Issuu on Google+

www.nuove-proposte.com

Anno XXV - gennaio 2017 - n. 317 - Distribuzione gratuita

Mensile di Informazione Nazionale con inserto Speciale Internazionale

Culture e Tradizioni Religiose per l'UmanitĂ  INSERTO SPECIALE Le Culture Religiose nel futuro

ROMA & Co. ALL'INTERNO Premio "Le Ragioni della Nuova Politica"

Libri, tv, arte, viaggi, sport, concerti e... altro ancora


NUOVE PROPOSTE Eventi |

Gennaio 2017

Editoriale e periscopio 4 ● Le Culture Religiose verso il futuro 5 ● TAV, ratificato il trattato It-Fr Attualità 6 ● Qualità della vita a Roma 8 ● Rinasce il Parco Nemorense 9 ● Polizia Locale: discriminata! 10 ● Stop agli Euro 2 benzina 11 ● I nuovi progetti della Regione Lazio 12 ● Il rapporto di FareAmbiente 13 ● Pena di morte: calano le esecuzioni Società 14 ● Il premio Le Ragioni della Nuova Politica 16 ● L’economia dell’istruzione 17 ● Università, in Toscana i tre Atenei al top 18 ● Prestazione sanitarie in calo 19 ● La mastoplastica riduttiva 20 ● Nel pancione con il 3D 21 ● La tecnologia nello sport 22 ● Champions ed Europa League

09

Inserto Speciale “Multiculturalità” 23 ● Le Culture Religiose verso il futuro 24 ● Orizzonte 2030: energia abbondante 26 ● Fondazione RAS 27 ● Accademia AIMART 28 ● Sviluppo Sostenibile 31 ● Premio delle Pontificie Accademie Arti & culture 32 ● Al via gli Australian Open 33 ● La “Vedova Allegra” 34 ● A tu per tu con Andrea De Rosa 35 ● Il Museo universale 36 ● “L’immortale” di E. Kovalivker 37 ● Affabili stelle 38 ● A tu per tu con Franchina Casella 39 ● La nuova officina Pasolini 40 ● “Arte & Musica” 41 ● Premio “Penisola Sorrentina” 42 ● Musica all’Argentina 43 ● Nuove Proposte... al cinema Pubblicità in proprio

11

Modi & Mode 44 ● Pelle Hi-Tech

Edit Italia S.R.L.S. Tel. 06 43598964 - Cell. 335 6611311 editroma@nuove-proposte.com

Assaggi & paesaggi 45 ● Sciare nel Lazio 46 ● La ferrovia per St. Moritz 47 ● Torta al vino rosso

Abbonamento (spedizione postale)

I nostri amici animali 49 ● Caro farmaci veterinari

annuo ordinario euro 80,00 annuo sostenitore euro 120,00 per abbonamenti: Codice IBAN: IT64C0503503201118570766544 VENETO BANCA Fil. Roma Tiburtina IT66H0530839451000000006049 BANCA POPOLARE DI ANCONA Fil. Tivoli - Villa Adriana

Post it 50 ● Auguri

Si ringraziano gli inserzionisti per il loro contributo che consente la pubblicazione del periodico

Liberamente 48 ● Poesia - Eventi & Co.

NUOVE PROPOSTE

3

direzione editoriale: Edit Italia S.R.L.S. editroma@nuove-proposte.com direttore responsabile: Luigino Borgia lborgia@nuove-proposte.com direttore editoriale: Andrea Vitale avitale@nuove-proposte.com vicedirettore: Paolo Sabatini psabatini@nuove-proposte.com grafic director: Henry Hoffman (responsabile grafico) grafica@nuove-proposte.com segreteria di direzione: Daniele Martiradonna dmartiradonna@nuove-proposte.com (per comunicazioni, eventi e compleanni) comitato di redazione: Caporedattore Giulio Bussinello responsabili di Redazione: Riccardo Borgia, Cristina Monaco, Francesca Coculo, Sara Candiano, Alessandra Tucciarone hanno collaborato a questo numero: Angela Abozzi, Fabio Bogi, Alessandra Broglia, Camelia Cazacu, Diodora Costantini, Lorenzo D’Ilario, Mario De Fusco, Massimo Di Giuli, Carlo Franciosa, Iwona Grzesiukiewicz, Nadia Ludovici, Michele Marocco, Diletta Murgia, Claudia Pennacchio, Antonella Riccardi, Edda Silvestri, Lina Sorrentino, Daniele Vignali, Alfredo Viskovic. direttore inserto speciale internazionale: Demetrio Marco De Luca Referenti: Dialogo Interreligioso: Demetrio Marco De Luca Beni Culturali delle tradizioni Religiose e Civili: Giuliano Urbani Etica Economica: Stefano Zamagni Etica del Diritto e della Giustizia: Giovanni Mascioli (presidente UGCI sez. Tivoli), Sergio Meucci (segretario UGCI sez. Tivoli), Gian Andrea Benvenuto (responsabile rapporti con istituzioni ecclesiastiche e organi di stampa UGCI sez. Tivoli) Scienza e Fede: Francesco Beltrame Riflessioni e Analisi: Fabio Pistella Centri di eccellenza: Luigi Rossi Bernardi direzione e amministrazione Via Pio Molajoni, 37 - 00159 Roma Tel./Fax 06 43598964 www.nuove-proposte.com ufficio stampa lettori@nuove-proposte.com La riproduzione di testi e immagini deve essere autorizzata per iscritto dall’editore. La responsabilità dei contenuti dei testi è esclusivamente degli autori. Salvo accordi scritti o contratti di cessione copyright, la collaborazione è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono.

Nuove Proposte - iscrizione nel registro stampa del tribunale di Roma n. 660/92 del 19/12/1992 stampa | Grafica Ripoli Srl Finito di stampare: gennaio 2017

Gennaio 2017 Nuove Proposte


editoriale

LE CULTURE RELIGIOSE VERSO IL FUTURO

Direttore Responsabile Luigino Borgia

Direttore Editoriale Andrea Vitale

Direttore Inserto Speciale Demetrio Marco De Luca

L

a rivista “Nuove Proposte” entra nel suo venticinquesimo anno di vita: dal numero di maggio 2016 ha avuto inizio una attività di alto profilo internazionale sulle tematiche più rilevanti della vita odierna. Tale impegno è stato realizzato con la nascita di un inserto speciale di 8 – 12 pagine all’interno del Mensile di informazione regionale, così come viene descritto nell’editoriale del numero di luglio/agosto 2016: “Queste Rubriche intendono costituire un inserto speciale (8-12 pagine centrali), che analizzino

Nuove Proposte Gennaio 2017

e sottolineino volontà e avvenimenti di rilevanza mondiale in campi particolari: il dialogo tra le Culture delle diverse Tradizioni Religiose, i Beni Culturali delle tradizioni Religiose e Civili dell’Umanità, l’Etica Economica, l’Etica del Diritto e della Giustizia, l’Etica Politica, l’Etica Scientifica. Questo particolare “Inserto” che vive nel mensile d’informazione territoriale, senza assolutamente abolire la sua impostazione originaria, anzi rendendola più pregnante, assume un compito nuovo, oltre ad affrontare le tematiche strategiche sopra descritte. L’Inserto lo si vuole indirizzare periodicamente alle Istituzioni e Organismi, che ne sono i giusti interlocutori: le Grandi Religioni Storiche, l’ONU, la Comunità Europea, il Mercosur, i Parlamenti Nazionali, le Accademie, gli Enti di Ricerca, le Università, e le Strutture che in qualche modo costituiscono riferimento alle tematiche oggi necessarie, per aprire il futuro ai Valori”. La rivista si fa portatrice di un Messaggio alto e profondo, che aleggia oggi nelle riflessioni e aspettative più significative ed edificanti per il futuro dell’Umanità. La profonda crisi di valori che attanaglia l’esistenza degli uomini e dei popoli, la visione della storia, lo sviluppo sociale, politico ed economico ha suscitato negli esseri più attenti e sensibili l’esigenza di riscoprire il bene profondo della Comunità e la dignità delle sue relazioni, con la consapevolezza che bisogna ritornare a riferimenti autentici, che costituiscano una Società ricca di fermenti e di sensibilità verso l’uomo, verso la “Persona Umana” come lo straordinario patrimonio culturale ereditato da secoli di esempi e Modelli altissimi ci ha insegnato. Aspirare ad un nuovo “Umanesimo” che si alimenti di un processo unico in cui ogni essere vivente trovi il giusto posto per agire, collaborare, essere accolto e contribuire alla costruzione di una Casa Comune del Bene, della dignità, del rispetto e della giustizia… con un percorso conseguente verso la Pace!

4

I pensieri più alti di Personaggi eccezionali hanno offerto all’umanità intera prospettive bellissime e nobili di vita pregevole ed autenticamente umana. I grandi Modelli ci insegnano e confortano a perseguire un Umanesimo espresso fondamentalmente nella Multiculturalità, affrontando con coraggio e rispetto incontri-confronti tra orientamenti diversi, per instaurare nell’umanità un futuro di dialogo, comprensione e rispetto all’altro. Dobbiamo essere consapevoli che nella multiculturalità permangono comunque le specifiche Origini di ognuno e da queste nasce una ricchezza fondamentale, che si esprime nella molteplicità dei valori insiti in ogni percorso, in ogni evoluzione, in ogni società… : dunque non è lo

sbocco nel relativismo che si propugna, ma l’incontro degli esseri umani e della loro Storia, che si completa e si eleva in una visione in continuo divenire in cui gli uomini sono protagonisti insieme e fraternamente della vita e della Storia. “L’inserto speciale” ha sottolineato l’impegno nuovo e sempre più aperto tra le Culture e le Tradizioni religiose del mondo, che pescano nel proprio patrimonio culturale e valoriale per restituire ad ogni essere vivente le gioie della sua appartenenza e della sua eredità. Ha inoltre aperto un dialogo responsabile con le Istituzioni politiche, con i Centri di Pensiero e Ricerca, con gli organismi preposti al diritto, all’economia, alla scienza, alla tecnologia… per giungere ad una riflessione etica solida, che crei le premesse di una vita piena autentica e di grande apertura e collaborazione tra gli esseri di questo Mondo, unica casa di una fantastica avventura nel bene e nella gioia, come proclamano i sentimenti più profondi delle grandi Religioni Storiche. Per attuare ciò che è stato espresso, quest’anno il Mensile si imposta in un contesto nazionale, mantenendo l’Inserto Speciale che dialoga e provoca il mondo intero per l’Uomo del futuro.


periscopio

TAV, RATIFICATO IL TRATTATO IT-FR

Direttore Editoriale Andrea Vitale

L’

Alta velocità fra Torino e Lione si farà. La Camera ha dato il via libera definitivo al ddl, già approvato al Senato, che ratifica il trattato tra Italia e Francia sulla Tav. Il testo è passato con 285 voti a favore, 103 contrari e tre astenuti. A votare contro il Movimento 5 Stelle, Sinistra italiana-Sel e Alternativa libera. Ma mentre i portavoce del M5S parlano di “costi imprecisati” e “stupro del territorio” per il senatore dem Stefano Esposito “si scrive una pagina importante della storia infrastrutturale del nostro Paese”. Soddisfazione anche

per il governatore del Piemonte Sergio Chiamparino: “Ascoltare è servito”. L’esecuzione dell’accordo fissa il definitivo inizio dei lavori sulla linea ferroviaria Torino-Lione, a 25 anni di distanza dall’avvio dell’iter. In particolare, si quantificano i costi in una cifra pari a 8,3 miliardi di euro, definendo la ripartizione fra Italia e Francia, soggetta a “verifica annuale fino al completamento dei lavori”. Il progetto definitivo - si legge nella relazione tecnica che accompagna il ddl di Ratifica - prevede, nel tratto italia-

5

no, 12 km di galleria profonda e poco più di 3 km di sistemazioni in superficie nella piana di Susa. In particolare, si prevede la realizzazione di un tunnel di base di 57 km e di una sezione transfrontaliera che sul lato italiano si estende per 18,1 km, di cui 12,5 nel tunnel di base. Inoltre, l’opera consiste in una parte in superficie nella Piana di Susa per 2,6 km e la connessione alla linea storica a Bussoleno per 3 km, di cui 2,1 km in galleria; galleria geognostica e di servizio della Maddalena di Chiomonte di 7,5 km.

Gennaio 2017 Nuove Proposte


attualità | Roma & Co.

QUALITÀ DELLA VITA A ROMA: CARENTE IGIENE, ILLUMINAZIONE E TRASPORTO di Paolo Sabatini

Presentata la Relazione sullo stato dei servizi offerti dal Comune capitolino

I

l Comune di Roma tira le somme sulla qualità dei servizi offerti ai cittadini nell’anno appena concluso. Il Presidente Vicario dell’Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali di Roma Capitale, Marco Penna, ha infatti presentato in Campidoglio la Relazione sullo stato dei servizi pubblici locali e sull’attività svolta nel 2016 dall’amministrazione capitolina. Il documento offre una visione complessiva su macrotemi di interesse collettivo, ritenuti particolarmente rilevanti per il benessere della società. Ebbene, dall’analisi, emergono dati poco confortanti relativamente all’igiene urbana e, in particolare. Alla gestione dei rifiuti. Se da una parte aumenta la percentuale di raccolta differenziata (pari al 42% dei rifiuti) e si riduce il totale degli scarti organici prodotti, dall’altra sono aumentati i costi unitari per il trattamento della raccolta, poiché la città di Roma deve smaltire tali residui in discariche esterne alla Regione, non avendone una propria, incrementando le spese per i suoi abitanti, che in alcuni casi ricorrono all’evasione. Insufficiente è anche la qualità del trasporto pubblico locale. Se infatti la linea metropolitana ha visto il prolungamento delle tratte sotterranee, con la creazione della linea B1 e parzialmente della C, non sono aumentate parallelamente le offerte per i mezzi di superficie, con le corse delle ferro-

Nuove Proposte Gennaio 2017

vie regionali diminuite del 14% e con mezzi di trasporto datati, che in un caso su tre fanno registrare guasti tecnici durante l’anno. Epilogo conseguente di tale condizione, la rinuncia del cittadino ai mezzi offerti dal Comune e il ricorso alla vettura privata, con l’aumento del traffico locale. Male, tra le altre, la cura dell’area verde cittadina. Il numero di giardinieri di Roma Capitale ha infatti subito una diminuzione vertiginosa del 75% e i lavori sono in gran parte esternalizzati a ditte private per contenere i costi. Migliorabile pure la qualità dell’illuminazione pubblica, anche se a riguardo sono in programma degli investimenti che, ricorrendo all’impiego di lampade Led, permetteranno di avere nei prossimi anni un risparmio energetico stimato pari al 50% del flusso luminoso attualmente prodotto con le lampadine tradizionali e un parallelo risparmio sulle spese pubbliche nel settore. Fonti di soddisfazione sono invece i nidi. In tale area, il Comune offre servizio di buona qualità a costi inferiori rispetto alla media nazionale, con una gestione delle liste di attesa più rapida che in passato, per effetto di appositi servizi telematici creati ad hoc. Bene infine anche il settore culturale. Roma è stata nell’ultimo anno la città capace di chiamare a sé più turisti e, motore trainante di tale successo, sono stati i Musei Capitolini e le Scuderie del Quirinale. I ricavi ottenuti dai musei fanno sì che si abbassino i costi di gestione e di manutenzione per tali enti, con un risparmio per le tasche dei cittadini.

6

I SERVIZI VALUTATI:


Roma & Co. | attualitĂ 

7

Gennaio 2017 Nuove Proposte


attualità | Roma & Co.

Il Parco Nemorense: il gioiello del quartiere Trieste di Francesca Coculo

Dopo bandi e lungaggini burocratiche, il Parco torna a vivere

versava, da qualche anno, nel degrado più volte denunciato dagli abitanti del quartiere. In questo quadro si inserisce il progetto del II°Municipio, fra i primi

el quartiere Trieste in via Nemorense si trova l’omonimo parco, ribattezzato anche con il nome di Parco Virgiliano, in onore del bimillenario della nascita del Poeta Virgilio. Il parco venne progettato nel 1930 dal famoso architetto Raffaele De Vico con il desiderio di coniugare le esigenze di fruibilità degli abitanti del quartiere, con il gusto e i canoni paesaggistici dell’epoca. Nasce così uno dei giardini più belli di Roma: circondato da larghi viali, con aree dedicate al passeggio, al ristoro e ad eventi culturali, il tutto immerso nel verde che si specchia nei giochi d’acqua dei suoi laghetti e ponti. Negli anni ‘80 il parco viene ristrutturato e riportato allo splendore pensato da chi lo aveva progettato, ma di nuovo abbandonato a se stesso l’area

nella Capitale ad avviare l’iter per la gestione condivisa dei beni comuni. Tra i progetti, quello di affidare il chiosco ad alcune associazioni, che non solo si occuperanno della manutenzione dello

N

Nuove Proposte Gennaio 2017

8

stesso, ma anche del verde circostante. Il progetto ha incontrato numerose difficoltà e lungaggini burocratiche, sopratutto riguardanti la questione “canone concessorio”, che solo un mese fa, dopo quasi un anno, sembra essersi risolto. Così, la gestione e manutenzione dell’area ristoro sarà affidato a tre diverse realtà: la cooperativa Barikamà - che produce yogurt e ortaggi biologici ed equosolidali - , l’azienda agricola Eredi Ferrazza di Martignano e la Grandma bistrot. Non solo ridare dignità ad un luogo, ma unire ad esso anche progetti socialmente utili. Ufficialmente, l’apertura del chiosco è attesa per questo mese e intanto già si prevedono lunghe passeggiate primaverili e buona cucina.


Roma & Co. | attualità

Polizia Locale: discriminata!!! di Michele Marocco

L’orgoglio della categoria in piazza a Roma per un #ContrattoinSicurezza

I

l recente sit-in di protesta degli Ufficiali e Agenti della Polizia Locale, in rappresentanza dei 60 mila operatori presenti in tutti i comuni del nostro Paese, organizzato da CGIL, CISL e Uil delle Federazioni del Pubblico Impiego a Roma, si è tenuto nei pressi del Senato, per chiedere a gran voce un profondo cambiamento, attraverso lo slogan #ContrattoinSicurezza. In questi ultimi anni le attività della Polizia Locale sono divenute sempre più simili a quelle delle Forze di Polizia statali, basti pensare ai servizi svolti per i controlli per la sicurezza del territorio, l’immigrazione clandestina, i servizi allo stadio ed alle manifestazioni, l’antiprostituzione, la contraffazione nel commercio ambulante, ecc. Il problema centrale è che nonostante lo svolgimento di tali attività la Polizia Locale non gode, come le altre Forze di Polizia sta-

tale: della possibilità di ricorrere in caso di infortunio alla causa di servizio e all’equo indennizzo, continua ad avere trattenute dallo stipendio in caso di malattia, non è considerata categoria usurante e soprattutto ha un diverso trattamento previdenziale ed assistenziale. Una palese discriminazione accentuata proprio in occasione della recente tornata referendaria, nella quale militari e Forze di Polizia statali, impiegati nelle operazioni di soccorso nelle zone terremotate, hanno potuto esercitare in quei territori il loro diritto di voto, mentre la Polizia Locale impiegata nelle stesse zone e per le stesse motivazioni non ha potuto esercitare un proprio diritto sancito dalla carta costituzionale, in quanto esclusa da una circolare del Ministero dell’Interno. Inoltre, durante la manifestazione è stata richiesta una nuova legge quadro, ferma oramai al 1986, una valorizzazione del ruolo e della professione, il rinnovo del contratto di lavo-

9

ro, fermo come per tutti gli altri dipendenti pubblici al 2009 e lo sblocco del turnover, in quanto gli attuali organici in tutta Italia risultano sensibilmente al di sotto della dotazione organica di diritto e con una media anagrafica al di sopra dei 50 anni. La Polizia Locale quindi rivendica dignità e riconoscimento per chi è in prima linea sul territorio, al fine di garantire sicurezza, tutela e integrazione dei cittadini. Ma senza un’attenzione particolare del Governo e del Parlamento alla categoria, si rischia di avere sempre meno servizi da offrire ai cittadini e sempre meno legalità nelle nostre città.

