Issuu on Google+

Anno I Numero 19

S. Enrico II Imperatore MartedĂŹ 13 Luglio 2010

Riccardo Riccò da leggenda Festa austriaca per la Flaminia Servizio a pagina 19


2

VITERBO

Nuovo Viterbo Oggi Martedì 13 Luglio 2010

CRONACA

Manette per il 33enne al vertice della banda che ha sequestrato 4 pakistani

Bollywood, preso il capo VITERBO - Operazione Bollywood, fermato il capobanda. L’operazione di polizia giudiziaria denominata “Bollywood”, avviata dai carabinieri di Ronciglione il 23 giugno scorso, in coordinamento con la Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, ha avuto il 9 luglio un seguito, con la sottoposizione al fermo di indiziato di delitto di un cittadino indiano. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile, nelle prime ore di venerdì hanno proceduto al fermo di un 33enne indiano, domiciliato a Cerveteri (RM) dove lavora come bracciante agricolo, a causa dell’elevato pericolo che si potesse dare alla fuga, data la facilità con cui si era saputo spostare in varie parti del territorio nazionale e la gravità dei reati di cui è accusato. L’uomo, infatti, è indiziato per sequestro di persona a scopo di estorsione e rapina ai danni di quattro pakistani, per i quali già tre suoi connazionali e due romeni erano stati arrestati e fermati nel mese scorso. La banda aveva attirato a Villa San Giovanni in Tuscia i quattro cittadini pakistani, provenienti dalla provincia di Bergamo, con il pretesto di una buona occasione di lavoro. Qui i quattro malcapitati, portati in un casolare, erano stati legati, percossi, minac-

DUE ARRESTI PER FURTO

ciati, rapinati e sequestrati al fine di ottenere un riscatto dai loro connazionali. Successivamente, dopo lo spostamento dei sequestrati in due diversi casolari del litorale laziale intorno a Ladispoli, i rapitori riuscivano a ottenere una parte della somma richiesta e liberavano le vittime a condizione che si adoperassero per trovare il restante denaro. Questi, invece, rivolgendosi subito ai carabinieri, hanno permesso immediatamente di avviare le indagini e di individuare diversi componenti del gruppo. Mancava solo lui, l’indiano riconosciuto e indicato dalle vittime come il capo della

GIUDIZIARIA

VITERBO - Dopo un’accurata serie di controlli per la viabilità cittadina, la volante dei carabinieri di Viterbo sabato mattina è stata subito allertata per intervenire all’ipermercato Ipercoop, dove è stata rubata una PlayStation 3. Dinnanzi la corte del giudice Italo Centaro è stato chiamato come teste il tenente Martufi, comandante della squadra radiomobile di Viterbo. Il quale ha riferito che sabato mattina intorno alle ore 10,30 mentre stavano svol-

gendo una serie di controlli di routine cittadina, dal comando è stata data la notizia di un furto all’interno del noto centro commerciale viterbese, dove i militari dell’arma sono prontamente intervenuti. Sul posto è stata ritrovata la scatola rotta della PlayStation rubata. Il malvivente P.L.C. dopo il furto ha cercato immediatamente di darsela a gambe e si è nascosto dietro un bus di linea nella vicina stazione di Riello. Ma nonostante tutto, il malvivente è stato trovato

banda. I carabinieri, simulando un normale controllo volto al rilascio del permesso di soggiorno, lo hanno avvicinato senza destare sospetto e hanno proceduto al fermo in totale sicurezza. A seguito di perquisizione domiciliare sono stati sequestrati due telefoni cellulari, in cui i militari hanno trovato le nuove schede telefoniche acquistate dal soggetto per rimpiazzare quelle utilizzate durante il sequestro. L’uomo, dopo i dovuti accertamenti, è stato poi portato al carcere di “Roma – Regina Coeli”, a disposizione della Dda di Roma.

Condannato a trecento euro di multa e restituzione dlla merce

Ruba playstation 3, in manette

dai carabinieri che lo hanno subito arrestato, per furto aggravato. Inoltre dopo una perquisizione a casa di P.L.C. è stato ritrovato un coltello ed il malvivente in passato aveva dei precedenti. L’avvocato difensore Stefania Sensini ha chiesto per il suo assistito il rito patteggiamento. Il giudice Italo Centaro ha condannato il malvivente romeno a tre mesi di reclusione e 300 euro di multa con pena sospesa e restituzione della merce rubata. Sil.Cic.

DIRETTISSIMA

GIUDIZIARIA

Due romeni hanno tentato di rubare merce al Leclerc

Furto di abiti, presi VITERBO - Tentano di rubare capi di abbigliamento al supermercato Conad E.Le.Clerk,arrestati. Questo è quanto è successo domenica pomeriggio all’interno del noto supermercato, dove due romeni D.V e S.G, hanno tentato di rubare dei capi di abbigliamento staccando le protezioni antitaccheggio. Il personale della sicurezza all’interno dei locali ha subito inseguito i due malviventi che hanno tentato disperatamente di fuggire, ma il loro tentativo è

ORTE - I Carabinieri della locale stazione, durante l’ultimo fine settimana, nel corso dei servizi di controllo del territorio predisposti per il contrasto dei reati contro il patrimonio hanno tratto in arresto due civitonici con l’accusa di furto aggravato. I due, sabato sera, hanno sottratto uno scooter di grossa cilindrata a Civita Castellana facendo perdere le proprie tracce. La proprietaria accortasi dell’assenza del mezzo ha contattato il 112, denunciandone il furto e fornendo i dati del motociclo. Sono così scattate le ricerche che poco più tardi hanno dato i loro frutti ad Orte, dove i malviventi si erano diretti cercando di allontanarsi il più possibile dal luogo del reato e pensando così di essere al sicuro. Ciò però non è stato sufficiente per sfuggire alla fitta rete di controlli predisposti proprio per prevenire tali reati. Gli arrestati, completate le formalità di rito, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida che si è tenuta ieri, a conclusione della quale è stato imposto ai due l’obbligo di presentazione alla p. g.

stato invano. Infatti sono stati subito fermati e arrestati per furto. Ieri mattina dinnanzi la corte del giudice Italo Centaro, sono stati processati secondo il rito direttissimo ed è stato convalidato l’arresto. L’avvocato difensore dei due romeni, ha fatto richiesta di patteggiamento ed il giudice dopo aver svolto le varie formalità del caso, ha condannato i due romeni a due mesi e 10 giorni, più 200 euro di multa con pena sospesa. S.C.

I carabinieri lo hanno fermato sulla Tuscanese durante un controllo

Fernato irregolare senegalese VITERBO - Nella giornata di domenica durante un controllo di routine, i carabinieri di Viterbo hanno fermato un senegalese,S,F. Il tutto è avvenuto durante un semplice controllo riguardo il traffico creatosi sulla strada Tuscanese che congiunge verso il litorale. S.D era al volante di una Wolswaghen Golp, ma aveva semplicemente una patente di guida senegalese non valida in Italia. Perlopiù il cittadino senegalese non era in regola con il permesso di soggiorno e

pendeva su di lui un decreto di espulsione notificatogli già dal 5 dicembre 2008. Il giudice ha disposto la convalida dell’arresto, procedendo con il rito direttissimo a carico dell’imputato. La difesa ha chiesto pe poter procedere anche riguardo gli altri reati, un termine a difesa che è stato accettato. Il giudice Italo Centaro dopo aver svolto le varie formalità del caso, ha disposto la liberazione del cittadino senegalese ed ha rinviato al 22 novembre. Sil.Cic.


VITERBO

Nuovo Viterbo Oggi Martedì 13 Luglio 2010

3

NOTTI ALLA CAFFEINA

Tante emozioni e notti senza sonno nel cuore antico di Viterbo

VITERBO - “Meglio la misticanza che la militanza” ed è così che Caffeina 2010 fa il pieno di pubblico. Il festival culturale, con sede nel quartiere medioevale di Viterbo, sta eccitando le notti di tanti viterbesi e non solo. In effetti sono in molti che arrivano nella città dei Papi anche dalla vicina Orvieto e da Roma. Domenica sera in molti hanno deciso di gustare la finale dei mondiali di calcio del Sud Africa dai tavolinetti di piazza San Carluccio. Segno evidente della ormai confermata dipendenza da ‘Caffeina’. La serata di domenica è stata declinata tutta all’insegna della musica e delle svago. Perché infondo la cultura è anche questo e la settimana che attende i ‘Caffeinafans’ è veramente carica di personaggi e appuntamenti imperdibili. Ieri sera grande performance dei ‘Mint Jam’ che portando in piazza San Carluccio un rock’ sporcato di funk hanno saputo calamitare l’attenzione. All’Arena Borgolungo, come solito, padrone di casa è stato il jazz e i suoi derivati grazie a Fabio Caricchia e Luciano Orologi. Pieno di pubblico a piazza Cappella per una splendida serata declinata sotto il segno del flamenco. Andrea Mercati ha regalato note passionali sulle quali una stupenda ballerina ha dato dimostrazione di un ballo immortale e carico di sensualità. Caffeinizzatevi nel cuore di Viterbo.

San Pellegrino è tornato a vivere Una domenica tra coppa del Mondo e flamenco


4

Nuovo Viterbo Oggi

VITERBO

Martedì 13 Luglio 2010

CULTURA

Il noto vignettista parlerà del suo nuovo libro ‘La scatola dei calzini perduti’

La Caffeina di Vauro stasera a San Carluccio

VITERBO - Arriva Vauro Senesi per dare un po’ d’energia alla città. Questa sera, ore 21:30 nel cortile San Carluccio, il noto vignettista porterà con sé il suo ultimo lavoro: ‘La scatola dei calzini perduti’. Vauro è personaggio discusso, al centro di numerose polemiche per i suoi interventi ad Anno zero. Torna a parlare in questo nuovo libro di persone ai margini. Il protagonista è Madut, un ragazzo del Sudan figlio di una popolazione di pastori che, giunto a Roma per sfuggire alla guerra, si ritrova in una lavanderia a gettoni a mettere da parte in una scatola i calzini dimenticati dai clienti. La sua storia si intreccia con quelle di altri immigrati, ma anche di prostitute, preti e poliziotti. Alcuni di loro si muovono di soppiatto nella bella capitale, che in apparenza accoglie, ma poi relega in pochi spazi adibiti ai diversi. Dice l’autore: “Questo libro ha un titolo particolare, La scatola dei calzini perduti, perché i calzini sono quelle cose che rivestono i nostri piedi, che ci permettono di camminare, di spostarci, di muoverci e questo libro parla di cammini. In particolare del cammino

di un africano che viene da una tribù di persone che vivono a stretto contatto con le mandrie”.Vauro è stato in quei luoghi di cui parla e ha conosciuto la gente della tribù dei dinka, che definisce dotata di “un’allegria quasi magica”. Non è questo, come si potrebbe pensare, un romanzo sulla tragedia dell’immigrazione, perché Madut si ritrova a Roma per caso, non arriva su un barcone, ma in aereo e lui stesso non si percepisce come immigrato; si vede più portato in un luogo diverso da qualche forza magica. Ma la giornata di Caffeina si apre, ore 19 piazza Cappella, con un caffè insieme a Mauro Evangelisti che parlerà di un romanzo interessante: Johnny Nuovo. “K è un uomo solo. Lasciato solo. Il padre di K è un uomo che ha ucciso la moglie. Johnny è un ragazzo cresciuto prigioniero nello spazio di una stanza. Conosce solo K, non sa nulla del mondo, del cielo e del mare. Beatrice è una donna che fugge. Francesca è un pubblico ministero che non vuole lasciare il territorio della sua giovinezza. Pietro è suo figlio e non sa se amarla od odiarla. Alberto è un gior-

A Senza Caffeina la magia di Tetraedro

nalista in pensione che tenta di rimettere insieme i pezzi di un mondo che non c’è più. Una catena di vite e personaggi che ruotano attorno a un’unica storia: la storia di Johnny Nuovo, il bambino che credeva che non esistesse il mondo”. Alle 19 palazzo degli Alessandri ospita Roberto Saccarello per parlare di ‘Papi e antipapi a Viterbo’. A Piazza del Fosso torna a vivere ‘Il lungo viaggio’ di Leonardo Sciascia con un monologo di Chiara Palumbo per la regia di Paolo Manganiello. Ma non finisce qui. Piazza Cappella, ore

22, Mario Capanna presenta un libro per stimolare la riflessione: ‘Per ragionare. Sessanta domande sul nostro futuro e alcune proposte’. Massimo Onofri dal cortile de La Zaffera affronterà, sempre alle 22, il tema ‘Critica ed editoria: un rapporto problematico’. Intervengono Raffaella Manica e Giulio Perrone. Ore 23 nello spazio Libreria del Teatro con ‘Facciamo finta che sia per sempre’ con Ilaria Giannini e stessa ora, cortile San Pellegrino, con Michele Cocchi con ‘Tutto sarebbe tornato a posto’. Buona Caffeina.

I NUMERI DEL FESTIVAL

Alla Zaffera il laboratorio sulla legalità in collaborazione con Unicoop Tirreno

VITERBO perché arrivano a ‘Senza Caffeina’ quelli del Tetraedro. La compagnia teatrale di giovani che ha saputo conquistarsi uno spazio importante nella città di Viterbo. Guidati dal regista Francesco Cerra, alle ore 18 nella chiesa del San Salvatore, i ragazzi di Tetraedro daranno via a ‘Il meraviglioso Mago di Oz’, spettacolo itinerante per bambini. Ma questo martedì,

13 luglio, sarà particolarmente magico. Alle 18,30 infatti, all’interno del cortile di San Carluccio, Augusto Terenzi e Luisa Piazza porteranno in scena Aladino. La favola che ha fatto sognare i bambini di tutto il mondo arriverà con tanto di lampada magica, genio e tappeto volante nel centro storico viterbese. Per la compagnia Maninalto si tratterà di uno spettacolo divertentissimo. Faccia un passo indietro perché la cittadella della cultura dei ragazzi apre, come ogni giorno, alle 17:30. Due laboratori in cartellone.

Il primo: ‘Dire, fare, giocare’; diretto da Augusto Terenzi è un laboratorio di costruzione e animazione. Alla stessa ora ma nel cortile de La Zaffera si svolgerà invece il laboratorio della legalità, realizzato da Senza Caffeina in collaborazione con Unicoop Tirreno. Si tratta di un laboratorio ludico-didattico che consente ai più piccoli di affrontare da vicino un tema delicatissimo e fondamentale come appunto quello della legalità. Alle 18,30 raduno a piazza San Carluccio per il tour cittadino con Vera Anelli per ‘A spasso tra storie e leggende’.

