Issuu on Google+

AltoLazio News Quotidiano Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10 In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE delle Libertà

Direttore Editoriale NICOLÓ ACCAME

p

Viterbo & AltoLazio Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

Anno II N.155 - Venerdì 1 Luglio 2011 - Euro 1,00

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Treni fermi sulla Roma-Viterbo La rabbia dei pendolari

Tagli delle attività all’ospedale di Acquapendente, Bambini protesta

Pecoraro Scanio pronto a venire a Viterbo per il Lago di Vico

di Luca Appia a pagina 3

dalla Redazione a pagina 4

dalla Redazione a pagina 3

Autoservice pronta a pignorare per una cifra che si aggira intorno ai 200mila euro

Caos Francigena, Di Toro verso le dimissioni?

Questa mattina in Consiglio Comunale si affronta la questione Cev. Brutta storia per Paolo Muroni

Una nuova mazzata è pronta ad abbattersi sulla società Francigena. Autoservice ha ottenuto dal tribunale di Viterbo la �rma che rende esecutivi i decreti ingiuntivi che autorizzano i lavoratori al pignoramento presso la municipalizzata di una cifra che si aggira intorno ai 200mila euro. Questa mattina in Consiglio Comunale si affronta la questione del Cev. Le partecipate non navigano in buone acque. Ri�ettori puntati sulle prossime decisioni del Comune e dell’assessore alle Partecipate Paolo Muroni, responsabile delle società per conto di Palazzo dei Priori.

EDITORIALE

Municipalizzate, la folle idea di buttare tutto a mare di Roberto Pomi La giornata di ieri è stata monopolizzata dalla notizia, che non ha trovato i crismi dell’uf�cialità, delle imminenti dimissioni del presidente Francigena Pierre Di Toro. Gesto che, nel caso venisse consumato, è da leggere come diretta conseguenza del cataclisma sollevato in questi giorni sulla questione “aumento dei saliri del cda”. Indipendentemente dalle scelte di Di Toro la questione interessante è un’altra. Il merito dell’opposizione sta nell’aver sollevato un problema: “non servono manager per gestire la lista della spesa”. Osservazione pesante che mette in risalto un dato: se i vertici Francigena, come dice l’opposizione, tengono la lista della spesa signi�ca che non hanno, �no a oggi, svolto il proprio ruolo: quello di manager. Non necessariamente la colpa è da imputare a Di Toro & Co. Magari i tre del cda (più il passato che l’attuale, il quale per ragioni di tempo non ha avuto modo di agire) avrebbero voluto fare ma la politica li ha imbavagliati. Se invece non hanno fatto, o fatto poco, per mancanza di volontà propria, anche qui la colpa ultima è della politica che li ha scelti. Sbagliata però è la ricetta del Pd di tagliare il cda, i manager servono. Si potrebbe provare a completare il rinnovo iniziato a maggio...

di Roberto Pomi a pagina 5

CARCERE

Ieri la messa del Vescovo Oggi tocca al Garante

Interporto di Orte - Ieri il seminario promosso da Marcello Mariani

Un’occasione per rilanciare il Centro Italia

Ieri il Vescovo di Viterbo Lino Fumagalli ha tenuto messa all’interno del carcere di Mammagialla. Una celebrazione speciale, in onore del Santo Patrono della Polizia Penitenziaria. Fumagalli non ha però mancato di richiamare alla responsabilità verso i detenuti. Oggi tocca invece al Garante Angiolo Marroni, in Provincia per parlare della condizione carceraria a Viterbo.

Una risorsa, anzi la principale delle risorse per un territorio che si estende per tutto il centro della Penisola. Stiamo parlando dell’Interporto di Orte. Una serie di seminari farà lo farà conoscere ad operatori e cittadini. Ieri, il primo. Assieme a Mariani, anche il sottosegretario Giachino. Un incontro moderato da Arturo Diaconale de l’Opinione.

di Daniele Camilli a pagina 4

di Daniele Camilli a pagina 6

BASKET A2

BASEBALL

Mentre Svetlana Kouznetsova è sempre più vicina all’addio al basket, con tanto di ritorno in Sicilia, la Defensor è vicina a chiudere con la straniera che sostituirà, pur se in ruoli differenti, Martina Rejchova. Si tratterebbe di Roksana Yordanova, nazionale bulgara, reduce da due stagioni a Orvieto. Non è un pivot ma una giocatrice solida e af�dabile.

Per la prima volta nella storia del baseball italiano, questa sera si disputerà la partita delle stelle. Da una parte la Nazionale italiana che cerca test impegnativi in vista dei Mondiali, dall’altra i migliori giocatori del campionato italiano, scelti dai tifosi. Sarà anche Alessandro Vaglio contro Andrea Sgnaolin, una s�da tutta da seguire.

di Glauco Antoniacci a pagina 23

di Glauco Antoniacci a pagina 29

Defensor vicinissima Grande spettacolo a Roksana Yordanova con l’All Star Game

MONTEFIASCONE

Cimarello assolto con formula piena dall’accusa di favoreggiamento di Michele Mari a pagina 17

CIVITELLA D’AGLIANO

Mancini ‘lapidario’ sui volantini funebri della scuola media dalla Redazione a pagina 16

VALLERANO

Manifestazione a Roma, Giovannini si ‘giustifica’ di Simona Tenentini a pagina 18

MONTALTO

La Marina invasa da cumuli d’immondizia di Giovanni Corona a pagina 14


cronaca viterbese interni

2

������������������

���������

Viterbo & & Viterbo Giovedì1 30 Giugno2010 2011 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

������

���������� ���������������������������������� ��������������������

������������������������������������ ������������������������������������������������ ������������������������������������������ ������������������������� ���������������������������������������������� ������������������������������������������������� ��������������������������������������������������������������

����������������������������������������������������������������������������������

�������������������������� ��������������������������������������������������


& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

cronaca viterbese

3

Mattinata allucinante per decine di pendolari della Tuscia rimasti bloccati tra Cesano e La Storta

Furto di rame sulla Viterbo-Roma, treni in tilt di LUCA APPIA

N

on bastava il grande caldo di quesi giorni e le ferie che si iniziano ad avvicinare a mandare male una giornata di lavoro per i pendolari della Tuscia, ad aggravare la situazione ci si sono messi anche due treni della linea Roma-Viterbo. Due convogli di Trenitalia sono rimasti bloccati ieri mattina fra la stazione di Cesano e quella di La Storta, a causa del furto nottetempo di un notevole quantitativo di rame sulla linea. Circa 1200 metri di cavi inguainati che sono stati asportati da alcuni ladri, e che hanno causato il blocco della circolazione sulla tratta. Sui due coinvolgi c’erano centinaia di pendolari anche provenienti dalla provincia di Viterbo, costretti a rimanere fermi sulla linea, in balia del grande caldo. In attesa del ripristino della linea, i tecnici di rete ferroviaria italiana (R�) sono arrivati sul posto per riparare i danni, mentre per aiutare i pendolari a lasciare la zona sono stati attivati dei servizi sostitutivi con alcuni bus. Il furto dei cavi è stato rilevato dalle squadre tecniche di pronto intervento del gruppo Fs, inviate sul posto dalla sala Operativa di controllo, in seguito a una particolare segnalazione di anomalia evidenziata dagli apparati tecnici di sicurezza

che hanno bloccato in linea due treni regionali. I cavi in rame, le cosiddette trecce, alimentano, infatti, i sistemi di controllo della circolazione. Nel frattempo per risolvere la dura situazione un locomotore diesel ha raggiunto uno dei due regionali fermi, quello diretto a Roma con a bordo i pendolari che si recavano in uf�cio, e lo ha condotto �no la stazione di La Storta. Il secondo è tornato indietro, sempre �no a La Storta, con i propri mezzi, grazie alle squadre Fs che, come primo intervento hanno sostituito i cavi nel tratto di linea impegnato dal treno fermo. La sottrazione del materiale in rame, comunque, non comporta nel modo più assoluto problemi di sicurezza alla circolazione ferroviaria in quanto si attivano immediatamente i sistemi di protezione delle tecnologie che controllano e gestiscono la circolazione dei treni. Le Ferrovie dello Stato hanno sporto denuncia contro ignoti per il furto del materiale. Nel frattempo, però, i pendolari viterbesi non sono rimasti in silenzio a patire il caldo all’interno del convoglio rotto. Uno dei viaggiatori della provincia di Viterbo che non si trovava sul treno fermo, infatti, bloccato nel traf�co stradale per raggiungere il suo uf�cio ci ha inviato una mail che spiega cosa deve sopportare un lavoratore al giorno d’oggi dal titolo ‘Dia-

Denunciato un ragazzo già pregiudicato

Fermato 20enne dalla polfer con due bustine di droga

N rio di un pendolare incazzato e abbandonato’: “Sveglia alle 5,45. Alle 6,15 sono alla Stazione di Bracciano per prendere il treno delle 6.36 da Viterbo a Roma. Alle 6,45 qualcuno si degna di segnalare che il treno non parte per motivi ignoti. Alla richiesta su come poter raggiungere Roma per andare a lavorare, la risposta è stata Arrangiatevi...Torno a casa, sveglio la consorte e mi faccio accompagnare a Cesano di Roma dove trovo il piazzale pieno di pendolari incazzati che attendono di sapere da qualcuno come fare per giungere a Roma o per tornare verso Viterbo. “Qualcuno ha rubato i �li di rame tra la storta e l’olgiata. I tecni-

ci stanno lavorando ed entro qualche ora. Il traf�co dovrebbe ritornare alla nomalità...Intanto abbiamo chiesto di far venire qualche pullman per portarvi a la storta dove potrete prendere i bus per Roma”. E per chi deve tornare indietro verso Anguillara, Bracciano, Manziana, etc? “Per quello vedremo di fare qualcosa”. Torno a casa a Bracciano con la macchina e trovo che la Braccianese Claudia è affollatissima di macchine che vanno verso Cesano...forse altri pendolari a cui non hanno detto del furto di rame e che sperano di giungere a Roma con il treno da Cesano... Dove parcheggeranno e quando partiranno resta un mistero”.

on solo problemi di ordine generale sui treni della tratta RomaViterbo, a volte i convogli diventano anche teatri di alcune azioni di polizia. Com’è successo lo scorso 28 luglio, quando due agenti della polizia ferroviaria di Viterbo si trovavano a bordo del treno ad alta frequentazione che da Roma Ostiense porta nella Città dei Papi. Quando il treno è arrivato in prossimità della stazione di Capranica, gli agenti hanno notato un ragazzo seduto sul treno che con un gesto non proprio naturale ha tentato di nascondere qualcosa che aveva in tasca nella borsa che teneva sotto il sedile. La polfer si è avvicinata e ha chiesto al giovane, un 20enne della provincia di Frosinone, di fargli controllare cosa stesse nascondendo. Gli agenti hanno così trovato due involucri con della droga, ben sigillati di cui uno più grande e l’altro più piccolo e incartato come una caramella, cosa che ha accentu-

tato il sospetto degli agenti che la droga fosse pronta per essere spacciata. All’interno dei due sacchetti c’erano in totale 20 grammi di stupefacente. I poliziotti hanno deciso di vedere se il giovane nascondesse dell’altra droga addosso e hanno iniziato un’ispezione personale del ragazzo. Nei vestiti i poliziotti non hanno trovato altra droga, ma è saltato fuori un coltello del tipo “a molletta”, considerato pericoloso dalla normativa vigente. Dagli ulteriori accertamenti sarebbe poi emerso che il 20enne, oltre ad avere precedenti per reati contro il patrimonio, era stato scarcerato da poco per detenzione ai �ni di spaccio di sostanze stupefacenti. Sia la sostanza stupefacente che l’arma sono state sequestrate e messe a disposizione dell’autorità giudiziaria competente alla quale il ventenne è stato denunciato. Sono in corso indagini per risalire ad eventuali collegamenti con alcuni pusher capitolini. (la)

Beccati mentre lavavano le loro auto con i gettoni asportati dalla macchinetta L’ex ministro dell’Ambiente lo ha promesso durante la trasmissione dei Funamboli a Radio Verde

Rubano in un autolavaggio, arrestati due giovani Pecoraro Scanio presto in città per il Lago di Vico R

ubano i gettoni da un autolavaggio, in manette due giovanissimi e denunciato un minorenne. Quale metodo migliore per lavare la propria auto se non quello di andare a un autolavaggio e rubare i gettoni? Devono essersi detto questo i tre ragazzi sorpresi dai carabinieri di Bagnaia la scorsa notte all’autolavaggio automatico sulla Teverina, mentre lavavano le loro macchine utilizzando i gettoni che poco prima aveva rubato dalla macchinetta che li distribuisce. Peccato però che le telecamere di videosorveglianza installate sul posto hanno ripreso tutto e consentito ai carabinieri di accertare e le

responsabilità dei tre ragazzi romeni ed al contempo di scagionare altri due cittadini romeni che erano sempre all’interno del lavaggio, ma che dalla visione dei filmati sono risultati completamente estranei al danneggiamento del distributore dei gettoni e dal furto del suo contenuto. L’impianto di autolavaggio era stato già colpito, con molta probabilità dagli stessi ragazzi, pochi giorni prima, arrecando al proprietario danni più rilevanti a causa della rottura della gettoniera che per il valore dei gettoni stessi che sono stati asportati, circa 50 euro in entrambe le occasioni. A finire in manette la

scorsa notte da parte dei militari guidati dal maresciallo Angelo Faill, sono stati appunto due ragazzi romeni, un 19enne residente a Corchiano e un 18enne di Viterbo, entrambi con precedenti per furto. E’ stata inoltre denunciata per concorso in furto aggravato una loro connazzionale di soli 16 anni. I due ragazzi ora dovranno rispondere di questo nuovo crimine, che si va ad aggiungere alla loro fedina penale non del tutto pulita. La minorenne, invece, che era in compagnia dei due ragazzi, essendo incensurata è stata solamente denunciata alla Procura presso il Tribunale dei minori di Roma.

Si celebreranno questo pomeriggio i funerali del 40enne falisco Sandro Vignanelli

S

i svolgeranno oggi alle 16.30 i funerali di Sandro Vignanelli, il 40enne di Montefiascone morto dopo due settimane nel reparto di rianimazione di Belcolle. Vignanelli era proprietario insieme alla moglie di un allevamento di cani sul colle falisco, dove crescevano degli stupendi esemplari di samoiedo. Era inoltre consigliere del circolo cinofilo viterbese che nell’ultimo periodo ha organizzato una sfilata a Valle Faul. L’incidente che ha segnato il destino di Vignanelli è avvenuto in piena notte, fra il 14 e il 15 giugno sulla strada Martana. L’au-

to del 40enne, un’Audi A4, era arrivata in prossimità di Marta, quando in mezzo alla carreggiata si è parata di fronte a lui una grande mucca. L’impatto terrificante ha ucciso l’animale, che è finito riverso sul cofano schiacciando anche Vignanelli, già gravemente ferito. Un duro lavoro per i vigili del fuoco, che hanno estratto il corpo dalle lamiere, poi la corsa all’ospedale di Viterbo, dove i medici hanno tentato il tutto per tutto. Vignanelli ha poi passato due settimane nel reparto di rianimazione di Belcolle, poi improvvisamente tre giorni fa si è dram-

maticamente spento. Oggi pomeriggio nella chiesa di San Flaviano, a Montefiascone, i famigliari e gli amici di Vignanelli si riunirano attorno a lui per l’ultima volta per dargli l’estremo saluto.

I

funamboli di Radio Verde ne hanno combinata un’altra delle loro. Nella puntata di ieri, giovedì 30 giugno - anticipata per via della grande festa che Radio Verde si prepara a tenere nel fine settimana ai Laghetti Albatros del Cinelli (Vetralla) – è stato intervistato l’ex ministro dell’Agricoltura e dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio. Emanuela Moroni, Pietro Boschi, Roberto Pomi e Sante Paolacci (con il prezioso aiuto redazionale di Michela Di Pietro) hanno affrontato il tema dell’ambiente e dell’ecosostenibilità. Al termine dell’interessante intervista con uno dei protagonisti degli ultimi decenni della politica dei Verdi i funamboli hanno strappato una promessa a Pecoraro Scanio: l’organizzazione di un convegno di Univerde (la fondazione ambientalista dell’ex ministro) proprio a Viterbo. “Il tema – ha rilanciato

proprio l’ex ministro – sarà quello del Lago di Vico. Una vicenda particolarmente complicata su cui è necessario accendere i riflettori per restituire alla Tuscia, in tutta la sua purezza, un

luogo incantevole”. Un tema questo del lago di Vico da sempre a cuore degli ambienti vicini ai Verdi che gravitano proprio nella zona dei comuni intorno al lago stesso.


cronaca viterbese interni

2 4

Viterbo & & Viterbo Venerdì 1 Luglio2010 2011 1 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

Da oggi il nosocomio non potrà più assicurare le emergenze chirurgiche. Bambini annuncia l’esposto

Tagliate le attività dell’ospedale aquesiano S

embra essersi allargato ancora di più lo spacco fra la direzione sanitaria di Viterbo e il Comune di Acquapendente, dopo la nota arrivata ieri nel comune della Tuscia in cui si annunciavano le attività consentite all’ospedale di Acquapendente a partire dal 1° luglio. Da oggi, infatti, secondo le direttive della Asl le persone che arriveranno al pronto soccorso aquesiano e che necessiteranno di un intervento chirurgico in emergenza-urgenza dovranno essere necessariamente trasferite altrove. “Disattesi completamente gli impegni presi dalla direzione sanitaria di Viterbo per assicurare la risposta alle emergenze chirurgiche sul territorio”. Queste le prime parole del sindaco di Acquapendente, Alberto Bambini, appena avuta notizia della lettera del direttore sanitario aziendale dottoressa Cerimele sulle nuove direttive ospedaliere. Il fatto grave, secondo l’amministrazione comunale, è che negli ospedali che afferiscono alla rete aziendale di Viterbo non è garantita la disponibilità del posto letto, con conseguente pericolo per il paziente che può attendere anche molte ore o essere trasferito in un ospedale a chilometri di distanza. “Inoltre, - ricorda il sindaco Bambini - la piazzola per l’atterraggio dell’elisoccorso non è attualmente funzionante per cui, se l’emergenza si verifica in condizioni in cui l’elicottero non può viaggiare, il trasferimento può avvenire solo con l’ambulanza, un unico automezzo che garan-

Altolazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO direttore@opinioneviterbo.it Direttore Editoriale NICOLÒ ACCAME Editore Altolazio News srl PresIdente Manfredi Genova Amministratore Delegato

Ferdinando Guglielmotti Iscrizione ROC n. 20469 Servizi grafico-giornalistici forniti dalla Coop. Ed. Gior. e Pol. GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA ROBERTO POMI DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI FULVIO MEDICI Grafici MARIO RAMUNDO Sede operativa 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.1705337 redazione@opinioneviterbo.it Centri Stampa edizioni teletrasmesse POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRATE (MI) Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-1.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 22,30

Razzia di computer e programmi nell’assessorato ai Lavori Pubblici

tisce sia gli appuntamenti programmati che i trasferimenti presso altre strutture ospedaliere. In queste condizioni non è tutelata la sicurezza sanitaria dei cittadini del territorio. Il Sindaco invierà domani, 1° luglio, un esposto alla Procura della Repubblica, per denunciare questa situazione e per mettere i vari soggetti istituzionali di fronte alle loro responsabilità. Siamo molto amareggiati – ha concluso il sindaco Bambini – da questa conclusione inaspettata, soprattutto perché nell’incontro dello scorso 24 giugno ci era stato confermato che l’emergenza chirurgica sarebbe stata in qualche modo assicurata”. Il sindaco Bambini ha annunciato che si sta già muovendo per inviare un esposto alla Procura della Repubblica per mettere fine alle diatribe.

B

Una bella prova di solidarietà e rapidità. Protagonisti 118 e cittadini

Viterbo, quando i soccorsi funzionano alla grande

U

na donna cade a terra e in pochi istanti i soccorsi sono lì a darle assistenza. È successo a Viterbo, in Piazza del Teatro. Ieri pomeriggio attorno alle 6 e mezza. La ragazza, tra i 35 e i 40 anni, pare sia stata colpita da un attacco epilettico. Una circostanza che sarebbe potuta risultare fatale se attorno a lei non ci fosse stato nessuno. Invece ieri sera abbiamo assistito ad una bella prova di solidarietà da parte delle persone presenti e subito accorse. Tra loro anche

Alessandra, un’infermiera dell’Ospedale di Viterbo che si trovava da quelle parti per un aperitivo e che non c’ha pensato due volte a mettere a disposizione la propria professionalità. Altrettanta è stata prova di rapidità d’intervento dei Vigili Urbani e del 118 arrivati sul posto – soprattutto quest’ultimo – in meno di tre minuti. Tutto è finito per il meglio. La giovane ha ricevuto le cure necessarie e poi è stata trasportata al Belcolle per i controlli di rito. (Dan.Ca.)

Il momento dei soccorsi (foto Daniele Camilli)

rutta sorpresa ieri mattina per i dipendenti dell’assessorato ai lavori pubblici del Comune di Viterbo, dove nottetempo i ladri hanno fatto razzia di materiale hardware e software all’interno degli uf�ci. La scoperta è stata fatta ieri mattina dalla donne delle pulizie dello stabile, che ha notato la porta d’ingresso degli uf�ci di via Garbini aperta e completamente forzata dai ladri. Una volta arrivati gli impiegati è stata chiamata anche la questura che è intervenuta immediatamente sul posto. E’ stato stilato un elenco del materiale mancante per procedere alle indagini. Secondo il resoconto i ladri si sarebbero portati via diversi computer, stampanti e programmi originali che i dipendenti usano per svolgere il loro lavoro quotidiano. La cosa strana è che parte del materiale rubato dagli uf�ci è stato trovato dagli agenti poco lontano dal luogo della rapina. Non si esclude, quindi, che l’intenzione dei malviventi fosse quella di avere accesso e di mettere mano ai dati contenuti nei computer degli uf�ci. Trattandosi dei Lavori Pubblici, infatti, molte delle informazioni contenute nelle banche dati riguardano progetti, gare d’appalto e bandi. Intanto la questura continua le indagini per dare un volto ai rapinatori che hanno commesso il crimine. (la)

Mammagialla, ieri la messa del Vescovo Oggi la conferenza del Garante Marroni

VETRALLA - Le sue condizioni sono sempre più disperate

di DANIELE CAMILLI

T

I

l Vescovo Fumagalli visita Mammagialla. Oggi tocca invece ad Angiolo Marroni, Garante dei Diritti del detenuto che sarà in Provincia per tenere una conferenza stampa dedicata proprio alle condizioni del penitenziario viterbese. L’occasione del Vescovo è stata invece quella della festa della Polizia Penitenziaria. Ieri era infatti San Basilide, il Santo Patrono. Una semplice messa, ma una testimonianza preziosa. Soprattutto ora che il carcere – anche il nostro – attende giustizia. Per i detenuti e chi vi lavora. Tra sovraffollamento e carenza d’organico. Lavoratori e carcerati. Entrambi portatori di dignità e diritti. Non solo del dovere di guadagnarsi il pane o scontare una pena, che per alcuni è pure eterna. Limbo in terra aspettando il giudizio di Dio. Ma il carcere non è l’Inferno. E se a Mammagialla non lo diventa è grazie all’impegno e alla professionalità di uomini e donne del corpo di Polizia Penitenziaria, a quello dei loro dirigenti. Con Lino Fumagalli, ieri mattina la vice

direttrice del carcere Luisa Pesante, il Vice Commissario della polizia penitenziaria Antonia Canonica e il Vice Comandante Ispettore Maurizio Pesci. Presenti anche il Questore, il Vice Comandante provinciale dei carabinieri, i rappresentanti della guardia di finanza, il comandante del corpo forestale dello stato e della scuola marescialli dell’aeronautica Militare. Infine gli operatori del Gavac, l’associazione di volontariato che presta servizio all’interno dell’istituto penitenziario viterbese. “Nel rapporto con i detenuti – ha detto il Vescovo – è importante e necessario decodificare i messaggi. Spesso dietro ad un volto non c’è un numero o una matricola, ma una persona da incoraggiare ed amare. Dietro a uno sguardo, c’è una richiesta d’aiuto”. Volti che per il filosofo lituano Levinas dovrebbero chiamare ciascuno di noi alla responsabilità e all’amore verso il prossimo. Chiunque esso sia, qualsiasi cosa abbia fatto. Tenendo sempre a mente che la misericordia è qualità divina. Proiezione e immagine dell’Uomo.

Una fontana ormai agli sgoccioli utt’inutile, la Fontana di Piazza della Rocca a Vetralla proprio non va. Nessuno l’ama e forse nessun altro l’ha voluta veramente. Fatto sta che lì resta, perennemente in “perdita”, immancabilmente danneggiata. Da giorni continua infatti a segnare la pavimentazione con un rigagnolo d’acqua cui probabilmente i vetrallesi si sono ormai abituati. Una fessura su uno dei quattro lati che ieri mattina era a dir poco evidente, come dimostrano le foto che abbiamo scattato. Uno zampillo. Piccola, ma non impercettibile sorgente. Da quel punto parte poi un rigagnolo che si inabissa nei vicoli del paese. A passarvi sopra, macchine e pedoni. A parcheggiarvi attorno, automobili e motorini. Una scena che ogni mattina si ripete. Una fontana che spesso la sera diventa addirittura palcoscenico per le scorribande notturne di ragazzi e ragazzini che talvolta si divertono pure a spostare – con tanto di calcio – i bocchettoni. A fare “scivolarella” beneficiando della melma che ogni tanto si forma all’interno. Oppure a saltare dai bordi direttamente sulle panchine. Col rischio di dare prima o poi qualche sonora “capocciata”. Ci auguriamo il contrario, così come che la nuova Giunta comunale appena insediata prenda provvedimenti immediati per la perdita d’acqua e seri per il futuro di un “accrocco” palesemente brutto, perennemente danneggiato,

quotidianamente sbeffeggiato e decisamente più adatto al lungomare di qualche località balneare di secondo piano. Riscoprendo infine la

bellezza di non vederselo più sotto gli occhi ogni volta che si passa, diretti al centro storico o nella propria casa. (Dan.Ca.)

La perdita d’acqua della fontana di Piazza della Rocca (foto Daniele Camilli)

Iniziati i lavori sulle mura di Viterbo dopo il piccolo crollo di domenica

C

ome promesso dall’assessore Arena sono iniziati in questi giorni i lavori di messa in sicurezza delle mura di Viterbo, a seguito del piccolo crollo della scorsa domenica. I tecnici e gli operai si sono messi al lavoro nella zona di piazzale Gramsci, sul tratto di mura che da Porta Fiorentina va verso Porta Murata. Il problema, come ha precisato l’assessore al lavori pubblici del Comune di Viterbo Giovanni

Arena, non è di tipo strutturale ma è da imputare ad un normale deterioramento del materiale, per questo motivo i tecnici hanno deciso di intervenire inserendo un liquido che servirà a consolidare la pietra. La zona del piccolo crollo, intanto, continua ad essere transennata per ragioni di sicurezza, anche se già nei prossimi giorni i tecnici potrebbero decidere di riaprire il passaggio al termine dei lavori di riconsolidamento.


& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

politica viterbese

5

Giornata “pazza” quella di ieri. In mattinata inizia a circolare la voce delle dimissioni di Di Toro ma nessuna conferma ufficiale

Francigena, in vista pignoramenti per 200mila euro di ROBERTO POMI

N

uova batosta per la società Francigena, questa volta dal fronte che vede impegnata la municipalizzata nel contenzioso legale con i lavoratori ex Autoservice. Il giudice avrebbe infatti firmato i decreti ingiuntivi che autorizzano gli ex dipendenti della cooperativa al pignoramento nei confronti della società del Comune per circa 200mila euro. Si tratta della cifra che viene fuori sommando circa un anno di mancati stipendi, contributi, Tfr, ecc. In pratica tutto quello che i lavoratori non hanno avuto dal luglio 2009 - a giugno i parcheggi passarono a Francigena che non ne volle sapere di assumere anche i dipendenti, che fecero causa - fino al settembre 2010 quando la municipalizzata fu costretta a contrattualizzarli dopo l’ennesima sentenza del tribunale. S oldi che il tribunale appunto ha riconosciuto agli operai, come conseguenza di un danno arrecato loro dalla partecipata che si è rifiutata di prenderli in carico - per circa un anno appunto - nonostante così fosse stato deciso dal giudice nella sentenza di luglio 2009. Una stangata vera e propria per la società dei viterbesi che di certo non naviga nell’oro. La questione Autoservice si riaccende come vera e propria spina nel

fianco anche dell’amministrazione comunale Marini. Il tutto si verifica in un clima poco sereno intorno alla partecipata. La questione, sollevata in questi giorni dall’opposizione, dell’aumento, giudicato in maniera bipartisan poco opportuno, dei compensi del cda Francigena continua a creare trambusto. La giornata di ieri è stata un vero e proprio inferno. In mattina, ma i bene informati datano già alla sera di mercoledì, ha iniziato a circolare la notizia delle dimissioni del presidente Pierre Di Toro. Notizia a cui abbiamo cercato conferme, senza trovarle, lungo tutto il pomeriggio. Praticamente impossibile rintracciare il diretto interessato Di Toro. Nessuno dall’altra parte del telefono una volta composto il numero del primo cittadino Giulio Marini. Uno stuolo di consiglieri e assessori che hanno giurato di non saperne nulla e alla fine la resa. Nessuna conferma alla notizia delle dimissioni, anche perché non sono state ufficializzate. La ricostruzione più credibile è quella di un Pierre Di Toro incerto sul da farsi. La questione dei ritocchi al rialzo degli stipendi ha generato un clima di grande confusione. In tutto questo caos ha spiccato la voce del Pd:

“Azzeramento del cda e affidamento della società a un dirigente di Palazzo dei Priori”. Le dichiarazioni, rilasciate nell’intervista che abbiamo pubblicato nel giornale di ieri, del sindaco hanno messo in luce un dato: il Comune non difende a spada tratta Di Toro & Co. ma ha messo in atto una serie di verifiche. Si è aperto il toto-scommesse su come andrà a finire la vicenda. I più sono pronti a puntare su la conferma della situazione attuale. Tradotto: sono in pochi a credere nelle dimissioni di Di Toro. Intanto questa mattina si torna in Consiglio Comunale per parlare di Cev. L’unica speranza per i più è che anche Francigena non sia destinata alla stessa fine, sarebbe una perdita grave.