Gennaio 2017 Nuove Proposte


attualità | Roma & Co.

stop a Roma agli Euro 2 benzina nell’anello ferroviario di Michele Marocco

Le nuove misure della Giunta capitolina per limitare il traffico nella città

A

ttivati 21 varchi muniti di telecamere per impedire l’accesso nella zona a traffico limitato Anello Ferroviario ai pullman turistici senza permesso e per gli autocarri con lunghezza superiore a 7,50 metri che non hanno comunicato all’Agenzia per la Mobilità la loro necessità di circolare in tale zona. Ma l’altra notizia, passata in sordina, è che Roma Capitale con Deliberazione di Giunta Capitolina n. 76 del 28 ottobre 2016, ha attuato i nuovi provvedimenti di limitazione della circolazione veicolare per la prevenzione e il contenimento dell’inquinamento atmosferico. La novità più importante è il divieto dal 21 novembre 2016 al 31 marzo 2017 di accesso e di circolazione dal lunedì al venerdì (24h/24H) nella zona a traffico limitato Anello Ferroviario, con esclusione del sabato, della domenica e dei giorni festivi infrasettimanali per gli autoveicoli alimentati a benzina Euro 2 (ovvero non conformi alla Direttiva 98/69/CEE e successive, oppure alla Direttiva 1999/96/CEE – Riga A e successive). Tale divieto diverrà permanente a partire da novembre 2017 e nel caso di superamento dei limiti di inquinamento il divieto alla circolazione sarà esteso anche alla Fascia Verde. Dal divieto sono esentati principalmente i residenti nell’anello ferroviario, i veicoli muniti del contrassegno per persone invalide, nonché le solite categorie esentate in occasione delle limitazioni al traffico veicolare per l’anti inquinamento. Resta comunque l’interdizione ovviamente anche agli autoveicoli alimentati a benzina PreEuro 1 ed Euro 1, alimentati a gasolio Pre Euro 1, Euro 1 ed Euro 2, nonché ciclomotori e motoveicoli Pre Euro 1 ed Euro 1 a due, tre e quattro ruote, dotati di motore a 2 e 4 tempi. Con la stessa Deliberazione è stato approvato anche il Piano di Intervento Operativo da adottarsi di volta in volta nella Fascia Verde in base alle situazioni di criticità da inquinamento che si dovessero verificare nei vari periodi dell’anno. La

Nuove Proposte Gennaio 2017

novità più importante è quella che nel caso di terzo giorno consecutivo di superamento accertato dei limiti almeno in una stazione di rilevamento, il divieto di circolazione si applicherà anche ai veicoli diesel Euro 3 (ovvero non conformi a secondo delle categorie di veicolo alla Direttiva 98/69/CE – Fase B e successive oppure non conformi

10

alla direttiva 1999/96/CE – Riga B1 e successive) nella Fascia Verde dalle ore 7,30 alle ore 10 e dalle ore 16,30 alle ore 20,30. Nel quinto giorno consecutivo la limitazione sarà estesa a tutti gli autoveicoli diesel appartenenti alle classi ambientali Euro 4 e successive, sempre nella Fascia Verde, negli stessi orari sopra indicati.


I nuovi progetti della Regione Lazio

Roma & Co. | attualità

di Cristina Monaco

Valorizzazione del patrimonio culturale e sostegno alla creatività

ristrutturazione di teatri pubblici grazie a un nuovo bando di 2,7 mln. Con il Fondo Creatività, invece, la Regione

L’

inizio del nuovo anno si presenta, per la Regione Lazio, con uno straordinario impegno nel settore della cultura e creatività. Nasce la rete delle dimore storiche, un progetto che sostiene il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale del Lazio, assieme al coinvolgimento di giovani con attività di formazione e la nascita di nuove startup nei settori del turismo culturale. In particolare, la Regione Lazio si impegna a: finanziare 1 milione di euro per i siti Unesco, con interventi attualmente in corso a Cerveteri, Tivoli, Tarquinia e Montalto di Castro; 10 mln di euro per la valorizzazione di città di fondazione, dei parchi archeologici nazionali di via Appia e di Ostia-Fiumicino, e dei cammini, Francigena e di San Benedetto; la

torio regionale. “Quest’anno 40 nuove realtà creative potranno realizzare le loro idee e dar corpo ai propri progetti grazie alla seconda edizione del Fondo. È molto importante che tanti giovani abbiano avuto fiducia in una istituzione come la Regione Lazio”, ha commentato Lidia Ravera, Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili.

si impegna a investire 100 mln di fondi europei e regionali per le startup innovative e creative, in aggiunta ad altri 20 mln destinati a manifattura digitale e all’e-commerce. Dal design alla moda, dal cinema al teatro, dalle nuove tecnologie all’arte, la creatività è al centro del programma strategico, con l’obiettivo di rilanciare un settore molto importante dell’economia del terri-

11

Gennaio 2017 Nuove Proposte


attualità | ambiente

Rapporto di FareAmbiente sulle illegalità NELLe festIVITÀ di Michele Marocco

Consegnate le benemerenze per l’aiuto dato nelle zone colpite dai sismi

L

o scorso dicembre nella Sala del Primaticcio a Roma presso Palazzo Firenze si è svolto l’annuale rapporto di FareAmbiente - Movimento Ecologista Europeo, sui fuochi illegali, giocattoli fuori norma, moda e food. Durante l’incontro sono stati sapientemente sciorinati dati impressionanti. Nel corso del 2015 sono stati sequestrati, dalle forze dell’ordine, 19 mln di pezzi ritenuti fuochi d’artificio illegali, 11230 Kg di altro materiale esplodente con 178 persone denunciate a piede libero e 6 arrestate. Il mercato dei fuochi d’artificio legali si aggira intorno ai 110 mln di euro, mentre quello illegale a quasi il doppio. Le città più interessate dal fenomeno illegale sono Napoli, Bari e Palermo. Il mercato dell’illegalità aumenta durante le feste natalizie del

Nuove Proposte Gennaio 2017

60% rispetto agli altri periodi dell’anno. Per quanto riguarda la contraffazione dei giocattoli, il mercato illegale fa perdere il 15,6% delle vendite del settore per un valore di 201 mln di euro. Negli ultimi anni la Guardia di Finanza ha sequestrato ben 240 mln di giocattoli fuori norma che presentavano verniciature con sostanze chimiche altamente cancerogene o contenenti metalli pesanti, assemblati con pezzi facilmente staccabili a rischio di ingestione o soffocamento, o con punte aguzze. Ai giocattoli si sommano le contraffazioni dell’abbigliamento, calzature, profumi, cosmetici e apparecchiature elettriche. Ma abbiamo poi le truffe più pericolose per la nostra salute, quelle relative al cibo. Solo nel 2015 il Corpo Forestale ha posto sotto sequestro olio extra vergine di oliva contraffatto, tartufi contraffatti e ritirati dalla vendita, pasta realizzata con grano duro extracomunitario, falsamente indicato come “grano duro della Puglia”. I lavori dell’inte-

12

ressante riunione sono stati aperti dal Presidente di FareAmbiente Prof. Vincenzo Pepe ed è intervenuto l’On. Paolo Russo, membro della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati. Alla fine dell’incontro sono stati consegnati gli attestati di benemerenza di FareAmbiente ai soci che si sono prodigati nell’aiuto delle popolazioni colpite dai recenti sismi, collaborazione che si è incentrata soprattutto ai generi di prima necessità in aiuto degli allevatori e degli animali in difficoltà nelle zone terremotate.


diritti umani | attualità

PENA DI MORTE: CALANO LE ESECUZIONI NEGLI USA di Andrea Vitale

Il rapporto Death Penalty Information Center rileva un calo di sostegno popolare

S

arà molto difficile che i politici decidano di abolirla, ma negli Usa le statistiche dimostrano che la pena di morte viene applicata sempre di meno, e fra l’altro cala il sostegno popolare alla misura. Secondo un rapporto del “Death Penalty Information Center”, organizzazione nonprofit di Washington, c’è stato un calo record dell’uso punitivo della morte. “L’America è nel pieno di cambiamento climatico sulla pena di morte” ha detto Robert Dunham, direttore esecutivo del Dpic e autore del rapporto. “Tra le preoccupazioni per l’innocenza, i costi, la discriminazione, l’alternativa dell’ergastolo, e il

modo discutibile in cui gli stati tentano di eseguire le sentenze, l’opinione pubblica ogni anno è sempre meno a suo agio con la pena di morte”. Due terzi degli stati dell’Unione prevedono la pena di morte, ma quest’anno le esecuzioni dovrebbero fermarsi a 31, in calo del 37% rispetto al 2015, quando furono 49, il minimo da 40 anni. Le

13

esecuzioni quest’anno sono state il numero minore dal 1972 quando la Corte Suprema dichiarò la pena capitale incostituzionale. Quattro anni dopo la reintrodusse. Solo cinque stati, dei 31 in cui è ammessa, hanno eseguito una condanna a morte quest’anno. In testa la Georgia con nove casi, seguita dal Texas con sette, l’Alabama con due e la Florida e il Missouri con uno ciascuno. Per la prima volta in oltre 40 anni nessuno stato ha raggiunto la soglia delle 10 esecuzioni. E un numero così ridotto di stati che hanno eseguito esecuzioni non si è mai visto dal 1983. I referendum dell’8 novembre hanno mostrato che il paese è ancora diviso sulla pena di morte: tre stati, California, Nebraska e Oklahoma, hanno votato per mantenerla. Ma gli abolizionisti hanno segnato vittorie in Florida e Delaware.

Gennaio 2017 Nuove Proposte


società | curiosità

Il Premio “le Ragioni della Nuova Politica” festeggia 20 anni di Andrea Vitale

Conferiti i prestigiosi riconoscimenti dell’Alba del Terzo Millennio

Quadri, Berlinguer e Iannone

I

l premio “Le Ragioni della Nuova Politica”, ideato e fondato nel 1996 da Sara Iannone, presidente dell’Associazione culturale “L’Alba del Terzo Millennio”, ha compiuto 20 anni. Vent’anni in cui sono state insignite oltre centoventi personalità che hanno lasciato un segno nella storia italiana. L’intento con cui fu istituito il premio, infatti, è quello di sollecitare e valorizzare tutte quelle esperienze che risultino particolarmente significative nella testimonianza dei comuni valori per la crescita e lo sviluppo della società. Nel corso delle numerose edizioni, infatti, hanno ricevuto “La Colomba della Civiltà”, il trofeo che rappresenta i valori fondanti dell’Associazione e gli ideali che ispirano il significato profondo del Premio, italiani come Nilde Iotti, Don Mazzi, Giovanni Bollea, Paolo Nespoli, Laura Biagiotti, Cesare Ruperto, Mariapia Fanfani... La premiazione è stata celebrata mar-

Nuove Proposte Gennaio 2017

tedì 13 dicembre 2016, a partire dalle ore 17,30, nella splendida sala Vanvitelli dell’Avvocatura generale dello Stato. Come è tradizione del Premio, la Colomba della Civiltà è stata consegnata ai premiati dalle personalità già insignite nelle edizioni precedenti. Bianca Berlinguer, Giornalista Rai, ha ricevuto il premio dal consigliere Francesca Quadri; mentre Franco Bernabè, Presidente CartaSì SpA, lo ha ricevuto dalle mani del presidente Corrado Calabrò; per Francesco Cavallaro, Segretario generale Cisal, il trofeo è stato ritirato dal segretario confederale Massimo Blasi dall’Onorevole Giuseppe Gargani. Il professore Vincenzo Sanasi D’Arpe ha consegnato la Colomba della Civiltà a Maria Bianca Farina, Presidente ANIA e Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale; Massimo Franco, Giornalista, è stato insignito dall’Onorevole Margherita Boniver; Angelo Gargani, Magistrato, dal Presidente Lamberto Dini che ha premiato anche Paolo Maddalena, Presidente emerito della

Premiazione Paolo Maddalena

14

Corte costituzionale. Gianni Letta ha premiato Valter Girardelli, Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, mentre il vice avvocato generale Gabriella Palmieri Sandulli ha consegnato il trofeo a Luigi Mazzella, Avvocato di Stato e Saggista e l’avvocato di Sato Oscar Fiumara ha premiato Franco Roberti, Procuratore nazionale antimafia. Il bassorilievo in bronzo che rappresenta la Colomba della Civiltà è dono della Fondazione “Roberto Di Paolo” ed è stata realizzata, per il secondo anno consecutivo, da Benedetto Robazza, scultore di fama mondiale. Una sua scultura si trova anche nella sala Roosevelt della Casa Bianca: si tratta di Ronald Regan appoggiato su una colonna raffigurante l’apocalisse; e poi il Cristo della Cattedrale di Altamura, i busti di Papa Woityla, di Alcide De Gasperi, del Cancelliere tedesco Franz Josef Strauss... Anche quest’anno la cerimonia di premiazione è stata condotta da Maria Giovanna Elmi e Rosanna Vaudetti, le due impareggiabili madrine storiche del premio, e dalla straordinaria Camilla Nata che ormai da molti anni è al fianco del presidente Iannone. Ogni edizione del premio “Le Ragioni della Nuova Politica” è ispirata a un argomento importante e di stringente attualità che viene approfondito in apertura della manifestazione. Il tema di questa XIV è “Dio è morto e l’Uomo è in fin di vita...”, sul quale il presidente Corrado Calabrò, dopo il saluto di Gabriella Palmieri Sandulli, vice avvocato generale dello Stato, ha fatto una riflessione con la quale ha sottolineato il ruolo cruciale del web che, se da un lato ha realizzato il dominio sulle cose auspicato da Bacone, dall’altro, forse, sta portando l’uomo a perdere il dominio su se stesso.


curiosità | società

SONO INSIGNITI: Bianca Berlinguer

Giornalista Rai

Franco Bernabè

Presidente CartaSÌ S.p.A.

Francesco Cavallaro Segretario generale Cisal

Brunello Cucinelli Imprenditore

Maria Bianca Farina

Presidente ANIA e Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

Calabrò, Iannone e Bernabè

Il presidente Iannone ha consegnato sa opera d’arte, consegnata e illustrata anche quattro riconoscimenti speciali. dalla stessa autrice, era stata donata al Tre targhe in argento sono state asse- Premio “Le Ragioni della Nuova Politignate a: Maria Rizzotti, Medico chirurgo, Senatrice della Repubblica italiana, per l’impegno nella tutela dell’infanzia e della salute pubblica, dal presidente Calabrò; Antonella Sotira, Avvocato, Presidente Associazione culturale Iusgustando, per l’impegno in difesa delle donne vittime di violenza dal presidente Chiaravalloti; Lucio Varriale, Avvocato, per l’imBernabè, Girardelli e Iannone pegno nel sostegno e nella comunicazione dello sport dal sottosegretario Cosimo Ferri. A ca” dal professor Luca Filipponi, presiFabia Baldi, Dirigente scolastica, per dente di Spoleto FestivalArt. la sua raffinata ed emozionante pro- Tra gli ospiti erano presenti: Antonio duzione poetica è stato conferito il Marini; Cesare Sanmauro; Luigi Timeraviglioso quadro di Paola Biadetti velli; Donatella Dini; Gianni e Romaintitolato: “Un punto di vista prezioso” na Ietto; Pasquale De Lise; Raffaele (tecnica mista, cm 100x30). La prezio- Tamiozzo; Andrea Monorchio; Laura

Fiumara, Roberti e Iannone

Massimo Franco Giornalista

Angelo Gargani Magistrato

Valter Girardelli

Capo di Stato Maggiore della Marina Militare

Paolo Maddalena

Presidente emerito della Corte costituzionale

Luigi Mazzella

Avvocato di Stato e Saggista

Franco Roberti

Procuratore nazionale Antimafia

Comi; Daniela Pacelli; Luigi Bruno; Anna Caparra; Sandra Cioffi; Antonino D’Este Orioles; Antonio Paris; Maria Pia Lettini; Caimmi Patrizia; Angelo Bifulco; Annarita Viesti; Alessandro D’Orazio; Laura Nuccettelli; Daniele Romani; Loretta Cardoni e molti altri.

Premiazione Bianca Berlinguer

15

Gennaio 2017 Nuove Proposte


società | formazione

L’ECONOMIA DELL’ISTRUZIONE

A CURA DEL

Preside D. Vignali

La Cultura asservita alle logiche consumistiche

I

ta meramente formale e linguistica, ma ha una precisa valenza semantica e tradisce la logica consumistica con cui l’uomo contemporaneo si approccia al mondo della cultura e dell’istruzione. Il fatto che si possa parlare di “economia dell’istruzione” e che esistano addirittura insegnamenti connotati da tale denominazione; la possibilità stessa di considerare l’istruzione come bene di investimento o come bene di consumo o ancora come bene di produzione ha profonde e tragiche conseguenze sia in ambito teoretico che pratico. Imparare al fine di ottenere un titolo di studio ed i vantaggi strumentali che ne derivano e cercare di acquisire attraverso l’istru-

n molteplici circostanze ci si trova ad esortare qualcuno con preoccupante spontaneità utilizzando proposizioni come “acquista una cultura” o “lo studio è un investimento” o ancora “costruisci il tuo patrimonio culturale”; l’uso di una terminologia di carattere marcatamente economico con riferimento all’ambito culturale non può essere considerato come una scel-

Nuove Proposte Gennaio 2017

16

zione un ruolo privilegiato nel sistema produttivo, è la prospettiva del discente “consumatore”, della sua famiglia d’appartenenza e sovente dei docenti. La cultura asservita alla logica del mercato e la mercificazione dell’istruzione sono solo le conseguenze di uno sguardo miope incapace di scorgere le origini di ogni sistema formativo che, prima di ogni altra cosa sorge dalla filosofia, ossia dal più inutile degli insegnamenti, intesa come amore per il sapere fine a se stesso e come riflessione valoriale. Il problema non è, dunque, tanto un problema di conseguenze, quanto di fondamento; non si deve riformare il sistema istruzione, bensì rifondare, abbandonando la prospettiva economico – quantitativa a vantaggio di una prospettiva filosofico – qualitativa. La scuola come azienda o come “agenzia pubblicitaria”, per parafrasare una celebre definizione di Ivan Illich, è divenuta il luogo in cui ogni autentico rapporto educativo si è inaridito ed in cui l’insegnamento e gli insegnanti hanno perso definitivamente ogni forma di grandezza e ieraticità.


formazione | società

UNIVERSITÀ, IN TOSCANA I TRE ATENEI AL TOP. IL SUD RISALE di Andrea Vitale

Tra i poli universitari “classici” primeggia Trento. Male la Sapienza

L’

Anvur, l’Agenzia di valutazione delle università vigilata dal ministero di Istruzione, Università e Ricerca, ha presentato la Valutazione della qualità della ricerca degli atenei italiani ricerca (Vqr 20112014). In otto mesi l’Agenzia ha testato 118.000 lavori di 60.000 tra docenti e ricercatori. Sedici le aree disciplinari, 450 gli esperti valutatori: ogni lavoro consegnato è stato restituito con un giudizio e un breve commento. L’università con il livello di ricerca più elevato resta la Scuola di alti studi di Lucca che, tuttavia, ha perso metà del punteggio rispetto alla precedente Valutazione. Seconde e terze nel ranking, due scuole su-

periori di Pisa: Sant’Anna e Normale. Al quarto posto la Sissa di Trieste e al quinto l’Istituto universitario di studi superiori di Pavia. I successivi cinque piazzamenti sono appannaggio di cinque atenei pubblici classici, e nell’ordine: Trento, Padova, Ca’ Foscari di Venezia, Milano Bicocca e Bologna. Poco al di sopra della media nazionale, “e quindi un po’ deludenti per le aspettative che il sistema ripone in loro”, i due politecnici del Nord: Torino, 22a, e Milano, 25a. Resta stabile, ma solo cinquantesima la Sapienza di Roma. Meglio RomaTre (37a), Tor Vergata (42a) e Foro Italico (46a). L’Università di Messina è cresciuta nel punteggio complessivo del 17%. Il Politec-

17

nico di Bari e la Federico II di Napoli si sono ripresi il 12% a testa, Napoli II, Bari e Catania il 10, Palermo il 9. Gli atenei meridionali restano tutti nella seconda metà della classifica, però accorciano la distanza dalle università del Centro-Nord. La valutazione della qualità della ricerca pesa per 1,4 miliardi, sui quasi 7 miliardi totali del Fondo di finanziamento ordinario. Saranno distribuiti nel 2017 ai singoli atenei tenendo conto (al 65 per cento) della Valutazione della qualità della ricerca: chi ha migliorato i voti sui lavori consegnati vedrà crescere la quota di finanziamento assegnata.