TUTTI i numeri di Caffeina, l’eccitante che ha saputo ridare vita al centro storico di Viterbo. C’è chi dice: “ Ma non si potrebbe farlo tutto l’anno?”. Chi cosciente dei limiti umani si gode questi 18 giorni di adrenalina. Tre settimane intensissime, caffeina allo stato puro. L’edizione 2010, la quarta della storia del festival, è la più grande mai vista. Trecento appuntamenti, ben 12 arene-location, circa 15 eventi giornalieri. Caffeina cultura prevede, tra l’altro, incontri con scrittori, dibattiti, anteprime nazionali, reading teatrali, letture sceniche, teatro per ragazzi, spettacoli per bambini, concerti, proiezioni, mostre fotografiche, esposizioni, stand di artigianato, laboratori d’arte, spettacoli, corsi tematici, sonorizza-

zioni. Insomma: cultura, cultura, cultura. Declinata in tutte le forme e salse, sempre arricchita con divertimento e scambio tra protagonisti delle serate e pubblico. L’ambiente del festival è decisamente dal volto umano. Le persone hanno modo di conoscere da vicino gli autori, i cantanti, chiunque. Possono farsi autografare i libri e raccogliere autografi. Eccezionale la chiacchierata tra il premio strega Antonio Pennacchi e Lucia Annunziata a piazza San Carluccio. Spontanea, improvvisata, gustata dai presenti con grande spontaneità. A Caffeina può succedere veramente di tutto. Quasi 50 soci dell’associazione sono coinvolti attivamente nelle attività sulle diverse location, 5 fonici, 5 addetti all’ufficio

stampa. Questo è lo staff, il motore di Caffeina. In più vanno conteggiati i service audio, video e i fonici a servizio esclusivo degli eventi. Per rifare il look a San Pellegrino e trasformarlo nella cittadella della cultura sono stati impiegati 10. Una curiosità: è stato montato un impianto illuminotecnico di circa 50 fari per l’illuminazione delle location degli incontri, torri e scorci del quartiere San Pellegrino, con l’impiego di più di un chilometro di cavo elettrico. Numerose sono anche le attività di accoglienza e ristorazione quotidianamente coinvolte da Caffeina per l’ospitalità di artisti e tecnici, oltre che direttamente dal pubblico della manifestazione. Se non è un eccitante tutto questo…


5

PROVINCIA

Nuovo Viterbo Oggi Martedì 13Luglio 2010

VASANELLO

La rassegna, con concerti ad ingresso gratuito, apre i battenti il 15 luglio

Cresce l’attesa per l’OJ Festival Prosegue il viaggio nel jazz italiano di Oj Festival. La rassegna, organizzata dall’Ass. culturale “Messico e nuvole” con il patrocinio della Regione Lazio,della Provincia di Viterbo, del Comune e dell’Università Agraria di Vasanello, è giunta ormai alla 5° edizione e si annuncia anche quest’anno ricca di importanti appuntamenti con alcuni tra i maggiori interpreti della scena jazz italiana. Questa offre un panorama sempre più qualificato e variegato di tendenze stilistiche che spazia dal jazz di inizi ‘900 ed arriva fino alle più contemporanee ed innovative sperimentazioni e ricerche, passando per lo swing, il bop, l’hard bop, il free, lo smooth, e non si fa scrupoli di esplorare linguaggi musicali quali il rock, l’etnica, la classica, il folk, l’elettronica e la canzone d’autore. Non ultimo poi l’ambito specifico del jazz vocale che vanta un elevatissimo numero di professionisti di grande livello sia nel settore mainstream che in quello più contemporaneo e di ricerca. Una grande vitalità dunque che si esprime in una produzione artistica di altissimo livello e che può competere con le più innovative tendenze musicali internazionali. L’OJ Festival, da sempre attivo nella promozione del jazz italiano, propone quest’anno un programma di tutto rispetto che si aprirà giovedì 15 luglio con il concerto di Javier Girotto accompagnato dalla storica formazione degli Aires Tango - Marco Siniscalco al contrabbasso, Alessandro Gwiss al pianoforte e Michele Rabbia alle percussioni. Il gruppo nasce nel 94 da un idea del sassofonista e compositore argentino Javier Girotto, che ispirandosi alle proprie radici musicali e fondendole con le modalità espressive tipiche del jazz crea un terreno musicale nuovo. Facendo esplicito riferimento alla musica del grande Astor Piazzolla, Javier Girotto con

Aires Tango arriva ad un repertorio di musica originale in progressiva e v o l u z i o n e, sia per la natura improvvisativa che per il continuo ricambio del materiale musicale. Nel 96 esce il primo lavoro discografico degli Aires Tango intitolato Malvinas, dal nome argentino delle isole Falklands (che furono, non molti anni fa, teatro di un assurda guerra). Da allora ad oggi oltre una lunga seri di collaborazioni con musicisti come Antonello Salis, Paolo Fresu, Enrico Rava, Gianni Coscia e Peppe Servillo degli Avion Travel, anche 8 dischi incisi dallo storico quartetto. Nel 2006 esce “Trentamila Cuori” appassionato progetto di Javier Girotto e Aires Tango. Un disco che vuole essere memoria, denuncia, ricordo. Esce nel trentennale del colpo di stato militare argentino, a causa del quale sparirono nel nulla trentamila persone; intellettuali, ma anche operai, studenti, tutta quella vasta umanità progressista che in quel periodo si stava evolvendo. Girotto aveva undici anni all’epoca, ma quel periodo della sua vita gli è rimasto nell’anima. La stessa che nel disco trasmette tutta la sua forza evocativa. Del terrore suscitato dai militari, ma anche della rabbia e della determinazione delle madri di Plaza de Mayo, del grido di Nunca más . Mai più. Venerdì 16 luglio sul palco dell’Ortaccio Jazz si esibirà un trio di musicisti davvero straordinario. La voce di Maria Pia De Vito sarà accompagnata al contrabbasso da Enzo Pietropaoli e al pianoforte da Julian O. Mazza-

BOLSENA Riceviamo e pubblichiamo dal Pd di Bolsena. “La veemenza coan la quale il sindaco si è scagliato contro le società sportive le quali, non potendo pagare il prezzo richiesto per l’uso del campo di calcio, si vedranno costrette a chiedere ospitalità ai comuni limitrofi per giocare le partite in casa, la dice lunga su quale sia il modo di operare dell’amministrazione Dottarelli. La volontà di “tassare” le società sportive per l’uso del campo di calcio, facendola passare come un’azione volta ad agevolare i cittadini sfiora davvero il ridicolo. La realtà è che si debbono racimolare risorse per mantenere la costosa struttura, visto che le casse comunali sono impegnate a sborsare denaro per pagare errori commessi non si sa bene da chi. E sono errori costosi. Anziché raccattare qualche spicciolo in questo modo, il sindaco spieghi ai cittadini perché a meno di un anno dal-

riello. Il progetto è un tributo a Joni Mitchell la cantante e compositrice canadese che è riuscita nell’arco della sua carriera a toccare con grande classe e raffinatezza diverse forme e linguaggi musicali, collaborando con musicisti del calibro di Hancock, Metheny, Pastorius e Mingus. Quello di So right è un progetto davvero particolare nel quale il jazz diventa canzone e si alza lievissimo. Tra i pezzi della Mitchell (scelti col cuore e non secondo una precisa idea filologica, come ha ammesso la stessa De Vito) spiccano una toccante versione di A case of you, un’altrettanto emozionante River, una divertentissima All I Want, una bellissima Harlem in Havana e una davvero intensa Alice. I brani della Mitchell sono riproposti in arrangiamenti molto vicini all’originale, la De Vito dispiega la voce in maniera cristallina e aperta in tutto e per tutto all’altezza delle versioni originali. So right è il frutto di un album uscito nel 2005 dalla collaborazione fra De Vito-Pietropaoli-Rea e con il contributo di Aldo Romano alla batteria. Da sempre attento alle varie articolazioni degli stili musicali che compongono l’universo del jazz OJ Festival presenta sabato 17 luglio colui che si autodefinisce il “Re dello swing” ovvero

Emanuele Urso musicista dotato di eccellenti qualità tecniche e musicali sia come batterista che come clarinettista, nonchè grande direttore d’orchestra e arrangiatore. La sua concezione della musica è totalmente rivolta al Jazz della Swing Era (Stati Uniti 1935-45) musica della quale Emanuele è sicuramente oggi il maggior cultore e rappresentante a livello europeo. L’instancabile impegno, la ricerca della perfezione e la grande professionalità sono qualità che gli hanno permesso di conquistare il titolo oggi universalmente riconosciuto di “Re dello Swing”. Il complesso di Emanuele Urso è attualmente l’unica formazione in Italia a suonare la musica Swing (Benny Goodman, Gene Krupa, Glenn Miller, Lionel Hampton) negli arrangiamenti di maggior successo. Tutti professori d’orchestra e virtuosi dei loro strumenti, i componenti del gruppo sono tra i più prestigiosi musicisti di Swing in Italia. Con tale formazione Emanuele ha partecipato a proprio nome ai maggiori Festivals Italiani ed Internazionali tra cui ricordiamo Ascona (Svizzera),Edinburgo (Scozia), Marciac (Francia), Umbria Jazz,Sardegna Jazz e altri. Urso salirà sul palco dell’OJ accompagnato da Antonio Pierri – Vibrafono, Adriano Urso – Piano, Filip-

po Delogu – Chitarra, Alessio Urso – Contrabbasso, Francesco Bonofiglio – Batteria. Concerto di chiusura con una star davvero internazionale. Domenica 18 luglio il magico sax di Francesco Cafiso sarà ospite della serata conclusiva di OJ Festival. Per l’occasione, accanto al ragazzo prodigio di Vittoria (RG), sul palco ci sarà un’altra giovane certezza del jazz italiano: il pianista Dino Rubino che, pur suonando tradizionalmente anche la tromba, in questa occasione si esibirà solo al pianoforte, assecondando un Cafiso ancora inebriato dalla trasferta negli Stati Uniti, dove, su invito di Wynton Marsalis ha partecipato al concerto per l’insediamento del Presidente Barack Obama alla Casa Bianca e al Martin Luther King Jr. day. L’eccezionale duo interpreterà alcuni standard immortali della storia del jazz arrangiati in maniera personale, inframmezzati con brani composti dallo stesso Cafiso, spaziando dal blues allo swing fino ad arrivare a momenti free: una musica aperta a 360 gradi che sa muoversi facilmente dalla tradizione al jazz più moderno. Francesco Cafiso, scrollatosi di dosso l’immagine del fenomeno, sta ampiamente dimostrando di essere un musicista di spessore. Il suo linguaggio jazzistico, infatti, impregnato di mainstream e be boop, è sempre più impreziosito da fraseggi carichi di virtuosismi da artista navigato. Ad esaltare la qualità delle esecuzioni c’è poi l’apporto prezioso di Dino Rubino, musicista raffinato e sensibile, mai relegato al ruolo di semplice supporto. Una delle caratteristiche che distingue il Duetto è la strepitosa potenzialità e sinergia di ciascuno di essi e la capacità individuale di ascoltarsi creando un vero

e proprio dialogo tra gli strumenti. Anche in questa occasione Francesco Cafiso non mancherà di confermarsi capace di momenti di intenso lirismo, ormai tipici del suo grande talento, rivelandolo un musicista che ha il jazz dentro la sua anima e che sa vivere emotivamente la musica che suona. Per i pochi che ancora non lo conoscessero, Francesco Cafiso è uno dei talenti più precoci nella storia del jazz: già a nove anni muove i primi passi facendo esperienze con musicisti di fama internazionale. Il 17 luglio del 2009, Umbria Jazz lo ha nominato “ “ambasciatore della musica jazz italiana nel mondo”.Dino Rubino è un altro impressionante talento precoce del jazz italiano, che alla tromba alterna il pianoforte. Nel 1996, all’età di 15 anni, ha frequentato i seminari di Siena Jazz tenuti da Paolo Fresu ed Enrico Rava. Due anni dopo vince il concorso Nazionale ”Massimo Urbani”. Enrico Rava ha dichiarato: Tra gli “ancora sconosciuti” mi viene in mente un trombettista siciliano di nome Dino Rubino, che ritengo migliore di tutti noi. A 20 anni la decisione di mollare la tromba per ricominciare lo studio del pianoforte. Ha suonato con: Enrico Rava, Gianni Basso, Flavio Boltro, Franco Cerri, Salvatore Bonafede, Rosario Giuliani, Roberto Gatto, Pietro Tonolo, Dado Moroni, Giovanni Amato, Bruce Forman, Valery Ponomarew, Steve Grossman, Eddy Enderson, Lester Bowie.di lavoro musicale e di amicizia. I concerti saranno ad ingresso gratuito ed avranno inizio alle ore 22,00 nella suggestiva Piazza Ortaccio nel cuore del centro storico di Vasanello. Come ogni anno sarà possibile cenare direttamente in piazzetta e degustare una selezione dei migliori vini di quattro, una per ogni serata, case vinicole del centro Italia.

Il Pd bolsenese critica la decisione del sindaco di ‘tassare’ le società sportive

“Dottarelli si comporta in maniera ridicola” l’inaugurazione bisogna rifare il tetto del palazzetto dello sport (60.000 euro, due anni di manutenzione gratuita di tutti gli impianti, stando alle cifre fornite dal sindaco) in quanto ci piove dentro. Oppure dica finalmente la verità sui lavori del parcheggio nell’area dell’ex campo sportivo, dove il comune deve impegnarsi per oltre 150.000 euro visto che anche qui piove nei box sottostanti. Fare la faccia feroce con le società sportive è più facile e comodo. Farlo con chi ha buttato al vento centinaia di migliaia di euro non è nello “stile” di Dottarelli. E’ chiaro che poi le casse del comune piangono. Avremmo voluto vedere lo stesso scrupolo che il sindaco ha profuso nel redigere il regolamento per l’uso degli impianti sportivi, nell’accertare le colpe di chi ha realizzato opere pubbliche che fanno “acqua” da tutte le parti. Solo così si fanno veramente gli interessi dei cittadini bolsenesi.ù


6

Nuovo Viterbo Oggi

MONTEFIASCONE

Martedì 13 Luglio 2010

Il programma è stato reso noto con l’incontro al Caffè di Angela Mauri

SPETTACOLO

Presentato l’Est Film Festival

Tanti gustosissimi appuntamenti dal 24 luglio al primo agosto UFFICIALIZZATO il Programma di Est Film Festival 2010, dal 24 luglio al 1 agosto. Programma presentato nel Meeting, moderato da Vaniel Maestosi, Riccardo Rizzo, Glauco Almonte e Giordano Rampazzi della Direzione artistica, che si è svolto presso “Il Caffè” di Angela Mauri, storico locale nel pieno centro di Montefiascone. Molte le novità di questa 4°Edizione che, dal 24 luglio al 1 agosto, colorerà l’estate di Montefiascone proponendo un ricco calendario di eventi qualitativi, completamente ad INGRESSO GRATUITO, di cui il pubblico potrà usufruire tutti i giorni, dalle 10.00 di mattina fino a tarda notte, nelle splendide location della città: Rocca dei Papi, Piazzale Frigo, Largo Plebiscito e Cinema Gallery, sedi della Manifestazione. Est Film Festival proporrà in apertura, Sabato 24 Luglio alle ore 21.30 sul palco di Piazzale Frigo, la

pellicola più acclamata di quest’ultima stagione del cinema italiano: “L’uomo che verrà” di Giorgio Diritti, dando il via così con il film vincitore del David di Donatello 2010 alle proiezioni sotto le stelle che animeranno tutte le sere il centro storico della città. Al termine della proiezione, alle ore 23.30, Giorgio Diritti incontrerà il pubblico e riceverà l’Arco di Platino - Premio Italiana Assicurazioni, il nuovo Premio istituito da Est Film Festival e riservato ad un’illustre personalità del mondo del Cinema.

Non mancheranno nel Programma di Est Film Festival i prestigiosi Incon-

tri Élite con grandi star del cinema italiano: l’attrice Valeria Solarino sarà alla

Rocca dei Papi martedì 27 Luglio; nello stesso giorno conferenza-dibattito serale Giovanni Veronesi. Ago Panini, venerdì 30 Luglio, dopo la proiezione di “Aspettando il sole”. Sabato 31 Luglio saranno due gli ospiti d’eccezione: Carlo Verdone, per presentare il suo ultimo film “Io, loro e Lara” e l’attrice protagonista Laura Chiatti. A chiudere la Sezione Élite sarà Pupi Avati, Sette anche quest’anno le pellicole in Concorso. A concorrere per l’Arco D’Oro (7.000 €) - Premio Banca Cattolica e per il Premio del Pubblico (2.000 €) - Premio Cantina Sociale di Montefiascone:

da “Non è ancora domani - La pivellina” di Tizza Covi e Rainer Frimmel, alla commedia drammatica “18 anni dopo” dell’attore e regista Edoardo Leo; “Dieci inverni” di Valerio Mieli ad “Amore liquido” di Marco Luca Cattaneo; “L’uomo fiammifero” di Marco Chiarini a “Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio” di Isotta Toso, fino a “Due vite per caso” di Alessandro Aronadio. Confermati, per il quarto anno consecutivo, le tre sezioni competitive Concorso, Maratona Corti e Documentari oltre ai prestigiosi Incontri Élite e la proiezione del documentario “RASNA – Il nostro Himalaya” prodotto e realizzato dal Club Alpino Italiano Sezione Viterbo, diretto da Stefano Fiori, che incontrerà il pubblico dopo la proiezione La 4a Edizione di Est Film Festival, si chiuderà domenica 1 agosto con il tradizionale Concerto Viterbo JazzUp Festival. I.g.