L’assessore alle Partecipate Paolo Muroni

Non ci servono manager per tenere il conto della spesa, basta un dipendente comunale

Ricci: “Azzeramento immediato del cda” A

bbiamo intervistato l’alfa di tutto il polverone che si è scatenato intorno al cda Francigena per la questione “aumento dei compensi”: il consigliere comunale del Partito Democratico Alvaro Ricci. Consigliere, tutto è partito da voi dell’opposizione. Ormai è scoppiato un vero e proprio caso “aumento stipendi nel cda Francigena”. Hanno preso veramente più soldi? E’ palese. Anche le posizioni del sindaco Marini di fatto confermano. Su questo caso è stata fatta tanta �loso�a ma alla �ne i conti parlano chiaro. Preciso che non c’è niente di illegale nell’aumento dei compensi ma, considerando la situazione della società, è di fatto un atto poco opportuno. E’ questo a dettare scandalo. Voi dell’opposizione come intendente muovervi? Abbiamo parlato chiaro, chiediamo l’azzeramento del

cda Francigena. Non ci serve un consiglio d’amministrazione per tenere il conto della spesa della società. Basta un dipendente del Comune. Con questa affermazione boccia di fatto l’operato dei manager? Non mi faccia dire questo. Sono tutti stimati professionisti, a partire dal presidente Di Toro. I fatti però parlano chiaro. Il piano industriale che hanno presentato per il trasporto pubblico locale ha prodotto nella realtà effetti disastrosi. Le indicazioni date non funzionano, non producono risultati. I manager si misurano su questo. Ci sono poi tutta una serie di questioni spinose ancora aperte. A cosa si riferisce? Parlo del braccio di ferro legale tra Francigena e Autoservice. Si tratta di una folla a cui, noi dell’opposizione, abbiamo chiesto sin dall’inizio di porre �ne. Non ci sono stati a sentire ed è notizia di oggi che sono imminenti an-

che dei pignoramenti pesanti. Tutti danni che potevano essere evitati. Di chi è la colpa?

Non mi piace puntare il dito ma la faccenda è palese. C’è una commistione di errori tra Palazzo dei Priori e vertici della municipalizzata.

Provincia, al via la discussione sul Bilancio della’Amministrazione. Ieri la prima tappa. Il 5 luglio l’approvazione del documento Oltre 60 milioni di euro le entrate previste a fronte di 54 milioni di spese. E non verranno più fatte assunzioni fino al 2013 di DANIELE CAMILLI

D

opo il tormentone della Presidenza, a Palazzo Gentili si discute di bilancio. Due sedute dedicate. La prima interlocutoria. E c’è stata ieri. La seconda, prevista per il 5 luglio, dedicata infine all’approvazione d’un documento che pare non debba riservare troppi grattacapi. A presentarlo è stato l’assessore Vita, che ogni anno compare solo in vista del Bilancio. Attorno a lui, un Consiglio stanco e un po’ assonnato. Provato dalle scorse discussioni. La calura comincia già a farsi sentire e qualcuno spara troppo i condizionatori al

punto d’infastidire pure Meroi che chiede al personale d’abbassarli. Ognuno fa la sua relazione. Camice sbottonate, pantaloni estivi e polo verde, come quella di Santucci a dar risalto all’azzurro dei suoi occhi. Sempre “belli e fuggitivi”. Entrate e Spese Correnti. poco più di 60milioni d’euro le une. Oltre 54 milioni le altre. Tutto sommato niente male. A patto che – ha precisato l’assessore Vita – grazie al federalismo fiscale “esiste ancora incertezza su quale sarà l’effettivo gettito in entrata delle Province ed ancora appaiono indeterminati gli importi su cui potrà contare nei prossimi anni. Quel-

lo che è certo è che non vi saranno più le rimesse da parte dello Stato e delle Regioni e che le Province dovranno gestire in maniera attenta e rigorosa le loro risorse”. Altrettanto certo – è ancora Vita a parlare e siamo alle “Spese”– è che la stabilizzazione dei precari, con “un costo di circa 1.300.000 euro annuo”, “influirà sensibilmente sulla gestione dei bilanci nei prossimi anni”. Pertanto, “non saranno più consentite assunzioni” anche “se a tempo determinato fino a quando non saranno rispettati i limiti imposti dalla Legge finanziaria”. Una data per ripensarci? Non prima del 2013.


attualità viterbese

6

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Luglio 2011

Partono i seminari promossi dal Presidente Marcello Mariani. Presente anche il Sindaco di Civitavecchia Moscherini

Interporto, “Una risorsa per lo sviluppo” di DANIELE CAMILLI

I

Romani con la logistica c’hanno invaso il mondo. Poi ci siamo fermati. Da oggi, grazie all’Interporto, si riparte. “Una risorsa per lo sviluppo”. Non solo per il viterbese, ma per tutto il centro Italia. Una realtà che metterà in movimento merci, economia e territori. Un quadro che ieri è stato affrescato a dovere dall’iniziativa promossa dall’Interporto Centro Italia Orte. Una location d’eccezione per relatori a dir poco d’onore. La prima è la sala Conferenze della Camera di Commercio di Viterbo. I secondi sono stati invece Bartolomeo Giachino, Sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti, Giulio Marini e Marcello Meroi, rispettivamente Sindaco e Presidente della Provincia di Viterbo, il Presidente del Consiglio, Giancarlo Gabbianelli, Alessandro Ricci, Presidente Unione Interporti Riuniti, Giovanni Caruso, Direttore Divisione Intermodalità ed Interporti del Ministero dei Trasporti, Raffaele Bonizzato, Amministratore Delegato Uirnet, Alessandro Ruggeri, Preside della Facoltà di Economia dell’Università della Tuscia, e il Sindaco di Civitavecchia, Gianni Moscherini. A fare gli onori di casa, il Presidente della Camera di Commercio, Ferindo Palombella. A moderare interventi e dibattito, Arturo Diaconale, Direttore de l’Opinione. Su tutti, il Presidente dell’Interporto di Orte, Marcello Mariani che in questi anni ha dato impulso e forza ad una delle strutture probabilmente

più importanti e significative di questi ultimi vent’anni. “L’Interporto – ha spiegato infatti il suo Presidente – rappresenta l’infrastruttura strategica per realizzare il più importante polo logistico al servizio dell’Italia centrale”. Inserito in un sistema viario che lo collega alle principali direttrici di traffico, si estende su una superficie di circa 320mila metri quadrati con molteplici funzioni di terminal intermodale, area magazzini, dogana, servizi veicoli e alle persone. “Un punto di forza – sottolinea Mariani – sono le funzioni doganali che costituiscono un complemento essenziale dell’intermodalità. Con esso possiamo promuovere e facilitare l’accesso all’export per le piccole e medie imprese e garantire al tessuto produttivo Umbro Laziale un adeguato potenziamento”. “Un’opera strategica in grado di dare grande slancio alla logistica italiana – ha detto poi Giachino – uno dei due settori, insieme al turismo, che può essere considerato il vero motore di rilancio del nostro Paese. Negli ultimi dieci anni l’Italia, rispetto agli altri paesi europei, ha creato una ricchezza inferiore di 120/160 miliardi di euro, questo è dovuto al forte debito pubblico di questo paese, con lo Stato che deve pagare interessi che vanno dai 70 agli 80miliardi, e al fatto che dopo il referendum sul nucleare dell’87 siamo costretti ad acquistare energia maggiorata del 30%. Ed è proprio per queste ragioni che è fondamentale investire sulla logistica, il vero

Mariani e Gabbianelli petrolio del futuro”. Ad intervenire anche il Sindaco della più importante città costiera del Lazio. “L’interporto – ha dichiarato Moscherini – è decisivo per lo sviluppo della Regione, ma senza un’adeguata espansione del porto di Civitavecchia verso una direzione infrastrutturale rischia di essere sminuito. Si deve pertanto iniziare a progettare un piano per le infrastrutture della logistica che guardi al mondo e non si limiti alla semplice visione locale e territoriale. Lo sviluppo di Umbria, Lazio, Marche, Abruzzo e Molise deve essere costruito insieme con obiettivi e piani comuni. Collaborare per lo sviluppo e il benessere dell’area. E per fare questo c’è bisogno di coordinamento”.

Il Sindaco Moscherini

Il tavolo della presidenza (foto Daniele Camilli)

La presentazione di una guida e tre passeggiate racconto a Caffeina

Antonello Ricci racconta Viterbo

di ROBERTO POMI

L

’uomo del racconto, così possiamo definire Antonello Ricci. Ha anche fondato una banda, ‘La Banda del Racconto’ appunto, in onore di quel dio pagano che è l’arte del narrare. La presenza di questo moderno istrione etrusco non poteva mancare a un appuntamento come Caffeina. La prima apparizione in calendario è prevista per domenica 3 luglio - ore 21,30 presso l’Arena Boscolo Academy - in combine con Francesco Mattioli. Al centro un piatto unico: ‘Raccontare Viterbo. Il Genius Loci e la città’. Pretesto la presentazione dei libri ‘Guida di Viterbo’ (di Ricci) e ‘Dentro Viterbo. Breve ma intenso viaggio nella città’ (di Mattioli). Dopo aver letto velocemente la guida di Ricci, lo abbiamo intervistato. Antonello, una nuova sfida. Cosa dobbiamo aspettarci dalla serata del 3 luglio? Una chiacchierata divertente, con protagonista il viaggio in questa città. Si tratta della porta d’ingresso a un percorso che continua dentro Caffeina con delle

passeggiate fissate per la notte del 12,13 e 14 luglio. In quell’occasione avremo con noi anche la musica di Silvio Ciapica. Magia allo stato puro. Perché scrivere una guida sulla città dei Papi? Dieci anni fa mi ero già spinto in un’esperienza simile. Ne venne fuori un testo profondamente diverso da questo nuovo. Era un lavoro molto più ingessato. Quello che andiamo a presentare è un libro tascabile, pensato per i turisti e per i cittadini che vogliono conoscere meglio il luogo dove vivono. La città viene descritta nello spazio ma soprattutto nel tempo, dando al lettore i punti di vista di registi, letterati, storici importanti che hanno vissuto, in diverse epoche storiche, tra questo peperino. Ho portato a termine il lavoro perché mi è stato commissionato dalla casa editrice Settecittà, con cui ho un rapporto storico. Devo dire che ho raggiunto un buon risultato e ne sono soddisfatto. Nel panorama viterbese ti sei conquistato sul campo il ruolo di pioniere. Ricci parla

dell’Arcionello come parco e quest’ultimo si materializza, anche se più sulla carta che nei fatti, ora parla di un nuovo turismo, quello del racconto. Dobbiamo sperare in un boom di visitatori a Viterbo? Questo non lo so, lo spero. Non potete avere idee di quante volte, quei pochi turisti in giro per Viterbo, si sono fermati a parlare con me quando abitavo in via Pietra del Pesce e mi mettevo al balcone, in poncho, a fumare il sigaro. Rimanevano incantati da questa città grazie a questi miei racconti. La gente è a caccia di storie, di emozioni. E’ un bisogno umano che non avrà mai fine e che è in crescita. Le nostra passeggiate-racconto sono ormai un format collaudato. Stanno funzionando oltre le nostre più splendide aspettative. A Caffeina guideremo tre passeggiate per raccontare e far vivere a chi vuole la città. Tre percorsi di massimo un’ora per incantare. Provare per credere. Intanto invito le persone a seguire la presentazione della mia guida. Mi piace pensarli in giro per la città con questa stratigrafia di storie in mano.


UNIversINFO

& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

Solidarietà senza confini: un progetto utile per la comunità

Il Servizio Volontario Europeo per i giovani tra i 18 e i 30 anni di IRENE SELBMANN

C

on l’arrivo dell’estate, c’è chi pensa solo al meritato relax, al riparo da esami e lezioni, e c’è chi, invece, sta già pensando ad un modo intelligente di ripartire alla grande, magari riuscendo ad unire l’utile al dilettevole. E… perché no? Magari partire per un lungo viaggio. Il volontariato all’estero può essere una chance unica e irripetibile per arricchire la propria formazione professionale e la propria crescita personale, aiutando la comunità ed entrando in contatto con realtà diverse da quella alla quale si è abituati. Il Servizio Volontario Europeo per i Giovani (SVE) offre un’esperienza davvero speciale a tutti i giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Durante un periodo compreso tra i 6 e i 12 mesi, i partecipanti possono conoscere meglio un altro paese, un’altra cultura e un’altra lingua, partecipando attivamente alla realizzazione di un progetto utile alla collettività. I ragazzi che partono vengono inseriti in speci�che iniziative locali. Il Servizio fa parte di un più ampio programma istituito congiuntamente da Commissione Europea, Parlamento europeo e Stati membri dell’Unione Europea, denominato “Gioventù in Azione”, che riguarda le attività educative non formali per i giovani. Il programma sarà operativo �no alla �ne del 2013.

La parte del programma che sostiene i servizi volontari transnazionali dei giovani è l’Azione 2. Un’attività SVE può essere svolta in vari settori, dalla cultura alle arti, dalla protezione civile alla difesa dell’ambiente, �no alla cooperazione allo sviluppo. Può essere portata avanti individualmente o in gruppo. In Italia, chi volesse partecipare al programma SVE deve mettersi in contatto con l’Agenzia Nazionale per i Giovani (ANG). Se vuoi proporti per il Servizio, ti servirà sapere che l’ANG presta particolare attenzione ai progetti pensati su misura per il pro�lo e le esigenze speci�che dei volontari. È anche importante che i progetti presentati coinvolgano metodologie e attività innovative, mirate a stimolare la creatività, le capacità e gli interessi dei giovani. Il servizio volontario europeo è soprattutto un servizio di apprendimento. Per questo vengono valorizzati maggiormente progetti che offrono ai giovani l’opportunità di sviluppare nuove capacità e competenze e che contribuiscono alla qualità del loro curriculum, anche al �ne di accrescere le possibilità di impiego. Oggi fare un’esperienza internazionale può davvero costituire un valore aggiunto nel percorso formativo dei giovani. Quella del volontariato europeo in particolare, è anche un’occasione per sentirsi davvero cittadini europei a tutti gli effetti. Tutte le informazioni sono disponibili al sito: www.agenziagiovani.it. A questo indirizzo è anche possibile ascoltare le interviste di alcuni giovani volontari SVE: Muoviti, la rubrica di Radio Y@ng (la radio dell’ANG) a loro interamente dedicata, raccoglie le testimonianze e i racconti dei ragazzi tornati di recente da questa emozionante avventura europea.

Gli eventi... abato 2 luglio · 18.00 S 20.00 dfilata di moda di fine anno del corso di Fashion

Design dell’ Accademia di Belle Arti “Lorenzo da Viterbo” Palazzo Doria Pamphilj San Martino al Cimino. INGRES-

SO LIBERO. 8 luglio Civita di Bagnoregio festival cinematografico dedicato alle automobili. Dal 20 al 30 luglio medioera piazza San Carlucci.

7 La pagina è curata da: UNIVERCITY

In redazione:

Sabrina Cima Irene Selbmann

indirizzo e-mail: redazione.univercity@gmail.com contatto facebook: univercity Viterbo

Chattando con... Sabrina Cima

Soppresse le facoltà in Ateneo la gestione passa ai dipartimenti E

Dalle tue parole si evince che, vedi questa opportunità, come un incentivo per i giovani studenti universitari, a cimentarsi in questa esperienza. Perché credi sia importante? E’ importante che gli universitari non si limitino ad essere preparati, cioè apprendere passivamente nozioni, è importante che ci mettano

del loro, che si esprimano, che provino, che conoscano. soprattutto trasmettendosi delle informazioni tramite carta stampata. Esistono oggi giorno, numerosi mezzi di comunicazione, ma il nostro, è sicuramente il più antico tra tutti…pensi sia anche il più ef�cace? Credo sia un massmedia di gran risonanza, che ha la capacità non solo di divulgare, ma anche di offrire degli spunti, dei link interessanti, in previsione di una futura carriera o perchè no, di svago. Come tutti i membri di questa grande famiglia che è Univercity, c’è stato un grande impegno per portare avanti questo progetto…come hai vissuto tutto ciò? Innanzitutto spero che il nostro lavoro faccia avvicinare i ragazzi alla vita associativa, mi sono poi impegnata davvero tanto in questo mio ruolo di “portavoce degli studenti” e, spero che il nostro lavoro dia impulso ad altri ragazzi non solo a intraprendere “stage” e guardare oltre i corsi didattici delle facoltà, ma anche avvicinarsi a Univercity, rendendosi conto delle iniziative offerte... Terminiamo questa piacevole chiacchierata con un tuo pensiero personale…..vai Sabrina! La prima cosa che ho imparato, vedendola con i miei occhi, è che in un gruppo si può rendere molto di più!i miei ringraziamenti vanno dunque all’associazione che mi ha consegnato questa preziosa opportunità ma anche ai brillanti giornalisti dell’Opinione, che hanno accolto con favore la nostra proposta e si sono distinti per cordialità e ottimo intuito creativo! Ringraziamo la nostra Sabrina per il tempo concesso e la disponibilità dimostrata, augurandole, come a tutti voi, una buona estate.

tutti i corsi di laurea presso il Rettorato, in via Santa Maria in Gradi, ma anche delle piazzole informatiche sia presso Santa Maria in Gradi che presso il Polo didattico a Riello, dove operatori forniranno le informazioni necessarie a facilitare l’esecuzione delle procedure.

Inoltre, per tutti coloro che vorranno conoscere più da vicino l’Università della Tuscia saranno realizzati nel mese di settembre ed ottobre incontri e giornate di accoglienza. Dettagliate informazioni possono trovarsi sul sito www.unitus.it.

di LEONARDO CAPOTONDI

di SABRINA CIMA

I

n conformità con quanto dettato dalla riforma Gelmini, le facoltà cesseranno di esistere in seguito al trasferimento delle competenze didattiche ai dipartimenti. Tale modifica è diretta ad una semplificazione organizzativa dell’ateneo, con una diminuzione sensibile dei costi di gestione amministrativi, nonché un apporto di benefici per la comunità di studenti che finalmente potranno contare su risorse di gestione automatizzate e raffinate. Il processo di razionalizzazione è comunque tuttora in atto: a breve, con uno stralcio di modifica dello statuto, saranno trasferite ai Dipartimenti tutte le funzioni già in capo alle Facoltà. I Dipartimenti infatti, oltre alla tradizionale competenza di incentivare la ricerca, si occuperanno della progettazione dell’offerta formativa di primo, secondo e terzo livello, vale a dire laurea triennale, laurea magistrale, dottorati e master, nondimeno della direzione didattica. Assicureranno altresì la copertura di tutti gli insegnamenti attivati e il buon andamento delle attività didattiche, un’equa ripartizione dei carichi didattici,

Venerdì 8 Luglio 2011 appuntamento speciale alla facoltà di Economia... Finalmente anche Giorgia Brilli discuterà la sua tesi. In bocca al lupo!!!

sempre cooperando con i consigli dei corsi di studio e con il consenso dei docenti interessati. Organizzeranno, anche su proposta degli studenti stessi, attività culturali, formative e di orientamento. Nell’ambito della programmazione pluriennale dell’Università, provvederanno periodicamente a formulare richieste di posti in relazione alle esigenze didattiche e scientifiche. D’altronde l’Università della Tuscia ha da sempre voluto costruire un Ateneo realmente a misura dello studente. Le sue dimensioni contenute, una offerta formativa ampia –15 lauree triennali 14 lauree magistrali– ma fortemente innovativa e una burocrazia snella ed efficiente fanno dell’Università della Tuscia la scelta ideale per chi voglia intraprendere un percorso universitario con sicure prospettive di futuro. Di fondamentale importanza per lo studente la possibilità di immatricolarsi o iscriversi on-line, senza doversi recare fisicamente allo sportello delle Segreterie, e, nello stesso modo l’accesso a numerosi altri servizi. Sarà, proprio per questo motivo, attiva anche una segreteria studenti unica per

come in ogni storia che si rispetti, dopo tanto fatiche e sacri�ci, si arriva �no alla �ne, soddisfatti del proprio lavoro e delle proprie imprese. E come in ogni storia, i protagonisti vedono il terminare dei loro viaggi e sentono il gusto dell’amarezza crescere in bocca, poiché la meta è stata raggiunta e la loro sete di realizzazione saziata, lasciando solo polvere e ricordi….fortunatamente in questa storia non ci sarà la parola “FINE” ai titoli di coda, ma soltanto una breve pausa estiva….Andiamo oggi a parlare con una dei protagonisti di questa avventura, Sabrina Cima, giornalista di Univercity, che ci darà modo di osservare ed ascoltare più da vicino, le opinioni personali del suo viaggio. Buongiorno Sabrina (mi permetto di darti del tu), tanto per cominciare, vorremmo sentire da te un tuo giudizio personale su questa esperienza…. Considero questa esperienza molto positiva, una crescita intellettuale perchè ho potuto vedere come lavora un vero giornalista. Credo che tutti i giovani che frequentino l’università, dovrebbero avere un’esperienza simile, avere l’opportunità di scrivere su un giornale rappresenta una possibilità di integrare le proprie risorse, le proprie conoscenze...di far cultura.


interni provincia di roma

2 8

Viterbo & & Viterbo Venerdì 1 Luglio2010 2011 1 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

BRACCIANO - Linea Fr3 bloccata per il furto di rame, utenti allo stremo della pazienza

Un’altra giornata di ‘follia ferroviaria’ di SARAH PANATTA

O

re 6,30 del mattino di giovedì 30 giugno, stazione ferroviaria di Bracciano. Traffico congelato nel doppio senso Roma-Viterbo. La cronaca è la fotocopia stinta di sempre. La folla si accalca insofferente sul solito treno passeggeri mignon che stipa persone come bestiame in attesa della macellazione giornaliera. Gli utenti biglietto muniti, carichi di cronica insofferenza attendono la partenza, ma il treno resta immobile, presagio di una giornata da dimenticare. Passa un quarto d’ora abbondante, nessun annuncio, finché qualcuno dei passeggeri, tutti inevitabilmente idrofobi e in preda alla scontata e giustificabile crisi ansiogena, grida contro uno dei defilati controllori, che hanno comunicazioni ad intermittenza con la fatidica “centrale” (che sia un saturniano presidio?) e non sanno rispondere. Finalmente una voce inizia a circolare flebile e funerea. Sono stati rubati cavi di rame tra Anguillara Sabazia

e Cesano di Roma (lo snodo caldo della Fr3), tutti i treni sono bloccati, e non è possibile neppure immaginare quando sarà ripristinato il traffico. Proteste e rabbia ma nessuna lite violenta. I passeggeri attendono con surreale compostezza un annuncio semi-ufficiale, che arriva alle 7.00 circa. “Prendete una macchina o aspettate un autobus per Roma”. Niente servizi sostitutivi, ovviamente non c’è il tempo per organizzarli. Inaudita beffa. Auto-deviati alla stazione dei pull-

man di Piazzale Pasqualetti si cerca un Cotral che porti a Saxa Rubra per tentare da lì un’improbabile gincana fino alla propria destinazione. Chi lavora fa un ritardo abissale, chi ha un importante esame all’università non arriva in tempo, chi ha una visita urgente perde il proprio turno, ecc ecc. Inconcepibile gestione di una problematica routinaria. Molti i dubbi e gli interrogativi che affiorano alla mente, visto il servizio vergognosamente precario “of-

ferto” dalla Ferrovie dello Stato: se i cavi sono stati rubati questa mattina prima dell’avvio delle corse perché non hanno avvisato prima, perché non hanno organizzato navette tempestive? Come è invece eventualmente possibile che si rubino cavi in pieno giorno, a stazioni aperte e sotto gli occhi del personale già a lavoro? E ancora, dov’è la famigerata sorveglianza? Dove le garanzie dei diritti degli utenti che pagano e spesso con grande fatica abbonamenti e biglietti? Un altro esempio della dittatura del silenzio? Certo il nostro servizio “pubblico” è evidentemente a corto di “parole” e la provincia soffre muta, tuttavia certo felice di poter presto usare una fantomatica nordica TAV.

BRACCIANO - Completato il parcheggio di via del Lago

Nuovo look e 150 posti auto S

ono stati completati i lavori di sistemazione dell’area comunale di via del Lago (situata subito dopo il semaforo nei pressi del lungolago argenti) in cui è stato realizzato un parcheggio gratuito per 150 vetture, destinato a cittadini e turisti che vorranno godersi le bellezze del nostro lago. Da domani i parcheggi saranno disponibili. Un importante opera che oltre a garantire gratuitamente i posti auto a turisti e residenti, permetterà di godere delle bellezze del lago con l’ulteriore comodità di par-

cheggiare a ridosso dello stesso. Questo potrà anche incentivare le soste nel tratto facilitando così anche le varie attività commerciali della zona. Gli interventi (del valore complessivo di 16.500 euro) hanno previsto la bonifica dell’area, il taglio del tappeto erboso, il livellamento terreno, la realizzazione di una staccionata e di piste per delimitare il passaggio delle autovetture, nonché la messa in sicurezza di un pozzo artesiano presente nell’area.

BRACCIANO - Interventi per la sicurezza stradale sull’incrocio per Pisciarelli ĀȀ̀ЀԀ‫܀؀‬Ȁ̀ࠀऀĀȀ̀̀ȀЀԀ‫؀‬Ѐ‫ࠀ̀؀܀‬Ȁ‫਀؀ऀ܀‬ЀԀ‫؀‬Ѐ Ā‫؀଀؀‬ఀȀ଀ഀĀĀ฀‫؀‬Ȁ

਀଀Ԁ̀ЀȀऀఀഀ฀฀ༀ ༀഀऀȀကȀఀ਀ЀȀ‫؀‬Ѐ̀ഀက̀‫؀‬ЀԀഀᄀᄀሀȀ‫܀‬ఀጀЀ᐀ᔀЀࠀᘀကఀ਀ЀᜀጀᔀЀԀഀᄀЀ‫܀‬ഀ᠀਀ᄀȀऀഀကఀ਀ЀԀ‫؀‬Ѐ ഀ‫᠀਀܀‬Ȁᤀ‫਀؀‬ကഀЀԀഀᄀᄀȀЀᨀ਀ကԀȀᤀ‫਀؀‬ကഀᬀ ကᄀऀऀ Āሀጀ᐀ᄀᔀᘀሀጀᜀऀऀ ᠀ᄀᤀᤀᄀऀऀ ᐀ᘀऀऀ ᨀᘀᤀᬀᄀᰀᴀᘀሀऀऀ ᐀ᘀऀऀ ᠀ᘀḀᘀἀᄀḀᜀ !ᘀᄀᔀЀЀ ᰀᴀḀḀሀἀ !"#$ЀЀ %ᴀḀḀሀἀ##"&"#'ЀЀ "(#"#)*"$ᰀἀḀᴀЀЀ +ᴀ,Ѐ Ḁሀᴀ(ᴀ,-"*"$Ѐ./00ᔀЀ1ἀЀ(#ἀᰀ*"ἀ#$ЀḀἀЀ($ ἀЀ-$ +Ḁᴀ(("&ἀЀ%"Ѐࠀ"ᰀሀऀ#$ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ'ऀ%ἀЀἀ((ᴀ2ᰀἀ,ᴀЀἀЀ+,$2ᴀ##"Ѐ ᴀ%"ἀᰀ#ᴀЀ !ἀᰀ%$ᔀЀἀЀ3+,$2ᴀ##"Ѐᴀ%Ѐ"ᰀ"*"ἀ#"&ᴀЀ%"Ѐ#ᴀ,*"4Ѐ%ἀЀ,ᴀἀḀ"**ἀ,ᴀЀᰀᴀḀЀ#ᴀ,,"#$,"$Ѐ%ᴀ"Ѐ-$ )ᰀ"Ѐ%"ЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀᔀЀȀḀḀ) "ᴀ,ᴀᔀЀ Āᴀ,&ᴀ#ᴀ,"ᔀЀ ᄀἀ%"(+$Ḁ"ᔀЀ ऀἀᰀ*"ἀᰀἀᔀЀ ऀ$ᰀ#ἀḀ#$Ѐ %"Ѐ Āἀ(#,$ᔀЀ ̀ἀᰀ#ἀЀ ऀἀ,"ᰀᴀḀḀἀᔀЀ ఀἀ,5)"ᰀ"ἀЀ ᴀЀ ఀ$Ḁ6ἀᔀЀ +ᴀ,Ѐ ḀᴀЀ 6"ᰀἀḀ"#'Ѐ ᴀЀ -$ᰀЀḀἀЀ,"+ἀ,#"*"$ᰀᴀЀ%"Ѐ(ᴀ2)"#$Ѐ"ᰀ%"-ἀ#ᴀ7

