2012

Oggi al Cinema

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Fortunato

SORIANO NEL CIMINO

• Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

21 Marzo - 20 Aprile Ariete

La voglia di diver timento forse supera quella di lavorare, ma con la positivita’ portata dalla Luna potrete senza sforzo conciliare le due cose. Cio’ che conta e’ l’organizzazione dei tempi e delle consegne, ma soprattutto non fare mai sviste. Non vedete l’ora di rivedere il vostro grande amore, specialmente se di recente l’avete un po’ trascurato. Concerti, spettacoli.

22 Giugno - 22 Luglio Cancro

Martedì senza infamia e senza lode, anche perche’ forse vi state un po’ accontentando dei traguardi raggiunti. La fortuna non e’ proprio alle stelle ma, se ben giocate, anche le vostre opportunita’ non saranno da poco. Datevi subito da fare! Il vostro bisogno d’amore e’ veramente molto forte e, in piu’ di un’occasione, vi portera’ ad un compromesso. Ma voi cederete con gioia!

23 Settembre - 23 Ottobre Bilancia

21 Aprile - 20 Maggio Toro

Non sempre riuscirete ad esprimere in maniera comprensibile le vostre emozioni e per questo cadrete abbastanza spesso in qualche malinteso. Cercate di essere chiari quando parlate, ma soprattutto di non agire seguendo soltanto l’impulso. Evitate di gozzovigliare con gli amici esagerando con alcool, fumo e cibo pesante: gli effetti sull’organismo sarebbero deleteri.

23 Luglio - 22 Agosto Leone

23 Agosto - 22 Settembre Vergine

24 Ottobre - 21 Novembre Scorpione

22 Novembre - 21 Dicembre Sagittario

22 Dicembre - 21 Gennaio Capricorno

22 Gennaio - 19 Febbraio Acquario

FARMACIE (reperibilità)

In caso di delicatetrattative, potreste essere l’ago della bilancia e decidere cosi’ le sorti della situazione. Cercate di essere imparziali! Il duro lavoro non vi pesa, anche perche’ di sicuro non dareste mai a vederlo, a nessun prezzo. Sarete anche troppo arrendevoli per conquistarvi i favori di una persona che vi interessa sul serio; non perdete comunque di vista il buon senso.

Con la Luna nel XII campo, in piu’ di un’occasione dichiarerete forfait e batterete sulla ritirata: una serie infinita di problemi che vi trovate ad affrontare vi snervano non poco e rischiano di spazientirvi. Un po’ di mal di testa e’ da mettere quindi in conto, a cui potrete porre rimedio con una dose extra di riposo, senza guardare la televisione o lo schermo del computer.

In genere, siete amanti dei cambiamenti, ma in questa occasione potrebbero generare in voi piu’ scompiglio che piacere e divertimento: siete sotto il tiro della Luna in quadratura e l’unica alternativa e’ di mantenere le abitudini di sempre. “Meglio un uovo oggi che una gallina domani”, dice il proverbio. Questo perche’ il domani e’ sempre un po’ piu’ incerto del presente.

Parecchi di voi potranno impostare programmi e strategie da sviluppare in un prossimo futuro; vi verranno idee brillanti e avrete l’occasione di conoscere chi vi dara’ suggerimenti molto interessanti. Buon giorno anche dal punto di vista sentimentale: avrete voglia di dialogare col partner, di stuzzicarlo, insomma di giocare anche se la vostra eta’ non e’ piu’ verde. Svagatevi!

21 Maggio - 21 Giugno Gemelli

Cari amici del Leone la giornata per voi inizia meravigliosamente bene. Se avete un’attivita’ autonoma, gli astri vi rendono intraprendenti e possono accelerare la corsa verso traguardi ambiziosi di natura professionale o finanziaria. Se siete innamorati, una sessualita’ vivacissima vi permettera’ di rinnovare il vostro rapporto di coppia. Sogni, intuizioni folgoranti, per molti di voi, da non prendere sottogamba.

Se ultimamente a v e t e tralasciato gli amici a causa degli impegni, la Luna in Leone, favorevole, servira’ per rimediare al piu’ presto e a rimettervi in pista; l’isolamento infatti non fa per voi, che avete molto bisogno di contatti umani costanti e durevoli. Coinvolgendo il partner in qualcosa di divertente, ravviverete la fiamma del vostro amore e, perche’ no, anche della vostra passione.

La Luna vi gira completamente le spalle, ma non sentitevi impotenti per cosi’ poco. Avete mille modi per farvi valere! Un filo di prudenza non fara’ difetto nel settore lavorativo. In amore, pur essendo vivo il sentimento, non riuscite ad esternarlo come vorreste. Ricordate che oltre a linguaggio verbale, esiste il linguaggio del corpo: una bacio, una carezza, uno sguardo.

Cinema Florida Piazza Marconi 12

Un vostro progetto verra’ selezionato per essere p o r t a t o davanti ad una commissione e voi non vedete l’ora di mostrare tutti i dettagli. Con la preparazione che avete e con la Luna in trigono, sara’ un gioco da ragazzi. E in campo amoroso? Affiancati dal vostro partner avete fatto gia’ molta strada: ringraziatelo per tutto, per ogni momento bello o brutto vissuto insieme.

20 Febbraio - 20 Marzo Pesci

Se si parla di lavoro, le carte sparse sulla scrivania sono molte e non sapete bene quale grana affrontare per prima; lasciate allora fare tutto al caso. Avrete voglia di stare in mezzo alla gente, di incontrare gli amici e di fare nuove conoscenze; vi impegnerete, quindi, in prima persona per organizzare programmi divertenti per la serata. Occupatevi del fisico e del vostro aspetto.

In Time Orario: 21,30

TARQUINIA

VITERBO Cinema Genio Via del Teatro Genio 16 Posti In Piedi In Paradiso Orario: 18,00 - 20,30 - 22,30 Cinema Trento Piazza del Santuario 51/A Viaggio Nell’Isola Misteriosa 3D Orario: 18,00 - 20,00 Cinema Trieste Viale Trieste 30 Viaggio Nell’Isola Misteriosa 3D Orario: 18,00 - 20,00

BAGNOREGIO

Cinema Alberto Sordi Via G. Matteotti, 2 Chiuso

CASTIGLIONE IN TEV.

