Issuu on Google+

ATTUALITÀ  SALUTE E BENESSERE  SCIENZA & TECNOLOGIA

PUNTOZERO powered by

432 Hertz

La frequenza della vita GEOMETRIA SACRA Lo strumento della Divina Proporzione

SOCIETÀ

La creazione dell’Uomo Nuovo e la globalizzazione

AMBIENTE OGM: al bando in Russia, non in USA, forse in Europa

€ 6,00 PUNTOZERO - Supplemento al nr. 118 di Nexus New Times Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in Legge 27/02/2004 n.46) Art.1, Comma 1, DCB - Padova


NEXUS EVENTI presenta

CONTATTI DA ALTRI MONDI DOMENICA 22 NOVEMBRE Dalle 14:30 alle 19:00 HOTEL RADISSON BLU - GALZIGNANO TERME (PD) Nonostante la spasmodica ricerca di altre forme di vita nell’Universo, ufficializzata da governi e istituzioni scientifiche, buona parte dell’opinione pubblica mondiale è ormai consapevole che non siamo soli, né lo siamo mai stati. La cortina di silenzio e di negazione da parte dei principali mezzi di informazione, che sinora è riuscita ad arginare l’emergere di questa verità, sta letteralmente crollando sotto la spinta di eventi clamorosi, testimonianze autorevoli, indagini controverse e scoperte scientifiche rivoluzionarie. Relatori

TOM BOSCO ANTONELLO LUPINO

PABLO AYO MAURIZIO BAIATA

PER INFORMAZIONI: 347 0654586 - 049 9115516

eventi@nexusedizioni.it - www.nexusedizioni.it


... BENESSERE INTESTINALE , e b r e i d a c i g r e n i s e n C o i a z n a i n i m b a t m i v Co e o i l l i o s n p i t i s d e t i l n a i r o u fibre nat per la salute del tu

Confezione da 100 caps vegetali

• DIGESTIONE LENTA E DIFFICILE • GONFIORE ADDOMINALE • FREQUENTE STANCHEZZA E SENSAZIONE DI DEBOLEZZA • INTESTINO PIGRO Amicolon è una combinazione sinergica di erbe naturali e vitamina C. Psillio, ottima fonte di fibre, è una pianta che esercita un’azione emolliente e lenitiva sul sistema gastro-intestinale; chiodi di garofano, zenzero e rabarbaro sono alcune delle fibre solubili naturali presenti nella formula che unite insieme facilitano un corretto transito gastro-intestinale favorendo la p pulizia dell’intestino.

Cod. Prodotto: 924870138

L’aggiunta di vitamina C completa il profilo del prodotto, contribuendo alla normale funzione del sistema immunitario. Amicolon della Natural Point viene prodotto secondo elevati standard qualitativi, non contiene coloranti, dolcificanti. Amicolon è in vendita nelle erboristerie, farmacie e negozi di alimentazione naturale.

Solo prodotti di QUALITÀ

Natural Point srl - via Pompeo Mariani, 4 - 20128 Milano tel. 02.27007247 - info@naturalpoint.it - www.naturalpoint.it

ortolandesign.net

Richiedi gra gratuitamente atuitamente o sca scarica dal sito l’opuscolo informativo con il programma di pulizia intestinale.


PUNTOZERO powered by NEXUS Nr. 12 – novembre, anno 2015 DIRETTORE RESPONSABILE Tom Bosco direttore@nexusedizioni.it COORDINATRICE EDITORIALE Tiziana Chiarion tiziana.chiarion@nexusedizioni.it REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE Via Terme 51 - 35041 Battaglia Terme (PD)

Tel. 049 9115516 - Fax 049 9119035 info@nexusedizioni.it redazione@nexusedizioni.it segreteria@nexusedizioni.it ufficiostampa@nexusedizioni.it amministrazione@nexusedizioni.it

www.nexusedizioni.it HANNO COLLABORATO

Jacopo Castellini - Marco Cedolin Brendan D. Murphy - Teodoro Brescia Tommaso Furlan - Sandro D. Fossemò Varo Venturi - Daniele Trucco PROGETTO GRAFICO

Carlo Gislon grafica@nexusedizioni.it

S O M SOTTO LA LENTE

8

In questo numero parliamo dell’intervento russo in Siria, dei suoi sviluppi sul campo e delle sue conseguenze geopolitiche, dei vescovi del Kenya che chiedono il boicottaggio delle vaccinazioni anti-malaria, dell’elezione di Papa Francesco che sarebbe stata decisa con anni di anticipo, di uno studio del MIT che mette in guardia dai pericoli della geoingegneria, dei nuovi progressi nella tecnologia dell’invisibilità, della presunta scoperta di un “codice informatico” nella struttura dello spazio, della rivoluzionaria stampa tridimensionale 4D, nonché della nuova Porsche “tutta elettrica”.

