Issuu on Google+

8 / 10 febbraio ‘13

Falstaff e Nabucco alla Scala

Un doppio titolo per onorare il bicentenario del Maestro di Busseto: al Teatro alla Scala Falstaff e Nabucco di Giuseppe Verdi ore 20.00

venerdì 8 febbraio TEATRO ALLA SCALA

Falstaff Commedia lirica in tre atti di Giuseppe Verdi Libretto di Arrigo Boito, da “Le allegre comari di Windsor” e “Enrico IV” di Shakespeare Daniel Harding direttore Robert Carsen regia Bryn Terfel Sir John Falstaff Massimo Cavalletti Ford Antonio Poli Fenton Carlo Bosi Dr. Cajus Riccardo Botta Bardolfo Alessandro Guerzoni Pistola Carmen Giannattasio Mrs. Alice Ford Ekaterina Sadovnikova Nannetta Daniela Barcellona Mrs. Quickly Manuela Custer Mrs. Meg Page Orchestra e Coro del Teatro alla Scala


«Voi nel tracciare Falstaff avete mai pensato alla cifra enorme de’ miei anni?». Cominciò così, nell’estate del 1889, il colloquio epistolare tra Verdi e Arrigo Boito, impegnati nella temeraria impresa di un’altra opera tratta da Shakespeare. Anche in quest’occasione il loro rapporto fu improntato al rispetto reciproco. Boito - sempre pronto a sciogliere qualsiasi dubbio del suo interlocutore - ebbe il suo premio quando Verdi, il 17 marzo 1890, gli scrisse: «il primo atto è finito senza nissun cambiamento nella poesia». Era la prima volta che il compositore faceva una simile dichiarazione a un suo librettista. E le ragioni non gli mancavano perché aveva tra le mani un piccolo gioiello, intessuto di preziosismi linguistici incastonati in una perfetta sagoma drammatica. Boito lo aveva ricavato dalla commedia “The Merry Wives of Windsor”, la cui trama è l’asse del libretto. Ma rispetto a Shakespeare – dove Falstaff appare un furfante beffato, facile preda per i poveri di spirito che lo circondano - Boito restituì al personaggio tutta la sua dignità, elevandolo a fenotipo dell’arguzia. Mancava a Verdi un vero grande successo nell’opera comica, ed egli aveva già dato molte prove della sua buona disposizione al buffo. Così - sin da quando Boito gli propose il nuovo soggetto shakespeariano - Falstaff fu cosa fatta, senza fatiche né dolori fino al successo che lo accolse il 9 febbraio 1893 alla Scala di Milano davanti al pubblico delle grandi occasioni: tra gli spettatori Carducci, Giacosa, Puccini, Mascagni. Ultima e miracolosa opera di un Verdi ottantenne, Falstaff da allora ha occupato stabilmente i palcoscenici di tutto il mondo, cavallo di battaglia di direttori quali Mahler, Toscanini, Karajan, Bernstein. (tratto da “Il Dizionario dell’Opera”)

ore 20.00

sabato 9 febbraio TEATRO ALLA SCALA

Nabucco Dramma lirico in quattro parti di Giuseppe Verdi Libretto di Temistocle Solera, da “Nabuchodonosor” di Anicet-Bourgeois e “Nabuccodonosor” di Cortesi Nicola Luisotti Daniele Abbado

direttore regia

Leo Nucci Nabucco Aleksandrs Antonenko Ismaele Vitalij Kowaljow Zaccaria Liudmyla Monastyrska Abigaille Veronica Simeoni Fenena Giuseppe Veneziano Abdallo Tatyana Ryaguzova Anna Ernesto Panariello Il gran Sacerdote Orchestra e Coro del Teatro alla Scala

Eventuali variazioni Programma e cast potrebbero subire variazioni in relazione ad eventuali cambiamenti da parte del teatro.

2


Hotel proposti > Hotel De la Ville (4*) - www.delavillemilano.com L’hotel De la Ville si trova in via Hoepli, a 300 mt dal Teatro alla Scala e a pochi passi dal Duomo. E’ una struttura storica a Milano, con interni arredati in maniera molto classica ed elegante. Terrazza panoramica con piccola piscina aperta e area benessere a disposizione degli ospiti. > Hotel Milano Scala (4*) - www.hotelmilanoscala.it Aperto nel settembre 2010 nel pieno centro di Milano, l’hotel Milano Scala, è un hotel “boutique” ricavato da un palazzo di fine Ottocento completamente ristrutturato. Si trova nel quartiere Brera, a 5 minuti a piedi dal Teatro alla Scala. E’ arredato secondo un gusto moderno ed elegante, con camere diverse una dall’altra. Terrazza panoramica e area fitness a disposizione degli ospiti. > Hotel Spadari al Duomo (4*) - www.spadarihotel.com L’hotel Spadari si trova a 5 minuti a piedi da Piazza del Duomo e dal Teatro alla Scala. E’ un piccolo albergo di charme, raffinato e al tempo stesso originale nella particolare cura che è stata posta nel design degli interni. Gli spazi comuni e molte delle camere ospitano infatti lavori di artisti contemporanei tra i più noti, contribuendo a creare un’atmosfera davvero particolare. > Hotel Rosa Grand (4*) - http://rosagrand.starhotels.com Collocato in Piazza Fontana, esattamente alle spalle del duomo e a 5 minuti a piedi dalla Scala, l’hotel Rosa Grand appartiene alla prestigiosa catena alberghiera italiana Starhotels. E’ una struttura ampia e moderna, arredata con gusto raffinato con particolare attenzione al design. Spazio fitness a disposizione degli ospiti.

Quote individuali di partecipazione (valide per tutti gli hotel proposti) : in camera doppia 970,00 euro supp. singola 200,00 euro Le quote comprendono: - 2 notti (ven 8 / dom 10 febbraio) c/o hotel prescelto (pernottamento e prima colazione); - poltrone di 2a/5a categoria per le due opere (vedi POLTRONE) - assicurazione medico – bagaglio Le quote non comprendono: - viaggio fino a Milano e trasferimenti in genere; - pasti; - mance, extra e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”. POLTRONE : nella proposta sono previsti biglietti compresi tra la 2a e la 5a categoria, ossia poltrone di 2a/3a fila di palco tra 1° e 4° ordine. Il supplemento per avere poltrone di 1a categoria (platea o 1a fila di palco tra 1° e 4° ordine) è di 300,00 euro per persona (totale 2 spettacoli) Agli Abbonati dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e agli Amici di Santa Cecilia sarà riservata una riduzione del 5%

informazioni e prenotazioni NOTEINVIAGGIO di Alderan srl - via Giuseppe Sacconi, 4/B – 00196 Roma tel (+39) 06.3220657 – fax (+39) 06.3224378 - www.noteinviaggio.it - info@noteinviaggio.it 3


Falstaff e Nabucco alla Scala