Issuu on Google+

AltoLazio News Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

p

Viterbo & Lazio Nord Anno I N.6 - Martedì 26 Ottobre 2010

Direttore Editoriale ARTURO DIACONALE

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO

L’EDITORIALE

a pagina 2

Moscaroli Selvaggini Sanitopoli di Paolo GIANLORENZO Il 14 dicembre si sta avvicinando a passi da gigante. Ha importanza direte voi? Per molti di noi probabilmente no ma per la Procura di Viterbo e per molti personaggi del mondo politico, imprenditoriale ed amministrativo Sì! E’ il momento in cui inizierà il primo processo legato alla Sanità viterbese. Al giro di tangenti e di affari sporchi. Alle consulenze date a mogli e nipoti e ad una serie impressionante di favori incrociati. Sarà l’occasione migliore per ascoltare, per bocca dei protagonisti, cosa è accaduto in questi ultimi anni nella nostra città senza che nessuno se ne accorgesse. S�leranno in questo processo testimoni importanti e molti inaspettati. Tutto questo perché l’ex direttore della Ausl Roma H Mingiacchi, tutt’ora detenuto, non vuole avvalersi di riti alternativi ma vuole affrontare le prove raccolte dagli inquirenti e provare a smontarle. Per fare questo dovrà necessariamente tirare in ballo moltissime altre persone e quindi il “feroce” lavoro dei suoi legali su tutto il materiale a loro dispozione servirà proprio a questo. Corrotti e corruttori alla sbarra, insieme ad impiegati infedeli, che allargheranno l’elenco dei bene�ciari di tanto denaro “ex pubblico”. Intanto gli ospedali chiudono, i servizi essenziali non funzionano.

Caso Fiorita, in trenta denunciano la truffa

CRONACA

Omicidio Rizzello il sangue nella villetta è solo di De Vito di Roberto Pomi

CRONACA

POLITICA

CIVITAVECCHIA

Rapina al Top16 La polizia cerca i malviventi

A Viterbo record di cassa integrati della Regione

Guardia Costiera sequestra 50 kg di pesce

di Alessandro SACRIPANTI servizio a pagina 4

di Daniele CAMILLI servizio a pagina 5

di Pietro COZZOLINO servizio a pagina 12

In vendita abbinata obbligatoria con L’OPINIONE DELLE LIBERTA’ a 1 euro

Il sangue all’interno della villetta di Via Latini appartiene soltanto a Giorgio De Vito. Chiusa con l’udienza a porte chiuse di ieri la fase dell’incidente probatorio. Ora sta al pm Renzo Petroselli avanzare le richieste su eventuale archiviazione o rinvio a giudizio dei due imputati: De Vito e l’allora compagna, la polacca Mitcha. L’avvocato della difesa di De Vito ha tentato di avanzare un’opposizione alla perizia del medico legale basandosi sul fatto che non è stato prelevato il dna della polacca.

servizio a pagina 4


cronaca

p

2

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

LO SCOMPARSO

Caso Fiorita, in trenta lo denunciano per truffa Era già scappato per debiti nel 1994 di Roberto Pomi

C

aso Fiorita, salgono a quota trenta le denunce raccolte dalla Questura di Viterbo, precisamente dagli uomini guidati dal dottor Fabio Zampaglione, capo della Squadra Mobile, che si stanno occupando della vicenda. Le dimensioni della truffa In trenta accusano il dentista di truffa. Si tratta in primis dei due giovanissimi neolaureati entrati in società con il professionista all’interno della Dental Action, la società con sede in via Minciotti al Pilastro. Uno avrebbe rimesso 15mila euro, l’altro 5mila. Le quote di ingresso per entrare all’interno di quello che gli era stato prospettato come un “good business”, un buon affare. Ci sono poi i pazienti dell’uomo che in questi mesi hanno aperto delle finanziarie per lavori da migliaia di euro. Soldi intascati e medico scomparso. Fiorita ha fatto sparire nel nulla anche i soldi che doveva versare all’agenzia di viaggio per pagare le quote dei dieci professionisti, alcuni anche viterbesi, che il 14 ottobre sono partiti per l’ospedale di Santa Cruz de La Sierra (Bolivia). Destinazione uno stage di implantologia. Loro non ci hanno rimesso nulla ma l’agenzia di viaggi si ritrova con in mano un bell’assegno scoperto. Ma la truffa di Giancarlo Fiorita non si dovrebbe esaurire all’interno dei confini

italiani. Prosegue con strascichi sudamericani e va a colpire la Biosaf, la società organizzatrice dello stage che ha dovuto portare a sue spese gli impianti (valore diverse decine di migliaia di euro) nell’ospedale - gestito da suore – a Santa Cruz visto che quelli che doveva portare Fiorita – già pagati dalla suddetta società – non sono mai arrivati a destinazione. Le indagini A denunciare la sparizione di Fiorita è stata la sorella dell’uomo il 14 ottobre scorso. Vo-la-tiliz-za-to nel nulla. Gli uomini di Zampaglione hanno effettuato una perquisizione nella casa del professionista. Un appartamento preso in affitto nel quartiere Santa Barbara. Non mancano tante cose. Fiorita deve essere partito con un bagaglio leggero. “Era già accaduto nel 1994 – precisa Zampaglione . Il dentista in quel caso scappò in Ecuador. Aveva tentato di organizzare una mega-manifestazione internazionale. Gli era andata male e doveva dei soldi, diverse migliaia di euro, a diversi soggetti. Decise di scappare in Sudamerica. Dopo sette anni, quindi nel 2001, ritornò a Viterbo. Il padre aveva pagato i debiti, consentendo al figlio il ritorno. Abbiamo fatto degli accertamenti anche sui titoli professionali dell’uomo. E’ risultato tutto in regola. Ha due specializzazioni: come chirurgo e come odontoiatra. Risulta essere un vero e proprio guru nel settore dell’impiantologia.

Quando tornò in Italia ricominciò aprendo uno studio dentistico a Orte, poi tornò professionalmente a Viterbo. Anche adesso collaborava con uno studio di Orte e di Civita Castellana”. Formalmente la Questura sta indagando solo sulla scomparsa. Tra oggi e domani consegneranno il fascicolo con le trenta denunce per truffa alla Procura che aprirà questo nuovo filone d’indagine. Le indiscrezioni In città tantissimi si chiedono dove possa essere finito l’uomo. Venti giorni fa è morta la madre e con Fiorita sembra essere scomparsa anche la badante di lei. Una signora ecuadoregna sulla cinquantina. C’è chi racconta di un fitto legame di Fiorita con il Sudamerica non solo per ragioni di carattere professionale. Sembra infatti che circa un anno fa il medico portò con sé a Viterbo una bellissima ragazza sudamericana, una ballerina, presentandola come la propria fidanzata. C’è poi un altro fatto: una casa in Paraguay. Si tratterebbe di una bellissima villa acquistata dal dentista italiano per il prezzo stracciato di 24mila euro. Forse Fiorita è proprio lì. Mentre tutti lo cercano e in parecchi lo denunciano lui potrebbe proprio essere in Paraguay a godersi i soldi con questa giovane donna. Il mistero al momento resta fitto e gli inquirenti, che stanno indagando in primis sulla scomparsa dell’uomo, ancora non escludono nessuna pista.

Rimandato il processo per l’aggressione alle Terme

S

ono passati 4 anni da quel sabato estivo quando, intorno alle 5 della mattina, alle terme di San Sisto un gruppo di cinque ragazzi ha aggredito i responsabili della struttura. “Non ricordo il giorno preciso, ma era estate, all’incirca luglio – dice la Sig.ra Meli, una delle vittime dell’aggressione – era tardi e, dopo una giornata di lavoro, ci stavamo riposando nella roulotte adiacente alle terme. Verso le 5 abbiamo sentito degli schiamazzi provenire dalle terme”. La confusione ha allertato il Presidente Mario Bracci Devoti che si è recato presso le piscine e ha trovato cinque ragazzi immersi nell’acqua. “Venivano da un rave party a Civita Castellana ed erano ‘strafatti’. Mario, il Presidente, gli ha chiesto di mostrargli la tessera-soci – spiega la Sig.ra Meli – che però loro non avevano”. Il Sig. Mario, a quel punto, ha chiesto al gruppetto di tesserarsi o di lasciare il posto, ma i ragazzi non hanno preso di buon grado l’invito e hanno iniziato a minacciare il Presidente. Vista la situazione critica il Sig. Devoti si è mosso per prendere il telefono, che aveva lasciato nella roulotte, per chiamare i Carabinieri: nel momento in cui si è voltato per andarsene il più piccolo dei cinque è uscito dall’acqua e lo ha aggredito alle spalle, “gli ha dato due pugni

sulla testa e lui è caduto a terra – racconta ancora Lara Meli – e quel ragazzo ha continuato a colpirlo ripetutamente. È stato allora che sono uscita anch’io dalla roulotte”. Arrivata alle piscine la Sig. Lara si è trovata dinnanzi una situazione spaventosa, “gli altri ragazzi urlavano “ammazzalo, ammazzalo”. A quel punto sono intervenuta per farlo smettere ed hanno iniziato a minacciare anche me”. Tra i cinque era presente anche una donna che ha aggredito verbalmente la Signora Meli. Il fracasso ha messo in allarme Domenico Masini che è accorso sul posto: “a quel punto uno dei cinque è andato per prendere una spranga in macchina, aizzato dai compagni, ma fortunatamente poi se ne sono andati”. I facinorosi sono stati fermati poco dopo dai Crabinieri. Il Signor Mario Bracci Devoti, l’unico aggredito era presente oggi, insieme alla Sig.ra Meli e al Sig. Masini, al tribunale di Viterbo dove il processo è stato rinviato al 29 dicembre. Era il 2006 quando è avvenuta l’aggressione “sono passati quattro anni e questa è la settima volta che, per un motivo o per un altro, rinviano il processo”, nel frattempo i cinque ragazzi non hanno subito ancora nessuna conseguenza: “io lo dico sempre, la giustizia protegge i delinquenti”. Micaela Rotelli

Un romeno e un giovane italiano

Aggrediscono poliziotti Condannati

C

ondannato a sei mesi, per aggressione e resistenza a pubblico uf�ciale, il 41enne romeno che nella serata di sabato ha aggredito due agenti della Polizia stradale. La pattuglia in servizio, in seguito alla segnalazione di un’automobilista, è intervenuta sulla Bassanese per una macchina �nita fuori strada. Giunti sul posto i poliziotti hanno trovato fuori del mezzo il cittadino romeno in evidente stato di alterazione alcolica. Alla richiesta, avanzata dagli agenti, di sottoporsi all’alcol test, l’uomo si sarebbe ri�utato per poi chiudersi all’interno della macchina. A questo punto quando gli uomini della Polizia hanno cercato di tirarlo fuori l’uomo li avrebbe aggrediti. * Condannato a otto mesi, grazie al patteggiamento, il ragazzo di appena 22 anni che domenica sera ha scatenato il pandemonio al Pronto Soccorso di Belcolle. Il giovane, in evidente crisi nervosa perché “mollato” dalla ragazza, era stato portato all’ospedale perché, complice anche il suo stato di alterazione alcolica, si era ferito a una mano. Giunto sul posto si sarebbe ri�utato di farsi assistere dai medici e avrebbe assunto un comportamento fuori dalle righe tanto che i medici hanno ritenuto opportuno chiamare il 113. Il ragazzo si è di fatto scagliato come una furia contro la macchina della Polizia, spaccando un vetro della vettura e ferendo un agente.


Martedì 26 Ottobre 2010

Viterbo & Lazio Nord

primo piano

p

3

Viaggio sul pianeta della fraternità A tu per tu con Salvatore Regoli presidente dell’Associazione voluta da Don Mazzi per la crescita dei giovani di Roberto Pomi

S

i scrive Associazione Juppiter e si legge possibilità. Possibilità per tanti ragazzi della nostra provincia di avere un punto di riferimento, di essere protagonisti all’interno di un ventaglio di iniziative di grande qualità splamate lungo tutto il corso dell’anno: dagli appuntamenti di ‘pARTIcolari’ sotto Natale alle vacanze estive speciali. Possibilità anche per i giovani diversamente abili, o come li chiamano all’interno della galassia Juppiter abilmente diversi, per avere occasioni di incontro, crescita, svago. Occasioni di crescita a contatto con loro, con questi ragazzi speciali, anche per quelli che la società comune chiama i “normodotati”. Perché, come recita uno slogan dell’associazione, “non sei una brava persona se passi qualche ora con dei poveri disabili, il povero sei tu se pensi questo”. Se non li conosci, questi signori della Juppiter, non riesci a capire bene quello che fanno. Poi capita che prima o poi ci “inciampi” e allora lì resti “folgorato”. Come San Paolo sulla via di Damasco? Non è facile capirlo. Forse al loro nume ispiratore, Don Mazzi, farebbe piacere questa similitudine ma Juppiter non è il regno delle emozioni nitide, certe. Qui è tutto un turbinio, questioni né di cuore né di testa. Questioni di pancia. Fanno tutto, sanno fare tutto e lo fanno al meglio. Ma attenzione, non sono dei professionisti. Sono Persone e chi sta con loro impara a diventare una Persona. Riescono a darti uno spazio mentale fuori dal casino di ogni giorno, dalle false idee di ogni giorno, dalle false promesse e illusioni. Quando li guardi, magari ci mangi una sera insieme, ti accorgi

che riesci a guardare meglio oltre la foresta del quotidiano. Abbiamo saputo che stanno cercando casa, una casa per i loro ragazzi speciali. Gli stessi che vedete nella foto grande, quella con l’elefante. Anche questa è l’ennesima magia che quando abbiamo aperto il �le jpg ci ha fatto restare in silenzio. E’ così che vogliamo dargli voce, attraverso l’intervista al loro socio numero uno: Salvatore Regoli. Numero uno sì ma socio come tutti. Qual è il vostro sogno? Il sogno Ë costruire una piccola comunità in cui tutti possano sentirsi accolti, ognuno con le proprie inadeguatezze e le proprie meraviglie. Una casa in cui ognuno, i ragazzi speciali, i giovani volontari, viva come in una famiglia. Quella con i ragazzi è un’avventura stramba che in dieci anni ha portato frutti maturi e bellissimi. Il sogno cresce, alimentato soprattutto dai giovani che si avvicinano, ognuno con le proprie fragilità. Una casa. Come la immaginate? La casa è il luogo in cui ognuno è chiamato per nome. Non ci sono gli utenti, gli operatori, le strutture, gli istituti, le case famiglia. Non dico che non debbano esserci “specialisti”, perchè sono necessari e utili, ma devono entrare a casa come entrava il nostro medico di famiglia. Insomma, un posto in cui vivere e respirare un clima di famiglia. Come si concretizza questo sogno? Il sogno Ë già concreto. Noi questa casa la stiamo costruendo dentro di noi da dieci anni, attraverso le nostre attività, che vanno dallo sport alle vacanze, dal teatro al la-

Il sogno della Juppiter? Una casa per ragazzi speciali boratorio creativo. Attraverso il tempo che ogni giorno trascorriamo insieme ai ragazzi, nel rapporto quotidiano in cui cerchiamo di testimoniare che

realmente meritano una casa. Da questi ideali parte il progetto importante di costruire una casa vera, in cui poter incontrarsi e in cui poter

vivere insieme. Gli uomini di buona volontà sono chiamati al fatidico passo avanti. Serve un impe-

gno del territorio per mettere associazioni come la Juppiter nella condizione di poter operare al meglio, in maniera da intervenire a sostegno di situazioni dif�cili e a sostegno dei ragazzi che attraverso attività di gruppo e di confronto possono misurarsi e sviluppare le proprie capacità e potenzialità. Un intervento è necessario non solo dai privati ma anche e soprattutto da quegli enti che sono chiamti allo sviluppo e al miglioramento del nostro territorio.


4

cronaca

p

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

Videopoket scassinati al centro commerciale Gli agenti della polizia sulle tracce dei ladri

G

li agenti della Polizia del commissariato di Tarquinia diretti dal Vice Questore Riccardo Bartoli, sono sulle tracce dei ladri che domenica sera hanno scassinato i videopoker di un locale all’interno del Centro commerciale Top 16. Secondo gli inquirenti sembrerebbe infatti che gli scassinatori che hanno effettuato il furto, non hanno forzato nessun portone d’ingresso della struttura e senza causare danni, pro-

ponendo di fatto un copione gia visto in passato. “Il metodo usato dai ladri in questa situazione – riferisce il Vice Questore Bartoli – è stato quello di rimanere nascosti all’interno di qualche angolo buio all’interno del Centro Commerciale in attesa della chiusura totale delle attività, per poi mettersi all’opera indisturbati e senza creare nessuna forzatura dall’esterno”. A quanto pare il totale della refurtiva raccolta dalla macchinette videopoker ammonterebbe

a circa 4 mila euro, e tra alcune notizie arrivate da chi conosce e lavora nella struttura ha notato che chi si trova all’interno anche dopo l’orario di chiusura potrebbe uscire tranquillamente dalle porte antipanico che non hanno serrature, ma queste indiscrezioni sulla fuga dei ‘ladri’ del Top 16 non è ancora confermata dalle autorità di Polizia che stanno portando avanti le indagini del caso. Ma il lavoro incessante di questi ultimi tempi dei poliziotti

diretti dal Vice Questore Bartoli non si è concluso con l’indagine del Topo 16, perché viene riferito che nella stessa serata è stato inoltre tentato un furto all’interno di un appartamento sito in Tarquinia Lido. Per ora non sono state fatte connessioni tra i due furti realizzati, ma nel frattempo proseguono accurate indagini da parte della squadra di Polizia Giudiziaria e della squadra di Polizia Scientifica del commissariato di Tarquinia. Alessandro Sacripanti

Omicidio Rizzello, il sangue è solo di De Vito La perizia del medico legale Potenza conferma i riscontri del Ris

O

micidio Rizzello, chiuso l’incidente probatorio. Perizia dall’esito dato per scontato quella del medico legale Saverio Potenza, anticipato da quanto hanno già riscontrato i Ris durante i sopralluoghi, all’interno della villetta di Via dei Latini, negli scorsi mesi. Nessuna traccia biologica della Michta, l’unico a firmare con il proprio dna la scena del delitto è stato Giorgio De Vito. All’epoca la donna polacca e il 35 napoletano accusati dell’efferato omicidio di Marcella Rizzello, uccisa barbaramente nella stessa stanza dove stava dormendo la piccola bambina, erano uniti da una relazione sentimentale. Il legale di De Vito, al secolo Marcello Rezza, ha chiesto nell’udienza a porte chiuse di ieri mattina - che ha chiuso l’incidente probatorio – l’integrazione della perizia del medico legale. Rezza ha contestato il mancato prelievo del dna della Michta. Un esame considerato dal perito come non necessario perché tutte le tracce organiche rinvenute sulla scena del delitto sarebbero riconducibili esclusivamente o alla donna uccisa

CARABINIERI

Week end ricco per i militari civitonici 4 arresti, 7 denunce e 6 segnalazioni

U

o a De Vito. Il pm Renzo Petroselli e la difesa della polacca si sono opposti alla richiesta. Opposizione accolta dal giudice per le indagini preliminari Franca Marinelli che ha ufficialmente chiuso la fase dell’incidente probatorio. Non resta che attendere la decisione del pm sull’archiviazione o il rinvio a giudizio dei due. I fatti risalgono allo scorso 3 febbraio quando all’interno della tristemente nota villetta di Civita Castellana venne strappata alla vita mamma Marcel-

la. Fu il marito a rinvenire il corpo della donna in un lago di sangue all’interno della loro camera da letto. Una vera e propria mattanza, un delitto efferato che ha richiesto mesi prima dell’individuazione del De Vito e della sua allora compagna come presunti colpevoli. Con la chiusura dell’incidente probatorio bisognerà attendere le decisioni del pm Petroselli per conoscere gli sviluppi ulteriori. Con l’udienza di oggi si chiude infatti la fase delle indagini preliminari.

Aveva con sé 95 grammi di stupefacenti vari

Viterbese arrestato a Bologna S

pacciatore viterbese in trasferta arrestato a Bologna. E’ successo durante la serata di sabato in via del Giglio, a Bologna, dove il ragazzo 29enne stava transitando con altre due persone, risultate poi estranee ai fatti. Gli agenti della polizia di Bologna stavano eseguendo un posto di blocco proprio su quella strada, quando hanno fermato l’auto con a bordo il giovane viterbese. Il ragazzo a quel punto ha capito di trovarsi in una

situazione senza via d’uscita, e senza accennare la minima resistenza, ha consegnato agli agenti della questura il marsupio carico di droga. All’interno i poliziotti hanno trovato 95 grammi di stupefacente già imbustato e pronto ad essere spacciato. Fra la droga rinvenuta nel marsupio gli agenti hanno trovato marijuana, hashish, eroina ed ecstasy. La polizia ha anche sequestrato al giovane 600 euro in contanti, probabile provento dell’attività di spaccio del ragazzo.

n week end di successi per la compagnia dei Carabinieri di Civita Castellana, che colleziona 4 arresti, 7 denunce e 6 segnalazioni. Continuano l’attività dei militari, ma soprattutto continua la lotta agli incidenti del sabato sera con grandi azioni di controllo rivolte allo scopo. Nel week end appena trascorso sono state tante le soddisfazioni dei carabinieri della compagnia civitonica, anche grazie al massiccio spiegamento di forze in occasione della serata di sabato, che ha visto oltre 30 agenti operare per mandare a buon termine le operazioni, oltre all’ausilio delle forze di polizia locale dei paesi coinvolti. I successi sono partiti nella prima giornata a Orte, dove i carabinieri hanno arrestato un cittadino nigeriano su cui gravava un ordine di espulsione, e successivamente un cittadino polacco sulla cui

testa pendeva un mandato di cattura europeo perché condannato a un anno e cinque mesi di reclusione per guida in stato di ebbrezza e lesioni personali gravi. A Vallerano i militari sono stati allertati da un’agente della Polizia Stradale che aveva notato due uomini aggirarsi furtivamente attorno alla sua auto. Giunti sul posto hanno messo le manette ai polsi ai due, entrambi romeni, proprio mentre stavano cercando di rubare il veicolo. Successivamente i carabinieri hanno anche individuato il luogo di smistamento della refurtiva dei due malviventi. A Castel Sant’Elia, invece, è stato denunciato un altro romeno, sorpreso in un’abitazione privata con oggetti da scasso. Tutte le stazioni che rientrano sotto il comando della compagnia di Civita Castellana, infine, hanno partecipato alla grande azione del

Tamponamento sulla Tuscanese

sabato sera che ha avuto un bilancio incredibile. I militari si sono piazzati nelle zone di maggior traffico in uscita dai locali notturni della zona. Durante i controlli i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà e ritirato le patenti a 4 persone che guidavano dopo aver bevuto alcolici, e ad altre 6 persone trovate in possesso di droga, nello specifico 10 grammi di marijuana e 3 di eroina. L.A.