LA RUSSIA METTE AL BANDO GLI OGM, GLI STATI UNITI NO, L’EUROPA FORSE 18 di Jacopo Castellini. Sembra che l’intera controversia sugli organismi geneticamente modificati, che secondo i propugnatori di tale tecnologia avrebbero dovuto risolvere i problemi alimentari del Terzo Mondo, sia infine giunta a una svolta preoccupante col TTIP, un oscuro accordo in fase di negoziato fra USA ed Europa. Intanto la Russia li mette al bando e avvia un’autentica “rivoluzione agricola”.

PUBBLICITÀ E MARKETING

Andrea Oliva andreaoliva@nexusedizioni.it EDITORE NEXUS Edizioni S.r.l. Via Terme, 51 35041 Battaglia Terme (PD) PUNTOZERO Supplemento al nr. 118 NEXUS New Times

18

Pubblicazione bimestrale registrata presso il Tribunale di Padova n.1466 del 27/07/95 Numero di iscrizione al ROC n. 24806 In questo numero la pubblicità non supera il 45% Tutti i diritti riservati La responsabilità dei contenuti degli articoli firmati è lasciata agli autori. Il materiale ricevuto e non richiesto, anche se non pubblicato, non sarà restituito. L’editore si dichiara disponibile a regolare eventuali spettanze per quelle immagini di cui non sia stato possibile reperire la fonte. DISTRIBUZIONE PER LE EDICOLE MEPE Distribuzione Editoriale c/o Magazzino LOGINT S.r.l. Strada Provinciale, 224 - 20011 Corbetta (MI) STAMPA Cooperativa Tipografica degli Operai - Vicenza

4

PUNTOZERO

L’UOMO NUOVO

30

di Marco Cedolin. Un’accurata panoramica sulla creazione “dell’uomo nuovo” e più in generale sull’intero processo di globalizzazione, che nel tracciarne la cronologia storica evidenzia le discutibili politiche e i subdoli mezzi impiegati in questa abominevole, gigantesca operazione di ingegneria sociale.


M A R I O LA 432 HZ: ACCORDATURA COL DNA E IMBASTARDIMENTO DELLA MUSICA 40 di Brendan D. Murphy. Nel 1939, nonostante il parere contrario di moltissimi musicisti, grazie alle pressioni del ministro della propaganda nazista Joseph Goebbels il mondo della musica adottò l’accordatura della nota “La sopra il Do centrale” a 440 Hz.

LO STRUMENTO DELLA DIVINA PROPORZIONE

52

di Teodoro Brescia. È possibile che gli antichi sapessero calcolare la proporzione aurea senza l’uso della circonferenza? Che non l’avessero individuata nel pentagono stellato inscritto nel cerchio, come comunemente si crede, ma in una figura molto più semplice?

VIVERE IN ARMONIA: LE EFFICACI RICETTE DELL’ANTICA CINA 64 di Tommaso Furlan. Un interessante e proficuo sguardo al pensiero della Cina antica, in cui si sono elaborate tutte le categorie portanti di quella grande cultura, che si offrono nella dimensione esistenziale sotto forma di domande inedite e di percorsi nuovi in relazione a domande conosciute.

IL GENIO VISIONARIO DI EDGAR ALLAN POE

72

di Sandro D. Fossemò. La psicoanalisi ha scoperto da tempo che vi può essere un legame psicologico tra la “percezione geniale” e la “dissociazione mentale” presente in modo conflittuale ma creativo nell’artista che nella sua nevrosi soffre di disturbi percettivi.

72

64 LA BATTAGLIA DELLA MANICA

80

di Tom Bosco. Quella del titolo non si riferisce alla battaglia che nel 1588 vide contrapporsi la Invincibile Armada spagnola e la flotta inglese, ma quella ben più recente ed elettrizzante (è proprio il caso di dirlo) avvenuta il 10 luglio scorso per il record del primo volo di un aereo totalmente elettrico sopra il Canale della Manica, e il cui esito finale è stato a dir poco sorprendente.

SESSUALITÀ: MANIPOLAZIONE GENETICA?