Cinema Tevere Via Orvietana

Posti In Piedi In Paradiso Orario: 21,30

CIVITA CASTELLANA

Cinema Florida Via Del Forte, 26 Com’è Bello Far l’Amore Orario: 17,30 - 19,30

MONTEFIASCONE

Multisala Gallery Via Cardinal Salotti, s.n.c. Posti In Piedi In Paradiso Orario: 21,30 40 Carati Orario: 21,30 Multisala Flavia Via della Croce, 1 War Horse Orario: 21,30 Paradiso Amaro Orario: 21,30

Cinema Etrusco Multisala Via della caserma 32 Posti In Piedi In Paradiso (In Digitale) Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Safe House Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 Viaggio Nell’Isola Misteriosa 3D Orario: 18,00 Albert Nobbs Orario: 18,00 - 20,00 - 22,00 The Woman In Black Orario: 20,00 - 22,00

VETRALLA

Cinema Excelsior Via Cassia 277, Cura Posti In Piedi In Paradiso Orario: 19,40 - 22,00

VITORCHIANO

Cine Tuscia Village Multisala Località Pallone, Vitorchiano Posti In Piedi In Paradiso Fer. e Pref.: 17,30 - 20,00 - 22,30 Fest.: 15,20 - 17,30 - 20,00 - 22,30 Posti In Piedi In Paradiso Tutti i Giorni: 18,00-20,15-22,30 Viaggio Nell’Isola Misteriosa 3D Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 John Carter 3D Fer. e Pref.: 17,30 - 20,00 - 22,30 Quasi Amici Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Safe House. Nessuno è Al Sicuro Fer. e Pref.: 18,00 - 20,15 - 22,30 Fest.: 15,45 - 18,00 - 20,15 - 22,30 Com’è Bello Far l’Amore Fer. e Pref.: 18,00 Fest.: 15,45 - 18,00 Paradiso Amaro Tutti i Giorni: 20,15 - 22,30

ORTE

Cinema Alberini Via del Plebiscito, 10 Viaggio Nell’Isola Misteriosa 3D Orario: 21,30

Inviate le Vostre Programmazioni a: redazione@opinioneviterbo.it

PREVISIONI METEOROLOGICHE

OGGI 6 MARZO

ACQUAPENDENTE Via G. Marconi, 6 (09,30-12,30 e Notturna)

CELLERE Via G. Marconi, 13/A/B (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

MONTALTO DI C. (MARINA) Via Del Palombaro, 11 (09,00-12,00 e Notturna)

SORIANO NEL CIMINO Piazza V. Emanuele, 22 (08,24-13,00 e 16,00-19,30)

BARBARANO ROMANO Via IV Novembre, 31/C (09,30-13,00 e 16,00-19,00)

CIVITA CASTELLANA Via Di Corte, 3/5 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

MONTEFIASCONE Via Cardinal Salotti, 48 (08,30-13,00 e 16,00-19,35)

TARQUINIA Via Aldo Moro, s.n.c. (08,30-13,00 e 16,00-19,24)

BASSANO IN TEVERINA Via G. Mazzini, 3 (09,30-13,00 e 16,00-19,00)

CIVITA CAST. - SASSACCI Via Terni, 26 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

MONTEROSI Via Roma, 51 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

TUSCANIA Piazza Italia, 12 (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

BOLSENA Via A. Gramsci, 38 (08,30-12,30 e 16,00-19,30)

CIVITELLA D’AGLIANO Piazza Cardinal Dolci, 21 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

NEPI Via F. Giannelli, 3 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

VETRALLA - CURA DI V. Via Cassia, 38/A (09,00-13,00 e Notturna)

CAPODIMONTE Via G. Marconi, 70 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

FABRICA DI ROMA Via Porta Vecchia, 25 (Diurna e Notturna)

ORIOLO ROMANO Via Claudia, 109 (09,30-13,00 e 16,00-19,00)

VIGNANELLO Via Roma, 2/D (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

CAPRANICA Via Padre L. M. Monti, 7 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

GRAFFIGNANO Piazza Del Comune, 10 (09,00-13,00 e 16,00-19,00)

ORTE SCALO Via G. Garibaldi, 52 (08,30-13,00 e 16,00-19,30)

VITERBO Viale Trieste, 36/A (08,35-13,00 e 16,00-19,30)

CAPRAROLA Viale Caduti Sul Lavoro, 39 (09,00-13,00 e 16,00-20,00)

LATERA Via I Maggio, s.n.c. (09,00-12,40 e 16,00-19,00)

RONCIGLIONE Corso Umberto I, 6 (08,30-12,55 e 16,00-19,30)

VITERBO - BAGNAIA Viale Fiume, 6 (09,00-13,00 e 16,00-19,30)

Martedì 6 Marzo

Mercoledì 7 Marzo

La saccatura atlantica si sposta lentamente verso Sud al largo delle coste tirreniche. Al mattino piogge su Toscana, Umbria e Lazio, nevicate tra 12001500m, fino a 800m sulla cresta della dorsale tosco-emiliana. Al pomeriggio tempo asciutto su Lazio ed alta Toscana, ancora fenomeni su bassa Toscana, Umbria e dorsale relativa. In serata e nottata tempo asciutto e schiarite più ampie sull’alta Toscana, ancora fenomeni limitati a dorsale umbra e toscana centrorientale. Temperature in calo nei massimi. Venti moderati da NE in Toscana, da SO a ESE sul Lazio, anche in quota. Mari molto mossi tendenti a mossi i bacini toscani sottocosta.

Il minimo depressionario è in esaurimento sul basso Mediterraneo e le centrali tirreniche sono interessate da un temporaneo promontorio anticiclonico che si manifesta con una giornata asciutta e all’insegna delle schiarite, ampie al mattino sul Lazio, poi sulla Toscana. Insistono annuvolamenti sulla dorsale, fino a sera su quella laziale. Dalla notte velature su alta Toscana e coste tirreniche. Temperature in calo nei minimi, in aumento nei massimi. Venti deboli o moderati tra NE e NO, da NE a O in quota. Mari mossi al largo, poco mossi sottocosta.


SPORT

� � �

Martedì 6 Marzo 2012

19

MOUNTAIN BIKE

Un 2012 di grandi ambizioni per la Race Professional Mtb Grande presentazione e rinnovata veste per il prestigioso gruppo di Trevignano

R

ipartire dalle 14 vittorie e dalle due maglie azzurre ottenute al primo anno di vita per migliorarsi ancora: non manca di certo l’ottimismo in casa Race Mountain Professional Mtb in occasione della sua presentazione per l’anno 2012 all’interno del Ristorante Il Prato a Trevignano Romano (Roma). Le soddisfazioni dello scorso anno rappresentano un ottimo biglietto da visita per guardare lontano anche per la stagione corrente che sta per iniziare. Si punta nuovamente a un organico piccolo con la possibilità di togliersi qualche altra importante soddisfazione strada facendo con Davide Di Marco (élite, 1987), Roberto Crisi (élite, 1988), Emanuele Crisi (juniores, 1994) e il nuovo, unico acquisto di questa stagione Stefano Cavasino (master 1, 1980). Il merito va alla presidentessa Fausta Colapietro, al team manager Giampiero Ferranti, al direttore sportivo Paolo Tempestini che si trovano al timone di una compagine societaria che unisce passione, dedizione, entusiasmo e competenza. Si può parlare di un giusto premio all’impegno che non è mai venuto meno per la formazione capitolina e che è stato determinante per andare avanti come

conferma la presidentessa Colapietro: “Organizzare un team professionistico comporta un gran lavoro dietro ma soprattutto tanta passione trasmessa da Giampiero Ferranti che ha corso 30 anni in bici e quindi sono stata agevolata anche dalla sua esperienza in ambito sportivo. Negli ultimi dieci anni mi sono appassionata anch’io alla mountain bike. Quando ci si è presentata l’opportunità di avere un team tutto nostro abbiamo fatto questo passo. I ragazzi sono la nostra famiglia e quando andiamo in giro a gareggiare ci fanno sempre fare bella figura”. Gli ha fatto eco il team manager Giampiero Ferranti: “Siamo all’inizio dell’avventura stagionale e spero che i risultati ci ripaghino dei nostri sacrifici. Il momento economico non è dei migliori per fare squadre con tanti corridori nonostante le tante richieste di atleti che volevano venire a correre con noi. Ho prefertrito rimanere con i tre agonisti e l’unico master. Invidio i miei ragazzi che useranno le bici di marca Race

