Page 41

CLAUDIO MOLINARI Diplomato all’Isia con una tesi sul “La forma fluida”.

1. La scelta di intraprendere gli studi di grafica è stata casuale o motivata e voluta? In tal caso cosa l’ha spinta ad avviarsi su questa strada? Voluta. Disegnavo fin da piccolo. 2. Dopo l’Isia ha continuato a operare nel mondo della grafica, oppure ha cambiato attività? In tal caso perché? Per un po’ ho continuato nella grafica tradizionale, poi sono passato alla computer grafica verso i primi anni ‘90. Ho lavorato in molte situazioni pionieristiche, sperimentazioni video, realtà virtuale, installazioni interattive: esperienze che mi hanno mostrato in anticipo come il supporto cartaceo avrebbe ceduto il passo ad altro. 3. Come ha vissuto da un punto di vista umano il periodo universitario nei rapporti con i docenti e con l’intera struttura amministrativa del Csag/Isia? Il clima di continuo scambio e socializzazione tra gli insegnanti e gli studenti pone sicuramente le basi per una libera crescita della creatività, ritiene che questa affermazione trovi riscontro nella nostra scuola? Non posso confrontare il passato che conosco con un presente a me sconosciuto: ritengo che a livello personale ci sia stato un buon scambio tra docenti e studenti, a livello organizzativo e burocratico ho trovato invece molto conformismo e resistenza al cambiamento. D’altronde si deve considerare anche l’ambiente di Urbino da sempre marcatamente tradizionalista.

11. Via del campo, Fabrizio De Andrè.

4. Studiare in un ambiente tranquillo, lontano dal clamore di una grande città, le è stato utile o si è sentito chiuso in uno spazio claustrofobico che ha limitato la sua creatività? È stato utile come esperienza di vita, lontani dalla famiglia, ma negativo per lo studio: la cultura cresce meglio nel clamore e nel confronto/scontro, i conventi sono per i preti, e una bella aula non fa una buona scuola. La città è una merda ma è lì che crescono i fiori, per citare Fabrizio De Andrè11 (quando studiavamo ad Urbino negli anni ‘70 non c’era internet, quindi l’isolamento era assoluto). 41

IL MONDO ISIA, NON SOLO DALLA NOSTRA PARTE  

Progetto di Tesi - Laurea Triennale in Progettazione Grafica e Comunicazione Visiava, ISIA di Urbino — Il progetto nasce dalla volontà di ra...

Advertisement