Gennaio 2017 Nuove Proposte


società | salute

Prestazioni sanitarie in calo

di Claudia Pennacchio

Crisi della sanità pubblica tra calo delle richieste e disattenzione al paziente

D

all’ultimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese risulta notevolmente in calo la richiesta di prestazioni sanitarie da parte degli utenti. In particolar modo i servizi medici a cui la popolazione italiana sembrerebbe rinunciare o posticipare più di frequente riguarda l’ambito delle

cure odontoiatriche, le visite specialistiche e quelle diagnostiche. I numerosi tagli del governo hanno influito in maniera significativa sia a livello delle richieste di prestazioni sanitarie pubbliche che private. Sarebbero infatti circa 11 milioni gli italiani che nel 2016 hanno dovuto rinunciare o posticipare ricoveri o esami preventivi. Le spese mediche di coloro che “possono permetterselo” si aggirano intorno ai 35 miliardi di euro l’anno. Dal Rapporto si legge che “il progressivo restringimento del welfare legato agli obiettivi di finanza pubblica appare evidente nella dinamica recente della spesa sanitaria”; la stessa spesa sanitaria privata, dopo un’iniziale fase di crescita significativa e successiva riduzione dopo il 2012, sarebbe nuovamente in aumento negli ultimi due anni. In diminuzione anche

i posti letto disponibili presso gli ospedali, dato che, in aggiunta ai tagli del personale e ai già noti problemi legati ai disagi lavorativi in questo settore, gettano una nuova ombra sul funzionamento della sanità nazionale. Se, inoltre, si tiene conto dell’aumento della medical malpractice appare quantomeno evidente la necessità di provvedimenti che tutelino i cittadini e che permettano loro non solo di ricevere le cure di cui necessitano ma, soprattutto che queste cure siano eseguite in maniera adeguata.

DIAGNOSI PRECOCE CON LA BIOPSIA LIQUIDA

P

rende vita sotto forma dell’acronimo SCED, che sta per Solid Cancer Early Detection, il test che grazie ad un prelievo di sangue periferico, permette la mappatura e il monitoraggio delle mutazioni genetiche, coinvolte nei tumori solidi. Un’innovazione che incrocia l’analisi del DNA libero circolante (ctDNA), con quella del DNA germinale e delle Cellule Tumorali Circolanti (CTC), estremizzandone il livello di affidabilità. Questa tecnica, genericamente chiamata “biopsia liquida”, può evidenziare frequenze di mutazione, mediante la possibilità di isolare e analizzare il ctDNA, capace di segnalare una patologia anche in uno stadio particolarmente precoce. Nel caso di stadi avanzati di una determinata patologia, questa analisi di frammenti di DNA può essere unita a quella di cellule tumorali circolanti (CTC) e del DNA germinale, con la conseguente possibilità di una terapia ancor più mirata. Il prelievo di sangue, di circa 10 cc, può essere effettuato ovunque nei centri convenzionati con Bioscience Genomics, presenti a Roma, Milano e San Marino. I biologi presenti in sede saranno in grado di isolare il DNA libero circolante, per poi estrarne la frazione che servirà per la ricerca in questione. Uno screening “sentinella” che può essere eseguito su soggetti a rischio oncologico, per familiarità o stili di vita. “Nonostante al momento la SCED sia considerata un test di controllo, per il richiamo periodico nel valutare la validità di una terapia adottata nei malati, riteniamo che in pochi anni, grazie al supporto di ricerca offerto dall’ Università, potrà diventare il gold standard nella diagnostica in oncologia, non solo come esame, ma anche come monitoraggio della salute”, come chiarisce il prof. Giuseppe Novelli, genetista dell’Univ. Tor Vergata di Roma. Per ora questo test si effettua a pagamento, ma auguriamoci che in futuro il SSN si accorga dei suoi benefici. Alessandra Broglia

Nuove Proposte Gennaio 2017

18


salute | società

la mastoplastica riduttiva

A CURA DEL

Dott. Massimo Di Giuli

Non solo senso estetico ma soprattutto benessere fisico

L

a mastoplastica riduttiva si rivolge a tutte le donne che possiedono un seno così grande da risultare non solo antiestetico e fastidioso ma anche causa di irritazioni alla pelle, problemi alla schiena e limitazioni di movimento. Per rimpicciolire e restituire pienezza ai seni, nella maggior parte dei casi, è necessario rimuovere della pelle, oltre a tessuto

adiposo e ghiandola mammaria. Sarà, perciò, inevitabile che residuino delle cicatrici sulle mammelle ma la bravura del chirurgo, unitamente alla buona capacità del paziente a cicatrizzare e alle cure postoperatorie, renderanno questi segni appena visibili. Esistono diverse tecniche per eseguire un intervento di mastoplastica riduttiva e, a seconda della condizione di partenza e del risultato che si desidera ottenere, si potranno prendere in considerazioni metodi che rimuovono unicamente i tessuti in eccesso (mastoriduttiva) o altre che in aggiunta riposizionano i tessuti rimanenti (mastopessi - mastoriduttiva). Le tecniche impiegate sono volte a ridurre al minimo le cicatrici ma, in linea di principio, maggiore è la riduzione da apportare e più le cicatrici saranno estese. Si potranno riprendere le normali attività dopo una decina di giorni e si dovrà indossare un normale reggiseno elastico di tipo sportivo fino a completa guarigione. Il fastidio o il dolore successivi all’intervento scompaiono in pochi giorni mentre il gonfiore si risol-

19

ve in alcune settimane. I punti di sutura vengono rimossi dopo 12-15 giorni. Sarà possibile riprendere le attività sportive dopo un mese mentre bisognerà evitare di esporsi direttamente al sole per alcuni mesi. In questo periodo si favorirà il processo di cicatrizzazione attraverso l’applicazione di specifiche creme idratanti.

Cell. 335 8436976 Email: maxdigiuli@gmail.com

Gennaio 2017 Nuove Proposte


società | tecnologia

Hiv, un nuovo test fai-da-te

Nel pancione con il 3D

Il kit per l’autodiagnosi alla sieropositività arriva nelle farmacie italiane

Dal Brasile una tecnologia per vedere l’immagine tridimensionale del feto

di Cristina Monaco

di Diletta Murgia

C

on soli 20 euro è possibile acquistare presso le farmacie un test fai-da-te diagnostico per l’Hiv. Sarà disponibile solo per i maggiorenni e non avrà bisogno di alcuna ricetta del medico. Il test consiste in un dispositivo con un ago che, effettuando una puntura al polpastrello, esegue un piccolo prelievo di sangue. In soli 15 minuti saranno disponibili i risultati. Nonostante l’attendibilità del test sia vicina al 100%, c’è comunque la possibilità che si presentino dei “falsi positivi”, ossia delle positività al virus che in realtà non esistono. Per risolvere il problema, è consigliabile contattare subito un medico dopo il risultato del test, ed è comunque necessario aspettare la conferma della diagnosi con delle analisi specifiche di laboratorio prima di iniziare alcuna terapia. Con l’autotest si spera di raggiungere più persone infettate e realizzare l’obiettivo, lanciato nel 2014 dall’Oms, di rendere consapevole del loro stato almeno il 90% delle persone affette da Hiv entro il 2020.

A

ddio alle astruse immagini delle ecografie di donne in dolce attesa: benvenuta terza dimensione! Grazie al connubio tra realtà virtuale e risonanza magnetica per la prima volta i genitori potranno vedere le immagini del proprio bambino in 3D. Messa a punto e sperimentata nella Clinica di Diagnostica per Immagini di Rio de Janeiro, la nuova tecnologia è stata presentata al convegno della Società di Radiologia del Nord America e combina le immagini 3D, ottenute assemblando le sagome rilevate con la risonanza magnetica, con la tecnologia virtuale grazie al visore Oculus Rift. Questo nuovo metodo presenta un duplice profitto: da una parte permette ai medici di osservare in dettaglio come cresce ogni piccola struttura anatomica di un feto, individuando eventuali anomalie; dall’altra consente ai genitori di vedere per la prima volta il proprio bambino così come è realmente nel pancione.

Instabook: un’idea italiana

È

un’invenzione tutta italiana la nuova app per Android capace di individuare rapidamente il libro di cui fa parte una particolare citazione. Qualcuno la definisce lo “shazam dei libri”, ma come funziona? Basta inserire la frase che ci ha colpito all’interno di un apposito spazio, dopodiché sarà l’app stessa a generare un elenco contenente schede con il titolo del libro, l’autore, la descrizione ed una valutazione espressa in stelline. L’originale idea è di ARAndroid developers ed è stata sviluppata dai tre ingegneri italiani Andrea Spostato, Ronny Meringolo e Angelo Ragusa. Anche se al momento le funzioni disponibili sono quelle base è già possibile pubblicare il risultato ottenuto dalla ricerca sui diversi social network, si può salvare la citazione all’interno dei preferiti e si può addirittura acquistare il libro in questione su Google Play. L’interessante invenzione si prefigge lo scopo di alimentare la passione degli amanti della lettura ma anche, se non soprattutto, quello di far riscoprire il mondo letterario anche a coloro che sono più restii a leggere. Claudia Pennacchio

Nuove Proposte Gennaio 2017

20


sport | società

la tecnologia nello sport: l’occhio umano non basta più di Lorenzo D’Ilario

Dalla Goal-Line Technology al Video Challenge, dal fotofinish all’Instant Replay

L

a tecnologia è ormai parte integrante di qualsiasi evento sportivo e non se ne può più fare a meno. Nel calcio è stata introdotta la “Goal-Line Technology” per avere certezze sulla segnatura di una rete: quattordici telecamere (sette per area di rigore) sono puntate all’interno dei pali e della traversa e, quando il pallone oltrepassa interamente la linea di porta, mandano un impulso all’orologio dell’arbitro nel giro di un secondo. In seguito è stata la volta, seppur ancora in via sperimentale, del “Video Assistant Referees”: l’arbitro può chiedere

aiuto su una situazione di gioco dubbia ad alcuni colleghi seduti in tribuna all’interno di una postazione televisiva riservata. Nel basket, per stabilire se il tiro sia da due o da tre punti o se sia partito prima o dopo il suono della sirena, si ricorre alla riproduzione video a bordo campo dell’azione appena avvenuta (“Instant Replay”). Nella pallavolo esiste il “Video Challenge” per verificare se la palla sia caduta a terra

dentro o fuori le linee perimetrali o eventuali invasioni a rete. Nel tennis il cosiddetto “occhio di falco” (“Hawk Eye”) ricostruisce la traiettoria esatta della pallina in maniera tale da poterne stabilire con certezza il punto di rimbalzo sul terreno di gioco. Nel rugby l’arbitro può chiedere aiuto ad un collega davanti al monitor in tribuna per verificare se una meta è stata segnata o meno (“Television Match Official”). Nell’atletica leggera e nel ciclismo, per determinare l’ordine di arrivo si utilizza spesso il “fotofinish”, sistema in grado di scattare una fotografia nel momento in cui viene tagliato il traguardo. Nella Formula 1 e nella MotoGP è sempre più frequente il ricorso ad immagini rallentate per comminare penalità ai piloti colpevoli di comportamenti scorretti.

40 a n n i di profe s siona l i tà A LT A Q U A L I T À N E L L A S T A M P A E d I T o r I A L E C o M M E r C I A L E E P E r E N T I P U b b L I C I

Via Paterno 17 - 00010 Villa adriana, tiVoli (rM) t. 0774.381700 * f. 0774.550556 www.graficaripoli.it * graficaripoli@gmail.com

21

Gennaio 2017 Nuove Proposte


società | sport

Champions ed Europa League di Riccardo Borgia

Dopo la fase a gironi si tirano le prime somme nelle due sfide europee

T

ra poche settimane tornano le grandi sfide d’Europa. Partendo dalla competizione regina, ovvero la Champions League, ci eravamo lasciati con i nomi delle sedici qualificate agli ottavi e non poche sorprese, come ad esempio il Leicester di Claudio Ranieri arrivato a conquistare il primato nel girone o il piazzamento nelle prime posizioni di club come Atletico Madrid e Borussia Dortmund a discapito di Bayern

sorteggio del 12 dicembre per la fase successiva della competizione che si svolgerà dal 14 febbraio al 15 marzo, le sfide si sono decisamente riaccese con la presenza di grandi match come Real Madrid-Napoli e Paris Saint Germain-Barcellona o del Leicester che dovrà affrontare il Siviglia pluricampione dell’Europa League. Per la Juventus il cammino è meno ostico, dovendo affrontare il Porto, club meno blasonato ma non da sottovalutare. Altra sfida interessante è rappresentata dai tedeschi del Bayern Leverkusen contro i colchoneros dell’Atletico di Madrid, ormai esperti di questa competizione e motivati ad arrivare fino al termine della stessa. Le altre tre

Monaco e Real Madrid arrivate seconde. Per le squadre di casa nostra il discorso era stato diverso con Juventus e Napoli prime nei loro rispettivi gironi. Dopo il

Nuove Proposte Gennaio 2017

22

sfide, Bayern Monaco-Arsenal, Benfica-Borussia Dortmund e Manchester city-Monaco, sono forse meno cariche di fascino, ma trattandosi di ottavi di Champions non dovranno essere sottovalutate per lo spettacolo offerto. Passando ora alla vecchia coppa Uefa, anche qui non sono mancati i colpi di scena, soprattutto per le squadre italiane. L’Inter ha deluso i propri tifosi, portando avanti un girone disastroso concluso con l’eliminazione addirittura con un turno d’anticipo, in un gruppo decisamente alla portata dei neroazzurri. Stessa storia per il Sassuolo che dopo la partenza spumeggiante data dalla vittoria sull’Athletic di Bilbao per 3 a 0 è crollato inesorabilmente. A rispettare i pronostici, sono state invece la Fiorentina e la Roma, che hanno conquistato il primato nei loro rispettivi gironi. Anche qui i sorteggi, questa volta per i sedicesimi, hanno rivelato match d’alto livello. I giallorossi, ad esempio, dovranno vedersela con gli spagnoli del Villareal, artefici dell’eliminazione del Napoli nella precedente edizione della Coppa. Più comoda, la trasferta della Fiorentina che dovrà volare a Mönchengladbach per affrontare il Borussia. Attendiamo quindi che il campo parli, e riveli sicuramente nuovi colpi di scena dalle due competizioni europee più seguite al mondo.


programmi | multiculturalità

LE CULTURE RELIGIOSE VERSO IL FUTURO di Luigino Borgia, Andrea Vitale e Demetrio Marco De Luca

Le Culture Religiose, le Istituzioni Politiche, i Centri di Pensiero e Ricerca insieme per esprimere un nuovo Umanesimo

L

a rivista “Nuove Proposte” entra nel suo venticinquesimo anno di vita: dal numero di maggio 2016 ha avuto inizio una attività di alto profilo internazionale sulle tematiche più rilevanti della vita odierna. Tale impegno è stato realizzato con la nascita di un inserto speciale di 8 – 12 pagine all’interno del Mensile di informazione regionale, così come viene descritto nell’editoriale del numero di luglio/agosto 2016: “Queste Rubriche intendono costituire un inserto speciale (8-12 pagine centrali), che analizzino e sottolineino volontà e avvenimenti di rilevanza mondiale in campi particolari: il dialogo tra le Culture delle diverse Tradizioni Religiose, i Beni Culturali delle tradizioni Religiose e Civili dell’Umanità, l’Etica Economica, l’Etica del Diritto e della Giustizia, l’Etica Politica, l’Etica Scientifica. Questo particolare “Inserto” che vive nel mensile d’informazione territoriale, senza assolutamente abolire la sua impostazione originaria, anzi rendendola più pregnante, assume un compito nuovo, oltre ad affrontare le tematiche strategiche sopra descritte. L’Inserto lo si vuole indirizzare periodicamente alle Istituzioni e Organismi, che ne sono i giusti interlocutori: le Grandi Religioni Storiche, l’ONU, la Comunità Europea, il Mercosur, i Parlamenti Nazionali, le Accademie, gli Enti di Ricerca, le Università, e le Strutture che in qualche modo costituiscono riferimento alle tematiche oggi necessarie, per aprire il futuro ai Valori”. La rivista si fa portatrice di un Messaggio alto e profondo, che aleggia oggi nelle riflessioni e aspettative più significative ed edificanti per il futuro dell’Umanità. La profonda crisi di valori che attanaglia l’esistenza degli uomini e dei popoli, la visione della storia, lo sviluppo sociale, politico ed economico ha su-

scitato negli esseri più attenti e sensibili l’esigenza di riscoprire il bene profondo della Comunità e la dignità delle sue relazioni, con la consapevolezza che bisogna ritornare a riferimenti autentici, che costituiscano una Società ricca di fermenti e di sensibilità verso l’uomo, verso la “Persona Umana” come lo straordinario patrimonio culturale ereditato da secoli di esempi e Modelli altissimi ci ha insegnato. Aspirare ad un nuovo “Umanesimo” che si alimenti di un processo unico in cui ogni essere vivente trovi il giusto posto per agire, collaborare, essere accolto e contribuire alla costruzione di una Casa Comune del Bene, della dignità, del rispetto e della giustizia… con un percorso conseguente verso la Pace! I pensieri più alti di Personaggi eccezionali hanno offerto all’umanità intera prospettive bellissime e nobili di vita pregevole ed autenticamente umana. I grandi Modelli ci insegnano e confortano a perseguire un Umanesimo espresso fondamentalmente nella Multiculturalità, affrontando con coraggio e rispetto incontri-confronti tra orientamenti diversi, per instaurare nell’umanità un futuro di dialogo, comprensione e rispetto all’altro. Dobbiamo essere consapevoli che nella multiculturalità permangono comunque le specifiche Origini di ognuno e da queste nasce una ricchezza fondamentale, che si esprime nella molteplicità dei valori insiti in ogni percorso, in ogni evoluzione, in ogni società… : dunque non è lo sbocco nel relativismo che si propugna,

ma l’incontro degli esseri umani e della loro Storia, che si completa e si eleva in una visione in continuo divenire in cui gli uomini sono protagonisti insieme e fraternamente della vita e della Storia. “L’inserto speciale” ha sottolineato l’impegno nuovo e sempre più aperto tra le Culture e le Tradizioni religiose del mondo, che pescano nel proprio patrimonio culturale e valoriale per restituire ad ogni essere vivente le gioie della sua appartenenza e della sua eredità. Ha inoltre aperto un dialogo responsabile con le Istituzioni politiche, con i Centri di Pensiero e Ricerca, con gli organismi preposti al diritto, all’economia, alla scienza, alla tecnologia… per giungere ad una riflessione etica solida, che crei le premesse di una vita piena autentica e di grande apertura e collaborazione tra gli esseri di questo Mondo, unica casa di una fantastica avventura nel bene e nella gioia, come proclamano i sentimenti più profondi delle grandi Religioni Storiche. Per attuare ciò che è stato espresso, quest’anno il Mensile si imposta in un contesto nazionale, mantenendo l’Inserto Speciale che dialoga e provoca il mondo intero per l’Uomo del futuro.

