Page 69

5. Studiare in un ambiente tranquillo, lontano dal clamore di una grande città con tutte le possibili distrazioni, le è stato utile o si è sentito chiuso in uno spazio claustrofobico che ha limitato la sua creatività? Credo che l’Isia ad Urbino abbia un suo perché, in ogni caso un corso di 25 persone è un po’ un circolo chiuso anche se fosse in una grande città! Al contrario in un piccolo centro aiutava la frequentazione reciproca e lo scambio di idee continuo. 6. Si è molto discusso sulla questione dei laboratori, per diversi anni i laboratori di serigrafia e tipografia sono stati chiusi. Ad oggi qualcosa si sta muovendo, forse ci si sta rendendo conto che la chiusura di questi sia stata un errore. Per lei che si è formata in quei laboratori, tra i diversi macchinari, gli inchiostri, le matrici... cosa ha significato quell’esperienza? Ritiene che sia stato un errore chiuderli o viceversa ritiene che quelle tecniche di stampa fossero ormai obsolete e dovessero lasciare il posto alle nuove tecnologie? Anni dopo aver finito l’Isia sono tornato in visita ed ho notato come si era passati direttamente a sperimentare cose tecnologicamente avanzate senza che nessuno conoscesse le basi della stampa. Ritengo fondamentale conoscere i rudimenti basilari di tipografia, serigrafia magari con seminari. 7. Anno importante per l’Isia, momento di svolta, è stato quello in cui sono stati comprati i primi computer. Lei ha vissuto questo cambiamento? E se si può dirmi cosa ha significato per la sua formazione? Il corso da me frequentato è stato fra i primi ad avere la possibilità di accedere all’era del Mac. C’erano due soli computer in dotazione. Io e altri due o tre studenti del mio corso avevamo il nostro Mac plus personale (lo possiedo ancora, funzionante). Il Mac ha praticamente segnato l’inizio di una nuova era della comunicazione!

69

IL MONDO ISIA, NON SOLO DALLA NOSTRA PARTE  
IL MONDO ISIA, NON SOLO DALLA NOSTRA PARTE  

Progetto di Tesi - Laurea Triennale in Progettazione Grafica e Comunicazione Visiava, ISIA di Urbino — Il progetto nasce dalla volontà di ra...

Advertisement