Issuu on Google+

0


INDICE L’editoriale........................................................................................ ........................................................................................ La parola all’ Erreddì ……………………………………………. I service del Distretto 2090… ………………………………………... ……………………………………... DAL ‘DIARIO di BORDO’ del Distretto: Distretto Il Congresso Distrettuale a Fabriano…………………………….. Fabriano…………………………….. Il SIRDE…………………………………………………………… ………………………………………………………… La III A.D. ad Assisi………………………………………………. ………………………………………………. Il Gran Galà degli Auguri………………………………………… LA PAROLA AI CLUB Zona Abruzzo - Atessa Media Val di Sangro: Calciobalilla on the beach….. beach - Avezzano: Cycling to Serve………………………………… Serve…………………………………. - Atessa Media Val di Sangro: Un Concerto per la Vita……. Vita Zona Marche - Fabriano: Rotafurore Vol.II………………………………… - Tolentino: Torneo di Burraco…………………………… Burraco……………………………..... Zona Molise - Termoli: La nascita di un Club…………………………… Club……………………………... - Campobasso: Il Rotaract alla Casa Famiglia “Don Giovanni Battista”…………………………………………… …………………………………………… - Campobasso: Seminario “ Open Culture”………………… Culture”………………… - Campobasso: Cena con Delitto…………………………… Delitto……………………………... - Termoli: Il primo “Living Music Act”…………………… Act”……………………... - Isernia: Il Rotaract c’è……………………………………… c’è………………………………………. Zona Umbria - Assisi: Il Brindisi dei Presidenti…………………………… Presidenti…………………………….. - Spoleto: Una Schiacciata per la Vita……………………… Vita……………………….. - Pg Trasimeno: Convegno “La Ripresa (?)”……………… (?)”……………….. - Pg Est: V Processo Storico………………………………… Storico………………………………….. - Pg Est: Lavori in corso!........................................................... corso!...........................................................

pag. 2 pag. 3 pag. 5

pag. 7 pag. 8 pag. 11 pag. 12 pag. 14 pag. 15 pag. 17 pag. 18 pag. 19 pag. 20 pag. 20 pag. 21 pag. 21 pag. 22 pag. 23 pag. 25 pag. 26 pag. 27 pag. 28 pag. 29

1


L’Editoriale Quest’anno l’espressione “aprire il Rotatrack” non credo possa essere per me più letterale. Ho provato una strana sensazione nel passare dal leggere gli editoriali a scriverne uno di mio pugno, (a tal proposito, per favore, perdonate gli inevitabili errori presenti, sono alle primissime armi in materia!). Questa possibilità mi ha messo di fronte ad un grande interrogativo: che cos’è veramente il Rotatrack? Un semplice collage di foto e parole da sfogliare passivamente? Il “salotto buono” del Distretto dove sfoggiare a tempo debito le proprie attività come si farebbe con il servizio delle grandi occasioni? Oppure piuttosto una cassa di risonanza comune e comunitaria, dove esperienze, attività, eventi, emozioni ed iniziative di ciascun Club si fondono in un’unica sinfonia e risuonano armonici negli ideali di servizio e condivisione che ognuno di noi porta con sé? Leggendo il nostro Rotaract attraverso le vostre parole, quella strana sensazione è scomparsa. Anche questa volta, vivevo, vedevo quasi, ogni singolo fotogramma delle vostre esperienze che fossero tratteggiate con schizzi veloci oppure con descrizioni particolareggiate. Riuscivo a sentirmi parte attiva delle vostre iniziative, anche quando non avevo effettivamente partecipato. Questo per me è il Rotatrack. Una finestra da cui poter ascoltare le tante voci che compongono il nostro Distretto e una possibilità ulteriore di poter partecipare attivamente a questo coro eterogeneo. Proprio con questa intenzione di farvi vivere e rivivere il percorso fatto finora, abbiamo pensato di fare del nostro giornale un “diario di bordo”, dove poter seguire in ordine cronologico i vostri racconti e la vita degli altri Club, vicini e lontani. Buona lettura! Cecilia Burattini Commissione Rotatrack Distretto 2090 a. s. 2013-2014

Tempo di Natale, tempo di tradizioni da condividere in famiglia. Anche per la nostra grande ‘famiglia’ rotaractiana esistono le tradizioni e il “Rotatrack” è una di queste. Quest’anno abbiamo deciso di ‘regalarci’ un primo numero della nostra rivista proprio durante le festività natalizie, quando l’anno rotaractiano giunge idealmente al suo giro di boa e si può iniziare a fare un primo bilancio delle attività svolte, mettendo nero su bianco eventi, impressioni ed emozioni vissute ed ancora da vivere. Come diceva il grande imperatore e filosofo Marco Aurelio, scrivere è formativo perché, mentre sei ancora in viaggio, ti incalza, ti chiede chi sei e dove vuoi realmente arrivare. Scrivere di noi significa allora raccontare un percorso fatto di continue conquiste che ci espongono ancora al possibile; scrivere di noi significa mettere insieme le nostre piccole vittorie per creare un mosaico composito e di più ampio respiro, dove le singole figure si confondono in un’unica, grande, opera d’arte.

2


E non si tratta soltanto di una collezione di ricordi. Questa ‘archeologia’ delle piccole e grandi conquiste del passato, recente e remoto, è necessaria per divenire tessitori consapevoli della nostra futura vita rotaractiana. Servirà a mettere in relazione i ricordi di ognuno, a farli dialogare, a spostarli per creare ogni volta nuovi progetti. Ci permetterà di aumentare il nostro senso di continuità e di essere tutti più consapevoli del percorso fatto, creando nuove connessioni e imparando a scorgere nuove possibili rotte da seguire. Dobbiamo proteggere la cura della parola e dello scrivere e salvaguardare questa nostra importante tradizione… perché sfogliare le pagine del Rotatrack significa guardare all’essenza – quella ‘buona’ – del nostro modo di fare Rotaract. L’essenza più vera e più pura, il lato più autentico, tutto quello che merita davvero di essere diffuso, fatto conoscere, ricordato nel tempo. Maria Nicole Iulietto Commissione Rotatrack Distretto 2090 a. s. 2013-2014

La parola all’Erredì Essere RRD, ne vale la pena Alle spalle, ho anni di Rotaract e altrettanti di Rotatrack. La mia memoria storica delle vicissitudini rotaractiane è strettamente legata all’uscita del giornalino del nostro Distretto. D’altronde è la nostra voce ed esprime la nostra anima, le nostre sensazioni, le nostre attività, insomma è lo specchio stampato della vita del Distretto! Nessun post sui social né tantomeno alcuna mail potranno mai rimanere impressi nella nostra mente quanto un articolo e una foto stampati (cartacei o in formato pdf poco importa). Apprezzeremo le pagine del Rotatrack tra qualche anno, magari con nostalgia, quando, con figli e famiglia a carico, ci ricapiterà tra le mani… allora sì, ci accorgeremo, tornando indietro con i ricordi, di quanto ci abbia arricchito il Rotaract, riempito la vita, di come sia stato anche una valvola di sfogo, di quanto ci abbia fatto crescere e dei tanti sorrisi, delle amicizie, dei tanti progetti portati a termine, di quanto lo abbiamo amato. Perché il Rotaract cambia la vita. A me, quest’anno più che mai, per ovvi motivi. Credo che il Rotaract cambi la vita di tutti i soci, anche in minima parte, perché chi entra a far parte della nostra famiglia, respira Rotaract. Quando mi chiedono: “Francesca, per te cosa è il Rotaract?” Io rispondo sempre che non si può spiegare, si deve vivere. Se volessimo spiegarlo partendo dalla simbologia, è una ruota che tutti noi mettiamo in movimento con impegno e passione e dal movimento si genera energia. L’energia che entra dentro le vite di ciascuno e le migliora.