(ᜀἀἀሀᰀᜀऀऀऀ ࠀ᐀" ᄀᔀᘀሀጀᜀ&ऀऀऀ ‫܀‬ᤀἀᰀ"ᔀᘀሀጀᜀऀऀऀ ᜀ Āሀᰀᴀᄀᔀᘀሀጀᜀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀ(ᄀ*"ἀᜀऀ+",,*ᘀ ᄀ&ऀ-ᜀ᐀ᘀ ᘀጀᄀऀ ᬀᰀᜀḀᜀጀἀᘀḀᄀऀᜀऀᰀᘀᄀ,ᘀ*ᘀἀᄀἀᘀḀᄀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀԀᰀἀᜀ&ऀԀἀἀᘀḀᘀἀ.ऀᜀऀ଀ᜀጀᘀऀ "*ἀ"ᰀᄀ*ᘀ ࠀ"ᰀሀ ฀)ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀऀऀ /ሀ*ሀጀἀᄀᰀᘀᄀἀሀ&ऀऀ 0ᘀ*ᄀጀἀᰀሀᬀᘀᄀऀऀ ᜀऀ ,ᜀጀᜀ0ᘀ ᜀጀᔀᄀ ࠀ"ᰀሀ 1ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀ ᨀᘀ ᜀᰀ ᄀ ( ᘀᜀጀἀᘀ0ᘀ ᄀ ᜀ 2ᜀ ጀሀ*ሀ3ᘀ ᄀ ࠀ"ᰀሀ ฀ഀഀ%ഀഀഀ&ഀഀ (ᜀἀἀሀᰀᜀ Ԁᤀᤀᘀᤀἀᜀጀᔀᄀ ᄀ3*ᘀ ᄀጀᔀᘀᄀጀᘀ ࠀ"ᰀሀ ฀ഀഀ%ഀഀഀ&ഀഀ ऀ ऀऀऀ ऀऀऀऀᴀᄀᤀᤀᘀᴀሀ ऀऀऀ ऀ5ᘀᴀᬀሀᰀἀሀ ऀऀऀ ऀऀऀ 4 ऀ %ऀऀऀऀ฀ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ ऀऀऀ ऀऀऀऀऀऀ ᴀሀ ऀ ऀऀऀऀ᐀ᘀऀ ᘀऀऀऀऀ ऀऀऀ ऀᴀᄀᤀᤀ ᰀἀሀऀऀऀ ऀऀऀऀ ऀऀऀ ሀ ऀᘀᴀᬀ ऀऀऀ ऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀऀ"ጀ ऀऀἀሀ ᄀ ऀऀऀ ऀᜀᰀሀ3 ऀऀऀ ऀऀऀ ऀᜀᤀᤀᜀᰀᜀ ऀऀऀ ऀऀऀ ऀऀऀऀᬀሀἀᰀ. ऀऀऀ ऀᬀᰀሀ3ᜀἀἀሀ ᘀᄀᤀ "ጀऀऀऀ +ᜀᰀऀऀऀऀऀऀऀ ऀऀ ऀऀ ᜀ᐀ᘀ,ᘀ*ᜀ6ऀऀ%ऀ ᰀᘀ !ᘀऀऀऀऀ ऀऀ 4%฀ഀ%ഀഀഀ&ഀഀ% ᐀ᘀऀऀऀ ऀᤀሀᬀᰀᄀᘀጀ᐀ᘀ ᄀἀሀऀऀऀ ऀऀ ऀऀऀ7"ᜀ**ሀ ऀᤀऀऀ"ᬀᜀᰀᘀሀᰀᘀऀᄀ ऀऀ ऀऀ ऀᰀᘀ !ᘀᜀᤀἀᜀऀ ሀጀऀᘀᴀᬀሀᰀἀᘀ ऀ*ᜀ ऀऀ (ᄀᰀᄀጀጀሀऀᰀᜀᤀᬀᘀጀἀᜀ

ᄀἀЀ +,ᴀ(ᴀᰀ#ἀ*"$ᰀᴀЀ %ᴀḀḀᴀЀ ,"-1"ᴀ(#ᴀЀ %$&,'Ѐ ἀ&&ᴀᰀ",ᴀЀ #,ἀ "#ᴀЀ Ḁἀ Ѐ -$ +"Ḁἀ*"$ᰀᴀЀ %"Ѐ )ᰀ Ѐ 3(-1ᴀ%ἀ4Ѐ -1ᴀЀ " Ѐ ($22ᴀ##"Ѐ "ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"Ѐ#,$&ᴀ,ἀᰀᰀ$Ѐ%"(+$ᰀ"!"ḀᴀᔀЀ)ᰀ"#ἀ ᴀᰀ#ᴀЀἀḀЀ-$ᰀ#ᴀᰀ)#$Ѐ-$ +Ḁᴀ#$Ѐ%ᴀḀ Ѐ!ἀᰀ%$ Ѐ./00ᔀЀ+,ᴀ(($ЀḀἀЀ(ᴀ2,ᴀ#ᴀ,"ἀЀ %ᴀḀḀἀ Ѐ ᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀ ЀĀἀ,"-"&ᔀЀ ("#ἀ Ѐ"ᰀЀ ଀"ἀ Ѐ‫("܀‬$,2" ᴀᰀ#$ᔀ Ѐ890. Ѐ:Ѐ Ā"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀᔀ Ѐἀ+ᴀ,#ἀ Ѐ"ḀЀ Ḁ)ᰀᴀ%;ᔀ Ѐ ᴀ,-$Ḁᴀ%;Ѐ ᴀЀ ЀЀᴀЀЀЀ ᰀ ЀЀ ЀЀ $ᰀ%ἀ*"$ ᨀ ЀЀᴀЀЀḀЀЀЀЀḀЀἀЀЀЀ ЀЀ % ,ᰀᴀ#ЀЀ ЀЀ ("#$ Ѐ "ᰀ#ЀЀᴀЀЀЀ "ḀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀ$ % &ᴀᰀᴀ,%;Ѐ %ἀḀḀᴀЀ $,ᴀЀ <ጀ// Ѐ ἀḀḀᴀЀ $,ᴀЀ 0.ጀᜀ/ᔀЀ $Ѐ -$ᰀ()Ḁ#ἀᰀ ЀЀ ЀЀ#ЀЀጀ ЀЀጀ" "-"& ЀЀ ,ЀЀЀЀ ЀЀᴀ-ἀ ᰀ ЀЀ ===ጀ6$ᰀ%ἀ*"$ ЀЀ ЀЀ,"ጀ ЀЀ $ Ѐ(ЀᴀЀЀ## "Ѐ"ЀЀЀ #Ѐ)##ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ +ᴀ, ЀЀ฀ऀ ЀЀ ऀऀ ฀ ऀЀЀఀഀ ЀЀ ऀऀ ЀЀऀЀЀက89က‫܀‬Ȁ Ѐ>ЀḀ Ѐ ሀЀЀ฀Ѐ฀ ЀЀ4ЀЀЀЀЀ $ ЀЀ Ѐ3Ѐ!ἀᰀ% ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ#ᴀ ᴀ(ᴀᰀ Ѐ+Ѐ,ЀЀЀЀ ᴀЀЀḀЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀ %ᴀᰀ*ἀЀ% Ѐ(Ѐ-ἀ Ѐ%Ѐ"ЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ,ЀЀЀЀ "ᰀᴀ ЀЀ ‫؀‬ḀЀЀ#ЀЀЀᴀЀЀЀ ‫؀‬Ѐ($22ᴀ##"Ѐ"ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"ЀἀЀ,"-1"ᴀ%ᴀ,ᴀЀḀሀἀ((ᴀ2ᰀἀ*"$ᰀᴀЀ%"Ѐ6$ᰀ%"Ѐ+ᴀ,Ѐ"ḀЀ6"ᰀἀᰀ*"ἀ ᴀᰀ#$Ѐ%"Ѐ+,$2ᴀ##"ЀЀ,"6ᴀ,"!"Ḁ"Ѐἀ"Ѐ(ᴀ##$,"Ѐ ()%%ᴀ##"ᔀЀ %ᴀ!!$ᰀ$Ѐ "ᰀ&"ἀ,ᴀЀ ḀᴀЀ Ḁ$,$Ѐ ,"-1"ᴀ(#ᴀᔀЀ ᴀ(-Ḁ)("&ἀ ᴀᰀ#ᴀЀ #,ἀ "#ᴀЀ ,ἀ--$ ἀᰀ%ἀ#ἀЀ +$(#ἀḀᴀЀ -$ᰀЀ ἀ&&"($Ѐ %" ,"-ᴀ&" ᴀᰀ#$ᔀЀ"ᰀ%","**ἀᰀ%$ḀᴀЀἀ7 ᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀĀἀ((ἀЀ%"Ѐ‫("܀‬+ἀ, "$Ѐ%"ЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀЀ଀"ἀЀ‫("܀‬$,2" ᴀᰀ#$ᔀЀ8?0/?0.Ѐ:Ѐ///@ᜀЀĀ"&"#ἀ&ᴀ--1"ἀЀༀ‫ऀ܀‬ᬀጀ ଀ᄀጀ᐀ሀऀఀഀ฀฀ऀ:ऀ ሀጀऀᘀጀ᐀ᘀ ᄀᔀᘀሀጀᜀऀ᐀ᜀ*ऀᤀᜀἀἀሀᰀᜀऀ᐀ᘀऀᄀᬀᬀᄀᰀἀᜀጀᜀጀᔀᄀऀ᐀ᜀ*ऀᬀᰀሀ3ᜀἀἀሀ% Ѐᰀ$ᰀ Ѐ Ѐ ЀᴀЀ ЀЀЀ ЀЀЀ Ѐ"ᰀ%"-ἀ#$ Ѐ ЀЀЀ Ѐ($+,ἀ Ѐ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀᴀḀḀ$ Ѐ5Ѐ ) Ѐ%Ѐ ἀЀЀЀЀЀ ЀЀЀ Ѐ%"&ᴀ,($ Ѐ Ѐ ЀЀЀЀЀ $%$ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ"ᰀ ЀЀ"#ᴀ Ѐ(+ᴀ Ѐ % ЀЀᴀЀЀЀЀЀ ἀᰀ% Ѐ%$ Ѐ ЀḀᴀ Ѐ ЀЀЀ ἀ*"$ᰀᴀЀЀЀ ,ЀЀЀЀ Ѐ Ѐ ЀЀЀЀ-$ᰀ("%ᴀ ᴀ(ᴀЀЀЀЀ"ᰀ ЀЀЀЀ+Ѐ ,ЀЀЀЀ Ѐ က$ᰀ ЀЀ ЀЀЀЀ(ἀ,ἀᰀᰀ$ ,ЀЀ +ЀᴀЀЀЀЀ Ѐ%ἀ#ἀ Ѐ ЀЀЀЀ #ἀЀЀЀ ᴀ%ᴀ#ЀЀЀЀ Ѐ+Ѐ,ЀЀЀЀ ḀἀЀЀЀ ЀἀЀḀЀЀЀЀ ᰀ#ᴀЀЀЀ ЀЀ ᴀЀЀЀЀ ЀЀ ()Ѐ -ЀЀᴀ(("&ἀ #ᴀЀЀЀЀ "ЀЀЀЀ Ѐ(+ᴀ% Ѐ ЀЀ ḀЀЀᴀЀЀЀЀ ЀЀᴀḀ Ѐ5Ѐ) ЀᴀЀЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ*ἀ ЀЀᴀЀЀᰀ ЀЀ ᰀ Ѐἀ++ Ѐ ἀЀЀ,#ᴀ Ѐ%" Ѐ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ #ЀЀ#Ѐ$Ѐ,ᴀ (ЀᴀЀЀЀЀ Ѐ%ЀᴀЀЀḀЀЀЀЀ ЀЀЀ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀ ἀЀЀ*"$ᰀ" ЀЀ"Ѐ"ᰀ Ѐ% Ḁᴀ Ѐ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀЀ ЀЀᴀᰀ#" ᰀ ЀЀ -$ᰀ#ᴀ ᴀጀ ЀЀ ḀЀЀЀЀ Ѐ+$( Ѐ #ἀ Ѐ#Ѐ"ЀЀЀ !,$ЀЀЀ Ѐ"ḀЀ ЀЀЀ ЀЀ ЀЀЀ Ѐ6ЀᴀЀЀ%ᴀ ЀЀ ЀЀЀ ЀЀ 6ЀЀἀЀ,' ЀЀЀ ἀḀᴀЀ ЀЀ ЀЀ5) Ḁἀ ࠀᴀ,Ѐ #)##"Ѐ "Ѐ -1"ἀ," ᴀᰀ#"Ѐ "ᰀЀ $,%"ᰀᴀЀ ἀḀЀ -$ᰀ#ᴀᰀ)#$Ѐ %ᴀḀЀ !ἀᰀ%$Ѐ ᴀ%Ѐ ἀḀḀᴀЀ ,ᴀḀἀ#"&ᴀЀ +,$-ᴀ%),ᴀᔀЀ "Ѐ ($22ᴀ##"Ѐ "ᰀ#ᴀ,ᴀ((ἀ#"Ѐ +$(($ᰀ$Ѐ,"&$Ḁ2ᴀ,("ЀἀḀḀἀЀ(ᴀ2,ᴀ#ᴀ,"ἀЀ%ᴀḀḀἀЀᨀ$ᰀ%ἀ*"$ᰀᴀЀἀḀЀ#ᴀḀᴀ6$ᰀ$ЀᰀጀЀ/᐀AAጀᜀB.<᐀Ѐ:Ѐ/᐀AAጀ.@0᐀.ጀ ᨀ਀ကԀȀᤀ‫਀؀‬ကഀЀĀጀ‫܀‬ጀЀĀ‫؀‬Ā‫؀଀؀‬ఀȀ଀ഀĀĀ฀‫؀‬ȀЀ ‫؀‬ᄀЀࠀ‫܀‬ഀ̀‫؀‬Ԁഀကఀഀ

Ȁ&&ጀЀ଀"ᰀ-ᴀᰀ*$ЀĀἀ--"ἀ2Ḁ"ἀ

Rifacimento totale della segnaletica R

endere più sicuro il frequentato incrocio tra via Olmata Tre Cancelli e la via BraccianeseClaudia. Questo l’obiettivo dei lavori che si realizzeranno oggi nel punto d’immissione della strada che conduce alla frazione di Pisciarelli e la via Braccianese, all’altezza delle caserme dell’Esercito a Bracciano. Un tratto di strada che vede un intenso traf�co e che al momento risulta sprovvisto di un’adeguata segnaletica tanto per gli automobilisti in transito diretti a Manziana o Bracciano quanto per coloro che provengono da Pisciarelli. Per tale ragione, gli interventi in programma prevedono il rifacimento e l’implementazione della segnaletica verticale e orizzontale. Nel dettaglio, per quanto riguarda la segnaletica orizzontale saranno realizzati i marginatori, l’asse di mezzeria, le bande sono-

re di rallentamento e le righe di arresto (eseguiti con la tecnica del “colato”), 2 frecce direzionali, le zone neutre e le scritte (realizzati “in crioline”). Per quanto riguarda la segnaletica verticale, saranno invece installati 18 sostegni tubolari di protezione, 2 tabelle rifrangenti dotate di lampade lampeggianti, 11 “occhi di gatto” solari e 3 tabelle a led (“caporali”) indicanti la direzione di marcia che saranno posizionati a ridosso del muro di cinta della caserma.“Continuano le iniziative dell’Amministrazione per promuovere la sicurezza degli automobilisti - spiega Remo Eufemi, Consigliere delegato alla Viabilità - e an-

diamo a intervenire su un incrocio molto frequentato e pericoloso, proprio per la mancanza di un’adeguata segnaletica. Con questo intervento, del valore complessivo di 11.400 euro, non solo contribuiremmo a tutelare l’incolumità dei cittadini, ma renderemo più chiara e �uida la circolazione veicolare”.

TOLFA - Appuntamento in piazzale Europa per il lavoro di pulizia del territorio

Verranno consegnate le compostiere “

Ambiente al centro”. Con questo slogan riparte il cammino per una maggiore tutela del territorio. Domani, sabato 2 luglio, infatti, il Comune di Tolfa e le associazioni della città, organizzano una giornata-iniziativa ecologica per la raccolta dei materiali ingombranti (televisioni, frigoriferi, ecc...) da conferire presso l’isola ecologica. L’iniziativa è promossa dall’Assessore all’Ambiente, Cristiano Dionisi e dal Delegato alle Politiche Ambientali, Armando D’Amico. L’appuntamento è per tutti alle ore 7 a Piazzale Euro-

pa, dove si dividerà il lavoro per gruppi e le associazioni e i cittadini eco-volontari si organizzeranno per boni�care alcune zone del territorio comunale particolarmente bisognose di cura. Allo stesso modo �no alle 13 i cittadini potranno conferire sempre a Piazzale Europa i materiali ingombranti. Per chi fosse impossibilitato la Protezione Civile coordinerà il ritiro a domicilio degli stessi. Sempre sabato mattina, a Piazza Vittorio Veneto, saranno inoltre distribuite le compostiere per uso domestico e relativo manuale

d’uso, ed ulteriori buste per la spesa ecologica destinate a chi non le ha ricevute durante la precedente distribuzione. “Un altro segnale – hanno affermato l’Assessore Dionisi e il Delegato D’Amico - come già avvenuto negli anni passati, per la tutela dell’ambiente, ma anche verso coloro che, continuando a gettare ri�uti per strada e nei boschi, non amano il proprio territorio e la natura che ci circonda, per ribadire che la salvaguardia del nostro territorio è una priorità assoluta”. (Cri. Dionisi)


Speciale VITERBO

e l a i c e Sp bo r e t i V

a cura di Studio1

����������������������


speciale viterbo interni

2 10

Viterbo & & Viterbo Venerdì 1 Luglio2010 2011 1 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

Un patrimonio storico che può garantire al territorio un afflusso internazionale di visitatori

Il termalismo, fiore all’occhiello di Viterbo C

on tre stabilimenti termali, due attivi e uno, l’ex impianto Inps, in procinto di essere riaperto, Viterbo meriterebbe di essere a pieno titolo una delle realtà più rinomate del termalismo internazionale. Le ragioni del mancato decollo non possono essere ricercate su una sorta di “maledizione” che grava sul settore impedendogli di diventare cioè che dovrebbe, cioè uno degli elementi trainanti dell’economia turistica locale. Semmai, le “colpe” vanno individuate in una serie di ragioni storiche e nell’inerzia delle classe politiche e imprenditoriali che si sono succedute. Anche a dispetto dei cambi dei “regimi”. Ma non è stato sempre così. In epoca medievale, le terme viterbesi divennero meta privilegiata di molti ponte�ci e non a caso fra le strutture più rinomate ci sono le cosiddette “Terme dei Papi”, che presero questo nome dopo l’intervento di Niccolò V. Il ponte�ce, infatti, con l’impiego delle acque del Bulicame trovò un tale bene�cio nelle cure dei suoi mali che, nel 1450 fece costruire sul posto uno splendido palazzo, così da potervi soggiornare in caso di necessità. Quella costruzione dalle mura merlate, le �nestre a croce e le sale ricoperte da grandi volte, si chiamò il “Bagno del Papa”. In seguito, Pio II promosse altri lavori di ristrutturazione e ammodernamento dell’edi�cio termale, �no a farlo diventare un imponente. L’ultimo adeguamento, quello che lo ha trasformato in uno dei centri più importanti d’Italia, si deve alla famiglia Sensi. La sorgente a cui lo stabilimento fa riferimento è il Bullicame che, con i suoi 58-60 gradi, è da sempre apprezzata per le qualità terapeutiche. Il suo notevole pregio risiede nelle caratteristiche chimico-�siche che la rendono adatta a molte utilizzazioni in terapia termale, in particolare nella cura e prevenzione delle affezioni croniche di tutto l’apparato respiratorio e di quello osteoarticolare, ma anche nelle malattie della cute, dell’apparato genitale e nelle malattie dismetaboliche.

Incremento anche per il volume della Tuscia

Un giro d’affari da capogiro per gli stabilimenti del Lazio

U

Le “Terme dei Papi”, inoltre, utilizzano due tipi di fango: quello lavico di colore grigio, usato in fangoterapia, e quello sorgivo di colore bianco, utile per i trattamenti estetici. Altra eccellenza della Tuscia, poi, è il “Pianeta Benessere – Terme Salus”, che sorge anch’essa nell’area mineraria del Bulicame ma che può vantare anche l’antica sorgente di San Valentino, acqua sulfurea e ipertermale, conosciuta e utilizzata a scopo terapeutico e che occupa un posto di primo piano grazie alla presenza dello zolfo, che le conferisce proprietà antin�ammatorie, antisettiche, mucolotiche. L’acqua dell’antica sorgente San Valentino è inoltre bicarbonato alcalino- terrosa ricca di minerali e oligoelementi,

Da sempre le fonti cittadine vengono apprezzate da intenditori e pontefici famosissimi

caratteristiche che ne arricchiscono ancora di più le doti curative. L’azione delle acque e dei fanghi termali viene abbinata a trattamenti estetici e idromassaggi di ogni genere sulla base delle metodologie più moderne. Il suo notevole pregio risiede proprio nelle caratteristiche chimico �siche che rendono questa acqua adatta a molte utilizzazioni in terapia termale. Di recente, in�ne, è stato siglato l’accordo fra il Comune di Viterbo e la Regione Lazio che prevede la riapertura dello stabilimento delle terme ex Inps, superando il contenzioso fra i due enti per la sua gestione, che sarà af�data all’impresa vincitrice del bando di gara. La struttura venne aperta nel 1956 dall’istituto di previdenza sociale per i propri iscritti e a pieno regime svolgeva circa 200 cure giornaliere ed accoglieva anche un Centro Studi, attirando circa 5.000 utenti l’anno, provenienti soprattutto dal Centro Sud.

n fatturato che sfiora i 12,5 milioni di euro l’anno, circa 50mila clienti e oltre 2.500 addetti , compresi alberghi e ristoratori. Questi i dati del termalismo nel Lazio. Gli stabilimenti che la fanno da padroni sono Acque Albule di Tivoli; Terme dei Papi a Viterbo; Terme di Fiuggi, Terme di Stigliano a Roma; Terme di Cretone di Palombara Sabina. I dati raccolti da Federterme in collaborazione con M e r c u r y - Tu r i s t i c a , sono riferiti al 2005, ma secondo gli esperti la situazione, anche a causa della crisi economica, non avrebbe subito significativi mutamenti. Per quanto riguarda la provincia di Viterbo, tuttavia , gli addetti ai lavori hanno segnalato un significativo incremento delle presenze, soprattutto durante i posti tra due festività. In alcuni periodi si è raggiunto addirittura il tutto esaurito. La composizione della clientela degli impianti termali vede in primo piano sempre le donne con il 61,4% del totale. L’età prevalente è quella degli ultrasessantenni che rappresentano più del 40% del campione, seguita dalla classe dei 46-60 anni. Complessivamente le due classi costituiscono il 72% del totale dei clienti termali. Il grado di soddisfazione per gli effetti delle cure termali da parte di tutte le componenti è alto. Il 47,6% dei clienti dice di essere molto soddisfatto. La motivazio-

ne delle scelte delle cure termali è dovuta soprattutto alla cura di malattie o di disturbo. Lo studio dimostra che nel corso degli anni il rapporto fra terme e benessere è stato caratterizzato da una forte diffidenza che solo oggi sembra in via di superamento. Con l’evoluzione del concetto di benessere, si integra perfettamente la tendenza attuale a predisporre strutture e servizi per target con reddito medio-alto. La diffusione dei centri benessere è stata, infatti, in una prima fase caratterizzata da una fruizione elitaria. Il livello dei servizi e di conseguenza dei prezzi risultava così alto da potersi ritenere esclusivo, quasi rappresentativo di uno status. Oggi, invece, la cura che l’individuo ha di se stesso viene sempre piuù considerata un diritto e un’esigenza diffusa


& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

speciale viterbo

11

La vasta gamma di servizi e opportunità che si possono trovare nelle terme di Viterbo

Dalle pozze libere ai massaggi con i fanghi D

ai bagni nelle cosiddette “pozze libere” ai più so�sticati trattamenti eseguiti nei due stabilimenti, le Terme dei Papi e il Pianeta Benessere – Terme Salus, le acque solfuree di Viterbo offrono una lunghissima serie di possibilità terapeutiche, tutte di riconosciuta ef�cacia. Cure termali idropiniche: Consistono nella somministrazione di acque minerali, soprattutto oligominerali o bicarbonate, come terapia per numerose disfunzioni organiche, tra cui si annoverano le affezioni del fegato, dell’intestino e dell’apparato digerente. Cure termali con docce esterne: di diffusione ancora limitata ma di sicuro bene�cio terapeutico, rappresentano una forma di trattamento che può essere praticata sia con acqua di rete che con acqua termale, associando in quest’ultimo caso i vantaggi della tecnica utilizzata alle particolari qualità del mezzo. Trattamenti termali con irrigazioni e docce interne: sono metodiche termali che consentono di portare a contatto l’acqua minerale, ed anche gas termali, con le mucose delle cavità aperte del corpo (mucose rettali, vaginali, rinofaringee). Cure in ambiente termale con grotte e stufe calde (antroterapia): con il termine antroterapia

dove viene inalata da più pazienti. Le inalazioni di tipo aerosol sono caratterizzate anch’esse dalla frantumazione delle particelle di acqua �no ad un diametro particolarmente ridotto, inferiore anche a tre micron. Cure con acque termali con humages e trattamento termale con insuf�azioni: gli humages sono caratterizzati dall’utilizzo di gas naturali, ricavati dalle acque termali secondo particolari accorgimenti tecnici, o da essi emanati in forma spontanea. Per questo motivo gli ‘humages’ sono anche denominati emanazioni. Le insuf�azioni costituiscono un particolare trattamento termale, di tipo inalatorio, �nalizzato alla cura delle fasi iniziali dell’insuf�cienza tubarica dell’orecchio medio, (tuba di

vengono indicati i metodi di utilizzo, a scopo terapeutico, dei vapori acquei che si sprigionano all’interno di cavità geologiche naturali, ovvero in ambienti arti�cialmente costruiti dall’uomo. Cure termali con inalazioni: consistono nell’introduzione di acqua minerale o di suoi costituenti gassosi nelle vie respiratorie mediante speciali apparecchiature atte a nebulizzare l’acqua in minutissime particelle. Le cure inalatorie si distinguono in Inalazioni

umide ed Inalazioni secche, a seconda che la nebulizzazione dell’acqua termale venga attuata con vapore acqueo o con aria a pressione. I principali tipi di cure inalatorie sono: nebulizzazioni, inalazioni, aereosol, humages e insuf�azioni. Trattamento termale con nebulizzazioni e con aerosol: l’acqua termale viene trattata �no a giungere ad uno stato di nebbia di varia densità, e successivamente immessa in appositi locali

Eustachio / timpano / apparato trasmissivo), il cui quadro patologico può degenerare in forme di otite cronica e provocare sordità. Benessere termale con balneoterapia: le acque termali possiedono proprietà costitutive e d’azione tali da rendere la balneoterapia, cioè la pratica dell’immersione totale o parziale del corpo in acqua termale, una delle principali terapie termali praticate. Cure termali con fangoterapia: il fango termale è un particolare impasto costituito da una componente solida argillosa, da una componente liquida (acqua termale di diversa composizione) e da una componente organica che viene a formarsi soprattutto durante il processo di maturazione.


speciale viterbo interni

2 12

Viterbo & & Viterbo Venerdì 1 Luglio2010 2011 1 Ottobre AltoLazio AltoLazio Venerdì

Il sommo poeta cita tre volte il Bullicame nel suo viaggio nell’aldilà

Le fonti di Viterbo narrate nella Commedia dantesca N

ella Divina Commedia Dante Alighieri cita ben tre volte il Bulicame. E lo fa con riferimenti che non hanno il sapore di cose apprese per sentito dire, ma trasudano visioni e conoscenze personali. Dapprima le fonti sulfuree e il paesaggio lunare che le circonda sono indicate in modo generico come termine di paragone per del ribollir del Flegetonte, in cui sono immersi gli assassini, poi per descrivere un ruscelletto che scorre ai margini del deserto di fuoco dove sono puniti i violenti contro Dio. Ma quando cita la terza volta il Bulicame, parlando delle prostitute che usano le sue acque per le loro abluzioni, è evidente che attinge ad un ricordo personale. Le acque del Bulicame, le cui proprietà terapeutiche erano note già agli Etruschi, sgorgano ad un temperatura di circa 60 gradi, emanando un forte odore di zolfo. La zona in cui si trova la polla principale, arida, brulla, di colore biancheggiante, è solcata da rigagnoli in cui scorre acqua fumosa. Insomma, ha tutti gli ingredienti per evocare un aspetto infernale. Quanto di meglio Dante potesse avere a disposizione per ‘’ambientare’’ l’inferno. Oltre al Bulicame, Dante ricorda varie localita’ della Tuscia: il lago di Bolsena, la Maremma, Corneto (l’attuale Tarquinia) e la prigione della Malta. Inoltre, nel suo viaggio nei tre regni, incontra una serie di personaggi legati a doppio �lo a Viterbo: Enrico da Cornovaglia e Guido di Montfort; quattro papi eletti, vissuti ed alcuni sepolti a Viterbo (Clemente IV, Adriano V, Martino IV e Giovanni XXI); un dottore della chiesa, san Bonaventura da Bagnoregio; un arcivescovo, Ruggeri degli Ubaldini; una bandito di strada, Rinier da Corneto. Il lago di Bolsena, ma anche le sue anguille, evidentemente considerate una leccornia già nel medioevo, e la vernaccia, un vino prodotto nel bacino lacustre, sono citati da Dante in riferimento a Martino IV, ponte�ce eletto a Viterbo nel 1281, �nito in purgatorio per espiare il suo irre-

nome di Giovanni XXI, ‘’lo qual giu’ luce in dodici libelli’’. L’Ispano restò vittima, otto mesi dopo l’elezione, del crollo di un’ala del Palazzo Papale. La versione uf�ciale, però, non ha mai del tutto convinto gli storici, tanto che in più occasioni è stato ipotizzato ‘’l’attentato’’. La tomba di Pietro Ispano, recentemente restaurata a cura del governo portoghese, si trova nel Duomo di Viterbo. Nel quarto dei nove cieli del Paradiso frenabile vizio della gola: ‘’purga per digiuno l’anguilla di Bolsena e la vernaccia’’. Rinier da Corneto, bandito di strada ‘’grandissimo rubatore’’, viene posto da Dante nel girone dei violenti (banditi, ladri, predatori). Il regno incontrastato di Rinier era la Maremma ed aveva la sua roccaforte a metà strada tra Tarquinia e Viterbo, in una località ancor oggi selvaggia, �tta di sterpi e di rovi. Un paesaggio che colpì profondamente Dante, che lo scelse come paragone per descrivere la foresta dei suicidi nel girone dei violenti: ‘’Non han si aspri sterpi ne’ si folti - quelle �ere selvagge che in odio hanno - tra Cecina e Corneto i luoghi colti’’. La prigione della Malta, citata da Dante nel canto IX del Paradiso, era ricavata in un luogo fangoso, limaccioso ed umido. In essa venivano gettati preti rei di delitti comuni o colpevoli d’eresia. Due le possibili ubicazione della Malta, entrambe nella Tuscia. Secondo alcuni storici la prigione si sareb-

be trovata a Viterbo, nei pressi di ponte Tremoli (distrutto alla �ne degli anni Trenta del Novecento quando fu edi�cata l’attuale via Marconi), secondo altri, invece, si trovava sull’Isola Bisentina, nel lago di Bolsena. Tra i fatti avvenuti a Viterbo citati nella Divina Commedia, spicca il delitto di Enrico di Cornovaglia ad opera di Guido di Montfort, avvenuto venerdì 13 marzo 1271 a nella chiesa di San Silvestro (oggi del Gesù). L’omicidio, che ebbe un’eco grandissima in tutta Europa, fu consumato mentre nel vicino palazzo vescovile erano riuniti da quasi due anni i cardinali per eleggere il nuovo papa. La serie di ‘’fumate nere’’ avevaindispettito i viterbesi che, stanchi dell’interminabile sede vacante, rinchiusero i porporati nel palazzo. Ma poiché nemmeno la clausura riusciva a far trovare ai cardinali un accordo sul nome del nuovo papa, i vierbesi tagliarono loro il vitto �no a ridurlo a soli pane e acqua.