Altolazio News srl Registrazione al Tribunale di Viterbo n. 11/10

Direttore Responsabile PAOLO GIANLORENZO piggi@opinioneviterbo.it Redazione Centrale di Viterbo GLAUCO ANTONIACCI LUCA APPIA DANIELE CAMILLI EMANUELE FARAGLIA ALESSANDRO GIULIETTI VIRGULTI

VALERIA SEBASTIANI VIVIANA TARTAGLINI SIMONA TENENTINI Grafici MARIO RAMUNDO In attesa di registrazione ROC Editore Altolazio News srl legale rappresentante Impero Gianlorenzo Sede di Viterbo 01100 VITERBO VIA CASSIA NORD 12A

TEL. 0761.346807 FAX 0761.341539 redazione@opinioneviterbo.it Tipografia L’OPINIONE S.P.A.VIA DEL CORSO 117 ROMA

Centri Stampa edizioni teletrasmesse EDITORIAL M.P.A S.R.L. SENAGO (MI) POLIGRAFICO SANNIO S.R.L. ORICOLA (AQ) Distributore Nazionale PRESS DI S.R.L. (GRUPPO MONDADORI) VIA CASSANESE 224 SEGRETA (MI)

Spettacolare incidente ieri mattina sulla strada Tuscanese. Coinvolte nell’incidente due auto che si sono tamponate. Fortunatamente tutti i coinvolti sono usciti incolumi dall’incidente (foto Zadro Press))

Concessionaria esclusiva per la pubblicità STUDIO 1 srl VIA ROSSI DANIELLI 19, 01100 VITERBO TEL. 0761.345252 FAX 0761.345355 info@studio-uno.it CHIUSO IN REDAZIONE CENTRALE ORE 21,30


Martedì 26 Ottobre 2010

politica

Viterbo & Lazio Nord

p

5

CRISI

A Viterbo il primato per la cassa integrazione 147mila ore registrate a settembre di Daniele Camilli

Ottimismo e cautela” per lo stato di salute delle imprese, “preoccupazione” per quello dell’occupazione. Due analisi: da una parte quella di Federlazio sull’andamento economico delle Piccole e Medie Imprese della provincia di Viterbo; dall’altra, quella della Uil sulla cassa integrazione nel Lazio da cui emerge che a settembre il viterbese ha avuto il più alto incremento di cassaintegrati di tutto il Lazio. Una regione dove lo scorso mese il ricorso alla cassa integrazione si sarebbe letteralmente triplicato rispetto ai 30 giorni precedenti. “Ottimismo e cautela” per le imprese, dunque. Almeno secondo quanto riporta l’ultima indagine congiunturale condotta da Federlazio e presentata ieri mattina nella sede dell’associazione. Periodo considerato: il primo semestre 2010. A testimonianza, come sta scritto nell’”Indagine”, che la “fase acuta della crisi sembra superata”, ma “permangono ancora nei piccoli e medi imprenditori le difficoltà a delineare un sentiero con-

Presidente di Federlazio, Rino Orsolini. Come? La ricetta proposta è semplice: “riduzione fiscale, meno burocrazia e accesso al credito”. Orsolini che ha espresso poi le sue “perplessità” sull’aeroporto viterbese. “ La sola nota positiva – ha detto – è rappresentata dai 119 milioni di euro per la Trasversale OrteCivitavecchia”. Critico anche sull’assenza di un assessore all’urbanistica del Comune di Viterbo, delega che finora il Sindaco ha tenuto per sé in attesa probabilmente del rimpasto che ormai molti danno

Fonte: Ufficio Studi Federlazio su dati Movimprese

vinto di effettivo superamento della crisi”. Un campione di 350 imprese – 46 sono di Viterbo – che evidenziano tuttavia una “decisa accelerazione dell’export, un certo recupero della produzione ed una sostanziale tenuta dell’occupazione”; “piccoli segnali di una ripresa più stabile di quella ‘fragile’, ‘incerta’, ‘discontinua’ e ‘precaria’ intravista alla fine del 2009”. La politica faccia ora la sua parte, è stato l’invito del

per imminente. “Come mai non è stato ancora sostituito? Mesi fa – ha aggiunto Orsolini – sono stati convocati gli stati generali dell’edilizia, ma a un primo incontro non ha fatto seguito nulla di concreto”. E “c’è il bando per l’edilizia agevolata in scadenza”. Con 38.165 imprese registrate, la provincia di Viterbo si colloca al quarto posto nella graduatoria regionale, seguita solo da Rieti (15.280) e preceduta da Frosinone (45.686), Latina (57.733) e Roma (438.522). Il 56,3% delle imprese viterbesi ha poi una dimensione tra i 10 e i 49 addetti, mentre la percentuale di quelle che impiegano fino a 9 unità si attesta al 29,4%. Solo il 14,4% supera invece i 50 addetti. “Un dato da porre in rilievo”, sottolinea il rapporto di Federlazio, è che “la crisi economica non sembra aver prodotto nella Tuscia particolari riflessi sulla demografia delle imprese”. Viterbo presenta infatti “un tasso di natalità delle imprese pari all’ 1,94%, superiore a quello regionale

(1,90%) ed a quello nazionale (1,76%)”. Meno rosea – anche per l’organizzazione dei piccoli e medi imprenditori – la situazione dell’occupazione. “Nel primo semestre 2010 nonostante un certo numero di imprese che ha assunto (+ 7,6% rispetto al semestre precedente), permane significativa la percentuale di quelle che hanno ridotto il personale (28,6% rispetto al 20%), determinando un saldo leggermente negativo (-1%)”. La tipologia contrattuale preferita dalle aziende che hanno assunto personale è quella del contratto a tempo determinato (50%), “mentre quello a tempo indeterminato è stato utilizzato nel 25% dei casi”. Sul fronte occupazione, più preoccupanti i dati della Uil sul ricorso alla cassa integrazione nel Lazio durante

il mese di settembre con un dato che passa dagli 11.977 di agosto ai 27.383 del mese scorso. L’incremento più alto si è avuto nella provincia di Viterbo, dove la cassa in deroga passa dalle 10.891 ore registrate ad agosto alle 147.054 di settembre, con una crescita del 1.250,2%. Una situazione “che va ad incidere soprattutto nel settore dei servizi – sostiene Luigi Scardaone, segretario generale Uil di

Roma e del Lazio – ma il dato più preoccupante riguarda le trasformazioni che stanno avvenendo come tipologia di lavoratori”. In tutta la regione sembra infatti che, ad esempio, “nel settore dell’industria manifatturiera si è avuto un incremento di oltre 8.000 unità di lavoratori parasubordinati. Peraltro, non deve trarre in inganno il dato dell’incremento occupazionale che si evidenzia nel settore dei servizi, dove si

passa da 1.370.224 occupati a 1.381.173, perché per questo settore si tratta solo e soltanto di emersione dal lavoro nero e comunque – conclude Scardaone – il saldo complessivo degli addetti si chiude, nonostante questa emersione, con un saldo negativo di 4.000 unità passando da 1.811.000 a 1.807.000 di addetti del settore dove per addetti si intendono fissi, parasubordinati ed autonomi”.

Birindelli, il suo assessorato punto di riferimento per i Comune e i produttori castanicoli della zona

C

astagne uguale cinipide, l’accostamento ormai viene spontaneo. Se prima il prelibato frutto ci faceva pensare all’autunno e allo scoppiettio del fuoco, oggi le cose sono cambiate, vista l’evidente difficoltà generata da un pestifero insetto asiatico. Questo lo sa bene anche Angela Birindelli, assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali della nostra regione, che ha voluto dare la risposta concreta che il comparto castanicolo chiedeva da tempo. Ha infatti istituito nel suo assessorato un gruppo di lavoro permanente al servizio dei Comuni e dei produttori, un punto di riferimento e di coordinamento per tutte le azioni che saranno messe in campo nei prossimi anni. Al momento l’unica strada percorribile per contrastare il cinipide è la lotta biologica, con il lancio del Torymus, un insetto in grado di controllare la propagazione del cinipide. Soluzione non immediata, ma al momento unica. “L’assessorato – afferma Birindelli - in attesa di risposte a livello nazionale, nella prossima primavera ha programmato il lancio del Torymus nelle aree colpite dal problema. E’ vero ci vuole del tempo prima di vedere i risultati, sappiamo perfettamente che il problema non è risolvibile in poco tempo, e che al contrario richiede tutta la costanza e la tenacia che caratterizza i nostri produttori, ma questa è la sola soluzione praticabile e, soprattutto, è la soluzione che i produttori

chiedevano, da tempo e senza esito, alla Regione. Sto, inoltre, lavorando affinché nel Piano Nazionale Castanicolo stilato dal ministero siano inserite misure atte a contrastare il Cinipide e sostenere i produttori colpiti da questo problema, cosa finora non prevista”. Un animale molto costoso il Torymus, circa 10.000 euro per

100 coppie, ecco perché dati alla mano la Birindelli, con il pragmatismo che la contraddistingue ha giustamente pensato di realizzare un centro di moltiplicazione in un’azienda sperimentale Arsial. “Un progetto necessario per rendere, nel tempo, autosufficiente la nostra regione rispetto al problema di reperire il nu-

mero di Torymus adeguato a contrastare il cinipide nelle varie aree del Lazio” conclude l’assessore. Un progetto che ci auguriamo possa salvare tutti i “nostri” produttori e soprattutto il prodotto che più di ogni altro è simbolo dell’autunno e del ritrovarsi di fronte al focolare. Benedetta Ferrari

Numeri di gran lunga superiori a quelli stabiliti dalla legge

Raccolta differenziata all’85% L

a Legge ha detto 55% entro il 2010. Canepina, Soriano, Vallerano e Bassano in Teverina hanno invece sfiorato l’85. E l’anno in corso non è ancora finito. Stiamo parlando di raccolta differenziata porta a porta che tra i Cimini e l’alto Lazio va decisamente a gonfie vele. Numeri di gran lunga superiori a quelli previsti dalla normativa nazionale. “Si tratta – spiega Maurizio Palozzi, Sindaco di Canepina, Comune capofila dell’eccellente filiera – di un percorso virtuoso che sta dando i suoi frutti. Il merito è innanzitutto dei cittadini, che sono stati molto sensibili, questo grazie anche alle campagne informative che ci sono state. Per insistere

ancora di più su questa strada faremo delle iniziative ad hoc come convegni e incontri, coinvolgendo la popolazione”. E la prima di queste partirà da Soriano nel Cimino dove mercoledì 27 ottobre inizierà una tre giorni dedicata all’ambiente, nel ricordo di Angelo Vassallo, sindaco di Pollica ucciso lo scorso 5 settembre e particolarmente distintosi in campo ambientale. Un evento che prevede una serie di seminari sulla differenziata presso la scuola elementare e media, organizzati dall’assessorato ai Lavori pubblici e dalla Gesta, la società che effettua il servizio di raccolta nei quattro comuni. Venerdì 29 ottobre verranno invece messi a dimora, nei pressi della piscina comunale e

del giardino adiacente la chiesa dei Padri Passionisti a Sant’Eutizio, tanti alberi quanti sono stati i bambini di Soriano nel Cimino nati nel 2009: alla cerimonia interverranno inoltre gli alunni dell’Istituto comprensivo “Ernesto Monaci”. Doppio appuntamento per sabato 30 ottobre: alle 9 passeggiata ecologica con i volontari delle associazioni sorianesi. Obiettivo: pulire parti del territorio comunale. Alle 17, nella sala consiliare, è prevista invece un’assemblea pubblica su “Bilanci e prospettive dopo sei mesi di raccolta porta a porta”. Le iniziative sorianesi saranno infine ripetute nelle prossime settimane anche a Canepina, Vallerano e Bassano in Teverina. D.C.


6

p

cronaca

Viterbo & Lazio Nord

Domenica 24 Ottobre 2010


Martedì 26 Ottobre 2010

Viterbo & Lazio Nord

attualità

p

7

Quartieri dell’Arte chiude la stagione con Ianniello L’attore di Gomorra nella Tuscia con ‘Non la smettevano mai di cantare’

Non la smettevano mai di cantare’, chiude così – con lo spettacolo di Antonio Iannello l’edizione 2010 di ‘Quartieri dell’Arte’. Appuntamento ore 21 di mercoledì 27 ottobre all’interno delle Scuderie di Palazzo Farnese a Caprarola. La serata sarà arricchita anche da una conversazione tra Rodolfo Di Giammarco e Antonio Ianniello. Al centro il tema dell’abbandono della casa paterna. Il protagonista è un giovane col sogno abbastanza confuso di una vita in città dove forse proverà ad intraprendere la carriera di cantante o comunque proverà a formare una rock band. No anzi il protagonista è un cane che non la smetterà mai di abbaiare, come se rappresentasse il richiamo profondo del nostro protagonista. E’ il richiamo del subconscio e infatti il cane appare con un fallo grosso e con l’alito caldo a pochi centimetri dalla faccia del nostro eroe in un suo sogno raccontato all’inizio di questa nostra mattinata. Ma forse i protagonisti sono il padre e la madre di questo ragazzo che con i loro tentativi goffi, patetici e disparati, cercano di rinviare la partenza del nostro eroe. No, il vero protagonista è il bambino piccolo, il fratello minore, di circa otto anni che torna a casa col volto pallido accompagnato da una funerea suora, forse il bambino è morto eppure è lì e loro fingono che nulla sia successo. Lo nutrono e lui cammina però non parlerà mai fino alla fine.

viene nel 2004 con “Il siero della vanità”, regia di Alex Infascelli, e “Balletto di guerra”, regia di Mario Rellini, in cui è protagonista con il ruolo di Vito. Tra gli altri suoi lavori, ricordiamo: il film “Il sole nero” (2007), regia di Krzysztof Zanussi, e le miniserie tv “Il capitano” (2005) e “Il capitano 2” (2007), entrambe dirette da Vittorio Sindoni. Sempre nel 2007 debutta con la versione teatrale di Gomorra di Roberto Saviano, regia di Mario Gelardi. Ma dopo che il nostro eroe prenderà la via della città, abbandonando la casa con una giacca di pelle a frange e con gli stivali a punta, solo allora quando il cane ormai avrà smesso di abbaiare, forse perché ora libero di correre nel cancello di casa o perché liberato da quella prigione domestica, solo allora, dicevo, il nostro ultimo e più disperato protagonista il piccolo figlio, nella casa ormai sprofondata nel buio, prenderà il volo e si alzerà in aria attraversando a suo modo i confini di quella vecchia e opprimente casa. La casa è avvolta dal buio mentre un musicista suona dal vivo ‘Viva Las Vegas’ di Elvis Presley. Antonio Iannello nel 2000 esordisce come attore teatrale. Successivamente alterna il lavoro teatrale con quello televisivo e cinematografico. La sua prima apparizione televisiva è nella terza serie di “Distretto di Polizia” (2003). Il suo debutto nel cinema av-

Al via da novembre un corso per la formazione di volontari

AAA cercasi angeli del soccorso A

tutti i viterbesi. E’ su “piazza” la possibilità di seguire, in maniera completamente gratuita un corso di primo soccorso. L’iniziativa è stata ideata e si svolgerà grazie all’impegno dei ‘Cavalieri del Soccorso’ di Viterbo. Si tratta di un’associazione di volontariato che ha deciso di impegnarsi alla realizzazione del primo corso di soccorso per la formazione di volontari. Iniziativa aperta a tutti coloro che hanno un’età superiore ai 16 anni. Il corso sarà composta da 14 lezioni con cadenza bisettimanale e avrà inizio il 15 novembre con termine il 23 dicembre. Sono aperte dunque le iscri-

La modella in visita alla 23esima Sagra della Castagna

Martina Bellacima “strega” San Martino di Alberto Zadro

L

a modella Martina Bellacima “strega” i presenti alla 23esima Sagra della Castagna di San Martino al Cimino. La

frazione di Viterbo è stata assalita dal suo sorriso, con la sua passeggiata ‘in stile anni Cinquanta - sensualissima apparizione -. Al suo ingresso al Bar Piccini cìè stata una vera e propria

mancanza di ossigeno per i presenti. Una Martina anche sfrontata non ha voluto dire il perché della sua ‘missione in San Martino’ (una donna ha interrotto il dialogo, ben presto annunciando un detto … il buon giorno si vede dal ‘martino…’ o dalla martina!) Mha!! , Come è venuta è uscita dalla piazza; sola sola, con il suo abbigliamento anni Cinquanta. La splendida ragazza ha giocato con i presenti, gustandosi a pieno il clima festivo della bella piazza che ospita la sagra delle castagne. Un tocco di mondanità e di bellezza in un piccolo luogo sperduto della provincia. Un’apparizione che c’è da sperare troverà modo e possibilità di ripetersi quanto prima. Bellissima anche la scelta del vestiario e la semplicità fascinosa ed elegante della giovanissima modella.

zioni. Le lezioni si terranno in orario serale e tratteranno di: cenni di anatomia; Bls e Blsd, caricamento e trasporto, aspetti legali e competenze del volontario, gestione dell’emergenza. Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione. Per informazioni è possibile contattare i seguenti numeri telefonici: cellulare coordinatore servizi e personale: 331-2994922 oppure 338-7005374. Cellulare ambulanza: 328-1619224. Il messaggio con cui i ‘Cavalieri del Soccorso’ hanno inteso lanciare la loro iniziativa presso l’opinione pubblica è ‘Salvati per salvare. Abbiamo bisogno anche del tuo aiuto iscriviti con noi’.


8

provincia nord

p

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

CANINO - L’associazione “Liz e i suoi” diffonde la cultura popolare maremmana

Nasce un sodalizio tra Italia e Brasile Musica e tradizioni nostrane alla conquista del Brasile per portare solidarietà

U

n sodalizio nato con una tournee che ha gettato le basi per un solido rapporto di scambio culturale tra Italia brasile. Artefice l’associazione culturale Liz e i suoi, con sede a Canino, di Elisabetta Lupetti e Paolo Settimelli. Liz e i suoi si occupa di arte, cultura e ambiente concentrando i suoi sforzi sulla diffusione della musica popolare e delle tradizioni della maremma. L’associazione ha aperto una rete di scambi interculturali con la città di Italborei, nello stato di Rio de Janeiro, una delle principali città dello stato di Rio de Janeiro che conta 250.000 abitanti, ed in particolare con il Presidente della Fondazione Arte e Cultura della Prefeitura Municipal de Italborai, e Vice pres dell’Associazione delle Città Storiche del Brasile. La Lupetti e Settimelli hanno trascorso un mese in Brasile per portare la musica popolare italiana nei locali e ristoranti della zona dove ha ottenuto un grande successo. “ Durante la visita nel paese sudamericano ci siamo accorti delle enormi difficoltà economiche e sociali che ostacolano una vita normale ai più giovani.- dichiara la Lupetti- A tal proposito ho fondato, con Enrico Perelli e suo figlio che ci aiutano e rappresentano in Brasile, l’Associazione Humanidade Brasil Italia - ONLUS che si occuperà di questo e altri progetti umanitari in quella lontana terra che ci ha stragato e commosso allo stesso tempo, è duro accorgersi che nel resto del mondo ci sono bambini fortunati che sono assistiti da

volontari e associazioni e altri dimenticati dalla società cosiddetta civile.” Già in questo primo viaggio, Elisabeta Lupetti, presidente dell’Ass. Humanidade ONLUS, ha raccolto tra le persone sensibili di Montalto di Castro, vestiario e offerte che ha consegnato personalmente a Suor Maddalena dell’Orfanotrofio della Parrocchia Nossa Senhora de la Conceçao a Porto Das Caixa nello stato di Rio de Janeiro, famoso per un Crocefisso che nel 1970 ha sanguinato dal corpo di Gesù. Al momento Suor Maddalena e le volontarie della Parrocchia hanno preparato un pasto per circa 1000 persone, consegnato latte in polvere a gestanti e mamme con bambini piccoli e tante tante famiglie disagiate che giornalmente

si rivolgono alle Religiose per andare avanti, sempre con grande dignità e in silenzioso ordine. “Personalmente e come Humanidade ONLUS- conclude Elisabetta Lupetti- mi sono presa l’impegno di raccogliere dei giocattoli e altro materiale che porteremo da noi in Brasile come abbiamo fatto questa volta, ringrazio tutti coloro che ci vorranno aiutare e che ci possono contattare ala CPE humanidade.o nlus@gmail,.com o sul blog humanidade-onlus.blogspot.com” Dall’associazione arriva anche l’appello alle istituzioni viterbesi perche questo canale privilegiato aperto tra italia e Brasile venga rafforzato e meriti la giusta attenzione. Vale. Seb.