3


"ENGAGE ROTARY CHANGE LIVES". Calzante, preciso e concreto il motto del Presidente Internazionale del Rotary Ron Burton che semplifica nelle parole “engage=vivere, impegnarsi” e “change=cambiare”, la funzione della nostra associazione. La mia esperienza da Rappresentante Distrettuale è giunta a metà del suo corso. Si cerca sempre di mettere il massimo in tutto e l'entusiasmo non manca mai. Ci sono momenti di massima soddisfazione ed altri in cui si vorrebbe gettare la spugna perché non siamo delle macchine e ci sono volte in cui ti assale un attimo di delusione, perché pensi di non aver dato abbastanza con il cuore, di non aver impiegato abbastanza l'anima, la testa, il tempo, il talento, la serietà e la professionalità. Poi, ti ritrovi in una qualsiasi attività che porta la firma del Distretto Rotaract 2090 e riscopri immediatamente l'essenza della nostra associazione e tutte le preoccupazioni scompaiono. Comunque posso affermare che, a prescindere dagli innumerevoli eventi e attività organizzati egregiamente dai Club e riportati anche in questo primo numero del Rotatrack, l'esperienza che mi arricchisce maggiormente con grande sorpresa è la "Visita del Rappresentante Distrettuale al Club". Il Manuale di Procedura e il Regolamento Distrettuale impongono al Governatore di ogni Distretto la visita ad ogni Club. Spostarsi su quattro regioni non è semplice ma nulla è impossibile se ci si organizza; questa esperienza è una di quelle che ti rimarranno per tutta la vita, quelle per la serie "ne vale la pena". Tutti i Club hanno una propria identità. Sono diversi tra di loro e, quando si visitano i vari Club, vanno usati ovviamente diversi approcci. Il fatto che il Distretto sia distribuito su quattro regioni evidenzia le diversità territoriali, sociali, culturali, economiche, politiche. Quelle diversità che esprimono la vera ricchezza del Distretto 2090 ed è una magia come tutte queste caratteristiche si possano osservare all'interno di ogni Club! Alla fine di ogni riunione penso sempre che il tempo sia trascorso troppo in fretta, perché vorrei trattenermi di più a confrontarmi con i ragazzi non solo sul Rotaract, ma su anche altri argomenti. I Presidenti ringraziano sempre a nome di tutti i propri soci per la presenza dell'“erredì” e la loro ospitalità è a dir poco impeccabile. In realtà sono io voler e dover ringraziare tutti Voi: è un compito importante e impegnativo essere RRD, ma ciò che si riceve è imparagonabile a ciò che cerco di trasmettervi. Il motto di un PDG di qualche anno fa recita: "Per servire si acquista, servi quando puoi". È proprio vero: il dare incondizionatamente, senza pretendere di ricevere, gratifica ed arricchisce. Con l’agire di sopra di ogni interesse personale, siate sicuri che il bene tornerà. Sempre. Francesca Francesca Roscini Rappresentante Distrettuale Distretto 2090 a. s. 2013-2014

4


I Service del Distretto 2090 Service: in una parola il perché della nostra Associazione! La capacità, la voglia, il tempo, la passione di mettere a disposizione se stesso a favore degli altri esclusivamente per la voglia di poter dare un pezzetto di noi stessi per chi è meno fortunato. Come ogni anno, i rotaractiani del Distretto 2090, cercheranno di raggiungere gli obietti prefissati sin dall’inizio dell’anno sociale in corso, con la speranza e la voglia di superarli brillantemente anche questa volta. I service che ci vedranno impegnati sono numerosissimi come sempre: dal service nazionale a quello locale, passando per quello internazionale. Nelle righe che seguono cercherò di spiegarli brevemente.

Service Nazionale “DREAMbox” Questo service ci vedrà impegnati attraverso una giornata a livello nazionale – molto probabilmente il sabato prima di Natale – presso i reparti di Oncoematologia Pediatrica d’eccellenza del Nostro Distretto e nello specifico Ancona Perugia e Pescara. I rotaractiani si recheranno presso le suddette strutture per donare i DREAMbox (cofanetti doubleface) che conterranno libri di fiabe, colori, album da disegno, peluche e altri oggetti utili a migliorare la qualità della vita dei bambini ricoverati. Per questo progetto siamo riusciti ad avere la collaborazione di aziende nazionali e multinazionali nello specifico: Giochi Preziosi, Chicco, Mister Baby, Hello Kitty, Universal, Trudi, Reckitt Benckiser, Fabriano, Sony, Kroff, Clementoni, Ikea, Giotto-Fila, Faber-Castell, Panini e Feltrinelli. Vista la rilevanza del progetto questo service è stato patrocinato dal Ministero della Salute e vedrà testimonial d’eccezione a livello nazionale l’attrice Maria Grazia Cucinotta.

Service Multi-Distrettuale “Nemmeno con un fiore” Abbracciato dai Distretti 2050, 2071, 2080, 2090, 2110, questo Service è stato fortemente voluto dai Rappresentanti Distrettuali (tutte donne) e ci vedrà impegnati in attività di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne attraverso l’organizzazione di convegni e manifestazioni contro il femminicidio.

Service in collaborazione Fondazione Umberto Veronesi

con

la

Service di sensibilizzazione per lo screening sulle donne che non c’impegnerà molto sotto il profilo economico quanto piuttosto sul lato umano, perché è solo attraverso la prevenzione che si possono scoprire, combattere e sconfiggere i tumori.

5


Service distrettuale “Ovunque è 2090” Questo service ci proietterà nella realtà locale e nella zona dove ogni Club agisce. L’obiettivo è quello di far conoscere e diffondere l’importanza dell’azione e del significato sociale del Rotaract, cercando di toglierci di dosso quell’etichetta che troppo spesso erroneamente ci identifica come ‘figli di papà’ che si riuniscono solo ed esclusivamente per fare cene eleganti.

Service internazionale “End Polio Now”

Anche quest’anno lavoreremo fianco a fianco con il Nostro Distretto Rotary per contribuire ad uno dei principali progetti della Rotary Foundation che si prefigge l’obiettivo di debellare a livello mondiale la poliomielite. Per collaborare a questo progetto organizzeremo giornate OpenCinema, OpenTheater, OpenStadio, OpenPalaSport, tutti luoghi di grande aggregazione, ottimi non solo per raccogliere fondi ma anche per far conoscere e sensibilizzare la popolazione a questo progetto che va avanti oramai da oltre un quarto di secolo e che “obbliga” tutti moralmente a dar un po’ di sé per cercare di colmare quell’1% mancante.

Service distrettuale “Una goccia per la Vita”

L’obiettivo è quello di finanziare direttamente i progetti dei reparti di Oncoematologia Pediatrica dei centri di eccellenza del Nostro Distretto. Come per il Service DREAMbox, i reparti individuati sul nostro territorio fanno parte degli Ospedali di Ancona, Perugia e Pescara. Individueremo qualcosa che ci darà la possibilità di dare un aiuto concreto e che ci permetta di “toccare con mano” i risultati del nostro impegno. Un service dunque che c’impegnerà oltre che sul lato prettamente economico anche e

soprattutto sul lato umano: donare un sorriso, un momento di allegria a quei bambini sarà per noi motivo di riflessione per comprendere quali soni i veri problemi della vita e di quanto sia NECESSARIO il nostro aiuto e il nostro impegno. Nello specifico i Club Abruzzesi, attraverso la raccolta fondi, contribuiranno all’allestimento di una nuova ala del reparto che permette il trattamento dei pazienti pediatrici in day hospital. Una collaborazione con il reparto di Pescara è già avvenuta in passato, per la precisione il 17 giugno 2012, quando ricoprivo l’incarico di Delegato Zona; in quell’occasione tutti i Club Abruzzesi organizzarono presso il Teatro Marrucino di Chieti la serata di beneficenza “Amore per la Vita…il loro sorriso nel nostro cuore” a cui presero parte l’attore e comico napoletano Biagio Izzo, il comico abruzzese Federico Perrotta e il gruppo Gospel Sound Machine. Grazie a quella serata abbiamo potuto raccogliere oltre 3mila euro che sono stati utilizzati per finanziare un progetto di assistenza domiciliare per i bambini con problematiche oncoematologiche. Un anno, quindi, ricco di Service e passione, quella che metteremo in ogni incontro, in ogni manifestazione, in ogni piccolo grande passo che faremo!

Alessandro Pala Presidente di Commissione Azione Pubblico Interesse Distretto 2090 a.s. 2013-2014

6


Dal diario di bordo del Distretto 2090:

La Grande Fête – La frontiera di un Gran finale e un Grande Inizio Anno …. Rotaractiano!! Eccomi qui a parlare di uno degli eventi più importanti del nostro Distretto, il passaggio delle consegne del Distretto Rotaract 2090°. Mi sembra ieri quando Francesca è stata eletta come RRD per l’a.s. in corso. Da presidente incoming del Rotaract di Fabriano mi sentii dire: “Cara mia, ora devi organizzare il passaggio delle consegne distrettuali!!!” Pur nella gioia del momento, andai nel panico più completo… per poi ritrovarmi ora a pensarla come una delle esperienze più emozionanti della mia vita. Ho vissuto un anno pieno di suggerimenti, consigli, piccoli e grandi esempi di spirito di squadra, in un clima semplicemente fantastico culminato con un evento che (a mio avviso) è riuscito alla grande. Non è stato semplice organizzare un appuntamento di tale portata, soprattutto per il periodo di profonda crisi in cui versa il nostro territorio, ma grazie al contributo di tutti e in particolar modo del nostro main sponsor “Ariston ThermoGroup”, nella persona dell’Ing. Dott. Francesco Merloni, siamo stati in grado di completare l’opera e curarla nei minimi dettagli. E’ incoraggiante e stimolante sapere che nonostante le difficoltà contingenti ci siano persone che credono ed investono senza esitazione nelle nuove generazioni e nelle loro iniziative, finalizzate in questo caso a devolvere il ricavato della serata all’associazione per la ricerca contro il cancro (A.I.R.C.) in memoria di Maria Cristina Cocca. Essere stata la Presidente di un club che si è dimostrato così unito e con tanta voglia di fare mi ha riempita di gioia, entusiasmo e soddisfazione. Ho osservato il Club di Fabriano dimostrarsi ancora una volta capace di affrontare e vincere una sfida, ottenendo un capolavoro, se mi permettete una punta di campanilismo. Gioia e soddisfazione ovviamente duplici per aver avuto l’occasione di seguire e vivere in prima persona tutti gli aspetti del passaggio del testimone tra Giulia Carrara, RRD 2012-2013, e l’attuale RRD Francesca Roscini, fino alla consegna del Collare la sera del 6 luglio. Questa esperienza mi ha dato modo di riflettere su quante grandi emozioni ci doni la nostra associazione e di come dovremmo farne tesoro, non dimenticandoci mai la finalità prima di servire al di sopra dei nostri interessi personali. Con affetto, Benedetta Gandini Past President Rotaract Club Fabriano a.s. 2012-2013 Prefetto Distrettuale a.s. 2013-2014

7


Dal diario di bordo del Distretto 2090:

UN SIRDE AL SAPORE DI CIOCCOLATO nel Distretto 2090

Lo storico Rotaract Club Perugia e il Distretto 2090 hanno sposato il cioccolato nella serata più dolce dell’anno. Sabato 19 ottobre 2013, nella cornice unica della Posta dei Donini di San Martino in Campo, duecentottanta giovani provenienti da tutta Italia si sono dati appuntamento per il Sirde, il seminario informativo per i rappresentanti distrettuali eletti. Nell’occasione sono stati raccolti fondi da destinare al service “Una goccia per la vita” diretto a finanziare alcuni progetti dei reparti di oncoematologia pediatrica dei centri ospedalieri di Perugia, Ancona e Pescara. Il rappresentante distrettuale Francesca Roscini, il presidente del club di Perugia Daniela Formaro e il presidente della commissione straordinaria grandi eventi Federico Aversa con un ricchissimo staff di giovani hanno lavorato per mesi per ricevere ospiti provenienti da tutta Italia. Dopo serate e interi pomeriggi dedicati all’organizzazione dell’evento, lo Staff si dichiara soddisfatto del buon esito del week end e soprattutto della serata di sabato che difficilmente gli ospiti dimenticheranno. In programma c’è stata la visita guidata al museo della Perugina e una degustazione di cioccolata, organizzata in collaborazione con Eurochocolate in esclusiva per i giovani rotaractiani. Nel pomeriggio del sabato gli incontri – dibattiti del Sirde e per concludere la grande cena di gala dal tema “Chocolate: a Rotaract Fairy Tale” con open bar e dj set a seguire. Rotaract Club Perugia

8


Dal diario di bordo del Distretto 2090:

DOLCI RICORDI DAL SIRDE… Il 18, 19 e 20 ottobre 2013, in occasione di Eurochocolate, si è tenuto il SIRDE - Seminario Informativo Rappresentanti Distrettuali Eletti, un evento nazionale che ha visto la partecipazione di più di trecento persone provenienti da tutta Italia, unite verso un unico grande obiettivo: fare service! Quando la nostra RRD Francesca Roscini mi ha chiesto di far parte dell’organizzazione sono stata felicissima; sono stati mesi di duro lavoro, impegnativi, stancanti ma è stata anche una buona occasione per conoscersi meglio, stringere amicizie e collaborare tra Club; tutte cose che non hanno potuto che rinsaldare il nostro spirito rotaractiano. L’avventura è iniziata i primi dell’anno: ogni settimana ci riunivamo dopo cena ed ognuno di noi dava qualche idea e studiava le migliori soluzioni affinché l’evento potesse riuscire nel migliore modo possibile! Mi ricordo le giornate spese per chiedere permessi e autorizzazioni; il continuo correr qua e là e… la tanta cioccolata! Il ‘quartier generale’ dei tre giorni dedicati all’evento è stata la Posta Dei Donini, splendida location sita a San Martino in Campo, che ha accolto calorosamente tutti gli ospiti. La prima sera si è svolta all’interno della SPA della stessa struttura mentre la seconda presso Villa Fidelia a Spello dove, nello specifico, ho svolto il ruolo di Prefetto insieme a Marco Amico. La cena di gala del sabato è stata ospitata dalla limonaia della Posta dei Donini in un clima di festa e di spirito benefico. Che altro dire…. è stata un’esperienza unica ed emozionante allo stesso tempo e spero di aver trasmesso queste sensazioni anche a coloro che vi hanno partecipato! Maria Vittoria Setti Consigliere Distrettuale Distretto 2090 a.s. 2013-2014 9


Dal diario di bordo del Distretto 2090:

SIRDE Perugia 2013:

2090 Style Ci sono molti modi per fare Rotaract, tanti “stili”, se vogliamo. Tanti quanti i Distretti nel mondo, e forse anche di più. E se c'è una cosa che ho imparato (e vissuto) è che il Distretto 2090 ha il suo, unico ed inconfondibile. Sarà per le colline e le montagne che ne caratterizzano il territorio, la storia intrisa di spiritualità, l'antico retaggio osco-umbro, chi lo sa. Ciò che è certo è che il “2090 Style” esiste e si mantiene nel tempo. È qualcosa che permea l'aria quando questo Distretto si mette in moto. Non è un caso quindi che gli amici provenienti dagli altri Distretti, tornando tra noi anche a distanza di anni, pur trovando persone diverse, vivano la stessa atmosfera, la stessa accoglienza, la stessa esperienza. Perché possono cambiare le location, le attività extra, i temi, ma l'essenza rimane quella: fare Rotaract. Non credo che la limonaia della “Posta dei Donini”, la sera del 19 Ottobre 2013, fosse l'unica località nell'Emisfero Occidentale ad ospitare più di 280 persone per una Cena di Gala, eppure questa aveva il suo marchio di unicità. Aldilà dell'organizzazione, della bellezza della location, degli addobbi, del timing perfetto delle portate e della bravura del deejay. E allora cosa? Non so se esista una parola per descriverlo. Però posso dire che quel qualcosa si poteva leggere su ogni singolo volto dei membri dello Staff. Una tensione leggera e palpabile che pervade ogni azione, ogni sguardo, ogni parola, dettata da una sola causa, lo scopo: il Servizio. Parafrasando una delle mie battute preferite della trilogia di Matrix, “è il Service che ci ha creati”. In questo caso, il Service Distrettuale “Una Goccia per la Vita”. Senza di esso, chi ce lo farebbe fare di dedicare per mesi gran parte del nostro tempo libero a raccogliere prenotazioni, cercare sponsor, organizzare gite, cercare location, tagliare a mano badge, peregrinare ore alla ricerca di una tipografia sperduta in un non-luogo tra Ferro di Cavallo e Sant'Andrea delle Fratte 1 . Eppure l'abbiamo fatto, e lo rifaremmo. Perché facciamo e facciamo per uno scopo diverso dal mero interesse personale. E dopo, “a bocce ferme”, quando gli ospiti se ne sono andati e la burocrazia sistemata, ci ritroviamo cambiati, diversi, temprati da ogni imprevisto, da ogni difficoltà superata per quanto grande o amplificata che fosse dal micromacrocosmo del SIRDE (che in questo è simile ad ogni altro Evento Nazionale). Uno dei meravigliosi paradossi del Rotaract è che ti migliora senza che tu te ne accorga; l'esperienza e l'impegno “illuminano il nostro talento” (per questa ho chiesto i diritti d'autore). Abbiamo abbracciato il Rotaract, cambiato vite, (le nostre e quelle degli altri), tutto questo senza mai, (a meno di un insieme di momenti di misura nulla nello spaziotempo), perdere il sorriso, il divertimento del nostro impegno. Forse è stato questo il grande merito della grande famiglia dello Staff del SIRDE Perugia 2013. Che sia questo, in fondo, il 2090 Style? A tutti noi l'ardua sentenza.

