Page 8

LA CITTÀ DI URBINO Brevi cenni storici sulla città di Urbino e sui suoi condottieri. Gli artisti e le personalità di spicco che hanno influenzato la sua vita.

1. Il podestà era il titolare alla più alta carica civile nel governo delle città dell’Italia centro-settentrionale

La città romana di Urvinum Metaurense acquisì importanza durante il VI secolo con le Guerre gotiche. Molte furono le potenze che la dominarono: i Bizantini, i Goti, i Longobardi, i Franchi, lo Stato della Chiesa. Nel 1200, poi, cadde sotto il dominio dei nobili del vicino Montefeltro i quali volevano ottenere, ed ottennero, l’elezione a podestà1. I Montefeltro mantennero, anche se a fasi alterne, le redini della città fino al 1508 ed è proprio durante questo lasso di tempo che Urbino assunse l’aspetto che in parte ha ancora oggi.

durante il Medioevo.

Il maggior esponente di quella famiglia fu il duca Federico, signore di Urbino dal 1444 al 1482. Diplomatico abilissimo e grande amante dell’arte e della letteratura, fu in grado di trasformare la città da capoluogo di un territorio economicamente depresso a centro artistico tra i più fecondi e raffinati dell’epoca. Salito al trono, Federico, iniziò a riorganizzare lo Stato da un punto di vista sia politico che architettonico. Questo fu possibile grazie all’alleanza che fu stabilita sin dal 1444 con la città di Firenze, facilitando così lo scambio di artisti e personalità. La corte del Duca vide passare personaggi di spicco come: Leon Battista Alberti, Paolo Uccello, Luciano Laurana, Francesco di Giorgio Martini e tanti altri.

8

IL MONDO ISIA, NON SOLO DALLA NOSTRA PARTE  
IL MONDO ISIA, NON SOLO DALLA NOSTRA PARTE  

Progetto di Tesi - Laurea Triennale in Progettazione Grafica e Comunicazione Visiava, ISIA di Urbino — Il progetto nasce dalla volontà di ra...

Advertisement