Natura e sport nel dna del gruppo falisco ‘Timebike’

SPORT

GRUPPO ciclistico “Timebike” Montefiascone: passione per la bici, sport, salute e natura. La As.d. “Timebike” di Montefiascone, è un gruppo ciclistico giovane. E’ stato creato, infatti, nel 2006, quasi per caso, da tre amici appassionati di ciclismo su strada. Lo scopo della società “Timebike” è quello di riunire, nel segno dell’ami-

Una vita con la passione della bike

cizia, quei cicloamatori che non si accontentano della “passeggiata” domenicale e vogliono misurarsi nelle gare che si disputano sulle strade del centro Italia. Sponsor principale e co-fondatore della squadra è Giuseppe Caprio, manager della “Cicli Caprio 1906” che fornisce ai corridori del gruppo ciclistico “Timebike” le biciclette ed il materiale tecnico, e che non resiste alla

tentazione di partecipare di persona alle competizioni, tanto ama il ciclismo. Non a caso è l’erede di grandi ciclisti come il nonno Giuseppe Caprio (di cui porta il glorioso nome e passato da ciclista professionista) e del padre Agostino Caprio (recentemente scomparso). In questi pochi anni il gruppo è considerevolmente aumentato di numero, accogliendo atleti dei paesi limitrofi o addirittura di altre regioni.

Ma non tutti i pedalatori amano l’asfalto: nell’AS.D. TIMEBlKE trova spazio anche un piccolo ma agguerrito gruppo di mountain-bike del fuori strada, che conta, tra le sue file, anche cinque ragazze. Le atlete hanno iniziato da poco, ma danno filo da torcere ai colleghi uomini sugli sterrati della provincia. Ottimi sono i risultati ottenuti sul campo: la squadra è riuscita ad aggiudicarsi ben 25 vittorie e innumerevolipiazzamentiinpocopiùditreannidi attività. Nel palmares spiccano cinque splendide vittorie in altrettante manifestazioni internazionali e un prestigioso piazzamento ai mondiali per amatori disputati in Austria nel 2007, da Fabio Giusti. Un altro atleta TIMEBIKE, Roberto Ercoli, è riuscito a completare,nel 2009,il circuito del PRESTIGIO, una serie di dieci gare estremamente impegnative che si svolgono in giro per l’Italia. Il PRESTIGIO è un trofeo ambitissimo in campo amatoriale e Roberto è l’unico ciclista di Montefiascone ad averlo conquistato; basti pensare che in sole dieci prove si percorrono quasi duemila chilometri, per complessivi 35.000 metri di dislivello. La società sopravvive grazie all’aiuto degli sponsor e alla passione disinteressata dei suoi associati che non si lasciano spaventare dai sacrifici e dall’ impegno psicofisico che questo magnifico sport richiede a chi lo pratica. Il presidente Alessandro Roncella si impegna affinché tutto vada per il meglio, ricevendo in cambio grandi soddisfazioni dai risultati che suoi atleti gli regalano. Nel 2009 la società ha organizzato una gara a Montefiascone:la“Granfondo Colli dellaTuscia”è riuscita a richiamare, nonostante la giornata di maltempo, oltre 250 atleti che hanno pedalato sulle nostre strade per 120 chilometri. La manifestazione è prevista per quest’anno nel mese di settembre e proporrà un nuovo percorso ancor più interessante intorno al lago di Bolsena. (chi desiderasse avere informazioni sulla società o sulla gara che si sta organizzando, può rivolgersi a : Cicli Capri o 0761 823859 o sul sito web www.timebike.it. Imp.Gian.


7

PROVINCIA

Nuovo Viterbo Oggi Martedì 13 Luglio 2010

FABRICA DI ROMA

L’Idv si interroga sugli sviluppi della rete dopo la soppressione di alcune corse

Quale futuro per la Roma Nord? Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere provinciale dell’Idv Giovanni Francola. “Il treno è sempre stato nell’immaginario collettivo un mezzo che porta lontano i nostri pensieri, dove il sogno si fonde con il quotidiano,

dove si incontrano persone e si intrecciano storie di ogni genere, ma anche dove tanti pendolari e non solo, passano molto del loro tempo per recarsi al lavoro o in qualunque altro luogo. Cosa ne sarà della stazione di Fabrica di

Roma, intendo la stazione della Roma-Nord? Da ieri è stata sospesa per tre mesi la tratta Viterbo-Civita-Roma gestita da ATAC S.P.A. Dodici treni per un totale di 500 Km al giorno. L’Italia dei Valori intende puntare i riflettori su questa ferrovia perché ha il timore che senza investimenti, questa tratta sia destinata ad una chiusura definitiva. Molti anni fa fu chiusa la stazione delle ferrovie dello Stato, privando per sempre i collegamenti con Orte, stazione di enorme importanza strategica.

Ora si pensa di sostituire i treni con servizi di pullman così, da due stazioni, si rischia di avere dei binari soltanto come ricordo lontano, ma è mai possibile che la gente non si svegli? So soltanto che se i diritti di tanti lavoratori e studenti venissero calpestati, lotterò con tutte le mie forze, per avere le giuste motivazioni di tali scelte aziendali, porterò nelle sedi opportune le mie interrogazioni e, se ce ne sarà bisogno, inizierò anche una petizione affinché i treni continuino la loro corsa. Faccio appello ai miei concittadini e a tutti gli abitanti dei paesi interessati, al fine di mantenere sul territorio questa unica realtà di collegamento, dando prova che il “diritto a prendere il treno” non può essere negato ne tanto meno dimenticato per sempre.

La minoranza consiliare di Corchiano si scaglia contro l’operato dell’amministrazione CORCHIANO

“I conti non tornano”

La gestione della cosa pubblica deve essere virtuosa sotto tutti i punti di vista “I conti non tornano”. A sostenerlo è il capogruppo di minoranza del Comune di Corchiano Giovanni Berto, che aggiunge: “L’amministrazione comunale si troverà in deficit. È inevitabile. La maggioranza si vanta di gestire un comune “virtuoso”. A mio parere, un ente può definirsi tale quando riesce a garantire una sana gestione dell’attività amministrativa su tutti i fronti, anche su quello riguardante la gestione dei conti del proprio Bilancio. La minoranza ha molte perplessità su quest’ultimo aspetto. Perplessità che hanno portato il gruppo consiliare da me rappresentato a esprimere parere contrario in occasione dell’approvazione del Bilancio di Previsione per l’anno 2010, durante la seduta di consiglio comunale dello scorso 29 giugno. Dati alla mano – spiega Berto - riportando solo alcuni casi, cito la somma assegnata dal Comune di Corchiano per la compartecipazione IRPEF che ammonta a 85.751,75 e non a 84.110,07; il Contributo di Stato per finanziamento Bilancio Ordinario previsto per € 355.694,84 risulta essere pari a € 353.062,23; l’entrata per gli altri Contributi dello Stato prevista per € 179.175,79 risulta essere invece pari a € 185.077,48; l’imposta ICI che, in base ad una attenta analisi del trend storico degli anni passati, si ritiene sovrastimata (l’importo inserito nel bilancio di previsione è pari a € 480.000,00, mentre le previsioni di entrata possano attestarsi, prudenzialmente, dai € 280.000,00 ai € 320.000,00). Perplessità da parte nostra anche sulla lievitazione delle sanzioni del C.d.S per 23 mila euro. Poco chiari i dati economici riguardanti i Proventi ruolo strade vicinali, idem i rimborsi per la messa in sicurezza degli immobili pericolanti, quantificati nella somma di 30 mila euro. E ancora - continua il capogruppo di minoranza - i Proventi per l’affrancazione degli usi civici, le entrate derivanti per convenzione con le cave estrattive che raggiungono la somma di 60 mila euro. Per non parlare delle spese per il personale, il rimborso dei mutui e, non ultimo, i residui attivi che destano forte preoccupazione in merito alla loro

esigibilità. Ma una parentesi vorrei aprirla principalmente su un settore molto importante, come quello dei rifiuti. Poca trasparenza è stata infatti riscontrata dal nostro gruppo consiliare in merito alla tassa di smaltimento sui rifiuti solidi urbani e la gestione della raccolta porta a porta. Nello specifico, la tassa smaltimento RRSSUU presenta una previsione d’entrata pari ad € 450.000,00. Ci si domanda come è possibile stanziare € 450.000,00 a fronte di un trend di entrata che si attesta a circa 406.000,00? Come si può affermare che ci sarà un incremento dell’entrata TARSU dovuta alla eliminazione della riduzione per le zone non precedentemente servite, quando,

ormai da anni, gli utenti residenti fuori dal centro abitato pagano per intero la quota? E’ evidente che la previsione di entrata di € 450.000,00 è sovrastimata. Ma un’altra considerazione sorge spontanea – prosegue ancora Berto -: il servizio di raccolta “porta a porta” si è rilevato un vero successo, conseguito soprattutto grazie alla fattiva collaborazione e al senso di responsabilità ambientale della popolazione del nostro Comune. E proprio grazie a loro che si sono raggiunti gli ottimi risultati, ormai sotto gli occhi di tutti. Ma è doveroso anche informare i concittadini che il loro impegno, purtroppo, non comporterà, mai e poi mai, una riduzione della tassa rifiuti.

I motivi sono semplici. Dal momento che l’attuale amministrazione non lo rende noto, cercherò di spiegarlo in breve. Prima dell’inizio del servizio “porta a porta”, il Comune svolgeva il servizio di raccolta e smaltimento con proprio personale e propri mezzi, mentre quello di spazzatura era ed è gestito dalla società “Anchise” (società completamente partecipata dal Comune di Corchiano), per un costo complessivo, dati annualità 2008, di circa € 390.000,00. Dal mese di giugno 2009 il servizio di raccolta “porta a porta” è stato affidato a una ditta esterna, per un costo semestrale di € 121.395,00 più iva per € 12.139,50: complessivamente un importo pari a € 133.534,50. Il costo totale del servizio è dunque lievitato, raggiungendo nel 2009 circa € 523.000,00. Di contro si è avuta una diminuzione del costo di conferimento in discarica che è stato per il secondo trimestre 2009 pari a circa 50.000,00. In termini pratici – spiega ancora il capogruppo -, significa che a fronte di un risparmio di € 50.000,00 vi è stato un incremento di costo per € 133.000,00, con una differenza negativa per le casse comunali di circa € 83.000,00. Visti i precedenti dati, non si poteva operare in modo diverso? Non era forse il caso di gestire internamente il servizio utilizzando altri mezzi di raccolta differenziata? Non si intende in questa sede sindacare sull’operato dell’amministrazione, ma formulare semplicemente delle considerazioni che inducano ad una attenta riflessione. Come capogruppo di minoranza – conclude Berto - esprimo preoccupazione per la gestione economica dell’amministrazione comunale di Corchiano. I cittadini hanno il diritto di avere risposte chiare e soprattutto trasparenti sui servizi che il Comune fornisce. Il nostro voto contrario all’approvazione del bilancio di previsione ha voluto dare un segnale e soprattutto ha voluto dare voce ai nostri concittadini che non condividono l’operato della maggioranza”.


8

Nuovo Viterbo Oggi

VETRALLA POLITICA

Martedì 13 Luglio 2010

Il candidato di Lega Tuscia snocciola la situazione di un Comune che deve rinascere

L’analisi di Vittori sul quadro politico locale “L’esperienza Marconi una bruttissima pagina per la storia del nostro municipio” TEMPERATURE torride, caldo afoso e polemiche a go go attorno all’intervista rilasciata dall’ex Sindaco Massimo Marconi. E neanche una fontana come si deve per buttarcisi dentro e placare gli animi. Come ai Mondiali del 2006. Che bei ricordi! Di certo non quella di Piazza della Rocca dove rischieremmo un bel bernoccolo sul capo! Quasi tutti contro un Primo cittadino che fu, cui va tuttavia riconosciuto di non aver abbandonato il campo di battaglia. Ora come allora. Con tanto di “j’accuse” alla Zola e dito puntato nei confronti di quelli che lui ha definito “traditori”, “pugnalatori”, “giuda”. Roba da Idi di marzo. E meno male che la Roma Repubblicana è finita da un bel pezzo, sennò chissà come finiva la “catilinaria” del 4 giugno con Massimo Marconi in fondo alle scale del Consiglio comunale in attesa dei “congiurati”! Altro che golpe di palazzo! Manco fossimo alla corte viennese degli Asburgo con nobili e notabili a rincorrersi per i corridoi e la rivoluzione bolscevica che incombeva alle porte d’oriente. E la Reichswehr tedesca che non sputava certo su Lenin, ma lo impacchettava ben bene spedendolo – raccomandata senza ritorno – in quel di San Pietroburgo. “Tra sei mesi o al governo o impiccati”, avrebbe poi fatto dire Solzenicyn a Vladimir Ili Ul’janov a conclusione dello splendido romanzo

“Lenin a Zurigo”. Tuttavia, accanto a chi considera l’amministrazione uscente “una pagina triste e squallida della storia di Vetralla”, c’è pure chi si rifiuta di “unire” la sua “voce” al “coro giubilante, e di saltare sul carro di quanti hanno trasformato il fallimento altrui in una vittoria propria”. Uno di questi, finora l’unico, è Michele Vittori della Lega Tuscia, candidato alle scorse elezioni provinciali con oltre 100 voti all’attivo. Che di questi tempi – e soprattutto in vista delle prossime comunali – non è poco, né tantomen da poco. “La caduta dell’amministrazione Marconi – riporta un suo comunicato stampa – è stata accolta da un generalizzato sospiro di sollievo da tutto l’establishment bipartisan della politica vetrallese (in preda ad un’evidente fenomeno di rimozione collettiva, dato che molti dei suoi quadri dirigenziali erano legati mani e piedi al ‘ribaltone’ oggi tanto esecrato) e da un febbrile lavorio quasi da piena campagna elettorale”. Prosegue poi: “molti hanno accusato l’ex Sindaco di incarnare una concezione della politica e dell’amministrazione datata e obsoleta: lungi dal rifiutare questa chiave d’analisi politica, ci permettiamo di notare che le manovre che hanno decretato la fine della Giunta Marconi, si trovano – solo ad aver la competenza e la voglia di leggerle – già bellamente descritte nelle Catilinarie ed

Il paese è nel degrado

‘Passione Civile’ bacchetta l’ex sindaco RITENIAMO che le dichiarazioni del’ex sindaco Marconi, in merito al suo operato, siano una mistificazione della realtà. Siamo passati dai giornaletti dell’amministrazione Aquilani che buttavaano fumo negli occhi ai cittadini, all’elogio dell’orrore dell’amministrazione Marconi”. A dichiararlo è Passione Civile in merito all’intervista recentemente rilasciata ad un quotidiano locale dall’ex Sindaco di Vetralla, Massimo Marconi (nella foto) “Il paese in cui viviamo è stato ridotto in una situazione di degrado territoriale, amministrativo e politico. E questo, da chi ci ha governato negli ultimi venti anni, nessuno escluso. Come si può parlare di comune virtuoso quando ancora non sappiamo se alcuni bambini a settembre avranno una scuola? Come si può parlare di comune virtuoso, quando gli impianti sportivi sono in una situazione di degrado totale? Come si può parlare di comune virtuoso, quando la nostra risorsa principale, il bosco, grazie ad un taglio scellerato negli ultimi 15 anni, rischia di non dare più risorse? Non è un comune virtuoso – prosegue Passione Civile – un comune che non ha una zona industriale; non è un comune virtuoso

un comune che ha abbandonato il centro storico. Il vero problema di Vetralla, a nostro avviso, è stata l’incapacità di elaborare uno sviluppo del paese. Abbiamo sempre assistito ad una campagna elettorale costante, fatta ad personam, cercando solo di curare il proprio elettorato, dove la maggiore preoccupazione era il farsi rieleggere. Pensiamo che i tempi siano cambiati, e che ci sia bisogno di un vero rinnovamento. Il nostro obiettivo – conclude Passione Civile – è di ridare dignità al nostro comune, riportandolo al passo con gli altri paesi e cercando di effettuare un programma a lungo termine capace di guardare all’interesse della comunità”.