84

di Varo Venturi. Dopo una lunga gestazione, vi proponiamo l’attesissima terza parte delle riflessioni sull’apparente nesso tra sessualità e manipolazione genetica, che come le precedenti non mancheranno di sorprendere e far discutere.

KEITH EMERSON: L’UOMO CHE DIVENTÒ UN MOOG

95

di Daniele Trucco. A 70 anni dalla nascita del grande tastierista, pubblichiamo una breve cronologia di uno dei maggiori esponenti del Progressive Rock e dell’utilizzo in studio e nei concerti dal vivo del rivoluzionario sintetizzatore Moog.

PUNTOZERO

5


Illustrazione di Mirco Maselli

6

PUNTOZERO


Editoriale

I

eri ho avuto il piacere di partecipare alla trasmissione radiofonica “Nuovo Mondo”, condotta dall’amico Alessandro Sieni, durante la quale insieme agli altri ospiti si discuteva del cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale (quello dato in pasto all’opinione pubblica come un naturale, irreversibile “processo di globalizzazione”) e di come il progetto di instaurarlo, da parte degli USA e degli altri ben noti attori di questo dramma, sembra stia miseramente naufragando. Occupandomi degli aspetti geopolitici della questione, ho evidenziato come nel giro di poche settimane, nello scacchiere più delicato e problematico del pianeta, cioè il Medio Oriente, in seguito all’intervento militare russo a sostegno del legittimo governo siriano del Presidente Assad, la pluridecennale egemonia statunitense si sia sciolta come neve al sole. Detta in altre parole, il Re è nudo. Il silenzio calato sulle vicende in Siria è emblematico dell’imbarazzo e della confusione in cui versano i media e i governi “occidentali”, letteralmente scompaginati dalla potenza, dalla professionalità e dalle capacità tecnologiche evidenziate dai russi contro i terroristi dell’ISIS. Sicuramente i raid aerei e missilistici di Mosca hanno causato, alle varie formazioni terroristiche operanti nel territorio siriano, di gran lunga più danni in un mese di quanto abbia fatto Washington in oltre un anno di bombardamenti. Dopo il disperato tentativo di arginare le iniziative russe paracadutando una cinquantina di tonnellate di armi e munizioni presso le formazioni di ribelli “moderati”, l’amministrazione Obama adesso avrebbe intenzione di combattere l’ISIS con l’invio di un modesto contingente dei corpi speciali da affiancare a questi ultimi. I russi hanno chiaramente messo in guardia da questa iniziativa, che oltretutto non essendo concertata o richiesta dal legittimo governo della Siria, è assolutamente illegale. La forte impressione degli analisti geopolitici e militari più obiettivi, è che queste unità, assegnate a piccoli gruppi presso le formazioni combattenti “moderate”, più che combattere l’ISIS faranno letteralmente da “scudi umani” onde prevenire eventuali bombardamenti russi. Vi lascio immaginare cosa succederebbe se per fatalità (!) qualcuno di questi uomini rimanesse ucciso o ferito a causa di un raid operato dal Cremlino. Insomma, nonostante i disperati tentativi di mantenere un’impossibile egemonia da parte degli USA (che contemporaneamente hanno pensato bene di andare in cerca di guai dalla Cina, tramite alcune provocazioni marittime nel Mar Cinese meridionale), il baricentro mondiale si sta velocemente spostando dall’Atlantico all’Asia, con la Russia e la Cina quali principali attori protagonisti di questo cambiamento epocale. Mentre riflettevo su tutto questo, non ho potuto evitare di pensare al Kazakistan, nazione emergente che unisce idealmente e geograficamente questi due grandi paesi; allo strano nome della sua capitale, Astana, anagrammaticamente significativo; e alla sua ancor più strana planimetria, con architetture palesemente espressive di un simbolismo tradizionalmente associato alla massoneria (le due colonne Jachin e Boaz presenti sul grande viale che porta al palazzo presidenziale, il Palazzo di Pace e Riconciliazione a forma di piramide e innumerevoli altri curiosi dettagli che abbiamo divulgato in un interessante articolo sul numero 2 di questa stessa rivista). Solo il tempo ci dirà come andranno le cose, se siamo testimoni di un cambiamento davvero “epocale” o se, come accaduto innumerevoli altre volte in passato, vale il gattopardesco “se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi”. In chiusura, vi rammento che abbiamo organizzato tre imperdibili eventi, il primo dei quali, Contatti da altri Mondi, il 22 novembre, mi vedrà anche fra i relatori. Seguiranno in dicembre una “seconda edizione” di Segreti nel Cielo, Eresie sulla Terra, stavolta a Milano il giorno 13, e Lo Specchio delle Relazioni – riconoscersi per amarsi, il giorno 20. Per tutti i dettagli sui relatori, i programmi e le location vi rimando al nostro sito web www.nexusedizioni.it. Vi aspetto numerosi!