TUSCANIA - Si conclude felicemnte la battaglia di Gentilini TUSCANIA - Appuntamento questa sera alle ore 21

La “puzza” non ci sarà più Musica e danza al Supercinema S

embra essersi conclusa felicemente la vicenda della “puzza” provocata da un impianto di compostaggio che per anni ha esasperato i recettori olfattivi di moltissime famiglie tuscanesi. A tal proposito era nato un comitato per dare finalmente voce ad un disagio silenzioso che si prolungava ormai da troppo tempo, presidente del comitato Antonello Gentilini (nella foto), medico dentista che dichiara quanto segue: “ Siamo felici di informare tutti i nostri sostenitori e i cittadini di Tuscania, che, almeno per ora, gli obiettivi che si era dato il comitato sono stati raggiunti. Ovviamente è fuori luogo usare toni trionfalistici finchè la puzza non sparisce, ma credo veramente, che siano state poste le basi giuste perché questo accada.”Il comitato dal nome provocatorio “ comitato con la puzza sotto il naso” aveva diffuso unas petizione popolare in soli due giorni aveva abbondantemente superato le 700 firme e che ancora oggi cotinua a trovare sostenitori nonostante dalla scorsa domenica non vengsano più

distribuiti moduli da firmare. “A Tutte queste persone, che con il loro sostegno hanno dato un grande contribuito alla difesa dell’ambiente, della nostra salute e del nostro territorio, credo sia dovuto un grazie grosso come una casa da tutta la comunità, perché se in futuro respireremo aria pulita, priva delle emissioni puzzolenti, sarà merito di questa mobilitazione.- dichiara Gentilini che prosegueNella sostanza, la nostra piena soddisfazione, consiste nel fatto che in sede di conferenza di servizi, tenutasi lo scorso 18 ottobre, sono state inserite e messe nero su bianco dai tecnici presenti, e accettate dalla

Tuscia Ambiente una serie di prescrizioni, che di fatto accolgono tutte le nostre richieste e adeguerebbero l’impianto ai più alti standard per ciò che riguarda le emissioni odorigene (La Puzza).” La migliore notizia è stata quella che al di la degli adeguamenti tecnici imposti all’azienda di compostaggio, la stessa si è dichiarata disposta ad apportare volontariamente ulteriori migliorie tecniche per ovviare al problema delle emissioni odorifere. “Ora non rimane altro da fare che vigilare che il progetto e i lavori di adeguamento siano conformi alle prescrizioni e attuate al massimo dello standard. Le firme raccolte, saranno custodite dal comitato pronto a far valere il diritto dei cittadini a respirare aria pulita.- conclude Gentilini- A questo punto dovrei fare molti ringraziamenti a tutti i sostenitori del caso, ma in particolare ne ho due: Il primo, a Toscanella e Gigi Pica senza i quali il comitato non sarebbe nato;Il secondo, al Vicesindaco Roberto Staccini senza il quale, al Comitato, non sarebbero state aperte le porte istituzionali.” Vale. Seb.

Q

uesta sera, presso il Supercinema,in via Garibaldi 1, alle ore 21,00 l’ Officina Coreografica presenta “Perché la scimmie non amano Mozart?( e i gatti si)” della compagnia di danza Immobile Paziente.Dopo aver debuttato con gran successo di pubblico e critica lo scoros luglio a Roma durante la stagione estiva dell’ Accademia Filarmonica Romana, lo spettacolo arriva anche nella singolare cornice dello storico cinema teatro tuscanese. La performance coreografica che parte dal quartetto d’archi delle “dissonanze” di W.A. Mozart, è stata realizzata dall’Accademia Filarmonica Romana, Area06, Duncan 3.0 in residenza creativa 2010, Induma Teatro-manifatture Knos, Officina COREografica, Senintesta e Ass. Cult. Teatro Demerode. Lo spettacolo è di Matteo Angius con Matteo Angius, Manuela De Angelis, Caterina Inesi, Marcella Mancini. ideazione e regia di Caterina Inesi; musica Wolfgang Amadeus Mozart; interventi sonori Marco Della Rocca; progetto luci Diego Labonia.Uno spettacolo che

nasconde molte sorprese e che può essere definito come “ democrazia della danza”. Un lavoro impostato egregiamente nel quale lo spettaotre viene coinvolto fino a trovarsi al centro dell’opera e riesce, oltre a toccare con mano la danza stessa, a trovare una corrispondenza tra ciò che si legge nel libretto di sala (spesso pieno di asterischi e

numeri, forse volutamente incomprensibile) e ciò che si vede realizzato. È tutto chiaro, semplice, mai scontato e mai stonato. Così come dovrebbe essere la vita di un paese democratico e civile.   L’ingresso allo spettacolo è di 4 euro. Per info: Benedetta Boggio 3332062996. V.S.


Martedì 26 Ottobre 2010

Viterbo & Lazio Nord

montefiascone

p

9

Giardinieri, muratori ed operai procedono velocemente per completare i lavori

Cimitero pronto per la festa dei morti Tarricone rilancia l’iniziativa degli assessori Catasca e Vincenzoni di porre un fiore sulle tombe dimenticate

T

arricone: “per la festa dei morti il cimitero comunale sarà di nuovo un giardino fiorito.” Ci sarà un nuovo look fiorito per il vecchio cimitero monumentale ed il nuovo ampliamento. Il commissario prefettizio vuol riproporre l’iniziativa del comune di mettere “un fiore su ogni tomba dimenticata”. Artefici dell’iniziativa per ricordare tutti i morti sepolti nell’area cimiteriale vecchia e nuova affinché nessun defunto sia dimenticato o resti senza neanche un fiore sono stati i primi due assessori al cimitero comunale ossia il dottor Roberto Catasca e il

Il Commissario Prefettizio Tarricone

professore Renzo Vincenzoni . Non deporrà fiori ma non farà mancare certamente una preghiera per tutti i defunti, dimenticati e non, il decano don Agostino Ballarotto, cappellano del cimitero. In questi giorni squadre di fontanari, giardinieri, muratori ed operai delle ditte appaltatrici dei lavori di completamento cimiteriale o incaricati della costruzione di nuove cappelle votive e tombe monumentali, dovranno completare e ultimare i lavori interni ed esterni per rendere agevole la visita cimiteriale alle tombe dei propri defunti. All’interno dei due cimiteri inoltre tutte le ditte dovranno sospendere i lavori fino all’8 novembre 2010 mentre un vivaista e i

giardinieri comunali dovranno mettere a dimora vasi di crisantemi fioriti sull’aiuola rondò posta davanti l’ingresso del nuovo ampliamento e il viale d’accesso al vecchio cimitero monumentale. L’iniziativa di mettere almeno un fiore su ogni tomba dimenticata iniziata negli anni fine novanta e inizio duemila, ha reso famosa l’amministrazione comunale falisca, che è stata imitata da altri comuni della Tuscia. I due ingressi e zona parcheggio del vecchio e nuovo cimitero comunale furono ricoperti da un verde tappeto erboso di prato inglese e decine di vasi fioriti lungo i viali d’accesso. Il piazzale esterno fu reso con un rondò coperto di fiori crisantemi multicolori

e un funzionale parcheggio per le auto e area di sosta riservata ai bus-navetta, per la salita e discesa passeggeri, soprattutto anziani, a dell’area dove è stato piantumato un recintato boschetto di tigli e lecci con a fianco una fontanella d’acqua potabile e di un doppio bagno chimico. La cura dei cimiteri denota il grado di civiltà di un paese, soprattutto nei paesi storici e turistici come il colle falisco. Da parte dell’amministrazione comunale, denota invece il rispetto pubblico per il cimitero ed il culto dei morti, come insegna la chiesa. Per disposizione del commissario Tarricone saranno tagliate e rasate tutte le erbacce intorno ai riquadri del vecchio cimitero monu-

mentale e nelle aree del nuovo ampliamento destinazione alla costruzione di tombe monumentali a terra, cappelle votive ed edicole funerarie. A quel punto i giardinieri e gli addetti alla custodia del cimitero comunale, vecchio e nuovo, inizieranno a mettere un fiore su ogni tomba affinché il giorno della ricorrenza della festa dei defunti nessuna tomba resti senza un fiore o dimenticata. Il vecchio cimitero monumentale e il nuovo ampliamento cimiteriale diventeranno un giardino fiorito e rasato come quelli anglosassoni che intorno alle bianche croci delle sepolture coltivano verde prato inglese sempre rasato e ordinato. i.g.

POLITICA - L’ex sindaco si candida nuovamente, per la gioia del centrosinistra

Danti spacca il centrodestra D

anti si autocandida a sindaco e spacca il centrodestra. Cimarello e il centrosinistra ringraziano Ma dovrà vedersela con Luciano Cimarello, Angelo Busà, Fernando Fumagalli e Renato Trapé. Già pronta la lista Danti targata Udc. Pronto lo slogan elettorale: “Spazzeremo via tutti un’altra volta” e i cinque punti salienti del suo programma elettorale: 1. Non ci sarà altro sindaco all’infuori di me; 2. Tutti si dovranno ricordare di eseguire i miei ordini politici e amministrativi; 3. Deciderò io chi mettere in lista con l’Udc 4. E’ finito il tempo dei sogni, metterò tutti in riga, cadranno molte teste e completerò il repulisti cacciando dai posti di potere tutti gli uomini della vecchia guardia; 5. Tutte le associazioni falische se vorranno sopravvivere dovranno lavorare per me. Ma questa volta scenderanno in campo anche i vecchi big della politica falisca: per il centrosinistra Sandro Leonardi, Mario Trapé, Fer-

In alto, a sinistra Renato Trapè e a destraAngelo Busà, accanto Andrea Danti con Luciano Cimarello

nando Fumagalli, Maurizio Paradiso, Renzo Vincenzoni, Giorgio Melani, Valdo Napoli, Vincenzo Frallicciardi, Franco Palombo, Mario Tofanicchio, Aldo Paolini, Angelo Ubaldi, Giovanni e Paolo Bacchiarri e Luciano Femminella: per il centrodestra Maurizio Paradiso, Gigi Cricco, Domenico “Uccio” Leonardi, Giuseppe “Pino” Minetola e il probabile

ritorno sulla scena politica del dottor Giuseppe Bartoleschi. Con ogni probabilità scenderanno in campo cinque pseudo liste civiche targate dai partiti del centrodestra e centrosinistra: Lista Udc con Danti candidato a sindaco, lista Pdl con Angelo Busà, Luciano Cimarello con il centrosinistra (ex Ds) insieme a Mario Trapé e Sandro Leonardi (o chi per

loro), Fernando Fumagalli con ciò che resta del Pd di Fioroni e Allegrini e la lista di sinistra & ecologia di Renato Trapé sostenuto dall’architetto Vittorio Per i 16 candidati della lista Danti, scenderanno in campo un’altra volta i suoi più fidi scudieri e portavoti, da Lia Saraca a Silvia Somigli, Cristina Orzi e Caporiccio, l’ex vicesindaco Carla Pepponi Barto-

leschi (che si metterà in lista solo se se il Pdl ritroverà la sua unità e intesa con l’Udc) con gli ex assessori Massimo Paolini e Massimo Ceccarelli (tutti e tre con 500 voti di preferenza ciascuno), Augusto Bracaloni e Agata Urso Dainelli, Mirko Marianello, Andrea Angeli e il meglio di ciò che resta dei candidati della lista 2009: “Danti Sindaco”. Per la lista Pdl che, probabilmente, sosterrà la candidatura a sindaco del dottor Angelo Busà, scenderanno in campo: Raffaele Morleschi, Luca Bellacanzone, Pietro Bologna, Gabriele Capotosto, Umberto Della Casa, David Petretti Proietti e Antonio Michele Schiavone,

Per la lista di centrosinistra, candidato a sindaco Luciano Cimarello scenderanno in campo Un’altra volta Giulia Moscetti e tutti gli altri in lista nel 2009. (escluso Enrico Centaro e Lorenzo Minciotti). Per la lista Pd-Fioroni, candidato a sindaco Fernando Fumagalli è in corso la formazione della lista top secret!. Per la sinistra & ecologia, candidato a sindaco Frenato Trapé, per il momento di conoscono i nomi dei sostenitori l’architetto Vittorio Biccheri e l’operatore sanitario Giuseppe Chiniamo di Rifondazione Comunista. i.g.


10

provincia sud

p

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

VALLERANO - Il capogruppo del Pd, Orfeo Potenza, smentisce le voci sulla sua candidatura

“Io futuro sindaco? Buono a sapersi!”

“I nomi saranno decisi sulla base di un percorso condiviso con la cittadinanza” VETRALLA - L’autore del logo è Angelo Russo

di Simona Tenentini

I

n vista delle elezioni comunali che si terranno la prossima primavera, si inizia a muovere lo scacchiere dei vari attori politici sul territorio. Nella stampa locale è stato fatto circolare un nome per quanto riguarda il futuro sindaco di Vallerano, quello di Orfeo Potenza. L’attuale capogruppo del Pd, attualmente alla minoranza, smentisce però categoricamente la notizia. “Ad oggi non è stato deciso alcun candidato da presentare alle elezioni, tantomeno quello che dovrebbe rivestire la carica di primo cittadino - afferma Potenza - per il quale stiamo vagliando addirittura la possibilità di ricorrere alle primarie, con una consulatzione diretta dei concittadini”. “Del resto - continua - la caratteristica principale della nostra azione politica in questo momento è proprio la volontà di portare avanti un percorso condiviso con la comunità. Non si può continuare oltre ad ignorare i bisogni della gente e le esigenze primarie delle persone.” “La nostra intenzione è quella dunque di inaugurare una serie di incontri proprio con i cittadini per valutare insieme le mosse da fare e le priorità da affrontare. Pen-

Nuovo look di prestigio per la Cesare Battisti N

so, ad esempio, al problema del cinipide che affligge i castagneti locali, una delle maggiori risorse economiche del nostro territorio. Si tratta di una questione troppo a lungo sottovalutata, che solo quest’anno ha comportato dei danni per circa nove milioni di euro e che per questo necessita di una riposta nei più brevi tempi possibili.” “La nostra intenzione quindi, alla luce di tali considerazioni, è quella di avviare un confronto pubblico

e aperto a tutti coloro che intendono contribuire alla costruzione di un progetto amministrativo alternativo alla Giunta Giovannini. D’altro canto - prosegue Potenza - i metodi utilizzati dall’attuale amministrazione sono stati più volte denunciati in questi anni. Noi abbiamo un’idea diversa di politica. Essa deve essere infatti uno strumento attraverso il quale riuscire a riportare al centro dell’azione amministrativa l’interesse generale dei valleranesi, per

una prospettiva concreta di sviluppo sociale, culturale ed economico della nostra comunità. Quello attuale sarà dunque un momento propedeutico per recepire indicazioni e proposte sulle linee programmatiche e sul percorso da seguire nei prossimi mesi.” Il capogruppo del Pd conclude quindi con il prossimo appuntamento in programma: “il primo incontro sarà con tutti gli iscritti per discutere la fase preparatoria del congresso” .

FALERII - Manomessi i dossi di rallentamento VASANELLO - Positivo l’esito della riunione

Viabilità fai da te Ambulanza, primo step V

iabilità fai da te a Faleri Novi, frazione di Fabrica di Roma?  Sembrerebbe di sì! Constatato che qualche automobilista che transita per Via Faleri Novi e Via Falisca si è preso la briga di togliere due elementi da ogni dosso di rallentamento per transitare senza dover sobbalzare o rallentare. Un’operazione dettata da un senso di ribellione oppure da un colpo di genio?   Il dibattito è aperto. La Polizia Locale ha sporto denuncia per i reati ipotizzabili di alterazione delle prescrizioni sul traffico, per possibile procurato pericolo perché se un automobilista non riesce a centrare gli spazi dove mancano gli elementi, potrebbe squarciare una gomma o inavvertitamente procurare lo sbandamento dell’auto su quella via già troppo stretta per il traffico a doppio senso. Non sarà che l’autore o gli autori, per ora sconosciuti, avranno apportato quelle modifiche ai dossi

di rallentamento, ipotizzando la mancanza di una regolare autorizzazione dell’assessorato competente? A questo punto è lecito chiederesi: ma questi benedetti dossi di rallentamento, che tra l’altro hanno un costo non indifferente, sono veramente necessari? Svolgono la funzione di deterrente alla eccessiva velocità, oppure rappresentano un reale pericolo per lo scorrimento del traffico? Basta immaginare cosa potrebbe succedere ad un infartuato disteso sulla lettiga dell’ambulanza, quando le ruote e il mezzo di soccorso sobbalzano! I vigili del fuoco, rallentano davanti ai dossi o accelerano per superarli più agevolmente, quando corrono per giungere prima sul luogo del disastro? E le forze dell’ordine lanciate  all’inseguimento di malandrini cosa fanno? Dal canto nostro siamo convinti che un’opinione bisogna farsela.  Ernesto Malatesta

N

utrita presenza alla riunione che si è tenuta giovedì scorso presso il cinema Albertone di Vasanello. Il tema dell’incontro a porte aperte è stato il progetto “Un’ambulanza per Vasanello”. L’ i d e a , nata in Rete sul s o c i a l network Facebook qualche tempo fa, ha avuto immedia tamente un ottimo riscontro, riscuotendo il consenso di larga parte della popolazione che infatti non ha voluto perdere il momento del confronto. Alla riunione, oltre a numerosi privati cittadini, erano presenti anche gli assessori comunali Alberto Mastromichele, Massimiliano Creta e Francesco Ricci, il vice ispet-

tore dei volontari del soccorso, Francesco Petrarca, Luca Pompei, commissario del comitato locale Bassano- Bomarzo - Orte e Rita Emili, responsabile sanitaria della Cri di Orte. L’ e l e mento di maggiore interesse che è emerso è la concreta possibilità di avere a disposizione un’ambulanza a costo zero messa a d i s p o sizione da Orte, insieme alla necessità di sensibilizzare quante più persone possibile sull’argomento prevenzione. Un incontro, insomma, decisamente positivo, che può essere considerato come il primo passo verso un aiuto concreto per la popolazione di Vasanello. SimoTen

uovo marchio di qualità per la Cooperativa agricola Cesare Battisti. Un logo a firma prestigiosa. Il suo autore è infatti Angelo Russo, ideatore-progettista di “Sinfonia d’Archi”, la “Macchina di S. Rosa” che nella prima metà degli anni ’90 attraversò le vie di Viterbo. Forse uno dei “Trasporti” più importanti nella storia della Santa viterbese. E la nuova veste grafica, oltre a caratterizzare tutti i prodotti del frantoio, è già presente nelle insegne pubblicitarie e a breve su tutte le brochure dell’azienda vetrallese. “Il nuovo marchio – ci spiega Russo – nasce dall’idea di creare un simbolo moderno, snello, di facile lettura, che affondi le radici nel passato. La modernità delle linee si sposa con contenuti universali rappresentati da un nastro tricolore di antiche memorie e dal frutto stesso oggetto della spremitura. Dal frutto, contornato all’apice, da tre foglioline, ne nasce una quarta che, stilizzata, si allunga a formare la parte destra della lettera ‘V’. Iniziale della città di Vetralla. La parte sinistra della lettera è composta invece da un nastro tricolore che si attorciglia su se stesso, simbolo della qualità dei prodotti italiani”. Il nuovo logo ha anche una parte “subliminale”. “Con uno sguardo più attento – prosegue l’autore – e un po’ d’immaginazione, è possibile circoscrivere l’intera forma del marchio all’interno di un cuore. Rappresentazione, simbolica, della operosità amorevole dei produttori e delle proprietà alimentari dell’olio da sempre inserito, dalla medicina, nella dieta mediterranea”. “Osservare le opere di Angelo Russo – scrive Maria Luisa Gravina, una delle più note artiste e poetesse italiane – e’ ritrovarsi immersi in

un mondo fascinoso dove le emozioni giungono sottoforma di vibrazioni, di colori nello spazio,di fluire delle forme che nascono l’una dall’altra con sinuosità musicale; in un gioco dove la finzione, con l’IO attivato, diventa realtà, dove tutto viene messo in discussione”. Inizialmente dedita alla trasformazione di uva, grano e olive, la Cesare Battisti è il più antico frantoio di Vetralla, attivo già dal 1922. “Oggi – ci dice il suo Presidente, Enrico Dolci – svolge esclusivamente la mansione di frantoio, vantando oltre 500 soci esperti nell’olivicultura. Tanta esperienza nel settore e la minuziosa attenzione nelle varie fasi della lavorazione consente inoltre di offrire ai consumatori un prodotto genuino e d’alta qualità. Le proprietà organolettiche vengono poi mantenute attraverso l’attenta lavorazione e il meticoloso confezionamento del prodotto”. Lo stesso giorno della presentazione del marchio di qualità, il 9 ottobre scorso, si è infine tenuta l’annuale assemblea dei soci per il rinnovo delle cariche del consiglio d’amministrazione e l’approvazione del bilancio. Oltre 200 i votanti che hanno riconfermato all’unanimità il Cda uscente “grazie all’ottimo lavoro svolto nel corso degli ultimi anni”, come dichiarano gli organizzatori. Eletti: Enrico Dolci (presidente), Luigino Cecchini (vicepresidente) e Andrea Fonti (segretario). Assieme a loro, Francesco Iacomini, Aldo Lattanzi, Agostino Mancini, Franco Mancini, Aldo Marconi e Antonio Venanzi. Un’ottima annata, dunque. Per un futuro d’eccellenza e qualità a base dei prodotti tipici della terra vetrallese. Daniele Camilli


Martedì 26 Ottobre 2010

litorale

Viterbo & Lazio Nord

p

11

TARQUINIA

Sequestrati tre chili di funghi ferlenghi Preso civitavecchiese con le mani nel sacco

O

ggi parte ufficialmente l’apertura della nuova riserva dei funghi Ferlenghi istituita dall’Università Agraria per i soli utenti tarquiniesi al Pianoro della Civita, gia debitamente tabellata con le indicazioni previste per la raccolta. E mentre è in atto una attività di informazione capillare per rispettare le regole della raccolta, ieri è stato effettato il primo sequestro di otre tre kg. di funghi ad un residente di Civitavecchia, che non rispettava le modalità previste dalla legge regionale. Tutto si è svolto sotto gli occhi del presidente dell’Università Agraria Alessandro Antonelli, che rientrava da un sopralluogo ai terreni della ‘Civita’ insieme agli assessori Giovanni Battista Agate e Gino Stella, e ai volontari dell’Aeop per verificare lo stato dei lavori necessari per l’apertura della riserva. Quindi appena immessi sulla strada in direzione Tarquinia, il presidente Antonelli notava una persona posta in sotto le ‘arcatelle’ dell’acquedotto romano che raccoglieva dei funghi con una busta di plastica in mano. A questo punto Antonelli e altri gli amministratori dell’Agraria

presenti hanno subito allertato la Polizia Ittico Venatoria per accertare quanto riscontrato. Infatti secondo gli agenti ambientali prontamente arrivati sul posto venivano riscontrate diverse violazioni. Al civitavecchiese preso con le mani nel sacco, infatti è stata contesta la raccolta di numerosi funghi fuori dal periodo previsto, con la busta di plastica non consentita e quindi senza cestino, con il sequestro immediato dei fughi trovati in suo possesso. Sembrerebbe infatti che in barba a quanto previsto, avrebbe raccolto anche una notevole quantità di funghi di piccola misura, che se tolti dal terreno danneggiano il ciclo ambientale di riproduzione dei Ferlenghi. “E’ capitato tutto per caso – riferisce il presidente Antonelli – però questa è la dimostrazione che non c’è rispetto delle regole. Adesso con questa ‘riserva’ per i soli tarquiniesi le cose cambieranno, e la task force attivata per fare una azione di informazione, prevenzione e controllo grazie alla preziosa collaborazione della Polizia Ittico Venatoria e dei volontari dell’Aeop sta portando alla luce i primi risultati”. Quello della raccolta fuori periodo e senza