Michele Vittori in tutte le cronache di dietrologia politica espresse da secoli di letteratura in materia”. Fatto sta che anche Marconi il suo errore l’ha commesso (e ammesso): “sottovalutare le bramosie che si celavano dietro l’adesione trasversale ad un ‘progetto’ politico che violava non solo - e già sarebbe stato sufficiente - il dettame elettorale, ma ogni regola di buon senso. Aggiungiamo a distanza di tempo, che erano le stesse bramosie che avevano tenuto fuori dal ‘ribaltone’ pezzi da novanta della politica vetrallese, che hanno spesso alzato la voce per coprire i mormorii sorti intorno alla propria azione politica”. Svelato l’arcano, ecco allora

Lega Tuscia, “un movimento di destra”, la cui proposta, spiega ancora Vittori, “si rivolge a quanti decretarono alle ultime elezioni la vittoria del centrodestra, salvo poi ritrovarsi una maggioranza contaminata da pezzi - più o meno pregiati - della sinistra, e tentati oggi dal tanto abusato ‘si stava meglio quando si stava peggio’”. In tal caso il riferimento è forse alle passate amministrazioni targate Sandrino Aquilani ovvero la “politica del panem et circenses” che “ha creato scompensi contabili che si ripercuoteranno su tutte (e pure su quella che uscirà dalle urne alle prossime elezioni) Giunte del Comune:

per rendersene conto, basterà guardare alla voce ‘mutui’ del bilancio vetrallese, una voce che sarebbe appropriata qualora Vetralla fosse una grande metropoli, non certo un medio paese”. Tant’è vero che “auspicare il ritorno dei registi di quella stagione politico-festaiola sarebbe prova di un insopportabile lassismo democratico”. D’altro canto la “classe politica raccoltasi intorno a Marconi” non ha brillato per genialità, ma si è mostrata “logora e priva di energie ed idee creative, disponibile ad ascoltare le proposte che provenivano dal territorio, ma poi di fatto inabile a soddisfarle, ed ingessata in un immobilismo estenuante per tutti”. Ciononostante, la “’terza via’ del centrodestra, rimasta fuori dal ribaltone”, ha da par suo “evitato la prova dei fatti, non il lecito dubbio che in condizioni simili, non avrebbe operato diversamente da quanto fatto dai pezzi del PDL entrati in Giunta”. Insomma ce n’è per tutti. Tra Freud, inconscio collettivo, Cicerone, Catilina e Imperatori. Anche per i nuovi arrivati, la leva calcistica del ’68 ancora lontana dal temutissimo dischetto del rigore. “Nuovi alla politica” che “si aggregheranno nelle plausibili liste civiche senza obbedire a logiche partitiche, quindi plausibilmente ridando vita a ‘esperimenti’ certo più casti - politicamente parlando - di quello marconiano, ma non meno avventati per i cittadini vetrallesi”; “germogli” che non

si preoccupano “neanche troppo di tenersi nell’ombra durante il solleone estivo”. Dovessero beccarsi una bella insolazione e sfiorire come tante ginestre! Infine, di fronte agli scenari che si schiudono “all’elettorato di centrodestra”, affatto “confortanti”, la proposta di Vittori: Lega Tuscia rischia di “presentarsi da sola”. Fermi tutti! “A meno che tali scenari – conclude – non evolvano in direzioni più rispettose dei cittadini vetrallesi e politicamente più coerenti”…A ‘mbè, aggiungiamo noi, quasi quasi c’avevamo creduto! Capello corto, barba incolta, occhiali e toni pacati. Insegnante e impegnato nel sociale, a Vittori lo stile non manca e, a sentire dire, le potenzialità pure: politiche, sebbene lui sia innanzitutto un intellettuale. Ricercatore. Di quelli veri, però. E non lo diciamo per scherzo. Perché su ciò che si è realmente non si scherza. Intellettuali, cioè coloro che all’erudizione preferiscono il saper leggere tra le cose. E se per William Blake, volgarizzato dal ben più noto Jim Morrison, “le strade dell’eccesso portano al palazzo della saggezza”, chissà quelle della politica dove porteranno Vittori. Ma si sa, citando Marina More lli, “senza l’immaginazione non è possibile entrare nello spessore della vita”. Inconsapevoli “frammenti di remote visioni dell’Universo”, direbbe invece il buon vecchio Eugenio Garin. Daniele Camilli

Santoni: “Alcuni dovranno essere dislocati a Tre Croci e Mazzocchio”

Non cè posto per tutti nella sede di via Cavour

“PURTROPPO, rispetto alle numerosissime richieste, non tutti gli alunni troveranno posto nella sede di piazza Cavour (dove ha sede la Materna di Vetralla ndr), ma dovranno necessariamente essere dislocati nelle altre sedi di Mazzocchio e Tre Croci”. A scrivere queste due righe è Roberto Santoni, Direttore del Circolo Didattico di Vetralla. Una notizia che probabilmente non passerà inosservata dato che diversi genitori in passato avevano già chiesto spiegazioni in merito, temendo questa soluzione. Non solo, ma quella che oggi è la Scuola di Mazzocchio dovrebbe prima o poi mutarsi in Casa famiglia, dato il finanziamento europeo ottenuto dal Comune vetrallese. “Il problema della carenza di spazi dell’edificio scolastico di piazza Cavour – spiega Santoni sul Notiziario del Circolo – è reso più acuto dalla situazione di emergenza dovuta alla chiusura – che, verosimilmente, si protrarrà anche per il prossimo

anno scolastico – dell’edificio della scuola dell’infanzia e media di Cura di Vetralla a causa dei lavori straordinari di manutenzione. La scuola, utilizzando tutte le possibilità della propria autonomia organizzativa, sta cercando di far fronte ad una situazione piuttosto critica rispetto all’edilizia scolastica; siamo fiduciosi che il Commissario prefettizio, che ha già mostrato una particolare sensibilità verso i problemi delle scuole vetrallesi, saprà certamente predisporre le migliori soluzioni possibili per

assicurare un regolare svolgimento del prossimo anno scolastico”. Un Circolo Didattico chiamato ad affrontare anche “i pesanti tagli al personale che si sono abbattuti sulle nostre scuole”, ma che nonostante ciò, “su proposta del Collegio docenti”, “ha deliberato l’istituzione di una sezione di scuola dell’infanzia a Vetralla (piazza Cavour) con orario completo. L’Ufficio Scolastico Regionale, infatti, aveva assegnato due sezioni con solo orario antimeridiano a Vetralla e a Cura di Vetralla. La decisione

del Consiglio di Circolo – scrive Santoni – permette alla stragrande maggioranza degli alunni iscritti di frequentare la scuola con orario completo (8.00 – 16.00) e di ridurre a pochissime unità gli alunni in lista d’attesa. La lista d’attesa è formata solo da alunni “anticipatari”, cioè di due anni e mezzo, per i quali la normativa prevede che possano frequentare soltanto se ci sono posti disponibili e dopo che sono stati accolti tutti i bambini di tre anni d’età”. D.C


9

LITORALE

Nuovo Viterbo Oggi Martedì 13 Luglio 2010

MARINA VELKA

Partirà sabato prossimo la rassegna di eventi al Saint Tropez

Un’estate a ‘tutta cultura’

Al via una lunga estate di musica, cultura, arte e divertimento al Saint Tropez di Marina Velka. Si comincia sabato 17 luglio con “Gli etruschi a luci rosse”, una videopresentazione di Giuseppe Moscatelli “Quando i pensieri

vanno in vacanza il pensiero si libra leggendogodendo...” è questo l’ideale slogan degli incontri estivi organizzati dallo stabilimento balneare Saint Tropez di Marina Velca a Tarquinia e l’editore Felice Scipioni con autori e personaggi del mondo della cultura che

presentano al pubblico dei turisti e vacanzieri del litorale della Tuscia le loro ultime opere e pubblicazioni. Si comincia sabato 17 luglio alle ore 22.00 con “Gli etruschi a luci rosse” , videopresentazione di Giuseppe Moscatelli sui costumi sessuali dei nostri antichi progenitori tratta dal libro “L’Eros degli etruschi, alle origini dell’erotismo mediteraneo” del medesimo Autore di cui è appena uscita la seconda edizione. Il volume, un piccolo classico su un aspetto tanto particolare di questa antica civiltà, sfata radicati luoghi comuni e propone inedite interpretazioni su temi da sempre al centro della discussione. Gli etruschi erano dei degenerati così come li descrive lo storico greco Teopompo? I ragazzi etruschi erano dei molli debosciati come ci racconta lo stesso autore? Le donne etrusche erano tutte prostitute come lascia intendere lo scrittore latino Plauto? E ancora depravati, ubriaconi e

che prosegue: “i presenti p o t r a n n o intervenire con domande imbarazzanti. L’ingresso è riservato agli adulti e ai minori alfabetizzati”. Leggerezza e ironia, quanto di più adatto al luogo di svago e al tempo feriale, ma anche spunti di conoscenza e riflessione per chi ama intrattenersi in modo intelligente.

crapuloni come tramandato dalla tradizione romana? Ad ognuna di queste domande sarà data una precisa risposta, sulla base delle fonti iconografiche e storiche, ma senza compiacimenti pseudo-culturali e con tono antiaccademico, come la stagione esige. La manifestazione è presentata con l’accattivante slogan: “Un popolo

che amava il sesso più della vita e oltre la vita”. Si scopriranno le tombe, dunque, e si leveranno gli Etruschi in pose e atti inverecondi, come promette la locandina di presentazione dell’evento,

MONTALTO

TARQUINIA

L’operazione documentata con foto e filmati

Il sindaco Mazzola illustra i provvedimenti varati per la Zsc

Astici, prime fasi del rilascio Novità in arrivo per la viabilità

Nel tratto di mare compreso tra Tarquinia e Montalto di Castro, è stato effettuato il primo rilascio di alcune decine di Astici (Homarus gammarus) prodotti presso il Centro Ittiogenico Sperimentale Marino dell’Università della Tuscia, realizzato presso il Borgo delle saline di Tarquinia. I giovani astici, nati il 25 dicembre 2009, sono stati allevati per un periodo di 6 mesi fino a raggiungere una taglia intorno ai 5-6 centimetri di lunghezza, considerata idonea per il loro rilascio in ambiente naturale, quindi

collocati da operatori subacquei in habitat adatti, costituiti da fondali rocciosi, ai margini di praterie di Posidonia oceanica.Il rilascio dei giovani astici è stato effettuato a conclusione del primo anno di un progetto di ricerca, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia e che proseguirà anche quest’anno con l’obiettivo di rilasciare centinaia o migliaia di individui lungo la coste dell’alto Lazio.La squadra dei giovani ricercatori diretta dal Prof. Giuseppe Nascetti era composta da Alessandro Carlini,

Dario Angeletti, Sandro Cirripicchio e dal Tecnico di laboratorio Pompilio Fracassa. Le varie fasi del rilascio, dal prelievo presso l’avannotteria sperimentale alla loro liberazione, sono state documentate con fotografie e filmati dai due fotoreporter naturalisti Flavio Oliva e Alessia Carli.Tale iniziativa sta suscitando l’interesse dei pescatori di Montalto di Castro che iniziano a guardare con favore queste azioni di restocking delle specie ittiche costiere dell’alto Lazio, attività che sarà possibile effettuare

Parcheggi gratuiti per i residenti, unificazione dei settori A e B ed eliminazione degli stalli con strisce bianche». Lo annuncia il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola illustrando le novità della ZSC (Zona a Sosta Controllata) del centro storico, che entreranno in vigore a breve. «In questi mesi l’Amministrazione si è confrontata con i cittadini e le associazioni dei commercianti e degli artigiani, – prosegue – per ascoltarne le richieste e accogliere quelle che potevano dare un contributo a ottimizzare la ZSC». Nel

dettaglio il piano di modifiche prevede il parcheggio gratuito per i residenti senza alcun limite numerico per le auto di proprietà, la scomparsa degli stalli di sosta con strisce bianche e l’adozione soltanto di quelli con linee blu all’interno della cinta muraria, nonché l’unificazione dei settori A e B che consentirà agli abitanti del centro storico di utilizzare tutti i posteggi presenti. Sarà permesso inoltre ai non residenti di sostare mediante convenienti abbonamenti mensili. Pluralità e cumulabilità delle tariffe garantiranno una migliore fruibilità di

tutte le aree di sosta della città. Saranno infine rimodulati gli orari di carico e scarico delle merci, con la creazione di appositi stalli. «Le variazioni che saranno apportate dimostrano l’attenzione del Comune nel risolvere le problematiche di Tarquinia. – conclude il primo cittadino – L’obiettivo è quello di dare ordine al traffico, disincentivare l’uso del mezzo privato e garantire controlli più rapidi e rigorosi contro chi non rispetterà le norme».


Investi sulla stampa. Sapevamo di trovarti qui.