Tutti gli sponsor che daranno man forte al sodalizio

BOCCE - Ottimi risultati nella gara regionale

Gli atleti di Civita Castellana fanno bingo al Trofeo di Primavera

G

Dirigenti e atleti nella foto ricordo Mountain di Maurizio De Simone e anche le ruote delle Kento di Massimo Brizzi che sono leggere, reattive e rigide”. “Il gruppo deve dare il suo perché meno si sbaglia e maggiori risultati otterranno i nostri ragazzi che si trovano in un’ambiente sereno senza troppa pressione. Qui va sottolineata la grande capacità del team manager Giampiero Ferranti e della presidentessa Fausta Colapietro” ha commentato il direttore sportivo Paolo Tempestini. “Spero sempre di far meglio – ha

dichiarato l’azzurro iridato 2011 Davide Di Marco con 6 vittorie assolute nello stesso anno - Molti gli sponsor che affiancheranno il lavoro della Race Mountain Professional Mtb: La Molisana, Brico Io, Digimart, Scf Consolidamenti Roma, Gran Forno, Banca Credito Cooperativo Roma, L’Altro Alimento Intolleranze e sponsor tecnici come Selev, Sport Attitude, Sidi, Sram, Kento, Selle Italia, Geax, Ethic Sport, Nw Sport, Corone Ari, Elite, Sixs e Stacplastic. Le bici ufficiali saranno di marca Race Mountain.

rande successo per gli atleti civitonici nel Primo Trofeo di Primavera, gara regionale di bocce per atleti diversamente abili che si è svolta lo scorso sabato presso il bocciodromo G. Cavalieri di Civita Castellana. A partecipare erano cinque squadre laziali: il Santa Rita di Roma, il Santa Sinfarosa di Roma, l’Associazione Sportiva La Rete di Latina, Liberi di Fare Sport di Tivoli e il Circolo Bocciofilo Civitonico. La gara a coppie ha visto dominare gli atleti della squadra civtionica che hanno conquistato primo, secondo e terzo posto. La gara è stata vinta, infatti, da Marzo Maurizio e Marcucci Alessandro, al secondo posto si sono classificati Monterossi Nazzareno e Ferzini Giorgio, al terzo posto Del Ruco Stefano e Tronti Alessandra. Ad assistere alla competizione sportiva c’erano il sindaco di Civita Castellana, Gianluca Ange-

lelli, l’assessore ai Servizi Sociali, Letizia Gasperini, e l’assessore allo Sport Alessio Alessandrini, che si sono complimentati con gli atleti, con il loro allenatore, Nicola Pascucci, e il collaboratore, Giorgio Vaselli. La prossima gara regionale per gli atleti civitonici è per l’11 marzo a Roma, mentre ci sono buone possibilità che possano partecipare alle gare nazionali previste a Montecatini.

Promozione umbra, altro ko per l’Ortana, l’inferno è vicino

CALCIO TERZA CATEGORIA - -Il punto dopo le sfide della seconda giornata di ritorno

N

I

ulla da fare per l’Ortana di mister Paolo Livi che al “Gildo Filesi” deve arrendersi ai ternani dell’Olympia Thyrus. Una scon�tta per 2-0 pesante soprattutto a livello di classi�ca visto che i biancorossi rimangono ancorati all’ultimo posto con le avversarie che continuano ad allungare tanto che al momento il penultimo posto che porterebbe ai play-out è lontano sei lunghezze. Passando alla partita, i biancorossi hanno provato a fare la gara ma al 18’ gli umbri erano già avanti grazie alle rete di Agostani che, come all’andata è stato una vera spina nel �anco degli ortani. Nonostante la grande voglia e l’impegno profuso, il pari per Sciommeri e soci non è arrivato anzi, al 26’ del secondo tempo è arrivata la seconda marcatura degli ospiti ad opera di Crollo. Una rete che ha de�nitivamente spento

le speranze dei padroni di casa che pur riuscendo a rendersi pericolosi in più occasioni hanno dovuto registrare l’ennesima scon�tta. Nonostante il kappaò però i ragazzi non vogliono mollare come si capisce acneh dalle parole del portiere Pesciaroli: “Da parte mia posso assicurarvi che per provare a conquistare i playout salvezza darò l’anima �no all’ultimo minuto di questo campionato. Se retrocederemo lo farò e lo faremo a testa alta dopo averci provato �no alla �ne. Anche oggi purtroppo abbiamo pagato caro il primo errore fatto e poi tutto è diventato più complesso. L’impegno c’è ma anche le assenze di giocatori importanti come Mancini e Orazi contano molto. Comunque, inutile piangersi addosso, sappiamo che il divario si è allungato ulteriormente ma �nché la matematica permetterà di crederci, noi ci

Oriolo a mille, Bomarzo a picco... (5), che questa giornata ha riposato, e l’Oratorio Grandori, ultimo con soli 2 punti. Prossimo turno (4/3/2012): Atl. Tarquinia-Monte Romano; Civita Castellana-Oratorio Grandori; Doc Gallese-Vicus Ronciglione; Oriolo-Civita Castellana CG; Pol. Cicram-Castel S.Elia; S.Maria Assunta-Accordia; Virus Corchiano-Barbarano R.; Riposa il Tarkna Tarquinia.

l punto sulla seconda di ritorno nel campionato di calcio di Terza Categoria.