Comincia oggi la raccolta autorizzata misura dei funghi Ferlenghi, è un problema che grazie a questa iniziativa della ‘riserva’ dell’Agraria potrà limitare un problema che è riferito in particolare a questo tipo di persone come il civitavecchiese di ieri

‘preso’ a violare le regole della raccolta funghi a Tarquinia in modo lampante, danneggiando il resto della collettività che vede nella raccolta dei funghi un utile passatempo. Alessandro Sacripanti

CULTURA- Promossa dal Ministero per i Beni e la Attività Culturali l’apertura serale del museo archeologico

“Martedì in Arte” con gli etruschi Fino al 28 dicembre i preziosi reperti si potranno ammirare dalle 19 alle 23

Martedì in Arte”è la fortunata iniziativa promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali voluta per promuovere la fruizione dell’importante patrimonio culturale italiano. Gli appuntamenti del progetto, che prevede l’apertura straordinaria e gratuita dei più importanti musei italiani, dalle 19.00 alle 23.00, continuano ogni ultimo martedì del mese e si protrarranno fino al 28 dicembre 2010. Per l’occasione, anche il Museo Archeologico nazionale di Tarquinia, osserverà l’apertura serale per svelare i suoi tesori e le testimonianze della grande civiltà etrusca. Ospitato presso il rinascimentale palazzo Vitelleschi, il museo è ubicato nel centro storico di Tarquinia: nel mezzo del cortile, difatti, si trova un pozzo ottagonale, su cui è scolpito in bassorilievo lo stemma dei Vitelleschi. Nei due ambienti al pianterreno, sono esposti importanti reperti funerari tra i quali sarcofagi e sculture appartenenti a importanti famiglie etrusche. Al primo

piano è esposta una ricca collezione di reperti che vanno dal periodo villanoviano a quello romano, con importanti testimonianze di pittura greca ed etrusca: vaso di Bocchoris (VII-Vl secolo a.C.), vasi greci a figure nere del VI secolo a.C. e attici a figure rosse. Inoltre nella sala posta al secondo piano, che è stata finemente restaurata e aperta al pubblico nel 2002, è possibile ammirare la famosa e armoniosa scultura dei cavalli alati. Questi ultimi sono il simbolo che rappresenta nel mondo intero l’eleganza dell’arte etrusca; il loro ritrovamento risale al 1936 nei pressi dell’Ara della Regina, nell’antica Civita. Originariamente era collocata sul frontone del tempio dell’Acropoli. In fondo al loggiato si possono infine ammirare le pitture provenienti da quattro tombe: delle Bighe, del Triclinio, delle Olimpiadi, della Nave. Info biglietteria: Museo Nazionale Archeologico, piazza Cavour – Tarquinia (VT), tel. 0766.850080 Micaela Rotelli

ECONOMIA Camillucci e Fiaccadori plaudono l’onorevole

Porto turistico bene Battistoni

G

li esponenti del Popolo della Libertà Annarita Camillucci e Marco Fiaccadori (nella foto) plaudono l’intervento dell’On. Francesco Battistoni sul disegno di legge per la realizzazione del porto turistico a Tarquinia. “Firmando il disegno di legge per la realizzazione del Porto Turistico di Tarquinia presentato dai consiglieri regionali Storace e Buonasorte – riferiscono la Camillucci e Fiaccdori l’Onorevole Francesco Battistoni ha dimostrato l’importanza di avere un referente nella giunta Regionale che lavora anche per il nostro territorio. La firma apposta venerdì 22 ottobre, alla proposta di legge, è solo l’ultimo passo di un certosino lavoro iniziato da Battistoni incontrando la ‘Martana s.r.l.’, proprietaria dei terreni interessati dal progetto, subito dopo il suo ingresso alla Regione Lazio. Il Pdl locale – sottolineano ancora Camillucci e Fiaccadori - fu infatti contattato dalla Martana che chiedeva un incontro con l’allora assessore Regionale Francesco Battistoni, in qualità di referente del territorio nella giunta Polverini. L’onorevole Battistoni accolse l’invito ad occuparsi del progetto, affermando la volontà di dirimere la questione. Tutto il Pdl di

Tarquinia, - concludono i due esponenti - tiene dunque ad attestare pieno sostegno alla sua attività di governo, giacché, sposando un progetto capace di creare 300 posti di lavoro diretti e oltre 2.500 derivanti dall’ indotto, migliorando al contempo gravi problemi quali il deflusso delle acque del fiume Marta e l’erosione del litorale, si conferma, ancora una volta, vicina alle istanze del territorio”. Ale. Sac.


12

civitavecchia

p

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

Controlli a tappeto della Guardia Costiera fino alle province di Terni e Viterbo

La lodevole operazione “Talasso” Cinque persone denunciate, verbali per 11.000 euro e 50 chili di pesce posto sotto sequestro

N

Non si stemperano i toni sulla futura gestione

ell’ottica di una costante attività di controllo sull’intera �liera della pesca, intesa soprattutto a combattere la commercializzazione delle specie protette e degli esemplari giovani, oltre che a tutelare il consumatore, la Capitaneria di Porto di Civitavecchia ha portato lodevolmente a termine, domenica scorsa, l’Operazione denominata “Talasso”. Una settimana di intensi controlli presso supermercati, pescherie, mercati ittici, ristoranti e mense scolastiche, ma anche posti di blocco per veri�care le merci trasportate e provenienti dalla Tunisia, hanno spinto gli uomini del nucleo di

Holding, nessun artificio sotteso al dispositivo N

Polizia Marittima, una task force composta da 30 militari della Guardia Costiera, sino alle provincie di Terni e Viterbo. Cinque persone denunciate per commercializzazione e trasporto di pesce sotto misura, verbali amministrativi per 11.000 euro ed oltre 50 chili di merce sequestrata. Questo il consistente bilancio, previa l’effettazione di ben 335 controlli a 67 esercizi commerciali del territorio di giurisdizione. E tra le de�cienze maggiormente riscontrate nell’occasione, la mancata od errata etichettatura del pesce, necessaria, lo ricordiamo, per la fondamentale tracciabilità del prodotto. I controlli sulla pesca, così come tutte le altre attività di Polizia giudiziaria condotte dalla Capitaneria suddetta continueranno ininterrottamente raggiungendo dei picchi, in termini di ispezioni, nei giorni di maggior consumo del pescato come, ad esempio, sotto le imminenti Feste natalizie. Pie.Coz.

Sconcertante scoperta presso il civico 6 di via Santa Barbara

Voi ci vivreste in una casa ridotta così? U

midità diffusa nei due unici vani, adiacenti il bagno (anch’esso in pessimo stato) ed ospitanti cucina e camera da letto; acqua “nera” a �ltrare (se non gocciare) dal sof�tto, calcinacci a cader quasi da ogni dove, impianti elettrici palesemente inidonei e, “dulcis in fundo” uno scaldabagno rovinosamente precipitato (per pura fortuna senza irrimediabili conseguenze) ed un vetro “scoppiato” a causa del provocato “rigon�amento” dello stipite di una �nestra. Questo, peraltro in estrema sintesi, lo sconcertante scenario presentatosi, ieri l’altro ai nostri occhi, all’interno 11 del civico numero 6 di via Santa Barbara, presso un mini appartamento, attualmente nella disponibilità comunale, ove risiedono il signor Angelo Fadda e la propria compagna. <<Problemi che sussistono da anni - ci riferisce il regolare assegnatario poc’anzi citato - E salvo le ritinteggiature ed altri interventi operati di mia mano, poco e niente è stato fatto da chi di dovere>>. <<Senza contare, nel tempo, gli scaricabarile che abbiamo dovuto subìre tra l’Istituto

delle Case popolari (ora, Ater) e lo stesso Comune - rincara la detta signora - Ora ditemi, in tutta sincerità, voi ci vivreste in una casa ridotta in queste condizioni?>>. Ma neanche

a pensarlo! <<Non abbiamo più intenzione di rimanervi - continua decisa - Inoltre, ho forti dolori alla schiena, soffro d’asma ed anche il mio compagno non è che respiri bene in

un ambiente così malsano>>. Innumerevoli, oltre a quelli susseguenti gli accadimenti di cui sopra, i danni a mobilia, biancheria ed a tanto altro ancora. <<Dagli Uf�ci preposti, ricontattati di recente - riprende Fadda - ci hanno assicurato che avrebbero provveduto quanto prima ad effettuare in merito un sopralluogo tecnico, ma a tutt’oggi non s’è visto alcuno. E comunque, qualora dovessero in�ne iniziare i necessari lavori di manutenzione, è impensabile che non si possa esser temporaneamente trasferiti altrove, in un albergo o chessò>>. Ciò, fermo restando la dichiarata esigenza di traslocare. <<A tal proposito, però, mi è stato detto che, in città, al momento non ci sono altre case vuote>> l’amaro commento �nale del nostro interlocutore. Sarà davvero così? O magari dietro l’angolo potrebbe sbucar l’ennesima, indigesta “sorpresa”? Continuate a seguirci; seppur, in cuor nostro, non siamo tanto sicuri che, altresì sulla spinosa questione in oggetto, se ne potranno vedere ancora delle belle. Servizio e foto di Pietro Cozzolino

on si stemperano certo, tra i Consiglieri dell’Opposizione e l’Amministrazione guidata da Gianni Moscherini, i toni sulla futura quanto dibattuta gestione dei Servizi pubblici comunali. Ed in riferimento alla nota stampa inviata nei giorni scorsi da parte dei primi ed in più apparsa sugli Organi di stampa appunto sul tema delle Holding, dalla seconda si è di contro tenuto <<a precisare come sia la Deliberazione di Giunta n.231 del 27 luglio che quella di Consiglio n.71 del 2 agosto, nel loro dispositivo usino il termine “condizione”, in quanto la vendita di almeno il 40% del capitale societario ad un Socio privato è un onere stabilito dall’articolo 23-bis della Legge n. 133/2008>>. <<Si vuole inoltre chiarire una volta per tutte - prosegue la replica uf�ciale giuntaci a speci�co riguardo da Palazzo del Pincio - che tale trattasi non di una “possibilità” a disposizione degli Enti locali per la gestione dei Servizi di cui

in apertura, come affermato dall’Opposizione medesima, bensì di una “condizione” per continuare a gestire gli stessi “in house” poiché, diversamente, devono essere messi a gara ovvero cessano, come si rileva dall’enunciato della Delibera n.71, “alla data del 31/12/2010 o alla data del 31/12/2011 in esito alla sussistenza del controllo analogo”>>. A mezzo della replica suddetta, l’Amministrazione citata ha altresì inteso fermamente smentire <<qualsiasi presunto “arti�cio” sotteso al dispositivo delle Delibere sopra richiamate>>. Che ci sia, ora, forse da attendersi una secca controreplica? P. Cozz.


16

Venerdì 22 Ottobre 2010

litorale

Viterbo & Lazio Nord

p

13

Sport 13

Martedì 26 Ottobre 2010

RUGBY - Pesante sconfitta nel derby contro la formazione romana che si impone 31-3 Decisive le assenze in casa gialloblù ed un secondo tempo con troppe disattenzioni

La Prime Sigma Capitola S

ette giorni dopo aver bloccato la capolista Prato Sesto, la Prime Sigma incappa in un pesante stop sul campo della Capitolina Roma, pagando a caro prezzo una lunghissima lista di assenti ed un secondo tempo pessimo. Gli uomini di Racean e Scorzosi perdono 31-3 nonostante un primo tempo chiuso sotto di quattro punti, con il calcio piazzato di Zappi al 21’ che aveva accorciato le distanze dopo la meta trasformata di Murer all’11’. Dopo l’intervallo rientra in campo una squadra soltanto ed è la Capitolina: i padroni di casa dimostrano una migliore organizzazione di gioco ed appro�ttano degli errori commessi dai gialloblù viterbesi per andare in meta altre quattro volte e conquistare anche il punto di bonus.

Matteo Zappi Tra le attenuanti per la formazione viterbese il fatto di essere scesa nella capitale zeppa di giovani e di infortunati, specialmente fra i tre quarti: basta dire, infatti, che i tecnici sono stati costretti a schierare due terze linea,

RUGBY SERIE B 4ª ANDATA CAPITOLINA - PRIME SIGMA VITERBO

31-3

PRATO SESTO - PESARO

43-13

ROMAGNA - VASARI AREZZO

42-15

CUS PERUGIA - CUS ROMA

19-17

COLORNO - LIONS LIVORNO

17-0

UNIONE TIRRENO - IMOLA

27-19

Mengoni e Palumbo, rispettivamente come estremo e tre quarti ala. Inevitabile quindi che, alla lunga, emergesse la supremazia dei locali e i problemi di formazione accusati dai viterbesi presentassero il conto. Per la Prime Sigma si tratta della seconda scon�tta in campionato, arrivata sempre lontano dal Quatrini. “Potevamo fare di più – dice il presidente Aldo Perugini – abbiamo sbagliato sia in mischia che sui tre quarti. La Capitolina ha vinto con merito, ma nulla è perduto, ci rifaremo domenica prossima in casa”. Già oggi, infatti, inizierà la marcia di avvicinamento al prossimo impegno del Sandro Quatrini contro Colorno, nella speranza di un immediato riscatto. CAPITOLINA ROMA 31 PRIME SIGMA VT 3 Capitolina Roma: Murer, Burocchi, Recchi, Marrucci, Scalzo P, Diana (64’ Rebecchini), Tonnicchi (64’Pan�li), Menichella, De Michelis (53’ Scaramuzzino), Bernasconi, Scoccini, Martire (66’Datri), Forte, Luise (41’ Scalzo L) A disp. Matteoli Prime Sigma Viterbo: Men-

LE INTERVISTE - Pareri concordi al termine del match

CLASSIFICA ROMAGNA *

15

CAPITOLINA

14

PRATO SESTO

14

CUS ROMA

10

VASARI AREZZO

10

VITERBO

9

TIRRENO

9

CUS PERUGIA

9

COLORNO

9

LIVORNO

7

IMOLA

5

PESARO

2

* 4 PUNTI DI PENALITA’ goni (70’Okuntinirin), Palumbo, Cecchetti, Bocchino S, Bonucci, Zappi, Menghini, Martella (50’Geri), Bonavia, Grossi (66’ Bucci), Pastori, Bocchino L (42’Bevilacqua), Tichetti, Cencioni (41’Baiocco), Perandria (77’Menicocci). Marcatori: 11’ meta Murer tr. Diana, 21’ cp Zappi, 45’ meta Menichella tr. Diana, 50’ meta Murer tr. Recchi, 75’, meta Scalzo P tr. Recchi, Al 72’ meta Datri tr. Recchi. Note: Espulsioni temporanea per Menichella (C) al 21’ e Bernasconi (C) al 61’

BASEBALL - Proseguono gli incontri della Coppa Intercontinentale a Taiwan

L’Italia si scuote e conquista la seconda fase

Decisive le affermazioni su Thailandia (con Vaglio schierato titolare) e Nicaragua

D

opo il pesante ko all’esordio contro l’Olanda sembrava tutto compromesso, invece l’Italia del baseball ha conquistato un posto nella seconda fase della Coppa Intercontinentale in corso a Taiwan inanellando due vittorie nelle due successive partite. Se il successo contro la Thailandia era da mettere in preventivo, e infatti gli Azzurri lo hanno colto senza eccessivi patemi per 15-6, ben più ostica era l’avversario affrontato ieri dai ragazzi del manager Mazzieri, opposti al Nicaragua. La gara contro i centroamericani è stata molto combattuta, giocata sempre sul �lo dell’equilibrio e con i lanciatori a prevalere

sui battitori, almeno �no al nono inning quando l’Italia ha trovato con Infante il fuoricampo da tre punti che ha �ssato il punteggio sul 5-2. Alessandro Vaglio, sempre più parte di questa nazionale, ha giocato titolare nella s�da contro la Thailandia, disimpegnandosi bene in difesa e mettendo a segno anche una valida, mentre nella s�da contro il Nicaragua il manager Mazzieri gli ha preferito Pantaleoni nel ruolo di seconda base. Oggi l’Italia osserverà il suo turno di riposo, domani affronterà il fortissimo Giappone che ha vinto le due gare disputate senza concedere nemmeno un punto. Gla.Ant.

“L’approccio mentale è stato sbagliato” L

a Prime Sigma Viterbo perde in maniera netta anche nella seconda trasferta stagionale: dopo la batosta di Piombino contro l’Union Tirreno arriva una pesante sconfitta sul terreno della Capitolina. Le assenze per i gialloblù erano numerose, soprattutto nel reparto arretrato, ma nonostante questo sarebbe stato lecito aspettarsi un atteggiamento mentale diverso. Le defezioni di Ranieri, Agostini, Del Tosto e Canestro hanno obbligato i coach Scorzosi e Racean a schierare due terze linee fra i tre quarti, una ad estremo e l’altra all’ala. I problemi nelle chiusure difensive sono andati al di là di questo e sono frutto, come detto, di una mentalità errata: i viterbesi hanno dato l’impressione di non credere nella possibilità di portare a casa la vittoria, nonostante il primo tempo si fosse chiuso con i romani avanti appena di quattro punti. La Prime Sigma non si è mai proposta con decisione in attacco tanto è vero che la Capitolina non ha risentito dei periodi passati in inferiorità numerica per i due cartellini gialli, ed ha peccato nell’uno contro uno difensivo, la chiave per arginare qualsiasi folata avversaria. Le note positive arrivano dai debutti assoluti di ben quattro elementi: Carlo Galli, Tocumbo Okuntinirin, Simone Bucci e Maurizio Cencioni. Quest’ultimo analizza così la propria prestazione nel ruolo di tallonatore: “I lanci in touche penso siano stati all’altezza mentre c’è stata un pizzico di sofferenza nelle mischie ordinate. Diciamo che non si è trattato del debutto che avrei sognato, venivo da una settimana in cui mi ero allenato poco ma a causa dei problemi fisici di

Domenico Geri Carlo Borgatti mi sono ritrovato titolare. In generale non c’era la concentrazione giusta, quella che sarebbe servita per andare a vincere una gara del genere. In trasferta ci serve una preparazione mentale e una convinzione diverse da quelle mostrate sino ad ora”. Dona un’interessante chiave di lettura sui problemi difensivi Domenico Geri, domenica subentrato nel secondo tempo nel ruolo di ala: “Ci sono problemi a livello di comunicazione sui tre quarti. La Capitolina ha costruito molto ma in realtà sono stati i nostri errori a ingigantire i loro pregi. Nell’uno contro uno le lacune sono state chiare e quando si perde quella battaglia qualsiasi squadra con un minimo di abilità manuale può farti male. Gli allenatori stanno lavorando bene ma siamo noi giocatori che dobbiamo migliorare nel modo di entrare in campo. Il gruppo comunque mi piace, ci sono margini per fare bene, basta correggere al più presto i limiti apparsi soprattutto nelle due gare disputate lontane dal Sandro Quatrini”. Danilo Palumbo


sport - calcio

p

14

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

SERIE D GIRONE G - Mister Puccica elogia la squadra per il pari di Selargius e carica la Viterbese per il futuro

“Ma quale occasione persa”...! “

Risultati

Quando vai in Sardegna non è mai facile” aveva detto Fabio Ciafrei alla vigilia. E aveva ragione, maledettamente ragione visto che è stato proprio il liscio dell’ex Flaminia e Virtus Verona a permettere agli avversari di pareggiare. Ma per l’analisi della partita meglio ascoltare le parole di mister Rosolino Puccica: “Il punto conquistato è un punto stratosferico, ma dobbiamo valutare tante cose come ad esempio il fatto che al 20esimo del primo tempo avremmo

Lillo Puccica

potuto prendere un gol su rigore ed invece l’hanno sbagliato. Per il resto, è pur vero, abbiamo fatto tutto noi e va sottolineato il fatto che i ragazzi sono stati bravissimi a cercare comunque di giocare. C’è il rammarico per la palla non sfruttata da Palumbo e per il gol mangiato al 93esimo e ovviamente per il fatto che loro hanno chiuso la gara in 9, ma ribadisco che sono soddisfatto dell’andamento

GIRONE “G” - 9ª GIORNATA (31/10) APRILIA - CASTADAS BACOLI - ANZIOLAVINIO CINTHIA - VIRIBUS UNITIS FIDENE - MONTEROTONDO GUIDONIA - ASTREA PORTOTORRES - BUDONI TAVOLARA - ARZACHENA VITERBESE - SANLURI ZAGAROLO - SELARGIUS

generale della partita. Certo questo è un campionato difficile e dovunque andiamo ci aspettano, ma è naturale che sia così”. Mister, quali sono le squadre che se potesse eliminerebbe dal torneo? “Dalle informazioni che ci sono arrivate viene fuori che il Bacoli non sia una squadra così forte. Però questo è quanto riportato da chi ha affrontato i campani ed in questo senso ogni gara ha una storia

GIRONE G

ANZIOLAVINIO ASTREA

2 2

ARZACHENA GUIDONIA

3 0

BUDONI BACOLI

1 1

CASTIADAS CINTHIA

0 0

FIDENE ZAGAROLO

2 0

MONTEROTONDO PORTOTORRES

2 2

SANLURI APRILIA

0 3

SELARGIUS VITERBESE

1 1

VIRIBUS UNITIS TAVOLARA

2 1

a sé. Inoltre bisogna guardare i numeri ed i numeri dicono che il Bacoli ha 18 punti in 8 gare e ha segnato 16 gol subendone solo 7. Una squadra che mi ha impressionato davvero, invece, è il Portotorres sia

BACOLI

18

PORTOTORRES

16

VITERBESE

16

ANZIOLAVINIO

15

FIDENE

14

ARZACHENA

13

ASTREA

13

MONTEROTONDO

13

SELARGIUS

12

SANLURI

10

VIRIBUS UNITIS

10

BUDONI

8

CASTIADAS

8

APRILIA

8

ZAGAROLO

8

TAVOLARA

4

GUIDONIA

4

CYNTHIA

3

per capacità tattiche che per individualità a disposizione. Altra squadra da tenere d’occhio secondo me è il Monterotondo”. Le avversarie del girone G sono avvisate. E.F.

SERIE D GIRONE E - A Borgo San Lorenzo finisce 1-0 per i toscani

Flaminia opaca e battuta dalla Fortis

Una rete sul finire del primo tempo condanna i rossoblù

P

oteva essere l’occasione per rilanciarsi in classifica ed approfittare del ko della capolista Todi, raggiunta in vetta da ben tre inseguitrici.