In�ne scoperchiarono il tetto del palazzo lasciandoli esposti alle intemperie. La sede vacante più lunga della storia si concluderà il successivo 1 settembre 1271 con l’elezione di Gregorio X. Uno dei primi atti del nuovo papa fu quello di stabilire regole ferree per l’elezione del ponte�ce. In particolare stabilì che i cardinali avrebbero dovuto riunirsi in Conclave senza alcun contatto con il mondo esterno. In Purgatorio Dante pone altri due papi, per così dire viterbesi, Adriano V, morto nel convento di San Francesco alla Rocca, dopo soli 37 giorni di regno, e Clemente IV, il quale aveva trasferito la sua dimora nel palazzo fatto costruire da Raniero Gatti, e da allora divenuto il palazzo dei papi. Le tombe dei due ponte�ci sono conservate nella chiesa di San Francesco. Un solo papa eletto, vissuto e morto a Viterbo, per Dante si è meritato il Paradiso: Pietro Ispano, l’unico portoghese asceso al soglio ponti�cio con il

Dante incontra anche un altro personaggio Viterbese: San Bonaventura da Bagnoregio, teologo e dottore della chiesa, una delle �gure più eminenti del Medioevo cristiano. In�ne, nel Complesso monumentale di Santa Maria in gradi, oggi sede del rettorato dell’università della Tuscia, morì e fu sepolto l’arcivescovo Ruggeri, al quale Dante in�igge una pena orrenda: farsi rodere il cranio per l’eternità dal conte Ugolino.

La scoperta del giovane Andrea Alessi

Le pozze della Tuscia sono porte per altri luoghi È

il Bullicame di Viterbo, la porta dell’Inferno secondo Dante Alighieri, lo sfondo della Pietà di Sebastiano del Piombo e Michelangelo Buonarroti, attualmente collocata nella pinacoteca del museo di Viterbo. La scoperta si deve al giovane storico dell’arte Andrea Alessi ed è stata suffragata da Claudio Strinati, soprintendente speciale del Polo museale di Roma. Alessi ha sottoposto la Pietà, uno dei primi notturni della storia della pittura, ad un accurato e documentato studio da cui emergono sia il significato profondo del celebre dipinto, sia la posizione dell’artista, misterioso e controverso, nell’ambiente del tempo. In particolare, Alessi ha individuato come lo sfondo della pala, dipinta su incarico di Giovanni Botonti per la chiesa di San Francesco alla Rocca a Viterbo, sia reale e corrisponda alla zona del Bulicame, fin dall’epoca etrusca adibita a terme e da sempre nota per le sue acque sulfuree. “Dunque è proprio così ha scritto Strinati – la Pietà, desolata e dolente, è posta sul labile e terribile confine tra l’Inferno e il Paradiso. Alessi ha spiegato con definitiva chiarezza come lo sfondo del quadro sia il Bulicame di Viterbo, la porta dell’Inferno secondo Dante Alighieri”. Alla sua scoperta è stato dedicato un volume, pub-

blicato da Electa in occasione dell’ottantesimo anniversario dell’istituzione della Provincia di Viterbo, nel quale, oltre a ribadire come Sebastiano abbia sempre ambientato i propri lavori nel concreto, conferma come la zona del Bulicame fosse considerata una delle porte tenebrose di accesso agli Inferi. L’aver trovato in Dante Alighieri una forte determinante per l’interpretazione della Pietà di Viterbo prova anche come in Sebastiano predomini una sorta di pessimismo storico che condiziona le sue opere.


litorale viterbese

14

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Luglio 2011

MONTALTO - La dura denuncia del gruppo Obiettivo Comune, guidato dal consigliere Caci

La Marina invasa dai rifiuti di GIOVANNI CORONA

D

opo il successo della prima assemblea pubblica di San Sisto, il gruppo “Obiettivo Comune” guidato dal consigliere Sergio Caci torna alla carica denunciando una situazione ri�uti alquanto scomoda alla marina di Montalto. “Anche i maiali sono in vacanza,oppure girano a piede libero tanto è che facendo un giro a marina di Montalto si possono spesso vedere accumuli di immondizia di vario genere a ridosso dei cassonetti.

Sembra a volte un distaccamento degli svessamenti napoletani: reti da letto, frigoriferi, potature di piante, sacchi con erba del prato, parti di arredamento, calcinacci, biciclette e chi più ne ha più ne metta. Sembra proprio che si aspetti il week end per fare le pulizie di Pasqua: come una sorta di sport, basato sull’andare al mare, rilassarsi e gettare tutte le porcherie dove capita, costringendo tra l’ altro gli operatori ecologici ad un eccesso di lavoro non dovuto. Vogliamo ricordare che a Montalto, in località Incotti -dove c’è anche il tiro al

piattello- è stata realizzata un’ isola ecologica dove GRATUITAMENTE si possono portare tutti i ri�uti, anche quelli più ingombranti, senza che debbano essere abbandonate a bordo strada o peggio ancora dentro alle macchiette o alle pinete. L’ isola ecologica è un servizio istituito in questo comune e che ben funziona, dove tutti i residenti ed anche i proprietari di case alla marina possono portare questi tipi di ri�uti: la zona è stata creata appositamente per evitare abbandoni indiscriminati nel nostro territorio e pertanto invitiamo chiunque ad utilizzarla. Sarebbe bene inoltre, che le istituzioni des-

sero una più ampia informativa dell’ubicazione dell’ isola ecologica e della sua fruibilità. Sarebbe inoltre ora che i preposti ai controlli agissero con mano pesante nei confronti di chi ancora, nonostante la possibilità di usufruire di questo servizio, deposita i ri�uti dove meglio crede. I cittadini di Montalto applicano con dedizione la raccolta differenziata perché è l’ unico metodo che ci permette di evitare che l’immondizia ci sommerga sia economicamente che �sicamente. Gli abitanti di Montalto e Pescia vogliono il loro territorio pulito e pretendono che chiunque sia ospite di questo territorio lo rispetti”.

TARQUINIA - Ultimati i lavori in località Nasso TARQUINIA - Ultimata la ripavimentazione di via delle Torri e piazza Titta Marini

Migliora la viabilità rurale Il centro storico si rifà il look «

C

ome da convenzione sottoscritta tra Università Agraria di Tarquinia e Consorzio di Boni�ca, sono stati ultimati i lavori di ripristino della viabilità rurale in località Nasso e Ancarano. Oltre 15 km di strade sono state rese nuovamente accessibili e utilizzabili in vista della trebbiatura e delle attività connesse. La maggior parte della viabilità interessata riguarda infatti i terreni recuperati grazie alla vittoria nel contenzioso contro l’Università Agraria di Monteromano e bisognosi di interventi, dopo le piogge invernali e le esondazioni del �ume Marta. La viabilità ripristinata appare di fondamentale importanza non solo per la conduzione dei fondi, ma anche e soprattutto per l’impegnativa campagna antincendio ormai alle porte. Un tempestivo e comodo raggiungimento dei siti a rischio è importantissimo, sia per il controllo che per gli interventi di spegnimento delle

�amme. Ettari ed ettari di terreno lavorato in località Nasso e Ancarano da agricoltori di Tarquinia, il ripristino di un complesso viario davvero vasto sono importanti traguardi raggiunti con l’impegno dell’Ente e la capacità di dialogo con realtà altrettanto importanti come il Consorzio di Boni�ca. Si conferma la vocazione dell’Università Agraria di Tarquinia a fare molto con poco. Una viabilità oggi facilmente percorribile anche dagli amanti dell’equitazione e della mountain bike che tocca una delle zone più suggestive dell’intera Provincia, scarsamente antropizzata e di alto pregio paesaggistico e naturalistico. Dopo detti interventi di ripristino, fondamentale la corretta manutenzione e il ricarico, operazioni progressive che nel medio lungo periodo garantiranno stabilità all’intera area.

Un altro importante traguardo raggiunto nel valorizzare il centro storico di Tarquinia». Questo il commento dell’assessore ai Lavori Pubblici Anselmo Ranucci alla riapertura di via delle Torri e piazza Titta Marini, dopo i lavori di ripavimentazione e riquali�cazione dell’arredo urbano, con l’installazione di �oriere e panchine. Lavori che hanno riguardato anche il rifacimento dei servizi primari: rete fognaria e idrica. L’opera, �nanziata dalla Regio-

ne Lazio con uno stanziamento di circa 400mila euro, rientra in un progetto più ampio di cui fa parte il recupero della Barriera San Giusto. «La chiusura del cantiere in via delle Torri e piazza Titta Marini conclude il programma di interventi per rifare la rete viaria intorno alla cattedrale. – prosegue – In tre anni l’Amministrazione ha ripavimentato piazza Santo Stefano, via della Cateratta, via della Sacrestia, piazza Duomo e via Giordano Bruno, nel tratto tra via del Duomo e via della Cateratta».

TARQUINIA - Un numero al quale si potranno contattare i rappresentanti del centrodestra

Il Pdl attiva una linea diretta con i cittadini I

l circolo tarquiniese del Popolo della Libertà ha attivato una linea telefonica diretta con i cittadini. Infatti, da ieri è attivo il numero di telefono 389.9406376, che i tutti i cittadini possono utilizzare per contattare i consiglieri comunali e i dirigenti del partito di centro-destra. “È solo la prima – dicono dal Pdl – delle iniziative che abbiamo intenzione di attuare per consentire alla cittadinanza di farci pervenire rapidamente segnalazioni e proposte. Tutte le informazioni raccolte

saranno valutate e seguite con la massima attenzione. È importante ascoltare la gente – dicono dal Pdl – e questo è un mezzo semplice e ef�cace a disposizione di tutti i cittadini”. Le segnalazioni possono essere inviate, sempre a questo numero telefonico, anche tramite sms. Il Popolo della Libertà, che nei giorni scorsi ha riunito il suo direttivo sezionale, sta vagliando una serie di proposte organizzative da attuare nei prossimi mesi.


& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

litorale viterbese

15

Un’intensa stagione all’insegna di cultura, eventi e divertimento

Estate Tarquiniese, si alza il sipario

U

na stagione estiva tra musica, teatro, mare, riscoperta del centro storico ed eventi enogastronomici di qualità. L’assessorato allo Spettacolo alza il sipario sull’Estate Tarquiniese 2011. Accanto ad appuntamenti tradizionali come DiVino Etrusco, 5-6-7 agosto, Teatro sotto le stelle, 8-14-21 agosto (George Dandin di Moliere, con Maurizio Micheli e Benedicta Boccoli, La Locandiera di Goldoni con Natalie Caldonazzo e Franco Castellano, Truculentus di Plauto, con Eleonora Brigliadori) ed Etruria Musica Festival, 10-20-25-27 agosto, si af�ancano interessanti novità: su tutte il Carnevale Estivo, 8 e 16 luglio. «Sono state tante le dif�coltà per realizzare il programma. – sottolinea

l’assessore Giancarlo Capitani (nella foto) Il Governo, con una decisione sbagliata, ha infatti imposto di spendere per le manifestazioni non oltre il 20% di quanto speso nel 2009. Se negli anni precedenti le Amministrazioni (di diverso orientamento politico) mettevano a disposizione circa 150mila euro, per il 2011 il Comune ha potuto stanziare solo 30mila euro. Occorre essere più maghi che amministratori, per proporre ai cittadini e ai turisti un buon intrattenimento». Grande spazio quindi al mondo dell’associazionismo locale, che sarà protagonista con il teatro popolare, concerti di musica classica, rock e blues e spettacoli di danza. Al Lido, in collaborazione con l’assessore al Litorale Renato Bacciardi, sarà allestito il Summer Village che dall’8 luglio ospiterà serate di moda e spettacolo, cabaret e animazione e iniziative per promuovere i prodotti tipici. Tornerà il Porto Clementino Festival, dal 1° al 15 agosto, con la collaborazione del Comune nell’organizzare due serate di cabaret, 4 e 9 agosto, e, per gli appassionati di musica metal, il Metal Forge Festival a ferragosto. Ferragosto che avrà uno spettacolo pirotecnico dedicato al 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

TARQUINIA - Interviene il sindacato

“Una sede permanente ai Vigili del Fuoco” R

iceviamo e pubblichiamo: “Riguardo all’incendio dell’appartamento di Tarquinia, l’USB PI Vigili del Fuoco di Viterbo torna a sottolineare ancora una volta l’importanza di una sede permanente di vigili del fuoco nella città balneare. Sono anni ormai che lo urliamo ai quattro venti, ma a quanto pare, la politica è sempre più sorda alle legittime richieste che riguardano i cittadini. Questa volta la storia ha un lieto �ne, perchè il pronto intervento del commissariato ha risolto la situazione, ma non ci si può sempre �dare della buona sorte e di qualche coraggioso che si trova nel posto giusto al momento giusto. Ribadiamo che è giunta l’ora che le amministrazioni locali si facciano carico di questo problema, perchè la Regione Lazio ha appena comunicato al dipartimento vigili del fuoco,che riguardo alla convenzione per cui i vigili del fuoco coprono in straordinario il territorio di Tarquinia di giorno, la giunta regionale non ha ancora trova-

to i fondi del 2011 per pagare i lavoratori vigili del fuoco, vale a dire “intanto lavorate, poi in qualche modo un domani qualcosa vi daremo”. Vorremmo tanto che anche la gente faccia una ri�essione sulla crisi disastrosa che sta attraversando il soccorso in Italia, ma in special modo nella provincia viterbese, dove poco più di cento tra operativi ed amministrativi, si fanno carico di affrontare 5-6000 interventi annui. Al riguardo, torniamo di nuovo a chiedere a chi di dovere (sig. prefetto in primis) una risposta concreta.”


comprensorio

16

Viterbo & Venerdì 1 Luglio 2011 AltoLazio

CIVITELLA D’AGLIANO - La risposta del primo cittadino sull’affissione di un volantino funebre della scuola media

“Sciacalli politici dietro i genitori” I

l sindaco di Civitella d’Agliano con una lettera denuncia l’abusiva af�ssione di un volantino: “Con rammarico il sottoscritto e l’amministrazione di Civitella d’Agliano ha appreso dagli organi di stampa, che la notte tra’ il 29 ed il 30 giugno il paese sarebbe stato tempestato di volantini che inneggiavano ed inveivano contro la chiusura della scuola media locale. Si fa’ riferimento che questo episodio sia imputabile ai genitori che protestano con veemenza, accusando il sindaco Mancini di non aver risolto il problema causato dai tagli a livello nazionale dalla riforma del ministro Gelmini. E per di piu’ sui volantini funebri che riportavano il tutto , scritti con parole anche maleducate ed arroganti, si faceva riferimento anche all’agenzia Funebre “MANCINI”, con tanto di logo e fascia tricolore da sindaco. I volantini abusivi , non �rmati da nessun genitore o da qualche associazione, sono stati prontamente rimossi ed il tutto è stato denunciato presso la caserma dei carabinieri di Civitella d’Agliano che ha aperto

un fascicolo. Di questa vicenda non sono a conoscenza i genitori rappresentanti di classe e nessuno ha fatto proteste o rimostranze a questa amministrazione sul comportamento e la linea seguita �no ad ora per scongiurare la chiusura della scuola media di Civitella d’Agliano. Dagli organi di stampa apprendo che il tutto sarebbe scaturito da un gruppo di genitori con tanto di dichiarazione

ed intervista, ma non penso che questo gruppo abbia il coraggio di uscire allo scoperto per il semplice motivo che non esiste. Questo sciacallaggio di cattivo gusto sul Sindaco Mancini, anche per i modi ed i termini utilizzati, senza ombra di dubbio sono da imputarsi come un attacco politico contro l’amministrazione. E’ facile per chi fa’ della semplice demagogia il proprio cavallo di battaglia

politico sparare a zero contro gli avversari senza proporre soluzioni e linee da seguire ed è ancora piu’ facile e subdolo cavalcare temi sociali come quello della chiusura della scuola media e percio’ usare i bambini per fare politica. Ma la domanda penso sia lecita : è giusto passare sopra tutto e tutti per qualche voto in piu’? è giusto cavalcare un problema sociale come questo ed appro�ttare della dif�coltà delle famiglie? . la minoranza resterà tale �no a quando si trincererà dietro queste piccolezze e bassezze . L’amministrazione di Civitella d’agliano sono anni che si sta’ battendo in tutte le sedi istituzionali per scongiurare la chiusura della scuola media , continuerà a farlo e questo i genitori lo sanno. E’ per questo che sono fermamente convinto che i “VOLANTINI A LUTTO” ,che sono stati attaccati abusivamente ,non dai genitori ma da sciacalli e che le dichiarazioni riportate sugli organi di stampa vengono dai così detti “esponenti politici locali”, ma di questo se ne occuperanno gli organi di polizia competenti. “

TUSCANIA - Polemiche sui fondi per la sagra ACQUAPENDENTE - A Vittore il Ministero di Accolito

Baccalà sempre più ‘salato’ Festa per il seminarista Arcangeli O

ggi, grande festa per la Comunità Parrocchiale di Acquapendente Alle ore 17.30 nella Cattedrale di Viterbo al seminarista Vittore Arcangeli verrà conferito il Ministero di Accolito. Le sue funzioni così come descritto nel documento ponti�cio sono nei termini costituiti “per aiutare il diacono e servire il sacerdote. Pertanto è suo compito curare il servizio dell’altare, aiutare il diacono ed il sacerdote nelle azioni liturgiche, specialmente nella celebrazione della Messa. Inoltre, distribuire, come Ministro straordinario, la Santa Comunione tutte le volte che i ministri (ordinari)

E

’ questo il commento degli esponenti della lista “Patto per Tuscania-Udc” alle dichiarazioni del presidente della onlus beneficiaria del contributo previsto nell’ambito della sagra del baccalà, riportate dalla stampa: “Abbiamo letto sulla stampa le dichiarazioni del presidente della onlus che ha beneficiato del finanziamento comunale stanziato per la sagra del baccalà. Ma, con tutto il rispetto per le attività dell’associazione, se il suo intento era di chiarire la vicenda, il risultato è stato opposto. I dubbi che avevamo in proposito, infatti, dopo le parole del presidente sono aumentati. Nella sostanza, lui dice che la società privata che organizza la sagra gli ha girato il contributo comunale a lei assegnato, nell’ambito dei finanziamenti regionali destinati al centro commerciale naturale. Il passaggio dei fondi alla struttura no-profit sarebbe avvenuto il 30 marzo scorso. A quanto ci risulta, però, la concessione del sostegno economico alla società pri-

vata organizzatrice della sagra, da parte del Comune, risale al 2010, tant’è che già nel gennaio 2011, in una interrogazione del nostro capogruppo Regino Brachetti sull’argomento, veniva chiesto conto, tra l’altro, del suddetto contributo. Inoltre, a quanto ci risulta, il sostegno della società organizzatrice alla onlus doveva avvenire attraverso la destinazione di una percentuale, per altro mai specificata, degli incassi della manifestazione. Ora, a parte l’anomalia di una società privata che riceve contributi pubblici per iniziative da cui trae consistenti profitti, e tenendo conto che per ammissione degli stessi organizzatori la sagra ha incassato, l’anno scorso, decine di migliaia di euro, ci sembra un po’ magra la somma devoluta in beneficienza, per altro senza andare ad intaccare i ricavi della festa, visto che si è trattato di un contributo comunale. Con buona pace del presidente, ci pare, dunque, che di questioni da chiarire ce ne sono ancora molte; e che l’argomento non è affatto chiuso”.

non vi sono o non possono farlo, per malattia, per l’età avanzata o perché impediti da altro ministero pastorale, oppure tutte le volte che il numero dei fedeli, i quali si accostano alla Sacra Mensa, è tanto elevato che la celebrazione della Messa si protrarrebbe troppo a lungo. Nelle medesime circostanze straordinarie potrà essere incaricato di esporre pubblicamente la Santissima Eucarestia e poi riporla. Ma non di benedire il popolo. Potrà anche , in quanto sia necessario, provvedere all’istruzione degli altri fedeli che, per incarico temporaneo, aiutano il diacono ed il sacerdote nelle azioni liturgiche”.

“ La Margheritina d’Oro” Concorso canoro per bambini da 6 a 14 anni Montefiascone piazza V. Emanuele - 20 luglio 2011 ore 21 REGOLAMENTO 1. 1. Al concorso sono ammessi bambini a partire da 6 a 14 anni d’età. 1. 2. Le domande di iscrizione dovranno essere compilate secondo il modello allegato e presentate entro e non oltre il 9 luglio 2011, allegando certificato di nascita. 1. 3. Le domande vanno inviate a mezzo posta presso Comitato Festeggiamenti S. Margherita – Via S.Lucia Filippini – 01027 Montefiascone Vt ( Don Agostino Ballarotto ) 2. oppure all’indirizzo e-mail: rafftv@libero.it o telefonare al: 0761 826809(escluso il lunedì) o al n. 340 2444939 1. 4. Il comitato si riserva di accettare l’iscrizioni secondo la data di spedizione della domanda. 1. 5. Ai concorrenti verrà comunicata la data delle selezioni che si svolgeranno presso gli Studi di Registrazione “Binario 2” del Centro Multimediale RAFF RECORDS di Montefiascone dal 11 al 15 luglio 2011. 1. 6. Ogni concorrente dovrà portare la base della propria esibizione su supporto digitale ( cd – dvd- chiavetta usb) chi ne fosse sprovvisto potrà farne richiesta allo Studio di Registrazione Binario 2. 1. 7. Il concorso è aperto al pubblico e i partecipanti possono esibirsi con qualsiasi canzone del repertorio nazionale ed internazionale. 1. 8. I concorrenti verranno divisi in due categorie: Categoria A : da 6 a 10 anni di età Categoria B : da 11 a 14 anni di età 1. 9. I concorrenti dovranno versare la quota d’iscrizione di 15 euro. 1. 10. Tutti i partecipanti riceveranno un DVD con la registrazione audiovideo del provino. 2. L’intera serata sarà ripresa da una troupe televisiva di Sky. 1. 11. I primi classificati di ogni categoria riceveranno in premio: 2. - la registrazione e la pubblicazione di un CD contenente 1 brano e la promozione discografica in tutta Italia tramite il circuito delle 100 radio ; 3. – la realizzazione di un videoclip e relativa pubblicazione su Youtube, Facebook e Google. 1. 12. La giuria sarà nominata dal comitato organizzatore, e sarà composta da professionisti del mondo discografico, televisivo e della moda. 1. 13. Il giudizio della giuria è insindacabile, inappellabile e definitivo. 1. 14. In caso di necessità il comitato organizzatore si riserva di apportare modifiche al presente regolamento, informandone tempestivamente i partecipanti. 1. 15. L’iscrizione al concorso comporta l’accettazione del presente regolamento e dell’eventuali modifiche. 1.

BOLSENA - Inaugurazione a palazzo Monaldeschi

La mostra di Kohei apre la V edizione di Teatro Diffuso L

a mostra “Respiro della terra” di Ota Kohei a Bolsena apre oggi la quinta edizione del Teatro Diffuso Anima & Terra, il progetto che vede coinvolti quest’anno i Comuni di Acquapendente, Bolsena, Cellere, Farnese, Gradoli, Latera, Museo del Brigantaggio (Cellere), Museo della Terra (Latera), Museo della Città e Museo del Fiore di Acquapendente, Biblioteca Comunale di Acquapendente, Museo Territoriale del Lago di Bolsena, Biblioteca Comunale di Bolsena, Università della Tuscia, Riserva Naturale Monte Rufeno, Riserva Naturale Selva del Lamone. La cerimonia di inaugurazione si terrà oggi alle ore 11.00 presso il Palazzo dei Monaldeschi della Cervara a Bolsena. La mostra, che resterà aperta �no al 1° agosto, comprende le sculture ceramiche del Maestro giapponese Ota Kohei: “Le mie opere - dichiara Kohei - vogliono esprimere la fugacità della materia nell’opera d’arte. Uso infatti la creta, materiale fragile che attraverso l’azione del vento del sole e della pioggia ritorna al suo elemento originale, la terra quindi ritorna elemento naturale dell’Universo. E il senso profondo delle opere rimane, quale traccia indelebile nell’essere. Spesso riproduco sfere legate a �li trasparenti. La sfera meglio di ogni altra forma rappresenta la spiritualità. Mi piace ritrovarla nei rosari buddisti come in quelli cristiani e musulmani. E così il �lo trasparente simboleggia la possibile ed auspicabile armonica unione tra materia e spirito”. “Culture Parallele” è il titolo di questa edizione del Teatro Diffuso

che si svolgerà �no al prossimo mese di ottobre, per raccontare un tempo e un luogo d’incontro fra “Pubblico, Paesaggio e Cultura, gli Uomini e il Luogo che Li ospita”. La rassegna quest’anno si caratterizzerà per due proposte legate al fuoco: realizzazione di un Temazcal messicano (tipo di sauna cerimoniale) per conoscere da vicino la tradizione indigena messicana e partecipare all’antica cerimonia puri�catrice; realizzazione di una vera carbonaia con la partecipazione del maestro carbonaio Alessandro Fani e dei suoi allievi. In entrambi i casi durante le serate sono previste letture e musiche a tema, e la distribuzione del carbone prodotto ai partecipanti. Il Teatro Diffuso 2011 è organizzato dall’Associazione Teatro Boni di Acquapendente con il contributo della Fondazione Carivit, Stosa Cucine, I.C.C. (Inerti Calcestruzzi Centeno). Per informazioni: tel. 0763/730246, www.teatrodiffuso.com info@teatroboni.it. Ingresso libero a tutti gli spettacoli.

“La Margheritina d’Oro” Concorso canoro per bambini da 6 a 14 anni Montefiascone Vt – 20 luglio 2011 Modulo d’ iscrizione Nome e Cognome ………………………………………………... Luogo e data di nascita……………………………………………. Residente in ……………………………………………………….. Telefono…………………………………………………………… Titolo Canzone…………………………………………………….. Io sottoscritto…………………………….. desidero iscrivere mio/a figlia al Concorso Canoro per bambini “La Margheritina d’Oro” che si svolgerà a Montefiascone il giorno 20 luglio 2011. Dichiaro di accettare e mi impegno a rispettare pienamente il regolamento della manifestazione. Firma del genitore…………………………


& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

montefiascone

17

Il Sindaco scagionato dalla sentenza definitiva del Tribunale dall’accusa di favoreggiamento

Cimarello assolto con formula piena di MICHELE MARI

I

l sindaco Luciano Cimarello è stato assolto con formula piena dall’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. “Con questa sentenza posso continuare a lavorare con la piena e massima serenità nell’amministrazione comunale.” Sono state le prime parole di Cimarello. Infatti ieri si è avuta la sentenza definitiva presso il tribunale di Montefiascone di via Nino Bixio che si affaccia sulla centralissima piazza Vittorio Emanuele. Il sindaco è stato scagionato da qualunque accusa di aver violato l’articolo 12 comma 5 del testo unico sull’immigrazione (dlgs 286/98 titolo III). Infatti l’accusa aveva contestato a Luciano Cimarello di aver fatto lavorare per parecchi mesi un marocchino privo del permesso di soggiorno. L’articolo 12 comma 5 del testo unico sull’immigrazione recita “il datore di lavoro, che occupa alle proprie dipendenze lavoratori stranieri privi del

permesso di soggiorno previsto dal presente articolo, ovvero il cui permesso sia scaduto e del quale non sia stato richiesto, nei termini di legge il rinnovo, revocato o annullato, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e sanzionato con una multa di 5mila euro per

ogni lavoratore impegnato”. Tutta la tesi accusatoria era stata presentata alla stampa dal sindacalista di RdB Lino Rocchi diversi mesi fa. Ieri, appena assolto, Cimarello ha dichiarato: “Tutto ciò che è stato detto in questi lunghi mesi sulla mia persona mi ha molto ferito, in

molti hanno voluto amplificare le notizie ad ogni minima occasione. Spero finalmente che tutte quelle persone che hanno strumentalizzato la vicenda siano consapevoli della verità e si ricredano. Sono sempre stato fiducioso nell’esito della giustizia, dato che sapevo realmente come erano andati i fatti. La cosa che mi ha dato fastidio è stato proprio voler utilizzare la cosa in maniera scorretta per colpire la mia persona”. Poi il pensiero del primo cittadino è andato alla famiglia: “In questo travagliato e lungo anno anche la mia famiglia è stata coinvolta. Abbiamo avuto un vero e proprio linciaggio mediatico da parte di alcuni organi di stampa. Sono molto contento che tutto si sia risolto per il meglio e questo mi ripaga di tutti i brutti momenti vissuti in questo periodo. Da oggi avrò la giusta serenità per lavorare al meglio per la città”. Il caso dell’imputazione di Luciano Cimarello era scaturito un anno fa e la prima udienza si era tenuta

il 19 maggio esattamente due giorni dopo le elezioni che avevano visto trionfare la lista “La Città Nuova” capeggiata dallo Cimarello. Questo processo aveva anche creato paure e preoccupazione nel corso della formulazione della lista nei mesi di marzo e aprile. Già dalla prima udienza il legale di Cimarello Remigio Sicilia si era mostrato tuttavia ottimista proprio perché sicuro dell’infondatezza dell’accusa. Sono poi stati ascoltati dei testimoni, trai quali anche il maresciallo dei carabinieri

Luciano Bitti, che hanno dichiarato che il marocchino aveva avuto il permesso di soggiorno. Poi la seconda udienza si era tenuta giovedì 16 giugno alle ore 10,30 ed infine l’epilogo di ieri: il sindaco è stato assolto con formula piena da qualsiasi accusa. Ora un augurio di buon lavoro, nella massima serenità, a Luciano Cimarello in considerazione che la città di Montefiascone ha bisogno assolutamente di una amministrazione efficace ed efficiente per risolvere le molte problematiche.

