Issuu on Google+

CHIESA PARROCCHIALE DI S. GIOVANNI BATTISTA SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII

I Edizione

«Laudate

Dominum

in

chordis

et

organo».

È

questo

l’imperativo del Salmo 150, parole che vogliono risuonare con grande forza soprattutto in questo Anno della Fede, non solo per la città di Sotto il Monte ma anche per i tanti pellegrini che sostano, pregano e intercedono presso il “Papa Buono”, il Beato Giovanni XXIII. Con questo spirito vogliamo inaugurare i Vespri d’Organo: un appuntamento domenicale tra le solenni e cangianti sonorità dell’organo, quello strumento per eccellenza che — come ricordava Benedetto XVI — “riprende tutti i suoni della Creazione e dà risonanza alla pienezza dei sentimenti umani, ricordandoci in qualche modo l’immensità e la magnificenza di Dio”. Insieme, un itinerario spirituale che possa introdurci alla meditazione della Liturgia e dei Santi Misteri, e nel quale anche le composizioni, la storia, la fede e le singolarità degli artisti si ritroveranno in un unicum. Due sono le direttrici artistiche che ci siamo prefissati: sottolineare il profondo ed originario legame tra Musica e Liturgia, tra Arte e Fede e al contempo valorizzare l’improvvisazione quale vetta creativa e comunicativa nella quale l’interprete — indiscusso protagonista — prende per mano l’ascoltatore lungo un percorso unico e certamente affascinante. I protagonisti dei vari recitals sono giovani di straordinario talento, provenienti da tutta la provincia e già affermati nel panorama italiano e non solo. Con sapiente minuzia artistica hanno allestito i vari programmi, raccogliendo in un tema specifico per ogni concerto, pagine musicali di eccellenza ed excursus storici nei quali non mancheranno sorprendenti particolarità. Un vivo ringraziamento va a Mons. Claudio Dolcini, parroco di Sotto il Monte, per la preziosa sensibilità e dedizione, e a tutti quanti

si

nell’augurio

sono che

prodigati in

per

prossime

e

questa future

prima

edizione,

occasioni

questa

iniziativa possa continuare crescere e ad entusiasmarvi con quella musica che — come scrisse Victor Hugo — “unisce i cieli e la terra”. Fabio Amigoni


Paolo

Oreni

CHIESA PARROCCHIALE DI S. GIOVANNI BATTISTA SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII

CONCERTO INAUGURALE Sabato 8 Giugno — ore 21.00

Definito dal Süddeutsche Zeitung «Giovane artista italiano pieno di

Johann Sebastian BACH (1685-1750) Toccata e Fuga in Fa - BWV 540

promesse e di talenti geniali, un miracolo

di

tecnica

con

una

precisione fenomenale che cerca ancora un suo eguale», Paolo Oreni nasce a Treviglio nel 1979 e inizia a undici anni lo studio dell’organo e della composizione organistica con il

Franz LISZT (1811-1886) (versione sincretica di Jean Guillou) Fantasia e Fuga sul nome "B.A.C.H."

Maestro

Walter

Zaramella,

(da Sinfonia in fa minore N. 5, Op. 42/1) Allegro vivace

l'Istituto

Musicale

Nel 2000 si trasferisce al Conservatorio Nazionale di Lussemburgo nella classe d'organo del prof. Jean-Jacques Kasel, vincendo, nel 2002,

Charles-Marie WIDOR (1844-1937)

presso

Pareggiato "Gaetano Donizetti" di Bergamo.

il primo premio al concorso

internazionale "Prix Interrégional-Diplôme de Concert", prestigioso diploma mitteleuropeo. Beneficia inoltre dei preziosi consigli di diversi Maestri di fama internazionale, in particolare Jean-Paul Imbert e Lydia Baldecchi Arcuri, con la

quale

approfondisce

parallelamente

il

repertorio

pianistico.

Louis VIERNE (1870-1937) (da 24 Pièces de fantaisie, Op. 54) Carillon de Westminster

Decisivo per la sua formazione è l’incontro col Maestro Jean Guillou, durante le numerose Masterclasses ai grandi organi della Tonhalle a Zurigo e della Chiesa di St. Eustache a Parigi (Stiftung für Internationale Meisterkurse für Musik).

Paolo ORENI (1979) Sinfonia improvvisata su temi mariani proposti dal pubblico

Vincitore di vari concorsi internazionali, nel Giugno 2004 risulta finalista e vincitore di una Menzione al Concorso Internazionale "Ville de Paris", a cui hanno partecipato 60 organisti da tutto il mondo.