GIRONE A La quindicesima giornata vede l’aggancio in vetta alla classi�ca dell’Oriolo, grazie all’ampia vittoria ottenuta sul campo del Castel S. Elia, sulla Polisportiva Cicram di Ronciglione, fermata sul pareggio dal Barbarano Romano. Ora le due squadre sono appaiate a 34 punti. Due punti più in basso c’è la Tarkna Tarquinia, la cui partita contro l’Accordia è stata sospesa. In quarta posizione, a quota 29 punti, troviamo una coppia costituita dal Doc Gallese e dal S. Maria Assunta, entrambe vittoriose in trasferta rispettivamente sul campo del Civita Castellana, sponda Calcio Giovanile, e dell’Oratorio Grandori. A centro classi�ca Virtus Corchiano e Barbarano Romano si contendono la quarta posizione

(27 punti), mentre più in basso seguono il Civita Castellana (24) e l’Accordia (20). Passando nella parte inferiore della graduatoria troviamo il Monte Romano a 17 punti, fermato sul proprio terreno di gioco dalla Vicus Ronciglione (9). Il Castel S.Elia, travolto in casa dall’Oriolo, rimane a quota 13 punti. Chiudono la classi�ca il Civita Castellana Calcio Giovanile (7), l’Atletico Tarquinia

GIRONE B Brutta caduta esterna per la capolista Bomarzo (37), scon�tta per cinque reti a zero sul campo dell’Oratorio Madonna del Fiore. Non ne appro�tta nessuna delle due inseguitrici, Virtus Acquapendente (27) e Sp. Bagnoregio (31), che nello scontro diretto pareggiano, un risultato che non serve a nessuna delle due squadre. Anche l’Onano, quarto con 25 punti, si fa bloccare in casa sul pareggio dalla meno quotata formazione del Canino. Appena un punto più

in basso il Bolsena (1-1 a Viterbo Con il Pool Vt) vede avvicinarsi a grandi passi l’Oratorio Madonna del Fiore, che raggiunge a quota 23 l’Arlenese, a riposo per questa giornata, e il Sipicciano, vittorioso in casa sul Real Monte�ascone (14). Nettamente più staccato il Giglio Zepponami, che però grazie alla ampia vittoria (5-1) nello scontro diretto, raggiunge la Lubrianese a 16 punti. Muovono la classi�ca tutte le ultime quattro formazioni del girone: Grotte Santo Stefano (13), Real Vitorchiano (12) (che si sono affrontate in uno scontro diretto terminato 1-1), Canino (12), Real Pool Viterbo (8). Prossimo turno (4/3/2012): Arlenese-Virtus Acquapendente; Bolsena-Oratorio Madonna del Fiore; Canino-Giglio Zepponami; Lubrianese-Real Pool Viterbo; Real Monte�ascone-Grotte S.S.; Real Vitorchiano-Onano Sport; Sp. Bagnoregio- Sipicciano; Riposa il Bomarzo. M.F.


Viterbo & AltoLazio

� �

sport

SPORT

20

Martedì 6 Marzo 2012

CALCIO SERIE D

Vegnaduzzo sgombra il cielo dalle nubi Conticchio punta tutto sull’argentino che lo ripaga a suon di gol. Brutto stop della Flaminia di LEONARDO CUTIGNI

P

er fortuna che Vegnaduzzo c’è. Riprendendo un famoso slogan, è questo in sintesi ciò che emerge dall’ultima apparizione della Viterbese. L’attaccante argentino, preferito da Conticchio a Majella in un ipotetico tournover, ha tolto le castegne dal fuoco in match in cui l’agonismo ha sovrastato la tecnica. Un bomber vero, moderno, che unisce il lavoro sporco a quello realizzativo ed infatti gli ultimi successi coincidono alle sue marca-

ture. Difensivamente parlando sale sul gradino più alto Fabio Fapperdue. Il giovane centrale, prodotto del vivaio gialloblu, ha donato sicurezza al reparto arretrato e la chiusura su Morvidoni in pieno recupero, vale quanto il rigore realizzato da Vegnaduzzo. Nel mezzo tante chiusure ed altrettanti anticipi, segnale che il ragazzo sta crescendo in maniera esponenziale e che le lusinghe delle altre società nei suoi confronti non sono per nulla immeritate. Certamente ha influito

SERIE D GIRONE E - 24ª GIORNATA PONTEVECCHIO - AREZZO

2-2

SANSOVINO - ZAGAROLO

2-1

CIVITACASTELLANA FLAMINIA - TODI

0-1

PIANESE - PIERANTONIO

2-1

PONTEDERA - ORVIETANA

1-0

VOLUNTAS SPOLETO - SANSEPOLCRO

1-0

GROUP CDCASTELLO - CASTEL RIGONE

0-2

VITERBESE - TRESTINA

1-0

DERUTA - SPORTING TERNI

1-1

Foto Andrea Di Palermo

il ritorno di Nocerino che, tralasciando qualche sbavatura iniziale, ha saputo giudare i compagni di reparto con intelligenza facendo sentire la sua esperienza. Anche Scarsella ha dato il suo contributo dopo lo stop per scelta tecnica, ma solo per un discorso di under, mai messo in discussione il suo valore. Buono il ritorno di Piccolo in mezzo al campo, di Vanacore sulla corsia di destra, di Di Marco,

quando è stato chiamato in causa. Suffucienti o leggermente da rivedere le prestazioni di Morini, Mereu e soprattutto Testa. Per la sfida di Coppa Italia gli ingredienti sembrano esserci tutti. Era importante ritornare al successo, senza badare ai fronzoli e così è stato. Mettendo invece il naso sulla prestazione dei nostri futiri avversari si nota come il percoso da loro

fatto sia similare a quelo gialloblu. I tifosi campani chiedevano un pronto riscatto e così è stato al termine di una partita scoppiettante e terminata 3-2 per il San Antonio Abate contro i siciliani del Noto con le firme di Martone, Sifonetti e Morella. Si attende una cornice degna dei grandi appuntamenti, non il sold out, ma meglio dello stadio per tre quarti vuoto di Domenica. Chi invece non ha colto la chance è il Civitacastellana Flaminia che esce sconfitto dallo scontro interno contro il Todi, rimettendo quindi in discussione quanto di buono fatto nelle ultime giornate. La seconda sconfitta consecutiva infatti inguaia e non poco i Puccica boys che al momento si vedono fuori dalla zona play out solo per una questione favorevole di scontri diretti con il Sansepolcro. Il Todi si è presentato al Turiddu Madami con l’atteggiamento tipico di una ‘piccola’, coperta corta e ripartenze fulminea nella speranza di cogliere di sor-

SERIE D - GIRONE E PONTEDERA

56

AREZZO

49

PIANESE

41

CASTEL RIGONE

40

SPORTING TERNI

39

VOLUNTAS SPOLETO

35

VITERBESE

34

PIERANTONIO

33

DERUTA

33

ORVIETANA

31

PONTEVECCHIO

31

TRESTINA

30

FLAMINIA

29

SANSEPOLCRO

29

SANSOVINO

28

TODI

26

G.C.CASTELLO

22

ZAGAROLO

22

presa l’avversario e così è stato. Forse è venuto meno l’atteggiamento tipico di chi deve giocare per salvarsi costi quel che costi.

ECCELLENZA - PROMOZIONE La Vigor Acquapendente aggancia la vetta

Il Montefiascone profuma di salvezza Successo fondamentale per il Monterosi. Harakiri del Corneto contro il Cecchina.