Al consiglio comunale l’opposizione rinuncia alla presidenza della commissione sviluppo I tesserini verranno rilasciati dalla polizia locale

Votato il bilancio di previsione e le opere pubbliche Parcheggi per i soli residenti “

Bilancio di previsione”, “Opere pubbliche” e “Commissioni comunali”. Sono questi i temi più importanti trattati nel corso del consiglio comunale presso la sala consiliare. Duri gli interventi dell’opposizione, in particolare di Massimo Paolini, Massimo Ceccarelli e Raffaele Morleschi. In primis il presidente del consiglio, Mario Trapè, ha dato la parola al primo consigliere che ha voluto intervenire. E’ stato Massimo Paolini che ha raccontato come l’anno di commissariamento è stato “un anno di oblio per il comune” che ha portato a scelte sbagliate come il trasferimento di alcuni uf�ci comunali nell’ex stabile Inps di piazza Vittorio Emanuele. Poi Massimo Ceccarelli che ha chiesto spiegazioni sul sequestro del cantiere del cimitero. Luca Bellacanzone ha chiesto la sindaco lo stato attuale dei lavori per l’installazione dei semafori intelligenti presso la frazione di Zepponami. Il sindaco ha riferito che entro il mese di luglio verranno messi in opera. Successivamente si è proceduto all’approvazione dei verbali della seduta del 29 gennaio 2010 e della seduta del 4 giugno 2011. Uno dei punti all’ordine del giorno più discussi è stato il piano per le opere pubbliche 2011-2013. Il sindaco Luciano Cimarello ha esposto che nelle casse comunali “ non esistono nemmeno 5 euro da destinare ai lavori pubblici. Per questo -ha aggiunto- ci siamo attivati per richiedere dei �nanziamenti urgenti alla Regione Lazio”. A replicare è stato Raffaele Morleschi che ha accusato: “Nel bilancio vedo che sono stati inseriti ben 904mila euro di mutui. Proprio l’apertura dei mutui sono stati la causa del grave debito in bilancio di questi anni. Chiedo sì di poter

effettuare delle opere ma con la massima attenzione a non aprire altri mutui”. Alla �ne il bilancio di previsione è stato approvato. Poi l’attenzione si è spostata su un altro punto all’ordine del giorno: il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari. Qui infatti è stato tolto dal patrimonio del comune l’immobile dell’ostello della gioventù venduto dal commissario ed è invece stato inserito nel patrimonio un appartamento di Corso Cavour di 59 metri quadrati del valore di 120mila euro. La votazione è stata di 11 favorevoli e 5 astenuti. Poi si è passati alla discussione del programma per l’af�damento di incarichi esterni anno 2011. Il presidente del consiglio Mario Trapè ha spiegato che riguarda tutti quegli incarichi a cui il personale comunale non è idoneo ed ha aggiunto: “Complessivamente si potrà far ricorso ad incarichi esterni per l’1,5% del costo del personale che è pari a 48mila e 095 euro per l’anno 2011”. Anche questo punto è stato votato positivamen-

te da 11 consiglieri mentre la minoranza si è astenuta. Poi il punto caldo: l’approvazione del bilancio di previsione che è stato redatto dal sub commissario Nicoletta Ambrosi. Da questo bilancio si evince che il disavanzo è di circa 200mila euro dato che 500mila euro sono stati recuperati con la vendita dell’ostello della gioventù. Sono intervenuti sia Luca Bellacanzone che Raffaele Morleschi. Il bilancio è stato approvato con 11 voti e 5 astenuti. Poi il punto 7 all’ordine del giorno: determinazione indennità presidente consiglio e gettoni presenza consiglieri comunali. Si è stabilito che il presidente del consiglio percepirà 284 euro mensili, mentre per i consiglieri e i membri delle commissioni un gettone di presenza di 20,38 euro. Anna Rita Foscarini ha dichiarato che il suo gruppo (lei, Paolini e Ceccarelli ) devolveranno in bene�cienza il compenso del loro gettone di presenza alla Solidarietà Falisca. Poi un altro punto: la ricognizione e il mantenimento partecipazioni

societarie del comune. Riguarda le varie società dove il comune ha partecipazione come la Esco, la Talete e Villa serena. “Per il Cobalb -ha spiegato il sindaco- è diverso dato che la società sta per essere smantellata. Vedremo cosa accadrà con Talete”. Poi il punto 9: conferma organi indispensabili alla vita amministrativa dell’ente. Quindi la nomina della commissione consiliare temporanea sviluppo e promozione del territorio e la nomina delle tre commissioni consiliari permanenti. In questo senso il sindaco ha aggiunto: “Le tre commissioni permanenti già c’ erano in passato a queste aggiungo un’altra commissione che è temporanea e che tratta di sviluppo e promozione del territorio ed è molto importante”. Ha aggiunto di concedere la sua presidenza all’opposizione. Massimo Ceccarelli ha dichiarato che l’opposizione rinuncia alla presidenza della commissione. Ecco i nomi della composizione della commissioni: per quella temporanea “sviluppo e promozione del territorio” Balestri, Contestabile; Ciucci, Bellacanzone, Foscarini. Per la commissione permanente “affari generali, assistenza, cooperazione, rapporti con Villa Serena” ci sono: Ciucci, Balestri e Paolini. Per la commissione permanente “bilancio e tributi” troviamo: Ciucci, Tisbo e Morleschi; mentre per la commissione permanente sull’urbanistica : Tisbo, Bacchiarri, Ceccarelli. Gli ultimo tre punti sono stati sulle osservazioni di alcuni cittadini sul piano particolareggiato del centro storico e quelle relative al piano di lottizzazione de “Le Grazie”. In�ne il consiglio comunale ha approvato il nuovo regolamento sulla pubblicità nelle strade. (M.M.)

I

parcheggi riservati ai residenti all’interno del centro storico torneranno ad essere attivi dopo un lungo periodo di non osservanza sebbene i cartelli li indicassero chiaramente. Infatti nel corso degli ultimi anni, nonostante appunto i divieti di posteggiare per tutti coloro che non fossero residenti in alcune vie del centro, era stato lasciato “campo libero” al parcheggio per tutti. Ora invece alcune vie del centro storico come via Santa Lucia, Corso Cavour, via Nazionale, via Trento torneranno ad essere, a tratti, riservati ai soli cittadini residenti. Per poter parcheggiare i residenti dovranno esibire un tesserino rilasciato dalla polizia locale. Saranno validi anche quelli predisposti alcuni anni fa. Chiunque l’avesse smarrito può richiederlo al comando della polizia locale. Proprio per sensibilizzare le persone a non sostare negli spazi riservati ai residenti, i vigili hanno, nel corso della scorsa settimana, svolto una campagna di sensibilizzazione. Infatti i vigili nel transitare nelle vie suddette hanno posto sul parabrezza delle macchine posteggiate nelle zone riservate dei volantini dove si leggeva : “Si avvisa che i parcheggi, situati in questo settore del centro storico, sono riservati

esclusivamente ai residenti, che espongono regolare contrassegno per la sosta, rilasciato dalla Polizia locale. Pertanto qualsiasi autovettura non autorizzata sarà sanzionata ai sensi dell’articolo 7 del Cds” . Un’ iniziativa, questa, intrapresa dal maggiore Luigi Salvadori proprio per sensibilizzare tutti a non posteggiare nei parcheggi riservati. In questi giorni sono iniziati i controlli a tappeto. Infatti il problema dei parcheggi per i residenti, dopo molti anni, non è stato ancora risolto, in attesa di un piano specifico per tutta la viabilità.(M.M.)


comprensorio

18

Viterbo & Venerdì 1 Luglio 2011 AltoLazio

VASANELLO - Necessaria un’urgente messa in sicurezza della struttura

Foto Di Palermo

Salvate il ‘campetto’ di SIMONA TENENTINI

I

l mitico campetto ‘di Lella la bidella’ a Vasanello rappresenta un’istituzione. Da oltre quarant’anni tutti i ragazzini del paese hanno utilizzato la struttura che si trova sotto le scuole elementari come punto di ritrovo e di aggregazione: per dare quattro calci ad un pallone o per ingaggiare interminabili partite di pallavolo. L’estate poi il ‘poliedrico’ campo cambia volto e diviene anche pista da ballo: �no a tarda notte giovani e meno giovani si cimentano con liscio,

tango e mazurke. Insomma, un punto focale per la comunità vasanellese di tutte le età. Proprio per questo si tratta di un impianto che, anche dal punto di vista storico, visto che ci sono passate intere generazioni, dovrebbe essere salvaguardato e tutelato. La realtà però, troppo spesso, cozza con le intenzioni e le evidenze lo dimostrano ampiamente. Il campetto in questione versa, infatti, in uno stato di grave abbandono presentando anche palesi problemi di sicurezza. Oltre al pavimento rovinato e alle porte da gioco in totale degrado, nella recinzione ci sono diversi spuntoni di ferro sporgenti che rappresentano un potenziale rischio per tutti i ragazzi che, quotidianamente, trascorrono qui gran parte del loro tempo. Contro il degrado dilagante è intervenuta anche la minoranza consigliare, chiedendo un pronto intervento dell’amministrazione: “Con la presente siamo a sollecitare la sistemazione e messa in sicurezza del campetto sottostante la Scuola Elementare. Tale campetto è utilizzato grandemente

durante tutto l’anno, ma in particolare a partire dalla data odierna, (17 giugno n.d.r.) data la chiusura delle scuole, sarà utilizzato mattina, pomeriggio e sera. E’ in una situazione di degrado ormai da anni e sarebbe giusto sistemarlo nella recinzione esterna, nella messa in sicurezza dei punti pericolosi per gli utenti e nelle parti me-

talliche necessarie per il gioco (porte) per restituire ai ragazzi del paese un punto importante di gioco, senza la paura che si facciano del male. Con poche migliaia di euro e con la massima tempestività si potrebbero effettuare i lavori.” In de�nitiva, sembra che i campi da calcio di Vasanello, sia vecchi che nuovi, non godano insomma di buona salute.

CIVITA CASTELLANA - Molti cittadini si interrogano sul momento di crisi dell’amministrazione VALLERANO - Giovannini risponde alle accuse

Cosa nasconde l’immobilismo delle sinistre? Un’assenza giustificata “

Ma come mai i dissidenti, in genere ‘emarginati’ per il loro atteggiamento, a Civita Castellana sono invece lodati e osannati da gran parte della popolazione? Forse perchè Zezza, Parroccini e la Palmieri hanno incarnato il malcontento diffuso in larga parte della cittadinanza? Probabilmente è proprio così, visti i commenti entusiastici nei confronti dei tre che ora sembrano diventati i paladini del popolo. Finalmente, si dice, è stata data voce a gran parte dei malumori che da tempo agitano la cittadinanza, a partire dall’aumento della Tarsu �no alla ‘questione Zanganella’ passando per lo sperpero di denari pubblici. Certo è che le

interpretazioni date a questa mossa plateale sono diverse e contrastanti. Come si legge in alcuni forum locali: ... tre consiglieri di maggioranza che coraggio-

samente affrontano i problemi dei cittadini è un fatto storico per Civita Castellana....Biso gnerebbe però ri�ettere sull’atteggiamento delle forze di sinistra che appoggiano

SORIANO NEL CIMINO - Commessi numerosi errori di valutazione

Quadri scolastici? Uno scandalo “

I quadri con i voti �nali di terza media sono stati una vera e propria ingiustizia”. A gridare allo scandalo sono molti genitori dei ragazzi che frequentano la scuola media E.Monaci di Soriano nel Cimino che, con la chiusura dell’anno scolastico, hanno avuto delle amare sorprese. “Molti dei nostri �gli - proseguono - sono stati duramente penalizzati da certi professori di cui ancora non abbiamo capito il metro di giudizio. Alcuni di quelli che si meritavano ampiamente un 8 hanno ricevuto un 7, al contrario, coloro che dovevano essere promossi con 6 o addirittura bocciati sono stati premiati con dei voti che vanno ben aldilà

dei meriti reali.” “Purtroppo, si tratta di un atteggiamento diffuso nella categoria dei professori. La consuetudine di ‘mandare avanti a tutti i costi’ anche chi in realtà non è così preparato rischia di generare una moltitudine di ignoranti e di abbassare

notevolmente il livello culturale delle nuove generazioni.” “Ciò che è successo a Soriano è solo un piccolo esempio - concludono - ma rende certamente l’idea di come i favoritismi incomincino già in epoca scolastica.” (Sim.Ten.)

l’attuale amministrazione (Comunisti Italiani, Sinistra libertà Ecologia, Rifondazione Comunista)....in passato si sono uniti per molto meno decidendo di togliere la �ducia alla giunta Santini.....Ora si assiste ad una sinistra inchiodata alle poltrone e non ai bisogni dei cittadini. Sel, non più rappresentata in consiglio cosa aspetta a rientrare mettendo fuori il consigliere Scarponi?....Come mai non ne ha il coraggio? I Comunisti Italiani, che non hanno alcuna rappresentanza, perchè non hanno preso posizione sull’uscita dei tre consiglieri?...Rifondazione, rappresentata, al contrario, dal presidente del consiglio, dal vice sindaco e da un consigliere, perchè ha avallato l’aumento della Tarsu ed altre spese folli che non portano nessun bene�cio alla cittadinanza? Cosa c’è sotto a questo immobilismo della sinistra? Forse la raccolta differenziata che porterà alla sistemazione di qualcuno rimasto senza incarico? Un altro utente conferma la tesi iniziale, ovvero il fatto che: “I consiglieri uscendo allo scoperto si “mettono” dalla parte dei cittadini perchè il malumore che serpeggia per Civita è alla luce del sole ormai da troppo tempo. Ovunque si va si sente parlar male di questa amministrazione. Quello che più preoccupa è che soltanto tre amministratori si sono accorti di questo clima. E gli altri? Ed i partiti alleati?” Il sindaco Angelelli sicuro di sè, continua, dal canto suo, a tirare dritto senza rilasciare dichiarazioni al riguardo. Le risposte, forse, arriveranno dal prossimo consiglio comunale: lì saranno i numeri a parlare per lui. (Sim.Ten.)

Alla manifestazione di Roma non c’ero solo perchè l’invito della Comunità Montana è arrivato al comune di Vallerano il 28 giugno, ovvero il giorno successivo alla manifestazione stessa” Così il sindaco di Vallerano, Mauro Giovannini, interviene in relazione alle critiche sollevate dalla minoranza sulla sua assenza all’iniziativa nazionale a sostegno della castanicoltura. “Ancora una volta, quindi, si strumentalizza un fatto oggettivo, ossia il ritardo nella comunicazione, per mettere in cattiva luce quanto di buono da parte nostra è stato fatto nel settore. Ci tengo a sottolineare, contrariamente a quanto è stato affermato, l’impegno costante dell’amministrazione in difesa di un comparto fondamentale per l’economia del paese. Convegni, iniziative, proposte di legge, interventi presso la Comunità Montana, la Provincia, la Regione Università e Istituti di ricerca, Ordinanze sindacali per la tutela dell’ambiente e del sistema ecologico dei nostri

territori.” “Credo - continua Giovanini - che pochi altri sindaci possano vantare altrettanto impegno politico ed amministrativo sul tema in questione.... La minoranza consigliare di Vallerano nel suo comunicato, intende chiaramente strumentalizzare un’assenza del tutto casuale ed involontaria che certamente non in�cia un’azione politica continua ed assidua svolta dall’Amministrazione comunale di Vallerano in tutti questi anni per debellare le criticità che insistono sulla castanicoltura: dal mal d’inchiostro al cancro corticale, al balanino al cinipide del castagno. Questo è il dato di fatto!” “Quindi - conclude il sindaco - intendo ribadire, ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, la mia attenzione al territorio e ai problemi degli agricoltori. Una vicinanza costante negli anni che non può essere certo messa in discussione così, da un giorno all’altro, per un’assenza tutt’altro che ingiusti�cata!” (Sim.Ten.)


& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

cultura e spettacoli

19

Tantissimi appuntamenti per il secondo atto della manifestazione nel centro storico di Viterbo

La ‘Serata Futurista’ di Caffeina Cultura Enrico Medioli protagonista al TFF di ELISABETTA SORIANO

C

ontinuano ad Orvieto gli incontri del programma estivo dell’ottava edizione del Tuscia Film Fest, giunto al terzo appuntamento nella città umbra. Enrico Medioli sarà il protagonista dell’appuntamento di oggi, venerdi 1 luglio,che si terrà alle 18,30 in Piazza Duomo. Lo sceneggiatore emiliano ripercorrerà le tappe della sua straordinaria carriera, da “Il Gattopardo” a “C’era una volta in America”, confrontandosi con il pubblico presente che verrà moderato da Francesco Bono, docente di Storia e Critica del Cinema presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Perugia. Enrico Medioli è nato a Parma il 17 marzo 1925 ed è uno degli sceneggiatori di alcuni dei più noti capolavori del cinema italiano. Ha esordito come autore alla �ne degli anni ’50, scrivendo la commedia musicale “Lina e il cavaliere” con Giuseppe Patroni Grif�, Franca Valeri e Vittorio Caprioli e contemporaneamente inizia una pro�cua collaborazione con Luchino Visconti, �rmando ben sette suoi �lm, tra cui “Rocco e suoi fratelli” ( interpretato da Alain Delon e Renato Salvatori), “ Il Gattopardo” ( con Burt Lancaster, Alain Delon e Claudia Cardinale), “Vaghe Stelle dell’Orsa”, “La caduta degli dei” ( con Dirk Bogard, Indrig Thulin, Helmut Berger e Umberto Orsini), “Ludwig”, Gruppo di famiglia in un interno” e “L’Innocente”. Ha lavorato inoltre con registi come Valerio Zurlini, Sergio Leone, Mauro Bolognini, Albero Lattuada, Vittorio Caprioli e Liliana Cavani. Ha vinto nel 1961 il “Nastro d’Argento” per la sceneggiatura di “Rocco e i suoi fratelli” e nel 1969 ha ottenuto una candidatura all’Oscar con “La caduta degli dei”. Ha partecipato a note produzioni televisive come “La Certosa di Parma” nel 1981, “I Promessi Sposi” nel 1989 e “Cime Tempestose”. Enrico Medioli vive da circa 25 anni ad Orvieto.

Q

uesta sera, in Piazza Cappella a Viterbo, nel centro del quartiere medioevale di San Pellegrino, gli organizzatori di Caffeina Andrea Baffo e Filippo Rossi saranno i protagonisti di un appuntamento impedibile : la Serata Futurista. Baffo e Rossi in un intreccio di parole, letture, musica e satira verranno af�ancati dalle vignette di Maurizio Boscarol, dalla favella di Antonello Ricci, dall’accompagnamento musicale di Luigi Gentile, dalla pazzia di Alessandro Carbone e da altri interventi. Lo spettacolo, in cui tutti sono invitati a vestirsi di bianco, avrà inizio alle ore 22.30. La serata si aprirà alle ore 21, al Parco del Paradosso, con Toni Capuozzo, insieme all’attore Vanni De Lucia. I due proporranno lo spettacolo “Papà compie cento anni e l’Italia unita centocinquanta”, con intrecci musicali di Rocco Burtone e Sandro Paradisi. Toni Capuozzo è uno dei volti più

noti del giornalismo italiano degli ultimi anni riuscendo a conquistare il pubblico con il programma di Canale Cinque “Terra!” e come giornalista del Tg5. Inviato di guerra, ha seguito in prima linea i con�itti dell’ex Jugoslavia, Somalia, Medio Oriente e Afghanistan. Un giornalista, il cui elemento naturale è il racconto, sempre incisivo, capace di cogliere i contorni delle situazioni è sicuramente una delle testimonianze più autentiche del giornalismo italiano”, fanno sapere gli organizzatori. Gli appuntamenti continuano alle ore 22 in Piazza del Fosso dove Pierluigi Battista terrà, insieme ad Antonio Polito, un dibattito a margine del libro “Lettera a un amico antisionista”. Giornalista, scrittore e conduttore televisivo, Battista è stato vicedirettore del Corriere della Sera e di Panorama e per tre edizioni è stato il conduttore della nota trasmissione televisiva de La 7 “Altra Storia”.

foto Zadropress Polito, fondatore e direttore de Il Riformista �no al 2011 e oggi editorialista del Corriere della Sera, è stato vicedirettore di Eugenio Scalfari prima e di Ezio Mauro dopo a La Repubblica nonché volto noto agli appassionati dei talk show politici, dove spesso ha preso parte come opinionista. Nello Spazio Quartieri dell’Arte in Via Scacciaricci continuano i corti teatrali “World Theater” diretti da David Warren, alle 19 e alle 21.30. Al cortile La Zaffera in Piazza San Carluccio (ore 22.30) il �losofo e matematico Giulio Giorello parlerà di “Pirateria, il diritto di ribellarsi”, nell’ambito dell’incontro sulla �loso�a al tempo di Google, mentre all’Arena Boscolo Academy (Via San Pellegrino, ore 21.30) Paola Irene Galli Mastrodonato parla del libro di Giulio Roberto di Sanseverino “Storia della vita e tragica morte di Bianca Capello” e a seguire Vittorio F. Guidano presenta “La psicoterapia tra arte e scienza”. Alle 21 a La Cantina (Piazza Cappella) Alberto Pichardo Gallardo illustra le fasi e l’evoluzione del progetto

archeologico sul Colle del Duomo per il ritrovamento della tomba di Papa Alessandro IV e al cortile La Zaffera doppia presentazione con Vladimiro D’Acunto (“Ellenikà. Appunti diversi sull’antica Grecia”) e Mary Jane Cryan (“Etruria”). Alle 22 al cortile di San Carluccio Massimo Lugli presenta il libro “L’adepto”. Degustazioni di prodotti tipici a Piazza Scacciaricci e Cortile San Pellegrino e musica dal vivo al Gonfalone, Piazza del Gesù e Piazza Scacciaricci. Sempre oggi torna la sezione della manifestazione dedicata ai piccoli: Senza Caffeina. Novità di quest’ anno le location. Tutti gli eventi si svolgeranno in uno dei quartieri storici della città di Viterbo: Pianoscarano, più precisamente Piazza Scotolatori e la scalinata di Sant’Andrea. Il direttore artistico Paolo Manganiello e il direttore organizzativo Chiara Palumbo daranno il via oggi a questa nuova avventura che si snoda lungo sessanta iniziative. L’appuntamento per le 17,30 in Piazza Scotolatori dove sarà illustrato il programma dei

prossimi giorni. Gli appuntamenti di questo venerdì si aprono con La Bottega dei Talenti che propone giochi e animazione per bambini dal titolo “Pirati e Corsari” nello spazio Galeone. Alle 18,30 sarà il momento di Francesco Cerra e il suo gruppo Tetraedro. La compagnia teatrale, molto apprezzata lo scorso anno, racconterà lo spettacolo “Tre soldi per un’opera”, ispirato all’opera di Brecht e diretto da Francesco Cerra, che verrà messo in scena alle 21.30 all’interno della cornice “A teatro con mamma e papà”. Per il programma completo e per tutti i dettagli della manifestazione: www.caffeinacultura.it.

SE SEI UN CANTANTE O HAI UN GRUPPO MUSICALE E VUOI FARTI CONOSCERE CONTATTA opinionelive@gmail.com redazione@opinioneviterbo.it

Il Festival Beethoven celebra i 150 anni dell’Unità d’Italia di BRUNA FERRINI

S

arà come di consueto la chiesa di S. Francesco ad accogliere il secondo appuntamento del Festival Beethoven di sabato alle ore 21. Sarà un concerto speciale per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia. Anche il Festival non poteva mancare questo impegno che vede coinvolta ogni regione ed anche la più piccola città. Sutri ne è al centro da qualche mese, da quando cioè inizio’ con la presentazione del libro di un celebre patriota- pittore locale, Eugenio Agneni. Prosegue oggi con la musica da camera che rende omaggio alle più belle arie d’opera risorgimentali per il pubblico di amatori che del Festival ne fa un appuntamento importante da non mancare. Ne sono prova le presenze del concerto d’apertura di sabato scorso: la chiesa era piena �no al limite dei posti. Da ricordare che l’orchestra “ Gli Archi del cherubino”

costituita a L’Aquila nel 2007 come collaborazione tra giovani musicisti e noti professionisti e che ha esguito un programma per due �auti ed archi, ha suscitato un entusiasmo tale al limite della commozione. Il �auto di Maria Fabiani avvolta in un abito adeguato ai toni dello strumento , allieva del maestro Persichilli, ha creato un ricamo melodico di Vivaldi e Cimarosa ricordando ai presenti quanto affermava Musorgskj a proposito dei musicisti: non può trovarsi rassegnazione quando terminano di creare....( per il �n di vita) E proprio L’Aquila ci ha insegnato che la musica continua, la creazione musicale vince anche le terrene distruzioni e Sutri ha mostrato di accogliere il gruppo con tanto calore e tanta amicizia ospitando tutti nelle sale del palazzo Cialli- Mezzaroma , messo gentilmente a disposizione dal proprietario, il noto Peppino, ovvero Giuseppe Mancinelli per un dopo-concerto ristoratore. E si va avanti, sabato, con

un motivo musicale nientemeno che di Giuseppe Mazzini: Dove sei tu �oretto? Se lo chiede, il pensatore, mentre da esule in Svizzera ne ammira il paesaggio ma cerca di non mormorare neanche una sillaba per la paura di essere scoperto dalle guardie. Vorrebbe la sua chitarra che non trova visti i

numerosi spostamenti ma appena la ritoverà penserà a scrivere “ qualcosa”, dice. Troverà, poi, il suo celebre Fioretto la cui aria leggera e campagnola ci faranno ascoltare il �auto di Persichilli, il violino di Massimiliano Destro e la chitarra di Fabio Renato D’Ettorre. Completerà il programma

l’Overture dal Barbiere di Siviglia, la sonata concertata di Paganini e l’overture da la Pietra del paragone e la Gazza ladra da Rossini. Vista la richiesta, è opportuno acquistare i biglietti un’ora prima del concerto all’ingresso della chiesa. Per informazioni : 0761-600.760


& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

cultura e spettacoli

21

Tante persone ed autorità hanno festeggiato l’anniversario con i ragazzi a Villa Paradiso

Trentadue candeline per la Comunità Mondo Nuovo

S

abato 25 giugno, presso il centro madre di “Villa Paradiso” della Comunità Mondo Nuovo, sito in Loc. Spinicci S.P. Litoranea km 1,750 Tarquinia (VT), si è festeggiato il 32 ° anniversario della fondazione della Comunità. Un’occasione d’incontro e di festa, alla quale hanno preso parte quasi 500 ospiti, iniziata con l’alzabandiera e le note della Fanfara della Polizia di Stato per poi proseguire con il saluto del presidente e fondatore della Comunità, Sandro Diottasi, alle tante autorità intervenute, dal delegato dell’Assessorato Regionale al Terzo Settore Cosimo Lioi in rappresentanza dell’Assessore Teodoro Buontempo al Vescovo Mons. Luigi Marrucci, dal Comandante della Scuola di Simulazione e Validazione dell’Esercito, Generale Luigi Pellegrino al Questore vicario di Viterbo Vincenzo Cianchella, dall’Assessore Provinciale alla Scuola Rita Stella al Vice Sindaco di Tarquinia Giovanni Sera�ni e agli Assessori del Comune di Civitavecchia Mauro Nunzi e del Comune di Montalto Vittorio Renzi. Molte le persone che hanno voluto celebrare insieme alla Comunità in questa importante giornata di festa e che hanno voluto essere vicine al presidente Diotassi, ai ragazzi in ciclo e alle loro famiglie, ai volontari, agli operatori, ai professionisti e ai tanti ragazzi, spesso con mogli e �gli, passati in questi 32 anni per Mondo Nuovo e che hanno voluto fare ritorno a quella che è stata la loro casa. La celebrazione della Messa, of�ciata dal Vescovo, è stata arricchita dalla somministrazione del Battesimo ad un ragazzo in ciclo e dalla Cresima di altri13 ragazzi della Comunità, quasi a voler confermare il loro rinnovamento, anche spirituale. Per l’ora di pranzo più di 300 coperti sono stati impeccabilmente preparati e serviti dai ragazzi della Comunità. Nel pomeriggio ha avuto luogo, invece, la suggestiva cerimonia in cui Sandro, tra la commozione e la felicità di tutti, ha conferito il “�ne ciclo” a 14 ragazzi che hanno completato positivamente il loro percorso. Nel suo discorso, il presidente e fondatore della Comunità, dopo aver ricordato i messaggi di augurio e felicitazioni da parte del Ministro della Gioventù On. Giorgia Meloni, del senatore Maurizio Gasparri e dell’europarlamentare Marco Scurria, ha espresso la soddisfazione per i risultati raggiunti in questo ultimo anno, testimoniati oltre che dai ragazzi che in questo mese di giugno tra Nunic e Villa Paradiso hanno ricevuto il riconoscimento del “�ne ciclo” anche dall’apertura del nuovo Centro Diurno a Civitavecchia e

dalla stessa capacità e volontà di Mondo Nuovo di farsi carico delle onerose disposizioni regionali per l’accreditamento dei vari Centri. Su questo argomento, Diotassi ha fatto presente come allo spirito di servizio delle Comunità le istituzioni pubbliche, spesso inadempienti nel corrispondere le modeste rette per i ragazzi ospiti (meno di 30 € al giorno), deliberino sempre nuove prescrizioni e norme più adeguate a reparti ospedalieri di terapia intensiva che a Comunità di vita dove il recupero ed il reinserimento dei ragazzi in ciclo avviene proprio attraverso un percorso di responsabilità, formazione, impegno personale e lavoro e non certo attraverso una sorta di clinicizzazione del disagio; quasi uno scaricarsi delle loro responsabilità politiche e sociali attribuendo a questi ragazzi lo status di malati cronici da metadonizzare a vita. In questo senso anche l’appello del presidente Diotassi alla Governatrice della Regione Lazio, Renata Polverini, per un incontro e un confronto costruttivo sulle reali necessità delle Comunità e dei ragazzi e delle famiglie che a queste si rivolgono. La manifestazione per celebrare il 32° anniversario di Mondo Nuovo, in concomitanza con la Giornata Mondiale contro la Droga, è stata così momento di ri�essione sulle forme di impegno individuale e collettivo necessarie nell’azione di prevenzione, educazione e recupero di fronte alle emarginazioni sociali: la lotta contro la droga e tutte le conseguenze di emarginazione e malattia che derivano dalla sua diffusione richiedono un impegno sempre più costante per non lasciare che i giovani ne siano travolti e straziati. Quello portato avanti da Mondo Nuovo è un impegno che va oltre la semplice solidarietà, è una profonda donazione di se stessi che non conosce sosta dal 1979. Tutto questo con la consapevolezza

che dalla disperazione, dalla droga, dalla solitudine, si può uscire con il coinvolgimento umano e responsabile dei giovani in progetti positivi di vita e soprattutto con l’aiuto di persone sensibili. La manifestazione è proseguita poi all’insegna dell’allegria e del sano divertimento con il saggio delle allieve della Scuola di Danza di Marilena Ravaioli e con l’esibizione del complesso musicale ‘I Cuccioli’ di Tarquinia. “Una giornata di festa contro la droga, e un impegno a migliorarci nel cercare di aprirsi agli altri e a condividere un’esperienza, un sogno, un’emozione. Non più una fuga dal mondo, con le sue realtà angoscianti, ma una maniera di essere nel mondo per cercare di renderlo più buono, più giusto, più bello”, hanno affermato gli organizzatori. Proprio per questo motivo, Diotassi ha voluto segnare questo anniversario di Mondo Nuovo con il coinvolgimento diretto dei giovani, promuovendo la campagna di prevenzione ‘Giovani protagonisti contro le droghe’ che ha ottenuto il patrocinio della Regione Lazio – Assessorato Arte Cultura e Sport, del Comune di Civitavecchia e il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia e dei Leo Club di Civitavecchia. I festeggiamenti si concluderanno infatti a Civitavecchia nel cortile/giardino della Cittadella della Musica (ex Infermeria presidiaria), dove sono in programma due spettacoli musicali di bene�cienza pro “Mondo Nuovo”, promossi e organizzati da giovani del comprensorio in collaborazione con gli operatori della Comunità Mondo Nuovo con l’obiettivo di raccogliere sia fondi per le attività di recupero sia per testimoniare la loro partecipazione diretta al mondo del volontariato. Domani alle ore 21,00 va in scena il musical incentrato sulla vita di S. Francesco d’Assisi “Forza venite gente”, scritto da Mario Castellacci, Piero Castellacci, Piero Palumbo, musiche di Michele Paulicelli, Giancarlo de Matteis, Giampaolo Belardinelli - proposto dalla compagnia “Il sogno in scena” di Tiziana Ricconi. Mentre domenica 3 luglio è invece in programma il concerto “oltre le Note” giunto alla sua 18^ edizione - spettacolo musicale fatto dai giovani per i giovani che riscuote sempre un grande successo, con l’adesione di molti cantanti locali forti del proprio talento che vogliono mettersi in gioco e con la partecipazione di un numeroso pubblico, sempre sensibile alle iniziative proposte dal fondatore della Comunità Mondo Nuovo Sandro Diottasi.