Pietro Speziali Commissario Mantenimento e Incremento dell’Effettivo, Espansione e Nascita Nuovi Club a.s. 2013-2014

1 Storico: simpatico aneddoto con protagonista una caparbia ed incolpevole RRD Francesca Roscini

10


Dal diario di bordo del Distretto 2090:

Rotaract Club Assisi, l'impegno continua 16/11/12: Grande Successo per la III Assemblea Distrettuale Distretto Rotaract 2090 Il “Sedici” è un numero speciale. Chissà, forse perché è bello da vedere, magari perché cade a metà esatta dell'adolescenza, tra la magia dell'infanzia e la realizzazione d'una vita adulta, o sarà perché è più di tre lustri e ragionevolmente meno di un giubileo. Sia come sia, qualsiasi sedicesima ricorrenza è speciale, e merita un'attenzione tutta particolare. Così, giunti alla XVI Edizione de “La Castagnata”, il Rotaract Club Assisi, guidato dal Presidente Filiberto Franchi, si è impegnato al massimo per fare qualcosa di speciale e diverso, pur rimanendo nel solco della tradizione di questo Club, sintetizzata dall'ormai celebre motto “Renidendo Servire” (vale a dire, “Servire col Sorriso”). Magari aggiungendo una sfida nuova, come l'organizzazione di una Assemblea Distrettuale. Così, una volta ricevuto dal Distretto Rotaract 2090 l'onore (e l'onere) di organizzare la III Assemblea Distrettuale, la potente e collaudata macchina organizzativa di questo gruppo di amici che è il Rotaract Club Assisi si è messa in moto con il solito eppur sempre nuovo impegno. Così è nata “Laudes Creaturarum”. Una Castagnata più incentrata sull'incanto del Creato e delle Creature, su quell'unità dell'Uomo con la Natura che è il marchio indelebile che la città di Assisi, come tutta l'Umbria, lascia su chiunque la visiti. Da qui la scelta di una location immersa nel verde, ma con una vista mozzafiato sulla Città Serafica: l'Hotel “Valle di Assisi”, che ha ospitato l'intero Evento, dai lavori pomeridiani della Assemblea Distrettuale (nel corso dei quali il Distretto 2090 ha votato l'adesione al MultiDistretto del Mediterraneo) alla Cena di Gala, il cui intero ricavato è stato devoluto al Service Distrettuale “Una Goccia per la Vita”, dedicato al finanziamento dei Reparti di Oncoematologia Pediatrica d'eccellenza presenti nel Distretto (Perugia, Ancona e Pescara). Ospiti d'eccezione della serata Simone Venier (canottiere italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi nel 4 di coppia) e Valeria Altobelli, attualmente co-conduttrice della nota trasmissione televisiva “Forum” (e finalista del concorso “Miss Mondo” nel 2004). Estremamente significativo il loro intervento congiunto, nel quale invitano tutti i giovani ad essere protagonisti del proprio presente e del proprio futuro (che è il futuro di tutti). Un messaggio che il Rotaract Club di Assisi ha fatto

proprio da tempo, con una convinzione rafforzata dai traguardi raggiunti mettendo insieme null'altro che le nostre idee, il nostro impegno, il nostro entusiasmo e la nostra amicizia. Tante le 11


Dal diario di bordo del Distretto 2090: sorprese della serata, tra cui il saluto del Governatore del Distretto Rotary 2090 Luigi Falasca e del Presidente del Rotary Club Assisi Emanuel Concetti, impegnati proprio ad Assisi nel Forum del Distretto Rotary 2090. Tra gli oltre 120 ospiti della serata, provenienti da tutto il Distretto (Umbria, Marche, Abruzzo e Molise) ricordiamo e ringraziamo il Rappresentante Distrettuale Distretto Rotaract 2090 Francesca Roscini, il Delegato Rotary per il Rotaract Distretto Rotary 2090 Massimo Deliberato, il Vice R.R.D Massimiliano Crusi, il Segretario Distrettuale Stefania Pazienza, il R. D. Incoming Costanza Scoponi, il Tesoriere Distrettuale Cristiano Venturini, il Prefetto Distrettuale Benedetta Gandini, il Delegato Zona Umbria Federico Aversa e Past RRD Distretto Rotaract 2090 Stefano Pala, Gino Petronio, M. Elena Castori. Ancora una volta, e ne siamo certi, mille altre volte... Renidendo Servire!.

Rotaract Club Assisi

I Club del Fermano: Gran Galà degli Auguri "Trovarsi insieme è un inizio, restare insieme un progresso, lavorare insieme un successo". (Henry Ford) Non esiste frase più indicata per sottolineare uno degli aspetti più autentici e fondamentali del nostro Rotaract: la collaborazione. Lavoro di squadra, partecipazione collettiva, compresenza di forze ed energie: tanti i termini utilizzabili per definire una realtà rotaractiana in cui il valore associativo emerge e si rafforza quotidianamente. La forza della collaborazione tra Club apparentemente diversi sta nel fatto di essere uniti tutti dai medesimi principi. Questa caratteristica ha portato ad una facilità di comunicazione e scambi di idee, con un conseguente aumento della produttività rispetto a quella del Club preso come singolo. Ciò che spinge alla collaborazione è infatti la possibilità di raggiungere obiettivi più lontani, riuscendo ad aumentare anche il nostro “livello di divertimento” nello svolgere compiti comuni. Ed è così che i Club Alto Fermano, Fermo, La Marca e Montegranaro hanno avuto l’onore (e l’onere) di ospitare uno degli eventi più importanti della vita di questa associazione: il Gran Galà degli Auguri del nostro Distretto Rotaract. Una serata piena di emozioni e di soprese che si è svolta sabato 14 dicembre 2013 nella splendida Villa Sofia di Monte San Pietrangeli: una sala calda ed accogliente, ricca di decori, dipinti, grandi 12


Dal diario di bordo del Distretto 2090: quadri in stile caratterizzata dal suggestivo “cielo in una stanza” e da un piccolo borgo, riproduzione di uno scorcio della casa della Loren comparso in un conosciutissimo film. Più di 170 persone hanno contribuito a rendere realmente concrete le capacità e le potenzialità dei quattro club e festeggiare il Natale, ormai alle porte. Il ricavato della serata sarà devoluto al service distrettuale “Una Goccia per la Vita”, allo scopo di finanziare direttamente i progetti dei reparti di oncoematologia pediatrica dei centri d’eccellenza di Ancona, Pescara e Perugia. Dopo i saluti iniziali del Prefetto Distrettuale, i quattro Presidenti del Fermano, rispettivamente Ludovica, Paolo, Alessio e Federica, prendono la parola descrivendo questo evento come una sfida ed il grande impegno profuso in questo percorso lungo e non sempre facile, ma colmato dalla soddisfazione di vedere così numerose le persone intervenute. Hanno sottolineato l’importanza della vicinanza dei propri Rotary padrini. Estremamente significativo l’intervento dell’Assistente del Governatore, Dalmazio Greci, che ha avuto modo di vedere quanto i quattro Club hanno lavorato insieme, con tanta volontà ed impegno, grande collaborazione, assiduamente e soprattutto con tolleranza reciproca nello scambiarsi i ruoli, l’uno soccorrendo l’altro nel momento del bisogno. A concludere il Rappresentante Distrettuale Francesca Roscini si è complimentata con tutti e quattro i club per il lavoro svolto, per essersi messi in gioco, aver scoperto i loro limiti ed esaltato le loro capacità, illuminando il loro talento. Nel corso della serata è stato presentato il gioco della “Ruota della Fortuna” con ricchi premi donati da molti sponsor che abbiamo ringraziato per la loro sensibilità e disponibilità. Infine, è stato mostrato un video, frutto di un grande lavoro da parte del Presidente della Commissione Azione Interna, Andrea Urbinati, in cui tutti i Past Rappresentanti Distrettuali hanno inviato un loro messaggio di auguri. La serata è poi proseguita con l’intrattenimento di un gruppo musicale “Le Pailettes Girl Band” ed il loro repertorio frizzante e coinvolgente pensato per far divertire tutti, nessuno escluso Chiara Greci Delegato Zona Marche a.s. 2013-2014

13


Zona Abruzzo

CALCIO BALILLA UMANO ON THE BEACH Sport e divertimento per il Service del Rotary Internazionale END POLIO NOW