L

a scena è tutta del Montefiascone. Una vittoria da tre punti, ma non contro un avversario banale, bensì con l’allora capolista, reduce da una sentenza che la penalizzava e quindi ferita nell’orgoglio e vogliosa di riprendersi nel campo ciò che gli era stato tolto. Dolcis in fundo un risultato inatteso, con la firma dell’under più azzeccato del campionato, quel Fai-

na, classe ‘94, che forse la Viterbese ha si è fatto scappare con troppa fretta. Per lui la prima doppietta in Eccellenza, con l’apertura delle marcatura dell’altro ex viterbese, il ‘principe’ Mattia Grimaldi. Un 3-0 figlio di una gara giocata al limite della perfezione, in cui la formazione falisca ha concretizzato la mole di gioco espressa lasciando solo qualche bri-

ECCELLENZA GIRONE A - 24ª GIORNATA (oggi)

ciola agli avversari ben più quotati. Al termine della sfida tutti ad abbracciare il tecnico Daniele Antolovic che, non si sa il perchè, era finito per essere il bersaglio preferito di qualche contestatore forse ignaro delle insidie di questa categoria e che vede formazioni ben più attrezzate e rodate dietro ai gialloverdi. Il traguardo della salvezza infatti, appare ormai alla portata anche alla luce degli altri risultati di giornata. Sorride anche il Real

Monterosi che riesce ad avere la meglio di un buon Diana Nemi con un guizzo di Donninelli nel finale di partita. Per la squadra di Lauretti è una vittoria che dà linfa alla classifica e che se possibile, aumenta il rammarico per un’inizio di stagione non certo brillante. Chi proprio non ha nulla da ridere è il Corneto Tarquinia che esce con le ossa rotte dal confronto interno con il Cecchina. Il risultato è bugiardo, chi sa cosa sarebbe successo se Tamalio avesse insaccato il penalty dell’1-1, ma fatto sta che ora la classifica diventa grigia, con lo spettro dei play out che si fa sempre più minaccioso. QUI PROMOZIONE: Aggancio riuscito, sorpasso rimandato. Questa in sintesi la Domenica della Vigor Ac-

PROMOZIONE GIRONE A - 24ª GIORNATA (oggi)

ALABALONGA - REAL POMEZIA

1-0

ANQUILLARA - VIGOR ACQUAPENDENTE

0-0

CORNETO - CECCHINA

0-4

FOCENE - MONTEVERDE

2-0

GIADA MACCARESE - LADISPOLI

3-0

LA STORTA - BRACCIANO

3-1

GUIDONIA MONTECELIO - RIETI

1-0

SANTA MARINELLA - FREGENE

0-2

LA SABINA - FONTENUOVESE

0-5

CANEPINA - TOLFA

0-2

MONTEFIASCONE - PISONIANO

3-0

FOGLIANESE - CASALOTTI

1-2

OSTIA MARE - VILLANOVA

2-0

FOTBOLCLUB - PIANOSCARANO

3-0

REAL MONTEROSI - DIANA NEMI

1-0

OLIMPIA - ISCHIA DI CASTRO

2-2

TOR SAPIENZA - FIUMICINO

2-2

CANINESE - CITTA’ DI CERVETERI

1-2

ECCELLENZA - GIRONE A

PROMOZIONE GIRONE A

OSTIA MARE

50

GRIFONE MONTEVERDE

48

PISONIANO

49

V. ACQUAPENDENTE

48

RIETI

42

CANINESE

47

ALBALONGA

42

FREGENE

46

VILLANOVA

36

PIANOSCARANO

42

REAL MONTEROSI

35

ISCHIA DI CASTRO

42

MONTEFIASCONE

34

FOCENE

36

CECCHINA

34

CASALOTTI

36

TOR SAPIENZA

33

LA STORTA

35

REAL POMEZIA

32

OLIMPIA

32

FONTENUOVESE

31

TOLFA

31

LADISPOLI

30

FOTBOLCLUB

30

GUIDONIA

30

BRACCIANO

28

FIUMICINO

28

CERVETERI

27

CORNETO TARQUINIA

26

SANTA MARINELLA

27

DIANA NEMI

24

ANGUILLARA

26

MACCARESE

20

FOGLIANESE

12

LA SABINA

11

CANEPINA

8

quapendente che, grazie alla sconfitta del Grifone Monteverde, termina il prolungato inseguimento al vertice grazie al buon punto ottenuto ad Anguillara. Ne approfitta la Caninese di Sperduti, ora a -1 dal duo di testa, che supera il Cerveteri con le firme di Renzani e Feola. Cade e col botto il Pianoscarano di Baggiani

contro il Futbolclub. Il passivo di 3-0 lascia poco spazio alle recriminazioni. Ride invece a denti stretti l’Ischia di Castro che inchioda sul 2-2 l’Olimpia. Tutto secondo pronostico le sfide di Canepina e Foglianese. Ad usufrire dei fanalini di coda sono stati il Tolfa ed il Casalotti rispettivamente per 0-2 ed 1-2.


� �

sport

SPORT

Viterbo & AltoLazio

Martedì 6 Marzo 2012

21

FOTO RICORDO

La grande impresa del Montefiascone Le immagini dello splendido successo del team di Antolovic contro il Pisoniano Foto Andrea Di Palermo


Viterbo & AltoLazio

� �

sport

22

SPORT

Martedì 6 Marzo 2012

CALCIO 1ª / 2ª

Castrense imprendibile, si ferma la N. Sorianese Nel girone A della Seconda Categoria il 2001 Tuscia si candida per la conquista del 2° posto

T

utto il quadro della ventesima giornata nei gironi di Prima e Seconda Categoria. PRIMA CATEGORIA GIRONE A La ventesima giornata di Prima categoria si archivia con un solo risultato inaspettato, la scon�tta della Nuova Sorianese. La formazione di Valentini infatti esce scon�tta dalla trasferta di Monteromano. Le motivazioni in questo caso hanno pesato più dei valori tecnici, con i padroni di casa capaci di ribaltare nella ripresa il vantaggio ospite �rmato su rigore da Pecci grazie

alle marcature di Ciavattini e Barcaroli in pieno recupero. Chi ne appro�tta è la Castrense che si sbarazza del Montalto con il secondo 3-0 consecutivo mettendo di fatto più di un’ipoteca sul titolo. Il risultato, mai in discussione, porta le �rme di Cascianelli, Pacenza e Randazzo. Anche il Virtus Bolsena non sta a guardare e riporta il distacco dalla seconda ad otto punti grazie al successo casalingo contro il Vignanello, sempre più inguaiato in classi�ca. Vitali per la formazione di Centaro le reti di Torres e Botarelli che si permette anche il lusso di fallire un calcio di ri-

1ª CATEGORIA GIRONE A - 20ª GIORNATA

Nel girone B della Seconda successi preziosi per Caprarola e Bassano Romano

rigore, risponde nella ripresa per i cimini Delle Monache. A �ne gara a poco servono le proteste dei padroni gara agli indirizzi del direttore di gara che a dire il vero nega un calcio di rigore solare agli ospiti, �ssando anche il risultato delle ingiustizie in parità.

in quel di Vasanello con i padroni di casa che impattano per 2-2 contro il fanalino di coda Virtus Cimini con le reti di Mau. Mariani e Mar. Mariani per i padroni di casa e doppietta di Petese per gli ospiti. Buon punto invece quello ottenuto dal Doria San Martino contro il Tuscania. Apre le marcature Ligi su