Prof. Demetrio Marco De Luca, per più di trent’anni docente in Università Pontificie. Segretario Generale del “Comitato Mondiale Sviluppo Sostenibile”, Presidente “Commissione Paritetica Interparlamentare Internazionale per i rapporti tra Cultura e Politica”, Presidente Onorario del “Forum della Cultura Cristiana”, Presidente Alto Comitato della “Fondazione Cultura delle Religioni per l’Umanità e la Pace” e Direttore inserto speciale “Multiculturalità”.

23

Gennaio 2017 Nuove Proposte


multiculturalità | Religioni e Ambiente

ORIZONTE 2030: ENERGIA ABBONDANTE di Alfredo Viskovic

Uno Sviluppo Sostenibile nella luce dei Valori delle Culture Religiose

È

come il cibo, l’energia, perché soddisfa bisogni primari, ma è caratterizzata da maggiore complessità. Le maltusiane visioni circa l’esaurimento delle risorse, in passato riferite al cibo, oggi trovano nell’energia più efficacia nel disegnare visioni apocalittiche di scarsità. Negli ultimi anni è stata investita dalla questione del cambiamento climatico indotto dall’uomo, in quanto il 75% delle emissioni di CO2, il principale gas che causa l’effetto serra, giungono dai consumi di fonti fossili. La rivoluzione dell’informazione, portata dal digitale, favorisce la diffusione di informazione non fondate che, grazie alla circolazione esponenziale sulla rete, assumono solida credibilità. Scarsità, danno ambientale, un futuro a tutto rinnovabili sono idee che piacciono alla rete, poco incline ad approfondire una realtà delle cose che, invece, è molto diversa. L’energia è sempre più consumata in modo pulito, cala il numero di persone in condizioni di povertà che non hanno accesso all’elettricità, le riserve

di energia tradizionale non sono mai state così alte. Più complessa è la questione del cambiamento climatico, per il fatto che i tempi coinvolti sono al di fuori dalla portata della nostra scienza. Di certezze ce ne sono poche, come recita l’accordo, tanto celebrato, della COP21 del dicembre 2015 di Parigi; all’articolo 2 dice espressamente che “mira a rafforzare la risposta mondiale alla minaccia posta dai cambiamenti climatici”. La risposta globale alle grandi sfide della nostra era. Gli esseri umani sono architetti per natura, inclini ad apportare dei cambiamenti al mondo in cui vivono e a influenzare la configurazione geografica dei loro habitat. L’immagine scattata da un satellite della NASA, oltre a farci vedere come appare veramente la Terra avvolta nell’oscurità, ci offe anche una mappa dell’ingegnosità umana in termini di innovazione e di evoluzione, e una rappresentazione del mondo in varie tonalità di grigio. I bagliori luminosi ci raccontano la storia della comunicazione, del trasporto, del consumo e della produzione, in cui le risorse e l’infrastruttura sono temi dominanti. Non possiamo semplicemente preme-

re il tasto “pausa” sul cambiamento vertiginoso a cui stiamo assistendo. Il mondo in costante evoluzione in cui viviamo continua a porre sfide alle risorse. Sia eventi naturali, sia eventi causati dall’uomo, come il cambiamento climatico, l’urbanizzazione e i mutamenti demografici, ci obbligano a ripensare il modo in cui utilizziamo risorse primarie – energia, cibo, acqua e manodopera – e i trend in atto non indicano una convergenza. In questo quadro, si pone una domanda critica alle imprese: continueremo a operare come sempre nonostante i primi segnali di trasformazione del nostro pool di risorse? Energy Platform Living Lab – Modelli Platform Based. La trasformazione è iniziata, le mosse principali sono in corso e determineranno la struttura della competizione in misura sostanziale nei prossimi pochi anni. Quindi, se apparentemente tutte le aziende dovrebbero avere una strategia che integra il modello tradizionale con una strategia “platform based”, come farlo in maniera vincente, duratura e con investimenti gestibili e esattamente il tema oggi sul tavolo di tutte le direzioni aziendali. Particolari versioni dei modelli a piattaforma sono quelli messi in pratica dalle aziende che operano nel mondo, in costante evoluzione, della sharing economy o della collaborative economy, il cui impatto può essere diversamente giudicato a seconda dei punti di vista: per esempio dal punto di vista sociale, il vero valore delle piattaforme collaborative potrebbe consistere nella qualità delle connessioni tra le persone che vi partecipano, così come nella capacità di creare un ambiente sicuro attraverso regole, informazione, sistemi di reputazione, garanzie e mediazione. Sviluppando al massimo i valori più etici di una sharing economy. A cosa servono gli obiettivi . Nel mondo tutti sono turbati quando si parla di clima ed energia. Si ha la sensazione che gli eventi estremi siano fuori controllo e che qualcosa sia

Nuove Proposte Gennaio 2017

24


Religioni e Ambiente | multiculturalità

arrivato fino a noi, qualcosa di reale che non appartiene al futuro ma al presente. Quindi, gli Obiettivi posti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite siano essenziali almeno per due ragioni: perché dobbiamo cambiare percorso, modificare la traiettoria dell’economia mondiale e anche perchè dobbiamo creare una collaborazione a livello globale. Consideriamo quest’Agenda non solo come iniziativa essenziale di per se, ma anche come lente per vedere il mondo sotto una luce diversa, che non sia quella della guerra. In altre parole, se lavoriamo insieme per esempio con i paesi del Mediterraneo su problem solving di questioni pratiche, fabbisogno energetico, disponibilità idrica, creazione di lavoro eccetera, ciò che attualmente viene chiamato un “inevitabile scontro di civiltà” non sembrerà più così inevitabile. Trovare una soluzione ai problemi che tutti vorrebbero disperatamente dirimere sia la nostra migliore speranza. Non esiste Paese al mondo, indipendentemente dalla cultura del suo popolo e dalla sua posizione geopolitica, che in questo momento non sia preoccupato dell’attuale condizione ambientale.

dei cambiamenti climatici e questo processo è già in atto ma non siamo consapevoli di questo e non lo riconosciamo come un problema reale. Vitalità religiosa: indirizzare lo sviluppo su un sentiero sostenibile. Da tempo si studiano i rapporti tra religioni e sviluppo e si conducono analisi su come esse plasmino la società delle quali, come abbiamo visto, influenzano gli stili di vita e i giudizi di valore. Da qui la loro importanza nell’indirizzare lo sviluppo su un sentiero sostenibile. Nella società occidentale inconscio e razionalizzazioni tecnologiche, come già noto, s’intrecciano dando a un paradigma complesso fondato sul lutto della cultura religiosa e su una repressione che si offre quale presunto vettore di modernizzazione nella società e nelle scienze. È tutto il complesso delle scienze umane che deve ricollocarsi all’interno dei nuovi paradigmi della società di rete e della stagnazione economica prolungata e internazionale. Nonostante le forti correnti secolarizzatrici e i processi di estraniazione sociale dovuti alla globalizza-

Il bacino Mediterraneo. I climatologi sostengono che i nostri obiettivi sono insufficienti per arrestare lo scioglimento dei ghiacci nei prossimi dieci anni, e neppure tra cinquanta. L’area del bacino Mediterraneo, per esempio, è sempre più sottoposta a stress idrico: le precipitazioni si riducono e il caldo aumenta. Il problema è che il Mediterraneo è un’area del Pianeta in riferimento alla quale tutti i modelli concordano nel prevedere un clima sempre più secco. La temperatura sta aumentando a causa

zione, resta comunque vero che non si può prescindere dalla memoria del paradigma religioso di appartenenza originaria. In questa luce di continuità rispetto alle passate stagioni storiche delle società industriali vanno letti anche i più recenti fenomeni delle reti e di tutti i social network, cosi come la vitalità, pur nelle ambiguità dei comportamenti dei fruitori di questi messaggi, delle dinamiche religiose. Dovrebbe oramai risultare che qui innovazione tecnologica non significa scoperta, ma capacità di adattare prodotti e processi tecnologici già esistenti, integrandoli nelle dinamiche del “fare società” e registrando l’arcano delle emozioni che milioni di esseri umani producono integrando con l’apparente neutralità delle tecniche. Progettare il futuro. Le imprese possono fare ciò che sanno fare meglio – innovare e creare – per contribuire alla salvezza del nostro pianeta. Siamo gli architetti del nostro habitat. Mentre la scarsità di risorse ci sta ponendo una sfida senza precedenti con l’urbanizzazione selvaggia e l’invecchiamento della popolazione, le aziende devono fare una scelta: andare avanti come prima, o superare la visione ristretta del riciclaggio e dell’ottimizzazione dei componenti come strumenti di competitività. Non possono più seguire il modello insostenibile del percorso lineare nelle economie avanzate o nelle nuove città. Con la digitalizzazione di tanti prodotti fisici è già cominciata l’economia circolare. Con il tempo e con le giuste strategie di esecuzione, si possono ridurre gli sprechi e si possono realizzare risparmi significativi con la condivisione.

Prof.Ph.D. Alfredo Viskovic. È dirigente dell’ente elettrico croato (HEP) per le relazioni estere. Professore presso l’università di Rijeka e di Zagabria. Collabora con diversi Istituti di Ricerca a livello internazionale nel campo dell’ottimizzazione del risparmio energetico e della distribuzione. Coordinatore generale del Centro di studi e ricerche Liviing Lab presso l’università di Rijeka per lo sviluppo sostenibile energia- ambiente per i Paesi del Sud-Est Europeo. 25

Gennaio 2017 Nuove Proposte


multiculturalità | Centri di Eccellenza

Fondazione RAS, esperienze di un impegno attivo al servizio dell’antica Stabia di Lina Sorrentino

Notaio Ferdinando Spagnuolo: “La valorizzazione è la forma più alta di tutela”

N

ell’ambito di un progetto di cooperazione nato sotto l’egida del Trattato Internazionale che lega USA ed Italia in materia di beni culturali, la Fondazione Restoring Ancient Stabiae (RAS), istituita nel 2002 a Washington su iniziativa dell’Università del Maryland, ha per obiettivo la realizzazione di un Par-

co archeologico di circa 60 ettari sul sito dell’antica Stabia, intervento che riporterà nel loro originario contesto, ambientale e culturale, le grandi e lussuose ville d’otium sepolte, ed in gran parte ancora interrate, dall’eruzione vesuviana del 79 d.C. descritta da Plinio il Giovane all’amico e storico Tacito che distrusse le vicine città di Pompei, Oplontis ed Ercolano e gli altri insediamenti ai piedi del Vesuvio. Tra gli scopi fondatizi, anche quelli di valorizzare e promuovere l’area archeologica stabiana, attraverso la creazione e la collaborazione di un polo di ricerca costituito da università ed enti provenienti da tutto il mondo. Dalla sua istituzione ad oggi, la Fondazione RAS ha inoltre organizzato negli USA, in Russia, in Cina, in Brasile e in Italia, mostre archeologiche di altissimo profilo, avviando una fruttuosa collaborazione con prestigiosi

Nuove Proposte Gennaio 2017

musei e università che partecipano con proprie équipe di archeologi, architetti e restauratori alle campagne di scavo sul sito di Stabiae. Tra le tante esibizioni organizzate dalla Fondazione RAS, la mostra “Otium ludens” tenutasi all’Hermitage di San Pietroburgo e annoverata dal Times nella top ten delle migliori exhibition mondiali del 2008, ha riportato la scuola archeologica russa in Italia, assente sul territorio nazionale dal lontano 1878. La sede della Fondazione RAS in Ita-

sità per stage e interi semestri universitari di “study abroad” stipulando, con la Fondazione, accordi di collaborazione con lo scopo di attivare corsi universitari finalizzati all’ottenimento di crediti formativi validi in tutti gli ordinamenti, nonché un cospicuo numero di scuole di ogni ordine e nazionalità, per i propri tour scolastici, viaggi di istruzione, offerte formative e Summer School. L’incidenza del turismo culturale e scolastico promosso dalla Fondazione RAS al Vesuvian Institute, si veri-

lia, il Campus “Vesuvian Institute” (Center for study abroad della Fondazione RAS, Castellammare di Stabia - Napoli), è oggi un centro strutturato adeguatamente per accogliere professori, studenti e ricercatori che vogliano effettuare in Italia periodi di studio e approfondimento. Dalla sua apertura nel 2007, il Campus ha già accolto numerose univer-

fica attraverso la partecipazione, ogni anno, di centinaia di turisti e studenti provenienti da tutto il mondo che, soggiornando al Campus, trovano lo scenario ideale per immergersi nell’antichità, attraverso un facile accesso ai siti archeologici principali della zona vesuviana e napoletana, dalla penisola sorrentina alla costiera amalfitana e la Regione Campania.

Dott. ssa Lina Sorrentino laureata in Scienze Ambientali e Beni Culturali presso l’Università Federico II di Napoli. Ha cooperato con importanti istituzioni culturali internazionali (USA, Russia, Cina, Brasile) in area archeologica. Coordinatrice organizzativa ed editoriale per la fondazione “Restoring Ancient Stabiae”.

26


Centri di Eccellenza | multiculturalità

ACCADEMIA INTERNAZIONALE DI MUSICA E ARTI DI ROMA - AIMART di Edda Silvestri

Musica, cinema, teatro e danza nel cuore di Roma

A

IMART, Accademia Internazionale di Musica e Arte, è stata fondata nel 2015 da Edda Silvestri, già Direttore del Conservatorio Santa Cecilia di Roma, e dal regista Francesco Antonio Castaldo. Lo scopo, è quello di far vivere un’Istituzione di Eccellenza nelle Arti, di largo respiro e riconosciuta internazionalmente, a Roma, capitale del Paese con il più vasto e importante Patrimonio Culturale esistente. La location privilegiata nel centro storico di Roma, le bellissime aule, ma soprattutto la guida dei docenti, artisti di chiara fama noti in tutto il mondo, creano le condizioni ideali perché un giovane possa sviluppare ed esternare il proprio talento. L’offerta formativa di AIMART si sviluppa nei settori della Musica, del Cinema, del Teatro e della Danza. Il Dipartimento Musica garantisce un’offerta formativa di altissimo livello rivolta a giovani cantanti lirici, strumentisti e compositori. AIMART ha già siglato numerosi accordi con importanti istituzioni in Italia e all’estero: con l’Istituto Statale Superiore di Studi Musicali e Coreutici “Gaetano Braga” di Teramo per il Triennio Accademico di I livello; con la Link Campus University di Roma per il Corso di Laurea in DAMS – Orientamento Musica e Musical e con la Scuola Universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano, istituto affiliato alla Scuola Universitaria Professionale della Svizzera italiana (SUPSI), per il Master of Advanced Studies SUPSI in Music Performance and Interpretation. AIMART offre inoltre i Corsi preaccademici, rivolti a ragazzi che vogliano intraprendere o approfondire lo studio del canto, della composizione o di uno strumento e garantiscono una formazione adeguata per accedere al Triennio Accademico di I livello e i Corsi di Perfezionamento, rivolti a coloro che siano già in possesso di un Diploma di Conservatorio (laurea triennale o biennio) o che vogliano perfezionare le competenze già acquisite studiando con docenti di assoluto valo-

re e di fama internazionale. AIMART inoltre organizza regolarmente Masterclass con importanti artisti per approfondire aspetti tecnici e interpretativi del repertorio. Tra le numerose iniziative promosse da AIMART spicca il progetto del Concorso Internazionale di Tromba “Girolamo Fantini” che si svolgerà a Roma nell’aprile 2017. L’idea di realizzare un Concorso di Tromba nasce quando Edda Silvestri e Giuliano Sommerhalder, uno tra i più eclettici e valenti trombettisti esistenti, si sono confrontati su una riflessione fatta da entrambi in cui hanno evidenziato che fra le più illustri Accademie Musicali del mondo, Associazioni, e Fondazioni, sono veramente rarissime le occasioni in cui si dà l’opportunità ai trombettisti di misurare il proprio talento mettendosi a confronto con altri giovani musicisti provenienti da altri Paesi. Edda Silvestri, flautista di grande talento che alla sua prima maternità decise di non suonare più in pubblico per rispettare una sua intima e segreta promessa, ha una un’innata passione per la tromba. Suo padre, Antonio, aveva iniziato lo studio di questo strumento, e pur non potendolo portare a termine perché costretto ad altro lavoro per motivi economici, ha trasmesso a Edda quelle tonalità che le sono entrate nell’anima e che le hanno fatto sentire che la tromba può arrivare al cuore di chi ascolta con la stessa intensità di una voce straordinaria che ci emoziona, e che ci riempie di purezza da provocare la commozione. Lei crede fortemente che questo strumento dall’incredibile potenziale espressivo e virtuosistico,

abbia il diritto di essere valorizzato e ottenere il riconoscimento che merita. Quale iniziativa migliore, quindi, se non costituire un Concorso Internazionale per Tromba dove possano confrontarsi e competere tra di loro musicisti di ogni nazionalità? Il Concorso mira a promuovere non solo le capacità tecniche dei candidati, ma anche la loro versatilità, dato che oggi è improbabile per molti musicisti avere successo stando a proprio agio in un unico linguaggio musicale. Ci sarà, infatti, un secondo turno dove a scelta i candida potranno dimostrare la loro abilità in diversi stili come il jazz, il folclore, l’orchestra e la musica antica. I tre vincitori si esibiranno nel concerto dei laureati che si svolgerà a Roma il 29 aprile 2017. La Giuria, di altissimo livello e composta da trombettisti di chiara fama, è presieduta da Max Sommerhalder, uno dei più apprezzati insegnanti di tromba degli ultimi decenni.