La trasferta della Flaminia a Borgo San Lorenzo si è trasformata invece in una di quelle giornate che, a fine stagione, qualcuno potrebbe rimpiangere amaramente.

GIRONE E

Risultati

TODI

17

CASTEL RIGONE

17

MONTEVARCHI

17

PERUGIA

17

PIANESE

14

VOLUNTAS SPOLETO

13

FLAMINIA

12

SCANDICCI

12

PONTEVECCHIO

11

SANSEPOLCRO

11

CITTA’ DI CASTELLO

9

SPORTING TERNI

9

DERUTA

9

FORTIS JUVENTUS

9

SESTESE

6

MONTERIGGIONI

5

ATLETICO AREZZO

5

ORVIETANA

4

CASTEL RIGONE 3 ATLETICO AREZZO 0 DERUTA SPORTING TERNI

2 2

FORTIS JUVENTUS FLAMINIA

1 0

MONTEVARCHI TODI

2 1

PERUGIA SESTESE

1 0

PIANESE PONTEVECCHIO

3 1

SANSEPOLCRO 0 CITTA’ DI CASTELLO 1 SCANDICCI MONTERIGGIONI

1 1

V. SPOLETO ORVIETANA

2 0

I ragazzi di mister Torrisi non sono stati brillanti come in altre circostanze, anzi hanno disputato una gara decisamente opaca, arrendendosi per 1-0 ad un’avversaria che, come la classifica faceva presagire e il campo ha poi confermato, non era certo irresistibile. I rossoblù hanno girato a vuoto nel primo tempo, subendo quasi allo scadere la rete di Serrotti che è rimasta l’unica di tutta la gara. Nel secondo tempo c’è stata qualche iniziativa in più da parte dei civitonici, soprattutto Mario La Cava si è fatto vedere con iniziative pericolose ma non è bastato a trovare il pareggio. I problemi offensivi in casa Flaminia permangono e il dato delle reti segnate (otto in altrettante gare) è abbastanza eloquente; tutte le formazioni di alta classifica hanno già superato (in qualche caso abbondantemente) la doppia cifra di reti realizzate, mentre il team di Torrisi fa fatica a concretizzare il gioco che crea. Quando poi, come accaduto a Borgo San Lorenzo,

anche il gioco latita e le manovre trovano pochi sbocchi, il gol diventa un miraggio. Tra le note positive della trasferta toscana sicuramente il rientro di Travaglione, gettato nella mischia dopo circa un quarto d’ora del secondo tempo; per mister Torrisi una pedina fondamentale per il prosieguo della stagione, un giocatore da recuperare al 100% della condizione fisica per rivederlo ai livelli, ottimi, della passata stagione. Altre note positive è difficile trovare in questa gara, pensando agli obiettivi che la squadra civitonica ha ed alle aspettative con cui la trasferta sul campo della Fortis Juventus era stata affrontata. Meglio rimboccarsi le maniche e pensare al prossimo match, contro un’avversaria che ricorda da vicino proprio la Fortis Juventus. L’Atletico Arezzo ha vinto solo una gara (proprio come i suoi colleghi toscani prima di questa domenica), ha una difesa più che vulnerabile (altra analogia) ma, a differenza della Fortis, fa

Mario La Cava

anche molta fatica ad andare a segno ed è tra le poche squadre che ‘vantano’ un attacco peggiore rispetto a quello della Flaminia. Facile prevedere che già oggi arrivi una strigliata decisa a Civita Castellana da parte della società, che

certo non ha gradito questa sconfitta e si aspetta un’immediata reazione perchè il campionato in corso non diventi quello delle occasioni gettate al vento e dei rimpianti.

GIRONE “E” - 9ª GIORNATA (31/10) CITTA’ DI CASTELLO - TODI DERUTA - PERUGIA FLAMINIA CIVITA CASTELLANA - AREZZO FORTIS JUVENTUS - MONTEVARCHI MONETRIGGIONI - PIANESE SANSEPOLCRO - VOLUNTAS SPOLETO SCANDICCI - CASTEL RIGONE SESTESE - ORVIETANA SPORTING TERNI - PONTEVECCHIO

G.A.


Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

sport - calcio

p

15

ECCELLENZA

Sorriso Monterosi nel giorno più triste Foglianese imbattuta ma ‘arrabbiata’ L’undici di Lauretti trionfa nel derby e dedica i gol a Campagna

U

n derby a senso unico rilancia le quotazioni del Monterosi e affonda il Corneto Tarquinia, in una giornata contraddistinta dalla tristezza per la morte del papà di Antonio Campagna che ha voluto

ECCELLENZA RIETI

20

ALBALONGA

19

NUOVA TOR TRE TESTE

16

CIVITAVECCHIA

16

PISONIANO

16

PALESTRINA

15

GIADA MACCARESE

15

REAL POMEZIA

14

MONTEROSI

13

OSTIA MARE

12

FIUMICINO

8

FONTENUOVESE

8

CECCHINA AL. PA.

7

FREGENE

6

CORNETO

6

TORRENOVA

4

PESCATORI OSTIA

3

FOGLIANESE

2

ugualmente essere presente ed ha ricevuto l’applauso più bello entrando in campo ad un quarto d’ora dalla fine. I suoi compagni hanno voluto dedicargli tutte e tre le reti rifilate al Corneto, giocando con una determinazione ed una grinta che ha quasi fatto dimenticare lo scivolone della settimana precedente contro il Palestrina. L’undici di Lauretti è partito alla grande, è andato in rete praticamente al primo affondo con Bufalini, ha tirato un sospiro di sollievo su un calcio di punizione degli ospiti finito sul palo ed ha poi chiuso i conti in avvio di ripresa, con una spettacolare rovesciata di Pirillo e ancora con Bufalini. Nel mezzo l’espulsione di mister Gufi, sintomo di una giornata storta per i tirrenici che, complici le assenze di diversi elementi chiave, ben poco hanno potuto per ostacolare un Monterosi motivato come non mai. Il primo dei due derby consecutivi previsti dal calendario ha premiato i biancorossi, cui ora si chiede maggiore conti-

nuità e concretezza, armi indispensabili per farsi largo in una classifica che, alle spalle delle due fuggitive Rieti e Albalonga, vede regnare l’equilibrio più assoluto. In fondo alla classifica un piccolo passo avanti per la Foglianese, imbattuta nella trasferta contro la Real Pomezia. Detto così, lo 0-0 esterno dei rossoblù dovrebbe essere accolto come un buon risultato, ma la compagine vetrallese è stata penalizzata ancora da una decisione arbitrale avversa che le ha negato un rigore sacrosanto a tre minuti dal termine. Un fallo di mano visto praticamente da tutti meno che dall’arbitro, il signor Rinaldi di Roma1, un errore grave che ha fatto sfumare l’opportunità di trasformare un buon punto in tre punti d’oro per la classifica e per il morale. La società ha espresso a chiare parole il suo rammarico per un episodio che si è aggiunto ad altri dello stesso tenore, capitati dalla prima giornata, ma forse è meglio guardare avanti e pensare solo

Pareggio esterno della formazione vetrallese che protesta per un rigore negato

PROMOZIONE UMBRA

agli aspetti positivi: è il secondo pareggio consecutivo dopo sei sconfitte ed è la prima volta che la porta resta inviolata. Sono segnali di una squadra che sta reagendo, che si è rinforzata con nuovi arrivi e che, adesso, può tranquillamente giocarsi le sue speranze di salvezza. Ripensando a com’era la situazione due settimane fa, almeno un piccolo sorriso si può fare. Glauco Antoniacci

PROMOZIONE - Tra le big turno pro Ladispoli e Montefiascone

Corchiano (Gallese) una farsa infinita Via mister Gasperini, ritorno di Porcelli. Film rivisto

Un campionato è fatto di numeri, di vittorie e di sconfitte, di giocatori bravi, di giocatori pippe, di mercenari, di chi ci prova a fregarti e di chi invece ti frega proprio. Un campionato è fatto

di questo e di quello e l’ottava giornata di andata del girone A di Promozione è andata in archivio con un po’ di questo e dun po’ di quello. Ma prima di analizzare risultati e tenore generale ci preme esprimere un concetto.

PROMOZIONE

FARSA CORCHIANO ORA ANCHE GALLESE Dopo il ko più onorevole che la squadra ha subito domenica a Montefiascone perdendo per 2-1 sono arrivate le dimissioni di mister Vincenzo Gasperini. E sin qui tutto potrebbe essere normale. Ciò che invece stona, dando atto a Gasperini di essersi comportato con classe e signorilità e questa farsa infinita che si perpetua da quelle parti. E vale la pena ricordare alcuni aspetti. A fronte di retrocessioni a raffica sul campo si sono sempre susseguiti ripescaggi che una società conscia del limiti manifestati in otto mesi di incontri non avrebbe mai dovuto accettare se avesse avuto uno spirito sportivo degno di tal nome. Se uno a scuola viene bocciato è giusto che ripeta l’anno. E poi un via vai di giocatori come se fossero spettatori all’ora di ricambio di un cinema metropolitano. La sensazione è stata sempre quella di una scarsissima programmazione e

ANGUILLARA

19

FOCENE

19

TANAS CASALOTTI

16

LADISPOLI

15

MONTEFIASCONE

14

CANINESE

14

VIGOR ACQUAPENDENTE

13

CITTA’ DI CERVETERI

12

REAL MONTEVERDE (-1)

11

LA STORTA

11

SANTA MARINELLA

11

TOLFA

10

PIANOSCARANO

9

ATLETICO VESCOVIO

9

TREVIGNANO

8

FORTITUDO NEPI

5

CORCHIANO GALLESE

4

VIRTUS CIMINI

0

Pino POrcelli di una disaffezione da parte di chi a Corchiano seguiva il calcio negli anni “anta” con la passione nel sangue. Ora è la solita tiritera e adesso il buon Porcelli con i suoi prodi si accomoderà sulla panca per cercare di rimettere in piedi tutto quello che non va. Altri giocatori arriveranno (dopo quelli dei giorni scorsi) altri se ne andranno e assisteremo all’ennesima puntata di un qualcosa che sarebbe stato da evitare. O no? Il calcio sissignori è molto più semplice di quello che si vorrebbe credere. Semplice e lineare.

Emanuele Bufalini, a sinistra Luca Pirillo

LA GIORNATA Turno pro Montefiascone e Ladispoli tra le squadre di altissima classifica o quanto meno che ambiscono a tagliare il traguardo per prime al 15 maggio e se possibile anche prima. E Montefiascone e tirrenici ringraziano di cuore Vigor e Trevignano che hanno fermato sul pari le battistrada Anguillara e Focene entrambe al primo pareggio stagionale. Poi analizzando quanto è avvenuto la sensazione è quella di una occasione persa per la Caninese che in casa contro l’Atletico Vescovio non è andata oltre lo 0-0. Dirigenza inviperita per l’arbitraggio ma regola numero 1 fa parte del gioco e quindi prendere o lasciare. Il solito Pianoscarano che non segna e non subisce porta via dal campo de La Storta un buon pari, recrimina per un paio di occasioni sprecate ma con il suo 3 gol fatti e 3 gol subiti dà una ulteriore dimostrazione di forza difensiva e di leggerezza offensiva o se lo si vuol vedere in un’altra ottica di formazione ben equlibrata ma con i pareggi non si va lontano.

Suicidio Ortana in quel di Pantalla B

rutto passo falso per l’Ortana che nella 7^ giornata di campionato a Pantalla cede per 3-0 ai padroni di casa. Una scon�tta pesante per Ceglia e compagni che in pratica si sono fatti male da soli condizionando una partita che sarebbe stata sicuramente all’altezza dei biancorossi. Ma andiamo al dunque, la truppa del presidente Sabatini ha giocato praticamente 70 minuti di partita in 10 prima di rimanere addirittura in 9 a causa delle espulsioni di Cionfanelli, per bestemmia, e poi di Cosimi per fallo da ultimo uomo. Due rossi, soprattutto il primo in apertura, che hanno pesato come un macigno sulla s�da e hanno fatto saltare tutti gli equilibri costringendo il tecnico Bernabei a modi�care anche il modo di giocare della sua squadra. Nonostante l’inferiorità gli ospiti hanno comunque tenuto testa ai locali �no al 45’. Poi ad inizio ripresa è arrivato il gol del CRISI PROFONDE Quelle di Fortitudo Nepi e Virtus Cimini al loro secondo e quarto ko casalingo. Stavolta per mano di Cerveteri e Santa Marinella. La F. Nepi ha molte più giustificazioni visto le assenze e l’idea netta di essersela comunque giocata contro il team ceretano. Per la Virtus Cimini è peggio che andar di notte a fari spenti e lo scossone con l’ingresso di mister Adelli non c’è stato. Della serie in campo ci vanno i giocatori e se questi giocatori in 8 incontri hanno racimolato meno di niente (leggi 0 punti) qui anche Mourinho si troverebbe in grosse difficoltà. Per il rilancio servono rinforzi ma di quelli giusti e non per essere alla moda. COSI’ DOMENICA Anguillara-Trevignano Atl. Vescovio-La Storta Cerveteri-Vigor Focene-Caninese Pianoscarano-Ladispoli S.Marinella-R. Monteverde Tanas Casalotti-Corchiano Gallese Tolfa-Fortitudo Nepi V. Cimini-Montefiascone

agv

CLASSIFICA

SAN VENANZO

15

CAMPITELLO

12

GM 10

12

FEDERICO MOSCONI

11

BASTARDO

11

ORTANA

11

REAL VIRTUS

11

BEVAGNA

10

CLITUNNO

10

GRIFO ATTIGLIANO

9

PANTALLA

9

SUBASIO

8

MASSA MARTANA

7

PETRIGNANO

6

AMERINA

5

JULIA SPELLO

3

vantaggio del Pantalla con Zaccheo. Poco dopo, gli episodi che chiudevano di fatto il match. Al 25’ infatti sempre lo scatenato Zaccheo si procurava un rigore che Parsi realizzava e al 38’’ il secondo rosso per gli ortani. Match di fatto concluso e ultima cosa da segnalare il 3-0 siglato da Cherubini. ANALISI DOPO GARA Naturalmente amareggiato mister Luigi Bernabei: “Non sono arrabbiato per il passivo �nale o per aver perso la gara, sono solo dispiaciuto perché ci siamo messi nelle condizioni di non poter giocare il match alla pari con i nostri avversari. Perdere ci può stare ma non amo fare regali alle altre squadre come fatto a Pantalla. I ragazzi devono capire che il campionato è lungo e che un determinato atteggiamento in una gara può costare caro non solo quella domenica ma anche nelle successive. Quello che ho visto oggi non mi è piaciuto e in settimana lo farò presente. Detto ciò, niente drammi, torniamo a lavorare per un pronto riscatto domenica prossima. Alessandro Ursini


sport - calcio Quelli dello 0 che continua a resistere Bomber: plotone a quota 3 gol E 16

p

Viterbo & Lazio Nord

Zero, numero bello per alcuni, decisamente meno bello per altri.

cco la classifica dei marcatori aggiornata dopo il 4° turno.

0 sconfitte - Per Canepina, Latera, Grotte di Castro, Tuscania Bolsena, Monte Romano.

4 reti - A. Taratufolo (Canepina)

0 gol subiti - Per i portieroni Mastrorosato (Latera), Sabatini (Canepina) e Marzi (Monte Romano). 0 pareggi - Per Lubriano, Ischia di Castro, Montalto e Sorianese. 0 vittorie -Per Vignanello, Virtus Pilastro, Montalto e Sorianese 0 gol fatti - Per la Virtus Pilastro di mister Cesare Rondini che in 360 minuti non ha realizzato neanche

La formazione del Capranica

3 reti - Incalcaterra (Canepina): Capocecera (Lubriano); Gaska (Latera); Kerrington (2 rigori, Tuscania Bolsena): Pacenza (Grotte di Castro); Fileni (2 rigori, Vasanello)

la miseria di una rete.

Vignanello

2 reti - Boninsegna (Valentano); Baccello (Lubriano); Nobile (Grotte di Castro); Citti (Valleranese)

0 ko interni - Per Canepina, Lubriano, Latera, Grotte di Castro, Tuscania Bolsena, Monte Romano, Valentano, Capranica, Atletico Tarquinia, Vasanello,

0 successi esterni - Per Valleranese, Capranica, Atletico Tarquinia, Vasanello, Vignanello, Virtus Pilastro, Montalto e Nuova Sorianese.

1 rete - Stella e Pantarelli (Lubriano); Cardoni, Campari, Maccioni, Salvatori (Montalto Calcio), Piccioni e Mastrangeli (Valleranese); Damiani, Ghigi, L. Trebi-

Martedì 26 Ottobre 2010

Andrea Pacenza

sondi, Pau e Di Luca (Monte Romano); L. Brizi , Carli e R. Brizi (Ischia di Castro); Maculani, Daniele, Romano (Canepina); Guarisco (Atletico Tarquinia); Morice e Brinchi (Grotte di Castro); Mastrogiovanni, Bartolacci

(Tuscania-Bolsena); Calistri, De Cillis (Vignanello); Marini, Salvitti e Rossini (Capranica); Falsarano (Vasanello); Taffi, Fapperdue e P. Cicconi (Valentano); Cesaretti (Latera); Federici (Nuova Sorianese)

1 e sta incorporando quello che è lo spirito del suo tecnico Mauro Raspoli uomo che punta dritto dritto al nocciolo della questione e che a Grotte di Castro è stato chiamato a furor di popolo per riproporre giuste e buone vibrazioni. Le ultime due uscite con annessi 6 punti stanno a significare che il percorso intrapreso è quello giusto e ora che arrivano (e non potevano tardare) i gol di Pacenza per tutti gli altri potrebbero essere dolori. Il tutto anche a fronte di emergenze di varia natura. Poi sotto con la Valentano band, senza pressioni, con un budget limitatissimo e con un’allegra brigata che ha vinto con la Nuova Sorianese grazie a una carica che specialmente ai Felceti si fa sempre sentire. Poi sotto con il Tuscania Bolsena del super bomber Kerrington che con una tripletta da superstar ha battuto il pur valido Vignanello per 3-1 e domani proporremo una intervista con il dg Bacocco che ci racconta i segreti di questo Tuscania Bolsena nato dal nulla quest’estate e che adesso si è seduto al tavolo delle grandi. Il Latera con il 2-0 alla fragile Virtus Pilastro (si cerca un attaccante ma comunque andrà un plauso al coraggio della società

1ª CATEGORIA

La “Prima” si scalda tra conferme e incompiute Tra i team quotati manca all’appello solo l’Ischia Lubriano, Valentano e Tuscania Bolsena super

Da dove partiamo? Nel commentare quanto avvenuto nella quarta di andata ci preme in avvio regalare un nomignolo all’amico di turno. PINOCCHIO Chi è che ha il naso più lungo dopo la quarta giornata? Ma il buon Giorgio Aquilio tecnico del Latera. Così il nostro amicone ha dichiarato alla stampa dopo il successo per 2-0 contro la Virtus Pilastro: “Il campionato? Dobbiamo salvarci il prima possibile. Poi si vedrà”. Della serie ma che Pinocchio. Simpaticamente ovviamente. E una società rinforzata prende gente come Mastrorosato, Bonucci, Gaska, Crispoldi, Guernier, cerca Papa Diop e chissà se arriverà dell’altro per salvarsi. Semplicemente per salvarsi. Ma dai, ma suvvia.... Pinocchio della settimana il mitico Giorgio Aquilio. IL BIG MATCH Andiamo avanti. Sotto con il super confronto giocato a Monte Romano tra i locali di mister Tossio e la capolista Canepina. Difese più forti dei rispettivi attacchi e alla fine è uscito fuori uno 0-0 che lascia le distanze immutate e i giochi aperti come non mai per dei rispettivi campionati che possono profumare di podio da qui alla fine. E ci fa piacere pubblicare anche il personalissimo sms comunicato stampa del super mister-fruttarolo (ma quanti ce ne sono in Italia così?) che racconta: “Pareggio giusto ottenuto su un campo dove secondo il mio pensiero in pochi prenderanno dei punti. Il Monte Romano è for-

Mauro Raspoli e Paolo Proietti

zione a campionati di calcio a 5) che con il senno del poi lo hanno frenato ma non ne hanno spento lo spessore tecnico che gli appartiene.

Mimi Gasperini

Michele Baccello

mazione quadrata, ben preparata fisicamente e tatticamente. Potevamo passare in vantaggio nei primi minuti con un gran tiro di Beccaccioli ma Marzi lo ha ben parato. Poi i due estremi difensori non hanno corso pericoli. Ci teniamo un punto prezioso che ci permette di restare in vetta alla classifica e ci consente di preparare con il morale alto la difficile gara interna di domenica contro il Latera”. Poi una critica alla stampa visto che Paolino è sempre super documentato: “Tirata d’orecchie a chi ha scritto su un quotidiano locale nell’edizione di domenica, la capolista trema a

Monte Romano. Se domenica fosse stato presente si sarebbe ricreduto. Un plauso alla società del Monteromano per la grande ospitalità dimostrataci in campo e fuori dal campo e che sarà comntraccambiata al ritorno a Canepina. E complimenti alla direzione arbitrale che è stata eccellente”. Così parlò il mister della capolista.