PRIMA CATEGORIA GIRONE D Pesante scon�tta per la Fortitudo Nepi che ha perso per 3-1 nella trasferta contro l’Ottavia. Situazione ormai compromessa del tutto e nelle ultime 10 giornate ci sarà soltanto da onorare una stagione dif�cile e fallimentare dal

punto di vista dei risultati. SECONDA CATEGORIA GIRONE A Missione compiuta per la regina San Lorenzo Nuovo che supera indenne con un ottimo pareggio la dif�cile trasferta di Civitella D’Agliano. Un punto d’oro per la battistrada, conserva la piazza d’onore il team della Teverina in compagnia del Valentano che pareggia 1-1 nella trasferta di Bagnaia dove ancora una volta ha segnato il forte Maculani. Ma ora Valentano e Civitella devono guardarsi dal ritorno del lanciatissimo 2001 Tuscia che con la doppietta

del super bomber del campionato Giuseppe Latini (l’altro gol del fratello Claudio) ha confermato il suo straordinario momento battendo per 3-0 il malcapitato Celleno. Negli altri confronti pareggio per 2-2 tra Graf�gnano e Querciaiola, ritorno al successo per la Virtus Marta che si è imposta per 2-1 sul Barco Murialdina con le reti di Catanesi e Furietti, per i rionali gol di Grazini. Vincono in trasferta la Virtus Pilastro per 2-0 a Pescia Romana con le reti di Scribano e Casagrande, l’As Vetralla di mister Zaccaro per 2-0 con doppietta di La Pera a Gradoli ed il Farnese per 3-1 sul terreno dell’Etrusca con la

2ª CATEGORIA GIRONE B - 20ª GIORNATA

2ª CATEGORIA GIRONE A - 20ª GIORNATA

BLERA .- CIMINA RONCIGLIONE

3-3

CIVITELLA D’AGLIANO - SAN LORENZO NUOVO

0-0

BASSANO ROMANO - VEJANESE

3-2

CAPRANICA - LATERA

1-0

ETRUSCA - FARNESE

1-3

MAGLIANESE - ATLETICO MORLUPO

2-2

MONTALTO - CASTRENSE

0-3

GRAFFIGNANO - QUERCIAIOLA

2-2

PRO CALCIO ANGUILLARA - FABRICA CALCIO

2-1

MONTE ROMANO - NUOVA SORIANESE

2-1

NUOVA BAGNAIA - VALENTANO

1-1

REAL CAPRAROLA - CALCIO SUTRI

0-0

TUSCANIA CALCIO - DORIA SAN MARTINO

1-1

REAL GRADOLESE - AS VETRALLA

0-2

REAL COLLEVECCHIO - VIC FORMELLO

3-1

VALLERANESE - POL. FALISCA

0-1

VIRTUS MARTA - BARCO MURIALDINA

2-1

SORATTE - CASPERIA

1-1

VASANELLO - VIRTUS CIMINI

2-2

VIRTUS PILASTRO - N. PESCIA ROMANA

2-1

SPORTING RONCIGLIONE - SABAZIA

3-1

VIRTUS C. BOLSENA - VIGNANELLO

2-1

2001 TUSCIA - CELLENO

3-0

STIMIGLIANO - FORANO

1-0

A sinistra Cascianelli della Castrense, ancora in gol, a destra lo scatenato bomber Giuseppe Latini del 2001 Tuscia, altra doppietta 1ª CATEGORIA GIRONE D - 20ª GIORNATA

1ª Categoria girone A CASTRENSE

56

NUOVA SORIANESE

43

VIRTUS BOLSENA

35

CAPRANICA

32

POL.FALISCA

30

BLERA

29

C. RONCIGLIONE

28

DORIA SAN MARTINO

26

LATERA

25

TUSCANIA

25

MONTALTO

23

VALLERANESE

23

MONTEROMANO

21

VIGNANELLO

19

VASANELLO

13

VIRTUS CIMINI

10

gore negli ultimi minuti. Nella zona alta della classi�ca da registrare il ritorno al successo del Capranica che supera di misura un buon Latera grazie alla rete di Doraci nei minuti iniziali della ripresa. Da registrare la furia degli ospiti agli indirizzi del direttore di gara che, in più di un’occasione, non si è mostrato all’altezza dell’incontro. Il Blera dopo un mese passato tra più bassi che alti esce dalla dif�cile trasferta di Ronciglione con un insperato, quanto contestato pareggio. Il gol su rigore a due minuti dalla �ne di Ghigi sancisce il pirotecnico 3-3 �nale, condito dalla classica rissa �nale in mezzo al campo, con lo stesso Ghigi a farne le spese. Cade quasi inaspettatamente il Vallerano contro la Polisportiva Falisca. L’incontro sembrava ormai orientato verso uno scialbo pareggio ad occhiali, ma al 45’ Petri �ssa il colpo esterno per i suoi con il classico colpo della Domenica che si insacca sotto il set. Un’altra X, inutile ai �ni della classi�ca, si è materializzata

CASAL BARRIERA - CAPENA

0-0

CANALE MONTERANO - TREVIGNANO

3-0

CESANO - PRO ROMA

1-2

FIANO ROMANO - FORTITUDO

2-0

OTTAVIA - FORTITUDO NEPI

3-1

REAL PORTUENSE - CAMPAGNANO

4-0

RIGNANO SORATTE - CASTELNUOVESE

1-2

ROMULEA - SACROFANO

3-1

1ª Categoria girone D

2ª Categoria girone A

REAL PORTUENSE

43

SAN LORENZO N.

50

FIANO ROMANO

40

VALENTANO

40

CAPENA

39

CIVITELLA D’AGLIANO

40

FORTITUDO ROMA

36

2001 TUSCIA

38

TREVIGNANO

34

VIRTUS PILASTRO

35

ROMULEA

33

FARNESE

32

CANALE MONTERANO

30

NUOVA BAGNAIA

29

RIGNANOSORATTE

29

VETRALLA 1928

27

CASAL BARRIERA

29

GRAFFIGNANO

26

SACROFANO

24

REAL GRADOLESE

25

CAMPAGNANO

24

VIRTUS MARTA

22

CASTELNUOVESE

24

ETRUSCA

19

OTTAVIA

23

QUERCIAIOLA

15

PRO ROMA

23

N. PESCIA ROMANA

14

FORTITUDO NEPI

9

CELLENO

12

CESANO

7

BARCO MURIALDINA

7

doppietta dell’ottimo Matamba e un’autogol.. SECONDA CATEGORIA GIRONE B Qui continua a non perdere colpi la capolista Stimigliano che si impone per 1-0 sul Forano ma in chiave Ronciglione United che batte per 3-1 il Sabazia con la doppietta di Farricelli e il gol di Oliva. E sono tre punti d’oro nel rafforzare l’ottimo secondo posto. C’era attesa per i due derby in cui il fattore campo si è fatto sentire. Ritorno alla vittoria per il Bassano Romano che batte per 3-2 la Vejanese e ottiene tre punti preziosi in chiave salvezza. Secondo successo consecutivo per il Real Caprarola che batte 1-0 il Calcio Sutri con la rete di Paolelli e torna in corsa verso una salvezza dif�cile ma non impossibile. Da segnalare in�ne il ko del Fabrica scon�tto per 2-1 sul campo della Pro Calcio Anguillara.Per i viterbesi gol di Cruciani per il momentaneo 1-0.