- Preludio - Scherzo - Adagio - Finale

Ha suonato in duo con prime parti soliste dell'Orchestra Filarmonica del Teatro alla Scala di Milano, in formazioni da camera e con orchestra sinfonica e continua un'intensa carriera concertistica, con una media di 100 concerti annuali, che lo porta a suonare regolarmente in alcuni fra i più prestigiosi Festival musicali ed organistici internazionali in Italia (Filarmonica di Trento, Conservatorio di Bologna, Settimane Musicale

Musicali d’Italia...)

Mahleriane e

in

di

Europa

Dobbiaco, (Francia,

Gioventù Germania,

Svizzera, Olanda, Austria, Svezia, Danimarca e Finlandia). Dal 2006 è regolarmente invitato dalla diocesi di Monaco di Baviera a tenere delle Masterclasses sull’improvvisazione e il repertorio organistico da Bach ai contemporanei.


Andrea

CHIESA PARROCCHIALE DI S. GIOVANNI BATTISTA SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII

Galbusera

LA MANO DI DIO La volontà divina e la meraviglia dell’uomo

Félix MENDELSSOHN-BARTHOLDY (1809-1847) Sonata op. 65 n. 1 in fa minore “Was mein Gott will, das gescheh' allzeit” I. Allegro moderato e serioso II. Adagio III. Andante Recitativo IV. Allegro assai vivace

Allievo in Organo del M° Eugenio Maria Fagiani, ha frequentato diversi corsi di perfezionamento, in improvvisazione organistica con Jurgen Essl ed E. M. Fagiani, in interpretazione organistica con Pier Damiano Peretti (J. S. Bach), Giancarlo Parodi (Ottocento Organistico Italiano), Massimo Nosetti (Organo Sinfonico e Trascrizione Organistica). È

organista

romantico

titolare Locatelli

dello (1899)

storico

organo

della

Chiesa

Prepositurale di S. Michele Arcangelo in Mapello

Sigfrid KARG-ELERT (1877-1933 ) (da Impressions, op. 72 ) Clair de lune Naji HAKIM (1955) Aalaiki'ssalaam (Variations sur un thème libanais)

(Bg). Oltre all'attività solistica, collabora con diverse formazioni strumentali e corali, tra cui il Coro Filarmonico di Brescia. Sta completando la sua formazione presso il Conservatorio "G. Donizetti" di Bergamo, nella Classe di Organo e Clavicembalo del M° Matteo Messori.


Stefano

CHIESA PARROCCHIALE DI S. GIOVANNI BATTISTA SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII

Mostosi

LE ARMONIE DELLA LODE Inni e corali nella tradizione luterana: alle radici del Barocco Tedesco

Jan Pieterszoon SWEELINCK (1561-1621) Salmo 116 “Ik heb den Heer lief”

Nato a Bergamo si è diplomato in Pianoforte presso l’Istituto “G. Donizetti” della sua città natale. Nel

1977

si

trasferisce

in

Olanda

dove

Georg BÖHM (1661-1733)

intraprende gli studi di Organo al Conservatorio

Corale “Vater unser im Himmelreich”

finale.Prosegue gli studi sotto la guida del M.°

Dietrich BUXTEHUDE (1637-1707) Te Deum Laudamus - BuxWV 218 - Praeludium - Te Deum Laudamus - Te Martyrum candidatus - Tu devicto mortis aculeo

Reale a l’Aja e nel 1982 consegue il diploma Wim van Beek e nel 1984 consegue il diploma di Concertista d’Organo presso il Conservatorio di Groningen. Come solista svolge un’intensa attività artistica: ha

tenuto

Portogallo,

concerti Stati

Uniti

in

Olanda, d’America,

Svizzera, Lettonia,

Germania e Hong Kong. In Italia ha inaugurato diversi organi storici restaurati.

- Pleni sun coeli et terra Regolarmente collabora con diversi cori come accompagnatore all’organo. Inoltre ha formato un duo di organo e tromba. E’ vincitore di una borsa di studio del Ministero della Cultura belga. Ha collaborato diverse volte con la radio olandese NCRV.


Fabio

Nava

CHIESA PARROCCHIALE DI S. GIOVANNI BATTISTA SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII

CREDO IN TE, SIGNORE Padre, Figlio e Spirito Santo

I MOMENTO: IL PADRE

Félix MENDELSSOHN-BARTHOLDY (1809-1847) Sonata op. 65 n. 6 in re minore “Vater unser im Himmelreich ” I. Chorale: Andante sostenuto. Allegro molto II. Fuga: Sostenuto e legato III. Finale: Andante II MOMENTO: IL FIGLIO MORTO E RISORTO

Marcel DUPRE’ (1886-1971 ) (da "Le Chemin de la Croix" op. 29 ) XII Station: Jesus meurt sur la Croix