L’istituto civitavecchiese vince i campionati di matematica

La Scuola Media Flavioni batte l’Università Bocconi di Milano

di ROBERTA FRASCARELLI

L

a scuola media Flavioni/ succ.le Calamatta ha “sbancato” l’Università Bocconi di Milano. Gli alunni del nostro istituto cittadino, accompagnati dalle insegnanti Barbara Sansonetti (referente del progetto) e Alessandra Restante, nella finale nazionale dei campionati matematici, sono andati molto oltre le aspettative. Infatti, nella categoria C1, (riguardante le classi prima e seconda media) hanno brillato Michele Cibelli, Virginia Cento e Tiziano Mellini mentre nella categoria C2 (per la terza media e primo superiore) gli ap-

plausi sono andati a Francesco D’Iorio. I ragazzi accomunati dalla grande passione per il calcolo e la logica, hanno dovuto prima superare le gare regionali disputate nelle oltre 100 sedi sparse nel territorio nazionale con oltre 45mila alunni in competizione. Il progetto in questione, è stato interamente finanziato dalla Fondazione Cariciv Cassa di Risparmio di Civitavecchia, nella gentile persona dell’ Avvocato Vincenzo Cacciaglia, sempre sensibile alle attività scolastiche e naturalmente trionfante in ogni progetto finanziato.


� �

SPORT

23

MOTOCROSS - In programma nel fine settimana una gara di Coppa Italia

Il freestyle fa tappa ai Laghetti Albatros Q

ualche volta vi sarà capitato di vederlo in televisione e di fermarvi ad ammirare le evoluzioni di quei piloti, considerandoli forse un pò matti. Magari è proprio così, ma le loro evoluzioni non sono certo

frutto di improvvisazione quanto di un lungo allenamento. In questo �ne settimana, presso i Laghetti sportivi Albatros in località Cinelli a Vetralla, sarà spettacolo garantito con i protagonisti del Freestyle motocross,

impegnati in una tappa valida per la Coppa Italia. Il programma prevede per oggi le prime prove alle 19,30 e alle 21,30. Domani si replica alle 15 e alle 21,30 e domenica ancora spettacolo �no a tarda sera.

Redazione sportiva - via Cassia Nord 12 A - 01100 Viterbo - telefono 0761-346807 e-mail: redazione@opinioneviterbo.it

BASKET FEMMINILE

La Defensor punta su Yordanova La bulgara, ex Orvieto, dovrebbe essere la nuova straniera della formazione viterbese Kouznetsova pensa invece al ritorno in Sicilia e ad un futuro senza pallacanestro giocata di GLAUCO ANTONIACCI

M

ercato in entrata, mercato in uscita. Sogni, a dire il vero, non ce ne sono tantissimi, ma in compenso ci sono solide realtà. La Defensor pensa alla prossima stagione di A2 femminile che, come ormai è chiaro, sarà all’insegna delle giovani e della lotta salvezza, ma con un possibile rinforzo in più. Con la partenza scontata di Martina Rejchova che sta cercando un possibile ingaggio nel massimo campionato, uno dei nodi principali da sciogliere era quello della straniera destinata a sostituirla e ad occupare l’unico posto disponibile per le atlete comunitarie. Non c’è ancora nulla di de�nitivo ma la candidata numero uno è Roksana Yordanova, capitana della nazionale bulgara, giocatrice che può agire in entrambi i ruoli di ala

Roksana Yordanova e che è reduce da due stagioni con la maglia di Orvieto dopo l’esordio in Italia con Alghero. In Sardegna ha giocato 32 minuti di media, segnando 11 punti e catturando 3,7 rimbalzi a partita, dati migliorati nel 2009/2010 quando si è trasferita in Umbria. Con

Svetlana Kouznetsova

un minutaggio simile (32,4 a partita) ha realizzato 14,1 punti e catturato 5,7 rimbalzi, medie leggermente scese in questa stagione (11,1 punti e 5,5 rimbalzi) in cui è risultata comunque la più utilizzata e la miglior realizzatrice di Orvieto.

Se davvero sarà lei la giocatrice scelta da Viterbo, prevedibile che coach Scaramuccia si af�di a quintetti ‘piccoli’ con Richter e Yordanova come ali e Alessandra Boi nel ruolo di lunga. Un organico che avrà poi tante giovani e che dif�cilmen-

te potrà contare su Svetlana Kouznetsova. La grande campionessa naturalizzata italiana ormai da tanti anni sembra intenzionata a dire basta, come ci ha confermato anche ieri: “La mia volontà è quella di trasferirmi in Sicilia e raggiungere mio marito, lì potrei lavorare con qualche squadra di Minibasket ma non continuerei a giocare. Ancora non c’è niente di de�nitivo ma voglio pensare prima alla famiglia”. Una decisione da rispettare da parte di una professionista che, per tantissime stagioni, ha vissuto la vita da atleta con tutti i suoi pro ed i contro e che ora sembra intenzionata a dire basta. Con lei la Defensor sarebbe tutta un’altra squadra e le possibilità di salvezza sarebbero decisamente più alte, ma al momento è dif�cile immaginarla ancora con la canottiera gialla e blu del quintetto allenato da Carlo Scaramuccia.

ATLETICA LEGGERA - Tantissimi partecipanti e gare combattute con il nuovo primato italiano nei 3000 metri

Marco Cacciamani da record al Memorial Laureti

G

rande successo per il Memorial Enrico Laureti e il Trofeo Zona Olimpica, sia per la quantità di partecipanti sia per la qualità tecnica delle varie gare. Un’af�uenza che forse non si attendevano nemmeno gli organizzatori ma che ha tenuto occupato il Campo Sportivo Scolastico dalle 16 alle 21:30 confermando il grande interesse che riscuotono le manifestazioni allestite nell’impianto cittadino. Al via anche atleti provenienti da molto lontano come i foggiani Rocco Caruso, vincitore nel lancio del peso con 16.82, e Michele Bruno, anch’egli primo nel lungo con la misura di 6,46m. Ad impreziosire la gara è arrivato anche un record italiano, nei 3000 metri Master 50, con Marco Cacciamani che ha chiuso la gara in 9’02”31 celebrando nel migliore dei modi la �gura di Enrico Laureti; Enrico scomparso prematuramente, è stato ricordato dal nipote Luca subito dopo il termine della prova, con sentite e commosse parole che hanno ricevuto l’applauso di tutti i presenti. Nelle altre gare, addirittura sei

i saltatori con l’asta come raramente succede in questi meeting; Marco Montesi si è fermato nell’occasione a 3,10m. Il Trofeo Zona Olimpica di salti e lanci, offerto da Bruno Buzzi (nella foto), ha portato dunque sulle pedane circa 130 atleti in gare lunghissime ma piene di sano ed appassionato agonismo. La Fidal Viterbo ha rivolto un ringraziamento a tutti coloro che si sono prodigati per il buon svolgimento delle gare. Tra le migliori prestazioni ricordiamo nei salti la vittoria del grossetano Francesco Cerqualia nell’alto con un grande 1,95, nell’asta Giovanni Parisi dell’Acsi Campidoglio Roma si è classi�cato primo con 3,60m, nel triplo c’è stata la vittoria del Cadetto Alfonso Cioce dell’Atletica Pomezia con 13,25m. Tra le donne nell’asta vittoria della Cadetta So�a Marini della S.S. Lazio Roma con 3,00 m; nel triplo grossa prestazione ancora di una giovanissima, Maria Mazzarotto dell’Atletica Pomezia, vincitrice con 11.62; nel salto in lungo vittoria di Sara De Santis (Cus Perugia) con 5,12m. Nei lanci ottime prestazioni nel Martello

con il ligure Mario Baldoni che nei Senior si è imposto con 61,62m, tra gli junior grossa prestazione da parte del romano delle FF.GG. Patrizio Di Blasio con 65,50, negli allievi ancora un lancio oltre i 60 m di Giuseppe Trancuccio, primo con 61,09m; nel Giavellotto vittoria del Reatino Josef Figliolini con 61.54 recentemente convocato per i mondiali allievi; nel disco vittoria di Federico Bulzoni delle FF.GG. Roma (48,37m). Tra le donne in evidenza nei lanci soprattutto la livornese Elisa

Magni, prima nel martello con 59,89m, e la cagliaritana Elena Calzeroni, vittoriosa nel Disco con 42,42m; nel peso vittoria con 12,47 di Beatrice Zocchi (Cus Perugia). Tra i numerosi viterbesi in gara da ricordare le buone prestazione di Francesco Perna (Alto Lazio) 3° nel lungo Allievi con 5,95m e la vittoria, sempre nel lungo, del cadetto Alessio Giambi (Atletica 90 Tarquinia) con 5,89m; nell’alto secondo posto con 1.70 di Umberto Battistin (Alto Lazio), nel triplo 4° posto per Gianmarco Rigoni (Alto Lazio) con 11.18; tra le saltatrici viterbesi buona prestazione per Valentina Capoccia, anche lei dell’Alto Lazio, al terzo posto nel lungo con 4,88m, bene anche le altre lunghiste Chiara Cassano, Benedetta Casini e Alessandra Ceccaroni, rispettivamente al sesto, settimo e nono posto; tra i lanciatori viterbesi in evidenza nel peso Michele Carosi e Davide Zocchi dell’Alto Lazio, rispettivamente 3° e 4° con 15,00m e 14,78m; nel giavellotto interessante prova dei tarquiniesi Matteo Conversini, quinto con 41,55m, e Luca Vittori, sesto

con 33,16m. Nel disco buon 5° posto di Lorenzo Cemicetti (Alto Lazio) vicino al suo personale con 41,28m. Nel peso donne buon 3° posto di Ilaria Ianiro con 11,15m davanti a Miriana Delle Piagge, quarta con 10,50m. Nelle gare di contorno buone prestazioni dello Junior Matteo Amorusi con il personale nei 110 ostacoli vinti con 15”10; nei 400m vittoria di Anton Ivanikhin con 53”48 davanti a Damiano Brunori, Alessandro Conforti e Mohamed Fayed, tutti dell’Alto Lazio. Nei 3000 metri del memorial Enrico Laureti, tra le donne vittoria di Sara Carnicelli della Società Audacia Roma con 11’04”12 davanti ad Antonella Bellitto (Forum Bolsena) con 11’59”81; tra gli uomini la grande prestazione di Marco Cacciamani che ha preceduto il grossetano Jacopo Boscarini (9’07”83) mentre il primo dei viterbesi è stato Giuseppe Cioccolini (9’38”91) che è giunto quarto. Domani l’atletica sarà nuovamente protagonista con il Meeting Città di Viterbo sempre al Campo Scuola dove sarà celebrato il Cinquantennale della fondazione.

KART

Cresce l’attesa per un week-end a tutta velocità S

aranno giornate da non perdere per tutti gli appassionati di motori; da oggi e �no a domenica, tra prove libere, prove uf�ciali e gare, il Circuito Internazionale di Viterbo sarà infatti invaso dai piloti che partecipano al terzo atto del Campionato Italiano CSAI Karting, con le consuete quattro categorie in pista (60 Mini, KF3, KF2 e KZ2) e con tutti i protagonisti del tricolore chiamati ad affrontare il round che contraddistingue il giro di boa della stagione. Dopo la gara viterbese, infatti, il Campionato tricolore tornerà poi a Lonato (7 agosto), Sant´Egidio alla Vibrata (28 agosto) e Ortona (2 ottobre) dove verranno consegnati i titoli italiani. L’appuntamento di questo week-end al Circuito Internazionale è importante anche per un altro motivo: proprio da questa gara, infatti, prende forma anche il progetto che la CSAI (Commissione Sportiva Automobilistica) ha formalizzato con la Ferrari Driver Academy: in ogni appuntamento sarà effettuata una selezione di tre giovani piloti dai 13 ai 16 anni per avviarli ad un percorso formativo che prevede un test psico-attitudinale che porterà al premio di un Supercorso in pista a Vallelunga indetto dalla Scuola Federale CSAI insieme a FDA. Coordinatore della selezione sarà il talent scout Giancarlo Minardi, già osservatore CSAI per il karting, che in questo particolare impegno sarà af�ancato da alcuni top-drivers dell´automobilismo e del karting, oltre ad alcuni componenti della Scuola Federale CSAI di Vallelunga. Un motivo in più per darsi battaglia sull’asfalto del circuito viterbese dove sarà protagonista anche Hugo Hakkinen, �glio dell’ex campione di Formula Uno �nlandese Mika che è annunciato a bordo pista a seguire la prova del suo giovane erede.


� �

sport

SPORT

24

Viterbo & AltoLazio

TRIANGOLARE

C ALCIO

Beneficenza e calcio ancora insieme Oggi pomeriggio via al Memorial ‘Fabio Licitri’ allo stadio Rocchi L’ingresso all’evento sarà completamente gratuito

T

utto pronto per il calcio d’inizio. Oggi alle ore 17,30 inizierà il triangolare di calcio allo stadio ‘Rocchi’ tra una rappresentativa di due Corsi della scuola Sottu�ciali dell’Esercito, la Nazionale Calcio Attori e la Nazionale Calcio Giornalisti Rai. Il torneo sarà soltanto l’evento conclusivo di una giornata ricca di eventi organizzati dalla Scuola Sottuf�ciali di Viterbo. Alle ore 9 dopo la sveglia mattutina ci sarà presso l’Aula Magna della SSE la cerimonia di consegna delle Lauree ai Marescialli dell’XI Corso ‘Tenacia’ da parte del Magni�co Rettore dell’Università della Tuscia. Alle ore 11 ri�ettori puntati sul campo sportivo dell’Istituto dove gli allievi del XII corso ‘Orgoglio’ si esibirano in un Saggio Ginnico Sportivo e d’Ardimento. Nel pomeriggio saranno calcio e bene�cenza a rubare la scena. L’ingresso allo stadio sarà completamente gratuito e l’augurio è di vedere una risposta numerosa da parte della cittadinanza viterbese. Il triangolare di calcio è stato intitolato alla memoria di ‘Fabio Licitri’, sottuf�ciale appartenente all’XI corso ‘Tenacia’ e venuto a mancare all’età di 28 anni proprio un anno fa (2 luglio 2010) in un tragico incidente stradale. Oggi pomeriggio sarà possibile donare un proprio libero contributo che verrà destinato a Beatrice Onlus (associazione

Venerdì 1 Luglio 2011

donne per la prevenzione del tumore al seno), Avis (associazione italiani volontari sangue) e i famigliari di Fabio Licitri. Riportiamo di seguito le toccanti parole scritte a Fabio Licitri da un suo amico e collega dopo la sua scomparsa: “Fino a ieri ti avevamo a due passi da noi ed oggi siamo costretti a scriverti quello che avremmo dovuto dirti già da tanto tempo, ma noi uomini abbiamo la stupida convinzione di essere eterni e così rimandiamo a domani quello che avremmo dovuto fare oggi. Volevamo dirti caro amico, che il Fabio che abbiamo salutato venerdì prima di partire, non era quel Fabio conosciuto quel settembre di 2 anni prima. Il

timido, impacciato ingegnere biomedico, con il suo modo di parlare garbato e dal carattere riservato era cresciuto, si era trasformato, aveva tirato fuori il carattere e la grinta necessaria a percorrere quella strada che aveva scelto come sua nuova vita. Non ci credevi quando te lo dicevamo; ma davvero tutti ti stimavano molto per la determinazione e l’impegno che avevi dimostrato in ogni occasione, in ogni prova. Ti ricordi quando ti chiedemmo perché avevi rinunciato alla carriera per cui avevi studiato? E per cosa? Per un lavoro malpagato, fatto di scari�ci e rinunce, di rischio e di pericolo. Mi ricordo bene quello che ci rispondesti: ‘Lo facio perché è quello che ho sempre

voluto fare’. Quel giorno hai dato un grande insegnamento a tutti noi, ci hai insegnato che in questo mondo fatto di corruzione e falsità, dove tutti mettono il proprio tornaconto davanti ai propri sogni, c’è ancora qualcuno che crede che la scelta giusta sia quella di seguire il proprio cuore, di fare una scelta di vita dif�cile, contro il volere di tutti, ma una scelta vera. Qualcuno ha scritto che la vita di ogni uomo è come una strada da percorrere, non importa quanto lungo o breve sia il numero dei giorni che Dio ci ha concesso per camminare sulla strada, conta solo il camminare su sentieri tracciati dal Cuore, nonostante tutto e tutti, tu questo lo hai fatto e sarà questo tuo esempio che sopravviverà in noi allo sbiadirsi dei ricordi, dei momenti belli e dei momenti dif�cili passati insieme, degli scherzi e delle arrabbiature che ci siamo presi insieme. Sappiamo che ci senti e che ci sei vicino, per questo unito insieme a tutti i tuoi compagni di avventura vogliamo dirti grazie e buona fortuna per la nuova vita che ti attende nel Cielo”. Che queste parole possano far ri�ettere molte persone e spingerle oggi pomeriggio a venire allo stadio, anche solo per onorare la memoria di una splendida persona come quella di Fabio sopra descritta. (Gia Nat)

Ortana, finalmente torna il settore giovanile Lo staff tecnico ripartirà da Nardecchia e Goletti Il dg Capparella carica: “Puntiamo molto sulle nuove leve”

T

orna il settore giovanile in casa Ortana. La stagione che prenderà il via tra pochi mesi infatti vedrà la compagine di Via del Campo Sportivo tornare ad investire in modo importante sui giovani, negli anni passati vero e proprio �ore all’occhiello della società viterbese. Prova ne è la rosa attuale della prima squadra composta per più della metà dei giocatori, da atleti cresciuti nella ‘cantera’. Un progetto ambizioso quello voluto fortemente dal Direttore Generale, con delega al Settore Giovanile, Ottavio Capparella che ha convinto il presidente Sabatini a tornare ad investire nei giovani e a lasciargli la gestione di questi. Così con grande entusiasmo ed in poco tempo l’infaticabile Dg è riuscito a creare un gruppo di lavoro di assoluto rilievo. Basta citare i primi due nomi che rispondono a Massimiliano Nardecchia e Daniele Goletti per intuire la validità del progetto. Per i 2 personaggi citati, non servono onestamente grandi presentazioni, basta dire che sono stati entrambi 2 giocatori professionisti e che sono rimasti sempre, anche se in ruoli diversi, nel grande calcio. Il loro grande spessore umano, l’esperienza, la serietà oltre che la possibilità di insegnare calcio ai giovani del posto e dei paesi limitro�, è sicuramente un bel biglietto da visita per i colori biancorossi. Naturalmente insieme ai due nomi più blasonati, l’avvocato Capparella sta costruendo uno staff tecnico e dirigenziale importante. Uno staff dove- ci tiene a sottolineare il direttore generale ortano- sarà

Il dg Capparella importante sia presente anche qualche personaggio del luogo. Uno dei nomi che è molto vicino a stipulare un accordo di collaborazione con la società viterbese è proprio quel Marco Spano tempo indietro avvicinato, dagli addetti ai lavori, alla panchina della prima squadra. APPUNTAMENTO IL 6 LUGLIO L’invito ai cittadini, agli sportivi ortani e a tutti i ragazzi nati dal 1995 al 2005, è per Mercoledì 6 Luglio (ore 16:30 stadio Gildo Filesi) quando ci sarà il primo raduno �rmato Ortana. Naturalmente, lo staff tecnico e dirigenziale biancorosso, oltre a far passare una giornata di sport ai giovani che interverranno, sarà anche a disposizione degli interessati per eventuali chiarimenti. (au)

NON SOLO MERCATO - I movimenti da Umbria e Toscana. Mister Fortuni come Fergusson

Il Latera riempie il ‘Sacco’. Aia, promossi in quattro N

otizie di calcio mercato e approfondimenti vari sulle tematiche del pallone estivo tra affari che vanno e affari che vengono. VITERBESE Simone Canovi continua il pressing sui giovani. Nel mirino ci sono il paraguaiano Rituale Modesto, Borba (classe ‘95), Sbardella, Domenico Cristiano, Emiliano Massimo, Garofalo e Pintucci. Gay ieri mattina si è incontrato nella capitale con Canovi. I due hanno discusso a lungo, ma alla fine la fumata bianca per il rinnovo non è arrivata. La dirigenza gialloblù ha preso ancora tempo prima di pronunciuarsi definitivamente. L’argentino ha abassato di circa il 30% le pretese economiche...non è detto che basti! DALLA VERDE UMBRIA Chi Rischia, seriamente di perdere un pezzo importante della propria rosa è lo Spoleto. Il Flaminia Civitacastellana, infatti, ha puntato con decisione il difensore centrale Daniele Ingiosi (1981), che nel progetto del club laziale sarebbe l’alternativa in caso di mancato accordo con Salvatore Scoppetta . Intanto, Mauro Di Lello , difensore classe 1979 ex Sporting Terni, è ad un passo dalla Viterbese. Acque agitate ad Orvieto. Ieri è arrivata la nomina di Riccardo Fatone in panchina. Potrebbe lasciare anche Giuliano Cioci attratto dalla chiamata del Perugia, con un ruolo nel settore giovanile, ma si parla

anche di una collaborazione con Piefrancesco Battistini. SACCO NUMBER ONE DEL LATERA Nico Sacco è il nuovo portiere del Latera nel prossimo campionato di Prima Categoria e andrà quindi a prendere il posto che nella scorsa stagione è stato di Simone Mastrorosato. Una ottima scelta per il club del presidente Emanuele Freddiani che sta lavorando a fari spenti e con la convinzione di allestire una squadra in grado di ben figurare ma senza fare decisamente follie. PER GIACOMO PARRINO, ‘93 CONFERMATO “FALISCA” Resta nella rosa del Montefiascone 2011/2012 Giacomo Parrino, classe 1993, difensore centrale di proprietà dell’Orvietana che nella scorsa stagione già ha fatto parte del gruppo juniores falisco con il team del presidente Minciotti che sta inquadrando il pacchetto legato alle necessità degli under. CORCHIANO GALLESE LA CREDIBILITA’ PASSA DA UNA POLISPORTIVA Dopo i fallimenti sportivi dell’ultimo quinquennio (o giù di li) la credibilità del Corchiano che dalla scorsa estate si è portata dietro anche la piazza di Gallese passa dalla nascita di una Polisportiva denominata “Falisca” che parteciperà al prossimo campionato

di Prima Categoria. La conduzione tecnica è stata affidata a Maurizio De Mattia ed è augurabile che la sua esperienza e saggezza possa fare bene in una piazza dove di errori ne sono stati commessi a josa. MISTER FORTUNI COME FERGUSSON, OTTAVO ANNO ALLA FONTE BEL VERDE E con la stagione 2011/2012 diventano otto gli anni che il tecnico viterbese Luca Fortuni è alla guida della Fonte Bel Verde nel campionato di Promozione toscana. E se da otto anni il matrimonio è indissolubile significa che tra mister e società c’è un legame di ferro. Alla nuova Fonte Bel Verde del plotone viterbese non faranno più parte Petronella, passato al Grotte di Castro, Fiorentini e Luca Cionco approdati all’Ischia di Castro. La pattuglia della Tuscia sarà composta oltre che dal mister dal difensore centrale Daniele Viviani, classe 1987, dal bomber Matteo Fanelli, classe 88, (12 gol nella passata stagione) e da Michele Cerica, classe 1990 nella passata stagione in forza alla Foglianese. Il tutto amalgamato con il gruppo storico dei giocatori toscani, confermato Emiliano Ruffini. classe ‘86 tre quartista già alla Fonte nel 2009/2010 e dovrebbero avere lieto fine le trattatative con il bomber Salvi, ex Ortana e Nepi, classe 1990. AIA DI VITERBO, PROMOZIONI IN CAN PRO (ex C) PER BRODO,

Emanuele Brodo

Giacomo Parrino

MENICACCI, ARGENTIERI E ALESSANDRO CHINDEMI Il regalo più grande che la sezione Aia di Viterbo poteva ricevere per i 70 anni delle sua fondazione arriva con qualche giorno di ritardo. Tuttavia questo poco importa se il regalo cui si fa riferimento non è uno solo, ma quattro; di valore e soprattutto di prestigio. Un poker di promozioni, qualcosa che si poteva soltanto sognare. Ed invece ad essere con gli occhi spalancati sono tutti gli associati che stanno cominciando a stappare bottiglie di champagne. Tre passaggi alla Can Pro, uno dal Cra alla Cai. Se qualcuno alla vigilia di questa estenuante ma tremendamente bella stagione avesse previsto una cosa del genere, in pochi gli avrebbero creduto. Adesso è una straordinaria realtà, un premio alla passione e al lavoro. E’ gusto allora fare nomi e cognomi di chi ha fatto l’impresa, di chi continua a dar lustro alla sezione: Emanuele Brodo (arbitro), Rinaldo

Menicacci e David Argentieri (assistenti), sono promossi in Can Pro, la vecchia serie C. Alessandro Chindemi arriva alla Cai dal Cra, a livello nazionale, nel primo step oltre i confini regionali. Una terna completa tra i professionisti e un arbitro nel ruolo intermedio che intercorre tra le categorie regionali e la massima competizione dilettantistica. Si tratta di ragazzi giovani, brillanti, che si sono fatti le ossa in sezione e che ora porteranno questo bagaglio di passione ed esperienze nei campi che contano, laddove c’è una attenzione mediatica oltre la norma. Sulle loro spalle ci sarà l’onore della sezione di cui portano il nome, il peso di oltre 150 associati che fanno il tifo per loro. Una sezione che è fiera di questi uomini, sicura che questo sentimento è fortemente ricambiato. Un particolare ringraziamento va fatto anche a Maurizio Lamoratta che è stato avvicendato nel ruolo di assistente arbitrale. Per la sezione di Viterbo la festa... è appena iniziata!!!