Qualunque sia il tuo target, è più facile raggiungerlo. Ogni giornale, quotidiano o periodico, ha i suoi lettori. Può sembrare un’affermazione banale, ma se parliamo di investimenti, la banalità è un pregio, perchè diventa sicurezza. Per fascia di età, per territorio, per abitudini, per interessi, per profilo culturale, economico o sociale: non importa quale sia il criterio, quello che importa è la possibilità di sapere chi ti sta leggendo. Come te, che eri il nostro target e volevamo parlarti di noi. E sembra che ci siamo riusciti


Nuovo Viterbo Oggi Sport 11

Martedì 13 Luglio 2010

Il team viterbese interrompe finalmente il digiuno aggiudicandosi una combattutissima gara 2 a Messina

BASEBALL

Pianeta Benessere, pareggio prezioso Nella prima sfida è fatale un calo nel finale, nella seconda è decisivo il lanciatore Matos Un piccolo passo, ma molto significativo. E’ quello compiuto dal Pianeta Benessere Viterbo che ha saputo fermare a quota nove una striscia di sconfitte consecutive diventata ormai oesante come un macigno. I ragazzi del manager Alberto Massini sono tornati con un prezioso pareggio dalla trasferta di Messina, imponendosi in una gara due tiratissima ma sprecando già nella prima sfida l’occasione di tornare alla vittoria. Un pareggio di estrema importanza sia per la classifica che per il morale di tutta la squadra, chiamata a lottare per conservare il proprio posto in serie A federale. Il primo incontro è stato ben controllato dai viterbesi fino alla metà

BASEBALL SERIE A pg

pv

REGGIO EMILIA

28

ANZIO

28

SALA BAGANZA

pp

%

22

4

846

18

10

642

26

16

10

615

MODENA

28

16

12

571

AREZZO

28

14

14

500

CUS MESSINA

23

11

12

478

URBE ROMA

28

13

15

464

PIANETA BENESSERE VT

26

9

17

346

COLLECCHIO

28

8

20

285

POVIGLIO

25

6

19

240

Lorenzo Zuccaro del settimo inning, quando il punteggio era 2-1 per Monachini e soci, ma sfuggito poi di mano nel finale. Buone le prestazioni dei due lanciatori del Pianeta Benessere, il par-

tente Stefano Fanali che ha tenuto a bada per sei inning le mazze avversarie accusando la fatica al settimo, dove ha concesso quattro punti risultati poi decisivi, ed il suo

SERIE A 5ª DI RITORNO partita

squadra

gara 1

rilievo Paolo Ciampelli che ha lanciato bene, concedendo un solo punto nei due innings in cui è rimasto in campo. Quello che è mancato è stato l’attacco, che non ha

SERIE A 6ª DI RITORNO partita

gara 2

gara 1 (orario)

gara 2 (orario)

CUS MESSINA - VITERBO

6-2

1-2

VITERBO - COLLECCHIO

17/07 /15,00)

18/07 (10,00)

ANZIO - MODENA

13 - 3

11 - 1

AREZZO - REGGIO EMILIA

17/07 (15,30)

17/07 (20,30)

REGGIO EMILIA - POVIGLIO

18 - 1

3-1

MODENA - POVIGLIO

17/07 (15,30)

17/07 (20,30)

URBE ROMA - AREZZO

11 - 10

3-4

URBE ROMA - CUS MESSINA

17/07 (15,30)

17/07 (20,30)

COLLECCHIO - SALA BAGANZA

2-3

5 - 10

SALA BAGANZA - ANZIO

17/07 (15,30)

18/07 (10,00)

saputo sfruttare l’esiguo vantaggio iniziale realizzando quei punti che avrebbero dato la sicurezza per la vittoria. Un cinico Messina ha saputo aspettare il previsto calo fisiologico del lanciatore partente viterbese, piazzando una serie di battute valide che hanno ribaltato l’esito del match. Nella seconda partita, come tutte quelle giocate con i lanciatori stranieri, i battitori si sono dovuti accontentare delle briciole, come dimostra lo score dell’incontro (1-2). Una serie infinita di eliminazioni, raramente

interrotta da un punticino per una delle due squadre; questo il canovaccio di una partita giocata con i nervi scoperti e sempre tesi, vista la possibilità di ribaltare l’esito della gara a favore dell’una o dell’altra squadra al minimo errore difensivo. Ruben Matos ha però chiuso l’incontro da vincente lanciando, come al solito, per tutti i nove innings e realizzando ben nove strike-outs, sostenuto da una difesa un po’ più attenta e concentrata rispetto alle ultime giornate. Ora il Pianeta Benessere può guardare con più serenità ai decisivi e importantissimi scontri con i diretti avversari del Collecchio e Poviglio, in programma nelle prossime giornate, per riconquistare posizioni più tranquille in classifica. Gara 1 Pianeta Benessere: 000 200 000 = 2 Cus Messina: 010 000 41X = 6 Gara 2 Pianeta Benessere: 100 010 000 = 2 Cus Messina: 001 000 000 = 1

BASKET C - Società scatenata sul mercato con l’arrivo del forte tiratore viterbese

TIRO CON L’ARCO

“Un progetto valido e ambizioso”. Vicinissimo anche Marano

alla Coppa delle Regioni

Iniziano a rimpeirsi le caselle per l’organico della Nuova Fortitudo, la squadra che parteciperà al prossimo campionato di serie C regionale di basket. La squadra, che verrà affidata al confermato coach Fausto Cipriani, poteva già contare sicuramente su elementi del valore di Bitetto, Ottaviani, Milani e Pigliafreddo, ma sta portando avanti molte tratative per completare l’organico, trovare alcuni under competitivi e presentarsi al via anche della serie D, sfruttando questo campionato per dare spazio ad altri giocatori e far fare esperienza ai giovani. Il primo accordo significativo è stato raggiunto con Federico Zena, strappato ai rivali della Stella Azzurra. Nato il 23 dicembre 1982, cresciuto nella Stella Azzurra Libertas, Zena ha militato a lungo in formazioni del capoluogo della Tuscia, sia in B che nelle categorie regionali, indossando per un anno la casacca della Lazio che si

Non sono bastati i 160 punti conquistati da Maria Stefania Montagnoni a dare al Lazio la vittoria nella Coppa delle Regioni, manifestazione di tiro con l’arco che si è disputata lo scorso week-end a Latina. Ben 21 le squadre al via, con Trento e Bolzano che hanno presentato due selezioni distinte; gli atleti sono stati raggruppati a seconda della specialità (Compound o Arco Olimpico) e della categoria (Assoluti, Ragazzi, Juniores e Allievi), dando vita a diverse gare, tutte molto interessanti. Maria Stefania Montagnoni, portacolori dell’Arco Club Tarkna, è stata impegnata nella 1° gara Star del Compound donne, in cui ha saputo esprimersi su ottimi livelli sfiorando un grande risultato: ha infatti chiuso al secondo posto la fase di qualificazione con un punteggio totale di 675, staccata dalla migliore, Marcella Tonioli, ma comunque in buona posizione per la fase ad eliminazione diretta. Negli scontri individuali, ha iniziato superando dopo un testa a testa equilibrato

Federico Zena è il primo colpo Fortitudo Sesto posto del Lazio

Federico Zena era trasferita a Viterbo. Si è poi trasferito a Civita Castellana dove è rimasto per ben sei stagioni, segnalandosi come uno dei tiratori più pericolosi dell’intero panorama regionale; lo scorso anno ha seguito coach Cesare Ferri alla Stella Azzurra ed ha affrontato nel corso dei playoff proprio la Fortitudo in due derby molto sentiti.

“Il progetto che mi è stato proposto mi ha entusiasmato – dichiara Zena – e di pari passo c’è stata l’ambizione di partecipare al campionato di serie C. Conosco praticamente tutti i giocatori che c’erano e so che la società sta lavorando per creare una bella squadra, in grado di ben figurare e di ambire ad un piazzamento importante. Sono pronto a dare

il mio contributo”. Molto soddisfatto il presidente Francesco Marini: “Il nostro obiettivo è stato sin da subito quello di creare una squadra con forte componente viterbese e con ragazzi giovani e motivato. In questo senso direi che Federico Zena è un giocatore perfetto e sono molto contento che abbia deciso di accettare la nostra proposta e di vestire il prossimo anno la maglia della Fortitudo”. Un colpo importante per la squadra viterbese che però non ha intenzione di fermarsi: altri nomi sul taccuino, per i quali è prossima l’ufficialità, sono quelli di Davide Roccetti, guardia anche lui ex Stella Azzurra, e del giovane lungo Sorin Radukan, classe 1991, oltre due metri di altezza e doti tecniche da affinare. Altre piste concrete portano a Valerio Giganti e a Marco Marano, per il quale l’accordo sembra molto vicino, ma potrebbe esserci qualche colpo a sorpresa anche per l’arrivo di uno straniero, un esterno americano in grado di far compiere un altro salto di qualità.

Maria Raffaella Motta, poi si è ripetuta dominando la sfida contro Elisabetta Buono, chiusa con il punteggio di 7-3. Si è così ritrovata in semifinale, opposta a Valentina Buccellato che non aveva convinto in qualifica ma che si era poi riscattata al momento decisivo della competizione. Il duello è stato combattutissimo e c’è stato bisogno di scagliare le frecce di spareggio per stabilire chi avrebbe raggiunto la finale; l’ha spuntata la Buccellato e così Maria Stefania Montagnoni si è dovuta accontentare del match per il terzo e quarto posto, dove ha perso nettamente contro la favorita Marcella Tonioli, anche lei fuori a sorpresa in semifinale. La Coppa delle Regioni è andata alla Lombardia davanti al Piemonte ed all’Emilia Romagna. Sesto posto per i padroni di casa del Lazio. Oggi intanto prenderanno il via con la cerimonia inaugurale i Mondiali di Tiro di Campagna in Ungheria, con l’Italia che avrà tra le sue atlete anche Anastasia Anastasio.


12

Nuovo Viterbo Oggi

SPORT CALCIO

Martedì 13 Luglio 2010

IL BAZAR - I gialloblu ingaggiano un giovane attaccante. Intanto il ds Cotta è volato in Brasile e diventa operativo Gerry Aprea

Non è Nick Ventola ma è Niky Veroli Altro ingaggio alla Viterbese. Intanto Matarazzo passa al Todi e Gattari al Teramo IL MERCATO DEGLI ALTRI

Eppur si muove. Altre novità sul fronte Viterbese per l’allestimento della squadra gialloblu per il 2010/ 2011. Questo il comunicato diffuso dalla società nel pomeriggio di ieri.

E’ un patron Clemeno che cerca la grande riscossa dopo i flop

ARRIVA NIKY VEROLI “L’ As Viterbese Calcio comunica di aver ufficialmente raggiunto l’accordo per la stagione 2010/11 con l’attaccante classe 1991 Niky Veroli. Veroli, attaccante ex Sant’Elpidiense, sarà uno dei giovani di serie che andrà a completare il reparto offensivo e che permetterà a mister Puccica di avere più opzioni possibili nel costruire ed eventualmente modificare il suo undici. Attaccante dal fisico importante, ha come caratteristiche principali il colpo di testa e può essere considerato senza dubbio un centravanti da area di rigore”.

esterno di centrocampo il cui cartellino è di proprietà della Ternana che passa al Todi, sempre nel campionato nazionale di serie D e di Gattari, centrocampista centrale che passa ad una nobile decaduta come il Teramo.

PARTENZE Intanto sono ufficiali le partenze di Matarazzo

OPERAZIONI In attesa del giorno in cui la squadra si radunerà

Daniele Materazzo per dare vita alla sua preparazione (raduno fissato per il 26 giugno) si attende nelle prossime ore una accelerazione al mercato della Viterbese. A guidare le operazioni è in questa fase Gerry Aprea visto che il ds Cotta nelle ultime ore è volato in Brasile per osservare alcuni talenti i cui nomi sono già da tempo nel suo taccuino.

OGGI SCADENZA ISCRIZIONI PER ECCELLENZA E PROMOZIONE Ricordiamo che oggi alle 18 scadono i termini per le iscrizioni dei team di Eccellenza e Promozione alla stagione 2010/2011. Iscrizioni che possono essere effettuate anche on line.

DOPO IL TRIONFO - Domenica sera il suo cuore ha battuto forte

Mister Crespo: “Orgoglio spagnolo” Il tecnico: “Titolo strameritato, siamo stati i più forti”

E domenica sera il popolare tecnico Josè Luis Crespo si è ritrovato con il cuore in sussulto davanti alla finalissima del campionato del Mondo di calcio tra la “sua” Spagna e l’Olanda. Il giorno dopo il grande trionfo iberico è una sorta di liberazione, di entusiasmo senza limiti che lui stesso ci descrive: “Sportivamente parlando è una gioia senza eguali, non credevo che vedere la propria Nazionale vincere un Mondiale potesse darti emozioni del genere”.

Ha festeggiato mister? “Si, ho preso la macchina e sono andato a fare un giro per Viterbo, ci siamo ritrovati in pochi visto che in città ci sono degli spagnoli ma molti di loro sono studenti universitari e in questo periodo sono fuori sede ma va bene anche così”. Una vittoria che rafforza lo spirito spagnolo: “Decisamente e la dimostrazione lampante scaturisce anche da quelli che sono stati i festeggiamenti di piazza in tutta la Spagna, dall’area della Catalogna a Madrid, senza alcuna distinzione”.

La festa della Spagna

Accanto mister Josè Luis Crespo con il berretto della Spagna. Sotto la gioia degli iberici dopo aver vinto il primo campionato del mondo

Dal punto di vista tecnico è stato un successo meritato a tuo parere? “Strameritato. La Spagna ha dimostrato di essere superiore all’Olanda in finale ed ha disputato un grande Mondiale riuscendo a rialzare la testa dopo il ko subito nel match di esordio”. Quale la vera forza della Spagna: “La compatezza di squadra e la capacità di avere in ogni reparto gente del valore di Casillas, Pujoll, Xavi e Villa che hanno saputo fare la differenza”. Tempo fa ci dicevi che avresti dato oro per vedere la vitto-

ria del Real Madrid in Champion League. Sempre dello stesso avviso dopo domenica sera? “ Un successo del genere vale molto di più e il sangue spagnolo ha ribollito forte”. Qualcuno quindi nella nostra città ha esultato e lo ha fatto alla grande in un Mondiale che per gli azzurri si è rivelato un autentico fallimento dopo l’impresa del 2006 a Berlino. Mister Crespo gongola in attesa di una sistemazione sul nostro mercato visto che è saltato quello che sembrava il matrimonio scontato con la Virtus Bolsena.

Raffaele Di Giacomo CIVITAVECCHIA Continua a proliferare il mercato del nuovo Civitavecchia targato Adriano Clemeno. Nella serata di venerdì è stato infatti ufficializzato il raggiungimento dell’accordo con due giocatori già da tempo seguiti dall’entourage nerazzurro: si tratta del centravanti Raffaele Di Giacomo, lo scorso anno alla Vigor Cisterna, e Max Iezzi, laterale con numerosi trascorsi in serie C. Soddisfatto il direttore sportivo Claudio Franci, che dichiara: «Sì, Di Giacomo e Iezzi hanno firmato e ne siamo molto felici perchè sono giocatori che non hanno bisogno di presentazioni. Iezzi ha fatto delle categorie superiori, è un esterno le cui qualità non si discutono e stimato sia da me che dall’allenatore Apuzzo. Ogni qual volta che interveniamo sul mercato infatti, io e il mister lo facciamo di comune accordo, fra noi c’è gran sintonia. Di Giacomo invece è un centravanti possente, capace di fare reparto da solo e fortemente voluto dal Civitavecchia, abbiamo moltissima fiducia in lui, così come in tutti gli altri membri della rosa. Per risolvere la sua situazione è intervenuto il presidente in persona, e non possiamo che essere felici del fatto che l’anno prossimo Di Giacomo vestirà la casacca nerazzurra. Per Giralico invece - continua il ds - stiamo vedendo alcune situazioni, ha dei problemi di lavoro che dobbiamo vedere se può risolvere, essendo un

uomo fidato del presidente non ci sarebbero problemi per l’eventuale tesseramento. Anche lui è un giocatore dalle grandi qualità e ci farebbe comodo, vedremo se sarà possibile averlo». Arrivati a questo punto si chiede a Franci se la squadra sia ormai formata o se manchi ancora qualche tassello: «Fra oggi e domani risolverò insieme al mister le ultime situazioni - conclude Franci - fra cui anche quella dei civitavecchiesi giovani ma non più under (si tratta di Gravina, Bevilacqua, Lancioni e Poggi, ndr), e oggi le comunicheremo ai ragazzi. Poi si sa, nel calcio può succedere di tutto e quindi nulla si può dare per scontato. Il mercato è fatto anche di occasioni che se si presentano non si possono rifiutare. L’intelaiatura comunque ormai è composta e ne siamo decisamente soddisfatti». Di Giacomo, attaccante classe ‘86 lo scorso anno in forza alla Vigor Cisterna (ha segnato 18 gol), è un centravanti possente ideale per fare da torre nel 4-3-3 di Apuzzo. Massimiliano Iezzi invece è un classe ‘81, che vanta diverse esperienze in serie C (C1 con Benevento e Paganese, C2 con Ravenna, Gubbio, Viterbese e Nuorese), dove ha avuto fortuna a corrente alternata, e alcune apparizioni all’estero, nel West Bromwich Albion e nel Polonia Varsavia. (da civonline)


13

SPORT

Nuovo Viterbo Oggi Martedì 13 Luglio 2010

STORIE DI CALCIO / C5

Meglio di Niente

Le news dai Memorial di c/5 del “Cignarale” di Falerii e dal “Cristiano Vittori” di Ischia di Castro

Abbassa il Sedile

Avanti a tutte le latitudini con le storie di calcio e calcio a cinque dalla Tuscia. Ecco le news. IL MEMORIAL CIGNARALE A FALERII Altri verdetti dal torneo “Alessandro Cignarale” in pieno svolgimento presso l’impianto sportivo di Falerii. Nella gara dei play off che sanciva il passaggio ai quarti l’Arte in Ferro ha eliminato la forte AutoCarrozzeria Bozzo. Bella vittoria per 13-9 ed ora ai quarti di finale sfida contro la Nuova Cassia Press. Sotto l’ottima direzione arbitrale del Signor Giuseppe Moretti di Ronciglione si è giocata la quarta e ultima giornata di Play Of. ARTE IN FERRO 13 AUTOC. BOZZO 9 Arte in Ferro: Gasbarri Marco, Sciamanna Marco, Mariani Maurizio, Mariani Francesco, Foglietta Augusto, Ginevra Gianluca, Narduzzi Luca, Cecconi Filippo, Cristofari Marco, Fiorentini Walter,Guazzorotto Roberto, Carosi Alessio, Principino. AutoCarrozzeria Bozzo: Bozzo Alberto, Randazzo Alessandro,Rossetti Riccardo ,Mizzelli Riccardo, Darida Francesco, Bernardini Stefano, Chirieletti Cristian,Angeletti Riccardo, RipaniAlessio,Mandro Learth, Chirieletti Marco,Principali. L’Autocarrozzeria Bozzo del Presidente Bozzo Alberto si deve arrendere di fronte un ottimo Arte in Ferro che dopo una partita equilibrata riesce a vincere per 13-9 Grazie alle reti del suo capocannoniere Mariani (5), Foglietta (4), Principino (2), Ginevra (1) e Cecconi (1). Per L’autocarrozzeria Bozzo che paga l’assenza del suo gioiellino Randazzo va a segno Mandro (6), Angeletti (2) ed il Suo Capitano Alessio Ripani.(1). L’arte in Ferro Vola nei Quarti di Finale dove incontrerà la Nuova Cassia Press. LE NEWS DAL MEMORIAL VITTORI AD ISCHIA Ecco il resocondo dei confronti giocati nello scorso week-end al Memorial Cristiano Vittori di Ischia di Castro. BAR 2001 9 MEGLIO NIENTE 3 Vittoria importante per il Bar 2001 che con questo successo si aggiudica un posto per le semifinali.