Domenica 18 Agosto 2013 presso il Lido “Il Cavallino Azzurro” sul lungomare Le Morge di Torino Di Sangro (CH), il Rotaract di Atessa Media Val Di Sangro ha organizzato il “ 1° TORNEO DI CALCIO BALILLA UMANO ON THE BEACH”. Un gran successo per questo torneo ad eliminazione diretta che ha visto la partecipazione di 12 squadre, dai nomi più disparati tra cui “Amici della Forchetta”, “Sei Birre”, “Mojito Football Club”, “La Famiglia Addams’’e “Cocorito”. Immancabile una squadra del Rotaract, composta da Giorgio Cabrini, DZ Abruzzo, da Maria Vittoria Tozzi, presidente del Club di Lanciano e dai ragazzi del Club di Atessa. E’ stato un pomeriggio animato dal divertimento e dallo sport che ha coinvolto uomini e donne di ogni età e che ha visto premiata la “Mojito Football Club” con un soggiorno di una settimana per 8 persone. Parallelo al divertimento in spiaggia, l’obiettivo di “servire al di sopra di ogni interesse personale”. Infatti, il presidente del Club di Atessa, Annalisa Antichi e tutti i soci, in collaborazione con il Lido “Il Cavallino Azzurro” e con il patrocinio del Comune di Torino Di Sangro, hanno promosso questo evento a favore del service END POLIO NOW, che mira ad estinguere completamente la poliomielite nel mondo. Dopo un quarto di secolo di duro lavoro, il Rotary International insieme ai suoi partner sono sul punto di eradicare le ultime tenaci sacche di poliomielite che, pur esigue, minacciano ancora tutti i bambini del mondo. Annalisa Antichi Presidente Rotaract Club Atessa Media Val Di Sangro a. s. 2013-2014 14


Zona Abruzzo

Rotaractiani e Rotariani da tutto il modo insieme per il Cycling to serve. Un evento di portata internazionale si è svolto con grande successo nelle giornate 30, 31 agosto e 1 settembre 2013. Il Rotaract club di Avezzano, col suo Presidente Giancarlo G. Cardone, insieme al Rotary Padrino, di cui è Presidente Alberto Bisciardi, sono stati protagonisti del “Cycling to serve”. La grande passione dei due club per gli ideali di servizio e solidarietà li ha portati ad organizzare questa manifestazione sportiva legata alla fellowship del ciclismo, che ha visto la partecipazione di oltre una decina di nazioni. Si tratta della terza volta che un evento così importante ha come sfondo l’Italia e il Rotaract ed il Rotary di Avezzano sono stati sicuramente degli ottimi padroni di casa. Per l’occasione, l’intera città di Avezzano si è vestita a festa; le vetrine dei negozi, come non mai, brillavano di solidarietà, avendo ogni commerciante a proprio modo dato risalto alla manifestazione allestendo delle vetrine a tema.

15


Zona Abruzzo Un evento durato tre giorni che si è aperto con uno straordinario corteo nel giorno di venerdì 30 per le vie del centro di Avezzano ed è proseguito per tutta la giornata di sabato 31, quando nella mattinata e nel primo pomeriggio hanno avuto luogo, nella zona della Pineta, quattro gare di ciclismo. Nel corso della sera poi è stata organizzata una meravigliosa serata di gala. Una tre giorni all’insegna dei principi rotariani e rotaractiani: l’Amicizia attraverso il Servire. Infatti, in occasione di questo evento internazionale, tanti amici rotaractiani e rotariani sono giunti da ogni parte del mondo per condividere la passione del ciclismo e per fare soprattutto service. Il Presidente Cardone ha affermato: “L’azione umanitaria è, e deve essere, sempre il filo rosso del nostro agire. Il Rotaract Club Avezzano ha creduto molto in questa manifestazione, lavorando con lo spirito giusto, consapevole che tutto è stato fatto per uno scopo benefico che porterà il nome del Rotaract e della nostra terra”. Il “Cycling to serve” è stato molto apprezzato dall’intero Distretto 2090 e, in particolare, la Zona Abruzzo ha deciso di adottarne l’azione umanitaria quale Service di zona, riconoscendo la validità e la portata del progetto. L’intero ricavato della manifestazione è stato devoluto al “Progetto Masango” e andrà a contribuire alla realizzazione di un centro di assistenza costruito presso un presidio sanitario con annessi orfanotrofio e casa di accoglienza delle ragazze di strada, già in corso di costruzione a Masango (località del Burundi). L’importanza e l’impegno profuso alla realizzazione dell’evento ha fatto sì che il Rotaract Club Avezzano ricevesse l’alto riconoscimento, quale la medaglia d’oro, da parte del Presidente della Repubblica. Rotaract Club Avezzano

16


Zona Abruzzo

"UNA GOCCIA PER LA VITA" Il Rotaract di Atessa riempie il teatro di Atessa con un concerto di beneficenza E’ stata una serata piacevole e ricca di emozioni quella del 26 ottobre 2013. In questa data il Rotaract di Atessa ha organizzato, con il patrocinio della Città di Atessa e dell’Assessorato alla Cultura, un concerto di beneficenza presso il teatro comunale "A. Di Jorio" di Atessa (Chieti). Insieme ai "Neomenia” si sono ripercorsi i brani più emozionanti della musica d'autore italiana: Battisti, De Andrè, Mannoia, Battiato ed altri artisti in un vero e proprio viaggio nel tempo, il tutto a favore di "Una Goccia Per La Vita", progetto del Distretto Rotaract 2090° volto a finanziare i reparti di oncoematologia di Ancona, Perugia e Pescara. I ragazzi del Club di Atessa hanno dedicato la serata al reparto di Ematologia dell’ Ospedale Santo Spirito, conivolgendo anche l’associazione GAL, gruppo abruzzese linfomi. Il pubblico ha accolto con sincero entusiasmo questa iniziativa, cantando ensemble durante il concerto colmando la distanza dal palcoscenico. Presenti alla serata i presidenti dei Club di Lanciano, Maria Vittoria Tozzi, di Pescara Ovest, Federico De Cerchio con il suo Past President, Marcello Milano e il segretario del Club di Vasto, Anna Antenucci. Speciale e toccante l’intervento finale di un ospite particolare della serata, Alessia Arnadi, tornata a sorridere dopo esser guarita da un linfoma. Testimonianza di quanto fondamentale sia il lavoro di medici, assistenti e volontari per sostenere questi pazienti sono arrivate anche dal dott. Francesco Angrilli e dalla dott.ssa Simona Falorio, ematologi presso l’ospedale di Pescara e rispettivamente presidente e segretario del suddetto GAL. La nostra è stata una serata di beneficenza, ma ha voluto essere soprattutto una “goccia” di speranza per chi soffre, nel pieno spirito di servizio del Rotaract. Annalisa Antichi Presidente Rotaract Club Atessa Media Val Di Sangro a.s. 2013-2014

17


Zona Marche

ROTAFURORE Vol. II Sabato 12 Ottobre 2013 presso l’ Hotel Janus di Fabriano si è svolta la seconda edizione del Rotafurore organizzata dal nostro Club. E’ stata una serata all'insegna dell' amicizia, della musica e del divertimento, alimentata dalla voglia di fare qualcosa di concreto per il prossimo. Il ricavato della nostra serata canora è stato devoluto al Service Nazionale " Dreambox", dedito a portare gioia e colori nella vita ospedaliera dei piccoli pazienti dei reparti di oncoematologia pediatrica del nostro Paese, attraverso la consegna di veri e propri cofanetti contenenti libri, colori, figure ritagliabili, giochi da tavolo e tutto il necessario per stimolare la fantasia, regalando momenti di quella spensieratezza che non dovrebbe mai essere interrotta dalla malattia. Nel corso della serata è stato accolto nelle nostre fila un nuovo socio proveniente dall’Interact, Francesco Teodori, ed è stato rinnovato il Gemellaggio con il Rotaract Club di Foligno in nome dell'amicizia di lungo corso che ci lega.

Giorgia Maracchini Presidente Rotaract Club Fabriano a.s. 2013-2014

18


Zona Marche

ROTARACT CLUB TOLENTINO – Torneo di Burraco Sono state trentadue le coppie che hanno preso parte al Torneo di Burraco organizzato a Tolentino dal Rotaract Club lo scorso 26 ottobre. Un'ampia partecipazione di pubblico che ha reso entusiasmante l'evento, ma ancor più la raccolta a scopo di beneficenza che era alla base della serata: 1300 euro complessivi da devolvere alle iniziative “Dream Box” ed “End Polio Now”, ed al sostegno del reparto di pediatria dell'ospedale di Macerata. Le iniziative in questione - come la presidentessa Ilaria Natali ha spiegato durante la serata - si inquadrano in un progetto di più ampio respiro che mira a fare beneficenza in maniera concreta, immediata, partendo in questo caso dai bambini, che con pochi centesimi possono essere messi al riparo con un vaccino dal virus della poliomielite per esempio, o che con il “Cofanetto dei sogni” dell'iniziativa “Dream Box” (cofanetto che contiene matite, pastelli, fiabe, peluches...) possono vedere allietata la propria permanenza in ospedale. La straordinaria partecipazione di pubblico è stata accompagnata da un'altrettanta straordinaria raccolta tra gli sponsor locali che, a dispetto del periodo di generale difficoltà, hanno trovato la forza e l'entusiasmo per contribuire donando i premi per i partecipanti e sostenendo economicamente l'iniziativa. Il torneo – che ha avuto una discreta risonanza sui media locali, con articoli sul !Corriere adriatico”, “Cronache maceratesi” e “Multiradio” – è stato, a detta dei partecipanti, molto avvincente e all'insegna del divertimento: la sfida è subito entrata nel vivo ed i ricchi premi hanno innescato in tutti, o quasi, un gran spirito competitivo! Tutto questo ha creato davvero un ottimo clima per la serata, che è stata animata anche grazie ad una ricca lotteria e alla simpatia dei soci. La serata si è conclusa poi con la premiazione delle coppie vincitrici e l'invito da parte del club a seguire e partecipare alle prossime iniziative, perché alla fine è abbastanza facile, come si è dimostrato, unire l'utile al dilettevole! Rotaract Club Tolentino