� �

sport

SPORT

& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

25

CALCIO NEWS

Addio 2010/2011. Da oggi parte la nuova avventura La carrellata dei campioni della scorsa stagione agonistica, dal Montefiascone ai giovanissimi fascia B

A

pprofondimenti dal nostro calcio in un giorno importante che sancisce di fatto l’addio alla stagione 2010/2011 e l’alba della nuova stagione 2011/ 2012. NEI RICORDI DI UN 2010/2011 TRA TRIONFI E “VELENI” Fine del viaggio. Da ieri la stagione agonistica 2010/2011 è andata in archivio e tutto è �nito. Libro chiuso tra veleni e trion�, tra polemiche di varia natura che di anno in anno crescono e molte volte non si sa nè dove arriveranno e nè si comprende la stupidità e l’aridità dei cervelli che le generano. Ci sarebbe da scrivere un libro ma preferiamo ricordare quelli che sono stati i trion� e gli aspetti importanti nei vari campionati ai quali hanno partecipato le nostre formazioni provinciali. Promozione - Da esaltare il Montefiascone del presidente Minciotti che al decimo tentativo ha centrato il desiderio di passaggio alla prossima Eccellenza, campionato mai disputato in passato. Prima Categoria - Da ricordare il superbo campionato dell’Ischia di Castro trionfatrice indiscussa e il secondo posto del Canepina. Seconda Categoria -Nei gironi A e B i trionfi di Doria San Martino e Cimina Ronciglione e i rispettivi secondi posti di Virtus Calcio Bolsena e Blera che nella prossima stagione saranno ai nastri di partenza della Prima Categoria. Terza Categoria - Qui hanno trionfato Csl Soccer nel girone A e Real Gradolese nel girone B e il Real Caprarola si è imposto nella Coppa Provincia di Viterbo. Juniores Fascia B - Straordinario trionfo del Corneto Tarquinia che è l’unica formazione provinciale partecipante ad un campionato giovanile regionale ad aver trionfato. Juniores Provinciale - Nel girone A successo della Virtus Cimini e nel girone B ha vinto il Montalto Calcio.

E presso le Delegazioni Provinciali possono essere ritirati i plichi per i prossimi campionati. Tutte le norme on line per iscrizioni e svincoli. Capocecera, neo bomber del Pianoscarano si presenta ai tifosi su www.pianoscaranocalcio.com Allievi Proviniali - Qui ricordiamo i trionfi di Manziana nel girone A e della Vigor Acquapendente nel girone B. Giovanissimi Provinciali - Il 2010/ 2011 ci ha lasciato con i successi del Tolfa Allumiere nel girone A e della Nuova Sorianese nel gruppo B. Giovanissimi Sperimentali Prov. - Qui ha trionfato il team di Civitavecchia della Dlf. E DA OGGI I PLICHI POSSONO ESSERE RITIRATI PRESSO LE DELEGAZIONI Si informano le Società che, a partire dal 1° Luglio 2011, sarà indistribuzione il plico contenente l’occorrente per l’iscrizione ai campionati per la stagione sportiva 2011/2012. La consegna avverrà presso le Delegazioni Provinciali competenti per territorio. E da oggi quindi è proprio il caso di dire che si riparte. ISCRIZIONI DEI CAMPIONATI ON LINE Si informa che nella prossima stagione sportiva, le iscrizioni ai Campionati di Eccellenza, Promozione, Prima Categoria, Serie C Calcio Femminile e Serie C1 e C2 di Calcio a 5 dovranno essere effettuate utilizzando la procedura predisposta dalla Lega Nazionale Dilettanti nell’area riservata del sito www.lnd.it.. Nel confermare la disponibilità gli Uf�ci del Comitato Regionale Lazio a fornire la necessaria assistenza, si informa altresì che all’interno dell’area riservata è disponibile una guida illustrativa di tutte le procedure telematiche.

SVINCOLO DEI CALCIATORI PROCEDURA IN LINE Come ormai consuetudine, anche per gli svincoli per rinuncia della prossima stagione sportiva ( 1°- 16 luglio 2011) dovrà essere obbligatoriamente adottata la procedura informatica predisposta dalla Lega Nazionale Dilettanti. Nel sito web www.lnd.it è attiva l’area riservata le cui chiavi di accesso sono già state inviate presso ciascuna società. In tale area riservata è possibile altresì stampare il tabulato dei propri calciatori costantemente aggiornato. Con riferimento agli svincoli, la procedura da osservare è la seguente: 1) Accedere all’area riservata alle Società presso il sito www.lnd.it, inserendo ID e PWD 2) Dopo aver selezionato i calciatori da svincolare, si procede alla stampa provvisoria della lista di svincolo. 3) Dopo aver attentamente veri�cato i nominativi dei calciatori da svincolare, e accertato che da quel momento in poi non si procedera’ allo svincolo di alcun calciatore, si rende de�nitiva la lista di svincolo. 4) Si prega di prestare la massima attenzione al fatto che resa definitiva la lista di svincolo non sara’ piu’ consentito effettuare modifiche o integrazioni di nominativi pertanto tale operazione deve essere effettuata con la dovuta accortezza. 5) Stampata la lista di svincolo definitiva, la stessa dovrà essere sottoscritta dal Presidente, e spedita al Comitato Regionale Lazio a mezzo posta raccomandata, o depositata presso le Delegazioni Provinciali, tassativamente entro il 16 luglio 2011;

Massimiliano Gasperini 6) Il mancato inoltro della lista comporta l’inefficacia degli svincoli Per qualsiasi ulteriore informazione o chiarimento è possibile consultare la guida illustrativa presente nell’area riservata, o contattare l’Ufficio Tesseramento del Comitato Regionale Lazio (0641603205 - 3217). TESSERAMENTO GIOVANILE ON LINE Il Comitato Regionale Lazio, utilizzerà anche nella prossima stagione sportiva, le procedure telematiche per il Tesseramento dei calciatori del Settore Giovanile predisposte dalla Lega Nazionale Dilettanti nell’ottica della politica dei servizi che l’ha sempre contraddistinta . Il Tesseramento Giovanile “on line” sarà presente nell’area riservata di ciascuna società del sito www.lnd.it a partire dal prossimo 1° luglio. Considerati gli ottimi risultati riscontrati, nella prossima stagione sportiva 2011/2012 il tesseramento dei calciatori allievi, giovanissimi, Esordienti e pulcini dovrà obbligatoriamente essere effettuato mediante la suddetta procedura. Il Tesseramento dei Dirigenti e dei Piccoli Amici, invece, avverrà con le consuete modalità. RIPESCAGGI PER LA 2ª CATEGORIA 2011/2012 Per il Campionato di Seconda Categoria 2011/2012, in via del tutto prudenziale, è possibile prevedere una disponibilità di posti che non può essere coperta esclusivamente dalle Società elencate al punto 4/B del Comunicato Ufficiale n° 165 del 23.06.2011. L’ammissione delle Società, entro i limiti degli eventuali ulteriori posti a disposizione, verrà deliberata dal Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Lazio, a suo insindacabile giudizio. Per beneficiare di quest’ultima eventuale disponibilità, avranno priorità le Società in possesso dei seguenti requisiti: 1) almeno 3 anni di affiliazione;

Montefiascone Calcio

negli anni di avere solidità e concretezza. Ho sentito parlare che qui c’è un ambiente sereno dove si può lavorare senza eccessive pressioni, e per chi gioca a calcio è fondamentale”. A 29 anni ti si chiede di fare da “papà” nonostante anche tu poi tanto “vecchio” non sei, che effetto ti fa? “Un effetto particolare, ma stimolante. Sarà una nuova esperienza che farò con molto piacere. Sono curioso di conoscere questi nuovi compagni per condividere uno spogliatoio dal quale ognuno di noi può e deve dare qualcosa e imparare dall’altro”. Ti presenti con i 16 gol della passata stagione con il Lubriano. confermarti sarebbe il massimo, cosa prometti? “Di sicuro lotterò per confermare di essere utile alla causa e alle fortune della squadra per la quale gioco. 16 gol sono tanti in un campionato di Promozione, ma con gli spazi che riuscirò

2) non aver goduto di analogo beneficio nella passata stagione sportiva

Massimiliano Capocecera Le Società interessate dovranno provvedere all’iscrizione “con riserva”, al Campionato a cui si intende accedere, adempiendo a tutte le formalità indicate al punto 4/A del Comunicato Uf�ciale n° 165 del 23.06.2011, entro il termine perentorio di venerdì 22 luglio entro le ore 18. IL PIANOSCARANO DAL SUO SITO PRESENTA IL NUOVO BOMBER MASSIMILIANO CAPOCECERA Il Pianoscarano dal suo dinamico sito www.pianoscaranocalcio.c om presenta il suo nuovo bomber Massimiliano Capocecera. Ecco come l’attaccante si è dichiarato ai suoi nuovi tifosi. Perchè questa scelta? “Il G.S.D.Pianoscarano è una squadra molto interessante, con giocatori sia giovani che d’esperienza, sono molto contento di questa nuova avventura, credo sarà una stagione positiva per me e per i miei compagni e penso che potremo lottare per ottenere una posizione di prestigio”. Come inizio non male, ma cosa ti ha convinto ad accettare il club Rionale rispetto ad altre Società? “Il G.S.D.Pianoscarano è una piazza importante, ha un bel settore giovanile e ha dimostrato

a trovare, farò il massimo per realizzare più reti possibili, la squadra ne ha bisogno se vogliamo ottenere qualcosa di importante”. Nel reparto avanzato siete tanti e bravi giocatori, questa concorrenza può essere uno stimolo in più…oppure? “La rosa ampia nel reparto avanzato è sintomo di voglia di raggiungere traguardi, e la Società vuole avere alternative valide in qualsiasi momento. Da parte nostra ci deve essere il massimo impegno nel conquistare una maglia e mettere in dif�coltà il mister. A me e ai miei compagni questo non spaventa, vogliamo fare bene e giocarci i posti disponibili per creare maggiori stimoli a tutti”. Di società ne hai conosciute tante da giocatore quale ti ha lasciato il ricordo più bello ? “In tutte quelle per le quali ho giocato, ho avuto la possibilità di trovare ambienti buoni. Di tutti conservo un ricordo bellissimo, luoghi semplici,genuini e passionali. Ma se devo sceglierne una, dico Lubriano. La scorsa stagione dal Mister alla Società si è creato un connubio perfetto che ci ha permesso di trascorrere un anno d’oro e personalmente indimenticabile”. E l’intervista continua sullo splendido e nuovo sito della società rossoblu rionale www.pianoscara nocalcio.com dalla quale la stessa è stata estrapolata.


� �

sport

SPORT

26

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Luglio 2011

CALCIO D’ESTATE

Boom di presenze al Milan Junior Camp Nella X edizione di San Martino al Cimino tanti piccoli diavoletti hanno deciso di non mancare di GIANLUCA NATOLI

E

’ partita anche quest’anno una nuova edizione del Milan Junior Camp a San Martino al Cimino. Quella in corso è la X edizione, realizzata con la collaborazione del Balletti Park Hotel in cui oltre al campo sportivo e alle camere per l’alloggio è presente anche una piscina e una sala giochi ricreativa per i partecipanti al campus. L’età richiesta per l’iscrizione va dai 6 ai 15 anni, anche se eccezionalmente si può notare anche la presenza dei più affezionati ‘fuori quota’. Il costo per una settimana di attività è di 290 euro. Un prezzo ridotto ed accessibile se paragonato a quelli degli altri anni quando si richiedevano più di 500 euro per iscriversi. In un momento di crisi economica generale e grazie all’autorizzazione dell’A.C Milan è stato possibile diminuire la quota, anche se stavolta non sarà incluso più nel kit la tuta, lo zaino e l’equipaggiamento vario. La prima settimana è iniziata domenica scorsa 26 giugno. In totale sono state organizzati tre turni settimanali, dunque il campus andrà in vacanza il prossimo 16 luglio. In questa tranche d’esordio in corso sono state raggiunte 84 iscrizioni. La prossima settimana si toccherà il picco di 100 iscritti, mentre per la terza ed ultima settimana si prevedono per adesso 85 partecipanti. Un vero boom di presenze quelle di quest’anno, dovuto forse alla concomitanza dell’iniziativa con la vittoria del Milan del campionato di Serie A, ma soprattutto ad un ridimensionamento dei costi

dell’iscrizione al campus. Fra le novità di questa edizione vi è il regalo agli iscritti di un diario rigorosamente rossonero nel quale i ragazzi possono annotare le loro impressioni. Alla �ne della settimana il mister registrerà su di essa gli aspetti tecnici da migliorare oppure semplicemente quelli da consolidare per ogni piccolo ‘diavoletto’. Non si tratta dunque né di promozione né di bocciatura, ma semplicemente di consigli. Il Milan Junior Camp ovviamente non si svolge solo a San Martino al Cimino, ma anche in altrettante località sparse in tutto il mondo (sono circa 100.000 i partecipanti complessivi ogni anno). Tornando al campus di San Martino al Cimino, la giornata tipo è la seguente: sveglia alle ore 8 per coloro che scelgono la formula completa con l’alloggio in loco. Dopo una corposa colazione e l’arrivo degli altri ragazzi dall’esterno iniziano alle ore 9,15 le attività sul campo. Viste le differenti fasce di età il lavoro viene suddiviso in gruppi sotto la supervisione di allenatori ed assistenti. Nel corso della mattinata vengono organizzati a turno ulteriori gruppi che permettono ai piccoli rossoneri di fare anche un tuffo in piscina e rinfrescarsi un po’. Alle ore 13 scocca il ‘lunchtime’. A seguire riposo sino alle 15,15, quindi giochi collettivi �no alle 16,30. A quell’ora riparte l’attività calcistica sul campo. Fra gli iscritti della prima settimana va registrato la componente

multietnica che vede la presenza di un giapponese, un romeno, un albanese ed un francese. Nella settimana di chiusura sono attesi due americani. Segno che il marchio Milan attrae ed avvicina bambini di tutto il mondo a questi colori. Riportiamo di seguito i componenti dello staff: Ronaldo Ferrari, Luciano Siddi e Francesco Fengo (responsabili e coordinatori) Antonio Carucci, Marco Degortes, Matteo Valeri, Matteo Masini, Mauro Valentini (tecnici) Daniele Goletti (portieri) Teresa Gottardo, Valentina Marsili, Giorgia Di Fabio, Salas Maria Trinidad (assistenti) Oliviero Sanapo, Angelo Romano (addetti campo)


sport

SPORT

C ALCIO

& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

27

AD OTTO

Pensieri e commenti dal ‘Valerio Ginnasi’ La parola ai presidenti Quadrani (Igloo) e Orlandi (Uno Holding). Questa sera quarto di finale Officina Chiricozzi-Caffè Cuba Libre

I

l Torneo Valerio Ginnasi organizzato al comunale di Ronciglione dai “Ragazzi del Presidente” e dalla Pro Loco di Ronciglione con la formula del calcio ad otto, mercoledì 29 giugno si è fermato per osservare un turno di riposo. Lunedì e Martedì si sono giocate le prime due partite dei quarti di finale che hanno promosso le formazioni della EdiltimBrico SBA di Ronciglione vincente sui ragazzi di Mizzella di Caprarola/ Carbognano e il Ristorante Pizzeria Il Peccato di Ronciglione che ha eliminato il competitivo team della Falegnameria SGM di Nepi. Entrambe le gare sono state equilibrate e si sono risolte con un gol di scarto. IL PROGRAMMA DI OGGI Per concludere i quarti di finale, oggi giocheranno l’Officina Chiricozzi di Sutri ed il Caffè Cuba Libre di Fabrica di Roma e domani Immobiliare Bertini di Ronciglione contro la Pol. Bassano

Giuseppe Quadrani presidente della Gelateria Igloo Romano. In attesa della ripresa della manifestazione sportiva c’è stato il tempo di raccogliere le dichiarazione di due Presidenti di squadre eliminate nella fase di qualificazione nonostante i pronostici iniziali che le davano almeno tra le prime otto. PENSIERI DEI PRESIDENTI La prima opinione raccolta è stata quella di Giuseppe Quadrani, Presidente della formazione

Gaetano Orlandi presidente dell’Immobiliare Uno Holding

blues della Gelateria Igloo di Ronciglione il quale ha dichiarato “la squadra è andata abbastanza bene perché preparata in poco tempo. Dalla prima esperienza con il calcio ad otto ritengo che sia necessario allestire la squadra con giocatori che hanno una maggiore esperienza nel calcio ad 11 rispetto al calcetto infatti le squadre che sono rimaste agevolate sono quelle che hanno ingaggiato giocatori che hanno giocato a calcio ad 11. Noi abbiamo pagato l’inesperienza. Il torneo è nuovo, piace, con l’unica difficoltà data dal campo in terra in quanto sarebbe stato più bello e spettacolare se si fosse giocato su altro fondo ma a Ronciglione questo c’è!” La seconda è quella di Gaetano Orlandi, Presidente della importante Immobiliare Uno Holding di Ronciglione l’anno scorso semifinalista nella manifestazione organizzata con il calcio a 5 e quest’anno eliminato nelle fasi di qualificazio-

ne con il nuovo sistema del calciotto il quale ha espresso parole di stima sull’organizzazione del Torneo riservando “una tirata di orecchie alla mia squadra perché questi giocatori non si sono comportati bene in quanto quando siamo stati al completo siamo riusciti a vincere contro una formazione competitiva come il Ristorante Pizzeria Il Peccato che pronostico come la sicura vincente del Torneo. Tutti hanno potuto giudicare la squadra al gran completo. Nella partita giocata con Mizzella tutti erano convinti di passare. I giocatori più importanti sono rimasti a casa. Chi al matrimonio e chi a casa. Per questo episodio ho ripreso il mio allenatore Luigi Orlandi richiamandolo ad un maggiore senso di responsabilità. Nonostante il disappunto ho respinto le dimissioni del Dirigente della squadra Claudio Caterini a cui avevo affidato il compito di allestire la squadra per competere fino ai vertici con il marchio Uno Holding evitando questa figura. Il prossimo anno saremo sicuramente competitivi così come merita il Torneo a cui ogni anno manifestiamo vicinanza ed interesse”. TORNEO FRABOTTA E siamo anche alla volata finale del torneo di calcio giovanile dell’Aldo Frabotta prima delle finali in programma la prossima settimana. Oggi - Questa sera alle 20 si gioca il match della categoria Pulcini 2003 tra Virtus Cimini e Civita Castellana B.

CALCIOTTO E FUTSAL

Venerdì speciale in palio tanti titoli Finali al ‘Minella, Virgili e Torre’

M

a che venerdì speciale, Serata ricca di eventi e di pathos con tre appuntamenti �nali tutti da seguire. A VASANELLO FINALE DEL MINELLA Oggi l’appuntamento più atteso al Minella di Vasanello quando alle 22,30 i team della F.M.A. Termoidraulica Bari e della Ripa Canepina incroceranno i loro destini e daranno vita alle ostilità sportive per aggiudicarsi l’ambitissimo titolo. Il match sarà preceduto dalla �nale per il terzo e quarto posto alle 21,30 tra i ragazzi del posto del Q.D.C. e l’altra giovanissima formazione dell’Ecosmo Team Canepinese che hanno disputato un signor torneo. Al termine della �nalissima seguirà la cerimonia di premiazione. PANIFICIO CENTRO STORICO E LA SPACCATA IN CAMPO A FABRICA PER IL “TORRE” E stasera alle 21,30 bell’appuntamento anche a La Cesa di Fabrica di Roma dove va in onda la �nalissima del Trofeo “Carlo Torre” di calciotto che abbiamo seguito in questi giorni grazie alle preziose corri-

pondenze del collega Ermanno Todini. A contendersi il titolo le compagini de La Spaccata e del Pani�cio Centro Storico in un match che promette tante belle emozioni. E anche qui dopo il confronto seguirà la cerimonia di premiazione. AL CHIANELLO LE FINALI DEL TORNEO DI CALCIO A 5 GIOVANILE DI RONCIGLIONE Dalle ore 16 di oggi pomeriggio grande appuntamento anche al “Chianello” di Ronciglione con le �nali delle categorie Ragazzi e Giovanissimi nel Memorial “Virgili”, la bella manifestazione durata quasi un mese e che ha riscosso un grande successo.

C/5 MEMORIAL CIGNARALE - Il resoconto della undicesima giornata

Forno Falisco sull’ottovolante (8-1 al New Inedito)

cco quanto avvenuto nella E undicesima giornata della fase di qualificazione del Memorial “Alessandro Cignarale” di

Forno Falisco

Fabrica di Roma con il successo del Forno Falisco e il pareggio tra La Spaccata e la Boutique della Frutta.

FORNO FALISCO 8 NEW INEDITO 1 BAR IMPRESENTABILI Forno Falisco: Cingolati Marco , Tranquilli Stefano , Pulitani Roberto , Frediani Alessandro , Quattrini Federico , Meraglia Fabio , Amin , Ercolini Domenico , Beccaccioli Emanuele , Cingolati Michael. All: Cingolati Angelo New Inedito Bar Impresentabili: Corradi Massimo , Delfino Giuseppe , Testaguzzi Diego , Viola Riccardo , Cesari Andrea , Tomassini Emanuele , Leoni Marco , Sacchi Fabio , Di Pietro Luca , De Iaco Fabio , Achilli Patrizio. Terza Vittoria consecutiva per il Forno Falisco del mister e presidente Cingolani Angelo che ha strapazzato la New In-edito

Bar per ben 8-1 grazie al poker del suo bomber Amin,la doppietta di Pulitani, e i singoli gol di Quattrini e Mossi. Buona la gara per il portiere Cingolani Marco e il pilastro difensivo Tranquilli Stefano. Per la New In-edito Bar il gol della bandiera arriva da Testaguzzi. LA SPACCATA 3 BOUTIQUE FRUTTA 3 La Spaccata: Piccarozzi Giordano , Aramini Emilio , Casali Daniele , Tapparella Edoardo , Ceccarelli Leonardo , Dimitri Kolian , Romano Alessandro , Angeletti Federico , Viola Mirco , Pacelli Giuseppe , Provinciali Simone , Ciarrocchi Andrea. Boutique della Frutta: Rossi Roberto , Fantini Luca , Gironi Flavio , Manini Marco

New Inedito , Capelloni Roberto , Pazzetta Alessio , Alimelli Luciano , Braccini Luca , Chirieletti Cristian , Adolini Alessio , Fantini Fabrizio , Cernetti Dante. Bel pareggio avvincente tra le 2 squadre di alta classifica del girone D, dove dopo un bel primo tempo equilibrato finito in vantaggio per 1-0 per i Fabrichesi della Spaccata,nel secondo Tempo i Nepesini della Boutique

della Frutta reagiscono e trovano il parziale pareggio e dopo vari botta e risposta tra le 2 squadre la partita stava terminando 3-2 in favore della Spaccata,ma proprio all’ultimo secondo di recupero arriva il pareggio della Boutique della Frutta. Per la Spaccata a segno Angeletti (1) e Romano (1). Per la Boutique della frutta reti di Cupelloni (1), Chirieletti (1) e Cernetti (1).


� �

sport

SPORT

28

Viterbo & AltoLazio

Venerdì 1 Luglio 2011

C/5 MEMORIAL BRUNO CENCIARINI

Ecco a voi le magnifiche otto Domenica sera si incomincia con i quarti di finale, prima sfida tra E So’ Matte e Dembele

D

efinito il quadro delle magnifiche otto al Memorial “Bruno Cenciarini” di Blera. Mercoledì sera si sono giocati gli ultimi due confronti della fase di qualificazione . Ecco come è andata. I MOVIOLA 10 BAR LA VILLA 5 Partita del girone C ininfluente ai fini della classifi-

cazione ai quarti di finale, dal momento che entrambi i team già erano fuori dai giochi. Nonostante questo la partita è stata ben giocata con I Bassanesi che vincono meritatamente su Giardiello (2 gol) e compagni. BAR FUORI MANO 6 I NUOVI MOSTRI 2 Il derby vetrallese del

MEMORIAL BRUNO CENCIRINI data

ora

partita

risultato

QUARTI DI FINALE 03/07

21,00

C) E SO’ MATTE - DEMBELE

03/07

22,00

B) CAFFE’ ETRURIA - BLERANA INFISSI

03/07

22,00

A) PANZER - LOCOMOTIV

04/07

22,00

D) BAR FUORI MANO - BAR CANCELLIERI 2GPF

SEMIFINALI 06/07

21,00

VINCENTE GARA B - VINCENTE GARA D

06/07

22,00

VINCENTE GARA A - VINCENTE GARA C

FINALI 08/07

21,00

3/4 POSTO

08/07

22,00

1/2 POSTO

I Moviola

girone A se lo aggiudica il Bar Fuori Mano, campione uscente del Torneo. Nonostante l’assenza di Andrea Fa, Pasquinelli e Puddu, con una doppietta ciascuno, accompagnata dai gol di Canensi e Coppari, si aggiudicano l’incontro e la qualificazione ai quarti. QUALIFICATE Ecco tutte le formazioni qualificate per i quarti di finale. Girone A - Panzer e Bar Fuori Mano

Girone B - Caffè Etruria, Bar Cancellieri 2Gpf e Blerana Infissi (come terza) Girone C - E’ So Matte, Dembele e Lokomotiv (come terza). LE SFIDE DEI QUARTI Nella gabbia qui accanto alla sinistra tutti gli abbinamenti dei quarti di finale e grande attesa per le sfide di domenica 3 luglio e lunedì 4 luglio. Poi mercoledì 6 luglio avremo le semifinali e venerdì 8 luglio l’apoteosi per il gran finale.

Bar Fuori Mano

CALCIO CSI - Successo del 1° Memorial ‘Corinti-Tombolini’

L’Aurora non dimentica i grandi ‘Mario e Maurizio’

N

ei giorni scorsi si è svolto a S. Martino al Cimino il 1° Memorial Mario Corinti e Maurizio Tombolini. “La giornata, organizzata da noi ragazzi del G.S. Aurora, è stato un omaggio che abbiamo voluto rendere ai nostri sfortunati ed indimenticabili amici ed alle loro famiglie, a quasi un anno dalla scomparsa di Mario e quasi due da quella di Maurizio, un lasso di tempo brevissimo, nel quale il destino ha sconvolto per sempre le vite serene di due famiglie. L’evento, che si è svolto in una

cornice di pubblico numeroso e commosso, si è incentrato su una partita del tutto amichevole tra due squadre formate da vecchie glorie dell’Aurora e giocatori attuali, a rappresentare un simbolico anello di congiunzione tra tutto quello che Mario e Maurizio hanno rappresentato e costruito in passato, in termini non solo sportivi, ma anche di aggregazione e lealtà, e la voglia che spinge e anima ancora gli amici di oggi a mantenere viva questa squadra, questa passione, questo gruppo granitico, che da anni è

sinonimo innanzitutto di amicizia con la “A” maiuscola. I compagni di squadra, gli “avversari” di in�nite battaglie con altre squadre, i “nemici” arbitri, i rappresentanti del CSI e di molte altre società sportive, noi tutti, eravamo presenti a gremire gli spalti del campo sportivo Balletti, e ad applaudire le prodezze e le “svirgolate” di giovani e meno giovani, sempre comunque con la mente ed il cuore rivolti a Mario e Maurizio. Un ringraziamento particolare va alle famiglie, senza l’assenso delle quali, la giornata

non sarebbe stata possibile, assenso che è costato uno sacri�cio enorme, perché sapevamo e sapevano anche loro, che si sarebbero riaperte ferite che, seppur mai rimargineranno completamente, il tempo aveva iniziato a rendere meno lancinanti. Lo abbiamo fatto perché la certezza della enorme partecipazione, Ester e Roberta, Andrea, Silvia, Luca, Jacopo e Camilla, vi fosse se possibile di conforto e vi desse ancora una volta conto della enormità dell’affetto, della stima, della riconoscenza, con le quali tutti noi ricordiamo i vostri mariti e i vostri papà e di quanto indelebile sia il segno che hanno lasciato e che li manterrà vivi per sempre nei cuori di chi li ha conosciuti. Spero che queste poche righe diano almeno in parte l’idea di cosa siano stati per noi Mario e Maurizio; non li dimenticheremo mai e faremo tutto ciò che sarà nelle nostre possibilità, per ricordarli ogni anno con una giornata nella quale, su un campo verde da calcio, due squadre si incontrino, così come avviene sempre, nella vita, tra gioie dolori”. NELLE FOTO Alcuni momenti della bellissima giornata in cui tutto il clan dell’Aurora Viterbo ha voluto ricordare le figure dei compianti Mario Corinti e Maurizio Tombolini. I ragazzi dell’Aurora


� �

sport

SPORT

& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

29

B ASEBALL

La prima volta dell’All Star Game A Nettuno si affrontano l’Italia (con Alessandro Vaglio) e le stelle del campionato (con Andrea Sgnaolin) di GLAUCO ANTONIACCI

L

o ‘Steno Borghese’ di Nettuno si prepara a vivere una serata, quella odierna, di grande gala: per la prima volta nella storia, il baseball italiano è pronto a mandare in scena il suo All Star Game, la gara delle stelle, mutuando una tradizione tipicamente americana che in questo sport, il passatempo per eccellenza degli Americani, trova la sua collocazione naturale. Proprio come accade negli Stati Uniti, la scelta sui giocatori presenti è stata fatta, almeno in parte, dagli appassionati che, attraverso il sito uf�ciale della Federazione, hanno avuto modo di scegliere i giocatori migliori, le stelle che sarebbero andate a comporre una squadra fatta, appunto, da ‘tutte stelle’ del nostro campionato. La formula, in realtà, è un po’ diversa da quella americana e somiglia molto a quella degli All Star Game italiani di altri sport: questa sera, sul diamante di una delle piazze storiche del baseball nostrane, si s�deranno da una parte la Nazionale italiana del manager Marco Mazzieri, dall’altra la selezione dei migliori giocatori, i più votati in base al ruolo, o almeno quelli che non fanno parte del roster della nazionale. In pratica ci saranno tutti i più forti giocatori del campionato, in una serata che, ovviamente, non vivrà solamente sulla gara: sono stati orga-

Alessandro Vaglio

Andrea Sgnaolin nizzati molti eventi collaterali e c’è grande curiosità per un’iniziativa, questa sì ripresa dall’All Star Game americano, che si chiama Home Run Derby. In pratica una s�da a colpi di battute lunghissime, con un premio in palio un premio per chi realizzaerà più ‘home run’ o, per dirla all’italiana, più fuoricampo. Nettuno è prontissima, come ha confermato il sindaco della cittadina: “Un avvenimento come il primo AllStar Game del baseball non poteva che tenersi a Nettuno, una città che non può prescindere dal baseball, come già dimostrato per il Mon-

diale 2009. Vogliamo essere un punto di riferimento �sso per il baseball italiano - ha proseguito il primo cittadino - e sono certo che venerdì sera ci sarà una presenza massiccia di pubblico sugli spalti dello Steno Borghese. Non dimentichiamo poi che la presenza della nazionale è importante anche per i nostri ragazzi che ovviamente ambiscono tutti a vestire i colori azzurri”. Quei colori azzurri che saranno indossati da Alessandro Vaglio: il giovane interno nato e cresciuto, anche sportivamente, a Viterbo prima di andare a difendere i colori del Grosseto, aveva ricevuto mol-

ti voti anche per entrare nella squadra delle stelle ma ormai è un punto fermo della Nazionale guidata dal manager Marco Mazzieri e sarà quindi in campo con la maglia azzurra: “E’ con me ormai dal 1993 - ha detto il manager azzurro -. L’ho seguito nel suo percorso tecnico. E’ uno dei ragazzi che ho avuto modo di allenare nelle giovanili e che mi sono portato poi in prima squadra. Il fatto di avere qua Sambucci, Ularetti, Reginato, Barbaresi ed a suo tempo anche Panerati, che hanno conquistato il titolo europeo nella categoria Juniores, è davvero grati�cante. Ne vado �ero”.