Prof. ssa Edda Silvestri ha compiuto gli studi al

Conservatorio di Napoli diplomandosi in flauto traverso. Si è perfezionata con Jean Claude Masi e Conrad Klemm. Ha studiato Composizione con il M° Mazzotta e Percussioni con il M° Bonomo. Nel 1973 vince il Primo Premio al Concorso Nazionale Musicisti di Roma. Dal 1974 è docente di flauto: ha insegnato presso i Conservatori di Campobasso e Frosinone. Dal 1990 è titolare di cattedra al Conservatorio Santa Cecilia. È stata Direttore del Conservatorio dal 2007 al 2013 27

Gennaio 2017 Nuove Proposte


multiculturalità | Sviluppo Sostenibile

SVILUPPO SOSTENIBILE QUALE PROGETTO PILOTA IN ITALIA PARTENDO DALLA FORMAZIONE di Diodora Costantini

Attenzione alla formazione tra responsabilità pubbliche e private

N

el territorio dell’Alta Irpinia, è stato realizzato uno studio del territorio analizzandone i punti di forza e di debolezza e con la partecipazione delle Amministrazioni Comunali (Sindaci in primis) e sono stati organizzati incontri e convegni per definire un generale accordo per lo sviluppo sostenibile dell’intera area Montella - Calitri, coinvolgendo 26 Comuni dell’Alta Irpinia nella Provincia di Avellino, Regione Campania (Andretta, Bagnoli Irpino, Bisaccia, Calabritto, Calitri, Conza della Campania, Caposele, Cairano, Cassano Irpino, Castelfranci, Guardia dei Lombardi, Gesualdo, Lacedonia, Lioni, Montella, Montemarano, Monteverde, Morra De Santis, Nusco, Rocca San Felice, Sant’Angelo Dei Lombardi, Sant’Andrea Di Conza, Senerchia, Teora, Torella Dei Lombardi, Villamaina) che hanno aderito all’Associazione Temporanea di Scopo (ATS) dell’Area Montella-Calitri. Dopo le analisi e confronti tra le comunità, si è convenuto che lo Sviluppo potrà realizzarsi mediante la realizzazione di Progetti ben definiti di Sviluppo Sostenibile, la cui sintetica descrizione è stata riportata di seguito, ove ciascun Progetto contribuisce ad un aspetto specifico dell’intero Sviluppo Sostenibile dell’intera Area Montella-Calitri con le seguenti finalità : • Utilizzare le strutture di proprietà pubblica inutilizzate; • Creare nuove imprese e conseguentemente nuovi posti di lavoro; • Utilizzare competenze esistenti e riattivare processi di sviluppo di prodotti e di servizi per la pubblica am-

Nuove Proposte Gennaio 2017

ministrazione; • Creare processi formativi da realizzare anche a livello internazionale al fine di creare nuova imprenditorialità e tendenti prevalentemente ad internazionalizzare le PMI del territorio; • Ottimizzare servizi a valore aggiunto per la Pubblica Amministrazione; • Valorizzare prodotti tipici territoriali; • Implementare il processo di sviluppo turistico dell’Alta Irpinia. Di seguito si riportano le principali iniziative, che sono state individuate

per la prima fase di crescita dell’Area Montella - Calitri, in fase di studio, già avviati e/o in fase esecutiva: 1. Realizzazione e gestione della “Accademia Internazionale di Formazione Imprenditoriale”, a Sant’Angelo dei Lombardi; 2. Realizzazione e gestione dell’ “Albergo Diffuso”, nei centri storici di molti Comuni: 3. Realizzazione e gestione “Incubatore Certificato d’Impresa”, nell’area industriale di Nusco; 4. Realizzazione e gestione del “Centro Studi e Ricerca per la certificazione di prodotti e territori”, nel Comune di Montella; 5. Realizzazione e gestione del Centro per un “Master Internazionale per

28

cuochi culinaria”, nel Comune di Teora; 6. Realizzazione e gestione del “Centro di Monitoraggio Ambientale”, nel Comune di Sant’Angelo dei Lombardi 7. Promozione e gestione dei vari aspetti del Turismo religioso; enogastronomico, giovanile, montano, culturale nei vari Comuni coinvolti; 8. Realizzazione e gestione dell’Artigianato con particolare attenzione al tessile e la ceramica; 9. Progetto per l’ “Opportuna integrazione culturale”; 10. Progetto per la “Formazione degli Enti Locali”; 11. Realizzazione e gestione di Efficientamento Energetico in tutti i Comuni; 12. Collaborazione con esperti della Romania per la “Ristrutturazione di Borghi Antichi per il Turismo; 13. Studio di fattibilità per la “Messa in esercizio Strutture Sportive del CONI” presenti nei Comuni; 14. Studio di Fattibilità per accordo con Polisportiva Lazio per la ricerca su Dieta Mediterranea e Sport; 15. Progetto per lo “Sviluppo dell’Accademia della Musica”. Per ciascun progetto, l’ATS ha stipulato una serie di accordi :  Accordo con l’Ateneo Università Federico II di Napoli;  Accordo con Promos Ricerche Campania, consorzio che ha maturato notevole esperienza di valorizzazione e certificazione del territorio;  Accordo con Asi Avellino che ha messo a disposizione l’immobile ex ITALGRANI per il centro servizi incubatore d’impresa;  Accordo con ItaliaCamp per la selezione di idee imprenditoriale su tutto il territorio italiano;  Accordo con Coni per intervento e il ripristino di tutte le strutture spor-


Sviluppo Sostenibile | multiculturalità tive presenti nell’area  Accordo con ENEA centro di ricerca con competenze necessarie per la gestione della scuola di formazione imprenditoriale e per ottenere rapporti lavorativi con erasmus imprenditori.  Accordo con PMI Italia International per la partecipazione delle Pmi ai progetti di sviluppo dell’area ed all’attivazione di start-up;  Formazione Imprenditoriale a livello internzionale con Accademia di Oradea (Romania) ed il relativo Incubatore di Imprese;  Accordo con l’Osservatorio della Dieta Mediterranea;  A ccordo con Università UNITELMA Sapienza, Sapienza Innovazione e Fondazione Roma La Sapienza per il Master di Formazione Impenditoriale internazionale;  Accordo con Confimprese, Confapi ed Asas (Confindustria) per accompagnamento al Master di formazione Imprenditoriale ed internazionalizzazione;  Accordo con Accademia Kronos per le tematiche ambientali;  Accordo con la Polisportiva LAZIO per amichevoli, ritiri e studio della Dieta Mediterranea nelle attività sportive – Lotta contro obesità;  Accordo con il Comune di Pollica per lo studio, la promozione e la divulgazione della Dieta Mediterranea come patrimonio immateriale Unesco; Il primo progetto avviato dall’ATS Montella Calitro è stato quello relativo alla costituzione della Fondazione IESLAB, Accademia di Formazione Imprenditoriale Internazionale che fu annunciata in data 11/09/2013 in Albena (BULGARIA), dove l’ATS Montella-Calitri presentò il progetto durante la Conferenza Internazionale “The European Entrepreneurship”. Già in quella occasione la Responsabile dei Fondi europei della Regione di Bjiorn (Romania) unitamente ad altri 14 partecipanti, che rappresentavano Polonia, Grecia, Bulgaria, Germania, Francia, Serbia, Macedonia, Belgio e Finlandia, nonché fuori dall’Unione Europea Iran e Russia, dimostrarano il loro interesse alla condivisione del progetto e la disponibilità a partecipare fattivamente alla sua realizzazione. Successivamente durante il Convegno CNR di Roma in data 28 aprile 2015, in presenza del segretario del partito di Hongzhou (Cina), del prof. Umber-

settore in cui sia possibile individuare opportunità di nuova imprenditoria e quindi di sviluppo. In particolare ritiene di grande potenzialità strategica il settore del Turismo nazionale ed internazionale, nonché i settori dell’agroalimentare, delle tecnologie avanzate, delle energie rinnovabili, dei trasporti e logistica e della valorizzazione dei beni culturali. Pertanto l’Accademia di Formazione Imprenditoriale IES.Lab – International Entrepreneurship School Laboratory – realizzata dall’ATS Montella Calitri, dal Comune di Sant’Angelo dei Lombardi, dall’Associazione Kronos, da Confimprese, dalla Fondazione Roma Sapienza e da Antonio Domenico Ialeggio intende incentivare l’offerta formativa a vantaggio di imprese Italiane ed internazionali per avviare un nuovo processo di internazionalizzazione coinvolgendo da una parte gli imprenditori che vogliono aprire all’estero una propria attività ma intendono formare anche le nuove generazioni trasferendo il proprio sapere ed insieme avviare anche un processo di conoscenza dei nuovi mercati. Le Scuole internazionali in Business Management e avviamento imprenditoriale sono particolarmente svilupL’Accademia di formazione Impren- pate negli Stati Uniti. Gradualmente ditoriale Internazionale Fondazione in Europa il fenomeno sta prendendo IES Lab Onlus promuove iniziative piede, tuttavia a parte alcuni impordi sensibilizzazione e diffusione della tanti esempi – quali la Jonkoping in cultura imprenditoriale tra post lau- Svezia, o il Laboratorio Internazionale reati; trasferisce, inoltre, tecnologie, dell’Università dell’Essex, organizzata anche mature, dai laboratori di ricerca in cooperazione con L’OECD - appare dell’Università e dei Centri Pubblici di complicato trovare realtà davvero inRicerca locali, nazionali ed internazio- novative che seguano la linea di businali, verso imprese localizzate in Italia ness cui la IES.Lab mira. e all’estero promuovendo programmi In particolare non esistono realtà indi internazionalizzazione delle impre- ternazionali di questo tipo in Italia, se mediante rapporti di collaborazio- il potenziale bacino d’utenza è perciò ne anche con i seguenti governi: Cina, molto ampio. La particolare posizione Messico, Brasile, Romania, Bulgaria, della IES.Lab fa supporre, inoltre, un Albania, Russia, nonchè tutti i Paesi vantaggio competitivo rispetto al resto dei Balcani rappresentati dalla Croazia delle realtà esistenti determinato dal maggiore appeal che il nostro Paese ed altri in corso di formalizzazione. La realizzazione della Fondazione IES. ha rispetto a Paesi del nord Europa. Lab Onlus, che ha al suo fianco l’ATS L’offerta formativa particolarmente Montella Calitri, ha consentito, uni- orientata alla pratica imprenditoriale tamente all’Accademia di Formazione fa della IES.Lab un’esperienza unica Imprenditoriale Internazionale, anche in Europa, la prima orientata alla crela costituzione dei primi incubatori azione di Imprese internazionali e sped’impresa, uno in Italia e l’altro in Cro- cificatamente dedicata al networking azia, che ospiteranno dal loro nascere come punto centrale e fondamentale le nuove aziende che si costituiranno dello sviluppo aziendale: un investialla fine del percorso formativo. mento in tale campo appare ad oggi La Fondazione IES Lab intende svol- più che opportuno. gere il suo ruolo formativo in ogni IES.Lab offrirà la possibilità ai partecito Vattani (ex-presidente ICE), Prof. Pasca di Magliano (Fondazione La Sapienza), Carmine Gelli (Presidente Confimprese NordOvest e realizzatore Parco Eccellenze in Cina), oltre ad innumerevoli ospiti e partecipanti, è stato annunciato l’accordo di collaborazione tra ATS e Municipalità di Hongzhou sui temi della formazione e dell’imprenditoria nonchè sulle tematiche ambientali, ratificando la collaborazione anche con la Cina. Il giorno 8 settembre 2015 a Salerno, si è tenuto un Convegno sulla Dieta Mediterranea dove il Presidente dell’ATS ha presentato quanto è stato fatto sino ad ora nell’ATS ed insieme al Prof. Nicoletti (Centro Studi Dieta Mediterranea), al Dott. Corrado Martinangelo (Ministero Agricoltura), al Dott. Filippo Diasco (Assessorato agricoltura regione Campania), ha annunciato l’avvio e la realizzazione degli Stati Generali sulla Dieta Mediterranea. Ulteriore accordo di collaborazione con 70 Comuni del Brasile per un processo di valorizzazione e di implementazione di attività imprenditoriali e turistiche in entrambi i paesi sottoscritto con la collaborazione dell’associazione degli imprenditori del Brasile.

29

Gennaio 2017 Nuove Proposte


multiculturalità | Sviluppo Sostenibile panti di approcciare il mondo dell’impresa attraverso un’offerta formativa che ad una base altamente qualificante di acquisizione di conoscenze delle materie rilevanti, affiancherà una consistente sezione pratica di interazione e operatività sul territorio. La formazione proposta da IES.Lab in ogni suo Corso di Studi, offrirà allo studente l’opportunità di sviluppare la propria idea imprenditoriale: l’Accademia assisterà gli aspiranti imprenditori nello sviluppo del progetto facilitando il recupero fondi per l’investimento in nuove idee e lanciando tali idee sul mercato internazionale attraverso un lavoro di partenariato che si avvarrà della collaborazione dei governi e delle autorità nazionali dei Paesi coinvolti nel progetto. Le imprese create, quelle che dimostreranno di saper portare avanti un’idea imprenditoriale affrontando il mercato nazionale ed anche quello internazionale entreranno a far parte di una rete che anno dopo anno sarà sempre più estesa pur mantenendo un alto livello di qualità della partnership. Gli obbiettivi strategici della Fondazione IESLAB sono: Promozione e sostenimento per la creazione di nuove imprese sia in Italia sia nel Paese interessato, in stretta collaborazione con un gruppo di imprese già operative, anch’esse localizzate nei due paesi partner partendo con la individuazione in primo luogo di alcune imprese italiane, ciascuna delle quali sia interessata a collegarsi con una nuova impresa nel Paese partner; contemporaneamente verranno individuate alcune imprese nel Paese partner, ciascuna delle quali sia interessata a collegarsi con una nuova impresa italiana ed effettuando la selezione dei settori industriali d’interesse per la scelta delle imprese del Paese partner e dei settori industriali d’interesse delle imprese italiane, in particolare: • agro-alimentare; • tecnologie avanzate; • energie rinnovabili; • trasporti & logistica; • turismo; • valorizzazione dei beni culturali. Sono previste 6 fasi d’azione per il progetto, suddivise in due step principali e 4 fasi sequenziali: • STEP A - Selezione di 40 imprese italiane e 40 imprese partner fortemente interessate a sostenere la creazione di una nuova impresa nell’altro

Nuove Proposte Gennaio 2017

paese in un preciso settore industriale, con cui poter collaborare; • STEP B - Lancio e sviluppo bando finalizzato all’individuazione di giovani interessati a creare una nuova impresa nel settore indicato che è collegata ad un data impresa nell’altro Paese; • Fase 1 - Formazione frontale; • Fase 2 - Stage operativo presso l’impresa referente; • Fase 3 - Sperimentazione dell’idea imprenditoriale; • Fase 4 - Sostegno organizzativo, legale e finanziario per l’avviamento di 40 Imprese, delle quali 40 in Italia e 40 nel paese partner. Il Corso è aperto ad un massimo di 80 persone - di cui 40 dal Paese partner e 40 dall’Italia - e si svolgerà nel periodo che va da maggio 2017 a gennaio 2018. • Il costo totale per le 4 fasi operative del corso è pari ad € 25.000. La quota comprende: - Iscrizione alle sezioni relative del corso di formazione e residenzialità completa; - Attività di avviamento imprenditoriale e affiancamento al management delle aziende convenzionate; - Affiancamento nella gestione pratiche relative all’azienda per un periodo di un anno dall’avviamento dell’impresa; - Un viaggio A/R verso l’impresa partner; - Affiancamento progettuale per l’acquisizione di finanziamenti orientati all’idea imprenditoriale nei canali di finanziamento regionali, nazionali e comunitari. La fondazione IESLAB grazie alla formazione ed alla successiva nascita di nuove imprese porterà i seguenti benefici: BENEFICI PER IL TERRITORIO: • Unicità del progetto a livello nazionale ed internazionale e Creazione di lavoro e ricchezza; • Raccolta e sviluppo del capitale umano;

• Creazione di un volano capace di generare investimento sul territori da parte di investitori italiani, europei o mondiali anche in misura significativa nei round successivi al primo. BENEFICI PER IL SETTORE PUBBLICO: • Political equity derivante dalla creazione di un caso di successo, primo al mondo; • Ritorno economico del capitale investito; • Sfruttamento dell’immagine delle aziende avviate dalla IESLAB per la promozione all’estero dei territori. BENEFICI PER IL SETTORE PRIVATO: • Partecipazione all’attivazione di un network di imprese in grado di generare un circolo virtuoso di cooperazione internazionale; • Moltiplicazione del singolo investimento su una serie di strutture in grado di produrre profitto moltiplicando gli utili; • Opportunità di accedere direttamente ad un bacino di aspiranti imprenditori altamente formati e qualificati per l’accesso immediato al mondo del lavoro; • Opportunità di entrare in partnership con gli altri enti finanziatori, pubblici e non, con i quali verranno regolarmente messi in campo tavoli di discussione per la definizione delle strategie d’azione della IESLAB; • Attivazione di poli di sviluppo internazionali relativi ad ambiti d’investimento innovativi; • Apertura di canali di finanziamento internazionali attraverso le partnership di progetto; • Partecipazione ad un piano promozionale completo e articolato su tutti i media di nuova generazione; • Azione di promozione sociale del proprio ente determinata dalla creazione di nuove opportunità di lavoro derivanti dalle attività formative dell’ IESLAB.

La Dott. ssa Diodora Costatnini è ideatrice e direttore generale dell’Accademia di Formazione Imprenditoriale Internazionale IESLAB. È responsabile della ricerca sviluppo ed innovazione. Amministratore Unico della Geosystem Group SRL. Membro Centri di ricerca del MIUR. È stata amministratore unico della SAB Aerospace. È rappresentante delle aziende campane in Canada. 30


Religioni e Cultura | multiculturalità

Premio delle Pontificie Accademie di Michele Marocco

Papa Francesco auspica “Scintille di bellezza” anche nelle periferie delle città

L

o scorso 6 dicembre, presso la prestigiosa Sala dei Cento Giorni, affrescata da Giorgio Vasari, nel Palazzo della Cancelleria a Roma, si è svolta la cerimonia di consegna del premio delle Pontificie Accademie, in ex aequo, a due giovani artisti. La XXI seduta comune delle Pontificie Accademie sul tema “Scintille di bellezza. Per un volto umano delle città” è stata introdotta dal Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio

Consiglio della Cultura e del Consiglio di coordinamento tra le Accademie Pontificie. Alla seduta ha partecipato il Segretario di Stato, il Cardinale Pietro Parolin, che ha letto il messaggio augurale di Papa Francesco ai premiati, al fine di incoraggiarli “alla ricerca e all’approfondimento delle tematiche fondamentali per la visione umanistica cristiana”. Il Papa si è poi congratulato, nel suo messaggio, “con i membri della Pontificia Insigne Accademia di Belle Arti e Lettere dei Virtuosi al Pantheon, la più antica istituzione accademica, sorta nel 1542” ringraziando altresì “il Prof. Pio Baldi, nuovo Presidente, per aver organizzato quest’anno la manifestazione, che propone un tema davvero suggestivo e interessante: Scintille di bellezza per un volto umano delle città.” Nel testo del messaggio, il Papa ha inserito due precisi riferimenti: il primo è quello del “discorso rivolto agli artisti, radunati nella Cappella Sistina”

dal suo predecessore Benedetto XVI, nel novembre 2009 che “invitava gli artisti ad impegnarsi per rendere sempre più umani i luoghi della convivenza sociale”. Mentre il secondo “ci rimanda all’attualità, ai progetti di riqualificazione e di rinascita delle periferie delle metropoli, delle grandi città, elaborati da tanti qualificati architetti, che propongono, appunto, “scintille” di bellezza, cioè piccoli interventi a carattere urbanistico, architettonico e artistico attraverso cui ricreare, anche nei contesti più degradati e imbruttiti, un senso di bellezza, di dignità, di decoro umano prima che urbano. Si fa, dunque, strada la convinzione che anche nelle periferie ci siano tracce di bellezza, di umanità vera, che bisogna saper cogliere e valorizzare al massimo, che vanno sostenute e incoraggiate, sviluppate e diffuse.” Il Papa poi prosegue affermando “che gli edifici sacri, a cominciare dalle nuove chiese parrocchiali, soprattutto quelle collocate in contesti periferici e degradati, si propongano, pur nella loro semplicità ed essenzialità, come oasi di bellezza, di pace, di accoglienza, favorendo davvero l’incontro con Dio e la comunione con i fratelli e le sorelle, diventando così anche punto di riferimento per la crescita integrale di tutti gli abitanti, per uno sviluppo armonico e solidale delle comunità.” “Prendersi cura delle persone, a cominciare dai più piccoli e indifesi, e dei loro legami quotidiani, significa necessariamente prendersi cura anche dell’ambiente in cui essi vivono. Piccoli gesti, semplici azioni, piccole scintille di bellezza e di carità possono risanare, “rammendare” un tessuto umano, oltre che urbanistico e ambientale, spesso lacerato e diviso, rappresentando una concreta alternativa all’indifferenza e al cinismo. Emerge, così, il compito importante e necessario degli artisti, particolarmente di quanti sono credenti e si lasciano illuminare dalla bellezza del vangelo di Cristo: creare opere d’arte che portino, proprio attraverso il linguaggio della bellezza, un segno, una scintilla di

31

speranza e di fiducia lì dove le persone sembrano arrendersi all’indifferenza e alla bruttezza. Architetti e pittori, scultori e musicisti, cineasti e letterati, fotografi e poeti, artisti di ogni disciplina, sono chiamati a far brillare la bellezza soprattutto dove l’oscurità o il grigiore domina la quotidianità; sono custodi della bellezza, annunciatori e testimoni di speranza per l’umanità, come hanno più volte ripetuto i miei Predecessori. Li invito, pertanto, ad avere cura della bellezza, e la bellezza curerà tante ferite che segnano il cuore e l’animo degli uomini e delle donne dei nostri giorni.” Il premio è stato quindi consegnato dai due porporati alla Dott.ssa Chiara Bertoglio per la sua ricerca in campo musicologico e letterario nonché per la sua attività concertistica, e al Dott. Claudio Cianfaglioni per la sua ricerca poetica e lo studio di alcune significative figure poetiche e letterarie del nostro tempo, tra cui P. David Maria Turoldo. Inoltre sono state consegnate le Medaglie del Pontificato al Dott. Michele Vannelli, maestro di cappella della Basilica di San Petronio a Bologna, e al Sig. Francesco Lorenzi, compositore e musicista, fondatore del gruppo rock The Sun. Altro significativo evento è stato offerto dalla Pontificia Accademia Cultorum Martyrum lo scorso 15 dicembre, in occasione dei consueti auguri per le festività natalizie, organizzando un concerto del Complesso Bandistico della Gendarmeria Vaticana presso la Chiesa di S. Maria in Camposanto Teutonico nella Città del Vaticano.

