Issuu on Google+

Sabato 28 aprile 2012

Ultimo treno per l'Europa Nemmeno il tempo di metabolizzare la dura contestazione a seguito della rovinosa sconfitta contro la Fiorentina di mercoledì pomeriggio che già si torna in campo. Questa sera all'Olimpico arriva il Napoli di Mazzarri, in piena corsa Champions a solo un punto dalla Lazio. Ma la sfida coi partenopei non deve essere solo una passerella. I giallorossi al momento sono fuori anche dall'Europa dei piccoli e per non decretare il fallimento totale di questa stagione, bisogna almeno puntare all'Europa League.

Da Trigoria, probabile Marquinho esterno basso

Cavani­Lavezzi­Hamsik: il tridente di ferro

Roma­ Napoli, arbitra Rizzoli

Sarà una Roma senza il suo portiere titolare contro il Napoli. Un problema alla spalla ha messo k.o. Maarten Stekelenburg che per il secondo giorno non ha svolto l’allenamento con i compagni. Nelle esercitazioni tattiche della rifinitura durata poco più di un’ora, Luis Enrique ha provato Greco a centrocampo con Gago, che prenderà il posto di De Rossi davanti alla difesa, e Pjanic.

A Champions ormai perduta l’unico obiettivo morale della Roma è quello di terminare con più vittorie possibili (accompagnate da prestazioni almeno sufficienti) un campionato considerato di rodaggio ma che pochi si aspettavano così avaro di soddisfazioni. Il ko di Mercoledì scorso con la Fiorentina ha dato il via ad una contestazione popolare che era nell’aria da settimane, sfociata in rabbia e delusione nei confronti di calciatori e, soprattutto, allenatore.

È Nicola Rizzoli l’arbitro designato per Roma – Napoli, anticipo serale della trentacinquesima giornata di Serie A, in programma alle ore 20;45 allo Stadio Olimpico. Il “derby del Sud” sarà diretto da una terna di prim’ordine, poiché Rizzoli sarà coadiuvato dagli assistenti Faverani e Stefani. Il “quarto uomo” sarà Paolo Tagliavento.

Segue a pag. 3

Segue a pag. 3

Segue a pag. 2


Sabato 28 aprile 2012 Pagina 2

La conferenza

Luis Enrique scarica i giocatori: «Ci vuole più orgoglio» di Vincenzo Nastasi

fuori dallo stadio dopo Roma – Fiorentina e gli insulti rivolti ai giocatori «Ad alcuni giocatori manca il carattere, dai tifosi fuori dal “Fulvio Bernardini”. devono indossare la maglia con più «A fine stagione – ha detto il tecnico orgoglio». Arriva a quattro giornate dalla asturiano – mi siederò al tavolo con la fine del campionato la prima stilettata società, valuteremo i problemi e della stagione del tecnico asturiano ai decideremo cosa fare». suoi calciatori. Nella conferenza stampa Per la prima volta – conferenza delle di presentazione di Roma­Napoli svolte quella di ieri – Luis Enrique non tenutasi ieri a Trigoria infatti, Luis ha parlato dunque da futuro allenatore Enrique ha deviato dall’usuale della Roma. Dopo le dichiarazioni di canovaccio per rifilare qualche critica mercoledì pomeriggio dopo la partita ­ anche al gruppo che in questo «siamo a un giorno in meno dal mio campionato ha sempre difeso a spada addio» ­ l’ex tecnico del Barcellona B tratta. non è parso più tanto sicuro del proprio «Tutti dobbiamo migliorare – ha detto futuro, tanto che, alla domanda sui Enrique ai giornalisti in sala stampa – a rinforzi della prossima stagione, Luis si cominciare da me e dai giocatori. Se è limitato a dire: «Sono sicuro che la oggi abbiamo 50 punti è perché li Roma raggiungerà importanti traguardi». meritiamo e di conseguenza non Sugli obiettivi che rimangono da possiamo dire di aver mai meritato il giocarsi invece, il solito copione: terzo posto». «Siamo a cinque punti dal terzo posto e a Ma la conferenza di ieri è stata anche qualcosa di meno dall’Europa League. l’occasione per fare il punto sul suo Non potendo puntare più all’Europa che futuro a 48 ore dalla dura contestazione conta, dovremo essere bravi a credere in

uno dei tre posti che seguono ma per far ciò dovrò essere bravo a rimotivare questo gruppo e questi giocatori». Come spesso accade nei momenti di difficoltà, Luis Enrique ha rivolto poi un pensiero anche ai tifosi: «Non bado molto agli striscioni, perché li possono scrivere in cento come in due. Se i tifosi vogliono fischiarci all’arrivo allo stadio sono liberi di farlo ma io li ringrazio perché in tutta la stagione, nonostante i risultati altalenanti, ci sono stati sempre vicino». Risolto infine l’arcano sul mental coach, in questi giorni sulla graticola dei tifosi che si chiedono a cosa sia servito vista la mancanza di nerbo e di mordente da parte della squadra: «Mi sono sempre avvalso e mi avvarrò sempre di un psicologo nel mio lavoro di allenatore». «Il mental coach – ha concluso Enrique – è di supporto allo staff e ci aiuta nel prendere le decisioni, non lavora per i calciatori».