Alessandro Vaglio sarà dunque una delle colonne dell’Italia e potrebbe essere chiamato ad eliminare, nei turni di difesa, il suo amico e concittadino, oltre che compagno di squadra, Andrea Sgnaolin. La stagione positiva con la maglia di Grosseto e l’esperienza che, nonostante la giovane età, lo contraddistingue, gli sono valsi diverse segnalazioni da parte dei fans che hanno così permesso al giocatore viterbese di essere inserito nella squadra delle stelle. A conti fatti, una volta messi da parte lo spettacolo, che ovviamente non mancherà, e le luci dei ri�ettori che

illumineranno anche le tantissime iniziative collaterali in programma, sarà anche una partita di baseball e un test molto impegnativo per l’Italia che vuole prepararsi agli impegni internazionali del 2011, compresi i Mondiali di Panama. “Dovrò consegnare la lista per la Baseball World Cup di ottobre il 31 agosto - ha dichiarato Mazzieri - e il raduno di questi giorni sarà l’unica volta in cui saremo insieme prima del ritiro di settembre. Spero di poter scegliere per il meglio, ho un gruppo di 40 giocatori da cui attingere i 24 per la lista”. La morale è quindi: va bene lo spettacolo, va bene la voglia di regalare emozioni al pubblico e di trasformare il primo All Star Game della storia in un grande evento, ma la partita verrà guardata con occhi attenti da chi poi deve prendere le decisioni e in quel caso non basteranno i voti dei tifosi a salvare qualche giocatore da un’eventuale bocciatura. Concedere spettacolo al pubblico ma essere anche concreti, giocare in modo spettacolare ma senza errori e magari, nel caso di Sgnaolin, farsi rimpiangere perchè, per una sera, si indossa una maglia di colore diverso rispetto all’azzurro. Questa può essere la missione che attende stasera Alessandro Vaglio e Andrea Sgnaolin, chiamati a trasformare davvero la grande notte di Nettuno in una festa da ricordare.

MEMORIAL CIMPELLA SAN LORENZO NUOVO - Rinnovata la sfida calcistica, vince il Convento ai rigori

Giornata di festa nel ricordo di Tony

S

an Lorenzo Nuovo. Sabato scorso presso il campo sportivo comunale si è svolto il “XII Memorial Cimpella Antonio” partita di calcio tra i due rioni del paese Convento – Pergolino, la partita è stata organizzata, come ogni anno, dal locale Lazio Club per ricordare il carissimo e fraterno amico scomparso in un tragico incidente stradale alle porte di Viterbo nell’agosto del 1999. Le squadre scese in campo alle ore 18:00 si sono scontrate subito a viso

aperto ma la fatica si faceva subito sentire oltre che dalla torrida giornata anche dalla festività di San Giovanni del giorno precedente dove in paese è usanza fare colazioni e pranzi nelle varie cantine sparse sul territorio. Gli atleti in campo si sono dati subito da fare e dopo il minuto di raccoglimento e l’esposizione dello striscione in memoria di Tony, che recitava: “Noi Siamo Qui Con Te…Tony Presente”, il Pergolino con un’inizio fulmineo ha sorpreso i rivali

del Convento portandosi dopo mezz’ora di gioco sul 2 a 0 e concludendo il primo tempo con questo risultato. Il secondo tempo vedeva i ragazzi capitanati dal coriaceo Bisti Gianluca e ben disposti in campo dal mister Marricchi impegnarsi in maniera spasmodica fino al raggiungimento del pari, ma di lì a poco il Pergolino si riportava in vantaggio con un bel goal del bravo Saleppico, ma negli ultimi 5 minuti la partita cambiava volto sul forcing incessante del Convento grazie a Fabi raggiungevano il pari portando il Pergolino alla lotteria dei rigori. La gara dopo i rigori terminava 7 a 4 per il Convento con le marcature di Manucci, Bisti G., Zanoni E., e Bisti A., mentre per il Pergolino sbagliavano Tupu e Saleppico e l’unico penalty realizzato è stato da parte di Papaccio. Da segnalare la buona prova di tutti i presenti, ma in particolare il calcio d’ini-

zio dato dal giovanissimo Pezzini Elia Stafano (9 anni) che così diventa l’atleta più giovane ad aver partecipato alla competizione con il veterano della sfida rionale, il Prof. Serafinelli Enzo che disputò il suo primo Convento – Pergolino nel lontano 1964. Il Lazio Club ci tiene a ringraziare la Pro Loco per il totale supporto economico alla manifestazione e il Sindaco Zannoni per la sua immancabile presenza e partecipazione. L’appuntamento è per il prossimo anno quando il Club Biancoceleste festeggerà il proprio vantennale con la XIII edizione del Memorial. LE FORMAZIONI Convento: Spadaccia, Fabi, Zanoni E., Goretti Fe., Del Segato, Goretti Fr., Breccola, Bisti G., Manucci, Bisti A.. A disp.: Bellocchi, Zanoni L., Bisti D., Natali, Giannini. All.: Marricchi Fiorenzo Pergolino: Catalucci,

Di Giovancarlo, Mechella M., Broccatelli, Papaccio, Mechella L., Ambrosini, Pezzini Elia, Serafinelli Enzo, Saleppico, Grassini. A disp.: Door, Tupu V., Zucca, Barbaglia, Tupu C., Giannotti. All.: Cozza Maurizio Arbitro: Leon Hany Risultato: 3-3 (7-4 d.c.r.)

NELLE FOTO A sinistra il team del Convento che ha perso ai calci di rigore e sopra Anna Cimpella, sorella di Antonio, al centro il presidente del Lazio Club di San Lorenzo Nuovo Stefano Pezzini e a destra il sindaco Zannoni


� �

sport

SPORT

30

Viterbo & AltoLazio

VOLLEY /1

VOLLEY/2

Il Lazio cede il primo set Mezzo ‘passo falso’ di Skuodis e compagni al Trofeo delle Regioni La Liguria sconfitta ma soltanto dopo tre parziali molto combattuti posto della graduatoria generale a vantaggio di formazioni come Umbria, Veneto, Puglia e Piemonte che non hanno ancora perso un set. Se il trio VenetoPuglia-Piemonte era considerato tra i favoriti per il primo posto, non altrettanto si poteva pensare dell’Umbria che però sta giocando benissimo ed ha battuto il Lazio anche nell’ultimo torneo di preparazione, disputato a Monte�ascone. Oggi si torna in campo per altri gironi da tre con al via solo le dodici migliori squadre; il Trofeo delle Regioni entra davvero nel vivo.

di GLAUCO ANTONIACCI

U

n set perso che può pesare, facendo scivolare indietro di qualche posizione nel ranking del torneo maschile indoor. La Selezione Lazio ha chiuso anche la giornata di ieri con due vittorie, aggiudicandosi il girone della seconda fase nel Trofeo delle Regioni che si sta disputando a Torino e che raccoglie tutto il meglio della pallavolo italiana tra i 14 e i 16 anni, sia nel settore maschile che in quello femminile. Il gruppo di cui fa parte anche Ridas Skuodis, punto di forza della formazione under 16 di Tuscania, è tornato in campo dopo le due nette affermazioni contro Valle d’Aosta e Sardegna, affrontando ieri il Molise e la Liguria. Il primo match ha visto la formazione di Massimiliano Giordani superare con un rotondo 3-0 il Molise; parziali netti in tutti e tre i set (25-10, 25-11, 25-14), e tranquillo controllo della situazione senza eccessivi rischi. Poi è toccato alla Liguria avere ragione, sempre per 3-0, del Molise, e così il terzo incontro, tra Lazio e Liguria, è diventato decisivo per assegnare il primo posto nel gironcino ma, soprattutto, per contribuire ad

Venerdì 1 Luglio 2011

Pronto riscatto Italia La Tunisia battuta 3-0 Gli Azzurrini si riprendono dal ko con l’Argentina Oggi doppio appuntamento con il Torneo Smargiassi

I

mmediato riscatto della Nazionale italiana Pre-juniores nella seconda giornata del Trofeo Pino Smargiassi di Civita Castellana. Nello scenrio piuttosto ‘insolito’ del centro sportivo di Vigna di Valle, sede del raduno che vede protagonisti gli Azzurrini di Mario Barbiero, è arrivata infatti una vittoria per 3-0 a spese della Tunisia, squadra certamente ricca di giocatori interessanti ma non abbastanza per contrastare il cammino dell’Italia. La formazione italiana è partita subito bene, aggiudi-

una classi�ca generale che tiene conto sia della prima che della seconda fase. Skuodis e compagni si sono imposti per 2-1 ma è stata la prima gara veramente combattuta dell’avventura piemontese: dopo aver vinto il primo set per 25-21, la squadra laziale ha infatti perso il secondo set per 27-25 al termine di una lunga battaglia ma si è riscattata nel terzo set, aggiudicandoselo per 25-18. Grazie ai due successi sono entrati così cinque punti da aggiungere ai sei della prima fase; il Lazio ha però perso il primo

candosi il primo set per 2520, poi ha gestito abbastanza bene la situazione anche nel secondo parziale, in cui la Tunisia ha provato a rendere la vita molto difficile alla squadra di Barbiero, fermandosi però a quota 21 punti. Ancor più a senso unico il terzo set, in cui gli Azzurrini hanno avuto la meglio per 25-16 imponendo la loro maggiore forza e chiudendo così in maniera netta l’incontro. Grazie a questo 3-0, la squadra di Barbiero ha riscattato lo stop per 3-1 dell’esordio contro l’Argentina, una partita spettacolare e combattuta che ha rappresentato il miglior modo possibile per dare il via alla ventunesima edizione del Torneo Smargiassi. Ieri sera si è chiuso il ‘girone di andata’ con la sfida tra i sudamericani e i tunisini, nuovamente a Civita Castellana; oggi sarà invece una giornata di grande sport con due incontri (Tunisia-Argentina alle 17,30 e Italia-Tunisia alle 21), entrambi alla Palestra Smargiassi. Domani il gran finale con Italia-Argentina e le premiazioni. (GA)

VELA - Tante iniziative fino a settembre BILIARDO - L’atleta di Corchiano protagonista delle finali serie B nelle specialità del Pool

Sport e rispetto dell’ambiente nelle regate di Trevignano

Due titoli tricolori per Federico Campanelli

S

D

i avvicina un periodo di grandi eventi per il lago di Bracciano, luogo ideale per abbinare sport, divertimento e sensibilizzazione alla tutela dell’ambiente. Archiviata da poco la Festa del Lago che ha tenuto banco dal 24 al 27 giugno, Trevignano si prepara ad ospitare ben sette regate, da luglio a settembre, collegate a sette tematiche ambientali. Questo il programma del “Trofeo Ecovela Play 2011”, organizzato dal circolo AICS Sailing Club H2O, in collaborazione con il Comitato Provinciale AICS di Roma, l’Assessorato al Turismo di Trevignano e il patrocinio del Comitato Regionale del CONI Lazio. Il calendario delle regate prevede davvero eventi per tutti i gusti: 3 Luglio – Italia: un Paese OGM Free – 10 Motivi per dire NO agli OGM! 10 Luglio – Energie alternative – stato dell’arte e prospettive di breve termine 24 Luglio – Raccolta differenziata: se noi la fai sei ‘fuori dal Mondo’ 7 Agosto – Consumi: come scegliere nel quotidiano premiando le aziende eco orientate 21 Agosto – Senso civico: chi ce l’ha lo insegni (mediante il buon esempio)

4 Settembre – Auto elettrica: comprala ora. Modelli sul mercato, prestazioni e costi. 18 Settembre – Come l’acqua in�uenza la qualità della catena alimentare umana del 3° millennio. In ogni regata tematica verranno realizzati eco-volantini che saranno delle vere e proprie schede tecniche professionali, contenenti i dati relativi al tema trattato in quella occasione. Un testo stringato, diretto ed esauriente che conterrà informazioni di facile comprensione per tutti coloro che vorranno partecipare.

ue titoli di specialità e il secondo posto assoluto. Davvero niente male per Federico Campanelli, 25enne atleta di Corchiano che è stato sicuramente uno dei grandissimi protagonisti dei recenti Campionati Italiani di biliardo, specialità pool. Campanelli ha partecipato quest’anno alla serie B ma, a suon di vittorie, si è fatto largo in mezzo ad una concorrenza particolarmente agguerrita ed è riuscito a raccogliere l’obiettivo più importante, vale a dire la promozione in serie A. Il prossimo anno, quindi, Campanelli potrà confrontarsi con tutti i migliori specialisti nazionali di ‘palla 8’, ‘palla 9’ e ‘palla 10’, discipline biliardistica che, nel nostro paese, hanno una tradizione certamente inferiore rispetto ai ‘5 birilli’ o alla ‘goriziana’ ma che, a livello mondiale, vengono giocate in moltissimi paesi. La �nale del campionato italiano si è svolta a Rovereto e i protagonisti ci sono arrivati dopo una marcia di avvicinamento fatta di diverse prove disputate a Cittadella, Levico e persino a Nova Gorica, con uno ‘scon�namento’ nella vicina Slovenia. Campanelli ha concluso la classi�ca assoluta al secondo posto, preceduto solamente da Raffaele Conteduca che è sta-

to suo avversario anche nella �nale della specialità ‘palla 8’. Campanelli si era quali�cato per questa �nale superando nei quarti Oberko�er per 62 mentre in semi�nale aveva avuto la meglio su San Juan al termina di una battaglia �nita sul 6-5. Molto più lineare il cammino di Conteduca che aveva superato prima Sammarini e successivamente Di Saverio, sempre per 6-0. Conteduca ha iniziato molto bene il match, aggiudicandosi i primi due game di una specialità che premia chi raggiunge prima quota sei; un

gioco che molti hanno praticato, anche in gioventù, e che consiste nell’in�lare in buca o tutte le palle colorate piene o quelle bianche con una fascia colorata, lasciando la numero otto per ultima a segnare la �ne dell’incontro. Campanelli ha disputato un incontro in costante recupero ma ha sbagliato forse qualche occasione importante per tornare in partita e si è così dovuto arrendere per 6-3. La rivincita è arrivata però nelle altre due �nali di specialità che hanno visto sempre protagonista l’atleta di Cor-

chiano. Nella ‘palla 10’, Campanelli ha superato nei quarti di �nale Antonello con un netto 6-1 e in semi�nale non ha dato scampo a Cossalter, battuto per 6-3. Nella �nalissima ha dovuto fare i conti con Massimiliano Corso, ‘giustiziere’ di Conteduca in semi�nale, ed è riuscito ad avere la meglio sull’avversario, mandando in buca per sette volte la palla numero 10 rispetto alle sole quattro volte dell’avversario. Oltre al titolo italiano di serie B della specialità ‘palla 10’, Campanelli si è preso anche quello del ‘palla 9’ in cui i giocatori devono in�lare in buca in sequenza (dalla 1 alla 8) le bilie prima di tentare di imbucare la 9, salvo un’eventuale carambola che può chiudere i conti molto più velocemente. L’atleta viterbese è stato protagonista di una marcia di avvicinamento molto brillante, sbarazzandosi ancora una volta nei quarti di �nale di Federico Antonello per 6-1, poi in semi�nale non ha lasciato scampo a Daniele Masera (6-2) ed in �nale ha trovato a sorpresa Massimo Livrizzi che aveva eliminato Conteduca. Netta l’affermazione di Campanelli che ha completato le sue eccellenti �nali piegando l’avversario per 7-3 e conquistando così un altro titolo italiano. (GA)


almanacco

& Venerdì 1 Luglio 2011 Viterbo AltoLazio

NUMERI UTILI • Polizia di Stato 113 • Carabinieri 112 • Vigili del Fuoco 115 • Emergenza Sanitaria 118 • Guardia di Finanza 117 • Corpo Forestale 1515 • Telefono Azzurro 19696 • Fisco in linea (Ministero delle Finanze) 16474 • Unità di crisi (Ministero degli Affari Esteri) 06.36225 • Viaggiare Informati 1518 • Comunicazione Emergenza Salute Pubblica 1500 • Polizia Penitenziaria 1544 • Soccorso Stradale 116 • Telefono Donna 167861126 • AEROPORTO FIUMICINO -Informazioni 1478.65643 -Prenotazioni Nazionali 1478.65641 -Prenotazioni Internazionali 1478.65642 • FERROVIE DELLO STATO -Porta Fiorentina 0761.3161 -Uf� cio Biglietti 0761.316550 -Porta Romana 0761.303429 -Orte Scalo 0761.40281 • COTRAL -Ferrovia Roma - Viterbo 0761.307679 -Autolinee Riello 0761.344914 -Servizio Taxi 0761.340777 • QUESTURA -Passaporti e Permessi 0761.3341 -Vigili Urbani 0761.228383 -Aci 0761.344806 • OSPEDALE BELCOLLE -Centralino 0761.3391 -Pronto Soccorso 0761.308622 -Guardia Medica 0761.324221 -Croce Rossa 0761.304033 -Avis/Aido 0761.342890 • APT -Informazioni 0761.304795 -S. Martino al Cimino 0761.291003 • COMUNE DI VITERBO -Centralino 0761.3481 • PROVINCIA DI VITERBO -Centralino 0761.3131 • CAMERA DI COMMERCIO -Centralino 0761.29221 -Cefas 0761.345974 • BIBLIOTECHE -Ardenti 0761.340695 -Anselmi 0761.228162 • UNIVERSITÀ -S.Maria Gradi 0761.3571 -Agraria 0761.357544 -Scienze Matematiche 0761.347112 -Beni Culturali 0761.357606 -Economia 0761.357801 -Lingue 0761.357646

31

visitando

PREVISIONI ASTROLOGICHE DI OGGI a cura di Luca Un nuovo mese che esalta ancor di più la vostra voglia di dare e riceve-

21 Maggio - 21 Giugno GEMELLI Voi anche in questo splendente mese di luglio andate a vele spiegate verso il

cari amici dell’Ariete..i tanti, troppi pianeti in Cancro non vi aiutano creandovi ostacoli a non finire specialmente nel vostro ambiente di lavoro che è già fin troppo movimentato..le stelle vi consigliano di stare sotto le righe..di essere un po’ più umili..so che per voi è difficile ma è necessario provarci—MI RACCOMANDO

re affetto e amore..sì è vero anche voi amici del Toro che siete degli inguaribili sensualoni e che non disdegnate la vita da singles cominciate a sentire il desiderio di aver qualcuno con cui parlare quando tornat a casa la sera..la solitudine non fa più per voi..AUGURI

successo..ve lo avevo detto che questo sarebbe stato un anno ottimo per porre le basi di qualche progetto che si concretizzerà nel 2012, anno che sarà per voi super fortunato..i grandi progetti però hanno bisogno di cura e di organizzazione..q uindi..COMINCIATE GIA’ DA ADESSO.

22 Giugno - 22 Luglio CANCRO Finchè la barca va..lasciala andare..e voi fatela andare davvero la vostra vita verso

23 Luglio - 22 Agosto LEONE Cari Re della fo r e s t a . . c a r e leonesse..se non siete tanto aggressive il vostro valore

23 Agosto - 22 Settembre VERGINE Finalmente questo alone di nervosismo che ha contraddistinto questo ultimo periodo si va af-

nuovi lidi..con questi pianeti in aspetto fantastico non troverete nessuna difficoltà a poter scegliere tutto quello che volete..ma con la pigrizia ch vi contraddistingue sono sicuro che voi vi lascerete andare alla fantasia cominciando a fantasticare,,beh. .potete anche farlo..se fortuna è scritta..FORTUNA SARA’!

non verrà diminuito..anzi..con questi pianeti nel segno del Cancro che vogliono finalmente farvi un po’ riposare avrete la possibilità di far emergere la vostra dolcezza e anche la vostra dominante sensualità sarà addolcita..pensate davvero che al vostro partner dispiacerebbe’..io credo proprio di no..ASPETTATE E VEDRETE

fievolendo facendo finalmente brillare i vostri occhi vivaci di una luce nuova..e finalmente i tanti problemi che vi stavano angosciando si scioglieranno come neve al sole..e chissà che questa non sia la volta buona di fare delle scelte azzeccate?..io fossi in voi..con Giove al mio fianco non mi preocuperei..anzi..ANDATE INCONTRO ALLA VITA!

23 Settembre - 23 Ottobre BILANCIA Non c’è proprio nulla da fare cari amici della bilancia , ora è così che va..il lavoro tutto

24 Ottobre - 21 Novembre SCORPIONE Sono molto lieto di dirvi che finalmente qiualche acciacco comincia a darvi

22 Novembre - 21 Dicembre SAGITTARIO E sì che va un po’ meglio cari amici del Sagittario..forse qualche chiarimento che

sembra meno che soddisfacente e contrariamente a quanto vi accade di solito vi sentite come bloccati nel proporre le vostre idee ha chi potrebbe aiutarvi a realizzarle..la colpa è di mercurio, signore degli affari e dei contatti che staziona nel segno del cancro..per fortuna passa tutto in fretta..ma adesso è meglio che vi dedichiate all’amore ..per il

un po’ meno fastidio cari amici dello Scorpione..questo giove in Toro forse vi sta bloccando e vi sta un po’ deprimendo, ma questi pianeti nel segno a voi amico del Cancro hanno il potere di rendere tutto un po’ più semplice dalla gestione del vostro lavoro a quella dei rapporti personali..approfittat ene per aprire il vostro cuore..VI RENDERA’ FELICI

c’è stato negli ultimi giorni con la persona del cuore vi ha portato ad affrontare le situazioni sentimentai in maniera diversa..chissà..forse avete cominciato ad imparare che nella vita è sempre necessario prendere le questioni di petto..senza pensarci troppo..vedrete che ora cominceranno ad arrivare dei bei risultati..CONTENTI?

22 Dicembre - 21 Gennaio CAPRICORNO Sì lo so che siete stanchi e un po’ provati ma urtroppo anche nei periodi non facili è necessario

22 Gennaio - 19 Febbraio ACQUARIO Cosa vi succede cari acquar ietti?.. siete stanchi per le troppe feste a cui

20 Febbraio - 20 Marzo PESCI Certo che siete dei veri e propri feomeni quando si tratta di perdonare è vero?..e

non perdere mai la fiducia, specialmente nelle vostre capacità..le persone che vi circondano fanno a gara per dimostrarvi il loro affetto e non fanno altro che ripetervi che tutto si aggiusterà..beh, non è una chimera..chi cerca di esaltare le vostre qualità infondendovi coraggio vi vuole bene..e anche parecchio..PRESTATE ASCOLTO

state andando?..si può essere e poi voi il caldo proprio non lo reggete..non è il vostro habitat naturale..e allora cosa c’è di meglio se non buttarsi una spiaggia a prendere il sole in un posto non troppo affollato in compagnia del vostro grande amore?..NULLA DIREI..E QUINDI..AVANTI COSI’

comunque voi avete la faccia tosta di far credere agli altri quello che volete..siete degli affabulatori..beh da una parte fate bene anche perché poi raggiungete sempre dei grossi risultati..non che siate falsi, tutt’altro..è che sapete muovervi molto bene in società..BRAVI!..ANZI, BRAVISSIMI

21 Marzo - 20 Aprile ARIETE Altro mese altro giro altra ruota..che per voi però non è ancora quella della fortuna

21 Aprile - 20 Maggio TORO

Bagnaia VILLA LANTE Tipico esempio di sfarzo rinascimentale, è tra i più famosi più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La sua ideazione si deve a Jacopo Barozzi da Vignola. Al suo interno sono presenti due casini di caccia con decorazioni del Cavalier d’Arpino, Raffaellino da Reggio ed Antonio Tempesta. Info: 0761/288008 Barbarano Romano MUSEO ARCHEOLOGICO DELLE NECROPOLI RUPESTRI Il museo conserva reperti di ceramica e bronzei ma anche sarcofagi, obelischi di tufo e altri oggetti che vanno dalla Preistoria al Medioevo. Info: 0761/414531 0761/414601 Bolsena MUSEO TERRITORIALE DEL LAGO DI BOLSENA Ospitato nella Rocca Monaldeschi della Cervara, possiede una vasta gamma di documentazione sulla storia del distretto vulcanico e le varie fasi insediative sulle sue sponde, che vanno dalla preistoria sino alle più recenti manifestazioni della cultura locale. Info: 0761/798302 0761/798630 0761/798679 Bomarzo PARCO DEI MOSTRI Il famoso parco ideato Jacopo Barozzi da Vignola nel XVI nel quale è possibile ammirare fontane e sculture non ordinarie e consuete. Info 0761/924029 Caprarola PALAZZO FARNESE Realizzazione a pianta pentagonale di Jacopo Barozzi da Vignola. Contiene al suo interno numerosi affreschi di Raffaellino da Reggio, Taddeo Zucchi e Giovanni Antonio da Varese tra i quali anche la stanza delle Carte Geografiche. San Martino al Cimino PALAZZO DORIA PAMPHILIJ Il Palazzo è stato edificato nel XVII secolo presenta suggestivi soffitti a cassettoni decorati. Il palazzo, ricco di decorazioni a fregio, viene spesso adibito a centro congressuale. Info: 0761/291000 Tarquinia MUSEO NAZIONALE ETRUSCO Considerato tra i più importanti in Italia, contiene materiale archeologico di grande rilievo. Info: 0766/856036 Viterbo MUSEO DELLA MACCHINA DI SANTA ROSA Testimonianze dell’attività del Sodalizio e documentazione riguardo al trasporto della Macchina di Santa Rosa. Info: 0761/345157 Vulci PARCO NATURALISTICO ARCHEOLOGICO All’interno del museo sono ospitati i ricchi corredi delle tombe di Vulci, secondo un percorso che dall’epoca più antica (III millennio A.C.) giunge ai reperti archeologici di epoca romana, passando attraverso eleganti vasi etruschi e raffinati vasi greci figurati. Info: 0761/437787 Fabrica di Roma A Falerii Novi, mura etrusco romane del III sec. a.c. e la porta Giove si possono visitare sempre. L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Falerii del sec.XII da marzo a Novembre i sabati e le domeniche dalle ore 9 alle 13. In altri giorni per gruppi e scolaresche contattare il 0761/ 569101 ufficio cultura.

PREVISIONI METEOROLOGICHE Venerdì 1 Luglio 2011

Sabato 2 Luglio 2011

ore 00 cielo nuvoloso e vento da nord/ovest a 5 km/h. Temperatura di 20,5 °C ore 03 cielo parz. nuvoloso e vento da nord/ovest a 4 km/h. Temperatura di 19,4 °C ore 06 cielo quasi sereno e vento da nord a 4 km/h. Temperatura di 18 °C ore 09 cielo quasi sereno, possibilità di piovaschi sparsi o deboli rovesci e vento da nord/est a 3 km/h. Temperatura di 23,9 °C ore 12 cielo parz. nuvoloso con estese ed intense nubi temporalesche, possibilità di piovaschi sparsi o deboli rovesci e vento da ovest a 4 km/h. Temperatura di 25,4 °C ore 15 cielo parz. nuvoloso con intense nubi cumuliformi, possibilità di piovaschi sparsi o deboli rovesci e vento da ovest a 12 km/h. Temperatura di 24,5 °C ore 18 cielo parz. nuvoloso con intense nubi cumuliformi e vento da ovest a 13 km/h. Temperatura di 23,8 °C ore 21 cielo parz. nuvoloso e vento da ovest a 8 km/h. Temperatura di 23 °C

ore 00 cielo poco nuvoloso e vento da ovest a 6 km/h. Temperatura di 19,5 °C ore 03 cielo poco nuvoloso e vento da nord a 5 km/h. Temperatura di 18,7 °C ore 06 cielo quasi sereno o poco nuvoloso e vento da nord a 5 km/h. Temperatura di 17,9 °C ore 09 cielo sereno e vento da nord/ est a 7 km/h. Temperatura di 21,6 °C ore 12 cielo sereno o quasi e vento da nord a 3 km/h. Temperatura di 25,5 °C ore 15 cielo poco nuvoloso con qualche piccolo cumulo sparso e vento da ovest a 9 km/h. Temperatura di 25,2 °C ore 18 cielo parz. nuvoloso con intense nubi cumuliformi e vento da ovest a 12 km/h. Temperatura di 23,9 °C ore 21 cielo poco nuvoloso e vento da nord/ovest a 9 km/h. Temperatura di 22,3 °C

FARMACIE

OGGI 1 LUGLIO MONTALBOLDII (DIURNO E NOTTURNO) PIAZZA VERDI, 1A (VT) TEL: 0761-341902 DOMANI 2 LUGLIO COMUNALE LA QUERCIA (DIURNO E NOTTURNO) P.ZZA CAMPO GRAZIANO, 37 LA QUERCIA (VT) TEL: 0761-326530



l'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 1 luglio 2011