Terza Categoria 2010/2011 termine per le iscrizioni fissato al 9 settembre Le norme sugli svincoli on line e sugli accrediti stampa

Arte in Ferro ITALIA FRIEND’S 13 ABBASSA IL SEDILE 9 Partita subito in salita per “Abbassa il Sedile” che nonostante la generosa prova di Franci Andrea non riesce mai ad impensierire l’Italian’s Friends, con questa sconfitta abbandona così la lotta per le semifinali. Capocannonieri - Nella classifica dei bomber guida con 9 reti Celestini Fulvio(Italia’s Friends) 8 gol per Consalvi Nazzareno (Activ 5) . Prossimo Turno - Nel prossimo turno, big match tra Italia’s Friends e Activ 5 per decidere chi passerà per prima. CLASSIFICA Dopo questi due confronti la classifica del torneo è la seguente. 12 punti - Activ 12 punti - Italia Friend’s 6 punti - Bar Friends 3 punti - Meglio di Niente 3 punti - Ss Lazio 0 punti - Abbasso il Sedile ACCREDITI STAMPA 2010/2011 Si comunica che anche per la stagione sportiva 2010/2011, e’ valida la convenzione stipulata tra la Lega Nazionale Dilettanti e l’Unione Stampa Sportiva Italiana (U.S.S.I.), finalizzata a favorire il libero accesso a tutte le partite dei campionati dilettantistici di calcio sottoposte alla competenza della Lnd, a favore dei giornalisti iscritti all’Ussi. Nell’intento di agevolare l’operato dei giornalisti iscritti all’U.S.S.I., si è convenuto

Autocarrozzeria Bozzo di dotare gli stessi di una speciale tessera di riconoscimento emessa dalla medesima Associazione di categoria, contenente, tra l’altro, i loghi ufficiali della Lnd. e dell’Ussi. nonché la foto dell’intestatario. Al fine di semplificare le procedure di richiesta degli accrediti ed altri iter burocratici, si invitano le società e le associazioni sportive dilettantistiche aderenti alla Lnd. di consentire il libero accesso alle manifestazioni sportive, dalle stesse organizzate, ai titolari della predetta tessera rilasciando loro, contestualmente all’esibizione della tessera medesima, il relativo titolo di ingresso gratuito nell’ambito e nei limiti della normativa recata dall’art. 3, quinto comma, del D.P.R. n. 633/1972 (rilascio di titoli di accesso gratuiti da parte degli organizzatori dello spettacolo nel limite massimo del 5% dei posti di settore secondo la capienza del complesso sportivo ufficialmente riconosciuta dalle competenti autorità - Circolare n. 165/E, punto 4.6, del 7 settembre 2000 dell’Agenzia delle Entrate). La convenzione di cui alla presente Circolare è valida anche per la stagione sportiva 2011/2012. PER GLI SVINCOLI ON LINE Svincola on line. Le procedure da seguire sul sito Lnd. Come già accaduto per gli svincoli suppletivi, anche per gli svincoli per rinuncia della prossima stagione sportiva (1°- 16 luglio 2010) dovrà essere obbligatoriamenteadottata la procedura

informatica predisposta dalla Lega Nazionale Dilettanti. Nel sito web www.lnd.itè attiva l’area riservata le cui chiavi di accesso sono già state inviate presso ciascuna società In tale area riservata è possibile altresì stampare il tabulato dei propri calciatori costantemente aggiornato Con riferimento agli svincoli, la procedura da osservare è la seguente: Accedere all’area riservata alle Società presso il sito www.lnd.it dopo aver selezionato i calciatori da svincolare, si procede alla stampa provvisoria della lista di svincolo. Dopo aver Attentamente verificato i nominativi dei calciatori da svincolare, e accertato che da quel momento in poi non si procedera’ allo svincolo di alcun calciatore, si rende definitiva la lista di svincolo. si prega di prestare la massima attenzione al fatto che resa definitiva la lista di svincolo non sara’ piu’ consentito effettuare modifiche o integrazioni di nominativi pertanto tale operazione deve essere effettuata con la dovuta accortezza stampata la lista di svincolo definitiva, la stessa dovrà essere sottoscritta dal presidente, e spedita al comitato regionale lazio a mezzo posta raccomandata, o depositata presso le delegazioni provinciali, tassativamente entro il 16 luglio 2010 il mancato inoltro della lista comporta l’inefficacia degli svincoli per qualsiasi ulteriore informazione o chiarimento è possibile consultare la guida illustrativa presente nell’area

riservata, o contattare l’ufficio tesseramento del comitato regionale lazio (0641603205 – 3217 – 3256) CAMPIONATO DI III CATEGORIA 2010/2011 Ecco le catrattaristiche per quello che sarà il campionato di Terza Categoria 2010/2011. Articolazione - Il Campionato di III Categoria è organizzato dal Comitato Regionale Lazio, che ne demanda lo svolgimento alle proprie Delegazioni Provinciali, sulla base di uno o più gironi. Hanno titolo a richiedere l’iscrizione al Campionato di III Categoria 2010/2011: - le Società retrocesse dal Campionato di 2ª Categoria 2009/2010; - le Società che hanno preso parte al Campionato di 3ª Categoria 2009/2010; - le Società di nuova affiliazione Età giocatori - Limite di partecipazione dei calciatori in relazione all’età. Alle gare del Campionato di III Categoria, ed alle altre dell’attività ufficiale organizzata dalla Lega Nazionale Dilettanti, possono partecipare, senza alcuna limitazione di impiego in relazione all’età massima, tutti i calciatori regolarmente tesserati per la stagione sportiva 2010/2011 che abbiano compiuto anagraficamente il 15° anno di età, nel rispetto delle condizioni previste dall’art. 34, comma 3, delle N.O.I.F. Adempimenti - Tutte le Società sono tenute a perfezionare l’iscrizione al Campionato di III

Categoria entro il 9 settembre 2010 – ore 18.00 provvedendo a tutti gli adempimenti previsti dalle disposizioni annualmente emanate dalla Lnde pubblicate sul Comunicato Ufficiale. Non saranno accettate le iscrizioni di Società che: non dispongano di un campo di gioco dotato di tutti i requisiti previsti dall’art.27 del regolamento della LND. Tale disponibilità dovrà risultare da apposita dichiarazione , rilasciata dal proprietario, Ente o privato, o, in quest’ultimo caso, dall’eventuale gestore. Unitamente alla dichiarazione, dovrà essere allegata una piantina planimetrica del campo di gioco, comprensiva della rete di recinzione, debitamente sottoscritta e vidimata da un tecnico iscritto all’Albo della propria categoria. Risultino avere pendenze debitorie nei confronti della FIGC, della Lega Nazionale Dilettanti, delle Divisioni, dei Comitati o di altre Leghe, ovvero altre pendenze verso Società consorelle o verso dipendenti e tesserati e, ciò, a seguito di sentenze passate in giudicato deliberate dagli Organi della Disciplina Sportiva o dagli Organi per la risoluzione di controversie. - In presenza di decisioni della Commissione Accordi Economici divenute definitive entro il 31 maggio di ciascuna stagione sportiva, nonché, sempre entro il predetto termine, in presenza di decisioni anch’esse divenute definitive della Commissione Vertenze Economiche e del Collegio Arbitrale presso la L.N.D. le somme poste a carico delle Società devono essere integralmente corrisposte agli aventi diritto entro il termine perentorio annualmente fissato per l’iscrizione al rispettivo Campionato (cfr. Circolare n. 60 della L.N.D. del 28.4.2010); - Non versino all’atto dell’iscrizione al Campionato, tutte le somme dovute in base a quanto stabilito in materia dal Com. Uff. n. 161 del 18.6.2010. d) Ammissione al Campionato di II Categoria 2011/2012 Le Società che al termine della stagione sportiva 2010/ 2011 si classificheranno al 1° posto dei rispettivi gironi del Campionato di III Categoria, acquisiranno il titolo sportivo per richiedere l’ammissione al Campionato di II Categoria 2011/2012.


14

Nuovo Viterbo Oggi

SPORT

Martedì 13 Luglio 2010

CALCIO A 5

I Consiglieri dell’Associazione Valerio Ginnasi

Valerio Ginnasi: tutto sulla festa finale della XX edizione la finale per il 3° e 4° posto conclusa 3-3. L’ albo d’oro del torneo

Il ringraziamento della famiglia Ginnasi

La Gioielleria Formica/ Black Magic Caffè Nepi, vince la storica e prestigiosa 20^ edizione del Torneo Valerio Ginnasi organizzato dalla omonima Associazione di Ronciglione per ricordare la memoria dell’indimenticato “Sor Valerio”, Presidente della società calcistica della cittadina cimina degli anni ‘60/’70 vincitrice di numerosi titoli e campionati. UN SUPER CAMPIONE TRA I “CAMPIONCINI” a formazione di Nepi trascinata da un campione di futsal del calibro di Ivan Alves Junior vince con il risultato di 7 a 3 contro la SGM Legno di Sutri al termine di una partita dominata dalle giocate del fantasista brasiliano campione d’Italia di calcio a 5 con la maglia del Montesilvano nonchè capocannoniere del campionato italiano 1999/2000. Un atleta di livello superiore che affiancato a giocatori del calibro di Chirieletti, Mariani, Fava, Scarpati, De Santis, Fabrizi, Moronti, Biancalana, Rossi e dell’insuperabili Fantini ha chiaramente prodotto la conquista del titolo nonostante la forte contrapposizione della temibile e competitiva formazione presentata dalla SGM Legno di Sutri. Il Team campione è andato subito in vantaggio con tre gol firmati dal brasiliano Junior a cui ha risposto Cernetti. Nella ripresa Junior ha allungato il vantaggio poi Fabrizi ha portato il parziale sul 5 ad 1. Pomi e Gironi hanno cercato

Gioielleria Formica Bar Black Magic Nepi è qui la grande festa Nella finalissima battuto 7-3 il team della Sgm Legno

di riaccendere la partita chiusa, poco dopo, da Biancalana, realizzatore di una doppietta. Una bella partita e la presenza di un grandissimo campione ha dunque chiuso, come meglio non si poteva, la 20^ edizione del Torneo Valerio Ginnasi salutata da una cornice di pubblico numerosa. TUTTI I PREMI AI PROTAGONISTI Al termine i Consiglieri dell’AVG hanno consegnato i riconoscimenti agli arbitri della finale Cilli/Proietti, ai Carabinieri di Sutri, ai giovani Assessori dei Comuni di Caprarola e Sutri nelle persone di Luigi Pecorelli e Felice Casini ed al Vice Sindaco del Comune di Ronciglione, Dott.ssa Cecilia Marzoli nonché alla famiglia Ginnasi rappresentate nelle persone dei figli Giuseppe e Rita. I consiglieri dell’Associazione Valerio Ginnasi sono stati oggetti di un dono da parte della famiglia Ginnasi come segno di riconoscimento per l’impegno offerto in questi vent’anni per ricordare, con una manifestazione sportiva diventata la più longeva e prestigiosa della provincia, la figura del proprio papà. Quindi si è passati alla consegna dei premi riconosciuti alla Rappresentativa Juniores ed a I Borghi come le formazioni più corrette per aver disputato il Torneo senza alcun

I campioni della Gioielleria Formica Blach Magic Caffè Nepi provvedimento disciplinare, a Simone Provinciale come Capocannoniere, a Massimiliano Liscapade come miglior portiere, a Ivan Alves Junior come miglior giocatore. TERZO POSTO EX AEQUO Il terzo posto è stato assegnato ex aequo alla Immobiliare Bertini/

Alessandrucci Group ed alla Uno Holding/Uno Domus. La partita, molto bella ed equilibrata, si è conclusa sul punteggio di 3 pari. I tempi supplementari hanno avuto una deriva incompatibile con la giornata celebrativa conclusiva risolta con un abbraccio di amicizia e di concordia sul risultato tra Leonardo Bertini ed Emiliano

Nustriani, giovani dirigenti delle due formazioni che hanno saputo risolvere una contesa sportiva interminabile, con grande senso civico e di rispetto reciproco. La coppa per il secondo posto è stata consegnata alla SGM Legno e quindi, tra i fuochi d’artificio, la formazione della Gioielleria Formica/Black Magic Caffè di Nepi ha ricevuto il 1° premio ed il prestigioso Trofeo. DAL 1990 SEMPRE CON UN GRANDE ENTUSIASMO Alle ore 23.59 di sabato 10 luglio 2010 si è chiusa la 20^ edizione del Torneo Valerio Ginnasi iniziato un pomeriggio del 6 settembre 1991 da un gruppo di amici legati dalla comune riconoscenza nei confronti del loro Presidente scomparso sommessamente nel 1990, quasi in silenzio come era nel suo stile come un giocatore di calcio che appende le scarpette al chiodo, senza clamori in modo da essere libero di scorrazzare nei campi di gioco “per sentirsi giovani” così come amava rispondere Sor Valerio.