2ª Categoria girone B STIMIGLIANO

49

RONCIGLIONE UNITED

44

REAL COLLEVECCHIO

37

FABRICA CALCIO

34

VEJANESE

32

SABAZIA

31

CALCIO SUTRI

31

MAGLIANESE

29

P.C. ANGUILLARA

28

FORANO

24

VIC FORMELLO

20

CASPERIA

20

BASSANO ROMANO

20

SORATTE

16

MORLUPO

13

REAL CAPRAROLA

13


sport

SPORT

Viterbo & AltoLazio

Martedì 6 Marzo 2012

23

SPORT VARI

Defensor e Belli Cgt tritatutto Con i successi su Firenze e Latina i nostri team di basket confermano il loro grande momento

G

li approfondimenti del weeke-end per le nostre formazioni.

BASKET DONNE CONTINUA A VOLARE LA DEFENSOR La Defensor supera Firenze e, grazie a questi due punti, si allontana ancora di più dall’ultima posizione che condanna alla retrocessione diretta in serie B. L’inizio è decisamente contratto, le due squadre sentono evidentemente il peso della posta in palio e si assiste a due minuti senza canestri. DEFENSOR 62 FIRENZE 55 La Defensor supera Firenze e, grazie a questi due punti, si allontana ancora di più dall’ultima posizione che condanna alla retrocessione diretta in serie B. Defensor: Seralessandri ne, Boi 8 (1/5,2/2), Yordanova 19 (6/8,1/5), Romagnoli (0/2), Scoscia 4 (2/4), Richter 9 (4/9,0/1), Narcisi 3 (0/1,1/1), Sera�ni 2 (1/3), Scimitani 11 (4/9), Spirito

tita cambia volto; la giocatrice viterbese fa il vuoto a rimbalzo e porta quei punti che mancavano in attacco, sciorinando un repertorio fatto di movimenti vicino a canestro e di precisione dalla lunghissima distanza, con un 2/2 che punisce la difesa �orentina. Coach Scaramuccia, con Richter in panchina gravata di tre falli, punta sulla zona 3-2 che mette in evidente dif�coltà l’attacco del Fotoamatore. Viterbo così allunga ben oltre la doppia cifra di vantaggio e tocca il massimo sul 29-15, conservando il +14 anche sulla sirena nonostante lo 0/2 dalla lunetta di Sera�ni a un solo secondo dalla conclusione del parziale. Nel terzo periodo la Defensor pare inarrestabile, Scimitani e Yordanova segnano a ripetizione e le gialloblù volano sul 46-27. La partita sembra chiusa ma il coach ospite sconvolge il quintetto puntando su tutte piccole; l’effetto è un break di 16-0 con le bombe di Fabbri e Stefanini e l’energia di D’Erasmo che mandano in tilt la squadra di casa, riaprendo completamente il match. Un canestro di Balestri

La Belli ha massacrato il Latina

6 (3/4). All. Scaramuccia Firenze: Stefanini 9 (3/10,1/3), Fabbri L., Ciantelli, Fabbri F. 16 (2/11,4/8), Ilieva 8 (2/6,1/3), Balestri 10 (5/10,0/3), El Habbab ne, D’Erasmo 4 (2/3), Corsi 4 (1/ 5), Lastrucci 4 (2/5). All. Paoletti Arbitri: Spano di Sannicandro di Bari e Mottola di Taranto Note: Tiri liberi Defensor 8/15, Firenze 3/6. Rimbalzi Defensor 46 (Boi 13), Firenze 33 (Stefanini 7). Parziali 10’ (10-10), 20’ (31-17), 30’ (46-43) L’inizio è decisamente contratto, le due squadre sentono evidentemente il peso della posta in palio e si assiste a due minuti senza canestri. Viterbo prova a sbloccarsi af�dandosi alle lunghe ma Firenze replica soprattutto con Ilieva che colpisce sia dalla media distanza che da oltre l’arco dei 6,75. Il duello tra Scimitani e Corsi è molto interessante e spigoloso, Yordanova appro�tta della battaglia in area per catturare molti rimbalzi ma la squadra di casa perde banalmente troppi palloni e, alla prima pausa, si ritrova in perfetta parità con le avversarie che, sin dalla palla a due, cercano di pressare le portatrici di palla gialloblù ben oltre la metà campo difensiva. Nel secondo periodo entra in campo Alessandra Boi e la par-

in avvio di quarto periodo porta Firenze �no al -1 ma la Defensor, con un buon impatto da Narcisi e un canestro di Spirito in contropiede, risponde con un altro break di 11-0 che, a poco più di sei minuti dalla �ne, sembra ancora una volta chiudere i conti. Firenze, obbligata a vincere per tenere accese le speranze di rimonta in classi�ca, non molla la presa, Balestri in particolare è molto ef�cace sia in difesa che in attacco ma questa volta la Defensor non si fa sorprendere e, con Yordanova sia dal campo che dalla lunetta, mette a tabellone i punti necessari per vincere l’incontro e compiere un passo avanti forse decisivo verso i playout.

I risultati della Colavene Alto Lazio al cross di Coreggio Belli CGT: Peroni 9, Bitetto 2, Ottaviani 14, Mariani 18, Dragojevic 16, Mulè 5, Tola 2, Caiazza 9, De Martino 11, La Torre 4. All. Cipriani SMG Latina: Croatto 3, Giora 3, Di Gennaro 10, Nwokoye, Rollo 2, Longobardi 13, Camillo 1, Mustacchio 2, Pitton 13, Chiari 3. All. Gallo Arbitri: Barbieri e Serva di Roma Note: Tiri liberi Belli CGT 14/21, Latina 13/23. Parziali 10’ (27-15), 20’ (43-23), 30’ (70-38). Coach Cipriani si af�da ad un quintetto collaudato, con Peroni, Bitetto e Ottaviani esterni e la coppia Mariani-Dragojevic ad agire più vicino al canestro. E’ proprio il pivot di origine croata a farsi vedere per primo con due bei canestri, cui gli ospiti rispondono con la tripla di Pitton che consegna il primo vantaggio esterno sul 4-6. Bitetto mette grande pressione ai portatori di palla avversari e il risultato sono diversi palloni recuperati, che fruttano punti facili in contropiede e gli valgono gli applausi da parte del tecnico. Latina si af�da ancora ai tiri dalla lunga distanza con Di Gennaro ma Mariani, con un paio di canestri frutto del suo enorme atletismo, rimette nuovamente le cose a posto per la Belli CGT che torna ad avere un margine interessante (14-9). Quando Ottaviani trova il canestro del 18-6, tutto il quintetto schierato da Cipriani è già a referto e regala spettacolo pochi secondi dopo ancora con Ottaviani che �nalizza nel migliore dei modi l’ennesimo recupero con assist dietro la schiena di Bitetto, pronto ad uscire poco dopo tra gli applausi del pubblico. La vena realizzativa di Mariani non si ferma, l’ex Veroli �rma anche una tripla per il suo undicesimo punto personale che, a venti secondi dalla prima sirena, coincide con il massimo vantaggio neroarancio (27-13) prima del 2/2 ai liberi di Croatto che sanciscono il 27-15 di �ne