19


Zona Molise Molise

IN MOLISE ‘NASCE’ IL ROTARACT DI TERMOLI: È IL TERZO CLUB DELLA REGIONE Un duplice appuntamento sabato 28 giugno nella sede del Rotary di Termoli presso il ristorante Cian dove, oltre alla cerimonia del tradizionale passaggio del martelletto, è stato presentato anche il Rotaract, l’associazione promossa dal Rotary International e riservata ai ragazzi tra i 18 e i 30 anni. L’evento, al quale hanno preso parte 4 governatori del distretto 2090, tra cui il governatore in carica Luigi Falasca, presidenti provenienti da diversi club e i soci del Rotary di Termoli, è stato introdotto da Emilio Travaglini, presidente uscente. Travaglini, prima di passare il testimone ad Antonio De Marinis, ha ripercorso tutto quello che è stato realizzato nell’anno del suo mandato dal club. Le iniziative promosse e gli eventi organizzati con successo. Dai premi Cuoco, D’Andrea, passando per il certamen di greco antico, fino ad arrivare al Campus per diversamente abili di Casalbordino. Ha quindi proceduto a consegnare le targhe che il distretto ha inteso assegnare, nel corso della 39esima distrettuale, al club di Termoli come riconoscimento per il grande lavoro svolto, in linea con quello che è lo spirito dell’associazione. Sono stati quindi introdotti i giovani del Rotaract Club di Termoli. La presidente Rossella Travaglini ha preso la parola per i ringraziamenti - estesi alla sala a nome di tutti i componenti del neonato club, il terzo della regione assieme a quello di Campobasso e Isernia per la fiducia e l’appoggio dimostrato perché il club fosse fondato. Dodici i componenti, tutti di età compresa tra i 20 e i 28 anni (Martina Gonnella vicepresidente, Paola De Lena tesoriera, Gisella Balice segretaria, Eleonora Crema prefetto, Alessandra Mecci, Alfredo Mangione consigliere, Anastasia Mangione consigliere, Gabriele Carluccio, Camilla Vincenzi, Cristina Musacchio consigliere, Federica Vescio consigliere) che hanno ribadito il proprio impegno per iniziare a lavorare in linea con lo spirito dell’associazione. La serata è quindi andata avanti e si è arrivati al passaggio del martelletto: Antonio De Marinis, il nuovo presidente dell’associazione, ha quindi salutato a sua volta tutti gli intervenuti, esplicando in un conciso discorso gli impegni che porterà avanti con il suo mandato. Dopo Campobasso e Isernia, quello di Termoli è il terzo club aperto in Molise, rientrante nel Distretto 2090. Il 2 agosto si è svolto un incontro tra i presidenti e i soci dei club di Campobasso e Termoli, rispettivamente Luigi Petrella e Rossella Travaglini, nel porto turistico della città rivierasca molisana. Rotaract Club Termoli

1700 euro donati alla Casa Famiglia “don Giovanni Battista”. I rotaractiani del Club di Campobasso visitano la struttura Hanno visitato la Casa Famiglia “don Giovanni Battista”, conosciuto i responsabili, gli operatori e i piccoli ospiti del centro, i giovani delegati del Rotaract di Campobasso che, assieme ai soci del club di Isernia, hanno scelto di indirizzare la raccolta fondi del Service di Zona “Datur Omnibus” dell’anno sociale 2012-2013 alla struttura del capoluogo. 1700 euro la somma complessiva che i rotaractiani sono riusciti a realizzare grazie alle iniziative organizzate durante l’anno e all’impegno dello stesso Distretto 2090. Il contributo dei due club è servito alla Casa famiglia per pagare l’assistenza psicologica, medica e di riabilitazione ai minori ospiti della struttura. Venerdì 27 settembre la visita alla struttura. Oltre all’attuale presidente del club di Campobasso Luigi Petrella, ad Adelia Petrillo e Giandomenico D’Alessandro, soci del club del capoluogo, ad accompagnare la delegazione c’era anche Silvia Sticca, past president del club di Campobasso e attuale delegata della zona Molise. “Attraverso questo piccolo contributo” – ha affermato Silvia Sticca – “speriamo di sollevare lo stato d’animo dei ragazzi che abbiamo incontrato assieme ai responsabili e agli operatori della struttura che si occupano di loro”. “Il Service” – ha aggiungo Luigi Petrella – “lo abbiamo portato avanti con il club di Isernia che lo scorso anno era guidato da Francesco Iannelli. Siamo stati sostenuti in questa iniziativa dall’intero Distretto 2090 cui apparteniamo; in particolare Giulia Carrara, past RRD del nostro distretto e Letizia Gomato (tesoriere distrettuale a.s. 2012-2013) si sono prodigate per noi e per il nostro Service. Chiaramente l’intenzione è quella di andare avanti e proseguire su questa strada. Rotaract Club Campobasso 20


Zona Molise Molise

“OPEN CULTURE”: SEMINARIO PROMOSSO DAL ROTARACT CLUB DI CAMPOBASSO Nel pomeriggio di martedì 12 novembre, nell'aula “Enrico Fermi” della Biblioteca d'Ateneo dell'Università degli Studi del Molise, si è tenuto il primo evento dell'anno sociale 2013-2014 del Rotaract Club di Campobasso, cofinanziato dall'Università degli Studi del Molise. Open Culture è il titolo dell'iniziativa, che ha avuto come tema quello dell'accesso libero ai saperi, principio etico sempre maggiormente diffuso in vari ambiti. Di qui la nascita dei concetti di “Open Access”, relativamente al campo dell'editoria accademica, “Open Government” e “Open Data” nel settore della Pubblica Amministrazione e “Open Source” nell'ambito dell'informatica. Dopo il momento dei saluti istituzionali, sono intervenuti esperti della materia tra i quali il professor Roberto Delle Donne, coordinatore del Gruppo di lavoro sull'Open Access presso la CRUI, Mario Massimo Petrone, Ordinario d'Informatica all'Unimol e la professoressa Paola Gargiulo del Cineca. Al primo giro di interventi ha fatto seguito una tavola rotonda moderata dal professor Alberto Franco Pozzolo, alla quale hanno preso parte Luca Marinelli di Wikimedia Italia, Lucia Zappacosta dell'Associazione Metro-Olografix e lo scrittore Arturo di Corinto. Durante i lavori, inoltre, l'associazione beneventana LI.LIS, ha allestito un banco di distribuzione gratuita di materiale informativo sul software libero e sull'Open Source.

CENA CON DELITTO: oltre 100 ospiti ‘detective’ per il Rotaract Club Campobasso Solidarietà e allo stesso tempo divertimento: questi gli ingredienti che il Rotaract Club di Campobasso è riuscito a coniugare in modo impeccabile nella serata di beneficenza organizzata giovedì 21 novembre a Oratino, durante la quale sono stati raccolti fondi a sostegno del service distrettuale "Una goccia per la vita". Un centinaio gli ospiti che hanno preso parte alla manifestazione durante la quale sono stati raccolti fondi a sostegno dei progetti di ricerca dei centri di eccellenza di onco-ematologia pediatrica di Perugia, Ancona e Pescara. Una serata coinvolgente, ricca di colpi di scena, durante la quale i

partecipanti si sono dovuti calare nei panni dei "detective" e risolvere il misterioso delitto inscenato nella sala del ristorante dagli stessi attori rotaractiani. «L’iniziativa» – ha dichiarato il presidente del Rotaract di Campobasso Luigi Petrella - «ha avuto una grande partecipazione. I ragazzi del Rotaract hanno cercato di dare il meglio. Ringraziamo tutti i partecipanti e chi ha sostenuto l’iniziativa. Abbiamo raccolto 600 euro per il service “Una goccia per la vita”». Tra i partecipanti alla serata c’erano il Delegato Rotary del Distretto 2090 Marcello Milano, un delegazione del Rotaract Club di Termoli e 21


Zona Molis Molise olise del Rotaract Club di Atessa (con cui il club di Campobasso è gemellato) e una

rappresentanza dei Leo Club di Campobasso.

