Page 102

ILARIA MURIC Dopo il diploma ha lavorato per dieci anni come graphic designer e art director per alcune agenize italiane. Dal 2010 lavora come libera professionista.

1. La scelta di intraprendere gli studi di grafica è stata casuale o motivata e voluta? In tal caso cosa l’ha spinta ad avviarsi su questa strada? Voluta. Non avevo ben chiaro il tipo di lavoro che avrei voluto fare, ma avevo una predisposizione alle attività creative. 2. Dopo l’Isia ha continuato a operare nel mondo della grafica, oppure ha cambiato attività? In tal caso perché? Ai tempi in cui la frequentavo io, offriva i primi corsi di multimedia, ma erano molto acerbi. Quando l’ho finita, ho cercato di avvicinarmi il più possibile al mondo della progettazione su web e ora sto prendendo sempre di più una strada in cui la grafica è solo una parte della mia attività. Spesso ho fatto consulenza per la progettazione di interfacce, lasciando lo studio della parte visual ad altri. 3. Come ha vissuto da un punto di vista umano il periodo universitario nei rapporti con i docenti e con l’intera struttura amministrativa dello Isia? Ritiene che il clima di continuo scambio e socializzazione tra gli insegnanti e gli studenti abbia favorito la sua crescita creativa? Ai tempi in cui la frequentavo io, l’Isia stava a mio parere vivendo una fase di trasformazione. Come professori, molte “vecchie glorie” non c’erano più e non c’era molto scambio tra le classi. In alcuni casi lo scambio con i professori c’è stato, in altri è mancato completamente. Penso che il livello di insegamento in generale non fosse molto alto, salvo qualche eccezione. A livello di esperienza generale, incluso il vivere lontano da casa e studiare fuori, lo considero come una delle esperienze fondamentali della mia vita.

102

IL MONDO ISIA, NON SOLO DALLA NOSTRA PARTE  

Progetto di Tesi - Laurea Triennale in Progettazione Grafica e Comunicazione Visiava, ISIA di Urbino — Il progetto nasce dalla volontà di ra...