Nato

1984

si

è

diplomato

in

organo e composizione organistica nel luglio del 2006 sotto la guida dei Maestri G.W.Zaramella e Matteo Messori

all’Istituto

Superiore

di

Studi

Musicali

G.Donizetti di Bergamo. Presso il medesimo Istituto, sempre sotto la guida di Matteo Messori ha portato a compimento il diploma accademico sperimentale di secondo livello in organo col massimo dei voti e la lode nell’aprile del 2009, vincendo il premio Rotary quale miglior diplomato dell’anno. Ha partecipato a corsi di perfezionamento organistico tenuti

dai

Maestri

E.Bellotti,

G.Bovet,

F.Finotti,

M.Henking, L.Lohmann, G.Parodi, P.Peretti, S.Landale, D.Roth, L.F.Tagliavini, L.Tamminga e J.Verdin. Si

(da "Choral et Fugue" op. 57 ) Fugue sur l'Alleluia Paschal

nel

brillantemente

esibisce

regolarmente

partecipando

a

rassegne

in e

qualità festival

di

solista

organistici

e

collabora con alcuni gruppi strumentali e diverse formazioni corali in veste di accompagnatore, tra cui il

III MOMENTO: LO SPIRITO SANTO (La Pentecoste e la nascita della Chiesa)

Maurice DURUFLE’ (1902-1986) Choral Varié sur le Veni Creator op. 4

Coro dell’Immacolata di Bergamo, di cui è organista stabile. Da sempre dedito al servizio liturgico è attualmente organista a Bergamo presso la Chiesa della B.V. del Giglio (lo strumento più antico della città) e presso la Basilica di Sant’Alessandro in Colonna, dove suona regolarmente il grande organo Serassi del 1781 con meccanica sotterranea. Da

alcuni

Seminario Bergamo.

anni

insegna

Vescovile

inoltre

“Beato

organo

Giovanni

presso XXIII”

il di


Marco

Cortinovis

CHIESA PARROCCHIALE DI S. GIOVANNI BATTISTA SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII

JESUS CHRISTUS, NOSTRA SALUS Inni e corali della vita cristiana nel tempo ordinario attraverso i secoli: da Bach ai giorni nostri

Nato a Bergamo nel 1983, dopo essersi avvicinato

Johann Sebastian Bach (1685-1750) (dai 17 Corali di Lipsia)

Jesus Christus, unser Heiland - BWV 665 Von Gott will ich nicht lassen - BWV 658

al

linguaggio

musicale

attraverso lo studio del pianoforte e della composizione, Marco Cortinovis scopre l’organo nella classe del M° Andrea Macinanti, che lo guida al

conseguimento

del

Diploma

in

Organo

e

Composizione

Organistica, avvenuto nel 2006 presso il Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara. In seguito approfondisce la sua ricerca musicale e interpretativa in Francia sotto la guida del M° Frédéric

Gottfried August Homilius (1714-1785) Schmücke dich, o liebe Seele

Desenclos, conseguendo il Diploma di Perfezionamento in Organo presso il Conservatorio di Orléans. Completa la sua formazione con stages e accademie organistiche in Italia e all’estero con Marie-Claire Alain, Eric Lebrun, Andreas Liebig, Francesco Tasini, Joris Verdin.

Marco Cortinovis (1983) Improvvisazione sul Magnificat

Si esibisce in numerosi concerti in Italia e in Francia, ed è stato invitato come solista da prestigiose rassegne internazionali (fra cui Les Soirées Estivales della Cattedrale di Chartres e La

Giovanni Pagella (1872-1944) (da 10 Bizzarrie Gregoriane)

Lauda Sion

Settimana dell’Organo della chiesa di S. Luigi dei Francesi a Roma), spesso per diffondere il repertorio sinfonico organistico italiano,

a

cui

dedica

un’intensa

attività

di

ricerca

e

interpretativa. E’ attualmente impegnato nell’incisione dell’Opera Omnia per organo di G. Pagella con la casa discografica Tactus.

Charles Tournemire (1870-1939)

Nel 2011 fonda a Parigi l’Ensemble Voix Célestes, formazione

(da Orgue Mystique, Office XXXI, op. 57 Dominica VI post Pentecostem)

della musica sacra vocale e strumentale del XIX° e del XX°

Alleluia n°3

(Francia) e in rassegne internazionali europee. Si esibisce

cameristica la cui attività verte sulla riscoperta e la diffusione secolo, producendosi regolarmente all’Abbaye de Royaumont regolarmente in duo con il flautista M° Gianbattista Grasselli e con l’ensemble ‘I Solisti della Cattedrale di Bergamo’. Attivo anche come improvvisatore, partecipa al progetto Etude pour la Sainteté, accompagnando all’organo la coreografia di Erika De Crescenzo, con rappresentazioni in importanti città italiane e francesi. Dal 2009 è organista aggiunto presso il Duomo di Bergamo e titolare della classe di Organo e Composizione organistica presso l’Accademia Musicale Santa Cecilia della medesima città.


Vespri d'organo I edizione