Rotaract Club Campobasso

ROTARACT A ISERNIA

Il Rotaract a Isernia c’è e si sente. Nonostante la storica recalcitranza della nostra Terra a eventi di ampio respiro, quest’anno, più che mai, abbiamo voluto mantenere viva la tradizione rotaractiana nella provincia pentra, dove il numero dei soci non è certo esorbitante ma cresce di pari passo con le nostre iniziative. E devo ammettere che ci siamo tutti messi di grande impegno per l’organizzazione e la realizzazione di tutti i service distrettuali dell’ a.s. in corso. Con mia grande soddisfazione il Club di Isernia ha già, infatti, registrato la straordinaria riuscita del service “Nemmeno con un fiore”, che ci ha visto ferventemente impegnati nell’ideazione di una foto che mi ha inorgoglito per la profondità e la pregnanza; e poi, dulcis in fundo, nelle settimane appena precedenti il Natale abbiamo discusso, in compagnia di due eminenti rappresentanti della politica molisana, del difficile rapporto del nostro Paese con la clandestinità, evidenziandone, in prospettiva, i risvolti e le conseguenze. “Ovunque è 2090”, in questo modo, è stato portato a termine come meglio non avremmo potuto e, certamente, con uno sguardo fiducioso alla nostra attività che, incessante, continuerà a caratterizzare il Club di Isernia. “Pochi ma buoni” mi verrebbe da dire facendo eco ad un detto del passato; oppure, meglio, fantastici, volendo gratificare l’operato di quanti, soci del Club e miei fedeli compagni di attività, mi stanno aiutando a tenere alto il nome del Rotaract anche ad Isernia, così come si conviene ad ogni Club che si rispetti. Giustino D’Uva Presidente Rotaract Club Isernia a. s. 2013-2014

22


Zona Molise Molise

“LA MUSICA, UN LINGUAGGIO UNIVERSALE” Pienone al convegno del Rotaract Club di Termoli e applausi per il primo LIVING MUSIC ACT «La musica è quel linguaggio universale che non conosce barriere e può arrivare a tutti, ed è per questo che abbiamo scelto questo tema come chiave di lettura della giornata di oggi»: si è aperto con queste parole il convegno organizzato dal Rotaract Club di Termoli sabato 23 novembre nell’aula magna del Liceo Classico “Gennaro Perrotta”. Di fronte a un’aula magna piena ha preso il via il primo evento ufficiale curato dal Club cittadino di giovanissimi e promosso in favore del Service distrettuale “Una Goccia per la vita”. Il dirigente scolastico dell’Istituto Antonio Franzese, nel compiacersi dell’iniziativa messa in campo, ha dato il benvenuto ai presenti, agli ospiti e agli organizzatori della manifestazione, lasciando poi la parola alla presidente in carica per il corrente anno distrettuale Rossella Travaglini. «Per il nostro club è il primo evento importante. Il nostro intento era quello di raggiungere tutti in maniera semplice e immediata, per questa ragione abbiamo pensato alla musica come tema portante della nostra manifestazione». La presidente dell’associazione ha poi spiegato brevemente al pubblico cos’è il Rotaract e il motivo dell’evento durante il quale «sono stati raccolti fondi che andranno a sostenere la ricerca nei centri di onco-ematologia pediatrica di Pescara, Ancona e Perugia del nostro distretto, il 2090». A Martina Gonnella, vice presidente del club, il compito di dirigere gli interventi. Dopo l’introduzione dei due relatori ospiti del convegno e la loro presentazione, Martina Gonnella ha dato la parola al dottor Giuseppe Massariello, docente di scuola e musicista professionista. Musiche dal vivo e la partecipazione di alcuni studenti della scuola protagonisti tra l’altro di un progetto musicale promosso a partire da questo anno dal Liceo Classico “Perrotta” grazie al quale studiano e approfondiscono la musica sia a livello

pratico che teorico – hanno caratterizzato la sua relazione intitolata “Musica e Società”. Dalle origini ai giorni nostri Massariello ha spiegato in maniera semplice ma efficace come la musica sia presente nel quotidiano di tutti e influenzi la vita di ognuno di noi. A intervenire subito dopo è stata la psicologa clinica e musicista Monica Gammieri con una relazione dal titolo “La magia di un concerto: la musica tra emozioni e processi neurocognitivi". La dottoressa Gammieri ha illustrato cosa accade psicologicamente durante lo studio della musica e l’esecuzione musicale, quali sono i processi cognitivi di apprendimento, ha parlato quindi di memoria, personalità ed emozioni. La giornata si è conclusa nel ristorante “La Vida” con la cena, evento di beneficenza a cui hanno preso parte diversi rappresentanti del Rotary club di Termoli. «Come club siamo soddisfatti di quanto realizzato in occasione del I Living Musica Act» – ha affermato Rossella Travaglini – «L’intenzione è quella di proseguire su questa strada. Ovviamente continueremo a sostenere il nostro service anche nei prossimi mesi e siamo già a lavoro per il prossimo evento. Colgo l’occasione per ringraziare il preside del Liceo Classico Antonio Franzese che ha ospitato con piacere il nostro convegno, dandoci l’appoggio per la nostra manifestazione. Ringrazio inoltre i relatori per i loro preziosissimi contributi, il Rotary Club di Termoli che ci ha dato pieno sostegno nell’iniziativa e tutti coloro che, con la loro presenza, hanno contribuito al nostro Service». Rossella Travaglini Presidente Rotaract Club Termoli a.s. 2013-2014

23


Zona Umbria Il RAC Assisi Brinda al Nuovo Presidente Grande successo per l'edizione 2013 del “Brindisi dei Presidenti” Venerdì 12 Luglio 2013, nella stupenda cornice dell'Agriturismo “Valle del Subasio” (Rivotorto, Assisi) si è svolto il “Brindisi dei Presidenti”, ormai tradizionale appuntamento estivo organizzato dal Rotaract Club Assisi. Un evento informale, per dare l'opportunità ai Direttivi appena insediati dei Club della Zona Umbria (ricordiamo che l'Anno Rotaractiano, come quello Rotariano, inizia il 1 Luglio) di incontrarsi, conoscersi, parlare dei propri progetti per l'Anno Nuovo. Inoltre, i Rotaract Club di Assisi e Perugia hanno effettuato i propri Passaggi delle Consegne assieme nel corso di questa stupenda serata, che persino l'imprevedibile e implacabile pioggia di questi giorni ha voluto risparmiare. Così, Pier Giorgio Narducci, Presidente del RAC Assisi per l'Anno 2012/2013, ha passato il testimone al nuovo Presidente per l'Anno 2013/2014, Filiberto Franchi, e il Presidente del RAC Perugia Claudio Cerquaglia ha consegnato il collare al nuovo Presidente Daniela Formaro. Alla presenza degli oltre ottanta invitati, provenienti da tutta l'Umbria (tra i quali ricordiamo Emanuele Concetti, Presidente Rotary Club Assisi, Francesca Roscini, RRD del Distretto Rotaract 2090 per l'A.S. 2013/2014, Massimiliano Crusi, Vice RRD Distretto 2090, Francesco Franchi e Maria Vittoria Setti Consiglieri Distrettuali Distretto 2090, Federico Aversa, Delegato Zona Umbria, Maria Elena Castori, past RRD Distretto 2090) il Rotaract Club Assisi ha presentato il nuovo Direttivo, formato da Pietro Speziali (Vice Presidente), Luca Pastorelli (Segretario), Mirko Grassellini (Tesoriere), Federico Franchi (Prefetto), Marco Amico (Presidente Incoming) e dai Consiglieri Andrea Narducci, Giulia Falcinelli, Stefano Mosconi, Andrea Petrozzi. Oltre alla presentazione della nuova squadra, il Presidente Filiberto Franchi ha esposto i propri progetti di Service per il nuovo Anno. Progetti ambiziosi ed impegnativi, come sempre, e sfide nuove. Infatti, oltre all'organizzazione della “Castagnata”, evento benefico ormai storico (quest'anno si giungerà alla XVI Edizione) e alla tutela di “Fonte Maddalena” (sita nel Parco del Monte Subasio) quest'anno vedrà il Club di Assisi impegnato in due progetti innovativi: un progetto di Service sulla Sicurezza Stradale e la collaborazione con l'emittente televisiva TEF, per estendere la conoscenza e la comprensione degli ideali Rotariani e Rotaractiani. Sempre, però, con lo spirito che contraddistingue il Rotaract Club Assisi, testimoniato dal motto Renidendo Servire: mettersi al Servizio della Comunità sempre col sorriso, quel sorriso che viene dalla gioia di stare insieme. Pietro Speziali Vice Presidente Rotaract Club Assisi a.s. 2013-2014