I boys dell’Atletica Colavene primo periodo. La seconda frazione si apre ancora bene per i padroni di casa, con Dragojevic micidiale sotto canestro e Caiazza bravo a colpire dalla lunghissima distanza per il 32-17 interno. Dopo poco più di due minuti c’è l’esordio in maglia neroarancio di Massimo La Torre che viene cercato dai compagni ma, comprensibilmente, deve ancora entrare nei meccanismi di squadra. La sua presenza a centro area è comunque importante nel creare problemi all’attacco pontino che trova la strada chiusa nel pitturato; al resto ci pensano la grande energia di Francesco De Martino e l’utilità sui due lati del campo di Ottaviani che, �nalizzando l’ennesimo contropiede, obbliga il tecnico ospite a chiamare timeout sul 38-19 di metà periodo. Il primo canestro dell’avventura viterbese di La Torre è un appoggio al ferro per il 40-19, Cipriani tiene in campo l’ultimo arrivato per fargli trovare il ritmo partita e viene ripagato con minuti di qualità ma un paio di forzature dell’attacco costano altrettante perse e favoriscono un mini break ospite (0-4) che si ferma sullo 0/2 in lunetta di Giora. La Torre controlla tutti i rimbalzi e la Belli CGT, grazie ad una tripla di Ottaviani, tocca per la prova volta il +20 sul 43-23 che è anche il punteggio con cui le due squadre tornano negli spogliatoi. Latina è più sveglia nell’alzarsi dai blocchi del terzo periodo, con un 6-0 che la riavvicina sul 43-29. Due liberi di Ottaviani portano il capitano in doppia cifra ma resta

qualche dif�coltà in attacco per la squadra di Cipriani che spreca banalmente qualche pallone e torna a muovere il tabellone, sempre dalla lunetta, con Peroni per il 47-31; dal campo il primo canestro è �rmato Mariani che torna a segnare dopo il periodo d’apertura, Pitton prova a replicare ma il quintetto di casa ritrova �uidità nella metà campo d’attacco e l’effetto è immediato. Prima Caiazza da oltre la linea dei 6,75 e poi Peroni, con un canestro più tiro libero aggiuntivo, scavano un ulteriore solco (58-33). Nel momento migliore dei neroarancio c’è però l’infortunio alla caviglia destra di Peroni che appoggia male il piede nell’effettuare uno scivolamento difensivo ed è costretto ad uscire zoppicando. Mariani con una tripla e Dragojevic con tre bei canestri in area portano il divario tra le due squadre oltre i trenta punti, con il 70-38 sulla sirena del terzo periodo che è molto più di un’assicurazione sul successo dei viterbesi. L’ultimo quarto è infatti di pura amministrazione per il team di Cipriani che trova il modo di regalare ancora qualche bella giocata con Mulè e Mariani. Ci sono anche sei minuti in campo per Tola e tornano sia La Torre che De Martino, bravi a costruire il canestro del 79-43 con l’assist del pivot per il suo numero quindici. Anche Tola si iscrive a referto con un bel canestro dall’angolo per l’8545 e la partita scorre via senza ulteriori sussulti �no alla sirena conclusiva con la tripla di De

BASKET MASCHILE LA BELLI CGT STRARIPA Ancora una vittoria per la capolista Belli CGT che aggiunge un’altra perla alla sua splendida stagione, superando a domicilio l’SMG Latina e consolidando il primato nel girone A di serie C regionale. BELLI CGT 90 SMG LATINA 50

La Defensor continua a volare

Martino che regala il 90-50 alla capolista.

ATLETICA LEGGERA LA COLEVNE ALTO LAZIO AI CAMPIONATI ITALIANI DI CROSS Si sono svolti a Correggio, domenica 4 marzo, i Campionati Italiani di Società di Cross Lungo e Corto, manifestazione che ha visto al via le formazioni meglio classi�cate nelle rispettive fasi regionali che si sono svolte nei mesi di gennaio e febbraio in tutt’Italia. Alla gara, hanno partecipato in rappresentanza della Colavene Alto Lazio, Francesco Marinelli, Riccardo Egizi, Jacopo Grossi e Anton Mariani Ivanikhin, che hanno dando vita ad una buona prova, nella quale hanno profuso tutte le loro migliori energie, alla ricerca del miglior risultato possibile. Molto bella la gara a cui hanno partecipato ben 300 concorrenti con un ritrovato Andrea Lalli, portacolori delle Fiamme Gialle, in gran forma a governare le sorti del cross corto. Il �nanziere è inarrestabile sui prati di Correggio (RE) nella specialità che l’ha portato due volte sul trono d’Europa, nel 2006 da junior e due anni dopo da Promessa. Dietro di lui il carabiniere Stefano La Rosa (fresco del titolo di mezza maratona alla RomaOstia) e il marocchino, in attesa di cittadinanza italiana, Marouan Razine (Cus Torino). Tornando ai portacolori della Tuscia, della Colavene Alto Lazio che sono arrivati al traguardo a ridosso della posizione 200, c’è da segnalare la buona prova di capitan Marinelli che ha corso i 4 Km. in 14’20”, seguito nell’ordine da Egizi che ha corso in 14’41”, Grossi in 14’57” ed Ivanikhin in 14’58”, per una classi�ca generale che vede la società del pres. Tronti al 61° posto �nale. La gara chiude il primo periodo invernale di preparazione degli atleti viterbesi, che potranno a breve tornare alle manifestazioni su pista, sicuramente più congeniali alle loro caratteristiche tecniche, a partire dal mese di Aprile con la disputa delle prime gare della stagione agonistica Outdoor 2012.


ORIENTAMENTO 2012 A.A. 2012 - 2013 Lauree Triennali

OPEN DAY 14 marzo 2012 Ore 9.00 -13.00

I Docenti dell’Ateneo incontrano presso i dipartimenti gli studenti delle Scuole Secondarie Superiori:

centro stampa d’Ateneo

�������������������������������������� dei servizi agli studenti ��������������� Per partecipare: compila il modulo di adesione che trovi sul sito www.unitus.it ����������������������������������������������������������������������������������������� e mail capuani@unitus.it - rocchimr@unitus.it

infoperme@unitus.it - www.unitus.it


L'Opinione di Viterbo - 06.03.2012