Da Trigoria

Out Stekelenburg, Marquinho ancora esterno basso di Daniele Luciani Sarà una Roma senza il suo portiere titolare contro il Napoli. Un problema alla spalla ha messo k.o. Maarten Stekelenburg che per il secondo giorno non ha svolto l’allenamento con i compagni. Nelle esercitazioni tattiche della rifinitura durata poco più di un’ora, Luis Enrique ha provato Greco a centrocampo con Gago, che prenderà il posto di De Rossi davanti alla difesa, e Pjanic. Il n°23 sembra in vantaggio su Simplicio per partire dal primo minuto, visto che Marquinho è piaciuto molto all’allenatore come esterno basso nel secondo tempo contro la Fiorentina. Come al solito il tecnico spagnolo potrebbe cambiare nuovamente, soprattutto il reparto offensivo dove mancheranno per squalifica anche Lamela e Osvaldo. Tante le opzioni a disposizione: la più probabile è la più offensiva, con Totti finto centravanti affiancato da Borini e Bojan. Difficile trovino spazio dal primo

minuto Tallo, che comunque si è messo bene sia quando è entrato con i viola sia in allenamento in questi giorni, o Piscitella. Altra possibilità: Pjanic trequartista con l’inserimento di Marquinho o Simplicio in mediana, con l’esclusione di uno tra Bojan (rientrante dalla squalifica) e Borini, apparso giù di forma contro Juve e Fiorentina. In porta toccherà nuovamente a Curci, sebbene oggi Lobont sia tornato ad allenarsi col

gruppo dopo un mese di stop. In difesa Kjaer e Heinze saranno i centrali per mancanza di alternative, Taddei praticamente sicuro a destra. A sinistra il jolly Marquinho è favorito su Josè Angel a sinistra, viste le pessime prestazioni dell’ex Sporting Gijon. Con Luis Enrique però, dopo una stagione di formazioni diverse e rivoluzioni continue, nessuno è al sicuro.


Il Napoli

Le dichiarazioni

Cavani­Lavezzi­Hamsik: il tridente di ferro di Marco Reda A Champions ormai perduta l’unico obiettivo morale della Roma è quello di terminare con più vittorie possibili (accompagnate da prestazioni almeno sufficienti) un campionato considerato di rodaggio ma che pochi si aspettavano così avaro di soddisfazioni. Il ko di Mercoledì scorso con la Fiorentina ha dato il via ad una contestazione popolare che era nell’aria da settimane, sfociata in rabbia e delusione nei confronti di calciatori e, soprattutto, allenatore. A quattro giornate dalla chiusura del sipario e ad Europa League ancora non conquistata, arriva all’Olimpico un avversario in piena corsa Champions che non vuole lasciare punti per strada, quel Napoli che nella gara d’andata cedette al “San Paolo” (18 Dicembre 2011) per 1­3, sotto i colpi di Osvaldo e Simplicio e con la collaborazione del difensore Salvatore Aronica. Non è soltanto lui però il “pericolo” degli azzurri:

il reparto offensivo a disposizione di Walter Mazzarri è uno dei più talentuosi ed efficaci della Serie A, capitanato dal bomber uruguaiano Edinson Cavani alle spalle del quale agiscono l’imprendibile argentino Ezequiel Lavezzi (in dubbio fino all’ultimo) ed il fuoriclasse slovacco Marek Hamsik. Il centrocampo a cinque, folto e di esperienza, garantisce poi allo stesso Napoli copertura in fase difensiva e spinta in quella di possesso palla, con la rapidità di Maggio e Zuniga in primo piano. A proteggere un portiere importante come Morgan De Sanctis c’è poi una difesa estremamente fisica, capitanata da Paolo Cannavaro, che ha

incassato però 41 reti in 34 giornate, non proprio una cifra da squadra di prima classe, a fronte di 60 realizzati (21 da Cavani) i quali hanno fruttato quei 54 punti che tengono vive le speranze dei campani di accedere alla Champions League dai preliminari, trovandosi ad un solo punto dal terzo posto. E se il bilancio esterno del Napoli è molto equilibrato (6 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte) a preoccupare è il rendimento altalenante di una Roma che non riesce ancora a trovare un’identità. L’appuntamento ormai è per la prossima stagione. Ma l’Europa League è ancora lì.