Cardinale Gianfranco Ravasi Gennaio 2017 Nuove Proposte


arti e culture | eventi

GLI AUSTRALIAN OPEN di tennis

band americane a Roma

di Lorenzo D’Ilario

di Cristina Monaco e Sara Candiano

ome ogni stagione, anche nel 2017 gli Australian Open accenderanno i riflettori sul grande tennis. Il prestigioso torneo si disputerà a Melbourne su venticinque campi in cemento dal 16 al 29 gennaio e vedrà la partecipazione di tutte le stelle del circuito internazionale maschile e femminile. Si tratta della prima prova stagionale valida per il Grande Slam: gli Australian Open, insieme al Roland Garros, al torneo di Wimbledon e agli U.S. Open, sono infatti il più importante torneo dell’anno, sia per quanto riguarda i premi in denaro riconosciuti che i punti assegnati per la classifica dei tennisti. In campo maschile tra i favoriti figurano il nuovo n.1 del ranking ATP Andy Murray e Novak Djokovic ma c’è grande attesa anche per il ritorno del grande Roger Federer e per le condizioni di Rafael Nadal. In campo femminile la tedesca Angelique Kerber e l’intramontabile Serena Williams sembrano un gradino sopra le altre ma la storia insegna che in Australia le sorprese sono sempre dietro l’angolo.

o scorso 30 dicembre si sono svolti una serie di concerti nella Basilica di San Giovanni Battista dei Fiorentini, organizzati dalla Destination Event, uno dei maggiori leader nel mercato della realizzazione di eventi musicali, in collaborazione con Youth Music of the World. In concomitanza con il decimo anniversario della Parata di Roma, che si svolge ogni anno il primo gennaio con la partecipazione delle più importanti marching bands, diversi gruppi statunitensi sono stati chiamati a celebrare le festività con un triplice programma di arrangiamenti musicali di carattere natalizio, sacro, popolare e jazz. A esibirsi le formazioni sinfoniche americane, universalmente riconosciute per il loro prestigio: la Woodward Academy Symphonic e la Woodward Academy Jazz Band, dirette da Kenneth F. Beard e Lauran Hunt; e la Germantown High School Band. L’evento è stato offerto gratuitamente dagli organizzatori alla Capitale.

C

Nuove Proposte Gennaio 2017

L

32


eventi | arti e culture

La “Vedova AllegrA” di Fabio Bogi

Gradito ritorno della Compagnia Italiana di Operette al Teatro Parioli

D

opo il grande consenso di pubblico per “Cin-Ci-La” della scorsa stagione, la Compagnia Italiana di Operette, nata dal genio e dalla passione di Sergio Corucci e guidata oggi dal figlio Claudio, torna a Roma, al Teatro Parioli – Peppino De Filippo, nei giorni dal 5 all’8 gennaio con la regina delle operette, quella “Vedova Allegra” (Die lustige Witwe) musicata da Franz Léhar. La trama, conosciutissima, si svolge a Parigi: la giovane e ricchissima vedova Hanna Glavary deve a tutti i costi risposarsi con un compatriota per non far uscire il suo capitale dal Pontevedro; in questo caso, per la “Cara Patria”, sarebbe la rovina economica. Il Barone Zeta, ambasciatore del Pontevedro nella Città Lumière, coadiuvato dal cancelliere Niegus, tenta di convincere il Conte Danilo, segretario all’Ambascia-

ta di Parigi che in passato ha avuto una storia d’amore con Hanna, a sposare la ricca vedova. Frattanto nasce la tresca d’amore fra Valencienne, moglie del barone Zeta, e il diplomatico francese Camille de Rossillon; durante un ballo in casa Glavary, i due si appartano nel padiglione e stanno per essere scoperti

dal barone quando Niegus riesce a far uscire Valencienne, sostituendola con Hanna. Quest’ultima, per salvare le apparenze, dichiara che intende sposare Camille. Danilo, furioso, abbandona la festa. Tutto sembra perduto, ma Han-

33

na spiega a Danilo l’equivoco e questo, pure se “a volte le labbra si rifiutano di pronunciare certe parole… anche se il cuore lo desidera”, confessa finalmente il suo amore e viene annunciato il matrimonio fra i due. La regia di Flavio Trevisan, la direzione musicale del M° Maurizio Bogliolo, le coreografie di Monica Emmi e i bravissimi interpreti della Compagnia Italiana di Operette sono solide garanzie per uno spettacolo di altissimo livello.

Gennaio 2017 Nuove Proposte


arti e culture | a tu per tu

A TU PER TU CON ANDREA DE ROSA di Andrea Vitale

Dal 13 febbraio in scena con una nuova commedia autobiografica

C

onosciuto dal grande pubblico con “Notte prima degli esami”, Andrea De Rosa, attore e sceneggiatore romano, inizia la sua carriera artistica alla giovanissima età di 17 anni frequentando i primi corsi di recitazione. Ma è grazie ad Antonello Liegi che inizia ad andare in scena in vari locali e teatri off di Roma aprendo gli spettacoli di vari attori noti. Ora lo rivedremo il 13 febbraio prossimo sul palco della Sala Umberto insieme a Lucia Rossi (Distretto di Polizia 8 e R.I.S. Roma 2 e 3) con “Psicomico Revolution”. Raccontaci di questa nuova commedia da te scritta e diretta. Lo spettacolo racconta di un attore comico che si metterà a confronto con Lucia, una psicoterapeuta depressa a causa del recente divorzio dopo sette anni di matrimonio, che quindi sente su di sè la frustrazione del fallimento del proprio matrimonio. Anche se contro voglia si trova a dover psicanalizzare un nuovo paziente che è Andrea, cioè io, un attore comico deluso dal suo paese e incazzato col suo lavoro, che ha già fatto il biglietto per Londra. Andrea non ha nessuna intenzione di avviare un percorso di psicoterapia, vuole solo sfogarsi di tutto ciò che lo circonda e che non riconosce più. Nonostante Lucia inizialmente sia contraria a questa impostazione, finge di assecondarlo e quindi lo fa sfogare a partire dalle contraddizioni della sua città: mastodontica e allo stesso tempo difficile come Roma.

Nuove Proposte Gennaio 2017

Parlerà di social network, programmi tv, pubblicità e tutto ciò che ha creato mode cambiando il pensiero delle ultime generazioni. Appena Andrea nomina la parola “Rivoluzione” Lucia ha l’escamotage per farlo parlare di se stesso ma, psicoanalizzandolo, si rende conto che sta cominciando a dare anche a se stessa delle risposte. Quello che rivoluzionerà tutto è un’informazione che è stata omessa e che potrebbe rimettere tutto in discussione. E qui mi fermo… Il protagonista è “deluso dal suo paese e incazzato col suo lavoro”. Ti rispecchi in questa affermazione? In parte sì, ovviamente lo spettacolo non è tutto autobiografico ma parto sempre da qualcosa di mio. Anche se per ora non ho nessuna intenzione di lasciare l’Italia mi sono messo nei miei panni nei momenti in cui c’è poco lavoro o aspetto la famosa “telefonata”, come succede a molti miei amici e colleghi che sono già partiti o stanno per partire. Questo spettacolo vuole anche

34

dare delle risposte a queste persone ma non vi dico quale sarà la risposta, che ovviamente rispecchia il mio punto di vista. Poi ognuno da questa storia sceglie cosa lo può rappresentare di più facendo anche lavori diversi dal mio. Tornando alla tua carriera hai fatto cinema, tv e oltre al teatro hai scritto anche un libro. Quale preferisci? Come attore tendo a premiare il progetto quindi è il testo e il personaggio che preferisco. Ma dovendo scegliere prediligo il cinema che mi consente di fuggire dalla realtà. Allo stesso tempo ritengo il teatro indispensabile in quanto mi serve come termometro per capire come cambio io e come cambia quello che mi sta intorno. Mentre la tv generalista non mi ha fatto mai impazzire, oggi grazie a Sky e Netflix ci sono prodotti più competitivi a livello qualitativo e con idee più originali. Hai partecipato anche a due importanti web series. Qual è la forza di questo nuovo modo di fare tv? Il web è lo strumento più democratico in assoluto e questo è il suo punto di forza. Ciò permette a chiunque di esprimersi artisticamente e questo è anche il suo punto debole perché così diventa la piattaforma più dispersiva. Per distinguersi bisogna perciò offrire prodotti molto qualitativi, competitivi e originali. Quali sono i tuo progetti futuri? Con il nuovo anno uscirà un mio film dal titolo “Maremmamara” di Lorenzo Renzi. Poi uscirà “6ix”, una mini serie web horror in 6 episodi. Farò anche altre date di questo spettacolo.


mostre | arti e culture

Alle Scuderie del Quirinale “Il Museo universale” di Diletta Murgia

Una mostra per rievocare il rientro dei capolavori italiani dalla Francia

D

al 16 dicembre 2016 al 12 marzo 2017 le Scuderie del Quirinale ospiteranno “Il Museo universale. Dal sogno di Napoleone a Canova”, un’esposizione dal forte valore storico-artistico che vede nella celebrazione di un importante momento della storia italiana il suo obiettivo primario. Ricorrono infatti i 200 anni dal

rientro a Roma delle opere artistiche e archeologiche requisite da Napoleone allo Stato Pontificio: al fine di celebrare questa ricorrenza, le settecentesche sale del museo saranno adornate da alcuni dei capolavori inestimabili riportati in patria. Risale infatti al 1816 il rimpatrio delle opere confiscate dai napoleonici e il recupero di molti degli oltre 500 dipinti che nel corso delle campagne militari francesi sono stati prelevati dai territori italiani, inviati a Parigi e selezionati per essere esposti nel nascente Museo del Louvre. La fortuna di quest’ultimo come museo universale e la demanializzazione di una

massa di opere d’arte accumulatesi in depositi improvvisati ha alimentato in Italia un dibattito sul valore pubblico del patrimonio artistico, favorendo l’apertura di musei come la Pinacoteca di Brera, le Gallerie dell’Accademia di Venezia o la Pinacoteca di Bologna. L’interesse della mostra è dunque quello di ripercorrere le tappe della vicenda storica, ma soprattutto quello di restituire una lettura critica per sensibilizzare oggi il pubblico al valore che ha assunto allora il patrimonio culturale nazionale, visto come strumento di educazione del cittadino e, insieme, perno di un’identità europea.

IL FENOMENO DELLE SNEAKERS

S

ono sempre di più gli amanti delle sneakers, dello stile streetwear e i loro luoghi di ritrovo: un fenomeno sociale che non può passare inosservato poiché interessa sì i giovani, ma sta diventando sempre di più intergenerazionale e soprattutto interclassista. Ciò che emerge in questa moda “autentica” è che quello che piace e che è comodo lo si indossa, senza però mai trascurare il trend del momento e ciò che è fashion! Tra i tanti negozi che rispecchiano questa moda contemporanea si è da poco inaugurato “Holypop Woman”, punto vendita dedicato soprattutto al mondo femminile in cui trovare gli accessori più svariati, sfiziosi e golosi. Al Christmas Party, organizzato dalla sociologa ed ex volto Rai Deborah Bettega, oltre a tantissimi appassionati del genere, sono intervenuti parecchi personaggi, tra questi lo sceneggiatore e produttore Enrico Vanzina, il regista Ruggero Deodato ma anche attori come Brando Giorgi, Fabrizio Bucci, Blas Roca Rey, Raffaello Balzo, Anthony Peth, Vincenzo Soriano, il top model Roger Garth, lo sportivo Stefano Pantano e il conduttore radiofonico Bibi Gismondi. Riguardo il mondo femminile c’erano attrici che possiamo ammirare ora sugli schermi cinematografici come Barbara Tabita e televisive come Veronica Logan, Fanny Cadeo, Annalisa Aglioti, Roberta Beta, Janet De Nardis, Daniela Martani, la giornalista Rai Antonietta Di Vizia, Antonella Salvucci, Claudia Cavalcanti, ecc. Andrea Vitale

35

Gennaio 2017 Nuove Proposte


arti e culture | libri

“L’IMMORTALE” DI E. KOVALIVKER di Alessandra Tucciarone

Il primo romanzo dello scrittore argentino tradotto da Maria Cristina Fraddosio

G

ià un anno fa “Nuove Proposte” ha presentato “Ricordi e dissensi”, una delle due raccolte poetiche dello scrittore argentino Eduardo Kovalivker uscite in Italia, incontrando per l’occasione la traduttrice Maria Cristina Fraddosio. Dopo il riscontro positivo delle raccolte in versi, è uscita in Italia anche un’opera in prosa, “L’Immortale”, romanzo edito a luglio 2016 da Wip Edizioni. “Un libro diverso, una storia diversa… con un autore diverso”. Così Eduardo Luis Feher, Presidente dell’Accademia di Letteratura dell’Istituto Messicano di Cultura, ha definito l’opera mettendo subito in evidenza il suo carattere eccezionale: iniziare a leggerla equivale per il lettore ad entrare in una macchina del tempo per intraprendere un viaggio a tratti onirico e a tratti realistico, tra realtà e fantasia. La straordinarietà della trama non è data solo dall’immortalità del protagonista, così come già suggerisce il titolo italiano, ma soprattutto dal percorso che egli compie superando i limiti di tutte le epoche e di tutte le latitudini. Ciò è possibile perché questo personaggio è chiamato a svolgere un compito molto importante, quello di realizzare il sogno di risurrezione delle civiltà precolombiane, una mis-

sione che in sé richiama la dimensione primordiale dell’umanità e insieme le responsabilità insite nella storia e nella cultura occidentale. Seguire pagina dopo pagina gli spostamenti e gli incontri del protagonista equivale per il lettore ad avere un mappamondo tra le mani e a sfogliare un libro di storia, poiché si passa tra luoghi diversissimi, toccando un ventaglio di paesaggi e culture estremamente variegato, e allo stesso tempo si scivola da un’epoca all’altra. Questo personaggio nella sua straordinarietà conserva comunque i suoi tratti più umani, soprattutto quando prova la tentazione della stabilità, e quando mostra i sentimenti più comuni come la passione, la rabbia, la commozione, la sofferenza. La sua anima trascende i confini della sua individualità per sentirsi parte di un tempo eterno e universale, un legame in cui ognuno di noi può riconoscersi. L’immortalità è sempre stata un desiderio dell’uomo, soprattutto immaginando la possibilità di essere testimoni di epoche e avvenimenti diversi. Kovalivker, grazie alla sua vena creativa, re-

alizza questo sogno, dando al lettore la possibilità di tuffarsi nelle civiltà orientali, per passare alla Francia Bohemien, fino all’istituzione dei totalitarismi del Novecento, incontrando straordinarie figure storiche e artistiche che fanno parte della storia della civiltà. In effetti è proprio questa la straordinarietà della letteratura, quella di tenere insieme la memoria collettiva dell’umanità, che va ben oltre i limiti temporali e spaziali. Kovalivker in questo romanzo ci riesce benissimo.

LA NUOVA VIA DELLA SETA

R

esterà aperta fino al 26 febbraio la mostra “Dall’antica alla nuova via della seta”. L’espressione “Via della seta”si deve al geografo tedesco Ferdinand von Richthofen, che la usò nel 1877 per definire il tragitto che affrontavano le carovane per raggiungere dall’Oriente le sponde del Mediterraneo. Questo lungo percorso ha permesso nei secoli di arricchire i contatti tra le popolazioni orientali e il mondo occidentale, grazie agli scambi di merci, tecniche e informazioni di ogni genere. L’esposizione si articola attraverso 80 capolavori antichi, provenienti da importanti istituzioni archivistiche, bibliotecarie e museali europee e italiane, unita a una ventina di opere provenienti dalla Cina, realizzate da grandi artisti cinesi contemporanei. Tra gli oggetti presenti si possono ammirare sete, ceramiche, pietre, nonché metalli preziosi, uniti alle mappe, storico esempio con cui i cartografi dell’antichità rappresentavano il mondo a loro noto. La mostra è curata da Louis Godart, consulente del Presidente della Repubblica per le iniziative culturali ed espositive, David Gosset, fondatore del Forum Europa-Cina e Maurizio Scarpari, sinologo delle Università Ca’ Foscari di Venezia e Kore di Ennas. Alessandra Broglia

Nuove Proposte Gennaio 2017

36


curiosità | arti e culture

AFFABILI STELLE

Pompei per tutti

ccanto ad un percorso culturale e professionale tecnico-scientifico, il prof. Natino Lucente, laureato in Ingegneria industriale elettronica e docente negli Istituti tecnici superiori, ha rivelato il suo profondo animo sensibile e poetico in una raccolta di versi dal titolo “Affabili Stelle”. Il prof. Natino Lucente, oltre ad aver svolto la professione specifica di ingegnere, si è dedicato con professionalità ed attitudine all’insegnamento scolastico; è stato preside e ispettore tecnico presso il Ministero della P. I., attualmente è in pensione. Le sue poesie rappresentano, oltre alle numerose e interessanti opere scritte, l’interiorità più profonda e sottile del suo animo sensibile e generoso. Egli vive, palpita e sogna, insieme agli stessi personaggi da lui creati, i momenti più intimi ed interiori della sua esistenza quotidiana con pura espressività e corposità di linguaggio, fino a raggiungere una dolce ed elevata poeticità, in un realismo pieno di colori e di fantasia, ispirando sentimenti di serena fiducia, confidente amicizia e rinnovata spiritualità.

ompei supera le sue naturali barriere architettoniche e si rende accessibile: di recente infatti è stato inaugurato “Pompei per tutti”, un itinerario di visita privo di ostacoli architettonici che per la prima volta offre ai disabili la possibilità di visitare agevolmente l’area archeologica campana. Componendosi di circa 3 chilometri e affermandosi come il più grande cammino facilitato di visita ad un sito in Italia, il percorso risponde ad esigenze specifiche sia delle persone con difficoltà motoria che dell’ambiente, semplificando l’accesso anche a genitori con passeggini e anziani. Snodandosi dall’ingresso di Piazza Anfiteatro a Porta Marina, l’itinerario si compone di rampe metalliche e passerelle di legno, coprendo un’area molto significativa degli scavi: dalla quasi totalità di Via dell’Abbondanza al Foro, passando per molte delle più importanti domus e per gli impianti termali.

di Angela Abozzi

di Diletta Murgia

A

P

37

Gennaio 2017 Nuove Proposte


arti e culture | a tu per tu

FRANCHINA CASELLA: L’ESSENZA DI UN’ARTE CHE VIENE DALL’ANIMA di Alessandra Broglia

A tu per tu con un’artista che trae ispirazione anche dai temi sociali

A

bbiamo incontrato Franchina Casella, una donna che sa raccontarsi già dal suo sguardo intenso. Quando si esprime intesse con la sua semplicità parole che si accompagnano con i colori e i soggetti delle sue opere, frutto della sua naturale predisposizione verso la pittura. Il suo mondo, oggi apparentemente distante tenta con successo di combattere i capricci delle mode del momento. È nata a Roma, anche se di origini spagnole per parte materna, dove vive e lavora. La tua pittura si basa anche su tecniche che con il tempo hai anche creato da sola? Con il tempo ho affinato il modo di dipingere, grazie alle mie esperienze personali, nonché con piccoli segreti, ma soprattutto mi sento molto responsabile sul colore, che ritengo la cosa più bella, perché vado a scavarlo, per ricavarlo come desidero. Come nasce la scelta dei soggetti? La scelta dei soggetti è insita nella mia anima, e iniziò con la natura e l’amore che si sa esprimere in tutte le sue emozioni, tra la “flora e la fauna”, con quell’armonia che si crea tra gli uomini, la natura e gli animali.