SMG Legno seconda classificata

ALTRO SERVIZIO E vi ricordiamo che come anticipato sin da domenica c’è tutto il servizio sulla finalissima anche sul sito www.nuovoviterbooggi.it

ALBO D’ORO 1991 - I Ragazzi del Presidente 1992 - I Ragazzi del Presidente 1993 - Zepponami 1994 a- CalcioAmatori Ronciglione 1995 - Frutteria Sergio e Lella 1996 - Hotel Umbria 1997 - Auto Carrozzeria Federici 1998 - Panificio Cristofori 1999 -La Bottega della Pasta 2000 - Artigianlegno 2001 - Assimoco 2002 - Allegrozzi Costruzioni 2003 - Mizzella 2004 - Immobiliare Bertini/Alessandrucci Group 2005 - Romano Roma Assicurazioni 2006 - Gioielleria Formica 2007 - Le Plaisir Cafè / Oasi della Frutta 2008 - Dalmacjio United 2009 - Immobiliare Bertini / Alessandrucci Group 2010 - Gioielleria Formica / Blach Magic Caffè Nepi


Nuovo Viterbo Oggi MartedĂŹ 13 Luglio 2010

SPORT

Foto album della finalissima del Ginnasi. In alto a sinistra i dirigenti delle due squadre giunte al terzo posto ex aequo: a destra Felice Casini consegna il trofeo a Pomi della Sgm Legno, squadra classificata al 2° posto. Qui a fianco asx il riconoscimento all’arbitro Fernando Cilli e a destra Simone Provinciale riceve il trofeo del capocannoniere del torneo. Nella terza fila da sinistra il capitano della Rappresentativa Juniores riceve il Premio Disciplina, al centro i giocatori che hanno partecipato al Memorial Andrea Mascarucci, a destra Alves Junior premiato come migliore giocatore del torneo. Nella fila in basso da sinistra il portiere Liscapade riceve il premio come miglior portiere del torneo, al centro una fase di gioco e a chiudere un riconoscimento ai Carabinieri.

15


16

Nuovo Viterbo Oggi

SPORT

Martedì 13 Luglio 2010

Presso la “Pinetina” di Petignano di scena il 2^ Memorial “Palombo”

CALCIO A 5

Prova di forza per Q.D.C e A-Team Sconfitta a sorpresa invece per l’Agenzia CasaTua che cede di misura contro I Sminchiati Si è giocato solo nella serata di sabato scorso al Memorial Palombo che domenica, come da calendario ha effettuato il proprio turno di riposo. Ancora una volta sono state tre le gare giocate tutte terminete con la vittoria di una delle due compagini.

CALENDARIO GARE data

Q.D.C. QUELLI D. BIRRA Match senza storia fin dalle prime battute con Fazioli e compagni troppo superiori agli avversari. Così la sfida si è chiusa 15-0 a favore dei rossoverdi che con questi tre punti vanno a bissare il successo ottenuto nella gara d’esordio. Per quanto riguarda Quelli della Birra, l’impegno onestamente è tanto ma la pochezza tecnica non permette di strappare agli avversari qualcosa di positivo. A spalancare le porte al successo dei Q.D.C sono stati Tretta, autore di un pokerissimo, e Attanasio autore di ben sei reti e nuovo capocannoniere del torneo. I SMINCHIATI AG. CASATUA Passo falso inaspettato per l’Agenzia Casatua che priva di vari elementi tra cui il proprio numro uno Andrea Di Marcantonio, si arrende ai giovani de I Sminchiati che conquistano così i primi tre punti della propria kermesse. 3-2 il punteggio finale di una gara combattutissima dove i vincitori sono stati bravi ed abili a sfruttare le defezioni degli avversari. A siglare le marcature per I Sminchiati sono stati Danzi, De Rosa e Tofone mentre per l’Agenzia CasaTua le reti sono

I SMINCHIATI state realizzate entrambe da Lucio Mazzoni. Con questo successo De Rosa e compagni raggiungono a quota tre punti proprio gli avversari sconfitti. A-TEAM C.O.I.S. SNC Altra sfida condizionata pesantemente dalle assenze con C.O.I.S. snc priva di due elementi cardine come Germano Comodini e Daniele Bacchiocchi. Due assenze

20 - 1

PIZZERIA TIN TIN - IL COCCETTO

8-2

CARTOLIBRERIA PIEFFE - COMPARI

9-1

I SMINCHIATI - Q.D.C.

2-7

IMMOBILIARE CASA TUA - C.O.I.S. snc

5-4

A-TEAM - QUELLI DELLA BIRRA

11 - 2

ARACHIDI RIFORNIMETS - COMPARI

0-6

CART. PIEFFE - PIZZ. TIN TIN

2-2

IL COCCETTO - A TESTA ALTA

2 - 11

Q.D.C. - QUELLI DELLA BIRRA

15 - 0

IMM. CASA TUA - I SMINCHIATI

2-3

A- TEAM - C.O.I.S.

8-2

GIRONE A

ieri sera

A TESTA ALTA - PIZZ. TIN TIN

ieri sera

IL COCCETTO - COMPARI

ieri sera

CART. PIEFFE - ARACHIDI RIF.

oggi

20,00

A-TEAM - Q.D.C.

oggi

21,00

I SMINCHIATI - C.O.I.S.

oggi

22,00

QUELLI DELLA BIRRA - IMM. CASA TUA

14/07

20,00

PIZZ. TIN TIN - ARACHIDI RIF.

14/07

21,00

CART. PIEFFE - IL COCCETTO

14/07

22,00

A TESTA ALTA - COMPARI

15/07

20,00

A-TEAM - AGRICOLA CIUCCI

15/07

21,00

IMMOBILIARE CASA TUA - Q.D.C.

15/07

22,00

QUELLI DELLA BIRRA - C.O.I.S.

16/07

20,00

IL COCCETTO - ARACHIDI RIF.

16/07

21,00

PIZZ. TIN TIN - COMPARI

16/07

22,00

A TESTA ALTA - CART. PIEFFE

17/07

20,00

QUELLI D. BIRRA - I SMINCHIATI

17/07

21,00

A-TEAM - IMM. CASA TUA

17/07

22,00

Q.D.C. - C.O.I.S.

QUARTI DI FINALE

molto pesanti vista anche la forza degli avversari. L’ATeam infatti è sicuramente una delle squadre più competitive ed esperte della manifestazione ed infatti ha saputo immediatamente cogliere l’occasione e conquistare la seconda vittoria su due gare. 8-2 il finale per l’A-Team con Marsala e Kamarà, che si sono messi particolarmente in luce realizzando anche una doppietta. Per COIS snc invece a siglare le due reti è stato frale Edoardo.

A-TEAM

partita e risultato

A TESTA ALTA - ARACHIDI RIFORNIMENTS

Q.D.C.

AGENZIA CASA TUA

squadra

ora

gare

gol f

gol s

punti

squadra

A TESTA ALTA

2

31

3

6

CARTOLIBRERIA PIEFFE

2

11

3

PIZZERIA TIN TIN

2

10

COMPARI

2

IL COCCETTO ARACHIDI RIFORNIMETS

PROGRAMMA Ieri sera il Memorial è tornato di scena con le gare tra: A Testa Alta- Pizz. Tin Tin; Il Coccetto- I Compari; Cartolib. Pieffe- Arachidi Rif. La serata odierna invece prevede qusti match: Ore 20 A-Team- Q.D.C. Ore 21: I SminchiatiC.O.I.S. snc Ore 22: Quelli della BirraAgenz. CasaTua

19/07

21,00

a) 1^ GIRONE A - 4^ GIRONE B

19/07

22,00

b) 2^ GIRONE A - 3^ GIRONE B

20/07

21,00

c) 3^ GIRONE A - 2^ GIRONE B

20/07

22,00

d) 4^ GIRONE A - 1^ GIRONE B

SEMIFINALI 22/07

21,00

VINCENTE GARA a - VINCENTE GARA c

22/07

22,00

VINCENTE GARA b - VINCENTE GARA d

FINALI 24/07

20,30

3/4 POSTO

24/07

21,30

1/2 POSTO

A SEGUIRE LA PREMIAZIONE

GIRONE B gare

gol f

gol s

punti

Q.D.C.

2

22

2

6

4

A-TEAM

2

19

4

6

4

4

IMMOBILIARE CASA TUA

2

7

7

3

7

9

3

C.O.I.S. SNC

2

6

13

0

2

4

19

0

I SMINCHIATI

2

5

9

3

2

1

26

0

QUELLI DELLA BIRRA

2

2

26

0 Daniele Bacchiocchi


17

SPORT

Nuovo Viterbo Oggi Martedì 13 Luglio 2010

L’atleta del Tc Viterbo ha conquistato il titolo a Budapest insieme alla svizzera Timea Bacsinszky

TENNIS

Il doppio esalta Tathiana Garbin Sconfitte in finale la romena Cirstea e la spagnola Medina Garrigues con un duplice 6-3 Grande Tathiana Garbin, capace di cogliere il nono titolo WTA in doppio della sua splendida carriera. L’atleta tesserata per il Tc Viterbo, anche quest’anno annunciata tra i punti di forza del club gialloblù che vuole agguantare il quinto scudetto femminile consecutivo, ha infatti portato a termine l’impresa a Budapest, dove era in programma un evento sulla terra battuta. Insieme alla svizzera Timea Bacsinszky, con cui ha trovato dall’inizio dell’anno un’intesa davvero super, la giocatrice azzurra ha sconfitto in finale la coppia numero uno del seeding, quella composta dalla rumena Sorana Cirstea e dalla spagnola

Anabel Medina Garrigues, coronando così una settimana eccellente. Netto il punteggio a favore del binomio italoelvetico che si è imposto in due set, con il risultato finale di 6-3 6-3, controllando la partita sin dall’inizio e chiudendola senza troppi patemi. Più che giustificata la soddisfazione delle due giocatrici, con la Garbin che, grazie all’affermazione in Ungheria, è tornata ad essere la numero 44 del mondo in doppio. Questa settimana cercherà di migliorare ulteriormente la sua posizione nel torneo WTA di Praga; dopo la capitale magiara, infatti, il circuito WTA si sposta in quella della Re-

PATTINAGGIO - Ai Campionati Italiani di Calenzano

Continua costante la crescita della Libertas Pilastro pubblica Ceca e la Garbin sarà nuovamente al via insieme a Timea Bacsinszky. Il sorteggio non è stato particolarmente fortunato visto che dovranno esordire contro le teste di serie numero uno del tabellone, le ceche Benesova e Zahlavova Strycova, ma ci sono comunque buone possibilità di fare strada anche in questo torneo. La Garbin sarà impegnata anche in singolare, dove un altro sorteggio maligno le proporrà come rivale la romena Alexandra Dulgheru, testa di serie numero due del seeding. A proposito di sorteggi sfortunati, ne sa qualcosa anche Anna Floris, compagna di squadra di Tathiana Garbin con i colori del Tc

Viterbo. In questi giorni si gioca per il circuito WTA anche a Palermo, dove sono impegnate molte specialiste della terra battuta e dove la numero uno del tabellone è niente meno che Flavia Pennetta. Anna Floris è entrata in tabellone ma ieri sera è scesa in campo per sfidare al primo turno Tsvetana Pironkova, giocatrice bulgara che poche settimane fa è arrivata addirittura in semifinale sull’erba di Wimbledon; diversa la superficie, diverse probabilmente le motivazioni ma si tratta comunque di un ostacolo durissimo da superare per la tennista cagliaritana, ancora a caccia del primo match vinto nel circuito maggiore. Gla.Ant.

TENNIS - Sta entrando nel vivo il programma del torneo Open Città di Viterbo

Giovani talenti in rampa di lancio Ottime prestazioni nei tabelloni di qualificazione per i ragazzi locali

Molte soddisfazioni per i colori di casa e qualche sorpresa hanno caratterizzato le prime gare dei tabelloni di quarta e terza categoria del torneo open città di Viterbo, valido per l’assegnazione del trofeo “F.lli Torrioni”. Sui campi rossi del circolo viterbese sono scese le promesse del tennis nazionale con la speranza di guadagnarsi l’accesso al tabellone principale di seconda categoria. In campo femminile si sono qualificate dal tabellone di quarta a quello di terza la viterbese Giulia Luci e la tarquiniese Nicol Fanali. Nel tabellone di quarta maschile invece belle prove di Stefano Silvestrini, Edward Aneris, Nicola Montali, Federico Murri ed Andrea Paolini che si sono qualificati per il tabellone di terza superando avversari di buon livello, così come il giovane Francesco Meli (Neo T.C. Lux) che non solo ha avuto accesso al tabellone superiore, ma al primo turno ha avuto

Francesco Meli la soddisfazione ed il merito di eliminare in tre set (1/6 7/6 6/1) il favorito Fausto Barili forse troppo sicuro delle sue possibilità. Al tabellone di seconda categoria, riservato ai classificati 2/7 e 2/8, hanno avuto accesso i romani Feola, Verducci, Giordano e Tanini. Ieri hanno preso il via le gare dei seconda categoria e, quindi, il

livello tecnico della manifestazione ha subito una evidente impennata: per i colori gialloblù subito in campo nel singolare maschile Alfonso Cardarelli, contro Verducci; Raffaele Censini contro Giordano e Luca Fondi contro Becuzzi. Gli appassionati del tennis viterbesi attendono con grandi speranza ed affetto le prestazioni dei gio-

vani portacolori gialloblù che potrebbero addirittura accedere al tabellone finale open, per l’aggiudicazione del trofeo “Torrioni”. In campo femminile nel tabellone riservato alle 2/7 e 2/8 le teste di serie n. 1 e 2 sono due giovani atlete tesserate con il T.C. Viterbo, Patricia Chirea e Martina Natali, che potrebbero, oltre che accedere al tabellone finale, ottenere grandi risultati tra le pari classifica. Particolare nota di merito per Martina Natali che si è aggiudicata in questi giorni il torneo di Foligno superando molte giocatrici di classifica superiore. La preparazione invernale con il M° Mazzi sta cominciando evidentemente a dare i suoi frutti. Il torneo entra quindi nel vivo, e complici le belle giornate estive, il pubblico affolla numeroso le tribune del più antico e prestigioso Circolo della nostra città: la speranza è che un atleta viterbese salga sul gradino più alto del podio e conquisti il trofeo “F.lli Torrioni” 2010.

Eleonora Aquilanti Ancora buoni risultati ai Campionati Italiani Federali di solo dance di pattinaggio artistico in svolgimento a Calenzano per le atlete della Libertas Pilastro, nella categoria allievi internazionale ottimo 12° posto di Eleonora Aquilanti, la dodicenne atleta ha fatto un grande balzo in avanti rispetto allo scorso anno e ugualmente ottimo il 13° di Ludovica Delfino nella categoria Cadetti internazionale, la quattordicenne, campionessa d’Italia 2009 nella

categoria nazionale, si è dimostrata all’altezza delle migliori anche nella categoria superiore. Molto soddisfatte le istruttrici Elisa Cascioli, Elena Tosini, Martina Tosini e i dirigenti per le prestazioni delle ragazze, i Campionati proseguono con le categorie Jeunesse, Junior e Senior da dove si attendono altri buoni risultati. Per foto, notizie e curiosità sul mondo del pattinaggio artistico a rotelle www.libertaspilastro.it.