24


Zona Umbria "Rotaract Beach Volley, una schiacciata per la Vita" Il 20 Settembre i Soci del Rotaract Spoleto hanno consegnato il ricavato dell'evento sportivo "Rotaract Beach Volley, una schiacciata per la Vita", al CEIS Don Guerrino Rota di Spoleto. Michael Surace, Presidente del Rotaract Spoleto, e Niccolò Lattanzi, in rappresentanza dell'Agri Leisure Time che ha ospitato nella sua struttura l'evento, sono stati accolti dal responsabile del centro Don Eugenio Bartoli che ha potuto mostrare da vicino le tante e importanti attività di recupero alla vita sociale che vengono fatte nei confronti di chi cade nel disastroso mondo della droga e che da oggi, per una piccola parte, verranno sostenute anche dai tanti sportivi che questa estate hanno partecipato al torneo di beach volley proprio all'Agri Leisure Time di Terraia, con ben sedici squadre e più di ottanta persone convenute. Per la cronaca è stato il Rotaract di Norcia ad aver vinto l'ambito Trofeo. Rotaract e Agri Leisure Time con questa iniziativa hanno voluto sottolineare come sport, solidarietà e territorio siano ingredienti che insieme possono fare veramente tanto per il futuro di alcuni giovani che, con le loro paure e le loro preoccupazioni, sprofondano nella mortale "medicina" della droga. Il Presidente del Rotaract infine ha auspicato che questa possa essere solo una prima di tante altre collaborazioni dei giovani del Rotaract Spoleto con il Don Guerrino Rota e con altre realtà associative del territorio che si occupano soprattutto del futuro dei giovani. Anche questo contribuisce ad aumentare la civiltà e la forza di una matura società civile. Micheal Surace Presidente Rotaract Club Spoleto a.s. 2013-2014

25


Zona Umbria Convegno "La Ripresa (?) Profili di crescita e sviluppo dell'economia locale" ROTARACT CLUB PERUGIA TRASIMENO All'interno di un lungo e consolidato filone di convegni mirato a sensibilizzare e informare la cittadinanza sui temi di maggiore interesse sociale si è andato a inserire l'ultimo degli eventi organizzato dal Rotaract club Perugia Trasimeno. Questa volta i soci dell'associazione hanno voluto concentrarsi (per la seconda volta, dopo un convegno sull'impresa etica) sull'ambito economico e precisamente sul tema di un'eventuale, quanto auspicabile, ripresa della produttività e della competitività delle imprese locali. Per analizzare al meglio il tema è stato scelto un parterre di relatori eterogenei per competenze ed ambito: sono intervenuti infatti l'avvocato Giuseppe Caforio, docente tra l'altro di diritto commerciale presso l'università degli studi di Perugia; Aurelio Forcignano', direttore generale di Confindustria Umbria; Emilio Quartucci, come responsabile della direzione commerciale di BPS e Francesco Zaganelli, export manager di Cantine Lungarotti. Ogni relatore ha portato la propria esperienza "dall'interno" e ha fornito, a fronte di un'esperienza quotidiana "sul campo", la

propria strategia e le possibili soluzioni al fenomeno “Crisi”. Numerose le tematiche allacciate ed intrecciate tra i vari relatori, in una sorta di sinergia ideale tra i vari campi, quelli della ricerca, dell'associazione di categoria, e dell'imprenditoria anche bancaria che solo tramite la cooperazione, come è emerso, potranno condurre la realtà produttiva locale fuori dalla stagnazione. Notevole interesse è stato riscontrato soprattutto dai giovani nei confronti dell'evento, come è stato possibile notare dai numerosi interventi durante il dibattito finale. Il convegno è stato organizzato in collaborazione con l'AUCC, Associazione Umbra per la lotta Contro il Cancro, della quale l'avvocato Caforio è membro, ed ha visto una raccolta fondi finalizzata alla causa stessa. Profonda soddisfazione e gratitudine per la riuscita dell'evento è stata esternata dal Presidente Sara Faina e da tutti i membri del club. Rotaract Club Perugia Trasimeno

26


Zona Umbria V PROCESSO STORICO ROTARACT CLUB PERUGIA EST

Stavolta sul banco degli imputati c’era il brigante Cinicchia, il terrore dell’Umbria; imperversò nelle nostre campagne per anni, e, quando decise di scappare in Brasile per sfuggire alla giustizia, il suo nome divenne leggenda. Dopo 150 anni è tornato a Perugia, nella sua terra d’origine, per essere processato. Ancora una volta il Rotaract club Perugia Est ha scelto di processare un protagonista della storia della sua città, di mettere sotto i riflettori un personaggio la cui memoria, conservata nelle cronache cittadine e nei racconti dei nostri nonni, sta lentamente svanendo.

Per l’accusa c’era il procuratore capo della Repubblica di Forlì Sergio Sottani; alla difesa del brigante, impersonato da Valerio Mion, l’avvocato Franco Libori. Il collegio giudicante era composto da Nicla Flavia Restivo e Daniele Cenci, magistrati del tribunale penale di Perugia, e dall’avvocato e professore ordinario di diritto penale all’Università degli studi di Perugia David Brunelli. Nel ruolo di notaio, il dottor Luigi Sconocchia, past President del Rotaract Club Perugia Est. Il processo, articolato in un ritmo serrato di deposizioni di testimoni e interrogatori, ha contribuito a delinear e i tratti di quello che alcune testimonianze ritraggono come un ladro gentiluomo, altre come un lestofante grossolano e senza scrupoli. Non si sa come siano andate davvero le cose; non sappiamo chi fosse veramente questo Cinicchia; certamente le parole dei testimoni Giorgio Minelli, economo che ha assistito alla rapina, Chiara Tibidò, nobildonna risparmiata da Cinicchia, e Gabriele Principato, giornalista della Gazzetta dell'Umbria (tutti soci del Rotaract Club Perugia Est) hanno contribuito a restituirci la viva e contraddittoria immagine di un personaggio leggendario controverso. Il collegio giudicante ha assolto Cinicchia, la giuria popolare lo ha invece condannato. 27


Zona Umbria Il presidente del Rotatarct Perugia Est Errico Biagioli, particolarmente legato, per la sua formazione, al patrimonio artistico della nostra città, propose, alcuni mesi fa, di realizzare un service diverso da quelli tradizionalmente portati avanti dal nostro club: devolvere parte del ricavato dell’evento al restauro di un’opera d’arte. E così è stato: oltre 1600 euro sono stati devoluti al restauro dell’opera “Eterno e Angeli”, esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria, ed al finanziamento di borse di studio dell’Università per Stranieri di Perugia, per la frequenza di corsi di lingua e cultura italiana per stranieri.

Paola Tempone Rotaract Club Perugia Est

28


Zona Umbria Perugia Est… lavori in corso! La “cultura del bello”. Questo il filo conduttore delle attività che il Rotaract Perugia Est porterà avanti nel corso di questo anno sociale. Uno degli obiettivi che intendiamo perseguire in questo anno, in linea di continuità con quanto abbiamo fatto anche negli anni passati, è quello di promuovere la riscoperta consapevole del ‘bello’ che risiede nei luoghi in cui viviamo e che merita di essere protetto, illuminato, salvaguardato. Promuovere la riscoperta delle nostre radici storiche e delle bellezze culturali ed artistiche della nostra città è anche la finalità dell’evento previsto per il prossimo sabato 25 gennaio 2014: un evento tutto dedicato all’arte che consisterà in una visita guidata alla Galleria Nazionale dell’Umbria e in una cena davvero esclusiva (visto il numero limitato di posti) ed inedita all’interno delle sale della Galleria, proprio tra le opere. La visita sarà preceduta da una conferenza nel corso della quale si parlerà, tra le altre, di un’opera tanto bella quanto misteriosa, intitolata “Eterno ad Angeli”, la cui paternità è forse da ascrivere a Raffaello. Attraverso i fondi raccolti nel corso dei nostri eventi, intendiamo appunto promuoverne e finanziarne i lavori di restauro e gli studi relativi alla questione ancora irrisolta della sua paternità. Sabato 12 aprile 2014 l’appuntamento è invece in un altro meraviglioso luogo storico della città, ovvero Palazzo Gallenga Stuart, oggi sede dell’Università per Stranieri, che ospiterà, di nuovo, il “Gran Ballo”. Nella speranza di replicare il grande successo della prima edizione – per la quale il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha insignito il nostro club di una medaglia – vi invitiamo a partecipare a questo sogno della durata di una notte in cui i fasti dei balli ottocenteschi rivivono a ritmo di valzer. I fondi ricavati saranno destinati anche alla creazione di borse di studio che saranno messe a disposizione dell’Università per Stranieri di Perugia.

Errico Biagioli Presidente Rotaract Club Perugia Est a.s.2013-2014

29


Primo numero Dicembre 2013