Colori puri: una purezza che vuole essere un monito per chi ammira le tue opere? Sì, sicuramente, per me la purezza è di base, è anima, nella sua complessità. Le tue ultime opere, dedicate alla violenza, con prevalenza del colore rosso e la parola “Basta”, vuoi descriverle? Ho voluto usare il simbolo delle scarpe femminili, poi dell’infanzia e infine maschili, con questa parola. Un punto fermo per non far succedere più questo scempio di violenza, verso il genere umano. Inoltre anche noi dobbiamo mantenere la nostra fanciullezza, perché in questo modo riusciamo a stare bene con i bambini, rispettando la loro purezza. Con la specializzazione e abilitazione di insegnante educatrice,

nonché il ruolo di moglie e madre di due figli, ho cercato spesso di far emergere il meglio di loro, anche attraverso il dialogo con i loro genitori. Nell’ultimo dipinto ho voluto esprimere la violenza che anche avviene verso il genere maschile. Una violenza più psicologica, di cui si parla troppo poco, spesso molto taciuta e che rimane silenziosa. Programmi futuri? La mia linfa di vita è l’arte, e la fortuna di potermi dedicare a questo mondo, senza scendere a compromessi pecuniari, la considero un grande dono. Dare la mia anima all’arte, dipingendo i temi più congeniali è un grande privilegio, anche se comprendo che per vivere molti artisti non sempre hanno libertà di scelta.

The Art of the Brick, il ritorno dei Lego

D

opo l’enorme successo ottenuto lo scorso anno nelle sale dello Spazio Eventi Tirso, a grande richiesta torna all’Auditorium Parco della Musica di Roma “The Art of the Brick”, l’esposizione che fino al 26 febbraio 2016 ospiterà le opere realizzate con i Lego dall’artista statunitense Nathan Sawaya. Una mostra che la CNN ha proclamato come una delle dieci da vedere al mondo e che ha già conquistato il globo: da New York a Los Angeles, da Melbourne a Shanghai, da Londra a Singapore. Di dimensioni importanti, le opere esposte spaziano dalla figura umana “semplice” a quella rivisitata nell’arte come la riproduzione della “Gioconda” di Leonardo Da Vinci, “La ragazza con l’orecchino di perla” di Jan Vermeer e “L’Urlo” di Edvard Munch. Inoltre non mancheranno anche raffigurazioni della Cappella Sistina e della “Notte Stellata” di Van Gogh, accanto ad installazioni sorprendentemente imponenti come lo scheletro di T-Rex, realizzato con oltre 80.000 mattoncini. Diletta Murgia

Nuove Proposte Gennaio 2017

38


eventi | arti e culture

RIAPERTO IL BRACCIO NUOVO

LA NUOVA OFFICINA PASOLINI

di Andrea Vitale

di Alessandra Broglia

C

U

apolavoro assoluto dell’arte neoclassica, il Braccio Nuovo dei Musei Vaticani torna a splendere della luce palpitante del Canova, dopo un intervento di restauro avviato nel 2009 che ha riguardato sculture, mosaici, pavimentali, stucchi, superfici dipinte e la struttura architettonica. Un progetto di recupero interdisciplinare, che ha toccato tutti gli aspetti di questo magnifico luogo espositivo, voluto da Pio VII per ospitare la statuaria antica, requisita durante le campagne napoleoniche e quindi restituita dai francesi nel 1816. Tutte le 140 statue conservate nel Braccio Nuovo sono state studiate e decifrate, ha precisato il direttore del Reparto Antichità Greche e Romane, Giandomenico Spinola, e ognuna di esse ha rivelato una storia complessa, in grado di dare valore anche alle opere considerate minori. Come il busto di Cesare, che ha fatto scoprire l’antica consuetudine di trasformare le sembianze di anziani defunti, immortalati nei rilievi funerari, nell’immagine domestica del Dittatore.

na vera e propria officina delle professioni artistiche che rinasce in una nuova sede, nel complesso residenziale Ex Civis, nelle vicinanze della Farnesina. Nata tre anni fa, non a caso accosta il nome del grande artista, con lo scopo e lo spirito della valorizzazione delle discipline artistiche, tra sviluppo e ricerca continua, esaltando le singole specificità. In questi spazi, ristrutturati per ospitare circa 75 allievi, si svolgeranno le attività didattiche e formative, articolate tra canzone, teatro e multimedialità, rispettivamente coordinate da Tosca, Massimo Venturiello e Simona Banchi. Tra gli spazi si articolano una sala teatro da 200 posti, già intitolata a Eduardo De Filippo, una sala canzone, nonché due studi di registrazione, una sala multimediale, un teatro di posa con annessa sala per riprese video, una palestra e un’area esterna con zona verde, utilizzabile per attività all’aperto. Questo progetto si prefigge lo scopo di formare figure artistiche qualificate, creando occasioni di sperimentazione ed esibizione in contesti professionali, integrati tra incontri e masterclass con artisti e professionisti affermati.

39

Gennaio 2017 Nuove Proposte


arti e culture | eventi

“Arte & Musica” nel I Municipio di Cristina Monaco

L’evento ha riunito tanti personaggi illustri per un augurio di buone feste

S

i è svolto il 21 dicembre scorso l’evento prenatalizio “Arte & Musica” organizzato dall’Hair Stylist internazionale e parrucchiere delle star Michele Spanò, in via dei Greci, nel cuore della Capitale. Condotta dalla giornalista Paola Zanoni, la splendida iniziativa ha avuto

come filo conduttore un tappeto rosso, dove hanno sfilato le modelle della giovane stilista Giacinta Ruspoli, che dalla strada portava poi al raffinato negozio di borse VBH, ad AMI’ di Francesca Amicucci con i suoi cosmeceutici fino ad arrivare ai preziosi gioielli di Angelina Roma, il tutto accompagnato dalla musica live della Show Eventi Roma di Alfonso Stagno.

Nuove Proposte Gennaio 2017

40

Ospite d’eccezione Laura Freddi che, insieme a Matteo Costantini, vice presidente del I Municipio, ha avuto l’onore di tagliare il nastro rosso apposto sulla via per augurare buone feste. Tantissimi i personaggi di spicco presenti all’evento, provenienti dal mondo dello spettacolo, della cultura e della società: lo stilista Mario Orfei, l’On. Antonio Paris, Carmen di Pietro, l’ex Miss Italia Nadia Bengala, la giornalista conduttrice Katia Noventa, Maria Sorrento, la sociologa Irene Bozzi, l’imprenditore Alessandro Severo Stocchi, la Miss intimo Eleonora de Felicis, Marco Galli, da Uomini e Donne Antonio Jorio, il principe Guglielmo Giovannelli Marconi, l’attore Marco Petrillo, l’avv. Leo Maria Galati, la modella Andree Duma, la pittrice Ester Campese, il dott. Alfonso Spezzano, Riccardo Bramante, l’organizzatore di eventi Emilio Sturla Furnò.


eventi | arti e culture

Luca Barbareschi, Direttore artistico dell’anno trascorso! di Giulio Bussinello

Conferito il premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito 2016”

È

stata ufficializzata nella conferenza stampa svoltasi all’Ordine dei Giornalisti della Campania, l’assegnazione del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito 2016” a Luca Barbareschi per la categoria “Direttore artistico dell’anno”, per il proficuo impegno al Teatro Eliseo di Roma, che egli dirige dal 2015 e sul quale l’attore, regista e produttore ha investito molte risorse economiche oltre che artistiche e professionali. Un bel riconoscimento che coincide con i sessant’anni di vita dell’attore, da sempre impegnato in diverse sfide anche sociali, e con l’avvio della Grande Stagione del Teatro di Via Nazionale, caratterizzata da una ricca proposta che tende ad offrire l’immagine del teatro come luogo vitale abbraccian-

do prosa, musica, cinema, letteratura, arte, scienza ed economia. Dichiara Luca Barbareschi, “La Campania, col suo splendido territorio, ci è inoltre particolarmente cara, e ci sta a cuore la sua valorizzazione. Lo dimostra anche la scelta di un at-

41

tuale progetto in lavorazione, il film per la tv “In punta di piedi”, con la regia di Alessandro D’Alatri, le cui riprese sono cominciate proprio lo scorso 15 ottobre tra Napoli e Castel Volturno. Dal film emerge il senso di riscatto, la possibilità di scegliere un’altra vita, un’alternativa alla delinquenza. Alternativa realmente possibile, come ben sa anche Vincenzo De Luca, uomo che stimo molto e che sta giocando un ruolo importante nel rilanciare una regione con una grande storia, potenzialità, creatività e futuro”. Insieme con Barbareschi, nella stessa cerimonia, sono stati anche premiati i giornalisti Tony Capuozzo e Klaus Davi, la cantautrice Claudia Megrè, l’ex rappresentante dell’Italia a Miss Mondo Valeria Altobelli, il giovane attore Vincenzo Bocciarelli, l’artista cross over internazionale Piero Mazzocchetti, i protagonisti dello stupendo spettacolo “D’Annunzio segreto”, Edoardo Sylos Labini e Giorgia Sinicorni.

Gennaio 2017 Nuove Proposte


arti e culture | musica

La grande tradizione musicale al teatro Argentina di Iwona Grzesiukiewicz

Il programma accademico della Filarmonica Romana fino ad aprile 2017

I

l Teatro Argentina di Roma, costruito all’origine in legno a parte le mura e le scale in muratura, con la sala progettata a forma di ferro di cavallo per meglio soddisfare le necessità acustiche e visive dall’architetto Theodoli, venne inaugurato il 31 gennaio 1732 con la rappresentazione dell’opera Berenice di Domenico Sarro, ma la più conosciuta rimane quella del “Barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini del febbraio 1816. All’interno della struttura è presente un Museo Storico del Teatro che merita essere visitato. Ancora oggi è la sede privilegiata per la messa in scena di grandi opere di prosa e musica. Infatti anche quest’anno l’Accademia Filarmonica Romana presenterà, in

Nuove Proposte Gennaio 2017

una serie di nuovi concerti, interpreti di indubbio valore secondo il seguente programma. 26/1 M° U. Ughi (violino, graditissima e costante autorevole presenza nella Città Eterna), M. Grisanti (piano); musiche di Vitali, Brahms, Prokof’ev, Wienawski. 2/2 P. De Maria (piano), A. Bocini (c.basso), Quartetto d’Archi Bennewitz; musiche di Schubert. 9/2 A. Kirchschlager (m.soprano), J. Drake (piano); musiche di Schumann. 16/2 L. Sanzò (violino), A. De Luca (piano), A. Di Mario (tromba), Solisti Aquilani; musiche di Cardi, Šostakovič, Čajkovskij. 23/2 D. Mields (soprano), Lautten Compagney; musiche di Purcell. 2/3 M. Maisky (v.cello); musiche di Bach. 18/3 S. Cappelletto (voce narr.) A. Lucchesini (piano); musiche di Schubert. 30/3 S. Angebault (soprano), A. Pichanick (m.soprano), F. D’Orazio (violino), Ensemble L’Astrée; musiche di Vivaldi. 6/4 E. Gatti (violino), R. Alessandrini

42

(clav.lo); musiche di Bach. Un nutrito programma per le orecchie più esigenti.


cinema | arti e culture

01

Gennaio

U

Gennaio

12

Gennaio

19

Gennaio

26

Gennaio

Gennaio

a cura di Sara Candiano

In arrivo l’attesissimo Assassin’s Creed, ispirato all’omonimo videogioco

04

26

NUOVE PROPOSTE... AL CINEMA

na commedia all’italiana inaugura il nuovo anno. Mister Felicità, il film del comico Alessandro Siani, dal primo gennaio nei cinema. Il protagonista, Martino, è un uomo fannullone che si ritrova costretto a lavorare per pagare le cure della sorella affetta da una grave malattia. Ingaggiato come uomo delle pulizie per un mental coach specializzato nell’infondere pensieri positivi nelle persone, Martino approfitta dell’assenza del dottore per prendere il suo posto. Si ritroverà faccia a faccia con la campionessa del pattinaggio Arianna Croft che, in seguito a una brutta caduta, ha perso completamente la fiducia in se stessa. Suo compito sarà quello di risvegliare la passione della campionessa e riportarla ancora una volta in pista. Assassin’s Creed di Justin Kurzel, dal 4 gennaio nelle sale. Ispirato al libro e al famosissimo videogame, il film racconta le avventure di Callum Lynch che, grazie a tecnologie di nuova generazione, tornerà indietro nel tempo per vestire i panni di un suo discendente. Grazie alle abilità che acquisirà all’interno della società segreta degli Assassini, il protagonista riuscirà a sfidare un’organizzazione criminale nel mondo reale. Nello stesso giorno Sing per la regia di Garth Jennings. Il koala Buster Moon si è innamorato del teatro all’età di sei anni e al teatro ha dedicato la sua vita. Ha anche accumulato una discreta serie di fiaschi e di debiti e ora è ricercato dalla banca a cui ha chiesto un prestito e dai macchinisti che reclamano lo stipendio. Come salvare capra e cavoli? Buster ha un’idea geniale: un talent show. Apre quindi le porte del suo teatro ad una lunga fila di aspiranti cantanti e performer e sceglie i suoi gioielli: Rosita, maialina madre di 25 figli piccoli, Mike, topino vanitoso e vocalist d’eccezione, Ash, porcospina dal cuore rock e Johnny, scimmione dall’animo blues. Ci sarebbe anche Meena,

43

elefantina portentosa, apparentemente troppo timida per esibirsi in pubblico... Dal 12 gennaio, Allied - Un’Ombra Nascosta, di Robert Zemeckis. La storia, ambientata durante la seconda guerra mondiale, si snoda attorno ai due protagonisti interpretati da Brad Pitt e Marion Cotillard. Lui, spia franco-cadanese, scoprirà che con molta probabilità la moglie è una spia nazista e comincerà ad indagare sul suo conto per scoprire la verità. XXX: Il Ritorno di Xander Cage, di D. J. Caruso, dal 19 gennaio al cinema. L’ex atleta e agente governativo Xander Cage tornerà in pista per combattere contro il guerriero Xiang e il suo seguito. In questa lotta mortale, il protagonista si ritroverà coinvolto in un complotto che minaccia i potenti che si trovano al governo. Nello stesso giorno Arrival, di Denis Villenueve. La linguista Louise Banks verrà contattata dai potenti degli Stati Uniti per interpretare le intenzioni degli alieni che minacciano la Terra. Split, di M. Night Shyamalan, dal 26 gennaio nelle sale italiane. Il protagonista è un ragazzo che dimostra di possedere 23 diverse personalità. In seguito al rapimento di tre ragazze adolescenti, comincerà una lotta intestina all’interno della mente del ragazzo e una fisica, per la sopravvivenza, tra le giovani rapite. Fallen, di Scott Hicks, nelle sale lo stesso giorno. Il film è tratto dal primo volume della celeberrima saga per ragazzi di Lauren Kate. La protagonista, Lucinda Price, si ritrova all’interno di un riformatorio in cui incontra due coetanei a cui si sente inspiegabilmente legata. Tra passioni e segreti oscuri, Lucinda dovrà decidere e schierarsi dalla parte del bene o del male, in una lotta senza confini e senza tempo. Sempre nella stessa data Proprio Lui?, di John Hamburg. La storia di un padre che entra in competizione con il ricchissimo fidanzato della figlia che, nonostante la fama acquisita in Internet e la bellezza che lo contraddistinguono, dimostra di avere un atteggiamento che va contro ogni principio morale.

Gennaio 2017 Nuove Proposte


modi e mode | tendenze

DISPLAY LCD, UNA IL NUOVO ANNO PELLE HI-TECH con AltaRoma di Paolo Sabatini

di Cristina Monaco

Dall’impiego di cristalli liquidi artificiali, la cute si presta allo sviluppo tecnologico

La fiera dell’alta moda inaugura il nuovo anno tra tradizione e sperimentazione

L

’evoluzione tecnologica non conosce confini. Un recente studio presentato su Nature Communications e realizzato da un gruppo di ricercatori internazionali, alcuni dei quali appartenenti anche all’Università de La Sapienza di Roma, è pronto a dar forma ad una pelle hi-tech. Dall’applicazione sulla cute di cristalli liquidi, ricavati disegnando delle sequenze di Dna artificiale, sarà presto possibile applicare display lcd direttamente sul proprio corpo, sfruttando quest’ultimo come hardware per la recezione di notizie in tempo reale, o come elemento per la visualizzazione di file video. Più nello specifico, verrà offerta la possibilità di applicare sulla pelle delle nanoparticelle biocompatibili con l’organismo, e dunque in alcun modo dannose per l’individuo, al fine di sfruttare l’epidermide come strumento multimediale. Tra gli impieghi più appariscenti, anche la possibilità di dar vita a tatuaggi animati e colorati ricavati dagli inchiostri liquido-cristallini del materiale elaborato.