Tom Bosco

direttore@nexusedizioni.it

PUNTOZERO

7


LA RUSSIA METTE AL BANDO GLI OGM, GLI STATI UNITI NO, L’EUROPA FORSE

C

ari lettori e care lettrici, ben ritrovati. Dopo il lungo percorso che abbiamo fatto insieme negli ultimi mesi gettando uno sguardo diverso sui conflitti in corso nel mondo, combattuti non solo all’esterno ma anche all’interno della nostra apparentemente pacifica società occidentale, passiamo ora a parlare di qualcosa che in apparenza potrebbe non c’entrare con quanto sta accadendo oggi nel mondo. In apparenza, perché forse qualcuno di voi non mancherà di notare come ogni cosa sia spesso, se non sempre, collegata a molte molte altre, secondo quel principio che Carl Gustav Jung definiva sincronicità. Bene, sincronicità vuole che nella nostra cara Italia uno dei temi molto toccati, di proposito o per sbaglio, dai media sia stato l’Expo 2015 di Milano, che ha dato visibilità a numerosi paesi del mondo e alle loro nuove o antiche tecniche agricole e tradizioni alimentari. Purtroppo, più che di alimentazione, si è parlato però delle vere o presunte infiltrazioni mafiose per la costruzione

8

PUNTOZERO | ATTUALITÀ

www.nexusedizioni.it

delle apposite strutture che contenevano l’esposizione, o della visibilità economica che questa avrebbe dato al capoluogo lombardo, o degli scontri tra manifestanti contrari all’Expo e la polizia, con notevoli danni arrecati per i residenti milanesi. Un’occasione sprecata, quindi, anche per fare il punto su questioni abbastanza importanti per l’alimentazione e l’agricoltura nel mondo. Uno su tutti, ad esempio, quello degli Organismi Geneticamente Modificati. Eh sì, perché proprio in questi stessi mesi i governi europei erano chiamati a decidere su alcune questioni molto importanti che riguardavano il possibile via libera all’utilizzo degli OGM nei loro Paesi. Infatti, è scaduto proprio il 3 ottobre scorso il periodo di tempo fissato dall’Unione Europea entro il quale i governi dei paesi membri avrebbero potuto esprimersi sull’esclusione geografica del loro territorio dalle colture OGM e dalla vendita di prodotti ottenuti con esse. Una possibilità prevista dalla Direttiva UE 2015/42 varata


Attualità

Sembra che l’intera controversia sugli organismi geneticamente modificati, che secondo i propugnatori di tale tecnologia avrebbero dovuto risolvere i problemi alimentari del Terzo Mondo, sia infine giunta a una svolta preoccupante col TTIP, un oscuro accordo in fase di negoziato fra USA ed Europa. Intanto la Russia li mette al bando e avvia un’autentica “rivoluzione agricola”

di Jacopo Castellini dal Parlamento Europeo l’11 marzo, che per la prima volta stabilisce la libera di circolazione degli OGM in territorio comunitario e la possibilità di ricerca scientifica su di essi, concedendo però ai governi l’ultima parola in merito. Nello specifico, sono quattro le tipologie di grano OGM brevettate dalle multinazionali dell’agrochimica che con la Direttiva UE vengono legalizzate: il MON810 di Monsanto, il TC1507 di marca Pioneer, e il GA21 e il Bt11 di Syngenta. I Paesi UE che alla data fissata hanno richiesto a Bruxelles l’esclusione geografica del loro territorio sono stati diciannove: Ungheria, Germania, Lettonia, Lituania, Polonia, Paesi Bassi, Lussemburgo, Grecia, Francia, Austria, Croazia, Slovenia, Bulgaria, Danimarca, Cipro, Malta, oltre a Scozia, Irlanda del Nord e Galles (non l’Inghilterra), alla regione belga della Vallonia ed infine anche all’Italia, che ha comunicato la sua richiesta di esclusione il 1° ottobre, a due giorni dalla scadenza della richiesta. Il governo di Berlino invece, pur richiedendo l’esclusio-

ne geografica, ha dato il via libera alle coltivazioni che risultino per scopi di “ricerca scientifica”. Il primato nell’OGM Free spetta all’Ungheria, il cui governo già nel 2013 aveva provveduto a bruciare tutte le coltivazioni di grano OGM in territorio magiaro per evitare che le spore potessero spargersi attraverso l’aria ed alterare la composizione genetica del grano tradizionale, rendendolo anch’esso OGM. Come successe nel 2001 all’agricoltore canadese Percy Schmeiser, che dovette rimborsare Monsanto poiché le spore della colza OGM brevettata dalla multinazionale avevano intaccato le sue coltivazioni tradizionali, modificandole geneticamente...