1ª CATEGORIA 5ª ANDATA (31/10) orari CANEPINA - LATERA

11,00

GROTTE DI CASTRO - CAPRANICA

11,00

ISCHIA DI CASTRO - MONTALTO CALCIO

11,00

MONTE ROMANO - ATLETICO TARQUINIA

11,00

NUOVA SORIANESE - VALLERANESE

14,30

VASANELLO - TUSCANIA BOLSENA

14,30

VIGNANELLO - LUBRIANO

11,00

VIRTUS PILASTRO - VALENTANO

11,00

SORPRESONA LUBRIANO Citazione doverosa per il Lubriano di mister Massimo Baggiani che ha steso l’Ischia di Castro con un 3-0 che la dice lunga su come il campo abbia espresso i suoi valori. E ci fa un immenso piacere vedere Baggiani aver ritorvato verve e determinazione dei tempi trascorsi alla guida di un gruppo dove probabilmente il fatto di non esserci CAPISCIONI del calcio dilettantistico ma gente semplice che a livello dirigenziale ha mangiato tanta ma tanta Terza Categoria (vero presidente Riccini?) permette al gruppo di lavorare bene e di unire l’utile al dilettevole. Nel tabellino dei marcatori figura anche quel Michele Baccello che probabilmente avrebbe meritato una carriera migliore a quella sin qui avuta con una serie di parentesi calcettare (partecipa-

DELUSIONE ISCHIA Nella settimana cheha preceduto il confronto di Lubriano il presidente dell’Ischia di Castro Fossati aveva gettato acqua sul fuoco della delusione parlando di una squadra che era stata sopravvalutata ma augurando all’Ischia una pronta e immediata risalita stonano e non poco quei tre punti ottenuti nelle prime quattro giornate da una formazione che ha una intelaiatura per poter puntare molto ma molto più in alto. Ma prima di tumulare l’Ischia di Castro 2010/2011 ci andremmo molto ma molto cauti perchè conosciamo le qualità del suo mister e l’animo sanguigno ischiano che può venire fuori e portare in auge il gruppo. L’operazione rimonta è possibile, ora probabilmente serve tranquillità e serenità. LO SPIRITO Quello giusto appartiene a Grotte di Castro, Valentano, Latera e Tuscania Bolsena. La prima ha vinto a Montalto per 3-

Dominic Gaska

CANEPINA

10

LUBRIANO *

9

LATERA

8

GROTTE DI CASTRO

8

TUSCANIA BOLSENA

8

MONTEROMANO *

7

VALENTANO

7

CAPRANICA

5

VALLERANESE

5

A. TARQUINIA

5

VASANELLO *

4

VIGNANELLO

3

ISCHIA DI CASTRO

3

VIRTUS PILASTRO

1

MONTALTO

0

NUOVA SORIANESE

0

* UNA PARTITA IN MENO di mettere in pista tantissimi giovani) ha rispettato in pieno il suo pronostico. LE ALTRE A chiudere il quadro le considerazioni sono positive per una Valleranese che ha battuto il Vasanello e sta risalendo la corrente, buoni giudizi anche per Atletico Tarquinia e Capranica che hanno impattato nello scontro diretto dando segnali di vitalità e il can tirrenico per quanto tecnicamente inferiore ha dimostrato di avere gli attributi giusti per stare bene in categoria. Al palo rimangono Montalto Calcio e Nuova Sorianese che sembrano avere delle difficoltà in più ma siamo ancora all’inizio. E in primis sui cimini si sta già lavorando per operare i necessari rinforzi e per riprendere quota. (agv)


Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

sport - calcio

p

17

2ª CATEGORIA A

E’ il titolo da due poltrone per quattro? San Lorenzo, Bolsena, Doria e Pool volano Acuto Barco, risveglio Pescia e la cenerentola Graffignano

N

ulla di nuovo sotto il sole, pardon sotto le nuvole di questa metà di autunno in un girone A della Seconda Categoria sotto il segno delle sue quattro padrone che sembrano avere una marcia in più delle altre. REGINE SCATENATE Continuano a non perdere colpi le due battistrada San

2ª CATEGORIA A S. LORENZO NUOVO

12

VIRTUS BOLSENA

12

DORIA S. MARTINO

10

VITERBO POOL

10

FARNESE

8

CIVITELLA D’AGLIANO

7

CELLENO

6

ETRUSCA

5

QUERCIAIOLA

4

BARCO MURIALDINA

4

VITORCHIANO

3

N. PESCIA ROMANA

3

NUOVA BAGNAIA

2

TRE CROCI

2

VIRTUS MARTA

1

GRAFFIGNANO

0

Lorenzo Nuovo e Virtus Calcio Bolsena dei mister Cozza e Centaro. Dieci km o giù di li di sana rivalità calcistica dell’alta Tuscia con le formazioni del capoluogo Doria San Martino e Viterbo Pool a fare da terzo incomodo, in attesa di quello che poi succederà. Il colpo più tosto lo h messo a segno il San Lorenzo che ha portato via 3 punti “dorati” dal Sabatini di Celleno e lo ha fatto per 1-0 con un colpo di testa di colui che a furor di popolo si è laureato Pallone D’Oro 2009/2010. Vìolato un campo temibile e corsa che prosegue a punteggio pieno. Per la Virtus Calcio Bolsena ci ha pensato San Davide Botarelli a trascinare i suoi verso il successo contro una Querciaiola che ha riposto bene alle sollecitazioni del suo tecnico Zucchi. E si che per i ragazzi del presidente Finocchiaro il confronto si era inacidito visto il momentaneo 2-2 che ha messo un po’ di �ato sul collo dei padroni di casa che poi con Geri hanno ottenuto la cercatissima vittoria per 3-2 ma onore ad una Querciaiola che ha lottato in modo ammirevole ed è questa la strada per poter marciare verso un campionato onorevole. NON MOLLANO Dietro alle due battistrada

non perdono colpi Pool Viterbo e Doria San Martino. La prima batte l’imbattuto Civitella D’Agliano per 4-1 e che torna sulla terra sotto i colpi di Proietti Palombi, Della Rosa e Lupattelli (2) e vede il suo portierone Valerio Faccenda salutare i 360 minuti d’imbattibilità che rendono onore alla sua carriera di portiere dilettantistico del nostro calcio. Con il Viterbo Pool viaggia a braccetto il Doria San Martino di mister Corradini che sbanca 2-1 il rettangolo di Graf�gnano dove ancora c’è da attendere per aspettare la conquista del primo punto. E’ stato Alessandro Iaconissi, valore aggiunto del team cimino a mandare in visibilio il popolo cimino sempre numeroso e rumoroso al seguito dei loro beniamini. TRA FRENATE E SLANCI In questi termini può racchiudersi il resto della giornata. Un quarto turno che ha sancito lo scatto di reni del Barco Murialdina traghettato da Milani con un importante successo a Marta contro una Virtus ancora ko tra le mura amiche nel contesto della s�da (0-1) decisa dalla rete di Cicoria. E migliore situazione non poteva trovare il nuovo tecnico Bruno Deligia chiamato a furor di popolo dal

Le due battistrada non perdono colpi Il Farnese frena contro il Tre Croci presidente Pollastrelli e dalla dirigenza per far crescere i giovani “barcaioli”. L’altro colpo a sensazione è stato della Nuova Pescia Romana che dopo tre domeniche amarissime ha vinto in quel di Vitorchiano per 2-1 scrollandosi di dosso la ruggine e la rabbia delle prime tre scon�tte con una prova che concede �ducia per il futuro. PAREGGITE E’ quella che ha fermato sulla x le compagini di Farnese e Tre Croci (0-0) e Nuova BagnaiaEtrusca (1-1) e a pelle il risultato maggiormente di spessore l’ha conseguito il Tre Croci di mister Zaccaro capace di fermare lo slancio di un Farnese imbattuto e che stranamente nelle prime quattro uscite ha vinto due volte in trasferta ed ha pareggiato contro Barco e per l’appunto Tre Croci tra le mura amiche. IN CODA Dai 3 punti di Nuova Pescia Romana e Vitorchiano allo 0

Simone Zanoni del Graf�gnano c’è da avere qualche timore ma poi se ci pensate bene in sede estiva il 99,99% di chi retrocede viene ripescato e allora perchè arrabbiarsi. E può darsi che le prossime volte arriveranno anche quei punti sin qui mancati per risalire la corrente. BOMBER

I nomi di alto lignaggio sono sempre i soliti ma dal gruppone si eleva Botarelli che sale a quota 7 stacca il suo antagonistia Tupu Vasile e incomincia a intravedere la doppia cifra. La Virtus Bolsena mette in conto e lo ringrazia di cuore. Nell’edizione di domani tutta la situazione aggiornata. agv

2ª CATEGORIA GIR. A 5ª ANDATA (31/10) BARCO MURIALDINA - NUOVA BAGNAIA

11,00

CIVITELLA D’AGLIANO - VIRTUS BOLSENA

14,30

ETRUSCA CALCIO - CELLENO

11,00

NUOVA PESCIA ROMANA - VIRTUS MARTA

11,00

QUERCIAIOLA - FARNESE

11,00

S. LORENZO NUOVO - DORIA S. MARTINO

14,30

TRE CROCI - VITORCHIANO

14,30

VITERBO POOL - GRAFFIGNANO

14,30

2ª CATEGORIA B - Dopo la quarta giornata di andata

Ed ora che segna anche Biguzzi... Dalla Cimina Ronciglione un chiaro segnale

L

a prima frenata del Soratte fermata sullo 0-0 dall’ottimo As Vetralla 1928 di mister Pasquinelli e le gesta vincenti di chi inseguiva e che da domenica 24 ottobre ha

preso ulteriore consapevolezza dei propri mezzi. E il riferimento va a Maglianese, Cimina Ronciglione (ora primi con lo stesso Soratte) e da Atletico Morlupo, Calcio Sutri e Blera.

2ª CATEGORIA B

SEI TEAM IN TRE PUNTI L’acuto dai decibel più sostenuti è arrivato da Ronciglione. Della serie “Ronciglione 6 bellissimo”. Titolo gettonatissimo ma che rende grazia al 6-0 ri�lato dalla Gavazzi band al malmesso Bassano Romano sul quale dovrà lavorare e molto il nuovo tecnico Santino Marchetti e sul quale dovrà agire psicologicamente parlando anche l’onnipresente presidente Alfredo Boldorini che dai suoi vuole e pretende di più. Tutto semplice per un Ronciglione che sta maturando come una pera in piena estate e che adesso ha trovato anche le marcature di quel Francesco Biguzzi al quale nell’edizione di sabato avevamo pronosticato un ritorno al gol. E quanta grazia. Tre �schioni e il lusso di un rigore sbagliato che ci riporta ad antichi (vedi stagione 2009/2010) errori dal dischetto e farebbe bene il buon Gavazzi a dedicargli 5 minuti dagli undici metri ogni �ne allenamento. Detto del Soratte che ha frenato occhio alla

SORATTE

10

C. RONCIGLIONE

10

MAGLIANESE

10

A. MORLUPO

9

CALCIO SUTRI

9

BLERA

7

2001 TUSCIA

6

VETRALLA

6

T. ANGUILLARA

6

VEJANESE

5

REAL COLLEVECCHIO

5

MANZIANA

4

C. CASTELLANA

3

BASSANO ROMANO

0

STIMIGLIANO

0

MAZZANO

0

Roselli (Blera) “Possiamo fare bene ma per vincere serve ben altro” Maglianese di Gianni Boccia che dopo aver fermato sul pari (2-2) all’esordio proprio il Ronciglione ha �rmato 3 successi a suon di gol (domenica 4-0 a Mazzano Romano) e si preannuncia come una delle possibile protagoniste. Su in alto dove fa piacere starci anche Atletico Morlupo (2-1 al fanalino Stimigliano) e Calcio Sutri reduce dal 2-1 al 2001 Tuscia in rimonta che sta a testimoniare come sul campo amico (dopo la licenza d’esordio con il ko contro il Manziana) sarà durissima per tutti. E un po’ con la forza �sica, un po’ con l’esperienza e un po’ con i trucchetti del mestiere le s�de contro squadre con minore esperienza (vedi il Tuscia sabato scorso) possono venire incamerate. SOSPESI Tra color che son sospesi c’è il Blera di mister Polidori e di gente del valore di Mazzarani (peccato per il cartellino rosso di domenica

che gli impedirà di giocare il derby di domenica a Vetralla). Il club del presidente Mantovani è reduce dal 3-1 ri�lato ad un Civita Castellana reduce da 3 ko consecutivi. Roselli uno dei giocatori più esperti ha parlato di un Blera ancora lontano dalle condizioni di lottare per il premiato �nale: “Penso che per vincere un campionato serve tanto altro, fermo restando che proveremo a essere tra le migliori del girone”. Giudizio in sospeso anche per il 2001 Tuscia (due ko esterni e due vittorie interne) che avrà una importante riprova nella gara di domenica a domicilio contro la Cimina Ronciglione. Stesso discorso per la Vejanese di mister Romiti che ha colto un ottimo 2-2 sul terreno della Real Collevecchio. DIFFICOLTA’ Sono palesi quelle dei fanalini di coda Mazzano Romano, Bassano Romano e Stimigliano. E in sofferenza sono anche Civita Castellana, fermo a 3 punti e Manziana, reduce dal 4-1 sul campo del Tugurio Anguillara in buona ascesa. Da oggi si riparte con gli allenamenti. La parola d’ordine è insistere per chi va bene e reagire per chi invece ha qualcosa da farsi perdonare agv

Francesco Biguzzi

2ª CATEGORIA GIR. B 5ª ANDATA (31/10) 1928 VETRALLA - BLERA

11,00

2001 TUSCIA - CIMINA RONCIGLIONE

14,30

BASSANO ROMANO - TUGURIO ANGUILLARA

11,00

CIVITA CASTELLANA - CALCIO SUTRI (sabato 30/10)

14,30

MANZIANA - ATLETICO MORLUPO

11,00

REAL COLLEVECCHIO - MAZZANO ROMANO

11,00

STIMIGLIANO - MAGLIANESE

14,30

VEJANESE - SORATTE

11,00


sport

p

18

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

CALCIO JUNIORES

Il poker magico del Corneto di bomber Rosati Con merito i tirrenici al comando nei Fascia B girone A

C

apitolo juniores regionali dove per il calcio provinciale le notizie migliori arrivano dal primato nei fascia B del Corneto Tarquinia che prosegue la sua marcia a punteggio pieno. Ecco il quadro della situazione. JUNIORES ELITE Qui prosegue il momentaccio del Pianoscarano che ha perso per 3-2 in casa contro il Fiumicino in un confronto

in cui ha �nito per girare tutto per il verso sbagliato per i rossoblu dopo l’iniziale 2-0 a loro favore �rmato dalle reti di Angelucci e Della Rosa. Poi pian piano gli ospiti sono venuti fuori e per il Pianoscarano è stata notte fonda. Tre scon�tte e tre pari è il bilancio di questo avvio di stagione e in classi�ca il team occupa il penultimo posto. Prossimo Turno - Sabato prossimo altra s�da diretta in

JUNIORES (elite)

JUNIORES (fascia B)

N.T. TRE TESTE

18

CORNETO TARQUINIA

12

FIUMICINO

15

CIVITAVECCHIA

10

OSTIA MARE

15

FORTE AURELIO

9

FUTBOL CLUB

12

PIAN DUE TORRI

8

CANALE MONTERANO

10

SANTA MARINELLA

7

VIGOR PERCONTI

9

MONTESPACCATO

7

VILLANOVA

9

TOLFA

6

TANAS CASALOTTI

7

PESCATORI OSTIA

6

LADISPOLI

7

CASAL BERNOCCHI

5

OTTAVIA

6

VIS AURELIA

4

SETTEBAGNI

6

LA QUERCIA 88

4

FREGENE

6

PALOCCO

4

OLIMPIA

5

MONTEROSI

4

MACCARESE

4

C. FOGLIANESE

3

PIANOSCARANO

3

MONTEFIASCONE

1

LA SABINA

0

REAL MONTEVERDE

0

Nell’elite grande sofferenza per il Pianoscarano. Bella rimonta del Monterosi ko Foglianese e Montefiascone chiave salvezza sul terreno del Settebagni. FASCIA B Qui splende la luce del Corneto di mister Renzo Bonelli. 4 incontri e 4 vittorie e meritato primato in classi�ca per i rossoblu che sabato nel loro ultimo match disputato hanno battuto per 2-1 il Palocco con la doppietta del loro match winner Rosati che sta segnando a raf�ca. Segnali di ripresa per il Monterosi che ha impattato per 3-3 sul terreno del Casal Bernocchi e qui va dato atto ai ragazzi di mister Giacinti di averci sempre creduto perchè sotto di 3 reti hanno messo in piedi il match con il pareggio �rmato dalla doppietta di Mariuta e dalla rete di Del Torto. Scon�tte per le altre nostre due portacolori. Il Monte�ascone ha perso per 4-0 contro il Pian Due Torri, trasferta amara in cui ha girato un po’ tutto per il verso storto ma il divario è pesante e jella per la Comunale Foglianese di mister Giovanini che ha perso allo scadere il match interno contro il Civitavecchia con il punteggio di 1-0 e un pareggio non sarebbe stato

un risultato bugiardo. Prossimo Turno - Nella quinta di andata avremo il Corneto di scena sul terreno del Casal Bernocchi, la Foglianese giocherà nella tana del Real Monteverde, per il Monterosi e Monte�ascone gare interne contro Forte Aurelio e Tolfa. (agv)

Alessandro Rosati

OLTRE IL PALLONE - Conviviale biancorossa

La Virtus Pilastro presenta i suoi sponsor per il 2010/2011 S

erata Sponsor per la società Virtus Pilastro, che presso la struttura delle “Farine”, ha voluto condividere una serata conviviale con i propri sponsor, l’inizio della stagione agonistica 2010-2011. Il Presidente Massimo Pacchiarotti ha fatto gli onori di casa, alla presenza delle massime autorità sportive locali con in testa il Delegato Provinciale FIGC Renzo Lucarini, che ha elogiato l’operato della società Virtus Pilastro, sottolineando come la stessa si distingua sotto il profilo sociale in campo

CALCIO A 5 SERIE D DONNE - Tutto il quadro della seconda giornata di andata

Ecco a voi le magnifiche sette sorelle

Da segnalare le goleade di F. Civitavecchia, Montefiascone ed Accordia

D

opo che nell’edizione di domenica vi abbiamo raccontato quanto accaduto nella seconda di ritorno del campionato maschile di calcio a 5 di serie D provinciale ecco il panorama competo del settore rosa. SERIE C LAZIALE Qui segnaliamo il bel successo per 10-5 della Real Collevecchio contro il Vejo Lazio Calcetto. E nelle prossime edizioni appro�nderemo il campionato del team sabino in cui militano giocatrici viterbesi. C/5 D FEMMINILE In sette a punteggio pieno dopo la seconda giornata e come è successo nel campionato maschile nei primi due turni non si sono registrati pareggi. Ecco il quadro completo della seconda di andata. Bassanese-Cus Viterbo 40 - Rotondo successo per le padrone di casa �rmato dalla tripletta di Alessandra Bucci e dal gol di Chiara Morichelli. Celleno-Vignanello 5-0 - Perfetto il Celleno che ha

battuto le cimine con le reti di Serena Cappuccini, Nicoletta Lattanzi, Noemi Lattanzi, Lia Marianeschi e Katia Taschini. F. Civitavecchia- C. Castellana 13-1 - Goleada del team di Civitavecchia con le reti di Serena Tirante (5), Lucia Droghini (4), Francesca Baldasseroni (4), Tiziana Moscatelli (2). Per le scon�tte reti di Chiara Brugnoni.

Montefiascone-Caninese 12-7 - Ben 19 reti a in�occhettare un confronto in cui le falische hanno dimostrato la loro superiorità. Per il Monte�ascone reti di Michela Proietti (4), Gloria Rebichini (3), Maria Vetrallini (3) , Ada Natalini e Giorgia Prosperini. Caninese che ce l’ha messa tutta andando in gol con Ilaria Filippi (4), Chiara Mattei, Tiziana Mazza e Gloria Papacchini.

Graf�gnano-Virtus Pilastro 4-9 - Secondo successo anche per la Virtus di mister Di Laura che si impone agevolmente in quel di Graf�gnano con 4 reti di Cristina Santini, doppietta di Romina Pacitti e reti di Cristina Ceccariglia, Elisabeth Lagrimino e Manuela Panunzi. Grotte S. Stefano-Blera 3-2 - Match combattuto e successo per Veronica Menichelli e compagne che si sono imposte con la doppietta di Sara Micci e la rete di Veronica Al�eri. Per le blerane reti di Vienna Cancellu e Federica Lopis. Romina Pacitti

Monterosi-Accordia 1-14 - Continua a pagare dazio la giovane e inesperta compagine del Monterosi che viene battuta con il netto 14-1 dall’ Accordia Oriolo in gol con Cristina Caporali (4), Emy Turrisi (4), Lucia De Rocco (2), Luana Ferrini (2) e Simona Pauselli (2).

3 punti - Bassanese 3 punti - Vignanello 0 punti - Blera 0 punti - V.C. Bolsena 0 punti - Caninese 0 punti - Cus Viterbo 0 punti - Graf�gnano 0 punti - F. Civita Castellana 0 punti -Monterosi

V. C. Bolsena-Canale Monterano 3-8 - Ed anche qui pronostico rispettato dalla forte compagine ospite che ha vinto a Bolsena con le reti di Gaia Guiducci (3), Veronica Di Stefano (2), Paola Ruggeri (2) e Sabrina Botta (1).

PROSSIMO TURNO E questo (salvo variazioni) è il programma del terzo turno nel prossimo �ne settimana.

LA CLASSIFICA E questa è la classi�ca aggiornata dopo la seconda di andata. Sette team a punteggio pieno.

Sabato 30 ottobre - Alle 15,30 Accordia-Canale Monterano, Cus ViterboGraf�gnano, Flaminia Civita Castellana-Bassanese. Alle 17 Celleno-Virtus Bolsena

6 punti - C. Monterano 6 punti - F. Civitavecchia 6 punti - Grotte S. Stefano 6 punti - Virtus Pilastro 6 punti - Accordia Oriolo 6 punti - Celleno 6 punti -Monte�ascone

Domenica 31 ottobre - Alle 15,30 Caninese-Grotte Santo Stefano e Virtus Pilastro-Monterosi (campo di Santa Barbara). Alle 18 Blera-Femminile Civitavecchia. agv

Venerdì 29 ottobre - Alle 21 Vignanello contro Monte�ascone

giovanile, nonostante abbia le tariffe più basse sia nel campo della scuola calcio, che per le attività di calcio giovanile; anche il consigliere Regionale FIGC Sergio Insogna ha portato il proprio saluto. Ma come detto la serata era in omaggio a tutte le realtà commerciali che sostengono economicamente l’attività sportiva del presidente Pacchiarotti, che ha voluto premiare con un piccolo omaggio tutti gli sponsor intervenuti: Bio System; Buffetti Ufficio Moderno; Cancellieri Carburanti; Carrozzeria Fiorillo; Carrozzeria Rassi; Ceccarini Materiali Edili; Eco-store; Farmacia Pilastro; Fotovideotelefonia Grazini; L’Altrosole; Mediel; Officine Brugiotti; Pasticceria Bar Deci; Pianeta Verde; Rappresentative Editoriali Neri Francesco; Scarpamondo; Soc. Chiazza Raffaele; The Porter; TreA Trasporti; Uni Project; Universal Copy; Urbani Vittorio; Zurich Assicurazione; Nella serata, sono stati anche premiati tutti i tecnici presenti, sia per i risultati della precedente stagione, sia come augurio per la presente; in particolare sono saliti sul palco, Poleggi Massimo, per la categoria Pulcini, Alverio Rossi come responsabile Scuola Calcio, Otello Settimi mister Giovanissimi, Luciano Grazini per la categoria Allievi, mister Bonelli per la squadra Juniores ed infine Cesare Rondini tecnico della prima squadra.