A

ltaRoma, la più famosa kermesse capitolina dedicata alla moda, torna in pole position con il nuovo anno. Dal 27 al 29 gennaio si susseguiranno sfilate, esposizioni e progetti culturali che animeranno Roma tra tradizione couture e innovazione. Si conferma come trampolino di lancio per i giovani volenterosi di entrare nel mondo della moda grazie a “Who is on next?”, un vero e proprio progetto di scouting in collaborazione con Vogue Italia. Obiettivo quello di ricercare e promuovere giovani talenti creativi del panorama nazionale, che già vantano di una loro collezione Made in Italy. Spazio anche all’haute couture e a esposizioni per la valorizzazione del savoir faire artigiano. Tramite il sito ufficiale è possibile visionare le modalità di partecipazione sia per i nuovi talenti, che per le Maison di alta moda. Inoltre è possibile richiedere la partecipazione a mostre, esposizioni, fashion show ed eventi in città durante la kermesse, il tutto entro e non oltre il 20 gennaio.

la nuova nudità di Lindbergh

“S

pogliando l’anima, i soggetti diventano più nudi del nudo”. È così che il fotografo tedesco Peter Lindbergh ha cambiato i canoni della bellezza, affidando al Calendario Pirelli 2017 il compito di esaltare l’individualità, il coraggio di essere se stesse e la sensibilità delle donne. L’obiettivo primario era quello di ritrarre le donne in maniera diversa, liberandole dall’idea di eterna giovinezza e perfezione, che va ricercata piuttosto nella bellezza dell’anima. Il cast è prettamente hollywoodiano, segno dell’amore di Lindbergh per il cinema: Jessica Chastain, Penelope Cruz, Nicole Kidman, Rooney Mara, Helen Mirren, Julianne Moore, Lupita Nyong’o, Charlotte Rampling, Lea Seydoux, Uma Thurman, Alicia Vikander, Kate Winslet, Robin Wright, Zhang Ziyi. A queste si affianca Anastasia Ignatova, docente di Teoria Politica presso la State University di Mosca. Gli scatti sono stati realizzati in cinque diverse location: Berlino, Los Angeles, New York, Londra e la spiaggia francese di Le Touquet. Lorenzo D’Ilario

Nuove Proposte Gennaio 2017

44


fuoriporta | assaggi & paesaggi

A caccia di neve vicino Roma di Diletta Murgia

Una passeggiata attraverso le principali mete sciistiche del Lazio

Q

uando si pensa alla neve durante il periodo invernale l’immaginazione vola immediatamente alle bianche vette di Cortina d’Ampezzo, alle distese della Val di Fassa o alle celeberrime piste di Livigno: ci si dimentica spesso che anche il Lazio, con le sue seppur più esigue alture, riserva ai suoi avventori piccoli gioielli innevati, i quali non hanno nulla da invidiare alle località italiane più conosciute e rinomate. Ad esempio, a poco meno di due ore di macchina dalla

Capitale, nel comune di Picinisco (FR), sorge Prati di Mezzo, una piccolissima località dove piccoli e principianti possono apprendere le prime tecniche sciistiche sulle due piste di discesa disponibili. Poco distante, il Monte Livata attende romani e non nel cuore del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini. In provincia di Rieti, invece, gli impianti di Campo Stella ospitano gli appassionati a pochi chilometri di distanza da Leonessa (RI): oltre alle piste situate sul versante settentrionale del Monte Terminillo, Campo Stella si compone anche di numerosi boschi di faggi, entro i quali i più esperti possono godere di splendidi fuoripista. La stessa provincia di Rieti offre a chi

45

vi si avventura Selvarotonda, una frazione di Cittareale (RI) meritatamente classificata come uno dei poli sciistici più importanti dell’Alto Lazio. Facilmente raggiungibile da tutto il centro Italia, Selvarotonda è una delle prime stazioni ad aprire gli impianti di risalita nel periodo invernale e, oltre le consuete piste, mette a disposizione degli amanti dello sci di fondo diversi circuiti, immersi tra boschi di querce e faggi secolari.

Gennaio 2017 Nuove Proposte


assaggi & paesaggi | giramondo

LA SVIZZERA Con la SUA linea ferroviaria per St. Moritz di Carlo Franciosa

Non esistono altre montagne come quelle che attorniano la cittadina

O

ltre che per gli orologi, il cioccolato e il formaggio, la Svizzera è famosa per la puntualità dei suoi treni. Ma i treni della Confederazione Elvetica, al di là del rispetto degli orari, sono anche un valido mezzo per esplorare il Paese. La più grande attrattiva turistica della Svizzera, sia in estate, sia in inverno, sono le sue montagne. Una rete ferroviaria, la Ferrovia Retica, permette al turista di entrare nel cuore delle Alpi svizzere, partendo dall’Italia. L’itinerario turistico-ferroviario parte da Tirano. Prima, con il Bernina Express, si raggiunge St. Moritz in 4 ore di viaggio. St. Moritz stazione di villeggiatura, di cura e di sport invernali fra le più famose d’Europa, è situata lungo la valle dell’Inn, nell’alta Engadina. Si compone di 2 nuclei: St. Moritz – Dorf a nord del lago e St. Moritz – Bad.

La parizione fra prati e foreste, l’elevata altitudine, il clima, la perfetta organizzazione alberghiera e gli impianti sportivi concorrono a fare di St. Moritz uno dei luoghi più frequentati del turismo internazionale. Escursioni a: Chantarella e Corviglia 2453m; Celerina a Muottas – Muragl 2456m; San Murezzan a 1822m. Incuranti della sua lingua tedesca e della sua origine romancia, molti habituè la chiamano “Semmóriz” e si dicono convinti che non esistono altrove montagne magnifiche quanto quelle che attorniano la cittadina. Per arrivare in zona, il percorso tipico si arrampica dai 333m di Chiavenna (sopra il lago di Como) fino ai 1815m del parco del Maloja, il luogo spartiacque geografico tra Italia e Svizzera. Il percorso che segue è in piano: prima di Sankt Moritz – Dorf (villaggio) e della Sankt Moritz – Bad (terme), si incon-

L’ANGOLO DELLE VIGNETTE a cura di Nadia Ludovici Nuove Proposte Gennaio 2017

46

trano Sils – Maria, dove soggiornò a lungo il filosofo Friedrich Nietzsche, e Silvaplana, con una chiesa trecentesca e una tradizionale presenza di marmotte. Infine con il Gornergrat, 45 minuti di viaggio, si arriva ai piedi del Monte Rosa, passando davanti al Cervino, al centro di una delle zone montuose più famose: racchiude 29 cime che superano i 4000m. La Ferrovia Retica, inaugurata poco più di un secolo fa, nel 1889, è rete a scartamento ridotto di circa 400 km, il più grande della Svizzera. Un viaggio a bordo di questi treni può essere programmato con soste sia per il pranzo, sia per il pernottamento, con collegamenti alle grandi linee ferroviarie europee. Sul vagone ristorante Glacier Express, dove ogni dettaglio è curatissimo, si possono gustare varie specialità della cucina svizzera.


le ricette del mese | assaggi & paesaggi

A CURA DI

A CURA DI

Camelia Cazacu

Mario De Fusco

TORTA AL VINO ROSSO Ingredienti: 200 ml di vino rosso; 250 gr di farina; 4 uova; 250 gr di burro a temperatura ambiente 200 gr di zucchero; 2 cucchiaini di cannella; 1 cucchiaino di chiodi di garofano tritato; 30 gr di cacao in polvere; 20 gr di lievito 150 gr di cioccolato fondente tritato. Per decorare: 200 gr di cacao in polvere; 100 gr di latte; 20 gr di zucchero.

TAGLIOLINI ALL’UOVO, TRIGLIE E ROSMARINO

Preparazione: Unite il burro con lo zucchero e lavoratelo fino a farlo diventare una crema, aggiungete al composto i tuorli poco alla volta e amalgamateli bene. Dopodiché versate la cannella, i chiodini di garofano tritati, il cacao e infine il vino rosso. Mescolate il tutto fino ad avere una crema uniforme. A parte aggiungete il lievito e la farina (poco alla volta) agli albumi e montate a neve. Con una spatola aggiungete tutto al composto precedente. Aggiungete poi il cioccolato tritato e mettete il composto in una teglia imburrata, livellando bene il sopra con una spatola. Fate cuocere in forno preriscaldato a 150 °C per 90 minuti. Per verificare la cottura fate la prova con lo stecchino, se esce asciutto la torta è pronta e può essere sfornata e decorata con la glassa, così preparata: fate bollire il latte, aggiungete lo zucchero e il cacao e girate fino ad avere un composto denso senza grumi. Si può guarnire anche con panna e gocce di cioccolato. Come vino usare il Taurasi, che lascia un buon profumo.

Ingredienti: 600 gr di triglie fresche; 10 gr di pinoli; 1 bicchiere di olio extravergine d’oliva; 4 rametti di rosmarino; 3 filetti di acciughe; 3 spicchi d’aglio; mezzo bicchiere di vino secco; 1 mazzetto di prezzemolo tritato; 3 bicchieri di brodo di pesce; sale e pepe q.b. Preparazione: In una casseruola versare 1 bicchiere d’olio extravergine d’oliva e l’aglio tritato. A metà cottura aggiungere i rametti di rosmarino e lasciare a fuoco lento per 5 minuti. Togliere i rametti di rosmarino e aggiungere i filetti di triglia precedentemente sfilettati e privati di ogni spina. Far cuocere per altri 5 minuti a fuoco medio. Dopodiché aggiungete il vino e fate sfumare per 5 – 6 minuti, poi versate il brodo, il sale, il pepe e continuate a cuocere per altri 5 minuti. In una pentola fate bollire l’acqua, aggiungete il sale, i tagliolini e cuoceteli al dente. Versateli nel preparato, mantecare con un forchettone fino a formare una cremetta e impiattate con una spolverata di prezzemolo.

47

Gennaio 2017 Nuove Proposte


liberamente | la poesia

DENTRO AL MIO PRESEPE

EVENTI & CO. a cura di Andrea Vitale

Galleria d’Arte Moderna

Il potere del sentimento

Fino al 26 marzo 2017 Giovanni Prini, scultore, pittore, artigiano, si trasferisce da Genova a Roma agli inizi del Novecento dove apre le porte della sua casa-studio agli esponenti più giovani della vita culturale della capitale, amici, intellettuali e artisti tra cui Cambellotti, Boccioni, Aleramo, Severini e Maraini. ---------------------------------------------------------------------Museo Civico di Zoologia

POESIA DI

Antonella Riccardi Dentro al mio presepe più m’allieta la notte Santa al suo colmo, fonda e perfetta per un mistero che ancora m’ avvince.

Zanne, corazze e veleni

Fino al 26 febbraio 2017 La mostra affronta il tema degli adattamenti degli animali alla difesa e alla predazione grazie ad alcuni terrari con animali vivi e ad una serie di pannelli esplicativi, contenenti “racconti fotografici” che mettono in evidenza gli aspetti più interessanti della biologia dei protagonisti della mostra. ---------------------------------------------------------------------Museo Carlo Bilotti

Ah, quanto m’ incanta, mi fa’ sorpresa quel senso antico e lieto, quell’ angolo di Betlemme, riposto tra il muschio e la stagnola, quando vivo il ricordo dell’età benedetta accende di lumi il cuore e le case di cartone, allorché d’oro, si leva la stella sulla grotta di sughero, s’inarca il cielo cobalto sull’Agnello più bello.

Architettura invisibile

Fino al 26 marzo 2017 ll progetto di mostra consiste nel presentare in una nuova chiave di lettura comparativa le esperienze delle avanguardie radicali italiane e giapponesi degli anni Sessanta e Settanta e le idee progettuali portate avanti dai loro contemporanei ideali successori di entrambi i paesi. ---------------------------------------------------------------------Museo Carlo Bilotti

Incontro ai secoli, puntuale, il miracolo torna: la processione degli umili, con giubilo va’, riverente; la schiera d’ ombre pie e lignee, da cima a valle rende lode al Fanciullo Divino nell’ora redenta.

Parlare con il colore

Si rallegrano i pastori sulle vie accidentate, si prostrano le greggi sperse in uno scorcio di cartapesta; giacché, nel silenzio, ogni lauda è promessa, il Principio è Luce, alla fine del viaggio.

Fino al 26 marzo 2017 È la prima retrospettiva dedicata all’artista romano Francesco del Drago dopo la sua morte, avvenuta nel 2011. Curata da Pietro Ruffo, presenta una selezione di opere astratte. ----------------------------------------------------------------------

E’ scintillio strappato al delirio del buio la notte Beata scolpita a festa, speciale e prodigiosa per un arcano che tuttora mi cinge.

MACRO Testaccio

The Night Illuminates the Night

Fino al 26 marzo 2017 Mostra personale di Rafael Y. Herman, che si presenta come una grande installazione ambientale in cui dallo spazio buio emergono le opere che si rivelano come epifanie. Nella dialettica fra tenebre e luce, infatti, si sviluppa la poetica di Rafael Y. Herman il cui sguardo rivela un nuovo approccio alla realtà che nasce e si struttura nell’oscurità. ---------------------------------------------------------------------

Di corteccia e resina, con l’Angelo di veglia: Giuseppe a capo chino, la Madre che rifulge d’azzurro. E Il re Bambino s’appresta ad ascoltar la voce del mondo e la prima ninna nanna. Dentro al mio presepe più m’è certa l’Attesa nunzia di pace.

Musei di Villa Torlonia

Roma, Carrara, Forte dei Marmi

Fino al 29 gennaio 2017 In occasione del cinquantenario della morte dell’artista Arturo Dazzi, la mostra valorizza le opere dell’importante protagonista dell’arte del Novecento Italiano, attraverso l’esposizione di 65 opere. ---------------------------------------------------------------------

Nuove Proposte Gennaio 2017

48


curiosità | I nostri amici animali

CARO Farmaci veterinari

C’era una volta il lupo cattivo...

La LAV per consentire a tutti di curare i propri amici a quattro zampe

WWF e Legambiente denunciano: bracconaggio all’interno dei Parchi

di Diletta Murgia

di Francesca Coculo

O

gni anno muoiono 300 lupi e uno su due è vittima di bracconaggio. Questa la denuncia del WWF e di Legambiente. L’ultimo episodio riguarda Selana, una lupa monitorata attraverso collare satellitare all’interno del Parco nazionale dei Monti Sibillini. Ebbene oggi questi nobili animali rischiano la loro vita anche all’interno delle riserve naturali. Secondo il rapporto di Legambiente, negli ultimi sette anni, nel nostro Paese, si registrano ben venti infrazioni giornaliere contro la fauna selvatica, ma solo 2,5 sono poi i procedimenti aperti contro noti e 3,5 verso ignoti. Insomma, la maggior parte delle infrazioni rimangono impunite e sopratutto, dato preoccupante, è la diffusione del fenomeno del bracconaggio anche all’interno delle aree protette. In realtà, il WWf si batte per la difesa del lupo già dagli anni ‘70 con l’operazione “San Francesco” ed effettivamente molte specie - tra cui il nostrano lupo appenninico e l’orso marsicano - sono salve dall’estinzione proprio grazie a questa operazione e ai parchi.

L

a Lega Anti Vivisezione (LAV) ha lanciato un’interessante proposta per far fronte alla spinosa questione che negli ultimi tempi ha interessato il prezzo dei farmaci ad uso veterinario. Come sottolinea la Onlus, infatti, alcuni medicinali per animali presentano un costo esponenzialmente più alto rispetto a quello degli equivalenti umani, pur avendo lo stesso principio attivo: i veterinari, sebbene a conoscenza della faccenda, non sono autorizzati a prescrivere i nostri farmaci ai quattro zampe, dovendo far fronte in caso contrario a pesanti sanzioni. Tale costo elevato, rappresentando un ostacolo al diritto alla salute degli animali, è stato oggetto di dibattito all’interno della LAV la quale ha proposto una soluzione che si compone di due elementi: la facilitazione della vendita dei farmaci veterinari generici e la riduzione dell’IVA sulle prestazioni veterinarie - che attualmente è al 22% - a beneficio di cani e gatti adottati o sterilizzati. Tali misure sarebbero indispensabili per permettere a chiunque di curare i quattro zampe, prevenendo così abbandono e randagismo.

animali: prevedono i terremoti?

S

i dice spesso che gli animali siano in grado di prevedere in anticipo l’arrivo dei terremoti. Infatti, nei giorni e nelle ore che precedono un forte sisma, non è raro vedere stormi di uccelli impazziti, cani che abbaiano o ululano, gatti che si agitano e si nascondono, mucche che non forniscono latte. In realtà non è solo una leggenda metropolitana ma c’è un fondamento di verità che collega questi comportamenti anomali al verificarsi di una scossa di terremoto. Gli animali, in particolar modo cani, gatti, mucche e uccelli, sarebbero in grado di captare la presenza nell’aria degli ioni positivi rilasciati nell’aria dalle rocce, che vengono poste sotto stress dall’imminente movimento tellurico. Nonostante ciò non è possibile servirsi degli animali per annunciare un terremoto e salvare vite umane perché sono troppi gli stimoli a cui rispondono: non potremmo mai sapere se l’agitazione è prodotta dalla gioia, dalla paura o dalla fame piuttosto che dalla percezione del pericolo di un terremoto. Lorenzo D’Ilario

49

Gennaio 2017 Nuove Proposte


post-it|auguri

08

02

DANIELE

LINA

14

24

SARA

17

CINZIA Nuove Proposte Gennaio 2017

GINO

11

VERON

ICA 50


Autoscuola tutti i tipi di patenti Scuola nautica con proprie barche Agenzia pratiche auto con medico in sede Centro formazione patenti ADR - CQC Preposto conto terzi - Corsi recupero punti

GLI UFFICI SONO APERTI TUTTI I GIORNI PER INFORMAZIONI: GIORNI FERIALI 8.30/19.00 SABATO 8.30/12.30

AUTOSCUOLA • AGENZIA PRATICHE AUTO • PATENTI • PATENTINI ADR • PATENTI NAUTICHE • RECUPERO PUNTI • ASSICURAZIONI

PISTA PER ESERCITAZIONI ED ESAMI: MOTO, CICLOMOTORI, MINICAR

AUTOSCUOLA VILLALBA DI GUIDONIA

AUTOSCUOLA GUIDONIA MONTECELIO

AUTOSCUOLA TIVOLI

AUTOSCUOLA FIANO CENTRO

AUTOSCUOLA SANTA PALOMBA (POMEZIA)

AUTOSCUOLA ROMA CASAL MONASTERO

AUTOSCUOLA CAPENA

AUTOSCUOLA FIANO ROMANO

VIA TIBURTINA, 126-127 • TEL. 06 41614600 CELL. 339 4164773

VIALE TOMEI, 77 - TIVOLI - 00019 TEL. 06 41614650 CELL. 3337797104

VIA ARDEATINA KM 22.700 00071 - POMEZIA (RM) TEL: 06 41614480

PIAZZA DELLA LIBERTÀ 16A - 00060 CAPENA (RM) - TEL: 06 41614500

PATENTE A/B

€ 530 ,00

(Comprese: 3 guide per patente A, oppure 6 guide obbligatorie per patente B, c/c, c.m, tassa per esame teoria guida, manuali e quiz card) Pagamento in 3 rate (da completare prima dell’esame pratico)

VIA MAREMMANA INF. KM. 31 - 00012 • TEL. 06 41614490 CELL. 366 8967387

VIA BACHELET 20 - 00065 FIANO ROMANO (RM) - TEL: 06 41614450

VIA TROILO IL GRANDE 74 - 00131 ROMA - TEL: 06 41614200

VIA DI PROCOIO 31 - 00065 - FIANO ROMANO (RM) - TEL: 06 41614396

RINNOVO PATENTE

€ 80 ,00 (compresa spedizione della patente in autoscuola)

CORSI PATENTINI: TRATTORE AGRICOLO, CARRELLI ELEVATORI, GRU, MACCHINE OPERATRICI, PIATTAFORME AEREE, PLE

€ 110 ,00


Gennaio 2017 issu