Per leggere tutto l'articolo, acquista la tua copia di Puntozero nel nostro shop on line. shop.nexusedizioni.it

www.nexusedizioni.it

ATTUALITÀ | PUNTOZERO

9


Musica

LA FREQUENZA La 432 HERTZ: accordatura in armonia col DNA e imbastardimento della musica di Brendan D. Murphy Traduzione di Giampiero Cara La = 440Hz: Non è musica per le mie orecchie

L’

umanità è vittima, in gran parte inconsapevole, di una secolare, se non addirittura millenaria, guerra di frequenze contro la nostra coscienza. L’obiettivo è stato chiaramente quello di mantenerci il più possibile ignari e sottomessi con molteplici mezzi. Nella storia moderna in particolare, si è assistito a quella che il dottor Len Horowitz ha definito la “militarizzazione” strategica della musica, verificatasi nel 1939, quando il mondo della musica adottò l’accordatura della nota “La sopra il Do centrale” a 440 Hz. Nel 1910 un precedente tentativo di effettuare il medesimo cambiamento non aveva avuto molto successo. Una trentina d’anni dopo, il British Standards Institute (BSI) adottò lo standard La = 440 Hz grazie alla massiccia promozione da parte del consorzio Rockefeller-Nazisti ,“nel momento preciso in cui i finanziatori della guer-

10

PUNTOZERO | MUSICA

www.nexusedizioni.it

ra appartenenti al settore petrochimico-farmaceutico stavano ultimando i preparativi alla seconda guerra mondiale”.1Fu in quell’anno che il La a 440 Hz divenne lo standard internazionale. L’American Federation of Musicians aveva già accettato il La 440 come tonalità standard nel 1917, seguito nel 1920 dal governo americano.2 Bisogna senz’altro chiedersi perché mai il ministro della propaganda nazista, Joseph Goebbels, abbia sostenuto questa strana intrusione nella creatività musicale, convincendo i presunti nemici di Hitler in Gran Bretagna ad adottare tale “superiore” accordatura standard per la “razza ariana/padrona”. Cos’avevano i nazisti (e i loro segreti ma ormai ben documentati finanziatori statunitensi) da guadagnare da una cosa del genere? È altresì interessante notare che nell’ottobre del 1953, malgrado i britannici e i nazisti spingessero per l’adozione dello standard La = 440 (disarmonico rispetto alle leggi psicoacustiche della creazione che governano


la realtà), un referendum condotto tra 23.000 musicisti francesi risultò nettamente in favore del La = 432 Hz.3 D’altronde negli ultimi secoli moltissimi musicisti hanno espresso la loro decisa preferenza per la tonalità di riferimento La = 432 Hz. "Quest’accordatura [La = 432 Hz] venne approvata all’unanimità in occasione del Congresso dei musicisti italiani del 1881 e raccomandata dai fisici Joseph Sauveur e Felix Savart, oltre che dal musicologo italiano Bartolomeo Grassi Landi.”4 La vibrazione del suono Secondo ricerche preliminari, analisi e discussioni professionali sostenute sul web da Walton, Koehler, Reid et al., la musica basata sul La a 440 Hz entra in conflitto con i centri energetici umani (i cosiddetti chakra) situati dal cuore alla base della spina dorsale [i quattro più bassi]. In alternativa, vengono stimolati i chakra sopra il cuore. In teoria, la vibrazione stimola l’ego e

le funzioni della parte sinistra del cervello, reprimendo il “cuore-mente”, l’intuizione e l’ispirazione creativa.5 È interessante notare come la differenza tra 440 e 741 Hz venga definita in musicologia “l’intervallo del diavolo”. Per ottenere la massima repressione della coscienza umana, è necessario reprimere al massimo le frequenze con cui entriamo naturalmente in risonanza, e di cui possiamo beneficiare di più sul piano biologico e psicospirituale. Si dice sia stato scoperto che, nell’antichità, gli strumenti degli egizi e dei greci fossero accordati a 432 Hz. Per molti chitarristi il La a 432 Hz sembra rappresentare l’accordatura migliore,