ALLIEVI (elite) MONTEROTONDO N. TOR TRE TESTE URBETEVERE RIETI SPES MONTESACRO LADISPOLI CIVITAVECCHIA AURELIO OSTIA MARE DELLE VITTORIE TOTTI SOCCER C. FUTBOL CLUB PESCATORI OSTIA VITERBESE VILLALBA OTTAVIA

sport - calcio

Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

10 10 9 8 6 6 6 5 5 4 4 4 4 3 3 2

p

19

ALLIEVI (regionali)

ALLIEVI (fascia B ecc)

GIOVANISSIMI (elite)

GIOVANISSIMI (reg)

GIOVANISSIMI (fascia B ecc)

MONTESPACCATO FREGENE VIGILI URBANI ALMAS VIS AURELIA SAN GORDIANO C. FOGLIANESE FOCENE LA STORTA ETRUSCA MACCARESE PIANOSCARANO CIVITA CASTELLANA SAN P. OSTIENSE MASSIMINA PALOCCO

LAZIO VIGOR PERCONTI ROMA SAVIO N. T. TRE TESTE ATLETICO ROMA TOTTI SOCCER S. MONTEROTONDO URBETEVERE TOR DI QUINTO OSTIA MARE PRO ROMA SAN P. OSTIENSE VITERBESE DELLE VITTORIE APRILIA

TOR DI QUINTO SAVIO TOTTI SOCCER S URBETEVERE DELLE VITTORIE LADISPOLI SPES ARTIGLIO. VITERBESE TOR DEI CENCI ROMULEA OTTAVIA OSTIA MARE VIS AURELIA RIETI OLIMPIA FOCENE

12

10

S. PAOLO OSTIENSE AURELIO

8

PIANOSCARANO

9

8

CIVITAVECCHIA PESCATORI OSTIA FOGLIANESE MACCARESE ETRUSCA PIAN DUE TORRI FREGENE REAL MONTEROSI MONTEFIASCONE CORNETO TARQUINIA BARCO MURIALDINA CIVITA CASTELLANA C.G. SAN GORDIANO

7

ROMA FROSINONE SAVIO LAZIO LODIGIANI URBETEVERE APRILIA AURELIO VIGOR PERCONTI VITERBESE N. TOR TRE TESTE TOR DI QUINTO FUTBOL CLUB ANZIO LAVINIO PRO ROMA PRO CALCIO

12 12 10 10 9 7 7 5 4 3 3 2 2 1 1 0

12 12 10 9 7 7 7 6 4 4 3 3 2 2 1 1

12

7 7 7 6 6 6 4 4 4 1 0 0

10

7 6 6 6 6 5 5 4 4 3 1 0

12 10 9 8 8 8 7 7 7 6 3 2 2 0 0 -1

Più scuro che chiaro per i team gialloblù In difficoltà le formazioni giovanili della Viterbese Capitolo giovanili regionali tra molti e bassi e qualche alto per le nostre compagini. Partiamo dall’analisi dei vari campionati incominciando dalla Juniores Elite sino ad arrivare ai giovanissimi. ALLIEVI Ed ecco la disamina delle varie categorie del campionato Allievi. ECCELLENZA Trasferta amara per la Viterbese di mister Massimo Bertini battuta per 32 sul terreno del Futbol Club e si tratta della terza sconfitta in quattro confronti per i gialloblu ai quali non sono stati sufficienti i gol messi a segno da Natale e Renzetti. Prossimo Turno - Serve il riscatto sin da domenica quando i gialloblu alle 9 affronteranno un’altra impagnativa trasferta sul campo dell’Aurelio. REGIONALI Sorride appieno soltanto la Comunale Foglianese del tecnico Lorenzini che ha vinto alla grande per 4-0 contro il fanalino di coda Palocco sfruttando appieno la grande giornata realizzativa di Calevi autore di una tripletta. Il quarto sigillo lo ha realizzato l’ottimo Lepri. Pareggio per 0-0 del Civita Castellana Calcio Giovanile nell’imnpegno interno contro il Maccarese. Non va per le altre due formazioni che seguiamo da vicino. Infatti il Pianoscarano ha rimandato ancora l’appuntamento con i 3 punti ed ha perso per 3-1 in casa con il quotato Montespaccato (gol della bandiera di Ricci) e l’Etrusca ha ceduto per 3-1 nella trasferta contro il San Gordiano e qui a firmare l’unico gol degli ospiti è stato Bollini. Prossimo Turno - Domenica prossima per la quinta di ritorno avremo le gare tra Pianoscarano e Focene, la Foglianese si recherà sul terreno del San Paolo Ostiense, per il Civita Castellana Calcio Giovanile trasferta sul campo del Palocco e l’Etrusca riceverà il Fregene.

Tutto il punto su allievi e giovanissimi regionali Al Pianoscarano di mister Cecchetti il derby con il Barco FASCIA B REGIONALI Anche qui poco di positivo da segnalare con il Pianoscarano di mister Carnevale che ha perso per 3-0 sul terreno del Focene, rimediando il suo secondo ko nelle prime due giornate e c’è sicuramente molto da rivedere. Prossimo Turno - Sabato prossimo si confida nel riscatto con la gara interna contro La Storta. Classifica - Così dopo due giornate: Ladispoli, Ottavia, Pescatori Ostia, Vis Aurelia e Aurelio 6; Focene, Montespaccato e La Storta 3; Civitavecchia e Fregene 1; Pianoscarano, Atletico Acilia, Città di Cerveteri e Petriana 0. FASCIA B SPERIMENTALI Seconda giornata di andata in questo campionato dove militano quattro nostre compagini. Bel successo per il Barco Murialdina nel derby contro l’Etrusca vinto con il punteggio di 41, ok la Comunale Foglianese che si è imposta per 3-0 sul San Gordiano e primo brindisi per il Tre Croci che ha battuto per 1-0 il Sabazia per la gioia di mister Marcello Scorsini. Questa la cronaca del derby vinto dal Barco. BARCO MURIALDINA 4 ETRUSCA 1 Spinto da una prestazione eccezionale di Giovannelli e Codino in difesa

e di Maurizi e Fusi in mezzo al campo il Barco Murialdina vince contro una buona Etrusca. I gol sono stati realizzati da Moricone (2), Pollastrelli e Olivieri, ma tutta la squadra ha sfoderato una prestazione impeccabile, meritando la vittoria finale. Al campo del Barco infatti si è giocata una partita bellissima e molto più equilibrata di quanto il risultato finale possa far pensare. Il Barco Murialdina è partito molto determinato e dopo appena 60 secondi è andato in gol con Moricone che, ben lanciato dalla retroguardia, ha bruciato i due diretti controllori e infilato il portiere avversario sul primo palo di destra con un bel rasoterra. Il vantaggio così repentino però ha addormentato il gioco del Barco e per venti minuti è stata l’Etrusca a dettare legge grazie a una chiara supremazia sulla fascia sinistra del campo.Gli attacchi ospiti però si sono infranti sempre nella zona controllata da Codino e Giovannelli e gli avanti Etruschi si sono resi pericolosi solsmrente con tiri dalla distanza sempre ben gestiti da Saviano. Al 35’ il Barco Murialdina ritrova smalto e concretizza in gol con Olivieri un bel lancio di Fusi e si va al riposo sul risultato di due a zero. Nella ripresa l’Etrusca spinge ancora sulla fascia destra e concretizza delle buone opportunità, colpendo in una occasione anche la traversa della porta difesa da Saviano. Il Barco Murialdina però

non sta a guardare e segna il terzo gol, che mette in cassaforte il risultato, con Pollastrelli lesto a deviare in gol un bel cross di Olivieri. L’Etrusca però ha il merito di crederci ancora e a 15 minuti dalla fine accorcia le distanze sfruttando una indecisione della difesa di casa. Cinque minuti più tardi però è ancora Moricone, ben lanciato da Fusi, a segnare il gol del definitivo 4 a 1 finale. Ottimo l’arbitraggio favorito dal comportamento sempre corretto dei ventidue giocatori in campo e dal fair play dimostrato dalle due panchine. Classifica - E questa è la graduatoria dopo due turni in questo campionato: Foglianese e Aranova 6; Barco Murialdina, Ladispoli, Masssimina, Sabazia, San Gordiano, Santa Marinella e Tre Croci 3; Cerveteri Soccer, Etrusca, Il Grifone e Real Boccea 0. Barco, Il Grifone, Cerveteri e Massimina una partita in meno. GIOVANISSIMI Infine il punto sui campionati della categoria Giovanissimi. ECCELLENZA Vince in trasferta e perde in casa la Viterbese ‘96 di mister Conticchio che dopo il ko di 15 giorni fa contro l’Urbetevere stavolta ha ceduto al Cus per 3-2 contro il Savio e non è bastata un’altra grande prova di Provenzano (classe ‘97) per evitare il ko. Viterbese in gol con Achilli e Bonaventura. Prossimo Turno - Domenica prossima ancora in casa contro il Rieti. REGIONALI Qui le attese maggiori erano concentrate sulla stracittadina tra Barco e Pianoscarano. Sul campo degli avversari si è imposto il Pianoscarano per 1-0 con un gol del capitano

FASCIA B ECCELLENZA Inizio di stagione con grosse difficoltà per la Viterbese ‘95 di mister Valentini che in casa contro il fanalino di coda Romulea non è andata oltre lo 0-0 nel match giocato al Rocchi sabato scorso. Viterbese che ha spinto sull’acceleratore ma ogni sforzo è risultato vano per trovare la via del gol. Gialloblu con un bilancio di 2 punti dopo 4 incontri. Prossimo Turno - Sabato prossimo trasferta sul campo del fanalino di coda Delle Vittorie. La formazione del Barco Murialdina Allievi Fascia B

Mister Alessandro Conticchio

Il club del presidente Pollastrelli si è riscattato negli allievi B battendo l’Etrusca per 4-1. La Foglianese ‘96 sbanca Fregene Giulietti a metà del secondo tempo. Match divertente che il Pianoscarano non è riuscito a chiudere e che il Barco ha inseguito sino all’ultimo peccando però di sterilità in fase offensiva. Confronto corretissimo e di questo va dato atto a tutti i giocatori. Riscatto della Foglianese di mister Bevilacqua che ha vendicato il ko precedente contro l’Aurelio vincendo per 3-0 a Fregene con le reti di Foglietta, Verduchi e Allegrini. Nell’altro derby di giornata l’Etrusca di Aldo Coletta ha battuto il Civita Castellana Calcio Giovanile per 2-0 con le reti di Salsa e dell’ottimo Palombi. Bel blitz del Real Monterosi corsaro per 3-0 sul terreno del fanalino di coda San Gordiano con i gol di Totonelli, Rizzo e Gulino. Ko le altre. Il Montefiascone ha perso 3-0 contro il forti avversari dell’Aurelio, il Corneto Tarquinia ha ceduto tra le mura amiche per 1-0 con il Maccarese. Al comando a punteggio pieno il San Paolo Ostiense. Prossimo Turno - Così in campo domenica prossima: alle 9,30 Pian Due Torri-Pianoscarano, Comunale Foglianese-San Paolo Ostiense e Montefiascone-San Gordiano. Alle 10,30 il derby tra Etrusca e Barco Murialdina e alle 11 le altre due sfide con le provinciali tra Civita Castellana Calcio Giovanile e Aurelio e Real Monterosi-Corneto Tarquinia. FASCIA B ECCELLENZA Niente da fare per il team della Viterbese di mister Vincenzo

Rossi battuto a Roma per 3-0 dalla quotata Lazio che ha così operato il sorpasso in classifica sui gialloblu sin qui sempre vittoriosi in casa e sconfitti in trasferta. Prossimo Turno - Sabato 30 ottobre alle 15 confronto casalingo a Marta contro l’Anzio Lavinio. FASCIA B REGIONALI Dopo il bell’esordio della prima giornata un passo indietro per il Pianoscarano che ha perso per 2-0 il derby esterno contro l’Etrusca che è stato deciso dalle reti di Sernacchioli e Federici. Prossimo Turno - Pianoscarano sabato prossimo in casa alle 17 contro la Petriana ed Etrusca di scena sul terreno dell’Ostia Mare, sempre sabato alle 17. Classifica - Ecco la graduatoria dopo due giornate: Fregene, Ladispoli, Ostia Mare 6; Olimpia, Etrusca 4: Civitavecchia, Città di Cerveteri, Vis Aurelia, Casalotti e Pianoscarano 3; Montespaccato, Petriana, Urbe Roma e Atletico Acilia 0. NELL’EDIZIONE DI DOMANI I SERVIZI SU TUTTO IL CALCIO GIOVANILE PROVINCIALE (agv)


20

sport - volley

p B2 MASCHILE

Fine settimana molto positivo per i sestetti della provincia nei vari campionati

ZAGAROLO FRASCATI IGLESIAS CASAL BERTONE VOLLEY ORTE TIVOLI GUIDONIA QUARTUCCIU LIB. GENZANO ARZACHENA POMEZIA DEL. QUARTU ARVALIA CASAL DE’ PAZZI CIVITAVECCHIA

C MASCHILE

6 6 6 5 5 3 3 2 2 2 1 1 0 0

MONTEPORZIO POL. TUSCANIA ROMA 7 VIRTUS ROMA CASAL BERTONE ANGUILLARA MARINO MARE DI ROMA TECN. CIVITA C. BRACCIANO FENICE CB IMM. TUSCIA SALES SORA

Viterbo & Lazio Nord

C FEMMINILE

6 6 6 6 5 4 3 3 3 0 0 0 0 0

TERRACINA CASAL DE’ PAZZI ZAGAROLO SPES MENTANA ANGUILLARA ALL VOLLEY I.C.S PRO C.NUOVO LIB.GENZANO VBC VITERBO TIBURTINI ROMA ROMA PALL. SCUOLA SPORT MARINO

D MASCHILE

6 6 5 5 4 4 4 3 3 2 0 0 0 0

LADISPOLI ACLI SAET APSIA TALETE ISOT. C.VECCHIA FORT. NEPI TARQUINIA TOR SAPIENZA FIUMICINO NUOVO SALARIO VOLLEYPRATI BREDA VOLLEY CASAL DE’ PAZZI N.DESIGN TUSCIA

Martedì 26 Ottobre 2010

D FEMMINILE

6 6 6 6 6 5 3 2 1 1 0 0 0 0

POGGIO MIRTETO VOLLEY 4 STRADE FIANO ROMANO GB VICO SAN GIORGIO CASAL DE’ PAZZI CIVITA VOLLEY FORTITUDO N. SALARIO FORMELLO GS PALOMBARA BRACCIANO SEMPIONE PRO JUVENTUTE

6 6 5 5 5 3 3 2 2 2 2 1 0 0

Volley Orte a valanga sull’Arvalia Guzzago e compagni demoliscono 3-0 la formazione romana

S

plendida vittoria per il Volley Club Orte di coach Di Marco che sul dif�cile campo dell’KT Arvalia coglie un rotondo successo per 3-0. Successo pieno, meritato ed importantissimo per gli ortani che da questa gara cercavano alcune conferme e volevano avere dei segnali di crescita dopo il 3-2 conquistato in casa contro il Tivoli. Passi in avanti che sono stati abbastanza chiari �n dalle prime palle giocate e che hanno evidenziato come la compagine del patron Aldo Madonna, al completo con tutti i suoi pezzi da novanta, è sicuramente tutt’altra squadra e può esibire sicuramente un gioco di livello. Tre punti che inoltre lanciano il Volley Orte anche in classi�ca visto che con 5 punti i biancorossi sono ad una sola lunghezza dal trio di testa composto da Zagarolo, Frascati e Iglesias.

Evidente la crescita della compagine del presidente Madonna

Gregorio Guzzago

LA PARTITA La s�da è stata abbastanza combattuta e ha ancora una volta mostrato il carattere e la forza del gruppo biancorosso che nei momenti dif�cili riesce ad emergere alla grande come già dimostrato nella prima di campionato. Il match si è aperto con un primo set che le due squadre hanno giocato punto su punto con i viterbesi che alla �ne sono riusciti ad imporsi per 25-23. Meno equilibrato il secondo parziale con Guzzago e compagni che han preso subito il controllo del set su chiudendo facile 25-17. Nel terzo ed ultimo set invece è tornato l’equilibrio

iniziale con gli ortani che sono riusciti a risolvere la contesa solo ai vantaggi grazie al 2624 �nale. COMMENTI Soddisfatto coach Gianpaolo Di Marco: “Bella prestazione e buona vittoria. La squadra ha dimostrato ancora segnali di crescita e questo è quello che più mi rende più felice anche se c’è ancora da lavora molto in alcune situazioni di gioco. Ovvio che aver recuperato tutti i nostri migliori giocatori, anche se non ancora al top, facilità le cose e aiuta la crescita individuale di tutti gli altri ragazzi. Naturalmente ora non bisogna montarsi la testa, occorre rimanere concentrati, umili e continuare a lavorare con intensità ed impegno per confermarsi e proseguire nei miglioramenti”. Alessandro Ursini

SERIE C - Turno brillante per i sestetti viterbesi con una sola battuta d’arresto

Città dei Papi, la rimonta perfetta

Bottino pieno per Tuscia e Junior Civita, cade ancora il Tuscia

B

ravissime ragazze. Solo questo viene da dire pensando all’impresa del VBC Città dei Papi, vittorioso sabato contro l’Anguillara in una gara dalle mille emozioni. Le ragazze di coach Iacovacci hanno saputo ribaltare una partita che sembrava persa, cancellando i primi due set tutti di marca ospite con una rimonta straordinaria. Sembrava tutto perduto quando le ospiti, annunciate come una squadra molto competitiva anche per le prime posizioni, si erano portate sul 2-0 con parziali nettissimi (25-17 e 25-14). Forse memori delle grande battaglie dell’anno scorso, quando si sono contese �no all’ultimo la promozione in serie C, le due squadre hanno però pensato che fosse troppo banale �nire con un 3-0 così rapido. La gara ha allora cambiato volto dal terzo set, quando il VBC si è trasformato in una

squadra decisa a non mollare nemmeno un pallone, ha ridotto gli errori ed aumentato i colpi vincenti, portandosi a casa due set per 25-23. Nel tie-break, sospinte dal pubblico, hanno fatto valere la loro grinta e la loro fame di vittorie, imponendosi 15-13 e portando a casa due punti preziosi per la classi�ca e per il morale. SERIE C MASCHILE Conferma attesa e prontamente arrivata per Tuscania che, dopo l’esordio vittorioso contro il Tuscia nel derby, si è imposto con un altro 3-1, questa volta ai danni del Marino. A differenza della prima uscita, questa volta i ragazzi di coach Timpanaro hanno faticato ad entrare in partita, regalando di fatto il primo set agli avversari (2511) e rischiando di cedere anche il secondo, in cui sono dovuti arrivare ai vantaggi per chiudere positivamente

Massimo Costanzi 28-26. Il terzo parziale è stato una formalità (25-14) ma la battaglia è tornata serrata nel quarto set, con il sestetto biancoblù che si è imposto 25-23 prendendosi i tre punti in palio e scongiurando il rischio di un pericoloso tiebreak. Non ha avuto bisogno del tie-break, ma nemmeno del

quarto set, lo Junior Civita Castellana che ha liquidato 3-0 il Bracciano. Tutto facile per i ragazzi di Massimo Costanzi nel primo e terzo set (vinti a 20 e a 16 rispettivamente), molto più lottato il secondo set, vinto dai civitonici 29-27. La squadra è comunque apparsa in crescita dopo l’opaca prestazione dell’esordio e può recitare un ruolo importante in questa stagione. Chi invece ha ancora bisogno di migliorare è il Tuscia di Stefano Cardinali, piegato 3-1 a Pomezia dal Centro Turistico Mare di Roma. Vinto il primo set 25-22, i ragazzi viterbesi non sono riusciti a dare continuità alla loro prestazione, subendo il ritorno prepotente degli avversari che hanno chiuso al quarto set. La classi�ca non è incoraggiante ma sono trascorse solo due giornate e c’è ancora tutto il tempo per riscattarsi. Gla.Ant.

Rosangela Venturini

SERIE D - Rialza la testa anche Tarquinia

Pronto riscatto Civita La F.Nepi fa sul serio C

on la rabbia di chi si è sentito defraudato di tre punti guadagnati meritatamente e la forza di chi ha come obiettivo un campionato da dominatore, il Civita Volley è passato come un rullo compressore sulla Pro Juventute concedendo alle avversarie appena 46 punti in tre set. Il team della presidente Marcella Avolio ha scaricato in campo l’amarezza per quello 0-3 a tavolino comminato a causa di un errore nella compilazione della lista gara contro Poggio Mirteto, ribadendo che, sul piano tecnico e tattico, sarà durissima per qualunque avversaria si troverà davanti. Il primo set, in pratica, non è nemmeno iniziato (10-25), nel secondo le padrone di casa hanno profuso il massimo sforzo per ostacolare le ragazze dei coach Giandomenico e Rita ma si sono dovute arrendere per 25-22 e nel terzo è arrivata la passerella trionfale del Civita che ha ceduto appena 14 punti alle rivali. La marcia è ripresa e l’obiettivo resta, senza mezzi termini, la promozione. SERIE D MASCHILE La Fortitudo Nepi ha confermato di fare sul serio e, dopo il blitz a Fiumicino, non ha dato scampo nemmeno al

Nuovo Salario. I ragazzi di Poscolieri si sono portati velocemente sul 2-0, poi hanno dovuto lottare con le unghie e con i denti per portare a casail terzo set, arrivando �no ai vantaggio quando hanno chiuso 28-26. Ottima la prestazione della Dea Clima Tarquinia che, scottata dal ko inaugurale contro Civitavecchia, si è sfogata sul Casal dei Pazzi imponendosi per 3-0. Match a senso unico in favore dei tirrenici che non

Prova di forza per le ragazze civitoniche e per il gruppo di Poscolieri hanno mai fatto arrivare gli avversari oltre quota 20 nei tre set disputati. Unica amarezza settimanale quella dei giovani della Nic Design Civita Castellana, battuti 3-0 in casa dal Civitavecchia. Netta la superiorità degli ospiti che hanno sempre fatto corsa di testa costringendo così nuovamente i giovani civitonici a masticare amaro e a rimanere sul fondo della classi�ca provvisoria. Glauco Antoniacci


Viterbo & Lazio Nord

Martedì 26 Ottobre 2010

sport - basket

p

21

L’ultimo quarto rilancia il Santa Rosa ma castiga la Sovil

L

a fatica che stanno facendo le due squadre viterbesi di serie D è stata confermata anche dal quarto turno, disputato lo scorso �ne settimana. Almeno, però, c’è chi ha potuto festeggiare due punti d’oro ed è il Santa Rosa che, con un ottimo secondo tempo, ha interrotto a Latina una ministriscia di due scon�tte consecutive che iniziava a preoccupare piegando il Basket Pontino per 6047. Ancora buio invece per la Sovil che è caduta a Marino, dove anche il Santa Rosa aveva dovuto cedere il passo; la classi�ca piange ma il tempo per recuperare c’è, a patto di svegliarsi. SANTA ROSA SUPER REAZIONE A metà gara, almeno stando a

quanto raccontano i bene informati, l’umore di coach Tedeschi (nella foto) era nerissimo; la sua squadra stava perdendo e, soprattutto, sta-

va giocando male contro un’avversaria tutt’altro che trascendentale. Solo 22 punti segnati, tanti errori e un mare di palloni persi, insomma

tutto il campionario delle cose da non fare su un campo da basket. I muri della palestra pontina avranno tremato ed evidentemente qualcosa è successo, magari a scoppio ritardato visto che c’è stato un altro quarto (il terzo) di letargo prima dell’esplosione. Un break di 26-8 nei dieci minuti �nali ha nuovamente mostrato cosa può fare il Santa Rosa quando arrivano palloni di qualità ai lunghi e anche gli esterni si prendono le loro responsabilità. Tedeschi lo sta chiedendo a gran voce da tempo, questa volta è stato in parte ascoltato e, forse, tutta la squadra si sarà liberata di un peso. La strada è ancora lunga, anzi lunghissima, ma le vittorie non possono che aiutare un gruppo con tanti giovani che devono crescere.

