Page 1

Bio Photo Photo Curriculum

Nicola Serena

narrazione fotografica


Nicola Serena Nasce a Firenze il 30 di luglio del 1960. In famiglia lo studio dell’arte e l’educazione a saper “vedere” in maniera diversa dal gretto materialismo è un modo di vita. La madre diplomata all’ Istuto d’Arte di Firenze, il nonno pianista nei cinema dove proiettavano film muti e il padre ( ovviamente ) musicista appassionato ( riuscì a salvarsi la vita facendo un “complessino” nel campo di prigionia in tempo di guerra ) fanno sì che l’ arte, come espressione emotiva, sia di facile comprensione e immediatezza. Il percorso naturale lo porta a frequentare il Liceo Artistico, diplomandosi, e proseguire gli studi presso la Facoltà di Architettura. Sarà la musica, però, il primo stimolo comunicativo. Appassionato di elettronica e di informatica, dopo quattro anni di pianoforte comincia ad esplorare l’ uso del sintetizzatore e i paesaggi sonori che esso può creare, aprendo un mondo sonoro dove l’immagine diventa parte integrante della descrittività della colonna sonora. nascono così le colonne sonore immaginarie ( Imaginary Voyager , EMI - Harmony Music ), vere e proprie sountracks di films immaginari ambientati in Scozia, Africa, Tibet, tra i Nativi d’America, Maya e Atzechi. A conferma della riuscita del progetto, molti brani vengono utilizzati per sonorizzare documentari ( Overland RAI ), audio libri ( Uomini Sottili di Cesare Monti Montalbetti , La chiamarono due cuori, Dio su un Harley, La via del Wirld ed. Sonzogno ) e pubblicità ( AEM Milano ). Arrangiatore e compositore collabora con Leonardo Pieraccioni, Carlo Conti, Giorgio Panariello, Marco Masini, Fabrizio Venturi. Giunge alla fotografia con il passaggio obbligato come strumento complementare allo studio architettonico ( rilievi, prospetti, decorazioni architettoniche ). Solo negli ultimi anni, grazie all’ avvento del digitale, la fotografia diventa parte integrante del suo processo creativo. Progetta installazioni multimediali dove suono e immagine diventano motore trainante di espressione creativa. Lo studio deii pittori “ classici “ diventa un legame fondamentale per la fotografia. Luci, ombre e contrasti spesso sono ispirati a stili pittorici di matrice rinascimentale o anche più recenti come i Macchiaioli .


Animali Ama la natura e gli animali.Spesso i suoi gatti diventano modelli perfetti. Ricerca attentamente nei loro atteggiamenti quella scintilla di “umanitĂ â€? e disimpatia che solo questi simpatici e disinteressati amici riescono a dare.


Piccoli di Norvegesi delle foreste.


... Perderei tutto il tempo a contemplare i gatti cercando di capire la loro eleganza e la loro nobiltĂ , nella vana speranza mi possa tornare utile nella vita quotidiana. Nicola Serena


....“Ho studiato diversi filosofi e tantissimi gatti; la saggezza dei gatti è decisamente superiore.â€? Hippolyte Taine


“Un gatto, non vede perchè dovrebbe obbedire ad un altro animale... Nemmeno se questo cammina su due zampe.” Sarah Thompson


... ”Il più piccolo, tra i felini, è un capolavoro.” Leonardo Da Vinci


...I gatti hanno una peculiaritĂ  a dir poco interessante: essi non amano ubbidire e tanto meno importa loro di comandare. Penso che questa sia una pillola di saggezza che i gatti con il loro comportamento riescono a comunicarci.


“L’apparato uditivo di un gatto è fatto in modo che la voce umana possa facilmente entrare da un orecchio ed uscire dall’altro.” Stephen Baker


Chi potrebbe credere che non ci sia un’anima dietro a quegli occhi lucenti Theophile Gautier


Il gatto vive solo, non ha alcun bisogno di società, obbedisce soltanto quando lo decide, sostiene che dormire gli permetterà di vedere le cose con maggior chiarezza e si fa le unghie su ogni cosa dove riesca a mettere le proprie zampe Francois Renè De Chateaubriand


Paesaggi ....Qualunque paesaggio è uno stato d’animo un frammento di ricordi che dura per sempre.


Woman. Ci sono certi sguardi di donna che l’uomo amante non scambierebbe con l’intero possesso del corpo di lei. Chi non ha veduto accendersi in un occhio limpido il fulgore della prima tenerezza, non sa la più alte delle felicità umane… (G. D’Annunzio, “Il piacere”)


Varie...


foto per campagna pubblicitaria “ Firenze WineTown “ 2010


Wedding......


Bio photo2  

My Bio

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you