Per leggere tutto l'articolo, acquista la tua copia di Puntozero nel nostro shop on line. shop.nexusedizioni.it

www.nexusedizioni.it

MUSICA | PUNTOZERO

11


LA BATTAGLIA DELLA MANICA di Tom Bosco

Quella del titolo non si riferisce alla battaglia che nel 1588 vide contrapporsi la Invincibile Armada spagnola e la flotta inglese, ma quella ben più recente ed elettrizzante (è proprio il caso di dirlo) avvenuta il 10 luglio scorso per il record del primo volo di un aereo totalmente elettrico sopra il Canale della Manica, e il cui esito finale è stato a dir poco sorprendente.

Q

uesta storia, che ha avuto risvolti poco piacevoli dal punto di vista sportivo, è iniziata a metà giugno presso il Salone dell’Aeronautica di Parigi, durante il quale il colosso aerospaziale europeo Airbus, con un gran battage pubblicitario, aveva presentato il suo sofisticato prototipo elettrico E-Fan con cui intendeva effettuare la trasvolata della Manica da Lydd, in Gran Bretagna, sino a Calais, in Francia. Il fatto è che anche la Pipistrel, una piccola azienda slovena, aveva pianificato un volo sopra il Canale col suo Alpha Electro, e non solo dalla Francia alla Gran Bretagna, ma anche il ritorno. Sin dall’ottobre del 2014, il rappresentante francese della Pipistrel aveva avviato dei negoziati con le autorità dell’aviazione civile transalpina allo scopo di ottenere le necessarie autorizzazioni. Uno dei prerequisiti era la dimostrazione che il velivolo disponesse di batterie sufficien-

12

PUNTOZERO | SFIDE

www.nexusedizioni.it


Sfide

ti a garantire l’autonomia necessaria alla traversata. L’autorizzazione fu infine concessa, ed il volo era pianificato per il 7 luglio. Dopodiché, il fattaccio: l’azienda elettronica tedesca Siemens, fornitrice del motore elettrico Dynadyn da 80 Kw utilizzato nell’Alpha Electro della Pipistrel – nonché nel suo prototipo precedente, il WATTsUP – contattò quest’ultima per avvertirla che non poteva utilizzare il loro motore sopra l’acqua. Una lettera del Dr. Frank Anton, a capo della divisione e-Aircraft presso la Siemens, recitava: “Il nostro

Motore nella sua attuale versione non è da noi progettato, né testato, né approvato per un volo sopra l’acqua – vi proibiamo esplicitamente di utilizzare o lasciare utilizzare a chiunque altro il nostro Motore per qualunque volo sopra l’acqua.” Proseguiva poi: “Nel caso non ci informiate immediatamente circa la località dove si trova il Motore e non ce lo restituiate, avvieremo ogni altra procedura legale necessaria per fermare qualunque volo pianificato.” Michael Coats, il rivenditore statunitense della Pipistrel, ritiene di avere un’idea di quanto è accaduto: “La Airbus è riuscita a flettere i

muscoli con la Siemens, fornitrice dei motori alla Pipistrel, e a far concludere immediatamente l’accordo. Il progetto E-Fan della Airbus non utilizza motori Siemens, ciononostante sul fianco del loro velivolo compaiono i marchi della Siemens.

Per leggere tutto l'articolo, acquista la tua copia di Puntozero nel nostro shop on line. shop.nexusedizioni.it ùQuesto sprezzante tentativo di


NEXUS EVENTI PRESENTA

LO SPECCHIO DELLE RELAZIONI RICONOSCERSI PER AMARSI

DOMENICA 20 DICEMBRE 2015 - DALLE 14:30 ALLE 21:00 HOTEL RADISSON BLU - GALZIGNANO TERME (PD) RELATORI

ERICA FRANCESCA POLI JHONNY MARIOTTO GRAZIANO PINI Introduzione di TOMMASO FURLAN Spettacolo di musica a 432 Hz con MARTINA CREPALDI e GIORDANO SANDALO

PER INFORMAZIONI: 347 0654586 - 049 9115516 14

PUNTOZERO | IL CAFFÈ DEGLI ARTISTI

www.nexusedizioni.it eventi@nexusedizioni.it - www.nexusedizioni.it


Puntozero nr. 12