Volata strepitosa dei biancorossi Epilogo amaro per la Fortitudo SOVIL BATTUTA ANCHE A MARINO La squadra che ne aveva presi 59 all’esordio non esiste più. La versione da esportazione della Sovil è decisamente migliore e a Marino, contro un Boville giovane e spregiudicato che occupa la seconda posizione in classi�ca, lo ha dimostrato con una prova gagliarda e intensa. Peccato che i ragazzi di coach Bitetto non abbiano mai fatto canestro, che siano rimasti a

soli 47 punti segnati in 40 minuti e che, con questi dati, sia dif�cile portare a casa la vittoria. In realtà Carioti e compagni ci sono andati più vicini di quanto dica il punteggio �nale (59-47), se si tiene conto che, all’inizio del quarto parziale, erano addirittura in vantaggio per 45-43. Nei dieci minuti che hanno deciso il match, la Sovil ha segnato due punti, ne ha subiti 16 ed ha salutato ben presto la possibilità di portare a casa la vittoria. Trenta minuti di qualità e di presenza anche �sica, poi il calo e la scon�tta. Passo dopo passo si sta costruendo una squadra, ma il ritardo con cui è stato assemblato il gruppo de�nitivo continua a pesare. La sensazione è però che ai neroarancio manchi poco per sbloccarsi. G.A.

SERIE C - Pamphili battuta 87-83

A2 DONNE

Il supplementare premia la Harley N

Defensor spietata con ‘Kouz’ e Rejchova CLASSIFICA ALCAMO

8

DEFENSOR VT

6

SIENA *

6

ORVIETO

6

BASKET SPEZIA

6

NAPOLI *

4

RAGUSA

4

CUS CHIETI

4

BATTIPAGLIA

4

FIRENZE

4

VIRTUS SPEZIA *

2

ANCONA

2

COLLEGE ITALIA *

0

POMEZIA

0

RENDE

0

* HANNO RIPOSATO

SERIE C Prima tante luci poi qualche ombra per i neroarancio

S

ono entrambe bionde, hanno un cognome straniero anche se una delle due gioca ormai da italiana, ed hanno in comune anche il fatto di aver segnato i canestri decisivi domenica ad Ancona nel successo esterno della Defensor per 68-67. Martina Rejchova e Svetlana Kouznetsova (nella foto) hanno trascinato la Defensor ad una vittoria importantissima sul parquet di Ancona, ma sarebbe riduttivo parlare solamente di queste due giocatrici, che pure hanno messo a segno, insieme, quasi i due terzi dei punti totali della squadra (40 su 68). Tutto il gruppo di coach Scaramuccia ha reagito alla grande al ko contro Battipaglia, ha tenuto sempre a portata di tiro le marchigiane e le ha colpite senza scampo nei secondi �nali del match. Prima di quel micidiale uno-due in stile pugilistico (tripla di ‘Kouz’ e canestro di Rejchova a soli 2” dalla sirena per il de�nitivo +1

esterno) che ha mandato al tappeto Ancona, c’era stato un lavoro ai �anchi portato avanti anche da Boi con un’autorevole doppia-doppia, dalle esterne che non hanno tirato bene ma hanno cercato di gestire bene i ritmi, da una Richter �nalmente incisiva anche in attaco e dalle giovani che hanno portato i loro mattoncini nei minuti in cui sono state schierate. I primi tre quarti sono stati dominati dall’equilibrio, con le squadre pronte a scambiarsi sorpassi e controsorpassi e parziali che la dicono lunga sull’andamento del match (18-20, 35-34 e 58-55) Ancona aveva probabilmente già in bocca il dolce

sapore della vittoria quando conduceva 67-63 a poco più di 20 secondi dalla �ne, ma la Defensor aveva già dimostrato di prediligere gli arrivi in volata e Ragusa ne aveva fatto le spese alla prima di campionato. Ora la classi�ca sorride alle viterbesi, tanto più pensando all’obiettivo dichiarato della società che resta la salvezza. Il calendario, inoltre, sembra sorridere alle gialloblù che se la vedranno ora con Pomezia in casa e Rende fuori casa prima del turno di riposo. Arrivare alla pausa con dieci punti sarebbe già un ottimo risultato sulla strada verso la salvezza. Glauco Antoniacci

Belli a metà, ma vincenti

V

enti minuti scintillanti, con l’argentino Rafael Carbone che ha fatto subito vedere cosa può dare alla sua nuova squadra segnando da tre, segnando dalla lunetta, giocando play, facendo insomma un po’ di tutto. Altri venti minuti in affanno, con un’avversaria che, da lontana, è diventata vicinissima, è tornata ad un solo possesso di differenza ed è stata piegata solo da due canestri dell’altro argentino,

on sono bastati quaranta minuti per decidere chi doveva vincere tra Harley Davidson e Pamphili, ma al supplementare sono stati i ragazzi di Orlando Orchi a prevalere per 87-83. I biancoblù, con una lista di guai fisici abbastanza lunga da riempire due pagine di questo giornale, avevano sempre fatto corsa di testa di fronte ai romani e sembravano in grado di chiudere i conti,

Guido German, e da una prestazione tutta sostanza di Marco Milani (nella foto). Sembra quasi che la Belli CGT ci provi gusto a complicarsi la vita,

anche se questa volta, a dire il vero, una parte di colpa ce l’ha anche una coppia arbitrale in versione Polizia Municipale. I due direttori di gara hanno �schiato quasi quanto due vigili urbani ad un incrocio nel centro di Roma, e spesso lo hanno fatto a sproposito, spezzettando il gioco e mettendo in dif�coltà i padroni di casa, costretti a perdere strada facendo diversi giocatori per raggiunto limite di falli. Mentre i vari Pigliafreddo, Carbone, Zena e Bitetto uscivano dal campo, Civitavecchia si riavvicinava sempre di più, �no al -3 che sembrava materializzare i peggiori incubi per i neroarancio, capaci di volare anche a +19 in avvio di terzo quarto (53-34) con un attacco atomi-

ma gli è mancato lo spunto giusto per ‘uccidere’ la partita al momento giusto. Senza Sacripanti e Patrizi i viterbesi dovevano essere scoperti sotto canestro, ma la prestazione ottima di Cosentino e quintetti rapidi e veloci avevano ribaltato la situazione, mettendo in difficoltà gli ospiti. Dopo il +8 di metà gara, i biancoblù hanno fatto fatica nella ripresa, con il Pamphili che si

co e una difesa �nalmente concreta. Se però è vero che le dif�coltà aiutano a crescere, allora occorre dire che, in questo match, la Belli ha dimostrato di essere sulla strada della crescita. Sette giorni prima, di fronte ad un’analoga rimonta messa in atto dal Borgo don Bosco, era crollata �nendo per incassare anche un pesante -13, questa volta invece, forse perchè giocava in casa o forse perchè ha saputo tirare fuori la grinta tanto attesa, l’assalto del Civitavecchia è stato respinto a suon di schiacciate (Milani, autore di una prova da Mvp) e canestri di eccellente fattura, partiti dalla mano di German. L’inserimento di Carbone andrà metabolizzato nel corso delle setti-

è riavvicinato gradualmente fino al sorpasso, siglato nel finale da una tripla di Bertolini. A spedire le due squadre (e il pubblico) al supplementare ci ha pensato il giovane Rogani che ha segnato uno dei due liberi conquistati, mettendo così a dura prova le coronarie dei tifosi, costrette a resistere per altri cinque minuti. Nel momento decisivo del match ci hanno pensato i nuovi acquisti a mettere la parola fine sulla gara, a cominciare da Pasqualini (nella foto) con le sue conclusioni pesanti, proseguendo con lo stoico Cosentino che si è sobbarcato tutto il lavoro in area e con Lanfaloni che ha costantemente messo sotto pressione i pari ruolo avversari. La festa biancoblù, più che giustificata, è l’emblema di un avvio di stagione decisamente positivo per la matricola che, di sicuro, non ha l’aspetto della cenerentola al grande ballo ma piuttosto quello di un gruppo che sa sfruttare tutte le occasioni che ha a disposizione. Le avversarie sono avvisate, a cominciare dalla Virtus Frusino che riceverà sabato la visita del quintetto di Orchi; la Stella fa sul serio, si diverte a giocare e vuole continuare a respirare l’aria dell’alta classifica.

mane, lo stesso German è arrivato a preparazione in corso e l’amalgama che tutti i club inseguono deve essere trovata. Intanto, però, è arrivata una vittoria, importante per il morale e per la classi�ca; inoltre è arrivata la conferma che la squadra sa trovare anche in panchina le risorse per cambiare l’inerzia di un match che sembra sfuggirle di mano. Coach Cipriani non sarà stato contento del secondo tempo della sua squadra, ma sicuramente avrà apprezzato la grinta con cui i giocatori hanno tenuto duro nel momento più dif�cile; le grandi stagioni si costruiscono anche partendo da vittorie come questa. Gla.Ant.


22

civitavecchia

p

Atletico Sacchetti, il colpo di Ostia vale il 3° posto e avvicina la vetta

U

n sabato tra alti e bassi nel campionato di serie C2 maschile di calcio a cinque. Bene l’Atletico Sacchetti che ha superato per 5 a 3 in trasferta l’Ostia, conquistando tre punti che consentono ai civitavecchiesi di salire al terzo posto ma soprattutto portarsi a sole due lunghezze dal primo posto. In rete per i civitavecchiesi De Fazi, per lui una tripletta, Fattori e il portiere Rocchetti. Battuta d’arresto invece per la Errees-

se scon�tta per 2-1 al cospetto del Borgo Testa di Lepre davanti al pubblico amico del Chiara Grammatico con rete messa a segno da Mercuri. In�ne soffre ma vince il Civitavecchia che al palasport fa suo il match con il Cerveteri per 2 a 1, con reti di Tangini e Righini. Una vittoria arrivata nel �nale e che da morale alla truppa nerazzurra guidata da Andrea Scorpioni. S. F.

V

ittorie scaccia crisi per Cerveteri, Santa Marinella e Tolfa che possono respirare in classi�ca generale e soprattutto guardare con maggiore entusiasmo al proseguo della stagione. Iniziando dal Cerveteri, La squadra di Teloni si fa rimontare il doppio vantaggio nel primo tempo, dopo un gol di Lancioni e Corigliano e un rigore sbagliato di Gallo. Finisce 3 a 2 per i verdeazzurri, con la �rma di Lancioni nella ripresa che mette in cassaforte il risultato, tre punti pensanti che lanciano la truppa cerite nelle zone alte della classi�ca. La gara, tuttavia, non ha offerto grandi spunti, anche se i verde azzurri, decimati, hanno

dato dimostrazione di compattezza, determinazione, giocando forse con un tono diverso rispetto a domenica scorsa. Ma la vittoria è stata legittima,

costruita con forza, coraggio, cattiveria. E anche le occasioni non sono mancate. Un successo che rende onore alla squa-

Calcio Promozione 3ª vittoria di seguito per il team rossoblù

G

rande vittoria in rimonta del Ladispoli che torna finalmente a vincere in casa dopo le due sconfitte contro Trevignano e La Storta. Dopo un primo tempo deludente in cui i rossoblu non avevano creato grandi occasioni ed erano andati sotto su calcio di rigore, nella ripresa è scesa in campo un’ altra squadra e paradossalmente la svolta è arrivata quando la squadra è rimasta in 10 uomini per l ‘espulsione di Giorgi, da li ha cambiato atteggiamento e con 2 gol in 2 minuti ha ribaltato il risultato per poi gestirlo ed andare anche

dra etrusca, in serie positiva da sei giornate. “Non perdiamo da oltre un mese, abbiamo inanellato il miglior score, con tre vittorie e tre pareggi - afferma l’allenatore - siamo sulla buona strada, siamo riusciti a cambiare atteggiamento, a dare spessore alle iniziative di gioco. E con il rientro di Lancioni c’è un’altra squadra in campo. Sono felice, molto contento, ma non abbiamo fatto nulla. Il campionato è lungo, nelle prossime cinque gare abbiamo degli avversari ostici, e lì che si vedrà che obiettivi possiamo perseguire. Per ora ci godiamo questo momento, ma con i piedi in terra”. Pur con molte assenze, domenica il reparto difensivo non ha

sofferto particolarmente. E poi anche gli ingressi in corso di partita di D’Aiuto, Locci e Oliviero, sono risultati positivi, hanno contribuito ad imprimere �uidità alla manovra offensiva. Una vittoria, quindi, che scaccia ombre, e lancia gli etruschi in posizione più tranquille di classi�ca. Bene anche il Santa Marinella che, grazie ad una doppietta di Bentivoglio espugna il campo della Virtus Cimini per 2 a 0 e con lo stesso risultato il Tolfa batte il Real Monteverde a Roma, cogliendo una vittoria decisamente importante. Altro servizio con risultati e classi�che a pagina 15. Sim. Fant.

PALLAVOLO B2 FEMMINILE

Comal senza ostacoli Iglesias sconfitto 3-0

Bomber Di Giacomo e Ruggiero spingono in alto il Civitavecchia I

Martedì 26 Ottobre 2010

Successi importanti per Cerveteri, S. Marinella e Tolfa

CALCIO ECCELLENZA

l Civitavecchia vince e convince contro la Fontenuovese per 3 a 0 (doppietta di Di Giacomo e rete di Ruggiero) e prosegue la marcia verso la zona alta della classifica. C’era attesa, domenica mattina al Fattori per vedere in campo la formazione allenata da mister Petrelli, anche alla luce della sconfitta patita il mercoledì in Coppa Italia. Nerazzurri che scendono con il piede giusto in campo, con un approccio che lascia subito intendere ad una gara positiva. La gara inizia subito bene per i padroni di casa grazie alla rete messa a segno al 2’ da Di Giacomo che di testa insacca su preciso cross di Ruggiero. Il raddoppio arriva invece al 24’ ad opera di Ruggiero, bravo a raccogliere e mettere in rete un bel

Viterbo & Lazio Nord

passaggio di Trombetta. L’esterno della Fontenuovese Bonanni si fa ipnotizzare da un grandissimo Boccolini (31’). Al 36’ calcio di rigore per i nerazzurri che Di Giacomo realizza di potenza. Nella ripresa non succede nulla, tranne il calcio di rigore parato da Boccolini, con il Civitavecchia che si limita a controllare gli avversari senza correre alcun pericolo. Tre punti importanti che fanno morale e lanciano la “Vecchia” nella parte alta della classifica. TABELLINO CIVITAVECCHIA: Boccolini, Lemme, Trombetta, Burelli (22’st Ciorciolini), Giacomini, Mencio, La Cava, Palermo ng (7’pt Minelli, Di Giacomo (16’st Sbaccanti),

S

econda vittoria consecutiva per la Comal Civitavecchia Volley che, sabato pomeriggio al palasport di Tolfa ha superato per 3 a 0 l’Iglesias con i parziali di 25-19, 25-16, 2520. Una partita ben giocata

Ruggiero, Iezzi. All.: Petrelli. FONTENUOVESE: Grieco, Servi, Di Raimo (36’st Gasparro ng, Del Prete, Santoni, Mori (1’st Eusepi), Bonanni (20’st Petrangeli), Giannetti, Fuoco, Italiano, Gerli. All.: Rosa. ARBITRO: Carbonari di Roma 1. Reti: 2’pt e 37’pt Di Giacomo, 24’pt Ruggiero. NOTE. Ammoniti: Servi, Grieco e Ciorciolini. Al 27’st Giannetti fallisce un calcio di rigore. Angoli: 4-3 per la Fontenuovese. Recupero: 1’ + 3’. Altro servizio con risultati e classifica a pagina 15. Simone Fantasia

dalla formazione allenata da Milo Di Remigio (nella foto), alla “prima” ufficiale di campionato davanti al numeroso pubblico amico; i primi due set sono stati in equilibrio fino al secondo time out tecnico, poi la Co-

mal grazie al carattere e al tasso tecnico superiore ha preso il largo chiudendoli con facilità. Più combattuto il terzo in cui la compagine sarda ha messo in campo maggiore grinta, ma anche in questo caso l’ha spuntata la Comal grazie ad una percentuale in battuta decisamente positiva. Tre punti importanti che si aggiungono a quelli conquistati sette giorni prima in Sardegna sul campo del San Paolo Cagliari. “Una buona gara – ammette il tecnico civitavecchiese Milo Di Remigio – anche se non sono mancati i momenti in cui non siamo riusciti ad esprimere una buona pallavolo. Era importante comunque portare a casa i tre punti per dare un seguito a quanto di buono fatto in Sardegna; bene sotto l’aspetto atletico, c’è ancora qualcosa da rivedere sotto il piano tecnicotattico ma siamo sulla buona strada e con l’entusiasmo si può e deve fare ancora meglio”. S.F.

Abis doma il Tanas e il Ladispoli cala il tris vicino al terzo gol in più occasioni. Primo tempo molto combattuto e con poche occasioni da entrambe le parti, al 20’ si fa vedere il Tanas con un tiro dalla distanza di Di Carlo bloccato facilmente da Landi. Due minuti dopo però arriva l’ episodio che sblocca la partita: punizione di Lanzi diretta all’ incrocio dei pali e miracolo di Landi che vola alla sua sinistra e devia sulla traversa, sulla ribattuta Giorgi respinge con il braccio e l’arbitro fischia il calcio di rigore, si incarica della batttuta Pacchiarotti, Landi intuisce e tocca anche il pallone che però finisce ugualmente in rete per il vantaggio ospite. Il Ladispoli non trova spazi e non riesce a creare particolari pericoli alla porta avversaria. Al 37’ ci prova Abis con un destro dal limite che Tirabassi blocca senza problemi. Allo scadere del primo tempo il Tanas va vicino al raddoppio con colpo di testa di La

Rosa che esce di pochi centimetri. Nel secondo tempo scende in campo un altro Ladispoli che inizia finalmente a giocare come sa e da subito si affaccia verso la porta avversaria prima con Provinciali al 5’ che con un gran destro dal limite costringe Tirabassi a compiere un bel volo e deviare in angolo, e un minuto più tardi con Gravina che sulla destra fa fuori tutta la difesa avversaria e entrato in area calcia in diagonale con palla che esce di pochissimo. All’ 11 su un calcio di punizione per il Ladispoli gli ospiti partono in contropiede, la difesa è sbilanciata e Giorgi è costretto al fallo su La Rosa diretto verso la porta, fallo da ultimo uomo e quindi rosso diretto per Giorgi, padroni di casa che rimangono in 10. L’ espulsione non sembra però minimamente influire sul morale dei rossoblu che anzi tirano fuori ancora di più il carattere sfoderando una prestazione da grande squadra, al

La squadra del tecnico Galli va sotto, rimane in 10 uomini ma poi nel 2° tempo cambia passo e ribalta il punteggio 17’ Provinciali servito da Colibazzi al centro dell’ area si gira e calcia in porta trovando la miracolosa risposta di Tirabassi che devia sopra al traversa, ma è solo il preludio al gol del pareggio che arriverà subito dopo sul conseguente calcio d’angolo, con Rinaldi che di testa insacca sul palo più lontano, nulla da fare stavolta per Tirabassi. Grande entusiasmo a questo punto per il Ladispoli, gli ospiti vanno in confusione e 2 minuti dopo il gol del pareggio arriva anche il vantaggio con Abis che, servito con un delizioso lob da Rinaldi, batte il portiere

in uscita con un tocco di esterno destro. La partita si incattivisce con gli ospiti che sempre più nervosi commettono una serie di falli. Al 30’ il Ladispoli ha la possibilità di chiudere il match, sovrapposizione sulla fascia destra di Palmisani il quale va al cross rasoterra, un difensore respinge anticipando Provinciali, si avventa qundi sul Pallone Gravina che tenta il tiro dal limite ma disturbato da un difensore calcia sul fondo. Al 41’ Provinciali perfettamente imbeccato da Macaluso serve al centro dell’ area Colibazzi che calcia centralmente trovando la respinta di Tirabassi. Finisce 2-1 al Marescotti, terza vittoria consecutiva per il Ladispoli che ora sale a quota 15 punti in classifica, un solo punto dietro il Tanas Casalotti che rimane a 16. Altro servizio con risultati e classifica a pagina 15. Sim. Fan.


Domenica 24 Ottobre 2010

Viterbo & Lazio Nord

sport - calcio a 5

p

23


18

p

sport

Viterbo & Lazio Nord

MercoledĂŹ 20 Ottobre 2010


L'Opinione di Viterbo e Lazio nord - 26 ottobre 2010