Sabato 28 aprile 2012 Pagina 3

Mazzarri: «Totti il più pericoloso» Ieri Mazzarri in conferenza stampa ha parlato del match in trasferta all’Olimpico di Roma: «Domani è la gara più importante perché è quella che viene per prima. Siamo stati bravi a recuperare in breve tempo al nostro momento critico – ha proseguito il tecnico partenopeo ­ , adesso veniamo da due vittorie consecutive ma il calcio di oggi non ti fa stare sereno e tranquillo». Sulla Roma invece: «La Roma anche con assenze importanti ha un giocatore come Totti che può sempre fare la differenza e se domani vorremmo fare risultato dovremmo essere perfetti e far valere la nostra forza nell’organizzazione del gioco». Alla domanda su Luis Enrique non è entrato nel merito delle sue decisioni ma si è limitato a dire che «è una persona che apprezzo». Riguardo il possibile rientro di Lavezzi per la sfida di questa sera il tecnico ha affermato che «il calciatore ieri ha svolto tutta la seduta di allenamento, oggi valuteremo meglio le sue condizioni per poterlo eventualmente schierare sin dal primo minuto».

F.G.

L'arbitro

Roma – Napoli, arbitra Rizzoli di Francesco Morgante È Nicola Rizzoli l’arbitro designato per Roma – Napoli, anticipo serale della trentacinquesima giornata di Serie A, in programma alle ore 20;45 allo Stadio Olimpico. Il “derby del Sud” sarà diretto da una terna di prim’ordine, poiché Rizzoli sarà coadiuvato dagli assistenti Faverani e Stefani. Il “quarto uomo” sarà Paolo Tagliavento. Di professione architetto, Rizzoli appartiene alla sezione arbitrale di Bologna ed il 1 gennaio 2007 è stato inserito nella lista degli arbitri internazionali, e con tale qualifica ha debuttato in Champions League nell’ottobre 2008 dirigendo Sporting Lisbona – Basilea.

La giacchetta nera, originaria di Mirandola, torna ad arbitrare la Roma dopo appena tre settimane. Infatti, l’ultima volta che Rizzoli ha incrociato i

giallorossi risale a Roma – Udinese di questo campionato, terninata 2 – 1, con la rete di Totti nei minuti finali. I precedenti di Rizzoli con la Roma sono ben 25, tra cui contiamo 10 vittorie, 8 pareggi e 7 sconfitte. La gara con l’Udinese ha visto l’arbitro emiliano tornare a dirigere Totti e co. dopo circa un anno, dopo la finale di Coppa Italia persa contro l’Inter (0 ­1, gol di Milito) nell’Aprile 2011. Piuttosto diverso, il discorso per il Napoli. Il suo score con gli azzurri, con il quale ha diretto 20 partite, non è positivo: 5 vittorie, 9 pareggi e sei sconfitte per i partenopei. Quella di sabato, sarà per Rizzoli la presenza numero 301 nelle gare dirette tra i professionisti.


In breve

Sabato 28 aprile 2012 Pagina 4

Roma­Liverpool al Fenway Park, da oggi la prevendita

Newsromapress è un supplemento digitale del periodico telematico News Roma Tv. Aut. Tribunale di Roma n° 61/2012 del 15 marzo 2012. Iscrizione R.O.C. n° 22131 del 2 aprile 2012.

Da oggi alle 16 saranno disponibili i biglietti per l'amichevole estiva del prossimo 25 luglio della Roma a Boston contro il Liverpool. La gara contro i Reds, che rientra nell'ambito del tour estivo organizzato dalla nuova proprietà americana, si giocherà allo storico Fenway Park. I tagliandi saranno acquistabii dal sito lfctour.com

Stadio As Roma, si candida Montecompatri

Direttore editoriale: Vincenzo Nastasi Direttore responsabile: Enrico Rossignoli Per promuovere la tua azienda sugli spazi pubblicitari del nostro network, scrivi a sponsor@newsromatv.it

Il sindaco di Montecompatri Marco De Carolis ha formalizzato a Cushman & Wakefield la candidatura delle aree di Pantano­Laghetto ad ospitare la realizzazione del nuovo stadio dell’As Roma.«L’area di Pantano Laghetto nel Comune di Montecompatri – spiega il sindaco, – ove il prossimo giugno entrerà in esercizio il tratto T1 della Metropolitana Linea C con la Stazione Capolinea di Pantano Borghese, è unica in termini di dotazione infrastrutturale con la presenza a circa 2 km della rete autostradale A1 con la Bretella Autostradale Fiano S. Cesareo. (Ansa)


NewsRomaPress 28-4-2012