Ludovica Delfino


18

Nuovo Viterbo Oggi

SPORT CICLISMO

Martedì 13 Luglio 2010

A Trevignano Romano si sono disputate le gare tricolori riservate alle categorie giovanili Esordienti e Allievi

Proclamati otto nuovi campioni italiani Grande spettacolo in tutte le prove con qualche sorpresa e molte conferme di lusso Ben 330 ragazze e ragazzi della categoria esordienti ed allievi in rappresentanza di 85 squadre provenienti da tutta Italia hanno preso parte ai Campionati Italiani Giovanili di Trevignano Romano-Trofeo Provincia di Roma: ben otto le maglie tricolori assegnate tra le categorie femminili e maschili. L’organizzazione è stata curata in maniera impeccabile dall’Asd Cicli Montanini Ceramica Alice Frw, con la collaborazione dell’ Associazione Tanto Riso Tanto Pianto con il patrocinio e il contributo della Provincia di Roma, della Regione Lazio e del Consorzio di Navigazione Lago di Bracciano. Ad aprire di primo mattino la rassegna tricolore giovanile sono state le categorie femminili. Nella categoria allieve si è laureata vincitrice Giulia Gaspardino (Dayco Asd) che ha fatto subito il vuoto su Alessandra Bianchetta (Silmax Cannondale) e Sara De Leo (Cicli Lucchini). Tra le matricole di primo anno si è rinnovato il duello tra Jenny Fontana (Melavì Tirano Bike) e Emilie Collombe (VC Courmayeur) rispettivamente al primo e secondo al tricolore esordienti 2009. L’esito è stato stavolta a parti invertite: campionessa d’Italia è diventata la Colombe sulla Fontana e il terzo gradino del podio è stato occupato da Serena Tasca (Alpin Bike Edilbi). Sempre in campo femminile, tra le esordienti Greta Weithaler (Otzi Bike Team) non ha avuto problemi ad anticipare Chiara Teocchi (Polisportiva Sorisolese) e Giorgia Dalla Zanna (Cicli Lucchini.com). Al primo anno Silvia De Piaz (Melavì Tirano Bike) ha preceduto agevolmente Chiara Doveri (Cicli Lucchini.com) e Magdalena Haas (Asc Kardaun Cardano). A metà mattinata spazio ai maschi: tra gli esordienti di primo anno Marco Liporace (Cicli Lucchini.com) e Giorgio Rossi (Active Bianchi) sono stati i più scatenati a fare la selezione costringendo all’inseguimento Federico Mandelli (Increa Brugherio), Davide Barbero (Cicloteca Camel), Micheal Arnold (Asc Olang), Alessandro Faldrini (Alpin Bike Edilbi), Gioele De Cosmo (Silmax Cannondale) e Federico Proietti (Asd Soriano Ciclismo) miglior laziale che ha tagliato il

traguardo in ottava posizione. La svolta c’è stata negli ultimi metri con Liporace che avuto la classica marcia in più per staccare definitivamente Rossi e Arnold, bravo a recuperare dalla quinta alla terza posizione finale. Più vivace la gara degli esordienti di secondo anno con Nehuen Truc (Cicli Lucchini.com), il tricolore uscente Alessandro Roux (Dayco Asd), Andrea Dori (Dynamic Bike Team), Moreno Pellizzon (Caprivesi) e Daniel Tassetti (Polisportiva Sorisolese) che hanno viaggiato compatti fino all’inizio dell’ultima tornata prima dell’assolo di Pellizzon che ha gestito i 13” di margine su Dori e 44” su Truc. Ma ecco l’inaspettato colpo di scena: ko Pellizzon per una caduta e la foratura della ruota posteriore, il titolo italiano è andato a Dori su Truc e Roux. Nelle matricole di primo anno della categoria allievi sono stati i corridori lombardi Gioele Bertolini (Alpin Bike), Simone Vecchia (Manuel Bike), Federico Barri e Cristian Boffelli (Active Bianchi) a dar fuoco alle polveri sin dalla partenza. Giro dopo giro la lotta si è ristretta a Vecchia e Barri, staccato di 14”. Una girandola di emozioni con Barri che all’ultimo giro è riuscito a colmare il gap su Vecchia sorpassandolo e anticipandolo di 44”. Un margine rassicurante che gli ha permesso di conquistare la maglia tricolore. Al secondo posto con un ritardo di 35” l’ex tricolore esordienti 2009 Bertolini e di 1’12” Vecchia. La gara degli allievi di secondo anno che ha chiuso nel primo pomeriggio la maratona tricolore è stata piuttosto controllata, poi a due giri dalla fine hanno scelto l’attimo per chiudere definitivamente i giochi il tricolore uscente (di primo anno) Alberto Rossi (UC Laigueglia) e Stefano Valdrighi (Sintesi Corse). Rossi

è riuscito nel finale a prendere il tempo a Valdrighi portandosi a casa il terzo tricolore consecutivo dopo quello di Gorizia nel 2008 e Montoggio nel 2009. In terza posizione si è classificato Jacopo Billi (Nolese Condor Team) autore di un prodigioso recupero dall’ottava posizione in cui viaggiava nelle prime due tornate. Presenti nel corso della gara e della cerimonia di premiazione per il settore fuoristrada FCI Paolo Garniga, Roberto Mazzoleni, Francesco Massari e Pierangelo Brinchi; per il comitato Lazio FCI il presidente Angelo Caliciotti, il presidente onorario Bruno Vallorani; per il comitato provinciale FCI Roma Mauro Pirone; per il comune di Trevignano Romano il Sindaco Massimo Luciani, l’Assessore ai Lavori Pubblici Elio Gazzella e il Presidente del Consorzio di Navigazione del Lago di Bracciano Rolando Luciani. ORDINE D’ARRIVO ESORDIENTI UOMINI PRIMO ANNO 1°Marco Liporace (Cicli Lucchini.com) 2°Giorgio Rossi (TX Active Bianchi) 3°Micheal Arnold (Asc Olang) 4°Federico Mandelli (Mtb Increa Brugherio) 5°Davide Barbero (Cicloteca Camel) 6°Alessandro Faldrini (Alpin Bike Edilbi Team) 7°Gioele De Cosmo (Silmax Cannondale Racing) 8°Federico Proietti (Asd Soriano Ciclismo) 9°Peter Lanz (Asc Olang) 10°Dominique Sitta (VC Courmayeur) ORDINE D’ARRIVO ESORDIENTI DONNE PRIMO ANNO 1°Silvia De Piaz (Melavì Tira-

no Bike) 2°Chiara Doveri (Cicli Lucchini.com) 3°Magdalena Haas (Asc Kardaun Cardano) 4°Rita Meda (Team Oliveto Asd) 5°Marta Sacchi (Mtb Increa Brugherio) 6°Noemi Pilat (Mtb Victoria Bike) 7°Alice Bracco (Dayco Asd) 8°Angela Campanari (Superbike Team Asd) 9°Giorgia Novero (Cicloteca Camel) 10°Viviana Di Vita (Rewel Texmarket Team) ORDINE D’ARRIVO ESORDIENTI UOMINI SECONDO ANNO 1°Andrea Dori (Dynamic Bike Team) 2°Nehuen Truc (Cicli Lucchini.com) 3°Alessandro Roux (Dayco Asd) 4°Daniel Tassetti (Polisportiva Sorisolese) 5°Moreno Pellizzon (Caprivesi) 6°Elia Marcuzzo (Conegliano Bike Team) 7°Arturo Colombo (Polisportiva Sorisolese) 8°Michele Cucchi (Alpin Bike Edilbi) 9°Robin Bianchetti (Livigno Bike) 10°Nicola Crescini (Team Manuel Bike) ORDINE D’ARRIVO ESORDIENTI DONNE SECONDO ANNO 1°Greta Weithaler (Otzi Bike Team) 2°Chiara Teocchi (Polisportiva Sorisolese) 3°Giorgia Dalla Zanna (Cicli Lucchini.com) 4°Vittoria Spada (Dayco Asd)

5°Isabel Riegler (Dynamic Bike Team) 6°Rebecca Gariboldi (Lissone Mtb Asd) 7°Erica Rosati (Cicli Agordina) 8°Emanuela Di Lorenzo (AS Roma Ciclismo) 9°Mariele Scianchi (UC Laigueglia) 10°Chiara Calleri (UC Laigueglia) ORDINE D’ARRIVO ALLIEVI UOMINI PRIMO ANNO 1°Federico Barri (TX Active Bianchi) 2°Gioele Bertolini (Alpin Bike Edilbi) 3°Simone Vecchia (Team Manuel Bike) 4°Nadir Colledani (Bike Team Buja) 5°Cristian Boffelli (TX Active Bianchi) 6°Massimo Rosa (Mtb Brondello) 7°Giuseppe Campagnolo (Mtb Club Vittoria) 8°Marco Ticco (Conegliano Bike Team) 9°Simone Velasco (Elba Bike) 10°Marco Sosio (Livigno Bike) ORDINE D’ARRIVO ALLIEVE DONNE PRIMO ANNO 1°Emilie Collomb (VC Courmayeur) 2°Jenny Fontana (Melavì Tirano Bike) 3°Serena Tasca (Alpin Bike Edilbi) 4°Denise Meraner (Dynamic Bike Team) 5°Franziska Tanner (Egna Neumarkt) 6°Emily Corazzin (Mtb Victoria Bike) 7°Gabi Plattner (Asc Tiroler Radler Bozen) 8°Hanna Santifaller (Asc Kar-

daun Cardano) 9°Beatrice Tura (Scuola Mtb Oasi Zegna) 10°Serena Corona (Scuola Mtb Oasi Zegna) ORDINE D’ARRIVO ALLIEVI UOMINI SECONDO ANNO 1°Alberto Rossi (UC Laigueglia) 2°Stefano VAldrighi (Sintesi Corse) 3°Jacopo Billi (Nolese Condor Team) 4°Federico Nocent (Caprivesi) 5°Beltain Schmid (Egna Neumarkt) 6°Alessandro Repetti (Hard Rock Frw) 7°Luca De Nicola (Pro Bike Riding Team) 8°Davide Nardei (Bike Club 2000 Show) 9°Matteo Stringher (Conegliano Bike Team) 10°Thierry Montrosset (Cicli Lucchini.com) ORDINE D’ARRIVO ALLIEVE DONNE SECONDO ANNO 1°Giulia Gaspardino (Dayco Asd) 2°Alessandra Bianchetta (Silmax Cannondale) 3°Sara De Leo (Cicli Lucchini.com) 4°Veronica Della Morte (Melavì Tirano Bike) 5°Paola Scrofani (Asd Team Bikes Ragusa) 6°Arianna Cusini (Melavì Tirano Bike) 7°Giulia Zambelli (Team Manuel Bike) 8°Debora Ascenzi (VC Courmayeur) 9°Ginevra Raimondo (UC Laigueglia) 10°Claudia Pelagatti (Hard Rock Frw)


19

SPORT

Nuovo Viterbo Oggi Martedì 13 Luglio 2010

CICLISMO

Il ‘cobra di Formigine’ ha vinto il Giro d’Austria con grinta e carattere

L’impresa di Riccò esalta la Flaminia Ha corso con una frattura al naso per oltre 120 chilometri, incurante del dolore e del fastidio provocato dai punti che gli erano stati applicati sul ginocchio. Riccardo Riccò non ha voluto mollare quella maglia gialla di leader della classifica al Giro d’Austria che aveva conquistato nella seconda tappa e che, con grinta e talento, aveva difeso fino alla crono di Podersdorf. La sfortuna aveva provato a strappargliela di dosso sotto forma di una moto ferma sul bordo della strada; un ostacolo imprevisto che Riccò, causa anche il forte vento, aveva colpito in pieno, riportando gravi ferite. Il ‘cobra’ della Ceramica Flaminia era ripartito, aveva portato a termine la cronometro conservando oltre 30” di vantaggio sullo spagnolo Pardilla e poi aveva proseguito la sua giornata di sabato all’ospedale, dove gli era stata riscontrata la frattura del setto nasale e una profonda ferita al ginocchio sinistro. Nonostante il dolore, Riccò ha dimostrato tutta la sua classe domenica, quando ha preso il via

regolarmente per raggiungere Vienna e poter salire su quel podio che aveva ampiamente meritato. Ci è riuscito e, per lui, gli applausi sono stati ancora più forti del solito; la classifica finale del Giro d’Austria ha rappresentato il suo sesto successo da quando è tornato alle corse, nel mese di marzo, avendo scontato la squalifica per doping. In molti lo attendevano sulle strade di un Giro d’Italia fatto apposta per esaltare gli scalatori, ma l’invito per la sua Ceramica Flaminia non è mai arrivato; anche per questo, il prossimo anno potrebbe lasciare il team civitonico e approdare in qualche squadra del Pro Tour, capace di spalancargli le porte delle corse più prestigiose. Con questa grinta, però, non è escluso che sappia regalare altre gioie alla formazione del g.m. Roberto Marrone e che i suoi successi permettano alla squadra di scalare posizioni nel rankig internazionale, garantendosi un 2011 finalmente di primissimo piano. Magari ancora con Riccò.

A Pescara si sono disputati i Campionati estivi categoria di nuoto per salvamento

AUTOMOBILISMO - Nel Gt Open

Bizzotto super, Alexander sfiora il podio mentre Christian migliora il personale

centra la piazza d’onore

Ottime prove per la SSD Nuoto Viterbo Raffaele Giammaria A Pescara nella piscina Olimpionica Le Naiadi si sono disputati i campionati estivi di categoria di nuoto per salvamento. In 5 giornate hanno gareggiato atleti di tutte le categorie: 650 atleti di 80 società. L’atleta della SSD Nuoto club Viterbo Alexander Bizzotto per pochi decimi non conquista il podio nella gara di trasporto manichino 50 metri: alla fine risulterà sesto con un tempo molto vicino a quello del terzo classificato Matteo Tocci della Salaria Nuoto. Al diciassettenne viterbese va un plauso per le ottime performance di questa stagione agonistica 2009/2010. Il bilancio è notevole: 2 ori al trofeo nazionale di Piedimonte Matese; 2 ori e un bronzo al trofeo nazionale di Grosseto: campione regionale estivo di categoria 100 metri trasporto manichino con pinne, vicecampione regionale trasporto manichino 50 metri, bronzo nei 200 metri ostacoli; vicecampione regionale e campione provinciale G.S. Studenteschi 50 metri stile libero. In terra abruzzese

CIVITAVECCHIA - Ancora un sabato da incorniciare per Raffaele Giammaria. Il pilota locale ha conquistato l’ennesimo podio stagionale chiudendo alla piazza d’onore la prima gara della tappa di Magny Cours del campionato europeo GT Open. Sul tracciato francese il duo Giammaria-Toccacelo ha confermato di attraversare un grande momento di forma ed ha dato vita ad un’altra prova di grande spessore. La gara 1 ha visto alla partenza Raffaele Giammaria (in seconda fila con il terzo tempo) che ha però guadagnato subito una posizione. Il secondo posto è stato mantenuto dal driver locale fino al cambio pilota, ed è stato poi il compagno di squadra Enrico Toccacelo con una condotta di gara costante a portare la Ferrari 430 alla piazza

Alexander si è confermato ai vertici di alta classifica nazionale anche nelle altre gare in cui era impegnato: 12° nei 200 ostacoli; 19° nei 100 metri manichino pinne e torpedo (record personale); 17° nei 100 manichino pinne. Per la SSD Nuoto Club Viterbo in gara è sceso anche Christian Bizzotto che in qualche

performance è riuscito a migliorare il record personale. Miglior piazzamento il 9° posto nei 100 metri stile libero con ostacoli (record personale). Altri risultati di Christian: 13° percorso misto (record personale); 12° trasporto manichino 50 metri (record personale). A fare il tifo per i fratelli anche l’undicenne

Sofia Bizzotto promettente atleta del 1999 sulla quale i tecnici della Società Gianni Baleani e Giada Crocetti punteranno per la prossima stagione agonistica. Per quest’anno nonostante abbia ottenuto risultati di vertice agli estivi regionali ed avesse i tempi in regola per gli Italiani è stata esclusa perché troppo piccola.

d’onore alla bandiera a scacchi dietro soltanto alla Porsche dei francesi Patrick Pilet e Raymond Narac. Al terzo posto hanno chiuso invece gli attuali leader del campionato Barba e Kaffer. In seguito a questi risultati la coppia di piloti del Racing Team Edil Cris si avvicina ulteriormente alla testa della classifica generale del campionato. Se il sabato si è confermata giornata di podi e di successi resta da sfatare il tabù delle gare domenicali che non hanno portato fino a questo momento dei risultati particolarmente positivi. Giammaria e Toccacelo sono intenzionati a invertire questo trend a partire da domani alle 13 nella gara 2 che vedrà la Ferrari 430 della Edil Cris al via dalla terza posizione dello schieramento di partenza


Nuovo Viterbo Oggi - 13 Luglio 2010